...

Lezione Passaggio - Bruno Boero

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Lezione Passaggio - Bruno Boero
Mercoledì 26-Gennaio-2005
Ore 21,00
Palestra Succovit
Incontro Tecnico: “il Passaggio questo sconosciuto!!”
Ore 21.00
► SALUTI
Ore 21.10
► RINGRAZIAMENTI: Penta per palestra
Paolo Rossi per aver lanciato l’idea e per essere stato il
primo ad intervevire
Anna Savorani
Soprattutto a Voi presenti
…………... Ai dimostratori che saranno vessati, insultati, angariati
Ore 21.15
Perché nel titolo è scritto “…….. questo sconosciuto” ??
Perché sono qui a raccontarVi le mie idee personali, riferite in particolare al Settore Giovanile,
perché questa non ha la pretesa di essere una lezione: è solo una chiacchierata tra amici
appassionati
dissodatori di aridi terreni
giovanili. Siamo qui soprattutto per combattere
l’indifferenza.
“SE
NON PUOI PASSARE, NON PUOI GIOCARE!”
gridò un giorno Tex Winter, famoso allenatore di
Kansas State University ed inventore ed autore del celebre “attacco a Triangolo” e successivamente
assistente di Phil Jackson con i “Chicago Bulls” e poi con i “Lakers”.
Il passaggio è il filo artigianale e sartoriale che lega i compagni tra loro e tiene cucito
insieme un abito offensivo che può essere fatto su misura;
È l’unico mezzo di collegamento tra attaccante mittente e destinatario (gli attaccanti) e
che permette di usare molte le stazioni intermedie: ABILITA’, VELOCITA’,
TECNICA, STATURA, TALENTO e senza il quale tali stazioni andrebbero perdute;
È l’anello di congiunzione fra gioco senza palla e gioco con la palla;
Infatti, solo per mezzo e per merito del passaggio si congiungono : 1c1, …2c2, 3c3,
ecc… e si consente a 5 compagni in attacco di giocare di Squadra;
È un’Arte perduta, una sorta di “fondamentale desaparecido”.
1
Ma allora, se è così sconosciuto, che cos’è IL PASSAGGIO?
Per definizione, è un intenzionale cambio di possesso della palla, iniziato dal giocatore con
palla in favore di un suo compagno di squadra.
Ma perché la faccio tanto lunga?
Anche per un motivo
STATISTICO
sul quale Vi invito (magari per la prima volta) a riflettere. In
ogni squadra si effettuano in media 4 passaggi prima di andare a tirare. Poiché si effettuano in
media 80 tiri comprese le azioni da tiro libero; i passaggi per la Nostra squadra saranno circa 320
per gara. Altrettanti per gli avversari:
320 passaggi in 20 minuti di solo attacco equivale ad un passaggio ogni 3/4 secondi!!
Non c’è altra fase numericamente così importante, ad esclusione del palleggio e degli spostamenti
dei piedi in Difesa. O dei passi di corsa.
Sempre STATISTICAMENTE, solo i punti che derivano dai tiri liberi e dai secondi o terzi tiri non sono
frutto da un passaggio. Anche l’1c1 da fermo deriva dalla ricezione di un passaggio.
Dove vanno a finire 320 passaggi? Togliamo 10 assist, 15-20 palle perse. Ne rimangono almeno
250 che non vengono scrutinati e forse neppure considerati
PER POTER PASSARE LA PALLA SERVE UN PRE-REQUISITO, UN IMPERATIVO
CATEGORICO: PRENDERE LA PALLA (“Catch the ball”) CON 2 MANI, 10 DITA APERTE
AD IMBUTO (come si diceva un tempo) “Keep your hands in ready position” (è una
espressione più moderna e “trendy”)
Esercizio: cattivi passaggi a coppie
(10+10)
2 dimostratori
Altri requisiti tecnici sono:
Equilibrio del corpo;
Posizione del corpo;
Polsi carichi e dita elastiche;
Gambe cariche: perché è dalla spinta delle gambe che nasce, si determina e si controlla la
forza del passaggio;
Palla tenuta viva (se in palleggio): il giocatore che deve passare la palla sta palleggiando;
2
Ambidestrismo: cioè essere efficaci indifferentemente sia con la mano destra che con la
sinistra;
Uso del piede perno, quando serve (vedremo quando e come);
Traiettoria della palla: tesa → parallela a terra
tesa → verso terra per passaggio battuto
parabola → in campo aperto, per superare 1 o più avversari
Coordinazione ovvero collaborazione con il compagno “INSIEME”: infatti se eseguo un
passaggio dopo che il mio compagno si è già smarcato, o è già o non è ancora passato su un
blocco, o passo la palla in contropiede proprio sotto canestro. Dopo che lui era già libero, il
gioco diventa inefficace. Fuori tempo, si rallenta e si perde l’iniziativa. Fuori luogo, è come
non farlo
Ammortizzare con le braccia (effetto “tenda di velluto”). 2 dimostratori : provare con
braccia tese (SBAGLIATO);
Velocità di esecuzione.
