...

Frumento inizia col botto: «Il Pd voleva “comprarmi”

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Frumento inizia col botto: «Il Pd voleva “comprarmi”
22
DOMENICA
24 APRILE 2016
savona
IL SECOLO XIX
IL CANDIDATO SINDACO SOCIALISTA DI SIAMO ITALIANI DI SAVONA. I PRIMI NOMI
Frumento inizia col botto:
«Il Pd voleva “comprarmi”»
La rivelazione: telefonata da Roma, pronti a farmi assessore
IL CASO
MARIO DE FAZIO
SAVONA. Il settimo sigillo arriva da Carlo Frumento. Il
consigliere comunale uscente, socialista da una vita, ha
ufficializzato la propria candidatura a sindaco e va ad aggiungersi agli altri sei aspiranti primi cittadini già scesi
in campo.
Lalistaunicasichiama“Siamo italiani di Savona” e potrà
contare sul sostegno di partiti
e associazioni come il Psi, la
federazione Pensionati di
Giacomo Bertone, su Cittadini per Savona, Altra Savona,
Unione italiana e “Con i socialisti”. Un annuncio condito da
una bordata al Partito democratico e alla coalizione che
sostiene Cristina Battaglia:
«Mi hanno telefonato da Roma per dirmi che se avessi accettato di non correre da solo
ma in coalizione ci sarebbe
stato un assessorato per me».
Una frase pronunciata da Frumento in conferenza stampa,
ieri mattina a Villa Cambiaso,
ma che nel pomeriggio è stata
ridimensionata. «La telefonata c’è stata – ha precisato
l’esponente socialista – ma da
parte di un parlamentare di
Scelta civica, che faceva da
mediatore per il Pd». Una circostanza definita «una sciocchezza» dal segretario provinciale dei democratici, Fulvio Briano. «Se si tratta di un
messaggio per noi, gli rispondiamo “no grazie” – aggiunge
il sindaco di Cairo -. L’apertura all’area socialista rimane
ma promesse non ne abbiamo fatte».
Al di là della stilettata al Pd,
Frumento si è presentato come alternativo alla giunta
uscente, pur essendo in maggioranza. «Credo di aver dimostrato che anche se in
maggioranza ho portato
avanti ciò che consideravo
buono per la città e ho invece
contrastato ferocemente ciò
che pensavo non lo fosse». Il
giudiziosull’operatodell’amministrazione uscente è impietoso. «E’ stata deleteria per
Savona, sia dal punto di vista
economico che culturale, con
persone messe per interessi
Frumento, al centro, si candida a sindaco
di partito e non della città.
Non ho cercato scorciatoie
per avere qualche beneficio
politico ma ho deciso di metterci la faccia e candidarmi a
sindaco di Savona». L’idea è
quella di puntare «sulle tante
eccellenze che la città ha in
diversi campi. Nell’anno del
Giubileo, per fare un esempio, è impensabile che una
collezione di quasi 500 para-
menti sacri di proprietà di
Opere sociali sia chiusa in un
locale del Santuario. E’ un delitto pensare che i crocieristi
vadano all’outlet di Serravalle e non restino in città». Non
manca una frecciata al Nuovo
Psi, che ha raggiunto l’accordo con i L’obiettivo realistico
è di puntare «almeno al 6 per
centodeivoti,pertenersibassi. Abbiamo una lista traspa-
rente e trasversale, con componenti socialiste e cattoliche: non ci sono riciclati e non
vogliamo politici di ritorno».
In attesa di chiudere la lista, ci
sono i primi nomi della squadra che si presenta con Frumento. Tra questi Carlo Cuneo, ingegnere elettronico e
vicepresidente del Psi, Silvano Tabbò, ex sindaco di Toirano,SalvatoreGuerrisi,exconsigliere comunale, operaio
della Trench e rappresentante sindacale dei metalmeccanici della Uil, Stephanie Altamura, figlia dello storico socialista e dipendente comunale Sergio, scomparso nel
dicembre del 2014, Antonella
Grifone, che si occupa di indagini di mercato, Guanli Ji, gestore di un bar di origine cinese, l’avvocato Fabrizio Viale,
Aureliano Pastorelli, presidente della sezione ginnastica della polisportiva di Quiliano, Angiolo Polverini, ex
avvisatore marittimo oggi in
pensione, la scrittrice Cinzia
Rossi, l’imprenditore Giuseppe Piscitello e il fisiatra Giancarlo Carriere.
cc BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
L’ALLEANZA DEGLI EX GAROFANO NON VA GIÙ AI DEMOCRATICI
Nuovo Psi con il centrodestra
Briano: «Mai con i fascisti»
Marabotto replica: «L’esperto di poltrone è il segretario dem»
SAVONA. Ha scatenato un
piccolo putiferio la decisione
del Nuovo Psi di staccarsi dal
contenitore socialista di Carlo Frumento e allearsi con il
centrodestra e di candidare
come aspirante consigliere
comunale Alberto Marabotto
nella lista “Vince Savona” a
sostegno di Ilaria Caprioglio.
