...

il racconto del fiume

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

il racconto del fiume
Destinazione
il racconto del fiume
Guida per conoscere l’area protetta dal Garda al Po
'HVWLQD]LRQH0LQFLR
Il racconto del fiume
Guida per conoscere l’area protetta dal Garda al Po
Comune di Volta Mantovana
Comune di Marmirolo
´'HVWLQD]LRQH0LQFLRLOUDFFRQWRGHOILXPHµ
Mantova, ristampa gennaio 2013
Redazione testi sezioni geologica, geomorfologica, ambientale,
naturalistica:
Stefania Accordi, Alessia Goreri, Paola Pavesi,
Associazione “Per il Parco” o.n.l.u.s.
Redazione testi sezioni storico-artistiche:
Silvia Cernuschi, Aster srl
Redazione testi istituzionali e sulla fruizione del Parco:
Gloria De Vincenzi, Lisa Destri
Coordinamento editoriale:
Gloria De Vincenzi Area Comunicazione Parco del Mincio
Immagini fotografiche:
Bamsphoto/archivio Parco del Mincio,
Renzo Nichele, Stefano Ronca e Cesare Martignoni
Illustrazioni flora e fauna:
Silvia Gandini
Tavole e mappe:
Associazione “Per il Parco” o.n.l.u.s., CivicaMente S.r.l.
Impaginazione e Grafica:
CivicaMente S.r.l.
Stampa:
Arti Grafiche La Torre
Comune di Volta Mantovana
Comune di Marmirolo
© copyright PARCO DEL MINCIO
Piazza Porta Giulia 10 - 46100 MANTOVA
Tel. 0376 22831
[email protected]
www.parcodelmincio.it
La presente pubblicazione è stata ristampata con il contributo del
progetto “Nuovi affacci sul Mincio”
Destinazione
LOUDFFRQWRGHO¿XPH
*XLGDSHUFRQRVFHUHO¶DUHDSURWHWWDGDO*DUGDDO3R
Presentazione
Il titolo di questo volume è, naturalmente, un’esortazione, un invito a
conoscere una destinazione ricca di novità, di affascinanti mète, di scorci
sempre nuovi o aspetti poco noti. “Destinazione Mincio” è una guida
ragionata alla conoscenza della complessità di questo territorio che è il frutto
di un’insieme di conoscenze ed esperienze professionali diverse. Scritta a
più mani da appassionati e operatori esperti del parco e di associazioni
del territorio, raccoglie le informazioni necessarie a osservare con occhi
consapevoli ciò che ci si presenta davanti, qui e altrove.
Queste pagine offrono la descrizione degli aspetti naturalistici, geologici,
paesaggistici, degli insediamenti urbani – presenti e scomparsi – lungo
l’asta del fiume da Peschiera al Po. Vi si trovano anche capitoli dedicati alla
conoscenza dell’ente, alle informazioni sulla fruizione e sulle proposte di
educazione ambientale: un condensato dell’attività quotidianamente svolta
negli uffici del Parco.
“Destinazione Mincio” ha avuto una sua prima edizione nel 2009, grazie a
un progetto co-finanziato da Fondazione Cariverona. Oggi siamo alla prima
ristampa, resa possibile grazie a contributi della Regione Lombardia e
anche di tre Comuni dell’asta del fiume: Volta Mantovana, Goito, Marmirolo.
Da allora ad oggi due importanti novità hanno contribuito a rendere ancora
più “ricchi” questi luoghi.
La prima, i consistenti finanziamenti europei assegnati dalla Regione al
Parco del Mincio come ente capofila di un nutrito partenariato che ha posto
in essere numerosi interventi di riqualificazione di beni culturali, ambientali
e della fruizione lungo l’asta del fiume. “Terre del Mincio, waterfront dal
Garda al Po” il nome del progetto che vede attivare lungo il fiume alcuni
nuovi infopoint, nuovi tratti di percorsi ciclopedonali e due itinerari culturali
(uno dedicato all’archeologia, l’altro a “Forti, torri e castelli”).
La seconda, relativa alla Riserva Naturale delle Valli del Mincio, che si è
classificata nel 2009 nella ristretta graduatoria nazionale – terza di cinque –
delle Destinazioni d’eccellenza del circuito europeo EDEN.
Un carnet di ulteriori passi avanti per la promozione del territorio tutto, che
qui si può gustare prima di intraprendere una visita a tutto tondo nel mondo
delle “Terre del Mincio”.
0DXUL]LR3HOOL]]HU
Presidente Parco Regionale del Mincio
3(6&+,(5$
'(/*$5'$
Castellaro Lagusello
Riserva Naturale
3217,
68/0,1&,2
9$/(**,2
68/0,1&,2
021=$0%$12
92/7$
0$1729$1$
*2,72
Centro Parco Bertone
0$50,52/2
Centro Reintroduzione cicogna
52',*2
Valli del Mincio
Riserva Naturale
Centro Parco Rivalta
Museo Etnografico
Mestieri del fiume
&857$721(
32572
0$1729$12
0$1729$
La Vallazza
Riserva Naturale
9,5*,/,2
,&2081,'(//·$/720,1&,2
Peschiera del Garda
Valeggio sul Mincio
Ponti sul Mincio
Monzambano
Volta Mantovana
,&2081,'(/0(',20,1&,2
Goito
Rodigo
Marmirolo
Curtatone
Porto Mantovano
Mantova
521&2)(55$52
%$*12/2
6$19,72
,&2081,'(/%$6620,1&,2
Virgilio
Bagnolo San Vito
Roncoferraro
Sustinente
6867,1(17(
Indice
Presentazione
Mappa
,1)250$=,21,*(1(5$/,
,O3DUFRGHO0LQFLRO·HQWHJHVWRUH
Pag. 11
&HQQLGLVWRULDJHRORJLFDGHOWHUULWRULR
Dai fondali di Tetide alle cime dell’Adamello
Delfini padani; I massi erratici
Pag. 14
,OILXPHFDUDWWHULVWLFKHJHRPRUIRORJLFKH
Interventi antropici e regolazione idraulica
Alberto Pitentitno; La conca di San Leone
Pag. 19
$/720,1&,2
*OLDPELHQWLGHOO·$OWR0LQFLR
Le colline moreniche
La Riserva Naturale di Castellaro Lagusello
Il lago a forma di cuore
La Bassa dei Bonomi
I Fontanili
L’antica tecnica delle marcite
,&RPXQLGHOO·$OWR0LQFLR
Peschiera del Garda
Valeggio sul Mincio
I castelli mantovani
Ponti sul Mincio
Monzambano
Archeologia a Castellaro Lagusello
Castellaro Lagusello
Volta Mantovana
0(',20,1&,2
*OLDPELHQWLGHOPHGLRFRUVRODSLDQXUD
Petali sull’acqua
Bertone: il bosco dei mille alberi e delle cicogne
Il Centro Visite del Parco
Il Centro di Reintroduzione della Cicogna bianca
La Riserva Naturale Orientata di Bosco Fontana
Frammenti di storia
Riserva Naturale Le Valli del Mincio
Il Centro Parco di Rivalta e il Museo Etnografico delle Valli
Ostello, canoe e visite guidate
Mantova e il Parco Periurbano
Il parco della Scienza
Percorsi ciclabili
Pag. 26
Pag. 31
Pag. 32
Pag. 34
Pag. 38
Pag. 50
Pag. 51
Pag. 53
Pag. 54
Pag. 56
Pag. 63
Pag. 64
Pag. 67
,&RPXQLGHO0HGLR0LQFLR
Goito
La quercia di Sacca
I mulini del Naviglio di Goito
Rodigo
Marmirolo
Curtatone
Il Santuario delle Grazie
Porto Mantovano
Mantova
%$6620,1&,2
,OEDVVRFRUVRGHOILXPH
La Riserva Naturale della Vallazza
Parcobaleno
La Chiavica del Moro
La garzaia di Garolda
Governolo e le conche di navigazione
Come funzionano
,&RPXQLGHO%DVVR0LQFLR
Virgilio
Il forte di Pietole
Bagnolo San Vito
Il Forcello
Roncoferraro
Sustinente
)$81$()/25$
Fauna del Parco del Mincio, elenco generale
Flora del Parco del Mincio, elenco generale
)58,=,21((&2785,602(','$77,&$
Pedalare lungo il fiume
Itinerari
Modi diversi per navigare il Mincio
In battello, in canoa, in motonave
A piedi per scoprire il paesaggio
L’educazione ambientale nel parco
L’ecoturismo e le visite guidate
%,%/,2*5$),$
Pag. 68
Pag. 80
Pag. 81
Pag. 83
Pag. 84
Pag. 84
Pag. 86
Pag. 91
Pag. 103
Pag. 114
Pag. 115
Pag. 117
Pag. 119
Pag. 121
Pag. 122
10
11
Il Parco del Mincio
L’ente gestore
Il 3DUFRGHO0LQFLRqVWDWRLVWLWXLWRGDOOD5HJLRQH/RPEDUGLD
nel 1984 ed è uno dei primi parchi creati dalla Regione
secondo quanto previsto nella Legge Quadro Regionale sulle
Aree Protette n. 86 del 1983 e modificata con L.R. n. 12 del 4
agosto 2011.
Il Parco del Mincio svolge la sua attività di salvaguardia e
valorizzazione dell’area protetta, su un territorio che presenta
caratteristiche morfologiche, naturalistiche e paesaggistiche
particolari e che si snoda lungo i 73 km. del fiume, dal basso
Garda alla foce in Po.
/·HQWHGLJHVWLRQH, come previsto dalle norme istitutive, è un
ente di diritto pubblico regionale formato dall’amministrazione
Provinciale e dai 13 comuni rivieraschi in territorio lombardo:
Ponti sul Mincio, Monzambano, Volta Mantovana, Goito,
Rodigo, Marmirolo, Curtatone, Mantova, Porto Mantovano,
Virgilio, Bagnolo San Vito, Roncoferraro e Sustinente, mentre
Peschiera del Garda e Valeggio sul Mincio entrambe sul
fiume, ne sono escluse perché in Regione Veneto non sono
state adottate norme analoghe.
Il Parco ha un Consiglio di Gestione e un organismo assebleare denominato “Comunità del Parco”, un Presidente e un
Direttore e un organico di nove persone che, coadiuvate da
alcuni consulenti, operano nei settori ambiente, agricoltura,
territorio, comunicazione ed educazione ambientale oltre che
nella gestione delle diverse procedure amministrative e finanziarie dell’ente.
Sul territorio operano le Guardie Ecologiche Volontarie che
hanno compiti di ispezione ma anche di informazione ai
cittadini, con l’obiettivo di evitare danni all’area protetta.
Al Parco è operativo anche il nucleo antincendi boschivi.
12
Il Parco del Mincio, l’ente gestione
,O3DUFRH5HWH1DWXUD
Con la Direttiva Habitat (Direttiva 92/42/C.E.E.) è stata istituita la rete
ecologica europea “Natura 2000”: un complesso di siti caratterizzati
dalla presenza di habitat e specie animali e vegetali, di interesse
comunitario la cui funzione è quella di garantire la sopravvivenza
a lungo termine della biodiversità presente sul continente europeo.
La Rete è costituita da:
=RQH D 3URWH]LRQH 6SHFLDOH =36 istituite ai sensi della
Direttiva Uccelli (79/409/C.E.E.) al fine di tutelare in modo
rigoroso i siti in cui vivono le specie ornitiche. Le ZPS vengono
istituite anche per la protezione delle specie migratrici,
con particolare riferimento alle zone umide di importanza
internazionale ai sensi della Convenzione di Ramsar. 1HO
3DUFR GHO 0LQFLR VRQR: la Riserva Naturale delle Valli del
Mincio e laghi di Mantova e la Vallazza.
6LWLGL,PSRUWDQ]D&RPXQLWDULD6,& istituiti ai sensi della
Direttiva Habitat al fine di contribuire in modo significativo a
mantenere o a ripristinare un habitat naturale o una specie
in uno stato di conservazione soddisfacente. 1HO 3DUFR GHO
0LQFLR VRQR le Riserve Naturali delle Valli del Mincio, della
Vallazza e di Castellaro Lagusello, Chiavica del Moro.
Gli uffici del Parco sono a Porta Giulia,
nel quartiere Cittadella di Mantova
13
/HDWWLYLWj
Il Parco è impegnato nell’attuazione di azioni e interventi sul
territorio tra i quali si riepilogano i principali:
‡ 5HDOL]]D]LRQH GL LQWHUYHQWL GL ULTXDOLILFD]LRQH DPELHQWDOH
(rimboschimenti, rinaturalizzazioni, fitodepurazione, fasce
boscate, gestione canneti, parco periurbano),
‡ 5HDOL]]D]LRQHGLLQIUDVWUXWWXUHSHUODIUXL]LRQHSLVWHFLFODELOL
o ciclopedonali, sentieri, punti di sosta, pontili),
‡ &RRUGLQDPHQWRQHOSURJHWWRGLPLJOLRUDPHQWRGHOO·LGURORJLD
del fiume,
‡ 0RQLWRUDJJL VXOOD TXDQWLWj H TXDOLWj GHOOH DFTXH H VWXGL
scientifici,
‡ *HVWLRQH3URJHWWR6SHFLDOH$JULFROWXUD
‡ $WWXD]LRQHGLLQL]LDWLYHFXOWXUDOLPRVWUHVSHWWDFROL
‡ *HVWLRQHGLSURJHWWLGLUHLQWURGX]LRQHGLVSHFLHDULVFKLRGL
estinzione (Centro cicogna bianca),
‡ *HVWLRQHGLGXHFHQWULYLVLWD%HUWRQHH5LYDOWD
‡ 6YROJLPHQWR DWWLYLWj GL HGXFD]LRQH DPELHQWDOH SURJHWWL
didattici e escursioni guidate con le scuole),
‡ 6YROJLPHQWR GL LQL]LDWLYH GL HFRWXULVPR SURJUDPPDQGR
escursioni guidate a piedi, in canoa, in bicicletta, in barca).
Il Parco promuove erscursioni guidate nel territorio
14
Cenni di storia geologica del territorio
Cenni di storia
geologica del territorio
Dai fondali di Tetide
alle cime dell’Adamello
All’inizio del Terziario, il movimento di avvicinamento dell’Africa all’Europa, iniziato nel Giurassico (fra i 190 e i 140 milioni
di anni fa) con la divisione del
supercontinente di Gondwana,
subì una netta accelerazione; i
fondali dell’antico oceano Tetide,
che divideva i due continenti, si
fratturarono e si corrugarono
portando alla formazione di rilievi sottomarini stretti ed allungati.
Tali movimenti di compressione
ebbero un nuovo forte impulso
alla fine dell’Eocene, tra 45 e 35
milioni d’anni fa e portarono alla
lenta risalita verso la superficie
terrestre di enormi masse di
magmi densi e viscosi. Questi
magmi, raffreddandosi all’interno della crosta terrestre senza
trovare sbocco in superficie, formarono i graniti e le tonaliti dei
massicci dell’Adamello e della
Presanella.
Per comprendere al meglio l’aspetto attuale dei territori
attraversati dal Fiume Mincio lungo il suo percorso dal Lago
di Garda al Po, è opportuno fare una breve carrellata sulla
nascita e sull’evoluzione geologica di questa porzione della
Pianura Padana. Purtroppo lo studio geologico del territorio
mantovano, per varie ragioni, non è stato approfondito
quanto quello di altre aree italiane, ma è comunque
possibile ripercorrerne la storia almeno a grandi linee.
La penisola italiana, così come la conosciamo attualmente,
cominciò a delinearsi tra la fine del Cretaceo e l’inizio del
Terziario, circa PLOLRQL GL DQQL ID, quando dal mare
emergevano soltanto la Sardegna, la Calabria, la Puglia e
poche aree in corrispondenza delle attuali coste campane, del
basso Lazio e del promontorio dell’Argentario.
65 milioni di anni fa
All’inizio del Miocene, PLOLRQL GL DQQL ID, buona parte
della catena alpina si era ormai sollevata ed era emerso
dall’acqua quasi tutto il meridione della penisola italiana. Le
spinte orogenetiche proseguirono durante tutto il Miocene e
portarono al sollevamento anche della catena dell’Appennino;
15
25 milioni di anni fa
il sollevamento del territorio, unito all’azione dell’erosione dei
fiumi che scendevano dalle catene montuose in formazione,
portò alla creazione sul versante alpino rivolto verso l’attuale
Pianura Padana di profonde valli con profilo a V (con versanti
molto ripidi e fondi vallivi stretti).
Nel Messiniano (Miocene superiore, circa PLOLRQL GL DQQL
ID) un evento di proporzioni catastrofiche influenzò la storia
geologica dell’Italia e di tutto il bacino del Mediterraneo: a causa
della chiusura dello stretto di Gibilterra, durata circa 1 milione di
anni, il Mar Mediterraneo rimase isolato dall’Oceano Atlantico
e si prosciugò quasi completamente; questa situazione portò
all’accumulo di enormi masse di sedimenti evaporitici (gesso,
zolfo, salgemma) che oggi affiorano soprattutto in Emilia
Romagna, Marche e Sicilia, e provocò l’aumento improvviso
dei dislivelli nelle vallate alpine già impostate, innescando un
intensa attività erosiva da parte dei corsi d’acqua che portò
alla formazione di canyon profondissimi (sotto al lago di Como
ad esempio si trova una valle profonda più di 1000 metri, in
parte riempita da depositi successivi). Durante il Pleistocene
i ghiacciai alpini che si spinsero a Sud contribuirono al
16
Cenni di storia geologica del territorio
'HO¿QL3DGDQL«
All’inizio del Pliocene il clima in
corrispondenza dell’Italia settentrionale era molto più caldo e
umido dell’attuale, le calotte glaciali erano decisamente ridotte e
l’intera area che oggi corrisponde alla Pianura Padana fu occupata da un grande golfo marino,
detto Golfo Padano, la cui linea
di costa seguiva grossomodo
l’attuale base dei rilievi prealpini ed appenninici. Inoltre erano
ancora in atto i grandi movimenti
orogenetici, cominciati all’inizio
dell’era Terziaria, che avevano
portato al sollevamento delle
Alpi e successivamente degli
Appennini. Dalle notizie che ci
sono giunte grazie ai numerosi
ritrovamenti fossili sugli Appennini Emiliani e sulle Prealpi
Venete, sappiamo che il Golfo
Padano aveva le caratteristiche
di un mare tropicale, con scogliere coralline e specie di pesci
e molluschi caratteristiche di climi caldi; frequenti sono anche i
ritrovamenti di cetacei come balene, balenottere e delfini.
modellamento definitivo di queste vallate che oggi sono
occupate dai grandi laghi prealpini.
Circa PLOLRQL GL DQQL ID, all’inizio del Pliocene, dopo un
milione di anni di secca, venne ripristinato il collegamento fra il
Mediterraneo e l’Atlantico e il mare tornò ad occupare il bacino
che aveva abbandonato durante la crisi messiniana.
5 milioni di anni fa
All’inizio dell’era Quaternaria, nel Pleistocene ( PLOLRQL GL
DQQLID circa), le spinte orogenetiche diminuirono d’intensità e
il clima, già tendente ad un graduale raffreddamento, peggiorò
decisamente portando all’estinzione delle specie tropicali e
all’arrivo dei cosiddetti “ospiti freddi” come il mollusco Arctica
islandica, grosso bivalve tuttora vivente nei mari del Nord
che si trova frequentemente fossilizzato nelle sabbie gialle
dell’Appennino, ultimi depositi marini prima del ritiro definitivo
delle acque dall’area del Golfo Padano, iniziato circa 1,8 milioni
di anni fa. A partire da quest’epoca i fiumi che scendevano dalle
Alpi e dalla dorsale appenninica cominciarono a colmare con
i detriti trasportati la grande depressione rimasta al posto del
17
I massi erratici
mare, dando inizio così alla costruzione dell’attuale Pianura
Padana. Durante tutto il Pleistocene, fino a 10.000 anni fa, Il
clima attraversò fasi alterne di abbassamento e innalzamento
della temperatura che determinarono il susseguirsi di “fasi
glaciali” caratterizzate da vistose espansioni delle coperture
di ghiaccio intervallate da “periodi interglaciali” con aumento
della temperatura, ritiro dei ghiacci e variazioni climatiche fino
ad arrivare a climi subtropicali caldo umidi. Alle principali fasi
glaciali gli studiosi hanno dato i nomi di affluenti del Danubio:
Gunz, Mindel, Riss e Wurm. L’area a Sud del Garda non fu
interessata dalla glaciazione più antica, quella di Gunz, datata
intorno ai 600.000 anni fa; le tracce della glaciazione di Mindel
(400.000 anni fa) sono state in buona parte cancellate dagli
eventi successivi. I depositi morenici giunti fino a noi risalgono
quindi agli ultimi due grandi periodi glaciali: Riss e Würm,
Le glaciazioni nel territorio gardesano
quest’ultimo concluso fra i 14.000 e i 10.000 anni fa.
Il ghiacciaio pleistocenico del Garda, fuoriuscendo dalla
catena alpina, spinse verso valle i detriti raccolti lungo il suo
percorso, abbandonandoli sotto forma di morene durante i
I ghiacciai, scorrendo come
veri e propri fiumi di ghiaccio,
frantumano le rocce fra cui scivolano lentamente modellando il territorio e formando valli
dalla caratteristica forma ad U,
con fondo piatto e pareti quasi
verticali; tutti i materiali che si
depositano sulla lingua glaciale,
indipendentemente dalle loro
dimensioni, vengono trasportati fino a valle ed abbandonati
soltanto al momento dello scioglimento del ghiaccio. I depositi
glaciali pertanto sono costituiti
da un ammasso eterogeneo di
ghiaie e ciottoli misti a sabbie e
ad altri materiali a granulometria
più sottile; spesso si rinvengono
anche grandi blocchi di roccia,
detti “massi erratici”,che nel
caso dell’anfiteatro morenico
gardesano sono formati soprattutto da porfido.
18
periodi interglaciali che portarono alla fusione del fronte del
ghiacciaio stesso ed al suo ritiro verso monte. Durante gli
interglaciali inoltre, a causa delle ingenti quantità di acque
di fusione e dell’aumento delle precipitazioni, aumentarono
notevolmente i fenomeni di erosione dei depositi morenici e
di trasporto verso valle; in questo modo, ai piedi dell’apparato
morenico, si andava formando il livello fondamentale della
pianura, degradante verso il Po. Gli antichi sedimenti marini
che caratterizzavano il fondale del Golfo Padano vennero
dunque ricoperti dai detriti di origine continentale trasportati
dal Mincio e dagli altri fiumi che, scendendo dalle Alpi e dagli
Appennini, tracciavano il loro corso verso il Fiume Po, asse
idrografico principale della regione.
Dato che i corsi d’acqua, nel passaggio dalle zone ad elevata
pendenza a quelle pianeggianti, perdono gradualmente
velocità e di conseguenza capacità di trasporto, i materiali
che costituiscono la pianura diventano via via più sottili
man mano che ci si sposta da monte a valle: inizialmente
si trovano ghiaie e sabbie, terreni decisamente permeabili
al passaggio dell’acqua proprio per la loro granulometria
grossolana, mentre la porzione più bassa della pianura
è costituita prevalentemente da limi e argille, sedimenti a
grana molto sottile e praticamente impermeabili. I terreni più
vicini al corso dei fiumi, a granulometria fine, scuri e ricchi
di sostanze organiche sono stati depositati dal Po e dai suoi
affluenti in epoche più recenti quando, prima degli interventi
di regimazione da parte dell’uomo, tali corsi d’acqua erano
liberi di vagare con il tipico andamento a meandri dei fiumi di
pianura, modificando il loro percorso ad ogni piena stagionale,
esondando i terreni circostanti e tracciando nuovi alvei. L’area
di passaggio fra l’alta e la bassa pianura è caratterizzata
dalla presenza della fascia dei “fontanili” o “risorgive”, piccoli
specchi d’acqua formati dalle acque superficiali e meteoriche
assorbite dalle ghiaie nell’alta pianura (vedi pag. 34). Tali
acque penetrano in profondità e vanno a costituire una falda
che, incontrato lo sbarramento del materiale argilloso e
impermeabile, non può proseguire il proprio corso sotterraneo
e tende quindi a riaffiorare.
19
Il Fiume
Caratteristiche geomorfologiche,
interventi antropici, regolazione idraulica
Il Mincio si forma a Peschiera del Garda
Il Fiume Mincio, emissario del Lago di Garda, ha una lunghezza
di circa 73 Km; esce dal lago in corrispondenza dell’abitato
di Peschiera del Garda (VR), entra in territorio mantovano
dopo pochi chilometri, a Ponti sul Mincio, e sfocia nel Po a
Sacchetta di Sustinente. Durante il percorso riceve apporti
idrici da numerosi corsi d’acqua.
L’idrografia minore del bacino del Mincio è piuttosto complessa,
formata da numerosissimi fossi e fiumi che nascono in
prevalenza dalla zona delle risorgive e ulteriormente complicata
dalla presenza di canali scavati dall’uomo sia per l’irrigazione
sia per regolare le acque del fiume e limitare gli effetti dannosi
delle piene. In queste pagine ci limitiamo a citare solo alcuni
fra gli affluenti principali del Mincio e a ricostruire a grandi linee
la storia della regolazione idraulica del fiume.
Lungo la sponda sinistra il Mincio riceve gli apporti di una
serie di IRVVLFKHVJRUJDQRGDULVRUJLYH poste lungo il limite
inferiore della fascia dei fontanili e circondano o attraversano
Bosco Fontana prima di gettarsi nel Lago Superiore: si tratta
del Rio Sgarzabella, del Rio Begotta, del Re Corniano, del
Gamaitone, del Rio Freddo e del Parcarello. Sempre fra gli
affluenti di sinistra ricordiamo l’Agnella e la Fossamana,
scavata in epoca romana. Sulla destra idrografica del fiume
20
,O¿XPH: caratteristiche geomorfologiche, interventi antropici, regolazione idraulica
incontriamo il Redone, che nasce in territorio bresciano,
vicino a Pozzolengo e si getta nel Mincio poco a monte di
Monzambano, il Caldone, originato da un sistema di fontanili
nella zona di Volta Mantovana e che si unisce al Mincio a
Goito, il Goldone che sfocia nei pressi di Rivalta, la Seriola
Marchionale e il Fiume Osone che si biforca all’altezza di
Castellucchio in due rami: uno, detto Reverso, sfocia nei pressi
di Monte Perego, fra Grazie e Rivalta; l’altro, detto Osone
Nuovo, entra nel lago Superiore nei pressi di Curtatone.
L’attuale aspetto del Mincio, come del resto quello della
maggior parte dei fiumi italiani, è fortemente influenzato dalle
opere antropiche che si sono susseguite nel corso dei secoli
per dominare il corso delle acque e piegarlo alle esigenze
Un reticolo di fossi attraversa il territorio
umane. Soltanto in brevi tratti il fiume conserva importanti
elementi di naturalità e l’andamento a PHDQGUL caratteristico
dei fiumi di pianura; per parte del suo corso è in realtà molto
simile ad un canale artificiale, con tracciato rettilineo e alti
argini (purtroppo talora cementificati) a delimitarne le sponde.
Anticamente il territorio mantovano era completamente
dominato dall’acqua: il Mincio, così come il Po, era formato da
numerosi rami che si intrecciavano fra loro ed erano liberi di
vagare per la pianura scavando meandri che successivamente
21
$OEHUWR3LWHQWLQR
venivano abbandonati e modificando il proprio corso ad ogni
piena primaverile e autunnale; il Mincio risentiva inoltre dell’
influsso del Po che, nei periodi di piena, riversava le proprie
acque nell’affluente provocando vaste inondazioni. L’intero
territorio da Rivalta fino al Po era praticamente XQ·XQLFD
SDOXGH dalla quale emergevano soltanto le zone più rialzate,
scelte dall’uomo per i propri insediamenti.
L’area dove ora sorge 0DQWRYD era probabilmente simile
ad un “arcipelago” di piccole isole; nei momenti di maggiore
portata del fiume queste emergevano di pochi metri dall’acqua
o venivano periodicamente sommerse, mentre nei periodi di
magra rimanevano circondate da pozze di acque stagnanti. Col
trascorrere dei secoli la situazione andò peggiorando, sia per il
grande accumulo di sedimenti trasportati dal fiume sia perché
il Po, in parte per cause naturali e in parte per la costruzione di
argini da parte dell’uomo, aveva progressivamente innalzato la
quota del proprio alveo, divenendo un fiume pensile, cioè col
livello di fondo posto a quota superiore rispetto al piano della
campagna circostante. Tale situazione si protrasse con poche
variazioni fino al 1190, anno in cui l’ingegnere idraulico Alberto
Pitentino diede inizio alle JUDQGLRVHRSHUHGLVLVWHPD]LRQH
LGUDXOLFD del territorio mantovano; questo sistema idraulico,
almeno nelle sue linee essenziali, è tuttora funzionante dopo
più di 800 anni, anche se integrato da interventi successivi.
All’epoca Mantova aveva pressappoco la stessa estensione
del periodo romana: il confine della città era segnato da uno
dei rami secondari del fiume, detto Fossato dei Buoi, che
scorreva dall’Ancona di S. Agnese (l’attuale Piazza Virgiliana)
seguendo il percorso delle odierne via Cavour e via Accademia
per ricongiungersi poi al corso principale del fiume nell’attuale
lago Inferiore. Il progetto del Pitentino prevedeva come punto
fondamentale la costruzione di un poderoso argine in terra e
mattoni che sbarrasse il corso del Mincio alle porte della città
creando al posto della palude un ampio specchio d’acqua.
Si trattava del lungo ponte-diga detto poi Ponte dei Mulini il
quale trattiene e innalza le acque a monte della diga e forma
il lago Superiore, mantenuto costantemente ad un livello di
3 metri maggiore rispetto ai bacini a valle. Sfruttando questo
Nacque a Bergamo dove visse e
lavorò fino a quando venne chiamato a Mantova, probabilmente
al seguito di Attone da Pagano,
anch’egli bergamasco, che assunse la carica di Podestà di
Mantova nel 1187. La città del periodo comunale acquisiva sempre
maggior ricchezza ed importanza
nel panorama politico dell’epoca;
era quindi necessario risolvere il
problema idraulico causato dal Po
e dal Mincio per affrancare la città
dai pericoli delle inondazioni e per
dare ai mantovani nuovi spazi per
costruire e coltivare, un ambiente
più salubre e una valida difesa
contro i nemici.
22
,O¿XPH: caratteristiche geomorfologiche, interventi antropici, regolazione idraulica
salto d’acqua come forza motrice, nel 1229 sul ponte vennero
costruiti 12 mulini che alimentavano altrettanti opifici di molitura,
lavorazione dei metalli e follatura della lana. Per consentire il
deflusso delle acque, nella diga furono realizzate delle aperture
e uno scaricatore, il “Vaso di Porto” (noto in genere come
“vasarone”). A valle del Ponte dei Mulini le acque formavano
gli altri due laghi: il Lago di mezzo e l’Inferiore, all’epoca
separati soltanto da un debole ponte (in realtà poco più che
una passerella) che univa la città al borgo di S. Giorgio. La
costruzione del nuovo ponte di S. Giorgio, iniziata dallo stesso
Pitentino nel 1198 fu completata con la posa in opera della
copertura soltanto nel 1404. Contemporaneamente al Ponte
dei Mulini il Pitentino fece costruire un argine fra Pradella e
Belfiore, completando così la cintura d’acqua a protezione
della città e regolando il livello del quarto lago, il Paiolo, che fu
poi prosciugato a partire dal 1780. Gli interventi del Pitentino
diedero nuova importanza anche ai rami secondari del fiume
che attraversavano la città: in particolare il Rio assunse il ruolo
di nuovo limite della cerchia cittadina , oltre a servire, assieme
alla Fossa Magistrale e al fossato dei Buoi (coperto poi all’inizio
del ‘400) come fossa di scarico delle acque, collegamento fra
i laghi e via d’acqua interna alla città. Dopo questi interventi la
situazione di Mantova migliorò decisamente: invece di poche
alture circondate da una landa acquitrinosa si era formata
ora un’unica isola, cinta sui quattro lati da specchi d’acqua di
livello costante che le fornivano protezione e bellezza.
