...

Sono riuscito a smettere di fumare

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Sono riuscito a smettere di fumare
eBook
Sono riuscito a smettere di fumare
Le 9 verità che ogni fumatore dovrebbe conoscere
per sconfiggere la sigaretta.
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Sono riuscito a
smettere di fumare
Le 9 verità che ogni fumatore dovrebbe conoscere
per sconfiggere la sigaretta
Introduzione al metodo “Respiro Solo Aria Pura” per
smettere di fumare
Autore: Francesco Varricchio
Web: www.smetto-di-fumare.it
Email: [email protected]
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5
Italia License.
Nota: Prima di distribuire questo ebook leggi la sezione “note sulla distribuzione” (riportata
nell’ultima pagina) per accertarti di rispettare tutti i termini di licenza.
2
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Sommario
Perché questo eBook
4
Perché il nome “Respiro solo aria pura”
5
Le 9 verità che ogni fumatore dovrebbe conoscere
7
La verità sul perché hai preso il vizio del fumo e perché
7
continui a fumare
La verità sugli effetti della nicotina nel tuo organismo
13
La verità sull’astinenza da nicotina
21
La verità sulle tue capacità di smettere di fumare
37
La verità su ciò che ci spinge a smettere di fumare
47
Conclusioni
50
Note sulla distribuzione di questo eBook
51
3
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Perché questo eBook
Questo ebook è una introduzione al metodo “Respiro Solo Aria Pura”
fruibile gratuitamente sul sito www.smetto-di-fumare.it. Lo scopo di
questo ebook è smontare le più comuni convinzioni legate al fumo, con
l’obiettivo di fornire al lettore uno strumento in più per riuscire a smettere
di fumare. Infatti le difficoltà che ogni fumatore trova quando decide di
smettere di fumare sono spesso conseguenza di una serie di convinzioni
sbagliate; tali convinzioni sono talmente radicate nella mente di ogni
fumatore che lo condizionano negativamente. La maggior parte delle
convinzioni
che
ogni
fumatore
ha
relativamente
al
fumo
sono
palesemente false. Inoltre il fumatore, a causa della sua dipendenza fisica
dalla nicotina,
ha spesso una visione distorta della sua condizione.
Prendere consapevolezza di queste menzogne e reintepretare la propria
condizione nel modo opportuno rappresenta il primo passo per acquisire
le giuste motivazioni e per riuscire a smettere di fumare.
Il metodo “Respiro Solo Aria Pura” si propone di guidare il lettore in un
processo di reinterpretazione della sigaretta, finalizzato a far assumere al
fumatore gli strumenti più utili per liberarsene definitivamente. Il metodo
Re.s.a.p. “soccorre” il fumatore con una serie di tecniche efficaci mutuate
dalla PNL che hanno lo scopo di decondizionare la sua mente dalla paura
della fase post-fumo e dai sintomi psicologici di astinenza. Grazie a
queste tecniche di decondizionamento mentale, il lettore riesce a liberarsi
4
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
dalla schiavitù della sigaretta limitando i disagi ai soli sintomi fisici di
astinenza (che però svaniscono già dopo una decina di giorni dall’ultima
sigaretta).
Questo ebook espone i concetti introduttivi del metodo Re.s.a.p. e
spiega i punti fondamentali che permettono di smettere di fumare nel
modo più facile e indolore possibile. Per una trattazione più approfondita
dei concetti esposti e per una spiegazione più accurata delle tecniche di
decondizionamento mentale si rimanda al sito Smettere di fumare con il
metodo Re.s.a.p..
***
Perché il nome “Respiro solo aria pura”
Avrei potuto chiamarlo “metodo per smettere di fumare” oppure “NO al
fumo!”, cioè usare uno dei tanti titoli che trovi su centinaia di libri dedicati
all’argomento o su siti e corsi online che si occupano di lotta al
tabagismo. Ovviamente c’è un motivo per cui ho deciso di chiamare il
metodo in questo modo. Il motivo è fare in modo che tu possa abituarti
fin da subito ad individuare il tuo obiettivo preciso e a focalizzare la tua
attenzione su di esso. Fin quando il tuo obiettivo sarà privarti di qualcosa
(nel caso specifico rinunciare alla sigaretta), vivrai l’esperienza con
sofferenza, perché interpreterai il tuo percorso come un processo in cui
dovrai rinunciare a qualcosa. Il tuo focus dovrà indirizzarsi non verso ciò
5
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
che ritieni di perdere, ma verso la nuova condizione che guadagnerai.
L’osservazione non è banale.
Ad esempio se vuoi dimagrire e continui a ripeterti che devi sforzarti di
mangiare di meno, automaticamente nella tua mente si formeranno
immagini negative in cui rappresenti te stesso mentre soffre privandosi
del cibo. Se invece vivi l’esperienza in termini positivi, concentrandoti sul
fatto che dimagrendo ritroverai la forma fisica di una volta, sarai più
energico e scattante e guadagnerai una condizione psicofisica invidiabile,
automaticamente vedrai nella tua mente delle immagini piacevoli,
gratificanti e stimolanti. E ciò servirà sicuramente a darti maggiori
motivazioni rispetto ad un’immagine di privazione che invece ti spingerà a
desistere dal tuo obiettivo. Funziona così anche per il fumo: il percorso
che faremo insieme non ti insegnerà il modo per “privarti della sigaretta”,
ma
al
contrario
le
tecniche
per
“respirare
solo
aria
pura”,
per
riguadagnare una forma fisica migliore, per sentirti pieno di entusiasmo
per il grande obiettivo che riuscirai a raggiungere. Ecco, fin da subito
interpreta
questo
percorso
non
come
una
privazione,
ma
come
un’esperienza meravigliosa che ti porterà a vivere meglio dal punto di
vista psichico e fisico.
6
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Le 9 verità che ogni fumatore dovrebbe conoscere
Per riuscire a smettere di fumare è necessario fare alcuni chiarimenti
su alcune “leggende” e “opinioni comuni” relative al fumo. E’ probabile
che tu sia convinto di tante cose, come del fatto che la sigaretta ti rilassa
o ti aiuta a trovare la concentrazione o che il desiderio della sigaretta non
svanirà nemmeno dopo anni dall’ultima boccata. Moltissime di queste
informazioni di cui ritieni di essere convinto sono delle leggende
metropolitane. Questo ebook servirà a fare un po’ di luce su questi
aspetti. Capisco che non sarà facile convincerti con poche parole della
veridicità di ciò che andrò a raccontarti. Ma ciò che mi interessa in questa
fase è stimolarti ad insinuare qualche dubbio nelle tante convinzioni
sbagliate che hai relativamente al fumo. Voglio metterti la pulce
nell’orecchio in modo da invitarti a vedere le cose da un altro punto di
vista.
***
La verità sul perché hai preso il vizio del fumo e perché continui
a fumare
Qual è l’effetto della nicotina sul nostro organismo? Normalmente il
nostro organismo non ha bisogno di nicotina. Renditi conto che chi non ha
mai fumato, non avverte il bisogno di farlo. Sembra un’affermazione
banale, ma ti assicuro che non è così. Ci sono dei fumatori talmente
presuntuosi da pensare che i “non fumatori” soffrano come cani perché
7
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
non hanno un sistema per premiarsi ogni tanto. Credono che i “non
fumatori” siano degli insoddisfatti cronici perché non sono in grado di
provare i piaceri della vita; e questo solo perché non fanno uso di
sigarette, cioè non sono dei tossicodipendenti. Non so da quanto tempo
fumi, ma dovrebbe esserti facile ricordare il periodo precedente a quando
hai iniziato a fumare: hai forse acceso la prima sigaretta perché avvertivi
la mancanza di qualcosa? L’hai forse accesa perché ti sentivi nervoso ed
hai pensato che avessi bisogno di qualcosa per calmare i tuoi nervi? L’hai
forse accesa perché non riuscivi a trovare la soluzione ad un problema ed
hai pensato di aver bisogno di una sigaretta per ottenere maggiore
concentrazione? Seppur tu avessi acceso la prima sigaretta per questo
motivo, l’avresti buttata dopo qualche secondo: penso che ricorderai il
senso di nausea, la tosse irrefrenabile, il senso di soffocamento che hai
avvertito quando hai fumato le prime sigarette. Il tuo organismo che fino
a quel momento aveva inalato solo aria pura, si vedeva improvvisamente
costretto a fare i conti con una dose massiccia di veleni alla quale non era
abituato. Ed è perfettamente normale che tu abbia avvertito un senso di
nausea o abbia iniziato a tossire. Quindi di sicuro la prima sigaretta non ti
avrebbe aiutato a rilassarti o a trovare la concentrazione, ma ti avrebbe
innervosito ancora di più.
Ma allora perché hai iniziato a fumare? Perché sentivi il bisogno di un
premio durante la giornata? Perché non sapevi come ingannare il tempo
davanti alla TV? No, probabilmente hai iniziato a fumare perché avevi
8
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
bisogno di sentirti grande. Perché i messaggi subliminali che provenivano
dai film, dai media e da tutto l’ambiente circostante, ti facevano associare
il
gesto
di
fumare
all’immagine
di
una
persona
forte
e
adulta,
perfettamente integrata nel gruppo dei pari. E forse non avrai dimenticato
il tuo senso di delusione quando, dopo aver tirato la prima boccata, hai
pensato: “Quanto fa schifo questa merda! Come diavolo fanno le persone
a fumarsene 20 o 30 al giorno!”.
Ma paradossalmente è proprio questo che ti ha fregato: se il fumo ti
fosse piaciuto avresti intuito fin da subito il rischio a cui saresti andato
incontro. E invece proprio quel senso di disgusto che hai provato nei primi
tempi ti ha fatto capire che “non si diventa un duro così facilmente”.
