...

L`estate è finita ...arriva l`autunno

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

L`estate è finita ...arriva l`autunno
Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/2004 n.46) art. 1, comma 2 - LO/MI
GIULIO TARRA
L’estate è finita ...
...arriva l’autunno
PUBBLICAZIONE TRIMESTRALE
del “PIO ISTITUTO DEI SORDI”
Numero 4 - ANNO 121
Ottobre 2013
SOMMARIO
Giulio Tarra
1832 - 1889
GIULIO TARRA
Pubblicazione trimestrale
2013 - ANNO 121
n. 4 - OTTOBRE 2013
Registrazione n. 475 del 13/9/48
presso il Tribunale di Milano
Proprietario ed Editore
PIO ISTITUTO DEI SORDI
Via Giasone del Maino, 16 - 20146 MILANO
Tel. 02-48017296 Fax 02-48023022
Sito Internet: www.pioistitutodeisordi.org
Direttore responsabile
Stefano Cattaneo
Hanno collaborato:
Tiziana Roi Basso
Antonio Brambilla
Marisa Bonomi
Irene Menegoi Buzzi
Alvaro Cappellini
Antonio Cesarani
Sonia Corno
Saveria Cucè
Riccardo De Luca
Giuseppe Del Grosso
Stella Forti
Tonino Franzoso
Alessandra Galli
Fiorinda Pino e Chiara Sipione
Associazione “Segni e Parole”
Stampa: Tipolitografia Rhostampa s.n.c.
Via Buzzi, 36 – 20017 Rho (MI)
Aiutaci a sostenere
le spese di stampa e di spedizione
con una tua libera offerta
a mezzo c/c postale n. 577205
intestato a: “GIULIO TARRA”
Via Giasone del Maino, 16
20146 MILANO
“Qui Vedano Olona…
l’estate è già finita”
1
Nuovo Centro Odontostomatologico “San Giacomo” a
Vedano Olona 1
Assemblea del Pio Istituto
dei Sordi
2
Lettera di commiato del
Geom. Antonio Brambilla
Liceo Artistico Caravaggio
3
4
La sordità infantile:
L’esperienza di Varese
(seconda parte)
6
Dolci e amari ricordi ...
(3ª puntata)
9
L’Associazione
“AFORISMA”
Il campo è il mondo
87a Giornata Missionaria
Festa A.G.U.A.V
Screening Audiologico
Festa A.F.A. di cantù
Ass. “Mons G. Marcoli”
Una studentessa al corso
di “Design del giocattolo” Echi di cronaca
Appuntamenti
11
12
13
14
16
18
18
19
22
25
“Qui Vedano Olona… l’estate è già finita”
Finalmente anche alla R.S.A. “Casa San
Giacomo” di Vedano Olona è arrivata
l’estate con i suoi colori ed i suoi profumi
che rallegrano il cuore.
Purtroppo però, a causa del caldo opprimente sono stati interrotti i match di pallavolo che si tenevano tutti i giovedì pomeriggio. Questa attività ha illuminato i bei
pomeriggi della scorsa primavera fredda e
piovosa, permettendo agli ospiti di socializzare tra loro, divertirsi, scherzare ma soprattutto fare un po’ di attività fisica… che
non guasta mai!
Un gruppo di nonni si è appassionato a
queste avvincenti partite e da fedelissimi
non hanno mai mancato un appuntamen-
to, altri invece si sono prestati con un po’
di scetticismo ma alla fine sui loro volti si
scorgevano grandi sorrisi ed entusiasmo.
L’attività di pallavolo è stata resa possibile
grazie alla collaborazione di Giada, tirocinante dell’Università di Varese che mi ha
aiutato nel coinvolgere al meglio gli Ospiti. Il suo percorso qui all’interno di “Casa
San Giacomo” purtroppo si è ormai concluso e così, anche attraverso le pagine di
questa rivista, voglio augurarLe che possa
continuare il suo “viaggio” formativo nel
migliore dei modi.
Riccardo De Luca
(animatore di “Casa San Giacomo”)
NUOVO CENTRO ODONTOSTOMATOLOGICO “SAN GIACOMO”
A VEDANO OLONA, SCONTO SUI SERVIZI DEL 10% PER I SORDI
Il Consiglio di Amministrazione dell’Istituto ha previsto, in particolare, prezzi agevolati
per le persone con disabilità uditive praticando uno sconto del 10% su tutti i servizi
offerti dal Centro Odontostomatologico.
Il Centro consta di tre sale operative attrezzate con apparecchiature di ultima generazione
tra cui la radiologia digitale. Lo staff è composto da Odontoiatri di comprovata esperienza
che si occupano di tutte le branche specialistiche, curando dai bambini agli anziani, e da
un infermiere professionale.
Il Centro “San Giacomo” è aperto tutti i giorni dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00
alle ore 19,00. Lo scopo principale della struttura è quello di fornire un’odontoiatria di qualità a prezzi contenuti, utilizzando materiali di sicura provenienza e comprovata efficacia.
Anche la scelta degli odontotecnici, cioè di coloro che preparano nel proprio laboratorio
le protesi su richiesta dell’odontoiatra, segue la stessa filosofia. Le tariffe applicate dal
Centro sono molto contenute.
L’indirizzo del nuovo Centro Odontostomatologico ed i riferimenti per comunicare con
esso sono:
Centro Odontostomatologico “San Giacomo”, Via dei Martiri, 8
21040 Vedano Olona (VA) - Tel. 0332/402422, fax 0332/867190
e-mail: [email protected]
Vi aspettiamo per una visita ed un eventuale preventivo assolutamente gratuiti.
GIULIO TARRA
1
ASSEMBLEA
DEL “PIO ISTITUTO DEI SORDI”
IL 19 SETTEMBRE 2013
SI E’ SVOLTA
L’ASSEMBLEA
DEI BENEFATTORI
E DEI BENEMERITI DEL
“PIO ISTITUTO
DEI SORDI”
NUOVO COMPONENTE
DELL’ASSEMBLEA DEI
BENEFATTORI
E DEI BENEMERITI DEL
“PIO ISTITUTO DEI SORDI”
Giovedì 19 settembre 2013 alle ore 17,30
presso la sede dell’Istituto in via Giasone
del Maino 16, si è svolta l’Assemblea dei
Benefattori e dei Benemeriti della Fondazione “Pio Istituto dei Sordi”. Presenti
22 (sui 32 complessivi) componenti l’Assemblea.
Durante l’Assemblea si sono trattati i seguenti punti all’ordine del giorno: lettura
ed approvazione del verbale della seduta precedente del 24 maggio 2012; una
breve presentazione del bilancio 2012; la
nomina del Revisore dei Conti dell’Istituto e l’elezione di n. 2 componenti del
Consiglio di Amministrazione della Fondazione.
All’unanimità l’Assemblea nomina e
riconferma come Revisore dei Conti
dell’Istituto il rag. Ettore Maria Brivio.
Per quanto riguarda l’elezione di n. 2
componenti del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, vengono eletti Consiglieri del “Pio Istituto dei Sordi”
l’avv. Oreste PREMOLI e l’arch. Daniele
BRANDOLINO.
Abbiamo il piacere di comunicare che nella seduta del Consiglio di Amministrazione del “Pio Istituto dei Sordi” di giovedì 5
settembre 2013 è stato nominato un nuovo
componente l’Assemblea dei Benefattori
e dei Benemeriti, il dott. Andrea Franzetti, in qualità di Benemerito. Il dott. Franzetti è specialista in otorinolaringoiatria
e patologia cervico-facciale. E’ Primario
e Direttore dell’Unità Operativa O.R.L. e
del Dipartimento Chirurgico dell’Ospedale Bassini in Cinisello Balsamo (MI)
dell’Azienda Ospedaliera ICP di Milano.
