...

I signori delle sofferenze

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

I signori delle sofferenze
MILANO FINANZA
20
6 Febbraio 2016
I maggiori servicer italiani hanno in pancia portafogli
di npl per 130 miliardi. Finora il mercato dei crediti deteriorati
è andato a singhiozzo, ma adesso si profilano affari interessanti
DOPO LA GACS
A
nche se il governo
non ha ancora alzato il velo sulla Gacs
e qualche banchiere ha manifestato
perplessità sulle nuove misure,
l’intervento normativo dovrebbe
dare una marcia in più al mercato dei crediti deteriorati. Del
resto, dopo un 2015 ancora critico, nel mese di gennaio il settore
ha mostrato una maggiore effervescenza, con l’annuncio della
piattaforma di Prelios-Banca
Akros e le prime indiscrezioni sul progetto di Banca Imi.
Nuove operazioni, anche di natu-
I signori delle sofferenze
Dati in miliardi di euro
Italfondiario + doBank
89
Cerved
14
Prelios
8,7
Caf
5,5
Guber
4,7
Fbs
4,3
Primus Partners
2,9
doBank
Fire
Banche 38,5
Investitori 6,5
At Npl’s
Npl
Riccardo
Serrini
ra consortile, potrebbero essere
annunciate in tempi brevi e le
aggregazioni attese per i prossimi mesi dovrebbero imprimere
un’ulteriore accelerazione. Sulle
scrivanie dei principali operatori
italiani e internazionali si sta insomma accumulando una mole
sempre più consistente di dossier e l’interesse per il mercato
italiano dei non performing loans cresce mese dopo mese. I
principali beneficiari di questo
zione dell’istituto presieduto da
Giovanni Castellaneta è avvenuto nel novembre scorso e oggi
gli asset gestiti ammontano a
circa 45 miliardi.
PRINCIPALI SERVICER ITALIANI PER SOFFERENZE GESTITE
Italfondiario
Banche 14
Investitori 29,5
1,5
1,5
0,9
Fonte: PwC
di Luca Gualtieri
GRAFICA MF-MILANO FINANZA
dato da Fabio Balbinot sviluppa
inoltre un’attività specialistica
per la gestione e la valorizzazione delle garanzie immobiliari.
Tra le ultime operazioni annun-
ciate vanno annoverate l’accordo
di servicing con il Banco Desio
e la partnership strategica con
Bcc Gestione Crediti. Nella galassia Fortress rientra anche
DoBank, la ex Unicredit Credit
Management Bank (Uccmb),
acquisita dall’investitore americano assieme a insieme a
Prelios. Il cambio di denomina-
UNIVERSITÀ DI CHIETI - PESCARA G. D’ANNUNZIO
Master universitario di secondo livello in Diritto tributario
Università di Teramo e Università di Chieti-Pescara
Panfilo
Tarantelli
Prelios Credit Servicing. La
controllata del gruppo Prelios
è uno dei principali servicer italiani, peraltro iscritto
all’elenco speciale degli intermediari finanziari ex articolo
107 del Tub. La società è specializzata nella gestione e nel
recupero dei crediti in sofferenza e gestisce attualmente
un portafoglio di circa 9,2 miliardi di gross book value (dato
al 30 settembre 2015). Tra le
principali operazioni concluse
FONDAZIONE ANTONIO UCKMAR - AGENZIA DELLE ENTRATE
CENTRO OPERATIVO DI PESCARA - CLASS EDITORI SPA
LA VOLUNTARY DISCLOSURE NELLA COMPETENZA
DEL CENTRO OPERATIVO DI PESCARA
PROFILI PROCEDIMENTALI E LIQUIDATORI
PESCARA, 4 Marzo 2016
Centro Operativo di Pescara
Ore 9.30 Indirizzi di saluto
Prof.ssa Augusta Consorti, Direttore Dipartimento di Studi Aziendali
Prof. Victor Uckmar, emerito dell’Università di Genova
Dott. Luigi Abritta, Direttore del Centro Operativo di Pescara
Dott. Federico Monaco, Direttore Regionale dell’Abruzzo
Dott. Domenico Di Michele, Presidente ODCEC di Pescara
Andrea
Mignanelli
trend saranno ovviamente le
banche, che avranno l’opportunità di liberarsi di una zavorra
gravosa a prezzi più convenienti che in passato. Non bisogna
però perdere di vista la nutrita
pattuglia di servicer e investitori che potrebbe fare affari d’oro
con la Gacs e, in generale, con
la ripartenza del settore degli
npl. Vediamo più nel dettaglio
chi sono.