Dovevi continuare a fumare, inalare quei veleni anche se ti facevano
schifo. Perché solo superando questa prova di sopportazione potevi
essere all’altezza di tutti quelli che fumavano abitualmente. E se qualche
adulto ti faceva notare che, continuando a sfumacchiare, prima o poi non
saresti più riuscito a smettere? Ricordi cosa rispondevi? “No, io mi so
controllare! Io il vizio non me lo prenderò mai!”. E mentre lo dicevi ne eri
assolutamente convinto! Ed era logico che tu ne fossi convinto, perché ti
faceva talmente schifo cacciarti quella merda nei polmoni che mai avresti
pensato di poterti abituare ad una cosa del genere! Ed hai continuato a
fumare con questa convinzione, anche perché il tuo organismo ti dava
continui segnali che quel fumo nero e puzzolente che inalavi era insalubre
e ti faceva stare male: la tosse, come il vomito, sono dei meccanismi del
9
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
nostro organismo che ci segnalano appunto che quelle sostanze che
ingeriamo o inaliamo sono dannose e vanno quindi espulse dal nostro
corpo. Ma tu continuavi imperterrito a violentare il tuo organismo: il
desiderio di sentirti grande e parte di quel gruppo di amici in cui tutti
facevano quelle esperienze, era ben più forte dei segnali lanciati dal tuo
corpo. E col passare del tempo non hai lasciato alcuna scelta al tuo
organismo se non quella di adeguarsi a questa situazione traumatica. Il
tuo corpo ha intuito che era inutile farti capire quanto schifose e dannose
fossero le sigarette e dopo un po’ di tempo si è arreso. Ha pertanto
avviato dei processi di adeguamento: ha gradualmente limitato il tuo
senso del gusto e dell’olfatto per impedire che tu potessi sentire quel
tanfo e quel sapore di bruciato che avvertivi all’inizio. Poi ha educato i
tuoi polmoni a non tossire più, perché ormai non c’era più modo di farti
capire quanto fosse dannoso il fumo della sigaretta. Il tuo inconscio
sapeva perfettamente quanto fosse importante per te dimostrare agli altri
di “saper fumare” per cui ha fatto una scelta. E probabilmente c’è stato
un momento ideale in cui il tuo inconscio ha esclamato: “al diavolo i
meccanismi di protezione dell’organismo! Dobbiamo adeguarci a questo
veleno, perché il “signorino” ha bisogno di sentirsi grande!”.
Da questo punto di vista il nostro corpo è davvero una macchina
meravigliosa, capace, per il nostro benessere psicofisico, di adeguarsi
anche a situazioni critiche, come può essere quella di sottoporsi ogni
giorno all’inalazione di catrame e nicotina. Ed è un vero peccato che noi
10
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
trattiamo così male il nostro unico alleato. Ma torniamo al punto. Ora che
ti ho rinfrescato la memoria, in primo luogo dovresti essere convinto che
il
“non
fumatore”
sta
benissimo
così
come
sta
e
non
avverte
assolutamente il bisogno di avere un “vizio” da soddisfare ogni 40 o 50
minuti. Inoltre dovresti aver ricordato che all’inizio il fumo ti disgustava,
per cui non è certo il piacere per la sigaretta che ti ha fatto “prendere il
vizio”. La prima obiezione che ti sta venendo in mente è la seguente: “hai
ragione, non ho iniziato a fumare perché mi piaceva, ma adesso mi piace
fumare, quindi il discorso sul perché ho iniziato non ha molto senso”.
Questa è un’altra convinzione completamente falsa. Il fumo ti fa ancora
schifo, ma non ne sei più consapevole; o se lo sei, potresti non esserlo
fino in fondo. Oggi fumi non perché ti piace, ma perché sei dipendente da
una sostanza chiamata nicotina e ogni tanto, quando il livello di nicotina
nel sangue scende troppo, provi una sensazione di insoddisfazione e di
vuoto che devi colmare inalando altra nicotina. Quindi non fumi perché ti
piace, ma perché devi ridurre continuamente i sintomi dell’astinenza. Ma
affronteremo questo discorso più avanti. Per adesso voglio dare per
buona la tua affermazione e voglio che tu continui ad illuderti che il fumo
ti piaccia. Però converrai certamente con me sul fatto che all’inizio il fumo
ti disgustava e che hai preso “il vizio” perché hai forzato il tuo organismo
a fartelo piacere. Quindi converrai con me che le affermazioni seguenti
sono tutte assolutamente vere:
11
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
1) Il “non fumatore” sta bene così come sta e non avverte alcun
bisogno di espedienti per rilassarsi o provare piacere nel corso della
giornata. Di conseguenza se tu riuscissi a trovare un metodo che ti
consentisse di “dimenticare” il tuo passato di fumatore e farti tornare allo
stato precedente di “non fumatore”, non avvertirai alcun bisogno di
fumare.
2) Da quando hai iniziato a fumare e per un certo periodo successivo,
il fumo ti creava disgusto e nausea. Sei tu che hai obbligato il tuo
organismo a “farselo piacere”, costringendolo ad assumere nicotina a tal
punto da renderlo dipendente da questa sostanza.
Dal discorso appena fatto se ne deduce la terza verità:
3) I motivi che un tempo ti hanno spinto a fumare, oggi non sono più
validi. Oggi non hai più bisogno di sentirti grande o di sentirti alla pari dei
tuoi coetanei. Oggi sei una persona adulta che non deve dimostrare
niente a nessuno, che ha una personalità e che è in grado di assumersi le
sue responsabilità. Ed è proprio ciò che dovrai fare relativamente al fumo:
assumerti le tue responsabilità.
12
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
La verità sugli effetti della nicotina nel tuo organismo
Ora studiamo meglio i meccanismi fisiologici legati all’assunzione di
nicotina e confrontiamoli con quelli di un individuo non fumatore.
Supponiamo che tu abbia il desiderio di fumare e provi il classico senso di
insofferenza e irrequietezza dovuto all’astinenza. Hai voglia di fumare
perché, da quando hai spento l’ultima sigaretta, il livello di nicotina nel
sangue è sceso al di sotto di una certa soglia. Nel momento in cui accendi
una sigaretta non fai altro che iniettare nel tuo sangue altra nicotina, in
modo da riportare il livello della stessa ad un valore accettabile per il tuo
organismo. Il tuo corpo è infatti dipendente dalla nicotina e ogni tanto te
ne chiede una dose, per ristabilirne l’equilibrio. Come ben sai, appena
inizi a fumare una sigaretta, il senso di irrequietezza scompare perché vai
a colmare quel senso di vuoto causato dall’abbassamento del livello di
nicotina. A questo punto il livello di nicotina nel sangue ritorna normale
ed è questo il momento in cui il tuo stato psichico può essere paragonato
a quello di un “non fumatore”. Appena hai spento l’ultima sigaretta ed hai
ristabilito il giusto livello di nicotina nel sangue, raggiungi una certa
tranquillità mentale: potremmo dire che raggiungi uno stato di normalità
che è lo stato in cui si trova abitualmente il “non fumatore”, il quale
ovviamente non ha la tua dipendenza. Ma già dopo pochi minuti
dall’ultima sigaretta, il livello di nicotina presente nel tuo sangue inizia a
scendere. Mentre il “non fumatore”, non avendo nicotina in circolo,
13
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
permane nel suo stato di “normalità” e benessere psicofisico, tu cominci a
diventare insofferente. Se attribuissimo un valore al livello di benessere
psicofisico dell’individuo, potremmo dire che, mentre nel “non fumatore”
questo livello rimane costante nel tempo, nel fumatore scende fino ad un
livello minimo (cioè fin quando il basso contenuto di nicotina nel sangue
provoca insofferenza) e, solo dopo aver inalato una nuova dose di
nicotina, ritorna ad un livello normale (perché viene ristabilito l’equilibrio
all’interno dell’organismo). Quindi, mentre il “non fumatore” sta bene
sempre, il fumatore sta bene solo nei primi minuti successivi alla fumata:
gradualmente, col passare dei minuti dall’ultima sigaretta, il livello di
benessere psicofisico del fumatore inizia a scendere perché viene a
diminuire una sostanza (la nicotina) dalla quale il suo organismo è
dipendente. Si intuisce quindi come, per gran parte del tempo, il fumatore
si trovi al di sotto della soglia di normalità. Esclusi quei pochi minuti in cui
il livello di nicotina nel sangue è massimo, per il restante periodo della
giornata il fumatore è in uno stato deficitario e comunque ad un livello di
benessere inferiore rispetto a quello che avrebbe se fosse un “non
fumatore”.
Bisogna quindi sfatare il mito che il fumo ti dà qualcosa in più. Il fumo
non ti permette di migliorare il tuo stato psicofisico a partire da uno stato
di normalità: in altre parole quando fumi non vai in estasi per poi
ritornare gradualmente ad uno stato di normalità. In realtà quando fumi,
parti da uno stato di insofferenza (dovuto all’astinenza) per ristabilire uno
14
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
stato di normalità. Il piacere che deriva dal fumare è del tutto illusorio:
hai la sensazione di piacere, non perché la nicotina ti dà un “di più” che
altrimenti non riusciresti ad avere, ma perché la nicotina ti aiuta a
spegnere il senso di vuoto e insofferenza causato dall’astinenza dalla
sostanza stessa. Volendo fare un paragone, è come calzare tutto il giorno
delle scarpe strette per il solo piacere di togliersele ogni 2 o 3 ore. So che
questo cambio di prospettiva ti può risultare strano, soprattutto se hai
sempre considerato il fumo come una fonte di piacere. Ma se provi a
rifletterci un po’ è proprio così: quando fumi non provi piacere perché
aumenta il tuo livello di benessere psichico. Al contrario quando fumi
ristabilisci il tuo livello psichico normale perché precedentemente ti
trovavi in uno stato di sofferenza dovuto all’astinenza da nicotina. Ma il
“non fumatore” conserva permanentemente la condizione di normalità
perché, non avendo dipendenze, non ha motivo di scendere al di sotto di
tale soglia.