Da Maggio 2011 è direttore del Centro per
la Sordità Infantile dell’Ospedale per bambini Buzzi, ICP Milano.
Durante la sua carriera il dott. Franzetti ha
eseguito oltre 10.000 interventi chirurgici,
interessandosi in particolare di rinologia
ed endoscopia chirurgica dei seni paranasali, di chirurgia delle vie lacrimali, di
otochirurgia e di chirurgia oncologica,
acquisendo anche esperienze in fonochirurgia, patologia tiroidea e paratiroidea,
audiologia e vestibologia. E’ professore a
contratto presso la Scuola di Specialità in
ORL dell’Università Milano Bicocca.
NOMINATO IL DOTT.
ANDREA FRANZETTI
Tonino Franzoso
(Pio Istituto dei Sordi)
2
GIULIO TARRA
LETTERA DI COMMIATO
DEL GEOM. ANTONIO BRAMBILLA
CHE LASCIA LA FONDAZIONE DOPO 45 ANNI
Al Consigliere geom. Antonio Brambilla, che
ci lascia al termine del suo mandato a settembre 2013, abbiamo chiesto di rilasciarci
una breve cronistoria della sua lunga attività
lavorativa presso il “Pio Istituto dei Sordi” di
Milano. Ringraziandolo ancora una volta per
l’impegno profuso e per quello che ha fatto
in tutti questi anni per la nostra Fondazione,
riportiamo il suo intervento:
“Mi è stato chiesto, a chiusura della mia collaborazione con la Fondazione, di descrivere
brevemente la cronistoria degli
anni trascorsi al servizio della
stessa. Non è facile sintetizzare 42 anni di attività in poche
e laconiche righe, ma ci proverò
comunque.
Sono entrato alle dipendenze,
in qualità di economo, al “Pio
Istituto dei Sordi” di via Settembrini, dopo aver sostenuto
un concorso pubblico per titoli
ed esami nel lontano dicembre
1968. In quel periodo presidente
del Consiglio di Amministrazione era il Gen. Ettore Gnech, l’amministrazione era guidata dal Segretario rag. Teodoro
Quadrelli coadiuvato dalla mitica signora Jolanda. Oltre al sottoscritto erano appena stati assunti altri tre giovani ed i nuovi assunti
avrebbero da lì a poco sostituito il personale
prossimo alla pensione.
Di quegli anni ho conservato un vivo ricordo
delle persone sopra citate, oltre alle Madri
Canossiane, a cui va il mio pensiero riconoscente per essermi state vicine in un difficile
momento della mia vita, in particolare madre Eugenia Cantù, madre Rosa Crimella e a
tante altre che per questione di spazio mi è
impossibile elencare. Trascorsi nell’Istituto di
via Settembrini nove anni fino al 1977, quando già la legge 517 poneva pressoché fine
alle scuole speciali.
L’Istituto fu venduto alla Provincia divenendo
la sede dello Schiapparelli, noi fummo trasferiti presso l’Istituto maschile di via Prinetti
e lì trascorsi altri nove anni difficili, sia per le
nuove normative che non favorivano istituzioni come le nostre, sia per il conseguente drastico calo degli alunni. Poco prima di
lasciare l’Istituto di via Prinetti, mons. Giulio
Broggi, una colonna dell’istituzione, purtroppo, ci lasciava per sempre.
La sede di via Prinetti fu affidata alla Provincia, mentre ciò che restava dell’Istituto si
trasferiva, in affitto, in via Copernico: era il
1986. Nei nove anni che seguirono la scuola
fu chiusa definitivamente per mancanza di
allievi, restò solo l’amministrazione per gestire, con il CdA, il patrimonio. Nel 1995 il
Consiglio approvò la soluzione di trasferire
gli uffici nei locali di proprietà dell’Ente in via
Giason del Maino, dove si continuò a prestare assistenza ai sordi con l’erogazione
di contributi ed al finanziamento di progetti
sociali sempre legati agli scopi della FonGIULIO TARRA
3
dazione. Trascorsero così altri nove anni e
nel 2004 decisi definitivamente di ritirarmi in
pensione. Il Consiglio presieduto dal cav. Romano Gaspari, nella seduta del 15 novembre
2004, mi nominò benemerito divenendo così
membro dell’Assemblea dei Benemeriti e dei
Benefattori. Per tre anni godetti un meritato
riposo a casa, poi nel 2007 fui invitato a candidarmi per far parte del CdA della Fondazione e per spirito di servizio accettai.
Ma il tempo passa… il mandato di sei anni
termina a settembre 2013 ed ora data l’età,
prossimo ormai ai 74 anni, ritengo conclusa la mia lunga esperienza al servizio della
Fondazione. Credo, quindi, opportuno ritirarmi e lasciare ai più giovani il compito di
continuare nell’opera meritevole che da 160
anni il nostro Istituto svolge nella lotta e nel
contrasto alla sordità.
Sono tempi di grandi cambiamenti e di sfide,
ai giovani si lascia un’eredità non facile, ma
non fu facile neanche il 1968. Alla Fondazione ed a chi opera in essa, auguro ogni bene
affinché possano proseguire nel disegno dei
Padri Fondatori, ovvero cercare di dare l’udito e quindi la parola a chi ne è sprovvisto. A
tutti un cordiale saluto.
Geom. Antonio Brambilla
UN LABORATORIO LINGUSTICO/ESPRESSIVO…
-
I
N
C
L
U
Tra workshop, conferenze e seminari nel
mese di gennaio, durante la settimana
dell’autonomia, ha avuto inizio al “Caravaggio” il laboratorio linguistico/espressivo finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa per una didattica inclusiva
e reso possibile grazie al contributo del
Pio Istituto dei Sordi, sempre sensibile e
attento ai bisogni diversi.
Il laboratorio ha inteso mettere a confronto varie modalità comunicative: le
lingue naturali, in particolare l’italiano,
l’inglese e la LIS, il linguaggio artistico e
4
GIULIO TARRA
S
I
V
O
-
quello musicale. Destinato ad una classe
terza nella quale sono presenti due alunne sorde segnanti, il laboratorio ha suscitato curiosità e coinvolgimento anche in
diversi studenti dell’istituto che, durante
il primo incontro, si sono uniti al gruppo
partecipando alle attività. Il laboratorio si
è articolato in tre moduli con tematiche
diverse legate tra loro da una trama comune.
All’esposizione teorica degli argomenti
sono stati alternati spazi ludici per favorire l’attenzione e la partecipazione degli
studenti. Il primo modulo è stato affidato alla prof.ssa Sara Trovato, docente di
Sociologia dell’Educazione presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca ed
esperta nella didattica sulla sordità. La
docente ha illustrato le caratteristiche
delle lingue ed esposto le ragioni per cui
la LIS può essere considerata una vera
lingua “naturale”, secondo i metodi della
linguistica moderna.
Ha evidenziato l’importanza di consolidare una prima lingua, per permettere
uno sviluppo cognitivo armonico e completo fin dall’infanzia ed ha effettuato un
confronto tra LIS, lingue dei segni di altre
nazioni e lingue orali (italiano e inglese),
in particolare dal punto di vista grammaticale e sintattico.
Tale confronto ha suscitato spontanee
considerazioni “ci ha permesso di capire
- sottolineano Ruben e Davide - le assonanze e dissonanze presenti nelle diverse lingue ed inoltre l’espressività e la
teatralità utilizzate nelle lingue dei segni
rispetto alle lingue orali” e, aggiungiamo
noi, è alla base della grammatica comparativa che viene utilizzata nei moderni
metodi d’insegnamento delle lingue.
Nel secondo modulo, oltre ad approfondire le caratteristiche morfologiche e sintattiche della LIS, grazie al contributo delle
assistenti alla comunicazione, gli studenti sono stati coinvolti in giochi e piccole
traduzioni usando al dattilologia.
