...

Regolamento sul benessere animale

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Regolamento sul benessere animale
REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA
ED IL BENESSERE ANIMALE
Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 16/04/2009
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
TITOLO I - I PRINCIPI ........................................................................................................................ 4
ART. 1 - PROFILI ISTITUZIONALI .......................................................................................................... 4
ART. 2 - VALORI ETICI E CULTURALI ................................................................................................... 4
ART. 3 - COMPETENZE DEL SINDACO .................................................................................................. 4
ART. 4 - TUTELA DEGLI ANIMALI ......................................................................................................... 4
ART. 5 – ASSOCIAZIONI ED ENTI DI PROTEZIONE ANIMALE ............................................................... 5
TITOLO II - DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICAZIONE .................................................... 5
ART. 6 - DEFINIZIONI ............................................................................................................................ 5
ART. 7 – AMBITO DI APPLICAZIONE .................................................................................................... 5
ART. 8 - ESCLUSIONI............................................................................................................................. 5
TITOLO III - DISPOSIZIONI GENERALI ........................................................................................ 5
ART. 9 - DETENZIONE DI ANIMALI ....................................................................................................... 5
ART. 10 – MANCATO BENESSERE ANIMALE ......................................................................................... 6
ART. 11 - CATTURA, DETENZIONE E COMMERCIO DI FAUNA SELVATICA AUTOCTONA ...................... 7
ART. 12 - ABBANDONO DI ANIMALI ...................................................................................................... 8
ART. 13 - AVVELENAMENTO DI ANIMALI ............................................................................................. 8
ART. 14 - ACCESSO DEGLI ANIMALI SUI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO ....................................... 8
ART. 15 – DIVIETO DI ACCATTONAGGIO CON ANIMALI ...................................................................... 9
ART. 16 - DIVIETO DI OFFRIRE ANIMALI IN PREMIO, VINCITA, OPPURE OMAGGIO ............................ 9
ART. 17 – OBBLIGHI DEGLI ALLEVATORI O POSSESSORI DI ANIMALI A SCOPO DI COMMERCIO E
PER I RESPONSABILI DELLE PENSIONI DI ANIMALI DA COMPAGNIA. ESPOSIZIONE DI ANIMALI
NEGLI ESERCIZI COMMERCIALI. .......................................................................................................... 9
ART. 18 - MANIFESTAZIONI PROMOSSE DA ASSOCIAZIONI AVENTI FINALITÀ ZOOFILE, DI
VOLONTARIATO O DI PROMOZIONE SOCIALE ED ENTI CINOFILI. ..................................................... 10
ART. 19 - SPETTACOLI, COMPETIZIONI, ESIBIZIONI, GARE E INTRATTENIMENTI CON L’UTILIZZO
DI ANIMALI. ......................................................................................................................................... 10
TITOLO IV – CANI ............................................................................................................................. 11
ART. 20 - ATTIVITÀ MOTORIA E RAPPORTI SOCIALI ......................................................................... 11
ART. 21 - DETENZIONE DEI CANI........................................................................................................ 12
ART. 22 – CARATTERISTICHE E DIMENSIONI DEI RECINTI O BOX ..................................................... 12
ART. 23 –CONDUZIONE DEI CANI - ACCESSO AI GIARDINI, PARCHI ED AREE PUBBLICHE ................ 13
ART. 24 - AREE E PERCORSI DESTINATI AD ATTIVITÀ DI SGAMBAMENTO DEI CANI ......................... 13
ART. 25 – ACCESSO DEI CANI GUIDA DI PERSONE NON VEDENTI ....................................................... 14
ART. 26 - ACCESSO NEGLI UFFICI COMUNALI E NEGLI ESERCIZI PUBBLICI ...................................... 14
ART. 27 - OBBLIGO DI RACCOLTA DELLE DEIEZIONI ........................................................................ 14
ART. 28 - STRUTTURA COMUNALE PER IL RICOVERO DI CANI RANDAGI .......................................... 14
TITOLO V – GATTI ............................................................................................................................ 15
ART. 29 - STRUTTURA COMUNALE PER IL RICOVERO DI GATTI ........................................................ 15
ART. 30 - DEFINIZIONE TERMINI UTILIZZATI NEL PRESENTE TITOLO .............................................. 15
ART. 31 – GATTI DI PROPRIETÀ ......................................................................................................... 15
ART. 32 - COLONIE FELINE................................................................................................................. 15
ART. 33 - COLONIE FELINE PRESENTI NEI CANTIERI ......................................................................... 16
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
ART. 34 - ALIMENTAZIONE DEI GATTI ............................................................................................... 16
TITOLO VI - CONIGLI DA COMPAGNIA ..................................................................................... 17
ART. 35 - DETENZIONE DEI CONIGLI DA COMPAGNIA ....................................................................... 17
ART. 36 - DIMENSIONE E MATERIALE DI COSTRUZIONE DELLE GABBIE ........................................... 17
TITOLO VII - UCCELLI .................................................................................................................... 17
ART. 37 - DETENZIONE DEGLI UCCELLI ............................................................................................. 17
ART. 38 - DIMENSIONI DELLE GABBIE................................................................................................ 17
ART. 39 - PROTEZIONE DEGLI UCCELLI MINACCIATI O IN VIA DI ESTINZIONE ................................. 17
ART. 40 – CONTROLLO DEI COLOMBI IN AMBITO URBANO – ANIMALI DA CORTILE ........................ 18
TITOLO VIII – ANIMALI ACQUATICI .......................................................................................... 18
ART. 41 – DETENZIONE DI SPECIE ANIMALI ACQUATICHE ................................................................ 18
ART. 42 - DIVIETI................................................................................................................................ 18
ART. 43 – PESCA A PAGAMENTO ........................................................................................................ 18
ART. 44 - DIMENSIONI E CARATTERISTICHE DEGLI ACQUARI ........................................................... 19
ART. 45 – TARTARUGHE. .................................................................................................................... 19
TITOLO IX – ANIMALI ESOTICI ................................................................................................... 19
ART. 46 – MODALITÀ DI DETENZIONE DI ANIMALI ESOTICI .............................................................. 19
TITOLO X – EQUIDI .......................................................................................................................... 20
ART. 47 - PRINCIPI DISTINTIVI ........................................................................................................... 20
ART. 48 - IDONEITÀ DELL’EQUIDE AL TRAINO DI VEICOLI................................................................ 20
ART. 49 - LIMITAZIONI ALL'USO DELL’EQUIDE ................................................................................. 20
TITOLO XI – PET THERAPY ........................................................................................................... 21
ART. 50 - TERAPIE ASSISTITE CON L’IMPIEGO DI ANIMALI ............................................................... 21
TITOLO XII - MACELLAZIONE E INUMAZIONE DEGLI ANIMALI ................................... 21
ART. 51– MACELLAZIONE AD USO FAMILIARE .................................................................................. 21
ART. 52 – INUMAZIONE DI ANIMALI. .................................................................................................. 22
TITOLO XIII - DISPOSIZIONI FINALI .......................................................................................... 22
ART. 53 – SANZIONI ............................................................................................................................ 22
ART. 54 - VIGILANZA .......................................................................................................................... 23
ART. 55 – ENTRATA IN VIGORE - INCOMPATIBILITÀ ED ABROGAZIONE DI NORME.......................... 23
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA
ED IL BENESSERE ANIMALE
Titolo I - I PRINCIPI
Art. 1 - Profili istituzionali
1. Il Comune di Correggio, nell’ambito dei principi e indirizzi fissati dalle Leggi e dal proprio
Statuto, promuove la presenza e la cura nel proprio territorio degli animali quale elemento
fondamentale ed indispensabile dell'ambiente, nel rispetto delle caratteristiche naturali, fisiche ed
etologiche; riconosce a tutte le specie animali il diritto ad un’esistenza compatibile con le
caratteristiche biologiche proprie della specie di appartenenza.
2. La città di Correggio, quale comunità portatrice di elevati valori di cultura e civiltà, riconosce ed
individua nella salvaguardia di ogni specie animale uno strumento utile finalizzato al rispetto ed alla
tolleranza verso tutti gli esseri viventi.
3. Al fine di favorire una corretta convivenza tra esseri umani e animali e di tutelare la salute
pubblica e l’ambiente, il Comune incentiva politiche concrete di rispetto che riguardano tutte le
specie di animali presenti sul territorio.
4. Le modifiche degli assetti del territorio dovranno tenere in considerazione anche gli habitat a cui
gli animali sono legati per la loro esistenza.
Art. 2 - Valori etici e culturali
1. Il Comune di Correggio, in base all’art. 2 della Costituzione della Repubblica Italiana, concorre
nel riconoscere la libertà di ogni cittadino ad esercitare, in modo singolo o associato, le attività
connesse con l’accudimento e la cura degli animali quale mezzo idoneo a concorrere allo sviluppo
della personalità e in grado di attenuare le difficoltà espressive e di socializzazione, soprattutto nelle
fasi dell’infanzia e della terza età.
2. Il Comune promuove forme espressive volte ad accrescere l’educazione al rispetto e alla difesa
degli animali.
Art. 3 - Competenze del Sindaco
1. Al Sindaco in base al D.P.R. 31/03/1979, spetta la vigilanza sull’osservanza delle leggi e delle
norme relative alla protezione degli animali, nonché l’attuazione delle disposizioni previste nel
presente Regolamento anche mediante l’adozione di specifici provvedimenti applicativi.
2. Il Sindaco, nell’ambito delle leggi vigenti, anche tramite suo delegato esercita funzioni di
vigilanza verso le specie animali presenti stabilmente o temporaneamente allo stato libero nel
territorio del Comune come patrimonio indisponibile dello Stato.
3. Il Sindaco, per comprovati motivi d’urgenza, adotterà specifiche ordinanze previste dal Testo
Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali D.Lgs. n. 267 del 18/08/2000.
Art. 4 - Tutela degli animali
1. Il Comune, in base alla Legge 17/08/1991 n. 281 e s.m., alla L.R. 07/04/2000 n. 27 ed alla L.R
17/02/2005 n. 5, promuove e disciplina la tutela degli animali da affezione, condanna gli atti di
crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
2. Il Comune si adopera altresì a diffondere e promuovere quelle garanzie giuridiche attribuite agli
animali dalla legislazione statale e regionale.
3. Il Comune condanna e persegue ogni manifestazione di maltrattamento verso gli animali.
4. Il Comune tutela gli animali d’affezione che vivono in libertà, i quali non possono essere usati a
scopo di sperimentazione; è vietato farne commercio o cessione gratuita a fini di sperimentazione.
Art. 5 – Associazioni ed Enti di protezione animale
1. Il Comune sostiene lo sviluppo delle associazioni aventi finalità zoofile attraverso le iniziative ed
i programmi di cui al presente Regolamento.
Titolo II - DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICAZIONE
Art. 6 - Definizioni
1. La definizione generica di “animale”, quando non diversamente specificata nel presente
Regolamento, si applica a tutte le tipologie e razze di animali da affezione di cui alla Legge
14/08/1991 n. 281 “Legge quadro in materia di animali da affezione e prevenzione del randagismo”
e di cui al D.P.C.M. 28/02/2003 “Recepimento dell'accordo recante disposizioni in materia di
benessere degli animali da compagnia e pet-therapy”, e a tutte le specie di vertebrati ed invertebrati
detenuti a qualsiasi titolo in stato di libertà o semilibertà.