NON ESISTONO 2 MODI DIVERSI DI “PRESA DELLA PALLA”: ce n’è uno solo……CON
2 MANI!!
Vi risparmio il fatto che esistono 2 grandi categorie di passaggi: quelli a 2 mani e quelli ad
una mano (dove si usa sempre la mano più vicina al compagno che deve ricevere).
Quelli Diretti: riferiti alla loro traiettoria o tragitto della palla;
Quelli indiretti: o schiacciati o battuti a terra;
Quelli più in uso, i 6 che vanno insegnati per gradi, e con una tempistica alquanto
programmata, sono: 2 mani petto,
2 mani sopra testa,
baseball dx-sx,
battuto a terra dx-sx,
laterale 1 mano (o circolare o uncino laterale) dx-sx,
spalla - spalla.
Questi sei appena detti vanno insegnate nei settori giovanili.
Quelli in disuso (o in naftalina o in stand-by): uncino, “lob”, dietro schiena, consegnato, battuto
tra le gambe, 2 mani laterale con passo d’incrocio.
A questo punto chiediamoci: perché esistono tanti tipi di passaggio (diciamo 12) e non uno solo,
come ad esempio il tiro in sospensione o la posizione difensiva o la partenza incrociata?
3
Proprio perché il passaggio può avvenire in campo aperto o limitato, a distanze differenti con
forza diversa, in presenza di difensori più o meno aggressivi, con diverse caratteristiche
fisiche e tecniche; può essere orizzontale, diagonale, verticale, con angoli diversi; perché ogni
singolo passaggio DEVE far muovere la difesa, e cogliere il momento (tempo) per indebolirla e
metterla in difficoltà.
Per fare tutto ciò occorrerà applicare la Regola degli avverbi CHI - COME - DOVE - QUANDO PERCHÉ:
4 dimostratori
1. Avere la fotografia del compagno libero……………CHI?
2. Selezionare il tipo di passaggio……………………..COME?
3. Il punto dove passare...……………………………...DOVE?
4. Il momento nel quale passare……………………….QUANDO?
5. La ragione, il motivo del passaggio…………………PERCHÈ?
(Il “perché” è facile: segnare due punti facili, esaltare la mia
squadra, favorire il compagno più libero, mettere la mia squadra
nella migliore condizione)
E le lacune più gravi oggi specialmente nei Settori Giovanili sono proprio qui, perché manca
l’insegnamento ed il conseguente lavoro su “Fattori X”: CHI - COME - DOVE - QUANDO PERCHÉ.
Queste sono le vere conoscenze tecniche che noi dobbiamo dare, se vogliamo un apprezzabile
miglioramento sul campo: non si può solo PARLARE, ma bisogna LAVORARE CON ESERCIZI,
con attaccanti e difensori, creare e mettere in campo delle situazioni dove si possa essere guidati a
guardare la difesa (Lettura), comportarsi e scegliere di conseguenza (Scelta). Quindi,
ricapitolando, QUALE SARA’ IL PASSAGGIO GIUSTO??
E’ quello che arriva nel momento giusto al compagno giusto, nell’unica maniera possibile,
perché non esistono 2 occasioni o 2 opportunità. Ne esiste una sola: “HIC ET NUNC” QUI E
ORA ( Solo qui, solo ora).
E L’ OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE??
Dare al mio compagno una palla pulita, proprio in quell’attimo ed in quel punto del campo.
(“HIC ET NUNC” QUI E ORA)
Voglio risparmiarVi le descrizioni tecniche circa l’esecuzione dei vari tipi di passaggio, salvo
eventualmente richiamarle quando ce ne sarà bisogno, durante gli esercizi, sapendo che le sapete.