A Pitentino, secondo alcune fonti storiche, è dovuto anche
il primo progetto del sostegno di *RYHUQROR, che doveva
regolare la confluenza del Mincio nel Po. Fondamentale
per questo scopo fu l’opera di un grande umanista vissuto
a cavallo fra il ‘500 e il ‘600: Gabriele Bertazzolo che su
incarico di Vincenzo Gonzaga nel 1609 edificò il sostegno e
le conche di navigazione di Governolo, basandosi su progetti
di Leonardo da Vinci. L’opera idraulica del Bertazzolo, come
le precedenti che essa sostituì, serviva di fatto a sbarrare il
corso del Mincio poco prima della confluenza mantenendone
le acque ad un livello maggiore rispetto a quello del Po,
23
La conca di S. Leone
favorendo in questo modo lo scarico delle acque dell’affluente
ed evitando i rigurgiti delle piene del Grande Fiume. Le conche
di navigazione svolgevano l’importante funzione di consentire
il passaggio delle navi fra i due fiumi, conservando praticabile
l’importante via d’acqua fra Mantova e l’Adriatico. Dopo aver
subito numerosi restauri nel corso dei secoli, la conca del
Bertazzolo fu sostituita da un’altra più moderna e di maggiori
dimensioni inaugurata nel 1925 dal Re Vittorio Emanuele III.
La nuova conca, tuttora in funzione, fu realizzata sulla destra
di quella preesistente, su di un canale artificiale lungo 900
metri che, ricongiungendosi al corso naturale del Mincio che
attraversava il paese, formò un’isola artificiale lunga 800 metri
e larga 250 sulla quale sorgeva l’antica torre con l’orologio.
L’isola venne riunita alla terraferma nel 1983 quando venne
interrato O·DQWLFRDOYHRGHO0LQFLR, fonte di continui pericoli
per l’abitato, e tutta l’acqua venne convogliata attraverso il
canale. Nello stesso anno fu portata a termine la costruzione
della maestosa conca di S. Leone, progettata per collegare la
foce del Mincio al sistema di canali navigabili Fissero-TartaroCanal Bianco eliminando la navigazione commerciale dal
Fiume salvaguardando così le sponde dall’erosione dovuta al
passaggio dei grandi natanti.
I lavori di sistemazione idraulica proseguirono nei secoli su
tutto il territorio mantovano. Fra gli anni ’30 e gli anni ’60 del
secolo scorso accanto al Mincio vennero scavati canali come
il Naviglio di Goito, lo scaricatore Pozzolo-Maglio, il Diversivo,
con lo scopo di proteggere la città sia dalle piene del Mincio,
accogliendo il sovraccarico idrico per scaricarlo poi a valle della
città, che da quelle del Po, fungendo da casse di espansione
per eventuali rigurgiti del Grande Fiume.
Per mantenere costante anche il livello dei laghi di Mezzo e
Inferiore venne costruita la diga Masetti con la relativa conca
di navigazione che consente il passaggio dei natanti GDLODJKL
DO EDVVR FRUVR GHO ILXPH. Poco oltre la diga si incontra lo
sbarramento di Formigosa che permette in caso di necessità
di isolare completamente i laghi dal fiume e che si è rivelato
prezioso di recente, in occasione della piena del 2000.
E’ formata da due vasche lunghe
rispettivamente 125 e 101 metri,
larghe 12,30 metri e della profondità di 13 metri.
È munita di tre paratoie a manovra verticale che consentono di
usare separatamente una vasca
per il passaggio di una sola barca
o entrambe per il passaggio contemporaneo di più natanti.
A valle è stata posta una porta
vinciana, che con i suoi 17,5 metri
di altezza è la più alta d’Europa e
serve a chiudere il sistema in caso
di piene eccezionali del Po.
Alto Mincio
26
L’alto Mincio
Alto Mincio
Gli ambienti dell’Alto Mincio
Le colline moreniche
Formate e rimodellate più volte
dal ghiacciaio gardesano durante
diverse fasi di avanzata e ritiro
nel Pleistocene (fra 200.000 e
10.000 anni fa), sono l’elemento
che maggiormente caratterizza il
territorio dell’Alto Mincio. Si tratta
di rilievi modesti con quote che si
aggirano fra i 100 e i 150 m slm
e raramente raggiungono i 200 m.
La zona dell’alto Mincio si estende da Peschiera del Garda fino
a Goito. In questo tratto il fiume attraversa e incide l’anfiteatro
morenico del Garda e i terrazzi ghiaiosi dell’alta pianura. Gli
aspetti naturali del Mincio in quest’area sono talvolta quasi
inesistenti o del tutto cancellati dall’intervento dell’uomo,
mentre in alcuni punti mostrano ancora caratteristiche
vegetazionali e floristiche di grande bellezza e spesso di
estremo interesse scientifico.
Da Peschiera, in territorio veronese, fino al ripartitore di Pozzolo,
la rettifica del corso naturale del fiume e il rifacimento delle rive
hanno portato ad un eccessivo impoverimento dell’ambiente
rendendo il Mincio molto più simile ad un canale che non ad
un fiume; i due filari di pioppi cipressini che lo accompagnano
su entrambe le rive tra Peschiera e Salionze non fanno che
accentuare questa impressione. Poco più a valle però la
monotonia del tracciato fluviale è compensata dalla presenza
delle colline PRUHQLFKH sulle quali possiamo trovare prati aridi,
arbusteti, boschi termofili e zone umide di grande bellezza. I
depositi delle FROOLQH PRUHQLFKH PDQWRYDQH sono costituiti
da un ammasso eterogeneo di ghiaie e ciottoli misti a sabbie
limi e argille, di natura prevalentemente calcareo-dolomitica
trasportati a valle dai ghiacciai durante la loro avanzata e
depositati al momento dello scioglimento dei ghiacci. Per la
loro natura prevalentemente ghiaiosa i suoli morenici sono
estremamente permeabili, aridi nelle zone più elevate mentre
negli avvallamenti presentano fenomeni di ristagno delle
acque dovuti all’accumulo di argille e materiali fini.
Sui pendii collinari, nei pochi spazi lasciati liberi dalle
attività umane si estendono ERVFKL GRPLQDWL GD URYHUHOOD
(Quercus pubescens) che, sui versanti più freschi e umidi,
può essere sostituita dal cerro (Quercus cerris) e carpino
nero (Ostrya carpinifolia); inoltre partecipano alla formazione
di questi boschi l’orniello (Fraxinus ornus), l’acero campestre
(Acer campestre) e l’olmo (Ulmus minor) Tra gli arbusti si
segnala la presenza del ciliegio canino (Prunus mahaleb)
della lentaggine (Viburnum lantana), dello scotano (Cotynus
coggygria), dell’emero (Coronilla emerus) del nespolo
27
(Mespilus germanica) e del ginepro (Juniperus communis),
unica pianta aghifoglie presente spontaneamente sui nostri
colli. Molto comuni sono anche il ligustro (Ligustrum vulgare)
e il biancospino (Crataegus monogyna), nonché il pungitopo
(Ruscus aculeatus).
Fra il piano arboreo e quello arbustivo dei boschi si sviluppano
numerose epifite e liane fra cui la vitalba (Clematis vitalba) e il
caprifoglio (Lonicera caprifolium) mentre tra le specie erbacee,
emergenti dalle chiazze di pervinca (Vinca minor) e dall’intrico
dell’edera (Hedera elix), si rinvengono alcune RUFKLGHH,
fra cui la platantera comune (Platanthera bifolia) e la listera
maggiore (Listera ovata). Una delle fioriture più belle e rare
del sottobosco, residuo del periodo glaciale, è il giglio rosso
(Lilium bulbiferum) specie che normalmente vive oltre i 500
m di quota e che è scesa a valle all’epoca dell’avanzata del
ghiacciaio benacense.
Nel periodo autunnale contribuiscono ad arricchire l’ambiente
forestale numerose specie fungine anche di notevole valore
quali i ricercatissimi porcino nero (Boletus aereus) ed ovolo
buono (Amanita caesarea).
Tutti questi boschi, in epoche passate, sono stati sfruttati come
“cedui” per la produzione di legna: gli alberi venivano tagliati
a raso ogni 12 -15 anni e dalle ceppaie si riformavano polloni
che venivano lasciati crescere fino al ciclo di taglio successivo.
Attualmente in seguito all’abbandono da parte dell’uomo tali
cedui sono invecchiati oltre il limite di tempo normale per
l’utilizzazione e sono lasciati all’evoluzione naturale verso la
ceppaia ad alto fusto.
Per quanto riguarda la IDXQD, il bosco è certamente uno degli
ambienti in cui gli animali sono più difficilmente osservabili.
La vita fra le fronde, fra gli arbusti del sottobosco, fra le
erbe del suolo, nella lettiera di foglie morte, sul fondo o nei
cunicoli sotterranei è intensissima ma in genere dobbiamo
accontentarci di scoprire i segni indiretti della presenza degli
abitanti del bosco, quali tracce, impronte, borre o segni della
presenza di tane.
Un’idea dell’abbondanza di forme di vita ci può essere data
28
L’alto Mincio
dagli uccelli, gli animali che più facilmente si manifestano,
soprattutto in primavera grazie ai loro canti territoriali: in
questa stagione infatti i boschi risuonano dei richiami di merli
(Turdus merula), usignoli (Luscinia megarhynchos), capinere
(Sylvia atricapilla), fringuelli (Fringilla coelebs) e del rigogolo
(Oriolus oriolus), dal bellissimo colore giallo oro, ma sempre
nascosto tra le fronde; ai margini del bosco risuonano i canti
del luì piccolo o del canapino mentre dove la copertura è più
fitta e il sottobosco più denso, si può sentire il verso acuto
e insistente del codibugnolo (Aegithalos caudatus). Durante
l’inverno invece i canti che dominano nel bosco spoglio sono
quelli del pettirosso (Erithacus rubecula) e del piccolissimo
scricciolo (Troglodytes troglodytes). Altro abitante del bosco,
che talora si spinge fino ai margini dei centri abitati, è l’upupa
(Upupa epops), bellissimo uccello reso inconfondibile dalla
cresta di penne di color crema e nero che porta sul capo.
Meno osservabili ma comunque presenti sono sicuramente
i rettili, fra cui ricordiamo il saettone (Elaphe longissima) e il
biacco (Coluber viridiflavus), e i mammiferi.
Sulle sommità delle colline e sui versanti più ripidi rivolti
prevalentemente verso Sud, dove è maggiore l’esposizione
al sole e minore la presenza d’acqua nel suolo, si trovano
ecosistemi particolarmente delicati di grandissimo valore
botanico, definiti ´SUDWL DULGL”: La struttura di base di questi
prati è piuttosto semplice, formata da graminacee dure quali
il forasacco eretto (Bromus erectus), la trebbia (Chrysopogon
gryllus), la fienarola bulbosa (Poa bulbosa) e alcune festuche
(Festuca valesiaca e Festuca rupicola). Tra le graminacee, che
crescono piuttosto rade e non formano mai un vero e proprio
tappeto erboso, vegetano altre specie xerofile che a primavera
arricchiscono l’ambiente di splendide e rare fioriture. quali il
cinquefoglio primaverile (Potentilla tabernaemontani), la
carice primaticcia (Carex caryophyllea), la veronica prostrata
(Veronica prostrata), il raperonzolo (Campanula rapunculus),
l’eliantemo (Helianthemum nummularium), il convolvolo rosa
(Convolvulus cantabrica) e la viola irta (Viola hirta).
A queste si aggiungono numerose specie di orchidee come
29
l’orchidea piramidale (Anacamptis pyramidalis), il giglio
caprino (Orchis morio) il fior di legno (Limodorum abortivum), il
fior di ragno (Ophrys sphecodes) il fiore d’ape (Ophris apifera),
il rarissimo fiore dei fuchi (Ophris fuciflora), l’orchidea a farfalla
(Orchis papilionacea), l’orchidea cimicina (Orchis coriophora)
e la serapide maggiore (Serapias vomeracea).
A caratterizzare ulteriormente i prati aridi dell’anfiteatro morenico contribuiscono inoltre elementi tipici della flora alpina, anche
di piani altitudinali molto elevati, testimonianze dell’antico clima
glaciale che sono riusciti ad adattarsi alle mutate condizioni climatiche. Tra queste si ricordano la pulsatilla (Pulsatilla montana),
le vedovelle (Globularia punctata), il raperonzolo (Campanula
rapunculus) e la campanula siberiana (Campanula sibirica).
Fra i componenti della fauna che caratterizza i prati aridi
ricordiamo il ramarro (Lacerta viridis) e il mustiolo (Suncus
etruscus), il più piccolo mammifero europeo e uno dei più
piccoli del mondo, con una lunghezza massima di 7 cm, coda
compresa, ed un peso che si aggira sui 2 grammi appena.
Le colline intorno all’abitato di Castellaro Lagusello ospitano
inoltre una colonia di gruccioni (Merops apiaster) uccelli
variopinti che scavano il nido nei costoni argillosi o sabbiosi
lungo i corsi d’acqua.
Questi ambienti, in passato sfruttati come magri pascoli per
il bestiame, oggi sono lasciati DOO·HYROX]LRQH QDWXUDOH: vi
crescono così, dapprima isolati, poi via via più numerosi
fino a formare arbusteti più o meno densi, alberi ed arbusti
provenienti dai boschi vicini. Fra i primi colonizzatori troviamo
la roverella, che rappresenta l’elemento principale dei boschi
termofili, e l’orniello, seguiti dallo scotano, dalla rosa di macchia
(Rosa canina) e dagli arbusti nani di ginestra spinosa (Genista
germanica) e citiso peloso (Chamaecytisus hirsutus). Lo strato
erbaceo di questi arbusteti è composto essenzialmente dalle
stesse piante che abbiamo visto nei prati aridi, tuttavia vale
la pena citare una specie che sembra esclusiva di questi
ambienti di transizione fra prato e bosco: O·DVSDUDJRSXQJHQWH
(Asparagus acutifolius), tipico della macchia mediterranea.
La presenza di questa specie è forse da ricondurre alla
vicinanza del Lago di Garda che mitiga il clima padano ed ha
30
L’alto Mincio
favorito nel tempo l’insediamento nella flora locale di elementi
mediterranei sia spontanei sia coltivati, come il cipresso
(Cupressus sempervirens), l’ulivo (Olea europaea), il mandorlo
(Prunus dulcis) e il cappero (Capparis spinosa).
Le piccole depressioni fra le cerchie collinari ospitano diverse
piccole WRUELHUH: questi ambienti delicatissimi e particolari
sono quanto resta di antichi laghi intermorenici ormai riempiti
dall’accumulo di sedimenti e di resti organici. La torba, materiale
organico compatto, di colore bruno e ricchissimo in carbonio,
rappresenta il primo stadio del processo di trasformazione dei
resti vegetali in carbone e per secoli è stata sfruttata dall’uomo
che la utilizzava come combustibile povero per usi domestici.
Attualmente è stato riconosciuto il grande valore naturalistico
delle torbiere che, con le loro caratteristiche di scarsa
ossigenazione ed elevata umidità ed acidità del terreno,
ospitano specie vegetali ed animali particolari e talora a rischio
di estinzione; inoltre, date le particolari condizioni di questi
ecosistemi che rendono difficoltosa la decomposizione delle
sostanze organiche, le torbiere sono una IRQWH LPSRUWDQWH
GL LQIRUPD]LRQL sul passato, preservando ad esempio nei
sedimenti antichissimi granelli di pollini che forniscono indizi
sulla vegetazione e sul clima di epoche lontanissime.
31
La Riserva Naturale di Castellaro Lagusello
La Riserva Naturale del “Complesso Morenico di Castellaro
Lagusello”, che si estende per 138 ettari, è gestita dal Parco
del Mincio ed è interamente privata. Nel 1996 la ha avuto un
importante riconoscimento dalla C.E.E. con il finanziamento
di un progetto Life-Natura che prevedeva la tutela dell’area
umida attorno al laghetto, l’ampliamento del bosco di ontani a
sud del lago e la creazione di tre VHQWLHULVHJQDODWL.
Situata nell’anfiteatro morenico del Garda nel Comune di
Monzambano, la Riserva di Castellaro presenta, in forma
esemplare, WXWWLJOLHOHPHQWLWLSLFLGHOOHFROOLQHPRUHQLFKH
e delle conche intermoreniche: piccole depressioni occupate
da paludi e torbiere, un piccolo specchio d’acqua dalla
caratteristica forma a cuore, boschi termofili e prati aridi.
Il piccolo lago di Castellaro, situato ai piedi del borgo
medievale, è uno degli ultimi laghetti intramorenici esistenti
nell’area collinare mantovana.
A prima vista, soprattutto se confrontato con i boschi e i prati
delle colline circostanti, l’ambiente del lago può apparire
piuttosto monotono: nelle acque del lago vegetano la ninfea
bianca (Nimphaea alba) e il nannufero (Nuphar luteum)
mentre lungo le rive cresce una fitta cortina di canne palustri
(Phragmites australis) e tife (Typha latifolia). Nel canneto
fioriscono l’hottonia palustre (Hottonia palustris), l’iris di
palude (Iris pseudacorus) e il campanellino estivo (Leucojum
aestivum). In realtà se si considera la fauna presente, si
scopre che moltissime specie, direttamente o indirettamente,
trovano nel lago e nelle praterie umide che lo circondano
fonte di nutrimento, rifugio e protezione. Citandone solo
alcune, troviamo lo svasso maggiore (Podiceps cristatus),
folaghe (Fulica atra) e gallinelle (Gallinula chloropus), il martin
pescatore (Alcedo atthis) e il tarabusino (Ixobrychus minutus),
la cannaiola (Acrocephalus scirpaceus) ed il canareccione
(Acrocephalus arundinaceus), il cuculo (Cuculus canorus),
il migliarino di palude (Emberiza schoeniclus) e il pendolino
(Remiz pendulinus) con il suo caratteristico nido. Numerosi
sono inoltre i rappresentanti della famiglia degli Ardeidi.
32
L’alto Mincio
Il lago a forma
di cuore
In origine era molto più esteso; le
sue attuali dimensioni sono in parte effetto del naturale riempimento
e in parte dovute all’intervento
dell’uomo, che nel corso dei secoli lo ha regolato artificialmente;
attualmente il lago è alimentato
dal fosso Dugale e da una rete di
piccoli canali e rogge che sgorgano da risorgive e che raccolgono
le acque meteoriche, l’emissario
è invece il fosso Redone inferiore.
Alla fine dell’ultima glaciazione
moltissimi laghetti simili a questo
andarono a colmare le conche e
gli avvallamenti che separavano
l’uno dall’altro i depositi lasciati
dal ghiacciaio benacense.
Dai fontanili che si aprivano alla
base delle colline prendevano
origine numerosi rigagnoli che
convergendo verso il centro delle
conche, mantenevano costante il livello dell’acqua. Durante il
lungo periodo, circa 10.000 anni,
trascorso da allora, il naturale
interramento ha lentamente trasformato gran parte dei laghetti
dapprima in zone paludose, successivamente in praterie igrofile
dominate dalle carici e infine, man
mano che il terreno torboso andava asciugandosi, in boschi igrofili
sempre più consistenti formati in
prevalenza da salici e ontani.
Il ERVFRGLVDOLFLHRQWDQL a sud del lago che, pur essendo
di piccole dimensioni, è ancora ben conservato, nei periodi
di allagamento di fine inverno costituisce il sito riproduttivo
di alcuni interessanti anfibi. Fra i mammiferi caratteristici
dell’ambiente umido ricordiamo in particolare il topolino delle
risaie (Micromys minutus), il SLSLFFRORURGLWRUHHXURSHR,
che costruisce il proprio nido arrotolando e legando ai fusti
delle canne le foglie di carice.
Il lago inframorenico di Castellaro Lagusello
/D%DVVDGHL%RQRPL
A sud di Borghetto, il Mincio si allontana dalle colline dell’ultima
cerchia morenica, lasciando tra loro e il fiume XQ·DPSLD]RQD
SLDQHJJLDQWH: la Bassa dei Bonomi a Volta Mantovana. L’area
è intensamente coltivata ma in prossimità dell’argine vegetano
GXH ERVFKL SODQL]LDOL che rivestono particolare interesse
naturalistico perché sono gli unici del loro tipo esistenti nella
zona. Un altro bosco planiziale, ma con caratteristiche diverse, si
trova sulle rive del Redone Superiore, vicino a Ponti sul Mincio.
I boschi di Bassa dei Bonomi sono vecchi cedui convertiti
in fustaie, sui quali il Parco ha effettuato interventi di
riqualificazione Si tratta di cerrete quasi pure: assieme al
cerro (Quercus cerris) compaiono nello strato arboreo il
33
carpino bianco (Carpinus betulus) e l’olmo (Ulmus minor);
nelle zone più umide cresce anche l’ontano (Alnus glutinosa).
Tra gli arbusti il più comune è il nocciolo (Corylus avellana).
Particolarmente significativo è lo strato erbaceo dove
crescono, tra i cespugli di pungitopo (Ruscus aculeatus), il
bucaneve (Galanthus nivalis), l’anemone giallo (Anemone
ranunculoides), la mercorella bastarda (Mercurialis perennis),
la polmonaria (Pulmonaria officinalis), l’asparago selvatico
(Asparagus tenuifolius), la scilla primaverile (Scilla bifolia), la
scilla autunnale (Scilla autumnalis) e la pervinca (Vinca minor).
Nel bosco di Ponti invece la specie arborea dominante è la
farnia (Quercus peduncolata) accompagnata da carpino bianco
e nocciolo; tra le specie erbacee sono comuni l’anemone bianco
(Anemone nemorosa), l’anemone giallo, la primula (Primula
vulgaris), il bucaneve e la fegatella (Hepatica nobilis).
Il bosco planiziale della Bassa dei Bonomi,
attraversato da sentieri percorribili
L’azione dei torrenti che durante le glaciazioni fungevano da
scaricatori per il ghiacciaio del Garda, ha accumulato ai piedi
delle colline moreniche grandi quantità di depositi ghiaiosi che
oggi formano l’alta pianura; questa è caratterizzata da WHUUD]]L
FRQDOWH]]HYDULDELOLIUDLHLPHWUL, delimitati da pendii
e scarpate. L’andamento sinuoso dei terrazzi segue il corso
34
L’alto Mincio
dei fiumi e dei torrenti che li hanno incisi e conserva anche le
tracce di alvei talvolta abbandonati da millenni, permettendo di
ricostruire l’antica idrografia della regione. Il confine fra la alta
e la bassa pianura è marcato dalla presenza delle risorgive
,)RQWDQLOL
La fascia delle risorgive (o fontanili), che si estende dal
Piemonte al Friuli con larghezza variabile fra i 2 ed i 30
km, corrisponde al punto di contatto fra i depositi ghiaiosi
permeabili dell’alta pianura e quelli più fini e meno permeabili
della bassa pianura. I fontanili sono piccoli specchi d’acqua
formati da una pozza di acqua sorgiva, detta “testa”, da cui si
dipartono uno o più canali di deflusso, detti “aste”. La testa può
avere forma, dimensioni e profondità variabili; nella maggior
parte dei casi è tondeggiante, in altri può essere indistinguibile
dal canale di deflusso oppure può presentare forme irregolari.
Le dimensioni della testa, a livello dell’acqua, possono variare
da 2 ad oltre 30 metri di larghezza. Le rive sono in genere
piuttosto scoscese e solitamente vengono rinforzate, a livello
dell’acqua, con fitte palizzate di legno lungo il bordo della testa
e di parte del canale. Il livello dell’acqua nella testa del fontanile
può variare da poche decine di centimetri a circa due metri.
Carice
35
L’acqua può sgorgare da polle più o meno vistose sul fondo
della testa e per un certo tratto del canale, oppure affiorare da
polle poste lateralmente sulla riva. Le aste dei fontanili entrano
a far parte della rete idrografica locale dando spesso origine
a corsi d’acqua minori. Nel territorio del Parco hanno infatti
questa origine fossi come la Seriola Marchionale, la Seriola
Piubega o il Caldone.
Le acque dei fontanili, che sgorgano dopo un lungo percorso
nel sottosuolo, sono acque pure, limpide e che risentono in
misura limitata delle variazioni stagionali della temperatura
dell’aria: anche in inverno infatti, quando la temperatura
esterna scende intorno agli 0°C o oltre, l’acqua di risorgiva
mantiene una temperatura compresa tra i 9°C e i 12°C. Questo
apporto costante di acque relativamente calde ha portato alla
formazione di ambienti di grande pregio naturalistico: attorno
ai fontanili infatti si creano zone umide ricche di vegetazione e
nelle quali la fauna trova rifugio.
La vegetazione nelle risorgive ha una tipica disposizione a
fasce concentriche: in prossimità delle sorgenti il continuo
movimento dell’acqua ostacola l’insediamento di macrofite,
mentre a poca distanza vegetano il crescione (Nasturtium
officinale) e varie specie di lenticchie d’acqua (come Lemna
minor e L.trisulca).
Per quanto riguarda la vegetazione riparia, prevalgono le
essenze arboree tipiche delle zone umide quali il pioppo
bianco (Populus alba), il pioppo nero (Populus nigra), il
salice (Salix sp.), l’olmo (Ulmus minor) e l’ontano nero (Alnus
glutinosa), accompagnate da specie erbacee quali la canna
di palude (Phragmites australis) e varie specie di carice fra
cui la Carex flava, la Carex pendula, e la Carex digitata. Tra
le specie che caratterizzano lo strato erbaceo troviamo il
sigillo di Salomone (Polygonatum officinalis), l’anemone dei
boschi (Anemone nemorosa), il bucaneve (Galanthus nivalis)
e l’aglio orsino (Allium ursinum), tutte essenze caratteristiche
dei querceti mesofili della pianura ma estremamente rare
nell’area morenica. L’ambiente di risorgiva è prezioso per la
36
L’alto Mincio
L’antica tecnica delle
marcite
L’affioramento dei fontanili è stato, fin dai secoli scorsi, facilitato
da interventi antropici attraverso
l’infissione nel terreno di tini di
quercia senza fondo (in un primo
tempo) o di cilindri di ferro o di
cemento (successivamente). La
temperatura e la portata costante
e le acque sempre in movimento
per via della lieve pendenza hanno facilitato le pratiche irrigue,
che hanno permesso di ottenere
durante il corso dell’anno numerosi sfalci di erba da foraggio per
l’alimentazione delle vacche da
latte. E’ questa l’antica tecnica
delle marcite, diffusa dai monaci
cistercensi nel Medioevo, della
quale si ha la prima citazione in
un documento del 1198 conservato presso l’Abbazia di Chiaravalle
ed ora non più presenti nel nostro
territorio.
vita di molte specie animali: fra i rettili ricordiamo la testuggine
palustre (Emys orbicularis), la natrice dal collare (Natrix natrix)
e la natrice tassellata (Natrix tassellata). Piuttosto comuni
sono le rane verdi mentre i boschetti igrofili che circondano
i fontanili sono fra i pochi habitat rimasti a disposizione della
rana di Lataste (Rana latastei), raro anfibio endemico della
Pianura Padana. Negli specchi d’acqua vive anche il tritone
punteggiato (Triturus vulgaris), un piccolo anfibio divenuto
ormai raro data la scarsità di aree umide con acque non
inquinate. La presenza degli uccelli nelle aree di risorgiva
è molto varia sia quantitativamente che qualitativamente; i
fattori che sembrano influenzare maggiormente le popolazioni
sono la profondità dell’acqua e la tipologia della vegetazione.
In generale, l’avifauna risulta essere più abbondante dove
maggiore è l’estensione del canneto e minore è la profondità
dell’acqua. Le specie presenti sono quelle caratteristiche delle
zone umide: dai primi di febbraio sugli specchi d’acqua iniziano
ad arrivare i migratori di passo come Germani reali (Anas
platyrhynchos), Codoni (Anas querquedula), alzavole (Anas
crecca) e fischioni (Anas penelope); qualche coppia nelle
zone più tranquille e ricche di canneto può tentare di nidificare.
Molto comune nelle fasce arboree e arbustive delle zone di
rana di Lataste
37
risorgiva è l’usignolo di fiume (Cettia cetti) inconfondibile
grazie al suo canto simile ad una “cascatella” di note squillanti
e possono essere presenti anche la cannaiola (Acrocephalus
scirpaceus), l’usignolo (Luscinia megarhynchos) che nidifica
nei boschetti umidi a livello del terreno, e la capinera (Sylvia
atricapilla).
Per quanto riguarda i mammiferi, la caratterizzazione faunistica
delle risorgive è piuttosto complicata a causa della mobilità
e della varia provenienza delle specie. In generale si può
affermare che gli elementi più caratteristici di questi ambienti
siano micromammiferi legati agli ambienti umidi quali il topolino
delle risaie (Micromys minutus), il toporagno acquatico di Miller
(Neomys anomalus) e l’arvicola terrestre (Arvicola terrestris).
Un roditore di grande taglia, purtroppo presente in grande
abbondanza nei fontanili così come in tutte le zone umide del
Parco del Mincio, è la nutria (Myocastor coypus). Di origine
sudamericana, questo roditore venne introdotto in Europa
negli anni ’60 del secolo scorso come animale da pelliccia;
una volta esaurito l’interesse economico nei loro confronti,
molti esemplari vennero incautamente liberati e attualmente
la Nutria è naturalizzata ampiamente e diffusamente in tutto
il continente europeo e con la sua presenza crea notevoli
problematiche gestionali.
Per le loro caratteristiche le risorgive in passato hanno svolto
un ruolo essenziale nello sviluppo dell’agricoltura intensiva e
dell’allevamento bovino della Pianura Padana.
Negli ultimi decenni, purtroppo, pur essendo ambienti
che dovrebbero avere grande importanza naturalistica
come VHUEDWRL GL ELRGLYHUVLWj in un ambiente fortemente
antropizzato (come è quello della Pianura Padana) numerosi
fontanili sono scomparsi oppure hanno visto diminuire
notevolmente gli affioramenti di acqua. I principali fattori
responsabili di questo fenomeno sono l’abbassamento della
falda dovuta all’intenso prelievo d’acqua per le irrigazioni
agricole e per gli usi industriali, la diffusione dell’urbanizzazione
che ha portato a escavazioni, scarichi, canalizzazioni e
interramenti, e l’abbandono di numerose teste di fontanile.
38
L’alto Mincio - I Comuni
Peschiera
Adagiata sulle rive del Lago di Garda in provincia di Verona proprio là dove nasce l’emissario Mincio, Peschiera vede la frequentazione umana già dal neolitico grazie alla sua
felice posizione geografica.
Sono stati ravvisati anche insediamenti palafitticoli dell’età del Bronzo, mentre in epoca
romana è identificata con il vicus romano di
Arilica/Ariolica citata anche nella Tabula Peutingeriana. Diventa ben presto un importante
snodo commerciale, trovandosi alla congiunzione della via fluvio-lacuale che collegava
Tridentum (Trento) tramite l’Adige all’Adriatico lungo l’asse Garda-Mincio-Po con la via
Gallica, l’arteria pedemontana che collegava
Comum (Como) e la Rezia con Aquileia e il
Norico, passando per Brescia e Verona.
Nei pressi di Peschiera verso Salionze probabilmente avvenne lo storico incontro del 492
tra Attila e papa Leone I. In età altomedievale
cambiò il nome in Peschiera e permise forse
allo sconfitto re Berengario I, durante l’invasione degli Ungari, di recuperare le forze militari e tornare a combattere.
Tra XI e XIII secolo seguì le alterne sorti dei
territori in mano agli Ezzelini; nel 1262 passò
alla dinastia scaligera con Mastino I della Scala, eletto Capitano del Popolo, che potenziò
la fortificazione del centro con la costruzione
della 5RFFD: Peschiera infatti rappresentava
un punto strategico militare costituendo il confine occidentale del territorio scaligero.
Verso la fine del XIV passò ai milanesi Visconti e nel 1440 entrò a far parte della Serenissima Repubblica di Venezia: iniziarono
così imponenti opere di fortificazione che
trasformarono quelle che si erano formate e
le dettero l’attuale IRUPDSHQWDJRQDOH. Furono posti dei bastioni di muro e terra ai cinque
vertici, mentre le mura abbracciavano le due
isole attraversate dal ramo principale del Mincio Il sistema difensivo risultava totalmente
circondato dall’acqua.
Caduta la Serenissima, Peschiera diventò dei
Peschiera del Garda e i suoi bastioni sul fiume
39
Francesi che progettarono un sistema di forti
su rilievi nella campagna circostante a difesa
della città; dopo il 1815 Peschiera, passata
sotto agli Austriaci, entra a far parte del sistema difensivo del 4XDGULODWHURDVEXUJLFR.
