...

— SONO IL FALLIMENTO PIÙ RIUSCITO DELLA MIA VITA —

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

— SONO IL FALLIMENTO PIÙ RIUSCITO DELLA MIA VITA —
Rolando de Luca
Psicologo, Psicoterapeuta. Fondatore nel 1993 e responsabile del Centro di Terapia di
Campoformido per giocatori d’azzardo e loro familiari dove conduce, settimanalmente,
dieci gruppi terapeutici. Uno dei massimi esperti italiani nel campo della dipendenza
da gioco d’azzardo, è autore di numerose ricerche e pubblicazioni e collabora con
diverse strutture pubbliche e private. Coordina i contenuti del sito www.sosazzardo.it
dell’Associazione A.GIT.A. di Campoformido.
[email protected]
www.sosazzardo.it
Edizioni Goliardiche
ISBN XXX-XX-XXXX-XXX-X
SONO IL FALLIMENTO PIÙ RIUSCITO DELLA MIA VITA
Include il dvd “ZEROPER – Rimettersi in gioco”, un documentario del regista
Francesco Russo di recentissima produzione inerente la problematica del gioco
d’azzardo patologico, raccontato dalle testimonianze dirette dei giocatori e di esperti
di fama nazionale in questo ambito. Il dvd è prodotto da Indimagefilm.
Rolando De Luca
Questa raccolta è composta da oltre duecento battute umoristiche emerse
nel contesto della terapia di gruppo per giocatori d’azzardo e loro famiglie
di Campoformido (Udine), nell’arco di dieci anni di sedute con dieci gruppi
differenti; include diverse espressioni dell’umorismo terapeutico: motti di
spirito, giochi di parole, lapsus o semplici errori grammaticali o concettuali
di particolare comicità, tutto materiale rigorosamente autentico. La curiosità
del suo curatore, il Dott. Rolando De Luca, è stata attratta dalla peculiare
frequenza con la quale la leggerezza, come spinta da una necessità interna
alle persone, scaturisse spontaneamente in un contesto tanto impregnato
di sofferenza. Cogliendo la palla al balzo, il terapeuta è dunque riuscito
nel tempo a combinare la terapia con un’analisi, ben presto condivisa con
il gruppo, proprio di questa necessità tanto singolare della psiche umana:
trovare l’umorismo nella drammaticità.
Ci troviamo di fronte ad un lavoro che si è andato “co-costruendo” ed è
diventato nel tempo una vera e propria collaborazione di tutti nella ricerca di
un sorriso tra le lacrime, un processo che può definirsi esso stesso come uno
strumento terapeutico di grandissimo valore e di squisita umanità.
Rolando De Luca
—
SONO IL FALLIMENTO
PIÙ RIUSCITO
DELLA MIA VITA
Manuale per uscire ridendo dal giogo d’azzardo
—
Edizioni Goliardiche
Rolando De Luca
SONO
IL FALLIMENTO
PIÙ RIUSCITO
DELLA MIA VITA
—
Manuale per uscire ridendo
dal gioGo d’azzardo
© 2013 Edizioni Goliardiche, Trieste
Tutti i diritti sono riservati.
Progetto grafico e impaginazione: Alessandra Bergagna
Immagine di copertina: Mauro Pertot
Il testo è composto in carattere Plantin.
www.edizionigoliardiche.it
a Luigina
Introduzione
di Susanna Petri
“Uscire ridendo dal giogo d’azzardo”! Non esiste espressione più
adeguata per definire lo spirito di questo libro. Si tratta infatti di una
raccolta di oltre duecento tra battute umoristiche, lapsus, errori grammaticali, giochi di parole e spontanei motti di spirito emersi nel contesto della terapia di gruppo per giocatori d’azzardo e loro famiglie
di Campoformido (Udine) nell’arco di 10 anni di sedute con dieci
gruppi differenti, composti da giocatori e loro familiari.
Questa raccolta ha una storia. Nel corso della sua esperienza infatti
il Dott. Rolando De Luca, a partire da una sua innata tendenza alla
ricerca dell’ilarità in qualsiasi situazione, in parte intuitivamente e in
parte consapevolmente ha ricercato nelle innumerevoli storie, a volte
estremamente tragiche, una scintilla di leggerezza, annotando minuziosamente qualsiasi aspetto faceto emergesse spontaneamente nel
corso delle sedute.
Dividendo così la sua attenzione tra la drammaticità e la spensieratezza che paradossalmente, ma al contempo armoniosamente, si combinavano tra loro nel corso delle sedute, questo intuitivo psicoterapeuta
ha notato, seduta dopo seduta, la peculiare frequenza con la quale la
leggerezza, come spinta da una necessità interna alle persone, scaturisse spontaneamente in un contesto tanto impregnato di sofferenza.
Senza farsi sfuggire questo aspetto, e favorito in ciò dalla sua propensione al “paradosso”, è riuscito nel tempo a combinare la terapia con
un’analisi dapprima personale, ed in seguito condivisa con il gruppo,
proprio di questa necessità tanto singolare della psiche umana: trovare
l’umorismo nella drammaticità.
Fin dall’inizio, e sempre di più nel corso degli anni, i gruppi hanno accettato positivamente questa eccentrica proposta del loro psicoterapeuta,
credendoci sempre di più e facendo propria l’attitudine a cogliere il lato
divertente dei vissuti condivisi, indipendentemente dalla loro tragicità.
Possiamo dunque parlare di un lavoro che, da un certo momento in
poi, si è andato “co-costruendo” ed è diventato nel tempo una vera e
propria collaborazione di tutti nella ricerca di un sorriso tra le lacrime.