Italfondiario. La società del
gruppo americano Fortress è
il principale operatore italiano nella gestione integrata,
con asset per 43,1 miliardi di
euro e oltre 533 mila crediti
gestiti. Attraverso la divisione
Italfondiario Re il gruppo gui-
Prima sessione
Prof. Lorenzo del Federico, Università di Chieti - Pescara: introduce e coordina
Dott. Aldo Polito, Direttore Centrale accertamento: Le finalità della VD ed il ruolo dell’AdE
Dott. Luigi Abritta, Direttore del Centro Operativo di Pescara: la VD e le competenze del Centro Operativo di Pescara
Dott. Federico Monaco, Direttore Regionale dell’Abruzzo: la VD e le competenze delle Direzioni regionali e provinciali
Prof. Christian Califano, Università Politecnica delle Marche: accertamento, contraddittorio, e tutele
Avv. Paolo Stizza: Le modalità di determinazione del reddito in sede di VD
Avv. Andrea Quattrocchi: La tassazione dei versamenti all’estero
Avv. Piero Sanvitale: Estinzione dei reati antiriciclaggio
Prof. Paolo Bernasconi: VD italiana ed implicazioni nell’ordinamento svizzero
Seconda sessione
Prof. Massimo Basilavecchia, Università di Teramo: introduce e coordina
Prof. Giuseppe Corasaniti, Università di Brescia: problematiche applicative e criteri per la giusta imposizione
Avv. Paolo De’ Capitani: Le problematiche relative al trust e alle fondazioni nella VD
Avv. Caterina Corrado Oliva: Patologie del procedimento liquidatorio e tutele
Avv. Giuseppe Iannaccone: Esiti della liquidazione e implicazioni penalistiche
Conclusioni: Prof. Cesare Glendi, emerito nell’Università di Parma
È previsto uno spazio (dieci minuti ciascuno) per rispondere ai quesiti che debbono essere proposti per
iscritto se non già avanzati al momento dell’iscrizione.
La partecipazione al convegno è a titolo gratuito e sono in corso le procedure per l’attribuzione dei crediti
professionali, ma la prenotazione (con priorità per gli abbonati a Diritto e Pratica Tributaria) deve essere
fatta mediante invio per fax (010812656) o e-mail ([email protected]) della scheda
d’iscrizione.Tali schede devono pervenire entro il 25 febbraio 2016.
Fabio
Balbinot
nel 2015 va ricordata l’acquisizione per 550 milioni di Uccmb
in cordata con gli americani di
Fortress. Alla guida di Prelios
Credit Serving c’è l’amministratore delegato Riccardo
Serrini, 48 anni, esperto di
finanza immobiliare con esperienze in Intesa Sanpaolo e
Morgan Stanley, arrivato in
Prelios nel 2011.
Cerved Credit Management.
La valutazione e la gestione dei
crediti problematici è una delle attività principali del gruppo
Cerved. La crescita in questo
settore è stata particolarmente significativa nell’ultimo
anno, anche per il contributo dell’operatore specializzato
Recus (di cui lo scorso anno
Cerved ha acquistato l’80%) e
di Finanziaria San Giacomo (rilevata dal Credito Valtellinese
MILANO FINANZA
6 Febbraio 2016
e poi fusa per incorporazione):
alla fine di settembre i portafogli in gestione ammontavano
a 13,7 miliardi di asset under
management. Alla guida c’è
Andrea Mignanelli, 46 anni,
che dopo una lunga esperienza
in McKinsey ha fondato Jupiter
Group, entrata nel 2011 a far
parte di Cerved Group con il
nome per l’appunto di Cerved
Credit Management.
Credito Fondiario. Nel
2014 lo storico gruppo romano
ha cambiato volto passando sotto il controllo di Tages
Holding. L’obiettivo della nuova proprietà è stato creare una
piattaforma di natura bancaria focalizzata sul mercato del
credito deteriorato e illiquido
in Italia. A fine 2014 il portafoglio ammontava a 3,74 miliardi
di euro, anche se nel corso del
2015 è ulteriormente cresciuto grazie alle iniziative messe
in campo sul mercato italiano.