E’ con gli austriaci che il progetto francese
viene completato e che la Fortezza assume
l’aspetto attuale con la costruzione dal 1849
al 1864 di 14 forti esterni. Svolse un ruolo di
primo piano nelle Guerre di Indipendenza e
solo nel 1866 con il trattato di Praga, dopo la
Terza Guerra d’Indipendenza entrò a far parte
dell’Italia. Perso il suo ruolo strategico militare, iniziò la decadenza anche dei forti molti
dei quali vennero demoliti: oggi ne rimangono
solo 7 dei 15 originari.
Nonostante le distruzioni di alcuni bastioni nel
XX secolo, anche al più distratto visitatore risulta evidente l’impianto militare austriaco di
Peschiera.
Valeggio
Distesa ai piedi del promontorio su cui
sorge il caratteristico Castello, Valeggio si
trova sulla sinistra del Mincio in provincia
di Verona: pur non facendo parte, come Peschiera, del Parco del Mincio (in Regione
Veneto non è stata istituita l’area protetta),
la sua storia è strettamente determinata
dalla presenza del fiume e legata al territorio del Parco.
L’area risulta abitata nell’Età del Bronzo
come attesterebbe un villaggio palafitticolo nei pressi dell’attuale Borghetto, nell’Età
del Ferro come testimoniano alcune sepolture e sono stati ritrovati reperti riferibili
alla civiltà etrusca. Anche in età celtica è
frequentata come conferma l’importante
necropoli celtica solo in parte individuata
sotto l’attuale abitato.
In età romana il guado della VWUDGD&DYDOOD
UD, che correva parallela alla via Gallica Brescia-Verona ma a sud dell’anfiteatro morenico, doveva trovarsi nei pressi di Valeggio e la
presenza romana sarebbe confermata anche
da una QHFURSROL che ha restituito reperti e
monumenti marmorei.
Tra X e XI secolo il territorio appartiene al Regno di Germania: è di quest’epoca la Pieve
romanica di San Pietro mentre nel XII sec.
viene costruito il monastero di Santa Maria
che diventerà Precettorìa dell’ordine dei Cavalieri Templari.
Le fortificazioni che ancora caratterizzano Valeggio sono databili invece tra il XIII e il XIV
secolo quando il territorio passa agli Scaligeri
prima e ai Visconti poi. Alberto della Scala nel
1284 rafforza il castello già esistente nel X
secolo ma è sotto Mastino II e Cangrande II
che viene ulteriormente ampliato. Il Castello
di Valeggio è l’XOWLPREDOXDUGRGHO6HUUDJOLR
VFDOLJHUR, un sistema difensivo lungo 16 chilometri che partiva da Villafranca.
Del preesistente castello rimane solo la torre
tonda. Era dotato di tre ponti levatoi di cui solo
uno si è conservato.
Il SRQWHGLJD invece è da attribuire a Gian
Galeazzo 9LVFRQWL, duca di Milano: costruito
nel 1392 per difendere il confine orientale del
ducato, un tempo era collegato al castello. Gli
accessi al ponte erano protetti da torrioni e
da cortine murarie dotate di spalti e di torri.
Lungo 650 metri e largo 25, presenta il piano
stradale 9 metri sopra livello del fiume.
Dal ponte è possibile ammirare il medievale
Borghetto caratterizzato dai merli ghibellini
della fortezza e dagli edifici costruiti per sfruttare al massimo l’energia idrica del Mincio attraverso i numerosi mulini.
40
L’alto Mincio - I Comuni
Borghetto di Valegguio sul Mincio. Sullo sfondo il ponte visconteo
Nelle vecchie mura presso il Ponte San Marco (di fronte alla chiesa) si può osservare la
statua di S.Giovanni Nepumoceno, che per
la tradizione protegge dall’annegamento chi
cade nelle acque del fiume.
Nel 1405 Valeggio passa alla Serenissima repubblica di San Marco.
Dal 1797 al 1815 passa alternativamente dai
Francesi agli Austriaci fino al 1815 quando il
Congresso di Vienna decreta la sua appartenenza Regno Lombardo Veneto, dipendenza
dell’Impero Austriaco. Durante l’epoca risorgimentale fu al centro delle battaglie delle Guerre d’indipendenza che portarono alla creazione del Regno d’Italia.
I Castelli Mantovani
Come quasi tutti i fiumi anche il Mincio segnò
per secoli il confine naturale di importanti possedimenti: dall’altomedioevo all’età feudale,
dall’età comunale a quella delle Signorie,
questo territorio ubertoso per l’economia e
strategico per la politica militare è sempre
stato terra di contesa, soprattutto nell’alto mantovano, e il paesaggio è stato via via
caratterizzato da nuovi castelli o fortificazioni
che occupavano sommità o luoghi chiave.
La presenza infatti di importanti assi viari
piuttosto che di un sistema fluviale – lacustre
(Garda, Mincio, Po) eccezionale, fecero del
mantovano un luogo cerniera ambito dai potenti locali. I Castelli arrivati fino a noi possono
essere così attribuiti per impianto:
Ai Canossa
Il Castello di Volta e il Castello di Governolo: il primo alla fine del X quando entra a far
parte del sistema difensivo dei Canossa per
i confini settentrionali. Nell’XI secolo viene
donato da Beatrice e Matilde di Canossa al
Vescovo di Mantova che ne rimane in possesso per molti anni, per poi seguire le vicende
dei Bonacolsi e dei Gonzaga. Per conquistare
Governolo nel 1090, la contessa Matilde di
41
Canossa affrontò l’imperatore Enrico IV e vi
fece costruire la torre di Galliano, arrivata fino
a noi. Nel 1116 Enrico V soggiornò nel Castello per firmare tre importanti documenti.
Agli Scaligeri
I castelli di Monzambano, Castellaro Lagusello,
Ponti, Valeggio, Nogarole, Peschiera, Sirmione
e altri ancora . Gli Scaligeri costituirono in questa zona il proprio sistema difensivo sud-occidentale. In particolare costruirono il “Serraglio”,
un circuito di Castelli a difesa della città di Verona, lungo 16 chilometri che partiva da Villafranca e toccava anche Valeggio e Sirmione. L’ impianto del castello scaligero corrisponde al tipo
del castello-recinto murario intervallato da torri.
Ai Visconti
Non vi sono castelli fatti costruire ex novo
dai Visconti i quali, invece, hanno occupato
- impossessandosene - quelli già esistenti.
E’ il caso di Castellaro, conteso dai Visconti
e dai Gonzaga. Ed è ciò che è accaduto
anche a Peschiera. Di sicura realizzazione
Il castello di Ponti sul Mincio
viscontea è il ponte-diga di Valeggio.
A Mantova (Comune - Bonacolsi - Gonzaga)
E’ di epoca medievale il castello di “Curtatono” appartenente al sistema difensivo
di Mantova: attraverso castelli e fortilizi la
città si assicurava un territorio rurale chiamato “Serraglio” esteso da Mantova al Po.
Il Serraglio comprendeva anche Montanara
e Buscoldo con un castello e due torri. Il
Serraglio venne iniziato nel 1215 e terminato nel 1259: in caso di pericolo, tramite i
canali, si allagavano i terreni depressi circostanti. Mantova così risultava difesa da
un immenso acquitrino.
Il Castello di S. Giorgio fu costruito alla
fine del ‘300 da Francesco I Gonzaga a
scopo difensivo e su progetto dell’architetto Bartolino da Novara. A metà del XV sec.
divenne magnifica residenza dei Gonzaga,
con la celebre Camera degli Sposi affrescata da Andrea Mantegna. E’ costituito da
quattro torri angolari e cinto da fossato.
42
L’alto Mincio - I Comuni
Ponti sul Mincio
Ponti sul Mincio è di origini medievali, ma ritrovamenti riferiti a un’importante necropoli di
età celtica (spade, catene porta–spada, lance e coltelli) fanno supporre che l’area fosse
frequentata già in età protostorica. Si estende
ai piedi del colle su cui sorge un castello, medievale anch’esso. Ponti si affaccia sulla Valle
del Mincio qui appena uscito dal lago di Garda. Il castello è di epoca scaligera: la data di
costruzione non si conosce ma probabilmente è del XIII secolo, eretto recuperando grossi
ciottoli tondeggianti dal fiume.
Una torre scudata occupa la punta Nord: le
torri scudate erano aperte nella parte posteriore, con il duplice scopo di facilitare l’approvvigionamento delle munizioni ai piani e
di impedire al nemico di utilizzarle nel caso
in cui se ne fosse impadronito. E’ comunque
probabile che la parte posteriore fosse chiusa
Ponti sul Mincio, forte Ardietti
con pareti rimovibili in legno. I lati invece, in
posizione mediana e simmetrica, erano difesi
da due torri aperte verso l’interno; a Sud, simmetricamente rispetto all’asse longitudinale,
si trovano due torri chiuse a pianta quadrata,
una più piccola oggi adibita a torre dell’orologio, ed una più alta, il mastio, posta accanto
all’antica porta di ingresso dal borgo; la porta
protetta da un rivellino immetteva nella strada
sopraelevata (ora invasa dalla vegetazione)
attraverso un ponte levatoio.
Oltre al castello si segnala la Parrocchiale di
Sant’Antonio Abate che conserva la “Madonna col Bambino e Santi” dei fratelli Martino e
Giovanni Meves (fine ‘700). Sempre del ‘700
sono i quadri della Via Crucis. Infine la salita
al 0RQWH&DVDOH, oltre che stupire per l’incredibile vista panoramica, permette di riecheggiare l’ultima memorabile battaglia (30 aprile
1945) che chiude la Seconda Guerra Mondiale, ricordata anche da una lapide ai caduti.
43
Monzambano
Monzambano
Arroccato sulla collina e affacciato sulla Valle
del Mincio, Monzambano si trova sulle Colline
Moreniche del Basso Garda ed è caratterizzato
dal castello medievale.
Si ignora se Monzambano sia di origine romana – come farebbe pensare il toponimo – non
essendo stato ritrovato l’abitato; di certo la zona
era popolata in epoca romana come numerosi
ritrovamenti archeologici confermerebbero.
Sicuramente Monzambano esisteva in età medievale, essendo citato in un rescritto imperiale
che risale al 967 d.C., quando Ottone I in uscita da Verona si dirige verso Monzambano per
raggiungere Ravenna per via fluviale e in un
atto del 1187 che ascrive il paese tra le ville appartenenti al territorio di Verona. Nel 1199 venne strappata ai Mantovani dai Veronesi dopo la
vittoria a Ponte Molino. Nel 1495 passò sotto il
dominio della Serenissima, come testimonia il
OHRQHDODWR sulla torre del castello.
La prima costruzione del Castello va forse fatta
risalire all’epoca della calata degli Ungari (fine
IX-X secolo), ma sono appunto gli Scaligeri a
dargli il volto che conosciamo con la FLQWDPX
UDULDSROLJRQDOH ancora ben conservata.
Nel 1805 sotto Napoleone, sconfitta la Serenissima, Monzambano passò da Verona a Mantova ed ebbe notevole rilievo storico e politico nel
periodo Risorgimentale rientrando nell’area del
Quadrilatero. Ospitò il drammatico colloquio
del 10 luglio 1859 tra Vittorio Emanuele II e Camillo Benso Conte di Cavour, all’indomani del
deludente armistizio di Villafranca. Fu teatro
di decisive battaglie come quella vittoriosa del
1866 contro gli Austriaci.
Oltre al Castello si segnala la Chiesa di San
Michele Arcangelo, la cui costruzione (dal 1743
al 1798) avvenne sopra una chiesa olivetana.
44
L’alto Mincio - I Comuni
Castellaro Lagusello
(Monzambano)
Le possenti mura del castello del borgo medioevale hanno merli guelfi ed erano intervallate da dieci torri: l’interno era suddiviso
nell’area prospiciente il lago di competenza
del castellano e nell’area settentrionale affidata al capitano che doveva controllare la porta
d’accesso al borgo e al castello (munita di
ponte levatoio che fu conservato fino al ‘700).
Per la posizione di confine, fu più volte conteso da Visconti e Gonzaga fino al 1441 quando
passò sotto la Serenissima. Perso il suo ruolo
strategico, nel 1637 Venezia lo pose all’asta e venne acquistato dai conti Arrighi che
lo trasformarono in una residenza gentilizia,
senza intaccare eccessivamente l’aspetto
medioevale. Del castello medievale restano
la porta settentrionale che conserva ancora le
strutture del ponte levatoio, la cinta muraria,
quattro torri – di cui quella che fiancheggia
la porta, alta 24 metri, è stata sopralzata nel
1600 per farla diventare campanaria - alcuni
tratti del camminamento di ronda e due case
rustiche medievali oltre che l’impianto delle
case a corte.
La passeggiata per il borgo termina nella
piazza su cui si affaccia Villa Arrighi che ingloba l’antico fortilizio. Sulla piazza incorporata
nella villa si apre la chiesa settecentesca di
S. Giuseppe in cui furono girate alcune scene
del film Miss Arizona con Marcello Mastroianni, del regista ungherese Pal Sandor. E’ tra i
“Borghi più belli d’Italia”.
Il borgo mediorevale di Castellaro Lagusello con il laghetto inframorenico
45
Castellaro Lagusello
Archeologia a
Castellaro Lagusello
Sorto su un’altura affacciata sul piccolo lago
di origine glaciale a forma di cuore, Castellaro Lagusello fa parte di diritto dei Borghi più
belli d’Italia. Prende il nome dalla sua cinta
muraria ancora pressoché intatta all’interno della quale attorno all’XII secolo sorse il
borgo: una bolla papale del 1145 attesta già
la presenza della pieve. Ma il territorio venne
occupato ben prima. Tracce di piccoli insediamenti neolitici sono state trovate su un
colle che si affaccia su Castellaro Lagusello
e scavi archeologici hanno messo in luce un
importante abitato palafitticolo dell’età del
Bronzo sulle rive del laghetto, frequentato
ininterrottamente dal Bronzo Medio al Bronzo Finale.
Dapprima l’area venne bonificata con depositi
di materiale di riempimento. Sono stati rinve-
nuti numerosi frammenti di ceramica, utensili
metallici, oggetti in pietra ed in osso come
punte di freccia o ami, rasoi, armi, manufatti
in ambra (indice di un fiorente commercio),
monili in osso; una placca di cinturone della
cultura oltrealpina di Hallstatt degli inizi del Xll
sec. a.C. attesta l’epoca dell’ultima frequentazione del sito. I materiali rinvenuti sono conservati presso il Museo Archeologico dell’Alto
Mantovano a Cavriana.
Ritrovamenti di tombe con materiali celtici
attestano la frequentazione del luogo anche
in questa epoca; ritrovamenti di oggetti e di
edifici di età romana confermano la frequentazione dell’area anche in quest’epoca. Il complesso residenziale in località Batuda, vicino
alle rive del laghetto, di cui sono stati individuati solo due ambienti riccamente pavimentati, fa pensare a una frequentazione dell’area
in età romana di alto livello.
46
L’alto Mincio - I Comuni
Volta Mantovana
Affacciata sulla Valle del Mincio, Volta Mantovana si estende ai piedi del Castello medievale
che ne caratterizza il suo paesaggio.
Ritrovamenti del V-IV sec. a.C. in località Cereta fanno supporre la frequentazione dell’area
già durante l’età del Ferro.
Si ipotizza che il castello sia di fondazione altomedievale, ma sicuramente esiste alla fine del
X quando entra a far parte del sistema difensivo
dei Canossa, vicari dell’imperatore germanico,
signori dalla Toscana al territorio mantovano e
diventa una difesa dei confini settentrionali.
E’ dell’XI secolo la donazione del Castello,
della corte, del territorio di Volta e del borgo
di Cereta da parte di Beatrice e Matilde di Ca-
Volta Mantovana
nossa al Vescovo di Mantova che ne rimane in
possesso per molti anni.
In questo periodo Volta è costituita dal centro
fortificato, mastio e cinta di mura, dalla curtis,
dalla Pieve e da edifici sorti dentro e fuori le
mura e lungo le strade di accesso al Castello.
Segue le sorti di Mantova anche sotto i Bonacolsi e i Gonzaga. Questi ultimi risistemarono
varie volte le mura e le torri della fortificazione a
difesa del territorio. Il castello raggiunge la sua
definitiva sistemazione nei secoli XIV e XV: formato da una cinta muraria e da relativo fossato, all’interno ospita la chiesa, il piccolo borgo
oltre che una fortezza più interna che difende il
mastio e un’altra torre a sud oggi recuperata.
Fortificate sono anche le porte d’ingresso, in
particolare la “porta mantovana” sulla quale si
47
Volta Mantovana
staglia un arco gotico di una certa eleganza.
Della metà del XV secolo è anche 3DOD]]R
*RQ]DJD edificato da Lodovico come villa di
campagna a ridosso delle mura di cinta, inglobandone anche una torre. Nel 1515 viene
donato alla famiglia dei Guerrieri, vicari a Volta
degli stessi Gonzaga con il compito di controllare direttamente e amministrare tutta la zona
per conto dei signori di Mantova. Rimane ai
Guerrieri fino alla metà del 1800. Attualmente
è sede municipale.
La Chiesa Parrocchiale di S. Pietro sorta
all’interno della cinta muraria è attestata dai
documenti almeno dal XI secolo. Inizialmente
a una navata, viene trasformata nel XV secolo
ma è nel 1700 che arriva ad avere tre navate
e numerose cappelle e altari. Nel 1800 venne
risistemata e allungata ma solo negli anni Sessanta del XX secolo la realizzazione della facciata completa le ristrutturazioni ottocentesche.
Di inizio XVII secolo sono invece il convento
dei Francescani e quello entro le mura delle
Orsoline prima e Domenicane di clausura poi.
Entrambi vengono soppressi su disposizioni
napoleoniche: il convento dei Francescani
passa a privati che ne demoliscono la Chiesa,
mentre quello delle domenicane acquistato dai
Guerrieri agli inizi del 1800, diviene nel 1929
dei 9HQLHUche lo trasformano in una villa.
Medio Mincio
50
Il medio corso del Fiume
Medio Mincio
Nel tratto compreso fra Pozzolo e Rivalta, il Mincio, libero
dagli argini che lo imbrigliano fin dalla fuoriuscita dal Garda,
si riappropria delle caratteristiche dei fiumi di pianura: scorre
infatti tracciando DPSL PHDQGUL in un territorio pianeggiante
fra coltivazioni e prati, con le rive ancora ombreggiate da
alberi ed arbusti. Le essenze arboree dominanti sono salici
bianchi (Salix alba) e pioppi, accompagnati da olmi (Ulmus
minor), ontani (Alnus glutinosa) e da qualche farnia (Quercus
peduncolata). Arbusti come il salice cinereo (Salix cinerea), il
sambuco (Sambucus nigra) le palle di neve (Viburnum opulus)
formano fitte siepi su cui si arrampicano la vitalba (Clematis
vitalba) e il luppolo (Humulus lupulus). La canna di palude
(Phragmites australis) è ampiamente diffusa lungo le rive del
fiume e si accompagna ai giunchi e ai fiori giallo oro dell’iris di
palude (Iris pseudacorus). In alcuni tratti il Mincio si divide in
più rami che abbracciano SLFFROHLVROH; queste, non essendo
interessate dalle coltivazioni, conservano pressoché intatta
la vegetazione spontanea delle aree palustri. Infatti, accanto
alle carici (Carex sp.), ai giunchi (Schoenoplectus lacustris,
Juncus articulatus) e alla ginestra dei tintori (Genista tinctoria)
si notano in primavera le fioriture bianche dei campanellini
di palude (Leucojum aestivum), seguite dopo qualche mese
da quelle violette della menta acquatica (Mentha aquatica).
Decisamente più rare, e per questo preziose, sono le presenze
della genziana palustre (Gentiana pneumonanthe) e di alcune
orchidee come l’elleborina di palude (Epipactis palustris) e
l’orchidea acquatica (Orchis laxiflora). Sul fondo ghiaioso dei
canali meno profondi, dove la corrente fluviale non è eccessiva
ma è comunque troppo forte per consentire lo sviluppo di
piante emergenti, crescono erbe sommerse come la Vallisneria
(Vallisneria spiralis), il Millefoglio d’acqua (Myriophyllum sp.),
la Brasca (Potamogeton sp.) e l’Erba gamberaia (Callitriche
stagnalis); queste piante sommerse, che in genere prediligono
acque poco inquinate, sono purtroppo scomparse quasi
completamente dal corso principale del Mincio; rimangono
però in alcuni canali secondari e in buona parte degli affluenti
di sinistra, caratterizzati da acque sorgive più fredde e limpide.
Sul Lago Superiore e sugli specchi d’acqua libera più estesi della
51
3HWDOLVXOO¶DFTXD
zona di fiume compresa fra Rivalta e Mantova, nel pieno dell’estate è da notare la spettacolare fioritura del )LRUGLORWR (Nelumbo nucifera), una splendida pianta esotica con grandi foglie
tondeggianti verde smeraldo che si innalzano per oltre 1 metro
sopra il pelo dell’acqua e magnifici fiori dal profumo intenso che
mostrano tutte le sfumature del rosa, dal crema al magenta.
A pochi chilometri dal fiume, in questo tratto di pianura,
si trovano due aree boschive diversissime fra loro per
estensione e caratteristiche naturalistiche ma entrambe di
grande importanza storica e ambientale: si tratta del Parco
delle Bertone e di Bosco Fontana.
Bertone: il bosco dei mille alberi e delle cicogne
Sul territorio del Comune di Goito sorge il Parco delle Bertone,
piccola area boscata (7 ettari in tutto) dove convivono la foresta
padana originaria e il bosco giardino romantico ottocentesco.
Gli interventi voluti dal FRQWH /XLJL '·$UFR QDWXUDOLVWD H
DSSDVVLRQDWRERWDQLFR, hanno infatti portato alla creazione
di un ambiente con l’aspetto e gli scorci di un bosco naturale,
in realtà completamente disegnato dall’uomo.
Uno sguardo attento riesce infatti a cogliere l’impronta della
mano dell’uomo nelle tracce dei sentieri, nelle macchie cupe
dei tassi disposti ad arte in alcuni punti del bosco, nel laghetto
scavato al centro del parco e nella presenza della collina che
movimenta il paesaggio e ospita la ghiacciaia della villa.
Le origini del Parco Bertone si perdono nei secoli; d’altra
parte non dobbiamo dimenticare che prima dell’insediamento
dell’uomo, tutta la Pianura Padana era ricoperta da selve e
paludi. Notizie dell’esistenza del parco arrivano dal XV secolo,
quando era proprietà di Bertone da Concorezzo, padre del
mercante Giovanni Boniforte a sua volta committente della casa
detta “del Mercante” nell’attuale piazza Mantegna a Mantova.
Nei secoli successivi il parco conobbe alterne vicende, in
alcune mappe dei catasti settecenteschi non è neppure
riportato ed al suo posto sono indicati soltanto campi coltivati,
per poi conoscere nuovo splendore con la famiglia D’Arco che
ne fece la propria residenza estiva e fece costruire la villa con
le pertinenze (scuderie e foresteria) che ancora oggi dominano
Secondo alcune fonti questa specie di fiore di loto, originaria dell’Estremo Oriente, fu portata in Italia
nel 1914 dai padri Saveriani di
Parma. Sul lago di Mantova, nella
zona antistante Belfiore, fu introdotta nel 1921 dalla naturalista
Maria Pellegreffi, probabilmente
per tentarne la coltivazione a scopi alimentari (in Cina veniva infatti
utilizzata la fecola ricavata dai rizomi) o semplicemente per approfondire lo studio dell’ecologia di
questa specie. Dal momento della
messa a dimora delle prime piante, il loto ha continuato a crescere
e a diffondersi, aiutato anche dalla
mano dell’uomo, formando vaste
isole di vegetazione di particolare rilevanza paesaggistica ma
divenendo infestante, tanto che,
se non fosse tenuto sotto stretto
controllo con periodici sfalci che
ne riducono notevolmente l’estensione, arriverebbe a coprire quasi
interamente gli specchi d’acqua
compromettendo la sopravvivenza delle specie autoctone.
52
Il medio corso del Fiume
Il Centro Visite del
3DUFR
Aperto al pubblico da inizio marzo
a fine ottobre di ogni anno nelle
giornate festive, il Centro Parco
Bertone accoglie anche numerosi
gruppi scolastici in visita durante
le giornate infrasettimanali.
Nelle sere d’estate si svolgono
eventi culturali, come i concerti
di sonorità mediterranee dedicati
alle rotte migratorie delle cicogne.
Tra le proposte di intrattenimento
vi sono laboratori di educazione
ambientale per i bambini e le famiglie, feste, visite guidate, Cred
estivi, percorsi e installazioni
ludico-didattiche.
Di prossima realizzazione un
punto di ristoro, spazi espositivi e
nuovi spazi multimediali.
la radura più estesa del bosco. La passione per la botanica
di Luigi D’Arco è testimoniata ancora oggi dalla presenza di
esemplari secolari di SLDQWHSURYHQLHQWLGDWXWWRLOPRQGR
che il conte mise a dimora nel parco di famiglia. Fra questi
ricordiamo in particolare il QRFH QHUR DPHULFDQR (Juglans
nigra) di oltre 270 anni d’età che domina con la sua mole il
sentiero immediatamente a sinistra del cancello d’ingresso, il
maestoso esemplare di *LQNJRELORED, anche questo più che
bicentenario, che con i suoi 40 m di altezza svetta al centro di
una radura in riva al laghetto e in autunno si colora di giallo
oro intenso, il boschetto di magnolie americane (Magnolia
grandiflora) e diversi grandi esemplari di ippocastani (Aesculus
hyppocastanum) che in primavera colorano il bosco con le loro
infiorescenze bianche e purpuree. Fino al 2001, l’esemplare
più famoso e degno di nota dello strato arboreo del parco era
il vecchio SLRSSRQHUR (Populus nigra): un esemplare di oltre
350 anni d’età, alto circa 36 m e con un tronco del diametro di
quasi 7 m. Negli ultimi anni di vita la chioma era ridotta soltanto
a poche foglie distribuite sui rami più alti, il tronco, a causa del
suo stesso peso, era diviso in quattro parti, tenuto assieme da
tiranti di ferro e abbracciato alla base da enormi fusti di edera;
a rendere unica questa pianta, oltre all’aspetto maestoso,
era l’età che consentiva di classificarlo come uno degli ultimi
pioppi neri puri della Pianura Padana, sicuramente non ibrido
con le specie americane introdotte per le coltivazioni.Dopo la
scomparsa dell’ultima erede mantovana della famiglia D’Arco,
la marchesa Giovanna, avvenuta nel 1973, il parco e tutti i
beni dalla famiglia divennero proprietà della Fondazione
D’Arco, voluta dalla marchesa stessa. Dopo oltre un decennio
di abbandono, la Fondazione affidò la gestione del Bosco
Bertone al Parco del Mincio che curò il ripristino del bosco
aprendolo al pubblico e valorizzandone la funzione didattica
e ricreativa facendo divenire le Bertone Centro Visita del
Parco. I locali della palazzina delle antiche scuderie sono stati
recuperati e arricchiti da una sala audiovisivi e dalla /XGRWHFD
%LEOLRWHFDGHOOD1DWXUD a disposizione dei visitatori. Il Bosco
Bertone inoltre, dal 1994 ospita il Centro di Reintroduzione
della Cicogna Bianca.
53
La cova in diretta
Il Centro di Reintroduzione della Cicogna bianca
Il progetto, che ha preso avvio in stretta collaborazione con
la Swiss White Stork Society di Altreu (Svizzera) e rientra
nei programmi dell’International White Stork Working GroupWestern Population, si propone di costituire, all’interno del
Parco, un nucleo stabile di cicogne nidificanti che possa
servire da richiamo per altri esemplari in transito e da centro
di diffusione della specie sul territorio circostante. Le prime
12 cicogne giunsero dalla Svizzera nel marzo del 1994 e
già nel 1996 nacquero i primi piccoli. Per fare in modo che
negli animali si crei un ´OHJDPHWHUULWRULDOHµ che le induca
a tornare dopo la migrazione, le cicogne nate nel centro
vengono liberate soltanto dopo la prima nidificazione.
Dal 1997, anno dei primi rilasci, gli avvistamenti di cicogne
libere in volo attorno al parco delle Bertone e nelle altre aree
del mantovano sono divenuti una consuetudine: un segno
del buon andamento del progetto e della presenza di un
ambiente con caratteristiche favorevoli alla sopravvivenza
della specie. In più di un’occasione si sono formate anche
coppie miste, costituite da un individuo rilasciato e da uno
selvatico fermatosi durante la migrazione primaverile. La
speranza è che le Cicogne liberate dal Parco Bertone
estendano sempre più il loro areale contribuendo così alla
reintroduzione della specie nell’Europa occidentale. Non si
deve scordare però che i progetti di reintroduzione vanno a
buon fine se in contemporanea si opera per la salvaguardia
dell’ambiente nel suo complesso, sia nei luoghi di nidificazione
sia in quelli dove gli animali si recano per svernare (l’Africa
nel caso delle cicogne e di altri uccelli migratori, come ad
esempio gli aironi rossi); è importante quindi tutelare le
zone umide, fondamentali per la specie, e ridurre l’uso di
pesticidi, buona pratica che peraltro migliorerebbe la qualità
della vita anche per l’uomo. Altrettanto importante è il
garantire a questi animali rotte migratorie sicure, al riparo da
bracconieri, e ridurre dove possibile il rischio rappresentato
dai cavi dell’alta tensione, vere e proprie trappole micidiali
per moltissime specie di uccelli.
Il Centro Reintroduzione è collocato in area limitrofa alle Bertone
dalle quali e possibile osservare
da vicino le cicogne anche nelle
fasi di cova e di accudimento dei
piccoli.
Molti esemplari sorvolano l’area
boscata delle Bertone e non è raro
assistere alla costruzione di nuovi
nidi sulle cime degli alberi più alti.
54
Il medio corso del Fiume
La Riserva Naturale Orientata di Bosco Fontana
A circa 5 Km dalla città di Mantova, nel territorio del comune
di Marmirolo, il panorama agricolo della pianura è interrotto
inaspettatamente dalla PDFFKLD YHUGH FXSR GL XQR GHJOL
DPELHQWLSLSUHJLDWLHVRUSUHQGHQWLGHO3DUFRGHO0LQFLR.
Varcare il cancello di “Foresta Fontana” e addentrarsi nei
sentieri che attraversano il bosco significa infatti concedersi un
viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta dei paesaggi originari
della piana del Po. In epoca preromana il territorio compreso fra
le Prealpi, i primi contrafforti dell’Appennino Emiliano e il Mare
Adriatico, era interamente coperto da boschi attraversati da
numerosi corsi d’acqua e interrotti soltanto da paludi nelle zone
meno rilevate. Nel corso dei secoli l’intervento dell’uomo ha
fortemente modificato il paesaggio disboscando e bonificando
i terreni per conquistare spazi per l’agricoltura e per le altre
attività. Il Bosco Fontana, 233 ettari di foresta gestita dal Corpo
Forestale dello Stato, è XQRGHJOLXOWLPLHVHPSLULPDVWLLQ
,WDOLD GHOOD IRUHVWD SODQL]LDOH SDGDQD RULJLQDULD; proprio
per questo rappresenta un patrimonio naturalistico e storico
prezioso e insostituibile. È difficile scegliere una stagione ideale
per visitare Bosco Fontana: la ricchezza di specie e la varietà
di ambienti che lo caratterizzano lo rendono affascinante in
ogni momento dell’anno. Durante l’inverno l’assenza delle
foglie permette di ammirare l’intrico dei rami mentre nel
sottobosco fra il verde cupo dei piccoli arbusti di pungitopo
emerge il rosso vivo delle bacche. Fra Gennaio e Febbraio
sui rami spogli iniziano a comparire i segni del risveglio
primaverile: in particolare dai noccioli e dagli ontani pendono
le lunghe infiorescenze maschili che rilasciano sbuffi di polline
giallo o rosso scuro. Nello strato erbaceo, a partire dalla fine
dell’inverno e fino alla primavera inoltrata, si susseguono
splendide fioriture che colorano il sottobosco con sfumature
sempre diverse di mese in mese: già dalla fine di Gennaio sul
tappeto marrone di foglie secche spicca il bianco punteggiato
di verde dei bucaneve (Galanthus nivalis) e dei campanellini
(Leucojum vernum) seguito verso Marzo dal bianco striato
di rosa dei crochi (Crocus biflorus) e delle silvie (Anemone
nemorosa); all’inizio di Aprile prevalgono le sfumature del viola
55
Frammenti di storia
e del blu offerte da scille (Scilla bifolia), epatiche (Hepatica
nobilis), polmonarie (Pulmonaria officinalis), violette (Viola
odorata, Viola alba, Viola hirta), pervinche (Vinca minor) e
piselli selvatici (Lathyrus vernus). In contrasto si evidenzia
il giallo oro di anemoni (Anemone ranunculoides) e narcisi
(Narcissus poeticus). Maggio nel bosco è indissolubilmente
legato all’aroma pungente e inconfondibile dell’aglio orsino
(Allium ursinum) che segue l’andamento dei sentieri formando
folte bordure costellate di infiorescenze bianche. In estate i
sentieri sono ombreggiati dalla cupola verde formata dalle
chiome delle IDUQLH (Quercus peduncolata), dei FDUSLQL
ELDQFKL(Carpinus betulus) e dei FHUUL(Quercus cerris), specie
dominanti a Bosco Fontana sia per numero che per dimensioni.
