...

Perché è importante l`analisi del terreno?

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Perché è importante l`analisi del terreno?
Perché è importante l’analisi del terreno?
Indice
1.
2.
3.
4.
Terreno e piante, uniti per la vita
Le proprietà fisiche del terreno
La composizione chimica del terreno
L’analisi del terreno
1. Terreno e piante, uniti per la vita
Il terreno è molto importante per le piante. Non va considerato solo come un supporto fisico,
ma rappresenta qualcosa di più complesso. Da esso le radici ottengono l’acqua e altri
nutrienti necessari per la crescita. Inoltre sono presenti piccoli animali, insetti,
microorganismi (es. funghi e batteri) che influenzano la vita delle piante in un modo o
nell’altro.
È possibile parlare di evoluzione del terreno in base alle condizioni climatiche, la presenza di
animali e piante, l’azione dell’uomo. Quindi un terreno naturale, la cui evoluzione è molto
lenta, risulta essere molto diverso da un terreno coltivato.
Il terreno è composto da materiale solido (minerali e materiale organico), materiale liquido
(acqua e sostanze disciolte), gas (soprattutto ossigeno e anidride carbonica) e contiene
organismi viventi che contribuiscono alle sue caratteristiche chimiche e fisiche.
Per preservarne la fertilità, ottenere un migliore raccolto e rispettare l’ambiente è
fondamentale trattare il terreno in modo corretto. È necessario pertanto compiere delle
analisi su di esso. L’analisi del terreno è uno strumento fondamentale per l’elaborazione di
un corretto piano di concimazione che ottimizzi la produzione, e allo stesso tempo consenta
di ridurre i costi e l’impatto ambientale. È importante anche per la determinazione della
qualità del suolo, permette infatti di rilevare contaminazioni e residui inquinanti indesiderati
e\o nocivi.
1
2. Le proprietà fisiche del terreno
Le principali proprietà fisiche del terreno sono le seguenti:
- tessitura;
- struttura;
- porosità, tenacia, adesività e plasticità;
- densità (peso specifico);
La tessitura
È la proprietà fisica del terreno che lo identifica in base alla composizione percentuale delle
sue particelle solide distinte per classi granulometriche. Questa proprietà è importante per
lo studio dei suoli e del terreno in quanto ne condiziona sensibilmente le proprietà fisicomeccaniche e chimiche con riflessi sulla dinamica dell'acqua e dell'aria e sulla tecnica
agronomica.
La struttura
La struttura fisica del terreno dipende dalla dimensione delle particelle che lo compongono.
Queste particelle differiscono tra loro per forma e massa volumetrica (massa per unità di
volume).
La tabella 1 individua la classificazione delle particelle in accordo con “International Society
of Soil Science”:
DIAMETRO DELLE PARTICELLE
>2
2 – 0.2
0.2 – 0.02
0.02 – 0.002
<0.002
CLASSIFICAZIONE
Strato roccioso
Sabbia grossolana
Sabbia sottile
Limo
Argilla
Il terreno è suddiviso in diverse classi di strati, in base alla percentuale di particelle basiche
(argilla, sabbia e limo). Se, per esempio, si ha un terreno con 37% di argilla, 38% di sabbia e
25% limo, il terreno viene classificato come “terriccio argilloso”.
La porosità, tenacia, adesività e plasticità
La struttura del terreno identifica aspetti importanti come porosità, tenacia, adesività e
plasticità.
La porosità è importante per lo scambio tra gas e liquidi. La microporosità (pori< 2 - 10 µm)
permette all’acqua di essere trattenuta, mentre la macroporosità (pori > 10 µm) agevola una
veloce circolazione di acqua e aria. Le piante hanno perciò bisogno di un giusto equilibrio tra
micro e microporosità.
La tenacia è l’adesività sono due caratteristiche fisiche influenzate dalla quantità di acqua
presente nel terreno e dalla tessitura delle particelle terrose.
2
La tenacità è il parametro che indica la resistenza che il terreno offre alle lavorazioni
meccaniche. Data la maggior tenacia e adesività del terreno argilloso, questo viene chiamato
pesante mentre quello sabbioso è solitamente chiamato leggero.
Il materiale organico, proveniente da resti animali e vegetali, è un altro importante
costituente della parte solida del suolo. Esso ha infatti un effetto positivo sulla fertilità del
terreno perché porta nutrienti, stabilizza il pH e permette una buona trattenuta d’acqua.
Inoltre è molto importante per l’attività dei microorganismi e in generale, contribuisce alla
prevenzione dell’erosione.
L’adesività è la tendenza della frazione terrosa del suolo ad aderire agli organi delle
macchine agricole.