Ma proviamo a paragonare il livello di benessere normale con quello di
un individuo che ogni tanto fa qualcosa di piacevole. Ad esempio
potremmo provare piacere quando mangiamo un’ostrica o quando
facciamo sport o quando stiamo con il nostro partner. Durante questi
momenti di piacere, il nostro livello di benessere psichico aumenta fino a
raggiungere un picco che è superiore al livello di normalità, per poi
scendere gradualmente. Quindi se una cosa ci piace realmente, non
abbiamo la necessità di somministrarcela in continuazione, perché di base
15
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
ci troviamo già ad un livello di normalità che di per sé ci fa star bene. E’
questo il motivo per cui non si può sostenere che fumare sia qualcosa che
dà piacere. Il piacere è tutt’altra cosa. Fai un elenco di cose che ti
piacciono: le ostriche? Ti piacciono i film di avventura? Ti piace navigare
su internet? Non credo che tu giri con 20 ostriche nella tasca e ne mangi
una ogni ora perché se non lo fai ti innervosisci. Non credo che giri con 20
DVD nella tua borsa e ogni tanto hai bisogno di vedere una scena di un
film, così come non credo che tu possa star male se stai più di un’ora
senza accendere il computer. Ripeto, il piacere è un'altra cosa: fare
qualcosa di piacevole vuol dire fare un’attività che innalza il nostro stato
di benessere psichico a partire da uno stato di normalità. E poiché lo stato
di normalità è neutro, non sentiamo il bisogno impellente di fare una cosa
che ci piace, ma la possiamo rimandare tutte le volte che vogliamo.
Fumare invece è un’attività continua che ci crea un bisogno impellente: il
motivo è da ricercare proprio nel fatto che non è un’attività piacevole, ma
è una dipendenza, cioè un’attività che ci permette solo di ristabilire il
nostro livello psichico di normalità a partire da un livello di sofferenza.
Quando facciamo qualcosa che ci dà piacere passiamo dal livello zero a
al livello +10. Quando fumiamo passiamo dal livello -10 a zero. E’ per
questo che abbiamo l’illusione di fare qualcosa che ci piace, ma in realtà
stiamo
solo
smorzando
la
nostra sofferenza che
però
tornerà
a
manifestarsi dopo un’ora o poco meno, in un circolo infernale che ci tiene
ingabbiati a vita. Questa è la vita di un fumatore: lottare ogni giorno per
16
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
spegnere il senso di vuoto e insofferenza e ristabilire un livello psicofisico
normale. Vorrei soltanto che riflettessi sul fatto che, rispetto ad un “non
fumatore”, il tuo livello di benessere psichico è, per la maggior parte del
tempo, al di sotto della soglia di normalità. Il fumatore non è colui che “di
base” sta bene e che ogni tanto si premia con una sigaretta. La vita del
fumatore è quella di un insoddisfatto cronico. E’ proprio come portare le
scarpe strette per il piacere di togliersele o come prendersi a martellate
un dito per il sollievo che si prova quando si smette di martellarlo. Questa
è la vita del fumatore, una continua rincorsa per alleviare il suo stato di
insofferenza dovuto alla carenza di nicotina nel sangue. E non può certo
dirsi una condizione da privilegiato, ma, se ci rifletti bene, è una
condizione misera e penosa.
Allora perché è opinione comune che il fumo ha un effetto calmante e
rilassante? E’ solo una leggenda metropolitana e il motivo ormai ti
dovrebbe essere chiaro. Se ti misuri il battito cardiaco subito dopo aver
fumato, noterai che è aumentato, non diminuito: infatti la nicotina è un
eccitante non un calmante. E ci dà l’illusione di rilassarci solo perché ne
siamo dipendenti. La dose che iniettiamo nel nostro sangue va a calmare
il nostro senso di nervosismo e irrequietezza dovuto all’astinenza. Ma chi
ha creato quel senso di nervosismo e irrequietezza? La nicotina stessa!
Quindi usiamo il fumo per calmare uno stato di sofferenza che è causato
dal fumo stesso! In altre parole non siamo nervosi per cause ignote e
usiamo la nicotina per calmarci. Siamo nervosi perché è la nicotina stessa
17
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
che, diminuendo nel nostro sangue, ci fa sprofondare in uno stato di
nervosismo. E’ opinione comune che la nicotina aiuti la concentrazione.
Anche questo è falso. Come sempre, quando il livello di nicotina nel
sangue scende troppo, diventiamo irrequieti e nervosi: e come potremmo
concentrarci
quando
siamo
in
questo
stato?
Ecco
che
fumando
ripristiniamo l’equilibrio originario e ritroviamo di nuovo la capacità di
concentrarci. Ma chi ha causato la mancanza di concentrazione? La
nicotina stessa! Eravamo disattenti e deconcentrati proprio perché era
diminuita la concentrazione di nicotina nel nostro sangue. La nicotina
serve a combattere lo stress? In realtà quando siamo stressati il livello di
nicotina nel sangue scende più velocemente per cui abbiamo bisogno di
ripristinarla con maggior frequenza. Questo ci fa ritenere che la nicotina
sia un rimedio contro lo stress, ma il meccanismo è sempre lo stesso.
Le tue convinzioni sbagliate ti fanno ritenere che quando smetterai di
fumare non avrai più uno strumento che ti consentirà di concentrarti o di
rilassarti. Pensi: come farò a concentrarmi o a combattere lo stress una
volta che avrò smesso? E' vero, ma si tratta di una verità parziale: è vero
che perderai uno strumento per rilassarti e concentrarti, ma devi
considerare che contestualmente perderai anche la causa di quello stress
e di quella deconcentrazione. E' la nicotina che ti provoca irrequietezza
quando il suo livello nel sangue è basso. Ed è la nicotina stessa che ti
smorza quel senso di irrequietezza quando il suo livello nel sangue torna
normale. Perderai il modo di rilassarti, ma perderai contemporaneamente
18
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
anche la causa che ti provocava nervosismo. Perderai un modo per
trovare la concentrazione, ma perderai contemporaneamente anche ciò
che ti causava la deconcentrazione. E' questo ciò di cui devi prendere
consapevolezza. Devi quindi renderti conto che non devi temere di non
riuscire più a "rilassarti" perché non avrai più niente che potrà crearti
irrequietezza. Non devi temere di non riuscire a concentrarti perché non
avrai più niente che possa farti deconcentrare.
Del resto basterebbe riflettere sul fatto che fumiamo di più nelle
seguenti situazioni: quando siamo particolarmente stressati, ma anche
quando siamo molto rilassati, ad esempio durante una cena tra amici;
abbiamo bisogno di fumare molto quando siamo concentrati a fare
qualcosa, ma anche quando ci annoiamo a morte e non sappiamo come
ammazzare il tempo. E quale sostanza miracolosa potrebbe aiutarci in
condizioni così opposte come lo stress e il relax, o come la concentrazione
e la noia? In realtà la nicotina non serve né a rilassarci, né ad alleviare lo
stress, né tanto meno per aiutarci a trovare la concentrazione. La nicotina
crea una dipendenza e pertanto, quando il suo livello scende troppo, ci
troviamo in una situazione di disagio (creata quindi dalla nicotina stessa)
e per ripristinare lo stato di normalità abbiamo bisogno di fumare
nuovamente.
Alla
luce
di
questo
ragionamento
possiamo
quindi
ritenere
assolutamente vere le due seguenti affermazioni:
19
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
4) Continui a fumare non perché ti piaccia, ma perché hai bisogno di
calmare il senso di insoddisfazione che avverti dopo un po’ di tempo
dall’ultima sigaretta. Ma tale senso di insoddisfazione è causato proprio
dalla nicotina, quando il suo livello nel sangue scende al di sotto di una
certa soglia. Usi la sigaretta per calmare uno stato di nervosismo e
irrequietezza creato dalla sigaretta stessa, in un circolo infernale che ti
tiene ingabbiato in una condizione misera e penosa.
5) Ogni volta che accendi una sigaretta ripristini uno stato di normalità
che ti dà l’illusione di provare piacere. Il “non fumatore” invece, non
essendo dipendente da alcuna sostanza, permane costantemente nel suo
stato di normalità. Ti piacciono tante cose, ma non per questo devi farle
ogni ora. Il fumo ti dà un piacere illusorio, in quanto è solo una
dipendenza.
6) E’ pura illusione che il fumo ti aiuti ad essere più rilassato e
concentrato. La realtà è che il fumo è la causa stessa del tuo nervosismo
e della tua deconcentrazione che di volta in volta hai bisogno di smorzare
inalando una nuova dose di nicotina. Il “non fumatore” permane in uno
stato di rilassamento e concentrazione perché non dipende da alcuna
sostanza che altera il suo stato d'animo.
20
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
La verità sull'astinenza da nicotina
Affrontiamo ora l’argomento “astinenza”. E’ opinione comune che, nel
momento in cui si decide di smettere di fumare, si debbano soffrire le
pene dell’inferno. E’ questo uno dei motivi principali che spinge i fumatori
a non prendere mai seriamente in considerazione l’idea di smettere: è la
paura di soffrire che blocca il fumatore; la paura di dover attraversare un
periodo non precisato di nervosismo e irritabilità. Ecco: la paura è una
condizione sempre presente nel fumatore che si accinge a dire “basta”.
