...

Destino dei principi nutritivi

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Destino dei principi nutritivi
Destino dei principi nutritivi
DIGESTIONE
Demolizione
nelle molecole costitutive
ASSORBIMENTO
TRASFORMAZIONE METABOLICA
Produzione di energia
glucosio, ac. grassi ,AA
Turnover proteico
amminoacidi
Metabolismo
E’ l’insieme di tutte le reazioni chimiche
che avvengono negli organismi viventi;
tutte queste reazioni, catalizzate da
molecole enzimatiche, producono ed
utilizzano energia
VIE METABOLICHE
in cui le molecole sono trasformate attraverso una serie di reazioni chimiche
in altre molecole per mezzo dell’azione sequenziale di enzimi.
Ogni reazione chimica rappresenta uno stadio metabolico ( o“step”
metabolico)
Le reazioni chimiche
Tutte le trasformazioni della materia dove le
sostanze iniziali (reagenti) diventano altre sostanze
(prodotti) sono reazioni chimiche.
ENERGIA DI ATTIVAZIONE
Perché una reazione chimica possa avvenire, si devono rompere i legami preesistenti e si
devono eventualmente formare nuovi legami.
Affinché una reazione chimica avvenga è necessario:
• le molecole si urtino
• urto efficace, nel senso che le molecole che si urtano devono avere un
contenuto energetico tale da permettere loro di formare il complesso
attivato (R+--- X -) ad alto contenuto energetico e bassa stabilità.
Il livello energetico a cui è localizzato il complesso attivato si chiama stato di
transizione.
Energia e reazioni chimiche
•
le reazioni chimiche modificano le sostanze che costituiscono un sistema e
questo fatto determina inevitabilmente anche un cambiamento del suo
patrimonio di energia chimica. L’energia chimica del sistema prima della
reazione corrisponde alla somma dell’energia chimica di tutte le sostanze
reagenti. L’energia chimica del sistema al termine della reazione
corrisponde a quella delle sostanze prodotte e può accadere che essa sia
maggiore o minore di quella delle sostanze reagenti.
Velocità di una reazione
Fe + O2
Na + H2O
•
•
Fe2O3
reazione lenta
NaOH
reazione veloce e violenta
Concentrazione dei reagenti
L'influenza della concentrazione dei reagenti sulla velocità di reazione, può essere
facilmente compresa se si tiene conto che per reagire, due particelle devono venire in
reciproco contatto. E' chiaro che, maggiore è la concentrazione dei reagenti, più è
probabile un loro reciproco contatto.
Superficie di contatto
La velocità delle reazioni chimiche dipende dalla superficie di contatto tra le due fasi. Tanto
maggiore è la superficie di contatto tanto maggiore è la velocità di reazione.
Temperatura
Come regola del tutto generale e quindi puramente orientativa, un aumento di temperatura di
10°C può fare raddoppiare ma anche triplicare la velocità di una reazione chimica. Un
applicazione di questo principio si ha nella conservazione degli alimenti nella quale si ricorre
alla refrigerazione che, mediante un abbassamento di temperatura, determina una
diminuzione della velocità di decomposizione dei cibi.
Catalizzatori
ENZIMI
Tutte le reazioni che avvengono nelle cellule sono
reazioni catalizzate.
I catalizzatori di tali reazioni prendono il nome di
enzimi
Gli enzimi sono costituiti principalmente da
molecole proteiche globulari.
CATALISI ENZIMATICA
Un modo per accelerare una reazione è quello di aggiungere un enzima (E). E si
lega alle molecole R-X per formare il complesso attivato (E-R+---X-) il cui stato
di transizione è più basso rispetto a quello della reazione non catalizzata.
Gli Enzimi catalizzano tutte le reazioni che
avvengono nell’ambiente cellulare dove le
condizioni di temperatura e concentrazione
esistenti
comporterebbero
tempi
di
reazione molto lunghi.