4
INSISTERE SU(due dimostratori) :
Scioltezza del movimento: fluidità non rigidezza;
Tecnica (altrimenti si deve incominciare con un palleggio solo per mantenere l’equilibrio)
Ricordo tutte le buone intenzioni del “passing game” che diventa quasi sempre un “dribbling
game”;
Precisione del movimento;
tenere il passaggio: (a) distendendo braccio o braccia per una frazione di secondo;
(b) facendo mezzo passo in avanti.
Perché mezzo passo in avanti??
Per riprendere l’equilibrio e/o migliorarlo
Per migliorare l’angolo di passaggio
Per diminuire di 40-50 cm. la distanza del passaggio
Per essere pronti a proseguire il movimento (si pensi
al “dai e vai diretto” mentre la palla è ancora in volo)
2/3 dimostratori
PUNTI DI INSEGNAMENTO E…..SITUAZIONI
1. INSEGNARE A GUARDARE (SAPERE DOV’E’) LA PALLA
2. INSEGNARE A PRENDERE LA PALLA: non è un’arancia, non è un’anguria, non è un
pacco. ES.: da terra, dalla spalliera, dal tavola, dalle mani di un compagno.
(Es. a coppie →
← avvicinandosi e allontanandosi per imparare a “sentire”
entrare ed uscire la palla dalle mani)
5
PROVERBIO DEL GIORNO: “CHI RICEVE CON UNA MANO….HA IL CERVELLO NANO!”
Come si tiene? Alta…Bassa…Si strappa?? Si porta in posizione di triplice minaccia, fronteggiando
il canestro, e rimanendo con le gambe cariche e in equilibrio.
3. INSEGNARE IL 3° TEMPO PER I PASSAGGI
2 file incontro con
un pallone
ridurre distanza
4 file incontro con
2 palloni: passare
in mezzo!!
es. 4 angoli BIM-BUM-BAM per la diversità della forza (in
questo esercizio esistono tre diverse forze relative a tre diverse
distanze).
PROVERBIO DEL GIORNO: “CHI PRENDE IN SALTO … È UNO STOLTO!”
Vi propongo 2 vecchi esercizi di ricezione e passaggio in
corsa a tutto campo.
“6 + 6 BEN” CARNEVALE
con 4-6 palloni
da destra
da sinistra
con arresto e tiro
CAMBIO OGNI MINUTO!!
6
“FOUR MINUTES DRILL”
DUE PALLONI PER CIASCUNA FILA (O6 e O5)
CAMBIO OGNI MINUTO!!
RECORD DI CANESTRI DA BATTERE!!!
“XYZ” PER IL PROSSIMO ALLENAMENTO
Ritorniamo un attimo indietro, e a questo punto (con i giovani) bisogna affrontare un tema quasi
filosofico, del tipo: “E’ nato prima l’uovo…. oppure la gallina?”.
Il nostro tema è il seguente: “E’ più veloce il giocatore….oppure la palla??
In altri termini: Arriverò prima a fare canestro se corro, se palleggio o se passo la palla ad un
compagno libero??
7
passa
palleggia
passa
corre
Possiamo cercare la “soluzione” con 2 semplici esercizi da minibasket (5 volontari):
Perciò da ora in avanti sappiamo Noi, ma soprattutto sanno i giocatori, che se vogliamo arrivare
prima, presto e bene, dovremo CERCARE UN COMPAGNO LIBERO AVANTI.
4. INSEGNARE PRIMA A GUARDARE E POI A PASSARE! (4 volontari)
ES.: dal 3c1 da metà campo. Ma se anche tu riuscissi, i punti sono sempre 2 ed il tuo assist vale
sempre 1 di valutazione.
SE GUARDARE E POI PASSARE E’ IL NOSTRO TEOREMA, QUESTO E’ IL COROLLARIO:
NON CERCARE SUPER PASSAGGI!!!
GIOCO: palla avvelenata 5c5 con palla sgonfia (rossa). (10 volontari, 60 secondi per ogni squadra a
tutto campo)
VARIANTE: aggiungere 3 palloni colorati, che saranno palleggiati dalla squadra che “scappa” a
metà campo.
PROVERBIO
DELLA SERA:
PASSARE
SENZA GUARDARE….È COME COMPERARE UN GELATO AD
OCCHI CHIUSI.
Ritorniamo per un istante all’importanza di prendere e passare la palla con due mani.
5. PASSARE CON 2 MANI DALLA RIMESSA
Perché, cosa comporta e cosa può succedere.
Es.: Rimessa dal fondo o dal lato contro difesa pressing: stesso identico danno con
passaggio battuto;
INOLTRE… passare ad una mano in campo aperto è un movimento più lento e meno
coordinato, in altre parole: bisogna avere più tempo e più spazio a disposizione.