2. La definizione generica di “animale” si applica inoltre, nell’interesse della comunità locale,
nazionale e internazionale, a tutte le specie selvatiche di vertebrati ed invertebrati, fatte salve le
specie il cui prelievo è comunque regolato dalle leggi vigenti in virtù della normativa nazionale e
regionale, e quindi comprese nel patrimonio indisponibile dello Stato, come specificato dall’art. 826
del Codice Civile e dagli artt. 1 e 2 della Legge 11/02/1992 n. 157.
Art. 7 – Ambito di Applicazione
1. Le norme di cui al presente Regolamento riguardano tutte le specie animali che si trovano o
dimorano, stabilmente o temporaneamente, nel territorio comunale di Correggio.
2. Le norme previste dai successivi articoli 9, 10 e 11 devono comunque considerarsi valide per
qualsiasi animale.
Art. 8 - Esclusioni
1. Le norme di cui al presente Regolamento non si applicano:
a) alle attività economiche inerenti l’allevamento di animali o ad esso connesse;
b) alle attività di studio e sperimentazione inerenti anche la vivisezione, come regolamentate dalla
normativa comunitaria, nazionale e regionale;
c) alle specie selvatiche di vertebrati e invertebrati il cui prelievo è regolato da specifiche
disposizioni nazionali e regionali, in particolare riguardanti l’esercizio della caccia e della pesca;
d) alla detenzione di volatili ad uso venatorio, sempre che la detenzione stessa sia autorizzata ai
sensi e per gli effetti della normativa vigente sulla caccia;
e) alle attività di disinfestazione e derattizzazione;
f) a tutte quelle altre attività autorizzate da specifiche norme legislative.
Titolo III - DISPOSIZIONI GENERALI
Art. 9 - Detenzione di animali
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
1. Il proprietario, l’accompagnatore o il momentaneo detentore dell’animale è civilmente e
penalmente responsabile di ogni azione dello stesso.
2. Chi detiene un animale dovrà averne cura e rispettare i diritti costituiti dalle norme dettate per la
sua tutela.
3. Gli animali di proprietà o detenuti a qualsiasi titolo dovranno essere fatti visitare da medici
veterinari ogni qualvolta il loro stato di salute lo renda necessario e dovranno necessariamente
essere eseguite le cure prescritte nei tempi e nelle modalità utili ad un rapido miglioramento del loro
stato di salute.
4. E’ vietato costringere alla convivenza nello stesso contenitore animali appartenenti a specie tra
esse incompatibili, o animali che per loro natura vivono solitari.
5. A tutti gli animali di proprietà o detenuti a qualsiasi titolo dovrà essere garantita costantemente la
possibilità di soddisfare le proprie fondamentali esigenze, relative alle loro caratteristiche
anatomiche, fisiologiche e comportamentali. In particolare, è vietato costringere alla convivenza
nello stesso luogo animali appartenenti a specie tra loro incompatibili, o animali che per loro natura
vivono solitari.
6. Gli animali, liberi o di proprietà, fatte salve le fattispecie regolamentate in modo diverso da
apposite norme, possono essere soppressi esclusivamente da medici veterinari, previo consenso del
proprietario o dell’autorità competente, attraverso eutanasia solo per comprovata pericolosità o se
risultino incurabili e/o gravemente malati, con metodi che non arrechino sofferenze e preceduti da
idoneo trattamento anestetico, ciò deve risultare da un’attestazione sottoscritta dal medico
veterinario iscritto all’Ordine professionale che provvederà alla soppressione.
7. I proprietari, o detentori a qualsiasi titolo, di animali, dovranno accudirli e alimentarli secondo la
specie e la razza alla quale appartengono.
8. Chiunque detenga a qualsiasi titolo un animale è responsabile anche della sua riproduzione,
nonché della custodia, salute e benessere della prole.
9. Chiunque detenga a qualsiasi titolo un animale, è tenuto ad adottare ogni precauzione per
impedirne la fuga e garantire la tutela di terzi da aggressioni.
Art. 10 – Mancato benessere animale
1. E’ vietato mettere in atto qualsiasi maltrattamento o comportamento lesivo nei confronti degli
animali o che contrasti con le vigenti disposizioni.
2. E’ vietato tenere gli animali in spazi angusti e/o privi dell’acqua e del cibo necessario o sottoporli
a rigori climatici tali da nuocere alla loro salute.
3. E’ vietato mettere in atto comportamenti lesivi nei confronti di animali, come percuoterli o
sottoporli ad eccessivi sforzi e fatiche ingiustificati per l’impiego, specie o età (violazione art. 544
ter c.p. come modificato L. n. 189 del 20/07/2004).
4. E’ vietato detenere animali in isolamento e/o condizioni di impossibile controllo quotidiano del
loro stato di salute o privarli dei necessari contatti sociali tipici della loro specie.
5. E’ vietato detenere permanentemente animali in terrazze o balconi per lunghi periodi di tempo,
anche se di dimensioni proporzionate ai soggetti, o in spazi comunque non compatibili con il loro
benessere psico-fisico e con le rispettive caratteristiche etologiche. E vietato altresì isolarli in cortili,
rimesse, cantine o box in lamiera chiusi su quattro lati, o comunque segregarli in contenitori
inadatti, anche se posti all’interno di edifici.
6. E' vietato separare i cuccioli di cani e gatti dalla madre prima dei 60 giorni di vita, salvo per
necessità certificate dal medico veterinario curante.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
7. E’ vietato detenere animali in gabbia, ad eccezione di casi di trasporto e di ricovero per cure e di
uccelli e piccoli roditori. Le gabbie da utilizzare devono avere un fondo rigido per evitare eventuali
ferite alle zampe.
8. E’ vietato l’addestramento finalizzato al combattimento tra animali. E’ altresì vietato addestrare
animali ricorrendo a violenze – anche mediante l’uso di strumenti cruenti, come collari elettrici, con
punte, ecc. - percosse o costrizione fisica in ambienti inadatti (angusti o poveri di stimoli) che
impediscono all’animale di manifestare i comportamenti tipici della specie.
9. E’ vietato ricorrere all’addestramento di animali appartenenti a specie selvatiche, fatte salve le
fattispecie regolamentate in modo diverso da apposite norme.
10. Preso atto dell'art. 10 della Convenzione Europea per la protezione degli animali da compagnia
del 13/11/1987, è vietato il taglio delle orecchie e la recisione delle corde vocali ai cani di razza e
non, nonché l’asportazione delle unghie e dei denti ai gatti, considerando tali pratiche atti di
maltrattamento perseguibili ai sensi del vigente codice penale. Tali divieti si estendono a tutte le
specie di animali. E’ altresì vietato il taglio della coda fatta eccezione per i cani appartenenti alle
razze canine riconosciute alla F.C.I. con caudotomia prevista dallo standard ed eseguito da un
medico veterinario entro la prima settimana di vita. I veterinari che contravvengono alla presente
disposizione verranno segnalati all’Ordine provinciale dei Medici Veterinari per quanto di
competenza e verrà loro applicata la sanzione amministrativa di cui al presente Regolamento.
11. E’ vietato utilizzare animali per il pubblico divertimento in contrasto con la normativa vigente,
ed in particolare a scopo di scommesse e/o combattimenti. I veterinari sono tenuti a segnalare al
Servizio Veterinario dell’Azienda USL i casi di animali che presentino ferite da combattimento.
12. E' vietata su tutto il territorio comunale la vendita di animali colorati artificialmente.
13. E’ vietato trasportare o detenere animali, per qualsiasi periodo di tempo, all’interno dei
bagagliai delle auto chiusi a ripostiglio su tutti i lati. E’ altresì vietato lasciare gli animali di ogni
specie chiusi in qualsiasi veicolo e/o rimorchio o altro mezzo di contenzione al sole dal mese di
aprile al mese di ottobre compreso di ogni anno. E' vietato lasciare soli animali chiusi in autovetture
o rimorchi permanentemente, anche se all'ombra e con i finestrini aperti.
14. E’ vietato trasportare animali in condizioni e con mezzi tali da procurare loro sofferenza, ferite o
danni fisici anche temporanei; gli appositi contenitori dovranno consentire la stazione eretta, ovvero
la possibilità di sdraiarsi e rigirarsi.
15. E’ vietata l’applicazione su qualsiasi animale di misure costrittive e/o accorgimenti innaturali,
anche in occasione di gare, competizioni, corse o qualsiasi iniziativa in cui vengano utilizzati
animali.
16. E' vietato esporre gli animali in luoghi chiusi a suoni, rumori o musiche ad una livello tale da
essere considerato nocivo.
17. E’ vietato qualsiasi intervento chirurgico sugli animali a fini esclusivamente estetici.
18. E’ vietato l’uso di animali vivi per alimentare altri animali, ad esclusione di quelli per cui non
sia possibile altro tipo di alimentazione scientificamente comprovata e attestata da un medico
veterinario; è comunque sempre vietata l’esposizione al pubblico di tale alimentazione.
19. E’ vietato l’uso di colle per la cattura di animali (mammiferi, rettili, anfibi, uccelli).
20. E’ fatto divieto di detenere animali a chiunque sia stato riconosciuto colpevole di reato di
maltrattamento e crudeltà nei confronti di animali.
Art. 11 - Cattura, detenzione e commercio di fauna selvatica autoctona
1. E’ fatto divieto sul territorio comunale di molestare, catturare, detenere e commerciare le specie
appartenenti alla fauna autoctona, fatto salvo quanto stabilito dalle leggi vigenti, dalle norme
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
sanitarie e da autorizzati piani di intervento a tutela della salute pubblica che disciplinano l’esercizio
della caccia e della pesca.
2. In particolare sono sottoposte a speciale tutela sul territorio comunale, per la loro progressiva
rarefazione, tutte le specie di Anfibi e Rettili ad esclusione delle rane di interesse alimentare (rane
verdi), sia che si tratti di individui adulti che di uova o larve ed i microhabitat specifici a cui esse
risultano legate per la sopravvivenza; in particolare sono quindi protette le zone umide riproduttive
degli anfibi, in tutte le loro forme e tipologie.
3. Per quanto riguarda la generalità degli animali selvatici, vengono evidenziate le conseguenze
negative per la loro salute ed il loro benessere derivanti dal loro acquisto e/o inserimento come
animali da compagnia.
Art. 12 - Abbandono di animali
1. E’ severamente vietato abbandonare qualsiasi tipo di animale, sia domestico che selvatico, di cui
si sia in possesso, sia esso appartenente alla fauna autoctona o esotica, in qualunque parte del
territorio comunale, compresi giardini, parchi e qualsiasi tipologia di corpo idrico.
2. Ai sensi dell’art. 12 della L.R. n. 27/2000 la mancanza palese di custodia degli animali posseduti
è equiparata all’abbandono. All’abbandono si applica pertanto quanto previsto dal legislatore
regionale, fatte salve eventuali responsabilità penali a carico del trasgressore.
