...

compravendita usato: linee guida chiare e complete

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

compravendita usato: linee guida chiare e complete
normativa
compravendita usato:
linee guida chiare e complete
l’articolo 11bis del decreto legislativo n. 286 aveva creato dubbi interpretativi:
dalla collaborazione con gli enti locali nasce uno strumento orientativo
condiviso fra enti e operatori
A
ssoimballaggi, ConLegno e ANCI-Associazione Nazionale Comuni Italiani hanno elaborato insieme le Linee Guida per aiutare sia
gli enti locali sia gli operatori del settore pallet in legno ad applicare
correttamente le normative vigenti in fatto di commercio di unità di
movimentazione usate. Il testo integrale delle Linee Guida è disponibile
sul sito di ConLegno, in questo articolo presentiamo una sintesi del loro
contenuto; per approfondimenti e allegati (testi e stralci delle norme,
modulistica, ecc.) si rimanda alla consultazione del testo ufficiale (disponibile anche presso i siti di molti comuni e della stessa ANCI).
Il consorzio ConLegno e Assoimballaggi sono disponibili a consulti grazie al servizio legale disponibile per consorziati e associati.
17 imballaggi & riciclo
a cura della redazione
www.conlegno.org/it/comitati-tecnici/
epal/info-tecniche
normativa
Obblighi
amministrativi
Chi svolge un’attività imprenditoriale nel settore delle unità di
movimentazione usate (semplice
compravendita in tutte le sue modalità, o recupero rifiuti) deve sempre dimostrare:
1. iscrizione alla Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato territorialmente competente per le persone giuridiche;
2. regolarità della posizione contributiva;
3. certificato Prevenzione Incendi
(CPI) rilasciato dai Vigili del Fuoco
o Dichiarazione di Inizio Attività ai
Vigili del Fuoco - per le aziende che
esercitano le attività di cui al DM
16 febbraio 1982;
4. iscrizione al Consorzio Nazionale
Imballaggi (Conai) e al consorzio di
filiera (Rilegno) ex art. 223 Decreto
Legislativo n. 152/2006.
Obblighi ambientali
Chi svolge attività di ritiro, trasporto,
riutilizzo diretto o preparazione per
il riutilizzo, riparazione e immissione
sul mercato è tenuto a possedere:
1. segnalazione certificata di inizio
attività - SCIA alla sua provincia;
2. autorizzazione preventiva al recupero di rifiuti;
3. iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali;
4. fino alla piena operatività del SISTRI occorre il registro di carico e
scarico, il formulario di identificazione durante la fase di trasporto,
iscrizione e utilizzo del sistema per
l’adempimento degli obblighi di
tracciabilità dei rifiuti;
5. adempimento agli obblighi imposti dall’art. 221 del Decreto Legislativo n. 152/2006, con riferimento
al produttore di imballaggi (Conai/
Rilegno).
Definizioni
delle attività
Il commercio dei pallet in legno
è un’attività svolta, sovente, senza la consapevolezza dell’ambito
normativo di riferimento.
Ma prima di procedere all’esame del problema, che ricordiamo
nasce a seguito dell’entrata in
vigore dell’art. 11bis del Decreto
Legislativo n. 286/2005, è opportuno definire quest’attività.
Gestire pallet usati significa ritiro, trasporto, riutilizzo diretto
o preparazione per il riutilizzo e
immissione sul mercato successiva alle predette operazioni, e ha
un primo riferimento normativo
nella disciplina sulla gestione dei
rifiuti (Parte IV Decreto Legislativo n. 152/2006 Testo Unico delle
Norme in Materia Ambientale).
Infatti, il pallet è da considerare
un rifiuto quando non può essere
riutilizzato direttamente, ma per
rientrare nella catena di distribuzione necessita di un’operazione
di recupero, che sia trattamento
o anche semplice cernita (selezione). In questi ultimi mesi,
molti operatori del settore hanno
tuttavia sottolineato che oggetto della loro attività fosse non un
rifiuto ma un bene usato.
è quindi opportuno fornire una
definizione anche per questo
status del pallet.
Perché possa definirsi non rifiuto
ma ‘bene usato’ (o sottoprodotto’ o ‘materia prima secondaria’)
è necessario che sussistano le seguenti condizioni: che l’utilizzatore non se ne disfi, non sia obbligato a disfarsene o non abbia
l’intenzione di farlo; che il pallet
sia idoneo a essere riutilizzato in
via diretta, ed effettivamente lo
sia, senza dover essere preventivamente sottoposto a operazioni
di trasformazione preliminare o