6. DOVE PASSARE LA PALLA = PUNTI DI MIRA DEL PASSATORE SUL RICEVENTE
FERMO E SMARCATO:
Premesso che il ricevente deve sempre guardare e chiamare la palla, e mostrare il bersaglio
(2 mani, 10 dita, ecc…):
8
(a) Prima Regola: Bersaglio grosso/Petto/n° di maglia
(b) Lontano dal difensore: Insegnare a cercare le “finestre aperte” e ad usarle
O1 deve guardare il centro area e passare sulla spalla
esterna ; ora mettiamo il difensore X2; O2 guarda il
proprio avversario X2 e vede la palla con la coda
dell’occhio. Quando riceve e il difensore è incollato,
strappa la palla sul lato opposto così X2 farà un salto
indietro per recuperare la posizione. Avrà ottenuto
un piccolo vantaggio per 1c1 o per un passaggio
sulla linea di fondo.
Ora possiamo collegare una situazione di SMARCAMENTO e DAI-E-VAI
Vedendo l’applicazione anche del passaggio spalla-spalla e ad una mano laterale (o circolare).
NOTA: il difensore X1 all’ inizio lascia ricevere la palla.
O2 passa ad O1 che dà ad O3 e da DAI-E-VAI
Il giocatore O1 passa ad 03 con un movimento
spalla-spalla
Il giocatore O3 da la palla ad O1 con mano destra
circolare
SCOPO DI QUESTI 2 ESERCIZI:
non lasciare il tempo al difensore X1 di recuperare
dopo che O1 abbia ricevuto la palla, portandosi sulla
linea immaginaria uomo (O1) e palla (O3): sfruttare
tale ritardo co
n un movimento di DAI-E-VAI.
9
(c) “Sui denti” di O3:
O3 guarda il centro dell’area: con un occhio guarda
la palla (O1) e con l’altro guarda il proprio difensore
(X3).
L’ANGOLO DI VISUALE DI O3 SERVE PER LEGGERE LA SITUAZIONE PRIMA DI RICEVERE LA PALLA
ESERCIZI:
(a) taglio Shuffle
(b) servire un giocatore che sta spalle a canestro: solamente se e dove chiama lui. Qui facciamo solo
un cenno: vedremo meglio più avanti.
Il giocatore che sta spalle a canestro dovrà occuparsi maggiormente del proprio avversario più che
del compagno con la palla (che va guardato solo con la coda dell’occhio).
10
( c) Avanti a chi corre:
7. Vediamo meglio cosa vuole dire PASSARE AVANTI A CHI CORRE IN CAMPO
APERTO:
(a) meglio 1 mt. avanti che 10 cm. Indietro; Perché? Per mantenere e/o aumentare un
vantaggio di tempo e di spazio.
(b) Passare con le gambe cariche, utilizzando anche la loro spinta sulla palla.
(c) Meglio con due mani perché sono più veloce, coordinato, preciso e meno prevedibile.
Es.: LONG PASS DRILL - 2 palloni, 5 minuti al massimo
VARIANTI:
Da destra, da sinistra, con allenatore anticipa O1, con Applausi!!!! con BUUU!!!!
Con difensore (svantaggio 2 mt. e braccia alte) ;
A 3 giocatori : Palleggiatore tira va difesa; difesa fa rimessa, passatore va in attacco a ricevere il
nuovo passaggio.
11
Dettagli del passaggio baseball:
•
Spalla puntata verso il compagno ricevente;
•
Ridurre la torsione del busto per:
1. Guadagnare tempo
2. velocizzare l’esecuzione;
3. scoprirsi di meno rispetto al difensore diretto.
•
Con il mezzo passaggio avanti (piede opposto) ci vuole anche il palmo della mano in fuori e
pollice in basso.
Dal precedente esercizio nascono alcune considerazioni:
1. Lob o non lob??
2. …”mancavano 5 secondi, eravamo 99 a 99, la palla era nostra dal fondo perché non
gli hai passato lungo avanti?”…
La risposta è: “Caro allenatore, è perché non mi ci hai fatto allenare!!!”
Da qui un’ ulteriore conferma di una regola che il coach deve osservare:
CREARE UNA SITUAZIONE SUL CAMPO, E LAVORARCI SU, E NON PRETENDERE
NULLA SUL QUALE TU NON HAI PRECEDENTEMENTE LAVORATO!!!