3. E’ fatta salva la liberazione in ambienti adatti di individui appartenenti alle specie di fauna
autoctona provenienti da Centri di Recupero autorizzati ai sensi delle leggi vigenti.
Art. 13 - Avvelenamento di animali
1. E’ severamente proibito a chiunque spargere o depositare in qualsiasi modo e sotto qualsiasi
forma, su tutto il territorio comunale, alimenti contaminati da sostanze velenose in luoghi ai quali
possano accedere animali, escludendo le operazioni di derattizzazione, disinfestazione e diserbo,
che devono essere eseguite con modalità tali da non interessare e nuocere in alcun modo ad altre
specie animali e comunque nel rispetto della normativa vigente.
2. I medici veterinari, privati o operanti all’interno dell’Azienda Sanitaria Locale, sono obbligati a
segnalare al Comune tutti i casi di avvelenamento di animali di cui vengano a conoscenza. In detta
segnalazione dovranno essere indicate tutte le informazioni disponibili, compreso il tipo di tossico
usato, se accertato, e la zona in cui gli avvelenamenti si sono verificati.
3. Qualora si verificassero casi di avvelenamento nelle aree extraurbane o nelle zone destinate a
ripopolamento e cattura, il Sindaco, ai fini della tutela della salute pubblica e dell’ambiente, potrà
emanare provvedimenti di limitazione dell’attività venatoria e/o delle altre attività ad essa collegate,
sentiti i competenti Uffici dell’Amministrazione Provinciale.
Art. 14 - Accesso degli animali sui servizi di trasporto pubblico
1. E’ consentito l’accesso degli animali di affezione su tutti i mezzi di trasporto pubblico operanti
nel Comune di Correggio secondo le modalità e i limiti previsti dal seguente articolo, nel rispetto
delle vigenti norme di legge e di eventuali condizioni previste del gestore del servizio. Gli animali
dovranno in ogni caso essere accompagnati dal proprietario o detentore a qualsiasi titolo.
2. Per i cani sui mezzi di trasporto è obbligatorio l'uso del guinzaglio e della museruola, per i gatti
l’uso del trasportino.
3. Il proprietario e/o il momentaneo detentore che accompagna l’animale sotto la propria
responsabilità sarà tenuto al risarcimento dei danni causati alle cose o a terzi.
4. Il proprietario e/o il detentore a qualsiasi titolo che conduce animali sui mezzi di trasporto
pubblici dovrà avere cura che gli stessi non sporchino o creino danno alcuno agli altri passeggeri o
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
alla vettura. Chi accompagna l’animale è tenuto a salire sulla vettura munito di apposito materiale
atto alla raccolta delle eventuali deiezioni.
5. Sono sempre ammessi i cani di qualsiasi taglia che accompagnano le persone non vedenti.
6. Nel caso specifico del trasporto pubblico su taxi, i conducenti degli stessi hanno la facoltà di
trasportare animali purchè i relativi mezzi siano idonei all’uso, secondo quanto previsto dal nuovo
Codice della Strada approvato con D.Lgs n. 285 del 30/04/1992 e s.m.i.
Art. 15 – Divieto di accattonaggio con animali
1. Sono vietati la detenzione e/o l’utilizzo di animali di qualsiasi specie ed età per la pratica
dell’accattonaggio.
2. Oltre alla sanzione amministrativa prevista dal presente Regolamento, se ricorrono le condizioni
di maltrattamento accertate da un medico veterinario, i proprietari degli animali di cui al comma
primo saranno sottoposti alla sanzione accessoria della confisca amministrativa, secondo le
modalità previste dalla Legge n. 689/1981. Sono comunque fatte salve le violazioni previste in
materia dal Codice Penale.
Art. 16 - Divieto di offrire animali in premio, vincita, oppure omaggio
1. E’ fatto assoluto divieto su tutto il territorio comunale utilizzare o offrire animali di qualsiasi
specie, sia cuccioli che adulti, in premio o vincita di giochi, oppure in omaggio, a qualsiasi titolo,
durante fiere, sagre, lotterie, luna park e manifestazioni simili.
2. E’ altresì vietato offrire in omaggio animali di qualsiasi specie ed età a fini commerciali o
imprenditoriali.
3. Nei confronti dei soggetti che contravvengono alle disposizioni di cui al comma 1), viene
disposta la chiusura o la sospensione immediata dell’attività per l’intera giornata, oltre
all’applicazione della sanzione amministrativa di cui al presente regolamento.
4. La norma di cui al comma 1) non si applica alle Associazioni zoofile, animaliste e ambientaliste
(iscritte al registro del volontariato, dell'associazionismo o degli enti giuridici) nell’ambito delle
iniziative volte ad incrementare le adozioni di animali ospitati in strutture di ricovero e di
sensibilizzazione al tema della tutela del benessere degli animali, iniziative peraltro sollecitate dalle
normative vigenti.
Art. 17 – Obblighi degli allevatori o possessori di animali a scopo di commercio e per i
responsabili delle pensioni di animali da compagnia. Esposizione di animali negli esercizi
commerciali.
1. Il commerciante, allevatore, proprietario e/o responsabile della pensione di animali da compagnia
deve adempiere alle indicazioni previste per una gestione e detenzione corretta nel commercio e
nell'allevamento (modalità, rispetto delle caratteristiche etologiche, delle esigenze nutrizionali,
ambientali e sanitarie) contenute nella delibera della Giunta Regionale n. 394/2006 relativa alle
“Indicazioni tecniche in attuazione alla L.R. n. 5/2005 relativa alla tutela del benessere degli
animali”.
2. Nel rispetto delle esigenze etologiche delle specie, è vietato allontanare dalla madre i cuccioli di
cane e gatto al di sotto dei due mesi di età, salvo per necessità certificate dal veterinario curante.
3. E’ fatto divieto agli esercizi commerciali non indicati per il commercio di animali di esporre
animali in vetrina.
4. E' altresì vietato a tutti gli esercizi commerciali non indicati per il commercio di animali
utilizzare nei locali e/o all’esterno del punto vendita in cui si svolge l’attività, animali di qualsiasi
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
specie finalizzati a richiamare pubblico; sono esclusi gli animali acquatici negli acquari e gli uccelli
nelle gabbie, purché detenuti secondo le disposizioni previste dal presente Regolamento.
5. Gli animali in esposizione nell’esercizio commerciale dovranno essere sempre riparati dal sole e
provvisti di acqua e cibo.
6. Le attività commerciali ambulanti ed occasionali inerenti la vendita di animali hanno l’obbligo di
tenere gli stessi in esposizione per non più di cinque ore giornaliere, protetti dal sole e dalle
intemperie, fornendo loro il cibo e l’acqua necessari; nel caso che l’attività riguardi i volatili
valgono anche le disposizioni di cui al successivo art. 38, 1° comma, relativo alle dimensioni delle
gabbie.
Art. 18 - Manifestazioni promosse da Associazioni aventi finalità zoofile, di volontariato o di
promozione sociale ed Enti Cinofili.
1. Le Associazioni aventi finalità zoofile, di volontariato o di promozione sociale e gli Enti cinofili
possono promuovere, anche a scopo di adozione di animali già ospiti delle strutture di ricovero,
manifestazioni nei cui programmi siano previste esibizioni di animali da compagnia coinvolti in
giochi, in dimostrazione di agilità, capacità di apprendimento o di simpatia sensibilizzando i
cittadini al problema dell’abbandono degli animali.
2. Le Associazioni aventi finalità zoofile, di volontariato o di promozione sociale e gli Enti cinofili
possono altresì organizzare mostre o esposizioni di bellezza di cani di età superiore ai 4 mesi e con
copertura vaccinale per le malattie individuate dal Servizio Veterinario dell’Azienda USL
competente per territorio.
3. Per lo svolgimento delle manifestazioni di cui al presente articolo è consentito l’uso di gabbie o
strumenti similari, limitatamente al trasporto degli animali sul luogo dell’iniziativa ovvero per
garantire la momentanea sicurezza dell’animale stesso e sempre che lo stesso sia ivi trattenuto per
un breve lasso di tempo.
4. Gli animali dovranno essere esposti in box di sufficiente ampiezza, per consentire agli stessi di
muoversi secondo le proprie caratteristiche etologiche. Le misure dei box saranno stabilite, di volta
in volta, dal Servizio Veterinario sulla base di un elenco dettagliato delle tipologie delle razze e
delle dimensioni degli animali.
5. Durante le manifestazioni dovrà essere garantita dall’organizzatore la presenza di un medico
veterinario.
6. Per lo svolgimento delle manifestazioni previste dal presente articolo, l’Associazione o l’Ente
promotore dovrà presentare al Comune, apposita istanza di autorizzazione veterinaria temporanea,
che
sarà rilasciata previo parere favorevole del Dipartimento Sanità Pubblica – Area
Dipartimentale Sanità Pubblica Veterinaria dell'AUSL competente.
Art. 19 - Spettacoli, competizioni, esibizioni, gare e intrattenimenti con l’utilizzo di animali.
1. E’ fatto divieto salvo quanto disposto dai commi successivi, utilizzare a scopo di spettacolo o
intrattenimento, al di fuori dei casi previsti dall’art. 18, delle manifestazioni zootecniche e dei
concorsi ippici, qualsiasi specie animale durante feste, sagre o festeggiamenti.
2. E’ altresì vietato l’impiego di qualsiasi specie animale per iniziative pubblicitarie o dimostrative,
sia che avvengano mediante esposizione o mediante sfilata, sulle pubbliche strade, vie o piazze
comunali.
3. Qualsiasi forma di spettacolo o di intrattenimento pubblico o privato previsto dalle leggi vigenti,
effettuato a scopo di lucro, che contempli in maniera totale oppure parziale l’utilizzo di animali, sia
appartenenti a specie domestiche che selvatiche, è soggetta alle autorizzazioni comunali
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
temporanee, sia commerciale che sanitaria, nonché all’eventuale parere, ove richiesto, della
Commissione Comunale di Pubblico Spettacolo.
4. Il titolare/rappresentante dovrà allegare alle richieste di autorizzazione, oltre all’elenco degli
animali che intende esporre o utilizzare durante lo spettacolo, un’autodichiarazione di non avere
carichi penali pendenti e di non essere stato riconosciuto colpevole del reato di maltrattamento e
crudeltà nei confronti di animali; l’eventuale condanna sarà motivo di diniego delle autorizzazioni.
5. Per gli animali domestici della specie canina e felina si applicano le disposizioni contenute nei
commi 2, 3, 4 e 5 dell’art. 18.
6. Gli animali utilizzati durante gli intrattenimenti dovranno essere coperti da apposita polizza
assicurativa RCT (responsabilità civile verso terzi), che dovrà essere esibita al momento del ritiro
dell’autorizzazione sanitaria temporanea. La mancata presentazione è motivo di non concessione
dell’autorizzazione.
7. La verifica sull’osservanza dei criteri di propria competenza sarà effettuata dal Servizio
Veterinario dell’AUSL e dagli organi di vigilanza preposti almeno 24 ore prima dell’inizio dello
spettacolo o intrattenimento. Il Servizio Veterinario dovrà esprimere il necessario parere al
conseguente rilascio dell’autorizzazione. Tale verifica potrà essere effettuata durante tutto il periodo
di permanenza sul territorio comunale, ovvero prima e durante lo svolgimento degli spettacoli.