Gli enzimi: meccanismo di
azione
Modello chiave-serratura: il substrato si lega al sito attivo
come la chiave in una serratura.
Modello dell’adattamento indotto: la struttura dell’enzima si
adatta a quella del substrato.
Gli enzimi: meccanismo di
azione
•
•
•
•
•
•
La velocità delle reazioni catalizzate da enzimi è influenzata da
fattori quali:
concentrazione dell’enzima
concentrazione del substrato
Temperatura
pH
Presenza di inibitori
Gli enzimi: classificazione
Cofattori enzimatici
Alcuni enzimi richiedono la presenza di composti organici
noti come “coenzimi”
e/o ioni metallici e composti
inorganici (cofattori) per l’attivazione.
I coenzimi e i cofattori sono specie chimiche separate
che si legano agli apoenzimi mediante interazioni
elettrostatiche, legami H e forze di van der Waals a dare
un sistema attivo complesso detto oloenzima.
Apoenzima + Coenzima e/o Cofattore = Oloenzima
(inattivo)
(inattivo)
(attivo)
Metabolismo
Somma delle reazioni enzimatiche che
avvengono nella cellula
Si divide in:
Catabolismo
Anabolismo
Catabolismo
Fase degradativa del metabolismo.
Le macromolecole vengono scisse nelle
molecole di base.
L’energia liberata dalla rottura dei legami
viene utilizzata per sintetizzare ATP
Anabolismo
Fase biosintetica del metabolismo
Vengono sintetizzate le macromolecole della
cellula.
L’energia necessaria deriva dall’idrolisi
dell’ATP
Catabolismo
Reazioni spontanee
Anabolismo
Reazioni non favorevoli
da un punto di vista energetico
Cibo = energia chimica
Il combustibile per la macchina del nostro corpo
è il cibo, un insieme di molecole che
possono venir bruciate ottenendo energia
L’uomo può utilizzare solo l’energia che si sprigiona dalla
rottura dei legami chimici delle molecole del cibo
Ossidazione
catabolismo
molecole cibo
complesse
energia
Molecole semplici
Fabbisogno energetico totale
giornaliero
Si compone di
• Metabolismo basale (necessità di energia in uno stato di completo riposo
fisico, mentale e digestivo)
• Fabbisogno energetico di attività
• Termogenesi
• La termogenesi è il processo attraverso il quale l'organismo produce
calore per mantenere la temperatura corporea costante.
• Azione Dinamico Specifica degli alimenti – ADS
surplus calorico, da parte dell'organismo impegnato nella digestione,
nell'assorbimento e nella metabolizzazione dei nutrienti dei cibi.
METABOLISMO DEGRADATIVO DEI CARBOIDRATI
I carboidrati rappresentano la fonte energetica più
importante per il nostro organismo.
FASE DIGESTIVA
Come per tutte le molecole che assumiamo con la dieta, devono
generalmente subire processi di demolizione e semplificazione,
complessivamente definiti con il termine di digestione, per poter essere
assimilati. La maggior parte dei carboidrati viene assimilata sotto forma di
monosaccaridi, e in particolar modo di glucosio..
ASSORBIMENTO
Dopo l’assorbimento intestinale, il glucosio è ridistribuito ai diversi
tessuti ed organi. Ormoni specifici, quali l’insulina e il glucagone,
intervengono per regolare questo fenomeno e contribuire al mantenimento
di valori glicemici costanti.
Nessun carboidrato è essenziale, in quanto possono comunque essere sintetizzati
dall’organismo a partire da altre molecole, tuttavia svolgono funzioni fondamentali
nell’organismo. La loro importanza può essere ben compresa considerando per esempio il
fatto che il metabolismo neuronale si basa prevalentemente sul glucosio: infatti il
cervello ne consuma circa 120 grammi al giorno.
L’acqua e la masticazione contribuiscono a sciogliere i cibi secchi e a
creare un ambiente idoneo per l’attacco enzimatico. L’amilasi salivare è
capace di idrolizzare in modo specifico i legami α -1-4-glucosidici.