di recupero (tra cui figura anche
la semplice cernita).
Quindi, a fronte dell’entrata in
vigore dell’art. 11 bis del Decreto
Legislativo n. 286/2005, occorre
confrontarsi con le due definizioni appena date: gestiamo rifiuti o
beni usati?
Nel primo caso (le classiche attività dei riparatori) si rientra nella
norma ambientale, nel secondo
nelle prescrizioni previste dagli
articoli 126 e 128 del Testo Unico per le Leggi di Pubblica Sicurezza.
Se, quindi, la nostra attività è di
compravendita di unità di movimentazione usate (quindi escludiamo operazioni di recupero,
che sia trattamento o anche
semplice cernita) dobbiamo rispettare due indicazioni: detenere la segnalazione certificata di
inizio attività (SCIA) all’autorità
locale di Pubblica Sicurezza per
l’esercizio dell’attività di vendita
di cose usate (art. 126 TULPS) e
un registro giornaliero delle operazioni finalizzate all’esercizio
dell’attività di commercio (art.
128 TULPS).
I due articoli si applicano nel
caso di imprese che eseritano in
modo regolare e continuativo la
compravendita, anche se la loro
attività principale fosse altra.
Se invece la compravendita avviene sporadicamente non si è
tenuti ad avere il documento
SCIA e il registro giornaliero.
imballaggi & riciclo 18
Contenuto e uso dei
due documenti
SCIA (segnalazione certificata di
inizio attività) non è un’autorizzazione, quindi in base alla natura
dell’attività vanno adempiuti gli
specifici obblighi di legge (commercio in via esclusiva o accessoria, in sede fissa o no, ecc.). Il registro giornaliero non ha lo scopo
di verificare la corrispondenza tra
merci in entrata e merci in uscita,
non è un registro di carico/scarico (cfr. ad es. in materia rifiuti
art. 190 Decreto Legislativo n.
152/06), ma uno strumento per
individuare i soggetti coinvolti
nelle attività: infatti vanno inseriti giornalmente nome, cognome
e domicilio dei venditori e dei
compratori, data dell’operazione,
specie della merce comprata o
venduta e prezzo pattuito. Risultare privi di questi due documenti
a un controllo comporta sanzioni
fra i 154 e i 1.032 euro, ma è prevista anche una sanzione accessoria: la sospensione dell’attività
al massimo per tre mesi.
Evoluzione del settore
Le Linee Guida, oltre al compito
di aiutare enti e operatori a regolarizzare l’esercizio dell’attività in
riferimento agli obblighi di legge,
aiuteranno anche il settore a proseguire nel processo di normalizzazione, di regolarizzazione delle
attività dei cosiddetti ‘compropallet’ grazie a riferimenti certi e
precisi in merito alle attività svolte. Si distingue, infatti, fra l’insieme delle operazioni connesse
al recupero dei rifiuti e quelle di
puro e semplice commercio sen19 imballaggi & riciclo
za nessun tipo di intervento, si
precisano gli obblighi relativi alla
normativa fitosanitaria, si elencano i requisiti per poter svolgere le attività e i documenti che
ogni operatore dovrà dimostrare
in sede di controlli. Insomma, ora
enti e imprese dispongono di un
paradigma certo e comune che
aiuterà a censire e verificare e
che, soprattutto, consentirà alle
imprese di identificarsi e comunicare con correttezza la loro attività e il modo in cui la svolgono.
Su www.conlegno.org, alla
sezione Comitato Tecnico EPAL,
si trovano, oltre al testo integrale delle Linee Guida, le domande e risposte più frequenti
sul tema della compravendita
di pallet usati
obblighi FITOSANITARI
Nell’ambito dell’attività di compravendita comunque svolta (principale
o esclusiva, secondaria, accessoria
e occasionale) vi sono ulteriori obblighi riferiti a tipologie, e caratteristiche dei pallet. La principale e più
importante riguarda la normativa fitosanitaria: il Decreto Ministeriale 4
marzo 2011 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
– GU n. 129 del 6 giugno 2011 stabilisce che chiunque venga coinvolto
nella filiera (produzione, riparazione,
commercio o cessione a qualsiasi titolo) degli imballaggi recanti il marchio IPPC-FAO è tenuto ad aderire al
Soggetto Gestore del marchio, che
in Italia, su riconoscimento ministeriale, è ConLegno-FITOK. Chi non
intende aderire al Soggetto Gestore
deve cancellare il marchio prima di
rivendere ogni singolo imballaggio in
legno presente nelle proprie aree di
lavorazione al fine di non immettere
sul mercato imballaggi a marchio fitosanitario non conformi.
Fly UP