Adesività e tenacia sono inversamente proporzionali tra loro, infatti all’aumentare dell’una,
l’altra diminuisce.
La plasticità, invece è la capacità del terreno di prendere una forma e di mantenere questa
forma anche quando cessa l’azione della forza che l’ha determinata. La plasticità dipende
dalla quantità d’acqua presente nel terreno e dalla tessitura delle particelle terrose.
La densità (peso specifico)
Questo parametro corrisponde al peso specifico della frazione terrosa del suolo. La densità
è assoluta o relativa. Quella assoluta (D) rappresenta il valore del peso specifico delle sole
particelle terrose ed è determinabile con uno strumento chiamato picnometro. Quella
relativa (d) invece rappresenta il peso di un volume noto del suolo composto non solo da
una frazione terrosa ma anche dall’aria in essa contenuta ed è determinabile prelevando una
carota di terreno con un cilindro avente un volume noto.
3. La composizione chimica del terreno
Il PH
La composizione chimica del terreno include il pH e gli elementi chimici. L’analisi di questi
parametri è necessaria per ottimizzare la fertilizzazione, per scegliere la pianta più adatta da
coltivare e per avere il miglior risultato.
La composizione e le caratteristiche chimiche dipendono da molti fattori come tipo di
terreno, clima, vegetazione, tipo di interventi agronomici e storia geologica del suolo. In una
certa misura possono variare nel tempo e sono fondamentali per determinare l’attitudine
alla coltivazione di un terreno.
Il pH è una misura dell’acidità di una sostanza, espressa in una scala che va da 0 a 14. Un pH
pari a 7 indica che una sostanza è neutra (né acida né basica) se inferiore a 7 la sostanza è
acida, mentre se è superiore a 7 è basica o alcalina.
Ogni pianta ha bisogno di un particolare intervallo di pH, in cui è possibile esprimere al
meglio le potenzialità del terreno. Il pH (o reazione) del terreno influenza fortemente la vita
delle piante e la destinazione del terreno da un punto di vista agricolo. Infatti il pH ideale per
l’agricoltura si situa tra 6,5 e 7,5, valori ideali per la maggior parte delle piante.
Ciononostante ogni pianta ha bisogno di un particolare intervallo pH: alcune specie
prediligono pH inferiori a 6 e vengono definite acidofile o ossifile. Tra queste troviamo
3
l’azalea, il rododendro e il mirtillo. Altre specie invece, definite anossifile, prediligono pH
superiori a 7,5 come la liquirizia, la ginestra e le tamerici.
La disponibilità degli elementi è diversa a seconda del pH. Ogni pianta ha bisogno dei diversi
elementi in diverse quantità e proprio per questo ogni pianta necessita di un particolare
valore di pH per ottimizzare la crescita.
Gli elementi nutritivi
Gli elementi nutritivi sono fondamentali per la vita delle piante, come del resto lo sono per
gli animali e per l’uomo. Le piante però non possono spostarsi per la ricerca del cibo e devono
quindi trarre gli elementi nutritivi dal terreno esplorandolo con le radici.
Gli elementi nutritivi vengono distinti in:
Macroelementi: azoto, fosforo e potassio
Mesoelementi: calcio, magnesio e zolfo
Microelementi: ferro, cloro, manganese, rame, zinco, boro, molibdeno
Questa distinzione si basa sulla quantità richiesta dalle piante per vivere. I macroelementi
sono richiesti in quantità maggiore, i microelementi in quantità molto limitate ma sono tutti
indispensabili.
Analizziamo ora gli elementi nutritivi più nel dettaglio.
Macroelementi e mesoelementi
Azoto (N)
Fondamentale per la crescita delle piante è presente nel terreno sia in forma organica che
minerale. Un terreno viene definito mediamente dotato se il contenuto in azoto è compreso
tra 0,1 e 0,15%. Viene assorbito dalle piante prevalentemente in forma nitrica e
ammoniacale. Principali fonti dell’azoto nel terreno sono le concimazioni (organiche e
minerali) e l’azotofissazione dell’azoto atmosferico operata da microrganismi simbionti del
terreno.
Fosforo (P)
Nel terreno si origina naturalmente dai minerali fosfatici ed è apportato dall’uomo con le
concimazioni. Solo una parte del fosforo presente nel suolo è disponibile per le piante; in un
terreno mediamente dotato troviamo circa 10 – 20 ppm (parti per milione) di fosforo
assimilabile.
