...

“Scemi di guerra”.

by user

on
Category: Documents
46

views

Report

Comments

Transcript

“Scemi di guerra”.
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA
Dottorato di ricerca in Storia
Ciclo XXIV
“Scemi di guerra”.
Comportamenti sociali e nevrosi psichiche
tra i soldati della Grande guerra.
Il caso di Parma
Coordinatore:
Chiar.mo Prof. Domenico Vera
Tutor:
Chiar.mo Prof. Antonio Parisella
Dottoranda:
Dott.ssa Ilaria La Fata
2
Dolorosa ci fu la partenza
E il ritorno per tutti non fu
(“O Gorizia”, 1916)
a S.
3
4
“Scemi di guerra”: comportamenti sociali e nevrosi psichiche tra i soldati della
Grande guerra. Il caso di Parma
Introduzione
p. 7
Abbreviazioni
p. 23
I. Il manicomio di Colorno
1. Da Parma a Colorno
2. Prima della guerra
3. Il manicomio nella guerra
4. I ricoverati
5. Il personale, medici e infermieri
6. Il manicomio e i comandi militari
p.
p.
p.
p.
p.
p.
II. L’approccio psichiatrico
1. Tra positivismo e modernità
2. All’inizio della guerra
3. Alle prese con i combattimenti
4. Medici militari e medici civili
5. Il direttore di Colorno
p. 83
p. 91
p. 100
p. 112
p. 119
III. I ricoverati
1. Numeri o persone?
2. Gli ufficiali
3. Soldati e ufficiali
4. I motivi del ricovero
5. Diagnosi e malattie
6. Diagnosi e ribellione
p. 129
p. 135
p. 139
p. 143
p. 155
p. 162
IV. Effetti collaterali
1. Dopo il ricovero
2. Dopo la guerra
3. Solidarietà famigliare
4. Le donne
p. 171
p. 175
p. 180
p. 187
Conclusioni
p. 197
Appendice
p. 205
Fonti
p. 265
Bibliografia
p. 273
5
25
36
43
52
62
73
6
Introduzione
Ero sfinito, ma non riuscivo a prendere sonno. Il professore di greco venne a
trovarmi. Egli era depresso. Anche il suo battaglione aveva attaccato, più a
sinistra, ed era stato distrutto, come il nostro. Egli mi parlava con gli occhi chiusi.
– Io ho paura di diventare pazzo, – mi disse. – Io divento pazzo. Un giorno o
l’altro, io mi uccido. Bisogna uccidersi.
Io non seppi dirgli niente. Anch’io sentivo delle ondate di follia avvicinarsi e
sparire. A tratti, sentivo il cervello sciaguattare nella scatola cranica, come l’acqua
agitata in una bottiglia1.
1. La prima guerra di massa, moderna e industrializzata, della storia è
rappresentata da due simboli, strettamente connessi tra loro: il fante e la trincea, il
luogo dove i soldati vivevano giorno e notte costantemente sotto il tiro dell’artiglieria
nemica.
Per quattro anni milioni di uomini furono costretti a convivere sotto terra,
esposti agli agenti atmosferici e al fuoco delle mitragliatrici, in condizioni igieniche
disastrose, e a uscirne solo durante gli scontri, avanzando alla conquista di territori o
per indietreggiare. Indipendentemente dall’esito, la fine delle battaglie era sempre
segnata da morti, ferite, mutilazioni. I dati relativi alle perdite umane e ai feriti o
mutilati del primo conflitto mondiale su tutti i fronti sono ingentissimi: su tutti i fronti
il conflitto – che mobilitò oltre cinquanta milioni di soldati e un numero ingente di
lavoratori nelle fabbriche della produzione bellica – costò la vita a non meno di nove
milioni di soldati e a un numero non dissimile di civili. La guerra veniva così privata di
ogni forma di idealismo, per diventare “un’officina”, il cui unico obiettivo sembrava
essere l’efficienza del massacro2.
Le condizioni della vita di trincea ebbero conseguenze enormi sullo sviluppo del
conflitto: in primo luogo in essa si svilupparono fenomeni nuovi che avrebbero
determinato la storia culturale successiva perché, come ha scritto Fiorenza Tarozzi, vi
si costituì una nuova comunità separata:
1
Emilio Lussu, Un anno sull’altipiano, Einaudi, Torino 2000 (1 ed. 1945), p. 110.
La definizione di “officina della guerra” è ripresa dal volume di Antonio Gibelli, L’officina della guerra. La
Grande Guerra e le trasformazioni del mondo mentale, Bollati Boringhieri, Torino 2007 (1 ed. 1991).
2
7
La trincea è fango, sono giorni e notti passati al freddo più rigido o al caldo più
disumano perdendo la cognizione dello scorrere del tempo segnato quasi
solamente dalla luce e dal buio. La trincea è anche il luogo dove gli uomini che
l’abitavano avevano però modo di manifestare sentimenti diversi come il
patriottismo e l’autoesaltazione, il senso del dovere, il cameratismo, l’amicizia e lo
spirito di gruppo. La trincea divenne una nuova comunità, separata dal resto del
paese, dove si viveva tra ansie, sofferenze mescolate a momenti di serenità che
potevano essere date dal canto di un uccello, dallo sguardo a paesaggi che in
assenza della guerra sarebbero apparsi stupendamente coinvolgenti, dalla scrittura
e dalla lettura, dal rancio come da ogni altro atto che riportava alla quotidianità
come la pulizia del corpo3.
Tuttavia in quelle fosse, dove vigeva la disciplina più rigida e dove gli ordini
andavano sempre assolutamente rispettati, tra i soldati male o per nulla equipaggiati,
terrorizzati ed affamati, si diffusero presto anche fenomeni di ribellione e di squilibrio
mentale, la cui gestione creò enormi problemi, per l’insufficienza delle strutture ma
anche per il rischio di alimentare un clima di paura e di protesta nell’opinione pubblica
e nel “fronte interno”.
Di fronte alla sempre maggiore complessità della guerra, la resistenza e il rifiuto
dei soldati trovarono espressione anche nella follia e nella malattia. Riducendosi le
possibilità della fuga reale, la fuga interiore, cioè la malattia mentale o la sua
simulazione, diventarono una soluzione sempre più praticata. Le forme più evidenti di
malattie mentali riguardavano il delirio di persecuzione, l’amnesia, l’incapacità di
sopprimere i ricordi o la rimozione di qualsiasi cosa avesse a che fare con la guerra, la
perdita anche solo temporanea della parola, dell’udito, delle percezioni del mondo
esterno o le psicosi alcoliche, dovute all’uso incontrollato di alcool – favorito peraltro
dalle distribuzioni di liquori prima degli assalti – per trovare un rifugio alla paura o per
superarla temporaneamente.
Rifiutandosi di stabilire una correlazione patogena tra guerra e follia, i medici
militari adottarono come spiegazione principale la teoria dell’ereditarietà, affermando
l’origine genetica di queste patologie, scatenate poi dalla vita in trincea, a diretto
contatto con la violenza della guerra.
Condotti nei manicomi, i soldati incontravano, dunque, degli psichiatri che non
sapevano come affrontarli e applicavano terapie improvvisate, nel tentativo di
ricondurli al fronte nel minor tempo possibile; nel linguaggio popolare quei pazienti
3
F. Tarozzi, Parole e immagini dalla Grande guerra, in “Storia e Futuro”, n 15, novembre 2007, p. 8,
http://www.storiaefuturo.com. Sulla vita di trincea si veda anche Lucio Fabi, Gente di trincea. La Grande
Guerra sul Carso e sull’Isonzo, Mursia, Milano 1994.
8
iniziarono ad essere definiti “scemo di guerra”, locuzione che definiva tutti i soldati
ricoverati negli ospedali psichiatrici per traumi, come lo shock da combattimento,
riportati al fronte. Questa espressione, però, si riferiva in modo ambivalente sia a chi
effettivamente riportò danni psichici dall’esperienza bellica sia a chi, invece, simulava
simili disagi per evitare di essere mandato in trincea.
Da un lato, dunque, studiare gli “scemi di guerra” permette di analizzare il
significato e la diffusione dello shell shock, e di altri traumi psichici, tra i soldati, ma
anche di verificare l’entità del rapporto consenso-rifiuto applicato alla Grande guerra,
rapporto tanto più complesso se si considera il dibattito che si sviluppò in Italia a
favore o contro l’intervento4.
La malattia mentale, o la sua simulazione, costituirono infatti una sorta di
occasione per ribellarsi, per opporsi ai propri superiori senza incorrere immediatamente
nei rigori della disciplina militare, per quanto non sempre questa ribellione fosse
sostenuta da una scelta volontaria e consapevole, anzi essendo molto spesso
conseguenza di una situazione oggettiva. Naturalmente, il numero dei soldati internati
in manicomio fu inevitabilmente minimo rispetto a coloro che soffrirono di patologie
psichiche, perché molti malati mentali riuscirono a nascondere i loro disturbi, oppure
fecero ricorso a cure private, oppure semplicemente non furono riconosciuti come tali
dalle istituzioni che avevano il compito di giudicarli.
Con questa ricerca ho analizzato il caso parmense dei soldati che durante la
Prima guerra mondiale furono ricoverati in ospedale psichiatrico, illustrando le cause,
le sofferenze e l’esperienza di chi pagò un prezzo altissimo alla violenza di massa delle
vicende belliche. Si tratta di un settore di studi che ha conosciuto recentemente un
4
Anche se si tratta, pur sempre, di un’opera dalla forte caratterizzazione nazionalistica, tuttavia, una delle
principali opere sull’Italia dalla neutralità all’intervento resta il saggio di Gioacchino Volpe, Il popolo
italiano tra la pace e la guerra, Ispi, Milano 1940. Al riguardo si veda anche Nino Valeri, Da Giolitti a
Mussolini, Parenti, Firenze 1956; Giuseppe Rossini (a cura di), Benedetto XV, i cattolici e la prima guerra
mondiale, Cinque lune, Roma 1963; Leo Valiani, Il partito socialista italiano nel periodo della neutralità,
Feltrinelli, Milano, 1963; Corrado De Biase, Concezione nazionale e concezione democratica dell’intervento
italiano nella prima guerra mondiale, Istituto poligrafico dello Stato, Roma 1964; Brunello Vigezzi, L’Italia
di fronte alla prima guerra mondiale, vol. 1, L’Italia neutrale, R. Ricciardi, Milano-Napoli 1966; Alberto
Caracciolo et al., Il trauma dell’intervento 1914-1919, Vallecchi, Firenze 1968; Brunello Vigezzi, Da Giolitti
a Salandra, Vallecchi, Firenze 1969; Alberto Monticone, La Germania e la neutralità italiana 1914-1915, Il
Mulino, Bologna 1971; Gian Enrico Rusconi, L’azzardo del 1915. Come l’Italia decide la sua guerra, Il
Mulino, Bologna 2005.
9
notevole sviluppo grazie soprattutto ai lavori di Antonio Gibelli, Bruna Bianchi e
Alberto De Bernardi fino a quello, più recente, di Andrea Scartabellati5.
Il caso di Parma è stato analizzato a partire dalla fonte privilegiata del
manicomio di Colorno, nel quale per oltre un secolo furono internati i parmigiani della
provincia, la cui estrazione sociale era in prevalenza contadina.
Lo studio si inserisce nel dibattito storiografico sulle nevrosi di guerra e sulla
psichiatria italiana nei primi decenni del Novecento, per verificare in sede locale
dinamiche più generali riguardo al rapporto tra guerra e follia, basandosi
principalmente sull’analisi delle cartelle cliniche degli internati in manicomio, che
raccontano con una molteplicità di sguardi la distruzione psichica provocata
dall’esperienza bellica.
Lo studio delle cartelle cliniche, senza limitarsi ad una ricerca settoriale
sull’atteggiamento della psichiatria verso le nevrosi di guerra, ha permesso anche di
verificare la difficoltà, da parte della società, ad adeguarsi ai nuovi modelli sociali
imposti dalla modernità di un’esperienza collettiva tanto estrema per durata, intensità e
impatto traumatico.
Proprio per questo motivo l’indagine non ha preso in considerazione
esclusivamente i combattenti traumatizzati dall’esperienza del fronte, e di conseguenza
internati, ma anche, e soprattutto, quell’intreccio di relazioni che vide psichiatri, sia
civili che militari, degenti e famiglie divenire attori e vittime di un dramma collettivo,
che in breve tempo sconvolse e turbò un sistema secolare.
Del resto, è ormai piuttosto diffusa l’opinione che la guerra fu un potente
fenomeno acceleratore dei processi modernizzatori, sia nelle interpretazioni “a
ridosso”, come le analisi di Riccardo Bachi, che in quelle degli anni successivi6.
Ancora nel 1968, Alberto Caracciolo ribadiva la tremenda novità della guerra e
la sua tendenza ad accelerare il ritmo della storia, dall’utilizzo delle tecnologie
5
Cfr. A. De Bernardi, (a cura di), Follia, psichiatria e società. Istituzioni manicomiali, scienza psichiatrica e
classi sociali nell’Italia moderna e contemporanea, Franco Angeli, Milano 1982; A. Gibelli, L’officina della
guerra, cit.; B. Bianchi, La follia e la fuga, Bulzoni, Roma 2000; A. Scartabellati (a cura di), Dalle trincee al
manicomio. Esperienza bellica e destino di matti e psichiatri nella Grande guerra, Marco Valerio, Torino
2008.
6
«La guerra è stata, sotto più riguardi, una meravigliosa acceleratrice della evoluzione sociale: le future
grandi rilevazioni statistiche constateranno una accentuazione delle variazioni della compagine sociale: non
solo un gran mutamento nella distribuzione delle fortune e dei redditi, ma anche diversa distribuzione delle
industrie, diversa composizione della popolazione per età, per professioni, per dimora», Riccardo Bachi,
L’Italia economica nel 1918, Città di Castello, 1919, pp. XIII-XXIV.
10
all’organizzazione della produzione, dal ruolo delle masse alla dimensione della
morte7.
L’idea che la guerra abbia agevolato l’ingresso a passi veloci nella modernità è
stato ripresa, oltre che da Piero Melograni, anche in anni più recenti, insistendo anche
sugli effetti impetuosi e sconvolgenti di una simile velocità. Valerio Castronovo, ad
esempio, ha scritto che
Fenomeni che nei paesi europei più avanzati erano avvenuti in tempi lunghi –
come l’immigrazione dal contado verso le fabbriche, la proletarizzazione di vasti
strati di popolazione, la perdita da parte di numerosi nuclei di piccola borghesia
del loro ruolo tradizionale di superiorità sociale legato a particolari situazioni di
stabilità economica (piccolo commercio, artigianato, impieghi pubblici ecc.) – si
erano susseguiti in Italia durante il periodo bellico a scadenze troppo ravvicinate, a
un ritmo tumultuoso e disordinato8 .
Anche Bruna Bianchi, riflettendo sul rapporto tra modernità e guerra, ne ha
segnalato gli effetti profondamente conturbanti e traumatici:
La consapevolezza che la tecnologia stava trasformando radicalmente l’esperienza
umana, affacciatasi nei decenni precedenti con le osservazioni sulle conseguenze
dello sviluppo dell’industrializzazione, delle ferrovie e della crescita delle
metropoli, si affermò definitivamente e drammaticamente durante il primo
conflitto mondiale9.
Naturalmente, simili effetti si ripercossero anche sull’istituzione di Colorno, per
quanto chiusa cittadella manicomiale, sempre rigorosamente isolata dal mondo esterno,
tendenzialmente autosufficiente ed autarchica, costretta improvvisamente a crescere su
se stessa dovendo accogliere un numero sempre maggiore di ricoverati.
2. La consolidata prospettiva storiografica nella quale si inserisce questa ricerca
intende leggere la complessità e la portata del dissesto emotivo conseguente alla
carneficina prodotta dalla guerra, basandosi sull’intreccio di competenze e linguaggi
diversi, a partire dall’uso di fonti mediche e psichiatriche, per comprendere le
conseguenze fisiche e mentali provocate dal conflitto.
7
Cfr. A. Caracciolo, L’ingresso delle masse sulla scena europea, in A. Caracciolo et al., Il trauma
dell’intervento 1914-1919, cit.
8
Valerio Castronovo, Introduzione, in Gerd Hardach, La prima guerra mondiale, Etas libri, Milano 1982, p.
18.
9
Bruna Bianchi, Il trauma della modernità, in Andrea Scartabellati (a cura di), Dalle trincee al manicomio.
Esperienza bellica e destino di matti e psichiatri nella Grande guerra, cit., pp. 9-64, p. 18.
11
Sul terreno delle relazioni fra il conflitto del 1914-18 e la scienza psichiatrica
esiste oggi una produzione piuttosto vasta, nella quale la storiografia ha affrontato il
tema delle nevrosi psichiche, delle simulazioni e del trattamento terapeutico riservato ai
militari ricoverati in manicomio.
In Inghilterra, a partire dall’analisi di Eric Leed della fine degli anni settanta del
Novecento, che legava lo shock all’isteria maschile10, gli studi si sono approfonditi sul
tema dell’inadeguatezza della medicina militare11 o del rapporto tra traumi psichici e
ribellione12.
In Francia questa riflessione si è sviluppata a partire soprattutto dai lavori del
gruppo di ricerca facente capo all’Historial de la Grande guerre di Péronne, che ha
lavorato sui traumi di guerra per comprendere il passaggio, soprattutto nei soldati, dalla
guerra «immaginata» a quella «reale»; anzi, per dimostrare, come hanno sostenuto
Stéphane Audoin-Rouzeau e Annette Becker, che «quella guerra immaginata era in
realtà, secondo la bella formula di Marc Ferro, una “guerra immaginaria”»13.
La tendenza a riflettere sulla guerra, sulla violenza ad essa connessa e sulle
sofferenze corporali che ne discendono al fine di «portare la disperazione e la paura
dentro l’area della storia», come ha scritto Antonio Gibelli, è naturalmente un modo per
costruire una storia “dal basso” 14.
Recentemente, Antoine Prost e Jay Winter hanno riflettuto su come sia mutata la
storia culturale alla luce dei nuovi studi del rapporto guerra-follia, che in un certo senso
ci hanno di nuovo posto di fronte ai testimoni mutilati, come quelli che popolavano la
società del primo dopoguerra:
10
Cfr. Eric Leed, Terra di nessuno. Esperienza bellica e identità personale nella prima guerra mondiale,
Bologna 1985 (ed. or. 1979).
11
Cfr. Hans Binneveld, From Shell Shock to Combat Stress. A comparative History of Military Psychiatry,
University of Michigan Press, Ann Arbor 1998; Ben Shephard, A War of Nerves. Soldiers and Psychiatrists
in the Twentieth Century, Jonathan Cape, London 2000; Mark Micale, Paul Frederick Lerner (ed.), Traumatic
pasts, History, Psychiatry, and Trauma in the Modern Age 1870-1930, Cambridge University Press,
Cambridge 2001; Peter Leese, Shell Shock, Traumatic Neurosis and the British Soldiers of the First World
War, Palgrave-Mcmillan, New York 2002; Paul Frederick Lerner, Histerical men. War, Psychiatry and the
Politics of Trauma in Germany, 1890-1930, Cornell University Press, Ithaca 2003.
12
Si veda, ad esempio, Jay Winter e Blaine Bagget, The Great War and the Shaping of the 20th Century,
Penguin studio, New York 1996; Anthony Babington, For the Sake of Example. Capital Courts Martial
1914-1920, Lee Cooper, London 1983.
13
Stéphane Audoin-Rouzeau e Annette Becker, La violenza, la crociata, il lutto, Einaudi, Torino 2002, p. 87
(ed. or. 2000). Il riferimento è a Marc Ferro, La Grande Guerre 1914-1918, Paris 1969, p. 55. Sulla
produzione francese sui traumi di guerra si rimanda anche a Louis Crocq, Les traumatismes psychiatriques
de guerre, Odile Jacob, Paris 1999 e al numero monografico sullo choc traumatique di “14-18. Aujourd’hui,
Today, Heute”, n. 3, 2000.
14
A. Gibelli, in Dante Leoni, Camillo Zadra, La Grande guerra. Esperienza, memoria, immagini, Il Mulino,
Bologna 1986, pp. 49-72, p. 59.
12
Les historiens incorporent à l’histoire culturelle du conflit ce que l’on pourrait
appeler la «mémoire du corps», les traces de la guerre sur les figures et les esprits
des hommes qui lui ont survécu, et dont les historiens sont devenus une partie
importante de l’héritage culturelle de la guerre. Leur mots et leur présence dans la
société d’après guerre ont donné un sens viscéral à la notion de «représentation»,
car, dans leurs infirmités, les contemporaines comme les historiens jusqu’à ce jour
ont vu la guerre re-présentée, ré-activée, re-vécue15 .
In Italia dal 1978 a oggi, infatti, la graduale chiusura degli Ospedali psichiatrici
ha favorito, accanto alla progressiva consultabilità dei loro archivi, la ripresa di un
certo interesse sulla storia sociale della psichiatria, testimoniata da diverse
pubblicazioni di articoli e saggi su ospedali psichiatrici di alcune città italiane o sulle
trasformazioni della concezione della follia, non solo da parte di psichiatri ma anche di
storici, sociologi e archivisti16.
Dopo una prima fase di studi, nella quale è prevalsa la lettura dell’internamento
legata alle categorie di “devianza” e “controllo sociale”, la storiografia ha adottato
modelli interpretativi più flessibili, basati ad esempio sull’analisi dell’evoluzione
dell’assistenza psichiatrica o delle tecniche terapeutiche17.
Questi studi si basano principalmente sull’analisi delle cartelle cliniche,
allontanandosi però da una mera storia della psichiatria per privilegiare un’analisi della
società nel concreto dei contesti locali e della microfisica delle relazioni.
La produzione storiografica più recente sulla Grande guerra tiene conto di
queste tendenze, non limitandosi più solo a riprendere e sviluppare il tema della guerra
15
Antoine Prost, Jay Winter, Penser la Grande Guerre. Un essai d’historiographie, Èditions du Seuil, Paris
2004, p. 255.
16
Ne sono un esempio i lavori di Alberto De Bernardi, (a cura di), Follia, psichiatria e società, Franco
Angeli, Milano 1982; Filippo Ferro (a cura di), Passioni della mente e della storia. Protagonisti, teorie e
vicende della psichiatria italiana tra ’800 e ’900, Vita e pensiero, Milano 1989; Patrizia Guarnieri, La storia
della psichiatria. Un secolo di studi in Italia, L.S. Olschki, Firenze 1991; Luigi Contegiacomo, Emanuele
Toniolo (a cura di), L’alienazione mentale nella memoria storica e nelle politiche sociali, Minelliana, Rovigo
2004.
17
Si veda, ad esempio, Alessandro Pastore e Paolo Sorcinelli (a cura di), Emarginazione, criminalità e
devianza in Italia fra ’600 e ’900. Problemi e indicazioni di ricerca, Milano, F. Angeli, 1990; Vinzia Fiorino,
Matti, indemoniate e vagabondi. Dinamiche di internamento manicomiale tra Otto e Novecento, Marsilio,
Venezia 2002; Lisa Roscioni, Il governo della follia. Ospedali, medici e pazzi nell’età moderna, Bruno
Mondadori, Milano 2003; Francesco Cassata, Massimo Moraglio (a cura di), Manicomio, società e politica.
Storia, memoria e cultura della devianza mentale dal Piemonte all’Italia, Bfs, Pisa 2005; M. Moraglio,
Dentro e fuori il manicomio. L’assistenza psichiatrica in Italia tra le due guerre, in “Contemporanea”, n. 1,
a. IX, gennaio 2006, pp.15-34.
13
come trauma o frattura, ma anche come trasformazione delle strutture mentali e
antropologiche e delle identità personali e collettive18.
Secondo Antonio Gibelli, infatti,
pur da angolazioni diverse, sembra dovunque affermarsi l’esigenza di superare una
visione per così dire “sterilizzata” della guerra, depurata dei suoi aspetti più
disgustosi e intollerabili, sostanzialmente dematerializzata, che ha dominato a
lungo la memoria e la storiografia, in parte anche quella più attenta ai fenomeni del
dissenso e del rifiuto. Fare i conti con questa dimensione della Grande Guerra
significa non solo capirla meglio, ma capire meglio la storia del nostro tempo19.
Inoltre, in questi ultimi anni, anche le “nuove” guerre hanno finito per rafforzare
l’interesse verso la storia della violenza delle “vecchie” guerre del XX secolo, in
un’ottica lontana dalle narrazioni nazionali ufficiali di storia militare e politica
(realizzate per lo più da militari), nelle quali la presenza della violenza e delle atrocità
di guerra si riduceva alla quantificazione delle vittime e ad un’astratta storia di
battaglie, trascurando la soggettività degli individui coinvolti.
Joanna
Bourke
ha
riflettuto
sull’immutabilità
del
comportamento
“minimizzatore” in merito alla violenza della guerra anche da parte delle gerarchie
militari e del personale sanitario in tutte le guerre, da quelle mondiali, a quelle più
contemporanee come il Vietnam:
Non è possibile quantificare i disturbi emotivi causati dalle guerre e dai
combattimenti. Anche se ci provassimo, i dati forniti dal personale medico
risulterebbero inattendibili poiché spesso si evitava qualunque analisi di tipo
psichiatrico e si preferiva stilare diagnosi più “sicure”, cioè fondate su cause
organiche. Temendo che la perdita di soldati per motivi psichiatrici si riflettesse
negativamente sulla loro immagine di comandanti, erano gli altri gradi
dell’esercito a incoraggiare questo approccio. Inoltre, la scarsa preparazione
psicologica e la necessità di effettuare diagnosi rapide facevano passare ai medici
la voglia di tenere un archivio aggiornato20.
18
Pionieristici in questa direzione sono stati i lavori di Eric Leed, Terra di nessuno. Esperienza bellica e
identità personale nella prima guerra mondiale, cit., e di Paul Fussell, La grande guerra e la memoria
moderna, Il Mulino, Bologna 1984. Per una revisione critica di quei testi si veda Giorgio Rochat, La grande
guerra negli studi di Fussell e Leed, in “Rivista di storia contemporanea”, fasc. 2, gennaio 1987, pp. 291300.
19
Antonio Gibelli, L’officina della guerra. La Grande Guerra e le trasformazioni del mondo mentale, Bollati
Boringhieri, Torino 1991, p. XV.
20
Joanna Bourke, Le seduzioni della guerra. Miti e storie di soldati in battaglia, Carocci, Roma 2003, pp.
218-219 (ed. or. 1999).
14
Questa osservazione, del resto, è stata recentemente confermata in un articolo
apparso sul quotidiano “La Repubblica” nel settembre 2011. L’inchiesta di Ranieri
Salvadorini ha verificato che tra i soldati italiani il disturbo postraumatico da stress –
riconosciuto proprio a partire dalla guerra americana in Vietnam e codificato nel 980
nella terza edizione della “bibbia della psichiatria”, il Manuale statistico e diagnostico
dei disturbi mentali (Dsm-III), a cura dell’American Psychiatric Association –, pare
non esistere perché nell’Esercito italiano, attualmente, «su 150.000 soldati impiegati
all’estero risultano solo 2-3 diagnosi l’anno su circa 20 casi segnalati. Statisticamente
zero»21.
Eppure, fin dalla “nuova” e grande guerra del 1915-18, i soldati che ritornarono
dal campo di battaglia si portarono addosso il peso di quell’esperienza, che in alcuni
casi si rivelò talmente onerosa e di difficile gestione da scatenare disturbi mentali che li
avrebbero accompagnati per lungo tempo.
Nello studio dei casi clinici dei soldati ricoverati a Colorno, allora, si è cercato
di seguire le preziose indicazioni di Peter Barham, il quale ha messo in relazione gli
«scemi di guerra» del 1915-18 con le vicende dei soldati impegnati nelle guerre che
stanno ancora agitando il mondo attuale:
The history of the forgotten lunatics of the Great War draws us not into a closed
ward of pitiful souls or some freakish side-show, a tiresome diversion from the
many arteries of historical development, but onto a busy concourse. It supplies a
window not only on class relationships in Britain between the wars, […] but also
on turbulents currents in Europe and North America that are still bubbling today22.
4. Il primo capitolo di questo lavoro è incentrato sulla storia materiale del
manicomio di Colorno. L’analisi si è soffermata sulle trasformazioni, anche strutturali,
indotte o accelerate dalla guerra e sulle difficoltà alle quali fu costretto il personale nel
quadriennio tra 1915 e 1918, in particolare il direttore Ferdinando Ugolotti, ma anche
gli altri medici e gli infermieri, che si dovettero misurare con un aumento esponenziale
21
R. Salvadorini, Incubi e raptus di follia. Quei traumi di guerra che l’esercito nega, in “la Repubblica”, 2
settembre 2011.
22
Peter Barham, Forgotten Lunatics of the Great War, Yale University Press, New Haven-London 2004, p.
5. Peraltro, le stesse osservazioni di Barham furono espresse da Paul Fussell, il quale nel 1975 pose in
relazione la Grande guerra con la «memoria moderna», e aveva cominciato a considerarla proprio come
grammatica e sintassi per la comprensione del mondo nel quale oggi viviamo, cfr. P. Fussell, La grande
guerra e la memoria moderna, cit.
15
del numero dei ricoverati, la carenza di spazi, mezzi e finanziamenti e la progressiva
diminuzione di personale maschile, richiamato alle armi.
Analizzando le relazioni scritte dal direttore e il carteggio con i dirigenti della
Provincia di Parma, ente responsabile del manicomio, sono emerse le difficoltà e la
sostanziale diffidenza reciproca tra gli amministratori e Ugolotti, che si trovava nella
scomoda posizione di dovere anche assecondare le richieste dei medici del Comando
militare a proposito del trattamento dei soldati ricoverati, in una situazione di grande
difficoltà economica che gli impediva di gestire la situazione in modo ottimale.
La figura del direttore è risultata particolarmente interessante. Sostanzialmente,
egli aderiva al paradigma psichiatrico del tempo, affermando cioè la predisposizione
biologica alla malattia mentale, senza tener conto della possibilità da parte degli eventi
bellici di produrre effetti patologici autonomi; eppure diverse diagnosi rendono conto
di una complessità molto maggiore e superiore alla volontà di ricondurle alla
consolidata base organicistica.
Tra mille cautele, Ugolotti sembrava infatti intuire la diretta responsabilità della
guerra nei traumi dei soldati, e per questo spesso i suoi resoconti sull’uscita dei soldati
dal manicomio, si concludevano con la proposta di riforma o, perlomeno, con la
richiesta di lunghe convalescenze.
In effetti, le situazioni contingenti non sempre trovavano riscontro negli studi
clinici: dalle diagnosi contenute nelle cartelle sanitarie traspaiono i tentativi, da parte
del direttore e dei medici di Colorno, di combinare i casi concreti con le teorie degli
psichiatri militari e le disposizioni dei vertici.
Per analizzare meglio questo tema, nel secondo capitolo ho affrontato
l’approccio psichiatrico dei medici alienisti italiani. Per questo ho analizzato le
maggiori riviste specialistiche prodotte nel periodo della guerra: in esse ho cercato di
verificare in che misura il rigido lombrosianesimo che accomunava la maggior parte
degli psichiatri abbia condizionato anche l’impostazione dei sanitari parmigiani. È
interessante verificare, infatti, come l’impatto con la violenza e la durata della guerra,
che costrinse gli psichiatri a misurarsi con un’enorme massa di malati mentali
provenienti dal fronte, li portò anche, in alcuni casi, a sperimentare diagnosi e terapie
del tutto nuove.
16
Nel terzo e nel quarto capitolo si entra nei percorsi dei ricoverati. In primo
luogo, ho compiuto una ricostruzione statistico-quantitativa, volta a verificare
numericamente chi e quanti erano, per capire anche l’impatto che effettivamente
ebbero sulla struttura parmense. L’analisi dei ricoverati nel manicomio di Colorno
durante i quattro anni di guerra ha confermato in primo luogo che il numero sempre
crescente di nuovi ingressi era legato all’entrata dei soldati, sia da tenere
semplicemente
sotto
osservazione
per
alcuni
giorni
che
da
ricoverare
permanentemente. Scomponendo i ricoveri dei soldati per ogni anno di guerra, inoltre
non stupisce che il loro numero sia, sostanzialmente, condizionato dall’andamento del
conflitto.
Dopo avere riflettuto sull’assenza di ufficiali nel manicomio di Colorno (da
mettere in relazione al fatto che Colorno era un ospedale di retrovia), e sui rapporti tra
soldati e i loro superiori, la ricerca si sofferma sull’analisi delle motivazioni per le quali
i soldati venivano ricoverati. Quali fossero quei fenomeni che colpivano i soldati e
capire che cosa li aveva prodotti è un’operazione che può essere compiuta solo
leggendo fra le righe delle tabelle nosografiche – nelle quali i medici segnalavano
periodicamente disturbi e comportamenti – o dei certificati che venivano richiesti ai
medici del paese di provenienza per comprendere le ragioni dei loro disturbi.
Naturalmente, il motivo principale per gran parte dei ricoveri fu il trauma
riportato in battaglia, o, per usare la terminologia del periodo, lo shell shock, pur nella
consapevolezza della sua ambiguità, come segnalavano anche le fonti coeve.
E tuttavia, le diagnosi di “stato depressivo stuporoso”, o di “stato d’arresto
psicomotorio”, apparentemente non legate a simulazione e non poste in relazione
diretta con la vita al fronte, segnalavano la difficoltà anche da parte dei medici
colornesi a identificare lo shell shock, trauma che aveva iniziato a diffondersi tra i
soldati soprattutto durante la Grande guerra. Rarissime sono le eccezioni, e sempre tese
a sminuire la portata del trauma, come la diagnosi di “lieve stato confusionale con
eccitamento da trauma psichico sofferto in guerra” per un soldato ventitreenne
ricoverato per venti giorni nel gennaio 1916.
Anche a Colorno sembrava dunque prevalere la totale adesione al paradigma
psichiatrico del tempo, vale a dire la predisposizione biologica alla malattia mentale
17
che non teneva conto della possibilità da parte degli eventi bellici di produrre effetti
patologici autonomi.
A questo proposito è decisamente significativa l’alta percentuale dei soldati
considerati privi di qualsiasi forma di alienazione mentale, da ricondurre in primo
luogo all’assillo da parte del corpo medico-sanitario di individuare i simulatori che
cercavano di sfuggire ai loro doveri militari, dimostrando così la totale mancanza di
amor di patria.
Analizzare il gruppo dei simulatori significa allora cercare di leggerne le notizie
anche alla luce del tema della disobbedienza. Sulla scorta delle considerazioni di
Giovanna Procacci e Bruna Bianchi, infatti, nei soldati furono numerose le reazioni di
insofferenza alla vita di guerra, di rifiuto di continuare a vivere in trincea – non solo per
fuggire alla guerra e ai suoi orrori, ma anche per rompere i vincoli di soggezione
psicologica con l’autorità –, che si espressero con la manifestazione di alterazioni
psico-fisiche23.
Infine, ho cercato di studiare anche i rapporti tra i soldati e il mondo esterno, per
verificare come si poteva uscire da un’istituzione totale dopo un’esperienza assoluta
come quella bellica, e la possibilità o meno da parte dei soldati di reintegrarsi con la
società e con la quotidianità del presente.
Nell’intento di allargare lo sguardo alle relazioni sociali e ai legami tra soldati e
civili del “fronte interno” ho indagato anche la presenza di vincoli comunitari che
legavano i ricoverati al loro mondo quotidiano e che in molti casi si mantennero e
presero la forma di sostegni – economici e morali – per farli tornare a casa.
Per concludere, ragionare sul grande cambiamento innescato dalla guerra mi ha
condotto anche ad analizzare i mutamenti dei rapporti tra gli uomini ricoverati e il
mondo femminile, quali emergono dalle lettere contenute nelle cartelle cliniche. Se da
un lato, infatti, molte mogli e madri vissero l’esperienza del ricovero del proprio
familiare con una sofferenza e angoscia sempre crescenti – che da una parte
rafforzarono in loro il senso materno, ma dall’altro ne determinarono il ricovero in
manicomio, incapaci di far fronte al grande dolore –, dall’altro alcune donne
23
Cfr. B. Bianchi, La follia e la fuga, cit., pp. 86-136; G. Procacci, Soldati e prigionieri italiani nella Grande
guerra, Bollati Boringhieri, Torino 2000, pp. 83-102. Sul tema della fuga dalla guerra, sia consapevole che
inconsapevole, si veda anche Lucio Fabi, Scampare la Guerra. Renitenza, autolesionismo, comportamenti
individuali e collettivi di fuga e la giustizia militare nella Grande guerra, Centro culturale polivalente,
Ronchi dei Legionari 1994.
18
impararono a dominare le proprie emozioni e si sostituirono ai loro uomini in più di un
ruolo.
5. L’archivio di riferimento per questa ricerca è stato quello dell’Ospedale
psichiatrico di Colorno, a cominciare dai registri del movimento della popolazione,
dove giornalmente venivano indicati i ricoverati in ingresso o in uscita e le relative
motivazioni, fino alla serie delle Cartelle cliniche, che rivestono un notevole interesse
sia il profilo medico-scientifico che sotto quello storico, nonostante Franca Ongaro
Basaglia le abbia definite principalmente come uno strumento “oggettivante” che
costruisce un corpo artificiale «al fianco del corpo vero dell’uomo malato»24. Da un
lato, infatti, il loro studio permette di ricostruire lo sviluppo dei sistemi di
classificazione delle patologie o delle diagnosi, ma anche le diverse condotte
terapeutiche, le pratiche di contenzione e le misure repressive adottate per ogni
internato. Le cartelle, inoltre, non contengono solo documentazione prodotta dai medici
e relativa alla degenza dei pazienti, ma anche gli scritti degli stessi ricoverati o la
corrispondenza con le famiglie di origine e tra queste e il direttore dell’ospedale: da un
altro punto di vista, dunque, esse ci consentono di rileggere la storia delle patologie
dovute alla guerra partendo anche dagli stessi soggetti.
E tuttavia, l’indagine sui soldati ricoverati a Colorno a partire dalla
documentazione sanitaria non può che essere parziale, dal momento che le voci che li
descrissero furono sempre quelle di figure che avevano il compito di giudicarli, sia dal
punto di vista medico, che, per certi aspetti, da quello umano. Per molti internati spesso
bastarono poche parole per inchiodarli a una diagnosi per tempi più o meno lunghi,
facendo perdere loro qualsiasi riferimento e legame con quello che erano davvero
“fuori” dal manicomio, e quelle scarse informazioni spesso non sono sufficienti a farci
ricostruire storie ed esperienze di vita.
Inoltre, al pari delle carte di polizia – che riflettono soprattutto lo sguardo del
potere, ma in modo del tutto parziale e distorto da intenti e finalità di volta in volta
diverse a seconda del contesto storico specifico –, anche il linguaggio delle cartelle
sanitarie è specialistico e apparentemente solo riservato agli “addetti ai lavori”25.
24
Franca Ongaro, Clinica, in Enciclopedia, vol. 3, Einaudi, Torino 1978, ad vocem, p. 223.
Sulla parzialità delle carte di polizia – dibattito che ha percorso tutto lo sviluppo della storia
contemporanea – si veda in particolare Cesare Bermani (a cura di), Voci di compagni, schede di questura.
25
19
Dunque, se da un lato occorre mantenere le stesse cautele applicate nella lettura
dei documenti di polizia, dall’altro è pur vero che, come ha scritto Foucault a proposito
degli «uomini infami» rinchiusi all’Hôpital général di Parigi o alla Bastiglia, dietro a
quelle parole c’erano persone in carne ed ossa, le cui storie sono giunte fino a noi solo
perché brevemente illuminate da «un fascio di luce», gettato da chi li aveva raccontati:
Una luce che viene da un altro luogo. Quel che le strappa alla notte in cui
avrebbero potuto, e forse dovuto rimanere, è l’essersi scontrate con il potere: se ciò
non fosse avvenuto, nessuna parola verrebbe probabilmente a ricordarci il loro
fugace percorso. Il potere che ha atteso al varco queste vite, che le ha perseguitate,
che ha prestato attenzione, anche solo per un attimo, al loro lamento e al loro
piccolo strepito, e che le ha segnate con i propri artigli, è all’origine delle poche
parole che di essi di restano26 .
Anche Vinzia Fiorino ha ribadito il notevole interesse rivestito dallo studio delle
cartelle cliniche, dove è possibile rintracciare anche alcuni frammenti di vita di quegli
«uomini infami»:
Sia pure dunque con tutte le cautele e la critica delle fonti necessaria, le citazioni
dei pazienti riportate come autentiche nelle cartelle cliniche permettono di
superare l’esclusiva visione istituzionale e di avviarci nell’affascinante prospettiva
della storia dal basso27.
Riflettere sul tema della guerra come grande acceleratore di processi sociali mi
ha anche permesso di analizzare l’evoluzione e il cambiamento all’interno dello stesso
Ospedale psichiatrico di Colorno, la cui struttura e il cui personale si sono
progressivamente dovuti adattare alle trasformazioni imposte da un massiccio afflusso
di ricoverati. Per questi aspetti della ricerca, oltre alla documentazione amministrativa
conservata nell’archivio dell’Ospedale psichiatrico, si è rivelata di grande utilità la
consultazione del materiale conservato presso l’archivio della Provincia di Parma.
Considerazioni sull’uso delle fonti orali e delle fonti di polizia per la storia dell’anarchismo, Centro studi
libertari, Milano 2002.
26
M. Foucault, La vita degli uomini infami, il Mulino, Bologna 2009 (ed. or. La vie des hommes infâmes, in
Dits et écrits, Gallimard, Paris 1994, vol. III, pp. 237-255), pp. 21-22. Per alcune recenti riflessioni sul testo
di Foucault si rimanda a Federico Leoni, Note sulla Vita degli uomini infami di Michel Foucault, in Riccardo
Panattoni (a cura di), Lo sguardo psichiatrico. Studi e materiali dalle cartelle cliniche tra Otto e Novecento,
Bruno Mondadori, Milano 2009, pp. 18-34.
27
V. Fiorino, Fonti psichiatriche: archivi di carte, archivi di idee, in Luigi Contegiacomo, Emanuele Toniolo
(a cura di), L’alienazione mentale nella memoria storica e nelle politiche sociali, Minelliana, Rovigo 2004,
pp. 101-110, p. 107.
20
Inoltre, alcune memorie, diari e biografie dei soldati, edite e inedite, reperite
presso archivi o collezioni private o anche in collezioni pubbliche come quella del
Comitato di Parma dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, hanno reso
possibile ricostruire una “storia di tutti” dal basso, tenendo in considerazione anche le
parole di chi probabilmente si cimentava per la prima volta con la scrittura.
I documenti conservati nell’archivio dell’Ufficio storico dello Stato maggiore
dell’Esercito, in particolare le relazioni sanitarie sul servizio neuropsichiatrico di
guerra, redatte alla fine del conflitto, e le circolari diramate dal Comando supremo
dell’Esercito contenenti le disposizioni per i servizi sanitari, hanno confermato la
scarsa attenzione, da parte dei medici militari, verso i problemi connessi ai traumi
psichici, e, al contrario, la massima rilevanza assegnata alle questioni neurologiche.
Per il confronto tra le prescrizioni del Ministero dell’Interno in tema di sanità
pubblica e di rapporti con i vertici militari, molto utili sono state anche le relazioni
ispettive sulla vigilanza sanitaria nell’Esercito o sui confronti con l’organizzazione dei
servizi psichiatrici di guerra negli altri paesi, redatte per conto della Direzione generale
di sanità pubblica del Ministero dell’interno e conservate all’Archivio centrale dello
Stato.
Nei giornali e nella pubblicistica coeva, infine, sono state rintracciate
informazioni sugli eventi bellici e politici e indicazioni utili in relazione all’opinione
pubblica, così come attraverso lo spoglio delle riviste specializzate in psichiatria è stato
possibile ricostruire l’evoluzione dell’approccio medico a patologie mentali tanto
particolari. Le riviste che ho consultato sono conservate soprattutto nell’archivio
dell’Ospedale psichiatrico di Colorno, ma anche presso il Centro di documentazione di
storia della psichiatria S. Lazzaro di Reggio Emilia.
6. Alla fine di questo lavoro il mio primo ringraziamento va a Margherita
Becchetti e William Gambetta, amici con i quali ho sempre diviso gioie e fatiche del
lavoro intellettuale e ho conosciuto i privilegi di quello collettivo, compreso
l’entusiasmo e il gusto di condividere idee e pensieri. Per questo devo ringraziare anche
Marco Adorni, Rossana Morini e gli altri compagni del Centro studi movimenti di
Parma, con i quali studio e lavoro si coniugano sempre anche a piacere e divertimento.
Grazie a Massimo Giuffredi e Antonio Parisella, che mi hanno insegnato la passione
per la ricerca e il rigore con il quale condurla, e grazie anche a Bruno Fontanesi, senza
21
la cui valente collaborazione non sarei riuscita a dipanare la matassa delle diagnosi
psichiatriche.
Infine, grazie a tutta la mia famiglia, solida presenza e indispensabile sostegno
nei momenti bui e in quelli radiosi.
22
Abbreviazioni
ACS
Archivio Centrale dello Stato
AOP
Archivio Ospedale psichiatrico di Colorno
APP
Archivio Provincia di Parma
ASP
Archivio di Stato di Parma
DAGR
Direzione affari generali e riservati
DGPS
Direzione Generale di Pubblica Sicurezza
DGS
Direzione generale della statistica
DGSP
Direzione generale della sanità pubblica
MI
Ministero dell’Interno
USSME
Ufficio storico di Stato maggiore dell’Esercito
23
24
I.
Il manicomio di Colorno
Il manicomio ha la sua ragion d’essere nel fatto che fa diventare razionale
l’irrazionale. Quando uno è folle ed entra in manicomio smette di essere folle per
trasformarsi in malato. Diventa razionale in quanto malato. Il problema è come
disfare questo nodo, come andare al di là della “follia istituzionale” e riconoscere
la follia là dove essa ha origine, cioè nella vita1.
1. Da Parma a Colorno
L’individuazione del paese di Colorno – comune a quindici chilometri da Parma
vicino alle rive del fiume Po – per collocarvi un ricovero che accogliesse i malati
mentali del parmense è frutto di una scelta relativamente recente, che risale alla
seconda metà dell’Ottocento2.
Se la decisione di costruire un istituto dedicato esclusivamente ad ospitare tutti i
casi di alienazione mentale della provincia si allineava con tendenze più generali
derivate dalla ricezione delle idee di Philippe Pinel, Jean-Étienne-Dominique Esquirol
e dagli altri medici alienisti del primo Ottocento, i tentativi di fornire assistenza e
custodia ai malati mentali del territorio si inserivano in una prospettiva di ben più lungo
periodo, che affondava le sue radici nel processo di costruzione ed elaborazione degli
spazi ospedalieri3.
1
Franco Basaglia, Conferenze brasiliane, Raffaello Cortina editore, Milano 2000, p. 19.
A tutt’oggi manca una storia complessiva del manicomio di Colorno. Alcuni cenni, più o meno esaurienti, si
trovano in: Ferdinando Ugolotti, L’assistenza degli alienati e i loro ospedali di ricovero in quel di Parma, in
“Note e riviste di psichiatria”, a. LXII (1933), pp. 1-32 e 227-267; Angelo Catalano, L’Ospedale Psichiatrico
Provinciale di Parma dal 1931 al 1947 ed il problema dell’organizzazione psichiatrica della provincia di
Parma, in “Rassegna di Studi Psichiatrici”,1947, vol. XXXVI; Luigi Tomasi, L’Ospedale Psichiatrico
Provinciale dal 1948 al 1955. Relazione del prof. Luigi Tomasi Direttore all’On.le Giunta Provinciale, Tip.
G. Ferrari e figli, Parma 1956; Fabrizio Asioli, A Parma, prima della psichiatria, in “Annali di neurologia e
psichiatria”, a. 73, 1979, pp. 133-146; Andrea Azzali, Il manicomio di Colorno. Per una storia della struttura
psichiatrica parmense (1865-1881), tesi di laurea, Università degli Studi di Parma – Facoltà di Magistero,
a.a. 1996-1997; Marzia Moreni, Storia dell’Ospedale Psichiatrico di Colorno, in Luigi Contegiacomo ed
Emanuele Toniolo (a cura di), L’alienazione mentale nella memoria storica e nelle politiche sociali. “ Chisà
che metira fuori un calchedun da sto manicomio”, Minelliana, Rovigo 2004, pp. 67-70.
3
Per un’analisi della storia degli ospedali dei pazzi in età moderna si veda Lisa Roscioni, Il governo della
follia. Ospedali, medici e pazzi nell’età moderna, Bruno Mondadori, Milano 2003. Alcuni casi di malattie
mentali nel XVI secolo sono in Rita Mazza, La malattia mentale nella medicina del Cinquecento:
tassonomia e casi clinici, in Alberto De Bernardi (a cura di), Follia, psichiatria e società. Istituzioni
manicomiali, scienza psichiatrica e classi sociali nell’Italia moderna e contemporanea, Franco angeli,
Milano 1982, pp. 304-316. Di Philippe Pinel si veda in particolare Id., La mania. Trattato medico-filosofico
2
In età tardomedievale e moderna, l’assistenza e la cura degli alienati furono
affidati a scelte sporadiche e occasionali, frutto della necessità di far fronte a problemi
e necessità contingenti ma senza alcuna organicità o prospettiva di lungo periodo, e
soprattutto in assenza di un luogo deputato alla loro ospitalità, prima ancora che al loro
trattamento terapeutico.
Il problema della follia sembrava intrecciarsi con quello della povertà, che
cominciava a essere vissuta come un problema e un disturbo per la comunità, sia da un
punto di vista materiale che morale, e per il quale l’unica soluzione sembrava essere «la
proibizione della mendicità, accompagnata dalla reclusione dei poveri invalidi e a volte
anche di quelli validi»4.
Anche a Parma la soluzione per gestire gli elementi scomodi rimase a lungo
soprattutto la galera, come conferma il primo testo con il quale l’Amministrazione si
occupò della gestione degli alienati a livello normativo. Già nel 1388, infatti, il conte
Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano, aveva emanato un decreto nel quale si
ordinava di rinchiudere in carcere quei “furiosi, insani e mentecatti” i cui congiunti
fossero stati incapaci di provvedere alla loro custodia5.
In alternativa alla prigione, gli infermi mentali venivano ricoverati, per breve
periodo e tra numerose difficoltà, all’interno dei piccoli ospedali che esistevano in città,
in particolare soprattutto nell’Ospedale della Misericordia (o Maggiore), anche se
quegli istituti erano luoghi inadatti ad accogliere quel genere di infermi, per i quali del
resto non sembravano esistere terapie efficaci6.
sull’alienazione mentale, a cura di F. Fontebasso e S. Moravia, Marsilio, Venezia 1997; di Dominique
Esquirol cfr. Id., Dell’alienazione mentale o della pazzia in genere e in specie, Felice Rusconi, Milano 1827.
4
M. Fatica, Il problema della mendicità nell’Europa moderna (secoli XVI-XVIII), Liguori, Napoli 1992,
p.10. Per una storia sociale della povertà e dell’assistenza ai mendicanti si rimanda a Jean Pierre Gutton, La
società e i poveri, A. Mondadori, Milano 1977; Bronislaw Geremek, La pietà e la forca. Storia della miseria
e della carità in Europa, Laterza, Roma-Bari 1986; S. Woolf, Porca miseria. Poveri e assistenza nell’età
moderna, Laterza, Roma-Bari 1988.
5
«Si in Iurisditione eis commissa sunt aliqui foriosi, insani et mentecapti, et si sint vel fuerint eorum scriptis
nominibus interpellari facient parentes ipsorum fratres consanguineos, vel agnatos suos, quos proximiores
habebunt, si vellint insensatos custodire et tenere inclusos anne, e tubi vellint mandent, eisdemque tam
deligenter hoc faciant, quam ledere aut offendere nullum possint. In casu vero quo non vel sint talis
condictionis ipsi furiosi quod neminem habebant ad quem isporum custodia, vel cura pertineat, volumus
quod faciant eos carceribus mancipari iniugentes illis ad quos spectat, quod debitis alimoniis eisdem debeant
providere», Asp, Gridario, Decretum pro mente captis furiosi set insanis carcerandis et recludendis, 28
aprile 1388.
6
Nelle sue ricerche sull’assistenza degli alienati nel territorio di Parma, Ferdinando Ugolotti individuò
diversi “piccoli ospedaletti”, tra cui «quello dei Lebbrosi, di S. Sepolcro, di S. Egidio, di S. Ulderico, di S.
Francesco, di frate Alberto, di S. Ilario, di fra Barattino poco lungi da Vicofertile, di S. Bartolomeo di strada
26
Progressivamente, dunque, seppure in modo disorganico, si verificò quello che
Michel Foucault definì, in particolare a partire dal XVII secolo, il grand renfermement,
il grande internamento destinato a isolare folli, vagabondi, individui marginali o ribelli
dal resto della società “normale”. E tuttavia, questo fenomeno ebbe in Italia
caratteristiche del tutto peculiari e non sovrapponibili al caso francese, soprattutto per
la presenza della Chiesa e per le differenze politiche e amministrative tra i numerosi
stati7.
Studi recenti hanno verificato la diffusione degli ospedali dei pazzerelli in
numerosi stati italiani, nel corso del XVIII secolo, derivante dalla volontà di
distinguere e separare gli alienati dagli ammalati comuni, sulla base di progetti politici
ben definiti, come ha sottolineato Lisa Roscioni:
la differenza, però, rispetto agli ospedali cinque-seicenteschi, è che ora l’iniziativa
non parte tanto dall’entusiasmo o dalla volontà dei singoli, quanto da precise scelte
di politica assistenziale e sanitaria, che rientrano in quella presa di coscienza
nuova, quell’ampio dibattito, quel lento lavorio che porterà alle grandi riforme che,
a fine Settecento trasformeranno le strutture ospedaliere, tra cui vecchi e nuovi
ricoveri per i pazzi8.
Nel Ducato, durante il governo borbonico, senza dubbio la presenza del ministro
francese Guillaume Du Tillot influenzò la decisione di occuparsi in modo più organico
e complessivo dell’assistenza agli alienati. Egli propose infatti di istituire un
“serraglio”, forse proprio sul modello dell’Hôpital Général di Parigi, nel quale
non solo si potrebbe sperare di risanare molti di questi, facendoli curare dall’arte
medicale, come si usa in tutte le Città del mondo che hanno di questi Ospedali, ma
rotta vicino a S. Lazzaro, e quello di Rodolfo Tanzi che era il principale, e col quale anzi si fusero in seguito
parecchi degli altri menzionati», F. Ugolotti, L’assistenza degli alienati e i loro ospedali di ricovero in quel
di Parma, cit., pp. 5-6. Sull’ospedale maggiore si veda Roberto Greci (a cura di), L’ospedale Rodolfo Tanzi
di Parma in età medievale, Clueb, Bologna 2004; Maria Ortensia Banzola, L’Ospedale vecchio di Parma,
Palatina editrice, Parma 1980; Pier Luigi Dall’Aglio, Carlo Trombara, Cenni storici e bibliografici
sull’antico ospedale di Parma, Amministrazione degli Ospedali riuniti, Parma 1956. Sull’assistenza
ospedaliera nella città di Parma, si veda in particolare I. Paoletti, Studi e ricerche Sulla medicina nel Ducato
di Parma all’epoca di Maria Luigia, in “Aurea Parma”, n. XLVI (1962); Maria Ortensia Banzola, Leonardo
Farinelli, Roberto Spocci, (a cura di), Figure, luoghi e momenti di vita medica a Parma, Silva editore, Parma
2003.
7
A proposito del grand renfermement cfr. Michel Foucault, Storia della follia nell’età classica, Rizzoli,
Milano 1976 cap. II, pp. 77-122. Sulla specificità del caso italiano si rimanda in particolare a Ferruccio
Giacanelli, Appunti per una storia della psichiatria in Italia, in Klaus Dörner, Il borghese e il folle. Storia
sociale della psichiatria, Laterza, Roma-Bari 1975, pp. I-XX.
8
L. Roscioni, Il governo della follia, cit. p. 76. Per una storia delle strutture assistenziali negli stati italiani
preunitari si veda Enrico Stumpo, I bambini innocenti. Storia della malattia mentale nell’Italia moderna
(secoli XVI-XVIII), Le Lettere, Firenze 2000.
27
succederebbe altresì che quelle case de’ particolari che avessero qualcheduno di
questi infermi, pagherebbero al Luogo la pensione in soglievo delle spese, che le
cagionerebbero; onde si purgherebbe il Pubblico di quelle miserie, che le derrivano
9
nel vedere, e sentire il disordine, che cagiona quel poco numero di questi Pazzi .
Con una simile proposta, del resto, il ministro non pareva tanto volersi occupare
dell’assistenza caritatevole agli infermi di mente – come, in genere, i governanti del
suo tempo –, quanto soprattutto gestire un problema di ordine pubblico con l’intento di
disciplinare una folla miserabile che, non trovando un’adeguata collocazione, finiva per
ammassarsi nelle strade creando turbamento e “scandalo” negli individui sani:
Alcuni Particolari […] sono obbligati di tenere, nelle proprie case, rinserrati i loro
matti, e questi con le loro voci e schiamazzi, si di notte che di giorno, cagionano
delle inquietudini, non solo a quella Casa, ma anche a tutto il vicinato. Altri, come
abbandonati da parenti, girano per la città, cagionano delli scandali non pochi.
Si vedano da molti anni andare per Città di giorno alcune Donne scimunite, le
quali di notte si nell’Inverno che nella Estate, vanno sedersi sul liminario di
qualche sorta di Casa, dove passano la notte intera, esposte a mille disgrazie;
ognuno le vede, e non si può fare ammeno di dire che queste dovrebbero essere
rinserrate10.
Una descrizione che sembra trovare parafrasi nelle parole di Foucault a
proposito dell’internamento come forma di reazione compassionevole alla miseria e
all’abbandono, che
organizza in un’unità complessa una nuova sensibilità nei riguardi della miseria e
dei doveri di assistenza, nuove forme di reazione davanti ai problemi economici
della disoccupazione e dell’ozio, una nuova etica del lavoro, e anche il sogno di
una comunità in cui l’obbligo morale si unisce alla legge civile, sotto le forme
autoritarie della coercizione11.
9
Asp, Statistica, Forma dei governi farnesiano e borbonico, 17 marzo 1762. Cfr. M. Miglioli, La gestione
dei folli a Parma sotto i governi dei Borboni e dei francesi, in “Archivio storico per le provincie parmensi”,
XXXIII, 1981, pp. 437-453. Per una storia generale del Ducato di Parma e Piacenza cfr. Giovanni Tocci, Il
ducato di Parma e Piacenza, Utet, Torino 1987; Bianca Montale, Ducato di Parma e Piacenza - Ducato di
Modena e Reggio, in Amministrazione della giustizia e poteri di polizia dagli stati preunitari alla caduta
della destra, Atti del 52 congresso di storia del risorgimento italiano, Pescara, 7-10 novembre 1984, pp. 217265 . Su Du Tillot e la sua politica si veda in particolare Umberto Benassi, Guglielmo Du Tillot, un ministro
riformatore del secolo XVIII. Contributo alla storia dell’epoca delle Riforme, 5 voll., Regia Deputazione di
Storia Patria, Parma 1915-1924.
10
Ibidem. Creato da Luigi XIV nel 1656, l’Hôpital général di Parigi fu contemporaneamente ospedale,
prigione, asilo per alienati, laboratorio di lavori forzati, casa di rieducazione per delinquenti e di educazione
per ragazze povere. Cfr. Franck Funck-Brentano, Georges Marindaz, L’Hôpital général Bicêtre, Ciba, Lyon
1938.
11
M. Foucault, Storia della follia nell’età classica, cit., p. 91. Per quanto abbia costituito un saldo punto di
riferimento per molti studiosi, da quando fu pubblicata, la Storia della follia ebbe diverse letture e
interpretazioni, anche critiche: una recente messa a punto è in Histoire de la folie à l’âge classique de Michel
Foucault. Regards critiques 1961-2011, Imec-Presses Universitaires de Caen, Caen 2011.
28
Certamente però, anche l’Ospedale della Misericordia, che sorgeva in
Oltretorrente, in strada di S. Croce (l’odierna via D’Azeglio), dal XV secolo12, non era
funzionale a sostenere le sempre maggiori richieste di ammissione. Si decise perciò di
costruire una sede nella quale fossero ospitati esclusivamente i pazzi, individuata in un
piccolo edificio di proprietà dell’Ospedale, nella stessa via di fronte all’ospedale stesso.
Secondo la ricostruzione di Ugolotti, «l’uso abituale di essa a ricovero di mentecatti
incomincia […] nell’anno 1793. Fu perciò questo – si potrebbe dire – il primo
manicomio di Parma»13.
E fin nel progetto, la nuova sede aveva tutte le caratteristiche della struttura
asilare, chiusa e rigidamente isolata dal mondo esterno, dal momento che la struttura
prevedeva
un cortile circondato all’intorno da portici, e logge divise in tanti archi ad ognuno
dei quali doveva corrispondere una camera con uscio e finestra comunicante alii
stessi portici e logge, affinché nel muro esteriore circondante tutta la Fabbrica, non
vi sia bisogno di veruna finestra, od altra qualsiasi apertura14.
In maniera piuttosto evidente, ha sottolineato Fabrizio Asioli, la funzione di
questa nuova casa dei pazzi era esclusivamente destinata a smaltire gli elementi
scomodi e incurabili dall’Ospedale grande, e dunque ben lungi dall’essere in qualche
modo assistenziale15.
In realtà, negli ospedali di ancien régime al contenimento e all’esclusione si
accompagnava anche l’affermazione della consapevolezza della pazzia come malattia
che avrebbe potuto ricevere cure e assistenza particolari e diverse da quelle riservate
12
La presenza della maggior parte delle strutture sanitarie in Oltretorrente, quartiere da sempre abitato dal
popolo minuto in contrapposizione alla città della ricchezza e del potere, che rimaneva di là dall’acqua, può
essere spiegata dalla volontà di «preservare la parte “nobile” della città dalla visione del bisogno e della
malattia», B. Adorni, La forma e l’immagine della città. Una storia urbana per punti salienti, in D. Vera (a
cura di), Storia di Parma. I caratteri originali, vol. I, Mup, Parma 2008, pp. 201-247, p. 215. Per una
ricostruzione della marginalità in Oltretorrente, quartiere connotato da una forte conflittualità sociale, si veda
Margherita Becchetti, Oltretorrente Rivolte e conflitto sociale a Parma 1868-1915, tesi di dottorato di
ricerca, Università di Parma, a.a. 2009-2010 . Sull’ospedale vecchio cfr. Roberto Greci (a cura di),
L’ospedale Rodolfo Tanzi di Parma in età medievale, Clueb, Bologna 2004; Maria Ortensia Banzola,
L’Ospedale vecchio di Parma, Palatina editrice, Parma 1980; Pier Luigi Dall’Aglio, Carlo Trombara, Cenni
storici e bibliografici sull’antico ospedale di Parma, Amministrazione degli Ospedali riuniti, Parma 1956.
13
F. Ugolotti, L’assistenza degli alienati e i loro ospedali di ricovero in quel di Parma, cit. p. 14.
14
Asp, Ospizi e luoghi pii, Patrimonio dei poveri e soprintendenza ai luoghi pii, Progetto per un nuovo
ospedale, 1792.
15
Cfr. F. Asioli, A Parma, prima della psichiatria, cit., p. 143.
29
agli altri, ma dove contemporaneamente si continuavano a confondere ambiguamente
terapia e reclusione.
Come ha osservato Massimo Moraglio,
la presenza di simili strutture in epoca moderna nasconde ben altro, la
consapevolezza cioè di una dimensione univoca della follia all’interno della più
ampia categoria della devianza e della malattia. Uno spazio in cui la medicina era,
con andamento altalenante, sempre più presente e in cui la «cura» del folle si
trasformava da una anodina custodia (a sfondo religioso e spirituale) a un’azione
terapeutica16.
A Parma, tuttavia, quel progetto “moderno” di custodia terapeutica fu approvato
ma mai portato a compimento. Per la prima elaborazione organica di ospedalizzazione
degli alienati e le prime disposizioni sul loro trattamento sarebbe stato necessario
attendere il governo paternalistico e in qualche misura assistenzialista della duchessa
Maria Luigia d’Austria, tra il 1814 e il 1847, che nel 1818 nominò una commissione
per individuare il luogo migliore dove costruire un nuovo manicomio17.
I lavori della commissione si conclusero nel 1819, quando fu inaugurato lo
“Spedale dei pazzi” nel convento di S. Francesco di Paola, il quale divenne nel 1822 lo
“Spedale centrale pei pazzarelli di tutti i nostri Stati”18.
Nel corso degli anni, tuttavia, all’aumento del numero dei ricoverati non
corrispose l’adeguamento della struttura o tantomeno la costruzione ex novo di un
edificio destinato esclusivamente alla custodia dei pazzerelli. Nemmeno la morte della
duchessa, nel 1847, e l’insediamento del nuovo governo dei Borbone mutarono la
situazione,
anzi, di fronte all’aumento sempre più crescente del numero dei pazzi, di fronte ai
progressi della tecnica e alle esigenze dei tempi, il manicomio era divenuto così
insufficiente e disadatto allo scopo cui doveva servire, che il giorno 15 settembre
1854 il Dipartimento dell’Interno, dietro proposta del Consiglio degli Ospizi civili,
ne ordinava la temporanea chiusura: ed un anno dopo lo stesso Consiglio
16
M. Moraglio, Prigionieri di un’utopia. Il manicomio dalle speranze terapeutiche alla routine segregante,
in Andrea Giuntini (a cura di), Povere menti. La cura della malattia mentale in provincia di Modena tra
Ottocento e Novecento, Provincia di Modena, Modena 2009, pp. 55-76, p. 56.
17
Secondo la stessa duchessa, il suo intento era di «migliorare senza ritardo il destino di quelli infelici», Asp,
Atti sovrani originali, relazione al Presidente dell’Interno, 14 febbraio 1818. Anche questo progetto edilizio,
al pari di quelli delle Beccherie, del Teatro Regio o del Foro Boario, rientrava fra quelle che furono poi
definite le «munificenze» luigine, cioè opere di assistenza e di controllo dell’ordine pubblico utilizzate negli
stati di ancien régime per tenere sotto controllo malcontento e proteste popolari.
18
Asp, Raccolta delle leggi per gli Stati di Parma, Piacenza e Guastalla, 29 aprile 1822.
30
deliberava di allestire un locale nell’Ospedal grande per collocarvi parte dei
ricoverati, e più precisamente i pellagrosi deliranti19.
Con l’annessione del Ducato parmense al Regno d’Italia, le sorti del manicomio
passarono alle dipendenze dell’Amministrazione provinciale di Parma in virtù della
legge del 20 marzo 1865 per l’unificazione amministrativa del Regno, con la quale
ciascuna provincia dello Stato era obbligata a provvedere all’assistenza e alla cura dei
rispettivi «mentecatti poveri»20.
Il primo problema che si pose all’Amministrazione provinciale fu pertanto
quello di individuare una nuova sede per il manicomio. A questo scopo furono istituite
due commissioni: la prima presieduta dal professor Salvatore Riva per valutare la
possibilità di utilizzare il palazzo ducale di Colorno (la cui proprietà nel frattempo era
passata al demanio) e le sue adiacenze; la seconda, presieduta dal professor C. Ughi,
per valutare l’ipotesi di adattare la villa ducale di Sala Baganza.
La Commissione concluse di eliminare l’idea di costruire un manicomio ex
novo, impresa superiore ai mezzi finanziari della Provincia, ma anche di abbandonare
l’ipotesi di ampliare l’Ospedale di San Francesco di Paola e quella di riadattare la villa
ducale di Sala Baganza; l’unica ipotesi realistica, alla luce dei costi previsti, rimaneva
dunque la trasformazione dell’edificio di Colorno21. Il progetto fu affidato all’architetto
Gaetano Castelli e al dottor Lorenzo Monti, il quale scrisse di essersi ispirato proprio ai
manicomi di Parigi, basandosi sul «principio della molteplicità nell’unità»:
costruiti dietro questo principio, della varietà nell’uniformità, della disseminazione
nella centralizzazione, e della molteplicità nell’unità. Sono davvero essi tanti
diversi fabbricati tutti uniformi fra loro, che disseminati qua e là e quindi riuniti ad
un centro formano molti piccoli manicomi che poi si costituiscono in un solo. […]
Per mettere in pratica il suddetto principio ho dovuto trarre profitto ancora
dall’edificio, una volta convento dei Domenicani, che prospettando il grande
parco, è collocato all’estremità e a destra della R. Villa; distribuendo così
gl’infermi in una lunga zona di fabbricati, che vengono a formare i lati di un largo
e vasto angolo retto, racchiudente una parte del parco, prossima delizia degli
infelici ricoverati22.
19
F. Ugolotti, L’assistenza degli alienati e i loro ospedali di ricovero in quel di Parma, cit. p. 32.
. Cfr. Legge n. 2248, 20 marzo 1865, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il 27 aprile.
21
Relazione di vari progetti per ricovero conveniente ai maniaci della provincia nostra e specialmente sulla
riduzione a frenocomio delle già RR. Villeggiature di Sala o di Colorno, in Aop, Carteggio antico,
Miscellanea.
22
Lorenzo Monti, Progetto di riduzione a manicomio della R. Villa e del già Convento dei Domenicani in
Colorno presentato all’egregia Deputazione provinciale di Parma dal dott. L. Monti in concorso
dell’architetto G. Castelli, tip. G. Ferrari e figli, Parma 1872, pp. 3-4. Lorenzo Monti – figlio di Benedetto
20
31
In questo modo, secondo il professor Monti, si sarebbe anche riusciti a
mantenere sempre attiva ed efficiente la sorveglianza verso i ricoverati, confermando
l’idea della gestione dello spazio nei manicomi come ulteriore strumento di controllo23.
Dal 1868 al 1873 si susseguirono diverse commissioni di studio per giungere
alla soluzione del problema manicomiale, ma ogni volta le relazioni, le perizie ed i
preventivi, non furono risolutivi.
In particolare, l’ennesima commissione nominata per valutare la possibilità di
trasferire gli alienati in un’altra sede, come ad esempio il palazzo ducale di Colorno, o
di mantenerli nell’ospedale di San Francesco, opportunamente ampliato e ristrutturato,
si oppose recisamente al trasferimento, affermando, non senza un lieve tono ironico e
polemico, che il progetto di Colorno
si raccomanda non per lo scopo, modesto se vuolsi ma umanissimo di giovare
efficacemente ai poveri mentecatti della Provincia, ma per l’importanza
dell’Istituto, per la speranza dei futuri guadagni, cui aprirebbe largo modo il
numeroso concorrere di nostrali e forestieri pensionati; pel grido che presto
leverebbe lo aprirsi una meraviglia di manicomio, sia per grandiosi servigi, sia per
le comodità che presenta, sia pel vastissimo e mirabile giardino da degradarne
qualunque altro più estimato o famoso. Era una delle più belle meraviglie d’Italia
che si voleva rivolgere ad uso di un Manicomio24.
Malgrado il parere negativo espresso da più parti, l’epidemia di colera che
investì Parma nel 1873 costrinse gli amministratori a trasferire gli alienati negli spazi
Monti, già direttore del manicomio di Ancona e poi di quello di Bologna – era all’epoca direttore del
manicomio dall’anno precedente e lo sarebbe rimasto fino al 1881. Cfr. V.P. Babini, Benedetto Monti, un
alienista filosofo, in “Sanità, scienza e storia”, n. 1, 1985, pp. 139-231.
23
Cfr. L. Monti, Progetto di riduzione a manicomio…, cit. p. 12. Sull’architettura dei manicomi come
«strumento nelle mani dei medici» si veda Miriam Degani e Aldo Gorla, Dal recinto alla macchina.
Architettura e psichiatria nella definizione degli spazi istituzionali, in A. De Bernardi (a cura di), Follia,
psichiatria e società, Franco Angeli, Milano 1982, pp. 402-412, p. 409. La stessa idea di suddividere i
ricoverati in reparti differenti a seconda delle patologie trarrebbe origine, secondo Degani e Gorla, dalla
ristrutturazione della Salpêtrière voluta nel 1789 da Luigi XVI, e realizzata dopo la rivoluzione: «Le nuove
logge della Salpêtrière si costituiscono come spazi differenziati, atti ad operare una prima e sistematica
divisione fra le varie categorie di folli: melanconici, idioti, agitati. Alle varie categorie viene destinato un
preciso spazio fisico, staccato dagli altri e con un posizionamento diverso», ivi, p. 405. Indicazioni sulla
costruzione e organizzazione dei manicomi sono in Augusto Tamburini, Giulio Cesare Ferrari, Giuseppe
Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, Utet, Torino 1918, pp. 536-558.
24
Sul progetto di ampliare l’attuale manicomio in Parma. Relazione 10 0ttobre 1873, Tip. G. Ferrari e figli,
Parma 1873, pp. 7-8.
32
del palazzo ducale di Colorno – allargandosi progressivamente a comprenderne la
maggior parte – e nello stabile dell’ex convento di San Domenico ad esso attiguo25.
Peraltro, il manicomio di Colorno non era l’unica struttura dell’Italia
postunitaria a risultare inadeguata: nella sua analisi sulla storia dei manicomi italiani ed
europei, Romano Canosa ribadisce che la maggior parte di essi fu ricavata in antichi
ospedali, ospizi e conventi abbandonati, che si spiegherebbe con le posizioni
particolarmente “conservatrici” e chiuse alle ipotesi di cambiamento da parte della
psichiatria italiana in materia manicomiale26.
I primi ricoverati ammessi a fine luglio furono 139, fra uomini e donne; nel
corso dell’anno essi giunsero a 360, 184 uomini e 176 donne, dei quali 103 uomini e
110 donne provenivano dal manicomio cittadino, mentre i restanti furono inviati dai
comuni della provincia27.
Al loro ingresso, come avveniva in tutti i manicomi dell’epoca, furono
rigidamente separati per genere e immediatamente collocati nei diversi settori in cui era
stata ripartita, seppure del tutto precariamente, la struttura di Colorno: agitati, tranquilli,
sudici, infermeria, e pensionanti.
Le donne trovarono posto nei locali sul retro del palazzo – che erano stati
costruiti per i servizi generali di corte da Ranuccio II e da Francesco Farnese nella
seconda metà del Seicento e nella prima del Settecento – mentre il convento dei
Domenicani, risalente al governo di Ferdinando di Borbone nella seconda metà del
secolo XVIII, ospitò i reparti degli uomini e gli uffici dell’amministrazione e della
direzione. Al piano superiore alcuni locali erano riservati a quei pochi ricoverati
25
Sull’epidemia di colera del 1873 cfr. Relazione della Commissione di sanità sul cholera dell’anno 1873,
Parma 1874; Nicoletta Piazza, Ambiente urbano, condizioni di vita e malattie infettive epidemiche a Parma
nella seconda metà del’Ottocento. Il caso del colera, in Maria Ortensia Banzola, Leonardo Farinelli, Roberto
Spocci (a cura di), Figure, luoghi e momenti di vita medica a Parma, Artegrafica Silva, Parma 2003, pp. 279296. Secondo l’inchiesta governativa del 1885, quell’epidemia, insieme a quella del 1884, aveva registrato a
Parma il livello di mortalità più alto tra le città del nord, cfr. Dgs, Risultati dell’inchiesta sulle condizioni
igieniche e sanitarie nei comuni del Regno. Notizie relative ai comuni capoluoghi di provincia, Roma 1886,
p. 66. La decisione di rimanere a Colorno divenne definitiva nella seduta consiliare del 5 settembre 1877.
26
Cfr. Romano Canosa, Storia del manicomio in Italia dall’Unità a oggi, Feltrinelli, Milano 1979, pp. 45-46.
27
Cfr. le tabelle statistiche contenute nel “Diario del manicomio provinciale di Colorno”, n. 3, 20 gennaio
1875. Le terapie prevalentemente adottate sui primi ricoverati, e destinate ad essere le uniche per molti anni
ancora, erano essenzialmente due, clinoterapia ed ergoterapia. Accanto al lavoro come mezzo terapeutico, il
riposo a letto, secondo Tamburini, Ferrari e Antonini, apportava diversi vantaggi, primo fra tutti «il riposo
completo del cervello», al fine di «permettere il ritorno allo stato normale degli scambi nutritivi», A.
Tamburini, G.C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., p. 543.
33
pensionanti, la cui retta giornaliera era corrisposta direttamente dalle famiglie e non
dall’Amministrazione provinciale28.
Alla
struttura,
originariamente
composta
da
due
edifici
disposti
perpendicolarmente e collegati da un corridoio sopraelevato, nel corso del 1874 si
aggiunse un’altra costruzione, adiacente al palazzo ducale, che sistemò in modo più
regolare l’impianto del manicomio, componendo un mezzo quadrato che racchiudeva
anche alcuni cortili interni per il passeggio dei ricoverati. Nella descrizione del
direttore Monti si legge un grande compiacimento per essere riusciti a «soddisfare alle
principali esigenze della scienza», coniugando queste ultime con una disposizione
«ariosa e allegra», per quanto arrangiata:
Il primo fabbricato, ad un solo piano superiore oltre a quello terreno ed al
mezzanino, ha un grande atrio, che lo divide in due bracci laterali perfettamente
uguali. Al piano terreno sono collocati in vicinanza dell’atrio, gli uffici di
direzione e di amministrazione, i parlatorii, i servizi generali, ed i refettori dei
tranquilli. In quello degli uomini, siccome assai spazioso, si è da pochi mesi
costruito il teatrino per le rappresentazioni, che di quando in quando vi si danno
degli alienati. Le sale di riunione per i stessi tranquilli, vennero disposte in stanze
assai varie ed ariose; mentre in alcune altre siccome rispondenti su due cortili, si
sono collocati i due scompartimenti dei deboli o sucidi, che sono formati da un
dormitorio, da una sala per uso di refettorio, e da un cortile. Al piano superiore
sono disposti i dormitorii dei tranquilli, e nella sezione delle donne si è collocata
l’infermeria, la quale per essere bene esposta, riesce assai ariosa ed illuminata.
L’edificio laterale di destra, serve a completare la sezione degli uomini, ed ha al
piano terreno la sezione degli agitati, la quale vasta, allegra ed igienica, per avere,
come tutti i diversi fabbricati, altissimi sotterranei, è composta di sette camere da
isolamento, di un corridoio, di un grande refettorio, e di un largo cortile per
passeggio dei malati. Al piano superiore si trova assai bene disposto un altro
scompartimento destinato ai dozzinanti, ed ai malati più tranquilli ed educati. In
alcuni locali rispondenti in un altro cortile posto di fianco allo scompartimento
degli agitati, ma del tutto libero ed indipendente, vennero collocate, fin dalla
primavera scorsa, le officine del calzolaio, del falegname, del tornitore, del vetraio
ed ottonaio. L’altro fabbricato di sinistra, pure riunito in linea perpendicolare a
quello centrale, mediante la cappella di S. Liborio, racchiude al piano terreno la
sezione delle agitate, che disposta nella stessa foggia di quella degli uomini, è
riescita pur essa assai ariosa ed allegra. Al piano superiore si trova un vasto
dormitorio per le tranquille con una lunga galleria per passeggio29.
28
Forse proprio a causa della struttura scarsamente confortevole i pensionanti furono sempre in numero
molto ridotto, di poco superiore alla decina: 6 uomini e 5 donne nel 1905, 3 uomini e 5 donne nel 1912; Cfr.
Aop, Ufficio personale, Disposizioni Ospedale psichiatrico provinciale, b. 1, Relazione al Prefetto, 30
novembre 1905 e 30 novembre 1912.
29
M. [Lorenzo Monti], Anniversario dell’impianto del manicomio, in “Diario del manicomio provinciale in
Colorno”, nn. 10-11, luglio e agosto 1875.
34
Per quanto non fosse stato costruito ex novo, nella sua organizzazione l’edificio
di Colorno cercava di adeguarsi ai criteri di quello che Canosa ha definito il “sistema
francese”, caratterizzato
a) dalla subordinazione della suddivisione dei malati a parecchi principi differenti
di classificazione tra i quali la considerazione della curabilità e dell’incurabilità
non ha che un ruolo accessorio e secondario e tra i quali è costantemente compresa
la considerazione dello stato di malattia accidentale e dello stato di non pulizia, b)
dalla presenza di compartimenti per le singole malattie in edifici isolati,
disseminati su un vasto spazio e collegati dagli edifici dell’amministrazione da
gallerie o in edifici comuni contigui collegati da gallerie o in comunicazione
diretta fra loro e con gli edifici dell’amministrazione, c) dalla prevalenza di
30
dormitori sulle abitazioni individuali .
In mancanza di padiglioni isolati e di grandi spazi, gli alienati furono quindi
sistemati nelle sale del palazzo: mentre i “tranquilli” avrebbero dormito collettivamente
negli spazi più grandi, gli “agitati” furono destinati a stanzini più piccoli, chiusi da una
porta sulla quale campeggiava uno spioncino, l’occhio di medici e infermieri per
mantenere il controllo senza dovere necessariamente varcare la soglia.
Le stanze non avevano alcun tipo di arredo tranne il letto, che diventò il solo
spazio personale di vita per i ricoverati. Del resto, sarebbe stato del tutto inutile
disporre di armadi o cassetti dove riporre oggetti personali, dal momento che al
momento dell’ingresso in manicomio era necessario consegnare tutto quello che si
aveva addosso.
L’unico elemento ricorrente con il quale gli “ospiti” dovettero imparare a
familiarizzare furono le sbarre, a cominciare da quelle laterali dei letti, che servivano
per legarvi polsi e caviglie, fino a quelle delle finestre, delle scale, dei cancelli,
necessarie a impedire qualsiasi tipo di fuga. Quelle sbarre sarebbero state l’orizzonte
che avrebbe accompagnato i ricoverati per tutto il corso della loro permanenza in
manicomio, e per tutta la durata del manicomio stesso.
30
R. Canosa, Storia del manicomio in Italia dall’Unità a oggi, cit., pp. 44-45. In alternativa al modello
francese si ponevano, secondo Canosa, il sistema angloamericano e quello tedesco: il primo «è caratterizzato
dalla prevalenza di abitazioni individuali sui dormitori, dall’impiego di gallerie come luoghi di abitazione per
il giorno, dalla subordinazione della classificazione alla considerazione dello stato di tranquillità, di
agitazione e di non pulizia, senza riferimento alla curabilità. Il sistema tedesco infine si separa dai due
precedenti per la prevalenza data alla considerazione sullo stato di curabilità e incurabilità, dal che sono nate
le due forme del sistema, caratterizzate l’una dalla separazione assoluta dei curabili dagli incurabili in due
istituti distinti, l’altra dalla associazione, nello stesso istituto, di due edifici, uno per i curabili e un altro per
gli incurabili», Ivi, p. 45.
35
Ancora negli anni Cinquanta del Novecento, il direttore Luigi Tomasi ne
ribadiva l’assimilazione a chiusa e desolante struttura carceraria:
di Ospedale vi era solo il nome e qualche timida aspirazione impacciata […]. Tutto
il resto come ambienti, come attrezzatura, come ammobigliamento rivestiva
l’aspetto tetro e desolante di una prigione in pessimo stato. […] Il sole, l’aria pura,
la luce, l’acqua parevano bandite in perpetuo da questa sconcertante atrocità
edilizia dove da decenni gravava la desolazione più squallida mai rallegrata da
nessuna distrazione, mai consolata da un sorriso di vita, mai alleviata dalla
compromissione concreta umana e civile del bisogno di evadere dalla tormentosa e
tormentata clausura31.
2. Prima della guerra
Fin da subito agli amministratori apparve evidente l’inadeguatezza dell’edificio,
e nei primi anni del nuovo secolo si susseguirono commissioni e pareri per risolvere il
problema. Esse continuarono ad altalenare tra la proposta di costruzione di un nuovo
manicomio e il riadattamento del palazzo esistente, fino a giungere nel 1903
all’elaborazione di un progetto di recupero e trasformazione del Palazzo Ducale, nel
quale, peraltro, paradossalmente veniva ribadita l’ineliminabilità del problema
principale, costituito dalla struttura architettonica stessa32.
E tuttavia la situazione a Colorno sembrava rimanere sostanzialmente immobile,
tanto che nella sua indagine sulla storia del manicomio parmense Ferdinando Ugolotti
sembrava alludere – anche piuttosto chiaramente – ad una forte mancanza di volontà da
parte di alcuni amministratori che, continuando a rimandare qualsiasi decisione,
lasciavano colpevolmente ristagnare la situazione, facendosi così «sfuggire il periodo
di tempo più favorevole – che va dagli ultimi due decenni dell’800 allo scoppio della
guerra europea – per la creazione ex novo di un Ospedale psichiatrico e quindi per la
soluzione radicale dell’annoso problema»:
Ma gli anni passavano, i bisogni aumentavano sempre, la scienza e la tecnica
psichiatrica progredivano, dovunque fervevano opere per la custodia e la cura
degli ammalati di mente, si creavano nuovi Ospedali, sorgevano nuovissime forme
31
Luigi Tomasi, L’Ospedale Psichiatrico Provinciale dal 1948 al 1955. Relazione del Prof. Luigi Tomasi
Direttore all’On.le Giunta Provinciale, Tip. G. Ferrari e figli, Parma 1956, p. 13. Il principio della rigida
suddivisione degli spazi e della loro chiusura rispetto all’esterno rispettava, secondo M. Foucault,
un’esigenza funzionale e gerarchica, finalizzata a massimizzare le regole disciplinari, cfr. M. Foucault,
Sorvegliare e punire, Einaudi, Torino 1976.
32
Cfr. Intorno al riordinamento del Manicomio di Colorno, tip. G. Ferrari e figli, Parma 1903.
36
di assistenza extraospitaliera, e nella Provincia di Parma invece le cose
continuavano a star ferme; anzi diventavano sempre più antiquate e insufficienti33.
Il progresso nella custodia degli alienati mentali cui Ugolotti faceva riferimento
poteva essere rintracciato, ad esempio, nella costruzione degli ospedali di Siena,
Reggio Emilia, Genova o Torino, costruiti proprio nel periodo di grandi trasformazioni
economiche e sociali definito «più favorevole» dal direttore di Colorno, e pure in
assenza di una legislazione manicomiale unitaria e generale per tutto il manicomio
nazionale34.