I ragazzi hanno potuto rendersi conto
di cosa sia la lingua dei segni, della sua
struttura e delle sue componenti e hanno
avuto modo di conoscere, attraverso il
racconto delle compagne, alcuni aspetti
della cultura sorda, legati alla vita quotidiana. Alice e Chiara, le due allieve non
udenti, sono state protagoniste di questo
laboratorio che le ha messe al centro delle attività ed ha permesso di aumentare
la consapevolezza dei compagni nei confronti della loro cultura, della loro percezione del mondo circostante.
Secondo Chiara e Alice: “I giochi in lis
sono stati la parte più interessante perché hanno combinato la nostra lingua
ed il divertimento. Ci sono state fatte
tante domande sulla nostra vita e cultura e ciò ci ha gratificate. Ci piacerebbe
proseguire con altri laboratori più approfonditi di questo tipo”.
L’ultimo modulo si è focalizzato sulle
espressioni artistiche, in particolare sulla
musica, sul rapporto musica-testo nelle
canzoni e sulla poesia, e su come queste
espressioni artistiche vengono percepite
dai sordi: Elisa, Laura e Greta hanno detto “E’ stato sorprendente capire come
queste persone riescano, pur non sentendo, a trasmettere il ritmo di una canzone attraverso segni, gesti, movimenti
ed espressioni del viso”.
Le attività del laboratorio sono state
valide opportunità di integrazione per
condividere spontaneamente varie esperienze, hanno creato un ambiente di apprendimento senza “barriere”, autentico
momento di aggregazione tra il gruppo
di coetanei consapevoli della ricchezza
della diversità.
A cura della Classe 3F:
Cristina Lacchini, docente referente
del laboratori;
Lisa e Serena, assistenti alla comunicazione
Prof.ssa Saveria Cucè
(Liceo Artistico Statale
“Caravaggio”di Milano)
GIULIO TARRA
5
LA SORDITA’ INFANTILE:
L’ESPERIENZA DI VARESE
(SECONDA PARTE)
La diagnosi audiologica pediatrica è un atto medico complesso e
delicato per le ricadute sullo sviluppo futuro del bambino.
Non può quindi essere oggetto di
ritardi o approssimazioni dovute
a inesperienza. La diagnosi precoce è il primo passo di un cammino di recupero, che inizia con
un atto di reciproca accettazione
medico-paziente, e con la formulazione di una sorta di “patto”: ci
affidate vostro figlio, faremo del
nostro meglio, voi genitori avrete
6
GIULIO TARRA
la responsabilità di realizzare il
progetto passo dopo passo, solo
a queste condizioni la prognosi
sarà buona.
La diagnosi audiologica si trasforma quindi in tempo reale
nella presa in carico del piccolo
paziente. Se la soglia rientra nei
limiti della comoda udibilità,
in presenza di fattori di rischio
si consegna comunque ai genitori un questionario che aiuta a
monitorare le capacità comunicative del
bambino in base alla fascia di età.
In caso di sordità grave-profonda o profonda la presa in carico è immediata in
quanto la disabilità comunicativa è invariabilmente presente e significativa.
Se la soglia si colloca tra il lieve e il grave, la diagnosi si completa con il bilancio
comunicativo, che consente di dare indicazione alla protesizzazione con la massima accuratezza.
La diagnosi comunicativa si
avvale di test specifici tarati
sulla fascia di età del piccolo
paziente. Il fine è di misurare
il grado di impairment comunicativo, e i conseguenti livello di disabilità (descritta dai
genitori e dagli insegnanti) e
di handicap sociale.
Sotto i 2 anni di età si somministra il test chiamato Videoanalisi del comportamento
comunicativo (ACC), mentre
sopra i 2 anni utilizziamo il
TAUV (test abilità uditive Varese). Per la
descrizione analitica dei singoli test si rimanda a quanto pubblicato (Burdo S. et
al, I care, 1995; 20 (suppl 2): 1-36).
Entrambi questi test vengono somministrati e videoegistrati dalla logopedista o
audiopedagogista.
L’andamento del livello comunicativo viene monitorato
nel tempo e riassunto in grafici, utili al clinico ma anche
al genitore per verificare la
correttezza di quanto diagnosticato e l’evoluzione del
quadro. I test ACC e TAUV
valutano l’impairment comunicativo. La disabilità viene
invece misurata con i questionari di Sanders, compilati dai
genitori e dagli insegnanti.
Un cenno a parte merita il
test di screening del rischio educativo
(SIFTER), che viene somministrato alle
insegnanti (già dall’asilo nido). Il bambino viene valutato i termini di prerequisiti
o risultati scolastici, grado di attenzione,
comunicazione, partecipazione e comportamento sociale. Anche in questo caso
è importante seguire l’andamento nel
tempo, sia ai fini dell’indicazione protesica, sia nel monitoraggio dei risultati della
GIULIO TARRA
7
protesizzazione stessa.
Il bambino sordo medio o mediograve se correttamente preso in
carico e dotato della tecnologia
adeguata, risolve completamente
l’impairment uditivo e con esso la
disabilità e l’handicap, non ha quindi necessità di lunge terapie riabilitative nè tantomeno di figure di
sostegno in ambito scolastico.
Il grado di sordità deve essere monitorato con cadenza almeno semestrale, poichè la soglia uditiva tende
in molti casi a peggiorare, con tempi assolutamente imprevedibili, a
prescindere dalla causa.
Un argomento mai abbastanza sottolineato è quello del corretto approccio alla famiglia del bambino
sordo. Col termine counseling intendiamo l’insieme di tutto il sostegno informativo e psicologico che la famiglia di un bambino sordo riceve dallo staff
del Centro.
La corretta comunicazione coi genitori si imposta fin dal momento -cruciale- della
diagnosi. L’abilità del medico audiologo sta nel saper comunicare la gravità del problema (specie in caso di sordità gravi profonde) e la conseguente urgenza della presa
in carico, e al contempo gestire in positivo l’ansia che questa notizia inevitabilmente
crea nei genitori. Questi ultimi devono prendere coscienza del problema, e averne nel
minor tempo possibile una visione realistica, per poter fare le scelte giuste per il proprio figlio. Le fasi di questo processo sono state descritte da Shontz nel lontano 1965,
e rimangono attualissime.
Saper distinguere la fase psicologica in cui i genitori si trovano è fondamentale per
arrivare al più presto al momento positivo, “costruttivo”. L’importanza della diagnosi
precoce della sordità non sarà mai sottolineata abbastanza.
La “finestra” di plasticità cerebrale è il periodo aureo in cui il bambino sordo, se correttamente preso in carico, ha ancora la potenzialità di guarire completamente, ottenendo livelli di performances comunicativa paragonabile a quelli dell’udente.
Col passare delle settimane e dei mesi, il grado di plasticità cerebrale decade esponenzialmente e con esso la qualità dei risultati riabilitativi.
dott.ssa Alessandra Galli
(Servizio di Audiovestibologia
Osp.Circolo Fondazione Macchi di Varese)
8
GIULIO TARRA
Proseguiamo in questo numero la pubblicazione della storia (a puntate) della
vita trascorsa dall’amico ex-studente sig. Del Grosso all’interno del nostro Istituto. Seguiteci in questo suo racconto. Buona lettura.
Dolci e amari ricordi di una sconfinata adolescenza
al Pio Istituto Sordomuti di Milano (3ª puntata)
di Giuseppe Del Grosso
….. (continua) Da quando sono stato cresimato ed ottenuto la prima Comunione
(10.05.1961) sovente volte mi facevano fare il chierichetto e da lì avevo imparato
qualche preghiera sic! in …latino. La prima colazione era a base di caffelatte con pane
raffermo, poi la breve ricreazione in cortile od in caso di pioggia nei saloni.