Cosa mi aspetterà? Per quanto tempo dovrò soffrire? Quanto sarà
doloroso? E cosa mi succederà quando, in una situazione di panico, non
avrò più le mie sigarette? Impazzirò? Il solo pensiero di queste
conseguenze funeste genera una forte tensione nei confronti della quale il
fumatore ha, come unico rimedio, l’accensione di una sigaretta. Ecco
perché molte volte, quando una persona decide di fumare l’ “ultima
sigaretta”, se ne riaccende un’altra ancor prima di quanto avrebbe fatto
se non avesse deciso di smettere: riflettere semplicemente su tutte le
conseguenze della sua scelta gli genera una tensione insopportabile, alla
quale può rimediare solo accendendosi una sigaretta.
Ci sono poi informazioni contrastanti e leggende metropolitane che
disorientano non poco il fumatore. C’è chi dice che dopo una paio di mesi
sei già completamente libero e non avverti più il desiderio di fumare. C’è
invece chi dice che, dopo 5 o 6 anni dall’ultima boccata, farai ancora dei
sogni notturni in cui ti vedrai gustare la tua sigaretta. C’è anche chi dice
21
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
di aver smesso senza aver provato alcuna sofferenza: tutti conosciamo
una di quelle persone che sostiene di aver preso un’influenza che lo ha
costretto ad un’astinenza forzata di 10 giorni e che, una volta ristabilitosi,
ha miracolosamente perso qualsiasi attrazione verso il fumo. D’altro canto
ci sono persone che dichiarano che, dopo 6 o 7 mesi dall’ultima sigaretta,
continuano a soffrire come il primo giorno e che resistere alla tentazione
è una sfida continua.
Ma allora chi ha ragione? Bastano 10 giorni per tornare alla normalità
o si è condannati a desiderare la sigaretta per tutta la vita? Si potrebbe
dire che hanno ragione tutti. Dicono la verità sia coloro che hanno smesso
di fumare senza provare alcuna sofferenza, sia coloro che soffrono a
distanza di mesi e anni dall’ultima boccata. Ma come è possibile una cosa
del genere? E’ possibile perché bisogna fare una netta distinzione tra
quelli che sono i sintomi di astinenza di natura fisica e quelli di natura
psicologica. I sintomi di astinenza fisica sono uguali per tutti. Abbiamo
costretto il nostro organismo ad essere dipendente dalla nicotina, per cui
nel momento in cui gliela sottraiamo, ce la chiede attraverso dei segnali
fisici. La buona notizia è che i sintomi fisici, seppur presenti, sono lievi e
comunque facilmente gestibili. Una notizia ancora più buona è che tali
sintomi non possono durare più di 15-20 giorni: è questo il tempo
fisiologico affinché il nostro organismo si liberi di tutta la nicotina in
circolo nel sangue e non avverta più il bisogno di questo veleno.
22
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Poi ci sono i sintomi psicologici e sono causati, non dalla nicotina, ma
dalla nostra mente. E’ quella sofferenza che deriva dai condizionamenti
che la nostra mente ha subito per anni, dal dover spezzare una serie di
abitudini che abbiamo interiorizzato e dall’aver associato al fumo una
serie di sensazioni, di emozioni e di momenti particolari ai quali siamo
legati. La partita si gioca tutta sui sintomi psicologici. Mentre i sintomi
fisici sono uguali per tutti e svaniscono dopo 15-20 giorni dall’ultima
sigaretta, i sintomi psicologici possono avere una durata variabile.
Possono non manifestarsi per niente (ed è questo il caso di quelle persone
che dicono che dopo 15 giorni si sentivano già fuori dal tunnel) o possono
durare 2 anni o addirittura per tutto il resto della vita. Anche l’intensità di
questi sintomi può essere diversa da persona a persona: c’è chi si
“incupisce” solo ogni tanto, quando sorseggia una birra perché non può
fumarsi una sigaretta e chi invece sta tutto il giorno a lottare contro le
sue tentazioni. Qui siamo nel campo della psiche, per cui i sintomi sono
molto variabili da persona a persona. Anche qui ci sono delle notizie belle
da dare: i sintomi psicologici dipendono dalla nostra mente e pertanto
possiamo imparare a controllarli; esistono delle tecniche in grado di
decondizionare la mente che ci permettono di azzerare la sofferenza
psicologica causata dall’astinenza da fumo. Il metodo “respiro solo aria
pura” pubblicato sul sito www.smetto-di-fumare.it si propone proprio di
insegnarti queste tecniche.
23
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Ma come funzionano i meccanismi psicologici e perché ci fanno
soffrire? Per spiegartelo abbandonerò per un momento i condizionamenti
legati al fumo e farò un altro esempio. E’ probabile che in passato tu
abbia vissuto una relazione sentimentale conclusasi in malo modo: è una
situazione che provoca solitamente una forte sofferenza psicologica.
Anche per questo genere di sofferenza (come per quello dovuto
all’astinenza dal fumo) il tempo necessario per “ristabilirsi” varia da
persona a persona. C’è chi dopo 3 settimane già sostiene di aver
dimenticato la persona amata, mentre altri si disperano per anni e anni
prima di riuscire a trovare la forza di venirne fuori. Si tratta di una
sofferenza psicologica e pertanto tutto avviene nella nostra mente.
Quando nella nostra mente le immagini si trasformano, quando si attuano
una serie di processi che ci permettono di osservare la situazione da una
prospettiva completamente diversa, allora si smette di soffrire. E tale
cambiamento di prospettiva (che in certi casi può mostrarsi come una
vera e propria “rivelazione”) può avvenire dopo un giorno come dopo 5
anni. Ciò accade anche per la sofferenza causata dall’astinenza dalle
sigarette. Devi imparare a re-interpretare il fumo sotto un’ottica nuova e
completamente diversa da quella attuale. Alcuni ci riescono subito, anzi
tale processo di re-interpretazione inizia ancor prima di aver deciso di
smettere. Si rendono finalmente conto di quanto faccia schifo quella
merda che si costringono ad inalare più volte al giorno. Si rendono conto
di quanto stanno distruggendo il loro corpo e la qualità della loro vita.
24
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Iniziano a vivere il fumo come una prigione che li soffoca piuttosto che
come uno zuccherino da concedersi ogni ora. La sigaretta diventa
qualcosa di disgustoso piuttosto che uno strumento di piacere. Ecco che
queste persone che hanno maturato questa nuova visione del fumo,
soffriranno solo il lieve prurito dell’astinenza fisica e dopo 15-20 giorni si
sentiranno completamente libere: il loro organismo non chiederà più
nicotina e al tempo stesso continueranno ad interpretare la sigaretta per
quello che realmente è: veleno, catrame nero e puzzolente che si
appiccica ai polmoni, in altre parole... merda. E grazie a questa nuova
interpretazione non avvertiranno più il bisogno di drogarsi di nicotina. Ma
dal canto opposto ci sono persone che smettono di fumare (magari dopo
aver scoperto una malattia o perché avvertono i primi disagi fisici) ma lo
fanno controvoglia. Considerano la loro scelta come un sacrificio e
pertanto continuano ad interpretare la sigaretta nello stesso modo: la
vedono come una compagna di vita, in grado di regalare loro momenti di
rilassatezza, capace di dare quel tocco in più ai momenti salienti della
giornata. Sono quelle persone che smettono con il metodo della “forza di
volontà”: da una parte cercano di resistere alla tentazione e dall’altra
conservano perennemente l’immagine della sigaretta come oggetto del
desiderio, come meta ambita che non è più possibile raggiungere. Queste
sono quelle persone che, dopo due anni dall’ultima sigaretta, sarebbero
capaci di soffrire come il primo giorno. E sono persone che soffrono
tantissimo, perché quel perenne tiro alla fune tra il desiderio della
25
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
sigaretta e la forza di volontà li logora da dentro e li porta allo stremo
delle forze, fin quando prima o poi si verificherà un pretesto per
riaccendersi una sigaretta. Queste persone hanno interpretato il periodo
post-fumo come una costrizione e non come una liberazione.
Tutto sta nel riuscire a re-interpretare correttamente il concetto di
fumo, cioè ad attribuirgli il significato originario, quello che ci fu
comunicato
dal
nostro
organismo
quando
accendemmo
le
prime
sigarette: “ciò che stai inalando è veleno che ti provoca nausea e tosse”.
E’ qualcosa di disgustoso che logora la tua salute. Cambiando prospettiva,
interpretando il fumo per ciò che realmente è e ripudiando la visione
distorta che abbiamo avuto fino ad oggi riusciremo con facilità a venirne
fuori.
Ma torniamo al paragone con le relazioni sentimentali. Perché si soffre
per la perdita di una persona amata? Perché ci eravamo abituati a vivere
con lei dei momenti piacevoli. Perché, proprio come la sigaretta, temiamo
che in futuro non riusciremo più a goderci la vita se non avremo al nostro
fianco quella persona. Perché nel nostro cervello continuano a girare
immagini in cui vediamo il nostro partner in tutta la sua bellezza e in tutto
il suo splendore. E ci piace così tanto: più osserviamo quelle immagini
mentali così vivide e brillanti e più ci convinciamo che non riusciremo più
a fare a meno di lei. Ed ecco che non resistiamo, dobbiamo telefonare al
nostro partner, perché non è possibile che sia svanito l’amore. Ma non
facciamo altro che ricevere l’ennesimo colpo al cuore. E perché? Perché
26
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
nel frattempo il partner che ci ha lasciato, ci ha già re-interpretato. Nella
sua mente noi non siamo più brillanti e splendenti. La nostra immagine,
nella sua mente, è piccola, smorta, probabilmente associata ad episodi di
dolore (magari i litigi passati) piuttosto che alle situazioni di piacere. E
così continueremo a soffrire fin quando continueremo ad interpretare la
nostra relazione in quel modo. Ma le cose potrebbero cambiare dopo un
giorno. Magari sarà capitato anche a te di avere quella famosa
rivelazione, di svegliarti una mattina e chiederti: “sto soffrendo da 3 mesi
per questa persona: ma perché devo continuare a stare così male? Perché
devo continuare ad umiliarmi e maltrattarmi così?”. Ecco che, come per
incanto, è avvenuta la tanto auspicata re-interpretazione: le immagini del
tuo partner nella tua mente cambiano forma. Non è più una figura
splendente, ma una figura di un’idiota che ti ha lasciato senza essere
consapevole del tuo vero valore. Se ponessi caso alle caratteristiche delle
immagini mentali, noteresti proprio un cambio di prospettiva: mentre
prima immaginavi il tuo partner con immagini molto grandi e vicine e con
colori vividi e brillanti, ora vedi quella stessa immagine più piccola, più
distante, sfocata, non centrale. Hai semplicemente interpretato sotto una
nuova luce la situazione. Hai avuto una rivelazione che ha trasformato i
tuoi pensieri. Invece di porre attenzione agli episodi piacevoli trascorsi
assieme al partner, anche tu inizi a valutare tutte le crisi e i momenti
dolorosi, le fasi di incomprensione e i momenti in cui non sopportavi il suo
modo di fare. Ti ritornano in mente le sue parole fredde e ciniche di
27
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
quando ti ha lasciato ed ora nella tua mente non è più una persona bella
e sorridente, ma è spietata e priva di sensibilità. Inizi a prendere
consapevolezza di tutte le cose a cui hai dovuto rinunciare per stare con il
tuo partner, ripensi ai sacrifici e ai compromessi che hai dovuto subire e
capisci che è arrivato finalmente il momento di riappropriarti della tua vita
e di tornare a fare tutte le cose a cui avevi rinunciato. E’ avvenuta la reinterpretazione e da questo momento in poi non soffrirai più.