«Il passaggio del Nuovo Psi
al centrodestra è una classica
operazione di Toti – attacca il
segretario del Pd, Fulvio Briano–ottengonolapromessadi
una “cadreghina” che il Pd gli
ha negato e si alleano contro
la loro storia, fanno di tutto
per appropriarsi della memoria di Pertini e poi si alleano con Fratelli d’Italia e la Le-
LE MANIFESTAZIONI PER IL 25 APRILE
Stasera a Savona
la fiaccolata
solenne
domani il concerto
Festa della Liberazione, cerimonie
e musica in tutta la Provincia
Alberto Marabotto, Nuovo Psi
ga. Bisognerebbe avere più
pudore: noi con i fascisti non
ci stiamo». Frasi riportate anche sul suo profilo social e che
hanno scatenato una serie di
reazioni, compresa quella di
Marabotto, per il quale
SAVONA. Tanti appuntamen-
ti, a Savona, per celebrare il 25
Aprile e per ricordare la Resistenza a cui il capoluogo e l’intero territorio hanno dato un
contributo essenziale.
Momenti solenni, ma anche
musica e divertimento per
condividere una giornata importante.
A Savona, questa sera, si
svolgerà la tradizionale fiaccolata, per le vie cittadine, con
arrivo alle 21 in piazza Martiri
della Libertà, davanti alla
scultura di Agenore Fabbri,
dove saranno depositate le
fiaccole. L’evento, organizzato da Anpi, Fivl, Arci, dalle società di mutuo soccorso da cui
partirà il corteo, ci concluderà
«l’esperto di cadreghe è Briano: il centrodestra mi ha offerto una cosa che vale molto
di più di una poltrona, un progetto di cambiamento». Per il
segretario leghista Ripamonti “invece di chiedersi perché
la sinistra si allontana da loro,
si scandalizzano. Savona ha
bisogno di un sindaco come
Caprioglio, libera e senza tessere”. Il capogruppo forzista
AngeloVaccarezza,ricordando che il Nuovo Psi è già stato
alleato del centrodestra, a
partire dalle provinciali del
2009, attacca: «A Fulvio brucia perché anche la “bolscevica” Savona rischia di tornare
a essere un libero comune».
CHI SONO I 32 CANDIDATI CONSIGLIERI
La lista Savona Arancione alla presentazione in Sala Rossa
Gli “arancioni” di Lugaro
a sostegno della Battaglia
SAVONA.«Nonpossiamopermetterci che Savona vada in
mano alle destre e ci opporremoinognimodoachifadirazzismo,demagogiaexenofobia
i propri punti di riferimento».
L’assessore uscente Sergio Lugaro ha spiegato così la scelta
della lista “Savona Arancione”
di presentarsi in coalizione
con il Pd. I trentadue nomi (17
donne e 15 uomini) sono stati
ufficializzati ieri mattina in
Sala Rossa. Capolista sarà lo
stesso Lugaro, accompagnato
subito dopo dalla coordinatrice della lista, la 27enne Elisa
Freccero. In lista Giovanni Cavallo, 54enne capo zona di
Ata; Letizia Breschi, analista
contabile in Ferrania e nel comitato del Santuario; Massimo Corradi, ex bancario ora in
pensione; l’amministratrice
condominiale Silvia Calcagno; Luca Cosco, amministrativo degli uffici dell’Asl 2; Michela Clematis, studentessa,
membro dell’Anpi e del Cda
dellasmsFornaci;FabrizioDal
Mas, perito elettronico alla
Bombardier e tra i fondatori
del comitato La Rusca; Manuel Salvo, dipendente della
coop Bazzino; Raffaella Frino,
dipendente di un’azienda di
trasporti esperta; l’architetto
e alpino Stefano Defendi; Elena Gianasso, dipendente Asl;
il tecnico elettronico Davide
Ferraro; Francesca Gulli, dipendente in un negozio di animali; Giuseppe Fiorito, disoccupato ed ex lavoratore della
Centrale del Latte; Carmen del
Lapo Mariuxi, di origine ecuadoriana, lavora in un ristorante; Piero Gianni Gentili, dipendente di una multinazionale; Daniela Laici, regista e
formatrice di clow-terapia;
Marino Marciano, ex segretario cittadino di Sel e pensionato bancario; Nicoletta Maggi,
volontaria; Marino Masala,
operaio cassaintegrato e promotore del Comitato Villapiana; Francesca Marzadori, bancaria e segretaria del circolo
savonese dell'Unione degli
atei e agnostici razionalisti;
Marco Pescio, perito elettrotecnico presso Italiana Coke;
Gaia Masala, studentessa
19enne; Mirco Vallarino, impiegato e tra i fondatori del comitato de La Rusca; Caterina
Restuccia, pensionata e membro del Cda della sms Generale; Massimo Viola, lavoratore
presso Rfi e socio della Società
savonese di storia patria; Denisa Salku, studentessa di origine albanese; Maria Grazia
Sortino, ex caposala del San
Paolo in pensione; Antonietta
Toscano, impiegata e Pedagogista professionale e l’avvocato Sara Trisoglio.