Per collaborazione intendiamo in alcuni casi l’emergere di affermazioni del terapeuta, condivise ed accolte dal gruppo con una disponibilità
positiva sempre più spiccata a far entrare il buonumore nel contesto
terapeutico; altre volte, ci riferiamo a proposte spontanee di spunti comici da parte degli stessi membri del gruppo, immediatamente messe
a fuoco e incentivate dal terapeuta.
In entrambi i casi, il raggiungimento dell’obiettivo di re-integrare la
sostanziale polarità affettiva della personalità umana, espressa nelle
sue componenti seria e faceta, in un contesto in cui il dolore tenderebbe a sopprimere le risorse e l’umano bisogno di leggerezza, si è potuto
considerare estremamente facilitato, in perfetto accordo con la finalità
della terapia stessa.
Un altro aspetto importante dell’umorismo in terapia, come viene
concepito in questa sede, è il perdurare nel tempo e l’estendersi oltre
lo spazio terapeutico dell’effetto benefico delle battute emerse nelle
sessioni di gruppo.
Una risata spontanea, fiorita in mezzo all’angoscia più o meno intensa
di una seduta di gruppo, si associa sempre ad una momentanea ma
importante dissoluzione della tensione dolorosa del processo terapeutico. Questo conferisce all’umorismo nato in terapia un’energia sufficiente per uscire dal gruppo ed accompagnare chi l’ha condiviso per
un tempo ben più esteso rispetto all’esperienza puntuale. Le battute
più belle diventano infatti parte dell’identità del gruppo, della sua sto6
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
ria, e vengono ricordate e tramandate nel tempo ai nuovi membri, trasformandosi in un vero e proprio patrimonio collettivo di buon umore
e diffondendo il loro effetto anche a coloro che non erano presenti nel
momento in cui sono emerse.
Così come la terapia entra nelle case e si “contagia” a chi non è presente, allo stesso modo il divertimento sperimentato in terapia viene
“contagiato” ai figli, ai partner, e in generale a coloro che comunque
condividono la dolorosa realtà del giocatore, e che in questo modo ne
possono trarre beneficio.
Ma cosa s’intende per “valore terapeutico” dell’umorismo?
Il Dott. De Luca, in base alla sua esperienza decennale con i gruppi e
partendo dal presupposto che non possa esistere un gruppo che lavori
con l’umorismo senza un terapeuta che sia genuinamente interessato
all’umorismo come strumento, propone la ricerca del divertimento in
terapia come una vera e propria metodologia di lavoro, più o meno
condivisibile, con una sua precisa funzione nel processo di cambiamento terapeutico.
A partire dalla prima richiesta di aiuto, spesso telefonica, di coloro
che diverranno futuri membri del gruppo, fino alla quotidianità del
processo terapeutico, secondo il Dottor. De Luca un umorismo usato
con discrezione e soprattutto sottolineato nel suo presentarsi spontaneamente e naturalmente in terapia come risorsa naturale dell’essere
umano, pur in una condizione di sofferenza, crea un clima che abbassa l’ansia e l’ostilità in molte situazioni cruciali, come per esempio
all’entrata in gruppo di nuovi membri.
Per coloro che chiedono aiuto ed arrivano in terapia in condizioni disperate - afflitti non solo da un problema economico concreto, quanto
soprattutto da un’insieme di vissuti tragici, affettivamente connotati
da un’onnipresente senso di colpa e costellati da dinamiche familiari
autodistruttive - riuscire a ridere, o meglio darsi il permesso di trovare il lato divertente dell’essere membri di un gruppo di psicoterapia
insieme ad altri come loro, diventa la chiave di volta per rimettere in
moto dei meccanismi sani bloccati da generazioni.
Introduzione7
Il paradosso della battuta nella tragedia e il suo impressionante potere
catartico divengono dunque la testimonianza della versatilità della terapia stessa, nella quale le potenzialità di cambiamento molto spesso
vengono alla luce in tempi e spazi impensabili ed offrono al terapeuta
attento un ventaglio di possibilità terapeutiche che non si limita alla
semplice applicazione di un metodo strettamente “convenzionale”.
De Luca arriva a parlare dell’umorismo in terapia come di una “tecnica mascherata”. Ciò che infatti è apparentemente spontaneo, leggero,
estraneo alla terapia in sé, viene infatti usato dal terapeuta con una
finalità ben precisa e ha una sua struttura, in paradossale accordo con
l’uscita dalle regole standard che l’esperienza umoristica in quanto
tale rappresenta per la persona.
Nell’utilizzo dell’umorismo in terapia, è infine importante sottolineare il concetto di responsabilità del terapeuta nell’usare uno strumento in grado di entrare direttamente nella vita del paziente, a volte in
modo superficialmente irriverente ma con la straordinaria facoltà di
squarciare senza ferire, di ottenere il permesso divertito di chi mette
la propria vita nelle mani di un professionista e di un gruppo di persone per uscire cambiato da questa esperienza. E’ perciò importante
tenere conto di quanto la leggerezza di chi soffre rimanga sempre e
comunque un dono prezioso e delicato, un’offerta che il gruppo fa e
si fa, e che come tale va maneggiato con cura e rispetto, perché solo
così potrà produrre cambiamento.
8
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Dati tecnici sulla raccolta
Come anticipato nell’introduzione, questa raccolta include diverse
espressioni dell’umorismo terapeutico: in alcuni casi si tratta di motti
di spirito, in altri di giochi di parole, in altri ancora di semplici errori
grammaticali o concettuali di particolare comicità.
Si tratta di materiale autentico, emerso nel contesto di più di dieci anni
di sedute di gruppo presso il Centro di terapia per giocatori d’azzardo
e loro famiglie di Campoformido (Udine) e annotato minuziosamente
dal Dott. Rolando De Luca nel corso della terapia, con la collaborazione e il consenso dei membri di ogni gruppo.