Erano quelli anni di un nuovo, grande afflusso nei manicomi – le statistiche
segnalavano 24.118 ricoverati nel 1892 (pari allo 0,77 per mille) che aumentarono a
39.544 nel 1905 (1,16 per mille) fino a 54.311 nel 1914 (1,48 per mille)35 – dovuto
principalmente ai mutamenti intervenuti tra fine dell’Ottocento e primi anni del
Novecento legati all’industrializzazione, all’inurbamento e alle innovazioni nel campo
dell’agricoltura, che esasperarono il legame tra miseria e malattia e rafforzarono
ulteriormente le tesi della psichiatria positivista a proposito della “degenerazione delle
classi subalterne”36.
I manicomi parvero rappresentare la soluzione più adatta per contenere i nuovi
fenomeni morbosi, uno spazio fisico e sociale dove isolare gli individui “degenerati” e
tentare di ricondurli a vivere entro regole socialmente condivise, coniugando
sperimentazione scientifica , innovazioni tecniche e anche un certo umanitarismo
paternalistico.
È quanto affermava l’illustre alienista Eugenio Tanzi, paragonando i manicomi
del passato a “grandiosi smaltitoi”, nell’intento di ribadire la necessità del passaggio a
una scienza manicomiale moderna e avanzata:
33
F. Ugolotti, L’assistenza degli alienati ed i loro ospedali di ricovero in quel di Parma, cit., pp. 236-237.
Per una storia “a ridosso” di questi manicomi si veda A. Tamburini, G.C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza
degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit. Sulla storia del manicomio di Reggio Emilia cfr. M. Bergomi
et al., Il cerchio del contagio: il S. Lazzaro tra lebbra, povertà e follia, Reggio Emilia 1980 (catalogo della
mostra organizzata al padiglione Lombroso del S. Lazzaro, 10-30 aprile 1980); Mauro Bertani, Ipotesi su un
manicomio. Il San Lazzaro di Reggio Emilia tra ’800 e ’900, in Andrea Giuntini (a cura di), Povere menti. La
cura della malattia mentale in provincia di Modena tra Ottocento e Novecento, Provincia di Modena,
Modena 2009, pp. 213-254. Su Torino si veda C. Cagliero, P. Collo, Il Regio Manicomio di Torino. Nascita e
sviluppo di un’istituzione totale, in A. De Bernardi (a cura di), Follia, psichiatria e società, cit., pp. 33-44.
35
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 32, Note statistiche, Censimento degli infermi di
mente ricoverati in Italia. Si veda anche Ministero di Agricoltura, industria e commercio, Direzione generale
della statistica, Statistica dei ricoverati in ospedali e in altri istituti di assistenza pubblici e privati, tip. G.
Civelli, Roma 1924
36
Sui rapporti tra psichiatria e positivismo si veda infra, cap. II, par. 1.
34
37
Il manicomio, benché […] istituzione nuova e inspirata a un certo progresso, non
aveva funzioni superiori a quelle d’un grandioso smaltitoio. La società vi
abbandonava senza rancore, ma anche senza amarezza e senza speranze, tutti quei
disgraziati che con le loro stranezze compromettevano la quiete pubblica37.
Il manicomio si configurava dunque come una tappa necessaria sulla strada del
progresso, secondo quanto hanno evidenziato Ferruccio Giacanelli e G. Campoli,
Il manicomio viene visto come segno di civiltà e di progresso; […] l’aumento
rapido dei ricoveri nei manicomi istituiti nelle zone che ne erano prive è conferma
della loro necessità. Non sfugge il rapporto con il processo di industrializzazione,
la crisi delle campagne, l’urbanizzazione, l’emigrazione, la povertà ecc. Ma tutti
questi sono visti come eventi accidentali e come prezzo da pagare pressoché
inevitabilmente nello sviluppo lineare del progresso civile verso il benessere
dell’uomo. Questo sviluppo va bensì difeso, va reso più giusto, meno traumatico
per i più deboli, ma non venire messo in crisi38.
L’indagine, a livello nazionale, dei luoghi dove per prime si diffusero le
istituzioni manicomiali dimostrerebbe, secondo Alberto De Bernardi, lo stretto legame
fra trasformazioni socio-economiche e diffusione di comportamenti “anormali”:
Pellagra, cretinismo, demenza, rachitismo, alcolismo, sifilide, sofferenze mentali
non erano altro che “forme”, manifestazioni fenomeniche, difficilmente eliminabili
senza incidere sulla “sostanza”, sui meccanismi sociali eziopatogenetici. In questo
quadro il manicomio assumeva la funzione di struttura di contenimento di questi
“effetti” morbosi; anche nella dislocazione geografica sembrava rispondere ad un
disegno preordinato, volto a garantire la presenza di queste “agenzie del controllo
sociale”, laddove più rapidamente e intensamente dilagavano le gravi sindromi
mentali cui si è fatto cenno39.
37
Eugenio Tanzi, Ernesto Lugaro, Trattato delle malattie mentali, Società editrice Libraria, Milano 1905, p.
723. Sulla figura dello psichiatra Tanzi si veda C. Peccarisi, R. Boeri e A. Salmaggi, Eugenio Tanzi (18561934) and the beginnings of European neurology, in “Journal for the History of Neurosciences”, a. III, n. 3,
1994, pp. 177-85.
38
F. Giacanelli, G. Campoli, La costituzione positivistica della psichiatria italiana, in “Psicoterapia e scienze
umane”, n. 3, luglio-settembre 1973, p. 3. Romano Canosa ha però messo in discussione l’origine
esclusivamente positivistica della psichiatria italiana, dimostrando che l’impronta quasi esclusivamente
biologica e il processo di medicalizzazione della psichiatria hanno un’origine precedente alla diffusione del
positivismo in Italia. Cfr. Id., Storia del manicomio in Italia dall’unità a oggi, cit., pp. 49-61.
39
Alberto De Bernardi, Malattia mentale e trasformazioni sociali. La storia dei folli, in Id. (a cura di), Follia,
psichiatria e società, cit., pp. 11-32, p. 25. Per una storia delle malattie più diffuse tra la classi popolari
nell’Ottocento si veda il ricco volume di Maria Luisa Betri, Ada Gigli Marchetti (a cura di), Salute e classi
lavoratrici in Italia dall’Unità al fascismo, Franco Angeli, Milano 1982; Giorgio Porisini, Agricoltura,
alimentazione e condizioni sanitarie. Appendice statistica. Prime ricerche sulla pellagra in Italia dal 1880 al
1940, Clueb, Bologna 1975; Paolo Sorcinelli, Miseria e malattie nel XIX secolo. I ceti popolari nell’Italia
centrale fra tifo petecchiale e pellagra, Franco Angeli, Milano 1979; Alberto De Bernardi, Il mal della rosa.
Denutrizione e pellagra nelle campagne italiane fra 800 e 900, Franco Angeli, Milano 1984. Sulla diffusione
della pellagra a Parma cfr. Relazione del comitato permanente per lo studio delle cause della pellagra e dei
mezzi atti a combatterla istituito dal Consiglio provinciale di Parma con deliberazione 25 novembre 1882,
38
Quest’analisi sembra trovare conferma nelle parole del direttore Ugolotti, il
quale, in merito all’aumento dei ricoverati, nel 1912 metteva in relazione la struttura
economica del parmense (prevalentemente basata sull’agricoltura) e l’aumento
relativamente basso del numero dei ricoverati:
La provincia di Parma trovasi al riguardo, di fronte a molte altre provincie del
regno, in condizioni ancora fortunate, perché l’aumento dei ricoverati del
manicomio di Colorno è piuttosto piccolo in confronto dell’aumento verificatosi in
molti altri manicomi; e ciò probabilmente perché la provincia di Parma, essendo
eminentemente agricola e presentando una densità di popolazione piuttosto bassa,
si trova per questo nelle condizioni più favorevoli ad un genere di vita calma e
sana40.
Se la media delle presenze giornaliere nell’istituto si manteneva sulle 400
persone, Ugolotti non poteva comunque non segnalarne un aumento progressivo,
imputabile più alla diminuzione delle dimissioni che all’aumento dei ricoveri: dalle 362
presenze di media nel 1908 si passava infatti a 374 nel 1909, per salire a 378 nel 1910,
404 nel 1911 e 429 nel 191241.
Nel frattempo, l’inidoneità di Colorno fu resa ancora più evidente dopo
l’approvazione della normativa «Sui manicomi e sugli alienati», votata nel 1904 ed
Ferrari, Parma 1885; Angelo Braga, Malaria e pellagra in provincia di Parma nel secolo passato.
Conferenza alla Famija Pramzana, La tipografica parmense, Parma 1954. Sull’evoluzione delle malattie
mentali e le pratiche di internamento nei manicomi si veda in particolare Vinzia Fiorino, Matti, indemoniate
e vagabondi. Dinamiche di internamento manicomiale tra Otto e Novecento, cit.
40
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma. Anno amministrativo 1912-1913, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1911 e 1912. Relazione del direttore, pp. 787788. In effetti, dopo l’unificazione, nel parmense si verificò una tendenza alla «ri-ruralizzazione» della
popolazione cittadina, che differenziava visibilmente il Parmense da quanto avveniva nel resto della regione
e in gran parte d’Italia. Un’analisi coeva dell’agricoltura parmense è in Francesco Barbuti, Monografia
dell’agricoltura parmense compilata per incarico della Giunta Parlamentare per l’inchiesta agraria e sulle
condizioni della classe agricola in Italia, Ferrari, Parma 1880. Sull’economia parmense tra Otto e Novecento
si veda Valerio Cervetti, Parma e il Parmense nel secolo XIX. Processi economici e condizioni sociali, in
Pietro Bonardi e Ubaldo del sante (a cura di), Anna Maria Adorni e il suo tempo, Silva, Parma 1994, pp. 57109; Maura Palazzi, Nascita di un’economia agro-industriale. Città e campagna a Parma dall’Unità agli
anni Trenta, in Fiorenzo Sicuri, Comunisti a Parma, Istituto Gramsci Emilia-Romagna e Parma – Biblioteca
“U. Balestrazzi”, Parma 1986, pp. 69-125; Antonio Parisella, Memorie industriali e mutamenti sociali
urbani. Appunti sulla formazione di un sistema agroindustriale a Parma agli inizi del XX secolo, in Roberto
Montali (a cura di), Nel mondo nuovo. Parma da Verdi a Vittorio Veneto. 1900-1918, Mup, Parma 2007, pp.
65-73. Sulle caratteristiche protoindustriali della fase produttiva innescatasi negli ultimi decenni del XIX
secolo, cfr. Serena Lenzotti, La ricerca di Zaira. Protoindustria e strutture urbane a Parma tra primo e
secondo Ottocento, Franco Angeli, Milano 2007.
41
Ibidem.
39
entrata in vigore nel 1909, che definiva in modo univoco a livello nazionale le
procedure di ammissione e ricovero in manicomio42.
Nel 1911, l’ennesima relazione affidata al direttore Ugolotti e all’ingegnere
Luigi Menozzi dell’Ufficio tecnico provinciale – incaricati di prospettare un possibile
riordinamento del manicomio di Colorno si ricollegava proprio alla nuova legge per
ribadire l’inadeguatezza della struttura esistente:
A parte la sua ubicazione eccentrica rispetto alla provincia e nello stesso tempo
troppo centrale rispetto al paese, di guisa che per due lati prospetta su pubbliche
vie; a parte il tipo edilizio di tutto quanto il fabbricato che, per essere in gran parte
un antico convento ed in parte un’antica residenza sovrana, non ha nulla in
comune con il tipo edilizio a padiglioni sparsi e staccati quali oggi si richiede per
un manicomio […] ricordiamo innanzitutto la insufficienza della capacità totale
dell’Istituto e più ancora la insufficienza della suddivisione o del numero dei
reparti, per cui si ha l’affollamento del numero dei ricoverati; ricordiamo la
disposizione disordinata e caotica dei locali […]. Condizioni gravissime tutte
queste perché determinano, come si è detto, l’affollamento ed impediscono, così,
quella razionale ripartizione degli ammalati che rappresenta il fondamento della
terapia manicomiale; sono di danno alla tranquillità, all’ordine e alla disciplina;
favoriscono il clamore, le lacerazioni, le distruzioni e quindi l’applicazione dei
mezzi coercitivi; rendono più complicati e meno solleciti i servizi; in breve,
essendo in completo antagonismo coi più elementari principi di tecnica, non
permettono di raggiungere quel fine pel quale il manicomio ha precipuamente, se
non unicamente, ragione di essere, cioè la cura e l’assistenza dei malati di mente43 .
Nelle battute conclusive del loro progetto di rinnovamento, di modernizzazione
e di ampliamento – per quanto nei limiti del possibile, dal momento che l’istituzione
della legge n. 364 del 1909 sulla tutela di antichità e belle arti escludeva la possibilità
di ampliare il manicomio estendendosi anche nel giardino44 –, Ugolotti e Menozzi
continuavano tuttavia ad alludere al fatto che una simile soluzione, per quanto
economica, non avrebbe mai reso il manicomio perfettamente corrispondente «a tutti i
più moderni requisiti della tecnica manicomiale e dell’ingegneria sanitaria»45. Essi
42
Cfr. la legge n. 36, 14 febbraio 1904, pubblicata sulla “Gazzetta Ufficiale” il 22 febbraio. Sul dibattito tra
gli psichiatri a proposito di questa legge si veda F. De Peri, Il medico e il folle: istituzione psichiatrica,
sapere scientifico e pensiero medico tra Otto e Novecento, in F. Della Peruta (a cura di), Storia d’Italia,
Annali 7, Malattia e medicina, Einaudi, Torino 1984, pp. 1129-1134. Un’analisi del testo è anche in Ada
Lonni, Pubblica sicurezza, sicurezza pubblica e malato di mente. La legge del 1904, in A. De Bernardi (a
cura di), Follia, psichiatria e società, cit., pp. 264-283.
43
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1911-1912, parte II, Alligati, Relazione
sul riordinamento del manicomio di Colorno, pp. 11-40, p. 12.
44
Cfr. la legge n. 364, 20 giugno 1909 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 150, 28 giugno 1909.
45
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1911-1912, parte II, Alligati, Relazione
sul riordinamento del manicomio di Colorno, p. 30. Nel preventivo erano state conteggiate 900.000 lire a
fronte di una spesa di 2 milioni di lire necessaria per la costruzione di una struttura nuova. Valeria Babini ha
rilevato come fosse piuttosto comune che in quegli anni, in Italia, i nuovi progetti o le nuove costruzioni
40
avrebbero decisamente preferito la realizzazione di una struttura nuova, studiata e
costruita appositamente, dall’impianto più scientifico e razionale.
In ogni caso, però, i tecnici della commissione istituita per valutare la
realizzabilità del progetto ribadirono che l’Amministrazione provinciale non sarebbe
stata certo in grado di sostenere costi troppo elevati per la realizzazione di un nuovo
manicomio. Non rimaneva dunque che ampliare l’esistente sul modello dell’istituto di
Piacenza, aggiungendo «due o tre padiglioni, più o meno vasti ma capaci per 250
ricoverati», a due piani anziché a un piano solo – come a Piacenza – vista
l’impossibilità di estendersi nel giardino46.
Di quel progetto di ampliamento e modernizzazione si avviarono e si
realizzarono in tempi piuttosto lenti solo alcuni elementi. Nel primo anno ci si limitò a
costruire una nuova conduttura per l’acqua potabile, a dotare l’istituto di nuovi arredi e
ad ampliare alcuni reparti, tra cui il soggiorno per i tranquilli e il dormitorio per gli
agitati al secondo piano. Si riuscì anche a ricavare un nuovo piccolo reparto, quello dei
“sudici”, utilizzando un piccolo edificio inutilizzato adiacente al manicomio, di
proprietà dell’Amministrazione provinciale. Complessivamente, la capienza del
manicomio aumentava di quaranta nuovi posti letto: era questo, nelle parole del
direttore, «l’ampliamento massimo possibile dell’istituto di Colorno», per quanto i
lavori continuassero ad essere privi di lungimiranza perché «reclamati dall’urgenza dei
bisogni»47.
All’apparente ottimismo di Ugolotti – venato di velate critiche per la mancata
volontà da parte dell’ente di costruire un nuovo manicomio – faceva da contrappunto il
consigliere Del Prato, il quale, nella seduta del consiglio provinciale del 28 novembre
1914, continuava a lamentare la dura situazione dei malati di mente della Provincia per
i quali, a suo dire, non esisteva ancora una collocazione adeguata e che lui considerava
ormai «di un’urgenza indiscutibile»:
manicomiali fossero rallentate o lasciate addirittura incompiute quando le spese manicomiali erano decise
dall’amministrazione provinciale, cfr. Ead., Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del
Novecento, Il Mulino, Bologna 2009, p. 11.
46
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1911-1912, parte II, Alligati, Parere
dei tecnici della commissione, pp. 44-45.
47
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1914-1915, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1913 e 1914. Relazione del direttore, pp. 787819, p. 790.
41
I due manicomi che si sono succeduti nella nostra Provincia non sono stati che dei
ricoveri nei quali, per pietà o per difesa, venivano accolti quegli infelici, e i due
locali non erano altro che antichi edifici, rimasti sgombri perché un’aura di
progresso li aveva liberati dei vecchi abitatori. Non sono stati che un magazzino
dove si sono stipati, mi si permetta la parola, individui che avevano bisogno di
cura. Nella provincia di Parma si sta per risolvere un altro problema ospitaliero,
quello dell’ospedale civile, che pure ha carattere provinciale. Ora, non solo per
l’urgenza che vi è di provvedere ad un servizio manicomiale in conformità dei
bisogni scientifici del giorno, ma anche per la circostanza che i problemi di
spedalità sono oggi sul tappeto e possono avere una parziale soluzione, credo che
la Provincia non potrà mancare di risolvere il problema per parte sua […]. Certo,
tanti altri bisogni vi sono: ma quelli della viabilità e di altro genere possono, forse,
avere una soluzione così qualche anno prima come qualche anno dopo; non così, a
mio rassegnato parere, quello del manicomio, di un’urgenza indiscutibile48.
Se il progresso aveva liberato gli edifici che poi sarebbero stati occupati dagli
alienati mentali, secondo Del Prato la Provincia, a maggioranza socialista, avrebbe
dovuto dare prova di una maggiore attenzione al problema manicomiale soprattutto per
ragioni umanitarie e sociali.
E tuttavia, la necessità di una maggiore attenzione non prescindeva
dall’esistenza di una struttura manicomiale, purché appropriata e “moderna”: secondo
Del Prato, infatti, il manicomio era certamente migliorato nel corso degli anni, ma
continuava a rimanere completamente inadeguato e soprattutto non conforme alla legge
del 190449.
Per cercare di rientrare nelle prescrizioni della legge, seppure con soluzioni
superficiali e scarsamente risolutive, la giunta provinciale deliberò in primo luogo la
costituzione di un padiglione per i criminali, e ricominciò a prendere in considerazione
anche l’ipotesi, fino a quel momento accantonata, di dividere il manicomio in due
sezioni fisicamente separate, mantenendo i cronici a Colorno e spostando i malati acuti
nelle vicinanze della città50.
48
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1914-1915, parte I, Verbali, Intorno
alla risoluzione del problema manicomiale, p. 290. Del Prato cercava di risolvere il problema del manicomio
collegandolo al progetto per l’Ospedale civile, del quale si stava discutendo la costruzione proprio in quegli
anni e che soffriva degli stessi problemi di inadeguatezza e sovraffollamento del manicomio di Colorno.
Sulla storia dell’ospedale civile di Parma si veda Alberto Bordi, Sauro Rossi, Mario Zarotti, Il “nuovo”
ospedale di Parma. Un’architettura primonovecentesca tra dibattito tipologico ed esigenze di cantiere
(1913-1926), in M. O. Banzola, L. Farinelli, R. Spocci (a cura di ), 800 anni per la salute, Silva, Parma 2003,
pp. 371-391.
49
Il presidente Primo Lagasi ribatté a quell’intervento adducendo ancora una volta difficoltà di bilancio, cfr.
Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1914-1915, parte I, Verbali, Intorno alla
risoluzione del problema manicomiale, p. 291.
50
Su quelle proposte si vedano, rispettivamente le delibere n. 39, 16 maggio 1914 e n. 36, 25 aprile 1914, in
App, Atti della Deputazione provinciale, Anno amministrativo 1913-1914, vol. II, Allegati. L’ennesima
42
Di nuovo, il direttore Ugolotti assunse l’incarico di elaborare un nuovo progetto
per la realizzazione di un istituto nuovo e completamente rispondente alle esigenze
psichiatriche dell’epoca. Nonostante questa volta l’Amministrazione provinciale
sembrasse essere determinata a procedere con quest’opera e portarla a compimento,
cause superiori alla sua più o meno salda volontà portarono per l’ennesima una volta
alla sospensione dei lavori:
Finché nel marzo 1915 l’Amministrazione Provinciale – presieduta allora dal
senatore dott. Primo Lagasi – deliberava di acquistare nelle vicinanze della città
l’area necessaria per costruirvi un nuovo manicomio, e due anni dopo difatti
acquistava a monte di Parma a circa due chilometri da essa, e precisamente in
Antognano di Vigatto, un vasto podere perché ivi sorgesse gradualmente un
modernissimo Ospedale per l’assistenza e la cura degli infermi di mente della
Provincia. L’ufficio tecnico provinciale frattanto colla collaborazione della
direzione del manicomio (l’autore di questo lavoro storico) preparava il relativo
progetto esecutivo. Ma la guerra europea arrestò il compimento dell’opera or così
bene iniziata51.
3. Il manicomio nella guerra
Come si è visto, nonostante negli anni precedenti ci fossero stati diversi tentativi
di ampliamento e intervento sui locali dell’ospedale psichiatrico, pochi in realtà furono
gli interventi portati effettivamente a compimento.
Tuttavia, l’intervento dell’Italia nel conflitto contribuì ad accelerare la
realizzazione di alcune opere necessarie a rendere l’ospedale adeguato all’aumento dei
ricoveri. In una relazione scritta al presidente della Provincia nel 1919, il direttore
sottolineava la capacità da parte di medici e personale amministrativo di gestire le
forniture e organizzare alcuni lavori di miglioria e «riordinamento generale
dell’istituto»:
[…] nel quadriennio in discorso si fece la sistemazione della dispensa e della
cucina, l’impianto ex novo della illuminazione elettrica, del reparto criminali, dei
bagni maschili, del reparto isolamento, della lavanderia a vapore; si provvide al
ritiro da Bertalia dei bambini e al conseguente impianto di due nuovi reparti per
essi nel manicomio di Colorno; si istituirono due reparti nella sezione femminile a
scopo di sfollamento; si creò infine in una villa espressamente requisita un
commissione costituita per individuare l’area più idonea indicò due possibili soluzioni, entrambe verso le
colline, tra Felino e Marzolara, o tra Langhirano e Carignano.
51
F. Ugolotti, L’assistenza degli alienati ed i loro Ospedali di ricovero nel territorio di Parma, cit., pp. 237238.
43
ricovero di alienati delle provincie [sic] venete invase con susseguente creazione
ed organizzazione di una colonia per ricoverati lavoratori52.
Accanto al maggiore afflusso di ricoverati – soldati, ma anche anziani e bambini
trasferiti dalle province più direttamente coinvolte nel conflitto – l’azione
modernizzatrice della guerra aveva finalmente interessato anche un piccolo ospedale
psichiatrico di provincia posto nelle retrovie del fronte. Più in generale, la guerra
costrinse a rapidi cambiamenti sia gli uomini che le cose. Come ha sottolineato
Antonio Gibelli:
tutto ciò fu dovuto non solo all’intensità emotiva della lacerazione, ma più
precisamente alla profondità delle trasformazioni di cui la guerra era espressione e
di cui divenne insieme veicolo e potente fattore di accelerazione. […] Ancor più di
quanto era accaduto nelle guerre immediatamente precedenti, e segnatamente in
quella russo-giapponese, essa doveva dinamizzare ed esasperare quegli aspetti
della società industrializzata che erano maturati a cavallo tra i due secoli53.
E dunque, una prima riflessione in merito alle ripercussioni dell’entrata in
guerra dell’Italia sul piccolo manicomio di Colorno può essere svolta analizzandone
proprio le trasformazioni materiali e strutturali.
Il primo, radicale, cambiamento fu l’installazione dell’impianto elettrico in tutto
il manicomio, che era in realtà già stata inserita nel progetto di riordinamento sin dal
1911, dal momento che il paese di Colorno era già dotato di fornitura elettrica54.
La procedura, dunque, avrebbe dovuto svolgersi piuttosto rapidamente, ma
l’intervento di diverse complicazioni – legate apparentemente alla struttura del
manicomio – ritardarono come al solito l’esecuzione dei lavori. Nella delibera del 14
ottobre 1914 si segnalava infatti la difficoltà da parte dell’ufficio tecnico provinciale a
trovare una ditta che assumesse l’incarico:
52
Aop, Ufficio Personale, Regolamenti interni e disposizioni di servizio, b. 1, Gestione amministrativa nel
quadriennio 1915-1918, Relazione al presidente della Deputazione provinciale, 12 marzo 1919.
53
A. Gibelli, L’officina della guerra. La Grande Guerra e le trasformazioni del mondo mentale, Bollati
Boringhieri, Torino 2007 (1 ed. 1991), p. 14.
54
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1911-1912, parte II, Alligati, Relazione
sul riordinamento del manicomio di Colorno, pp. 11-40, p. 24. Anche nella vicina Parma l’illuminazione
elettrica era attiva dagli anni Ottanta dell’Ottocento, cfr. Angelo S., L’illuminazione elettrica, in “Il
Presente”, 15 febbraio 1885; Alessandro Cugini, Officina per la luce elettrica in Parma, in “Gazzetta di
Parma”, 28 dicembre 1889.
44
L’Uffizio ha compiuto laboriose pratiche con la società Emiliana di servizi elettrici
e con installatori privati per concretare la spesa necessaria all’impianto di un
numero conveniente di lampade per tutti i servizi.
Attesa la speciale disposizione dei diversi edifici e la natura troppo varia delle
costruzioni che li compongono, non è stato possibile fare un vero progetto di
esecuzione e relativo capitolato d’appalto. Nessuna ditta, d’altra parte, ha voluto
assumersi l’onere dell’installazione à forfait dell’impianto, come ordinariamente
sono solite a fare per privati e per stabilimenti di costruzione più regolare55.
L’impianto fu realizzato e messo in funzione dal 1915. Sebbene i lavori fossero
iniziati quando il conflitto non era ancora avviato, essi furono portati a compimento
piuttosto rapidamente nella seconda metà dell’anno, nonostante fossero sorte le prime
difficoltà connesse all’entrata in guerra dell’Italia. Anche al direttore, del resto,
sembrava incredibile che la “luce del nuovo secolo” non avesse ancora cominciato a
rischiarare il buio del manicomio di Colorno. Egli stesso, dunque, si attribuì il merito
quasi esclusivo di una simile opera rinnovatrice, ribadendo di essere riuscito in una
simile impresa nonostante fosse il primo anno di guerra:
Fino all’anno 1915 – è quasi incredibile a dirsi – l’istituto era illuminato con una
quarantina di lucerne a petrolio sospese ai muri. Resta inutile soffermarsi su tutti
gli inconvenienti di un tale sistema di illuminazione, che non illuminava, sporcava,
puzzava ed era pericoloso. Dietro proposta di questa Direzione tutti quanti i locali
dell’istituto vennero illuminati a luce elettrica, presa dalla corrente stradale, con un
impianto di oltre 500 lampade56.
Un’iniziativa analoga, che aprì le porte del nuovo secolo e del progresso nel
manicomio di Colorno, ma resa ancora più urgente dal maggiore afflusso di ricoverati,
fu la costruzione della lavanderia a vapore. La nuova attrezzatura, che avrebbe
sostituito il metodo più tradizionale del lavaggio a mano della biancheria «secondo i
più moderni concetti della tecnica»57, rese necessaria anche la costruzione
dell’ennesimo nuovo fabbricato, adiacente all’istituto.
55
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1914-1915, vol.
I, Verbali, Delibera n. 11, 14 ottobre 1914.
56
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1915-1916, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore, pp. 700731, p. 701.
57
Ivi, p. 703. Il direttore colse l’occasione per attribuire unicamente a sé il merito della modernizzazione del
manicomio: «Sono quindi lieto di poter affermare che, colla nuova lavanderia, l’istituto di Colorno ha tolto
per sempre uno dei suoi più gravi difetti fra quelli riparabili, ed ha perciò fatto un notevole passo verso il suo
generale riordinamento, intrapreso da quando il sottoscritto assunse la direzione dell’istituto, e che ora volge
verso il suo completamento», Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 32, fasc. 6, lettera al
presidente della Deputazione provinciale, 3 dicembre 1916.
45
Ma senza dubbio le trasformazioni più rilevanti riguardarono l’espansione di
alcuni reparti a causa dell’aumento dei ricoveri e, di conseguenza, lo sviluppo
dell’intera struttura ospedaliera, che continuò a crescere senza un criterio ordinato e
razionale.
In tutto il quadriennio tra il 1915 e il 1918, infatti, la popolazione aumentò in
modo intenso e costante, e se la media dei ricoverati nel 1914 era di 446 unità, nel 1918
giunse a 605 [tabella 1, grafico 1]. Lo stesso direttore riconobbe che mai il numero dei
ricoverati nel manicomio di Colorno aveva raggiunto cifre così elevate come durante la
guerra, pure considerando che l’aumento si era avviato già prima del conflitto58.
Anche le costanti dimissioni, in particolare dei soldati che transitavano da
Colorno, non riuscivano a sfoltire la presenza di tanti ricoverati, i quali, privati anche
dell’unico spazio individuale concesso loro, il letto, erano costretti a dormire su un
pagliericcio posto direttamente sul pavimento59.
In un’accorata relazione alla giunta provinciale, Ugolotti fece presente quale
enorme e quasi impossibile impresa fosse cercare di contenere e gestire il numero
sempre crescente dei ricoveri:
Dal 1 gennaio i ricoverati sono aumentati di una cifra spaventosa, cioè di ben 40 e
nei primi sette mesi ne sono entrati quanti ne sono entrati in tutta l’annata scorsa
talché oggi, malgrado tutti gli sforzi della Direzione per dimettere il maggior
numero di ricoverati, questi hanno raggiunto la cifra di 490, che, se si pensa alle
condizioni generali dell’istituto e alle sue ben note deficienze organiche, è facile
comprendere in quale guisa debba svolgersene il funzionamento; nessun locale è
60
più disponibile e dovunque si ha il più informe miscuglio di poveri ammalati .
E ancora tre mesi dopo si trovava a ribadire «che la Direzione ha fatto tutti gli
sforzi possibili per adattarsi a un tale aumento, ed ha preso tutti i provvedimenti del
caso, ma non vi sono più locali disponibili, non vi sono più letti, non vi sono più mezzi
opportuni di assistenza, di sorveglianza e di cura»61.
58
Cfr. App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1030.
59
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1916-1917, vol.
III, Delibera n. 38, 21 luglio 1917.
60
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1915-1916,
parte I, Verbali, Delibera n. 4, 28 agosto 1915.
61
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1915-1916, vol.
I, Delibera n. 19, 30 novembre 1915.
46
Le disperate richieste di Ugolotti sembrarono trasformarsi in un ordine
perentorio
nel
gennaio
1916,
quando,
evidentemente
esasperato,
scrisse
all’Amministrazione provinciale che credeva
doveroso, a scanso di responsabilità, avvertire la S.V. illustrissima che non è più
possibile evitare quello che fin qui con ogni sforzo fu evitato, cioè la ricerca di
provvedimenti d’urgenza che saranno difficili, costosi e, come il solito, di ripiego.
Mancano i locali per porvi i ricoverati, ed ora bisogna trovarli62.
Ugolotti paventò anche il rischio di possibili, rapide, espansioni di contagi delle
malattie infettive. Rapidamente, dunque, si cominciarono a cercare nuovi spazi dove
ricavare nuove camerate e allineare nuovi letti: nel luglio 1916 fu acquistato uno stabile
nelle vicinanze del manicomio che fu destinato a diventare – con una terminologia che
tentava di portare Colorno al livello delle strutture manicomiali più moderne –, il
nuovo «padiglione di isolamento», necessario tra l’altro anche per uniformarsi alle
prescrizioni della legge 3663.
Si trattava in realtà di un’abitazione privata, per quanto spaziosa, collegabile al
manicomio dal giardino attraverso il prato della lavanderia, sul retro dell’istituto, che
avrebbe dovuto contenere una trentina di ricoverati dopo essere stata suddivisa in due
sezioni, con gli uomini a pianterreno e le donne al primo piano.
Tuttavia, quasi non si fece in tempo a terminare i lavori di ristrutturazione che
alla fine dell’anno, per far fronte all’emergenza lamentata da Ugolotti, il padiglione di
isolamento fu trasformato in una sorta di «reparto speciale del manicomio o in reparto
sussidiario di una delle sezioni del manicomio stesso»64, dal momento che il problema
reale dei degenti, più che essere falcidiati da una qualsiasi epidemia, consisteva nel
disporre di un letto dove dormire.
62
App, tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, lettera del Direttore alla Deputazione
provinciale, 10 gennaio 1916.
63
Cfr. App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo ’916-’917,
parte I, Verbali, Delibera n. 14, 15 luglio 1916. La casa, di proprietà della signora Cleonice Maumary,
sarebbe stata acquistata dall’amministrazione provinciale nel 1917 al costo di 13.500 Lire, ma, vista
l’urgenza, per entrarvi al più presto le si sarebbe corrisposto un affitto di 1.500 Lire mensili. A proposito
delle ricerche compiute per individuare una struttura idonea, Ugolotti ribadì il suo disaccordo per simili
soluzioni di fortuna, dicendosi «dolente di esservi stato costretto da impellenti necessità e colla speranza che
queste siano le ultime», Aop, Carteggio classificato, Miscellanea, b. 32, fasc. 6, lettera al presidente della
Deputazione provinciale, 19 gennaio 1916.
64
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1916-1917, vol.
I, Delibera n. 17, 19 dicembre 1916.
47
L’incessante bisogno di spazio si acuì in modo ancora più drammatico
soprattutto a partire dal mese di novembre 1917, dopo la rotta di Caporetto e
l’invasione delle province di Udine, Belluno, Treviso e Vicenza da parte delle truppe
austriache. In quei giorni, infatti, accanto alla ritirata dell’esercito e all’esodo
spontaneo della popolazione delle terre occupate, lo sfollamento dalla linea del fronte
ordinato dai comandi militari condusse anche a Colorno un gruppo di alienati sfollati
dai manicomi veneti.
Dopo la creazione da parte della Presidenza del consiglio dell’alto
commissariato, incaricato di smistare i profughi sul territorio nazionale, a Colorno il
prefetto di Parma ordinò la requisizione di una villa nei pressi del manicomio che
avrebbe ospitato trentanove sfollati provenienti dal manicomio di Lonigo65.
Una volta acquisita dal manicomio, la Villa Bellocchio necessitava di
arredamento e forniture adeguate ad accogliere i nuovi degenti: per rassicurare
l’Amministrazione provinciale, il prefetto scriveva che tutte le spese – quantificate in
25.000 Lire – sarebbero state a carico del Ministero dell’interno66.
Anche se la maggior parte dei nuovi ricoveri, come si vedrà nei capitoli
successivi, interessò prevalentemente gli uomini, senza dubbio i problemi connessi alla
crescente massa di degenti riguardarono anche le donne, che presto si trovarono a poter
disporre di spazi sempre più angusti. Per questo motivo, nel corso del 1917 si rese
necessario sistemare anche i reparti femminili delle “tranquille” e delle “agitate”, che,
secondo le parole di Ugolotti, «più ad una bolgia clamorosa assomigliava[no] che ad un
luogo di soggiorno – non dico di cura – di alienate»67.
65
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo ’917-’918, parte I, Verbali, seduta del
12 gennaio 1918. Quegli alienati sarebbero rimasti a Colorno per un anno e mezzo, e fecero ritorno a Lonigo
solo a fine conflitto, nel luglio 1919. Cfr. Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31,
Trasferimento alienati da altri istituti, lettera del Direttore al Direttore della Casa di salute di Lonigo, 26
luglio 1919. Sui profughi e gli sfollamenti dalle province occupate si veda in particolare Daniele Ceschin, Gli
esuli di Caporetto. I profughi in Italia durante la Grande Guerra, Laterza, Roma-Bari 2006; Id., La
popolazione dell’Alto Vicentino di fronte alla Strafexpedition: l’esodo, il profugato, il ritorno, in Vittorio
Corà, Paolo Pozzato (a cura di), 1916: la Strafexpedition. Gli Altipiani vicentini nella tragedia della Grande
Guerra, Paolo Gaspari editore, Udine 2003; Camillo Pavan, In fuga dai tedeschi. L’invasione del 1917 nel
racconto dei testimoni, C. Pavan editore, Treviso 2004: Elpidio Ellero, Storia di un esodo. I friulani dopo la
rotta di Caporetto 1917-1919, Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione, Udine 2001.
66
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo ’917-’918, parte I, Verbali, seduta del
12 gennaio 1918.
67
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1028.
48
Furono dunque riadattati i locali del secondo cortile del palazzo, e si costituì un
nuovo reparto che poteva ospitare una quarantina di ricoverate, in prevalenza
“semiagitate”.
Un’ulteriore espansione dell’istituto si verificò nel corso del 1918, quando fu
decisa la costituzione di un reparto per bambini. La decisione comportò l’affitto di due
abitazioni di proprietà privata, vicine al corpo centrale del manicomio, che furono
riadattate e “ammodernate” tramite la dotazione di latrine, acqua potabile e luce
elettrica. E tuttavia, uno dei due edifici, quello destinato agli «ineducabili», come
segnalava Ugolotti con grande diplomazia, continuava a rimanere «non privo di gravi
difetti strutturali»68 o, in altre parole, decisamente inadeguato.
E nonostante i lavori e gli ampliamenti – o forse proprio a causa di quelli – il
manicomio di Colorno perdeva sempre di più le caratteristiche di una struttura
ospedaliera per diventare un labirinto informe, nel quale si susseguivano alla rinfusa
corridoi, stanze e saloni, e dove la mancanza di razionalità nella disposizione degli
spazi si ripercuoteva sulla capacità di contenimento dei ricoverati.
Nel giugno 1917 il direttore scriveva per l’ennesima volta all’Amministrazione
provinciale dichiarando che in questo modo, e nonostante tutto l’impegno da lui
profuso per evitare un simile risultato, il manicomio si era ridotto alla stregua di una
semplice struttura carceraria:
Io non credo di dover insistere più oltre e ripetere quello che ho già tante volte
detto: qui solamente credo doveroso avvertire che l’affollamento dell’istituto,
malgrado le dimissioni che si compiono, va sempre più aumentando e rende perciò
sempre più gravi le condizioni di funzionamento dell’istituto medesimo, già gravi
per ragioni della sua struttura e della sua irrazionale e caotica distribuzione di
locali. Ond’è, per conseguenza, che, nonostante gli sforzi continui della Direzione
e di tutto quanto il personale, la funzione specifica del nostro manicomio diventa
sempre meno una funzione spedaliera per diventare sempre più una funzione di
reclusorio69.
Nel gennaio 1918 alcuni consiglieri provinciali polemizzarono sull’entità delle
spese sostenute per il manicomio, affermando che quella cifra avrebbe potuto essere
destinata alla costruzione di un nuovo ospedale, anziché servire per “tamponare le
68
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1028.
69
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, lettera del
Direttore alla Deputazione provinciale, 8 giugno 1917.
49
falle”. Il presidente Lagasi ribatté tuttavia facendo presente che quelle falle non erano
altro che complicazioni derivanti dalle conseguenze della guerra, e dalla necessità di
obbedire agli ordini delle autorità militari:
L’osservazione del cons. Grossardi relativa all’entità delle spese fatte è
un’osservazione che non ha ragione di essere, tenuto conto delle urgenze che si
sono verificate. Intanto la prima spesa […] è stata fatta perché si sono determinate
delle malattie nel manicomio e perché abbiamo dovuto provvedere ai bambini dei
richiamati che erano stati raccolti a Colorno e che erano stati trattati così male che
l’autorità ha dovuto intervenire e far chiudere l’istituto ove erano ricoverati.
Abbiamo quindi dovuto, d’urgenza, prendere in affitto un locale, farlo riparare e
comperare il materiale necessario ad arredarlo, perché questi bambini potessero
essere ricoverati. Dopo questa urgenza se ne è manifestata un’altra in conseguenza
dell’invasione nemica delle province di Belluno, Treviso e Udine. In conseguenza
di questa invasione, siamo stati obbligati a fare delle spese per ricoverare gli
alienati venuti di là, mandati dall’autorità politico-militare, e per provvedere a una
grande quantità di malati mandati dall’autorità militare e di soldati che venivano
inviati direttamente all’ospedale di Colorno70.
Per quanto le argomentazioni di Grossardi fossero finalizzate a denunciare la
scarsa lungimiranza della Provincia, e la sua scelta di non costruire un nuovo ospedale,
il problema economico lamentato era concreto. A carico dell’Amministrazione
provinciale, infatti, non ci furono soltanto le spese straordinarie sostenute nel corso del
quadriennio per ridimensionare il manicomio cercando di adattarlo al numero dei
ricoverati. L’ente dovette ovviamente continuare a fare fronte alle spese ordinarie
necessarie per mantenere una struttura che ospitava oltre settecento persone le cui
esigenze, come scriveva Ugolotti, andavano conciliate con l’aumento dei costi degli
approvvigionamenti e «con le continue e sempre rinnovatesi disposizioni di
razionamenti, economie, tessere, calmieri, ecc. ecc.»71.
Nel 1918, nella sua relazione annuale, il direttore esponeva le difficoltà
incontrate anche nell’acquisto dei generi alimentari necessari a sfamare un numero
tanto grande di ricoverati, che si erano necessariamente tradotte in «riduzioni e
70
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1917-1918, parte I, Verbali, seduta del
12 gennaio 1918, pp. 200-201. Il consigliere Antonio Grossardi aveva osservato che dal 1910 per interventi
sul manicomio erano state spese 516.940 Lire.
71
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, pp. 1029-1030. E le difficoltà aumentavano con l’aumentare della fatica per reperire le materie prime:
ad esempio, nel gennaio 1917 il direttore faceva presente che le scorte di carbone per il riscaldamento
andavano diminuendo e che, vista la difficoltà negli approvvigionamenti, occorreva cominciare subito le
richieste per avere i rifornimenti, App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale. Anno
amministrativo 1916-1917, vol. II, Delibera n. 23, 27 febbraio 1917.
50
continue trasformazioni delle tabelle dietetiche sia del personale che dei ricoverati»,o,
in altre parole, in un ridimensionamento della quantità e della qualità dei pasti72.
Sul bilancio dell’Amministrazione, inoltre, gravavano anche le rette di quella
quarantina di alienati trasferiti nel 1916 da Colorno al manicomio di Siena e all’ospizio
di carità di Casale Monferrato, che furono aumentate piuttosto sensibilmente nel corso
del 1917, a causa del «protrarsi dello stato di guerra», come scrisse il direttore del
manicomio di Siena:
l’enorme costo dei generi di prima necessità, la difficoltà nel provvederli, il
maggior costo dei servizi di assistenza e sorveglianza pesano sullo stato finanziario
del Bilancio in maniera così impressionante che di difficile anzi impossibile
applicazione diverrebbe l’assistenza ai ricoverati senza l’aiuto degli Enti che
concorrono al loro mantenimento73.
L’aumento fece lievitare il costo per ricoverato da 2,50 a 3,50 Lire al giorno, ma
l’ente sembrò accettarlo senza obiezioni, riconoscendo proprio l’eccezionalità e la
gravità del momento. Anche l’ospizio di Casale Monferrato – sistemazione che era
stata scelta per le particolari e favorevoli condizioni economiche – nei primi mesi del
1918 aumentò la tariffa richiesta da 1,80 a Lire a 2,25 per ricoverato74.
Queste nuove, impreviste, spese, insieme all’aumento del costo dei generi di
prima necessità, misero in una tale difficoltà le casse provinciali che l’Amministrazione
fu costretta a «ricorrere a un’operazione straordinaria di credito» e accendere un mutuo
di 100.000 Lire «pel mantenimento di mentecatti poveri della Provincia»75.
Nonostante i tentativi dell’Amministrazione provinciale di mantenerlo tra le
questioni marginali, la cui soluzione poteva essere procrastinata sine die, il nuovo
72
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1029. Sulla riduzione delle disponibilità alimentari in Italia durante la guerra si veda almeno
Riccardo Bachi, L’alimentazione e la politica annonaria in Italia, Laterza, Bari 1926; M.C. Dentoni, Annona
e consenso in Italia 1914-1919, Franco Angeli, Milano 1995.
73
App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, 1914-1922, lettera del rettore del
manicomio di Siena al Presidente della Deputazione provinciale, 25 ottobre 1917. A questo primo aumento
ne seguì un altro nell’estate seguente, che vide aumentare la retta giornaliera a 4 Lire e che
l’Amministrazione provinciale accettò senza opporre resistenza.
74
La proposta fu accettata dalla giunta parmigiana proprio viste «le eccezionali condizioni del momento» e
«l’elevatissimo costo della vita», App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno
amministrativo 1918-1919, vol. I, Delibera n. 9, 18 febbraio 1918.
75
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, anno amministrativo 1917-1918, vol.
I, Delibera n. 22, 8 dicembre 1917. Analizzando l’elenco delle spese per il solo mese di dicembre 1917, si
osserva che le voci più onerose, dopo quella per il mantenimento dei ricoverati e del personale (54.000 Lire),
sono per «Stipendi, salari, affitti e alloggi» (14.600 Lire) e per il «Mantenimento di maniaci in altri
stabilimenti (12.000 Lire).
51
conflitto stava rendendo il manicomio di Colorno una presenza davvero ingombrante e
di ardua gestione, anche se difficilmente si sarebbe riusciti a risolvere il problema in
modo radicale e definitivo proprio in quegli anni impetuosi e sconvolgenti.
4. I ricoverati nella guerra
Naturalmente, i primi a pagare le spese di un massiccio aumento di ingressi tra il
1915 e il 1918 furono gli stessi ricoverati, che – in assenza di spazi adeguati e di
personale a disposizione in numero sufficiente – erano costretti ad una totale inerzia
quando non a rimanere assicurati ai letti per lungo tempo.
Già a pochi mesi dall’inizio delle ostilità, il direttore lamentava che l’aumento
delle presenze nel manicomio aveva indotto una serie di difficoltà in merito alla
gestione, aggravate dalle «gravi deficienze» e dai «vizi irriducibili» dell’istituto:
Vista una nota […] del Direttore del manicomio con la quale […] non tornerà a
dimostrare come il manicomio di Colorno non possa mai essere, per vizi
irriducibili, un ospedale per ammalati di mente, ma vuole solo ricordare un fatto
che in questi ultimi mesi è andato assumendo una gravità allarmante, cioè
l’affollamento dei ricoverati; che, come dovunque, anche nel manicomio di
Colorno, per ragioni generali – cui non sono estranee quelle create dalla guerra – il
numero dei ricoverati, che da parecchi anni era in continuo e progressivo aumento,
nell’anno corrente ha subito un aumento addirittura enorme76.
Nelle sue parole si legge una forte, avvilita apprensione derivante certamente
dal fatto che il sovraffollamento ricadeva sulla sicurezza del personale ma anche, e
forse soprattutto, sul trattamento dei ricoverati, ridotti a un «miscuglio informe»:
I poveri ricoverati – tranquilli, agitati, malinconici, epilettici, criminali, sudici –
sono raccolti in un miscuglio informe e costretti a mezzi coercitivi e all’ozio
forzato, con danno evidente alla loro salute mentale, alla tranquillità, alla
disciplina, al buon andamento dei servizi, ed infine con pericolo della integrità
personale degli infermieri e dei medici77 .
La preoccupazione e lo sconforto del direttore trovavano una fondata conferma
nei dati numerici. Nel secondo semestre del 1915, a partire dalla stagione estiva, si
verificò un consistente aumento del numero dei ricoverati. La media statistica delle loro
presenze giornaliere – che fino a quel momento si attestava sulle 440 unità – aumentò
76
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1915-1916, vol.
I, Delibera n. 4, 28 agosto 1915.
77
Ibidem.
52
fino a 477 e poi ancora a 491 nel 1916. Una media destinata ad alzarsi nel biennio
successivo, quando giunse a 526 nel 1917 e a 605 nel 1918 [Tabella 1, Grafico 1].
Scomponendo i dati, si osserva come ad alzare il numero dei presenti in
manicomio furono le nuove ammissioni, cioè gli ingressi di chi non era mai stato
ricoverato prima, che crebbero continuamente: se nel 1915 erano 221 (negli anni
precedenti erano invece circa 170), nel 1916 il loro numero salì a 240; nel 1917, poi, si
verificò il picco di maggiore intensità, con 334 ingressi, per scendere lievemente l’anno
seguente, giungendo a 274 [Tabelle 2, 3, 4, Grafici 2, 3, 4].
In tutto il quadriennio, erano entrati per la prima volta in manicomio
prevalentemente uomini: se nel 1915 furono 105, mentre le donne 61, negli anni
successivi addirittura gli ingressi maschili raddoppiarono rispetto a quelli femminili:
129 uomini e 49 donne nel 1916; 173 uomini e 84 donne nel 1917; 145 uomini e 75
donne nel 191878 [Tabella 6, Grafico 6].
A fronte di tali cifre, appare comprensibile l’atteggiamento del direttore
Ugolotti, che si trovò a dovere gestire una situazione particolarmente complessa in una
struttura che non era mai stata adeguata a contenere così tante persone
contemporaneamente.
Forse, dunque, non appare così complicato immaginare come cinquecento
uomini e donne – ricoverati con problemi mentali e comportamentali, almeno secondo
le diagnosi dei medici – potessero convivere accalcati notte e giorno in un dedalo tanto
intricato, con pochissimo spazio a disposizione, e a volte nemmeno un letto. Forse è
possibile intuire come trascorressero le ore e i giorni, scarsamente nutriti e poco o per
nulla seguiti da parte del personale, che non bastava nemmeno per accudirli tutti.
Forse si possono indovinare gli scontri, l’esasperazione e gli accessi d’ira da
parte di individui costretti a oziare per giornate intere, senza avere alcuna occupazione
o distrazione che potesse interrompere la monotonia di ore sempre uguali e segregate.
È quasi impossibile, però, ricostruire la vita quotidiana dei ricoverati dal loro
punto di vista, perché, come vedremo, la cultura psichiatrica dominante in quel periodo
tendeva ad escludere la soggettività e la considerazione dei pazienti come persone,
78
Dal punto di vista statistico-quantitativo, invece, i dati delle riammissioni segnalavano un maggiore
equilibrio tra uomini e donne: nel 1915 entrarono di nuovo in manicomio 35 uomini e 20 donne; nel 1916 33
uomini e 29 donne; 46 uomini e 31 donne nel 1917; 26 uomini e 28 donne nel 1918. Cfr. Aop, Carteggio
classificato, Miscellanea, b. 32, Statistiche ricoverati.
53
dotate di diritti e di senso, per considerarne esclusivamente i più elementari bisogni
biologici.
Purtroppo non esistono cronache che possano documentare come gli alienati
abbiano trascorso mesi, giorni ed ore in quegli anni all’interno del manicomio, e quello
che rimane è esclusivamente il punto di vista dell’autorità principale, il direttore, il
quale, nel giugno 1917, con alcune brevi frasi descriveva l’esistenza degli alienati
dentro i reparti:
I reparti – ho già detto tante volte – sono mischie informi di ricoverati; clamore ed
atti di violenza fra ricoverato e ricoverato sono le loro abituali manifestazioni di
vita; la camicia di forza e l’ozio forzato i mezzi di cura; gl’infermieri nonché i
medici sono ridotti quasi a carcerieri 79.
Oltre che andare a maggior detrimento delle condizioni di vita all’interno, il
sovraffollamento si ripercuoteva anche sull’efficienza del controllo da parte degli
infermieri, come dimostrano i due episodi di evasione dall’istituto compiuti dal
fontanellatese Fermo M. – identificato come «deficiente tranquillo» –, avvenuti a pochi
giorni di distanza l’uno dall’altro, nel maggio 191780. Sebbene, necessariamente,
Ugolotti non attribuisse alcuna responsabilità agli infermieri addetti alla sorveglianza,
appare evidente come la scarsità di personale unita ad una sovrabbondanza di ricoverati
non potesse che facilitare la fuga di quei ricoverati come Fermo, né agitati né
particolarmente ribelli, che concretizzavano una possibilità insperata e riuscivano ad
evadere alla stregua di Edmond Dantès, come nei migliori romanzi d’avventura.
Paradossalmente, ancora una volta il direttore attribuiva la responsabilità di
queste evasioni alla debolezza della struttura intera, e quindi indirettamente all’ente
provinciale, che non aveva mai stabilito la costruzione di un manicomio nuovo e più
sicuro:
Questa notte, verso le ore 3, il ricoverato M.F., trovò modo di piegare una
spranghetta dell’inferriata del proprio dormitorio e, a mezzo di un lenzuolo, calare
al suolo e poi darsi alla fuga. Immediatamente ricercato dagli infermieri, non fu
ritrovato, data anche la completa oscurità della notte. Non risultano, almeno fino
ad ora, responsabilità da parte del personale di custodia; esistono invece nel
79
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 32, fasc. 6, Relazione al presidente della Deputazione
provinciale di Parma, 8 giugno 1917.
80
Aop, Cartelle cliniche, M. F.
54
dormitorio indicato, come in tanti altri, serramenti vecchi e di ripiego in piena
armonia coi mille altri ripieghi dell’istituto81.
I ripieghi accennati da Ugolotti erano in effetti molteplici: già nei primi mesi del
1916, infatti, egli aveva tentato di trovare soluzioni immediate per fare fronte
all’emergenza, e – nell’attesa che venissero in qualche modo ampliati i locali – aveva
chiesto la possibilità di spostare alcuni ricoverati in altri istituti82.
Com’era prevedibile, però, il tentativo incontrò diversi ostacoli, primo fra tutti il
fatto che in quegli anni la maggior parte dei manicomi italiani si trovava a condividere
le stesse serie difficoltà di affollamento in cui versava Colorno.
È quanto scriveva lo stesso Ugolotti al presidente della Provincia per sollecitarlo
a lasciar trasferire una parte dei ricoverati di Colorno in quegli istituti che avevano già
accettato di ospitarli. L’urgenza derivava dalle molte richieste provenienti da svariati
ospedali, che, prevedibilmente, convergevano sui pochi luoghi rimasti ancora a
disposizione:
La massima parte, come prevedevo, ha risposto senz’altro negativamente, poiché
dovunque o quasi i manicomi sono pieni zeppi di ricoverati e dovunque si tentano
tutti i mezzi per sfollarli. Il solo manicomio di S. Girolamo in Volterra
accetterebbe tutti i cinquanta ricoverati offerti. L’istituto medico di Bertalia
sarebbe disposto ad accettarne una ventina, che non abbiano però oltre 50 anni;
l’Ospizio di Carità di Casale Monferrato una quindicina; e così fors’anche il
manicomio S. Nicolò di Siena. […] Siccome però il manicomio di Volterra e
l’ospizio di Casale Monferrato hanno dichiarato di volere una immediata risposta,
dovendo decidere sopra analoghe offerte (compresa una del governo, che cerca ora
di evacuare il manicomio di Udine), e bene considerato che la retta dichiarata
dall’ospizio di Casale è oltremodo modesta (L. 1,80 al giorno per ogni ricoverato)
e sarà certo inferiore a qualsiasi altra, tenuto anche conto delle enormi difficoltà
che si dovranno incontrare per trovare un istituto che accolga la nostra offerta, così
credo che la S.V. farebbe cosa opportuna nell’interesse dell’Amministrazione,
addivenire senz’altro a una conclusione affermativa col detto Ospizio di carità di
Casale Monferrato83 .
81
Ivi, lettera del Direttore al Presidente della Deputazione provinciale, 24 maggio 1917.
Cfr. Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, lettera
del Direttore alla Deputazione provinciale, 10 gennaio 1916.
83
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, Lettera del
direttore del manicomio di Colorno al presidente della Deputazione provinciale, 25 gennaio 1916. Non tutti
gli istituti avevano risposto alle richieste del direttore di Colorno: ad esempio, il soldato Funo B., della
provincia di Reggio Emilia – ricoverato nel maggio 1916 per uno «stato depressivo-ipocondriaco con
molteplici disturbi sensoriali» e riformato dal servizio militare –non riuscì ad essere ricondotto nell’ospedale
psichiatrico della sua provincia se non dopo un anno di continue richieste da parte del direttore, che non
ebbero alcuna risposta dai medici del San Lazzaro. Cfr. Aop, Cartelle cliniche, B.F.
82
55
Dal manicomio di Siena, il direttore Antonio D’Ormea aveva risposto a Ugolotti
segnalandogli che, naturalmente, anche il suo manicomio si trovava a rischio di
sovraffollamento dopo avere accettato di ospitare centocinquanta alienati provenienti
da Firenze, ma aggiungeva che, qualora si fosse trovato in «condizioni disperate»,
avrebbe cercato di trovare una soluzione in nome di una «collegiale cordialità»84. E le
condizioni di Colorno erano evidentemente disperate, tanto che due mesi dopo
D’Ormea accettò di accogliere venti ricoverati cronici tranquilli della provincia di
Parma85.
Inoltre, anche gli istituti non eccessivamente affollati temevano di essere
requisiti dai comandi militari, e per questo faticavano ad accogliere ospiti da altri
ospedali. Il direttore dell’ospizio di carità di Casale Monferrato, interpellato
nuovamente da Ugolotti nel giugno 1917, rispondeva ribadendo la sua preoccupazione
in caso di una requisizione militare del proprio istituto, e poi, una volta scongiurato il
rischio, segnalando la propria disponibilità ad ospitare non più di una quindicina di
alienati86.
Durante l’estate, dunque, altri sedici ricoverati partirono da Colorno alla volta di
Casale Monferrato, dopo che Ugolotti aveva ottenuto il permesso dal procuratore del
Re nel rispetto del regolamento sui manicomi del 26 agosto 1909 e dopo avere
specificato che si trattava di alienati «tranquilli, innocui, cronici, o senza famiglia o da
questa dimenticati»87.
Il rispetto delle regole ostentato dal direttore parmense non pare solo rispondere
all’esigenza di dimostrarsi meticoloso e rigoroso, soprattutto di fronte a
un’amministrazione che non riusciva a far fronte alle sue richieste, ma sembra anche
tradire un interesse reale nei confronti dei “suoi” ricoverati. Il 19 ottobre 1917, infatti,
Ugolotti riferiva al presidente della Provincia di Parma di avere compiuto una visita ai
ricoverati a Casale e nel contempo un sopralluogo all’istituto: aveva riscontrato un
«evidente deterioramento delle loro condizioni fisiche», e pur considerando «che
84
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, Lettera del
direttore del manicomio di Siena al direttore di Colorno, 18 gennaio 1916.
85
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, Lettera del
direttore del manicomio di Colorno, 14 marzo 1916. I venti trasferiti erano tutti uomini, cfr. App, Tit. 6,
“Beneficenza”, “Manicomio”, “Sfollamento ricoverati”, cass. 1, fasc. “1914-1922”.
86
Cfr. Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, lettere
del presidente dell’Ospizio di Carità al direttore del manicomio di Colorno, 22 giugno e 6 luglio 1917.
87
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, “Trasferimento alienati da altri istituti”, Lettera del
direttore del manicomio di Colorno al procuratore del Re, 19 febbraio 1916.
56
l’istituto di Casale è un semplice Ospizio di carità e di mendicità e non un ospedale»,
aggiungeva che «il ricovero dei nostri ammalati nell’ospizio di Casale [era] un ripiego
che, per molte ragioni, [avrebbe dovuto] il più presto possibile aver fine»88.
Eppure, non solo lo sfollamento non ebbe fine entro breve, ma era anzi solo
all’inizio: nel mese di febbraio 1917 il Comando militare avvertì la Provincia
dell’imminente necessità di evacuare il manicomio, tutto o in parte, per farne
«immediatamente» un ospedale di
feriti e suggeriva di
spostare almeno
duecentocinquanta pazienti, pari a tutta la sezione femminile, specificando di
«agevolare l’opera che [era], come ben comprende, altamente civile e patriottica»89.
Subito dopo avere ricevuto la comunicazione, dunque, furono inviati una serie
di telegrammi ai manicomi dei paesi distanti dal conflitto e meno lontani da Parma
(Volterra, Reggio Emilia, Casale Monferrato, Imola, Siena e Bologna) per verificare la
loro disponibilità. Mentre Bologna e Imola esclusero la possibilità di accogliere ospiti
“stranieri” perché già a loro volta impegnati con l’autorità militare, Siena e Casale
Monferrato comunicarono di avere ancora spazio a disposizione; una risposta analoga
giunse dal direttore di Reggio Emilia, il quale tuttavia specificò che, dal momento che
la sua struttura era al servizio degli alienati militari, avrebbe potuto accettare al
massimo «cinquanta donne tranquille polite»90.
Gli affanni del direttore per smobilitare un numero tanto consistente di
ricoverati – pari alla metà delle presenze complessive nel manicomio – furono placati
88
«Dobbiamo osservare che la pulizia in genere potrebbe essere maggiore; c’è affollamento di ricoverati e si
notano evidenti sforzi di economia in tutti i servizi», Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31,
“Trasferimento alienati da altri istituti”, lettera del direttore del manicomio di Colorno al presidente della
Deputazione provinciale, 19 ottobre 1917. Prima del trasferimento, Ugolotti aveva anche verificato di
persona l’idoneità dell’istituto, e segnalato il fatto che non fosse un ospedale psichiatrico attrezzato ma «un
semplice ricovero», cfr. App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, fasc. “19141922”, lettera al presidente della Deputazione provinciale, 8 febbraio 1916.
89
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, “Miscellanea”, b. 31, Requisizione del Manicomio da parte
dell’Autorità Militare, 23 febbraio 1917. La necessità di avere più spazi dove collocare i feriti derivava dalle
conseguenze del secondo anno di guerra, il primo ad essere combattuto per dodici mesi ininterrotti, nel quale,
accanto alla tanto glorificata presa di Gorizia, i soldati italiani avevano dovuto subire i colpi della
Strafexpedition austro-tedesca.
90
App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, 1914-1922, telegramma del
presidente della Provincia di Reggio Emilia al presidente della Deputazione provinciale di Parma, 24
febbraio 1917. Presso il manicomio di Reggio Emilia funzionò dal 1917 il Centro psichiatrico di prima
raccolta, diretto da Placido Consiglio; cfr. Francesco Paolella, Un laboratorio di medicina politica. Placido
Consiglio e il Centro psichiatrico militare di prima raccolta, in Mirco Carrattieri, Alberto Ferraboschi,
Piccola Patria Grande Guerra. La prima guerra mondiale a Reggio Emilia, Clueb, Bologna 2008; Id., La
neuropsichiatria in Emilia Romagna durante la Grande Guerra, in Id., Fabio Montella, Felicita Ratti (a cura
di), Una regione ospedale. Medicina e sanità in Emilia-Romagna durante la Prima guerra mondiale, Clueb,
Bologna 2010, pp. 98-110.
57
solo dopo tre settimane, quando giunse la notizia, scarna e priva di spiegazioni, che il
Comando della Divisione militare di Piacenza aveva «potuto provvedere altrimenti a
tale necessità»91.
Se in qualche modo il problema di spostare duecentocinquanta ricoverati in
massa era stato allontanato, rimaneva l’esorbitante numero di alienati dentro l’ospedale
a gravare sulle spalle di Ugolotti. Egli prese anche in considerazione l’ipotesi di
potenziare l’assistenza familiare dei ricoverati, riconsegnandoli alle proprie famiglie, o
a famiglie «estranee», in cambio di un «congruo» assegno mensile: scrisse perciò a tutti
gli istituti manicomiali italiani per sapere come si regolavano in merito. Le risposte, in
modo sostanzialmente univoco, concordarono sul fatto che in quel modo si sarebbe
rischiato di creare una forma distorta di beneficenza, e che dunque l’ipotesi, per quanto
di sollievo immediato per il sovraffollamento manicomiale, fosse da valutare
attentamente92.
Secondo l’autorevole professore Augusto Tamburini, invece – il quale del resto
aveva adottato questo sistema già dal 1903, quando dirigeva il manicomio di Reggio
Emilia – non tanto il mantenimento in famiglia degli alienati ma l’affidamento presso
altre famiglie (la cosiddetta «assistenza etero-familiare») avrebbe permesso di sottrarli
«all’isolamento della caserma manicomiale» e restituirli «ad un genere di vita logico,
da cui è sempre pericoloso allontanarsi»93. Inoltre, sembrava quasi rispondere a
Ugolotti quando sosteneva che i risparmi economici a carico delle Province erano
indubbi, perché in questo modo si sarebbero evitati ampliamento o costruzione di nuovi
locali, anche se poi ammetteva che occorreva anche non farsi illusioni sull’entità di
simili economie, perché i vantaggi sarebbero stati principalmente indiretti, e legati
principalmente al recupero dei soggetti usciti dal manicomio:
1. rendono di nuovo abili per la vita sociale degli individui che altrimenti
avrebbero dovuto finire i loro giorni nei Manicomi, gravando per tutto questo
91
App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, 1914-1922, lettera del comandante
del Presidio militare di Parma al presidente della Deputazione provinciale, 14 marzo 1917.
92
Aop, Carteggio antico, Lettere 1883-1917, b. 12, lettera del Direttore del manicomio di Colorno, 3 agosto
1917. Significativa in questo senso fu la risposta del direttore del manicomio di Arezzo, il quale scriveva che
esisteva il rischio concreto di alleviare le conseguenze della miseria, «sostituendosi così alle Congregazioni
di carità ed ai Comuni nei doveri della carità», e che per questo occorrevano mille cautele nella scelta dei
soggetti da assistere. Aop, Carteggio antico, Lettere 1883-1917, b. 12, lettera del presidente del manicomio di
Arezzo, 18 agosto 1917.
93
A. Tamburini, G.C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle altre nazioni, cit., pp.
559-584, p. 560.
58
tempo sui bilanci delle Amministrazioni; 2. rendono più facilmente curabili, nei
manicomi, i malati acuti in causa dello sfollamento, d’onde un minor numero di
individui a carico delle Amministrazioni; 3. infine, quando i Manicomi
rimodernati, saranno divenuti simili agli altri Ospedali, sarà più facile che i malati
vi accorrano appena si presentano i primi disturbi94 .
Ma, intanto, a Colorno i problemi di affollamento perduravano e, addirittura, si
accentuavano. Mentre da un lato si tentava di svuotare il manicomio trasferendo piccoli
gruppi dove era possibile o riconsegnando quei pochi individui in grado di essere
nuovamente accolti nelle proprie famiglie, paradossalmente, dall’altro, nella primavera
1917, la visita all’istituto medico-pedagogico di Bertalia, nei pressi di Bologna, da
parte del direttore del manicomio e del deputato provinciale delegato alla vigilanza del
manicomio, R. Dell’Eva, rese necessario trovare nuovo spazio dove collocare un’altra
trentina di ricoverati.
L’istituto privato, sorto per iniziativa della Lega nazionale per la protezione dei
fanciulli deficienti fin dai primi anni del Novecento ospitava i bambini frenastenici
delle province emiliane95. Un nuovo sopralluogo, compiuto a circa un anno di distanza
dal primo, dei due parmigiani si tradusse in una nuova relazione indignata e rabbiosa,
nella quale venivano denunciati l’abbandono, la sporcizia e l’incuria nella quale erano
costretti a vivere i bambini, trattati come animali. Naturalmente, il direttore dell’istituto
cercò di giustificarsi attribuendo al conflitto in corso la necessità delle ristrettezze
economiche e l’impossibilità di mantenere un trattamento adeguato per i piccoli ospiti,
anche se probabilmente la ragione era da ricercare nella semplice speculazione
economica. Dalle parole di Ugolotti e Dell’Eva possiamo figurarci piuttosto
precisamente quanto si fossero trovati di fronte:
Affollamento, poca pulizia in tutto e per tutto, mancanza di un vero servizio
sanitario, maltrattamento generale: ecco quanto abbiamo anche questa volta
constatato. Abbiamo trovato quei poveri piccini raccolti in ambienti, di cui alcuni
più a stalle rassomigliavano che a sale di soggiorno di un istituto medicopedagogico; li abbiamo visti quasi tutti senza scarpe, per ragioni evidenti di
economia. Economia: questo è il criterio direttivo del funzionamento di
quell’istituto, e questo criterio traspare evidente ad ogni passo. Comprendiamo che
la guerra – da quel personale dirigente incolpata di tutte quelle miserie – possa
realmente avere creato molte e gravi difficoltà, ma comprendiamo ancor meglio
come il deplorevole stato di quell’istituto dipenda essenzialmente dalla natura
94
A. Tamburini, G.C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle altre nazioni, cit., p.
584.
95
Sull’istituto di Bertalia e sulla sua gestione si veda Sul funzionamento dell’istituto medico-pedagogico di
Bertalia. Relazione della commissione nominata dalla Deputazione provinciale, Tip. Merlani, Bologna 1913.
59
dell’istituto stesso, cioè dal fatto che è un istituto di speculazione privata,
coll’aggravante, veramente colposa, che questa speculazione è fatta senza limiti
nemmeno di semplice opportunità, diremmo quasi senza ritegno96.
E tuttavia, se da un lato appariva necessario allontanare i piccoli da Bertalia,
dall’altro a Colorno non esistevano spazi liberi per ospitarli. Come abbiamo già visto,
fu perciò deciso di creare una nuova sezione per i bambini, prendendo in affitto due
case vicine al manicomio e costituendo due reparti, uno per «gli educabili, l’altro per
gli ineducabili»97.
I problemi però non sembravano terminati, perché nel frattempo la maggior
parte dei piccoli ricoverati era cresciuta: di ventotto di loro, scriveva Ugolotti, solo un
terzo avrebbe potuto essere collocato nel reparto infantile; gli altri venti sarebbero
andati a «ingrossare le file dei malati raccolti nei reparti dell’istituto», anche se con
grossi ostacoli, dal momento che non c’erano più posti letto disponibili98.
L’enorme sovraffollamento di Colorno avrebbe trovato una soluzione – seppur
destinata a non durare a lungo – solo dopo la fine della guerra, quando i nuovi reparti,
costruiti o ampliati in qualche modo per far fronte alle pressanti e continue richieste di
spazio durante gli anni precedenti, furono improvvisamente liberati e destinati a nuovi
usi in quel nuovo tempo di pace.
Così, ad esempio, la villa Bellocchio, che era stata requisita all’inizio del 1918
per ospitare gli sfollati veneti dal ricovero di Lonigo, fu considerata un luogo adatto per
essere trasformata nella “colonia agricola” dell’istituto e un’utile sede dove riaccogliere
quegli alienati «cronici tranquilli» che nel corso degli anni precedenti erano stati inviati
a Casale Monferrato e a Siena. Peraltro, come notava Ugolotti per caldeggiare l’ipotesi
del loro rientro, non mancavano ragioni «per avere dei dubbi sul buon trattamento
96
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 32, fasc. 6, Relazione al presidente della Deputazione
provinciale di Parma, 16 aprile 1917. La prima visita venne compiuta nell’aprile 1916 dal direttore Ugolotti
con Arturo Lisoni, deputato provinciale delegato alla sorveglianza del manicomio e Alfredo Valdrè,
segretario generale della Provincia, dopo essere venuti a conoscenza che nei mesi precedenti erano morti 4
bambini sui 34 parmigiani ricoverati. Cfr. App, App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione
generale, Anno amministrativo 1915-1916, vol. II, Delibera n. 37, 22 aprile 1916. L’istituto venne
definitivamente chiuso nel 1918.
97
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1028.
98
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, Relazione al presidente della Deputazione
provinciale di Parma, 8 giugno 1917.
60
usato a quei nostri malati»99. Una trentina di parmensi, dunque, dopo la guerra fece
ritorno a casa, ma solo per essere riconsegnati alla vita all’interno dell’ospedale
psichiatrico della loro provincia.
Come era avvenuto per la gestione dei ricoveri, anche il peso dello
smantellamento dei reparti e la fine delle emergenze era destinato a ripercuotersi sui
rapporti tra il Direttore e l’Amministrazione provinciale, che gli ordinò di provvedere,
per ragioni economiche, allo smantellamento del reparto dei bambini, in tutto quindici
ospiti, mediante la loro riconsegna alle famiglie di appartenenza, in cambio di un
sostegno economico.
Le ricerche di Ugolotti per smistare i piccoli furono complesse e infruttuose:
non solo sembrava che nessun istituto potesse accoglierli ma, soprattutto, nessuno dei
loro genitori era disposto a riprenderli con sé. Quel rifiuto, secondo il direttore, non
faceva che confermare la propria opinione negativa sull’assistenza familiare,
inadeguata a gestire simili situazioni. D’altro canto, però, la scelta da parte delle
famiglie di non riprendersi i propri figli era motivata, più che da mancanza di amore,
dalla mancanza di mezzi materiali e culturali per poterli accogliere. Tra le righe
stentate delle risposte che giunsero alla direzione, accanto all’imbarazzo, al disagio e al
dolore dei genitori si leggeva proprio la consapevolezza della propria inadeguatezza100.
In ogni caso, in merito alla decisione presa dalla Provincia, il direttore criticò
piuttosto apertamente i repentini e onerosi cambi di scelte nella gestione del
manicomio, e chiese, in un modo quanto mai secco e tagliente, precise regole di
condotta in merito agli ospiti, dal momento che quel reparto era in funzione da
nemmeno tre anni:
Ad ogni modo, questa Direzione coglie anche la presente occasione per affermare
l’assoluta necessità che l’On.le Amministrazione stabilisca, nei riguardi del
problema dell’assistenza degli alienati, un programma deciso e ben determinato, al
fine non solo di permettere a chi è preposto all’andamento dell’istituto
99
Aop, Carteggio classificato, cat. 10, Miscellanea, b. 31, Comunicazione al presidente della Deputazione
provinciale di Parma, 28 luglio 1919.
100
Tra le lettere ricevute in risposta, ad esempio, una madre, cercando faticosamente di rispettare la forma
burocratica e al contempo mostrare deferenza nei confronti del direttore, scriveva: «La sottoscritta F.A.
dichiara che non può prendere a casa la propria bimba F.E., non sentendosi in condizioni di tenere sempre a
fianco una povera scema in sì cattive forme, che già se potessi appena non l’avrei messa affatto in cotesto
manicomio che già può immaginarsi l’amore dei propri figli», App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio,
Sfollamento ricoverati, cass. 1, 1914-1922, Ricovero di bambini alienati, 1920-1922,lettera di F.A. al
direttore del manicomio, 6 novembre 1920.
61
manicomiale una linea netta di condotta, ma anche e soprattutto di evitare spreco
di danaro in lavori inutili e a base del sistema di fare e disfare101.
Ancora una volta, infatti, la questione determinante, per l’ente, era
squisitamente di natura economica e non solo non teneva minimamente in
considerazione le proposte del direttore ma, naturalmente, nemmeno la soggettività dei
ricoverati o l’afflizione delle loro famiglie. Nonostante tutto, il manicomio rimaneva un
problema di gestione amministrativa, come confermano le parole del deputato Annibale
Squarcia nel suo intervento alla Giunta provinciale:
Evidentemente la retta giornaliera di Lire 1,50-2 proposta ai familiari perché
ritirassero i loro bambini alienati dal manicomio di Colorno era troppo bassa e
forse in questo sta la ragione del rifiuto quasi generale che il Direttore ha avuto da
parte dei parenti. Grande vantaggio economico si otterrebbe dall’abolizione del
reparto dei bambini, annesso all’Istituto manicomiale, perciò proporrei che dal
Direttore venisse ripetuta ai parenti dei fanciulli ricoverati la proposta della retta
giornaliera raddoppiata, ossia di Lire quattro. Assolutamente da scostarsi, secondo
me, l’idea di rivolgersi ad altri istituti frenastenici per il loro ricovero poiché le
rette stabilite sono più alte – almeno per quelli già interpellati – della quota che noi
verremmo a fissare per le famiglie che aderissero a ritirare i loro piccoli alienati.
Soltanto nel caso che per ragioni economiche si venisse nella deliberazione di
sopprimere il Reparto dei bambini alienati si potrebbe accedere all’idea di inviare
questi in qualche istituto ad hoc. Allora forse la spesa maggiore che
s’incontrerebbe per il pagamento della retta giornaliera sarebbe compensata dalla
riduzione di spese generali102.
5. Il personale, medici e infermieri
Ad aggravare il bilancio dell’Amministrazione provinciale per la gestione del
manicomio durante gli anni del conflitto non fu soltanto il mantenimento dei ricoverati,
o la necessità di ampliare il manicomio cercando e costruendo nuove strutture, ma
anche gli oneri relativi al personale, che aumentò nel corso degli anni, cercando di far
fronte all’aumento dei ricoveri.
101
App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, 1914-1922, Ricovero di bambini
alienati, Comunicazione al presidente della Deputazione provinciale di Parma, 8 dicembre 1920.
102
App, Tit. 6, Beneficenza, Manicomio, Sfollamento ricoverati, cass. 1, 1914-1922, Ricovero di bambini
alienati, relazione del deputato Annibale Squarcia, 13 dicembre 1920 (sottolineatura nel testo). Alla fine di
queste estenuanti trattative i bambini furono collocati in un istituto a Pieve Gurata, in provincia di Cremona.
Cfr. App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, anno amministrativo 1920-1921,
vol. I, Delibera n. 29, 30 aprile 1921.
62
Nel 1911 il rapporto mensile alla Prefettura sulla composizione del personale,
secondo quanto previsto dal regolamento sui manicomi del 1909, registrava la presenza
di settantanove persone addette alla gestione del manicomio103.
Per un istituto che poteva contenere al massimo quattrocento ammalati, i medici
erano solo tre: il direttore Ferdinando Ugolotti, e due medici di sezione, Benvenuto
Bonatti e Dino Stanghellini; ad essi si aggiungevano un capo infermiere e un sottocapo
infermiere, sorveglianti della sezione maschile e quattro suore ispettrici per quella
femminile.
Gli infermieri erano complessivamente cinquantuno: ventisette uomini – dei
quali due impiegati nella “colonia agricola” – e ventiquattro donne, che lavoravano
rigidamente suddivisi secondo la loro appartenenza di genere per evitare qualsiasi
forma di promiscuità con i ricoverati.
Il personale si completava infine con la manodopera addetta alle mansioni
quotidiane necessarie per il funzionamento della cittadella manicomiale, strutturata in
una forma quasi completamente autarchica: tre portieri, tre cuochi, otto operai e sei
operaie.
Quantitativamente, i lavoratori dell’ospedale psichiatrico di Colorno non
mutarono particolarmente fino all’entrata in guerra dell’Italia, se si eccettua un
incremento del numero degli infermieri: nel 1915, infatti la pianta organica del
personale fu rinnovata e adeguata al maggior numero di presenze con una proporzione
di un infermiere ogni sei ricoverati104.
Eppure, il conflitto incise radicalmente sia sull’organizzazione che sulla qualità
del lavoro dei dipendenti, nonostante le rassicurazioni di Ugolotti al prefetto, che
chiedeva, in caso di mobilitazione generale, di mantenere e garantire efficienza e
continuità nei servizi sanitari105. Secondo il direttore, infatti, non solo due dei quattro
medici erano esenti dagli obblighi militari, ma non sarebbe nemmeno stato difficile
103
Cfr. App, Ufficio personale, Disposizioni Ospedale psichiatrico provinciale, b. 1, Relazione al Prefetto, 1
febbraio 1911.
104
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1915-1916, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore, pp. 700731, p. 704.
105
Aop, Ufficio personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, lettera del Prefetto di Parma al
direttore del manicomio di Colorno, 12 aprile 1915.
63
«trovare in paese avventizi che provvisoriamente sostituiscano gl’infermieri chiamati
alle armi»106.
Inevitabilmente, però, la mobilitazione per la guerra coinvolse un buon numero
di infermieri e operai che lavoravano “dentro”, e che furono richiamati già a partire dal
mese di maggio. Nel mese di luglio 1915 gli assenti erano dieci, che diventarono
quindici tre anni dopo (tra cui il ragioniere, Dante Savazzini, e uno dei due medici
assistenti, Dino Stanghellini)107.
In un primo tempo, il direttore cercò di fare fronte alle partenze del personale
maschile per l’esercito servendosi di quello rimasto disponibile, senza assumere nuove
figure, per non gravare ulteriormente sul bilancio provinciale:
Assicuro la S.V. che ho fatto e continuerò a fare tutto il possibile acciocché il
personale che rimane in servizio, sia impiegato o salariato, sostituisca quello che
lascia l’istituto perché richiamato alle armi. Così, mediante nuove disposizioni
d’orario e di servizio, ho già provveduto, senza bisogno di ricorrere ad avventizi,
al regolare funzionamento del manicomio, per quanto il numero degli infermieri
sia stato notevolmente ridotto108 .
Il progressivo ridursi del numero degli infermieri finì però per ripercuotersi
soprattutto sull’efficienza della sorveglianza, e si tradusse nella difficoltà di mantenere
la situazione sotto controllo.
In particolare, una nuova evasione da parte di un ricoverato, che riuscì a fuggire
dal manicomio nelle ore notturne, riuscendo ad eludere la vigilanza degli infermieri, fu
giustificata dal direttore accusando lo stato di guerra. Il ventottenne parmigiano
Giuseppe B. – ricoverato da oltre un anno, dopo essere entrato per la terza volta nel
novembre 1914 per «deficienza mentale in soggetto epilettico» –, scappò dal
manicomio nella notte del 20 settembre 1915 forzando le inferriate di una finestra del
dormitorio109. Interrogato in merito, il direttore spiegò al presidente della Provincia che
106
Aop, Ufficio personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, lettera del direttore di Colorno
al Prefetto di Parma, 15 aprile 1915.
107
Cfr. Aop, Ufficio personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, comunicazione del
direttore di Colorno al presidente della Provincia, 15 luglio 1918. Secondo la memoria di chi ha lavorato a
Colorno, l’espressione “andare dentro” – piuttosto indicativa della rigida chiusura della struttura rispetto al
mondo esterno – era un modo di dire molto frequente per indicare lo svolgimento della propria occupazione
all’interno dell’ospedale psichiatrico. Alcuni racconti di infermieri tra gli anni Cinquanta e Sessanta del
Novecento sono in M. Becchetti, I. La Fata, Maria Teresa Moschini, La fabbrica dei matti. L’ospedale
psichiatrico nei racconti di alcuni colornesi ai ragazzi, Comune di Colorno, Colorno 2008.
108
App, Titolo 6, Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, 1911-1923, lettera del
direttore al presidente della Deputazione provinciale, 30 maggio 1915.
109
Aop, Cartelle cliniche, B.G., lettera del direttore alla Deputazione provinciale, 20 settembre 1915.
64
gli infermieri non avevano alcuna responsabilità, in parte per l’astuzia di Giuseppe,
descritto come un lucido criminale, e in parte per le complicazioni derivanti da una
gestione con meno personale a disposizione:
Nell’evasione del B. sono da escludersi mancanze da parte del personale, come
pure sono da escludersi le manchevolezze dei servizi; per quanto, in causa dei
numerosi richiami alle armi, gli stessi servizi non procedono con quella regolarità
colla quale procedevano prima della guerra110 .
La continua emorragia di personale non poteva essere tamponata troppo a lungo
utilizzando solo i lavoratori rimasti; per questo, solo pochi mesi dopo l’inizio del
conflitto, l’undicesimo richiamo alle armi di un infermiere costrinse il direttore ad
assumere per la prima volta personale con contratti a termine:
Col richiamo alle armi avvenuto oggi stesso dell’infermiere Piccoli, sono 11 gli
infermieri di questo stabilimento fino ad ora richiamati al servizio militare, cioè
poco meno di un terzo del numero totale del personale maschile d’assistenza. Fino
ad oggi, come la S.V. ben sa, sono riuscito, senza ricorrere a personale avventizio,
a mantenere il regolare funzionamento dell’istituto, ricorrendo soprattutto all’opera
del personale femminile. Ma ora tutte le risorse che ho potuto ricavare dal
personale stabile sono state sfruttate, e quindi non mi è più possibile procedere con
lo stesso metodo, tanto più che il numero dei ricoverati è fortemente aumentato e
continua ad aumentare. Perciò mi pregio chiedere alla S.V. ill.ma l’autorizzazione
di sostituire l’infermiere Piccoli (e così tutti quelli che potranno in seguito
eventualmente essere richiamati alle armi) con personale avventizio111 .
Per la Provincia, però, l’obiettivo del direttore doveva essere sempre quello di
gestire l’istituto nel migliore dei modi non perdendo mai di vista il massimo risparmio
economico. Così, quando nel febbraio 1917 ritornò dal fronte l’infermiere Ildebrando
Delfrate dopo essere stato ferito tanto seriamente da perdere un occhio, il deputato
Dell’Eva, di concerto con il direttore, propose di non licenziarlo ma di assegnargli
un’altra mansione di minore responsabilità, cioè la sorveglianza dei «ricoverati
tranquilli» addetti ai servizi generali dello stabilimento112.
110
Aop, Cartelle cliniche, B.G., lettera del direttore alla Deputazione provinciale, 26 ottobre 1915.
App, Titolo 6. Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, 1911-1923, lettera del
direttore al presidente della Deputazione provinciale, 31 agosto 1915. Cfr. anche App, della Deputazione
provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo ’915-’916, parte I, Verbali, Delibera n. 5, 4
settembre 1915.
112
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1916-1917,
vol. II, Delibera n. 23, 27 febbraio 1917.
111
65
In ogni caso, sia che fossero assunti stabilmente oppure solo provvisori, i
dipendenti del manicomio furono costretti a un sovraccarico di lavoro per fronteggiare
le necessità quotidiane di oltre cinquecento ricoverati. Ad esempio, la chiamata alle
armi del barbiere del manicomio, Emilio Gemma, comportò la decisione di non
assumere nuovo personale, ma di assegnare quella mansione a un infermiere in grado
di sostituirlo, che si trovò così a svolgere contemporaneamente un doppio incarico 113.