8. Nei confronti dei soggetti che contravvengono alle disposizioni di cui ai commi da 1 a 4 del
presente articolo, verrà disposta la revoca dell’autorizzazione sanitaria, nonché qualora ne
sussistono i requisiti con Ordinanza contingibile da emanarsi ai sensi dell’art. 50, comma 5 del
D.Lgs. n. 267/2000 previa richiesta dell’Organo di vigilanza, verrà disposta la chiusura o la
sospensione immediata dell’attività per l’intera giornata oltre all’applicazione della sanzione
amministrativa di cui al presente Regolamento. L’attività potrà essere ripresa solo dopo aver
ottemperato alle disposizioni prescritte, previa verifica da parte del Servizio Veterinario dell’A USL
che formulerà parere necessario al rilascio di una nuova autorizzazione sanitaria temporanea.
9. Le domande che perverranno all’Amministrazione Comunale relative ad autorizzazioni o
permessi per spettacoli, intrattenimenti, competizioni, esibizioni, gare e mostre mercato con utilizzo
di animali, dovranno acquisire il parere preventivo del Servizio Veterinario dell’AUSL. Il rilascio
di patrocinio è sempre subordinato all’adozione dell’autorizzazione sanitaria temporanea.
10. Lo svolgimento dell’attività circense e/o delle mostre itineranti, è consentito nel rispetto dei
requisiti e delle disposizioni previste dalla L.R. n. 5/2005 nonché dalla Delibera di Giunta
Regionale n. 647/2007.
Il soggetto interessato dovrà esibire al Servizio Veterinario dell’AUSL, prima del rilascio
dell’autorizzazione sanitaria, oltre al registro CITES di cui al D.M. 08/01/2002, anche il registro di
carico e scarico di tutti gli esemplari non CITES, che devono essere individualmente riconoscibili.
Titolo IV – CANI
Art. 20 - Attività motoria e rapporti sociali
1. Chi detiene un cane dovrà provvedere a consentirgli, ogni giorno, l’opportuna attività motoria.
2. I cani tenuti in appartamento devono poter effettuare regolari uscite giornaliere. Tale frequenza
potrà essere ridotta in presenza di proprietari in condizioni di handicap documentato.
3. I cani custoditi in box devono poter effettuare uscite giornaliere.
4. Durante le uscite giornaliere, il proprietario/possessore, dovrà evitare di sottoporre il cane a sforzi
eccessivi e prolungati specie se la passeggiata avviene con l’ausilio dei mezzi di locomozione. Al
fine di tutelare il cane da sforzi eccessivi e prolungati, non si dovrà forzare l’andatura o costringerlo
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
a correre, impedendo all’animale di espletare le proprie esigenze fisiologiche e comportamentali,
inibendo così il suo stato di benessere.
5. Ai cani detenuti in luoghi isolati o presso case disabitate deve essere comunque assicurato un
rapporto quotidiano con il proprietario o altra persona da lui incaricata.
6. Ove sia custodito almeno un cane, è fatto obbligo a chiunque detenga l’animale a qualsiasi titolo,
di segnalarne la presenza attraverso appositi cartelli ben visibili e collocati al limite esterno della
proprietà in prossimità dell’ingresso.
Art. 21 - Detenzione dei cani
1. I cani di proprietà/possesso che circolano nelle vie ed in altri luoghi aperti frequentati dal
pubblico, nonché nei luoghi in comune degli edifici in condominio, devono essere condotti con
guinzaglio di misura non superiore a mt 1,50. Il proprietario e/o conduttore dovrà portare con sé una
museruola rigida o morbida da applicare al cane in caso di rischio per l’incolumità di persone o
animali o su richiesta della Autorità competenti, salvo le razze di cani che per condizioni
anatomiche non sono in grado di portare la museruola.
2. Nelle aree appositamente attrezzate (aree di sgambamento) i cani possono essere condotti senza
guinzaglio e senza museruola sotto la responsabilità del proprietario e/o detentore. I cani di indole
aggressiva vanno comunque condotti con guinzaglio e museruola.
3. I cani possono essere tenuti senza guinzaglio e senza museruola entro i limiti dei luoghi privati
purchè non aperti al pubblico e purchè detti luoghi siano opportunamente recintati, in modo da
impedire eventuali aggressioni a soggetti esterni alla proprietà e non consentire agli animali di
uscire sul luogo pubblico. L’obbligo del guinzaglio e della museruola viene meno quando trattasi di
cani usati e utilizzati per la caccia, quando sono utilizzati dalle Forze dell’ordine o dalle Forze
Armate, oltre che per il salvataggio in acqua, in emergenza per calamità naturali e quelli che
partecipano a programmi di pet therapy.
4. Temporanei esoneri possono essere concessi dall’obbligo della museruola per i cani con
particolari condizioni fisiologiche o patologiche, su certificazione veterinaria che indichi il periodo
di tale esenzione, che dovrà essere esibita a richiesta degli Organi di controllo. Tali cani sono
comunque condotti sotto la responsabilità del proprietario e/o del detentore che adotterà gli
accorgimenti necessari.
Art. 22 – Caratteristiche e dimensioni dei recinti o box
1. I cani devono essere tenuti in strutture idonee dal punto di vista igienico-sanitario, atte a garantire
un'adeguata contenzione degli animali e a soddisfare le esigenze psico-fisiche degli stessi.
2. Ove sia custodito almeno un cane, è fatto obbligo a chiunque detenga l’animale a qualsiasi titolo,
di segnalarne la presenza attraverso appositi cartelli ben visibili e collocati al limite esterno della
proprietà in prossimità dell’ingresso.
3. E’ consentito detenere i cani ad una catena a tenuta fissa di almeno 6 metri, o preferibilmente a
scorrere su di un cavo aereo della lunghezza di almeno 5 metri e di altezza 2 metri dal terreno; la
catena dovrà essere munita di due moschettoni rotanti alle estremità. La lunghezza della catena
dovrà in ogni caso sempre permettere al cane di raggiungere il riparo nonché le ciotole dell’acqua e
del cibo. Il cane dovrà essere liberato dalla catena almeno una volta al giorno per consentire
un’opportuna attività motoria. I ripari per i cani tenuti alla catena dovranno avere le caratteristiche
descritte nel successivo comma 7.
4. Il box in cui ospitare il cane, compatibilmente con lo spazio a disposizione, deve avere la
superficie di base non inferiore a metri quadrati 9 per cane (di cui 1/3 chiuso con cuccia e coperto),
fatta salva la possibilità di mantenere misure inferiori esclusivamente per cani di piccola taglia; in
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
questo caso è facoltà dell’organo di vigilanza valutare il corretto rapporto tra spazio disponibile e
benessere dell’animale occupante. Ogni cane in più comporterà un aumento minimo di superficie di
metri quadrati 5, escluse le cucciolate. Il cane dovrà uscire dal box almeno una volta al giorno per
consentire un’opportuna attività motoria.
5. L'altezza e le caratteristiche costruttive del recinto devono essere tali da impedire la fuga del cane
e da garantire la tutela di terzi da eventuali aggressioni. I recinti devono essere valutati in relazione
alla tipologia del cane custodito (taglia, attitudine, età, ecc.) e, per cani di grande taglia devono
avere un'altezza di almeno mt. 2 (due), devono essere ancorati a terra su un cordolo di cemento e
con eventuale recinzione aggiuntiva di almeno cm. 30, inclinata verso l'interno di 45°, per impedire
lo scavalcamento.
6. I recinti devono essere parzialmente ombreggiati, una pavimentazione, almeno in parte, in
materiale non assorbibile (es. piastrelle, cemento) antisdrucciolo; avere un’inclinazione per il
drenaggio. Non devono esservi ristagni di acqua, le feci e le urine devono essere asportate
quotidianamente.
7. I recinti devono essere dotati di cucce da collocare nella parte più coperta e riparata; dovranno
essere di materiale facilmente lavabile e disinfettabile, adeguate alle dimensioni dell'animale,
sufficientemente coibentate e con il tetto impermeabilizzato. Dovranno essere rialzate da terra e
collocate sotto un'adeguata tettoia idonea a proteggere gli animali dalle intemperie invernali e dalle
calure estive.
8. I cani custoditi nei recinti non dovranno mai essere mantenuti ad una continua esposizione
solare, ovvero in ambienti che possono risultare nocivi per la loro salute e devono essere protetti da
illuminazione forzata e da eccessivi rumori.
9. Ai proprietari dei cani che non ottemperano alle norme del presente articolo oltre alla
contestazione di eventuali illeciti, il Servizio Veterinario dell'AUSL, impartirà le prescrizioni di
adeguamento disponendo tempi di esecuzione brevi al fine di garantire un rapido raggiungimento
delle condizioni di una corretta detenzione finalizzata al benessere degli animali.
10. Per il benessere psicofisico e comportamentale dell’animale è vietato isolare lo stesso in un
angolo del giardino, senza consentirgli alcun contatto sociale (altri cani o persone).
Art. 23 – Conduzione dei cani - Accesso ai giardini, parchi ed aree pubbliche
1. Ai cani accompagnati dal proprietario/detentore, muniti di guinzaglio, è consentito l’accesso a
tutte le aree pubbliche, i giardini ed i parchi pubblici.
2. Nei casi previsti da specifiche disposizioni normative, è fatto obbligo di utilizzare oltre al
guinzaglio anche l’apposita museruola.
3. E’ vietato l’accesso ai cani in aree destinate e attrezzate per particolari scopi come le aree giochi
per bambini o quando a tal fine siano chiaramente delimitate e segnalate con appositi cartelli di
divieto, in applicazione di specifiche ordinanze sindacali.
4. Ferme restando le modalità di conduzione, i divieti di circolazione dei cani non sono operanti per
gli animali addetti alle persone non vedenti o altri diversamente abili.
5. E’ vietato l’uso di collari con aculei interni, con dispositivi a scarica elettrica o che emettano
segnali acustici.
Art. 24 - Aree e percorsi destinati ad attività di sgambamento dei cani
1. Nell’ambito di giardini, parchi ed altre aree a verde di uso pubblico, possono essere individuati,
mediante appositi cartelli e recinzioni, aree e percorsi destinati a sgambamento libero dei cani,
dotati anche degli opportuni servizi (contenitori dei rifiuti, acqua potabile, bacheca informativa con
le prescrizioni per il corretto accesso e utilizzo dell’area).
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
2. Negli spazi a loro destinati, i cani possono muoversi, correre e giocare liberamente, senza
guinzaglio e museruola, sotto la responsabilità degli accompagnatori, senza determinare danni alle
piante, agli altri animali eventualmente presenti e/o alle strutture.Prima di liberare il cane nell’area
di sgambamento è opportuno tener presente le eventuali conflittualità tra cani dello stesso sesso o in
estro, con i cani già presenti.