Le situazioni si creano anche con delle regole restrittive di allenamento, come ad esempio:
•
giocare senza palleggio;
•
cinque passaggi prima di andare al tiro
•
tutti devono toccare la palla prima di tirare
•
solamente passaggi battuti;
•
il nostro lungo/a deve toccare la palla prima che qualcuno tiri
•
difensori anticipano sull’arco dei 3 punti, così l’attaccante deve lavorare sul back-door
•
ecc… ecc… ecc… ecc…
Vi ho risparmiato e vi risparmierò tutti quegli esercizi:
a coppie; a 4 angoli; a stella; su 2 file; contro il muro; box…correre in diagonale; triangolo; doppio
triangolo, dei quali sapete sicuramente molto o tutto MEGLIO DI CHI VI PARLA.
8. SIAMO ENTRATI CON IL “LONG PASS DRILL” IN UN CAPITOLO DECISAMENTE
DELICAO, MA ESSENZIALE CHE PREVEDE LA MESSA IN CAMPO DI 1 O PIÙ
DIFENSORI OPPORTUNAMENTE ISTRUITI DA NOI ALLENATORI:
12
“Stai vicino, stai lontano, stai 1 mt. dietro, di fianco,
davanti, con le mani alte, non rubare la palla, ecc…….. “
dove il difensore collabora a determinare situazioni
diverse in campo che saranno oggetto di lettura e di scelta.
Es.: “Sono Poz, il play della Nazionale!!”. E’ una
situazione di lettura a tutto campo, con PASSAGGIO 2
MANI PETTO IN CORSA. O3, se indicato, sprinta verso
la palla e si ferma solo quando riceve la palla: si arresta, si
gira ed esegue una partenza incrociata verso canestro. Poi
ritorna in coda alla fila (O4)
PERCHÉ PASSAGGIO 2 MANI AL PETTO ??
Se eseguo un passaggio in vicinanza di un difensore,
molto facilmente ne incontro il corpo o le braccia o le
mani. Questo è il motivo per cui questo passaggio deve venire usato quasi esclusivamente nella
metà campo di difesa , in ad esempio fase di transizione dalla difesa all’ attacco, proprio perché
i difensori si stanno ancora schierando. Ora possiamo inserire X9-X10 a fondo campo dietro le
spalle di O1-O2-O3. In seguito inserire il coach che
ostacola O4 a metà campo.
Ritorniamo nella metà campo, e vediamo un esercizio che
si avvale di “segnali” sul tipo del precedente: come prima
“A” sprinta verso la palla al segnale del coach (che sta
dietro). Deve ricevere in “tempo reale” un PASSAGGIO
UNCINO LATERALE (CIRCOLARE) AD 1 MANO
sulla spalla esterna di A.
O1 deve avere la capacità di mantenere vivo il palleggio,
sino al passaggio, e mantenersi
contemporaneamente in una posizione centrale mediante: cambi di mano, cambi di direzione,
arretramenti, esitazioni, finte del corpo e della palla, ecc… e dare la palla non appena vede il
compagno A o B che si muovono verso di lui.
VARIANTE: il coach segnala con pugno chiuso = back-door
O1 esegue passaggio battuto ad una mano
VARIANTE: mano aperta o pugno chiuso (mix di capacità di scelta). Sia per il passatore che
per il ricevente.
VARIANTE: con difensore su O1 (NON rubare la palla).
13
VARIANTE:
9. Avendo incominciato, sempre mediante esercizi o situazioni, a mettere pressione alla palla,
DEVO ORA DIMOSTRARE I VANTAGGI DERIVANTI DALL’USO DEL PIEDE
PERNO, AL FINE DI TROVARE “APERTA UNA FINESTRA” DI PASSAGGIO.
Ed eccoci all’esercizio più classico e tradizionale: “TORO NEL RECINTO” (“BULL IN THE
RING”)
Regola tradizionale: se il difensore tocca la palla, passa in attacco…proviamo
Invece queste sono le giuste restrizioni:
NO “lob-pass”;
1 PIEDE attaccato al gomito dell’area;
USARE PIEDE PERNO;
contare “MILLEUNO-MILLEDUE-MILLETRE” prima
di passare la palla, per dar modo al difensore di
intervenire;
USARE LE FINTE;
PASSAGGI CIRCOLARI AD UNA MANO;
AMBIDESTRISMO.
14
10. USARE LE FINTE DI PASSAGGIO: Perché le finte fanno parte dei fondamentali e
talvolta aprono un angolo di passaggio sia del difensore X1 che del difensore del ricevente.