Le battute sono state divise in categorie, in base alle loro caratteristiche
peculiari. Ognuna di esse ha un titolo, che in qualche modo riprende
l’umorismo della battuta, completandone il senso e favorendone la
comprensione (che non sempre risulta diretta, a causa della specificità
del contesto in cui le battute riportate hanno origine).
Non viene fatta distinzione in base all’ “artefice” delle battute (del
quale è indicato sotto ogni battuta un nome di fantasia), che in certi
casi sono gli stessi giocatori, in altri sono le loro mogli, i fratelli o altri
familiari presenti in terapia, e in molti altri casi è lo stesso terapeuta.
La lettura è scorrevole e relativamente semplice, connotata immancabilmente da una clima faceto e ironico, del quale forse l’unico neo è la facoltà di mascherare fin troppo bene il “lato oscuro” della terapia, quello
di un’umanità sofferente che lotta per sopravvivere e ritrovare la pace.
Ci auguriamo quindi che nel leggere questa raccolta di battute, e nel
sorridere di quanto in essa viene presentato con tale finalità, non ci si
dimentichi di tener conto di quanto sia prezioso di per sé il sorriso, e
di quanto sia costato a coloro che hanno saputo mostrarlo comunque
in terapia, dimenticandosi per un momento di essere “il fallimento più
riuscito della propria vita”.
Introduzione9
— la
coppia —
Separazione dei beni
Noi siamo una coppia di single
[ Pietro, fratello ]
—
Polarità coniugale
Io e lei siamo come una batteria;
io sono il polo negativo, lei quello positivo.
[ Mauro, giocatore ]
—
Conosci te stesso?
Sono così geloso di mia moglie
che quando a letto lei si spoglia le dico
“Si ricomponga”!
[ Giorgio, giocatore ]
—
On the road
Siano una coppia che parte spesso per la tangenziale!
[ Stefania, moglie ]
—
Bed & Breakfast
Domanda: Voi due convivete?
Risposta:… Beh, a mezza pensione!
[ Dario, giocatore ]
—
La coppia13
Il potere dei sogni
Ho scelto lui perché nella mia fantasia
andava tutto bene.
[ Oriana, moglie ]
—
La classe non è acqua
Facciamo baruffe di una certa qualità
[ Sergio, giocatore ]
—
Wild boys
Siamo assieme, ma single nell’anima
[ Mauro, giocatore ]
—
Confessioni di un fidanzato
Con lei mi sento sempre un plebeo!
Si chiama Patrizia
[ Stefano, marito ]
—
Un amore (in) saldo
Nella coppia nulla è scontato
[ Claudia, moglie ]
—
14
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Love Story
È stato un bellissimo matrimonio
anche perché è durato pochi giorni!
[ Thomas, giocatore (ed ex marito) ]
—
Coppia anticonformista
Avevano deciso che nessuno doveva andare al matrimonio.
Neppure gli sposi.
[ Luigi, fratello ]
—
Spontaneità
La moglie al marito:
“Ti do cinque minuti di tempo per dirmi cosa provi per me!”
[ Mara, moglie ]
—
Care vecchie abitudini
Lui è sempre lo stesso, come il primo giorno che mi ha incontrata;
da subito mi ha picchiata e continua a farlo.
[ Loredana, moglie ]
—
La logica dello sgabello
Il matrimonio è pesante: bisogna essere in tre a portarlo.
[ Claudio, giocatore ]
—
La coppia15
Affinità elettive
Le coppie che si innamorano
di solito poi si separano.
Quindi quando due si incontrano e litigano
in modo furioso fin dal primo incontro
potrebbe essere che in realtà
siano fatti uno per l’altro
[ Ivan, giocatore ]
—
Affinità elettive, al cubo
Lui: “Io sono una persona quadrata”
Lei: “Io una cubista”
[ Patrick ed Elena, giocatore e fidanzata ]
—
Coppia benestante
Lei: “Sono arrabbiata, mi metti in secondo piano!”
Lui: “Vuoi l’attico?”
[ Clara, moglie, 45 anni; Loris, giocatore ]
—
Coppia discreta
Litighiamo in silenzio!
[ Elena, moglie ]
—
16
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Coppia teatrale
Le coppie appena si innamorano
dovrebbero simulare la separazione.
Le coppie che si separano
dovrebbero simulare l’innamoramento
[ Loris, giocatore ]
—
Coppia cronologica
Taci tu che ti sopporto da più tempo: sono nata prima di te
[ Betta, moglie (due anni più vecchia di suo marito) ]
—
Volere è potere
“Prima eravamo amici poi la relazione si è voluta”
[ Ivan, giocatore ]
—
Coppia strategica anglosassone
Io e te per dialogare dobbiamo trovare una chiave comune.
Quella inglese potrebbe andare!
[ Stefania, moglie ]
—
Coppia, no grazie
Sono un vedovo con la moglie viva.
[ Egidio, giocatore (… e marito abbandonato) ]
—
La coppia17
Tappe della vita
Domanda: Il prossimo passo diventerete conviventi.
E poi?
Risposta (ottimista): Single!
[ Marco, giocatore ]
—
The sound of silence
Dopo la prima fase di innamoramento
l’atteggiamento nella coppia muta;
nel senso che non si parla più.
[ Angela, madre e moglie ]
—
Passatempi di coppia
Il perché non ha mai importanza.
Per noi è importante litigare!
[ Elena, moglie ]
—
Investimenti a rischio
Lui: “Ho tanti debiti
e credo proprio che tu non mi abbia scelto per interesse”.
Lei: “Beh per interesse passivo.”
[ Fabrizio e Flavia, giocatore e moglie ]
—
18
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
La logica dello sgabello 2
Nella coppia siamo alla pari.