Art. 25 – Accesso dei cani guida di persone non vedenti
1. Le persone non vedenti hanno diritto, ai sensi della L. 37/1974 modificata con la L. n. 376/1988,
a farsi accompagnare dal proprio cane guida su ogni mezzo di trasporto e ad accedere con esso agli
esercizi aperti al pubblico.
Art. 26 - Accesso negli uffici comunali e negli esercizi pubblici
1. I cani accompagnati dal proprietario o detentore a qualsiasi titolo, hanno libero accesso, nei modi
consentiti dal comma 3 del presente articolo, a tutti gli esercizi pubblici situati nel territorio del
Comune di Correggio, salvo quelli per cui i proprietari e/o gestori segnalino un divieto ai sensi delle
norme vigenti.
2. I proprietari o detentori a qualsiasi titolo, che conducono gli animali negli esercizi pubblici e
negli uffici comunali, dovranno farlo usando il guinzaglio e ove previsto dalle norme vigenti anche
apposita museruola o idoneo trasportino, avendo inoltre cura che non sporchino e che non creino
danno.
3. I titolari degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande di cui alla Legge
Regione Emilia Romagna n. 14 del 26/07/2003 previa comunicazione al Sindaco, corredata dal
parere favorevole congiunto del Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione e del Dipartimento di
Sanità Pubblica Veterinaria, potranno liberamente scegliere di fare accedere o meno gli animali
d’affezione nel proprio esercizio apponendo in tal caso una apposita vetrofania predisposta dal
titolare e/o associazione a cui è iscritto.
Art. 27 - Obbligo di raccolta delle deiezioni
1. In ogni luogo o area pubblica o di uso pubblico (via, piazze, giardini, marciapiedi, uffici, ecc.)
dell’intero territorio comunale, i proprietari e/o detentori a qualsiasi titolo di animali, anche diversi
dai cani, mentre li conducono, hanno l’obbligo di dotarsi di idoneo strumento e di raccogliere
immediatamente gli escrementi solidi prodotti dagli stessi, che potranno essere conferiti nei
cassonetti o contenitori per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, in modo da mantenere e preservare lo
stato di igiene e decoro del luogo.
2. Gli idonei strumenti di raccolta, devono essere esibiti su richiesta degli incaricati alla vigilanza di
cui al successivo art. 54.
3. Gli obblighi di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, non si applicano ai proprietari e/o
detentori di animali impiegati in pubblici servizi o quali accompagnatori delle seguenti categorie di
persone: non vedenti e ipovedenti.
Art. 28 - Struttura comunale per il ricovero di cani randagi
1. Il ricovero e la custodia dei cani randagi e vaganti ritrovati nel territorio comunale sono assicurati
dal Comune di Correggio mediante apposita struttura di ricovero.
2. Nel caso in cui il proprietario si avvalga della facoltà di rinunciare alla proprietà di uno o più
cani, come previsto dall'art. 12 della L. R n. 27/2000, dovrà inoltrare domanda al Sindaco e fornire
le adeguate motivazioni che lo spingono alla scelta. Se la cessione è motivata dall'aggressività del
cane, l’Amministrazione Comunale segnalerà al Servizio Veterinario dell'Azienda USL la presenza
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
di tali cani per i provvedimenti conseguenti. Il Dipartimento Sanità Pubblica – Area Dipartimentale
Sanità Pubblica Veterinaria dell'A.Usl di Correggio, attiverà la procedura per la classificazione del
rischio provocato da cani con aggressività non controllata previsto dalla Delibera Regionale n.
647/2007, saranno altresì attivati i percorsi di controllo e rieducazione dell'animale ai fini della
prevenzione dalle morsicature.
3. L'accettazione della richiesta sarà comunque subordinata a situazioni di priorità e/o emergenza
pubbliche e verrà valutata e gestita in accordo con il gestore del canile Intercomunale mediante liste
d'attesa.
4. Se i motivi di cessione non sono accoglibili la rinuncia a favore del Comune avverrà in forma
onerosa in conformità al tariffario applicato dal gestore del Canile.
Titolo V – GATTI
Art. 29 - Struttura comunale per il ricovero di gatti
1. Il ricovero e la custodia dei gatti con accertate abitudini domestiche e non inseribili in colonie
feline, di proprietà di persone decedute, spedalizzate, carcerate, sfrattate, ecc., sono assicurati dal
Comune di Correggio mediante apposita struttura di ricovero (Gattile convenzionato).
2. Nel caso in cui il proprietario si avvalga della facoltà di rinunciare alla proprietà di uno o più
gatti, in analogia a quanto previsto dall'art. 12 della L.R n. 27/2000, dovrà inoltrare domanda al
Sindaco e fornire le adeguate motivazioni che lo spingono alla scelta.
3. L'accettazione della richiesta sarà comunque subordinata a situazioni di priorità e/o emergenza
pubbliche, verrà valutata e gestita in accordo con il conduttore del gattile convenzionato mediante
liste d'attesa, in analogia con quanto previsto dall’art. 28 per le rinunce immotivate, questa avverrà
in forma onerosa.
Art. 30 - Definizione termini utilizzati nel presente titolo
1. Per "gatto libero" si intende un animale non di proprietà che vive in libertà, di solito insieme ad
altri gatti.
2. Per "colonia felina" si intende un gruppo di gatti indipendentemente dal numero che risulti vivere
stabilmente in libertà e in modo stanziale.
3. Per habitat di colonia felina indipendentemente dal fatto che sia accudita o meno dai cittadini si
intende qualsiasi territorio o porzione di esso pubblico o privato, edificato o no, nel quale viva
stabilmente una colonia di gatti liberi.
4. Le persone che accudiscono i gatti liberi che vivono nelle colonie feline sono denominate
“Referenti di Colonia” o più comunemente “gattari/e”. I Referenti di colonia collaborano con gli
organi competenti e sono in grado di fornire le notizie sulla colonia, in base alla diretta esperienza
acquisita nell'accudirne i componenti.
Art. 31 – Gatti di proprietà
1. Al fine di contenere l’incremento della popolazione felina, è auspicabile che i gatti di proprietà
che sono lasciati liberi di girare sul territorio siano sterilizzati a cura e spese del proprietario.
Art. 32 - Colonie feline
1. Il Comune riconosce l’attività benemerita dei cittadini che accudiscono i gatti componenti le
colonie feline.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
2. Il Comune in collaborazione con l’USL Servizio Veterinario e le Associazioni zoofile, potrà
promuovere corsi di formazione al fine di rilasciare un tesserino di riconoscimento al Referente di
colonia felina.
3. Ai Referenti deve essere permesso l’accesso, al fine dell’alimentazione e della cura dei gatti in
qualsiasi area di proprietà comunale.
4. E’ vietato a chiunque ostacolare l’attività di gestione di una colonia ed asportare o danneggiare
gli oggetti impiegati per la sua gestione.
5. L’accesso ai Referenti nelle zone di proprietà privata è subordinato al consenso del proprietario.
6. Le colonie feline sono tutelate e gestite dal Comune attraverso i Referenti che le accudiscono. Il
Comune di Correggio potrà stipulare una convenzione per la gestione delle stesse con i referenti e/o
Associazione/i che li rappresentano. Nel caso di episodi di maltrattamento, il Comune si riserva la
facoltà di procedere nei confronti dei responsabili secondo quanto disposto dal Codice Penale.
7. Le colonie feline che vivono all’interno del territorio comunale sono censite dal Comune di
Correggio in collaborazione con il Servizio Veterinario dell’Azienda USL, le Associazioni aventi
finalità zoofile, i referenti e/o singoli cittadini.
8. Il riconoscimento di nuova colonia felina, sarà effettuato dal Comune su richiesta inoltrata al
Sindaco dal cittadino che l’individua e ne potrà divenire referente.
9. Il censimento deve essere annualmente aggiornato, sia in riferimento al numero dei gatti che
compongono la colonia, che al numero dei gatti sterilizzati e delle loro condizioni di salute. I
Referenti si impegnano a collaborare all’attuazione dei programmi annuali di sterilizzazione e cure
veterinarie dei gatti delle colonie, secondo gli accordi, i programmi e le priorità che saranno
d’intesa stabilite tra il Comune, il Servizio Veterinario dell’USL e l’Associazione convenzionata.
10. Il Comune di Correggio, sentito il Servizio Veterinario dell’Azienda USL, potrà stipulare
annualmente una convenzione con un’associazione animalista per l’aggiornamento del censimento e
delle statistiche delle colonie feline.
11. Le colonie di gatti liberi non possono essere spostate dal luogo dove abitualmente risiedono.
Eventuali trasferimenti potranno essere autorizzati dal Comune di Correggio su parere del
competente Servizio Veterinario dell’Azienda USL ed esclusivamente per comprovati motivi
sanitari dallo stesso Servizio accertate.
Art. 33 - Colonie feline presenti nei cantieri
1. Chiunque intenda eseguire opere edili e/o di restauro di carattere pubblico o privato i cui
interventi ricadono in zone o aree interessate dalla presenza di colonia felina, dovrà prima
dell’inizio dei lavori e previo nulla osta del Servizio Veterinario dell’USL, prevedere ove possibile
e compatibilmente con lo stato dei luoghi interessati un’idonea collocazione temporanea e/o
definitiva per gli animali.
2. Dovrà essere sempre concessa ai referenti di colonia la possibilità di rifornire gli alimenti ai gatti.
Art. 34 - Alimentazione dei gatti
1. Chiunque alimenta gli animali è obbligato a rispettare le norme per l’igiene del suolo pubblico
e/o privato, utilizzando supporti per la somministrazione del cibo, evitandone la dispersione sul
suolo e provvedendo ad una immediata pulizia, senza lasciare sul terreno piatti o contenitori dopo il
pasto degli animali. Sul suolo potrà rimanere solo la ciotola per l’acqua, eventuale scorta di cibo
potrà essere riparata all’interno delle casette se presenti.
2. Il Comune compatibilmente alle sue disponibilità finanziarie e previo parere del Servizio
competente, si farà carico della realizzazione e collocazione sul territorio in cui è ubicata la colonia
felina di un adeguato riparo.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
Titolo VI - CONIGLI DA COMPAGNIA
Art. 35 - Detenzione dei conigli da compagnia
1. I conigli da compagnia non devono essere tenuti in ambiente umido e/o sprovvisto di luce solare.
Se detenuti in gabbia, la stessa non potrà essere esposta a condizioni climatiche sfavorevoli ed i
contenitori dell’acqua e del cibo all’interno dovranno essere sempre riforniti.
2. E’ vietata la detenzione permanente dei conigli previsti nel presente titolo in gabbie e deve
sempre essere garantito un ragionevole numero di uscite giornaliere dalle proprie gabbie.
3. E’ severamente vietato liberarli in aree pubbliche o di campagna.
Art. 36 - Dimensione e materiale di costruzione delle gabbie
1. Al fine di garantire un minimo di attività motoria, le gabbie per conigli da compagnia devono
avere lunghezza pari almeno a quattro volte la lunghezza dell’animale, con altezza tale da
permettergli di stazionare in modo eretto.
2. I materiali delle gabbie devono essere atossici e resistenti. Il fondo non deve essere a griglia e
deve essere coperto da uno strato di materiale assorbente e atossico.