Potassio (K)
Le quantità di potassio assorbita dalle piante talvolta eguagliano quelle dell’azoto e superano
quelle del fosforo; il potassio non partecipa alla formazione di particolari composti organici
nei vegetali, ma si trova nelle cellule come ione libero. Un terreno viene definito
4
mediamente dotato se ha 80 – 150 ppm di potassio scambiabile (ovvero che può diventare
disponibile per le piante, passando nella soluzione circolante).
Calcio (Ca)
Il calcio non solo è un elemento indispensabile per la vita delle piante, ma è importante
anche per la qualità del terreno in quanto svolge un ruolo fondamentale per la stabilità
strutturale del suolo e per le funzioni fisiche, chimiche e biologiche. Importante fonte di
calcio per il terreno sono le letamazioni. Valori medi per un terreno sono di 2000 – 4000 ppm
di calcio scambiabile.
Magnesio (Mg)
Nella pianta il magnesio entra a far parte della molecola della clorofilla; da qui si capisce
l’importanza di questo elemento per i vegetali. Valori medi sono di 100 – 200 ppm di
magnesio scambiabile. È contenuto nei letami e nelle concimazioni organiche oltre che nei
concimi chimici che recano in etichetta un contenuto in MgO (ossido di magnesio).
Zolfo
Si trova nel terreno in forma minerale e organica (che in genere è prevalente). Le
concimazioni organiche arricchiscono il terreno di zolfo, anche se non sempre l’importanza
di questo elemento è tenuta nella giusta considerazione.
Microelementi
Oltre agli elementi nutritivi principali, altri elementi quali il ferro, il rame, il manganese, lo
zinco, il boro e il molibdeno risultano indispensabili per la crescita delle piante. Il fabbisogno
in microelementi delle piante viene generalmente soddisfatto dalla dotazione di cui
dispongono i suoli, ma in alcuni casi si possono manifestare carenze anche gravi. Di contro i
microelementi, se assorbiti dalle piante in quantità molto elevate, possono divenire tossici.
Il contenuto di microelementi in un suolo dipende in primo luogo dalla natura del substrato
su cui esso si è formato ma come riserva di microelementi è importante anche la sostanza
organica quindi le concimazioni a base di letame e compost.
La sostanza organica del suolo
La sostanza organica del suolo è un insieme di sostanze che possono essere suddivise, nelle
seguenti frazioni:
Residui inalterati di origine vegetale e animale, ben riconoscibili per struttura e dimensioni.
Materiali organici costituiti da molecole come glucidi, lipidi, proteine, lignina, tannini ecc.
che derivano dall’alterazione, operata dai microrganismi, dei residui vegetali e animali.
Questi composti, esercitano funzioni importanti: possono costituire il materiale di partenza
5
per la sintesi dell’humus; influiscono sui processi di scambio e la formazione della struttura
del terreno e, in seguito a decomposizione, forniscono elementi nutritivi.
Il terzo gruppo di sostanze organiche, il più importante e determinante per quanto riguarda
le caratteristiche chimiche e fisiche del terreno, è costituito dall’humus vero e proprio o
humus stabile con natura chimica complessa e legato alla frazione minerale del terreno.
4. L’analisi del terreno
L’analisi del suolo è molto utile per pianificare la fertilizzazione e conoscere i residui di
fertilizzanti precedenti in base alla coltivazione, lavorazione e al clima. L’analisi può evidenziare
scarsità e aiutare a capire le cause di una crescita anormale. Testare il terreno durante il ciclo di
coltivazione e comparare i risultati con la crescita della pianta può risultare un utile esperimento
per le coltivazioni future.
Il campionamento
1) Estrazione del campione di terreno
Con un grande appezzamento, prendere 1 o 2 campioni per ogni 1000 m2 (0.25 acri) di aree
omogenee. Anche con aree più piccole, si raccomanda di prelevare 2 aree (maggiori sono i
campioni, migliori sono i risultati finali, in quanto il campione è più rappresentativo).
Per un piccolo giardino è sufficiente 1 campione.
2) Evitare di estrarre campioni da terreni che presentano anomalie ovvie
3) Quantità campione: prelevare la stessa quantità di terreno per ogni campione. Per esempio,
utilizzare borse delle stesse dimensioni (1 borsa per campione)
4) Profondità d’estrazione:
Regola generale: scavare ad una profondità di 5 cm.
Per prati: prelevare il campione ad una profondità tra 5 e 15 cm.
Per altre piante (fiori, verdure, arbusti): da 20 a 40 cm di profondità.
Per alberi: campioni da 20 a 60 cm di profondità.
5) Miscelare insieme i vari campioni per ottenere un miscela omogenea di terreno.
6) Da questa miscela, prelevare la quantità necessaria di terreno asciutto per effettuare
le analisi, togliendo resti di foglie e pietre.
6
Fly UP