La finta è un fondamentale interrotto.
11. RICONOSCERE LE LINEE DI PASSAGGIO: TESTA; COLLO; ASCELLA; FIANCO;
GINOCCHIO; PIEDE:
ESERCIZIO SU 2 FILE
O1 → O2 e corre avanti
O2 → O1 che viene incontro,
riceve si arresta
O2 difende
VARIANTE: “BULL IN THE RING”
con 2 difensori sulla palla
stesse regole restrittive già elencate
ESERCIZIO DEL “PANINO”: Tenere 3” e passare
O1 palleggia verso X3, inseguito da X1: arrivato di fronte
a lui, si arresta protegge palla e passa ad O2.
Poi O2 sarà marcato di fianco a dx o a sx ed il passatore
DOVRA’ riconoscere la “finestra aperta”.
Rotazione :
O1 → X3
X3 → CODA
Partono altri due
ESERCIZIO DEL “TRENINO”
O1 parte in palleggio inseguito da X2, che cercherà di
impedire il passaggio a O3 il quale taglia fino alla linea
dei 3 punti, cambia senso e velocità “volando” a canestro
per un terzo tempo in corsa
15
SCOPI DELL’ESERCIZIO:
RICONOSCERE IL BERSAGLIO;
VEDERE LA “FINESTRA APERT”A;
USARE IL PIEDE PERNO PRIMA DEL PASSAGGIO;
RICONOSCERE LA LINEA DI PASSAGGIO;
DARE LA PALLA AVANTI.
VARIANTI:
da destra;
da sinistra;
altre angolazioni (Vedi Diagramma);
con un secondo difensore;
infine 2c2 agonistico.
ESERCIZIO DEI “40 PASSAGGI” - 5c5
VARIANTI: VIETATO passaggio di ritorno; solo passaggi battuti a terra. Marcature scambiate
SCOPI DELL’ESERCIZIO:
GIOCARE SENZA PALLA;
FRONTEGGIARE;
TAGLIARE DAVANTI;
TAGLIARE DIETRO;
DIFENDERE DI ANTICIPO;
RAPIDI CAMBI DI FRONTE.
12. METTERE PRESSIONE MEDIANTE LA DIFESA:
Partiamo dal più semplice dei TIC – TAC a due giocatori a tutto campo:
•
TIC-TAC
Inseguire in palleggio;
•
“
“
e tiro
“
“
“ “ “
“
•
“
“
“
“
“ “
“ “ “
“ con tiro
•
“
“
“
“
“ “
“ “ “
“ “sparo sulla palla”
•
“
“
a tre
con due cacciatori che inseguono palleggiando…poi tirando.
16
13. METTERE PRESSIONE MEDIANTE IL TEMPO:
Treccia a 3 – 4 – 5 andata e ritorno : “ 2 canestri realizzati; quanto tempo??”.
4 giocatori fermi: 2/3/4 palloni passaggi spalla-spalla. Quanto tempo per arrivare a 50?
5 GIOCATORI - 3
PASSAGGI
- 60” (FORMARE DUE QUINTETTI)
REGOLE DELL’ ESERCIZIO:
tutti 5 i giocatori oltre la metà campo;
fare la rimessa dal fondocampo dopo aver realizzato. La rimessa non la esegue chi ha tirato;
NO palleggio;
NO passi;
SI VEDE QUI CHE IL PASSAGGIO MUOVE LA SQUADRA, LA TIENE INSIEME, LE FA
PRENDERE L’INIZIATIVA.
BATTERE LE MANI : IL PASSAGGIO HA UN SUO RITMO!! ANZI, IL PASSAGGIO DÀ
IL RITMO ALLA TUA SQUADRA!!!
14. METTERE PRESSIONE MEDIANTE IL CANESTRO .
ESERCIZI:
•
Treccia di Nichols : 6 canestri;
•
Treccia di Gavitt : 12 canestri - “Quanto tempo serve? Qual è il record da battere?”.
15. SITUAZIONI: COSA VOGLIO NEL 2c1 …… E PERCHÉ.
Quando posso passare
Quando non posso passare
Quando devo palleggiare
Dove devo palleggiare
Voglio un tiro in corsa o da sotto
Non voglio : 1c1
17
16. SITUAZIONI: COSA VOGLIO NEL 3c2 ……E PERCHÉ.
Voglio che O1 porti la palla al gomito a dx o a sx;
O1 deve fare una finta di passaggio verso O2 per
fare muovere X2;
Non voglio: passaggio ala - ala;
Non voglio 1c1;
Non voglio 1c2;
Non voglio passaggi dentro l’area;
REGOLA
IN ENTRAMBI I CASI SONO VIETATI I PASSAGGI IN PIÙ
(EXTRA PASSES) ;
IN
PAROLE POVERE : QUANDO HAI I PIEDI DENTRO L’AREA, SONO FINITI I PASSAGGI!!