Le querce in particolare, superando anche i trenta metri di
altezza, svettano su tutti gli altri alberi del bosco. A queste
essenze si accompagnano alberi di dimensioni minori fra cui
ricordiamo l’acero campestre (Acer campestre), il ciavardello
(Sorbus torminalis), l’orniello (Fraxinus ornus), il ciliegio
selvatico (Prunus avium) e, nelle aree più umide, l’ontano
nero (Alnus glutinosa). La fascia arbustiva è altrettanto ricca,
costituita da nocciolo (Corylus avellana) sambuco (Sambucus
nigra), biancospino (Crataegus monogyna) e corniolo (Cornus
mas). I rampicanti come l’edera (Hedera elix), la vitalba
(Clematis vitalba) e il tamaro (Tamus communis) complicano
il disegno del bosco inerpicandosi lungo i fusti degli alberi più
alti per raggiungere la luce. Sul finire della stagione il folto
del fogliame è macchiato dai frutti rosso vino del corniolo e
del biancospino. L’autunno nel bosco è dominato dai colori
caldi: le foglie assumono tutte le sfumature del giallo, del
rosso e del marrone mentre le fioriture violacee dei colchici
(Colchicum autumnale) tingono il sottobosco. Bosco Fontana
deve il proprio nome D XQD ULVRUJLYD situata in prossimità
della palazzina di caccia e citata già in un documento del 1113;
attorno al punto di uscita dell’acqua venne costruita una YDVFD
DIRUPDGLTXDGULIRJOLR, un tempo ornata da statue di divinità
marine. Le acque di questa fonte, dopo un breve percorso,
confluiscono nel Rio Begotta, il corso d’acqua principale del
bosco che attraversa la riserva da Nord a Sud e che forma
Le vicende che hanno consentito
la sopravvivenza di Bosco Fontana sono in buona parte legate al
destino della famiglia Gonzaga,
signori di Mantova dal 1328 al
1707 e padroni dei terreni su cui
sorge il bosco fin dal XII secolo.
La passione dei Gonzaga per la
pratica venatoria li spinse infatti a
mantenere intatta la superficie boscata per consentire la presenza
di cervi, cinghiali e altri mammiferi,
ambite prede di caccia. Fra il 1592
e il 1595 il Duca Vincenzo I fece
costruire la palazzina di caccia
che ancora domina una vasta radura al centro del bosco, mentre
non rimangono che pochi ruderi
dell’eremo e della chiesa dei Camaldolesi, eretti nel 1633 per volere di Carlo I di Gonzaga-Nevers
e trasformati in polveriera dopo la
soppressione del convento, avvenuta nel 1782.
Durante la dominazione austriaca,
intorno al 1758, vennero tracciati
i viali rettilinei che tuttora attraversano il bosco suddividendolo
in particelle geometriche e che
confluiscono in 7 piazze circolari
dai nomi talvolta suggestivi o evocativi come Piazza Duello, Piazza
Reale o Piazza del Morto.
Alla fine del XVIII secolo il bosco
subì una forte riduzione e pochi
anni dopo la nascita del Regno
d’Italia corse il pericolo più grave della propria storia: divenuto
infatti patrimonio statale, corse il
rischio di essere alienato e quindi
abbattuto per far posto ai terreni
agricoli; soltanto l’appassionato
intervento del Conte Francesco
Antonio D’Arco, all’epoca senatore del regno, riuscì a scongiurare il
pericolo e ad evitare che la foresta
56
Il medio corso del Fiume
andasse perduta per sempre.
Durante il XX secolo Bosco Fontana conobbe un forte declino a causa dei prelievi di legname avvenuti
durante le due guerre mondiali e
degli incauti rimboschimenti con
specie alloctone (platani – Platanus orientalis - e querce rosse
– Quercus rubra - in particolare)
effettuati fra la fine degli anni ’40
e gli anni ’50. A mettere a rischio
il delicato equilibrio del bosco
contribuirono anche la devastante
tromba d’aria del giugno del 1949,
che rase al suolo intere parcelle, e
la fruizione indiscriminata consentita fino alla metà degli anni ’70.
Nel 1976 venne finalmente riconosciuto il valore ecologico e
ambientale del bosco che divenne
Riserva Naturale Orientata Biogenetica; da allora tutti gli interventi effettuati mirano a mantenere lo stato originario della foresta
o a ricostituirlo dove è andato
perduto.
anche il fossato di protezione attorno alla palazzina. In passato
nel bosco erano attive numerose sorgenti, fra cui quella situata
vicino al confine occidentale e che dava origine al Re Corniano;
attualmente l’unica VRUJHQWHDWWLYD è la fonte di S. Giuseppe,
nascosta nel folto del bosco a Sud della palazzina. I progetti
attualmente in atto a Bosco Fontana mirano soprattutto a
ristabilire l’equilibrio fra le essenze vegetali, favorendo la
diffusione della farnia ed eliminando le specie esotiche, e a
conservare la componente del legno morto e dei vecchi alberi
cavi, habitat assolutamente necessari alla sopravvivenza di
numerosissime specie.
Le Valli del Mincio
In prossimità di Rivalta il fiume muta decisamente aspetto: si
allarga e si divide in più tronchi che si snodano fra i canneti e le
praterie di carice. Questa vasta zona umida, dell’estensione di
oltre 1.450 ettari e che arriva fino alle porte di Mantova, dal 1984
è stata dichiarata dalla Regione Lombardia riserva naturale
orientata col nome ´5LVHUYD 1DWXUDOH 9DOOL GHO 0LQFLRµ. Le
origini delle Valli vanno ricercate sia nella situazione geologica di
questo tratto del fiume sia, ancora una volta, negli interventi che
l’uomo ha operato sul territorio: osservando infatti il tracciato del
Mincio si nota che uscendo da Peschiera, il fiume scorre verso
il Po con andamento N-S fino all’altezza dell’abitato di Grazie
dove muta bruscamente direzione e assume l’andamento W-E
che mantiene fino a Mantova. Sulle cause di questa FXUYDDG
DQJROR UHWWR del corso d’acqua sono state formulate molte
ipotesi, invocando addirittura l’esistenza di una “faglia dei laghi di
Mantova” che, creando un dislivello nel terreno, costringerebbe
il Mincio a deviare. Studi geologici recenti hanno messo in
dubbio tale teoria, dato che le faglie esistenti nella zona sono
troppo profonde e inattive da tempi troppo lunghi per poter
essere responsabili dello scorrimento delle acque superficiali.
La motivazione più probabile rimane quella legata alla natura dei
terreni: il Mincio, ormai giunto in pianura e avendo quindi perso
molta della sua forza erosiva, incontra proprio all’altezza di
Grazie dei terreni marnosi difficilmente erodibili; non riuscendo
quindi a scavare il proprio alveo attraverso di essi, è costretto a
57
piegare verso est assecondandoli fino alla città. In questo tratto
infatti la riva destra del fiume è costituita da una scarpata ripida
che limita la valle e su cui sorgono gli abitati di 5LYDOWD, *UD]LH
e Castelnuovo $QJHOL. La riva sinistra è invece decisamente
più bassa e permette al fiume che in questo tratto rallenta
fino ad impaludarsi, di estendersi in larghezza per circa 3
Km. Ad accentuare la tendenza all’impaludamento del fiume
contribuirono poi i lavori di sistemazione idraulica del Pitentino
(1190 circa) che, costruendo il ponte diga dei Mulini, rallentò
notevolmente il corso del Mincio facendo aumentare il naturale
processo di deposito di sedimenti a monte degli Angeli.
L’intervento dell’uomo è ben visibile anche nel fitto intreccio di
canali e nei chiari che si aprono fra i canneti che complicano
l’idrografia naturale della zona e che furono tracciati dagli
abitanti della valle nel corso dei secoli per accedere alle
zone di pesca, per creare i “giochi” di caccia, o per regolare
l’afflusso d’acqua alle aree dove venivano coltivate le carici e
la canna di palude. Fino agli anni ’50 del secolo scorso infatti
l’ambiente palustre fu fonte di sostentamento per le popolazioni
rivierasche che lo sfruttavano come zona di pesca, di caccia
o per la raccolta della canna di palude e delle carici, la cui
lavorazione costituiva l’industria più importante della zona.
Dal punto di vista naturalistico questo è il tratto di fiume che presenta
le caratteristiche floristiche e faunistiche più ricche e interessanti,
tanto da essere dichiarato ´]RQD XPLGD G·LPSRUWDQ]D
LQWHUQD]LRQDOHµ secondo i criteri della &RQYHQ]LRQHGL5DPVDU
(1971), ]RQDGLSURWH]LRQHVSHFLDOH(ZPS) per la conservazione
degli uccelli selvatici e VLWR GL LPSRUWDQ]D FRPXQLWDULD (SIC)
appartenente alla “Rete Natura 2000” per la conservazione degli
habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatica.
Il destino di questo ambiente, XQDWUDOH]RQHXPLGHLQWHUQHSL
YDVWHG·,WDOLD, se fosse lasciato alla propria evoluzione naturale,
sarebbe quello di modificarsi in saliceto, ontaneto e quindi in
bosco planiziale: infatti i sedimenti accumulati dal fiume, uniti
alla grande quantità di sostanza organica (rizomi, fusti, foglie)
che ogni anno si deposita sul fondo, creerebbero un substrato
sempre più adatto alla colonizzazione da parte di salici e ontani,
fino ad arrivare alla formazione del bosco.
58
Il medio corso del Fiume
D’altro canto il Mincio, continuando a scorrere e trovando
interrati glia antichi canali, cercherebbe nuovi sbocchi allagando
probabilmente terreni che ora sono occupati da coltivazioni o
altre attività umane. Per questi motivi gli interventi di tutela sono
volti soprattutto a mantenere la palude nel suo stato attuale,
incoraggiando le tecniche tradizionali di gestione del canneto
(sfalcio, incendi controllati, pulitura del fondo dei canali,
mantenimento dei giochi di caccia) e salvaguardando così
sia il delicato ecosistema palustre che l’ambiente antropico
ad esso circostante. ,FDQQHWL sono l’elemento vegetazionale
più caratteristico ed evidente delle Valli; crescono lungo
entrambe le rive del fiume ricoprendo completamente le isole
che si formano fra i canali o contribuendo addirittura alla loro
formazione. La specie vegetale dominante di questo ambiente
è la cannuccia di palude (Phragmites australis) che crescendo
alta e fitta praticamente non consente a nessun altra specie di
penetrare nel canneto. L’unico elemento di discontinuità è dato
dai cespugli di salice cinereo (Salix cinerea): questi rivestono
un ruolo importantissimo nell’ecosistema palustre poiché sono
i luoghi di nidificazione prediletti dall’DLURQH URVVR (Ardea
purpurea), ardeide migratore che proprio sulla grossa isola
di canneto fra Angeli e Curtatone ha stabilito da anni XQD
GHOOH FRORQLH SL LPSRUWDQWL GHO QRVWUR SDHVH. Oltre agli
aironi rossi nel folto del canneto nidificano anche il falco di
palude (Circus aeruginosus), il porciglione (Rallus aquaticus),
il voltolino (Porzana porzana) e la schiribilla (Porzana parva).
Nei mesi invernali questi ambienti ospitano anche il rarissimo
tarabuso (Botaurus stellaris).
Nelle zone marginali la monotonia dei canneti è sostituita, nei
mesi primaverili ed estivi, da un’esplosione di colori; infatti,
dove il canneto incontra l’acqua, assieme alla cannuccia
di palude crescono numerose altre erbe come le carici, che
con le loro foglie nastriformi formano bellissimi ciuffi che
ricadono verso l’acqua, le felci palustri (Thelypteris palustris),
le tife (Typha angustifolia e Typha latifolia), il campanellino
(Leucojum aestivum), l’iris di palude (Iris pseudacorus), il
garofanino d’acqua (Epilobium hirsutum), l’altea (Althaea
officinalis), la menta acquatica (Mentha aquatica), la veronica
59
acquatica (Veronica anagallis-aquatica), il nontiscordardimè
(Myosotis scorpioides), la dulcamara (Solanum dulcamara)
e l’ibisco palustre (Hibiscus palustris) che con i sui grandi
fiori rosa e le foglie verde-giallastro spicca sul verde intenso
dei canneti nel pieno dell’estate. È proprio in questa fascia
ricca e varia di vegetazione che nidificano numerosissime
specie: legati strettamente ai fusti delle canne si trovano i
nidi di cannaiole (Acrocephalus scirpaceus), cannareccioni
(Acrocephalus arundinaceus) e usignoli di fiume (Cettia
cetti), nascosti nell’intrico delle erbe e delle canne piegate
quelli di tarabusini (Ixobrychus minutus), basettini (Panurus
biarmicus) e salciaiole (Locustella luscinioides), galleggianti
tra le canne rade e costituiti da pochi ciuffi d’erba quelli di
tuffetti (Tachybaptus ruficollis) e svassi maggiori (Podiceps
cristatus), su piattaforme rialzate di erbe palustri quelli di
folaghe (Fulica atra) e gallinelle d’acqua (Gallinula chloropus).
Altri uccelli, tra cui nitticore (Nycticorax nycticorax), sgarze
ciuffetto (Ardeola ralloides), JDU]HWWH (Egretta garzetta),
aironi cenerini (Ardea cinerea), cigni reali e molte anatre, si
muovono alla ricerca di cibo, più abbondante che altrove; dalle
canne e dai rami degli arbusti protesi sull’acqua si tuffa per
catturare piccoli pesci il PDUWLQ SHVFDWRUH (Alcedo atthis);
il falco di palude e le albanelle (Circus pygargus, Circus
cyaneus), i principali rapaci che vivono nelle Valli, perlustrano
il bordo del canneto a caccia uccelli, rettili, anfibi e piccoli
mammiferi, che qui più facilmente escono allo scoperto.
Circondati e protetti dal canneto si aprono numerosi specchi
d’acqua libera che durante l’esatte si ricoprono di vegetazione
galleggiante; questi “chiari” o ´JLRFKL GL FDFFLDµ furono
realizzati in passato come luoghi di appostamento per
cacciatori e la loro origine artificiale è testimoniata anche dai
nomi localmente attribuiti: il “Vignale”, la “Baracca”, le “Teste”,
il “Mulinello”, la “Puntassa”, “Le Arse” ed altri. Queste superfici
aperte, oggi che la caccia è proibita in tutto il territorio del Parco,
hanno notevole importanza non solo storica e paesaggistica
ma anche ecologica dato che sono indispensabili per la
sosta, l’alimentazione e la nidificazione di numerosi uccelli sia
stanziali che di passo. In particolare in primavera ed estate
60
Il medio corso del Fiume
sono frequentati da anatidi, folaghe, gallinelle d’acqua, svassi,
tuffetti, sterne (Sterna hirundo) e mignattini (Chlidonias niger,
Chlidonias hybridus); d’inverno ospitano colonie numerose
di gabbiani comuni (Larus ridibundus), gabbiani reali (Larus
cachinnans), gavine (Larus canus) e cormorani (Palacrocorax
carbo). La vegetazione che caratterizza i chiari e le anse del
fiume, dove l’acqua rallenta fino quasi a fermarsi, è quella
galleggiante e sommersa; sotto il pelo dell’acqua crescono
vere e proprie praterie di ceratofillo (Ceratophyllum demersum)
e miriofillo (Myriophyllum verticillatum) mentre meno frequenti
sono l’erba vescica (Utricularia vulgaris) e l’ormai rara erba
scopina (Hottonia palustris); sulla superficie di questi specchi
d’acqua, dove la profondità non supera i 2 metri, si adagiano
le foglie galleggianti della QLQIHD ELDQFD (Nymphaea alba)
dal bellissimo fiore bianco e profumato, divenuta ormai rara,
della più comune ninfea gialla o nannufero (Nuphar luteum)
e della FDVWDJQDG·DFTXD (Trapa natans). Tra le loro foglie si
inseriscono minuscole piante natanti come le lenticchie d’acqua
(Lemna minor, Lemna gibba, Spirodela polyrrhiza) e due piccole
felci acquatiche, l’erba pesce (Salvinia natans) e l’azolla (Azolla
filiculoides). Altre specie caratteristiche delle acque stagnanti
e oggi in via di rarefazione sono il morso di rana (Hydrocharis
morsus-ranae) e il limnantemio (Nymphoides peltata). Una volta
era comune anche la VFDUJLD (Stratiotes aloides), una pianta
galleggiante eretta, con fiori bianchi e foglie grasse, allungate
e dentellate ai bordi, molto simile ad una piccola agave, che
aveva qui e nelle vicine Valli veronesi la stazione più meridionale
del proprio areale; purtroppo la bonifica di estese aree di paludi
e l’inquinamento l’hanno portata alla quasi totale estinzione:
ne restano infatti soltanto pochi esemplari in uno dei canali
secondari.Lungo la riva sinistra del Mincio, dove il suolo emerge
dall’acqua più gradualmente, il canneto viene via via sostituito
dai FDULFHWL. Le praterie a carice un tempo estese lungo tutta la
riva sinistra delle Valli del Mincio, e oggi drasticamente ridotte
dalle bonifiche e dall’abbandono della raccolta delle erbe
palustri, rappresentano uno stadio evolutivo successivo a quello
del canneto dato che queste piante colonizzano le depressioni
esistenti tra i canneti ed i terreni coltivati che si trovano ai margini
61
della zona umida. Il cariceto necessita di suoli umidi, spesso
inondati, ma che rimangano comunque emersi e asciutti per
lunghi periodi. In passato l’uomo ha contribuito notevolmente
a determinare la composizione della flora di questi ambienti;
infatti, dato che le foglie sottili e resistenti delle carici fornivano
la materia prima per impagliare sedie e per realizzare stuoie,
cappelli di paglia ed altri prodotti artigianali, la SUDWHULHGLFDULFH
venivano regolarmente sfalciate per raccogliere la carice da
lavorare e venivano controllati sia i periodi di sommersione che
quelli di secca per ottenere i migliori raccolti possibili. Questi
DPELHQWLGLWUDQVL]LRQHIUDWHUUDHDFTXD sono delicatissimi
e facilmente trasformabili. La specie più caratteristica di queste
praterie igrofile è la carice stretta (Carex elata) che forma
cuscinetti elevati che lasciano tra loro infiniti canaletti dove
l’acqua ristagna per lunghi periodi.
In questi piccoli canali vegetano molte altre specie igrofile, carici
soprattutto ma anche altre erbe, spesso rare o addirittura in via
di estinzione, che con le loro fioriture in primavera ed estate
chiazzano di colori vivaci i cariceti. Fioriscono qui la genziana
di palude (Gentiana pneumonanthe), la parnassia (Parnassia
palustris), il ranuncolo dei canneti (Ranunculus lingua), il
senecio palustre (Senecio paludosus), l’erioforo (Eriophorum
latifolium), la perlina rossa (Odontites rubra), alcune orchidee
(Orchis incarnata, Spiranthes aestivalis, Epipactis palustris),
l’aglio palustre (Allium angulosum), l’aglio odoroso (Allium
suaveolens), il grespino di palude (Sonchus palustris).
Moltissime altre specie non sono rare ma concorrono con la loro
presenza a dare una impronta precisa ai pochi cariceti ancora
presenti Tra tutte possiamo citare il pigamo (Thalictrum flavum
e Thalictrum exaltatum), l’imperatoria (Peucedanum palustre),
la menta acquatica, la tormentilla (Potentilla erecta), la ginestra
dei tintori (Genista tinctoria), la salcerella (Lythrum salicaria), la
serretta (Serratula tinctoria), il cardo di palude (Cirsium palustre)
ed alcuni giunchi (Schoenus nigricans, Juncus articulatus,
Juncus subnodulosus).
Tra gli uccelli che nidificano nei cariceti citiamo anzitutto il
IRUDSDJOLH (Acrocephalus schoenobaenus), specie considerata
a rischio di estinzione, che proprio in queste praterie, con un
62
Il medio corso del Fiume
numero di coppie nidificanti stimate fra le 20 e le 30 dagli ultimi
rilevamenti, conserva probabilmente OD VXD SL LPSRUWDQWH
SRSROD]LRQH LWDOLDQD. Altre specie che nidificano in queste
praterie sono la cutrettola (Motacilla flava), il migliarino di palude
(Emberiza schoeniclus), il beccamoschino (Cisticola juncidis),
l’allodola (Alauda arvensis), la marzaiola (Anas crecca), la
pavoncella (Vanellus vanellus), l’albanella minore e il falco di
palude. Tra gli anfibi, oltre alla rana verde comune ovunque,
incontriamo molte raganelle (Hyla arborea) e la rara rana di
Lataste (Rana latastei), qui presente in numero rilevante. In un
paesaggio non antropizzato, alle spalle delle praterie di carice, sui
terreni quasi completamente affrancati dall’acqua, dovrebbero
trovarsi boschi igrofili di salici e ontani che evolvono, man mano
che ci si allontana dal fiume, verso il querco-carpineto di pianura.
In Pianura Padana questa successione è oggi resa irrealizzabile
dalla forte impronta che l’uomo ha dato al territorio, bonificando
i terreni ed eliminando le aree boschive per dare spazio agli
insediamenti, all’agricoltura e, in tempi più recenti, all’industria.
Per questi motivi, anche nelle Valli del Mincio la vegetazione
arbustiva ed arborea risulta essere molto ridotta, rappresentata
per lo più da salici (Salix cinerea, Salix alba) e da pioppi, molto
spesso ibridi con varietà coltivate. Appeso ai rami dei salici che
si protendono sui corsi d’acqua è possibile osservare il nido del
SHQGROLQR (Remiz pendulinus) con la sua caratteristica forma a
sacchetto completamente chiuso, dotato di un tunnel d’ingresso
rivolto verso il basso. Dove gli alberi riescono a raggiungere
dimensioni maggiori si possono trovare anche specie più legate
ai boschi come il luì piccolo (Phylloscopus collybita), il rigogolo
(Oriolus oriolus) e il picchio rosso maggiore (Dendrocopos major).
L’unica formazione arborea rilevante della Riserva è O·RQWDQHWR
GL 0RQWH 3HUHJR, situato fra Rivalta e Grazie su un piccolo
dosso fluviale che si innalza di circa una decina di metri rispetto
al territorio circostante. Pur essendo di limitata estensione (circa
un ettaro), questa formazione ha grande importanza naturalistica
perché rappresenta XQR GHJOL XOWLPL ERVFKL GL RQWDQR QHUR
(Alnus glutinosa) rimasti in pianura Padana. Le dimensioni ridotte
ed il passato utilizzo da parte dell’uomo avevano portato ad una
grande semplificazione della struttura e della composizione
63
Ostello, canoe
e visite guidate
dell’area boschiva; per questo il Parco del Mincio ha messo in
atto un progetto volto alla conservazione ed al miglioramento
delle condizioni di questo piccolo bosco: nel Marzo del 1995, le
Guardie Ecologiche Volontarie della Regione Lombardia hanno
realizzato un LQWHUYHQWR GL IRUHVWD]LRQH che ha avuto come
scopo il ripristino della vegetazione naturale caratteristica e la
conseguente riqualificazione ambientale. Tale intervento oltre
ad aumentare notevolmente l’estensione della fascia boscata,
ha avuto ricadute positive sia sulla qualità del paesaggio che su
quella del suolo ed KDIRUQLWRQXRYLKDELWDWalla fauna selvatica
autoctona. Attualmente il bosco misto si sviluppa su un area
di circa 5 ettari attorno al nucleo originario di ontani. Le specie
vegetali componenti l’impianto (in tutto oltre 3600 esemplari),
sono: noce (Juglans regia), ciliegio selvatico (Prunus avium),
olmo campestre (Ulmus minor), bagolaro (Celtis australis),
farnia (Quercus robur), cerro (Quercus cerris), frassino maggiore
(Fraxinus excelsior), frassino ossicarpa (Fraxinus oxycarpa),
pioppo nero (Popolus nigra), pioppo bianco (Popolus alba),
pioppo gatterino (Popolus canescens), acero campestre (Acer
campestre), pero selvatico (Pyrus pyraster), ciavardello (Sorbus
torminalis), carpino bianco (Carpinus betulus), gelso nero (Morus
nigra), salice bianco (Salix alba), salice fragile (Salix fragilis),
salice da ceste (Salix triandra), sambuco nero (Sambucus
nigra), biancospino (Crataegus monogyna), sanguinella (Cornus
sanguinea), cappello del prete (Euonymus europaeus), prugnolo
selvatico (Prunus spinosa), rosa selvatica (Rosa canina).
,O&HQWUR3DUFRGL5LYDOWDHLO0XVHR(WQRJUD¿FR
delle Valli
Il Centro Parco di Rivalta sul Mincio, inaugurato nell’Aprile
del 1998, si trova in un antico edificio rurale completamente
ristrutturato, il loghino Ariello, affacciato sulla riva di un’ansa del
fiume, nel cuore della Riserva Valli del Mincio. Rappresenta un
valido punto di partenza per la visita alla Riserva Naturale in quanto
offre ai visitatori tutte le informazioni necessarie per comprendere
la complessità dell’ecosistema e per ricostruire il rapporto
secolare fra la Valle ed i suoi abitanti. Il percorso espositivo è
suddiviso in diverse sezioni: le prime illustrano la geomorfologia
Recentemente lo spazio adiacente al Centro Parco è stato ulteriormente attrezzato con la costruzione di un ostello che oltre alla
possibilità di pernottamento fornisce vari servizi quali biblioteca,
sala polivalente, bar tavola calda
e noleggio di biciclette e canoe.
Il Centro Parco è aperto nelle
giornate festive da marzo a ottobre e, negli altri periodi, accoglie
i gruppi che hanno prenotato la
visita guidata. Il Parco propone
numerosi itinerari di visita che includono il Centro Parco e il museo
etnografico del fiume e possibilità
di navigazione con imbarcazioni
dal motore elettrico. Rivalta è collegata con pista ciclabile al borgo
di Grazie. L’area del Centro Parco
e dell’Ostello ospita ogni anno
numerosi appuntamenti di festa
promossi dalla locale Pro Loco e
dai volontari del gruppo Amici del
Mincio.
64
Il medio corso del Fiume
del territorio mentre le successive ricostruiscono la storia della
presenza dell’uomo, dalle palafitte, agli insediamenti Etruschi,
alle regolazioni idrauliche medievali e rinascimentali, fino ai giorni
nostri. Una cucina ricostruita con arredamenti dell’epoca mostra
com’era la vita nelle Valli fino a pochi decenni fa, indissolubilmente
legata alle risorse del fiume. Appostamenti per la caccia, attrezzi
e barche da pesca, VWUXPHQWLHLPEDUFD]LRQLXWLOL]]DWLSHUOD
UDFFROWD GHOOD FDQQD H GHOOD FDULFH e un’importante sezione
dedicata alla costruzione e riparazione delle barche raccontano
il lavoro dell’uomo nella palude. Ampio spazio espositivo è
dedicato anche alla flora e alla fauna della Riserva per fornire
un idea dell’elevato valore di biodiversità di questo complesso
ecosistema. Dal piano superiore del Centro Parco, grazie a
finestre che si affacciano sui canneti, è possibile osservare la
valle da un’insolita prospettiva. Chi scende il Mincio navigando,
all’altezza di Borgo Angeli, uscendo dall’intricato disegno dei
canali della Riserva delle Valli, si trova improvvisamente di fronte
allo spettacolo del profilo di Mantova che emerge dall’ampio
specchio d’acqua del Lago Superiore. Da qui fino a Porto Catena
sul Lago Inferiore, paesaggi naturali e bellezze architettoniche
convivono dando alla città l’aspetto caratteristico che l’ha resa
famosa nel mondo e che ha contribuito a renderla, dal Luglio
del 2008 Patrimonio Mondiale dell’Umanità secondo l’UNESCO.
Mantova e il Parco Periurbano
Il Parco periurbano nacque nel 1998 grazie ad una convenzione
fra il Comune di Mantova e il Parco del Mincio che stabilirono di
creare attorno alla città un parco con “funzioni sociali e ricreative,
estetico-paesaggistiche, culturali, scientifiche e didattiche”. Il
parco, ancora oggi in fase di ampliamento e completamento,
si estende per circa PT OXQJR OH VSRQGH GHL ODJKL
Superiore, di Mezzo e Inferiore e interessa le aree dalla
Valletta di Belfiore (al margine della Riserva Naturale delle
Valli, lago Superiore) fino a Porto Catena in sponda destra, e
da Cittadella fino a via Brennero in sponda sinistra, dove inizia
la Riserva Naturale della Vallazza. Fin dalle origini del progetto,
la realizzazione del parco periurbano si pose come obiettivi
fondamentali il recupero, la riqualificazione e il dare continuità alle
65
aree verdi localizzate sulle sponde dei laghi di Mantova creando
attorno alla città un’importante fascia di verde e rendendo le rive
dei laghi il più possibile fruibili per cittadini e turisti. Quest’opera
ambiziosa, oltre ad avere un importante ruolo ambientale e
naturalistico, è riuscita nell’intento di restituire i laghi alla città.
Mantova, infatti, nata come arcipelago di isolette fra le paludi del
Mincio, è cresciuta in stretto rapporto con l’acqua diventando
negli anni del massimo splendore della città dei Gonzaga (fra
il XIV e il XVII secolo) un’unica isola circondata dalle acque del
Mincio, incanalate a formare quattro laghi. Di quale dovesse
essere l’aspetto della città di allora ci si può ancora fare un’idea
entrando dal ponte di S. Giorgio. Arrivando da questo ingresso
privilegiato ci si trova infatti di fronte ad uno spettacolo unico:
la città, con il suo SURILOR GL FDPSDQLOL H WRUUL PHGLHYDOL H
ULQDVFLPHQWDOL, dominata dalla mole della cupola di S. Andrea,
sembra affiorare dall’acqua. Nel corso del tempo però Mantova
aveva gradualmente visto venir meno il legame con i propri laghi
che, trascurati come vie d’acqua, superati come fonti di energia
per gli opifici e ormai inutili come difese dopo l’avvento delle
armi da fuoco, sono stati considerati per molti decenni soltanto
un confine e un ostacolo allo sviluppo della città. Prima degli
interventi di bonifica realizzati a partire dagli anni sessanta del
secolo scorso, i tre laghi superstiti dopo l’interramento del Lago
Paiolo (avvenuto a partire dal XVIII secolo) erano infatti ridotti
a poco più che acquitrini e gli insediamenti industriali sorti in
fregio alla loro sponda sinistra, in particolare per quanto riguarda
il lago di Mezzo e Inferiore, non contribuirono certo migliorare
la situazione. La sponda destra del lago Superiore inoltre, una
stretta fascia di terra compresa tra la linea ferroviaria e l’acqua,
si trovava in una particolare situazione di degrado e abbandono
dovuta al deposito di materiali di scarto e a capanni ed edifici in
muratura costruiti abusivamente.
Il progetto del parco periurbano fin dall’inizio si è quindi trovato
a dover dare unità ad un contesto estremamente vario,
dove convivevano coltivazioni a pioppeto di tipo industriale,
attrezzature turistiche, sportive e ricreative, aree degradate
e importanti zone di grande valore naturalistico e ambientale
come canneti e saliceti. Grazie alla nascita del parco periurbano
66
Il medio corso del Fiume
,O3DUFRGHOOD6FLHQ]D
“La meraviglia è l’anticamera della
conoscenza”, questa massima di
Bacone, accanto all’esperienza
dell’Exploratorium di San Francisco - museo creato nel 1969 dal
fisico Frank Oppenheimer con l’idea di permettere alle persone di
familiarizzare con la scienza, sperimentando direttamente ciò che
avviene - ha ispirato gli autori delle
attrezzature didattiche del Parco
della Scienza, uno spazio che, con
una serie di dispositivi interattivi,
si propone di avvicinare bambini,
giovani e non ad alcune tematiche
scientifiche affascinanti. Situato
sulla sponda del Lago di Mezzo
e del Lago Superiore, a fruizione
libera e gratuita ospita dispositivi
che conducono alla scoperta della
scienza nella vita di tutti i giorni.