Il problema è quando si è dispari.
[ Carlo, padre ]
—
60 Kg di compagnia
Quando pesavamo 60 kg in più
avevamo preso un letto a tre piazze.
Ci sentivamo in tre.
[ Alice, moglie ]
—
Precauzioni
Lui arriva a letto sempre dopo di me
e si alza prima di me;
sa… per evitare il contatto.
[ Gloria, moglie ]
—
Correttezza anzitutto
Litighiamo in modo onesto
[ Patrick, giocatore ]
—
La coppia19
— la
famiglia —
Previdenza
Siamo quattro fratelli,
più uno di scorta
[ Fabio, fratello ]
—
Per fortuna che c’è papà!
“Dico sempre a mio figlio:
Non mancare di rispetto alla mamma!
A quello ci penso già io!”
[ Piero, giocatore e padre ]
—
Vizi di famiglia
Mio fratello mi fa squillare
in continuazione il telefonino.
È un fratello squillo.
[ Elena, sorella ]
—
Eredità al contrario
La mamma è una prepotente,
ha preso tutto dalla figlia
[ Oliviero, marito e padre ]
—
La famiglia23
Occhio agli angoli
Nella famiglia ci sono punti di riferimento
e punti di ferimento
[ Betta, moglie ]
—
Paternità e matematica
Ho difficoltà a controllare il figlio numero tre
[ Oliviero, marito e padre ]
—
Strumentalizzazioni...
Matrimonio... chiuso
Ma... Chi uso? I figli, no?!
[ Rolando DeLuca, psicoterapeuta ]
24
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
definizioni,
— parallelismi —
e contraddizioni
Giocatore d’azzardo:
Iperattivo categorico
—
Niagara:
Ci sono sempre cascata con lui
—
Fallo di mano:
masturbazione
—
Acquattico:
attico allagato
—
Vincite al casinò:
anticipi sulle perdite
—
Stradivari:
Vari giocatori ridotti sulla strada
(perché in fondo il gruppo è un’orchestra)
—
Definizioni, parallelismi e contraddizioni27
Manuale d’uso del giocatore:
Libretto Distruzioni
—
Con-sorte:
la compagna del giocatore d’azzardo
—
Trovato finalmente il significato
delle idee e delle menti:
Ideementi.
—
Pessimista:
realista negativo
—
28
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— abbi
dubbi —
Dubbi infantili
La nipotina, riferendosi al fidanzato della zia
(giocatore d’azzardo indebitato):
Lui è uno zio-zio o uno zio-moroso?
[ Alice, nipotina ]
—
Dubbi esistenziali
Quesito ad un aspirante suicida:
“con..corda sul gesto che va a compiere?”
[ Rolando DeLuca, psicoterapeuta ]
—
Dubbi del sabato sera
Mi faccio uno spinello o una birra alla spina?
[ Ezio, giocatore ]
—
Dubbi attivi e passivi
Il problema non è cosa voglio dalla vita,
ma cosa la vita vuole da me!
[ Ezio, giocatore ]
—
Dubbi splatter
Lascia la scìa l’ascia?
[ Rolando DeLuca, psicoterapeuta ]
—
Abbi dubbi31
— ma
perché non tossico? —
Rave che passione
Passiamo sempre dei week end stupefacenti
[ Matteo, giocatore tossicodipendente ]
—
Paradossi
Rifiuto delle aspirazioni
[ Sandro, giocatore cocainomane ]
—
L’artista della nicotina
Una sigaretta fumata è come una pennellata di catrame
sulle corde vocali.
[ Rolando DeLuca, psicoterapeuta ]
—
On the road again!
Domanda: Dove è andato questa settimana?
Risposta: Al bar e in giro con l’auto.
Domanda: E dove è andato con l’auto?
Risposta: In un altro bar.
[ Antonio, giocatore e alcoolista ]
—
Fast job nell’azienda vinicola
Tornio subito
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Ma perché non tossico?35
Gradazioni
Stavo scherzando a 360 gradi
[ Antonio, giocatore e alcoolista ]
—
Il KiteCat è meglio affumicato!
Abbiamo fatto rientrare la zia dalle ferie in fretta e furia.
Per anni ha fumato nel sottoscala dove dormiva il gatto.
Poi lei è andata in ferie e il gatto era come impazzito
[ Flavia, padrona di un gatto tabagista ]
—
Sorpresa tossica!
Esterefatta
Ester è fatta
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Il sabato notte:
di frasca in ... palo
[ Ivan, giocatore ]
—
36
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— stati
d’animo —
Pesantezza
Eravamo seduti all’Arena di Verona su una pietra
a vedere un mattone.
[ Oliviero, marito ]
—
Ascolto attivo
Parlare della mia depressione con lei
è come parlare con una sordomuta
[ Giulio, marito ]
—
Magra consolazione
Quando lavo i piatti piango.
Loro sono gli unici ad essere solidali con me.
Li metto ad asciugare
e piangono anche loro con me.
[ Paola, moglie ]
—
Stress e urologia
Mia moglie è prostrata
io ho problemi alla prostrata.
[ Mauro, giocatore ]
—
Stati d’animo39
Pragmatismo
Sono svenuta quattro volte stamattina
Perché quando non so cosa fare svengo!
[ Laura, fidanzata ]
—
Tempi moderni
Spesso mi chiudo in me stesso e butto via la chiave.
Domanda: E come fa a riaprirsi?
Risposta: Col telecomando.
[ Mauro, giocatore ]
—
Talento musicale
È un periodo che sono sul depresso andante,
con brio.
[ Fabio, fratello ]
—
Problem Solving
“Signora Serena, si sente depressa?
Per cominciare, vada in anagrafe e cambi nome!”