Al suonare della “Martinella” la campanella del cortile rientrammo in una aula quasi
quadrata col piccolo lavandino situato all’angolo, le pareti addobbate di lavagne d’ardesia, di cartelloni geografici, illustrazioni di animali o di cose d’altro, la scrivania del
maestro era posta dietro una piccola biblioteca con annessa porta d’ingresso ed i banchi sistemati a semicerchio con calamai d’inchiostro. Dietro la scrivania, sulla parete
centrale in alto non mancava il crocifisso e la statuina della Madonna.
Nei primi giorni di scuola appresi il linguaggio parlato con sillabe, le spiegazioni
La Cappella
10 maggio 1961
GIULIO TARRA
9
dell’alfabeto, la conoscenza delle lettere, i nomi delle figure illustrate, l’uso del pennino imbevuto d’inchiostro
che purtroppo con la mia mano sinistra non riuscivo a
scrivere egregiamente, sovente volte macchiavo le pagine del quaderno e gli facevo dei buchi… Le lezioni che
ci dava il maestro erano interessanti e qualche volta mi
distraevo guardando altrove.
Nel tardo mezzodì al suono della campanella ci recammo
sempre affamati in un grande refettorio, dove ci stavano
tutti per pranzare con vasellame e posate d’alluminio.
Le portate erano quasi sempre a base di pasta al pomodoro, risotto al pomodoro, polpette, formaggini e una frutta di stagione accompagnato col pane e caraffe d’acqua.
Dossi Piero e
Nei primi giorni facevo fatica a deglutire per quella “paDonelli
Giovanni
stasciutta” così pastosa che ci dava della pelle d’oca ma
per la gran fame dovetti ingoiare quasi tutta quella roba… Nel primissimo pomeriggio
facemmo altra ricreazione all’aria aperta con partitelle di calcio in un grande campo
sportivo adiacente all’istituto, in caso di pioggia
ci recavamo nelle sale
attrezzate di giochi vari
come calciobalilla, pingpong, dama, giochi di carte, ecc.
Al pomeriggio inoltrato
ci recavamo nei laboratori
Giardini Pubblici 1962
di falegnameria, sartoria, calzoleria, legatoria e tipografia per imparare un mestiere,
ad alcuni prima di accedere ai laboratori si
impegnavano prima a ripassare dei compiti
di classe.
Una volta alla settimana i maestri prima
Galli Arturo e dopo Parigi Tito ci davano
le lezioni di disegno, invece l’altro Angelo
Mapelli ci impartiva degli esercizi di ginnaSaggi ginnici del 1964
stica nel cortile.
Negli ultimi mesi del 1956 col maestro Egidio Colombo recuperando precocemente
il concetto ed affermando tra i compagni, venni su accordi intercorsi col Monsignor
Giulio Broggi affidato alla seconda classe del professor Dossi Piero. Dalla classe del
professor Egidio Colombo mi ricordavo solo un mio ex compagno: Giuseppe Varisco,
il primo amico che ci aiutava……..
(continua sul prossimo numero)
10 GIULIO TARRA
L’ASSOCIAZIONE “AFORISMA” PRESENTA IL CORSO
“Strategie didattiche per alunni con disabilità uditiva:
educazione logico-matematica e linguaggio”
Grazie al sostegno del Pio Istituto dei Sordi di Milano, l’Associazione “Aforisma”,
da me presieduta, propone un corso di
trenta ore (suddivise in otto incontri) rivolto ad insegnanti e assistenti alla comunicazione che si occupano di alunni non
udenti o con difficoltà di apprendimento
e/o linguaggio.
Nei corsi organizzati in precedenza da
“Aforisma”, particolare interesse ha suscitato l’insegnamento della logico-matematica, che a detta dei frequentanti, nella
scuola è spesso basato sulla comunicazione verbale e non sull’operatività da cui
desumere definizioni e regole.
Considerata l’importanza di un corretto
insegnamento della matematica e degli
aspetti logici del pensiero che vi sottostanno per l’apprendimento linguistico,
si propone un itinerario didattico aperto
e flessibile concepito per i non udenti ma
utilizzabile anche per alunni con difficoltà
di apprendimento e/o di linguaggio.
Verranno organizzate attività laboratoriali, mediante l’aiuto di materiale struttu-
rato (blocchi logici, materiale multibase,
geopiano) e materiale di fortuna (carta,
fobici, ferma-campioni, elastici, corde,
spilli….).
I docenti che terranno il corso, con esperienza di formazione anche per specializzandi per il sostegno, avranno modo di
trasmettere ai presenti le loro competenze
maturate nel corso di molti anni di insegnamento all’interno di classi comuni con
la presenza di alunni sordi e con difficoltà
di apprendimento.
Al termine del corso verrà rilasciato un
attestato di partecipazione riconosciuto
dal M.I.U.R. a chi avrà superato il 75%
delle ore di presenza.
Informazioni e Iscrizioni
c/o Associazione Aforisma
Viale Marche, 71 Milano
Tel.02.69431986 - fax 60736871
e.mail:
[email protected]
Irene Menegoi Buzzi
(Presidente Ass. “Aforisma”)
GIULIO TARRA 11
IL CAMPO E’ IL MONDO
Carissimi,
abbiamo la grazia di iniziare
un nuovo anno e ci sembra un’occasione
splendida che il Signore offre di nuovo
a ciascuno, per contemplare e vivere la
sua fedele presenza e vicinanza e dunque per accorgerci che la vita di tutti, anche di colui che sembra senza speranza,
è amata da Lui, “il Dio vicino”.
Vorremmo allora raggiungere ogni persona nella sua casa per dirgli: tu sei importante per Dio, non avere paura, non
lasciarti abbattere da insuccessi o sofferenze, tu sei più di tutto ciò, tu sei figlio
di Dio.
Iniziando il nuovo anno, ci sembra questo
il fondamentale annuncio che i cristiani
sono chiamati a portare..e soprattutto a
vivere. Il cristiano infatti è per sua natura
missionario e seminatore, cioè ha la missione di dire, ovvero di seminare la gioia
d’aver incontrato Gesù.
Ma dove, come, quando seminare ?
“Il campo è il mondo”, dice il nostro Arcivescovo ed il mondo inizia dalla propria
famiglia, per allargarsi poi al quartiere,
alla parrocchia, alla scuola, ai luoghi di
lavoro, per arrivare ad altri paesi e popoli.
In questo nuovo anno, come non pensare alla semina da fare nella nostra famiglia – soprattutto a bimbi e ragazzi - e
nel nostro quartiere.
Annunciare, indicando loro la luminosa
forza del bene che c’è in Gesù e mostrando il bello che c’è nel mondo!
Quanto bisogno c’è, in queste porzioni
del “campo”, di seminatori appassionati
ed in particolare di genitori e giovani che
facciano scoprire ai piccoli la presenza e
l’amicizia di Gesù, e poi far loro conoscere una nuova ed allargata dimensione di
12 GIULIO TARRA
famiglia: la Parrocchia.
Certo, è necessario non limitarsi allo
“star bene nella propria casa” (del resto
non è limitante chiudersi ed occuparci
semplicemente di noi?), ma aprirsi e rendersi disponibili a contribuire ed a vivere
quest’altra e più grande famiglia. Ciò che
lega Famiglia e Parrocchia, è infatti molto
più di una semplice collaborazione educativa, ma è la necessità di dar corpo ad
una “comunità educante” che, nella fraternità, cerca di impostare e costruire un
futuro di bene per le nuove generazioni.
Quante - e belle - occasioni di semina e
di crescita per tutti, in un’unica tensione
educativa: far conoscere Gesù! Occorre
però fare lo sforzo di uscire da noi stessi:
“Il campo è il mondo” ed attende ciascuno a seminare ed a crescere insieme!