Chi passeggia sul lungolago Mincio potrà trovare grandi “giocattoli” con i quali interagire, divertirsi,
fare piacevoli scoperte, avvicinarsi
a proprietà e leggi scientifiche in
un ambiente stimolante dove elementi naturali e artificiali diventano
un tutt’uno. Le istallazioni comprendono attività sulle percezioni
visive, sulle superfici specchianti,
su energia, forza e moto. I pannelli
che accompagnano ogni postazione presentano un breve testo
descrittivo.
OH VSRQGH RJJL VRQR IUHTXHQWDWH H YLVVXWH da cittadini e
turisti, la città ha recuperato la consapevolezza del suo rapporto
con l’acqua e i laghi non vengono più considerati una barriera
ma un’opportunità. I primi interventi operati portarono alla
realizzazione di aree verdi attrezzate e di un SHUFRUVR FLFOR
SHGRQDOH sulla sponda destra dei laghi di Mezzo e Inferiore, il tratto
di parco più a stretto contatto col centro storico della città e dove
fino ad allora vi erano solo spiazzi polverosi utilizzati a parcheggio,
valorizzato dalla vicina presenza del Castello di San Giorgio e di
palazzo Ducale, ben visibili dalla passeggiata che si snoda in
riva ai laghi. In seguito vennero riqualificate le aree della sponda
destra del lago Superiore alle spalle della stazione ferroviaria,
con la demolizione delle costruzioni abusive, il recupero delle
sponde con la realizzazione anche di nuovi punti di attracco per le
imbarcazioni, e la piantumazione di due piccole aree boscate alle
estremità della passeggiata in riva al lago, che da Belfiore risale
in direzione di Castelnuovo Angeli. Ad arricchire ulteriormente il
percorso ciclo-pedonale che si snoda fra il Lago Superiore ed il
Lago di Mezzo contribuiscono inoltre le installazioni interattive
del 3DUFRGHOOD6FLHQ]D, inserite nel paesaggio come sculture
(vedi box). Dalla sponda destra del lago di Mezzo, per tutta la
lunghezza del percorso, guardando la sponda opposta emerge
dalla vegetazione la sagoma inconfondibile della Cartiera Burgo,
un esempio di architettura industriale contemporanea progettata
nel 1960 da Pierluigi Nervi e realizzata fra il 1961 e il 1963.
L’edificio nacque con lo scopo di contenere una nuova macchina
che, in un percorso lungo un centinaio di metri, trasformava la
pasta di legno in carta da giornale avvolgendola in grosse bobine;
per questo era necessario disporre di un unico ambiente, libero
da sostegni e muri divisori. La committenza richiese inoltre la
predisposizione per un futuro ampliamento, e per fare ciò era
necessario evitare sostegni lungo le facciate della fabbrica per un
tratto superiore ai 150 metri. La soluzione di Nervi, rifacendosi ai
principi statici utilizzati nella costruzione dei ponti sospesi, portò
alla realizzazione di una grande struttura a parallelepipedo, alta 30
m e lunga 250 m sospesa mediante quattro catene a due cavalletti
in cemento armato alti 47 metri e distanti fra loro 164 m, che da
quasi 50 anni caratterizza il profilo del lago di Mezzo verso Porto
67
Mantovano. A differenza della riva destra, di estensione limitata e
a stretto contatto con la città e dove è ben visibile l’organizzazione
degli spazi verdi e dei percorsi, la riva sinistra mantiene
maggiormente il carattere di riserva naturale; si configura infatti
come un’insieme di aree piuttosto vaste, caratterizzate ancora
dalla presenza di vegetazione spontanea come saliceti e canneti,
che si pongono in continuità con le riserve naturali del Parco del
Mincio. Questa sponde purtroppo presentano notevoli problemi di
gestione, manutenzione e controllo dovuti alle dimensioni e al loro
parziale isolamento. I percorsi ad oggi fruibili però consentono di
addentrarsi in aree di grande pregio naturalistico e paesaggistico,
come ad esempio l’antico terrazzo fluviale che dalla quota del
lago sale fino ad un livello di circa 25 m di altezza offrendo punti
panoramici naturali con scorci sul paesaggio lacustre da una
prospettiva del tutto inusuale per queste aree di bassa pianura.
Sempre sulla riva sinistra, all’interno del Parco Periurbano sono
collocate attrezzature sportive come il campo canoa, esempio di
integrazione possibile tra l’esigenza di servizi da parte della città e
la tutela del paesaggio e dell’ambiente naturale.
Percorsi ciclabili
Gli oltre YHQWLFKLORPHWULGLVSRQGH dei laghi di Mantova ben
si prestano alla realizzazione di percorsi ciclabili e sentieri che
permettono di godere delle ricchezze naturalistiche e architettoniche del paesaggio; attualmente il percorso ciclo-pedonale è
completo sulla sponda destra dei laghi, lungo il perimetro della
città, mentre è ancora in fase di realizzazione lungo la sponda
sinistra. I collegamenti fra le due sponde sono garantiti dalle ciclabili costruite in fregio al Ponte di S. Giorgio verso Lunetta e
al Ponte dei Mulini verso Cittadella. I percorsi ciclabili del Parco
Periurbano si connettono inoltre alla rete ciclabile che snodandosi in direzione di Peschiera consente di raggiungere le colline
moreniche e il Lago di Garda passando accanto a Bosco Fontana e a Parco Bertone; verso nord-ovest si spingono (purtroppo
con qualche interruzione) verso Rivalta sul Mincio, cuore della
Riserva Naturale delle Valli mentre verso sud-est si innestano ai
percorsi che snodandosi fra le campagne e lungo gli argini del
Mincio, lambiscono la Riserva Naturale della Vallazza e il parco
archeologico del Forcello arrivando fino al Po.
68
Il Medio Mincio - I Comuni
Goito
Il borgo di Goito, insignito del titolo di Città, è
situato in larga parte sulla sponda destra del
fiume Mincio. Il nome lo deve a un insediamento di Goti (Castrum Godii) del V-VI sec.
d.C. sorto probabilmente su un preesistente
abitato romano. Di qui passava infatti la Postumia, importante arteria stradale romana
che collegava Genova, quindi il Tirreno, con
la città romana di Aquileia sull’Adriatico e attraversava il Mincio proprio a Goito. Dell’originario insediamento romano resterebbero
tracce nell’impianto ortogonale della Città. La
zona venne abitata anche in epoca longobarda come si desume dall’importante necropoli
ritrovata in loc. Sacca di Goito che ha restituito centinaia di sepolture di questa epoca
orientate nord-sud e disposte a file parallele.
In epoca medievale Goito si sviluppò ulteriormente anche grazie anche alla posizione
strategica di passaggio obbligato del Mincio.
Goito
Nel 1027 divenne proprietà del conti Canossa
per concessione dell’Impero; è di quest’epoca
il pedaggio sul ponte quale riscossione del diritto feudale. Qui vi nacque 6RUGHOOR, cantore
trobadorico ricordato anche da Dante (Purg.
VI, 74-75). Dopo il periodo comunale caratterizzato dalle lotte tra guelfi e ghibellini, divennero signori di Goito gli Arimanni stanziati nel
Castello (presso l’odierno cinema comunale).
In epoca rinascimentale la sua storia è legata
a Mantova e alle vicende dei Gonzaga. Sotto
Francesco Gonzaga viene “restaurata” l’antica strada romana Brescia-Mantova che interseca a Goito la antica Postumia. Ma è con il
figlio Lodovico che Goito gode di uno sviluppo
urbanistico ed edilizio notevole (una villa cui
lavorò anche il Mantegna con un vastissimo
parco, il Naviglio, un ponte in mattoni sul Mincio e il restauro delle opere di fortificazione del
castello e del Torrione). Il 1DYLJOLR, i cui lavori
di escavazione iniziano nel 1455 su progetto
dell’ingegnere Bertola, forse sfruttando un paleoalveo del Mincio, doveva servire alla corte
69
per raggiungere più comodamente le ville nobili ma anche a dar corso alle acque stagnanti, per creare una rete idrica su cui costruire i
mulini e per potenziare le tecniche produttive
agricole soprattutto in virtù del fatto che le
campagne mantovane rappresentavano per
la Serenissima un formidabile granaio. A metà
del ‘500 Guglielmo dette la facoltà di costruire
palazzi anche nel centro della città e attorno
al palazzo Gonzaga mentre il successore
Vincenzo, pur segnando la decadenza della
famiglia, fondò il convento dei Cappuccini
(l’odierna 9LOOD*LUDIID). Nel 1693 il terremoto
distrusse buona parte degli edifici del paese.
Dopo un’alternanza tra Austriaci e Francesi,
nel 1848 Goito fu teatro del primo scontro nella prima Guerra di Indipendenza dell’esercito
sardo contro gli Austriaci. Da allora il ponte
divenne il “Ponte della Gloria” a ricordo della
vittoria dei %HUVDJOLHUL capeggiati dal generale Lamarmora. E’ sempre del 1848 il combattimento in cui Vittorio Emanuele II rimase ferito.
Anche nella seconda e nella terza guerra d’Indipendenza Goito ebbe un ruolo di primo piano che le valsero l’appellativo di “piccola città
del Risorgimento” e la statua del Bersagliere
(dove la statale Goitese attraversa il Mincio)
ricorda a tutti questo importante ruolo svolto.
Testimoni della sua lunga storia restano solo
la torre medievale del Castello vicino a piazza
Gramsci, la piazza su cui si affaccia la parrocchiale, la Basilica dei SS. Pietro e Paolo e i
resti delle mura. Le ville settecentesche come
“La Giraffa”, sorta dal gonzaghesco convento
dei Cappuccini, eclettica per gli stili che vanno
dal ‘400 al ‘900 e la neoclassica 9LOOD0RVFKL
QLJLjGHLFRQWLG·$UFR dotata di un grande
parco opera dell’arch. Borsotto. Sempre dei
marchesi d’Arco (attualmente di proprietà della Fondazione d’Arco e gestito dal Parco del
Mincio) è la Villa all’interno del Bosco delle
Bertone. Numerose le corti disseminate per
tutto il territorio comunale come la Bell’Acqua
di Sopra, tra Mincio, Fossa Nuova e canale
Goldone, oppure il Brolazzo vicino a Maglio
che ricorda lo stile architettonico di Giulio Romano o la Sacchetta, tutte seicentesche.
/DTXHUFLDGL6DFFD
Bisogna essere almeno in quattro bambini o
tre adulti per poter abbracciare uno degli alberi più vecchi del mantovano: questo silenzioso e ombroso testimone della storia si trova
a Sacca (tra Rivalta e Goito) in mezzo a un
campo ed è una farnia con una circonferenza
del tronco di 5,20 metri! E’ alta circa 30 metri
(un palazzo di 10 piani!) e la sua chioma ha
una circonferenza di più di 40 metri! Le foglie
nuove che annualmente ricompaiono ci dicono che gode di ottima salute e che non è
giunta al termine dello sviluppo. E’ nell’elenco
degli alberi monumentali d’Italia.
La quercia di Sacca di Goito
70
Il Medio Mincio - I Comuni
Non si sa con precisione a quando risalga ma
è probabile che si tratti di un resto delle tenute di caccia dei Gonzaga, ricche di foreste. E’
un albero che oltre a essere meraviglioso per
l’età, la mole e il portamento armonioso, conserva un grande valore paesaggistico, storico
ed estetico, quasi un “fossile” del paesaggio
antico così come lo sono i filari di pioppi, di gelsi o di salici che ancora sopravvivono qui e là
lungo le strade o lungo i vecchi confini di terreni. Per poter accedere al campo è necessario
transitare in una proprietà privata ed è quindi
opportuno chiedere il permesso ai proprietari,
al n. 117 della via principale di Sacca.
I Mulini del Naviglio
L’enorme opera di canalizzazione del territorio attorno al Mincio iniziato già in età romana,
portata avanti dal Pitentino e resa pienamente efficiente sotto i Gonzaga, aveva lo scopo
di restituire all’agricoltura e all’insediamento
urbano la maggior superficie possibile, strappandola alla stagionalità delle piene e restituendo le aree malsane alla bonifica.
Nel Medioevo si assiste all’introduzione dei
mulini ad acqua, una delle scoperte tecnologiche più rivoluzionarie del passato perché si riusciva a produrre energia meccanica gratuita, non più legata a quella umana e animale;
la regimentazione delle acque diventa perciò
fondamentale per poter avere dei canali o corsi d’acqua con una sufficiente “forza motrice”
delle pale. Il primo intervento in questo senso
di cui si hanno tracce storiche è la costruzione a Mantova del Ponte dei Mulini progettato
dal Pitentino, poi distrutto durante i conflitti
bellici del XX secolo. In epoca gonzaghesca
addirittura la costruzione del Naviglio è da
leggere con questo scopo: collegava Goito al
Lago Superiore, venne infatti realizzato anche
come canale di regimentazione delle acque e
mezzo di produzione di energia attraverso i
mulini. Quelli che vengono costruiti lungo il
Naviglio sono numerosi e hanno varie funzioni: macinare il grano, lavorare i metalli o la
lana, ognuno con la propria specializzazione.
Anche da un punto di vista socio-economico
hanno un forte impatto sulla comunità rappresentando una potente fonte di reddito. Alcuni
mulini sono arrivati fino a noi, molti ancora
funzionanti; è il caso del mulino di Massimbona nei pressi di Goito, inscritto in una cornice paesaggistica, architettonica e culturale
di grande pregio. Quello di Maglio prende invece il nome appunto dal maglio che serviva
per produrre la carta. Un ulteriore esempio è
a Goito, poco distante dal ponte della Gloria.
Un altro angolo suggestivo dove apprezzare la forza motrice dell’acqua è a Borghetto,
presso Valeggio, il borgo medievale che sembra nascere dalla impetuosità del salto delle
acque del Mincio.
Mulini del Naviglio
71
Rodigo
Le sue origine sono attribuibili all’XI-XII secolo
ma il ritrovamento della necropoli di Collefiorito (località di Rivalta) di V-VI sec. a.C. e di
reperti d’età gallica (Rivalta, loc. I sette frati)
attesta la frequentazione del territorio già in
epoca protostorica. Ritrovamenti di tombe romane a Rodigo confermano un insediamento
anche in età romana. Il territorio risulta ancora
abitato in età medievale come dimostrano le
numerose corti ancora presenti. Nel 1432 Rodigo diventa dominio dei Gonzaga e nel 1479
viene elevato al rango di Contea indipendente
dal Marchesato di Mantova, titolo che conserva fino al 1587. A quest’epoca risale il suo
VWHPPD che raffigura una ruota con il motto
Rotat Omnia Secum. Rodigo possedeva anche un castello di cui rimane ancora la torre
dell’orologio delle quattro originarie e che venne distrutto nel 1630 dai Lanzichenecchi. Con
la caduta di Ferdinando Gonzaga nel 1708 il
territorio passa in mano austriaca, diventando francese nel 1796 e tornando austriaco
nel 1814. Nel 1859 Rodigo viene annesso al
Regno di Italia sotto Cremona pur rimanendo
mantovano per diocesi. E’ nel 1866 che ritorna sotto la giurisdizione di Mantova. Rodigo è
impreziosita da palazzi e ville pregevoli: la più
antica è Villa Balestra, datata fine Cinquecento inizio Seicento. Attualmente è sede della
Biblioteca comunale, di un centro culturale
e di mostre temporanee. Rivalta e Fossato
sono le due frazioni di Rodigo. )RVVDWR è famosa per la casa natale di ,SSROLWR1LHYR il
cui soggiorno risale agli anni che vanno dal
1855 al 1861, quelli più tormentati della sua
vita letteraria e patriottica. Qui scrisse l’ultima
parte delle “Confessioni di un italiano”.
5LYDOWD è compresa nei confini dell’area protet-
Rodigo
ta della quale rappresenta il FXRUHSXOVDQWH.
La chiesa settecentesca di SS. Donato e Vigilio
si trova dove doveva sorgere il castello voluto da Matilde di Canossa a difesa di Mantova
insieme a quello di Volta Mantovana. Venne
distrutto dagli stessi mantovani dopo la morte
di Matilde ma rimane ancora qualche traccia
del fossato. Sempre settecentesca è Corte
Arrivabene, residenza dei conti omonimi, con
un ampio giardino. Suggestivo tutto il borgo di
pescatori che sorge lungo le rive del Mincio.
Da visitare il Museo Etnografico dei Mestieri
del Fiume presso il &HQWUR3DUFRGL5LYDOWD.
Marmirolo
Sicuramente già esistente nel X sec. perché
citato in un documento del 970, Marmirolo nel
Medioevo fu territorio dei Canossa e dal 1055
di Mantova per diploma imperiale. Successivamente divenne possedimento dei Gonzaga
ancora prima di Mantova, che qui avevano
72
Il Medio Mincio - I Comuni
terre e palazzi. Il paese allora era composto
dai borghi “Castello”, “Lame” e “Ronchi”: in
quest’ultimo nell’estate del 1328 venne organizzata la congiura contro i Bonacolsi che
portò i Gonzaga a diventare i signori unici di
Mantova. Nel 1435 a Marmirolo Gianfrancesco Gonzaga fece costruire un grande palazzo più volte rimaneggiato e ampliato, che
ebbe prestigiosi contributi anche di Mantegna, Leombruno e Giulio Romano. Ma presto
cadde in disgrazia tanto che venne distrutto a
fine ‘700. Rimane invece testimone di antichi
splendori la palazzina di Bosco Fontana voluta verso la fine del ‘500 da Vincenzo I Gonzaga come casino di caccia. Il Bosco è uno degli
ultimi lembi di foresta planiziale che ricopriva
un tempo tutta la pianura padana.
A Marmirolo si può vedere la 7RUUH che apparteneva alle mura dell’antico castello: si
trova nella piazza del paese, sorge sull’originale crollata nel ‘700 (venne poi ristrutturata
nel 1872 e nuovamente nel 1995). La campana ereditata dalla prima torre, venne poi
sacrificata per esigenze belliche durante la
Seconda Guerra. La chiesa dei SS. Filippo e
Giacomo è invece del 1748, opera dell’arch.
Soratini e ospita pregevoli quadri dell’artista
veronese Frà Semplice.
Curtatone
Il territorio venne occupato già in epoca
preistorica come testimoniano i ritrovamenti
ottocenteschi di insediamenti palafitticoli a
Curtatone e Buscoldo. Sepolcri e materiali di
età romana tra Curtatone, Buscoldo e Ponteventuno attestano la frequentazione stabile del luogo anche in quest’epoca; qui forse
passava una strada romana come farebbero
ipotizzare i resti di un abitato a Curtatone e la
notizia che in loc. Balconcello nel XII sec. c’era ancora un cippo, forse un miliare. Ma sono
soprattutto le WUDFFHGLFHQWXULD]LRQHURPD
QD conservate a raccontarci di dissodamenti
e messa a coltura delle terre nel I sec. a.C.
confiscate ai proprietari per assegnarle ai veterani degli eserciti vittoriosi nelle guerre civili.
Nel territorio di Curtatone secondo la leggenda sorgeva il sepolcro di Bianore, il fondatore
di Mantova e della madre indovina Manto, da
cui il nome di Mantova. Il sepolcro, ricordato anche da Virgilio nella nona Ecloga delle
Bucoliche, sarebbe stato distrutto in epoca
cristiana e al suo posto sorse la chiesa di S.
Lazzaro a sua volta distrutta nel 1630 dai Lanzichenecchi. Non essendoci fonti del periodo
altomedievale si ritiene che successivamente
il territorio di Curtatone abbia seguito la storia
del territorio circostante. I primi documenti relativi a Curtatone risalgono al 1000 e al 1300
nei quali già i luoghi sono indicati con i nomi
attuali. In epoca medievale viene citato il castello di “Curtatono” appartenente al sistema
difensivo di Mantova: attraverso castelli e fortilizi la città si assicurava un territorio rurale
chiamato ´6HUUDJOLRµ esteso da Mantova fino
al Po. Il Serraglio comprendeva anche Montanara con tre rocchette e Buscoldo con un castello e due torri. Il Serraglio era delimitato dal
Po a meridione, dal canale Gherardo a oriente, dalla città di Mantova a settentrione e dalla
cosiddetta Fossa di Curtatone e canale Osone a occidente ricca di castelli e rocchette. La
fossa di Curtatone era un canale artificiale
scavato appositamente sul lato occidentale
che derivava le sue acque dal lago superiore,
presso S. Maria delle Grazie e sfociava nel Po
all’altezza di Borgoforte chiudendo la strada a
chiunque giungesse da occidente.
La costruzione del Serraglio venne iniziata nel
1215 e terminata nel 1259: LQFDVRGLSHULFROR
si allagavano tramite i canali i terreni depressi
73
Curtatone
circostanti e così Mantova risultava difesa da
un immenso acquitrino. In tempo di pace invece la campagna serviva per il sostentamento
della città. Il Serraglio difese Mantova in più
occasioni durante le guerre contro Visconti,
Estensi e Scaligeri. Una raffigurazione sia pur
parziale ci è offerta dai suggestivi affreschi
quattrocenteschi della sala “della città e dei
castelli” nello stabile di piazza Broletto a Mantova, antica sede del palazzo della Masseria.
Con la caduta dei Gonzaga cadde anche l’importanza strategica del Serraglio. Del castello
di Curtatone non è rimasta più alcuna traccia.
A Curtatone e Montanara si svolse XQDGHOOH
EDWWDJOLH SL FHOHEUL GHO 5LVRUJLPHQWR: la
battaglia combattuta il 29 maggio 1848 tra
l’esercito Austro-Ungarico e il corpo di spedizione Tosco-napoletano inquadrato nell’esercito piemontese, formato da soldati regolari
e da volontari provenienti da Sicilia, Napoli,
Roma e dalla Toscana. Tra questi anche l’DX
WRUHGL3LQRFFKLR, Carlo Lorenzini al secolo
Carlo Collodi. Pur uscendo sconfitti, le forti
perdite anche austriache permisero il giorno
dopo a Carlo Alberto di vincere a Goito e di
conquistare la fortezza di Peschiera in mano
austriaca. A memoria di questi eventi rimangono a Curtatone due monumenti dell’architetto fiorentino Poggi che prese parte lui stesso al feroce scontro: il monumento ai Caduti
della Battaglia, su cui sono incisi i nomi dei
201 eroi morti, sorge all’incrocio dei “4 Venti”
dedicato a tutti gli studenti morti dal 1848 al
1945, mentre a Montanara si trova l’ossario
degli eroi “morti per l’Indipendenza d’Italia”.
La tutela e la conservazione dei monumenti e della memoria è curata dal Comune e
dall’Associazione Battaglione Universitario
“Curtatone e Montanara” che ha sede presso
l’Università di Bologna, ma che vede coinvolti
anche molti altri atenei. Inoltre c’è in progetto
la realizzazione di un eco-museo della Battaglia per conservare e salvaguardare i luoghi
della Battaglia rimasti integri nel tempo sia nel
loro aspetto strutturale che ambientale. Un
percorso tra cippi e lapidi si può fare già ora:
presso le scuole elementari un cippo ricorda
la morte di un ufficiale austriaco, mentre pres-
74
Il Medio Mincio - I Comuni
so il municipio si possono leggere i nomi dei
martiri della battaglia del 1848. La battaglia
viene ricordata anche presso il Santuario delle
Grazie, mentre presso la parrocchiale di Montanara si può vedere ancora conficcata una
palla di cannone. Presso laYDOOHWWD$OGULJD è
possibile ricordare ancora i dieci soldati italiani
fucilati dai tedeschi nel 1943: c’è un monumento sopra la fossa comune e il pioppo presso cui
furono fucilati. Infine, da vedere assolutamente
a Curtatone il Santuario delle Grazie, splendido
esempio di complesso religioso ben inserito nel
contesto paesaggistico.
Il Santuario delle Grazie
Sulle rive del Mincio è possibile osservare un
coccodrillo. Non ci credete? Andate al Santuario delle Grazie a Curtatone e alzate gli occhi
al soffitto: vedrete un coccodrillo imbalsamato
che simboleggia un drago, quindi il demonio,
il male. Ma potrebbe anche essere il simbolo
della farmacia, al posto del serpente, visto che
i monaci gestirono annesso al santuario anche
un ospedale. Il Santuario delle Grazie si affaccia sul Lago Superiore e si erge laddove c’era
un capitello in Prato Lamberto con un’immagine
della Madonna con il Bambino, adorata dai
pescatori e ritenuta miracolosa: la sua fama
crebbe tanto che l’altare venne ampliato sempre di più. La prima notizia è del 1388, ma è
nel 1399 che Francesco Gonzaga fece voto alla
Madonna delle Grazie di un santuario se avesse fatto cessare la peste. Il 15 agosto del 1406
il tempio, progettato dall’architetto Bartolino da
Novara in stile gotico lombardo, venne terminato e consacrato. Lo stesso architetto progettò
tra il 1397 e il 1401 il castello di S. Giorgio per
il medesimo signore. Da allora tutti gli anni nel
giorno dell’Assunta si svolge sul sagrato della
Chiesa la suggestiva fiera annuale. Nel 1407 il
santuario fu affidato ai frati minori osservanti e il
complesso si ampliò sempre più per soddisfare
le esigenze dei frati e dei pellegrini. Nel 1412 fu-
Il Santuario delle Grazie, affacciato sulla zona umida delle Valli del Mincio
75
rono costruiti il convento e la foresteria, successivamente una scuola, la biblioteca, fontane,
giardini, il refettorio, un dormitorio, l’oratorio. Nel
1642 venne edificata una nuova sagrestia, dieci
anni dopo fu aggiunta una nuova ala di portici
nel mezzo del piazzale e si costruirono vie più
comode verso Mantova, Brescia e Cremona.
I restauri hanno restituito il tempio alla veste
originaria gotica lombarda con decorazioni in
cotto, salvando gli interventi più tardi che videro
l’aiuto anche di prestigiosi architetti come Giulio Romano o Giambattista Viani. Alla facciata
venne apposto nel Cinquecento un porticato le
cui lunette affrescate raccontano le vicende del
santuario. Il portale d’ingresso rinascimentale in
marmo rosso di Verona è sovrastato da un affresco della Madonna con Bambino di area mantegnesca. L’interno è costituito da un’unica navata, il soffitto è scandito da crociere costolonate
le cui vele mostrano affreschi con motivi floreali
da contrapporre al coccodrillo così come Cristo
e gli apostoli si contrappongono al demonio.
Suggestivi sono gli sguardi delle oltre 50 statue che si stagliano sulle impalcature laterali,
accolte in nicchie. Le statue, frutto dell’arte e
della cultura popolare, sono in legno, cartapesta e cera e rappresentano in generale fatti
miracolosi legati alla Madonna. Uniche nel loro
genere anche le decorazioni in cera costituite
da ex voto anatomici o infanti in fasce o angeli.
Il santuario accoglie all’interno una serie di interessanti cappelle, tra queste la prima a destra è
dedicata a S. Bonaventura e venne disegnata
da Giulio Romano: è il mausoleo a Baldassare Castiglioni (1478-1529), il famoso umanista
mantovano autore de “Il Cortegiano”, progettato da Giulio Romano e riportante l’iscrizione
di Pietro Bembo (1529). Da non perdere nel
giorno dell’Assunta l’Antichissima Fiera delle
Grazie e il concorso nazionale dei Madonnari (ossia i “pittori dei marciapiedi”) che si svolge
dal 1973 sul sagrato del Santuario.
Porto Mantovano
Alcune tracce di insediamenti neolitici lungo i
tratti fluviali del territorio di Porto fanno risalire
l’origine del popolamento alla preistoria; ritrovamenti d’età gallica in loc. Soave portano a
ipotizzare la frequentazione anche in periodo
celtico, così come il probabile ritrovamento ottocentesco di due necropoli sovrapposte (una
forse augustea, l’altra tardo-romana) confermano l’esistenza di un insediamento d’età romana
a Soave. In età comunale il territorio venne collegato a Mantova attraverso il Ponte Dei Mulini.
Con l’avvento dei Gonzaga il borgo di Porto,
diviso in Soave, Favorita e Schiarino, divenne
sempre più efficiente e capace di servire la città
anche come difesa in quanto fu dotato di muraglie e bastioni. Le numerose corti circostanti
inoltre dichiaravano la sua vocazione agricola.
Notevole di epoca gonzaghesca è il Palazzo
della Favorita costruito da Nicolò Sebregondi
tra il 1615 e il 1624 che doveva diventare addirittura la corte di Ferdinando Gonzaga. Rimane
oggi solo uno splendido rudere. Maria Teresa
d’Austria fece ristrutturare la fortezza di Porto
e il sistema di irrigazione a canali generati dalla )RVVDGL3R]]ROR; fece frammentare i beni
gonzagheschi in fondi minori e non sostenne il
progetto di trasformare la Favorita in ospedale
che venne poi invece utilizzata da Napoleone
come roccaforte per l’assedio alla città, finito
con la capitolazione firmata nelle sale del palazzo Schiarino Manara (oggi Previdi). Porto
nel 1851 venne collegato dalla dominazione
austriaca a Vienna grazie alla IHUURYLD GL 6
$QWRQLR. Nel 1866 entrò nel Regno di Italia e la
linea ferroviaria venne prolungata fino a Modena (1872) e verso Peschiera: anche le strade
vennero ampliate così da permettere migliori
collegamenti. Il Comune di Porto Mantovano
76
Il Medio Mincio - I Comuni
venne in seguito unito al Regno d’Italia nel 1866
e sempre meglio collegato al circostante territorio nazionale. Negli anni ‘40 la linea corrispondente all’attuale strada statale Cisa era allora il
corridoio che consentiva agli aerei da guerra di
andare a bombardare Verona e il Brennero.
Mantova
Città cantata, celebrata e impreziosita da poeti, pittori e architetti insigni, affonda le sue
origini molto indietro nel tempo: bisogna infatti risalire all’età etrusca per ritrovare le prime
tracce di insediamento. I resti archeologici
non sono molti, ma tali da attestare la presenza di un centro abitato “lagunare” piuttosto
sviluppato, sorto su dossi all’interno del corso meandriforme del Mincio. La posizione in
VWUHWWRUDSSRUWRFRQO·DFTXD aveva non solo
una funzione di difesa ma soprattutto rappresentava una fonte di sviluppo e ricchezza in
quanto via di comunicazione e collegamento
tra l’Etruria, la Grecia (attraverso l’Adriatico
e il Po) e la Pianura Padana abitata da altre
popolazioni (Celti, Paleoveneti, Reti, etc.). Anche la leggenda – ricordata da 9LUJLOLRnell’Eneide - conserva memoria di questa antica
origine, affidando la fondazione della città a
Bianore/Ocno, figlio dell’indovina Manto (da
cui il nome latino Mantua) e del dio Tevere.
Secondo un’altra teoria, Mantova trae invece
l’origine del suo nome da Manth, dio etrusco signore dei morti. Abbiamo informazioni
archeologiche anche della Mantua romana:
l’abitato ortogonale si trovava concentrato
attorno all’attuale piazza Sordello, erano presenti anche domus lussuose ed era cinto da
mura. Nel I sec. a.C. il territorio mantovano
fu interessato dalla distribuzione di terre ai
veterani che avevano militato con Augusto;
questo evento traumatico per gli autoctoni
viene ricordato anche da Virgilio – originario
di questa terra - nelle Georgiche. La posizione
rimane strategica per i contatti e i commerci,
trovandosi su una via fluviale e vicino a un’arteria stradale importante (la via Postumia).