E’ lo stesso processo che deve accadere per la sigaretta. Sta a te
decidere di violentarti per anni o giungere il prima possibile al momento
della rivelazione: il momento in cui prendi piena consapevolezza che non
hai perso niente, ma che al contrario hai fatto una scelta dalla quale hai
tutto da guadagnare. Il momento in cui torni a renderti conto di quanto ti
faceva star male quel cilindro di carta e tabacco e di quanto sia bello
svegliarsi la mattina con un senso di leggerezza e purezza interiore, senza
la gola incrostata di catrame, senza più mal di testa, senza affanni, senza
continui imbarazzi e sensi di colpa. Il paragone con una relazione
amorosa è calzante, perché per un certo periodo della nostra vita ognuno
di noi ha interpretato la sigaretta come una compagna di vita: ma ora
devi renderti conto che questa compagna di vita non ti ama, ma al
contrario vuole distruggerti. Non ti dà amore e piacere, ma ti logora, ti
succhia energia e giorno dopo giorno ti indebolisce sempre di più,
emotivamente e fisicamente, proprio come un partner cinico e insensibile.
Allora devi re-interpretare la sigaretta in questo modo, per quello che
28
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
realmente è. E anche in questo caso devi rimpossessarti della tua vita,
della tua vitalità, della tua energia e della tua salute psichica e fisica.
Quando avrai ultimato la re-interpretazione, la sofferenza psicologica
svanirà del tutto e non avrai più nulla da temere. So a cosa stai
pensando: e se questo momento di rivelazione non arriva subito? Posso
fare in modo che accada il prima possibile? La bellissima notizia che sto
per darti è: SI. Tu puoi controllare i tuoi pensieri e fare in modo che la reinterpretazione del “fenomeno fumo” avvenga in tempi brevissimi. Già la
lettura di queste righe sta istruendo il tuo cervello sulla corretta direzione
da seguire. Ma con il metodo “respiro solo aria pura” ti insegnerò delle
tecniche opportune per decondizionare la tua mente dal fumo e per reinterpretarlo nel modo opportuno.
Normalmente, quando smettiamo di fumare utilizzando la forza di
volontà, abbiamo la sensazione di soffrire moltissimo perché ai sintomi
fisici di astinenza, sommiamo i ben più significativi sintomi psicologici: ne
nasce una miscela difficilmente controllabile che spesso ci porta a
ricadere nella trappola del fumo. Ma noi impareremo a “portare a zero” i
sintomi psicologici
cosicché dovremo affrontare solo i sintomi da
astinenza fisica. Quest’ultimi non sono altro che processi di “depurazione”
attuati dal nostro corpo per cui possono essere vissuti anche con piacere,
visto che si tratta di processi che portano alla purificazione del nostro
organismo. Quindi anche in questo caso giova una reinterpretazione: non
29
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
già fastidi fisici, ma un lieve disagio di pochi giorni dovuto ai processi di
purificazione del nostro corpo.
So già qual è la domanda che ti stai ponendo. Ammesso che
riusciremo ad annullare la sofferenza psicologica, quanto sarà dolorosa
quella fisica? E come saprò riconoscere se si tratta di sofferenza fisica o
psicologica? A tal proposito ti racconto un aneddoto: ho provato tante
volte a smettere di fumare prima di riuscirci. Quando ancora non avevo
un metodo valido, non facevo altro che promettere a me stesso che avrei
resistito fino alla morte e non avrei più riacceso una sigaretta. Mi fumavo
l’ultima, fatidica sigaretta con tanta intensità e gusto; e già questo non
faceva altro che dare al mio cervello falsi messaggi sul piacere al quale
rinunciavo smettendo di fumare e sul dolore che avrei provato. Poi
spegnevo la sigaretta e rimanevo in attesa che succedesse qualcosa.
Aspettavo un’ora, due ore, tre ore. Ovviamente il desiderio di fumare
c’era,
ma
ricordo
perfettamente
che
non
succedeva
granché
di
importante. Magari per cinque minuti ripensavo a come poteva essere
piacevole riaccenderne una, ma poi mi mettevo davanti alla tv, mi
appassionavo ad un programma e mi dimenticavo per 2 ore di aver
smesso di fumare. Ricordo che quasi non accettavo di “dimenticarmi per
qualche ora” di aver smesso. Ero lì in attesa che mi crollasse il mondo
addosso, pronto a rotolarmi per terra in preda a crisi di astinenza e invece
non succedeva niente di tanto rilevante. Ripensavo alla scelta che avevo
fatto e mi chiedevo: “Caspita, ho smesso di fumare da otto ore, come mai
30
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
non sto soffrendo come un cane?”. E con il senno di poi mi sono reso
conto che era proprio questo mio atteggiamento mentale a procurarmi
sofferenza: la paura che avrei sofferto come un cane, unitamente a tutti i
condizionamenti mentali che mi facevano ritenere che smettere sarebbe
stato
difficilissimo
e
che
avrei
sofferto
le
pene
dell’inferno,
mi
predisponevano in uno stato di completa vulnerabilità. E in questo stato
era facile perdere il controllo della situazione: bastava che un piccolo
prurito affiorasse per pensare di essere nel bel mezzo di una crisi di
astinenza che mi avrebbe fatto impazzire... Ed era proprio questo vortice
di pensieri che mi creava la vera sofferenza e che io amplificavo a
dismisura
nei
necessariamente
giorni
successivi:
soffrire.
E
perché
questo
ero
vortice
convinto
di
pensieri
di
dover
che
si
autoalimentava cresceva a tal punto da farmi, prima o poi, cedere alla
tentazione. Quando invece ho imparato a reinterpretare il fumo per quello
che è, non ho più avuto paura di soffrire. E proprio la mancanza di paura
che mi
ha aiutato a superare facilmente l’ostacolo: quando vivi
l’esperienza di smettere di fumare non come un condannato a morte che
si sta dirigendo verso la sedia elettrica, ma come uno che sta per ricevere
la grazia ed uscire finalmente di prigione, allora è tutto completamente
diverso: la fase post-fumo non è un campo minato da attraversare sotto il
fuoco nemico, ma diventa un sentiero fiorito che ti porta verso la
liberazione. E’ un passaggio entusiasmante che ti porta a nuova vita.
31
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Ma come è possibile che siamo permeati da tutti questi falsi miti sul
fumo e da così tante convinzioni distorte? Perché abbiamo interiorizzato
tutti questi i condizionamenti? Pensa soltanto per qualche istante al
bombardamento mediatico che abbiamo vissuto fin da quando eravamo
adolescenti. Il colonnello coraggioso dei film americani, nel momento in
cui sta per prendere la decisione di attaccare il nemico, che fa? Si
accende una sigaretta. La coppia che ha appena finito di fare l’amore, che
fa? Si accende una sigaretta. Il condannato a morte al quale chiedono
l’ultimo desiderio, che fa? Chiede una sigaretta. In più sei sempre stato
circondato da immagini di adulti che fumano. Sono solo alcuni di migliaia
di esempi di condizionamento che ti hanno portato a considerare la
sigaretta come ciò che ti avrebbe fatto sentire grande, un duro da film
americani. Hai da sempre considerato la sigaretta come una specie di
“jolly” adatto ad ogni situazione: dopo aver fatto sesso o dopo aver avuto
una forte delusione, per trovare coraggio o per combattere la noia.
Davvero credevi di essere immune a questo bombardamento continuo al
quale (a mio avviso scientemente) sei stato sottoposto? Poi hai iniziato
fumare e non ti è piaciuto. Ed era normale perché si trattava di veleno
tossico per i tuoi polmoni. Ma ormai i condizionamenti erano talmente
forti che tu non potevi reinterpretare il fumo come qualcosa di tossico e
nocivo: era ciò che ti avrebbe fatto diventare grande e quindi dovevi
perseverare e continuare a drogarti. E tutto questo è durato fino a
quando ti sei reso conto che quell’oggettino di tabacco, più che un duro, ti
32
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
faceva sentire un fesso. Un fesso che, non solo maltratta il proprio corpo,
ma per giunta paga per farlo. Ora devi completare la reinterpretazione del
fenomeno fumo, scacciare definitivamente da te l’immagine del fumo
come simbolo della forza e del coraggio di un uomo e riconsiderarla sotto
la giusta prospettiva, cioè come simbolo di stupidità umana.