Il Signore vi benedica
diac. Alvaro Cappellini
Sulle strade del mondo,
vie da percorrere
Il nuovo anno pastorale sarà caratterizzato dalla proposta: “Il campo è il mondo. Vie da percorrere incontro all’umano”.
E’ un’iniziativa che nasce dalla costatazione che nella
società è in atto una forte evoluzione, sullo sfondo dei
mutamenti che stanno interessando tutto il Paese e
l’Europa. E in questo contesto la Chiesa è provocata ad una più decisa comunicazione di Gesù Cristo
come buona notizia, Evangelo dell’umano, in tutti gli
ambienti dell’esistenza quotidiana degli uomini e delle
donne.
Perché, come ha spiegato papa Francesco, “la Chiesa che non esce da se stessa per evangelizzare, diviene autoreferenziale e allora si ammala”.
L’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, lancerà l’iniziativa pastorale il prossimo 9 settembre 2013.
La proposta vuole essere aperta a 360° perché la Chiesa non ha bastioni da difendere ma solo strade da percorrere per andare incontro agli uomini.
20.10.2013
87ª Giornata
Missionaria Mondiale
“Sulle strade del mondo” è lo slogan per la prossima
Giornata Missionaria Mondiale (Gmm) 2013.
In linea con l’Anno della Fede, il tema esprime l’esigenza di coniugare lo Spirito missionario con la vita
di tutti i giorni, in un mondo bisognoso di redenzione,
segnato da profonde trasformazioni sociali, politiche,
economiche e culturali.
Ecco che allora, l’atto di fede, da parte di ogni singolo
battezzato, si deve concretizzare, nella metafora del
cammino, uscendo dalle nostre comunità, per incontrare uomini e donne che hanno fame e sete di Dio.
Dunque, un “andare” sulle strade del mondo, insieme, fino agli estremi confini. La
testimonianza di fede di tanti nostri missionari disseminati nei cinque continenti resta
il segno tangibile di un impegno che è di tutta la Chiesa.
GIULIO TARRA 13
FESTA A.G.U.A.V.
DEL 9 GIUGNO 2013
Anche quest’anno, ormai per la 17esima
volta, i soci A.G.U.A.V. si sono ritrovati
per festeggiare insieme l’inizio dell’estate, mai come quest’anno tanto desiderata, e soprattutto per dire “grazie” a tutto
il personale che, attraverso un lavoro appassionato, professionale e costantemente
aggiornato, ha permesso loro di affrontare
con serenità la vita, superando le difficoltà e i grandi limiti che un problema come
la sordità avrebbe loro imposto.
Eravamo 750 iscritti, di cui 174 bambini.
Per intrattenerli sono arrivate gratuita-
penso, ringraziando loro per essere state
chiamate e ricandidandosi già per il prossimo anno!
Erano presenti, in spazi riservati ai piccoli ospiti, il Mago Magicus, che ha entusiasmato grandi e piccini, il giocoliere
Marco con la sua dolce Lulù, il mago dei
palloncini, l’amatissima “Claudiona” tutta cartoncino-colla-fiori e colori, la brava
trucca-bimbi, gli intramontabili e divertentissimi gonfiabili, lo zucchero filato, il
gelataio con il suo mitico gusto “nutellone”.
Mentre i piccoli si divertivano e, tra
un gioco, un
salto ed uno
spettacolo,
correvano a
farsi fotografare seduti al
volante di una
delle trenta
Ferrari venute
appositamente ad Induno
Olona, a Villa
Il numeroso pubblico presente alla 17ª Festa AGUAV
mente 27 baby sitter, tutte amiche della
nostra ormai veterana Margherita. Una
tra le tante cose belle di domenica è che,
al termine dell’evento, tutte le ragazze
hanno rifiutato anche il pur minimo com14 GIULIO TARRA
Porro Pirelli, per fare sentire il rombo del
loro motore, in quella cornice elegante e
raffinata, tra il festante chiacchierio degli
ospiti, i genitori e i familiari avevano il
piacere, altra grande, unica ed apprezza-
tissima caratteristica del Servizio di Audiovestibologia di Varese, di ascoltare tutte le novità in campo audiologico e tutte
le informazioni sulle attività del Servizio
dalla Responsabile Dr.ssa Eliana Cristofari.
In prima fila, ad ascoltarla, con reale attenzione, il Presidente del Consiglio lombardo, Dott. Raffaele Cattaneo, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera
di Varese Dott. Callisto Bravi, il Direttore
Amministrativo
Dr.ssa
Maria Grazia
Colombo, per
il Pio Istituto dei Sordi
era presente il
Sig. Adriano
Facoltosi, per
la FIADDA il
Presidente Dr.
Antonio Cotura, e con vera
emozione
e
commozione
ad ascoltarla c’era anche il mito della danza classica, la grande Carla Fracci.
Ma per noi soci la cosa più bella è stata
vedere quella sala gremita all’inverosimile, ritrovare amici di una vita, quelli con
cui l’associazione è nata, e tanti visi nuovi, tanti genitori giovani, tanti bimbi felici. A conclusione della mattinata i bellissimi canti del Coro degli Alpini che, con
qualche canto fuori programma, ci hanno
permesso di rendere meno amaro un servizio catering scadente a causa di un grave imprevisto in cucina, superato da tutti
con tanta comprensione.
Dopo la pausa-gelato siamo andati ad
assistere allo spettacolo di magia, ma la
vera magia è stata compiuta su quei bimbi nati sordi e subito curati dall’équipe
di Varese, Centro di Eccellenza, risultato
di 20 anni di studi, lavoro e ricerca, che
seduti tra tanti altri loro amici e fratellini
normoudenti, rispondevano, interagivano
e cantavano con il Mago Magicus senza
che tra gli uni e gli altri si vedesse alcuna
differenza.
Ecco perché per me è un impegno morale fare capire alle famiglie che la Sordi-
tà è una MALATTIA CURABILE, che i
nostri figli sordi sono in tutto e per tutto
come noi, hanno solo, inizialmente, le
orecchie difettose, ma possono capire,
parlare e SENTIRE come noi!
Ecco perché non mi stancherò mai di
RINGRAZIARE il Pio Istituto dei Sordi
di Milano che ha capito che OGGI essere
SORDI è diverso e che i sordi OGGI hanno bisogno di cose del tutto nuove, hanno bisogno di poter essere curati bene e
subito!Vi aspettiamo ancora più numerosi
per il 2014, non mancate!
Tiziana Roi Basso (Presidente
A.G.U.A.V. Varese)
GIULIO TARRA 15
PROSEGUE CON SUCCESSO
IL PROGETTO DI RICERCA
“SCREENING AUDIOLOGICO DI PERSONE
AFFETTE DA SINDROME DI DOWN”
FINANZIATO DALLA FONDAZIONE DEL
“PIO ISTITUTO DEI SORDI”
Sette mesi sono passati dall’inizio del progetto di ricerca intitolato “Screening
audiologico di persone affette da sindrome di Down” voluto dal Pio Istituto dei Sordi sotto la supervisione del Prof. Antonio Cesarani. In questi mesi
sono state contattate 105 famiglie di persone affette da sindrome di Down,
di cui 93 hanno accettato di partecipare allo studio. 39 persone sono già state sottoposte a visita audiologica e ad esami audiometrici (ricordiamo che il
protocollo prevedeva anamnesi, otomicroscopia, audiometria tonale e vocale,
impedenzometria). Gli altri appuntamenti sono previsti in settembre, ottobre
e novembre.