Lo stesso direttore si trovò un carico gravoso sulle spalle, essendo costretto ad
assumere su di sé gli incarichi lasciati vacanti da figure richiamate alle armi, come
l’economo, o dovendo sostituirsi ai medici richiamati al fronte. Con le sue parole, egli
cercava di comunicare tranquillità e capacità gestionale anche nell’emergenza, ma
ribadiva allo stesso tempo la fatica di continuare a lavorare in simili condizioni:
Le funzioni di economo – pure richiamato alle armi – vennero assunte dal
Direttore; i medici non vennero sostituiti da avventizi , cosicché il servizio
sanitario venne costantemente disimpegnato da quelli che rimasero nell’istituto,
per mezzo di una costante intensificazione dei loro orari di servizio e della loro
operosità114.
L’incremento costante del numero dei ricoverati e la diminuzione del personale
incise piuttosto profondamente sulla qualità del lavoro all’interno del manicomio e
inasprì i rapporti tra personale sanitario e Amministrazione provinciale.
Già nel 1914, il giornale socialista “Il presente” riportava la notizia di una
vertenza degli infermieri di Colorno, nella quale essi reclamavano l’aumento del
113
App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, Anno amministrativo 1916-1917,
vol. II, Delibera n. 20, 20 gennaio 1917.
114
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1915-1916, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore, pp. 700731, p. 704. Solo alla fine del conflitto il direttore si sarebbe compiaciuto attribuendosi il merito di essere
riuscito a mantenere la normalità nonostante l’eccezionalità della situazione. Nella sua relazione
all’amministrazione provinciale, egli ribadiva l’enorme lavoro svolto per mantenere la normalità durante il
periodo bellico, nonostante tutti – ricoverati e personale – abbiano «sentito, com’era inevitabile e doveroso, i
sacrifici imposti dalla gravità dei momenti» e nonostante l’afflusso di ricoverati per motivi di guerra: «e mi
sia permesso ricordare che, a tale lavoro dell’ufficio di economato, venne contemporaneamente ad
aggiungersi un notevole aumento di lavoro per parte dell’ufficio di direzione, sia in causa del forte e brusco
aumento della popolazione manicomiale, sia in causa della istituzione di parecchi nuovi reparti nell’istituto,
sia infine in causa del servizio di osservazione dei militari, per due anni impostoci dall’autorità militare. E ciò
malgrado che uno dei 4 sanitari dell’istituto (dottor Federici) sia stato costantemente assente, ed un altro
(dottor Stanghellini) vi sia stato, a più riprese, per parecchi mesi», Aop, Ufficio Personale, Regolamenti
interni e disposizioni di servizio, b. 1, Gestione amministrativa nel quadriennio 1915-1918, Relazione al
presidente della Deputazione provinciale, 12 marzo 1919.
66
personale di assistenza, «insufficiente alla cura e alla sorveglianza», e al tempo stesso
criticavano la «tirchieria» della Provincia115.
Il conflitto non fece che aggravare le difficoltà e i problemi connessi al lavoro in
manicomio, perché, intensificando gli orari e i turni di lavoro, la stanchezza dei
dipendenti aumentava di conseguenza.
Ad essa, poi, si aggiungevano, naturalmente, l’aumento dei prezzi, la difficoltà
degli approvvigionamenti, e l’inasprimento generale delle condizioni di vita. Come ha
evidenziato Giovanna Procacci, questi elementi crearono le «condizioni oggettive» per
l’innesco e la diffusione della protesta nelle città e nelle campagne, seppure con
modalità e gradi di intensità e consapevolezza diversi da una zona all’altra e anche da
una provincia all’altra116.
Non possiamo stabilire quale livello di consapevole protesta si celi dietro la
decisione, nel marzo 1916, da parte di «tutto il personale salariato, maschile e
femminile» di rinunciare a versare l’1% del proprio salario mensile a favore delle
«famiglie bisognose dei richiamati»117, ma certamente ci può segnalare, oltre ai
crescenti problemi economici dei lavoratori, anche il loro senso di diffidenza e sfiducia
nella guerra.
Similmente, un ragionamento analogo può essere svolto analizzando l’aumento
delle assenze dal lavoro (sempre motivate come malattie) e delle punizioni, quasi
115
L’agitazione degli infermieri nel manicomio, in “Il presente”, 16 maggio 1914.
Cfr. Giovanna Procacci, Il comportamento popolare dalla rassegnazione alla rivolta, in Ead., Dalla
rassegnazione alla rivolta. Mentalità e comportamenti popolari nella grande guerra, Bulzoni, Roma 1999,
pp.43-146. Sui caratteri dell’organizzazione del lavoro durante la guerra si veda M. Bettini, Le «relazioni
industriali» durante la prima guerra mondiale, in “Studi storici”, nn. 2-3, 1993; Id., Orari di lavoro
nell’industria italiana 1907-1923, in Paolo Giovannini (a cura di), Di fronte alla Grande guerra. Militari e
civili tra coercizione e rivolta, Ancona 1997. Sulle contestazioni nelle fabbriche durante la grande guerra si
veda almeno Alessandro Camarda, Santo Peli, L’altro esercito. La classe operaia durante la prima guerra
mondiale, Feltrinelli, Milano 1980; Stefano Musso, Gli operai di Torino 1900-1920, Milano 1980; G.
Procacci (a cura di), Stato e classe operaia in Italia durante la prima guerra mondiale, Franco Angeli,
Milano 1983; A. Camarda, S. Peli, “Mai di domenica”. La sospensione del riposo festivo durante la Grande
Guerra, in “Studi Bresciani”, n. 15, 1984. Sulle rivolte nelle campagne cfr. Natalia De Stefano, Moti
popolari in Emilia Romagna (1915-1917), in “Rivista storica del socialismo”, n. 32, 1967, pp. 191-216;
Antonio Parisella, Le lotte dei contadini nel Lazio dalla guerra al fascismo, in “Annali dell’istituto A.
Cervi”, n. 1, 1978, pp. 201-210; G. Procacci, La protesta delle donne nelle campagne, in Ead., Dalla
rassegnazione alla rivolta, cit., pp. 207-252. Per il caso parmense si veda Umberto Sereni, Il movimento
cooperativo a Parma. Tra riformismo e sindacalismo, De Donato, Bari 1977.
117
Aop, Ufficio personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, comunicazione del direttore di
Colorno al presidente della Deputazione provinciale di Parma, 1 marzo 1916. Gli unici che continuarono a
versare il contributo furono il direttore, i due medici di sezione, il commesso, il capo infermiere, il cappellano
e le suore. La decisione, a favore del “Comitato locale di soccorso per le famiglie bisognose dei soldati” era
stata presa quasi all’unanimità dal personale due mesi dopo l’inizio del conflitto, cfr. Aop, Ufficio personale,
Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, lettera del direttore di Colorno al Prefetto di Parma, 1
luglio 1915.
116
67
sempre «per lievi mancanze», inflitte agli infermieri. Ogni mese, il direttore segnalava
infatti di avere dovuto punire due, tre infermieri o infermiere soprattutto per
inosservanza degli orari o eccessiva durezza nel trattamento dei ricoverati, dovute con
ogni probabilità a sfiancamento ed esasperazione. Piuttosto continue per tutti i mesi
della guerra, le punizioni raggiunsero l’acme nell’ottobre 1916, quando in un mese solo
furono punite venti persone, sia uomini che donne118.
L’aumento tanto considerevole delle punizioni può essere messo in relazione
con la richiesta, avanzata nello stesso mese, da parte della Lega infermieri del
manicomio alla giunta provinciale per chiedere un miglioramento dei salari:
L’eccezionale attuale momento, il quale vede aumentare enormemente il costo
della vita, costringe il personale salariato del manicomio a fare istanza alla S.V.
Ill.ma affinché l’On.le Deputazione voglia loro concedere un congruo
miglioramento dei salari, onde possano far fronte al sostentamento proprio e delle
loro famiglie, almeno per la durata delle presenti contingenze. Ben conoscendo i
sentimenti di umanità e di giustizia che animano la S.V. Ill.ma, i salariati osano
sperare che l’On.le Amministrazione vorrà, come hanno già fatto moltissime altre
provincie, prendere in benevola considerazione i desideri su espressi119.
Ci pare dunque che anche per i lavoratori dell’ospedale psichiatrico di Colorno
si possano applicare le considerazioni di Santo Peli in merito all’aumento della
conflittualità sociale nelle fabbriche durante la guerra, che si esprimeva in forme di
lotta molto articolate e diverse dallo sciopero tradizionale, come boicottaggio,
assenteismo, indisciplina, sabotaggio120.
118
Alcuni di questi non erano nemmeno assunti a tempo indeterminato, ma solo avventizi. Accanto a loro,
inoltre, furono puniti anche il capo e il sotto capo infermiere. Cfr. App, Atti della Deputazione provinciale,
Amministrazione generale, Anno amministrativo 1916-1917, vol. I, Delibera n. 12, 18 novembre 1916.
Secondo il registro delle punizioni, le mancanze del personale furono le più disparate, e andavano dall’avere
dimenticato le porte aperte a risposte sgarbate al direttore, fino al mancato rispetto delle consegne ricevute in
merito agli ammalati, cfr. Aop, Registri delle punizioni, Registro 1, 1901-1922.
119
App, Titolo 6, Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, 1911-1923, lettera dei
rappresentanti degli infermieri al presidente della Deputazione provinciale, 4 ottobre 1916. I rappresentanti
erano Roberto Gerbella, Calisto Fiordispini (tra i venti puniti in quel mese), Luigi Cocchi, Luigi Dominici.
Altre richieste simili erano già state avanzate nell’aprile dell’anno precedente dalle infermiere e infermieri
che avevano lavorato di più e per questo avevano chiesto un aumento del salario, cfr. App, Titolo 6.
Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, lettera delle infermiere alla Deputazione
provinciale, 23 aprile 1915 (firmata da Elisa Marenzoni e Catterina Stringhini, e vistata dal direttore
Ugolotti) e quella degli infermieri aderenti alla Camera del lavoro al Presidente della Deputazione
provinciale, 2 aprile 1915.
120
S. Peli, La fabbrica militarizzata, in Gli italiani in guerra. Conflitti, identità, memorie dal Risorgimento ai
nostri giorni, vol. III, t. 1, La Grande Guerra: dall’intervento alla “vittoria mutilata”, Utet, Torino 2008, pp.
662-669. Altre riflessioni sulle proteste dei lavoratori, anche ospedalieri, nel padovano, città – come Parma –
scarsamente industrializzata, sono in Id., Il proletariato, in Mario Isnenghi (a cura di), Padova capitale al
68
Visti i risultati ottenuti dagli infermieri – cui era stato riconosciuto un aumento
di salario –, l’anno seguente, anche categorie più tradizionalmente deboli come i
dipendenti “a termine” (assunti per la sola durata della guerra), reclamarono un
aumento del salario, per renderlo adeguato al maggiore costo della vita:
I sottoscritti assunti in qualità di Infermieri nel Manicomio Prov.le di Parma in
Colorno, come straordinari (per la durata della guerra) visto che il costo della vita,
in questo eccezionale momento, è triplicato ed i generi di prima necessità sono in
continuo aumento; ed il magro stipendio di L. 90 mensili non può più far fronte ai
bisogni impellenti della nostra famiglia. Per le ragioni sopra indicate fanno viva
istanza onde volesse concedergli un aumento di stipendio proporzionato al
maggior costo della vita. Fiduciosi che Ella con alto senso di giustizia vorrà
accordare la nostra giusta domanda121.
All’ennesima richiesta da parte degli infermieri “stabili” per l’aumento di alcune
indennità di servizio – legate essenzialmente al rimborso del pranzo durante le assenze
per malattie o per missioni fuori dall’istituto, l’Amministrazione provinciale oppose un
fermo rifiuto, motivandolo con l’adeguatezza delle concessioni già elargite in
precedenza:
La Deputazione […] ha ritenuto che i miglioramenti richiesti non potrebbero
essere concessi, senza creare una disparità di trattamento in nessun modo
giustificabile, se non a seguito di una riforma generale dell’organico così del
manicomio come degli altri stabilimenti e uffizi dipendenti dalla Provincia. Tanto
più che il personale di assistenza del manicomio, a cui l’Amministrazione volse fin
dal 1914 la sua benevola attenzione, ha già ottenuto un non lieve aumento di
salario ed altri non pochi miglioramenti, che tutte le altre categorie di dipendenti
attendono e invocano ancora. Senza dire, poi, che con l’indennità di caro-viveri già
concessa, di cui la Deputazione propone anche al Consiglio un lieve aumento di L.
5 mensili, si è inteso di dare a tutti, in uguali proporzioni, un tenue compenso ai
disagi e ai sacrifizi imposti dalle eccezionali condizioni del momento, per le quali
la riforma d’organico, già da tempo allo studio, non può per ora essere attuata122.
La partita tra infermieri e Amministrazione provinciale sembrava riproporre una
sorta di classico “duello” che veniva combattuto fra operai e padronato, e che spingeva
i lavoratori ad avanzare rivendicazioni economiche precise e puntigliosamente
calcolate, incentivate dalla contingenza del momento storico:
fronte. Da Caporetto a Villa Giusti, Atti del convegno omonimo, Comune di Padova, Padova 1990, pp. 95111.
121
App, Titolo 6, Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, 1911-1923, lettera degli
infermieri avventizi al presidente della Deputazione provinciale, 25 aprile 1917.
122
App, Titolo 6, Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, 1911-1923, lettera del
presidente della Deputazione provinciale, 11 dicembre 1917.
69
Che si tratti di conflitto tra due avversari, che gli uni cerchino di strappare agli altri
il massimo, è ovvio, fisiologico. La presunzione di un interesse generale,
patriottico, appartiene ovviamente al progetto di relazioni industriali portato avanti
dalla Mobilitazione industriale; ma la frequenza, la durata e la durezza dei conflitti
di lavoro testimoniano di una lotta contro l’intensità dello sfruttamento, e per la
conquista di un salario, la cui quantità e struttura vengono minuziosamente
studiate e contrattate123.
Né le rivendicazioni di aumenti salariali erano caratteristiche della maestranza
maschile; anche le donne, in primo luogo quelle che già lavoravano in manicomio,
parteciparono alle richieste di miglioramento nella stessa misura dei loro colleghi
uomini. In concomitanza con l’aumento dei richiamati e con la difficoltà di trovare
sostituti maschili, però, anche nel piccolo manicomio di Colorno il direttore cominciò
ad incrementare il personale femminile124.
Inizialmente le lavoratrici furono utilizzate per sostituire gli uomini –
nonostante il regolamento prevedesse una rigida divisione dei ruoli nei vari reparti e
assegnasse alle infermiere mansioni quasi esclusive di pulizia dei locali e cura dei
ricoverati125– per svolgere anche ruoli più tradizionalmente maschili, come la
sorveglianza nei reparti o la gestione di sartoria e cucine. In seguito, però, la necessità
123
S. Peli, Operai e guerra. Materiali per un’analisi dei comportamenti operai nella prima e nella seconda
guerra mondiale, in Stefano Musso (a cura di), Tra fabbrica e società: mondi operai nell’Italia del
Novecento, Feltrinelli, Milano 1999, pp. 197-227. Sulla Mobilitazione industriale si veda anche Loredana
Mascolini, Il ministero per le Armi e Munizioni (1915-1918), in “Storia contemporanea”, n. 6, a XI, 1980, pp.
933-968; Umberto Massimo Miozzi, La mobilitazione industriale italiana (1915-1918), La goliardica, Roma
1980; Luigi Tomassini, Lavoro e guerra. La Mobilitazione industriale italiana 1915-18, Edizioni scientifiche
italiane, Napoli 1997; John Horne, Operai, movimenti operai e mobilitazioni industriali, in Stéphane AudoinRouzeau, Jean-Jacques Becker (a cura di), La prima guerra mondiale, edizione italiana a cura di Antonio
Gibelli, Einaudi, Torino 2007, pp. 21-34.
124
Cfr. Aop, Carteggio classificato, cat. 6.1, Personale infermieristico e amministrativo, b. 11, lettera del
direttore al presidente della Deputazione provinciale, 30 novembre 1917. Lo stesso direttore ribadì a più
riprese e nel corso dei tre anni di guerra i problemi riscontrati per rintracciare persone in grado di lavorare
all’interno del manicomio, come ad esempio avvenne il 17 agosto 1918, quando fu costretto a licenziare un
infermiere avventizio appena assunto «per assoluta incapacità intellettuale di compiere le funzioni
d’infermiere», aggiungendo che «fino ad ora non mi è stato possibile trovare un sostituto», Aop, Ufficio
personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, comunicazione del direttore di Colorno al
presidente della Deputazione provinciale di Parma, 17 agosto 1918. Sulla storia delle donne con particolare
riferimento alla Grande guerra si veda Anna Bravo, Donne contadine nella prima guerra mondiale, in
“Società e storia”, n. 10, 1980, pp. 843-861; Dianella Gagliani, Mariuccia Salvati (a cura di), Donne e spazio
nel processo di modernizzazione, Clueb, Bologna 1995; Barbara Curli, Italiane al lavoro 1914-1920,
Marsilio, Venezia 1998; Augusta Molinari, Corpi al lavoro. Operaie a Genova tra Grande guerra e
fascismo, in Ead., Donne e ruoli femminili nell’Italia della Grande guerra, Selene edizioni, Milano 2008, pp.
97-110; Simonetta Ortaggi Cammarosano, Donne, lavoro, grande guerra, Unicopli, Milano 2009;.
125
Cfr. il Regolamento speciale conforme alla legge 14 febbraio 1904 n. 36 e al regolamento 16 agosto 1909
n. 615, tip. Zerbini e Fresching, Parma 1912, capp. V-VI. Il nuovo regolamento sarebbe stato predisposto
solo dopo la guerra, nel 1920, e approvato tre anni dopo dal Consiglio superiore di sanità, cfr. Acs, Mi, Dgs,
b. 606, Manicomio di Colorno, approvazione del regolamento del manicomio di Colorno, 26 luglio 1923.
70
di disporre di sempre maggiore personale per gestire l’aumento dei ricoveri costrinse il
direttore a procedere con nuove assunzioni. Le nuove ingaggiate, entrate nel corso
degli anni di guerra con un contratto a tempo determinato, furono poi assunte
stabilmente, dal momento che, secondo Ugolotti, l’aumento di lavoro verificatosi con
la guerra non sarebbe più venuto meno126.
Senza entrare nel merito del dibattito sulla questione se la grande guerra abbia o
meno stimolato tendenze emancipatrici nel mondo femminile, in questo caso
sicuramente la ripercussione fu piuttosto potente, non solo per la disgregazione delle
strutture familiari o delle abitudini quotidiane, ma anche per la necessità di doversi
abituare a mansioni mai sperimentate prima127.
In quegli anni, del resto, diversi manicomi dovettero adeguarsi a utilizzare
personale femminile in alternativa agli uomini richiamati alle armi; tra questi figurò il
direttore dell’istituto di Cremona, il quale tentò l’esperimento e se ne dichiarò
enormemente soddisfatto, anche per la tradizionale consuetudine femminile ai lavori di
cura:
L’esperimento dura dal 1 agosto 1915. Non ne sono seguiti che effetti buoni, quali
erano da aspettarsi da personale assai più adatto all’assistenza dei malati e al buon
governo dei quartieri. E non ne sono nati inconvenienti di sorta. Il punto più
delicato è certamente quello di una buona scelta del personale. All’età non mi è
parso di dover dare importanza […]. Ho dato invece molta importanza al carattere,
badando che fossero giudiziose, serie, di contegno sicuro128.
Ma in quel triennio la guerra non fu l’unico elemento a portare scompiglio
nell’attività e nella vita quotidiana nel manicomio, o ad aumentarne i problemi di
gestione, perché nel 1918 l’influenza spagnola investì anche la provincia di Parma.
L’infezione, riconosciuta negli Stati Uniti nel marzo 1918, si diffuse assai rapidamente
in Europa e giunse in Emilia Romagna verso l’estate. Per quanto non sia stato provato
126
App, Titolo 6, Beneficenza, Manicomio, Personale, Istruzioni e disposizioni, 1911-1923, lettera del
direttore del manicomio al presidente della Deputazione provinciale, 27 novembre 1918. Complessivamente,
il numero delle infermiere aumentò di dieci unità, e da trentasei, nel corso degli anni di guerra passò a
quarantasei.
127
Per il dibattito sui presunti esiti emancipatori del lavoro femminile durante la guerra si veda in particolare
B. Curli, Italiane al lavoro, cit., pp. 19-33.
128
Amadei, L’assistenza femminile in un comparto maschile del Manicomio Provinciale di Cremona, in
“Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 41, a. LII, 1915, pp. 635-636. Considerazioni analoghe erano state
già avanzate anche prima della guerra dal dottor G. Vidoni della clinica psichiatrica di Genova; cfr. Id., Un
esperimento di assistenza femminile agli ammalati di mente ricoverati in Manicomi, in “Quaderni di
psichiatria”, vol. 2, febbraio 1915, pp.69-89.
71
il rapporto diretto fra guerra e esplosione dell’epidemia, inevitabilmente i trasporti
delle truppe o gli spostamenti degli eserciti anche a breve raggio facilitarono la
diffusione dell’influenza su tutto il territorio129.
Complessivamente, tra l’agosto 1918 e il mese di gennaio 1919 solo a Parma si
contarono un migliaio di decessi, 654 civili e 360 militari130. Chiaramente, i luoghi
maggiormente a rischio furono quelli dove le persone vivevano concentrate, proprio
come gli ospedali o il manicomio di Colorno. Secondo quanto riportato dal direttore,
nell’istituto, furono colpiti quasi la metà dei degenti e gran parte degli assistenti,
provocando complessivamente trentuno vittime:
L’epidemia influenzale infierì anche nel nostro istituto alla fine dell’estate del
1918, colpendo, quasi contemporaneamente oltre la metà dei ricoverati e quasi
l’80% del personale di assistenza, con una mortalità del 8% circa dei ricoverati
colpiti e di due sole infermiere fra tutto il personale131.
Dalla fine del mese di settembre, vista la velocità con la quale l’epidemia si
stava propagando, il direttore si organizzò istituendo turni prolungati per gli infermieri
sani, ma presto l’emergenza prese il sopravvento, e quella soluzione non bastava più.
Del resto, dell’insufficienza delle misure prese era convinto lo stesso Ugolotti, che
scrisse all’Amministrazione provinciale dicendosi «certo che si [anda]va determinando
nello stabilimento uno sconvolgimento generale dei servizi (specie quello
d’assistenza»132.
In una circostanza di tale emergenza, «di sacrificio e di intenso lavoro», egli
scardinò tradizioni sedimentate, riuscendo a sostituire gli infermieri assenti per malattia
129
A Parma la stampa locale, pur cercando di non allarmare i lettori e di minimizzare la portata dell’epidemia
segnalava che in città, nella prima settimana di diffusione dell’influenza, si erano verificate 77 morti, tra le
quali 37 erano militari, cfr. La salute pubblica in città, in “Gazzetta di Parma”, 29 agosto 1918.
Sull’influenza pandemica “spagnola” si rimanda almeno a Gina Kolata, Epidemia, Storia della grande
influenza del 1918 e della ricerca di un virus mortale, Milano, Mondadori, 2000; Eugenia Tognotti, La
“Spagnola” in Italia. Storia dell’influenza che fece temere la fine del mondo (1918-1919), Franco Angeli,
Milano 2002; Howard Phillips, David Killingray (ed.), The Spanish Influenza Pandemic of 1918-19. New
perspectives, Routledge, London-New York 2003; Richard Collier, L’influenza che sconvolse il mondo.
Storia della spagnola, la pandemia che uccise 20 milioni di persone, Mursia, Milano 2006 (ed. or. 1974).
130
C. Berzieri, Parma nella grande guerra (1914-1919). Interventismo, condizioni di vita, organizzazione
assistenziale, in “Storia e documenti”, n. 6, 2001, p. 25.
131
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1031. Oltre alle due infermiere morirono 29 ricoverati, 15 uomini e 14 donne. Cfr. Aop, Registri di
popolazione, reg. 21, 1918.
132
App, Atti della Deputazione provinciale di Parma, Amministrazione generale, Anno amministrativo 19181919, volume I, Delibera n. 4, 1 ottobre 1918.
72
con alcune alienate, descritte come persone degne di fiducia, alle quali furono
addirittura affidate le chiavi dei reparti133. Decisione notevole quanto innovativa,
indispensabile per fare fronte ad un’urgenza contingente, ma che non sarebbe mai stata
possibile senza una buona disposizione del direttore nei confronti dei ricoverati e della
loro dignità di individui.
6. Il manicomio e i comandi militari
Come si è visto, la guerra costituì senza dubbio l’elemento maggiormente
perturbante nella vita del manicomio, che si trascinava piuttosto quietamente da una
quarantina d’anni ma che nel giro di pochi anni si trovò profondamente scosso, sia
nella struttura che nelle persone che vi gravitavano intorno.
L’impatto più travolgente derivò dalla necessità di accogliere nuovi ricoverati,
quei soldati che mostravano sintomi ai quali i sanitari delle strutture ospedaliere
tradizionali non riuscivano a dare un nome, per quanto essi fossero preparati
all’evenienza di trovarsi di fronte a «una miriade di mali, straordinariamente vari, in
gran parte di aspetto nuovo o imprevisto tali da soperchiare le possibilità curative della
migliore fra le organizzazioni sanitarie», come aveva scritto il maggiore medico
Gaetano Boschi134.
L’enorme mobilitazione sanitaria avviata sin dall’inizio del conflitto cercava
infatti di rispondere alla necessità di ottenere la massima efficienza dei soldati,
tutelandone in primo luogo la salute. L’esercito italiano aveva per questo predisposto
un servizio sanitario articolato e rigorosamente strutturato, che pure si dovette
progressivamente adattare all’andamento della guerra, organizzato in modo diverso a
seconda delle zone militari nelle quali era stato suddiviso il territorio nazionale135.
133
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1031.
134
G. Boschi, La guerra e le arti sanitarie, Mondadori, Milano 1931, p. 21.
135
Sull’organizzazione dei servizi sanitari si veda in particolare G. Massarotti, Ospedalizzazione militare in
guerra, Ravà e C., Milano 1915. Analisi più recenti sono in Ferruccio Botti, La logistica dell’Esercito
Italiano (1831-1981), vol. II, I servizi dalla nascita dell’esercito italiano alla Prima guerra mondiale (18611918), Stato maggiore dell’Esercito, Roma 1991; Giovanna Procacci, Warfare-Welfare. Assistenza, controllo
sociale e militarizzazione in Italia, in Emilio Franzina (a cura di), Una trincea chiamata Dolomiti, Gaspari,
Udine 2003, pp. 45-68. Il caso emiliano-romagnolo è stato studiato in Fabio Montella, Francesco Paolella,
73
Accanto alle formazioni sanitarie di prima e seconda linea, nelle retrovie erano
in funzione gli ospedali di riserva, che accoglievano malati e feriti sgombrati dalle zone
di guerra e che furono attrezzati per potenziare la propria capacità utilizzando tutti i
locali che potevano essere adibiti al ricovero dei degenti.
Così, a Parma, l’ospedale centrale militare – nell’ex Convento dei Servi – che
prima del conflitto disponeva solo di un centinaio di letti, fu riadattato aggiungendo
frettolosamente spazio e posti letto con modalità straordinariamente simili a quanto
stava accadendo nel manicomio di Colorno:
L’ospedale, non ostante gli sforzi compiuti negli ultimi mesi e malgrado l’infinita
pietà dei preposti alla cura, presenta tutte le pecche degli organi non creati per la
funzione, ma resi atti alla vita attraverso la buona volontà priva di armi. Più ampia
vi piove la luce in confronto al passato, mutati sono pareti e pavimenti… ma
l’antica struttura male si piega alla necessità del presente; ed invano si cerca la
mistica luce delle sale moderne ove il ferito quasi sente la grande pietosa famiglia
che vigila attorno al soccorso136.
Per incrementare lo spazio a disposizione del servizio sanitario militare, furono
ristrutturati anche l’Ospedale maggiore e la clinica chirurgica di via Imbriani; entro il
primo biennio di guerra, inoltre, tutti gli edifici idonei furono trasformati in ospedali
succursali, sia in città che in provincia137.
Felicita Ratti (a cura di), Una regione ospedale. Medicina e sanità in Emilia Romagna durante la Prima
Guerra Mondiale, Clueb, Bologna 2010.
136
Ernesto Bertarelli, Gli ospedali militari di Parma, in “Aurea Parma”, n. 3, luglio-dicembre 1915, pp. 168177, p. 173. Per una descrizione degli ospedali militari parmigiani durante la grande guerra, oltre a E.
Bertarelli, Gli ospedali militari di Parma, cit., si veda anche Ferrante Della Valle, Glauco Lombardi,
Armando Rossi, Gli ospedali militari di Parma nel primo biennio di guerra, Fresching, Parma 1917;
Giuseppe Balestrazzi, Ospedali di guerra, in “Rassegna mensile”, maggio 1928, pp. 94-95, ripubblicato
integralmente in Id., Il contributo di Parma alla vittoria, in “Aurea Parma”, n. XXII, 1938, pp. 192-195. Una
ricostruzione del servizio sanitario di guerra a Parma è in Maria Ortensia Banzola Pellegri, Organizzazione
sanitaria dell’esercito italiano – Ospedali militari a Parma durante il primo conflitto mondiale, in AA.VV.,
Figure, luoghi e momenti di vita medica a Parma, Artegrafica Silva, Parma 2003, pp.401-484.
137
Le strutture della città utilizzate come ricovero per i militari feriti o infermi furono il convitto “Maria
Luigia” (che prima era sede dell’ospedale della Croce rossa fino a che questo non fu trasferito nel Seminario
vescovile), trasformato in ospedale contumaciale, le scuole Pietro Cocconi, il pensionato delle Salesiane,
l’ospedale territoriale della Croce rossa nell’ex Monastero di San Paolo al Seminario maggiore, la Casa di
cura Villa Ombrosa, che si occupava di malattie chirurgiche e ginecologiche, l’Istituto saveriano delle
Missioni estere, e il collegio delle Orsoline, che ospitò l’ospedale territoriale della Cri “Città di Vicenza”. A
questi edifici, poi, si aggiungevano diversi ospedali succursali in provincia, tra cui Collecchio, Noceto,
Salsomaggiore, e Colorno. Quest’ultimo incominciò a funzionare il 31 luglio 1915 nell’edificio sede del
“Ricovero dei vecchi”, sulla strada provinciale che conduce al Po, in un angolo del giardino che circonda
l’ospedale civile. Cfr. Ferrante Della Valle, Glauco Lombardi, Armando Rossi, Gli ospedali militari di
Parma nel primo biennio di guerra, cit., passim.
74
E tuttavia, ai medici parve subito chiaro che gli ospedali militari, per quanto
attrezzati ad accogliere il maggior numero di feriti provenienti dal fronte, non erano
preparati a gestire tutte le difficoltà connesse al nuovo conflitto.
Il modulo prestampato con il quale l’ospedale militare succursale di Parma
inviava i soldati a Colorno in osservazione, infatti, recitava:
non disponendosi in questo Ospedale dei mezzi per la opportuna custodia e
sorveglianza e ritenendo l’individuo pericoloso a sé ed agli altri, si propone venga
inviato al Manicomio provinciale di Parma in Colorno dove può essere trasportato
senza danno per la sua salute fisica138.
In altre parole, risultava necessario che i manicomi civili dovessero servire da
sponda e argine per accogliere quei soldati con sintomi troppo strani per essere gestiti
da una struttura ospedaliera. Per questo, tra la fine del 1915 e i primi mesi del 1916
numerosi manicomi pubblici italiani si attrezzarono per costruire padiglioni e sezioni
speciali per i militari alienati (o presunti tali), proprio come era accaduto a Colorno139.
Ricalcando la struttura dell’organizzazione sanitaria militare, i manicomi civili
rientravano tra quegli ospedali delle retrovie dove potersi dedicare ad indagini cliniche
approfondite sugli alienati lontani dall’urgenza e dal caos della prima linea. Secondo
Augusto Tamburini, consulente per l’organizzazione del «servizio nevro-psichiatrico di
guerra nell’Esercito italiano», tra medici militari e civili avrebbe dovuto esserci la
massima collaborazione:
Poiché il numero dei Medici alienisti militari e degli infermieri militari non può
essere proporzionato ai bisogni di guerra, e la specializzazione in un ramo così
particolare di servizio non può essere consentita a molti, dovendo altre e valide
forze intellettive dedicarsi ad altre necessità, specie chirurgiche, occorre fare
appello alla cooperazione di Medici alienisti civili, i quali soprattutto possono
agire nelle zone più lontane del teatro della guerra140.
138
Aop, Cartelle cliniche, C. G., modulo di trasmissione dall’ospedale militare di Parma al manicomio di
Colorno, 5 novembre 1916.
139
Cfr. Augusto Tamburini, Sul servizio psichiatrico di guerra, in “Rivista sperimentale di freniatria”, 1916,
p. 511. I manicomi dove sarebbero state istituite sezioni militari erano quelli di Torino, Alessandria, Novara,
Treviso, Milano, Genova, Pavia, Cremona, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Brescia, Verona, Udine,
Belluno, Firenze, Roma, Ancona, Napoli, Bari.
140
A. Tamburini, G. C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., pp.
669-678, p. 671. Una descrizione dell’organizzazione degli ospedali psichiatrici durante il conflitto è anche
in Andrea Scartabellati, Silvia Manente, Gli psichiatri alla guerra. Organizzazione militare e servizio bellico
1911-1919, in Id. (a cura di), Dalle trincee al manicomio. Esperienza bellica e destino di matti e psichiatri
nella Grande guerra, Marco Valerio, Torino 2008, pp. 91-118, pp. 102-104.
75
A giudicare dalle parole di Gaetano Boschi, tuttavia, il rapporto tra ospedali
psichiatrici e ospedali militari, non pareva essere di totale e idilliaca armonia, se, egli
stesso, pur riconoscendo la disponibilità delle strutture civili, segnalava la necessità di
superare i “soliti ingombri burocratici”: «I comuni manicomi hanno aperto ampiamente
le porte, nell’occasione della guerra, per accogliere anche militari malati nervosi non
alienati. I soliti loro ingombri burocratici sono stati tolti di mezzo»141.
La stessa mancanza di armonia sembrava trasparire nel rapporto tra il direttore
Ugolotti e l’autorità militare, perché i militari si dimostravano piuttosto sordi alle
richieste del direttore, sotto molteplici punti di vista.
Sul piano del personale in forza al manicomio, ad esempio, il direttore non
riusciva a convincere i militari della necessità di mantenere stabile il numero dei
medici, e, quindi, concedere l’esonero al dottor Dino Stanghellini.
Il medico, richiamato alle armi all’inizio della guerra, aveva ottenuto una serie
di esoneri temporanei, confermati di tre mesi in tre mesi, da ottobre 1915 a giugno
1916. In luglio, la commissione di esonero presso la Sottodirezione del Genio militare
di Piacenza lo aveva però richiamato specificando che il posto di sanitario vacante in
manicomio avrebbe potuto essere assunto senza problemi dal direttore, che – a loro dire
– non avrebbe dovuto occuparsi della gestione amministrativa dell’ospedale.
Ugolotti non si diede per vinto e produsse un nuovo ricorso sostenendo la
necessità di avere tre medici a disposizione per assistere un numero sempre crescente di
ricoverati. Il linguaggio del direttore, secco e formale, lascia trasparire un’idea
piuttosto precisa dell’incapacità, da parte dei militari, di comprendere le concrete
necessità connesse alla gestione straordinaria del manicomio :
Di fronte al permanere, anzi dell’aggravarsi delle condizioni di affollamento
dell’istituto che richiedono la presenza di almeno tre sanitari, l’esonero del dott.
Stanghellini dal servizio militare [è] una necessità, la quale non può essere certo
eliminata disponendo che al Direttore vengano tolte le mansioni amministrative142 .
Il garbato ma fermo braccio di ferro tra militari e civili continuò per tutto il
periodo della guerra. Da un lato, il direttore tentava di mantenere il personale a livelli
accettabili, provando a chiedere l’applicazione di leggi e norme di guerra per ottenere
141
G. Boschi, La guerra e le arti sanitarie, cit., p. 186.
App, Provincia di Parma, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, anno
amministrativo 1915-1916, vol. III, Delibera n. 51, 5 agosto 1916.
142
76
l’esonero dei richiamati – come la circolare n. 475 del 2 ottobre 1914, che prevedeva
che i lavoratori dei manicomi chiamati nell’esercito non dovessero superare un sesto
del numero dei posti in organico –, mentre dall’altro l’autorità militare sembrava
velatamente accusarlo di astuzie e stratagemmi per evitare la partenza dei dipendenti
dell’ospedale.
Così, all’ennesima richiesta di dispensare dalla chiamata alle armi almeno un
altro infermiere, il comandante del Corpo d’armata ribadì l’inopportunità dell’istanza,
dopo avere personalmente analizzato la tabella dell’organico del personale del
manicomio:
È quindi evidente che a codesto manicomio non mancano che sei infermieri
all’organico completo, mentre lo spirito della circolare è di restringere fino ad un
sesto il detto personale. Si aggiunge che se codesto manicomio, nei tempi normali,
ha potuto disimpegnare il servizio con 50 infermieri (risultando scoperti 5 posti
nell’elenco organico qui trasmesso il 25 marzo 1915) si ritiene che non vi debba
essere motivo di aumentarli nel momento attuale, in cui è imprescindibile necessità
per tutte le amministrazioni restringere il personale al puro necessario, giusta gli
intendimenti espressi dal Ministero colla sopracitata circolare143.
Ancora due anni dopo, però, Ugolotti continuava, invano, a tentare di
convincerli sollecitando la loro comprensione sul problema del sovraffollamento
dell’istituto:
Considerando le enormi difficoltà, se non la impossibilità, di trovare uomini di
sostituzione; tenuto conto che sono già nove gli infermieri effettivi di questo
ospedale sotto alle armi, cioè precisamente il sesto (sono 55 in tutto) indicato
nell’articolo 1 della Circolare ministeriale 2 ottobre 1914 n. 475 sulle dispense
degli infermieri di manicomi; tenuto presente che l’istituto ricovera oltre 600
ammalati, mi pregio chiedere a codesto On.le Comando che sia dispensato, se
possibile, l’infermiere stabile Gelati Ferdinando144.
All’indifferenza con la quale i militari affrontavano il problema della gestione
del manicomio civile il direttore cercava di reagire con ogni mezzo a propria
disposizione. Il suo consueto, formale garbo a volte cedeva il passo a minacce velate e
al tempo stesso esasperate, come quando, nel maggio 1917, segnalò di non avere più
143
Aop, Ufficio personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, lettera del comandante del
Corpo d’armata di Genova al direttore di Colorno, 31 maggio 1916.
144
Aop, Ufficio personale, Miscellanea, b. 1, Personale richiamato alle armi, lettera del direttore di Colorno
al comandante di Corpo d’armata di Genova, 16 maggio 1918. Dodici giorni dopo il comando inviò una
risposta negativa.
77
posti letto disponibili anche perché i militari non provvedevano a ritirare i soldati
dichiarati riformabili, dimenticandoli in manicomio per mesi:
Come già preannunciato alla S.V., questo istituto è giunto a un tal grado di
affollamento (oggi non ho che un solo letto disponibile) che fra qualche giorno non
sarò più in grado di ricevere altri malati. ad evitare perciò una tale non lieve
evenienza, e a rendere di conseguenza possibili ulteriori invii di militari in
osservazione presso questo ospedale, è assolutamente necessario prendere un
sollecito provvedimento, il quale non potrebbe essere, a mio avviso, che il
seguente: dimettere cioè e rimpatriare tutti quei militari che sono già stati da
codesta Direzione giudicati inabili, per malattia mentale qui riscontrata, al servizio
militare, in attesa che vengano espletate tutte le pratiche della riforma. Poiché la
S.V. ben sa che queste pratiche durano dei mesi e dei mesi e portano per
conseguenza un inutile affollamento di militari ed un inutile spesa da parte
dell’Amministrazione militare. Se la S.V. crederà di adottare questo o simile
sistema di sfollamento – che fu del resto già adottato per quei militari ritirati
direttamente dalle proprie famiglie – si potrà far posto man mano a nuove
ammissioni ed osservazioni, ma in caso contrario questa Direzione, ripeto, si
troverà costretta di respingere ulteriori invii di militari145.
Analizzando l’atteggiamento dei comandi verso i militari inviati a Colorno, si
ricava l’impressione che i soldati ricoverati in manicomio venissero dimenticati, quasi
fossero un problema di cui non era più necessario occuparsi, a meno che non si fossero
macchiati anche di reati giudicabili dal tribunale militare. Significative, in questo
senso, sono le cinque lettere che, in poco più di un mese, il direttore dovette spedire al
comandante del Deposito fanteria di Parma sud-ovest per informarlo circa un soldato,
l’aquilano Alfredo A. ricoverato per due mesi tra febbraio e aprile 1917, al quale non
erano state riconosciute patologie, ma solo la necessità di una lunga licenza. Le
richieste del comandante erano finalizzate a verificare se Alfredo dovesse essere
accusato o meno di diserzione, e il suo tono è asettico e incalzante proprio come se
stesse svolgendo un’indagine poliziesca. Probabilmente, però, si era verificato qualche
problema con la trasmissione o con la lettura della corrispondenza, perché per cinque
volte chiese a Ugolotti sempre le stesse informazioni. All’ennesima, identica, richiesta
sul periodo di ricovero di Alfredo, un appunto a matita del direttore suggerisce di
ripetere la risposta precedentemente inviata, aggiungendo, con una certa incredulità di
145
Aop, Cartelle cliniche, M. V., lettera al Direttore dell’Ospedale militare di Parma, 4 maggio 1917.
78
fare «notare a codesto Comando che ad analoga richiesta fu già per ben tre volte
risposto»146.
La stessa indifferenza si verificò nei confronti del fante bresciano Luigi S.,
ricoverato il 21 novembre 1916 per accessi confusionali allucinatori, per i quali i
medici dell’ospedale militare avevano ipotizzato una possibile “psicosi epilettica”.
Quattro mesi dopo, nel marzo 1917, il direttore scriveva per la terza volta all’ospedale
militare chiedendone la riforma e quindi il rimpatrio a casa, «nell’interesse della salute
mentale del ricoverato», ma anche, probabilmente, per liberare il manicomio:
Nell’interesse della salute mentale del sopraindicato, qui degente fin dal 21
novembre 1916 e già da tempo giudicato alienato e da codesta Direzione giudicato
permanentemente inabile al servizio militare, prego sollecitare la riforma del
soldato medesimo, o almeno, in attesa che le pratiche relative siano espletate,
concedere che egli possa essere permanentemente rimpatriato147.
Questa noncuranza da parte dei comandi militari è probabilmente da mettere in
relazione alla consapevolezza di avere perso degli uomini abili da inviare al fronte, per
i quali quindi sarebbe stato inutile spendere energie preziose. Il massimo dello sforzo
militare era rivolto a mantenere i soldati efficienti e disciplinati; quando questi
ritornavano ad essere solo uomini, perdevano automaticamente qualsiasi interesse.
Nell’atteggiamento dei militari pesavano senz’altro quelle politiche autoritarie e
di controllo sociale attuate dal governo italiano durante la guerra, che avevano
agevolato l’estensione e il rafforzamento del potere militare, fino a giungere a una vera
e propria «militarizzazione della società civile», che si traduceva nel considerare tutti i
civili come sottoposti sui quali esercitare il comando e dai quali pretendere il massimo
dell’obbedienza e della disciplina148.
146
Aop, Cartelle cliniche, A. A., lettera del direttore di Colorno al comandante del Deposito fanteria Parma
sud-ovest, 7 gennaio 1918.
147
Aop, Cartelle cliniche, S. L., lettera del direttore di Colorno al direttore dell’Ospedale militare di Parma,
18 marzo 1917.
148
Sull’estensione del potere militare sulla società civile si veda G. Procacci, La società come una caserma.
La svolta repressiva negli anni di guerra, in Bruna Bianchi (a cura di), La violenza contro la popolazione
civile nella grande guerra. Deportati, profughi, internati, Unicopli, Milano 2006, pp. 283-304. Giovanna
Procacci ha affrontato questi temi anche in Ead., Le politiche di controllo sociale, in Ead., Dalla
rassegnazione alla rivolta, cit., pp. 11-42; Ead., La legislazione repressiva e la sua applicazione, in Ead. (a
cura di), Stato e classe operaia in Italia durante la prima guerra mondiale, cit., pp. 41-59. Un’analisi
condotta sul caso trentino è in Luciana Palla, Militarizzazione e società civile nelle vallate dolomitiche e
trentine, in B. Bianchi (a cura di), La violenza contro la popolazione civile nella grande guerra. Deportati,
profughi, internati, cit., pp. 305-325.
79
Il prevalere del potere militare su quello civile a livello centrale è riscontrabile
anche a livelli inferiori e in una dimensione piccola e marginale come il manicomio di
Colorno, tra le pieghe di quella società civile che si cercava di guidare con ogni mezzo
in nome dello sforzo bellico.
La diffidenza e la distanza tra quei due mondi risultava però difficilmente
conciliabile: soprattutto, il direttore sembrava non volersi completamente assoggettare
alle consegne dei militari cercando di mantenere una certa autonomia. Questo è
piuttosto evidente, ad esempio, nella sua risposta al comandante del Deposito del
secondo Reggimento granatieri in merito al licenziamento dal manicomio del
granatiere Giovanni G., che era stato ricoverato nel gennaio 1916 per un generico stato
di “alienazione mentale”, identificato dai medici solo come «torpore e intorpidimento».
Ribadendo di agire nel più preciso rispetto delle regole, Ugolotti si rifiutò di fornire
informazioni sul soldato, dal momento che quel caso non pareva essere più di
competenza militare:
L’avverto frattanto, per opportuna di lei norma, che, trattandosi di un soldato
deferito all’autorità giudiziaria per reato di furto, come la S.V. mi ha scritto con
foglio del 26 gennaio u.s. n. 1045, non credo di dover dare il mio giudizio sul di lui
stato mentale, se non all’Autorità giudiziaria sopradetta149.
Il direttore non riusciva a nascondere una certa difficoltà ad adattarsi alle
richieste dei militari, così come era certo dell’impossibilità di comprensione reciproca.
Al fante Giuseppe G. – ricoverato a ventitre anni il 26 maggio 1917 per «stato
depressivo stuporoso», che si traduceva nel rimanere giorni interi a letto immobile,
passando il tempo a piangere e rifiutando cibo e qualsiasi forma di contatto con
l’esterno –, Ugolotti riconobbe che lo «stato depressivo con vago delirio di
persecuzione» era sintomo di malattia mentale, per cui formulò la richiesta di esonero
dal servizio militare e ne chiese il ritorno a casa.
E tuttavia, per quanto consapevole delle sofferenze e del trauma di Giuseppe,
egli stesso era profondamente incerto se stabilire un collegamento diretto tra la malattia
e la sua condizione di militare. In una comunicazione al presidente della Provincia di
149
Aop, Cartelle cliniche, G. G., lettera del direttore al Comandante del Deposito 2 Reggimento Granatieri,
21 febbraio 1916.
80
Parma con la quale ribadiva la propria incertezza, però, si diceva parallelamente certo
«che l’autorità militare escluderà tale causa»150.
Con fatica, il direttore e i medici del manicomio di Colorno cercavano di
applicare le teorie degli psichiatri militari e le disposizioni dei vertici, dovendo però
continuamente conciliarle con situazioni contingenti che non sempre trovavano
riscontro negli studi clinici.
150
Aop, Cartelle cliniche, G. G., lettera del direttore di Colorno al Presidente della Deputazione provinciale,
30 agosto 1917.
81
II.
L’approccio psichiatrico
La guerra, vede, Bardamu, con i mezzi incomparabili ch’essa ci dà di saggiare i
sistemi nervosi, agisce al modo di un formidabile rivelatore dello Spirito umano!
Ne abbiamo per secoli di che chinarci, meditabondi, sulle recenti rivelazioni
patologiche, secoli di studi appassionanti… Confessiamolo francamente… Noi fin
qui non facevamo che sospettare le ricchezze emotive e spirituali dell’uomo! Ma
1
adesso, grazie alla guerra, è fatta…
1. Tra positivismo e modernità
Nei primi anni del Novecento, il panorama culturale italiano nel quale si
muoveva la psichiatria era ancora legato in modo piuttosto stretto al pensiero di Cesare
Lombroso e alle sue teorie basate, sostanzialmente, su un riduzionismo organicistico e
fisiologico2.
E tuttavia, nell’ambito psichiatrico, si erano registrati alcuni mutamenti rispetto
alla rigida applicazione della scuola lombrosiana: in primo luogo, erano stati ormai
abbandonati gli studi statistico-quantitativi finalizzati ad una mera rappresentazione
della degenerazioni
esistenti, insieme
alle ristrette analisi
antropometriche,
craniologiche o craniometriche. Più in generale, inoltre, si stava verificando una certa
separazione tra neurologia e psichiatria – come attesta la costituzione, nel 1907, della
1
Louis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte, Corbaccio, Milano 1992 (ed. or. 1932), p. 90.
Sulla figura di Cesare Lombroso (Verona, 1835 - Torino, 1909) si rimanda a F. Giacanelli, Il medico,
l’alienista, in C. Lombroso, Delitto, genio, follia. Scritti scelti, a cura di F. Giacanelli, L. Mangoni e D.
Frigessi, Bollati Boringhieri, Torino 1995; R. Villa, Il deviante e i suoi segni. Lombroso e la nascita
dell’antropologia criminale, Franco Angeli, Milano 1985. Il pensiero di Lombroso è comunque difficilmente
riducibile a un semplice morfologismo fisico. Come ha scritto Andrea Scartabellati, «quell’affrettata
liquidazione del positivismo italiano – recentemente rinfocolata da libri e articoli – […] deve poi considerarsi
vera e propria banalizzazione dell’enciclopedica opera lombrosiana. Un’opera dallo spessore e dalla fortuna
indiscutibilmente internazionale, ridotta spesso ad esclusivo morfologismo fisico da un’equivoca tendenza
storiografica volta a rimuoverne le influenze e le eredità ancora vigorose in larghi settori delle scienze
mediche nazionali fino ai primi anni ’50 del XX secolo», Id., Culture psichiatriche & cultura nazionale. Per
una storia sociale (1909-1929), in “Frenis Zero. Scienze della Mente, Filosofia, Psicoterapia e Creatività”, a.
III, n. 5, gennaio 2006, p. 1, http://web.tiscali.it/bibliopsi/frenis.htm. Su queste discussioni e sulla complessità
del pensiero di Lombroso si veda anche G. Parlato, Polemiche lombrosiane di ieri e di oggi, in “Note e
Riviste di Psichiatria”, fasc. 3-4, luglio-dicembre 1965, anno LVIII, pp.782-851; Mario Portigliatti-Barbos,
Medicina ed antropologia criminale nella cultura positivista, in Emilio R. Papa (a cura di), Il positivismo e la
cultura italiana, Franco Angeli, Milano 1985, pp. 427-444; Sadi Marhaba, Lineamenti della psicologia
italiana: 1870-1945, Giunti-Barbera, Firenze 1981. Sul rapporto tra psichiatria, scienze sociali e positivismo
si veda anche Lino Rossi, Enrico Morselli e le scienze dell’uomo nell’età del positivismo, Unità sanitaria
locale n. 9, Reggio Emilia 1984.
2
83
“Società italiana di neurologia” – e una messa in discussione del positivismo,
soprattutto in campo filosofico, ad opera di Benedetto Croce e Giovanni Gentile3.
A questo poi si aggiunse la diffusione, in Italia, dei lavori del tedesco Emil
Kraepelin, in particolare del Trattato di psichiatria – la cui prima edizione risaliva al
1883, ma che sarebbe stato tradotto in italiano solo nel 1907 –, che, per il suo impianto
decisamente innovatore della psichiatria a indirizzo clinico, rappresentò un’opera
fondamentale soprattutto per una generazione di giovani psichiatri italiani. Come ha
rilevato Valeria Paola Babini,
È allora che in Italia il dibattito comincia a farsi sempre più incalzante: le giovani
leve sono attratte dalla novità d’impostazione, avvertono il fascino della clinica cui
chiedono un orientamento nell’insieme magmatico dello studio delle malattie
mentali, mentre gli anziani e autorevoli cattedratici, insomma i rappresentanti
dell’establishment psichiatrico italiano, esprimono prudenza, quando non
diffidenza, cercando di contenere l’entusiasmo ai loro occhi eccessivo dei «giovani
kraepeliniani»4.
Per quanto significativi, tuttavia, tali mutamenti non erano riusciti ad intaccare
le radici dell’approccio psichiatrico italiano tradizionale, perché, come ha ribadito
Andrea Scartabellati,
Erano, in realtà, movimenti ampi, ma epidermici, incapaci d’intaccare il nucleo
duro ancora saldamente ancorato alla combinazione di somatoorganicismo di
matrice tedesca e lombrosianesimo. Soprattutto, si trattava di innovazioni che,
come troppi storici tendono a rimuovere, poco o nulla influivano sulla prassi
manicomiale, allora il terreno di caccia par excellence dello psichiatra italiano5.
3
Notizie sulla nascita e lo sviluppo della Società italiana di neurologia sono in Antonio Federico (a cura di),
Cento anni della Società italiana di neurologia, Società italiana di neurologia, Siena 2011. Sui cambiamenti
e l’evoluzione della psichiatria italiana tra Otto e Novecento si veda anche V.P. Babini, Liberi tutti.
Manicomi e psichiatri in Italia, una storia del Nocento, cit., pp. 20-39; Massimo Moraglio, Dentro e fuori il
manicomio. L’assistenza psichiatrica in Italia tra le due guerre, in “Contemporanea”, n. 1, a. IX, gennaio
2006, pp.15-34; A. Scartabellati, Intellettuali nel conflitto. Alienisti e patologie attraverso la Grande guerra
(1909-1921), Edizioni goliardiche, Bagnaria Arsa (Ud) 2003; Id., Pagine dimenticate. Le culture
psichiatriche in Italia tra fine ’800 e primi decenni del ’900, in A. Giuntini, Povere menti, cit., pp. 15-40.
4
V.P. Babini, Liberi tutti, cit., p. 21. Sulla diffusione delle idee di Kraepelin in Italia cfr. in particolare F.
Stok, Krapelin e i kraepeliniani in Italia, in F.M. Ferro (a cura di), Passioni della mente e della storia, Vita e
Pensiero, Milano 1989, pp. 373-396. La prima opera di Emil Kraepelin tradotta in Italia fu Compendium der
Psychiatrie zum Gebrauche für Studierende und Ärzte, Abel Verlag, Leipzig 1883 (trad. it. Compendio di
psichiatria per uso dei medici e degli studenti, a cura di Raffaele Brugia e Clodomiro Bonfigli, Vallardi,
Milano 1885). Altri studiosi in quegli anni cominciavano a tentare una revisione della dottrina positivista, da
Agostino Gemelli a Giovanni Vailati e Giulio Cesare Ferrari. Un’analisi di questa presa di distanza è in A.
Scartabellati, Intellettuali nel conflitto, cit., pp. 42-44.
5
A. Scartabellati, Pagine dimenticate. Le culture psichiatriche in Italia tra fine ’800 e primi decenni del
’900, in A. Giuntini, Povere menti, cit., pp. 15-40, p. 15.
84
Se da un lato, dunque, occorre prestare attenzione alla complessità della
ricezione del lombrosianesimo in Italia – che si univa alla crisi complessiva del
pensiero positivo –, d’altro canto, in prevalenza, gli psichiatri italiani non presero mai
distanze troppo ampie dal pensiero di Lombroso e rimasero saldamente ancorati ad una
psichiatria che cercava le sue basi soprattutto nella scientificità della medicina:
Nel corso del 1914, la pubblicazione di un libro dovuto alla penna di un allievo di
Enrico Morselli, Umberto Masini, segnava, a giudizio del redattore dei “Quaderni
di Psichiatria”, Giuseppe Vidoni, un duplice risultato. Il ritorno indiscusso alle
teorie del Lombroso, «alle dottrine costruite dal suo genio»; e l’ennesima
scientifica conferma, auspice la biochimica, di un caposaldo lombrosiano: la
parentela di epilessia, degenerazione e criminalità6.
In altre parole, ci si asserragliava dentro quella che Scartabellati ha definito una
«dimensione falsamente rassicurante», che cercava di assegnare alla disciplina
psichiatrica la coerenza e il rigore di un impianto scientifico in grado di spiegare
qualunque manifestazione clinica:
Il mondo misurato e classificato dell’antropologismo psichiatrico nei laboratori
manicomiali non pretendeva solo d’imitare quel che la fisiologia aveva realizzato
nella clinica medica. Confessava almeno due esigenze fondamentali
dell’aspettazione alienistica. Sul piano analitico, il desiderio di inscrivere in una
dimensione falsamente rassicurante il sovrappiù di incomprensibilità che si
generava dalle manifestazioni anormali, e che giornalmente si poneva come
quesito alla riflessione psichiatrica. Sul piano metodologico, esprimeva invece
l’escamotage con cui corredare, dall’esterno, il cosmo della follia di una sua
sistematica coerenza ed intelligibilità7.
In particolare, in Italia, furono soprattutto gli psicologi militari a non raccogliere
le ambizioni conoscitive più innovative degli alienisti civili e a rimanere
dichiaratamente inscritti nel lombrosianesimo più convinto, senza volersi spingere oltre
la raccolta, la descrizione e la catalogazione di fatti positivisticamente intesi. Nel 1911,
il capitano medico Gaetano Funaioli, assistente della Clinica psichiatrica di Roma,
scriveva della necessità, da parte dell’esercito italiano, di organizzare un servizio
psichiatrico militare simile a quello degli altri paesi europei. Nell’elaborazione del suo
6
G. Vidoni, recensione a U. M. Masini, Epilessia e delitto, in “Quaderni di Psichiatria”, 1914, p. 374. Per un
approfondimento sull’epilessia da un punto di vista pienamente lombrosiano si rimanda a L. Roncoroni,
Trattato clinico dell’epilessia, Vallardi, Milano 1894.
7
A. Scartabellati, Culture psichiatriche & cultura nazionale. Per una storia sociale (1909-1929), in “Frenis
Zero. Scienze della Mente, Filosofia, Psicoterapia e Creatività”, a. III, n. 5, gennaio 2006, p. 7,
http://web.tiscali.it/bibliopsi/frenis.htm.
85
lavoro, egli si avvaleva di una serie di statistiche e dati quantitativi per corroborare la
tesi della necessità di risvegliare, come in Francia, Germania e Austria, il «culto» per la
scienza psichiatrica militare:
Sarebbe, d’altra parte, poco decoroso, che i Medici militari italiani si
disinteressassero di una tale questione vitale, dappoichè dall’Italia è partita per
opera di Lombroso e sua scuola, e per opera di Morselli, Tamburini e Bianchi, la
scintilla che ha irraggiato tanta luce di vero in fatto di Scienza psichiatrica e di
Psicologia criminale, le cui applicazioni interessano nel modo il più diretto, tra
tutti gli ambienti collettivi, quello militare8.
Alle parole di Funaioli facevano eco quelle di un altro illustre medico militare,
Placido Consiglio, il quale ribadiva la necessità di individuare soldati adatti ad un
esercito che si andava «rinovellando di continuo e sempre più adattando verso il nuovo
orientamento ideale degli uomini nella vita civile […] con la concezione positiva del
determinismo psicologico e volitivo delle azioni»:
Però, queste nuove esigenze importano novelle richieste, più complesse, più varie
e più elevate, di energie al soldato moderno, e quindi un adattamento superiore,
tanto più (è bene ripeterlo) nella coscienza – in via di formazione – delle funzioni
sociali che l’esercito può, e deve compiere, nei paesi democratici della educazione
del carattere alla lotta contro l’anormalo: ed allora, elevato il tono
dell’adattamento, maggiore sarà il numero dei dismorfici, e quindi più ampia la
necessità della selezione9.
L’idea di disporre di soldati moderni per un esercito altrettanto moderno era
commisurata alle implicazioni comportate dalle nuove guerre extraeuropee esplose nei
primi anni del nuovo secolo, a partire da quello russo-giapponese del 1904-05 o alla
8
Gaetano Funaioli, Organizzazione del servizio medico-psichiatrico nell’esercito, in “Rivista sperimentale di
freniatria”, vol. 38, a. XLVIII, 1911, pp. 337-368, p. 338. Tra le applicazioni delle teorie di Lombroso in
ambito militare, grande spazio ebbero le misurazioni antropometriche dei soldati al fine di individuare le
stigmate dell’uomo delinquente, cfr. Bernardino Farolfi, Antropometria militare e antropologia della
devianza (1876-1908), in F. Della Peruta (a cura di), Storia d’Italia, Annali 7, Malattia e medicina, cit., pp.
1183-1190. Per riflessioni di carattere più generale sulla psicologia militare e sulla sua matrice
essenzialmente fisiologica si veda anche Vito Labita, La psicologia militare italiana (1915-1918), in D.
Leoni, C. Zadra, La Grande guerra: esperienza, memoria, immagini, Il Mulino, Bologna 1986, pp. 237-245.
9
P. Consiglio, Studi di psichiatria militare, parte I, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 38, a. XLIX,
1912, pp. 370-410, p. 373. Placido Consiglio (Lentini, 1877 – Roma, 1959) studiò alla scuola di
Applicazione della Sanità militare. Dopo essere stato in Libia per un anno tra l’ottobre 1911 e il 1912, nel
luglio 1916 fu nominato maggiore medico per meriti di guerra e, nel 1918, destinato alla guida del Centro
militare di prima raccolta di Reggio Emilia. Dopo la guerra diresse diversi ospedali militari, da Udine a
Savigliano a Caserta, fino ad essere nominato Maggiore generale medico nel Comando di Corpo d’armata di
Roma nel 1939. Cfr. A. Scartabellati, “Il dovere dei medici nell’ora presente”. Biopolitica, seduzione bellica
e battaglie culturali nelle scienze umane durante il primo conflitto mondiale, in “Medicina e storia”, n. 14,
2007, p. 68.
86
guerra di Libia, che nel 1911 coinvolse direttamente l’Italia. Innegabilmente, quei
conflitti, segnarono il passo rispetto alle modalità di combattimento sperimentate fino a
quel momento e alle percezioni dei soldati in battaglia: l’impiego di nuove tecnologie,
la dimensione di massa delle battaglie e della morte, la difficoltà di individuare il
nemico contro cui scontrarsi, furono tutti elementi che segnarono profondamente i
soldati e li minarono nel corpo e nello spirito10.
Affrontando quella realtà con gli strumenti a disposizione, gli alienisti si
accorsero che in effetti si trovavano di fronte a caratteristiche del tutto nuove,
difficilmente assimilabili a quanto si era osservato fino a quel momento. In breve, molti
si resero conto delle implicazioni connesse a un nuovo tipo di conflitti, ancora tutti da
studiare, come considerava, ad esempio, il professor Gaetano Boschi, fondatore di un
ospedale specificatamente dedicato alle neuropatie militari, quello neurologico di
Ferrara:
C’era l’esperienza di altre guerre, più o meno recenti: la guerra anglo-boera, quella
russo-giapponese, le guerre balcaniche, la guerra italo-turca. I mezzi guerreschi, le
proporzioni del conflitto, il numero dei malati e dei feriti erano stati in queste
guerre infinitamente inferiori a quelli che la nuova guerra avrebbe rappresentato.
[…] Cominciava a farsi l’esperienza clinica sul teatro della grande guerra, quella
combattuta non più contro i selvaggi o tra popoli mezzo selvaggi, ma bensì tra
popoli civili coi mezzi raffinati e imponenti, dalla civiltà escogitati e costruiti.
Bisognava dunque che i medici si accorrentassero, si istruissero, un po’ per
nozioni un po’ per congetture, su questa speciale clinica della guerra moderna11.
Anche Tamburini, Ferrari e Antonini, riflettendo sulla modernità dei nuovi
conflitti, consideravano che per sostenere una guerra dalle caratteristiche nuove, anche
solo per il numero delle forze in campo, sarebbe stato necessario provvedere ad una
migliore e più efficiente organizzazione:
10
Sulla guerra russo-giapponese e la sua “modernità” si veda in particolare A. Gibelli, L’officina della
guerra, cit. pp. 17-42. Secondo Silvia Manente e Andrea Scartabellati quella guerra per la psichiatria militare
italiana non fu così determinante, perché non si seppe recepire da quel conflitto la portata effettiva del
rapporto guerra-follia, ma ci si limitò a studiarne, ammirati, soprattutto la struttura dell’organizzazione
sanitaria, cfr. S. Manente e A. Scartabellati, Gli psichiatri alla guerra. Organizzazione militare e servizio
bellico 1911-1919, in A Scartabellati (a cura di), Dalle trincee al manicomio. Esperienza bellica e destino di
matti e psichiatri nella Grande guerra, cit., pp. 91-118, p. 97. In proposito, ad esempio, si veda A.
Tamburini, G. C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., pp. 668675.
11
G. Boschi, La guerra e le arti sanitarie, Mondadori, Milano 1931, pp. 23-24. Sull’interesse di questo
volume, altalenante tra la rigorosa analisi scientifica e la retorica celebrativa fascista, si vedano le
considerazioni di Gibelli in Id., L’esperienza di guerra. Fonti medico-psichiatriche e antropologiche, in D.
Leoni, C. Zadra (a cura di), La Grande guerra. Esperienza, memoria, immagini, cit., pp. 49-73, p.52.
87
Certo, si tratta di far fronte alle esigenze più impellenti di un ramo così importante
di servizio sanitario, la cui entità si afferma sempre più nelle attuali guerre, anche
perché, impegnando esse in modo diretto la responsabilità individuale ed
assumendo la fisionomia di grandi avvenimenti politici, vengono a riunire
molteplici condizioni atte ad agire sinistramente sulle mentalità anche meglio
organizzate12.
Le «più attuali guerre» sopra citate scagliavano i soldati all’interno di quella che
Antonio Gibelli ha definito «un corso accelerato e violento di modernità imposto a
milioni di uomini in situazioni estreme di sradicamento e di minaccia per la vita, di
sofferenza e di dolore»13.
E tuttavia, se apparve subito chiaro che il conflitto in qualche modo incideva
sulla diffusione delle nevrosi, gli psichiatri italiani sembrarono rifiutarsi di
comprendere il legame profondo tra guerra e psicosi dei soldati. Secondo medici come
Tamburini, Ferrari e Antonini, infatti, la guerra, con le implicazioni di fatica fisica e
mentale che comportava, funzionava da innesco di psicopatie, ma solo in soggetti già
predisposti, come si era già potuto notare durante la guerra russo-giapponese:
Rimarrà però sempre nelle file dell’Esercito un certo numero di predisposti, i
quali, per le condizioni della guerra moderna, dovranno trovarsi, sul terreno del
combattimento, di fronte ad un complesso di fattori di debilitazione, di
esaurimento, sia psichici che fisici, inquantochè il timore, le preoccupazioni, le
trepidazioni della guerra, la nostalgia, le emozioni della battaglia, l’insonnia, lo
sconforto anche dell’inazione, accompagnati alle fatiche, alla fame, alle sofferenze
del corpo ecc., costituiscono un complesso di cause depressive o eccitatrici delle
attività mentali e perturbanti la sensibilità morale, le quali inducono facilmente,
anche nei meno tarati, fenomeni psicopatici14.
Erano le stesse conclusioni alle quali giungeva Consiglio:
In conclusione, se la guerra non crea nuove forme di psicosi, disvela ed aggrava le
disposizioni psicopatiche e le latenze nevrotiche, anche in soggetti che senza di ciò
sarebbero forse rimasti sani; donde la necessità di un risanamento morale
preventivo nelle truppe, prima della guerra, e di una attiva igiene mentale dei
soldati prima della battaglia; il soldato non deve considerarsi un semplice
esecutore di ordini, ma bisogna valutarne, e saperne valutare, le perdite di energie
nervose e psichiche, che possono condurre a défaillances improvvise – per quanto
12
A. Tamburini, G. C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., p.
669.
13
A. Gibelli, L’officina della guerra, cit., p. 10.
14
A. Tamburini, G. C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., p.
667.
88
transitorie se subito curate, o prevenute, – in seguito all’azione delle marce
prolungate, dell’alimentazione insufficiente, delle veglie protratte, dell’agitazione
nervosa e della insonnia che ne risultano15.
Allo scoppio della guerra europea, gli alienisti militari come Consiglio
cominciarono a osservare e riflettere sulle manifestazioni nevrotiche degli uomini
durante le «più complesse azioni interumane nella società moderna». Il medico
siciliano descrisse dettagliatamente tutta una serie di differenze tra le possibili cause
sviluppate dai conflitti, diverse a seconda che si fossero combattuti nelle colonie o in
Europa. Se nelle colonie era stata la distanza a incidere sulla psiche dei soldati, ora, sul
continente, la causa era da ricercare soprattutto nelle particolari e moderne novità nella
tecnica di combattimento:
Naturalmente, data questa diffusa predisposizione nevrotica, in guerra dovranno
aumentare le manifestazioni morbose, del sistema nerveo e della psiche, poiché
non agiscono soltanto, e ingranditi, i comuni fattori di perturbamento organico od
ambientale, o relativi al servizio militare, come nel tempo di pace, ma altri ancora
specifici allo stato di guerra; fattori di naturale evidenza, e di complessa natura e di
origine molteplice, i quali sono per una certa parte diversi, e per altro verso di
differente efficacia a seconda che si tratti di guerra coloniale o di guerra
continentale. Nelle guerre coloniali, oltre alle cause morali disciplinari ed
autotossiche da fatica, alle nostalgiche agli stati psicomotivi speciali a quelle
guerriglie, è da mettere in rilievo il maggior danno dell’alcool e
dell’iperalimentazione carnea, la maggior facilità dei disturbi gastro-intestinali con
relative tossiemie depressive, e la probabile azione vasoparetica cerebrale che
secondo Gedeken pare abbiano i raggi attinici solari in quei paesi, agevolanti così
le détentes nervose e le défaillances psichiche.
Nelle guerre continentali, invece, soprattutto prevale – oltre alla composizione
diversa delle truppe combattenti – (enorme numero di riservisti), il modo così
speciale del guerreggiare odierno: se le grandi battaglie d’oggidì agiscono a guisa
dei grandi cataclismi cosmici come scriveva l’Jacoby in occasione della campagna
di Manciuria, l’efficacia perturbativa di tali grandi cataclismi è oggidì ringrandita e
molteplicemente variata, sicchè si può parlare di psicosi da mine, di psicosi da
trincee, di psicosi da aereoplani o da gas asfissianti, di psicosi da scoppio di
granate od obusiti ecc.16.
I medici italiani cercarono – e trovarono – conferma alle loro osservazioni negli
studi sui soldati in guerra che si stavano avviando nel resto d’Europa, compresi in quei
paesi che ancora non si trovavano dalla parte nemica, come la Germania. Fin dai primi
15
P. Consiglio, La pazzia nei militari in guerra, intervento al XIV Congresso della Società freniatrica
italiana, Perugia, 3-7 maggio 1911, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 38, a. XLIX, 1912, pp. 253256, p. 255.
16
P. Consiglio, Psicosi, nevrosi e Criminalità nei militari in guerra, in “Archivio di antropologia criminale,
psichiatria e medicina legale”, vol. 37, 1916, pp. 258-268, p. 261.
89
mesi del 1915 cominciarono dunque ad apparire le prime recensioni su quei lavori,
come avvenne sulla rivista “Quaderni di psichiatria”, dove il dottor Michele
Kobylinsky segnalava che anche all’estero era confermata l’inesistenza di psicosi da
guerra, ma solo una predisposizione individuale ad esse, alle quali concorrevano le
difficili condizioni di vita dei soldati:
Senza dubbio, una particolare psicosi da guerra non esiste; ma è innegabile che la
guerra dà alle psicosi, che si sviluppano sotto la sua atmosfera diretta, una
coloritura e dei tratti che le differenziano da quelle che si svolgono nei periodi di
pace. […] Nella guerra, accanto alla predisposizione, intervengono altri fattori più
o meno esiziali per il sistema nervoso: si pensi soltanto alla continua serie di schok
[sic] psichici, ai traumi sul capo, alla prolungata tensione nervosa, alle epidemie,
ecc. Sempre però è da ritenere che questi fattori non esercitano la loro azione che
su terreni già preparati: infatti l’esame del malato e l’anamnesi accertano quasi
costantemente che si tratta di individui predisposti17.
In prima istanza l’attenzione fu rivolta soprattutto a indagare i traumi
neurologici, sostenuti in questo anche dagli studi stranieri, come osservava Giunio
Catola sulla “Rivista di patologia nervosa e mentale”:
In tempo di pace le ferite dei nervi periferici si osservano relativamente di rado e,
soltanto in via eccezionale, possono essere riferite a modalità di produzione
paragonabili a quelle che si realizzano in guerra per effetto delle scheggie di
granate, di pallette di shrapnell e di palle da fucile. Si comprende così che tanto in
Francia che in Germania neuropatologi e chirurghi abbiano dedicato numerosi
studi ad un argomento che le luttuose e tragiche circostanze della guerra hanno
portato in una delle prime linee ed arricchito di una casistica immensa, studi
fecondissimi18.
Da parte della maggior parte degli psichiatri italiani, insomma, non sembrava
esserci alcuna volontà di mettere in discussione l’eredità del pensiero lombrosiano o le
pratiche della psichiatria organicistica, confermando, più o meno direttamente, anche la
propria disponibilità a farsi strumento nelle mani delle autorità politiche e militari. Il
17
M. Kobylinsky, recensione a Wilhelm Weygandt, Geisteskrankheiten im Kriege (in “Münchner
medizinische Wochenschrift”, nn. 42-43, 1914, e a Robert Wollenberg, Nervöse Erkrankungen bei
Kriegsteilnehmern, in “Münchner med. Wochenschr.”, n. 44, 1914), in “Quaderni di psichiatria”, n. 4, aprile
1915, vol. II, pp.175-176, p. 175.
18
G. Catola, Neuropatologia di guerra. Le ferite dei nervi periferici, in “Rivista di patologia nervosa e
mentale”, fasc. 9, vol. XX, settembre 1915, pp. 533-554, p. 534. Tra gli esempi, Catola riportava gli studi di
Jules Babinski, Sur les lésions des nerfs par blessures de guerre, “Revue néurologique”, n.17-18, 1915; P.
Larat e P. Lehmann, Traitement électrique simplifié des accidents nerveux consecutifs aux blessures de
guerre, “La Presse médicale”, n. 5, 1915; Otto Hezel, Kriegsverletzungen der peripherischen Nervensystems,
“Medizinische Klinik”, n. 10, 1914; M. Lewandowsky, Kriegsverletzungen des Nervensystems, “Deutsche
Medizinale Wochenschrift”, n. 1, 1915.
90
loro stesso ruolo si trasformò fino ad acquisire, accanto alla funzione di cura e controllo
dei militari, anche quella di legittimazione etica della guerra, come ha sostenuto Joanna
Bourke, che li avrebbe resi una sorta di simbolo della moralità e del consenso necessari
al conflitto19.
Il rapporto tra psichiatria e potere, che secondo Eric Leed trasformava i medici
da semplici addetti alla cura delle malattie in «portavoce ed esecutori dell’autorità e
della concezione militarista ufficialmente propagandata»20 – ma anche i rapporti di
forza (o, meglio, di violenza) tra medici e pazienti, che sarebbero stati indagati
approfonditamente da Franco Basaglia cinquant’anni più tardi – conobbero proprio in
quegli anni una decisa esasperazione, anche perché fu proprio la guerra a scatenare in
modo virulento il patriottismo e il desiderio di servire la patria da parte di quasi tutti gli
psichiatri italiani21.
2. All’inizio del conflitto
Allo scoppio della guerra – uniti dal comune denominatore dell’adesione,
pubblicamente rivendicata, al positivismo antropologico di matrice lombrosiana – la
maggior parte degli psichiatri si schierò apertamente a favore del conflitto22.
19
Secondo Bourke questo li avrebbe addirittura sovrapposti alla figura del cappellano militare: «Psicologi e
psichiatri non evitavano i pronunciamenti morali: ne erano l’emblema. Tradizionalmente, questa funzione
spettava ai sacerdoti ma, col tempo, ad assumersene la responsabilità furono gli studiosi di scienze sociali,
che adottarono palesemente il ruolo e il linguaggio dei cappellani militari», J. Bourke, Le seduzioni della
guerra, cit., p. 227.
20
E. Leed., Terra di nessuno. Esperienza bellica e identità personale nella prima guerra mondiale, Bologna
1985, p. 224.
21
Cfr. S. Manente e A. Scartabellati, Gli psichiatri alla guerra. Organizzazione militare e servizio bellico
1911-1919, cit., p. 93. Il rapporto degli psichiatri – o, più in generale, dei medici – con il potere sembra
inserirsi in quella che, tra gli anni Settanta e Ottanta del Novecento, diversi sociologi hanno interpretato
come la necessità di conservazione del sistema sociale moderno, che tentava di abolire i conflitti al suo
interno costruendo nuovi meccanismi disciplinari e di controllo. In particolare, secondo Alessandro Dal
Lago, «con l’assunzione dello schema medico-biologico il discorso scientifico sulla società può così
ricondurre a un’unità organica dei fatti sociali che in linea di principio venivano comunemente legati a delle
differenze etiche, politiche e giuridiche, e che quindi permettevano conflitti e invalidazioni. In ultima analisi,
far discendere la differenziazione sociale dal funzionamento di un organismo sostanzialmente omogeneo
permetteva di sottrarre ogni legittimità a pratiche e comportamenti separati dalle leggi di conservazione
dell’organismo sociale». A. Dal Lago, La produzione della devianza. Teoria sociale e meccanismi di
controllo, Feltrinelli, Milano 1981, p. 25. Sulla violenza del rapporto medico-paziente si rimanda in
particolare alle considerazioni di Basaglia nel capitolo Le istituzioni della violenza, in Id. (a cura di),
L’istituzione negata, Torino, Einaudi, 1968, pp. 111-151.
22
Tra le rare eccezioni figurava Giovanni Mingazzini – direttore del manicomio di Roma, con contatti
professionali e sentimentali con Germania e Austria – che aveva manifestato posizioni apertamente
neutraliste. Sulla sua figura si veda Ibid., p. 113; Lisa Roscioni e Luca Des Dorides, Il Manicomio e la
grande guerra, in Antonino Iaria, Tommaso Losavio, Pompeo Martelli (a cura di), L’ospedale di Santa
91
Un chiaro esempio dell’interventismo dei medici coniugato al pensiero di
Lombroso è riscontrabile in quello che Giuseppe Antonini, direttore del manicomio
milanese di Mombello, scriveva riguardo alla pace come esito dell’evoluzione e del
progresso umani:
Per raggiungere all’infuori dell’utopia questo ideale, occorrerà attendere che gli
uomini si siano trasformati in una uniformità di struttura anatomica, che si compia
la livellazione delle condizioni ambientali, e forse, anzi senza forse, che si
sappiano eliminare le influenze telluriche, cosmiche, fisiche, e siano scomparse o
affievolite quelle ereditarie23.
Affermando la necessità di adeguarsi al momento e sottoporsi con abnegazione
ai sacrifici richiesti a tutti i cittadini, la direzione dei “Quaderni di psichiatria” invitava
ad arruolarsi senza indugio, anche per potere trattare e studiare con precisione i nuovi e
frequenti casi di “psico-neurosi da guerra”:
Noi pensiamo che la classe alienistica Italiana sia pronta a tutti quei sagrifizii di
persona, di comodità e di interessi, che il bene supremo del Paese oggi reclama da
tutti i suoi figli. Noi sappiamo già del fervore patriottico con cui molti dei nostri
colleghi hanno risposto al richiamo sotto le armi; parecchi di essi prestano di già
l’opera loro assidua, sapiente, fraterna, anche vicino alla linea di combattimento, e
non specializzata, ma medico-chirurgica in genere. Vada ad essi tutti il nostro più
caloroso plauso; vada il nostro saluto augurale: potrà la Psichiatria Italiana segnare
per loro merito nei suoi fasti una nuova e sublime pagina di gloria!24
E il numero dei medici che risposero subito alla chiamata alle armi per
presentarsi in prima linea e mettere alla prova il proprio spirito patriottico, ma anche le
proprie competenze sanitarie, fu davvero consistente. Senza specificare se si trattava di
volontari o di richiamati, e forse proprio volutamente, nella rivista “Quaderni di
psichiatria” la rubrica Psichiatria e guerra aveva cominciato a registrare
periodicamente l’elenco dei medici alienisti che di volta in volta andavano sotto le
armi: nell’autunno 1915, erano già centosettanta, tra professori, direttori e assistenti,
provenienti da quasi tutti i manicomi italiani25.
Maria della Pietà di Roma. L’ospedale psichiatrico di Roma dal manicomio provinciale alla chiusura, Bari,
Dedalo, 2003, pp. 135-144, p. 135; Enzo Forcella, Apologia della paura, in E. Forcella, Alberto Monticone,
Plotone di esecuzione. I processi della prima guerra mondiale, Laterza, Bari 1972, pp. LII-LIII.
23
G. Antonini, Nell’attesa ansiosa. Note di un interventista 1914-1915, Varallo 1915, p. 23.
24
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 6, giugno 1915, vol. II, p. 285-286.
25
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1915, vol. II, p. 397.
92
Il principio cui si ispirava la psichiatria militare italiana nel trattamento delle
patologie dei soldati era essenzialmente improntato alla consapevolezza della
predisposizione biologica alla malattia mentale, e quindi alla necessità di impedire
l’ingresso nell’esercito di persone «deboli o degenerate», secondo le indicazioni di
Consiglio, con un’azione di adeguata esclusione preventiva26.
L’obiettivo era quindi quello di avere soldati “sani” sotto ogni punto di vista, da
quello fisico a quello psichico, che riuscissero ad adattarsi senza traumi alla vita
militare, come già aveva ribadito G. Funaioli anni prima:
Se con una diligente selezione ed eliminazione, praticate fino dal tempo di pace
nelle migliori condizioni d’ambiente e da un personale medico, tecnicamente
preparato, si è riusciti a mettere fuori dall’esercito, oltre ai veri pazzi, un buon
numero di individui predisposti costituzionalmente alle psicopatie o alle reazioni
criminose e costituenti un vero elemento imbarazzante e il più pericoloso in
guerra, rimarrà nelle file dell’esercito un certo numero di meno predisposti, i quali,
per le condizioni della guerra moderna, dovranno fare i conti, sul terreno del
combattimento, con un complesso di fattori di debilitazione, di esaurimento, sia
psichici che fisici, inquantochè il timore, le preoccupazioni, le trepidazioni della
guerra, la nostalgia, le emozioni della battaglia, l’insonnia, lo sconforto anche
dell’inazione, accompagnati alle fatiche, alla fame, alle sofferenze del corpo ecc.,
costituiscono un complesso di cause depressive o eccitatrici delle facoltà mentali e
perturbanti la sensibilità, le quali inducono facilmente, anche nei meno tarati,
fenomeni psicopatici27.
L’esigenza di individuare i soldati malati e isolarli dal corpo combattente per
mantenerlo sano ed efficiente era avvertita sin dai primi mesi dell’entrata in guerra
dell’Italia, come segnalava G. Antonini dalle pagine dei “Quaderni di psichiatria”:
Per tutti costoro, sia che si tratti di veri alienati o di anomali, o semplicemente
anche di criminali, l’importante è di toglierli subito dal fronte e di provvedere alla
profilassi morale dell’esercito combattente con l’allontanarne gli elementi che lo
possono inquinare. Infatti è disastroso il potere di diffusione di contagio di cui può
essere capace un solo alienato paranoico perseguitato-persecutore, o i danni
enormi che può cagionare l’esecuzione di delicati ordini affidati ad un graduato
che sia alienato o semplicemente psicopatico28.
Tutti gli alienisti più influenti, del resto, concordavano sulla necessità di
un’adeguata profilassi per mantenere sano il corpo militare, necessario più che mai alla
26
Cfr. P. Consiglio, Studi di Psichiatria militare, parte I, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 38, a.
XLIX, 1912, pp. 370-410, pp. 371-372.
27
G. Funaioli, Organizzazione del servizio medico-psichiatrico nell’esercito, in “Rivista sperimentale di
freniatria”, vol. 38, a. XLVIII, 1911, pp. 337-368, p. 355.
28
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 7-8, luglio-agosto 1915, vol. II, pp. 338-342, p. 340.
93
salvaguardia della patria. Addirittura alcuni di essi, come Placido Consiglio,
insistevano sulla possibilità di sperimentare metodi e rimedi sui soldati da applicare
successivamente anche alla società intera. Nell’ultima parte della sua indagine sulla
psichiatria militare, scritta proprio a ridosso dell’entrata in guerra dell’Italia, egli
ribadiva ancora una volta queste posizioni:
Ma la profilassi deve maggiormente esercitarsi nel campo delle malattie morali, ed
in ogni forma di infermità, sino anche ad investire le estreme variazioni
fisiologiche della personalità umana, che dalla reazione ad una forma particolare di
vita consociata trarrebbero ragione di perturbamento e di deviazione. Ed è
indubbio che preservando l’esercito da tutta la massa di nevrotici, di squilibrati ed
alienati, di degenerati, di viziosi e di delinquenti che ad ogni anno la nazione vi
riversa, lo si guarderebbe dalla più gran parte di delinquenza, di indisciplinatezze,
di suicidi, mentre non poco vantaggio ne verrebbe al diuturno allenamento fisico e
mentale dei soldati, e per la educazione del carattere e per quella che è la ragione
finale dell’esercito: la preparazione militare per la difesa della patria29
In larga maggioranza, dunque, anche per gli psichiatri la difesa della patria
andava perseguita sia nei confronti di possibili perturbatori dell’ordine interno che
verso i “nemici” esterni. Il loro patriottismo si tradusse fin da subito in una presa di
posizione radicale contro gli Imperi centrali, in primo luogo esprimendo il proprio
disprezzo nei confronti dei più recenti studi tedeschi o austriaci, dei quali si sostenne
che erano stati scritti plagiando alcuni testi francesi, oppure scrivendo articoli e
approfondimenti sulle psicopatie e le degenerazioni ereditarie degli imperatori
austriaco e prussiano30.