Dopo l’aumento di capitale da
300 milioni della primavera
scorsa Fonspa è già intervenuta su diversi dossier e negli
21
I maggiori istituti di credito italiani hanno in media azioni e titoli
subordinati per oltre l’8% del passivo, la soglia prevista dalle norme Ue
Una protezione per i depositanti in caso di dissesti. I dati Mediobanca
BANCHE
Uno scudo anti bail-in
LE BANCHE ITALIANE E IL BAIL-IN
In miliardi di euro
BANCO
POPOLARE
BPER
BPM
CREDEM
Raccolta totale
87
46
37
21
21
Depositi totali
55
34
28
17
Depositi sotto 100 mila euro
34
21
17
Depositi oltre 100 mila euro
21
13
Titoli senior unsecured (Wholesale and Retail)
24
Covered bond
Titoli subordinati
STRUTTURA DEL FUNDING (2014)
INTESA
CREVAL SANPAOLO
POP
UNICREDIT SONDRIO
MPS
UBI
355
126
93
561
30
TOTALE
1.376
16
231
93
52
410
26
961
10
10
143
58
32
254
16
596
11
6
6
88
35
20
156
10
365
10
6
2
4
95
20
28
88
2
279
4
1
1
2
0
13
6
9.8
44
0.50
82
4
1.3
2
0
1.0
16
7
4
19
0.88
54
Titoli senior unsecured
75%
81%
61%
47%
81%
77%
61%
68%
58%
59%
67%
Covered bond
13%
8%
16%
44%
0%
11%
18%
24%
29%
15%
20%
Titoli subordinati
11%
11%
23%
9%
19%
13%
21%
9%
13%
26%
13%
In % della raccolta di m/l termine
RATIO BAIL-IN (stima 2016)
7
5
5
2
2
39
9
9
47
3
127
Passività totali
125
62
51
36
27
676
169
117
892
36
2,191
Azioni e titoli subord in rapporto al passivo
8.3%
10.0%
13.3%
7.0%
11.6%
8.0%
9.7%
10.3%
7.4%
9.8%
8.3%
Patrimonio netto
Fonte: Mediobanca Securities
GRAFICA MF-MILANO FINANZA
di Francesco Ninfole
Giovanni
Castellaneta
ultimi mesi ha acquistato pacchetti di npl da Banca Etruria
e Credito Valtellinese. Dopo
l’uscita di Andrea Munari,
passato alla guida della Bnl,
il timone è nelle mani del
presidente e amministratore delegato Panfilo Tarantelli,
banchiere di lungo corso ed ex
vicepresidente di tutte le attività europee di Citi.
Caf. Il servicer romano fondato nel 2004 e forte di oltre 5
miliardi di crediti gestiti è recentemente finito nell’orbita di
Lone Star, il fondo americano
arrivato a un soffio dall’acquisto di Uccmb. La vicepresidenza
è affidata a Paolo Bassi, ex presidente della Banca Popolare
di Milano e consigliere di alcune importanti banche e aziende
quotate.
Fbs. Un pioniere nell’ambito
delle attività di servicing è stato Paolo Strocchi che oggi con la
milanese Fbs gestisce portafogli per circa 4,5 miliardi di euro.
Il gruppo, fondato nel 1997, ha
lavorato con importanti gruppi
finanziari italiani come Unipol,
Banca delle Marche, Popolare
di Bari e altri. (riproduzione riservata)
Quotazioni, altre news e analisi su
www.milanofinanza.it/crediti
I
l bail-in non è mai stato applicato, ma la risoluzione delle quattro
banche in dissesto a novembre ha
mostrato le possibili conseguenze negative del coinvolgimento dei
privati nelle crisi bancarie. Per questa ragione il governo e la Banca d’Italia hanno
evidenziato l’opportunità di rivedere la
normativa, per introdurre un’applicazione più mirata e graduale delle regole. Nel
caso di Banca Marche, Etruria, Carife e
CariChieti hanno partecipato alle perdite azionisti e obbligazionisti subordinati.
Il bail-in da gennaio estende il principio anche agli obbligazionisti senior e ai
depositanti oltre 100 mila euro, che teoricamente potrebbero subire perdite,
secondo la gerarchia definita dalla direttiva europea sulle risoluzioni (Brrd).
Ma in concreto le probabilità di ricorrere
a questi soggetti è molto basso, secondo
quanto emerge da alcuni dati pubblicati
da Mediobanca Securities, che ha analizzato il passivo delle dieci maggiori
banche italiane.
Come si vede dalla tabella qui sopra, in
media i dieci istituti hanno azioni e titoli
subordinati pari all’8,3% delle passività.
Si tratta di un livello significativo perché
la normativa prevede che il bail-in sia applicato almeno all’8% delle passività in
caso di crisi. In sostanza i numeri dicono che, nel caso di scuola di un dissesto,
sarebbero quasi sempre sufficienti le risorse di azionisti e creditori subordinati.