Nel frattempo è stato disegnato e costruito un database ad hoc per la raccolta
dei dati frutto di questo studio. Si è scelto di utilizzare il programma gratuito
EpiInfo™ creato dal Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta
(www.cdc.gov/epiinfo) ed alcune schermate sono visibili nelle figure 1 e 2. La
16 GIULIO TARRA
raccolta sistematica di tutti i dati permette una più veloce indicizzazione di
essi e garantirà una rapida analisi dei risultati alla conclusione dello studio.
I 39 soggetti affetti da sindrome di Down già visitati nella nostra unità avevano
un’età compresa fra 6 e 45 anni (età media 24,5 ± 7,8 anni), erano tutti affetti
da trisomia 21 libera ed erano 21 femmine e 18 maschi. Nella maggior parte
dei casi l’audiologo ha dovuto asportare tappi di cerume prima di procedere
con gli esami audiometrici.
Questi hanno rilevato 1 solo caso di sordità neurosensoriale (di grado medio)
e 11 casi di sordità a carattere trasmissivo (di grado lieve o medio). Quest’ultimo tipo di sordità è stata riscontrata particolarmente nei bambini, come atteso.
Si tratta di risultati preliminari e non analizzati attentamente, tuttavia i tappi di
cerume e l’incidenza delle sordità trasmissive sembrano indicare una particolare importanza di sottoporre le persone con sindrome di Down a screening
audiologico per mantenere la corretta igiene audiologica e dunque agevolare
le capacità di integrazione e di comprensione del messaggio verbale.
A cura di:
Prof. Antonio Cesarani (Cattedra di Audiologia del Policlinico di Milano)
e le borsiste dott.ssa Stella Forti e dott.ssa Sonia Corno
GIULIO TARRA 17
CONVEGNO “VIVERE UNA CITTADINANZA ATTIVA”
ORGANIZZATO IN OCCASIONE DELLA
FESTA A.F.A. CANTU’ DEL 5 MAGGIO 2013
Il Consiglio di Amministrazione del “Pio Istituto dei Sordi” nella seduta di giovedì
21 marzo u.s. ha approvato e deliberato l’erogazione di un contributo per l’organizzazione del convegno “Vivere una cittadinanza attiva” che si è tenuto in occasione della
Festa dell’A.F.A. di Cantù domenica 5 maggio 2013.
Il convegno, che è stato interamente sottotitolato, si è svolto presso il Campo Solare di
via Giovanni da Cermenate a Cantù. Oltre che dal nostro Istituto, il convegno è stato
sponsorizzato anche dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Cantù ed ha avuto il patrocinio
della Pro Loco e del Comune della graziosa cittadina brianzola.
Tonino Franzoso (Pio Istituto dei Sordi)
L’ASSOCIAZIONE
“MONS. G. MARCOLI”
DI BRESCIA
SI PRESENTA
L’Associazione “Monsignor G. Marcoli” di Brescia, fondata nel settembre
2001, è costituita da professionisti, da
genitori ed educatori che, coinvolti in
vari modi in problematiche relative alla
sordità in età evolutiva, hanno deciso
di formalizzare il loro impegno a favore delle famiglie di audiolesi, andando
incontro a quei bisogni per i quali non
esistono al momento risposte adeguate.
L’Associazione vuole porsi, con le sue
iniziative, a servizio della genitorialità
in un’ottica di prevenzione del disagio:
oggetto degli interventi è la relazione
parentale di cui si vogliono sostenere
e potenziare risorse e capacità, nella
convinzione che la promozione del benessere famigliare sia essenziale per il
18 GIULIO TARRA
buon funzionamento della società stessa. L’Associazione vuole sostenere la
responsabilità e la dignità della famiglia, pur in situazioni dove la presenza
di un deficit rende più complessi e difficili i rapporti, offrendo, con modalità
varie, un supporto ai genitori nel delicato compito di crescere i loro figli.
Si propone di creare, in collaborazione
con quanti, nel settore pubblico e privato si occupano di bambini e di giovani sordi, una rete di sostegno informale
ed allargata, per favorire il buon funzionamento delle famiglie stesse.
Nel prossimo numero della rivista indicheremo meglio le aree di intervento
e le attività dell’Associazione.
Il nostro indirizzo è: Associazione
“Mons. G. Marcoli” – c/o Casa delle
Associazioni – Comune di Brescia,
Via Cimabue 16, 25124 BRESCIA
Marisa Bonomi
(Ass. “Mons. G.Marcoli”)
UNA STUDENTESSA CON DISABILITA’ UDITIVA
PARTECIPA AL CORSO DI ALTA FORMAZIONE
“DESIGN DEL GIOCATTOLO”
“Mi chiamo Fiorinda Pino e attualmente frequento come studentessa il
corso di Alta Formazione sul Design
del Giocattolo organizzato dal Polidesign di Milano all’interno dell’offerta
formativa dell’Università del Politecnico. Il corso, iniziato il 20 maggio, si
è concluso il 23 luglio ed ha previsto
un monte ore complessivo di 160 ore:
120 ore di insegnamenti tecnici e 40
ore di lezioni pratiche.
Grazie al servizio di interpretariato
sostenuto dal prezioso contributo del
Pio Istituto dei Sordi di Milano ho
avuto la possibilità di accedere e partecipare alle lezioni del corso di Alta
Formazione.
Questo corso è stato veramente utile,
interessante e ricco di informazioni
per il mio futuro professionale. Gli interventi degli studenti e delle studentesse sono stati numerosi, gli scambi
di opinione e la collaborazione sono
sempre stati presenti: ogni studente ha
avuto la possibilità di condividere la
propria esperienza personale e le proprie idee.
I docenti che si sono alternati durante
le lezioni programmate sono persone
esperte nel campo specifico e ogni insegnante ha portato la propria specializzazione ad esempio e come oggetto
di studio. Si sono succeduti esperti
di pedagogia, esperti sulla sicurezza
normativa dei giocattoli, esperti di
materiali
produttivi
e molti altri.
Durante
il corso
sono stati
organizzati due workshop: un “mini”
workshop molto interessante sulla
comunicazione e distribuzione e un
workshop per il quale è stata contattata un’azienda che, dopo la presentazione, ha richiesto a noi studenti di
proporre nuovi progetti. Il lavoro ha
previsto un lavoro in team e gli scambi
e le riflessioni, numerosissimi e partecipati, sono convogliati nella progettazione di alcuni prodotti che sono stati
presentati l’ultimo giorno del corso.
Il contributo messomi a disposizione
dal Pio Istituto dei Sordi di Milano è
stato fondamentale per poter seguire
le lezioni: grazie alla presenza dell’interprete ho potuto accedere agli insegnamenti frontali ma anche intervenire ed ascoltare le riflessioni avvenute
in classe.
Durante i due workshop la presenza
dell’interprete ha garantito la piena
accessibilità nei lavori di gruppo e la
possibilità di partecipare attivamente
agli esercizi condivisi”.
Fiorinda Pino (studentessa)
e Chiara Sipione (interprete)
GIULIO TARRA 19
IL “PIO ISTITUTO DEI SORDI” FINANZIA DUE PROGETTI A
FAVORE DELLA FONDAZIONE AUDIOLOGICA DI VARESE
Il Consiglio di Amministrazione dell’Istituto nella seduta di giovedì 6 giugno u.s. ha deliberato
l’erogazione di contributi economici in favore di 2 progetti per contrastare la disabilità uditiva
in favore della Fondazione Audiologica di Varese (F.A.V. Onlus).
Il primo progetto finanziato consiste nell’attivazione di una borsa di studio della durata di
un anno (rinnovabile) per l’assunzione di un assistente amministrativo dedicato alla gestione
delle attività del Centro di Audiovestibologia di Varese; l’assistente in questione è un giovane
portatore di impianto cocleare e pertanto l’inziaitiva si inquadra anche nell’ambito della integrazione con il mondo del lavoro. L’attività si svolgerà presso la SSD di Audiovestibologia
dell’Ospedale Circolo Fondazione Macchi di Varese.