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
40
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Crisi
Mi è venuto lo stop al cervello
[ Ivan, giocatore ]
—
Solitudine UVA
Qui alcune donne sono più abbronzate di altre
perché sono sole
[ Giulia, madre vedova ]
—
Morto per asporto!
L’altro giorno al Casinò
una persona è stramazzata al suolo stecchita.
Tutti hanno continuato a giocare,
come se nulla fosse accaduto.
È arrivata una barella
e hanno asportato il morto
[ Luca, giocatore ]
—
Decisamente ... Depressione
La depressione non ha né longitudine né latitudine.
È un buco nero nell’universo vuoto
[ Serena, moglie ]
—
Stati d’animo41
Cattiva cera
Sono infelice dentro e fuori.
[ Enza, giocatrice ]
—
Bipolarità
Un depresso in esilio diventa euforico.
Un euforico in esilio diventa depresso.
[ Mariangela, moglie ]
—
42
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— parole
sante —
Omega tre e buone intenzioni
La volontà è come il colesterolo, buona e cattiva.
Nelle dipendenze prevale quella cattiva.
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Sessismo
È facile per le ragazze andare bene a scuola.
Non hanno nient’altro da fare che studiare.
[ Alex, nipote ]
—
Sagge ricadute
Per uscire dalla dipendenza
ogni tanto c’è bisogno di toccarla ancora
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Comunicazione Sana
Noi non si litiga,
si parla solo a monosillabi, e solo se interrogati.
[ Diego, padre ]
—
Piaggione
Qualunque età tu abbia non la dimostri
[ Enrico, giocatore a sua moglie ]
—
Parole sante45
Geografia
Il polonio è vicino alla Romania
[ Andrea, giocatore ]
—
Mai dimenticare la fattura
Non scontri, ma scontrini
[ Anna, madre ]
—
Signor Dottore
Meglio morire sani!
[ Dora, moglie ]
—
Vie traverse
Entrata gratis al Casinò
Il problema è come se ne esce
[ Adriana, moglie ]
—
Cugini depravati
Lo Zio è il padre dei vizi
[ Ivan, giocatore ]
—
46
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Pentimenti del ca...glio
Io non recrimino sul latte versato
ma su quello da versare
[ Ada, giocatrice ]
—
Psicoterapeuta o Dio?
Tutto si può aggiustare, sono un meccanico della vita io
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Ipse dixit
Lei: quest’uomo è la negazione in persona
Lui: Non è vero
[ Massimo e Chiara, giocatori ]
—
Area di sosta per dipendenti
La dipendenza è come un colpo di sonno:
bisogna fermarsi.
[ Marcello, giocatore ]
—
Pochi concetti ma chiari
La cosa peggiore quando stai giocando
è che qualcuno ti rompa le palle.
[ Ivan, giocatore ]
—
Parole sante47
I consigli della nonna
Innamorati fino al punto in cui
puoi comunque rimanere sola
[ Nives, mamma ]
—
Chi primo arriva
Alla vita gli spazi vanno rubati
[ Piero, giocatore ]
—
Litigo ergo sum!
Una coppia che non litiga, non esiste
[ Sara, moglie ]
—
Effettivamente
Se si pota l’albero
L’albero non è più potabile.
[ Sergio, fratello ]
—
Dolce attesa pericolosa
Non aspettare troppo,
che poi entri nel ritmo dell’attesa e ci rimani!
[ Antonio, giocatore ]
—
48
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Conferme!
Lei: È difficile che Dario contraddica qualcuno; è vero Dario?
Lui: hai ragione Nadia
[ Dario e Nadia, giocatore e moglie ]
—
Cherchez la femme
Sorride e dice che è grave
significa che ha conosciuto una donna
[ Piero, giocatore ]
—
Consigli per la riproduzione
Col cane a passeggio si cucca
[ Ivan, giocatore ]
—
Il principio del Boomerang
Gli abbandoni non sono mai abbandoni
prima o poi tutti tornano
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Parole sante49
— punti
di vista —
L’età dello sviluppo
Lui è un tipo maturetto
[ Elena, moglie ]
—
Ottima scelta
Non mi andava di leggere
e allora quel giorno sono andata in libreria
[ Sara, moglie ]
—
Maschilismo e sottaceti
Come va con le donne?
È come pescare nel vasetto delle cipolline
[ Edi, giocatore ]
—
Dipendenza innanzitutto!
A un bivio tra proseguire sulla destra
e finire nel burrone cosa sceglie?
Dipende!
[ Thomas, giocatore ]
—
Punti di vista53
Priorità
Io non ho tempo di pensare
se con mio marito sto assieme o siamo separati.
Ho tante altre cose più importanti a cui pensare
[ Natalia, moglie ]
—
Le prospettive della ricaduta
Sono caduto nella tentazione di non ricadere.
[ Giorgio, giocatore ]
—
Accontentarsi di poco
Con l’EN si dorme!
Io mi faccio di quelle dormite
dalle sei alle sette di mattina
[ Anna, sorella ]
—
Di necessità virtù
La testa di Piero è ottima per battere il baccalà
[ Monica, moglie ]
—
Geometrie esistenziali
La vita non è piatta: è rotonda, anzi ondulata
[ Aldo, giocatore ]
—
54
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Non esageriamo
Il mio non è azzardo, è azzardino
[ Ivan, giocatore ]
—
Quel bastardo di Pinocchio
Non riesco a dire le bugie buone
[ Giorgio, giocatore ]
—
Il router e altre certezze
Sono una presenza costante, sono il wirless della famiglia
[ Edi, giocatore ]
—
Un po’ poeta e un po’ pirata
Da dove arriviamo?
Da uno spermatozoo che monta su una barchetta
e arriva nel porto della vita.