Ogni avvenimento, più o meno significativo, fungeva da pretesto per scagliarsi
contro i nuovi nemici della patria, come ad esempio il necrologio con il quale, nel
1915, veniva annunciata la morte del professor Alois Alzheimer:
29
Placido Consiglio, Studii di psichiatria militare, parte IV, in “Rivista Sperimentale di Freniatria”, vol. 41,
a. LII, 1915, pp. 35-80, pp. 36-37.
30
Cfr. La redazione, Una scoperta della scienza tedesca! Il “fenomeno del Salmon” pirateggiato in
Germania, in “Quaderni di psichiatria”, n.1-2, gennaio-febbraio 1916, pp. 9-11; La Direzione, I due
imperatori di fronte alla psicopatologia, in “Quaderni di psichiatria”, n. 5, maggio 1915, pp. 211-214; Lo
stato mentale del Kaiser, in “Quaderni di psichiatria”, n. 7-8, luglio-agosto 1915, pp. 338-339; E. Lugaro,
Pazzia d’imperatore o aberrazione nazionale?, in “Rivista di patologia nervosa e mentale”, fasc. 7, vol. XX,
luglio 1915, pp. 385-414; Lo stato anormale di mente dei Tedeschi, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10,
settembre-ottobre 1915, pp. 394-395; Lo stato mentale dei protagonisti del Conflitto mondiale, in “Quaderni
di psichiatria”, n. 1-2, gennaio-febbraio 1916, p. 35; E. Morselli, I mongoloidi in Europa, in “Archivio di
antropologia criminale, psichiatria e medicina legale”, vol. 38, 1917, pp.67-70. Su questa massiccia opera di
“psichiatrizzazione del nemico” si vedano le considerazioni di P. Giovannini, La psichiatria italiana e la
grande guerra. Ideologia e terapia psichiatrica alle prese con la realtà bellica, in “Sanità, scienza e storia”,
n. 1, 1987, pp. 116-119.
94
Ma la Germania non ha oggi tempo di considerare quanto meglio abbiano servito
la causa della civiltà uomini come l’Alzheimer, anziché i suoi tanti generali che
con la violenza, col terrore e con la devastazione pretendono di civilizzare il
mondo! Noi che l’Alzheimer conoscemmo in altri tempi, quando eravamo abituati
a considerare il popolo tedesco come uno dei fattori del progresso umano, noi che
lo amammo quando ancora non potevamo concepire una Germania brutale,
barbara, nemica delle altrui sacrosante aspirazioni nazionali, non possiamo fargli il
torto di confonderlo con la turba militaresca del suo paese31.
Una simile demonizzazione del nemico, anche sul piano scientifico, risultò utile
persino per sostenere la salubrità del corpo militare italiano. Il mito vitalista del «sano
latino» fu ripreso e rielaborato per sostenere la decisa superiorità italiana rispetto alle
altre popolazioni, soprattutto tedesche e austriache.
Questo tema trova conferma in alcuni articoli della rivista “Quaderni di
psichiatria”, decisamente aderente alle teorie lombrosiane: in essa, infatti, ebbero
spazio e rilievo gli studi compiuti dal professor Arturo Morselli sul dolore dei soldati
italiani colpiti al fronte, i quali avrebbero dimostrato una resistenza maggiore di quanto
emergeva da ricerche simili svolte sui soldati tedeschi:
Osservazioni interessanti ha poi fatto il prof. A. Morselli sulla tolleranza dei nostri
feriti verso il dolore. È noto invece che l’Hoppenheim e altri neuropatologi
Tedeschi avevano constatato un enorme aumento della sensibilità nei loro soldati
pur lievemente feriti! Anche questa superiorità dell’«animo» (non del solo corpo)
dei Latini valga a provare l’influenza del fattore psichico-idealità della nostra
guerra sulle funzioni del sistema nervoso32.
Una summa della radicalità con la quale i medici si scagliavano contro i
tedeschi, qualunque fosse l’argomento affrontato, può essere rintracciata nel lungo
saggio di Ernesto Lugaro, il quale nel 1917, dalle pagine della “Rivista di patologia
nervosa e mentale”, attaccò senza indugi «le pretese del pensiero tedesco», criticando
nel merito e nella forma i lavori e il pensiero di Sigmund Freud, Alfred Adler, Hugo
Münsterberg, e concludendo con la descrizione della «psicologia pratica dei tedeschi»,
che li ha spinti prima a insinuarsi dappertutto a furia di cerimonie e di gomitate, di
concorrenza sleale e di spionaggio, ed ora, buttata la maschera, proclama di voler
raggiungere il dominio del mondo col ferro e col fuoco, collo sterminio e con la
31
32
F.B., Alois Alzheimer, in “Rivista Sperimentale di Freniatria”, vol. 41, a. LII, 1915, p. 644.
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 7-8, luglio-agosto 1915, vol. II, pp. 338-342, p. 339.
95
devastazione, con quella guerra feroce e vile che renderà infame nei secoli il nome
tedesco33.
Del resto, questo atteggiamento radicalmente antigermanico e antiaustriaco fu
senz’altro uno dei motivi per i quali anche le teorie psicanalitiche di Sigmund Freud
faticarono a trovare spazio in Italia34.
Nel giugno 1915, il professor Gustavo Modena segnalava che in Italia vi era
ancora una certa indifferenza, quando non un’aperta ostilità, nei confronti del pensiero
del professore viennese. Per quanto fosse necessario riconoscerne le caratteristiche di
genialità e novità, il direttore del manicomio di Ancona ne lamentava infatti la
mancanza di base scientifica e sperimentale:
Utilizziamo dunque, per quanto è possibile, tutti i mezzi di indagine sulla mente
del malato, e plaudiamo a qualunque mezzo ci indichi una nuova via di
esplorazione, lasciando da parte preconcetti o sistemi, evitando di precorrere con
criteri schematici le deduzioni dell’indagine. Ma non dimentichiamo i principi di
un sano positivismo scientifico, cercando di mantenere le questioni nei loro limiti e
assegnando il dovuto valore ai fondamenti obiettivi e sperimentali. Ricordiamo che
il terreno è infido e pericoloso, e teniamo presente che le dottrine di Freud nelle
loro applicazioni alla Neuropatologia e alla Psichiatria non risolvono, ma soltanto
spostano il problema etiologico. Dallo studio e dalla accurata analisi della psiche
del malato si potranno spiegare meglio i sintomi e maggiormente illuminare i
quadri morbosi: ma subordinare agli elementi psicologici – soggettivi e
difficilmente controllabili – le condizioni organiche, come gli psicoanalisti
vogliono fare, è voler arrestare il corso felice della scienza, è fondare con una
teoria filosofica, un castello di ipotesi che un solo fatto potrà distruggere, è voler
33
E. Lugaro, La psichiatria tedesca nella storia e nell’attualità, in “Rivista di patologia nervosa e mentale”,
fasc. 2, vol. XXII, febbraio 1917, pp. 65-104, p. 104. Il lungo saggio di Lugaro era diviso in otto sezioni,
distribuite per ciascun fascicolo della rivista. La prima fu pubblicata nel fasc. 1, vol. XXI, maggio 1916, pp.
185-239, l’ultima nel fasc. 5, maggio 1917, pp. 249-302 . Dal canto suo, Freud considerava che l’odio
crescente tra paesi nemici stava riducendo gli europei alla stregua di “barbari”: «Anche la scienza ha perduto
la sua serena imparzialità; i suoi servitori, esacerbati nel profondo , cercano di trar da essa armi per
contribuire alla lotta contro il nemico. L’antropologo è indotto a dimostrare che l’avversario è un essere
inferiore e degenerato: lo psichiatra a diagnosticare in lui perturbazioni spirituali e psichiche», Id.,
Considerazioni attuali sulla vita e la morte, in Opere di Sigmund Freud, vol. VIII, Boringhieri, Torino 1976,
p. 123.
34
«Sono persuaso che la guerra del 1915-1918 è stata una gravissima causa di quell’“arresto” brutale di cui
parla Freud. L’Austria era per l’Italia la nazione nemica per eccellenza, e Freud era viennese. Il fascino
esercitato sulla élite italiana da quel formidabile centro culturale che fu la Vienna fin de siècle si trasformò in
un senso ambivalente di ostilità e rifiuto. Gli psichiatri posti davanti al problema dei traumi collettivi, i
neurologi e chirurghi sommersi dalle osservazioni di patologia cerebrale (che certamente fecero fare enormi
progressi pratici e teorici nel loro campo), oppressi dalla necessità della cura efficace, rapida, anche brutale,
ripiegarono sulle loro posizioni lombrosiane e organicistiche originarie, con in più una tonalità nazionalistica
quasi nuova, ma esasperata. W. Reich ha un bel dire che sola fra tante società scientifiche, quella
psicoanalitica continuò ad avere una vita internazionale durante la guerra; non credo che vi sia stato più
nessun rapporto scientifico tra Vienna e l’Italia per quattro anni. La normalizzazione dei rapporti si ristabilì
lentamente, solo verso il 1922, ma molte cose erano o stavano per essere cambiate», Michel David, La
psicoanalisi nella cultura italiana, Bollati Boringhieri, Torino 1990 (nuova edizione riveduta e ampliata; 1
ed. 1966), pp. 161-162.
96
ritornare alla metafisica e nel campo psicopatologico istituire una pericolosa
“metapsichiatria”35.
La mancata ricettività della psicanalisi e del freudismo in Italia prima della
guerra era comunque dovuta a diverse ragioni, come ha spiegato puntualmente Michel
David. In primo luogo, fu per la pervasività del lombrosianesimo – a parte alcuni
iniziali punti di contatto tra le due teorie, soprattutto a proposito di regressione e
atavismo – o, in alternativa, per l’adesione alle idee di Kraepelin. Ma, soprattutto, gli
alienisti italiani anteponevano al pensiero freudiano, apparentemente troppo teorico e
astratto, la ricerca scientifica, pragmatica e concreta: «il medico, messo davanti alla
tecnica d’analisi e alle ipotesi di lavoro di un Freud, non doveva abbandonare la sua
vocazione precisa di esperienza e di analisi»36.
Per gran parte dei medici psichiatri italiani, dunque, la questione determinante
verteva sulla possibilità di condurre analisi sperimentali sui malati, convinti che solo
con quel metodo essi sarebbero stati in grado di formulare diagnosi esatte e, di
conseguenza, garantire la presenza nell’esercito di individui perfettamente adeguati.
Del resto, questa era proprio l’esigenza dei vertici militari, secondo quanto si
legge nella relazione sul servizio neuropsichiatrico, redatta alla fine del conflitto, a
proposito dell’utilità di simili servizi nelle diverse armate. Essi
[…] avevano il triplice scopo e vantaggio di sbarazzare rapidamente le truppe del
fronte dall’ingombro dei malati mentali e nevropatici, di riconoscere ed eliminare
da questi i simulatori, di curare sul posto le forme leggere per restituirle ai corpi,
evacuando i più gravi verso le zone interne37.
35
G. Modena, La psicoanalisi in Neuropatologia ed in Psichiatria, in “Quaderni di psichiatria”, n. 6, giugno
1915, vol. II, pp. 241-251, p. 250. La definizione di “metapsichiatria” applicata alle teorie freudiane era
ripresa da Kraepelin, cfr. Ibid., p. 242.
36
Michel David, La psicoanalisi nella cultura italiana, cit.,p. 16. Inoltre, segnala David, per i medici italiani
«l’assenza di “strumenti” meccanici non sembrava veramente “scientifica”», Ibid., p. 155. Solo durante la
guerra gli psichiatri avrebbero cominciato ad avviare una riflessione sulle emozioni e sull’oscurità
dell’inconscio, non riuscendo a dare spiegazioni convincenti ai fenomeni che si trovavano ad osservare, e
aprendo in questo modo la strada alla psicoanalisi. Fu nel primo dopoguerra, inoltre, che Marco Levi
Bianchini avrebbe fondato una rivista, “L’archivio generale di neurologia e di psichiatria” (nel 1920) e quindi
la Società psicoanalitica italiana (nel 1925), con l’intento di dare conto e diffusione delle idee psicoanalitiche,
cfr. V. Babini, Liberi tutti, cit., pp. 59-67. Sulla figura di Levi Bianchini si rimanda a Marco Quarchioni,
Marco Levi Bianchini e la Biblioteca psicoanalitica italiana, Biblioteca provinciale “M. Delfico”, Teramo
1988; Francesco Saverio Moschetta (a cura di), Marco Levi Bianchini e le origini della psicoanalisi in Italia,
Ospedale neuropsichiatrico, Teramo 2000.
37
Ussme, Diari prima guerra mondiale, P21A, Relazione sanitaria guerra 1915-1918. Servizio
neuropsichiatrico, p. 389.
97
Il problema più urgente sembrava essere soprattutto quello di individuare e
allontanare coloro che fingevano soltanto di soffrire delle più disparate patologie
mentali, con l’intento di sottrarsi agli obblighi militari. I simulatori erano ritenuti
frodatori intenzionali, paragonabili ai delinquenti comuni38.
Secondo Tamburini, Ferrari e Antonini, la funzione primaria dei medici
psichiatri nell’Esercito era proprio quella di smascherare i tentativi di simulazione:
Che l’obiettivo precipuo del servizio psichiatrico nell’Esercito sia il disimpegno di
funzioni di indole medico-legale, è dimostrato sia dalla frequenza e dalla natura
delle malattie mentali reali, sia dalla possibilità di simulazioni sia anche dalle
osservazioni sui rapporti tra psicopatie e determinate forme di reati39.
E il maggiore medico Antonini, a guerra già avanzata, ribadiva la necessità di
prendere provvedimenti contro chi non sentiva l’amor di patria e l’urgenza di
difenderla:
Se tutti gli atti malvagi e violenti che facciano acquisire la qualifica di criminale al
soldato conducessero all’impunità, per questo solo titolo che il fatto possa ripetersi
e possa quindi la criminalità essere equiparata all’ottusità mentale che faccia
presumere che non si possa compiere utilmente il servizio militare, e debba
sottoporsi a riforma, questi casi si moltiplicherebbero con grande facilità presso
tutti coloro, e sono molti, che non hanno purtroppo un chiaro senso del dovere, e
non sentono l’imprescindibile necessità, in questo grande momento che attraversa
la Nazione, di dare, secondo le proprie forze, il contributo alla difesa della Patria40.
In effetti, la mobilitazione generale rischiava di confondere gli individui
realmente portatori di patologie psichiche con i “volgari” simulatori, come avvertiva la
redazione dei “Quaderni di psichiatria”. Proprio in merito a questo problema, in tutta
Europa si stavano compiendo studi e analisi che mettevano in rilievo l’importanza del
parere del medico psichiatra:
38
La questione della simulazione della follia interessava gli psichiatri da ben prima della guerra, ed era posta
in stretta relazione con le azioni criminali dei delinquenti, anche se fu soprattutto in ambito militare che fu
considerata centrale. Cfr. in particolare Pasquale Penta, La simulazione della pazzia e il suo significato
antropologico, etnico, clinico e medico-legale, Francesco Perrella editore, Napoli 1900.
39
A. Tamburini, G.C. Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., p.
661. Secondo gli autori, in Italia fu Luigi Roncoroni – assistente di Lombroso a Torino e direttore della prima
cattedra universitaria di neuropsichiatria a Parma dal 1907 al 1935 – a suggerire di attrezzare sale
psichiatriche negli ospedali militari, già agli inizi del nuovo secolo, «affine di potere esaminare a fondo,
come si può fare in una Clinica, i militari sospetti di simulazione», Ivi, p. 660.
40
G. Antonini, La questione della epurazione dall’esercito dei criminali, anomali ed indisciplinati, in
“Archivio di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale”, vol. 38, 1917, pp. 17-26, pp. 17-18.
98
Bisogna dunque che ogni mutilato volontario sia studiato attentamente dal punto di
vista della mentalità; e allora bene spesso, secondo l’A., si troveranno le note o
stimmate della inferiorità psichica: certe mutilazioni sono eseguite in modo così
inverosimile e sciocco da rivelare subito, non solo la frode, ma la deficienza
mentale dei soggetti. […] Spetta certamente ai Giudici di apprezzare le circostanze
di fatto e di intenzione; ma il perito potrà pur sempre illuminarli, sia circa la vera o
verosimile origine della ferita, sia circa lo stato psicologico dell’incolpato41.
La necessità di confrontarsi con quanto veniva elaborato all’estero fu avvertita
fin dall’inizio della guerra: diversi medici, infatti, si erano recati all’estero a visitare i
centri di ricovero degli “psiconevrotici di guerra”, per confrontarsi su metodi e
tendenze riabilitative, come fece nel 1915 il professore Giuseppe Sanarelli, direttore
dell’Istituto d’Igiene dell’Università di Roma e futuro rettore, o, successivamente, tra
maggio e giugno 1917, il professore Vincenzo Bianchi.
In particolare, nella relazione di Sanarelli sulla situazione francese ritornavano
le questioni che erano state già affrontate anche in Italia sull’inferiorità dei soldati
tedeschi, considerati più facilmente attaccabili da patologie mentali per «scarso livello
morale» e «maggiore predisposizione agli eccessi di ogni natura, specialmente quelli
prodotti dall’alcool», mentre, al contrario, i francesi presentavano «ottimo terreno
morale» e una buona qualità di alimentazione e igiene. Il professore ribadiva inoltre la
mancanza di connessione diretta tra psicopatie e guerra, pur sostenendo la necessità di
organizzarsi al meglio con consulenti specializzati per far fronte alle possibili
infiltrazioni di delinquenti comuni tra le fila dell’esercito, mascherati da simulatori:
Ciò non esclude bene inteso, che compaiano di tanto in tanto delle manifestazioni
di squilibrio mentale, caratterizzate da atti di indisciplinatezza, di ribellione, di
oltraggio, di violenza, di diserzione ecc. che si verificano, per lo più, a carico di
soggetti irresponsabili, le cui turbe mentali sfuggono anche alla diagnosi del
medico militare. È a causa di questa dolorosa eventualità che si insiste da più parti,
affinchè i consigli di guerra siano assistiti da medici alienisti, in grado di effettuare
se non quelle perizie psichiatriche vere e proprie, almeno degli esami mentali
d’urgenza, onde evitare possibili e deplorevoli confusioni fra malati e volgari
delinquenti meritevoli dei rigori della giustizia militare42 .
Peraltro, alcuni medici riconoscevano una certa ambiguità tra simulazione e
patologia effettiva, connessa proprio al trauma subito e all’angoscia di poter rivivere
certe esperienze, ed arrivarono a sostenere che l’eccessiva severità e rigore verso i
41
La Redazione, recensione a Paul Chavigny, Étude médico-légale sur les mutilations volontaires par coup
de feu (in “Paris Médical”, 13 marzo 1915), in “Quaderni di psichiatria”, n. 4, aprile 1915, vol. II, p. 187.
42
Acs, Mi, Dgsp, Atti amministrativi 1910-1920, b. 154, Relazione del professore G. Sanarelli, ottobre 1915.
99
soldati potessero probabilmente essere controproducenti, come scrisse il dottor M.
Zalla sulla “Rivista di patologia nervosa e mentale”:
La massima parte degli individui colpiti dai disturbi ora indicati torna abbastanza
rapidamente in condizioni che possono apparire normali; ma basta che sentano
parlare dell’imminenza o della possibilità del ritorno al campo perché vengano
tosto ripresi dai loro disturbi: non per questo essi debbono essere considerati
simulatori: sono individui il cui sistema nervoso non regge agli strapazzi ed agli
orrori della guerra; malgrado la buona volontà, alla prima occasione la loro debole
resistenza cede, ed anche quando sono apparentemente guariti dei sintomi
tumultuosi qualcosa in loro rimane: rimane il terrore che il pericolo superato possa
rinnovarsi, rimane l’orrore per la guerra. Nel procedere alla sistemazione di questi
individui è inutile e anche dannoso lasciarsi guidare da criteri di rigida severità: è
opportuno invece, seguendo i dettami del buon senso e del senso pratico,
allontanarli dall’esercito pel quale rappresentano un inutile ingombro e destinarli
ad occupazioni nelle quali possano ancora svolgere un’attività normale43.
Da un lato, persisteva comunque la volontà di mantenere l’esercito depurato da
elementi di disturbo, sia che essi fossero malati sia che fossero potenziali criminali, ma
dall’altro si cominciava anche a parlare di «orrore della guerra», seppure solo come
agente scatenante.
3. La realtà della guerra
Il Servizio neuropsichiatrico di guerra fu organizzato, sulla falsariga del servizio
sanitario militare, solo a guerra iniziata. Il coordinamento e l’organizzazione
complessiva del servizio furono affidati all’illustre alienista Augusto Tamburini, che
propose di dotare ogni armata di reparti neurologico-psichiatrici specializzati. Ciascuna
delle quattro armate impiegate al fronte si sarebbe così dovuta dotare di una sezione
neuropsichiatrica avanzata, posta sotto la consulenza di medici psichiatri. Questi ultimi
avrebbero controllato anche i reparti allestiti nei territori delle rispettive armate,
distribuiti in buona parte del territorio italiano, con il compito di esaminare i casi che si
presentano, valutarne la diagnosi e, soprattutto, intervenire sullo smascheramento dei
simulatori.
43
M. Zalla, Le perturbazioni psichiche nei militari in tempo di guerra, in “Rivista di patologia nervosa e
mentale”, fasc. 4, vol. XX, aprile 1915, pp. 205-211, p. 210.
100
I consulenti scelti erano nomi decisamente di spicco nel panorama psichiatrico
italiano, che avevano dato prova di iniziativa e valore nei primi mesi del conflitto: a
Verona la prima armata, ebbe a disposizione Arturo Morselli, figlio di Enrico; per la
seconda, a Udine, fu nominato Vincenzo Bianchi, deputato e figlio di Leonardo, il
direttore del manicomio di Napoli. Angelo Alberti, direttore del manicomio di Pesaro, e
Giacomo Pighini, del manicomio di Reggio Emilia furono destinati rispettivamente alla
terza e alla quarta armata, a San Giorgio di Nogaro e a Udine44.
Ci vollero un paio d’anni per mettere a punto l’organizzazione, che si
componeva di dieci reparti psichiatrici e ospedali da campo in zona di guerra e di una
trentina di reparti specializzati negli ospedali o nei manicomi delle retrovie e della zona
territoriale, e che prendeva esempio dalle strutture allestite in altri paesi come Francia e
Inghilterra45.
La ritirata successiva alla rotta di Caporetto avrebbe messo il sistema a dura
prova, costringendo anche i reparti neuropsichiatrici al ripiegamento e, talora, anche
all’abbandono dei ricoverati:
Gli avvenimenti di guerra dell’ottobre e novembre u.s. hanno apportato notevoli
mutamenti nei Servizi Neuropsichiatrici dell’esercito. Non solo si è dolorosamente
perduta tutta l’organizzazione sanitaria nella zona invasa dal nemico, ma anche le
Consulenze neuropsichiatriche della II. Armata (Udine), dell’Armata Carnica
(Osoppo), della IV. Armata (Belluno), e infine della III. Armata (Cervignano-San
Giorgio di Nogaro), si sono dovute effettivamente abolire o restringere. Di più il
Reparto neurologico di Treviso, affidato al Magg. Med. Prof. L.Gatti, è stato
trasferito a Milano46.
44
La descrizione del “servizio nevro-psichiatrico di guerra nell’Esercito italiano” è in A. Tamburini, G.C.
Ferrari, G. Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, cit., pp. 675-679. I nomi dei
consulenti sono in Organizzazioni di Servizi Neurologico-Psichiatrici per i Belligeranti, in “Quaderni di
psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1915, vol. II, p. 396. Per alcune notizie su di loro si rimanda a A.
Scartabellati, Intellettuali nel conflitto. Alienisti e patologie attraverso la Grande guerra (1909-1921), cit.,
pp. 70-71.
45
L’elenco e la distribuzione dei reparti sono in Ussme, fondo E7, b. 53, Relazione storica sui servizi sanitari
in tempo di guerra, p. 836. Si veda anche A. Mendicini, I centri neurologici nella mostra nazionale delle
opere di assistenza nell’esercito, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1918, vol. V, pp.
229-234.
46
Organizzazione dei Servizii Neuro-psichiatrici dell’Esercito, in “Quaderni di psichiatria”, n. 3-4, marzoaprile 1918, vol. V, p. 92. Cfr. anche Nei manicomi del Veneto invaso, in “Giornale di psichiatria e tecnica
manicomiale”, anni XLV-XLVI, 1917-18, pp. XLVIII-LI. Il capitano medico della Terza armata Umberto
Neyroz, tuttavia, rassicurava sulla capacità di recupero e riorganizzazione del reparto: «Avvenuto il
ripiegamento e lo sgombero completo – senza alcuna perdita – dei vari reparti d’armata verso l’interno del
territorio, il servizio psichiatrico subì anch’esso le conseguenze del primo periodo di assestamento generale
con una breve pausa di poco più di un mese, in quanto che già ai primi di dicembre era in grado di riprendere
il suo normale funzionamento», Ussme, fondo E7, b. 31, Servizio neuropsichiatrico, Relazione sul
funzionamento del servizio psichiatrico della III Armata, s.d., p. 4.
101
Il servizio fu riorganizzato nei mesi successivi, con l’ampliamento delle
strutture e il potenziamento, nelle retrovie, di nuovi centri neurologici nelle maggiori
città italiane. Nel gennaio 1918, inoltre, ad essi si era aggiunto anche, a Reggio Emilia,
il Centro neuropsichiatrico di prima raccolta, diretto da Placido Consiglio, che si
occupava di intervenire come «filtro per tutti quelli che, idonei, erano riusciti a sfuggire
all’osservazione dei Consulenti e dei reparti avanzati, restituendoli alle truppe»47.
Alle prese con i combattimenti, dopo le teorie e la retorica della necessità di
arruolarsi per il fronte, gli alienisti cominciarono necessariamente a misurarsi con i
problemi concreti che il conflitto provocava nei soldati.
Il problema centrale però sembrava rimanere sempre quello di occuparsi delle
lesioni del sistema nervoso, più che dei traumi psichici: nel 1916 i professori G. Verga
e G. Sala studiarono i casi di lesioni ai ricoverati all’ospedale militare di riserva
“Collegio Borromeo” di Pavia e redassero un testo sulle lesioni ai nervi periferici
conseguenti a ferite di arma da fuoco. Scrivendo in merito alla diffusione di quel testo
al Direttore generale della sanità, il professor Camillo Golgi nel luglio 1916 lamentava
ancora un certo ritardo nel predisporre un adeguato servizio sanitario e ribadiva
L’assoluta necessità di meglio considerare problemi di alta importanza pratica,
scientifica e sociale, che hanno stretta attinenza coll’organizzazione dei servizi
sanitari e che pur troppo in Italia non furono presi nella dovuta considerazione48.
Inevitabilmente, l’aumento dei casi di nevrosi e psicopatie funzionò come
straordinario laboratorio per tutti gli alienisti, specialmente quelli sotto le armi, che
cominciarono a studiare e descrivere i casi che di volta in volta si trovavano di fronte.
Dall’estate 1915 in tutte le pubblicazioni specializzate lo spazio maggiore fu riservato
ai numerosissimi articoli, commenti, saggi e recensioni che analizzavano le nuove
patologie e lesioni, sia psichiche che nervose, o le questioni metodologiche e teoriche
che stavano impegnando gran parte dei medici alienisti italiani.
Così, ad esempio, sin dal mese di giugno nella rivista “Quaderni di psichiatria”
si cominciò a compilare una rubrica fissa nella quale dispensare consigli e proporre casi
47
E. Riva, Il centro psichiatrico militare di I raccolta, in “Rivista sperimentale di freniatria”, a. LIV, 1919,
pp. 308-324, p. 309.
48
Acs, Mi, Dgsp, Atti amministrativi 1910-1920, b. 154, lettera di Camillo Golgi al Direttore generale della
sanità A. Lutrario, Pavia, 31 luglio 1916.
102
emblematici. In una di esse furono descritti i trattamenti che il professor Arturo
Morselli, capitano medico nell’ospedale da campo n. 32 della Terza armata, nell’Isonzo
inferiore, applicava ai soldati colpiti da qualunque tipo di problema neuropsichiatrico,
dalla nevrosi istero-traumatica all’afasia,sordità o cecità psicogene, dall’epilessia alla
demenza precoce, dalla psicosi catatonica alle ferite del sistema nervoso periferico e
centrale:
Il prof. Arturo Morselli fa largo uso dell’ipnosi e della suggestione: a tale uopo gli
serve egregiamente un apposito strumentario elettro-terapico (faradizzazione a
doppio rullo) che si è fatto spedire dalla Clinica di Genova. Molti “muti” hanno
così ripresa la parola e sono tornati a combattere!49
Morselli sosteneva la possibile rimessa in salute dei soldati, anche se
presentavano alterazioni nervose di diverse tipologie, e a patto che si intervenisse
tempestivamente. A maggior sostegno della propria tesi, nel 1918 il medico presentava
i risultati di una ricerca condotta da un neurologo inglese, il dottor Arthur F. Hurst, sui
soldati dell’esercito britannico affetti da isterismo, ribadendo la differenza fra
manifestazioni «sincere» e simulate:
La suggestione della guaribilità assoluta di tutti questi malanni è la base della cura;
bisogna dunque diffondere nei Centri Medico-militari l’idea che le forme isteriche
sincere guariscono sempre, le simulate son quelle che non guariscono. Se nei
Servizi neurologici si lasciano dei malati guariti, essi sono di grande sussidio al
terapeuta; poiché «preparano» i nuovi ammessi, tanto che questi guariscono poi in
24 ore!50
49
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 7-8, luglio-agosto 1915, vol. II, pp. 338-342, p. 339.
La fiducia nella cura e guarigione dei ricoverati negli ospedali da campo traspare anche dalla relazione del
capitano Neyroz: «Ottimo si è mostrato il sistema di tenere sempre a letto i malati, sia come efficacia
sedativa, sia come mezzo per tener maggiormente in ordine il reparto e sott’occhio per una più vigile
osservazione il paziente. A seconda dei casi poi: bagni caldi prolungati, anche per molte ore (quando è stato
possibile farlo, come a San Giorgio) per le forme agitate e che hanno sempre corrisposto molto bene; uso di
nervini, bromici, ipnotici ecc. Assai di frequente nei casi di sitofobia persistente, come negli ebefrenici,
lipemaniaci, si è dovuto ricorrere alla alimentazione artificiale, con la sonda esofaga, e di solito per via
nasale, senza mai avere alcun spiacevole incidente. Limitato, e sempre in seguito ad ordine medico, l’uso dei
mezzi di contenzione. Nei casi di mutismo da schoch, [sic] (in complesso oltre 200) si è avuta una
percentuale assai soddisfacente di guarigioni, oltre il 90%, sia con l’eterizzazione, sia con la suggestione
psicoterapeutica, ma in modo più costante con l’applicazione di correnti faradiche improvvise e gradualmente
crescenti di intensità ai lati del collo», Ussme, fondo E7, b. 31, Servizio neuropsichiatrico, Relazione sul
funzionamento del servizio psichiatrico della III Armata, s.d., pp. 9-10. Descritto nel 1920 anche da Sigmund
Freud, Promemoria sul trattamento elettrico dei nevrotici di guerra, in Opere, vol. 9, 1917-1923,
Boringhieri, Torino 1967, questo trattamento, che alternava metodi “dolci” come il sonno e il riposo a metodi
più “persuasivi”, fu utilizzato anche in Francia, come dimostra l’analisi di Sophie Delaporte, Les Réponses
thérapeutiques, in “14-18. Aujourd’hui, Today, Heute”, n. 3, 1999, pp. 36-55.
50
A.M. [Arturo Morselli], recensione a Arthur F. Hurst, L’isterismo nei militari (“British Medical Journal”,
settembre 1917), in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1918, vol. V, pp. 236-237 (corsivi
103
La cieca fiducia nella guarigione delle malattie nervose poneva i medici al
riparo da ipotizzare che le forme del trauma potessero essere talmente violente da
alterare per sempre le vite dei soldati. Anche il tenente colonnello medico G.
Gradenigo, nel marzo 1917, descrivendo i casi di mutismo, afonia e sordità nei militari,
di origine psichica e per cause belliche, segnalava l’efficacia della soluzione alla quale
faceva ricorso – un bagno di suono – ma allo stesso tempo avvertiva della «tenacia»
con la quale si manifestavano alcune patologie psichiche:
per le forme psichiche, sia del mutismo ed afonia, sia della sordità, conviene far
ricorso alla psicoterapia e alle cure fisiche; buoni risultati ho ottenuto col
sottoporre i pazienti con mutismo e con sordità funzionale ad una specie di bagno
di suono, in una stanza molto risonante, dove mediante canne d’organo, si
producono intense vibrazioni sonore di differente periodo. […] Talora, anche se si
ha cura di prolungare il periodo di eccitamento e far ricorso, come fu detto, a vari
procedimenti suggestivi, non si ottiene alcun risultato, tanto sono tenaci le forme
psichiche nei militari nella presente guerra51.
I medici si trovavano sostanzialmente d’accordo nel sostenere che la guerra
esasperava gli stati d’animo dei soldati, intensificando in loro emozioni come l’ansia, la
paura e l’angoscia, prima e durante gli assalti, ma anche l’esasperazione, che montava
nelle lunghe ore di inerzia trascorse in trincea, in preda sovente a fame e sonno.
Lo stesso Placido Consiglio rifletteva sulla somiglianza della guerra moderna a
un «grande assedio», torturante e sconvolgente:
La guerra d’oggidì somiglia molto ad un grande assedio, e le così dette psicosi da
guerra, psicosi da mine e simili che oggidì si vogliono descrivere, sono assai
analoghe alle manifestazioni morbose che furono descritte ad esempio negli ultimi
tempi dell’assedio di Port Arthur. […] Come nelle attuali guerre di posizione si
moltiplicano e si intensificano tutti i fattori perturbanti delle guerre passate, dalla
fatica fisica al patema della guerra, dalle insidie mortifere innumerevoli ed
inaspettate della terra e del cielo al rabbioso tuonare delle artiglierie di ogni
calibro, nell’ansia continua e nella aspettazione sinanco angosciosa dell’agguato o
nel testo). La questione della simulazione, decisamente centrale negli studi dei medici militari, fu affrontata
su base esclusivamente fisiologica dal professor Gerolamo Cuneo nel 1918, il quale stabilì che esistevano
mezzi sicuri per individuare e riconoscere le malattie del ricambio – come nefrite, diabete, epilessia,
nevrastenia o psicosi maniaco-depressiva – vere da quelle simulate, permettendo così alla medicina militare
di svolgere il proprio compito di «assicurare alla Patria il doveroso concorso di tutti i cittadini», Id., Lo studio
delle simulazioni con metodi di indagine biochimici, in “Rivista sperimentale di freniatria”, 1919, pp. 325330, p. 329.
51
G. Gradenigo, Mutismo, afonia, sordità nei militari: di origine psichica, da cause organiche: simulazioni e
criteri differenziali obiettivi, in “Rivista di patologia nervosa e mentale”, fasc. 3, vol. XXII, marzo 1917, pp.
113-131, p. 130.
104
dell’assalto improvviso e della sorpresa nel sonno per gli scoppi di mine
sotterranee, con l’inclemenza del tempo e le torture della fame e con le visioni
macabre che tante volte subiscono i combattenti allorché le furibonde raffiche di
fuoco li costringono alla immobilità esasperante nei cunicoli da talpa52.
In una guerra essenzialmente di posizione, il logoramento dei soldati sembrava
quasi inevitabile, considerando l’ansia nell’attesa dell’attacco, il sentimento di
lontananza dalla propria casa e dai propri affetti o l’incertezza nel futuro. Questo stato
emotivo fortemente perturbante metteva a dura prova anche «le tempre meglio
preparate e più robuste», come segnalarono, a conflitto ormai terminato, gli psichiatri
Lionello De Lisi ed Ezio Foscarini dalle pagine del periodico “Note e Riviste di
Psichiatria”53.
Per quanto gli alienisti cercassero di prendere le distanze dal pensiero freudiano,
insistendo sulle basi organiche degli stati affettivi, le loro osservazioni sui
comportamenti dei soldati non potevano trascurare il ruolo dell’emozione come agente
scatenante, che però, naturalmente, fungeva da innesco in individui già predisposti a
determinate patologie.
Erano le considerazioni alle quali giungeva il sottotenente medico Nando
Bennati nell’Ospedale militare di riserva di Ferrara nel 1916:
Non voglio essere un entusiasta né un aderente delle idee psicogenetiche di Freud;
ma pur tuttavia non si può disconoscere a Freud il merito di aver richiamata la
nostra attenzione in modo molto particolare su la grande importanza
psicopatogenetica degli stimoli emotivi, quando questi siano soffocati dentro di noi
e non abbiano il loro sfogo in una reazione adeguata. La società dei nostri tempi,
tanto pretensiosa di civiltà, aveva troppo ostacolato la libertà e la immediatezza
delle reazioni, inabissando negli animi stimolazioni compresse. […] Ma, ahimè!
La guerra moderna è anch’essa un complesso di stimolazioni… senza valvola di
sicurezza: il soldato è là, attento, vigile; arriva uno shrapnell; di dove?: il nemico è
inafferrabile. Scoppia una mina: il nemico è invisibile… Gli stimoli emotivi a
contenuto snaturato, in quanto compromettono la stessa esistenza, si addizionano,
si moltiplicano: con l’aggravante che trovano una umanità già sensibilizzata alla
pletora psicogena, per quello che abbiamo detto su la natura della moderna società
da questo punto di vista54.
52
P. Consiglio, Le anomalie del carattere dei militari in guerra, in “Rivista sperimentale di Freniatria”, vol.
42, 1916, pp. 131-177, p. 132.
53
I due continuavano aggiungendo che quella situazione favoriva «la formazione di complessi depressivi a
colorito fortemente depressivo che determinano a lungo andare uno stato affettivo di carattere assai penoso
con tendenza alla stabilità», L. De Lisi, E. Foscarini, Psiconevrosi di guerra e piccole cause emotive, in
“Note e riviste di psichiatria”, n. 1, gennaio-aprile 1920, pp. 9-130, p. 67.
54
Nando Bennati, La etiologia determinante nella nevrosi traumatica di guerra, in “Rivista sperimentale di
Freniatria”, vol. 42, 1916, pp. 49-86, p. 55. In ogni caso, Bennati non si allontanò molto dall’impostazione
positivista e dalla convinzione che le cause delle nevrosi traumatiche fossero da ricercare in un sostanziale
105
Le psicosi belliche cominciavano a essere studiate nella loro precipua
specificità, come del resto avveniva anche nelle altre nazioni, da dove i medici italiani
traevano esempi e cercavano sostegno, sempre a patto che non si uscisse dai canoni del
più rigoroso organicismo.
Da un lato, infatti, essi recepirono la definizione di shell shock – termine che
ebbe origine dai soldati britannici già nel novembre 1914 per descrivere il trauma che li
colpiva in seguito alle esplosioni da granata, sia sul piano fisico che su quello
psichico55 –, ma dall’altro non si allontanarono troppo dalla convinzione nella
predisposizione o nella degenerazione legate al concetto stesso di malattia mentale.
La recensione di Ernesto Lugaro al testo che nel 1917 presentava lo shell-shock
alla comunità scientifica è ampiamente esemplificativa dell’atteggiamento della
neuropsichiatria italiana:
Il termine “Shell-shock”, ormai d’uso corrente, è adoperato qui in senso
larghissimo e del tutto convenzionale, che abbraccia ogni sorta di psicosi da
strapazzo bellico. Benché l’esplosione di un proiettile sia spesso la causa
immediata dei sintomi più impressionanti, è pur certo che la malattia si va
preparando prima dell’incidente finale, sotto l’accumularsi dell’eccitamento
penoso mantenuto dal continuo fracasso delle esplosioni e delle impressioni
disgustose inevitabili nella vita di trincea, delle emozioni terrifiche, dello
strapazzo, dell’insonnia, della tensione psichica determinata dal pericolo continuo
o dalle gravi responsabilità (negli ufficiali) 56 .
Principalmente, dunque, anche gli italiani riconoscevano alla guerra e alla fatica
che comportava una certa responsabilità nei traumi dei soldati, innegabile soprattutto
per quei casi che non avevano mai manifestato patologie prima dell’entrata in guerra.
Contemporaneamente, gli alienisti come Lugaro continuavano però a ribadire la
necessità di indagare il loro «meccanismo genetico», per verificarne i difetti congeniti:
stato di esaurimento fisico: «fenomeni di esaurimento; vien proprio fatto di chiamarli con tal nome sebbene si
sappia che il così detto esaurimento nervoso, più che a un ammanco quantitativo di materiali trofici,
corrisponda a una intossicazione da alterato ricambio generale», ivi, p. 81.
55
Il racconto della nascita e dell’affermazione della definizione di shell shock è, tra gli altri, in Peter Leese,
“Why are they not cured?” British Shellshock Treatment During the Great War, in Mark S. Micale and Paul
Lerner (ed.), Traumatic pasts, cit., pp. 205-220, p. 206; Anthony Babington, Shell-shock. A History of the
Changing Attitudes to War Neurosis, Leo Cooper, London 1997, pp. 46-48.
56
E. Lugaro, recensione a G. Elliott Smith and T. H. Pear, Shell Shock and its lessons, Longman, London
1917, in “Rivista di patologia nervosa e mentale”, fasc. 5, vol. XXII, maggio 1917, pp. 324-327, p. 324.
106
Il massimo ammaestramento clinico che la guerra ci fornisce è appunto questo, che
le psicosi belliche possono presentarsi anche in individui che nella loro vita
antecedente nulla avevano presentato di simile, e persino in individui che per la
loro resistenza fisica e morale, per l’esempio di energia e di coraggio dato nella
guerra stessa, non erano certo tacciabili di debolezza congenita. D’accordo; ma
non bisogna dimenticare che nel meccanismo genetico di questi disturbi,
meccanismo che è psichico nei primi anelli della catena, entrano in giuoco fattori
somatici importantissimi: il così detto esaurimento psichico, ad esempio, altro non
è che un’autointossicazione acuta, violenta, persino mortale, parificabile sotto tutti
i punti di vista a un avvelenamento di origine esterna57.
Sull’origine prevalentemente fisica dei traumi nei soldati, naturalmente,
convergevano molti psichiatri. Nel 1916, ad esempio, il sottotenente medico Bruno
Modena, assistente all’ospedale militare di riserva di Ferrara, scriveva:
Il soldato in guerra è pure esposto a circostanze etiologiche di altra indole
(principalmente strapazzo fisico, difetto del sonno); e dal maggiore o minore
risentimento di queste potrà dipendere l’ammalare o meno, in confronto di un altro
individuo pari a lui, per ipotesi, nelle condizioni psicologiche di costituzione e di
eventi. Tutti gli organi dell’organismo risentono di quella intossicazione da lavoro
che è la fatica; ed è canone del biochimismo nervoso una particolare suscettibilità
agli squilibri del ricambio generale. Pertanto, non farà meraviglia che
all’esaurimento corporeo da surménage fisico il psichismo reagisca col suo
ipotono, e, cioè, lo stato affettivo si deprima58 .
E ancora negli anni Trenta, in pieno recupero fascista della Grande guerra,
persino i gas tossici, impiegati dal 1915 nei campi bellici di tutta Europa, erano
considerati come un semplice elemento scatenante di fenomeni nevrotici, poiché non
facevano altro che mettere in risalto il cattivo adattamento alla vita militare e
l’inadeguata forma mentale ed emotiva dei colpiti:
L’astenia è talvolta il quadro dominante e persistente: i malati sono incapaci di
ogni sforzo fisico per lungo tempo. […] Nella grande maggioranza dei casi, in cui
si accusano postumi funzionali da gas, si hanno soggetti già tarati prima di entrare
in servizio militare, oppure militari che per le fatiche di guerra o in seguito a
malattie nervose, e che attribuiscono erroneamente ai gas ai loro guai fisici e
talvolta psichici»59.
57
Ivi, p. 326.
B. Modena, Le tonalità affettive nei malati di guerra, in “Giornale di psichiatria clinica e tecnica
manicomiale”, aa. XLIII-XLIV, 1915-1916, pp. 115-120, p. 117.
59
Alessandro Lustig, Effetti e cura dei gas di guerra, Istituto sieroterapico milanese, Milano 1936, pp. 277278. Il professor Lustig, già Colonnello medico all’Ufficio speciale tecnico del Comando supremo del R.
Esercito (1915-1919), scrisse questo testo basandosi sugli studi effettuati da Manieri e Rovida all’Istituto di
patologia generale di Firenze, pubblicati nel “Giornale di medicina militare” nel 1928, consapevole del fatto
che i gas fossero vietati in guerra, ma, come scrisse nell’introduzione, si vis pacem para bellum, Ivi, p. X.
58
107
Con il passare degli anni, tuttavia, le posizioni di alcuni psichiatri – soprattutto
di coloro che si trovavano nella zona del fronte – cominciarono a essere leggermente
più sfumate, tanto che alcuni di loro si soffermarono a indagare le possibili relazioni tra
l’intensità del conflitto e le ripercussioni psicologiche sui militari.
L’aumento esponenziale di nevrosi e sindromi psichiche, tutte inevitabilmente a
vario modo connesse con le atrocità della guerra, non poteva non alimentare qualche
perplessità in un impianto rigidamente e aprioristicamente costruito. Così, ad esempio,
Ferdinando Cazzamalli medico nel manicomio di Como e, durante la guerra, nel
servizio neuropsichiatrico della Seconda Armata, sembrò mettere in discussione la
convinzione nella predisposizione congenita dei soldati traumatizzati scrivendo che
«nella guerra sono contenute cause traumatiche, dotate di così intenso potere
neuropsicopatogeno da turbare, sia pure transitoriamente, l’equilibrio nervoso del
soldato, anche se costituzionalmente non predisposto»60.
Similmente, Gaetano Boschi, a contatto con i soldati traumatizzati nel suo
centro di Ferrara, nel 1918 ragionava sul fatto che non si potesse parlare solo di
predisposizione, anche se tra mille forse e condizionali, e pur ribadendo che erano
comunque malattie del sistema nervoso, cedimenti di funzione, e «non lo sfacelo delle
funzioni che è proprio della pazzia»:
Era presumibile che la guerra moderna avrebbe suscitato in gran quantità forme di
nevrosi. Costituendo essa una ingentissima e innumerevole causalità, psichica e
fisica, neuro e psicopatogena, non solo avrebbe risvegliato le predisposizioni, ma
avrebbe pure forse creato malattie anche là dove predisposizione vera e propria
non fosse esistita o fosse stata di per sé trascurabile61.
In quello stesso 1918, cioè al terzo anno di guerra e soprattutto dopo la tragedia
di Caporetto, anche Placido Consiglio sembrava uscire dal rigido lombrosianesimo che
aveva sempre sostenuto. Egli descrisse di non avere incontrato solo soggetti
costituzionalmente predisposti o degenerati, ma anche individui “normali” che
cedevano, per effetto delle fatiche belliche o di emozioni troppo intense:
60
F. Cazzamalli, La guerra come avvenimento storico degenerogeno, in “Archivio di antropologia criminale,
psichiatria e medicina legale”, vol. XXXIX, 1919, pp. 191-229, p. 198.
61
G. Boschi, Un ospedale speciale per malati nervosi. L’ospedale Militare Neurologico Villa del Seminario
presso Ferrara, Tipografia Ferrariola, Ferrara 1918, p. 7.
108
Quasi sempre negli ammalati, od anche nei soggetti ad improvvise défaillances
morali, si possono riscontrare note degenerative o fattori anamnestici ereditarii o
precedenti neuropatici diversi od attitudini anomale del carattere. Vale a dire, in
fondo, che tutte quelle cause non fanno che disgelare – aggravandole – le
manchevolezze della personalità neuropsichica, senza però voler con questo
escludere che anche individui della media normalità possano cedere ugualmente se
sorpresi in momenti speciali in cui fatica o perdita di sonno o cause morali abbiano
sminuito il potenziale energetico, ed accresciuta l’emotività, in che – in fondo –
consiste la disposizione nevrotica della personalità umana62.
Anche Ferdinando Cazzamalli, a fine conflitto, riproponeva la sua particolare
interpretazione del rapporto tra guerra e malattie nervose o psichiche, specificando che
non sempre la predisposizione era necessaria allo sviluppo di forme patologiche e che
la guerra poteva avere su di esso conseguenze dirette:
Resta ad ogni modo e fuor d’ogni dubbio provato che nella guerra sono contenute
cause traumatiche, dotate di così intenso potere neuro-psicopatogeno da turbare,
sia pure transitoriamente l’equilibrio nervoso del soldato, anche se
costituzionalmente non predisposto. Anzi, è merito appunto della psicopatologia il
discriminare, nella varietà delle sindromi morbose di guerra, quelle che indicano
per configurazione, decorso, durata, entità il fondamento individuale degenerativo
predisponente, da quelle altre che colpiscono l’individuo normale, tutt’al più
indicando nella normalità un limite di «minor resistenza»63.
E tuttavia, nonostante le evidenti ambiguità e difficoltà a spiegare quello che
stava succedendo nei soldati con i soli strumenti dell’organicismo, la tendenza più
generale della medicina alienistica italiana continuava a rimanere sul sentiero
dell’organicismo e della predisposizione. Dalle pagine dei “Quaderni di psichiatria” i
redattori ribadivano l’inesistenza di forme morbose specificamente connesse alla
guerra, perché – accanto alle “classiche” patologie del tempo di pace – nelle
manifestazioni come deliri, allucinazioni o «motivi impulsivi di condotta», di diverso si
poteva osservare solo un certo «colorito bellico»64.
62
P. Consiglio, Le anomalie del carattere dei militari in guerra, in “Rivista Sperimentale di freniatria”, vol.
43, a. LIV, 1918, pp. 132-133. Tuttavia, Consiglio non si allontanò mai radicalmente dall’adesione alle teorie
lombrosiane. Dopo la guerra, infatti, continuò a ribadire la sua considerazione su Lombroso e la sua opera,
che riteneva degni elementi di un corpus nel quale si inserivano i lavori di Auguste Comte, Karl Marx,
Charles Darwin e Herbert Spencer. Cfr. Id., La medicina militare nei suoi rapporti con le dottrine
lombrosiane, in “Rivista Sperimentale di Freniatria”, vol. 48, a. LIX, 1924, pp. 407-412, p. 409.
63
F. Cazzamalli, La guerra come avvenimento storico degenerogeno, in “Archivio di antropologia criminale,
psichiatria e medicina legale”, vol. 39, 1919, pp. 191-229, pp. 198-199 (corsivi nel testo).
64
La Redazione, recensione a E. Montembault, Des maladies mentales chez les militaires, pendant la Guerre
actuelle, in “Quaderni di psichiatria”, n. 5-6, maggio-giugno 1918, vol. V, p. 116.
109
Soprattutto, questa impostazione era confermata e sollecitata dai medici più
autorevoli e illustri. Tamburini, Ferrari e Antonini, infatti, continuavano a mettere al
riparo l’esercito da qualsiasi responsabilità nel produrre psicopatie, e ribadivano che
non era sempre possibile compiere un’azione preventiva di cernita tra soggetti sani e
malati per la difficoltà nel cogliere immediatamente lo stigma della patologia mentale o
della delinquenza:
Per quanta diligenza si impieghi nell’attuazione delle norme rigorose del
reclutamento, col coscienzioso esame dell’inscritto di leva, entreranno sempre
nelle file dell’Esercito candidati alle psicopatie e alla delinquenza, rappresentati
soprattutto da individui a fondo mentale debole e a costituzione antropologica non
eccessivamente abnorme e quindi difficilmente valutabile. Naturalmente si
dovranno escludere a prima vista dal servizio gli idioti, ma non si potrà chiudere il
varco a tutti i deboli di mente, anche se questi fossero passati per la trafila
dell’osservazione, perché il rilievo di certe anomalie della mente e delle minime
aberrazioni morali, si sottrae sovente ad ogni indagine, né si può effettuare sempre
con i reattivi mentali e morali che si possono avere a disposizione65.
In questo modo i medici italiani rimanevano ancorati a una tradizione, quella
italiana, che era stata decisamente dominante, ma continuavano a trascurare gli altri
metodi terapeutici e di indagine che stavano emergendo in quegli anni proprio a causa
dei traumi inflitti dalla guerra. In altre parole, mentre in Europa ci si stava avviando a
una «seconda modernizzazione psichiatrica», grazie anche alla ricezione e diffusione
delle idee freudiane, di Jaspers o di Simmel, in Italia tutto sembrava essersi fermato ai
primi del secolo66.
Una delle più significative eccezioni in questo panorama fu rappresentata dallo
psicologo e medico padre Agostino Gemelli, il quale, in servizio presso il Comando
supremo, riassunse la propria esperienza e le proprie idee in un testo ancora oggi per
molti versi stimolante: Il nostro soldato67. La sua analisi delle condizioni psicologiche
65
A. Tamburini, Giulio Cesare Ferrari, Giuseppe Antonini, L’assistenza degli alienati in Italia e nelle varie
nazioni, cit., p. 661.
66
Sul cambiamento nelle scienze del comportamento dopo la Prima guerra mondiale si veda P. Lerner, S.
Micale, Trauma, Psychiatry and History. A Conceptual and Historiographical Introduction, in P. Lerner, S.
Micale, (ed.), Traumatic pasts, cit., pp. 1-27.
67
A. Gemelli, Il nostro soldato. Saggi di psicologia militare, Treves, Milano 1917. Padre Gemelli (Milano,
1878-1959), si laureò in Medicina nel 1902 e l’anno successivo entrò nell’ordine francescano, dopo essere
stato un fervente socialista. Richiamato alle armi con il grado di capitano medico, fu assegnato in servizio al
Comando supremo, dove istituì un laboratorio di psicofisiologia sperimentale e promosse un’intensa opera di
assistenza alle truppe. Cfr. G. Bontadini, Gemelli Agostino, in F. Traniello, G. Campanini (a cura di),
Dizionario storico del movimento cattolico in Italia, vol. II, I protagonisti, Marietti, Casale Monferrato (At)
1982, pp. 225-229. Su padre Gemelli e la sua esperienza di psicologo in guerra si rimanda a Mario Isnenghi,
Il mito della grande guerra. Da Marinetti a Malaparte, Laterza, Roma-Bari 1973, pp. 258-267; V. Labita,
110
dei soldati in guerra, che aveva lo scopo di fornire indicazioni sulla “corretta” gestione
e sul condizionamento delle truppe, prendeva le distanze dalle teorie dei medici coevi e
si basava sull’idea che non solo la guerra “spersonalizzava” gli individui, ma, anzi, il
«restringimento del campo di coscienza» era necessario sia alle esigenze della
disciplina militare che, di conseguenza, alle dinamiche della guerra di massa:
L’educazione militare, tende ad abolire l’esercizio della volontà, che, sottomessa
com’è al giuoco dell’emozione, potrebbe, al momento opportuno, mancare. La
disciplina militare, l’esercizio militare hanno lo scopo di sostituire qualche cosa di
automatico, di riflesso, di meccanico, all’esercizio della volontà68.
Secondo Gemelli, la vita mentale dei soldati doveva essere ridotta e impoverita
perché essi potessero riuscire a vivere in una dimensione automatizzata priva di
individualità, soprattutto in un contesto, come quello della guerra, massicciamente e
modernamente industrializzato.
L’impossibilità di decidere in modo indipendente per il rispetto della disciplina
e la coazione a ripetere sempre i medesimi gesti, sia nella noia della trincea che nel
combattimento con armi moderne e tecnologiche, toglievano ai soldati qualsiasi forma
di autonomia, e anche la loro identità individuale. Questa dimensione del “soldato
spersonalizzato” è stata significativamente posta a confronto da Gibelli con un altro
soggetto dell’industria moderna, l’operaio:
Poiché il lavoro della guerra è in fondo più duro e rischioso di altri lavori (si tratta
di ammazzare e di farsi ammazzare), la preparazione deve essere in questo caso
particolarmente meticolosa: ma è pur sempre una preparazione che non tende ad
accrescere o ad affinare facoltà, bensì a toglierne. A favorire l’abbandono dell’io,
la docilità al comando, la disponibilità a credere quanto gli viene raccontato, a
imitare i comportamenti altrui. Il meccanismo del soldato-massa è in questo senso
forse più delicato e complesso, ma in fondo assai simile a quello dell’operaiomassa: si tratta di un essere spogliato delle sue qualità, espropriato della sua
volontà, che ha perso la sua identità di uomo, almeno mentre lavora o mentre fa la
guerra69.
Un libro simbolo: «Il nostro soldato» di Agostino Gemelli, in “Rivista di storia contemporanea”, n. 3, 1986,
pp. 402-429; A. Gibelli, L’officina della guerra, cit., pp. 91-95; Sergio Luzzato, «Un chierico grande vestito
da soldato». La guerra di padre Agostino Gemelli, in Gli italiani in guerra. Conflitti, identità, memorie dal
Risorgimento ai nostri giorni, vol. III, t. 1, La Grande Guerra: dall’intervento alla “vittoria mutilata”, cit.,
pp. 452-462.
68
A. Gemelli, Il nostro soldato, cit., p. 261.
69
A. Gibelli, L’officina della guerra, cit. p. 92.
111
La novità di padre Gemelli consisteva nel fatto che egli conduceva le sue analisi
sui soldati – anche se non spinte da motivazioni retoriche di carattere patriottico come
la maggior parte dei medici di quel tempo, ma comunque animate da intenti persuasivi
– in modo ravvicinato e totalmente aperto al confronto con i soldati70.
Quel confronto, e il contatto con le loro emozioni, in particolare la paura, la
disperazione o l’angoscia che spesso sconvolgevano gli uomini al fronte, lo indussero a
chiedersi se la connessione tra guerra e follia non fosse più diretta di quanto gli altri
medici continuassero a negare: «Può una emozione violenta, come la paura,
determinare manifestazioni nettamente patologiche? C’è una pazzia di guerra
determinata dalle emozioni della battaglia?»71.
Come si è visto, le risposte della maggioranza degli psichiatri italiani alle
questioni poste da Gemelli furono piuttosto univoche nel negare la pazzia di guerra. E
tuttavia, in Italia queste considerazioni avrebbero trovato uno spazio maggiore solo
dopo il conflitto, terminata l’urgenza di disporre di un esercito sano ed efficiente da
mandare allo scontro con il nemico. Solo allora la psichiatria sarebbe stata libera dalle
pressioni delle autorità militari e avrebbe potuto misurarsi più apertamente con le
novità provenienti dall’estero, come il pensiero freudiano.
4. Medici militari e medici civili
La relazione della Direzione generale di sanità militare sui servizi sanitari tra il
1915 e il 1918, scritta nel dopoguerra, si apriva con righe di elogio alla fervida
collaborazione tra militari e civili in tutte le zone di guerra, dal fronte, alle retrovie, alla
zona territoriale:
È degno di menzione il fatto che, pur non rinunziando alle proprie iniziative le
autorità sanitarie civili e quelle militari unirono le loro forze in un sol fascio per
raggiungere un unico intento; e che, pur disimpegnando, in talune sedi e uffici,
funzioni pressoché identiche, non sorsero mai fra di esse quei conflitti di
70
Queste considerazioni giungevano da alcuni suoi stessi colleghi, che pure criticavano la mancanza di un
esame antropologico sugli ammalati, come scrisse Giuseppe Vidoni nel 1919 a proposito dell’approccio del
futuro fondatore dell’Università Cattolica: «[Gemelli] ha praticato un ampio esame sull’anima del soldato,
valendosi da una parte di constatazioni immediate e dirette, e ricorrendo, dall’altra, ad inchieste praticate con
sicuro metodo di ricerca», G. Vidoni, Intorno alla “Psicologia del nostro Soldato”, in “Quaderni di
psichiatria”, vol. 6, 1919, pp. 33-40, p. 33.
71
A. Gemelli, Il nostro soldato, cit., p. 303.
112
attribuzioni e quelle sterili questioni di preminenza che, tendendo a sovrapporre le
persone agli avvenimenti, rimpiccioliscono e deformano ogni questione e
compromettono miseramente le sorti di qualsiasi impresa72.
Eppure, nonostante il tono e le parole di ammirazione per l’unione delle forze
«in un sol fascio», in realtà, per tutti gli anni della guerra, il rapporto tra medici militari
e medici civili fu piuttosto contrastante e per certi versi conflittuale. Soprattutto, fu
l’esercito a cercare di imporre le proprie idee e i propri metodi nel controllo e nella
gestione delle persone, sia sane che affette da qualunque tipo di malattia. Mentre ai
vertici militari, infatti, interessava disporre del più gran numero di individui sani da
destinare al fronte o da impiegare in mansioni connesse all’attività bellica, i medici
civili rimanevano più tradizionalmente legati all’idea di cercare di guarire i malati e
contenere, per quanto possibile, lo sconvolgimento che inevitabilmente quel conflitto
portava con sé.
Naturalmente, il controllo militare si estese a tutta la sanità pubblica. Già
qualche tempo prima dell’entrata in guerra dell’Italia, il ministero della Sanità aveva
nominato alcuni consulenti con il compito di effettuare ispezioni straordinarie negli
ospedali e nelle strutture sanitarie del paese, al fine di verificare le criticità e di
impedire eventuali diffusioni di epidemie.
Nonostante le misure precauzionali, nel giro di nemmeno un mese l’impatto con
il conflitto sconvolse e turbò un ordine già piuttosto precario, come segnalava nel
giugno 1915 l’ispettore Francesco Inghilleri a proposito della situazione negli ospedali
a Novara e Pavia, dove il «sopralavoro» per l’afflusso dei militari stava già creando
diversi problemi. Al dirigente del ministero Lutrario, però, premeva soprattutto ribadire
la necessità di mantenere rapporti cordiali, di reciproca fiducia e di collaborazione tra
civili e militari:
Ma all’uopo è più che mai desiderabile che V.S. con abituale tatto, seguitando
ispirarsi naturali sensi cameratismo verso colleghi Esercito, coll’appoggio Prefetti
e ausilio Medici provinciali e Ufficiali sanitari, prosegua ad agevolare avviamento
detti ospedali giusta norme buongoverno igienico, procurando da parte istituzioni
igieniche Provincia Comuni, maggiore possibile ausilio autorità militari, che pur
mantenendosi naturalmente circoscritte entro confini delle loro attribuzioni e della
72
Ussme, fondo E7, b. 52, Ministero della guerra, Direzione generale di sanità pubblica, Relazione sul
servizio sanitario militare durante l’ultima guerra, s.d., p. 1.
113
loro responsabilità, non potranno non giovarsi ed in ogni caso non gradire opera
fraterna colleghi sanità civile73.
L’insistenza sui «naturali sensi di cameratismo», o le affermazioni sul
contributo dei militari «naturalmente circoscritto nei confini delle loro attribuzioni»,
fanno immediatamente pensare a un bisogno di fornire rassicurazione da parte del
dirigente, che si scontrava con la tendenza dei comandi dell’esercito a ribadire e
rivendicare la propria “naturale” competenza sui soldati, anche in ambito medicosanitario. In particolare, si voleva impedire che i medici civili prendessero iniziative in
merito alla gestione dei militari, che spettava solo ai comandi. È quanto si legge, ad
esempio, in una circolare dell’aprile 1917, a proposito dei giorni di riposo promessi ai
soldati da parte dei medici degli ospedali di riserva, scambiati e confusi con giorni di
licenza:
È stato segnalato che ospedali dislocati in zona di guerra talora dimettono e
rimandano ai corpi dei militari con alcuni giorni di riposo, convertibili in altrettanti
di licenza di convalescenza. Poiché i Comandi di reggimento non hanno facoltà di
concedere tali licenze, nasce un certo malcontento nei militari stessi, i quali
credono che la presunta promessa non sia mantenuta per opera dei comandi,
anziché per osservanza delle prescrizioni vigenti74.
Richiamando le direzioni degli ospedali all’esatta osservanza delle norme, la
circolare fu inviata con la prescrizione di «attenersi rigorosamente alle disposizioni»75.
In quelle parole si possono percepire piuttosto chiaramente le pressioni che le gerarchie
militari esercitavano sulla classe medica. Secondo Bruna Bianchi, le pratiche e gli
orientamenti degli alienisti civili, in particolare in ambito psichiatrico, furono
condizionati dalla «prevalenza del potere militare sul potere civile, la rinuncia ai propri
73
Acs, Mi, Dgsp, Atti amministrativi 1910-1920, b. 154, telegramma del direttore generale Lutrario
all’ispettore Anghilleri, 21 giugno 1915.
74
Ussme, Fondo E7, b. 49, fasc. 436, Comando supremo reparto operazioni, Circolari sanitarie, Circolare n.
40600, 9 aprile 1917. In effetti, dal punto di vista giuridico, la competenza sui soldati internati in manicomio
spettava ai soli comandi militari, così come le stesse procedure per il loro ricovero seguivano un percorso
diverso da quello stabilito dalla “legge Giolitti” del 1904: l’autorità militare stabiliva un ricovero temporaneo
di osservazione, della durata di 90 giorni, dopo il quale i soldati riconosciuti affetti da psicosi venivano
riformati e inviati al manicomio civile della propria provincia, oppure, nel caso di neuropatici, trasferiti in
strutture specializzate. Cfr. A. Tamburini, L’organizzazione del servizio nevro-psichiatrico di guerra nel
nostro esercito, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 42, a. LIV, 1917, p. 279-287, p. 283.
75
Ibidem.
114
poteri da parte del Parlamento, la durezza della repressione nell’esercito e nella
società»76.
Del resto, gli stessi psichiatri militari guardavano con una certa diffidenza ai
medici civili, per quanto la maggior parte di essi provenisse proprio da quel mondo.
Così, ad esempio, Enrico Morselli accusava i medici dei manicomi di essere privi degli
strumenti necessari per interpretare e studiare le nuove patologie nervose o le
simulazioni:
Sarebbe ora che gli alienisti di manicomio finissero di credere che tutta la
psichiatria sia quella che essi veggono nei loro Stabilimenti. […] La guerra
provoca forme psicosiche tutte sue, le quali non vanno sempre, fortunatamente per
i malati e per l’Esercito, a finire nei Manicomii, ma ne restano fuori della soglia e
vengono meglio studiate e curate nei Reparti Neuro-psichiatrici di Armata77.
Le parole di Morselli descrivevano un atteggiamento piuttosto diffuso, come è
rilevato anche nel recente studio di Nicola Bettiol, secondo cui gli ambienti militari
guardavano con diffidenza ai manicomi, perché i direttori «con eccessiva facilità
propendevano per la riforma»78.
Secondo quel punto di vista, dunque, solo i medici militari erano in grado di
valutare i singoli casi e contribuire all’approfondimento della psicopatologia di guerra.
Così, nella relazione sul servizio neuropsichiatrico militare, oltre ai resoconti dei
servizi presso le armate e negli ospedaletti da campo, ebbero spazio anche le note del
direttore del reparto psichiatrico annesso al manicomio di Brescia, che ribadiva la
peculiarità delle forme psicotiche connesse alla guerra, per quanto non direttamente
dipendenti da questa:
In quanto alle forme psicopatiche osservate, il Direttore del reparto è di avviso che
non esiste una psicosi bellica, come entità clinica a sé, ma si deve ammettere
tuttavia che la guerra favorì l’insorgenza di quelle forme mentali in cui gli stati
emotivi intensi, i patemi gravi, gli strapazzi, i disagi dell’organismo, costituiscono
un elemento etiologico di suprema importanza79.
76
Bruna Bianchi, Il trauma della modernità, in A. Scartabellati, Dalle trincee al manicomio, cit., pp. 9-64, p.
45.
77
E. Morselli, recensione a F. Boucherot, Des maladies mentales dans l’Armée en temps de Guerre, (“Thèse
de Paris”, 1916), in “Quaderni di psichiatria”, n. 3-4, marzo-aprile 1917, vol. IV, p. 62.
78
Nicola Bettiol, Feriti nell’anima. Storie di soldati dai manicomi del Veneto 1915-1916, Istituto per la storia
della Resistenza e della società contemporanea della Marca trevigiana, Treviso 2008, p. 22.
79
. Ussme, Diari prima guerra mondiale, P21A, Relazione sanitaria guerra 1915-1918. Servizio
neuropsichiatrico, p. 412.
115
In alcuni casi i direttori dei manicomi civili furono persino accusati di scarsa
volontà di collaborazione e tendenza allo sfruttamento della situazione, perché la loro
dichiarazione di disponibilità ad accogliere i soldati venne interpretata come semplice
tentativo di ricevere i finanziamenti del Ministero. Era questo il caso, ad esempio,
segnalato sui “Quaderni di psichiatria” a proposito del manicomio di Volterra:
L’Amministrazione di questo Frenocomio di San Girolamo che ospita alienati di
Provincie lontane (ad esempio quella di Porto San Maurizio!), e ne ritrae, a quanto
pare, vantaggi economici, così che è sempre in cerca di nuovi “pensionanti”, aveva
preparato con grosso dispendio alcuni reparti o padiglioni offrendoli
insistentemente alla Sanità Militare per accogliervi militari alienati delle truppe
belligeranti del Veneto, perfino dagli ospedali di Vicenza!80
Aldilà delle questioni organizzative, poi, la maggior parte dei medici militari
rimarcava la sostanziale differenza tra pratica psichiatrica nei manicomi e condizioni di
lavoro al fronte, che richiedevano abilità e competenze da acquisire sul campo e che
rendevano gli uni difficilmente assimilabili agli altri:
Chi, dopo mesi di servizio al fronte, era assegnato all’osservazione degli infermi
colpiti nella sfera psichica, ed era ancora digiuno di letteratura psichiatrica di
guerra, provava un senso di disagio e di disorientamento nella nuova pratica
quotidiana: abituato al contatto con gli alienati negli stabilimenti manicomiali ed al
ricordo dei quadri morbosi più o meno riferibili alle entità e alle sindromi delle
note classificazioni psicopatologiche, egli urtava contro la difficoltà di classificare
secondo il proprio acquisito abito mentale e i tradizionali concetti della clinica
psichiatrica81.
Non solo i medici militari erano radicalmente distanti dai civili lontani dal
fronte da un punto di vista pratico, ma quella stessa distanza era, in un certo senso,
considerata indispensabile e da ricercare anche da un punto di vista teorico.
Allontanarsi da quel mondo dominato da suoni, visioni, odori mai percepiti prima,
infatti, significava anche perdere l’adattamento che faticosamente si era raggiunto. Per
questo, anche a fini terapeutici, alcuni medici come Bennati e Boschi prescrissero la
necessità per i soldati di rimanere in quell’ambiente senza nemmeno avvicinarsi al
mondo dei civili:
80
Manicomi, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1916, vol. III, p. 243.
L. De Lisi, E. Foscarini, Psiconevrosi di guerra e piccole cause emotive, in “Note e riviste di psichiatria”,
n. 1, 1920, pp. 9-130, pp. 14-15. Peraltro, secondo Paolo Giovannini, questo distacco era da far risalire
all’ambizione di conquistarsi uno spazio e un ruolo distinto e definito da parte della psichiatria militare, cfr.
Id., La psichiatria italiana e la Grande guerra, cit., p. 112.
81
116
Un’altra norma deriva: coltivare l’adattamento del soldato alla vita di guerra; e,
ove egli incontri una malattia fisica o una ferita, rimuoverlo il meno possibile dalla
atmosfera della guerra. Abbiamo veduto infatti come l’incubazione delle
manifestazioni neuropsicoanafilattiche non soglia effettuarsi fintantochè la vita
dell’individuo continui ad essere intonata alle continue stimolazioni psichiche, ma
si elabori invece durante il disadattamento82 .
La netta separazione tra i due mondi era confermata anche dalla diffusione, sin
dall’inizio del conflitto, di articoli sulle riviste specializzate nei quali gli psichiatri
militari impartivano “consigli pratici” per provvedere alle malattie nervose e mentali
insorte in guerra, dal momento che, «stando ai rapporti che provengono da
neuropatologi e alienisti addetti ai servizi di Sanità militare, sembra che in tutti gli
eserciti ora belligeranti le malattie nervose e mentali siano frequentissime»83.
Alla base di queste riflessioni stava sicuramente l’idea che solo i militari fossero
in grado di capire e interpretare questioni e patologie connesse alla guerra, per quanto
dalle pagine della stessa rivista che ne sosteneva la superiorità, in pieno conflitto, si
levassero voci di denuncia contro la chiusura, e talora persino l’ottusità, della
«burocrazia militare»:
I nostri lettori sanno come noi abbiamo più volte deplorata la scarsa conoscenza
che si ha nelle sfere Militari sulle attuali condizioni della Psichiatria, che esse
sembrano persino rifiutarsi ad ammettere, nonostante che saggiamente il Ministero
abbia da Roma provveduto al Servizio neuro-psichiatrico nell’Esercito con
lodevolissimi concetti direttivi, solo male applicati talora dalle Autorità Militari
regionali. Fra i tanti problemi che la pazzia scoppiata tra i belligeranti solleva, c’è
quella della sua origine strettamente bellica o, come si dovrebbe dire, quando sia
«contratta in causa del servizio»: problema arduo, lo vediamo benissimo, ma che
appunto perciò richiede lo studio e il parere di medici competenti, ossia di
alienisti84.
Anche Tamburini si inserì nella polemica tra alienisti militari e manicomi civili,
sorta già a pochi mesi dall’inizio del conflitto. In modo nemmeno troppo velato, egli
sosteneva che solo i militari dovevano occuparsi delle patologie nervose e mentali dei
82
G. Boschi, Nando Bennati, L’anafilassi neuropsichica, in “Giornale di psichiatria clinica e tecnica
manicomiale”, anni XLV-XLVI, 1917-18, pp. 59-70, p. 69.
83
La Direzione, Come provvedere ai casi di malattie nervose e mentali negli eserciti in guerra, in “Quaderni
di psichiatria”, n. 5, maggio 1915, vol. II, pp. 232-235, p. 232.
84
Per la organizzazione dei Servizi Neuropsichiatrici Militari, in “Quaderni di Psichiatria”, vol. IV, 1917, p.
87.
117
soldati in guerra, dal momento che solo a loro potevano essere chiari i problemi ad essi
connessi.
Nella sua risposta al professor Brugia – presidente dell’Associazione fra i
medici dei manicomi, che aveva scritto sulla “Rivista sperimentale di freniatria”
lamentando il sottoutilizzo dei medici civili che si trovavano sotto le armi e la mancata
istituzione di specifici servizi psichiatrici per militari alienati –, il consulente del
Ministero della guerra confermava l’inconsistenza delle critiche avanzate e fugava ogni
dubbio, segnalando l’esistenza di cospicui ed efficienti collegamenti tra reparti
psichiatrici in zona di guerra e numerose sezioni speciali nelle retrovie85.
Gli psichiatri militari continuavano, compiaciuti, a ribadire i risultati raggiunti
dalla loro disciplina, affermando pervicacemente una visione assai semplificata del
rapporto guerra-follia, come conferma l’incipit della relazione sanitaria sul servizio
neuropsichiatrico militare:
Il servizio neuropsichiatrico, di cui nessuno poteva prevedere, all’inizio della
campagna, la grandissima importanza che doveva assumere più tardi, […] seppe
superare, con la consueta energia e col sicuro intuito della situazione, tutte le
difficoltà e tutti gli ostacoli, riuscendo in poco tempo a organizzare un servizio che
fu poi giudicato fra i più perfetti86.
E tuttavia, anche nel dopoguerra si levarono voci in dissonanza rispetto
all’affermazione del primato della psichiatria militare su quella civile. A conclusione di
una riflessione sull’esistenza di forme di psicosi dipendenti dalla guerra, nella quale
aveva messo a confronto soldati e ricoverati civili, il direttore del manicomio di
Treviso Luigi Zanon Del Bò sosteneva che il mondo militare non fosse poi così diverso
da quello borghese:
Le malattie mentali dei militari, e parlo di preferenza di coloro che giunsero dalla
fronte e che hanno preso parte a fatti d’arme, a combattimenti, sono meno gravi ed
85
«Sono già stati istituiti nelle zone dei diversi Corpi d’Armata, secondo le notizie inviate dai rispettivi
Direttori di Sanità Militare a questa Presidenza, che è con essi in diretta comunicazione, sia in Ospedali di
Riserva, sia presso Cliniche e Manicomi con Sezioni speciali, molti Reparti neuropsichiatrici, che a quest’ora
sono già non meno di 20, non solo nelle città menzionate nel Bollettino, Alessandria, Novara, Treviso, ma
anche in molti altri centri, come Torino, Genova, Milano, Pavia, Cremona, Piacenza, Parma, Reggio Emilia,
Brescia, Verona, Udine, Belluno, Firenze, Roma, Ancona, Napoli, Bari, ed altri si stanno per istituire in altre
località», A. Tamburini, Sul servizio psichiatrico di guerra, in “Rivista Sperimentale di Freniatria”, vol. 41,
a. LII, 1915, pp. 509-511, p. 510.
86
Ussme, Diari prima guerra mondiale, P21A, Relazione sanitaria guerra 1915-1918. Servizio
neuropsichiatrico, p. 388.
118
assumono un andamento più benigno di quello dei ricoverati borghesi dei
Manicomi comuni. Da questo sguardo complessivo alla casistica di guerra,
rileviamo che il mondo psichiatrico militare non si distingue affatto da quello
borghese, e reputiamo inoltre come i tentativi di differenziazione, che taluni autori
si sono sforzati di istituire, non reggano di fronte ad una critica anche non severa87.
Anche i medici civili, dunque, si dovettero misurare con le psicosi belliche e,
anzi, dovettero imparare a confrontarle empiricamente con i casi più “tradizionali”,
senza però avere grande spazio sulle riviste specializzate, che invece dedicarono la
maggior parte delle loro pagine ai medici militari.
Non solo l’analisi della loro pratica fu poco considerata, se non addirittura
trascurata, ma essi dovettero anche imparare ad amministrare una situazione sempre
più complessa, nella quale si trovavano a gestire i ricoveri dei soldati per conto dei
vertici militari, senza nemmeno poter decidere autonomamente. Allo stesso tempo,
però, il peso di quei soldati gravava direttamente sulle loro spalle, costringendoli
spesso ad assumere posizioni scomode sia nei confronti delle Amministrazioni
provinciali sia verso gli altri ricoverati.
5. Il direttore di Colorno
Accanto alle teorie ufficiali e alle opinioni autorevoli e illustri che miravano a
imporre una certa univocità di pensiero e di azione nel mondo militare e in quello
civile, anche in una realtà periferica come il manicomio della provincia di Parma non
mancarono i contrasti fra due dimensioni così distanti l’una dall’altra.
Trovandosi a gestire la quotidianità del manicomio in una situazione tanto
eccezionale, il direttore Ferdinando Ugolotti non dovette soltanto far fronte alle
difficoltà tecniche in merito all’amministrazione dei ricoverati e ai rapporti con i vertici
militari di stanza a Parma – come si è visto nei capitoli precedenti – ma parve
mantenere posizioni non perfettamente allineate alle disposizioni che provenivano dagli
psichiatri militari e dalle pagine delle riviste alle quali era abbonato anche il piccolo e
sovraffollato ospedale di Colorno.
87
L. Zanon Del Bò, Se esistono particolari forme di psicosi in dipendenza della guerra, in “Archivio
generale di neurologia e psichiatria”, vol. 2, 1921, pp. 53-65, p. 56.
119
Se da un lato egli aveva dovuto recepire le disposizioni militari e accettare le
conseguenze derivanti dalla guerra, dall’altro, come ogni medico civile rimasto lontano
dal conflitto, si trovò anche ad adattare quel corpus ideologico e metodologico alla
propria esperienza e alle difficoltà contingenti con le quali si doveva misurare
costantemente, oltre che al vissuto e alle sofferenze dei ricoverati, delle loro famiglie o
del personale.
Tra l’altro, Ugolotti conosceva approfonditamente il manicomio di Colorno, dal
momento che ci lavorava dal 1901, lo dirigeva sin dal 1909 – e lo avrebbe diretto altri
undici anni, sino al 1926 – e ne aveva analizzato approfonditamente problemi e punti
critici. Il suo approccio alla materia psichiatrica, dunque, era inevitabilmente
condizionato da quella specifica esperienza88.
Docente di Clinica delle malattie nervose e mentali e specializzato in Medicina
legale, nei primi anni di lavoro a Colorno aveva perfezionato le proprie competenze
frequentando anche l’Istituto Freniatrico di Reggio Emilia diretto da Augusto
Tamburini. La sua impostazione di base era dunque decisamente positivista, come
positivista sembrava essere lo scenario della psichiatria parmense, per gli stretti legami
tra Cesare Lombroso e il clinico neurologo Luigi Roncoroni, che guidarono la
diffusione del sapere psichiatrico in ambito parmense.
Anche Ugolotti seguì l’evoluzione dell’approccio lombrosiano, alle origini
rigidamente medico-biologico nell’analisi delle malattie mentali e poi stemperato dalla
progressiva convinzione dell’interazione di fattori sia ereditari che ambientali. Ne è un
esempio una perizia psichiatrica che redasse insieme al medico assistente Dino
Stanghellini, a proposito di Attilio B., imputato di «borseggio, falso e truffa» e
ricoverato nel dicembre 1915 a Colorno con la diagnosi di «pazzia morale»89:
In complesso, il B. A., che trae la sua origine dagli amori illegittimi fra un uomo
che è “un cattivo soggetto” e una donna ora probabilmente e precocemente
indemenzita e paralizzata, è un prodotto degenerato, e le stigmate degenerative
scarse dal lato fisico, scarse nel campo intellettuale, hanno più profondamente
colpito e leso la sfera etica e morale. Leso sì, ma non distrutto. Se il B. si fosse
88
Ferdinando Ugolotti era nato a Parma il 4 settembre 1874, dove morì nel 1967. Figlio di Pietro ed
Eufrosina Serventi, fu direttore dei manicomi di Parma e di Pesaro e Urbino (nel 1926) e direttore (dal 1925
al 1954) del periodico “Note e riviste di psichiatria”. Cfr. Id., Autobiografia per uso familiare e passatempo
nella tarda vecchiaia, Pesaro 1957; M. Longhena, Uno psichiatra parmigiano, in “Gazzetta di Parma”, 13
novembre 1962; Giorgio Padovani, Ferdinando Ugolotti, in “Neuropsichiatria. Rivista trimestrale”, n. 3, a.
XXII, luglio-settembre 1966, pp. 630-633.
89
Aop, Cartelle cliniche, B.A., tabella nosografica.
120
trovato circondato da una famiglia regolare e paziente, invece di essere affidato a
cure mercenarie, avrebbe dimostrato più chiaramente la verità della sua psiche di
apatico, più che di pervertito del senso morale90.
Accanto a quella innegabile matrice positivista, Ugolotti dimostrò anche una
certa apertura verso le tecniche psichiatriche considerate più avanzate e moderne,
soprattutto in merito al lavoro dei ricoverati, accolte del resto anche dal panorama
culturale ufficiale dall’undicesimo congresso della Società freniatrica italiana sin dal
1902.
Così, ad esempio, nel 1914, lamentando ancora una volta l’arretratezza della
struttura di Colorno, il direttore segnalava che non solo essa rendeva impossibile
l’esperimento di nuovi sistemi di gestione, ma la riduceva alla stregua di un semplice
istituto di reclusione:
Lavoro e libertà, che sono i cardini fondamentali dell’odierna terapia mentale,
sono nel manicomio di Colorno una semplice parvenza; epperò, mentre gli altri
manicomi gareggiano nello istituire e viepiù sviluppare laboratori, colonie
industriali ed agricole, il nostro si è forzatamente arrestato al vecchio
armamentario, cioè all’ozio, alla clausura e al corpetto di forza! Ben dunque si può
dire dell’istituto di Colorno quello che si diceva dei manicomi di un tempo, cioè
che esso non è che una fabbrica di dementi!91
Ugolotti coglieva ogni occasione per ribadire le proprie convinzioni e,
contemporaneamente, condannare la mancanza di modernità del “suo” manicomio. Le
stesse parole di adesione ai sistemi terapeutici delle “porte aperte” e della necessità di
lavoro per i ricoverati, sia nei laboratori che nelle colonie agricole, e la stessa presa di
distanza dalle “vecchie” pratiche della clausura e della camicia di forza ritornavano,
infatti, anche a commento dell’ennesima evasione di un ricoverato, avvenuta nel mese
di ottobre 191592.
90
Aop, Cartelle cliniche, B.A., Perizia sullo stato di mente, 2 gennaio 1916, p. 18.
Aop, Carteggio classificato, Miscellanea, b. 32, relazione al presidente della Deputazione provinciale, 1
dicembre 1914. Sul metodo open door e l’esperienza di no-restraint un caso esemplare rimaneva quello
dell’ospedale psichiatrico di Genova, realizzato dal dottor Giuseppe Vidoni in un reparto del manicomio
utilizzando esclusivamente personale femminile, cfr. G. Vidoni, Un esperimento di assistenza femminile agli
ammalati di mente ricoverati in manicomio, in “Quaderni di psichiatria”, n. 2, vol. II, febbraio 1915, pp. 6989. Sulla diffusione di queste teorie si vedano anche le considerazioni di V.P. Babini in Ead., Liberi tutti, cit.,
pp. 15-20.
92
Cfr. App, Atti della Deputazione provinciale, Amministrazione generale, anno amministrativo 1915-1916,
vol. 1, Delibera n. 14, 30 ottobre 1915.
91
121
Tuttavia, nonostante la sua convinzione nella validità dell’ergoterapia, il
continuo e crescente sovraffollamento del manicomio ne rendeva impossibile la messa
in pratica.
Peraltro, secondo Ugolotti, non solo la confusione e la baraonda nella quale i
degenti erano costretti a vivere non li aiutava per nulla, ma addirittura accelerava i
processi di quella che, mezzo secolo più tardi, Erving Goffman avrebbe definito
“istituzionalizzazione” e che secondo lui era il «dissolvimento irreparabile della intera
personalità»:
Ed un’altra gravissima deficienza irreparabile devo ricordare, la impossibilità cioè
di applicare su vasta scala quella grande medicina degli infermi di mente che è il
lavoro, in causa della mancanza dei necessari laboratori ed in particolar modo di
una conveniente colonia agricola. Cosicché siamo forzatamente costretti ogni
giorno a negare il lavoro a molti nostri ricoverati, che, consci della sua efficacia
salutare, lo implorano continuamente come salvezza del loro male tormentoso, e
siamo perciò costretti lasciarli per tutta la lunga giornata nell’ozio più completo in
preda ai loro pensieri morbosi; donde, non il beneficio che rafforzi la loro mente
indebolita e la prepari alla propria reintegrazione, ma il deperimento progressivo
ed il dissolvimento irreparabile della intera personalità!93
Come si è visto nel primo capitolo, l’atteggiamento di Ugolotti nei confronti
della guerra era principalmente condizionato dallo sconvolgimento che quella aveva
provocato nella già complessa gestione quotidiana del manicomio e che lo aveva
costretto a prove piuttosto impegnative per mantenere l’equilibrio in anni «di
preoccupazioni, di difficoltà e di grande lavoro», come ribadì lo stesso direttore94.