17. IL PASSAGGIO BATTUTO NON E’ UN PASSAGGIO “UNIVERSALE”, MA E’ UN
PASSAGGIO DI SITUAZIONE…E VA TRATTATO COME TALE!
Trova la sua utile applicazione, in situazione di :
- 2c1;
- 3c2;
- in back-door;
- sulla linea di fondo dove non arrivano difensori e
non è possibile aiutare, in particolare per servire il
pivot basso;
- per riaprire sul lato debole.
Il passaggio battuto dovrà comunque e sempre arrivare davanti ed all’altezza delle anche: detto così
è facile , ma se ti capita di dover dare un passaggio ad un 2,10….. la palla deve arrivare comunque
in parabola ascendente; e se la palla arriva in salita , conserverà velocità e forza.
PASSAGGI AL PIVOT
Sul quarto di campo di sx, mentre O1 esegue un
autopassaggio in ala e fronteggia il canestro, O2 gioca di
posizione in pivot C che difende di mezzo anticipo verso il
centro: O1 dovrà leggere la linea di passaggio aperta usando
la mano sx per un passaggio circolare.
18
Sul quarto di campo di dx, il C gioca di mezzo anticipo sul fondo: O3, dopo l’autopassaggio , dovrà
servire il pivot O4 usando ancora la mano sx. Oltre al passaggio circolare, O1 → O2 che sarà
preferibilmente battuto, sulla linea di fondo, si può usare il passaggio diretto: se il difensore ha le
braccia in fuori, la linea di passaggio aperta è sopra le sue spalle; la traiettoria del passaggio sarà
tesa e il punto di mira sarà il braccio più lontano del difensore del pivot.
NOTE: durante l’esecuzione dal passaggio occorre avere le
gambe cariche per un migliore equilibrio e perché le gambe
spingono sulla palla.
La progressione degli esercizi prevede la presenza di un
difensore sul passatore per ostacolare il passaggio al pivot.
NOTE: usare il piede perno (opposto alla mano esterna) per
escludere il difensore solo se la difesa è a contatto. Leggere le
linee di passaggio aperte usando al massimo una finta se è
necessaria: non c’è tanto tempo, il mio compagno qualche volta è anche dentro l’area, e la difesa si
prepara ad aiutare.
Infine l’ esercizio diventa di 2 contro 2.(O3-O4 contro X3-X4).
Il difensore all’inizio anticipa forte, usando anche il corpo
senza però andare davanti al pivot.
In seguito permetteremo al difensore del pivot di andare
davanti anche per insegnare ai nostri lunghi (e non solo) che
non devono permettere che ciò avvenga.
Il passaggio ricevuto non sarà sempre lo stesso, anche di poco, ma varieranno il tempo e la
posizione. In ogni caso, il passaggio al pivot va dato solo se:
•
Lui chiama la palla con la mano aperta, e davanti;
•
Se la palla può arrivare lontano dalla difesa;
•
Se la palla può arrivargli sopra l’altezza delle anche , cioè facile da “artigliare”.
Con l’ insegnamento di situazioni di gara, lo svolgimento degli esercizi, correzioni, esperienza e
miglior conoscenza delle caratteristiche dei compagni, si migliorerà di molto anche in questa fase.
Ali e guardie, dalla linea di tiro libero in giù possono usare passaggi diretti.
Si può usare il passaggio sopra il capo, che generalmente è preceduto da finta di passaggio, o finta
d‘entrata (per aprire una “finestra di passaggio”) e successivo passaggio sopra il capo.
19
ESERCIZIO DI TAGLIO BACK-DOOR (CON DIFESA).
chi tira andrà in difesa
O3, dopo il tiro in corsa, prende il posto di X4
18. VERIFICARE CHE IL GIOCATORE “VEDA” CIÒ CHE VEDIAMO NOI.
Fermare il gioco , e chiedere la fotografia della situazione.
PROPONGO DI USARE I SEGUENTI ESERCIZI:
(a) Esercizio 5c5 a tutto campo senza palleggio
(b) 5c5 tutto campo … al fischio … palla a terra e cambio
(c) Five on guess (5c4 o c3…) tutto campo.