Caduto l’Impero Romano, Mantova fu teatro a
più riprese delle invasioni barbariche (Goti, Bizantini, Longobardi e Franchi). Intorno all’anno Mille, Mantova entrò a far parte per lungo
tempo dei possedimenti dei Canossa. Bonifacio III la eleva a capitale senza però averne in
cambio la fedeltà sperata. Quando Bonifacio
viene assassinato, gli succede la figlia nata a
Mantova nel 1046, la contessa Matilde che si
distinse per la politica di mediatrice nella lotta
tra l’Impero e la Chiesa (ancora oggi si dice
“andare a Canossa” per ricordare l’imperatore
Enrico IV che si umiliò davanti a papa Gregorio VII proprio a Canossa). Nel 1115, anno
di morte della Contessa, la città si costituisce
in libero Comune. Dopo pochi anni, nel 1187
Alberto Pitentino insigne ingegnere idraulico,
progetta una FRORVVDOHUHJLPHQWD]LRQHGHO
0LQFLR attraverso dighe e argini che permette
alla città di restare costantemente circondata
e protetta da quattro laghi (oltre agli attuali
esisteva il Lago di Paiolo). Circa un secolo
dopo, nel 1273 si distingue la famiglia dei
Bonacolsi che governa la città tra alterne vicende fino all’arrivo nel 1328 dei Corradi di
Gonzaga, contadini arricchitisi dal commercio
dei prodotti agricoli, passati alla storia come
Gonzaga per il loro paese di origine. Questi
dettero il via a una delle Signorie più celebri
nel Rinascimento italiano, invitando presso la
loro corte gli artisti più importanti del momento
(Mantegna, Giulio Romano, Alberti, etc). Per
lungo tempo i Gonzaga detengono una supremazia culturale ed economica, dettata anche
dal fatto che il territorio mantovano in mano
ducale era il JUDQDLRGHOOD6HUHQLVVLPD.
77
Nel 1627 si estingue la linea primogenita e il
ducato passa ai Gonzaga-Nevers francesi;
qualche anno dopo Mantova viene saccheggiata dai Lanzichenecchi che ne diffondono
anche la peste: Mantova ne esce profondamente cambiata e i fasti di un tempo sono
solo un ricordo. Dopo anni di politica inadeguata, il Ducato decade nel 1707 alla morte
di Ferdinando Carlo, l’ultimo erede, e passa
alla casa d’Austria, venendo unito nel 1745
alla Stato di Milano. Il governo di Maria Teresa
d’Austria cerca di dare dignità alla città fino al
1797 quando entrano in città le truppe francesi.
Nel 1815 gli austriaci riprendono il possesso di
Mantova che diventa un caposaldo del famoso TXDGULODWHUR (oltre a Peschiera, Verona e
Legnago). Da questa dominazione nacquero i
moti liberali generalizzati a tutta l’Italia settentrionale che sfociarono nel Risorgimento. Da
allora la storia di Mantova si riallaccia a quella
d’Italia. La città stessa rimane testimone di questa lunga storia, e i suoi monumenti ne sono i
protagonisti: la romanica Rotonda di S. Lorenzo
Mantova
ci racconta dei Canossa, mentre i palazzi attorno a piazza Sordello e a Piazza delle Erbe
del passaggio dall’epoca comunale a quella dei
Gonzaga: il Palazzo Ducale, una FLWWjSDOD]]R
rinnovata dai Gonzaga su strutture precedenti
che conserva capolavori di fama mondiale (La
Camera degli Sposi del Mantegna, per esempio
all’interno del Castello di San Giorgio), Palazzo Bonacolsi (ora Castiglioni), Palazzo Acerbi
sovrastato dalla Torre della Gabbia, il Duomo
dedicato a San Pietro martire rinnovato nel
‘500 da Giulio Romano, Palazzo della Ragione
(XIII sec) e Palazzo del Podestà (XII) della città comunale così come l’Arengario. Sempre di
epoca gonzaghesca la Chiesa di S. Andrea, il
Tempio e il Palazzo di San Sebastiano, la casa
del Mantegna fino ad arrivare allo splendido
Palazzo Te, palazzo “di svago” dei Signori mantovani. Ma per avere la visione più suggestiva
della FLWWj´VRUJHQWHGDOOHDFTXHµ« recatevi
al tramonto presso il campo canoa Sparafucile,
al di là del ponte di S. Giorgio, dove apprezzerete uno degli skyline più belli al mondo!
Basso Mincio
80
Il Basso MIncio
Basso Mincio
,OEDVVRFRUVRGHO¿XPH
Dopo il Lago Inferiore il Mincio si espande nella Vallazza
offrendo l’ultimo scorcio naturalistico prima di avviarsi
verso il Po con aspetto molto più simile a quello di un
canale che non a un fiume di pianura. In questo ultimo tratto
infatti il Mincio si restringe e torna fiume ma conserva solo
parzialmente l’andamento a meandri delle origini e scorre
imbrigliato da alti argini, divenendo addirittura SHQVLOH (cioè
col fondo dell’alveo posto a quota maggiore rispetto alla
campagna circostante) nella parte terminale del suo corso.
Attorno si estende la pianura alluvionale formata da suoli
piuttosto recenti, profondi e fertili che hanno favorito da
sempre gli insediamenti umani, basti pensare all’importante
ritrovamento del YLOODJJLRHWUXVFRdel Forcello, nei pressi
di Bagnolo S.Vito, tuttora in fase di scavo. La costruzione
degli argini, che caratterizzano fortemente il paesaggio del
basso Mincio e del Po, ha permesso nei secoli di bonificare
e rendere sicure, coltivabili e abitabili le aree limitrofe al
fiume, proteggendo dalle continue inondazioni vaste zone
di pianura; è opportuno ricordare però che le arginature
costituiscono un’arma a doppio taglio: costringere un fiume
fra gli argini infatti rischia di far aumentare il livello e la
forza dell’acqua durante i periodi di piena aumentando
il rischio di rotte e, in caso di tenuta degli argini, porta a
Il basso corso del fiume
81
notevoli aumenti di portata nelle porzioni di fiume più a
valle. È quindi fondamentale mantenere a ridosso del corso
d’acqua delle zone di espansione, OHJROHQH, che in caso
di necessità possano essere allagate volontariamente
consentendo al fiume di sfogare la propria forza. Proprio
grazie alle periodiche inondazioni, le golene sono in genere
caratterizzate da terreni molto fertili e quindi, nei periodi in
cui non sono sommerse, vengono intensamente coltivate,
spesso a pioppeto. Lungo il basso corso del Mincio, in un
ambiente dominato dal paesaggio agricolo, rimangono
fortunatamente alcuni residui di ambienti di grande valore
naturalistico come la Riserva Naturale Orientata della
Vallazza, la zona umida in località Chiavica del Moro e
la Garzaia della Garolda. Nel comune di Roncoferraro,
ormai in prossimità della confluenza col Po, il Mincio
lambisce il paese di Governolo, insediamento antichissimo,
testimoniato già in epoca preromana, dove si trovano il
sostegno e la conca di navigazione, ideate già da Pitentino
e riviste successivamente da Bertazzolo.
/D5LVHUYD1DWXUDOHGHOOD9DOOD]]D
A valle del Lago Inferiore, subito dopo la Diga Masetti
e prima di riprendere l’aspetto di fiume vero e proprio,
il Mincio forma un altro importante complesso di zone
umide che si estende per circa 537 ettari sul territorio dei
comuni di Mantova e Virgilio. La Vallazza rappresenta LO
SXQWR SL ODUJR GHOOD JROHQD GHO 0LQFLR e svolge, oggi
come in passato, un ruolo importantissimo come cassa
d’espansione delle piene del fiume.
In questa zona, che dal 1991 è Riserva Naturale Orientata
e dal 1995 è 6LWR G·,PSRUWDQ]D &RPXQLWDULD per la
conservazione degli habitat naturali, Il Mincio nel corso dei
millenni ha depositato grandi quantità di materiali argillosi
che sono stati oggetto di intensa attività estrattiva a partire
dall’epoca dei primi insediamenti umani fino agli anni
cinquanta del novecento. Si può affermare che Mantova
stessa è stata costruita con l’argilla della Vallazza e fino a
pochi anni fa, lungo il corso del fiume erano attive diverse
82
Il Basso MIncio
3DUFREDOHQR
All’interno di Bosco Virgiliano, in
un’area concessa dal Comune di
Mantova all’Associazione Anticittà
per attività permanenti alternative
e un programma stabile di educazione ambientale, si trova Parcobaleno.
Un’area verde recintata di circa
50.000 metri quadrati che ospita
un centro di Educazione Ambientale, uno stagno con vegetazione
autoctona, il Centro di Soccorso
Fauna Selvatica gestito dal WWF,
la Casa delle Farfalle con splendidi esemplari di farfalle tropicali.
Dal 2007 è funzionante un impianto di fitodepurazione costruito
con contributi della Provincia per
depurare gli scarichi della struttura che viene utilizzato anche per
progetti didattici riguardanti la depurazione delle acque. L’Aula Verde e gli spazi di Parcobaleno sono
ormai divenuti punto di riferimento
per le scuole mantovane che possono effettuare corsi ed attività di
educazione ambientale “dal vivo”
sfruttando i molteplici spunti offerti
dall’ambiente.
fornaci che realizzavano mattoni, cornici e pavimentazioni
in cotto. L’attività delle cave d’argilla ha portato alla
formazione di QXPHURVL VSHFFKL G·DFTXD, oggi quasi
completamente rinaturalizzati e per questo di elevato
interesse naturalistico e ambientale.
Sulla riva sinistra della riserva, a ridosso della zona
industriale, si trovano i VDOLFHWL SL HVWHVL GHO 3DUFR del
Mincio, dominati dal salice bianco, mentre lungo la riva
destra, frammisti a pioppeti e cave, si estendono vasti
cariceti che, a causa dei più frequenti e prolungati periodi
di sommersione, si mostrano meno ricchi dal punto di vista
floristico rispetto a quelli delle Valli. Gli specchi d’acqua
ospitano la vegetazione galleggiante caratteristica delle
aree palustri italiane, come la ninfea bianca, il nannufero,
la castagna d’acqua, il limnantemio e il morso di rana che
qui, a differenza di quanto avviene nelle Valli del Mincio,
non devono competere con la presenza aggressiva del
fior di loto, assente dalla riserva, fatta eccezione per un
piccolo nucleo incautamente introdotto per esigenze
turistiche. Sulle sponde, l’onnipresente cannuccia di palude
è accompagnata dal calamo aromatico (Acorus calamus)
e dal giunco (Schoenoplectus lacustris). Fra gli arbusti
ricordiamo il salice cinereo, la sanguinella, il sambuco e
la frangola mentre nello strato arboreo, accanto ai salici
bianchi crescono il pioppo grigio (Populus canescens) e il
pioppo bianco (Populus alba).
Fra le specie di uccelli di pregio che popolano la Vallazza
citiamo l’airone rosso, il mignattino (Chlidonias niger)
e la sterna comune (Sterna hirundo); da notare è anche
la presenza della rara rana di lataste (Rana latastei). È
importante ricordare che la Riserva della Vallazza presenta
non pochi SUREOHPL GL JHVWLRQH innanzitutto perché
nei territori limitrofi esistono attività antropiche piuttosto
importanti tra le quali il polo industriale di Mantova e centri
abitati di notevoli dimensioni come quelli di Mantova e
Virgilio. All’interno della riserva inoltre esiste un rilevante
traffico fluviale commerciale e turistico. Appena oltre
83
l’argine che delimita la riva destra della Vallazza, alle porte
di Mantova, si trova il %RVFR9LUJLOLDQR, giardino voluto nel
1930 per commemorare il bimillenario della nascita del poeta
latino Virgilio, originario secondo la tradizione di Andes,
villaggio identificato con l’attuale Pietole. Il bosco, oggi in
parte inselvatichito e modificato anche nella composizione
vegetale, in origine era un giardino all’italiana con labirinto
vegetale (ancora identificabile) e alberi, arbusti e fiori citati
da Virgilio nelle sue opere.
Proprio in corrispondenza di 3LHWROH, pochi chilometri a valle
rispetto a %RVFR 9LUJLOLDQR, la riva destra della Vallazza
conserva altre importanti memorie del passato mantovano:
a pochi metri dallo specchio d’acqua, seminascosto dalla
vegetazione spontanea, si trova il IRUWHPLOLWDUH costruito
dai francesi all’inizio del XIX secolo e completato durante
la dominazione austriaca. Poco oltre, in località Pietole
Vecchia,sorge la Corte Virgiliana, FRUWHJRQ]DJKHVFD del
1330 dove i signori di Mantova allevavano i loro purosangue
arabi e che ospitò personaggi celebri come Papa Pio II
(Enea Silvio Piccolomini) e Isabella d’Este.
/D&KLDYLFDGHO0RUR
Continuando ad accompagnare il Mincio nel suo percorso
verso il Po, siamo ormai giunti nel territorio di Roncoferraro.
Nei pressi della frazione di Barbasso, a ridosso dell’argine,
lungo la sponda sinistra del fiume si trova la Chiavica del
Moro, una zona umida di grande interesse naturalistico
che deve il suo nome al H[FDVHOORLGUDXOLFR ristrutturato
dal Parco del Mincio e adattato a punto di osservazione
dell’avifauna.
La Chiavica del Moro, che si estende per circa 8 ettari, è una
lanca del Mincio inserita nella più ampia area della ´9DOOH
GHL6LJQRULµ ed è caratterizzata da VWDJQLHSLFFROLFDQDOL
e circondata da macchie di salici e pioppi che favoriscono
la nidificazione di numerose specie ornitiche. Fra le specie
presenti segnaliamo alzavola, porciglione, cormorano,
gallinella d’acqua, martin pescatore, e numerose specie
84
Il Basso MIncio
di ardeidi la cui presenza è favorita dalla vicinanza delle
garzaie della Vallazza e della Garolda. Dopo la Chiavica
del Moro, l’argine si allontana dal fiume per quasi 1 Km
delimitando una area di golena coltivata a pioppeto. Siamo
nella zona detta “Tirolo” e lungo l’argine vegeta una piccola
fascia boscata dove cresce lo spino cervino (Rhamnus
cathartica), arbusto ormai raro in tutto il mantovano.
/DJDU]DLDGHOOD*DUROGD
Nel territorio di Roncoferraro, su un pioppeto coltivato in
località Garolda, era presente dal 1988 una garzaia di aironi
cinerini, garzette, sgarze ciuffetto e nitticore. Nei censimenti
dei primi anni erano stati contati 1600 individui. Per tutelare
la garzaia il Parco del Mincio aveva “affittato” il pioppeto
che, diversamente, sarebbe stato sottoposto al taglio. Nel
tempo l’area aveva subito un fisiologico deperimento con la
diminuzione del numero di aironi, mantenendo tuttavia un
rilevante interesse naturalistico. Oggi purtroppo questa garzaia
non esiste più. Le ruspe, disattendendo la norma che rendeva
possibile il taglio del vecchio pioppeto in epoca autunnale
(fatto che avrebbe favorito lo spostamento della colonia su
nuove cime), hanno abbattuto gli alberi e ciò è accaduto in
epoca di nidificazione. Gli ardeidi hanno ora trovato una nuova
casa in un bosco privato poco distante.
*RYHUQRORHOHFRQFKHGLQDYLJD]LRQH
Governolo, frazione del comune di Roncoferraro posta a
poco più di 2 Km dalla foce del Mincio, riveste da secoli
un ruolo di primaria importanza per la regolazione idraulica
del fiume.
La costruzione del primo sostegno, realizzato per HYLWDUH
OD ULVDOLWD GHOOH DFTXH GL SLHQD GHO 3R lungo il corso
dell’affluente, viene attribuita addirittura al Pitentino
e datata al 1198. Nel 1394 Francesco Gonzaga fece
modificare il sostegno esistente ordinando la costruzione
di un pilone centrale che dividesse in due l’unica apertura.
Il pilone venne poi unito alla sponda sinistra, quella su cui
sorge il paese, con un arco sovrastato da una massiccia
85
Come funzionano
torre. La modifica della struttura voluta da Francesco
Gonzaga aveva il duplice scopo di facilitare la FKLXVXUDGHO
0LQFLR per innalzare in caso di necessità le acque intorno
a Mantova, e di impedire il transito a grandi imbarcazioni
nemiche in risalita dal Po.
All’epoca il passaggio delle imbarcazioni poteva avvenire
soltanto in particolari condizioni idrauliche dei due fiumi,
lungo uno scivolo e con l’ausilio di carrucole e verricelli.
Notizie e disegni della chiusa trecentesca ci giungono
dalle RSHUH GL *DEULHOH %HUWD]]ROR che nel 1609 fu
incaricato di sostituire il manufatto, ormai fatiscente, con
un opera più moderna e che facilitasse il transito delle
navi fra Mincio e Po. La nuova conca, rimasta in funzione
fino al 1925, venne realizzata lungo la sponda sinistra
e consentiva il passaggio di due imbarcazioni alla volta
indipendentemente dal livello d’acqua nei due fiumi e
anche in condizioni di serrata della chiusa.
Nel il manufatto del Bertazzolo cadde in disuso e
venne inaugurata la conca tuttora utilizzata per il passaggio
delle imbarcazione turistiche, realizzata su un canale
artificiale che si stacca dal Mincio sulla sponda destra e si
riconnette al fiume dopo un percorso di 900 m.
Negli anni ’80 del secolo scorso, parallelamente alla
costruzione della maestosa conca di S. Leone che
connette il Mincio al sistema Fissero – Tartaro – Canal
Bianco e si trova 1,5 Km prima dello sbocco in Po, fu
definitivamente sistemato l’assetto idraulico di Governolo
interrando l’DQWLFR DOYHR del fiume che attraversava il
paese e realizzando a destra della conca un nuovo alveo
artificiale per il Mincio, della lunghezza di 1100 m, sbarrato
da un sostegno scaricatore in cemento armato. Con questa
nuova realizzazione Governolo è finalmente affrancato dai
capricci dell’acqua e non rischia più di essere sommerso ad
ogni piena del Mincio e del Po, ma ha purtroppo perso le
caratteristiche di borgo rivierasco che donavano all’abitato
un fascino particolare.
Le conche di navigazione sono
manufatti idraulici che consentono
il passaggio delle imbarcazioni
fra corsi d’acqua situati a livelli
differenti.
Il corpo centrale della conca è
formato da una vasca, o bacino
di concata, di forma rettangolare
e da porte a tenuta d’acqua, che
sbarrano il corso del fiume a monte e a valle.
La porta di monte della conca di
Governolo è una porta Vinciana
a due battenti; questa tipologia di
porta, detta anche “porta a vento”,
fu ideata da Leonardo da Vinci ed
ha la caratteristica di poter essere
aperta e richiusa sfruttando la sola
forza dell’acqua. La porta di valle
invece è costituita da un unico
battente che scorre perpendicolarmente rispetto al letto del fiume.
Sia le porte di monte che quelle di
valle sono munite di acquedotti che
consentono il passaggio dell’acqua
quando la porta è chiusa; questo
permette di innalzare o abbassare
il livello dell’acqua nel bacino senza far ricorso all’utilizzo di pompe.
Un’imbarcazione in transito dal
Mincio al Po entra nel bacino attraverso le porte Vinciane che si
chiudono alle sue spalle; la porta
di valle è chiusa. Quando la barca
è ormeggiata si aprono le paratoie degli acquedotti a valle e si fa
defluire l’acqua fino a portare il
bacino al livello del Po. A questo
punto si apre la porta di valle e il
natante può proseguire il suo percorso verso il Grande Fiume.
Per risalire verso il Mincio la manovra viene compiuta in senso
contrario.
86
Il Basso Mincio - I Comuni
Virgilio
E’ dal 1884 che il paese si chiama così in onore del famoso poeta latino nativo di Andes/
Pietole (prima si chiamava Quattroville, ossia
le frazioni Cerese, Pietole, Bellaguarda e Olmazzo). Il territorio viene occupato fin dall’età
preistorica come confermano i numerosi reperti di età neolitica e del Bronzo trovati nel
territorio. Verso il V sec. a.C. rientra sotto O·LQ
IOXHQ]DHWUXVFDJUD]LHDO0LQFLR, via fluviale
usata per i commerci. Nel IV sec. l’invasione
gallica pone fine ai fiorenti traffici, ma sotto i
Romani la zona viene intensamente insediata, grazie anche alle distribuzioni dei territori
mantovani ai veterani come compenso dell’aiuto prestato a Roma durante le guerre civili.
Il paese continuò a vivere anche in epoca più
tarda: un documento del 1045 cita la chiesa di
Pietole, mentre la chiesa di Cerese è nominata in una bolla papale del 1151.
Da visitare il Museo Virgiliano che ha sede
nel Palazzo donato al comune dagli eredi
dell’Ing. Prati; ha tre sezioni: una collezione
di reperti archeologici di età romana ritrovati
Virgilio
nel territorio; una collezione di arte moderna
di dipinti di Ugo Celada; una terza sezione è
dedicata al poeta Virgilio. Merita uno sguardo il monumento di Pietole dedicato a Virgilio
dello scultore Paganini; il monumento venne
inaugurato nel 1884 alla presenza del poeta
Carducci che declamò un eccelso discorso.
,OIRUWHGL3LHWROH
Il Forte di Pietole - importante opera bastionata difensiva alle porte di Mantova - attualmente si presenta come un’enorme struttura
abbandonata, immersa nella vegetazione
delle sponde del Mincio. Il Forte nasce per
volontà di Napoleone agli inizi dell’800,
all’indomani della conquista di buona parte
dell’Italia Settentrionale: Mantova grazie alla
sua posizione risultava strategica per la Repubblica Cisalpina e dunque era necessaria
una difesa efficiente, da sviluppare tenendo
in considerazione il lato sud e il governo delle acque, imprescindibili per il controllo e il
possesso di Mantova, la città doveva tornare
l’isola fluviale delle origini, facendo tornare
lago la palude del Paiolo; il forte venne quindi
costruito per proteggere l’opera di chiusa
tra il Mincio e l’ormai prosciugato Lago
Paiolo. Più volte rimaneggiato e allargato,
giunge alla sua massima espansione a fine
Ottocento quando passa dai Francesi agli Austriaci che lo includono nelle mura difensive
di Mantova. Perde la sua importanza strategica con l’avvento dell’artiglieria, diventando
una polveriera. Con il 1866 e il Regno d’Italia
iniziò il lento abbandono di queste strutture
militari così onerose e ormai inutili: nel 1914
lo si volle distruggere per usare i materiali per
la bonifica dei territori, ma l’incombere della
Prima Guerra mondiale lo destina nuovamen-
87
te a polveriera: la sua fine è decretata proprio
da un’esplosione nel 1917. Venne utilizzato
ancora nella Seconda guerra mondiale come
deposito militare per poi essere abbandonato
completamente. Nel 1983 il forte fu definitivamente dismesso e attualmente la struttura è
coperta da fitta vegetazione ma un gruppo di
volontari di speleologia urbana lo ha esplorato e ha fatto riemergere sale e percorsi.
Bagnolo S. Vito
Dell’antichità di Bagnolo ci parla l’importante
insediamento etrusco di VI-IV sec. a.C. scoperto in località Forcello (cfr. scheda). Il territorio venne occupato anche in età gallica
(IV-I sec. a.C.) come i numerosi ritrovamenti
confermano. Bisogna poi aspettare l’età medievale per ritrovare attestazioni di un abitato.
Nell’ XI secolo il territorio fu conquistato dal
Bagnolo San Vito, la Travata
casato dei Canossa e probabilmente bonificato dai monaci benedettini. Dal XII segue le
vicende di Mantova passando dalla Curia vescovile ai Bonacolsi quindi ai Gonzaga. In periodo risorgimentale passa dalla dominazione
austriaca a quella francese. Solo nel 1866 il
territorio viene annesso al Regno d’Italia. Due
anni dopo una straordinaria inondazione del
Po e dei suoi affluenti costringe molti abitanti
a trasferirsi nel vicino comune di Roncoferraro.
Da vedere il campanile romanico della Parrocchiale settecentesca e in Piazza Diaz ´DO
IXQWDQXQµ, una fontana con una pompa a
doppio manubrio; fuori dal paese lo VWDELOL
PHQWRLGURYRUROD7UDYDWD, che caratterizza
dagli anni ’20 il paesaggio e serve a regolare
le acque del Mincio.
Il Forcello
Gli Etruschi nel Parco del Mincio? Già! Dal
1981 è in corso una ricerca archeologica di
un abitato etrusco che risulta essere stato
abitato stabilmente dal VI sec. a.C per più di
tre secoli. Si ergeva su un dosso alto circa 17
metri coperto da querceti, mentre il territorio
circostante in alcuni periodo doveva essere
piuttosto paludoso.
Il territorio etrusco, seppur concentrato attorno
alle attuali Toscana, Lazio e Umbria aveva anche insediamenti in Campania, nel riminese,
nelle Marche e appunto in Pianura Padana.
Gli Etruschi erano anche mercanti e con loro
si spostavano anche interi gruppi di persone.
Uno di questi luoghi doveva essere proprio il
Forcello che si trovava alla confluenza di due
importanti arterie fluviali il Mincio e il Po; il Po
metteva in collegamento l’area padana con
l’Adriatico con il Mar Egeo dei Greci, mentre
il Mincio permetteva di arrivare a Mantova e di
88
Il Basso Mincio - I Comuni
penetrare a nord la pianura; i fiumi erano infatti le autostrade dell’antichità essendo vie più
sicure e facili. Ma sul nostro territorio passava
anche un’importante via di terra che collegava l’Etruria, l’Appennino e la Pianura Padana.
Il Forcello è il più importante sito etrusco
sinora scoperto a Nord del Po: la stratificazione originaria profonda quasi due metri ha
permesso di documentare la vita dell’abitato
dalla fondazione all’abbandono. Il Forcello
sorgeva su un’isola o una penisola, circondata
dalle acque del Mincio che servivano sia come
difesa sia come via di comunicazione e di traffici (forse c’era anche un porto fluviale).
Roncoferraro
Nel comune di Roncoferraro, ricco di corti e
ville, il Mincio si avvicina a concludere il suo
corso nella frazione di Governolo prima dello
sfocio in Po che avviene poco più a valle, a
Roccoferraro
Sacchetta di Sustinente. I numerosi ritrovamenti etruschi di V e inizi IV sec. a.C. confermano già in questo periodo una stabile
frequentazione del territorio, che prosegue
anche in età gallica. Anche l’età romana è
ben attestata attraverso ritrovamenti di tombe, tracce di abitato, un tesoretto e un’epigrafe a Giove. La posizione fluviale strategia
di Governolo portò più volte alla ribalta degli
eventi storici questa frazione. Secondo la
tradizione, proprio a Governolo avvenne lo
storico incontro tra papa /HRQH,H$WWLOD nel
452 benché altre ipotesi lo situino più a nord,
tra Peschiera, Salionze e Monzambano. Non
ci sono a oggi dati oggettivi o archeologici
per confermare con sicurezza una delle due
tradizioni. Dapprima citato nel 1037 su un
documento dell’imperatore Corrado il Salico,
nel 1090 a Governolo la contessa Matilde di
Canossa vi fa costruire la torre di Galliano e
nel 1116 Enrico V soggiorna nel Castello per
firmare importanti documenti. Nel 1198 l’ingegnere Alberto Pitentino progettando il Serraglio, innalza il “sostegno” come manufatto
regolatore del livello dei laghi di Mantova.
Lo ritroviamo anche nell’Inferno (XX 78) di
Dante come punto dove il Mincio sfocia nel
Po. (“Tosto che l’acqua a correr mette co,/
non più Benaco ma Mincio si chiama/fino a
Governolo, dove cade in Po”).
Nel 1397, grazie alla chiusa, Francesco
Gonzaga sconfigge Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano. Giovanni delle Bande
Nere, capitano delle milizie papali, muore
nel 1526 per una ferita da archibugio riportata a Governolo.
Nel ‘600 il Bertazzolo realizza sui disegni di
Leonardo la famosa conca di navigazione. E
nella prima guerra d’Indipendenza del 1848 a
Governolo si svolgono due importanti battaglie: la prima consente di ricacciare un’incursione austriaca dalla città-fortezza di Manto-
89
va, la seconda permette al generale Bava di
riconquistare il ponte. Si visiti: la Parrocchia
del ‘700 dei SS. Erasmo ed Agostino per il
quadro “Incontro di San Leone ed Attila’ del
Borgani (1614); nei pressi del porticciolo, la
Torre dell’Orologio (che aveva un doppio ponte levatoio per passare sull’altra sponda del
fiume) e annessa casa merlata; nei pressi i
ruderi della conca sostegno “Bertazzolo”.
Sustinente
Il territorio di Sustinente viene occupato già in
età romana come attestano sparsi resti archeologici e il toponimo derivato da Septingente,
anche se la tradizione locale lo fa derivare dal
sostgnent “sostegno”, legandolo alle chiavi-
Sustinente
che per l’afflusso delle acque del Po.
Il villaggio che conosciamo noi oggi sorse
attorno all’anno Mille grazie alle bonifiche
della terra donata dalla marchesa Matilde di
Canossa ai frati di San Benedetto di Polirone.
Interessante la parrocchia del borgo di 6DF
FKHWWDGRYHLO0LQFLRVIRFLDQHOJUDQGH3R,
dedicata a San Girolamo, sacerdote e dottore, e alla “Madonna dell’Annunciata”, ricostruita nel 1756 sulle chiese precedenti devastate
dalle piene del Po e dalle battaglie.
Sempre a Sacchetta è possibile osservare
interessanti ville e corti (villa Mazocchi, Corte
Palazina, villa Guerrieri Gonzaga) oltre che
visitare OD FRQFD VRVWHJQR GL QDYLJD]LRQH
SLJUDQGHG·,WDOLD, colossale manufatto che
collega il canale Mantova-Venezia (ex Fissero
Tartaro Canalbianco) con il Po, con un salto di
livello di 4 metri.
Fauna
91
Fauna Schede
Fauna
Le schede che seguono sono relative alla fauna più diffusa e
significativa all’interno del territorio del Parco del Mincio.
Nelle prime righe di ogni specie trattata si descrive l’aspetto,
successivamente se ne segnala la diffusione e, quando
possibile, si dà qualche notizia relativa alle curiosità.
,QVHWWL
Libellule (Odonata)
Insetti strettamente legati all’ambiente acquatico, dotati di
apparato boccale masticatore, antenne corte e occhi composti
molto grandi. Hanno 4 ali lunghe e trasparenti, a volte colorate,
come del resto il corpo, con colori molto vivaci.
Strettamente legati all’ambiente acquatico, sono presenti in
tutte le zone umide del Parco.
Le larve (ninfe) sono abili nuotatrici e cacciatrici e vivono per
lunghi periodi immerse nell’acqua, afferrando le loro prede con
una parte dell’apparato boccale (labbro inferiore).
Vanessa (Vanessa atalanta)
Lepidottero facile da notare grazie alla parte superiore delle ali
molto colorata: marrone striata orizzontalmente di arancione e
con macchie bianche riunite verso il margine anteriore.
La superficie inferiore delle ali ha invece colorazione mimetica
per proteggere l’insetto durante il riposo.
Comune in tutta Italia.
92
Fauna Schede
Gerride (Gerris sp.)
Emittero dal corpo di colore scuro e coperto di peli vellutati
e idrorepellenti. Possiede lunghe zampe che gli permettono
di distribuire il peso del corpo sulla superficie dell’acqua e
quindi di galleggiare sfruttando la tensione superficiale, dando
l’impressione che si muova “pattinando” sull’acqua. Comune in
tutte le zone dove siano presenti stagni, laghi, fiumi o ruscelli.
Comunemente chiamato ragno d’acqua.
Cervo volante (Lucanus cervus)
Grosso coleottero dai colori scuri, il maschio presenta enormi
mandibole a forma di corna che gli hanno valso l’appellativo
di “cervo”. Le larve possono impiegare anni per completare lo
sviluppo, nutrendosi di legno in decomposizione; da adulti si
nutrono di linfa o nettare.
Presente nelle zone boschive.
In primavera sono frequenti duelli nuziali tra gli esemplari
maschili, che possono lasciare vittime decapitate.
Cerambice delle querce (Cerambyx cerdo)
Coleottero di medie dimensioni, con livrea bruno nerastra
e lunghe antenne genicolate. L’adulto si nutre di linfa delle
querce. Presente nelle zone boschive.
Le larve scavatrici vivono nel legno in decomposizione per
lunghi periodi (mesi o anni).
3HVFL
Luccio (Esox lucius)
E’ un pesce caratterizzato da un muso allungato dalla forma
a becco d’anatra, bocca dotata di circa 600 denti. Il corpo è
snello e rivestito da squame piuttosto piccole.Pesce d’acqua
dolce, predilige le acque calme o con debole corrente. Si nutre
di piccoli pesci quali alborelle e carassi.
Nella rete alimentare del fiume ha il ruolo di equilibratore delle
popolazioni ittiche ad alta prolificità.
93
Persico sole (Lepomis gibbosus)
Pesce di piccole dimensioni, con corpo compresso e ovale.