Il secondo progetto finanziato riguarda l’acquisto di due macchinari utilizzabili come sistema
di controllo e verifica elettroacustica per protesi acustiche. La prima attrezzatura è completa
di camera anecoica per misure in vitro con accoppiatore e relativi adattatori per misure con
modelli retroaricolari, endoauricolari, accoppiamenti open fitting.
Il sistema comprende anche altoparlante esterno e sistema di microfoni wireless per esecuzione di misure in vivo, ovvero con microfoni sonda ad inserzione, ed è dotato anche di stampante
per la produzione di rapporti grafici sulle misure effettuate. Questo sistema renderà eseguibile
il controllo del guadagno protesico direttamente nell’orecchio del paziente, consentendo una
adattamento della regolazione protesica più preciso e meglio personalizzato. Nell’attività del
Servizio di Audiovestibologia, questo dispositivo verrà utilizzato quotidianamente sia per pazienti in età pediatrica sia per adulti. La seconda strumentazione consiste in un sistema per la
misurazione “in vivo” del guadagno protesico binaurale, con tecnologia bluetooth.
Tonino Franzoso (Pio Istituto dei Sordi)
Torna novembre, e con esso un rito antico
quanto l’uomo: il ricordo dei defunti. Intorno
alle tombe dei nostri cari ci raccogliamo in
preghiera, si accendono lumi, si dispongono
fiori. E’ un rito che si trasmette silenziosamente di generazione in generazione e che
è di ogni paese civile e che si è fatto “sacro”,
ma dietro il quale la morte continua a far paura e ad essere “mistero”. La nostra ragione
infatti davanti ad essa si smarrisce e non sa
che dire.
20 GIULIO TARRA
A chi chiedere, dunque? da chi
andare per una spiegazione?
Duemila anni S. Pietro si pose
la stessa domanda: “da chi andremo?” e la relativa risposta
gli venne dalla fede e dal cuore:
“Signore, tu solo hai parole di vita
eterna!” .
Ecco, sulla morte, lo spiraglio di luce: Gesù!…
Che non ne cancella il mistero, né ogni aspetto doloroso ed ambiguo di sorella morte: anche Gesù ne visse il dramma. Lo spiraglio di
luce sta nella sua Risurrezione; in essa infatti
vediamo che sorella morte non è colei che ci
seppellisce per sempre, ma sorella morte è
colei che ci apre la porta per farci passare alla
vita nuova, quella eterna.
INAUGURATA LA SALA D’ATTESA PRESSO
L’OSPEDALE DI CIRCOLO DI VARESE
Con piacere informiamo che il 30 settembre 2013 alle ore 11.00 è avvenuta l’inaugurazione
dell’“INDUZIONE MAGNETICA”, ovvero la sala d’attesa presso l’ambulatorio di Audiovestibologia, padiglione 14, dell’Ospedale di Circolo di Varese. La sala d’attesa è stata dotata un
sistema di amplificazione magnetica grazie al contributo del Pio Istituto Sordi e all’interesse
dell’Azienda Ospedaliera che hanno creduto nel progetto. Questo sistema permette di diffondere un segnale tramite segnali elettromagnetici che possono essere captati da piccole bobine
incorporate nelle protesi acustiche o nei processori degli impianti cocleari. Questa modalità
consente all’utente di ascoltare messaggi vocali provenienti dall’accettazione, piuttosto che
l’audio del televisore posto in sala d’attesa, con un miglioramento netto del rapporto segnale
rumore. In sostanza il sistema permette di trasmettere solo il segnale d’interesse che potrà essere percepito dal paziente ad un’intensità superiore a quello del rumore di fondo circostante.
Mentre all’estero questi sistemi hanno un’ampia diffusione, in Italia pochissimi sono gli esempi e Varese sarà una delle prime strutture ospedaliere pubbliche a disporne.
Tonino Franzoso (Pio Istituto dei Sordi)
LIS “Segni & Parole”:
APERTA LA NUOVA SEDE A BRESSO
Ci è giunta questa comunicazione e siamo lieti di darne la più ampia diffusione possibile:
è aperta a Bresso la nuova sede “Segni & Parole”. E’ così iniziata una nuova ed emozionante esperienza, grazie alla quale i Sordi dell’Area Metropolitana di Milano felicemente
si ritrovano in una nuova sede di attività gratuite e d’integrazione sociale. La sede è aperta tutti i mercoledì pomeriggio in Piazza Martiri della Libertà 1 a Bresso (Mi).
Per raggiungerla è possibile prendere l’autobus dell’ATM n. 83, con la metropolitana
MM3 linea gialla a Bresso fermata di via Corridoni, poi 20 metri a piedi e si arriva in Piazza
Martiri della Libertà.
Associazione “Segni & Parole”
Sede Legale: via Veneto, 24 – 20091 Bresso (Mi)
Sede Operativa: Piazza Martiri della Libertà, 1 - 20091 Bresso (Mi)
Tel. 02.6105858 - Fax 02.87163326 –cell./sms 339.4118093
[email protected] - www.segnieparole.org
GIULIO TARRA 21
ECHI.... DI CRONACA
Dalla Piazza al Campo dei Miracoli:
una doppia avventura dei Sordi della Martesana
Visto il perdurare negli ultimi giorni del diluvio, l’“Arca Colombo” con a bordo gli
amici dell’Associazione Sordi Martesana per i giorni del 31 e 1 giugno ha organizzato
un weekend da… urlo!
Una breve ma intensa vacanza sia altamente culturale che ricreativa che ha
completamente soddisfatto
i “silenziosi” partecipanti.
Al mattino prestissimo partendo da Cernusco sul Naviglio fortunatamente col
tempo clemente dopo intermezzi di sosta siamo giunti
nella Piazza dei Miracoli
di Pisa per un giro di perlustramento sia dall’interno
che da fuori dei celebri monumenti di cui alcuni di noi
L’Ass. Martesana in Piazza dei Miracoli
sono riusciti arrivare lassù
della Torre Pendente e del
Battistero mentre il resto
s’è accontentato di visitare
il Duomo ed alcuni minori
monumenti ma sempre di
pregio. Si potrebbe descrivere di tutto di quella Piazza dei Miracoli all’infinito
ma sarebbe opportuno rivisitarla di nuovo anche sa a
qualcuno di noi l’aveva visitata più volte… ed è sempre un buon auspicio di esserci ancora pendenti come
quella millenaria Torre. Nel
Il Maestro Giuseppetto vi invita a visitarlo
tardo pomeriggio ci siamo
22 GIULIO TARRA
L’Ass. Martesana nelle fauci della balena
recati alla volta di Lucca per una breve
ricognizione tra le sue “Mure Storiche”
e in serata abbiamo raggiunto la “Villa
del Seminario” di Arliano per il pernottamento. Un plesso rinascimentale di cui
le sue origini risalgono ai primi decenni
del ’500 più volte trasformato come casa
delle vacanze per aristocratiche famiglie
poi un convento-seminario con annessa
cappella dedicata alla Santissima Maria del Rosario fino ad un vero albergo
per meeting, convegni, matrimoni, feste
d’occasioni posto in una zona collinare
dominante della piana di Lucca immersa
nel verde dei boschi e nel grigio argento
degli olivi che si trova sulla piana di Lucca ad un tiro di schioppo (12 km). Dalle nostre camerette assegnate potevamo
scorgere a perdifiato l’ampia conca lucchese tra il Monte Pisano e le Alpi Apuane rendendoci l’animo rilassato.
Nell’ampio salone che ci pareva una chie-
sa, perché adornata chi affreschi e arredi
sacri potevamo fare una frugale cena da
fraticelli ma ci siamo dovuti accettare di
consumare “forzatamente” delle prelibatezze che ci ha offerto quella “Villa del
Seminario”….