Solo Unicredit e Credem si collocano sotto la soglia dell’8%, rispettivamente al
7,4% e al 7%, e comunque non avrebbero
bisogno di ricorrere ai fondi dei depositanti. Secondo i dati di Mediobanca, si
trovano invece sopra la soglia Intesa
Sanpaolo (8%), Banco Popolare (8,3%),
Mps (9,7%), Popolare di Sondrio (9,8%),
Bper (10%), Ubi (10,3%), Creval (11,6%)
e Bpm (13,3%). Le dieci banche hanno
complessivamente circa 700 miliardi di
strumenti diversi dalle azioni e ipoteticamente sottoponibili a bail-in, come titoli
subordinati (54 miliardi), bond senior
non garantiti (279 miliardi) e depositi
oltre 100 mila euro (365 miliardi).
Va sottolineato che il dissesto di una banca è un’eventualità del tutto ipotetica,
lontanissima dalla realtà soprattutto per
banche di grandi dimensioni, sottoposte a
continua vigilanza e in grado di sopportare anche condizioni ipotetiche di stress.
In passato le crisi hanno riguardato per
lo più istituti di piccole dimensioni ed
è questo uno dei motivi per cui le riforme stanno spingendo per un maggiore
consolidamento (i quattro istituti in crisi
pesavano complessivamente per l’1% del
settore). In ogni caso le banche maggiori
hanno un rilevante margine a protezione
dei soggetti che non detengono strumenti
più rischiosi, come appunto azioni e titoli
subordinati. In particolare sono vicini allo zero i rischi per i depositanti oltre i 100
mila euro (quelli sotto questo livello sono esclusi per legge dal bail-in). A ottobre
Bankitalia aveva precisato, in riferimento alle 15 maggiori banche italiane, che
«in oltre la metà dei casi» perdite pari
all’8% del passivo potrebbero essere coperte utilizzando soltanto gli strumenti
di capitale (ossia azioni, ulteriori titoli
di capitale e prestiti subordinati), senza perdite per i detentori di obbligazioni
senior. In nessun caso sarebbero intaccati i conti correnti superiori a 100 mila
euro. Questi numeri lasciano intendere
che eventuali fughe di depositi (di cui si
è sentito parlare in corrispondenza della
volatilità dei titoli bancari in borsa) sarebbero dettate più dalla paura che dai
bilanci delle banche. Le regole europee
prevedono che, nel caso dovessero servire
per una banca in crisi risorse oltre l’8%
del passivo, può partecipare alle perdite il Fondo di risoluzione alimentato da
tutti gli istituti. In ogni caso, una volta
superato l’8%, i depositi al dettaglio ol-
tre i 100 mila euro possono essere esclusi
dal bail-in in via discrezionale dalle autorità di vigilanza.
I rischi per i possessori di titoli subordinati sono invece superiori, come
si è visto anche nel caso delle quattro
banche. Ed è per questa ragione che è in
corso una valutazione sulla possibilità di
vietare la vendita di questi strumenti ai
risparmiatori meno esperti. «Vanno presi in considerazione ulteriori interventi
normativi, soprattutto per tenere conto
delle situazioni in cui i conflitti di interesse possono essere più pronunciati,
come la vendita allo sportello di strumenti complessi da parte delle stesse banche
emittenti. Abbiamo avviato riflessioni in
merito insieme alle altre autorità interessate», ha detto il governatore Ignazio
Visco al Forex.
Quanto alle banche, la direttiva Brrd
prevede che gli istituti abbiano un
ammontare minimo di fondi propri e passività ammissibili per il bail-in (Mrel o
minimum requirement for own funds and
eligible liabilities). Entro fine anno l’autorità di risoluzione europea stabilirà i
requisiti per ciascun gruppo, che saranno di almeno l’8% del passivo. Gli istituti
europei temono che la normativa possa
tradursi in un incremento dei requisiti
e crei un disallineamento con gli standard internazionali validi per le banche
sistemiche (noti con l’acronimo Tlac). In
tal senso non è escluso che le revisioni
previste dalle clausole della direttiva
Brrd possano servire per fare chiarezza
sui requisiti e, come auspicano le autorità italiane, per introdurre correttivi sul
bail-in, in modo da limitarne gli effetti
controproducenti sulla fiducia dei clienti
e sulla stabilità del sistema. (riproduzione riservata)
Quotazioni, altre news e analisi su
www.milanofinanza.it/banche
Fly UP