L’amido inizia così ad essere parzialmente demolito in composti più
semplici come le α -destrine, con 5-10 residui di glucosio ed eventuali
punti di ramificazione, maltotriosio e maltosio.
Il succo gastrico non esercita alcun effetto enzimatico sui
carboidrati, la cui semplificazione viene invece continuata nel
piccolo intestino.
A livello intestinale l’α -amilasi pancreatica continua l’azione di
quella salivare attaccando lo stesso tipo di legami glicosidici (α -1-4glucosidici).
Il completamento della digestione avviene ad opera di enzimi localizzati
sull’orletto a spazzola degli enterociti. Qui l’enzima isomaltasi è in
grado di scindere il legame α -1-6-glicosidico presente nelle destrine
limite, mentre le maltasi semplificano il maltotrioso e maltosio a
glucosio.
Eventuali disaccaridi, quali il saccarosio e il lattosio, sono attaccati
in questa sede da enzimi specifici denominati rispettivamente lattasi
e saccarasi..
GLICOLISI
La glicolisi avviene in tutte le cellule. Essa rappresenta
la principale via di utilizzo del glucosio, ma anche del
fruttosio e del galattosio provenienti dall’alimentazione.
Si tratta di un insieme di razioni chimiche, catalizzate
da opportuni enzimi, che portano alla trasformazione di
una molecola di glucosio, con sei atomi di carbonio e
fosforilato in posizione 6 dall’esochinasi, in due
molecole di piruvato, ciascuna con tre atomi di
carbonio.
Acido piruvico
GLICOLISI
ATP(Adenosin-trifosfato)
Il magazzino di energia
delle nostre cellule
nicotinammide adenina dinucleotide
Forma ossidata
Forma ridotta
Trasporta elettroni
METABOLISMO DEGRADATIVO DELLE PROTEINE
GLI ENZIMI CHE CONSENTONO LA DIGESTIONE
Indispensabile per l’utilizzazione delle proteine, sono peptidasi o
proteasi dette:
• endopeptidasi (quando idrolizzano i legami peptidici all’interno
della molecola, generando spezzoni polipetidici)
• esopeptidasi (quando attaccano il legame peptidico terminale
della catena polipeptidica).
I frammenti polipeptidici possono essere ulteriormente demoliti
rimuovendo l’aminoacido con l’aminogruppo libero (aminopeptidasi)
o quello con il gruppo carbossilico libero (carbossipeptidasi).
Una dipeptidasi libera gli aminoacidi dai dipeptidi
NH2
COOH
endopeptidasi
esopeptidasi
STOMACO
• Nel cavo orale non avviene nessun
processo digestivo a carico delle
proteine, la 1° fase digestiva avviene
nello stomaco ad opera di una
endopeptidasi, la:
• Pepsina
• Si tratta di un enzima idrolitico che
attacca i legami peptidici delle proteine
alimentari, formati da aminoacidi
aromatici (tirosina, fenilalanina)
PEPSINA
La pepsina viene prodotta in una forma inattiva (detta generalmente zimogeno), il:
pepsinogeno
L’attivazione del pepsinogeno a pepsina avviene auto-cataliticamente ad opera dell’acido
cloridrico prodotto dell’ambiente gastrico.
L’attivazione consiste nel distacco di un peptide
• I prodotti principali originatisi dall’azione della pepsina sono:
 Grossi frammenti peptidici (peptoni) e alcuni piccoli peptidi e
Aa liberi
NH2
COOH
COOH
NH2
NH2
COOH
Peptoni
NH2
COOH
Oligo peptidi + Aa
• La liberazione di HCl e pepsinogeno è sotto il controllo di un
ormone enterico, chiamato:
• gastrina
• La gastrina è un ormone peptidico (formato da 17 Aa) viene
prodotta dalle cellule della mucosa dell’antro gastrico e la sua
liberazione nel lume gastrico avviene quando arriva il cibo,
tramite riflessi nervosi, che si generano in seguito alla
distensione dello stomaco
• Il pH gastrico ha un valore di circa 2, quindi molto basso, ed è a
questo valore di pH che agisce la pepsina.