Titolo VII – UCCELLI
Art. 37 - Detenzione degli uccelli
1. Gli uccelli dovranno essere tenuti possibilmente in coppia, nel rispetto delle caratteristiche
etologiche della specie.
2. Per gli uccelli detenuti in gabbia, la stessa non potrà essere esposta a condizioni climatiche
sfavorevoli ed i contenitori dell’acqua e del cibo all’interno della gabbia dovranno essere sempre
riforniti.
3. E’ obbligatorio posizionare sulle voliere e sulle gabbie mantenute all’aperto una tettoia che copra
almeno la metà della parte superiore.
Art. 38 - Dimensioni delle gabbie
1. Al fine di garantire lo svolgimento delle funzioni motorie connesse alle caratteristiche etologiche
degli uccelli, sono individuate le dimensioni minime che devono avere le gabbie che li accolgono:
a. per uno, e fino a due esemplari adulti: due lati della gabbia dovranno essere di cinque volte,
e due lati di tre, rispetto alla misura dell’apertura alare dell’uccello più grande;
b. per ogni esemplare in più le suddette dimensioni devono essere aumentate del 30%.
2. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano nei casi inerenti viaggi a seguito del
proprietario e/o ricovero per esigenze sanitarie.
3. Possono essere concesse deroghe per mostre ornitologiche su motivata richiesta
dell’organizzatore, sentito il parere del Servizio Veterinario dell’Azienda USL.
Art. 39 - Protezione degli uccelli minacciati o in via di estinzione
1. E’ vietata la distruzione dei nidi di rondine, balestruccio, rondone e topino quali specie
minacciate e in via di estinzione. L’atto va segnalato agli organismi competenti per legge.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
Art. 40 – Controllo dei colombi in ambito urbano – Animali da cortile
1. Al fine di contenere l’incremento delle colonie dei colombi Columbia livia domestica, per
salvaguardarne la salute, per tutelare l’aspetto igienico sanitario e il decoro urbano, nonché per
perseguire l’equilibrio dell’ecosistema territoriale:
a) è fatto divieto su tutto il territorio comunale di somministrare in modo sistematico alimenti ai
colombi allo stato libero
b) è fatto obbligo ai proprietari degli stabili di porre in essere quanto necessario per evitare
l’insediamento e la nidificazione dei colombi, nel rispetto del benessere degli animali. A tal fine
può essere consultato l’Ufficio competente per la tutela degli animali.
2. Le azioni di contenimento del numero dei volatili in libertà o tutela di talune aree, non possono
essere esercitate con metodi cruenti e comunque devono ottenere autorizzazione dell’Ufficio
competente
per
la
tutela
degli
animali.
3. E’ vietato il rilascio in ambiente, anche in occasione di cerimonie o feste, di volatili ad eccezioni
di
quelli
curati
dai
Centro
di
Recupero
Animali
Selvatici
autorizzati.
Titolo VIII – ANIMALI ACQUATICI
Art. 41 – Detenzione di specie animali acquatiche
1. Gli animali acquatici appartenenti a specie di branco dovranno essere tenuti almeno in coppia.
2. nel caso siano ospitate specie diverse, deve essere tenuto conto della compatibilità tra le specie,
con riferimento particolare ai pesci predatori.
Art. 42 - Divieti
1. Oltre a quanto già vietato dalla normativa vigente in materia di maltrattamento degli animali, di
pesca marittima e di pesca in acque interne, di acquicoltura, di polizia veterinaria e di igiene degli
alimenti di origine animale, è fatto assoluto divieto di:
a. lasciare l’ittiofauna in acquari che non abbiano le dimensioni e le caratteristiche di cui al
successivo art. 44
b. conservare ed esporre per la commercializzazione sia all’ingrosso che al dettaglio, nonché per la
somministrazione, prodotti della pesca vivi ad esclusione dei molluschi bivalvi (cosiddetti frutti di
mare), al di fuori di adeguate vasche munite di impianto di ossigenazione e depurazione dell’acqua
con lunghezza minima quattro volte superiore alla lunghezza dell’animale più grande e larghezza
pari a due volte la lunghezza dell’animale più grande; oltre i due esemplari la dimensione minima
va aumentata del 20% per ogni animale aggiunto;
c. mantenere crostacei vivi sul letto di ghiaccio;
2. E’ vietato tenere permanentemente legate le chele ai crostacei. La legatura delle chele è
consentita solo nella fase di commercializzazione, al fine di evitare combattimenti ed eventuali
mutilazioni.
Art. 43 – Pesca a pagamento
1. Fatto salvo quanto previsto dal vigente Regolamento di igiene veterinaria, nell’ambito
dell’esercizio della pesca a pagamento, per la pratica del “catch and release” (metodo con il quale il
pesce catturato non viene utilizzato a fini alimentari, ma come mezzo per ricevere premi o
gratifiche), al fine di non compromettere l’integrità fisica del pesce:
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
a. è d’obbligo l’utilizzo di accorgimenti atti a prevenire ferite o lesioni cutanee durante le operazioni
di slamatura, ad esempio l’impiego di ami senza ardiglione, utilizzo di materassini o altri supporti di
materiale sintetico o naturale;
b. è obbligatorio l’utilizzo del guadino per recuperare il pesce;
c. è obbligatorio l’utilizzo di retini per la detenzione temporanea, di dimensioni adeguate al
quantitativo pescato.
Art. 44 - Dimensioni e caratteristiche degli acquari
1. Il volume dell’acquario non dovrà essere inferiore a un litro per centimetro della somma delle
lunghezze degli animali ospitati ed in ogni caso non dovrà mai avere una capienza tale da impedirne
il normale sviluppo, la normale procreazione e il normale benessere in riferimento alle loro
abitudini in natura. Le specie con aggressività interspecifica possono essere contenute per brevi
periodi in contenitori di dimensioni inferiori.
2. Non devono essere usati acquari di forma sferica o sferoidale, di vetro o di materiale plastico di
piccole dimensioni perché non idonei ad un corretto mantenimento dei pesci.
3. E’ vietato tenere pesci all’interno di bottiglie, fioriere o altri vasi decorativi.
4. In ogni acquario devono essere garantiti il ricambio, la depurazione, la filtrazione e
l’ossigenazione (quest’ultima quando necessaria) dell’acqua, le cui caratteristiche chimico-fisiche e
di temperatura devono essere conformi alle esigenze fisiologiche delle specie ospitate in riferimento
al loro habitat naturale.
Art. 45 – Tartarughe.
1. E' fatto obbligo ai detentori di tartarughe acquatiche palustri di origine alloctona (specie ad es.
Pseudemys, Trachemys, Chrysemys), di inviare comunicazione di possesso al Comune di residenza.
2. Considerato che tali animali costituiscono una grave forma di inquinamento ambientale per la
fauna autoctona, oltrechè rappresentare un pericolo potenziale per la salute pubblica essendo vettori
di particolari patologie e un danno economico rilevante per le Amministrazioni pubbliche, è fatto
divieto di abbandono di detti esemplari in qualsiasi struttura artificiale o nell'ambiente.
3. Il Comune, in base alle comunicazioni di possesso ricevute, attiverà un costante monitoraggio
della situazione, attuando periodicamente opportuni accertamenti intesi ad ottenere l'aggiornamento
sulla presenza di tali animali nell'ambito dell'ecosistema urbano,al fine di promuovere gli
accorgimenti più idonei per la difesa del patrimonio faunistico.
Titolo IX – ANIMALI ESOTICI
Art. 46 – Modalità di detenzione di animali esotici
1. Oltre agli obblighi di denuncia all’Autorità competente previsti dalle leggi vigenti, è fatto obbligo
ai detentori di animali esotici e selvatici detenuti in cattività di riprodurre le condizioni climatiche,
fisiche ed ambientali dei luoghi ove queste specie si trovino in natura.
2. I proprietari di tali animali devono disporre, se la natura stessa della specie lo richiede, di una
vasca d’acqua, di posatoi sopraelevati di dimensioni tali da permettere all’animale di nuotare e di
coricarsi, o di poter scavare una tana nella terra.
3. E’ fatto divieto di mantenerli in gabbie con fondo in rete.
4. E’ vietato detenere costantemente animali esotici e/o selvatici alla catena o, nel caso di uccelli,
legati al trespolo.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
5. E’ vietato tenere rettili senza che sia rispettata un’adeguata illuminazione atta a riprodurre nella
maniera più fedele lo spettro luminoso della luce solare.
6. E’ vietata la detenzione e il commercio nel territorio comunale di animali esotici velenosi per i
quali non siano facilmente reperibili gli indispensabili e specifici sieri antiveleno.
7. Gli animali palustri devono essere tenuti in contenitori dotati di settore con acqua e di altro con
lettiera umida, per consentire agli animali di riposare a terra senza nuotare continuamente.
8. I terrari per animali non palustri devono disporre di contenitori con acqua potabile accessibile
agli animali.
Titolo X – EQUIDI
Art. 47 - Principi distintivi
1. l’equide destinato alle corse, all’attività ippica in genere, all’attività di terapia assistita e alla
trazione di vetture pubbliche non è ritenuto un mero strumento di trazione o sport ma, in quanto
essere senziente, va trattato con rispetto e dignità e deve essere tutelato il suo benessere sia durante
le ore di lavoro che in quelle di riposo.
2. Gli equidi che vivono all’aperto, con esclusione di quelli che vivono allo stato brado, devono
disporre di una struttura coperta, chiusa almeno su tre lati, atta a ripararli; devono avere sempre
disposizione dell’acqua fresca e devono essere nutriti in modo soddisfacente.
3. E’ fatto assoluto divieto di tenere equidi permanentemente legati in posta, i box dovranno essere
di misura minima di tre metri per tre metri. In entrambi i casi gli animali devono effettuare uscite
giornaliere per lo sgambamento.
4. Gli equidi non dovranno essere sottoposti a sforzi o a pesi eccessivi e/o incompatibili con le loro
caratteristiche etologiche e non dovranno essere montati o sottoposti a fatiche animali anziani,
malati o femmine gravide.
5. Gli equidi adibiti ad attività sportive o da diporto nei maneggi devono essere sempre dissellati
quando non lavorano.
6. Il Comune per le manifestazioni di rievocazione storica non comprese nei calendari delle
manifestazioni sportive, autorizzerà lo svolgimento delle gare di equidi o altri ungulati nel rispetto
delle norme vigenti e applicherà le indicazioni tecniche contenute nella Delibera della Giunta
Regionale n. 647/2007 allegato C.
7.I proprietari devono farsi carico della pulizia delle deiezioni dei loro animali nelle zone di transito
pubblico, ove il transito sia loro consentito.
Art. 48 - Idoneità dell’equide al traino di veicoli
1. L’idoneità dell’equide che deve trainare vetture pubbliche e/o private rilasciata nei termini
previsti dalla normativa vigente, è requisito necessario per esercitare il trasporto.
2. Il Comune dispone la revoca della licenza al vetturino in caso di condanna definitiva per
maltrattamento di animali.