Ha una colorazione vistosa, il dorso è verde oliva con riflessi
metallici, il ventre è giallo con sfumature arancioni, i fianchi sono
caratterizzati da macchie brunastre mentre il capo è percorso
da alcune linee azzurre ondulate. Originario delle acque dolci
del sud America, introdotto in Italia all’inizio del secolo scorso. Si
ciba di invertebrati acquatici ma anche di uova di piccoli pesci.
Le sue carni, anche se sono saporite, sono piene di lische.
Siluro (Silurus glanis)
Dall’aspetto simile al pesce gatto, è notevolmente più grande e
più lungo (può raggiungere i tre metri). Livrea da bluastra a verde
oliva, marmorizzata di scuro. Originario del bacino danubiano.
Preda, prettamente di notte, molluschi, crostacei, avannotti di altri
pesci e pesci anche di grosse dimensioni.Occasionalmente Rane,
topi, uccelli, piccoli mammiferi. In Italia è considerato come una
specie molto dannosa nei confronti della fauna autoctona.
$QILEL
Rana di Lataste (Rana latastei)
Rana rossa di piccole dimensioni, si differenzia dalle altre rane rosse
in quanto presenta una macchia chiara a forma di T rovesciata sulla
gola. Specie endemica della pianura padana. Presente nelle zone
umide e fresche del Parco del Mincio, è attualmente in atto un progetto
per la sua reintroduzione nelle zone umide del Bosco Bertone.
Tritone (Triturus vulgaris)
Piccolo anfibio (circa 11 cm di lunghezza), superiormente verde
scuro o bruno, sul ventre bianco presenta una punteggiatura
scura che si estende alla gola. Presenta inoltre una striscia
longitudinale arancione. Comune in Italia settentrionale, nei
terreni umidi, in boschi vicino a specchi di acque calme dove si
riproduce.Tende a essere una specie di pianura, prettamente
terragnolo tranne che nel periodo riproduttivo.
94
Fauna Schede
5HWWLOL
Biacco (Coluber viridiflavus)
Rettile di grandi dimensioni che raggiunge anche i 150 cm di
lunghezza, colorazione verde giallastra e pigmentata di nero.
Comune in tutta Italia, predilige aree assolate, radure o margini
di boschi, in prossimità di coltivi, muretti a secco e anche di
centri abitati e ruderi. È una specie diurna. Non è velenoso. Si
nutre principalmente di altri rettili quali lucertole e non disdegna
le uova di piccoli uccelli o piccoli anfibi come le rane.
Germano reale
Biscia dal collare (Natrix natrix)
È un rettile di grandi dimensioni con muso largo e arrotondato,
appena dietro la testa è preesnte un collare giallo o bianco. La
colorazione del corpo è biancastra o grigia sul ventre, grigioverde nelle parti superiori. In Italia è presente in tutte le regioni,
dal livello del mare sino a 2000 metri di altitudine. La specie
frequenta i più svariati ambienti acquatici, dai fontanili ai laghi,
dagli stagni ai fiumi. Si ciba prevalentemente di anfibi e pesci,
e, molto più raramente, anche di piccoli mammiferi o nidiacei
di uccelli acquatici. Specie assolutamente innocua ma spesso
uccisa perché ritenuta, erroneamente, pericolosa in quanto di
aspetto simile alla vipera. La distruzione degli habitat naturali
acquatici provoca la rarefazione o l’estinzione locale della specie.
Ramarro (Lacerta virids)
Simile ad una lucertola di grandi dimensioni, ha una
caratteristica colorazione verde brillante. Presente in Italia,
ama le zone con molta vegetazione e con buona esposizione
solare. Durante la stagione riproduttiva la gola assume una
colorazione bluastra sia nei maschi che nelle femmine.
8FFHOOL
Airone cenerino
Germano reale (Anas platyrhyncos)
Questa specie di anatide è caratterizzata da uno spiccato
dimorfismo sessuale, cioè maschi e femmine sono molto simili
95
nella forma, ma differiscono nel colore del piumaggio. Durante il
periodo nuziale la livrea del maschio è facilmente riconoscibile:
il capo e la parte superiore del collo sono di color verde
splendente, uno stretto collare bianco a metà del collo separa
la verde testa dal petto e dalla parte superiore del dorso che
sono di un colore bruno-porporino. L’occhio è bruno-chiaro, il
becco giallo-verde ed il piede palmato arancione. La femmina
ha invece colori mimetizzanti: macchiata di bruno e marrone
scuro, becco bruniccio, sopracciglio marrone scuro, gola beige,
i fianchi hanno una colorazione più chiara: beige chiazzato
marrone; le zampe palmate sono di colore arancione spento.
Vive nelle zone umide d’acqua dolce: paludi, stagni, laghi e
fiumi calmi, in tutte le regioni temperate e subtropicali dell’
America settentrionale, d’Europa, dell’Asia. Passa la maggior
parte del tempo sull’acqua e si sposta sulla terra ferma
soltanto per la nidificazione ed il riposo. Nel Parco del Mincio
è stanziale. E’ la più diffusa tra le specie di anatre e la più
numerosa. In Italia la popolazione è in costante aumento.
È solo la femmina che si occupa della cova e della cura dei
piccoli, infatti il suo piumaggio le consente di mimetizzarsi in
mezzo alla vegetazione e di nascondersi così dai predatori. Si
ciba prevalentemente di vegetazione sommersa.
Airone cenerino (Ardea cinerea)
È uno degli Aironi più grandi per dimensione, si riconosce
facilmente per la colorazione grigio azzura del piumaggio. Come
tutti gli aironi ha un volo chiaramente riconoscibile dal collo
ripiegato a “S.” Nel Parco del Mincio è una specie stanziale.
Comune negli ambienti d’acqua dolce e salina. Presenti in
colonie in pianura Padana. Costruisce il nido sugli alberi più alti
(pioppi e ontani) situati vicino a zone umide, fiumi o fossati. Si
trovano ampie colonie nella Riserva Naturale della Vallazza, ma
negli ultimi anni il cinerino nidifica anche nella garzaia degli Aironi
rossi nella Riserva Naturale Valli del Mincio. Per nutrirsi frequenta
acque dolci basse, di grandi fiumi, torrenti, stagni, laghi, bacini
artificiali, pianure allagate, risaie. La sua dieta dipende dall’habitat
utilizzato; caccia normalmente di giorno, anche in gruppo,
restando immobile, in attesa di individuare la preda. Cattura pesci,
anfibi, piccoli rettili, piccoli mammiferi, insetti e altri invertebrati.
Airone rosso
Garzetta
96
Fauna Schede
Airone rosso (Ardea purpurea)
Come dimensioni è più piccolo dell’Airone cenerino, il suo
piumaggio ha una colorazione varia sui toni del rosso,
marrone e grigio. Si mimetizza molto bene nel canneto. Nel
Parco del Mincio è una specie migratoria, arriva dall’Africa nei
mesi di aprile maggio e riparte con i primi freddi dell’autunno.
Costruisce il nido nel canneto, utilizzando anche arbusti e
alberi bassi. Nel Parco del Mincio è presente una numerosa
colonia (garzaia) nel Lago Superiore (Riserva Naturale Valli
del Mincio). La garzaia presente nel lago Superiore ospita
numerose coppie. L’airone rosso è una specie a rischio in
quanto stanno scomparendo gli ambienti umidi dove nidifica.
Sgarza ciuffetto
Garzetta (Egretta garzetta)
Questo ardeide di medie dimensioni è interamente bianco,
con becco e zampe neri e piedi gialli. In Italia è nidificante e
migratrice regolare, solo parzialmente risulta sedentaria. Il nido
è collocato su grandi cespugli e alberi di media altezza.
Abita una gran varietà di ambienti, ma predilige le zone aperte,
con acqua bassa, sia d’acqua dolce sia salmastra. La principale
minaccia, come per tutti gli ardeidi, è costituita dalla distruzione
degli habitat ripariali e palustri. Ha una dieta molto varia, si ciba
di piccoli pesci, anfibi, crostacei, che vengono catturati in acqua
bassa, camminando lentamente o effettuando agguati.
Sgarza ciuffetto (Ardeola ralloides)
Airone di medie dimensioni dal collo corto, ha il piumaggio
di colore bianco, marrone, e crema. Le zampe e il becco nel
periodo riproduttivo diventano azzurri. Frequente in Pianura
Padana soprattutto lungo i fiumi e nelle zone della Lombardia
e del Piemonte dove è dominante la risaia e nel delta del Po.
Caccia sia da ferma che camminando lentamente in acque
basse. È specie migratrice.
Nitticora
Nitticora (Nycticorax nycticorax)
Airone di medie dimensioni, con capo e dorso neri, ali grigie e
corpo bianco. Presente nelle zone umide dove la vegetazione
è più fitta. Il nome latino “corvo della notte” ricorda la sua
abitudine di cercare cibo nelle ore serali.
97
Tarabusino (Ixobrychus minutus)
E’ il più piccolo degli aironi, presenta un piumaggio mimetico
con striature di colore bruno scuro e crema. Nidifica in tutta
l’Italia. È legato alla presenza di densa vegetazione acquatica
entro la quale nidifica, si nutre e tenta di nascondersi. Molto
difficile da osservare, è però talvolta visibile nella garzaia degli
aironi nel lago Superiore di Mantova.
Cigno reale (Cygnus olor)
Grande anatide dal piumaggio bianco con becco arancione e
nero. Comune nei laghi e fiumi italiani. Presente con numerosi
esemplari nel Lago Superiore di Mantova. Nonostante sia uno
degli uccelli più pesanti il suo volo è uno dei più belli ed eleganti.
Martin pescatore (Alcedo atthis)
Piccolo volatile dalle piume sgargianti, di colori tra il blu e il
verde, ma sul collo e sulla gola si notano evidenti macchie
bianche. Le parti superiori presentano una colorazione che a
seconda della rifrazione della luce può risultare blu brillante o
verde smeraldo. Il petto, invece, ha una colorazione arancione
vivace per i maschi, più castana per le femmine. Il becco è
nero, le zampe rosso intenso.
Presente in tutta Italia in ambienti acquatici dove trova la sua
principale fonte di cibo, cioè i pesci.
Il nido è un tunnel sotterraneo lungo le rive.
Pendolino (Remiz pendulinus)
Piccolo volatile con piumaggio del dorso castano, ventre
bianco fulvo. Caratteristica la mascherina nera presente sugli
occhi. Presente in località paludose. Nel Parco del Mincio è
sempre più raro da osservare. Il nido è un sacchetto di fili
d’erba e piumini di salici e pioppi, con un lungo tubo d’ingresso,
generalmente appeso a un ramo penzolante sull’acqua.
Rigogolo (Oriolus oroulus)
Volatile di medie dimensioni dal caratteristico piumaggio giallo
brillante con ali e coda nere.
Presente nei boschi. Nel Parco del Mincio si può osservare
anche nella Riserva Naturale Valli del Mincio.
98
Fauna Schede
Cinciallegra (Parus major)
Piccolo volatile dai colori sgargianti, ali blu, petto giallo solcato
in mezzo da una striatura bluastra.
Comunissimo, facile da osservare in tutte le zone del Parco.
Gruccione (Merops apiaster)
E’ un uccello piccolo e variopinto. Il becco è nerastro, lungo
e leggermente ricurvo verso il basso. Il piumaggio è marrone
superiormente e azzurro inferiormente con sprazzi di giallo,
verde, nero, e arancione. Le zampe sono marrone-grigiastro.
In Italia nidifica in Pianura Padana lungo i fiumi, nelle cave di
sabbia e nella zona costiera dell’Italia peninsulare. Segnalata
una colonia nella Riserva Naturale di Castellaro Lagusello.
Abitualmente è gregario. Compie eleganti evoluzioni nel volo.
Si nutre prevalentemente di insetti, soprattutto api, vespe e
calabroni (ma anche libellule, cicale e coleotteri).
Tarabusino
Folaga (Fulica atra)
Non ha grandi dimensioni, ha la livrea nera a parte il becco
bianco e una vistosa placca bianca frontale. Ha le zampe
lobate. Presente nelle zone umide d’Italia. Nel Parco del
Mincio sono presenti numerosi esemplari nella Riserva
naturale Valli del Mincio.Caratteristico il suo verso a trombetta.
Si ciba prevalentemente di vegetazione sommersa.
Upupa (Upupa epops)
Volatile di medie dimensioni, le ali sono a barre bianche e
nere, la testa e il collo sono di color bruno roseo. Caratteristica
la cresta presente sulla testa. Presente nelle zone boscose
ma aperte. Nel Parco del Mincio è osservabile soprattutto nelle
zone collinari.
Cigno reale
Cannareccione (Acrocephalus arundinaceus)
Piccolo volatile dal piumaggio nocciola, ideale per mimetizzarsi
nel canneto. Vive nelle zone umide. È migrante, arriva nella
Riserva Naturale Valli del Mincio nel mese di aprile per poi
ripartire con i primi freddi. Caratteristico il suo verso che
emette cantando, durante la stagione riproduttiva, sulla cima
delle Canne di palude.
99
Porciglione (Rallus aquaticus)
Volatile di medie dimensione, piumaggio con diverse gradazioni
di marrone, ideale per nascondersi nel canneto. Vive nelle zone
umide dove è presente una densa vegetazione acquatica.
Difficile da osservare. Nella Riserva Naturale Valli del Mincio è
più facile riconoscere il suo verso che ricorda quello di un maiale.
Falco di Palude (Circus aeruginosus)
Rapace di grandi dimensioni. Il maschio si differenzia dalla
femmina in quanto la parte inferiore delle ali è biancastra con le
punte nere, la parte superiore delle ali è marrone. La femmina
ha una colorazione uniforme cioccolata e la testa beige.
Vive nelle zone umide dove trova la maggior fonte di
sostentamento. Nella Riserva Naturale Valli del Mincio è uno
dei rapaci più facili da osservare.
Falco pellegrino (Falco peregrinus)
Piccolo rapace con parte superiore del corpo nera, la parte
inferiore è bianca con barre nere. La femmina è più scura e
più grande del maschio. Abitualmente vive in zone aperte e
selvagge, scogliere e colline. Nella riserva Naturale Valli del
Mincio è presente con una coppia che sfrutta un traliccio come
posatoio. Caccia gettandosi quasi verticalmente sulla preda
con una velocità che può arrivare ai 430 Km/h.
Picchio rosso maggiore (Dendrocopos major)
Uccello di medie dimensioni, ha il dorso nero con parte
superiore bianche e le parti finali delle ali rosso acceso. Il
maschio e i giovani presentano una macchia rossa sulla nuca.
Presente nei boschi. Facilmente individuabile a Bosco Fontana
per il caratteristico ”picchiettare” sui rami di alberi morti.
Cicogna bianca (Ciconia ciconia)
Presenta un piumaggio completamente candido, escluse le
punte di ali e coda nere il becco e le zampe arancio-rosse;
di grandi dimensioni, misura fino a 180 cm di apertura alare.
Presente in Italia, grazie anche ai vari progetti di reintroduzione
uno dei quali all’interno del Bosco Bertone. Praticamente priva
di voce, emette un particolarissimo e forte suono, ottenuto
100
Fauna Schede
battendo velocemente tra loro le due metà del becco. Ciò si
osserva generalmente durante la cerimonia di “saluto”, uno dei
comportamenti più caratteristici della specie, in cui maschio
e femmina si avvicinano, tendono il collo prima verso l’alto e
poi lo rovesciano all’indietro, battendo contemporaneamente
il becco. Secondo la tradizione, avere le cicogne sul proprio
tetto è un simbolo di fortuna.
Svasso maggiore (Podiceps cristatus)
E’ il più grosso tra gli Svassi, si riconosce facilmente per i ciuffi
auricolari neri. Ha il collo sottile, il dorso grigio–bruno, la parte
inferiore del corpo bianco latte. D’inverno manca del pennacchio
e appare con la testa bianca.Gli svassi maggiori si trovano negli
specchi d’acqua di pianura. Per mangiare e per difesa scompaiono
sotto il pelo dell’acqua per lunghe immersioni. Si nutrono di pesci,
girini, gamberetti. Ha complicate e bellissime cerimonie nuziali.
Nibbio bruno (Milvus migrans)
Rapace di grandi dimensioni, di colorazione uniforme bruna. In
planata tiene le ali orizzontali e usa la coda come timone. Presente
in zone boschive in vicinanza di laghi e fiumi. Migratore, nidifica in
colonia a Bosco Fontana. La riserva ospita una delle colonie più
conosciute in Italia.Si nutre in preferenza di carogne ma anche
di mammiferi di piccole dimensioni. Una piccola parte di Bosco
Fontana viene chiusa nel periodo di riproduzione del Nibbio.
0DPPLIHUL
Topo selvatico dal dorso striato (Apodemus agrarius)
Piccolo roditore di aspetto simile al topo selvatico, si differenzia
per le orecchie più piccole e per la caratteristica striscia scura
che parte dalla nuca e arriva alla coda. Bosco Fontana è il punto
più occidentale nell’areale di distribuzione nel territorio italiano.
E’ l’unica zona nel Parco del Mincio dove è stato segnalato.
Ghiro (Glis glis)
Roditore di taglia piccola, la pelliccia è di colore grigio nella parte
superiore e bianca nella parte inferiore del corpo. La coda è folta,
101
lunga e ricoperta di pelo. Le orecchie sono piccole. Presente nei
boschi di latifoglie, raramente oltre i mille metri. Si nutre di semi, frutta,
ghiande e germogli. Ha abitudini notturne e possiede una notevole
capacità di arrampicata e di compiere salti fra i rami degli alberi.
Tasso (Meles meles)
Ha un corpo massiccio, assomiglia a un piccolo cane. Ha il
muso appuntito, il mantello è grigio con una banda biancastra
che parte dal muso e arriva fino al ventre. È un animale notturno,
inizia la sua attività al crepuscolo. Vive nell’aree boscate, ma è
difficile da osservare per le sue abitudini notturne.
Come riparo usa anfratti nelle rocce o tane scavate nel terreno.
È onnivoro.
Volpe (Vulpes vulpes)
Come un cane di piccole dimensioni ma dall’aspetto più slanciato.
Muso appuntito, si riconosce dal caratteristico colore rossastro
della pelliccia. Coda piuttosto folta e con la punta bianca.
Presente nelle zone boschive. Comune nelle zone boscate del
Parco del Mincio. Ha abitudini prevalentemente notturne.
Donnola (Mustela nivalis)
Mustelide di piccole dimensioni. La pelliccia è di colore
rossiccio superiormente, la parte inferiore è di colore bianco.
Presente in pianura, collina e montagna.
E’ una specie sanguinaria, azzanna alla gola anche gli animali
più grandi di lei, quindi ne succhia il sangue.
Nutria (Myocastor coypus)
Roditore di grosse dimensioni, assomiglia a un castoro dal
quale si differenzia per la lunga coda da topo. Si è adattato
perfettamente alla vita acquatica grazie alle zampe posteriori
palmate. Originaria del sudamerica, è stata importata in
Europa per la sua pelliccia. Ha creato un notevole problema
ecologico nel Parco del mincio e non solo, in quanto si nutre
di vegetazione, è portatrice di malattie e scava lunghe gallerie
negli argini di fossi, canali e fiumi. Nelle nostre zone non ha
predatori naturali, perciò sono frequenti e necessarie le catture
tramite trappole posizionate dall’uomo.
Flora
103
Flora Schede
Flora
Le schede che seguono sono relative alla vegetazione più
diffusa e significativa all’interno del territorio del Parco del
Mincio. Nelle prime righe di ogni specie trattata si descrive
l’aspetto, successivamente se ne segnala la diffusione e,
quando possibile, si dà qualche notizia relativa alle curiosità.
$OEHULDGDOWRIXVWR
Cerro (Quercus Cerris)
Albero ad alto fusto con corteccia bruno-nerastra con profonde
fessure, la foglia è lobata, con il contorno molto stretto. La
ghianda ha il calicetto coperto da squame spinose che lo
rendono simile a un piccolo riccio.
Italia settentrionale, Europa sud occidentale. Necessita di
clima temperato e terreno ricco di calcare. Nel Parco del Mincio
è presente con alcuni esemplari secolari all’interno di Bosco
Fontana e nella Riserva Naturale di Castellaro Lagusello.
Il Cerro ha una rapida crescita, il suo legno però non è molto
pregiato. Tuttavia per il suo adattamento al terreno e per la
protezione che offre contro l’erosione viene utilizzato per il
rimboschimento nell’Italia medittereanea.
Farnia (Quercus peduncolata)
Albero ad alto fusto con corteccia grigio–bruna profondamente
fessurata; la foglia è lobata con la parte vicina all’apice più
larga rispetto alla parte vicina al picciolo. Le ghiande sono
disposte in paia su lunghi peduncoli (da qui il nome).
La Farnia è diffusa in Italia settentrionale su terreni fertili e
umidi. Nel Parco del Mincio sono presenti numerosi esemplari
a Bosco Fontana; una Farnia di circa 500 anni si trova in
località Sacca di Goito.
Questa quercia, insieme a specie quali il Pioppo, l’Ontano
nero, l’Olmo e varie specie di Salici caratterizzava, in passato,
le grandi formazioni forestali della Pianura Padana.
Cerro
Farnia
104
Flora Schede
Bagolaro (Celtis australis)
Albero ad alto fusto con tronco dritto e corteccia liscia color
grigio cenere. La foglia è semplice con margine seghettato e
apice acuminato. Il frutto è una drupa rotonda prima verdastra,
poi bruna quando matura.
Frequente in Italia. Nel Parco del Mincio è presente con
bellissimi esemplari nel Bosco Bertone.
Uno dei nomi popolari del Bagolaro è “spaccasassi” in quanto,
con le sue radici robuste, riesce a penetrare anche nei terreni
più sassosi.
Acero campestre (Acer campestre)
Albero ad alto fusto con corteccia grigio–marrone fessurata. La
foglia è piccola, palmata, con lobi dalle estremità arrotondate.
Spontaneo in tutta Italia tranne nel sud. Comune in tutte le
zone del Parco tranne quelle più aride.
Bagolaro
In passato veniva usato nelle campagne per sostenere i filari
delle viti, oggi è usato soprattutto come frangivento.
Orniello (Fraxinus ornus)
Albero ad alto fusto con corteccia grigia e uniforme. Le
foglie sono opposte con margine dentato. Si riconosce dagli
altri frassini per le pannocchie di fiori bianco – crema, molto
profumati.
Presente in tutta Italia.
Ha un legno molto elastico.
Robinia (Robinia pseudoacacia)
Albero ad alto fusto con corteccia bruno-grigiastro, solcata e
nodosa. Le foglie sono alterne, piccole e ovali. I fiori bianchi
sono riuniti in grappoli profumati.
Acero campestre
Originaria dell’America settentrionale, importata in Italia nel
diciannovesimo secolo.
È un pianta infestante che tende a espandersi a scapito delle
specie spontanee.
105
Carpino bianco (Carpinus betulus)
Tronco liscio con corteccia grigio-brunastra con striature più
chiare. Foglia di forma ellittica con doppia dentellatura e con
nervature pronunciate.
Presente in tutta Italia; assieme al Cerro e alla Farnia formava
l’estesa foresta planiziale padana: gli ultimi relitti di tale foresta,
seppur modificati dall’uomo, sono Bosco Fontana e il Bosco
della Mesola in Emilia Romagna.
Il suo legno è resistentissimo e in passato veniva usato per i
ceppi da macellaio.
Ginkgo biloba (Ginkgo biloba)
Albero ad alto fusto, con corteccia bruna con fessure suberose.
La foglia è a ventaglio con nervature che ne seguono la forma.
Albero introdotto in Europa nel diciottesimo secolo; resistente
al vento e all’inquinamento atmosferico.
Nel Bosco Bertone sono presenti due esemplari di circa 230
anni, maschili.
È una pianta dioca, cioè i fiori maschili e quelli femminili
crescono su due alberi diversi. Il frutto sull’individuo femminile
ha un fastidioso odore.
Orniello
Noce nero (Junglans nigra)
Albero ad alto fusto con corteccia bruna e con larghe
scanalature. Le foglie sono alterne e dentate. I fiori maschili
sono amenti e sbocciano con i fiori femminili sulla stessa
pianta. Il seme è contenuto in una piccola noce nera circondata
da un mallo verde.
Originario dell’America settentrionale. Nel Bosco Bertone è
presente un esemplare di circa 250 anni.
Il suo legno viene usato per la fabbricazione di molti mobili.
Tasso (Taxus baccata)
Albero ad alto fusto con corteccia squamosa. Le foglie sono
aghi. Il frutto è un bacca rossa a forma di coppa.
Presente in tutta Europa soprattutto come specie ornamentale.
Nel Parco del Mincio è presente con numerosi esemplari
anche secolari nel Bosco Bertone.
Robinia
106
Flora Schede
Definito anche come “Albero della morte” in quanto tossico in
tutte le sue parti tranne la polpa della bacca.
Magnolia (Magnolia grandiflora)
Albero ad alto fusto con corteccia grigio–nerastra. Le foglie
sempreverdi sono ovali, lisce e di colore verde intenso.
Originaria dell’Asia e delle Americhe. Importata come pianta
ornamentale. Presente anche questa con numerosi esemplari
nel Bosco Bertone.
I fiori bianchi sono profumatissimi; non fiorisce prima dei
vent’anni di età.
Carpino bianco
Salice bianco (Salix alba)
Albero ad alto fusto con corteccia grigia. Le foglie sono
lanceolate, affusolate alla base e strette all’apice, la pagina
inferiore è coperta da una peluria argentea.
Diffuso in tutta l’Italia lungo i corsi d’acqua. Presente nelle
zone umide del Parco del Mincio quali Riserva Naturale Valli
del Mincio, Vallazza e lungo il corso del fiume Mincio.
In passato era utilizzato come pianta da filare lungo i canali
nelle campagne.
Ontano nero (Alnus glutinosa)
Albero ad alto fusto con corteccia ruvida di color marrone
chiaro. La foglia è arrotondata e smarginata all’apice.
Diffuso in tutta Italia, è una pianta tipica delle rive di fiumi,
stagni e zone umide. Presente in tutte le zone più importanti
del Parco del Mincio.
Secondo una vecchia tradizione nell’albero viveva il male.
L’Ontano ha la caratteristica di avere radici che contengono
batteri in grado di utizzare l’azoto dell’aria e di fissarlo nel
terreno umido dove di solito questo elemento è carente quindi,
oltre che per impedire l’erosione delle rive dei fiumi, può essere
piantato per arricchire terreni poveri.
Salice bianco
Pioppo Bianco (Populus alba)
Albero ad alto fusto con corteccia biancastra con presenza di
lenticelle nere. La foglia è palmata con lobi non molto profondi,
107
sopra è verde scura mentre la pagina inferiore è lanuginosa.
Comune in tutta Italia, su terreni umidi e in riva a fiumi e a laghi.
È una pianta robusta spesso coltivata nelle fasce frangivento.
Olmo campestre (Ulmus minor)
Albero ad alto fusto, può raggiungere i 20-25 metri di altezza.
La foglia è ovoidale con margine seghettato e con la lamina
asimettrica.
Diffuso in Europa, in Asia e in Nordamerica, largamente
utilizzato come pianta ornamentale soprattutto nella silvicoltura
e nell’arboricoltura da legno.
Gli olmi sono stati pesantemente decimati da una malattia
detta grafiosi, provocata da un fungo di origine asiatica.
$UEXVWL
Ontano nero
Lantana (Viburnum Lantana)
Piccolo arbusto frondoso. La foglia sono a forma di lingua
con leggera peluria. Infiorescenza con fiori bianchi tutti della
stessa grandezza.
Presente in tutta Italia nei suoli calcarei, resiste alla siccità. Nel
Parco del Mincio cresce spontanea nella Riserva Naturale di
castellaro Lagusello.
Usata come pianta ornamentale per la varietà di colori che
assume nel corso dell’anno.
Ginepro (Juniperus communis)
Arbusto dalla corteccia bruno rossastra. Le foglie sono aghi
blu verdi, il frutto è una bacca tondeggiante che a maturità
assume colore blu scuro.
Presente in tutta Italia in terreni aridi anche estremamente
poveri. Nel Parco del Mincio cresce spontanea nella Riserva
Naturale di Castellaro Lagusello.
Le sue bacche vengono usate per aromatizzare cibi e
bevande.
Pioppo Bianco
108
Flora Schede
Nocciolo (Corylus avellana)
Pianta arbustiva, il tronco se capitozzato può produrre molti
fusti. La corteccia è marrone e lenticellata. La foglia è rotonda
con apice appuntito. I fiori maschili (amenti) sono penduli, quelli
femminili sono molto piccoli con gli stimmi rossi e piumosi. Il
frutto è la nocciola usata nell’industria dolciaria; nei boschi è il
cibo preferito di topi e scoiattoli.
Presente in tutta Italia. È diffusa in tutte le zone boschive del
Parco del Mincio.
La nocciola viene usata per la produzione della pasta gianduia.
Olmo campestre
Sambuco (Sambucus nigra)
Pianta arbustiva molto cespugliosa. Ha la corteccia bruna e
fessurata, nei rami giovani sono presenti piccole lenticelle. I
fiori biancastri formano un’infiorescenza appiattita. Il frutto
sono bacche bluastre.
Presente in tutta Italia. Diffusissima nel Parco del Mincio nelle
zone più umide.
In passato, data la facilità con cui si svuotava il fusto, i suoi
rami venivano usati per realizzare cerbottane e fischietti.
Ibisco di palude (Hybiscus palustris)
Cespuglio con fusti alti fino a un metro e mezzo. Foglie ovate
e acuminate, fiori grandi rosa intenso formati da cinque petali.
Presente nelle zone umide, abbastanza comune nella Riserva
Naturale Valli del Mincio.
Chiamato anche Fiore della Madonna per la sua fioritura che
avviene in concomitanza della festa dell’Assunta, in Agosto.
3LDQWHHUEDFHH
Pungitopo (Ruscus aculeatus)
Pianta rigida molto ramificata,ha foglie piatte, ovali con
sommità spinosa. I minuscoli fiori si trovano nella pagina
inferiore della foglia. Il frutto è una bacca rossa e brillante.
109
Presente in tutta Italia nei boschi asciutti e nelle siepi. A Bosco
Fontana è presente nelle zone più asciutte.
Le foglie del pungitopo sono in realtà fusti modificati (cladodi)
che svolgono tutte le funzioni della foglia dalla fotosintesi alla
traspirazione per adattamento alla scarsità d’acqua.
Canna di palude (Phramigtes australis)
È una graminacea, il suo fusto può arrivare ai tre metri di
altezza. Fusto robusto e non ramificato, foglie lanceolate lisce
e di colore grigio verde. L’infiorescenza è bruna con soffici peli
bianchi che circondano il fiore.
Diffusa in tutta Italia, si trova ai margini di fiumi laghi e acque
salmastre. Si trova in tutte le zone umide del Parco del Mincio.
È una delle piante più usate per i sistemi di Fitodepurazione
sub-superficiali.
Giglio caprino (Orchis morio)
Un’orchidea appartenente al genere Orchis. Presenta una
notevole variabilità nel colore dei petali.
È una delle più diffuse orchidee selvatiche in Italia.Come
ambiente preferisce i prati, con terreno leggermente acido, alla
luce piena del sole o in mezz’ombra.
Pulsatilla (Pulsatilla montana)
Fiore pendulo, piuttosto grande, con petali violacei ricoperti
di peluria. Soltanto nelle Alpi e nelle Prealpi. Caso particolare
nella Riserva di Castellaro Lagusello dove è presente a quote
così basse come relitto dell’ultima glaciazione.
Polmonaria (Pulmonaria officinalis)
Pianta con foglie ovali caratterizzate da macchie biancastre. I
fiori sono prima rosa e poi blu – violetti.
Presente in tutta Italia. Nel Parco del Mincio si trova lungo i
viali di Bosco Fontana.
Il nome deriva dall’aspetto delle foglie che ricordano l’aspetto
di un polmone malato: anticamente si credeva che curasse le
malattie delle vie respiratorie.
110
Flora Schede
Bucaneve (Galanthus nivalis)
Fiore che compare precocemente, già dal mese di febbraio. Le
foglie sono allungate di color verde–bluastro e crescono alla
base di ciascun fusto. Il fiore bianco è pendulo e protetto da
una piccola guaina alla sommità.