Quando avrai interiorizzato questa nuova visione del fumo, ti assicuro
che non soffrirai alcun sintomo di astinenza psicologica, perché vivrai la
tua decisione di aver smesso come un momento di liberazione, di gioia
per il risultato che andrai ad ottenere, piuttosto che come un momento di
privazione.
Cosa ne resta allora della sofferenza da astinenza, una volta avuta la
rivelazione ed aver reinterpretato il rapporto con il fumo? Restano blandi
segnali del nostro organismo. Pensaci bene: se il nostro organismo non
potesse fare a meno della nicotina, ti sveglierebbe nel cuore della notte
per chiederti una dose. E invece durante la notte dormi per 8 ore e stai
benissimo. Magari durante il giorno, in condizioni di stress, non riesci a
stare più di mezzora senza fumare: e questi sono i classici automatismi
psicologici dei quali ci libereremo. Però la notte stai 8 ore senza fumare e
appena ti svegli non credo che tu avverti dei dolori fisici che ti fanno
precipitare sul pacchetto di sigarette: nonostante un’astinenza di diverse
ore, ti prendi il tempo per andare al bagno e probabilmente per prepararti
un caffè, prima di accenderti una sigaretta. Ecco, questi sono i blandi
33
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
sintomi fisici: gestibili con facilità e destinati a diminuire giorno dopo
giorno. Per alcuni addirittura inesistenti. Anche quando sei costretto a
stare nel treno o in aereo per diverse ore, non credo che ti fai prendere
dalle convulsioni. Magari il desiderio di fumare aumenta ma è alimentato
esclusivamente dai tuoi pensieri (astinenza psicologica). Non ho mai visto
una persona in treno che dopo 3 ore avverte dolori lancinanti allo
stomaco o tremore o chissà quali altri segnali fisici di astinenza. Si tratta
solo di un lieve senso di vuoto (io lo chiamo prurito) o – se vogliamo – di
disorientamento, dovuto alla diminuzione della concentrazione di nicotina
nel sangue. Ma dopo un po’ non ci facciamo più caso. Anche perché il
nostro corpo è una macchina meravigliosa e, anche se l’hai maltrattata
per anni, si attiverà per ristabilire rapidamente gli equilibri fisiologici. E
così quel senso di vuoto durerà pochi minuti, poi ti sentirai nuovamente in
forma. Nei giorni successivi all’ultima sigaretta, il tuo organismo attuerà
una
serie
di
processi
di
purificazione
e
quel
blando
senso
di
disorientamento diventerà sempre meno frequente e durerà sempre di
meno. Fin quando già dopo una decina di giorni non ti darà alcun fastidio
e dopo due settimane ti sentirai come rinato a nuova vita.
Vuoi ancora qualche prova di come quel senso di insoddisfazione che
provi quando smetti di fumare è quasi esclusivamente dovuto ad un
fattore psicologico? Pensa a quante volte ti è capitato di non poter fumare
per ore, magari perché sei in una sala di aspetto o sei in aereo. Ti sembra
che per ogni minuto che passa, la voglia di fumare aumenti a dismisura,
34
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
ma poi una persona ti racconta una barzelletta, inizi a ridere e ti
dimentichi di aver voglia di fumare. Magari i tuoi pensieri iniziano ad
andare in un’altra direzione e ti distrai per un’ora. Poi all’improvviso ti
ricordi che avevi voglia di fumare e ricomincia a salire il desiderio. Bene,
questi li chiami sintomi fisici o psicologici? Sono evidentemente sintomi
psicologici perché basta distrarsi per farli svanire. Se fossero stati sintomi
fisici li avresti avvertiti continuamente. Un dolore fisico è un dolore che
permane anche quando ti distrai. Ad esempio quando sei assetato, provi
un senso di sofferenza a prescindere da quello che fai e da ciò a cui stai
pensando: è un sintomo fisico di astinenza dal bere che permane fin
quando non intervieni bevendo un bicchiere d’acqua. Non si può dire la
stessa cosa per l’astinenza da fumo: i sintomi che conosciamo sono
prettamente di natura psicologica perché nella maggior parte dei casi
basta distrarsi per farli svanire.
Voglio
darti
ancora
qualche
esempio
per
dimostrarti
come
la
dipendenza (e di conseguenza i sintomi di astinenza) siano fortemente
legati alla psiche. Immagina di dover fare un esame o un colloquio
importante o magari di dover fare una presentazione ad una platea di
persone. Sai di dover andare incontro ad una situazione che ti provocherà
tensione e che si protrarrà per qualche ora. Fino ad un minuto prima di
entrare nell’aula o di salire sul palco, accendi una sigaretta dopo l’altra
perché sei teso: già questo ti dovrebbe far capire come la tua dipendenza
sia legata allo stato d’animo (e quindi alla condizione psicologica) che stai
35
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
vivendo. Se fosse una dipendenza esclusivamente fisica ne avvertiresti un
bisogno regolare e costante, a prescindere dal tuo stato d’animo. Poi inizi
a fare l’esame o a presentare il tuo prodotto e per tre ore resti
concentrato su quello che stai facendo: eri preoccupatissimo di avvertire il
bisogno di fumare e invece per tre ore te ne dimentichi completamente.
Sei talmente concentrato sui quiz dell’esame o sulle cose giuste da
comunicare alla platea che ti passa di mente l’idea di fumare, anche
perché non avresti proprio il tempo di pensarci. Magari non sei solito fare
esami o presentazioni, ma ti sarà sicuramente capitata recentemente una
situazione simile in cui sei stato per diverso tempo senza pensare al fumo
e senza desiderarlo. Ecco quindi un’ulteriore dimostrazione che i sintomi
di
astinenza
sono
fondamentalmente
psicologici
e
dirigendo
opportunamente i nostri pensieri siamo in grado di spegnere il desiderio
di fumare e di conseguenza la nostra sofferenza.
A questo punto credo di averti dato prove sufficienti per poter ritenere
assolutamente vera la seguente affermazione:
7) I sintomi di astinenza del fumo sono prettamente di natura
psicologica. Seguendo un opportuno metodo che ti
consentirà di
decondizionare la tua mente e di reinterpretare il “fenomeno fumo”,
dovrai gestire soltanto i sintomi fisici che però sono blandi, facilmente
sopportabili e comunque brevi: già dopo 2 settimane l’organismo sarà
libero dalla nicotina e non avvertirai più alcun sintomo.
36
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
La verità sulle tue capacità di smettere di fumare.
Uno dei primi dubbi che assale il fumatore quando decide di smettere
di fumare è se è in grado di farlo, cioè se ha le risorse per raggiungere
l’obiettivo. Io ti rispondo che sei in grado di farlo. Saresti in grado di
smettere di fumare anche senza l’aiuto di questo corso, se solo si
verificassero determinate condizioni. Perché le risorse per riuscirci sono
già presenti dentro di te: il problema è che non conosci il modo per farle
venir fuori. E seppur dovessi essere convinto di avere già queste risorse,
hai paura che farle venir fuori ti costi un immenso sacrificio: mesi e mesi
di atroci sofferenze in preda a crisi di astinenza. Ti ho più volte detto che
con gli strumenti forniti dal metodo “Respiro solo aria pura” non soffrirai
per nulla, ma in questo momento mi preme dimostrarti che tu possiedi
già le risorse per smettere.
Per dimostrartelo ti racconterò una storia. Immagina una persona che
vive su una montagna ed ogni sera per tornare a casa può scegliere se
seguire una strada più breve o una più lunga. Però la strada più breve
richiede di dover saltare un precipizio largo due metri. Ogni giorno quella
persona arriva davanti al burrone, cerca di trovare il coraggio per saltarlo,
ma dopo un po’ rinuncia e vinto dalla paura decide di deviare per la
strada più lunga. Più volte aveva provato a prendere la rincorsa per
saltare il fosso, ma la paura di precipitare lo aveva fatto sempre
desistere. Fin quando una sera, mentre si sta recando a casa, si accorge
37
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
di essere seguito da un branco di lupi che corre verso di lui. Sa benissimo
che se scegliesse la strada più lunga sarebbe presto raggiunto dai lupi e
non avrebbe scampo. Allora arriva sull’orlo del precipizio e si ferma. Per
un po’ ripensa a tutte le sue paure, ma quando si gira e vede il branco di
lupi che ulula e che si avvicina sempre di più, non ha più scelta: deve
saltare. Allora indietreggia un po’, tira un forte respiro, raccoglie tutte le
sue energie, si concentra al massimo, tende i suoi muscoli, inizia a
correre più che può e alla fine salta. Ce l’ha fatta! Ora è evidente che
quella persona aveva già dentro di sé le risorse per fare un salto di 2
metri, nel senso che la sua mente e le sue gambe erano già “predisposte”
per superare l’ostacolo. Bastava trovare la giusta concentrazione,
raccogliere le energie e prendere la giusta rincorsa. Ma fino a quel
momento quelle risorse non erano venute fuori, perché era mancato un
motivo valido per farlo. In altre parole gli mancava una chiave che gli
permettesse di liberare le risorse necessarie per effettuare quel salto. Il
branco di lupi gli ha fornito la chiave per liberare quelle risorse. Ma la
capacità di saltare era già dentro di lui: il salto lo hanno compiuto le sue
gambe attivate dalla sua mente, mentre i lupi gli hanno fornito solo le
giuste motivazioni per farlo.
Perché ti ho fatto quest’esempio? Perché adesso ne farò un altro molto
simile, proprio per dimostrarti che le risorse per smettere di fumare sono
già dentro di te e ciò di cui hai bisogno è solo trovare la giusta chiave per
farle venir fuori.