[ Rino, giocatore (e marinaio) ]
—
Vissuti
Io vivo tutto come confronto di idee,
lui vive tutto come spaccamento di maroni.
[ Massimo e Claudia, giocatore e moglie ]
—
Punti di vista55
Eufemismi
Un’artista di strada, sì insomma, una puttana.
[ Thomas, giocatore ]
—
Rom?
Faccio un trasloco relativo
[ Ezio, giocatore ]
—
Invidie femminili
A.: Mio marito è scappato
G.: La fortuna tocca sempre alle altre
[ Alice e Gianna, mogli ]
—
Partner o figurine?
Lei ha il doppione della coppia?
Si ho l’amante
[ Pietro, giocatore ]
—
Sbagliando si passa
Ho fatto un concorso facendo tantissimi errori.
Li ho riconosciuti e per questo l’ho superato a pieni voti
[ Luigi, giocatore ]
—
56
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Affermazioni osé
Ero da sposare, poi mi sono sposata;
adesso sono posata e posso osare
[ Stella, moglie ]
—
Piccolo è bello
Ho un mutuetto
[ Giuseppe, giocatore ]
—
Seducenti bugie
Lui aveva lo charme da imbroglione
[ Silvia, giocatrice ]
—
SOS Agenda
Dovremmo organizzare la nostra vita
in base ai nuovi impegni che non avremo più
[ Mario e Giada, giocatori ]
—
Genio incompreso
Anche io ho suonato ogni giorno per dieci anni al conservatorio
ma non mi hanno mai aperto
[ Ivan, giocatore ]
—
Punti di vista57
L’uomo ideale
Ho fatto sesso e sapete cosa ho visto? Un pupazzetto
[ Grazia, fidanzata ]
—
L’autostima dei quadrati
Se chiedo a un quadrato
quali sono i suoi lati positivi e quali quelli negativi,
cosa mi risponde?
[ Ezio, giocatore ]
58
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— flora
e fauna —
La bestia che c’è in lui
Mio marito urla come Tarzan;
per il resto assomiglia a Cita
[ Anna, moglie ]
—
Maschi e licheni
Mio marito è un piccolo vegetale sul divano
[ Stefania, moglie ]
—
Saggezza equina
Lascia pensare i cavalli
che hanno la testa grande!
[ Alessia, sorella ]
—
Questioni esistenziali
Lo struzzo strizza l’occhio
anche sotto la sabbia?
[ Marco, giocatore ]
—
Licantropia e dintorni
Mia cognata è una donna bestia
[ Adriana, moglie ]
—
Flora e fauna61
Canguri e azzardo
Sono un giocatore saltuario
salto da un tavolo verde all’altro
[ Ennio, giocatore ]
—
SOS protezione animali
Fuoco alle micie!
[ Giorgio, giocatore ]
—
Pipistrelli e azzardo
L’idea del gioco rimane impigliata nei capelli
[ Marta, giocatrice ]
—
Ornitologia
Il picchio è un ottimo pugile
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
62
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— gastronomia —
Siamo quello che mangiamo
Mensa sana in corpore sano!
[ Ester, moglie ]
—
Tavoli verdi
Al ristorante il giocatore d’azzardo chiede sempre il tris
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Capitan Findus insegna
La catena del freddo dei surgelati va sempre mantenuta.
Con le dipendenze è la stessa cosa,
una volta smesso non si può ricominciare.
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Topografia della nutrizione
La dieta? Ho fatto dei passi in avanti.
Durante il pranzo mi sposto
dalla cucina alla sala da pranzo.
[ Edi, giocatore ]
—
Massime
Il gruppo è come l’anguria:
per sapere come è bisogna entrarci
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
Gastronomia65
— la
psicoterapia —
è una cosa seria
Teoria e Pratica
Freud era un Es-tre-mista
(un misto di ES-Io e SUPER IO)
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Psicologia femminile
Menopausa, la definitiva fine del ciclo mestruale.
Ma un ciclone psicologico!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Padelle e braci
Dal Casinò alla terapia.
Dagli assi in avanti ai passi in avanti.
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Satanismo...
Questi gruppi sono delle “sette”;
usciamo e andiamocene a giocare al lotto!!!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Contorsionismo mentale
La terapia non è cercare risposte
ma modificare il futuro senza la possibilità di avere controprove
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
La psicoterapia è una cosa seria69
Disturbo cronico
Sono da ventisette anni la sua fidanzata
[ Erica, (ancora) fidanzata ]
—
Dopo due anni di terapia
Terapeuta: Come va con sintomo?
Paziente: Sintomo di cosa?
Terapeuta: Molto bene, molto bene.
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Festa in maschera
Io adesso faccio il morbo di Parkinson
[ Gianni, padre ]
—
Dura realtá
Una sola seduta con la psicologa?
Seduta e abbandonata!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
L’ormone terapeutico
Il gruppo ha dei cicli
La terapia termina con la menopausa
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
70
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Protagonismo
Ho talmente tante richieste
che pago le persone che rinunciano alla terapia
[ Massimo, giocatore ]
—
Dipendenza da gruppo
Voi siete i miei datori di lavoro
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Massima psicoterapeutica
Ora et rie-labora
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
E non serve avere le palle
Con tutte le battute che fa lei va in vacanza a Winbledon
[ Edi, giocatore (al terapeuta) ]
—
La psicoterapia è una cosa seria71
— poesia
e filosofia —
Filosofia di vita
Quando sei felice non urlare troppo
perché puoi risvegliare la tristezza
che ha un sonno molto lieve.
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Novello Socrate:
Che io sappia, non lo so!
[ Marco, giocatore ]
—
Rodin insegna
Dalla seduta pesante,
alla seduta pensante
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Alfieri on the beach!