Art. 49 - Limitazioni all'uso dell’equide
1. Gli equidi che svolgono attività di trazione di vetture pubbliche non possono lavorare per più di
sei ore al giorno ed hanno diritto a delle pause adeguate di riposo tra un tragitto e l’altro, in estate da
svolgersi all’ombra; i conduttori devono provvedere ad abbeverarli e foraggiarli regolarmente. Gli
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
equidi che svolgono attività di trazione di vetture devono essere dotati di appositi supporti atti a
contenere le deiezioni.
2. E’ fatto divieto di trasportare un numero di persone superiore a quello dei posti per i quali la
carrozza è omologata e la sola andatura consentita è il passo.
3. Dal 1° giugno al 15 settembre è vietato far lavorare i cavalli dalle ore 13,00 alle ore 16,00.
4. L’utilizzo di animali appartenenti alla specie prevista dal presente Titolo in uso alle Forze Armate
e/o dell’Ordine, è regolamentato da propria normativa.
Titolo XI – PET THERAPY
Art. 50 - Terapie assistite con l’impiego di animali
1. Nell’ambito del D.P.C.M. 28/02/2003, il Comune di Correggio promuove nel suo territorio le
attività di cura, di riabilitazione e assistenza con l’impiego di animali da compagnia, effettuate da
persone con competenza specifica che dimostrino di aver partecipato a corsi di formazione idonei
allo scopo con rilascio di attestazione finale.
2. Tutti gli animali impiegati in attività e terapie assistite devono superare una valutazione
interdisciplinare che certifichi lo stato sanitario, le capacità fisiche e psichiche, fra le quali in
particolare la socievolezza e la docilità, nonché l 'attitudine a partecipare ai programmi curativi.
3. La cura e la salute degli umani in queste attività non potrà essere conseguita a danno della salute
e dell'integrità degli animali. Inoltre, in nessun caso le prestazioni devono comportare per l’animale
fatiche o stress psichici o fisici, né consistere in attività che comportino dolore, angoscia, danni
psico-fisici temporanei o permanenti, ovvero sfruttamento.
4. A tutte le attività dovrà assistere un pet-partner che avrà la responsabilità della salute e
dell'integrità degli animali.
5. Gli animali impiegati nelle attività di cura sono sottoposti a controlli periodici relativi al
permanere delle condizioni di salute e in generale di benessere richieste ai fini del loro impiego da
parte di un medico veterinario. Gli animali che manifestano sintomi o segni di malessere psicofisico non possono essere utilizzati per tali attività. Al termine della carriera, agli animali viene
assicurato il corretto mantenimento in vita, anche attraverso la possibilità di adozione da parte di
associazioni e privati, escludendo esplicitamente la possibilità di macellazione per quelli utilizzati a
fini alimentari.
6. Ai fini di una corretta attuazione dei programmi di attività e di terapie assistite dagli animali, è
vietata l'utilizzazione di cuccioli, di animali selvatici ed esotici.
7. Gli animali impiegati per le attività curative devono provenire da canili o gattili pubblici e/o
privati gestiti da Onlus, o da maneggi, o essere di proprietà delle persone di cui al precedente
comma 1.
8. Chiunque voglia avviare e/o gestire un’attività di pet therapy nel territorio comunale, dovrà
accreditarsi presso il Comune di Correggio e dotarsi di opportune Autorizzazioni Sanitarie e
Veterinarie, che faranno conoscere queste disposizioni e vigileranno sull'applicazione del
programma.
Titolo XII - MACELLAZIONE E INUMAZIONE DEGLI ANIMALI
Art. 51– Macellazione ad uso familiare
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
1. La macellazione di suini per il solo uso privato familiare, può essere consentita a domicilio ai
sensi delle leggi vigenti, previa autorizzazione del Sindaco ai sensi delle disposizioni previste
dall'art. 13 del Regio Decreto 3298/28, sentito il parere del competente Servizio Veterinario
dell'AUSL di Correggio. L'autorizzazione sarà rilasciata a condizione che sia previsto ed utilizzato
idoneo sistema di stordimento dell'animale ai sensi del D.Lgs. n. 333 del 01/09/1998.
2. La macellazione a domicilio dei bovini, ovini, caprini ed equini per uso privato familiare è vietata
ai sensi delle leggi vigenti.
3. E' fatto divieto di macellare animali nelle “fattorie didattiche” durante la visita del pubblico.
Art. 52 – Inumazione di animali.
1. Oltre all’incenerimento negli impianti autorizzati è consentito al proprietario il sotterramento di
animali da compagnia nel terreno di sua proprietà e previo consenso del proprietario in terreni
privati, solo qualora sia stato escluso qualsiasi pericolo di malattie infettive ed infestive trasmissibili
agli umani ai sensi del Regolamento CEE n. 1774/2002.
2. Gli animali possono inoltre essere inumati in aree pubbliche solo se preventivamente ed
appositamente individuate dall’Amministrazione Comunale.
Titolo XIII - DISPOSIZIONI FINALI
Art. 53 – Sanzioni
Fatta salva la denuncia all’Autorità Giudiziaria nei casi espressamente previsti come reato
dall’ordinamento dello Stato e le sanzioni amministrative già stabilite da altra normativa nazionale
o regionale, le violazioni alle norme contenute nel presente Regolamento sono sanzionate in ragione
dell’art. 7-bis del D.Lgs. n. 267/2000 e ai sensi della L. n. 689 del 24/11/1981 e della L.R. n 21/
1984, in misura differenziata in base al criterio di proporzionalità a seconda della gravità della
violazione nel seguente modo:
a) per l’inosservanza delle norme di cui agli articoli:
9 - commi 4 e 9, detenzione di animali;
10 - mancato benessere animale;
11 - cattura, commercio e detenzione di fauna selvatica autoctona;
20 – commi 1, 2 e 3, attività motoria e rapporti sociali;
22 – commi 3, 4, 5, 6, 7 e 10 caratteristiche e dimensioni dei recinti o box;
35 – detenzione di conigli da compagnia;
36 – dimensioni e materiali di costruzione delle gabbie;
37 – detenzione di uccelli;
38 – dimensione delle gabbie;
42 – animali acquatici, divieti;
44 – dimensione e caratteristiche degli acquari;
45 – comma 2, tartarughe;
46 – animali esotici;
47 – commi 2, 3, 4 e 5, equidi, principi distintivi;
si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da € 100,00 a € 500,00
b) per l’inosservanza delle norme di cui agli articoli:
14 – accesso su servizi pubblici di trasporto;
16 – divieto di accattonaggio con animali;
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
23 – conduzione di cani. Accesso ai giardini, parchi ed aree pubbliche;
24 – comma 2, aree e percorsi destinati ad attività di sgambamento dei cani;
26 – comma 2, accesso agli uffici comunali ed esercizi pubblici;
27 – obbligo di raccolta delle deiezioni;
40 – controllo dei colombi in ambito urbano.
47 – comma 7, raccolta delle deiezioni dei cavalli;
49 – limitazioni all’uso dell’equide;
51 – macellazione ad uso familiare;
52 – inumazione di animali d’affezione;
e per ogni altra violazione al presente Regolamento non espressamente sanzionata, si applica la
sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 150,00;
c) chiunque impedisca e/o ostacoli l’effettuazione degli atti di accertamento di cui all’art. 13 della
legge 689/1981 (assunzione di informazioni, raccolta di dati, svolgimento di ispezioni di cose e
luoghi diversi dalla privata dimora, verifica della presenza di animali in autoveicoli e/o detenuti in
altri mezzi) ove gli incaricati della vigilanza ritengano necessario effettuare accertamenti per
presunte violazioni al presente Regolamento, è soggetto, fatta salva l’applicazione della legge
penale, ad una sanzione amministrativa pecuniaria da € 100,00 a € 500,00.
Il sequestro e la confisca sono effettuati secondo le procedura disposte dalla normativa vigente, con
oneri e spese a carico del trasgressore e, se individuato, dal proprietario come responsabile in
solido.
Competenti ad irrogare la sanzione amministrativa ai sensi della Legge n. 689/1981 sono gli organi
di vigilanza individuati al successivo art. 54. Il Sindaco è competente a ricevere eventuali scritti
difensivi documentati, ai sensi degli artt. 17 e 18 della Legge 689/1981, e sente gli interessati, ove
questi ne abbiano fatto richiesta. Il Sindaco può delegare al responsabile del procedimento l’esame
degli atti e scritti difensivi, nonché l’audizione degli interessati.
Ai sensi dell’art. 16 della legge 689/1981 è ammesso il pagamento in misura ridotta entro 60 giorni
dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notifica della violazione.
Nei casi di mancato pagamento in misura ridotta entro i termini sopra indicati, la determinazione
della sanzione amministrativa pecuniaria viene fissata facendo riferimento all’art. 11 della Legge
689/1981.
Gli importi delle sanzioni sono riscossi dal Comune ed acquisiti al Bilancio comunale con
destinazione finalizzata ad interventi per la tutela degli animali.
Art. 54 - Vigilanza
1. Sono incaricati di far rispettare il presente regolamento gli appartenenti al Corpo di Polizia
Municipale, gli Operatori del Servizio Veterinario dell’Azienda USL di Correggio, la Polizia
Provinciale, le Guardie Zoofile Volontarie dell’ENPA e della LAV e le Guardie Giurate Ecologiche
Volontarie in Convenzione in possesso dei requisiti previsti dalle norme vigenti.
Art. 55 – Entrata in vigore - Incompatibilità ed abrogazione di norme
1. Il presente Regolamento entra in vigore il giorno 1° settembre 2009.
2. L’adeguamento alle disposizioni relative alle misure dei box per cani di cui all’art. 22, comma 4
dovrà avvenire entro il giorno 1° marzo 2010.