In un certo senso, il direttore tradiva una maggior attenzione alla questione
strutturale del manicomio, come se il problema determinante per lui non fosse mai stato
quello di studiare i ricoverati, ma soprattutto quello di gestirli, o di studiare la struttura
per progettarne i possibili miglioramenti95.
93
Aop, Carteggio classificato, Miscellanea, b. 32, relazione al presidente della Deputazione provinciale, 1
dicembre 1914. Secondo l’analisi di Erving Goffman, rivoluzionaria negli anni Sessanta del Novecento per la
forte denuncia al sistema psichiatrico tradizionale, il ricovero prolungato negli ospedali psichiatrici
provocava una nuova patologia, che si sovrapponeva a quella per la quale si era stati rinchiusi e che si
manifestava con regressione, annientamento di sé e adeguamento passivo all’autorità. Cfr. Id., Asylums.
Essays on the social situation of mental patients and otherinmates, 1961 (trad. it. Asylums. Le istituzioni
totali: i meccanismi dell’esclusione e della violenza, Torino, Einaudi, 1968).
94
Aop, Ufficio Personale, Regolamenti interni e disposizioni di servizio, b. 1, Gestione amministrativa nel
quadriennio 1915-1918, Relazione al presidente della Deputazione provinciale, 12 marzo 1919.
95
La sua stessa produzione bibliografica fu assai scarsa riguardo alle osservazioni sui pazienti: cfr.
L’assistenza degli alienati e i loro Ospedali di ricovero in quel di Parma. Studio medico storico, Tip.
Operaia Adorni-Ugolotti e C., Parma 1907; Per la soluzione del problema manicomiale nella provincia di
Parma, Tip. Coop. Parmense, Parma 1908; I vecchi manicomi italiani. Atlante storico, Arti grafiche Federici,
122
E tuttavia, nelle sue parole, sia nelle relazioni ufficiali che nelle lettere più
informali, emerge il profilo di una persona che sentiva tutta la responsabilità del
proprio ruolo, sia nei confronti dei ricoverati che del personale, proprio come se lui
fosse stato il padre di quella «famiglia di 700 persone»96.
Questo atteggiamento era chiaramente connesso a una visione della psichiatria
come disciplina filantropica e sociale, precedente all’affermazione delle teorie
organicistiche che la avrebbero ridimensionata in una «prassi professionale
strettamente definita», come ha segnalato Fabio Stok97. Tuttavia, è ipotizzabile che
l’impostazione di Ugolotti sia stata condizionata anche dalla sua particolare esperienza
di lavoro, pluridecennale e in un luogo distante dai grandi centri, sia urbani che di
produzione culturale98.
La direzione di Ugolotti sembra dunque segnata da un paternalismo piuttosto
marcato, che se da un lato non mette in discussione la struttura o l’esistenza stessa dei
manicomi – e tutta la sua attività progettuale per costruire un nuovo istituto, più
adeguato e moderno lo conferma –, dall’altro, però, tradisce anche un’attenzione che
andava ben oltre uno “sguardo” impersonale, sia istituzionale che medico99.
Pesaro s.d.; Riordinamento dell’Istituto. Problema manicomiale. Relazione. (Ospedale psichiatrico
provinciale di Pesaro), Tip. Step, Soc. Tip. Ed. Pesarese, Pesaro 1950; L’assistenza agli infermi di mente in
Italia. Studi storici, La grafica, Pesaro 1967. Queste invece furono le pubblicazioni di Ugolotti su specifici
casi di studio: Per l’anatomia patologica della paralisi pseudo bulbare. Ricerche dei dottori Pietro Guizzetti
e Ferdinando Ugolotti, Società tipografica Fiorentina, Firenze 1901; Sopra un caso di lesione del nucleo
lenticolare di sinistra. Contributo anatomo-clinico del dott. F. Ugolotti, Tip. Galileiana, Firenze 1911;
Ricercando fra le cartelle mediche dell’istituto. Note cliniche del Dott. Ferdinando Ugolotti, in “Giornale di
psichiatria clinica e tecnica manicomiale”, fasc. 3-4, a. 36, 1908, pp. 461-479.
96
Ibidem.
97
F. Stok, La formazione della psichiatria, Il pensiero scientifico, Roma 1981, p. 143.
98
Tra l’altro, a Colorno non era la prima volta che la posizione del direttore si allineava a quelle idee: già tra
il 1872 e il 1881, il primo direttore Lorenzo Monti aveva sviluppato il tema del «trattamento morale»
(secondo indicazioni che provenivano già dai padri fondatori della psichiatria, Pinel ed Esquirol) in
alternativa alle sole misure di costrizione, di cui si trovano numerose tracce nelle prime annate del “Diario”
del manicomio di Colorno. Cfr., ad esempio, Dei manicomi, in “Diario del manicomio provinciale di Parma
in Colorno”, n. 1, a. II, 10 novembre 1874, pp. 2-4; Del trattamento morale degli alienati adoperato nei
manicomi, in “Diario del manicomio provinciale di Parma in Colorno”, n. 12, a. II, 19 ottobre 1875, pp. 5456; M. [Lorenzo Monti], Il lavoro dei pazzi, in “Diario del manicomio provinciale di Parma in Colorno”, n.
3, a. VI, gennaio-febbraio 1878, pp. 12-13. Le questioni di un trattamento morale e non coercitivo dei malati
e della costruzione di un nuovo approccio alla malattia mentale furono elaborate già nella prima metà
dell’Ottocento dallo psichiatra irlandese John Conolly. Cfr. Id., An Inquiry concerning the Indications of
Insanity, with Suggestions for the Better Protection and Care of the Insane, London 1830; On the
Construction and Government of Lunatic Asylums and Hospitals for the Insane, London 1847; The
Treatment of the Insane without Mechanical Restraints, London 1836 (trad. it., Trattamento del malato di
mente senza metodi costrittivi (1856), Einaudi, Torino 1976). Sulla sua figura si rimanda a Agostino Pirella e
Domenico Casagrande, John Conolly, filantropia e psichiatria, in F. Basaglia (a cura di), Che cos’è la
psichiatria?, Einaudi, Torino 1973 (1 ed. 1967), pp. 153-170.
99
Le posizioni piuttosto aperte di Ugolotti furono spiegate da lui stesso nella propria autobiografia, dove
scrisse che «sono stato un comune uomo, calmo, ordinato, onesto, di poche risorse finanziarie, estraneo alle
123
In questo senso, allora, la decisione di impiegare alcune alienate come
infermiere durante l’epidemia di influenza spagnola rivela la considerazione dei
ricoverati come persone e non come semplici oggetti di studio o malati irrecuperabili
da contenere. Anzi, affidare loro la responsabilità delle chiavi – che rappresentano il
simbolo del potere all’interno del manicomio – e di tutte le funzioni normalmente
attribuite alle infermiere presuppone un giudizio di idoneità e di totale affidabilità di
quelle donne. Tuttavia, lo stesso Ugolotti non sembrò dare troppa importanza a quella
sua decisione, e la liquidò come un semplice «espediente pratico»:
È facile comprendere quanto sconvolgimento questa fulminea epidemia abbia
portato in tutti i servizi dell’istituto, ed in particolar modo in quello d’assistenza: la
direzione ricorse perfino a questo espediente, di scegliere parecchie ricoverate fra
le più tranquille e capaci, e a dar loro tutte quante le funzioni, diurne e notturne,
delle infermiere, compreso il libero uso delle chiavi. L’espediente si dimostrò
pratico e non diede luogo a inconvenienti100.
Tra le caratteristiche del direttore Ferdinando Ugolotti è forse giusto mettere in
luce anche l’umanità verso i suoi ricoverati – e non solo l’ostinazione con la quale si
batté per avere un nuovo manicomio –, qualità che ne fanno un’eccezione nel
panorama nazionale, come ha scritto Cesare Musatti a proposito di un suo collega
decisamente più illustre, Giulio Cesare Ferrari101.
Anche nei confronti dei soldati transitati da Colorno tra il 1915 e il 1918 il
direttore dimostrò un atteggiamento piuttosto possibilista, che sfumava in parte
l’adesione alle teorie più esplicite nell’individuare la base organicistica delle patologie
presentate dai soldati, e, soprattutto le segnalazioni dei medici militari che avvertivano
della necessità di scovare i simulatori. Nella relazione sul biennio 1915-16, scriveva
proprio in merito alla prevalenza, tra i soldati, di non alienati, ma anche di forme di
confusione mentale, o amenza, soprattutto nella varietà depressivo-stuporosa:
cariche pubbliche e alla politica, pur avendo da tempo idee di aperta sinistra, sempre comunque liberalmente
rispettoso di qualsiasi opinione, schivo di ogni cerimonia e di esibizionismo, modestissimo», Id.,
Autobiografia per uso familiare e passatempo nella tarda vecchiaia, p. 12.
100
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10251057, p. 1032.
101
C. Musatti, Giulio Cesare Ferrari, in Giuseppe Mucciarelli (a cura di), Giulio Cesare Ferrari nella storia
della psicologia italiana, Pitagora, Bologna 1984, pp. 11-16.
124
Nel 1915-16 si sono presentate molte forme acute amenziali, e soprattutto si sono
verificati moltissimi casi di non riconosciuta pazzia. Si tratta in questi ultimi
specialmente di militari mandati in osservazione e non riconosciuti alienati102.
Del resto, anche secondo il più autorevole parere di Arturo Morselli, quelle
erano le forme confusionali che affliggevano la maggior parte dei soldati, dal momento
che «la guerra attuale, creando nuove condizioni di vita e di lavoro e di pericoli, ha
portato un vasto ed impensato contributo alla etiologia ed alla patogenesi, nel caso
particolare, delle confusioni mentali ed in generale a quella della psicosi»103.
Così, ad esempio, a proposito del ventottenne Glicerio F., caporale alpino di
Fontevivo (Pr), ricoverato nel dicembre 1916 mentre si trovava in licenza da oltre un
mese, diagnosticato affetto da «malinconia ansiosa delirante», Ugolotti ammetteva che
il suo stato potesse «realmente considerarsi dipendente da causa di servizio (trauma
psichico)», pur segnalando che egli fosse un soggetto «assai predisposto»104.
Accanto a quelle forme traumatiche, però, anche a Colorno la maggioranza dei
soldati fu segnalata come non alienata, come confermavano i dati riportati da Ugolotti
nella relazione sul biennio successivo. Tra l’altro, in essa, egli specificava anche di
avere sempre proceduto con il necessario rigore nell’analisi dei soldati inviati in
osservazione, quasi a giustificare un’accusa, non esplicita, di negligenza o disinteresse:
Sono stati abbondanti quanto non furono mai, specie nel 1917, i casi di non
riconosciuta pazzia, casi che si riferiscono quasi tutti a militari. Poiché – credo
doveroso ricordarlo – questa direzione ha sempre proceduto rigorosamente verso i
soldati che le venivano consegnati per l’osservazione, e per il conseguente giudizio
sulla loro idoneità ai servizi militari105.
Da questo punto di vista, attenzione e inflessibilità non sembrarono venire mai
meno, come quando, nel maggio 1917, fu ricoverato il ventenne milanese Angelo B.,
soldato del 62 Reggimento di Fanteria. Nel volgere di pochi giorni il direttore si rese
102
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1915-1916, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore, pp. 700731, p. 706.
103
A. Morselli, Sugli stati confusionali psichici da guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 3-4, marzo-aprile
1917, vol. IV, pp. 45-52, p. 45.
104
Aop, Cartelle cliniche, F.G., lettera al direttore dell’Ospedale militare di Parma, 29 luglio 1916. Glicerio
morì in manicomio il 13 maggio 1945 senza esserne mai uscito.
105
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10271057, p. 1031.
125
conto di trovarsi di fronte a un individuo «tranquillo e lucido, per quanto […] un po’
intellettualmente deficiente» e lo riconsegnò alle autorità militari106.
Tuttavia, se, come si è visto, i rapporti con il Comando e l’Ospedale militare di
Parma non sembravano essere particolarmente amichevoli, forse le cause non erano da
cercare solo nella difficoltà di conciliare la complessità e l’eccezionalità del momento
con la quotidianità della vita del manicomio, ma anche nel merito delle diagnosi. Per il
giovane Luigi B., soldato di Tortona entrato per la seconda volta nel mese di agosto
1917 dopo che era stato ricoverato tra il mese di maggio e luglio – e licenziato come
idoneo al servizio militare –, Ugolotti aveva proposto la riforma per infermità mentale:
Da quando è entrato in manicomio il B. si è sempre dimostrato depresso, solitario,
concentrato malinconico, però lucido ed orientato. In base a questo dato di fatto,
tenuto conto che il B. è un soggetto anomalo, fors’anche appartenente ad un
famiglia di anomali, un soggetto con immoralità costituzionale, criminaloide,
ritengo che egli sia per infermità mentale non idoneo al servizio militare, epperò
propongo che egli sia passato a rassegna per la riforma107.
Questa proposta fu però accolta con qualche dubbio dal direttore dell’Ospedale
militare di Parma, il quale chiese di compiere ulteriori controlli a conferma della sua
decisione, per fugare i dubbi nelle «autorità superiori»:
Quanto Ella riferisce in data 20 ottobre non è espresso in forma talmente
categorica da togliere il pericolo che nella superiore autorità nascano dei dubbi
sulla necessità di una riforma. Pertanto, preghiamo la S.V. di tenere ancora in
osservazione il soggetto sino a che la S.V. si formi, in un senso o in un altro, un
sicuro convincimento, tale da essere espresso in termini che valgano ad infondere
tale convincimento anche nelle superiori autorità, che giudicano in base agli atti108.
Qualche mese dopo, Ugolotti rispose confermando la diagnosi precedente: «La
lunga osservazione fatta su di lui ha dato modo di escludere che si tratti di simulazione,
106
Aop, Cartelle cliniche, B.A., lettera al Procuratore di Parma, 25 giugno 1917. La diagnosi di non
riconosciuta pazzia fu confortata dall’osservazione del suo comportamento, riportato nella tabella
nosografica: «conserva gli stessi atteggiamenti e gli stessi discorsi sciocchi, puerili, strambi, in contrasto con
la sua lucidità e con la esattezza con cui bada a ciò che lo interessa. Mangia e dorme» (31 maggio), oppure,
pochi giorni dopo: «Ha scritto una lettera alla madre in cui i suoi desideri ben chiari e determinati sono
esposti con una fraseologia e un manierismo pagliaccesco senza dubbio simulato. Del resto le sue condizioni
da quando è militare non sono compatibili con la sua professione di fattorino telegrafico né esse possono
essere insorte improvvisamente. E da certe sue parole dette ridendo stupidamente risulta chiaro il suo
proposito di sottrarsi al servizio militare» (10 giugno), Ivi, tabella nosografica.
107
Aop, Cartelle cliniche, B.L., Foglio di proposta a rassegna, 20 ottobre 1917.
108
Ivi, lettera del direttore dell’Ospedale militare di Parma, 25 ottobre 1917.
126
epperò si ritiene che egli sia stato e sia tuttora realmente affetto da infermità mentale
(stato depressivo). Perciò propongo che egli sia passato a rassegna per la riforma»109.
La distanza dal fronte e dall’influenza diretta degli ambienti militari rendeva
chiaramente meno forte l’urgenza di disporre di uomini efficienti per la guerra. Per
questo, in diversi casi, il direttore, pur riconoscendo l’assenza di malattie mentali, per
compensare il trauma riportato in battaglia propose lunghi periodi di licenza, come al
genovese Alessandro C., ventitreenne soldato nel 28. Reggimento Artiglieria, che
riportò un «trauma confusionale con eccitamento» nel gennaio 1916, o al ventiseienne
Giacomo C., da Sestri Levante, del quale scrisse: «siccome ha presentato e presenta
tuttora uno stato – non simulato – lievemente stuporoso con depressione d’animo, così
proporrei che al C. fosse concessa una licenza di convalescenza di 4 mesi»110.
L’intensificarsi dei ricoveri e il rapporto con i militari costrinsero Ugolotti a
sostenere un impegno che lui stesso riconobbe come decisamente gravoso, e che
sembrò avere fine solo al termine del conflitto, quando l’intero manicomio riprese le
attività e la routine quotidiana. Nella sua relazione sul funzionamento del manicomio
negli ultimi due anni di guerra, il direttore ribadì che il momento critico sembrava
finalmente essere terminato:
E così si sono passati giorni e mesi di preoccupazioni e di grande lavoro; ma tutto
fu superato, e nulla di quanto è sostanziale venne a mancare al regolare andamento
dell’istituto, benché alle difficoltà degli approvvigionamenti si siano aggiunte, da
una parte l’enorme aumento del numero dei ricoverati e il servizio di osservazione
dei militari, e dall’altra il richiamo alle armi di infermieri e medici111.
109
Ivi, lettera al direttore dell’Ospedale militare di Parma, 1 gennaio 1918.
Aop, Cartelle cliniche, C.G., lettera al direttore dell’Ospedale militare di Parma, 29 aprile 1918.
111
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore, pp. 10271057, p. 1030.
110
127
128
III.
I ricoverati
Non è una raccolta di ritratti quella che qui si leggerà: sono delle trappole, delle
armi, delle grida, dei gesti, degli atteggiamenti e delle astuzie, degli intrighi di cui
le parole sono state lo strumento. Vite vere sono state “giocate” in queste poche
frasi; non voglio dire con questo che vi sono state raffigurate ma che di fatto la
loro libertà, la loro sventura, spesso la loro morte, in ogni caso, il loro destino, vi
sono stati almeno in parte decisi. Questi discorsi hanno realmente incrociato delle
vite; delle esistenze sono veramente state rischiate e perdute in queste parole1.
1. Numeri o persone?
Prima di entrare nelle vite degli uomini che transitarono da Colorno, o almeno
in quei frammenti di vita legati alla loro permanenza dentro al manicomio, è necessario
verificare numericamente chi e quanti erano, per capire anche l’impatto che
effettivamente ebbero sulla struttura parmense, come il direttore Ugolotti ribadì ogni
volta che ne ebbe l’occasione e come abbiamo verificato nei capitoli precedenti.
L’analisi quantitativa dei ricoverati nel manicomio di Colorno durante i quattro
anni di guerra conferma in primo luogo che il numero sempre crescente di nuovi
ingressi era legato all’entrata dei soldati, sia da tenere semplicemente sotto
osservazione per alcuni giorni che da ricoverare permanentemente.
I militari infatti costituirono oltre il 40% degli internati, cioè 285 su 692 nuovi
ricoveri complessivi [Tabella 6, Grafico, 7].
Scomponendo i ricoveri dei soldati per ogni anno di guerra, non stupisce che il
loro numero sia, sostanzialmente, condizionato dall’andamento del conflitto.
Così, nel 1915 i soldati furono 16 su 140 nuovi ricoveri, poco più del 10% del
totale, e solo 8 furono ricoverati dopo l’entrata in guerra dell’Italia2 [Grafico 6].
Per i giovani militari ricoverati a Colorno prima della dichiarazione di guerra si
può ipotizzare che si trattasse soprattutto di un modo per mettersi al riparo nel caso –
ormai imminente – in cui l’Italia fosse entrata nel conflitto. L’ipotesi sembra
confermata sia dalla diagnosi di «non riconosciuta pazzia» per ognuno di loro, che
dall’analisi dei casi singoli: il 13 aprile 1915 il giovane barese Rosario L., di stanza al
1
2
Michel Foucault, Vita degli uomini infami, Il Mulino, Bologna 2009, pp. 19-20.
Cfr. Aop, Movimento giornaliero e annuo dei ricoverati, Registro di popolazione 1915.
deposito del 61 Reggimento di Fanteria a Parma, fu ricoverato dopo avere avuto un
«accesso maniaco» che si presentava con «mutismo, aspetto minaccioso» e il tentativo
di prendere il proprio fucile per cercare di sparare3. Dopo essere stato ricoverato,
continuò a negare di ricordare chi fosse, mantenendo un sorriso fisso sul volto; dopo
una settimana, tuttavia, preso alla sprovvista, disse il proprio nome, ammettendo poi di
ricordare anche tutto il resto, cercando, a quel punto, di addurre uno stato di debolezza
e prostrazione. A giudizio dei medici, Rosario però era «il ritratto della salute fisica»4.
Un episodio simile avvenne con il ventenne napoletano Raffaele S., che entrò a
Colorno il 27 aprile in uno stato di sovreccitazione mentale durante il quale cantava e
pronunciava frasi sconnesse. Dopo due giorni in manicomio, interrogato dai medici,
riferì di essere stato trattenuto nell’esercito più a lungo del previsto:
invece di tre mesi come doveva esser per un soldato di 2. categoria è sotto le armi
da otto mesi. Avendo in questi ultimi tempi ricevuto cattivissime notizie dalla
famiglia (moglie, due figli, due vecchi) di cui è il solo sostegno, ebbe un momento
di disperazione e alterazione mentale5.
Il numero dei militari aumentò sensibilmente già a partire dall’anno successivo,
quando anche il fronte italiano divenne teatro di combattimenti, assalti e azioni, come
stava accadendo nelle altre nazioni da ormai dodici mesi. Nel 1916 i soldati erano già
oltre la metà degli uomini ammessi in manicomio: 87 su 162 (53,7%): tra essi, più della
metà (53 su 87) fu ricoverata dopo la pesantissima Strafexpedition del 15-24 maggio. Il
numero di ingressi fu ancora più elevato l’anno seguente, 122 a fronte di un numero
complessivo di 219 ricoverati (55,7%)6 [Grafico 6].
Nel 1918, nonostante la ritirata di Caporetto, la percentuale dei soldati diminuì
leggermente, pur mantenendosi elevata, molto probabilmente perché aveva iniziato a
funzionare il Centro psichiatrico militare di prima raccolta nella vicina Reggio Emilia –
del quale si è parlato nel capitolo precedente –, specializzato e decisamente più
autorevole in merito alle diagnosi sui militari. In quell’anno i soldati costituirono un
terzo dei ricoverati complessivi, 57 su 171, anche se ad aumentare sensibilmente il
3
Aop, Cartelle cliniche, L.R., Dichiarazione medica del direttore dell’Ospedale militare di Parma, 13 aprile
1915.
4
Aop, Cartelle cliniche, L.R., Tabella nosografica, 22 aprile 1915.
5
Aop, Cartelle cliniche, S.R., Tabella nosografica, 29 aprile 1915.
6
Cfr. Aop, Movimento giornaliero e annuo dei ricoverati, Registri di popolazione 1916 e 1917.
130
numero dei nuovi ingressi contribuì, come si è visto, il ricovero di una quarantina di
sfollati dal manicomio di Lonigo7.
Negli
anni
successivi
gli
ingressi
diminuirono
progressivamente,
e,
naturalmente, il numero dei militari si avvicinò quasi allo zero: 17 su 113 nuovi
ingressi nel 1919 e 2 su 103 nel 1920, anche se in quel biennio furono diversi i reduci
che entrarono per le conseguenze di traumi subiti in guerra8.
Anche a Colorno si ha conferma di linee di tendenza generali, riscontrabili
anche negli altri manicomi italiani, come ad esempio il fatto che il maggior numero dei
ricoverati coincida con i due anni centrali del conflitto. Il “terribile 1917” fu comunque
l’anno in cui le porte del manicomio si aprirono più spesso per i militari che per i civili.
Questo dato conferma quello più generale legato al logorante andamento della guerra
per tutta l’Europa: i soldati, ormai al terzo anno di combattimenti, erano stanchi e
ormai consapevoli di cosa volesse dire stare al fronte9.
L’indagine sui paesi di provenienza dei militari entrati a Colorno fra il 1915 e il
1918 rivela che nel piccolo manicomio della provincia non furono internati solo i
parmensi, che in qualche modo, arrivando a Colorno, ritornavano a casa. Per quanto
fossero la maggioranza, infatti, solo un quarto dei ricoverati era residente in provincia
di Parma (77 su 285, pari al 26,6%), e quindi inviato in questo manicomio per
pertinenza territoriale. Gli altri, complessivamente 208, appartenendo ai reggimenti di
guarnigione a Parma, in particolare al 61 e 62 Fanteria, a distaccamenti del 1 e del 2
Granatieri o dell’8 Lancieri di Montebello, provenivano dalle più svariate parti d’Italia,
in prevalenza dalla Lombardia (18,24%), da Roma (7,36%) e dalla Campania
(11,22%)10 [Tabella 8, Grafico 8].
7
Cfr. Aop, Movimento giornaliero e annuo dei ricoverati, Registro di popolazione 1918.
Cfr. Aop, Movimento giornaliero e annuo dei ricoverati, Registri di popolazione 1919 e 1920.
9
Sugli sviluppi della guerra nel 1917 si veda in particolare Ministero della Guerra, Comando del Corpo di
Stato Maggiore, Ufficio storico, L’esercito italiano nella Grande guerra (1915-1918), 7 voll., Roma 192788, vol. IV, Le operazioni del 1917, 3 tomi, Roma 1967. Per riflessioni di carattere più generale si rimanda a
G. Rochat, M. Isnenghi, La grande guerra 1914-1918, La Nuova Italia, Firenze 2000, pp. 349-400.
10
Ad oggi non esiste alcuno studio, nemmeno limitato alla storia militare, che indaghi la presenza in
provincia dei reparti dell’esercito durante la guerra. Vaghe informazioni sono in Fiorenzo Sicuri, La vita
politica di Parma dalla belle époque alla prima guerra mondiale, in Roberto Montali (a cura di), Nel mondo
nuovo. Parma da Verdi a Vittorio Veneto (1900-1918), Monte università Parma, Parma 2007, pp. 42-50;
Marco Gaita, Volontari, interventisti e neutralisti a Parma, in Roberto Spocci (a cura di), Parma di fronte
alla Grande Guerra, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, Parma 2005, pp. 25-31.
8
131
Del resto, tutte le convenzioni stipulate con il manicomio di Colorno dagli
ospedali militari di Bologna e Piacenza tra il 1874 e il 1946 stabilivano che
nell’ospedale parmense dovessero essere ricoverati tutti quegli «uomini di truppa e gli
ufficiali del presidio e sue dipendenze che cadono ammalati mentre sono in servizio
sotto le armi, in licenza di qualunque specie od in aspettativa»11.
Tra di loro, dunque, rientravano sia coloro che non si erano ancora allontanati
dal presidio che quelli che si trovavano già in zona di guerra. Questi ultimi, però, prima
di arrivare a Colorno, avevano certamente già subito un primo ricovero in un
ospedaletto da campo o in un ospedale nei pressi del fronte. Solo in seguito, se ritenuti
bisognosi di ulteriore osservazione o di tempo per recuperare, venivano allontanati
dalla zona di guerra e inviati nell’ospedale militare del paese dove erano stanziati i vari
presidi. Chiaramente, dal momento che l’ospedale militare non disponeva dei mezzi e
delle competenze per accoglierli, come da convenzione essi venivano inviati a Colorno.
In manicomio rimanevano per un tempo più o meno lungo, generalmente uno o
due mesi, e poi, se ritenuti effettivamente inabili al servizio militare e inadeguati alla
guerra, progressivamente avvicinati a casa, in una sorta di «processo a scendere» –
come è stato definito da Lisa Roscioni e Luca Des Dorides nel loro studio sul
manicomio di Santa Maria della Pietà di Roma – nel quale i manicomi fungevano filtri
successivi per impedire simulazioni o fughe12.
La storia di Quirino S., montanaro parmense proveniente da Corniglio, è un
esempio di questo processo di avvicinamento a casa: egli, militare al fronte, nel 1915
era stato ricoverato per gravi disturbi nervosi che si erano accentuati in seguito ad una
seria ferita alla gamba. Dopo una lunga degenza migliorò, fu dimesso e, nel dicembre
1917, rimandato al Reggimento; i suoi problemi psichici, però, si ripresentarono nel
settembre dell’anno successivo, quando fu ricoverato in diversi manicomi, prima a
Edolo, poi a Brescia e infine al Centro di prima raccolta di Reggio Emilia. Quirino
giunse a Colorno solo nel 1919, a conflitto terminato – dopo avere tentato più volte di
suicidarsi, e dove gli fu diagnosticato un «quadro schizofrenico a tinte paranoidi» –, e
vi rimase fino alla morte, avvenuta l’11 marzo 194613.
11
App, Titolo 6, Beneficenza, Manicomio, Rette a carico di altri enti e privati, Convenzione con l’ospedale
militare di Bologna, 1920.
12
L. Roscioni, L. Des Dorides, Il manicomio e la Grande guerra, cit., p. 140.
13
Aop, Cartelle cliniche, S.Q., relazione medica, 3 settembre 1946.
132
Un altro elemento statistico-quantitativo che può aiutare ad entrare nell’universo
dei soldati passati da Colorno riguarda l’analisi delle loro professioni.
Scorrendo le occupazioni degli internati, il primo dato che emerge con grande
evidenza è la preponderanza di lavoratori appartenenti ai gradini più bassi della scala
sociale e la scarsità di quelli collocati in strati sociali più elevati come i ceti
intellettuali, mercantili o impiegatizi [Tabella 9, Grafico 9].
I dati sulla collocazione sociale sono però incompleti, infatti non per tutti i
ricoverati fu indicata la professione al momento dell’ingresso, quando cioè veniva
compilata la cartella clinica e riportate le generalità del paziente. Questo, da un lato,
può essere segno di un certo disinteresse con il quale il personale del manicomio si
rapportava a coloro che entravano; per i ricoverati, in effetti, varcare la soglia del
manicomio per lo più significava perdere la propria identità di persona per essere
definiti solo con la diagnosi attribuita, elemento decisamente più interessante per
individuarli e qualificarli. Inoltre, era la divisa militare a sancire in modo decisivo –
almeno agli occhi del personale del manicomio – l’unica, visibile, identità
professionale del soldato ricoverato. Questo spiegherebbe perché 119 soldati su 285
furono qualificati professionalmente solo, appunto, come “soldati” o “militari”, senza
specificare la loro professione da civili.
Tra gli altri 166 di cui è indicato il mestiere con maggior precisione, la maggior
parte (34,33%, pari a 57 uomini) fu registrata come contadino. I restanti si dividevano
prevalentemente tra calzolai (5,4%), muratori (4,2%), macellai (3,6%), carrettieri (3%),
sarti (2,4%), elettricisti (1,8%), fabbri (1,8%), falegnami (1,8%), ferrovieri (1,8%) e, a
seguire, quelle occupazioni precarie o ancora legate all’universo composito e
frastagliato delle piccole professioni artigianali piuttosto che al proletariato di fabbrica.
In merito, tuttavia, non si possono che condividere tutte le cautele espresse da
Antonio Gibelli sull’incertezza e la variabilità delle categorie di classificazione
utilizzate nell’ultimo censimento generale del 1911, avvalorate anche dalla
considerazione della velocità con la quale negli anni immediatamente prima della
guerra le reali condizioni professionali degli italiani stavano subendo un mutamento più
veloce di quello delle categorie con le quali quelle condizioni venivano interpretate:
Molti che si consideravano contadini perché abitavano in campagna e
continuavano a esercitare il lavoro della terra almeno per una parte dell’anno,
133
contemporaneamente erano entrati nel lavoro di fabbrica, nell’edilizia o nelle
costruzioni stradali e ferroviarie, per cui dovevano piuttosto considerarsi operaicontadini (una figura molto diffusa nel modello dello sviluppo industriale
italiano)14.
Dall’osservazione delle occupazioni dei soldati ricoverati in manicomio
emergono soprattutto due considerazioni. In primo luogo, esse confermano i dati
ufficiali che raffiguravano un’Italia contadina e ancora poco industrializzata, nella
quale le classi popolari erano decisamente la parte prevalente15. In secondo luogo, si
vede confermata la definizione del manicomio come luogo dove accogliere «gli alienati
poveri della provincia», secondo quanto recitava l’art. 2 del regolamento, per quanto
anche nell’istituto parmense fosse prevista una sezione dedicata ai pensionanti, cioè a
chi era in grado di pagare la retta per il proprio mantenimento, che però fu sempre
scarsamente utilizzata16.
La regola che prescriveva il ricovero di persone povere sembrò avere due sole
eccezioni: tra i quasi trecento soldati ricoverati, infatti, solo le professioni di due
uomini erano indice di appartenenza ad una classe più agiata.
Il primo fu il possidente Teofilo D., trentenne veronese del 2 Reggimento
Granatieri, che fu ricoverato nel febbraio 1916 per «torpore e indebolimento mentale in
individuo dedito all’alcool e gozzuto»17. L’altro era Michele D., avvocato
quarantaduenne di Fornovo Taro, che entrò a Colorno ai primi di febbraio 1918 per
«psicosi maniaco-depressiva»18.
Oltre a farci ipotizzare che Michele stesse cercando di rifiutarsi di prendere
parte al conflitto, essendo rimasto all’interno del Distretto militare di Parma, il suo caso
14
A. Gibelli, La grande guerra degli italiani 1915-1918, Bur, Milano 2007 (1 ed. 1998), p. 86. I dati
numerici sulla preponderanza dei contadini tra i soldati sono in Arrigo Serpieri, La guerra e le classi rurali
italiane, Bari 1930, pp. 49-50, ripresi poi da Piero Melograni: «Circa la metà dell’esercito fu composta da
contadini. Secondo i calcoli del Serpieri, su un totale di 5 milioni e 750 mila combattenti complessivamente
richiamati durante l’intero conflitto, ben 2 milioni e 600 mila furono per l’appunto contadini. Quasi tutti
appartennero alla fanteria, la più sacrificata di tutte le armi, destinata da sola a subire il 95% delle perdite»,
Id., Storia politica della Grande Guerra 1915-1918, Laterza, Bari 1972, pp. 92-93. Giorgio Rochat, pur non
contestando la prevalenza dei contadini in termini assoluti, ha messo in discussione quelle percentuali in Id.,
L’Italia nella prima guerra mondiale, Feltrinelli, Milano 1976, p. 77.
15
Sulla trasformazione e sui processi disgregatori dell’industrializzazione sulla società rurale italiana,
soprattutto durante la guerra, si veda Pier Paolo D’Attorre, Alberto De Bernardi (a cura di), Studi
sull’agricoltura italiana. Società rurale e modernizzazione, Feltrinelli, Milano 1994.
16
Cfr. Manicomio provinciale di Colorno. Regolamento speciale, Tip. Zerbini & Freshing, Parma 1912.
17
Aop, Cartelle cliniche, D.T., tabella nosografica, 4 febbraio 1916.
18
Pur specificando che la malattia di Michele non dipendeva da cause di servizio, quanto riportato nella
tabella nosografica sembrava asserire il contrario: «studioso e laborioso, era molto preoccupato di dovere
prestare servizio militare, e quando fu poi richiamato dopo pochi giorni cadde in stato di agitazione», Aop,
Cartelle cliniche, D.M., tabella nosografica, 3 febbraio 1918.
134
è interessante anche perché mostra la difficoltà da parte del personale medico di gestire
individui di classi sociali diverse, ai quali sicuramente erano poco abituati. Durante la
sua non brevissima permanenza in manicomio – dal 3 febbraio al 3 novembre 1918 – il
direttore continuò a scrivere alla Procura della Repubblica rassicurandoli che
l’avvocato D. sarebbe rientrato al più presto in possesso delle proprie facoltà mentali,
anche se il suo ottimismo in realtà era clamorosamente smentito dalle osservazioni
consegnate al diario clinico. Il 31 marzo 1918 infatti scrisse:
Stesso stato di eccitamento e disordine. Straccia e rompe. Talvolta è sudicio.
Abitualmente lucido, nei momenti di più intensa agitazione è ansioso e confuso.
Clamoroso. Dorme poco19.
Anche il mese successivo Michele fu descritto ancora nello stesso modo.
Contemporaneamente, però, il 26 aprile, Ugolotti scrisse l’ennesima lettera alla Procura
dichiarando che il paziente si sarebbe perfettamente ripreso nel giro di un paio di mesi:
È certo […] che l’accesso di eccitamento maniaco di cui è affetto il D. scomparirà
e che quindi l’infermo guarirà completamente. Per quanto sia difficile stabilire il
tempo che sarà necessario a raggiungere la guarigione, tuttavia credo che esso non
sarà molto lungo, di 40-60 giorni ancora20.
Era decisamente raro che il direttore si sbilanciasse in merito alla possibile
durata della patologia di un ricoverato, senza peraltro poterne avere alcuna certezza.
L’avvocato Michele D., infatti, rimase per altri sei mesi «disordinato, confuso e
“clamoroso”», e sembrò calmarsi solo in settembre, dopo di che fu trasferito nel reparto
pensionanti per altri due mesi, e finalmente dimesso in prova il 3 novembre 191821.
2. Gli ufficiali
Avvicinandoci all’insieme dei militari ricoverati a Colorno con uno sguardo
attento alle loro qualifiche, colpisce la pressoché totale assenza di ufficiali, dato che
19
Ivi, tabella nosografica, 31 marzo 1918.
Ivi, lettera del direttore al Procuratore del Re di Parma, 26 aprile 1918.
21
Ivi, tabella nosografica.
20
135
appare in forte contrasto con quanto è stato riscontrato in analoghe ricerche sui
manicomi durante la Grande guerra compiute negli ultimi anni22.
È pur vero, tuttavia, che i casi studiati finora riguardano in prevalenza manicomi
vicini alla zona del fronte, dove i militari venivano immediatamente ricoverati prima
del loro trasferimento, oppure il Centro di prima raccolta di Reggio Emilia. In
particolare, le osservazioni di Bruna Bianchi sui manicomi di Padova, Venezia,
Treviso, Brescia e Verona rivelano che gli ufficiali erano presenti in proporzione
maggiore rispetto ai soldati:
Mentre il rapporto ufficiali-soldati nell’esercito italiano fu nel complesso di 1 a 26,
tra gli accolti al manicomio di Treviso troviamo 1 ufficiale ogni 10 soldati, in
quello di Padova 1 ogni 22, al centro di Reggio Emilia, nel 1918, 1 su 13. Nel
1915 e nel 1916 negli ospedaletti da campo della II Armata gli ufficiali affluirono
nella proporzione di 1 a 12 rispetto ai soldati 23.
Se gli ufficiali con patologie nervose o psichiche rimanevano nei pressi del
fronte per essere ricondotti in prima linea oppure definitivamente riformati, allora la
loro assenza in un manicomio lontano dalla zona di guerra e nemmeno specializzato,
come quello parmense, è facilmente comprensibile24.
A Colorno, peraltro, su 300 militari non fu ricoverato nemmeno un ufficiale, e
solo un sottoufficiale, proveniente da un paese della provincia di Parma.
Sergente della 1 Compagnia del 226 Battaglione di Milizia territoriale, classe
1876, Ernesto C. entrò in manicomio il 4 novembre 1916 dopo avere tentato per la
seconda volta di suicidarsi. Fu portato subito a Colorno perché si trovava a casa in
22
Il riferimento, in particolare, è agli studi di Maria Vittoria Adami, L’esercito di San Giacomo. Soldati e
ufficiali ricoverati nel manicomio veronese (1915-1920), Il poligrafo, Padova 2006; Leonardo Raito, La
Grande guerra e la fuga nell’inconscio. L’esperienza del conflitto sull’individuo moderno, in “Nuova storia
contemporanea”, n. 3, 2007, pp. 141-151; Nicola Bettiol, Feriti nell’anima. Storie di soldati dai manicomi
del Veneto 1915-1916, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca
trevigiana, Treviso 2008; F. Paolella, Un laboratorio di medicina politica. Placido Consiglio e il Centro
psichiatrico militare di prima raccolta, cit.; P. Giovannini, Soldati, follia e Grande guerra nelle cartelle
cliniche del San Benedetto, in Paolo Sorcinelli, Lavoro, criminalità, alienazione mentale. Ricerche sulle
Marche tra Otto e Novecento, Il lavoro editoriale, Ancona 1986.
23
B. Bianchi, Psichiatria e guerra, in S. Audoin-Rouzeau, A. Becker, (a cura di), La prima guerra mondiale,
cit., pp. 309-325, p. 320. Nei casi di altri manicomi, più o meno lontani dal fronte, che sono stati oggetto di
studio, manca la distinzione dei ricoverati tra soldati e ufficiali, cfr. A. Scartabellati, Leggere la follia in
guerra, 1915-1918, http://web.tiscali.it/bibliopsi/archivi.htm; Id., Destini della follia in guerra, in Id. (a cura
di), Dalle trincee al manicomio, cit., pp. 153-219; Mario Vanini, Ricoveri di soldati impazziti. Alcune note
statistiche del Manicomio provinciale di Como 1915-18, Ivi, pp. 411-421; L. Roscioni, L. Des Dorides, Il
manicomio e la Grande guerra, cit.
24
Nemmeno scorrendo la rassegna biografica dei militari ricoverati nel manicomio di Cremona, compilata da
A. Scartabellati, si trovano degli ufficiali, cfr. Id., Leggere la follia in guerra, cit., cap. 4, Inventari biografici
dell’universo follia.
136
licenza, dove si stava riprendendo dal primo tentativo di suicidio, che era avvenuto in
marzo, al fronte, dopo la fuga di due prigionieri austriaci che aveva il compito di
sorvegliare. Secondo le parole del medico assistente Dino Stanghellini, compilatore
della cartella clinica, la vergogna e il terrore per una possibile punizione avevano preso
il sopravvento e lo avevano indotto a gettarsi da una finestra. A Sorbolo, pur essendosi
quasi ripreso fisicamente, non riusciva a smettere di pensare a quello che gli sarebbe
potuto accadere al suo ritorno in prima linea: «a casa fu sempre melanconico,
piangente, timoroso di essere punito e rovinato, incapace di pensare ad altro»25. Per
questo cercò nuovamente di farla finita, colpendosi al capo con un martello. Questo
nuovo episodio lo condusse direttamente in manicomio, dove gli fu diagnosticata una
«psicosi maniaco-depressiva atipica»:
Qui [a Colorno] stette a lungo in uno stato di melanconia ansiosa e delirante
profonda con delirio pessimistico e persecutorio, al quale seguì uno stato di non
grave ma manifesto eccitamento, durante il quale si mantenne il delirio
persecutorio con altre idee strambe e incongruenti. […] Ha rare allucinazioni
uditive, scarsa affettività e indifferenza accentuata per tutto ciò che è estraneo al
suo delirio26.
Per quanto le condizioni fisiche continuassero a migliorare, la malinconia e lo
stato depressivo di Ernesto non parvero mutare sensibilmente, tanto che ancora tre anni
dopo il suo ricovero, nel settembre 1919, il medico segnalava la sua convinzione di
essere ancora militare – nonostante fosse riformato dal luglio 1917 – e di dovere essere
punito per quanto aveva commesso:
Si mantiene lucido, orientato, ma depresso, piuttosto sospettoso e diffidente. Di
rado risponde completamente alle domande. Accenna vagamente a chi l’ha con lui,
ricorre talvolta il desiderio di morire. Non desidera tornare a casa. Dice di essere
ancora militare e crede di dovere essere punito e processato. Non si lascia
persuadere da nessuna assicurazione. Dorme poco 27.
Il peso della responsabilità e il senso del dovere avevano condizionato talmente
Ernesto da non renderlo più in grado di uscire dalla convinzione della propria
colpevolezza. Un condizionamento che ritornava sovente negli ufficiali, come
25
Aop, Cartelle cliniche, C.E., tabella nosografica, 24 novembre 1916.
Aop, Cartelle cliniche, C.E., nota del direttore, s.d.
27
Aop, Cartelle cliniche, C.E., tabella nosografica, settembre 1919. Ernesto morì per un cancro allo stomaco
il 24 novembre 1946, senza essere mai uscito dal manicomio.
26
137
confermano gli studi di Nicola Bettiol, il quale ha notato che gli ufficiali furono, in
rapporto numericamente maggiore ai soldati anche per «la particolare condizione in cui
si trovarono a vivere la guerra […] che condizionò pesantemente il loro stato
psichico»28.
La “particolare condizione” alla quale fa riferimento Bettiol era stata descritta
già subito dopo la guerra dal Direttore di sanità del VI Corpo d’armata, dottor Gerundo,
che così riassumeva gli effetti prodotti sugli ufficiali dalla prolungata vita in trincea:
Da qualche tempo si notano frequenti casi di esaurimento nervoso specialmente
negli ufficiali, che si presentano la maggior parte sotto una forma depressiva ed in
alcuni, fortunatamente rari, sotto forma eccitatoria. Mentre i primi si presentano in
genere apatici, indolenti, ipobulici, attoniti, gli altri si presentano con fenomeni
alterni di eccitabilità e di depressione. Queste ultime forme si osservano
prevalentemente in chi ha diretta responsabilità, e per sua natura e temperamento
non ha energia nervosa sufficiente da superare le emozioni che sono intimamente
legate alla vita speciale al fronte29 .
Osservazioni che ritornavano anche nella relazione del consulente psichiatrico
della II Armata, il quale aveva individuato negli ufficiali traumi psichici, nevrosi da
esaurimento, stati confusionali, psicosi emotive. In particolare per queste ultime, che
normalmente comprendevano stati di malinconia, esaltazione, nevrastenie e psicastenie,
il consulente aveva segnalato la presenza di un «cospicuo numero di casi» che non
rientravano precisamente in nessuno di quelli e che si manifestavano con tristezza,
timore e reazioni spropositate:
Gl’infermi presentano tutti una fisionomia particolare, sopra un fondo tenue di
tristezza, con uno stato dell’animo assillato da una paura indefinita di cui essi
stessi non sanno darsi conto. Al solo accenno alle scene a cui avevano assistito, o
al solo ricordo di qualche persona di famiglia e di qualche amico ferito, codesti
infermi piangevano irresistibilmente e fanciullescamente, benché riconoscessero la
illogicità del loro stato emotivo e l’umiliazione alla quale erano condannati. In
questi casi, si doveva ammettere un forte abbassamento del tono mentale, un
esaurimento dei poteri inibitori, una fiacchezza del potere associativo, donde
quella statica mentale, collegata all’emotività dolorosa, la quale si esplica col
pianto, talvolta di carattere infantile30.
28
N. Bettiol, Feriti nell’anima, cit., p. 26.
Gerundo, Relazione sullo stato sanitario e morale delle truppe, cit. in Luigi Capello, Per la verità, Fratelli
Treves, Milano 1920, pp. 207-208, p. 208.
30
Ussme, Diari prima guerra mondiale, P21A, Relazione sanitaria guerra 1915-1918. Servizio
neuropsichiatrico, p. 425.
29
138
Tra l’altro quegli atteggiamenti, che secondo il consulente erano connessi
all’indebolimento delle facoltà del sistema nervoso centrale, avrebbero potuto essere
facilmente scambiati per «cattiveria, insubordinazione e indisciplina» e dare luogo a
severe punizioni31.
Anche i vertici militari compresero subito che l’infermità mentale poteva essere
utilizzata anche come una maschera per occultare la disobbedienza da parte degli
ufficiali, espressione del loro disagio nei confronti di una guerra logorante nella quale
erano doppiamente responsabili, sia verso i propri uomini che verso i superiori. Come
ha notato Bruna Bianchi, infatti, anche da parte dei tribunali militari «nei confronti
degli ufficiali la preoccupazione maggiore fu quella di minimizzare e occultare, in
particolare le mancanze dei singoli, le infrazioni alla disciplina che non coinvolgevano
i soldati»32.
Che il trattamento verso gli ufficiali fosse più conciliante, persino nei manicomi,
sembra confermato anche da Bettiol, il quale osserva che per gli ufficiali ricoverati in
manicomio era prevalente la diagnosi di «non riconosciuta pazzia», proprio al fine di
preservarli dall’onta stigmatizzante del manicomio33.
3. Soldati e ufficiali
Il rapporto controverso tra ufficiali e soldati durante la Grande guerra è ormai
noto, e quanto emerge in particolare è la distinzione dei primi dalle truppe, soprattutto
per lo sguardo con il quale essi si volsero a quel conflitto. Ci riferiamo alla enorme
produzione memorialistica, pubblicata sia durante che nell’immediato dopoguerra (o
anche dopo), nella quale, con una prosa spesso magniloquente e “dannunziana”, gli
31
Ibidem.
B. Bianchi, I disobbedienti nell’esercito italiano durante la grande guerra, in “Parolechiave”, n. 26, 2002,
pp. 157-185, p. 179. Sulla disobbedienza e la follia degli ufficiali si veda anche Ead., La follia e la fuga, cit.,
pp. 118-136 e, per il rapporto tra ufficiali e ribellione, Ivi, pp. 383-524; considerazioni simili sono anche in
Giovanna Procacci, Soldati e prigionieri italiani nella Grande guerra, Bollati Boringhieri, Torino 2000, pp.
96-97. Le riflessioni di Bianchi e Procacci, e gli studi che da loro si sono sviluppati, ampliano e restituiscono
complessità alla prima analisi, prevalentemente statistico-quantitativa, sugli ufficiali in servizio durante la
Grande guerra, avviata da Giorgio Rochat, Gli ufficiali italiani nella prima guerra mondiale, in Giuseppe
Caforio, Piero Del Negro (a cura di), Ufficiali e società, Franco Angeli, Milano 1988, pp. 231-252.
33
Cfr. N. Bettiol, Feriti nell’anima, p. 161, n. 55.
32
139
ufficiali alternavano fiducia cieca nelle scelte dei vertici e nella necessità di una guerra
patriottica a comprensione e solidarietà verso chi quella guerra soprattutto la subiva34.
Così, alcuni esasperavano la necessità di mantenere cinicamente le distanze per
non essere emotivamente coinvolti, come il sottotenente Teodoro Capocci, del 2
Reggimento Granatieri, morto in combattimento ai primi di giugno 1916: «Siamo
insieme cinici e sereni. Cinici, perché con tanti morti, tanti disagi, non si può
approfondire il dolore. S’impazzirebbe»35.
Erano in molti a ribadire lo sforzo e la fatica della guerra, nonostante fossero
guidati da entusiasmo e spirito di sacrificio. Ne fu un esempio anche il sottotenente
parmigiano Aldo Ravasini – del quale la rivista “Aurea Parma” pubblicò il diario subito
dopo la morte, avvenuta il 24 ottobre 1915 – che scrisse di essere felice di potere
condividere i disagi dei “suoi” soldati:
Stamane, tutto il cielo è nuvoloso e dà alla tristezza di questo luogo una nota fosca,
tragica che avvince e soggioga. Da questo covi sbucano a tratti uomini con vesti
lacere, macchiate di chiazze rossastre – par sangue ed è fango –, con qualcosa di
strano e fosco negli occhi. […] Sono lieto di soffrire, tanto lieto di condividere i
disagi dei miei soldati. Mi sembra così di appagare quel bisogno della mia
coscienza che è la giustizia, l’assenza del privilegio…36
Parole e senso di vicinanza che, fuor di retorica e con forse maggiore
consapevolezza, ritornavano nelle lettere del sottotenente Vasco Pecorini, il quale il 22
dicembre 1915 scriveva:
Le trincee di Oslavia mi fanno paura più della morte. Ma più ancora delle trincee
mi impensieriscono le condizioni della nostra truppa. Altro che eroismo, altro che
34
Sulla memorialistica di guerra delle classi più colte si rimanda alla messa a punto di Franco Contorbia,
Guerra, memoria, scrittura. Il caso italiano, in S. Audoin-Rouzeau, A. Becker, (a cura di), La prima guerra
mondiale, cit., pp. 619-631. A riguardo si veda anche Adolfo Omodeo, Momenti della vita di guerra (Dai
diari e dalle lettere dei caduti), Laterza, Bari 1934; M. Isnenghi, I vinti di Caporetto nella letteratura di
guerra, Marsilio, Padova 1967; Giuseppe Prezzolini, Tutta la guerra. Antologia del popolo italiano sul fronte
e nel paese, Longanesi, Milano 1968; M. Isnenghi, Il mito della Grande guerra da Marinetti a Malaparte,
Laterza, Bari 1970; M. Bartoletti, Memorialistica di guerra, in Armando Balduino (a cura di), Storia
letteraria d’Italia, vol. XI, Il Novecento. Dall’inizio del secolo al primo conflitto mondiale, a cura di Giorgio
Luti, Piccin-Vallardi, Padova-Milano 1989.
35
T. Capocci, Diario, in A. Omodeo, Momenti della vita di guerra, cit., Laterza, Bari 1934, p. 282.
36
A. Ravasini, Il diario di un prode, in “Aurea Parma”, n. 3-4, a. III, luglio-dicembre 1915, pp.159-167, pp.
165-166. Il riferimento al bisogno di giustizia nelle parole di Ravasini va messo in relazione a quel filone di
interventisti, prevalente a Parma, legati al sindacalismo rivoluzionario della Camera del lavoro di Borgo delle
Grazie, cui apparteneva anche Filippo Corridoni. Sull’interventismo parmense, anche se non esiste ancora
uno studio completo e specifico, si rimanda a M. Becchetti, Oltretorrente. Rivolte e conflitto sociale a Parma
1868-1915, cit., pp. 257-270; F. Sicuri, La vita politica di Parma dalla belle époque alla prima guerra
mondiale, cit.; M. Gaita, Volontari, interventisti e neutralisti a Parma, cit.
140
entusiasmo, altro che salute perfetta! Viltà, scoraggiamento, colera quelle sì
serpeggiano fra i nostri soldati! Ma cambiamo argomento; oltre ad amareggiare voi
ne sarei io stesso amareggiato37.
Vasco Pecorini accennava alla mancanza di entusiasmo e allo scoraggiamento
dei soldati: sulle loro reazioni e su come a volte la loro ribellione si traducesse in
psicosi, tanto da farli ricoverare in manicomio, si tornerà più specificamente nei
paragrafi successivi; qui ci interessa principalmente segnalare come il rapporto con gli
ufficiali non fosse sempre improntato a quell’obbedienza e rispetto necessari per la
disciplina militare, e come anzi a volte l’imposizione di regole o ordini producesse
contraccolpi critici per la loro salute mentale.
Proprio l’insofferenza alla disciplina sembrò infatti essere l’unica caratteristica
responsabile del ricovero del diciottenne Lorenzo D., soldato del 61 reggimento di
fanteria originario di Pietrasanta (Lu), avvenuto il 13 luglio 1917. Di Lorenzo abbiamo
notizie molto scarse, perché rimase a Colorno in osservazione per pochissimi giorni
prima di essere inviato al carcere di Piacenza. Ricoverato per «squilibrio mentale» con
lesioni e graffiature su tutto il corpo che si era provocate da solo, continuò a mantenere
un atteggiamento sprezzante e scortese con chiunque lo avvicinasse. Solo un giorno,
interrogato dal medico, spiegò con calma il motivo del suo atteggiamento:
Oggi interrogato a tu per tu dal medico gli ha confessato di essere gravemente
inquieto per la propria sorte, poiché fin dal primo giorno dell’arruolamento suo si è
ribellato ai superiori. Giustifica il suo agire con le condizioni di miseria in cui ha
lasciato la madre e la moglie. Le escoriazioni se le produsse volontariamente38.
Pur avendo promesso di rimanere tranquillo, nei giorni seguenti Lorenzo tornò
ad essere ribelle, sprezzante e minaccioso, rimanendo continuamente e ostinatamente
sdraiato per terra. Questo comportamento, però, non valse a tenerlo in manicomio,
perché pochi giorni dopo fu descritto come «insofferente di disciplina, eccitabile e
deficiente nei freni morali» e riconsegnato ai suoi superiori che lo trasferirono in
carcere39.
Per diversi soldati ricoverati a Colorno la psicosi si manifestava con
atteggiamenti di aperta ostilità verso gli ufficiali, come per Angelo S., di San Secondo
37
La lettera è riportata in Giorgio Pecorini, Il milite noto, Sellerio, Palermo 1983, p. 140.
Aop, Cartelle cliniche, D.L., tabella nosografica, 16 luglio 1917.
39
Ivi, 21 luglio 1917.
38
141
parmense, soldato del 62 reggimento di fanteria ricoverato a Colorno il 6 giugno 1917
dopo essere stato per molti mesi al fronte, che si lamentava di non avere mai avuto
alcuna soddisfazione dai propri superiori e trascorreva le proprie giornate inveendo
contro gli ufficiali che lo avevano maltrattato tanto da mandarlo in manicomio40. O
come il milanese Barbato P., portato in manicomio il 13 ottobre 1917 perché a ogni
domanda rispondeva solo «vigliacco maresciallo», accusandolo di ingiustizia per essere
stato condannato a quattro giorni di cella senza cibo41.
A volte la causa dell’agitazione dipendeva dalla convinzione che i superiori
dovessero avere per i subordinati lo stesso rispetto che i soldati dovevano loro.
Sinibaldo S., trentunenne artigliere carrarino, fu ricoverato con questa idea due giorni
prima dell’entrata in guerra dell’Italia, dopo avere minacciato l’ufficiale che lo aveva
accusato di simulazione:
Era indisposto e aveva chiesto di essere visitato. Il capitano medico lo accusò di
simulazione e lo trattò aspramente. A questo egli si ribellò e rispose per le rime. Fa
il racconto un po’ concitato e particolareggiatamente, in tono e con atteggiamento
di chi racconta cosa grave, seria, della massima importanza e lo infiora con lunghe
digressioni teoriche sul dovere dei soldati verso la famiglia e la patria, e degli
ufficiali verso i soldati42.
A volte, invece, l’ossessione si concretizzava nell’idea di avere responsabilità,
ruoli e abilità molto maggiori degli ufficiali: è il caso del ventunenne parmense
Giovanni D., del 3 Reggimento di artiglieria da montagna, che fu ricoverato a più
riprese tra il febbraio 1917 e il dicembre 1918 per «psicosi maniaco-depressiva in
frenastenoide»43. Giovanni fu riformato nel marzo 1917, ma la fine della guerra non fu
sufficiente a stemperare la sua persuasione, perché ancora dopo dieci anni, la sentenza
40
Aop, Cartelle cliniche, S.A., tabella nosografica.
Aop, Cartelle cliniche, P.B., certificato medico per l’ammissione dei malati, Casalmaggiore, 12 ottobre
1917. Pare che Barbato fosse stato condannato per avere gridato «Viva l’Austria»; dopo essere stato
giudicato non idoneo al servizio militare per costituzione epilettoide, fu dimesso il 10 gennaio 1918, cfr. Ivi,
tabella nosografica. Il conflitto tra soldati e ufficiali è ben rappresentato da questa lettera censurata, scritta da
un anonimo soldato parmense nell’agosto 1916: «Carisimo Vengo a dirti che ne ho le bale piene ormai sono
proprio stanco di questa malledeta vita questo non epiù un vera vita e proprio una liqui dazione Completa
non si po più andare avanti e una vergogna, se non mia mazano I (ceco) mifano morire questi villiachi e cani
sfruttatori dei poveri filgli di mama che tanto sofrano, a dargli reta […] Ma però verà quel giorno oportuno
che ai nostri signor Uficiali pagheranno questa infamia contro a coloro che sono sempre stati buoni e
ubidienti più di tuti Iloro diritti – prego la signora censura di legerla e di esere sortisfatto suo soldato…», cit.
in G. Procacci, Soldati e prigionieri italiani nella Grande guerra, Bollati Boringhieri, Torino 2000, p. 444.
42
Aop, Cartelle cliniche, S.S., tabella nosografica, 24 maggio 1915.
43
Aop, Cartelle cliniche, D.G., tabella nosografica.
41
142
di interdizione riportava alcune frasi che testimoniavano la sua incapacità di uscire dai
«ricordi della vita passata»:
Sono qua dentro perché sono matto, sordo e mutilato… sono qui perché comanda
il nostro tenente colonnello […]. Ho fatto 4 anni di soldato e avevo il grado, ma
non sono ufficiale. Io sparavo i cannoni per mio conto. Uno che spara i cannoni ha
le sue munizioni e tutto il necessario44.
4. I motivi del ricovero
Per la loro particolare natura, le cartelle cliniche rendono piuttosto difficoltoso
entrare nel mondo personale dei ricoverati, perché costruite essenzialmente intorno alla
prima osservazione compiuta dai medici, che veniva formulata al momento del
ricovero. E per la definizione delle diagnosi, come vedremo nel paragrafo successivo,
essi si basavano prevalentemente sull’analisi delle persone nel momento in cui esse
varcavano i cancelli del manicomio, tenendo limitatamente in considerazione le cause
che le avevano condotte là dentro.
Anche il modello prestampato che accompagnava in manicomio chi veniva
trasferito dall’ospedale militare era decisamente vago e lacunoso, limitandosi a riferire
di generici fenomeni psicopatici, o di stati di delirio, e ribadendo semplicemente la
necessità del ricovero:
Non disponendosi in questo Ospedale dei mezzi per la opportuna custodia e
sorveglianza e ritenendo l’individuo pericoloso a sé ed agli altri, si propone venga
inviato al Manicomio provinciale di Parma in Colorno dove può essere trasportato
senza danno per la sua salute fisica45.
Per i soldati, inoltre, risalire alla reale motivazione sembrava un compito anche
più complesso, dal momento che in molti casi – e soprattutto per gli uomini al fronte –
intercorrevano diversi giorni tra il loro ricovero e la manifestazione dei sintomi, e che
chi li accompagnava non li conosceva e non era in grado di fornire informazioni più
specifiche.
44
45
Ivi, sentenza di interdizione, 9 marzo 1928.
Aop, Cartelle clniche, modulo di accompagnamento dei soldati a cura del direttore dell’Ospedale militare.
143
Quali fossero quei fenomeni che colpivano i soldati e capire che cosa li aveva
prodotti è un’operazione che può dunque essere compiuta solo leggendo fra le righe
delle tabelle nosografiche – nelle quali i medici segnalavano periodicamente disturbi e
comportamenti – o dei certificati che venivano richiesti ai medici del paese di
provenienza per comprendere le ragioni dei loro disturbi.
Il quadro che viene dipinto dai racconti degli stessi soldati, spesso poche frasi
riportate per confermare la loro condizione di disturbati, poneva in primo piano
soprattutto i traumi subiti sul campo di battaglia e le loro conseguenze, anche se i
medici colornesi non arrivarono mai a parlare direttamente di shell shock, forse perché
distanti dal dibattito in corso e sicuramente troppo impegnati ad affrontare le fatiche
della gestione quotidiana dell’istituto e dei suoi ospiti. In secondo luogo, poi,
emergevano le conseguenze della crisi del modello del soldato come bravo e valente
combattente, che avrebbe dovuto trovare la propria realizzazione nel compimento del
proprio dovere, e la crescente diffusione di emozioni difficilmente controllabili, che in
molti casi conducevano alle estreme conseguenze il tentativo di prendere le distanze
dalla guerra.
Le ragioni del ricovero della maggior parte dei soldati ruotavano intorno alla
paura, che poteva essere vissuta sia prima di partire per il fronte (anche solo a causa dei
racconti degli altri), che durante, collegandosi direttamente al trauma da combattimento
o al dolore per essere lontani dai propri affetti, ma anche dopo, a dimostrazione
dell’irreversibilità del trauma.
Così, il motivo principale che condusse gran parte dei ricoverati in manicomio
fu il trauma riportato in combattimento, o, per usare la terminologia del periodo, lo
shell shock, pur nella consapevolezza della sua ambiguità, come segnalavano anche le
fonti coeve:
The term is vague; perhaps its use implies too much; but this is not altogether a
dis-advantage, for never in the history of mankind have the stresses and strains laid
upon body and mind been so great or so numerous as in the present war. We may
therefore expect to find many cases which present not a single disease, not even a
mixture, but a chemical compound of diseases, so to speak. In civil life, we often
meet with cases of nervous breakdown uncomplicated by any gross physical
injury. We are scarcely likely, for example, to meet it complicated by gas
poisoning and a bullet wound. Yet such combinations as these - or worse - are to
he met with in the hospitals every day46.
46
Grafton Elliott Smith, Shell Shock and its Lessons, Manchester University Press, Manchester 1917, p. 5.
144
Il caso più semplice da individuare si presentava dunque, com’è ovvio, quando
al trauma psichico si associava direttamente quello fisico, come avvenne per il fante
padovano Giovanni T., classe 1879, ricoverato alla fine di giugno 1917 per uno «stato
stuporoso con sordità e afasia», conseguente allo scoppio ravvicinato di una granata47.
Giovanni aveva subito un primo ricovero in un ospedale da campo della VI Armata,
dove fu segnalato come un sospetto alienato mentale per lo stato nel quale versava:
Non parla. È abbastanza quieto; assume uno stato stuporoso e nulla pare capisca.
Prende gli alimenti che gli si danno. Qualche volta si agita e salta giù dal letto
senza però correre o cercare pericolo. Il malato pare in preda ad una allucinazione
da depressione48.
Dopo essere passato dall’ospedale di Bassano e dal Centro di prima raccolta di
Reggio Emilia, che probabilmente non aveva spazio per custodirlo, Giovanni giunse a
Colorno con la diagnosi di «sordità, mutismo e lievi turbe mentali». Qui trascorreva le
sue giornate sempre cupo e concentrato, non riuscendo a parlare se non a frammenti, e
rimaneva spesso « accovacciato in terra con il capo appoggiato a qualche rialzo»49.
Il comportamento di Giovanni era lo stesso del soldato Antonio T., trentenne
parmense, il quale nell’ottobre 1916 fu trasportato dall’ospedale da campo di San
Giorgio di Nogaro a Reggio Emilia, e poi da lì a Colorno con la diagnosi di «stato
depressivo». Come Giovanni, anche Antonio non riusciva a dormire, rifiutava il cibo e
continuava ad avere allucinazioni continue e terrificanti anche a distanza di mesi.
Nell’aprile dell’anno successivo si trovava ancora in manicomio, e sebbene fosse «più
quieto», il suo stato d’animo e la sua disperazione non erano mutati:
Sta quasi sempre nel corridoio dell’infermeria, in un angolo, col viso nascosto fra
le braccia, silenzioso. Se lo si interroga non risponde, se si insiste a lungo solleva il
capo e con atteggiamento irato e disperato dice: ma sì! Ammazzatemi pure, fate
ciò che volete, assassini 50.
47
Aop, Cartelle cliniche, T.G., lettera alla direzione dell’Ospedale militare di Reggio Emilia, 9 agosto 1917.
Ivi, Cartella clinica del 113 Ospedale da campo della VI Armata, 12 giugno 1917.
49
Ivi, Tabella nosografica, 10 luglio 1917. Giovanni sarebbe stato dimesso dal manicomio alla fine di agosto
come non alienato, e con la proposta di una lunga licenza di convalescenza.
50
Aop, Cartelle cliniche, T.A., tabella nosografica, aprile 1917.
48
145
Le allucinazioni di Antonio sarebbero diminuite ma mai cessate del tutto, anche
a distanza di anni e anche quando fu dimesso, ai primi di febbraio 1919, ma non furono
mai poste direttamente in relazione con la sua permanenza al fronte51.
Del resto, il disturbo postraumatico da stress, che sarebbe stato definito con
maggior precisione solo oltre mezzo secolo più tardi52, poneva serie questioni in merito
al suo riconoscimento – ma anche al suo trattamento – anche, e forse soprattutto, agli
psichiatri civili.
Quando il genovese Alessandro C., soldato del 28 Reggimento di Artiglieria, fu
ricoverato a Colorno ai primi di gennaio 1916, ad esempio, era in preda ad una
agitazione terribile, incapace di calmarsi, e continuava a rivivere il bombardamento che
aveva subito e che probabilmente lo aveva definitivamente distrutto:
Quando entra, portato legato in barella, è agitatissimo, digrigna i denti, pronuncia
parole sconnesse di spavento (l’aereoplano, m’ammazzano), sembra in istato di
incoscienza assoluta. Dopo circa due ore si calma e si riordina e risponde alle
domande a tono, ma è intontito e attonito53.
I medici riconobbero il trauma psichico sofferto da Alessandro, il quale dopo
venti giorni manifestava ancora sintomi depressivi, e, pur giudicandolo bisognoso di
una lunga licenza, lo riconsegnarono all’autorità militare in quanto «idoneo al
servizio»54.
Abbiamo visto come per parecchi soldati ricoverati a Colorno il direttore avesse
proposto spesso un periodo di licenza, più o meno lunga, che avrebbe permesso loro di
riprendersi, almeno parzialmente, dall’affaticamento fisico e mentale. E tuttavia, per
quanto gli psichiatri lo ritenessero sufficiente, diversi casi sembrarono dimostrare che
la sofferenza non cessava nemmeno a distanza di anni.
La storia di Giuseppe S., venticinquenne di Borgotaro, era cominciata nella
primavera del 1918 quando, durante una licenza, cominciò ad essere profondamente
turbato e terrorizzato dalle esperienze vissute in guerra: da allora ebbe continue
allucinazioni nelle quali era convinto di essere ancora al fronte e di doversi misurare
51
Ivi, 4 febbraio 1919.
Sulla definizione del disturbo postraumatico da stress e l’interesse che suscitò a partire dagli anni Ottanta
del Novecento si rimanda a B. Shephard, A war of nerves, cit., pp. 385-399. Sul disturbo postraumatico da
stress si veda anche, in particolare, John P. Wilson, Terenze M Keane (ed.), Assessing Psychological Trauma
and PTSD, The Guilford Press, New York-London 2004.
53
Aop, Cartelle cliniche, C.A., tabella nosografica, 7 gennaio 1916.
54
Ivi, lettera al Comandante del distaccamento del 28 Reggimento di Artiglieria, Colorno 25 gennaio 1916.
52
146
contro i nemici, parlando «da sé ora ad alta voce, ora a bassa voce, sempre di guerra
come se fosse in azione, assalendo o respingendo i nemici o fuggendoli terrorizzato»55.
Dopo essere stato ricoverato a Mantova con una diagnosi che da «psicosi di natura
traumatica» era diventata di «sindrome schizofrenica» – insistendo significativamente
su di una sua patologia latente più che su cause esterne –, Giuseppe entrò a Colorno nel
1919, e vi rimase pressoché nello stesso stato fino alla morte, che lo colse il 17 marzo
1942 per «deperimento organico». In manicomio, Giovanni non avrebbe mai più
mutato il proprio comportamento. Nel 1923 il diario clinico lo segnalava sempre nelle
medesime condizioni:
Egli non ha mai dato segno di interessarsi a cosa o a persona alcuna, con chi lo
visita è completamente indifferente e si limita a mangiare ciò che essi gli portano
senza dire una parola, mai esprime il più piccolo desiderio o bisogno. Se lo si
lascia resta sdraiato tutto il giorno in terra, alla pioggia o al sole inerte, isolato
nella sua apatia. […] In tale stato le facoltà mentali deperiscono e camminano
verso la demenza56.
Anche per Primo C., soldato del 125 Reggimento di Fanteria proveniente da
Salsomaggiore, il ricovero in manicomio avvenne dopo la guerra, come conseguenza
ad un tentativo di suicidio che gli aveva orribilmente sfigurato il volto e per il quale era
stato internato in manicomio, a Nocera Superiore (Sa), nel giugno 1919. Lo stato
terribilmente angosciato nel quale si trovava Primo lo fece riformare dall’esercito e
trasferire a Colorno:
Il malato è in preda ad uno stato angoscioso straziante: scosso da spasmi cronici
del diaframma e del tronco; atteggiamento di disperazione. […] Piange
frequentemente, assume i descritti atteggiamenti di disperazione, con una
disposizione del corpo che ricorderebbe l’opistotomo e lo stato di estasi isterica. Si
nutre spontaneamente, per quanto sempre dietro viva insistenza. Del resto è pulito
ed inoffensivo (pare) anche a se stesso57.
Abbiamo visto come, con l’avanzare della guerra, gli psichiatri militari
riconobbero il nesso tra combattimenti e traumi emotivi, ma continuarono a sostenere
55
Aop, Cartelle cliniche, S.G., procedimento di interdizione, 8 novembre 1923.
Aop, Cartelle cliniche, S.G., tabella nosografica, giugno 1923.
57
Aop, Cartelle cliniche, C.P., relazione del direttore del manicomio di Nocera Superiore (Sa), 8 novembre
1923. In questo caso il concetto di pericolosità verso se stessi – uno dei motivi per il quale si veniva
ricoverati in manicomio, sancito dalla legge del 1904 – fu piuttosto sottovalutato, perché anche a Colorno
Primo non uscì mai dallo stato di «stupore depressivo ansioso» e continuò a rifiutare il cibo, lasciandosi
morire di fame. Il decesso avvenne il 15 dicembre 1920, otto mesi dopo il suo trasferimento.
56
147
che essi sarebbero spariti senza lasciare tracce dopo qualche tempo di riposo, come
segnalò il capitano medico Emilio Riva:
I militari che ne sono colpiti hanno sopportato uno dei terribili e prolungati
bombardamenti della guerra moderna, o sono stati protagonisti di una di quelle
mischie feroci che si svolgono tra i reticolati o dentro i camminamenti a colpi di
baionetta o di bomba a mano e mostrano evidente, nel caratteristico quadro
fenomenico, lo stretto rapporto tra il disturbo psichico e lo stato emotivo che lo ha
prodotto. Essi infatti hanno gli occhi sbarrati, assumono a volta atteggiamenti di
difesa, a volta di aggressiva, feroce combattività, trasalgono per nulla, mostrano
evidenti i segni del più vivo terrore, passano rapidamente dall’apparente calma alla
più violenta reattività. Ed in questo stato permangono qualche settimana, poi la
mente si sveglia, si ordina, si reintegra e l’episodio sparisce senza lasciare tracce58.
Eppure, il trauma subito dai soldati non poteva essere risolto semplicemente con
l’allontanamento dal fronte, perché scavava dentro di loro e si radicava in modo
talmente profondo da rendere arduo qualsiasi tentativo di ristabilimento. Erano
conclusioni alle quali altri psichiatri sarebbero giunti solo molti anni più tardi, dopo che
altre guerre minarono la stabilità emotiva di altri soldati e li segnarono con forza, come
è stato ribadito anche dagli studi di Judith Herman:
Molto tempo dopo che il pericolo è passato, chi ha subito traumi rivive l’evento
come se questo continuamente si ripresentasse nel presente […]. Piccoli,
apparentemente insignificanti ricordi possono evocare queste memorie, che spesso
tornano con tutta la vividezza e la forza emotiva dell’evento originale. Perciò,
anche un ambiente normalmente sicuro può essere sentito come pericoloso, perché
il sopravvissuto non può mai essere certo di non imbattersi in qualcosa che gli
richiami alla mente il ricordo del trauma59.
Così, ad esempio, il ventunenne torinese Carlo C., caporale del 61 Reggimento
di Fanteria fu ricoverato a Colorno in preda ad uno stato di forte agitazione anni dopo
la fine della guerra, il 28 luglio 1920: «ha confusione mentale, urla e grida molto forte;
facile eccitabilità per cui si è dovuto ricorrere a forti calmanti»60. Carlo era stato
soldato per tre anni, richiamato nel giugno 1917 e in zona di guerra dalla fine di
gennaio 1918; nel settembre 1918 fu mandato in licenza di convalescenza straordinaria
per sei mesi, e quando rientrò, nel marzo 1919, la commissione dei medici che lo visitò
58
E. Riva, Un anno di servizio presso il Centro Psichiatrico Militare della Zona di Guerra. impressioni ed
appunti, in “Rivista sperimentale di freniatria”, a. LIV, 1919, pp. 443-459, p. 447.
59
Judith Lewis Herman, Guarire dal trauma. Affrontare le conseguenze della violenza, dall’abuso domestico
al terrorismo, Edizioni scientifiche Magi, Roma 2005, pp. 55-56.
60
Aop, Cartelle cliniche, C.C., tabella nosografica, 28 luglio 1920.
148
lo giudicò «permanentemente inabile al servizio militare a mente dell’art. 17 Elenco
Infermità», cioè per alienazione mentale. Secondo quanto dichiararono gli stessi medici
Carlo era «confusissimo, sitofobo, agitato, febbricitante» e continuò a rimanere confuso
anche nei giorni successivi61.
Oreste G., invece, fu ricoverato nel giugno 1922 per uno stato delirante
allucinatorio, non connesso direttamente alle vicende belliche – anche se nella loro
relazione i medici segnalarono che in guerra si era ammalato a causa dei gas asfissianti
e delle ferite da granate subite –; e tuttavia quell’esperienza lo aveva decisamente
segnato, tanto che nel 1931 chiamava ancora il medico “capitano”62.
Ma da quanto tempo erano in guerra i soldati che manifestavano sintomi
derivanti dai traumi subiti?
Secondo gli psichiatri militari, pur ammettendo profonde differenze di reazione
da un individuo all’altro per la particolare costituzione psico-fisica di ciascuno,
teoricamente le psicosi sarebbero dovute emergere non appena essi giungevano al
fronte.
Era del resto quello che Placido Consiglio segnalava già nel 1911 nel suo studio
sulla psichiatria militare a proposito delle anomalie congenite nei soldati, che il servizio
militare, o la guerra, avrebbero contribuito solo a disvelare:
Tutto ciò specialmente nei primi mesi del servizio, perché più facilmente – gli
anomali – cedono ai primi urti del nuovo ambiente, nel lavorio di adattamento
fisico-psichico che esso importa; e tanto più presto avviene questa détente per
quanto maggiormente complicata va facendosi la funzione, e la struttura,
dell’esercito moderno; vale a dire le reazioni anomale sono precoci, e tale
precocità si afferma sempre più col complicarsi dell’adattamento63.
In realtà, analizzando le cartelle dei ricoverati a Colorno, si osserva che in
diversi soldati le nevrosi si manifestavano solo dopo mesi, o addirittura anni, di
permanenza tra le fila dell’esercito, come se non fosse stato possibile per loro elaborare
strategie di adattamento alla guerra.
Il napoletano Luigi C., soldato del 242 Reggimento fanteria, reparto Zappatori,
fu ricoverato ai primi di novembre 1917 in preda ad un esaurimento nervoso, che il
61
Ivi, relazione di visita a rassegna, 28 marzo 1919.
Aop, Cartelle cliniche, G.O., tabella nosografica, dicembre 1931.
63
Placido Consiglio, Studi di psichiatria militare, parte I, in “Rivista sperimentale di freniatria”, n. 38, a.
XLIX, 1912, pp. 370-410, p. 378.
62
149
direttore Ugolotti, seppur con cautela, mise in relazione alla «lunga permanenza al
fronte»64. L’aggressività di Luigi – tenuta sotto controllo dai mezzi di contenzione –
sembrava discendere dall’esasperazione perché, nonostante avesse rispettato la
disciplina e gli ordini per due anni, non fu mai mandato in licenza:
A una esortazione dell’infermiere si è rivoltato con prepotenza e violenza. Venne
assicurato. Allora ha chiesto perdono, dicendo che è sempre stato buono, ma si
sente male e agitato. Racconta che da più di due anni si trova in zona di guerra e ha
sempre tenuto buona condotta; mai ebbe una licenza; ebbe l’anno scorso
congelazione ai piedi, e recentemente fu all’ospedale per dolori reumatici per una
caduta. Assistette all’inizio del disastro della fronte Giulia65.
Fu proprio la permanenza in trincea, questa volta per tre mesi consecutivi,
all’origine della psicopatia del fante Umberto S., nato in Svizzera ma residente a
Trecasali (Pr). Ricoverato nel manicomio di Treviso in agosto 1916 accolto dalla
diagnosi di demenza precoce, che si manifestava con una «ideazione disgregata con
delirio a contenuto persecutorio e disturbi psicosensoriali», fu riformato dal servizio
militare e poi trasferito a Colorno nel maggio 1917, dove continuò ad avere
allucinazioni uditive e ad essere apatico, inerte e a rimanere «a letto per lo più con il
capo sotto le coperte»66.
Anche Quirino C., nato e cresciuto a Soragna (Pr), arruolato appena prima della
guerra come soldato di artiglieria, aveva cominciato a stare male e ad avere convulsioni
dopo quasi un anno dall’inizio del conflitto. Ricoverato a più riprese negli ospedali
militari della linea del fronte, le sue condizioni peggiorarono dopo la ritirata di
Caporetto e ne decretarono il ritorno a casa e la riforma dal servizio militare con la
diagnosi di epilessia. Quirino fu ricoverato a Colorno nel luglio 1918 dopo l’ennesimo,
violento attacco che si manifestava con agitazione, contratture, spasmi e rifiuto del
cibo. Dopo qualche giorno in manicomio, più calmo, rispose ai medici che lo
interrogavano sostenendo di avere individuato la vita militare come causa del suo male:
«Ricorda di essere stato soldato e dice di essere stato riformato per epilessia: attribuisce
64
Aop, Cartelle cliniche, C.L., lettera al direttore dell’ospedale militare di Parma, 20 novembre 1917.
Ivi, tabella nosografica, 8 novembre 1917.
66
Aop, Cartelle cliniche, S.U., tabella nosografica, 15 maggio 1917. Anche Umberto rimase in manicomio
fino alla morte, avvenuta il 26 maggio 1961, dopo che il nuovo direttore Luigi Tomasi aveva segnalato
l’irreversibilità dell’istituzionalizzazione e l’impossibilità di qualsiasi tentativo di recupero: «In questi lunghi
anni di ospedale si è andata concretizzando e si è resa irreversibile la sindrome di demenza precoce che da
anni lo ha bollato», Ivi, anno 1960.
65
150
il male di cui soffre alle punture che gli hanno fatto sotto le armi. Assicura che prima di
esser soldato non ha mai sofferto di crisi nervose»67.
Oltre ai traumi più o meno violenti, connessi ai combattimenti e alle atrocità
viste o subite, altre cause che condussero in manicomio diversi soldati avevano a che
fare con la crisi di quella che George Mosse ha definito la difesa della normalità e lo
stereotipo della virilità. Soprattutto da parte degli interventisti, infatti, la guerra fu
considerata come un’occasione per «mettere alla prova la propria virilità» e per
rafforzare l’immagine del vero uomo dotato di prodezza fisica, coraggio, energia e
persino patriottismo68.
Nella categoria del vero soldato, maschio e virile, dunque, non doveva esserci il
minimo spazio per impulsi che incrinassero la perfezione di quel modello, e la
nostalgia era tra questi. Considerata un’emozione indegna di un uomo, che avrebbe
potuto provare solo chi aveva tendenze simili alle donne, fu con una certa difficoltà che
la nostalgia fu accolta tra le cause della psicosi da esaurimento. Eppure era una
pulsione decisamente ricorrente, come ammisero anche De Lisi e Foscarini nel
primissimo dopoguerra:
Il pensiero della famiglia, il desiderio acuito fino al parossismo di rivedere i propri
cari e la propria casa costituiscono la nota sentimentale dominante che traspare nei
discorsi e nella condotta, che prende forma concreta ed esplicita negli scritti dei
soldati dai più colti ai più umili, dai più semplici ai più intelligenti69.
Del resto, anche i giornali pullulavano di lettere di soldati che, oltre a informare
della loro esistenza in vita, ripensavano ai propri congiunti lontani, alla propria casa e
alle esperienze vissute prima della guerra. Un esempio tra i tanti è fornito dalle parole
di Oreste Censi, contadino di Roccabianca, che scriveva dal fronte rievocando
67
Aop, Cartelle cliniche, C.Q., tabella nosografica, 24 luglio 1918. Quirino fu dimesso in agosto perché
migliorato, ma nel corso degli anni fu ricoverato ancora due volte, delle quali, l’ultima, nel settembre 1923.
68
G. Mosse, Le guerre mondiali. Dalla tragedia al mito dei caduti, Laterza, Roma-Bari 2007 (1 ed. 1990),
pp. 59-78, p. 67. Sul mito della virilità e la costruzione dello stereotipo maschile la bibliografia è ormai
piuttosto ampia. Si veda almeno G. Mosse, Sessualità e nazionalismo: mentalità borghese e rispettabilità,
Laterza, Roma 1984; Id., L’immagine dell’uomo. Lo stereotipo maschile nell’epoca moderna, Einaudi,
Torino 1997; R. W. Connell, Maschilità. Identità e trasformazioni del maschio occidentale, Feltrinelli,
Milano 1996; P. Bourdieu, Il dominio maschile, Feltrinelli, Milano 1999.
69
L. De Lisi, E. Foscarini, Psiconevrosi di guerra e piccole cause emotive, in “Note e riviste di psichiatria”,
1920, pp. 9-130, p. 68.
151
l’entusiasmo e la gioia con la quale ripensava alla vita “borghese” e all’esperienza
cooperativa:
Il mio pensiero è sempre per Fontanelle e con Fontanelle; così che ogni vostra
notizia mi fa rivivere i bei giorni passati pieni di fede e di entusiasmo, dove la
gaiezza era sempre nelle nostre anime e ne’ nostri cuori. Io sono lontano, lontano,
donde chissà quando potrò ritornare. Vogliate, caro Faraboli, assicurare i
compagni, che se anche siamo qui immersi nella mischia non un momento ci
scordiamo di coloro coi quali tanto abbiamo lottato. E nella fiducia che quel gran
giorno, tanto atteso e sospirato, non sia lontano, vi saluto insieme ai compagni
tutti70.
A volte, dunque, la nostalgia e il dolore per la lontananza da casa o dai propri
affetti raggiungevano livelli parossistici e impossibili da mantenere sotto controllo,
come accadde a Emilio V., trentacinquenne padovano del 62 Reggimento di Fanteria,
che venne ricoverato il 9 maggio 1917 in preda ad uno stato depressivo di natura
imprecisabile, come segnalò il direttore Ugolotti. Ancora un mese dopo il ricovero,
Emilio continuava a tenere lo stesso atteggiamento depresso, che si scioglieva in pianto
quando gli si ponevano domande sui familiari:
Due o tre volte ha risposto a voce di soffio, a monosillabi ma a tono. A chiedergli
della famiglia piange. Dorme pochissimo. Non ha allucinazioni. […]
Profondamente depresso e melanconico. Non si muove, non parla, spesso piange
specialmente se gli si rammenta la famiglia. Mangia e dorme poco 71.