38
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Per un momento cerca di escludere dalla tua mente la paura delle crisi
di astinenza o la paura di non riuscire a goderti i momenti significativi
della tua vita una volta che avrai smesso di fumare e concentrati solo
sulla capacità che hai di smettere. Chiediti: ci sono determinate condizioni
nelle quali, se decidessi di smettere, sarei sicuro di riuscirci? In altre
parole, indipendentemente da quanto potrei soffrire o da quanto mi
potrebbe mancare la sigaretta in futuro, se fossi veramente costretto a
smettere, avrei la capacità di riuscirci davvero? Quando una persona si
pone questa domanda di solito riesce a trovare almeno una situazione
che, se si verificasse, gli darebbe la chiave per attingere alle risorse
necessarie per smettere. Ma se hai ancora qualche dubbio, cerco di farti
un altro esempio.
Immagina di essere per strada. Stai per prendere una sigaretta per
portarla alla bocca. Proprio mentre stai per accenderla si avvicina uno
sconosciuto e ti dice: “Ascolta! Sono disposto a darti 1.000 Euro se riesci
a stare 24 ore senza fumare”. A parte lo stupore iniziale, credo proprio
che penseresti: “in fondo posso riuscire a stare 24 ore senza fumare.
Forse soffrirò come un cane, ma sono solo 24 ore e in cambio avrò 1.000
Euro!”. Sono convinto che accetteresti la scommessa. E se pensi di non
accettarla, è solo una questione di prezzo. Quindi immagina la stessa
scena con una persona che invece di 1.000 te ne offre diecimila, oppure
cinquantamila (puoi essere anche il figlio illegittimo di Bill Gates, ma
voglio proprio vedere se per cinquantamila euro non accetteresti di stare
39
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
24 ore senza fumare). Ovviamente se cedi alla tentazione dovrai pagare
tu mille euro a quella persona. Bene il giorno dopo alla stessa ora, tu e
quel simpatico benefattore vi rivedete allo stesso posto. Tu sei riuscito a
non fumare (non c’erano dubbi) per cui hai vinto. Lui ti consegna i 1.000
Euro e tu, proprio in quel momento, orgoglioso per il risultato ottenuto,
libero dal vincolo di non poter fumare, tutto felice e sorridente, riprendi il
tuo pacchetto e porti una sigaretta alla bocca pronto per accenderla. A
quel punto quel signore ti blocca di nuovo: “Aspetta! Voglio alzare la
posta. Duemila euro che non riesci a stare altre 24 ore senza fumare!”. “Ho trovato l’America” pensi tra te e te e accetti di nuovo la scommessa.
Il giorno dopo vi ritrovate ancora allo stesso posto. Tu sei riuscito a non
fumare per altre 24 ore e lui ti consegna 2.000 Euro, ma vuole alzare
ancora la posta. E così la scommessa va avanti giorno dopo giorno.
Cosa è accaduto dentro di te per darti la forza di restare senza
fumare? Quell’ipotetico benefattore ha semplicemente trovato una chiave
per far venir fuori le tue risorse. Ha fatto leva su una forza più potente
(come quella dei soldi) per permetterti di attingere alle risorse necessarie
per stare qualche giorno senza fumare. Ma quelle risorse erano già dentro
di te: i 1.000 Euro hanno rappresentato semplicemente la chiave che ha
permesso di aprire il “forziere” che custodiva le tue risorse. Proprio come
è accaduto al protagonista della storia precedente: sono le sue gambe
che gli hanno consentito di saltare e i lupi gli hanno solo fornito la
motivazione giusta. Così anche in questo caso, la capacità di resistere per
40
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
24 o 48 ore senza fumare è tutta tua. La ricompensa economica è la
motivazione che ti ha spinto a perseverare nella tua scelta.
Immagina
ancora
la
seguente
scena.
Inventano
una
macchina
incredibile che confrontando alcuni parametri fisiologici è in grado di dirti
qual è approssimativamente la quantità di sigarette che ti provocherà un
ictus o un infarto. Vai a farti una visita dal dottore il quale ti dice:
“guarda, la nostra macchina ci comunica che, in base ai risultati delle
analisi, le prossime 70 sigarette sono quelle che ti provocheranno un
ictus. Se smetti adesso, il tuo organismo rientrerà nei parametri e col
passare del tempo il rischio diminuirà sempre di più. Ma se continui a
fumare, al massimo entro la prossima settantesima sigaretta, ti verrà un
ictus”.
Ecco, immaginati in una situazione del genere e dimmi se avresti il
coraggio di accenderti una sigaretta. Anzi in una condizione del genere
manterresti una distanza minima di 50 metri da ogni fumatore, per paura
di inalare anche una sola boccata di fumo passivo. Anche in questa
situazione riusciresti a trovare le risorse per smettere: abbiamo trovato
un’altra chiave per liberare le capacità che erano già dentro di te.
Obietterai: “Il discorso fila, ma così è diverso. E’ facile smettere se
viene uno che mi dà mille euro al giorno per non fumare o se viene un
dottore che mi dice che la prossima sigaretta mi fa venire un infarto. Ma il
difficile è riuscire a smettere in condizioni normali, non critiche!”.
41
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Non posso darti torto. Hai perfettamente ragione, ma qui non parliamo
ancora di facilità o difficoltà nello smettere di fumare, ma solo di avere le
capacità per riuscirci. Tali capacità le hai tu, come le abbiamo tutti. Tutto
sta a trovare la chiave per farle venir fuori.
Quindi la buona notizia è che da qualche parte, in qualche angolo della
tua mente, ci sono già le risorse per riuscire a smettere di fumare. Hai la
capacità per poter dire basta al fumo. L’unico limite è che fino ad ora non
sei ancora riuscito a trovare la chiave giusta per fare emergere queste
risorse. Purtroppo la cattiva notizia è che non verrà mai nessuno ad
offrirti mille euro al giorno per fare emergere queste risorse. Dobbiamo
pertanto trovare dei sistemi alternativi. E’ proprio una delle cose che mi
propongo di fare nel corso. Per il momento accontentati di sapere che le
capacità per smettere sono già dentro di te. Io ti aiuterò a farle venir
fuori. E una volta che avrai trovato le risorse per smettere non dovrai
avere paura, perché non soffrirai. Sarà quello il momento in cui ti fornirò
gli strumenti per decondizionare la tua mente e non soffrire l’astinenza
psicologica.
Ora vorrei che dedicassi qualche minuto al concetto che abbiamo
appena espresso e cioè a prendere piena consapevolezza del fatto che hai
già dentro di te le capacità per smettere. Non preoccuparti di come
riusciremo a far venire fuori queste capacità. Devi solo sapere di
possederle. Per rafforzare ancora la tua convinzione vorrei che riflettessi
sulle quattro o cinque cose più grandi che ritieni di aver fatto nella tua
42
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
vita. Ad esempio potrebbero essere “aver preso la laurea”, “essere
riuscito a diventare caporeparto”, “non aver mai fatto mancare nulla ai
tuoi figli“ o “essere riuscito a raccogliere i fondi necessari per un progetto
di beneficenza”. Rifletti per qualche minuto su 3, 4 o 5 grandi obiettivi
che hai raggiunto nella tua vita.
Bene! Ora davvero credi di non essere in grado di smettere di fumare
nonostante tu sia riuscito a fare tutto ciò a cui hai appena pensato?
Attento, qui non stiamo parlando di facilità o difficoltà nello smettere (a
rendere facile il processo ci penseremo con le tecniche che esporrò nel
corso Re.s.a.p.). Qui parliamo solo di essere in grado o meno di farlo.
Ecco quindi l’ottava verità sul fumo: “se nella tua vita sei riuscito a
fare A, B, C e D allora hai anche la capacità di smettere di fumare”. Le
lettere A, B, C, e D vanno sostituite con ciascuno degli obiettivi di valore a
cui hai pensato poco fa. Ad esempio la tua ottava verità sul fumo
potrebbe suonare così: “Se sei riuscito a prendere una laurea in 5 anni
con il massimo dei voti, a diventare caporeparto, a non far mancare
niente ai tuoi figli e a raccogliere 50mila euro per un progetto di
beneficenza allora hai anche le risorse per smettere di fumare. Del resto
sai già che in determinate condizioni, quali ad esempio il rischio
imminente di una malattia, riusciresti a trovare le risorse per smettere di
fumare. Sei quindi perfettamente consapevole che tali risorse sono già
dentro di te e che devi solo trovare la chiave giusta per farle venir fuori.”
43
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Questa fase preliminare è molto importante. Come detto il metodo ti
darà la chiave per tirar fuori le risorse per riuscire nell’obiettivo di
smettere di fumare (e in più ti permetterà di decondizionare la mente dai
sintomi di astinenza psicologici). Ma se tu sei convinto di non avere
queste risorse, qualsiasi tentativo di smettere potrebbe risultare vano: io
potrei tentare in tutti i modi di spingerti ad utilizzare le tecniche di
decondizionamento mentale, ma tu non faresti altro che boicottarle, più o
meno inconsapevolmente. Infatti esiste un “principio di coerenza” al quale
si attiene la nostra mente (e del quale parleremo approfonditamente nel
corso) secondo il quale “se sei convinto di non essere in grado di fare una
determinata cosa, la tua mente non ti permetterà mai di realizzarla”. Non
è possibile ingannare la nostra mente. Se la nostra mente è convinta di
non essere in grado di fare qualcosa, non c’è metodo o sistema che
tenga. Ecco perché devi assumere consapevolezza di avere le risorse per
smettere di fumare e devi convincertene. Solo quando sarai pienamente
convinto delle tue capacità, potrai accettare di mettere in pratica il
metodo che ti propongo e non avrai paura di fallire, perché avrai la
certezza di avere i requisiti per farcela.