Presente in gruppi nei boschi soprattutto montani. Nel Parco
del Mincio è presente in grandi quantità a Bosco Fontana dove
forma luminose macchie bianche ai bordi dei sentieri e nelle
particelle del bosco.
Il nome Galanthus deriva da due parole greche che significano
latte e fiore.
Anemone bianco (Anemone nemorosa)
Pianta erbacea con fiore bianco con 6-8 petali e piccole foglie
palmate.
Comune nei boschi. Forma macchie estese lungo i viali e nelle
particelle di Bosco Fontana, dove si alterna con l’Anemone
giallo (Anemone ranuncoloides)
Scilla (Scilla bifolia)
Piante erbacea con fiore blu violaceo e foglia lanceolata.
Nell’aspetto ricorda un piccolo giacinto.
Comune nei boschi. A Bosco Fontana forma macchie di colore,
con le altre specie di fiori, nel periodo di inizio primavera.
Parnassia (Parnassia palustris)
Pianta erbacea con fusto lungo e sottile con unico fiore bianco
e un’unica foglia cuoriforme che avvolge il fusto alla base.
Presente in Italia in terreni umidi. Segnalata nella Riserva
Naturale Valli del Mincio.
Dulcamara (Solanum dulcamara)
Pianta erbacea e rampicante con foglie ovali e apice appuntito.
Il fiore è formato da cinque petali violacei e da un pistillo giallo
111
intenso. Diffusa in tutta Italia. Nel Parco del Mincio è presente
nelle zone umide.
Il suo nome deriva dall’unione di due parole latine “dolce”
e “amaro” in quanto nella piante è presente una sostanza
tossica che conferisce alla pianta un sapore doce e poi amaro.
Iris giallo (Iris pseudacorus)
Pianta erbacea con foglie lunghe e nastriformi, il fiore è giallo.
Comune nelle zone umide.
La parola Iris significa arcobaleno.
Carice (Carex sp.)
Pianta erbacea cespugliosa con foglie lunghe, sottili e
taglienti.
Comune nelle zone umide.
Presente nel Parco del Mincio con numerose specie negli
ambienti umidi.
Morso di rana
Morso di rana (Hydrocharis morsus – ranae)
Pianta galleggiante con foglie cuoriformi con piccoli fiori
bianchi formati da tre petali.
Vive nelle acque stagnanti. Difficile da osservare all’interno del
Parco.
Castagna di Lago (Trapa natans)
Pianta galleggiante con fusto ancorato al fondo. Il fusto ha
lunghe radici verdi, le foglie superiori sono disposte a rosette
con un lungo picciolo vescicolare. Il fiore è molto piccolo,
bianco a quattro petali separati. Il frutto è legnoso con due o
quattro spine laterali.
Vive nelle acque stagnanti con fondo fangoso. È comune in
tutta l’Europa temperata.
Il frutto è commestibile, Il sapore ricorda quello della castagna
anche se in realtà è meno dolce.
Castagna di Lago
112
Flora Schede
Ninfea bianca (Nymphea alba)
I fusti sommersi sono carnosi e possono arrivare a una
profondità di circa due metri, le foglie sono tondeggianti. I fiori
bianchi hanno numerosi petali che si aprono al mattino per poi
richiudersi alla sera. Fiorisce da aprile a settembre.
Pianta acquatica diffusa nei laghi e negli stagni di tutta Italia,
necessita però di acque molto tranquille e pulite. Nel Parco
del Mincio si può trovare nelle acque più ferme e pulite della
Riserva Naturale Valli del Mincio (di solito in presenza di
risorgive).
Nymphea deriva dal greco nymphe ed è un ricordo delle ninfe,
divinità dei fiumi e dei laghi.
Ninfea bianca
Fior di loto (Nelumbo nucifera)
Pianta acquatica a rapida crescita, con foglie rotonde, grandi
anche fino a 70 cm e a forma di coppa. Le foglie possono
emergere dal pelo dell’acqua per oltre un metro. La piena
fioritura, nei nostri laghi, avviene nei mesi di luglio e agosto.
Il fiore è di grandi dimensioni e con un profumo molto intenso,
ha un colore rosa carico al mattino che “impallidisce” durante il
giorno per azione del sole.
Il Fior di Loto presente nei nostri laghi è una specie originaria
dell’Asia. Portato dalla naturalista mantovana Maria Pellegreffi
negli anni venti; attualmente si è così diffuso che è diventato
un notevole problema ecologico per i laghi di Mantova.
Il Fior di Loto è un fiore sacro per Induisti e Buddisti. In India è
uno dei simboli nazionali.
Fior di loto
Sulle foglie del loto l’acqua non viene trattenuta, ma scivola
via in tante goccioline che si formano grazie alla loro superficie
idrorepellente, portando con sé la fanghiglia e i piccoli insetti
che in essa si trovano e mantenendo la foglia pulita.
Con la nanotecnologia si cerca di riprodurre l’effetto loto in
vernici, tegole, tessuti ed altre superfici che resteranno pulite e
asciutte come le foglie del loto.
Fruizione
114
Fruizione: ecoturismo e didattica
Fruizione: ecoturismo e didattica
3HGDODUHOXQJRLO¿XPH
La bicicletta rappresenta una delle opportunità
per visitare il territorio del Parco del Mincio.
Tre itinerari affascinanti e suggestivi in cui ci
si può immergere accompagnati dal suono
dell’acqua del fiume Mincio che scorre. Gli
aspetti che possiamo cogliere sono vari: dai
richiami naturalistici, a quelli storici e culturali.
I percorsi si snodano tra i rilievi delle colline
moreniche e la ricca pianura mantovana,
tra strade sterrate e piste ciclabili asfaltate,
seguendo l’andamento sinuoso del paesaggio
modellato dall’acqua e dal tempo.
Mantova-Peschiera (40 km.)
Segmento della “Ciclopista del Sole” che
attraversa la Penisola da Nord a Sud, il
percorso inizia a Peschiera del Garda
ed è segnalato da cartelli indicatori. Il
primo tratto costeggia la riva destra del
fiume, caratterizzata da un filare dI pioppi
cipressini, dopo circa 4 km si giunge in
BIcicletta
prossimità di Ponti dove si può deviare per
una variante interna di 5 km circa attorno al
Monte della Guardia. A 7 km circa si giunge
a Monzambano e da qui si può deviare
per Castellaro Lagusello (10 km a/r)dove
si snoda un percorso di 9 km attorno al
Monte Tondo. A Monzambano si attraversa
l’omonima diga, il percorso continua in
sponda sinistra del fiume fino a Pozzolo e
poi in sponda sinistra del canale Scaricatore
fino a Soave attraversando la ex strada
statale Goitese con un sottopassaggio.
Per raggiungere Mantova si prosegue la
ciclopedonale in sponda destra del Diversivo
fino al quartiere di Cittadella, dove il percorso
si innesta, nei presi della Darsena Canottieri,
nel sistema delle ciclabili sulle rive dei laghi
e fino al centro storico di Mantova.
In alternativa a Pozzolo, prima del ponte
sul Mincio si segue la strada comunale
verso Goito attraversando le frazioni di
Ferri, Falzoni e Torre, si sceglie la riva
destra dello Scaricatore fino a Goito
dove si attraversa il Mincio e seguendo
la comunale in sponda sinistra a Maglio ci
si può collegare all’itinerario proveniente
da Grazie. Interessante, più a monte, il
reticolo di stradine tra Monzambano e
Borghetto, passando per Olfino e dintorni
fino a raggiungere Volta Mantovana con
un itinerario ad anello attorno a Monte
della Maddalena rientrando ai Molini della
Volta nelle vicinanze di Pozzolo. Nessuna
difficoltà, pendenze lievi solo nel primo tratto.
Mn-Grazie-Rivalta-Bertone-Fontana-Mn (km. 35)
Il percorso ciclabile si sviluppa per circa 35
km e comprende tratti di strada sterrata.
Partendo da Mantova (parcheggio piazzale
115
Porta Mulina (a 1 km. circa dalla stazione
ferroviaria) si scende per imboccare la
ciclabile periurbana dei laghi, si attraversa
il giardino di Belfiore, si percorre via Silvio
Pellico e su sterrato si giunge a Borgo
Angeli proseguendo sul nuovo percorso
sino alla frazione Grazie. Da Grazie, borgo
affacciato sulla Riserva Naturale delle
Valli del Mincio (accesso da piazzale del
Santuario), prosegue una ciclo pedonale che
porta a Rivalta sul Mincio. Lungo il percorso
possibilità di visitare il piccolo bosco di Monte
Perego con bellissimi sentieri nell’ontaneto
rimboschito dal Parco. Arrivati a Rivalta si
scende verso il fiume nel cuore della zona
umida dove c’è anche un Centro visite del
Parco del Mincio e un centro di ricezione
turistica (ecomuseo dei mestieri del fiume,
ostello, noleggio canoe, pontile imbarcazioni
per escursioni sul fiume). Si torna nell’abitato
di Rivalta per attraversarlo e si prosegue
in direzione Sacca (fermarsi ad osservare
la quercia ultracentenaria) imboccando la
nuova ciclopedonale che arriva fino a Goito.
Dal centro paese una strada sterrata sulla
destra conduce al manufatto regolatore
dove inizia il Canale Diversivo scolmatore
delle acque di piena del Mincio (località
Casale). Superato il fiume si continua sulla
sponda destra del canale. Prima di Maglio
si devia a sinistra per raggiungere il Parco
delle Bertone. Si riprende il percorso verso
Soave seguendo la ciclopedonale lungo il
Canale Diversivo, deviando a sinistra per
Bosco Fontana e riprendendo la ciclabile
che riporta in città.
Pietole – Bagnolo San Vito (Km. 6.8)
Da località Pietole Vecchia parte un nuovo
percorso ciclo-pedonale che permette di raggiungere, oltre che l’abitato di Bagnolo San
Vito, anche il sito archeologico Etrusco del
Forcello. La località Pietole Vecchia è raggiungibile anche a piedi da Mantova da Bosco Virgiliano seguendo il percorso arginale in
sponda destra del Mincio lungo la zone umida
della riserva Naturale della Vallazza. Lungo
il percorso si incontra un forte napoleonico,
proseguendo, dopo circa 500 metri si può deviare a sinistra per scendere in prossimità del
fiume e al nuovo porticciolo turistico, oppure
a destra scendendo dall’argine fino alla piazzetta dove inizia il percorso ciclopedonale.
Proseguendo invece dritto sull’argine si può
costeggiare il fiume fino a Governolo. Possibili anche navigazioni in motonave da Mantova
al pontile di Pietole.
Modi diversi per navigare il Mincio
Se si vuole conoscere il fiume navigando,
uno dei modi migliori per coglierne i silenzi
e i segreti, c’è solo l’imbarazzo della
scelta. Le possibili rotte sono determinate
dalla conformazione idraulica del fiume
che è navigabile solo a partire da Rivalta
sul Mincio e che vede separati da salti
d’acqua non bypassabili i laghi Superiore
e di Mezzo. La flotta disponibile (sono 6 le
compagnie o gli operatori della navigazione
attivi lungo l’asta del Mincio) permette di
effettuare escursioni su battelli ecologici
(con motore elettrico o a energia solare)
nel delicato ecosistema della riserva
naturale delle Valli del Mincio o di effettuare
116
Fruizione: ecoturismo e didattica
navigazioni brevi o di lunga durata a bordo
di attrezzate motonavi attorno alla città di
Mantova e fino allo sfocio del Mincio in Po
e oltre, fino alla laguna veneta.
Navigare il Mincio
Navigazione nell’Alto Mincio
Nella parte alta del Mincio, ovvero da Peschiera del Garda a Goito, il fiume è navigabile solamente con canoe, ma è vivamente
sconsigliata la navigazione da Monzambano
a Pozzolo per la presenza di salti e pericolosi
manufatti idraulici.
Navigazione in battello
E’ possibile effettuare escursioni in battelli
elettrici o a propulsione mista sul lago
Superiore di Mantova e nella Riserva
Naturale delle Valli del Mincio, una delle
zone umide interne più vaste d’Italia,
compresa tra Rivalta ed il lago Superiore
di Mantova che appare come un dedalo di
canali immersi in un’ampia distesa di canneti
e cariceti, vegetazione tipica degli ambienti
palustri di pianura. La navigazione con
mezzi di modeste dimensioni permette di
apprezzarne il fascino e di osservare da vicino
numerose specie vegetali quali ninfee, fiori
di loto, castagne d’acqua, ibischi di palude.
La Riserva Naturale è l’ambiente ideale per
la sosta stagionale e la nidificazione di molti
uccelli tra i quali aironi, anatre, cigni, svassi,
folaghe, falchi di palude, usignoli di fiume
e molti altri. Procedendo lentamente ed in
silenzio con il motore elettrico è possibile
udire il tipico canto dei cannericcioni e delle
cannaiole che costruiscono i loro nidi appesi
alle canne palustri. La durata di questa
tipologia di navigazione va da un minimo
di un’ora ad un massimo di due ore ed è
possibile imbarcarsi e sbarcare a Rivalta sul
Mincio, Grazie di Curtatone, Mantova località
Belfiore e Mantova località Porta Mulina.
Nella stagione estiva, durante i pleniluni, è
possibile effettuare suggestive navigazioni
al tramonto.
Navigazione e crociere in motonave
Dal Lago di Mezzo di Mantova fino alla foce
del Mincio in Po è possibile la navigazione
con motonavi che permettono di apprezzare
le ampie distese d’acqua dei Laghi di Mezzo e
Inferiore e del profilo gonzaghesco di Mantova.
Oltre i laghi ci si immerge nella Riserva
Naturale della Vallazza, dove il Mincio si
impaluda in una vasta zona umida che ricopre
una superficie di 500 ettari e rappresenta, in
stadi differenziati, la spontanea evoluzione
delle anse fluviali. Un ampio specchio lacustre
occupa la porzione centrale della Riserva,
117
bordato da canne palustri, mentre le vaste
golene sono occupate da carici, boscaglie
di salici, pioppi bianchi e ibridi. Durante la
stagione primaverile e quella estiva, nelle
grandi anse fluviali dove l’acqua è ferma,
possiamo ammirare le distese di ninfee e di
castagne d’acqua. La Riserva Naturale della
Vallazza ospita colonie di aironi e molte specie
di uccelli tra i quali il picchio, il pendolino, il
martin pescatore, il porciglione, la folaga, la
gallinella d’acqua e molti altri. Al termine della
distesa d’acqua della Riserva il fiume Mincio
riprende il suo percorso incassato tra gli alti
argini artificiali fino a Governolo e Sacchetta
di Sustinente, dove sfocia nel Po.
A piedi per scoprire il paesaggio
'DO*DUGDDO3R il territorio dell’area protetta
offre infinite possibilità di escursioni a
piedi che si possono effettuare nell’arco di
poche ore o di una intera giornata. Molte
Gruppo a piedi
mete sono integrabili e possono essere
raggiunte, quando distanti tra di loro, con
un mezzo di trasporto. Quelli che seguono
sono spunti di visita elencati seguendo il
corso del fiume, dall’Alto al Basso Mincio.
Gli approfondimenti relativi alle varie
destinazioni citate sono reperibili nelle
pagine di questa pubblicazione.
Riserva Naturale di Castellaro Lagusello: dalle
vie dell’antico borgo medievale affacciato
sul piccolo laghetto di origine glaciale, le cui
rive sono caratterizzate dalla presenza di
boschi di ontano e da vegetazione palustre,
si dipartono i sentieri che si addentrano nei
boschi di roverella e cerro, caratteristici
dell’ambiente collinare. La valenza ecologica
di quest’area è testimoniata ad esempio dalla
fioritura primaverile di specie rare come la
pulsatilla montana e le orchidee. Oltre 50
specie di uccelli nidificano tra i boschi e le
zone umide.
118
Fruizione: ecoturismo e didattica
Da Forte Ardietti a Monte della Guardia: nel
territorio di Ponti sul Mincio, partendo dal
forte napoleonico, un percorso naturalistico
tra prati aridi, zone umide e rilievi collinari
punteggiati da torbiere, querce e carpini.
Castelli dell’alto Mincio - A Volta Mantovana,
Mozambano, a Ponti sul Mincio oppure a
Valeggio un percorso a tappe nei diversi
abitati permette di entrare nel vivo della storia,
osservando i vari modi di incastellamento e
lo stretto legame tra uomo e paesaggio,
tra confini politici e confini naturali, tra
sfruttamento del suolo e risorse.
La Bassa dei Bonomi e le sponde del Canale
Virgilio
In prossimità dell’argine del fiume Mincio
troviamo due boschi planiziali unici nel
loro genere esistenti nella zona nei quali si
intrecciano un paio di percorsi immersi nei
boschi di cerro. Poco distante l’argine del
diversivo Mincio sul quale la passeggiata si
può prolungare a piacere a nord o a sud.
Il Bosco-giardino Bertone e il Centro Parco
cicogne: Il giardino romantico che ospita il
centro visite del Parco del Mincio (aperture
nei festivi da marzo a ottobre, negli altri
periodi su prenotazione per i gruppi) permette
di trascorrere una pausa all’ombra di piante
secolari autoctone ed esotiche e di osservare
le cicogne bianche ospitate nel centro
reintroduzione.
L’antica foresta dei Gonzaga: Bosco Fontana
è un’importante residuo della foresta
planiziale padana, una sorprendente realtà
di fitto bosco di querce e carpini nel cuore
della piatte pianura. Larghi viali fiancheggiati
da piccoli corsi d’acqua intersecano ampi
spiazzi erbosi. Gestita dal Corpo forestale
dello Stato, l’area è chiusa al pubblico nelle
giornate di martedì e venerdì.
Rivalta sul Mincio e l’ecomuseo del fiume: il
centro visite è affacciato sul fiume e al suo
interno è allestito un museo etnografico
con percorso espositivo che evidenzia in
particolare la geomorfologia del territorio,
la sua evoluzione dalla preistoria all’era
moderna e le attività che, fino a pochi decenni
fa, hanno permesso la sopravvivenza
dell’uomo nell’ambiente palustre. Possibile
abbinare nolo canoa o navigazione fluviale
nella zona umida delle Valli del Mincio.
Monte Perego: tra gli abitati di Rivalta sul
Mincio e Grazie di Curtatone vi è uno degli
ultimi boschi di ontano nero della Pianura
Padana. Il nucleo originario era grande
circa un ettaro, ma grazie agli interventi di
forestazione del Parco attualmente il bosco
si sviluppa per circa 5 ettari. Possibile
proseguire la camminata su percorso ciclopedonale fino a Rivalta o alle Grazie
Mantova, rive del Lago di Mezzo e del Lago
Superiore: lungo le rive dei laghi è stato
realizzato il parco periurbano, un percorso
attraverso il quale si possono scegliere
diverse destinazioni. Dal cuore di Mantova
(lungolago Gonzaga) una diramazione porta
verso Campo Canoa e Sparafucile oppure,
passando al di sotto del ponte di San Giorgio
e di quello di Porto Catena, si può costeggiare
119
in sponda destra o sinistra il lago Superiore.
Il Parco della Scienza si sviluppa per circa un
chilometro lungo il percorso ed è composto
da una quindicina di installazioni ideate per
sperimentare direttamente le leggi della fisica.
Vallazza - Forte di Pietole
Nei pressi di bosco Virgiliano si raggiunge
l’argine nei pressi della Riserva Naturale
della Vallazza e di lì con un lungo un percorso
pedonale in mezzo alla campagna è possibile
raggiungere, lambendo un Forte Napoleonico,
la frazione di Pietole,
Pietole – Forcello
Percorso ciclopedonale che attraverso la
campagna raggiunge il sito archeologico
etrusco del Forcello.
Chiavica del Moro
In sponda sinistra del fiume, piccola zona
umida in comune di Roncoferraro nella quale
in un ex casello idraulico il Parco ha realizzato
un punto di avvistamento avifauna (aperto
solo per in gruppi, su prenotazione). Nei
vari periodi dell’anno si alternano numerose
specie di uccelli acquatici di grande interesse
quali aironi, anatre, gallinelle d’acqua e
cormorani.
La foce
Nel territorio di Governolo e Sacchetta
il Mincio sfocia nel grande Po e se si
cammina sull’argine si può osservare il punto
esatto in cui i due fiumi si incontrano e le
acque di colore differente si mescolano. E’
interessante osservare le opere idrauliche
della Conca del Bertazzolo, se ne osservano
i ruderi, e della Conca di San Leone con il
passaggio di alcune motonavi. Proseguendo
la camminata sull’argine verso Sacchetta non
più fiancheggiati dal Mincio, ma dal fiume Po,
si può osservare la vegetazione tipica delle
rive fluviali: canne palustri e distese di pioppi.
L’educazione ambientale nel parco
Da anni il Parco del Mincio accoglie
scolaresche di ogni ordine e grado
proponendo loro diverse attività: dalle visite
guidate di mezza giornata o giornata intera
attraverso il territorio del Parco, ai progetti
didattici in classe, dai laboratori didattici ai
cred estivi.
Le visite guidate comprendono diversi itinerari
tra cui boschi (ad esempio il bosco-giardino
Bertone, il Bosco della Fontana, la Riserva
di Castellaro Lagusello), musei (ad esempio
il Museo Etnografico di Rivalta sul Mincio),
centri parco, camminate lungo le sponde dei
Laboratorio artistico sulle
cicogne delle Bertone
120
Fruizione: ecoturismo e didattica
laghi o riserve naturali, navigazioni e la loro
durata varia da un minimo di un’ora ad un
massimo di sei ore. Sono modulate all’età dei
partecipanti.
I SURJHWWL GLGDWWLFL di 'HVWLQD]LRQH 0LQFLR,
inizialmente svolti grazie al contributo della
Fondazione Cariverona e della Provincia
di Mantova, nascono per promuovere una
positiva identità territoriale, avvicinandosi ad un
valore ambientale e paesaggistico che spesso
viene sottostimato solo perchè “a portata di
mano”.
I progetti sono suddivisi in tre aree tematiche
quali l’Area Naturalistica, l’Area Ecologica e
l’Area Storico-Culturale e sviluppano argomenti
che riguardano la fauna e la flora locali, l’acqua,
l’inquinamento, la biodiversità ed il paesaggio
che ci circonda. Ogni sessione didattica dura
mediamente sette ore suddivise in due lezioni
in classe di due ore ciascuna ed un’uscita sul
territorio della durata di tre ore. Sono rivolti agli
studenti della scuola primaria.
I ODERUDWRUL GLGDWWLFL comprendono sia brevi
attività ludico educative e modulabili per
differenti fasce di età, affiancabili alle visite
guidate, sia magiche esperienze, pensate
per bambini e famiglie, realizzabili durante le
aperture festive dei centri parco. Sono giochi
ed esperimenti finalizzati a guidare i bambini
ed i ragazzi alla scoperta dell’ambiente che li
circonda e far loro comprendere la necessità di
salvaguardarlo.
I FUHG HVWLYL si svolgono al Centro Parco
Bertone a Goito e rappresentano un modo
diverso di trascorrere la pausa estiva:
all’insegna della scoperta del mondo naturale
e della piacevolezza di trascorrere le calde
mattinate d’estate all’aria aperta riparati
dalle fronde di alberi secolari, giocando con
l’educazione ambientale. I moduli delle attività
sono suddivisi per settimane ed ogni settimana
ha un diverso tema conduttore (gli alberi,
l’acqua, gli animali,..); una mattina di ciascuna
Educazione ambientale: mimetismo e materiali prodotti nelle attività con le scuole
121
settimana è dedicata allo sport con piscina per
tutti. Per informazioni dettagliate sui percorsi
e sui costi e per le prenotazioni è attiva una
segreteria didattica dal lunedì al venerdì dalle
ore 10 alle ore 12 . Telefonare al numero 0376
228320 oppure inviare un fax al numero 0376
228330 oppure scrivere una e-mail all’indirizzo:
[email protected]
L’ecoturismo e le visite guidate
Per favorire la conoscenza, la conservazione,
la fruizione, la valorizzazione del Parco del
Mincio, delle attività e dei servizi di Educazione
Ambientale e di Ecoturismo che si svolgono
all’interno dell’area protetta, il Parco del Mincio
si è proposto come punto d’incontro per le singole realtà come associazioni, piccole imprese, consorzi, cooperative sociali, che da anni
quotidianamente “traghettano” piccole e grandi
comitive attraverso l’ecosistema Mincio. Ne è
nata una sorta di “Network natura”: la rete delle
associazioni dell’ecoturismo e della didattica
nel parco, Decine di migliaia di escursioni gui-
date nell’area protetta a piedi, in bicicletta, in
canoa in barca o in motonave si svolgono ogni
anno accompagnando scolaresche o turisti del
verde, di giorno o anche sotto le stelle; centinaia di interventi didattici vengono effettuati in
classe o all’aperto per avvicinare i bimbi all’educazione ambientale; laboratori, osservazioni
naturalistiche e corsi per insegnanti o per le
famiglie si susseguono nell’arco di ogni anno.
E’ questa la gamma delle diverse modalità di
fruizione dell’area protetta “parco del Mincio”
anche attraverso la consulta ecoturistica, che
permette di unire le forze dei diversi operatori privati per co-progettare moduli didattici e
pacchetti di fruizione del Parco. Un esempio di
momenti di cooperazione e co-progettazzione
è dato dal calendario di Escursioni Primaverili
ed Autunnali: i diversi operatori uniscono le loro
forze per proporre assieme al Parco escursioni
alla scoperta degli angoli meno frequentati e
meno conosciuti del territorio del Parco o per
“toccare con mano” i progetti e le realizzazioni
del Parco.
122
%LEOLRJUD¿D
6H]LRQLJHRORJLFDJHRPRUIRORJLFD
DPELHQWDOHQDWXUDOLVWLFD
AA. VV., La città e il fiume, appunti per una
didattica della storia di Mantova, Catalogo
della Mostra 7 gen/20 feb 1983 e Dicembre
s. a., Mantova
ARNOLD E. N., BURTON J. A., Guida
dei Rettili e degli Anfibi d’Europa, Muzzio
Editore 1986
ASSOCIAZIONE PER IL PARCO o.n.l.u.s.,
Appunti per la conoscenza del Parco del
Mincio, Inedito, Mantova, 2008
AZZI E., Mantova e il problema dei suoi
laghi, Mantova 1958
CHIUSOLI A., Guida pratica agli Alberi
e Arbusti in Italia, Selezione Reader’s
Digest, Milano 1983
CROSATO E., GROSSI G., PERSICO G.,
VOLTOLINI G., La vegetazione dei colli
morenici del Garda, fiori e funghi, Publi
Paolini Mantova 1986
DALL’ARA R., Mantova, Passeggiando per i
70 comuni, Amm. Prov. EPT, Mantova 1984
FERRARI C. Guida pratica ai Fiori
Spontanei in Italia, Selezione Reader’s
Digest, Milano 2001
FOZZER F., MASON F., Mammalofauna
della Riserva Naturale Orientata dello Stato
di Bosco Fontana, Ministero dell’Agricoltura
e delle Foreste, Verona 1990
FRANCHINI
D.
A.,
LUPPI
M.,
MARTIGNONI C., PERSICO G., La riva
del lago Superiore, materiali per una
ricerca sull’ambiente naturale, Amm. Prov.
Mantova 1984 (I^ ed. Scuola, Museo,
Ambiente 1980)
FRANCHINI D. A., Mantova Ambiente
Naturale e Umano, Tipografia Commerciale
Cooperativa, Mantova 1989
FRANCHINI D. A., ROSSI M. G., AGOSTI
B., Bosco virgiliano: un parco-giardino alla
porta di casa, Comune di Mantova 1983
LONGO L., NADALI A. Vertebrati di un
bosco planiziario padano, BOSCO DELLA
FONTANA, Arcari Editore, Mantova 2001
MARANI E., Il paesaggio lacustre… p. II^,
Civiltà mantovana 1967 (II,11):361-387
MARANI E., Indicazioni documentarie
fondamentali sulle tre cerchie di Mantova,
Civiltà mantovana 1970 (IV,22):225-240
MARINI G., PERSICO G., MARTIGNONI C.
Atti del convegno Settimana Mondiale delle
zone umide, Mantova 22-28 marzo 1999
MARTIGNONI C., I quaderni del Parco del
Mincio, 3 - Aironi, Publi Paolini, Mantova 2001
MARTIGNONI C., I quaderni del Parco
del Mincio, 4 - Anatre, Oche e Cigni, Publi
Paolini, Mantova 2002
MARTIGNONI
C.,
PERSICO
G.,
FRANCHINI D. A., Flora e fauna del Mincio,
Amm. Prov. e Provv. Studi Mantova 1985
MASON F., CERRETTI P.,TAGLIAPIETRA
A., SPEIGHT M.C.D., ZAPPAROLI M.,
Invertebrati di una foresta della Pianura
Padana, BOSCO DELLA FONTANA, Arcari
Editore, Mantova 2002
PERLINI S., Seminario “ La Riserva
Naturale delle Valli del Mincio: un
ecosistema da conoscere e conservare”
Settimana Mondiale delle zone umide,
Mantova 22-28 marzo 1999
PERSICO G., I quaderni del Parco del
123
Mincio,1 - Piante Acquatiche, Publi Paolini,
Mantova 2001
PERSICO G., Guida alla Flora di Bosco
Fontana, Giorgio Persico, Mantova 1998
PERSICO G., I quaderni del Parco del Mincio,
2 - Alberi, Publi Paolini, Mantova 2002
PERSICO G., TRUZZI A., Manuale per lo
studio della flora e della vegetazione delle
Zone Umide della Pianura Padana, Publi
Paolini, Mantova 2008
PETERSON R., MOUNTFORT G.,
HOLLOM P., Guida agli Uccelli d’Europa,
Muzzio Editore 1988
PIGNATTI S., Flora d’Italia, Calderini,
Bologna 1982
6H]LRQLVWRULFRDUWLVWLFKH
Per un maggior approfondimento si
rimanda alle pagine storiche/culturali/
turistiche di ogni singolo sito web dei
comuni trattati. Inoltre si può consultare
la seguente bibliografia specifica per temi
e/o periodi storici.
MARANI E., Il paesaggio lacustre di
Mantova tra l’antichità romana e il medioevo
I^, Civiltà mantovana 1967 (II,8),pp. 93-114
MARANI E., Il paesaggio lacustre… p. II^,
Civiltà mantovana 1967 (II,11), pp.361-387
BORIANI E., Castelli e torri del mantovano,
Brescia 1969
CASSI RAMELLI A., La diga-ponte di
Valeggio sul Mincio, Civiltà mantovana
1977 (XI,63-64), pp.153-172
AA. VV., La città di Mantova nell’età di
Maria Teresa, Mantova 1980
AA.VV. La Lombardia di Virgilio
(Bimillenario Virgiliano), R. Lombardia
1981
COMBA R., Archeologia e storia delle
campagne (sec. X-XV), Archeologia
medievale 1983 (X), pp.89-110
MARANI E., Un ingegnere romanico:
Alberto Pitentino, Civiltà mantovana n. s.
1984 (2), pp.1-8
Misurare la terra: centuriazioni e coloni
nel mondo romano – il caso mantovano
catalogo della mostra; Modena 1985
Gli Etruschi a Nord del Po, a c. R. DE
Marinis, Mantova 1986
VAINI M., Dal Comune alla Signoria, Mantova
dal 1200 al 1328, Angeli Milano 1986
GOBBETTI C., Passeggiando lungo il
Mincio. Itinerario nella natura del fiume
virgiliano. Mantova
CAMERINI S., AMATI A., Manto verde.
Guida alla conoscenza del territorio
mantovano. Mantova 1992
SARZI R., Cinque secoli di storia del
Consorzio di Bonifica Fossa di Bozzolo
Mantova 2000
Musei, cultura e territorio. Guida ai
musei di Mantova e provincia. Tre Lune,
Mantova 2002
Mincio Parco Laboratorio. Cultura e
tecniche di manutenzione e valorizzazione
del paesaggio a c. R. Pugliese Chieri 2003
MONDINI G., Il naviglio di Goito ed i suoi
opifici. 500 anni di storia Mantova 2004
PREVIDI L., MARINI G., Il Mincio e la sua
valle, tra natura e agricoltura. Parco del
Mincio, Mantova 2008
Prima edizione febbraio 2009, aggiornamento e ristampa gennaio 2013
Comune di Volta Mantovana
Comune di Marmirolo
PARCO DEL MINCIO
piazza Porta Giulia 10
Cittadella 46100 Mantova
tel. 0376-22831 / fax 0376-362657
e-mail: [email protected]
www.parcodelmincio.it
www.terredelmincio.it
Fly UP