• Il pH acido ha una duplice funzione:
 uccidere la maggior parte dei micro- organismi introdotti con il
cibo
 provocare la denaturazione delle proteine della dieta, che
diventano più suscettibili all’azione della pepsina
Duodeno
•
•
•
•
•
La digestione delle proteine continua nel duodeno.
Il chimo acido (contenente i peptoni, gli oligo peptidi e Aa liberi) viene
riversato nel duodeno e stimola alcune cellule epiteliali ad attività
endocrina presenti in questo tratto
Queste cellule producono due ormoni enterici:
colecistochinina
secretina
• A livello duodenale il pH è ancora acido dovuto alla presenza
del chimo intriso di HCl.
• I due ormoni agiscono:
• primariamente nel rilasciare soluzioni alcaline in grado di
bloccare l’acidità
• secondariamente stimolano il rilascio del succo pancreatico,
ricco di enzimi digestivi
Proteasi pancreatiche
• Il succo pancreatico contiene tre
zimogeni (proteasi inattive):
Tripsinogeno
Chimotripsinogeno
Procarbossipeptidasi
I primi due sono delle endopeptidasi,
l’ultimo e una esopeptidasi . Tutti e tre
vengono trasformati in forma attiva nel
duodeno.
• Il fattore chiave per l’attivazione di questi tre enzimi è
l’enzima: enterocinasi prodotto dalle cellule duodenali
all’arrivo del chimo.
• Si tratta di un enzima proteolitico che trasfoma:
• Tripsinogeno
Tripsina
• La tripsina a sua volta attiva il:
• Chimotripsinogeno
Chimotripsina
• e
• Procarbossipeptidasi
Carbossipeptidasi
•L’azione combinata dei tre enzimi a livello duodenale porta alla
liberazione di moltissimi Aa e alla formazione di piccoli peptidi (2-8
residui) che vengono ulteriormente digeriti da altri enzimi prodotti
dalle cellule dell’intestino tenue(Aminopeptidasi, , Dipeptidasi)
•Gli Aa liberi formatisi vengono assorbiti dalle cellule epiteliali
attraverso sistemi di trasporto proteici specifici.
Il destino degli aminoacidi in eccesso è quindi quello di essere indirizzati
verso il metabolismo energetico previa rimozione dei gruppiα-amminici. Lo
scheletro carbonioso che rimane, un α-chetoacido, entra, in qualche
modo, nel ciclo di Krebs
METABOLISMO DEGLI AA
•
•
Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non
vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti
Transaminazione
Per transaminazione si intende staccare il gruppo amminico
dall’aminoacido che dovrà, come sempre avere un accettore
•
•
Queste reazioni sono catalizzate da enzimi citoplasmatici o mitocondriali
chiamati transaminasi o aminotransferasi.
METABOLISMO DEI LIPIDI
Il grasso che mangiamo viene assorbito nell’intestino per poi arrivare al fegato; da qui
il grasso ha bisogno di essere distribuito al resto del corpo al fine di essere usato per
la produzione di energia o depositato nelle cellule adipose. Il fegato converte il grasso
in due tipi di lipidi:
colesterolo,
trigliceridi.