M. D. F.
MANTERO PRESIDENTE
Il nuovo consiglio direttivo di Cresc.i
eletto dall’assemblea dei soci
SAVONA. Ecco le cariche del
M. D. F.
nuovo Consiglio Direttivo e
Collegio dei revisori dell’Associazione Cresc.i: Consiglio
direttivo: Carlo Mantero presidente, Luca Despini tesoriere, Alberto Caneto tesoriere, Lucia Milac segretario,
Claudio Oldano consigliere,
Isa Reverdito consigliere, Domenico Restuccia consigliere, Vincenza Penna consigliere, Antonio Chichiriccò consi-
gliere,Onorio Bertolin consigliere, Maria Grazia Delfino
consigliere, Roberto Bragantini consigliere, Alessandro
Oderda consigliere. Collegio
dei revisori dei conti: Claudio
Sabattini presidente, Manlio
Cristina revisore, Giuseppe
Testa. Revisori supplenti: Cristina Astengo, Lorenza Pasio.
Consulenti di zona: Domenica Papale, Giorgio Ravera,
Sergio Pagnacco.
con la partecipazione della
Banda Forzano, che suonerà il
“Silenzio” e dal discorso del
sindaco Federico Berruti. Orazione ufficiale di Francesco
Delfino dell’Isrec.
Domani deposizione della
corona di alloro al Sacrario dei
Caduti della Resistenza, al cimitero di Zinola, e messa celebrata dal vescovo Vittorio Lupi. Alle 11, in piazza Mameli,
ricordo delle vittime di tutte
le guerre. Per la cerimonia del
25 Aprile sarà a disposizione
dei partecipanti un servizio
bus gratuito. La partenza è fissata alle ore 9,30 da Piazza del
Popolo (ex pesa pubblica).
Apartiredalle15,grandefesta alla Fortezza del Priamàr
con “Il 25 Aprile (R)Esiste”, a
cura del Comune di Savona
con Anpi, Raindogs House e
moltissime associazioni. Clou
musicale della giornata, la
band Bandabardò, gruppo di
grido a livello nazionale.
Grande entusiasmo tra i ragazzi dell’Anpi.
«Quest’anno ci sarà un momento di approfondimento
dedicato alle interviste agli ex
partigiani – spiegano Francesco Pisano e Michela Clematis-. Parleranno i partigiani
Mariuccia Fava, Enrico Rimini
Mirengo, Renzo Morgan Marenco. Le loro testimonianze
sono fondamentali per trasmettere i valori della Resistenza alle nuove generazio-
ni». Tra gli appuntamenti musicali, da non perdere anche
Sergio Pennavaria, Dino Farfisa e The Fuzz, Dj Marcelle, con
la partecipazione di Matisklo
edizioni e Geni Egoisti. Omaggio a Gaber con “Cercando il
signor G”, di Lorenzo Guacciolo e Angelica Depaoli, oltre
agli spettacoli teatrali alla Sibilla. A partire dalle 17, in scena “Stupidorisiko” a cura di
Emergency e “Cognome e nome: Pertini Sandro” del Teatro
dell’Ortica di Genova.
Eventi un po’ in tutta la provincia, a partire dalle commemorazioni ufficiali, che vengono organizzate dalle varie
amministrazioni comunali.
S. C.
Fly UP