Dopo quelle sante mangiate e libagioni
invece dei solite litanie di rosari in quella splendida cappella ci siamo recati nei
salottini per piccole giocate a carte… A
tarda serata alla spicciolata ognuno si è
recato a ritirarsi nella sua “celletta” arredata secondo la vocazione religiosa.
In quella serata su accordi intercorsi tra
sms ed mail con un vecchio amico sordo
abitante vicino a quel luogo e attualmente
Presidente della sezione dell’Ente Nazionale Sordi che è venuto a trovarci dopo
i convenevoli saluti d’incontro e trattenimenti ci ha complimentato di averci trovato quel splendido luogo nascosto e quasi sconosciuto anche a loro ed agli ospiti
locali che dopo si sono fatti premunire
GIULIO TARRA 23
dell’indirizzo per un eventuale incontro
da programmare in futuro. Il giorno dopo
qualcuno mattiniero prima di lasciare la
“Villa del Seminario” ha voluto fare una
breve intrusione nella chiesetta di Pieve di
San Giovanni un monumento sorto ai primi del 900 adiacente alla villa. Tra di noi
soprattutto gli ex allievi del Pio Istituto
Sordomuti di Milano constatando quella
“Villa del Seminario” ci siamo accordati
ha un profondo significato morale soprattutto per i piccoli.
Quanti bambini ci sono capitati tra noi…
non tutti festanti ed anche alcuni rimasti
un po’ turbati per le immaginarie e peripezie di Pinocchio, comunque quel parco
gli ha recato una grande gioia ai piccoli.
Nel tardo mezzodì dopo un veloce spuntino ci siamo recati alla “Villa Garzoni”:
un incantesimo complesso del ’700 risultato di un lavoro di
due secoli tra orti,
botaniche, fontane
innumerevoli, grotte, anfratti, gigantesche statue di satiri,
dei, animali che notandoli ci rendevano
di qualche sprazzo
d’attimo d’una fantastica visione. Sazi
della doppia avventura per digerire ci
siamo soffermati nel
Tutti a cena insieme nel Seminario
tardissimo pomeed ricordati che ci assomigliava quasi alla riggio a Viareggio per brevi passeggiate
nostra “Villa Santa Maria” di Verzago. In lungo mare ed di prendere pochi attimi di
mattinata ci siamo recati a Collodi antico sole. Un plauso del weekend anche se è
villaggio rimasto quasi intatto da secoli, stato un po’ sfibrante per noi anziani che
una cascata di case sparse sul crinale dove ci ha reso momentaneamente rinvigoriti
lo scrittore Carlo Lorenzini detto appun- va rivolto al consiglieri Maurizio e Mito Collodi autore del celebre “Pinocchio” chele ed in modo particolare all’inossiaveva trascorso la maggior parte della sua dabile presidente Della Torre Maurizio di
infanzia e ci tornava da adulto per trovare Cernusco sul Naviglio che con la sua quai suoi cari e soggiornare alla Villa Gar- si venticinquennale Associazione Sordi
zoni. Giunti al “Campo dei Miracoli” in Martesana ha sempre reso ottimi risultafila indiana ci siamo intrufolati visitando ti nell’ambito della cultura e ricreazione
innumerevoli padiglioni dell’avventura per i suoi amici Sordi sparsi pianura della
del piccolo Pinocchio a partire della for- Martesana.
mazione di quell’omino di legno in un
burattino irreale e alla trasformazione di
Giuseppe Del Grosso
un ometto savio, una brillante favola che
24 GIULIO TARRA
APPUNTAMENTI
Sezione E.N.S. Provinciale
27 ottobre 2013 - Varese
La sezione E.N.S. di Varese ha il piacere di comunicare che quest’anno ricorre il 60° anniversario della fondazione della sezione di Varese, che fu appunto fondata nel 1953.
Pertanto l’importante evento verrà festeggiato domenica 27 ottobre 2013.
Per eventuali informazioni contattare l’ufficio E.N.S. di varese oppure visionare il sito
internet www.ensvarese.it
Una fragorosa meteora
che spiazza
il silenzio e la nebbia
…in un paese chiamato Marano
dove il fiume Ticino s’accostò
spuntò un omino straordinario
da quell’irreale piccolo Klondike…
…ma per un avverso destino
trovò prima l’ingrato silenzio
e poi l’incomprensibile nebbia
ma non si disperi d’animo…
…e con enormi quantità di mollette
costruì con lena e passione
una cittadella fantastica
dando alla Lega un tributo di qualità…
…Francesco questo è il suo nome
che con le sue mille mani
che fungono da paraboliche antenne
riuscì a captare il mondo
rendendolo a sua portata…
…e grazie del suo senso in più
appassionatamente accudisce
con adorazione il nipotino Mattia
dando sollievo agli indaffarati
Ambra e Corrado:
gli splendidi girasoli…
(Poesia dedicata ad un ex-allievo
divenuto sordo e cieco)
GIULIO TARRA 25
Fai anche tu una donazione
al Pio Istituto dei Sordi
Forse non ci hai mai pensato, ma è anche questo un modo per dare un concreto sostegno alle persone con disabilità uditive: fare un lascito testamentario
o una donazione al Pio Istituto dei Sordi. Grazie alla tua generosità contribuirai
e ci aiuterai a finanziare le nostre attività quotidiane ed iniziative nella nostra
battaglia contro la sordità. Puoi fare donazioni in denaro, donare beni mobili
ed immobili od altri beni. Per chi da sempre lotta contro la sordità e per i sordi
questo tuo atto di solidarietà può essere molto importante. Il lascito, nel rispetto
dei diritti dei propri eredi, è l’espressione della tua volontà. Puoi affidare al Pio
Istituto dei Sordi, attraverso un lascito testamentario od una donazione, anche
una piccola parte dei tuoi beni. Attraverso i lasciti potremmo così pianificare nel
miglior modo possibile i nostri interventi per garantire un futuro più sereno
alle persone con disabilità uditive. Negli ultimi anni l’Istituto ha indirizzato le
proprie risorse, in particolare, per la realizzazione dei seguenti progetti: l’utilizzo
di appartamenti presso la “Casa San Giacomo” di Vedano Olona (VA) messi a disposizione delle famiglie dei bambini sordi che devono essere operati
all’Ospedale di Varese per l’installazione dell’impianto cocleare; l’apertura di un
Centro Odontostomatologico con tariffe agevolate per le persone con disabilità uditive; erogazione di contributi a persone bisognose con problemi uditivi
per la prosecuzione dei propri studi scolastici; finanziamento di borse di studio
per la ricerca e la lotta contro la sordità. Per maggiori informazioni contattaci
pure al numero di telefono 02-48017296 (fax 02-48023022) oppure via e-mail
all’indirizzo [email protected]
Se invece vuoi scriverci il nostro indirizzo è:
Pio Istituto dei Sordi, via Giason del Maino 16 - 20146 Milano.
Sostieni il “Giulio Tarra”:
Vogliamo infine ricordare che, purtroppo, vista la particolare situazione economica generale, i
costi di stampa (con grafica a colori) e di spedizione della rivista sono sempre più elevati, ma il
nostro Istituto cerca ugualmente di far fronte a queste sempre maggiori spese per poter permettere ai lettori, ed in particolare alle persone con disabilità uditive, di continuare a leggerci ed
essere informati sulle notizie che riguardano il nostro glorioso Istituto.
Puoi sostenerci, inviando un piccolo contributo, compilando il bollettino postale prestampato
che trovi all’interno della busta insieme alla rivista oppure facendo una libera offerta a mezzo
conto corrente postale n. 577205 intestato a:
Redazione “GIULIO TARRA” - Via Giasone del Maino, 16 - 20146 MILANO. Grazie.
Fly UP