La guerra ha sempre trascinato con sé emozioni intense e decisamente
contrastanti, dal coraggio alla codardia, dall’odio alla solidarietà, dall’audacia alla
paura, intesa sotto moltissime sfaccettature. Secondo Lucio Fabi, la Grande guerra, e
soprattutto la vita di trincea, avevano esasperato proprio il senso di paura:
Nel complesso, la trincea era soprattutto paura e orrore. Paura di perdere la vita, di
subire una mutilazione, di andare all’attacco; orrore per lo scempio dei corpi, per
la violenza che vi si esercitava, per le terribili condizioni igieniche in cui si doveva
sopravvivere. Gli uomini che la abitavano, nonostante fossero soggetti a regole
disciplinari durissime, vivevano tempi diversamente dilatati in cui avevano nel
contempo modo di manifestare sentimenti diversi come il patriottismo e
l’autoesaltazione, il senso del dovere, il cameratismo e lo spirito di gruppo, mentre
70
Oreste Censi, La parola dei compagni militari, lettera a Giovanni Faraboli, in “Per la vita!”, 24 dicembre
1916. Sul cooperativismo parmense e l’esperienza di Giovanni Faraboli si veda M. Becchetti, La villa rossa.
Storia di Giovanni Faraboli, Clueb, Bologna 2012 (in corso di pubblicazione).
71
Aop, Cartelle cliniche, V.E., tabella nosografica, 25 giugno 1917.
152
erano soprattutto l’aggressività dell’avversario e la paura che incuteva a fornire la
necessaria tensione emotiva per sostenere prove violente, crudelissime e terribili72.
Per molti soldati la paura si presentava anche prima della guerra combattuta, con
ogni probabilità aggravata anche dalle notizie sull’andamento del conflitto, le quali, al
di là delle informazioni ufficiali e della propaganda, cominciavano a raggiungere anche
chi non era ancora stato richiamato ma lo sarebbe stato presto.
Fin dalle prime voci non controllate che cominciavano a diffondersi per il paese,
infatti, emergeva un quadro per nulla rassicurante, che raccontava di estenuanti attese
nelle trincee, assalti cruenti e morti abbandonati ovunque, tanto che il Prefetto di
Parma, nel novembre 1915 scrisse a proposito dell’opportunità di concedere licenze ai
soldati, a suo dire colpevoli di parlare troppo:
Ho richiamato l’attenzione del Comando di Presidio e dell’Arma dei RR.
Carabinieri in special modo, sui militari feriti o malati, ritornati dal fronte, in
licenza presso le proprie famiglie. Costoro e le famiglie, più per incoscienza e per
desiderio di esagerare i rischi corsi che per produrre sgomento e allarme, narrano i
fatti cui presero parte e commentano quanto hanno visto ampliando le circostanze,
aggravando le cose di maniera che gli ascoltatori spesso riportano una impressione
di turbamento. La vigilanza ha prodotto i suoi risultati, vari furono i puniti e vari i
soldati fatti rientrare dalla licenza. Ma poiché la viva voce del soldato che ritorna
dal campo, ha più forza di colpire sinistramente i parenti e gli amici dei
combattenti, sarebbe utile disciplinare rigorosamente la concessione delle licenze,
escludendo la possibilità che i soldati si sottraggano alla vigilanza dell’Arma col
vestire in borghese, e principalmente inculcando loro la maggiore riservatezza73.
È evidente, dunque, come per alcuni richiamati la paura della guerra e di esserne
coinvolti abbia costituito una causa sufficiente a decretarne il trasferimento in
manicomio, soprattutto a partire dal secondo anno di guerra, quando ormai le voci di
quanto stava accadendo nella zona del fronte erano cresciute sino a diventare un
rumore piuttosto assordante74. Questo fu proprio quanto accadde al soldato Aldo B.,
72
L. Fabi, “Se domani si va all’assalto / soldatino non farti ammazzar…”, in N. Labanca, G. Rochat (a cura
di), Il soldato, la guerra e il rischio di morire, Unicopli, Milano 2006, pp. 153-166, p. 162. Cfr. anche Id.,
Gente di trincea. La Grande Guerra sul Carso e sull’Isonzo, Mursia, Milano 1994.
73
Acs, Presidenza del Consiglio dei ministri, Gabinetto, b. 19.6.4, lettera del Prefetto di Parma al Presidente
del Consiglio, 3 novembre 1915. Cit. in P. Melograni, Storia politica della Grande Guerra 1915-1918, cit., p.
63.
74
Sulla propaganda e la necessità di contrastare le “controinformazioni” di guerra si veda in particolare M.
Isnenghi, Giornali di trincea 1915-1918, Einaudi, Torino 1977; Nicola Della Volpe, Esercito e propaganda
nella Grande Guerra (1915-1918), Ufficio Storico Stato Maggiore dell’Esercito, Roma 1989; Gian Luigi
Gatti, Dopo Caporetto. Gli ufficiali P nella Grande guerra: propaganda, assistenza, vigilanza, Libreria
editrice goriziana, Gorizia 2000; Antonio Fiori, Il filtro deformante. La censura sulla stampa durante la
prima guerra mondiale, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, Roma 2001.
153
trentaquattrenne contadino di Neviano Arduini (Pr), ricoverato a Colorno il 19 luglio
1916, una settimana prima di partire soldato, perché «un po’ confuso, impaurito,
incoerente, sospettoso, dominato da qualche idea persecutoria», che esplicitò
direttamente qualche settimana dopo: «attribuisce il suo male mentale alla
preoccupazione del richiamo alle armi»75.
Anche il soldato del 2 Reggimento Granatieri Giovanni G., diciannovenne
bergamasco, entrò a Colorno il 3 gennaio 1916 per non meglio precisati sintomi di
alienazione mentale. Sospettoso e diffidente, sempre pensieroso, parlava pochissimo
con i medici e molto con gli altri soldati che si trovavano lì; una settimana dopo il
ricovero tentò pure di simulare un attacco convulsivo gettandosi in terra, scuotendo la
testa e cercando di mordersi le spalle. I sanitari segnalarono però che l’episodio fu
molto breve e la notte dormì «saporitamente»; per di più, il giorno successivo fu
interrogato in merito e cadde in qualche contraddizione. Il 5 febbraio l’inquietudine di
Giovanni sembrò trovare un senso: «Essendogli stato detto che dovrà andare in guerra
si è agitato e inquietato»76.
Lo stesso turbamento pervase Luigi C., contadino milanese di ventotto anni, il
quale il 18 maggio 1916 tentò di suicidarsi gettandosi da una finestra del terzo piano
della caserma dove era mobilitato77, o Alfredo C., ventenne romano del 2 Reggimento
Granatieri, che nel febbraio 1917 si era inflitto un colpo al torace con un rasoio chiesto
in prestito a un commilitone. Nel rapporto sul suo ferimento volontario, redatto dal
capitano della Brigata, si legge che «il C. abitualmente di carattere gioviale, aveva
cambiato umore dall’11 corrente mese, giorno in cui è uscito dall’Ospedale militare di
Parma con dichiarazione d’idoneità alle fatiche di guerra»78.
Oltre ai soldati Alfredo e Luigi, furono numerosi i soldati mandati in manicomio
in seguito a un tentato suicidio, segno evidente dell’esasperazione alla quale erano
giunti. Tra questi, a Colorno, i casi immediatamente definiti come tali – e non
necessariamente fatti risalire ad uno stato di malattia mentale – costituirono oltre il 5%
del numero complessivo dei soldati ricoverati (15 su 285): Saverio C., fante siciliano
75
Aop, Cartelle cliniche, B.A., tabella nosografica, 20 luglio e 5 agosto 1916.
Aop, Cartelle cliniche, G.G., tabella nosografica, 5 febbraio 1916. Giovanni fu dimesso come non alienato
il 17 marzo dello stesso anno e riconsegnato all’autorità militare.
77
Aop, Cartelle cliniche, C.L., relazione del tenente medico dell’Ospedale militare di Parma, 18 maggio
1916.
78
Aop, Cartelle cliniche, rapporto del Comandante di Brigata del 2 Reggimento Granatieri, Salvatore Alessi,
Distaccamento di Sala Baganza, 18 febbraio 1917.
76
154
del 61 Reggimento; Marino C., ventinovenne milanese del 1 Reggimento Granatieri;
Ernesto C., di Sorbolo, 40 anni, sergente del 226 Battaglione di Milizia Territoriale;
Primo C., fante trentenne del 125 Reggimento, da Salsomaggiore; Alfredo C., ventenne
romano del 2 Reggimento Granatieri; Salvatore F., soldato del 62 Reggimento di
Fanteria, da Reggio Calabria; Igino D., ventiquattro anni, di Borgo San Donnino;
Giuseppe M., ventisei anni, di Fornovo Taro, fante del 62 Reggimento; Albino P.,
caporale granatiere del 2 Reggimento, ventiquattro anni, da Verona; Antonio P.,
genovese trentaquattrenne del 62 Reggimento di Fanteria; Giovanni S., romano,
ventiquattro anni, soldato del 61 Reggimento di fanteria79.
Diversi furono anche i tentativi di suicidio ripetuti, a dimostrazione della
pervicacia nel percorrere una via di fuga – decisamente senza ritorno – dal
disorientamento e dall’oscuro senso di oppressione che perseguitava i soldati, e forse
anche per la percezione dell’ineluttabilità della morte. Tra loro, Athos D., ventenne
livornese, fante del 66 Reggimento, cercò di uccidersi il 23 maggio 1916 bevendo
tintura di iodio e buttandosi da una finestra; ricoverato a Colorno, fu dimesso come non
alienato un mese dopo, per rientrare il primo ottobre con numerose ferite da arma da
taglio sull’avambraccio sinistro80.
Anche Attilio F., soldato napoletano del 61 Reggimento di fanteria, fu
ricoverato il 5 ottobre 1916 dopo tre tentativi di suicidio. Essi tuttavia non furono
sufficienti per definire uno stato di alienazione mentale, se nel diario clinico, il 20
novembre i medici scrissero che «di fatto i disturbi che ha accusato e i segni obiettivi
non raggiungono mai l’entità morbosa, non potendosi inoltre escludere l’elemento
volontario» e lo riconsegnarono all’autorità militare81.
5. Diagnosi e malattie
Per comprendere con una terminologia più vicina a noi di che cosa soffrissero i
soldati ricoverati a Colorno e per aiutarci a decifrare l’ambiguità con la quale i medici
79
Anche nel manicomio di Cremona il numero dei ricoverati in seguito a tentato suicidio fu decisamente
elevato, cfr., A. Scartabellati, Destini della follia in guerra, cit., pp.165-167.
80
Aop, Cartelle cliniche, D.A., tabella nosografica, 2 ottobre 1916. Anche la seconda volta la diagnosi fu di
non alienazione, e il 12 dicembre Athos fu dimesso e consegnato all’autorità militare.
81
Aop, Cartelle cliniche, F.A., tabella nosografica, 20 novembre 1916.
155
colornesi elaborarono le loro diagnosi, ci si è avvalsi della collaborazione di un medico
psichiatra, Bruno Fontanesi, che ha esaminato le ragioni del ricovero e le ha convertiti
in diagnosi e in un linguaggio contemporaneo, ispirato alle recenti categorie della
psichiatria descrittiva moderna, in particolare del Dsm-IV82. Naturalmente, si è tenuta
presente l’estrema difficoltà con la quale sia possibile oggi elaborare diagnosi
attendibili basandosi sugli elementi a disposizione, in quanto la maggior parte dei dati
riguarda problemi burocratici e le note cliniche sono spesso molto limitate [Tabella 14].
Così, accanto alla maggioranza di psicosi che proseguono nel tempo (58), come
la schizofrenia nelle sue varie forme, piuttosto frequenti furono i casi di psicosi e
reazioni acute nelle quali ha molta importanza il dato traumatico (30), ma anche di
disturbi del tono dell’umore di tipo depressivo (45) e di insufficienza mentale (40). In
quest’ultimo caso, secondo il dottor Fontanesi, è evidente come, all’atto della visita di
leva, i medici militari non avessero strumenti culturali per comprendere il fenomeno.
Decisamente interessante, poi, la categoria delle “non patologie”, insieme
disomogeneo che comprende 39 diagnosi, e che include, probabilmente, sia simulatori
non riconosciuti (17), che quadri transitori di disturbi da stress allora non considerati
come patologie autonome.
Tornando alle diagnosi sui militari ricoverati compiute dai medici di Colorno
durante la guerra, occorre partire dalla considerazione che la formulazione avveniva
all’ingresso delle persone in manicomio, dopo una prima visita che aveva il compito di
definire e di tradurre in categorie nosografiche quanto si osservava, o, per riprendere le
parole di Franco Basaglia, di «oggettivare nel linguaggio della malattia, che è il
linguaggio di una razionalità che “constata”», ciò che veniva posto sotto il loro
sguardo83.
Nell’analisi della costruzione delle categorie patologiche dei soldati ricoverati a
Colorno durante la guerra, pertanto, si sono tenute presenti le avvertenze segnalate da
Vinzia Fiorino, per la quale non si tratta evidentemente di «negare la realtà del disagio
psichico [..] ma di prendere in considerazione l’elaborazione e lo sguardo del medico
82
Cfr. Vittorino Andreoli, Giovanni Cassano, Romolo Rossi (a cura di), DSM-IV-TR. Manuale diagnostico e
statistico dei disturbi mentali. Text Revision, Masson, Milano 2005.
83
F. Basaglia, Follia/Delirio, in Franca Ongaro Basaglia (a cura di), Scritti, vol. II, Einaudi, Torino 1982, p.
430.
156
psichiatra [...] e di indagare sugli elementi sociali e culturali che hanno reso possibile
l’edificazione e il successo di una categoria diagnostica»84.
Da questo punto di vista, allora, si può riflettere sulla tendenza da parte dei
medici ad adeguarsi a teorie apparentemente indiscutibili e a categorie tassonomiche
consolidate, dovendosi però contemporaneamente confrontare anche con alcune
questioni problematiche, legate alla difficoltà di ridurre comportamenti e disturbi a una
definizione precisa.
Le diagnosi sui soldati, infatti, non sembravano rispondere ad un criterio
preciso, anzi – ad eccezione di quei casi che rientravano più facilmente in categorie
note e non in rapporto con la guerra, come l’epilessia (13 soldati su 285, pari al 4,5%),
l’imbecillità (10 su 285, pari al 3,5%) o la frenastenia (che fu diagnosticata solo a 3
soldati, cioè l’1,05%) –, rivelavano numerosi problemi di identificazione, come se
ognuno soffrisse di forme patologiche talmente particolari da non potere essere
ricondotte a quelle che i medici erano soliti incontrare. Questo spiegherebbe come mai,
soprattutto dopo il 1916 e cioè a guerra inoltrata, le definizioni delle patologie si
moltiplicarono fino ad avere quasi una diagnosi diversa per ogni soldato [Tabelle 1519].
Questa difficoltà è ancora più evidente se poniamo a confronto le descrizioni
sulle cartelle dei singoli soldati con le diciotto categorie generali nelle quali il direttore
riassumeva annualmente per l’Amministrazione provinciale le diagnosi di tutti i
ricoverati a Colorno: per la maggior parte furono tutti inseriti nella categoria della
demenza precoce e delle psicosi distimiche, che comprendevano, genericamente,
«psicosi maniaco-depressiva in tutte le sue forme, mania, melanconia, stati misti, forme
periodiche»85 [Tabelle 10-13, Grafici 10-13.2].
La difficoltà fu confermata dal tenente medico Vito Maria Buscaino, assistente
della Clinica delle malattie mentali e nervose di Firenze e direttore della sezione
“Corbelli” del Centro psichiatrico militare di prima raccolta di Reggio Emilia, il quale,
a conflitto concluso, nella primavera del 1919, scrisse a proposito dell’inadeguatezza
degli strumenti a disposizione:
84
V. Fiorino, Matti, indemoniate vagabondi, cit., pp. 129-170, p. 149.
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, Anno amministrativo 1915-1916, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore, pp. 700731, pp. 718-719.
85
157
Basta solo dire che l’esperienza in tempo di guerra anche a chi si era dedicato a
questi studi si mostrò subito ricca, oltre che di problemi, di incertezze e incertezze
non lievi. Le definizioni tassonomiche classiche si dimostravano del tutto
insufficienti: il numero non piccolo di errori diagnostici lo dimostra. E ciò, per un
certo periodo di tempo per lo meno, non per imperizia, ma per la qualità
particolare dei malati osservati86..
Scomponendo le diagnosi, in primo luogo è facilmente constatabile che la
maggior parte dei soldati siano stati segnalati come non alienati (93 su 285, pari al
32,63%), dato sul quale torneremo e che può essere posto in relazione sia con un
tentativo di simulazione che con la difficoltà di elaborare una valutazione per quei casi
che si faticava a fare rientrare in percorsi noti.
Accanto alla «non alienazione», per tutto il triennio la diagnosi prevalente fu
quella di “demenza precoce”, assimilabile alla schizofrenia odierna, che fu formulata
per 44 soldati, pari al 15,43%. La cifra non stupisce, se si considera che sia nel manuale
di Kraepelin che nel Trattato delle malattie mentali di Eugenio Tanzi ed Ernesto
Lugaro si segnalava che questa patologia aveva diverse varietà di forme morbose, e
comunque sempre unite da una comune matrice ereditaria87.
E tuttavia, solo nell’immediato dopoguerra Emilio Riva avvertì che ricondurre
alla sola diagnosi di demenza precoce «sindromi psicopatiche consecutive a trauma
bellico» era decisamente troppo semplificatorio, dal momento che le forme stuporose e
i disturbi psicomotori, che generalmente si associavano alla demenza, nei soldati si
esaurivano nel volgere di qualche tempo:
Per la demenza precoce, è da tener presente che molti dei casi diagnosticati come
ad essa appartenenti non erano altro che forme confusionali o stuporose
postraumatiche per le quali l’imponenza fenomenologica e più specialmente
l’apparente notevole disgregazione mentale avevano potuto far sorgere l’equivoco,
mentre l’ulteriore decorso e la rapida guarigione dimostrarono poi chiaramente la
loro vera natura. Per gli altri casi, per quelli cioè che sono realmente da ascriversi
86
V.M. Buscaino, Esperienza psichiatrica di guerra, in “Rivista di patologia nervosa e mentale”, fasc. 5-8,
vol. XXIV, maggio-agosto 1919, pp. 221-238, p. 222.
87
Cfr. E. Kraepelin, Trattato di psichiatria, cit., vol. II, pp. 143-232; E. Tanzi, E. Lugaro, Trattato delle
malattie mentali, cit., vol. II., pp. 440-514. La concezione kraepeliniana della demenza precoce fu rivista alla
luce dell’insegnamento psicopatologico di Freud dallo psichiatra tedesco Eugen Bleuler (1857-1939), che
riconobbe il ruolo fondamentale dell’inconscio e dei suoi processi nell’insorgere della psicosi. Per Bleuler,
infatti, la schizofrenia – malattia mentale per eccellenza – si fondava su un fenomeno di dissociazione, o
Spaltung, che provoca l’irruzione nella coscienza di contenuti e processi normalmente inibiti e controllati dai
meccanismi di difesa attraverso allucinazioni e idee deliranti. Cfr. E. Bleuler, “Dementia Praecox”, in G.
Aschaffenburg (Hg.), Handbuch der Psychiatrie, Leipzig und Wien, 1911, tradotto in italiano solo molti anni
più tardi a cura di Luigi Cancrini, Dementia praecox o il gruppo delle schizofrenie, La Nuova Italia
Scientifica, Roma 1985.
158
alla demenza precoce, l’esperienza ha luminosamente dimostrato che si tratta
sempre di soggetti gravemente tarati e predisposti nei quali la grave infermità
aveva già dato sentore di sé anche prima della chiamata alle armi88 .
Anche nella quarantina di diagnosi di “stato depressivo”, apparentemente non
simulato, non sembrava esserci alcun collegamento diretto con l’esperienza bellica,
perché originate in pazienti già predisposti. Questo confermerebbe che anche a Colorno
fosse prevalente l’adesione al paradigma psichiatrico del tempo, con il quale,
sostenendo la predisposizione biologica alla malattia mentale, non si teneva conto della
possibilità che effetti patologici autonomi fossero direttamente imputabili agli eventi
bellici. Era del resto quanto sosteneva anche il dottor Giuseppe Pellacani sulla “Rivista
sperimentale di freniatria”:
Le psicopatie per commozione emotiva hanno dunque questi precipui caratteri
confusionali o depressivi. Non si può quindi parlare di specifiche psicopatie di
guerra, nettamente differenziate dalle comuni: le psicopatie da esaurimento, alle
quali quelle di guerra possono riportarsi, quelle tossiche e tossinfettive hanno in
genere questi caratteri 89.
Pellacani continuava sostenendo che le forme acute, «veramente belliche»,
fossero fugaci e rapidamente guaribili: a Colorno il solo caso nel quale la guerra fu
richiamata fin nella diagnosi fu quello del soldato Alessandro C., artigliere genovese, al
quale fu riconosciuto un «lieve stato confusionale con eccitamento da trauma psichico
sofferto in guerra» nel gennaio 1916, e che venne ricoverato per venti giorni90.
A volte sembrava che i medici intuissero la correlazione tra guerra e stato
mentale dei ricoverati, ma senza mai poterla indicare espressamente in quanto tale: nel
diario clinico del fante calabrese Bruno M., entrato a Colorno nel dicembre 1917 per
«stato confusionale con mutismo di natura istero-traumatica», fu riportato il suo
racconto dell’esperienza al fronte:
Era alla fronte quando una grossa granata scoppiò vicina. Fu gettato a terra mezzo
sepolto e perdette i sensi. Si è come risvegliato qualche giorno fa qui, ma non
88
E. Riva, Un anno di servizio presso il Centro psichiatrico militare della Zona di Guerra. Impressioni ed
appunti, in “Rivista sperimentale di freniatria”, a. LIV, 1919, pp. 443-459, p. 449.
89
G. Pellacani, Le neuropatie emotive e le psiconevrosi nei combattenti, in “Rivista sperimentale di
freniatria”, a. LIV, 1919, pp. 369-442, p. 412.
90
Aop, Cartelle cliniche, C.A., tabella nosografica.
159
riuscì a parlare. Stanotte, come in sogno, gli sembrò di essere nella battaglia, si
spaventò e chiamò aiuto. È contentissimo e commosso91.
Segnalato come sofferente mentale dal direttore Ugolotti, Bruno fu riformato
dall’esercito, anche se per «malattia non dipendente da cause di servizio», come fu
specificato nella lettera dell’Ospedale militare di Parma92.
Lo stesso avvenne per il soldato bresciano Luigi S., ricoverato nel novembre
1916 per «accessi confusionali allucinatori in soggetto isteroide». Nel suo racconto il
legame tra il suo malessere e la vita in guerra era decisamente evidente:
Dice che si trovò in trincea fino dal principio della guerra. prese parte a
numerosissimi assalti rimanendo pressoché illeso. Essendo morti o malati quasi
tutti i suoi compagni e amici, si impressionò e cominciò a soffrire di accessi
nervosi durante i quali perdeva la coscienza. Fu all’ospedale in licenza più volte e
a lungo ma non migliorò 93.
Più che le idee di Joseph Babinski, che vedevano l’isteria come quadro di
sintomi riproducibili con la volontà perché derivanti da suggestione, nel caso delle
diagnosi di questi soldati sembrava trovare conferma quanto scrisse il professor Sante
De Sanctis sui “Quaderni di psichiatria” nel 1918, per il quale nell’isterismo si univano
sintomi sia psicologici che organici:
La fusione (provvisoria, ben s’intende) dei sintomi che vediamo nei soggetti
isterici in una unità nosologica – “l’isterismo” – si basa essenzialmente sulla
predisposizione del soggetto, sulla etiologia psicologica dei primi sintomi fra loro,
quantunque non sempre evidente94.
Peraltro, il riferimento teorico dei colornesi era il manuale di Tanzi e Lugaro,
nel quale fu ribadito che in molti casi era piuttosto complesso formulare una prima
diagnosi, soprattutto per quelle forme di isterismo che potevano essere confuse con
altre forme patologiche, molto simili alle prime, come le nevrosi traumatiche, nelle
91
Aop, Cartelle cliniche, M.B., tabella nosografica, 24 gennaio 1918.
Ivi, lettera del direttore dell’Ospedale militare di Parma, 26 gennaio 1918.
93
Aop, Cartelle cliniche, S.L., tabella nosografica, 22 novembre 1916.
94
S. De Sanctis, Idee vecchie e nuove intorno all’isterismo, in “Quaderni di psichiatria”, n. 3-4, marzo-aprile
1918, vol. V, pp. 49-59, p. 57. Cfr. anche Id. L’isterismo di guerra, in “Rivista sperimentale di freniatria”,
1917. Le tesi di Joseph Babinski sono in Id., Jules Froment, Hystérie, Pithiatisme et troubles nerveux d’ordre
réflexe en neurologie de guerre, Masson et C., Paris 1918.
92
160
quali «l’influenza delle cause esterne è sempre notevole, anche quando a tutta prima
non parrebbe»95.
L’«influenza delle cause esterne» richiamata dagli illustri alienisti sembrò essere
piuttosto evidente nel caso del soldato Argeo A., quarantenne bellunese, il quale fu
ricoverato il 5 gennaio 1918 con la diagnosi generica di «stato confusionale
allucinatorio ansioso». Per quanto, con ogni probabilità, Argeo non fosse stato
coinvolto direttamente nei combattimenti, il suo trauma sembrava legato al contatto
con i cadaveri, il cui odore non lo abbandonava:
31 marzo 1918. Accessi di ansietà e smaniosità intensi. Allucinazioni visive e
uditive terrorizzanti e delirio persecutivo. Melanconico, confuso, smarrito. Mangia
e dorme poco. […]
Maggio: come sopra. Non mangia carne né brodo di carne perché dice che puzza
di uomo morto96.
La difficoltà di ricondurre le nevrosi traumatiche a una comune base
organicistica valeva anche per quelle psicosi affettive, come la malinconia, ricorrente in
11 diagnosi, con la quale i soldati esprimevano il profondo dolore che provavano senza
riuscire a spiegarlo. Il bersagliere Vincenzo A., ad esempio, ammesso a Colorno il 17
dicembre 1917, appariva depresso e malinconico; non parlava, stava ore seminascosto
sotto le coperte e quando lo interrogavano piangeva. La diagnosi di Ugolotti fu di
«malinconia tipica. È sempre depresso, solitario, appartato e piange spessissimo. È
lucido. È da escludersi affatto la simulazione»97.
Gli stessi sintomi furono riconosciuti anche nel fante napoletano Raffaele P., al
quale nello stesso mese di dicembre 1917 fu invece diagnosticato un «disordine del
contegno in soggetto originariamente anomalo con tendenza alla simulazione»98.
Descritto come in uno «stato depressivo stuporoso, immobile, silenzioso, espressione
sofferente del viso», Ugolotti lo definì un «soggetto originariamente anomalo e
squilibrato, talvolta ansioso e smarrito» e ne propose la riforma, che fu accettata, anche
se per cause non dipendenti dal servizio militare99.
95
E. Tanzi., E. Lugaro, Trattato delle malattie mentali, cit., p. 655.
Aop, Cartelle cliniche, A.A., tabella nosografica.
97
Aop, Cartelle cliniche, A.V., nota del direttore, 13 gennaio 1918.
98
Aop, Cartelle cliniche, P.R., tabella nosografica, 15 dicembre 1917.
99
Ivi, nota del direttore, 8 febbraio 1918.
96
161
In merito alla «tendenza alla simulazione» che descriveva il comportamento di
Raffaele, abbiamo visto nel capitolo precedente come la simulazione costituisse una
vera e propria ossessione per i vertici e per i medici militari. E tuttavia, nel manuale di
Tanzi e Lugaro si mettevano in guardia i medici dal rischio di confondere tra
simulazione «cosciente» e «incosciente», riprendendo l’esempio di Charcot, «che
indicava con questo termine l’esagerazione o magari la creazione ex nihilo di sintomi
morbosi per un inconfessato e inavvertito lavorio di autosuggestione»100.
In altre parole, per gli psichiatri civili la simulazione avrebbe potuto essere
confusa con lo sviluppo di patologie derivanti dall’esasperazione di sintomi che in
contesti e situazioni diverse dalla guerra non sarebbero nemmeno insorti.
6. Diagnosi e ribellione
Se ora osserviamo in modo più ravvicinato quei soldati ai quali non fu
riconosciuta alcuna forma di alienazione mentale, appare evidente come quelle
diagnosi liquidatorie fossero in realtà spesso frutto della necessità di rispettare le
prescrizioni degli psichiatri militari, che invitavano incessantemente a scovare i
simulatori e individuare così i ribelli.
La questione, tuttavia, presentava qualche complessità, soprattutto per quei
medici, come quelli di Colorno, che non erano soliti servirsi delle categorie della
psichiatria militare, e che quindi non avevano strumenti sufficientemente raffinati per
distinguere finzione intenzionale da patologie concrete, ma allo stesso tempo dovevano
rispettare le richieste dell’autorità militare, e, in un certo senso, assecondarne le
esigenze per individuare i soldati “buoni” per la guerra da quelli che non servivano più.
Ne è un esempio la vicenda di Angelo B., contadino trentatreenne di Tornolo
(Pr). Di lui, nel gennaio 1917, i medici annotarono che, manifestati i primi «segni di
pazzia» non appena chiamato sotto le armi, nel maggio 1916 fu mandato in prigione in
attesa di giudizio perché incorso nel reato previsto dall’art. 112 del Codice penale per
l’Esercito, che punisce il rifiuto di obbedienza agli ordini. I «segni di pazzia»
(allucinazioni uditive, comportamenti «strambi») condussero alla diagnosi di una non
100
E. Tanzi., E. Lugaro, Trattato delle malattie mentali, cit., p. 660.
162
meglio specificata «sindrome tipo eccitamento maniacale» che lo trattenne in
manicomio per un decennio101.
Riuscire a distinguere i veri alienati, o i traumatizzati, dai simulatori era
decisamente complesso, come si evince anche dal diario clinico di Luigi B.,
ventiduenne fante di Tortona (Al) ricoverato il 21 maggio 1917 e dimesso il 27 luglio
come non alienato, nel quale i medici segnalarono di essersi accorti che l’atteggiamento
di Luigi derivava dall’imitazione del comportamento di un altro soldato, che era
riuscito a convincerli della sua malinconia:
Da due giorni senza causa determinante ha assunto atteggiamento melanconico e
depresso. È da notarsi che simile atteggiamento ha tenuto a lungo un altro militare
recentemente uscito e riformato e scoperto poi simulatore. Sta sempre seduto a
capo chino, non parla. Interrogato, risponde che non ha nulla102.
Luigi fu ricoverato una seconda volta, dopo nemmeno dieci giorni dalla prima
dimissione, perseverando nel suo stato malinconico e depresso, e tentando due volte di
suicidarsi. Questa volta pur non persuadendo i medici dell’alterazione del suo stato
psichico, riuscì comunque ad essere riformato perché «lo stato depressivo presentato è
da ritenersi volontario, ma da interpretarsi come sintomo della sua incapacità a
sottoporsi alla disciplina altrui»103.
Piuttosto frequenti furono dunque i casi di soldati, come Luigi, che subirono un
primo ricovero e una prima diagnosi di non alienazione, la quale poi mutò al secondo
ingresso o dopo quelli successivi. Questa fu, ad esempio anche la sorte del fante
milanese Alberto M., che entrò a Colorno per tre volte, dal mese di giugno 1917
all’aprile 1918: se le prime due volte i medici ribadirono la simulazione, alla terza
infine ne chiesero la riforma dal servizio militare, dopo essere stato giudicato «non
alienato ma fornito di costituzione epilettoide»104.
Nel gennaio 1918 evidenti manifestazioni di simulazione furono riscontrate
anche in Angelo C., ventottenne astigiano con «disordini nel contegno» derivanti
dall’avere minacciato un ufficiale che lo stava sottoponendo alla visita sanitaria,
101
Aop, Cartelle cliniche, B.A., tabella nosografica.
Aop, Cartelle cliniche, B.L., tabella nosografica, 28 maggio 1917. Anche nei racconti del soldato Teofilo
D. era emerso che un altro carcerato gli aveva chiesto se anche lui si stava fingendo matto per scappare, cfr.
Aop, Cartelle cliniche, D.T., tabella nosografica, 5 febbraio 1916.
103
Ivi, 19 gennaio 1918.
104
Aop, Cartelle cliniche, M.A., tabella nosografica, 15 aprile 1918.
102
163
minacce che gli erano costate l’accusa di insubordinazione al Tribunale di guerra del 12
Corpo d’Armata105. Probabilmente, però, gli stessi medici colornesi non erano certi
della diagnosi, dal momento che, nel diario clinico, essi insistevano alternativamente
sul suo sguardo depresso, l’immobilità o l’atteggiamento di depressione stuporosa, sui
suoi «discorsi vuoti, inutili, incoerenti», e sulla necessità di interrogarlo «con grande
pazienza» per ricavare qualche informazione, ma ne riportavano anche le pressanti
richieste a un infermiere per sapere «se per essere riformato deve fare come gli altri
ricoverati»106. Nonostante l’incertezza, tuttavia, Angelo non fu riconsegnato al
Reggimento ma rimase in manicomio, e dopo sei mesi trasferito direttamente nella
struttura di Alessandria, dove sarebbe stato sottoposto per l’ennesima volta alle stesse
domande e allo stesso trattamento ricevuto a Colorno.
Oppure, nel caso del fante milanese Angelo L. – diciannove anni, ricoverato nel
mese di aprile 1917 dopo essersi rifiutato di obbedire ad un ordine –, per i medici la
veste di simulatore mascherava semplicemente la sua «imbecillità morale e
intellettuale» e la deficienza «in ispecie di sentimenti etici e morali», che si
esprimevano con una forte ribellione e violenza anche verso il personale sanitario, per
cui fu segnalato che «è senza dubbio un simulatore, anzi la simulazione è così sciocca,
palese ed esagerata che rivela con ogni probabilità una notevole deficienza mentale»107.
Nell’ottobre 1916, anche al fante del 62 Reggimento Stefano C., ventunenne
napoletano ricoverato il mese precedente, non fu diagnosticata alcuna forma di
alienazione mentale. Anzi, il direttore Ferdinando Ugolotti scrisse al procuratore del Re
di Parma sottolineandone l’atteggiamento di esasperata e fin troppo evidente
simulazione e chiedendone perciò il decreto di licenziamento definitivo108. Fin dai
primi giorni del suo ricovero, avvenuto alla fine di settembre, nel diario clinico i medici
ribadirono a più riprese la loro convinzione che Stefano stesse simulando, arrivando
addirittura a definirlo un «mascalzone»:
30.9.1916: passeggia per lo più borbottando e gesticolando. Interrogato fa una
fisionomia stupida e dà risposte assurde. Per futile causa si ribella, minaccia e tenta
di colpire. Nell’insieme fa impressione si tratti di simulazione. Mangia e dorme.
105
Cfr. Aop, Cartelle cliniche, C.A., atto di accusa del Tribunale di guerra del 12 Corpo d’armata, 2 gennaio
1918:
106
Ivi, tabella nosografica.
107
Aop, Cartelle cliniche, L.A., tabella nosografica, 10 aprile 1917.
108
Aop, Cartelle cliniche, C.S., lettera del direttore Ugolotti al procuratore del Re di Parma, 9 ottobre 1916.
164
4.10.1916: Ancora assicurato. In presenza del medico dice frasi incoerenti e
strambe, in sua assenza grida continuamente specialmente insulti.
6.10.1916: Prima al personale e poi al medico ha chiesto di essere sciolto, dicendo
di essere stanco di stare legato e dimostrandosi ben lucido e compos sui.
12.10.1916: Si è mantenuto tranquillo, lucido e non ha più inscenato sintomi di
alienazione. Viene ritirato dall’autorità militare, e quando sa che deve tornare nel
reggimento minaccia di uccidere e altri propositi violenti. È un simulatore e
mascalzone109.
Questi ultimi esempi inducono anche ad alcune riflessioni sull’età dei soldati ai
quali non fu diagnosticata alcuna forma di alienazione mentale. Se poniamo in
relazione quella diagnosi con l’età, osserviamo che 66 soldati sui 93 complessivamente
non riconosciuti alienati avevano tra i 18 e i 25 anni, e cioè appartenevano alla
categoria dei giovani. Furono dunque molti i giovani – meno obbedienti, meno abituati
al rispetto della disciplina e tendenzialmente più anticonformisti, ma comunque
decisamente “segnati” da «quell’agognato “rito di passaggio” verso l’età adulta [che] si
era rivelato una tragedia incommensurabile», come ha scritto Alberto De Bernardi110 –
ad esplodere in atteggiamenti esasperati, veri o presunti, e a prendere in questo modo le
distanze da un’esperienza che forse pochi avrebbero scelto e nella quale, evidentemente
e in ogni caso, non si volevano più trovare.
Naturalmente, i soldati che tentavano di ribellarsi a ordini imposti simulando
stati di follia non erano solo giovani, perché le guerre di massa, come hanno
recentemente notato anche Patrizia Dogliani e Paola Magnarelli, hanno avuto un valore
formativo e periodizzante che crea «generazioni storiche» non accomunate soltanto dal
dato anagrafico111.
Analizzare il gruppo dei simulatori – o presunti tali – significa allora anche
leggerne le esperienze alla luce del tema della disobbedienza e della ribellione. Le
reazioni di insofferenza alla vita di guerra dei soldati tradussero con la manifestazione
di alterazioni psicofisiche il rifiuto di continuare a vivere in trincea non solo per fuggire
109
Ivi, tabella nosografica.
A. De Bernardi, Il mito della gioventù e i miti dei giovani, in Paolo Sorcinelli, Angelo Varni (a cura di), Il
secolo dei giovani. Le nuove generazioni e la storia del Novecento, Donzelli, Roma 2004, pp. 55-79, p. 74. In
merito si vedano anche le considerazioni di Salvo Torre: «Appartenere a una nuova generazione significa non
riconoscersi più negli stessi elementi identitari che vengono tramandati dalle generazioni precedenti.
Significa non accettare i principi di riproduzione dell’ordine sociale. […] Appartenere ad una nuova
generazione significa leggere in modo differente le cose che prima si condividevano con tutti. Significa anche
condividere nuove interpretazioni dell’esistenza.», S. Torre, Infrangere l’ordine del tempo. Le nuove
generazioni tra storia e sociologia, Cuecm, Catania 2002, p. 97. Sui mutamenti della categoria dei “giovani”
si veda anche Michael Mitterauer, I giovani in Europa dal Medioevo ad oggi, Laterza, Roma-Bari 1991.
111
Cfr. P. Dogliani, Storia dei giovani, Bruno Mondadori, Milano 2003, p. 9; P. Magnarelli, I giovani e la
guerra, in P. Sorcinelli, A. Varni (a cura di), Il secolo dei giovani, cit., pp. 21-53, p. 25.
110
165
alla guerra e ai suoi orrori, ma anche per rompere, come abbiamo visto, i vincoli di
soggezione psicologica con l’autorità. La malattia mentale, o la sua simulazione,
diventarono così l’occasione per una «diserzione virtuale», come ha sostenuto Gibelli,
e per ribellarsi ai propri superiori senza incorrere immediatamente nei rigori della
disciplina militare:
Di fronte a una macchina che è insieme Stato e guerra, tecnologia e distruzione,
razionalità e morte, la rottura, la resistenza e il rifiuto non trovano spesso altre
strade che la follia, la sragione, la malattia. Quello che sembra venire alla ribalta è
la ricerca spasmodica di una via di fuga, e insieme l’impossibilità di trovarla. È
questa l’antitesi di fondo in cui si colloca il grande campo oscuro della “follia”.
Riducendosi le possibilità psicologiche e pratiche della fuga reale, diventa tanto
più estesa quella forma di fuga interiore, di diserzione virtuale che è la malattia,
ovvero […] la sua simulazione112.
Il tema del rifiuto della violenza e della guerra attraverso la fuga nella follia è
del resto frequente anche in letteratura: ne è un esempio il protagonista del racconto di
Beppe Fenoglio Un Fenoglio alla prima guerra mondiale, Osvaldo, il quale,
opponendosi all’idea di andare a combattere, affermò che «Se loro son matti io non lo
sono. Per non partecipare a questa matteria sono disposto a tutto, anche a passare per
matto»113.
In questo senso, allora, possono essere ricondotti a forme di ribellione – seppure
prive di intenzionalità – anche i comportamenti di quei soldati che venivano ricoverati
in manicomio per l’incapacità ad adattarsi alla disciplina o per l’esasperazione derivata
dalla vita al fronte. Le modalità di espressione erano naturalmente le più disparate, e
andavano da evidenti atteggiamenti di insubordinazione, come quelli del fante Gastone
D., diciannovenne di Carrara (Ms) – il quale fu ricoverato per una «presunta
costituzione epilettoide» nel dicembre 1917 dopo essersi chiuso in una stanza, armato,
minacciando chiunque si avvicinasse114 – a deliri depressivi, euforia, o eccitamento
psicomotorio, come fu per l’artigliere parmigiano Alfredo C., al quale il 15 ottobre
1918 fu diagnosticata una «psicosi maniaco-depressiva».
Secondo i medici militari, anche su Alfredo la guerra sembrava non avere
alcuna influenza: sul foglio che lo accompagnava a Colorno il timbro recitava, come di
112
Cfr. A. Gibelli, L’officina della guerra, cit., p. 124.
Beppe Fenoglio, Un Fenoglio alla prima guerra mondiale, Einaudi, Torino 1973, p.174.
114
Aop, Cartelle cliniche, D.G., certificato di ammissione dei malati, Casalmaggiore, 3 dicembre 1917.
113
166
consueto, che «la malattia non dipende da cause di servizio», così come nella tabella
nosografica si specificava che «fu sempre di carattere originale e strambo»115. E
tuttavia, la sua “originalità” sembrava fortemente legata alla insofferenza alla disciplina
e alle ingiustizie, visto che a distanza di anni, in una relazione del nuovo direttore si
segnalava che il degente era originario dell’Oltretorrente, quartiere dalla radicata
tradizione ribelle, e che si vantava apertamente di essere un «buon sangue di razza […]
che non tollera né tiranni né ingiustizie e sa vendicare le sofferenze del popolo»116.
Peraltro, comparando queste notizie con i dati del Casellario politico provinciale, che
contiene i fascicoli individuali dei “sovversivi” schedati dalla Questura di Parma, si
riscontra che Alfredo era schedato fin dal 1902117.
Analogamente, del fante livornese Athos D., entrato una prima volta nell’ottobre
1916 con la diagnosi di «lieve stato depressivo» dopo un tentativo di suicidio, si
segnalarono soprattutto le stigmate lombrosiane dell’“uomo delinquente”: «numerosi
tatuaggi con iscrizioni di violenza sovversiva»118.
Del resto, considerare i fenomeni di ribellione come manifestazioni di patologia
mentale era un modo per negare legittimità al dissenso. Anche prima della guerra
alcuni psichiatri sostennero che la “pazzia morale”, attribuita a diversi soldati non era
punibile, dal momento che quegli individui non potevano conoscere, a causa della loro
infermità, il valore giuridico dei loro atti. Già nel 1911, al congresso della Società
freniatrica italiana, il capitano medico Bucciante descriveva la propria perplessità in
proposito e aggiungeva:
Anzi io mi permetto di domandare: poiché il C.P.M. [Codice di procedura militare]
considera come reati mancanze che pel Codice comune tali non sono, fino a che
punto sia punibile alla sua stregua chi commette uno di tali reati e venga poi
riconosciuto inabile al servizio militare per una qualsiasi forma di insufficienza
delle funzioni psichiche preesistente all’arruolamento e che, se in tempo fosse stata
rilevata, avrebbe fatto escludere l’individuo dalle file dell’esercito. Dobbiamo
riconoscere sempre e in tutto passibile di pena chi noi abbiamo trasportato in una
115
Aop, Cartelle cliniche, C.A., biglietto di licenza dell’Ospedale militare di riserva di Livorno, 1 settembre
1918.
116
Ivi, tabella nosografica, 18 ottobre 1962.
117
Asp, Questura, Gabinetto, cat. A8, C.A. Sulle modalità di controllo e repressione dei sovversivi parmensi,
che il regime fascista ereditò dalla polizia dello Stato liberale si veda Mario Palazzino, Nel buio.
L’antifascismo parmense e le carte di polizia, in Massimo Giuffredi (a cura di), Nella rete del regime. Gli
antifascisti parmensi nelle carte di polizia (1922-1943), Carocci, Roma 2004, pp. 1-34.
118
Aop, Cartelle cliniche, D.A., tabella nosografica, 26 maggio 1916.
167
sfera di responsabilità di ordine superiore, presumendo un congegno di poteri
psichici proporzionato e che solo più tardi riconosciamo insufficiente?119
Se per i medici era difficile ricondurre ad azioni intenzionali le manifestazioni
psicotiche, al contrario, per i militari, qualsiasi stato di alterazione era indice della
volontà di non compiere il proprio dovere: ne è un esempio quanto accadde al soldato
Giuseppe C., trentaseienne piacentino accusato di diserzione il 12 luglio 1917 dal
Tribunale militare del VII Corpo d’armata per non essere rientrato al corpo allo scadere
della licenza, e dichiarato inabile al servizio militare il 28 agosto da Ferdinando
Ugolotti perché infermo di mente:
Si tratta di un accesso nettamente depressivo con lieve ansietà e delirio di
persecuzione. Probabilmente è un accesso di natura periodica, un accesso cioè di
quella entità clinica che va sotto il nome di psicosi maniaco-depressiva. La
sintomatologia riscontrata è caratteristica; ciò che conferma la esclusione già fatta,
che possa cioè trattarsi di un caso di simulazione120 .
Lo stesso avvenne per Giacomo P., fante trentaquattrenne di Viadana, il quale fu
ricoverato il 18 giugno 1916 con la diagnosi di demenza precoce, dopo che il 28
novembre 1915 era stato denunciato al Tribunale di guerra di Verona per diserzione.
Anche nel caso di Giacomo, l’indifferenza, il torpore intellettuale, le allucinazioni
furono sufficienti a Ugolotti per diagnosticargli un «probabile inizio di demenza
precoce», ma soprattutto per ribadire che egli doveva «essere ritenuto irresponsabile
del reato di cui è imputato»121.
Accanto agli episodi di ribellione reali – come avvenne a Parma il 12 giugno
1917, quando un centinaio di reclute si sdraiò sui binari della ferrovia reclamando di
119
Bucciante, Pazzia morale e legge militare, intervento al XIV Congresso della Società freniatrica italiana,
Perugia, 3-7 maggio 1911, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 38, a. XLIX, 1912, pp.246-248, p. 247.
Le punizioni e i provvedimenti repressivi verso i soldati che cercavano di mollare si inasprirono a partire dal
maggio 1916, durante la Strafexpedition, periodo in cui Cadorna impose misure draconiane alla giustizia
militare, cfr. Ministero della guerra, Ufficio statistico, Statistica dello sforzo militare italiano nella prima
guerra mondiale. Dati sulla giustizia e disciplina militare, Roma 1927. Secondo Giovanna Procacci la
statistica sulla giustizia e disciplina militare di Giorgio Mortara non è attendibile, soprattutto in merito ai
processi per diserzione, perché «il rapporto tra processi e condanne che comunque emerge da queste
statistiche – quasi il 40% di prosciolti – fa dedurre che, poiché non è proponibile l’ipotesi di clemenza da
parte dei collegi, molte denunce non fossero confortate da sufficienti elementi di colpevolezza», Ead., La
società come una caserma. La svolta repressiva negli anni di guerra, cit. , p. 299. Considerazioni simili sono
anche in B. Bianchi, La follia e la fuga, cit., p.173 e segg.
120
App, Cartelle cliniche C.G., perizia sommaria, 28 luglio 1917.
121
App, Cartelle cliniche, P.G., lettera del direttore Ugolotti al Tribunale di guerra della Fortezza di Verona,
13 novembre 1916.
168
rimanere a Parma e non andare al fronte122 –, si possono dunque considerare tentativi di
fuga anche tutti quei comportamenti individuali che traducevano in forme patologiche
l’indisponibilità a rimanere in guerra.
Riprendendo le parole scritte da Enzo Forcella nell’ormai classica introduzione
al volume Plotone di esecuzione, i comportamenti di quei soldati riflettevano un altro
aspetto della guerra, quello di chi non la condivideva:
È l’altra faccia della realtà, la realtà di coloro che non vogliono combattere o che
combattono loro malgrado bestemmiando e piangendo: perché non condividono le
idealità e gli obiettivi della guerra patriottica; perché rifiutano più o meno
consapevolmente la logica secondo la quale in tempo di guerra il dovere supremo
dei cittadini, comunque la pensino, è quello di morire “sul campo del sacrificio o
dell’onore”; o semplicemente perché hanno paura, e non se ne vergognano, né si
sentono impegnati a vincerla come vuole l’etica sociale del gruppo egemone123.
122
I soldati facevano parte di un gruppo di 650 reclute del distretto di Parma che sarebbero dovute partire per
Genova per essere assegnate ai vari reggimenti: «Nel tragitto dalla caserma alla stazione circa 100 reclute si
sono allontanate dai plotoni. Nei pressi poi della ferrovia quelli rimasti hanno manifestato propositi di non
partire, e parte si sono sdraiati a terra per conseguire lo scopo. Intervenuto il picchetto armato della stazione,
un forte nucleo di carabinieri, guardie di città e funzionari di P.S., i riluttanti si sono decisi a salire in treno
senza altri incidenti. Quelli allontanatisi vengono ricercati», Acs, Mi, Dgps, Dagr, A5G, b. 111, fasc. 231/6,
telegramma del Prefetto Costa, 12 giugno 1917.
123
E. Forcella, Apologia della paura, in Id., Alberto Monticone, Plotone di esecuzione. I processi della
prima guerra mondiale, Laterza, Bari 1972, pp. V-LX, p. X.
169
IV.
Effetti collaterali
E subito riprende
il viaggio
come
dopo il naufragio
un superstite
lupo di mare1
1. Dopo il manicomio
Per la maggior parte dei soldati, la durata del periodo di ricovero in manicomio
fu piuttosto breve: nel volgere di uno, due mesi al massimo essi venivano riconsegnati
ai loro superiori, ai quali spettava il compito di decidere se reinserirli nei ranghi
dell’esercito o concedergli un periodo di licenza [Tabella 20, Grafico 20].
Non stupisce, quindi che per tutta la durata del conflitto 82 soldati su 285 – il
28,77% –, siano stati dentro per un solo mese, e 81 di loro – il 28,42% – per due,
confermando «il solito fatto» ribadito dal direttore Ugolotti, per il quale «il maggior
numero delle dimissioni si ha nei primi sei mesi di degenza, ed in particolar modo nel
2.°, 3.° e 4.°; dopo vanno progressivamente diminuendo»2. Anche nel biennio
precedente il direttore aveva segnalato che la media delle dimissioni da Colorno si era
mantenuta piuttosto elevata sia nel 1915, (56,5%) che nel 1916, quando era giunta
addirittura all’87%, percentuale che era da mettere in relazione, seppure in parte, «con
il genere di ammalati, cioè coi militari entrati»3.
In generale, la breve permanenza e la scarsità di riammissioni furono la causa
del compiacimento soddisfatto con il quale il direttore Ugolotti, nella sua relazione
annuale, mise in relazione questi elementi con la validità del trattamento riservato ai
malati:
1
Giuseppe Ungaretti, Allegria di naufragi, in Id., Vita di un uomo. Tutte le poesie, Mondadori, Milano 1969,
p. 56.
2
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, anno amministrativo 1916-1917, parte II, Allegati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore all’on.
Deputazione provinciale, p. 1032.
3
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, anno amministrativo 1915-1916, parte II, Allegati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore all’on.
Deputazione provinciale, p. 706.
171
Anche nel biennio 1917-18 la percentuale del numero dei riammessi in rapporto
del numero degli ammessi per la prima volta si è mantenuta assai bassa, anzi così
bassa come non fu mai. E questa bassezza che si mantiene da qualche anno
costante, è un fatto di notevole valore, poiché indica che i nostri malati, quando
escono dall’istituto, escono in condizioni tali da rendere difficile il loro ritorno al
manicomio4 .
A parte la soddisfazione di Ugolotti, era del tutto ovvio che, la maggior parte dei
ricoverati durante la guerra avesse subito un solo ricovero a Colorno, dal momento che
erano per lo più soldati, per i quali, nell’83,15% dei casi – 237 su 285 –, il manicomio
funzionò come una sorta di stazione di transito temporaneo, dalla quale essere mandati
a casa o in un ospedale più vicino5 [Tabella 22, Grafico 22].
Inoltre, questi dati convalidano l’analisi di Vinzia Fiorino, seppure compiuta su
una fase e un periodo storico antecedente alla guerra, secondo la quale le frequenti
dimissioni dei ricoverati dopo tempi brevi entrerebbero in contraddizione con l’idea del
malato di mente istituzionalizzato che, una volta entrato, non riusciva più ad uscire dal
manicomio. Secondo lei, l’altissimo ricambio nel flusso degli internamenti
contraddice l’immagine più comune che ha visto nel malato di mente un eterno
recluso”, immagine che però si è formata sui manicomi del dopoguerra, ovvero su
un’istituzione che, un secolo dopo il periodo considerato da questa ricerca, aveva
perso ogni capacità di relazione organica con la società, diventando un immobile,
costoso, e anche per ciò criticato, contenitore di cronicità6.
Durante la Grande guerra furono soprattutto i soldati ad essere trattenuti in
manicomio per periodi anche inferiori rispetto ai civili e alle medie calcolate da
Ugolotti nelle sue relazioni.
I primi ad essere mandati fuori dall’istituto furono naturalmente coloro ai quali
non fu riconosciuta alcuna forma di alienazione, che non riuscivano a convincere i
medici e quindi dovevano essere restituiti al mondo militare nel minore tempo
possibile.
4
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma, anno amministrativo 1916-1917, parte II, Allegati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore all’on.
Deputazione provinciale, p. 1031.
5
Infatti, i pochi che subirono più ricoveri, che rimasero in manicomio, o che vi morirono – 15 su 285, pari al
5,26% – erano tutti della provincia di Parma.
6
V. Fiorino, Matti, indemoniate, vagabondi, cit., p. 94.
172
Peraltro, ad essere dimessi in tempi rapidi non furono soltanto i simulatori – o i
presunti tali –, ma anche coloro per i quali la diagnosi non fu definita con chiarezza, a
causa delle difficoltà da parte dei medici colornesi di comprendere ed assecondare sia
le direttive dei militari che le esigenze di disporre di un esercito “sano” ed efficiente.
E tuttavia, se pure il direttore non poteva – e nemmeno sembrava volere –
trattenere i soldati a lungo in manicomio, piuttosto frequentemente propose per i
dimessi lunghi periodi di licenza, probabilmente nella consapevolezza che rimanere
lontani dal campo di battaglia o dai rigori della vita di leva potesse essere per loro di
qualche giovamento. La formula, piuttosto ricorrente, con la quale Ugolotti si rivolgeva
alla direzione dell’Ospedale militare recitava:
Il soldato sopraindicato […] non è affetto da malattia mentale. Ha però presentato
indubbi segni di un lieve stato confusionale-depressivo, ora quasi completamente
dileguatosi. Perciò, mentre giudico il B. idoneo al servizio militare, propongo che
gli sia concessa una licenza di 3 mesi7.
In questo modo, Ugolotti cercava di posticipare il rientro in servizio dei soldati e
contemporaneamente – oltre che liberarsi di presenze ingombranti in una struttura che,
come abbiamo visto, era decisamente sovraffollata –, anche di dimostrare di seguire le
disposizioni delle autorità militari.
In ogni caso, non è possibile accertare se le licenze che venivano richieste
furono poi effettivamente concesse, perché nel momento in cui uscivano dai cancelli
del manicomio, i degenti cessavano di rappresentare un problema per il personale, e la
loro presenza in istituto veniva archiviata al pari delle loro cartelle cliniche.
Anche le tracce dei soldati, come quelle di tutti gli altri dimessi, dunque, si
perdono nel buio e nella quotidianità della vita esterna al manicomio, sia essa civile che
militare, ed è praticamente impossibile ricostruire le sorti successive alla loro
permanenza.
L’unica eccezione è costituita da quei casi nei quali si ripresentavano i sintomi
che la guerra aveva provocato, o contribuito a far emergere, e la vita di quelle persone
tornava nuovamente in contatto con l’esperienza del manicomio.
7
Aop, Cartelle cliniche, B.P., lettera al direttore dell’Ospedale militare di Parma, 30 gennaio 1918.
173
Così, nelle relazioni dei medici appare in modo piuttosto evidente come le
dimissioni avvenute nel periodo del conflitto non implicassero necessariamente la fine
delle loro sofferenze e la difficoltà a riadattarsi alla vita normale.
I disturbi del fante Domenico M., nato a Borgotaro (Pr) nel 1895, ad esempio,
avevano avuto inizio mentre si trovava in guerra, e, nonostante la fine del conflitto, non
si erano più risolti:
Prima del servizio militare non ha mai avuto malattie degne di nota. Arruolato di
leva nel 1915, prestò servizio militare in zona di guerra e partecipò a vari fatti di
armi. Ebbe un primo periodo di malattia mentale per cui fu due volte ricoverato
nell’Ospedale S. Osvaldo di Udine, ove presentò uno stato di grave eccitamento
confusionale. […] Da questo Ospedale fu trasferito a quello di Colorno il 29 aprile
1917 donde fu dimesso nell’agosto 1917. Da quell’epoca ad oggi è sempre stato un
po’ nervoso, a volte insonne, a volte svogliato nel lavoro8 .
Dimesso da Colorno, Domenico trovò lavoro come cantoniere per la Provincia
di Parma. Nel corso degli anni, però, il suo stato di depressione, più o meno leggera,
non lo abbandonò più, fino a quando, nel 1941, fu ricoverato nuovamente nel
manicomio di Volterra dopo avere tentato di suicidarsi gettandosi da una finestra.
Come Domenico, anche al fante parmigiano Alberto A., nato nel 1894, il trauma
subito in guerra continuò a pesare sulla propria vita. Egli fu ricoverato nell’Ospedale
psichiatrico di Padova una prima volta nel maggio 1917 dopo avere preso parte ad un
combattimento, nel quale aveva riportato ferite agli arti e alla testa, e fu dimesso per
guarigione in settembre. Formalmente guarito, Alberto tornò a lavorare nei campi ma
non riuscì mai più a riprendersi, e anni dopo, nel maggio 1927, fu ricoverato
nuovamente, questa volta per nove mesi, in clinica psichiatrica a Parma, dove gli fu
diagnosticata «una forma di epilessia traumatica con manifestazioni accessuali
psichiche a tinta depressiva e coscienza non perduta, ma obnubilata»9.
E ancora, il muratore Quirino C. di Soragna (Pr), dimesso nell’agosto 1918 dopo
un mese di ricovero, nel quale sembrava essere tornato «di umore normale. Sempre
ordinato e corretto. Fisicamente in ottime condizioni», fu riammesso cinque anni dopo,
8
Aop, Cartelle cliniche, M.D., relazione del direttore dell’Ospedale psichiatrico di Volterra, 15 aprile 1941.
Aop, Cartelle cliniche, A.A., tabella nosografica, novembre 1927. Alberto avrebbe subito un terzo ricovero
trent’anni dopo, nel 1957, in preda a uno stato di «sovreccitamento con incontinenza verbale, irrequietezza e
talora agitazione psicomotoria, facilità al litigio e alle reazioni abnormi», Ivi, 17 luglio 1957.
9
174
nel gennaio 1923, in preda a stati di confusione e incoscienza «con scatti violenti e
pericolosi probabilmente connessi ad allucinazioni»10.
Per molti soldati il ritorno a casa dal manicomio non sembrava coincidere con il
recupero delle proprie facoltà “normali”, e, pur apprestandosi a riprendere la vita di
tutti i giorni, finivano per continuare ad accusare i sintomi che li avevano condotti in
manicomio. Come ha scritto Eric Leed,
Le turbe psiconevrotiche di guerra si dimostrarono ben più tenaci, e di ben più
difficile e costoso trattamento, che non i disturbi fisici. Le patologie generate dalla
guerra continuarono a riempire gli ospedali per veterani; ma ben più spesso queste
patologie non apparivano nelle statistiche mediche e per il motivo che allignavano
sui posti di lavoro, nelle case, nelle osterie, e in campo politico11.
2. Dopo la guerra
A conflitto concluso, non solo molti reduci portarono con sé patologie che non
riuscivano ad esaurirsi, ma lo stesso ritorno a casa costituì un momento ulteriormente
traumatizzante per tanti, nel quale uscirono allo scoperto malesseri rimasti latenti fino a
quel momento.
Nel caso di Oreste G., bracciante di San Secondo Parmense nato nel 1893, il
direttore
Ugolotti mise esplicitamente in collegamento lo
«stato delirante
allucinatorio», a causa del quale fu ricoverato il 30 giugno 1922, con le «cause
disintegratrici» della guerra:
Oltre i sintomi di psicosi acuta che potevano essere ascritti ad abuso di alcoolici,
presentava anche sintomi di disintegrazione psichica da inquadrarsi in una possibile
forma morbosa schizofrenica , come venne poi in seguito confermata. Con ogni
probabilità tali ultimi sintomi sono di assai lungo tempo anteriori alla data del I
ricovero in manicomio ed hanno la loro origine nelle cause disintegratrici inerenti alle
emozioni e al tumulto della guerra12.
10
Aop, Cartelle cliniche, C.Q., tabella nosografica, 10 gennaio 1923. Quirino morì in manicomio il 31
maggio 1924 durante uno di quegli accessi convulsivi, soffocato dal proprio cuscino e dal materasso.
11
E. Leed, Terra di nessuno, cit., p. 246.
12
Aop, Cartelle cliniche, G.O., relazione del direttore, 1 febbraio 1929.
175
Allo stesso modo, anche il fante Luigi M., panettiere di Como, entrato a Colorno
il 10 maggio 1920 per una ipotetica forma di «demenza precoce», cominciò ad
accusare i primi sintomi dopo essere stato congedato dal servizio militare. I suoi
genitori, informati del ricovero del figlio, ne furono «dolorosamente sorpresi», dal
momento che, come scrissero al direttore Ugolotti, il giovane era «stato arruolato sano
e durante il servizio militare fatto parte in zona di operazioni non ha mai dato segno di
proclività di alienazione mentale»13.
La connessione con gli eventi bellici fu piuttosto evidente anche nel caso di
Francesco M., bracciante nato a Soragna (Pr) nel 1898, il quale fu ricoverato il 6 agosto
1920 in preda ad uno «stato confusionale allucinatorio da alcool». Nella sua relazione
per l’ammissione in manicomio, il medico condotto del paese ribadì che lo stato
psichico di Francesco era forse legato alla vita militare – fu al fronte ininterrottamente
dall’inizio della guerra – ma anche alla situazione nella quale si trovò una volta tornato
a casa:
Pare che durante il servizio militare abbia subito patemi e traumi psichici i quali,
insieme con l’abuso di alcoolici e certi strapazzi fisici (al fronte dal 24 maggio
1915 sino al congedamento) possono avere determinato la malattia nervosa di cui è
sofferente da oltre un anno. È anche presumibile che ad aggravare le condizioni
preesistenti abbia concorso lo stato di disoccupazione in cui venne a trovarsi al suo
ritorno in famiglia14.
Il tema della difficoltà del ritorno per i reduci come Francesco, da porre in
relazione con le nevrosi psichiche, è stato affrontato in tempi piuttosto recenti da Peter
Leese, il quale ha descritto l’impossibilità, per i soldati, di fare semplicemente ritorno
alle proprie occupazioni in un contesto relazionale che non aveva condiviso gli orrori
vissuti e perciò non li poteva comprendere:
Most soldiers naturally preferred to be at home living in peace and security rather
than on the war front in combat and danger. At the same time, the experience of
war separated the soldier from the past life he wanted to recapture, and from
friends and family who had not shared his experiences15.
13
Aop, Cartelle cliniche, M.L., nota del sindaco di Bedero Valcuvia (Co), 11 luglio 1920.
Aop, Cartelle cliniche, M.F., relazione medica per l’annessione in manicomio, 5 agosto 1920.
15
P. Leese, Shell Shock. Traumatic Neurosis and the British Soldiers of the First World War, cit., p. 133.
14
176
Dopo la guerra numerosissimi soldati, se anche non accusarono necessariamente
problemi psichici, provarono un senso desolante di solitudine, dovuto certamente al
ritorno da condizioni durissime, difficili se non impossibili da raccontare e dalla
sensazione di sentirsi abbandonati e non compresi fino in fondo.
Ancora una volta, sono le parole di Beppe Fenoglio a riassumerci, nella gfigura
dello zio, la rabbia e la frustrazione dei reduci, legate alla incomprensione di chi era
rimasto a casa:
Voi non potete parlare – urlò il Fenoglio. – Non dovete! – La sua voce investiva
come un vento i vecchi, smorti tendaggi. – Voi non avete visto il sangue e la
merda e il fango. Vecchi maiali, andate a vedere la merda e il sangue e il fango e
poi parlerete, se ne avrete ancora voglia16.
In alcuni casi, queste emozioni li sopraffecero, come accadde a Carlo M.,
muratore parmigiano ricoverato il 10 settembre 1920 in preda ad un forte stato
depressivo e a deliri di persecuzione che lo portavano a sentirsi completamente
trascurato e ignorato da tutti, oltre che discriminato dai compagni della cooperativa
edile presso la quale aveva trovato lavoro.
In una lettera nel maggio 1921 scritta all’amico Ciro, presumibilmente un altro
ricoverato, che non fu mai recapitata e conservata nella cartella clinica, Carlo
descriveva, in un italiano piuttosto comprensibile e con una lucidità a tratti acuta e
brillante, l’eredità della guerra e le sue sensazioni di tristezza e isolamento:
Carrissimo Ciro, è già da tempo che trascorriamo ore assieme con la granata e
strofinaccio fra le mani ti ero affezionato ne rimango immensamente addolorato,
non avertene a male se più non divido il servizio mattutino, per le mie ragioni che
sono più che plausibili di tenermi ben isolato dal benessere sono peggio della peste
bubonina che tutti la sfuggono. Quando arrivo a un piccolo miglioramento mille
fulmini mi ricadono sul capo per questo a tutto rinuncio su questa terra non ho mai
avuto nessun soglievo altro che dolori amarezze, ecc.
Il mio avvenire è già calpestato e tramontato, presto tramonterò anch’io col fiele
sulle labbra, la morte più non temo gli son stato a contatto parecchie volte. Faccio
l’indifferente, non puoi farti un’idea come soffro a sopravvivere su questa terra
essendo sempre torturato da dolori che non an fine sul fiore dell’età.
16
B. Fenoglio, Un Fenoglio alla prima guerra mondiale, cit., p. 153. Com’è noto, la questione del
reinserimento dei reduci nella società dell’immediato dopoguerra fu uno dei cavalli di battaglia del nascente
movimento fascista. Della vasta bibliografia sugli esordi del fascismo ci limitiamo a segnalare Angelo Tasca,
Nascita e avvento del fascismo, Laterza, Bari 1965; Giovanni Sabbatucci, I combattenti nel primo
dopoguerra, Laterza, Bari 1974; Giorgio Candeloro, La prima guerra mondiale, il dopoguerra, l’avvento del
fascismo (1914-1922), Feltrinelli, Milano 1979; Nicola Tranfaglia, La prima guerra mondiale e il fascismo,
Utet, Torino 1995; Emilio Gentile, Le origini dell’ideologia fascista (1918-1925), Il Mulino, Bologna 2001.
177
In che bella società si vive, tutto mi è negato, nulla mi vien concesso, comprendo i
miei guai ma nemmeno il peggior dei miserabili e…………
Questi guai sono la gramezza e la miseria che ha lasciato la Guerra?
Avere i più bei ideali di onor riabilitazione ma tutti muta al mio pensier. Il bene il
male per me fa lo stesso la mia ruina e completa, non farmi domande sul mio
essere in nessun modo che aborro rispondere.
Davanti ai tiranni bisogna ubbidire.
Domani anderò al Tempio inalsar un preghiera che l’unico sfogo che mi giovera.
Se mi trovo un poco in salute e per virtù di V. Emanuele per i sacrifici di mia
mamma, se fossi nato con le carne del diavolo avrei miglior fortuna.
Cordiali saluti Carlo17.
Con ogni probabilità, il senso di solitudine provato da Carlo derivava anche
dall’esperienza della prigionia che egli visse durante la guerra, quando fu catturato
dagli austriaci e mandato a Vienna18.
Giovanna Procacci ha descritto le terribili condizioni nelle quali vennero a
trovarsi i soldati italiani nei campi di prigionia austroungarici e tedeschi, soprattutto
dopo Caporetto, ponendo l’accento proprio sull’abbandono nel quale furono lasciati i
prigionieri, tra fame, freddo, sofferenze fisiche e depressione psicologica per la
reclusione e la lontananza da casa,. Procacci ha scritto che «la fame e l’isolamento
generavano nei prigionieri stati di violento regresso psicologico, che spingevano alla
rivolta contro tutto e contro tutti» e che erano frequenti i casi di alienazione mentale,
che si esplicavano sotto forma di ossessioni o complessi di persecuzione19.
Con ogni probabilità, inoltre, il malessere nei prigionieri, oltre che dalle
durissime nelle quali furono costretti a vivere, fu esasperato anche dall’ipotesi di
diserzione che aleggiava su quei soldati, accusati della possibile scelta di consegnarsi al
nemico come prigionieri per evitare di combattere, e quindi anche dal senso di
17
Aop, Cartelle cliniche, M.C., lettera di Carlo M., 10 maggio 1921. Sul valore dei materiali autografi
conservati nelle cartelle cliniche come tentativo di superamento dell’isolamento e dell’alterazione
dell’identità personale in condizioni di particolare difficoltà comunicativa si veda A. Molinari, Donne e ruoli
femminili nell’Italia della Grande guerra, cit., pp. 111-158.
18
Ivi, tabella nosografica, 10 settembre 1920.
19
G. Procacci, Soldati e prigionieri italiani nella Grande guerra, cit., p. 307. Sull’esperienza di soldati e
ufficiali internati nei campi di prigionia, accanto al classico Leo Spitzer, Lettere di prigionieri di guerra
italiani. 1915-1918, Boringhieri, Torino 1976, si veda Camillo Pavan, I prigionieri italiani dopo Caporetto,
Camillo Pavan editore, Treviso 2001. Un’analisi che prende in esame i soldati italiani dell’esercito
austroungarico, è in Marina Rossi, I prigionieri dello zar: soldati italiani dell’esercito austro-ungarico nei
lager della Russia 1914-18, Mursia, Milano 2007. Studi sui soldati di altri paesi sono in Odon Abbal, Soldats
oubliés. Les prisonniers de guerre français 1914-1918, E & C, Bez-et-Esparon 2001; Annette Becker,
Oubliés de la Grande Guerre. Humanitaire et culture de guerre 1914-1918. Populations occupés, déportés
civils, prisonniers de guerre, Noêsis, Paris 1998, Sylvie Caucanas, Rémy Cazals, Pascal Payens (a cura di),
Les prisonniers de guerre dans l’histoire, Privat, Toulouse 2003.
178
abbandono che essi provarono sia nei confronti dello Stato che del resto della comunità
combattente.
Quelle psicosi, inoltre, continuarono a convivere con i soldati che riuscirono a
ritornare, come accadde al fante Martino Q., parmense nato nel 1898 a Roccabianca,
per il quale si mise in relazione diretta la «forma atipica di demenza precoce a
lentissimo decorso» – che gli fu diagnosticata nel 1919 – con il suo internamento in un
campo di prigionia tedesco, avvenuto dopo la disfatta dell’ottobre 1917:
Assegnato da prima all’11 Fanteria, di poi al 222 Fanteria, fu al fronte quando, alla
ritirata di Caporetto (ottobre 1917) venne fatto prigioniero ed internato in un
campo di concentramento in Germania. Fu durante questo periodo di prigionia che
il Q. presentò i primi segni di malattia mentale, tanto che venne ricoverato in
ospedali della Germania, finché, nel gennaio 1919, venne rimpatriato e
direttamente ricoverato nell’ospedale militare principale di Torino (23 gennaio
1919)20.
Dimesso dopo tredici mesi, «migliorato ma ancora depresso», Martino fu
riaccolto in manicomio l’anno seguente, e vi rimase per lungo tempo, fino all’agosto
1943, quando tornò a casa perché sembrava stare meglio, pur continuando ad avere
manie di persecuzione e la convinzione che tutti, soprattutto i medici, fossero ostili con
lui. E tuttavia la sua famiglia non riuscì a tenerlo con sé a lungo, perché ai primi di
gennaio 1944 lo riportarono in manicomio a causa del suo atteggiamento sempre
«autista, imbronciato, scontrosissimo, facilmente irritabile e reattivo»; questa volta,
però, Martino non rimase a lungo, perché morì il 14 aprile 1945 per «nefrite cronica
riacutizzata»21.
Una sorte non dissimile, seppure segnata da una minore permanenza a Colorno e
dalla fortuna del ritorno in famiglia, capitò ad altri soldati che vissero l’esperienza della
prigionia.
Ernesto R., soldato del 28 Reggimento di artiglieria da campo, nato ad Annone
Brianza (Mi) nel 1898, fu ricoverato nel settembre 1919 con la diagnosi di epilessia,
ma la relazione medica che lo accompagnava riportava chiaramente, come presunto
momento etiologico della malattia, «emozioni e sofferenze in prigionia». Il racconto
che lo stesso Ernesto consegnò ai medici non lasciava spazio a grossi dubbi, per quanto
20
21
Aop, Cartelle cliniche, Q.M., dichiarazione di Carlo Q., Roccabianca, 5 agosto 1925.
Ivi, tabella nosografica, passim.
179
lui stesso mettesse in relazione il suo malessere psichico con una caduta nella quale
aveva battuto la testa:
Nel luglio 1917 fu inviato al fronte. nell’ottobre dello stesso anno fu fatto
prigioniero e condotto in Austria. Essendo addetto a lavori per far legname, cadde
lungo il pendio di un monte, riportando lesione alla regione frontale. […] Il
paziente riferisce che cominciò poi a mutare carattere, a diventare irascibile, di
umor tetro e melanconico, a soffrir di cefalea, insonnia e talora di deliqui 22.
Ernesto restò a Colorno per un periodo decisamente breve, durante il quale
alternò momenti di calma e tranquillità ad altri nei quali fu preda di accessi convulsivi,
che però non gli impedirono, alla fine di ottobre, di essere dimesso e restituito alla
propria famiglia e alla vita “normale”.
Lo stesso avvenne a Raffaele D., pisano, classe 1898, accolto in manicomio il
25 marzo 1920 per un «lieve stato depressivo», un infermità mentale che, secondo il
direttore Ugolotti, «sembrerebbe essere derivata dai disagi della guerra e della subita
prigionia. Egli è lucido, ma pensieroso, appartato, diffidente, ma soprattutto strambo e
apatico»23. Anche Raffaele fu dimesso nel volgere di un paio di mesi, dopo che più
volte aveva dichiarato di “essere stufo” di stare in manicomio, ma dimostrando
indifferenza sulla propria destinazione una volta fuori.
Sia per quei soldati che non riuscirono a essere dimessi dal manicomio e che
morirono senza mai essere usciti – relativamente pochi nel caso di Colorno, 15 su 285,
pari al 5,28% –, anche per i soldati dimessi, dunque, si può affermare che la guerra, e
quella in particolare, non si era fermata ai confini del campo di battaglia, ma aveva
avuto ripercussioni destinate ad accompagnare i soldati per tutto il resto della loro vita,
coinvolgendo anche i familiari in un difficile, a volte impossibile, percorso di
rielaborazione e superamento.
3. Solidarietà familiare
Le vicende dei soldati che, per motivi anche diversi, si allontanavano dalla zona
di guerra per incontrare quello strano “rifugio” che fu il manicomio di Colorno, si
intrecciarono naturalmente con quelle di tutte le persone che ad essi erano in qualche
22
23
Aop, Cartelle cliniche, R.E., relazione medica, s.d. [settembre 1919].
Aop, Cartelle cliniche, D.R., lettera al direttore dell’Ospedale militare di Parma, 26 aprile 1920.
180
modo legate, dai congiunti ai rappresentanti delle comunità locali dalle quali
provenivano.
Al di là dei tentativi, da parte dei militari, di rimanere lontani dal campo di
battaglia il più a lungo possibile, se leggiamo le cartelle cliniche ponendo attenzione al
ruolo dei familiari o degli esponenti più influenti delle comunità di appartenenza dei
militari ricoverati, notiamo con frequenza la costruzione di una sorta di rete di
protezione attorno a loro.
Si può ipotizzare che anche le autorità civili, e non solo i familiari, cercassero di
proteggere e difendere i propri ragazzi dai pericoli e dagli orrori della guerra,
elaborando strategie di sopravvivenza connesse all’esasperazione delle cause della
malattia mentale di cui essi sembravano soffrire.
In primo luogo, dunque, furono i congiunti più stretti che, allarmati per le scarse
notizie che giungevano dal manicomio, si mobilitarono con gli strumenti a disposizione
per riportarli a casa. Nell’agosto 1917, il padre di Michele B., da Salerno, – che era
stato ricoverato a Colorno nell’aprile 1915 fino a quando, in ottobre, non fu riformato
con la diagnosi di demenza precoce e mandato prima al manicomio di Nocera Inferiore
e quindi, finalmente a casa –, scrisse ancora al direttore Ugolotti, perché temeva che
con la nuova chiamata alle armi avrebbe potuto essere trattenuto, dal momento che la
sua malattia si manifestava con intermittenza e «con momenti agitati»:
Dato che mio figlio soffra sempre degli stessi disturbi mentali di demenza precoce
con momenti agitati, col dubbio che mio figlio potrà essere dal Consiglio di leva
internato per l’esperimento e che questi lo potessero di nuovo trattenere. Mi
rivolgo con la presente a V.S.Ill.ma per avere un certificato legale che, unito a
quello del medico condotto di qui, provere [sic] luminosamente la verità24.
Anche il padre di Loreto G., ventenne romano che entrò in manicomio il 12
gennaio 1916 a causa di «accessi istero-traumatici» per esserne dimesso dopo un mese
come non «affetto da alcuna malattia mentale, per quanto di temperamento irascibile e
criminaloide»25, scrisse faticosamente al direttore Ugolotti una lettera accorata con la
quale cercava di dimostrare la malattia mentale del figlio:
24
25
Aop, Cartelle cliniche, B.M., lettera di Gaetano B., 18 agosto 1917.
Aop, Cartelle cliniche, G.L., nota del direttore, 4 febbraio 1916.
181
Era peggio quando era in casa, ora rideva, lì a poco una piccola cosa che viniva trà
sorelle e fratello lui prendeva ciò che teneva in mano e tirava, e lì a pocho li a
carezava. Anche a me mi faceva eguale. Ripeto quando andava su le furie e che si
vedeva che li nerbi gli davano fastidio mi conveniva di andarmene e lassarlo solo.
[…] Questo quello che io posso riferire, qui in Roma tutti lo sanno26.
Accanto alle manovre dei familiari, ancora più interessanti sono le lettere da
parte delle autorità locali – cui probabilmente i genitori dei soldati in manicomio
chiedevano di intercedere facendo pesare la propria posizione sociale, nella speranza di
risultare più convincenti – e che frequentemente si attivarono e intervennero in favore
dei propri compaesani.
Le cause di quei comportamenti sono da rintracciare nella forte solidarietà
comunitaria e di protezione reciproca che si era diffusa tra soldati e civili, insieme a un
senso diffuso di ingiustizia relativa, innescate dal peggioramento progressivo delle
condizioni materiali di vita connesse allo sviluppo della guerra. Come ha scritto
Giovanna Procacci,
Quello che piuttosto si sviluppò con la guerra fu un forte senso di solidarietà di
gruppo – di battaglione, di paese, di origine, al fronte; all’interno, di comunità e di
famiglie, di professione e di lavoro; di appartenenze culturali e politiche, ecc. –;
solidarietà parziali, che non confluivano in una coesione nazionale, ma che al
contrario ad essa si contrapponevano27.
Così, ad esempio, le dichiarazioni di Oreste A., soldato dell’8° Lancieri di
Montebello – che aveva raccontato di «soffrire di stati accessuali e a lunghi intervalli di
assenza psichica durante i quali commette[va] atti gravi e pericolosi verso gli altri» e
che fu ricoverato il 27 gennaio 1917 per un «accesso di alienazione mentale»28 –,
furono rafforzate e sostenute dal sindaco del suo paese, Sestri Ponente (Ge), il quale
riferì che
Il soldato A.O. mi risulta appartenere a famiglia di buona condotta sotto ogni
riguardo, ad eccezione del padre, che è dedito al vino. Il suddetto A. diede più
volte segni di squilibrio mentale col commettere atti imprudenti contro agenti di P.
Sicurezza da determinare il suo arresto. È dedito al vino, e all’età di tre anni circa
fu colpito da meningite29.
26
Ivi, lettera di Giuseppe G., 20 gennaio 1916.
G. Procacci, Dalla rassegnazione alla rivolta, cit., p. VIII.
28
Aop, Cartelle cliniche, A.O., tabella nosografica, 27 gennaio 1917.
29
Ivi, lettera del sindaco di Sestri Ponente, 12 febbraio 1917.
27
182
Con le sue parole, il sindaco stava cercando di segnalare che per più di una
causa, dall’alcolismo alla meningite sofferta da piccolo, fino alle aggressioni agli
agenti, Oreste poteva avere effettivamente problemi mentali. Eppure, sia i tentativi del
primo cittadino, che quelli dello stesso soldato non parvero sortire gli effetti sperati,
perché Oreste fu considerato «poco credibile» e dimesso il 22 marzo come non
alienato30.
Nel caso del giovane granatiere Giovanni P., contadino nato e residente a Fano
(An), ricoverato il 21 gennaio 1916 in seguito ad un episodio di «eccitamento e
disordine» la mobilitazione in suo sostegno coinvolse quasi tutte le autorità locali e
ottenne il risultato di restituirlo alla famiglia.
Fu la presidentessa delle Dame della Croce Rossa di Fano, Letizia Bracci
Tommasini, a farsi carico di corrispondere con il direttore per conto dei familiari, e di
fargli recapitare lettere che testimoniavano le difficili condizioni di salute di Giovanni.
In primo luogo lei stessa segnalò che, conoscendolo, poteva confermare che egli «fu
già ricoverato all’Ospedale militare di Fano dove […] soffriva di frequenti svenimenti
ed aveva un completo esaurimento nervoso, così dicevano i medici»31. In secondo
luogo, la signora Bracci Tommasini volle sottolineare con forza che la malattia di
Giovanni aveva radici anche nella ereditarietà famigliare, e per questo allegò una
relazione del medico condotto, il quale confermò la «idiozia e deficienza mentale» del
giovane, e la «predisposizione naturale ai fenomeni nervosi» da parte di tutta la
famiglia32.
Come se non bastasse, la signora Bracci Tommasini presentò anche la
testimonianza del parroco, che concluse l’opera segnalando che il comportamento di
Giovanni era strano fin dall’infanzia:
Mentre è stato in questa parrocchia e specialmente alla istruzione per la prima
Comunione era di poca intelligenza, spesso faceva atti buffoneschi ed era il
zimbello dei compagni. Il padre e la madre erano malaticci pellagrosi e paralitici33.
A completare questo ritratto intervenne anche la relazione della polizia
municipale, che aggiunse nitidezza allo sfondo sul quale si stagliava il «matto»:
30
Ivi, tabella nosografica, 22 marzo 1917.
Aop, Cartelle cliniche, P.G., lettera di Letizia Bracci Tommasini, 4 febbraio 1916
32
Ivi, lettera del dottor Alberto Poggioli, 3 febbraio 1916.
33
Ivi, lettera del parroco don Luigi Valentini, 2 febbraio 1916.
31
183
Dai precedenti della famiglia del soldato P.G., risulta:
1. che la nonna da parte del padre era una pellagrosa;
2. il padre è affetto da paraplessia da circa 13 anni;
3. la nonna da parte della madre andava soggetta d’alienazioni mentali;
4. la mamma è continuamente malaticcia dando spesso segni di squilibrio mentale;
5. il P.G. viene chiamato dagli abitanti vicini il matto per le sue stramberie; ha
pure tendenza all’ozio, condotta mediocre, ha sofferto per lunga data di mal di
stomaco e catarro intestinale34.
L’autorevole intervento dei maggiori membri della comunità di Fano contribuì
sicuramente alla definizione della diagnosi di «manifesta deficienza mentale con
conseguente lieve eccitamento e disordine della condotta», per la quale il 21 aprile,
dopo essere stato riformato, Giovanni fu dimesso e mandato a casa35.
Per quanto le informazioni raccolte sembrino dimostrare l’effettiva malattia
mentale del ragazzo, leggendo l’impegno e la sollecitudine con la quale vennero
descritte le caratteristiche di Giovanni e della sua famiglia ritornano subito alla mente
le pagine esilaranti nelle quali Jaroslav Hašek tratteggiò la capacità da parte di un
simulatore di farsi «passare per scemo», insistendo proprio sulla predisposizione e
l’ereditarietà delle malattie mentali:
Cominciò a recitare la parte del malato per tare ereditarie, e, quando fu visitato dal
medico dello stato maggiore, dichiarò che non aveva disertato, ma che in realtà fin
da giovane gli era piaciuto viaggiare ed aveva sempre avuto la passione di fuggire
in località lontane. Una volta, disse, si era risvegliato ad Amburgo, ed un’altra
volta a Londra, senza sapere come ci fosse arrivato. Suo padre, aggiunse, era un
alcolizzato e s’era suicidato prima che egli nascesse, sua madre era una prostituta
ed una ubriacona, ed era deceduta per delirium tremens. La sorella minore si era
buttata sotto un treno, il fratello era saltato dal ponte ferroviario di Vyšehrad, suo
nonno aveva assassinato la propria moglie e poi s’era cosparso di petrolio e s’era
dato fuoco; l’altra sua nonna era andata girovagando con certi zingari e s’era
avvelenata in prigione coi fiammiferi, un cugino era stato condannato più volte per
mania incendiaria e s’era tagliato le vene del collo con un pezzo di vetro a
Kartouze, una cugina da parte paterna s’era buttata dal sesto piano in una casa di
Vienna, egli stesso aveva ricevuto un’educazione assai trasandata e fino a dieci
anni non aveva saputo parlare perché all’età di sei mesi, mentre lo fasciavano sul
tavolo e s’erano dovuti allontanare un momento, la gatta l’aveva fatto cadere e
aveva battuto la testa sul pavimento36.