(d) 5c4 + un difensore che ritarda, partendo dalla linea di fondo campo.
Adesso, solo per scherzare, perché non provate a rispondere a questa domanda:
“ Vede più lontano il pivot in piedi oppure il coach seduto?”.
Il fatto è che il nostro giocatore deve concentrare la propria attenzione dentro l’area, vedere i
difensori e guardare la palla con la coda dell’occhio.
RICORDA: L’ IMMAGINE (DEL GIOCATORE SMARCATO) NON PASSA NEGLI OCCHI, SE PRIMA
NON È PASSATA DAL CERVELLO.
19. IL PASSAGGIO DIRETTO DAL PALLEGGIO:
Con una mano, da un palleggio interrotto, di solito in sottomano con una mano.
SOLO IN CASI ECCEZIONALI !!
Sono “passaggi scodellati”, e nel Settore Giovanile:
…risotti precotti, premasticati e mal digeriti.
Se proprio deve esistere, facciamo almeno l’ultimo palleggio forte!!
PROVERBIO
DELLA NOTTE:
“DIRETTO
DAL PALLEGGIO; IL PASSAGGIO
SAGGIO!!”
20
………….
NON È
20. SEGUIRE LE PENETRAZIONI, SIGNIFICA PUNIRE GLI AIUTI DIFENSIVI.
Ovvero usare gli spazi per togliere (punire) l’aiuto, secondo la “REGOLA DELL’OROLOGIO”.
Quanto fatto comporta 4 elementi:
(1) Dilatare gli spazi per i giocatori perimetrali esterni, allo scopo di rendere più difficile il
recupero difensivo successivo all’aiuto;
(2) L’attaccante senza palla si porta dietro la schiena del difensore;
(3) Sulla penetrazione bisogna muoversi per dare un passaggio al compagno che è penetrato a
canestro;
(4) Colui che penetra deve uscire dall’area come se avesse fatto un movimento di “dai e vai”.
NOTA: nelle situazioni di penetra e scarica sono consentiti i passaggi in salto, anche se, recita il
famoso adagio: “CON IL PASSAGGIO IN SALTO, NON SEI SICURO MOLTO”.
21
C O N C L U S I O N I:
BOB COUSY, FAMOSISSIMO PLAYMAKER DEI BOSTON CELTIC’S ANNI ’60-’70 DICE
TESTUALMENTE:
“Il playmaker non passa la palla solo per liberarsene: ogni passaggio deve essere fatto con un
proposito, seguendo un’idea. L’idea è di trovare angoli tali da far muovere la difesa in modo che il
compagno che riceverà la palla, la riceverà con lo stesso ritmo del proprio movimento; non solo, ma
anche nella migliore posizione per poter effettuare il miglior tiro possibile.”
Se ci pensate bene le percentuali di realizzazione in una gara, nel Settore Giovanile, non dipendono
dalle giornate-sì
o dalle giornate-no, ma da come si gioca. Se passi da una percentuale di
realizzazione del 38% al 42% ad esempio, non è tanto che hai migliorato il tiro, ma hai migliorato il
passaggio che precede il tiro, hai reso le occasioni di tirare più facili. Da come si muove la palla, la
difesa avrà più problemi o più occasioni di sbagliare o di essere in ritardo, di fare errori, di subire un
contropiede, di fare fallo; l’attacco avrà così occasioni più facili, a più alte percentuali di
realizzazione. Sappiamo anche che ogni buon sistema di attacco è basato su sei componenti:
1. BUONI PASSAGGI
2. 1c1 CON PALLA
3. 1c1 SENZA PALLA (TAGLI)
4. BLOCCHI
5. BUONI TIRI
6. ROBUSTI RIMBALZI
dove il passaggio, non a caso, è citato per primo in ordine di importanza.
Se siamo arrivati sin qui il passaggio forse è un po’ meno sconosciuto…
Noi coaches non dobbiamo fare niente di speciale, ma possiamo solo lavorare, correggere,
verificare, TALVOLTA PREGARE:
“O SIGNORE (DEGLI ANELLI) CHE STAI A 3,05, DAMMI SOLO 5 GIOCATORI CHE
SAPPIANO PASSARE LA PALLA E NON CHIEDERO’ PIÙ NULLA PER NATALE!!!!!!!!”.
GRAZIE A TUTTI E CIAO
BRUNO BOERO.
22
Fly UP