3. Dalla data di entrata in vigore del presente Regolamento decadono tutte le norme con esso
incompatibili eventualmente contenute in altre disposizioni comunali.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
Normativa di riferimento nazionale in ordine cronologico
1)
Legge n. 611 del 12.6.1913, “Provvedimenti per la protezione degli animali”;
2)
R.D. n. 3298 del 20/12/1928, “ Approvazione del regolamento per la vigilanza delle carni”
3)
R.D. n. 1398 del 19/10/1930 “ Codice Penale” in part. artt. 500- 544 bis – 544 ter – 544
quater- 544 quinquies- 544 sexies – 638 – 672 – 727;
4)
Legge di Pubblica Sicurezza R.D. 18/06/1931 n. 773 Artt. 70 e 129;
5)
R.D. n. 262 del 16/03/1942 “Codice Civile” in particolare artt. 823-824- 826- 925 – 2052;
6)
D.P.R. n. 320 dell’8.2.1954, Regolamento di Polizia Veterinaria;
7)
Legge n. 337 del 18.3.1968 “Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante”;
8)
Legge n. 222 del 12/04/1973 “Ratifica ed esecuzione della Convenzione Europea sulla
protezione degli animali nei trasporti internazionali (ETS 65), adottata a Parigi il 13/12/1968;
9)
Legge n. 37 del 14/02/1974, come modificata dalle L. 376/1988 e L. n. 60 del 08/02/2006
“Gratuità di trasporto dei cani guida dei ciechi sui mezzi di trasporto pubblico”;
10)
DPR 31.3.1979 “Perdita di personalità giuridica di diritto pubblico dell’Ente Nazionale
Protezione Animali, che continua a sussistere come persona giuridica di diritto privato”- art. 3
che attribuisce ai Comuni la funzione di vigilanza sull’osservanza delle Leggi e dei regolamenti
generali e locali, relativi alla protezione degli animali ed alla difesa del patrimonio zootecnico;
11)
L. n.689 del 24/11/1981 “modifiche al sistema penale”;
12)
D.P.R. n.. 624 del 05/06/1982, in attuazione della Direttiva CEE n. 77489, relativa alla
protezione degli animali nei trasporti internazionali;
13)
D.M. 31.12.1983 di attuazione del Regolamento CEE n. 338/97 del 9.12.1996 e del
Regolamento CEE n. 1808/01 del 30.08.2001, concernente l’applicazione nella Comunità
Europea della convenzione di Washington sul “commercio internazionale della specie di flora e
fauna selvatiche, loro parti e prodotti derivanti, minacciate di estinzione”;
14)
Circolare del Ministero dell’Interno del 20.3.1985, n. 559/c, relativa all’esercizio delle
funzioni amministrative attribuite ai Comuni ai sensi dell’art. 19 del DPR 24.7.1977, n. 616,
concernente “attuazione della delega di cui all’art. 1 della L. 22.7.1995, n. 382” Divieto di
rilascio di licenza di pubblica sicurezza per manifestazioni di tiro al volo su animali vivi”;
15)
Legge n. 281 del 14.8.1991, “Legge quadro in materia di animali da affezione e prevenzione
del randagismo”, come modificata dalla Legge 24/12/2007 n. 244 “Disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (art. 2 – commi 370 e 371);
16)
Legge n. 150 del 7/2/1992, e successive modificazioni con L. n. 59 del 13/3/1993 e D.Lgs.
275/2001, che disciplina i reati relativi all’applicazione in Italia della convenzione sul
commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione;
17)
D.Lgs. n. 533 del 30.12.1992 “Attuazione della direttiva 91/629/CEE che stabilisce le norme
minime per la protezione dei vitelli”;
18)
D. Lgs. n. 534 del 30.12.1992 “Attuazione della direttiva 91/630/CEE che stabilisce le
norme minime per la protezione dei suini”;
19)
D.Lgs. n. 116 del 27.1.1992, in attuazione della direttiva CEE n. 86/609, in materia di
protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici;
20)
Legge n. 157 dell’11.2.1992 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per
il prelievo venatorio”)
21)
D.Lgs. n. 285 del 30.4.1992 Art. 169 – commi 6 e 10 - del Nuovo Codice della Strada e
art.70 relativo alla trazione di vetture pubbliche con cavalli
22)
D.P.R. n.495 del 16/12/1992 – Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice
della strada ( art.226);
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
23)
24)
Circolare del Ministero della Sanità n. 22 del 12.8.1993, “Esportazione di cani randagi”;
Legge n. 413 del 12/10/1993 “Norme sull’obiezione di coscienza alla sperimentazione
animale”;
25)
D.M. 19.4.1996 “Elenco delle specie animali che possono costituire pericolo per la salute e
l’incolumità pubblica e di cui è proibita la detenzione”;
26)
D.Lgs. n. 333 dell’1/9/1998 “Attuazione della direttiva 93/119/CE relativa alla protezione
degli animali durante la macellazione o l’abbattimento”;
27)
Delibera CITES del 10.5.2000 in materia di “Criteri per il mantenimento di animali nei
circhi e nelle mostre viaggianti” del Ministero dell’Ambiente, integrata con atto del 19.4.2006
prot. DPN/10/2006/11106;
28)
D.Lgs. n. 267 del 18/08/2000 “Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”;
29)
Decreto del Ministero dell’Ambiente del 03.05.2001 “Istituzione del registro di detenzione
degli esemplari di specie animali”;
30)
D.Lgs. n. 146 del 26/03/2001 “Attuazione della direttiva 98/58/CE relativa alla protezione
degli animali negli allevamenti”;
31)
Circo, del Ministero della Sanità n. 5 del 14.5.2001 “Attuazione della Legge 14 agosto 1991,
n. 281”;
32)
Decreto del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio dell’08/01/2002 “Istituzione
del registro di detenzione delle specie animali e vegetali”;
33)
Regolam. CEE 1774/2002 “inumazione di animali”
34)
Legge n. 3 del 16.01.2003 “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica
amministrazione”;
35)
Accordo “Stato-Regioni” sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy del
6.02.2003;
36)
DPCM del 28/02/2003 “Recepimento dell’accordo recante disposizioni in materia degli
animali da compagnia e pet-therapy”;
37)
D.Lgs. n. 29/07/2003 n. 267 “Attuazione della Direttiva 1999/74/CE e della Direttiva
2002/4/CE, per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di
allevamento”;
38)
Legge n. 213 dell’01/08/2003 “Divieto di commercio e detenzione di aracnidi altamente
pericolosi per l’uomo”;
39)
D. Lgs. n. 53 del 20.02.2004 “Attuazione della Direttiva n. 2001/93/CE che stabilisce le
norme minime per la protezione dei suini”;
40)
Legge 20.7.2004 n. 189 “Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,
nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate”;
41)
Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali dell’ 05/05/2006 contenente le
“linee guida e principi per l’organizzazione e la gestione dell’anagrafe equina da parte
dell’Unire”;
42)
Regolamento (CE) del 22/12/2004 n.1/2005 – Regolamento del Consiglio sulla protezione
degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate, modifica direttive e regolamenti
precedenti;
43)
D.Lgs. n. 151 del 25/07/2007 “Disposizioni sanzionatorie per la violazione delle
disposizioni del Regolamento (CE) n. 1/2005 sulla protezione degli animali durante il trasporto
e le operazioni correlate”;
44)
Documento tecnico-scientifico del Ministero della Salute redatto il 29/07/2007 dal Centro di
Referenza Nazionale per il Benessere degli Animali sulla “Sofferenza di aragoste e astici vivi
con chele legate e su letto di ghiaccio durante la fase di commercializzazione”;
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
45)
46)
Ordinanza del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali del 6/8/2008
Ordinanza contingibile ed urgente concernente misure per l’identificazione e la registrazione
della popolazione canina”;
47)
DIRETTIVA 2003\157 CEE recepita con DLGS 15/02/05 n 50 sulla Vivisezione
48)
Dichiarazione universale dei diritti degli animali proclamata a Bruxelles su iniziativa
dell’UNESCO il 27.1.1978;
49)
Convenzione Europea per la protezione degli animali da compagnia approvata il 13/11/1987
(firmata, ma non ancora ratificata dall’Italia);
50)
Trattato dei Paesi dell’Unione Europea sottoscritto il 13.12.2007 (in vigore dall’1.1.2009)
che riconosce giuridicamente gli animali come esseri senzienti;
51)
Ordinanza del 18/12/08 Norme sul divieto di detenzione e di utilizzo di esche e di bocconi
avvelenati
52)
Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica
dall'aggressione dei cani. (GU n. 68 del 23-3-2009 ).
Normativa di riferimento Regione Emilia Romagna in ordine cronologico
1) Circolare dell’Assessore alla Sanità della Regione Emilia – Romagna n. 32 del 15.10.1985
(prot.61.4.3/16481) relativa all’ “Assistenza Zooiatrica – Competenze pubbliche in materia –
Modalità Organizzative”;
2) Legge della Regione Emilia-Romagna n. 11 del 22/02/1993 “ tutela e sviluppo della fauna ittica
e regolazione della pesca in Emilia Romagna - art. 24 come modificata dalla L.R. n.38 del
13/11/2001;
3) Circolare dell’Assessorato alla Sanità della Regione Emilia-Romagna n. 7/1999 riguardante
“Norme per il controllo della popolazione canina – requisiti strutturali e gestionali delle strutture
di ricovero”;
4) Legge della Regione Emilia Romagna n. 27 del 07/04//2000, “Nuove norme per la tutela ed il
controllo della popolazione canina e felina”, come modificato dalla L.R. n. 7 del 06/04//2001;
5) Delibera di Giunta Regionale n. 1608 del 03/10/2000 – “Definizione dei criteri, procedure e
modalità per l’identificazione dei cani mediante microchips”;
6) Legge della Regione Emilia-Romagna n. 20 dell’1/08/2002 “Norme contro la vivisezione”,
come modificata dalla Legge Regionale 17/2/2005 n. 4;
7) Delibera di Giunta Regionale n.2763 del 30/12/2002 “Accordo Regione Università..”
8) Delibera di Giunta Regionale n. 339/04 “Modifica delle procedure per l’identificazione dei cani
mediante microchips”
9) Legge Regione Emilia-Romagna n. 5 del 17/02/2005 “Norme a tutela del benessere animale”;
10) Delibera della Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna n. 736/2005 del 9/5/2005 “Prime
disposizioni per le attività di formazione dei responsabili di strutture di commercio,
allevamento, addestramento e custodia degli animali da compagnia in attuazione della L.R. n. 5
del 17.2.2005 ;
11) Delibera Giunta Regionale dell'Emilia-Romagna n. 394/2006 “Indicazioni tecniche in
attuazione alla L.R. n. 5/2005 relativa alla tutela del benessere degli animali”;
12) legge regionale n15/2006 disposizioni per la tutela della fauna minore in Emilia Romagna
13) Delibera Giunta Regionale dell'Emilia-Romagna n. 647/2007 “Indicazioni tecniche in
attuazione alla L.R. n. 5/2005 relativa alla tutela del benessere degli animali. Parziale modifica
alla delibera n. 394/2006”.
Statuto –Regolamenti Comunali –
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
1) Statuto del Comune di Correggio approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del
18.02.2003, modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 162 del 01.10.2004.
2) Regolamento del verde pubblico e privato approvato con delibera del Consiglio Comunale
n. 116 del 26/07/2002 modificato ed integrato con delibera del Consiglio Comunale n.148
del 27/10/2006.
Giurisprudenza
- Sentenza della Cassazione Civile – Sezione II – n. 12028 del 4.12.1993, in riferimento alla
detenzione di animali in condominio;
- Sentenza della Corte Suprema di Cassazione – Sezione 5 Penale – n. 9556 del 13.8.1998, in
riferimento alla mancanza di assistenza degli animali dal punto di vista sanitario;
- Sentenza della Corte Suprema di Cassazione – Sezione I Penale – n. 1109 del 9.12.1999, in
riferimento al latrato notturno dei cani;
- -Sentenza della Corte di Cassazione Penale – Sez. III del 24.1.2006, n. 2774, che sancisce come
reato di cui all'art. 727 c.p. il sovraffollamento dei canili;
- Sentenza della Corte di Cassazione Penale – Sez. III del 18.4.2007 n. 21805 che sancisce che
“l'animale condotto al seguito o trasportato in autovettura richiede la stessa attenzione e diligenza
che normalmente di usa verso un minore”.
Corso Mazzini, 33 - 42015 CORREGGIO (RE) Tel. 0522 630711 – Fax 0522 694772
www.comune.correggio.re.it Partita IVA: 00341180354
Fly UP