34
Ivi, lettera della Polizia municipale, 3 febbraio 1916.
Ivi, relazione del direttore, 22 febbraio 1916.
36
Jaroslav Hašek, Il buon soldato Sc’vèik, Feltrinelli, Milano 1992, pp. 426-427.
35
184
Allontanandoci dalla letteratura per tornare nella realtà del manicomio,
osserviamo che, in modo quasi paradossale, furono i medici condotti a segnalare
l’esistenza di una stretta correlazione tra guerra e patologie psichiche, più che
l’ereditarietà e la predisposizione biologica delle malattie mentali. Fu quello che
accadde all’alpino parmense Enrico P., ricoverato il 3 settembre 1918 per uno «stato di
disordine ed eccitamento». Nel compilare il modulo della relazione che lo accompagnò
in manicomio, il medico di Langhirano scrisse chiaramente che la vita militare era
l’unica «influenza nociva» che lo aveva portato alla malattia attuale37.
Il tentativo di proteggere i giovani soldati chiusi in manicomio dall’eventualità
che venissero catturati di nuovo nelle maglie dell’esercito affondava le proprie radici in
una percezione diffusa di un senso di alterità verso la guerra, i suoi valori, i suoi fini e
in una certa strategia di sopravvivenza che, secondo Stefano Musso, era da porre in
relazione con le campagne per la pace, perché «il pacifismo, prima che
rivoluzionarismo, è difesa di interessi vitali»38.
In effetti, durante la guerra, agitazioni che avevano la loro radice in problemi
annonari e in tumulti contadini si saldarono con malumori e fermenti più tipicamente
operai, come nel caso delle agitazioni della cintura industriale di Milano nella
primavera del 191739.
Sottesa tanto alle agitazioni operaie quanto ai tumulti contadini, si trovava una
forma di indignazione morale, una diffusione di un comune sentire che andava, forse,
anche al di là della semplice stanchezza per la guerra, sentimento molto diffuso anche a
livello europeo, soprattutto a partire dal 1917. Si trattava, piuttosto, di un comune
sentire popolare che può essere rintracciato negli atteggiamenti di solidarietà verso le
decine di migliaia di renitenti alla leva e di disertori che vivevano soprattutto nelle
campagne italiane40.
37
Aop, Cartelle cliniche, P.E., relazione medica, 1 settembre 1918.
Cfr. S. Musso, Scioperi e conflitto sociale durante la prima guerra mondiale, in “Movimento operaio e
socialista”, n. 3, 1986, p. 464.
39
Sul caso milanese si rimanda a Alceo Riosa (a cura di), Milano in Guerra 1914-1918. Opinione pubblica e
immagini delle nazioni nel primo conflitto mondiale, Unicopli, Milano 1997; Duccio Bigazzi, Il Portello.
Operai, tecnici e imprenditori all’Alfa Romeo 1906-1926, Franco Angeli, Milano 1998; Piero Di Girolamo,
Produrre per combattere : operai e mobilitazione industriale a Milano durante la grande guerra 1915-1918,
Edizioni scientifiche italiane, Napoli 2002.
40
Secondo Giovanna Procacci, fino al settembre 1917 si contava «un complesso di più di 100.000 disertori,
presenti in tutte le regioni italiane e in alcune particolarmente numerosi: come in Sicilia dove, senza contare i
38
185
Come ha osservato Bruna Bianchi,
Decisivo nel consentire periodi più o meno lunghi di latitanza, fu l’appoggio della
popolazione. Nelle campagne, i soldati offrivano le loro braccia, i contadini, un
nascondiglio, un po’ di cibo e abiti civili. […] Erano spesso i ragazzi che facevano
opera di vigilanza nelle campagne, aiutavano i soldati a non uscire dai loro
nascondigli o a non recarsi nei centri abitati facendo per loro servizi e
commissioni. Piccoli aiuti occasionali e tuttavia preziosi per chi affrontava la
latitanza da solo41.
Il fenomeno dei renitenti e dei disertori rese in modo particolarmente evidente
quel rinsaldarsi di identità comunitarie contro la guerra, e contro l’esercito in
particolare, fenomeno che non rimandava solo all’intensità e alla diffusione di un
radicale rifiuto della guerra da parte dei diretti protagonisti, ma anche a livelli elevati di
solidarietà comunitaria, e di diffusa condivisione popolare delle loro ragioni. Quei
comportamenti, infatti, certamente non eccezionali e nemmeno troppo diffusi da essere
ritenuti normali, erano allo stesso tempo, anche talmente visibili e circondati da tanta
solidarietà o omertà da rimandare, comunque, all’esistenza di un diffuso sentire
antistatale e antipatriottico42.
Del resto, anche secondo Anna Bravo,
L’assunzione del disertore a eroe positivo ha le sue radici prime nella già ricordata
tradizione di ostilità alla guerra, rispetto alla quale incarna l’opposizione più
esplicita realizzata all’interno di questa cultura, e al tempo stesso la sola forma di
rifiuto che abbia pagato43.
disertori, avevano trovato rifugio più di 33.000 renitenti, e in Toscana, che contava anch’essa 10000
renitenti», Ead., Soldati e prigionieri italiani nella grande guerra, cit., pp. 83-94, p. 85. La questione della
diserzione è stata affrontata anche da B. Bianchi, La Follia e la fuga, cit., pp. 159-337, e da Irene Guerrini e
Marco Pluviano, Le fucilazioni sommarie nella Prima guerra mondiale, Gaspari editore, Udine 2004. Per
un’analisi del fenomeno a livello europeo si veda Nicolas Offenstadt, Les fusillés de la Grande guerre et la
mémoire collective (1914-1999), Odile Jacob, Paris, 1999; Leonard V. Smith, Between Mutiny and
Obedience. The Case of the French Fifth Infantry Division during World War I, Princeton University Press,
Princeton 1994; Guy Pedroncini, Les mutineries de 1917, Puf, Paris 1967.
41
B. Bianchi, La follia e la fuga, cit., pp.282-283.
42
Tra gli oltre 3000 schedati dalla Questura di Parma nel Casellario politico provinciale, i segnalati che, oltre
a mantenere comportamenti “sovversivi” nel dopoguerra, avevano disertato durante la Grande guerra furono
25, per la maggior parte indicati come socialisti o anarchici e prevalentemente residenti in città, cfr. la Banca
dati dei sovversivi parmensi, realizzata da Margherita Becchetti, William Gambetta, Ilaria La Fata, Brunella
Manotti, Marco Minardi, Mario Palazzino e Guido Pisi, 2004, consultabile presso l’Archivio di Stato di
Parma. Per considerazioni sulla provenienza contadina di questi “sovversivi” cittadini si rimanda a
Margherita Becchetti, Oltretorrente Rivolte e conflitto sociale a Parma 1868-1915, cit.
43
Cfr. Anna Bravo, Donne contadine e prima guerra mondiale, in “Società e storia”, n. 10, a. III, 1980, pp.
843-862, p. 858.
186
Mettendo in relazione diserzione e renitenza nel quadro dei rapporti di lungo
periodo tra Stato e società rurale, Antonio Gibelli ha descritto la fuga dall’esercito
proprio come lo sforzo di porsi fuori del controllo dello Stato, «una risposta
all’inquadramento, il tentativo via via più difficile, fino a diventare disperato e senza
sbocco, di sottrarvisi»44.
A Colorno, tra i soldati ricoverati dopo essere stati accusati di diserzione,
l’appoggio dei familiari si rivelò decisivo su diversi piani. In primo luogo per fuggire,
come accadde ad Albino P., ventiquattrenne granatiere di Legnago (Vr), ricoverato
nell’ottobre 1919 in preda ad uno «stato confusionale (amenziale)». Albino raccontò ai
medici di essere riuscito a scappare dopo Caporetto, e di essersi nascosto nel suo paese
con l’aiuto della famiglia. Fu portato in manicomio dopo avere saputo dell’amnistia
«per reati comuni e militari» del settembre 1919, notizia che lo agitò a tal punto da
farlo trasportare in ospedale legato alla barella e con la camicia di forza45.
In secondo luogo, com’era naturale, le famiglie si impegnarono a proteggere i
propri soldati anche dopo che erano stati accusati: Giuseppe C., trentunenne fante
contadino proveniente da Bettola, nell’Appennino piacentino, il 26 maggio 1917 fu
mandato in osservazione in manicomio dopo che, alla fine di una licenza di due
settimane, non si era ripresentato in caserma. A breve distanza dalla notizia che
segnalava la malattia mentale di Giuseppe e la sua riforma dall’esercito, i genitori si
affrettarono a scrivere al direttore dichiarandosi «in grado e in obbligo di mantenerlo e
curarlo anche durante una lunga convalescenza», e nonostante le difficoltà che ne
sarebbero potute derivare46.
4. Le donne
Spostando la nostra attenzione dai soldati agli altri soggetti che ad essi si
intrecciarono e con essi condivisero, seppur in modo indiretto, l’esperienza del
manicomio, non possiamo non concordare con le riflessioni di Antonio Gibelli in
44
A. Gibelli, L’officina della guerra, cit., p. 131.
Aop, Cartelle cliniche, P.A., tabella nosografica, 10 ottobre 1919.
46
Aop, Cartelle cliniche, C.G., lettera del sindaco di Bettola, 8 luglio 1917.
45
187
merito al carattere “totale” della Grande guerra, la quale comportò «esperienze nuove
non solo per i combattenti, ma per l’intera popolazione»47.
Le cartelle cliniche dei soldati ricoverati in manicomio si sono rivelate una fonte
utile e preziosa anche per ricostruire i rapporti sociali e i loro mutamenti, soprattutto
per quel che riguarda le relazioni tra uomini e donne. Numerose cartelle, infatti,
contengono tracce della corrispondenza che le famiglie tenevano con i medici, e in rari
casi anche con i familiari, che quasi mai venivano recapitate al paziente, ma conservate
nei fascicoli personali perché considerate prove necessarie per ricostruirne l’anamnesi
familiare.
Attraverso quelle lettere, dunque, possiamo confermare che l’esperienza del
manicomio non segnò a lungo e in profondità soltanto i ricoverati, ma si ripercosse
anche sui legami che quegli stessi soldati avevano con le loro mogli, madri o sorelle.
In generale, la partenza per il fronte di circa sei milioni di uomini aveva imposto
un continuo riadattamento degli equilibri e dei ruoli sui quali si reggevano le
convivenze all’interno di gran parte dei nuclei familiari. Sia negli ambienti urbani che
in quelli rurali, il trauma bellico mutò profondamente le relazioni tra uomini e donne e
tra genitori e figli e alterò le relazioni di dipendenza, finendo con il ridefinire
responsabilità e ruoli per il soddisfacimento di nuovi bisogni. Il venir meno delle
braccia e dei salari di coloro che erano stati chiamati alle armi dovette essere
necessariamente compensato dalle energie lavorative di donne, anziani, ragazzi, ma
anche, non di rado, di bambini e adolescenti48.
Per le donne, dunque, la guerra implicò la necessità di darsi da fare in modo
ancora più intenso di quanto non fosse la loro attività quotidiana in tempo di pace.
Naturalmente, le differenze tra le classi sociali furono rilevanti. Il primo ambito nel
quale le donne più agiate si mobilitarono fu quello assistenziale: nel paragrafo
precedente abbiamo visto che l’intermediaria tra la famiglia di Giovanni P. e il direttore
47
A. Gibelli, La grande guerra degli italiani, cit., p. 9. Ai mutamenti sociali del fronte interno Gibelli dedica
tutto il capitolo 3, pp. 171-249.
48
Sia pure limitatamente alla mobilitazione sociale, che ne avrebbe fatto – insieme ai reduci - i protagonisti
dei moti annonari e delle lotte contadine del dopoguerra, la funzione delle esperienze vissute da donne,
adolescenti e ragazzi durante la guerra come veicolo della precoce maturazione al conflitto sociale e politico
era stato proposto all'attenzione della storiografia fin dal 1978 da Antonio Parisella, in Id., Le lotte dei
contadini nel Lazio dalla guerra al fascismo, in “Annali dell’istituto A. Cervi”, n. 1, 1978, pp. 201-210. Al
riguardo, si veda anche Bruna Bianchi, Crescere in tempo di guerra. Il lavoro e la protesta dei ragazzi in
Italia 1915-1918, Cafoscarina, Venezia 1995; Ivano Urli, Bambini nella Grande guerra, Gaspari, Udine
2003; Matteo Ermacora, I minori al fronte della grande guerra. Lavoro e mobilità minorile, Teti, Milano
2004; A. Gibelli, Il popolo bambino. Infanzia e nazione dalla Grande guerra a Salò, Einaudi, Torino 2005.
188
di Colorno fu proprio una dama della Croce rossa di Fano, presidente dell’Ufficio
notizie, che scrisse in vece dei genitori e che si impegnò a seguire il caso del «povero
ragazzo»49.
Accanto a incarichi come questo, socialmente utili e riconosciuti anche dalla
propaganda, per le donne più ricche il ricovero di un congiunto in manicomio significò
anche assumere su di sé la responsabilità degli affari familiari.
Nella cartella clinica del soldato vicentino Teofilo D., possidente ricoverato il 4
febbraio 1916 per «stupore e indebolimento mentale», i medici riportarono alcuni
stralci di lettere che Teofilo scrisse alla moglie. Dopo averle chiesto di occuparsi lei
degli interessi familiari «ché lui non ne vuol sentire», in risposta alle lamentele e
rimostranze della moglie perché era stata maltrattata dalla suocera, lui le suggerì di
eliminare radicalmente il problema, delegandole completamente la questione: «e se mia
madre è venuta matta un’altra volta sarà meglio ammazzarla dunque pensaci tu come
puoi meglio fare»50.
Con ogni probabilità, la moglie di Teofilo non ricevette mai le lettere del marito,
ed è impossibile ricostruire il suo atteggiamento verso la sua malattia perché nella
cartella clinica mancano anche quelle scritte da lei.
Leggendo le lettere conservate all’interno delle cartelle, invece, osserviamo che
anche per mogli e madri delle classi più povere – e a Colorno furono la maggioranza –,
le vicende della guerra connesse al ricovero in manicomio di un proprio congiunto
furono segnate principalmente dall’angoscia, che si sommava anche al senso di
smarrimento che sovente seguiva alla notizia dell’internamento del proprio caro.
L’esperienza del manicomio si legava a quella, altrettanto dolorosa, della guerra,
e contribuì ad aumentare in molte donne la sensazione di “spaesamento”, come è stata
definita da Augusta Molinari:
Nel primo Novecento la guerra è per le donne, essenzialmente, una condizione di
sofferenza, di lutto, di separazione, di “spaesamento” fisico, morale, anche di
“spaesamento” di genere. Una fase di sospensione delle regole della vita
49
Aop, Cartelle cliniche, P.G., lettera di Letizia Bracci Tommasini, 28 gennaio 1916. Sul ruolo femminile
nell’assistenza di Guerra si veda in particolare Stefania Bartoloni, L’associazionismo femminile nella prima
guerra mondiale e la mobilitazione per l’assistenza civile e la propaganda, in Ada Gigli Marchetti, Nanda
Torcellan, Donna lombarda 1860-1945, Franco Angeli, Milano 1992, pp. 65-91; Augusta Molinari, La buona
signora e i poveri soldati. Lettere a una madrina di guerra (1915-1918), Scriptorium, Torino 1998.
50
Aop, Cartelle cliniche, D.T., tabella nosografica, 15 e 20 febbraio 1916.
189
quotidiana dove la percezione dominante della guerra è quella del lutto, della
partecipazione ad un’esperienza di morte51.
A volte le donne non seppero vincere le proprie difficoltà, e delegarono la
richiesta di informazioni a chi, secondo loro, si trovava in posizioni di pari autorità con
il direttore. Fu il caso, ad esempio, della moglie di Umberto M., trentunenne di Perugia
ricoverato per «malinconia ansiosa» il 28 maggio 1916; un mese dopo l’ingresso in
manicomio del giovane, il sindaco scrisse a Ugolotti perché la moglie «non osava»
rivolgersi direttamente a lui, confermando la disponibilità da parte dei famigliari ad
accoglierlo e assisterlo a casa, anche perché la «consorte infelice» era «un modello di
sposa e di madre» e sarebbe stata «la migliore delle infermiere». Qualche mese dopo, il
sindaco scrisse nuovamente insistendo sulla «grande ansietà» con la quale i familiari
attendevano il rimpatrio di Umberto52.
Per coloro che invece cominciarono a scrivere, invece, possono valere le
considerazioni più generali sulla difficoltà, e allo stesso tempo la necessità, di
convertire in parole emozioni e bisogno di contatto con i propri familiari, che
alimentarono un fenomeno, quello della scrittura di guerra, di vastissime proporzioni53.
Così, nelle lettere e nelle richieste di informazioni da parte dei familiari, e in
particolare da parte delle mogli e delle madri, i termini più ricorrenti erano legati alla
preoccupazione di non avere notizie, come «ansia», o «angoscia».
Nel febbraio 1916, la moglie del soldato Marino C., ventinovenne milanese
ricoverato per «psicosi melanconica con tendenza al suicidio», chiese al direttore
Ugolotti notizie del marito, confermando il dolore che le aveva provocato quella
disgrazia e aggiungendo che la situazione economica non le permetteva di correre a
trovarlo, come avrebbe invece desiderato:
51
A. Molinari, Donne e ruoli femminili nell’Italia della Grande guerra, cit., p. 15.
Aop, Cartelle cliniche, M.U., lettere del sindaco di Preci (Pg), rispettivamente 28 giugno e 3 settembre
1916. Giudicato affetto da «malinconia ansiosa»,Umberto fu riformato il 23 settembre di quell’anno e
finalmente trasferito a casa.
53
Per riflessioni sulle scritture dei soldati si rimanda, oltre al già citato L. Spitzer, Lettere di prigionieri di
guerra italiani, cit., anche a Gianluigi Fait, Diego Leoni, Fabrizio Rasera, Camillo Zadra, La scrittura
popolare della guerra. diari di combattenti trentini, in D. Leoni, C. Zadra (a cura di), La grande guerra.
esperienze, memoria, immagini, cit., pp. 105-135; A. Gibelli, L’officina della guerra, cit., pp. 51-64; Attilio
Bartoli Langeli, La scrittura dell’italiano, Il Mulino, Bologna 2000; Fabio Caffarena (a cura di), Lettere
dalla Grande guerra. Scritture del quotidiano, monumenti della memoria, fonti per la storia, Unicopli,
Milano 2005.
52
190
Ill. mo Signor Direttore, rispondo subito alla sua lettera, e fù per me un colpo
terribile nell’apprendere la notizia in essa recatomi. Già da alcuni giorni non avevo
notizie di mio marito C. Marino ma ero molto lontana dal pensare a una così
grande disgrazia. Se potessi procurarmi i mezzi necessari, immediatamente partirei
alla volta di Parma per assicurarmi in che stato esso si trova ma disgraziatamente
questi mi mancano e sono costretta a vivere nell’angoscia. In merito a quanto ella
mi chiede riguardo a mio marito le posso dire solo che riscontro in lui un carattere
molto esaltato, ma non manifestò mai sinistri propositi. La prego di scusare se mi
sono un pochino dilungata, le sarò pure molto riconoscente se vorrà tenermi
informata di quanto succede a mio marito e ringraziandolo infinitamente le porgo i
miei distinti saluti54.
Anche Maria, madre di Giovanni S., ventunenne napoletano entrato a Colorno il
26 gennaio 1917 per «turbe mentali», scrisse a Ugolotti tutto il proprio dolore e
disperazione, aggiungendo però anche il tentativo, nemmeno troppo velato, di riportare
a casa il proprio figliolo «stravagante ed irrequieto»:
Ill.mo Sig. Direttore, […] non le so esprimere con parola quale consolazione ha
apportato al mio cuore straziato di madre, priva affatto di confortanti notizie del
suo caro figlio malato lontano. Io non fo altro che piangere continuamente perché
penso che mi mancano i mezzi sufficienti per venirlo a vedere di persona e
confortarlo a rassegnarsi a sopportare il male da cui è affetto. I medici che lo
hanno visitato, molto tempo fa e varie volte, si trovano tutti e tre in servizio
militare e quindi, pel momento, non posso procurarmi tutti i richiesti certificati.
Allego però alla presente quello dell’ultimo medico che lo ha curato; solo le posso
assicurare che fin dalla piccola sua età si è mostrato sempre di carattere
stravagante ed irrequieto tanto che ho dovuto pensare sempre pel suo
sostentamento ad a tutto fino a che fu chiamato pel soldato. Ogni volta che, spinta
dalla necessità, mi provavo di metterlo a lavorare, me lo respingevano perché
buono a nulla e pericoloso per gli altri operai. Anzi tutti lo chiamavano col
nomignolo di scemo non esclusa la famiglia. I mille tentativi a farlo istruire a
scuola mi sono riusciti vani. In certi periodi poi era proprio insopportabile: le basti
il sapere che per un nonnulla metteva la casa in rivoluzione, facendo infinite
stranezze e io ho vissuto, per cagion sua, in continue ansie e palpitazioni. Queste
ora si sono aumentate per la sua lontananza. Fo appello quindi nuovamente al suo
cuore di volerlo trattare come un figlio e così farmi avere la tranquillità di animo e
la speranza che un pietoso signore pensa alle sorti di un infelice orfano di padre.
Le manifesto la mia infinita gratitudine e La ringrazio sentitamente di quanto ha
fatto e crederà di fare per me55.
Le parole di Maria confermano quella che Anna Bravo ha definito «la forza del
registro materno», fortemente legittimante nei momenti di crisi, che a suo parere,
54
55
Aop, Cartelle cliniche, C.M., lettera della moglie, 19 febbraio 1916.
Aop, Cartelle cliniche, S.G., lettera della madre, 27 febbraio 1917.
191
stimolerebbero «più che una tendenza egualitaria, l’identificazione a una maternità
potente e arcaica […], un’immagine della differenza insieme forte e sofferta»56.
Alla maggior parte delle donne che ebbero i propri uomini ricoverati in
manicomio, il «trauma di lunga durata» che fu la guerra causò soprattutto «lutto,
sofferenza e ansia materna»; e tuttavia accanto alle sofferenze, o all’aumento della
fatica e della responsabilità per essersi dovute sostituire agli uomini nello svolgimento
di mansioni che prima erano riservate a quelli, per gran parte delle donne – a vario
livello a seconda delle differenze regionali e sociali –, quelle prove coincisero anche
con un’esperienza straordinaria di libertà, come l’ha definita Françoise Thébaud:
In Italia, l’esperienza femminile assume forme rivoluzionarie in quanto la guerra
[…] stravolge gli elementi tradizionali dell’identità femminile, il privato, la vita
domestica, la riproduzione. E questo in un paese profondamente segnato dal codice
mediterraneo dell’onore, dalla morale e dall’educazione cattolica, e dalle teorie
della scuola di Lombroso che fornivano un appiglio fisiologico alla reclusione
femminile57.
Per questo possiamo immaginare lo scalpore che suscitò la “zia” del fante Primo
B., ventunenne di Cesena ricoverato il 5 gennaio 1918 per un «lieve stato confusionale
depressivo», la quale, essendosi recata in visita al ragazzo, fu interrogata dai medici
circa i precedenti anamnestici di Primo e della sua famiglia. Dopo qualche giorno i
medici segnarono sul diario clinico, seccamente e senza altri commenti che quella
donna non era affatto la zia:
Le notizie date dalla donna in data 24 non sono vere. Essa non è una zia, ma una
donna di un paese qui vicino che egli conobbe quando il suo reggimento ebbe qui
breve permanenza58
Il tentativo di quella donna di aiutare Primo – decisamente fuori degli schemi e
dei modelli tradizionali che vedevano la donna prevalentemente come moglie e madre
“onesta” –, facendosi passare per parente per poterlo vedere, non fu però fruttuoso,
anzi, si tradusse nella convinzione da parte dei medici che tutto quello che il ragazzo
56
Anna Bravo, Simboli del materno, in Ead. (a cura di), Donne e uomini nelle guerre mondiali, cit., pp. 96134, p. 98. Sul ruolo protettivo e di assistenza delle madri si veda anche Giovanna Fiume (a cura di), Madri.
Storia di un ruolo sociale, Marsilio, Venezia 2005.
57
Françoise Thébaud, La Grande Guerra: età della donna o trionfo della differenza sessuale?, in Georges
Duby, Michelle Perrot (a cura di), Storia delle donne. Il Novecento, Laterza, Roma-Bari 1992, pp. 25-90, p.
48. La definizione della guerra come «trauma di lunga durata» è Ivi, p. 26.
58
Aop, Cartelle cliniche, B.P., tabella nosografica, 30 gennaio 1918.
192
faceva e diceva fosse semplicemente una finzione e segno di simulazione, tanto che fu
dimesso il 6 febbraio 1918.
Riflettere sul rapporto tra donne, soldati e follia significa però anche ragionare –
o per lo meno iniziare a farlo – su quelle donne che furono ricoverate in manicomio
durante il conflitto, o subito dopo, per indagare la portata del trauma anche su coloro
che rimasero lontano dai campi di battaglia.
La riflessione si inserisce in un processo di più ampio mutamento dei ruoli
femminili, talmente sconvolgente da favorire, in alcuni casi, come ha rilevato Augusta
Molinari, manifestazioni di disagio mentale:
Le contraddizioni e i conflitti che caratterizzano un’epoca di rapida trasformazione
sociale minacciano la stabilità dei ruoli femminili e possono favorire l’emergere di
manifestazioni di disagio mentale. Che trovano, in genere, nella famiglia il
“luogo” di origine e, nell’istituzione psichiatrica, l’unica forma di assistenza. La
prima resa più fragile da una perdita di centralità economica e sociale. La seconda
che si consolida a partire dalla metà dell’Ottocento. Sia per la sua funzione di
“agente” del controllo sociale sia per l’autorevolezza culturale che all’epoca viene
riconosciuta al sapere psichiatrico59.
Per quanto questo argomento, nello specifico, esuli dal tema centrale della
nostra ricerca, la documentazione reperita permette già di elaborare alcune ipotesi, che
dovrebbero naturalmente essere confermate dall’analisi ravvicinata delle cartelle
cliniche delle donne ricoverate durante la Grande guerra.
In primo luogo, il personale medico, già in difficoltà a porre in relazione i
motivi del ricovero di così tanti soldati con i traumi subiti in vario modo durante il
servizio militare, sembrò trascurare qualsiasi tipo di riflessione sulle ricoverate.
Sia nel 1916 che nel 1918, infatti, Ugolotti mise in relazione l’incremento degli
ingressi esclusivamente con il grande numero di militari – quindi maschi – mandati in
osservazione e segnalò che «solo in questo senso forse la guerra è stata causa – almeno
nel nostro istituto – di aumento della popolazione manicomiale»60.
Con quelle parole probabilmente il direttore voleva significare che la guerra non
aveva influito in altro modo sugli ingressi femminili. E simili considerazioni furono
59
A. Molinari, Donne e ruoli femminili nell’Italia della Grande guerra, cit., pp.116-117.
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma. Anno amministrativo 1915-1916, parte II, Alligati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1915 e 1916. Relazione del direttore, p. 705.
60
193
avanzate nel biennio seguente, quando scrisse che «una forte maggioranza di tali
ammissioni è data dai maschi, e più particolarmente da militari mandati in
osservazione»61.
In effetti, osservando le tabelle del movimento generale dei ricoverati, notiamo
che, nel corso degli anni di guerra, il numero delle donne internate non crebbe
particolarmente e si mantenne sui settanta nuovi ingressi all’anno, raggiungendo il
picco minimo nel 1916 (49 ingressi) e massimo nel 1918 (84 nuovi ricoveri) [Tabelle
2-5, Grafici 2-5].
E tuttavia, osservando con attenzione le categorie delle malattie mentali con le
quali furono classificate, si osserva un certo aumento dei ricoveri per «psicosi
distimiche» (aumento che, come abbiamo visto nel capitolo precedente, si verificò
anche per gli uomini), cioè quelle forme maniache di depressione e malinconia nelle
quali, secondo il manuale di Tanzi e Lugaro, «il nucleo fondamentale necessario del
quadro psicopatico è costituito da un’esagerazione straordinaria del tono affettivo, nel
senso dell’esaltamento o della depressione, della mania o della melanconia, od ora
nell’uno ora nell’altro a periodi diversi»62.
Le donne ricoverate per psicosi affettive subirono infatti un aumento
progressivo, passando da 15 su 81 (pari al 18,5%) nel 1915, arrivando a 25 su 78
(32,05%) l’anno successivo, fino alle 32 su 103 nuovi ingressi del 1918 (pari cioè al
31,06%) [Tabelle 10-13, Grafici 10-13.2].
Se per Ugolotti queste variazioni non erano significative di un quadro
psichiatrico che per le donne si manteneva sostanzialmente immutabile, l’analisi di casi
simili, in quegli stessi anni, aveva condotto una psichiatra donna nel vicino ospedale di
Reggio Emilia, Maria Del Rio, a conclusioni completamente diverse63.
61
App, Atti del Consiglio provinciale di Parma. Anno amministrativo 1916-1917, parte II, Allegati,
Funzionamento del manicomio di Colorno durante gli anni 1917 e 1918. Relazione del direttore all’on.
Deputazione provinciale, p. 1030.
62
E. Tanzi., E. Lugaro, Trattato delle malattie mentali, cit., p. 514.
63
Maria Bertolani Del Rio (Casina, RE, 1892 - Reggio Emilia, 1978) si laureò a Genova nel 1915. Allieva di
Enrico Morselli, si formò al manicomio San Lazzaro di Reggio Emilia, dove rimase dal 1916 fino agli anni
Quaranta. Nel 1921 accettò l’incarico di medico sovrintendente alla Colonia scuola “Antonio Marro” per
«fanciulli d’ambo i sessi, deficienti e anormali», che mantenne fino al 1952, anno del collocamento a riposo.
Per una sua biografia si veda Francesca Patuelli, Del Rio Bertolani Maria, in Scienza a due voci. Le donne
nella scienza italiana dal Settecento al Novecento, dizionario biografico on line delle scienziate italiane
promosso dall’università di Bologna, http://scienzaa2voci.unibo.it/biografie/96-del-rio-bertolani-maria.
Un’analisi della produzione scientifica di Maria Del Rio in relazione alla guerra è in Marisa Azzolini, Donne
tra guerra e follia. L’esperienza di Maria Del Rio a Reggio Emilia, in A. Scartabellati (a cura di), Dalle
trincee al manicomio, cit., pp. 331-361.
194
Senza allontanarsi troppo dall’impianto organicista, e con mille prudenze, già
nel 1916 la psichiatra descrisse l’impatto della guerra sulle donne e attribuì ad essa la
possibilità di ripercuotersi sul loro futuro:
Per la donna invece la guerra rappresenta solo un’immensa fonte di dolore, un
succedersi di ansie, un motivo di pianti disperati e di rinuncie [sic] amare. Ma
quasi mai, se non esistono altre cause predisponenti, le manifestazioni del dolore
oltrepassano la normalità o deviano nella pazzia. Perciò non si può accusare la
guerra di aumentare da sola il numero delle malate di mente. Le si può forse
attribuire, per il tramite della donna, una ripercussione nell’avvenire64.
Pur confermando l’importanza delle cause endogene e dell’ereditarietà come
fattore etiologico determinante per lo sviluppo delle malattie mentali, aderendo così
alle teorie che, come si è visto nel secondo capitolo, predominavano in Italia in quegli
anni, la dottoressa Del Rio iniziò a sostenere anche il peso di cause esogene, e delle
«emozioni» in particolare:
Il trauma emozionale in rapporto alla guerra ha dato a tutte le nostre ammalate il
suo contributo etiologico; che se in alcune di esse l’elemento psichico appare unica
causa diretta della malattia, con ogni probabilità, anche in queste non deve essere
considerato come tale, avendo forse agito in collaborazione con fattori interni,
rimasti fino allora latenti e inoperosi65.
Le riflessioni di Maria Del Rio, dunque, confermerebbero ancora una volta
l’impatto della Grande guerra sia sui soldati che sui civili e permettono di concludere
che, se anche le donne non subirono l’esperienza di guerra e del campo di battaglia al
pari degli uomini, ne pagarono comunque le conseguenze in termini di solitudine,
paura e angoscia, provocati dalla difficoltà di sopravvivere in assenza di mariti o figli
che fino a quel momento avevano costituito il punto di riferimento delle loro vite
familiari.
64
M. Del Rio, Le malattie mentali della donna in rapporto alla guerra, in “Rivista sperimentale di
Freniatria”, vol. 42, 1916, pp. 87-108, p. 108.
65
Ivi, p. 107.
195
Conclusioni
Le tracce che abbiamo seguito nel percorso di questa ricerca ci hanno
permesso di affrontare l’analisi della portata del primo conflitto mondiale in una
dimensione nella quale la categoria di comunità – nonostante il dibattito scientifico
abbia fatto una tara spesso severa alla sua congruità1 – è stata applicata allo specifico
di un contesto separato quale fu, per oltre un secolo, quello manicomiale.
Dentro e attorno all’ospedale psichiatrico di Colorno, infatti, si costituì, visse
e si articolò un gruppo umano e sociale nel quale – pur con l’incombenza di un
elemento estraneo condizionante, come la guerra e l’esperienza del fronte o della
trincea – al centro delle relazioni si trovava pur sempre una condizione umana.
Quella condizione, peraltro, contribuì alla stratificazione, all’interno della comunità
manicomiale, di esperienze e di poteri e all’origine di ruoli rigidamente definiti che,
naturalmente, ne condizionarono le relazioni interne ed esterne.
La ricostruzione delle vicende di ricoverati, medici, infermieri e familiari che
vissero a contatto del manicomio di Colorno durante i quattro anni di guerra, grazie
all’analisi comparativa, ha confermato tendenze e aspetti più generali verificati negli
studi condotti su altri ospedali psichiatrici, e talora ne ha dilatato la portata.
In primo luogo, in continuità con le ricerche che in questi ultimi anni sono
state svolte su altri casi nazionali, dunque, riflettere sull’impatto della modernità – e
la “modernità” della guerra in particolare – su realtà piccole e distanti dalle grandi
scene nazionali e politiche ha significato riflettere sulla guerra come parte di una
storia più ampia.
Nicola Gallerano ha rilevato come questa considerazione abbia “aperto”
inevitabilmente nuovi problemi, più che risolverli, centrandoli soprattutto sul
rapporto tra modernità, identità e violenza. Secondo lui, la Grande guerra
rappresenta
1
Sul dibattito intorno alla categoria di comunità si rimanda in particolare a Giovanni Busino, Comunità, in
Enciclopedia, vol. III, Einaudi, Torino 1978 e alla voce omonima in William Outhwaite (a cura di),
Dizionario delle scienze sociali, edizione italiana a cura di Paolo Jedlowski, Il saggiatore, Milano 1997.
197
davvero lo spartiacque tra Ottocento e Novecento, l’inizio della nostra storia
contemporanea o almeno l’evento che rivela in tutta la loro complessità i conflitti,
le lacerazioni sociali ed esistenziali, e gli strumenti adottati per controllarli e
indirizzarli, dell’epoca contemporanea, della società di massa2.
Come ha scritto anche Antonio Gibelli, infatti, in esperienze come quelle
belliche
Il potere inesorabile di meccanismi e apparati impersonali (lo Stato, la guerra, le
varie forme di mobilitazione e inquadramento, i campi di prigionia e di
concentramento) invade il privato, mentre grandi eventi sovradeterminano a tal
punto la vita del singolo da provocare la coscienza di esistere su due piani: quello
appunto del privato, sempre più esile e assediato, e quello del mondo esterno, in
cui non si è più se stessi, si agisce come comparse, non si è e non si conta più
nulla, ma che tuttavia si dilata e si fa più vincolante3.
Le crudeltà, le atrocità e l’assurdità complessiva della Grande guerra sono
dunque responsabili di avere portato la guerra fin dentro le menti delle persone, in
primis dei combattenti, e ne hanno mutato profondamente le esistenze, sia
individuali che collettive, fino a cancellarne l’identità.
La vicenda del fante Umberto S. è solo un esempio tra i tanti: ricoverato
nell’agosto 1916 a Treviso, fu trasferito a Colorno il 16 maggio 1917, dove rimase
ininterrottamente fino al 1961, anno della sua morte, salvo una breve parentesi nella
quale provò, per pochi mesi, a tornare a casa. In una relazione del 1931, il direttore
Ferdinando Ugolotti mise direttamente in rapporto la malattia con i mesi che
Umberto trascorse in trincea:
Dalle notizie anamnestiche, che datano al 1920, non risulta ereditarietà
psicopatica. Nacque all’8 mese di gestazione e nulla di anormale fu notato nello
sviluppo sia fisico che intellettuale, che anzi furono regolari e normali. La salute
fisica abituale buona, nessun segno di predisposizione alle malattie mentali. […]
Pare che la chiamata alle armi e lo stato di guerra abbiano influito sulla sua psiche,
e si ammalò sotto le armi durante la permanenza in trincea. In manicomio presentò
la sintomatologia della demenza precoce, e attualmente è apatico, stolido e
disordinato nel contegno e nei discorsi, allucinato, con idee deliranti, impulsivo4.
22
N. Gallerano, Memoria del grande trauma, in Id., Le verità della storia. Scritti sull’uso pubblico del
passato, Manifestolibri, Roma 1999, pp. 180-184, p. 183.
3
A. Gibelli, L’officina della guerra, cit., p. 208.
4
Aop, Cartelle cliniche, S.U., relazione medica di Ferdinando Ugolotti, 22 agosto 1931.
198
La riflessione su questi temi in relazione caso del manicomio parmense non
era possibile senza ricostruire il quadro generale dell’Ospedale psichiatrico di
Colorno, lavorando su alcuni elementi che finora mancavano, come la storia
materiale della struttura nella sua realtà storica, edilizia, e amministrativa.
Si tratta di elementi che abbiamo ritenuto indispensabili per analizzare le
relazioni tra i medici civili e le autorità militari durante la Grande guerra. Con le sue
insufficienze, aggravate dalla condizione bellica, e con le sue inefficienze, che le
economie gestionali dovute alla guerra contribuivano a radicalizzare, infatti, il
manicomio costituì non solo lo scenario, ma quasi la matrice da cui scaturiva un
aggravamento della condizione umana.
Analogamente, nell’affrontare i problemi e gli aspetti della realtà scientificoclinica di Colorno, ci è parso necessario indagare gli esiti concreti e specifici della
tensione che nella cultura psichiatrica si era aperta fra la tradizione positivistalombrosiana e l’emergere di approcci che, forse con maggior sensibilità verso la
condizione dell’ammalato, si ponevano interrogativi sulla curabilità o, almeno, sulla
possibile riduzione del danno.
L’inserimento di tendenze e atteggiamenti degli psichiatri del manicomio di
Colorno durante la guerra all’interno di un panorama più generale ci ha permesso di
comprendere meglio l’atteggiamento del direttore Ferdinando Ugolotti e i suoi
rapporti con i medici militari, considerandolo soprattutto dal punto di vista della
dimensione umana.
Come ha scritto recentemente Scartabellati, infatti,
Storia della psichiatria e della psicologia, massimamente nelle loro versioni
militari, non esauriscono, pur sovrapponendovi, il panorama mal conosciuto della
storia dei folli. […] Non sempre l’espressione specifica delle prime due è stata
capace di penetrare la profondità patologica ed umana delle esperienze vissute
dall’uomo; nel nostro caso, dell’uomo nel suo incontro con la guerra e dei suoi
bisogni una volta posto di fronte alla morte di massa5.
Ancora una volta, dunque, appare evidente come parlare del rapporto tra
guerra e follia implichi necessariamente parlare delle persone che per prime
subirono la violenza della guerra, cioè, naturalmente, i soldati, ad un tempo agenti,
testimoni e vittime di quella grande tragedia collettiva che fu la Grande guerra.
5
A. Scartabellati, Intellettuali nel conflitto, cit., p. 220.
199
In merito alla prospettiva della vittima, recentemente tra i sociologi – a
partire dall’analisi sulla condizione delle donne vittime di violenze sessuali –, si è
avanzata una riflessione sullo “sguardo” delle vittime come punto di osservazione
privilegiato6. Questa riflessione, che pone in evidenza i nessi che legano la vittima a
chi porta la responsabilità diretta e irriducibile della sua condizione, o a chi fa da
contorno alla scena, ci è stata decisamente utile nell’approccio ai militari che
riportarono traumi psichici – o che finsero di averli subiti – e che furono per questo
ricoverati in ospedale psichiatrico. Per quanto essi siano stati i primi soggetti ai quali
i cambiamenti furono imposti in modo violento e irreversibile, i soldati non furono
solo vittime, ma anche attori co-protagonisti di quell’enorme aumento di violenza,
sia agita che subita, che si sprigionò con la guerra.
Per questo non ci siamo limitati a considerare solo il mondo militare, se è
vero che un’inaudita violenza si integrò con una facilità sconcertante nella vita
quotidiana di ciascuno, civili e soldati, a tal punto da diventare cosa normale e da
essere infine accettata per più di quattro anni, anche se certamente a prezzo di grandi
mutamenti7.
La Grande guerra, infatti, fu sostanzialmente
La prima, grande esperienza collettiva degli italiani: esperienza collettiva nel senso
che tutti, non solo gli uomini in età militare e quindi i combattenti, ne furono in
qualche modo coinvolti. […] La prima guerra mondiale fu dunque una guerra
totale solo nel senso che tutte le energie economiche, sociali e intellettuali furono
mobilitate per sostenerne il peso e la vita di tutti ricevette dalla guerra in corso
un’impronta molto forte8.
Anche sui civili, per quanto impegnati a vario grado e con ruoli diversi, le
vicende dei soldati impegnati nel conflitto si ripercossero inevitabilmente, dal
momento che, come abbiamo visto anche nei familiari dei ricoverati a Colorno, essi
furono chiamati a sostenere il peso delle loro sofferenze quando non coinvolti in
prima persona. Fu questo il caso, ad esempio, di Pietro L., settantatreenne ricoverato
nel giugno 1923 per manie di persecuzione, del quale i medici scrissero che il primo
«cambiamento di carattere» risaliva alla morte in guerra del figlio, e che i sintomi
6
Il riferimento è al lavoro di Alessandro Bosi, Sergio Manghi (a cura di), Lo sguardo della vittima. Nuove
sfide alla civiltà delle relazioni. Scritti in onore di Carmine Ventimiglia, Franco Angeli, Milano 2009.
7
Cfr. S. Audoin-Rouzeau, A. Becker, La violenza, la crociata, il lutto, cit., p. 25.
8
A. Gibelli, La Grande guerra degli italiani, cit., pp. 7-8.
200
della malattia mentale si erano manifestati «circa due mesi fa, quando l’ammalato
doveva riscuotere la pensione di guerra per la morte del figlio»9.
Eppure, nel caso del manicomio di Colorno, la difficoltà, da parte dei medici,
di collegare la sofferenza psichica dei civili con il dolore per i propri congiunti si
tradusse spesso nella incapacità di elaborazione di quadri diagnostici chiari. In
questo senso, allora, anche a Colorno la sofferenza psichica faticò a trovare parole
appropriate per essere definita, come hanno suggerito Stéphane Audoin-Rouzeau e
Annette Becker:
La sofferenza psichica, dopo il 1918, è rimasta muta. Muta per mancanza di parole
innanzi tutto. Il francese, ad esempio, dispone di termini per esprimere il lutto
soltanto se esso concerne le spose o i figli dei morti in guerra: “vedove di guerra”,
“orfani di guerra”, molti di questi ultimi diventati nel caso della Francia – da tal
punto di vista eccezionale – “pupilli della nazione”. Vi è stata, è vero, la comparsa
durante il conflitto di una locuzione con cui designare le fidanzate di coloro che
erano stati uccisi troppo presto perché esse potessero diventare mogli, venne
coniato cioè il termine di “vedove bianche”. […] Eccetto questi casi, in francese
come in inglese o in tedesco, non esistono termini specifici che designino il padre
o la madre di un figlio deceduto, il fratello o la sorella di quest’ultimo, e neppure il
nonno e la nonna. Quei dolori non hanno avuto parole che li definissero, sono stati
dunque privati di un vero statuto10.
Su questi aspetti anche nel caso qui analizzato, la documentazione ha aperto
squarci che fanno intravedere altre storie, non meno significative e coinvolgenti.
Un’indagine più approfondita sulle cartelle cliniche delle donne ricoverate a
Colorno negli anni della Grande guerra, ad esempio, lascia trasparire la possibilità di
approfondire la conoscenza e di verificare con che intensità la guerra scolpì i
drammi e le emozioni delle donne che abitavano in una provincia, come Parma,
lontana dai combattimenti e dalle linee nemiche.
Il livello emotivo sarebbe diventato, infatti, un elemento comune che,
secondo Giovanni De Luna, avrebbe alimentato il senso di coesione e una
condizione socio-culturale unitaria nella quale uomini e donne in guerra si sarebbero
trovati a vivere:
9
Aop, Cartelle cliniche, L.P., Relazione medica del dottor N. Musini, 22 giugno 1923.
S. Audoin-Rouzeau, A. Becker, La violenza, la crociata, il lutto, cit., pp. 158-160. Nel caso italiano, però,
si osserva l’emergere di una figura nella quale si mescolano l’assistenza, il dolore per menomazioni fisiche,
l’accentuato bisogno di affetti: si tratta della “madrina di guerra”, donna nubile di età non giovane che si
prendeva cura di mutilati gravi o di ciechi di guerra e poi finiva per diventarne la moglie. Sulle madrine di
guerra si veda Augusta Molinari, La buona signora e i poveri soldati. Lettere a una madrina di guerra
(1915-1918), cit. Fondato su un carteggio privato di una di queste coppie è anche il romanzo di Paola Oliva
Bertelli, Amore e guerra (da Gorizia a Roma), il Filo, Roma 2006.
10
201
La guerra – come il Terrore, la Grande Paura – è una di quelle emozioni di massa
che rompono le articolazioni specifiche, i compartimenti stagni che frammentano
l’identità di una città, ne scompongono e ricompongono i caratteri originari11.
Senza dubbio, infatti, anche se si è manifestato in modi e con intensità
diverse a seconda di luoghi e contesti, lo sviluppo straordinario di disturbi mentali
connessi o conseguenti al trauma, ha attraversato tutte le guerre del ventesimo
secolo, dominate da un livello di violenza senza precedenti, mostrando come la
modernizzazione indotta dalla guerra non avesse riguardato soltanto le realtà
materiali, produttive o sociali, ma avesse indotto elementi periodizzanti anche per le
dinamiche psichiche.
Tutto questo cumulo di conoscenze ed esperienze viene trasferito dal primo
al secondo conflitto mondiale, come ha notato Paolo Giovannini:
La prima guerra mondiale consegna alla seconda un ampio e variegato bagaglio di
acquisizioni e pratiche, utilizzato come guida e orientamento in un contesto che
pure affiancava significative analogie a sostanziali e fondamentali differenze.
Anche in questo caso, si può ben dire, la Grande guerra, prima guerra moderna e di
massa, nonché carneficina di inedite dimensioni, viene a rappresentare
un’esperienza fondatrice, laddove nella sua incandescente fucina si fissano le basi
di una specialità, la neuropsichiatria di guerra, destinata a recitare un ruolo di
primo piano nei conflitti del XX secolo e oltre12.
In una prospettiva di lungo periodo, allora, sarebbe decisamente interessante
allargare lo spettro d’indagine e porre a confronto l’idea di follia che emerge
dall’esperienza della Grande guerra con quella prodotta dal secondo conflitto
mondiale, che ebbe indubbiamente un carattere più “totale” per il maggior
coinvolgimento sia di militari che di civili nell’esperienza degli orrori di guerra.
Infatti, la dilatazione dell’idea di fronte, il venire meno del confine tra guerra
combattuta e guerra vissuta, la percezione di non essere più solo comparse a
sostegno dei protagonisti in armi, fu senz’altro all’origine, nei civili, di traumi simili
a quelli subiti dai soldati nei conflitti precedenti.
11
Giovanni De Luna, A Torino, durante la guerra… Le coordinate dell’esistenza collettiva, in A. Bravo (a
cura di), Donne e uomini nelle guerre mondiali, cit., pp. 57-95, p. 57.
12
P. Giovannini, Guerra e psichiatria dal primo al secondo conflitto mondiale, in “Storia e problemi
contemporanei”, n. 43, a. 9, settembre-dicembre 2006, pp. 9-26, p. 26.
202
Certamente, dunque, un aumento quantitativo dei ricoveri tra il 1940 e il
1945 sarebbe da porre in relazione con la violenza. Se nella Grande guerra essa non
fu direttamente sperimentata dai civili, in quanto esperienza soprattutto, o
esclusivamente, dei militari, infatti, durante la seconda, che fu intensamente “guerra
ai civili”, non fu più circoscritta al fronte, ma esondò e si abbatté sull’intera
società13.
Le prime indagini, condotte anche a livello nazionale su questo tema,
sembrano dimostrarlo, come ha rilevato Paolo Sorcinelli:
Non esistono figure che siano state risparmiate dalla “guerra totale”, da questo
“trauma collettivo che ha interessato ogni forma di organizzazione […]. Ecco
allora la pretesa di far emergere le “cose” che “accadono nella testa” anche perché
in questo conflitto una grande importanza è attribuita dai comandi militari agli
aspetti e agli effetti psicologici, puntando,da un punto di vista strategico, agli
effetti che potevano avere, ad esempio, i raid aerei, oltre che per le conseguenze
immediatamente distruttive, per “fiaccare il morale dei civili”14.
Da questo punto di vista, allora, il manicomio, non è un osservatorio
straordinario dei nessi guerra-follia, ma anche un ottimo punto di partenza per
studiare le conseguenze che da questi nessi si svilupparono già nel primo dopoguerra
e si radicalizzarono nei totalitarismi che proprio dalla guerra presero le mosse, a
partire dalla criminalizzazione del dissenso e dall’esasperazione dell’uso repressivo
od eugenetico della psichiatria15.
Mantenere la lente sulla dimensione locale, ma estendendo l’arco temporale,
dunque, permetterebbe di sviluppare il tema della follia di guerra verificando che
cosa abbia significato per gli italiani del ventesimo secolo vivere e subire la
dimensione bellica, non solo sul piano fisico e materiale, ma anche e soprattutto su
quello psichico e dei comportamenti sociali.
13
La storiografia sulle atrocità di guerra in relazione alla prima guerra mondiale è relativamente recente, ed
ha preso le mosse dagli studi sul genocidio degli Armeni e sulle atrocità tedesche in Belgio e nella Francia
del Nord nel 1914 nei primi anni Novanta. Per una bibliografia di riferimento rimando a Oswald Überegger,
Le atrocità nella prima guerra mondiale. Saggio storico-bibliografico e bibliografia scelta, in “Dep.
Deportate, esuli, profughe. Rivista telematica di studi sulla memoria femminile”, n. 7, 2007.
14
P. Sorcinelli (a cura di), La follia della guerra. Storie dal manicomio negli anni Quaranta, F. Angeli,
Milano 1992, pp. 31-32.
15
Su questi temi si rimanda agli studi di G. Procacci, Dalla rassegnazione alla rivolta, cit., di A.
Scartabellati, Intellettuali nel conflitto, cit., e di Paolo Francesco Peloso, La guerra dentro. La psichiatria
italiana tra fascismo e Resistenza (1922-1945), Ombre Corte, Verona 2008.
203
Appendice
Anni
1910
1911
1912
1913
1914
1915
1916
1917
1918
Media
dei
ricoveri
378
404
420
439
446
477
491
526
605
Tabella 1. Media della popolazione ricoverata dal 1910 al 1918
700
600
500
400
300
200
100
0
1910
1911
1912
1913
1914
1915
1916
ANNO
Media dei ricoveri
Grafico 1. Media della popolazione ricoverata dal 1910 al 1918
205
1917
1918
Rimas
ti al
31
dicem
bre
1914
Entrati durante l’anno
Per la Riammissio
Total
prima ni
e
volta
Usciti durante l’anno
Guariti e
Stesso
Non
migliorati stato
riconosci
uti
alienati
Totale
Morti
durant
e
l’anno
Rimasti
al 31
dicembre
1915
Uomini
230
105
35
140
59
14
10
83
25
262
Donne
220
61
20
81
29
10
3
42
27
232
Totale
450
166
55
221
88
24
13
125
52
454
Tabella 2. Movimento complessivo dei ricoverati 1915
500
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
Uomini
Donne
Rimasti al
31
dicembre
Entrati durante l’anno
Usciti durante l’anno
Totale
Non
riconosciuti
alienati
Stesso
stato
Guariti e
migliorati
totale
riammissioni
Per la prima
volta
Totale
Morti
durante
l’anno
Grafico 2. Movimento complessivo dei ricoverati 1915
206
Rimasti al
31
dicembre
Rimas
ti al
31
dicem
bre
1915
Entrati durante l’anno
Per la riammissioni totale
prima
volta
Usciti durante l’anno
Guariti e
Stesso
Non
migliorati stato
riconosci
uti
alienati
Totale
Morti
durant
e
l’anno
Rimasti
al 31
dicembre
1916
Uomini
262
129
33
162
77
48
37
162
22
240
Donne
232
49
29
78
37
10
-
47
20
243
Totale
494
178
62
240
114
58
37
209
42
483
Tabella 3. Movimento complessivo dei ricoverati 1916
600
500
400
Uomini
300
Donne
200
Totale
100
Rimasti al
31
dicembre
Entrati durante l’anno
Usciti durante l’anno
Totale
Non
riconosciuti
alienati
Stesso
stato
Guariti e
migliorati
totale
riammissioni
Per la prima
volta
0
Morti Rimasti al
durante
31
l’anno dicembre
Grafico 3. Movimento complessivo dei ricoverati 1916
207
Rimas
ti al
31
dicem
bre
1916
Entrati durante l’anno
Per la riammissioni totale
prima
volta
Usciti durante l’anno
Guariti e
Stesso
Non
migliorati stato
riconosci
uti
alienati
Totale
Morti
durant
e
l’anno
Rimasti
al 31
dicembre
1917
Uomini
240
173
46
219
87
22
29
138
19
302
Donne
243
84
31
115
40
15
1
56
40
262
Totale
483
257
77
334
127
37
30
194
59
564
Tabella 4. Movimento complessivo dei ricoverati 1917
600
500
400
Uomini
300
Donne
200
Totale
100
Rimasti al
31
dicembre
Entrati durante l’anno
Usciti durante l’anno
Totale
Non
riconosciuti
alienati
Stesso
stato
Guariti e
migliorati
totale
riammissioni
Per la prima
volta
0
Morti Rimasti al
durante
31
l’anno dicembre
Grafico 4. Movimento complessivo dei ricoverati 1917
208
Rimasti al
31
dicem
bre
1917
Entrati durante l’anno
Per la Riammissio
totale
prima ni
volta
Guariti e
migliorati
Usciti durante l’anno
Stesso
Non
stato
riconosci
uti
alienati
Totale
Morti
durant
e
l’anno
Rimasti
al 31
dicembre
1918
Uomini
302
145
26
171
97
5
25
127
41
305
Donne
262
75
28
103
62
1
2
65
35
265
Totale
564
220
54
274
159
6
27
192
76
570
Tabella 5. Movimento complessivo dei ricoverati 1918
600
500
400
Uomini
300
Donne
200
Totale
Rimasti al
31
dicembre
Entrati durante l’anno
Usciti durante l’anno
Totale
Non
riconosciuti
alienati
Stesso
stato
Guariti e
migliorati
totale
Per la prima
volta
0
riammissioni
100
Morti Rimasti al
durante
31
l’anno dicembre
Grafico 5. Movimento complessivo dei ricoverati 1918
209
1915
1916
1917
1918
totale
Civili
122
75
96
114
407
Soldati
18
87
123
57
285
Tabella 6. Uomini ricoverati per anno (nuovi ingressi)
140
120
100
80
Civili
60
Soldati
40
20
0
1915
1916
1917
1918
Grafico 6. Uomini ricoverati per anno (nuovi ingressi)
41%
civili
soldati
59%
Grafico 7. Uomini ricoverati dal 1915 al 1918
210
Parma e provincia
Piemonte
Lombardia
Veneto
Svizzera
Friuli
Emilia Romagna
Liguria
Toscana
Marche
Umbria
Abruzzo
Lazio
Basilicata
Campania
Calabria
Puglia
Sicilia
77
9
51
14
1
2
18
14
16
3
1
1
21
2
32
9
4
10
Tabella 8. Provenienze geografiche
Calabria
Puglia
Sicilia
Campania
Parma e provincia
Basilicata
Lazio
Abruzzo
Umbria
Piemonte
Marche
Toscana
Liguria
Emilia Romagna
Lombardia
Friuli
Veneto
Svizzera
Grafico 8. Provenienze geografiche
211
Soldato-militare
Avvocato
Contadino
Bracciante
Barbiere
Cacciolaio
Calzolaio
Carpentiere
Carrettiere
Cascinaio
Chaffeur
Elettricista
Fabbro
Facchino
Falegname
Fattorino
Ferroviere
Giornaliere
Impiegato
Infermiere
Macellaio
Maniscalco
Manovale
Meccanico
Tornitore
Minatore
Mugnaio
Muratore
Negoziante
Orologiaio
Pasticciere
Pittore
Possidente
Ragioniere
Sarto
Stuccatore
Tappezziere
Terrazziere
Tipografo
Tramviere
Vetraio
Vetturale
Nessuna professione
Totale
119
1
52
5
2
1
9
1
5
1
1
3
3
1
2
2
3
2
2
1
6
3
3
3
3
1
2
7
2
1
1
1
1
1
4
1
1
1
1
1
1
1
12
285
Tabella 9. Professioni
212
31%
44%
Soldato-militare
Contadino
Nessuna professione
Altre professioni
4%
21%
Grafico 9. Professioni
213
Malattie
mentali
entrati
dimessi
morti
Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale Uomini Donne totale
Alcoolismo
Morfinismo,
cocainismo
Psicosi
pellagrose
Psicosi acute
amenziali e
delirio acuto
Cretinismo ed
altre psicosi
distiroidee
Paralisi
progressiva
Frenastenie
cerebropatiche
(idiozia)
Demenze in
encefalopatie
organiche
Psicosi senili
ed involutive
Psicosi
distimiche
Nevrastenia e
forme affini
Isterismo
Epilessia
Demenza
precoce
Pazzia morale
Paranoia
Frenastenia
essenziale
(imbecillità)
Non
riconosciuta
pazzia
totale
17
-
1
-
18
-
12
-
-
12
-
2
-
-
2
-
1
-
1
-
1
1
1
-
1
4
7
11
2
4
6
2
3
5
1
-
1
-
-
-
-
1
1
5
3
8
-
-
-
5
3
8
13
9
22
9
6
15
-
-
-
1
2
3
-
-
-
2
-
2
8
13
21
2
7
9
3
10
13
26
15
41
19
10
29
4
2
6
1
-
1
-
-
-
-
-
-
13
21
3
7
13
3
20
34
9
9
3
1
3
3
10
12
2
4
2
6
4
10
7
2
6
3
2
10
2
8
7
1
2
3
1
10
1
3
-
-
-
14
3
17
11
3
14
-
-
-
140
81
221
83
42
125
25
27
52
Tabella 10. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1915
214
M
or
fin
is
Al
co
ol
m
os
is
o,
ia
m
co
cu
o
Cr
P
c
te
a
s
et
in
ic
am
i
in
os
sm
ism
en
ip
o
zia
el
o
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
lir
io
ps
Fr
ac
ic o
en
u
s
as
to
id
te
Pa
is
ni
De
tir
ra
e
o
m
li
c
id
si
en
er
ee
pr
eb
ze
og
ro
in
re
p
at
en
ss
i ch
iva
ce
e
fa
(i d
lo
Ps
p
io
ic
at
zia
os
ie
is
)
or
en
ga
ili
ni
ch
ed
e
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
t
vr
i
ive
di
as
st
te
im
ni
ic
a
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
il e
m
ss
en
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
r
No
a
le
n
oi
n
(i m
a
ric
be
on
c il
os
li t
ci
à)
ut
a
pa
zz
ia
Ps
ic
M
or
Al
Ps
f in
co
ic
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zi a
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
li r
ps
io
Fr
ic o
ac
en
ut
si
as
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
l
i
c
s
i
de
en
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
at
en
ss
ich
i va
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zi a
tie
os
is
)
or
en
ga
ili
nic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t iv
id
as
e
ist
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ri c
be
on
c
os
il li
ci
tà
ut
)
a
pa
zz
ia
45
40
35
30
25
Uomini ricoverati
20
Donne ricoverate
15
Totale ricoverati
10
5
0
DIAGNOSI
Grafico 10. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1915
35
30
25
20
Uomini dimessi
15
Donne dimesse
Totale dimessi
10
5
0
DIAGNOSI
Grafico 10.1 Movimento generale dei dimessi distinti secondo la malattia mentale
1915
215
M
or
Al
fi n
co
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zia
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
tre
e
lir
io
ps
Fr
ic o
ac
en
ut
as
si
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
li
c
s
i
en
de
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
en
at
ss
ich
iva
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zia
tie
os
is
)
or
en
ga
il i
n ic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
ti v
id
as
e
i st
te
im
ni
ic
a
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ri s
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
or
es
al
se
e
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ric
be
on
c
os
ill i
tà
ci
ut
)
a
pa
zz
ia
Ps
ic
14
12
10
8
Uomini deceduti
6
Donne decedute
Totale deceduti
4
2
0
DIAGNOSI
Grafico 10. 2 Movimento generale dei deceduti distinti secondo la malattia
mentale 1915
216
Malattie
mentali
Alcoolismo
Morfinismo,
cocainismo
Psicosi
pellagrose
Psicosi acute
amenziali e
delirio acuto
Cretinismo ed
altre psicosi
distiroidee
Paralisi
progressiva
Frenastenie
cerebropatich
e (idiozia)
Demenze in
encefalopatie
organiche
Psicosi senili
ed involutive
Psicosi
distimiche
Nevrastenia e
forme affini
Isterismo
Epilessia
Demenza
precoce
Pazzia morale
Paranoia
Frenastenia
essenziale
(imbecillità)
Non
riconosciuta
pazzia
totale
entrati
dimessi
deceduti
Uomin
i
5
-
Donn
e
-
Total
e
5
-
Uomin
i
6
-
Donn
e
-
Total
e
6
-
Uomin
i
-
Donn
e
-
total
e
-
1
-
1
-
-
-
-
1
1
10
6
16
12
7
19
3
-
3
-
-
-
1
-
1
-
-
-
1
3
4
-
3
3
4
2
6
12
8
20
15
3
18
-
-
-
3
3
6
1
-
1
-
1
1
14
11
25
8
2
10
6
7
13
33
25
58
21
19
43
3
2
5
2
1
3
1
1
2
-
-
-
12
24
3
8
7
3
20
31
10
30
2
3
2
2
13
32
4
2
1
1
5
1
5
7
2
1
7
2
1
4
1
8
6
1
10
2
3
8
1
13
-
-
-
35
-
35
37
-
37
-
-
-
162
78
249
162
47
205
22
20
42
Tabella 11. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1916
217
M
or
fin
is
Al
co
ol
m
os
is
o,
ia
m
co
cu
o
Cr
P
c
te
a
s
et
in
ic
am
i
in
os
sm
ism
en
ip
o
zia
el
o
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
lir
io
ps
Fr
ac
ic o
en
u
s
as
to
id
te
Pa
is
ni
De
tir
ra
e
o
m
li
c
id
si
en
er
ee
pr
eb
ze
og
ro
in
re
p
en
at
ss
i ch
iva
ce
e
fa
(i d
lo
Ps
p
io
ic
at
zia
os
ie
is
)
or
en
ga
ili
ni
ch
ed
e
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t
i
ive
di
as
st
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
il e
m
ss
en
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
r
No
a
le
n
oi
n
(i m
a
ric
be
on
c il
os
li t
ci
à)
ut
a
pa
zz
ia
Ps
ic
M
or
Al
Ps
f in
co
ic
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zi a
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
li r
ps
io
Fr
ic o
ac
en
ut
si
as
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
l
i
c
s
i
de
en
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
at
en
ss
ich
i va
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zi a
tie
os
is
)
or
en
ga
ili
nic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t iv
id
as
e
ist
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ri c
be
on
c
os
il li
ci
tà
ut
)
a
pa
zz
ia
70
60
50
40
Uomini ricoverati
30
Donne ricoverate
Totale ricoverati
20
10
0
DIAGNOSI
Grafico 11. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1916
50
45
40
35
30
25
Uomini dimessi
Donne dimesse
20
Totale dimessi
15
10
5
0
DIAGNOSI
Grafico 11.1 Movimento generale dei dimessi distinti secondo la malattia mentale
1916
218
M
or
Al
fi n
co
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zia
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
tre
e
lir
io
ps
Fr
ic o
ac
en
ut
as
si
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
li
c
s
i
en
de
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
en
at
ss
ich
iva
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zia
tie
os
is
)
or
en
ga
il i
n ic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
ti v
id
as
e
i st
te
im
ni
ic
a
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ri s
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
or
es
al
se
e
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ric
be
on
c
os
ill i
tà
ci
ut
)
a
pa
zz
ia
Ps
ic
14
12
10
8
Uomini deceduti
6
Donne decedute
Totale deceduti
4
2
0
DIAGNOSI
Grafico 11.2 Movimento generale dei deceduti distinti secondo la malattia mentale
1916
219
Malattie
mentali
Alcoolismo
Morfinismo,
cocainismo
Psicosi
pellagrose
Psicosi acute
amenziali e
delirio acuto
Cretinismo ed
altre psicosi
distiroidee
Paralisi
progressiva
Frenastenie
cerebropatiche
(idiozia)
Demenze in
encefalopatie
organiche
Psicosi senili
ed involutive
Psicosi
distimiche
Nevrastenia e
forme affini
Isterismo
Epilessia
Demenza
precoce
Pazzia morale
Paranoia
Frenastenia
essenziale
(imbecillità)
Non
riconosciuta
pazzia
totale
entrati
dimessi
deceduti
Uomin
i
Donne
Totale
Uomini
Donne
Totale
Uomini
Donne
totale
7
-
-
7
-
7
-
-
7
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
14
7
21
9
3
12
1
4
5
-
1
1
1
1
2
-
-
-
5
2
7
2
-
2
2
3
5
23
17
40
8
8
16
-
1
1
1
2
3
1
1
2
3
4
7
17
26
43
3
6
9
5
14
19
43
29
72
39
19
58
1
3
4
1
-
1
2
-
2
-
-
-
1
27
33
3
11
12
4
38
45
6
16
3
2
9
3
8
25
2
5
3
8
5
13
5
7
4
-
9
7
7
7
3
-
10
7
-
-
-
35
1
36
30
1
31
-
-
-
219
115
334
138
56
194
19
40
59
Tabella 12. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1917
220
M
or
Al
fi n
co
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
co
cu
o
Cr
P
c
te
a
s
et
in
ic
am
i
in
os
sm
ism
en
ip
o
zia
el
o
la
ed
li e
gr
al
os
de
tre
e
lir
io
ps
Fr
ac
ic o
en
u
s
as
to
id
te
Pa
is
ni
De
tir
ra
e
o
m
li
c
id
si
en
er
ee
pr
eb
ze
og
ro
in
re
p
en
at
ss
ich
iva
ce
e
fa
(id
lo
Ps
p
i
ic
oz
at
os
ie
ia
is
)
or
en
ga
il i
n ic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
ti v
i
di
as
e
st
te
im
ni
ic
a
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ri s
m
o
Ep
De
ile
m
ss
en
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
r
a
No
le
n
oi
n
(im
a
ric
be
on
c il
os
l it
ci
à)
ut
a
pa
zz
ia
Ps
ic
M
or
Al
Ps
f in
co
ic
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zi a
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
li r
ps
io
Fr
ic o
ac
en
ut
si
as
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
l
i
c
s
i
de
en
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
at
en
ss
ich
i va
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zi a
tie
os
is
)
or
en
ga
ili
nic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t iv
id
as
e
ist
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ri c
be
on
c
os
il li
ci
tà
ut
)
a
pa
zz
ia
80
70
60
50
40
Uomini ricoverati
Donne ricoverate
30
Totale ricoverati
20
10
0
DIAGNOSI
Grafico 12. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1917
70
60
50
40
Uomini dimessi
30
Donne dimesse
Totale dimessi
20
10
0
DIAGNOSI
Grafico 12.1 Movimento generale dei dimessi distinti secondo la malattia mentale
1917
221
M
or
Al
fi n
co
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zia
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
tre
e
lir
io
ps
Fr
ic o
ac
en
ut
as
si
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
li
c
s
i
en
de
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
en
at
ss
ich
iva
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zia
tie
os
is
)
or
en
ga
il i
n ic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
ti v
id
as
e
i st
te
im
ni
ic
a
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ri s
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
or
es
al
se
e
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ric
be
on
c
os
ill i
tà
ci
ut
)
a
pa
zz
ia
Ps
ic
20
18
16
14
12
10
Uomini deceduti
8
Donne decedute
Totale deceduti
6
4
2
0
DIAGNOSI
Grafico 12.2 Movimento generale dei deceduti distinti secondo la malattia mentale
1917
222
Malattie
mentali
Alcoolismo
Morfinismo,
cocainismo
Psicosi
pellagrose
Psicosi acute
amenziali e
delirio acuto
Cretinismo ed
altre psicosi
distiroidee
Paralisi
progressiva
Frenastenie
cerebropatiche
(idiozia)
Demenze in
encefalopatie
organiche
Psicosi senili
ed involutive
Psicosi
distimiche
Nevrastenia e
forme affini
Isterismo
Epilessia
Demenza
precoce
Pazzia morale
Paranoia
Frenastenia
essenziale
(imbecillità)
Non
riconosciuta
pazzia
Totale
Entrati
Dimessi
Morti
Uomini
Donne Totale Uomini
Donne Totale Uomini
Donne totale
14
-
-
14
-
11
-
-
11
-
1
-
-
1
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
9
16
25
11
8
19
1
3
4
-
-
-
-
-
-
1
-
1
3
3
6
1
-
1
3
2
5
14
13
27
8
6
14
4
7
11
2
2
4
1
-
1
-
3
3
17
14
31
7
5
12
10
9
19
31
32
63
29
29
58
2
2
4
-
-
-
-
-
-
-
-
-
17
35
4
4
8
4
21
46
15
14
2
8
2
15
22
7
10
7
7
17
1
7
2
2
3
9
6
6
2
2
8
8
1
1
1
-
1
1
1
18
3
21
22
2
24
-
1
1
171
103
274
127
65
192
41
35
76
Tabella 13. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1918
223
M
or
fin
is
Al
co
ol
m
os
is
o,
ia
m
co
cu
o
Cr
P
c
te
a
s
et
in
ic
am
i
in
os
sm
ism
en
ip
o
zia
el
o
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
lir
io
ps
Fr
ac
ic o
en
u
s
as
to
id
te
Pa
is
ni
De
tir
ra
e
o
m
li
c
id
si
en
er
ee
pr
eb
ze
og
ro
in
re
p
en
at
ss
i ch
iva
ce
e
fa
(i d
lo
Ps
p
io
ic
at
zia
os
ie
is
)
or
en
ga
ili
ni
ch
ed
e
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t
i
ive
di
as
st
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
il e
m
ss
en
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
r
No
a
le
n
oi
n
(i m
a
ric
be
on
c il
os
li t
ci
à)
ut
a
pa
zz
ia
Ps
ic
M
or
Al
Ps
f in
co
ic
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zi a
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
li r
ps
io
Fr
ic o
ac
en
ut
si
as
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
l
i
c
s
i
de
en
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
at
en
ss
ich
i va
ce
e
fa
(id
lo
Ps
pa
io
ic
zi a
tie
os
is
)
or
en
ga
ili
nic
ed
he
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t iv
id
as
e
ist
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
ile
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
o
es
ra
le
se
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(im
ia
ri c
be
on
c
os
il li
ci
tà
ut
)
a
pa
zz
ia
70
60
50
40
Uomini ricoverati
30
Donne ricoverate
Totale ricoverati
20
10
0
DIAGNOSI
Grafico 13. Movimento generale dei ricoverati distinti secondo la malattia mentale
1918
70
60
50
40
Uomini dimessi
30
Donne dimesse
Totale dimessi
20
10
0
DIAGNOSI
Grafico 13.1 Movimento generale dei dimessi distinti secondo la malattia mentale
1918
224
M
or
Al
fin
co
is
ol
m
os
is
o,
ia
m
c
c
o
oc
ut
Cr
P
e
a
s
et
in
ic
am
in
i
os
sm
ism
en
ip
o
zia
o
el
la
ed
li e
gr
al
os
de
t re
e
lir
ps
io
Fr
ic o
ac
en
ut
si
as
o
di
te
Pa
st
ni
De
ra
ir o
e
m
li
c
s
i
de
en
er
ip
eb
e
ze
ro
ro
gr
in
p
e
en
at
ss
i ch
iva
ce
e
fa
(i d
lo
Ps
pa
io
ic
zia
tie
os
is
)
or
en
ga
ili
ni
ch
ed
e
Ps
in
vo
ic
Ne
os
lu
vr
t
i
i
ve
di
as
st
te
im
ni
a
ic
he
e
fo
rm
e
af
fin
i
Is
te
ris
m
o
Ep
De
il e
m
en
ss
ia
za
pr
Fr
ec
en
Pa
oc
as
zz
e
te
ia
ni
m
a
or
es
al
se
e
Pa
nz
ia
ra
No
le
no
n
(i m
ia
ric
be
on
c
os
illi
ci
tà
ut
)
a
pa
zz
ia
Ps
ic
20
18
16
14
12
10
Uomini deceduti
8
Donne decedute
Totale deceduti
6
4
2
0
DIAGNOSI
Grafico 13.2 Movimento generale dei deceduti distinti secondo la malattia mentale
1918
225
Psicosi
58
Disturbi del tono dell’umore di tipo
depressivo puro
45
Insufficienza mentale
40
Non patologie
39
Psicosi e reazioni acute
30
Simulazione
29
Disturbi di personalità
16
Disturbi del tono dell’umore da eccitamento
o alternanza
9
Epilessia
9
Alcoolismo
6
Altro
10
Totale
298
Tabella 14. Diagnosi convertite secondo il Dsm-IV
Nota: in questa tabella il numero delle diagnosi eccede il numero dei pazienti, perché nella diagnostica
moderna la distinzione multiassiale pone insufficienza mentale e disturbi di personalità sull’asse 1, e le
malattie sul 2. è quindi possibile che qualche paziente abbia ricevuto più di una diagnosi.
226
Non riconosciuto alienato
Demenza precoce
Stato depressivo
Psicosi maniaco-depressiva
Malinconia (semplice, ansiosa,
delirante)
Epilessia
Accessi di agitazione epilettica
Stato amenziale
Stato confusionale
Stato stuporoso
Imbecillità
Eccitamento in frenastenoide
Frenastenia
Demenza paralitica
Accessi confusionali
allucinatori in soggetto isteroide
Alcoolismo
Amenza in frenastenoide
Costituzione anomala originaria
Costituzione originaria
neuropatica
Delirio acuto
Stato allucinatorio
Disordine del contegno
Disturbi sensoriali in soggetto
originariamente squilibrato
Lieve deficienza intellettuale
Lieve e transitorio torpore
mentale
Lieve stato confusionale
Manifestazioni ipocondriache
(epilettiche)
Psicastenia
Stato di disordine/eccitamento
Stato d'arresto psicomotorio
Ottusità affettiva in
criminaloide
Stato ipocondriaco
Totale
93
44
48
8
11
13
1
3
8
9
10
3
3
3
1
4
1
4
1
1
1
3
1
1
1
3
1
1
3
1
1
1
285
Tabella 15. Diagnosi dei soldati 1915-18
227
Non riconosciuto alienato
10
Anomalia costituzionale della
personalità (costituzione
paranoidea)
1
Demenza precoce
3
Epilessia
1
Stato confusionaleallucinatorio di probabile
natura epilettica
1
Malinconia delirante
1
Psicosi maniaco-depressiva
1
Totale
18
Tabella 16. Diagnosi dei soldati 1915
228
Non riconosciuto alienato
Demenza precoce
Stato depressivo
Lieve stato depressivo
Malinconia
Imbecillità
Lieve stato confusionale
Accessi confusionali
allucinatori in soggetto
isteroide
Accesso depressivo (psicosi
maniaco-depressiva)
Alcoolismo (delirio
allucinatorio)
Costituzione anomala
originaria (epilettoide?)
Costituzione originaria
neuropatica
Eccitamento e disordine
episodico in soggetto
frenastenoide
Epilessia
Frenastenia
Lieve e transitorio torpore
mentale
Lieve deficienza intellettuale
Manifestazioni ipocondriache
(epilettiche)
Ottusità affettiva in
criminaloide
Stato confusionale
Torpore e lieve
indebolimento mentale di
probabile natura alcoolica
Totale
33
13
11
5
4
3
3
1
1
1
1
1
2
1
1
1
1
1
1
1
1
87
Tabella 17. Diagnosi dei soldati 1916
229
Non riconosciuto alienato
Demenza precoce
Imbecillità
Malinconia
Stato depressivo
Lieve stato depressivo
Stato stuporoso
Psicosi maniaco-depressiva
Accesso depressivo di
probabile psicosi maniacodepressiva
Stato amenziale
Epilessia
Costituzione epilettica
Costituzione anomala
originaria con note epilettoidi
Accesso di disordine ed
eccitamento in soggetto
anomalo e bevitore
Alcoolismo
Amenza in frenastenoide
Demenza paralitica
Stato dementale
Disordine del contegno in
soggetto originariamente
anomalo con tendenza alla
simulazione
Disordine ideativo e del
contegno in soggetto
anomalo e dedito all'alcool
Disturbi sensoriali in
soggetto originariamente
squilibrato
Frenastenia
Psicastenia
Stato confusionale con
mutismo di natura isterotraumatica
Stato ipocondriaco
Totale
32
20
6
5
21
5
6
3
1
3
3
5
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
123
Tabella 18. Diagnosi dei soldati 1917
230
Non riconosciuto alienato
Demenza precoce
Stato depressivo
Accessi di agitazione
epilettica
Costituzione anomala
originaria e deficienza
intellettuale
Delirio acuto
Demenza paralitica
Frenastenia
Eccitamento in frenastenoide
Epilessia
Imbecillità
Malinconia ansiosa
Psicosi maniaco-depressiva
Stato allucinatorio
Stato confusionale (da
alcool?)
Stato d'arresto psicomotorio
Stato di disordine e/o
eccitamento
Stato stuporoso
Disordine del contegno
Totale
18
8
8
1
1
1
1
1
1
2
1
1
2
1
3
1
3
2
1
57
Tabella 19. Diagnosi dei soldati 1918
231
1 mese o meno
2 mesi
3 mesi
4 mesi
5 mesi
6 mesi
7 mesi
8 mesi
9 mesi
10 mesi
11 mesi
1 anno o più
morte
totale
82
81
41
28
7
8
4
2
3
3
1
10
15
285
Tabella 20. Durata del ricovero per soldato
4% 5%
1 mese
1%
2 mesi
30%
3%
2%
3 mesi
4 mesi
5 mesi
6 mesi
10%
7 mesi
8 mesi
9 mesi
10 mesi
11 mesi
14%
1 anno o più
28%
Grafico 20. Durata del ricovero per soldato
232
morte
1 mese
2 mesi
3 mesi
4 mesi
5 mesi
6 mesi
7 mesi
8 mesi
9 mesi
10 mesi
11 mesi
1 anno o più
morte
totale
1915
10
4
2
1
1
18
1916
34
19
11
11
1
2
2
1
2
4
87
1917
28
43
19
12
4
3
1
1
1
3
4
4
123
1918
10
15
9
4
2
3
1
1
1
1
4
6
58
50
45
40
35
30
25
20
15
10
5
0
1915
1916
1917
m
es
e
2
m
es
i
3
m
es
i
4
m
es
i
5
m
es
i
6
m
es
i
7
m
es
i
8
m
es
i
9
m
es
10 i
m
es
i
11
m
1
es
an
i
no
o
pi
ù
m
or
te
1918
1
soldati
Tabella 21. Durata del ricovero per anno
periodo di ricovero
Grafico 22. Durata del ricovero per anno
233
1 ricovero
237
2 ricoveri
21
3 ricoveri o più
12
Morte
15
Totale
285
Tabella 22. Numero di ricoveri per soldato
7%
4%
5%
1 ricovero
2 ricoveri
3 ricoveri o più
morte
84%
Grafico 22. Numero di ricoveri per soldato
234
Di seguito è riportato l’elenco dei soldati ricoverati a Colorno tra il 1915 e il 1918,
composto con le informazioni con i quali essi furono registrati al momento della loro
prima ammissione in manicomio. Per rispetto della loro vita privata e per delicatezza,
ne abbiamo omesso i nomi, essendo già un sufficiente riscontro il numero progressivo
d’ingresso con il quale le persone venivano catalogate nei Registri del movimento della
popolazione. Le uniche aggiunte che abbiamo compiuto riguardano l’appartenenza
all’esercito, la data di uscita dal manicomio o quella di morte, quando non comparivano
nei registri, recuperando i dati dalle rispettive cartelle cliniche.
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
2 militare
23 Torre
Tradate (Va) cgt
1916 non
Maggiore
gennai riconosciut
(Fg)
o5
o pazzo
data data
uscita morte
1916
febbrai
o 17
2 manoval
esoldato
34 Mulazzo Sanpierdare cgt
di
na (Ge)
Pontremol
i (Ms)
1917 demenza
gennai precoce
o9
1917
novem
bre 10
2 contadin
o
33 Busseto
(Pr)
Busseto (Pr) cgt
1918 demenza
gennai precoce ?
o4
[1919
gennai
o 14]
3 militare
23 Genova
Genova
1916
gennai
o 28
4 contadin
osoldato
celibe 1916 lieve stato
gennai confusional
o6
e con
eccitament
o da
trauma
psichico
sofferto in
guerra
33 Casale di Casale di
cgt
1917 demenza
Tornolo Tornolo (Pr)
gennai precoce
(Pr)
o 12
31 S.
Rossano
cgt
1918 non
Demetrio (Cs)
gennai alienato
Corona
o5
(Cs)
22 Altedo
Altedo (Fe) celibe 1917 stato
(Fe)
gennai depressivo
o 14
4 militare
21 Cesena
5 macellaio
20 Roma
1918
febbrai
o6
1916
3 contadin
o
3 militare
S. Andrea in celibe 1918 non
Bagnolo
gennai alienato
(Fo)
o5
Roma
celibe 1916 non
235
note
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
1267
mitraglieri
Fiat
soldato 28
Artiglieria
1927
agosto
15
1918
marzo
21
soldato 67
regg.
Fanteria
soldato 35
fanteria.
1917
marzo
29
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 35
fanteria.
soldato 2
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
- militare
5 negozian
te soldato
39 Roma
5 militare
19 Bellona
(Ce)
6 minatore
- militare
29 Gola
secca
6 soldato
24 Roma
6 militare
40 Farra
d'Alpago
(Bl)
7 meccanic
omilitare
29 Rio
Marina isola
d'Elba (Li)
7 militare
35 Bitonto
(Ba)
8 carpentie
re militare
22 Torre del
Greco
(Na)
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
note
civile
malattia uscita morte
so
gennai riconosciut febbrai
Granatieri.
o 12
o pazzo
o 23
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Roma
cgt
1917 non
1917
soldato 2
gennai riconosciut marzo
Granatieri.
o 14
o alienato 1
Provenien
(costituzion
te Osp.
e
Militare
neuropatica
Parma
in soggetto
con labe [?]
ereditaria)
Caserta
celibe 1918 non
1918
soldato 1
gennai alienato
marzo
Genio.
o5
26
Crema (Cr) celibe 1916 eccitament 1916
soldato 62
gennai o episodico agosto
Fanteria.
o 12
in
11
Provenien
frenastenoi
te osp.
de
Militare
Parma.
fratello di
Davide
Roma
1917 non
1917
soldato 61
gennai riconosciut febbrai
Fanteria.
o 20
o alienato o 11
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Farra
cgt
1918 stato
1918
soldato.
d'Alpago
gennai confusional dicemb
(Bl)
o5
e
re 1
allucinatori
o ansioso
(da
alcoolismo
?)
La Spezia cgt
1916 non
1916
soldato 62
gennai riconosciut febbrai
Fanteria.
o 12
o pazzo
o 23
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Bitonto (Ba) celibe 1918 costituzion 1918
soldato 62
gennai e anomala marzo
Fanteria.
o5
originaria e 22
deficienza
intellettuale
Torre del
cgt
1916 non
1916
soldato 62
Greco (Na)
gennai riconosciut febbrai
Fanteria.
o 12
o pazzo
o 23
Provenien
te osp.
Militare
Parma
236
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
8 soldato
21 Roma
Napoli
celibe 1917 non
gennai alienato
o 26
(tipo
imbecillesc
o)
Mapello
(Bg)
data data
uscita morte
1917
marzo
22
9 contadin
omilitare
19 Mapello
(Bg)
9 soldato
27 Alessandr Sestri
ia
Ponente
(Ge)
cgt
9 militare
28 Castiglion Castiglione
e d'Asti
d'Asti (At)
(At)
1918 disordine
gennai del
o 12
contegno
(di natura?)
celibe 1916 non
gennai riconosciut
o 19
o pazzo
1918
luglio
26
celibe 1917 non
gennai alienato
o 26
(lievi
accessi
psicopatici
da lesione
auricolare?
)
celibe 1918 stato di
gennai disordine
o 14
(di natura?)
celibe 1916 eccitament
gennai o e
o 21
disordine
episodico
in soggetto
frenastenoi
de
celibe 1917 non
gennai alienato
o 27
(lieve
deficienza
intellettuale
e morale)
1917
marzo
22
10 ferroviere
- militare
24 Napoli
Napoli
10 soldato
27 Grotteria Grotteria
(Rc)
(Rc)
10 militare
24 Bisceglie Bisceglie
(Ba)
(Ba)
11 contadin
omilitare
21 Fano (Pe) Fano (Pe)
11 soldato
22 Gallarate Gallarate
(Va)
(Va)
celibe 1916 non
1916
gennai riconosciut marzo
o 12
o pazzo
17
237
1917 non
gennai alienato
o 26
1917
marzo
22
1916
gennai
o 30
note
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 8
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato.