Il colesterolo ed i trigliceridi vengono poi incorporati in strutture chiamate lipoproteine
per essere distribuiti alle cellule adipose attraverso il circolo sanguigno. I tre tipi di
lipoproteine sono:
1.Lipoproteine a densità molto bassa o VLDL (molto ricche di trigliceridi)
2.Lipoproteine a bassa densità o LDL (contenuto intermedio tri; alto col)
3.Lipoproteine ad alta densità o HDL (contenuto basso tri; alto col)
LDL ed HDL: trasportano il colesterolo nel circolo sanguigno. Mentre le LDL hanno lo
scopo di cederlo ai tessuti, le HDL sono deputate alla rimozione del colesterolo
presente in eccesso nel plasma
TRASPORTO dei lipidi nel sangue
•
•
•
I lipidi vengono trasportati nel sangue
sottoforma di aggregati micellari
lipoproteici ( LIPOPROTEINE ) capaci
di formare sospensioni stabili.
Tali formazioni risultano costituite
dall’aggregazione di detti lipidi con
PROTEINE IDROFILICHE
(APOLIPOPROTEINE), mediata da forze
non covalenti.
L’assenza di legami covalenti consente
lo scambio dei costituenti lipidici e
proteici fra le varie lipoproteine e fra
lipoproteine e membrane cellulari.
•
•Le principali lipoproteine del plasma hanno struttura GLOBULARE nella
quale apoproteine, fosfolipidi e colesterolo formano un involucro di
spessore molecolare (monolayer) entro il quale sono racchiusi, segregati
dall’ambiente esterno acquoso, i lipidi idrofobici: triglicerdidi e
colesterolo esterificato.
UTILIZZAZIONE DEI LIPIDI A SCOPO ENERGETICO
Beta ossidazione
L'ossidazione mitocondriale degli acidi grassi avviene in tre fasi.
Nella prima fase, definita ß ossidazione, gli acidi grassi subiscono un
distacco ossidativo di unità bicarboniose sottoforma di acetil-CoA, iniziando
dall'estremità carbossilica della catena idrocarburica (e dal carbonio β o C3).
Volendo fare un esempio, l'acido palmitico ha 16 atomi di carbonio, e subisce
sette passaggi ossidativi, perdendo ad ogni passaggio una molecola di acetilCoA. Al termine dei sette cicli, anche gli ultimi due C (15 e 16) diventano
acetil-CoA, pertanto si ottengono complessivamente 8 acetil-CoA
dall'ossidazione dell'acido palmitico
2-3 fase
CICLO DI
KREBS
LE VIE CATABOLICHE PRINCIPALI
PROTEINE
AMINOACIDI
POLISACCARIDI
GLUCOSO
TRIGLICERIDI
GLICEROLO
ACIDI GRASSI
PIRUVATO
CITOSOL
ACETIL-CoA
MITOCONDRIO
OSSIGENO
CICLO DI KREBS
CATENA
RESPIRATORIA
pag. 42
CICLO DI KREBS o ciclo degli acidi tricarbossilici
Il ciclo di Krebs è una sequenza ciclica di reazioni che avviene nei mitocondri
di tutte le cellule degli organismi aerobi. E’ catalizzato da un sistema multienzimatico
che agisce sul gruppo acetile dell’ acetil-CoA e lo scinde in CO2 e atomi di idrogeno in
forma di ioni idruro (H ).Questi vengono trasportati, lungo una sequenza di proteine
trasportatrici di elettroni, all’ossigeno molecolare che viene ridotto ad acqua. Durante
questo trasporto si produce energia che viene immagazzinata come ATP
(fosforilazione ossidativa).
Bilancio energetico della ossidazione aerobica
di 1 molecola di glucosio attraverso la glicolisi,
la reazione della piruvato deidrogenasi (trasformazione del
piruvato in Acetil-CoA), il ciclo di Krebs e la fosforilazione
ossidativa:
32 molecole di ATP
30 molecole ATP
nei reni, nel fegato e nel cuore
nel muscolo e nel cervello
Il trasferimento di 2 elettroni dal NADH all’O2 produce circa 2.5 molecole di
ATP
Il trasferimento di 2 elettroni dal FADH2 all O2 produce circa 1.5 molecole di
ATP
In che modo il glucosio, gli
amminoacidi e gli acidi grassi
entrano all’interno della cellula ?
Fly UP