Volley sempre volley, fortissimamente volley
[ Stefano, giocatore ]
—
Haiku (genere poetico giapponese famoso per la sua ermeticitá)
La vita è un sogno,
che lascia il segno
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Poesia e filosofia75
Madre di un soldato?
Come sta suo figlio?
Come d’autunno le foglie sugli alberi
[ Fabiana, mamma ]
—
Dolce Stil Novo
Non ho giocato,
non ero in possesso del vil denaro necessario all’uopo
[ Mauro, giocatore ]
—
Sincronicità Junghiane
È mai uscito con una ragazza?
Si, io uscivo, la ragazza entrava.
[ Ivan, giocatore ]
—
Machiavelli era Sloveno
Il confine giustifica i mezzi
[ Piero, giocatore ]
—
Insostenibile leggerezza dell’essere ... ingegnere
Lei dice e fa cose campate in aria.
Faccio ponti.
[ Dino, giocatore (..e ingegnere edile) ]
—
76
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Rap esistenziale
Dicono che il caso
Passi sotto il naso
Lo prendi tra le dita
Ci perdi anche la vita!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Edonismo
Epicuro = da happy-curo: filosofo che cura la felicità
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Vietato fare domande:
Cartello appeso fuori dal Casinò:
“lasciamo perdere”
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Ansia dialettica
Il filosofo degli ansiosi:
Hegel (tesi, antitesi, sintesi)
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Poesia e filosofia77
— affermazioni
azzardate —
La forza dell’esperienza
Il giocatore di lotto: “Ho lottato tutta la vita, io!”
[ Luca, giocatore ]
—
Precauzione anzitutto!
Prima di andare a giocare spengo il cervello
[ Marco, giocatore ]
—
Autosufficienza
Raccontarsi balle a se stessi, delle auto balle!
[ Ivan, giocatore ]
—
Sensazionale scoperta
Giulio Cesare non lanciò il dado ma il cubo di Rubic,
era infatti sul Rubic one
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Alza la posta... e cammina!
È risuscitato in voi L’AZZARdO
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Affermazioni azzardate81
Questione di coerenza
I giocatori d’azzardo in terapia:
dal conto corrente al conto coerente
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Espedienti efficaci
Le è mai accaduto che una ragazza preferisse un cavallo a lei?
Una volta, ma io mi sono spacciato per un cavallo
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta e Piero, giocatore ]
—
Giocare in casa
Vivo nel sottoscala ... quaranta
[ Antonio, giocatore ]
—
Un giocatore a Babbo Natale
Sol DONI per lo stato
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Patrimonio genetico
Il gioco d’azzardo non è ereditario:
chi è figlio di un giocatore d’azzardo non eredita nulla
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
82
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Gioco patologico
Lui gioca anche con gli assi da stiro
[ Anna, moglie ]
—
Il Casaro con la coda di paglia
Col latte versato dal giocatore d’azzardo
si fa il formaggio con i buchi
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Questione di fede
Il giocatore d’azzardo crede al caso.
Infatti va al CASI NO
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Angeli e demoni
Il giocatore d’azzardo è un angelo che...rubino
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Affari epici
Il cavallo di Troia nel punto SNAI
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Affermazioni azzardate83
Determinazione e igiene dentale
“Non penso più alle estrazioni,
non vado neppure più dal dentista!”
[ Luciano, giocatore (al Lotto) ]
—
Progetti di vita
Dalla roulette alla roulotte!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Il giocatore di cavalli
Sono un tipo equo
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Crisi epilettiche
Giocatore d’azzardo convulsivo
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Fare di necessità virtù
Mi piace guardare l’oblo della lavatrice che gira.
[ Riccardo, giocatore (di roulette) ]
—
84
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Nomen Omen
Vero nome di un giocatore d’azzardo: Massimo Santo
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Godzilla
Sognavo una slot machine grande come un grattacielo.
Con angoscia pensavo ad una grande vincita.
[ Luca, giocatore ]
—
Giocatori professionisti
Assi curatori
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Nuovo calendario AGITA
Il frate protettore dei giocatori d’azzardo.
Frate Indovino
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Pacchetto vacanze
Il giocatore d’azzardo va sempre in ferie in Croazia,
a “Mi-Rovigno”
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Affermazioni azzardate85
... nella manica?
La famiglia di un giocatore d’azzardo
trova sempre il suo assetto
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Pentimenti
I giocatori! Prima PERDONO
poi chiedono perdono
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Musica rock
La vita del giocatore di carte: Una vita da modiano
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta... o Ligabue, cantante? ]
—
86
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— ossessioni
che passione —
Pulizia ossessiva
Gloria pulisce i sassi del giardino
con lo spazzolino da denti
[ Marco, giocatore ]
—
Opportunismo o Perfezionismo?
Ho fatto due verbali della seduta,
quello ufficiale e quello alternativo
[ Elena, moglie ]
—
Viva i dettagli
Sono molto pignolissima
[ Stefania, moglie ]
—
Mission impossible?
In ogni donna cerco almeno qualcosa che non vada
[ Luciano, giocatore ]
—
Igiene dentale anzitutto!
Per me il bagno è sacro.
Lo pulisco ogni giorno con lo spazzolino
[ Anna, moglie ]
—
Ossessioni che passione89
— pensiero
positivo e… —
Giardinaggio
La nostra coppia ha dato ottimi frutti
dopo che mia moglie mi ha piantato
[ Angelo, giocatore ]
—
Prevenzione dentale
Mi è rimasto solo un dente,
ma continuo ad usare il filo interdentale
[ Adriano, giocatore ]
—
Tecnologia
Se le batterie delle auto pensassero solo in positivo
andremmo tutti a piedi
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Ipocondria
Sto facendo una malattia della salute.