E’ esattamente ciò che accade con il famoso “effetto placebo”. Avrai
sicuramente sentito parlare di quei malati ai qual viene somministrata
una pillolina di zucchero e ai quali viene detto che si tratta di una
medicina in grado di guarire la loro malattia. Le percentuali di guarigione
sono impressionanti. Per alcune malattie (è incredibile, ma è proprio così)
44
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
si verifica una percentuale di guarigione uguale a quella che si avrebbe
somministrando una medicina reale. Questo proprio perché la nostra
mente, quando è convinta che sta assumendo una medicina miracolosa,
attinge automaticamente a delle risorse per auto-guarire quella malattia
(la nostra mente ha davvero un potere immenso). La pillolina di zucchero
non ha in sé alcun potere curativo, ma rappresenta una chiave (quella
famosa “chiave” degli esempi precedenti) che serve ad aprire il forziere
che contiene quelle risorse. Ecco perché ti ho fatto gli esempi della
scommessa di 1.000 euro e del dottore che ti diagnostica una malattia.
Ecco perché ti ho fatto riflettere sui 4 o 5 grandi obiettivi che hai
raggiunto nella tua vita. Per dimostrarti che esiste un forziere nella tua
mente che custodisce le risorse necessarie per smettere di fumare. Il
metodo Re.s.a.p. ti darà la chiave per aprire questo forziere e gli
strumenti opportuni per eliminare i sintomi di astinenza. Ma, bada bene:
se tu non sei convinto di avere questo forziere che custodisce le tue
risorse otterrai l’effetto placebo al contrario (altrimenti detto “effetto
nocebo”): e cioè la tua mente attuerà una sorta di auto-sabotaggio ed
ogni sforzo compiuto sarà vano.
Per convincerti del fatto che ognuno, te compreso, ha la capacità di
smettere di fumare rifletti sul fatto che da sempre hanno smesso le
persone più disparate: i poveri come i ricchi, gli uomini e le donne, i
giovani e i vecchi, i manager come i dipendenti statali, le persone ansiose
come quelle rilassate, i plurilaureati e gli analfabeti, i liberi professionisti,
45
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
gli impiegati, gli operai e i fancazzisti, chi aveva problemi di salute e chi
invece non aveva alcun problema, chi faceva una vita iperattiva e
stressante e chi invece si dedicava solo all’arte e alla contemplazione
della natura, i timidi e gli estroversi, i buoni e i cattivi. Insomma non c’è
una condizione più favorevole per smettere. Tutti sono in grado di farlo. E
se ancora non fossi convinto di avere queste risorse, allora fermati un
minuto, cerca di istaurare una comunicazione con il tuo io interiore: tu
solo sai, nel profondo di te stesso, se hai o meno le risorse per smettere
di fumare. Chiedilo al tuo io inconscio e attendi la risposta, senza
mentirti, senza ingannarti.
46
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
La verità su ciò che ci spinge a smettere di fumare.
Capita spesso che un fumatore decida di smettere di fumare senza
desiderare di farlo. Anzi direi che è una situazione molto diffusa: il
fumatore è convinto che smettendo di fumare perderà qualcosa. Crede
che la vita non sarà piacevole come prima. Sa che il fumo lo sta
soffocando, che le sue condizioni fisiche peggiorano di anno in anno, che
non è più in grado di distinguere gli odori e i sapori, ma al tempo stesso è
convinto che, smettendo di fumare, perderà quella magia che si verifica in
quei momenti della giornata, come dopo il caffè o dopo il pranzo, in cui si
accende una sigaretta e si gode quei cinque minuti. E’ per questo che
spesso, quando un fumatore decide di smettere, lo fa a malincuore.
C’è però un fatto importante che devi sapere: è difficile riuscire a fare
qualcosa se non desideri farla. Pensaci bene: qual è la molla che ti ha
spinto a realizzare tutto ciò che hai costruito nella tua vita? Ma anche le
semplici
scelte
che
prendi
ogni
giorno,
da
cosa
sono
guidate?
Fondamentalmente dal desiderio di cambiare la condizione contingente
per ottenerne una migliore. Se ti costringono a fare qualcosa che non
desideri fare, la fai controvoglia. E l’unico modo che hai per fare qualcosa
controvoglia è appellarti alla tua forza di volontà e cioè lottare contro te
stesso e resistere, resistere, resistere! Ma sappiamo già che nei confronti
del fumo, la forza di volontà serve a ben poco. E allora per attuare il
cambiamento a cosa dobbiamo ricorrere? Esatto! Al “desiderio”. Devi
desiderare di smettere di fumare. Aspetta, aspetta: so che stai pensando
47
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
che sei così legato al fumo che è difficile che tu possa desiderare
veramente di smettere. Ma non temere, è facile desiderare di smettere
quando si osserva la propria condizione dalla corretta angolazione.
Quanto più desideriamo ardentemente una cosa, tanto più la nostra
mente è impegnata nel cercare il modo per ottenerla. Dedica qualche
minuto a pensare a qualcosa di grande che hai ottenuto nella vita,
qualcosa di cui sei molto orgoglioso. Può essere qualsiasi cosa: la
macchina dei tuoi sogni che hai desiderato per anni, la casa al mare, il
posto di responsabile che hai ottenuto dopo 10 anni di carriera.
Scommetto che prima ancora di ottenere ciò di cui ora sei fiero, l’avevi
desiderato ardentemente. E’ probabile che pensavi all’oggetto del tuo
desiderio giorno e notte e che per un periodo gli hai dedicato il primo
pensiero del mattino. Il desiderio è una chiave in grado di darti delle
risorse enormi, per raggiungere qualsiasi scopo. Quanto più desideri
ardentemente, quanto più sei ossessionato dall’idea di ottenere una
determinata cosa, tanto più la tua mente si attiverà per trovare le risorse
per riuscire ad ottenerla.
Quindi ricorda: se non desideri una cosa, l’unico modo per ottenere
quella cosa e forzare la tua natura, cioè appellarti alla tua forza di volontà
ed è quello che noi vogliamo evitare. Quindi anche per ciò che riguarda la
nostra lotta al fumo, il primo passo da compiere per riuscire a smettere di
fumare è desiderare di farlo. Inizia a prendere consapevolezza del fatto
che se hai deciso di leggere questo ebook e se sei arrivato fino a questa
48
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
pagina, è molto probabile che un certo desiderio di smettere tu ce l’abbia
già. Perché dovresti continuare leggere questo testo se non hai, almeno
lontanamente, un certo desiderio di smettere? Quindi in qualche modo
desideri già smettere. E probabilmente ciò che ti frega è la paura per
quello che verrà dopo; ma questo argomento lo affronteremo a tempo
debito. Ora concentriamoci sul tuo desiderio. Per poter esserci di aiuto
deve essere un desiderio forte; quanto più è forte tanto più ci darà quella
famosa chiave per liberare le risorse necessarie per dire basta al fumo.
Ecco quindi la nona verità sul fumo:
9) Per riuscire a smettere di fumare devi desiderare veramente di
farlo, altrimenti tutti i tuoi sforzi potrebbero essere inutili. Fare una cosa
controvoglia vuol dire forzare la propria natura e ciò non garantisce
risultati. Per realizzare il tuo obiettivo devi desiderare ardentemente di
ottenerlo.
Ora se hai ancora qualche dubbio su quanto veramente desideri
smettere di fumare, non temere. Un’intera sezione del metodo Re.s.a.p. è
dedicata al “desiderio di smettere”. Leggendola – ne sono certo – ti verrà
un forte desiderio di liberarti di questa schiavitù e ciò, unitamente alla
convinzione di avere le capacità per riuscirci, rappresenterà la chiave per
attingere a quelle risorse di cui parlavamo poc’anzi. A quel punto sarai
pronto per imparare le tecniche che ti consentiranno di vivere la fase
49
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
post-fumo in completa serenità e che ti consentiranno di decondizionare
la tua mente. Avrai quindi il desiderio di smettere e la convinzione di
riuscirci. A quel punto non dovrai fare altro che imparare il metodo che ti
consentirà di liberarti dalla schiavitù del fumo.
***
Conclusioni
La parte introduttiva dedicata alle 9 verità sul fumo che ogni fumatore
dovrebbe conoscere per riuscire a smettere di fumare termina qui. Ti
rimando al sito Smettere di fumare con il metodo Re.s.a.p. sul quale
troverai la descrizione del metodo vero e proprio e di tutte le tecniche di
decondizionamento mentale che ti consentiranno di smettere di fumare in
modo facile e indolore. Il metodo Re.s.a.p. è gratuito e puoi seguirlo
online sul sito www.smetto-di-fumare.it
All’interno del sito trovi anche un forum che ti consente di condividere
con altre persone il tuo percorso di liberazione dalla sigaretta: quando si è
in tanti a condividere lo stesso tragitto è più facile trovare motivazioni e
sostenersi a vicenda.
Per
qualsiasi
chiarimento
puoi
contattarmi
all’indirizzo
email
[email protected]
50
eBook: Sono riuscito a smettere di fumare – Web: www.smetto-di-fumare.it
Note sulla distribuzione di questo eBook
Questo eBook è distribuito con licenza Creative Commons NC ND. Ciò
vuol dire che puoi distribuirlo liberamente sia online sia offline nei modi
che ritieni più opportuni (siti web, social network, file sharing, stampa
etc.).
Se pubblichi questo ebook su un sito web, è gradita contestualmente
la pubblicazione di un link al sito www.smetto-di-fumare.it.
Non puoi modificare il contenuto di questo ebook, né utilizzarlo per
creare opere derivate.
Non puoi distribuire l’ebook per finalità commerciali (ad esempio
chiedendo un contributo – di qualsiasi forma - per la vendita o per il
download).
Ulteriori dettagli sulla licenza Creative Commons NC ND sono reperibili
al seguente indirizzo:
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/
Qualsiasi eccezione alle condizioni indicate deve essere concordata con
l’autore e rilasciata dallo stesso per iscritto. L’autore può essere
contattato all’indirizzo email [email protected]
51
Fly UP