[ Cristian, giocatore (e sieropositivo) ]
—
Fenotipo
Sono una fotocopia A COLORI di mio padre!
[ Thomas, giocatore ]
—
Pensiero positivo e ...93
Fede
“Peggiora, che Dio t’aiuta”
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Stupidità (una ricerca infinita)
Cerco da una vita la mia stupidità;
mia moglie e i miei figli sono convinti
che l’abbia totalmente raggiunta.
Ma io credo che ci siano ancora margini di miglioramento.
Sono uno stupido ottimista!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
94
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
— giocare
ancora… con le parole —
Onomatopea
Un treno che trasposta asini ... deraglia
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
La creatività degli apostrofi
L’atipica coppia
La tipica coppia
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Il potere eufemistico delle vocali
Il giocatore è abile
A lui rimane la A, alla moglie la bile
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Festività pericolose
I giocatori non festeggiano il 31 dicembre
ma a capo danno!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Idee non chiare
Con il tu.ni.si.no
Ogni risposta ... è lecita
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Giocare ancora... con le parole97
Outing
Ho superato un grave problema
“Sieropositivo”
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Responsabilità e sessualità
Se so lo faccio, se non so non lo faccio
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Noi lavoriamo perché le persone
non escano dal seminato ed esplodano!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Amanti della pesca
Lei esca,
io l’amo
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Dipendenze di origine incerta
Scusi ma lei di dov’è?
Dipende!
Ah, allora è di Pisa!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
98
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Oggi sposi
Viaggio di nozze: in treno
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Pugile al tappeto
So...disfatto
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Shopping councelor
Mi dispiace buttare tanti anni investiti con te
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Body language
Il giocatore di cavalli accavalla sempre le gambe?
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Gratta e vinci
Un grattacielo? E dopo aver grattato cosa si vince?
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Cancelleria
Il cancello è di ferro o di gomma?
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
Giocare ancora... con le parole99
Fiumi d’amore
Ti amavo: l’amante scomparso
Timavo: il fiume carsico ricomparso
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Promiscuità
Chiamo io per pranzo?
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Toponimi
Slotvenia
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Crisi economica
Preoccupato? E di cosa ti lamenti!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Scrotociclosi inversa
Mi fai cogliare i gironi
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
100
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Alternativa alla schizofrenia
Mi sono levato le scarpe e i calzini.
Ho messo in azione gli alluci e ho avuto
Un ALLUCI in AZIONE
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Dentifricio bipolare
Perdenti vincenti
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Acque chete
Dina è una donna comprensiva,
arrendevole DINA...éMITE!
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Adamo ed Eva...
Dove ebbe luogo il primo melodramma?
Nel Paradiso Terrestre
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Senza parole...
Il mutuo muto
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Giocare ancora... con le parole101
Nomignoli
Mio padre a ottanta anni è sempre in sala gioco;
lo hanno soprannominato Giorgio tris
[ Enzo, giocatore ]
—
Giochi di parole ?
Poesia
Pensieri PER versi
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
Proverbi
Tradire è fare, c’è di mezzo l’amare
[ Rolando De Luca, psicoterapeuta ]
—
102
Sono il fallimento più riuscito della mia vita
Rolando de Luca
Psicologo, Psicoterapeuta. Fondatore nel 1993 e responsabile del Centro di Terapia di
Campoformido per giocatori d’azzardo e loro familiari dove conduce, settimanalmente,
dieci gruppi terapeutici. Uno dei massimi esperti italiani nel campo della dipendenza
da gioco d’azzardo, è autore di numerose ricerche e pubblicazioni e collabora con
diverse strutture pubbliche e private. Coordina i contenuti del sito www.sosazzardo.it
dell’Associazione A.GIT.A. di Campoformido.
Edizioni Goliardiche
[email protected]
www.sosazzardo.it
SONO IL FALLIMENTO PIÙ RIUSCITO DELLA MIA VITA
Include il dvd “ZEROPER – Rimettersi in gioco”, un documentario del regista
Francesco Russo di recentissima produzione inerente la problematica del gioco
d’azzardo patologico, raccontato dalle testimonianze dirette dei giocatori e di esperti
di fama nazionale in questo ambito. Il dvd è prodotto da Indimagefilm.
Rolando De Luca
Questa raccolta è composta da oltre duecento battute umoristiche emerse
nel contesto della terapia di gruppo per giocatori d’azzardo e loro famiglie
di Campoformido (Udine), nell’arco di dieci anni di sedute con dieci gruppi
differenti; include diverse espressioni dell’umorismo terapeutico: motti di
spirito, giochi di parole, lapsus o semplici errori grammaticali o concettuali
di particolare comicità, tutto materiale rigorosamente autentico. La curiosità
del suo curatore, il Dott. Rolando De Luca, è stata attratta dalla peculiare
frequenza con la quale la leggerezza, come spinta da una necessità interna
alle persone, scaturisse spontaneamente in un contesto tanto impregnato
di sofferenza. Cogliendo la palla al balzo, il terapeuta è dunque riuscito
nel tempo a combinare la terapia con un’analisi, ben presto condivisa con
il gruppo, proprio di questa necessità tanto singolare della psiche umana:
trovare l’umorismo nella drammaticità.
Ci troviamo di fronte ad un lavoro che si è andato “co-costruendo” ed è
diventato nel tempo una vera e propria collaborazione di tutti nella ricerca di
un sorriso tra le lacrime, un processo che può definirsi esso stesso come uno
strumento terapeutico di grandissimo valore e di squisita umanità.
Rolando De Luca
—
SONO IL FALLIMENTO
PIÙ RIUSCITO
DELLA MIA VITA
Manuale per uscire ridendo dal giogo d’azzardo
—
Edizioni Goliardiche
Fly UP