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
1918
giugno
14
1916
aprile
21
soldato 20
regg.
fanteria.
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
1917
maggio
23
soldato 62
Fanteria.
Detenuto provenient
e Carceri
mandame
ntali S.
Secondo
P.se
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
11 militare
28 Vicchio di Svizzera
celibe 1918 non
Mugello
gennai riconosciut
(Fi)
o 15
o alienato
12 militare
cgt
14 militare
25 Oleggio
(No)
14 tornitore soldato
24 Affori (Mi) Affori (Mi)
celibe 1916 lieve stato
gennai confusional
o 27
e in
soggetto
anomalo
celibe 1917 epilessia
gennai (criminalità)
o 31
16 militare
30 Bonate di Bonate di
sopra
sopra (Bg)
(Bg)
cgt
1916 non
febbrai riconosciut
o4
o pazzo
17 possident
emilitare
30 Sant'Orso Sant'Orso
(Vi)
(Vi)
cgt
17 soldato
21 Varano
Melegari
(Pr)
1916 torpore e
febbrai lieve
o4
indebolime
nto mentale
di probabile
natura
alcoolica
1917 amenza in
febbrai frenastenoi
o 11
de
18 contadin
osoldato
27 Corniglio Corniglio
(Pr)
(Pr)
cgt
19 ferroviere
- militare
24 Napoli
celibe 1916 non
1916
febbrai riconosciut marzo
o 10
o pazzo
12
Oleggio
(No)
Varano
Melegari
(Pr)
Napoli
238
non
riconosciut
o alienato
demenza
precoce
1918
febbrai
o 12
38 Ortignano Bibbiena
Raggiolo (Ar)
(Ar)
34 Napoli
Torino
13 tramviere
- soldato
1918
gennai
o 15
celibe 1917
gennai
o 31
data data
uscita morte
1918
marzo
26
1917
ottobre
23
1916
marzo
10
1917
maggio
23
1916
aprile
20
1917
aprile 2
1917 lieve stato 1917
febbrai depressivo aprile
o 12
30
note
soldato 2
reggiment
o
Bersaglieri
.
soldato.
soldato
224
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 6
Comp. di
Sussisten
za
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
1916 soldato 2
aprile 2 Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 3
artiglieria
da
montagna.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
19 sarto soldato
20 Caserta
20 soldato
20 Montano Civello (Co) celibe 1916 demenza
comasco
febbrai precoce
(Co)
o 10
1916
maggio
30
20 contadin
osoldato
33 Brusciano Acerra (Ce) celibe 1917 non
(Ce)
febbrai alienato
o 15
1917
marzo
22
21 soldato
Caserta
celibe 1917 stato
1917
febbrai depressivo maggio
o 11
23
Milano
Milano
cgt
1916 non
1916
febbrai riconosciut marzo
o 10
o pazzo
17
22 macellaio
22 Roma
Roma
celibe 1915 non
1915
febbrai riconosciut aprile 2
o 21
a pazzia
24 muratore
- soldato
35 Rancio
Valcuvia
(Co)
Rancio
Valcuvia
(Co)
celibe 1917 demenza
febbrai paralitica
o 25
25 contadin
osoldato
23 Pellerzan Pellerzano
o (Sa)
(Sa)
1916 non
1916
febbrai riconosciut marzo
o 19
o pazzo
22
25 soldato
24 Castelvetr Castelvetro
o (Mo)
(Mo)
1917 non
1917
febbrai riconosciut aprile
o 25
o alienato 28
26 manoval
esoldato
25 Carsoli
(Aq)
27 bracciant
e-
26 Besenzon Polesine
e (Pc)
(Pr)
1917
giugno
4
Carsoli (Aq) celibe 1917 non
1917
febbrai riconosciut aprile
o 25
o alienato 28
celibe 1916 accesso
1916
febbrai depressivo agosto
239
note
te osp.
Militare
Parma
soldato
221
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 1
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 61
Reggimen
to
Fanteria
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 28
Reggimen
to
Artiglieria
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
soldato
27 soldato
22 Rocca
Priora
(Roma)
28 soldato
20 Biserna
(Lu)
28 stuccator
esoldato
20 Roma
29 -
Genova
29 contadin
osoldato
22 Rigiliano
(Sa)
29 fattorino soldato
20 Orio Litta
(Mi)
31 soldato
30 Ovada
(Pv)
32 tappezzie
re soldato
25 Genova
33 muratore
- soldato
21 Fontanell
ato (Pr)
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
note
civile
malattia uscita morte
so
o 25
(psicosi
13
Provenien
maniacote osp.
depressiva)
Militare
Parma
Rocca
celibe 1917 stato
1917
soldato 62
Priora
marzo amenziale- giugno
Fanteria.
(Roma)
1
allucinatori 1
Provenien
o
te Osp.
(demenza
Militare
precoce?)
Parma
Biserna (Lu) celibe 1916 demenza 1916
soldato 61
febbrai precoce
giugno
Fanteria.
o 25
1
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Roma
celibe 1917 non
1917
soldato 2
marzo alienato
aprile
Granatieri.
1
10
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Milano
celibe 1915 non
1915
soldato 4
marzo riconosciut aprile 2
Comp.
8
a pazzia
Sanità
Rigiliano
celibe 1916 non
1916
soldato
(Sa)
febbrai riconosciut aprile 2
112
o 25
o pazzo
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Orio Litta
celibe 1917 imbecillità 1917
soldato 61
(Mi)
marzo
maggio
Fanteria.
1
23
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Ovada (Pv) cgt
1916 stato
1916
soldato 2
marzo depressivo- giugno
Reggimen
1
confusional 7
to
e
Granatieri
Genova
celibe 1917 stato
1917
soldato 8
marzo depressivo- maggio
Montebell
11
ipocondriac 23
o.
o? O
Provenien
simulazion
te Osp.
e?
Militare
Parma
Fontanellato celibe 1916 stato
1916
soldato 16
(Pr)
marzo confusional maggio
Reggimen
4
e (da
7
to
alcool?)
Bersaglieri
.
Provenien
te osp.
240
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
33 soldato
25 Sorbolo
(Pr)
S. Lazzaro
p.se (Pr)
35 macellaio
- soldato
31 Parma
(Pr)
Parma (Pr)
35 carrettier
esoldato
24 Struppa
(Ge)
Struppa
(Ge)
36 calzolaio
- soldato
20 Brevia
(Va)
Brevia (Va) celibe 1916 lieve stato 1916
marzo depressivo maggio
18
in soggetto 30
ereditariam
ente tarato
36 ferroviere
- soldato
20 Palma
Ribera (Ag) celibe 1917 non
1917
Montechi
marzo riconosciut aprile
aro (Ag)
17
o alienato 28
37 muratore
- soldato
21 Roma
37 contadin
osoldato
riformato
29 Collecchi Collecchio
o (Pr)
(Pr)
Roma
celibe 1917 stato
marzo depressivo15
allucinatori
o (inizio di
demenza
precoce?)
celibe 1916 lieve stato
marzo depressivo
18
in soggetto
sifilitico
1917
luglio 8
[1916
giugno
3]
celibe 1917 lieve stato 1917
marzo depressivo maggio
17
7
celibe 1916 non
1916
marzo riconosciut aprile
18
o pazzo
21
celibe 1917 demenza
marzo precoce
17
241
[1920
giugno
3]
note
Militare
Parma
soldato 62
fanteria (o
208?)
soldato 4
Sussisten
za.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 8
Lancieri
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
208
Reggimen
to
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 8
Lancieri
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
112
Reggimen
to
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 67
Fanteria
riformato.
Provenien
te dal
manicomi
o di
Volterra
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
38
20 Cicciano Cicciano
celibe 1915 non
(Cz)
(Cz)
aprile 3 riconosciut
o pazzo
38 contadin
21 Castelnuo Castelnuovo celibe 1916 non
ovo di
di Porto
marzo riconosciut
soldato
Porto
(Roma)
22
o pazzo
(Roma)
39
20 Pellezzan Pellezzano
o (Pc)
(Pc)
39 orologiai
osoldato
22 S.
Eufemia
di
Aspromon
te (Rc)
40 contadin
osoldato
39 Traverset Neviano
cgt
olo (Pr)
Arduini (Pr)
42
20 Polistena Polistena
(Ba?)
(Ba?)
44 pasticcier
e
19 Milano
45 militare soldato
bersaglie
re
23 Tramonti Tramonti
(Sa)
(Sa)
46 macellaio
- soldato
21 Cittanova Cittanova
(Rc)
(Rc)
48
23 Boscotrec Boscotrecas cgt
ase (Na) e (Na)
48 meccanic
osoldato
21 Napoli
Napoli
1915
maggio
20
1916
luglio
25
celibe 1915 demenza
aprile 3 precoce
S. Eufemia cgt
di
Aspromonte
(Rc)
Milano
data data
uscita morte
1915
giugno
15
1917 non
1917
marzo riconosciut aprile
18
o alienato 28
1917 lieve stato 1917
marzo depressivo- maggio
19
ipocondriac 7
o
celibe 1915
aprile
14
celibe 1917
aprile 1
non
riconosciut
o pazzo
imbecillità
morale ed
intellettuale
1915
maggio
4
1917
giugno
20
celibe 1917 imbecillità
aprile 2 morale e
lievemente
anche
intellettuale
con note
epilettoidi e
tendenze
criminali
celibe 1916 demenza
aprile precoce
15
1917
giugno
2
1915
aprile
26
celibe 1916
aprile
17
242
non
riconosciut
o pazzo
non
riconosciut
o pazzo
1916
agosto
5
1915
maggio
28
1916
giugno
7
note
soldato 61
Fanteria
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 28
artiglieria
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
691
Centuria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria
soldato 66
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
bersaglier
e 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
49 contadin
osoldato
31 Vignanell Vignanello
o (Roma) (Roma)
cgt
1916
aprile
17
49 mugnaio
- soldato
38 Drezzo
(Co)
Drezzo (Co) cgt
1917
aprile
10
50 carrettier
esoldato
30 Appiano
(Vr)
Appiano (Vr) celibe 1917
aprile
10
52 militare
21 Catania
Catania
53 contadin
o
24 Varsi (Pr) Varsi (Pr)
53 militare
19 Nola (Ce) Nola (Ce)
53 soldato
19 Massa
Carrara
(Ms)
54 militare
27 Sora (Ce) Sora (Ce)
55 elettricist
asoldato
(caporale
)
27 Lodi (Mi) Milano
55 militare
32 Cremona Cremona
55 contadin
o-
33 Corniglio Corniglio
(Pr)
(Pr)
Massa
Carrara
(Ms)
non
riconosciut
o pazzo
(nevrasteni
coipocondriac
o)
stato
depressivo
ipocondriac
o in
frenastenoi
de
demenza
precoce (?)
1916
giugno
7
non
riconosciut
o alienato
stato
depressivo
(da psicosi
maniacodepressiva
?)
celibe 1918 non
gennai riconosciut
o 21
o alienato
celibe 1917 lievissimo
aprile stato
16
depressivo
(non
alienato)
1918
aprile
28
1916
novem
bre 27
1918
gennai
o 19
celibe 1916
aprile
29
1917
maggio
23
1917
giugno
4
1918
aprile
28
1917
giugno
2
note
Militare
Parma
soldato 15
Artiglieria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 66
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 20
fanteria.
soldato 47
fanteria
soldato.
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
cgt
1918 demenza
1918 soldato 2
gennai precoce
aprile 3 regg.
o 21
bersaglieri
.
celibe 1916 non
1916
soldato
maggio riconosciut maggio
(caporale)
3
o pazzo
20
39
(??)
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
1918 delirio
1918 soldato.
gennai acuto?
gennai
o 23
o 23
celibe 1917 stato
soldato di
aprile ipocondriac
3
243
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
soldato
56 militare
57 -
22 Rocca di
Papa
(Roma)
21 Genova
57 militare
35 Palermo
58 soldato
29 Basilicano
va (Pr)
58 calzolaio
- soldato
19 Canegrat
e (Mi)
59 militare
29 Rio
Saliceto
(Re)
59 militare tornitore
27 Palermo
59 carrettier
esoldato
20 Milano
60 soldato
27 Borgotaro
(Pr)
60 militare
33 Genova
61 giornalier
31 Carrara
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
note
civile
malattia uscita morte
so
19
o (di
Categoria.
natura?)
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Rocca di
1918 non
1918
soldato.
Papa
gennai riconosciut marzo
(Roma)
o 23
o alienato 26
Milano
1915 non
1915
soldato 4
maggio riconosciut giugno
Comp di
9
o pazzo
23
Sanità
(manifestaz
ioni
epilettoidi?)
Palermo
1918 stato
1918
soldato 84
gennai depressivo giugno
Fanteria.
o 23
30
Parma (Pr) cgt
1916 lieve stato 1916
soldato 61
maggio depressivo agosto
Fanteria.
11
in soggetto 22
Provenien
che
te osp.
presenta
Militare
manifestazi
Parma
oni di lue
cerebrale
localizzata
Canegrate celibe 1917 imbecillità 1917
soldato 62
(Mi)
aprile
giugno
Fanteria.
21
4
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Rio Saliceto celibe 1916 demenza [1918
soldato.
(Re)
maggio precoce
febbrai
Provenien
12
o 14]
te osp.
Militare
Parma
Palermo
cgt
1918 non
1918
soldato 84
gennai riconosciut aprile
fanteria.
o 23
o alienato 28
Milano
celibe 1917 non
1917
soldato 61
aprile alienato
maggio
Fanteria.
21
23
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Borgotaro cgt
1916 alcoolismo 1916
soldato 32
(Pr)
maggio (delirio
giugno
Artiglieria.
17
allucinatori 8
Provenien
o)
te
manicomi
o Firenze
Genova
celibe 1918 stato
1918
soldato 62
gennai stuporoso- luglio
fanteria.
o 25
amenziale 20
Carrara
coniug 1915 anomalia 1915
soldato
244
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
e
(Ms)
ato con maggio costituzion
Biggi 23
ale della
Maria
personalità
(costituzion
e
paranoidea
)
62 militare
32 Napoli
Napoli
cgt
1918 non
gennai riconosciut
o 29
o alienato
62 contadin
36 Caraffa
Fabrizia
cgt
1917 malinconia
o(Cz)
(Cz)
aprile ansiosa
soldato
29
delirante
1918 stato
gennai confusional
o 29
e (da
alcool?)
celibe 1917 stato
aprile amenziale
29
e di
disordine di
natura?)
data data
uscita morte
agosto
5
richiamato
28
artiglieria
1918
marzo
26
1917
luglio 3
soldato 95
Fanteria.
63 militare
34 Milano
Milano
63
20 Sacile
(Pn)
Sacile (Pn)
64 contadin
osoldato
28 Milano
Milano
64 militare
34 Predappio Sampierdar cgt
(Fo)
ena (Ge)
65 contadin
osoldato
37 Vigatto
(Pr)
65 militare
20 Arquata
Scrivia
(Al)
65 giornalier
osoldato
riformato
22 Campi di Campi di
Albareto Albareto
(Pr)
(Pr)
66 falegnam
e
39 Montechi Montechiaru coniug 1915 psicosi
1915
arugolo
golo (Pr)
ato
giugno maniaco- agosto
(Pr)
2
depressiva 15
1916 demenza
maggio precoce
19
1918
luglio
26
1917
luglio
24
1916
luglio
25
1918
gennai
o 29
Vigatto (Pr) celibe 1916
maggio
22
Arquata
Scrivia (Al)
malinconia 1918
ansiosa
maggio
16
stato
1916
depressivo giugno
in
24
frenastenoi
de
1918 stato
1918
gennai stuporoso maggio
o 29
con
24
negativism
o
celibe 1917 stato
1917
aprile depressivo agosto
30
ipocondriac 9
o (di
natura?)
245
note
soldato 3
Genio.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 88
Fanteria.
soldato 2
granatieri.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 1
Reggimen
to Genio.
soldato.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 1
Reggimen
to Genio
comp.
Special.
soldato 6
Fanteria
riformato.
Provenien
te dal
manicomi
o di
Volterra
soldato 4
genio
pontieri
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
66 contadin
31 Monchio Monchio
celibe 1916 demenza
o(Pr)
(Pr)
maggio precoce
soldato
22
67 contadin
o
data data
uscita morte
1916
agosto
24
26 Casalmag Casalmaggi coniug 1915 non
giore (Cr) ore (Cr)
ato
giugno alienato
2
31 Roma
Roma
cgt
1916 epilessia
maggio
22
1915
luglio
14
1916
settem
bre 11
67 militare
30 Napoli
Napoli
cgt
68 meccanic
osoldato
29 Milano
Milano
cgt
68 militare
23 Nissoria
(Tp)
67 pittore soldato
68 soldato
69 contadin
osoldato
69 contadin
o
70 elettricist
asoldato
70 dottore in
legge militare
70 calzolaio
- soldato
71 soldato
1918
febbrai
o1
1916
maggio
22
non
riconosciut
o alienato
non
riconosciut
o alienato
1918
maggio
16
1916
ottobre
12
Alcamo (Tp) celibe 1918
febbrai
o1
19 Milano
Milano
cgt
1917
maggio
2
28 Battifollo Battifollo
celibe 1916
(Mondovi) (Mondovi)
maggio
(Cn)
(Cn)
22
non
riconosciut
o alienato
non
riconosciut
o alienato
imbecillità
1918
aprile
10
1917
luglio 6
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 2
regg.
Bersaglieri
soldato 1
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 35
reggiment
o Fanteria
soldato 62
Fanteria.
soldato 28
Artiglieria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
40 Borgotaro Borgotaro celibe 1918 demenza
1918 soldato 42
(Pr)
(Pr)
febbrai paralitica
maggio regg.
o2
20
Fanteria
21 Roma
Roma
celibe 1916 non
1916
soldato 26
maggio riconosciut giugno
Fanteria.
22
o alienato 25
Provenien
te osp.
Militare
Parma
42 Chieti
Fornovo
cgt
1918 psicosi
1918
soldato
Taro (Pr)
febbrai maniaco- novem
123
o3
depressiva bre 3
fanteria.
35 Padova Padova
cgt
1917 melanconia 1917
soldato 62
maggio
luglio 7
Fanteria.
11
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
29 Velate
Velate (Va) cgt
1916 non
1916
soldato 62
246
1916
luglio 5
note
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
(Va)
71 militare
30 Chiavari
(Ge)
71 macellaio
- soldato
22 Bologna
72 tipografo
- soldato
22 Albano
(Roma)
72 militare
28 Paternò
(Ct)
73 soldato
23 Torre
Maggiore
(Fg)
73 chaffeur
27 Svizzera
74 militare
20 Pellezzan
o (Sa?)
74 soldato
35 Vezzano
(Re)
74 soldato
19 Perturano
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
note
civile
malattia uscita morte
so
maggio riconosciut giugno
Fanteria.
22
o alienato 25
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Chiavari
celibe 1918 frenastenia 1918
soldato 62
(Ge)
febbrai
maggio
fanteria.
o3
13
Bologna
celibe 1917 non
1917
soldato 61
maggio alienato
giugno
Fanteria.
12
15
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Albano
celibe 1916 non
1916
soldato 1
(Roma)
maggio riconosciut giugno
Granatieri
22
o pazzo
13
Salerno
1918 non
1918
soldato 20
febbrai riconosciut aprile
Fanteria.
o5
o alienato 28
Tradate
cgt
1916 non
1916
soldato 2
(Co)
maggio riconosciut giugno
Granatieri.
24
o pazzo
13
Provenien
te Osp.
Civile
Colorno
S. Secondo celibe 1917 demenza [1920
soldato 59
p.se (Pr)
maggio precoce
marzo
reggiment
15
29]
o
Fanteria.
provenient
e dal
manicomi
o di
Treviso
Salerno
celibe 1915 demenza 1915
soldato
giugno precoce
ottobre
trasferito
17
30
al
manicomi
o di
Nocera
Inferiore
Montalto
cgt
1916 lieve e
1916
soldato 4
(Re)
maggio transitorio luglio
Comp.
24
torpore
21
Sanità.
mentale in
Provenien
soggetto da
te Clinica
una forma
neurologic
iniziale
a Parma
(ancora
indetermina
ta) latente
l'asse
cerebrospin
ale
Perturano celibe 1917 demenza 1917
soldato 62
247
num professi
ero
one
75 macellaio
- soldato
75 militare
75 contadin
osoldato
76 soldato
76 maniscal
co soldato
79 sarto soldato
79 contadin
osoldato
80 ragionier
esoldato
80 fattorino soldato
Soldati ricoverati 1915-1918
data
luogo
stato
diagnosi data data
età
domicilio
ingres
note
nascita
civile
malattia uscita morte
so
(Ms)
(Ms)
maggio precoce
settem
Fanteria.
17
bre 11
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
20 Livorno
Livorno
celibe 1916 non
1916
soldato 66
maggio riconosciut giugno
Fanteria.
25
o alienato 25
Provenien
te osp.
Militare
Parma
26 Sestri
Genova
celibe 1918 non
1918
soldato.
Levante
febbrai riconosciut maggio
(Ge)
o 22
o alienato 6
19 Milano
Milano
celibe 1917 stato semi- 1917
soldato 62
maggio stuporoso- luglio
Fanteria.
21
allucinatori 20
Provenien
o (di
te Osp.
natura?)
Militare
Parma
31 Spoleto Spoleto (Pg) cgt
1916 malinconia 1916
soldato 61
(Pg)
maggio ansiosa
settem
Fanteria.
28
bre 22
Provenien
te osp.
Militare
Parma
22 Tortona Tortona (Al) celibe 1917 non
1917
soldato 62
(Al)
maggio riconosciut luglio
Fanteria.
21
o alienato 27
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
34 S.
S. Lazzaro celibe 1916 demenza [1920
soldato 62
Lazzaro p.se (Pr)
giugno precoce
ottobre
Fanteria.
p.se (Pr)
6
23]
Provenien
te osp.
Militare
Parma
36 Bettola
Bettola (Pc) cgt
1917 stato
1917
soldato 62
(Pc)
maggio depressivo settem
Fanteria.
26
bre 14
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
19 Venezia Roma
celibe 1916 non
1916
soldato 2
giugno riconosciut agosto
Granatieri.
6
o pazzo
28
Provenien
(neuropatic
te osp.
oMilitare
nevrastenic
Parma
o)
20 Milano
Milano
celibe 1917 non
1917
soldato 62
maggio riconosciut giugno
Fanteria.
26
o alienato 29
Provenien
te Osp.
Militare
248
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
81 impiegat
o
28 Soragna
(Pr)
81 militare
22 S.
S. Giovanni celibe
Giovanni Teduccio
Teduccio (Na)
(Na)
81 soldato
23 Carpineti Carpineti
(Re)
(Re)
82 militare
27 Ferriere
(Pc)
83 militare
40 Palanzan Palanzano
o (Pr)
(Pr)
celibe
84 militare
24 S. Giorgio
Morgeto
(Rc)
33 Nola (Ce)
S. Giorgio
Morgeto
(Rc)
Nola (Ce)
celibe
Varano
Melegari
(Pr)
Milano
celibe
85 soldato
28 Varano
Melegari
(Pr)
19 Milano
86 calzolaio
- soldato
34 Viadana
(Mn)
Viadana
(Mn)
celibe
86 militare
30 Trecasali Trecasali
(Pr)
(Pr)
86 carrettier
esoldato
25 S.
S. Secondo celibe
Secondo p.se (Pr)
p.se (Pr)
85 contadin
osoldato
85 contadin
o
Fontevivo
(Pr)
Parma
[1945 soldato 4
maggio compagni
18]
a sanità
gruppo
Alpino A
1918 non
1918
soldato
marzo riconosciut maggio
Deposito
2
o alienato 6
granatieri
Scandiano
.
1917 stato
[1918
soldato 66
maggio depressivo gennai
Fanteria.
26
stuporoso o 3]
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
1918 demenza 1918
soldato 32
marzo precoce (?) maggio
fanteria.
2
31
1918 stato
[1919
soldato 4
marzo depressivo giugno
Genio 1
2
in
15]
Reparto.
frenastenoi
de
1918 non
1918
soldato 62
marzo riconosciut maggio
Fanteria.
6
o alienato 6
1916 stato
1916
soldato 10
giugno depressivo settem
Fortezza.
17
bre 19
Provenien
ipocondriac
te osp.
o
Militare
Parma
1918 stato
1918
soldato 4
marzo depressivo giugno
Alpini
7
4
1917 non
1917
soldato 61
giugno riconosciut luglio 6
Fanteria.
6
o alienato
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
1916 demenza [1917
soldato 61
giugno precoce
marzo
fanteria
18
17]
1918 stato
1918
soldato 62
marzo d'arresto
novem
Fanteria.
10
psicomotori bre 4
o
1917 costituzion 1917
soldato 62
giugno e epilettica luglio
Fanteria.
6
20
Provenien
te Osp.
Militare
celibe 1916 demenza
giugno precoce
8
celibe
Ferriere (Pc) celibe
cgt
celibe
cgt
249
note
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
89 contadin
osoldato
20 Ferrera
Ferrera
Erbognon Erbognone
e (Pv)
(Pv)
celibe 1916 demenza
giugno precoce
19
90 soldato
27 Monastier Monastieri
i (Tv)
(Tv)
cgt
90 soldato
23 Messina
91 contadin
osoldato
26 Casale di Pizzolese di celibe 1916 stato
1916
Mezzani Cortile S.
giugno depressivo settem
(Pr)
Martino (Pr)
23
bre 18
ipocondriac
o
91 fabbro soldato
25 Berceto
(Pr)
92 muratore
22 Langhiran Langhirano celibe 1915
o (Pr)
(Pr)
agosto
6
29 Pieve di Pieve di
celibe 1916
Bagnone Bagnone
luglio 1
(Ms)
(Ms)
93 carrettier
esoldato
Messina
1916
settem
bre 2
1916 manifestazi 1916
giugno oni
agosto
21
ipocondriac 4
he
(epilettiche)
1917 non
1917
giugno riconosciut luglio
13
o alienato 26
Berceto (Pr) celibe 1917 demenza 1917
giugno precoce (?) settem
13
bre 15
non
riconosciut
o pazzo
demenza
precoce
1915
settem
bre 12
1916
novem
bre 29
93 militare
25 Masone
(Ge)
Masone
(Ge)
celibe 1918 non
1918
marzo riconosciut maggio
23
o alienato 6
94 facchino
- soldato
29 Parma
Parma (Pr)
celibe 1916 non
1916
luglio 1 riconosciut luglio
o pazzo
29
94 militare
35 S.
S.
Colomban Colombano
1918 accessi di
marzo agitazione
250
1918
maggio
note
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 8
Lancieri
Montebell
o.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 8
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 33
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
soldato 66
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 8
Lancieri
Montebell
o.
soldato 11
Bersaglieri
.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 62
Regg.
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
o (Mi)
(Mi)
25
epilettica
94 contadin
30 Rignano Rignano
vedovo 1917 non
osull'Arno sull'Arno (Fi)
giugno riconosciut
soldato
(Fi)
19
o alienato
95 muratore
28 Fontevivo Fontevivo
(Pr)
(Pr)
96 soldato
39 Medesan Cortile S.
cgt
o (Pr)
Martino (Pr)
96 contadin
osoldato
42 Sacile
(Ud)
Sacile (Pn)
97 calzolaio
23 Torrazza
Costa di
Voghera
(Pv)
Torrazza
Costa di
Voghera
(Pv)
97 sarto
25 Parma
(Pr)
98 militare
29 Velate
(Va)
Borgosesia cgt
(Vc)
98 soldato
20 Matelica
(Mc)
Matelica
(Mc)
1918 stato
marzo confusional
28
eallucinatori
o (di
natura?)
1916 malinconia
luglio 5 ansiosa
data data
uscita morte
16
1917
luglio
10
1918
aprile
15
1916
luglio
29
celibe 1917 stati
[1918
giugno confusional luglio
21
i
15]
allucinatori
intercorrent
i (da
alcool?)
celibe 1915 stato
settem confusional
bre 3 eallucinatori
o di
probabile
natura
epilettica
Fontanellato celibe 1917 demenza
(Pr)
giugno precoce (?)
21
1916
luglio
17
1915
dicemb
re 12
1917
novem
bre 10
malinconia [1917
gennai
o 16]
celibe 1917 costituzion 1917
giugno e
agosto
23
epilettoide 19
(non
251
note
fanteria
soldato 6
Bersaglieri
.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 5
regg.
bersaglieri
soldato 68
Batt. M. T.
[Milizia
territoriale]
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato
319
battaglion
e Milizia
Territorial
e.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
dell'8°
Lancieri di
Montebell
o
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
(militare).
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 28
Artiglieria.
Provenien
te Osp.
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
99 falegnam
esoldato
26 Roma
99 contadin
o
22 Solignano
(Pr)
99 soldato contadin
o
33 Stadirano
di
Lesignan
o Bagni
(Pr)
100 militare
22 Boscotrec
ase (Na)
100 militare
25 Boscotrec
ase (Na)
100 soldato
32 Messina
101 militare
33 Neviano
Arduini
(Pr)
101 soldato contadin
o
43 Neviano
Arduini
(Pr)
102 militare
32 Cenate S.
Martino
(Bg)
102 muratore
27 Colorno
(Pr)
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
note
civile
malattia uscita morte
so
alienato)
Militare
Parma
Roma
celibe 1916 costituzion 1916
soldato 2
luglio e anomala novem
regg.
18
originaria bre 5
Granatieri.
(epilettoide
Provenien
?)
te osp.
Militare
Parma
Solignano celibe 1918 demenza 1918
soldato 7
(Pr)
maggio precoce
agosto
alpini.
5
3
Proviene
dal
manicomi
o di
Verona
Stadirano di cgt
1917 accesso di 1917
soldato 8
Lesignano
giugno disordine settem
Alpini.
Bagni (Pr)
23
ed
bre 11
Provenien
eccitament
te Osp.
o in
Militare
soggetto
Parma
anomalo e
bevitore
Napoli
coniug 1915 non
1915
soldato 62
ato
settem riconosciut ottobre
Regg.
bre 12 o pazzo
3
Fanteria
Boscotrecas cgt
1916 non
1916
soldato 62
e (Na)
luglio riconosciut agosto
Fanteria.
19
o alienato 11
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Messina
cgt
1917 stato
1917
soldato.
giugno depressivo agosto
Provenien
23
in soggetto 30
te Osp.
nevrastenic
Militare
o
Parma
Neviano
cgt
1916 lieve
1916
soldato.
Arduini (Pr)
luglio accesso
agosto
Provenien
19
confusional 11
te osp.
e delirante
Militare
Parma
Neviano
celibe 1917 psicosi
[1926
soldato.
Arduini (Pr)
giugno maniaco- ottobre
Provenien
24
depressiva 2]
te Osp.
Militare
Parma
Bologna
celibe 1916 demenza
[1967 soldato.
luglio precoce
febbrai Provenien
21
o 7]
te osp.
Militare
Parma
Colorno (Pr) celibe 1917 accesso
1917
soldato 3
giugno depressivo novem
regg.
25
di probabile bre 22
artiglieria
252
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
psicosi
maniacodepressiva
106 contadin
26 Besenzon Busseto (Pr) cgt
1917 psicosi
o
e (Pc)
giugno maniaco29
depressiva
107 soldato
38 Padova Padova
1917 stato
giugno stuporoso
29
con sordità
e mutismo
da trauma
fisicopsichico
(scoppio da
granata?)
108 ex
21 Codogno Albareto
celibe 1916 frenastenia
militare
(Pv?)
(Pr)
agosto (con
2
epilessia?)
108 soldato
1917
dicemb
re 23
1917
agosto
22
soldato 61
Fanteria.
1916
agosto
7
soldato
118
reggiment
o Fanteria
soldato 6
Alpini.
Provenien
te Osp.
Militare
Reggio
Emilia
1917
settem
bre 7
111 soldato contadin
o
23 Neviano
Arduini
(Pr)
1917
luglio
23
113 contadin
o
24 Tizzano
Val
Parma
109 militare contadin
o
110 soldato contadin
o
Neviano
celibe 1917 stato
Arduini (Pr)
luglio 6 amenziale
con
eccitament
o (di natura
peiordica?)
Tizzano Val celibe 1918 stato di
Parma (Pr)
giugno eccitament
26
o e di
253
note
da
montagna
1917 disordine
giugno ideativo e
29
del
contegno in
soggetto
anomalo e
dedito
all'alcool
21 Trecasali Trecasali
celibe 1918 stato
(Pr)
(Pr)
giugno allucinatori
4
o (di
natura?
Inizio di
demenza
precoce?)
36 Trecasali Torrile (Pr) cgt
1917 stato
(Pr)
luglio 1 depressivo
di natura
probabilme
nte
periodica
25 Buenos Fontanellato celibe 1917 stato
Aires
(Pr)
luglio 6 ansioso
(Argentin
depressivo
a)
ipocondriac
o
109 cascinaio
- militare
30 Rossano Rossano
(Vi)
(Vi)
data data
uscita morte
soldato
255
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Reggio
Emilia
1918
settem
bre 1
soldato. 3
Artiglieria
da
Fortezza
1917
agosto
12
soldato
237
Ospedale
da Campo
1917
settem
bre 9
soldato 6
Sussisten
za.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Soldato 3
artiglieria
da
1918
luglio 5
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
(Pr)
disordine
(di natura?)
113 soldato
42 Reggio
Reggio
1917 stato
Emilia
Emilia
luglio depressivo
12
ipocondriac
o
114 militare
22 Mattino
(Le)
114 soldato
27 Giugliano Giugliano
(Na)
(Na)
115 militare
29 Napoli
115 soldato
34 Fornovo S.
Taro (Pr) Pancrazio
(Pr)
data data
uscita morte
montagna
1917
agosto
30
Mattino (Le) celibe 1916 non
1916
agosto riconosciut settem
14
o alienato bre 19
Napoli
1917
luglio
12
non
1917
riconosciut agosto
o alienato 17
cgt
1916 stato
agosto depressivo
16
delirante
cgt
1917
luglio
12
psicastenia 1917
settem
bre 21
116 contadin
osoldato
30 Scandian Golese (Pr) cgt
o (Re)
1917
luglio
13
1917
settem
bre 28
119 soldato
21 Napoli
Napoli
stato
depressivo
con accessi
confusional
i
allucinatori
(da
probabile
abuso di
alcool)
celibe 1916 ottusità
agosto affettiva in
23
criminaloid
e
120 sarto soldato
26 Milano
Milano
celibe 1916 imbecillità
agosto
23
1916
novem
bre 22
123 bracciant
e-
18 Pietrasant Pietrasanta cgt
a (Lu)
(Lu)
254
1917
luglio
non
alienato
note
1916
novem
bre 24
[1917
luglio
soldato 4
Comp.
Sanità.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Soldato
112
reggiment
o fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 42
Compagni
a
presidiaria
soldato 98
reparto
mitraglieri
23
divisione.
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
soldato
124 contadin
osoldato
26 Uzzano
(Lu)
124 agricoltor
esoldato
23 Palmanov
a (Ud)
126 militare
25 Roma
127 calzolaio
- soldato
21 Melito
(Na)
127 muratore
23 Soragna
(Pr)
128 soldato
18 Santa
Luce (Pi)
129
44 Albareto
di
Borgotaro
(Pr)
129 fabbro soldato
27 Venezia
130 soldato
24 Villanova
d'Arda
(Pc)
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
note
civile
malattia uscita morte
so
13
21]
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Uzzano (Lu) celibe 1916 stato
[1917
soldato 61
settem depressivo gennai
Fanteria.
bre 2 ipocondriac o 7]
Provenien
o
te osp.
Militare
Parma
Palmanova celibe 1917 non
1917
soldato 2
(Ud)
luglio alienato
agosto
Granatieri.
13
(lieve
22
torpore da
abusi
alcoolici)
Roma
celibe 1916 non
[1916
soldato 2
settem verificata
ottobre
regg.
bre 9 pazzia
12]
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Melito (Na) celibe 1916 non
1916
soldato 62
settem riconosciut ottobre
Fanteria.
bre 9 o alienato 12
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Soragna
celibe 1918 epilessia
1918
soldato
(Pr)
luglio
agosto
21
18
Santa Luce celibe 1917 demenza 1917
soldato 62
(Pi)
luglio precoce
settem
Fanteria.
21
bre 19
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Albareto di cgt
1915 malinconia
traferito
Borgotaro
novem delirante (di
dal
(Pr)
bre 23 natura
manicomi
ancora
o di
imprecisabi
Genova
le)
Cogoleto.
Soldato?
Venezia
celibe 1916 costituzion [1917
soldato 2
settem e originaria gennai
Granatieri.
bre 26 neuropatica o 31]
Provenien
te osp.
Militare
Parma
Villanova
1916 stato
1916
soldato 28
d'Arda (Pc)
settem stuporoso novem
Artiglieria.
bre 27 catatonico bre 5
Provenien
(di natura?)
te osp.
Militare
255
num professi
età
ero
one
130 contadin
o
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
28 Varano
Melegari
(Pr)
20 Nemi
(Roma)
Varano
Melegari
(Pr)
Nemi
(Roma)
131 impiegat
o
28 Parma
Parma (Pr)
132
23 Vicenza
Vicenza
132 soldato
20 Livorno
Livorno
133 contadin
osoldato
26 Fornovo Gaiano di
Taro (Pr) Collecchio
(Pr)
cgt
134 barbiere soldato
21 Napoli
Napoli
celibe 1916 non
1916
ottobre riconosciut novem
5
o alienato bre 13
135 soldato
24 Roma
Roma
celibe 1916 non
1916
ottobre riconosciut ottobre
5
o alienato 24
135 contadin
o
22 Varano
Melegari
(Pr)
Varano
Melegari
(Pr)
1918
dicemb
re 7
137 contadin
o
25 Bologna
Torrile (Pr)
celibe 1918 imbecillità agosto accesso di
9
eccitament
o
celibe 1918 demenza
agosto precoce
10
138
19 Roma
Roma
celibe 1915 epilessia
dicemb (sospetta)
[1916
febbrai
131
celibe 1918
luglio
22
celibe 1915
dicemb
re 4
celibe 1918
luglio
22
1915
dicemb
re 6
stato
1918
depressivo agosto
25
demenza
[1919
precoce
gennai
o 16]
demenza 1918
precoce
settem
bre 6
non
[1916
riconosciut gennai
o pazzo
o 11]
(però semiinfermo art.
47 c.p.)
celibe 1916 lieve stato 1916
ottobre depressivo dicemb
1
(di natura?) re 12
256
1916 stato
1917
ottobre depressivo gennai
2
con
o7
tendenza al
suicidio
1918
ottobre
8
note
Parma
soldato 15
Alpini
Soldato
61 Regg.
Fanteria
soldato
soldato 22
regg.
cavallegg
eri
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 3
artiglieria
da
montagna.
soldato
1815
comp.
Mitragl..
Proviene
dal centro
di prima
raccolta di
Reggio
Emilia
soldato 2
Granatieri
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
re 25
138 calzolaio
30 Vigatto
Montechiaru cgt
1916 stato
(Pr)
golo (Pr)
ottobre depressivo
12
ansioso
138 contadin
o
30 Varsi (Pr) Varsi (Pr)
138 infermier
esoldato
31 Pieve
Pieve
Modolena Modolena
(Re)
(Re)
celibe 1918
agosto
17
cgt
1917
luglio
31
139 contadin
o
31 Varsi (Pr) Varsi (Pr)
cgt
140 soldato
21 Golasecc Gallarate
a (?)
(Va)
celibe 1916 imbecillità
ottobre (lieve)
18
142 negozian
te
39 Noceto
(Pr)
142 soldato
34 Belmonte Belmonte
Mezzagn Mezzagno
o (Pa)
(Pa)
Noceto (Pr) cgt
1918 stato
[1919
agosto depressivo febbrai
19
o 4]
1916
dicemb
re 12
1918 stato
[1942
agosto depressivo luglio
23
30]
144 contadin
osoldato
144 contadin
o
26 Torrile
(Pr)
Torrile (Pr)
o 23]
[1919
febbrai
o 4]
stato
1918
depressivo agosto
31
non
1917
riconosciut ottobre
o alienato 10
(nevrasteni
a)
celibe 1917 disturbi
agosto sensoriali
1
in soggetto
originariam
ente
squilibrato
22 Tortona Tortona (Al) celibe 1917 stato
(Al)
agosto depressivo
7
in soggetto
di
costituzion
e anomala
23 Vernasca Vernasca
celibe 1916 lieve
(Pc)
(Pc)
novem deficienza
bre 1 intellettuale
143 soldato maniscal
co
data data
uscita morte
1917
novem
bre 1
[1918
gennai
o 19]
1916
dicemb
re 15
celibe 1918 stato
[1920
agosto depressivo- luglio
257
note
soldato
115
Fanteria.
provenient
e
manicomi
o
S.Lazzaro
Reggio
Emilia
soldato 90
fanteria
soldato 4
Comp.
Sanità.
Provenien
te Osp.
Militare
Piacenza
Soldato
26
artiglieria
da
campagna
soldato 26
Fanteria.
Fratello di
Giovanni
soldato
133
battaglion
e Milizia
Territorial
e
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 28
Artiglieria.
Provenien
te osp.
Militare
Colorno
soldato 90
Fanteria
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi data data
età
domicilio
ingres
note
ero
one
nascita
civile
malattia uscita morte
so
26
catatonico 24]
(demenza
precoce?)
145 militare
26 Felino
Felino (Pr) celibe 1917 demenza
[1943 soldato 4
riformato
(Pr)
agosto precoce
ottobre alpini.
16
21]
Provenien
te
manicomi
o di Torino
- Collegno
146 soldato
36 Vezzano Vezzano
1917 malinconia 1917
soldato 61
(Re)
(Re)
agosto
ottobre
Fanteria.
17
18
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
147 contadin
40 Montechi Sorbolo (Pr) cgt
1916 melanconia
[1946 sergente
oarugolo
novem
novem 226
soldato
(Pr)
bre 14
bre 24] Battaglion
e M.T.
147 contadin
23 Langhiran Langhirano celibe 1918 stato di
[1919
soldato 4
o
o (Pr)
(Pr)
settem disordine gennai
Alpini
bre 3 ed
o 3]
eccitament
o
148 militare
23 Nocera
Nocera Inf. cgt
1916 non
1916
soldato 61
Inf. (Sa) (Sa)
novem riconosciut dicemb
reggiment
bre 14 o alienato re 18
o fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
149 militare
19 Desenzan Desenzano
1917 demenza [1917
soldato
o (Bs)
(Bs)
agosto precoce (?) ottobre
allievo
24
8]
ufficiale
scuola
applicazio
ne
fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
150 soldato
30 Como
Como
1916 lieve stato [1917
soldato 62
novem depressivo gennai
Fanteria.
bre 17 in soggetto o 16]
Provenien
torpido ed
te osp.
artritico
Militare
Parma
150 mugnaio
21 Pizzolese Pizzolese di celibe 1918 demenza 1918
soldato
di Cortile Cortile S.
settem precoce (?) settem
S. Martino Martino (Pr)
bre 3
bre 29
(Pr)
150 militare
21 Roma
Roma
1917 stato
1917
soldato 42
agosto stuporoso novem
Regg.
24
catatonico bre 22
Fanteria.
258
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
151 tornitore soldato
29 Roma
152 contadin
osoldato
23 Gambara Gambara
(Bs)
(Bs)
152 militare
18 Compiano Compiano
(Pr)
(Pr)
154 soldato
20 Molinotto Molinotto
(Bs)
(Bs)
155 contadin
o
25 Pagazzan
o di
Berceto
(Pr)
24 Milano
Pagazzano celibe 1918 eccitament
di Berceto
ottobre o in
(Pr)
7
frenastenoi
de
Milano
celibe 1916 non
1916
novem riconosciut dicemb
bre 28 o alienato re 19
157 bracciant
e
22 Agordo
(Bl)
Pordenone
158 calzolaio
39 Parma
Parma (Pr)
158 militare
32 Trassilico Vergenzoli
(Lu)
(Lu)
159 soldato
riformato
30 Salsomag Salsomaggi
giore (Pr) ore (Pr)
156 elettricist
asoldato
Roma
celibe 1916 non
1916
novem riconosciut dicemb
bre 19 o alienato re 9
cgt
1916 accessi
novem confusional
bre 21 i
allucinatori
in soggetto
isteroide
celibe 1917 stato
agosto stuporoso28
depressivo
[1917
marzo
22]
celibe 1917 imbecillità
settem con note
bre 8 epilettoidi
1917
novem
bre 29
celibe 1918
ottobre
15
celibe 1918
ottobre
15
cgt
epilessia
(?)
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te osp.
Militare
Parma.
Dimesso
art. 66
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 94
reggiment
o fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
[1934 soldato
giugno 161 batt.
12]
Contraerei
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te osp.
Militare
Parma
soldato 79
fanteria
1918
ottobre
19
psicosi
maniacodepressiva
[1956
aprile
19]
1917 stato
[1918
settem depressivo marzo
bre 14 ipocondriac 3]
o
1916 demenza
dicemb precoce
259
[1918
giugno
21]
[1919
giugno
note
soldato 2
Artiglieria.
militare
riformato
soldato 28
regg.
artiglieria.
Provenien
te Osp.
Colorno
soldato 8
Alpini.
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi data data
età
domicilio
ingres
note
ero
one
nascita
civile
malattia uscita morte
so
re 12
16]
provenient
e
manicomi
o Treviso
159 militare
23 Piacenza Genova
celibe 1917 non
1917
soldato 8
settem riconosciut novem
Lancieri
bre 17 o alienato bre 14
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
161 soldato
34 Legnaro Legnaro
cgt
1916 stato
[1917
soldato 2
(Pd)
(Pd)
dicemb depressivo febbrai
Granatieri.
re 22 in soggetto o 21]
Provenien
torpido
te osp.
Militare
Parma.
161 militare
20 Castelnuo Castelnuovo celibe 1917 costituzion 1917
Soldato
vo Val
Val Cecina
settem e anomala dicemb
61
Cecina
(Li)
bre 18 originaria re 1
fanteria.
(Pi)
con note
Provenien
epilettoidi
te Osp.
Militare
Parma
162 bracciant
36 Bracca
Bracca (Bg) cgt
1918 non
1918
soldato
e
(Bg)
ottobre alienato
novem
22
(?)- lieve
bre 22
stato
confusional
edepressivo
da
eccitament
o
162 militare
23 S. Sofia S. Sofia
celibe 1917 demenza
1917 soldato.
d'Epiro
d'Epiro (Cs)
settem precoce
novem Provenien
(Cs)
bre 18
bre 13 te Osp.
Militare
Parma
163 terrazzier 39 S. Ilario Parma (Pr) celibe 1917 alcoolismo 1917
soldato 69
e
d'Enza
settem
settem
Compagni
(Re)
bre 22
bre 30
a
Centuria.
Provenien
te Real
manicomi
o Aversa
169 contadin
36 Borgo
Sorbolo (Pr) cgt
1917 epilessia
1917
soldato 12
o
Coenzo
settem
novem
regg.
(Pr)
bre 30
bre 14
fanteria
172 militare
26 Cuneo
Ancona
celibe 1917 stato
1917
soldato 7
ottobre confusional novem
Comp.
11
e
bre 22
Mitraglieri
depressivo
Fiat
provvisori
260
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
173 militare
21 Stigliano
(Pz)
174 militare meccanic
o
19 La Spezia Milano
176 militare
177 militare
178 cacciolai
o
Stigliano
(Pz)
1917 demenza [1918
ottobre precoce (?) gennai
12
o 31]
celibe 1917 costituzion [1918
ottobre e
gennai
13
epilettoide o 10]
(?)
19 Milano
Milano
celibe 1917 non
1917
ottobre riconosciut novem
18
o alienato bre 25
24 Montechi S. Lazzaro celibe 1917 demenza
[1933
arugolo
(Pr)
ottobre precoce
aprile
(Pr)
19
23]
24 S.
S. Secondo celibe 1917 demenza [1918
Secondo (Pr)
ottobre precoce
febbrai
(Pr)
22
o 19]
179 bracciant
emilitare
181
22 Grisolera Grisolera
(Ve)
(Ve)
celibe 1917
ottobre
22
Neviano
celibe 1917
Arduini (Pr)
ottobre
26
demenza
precoce
19 Neviano
Arduini
(Pr)
demenza
precoce
184 contadin
o
23 Mulazzo
(Ms)
188 militare
Parma (Pr)
[1919
febbrai
o 2]
celibe 1917 demenza
ottobre precoce
30
[1918
agosto
20]
24 Patti (Ct) Patti (Ct)
celibe 1917 non
novem alienato
bre 4
[1918
febbrai
o 6]
189 manoval
emilitare
21 Napoli
Napoli
celibe 1917 non
1917
novem riconosciut novem
bre 4 o alienato bre 25
191 vetturale
19 Milano
Milano
celibe 1917 epilessia
novem
bre 6
261
[1918
gennai
o 10]
note
a.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
Reparto
custodia
disertori.
soldato 61
Fanteria.
soldato.
soldato 2
art.
Fortezza.
Provenien
te manic.
Verona
soldato.
[1923 soldato 8
settem regg.
bre 20] Alpini.
Provenien
te manic.
Treviso
soldato 35
Fanteria.
Provenien
te manic.
Voghera
soldato 8
Lancieri
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
194 vetraio 18 Livorno
Livorno
celibe 1917 non
militare
novem riconosciut
bre 14 o alienato
195 fabbro 20 Milano
Milano
celibe 1917 imbecillità
militare
novem con labe
bre 14 ereditaria
196 militare
37 Mercatell Mercatello
1917 non
o (Sa)
(Sa)
novem alienato
bre 18
data data
uscita morte
[1918
gennai
o 31]
1917
dicemb
re 17
[1918
gennai
o 19]
197 militare
33 Piana
Piana
Valdagno Valdagno
(Vi)
(Vi)
cgt
199 militare
26 Arsiè (Bl) Arsiè (Bl)
celibe 1917 stato
[1919
novem depressivo ottobre
bre 30 ipocondriac 14]
o
200 contadin
o
20 Zibello
(Pr)
celibe 1917 psicosi
1917
novem maniaco- dicemb
bre 30 depressiva re 16
(?)
201 militare
27 Principato Torino
di
Monaco
cgt
202 militare
31 Lainata
(?)
Passirano
(Bs)
cgt
203 militare telefonist
a
205 militare
19 Carrara
(Ms)
Carrara
(Ms)
Zibello (Pr)
1917 malinconia [1918
novem ansiosa
febbrai
bre 19 allucinatori o 12]
a
1917 non
dicemb riconosciut
re 1
o alienato
(lieve
depression
e
transitoria)
1917 stato
dicemb depressivore 1
malinconic
o
celibe 1917
dicemb
re 3
33 Passineti Castagnolo cgt
1917
(?)
bolognese
dicemb
(Bo)
re 4
262
costituzion
e
epilettoide
stato
dementale
(demenza
paralitica?)
[1918
gennai
o 24]
[1918
gennai
o 31]
[1918
maggio
15]
[1918
gennai
o 19]
note
soldato 25
Regg.
Fanteria.
soldato 25
Fanteria.
soldato 63
regg.
fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 2
Granatieri.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 7
Alpini.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Provenien
te manic.
Alessandri
a. soldato
164
Fanteria.
soldato 1
Genio 34
Divisione.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
fanteria.
soldato
deposito
bombardie
ri
Fornovo.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Soldati ricoverati 1915-1918
data
num professi
luogo
stato
diagnosi
età
domicilio
ingres
ero
one
nascita
civile
malattia
so
206 militare
39 Produro e Bologna
1917 stato
Sasso
dicemb depressivo(Bo)
re 4
ipocondriac
o in
soggetto
deperito
Neirone
(Ge)
data data
uscita morte
[1918
gennai
o 19]
207 militare
24 Neirone
(Ge)
1917 stato
[1918
dicemb stuporoso febbrai
re 7
in
o 14]
frenastenoi
de
208 militare
25 Oppido
Oppido
Mamertin Mamertina
a (Rc)
(Rc)
[1918
marzo
22]
209 militare barbiere
19 Pieve
Quinto
(Fo)
1917 stato
dicemb confusional
re 7
e con
mutismo di
natura
isterotraumatica
Pieve
celibe 1917 lieve
Quinto (Fo)
dicemb depression
re 11 e e stupore
[1918
febbrai
o 5]
210 militare
31 Afragola
(Na)
Afragola
(Na)
[1918
marzo
3]
211 militare
[?]
24 Berceto
(Pr)
Berceto (Pr)
213 militare
31 Miano
(Na)
Miano (Na) cgt
214 militare
19 Milano
Milano
cgt
1917 disordine
dicemb del
re 12 contegno in
soggetto
originariam
ente
anomalo
con
tendenza
alla
simulazion
e
1917 demenza
dicemb precoce
re 12 catatonica
[1918
aprile
7]
1917 malinconia [1918
dicemb
febbrai
re 16
o 12]
celibe 1917 costituzion [1918
dicemb e
aprile
re 18 epilettoide 15]
263
note
soldato
123
Battaglion
e M.T.
[Milizia
territoriale]
.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 62
Fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 72
Fanteria
reparto
custodia
disertori.
soldato 35
fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
136
Fanteria.
Provenien
te
manicomi
o Como
soldato.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato 61
Fanteria.
Provenien
te Osp.
num professi
età
ero
one
luogo
nascita
Soldati ricoverati 1915-1918
data
stato
diagnosi data data
domicilio
ingres
civile
malattia uscita morte
so
215 militare
23 Genova
Piacenza
216 militare
29 Chiaramo Chiaramonti
nti (Pz)
(Pz)
218 militare calzolaio
20 Montaggi Montaggio
o (Ge)
(Ge)
celibe 1917 stato
[1918
dicemb depressivo marzo
re 26 (demenza 3]
precoce?)
219 militare
23 Casalbutt Pozzaglio
ano (Cr) (Cr)
celibe 1917 stato
dicemb stuporoso
re 28 catatonico
acuto
269 contadin
o
22 Varano
Melegari
(Pr)
celibe 1918 demenza
dicemb precoce
re 13
Varano
Melegari
(Pr)
celibe 1917 non
[1918
dicemb riconosciut febbrai
re 20 o alienato o 14]
1917 frenastenia [1918
dicemb / imbecillità marzo
re 22
3]
264
1917
giugno
20
note
Militare
Parma
soldato 8
Lancieri
Montebell
o.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato
132
fanteria.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
Soldato
11
artiglieria
da
campagna
.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
soldato.
Provenien
te Osp.
Militare
Parma
[1933 soldato 3
agosto artiglieria
29]
da
montagna
Fonti
1. Archivi
Archivio dell’Ospedale psichiatrico di Colorno, Carteggio amministrativo
Personale
Registri dei movimenti di popolazione
Cartelle cliniche
Archivio della Provincia di Parma, Atti della Deputazione provinciale
Atti del Consiglio provinciale
Beneficenza
Archivio dell’Ufficio storico dello Stato Maggiore dell’Esercito
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Casellario politico centrale
Ministero dell’Interno, Categorie annuali
Ministero dell’Interno, Direzione affari generali e riservati
Ministero dell’Interno, Direzione generale sanità pubblica
Archivio di Stato di Parma,
Amministrazione degli Ospizi civili
Gridario
Gabinetto di Questura
265
2. Articoli su rivista
Alberti, Angelo, Le psicosi di guerra, in “Note e riviste di psichiatria”,
Amadei, L’assistenza femminile in un comparto maschile del Manicomio Provinciale di
Cremona, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 41, a. LII, 1915, pp. 635-636.
Antonini, Giulio, La questione della epurazione dall’esercito dei criminali, anomali ed
indisciplinati, in “Archivio di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale”, vol.
38, 1917, pp. 17-26.
Bennati, Nando, La etiologia determinante nella nevrosi traumatica di guerra, in “Rivista
sperimentale di Freniatria”, vol. 42, 1916, pp. 49-86.
Bertarelli, Ernesto, Gli ospedali militari di Parma, in “Aurea Parma”, n. 3, luglio-dicembre
1915, pp. 168-177.
Boschi, Gaetano, Bennati, Nando, L’anafilassi neuropsichica, in “Giornale di psichiatria
clinica e tecnica manicomiale”, anni XLV-XLVI, 1917-18, pp. 59-70.
Bucciante, Pazzia morale e legge militare, intervento al XIV Congresso della Società
freniatrica italiana, Perugia, 3-7 maggio 1911, in “Rivista sperimentale di freniatria”, vol.
38, a. XLIX, 1912, pp.246-248.
Buscaino, Vito Maria, Esperienza psichiatrica di guerra, in “Rivista di patologia nervosa e
mentale”, fasc. 5-8, vol. XXIV, maggio-agosto 1919, pp. 221-238.
Catola, Giunio, Neuropatologia di guerra. Le ferite dei nervi periferici, in “Rivista di
patologia nervosa e mentale”, fasc. 9, vol. XX, settembre 1915, pp. 533-554.
Cazzamalli, Ferdinando, La guerra come avvenimento storico degenerogeno, in “Archivio
di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale”, vol. XXXIX, 1919, pp. 191-229.
Consiglio, Placido, La medicina militare nei suoi rapporti con le dottrine lombrosiane, in
“Rivista Sperimentale di Freniatria”, a. LVIII, 1924, pp. 407-412.
Consiglio, Placido, La pazzia dei militari in guerra, in XIV Congresso di Freniatria
Italiana, Perugia, 3-7 maggio 1911, in “Rivista sperimentale di Freniatria”, n. 38, a. XLIX,
1912, pp. 253-256.
Consiglio, Placido, Le anomalie del carattere dei militari in guerra, in “Rivista
sperimentale di Freniatria”, vol. 42, 1916, pp. 131-177.
Consiglio, Placido, Psicosi, nevrosi e Criminalità nei militari in guerra, in “Archivio di
antropologia criminale, psichiatria e medicina legale”, vol. 37, 1916, pp. 258-268.
Consiglio, Placido, Studi di psichiatria militare (I), in “Rivista sperimentale di freniatria”,
vol. 38, a. XLIX, 1912, pp. 370-410.
266
Consiglio, Placido, Studi di psichiatria militare (III), in “Rivista sperimentale di
Freniatria”, n. 40, 1914.
Consiglio, Placido, Studi di psichiatria militare (IV), in “Rivista Sperimentale di
Freniatria”, vol. 41, a. LII, 1915, pp. 35-80.
Cuneo, Girolamo, Lo studio delle simulazioni con metodi di indagine biochimici, in
“Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 45, a. LIV, 1919, pp. 325-330.
De Lisi, Lionello, Foscarini, Ezio, Psiconevrosi di guerra e piccole cause emotive, in
“Note e riviste di psichiatria”, n. 1, 1920, pp. 9-130.
De Sanctis, Sante, L’isterismo di guerra, in “Rivista sperimentale di Freniatria”, vol. 42, a.
LIII, 1916, pp. 463-504.
Del Rio, Maria, Le malattie mentali della donna in rapporto alla guerra, in “Rivista
sperimentale di Freniatria”, vol. 42, a. LIII, 1916, pp. 87-108.
F.B., Alois Alzheimer, in “Rivista Sperimentale di Freniatria”, vol. 41, a. LII, 1915, p. 644.
Funaioli, Gaetano, Organizzazione del servizio medico-psichiatrico nell’esercito, in
“Rivista sperimentale di freniatria”, vol. 38, a. XLVIII, 1911, pp. 337-368.
Gradenigo, G., Mutismo, afonia, sordità nei militari: di origine psichica, da cause
organiche: simulazioni e criteri differenziali obiettivi, in “Rivista di patologia nervosa e
mentale”, fasc. 3, vol. XXII, marzo 1917, pp. 113-131.
Kobylinsky, Michele, recensione a Wilhelm Weygandt, Geisteskrankheiten im Kriege e a
Robert Wollenberg, Nervöse Erkrankungen bei Kriegsteilnehmern, in “Quaderni di
psichiatria”, n. 4, aprile 1915, vol. II, pp.175-176.
La Direzione, Come provvedere ai casi di malattie nervose e mentali negli eserciti in
guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 5, maggio 1915, vol. II, pp. 232-235.
La Direzione, I due imperatori di fronte alla psicopatologia, in “Quaderni di psichiatria”,
n. 5, maggio 1915, pp. 211-214.
La Direzione, Lo stato anormale di mente dei Tedeschi, in “Quaderni di psichiatria”, n. 910, settembre-ottobre 1915, pp. 394-395.
La Direzione, Lo stato mentale del Kaiser, in “Quaderni di psichiatria”, n. 7-8, luglioagosto 1915, pp. 338-339.
La Redazione, recensione a E. Montembault, Des maladies mentales chez les militaires,
pendant la Guerre actuelle, in “Quaderni di psichiatria”, n. 5-6, maggio-giugno 1918, vol.
V, p. 116.
La Redazione, recensione a Paul Chavigny, Étude médico-légale sur les mutilations
volontaires par coup de feu, in “Quaderni di psichiatria”, n. 4, aprile 1915, vol. II, p. 187.
267
La Redazione, Una scoperta della scienza tedesca! Il “fenomeno del Salmon” pirateggiato
in Germania, in “Quaderni di psichiatria”, n.1-2, gennaio-febbraio 1916, pp. 9-11.
Lo stato mentale dei protagonisti del Conflitto mondiale, in “Quaderni di psichiatria”, n. 12, gennaio-febbraio 1916, p. 35.
Lugaro, Ernesto, La psichiatria tedesca nella storia e nell’attualità, in “Rivista di
patologia nervosa e mentale”, fasc. 2, vol. XXII, febbraio 1917, pp. 65-104.
Lugaro, Ernesto, Pazzia d’imperatore o aberrazione nazionale?, in “Rivista di patologia
nervosa e mentale”, fasc. 7, vol. XX, luglio 1915, pp. 385-414.
Lugaro, Ernesto, recensione a G. Elliott Smith and T. H. Pear, Shell Shock and its lessons,
Longman, London 1917, in “Rivista di patologia nervosa e mentale”, fasc. 5, vol. XXII,
maggio 1917, pp. 324-327.
Manicomi, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1916, vol. III, p. 243.
Mendicini, A., I centri neurologici nella mostra nazionale delle opere di assistenza
nell’esercito, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1918, vol. V, pp. 229234.
Modena, Bruno, Le tonalità affettive nei malati di guerra, in “Giornale di psichiatria
clinica e tecnica manicomiale”, aa. XLIII-XLIV, 1915-1916, pp. 115-120.
Modena, Gustavo, La psicoanalisi in Neuropatologia ed in Psichiatria, in “Quaderni di
psichiatria”, n. 6, giugno 1915, vol. II, pp. 241-251.
Morselli, Arturo, recensione a Arthur F. Hurst, L’isterismo nei militari, in “Quaderni di
psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1918, vol. V, pp. 236-237.
Morselli, Arturo, Sugli stati confusionali psichici da guerra, in “Quaderni di psichiatria”,
n. 3-4, marzo-aprile 1917, vol. IV, pp. 45-52.
Morselli, Enrico, I mongoloidi in Europa, in “Archivio di antropologia criminale,
psichiatria e medicina legale”, vol. 38, 1917, pp.67-70.
Morselli, Enrico, recensione a F. Boucherot, Des maladies mentales dans l’Armée en temps
de Guerre, in “Quaderni di psichiatria”, n. 3-4, marzo-aprile 1917, vol. IV, p. 62.
Nei manicomi del Veneto invaso, in “Giornale di psichiatria e tecnica manicomiale”, anni
XLV-XLVI, 1917-18, pp. XLVIII-LI.
Organizzazione dei Servizii Neuro-psichiatrici dell’Esercito, in “Quaderni di psichiatria”,
n. 3-4, marzo-aprile 1918, vol. V, p. 92.
Organizzazioni di Servizi Neurologico-Psichiatrici per i Belligeranti, in “Quaderni di
psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1915, vol. II, p. 396.
268
Pastine, Cristoforo, Mitomania bellica in un soldato isterico, in “Quaderni di psichiatria”,
n. 5-6, maggio-giugno 1918, vol. V, pp. 108-115.
Per la organizzazione dei Servizi Neuropsichiatrici Militari, in “Quaderni di Psichiatria”,
vol. IV, 1917, p. 87.
Pellacani, Giuseppe, Le neuropatie emotive e le psiconevrosi nei combattenti, in “Rivista
sperimentale di freniatria”, a. LIV, 1919, pp. 369-442.
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 6, giugno 1915, vol. II, pp. 285-286.
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 7-8, luglio-agosto 1915, vol. II, pp.
338-342.
Psichiatria e guerra, in “Quaderni di psichiatria”, n. 9-10, settembre-ottobre 1915, vol. II,
p. 397.
Riva, Emilio, Il centro psichiatrico militare di I raccolta, in “Rivista sperimentale di
freniatria”, a. LIV, 1919, pp. 308-324.
Riva, Emilio, Un anno di servizio presso il Centro Psichiatrico Militare della Zona di
Guerra. impressioni ed appunti, in “Rivista sperimentale di freniatria”, a. LIV, 1919, pp.
443-459.
Salerni, Augusto, Sulle emozioni della guerra come causa di malattie mentali. Nota
clinica, in “Note e riviste di psichiatria”, n. 4, ottobre-dicembre, a. XLIII, 1913, pp. 363377.
Tamburini, Augusto, L’organizzazione del servizio nevro-psichiatrico di guerra nel nostro
esercito, in “Rivista sperimentale di freniatria”, 1917, p. 83.
Tamburini, Augusto, Sul servizio psichiatrico di guerra, in “Rivista Sperimentale di
Freniatria”, vol. 41, a. LII, 1915, pp. 509-511.
Ugolotti, Ferdinando, Ricercando fra le cartelle mediche dell’istituto. Note cliniche del
Dott. Ferdinando Ugolotti, in “Giornale di psichiatria clinica e tecnica manicomiale”,
Fasc. 3-4, anno 36, 1908, pp. 461-479.
Ugolotti, Ferdinando, Sopra un caso di lesione del nucleo lenticolare di sinistra.
Contributo anatomo-clinico del dott. F. Ugolotti, Tip. Galileiana, Firenze 1911.
Vidoni, Giuseppe, Intorno alla “Psicologia del nostro Soldato”, in “Quaderni di
psichiatria”, vol. 6, 1919, pp. 33-40.
Vidoni, Giuseppe, recensione a U. M. Masini, Epilessia e delitto, in “Quaderni di
Psichiatria”, 1914, p. 374.
Vidoni, Giuseppe, Un esperimento di assistenza femminile agli ammalati di mente
ricoverati in manicomio, in “Quaderni di psichiatria”, n. 2, vol. II, febbraio 1915, pp. 69-89
269
Zalla, Maurizio, Le perturbazioni psichiche nei militari in tempo di guerra, in “Rivista di
patologia nervosa e mentale”, fasc. 4, vol. XX, aprile 1915, pp. 205-211.
Zanon Del Bò, Luigi, Se esistono particolari forme di psicosi in dipendenza della guerra,
in “Archivio generale di neurologia, psichiatria e psicoanalisi”, vol. 2, 1921, pp. 53-65.
3. Relazioni, progetti e statistiche
Direzione generale della Statistica, Risultati dell’inchiesta sulle condizioni igieniche e
sanitarie nei comuni del Regno. Notizie relative ai comuni capoluoghi di provincia, Roma
1886.
Francesco Barbuti, Monografia dell’agricoltura parmense compilata per incarico della
Giunta Parlamentare per l’inchiesta agraria e sulle condizioni della classe agricola in
Italia, Ferrari, Parma 1880.
Intorno al riordinamento del Manicomio di Colorno, tip. G. Ferrari e figli, Parma 1903.
Lorenzo Monti, Progetto di riduzione a manicomio della R. Villa e del già Convento dei
Domenicani in Colorno presentato all’egregia Deputazione provinciale di Parma dal dott.
L. Monti in concorso dell’architetto G. Castelli, tip. G. Ferrari e figli, Parma 1872.
Manicomio provinciale di Colorno. Regolamento speciale conforme alla legge 14 febbraio
1904 n. 36 e al regolamento 16 agosto 1909 n. 615, tip. Zerbini e Fresching, Parma 1912.
Ministero della guerra, Ufficio statistico, Statistica dello sforzo militare italiano nella
prima guerra mondiale. Dati sulla giustizia e disciplina militare, Roma 1927.
Ministero di Agricoltura, industria e commercio, Direzione generale della Statistica,
Statistica dei ricoverati in ospedali e in altri istituti di assistenza pubblici e privati, tip. G.
Civelli, Roma 1924.
Relazione del comitato permanente per lo studio delle cause della pellagra e dei mezzi atti
a combatterla istituito dal Consiglio provinciale di Parma con deliberazione 25 novembre
1882, Tip. Ferrari, Parma 1885.
Relazione della Commissione di sanità sul cholera dell’anno 1873, Parma 1874.
Sul funzionamento dell’istituto medico-pedagogico di Bertalia. Relazione della
commissione nominata dalla Deputazione provinciale, Tip. Merlani, Bologna 1913.
Sul progetto di ampliare l’attuale manicomio in Parma. Relazione 10 0ttobre 1873, Tip. G.
Ferrari e figli, Parma 1873.
Tomasi, Luigi, L’Ospedale Psichiatrico Provinciale dal 1948 al 1955. Relazione del Prof.
Luigi Tomasi Direttore all’On.le Giunta Provinciale, Tip. G. Ferrari e figli, Parma 1956.
270
Ugolotti, Ferdinando, Per l’anatomia patologica della paralisi pseudo bulbare. Ricerche
dei dottori Pietro Guizzetti e Ferdinando Ugolotti, Società tipografica Fiorentina, Firenze
1901.
Ugolotti, Ferdinando, Per la soluzione del problema manicomiale nella provincia di
Parma, Tip. Coop. Parmense, Parma 1908.
Ugolotti, Ferdinando, Riordinamento dell’Istituto. Problema manicomiale. Relazione.
(Ospedale psichiatrico provinciale di Pesaro), Tip. Step, Soc. Tip. Ed. Pesarese, Pesaro
1950.
271
272
Bibliografia
Grande guerra 1915-1918
1. Opere generali.
1.1 Guerra, società, politica
Audoin-Rouzeau, Stephane, Becker, Annette, La violenza, la crociata, il lutto. La Grande
Guerra e la storia del Novecento, Einaudi, Torino 2002.
Candeloro, Giorgio, La prima guerra mondiale, il dopoguerra, l’avvento del fascismo
(1914-1922), Feltrinelli, Milano 1979.
De Biase, Corrado, Concezione nazionale e concezione democratica dell’intervento
italiano nella prima guerra mondiale, Istituto poligrafico dello Stato, Roma 1964.
Gentile, Emilio, Le origini dell’ideologia fascista (1918-1925), Il Mulino, Bologna 2001.
Gibelli, Antonio, La grande guerra degli italiani 1915-1918, Bur, Milano 2007 (1 ed.
1998).
Hardach, Gerd, La prima guerra mondiale, Etas libri, Milano 1982.
Isnenghi, Mario, Le guerre degli italiani. Parole, immagini, ricordi 1848-1945,
Mondadori, Milano 1989.
Melograni, Piero, Storia politica della Grande Guerra 1915-1918, Laterza, Bari 1972.
Monticone, Alberto, La Germania e la neutralità italiana 1914-1915, Il Mulino, Bologna
1971.
Procacci, Giovanna (a cura di), Stato e classe operaia in Italia durante la prima guerra
mondiale, Franco Angeli, Milano 1983.
Prost, Antoine, Winter, Jay, Penser la Grande Guerre. Un essai d’historiographie,
Editions du Seuil, Paris 2004.
Rochat, Giorgio, Isnenghi, Mario, La grande guerra 1914-1918, La Nuova Italia, Firenze
2000.
Rochat, Giorgio, L’Italia nella prima guerra mondiale, Feltrinelli, Milano 1976.
Rossini, Giuseppe (a cura di), Benedetto XV, i cattolici e la prima guerra mondiale, Cinque
lune, Roma 1963.
Rusconi, Gian Enrico, L’azzardo del 1915. Come l’Italia decide la sua guerra, Il Mulino,
Bologna 2005.
273
Sabbatucci, Giovanni, I combattenti nel primo dopoguerra, Laterza, Bari 1974.
Tasca, Angelo, Nascita e avvento del fascismo, Laterza, Bari 1965.
Tranfaglia, Nicola, La prima guerra mondiale e il fascismo, Utet, Torino 1995.
Valeri, Nino, Da Giolitti a Mussolini, Parenti, Firenze 1956.
Valiani, Leo, Il partito socialista italiano nel periodo della neutralità, Feltrinelli, Milano,
1963.
Vigezzi, Brunello, Da Giolitti a Salandra, Vallecchi, Firenze 1969.
Vigezzi, Brunello, L’Italia di fronte alla prima guerra mondiale, vol. 1, L’Italia neutrale,
R. Ricciardi, Milano-Napoli 1966.
Volpe, Gioacchino, Il popolo italiano tra la pace e la guerra, Ispi, Milano 1940.
1.2 Modernizzazione e mentalità collettive
Bianchi, Bruna, Il trauma della modernità, in Scartabellati, Andrea, Dalle trincee al
manicomio. Esperienza bellica e destino di matti e psichiatri nella Grande guerra, Marco
Valerio, Torino 2008, pp. 9-64.
Braybon, Gail (ed.), Evidence, History and the Great War. Historians and the impact of
1914-1918, Berghahan books, New York 2003.
Caracciolo, Alberto et al., Il trauma dell’intervento 1914-1919, Vallecchi, Firenze 1968.
Freud, Sigmund, Considerazioni attuali sulla vita e la morte, in Opere di Sigmund Freud,
vol. VIII, Boringhieri, Torino 1976.
Fussell, Paul, La grande guerra e la memoria moderna, Il Mulino, Bologna 1984.
Gallerano, Nicola, Gli italiani in guerra. Appunti per una ricerca, in F. Ferratini Tosi, G.
Grassi, M. Legnani (a cura), L'Italia nella seconda guerra mondiale e nella Resistenza,
Milano, Angeli, 1988.
Ingrao, Christian, La violence de guerre. Approche comparée des deux conflits mondiaux,
http://www.ihtp.cnrs.fr/dossier_violence/bibliogr_2_guerres.html.
Isnenghi, Mario, Il mito della Grande guerra da Marinetti a Malaparte, Laterza, Bari
1970.
Le choc traumatique, “14-18 Aujourd’hui, Today, Heute”, n. 3, 2000.
Leed, Eric, Terra di nessuno. Esperienza bellica e identità personale nella prima guerra
mondiale, Bologna 1985.
274
Leoni, Dante, Zadra, Camillo (a cura di), La Grande guerra. Esperienza, memoria,
immagini, Il Mulino, Bologna 1986.
Mosse, George, Le guerre mondiali. Dalla tragedia al mito dei caduti, Laterza, Roma-Bari
2007 (1 ed. 1990).
Omodeo, Adolfo, Momenti della vita di guerra (Dai diari e dalle lettere dei caduti),
Laterza, Bari 1934.
Prezzolini, Giuseppe, Tutta la guerra. Antologia del popolo italiano sul fronte e nel paese,
Longanesi, Milano 1968.
Procacci, Giovanna, Dalla rassegnazione alla rivolta. Mentalità e comportamenti popolari
nella grande guerra, Bulzoni, Roma 1999.
Rochat, Giorgio, La grande guerra negli studi di Fussell e Leed, in “Rivista di storia
contemporanea”, fasc. 2, gennaio 1987, pp. 291-300.
Soldani, Simonetta, La Grande Guerra lontano dal fronte, in Storia d’Italia. Le regioni
dall’unità ad oggi. La Toscana, Einaudi, Torino 1986, pp. 345-452.
Winter, Jay, Bagget, Blaine, The Great War and the shaping of the 20th Century, Penguin,
New York 1996.
2. Memorialistica
Antonini, Giulio, Nell’attesa ansiosa. Note di un interventista 1914-1915, Varallo 1915.
Bartoletti, Maria, Memorialistica di guerra, in Armando Balduino (a cura di), Storia
letteraria d’Italia, vol. XI, Il Novecento. Dall’inizio del secolo al primo conflitto mondiale,
a cura di Giorgio Luti, Piccin-Vallardi, Padova-Milano 1989.
Capello, Luigi, Per la verità, Fratelli Treves, Milano 1920.
Fenoglio, Beppe, Un Fenoglio alla prima guerra mondiale, Einaudi, Torino 1973.
Oliva Bertelli, Paola, Amore e guerra (da Gorizia a Roma), il Filo, Roma 2006.
Pecorini, Giorgio, Il milite noto, Sellerio, Palermo 1983.
Ravasini, Angelo, Il diario di un prode, in “Aurea Parma”, n. 3-4, a. III, luglio-dicembre
1915, pp.159-167.
Ungaretti, Giuseppe, Vita di un uomo. Tutte le poesie, Mondadori, Milano 1969.
3. Fonti
Bartoli Langeli, Attilio, La scrittura dell’italiano, Il Mulino, Bologna 2000.
275
Caffarena, Fabio, Lettere dalla Grande guerra. Scritture del quotidiano, monumenti della
memoria, fonti per la storia. Il caso italiano, Unicopli, Milano 2005.
Chiades, Antonio, In attesa del re. Storie di follia durante la Grande guerra, Edizioni
Canova, Treviso 1992.
Contegiacomo, Luigi, Toniolo Emanuele (a cura di), L’alienazione mentale nella memoria
storica e nelle politiche sociali, Minelliana, Rovigo 2004.
Contorbia, Franco, Guerra, memoria, scrittura. Il caso italiano, in Stéphane AudoinRouzeau, Jean-Jacques Becker (a cura di), La prima guerra mondiale, edizione italiana a
cura di Antonio Gibelli, Einaudi, Torino 2007, pp. 619-631.
Fiorani, Matteo, Bibliografia di storia della psichiatria italiana 1991-2010, Firenze
University Press, Firenze 2010.
Fiorino, Vinzia, Fonti psichiatriche: archivi di carte, archivi di idee, in Luigi
Contegiacomo, Emanuele Toniolo (a cura di), L’alienazione mentale nella memoria storica
e nelle politiche sociali, Minelliana, Rovigo 2004, pp. 101-110.
Gibelli, Antonio, L’esperienza di guerra. Fonti medico-psichiatriche e antropologiche, in
Dante Leoni, Camillo Zadra (a cura di), La Grande guerra. Esperienza, memoria,
immagini, Il Mulino, Bologna 1986, pp. 49-73.
Molinari, Augusta, Autobiografie della vita e della mente. Scritture femminili nelle
istituzioni psichiatriche del primo Novecento, in “Genesis”, n. II/1, 2003, pp. 151-176.
Molinari, Augusta, La buona signora e i poveri soldati. Lettere a una madrina di guerra
(1915-1918), Scriptorium, Torino 1998.
Palazzino, Mario, Nel buio. L’antifascismo parmense e le carte di polizia, in Massimo
Giuffredi (a cura di), Nella rete del regime. Gli antifascisti parmensi nelle carte di polizia
(1922-1943), Carocci, Roma 2004, pp. 1-34.
Riccardo Panattoni (a cura di), Lo sguardo psichiatrico. Studi e materiali dalle cartelle
cliniche tra Otto e Novecento, Bruno Mondadori, Milano 2009.
Sorcinelli, Paolo (a cura di), La follia della guerra. Storie dal manicomio negli anni
Quaranta, Franco Angeli, Milano 1992.
Sorcinelli, Paolo Seconda guerra mondiale e “follia della guerra”. Anticipazioni di una
ricerca su fonti psichiatriche italiane, in “Italia Contemporanea”, n. 184, settembre 1991,
pp. 479-490.
Sorcinelli, Paolo, Archivi manicomiali, scienza psichiatrica, seconda guerra mondiale:
prime indicazioni di una ricerca, in Guerra vissuta, guerra subita, Quaderni del
Dipartimento di Discipline Storiche, n. 1, Università di Bologna-Clueb, Bologna 1991, pp.
155-168.
276
Sorcinelli, Paolo, Dagli archivi della follia alla storia della società, in Pastore, Alessandro,
Sorcinelli, P. (a cura di), Emarginazione, criminalità e devianza in Italia fra ’600 e ’900.
Problemi e indicazioni di ricerca, Franco Angeli, Milano 1990.
Sorcinelli, Paolo, La guerra dentro i manicomi. Psichiatria e cartelle cliniche (19401952), in “Storia e futuro”, n. 8, novembre 2005, http://www.storiaefuturo.com.
Tarozzi, Fiorenza, Parole e immagini dalla Grande guerra, in “Storia e Futuro”, n. 15,
novembre 2007, http://www.storiaefuturo.com.
4. Esercito
4.1. Esercito o Istituzioni militari
Botti, Ferruccio, La logistica dell’Esercito Italiano (1831-1981), vol. II, I servizi dalla
nascita dell’esercito italiano alla Prima guerra mondiale (1861-1918), Stato maggiore
dell’Esercito, Roma 1991.
Mascolini, Loredana, Il ministero per le Armi e Munizioni (1915-1918), in “Storia
contemporanea”, n. 6, a XI, 1980, pp. 933-968.
Ministero della Guerra, Comando del Corpo di Stato Maggiore, Ufficio storico, L’esercito
italiano nella Grande guerra (1915-1918), 7 voll., Roma 1927-1988.
Rochat, Giorgio, Gli ufficiali italiani nella prima guerra mondiale, in Giuseppe Caforio,
Piero Del Negro (a cura di), Ufficiali e società, Franco Angeli, Milano 1988, pp. 231-252.
Rochat, Giorgio, L’efficienza dell’esercito italiano nella grande guerra, in “Italia
contemporanea”, n. 206, marzo 1997, pp. 87-106.
4.2. Propaganda e censura
Della Volpe, Nicola, Esercito e propaganda nella Grande Guerra (1915-1918), Ufficio
storico Sme, Roma 1988.
Fiori, Antonio, Il filtro deformante. La censura sulla stampa durante la prima guerra
mondiale, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, Roma 2001.
Gatti, Gian Luigi, Dopo Caporetto. Gli ufficiali P nella Grande guerra: propaganda,
assistenza, vigilanza, Libreria editrice goriziana, Gorizia 2000.
Isnenghi, Mario, Giornali di trincea 1915-1918, Einaudi, Torino 1977.
4.3 Dissenso e repressione
Babington, Anthony, For the Sake of Example. Capital Courts Martial 1914-1920, Leo
Cooper, London 1983.
277
Bourke, Joanna, Le seduzioni della guerra, Miti e storie di soldati in battaglia, Carocci,
Roma 2003.
Céline, Louis-Ferdinand, Viaggio al termine della notte, Corbaccio, Milano 1992.
Fabi, Lucio, Gente di trincea. La Grande Guerra sul Carso e sull’Isonzo, Mursia, Milano
1994.
Fabi, Lucio, Scampare la Guerra. Renitenza, autolesionismo, comportamenti individuali e
collettivi di fuga e la giustizia militare nella Grande guerra, Centro culturale polivalente,
Ronchi dei legionari 1994.
Forcella, Enzo, Monticone, Alberto, Plotone di esecuzione. I processi della prima guerra
mondiale, Laterza, Bari 1972.
Guerrini, Irene, Pluviano, Michele, Le fucilazioni sommarie nella prima guerra mondiale,
Gaspari, Udine 2004.
Hašek, Jaroslav Il buon soldato Sc’vèik, Feltrinelli, Milano 1992.
Isnenghi, Mario, I vinti di Caporetto nella letteratura di guerra, Marsilio, Padova 1967.
Labanca, Nicola, Rochat, Giorgio (a cura di), Il soldato, la guerra e il rischio di morire,
Unicopli, Milano 2006.
Lussu, Emilio, Un anno sull’altipiano, Einaudi, Torino 2000 (1 ed. 1945).
Marginaux, marginalités, marginalisation en Grande Guerre, Atti del colloquio francotedesco, 11-12 giugno 1999, Centre Marc Bloch, Berlin, in “14-18 Aujourd’hui, Today,
Heute”, n. 4, 2001.
Offenstadt, Nicolas, Les fusillés de la Grande guerre et la mémoire collective (1914-1999),
Odile Jacob, Paris, 1999.
Pedroncini, Guy, Les mutineries de 1917, Puf, Paris 1967.
Procacci, Giovanna, Soldati e prigionieri italiani nella Grande guerra, Bollati Boringhieri,
Torino 2000.
Smith, Leonard V., Between Mutiny and Obedience. The Case of the French Fifth Infantry
Division during World War I, Princeton University Press, Princeton 1994.
5. Profughi e prigionieri
Abbal, Odon, Soldats oubliés. Les prisonniers de guerre français 1914-1918, E & C, Bezet-Esparon 2001.
Becker, Annette, Oubliés de la Grande Guerre. Humanitaire et culture de guerre 19141918. Populations occupés, déportés civils, prisonniers de guerre, Noêsis, Paris 1998.
278
Caucanas, Sylvie, Cazals, Rémy, Payens, Pascal (a cura di), Les prisonniers de guerre
dans l’histoire, Privat, Toulouse 2003.
Ceschin, Daniele, Gli esuli di Caporetto. I profughi in Italia durante la Grande Guerra,
Laterza, Roma-Bari 2006.
Ceschin, Daniele, La popolazione dell’Alto Vicentino di fronte alla Strafexpedition:
l’esodo, il profugato, il ritorno, in Vittorio Corà, Paolo Pozzato (a cura di), 1916: la
Strafexpedition. Gli Altipiani vicentini nella tragedia della Grande Guerra, Paolo Gaspari
editore, Udine 2003.
Ellero, Elpidio, Storia di un esodo. I friulani dopo la rotta di Caporetto 1917-1919, Istituto
friulano per la storia del movimento di liberazione, Udine 2001.
Pavan, Camillo, In fuga dai tedeschi. L’invasione del 1917 nel racconto dei testimoni, C.
Pavan editore, Treviso 2004.
Pavan, Camillo, I prigionieri italiani dopo Caporetto, C. Pavan editore, Treviso 2001.
Palla, Luciana, Militarizzazione e società civile nelle vallate dolomitiche e trentine, in
Bruna Bianchi (a cura di), La violenza contro la popolazione civile nella grande guerra.
Deportati, profughi, internati, Unicopli, Milano 2006, pp. 305-325.
Procacci, Giovanna, La società come una caserma. La svolta repressiva negli anni di
guerra, in Bruna Bianchi (a cura di), La violenza contro la popolazione civile nella grande
guerra. Deportati, profughi, internati, Unicopli, Milano 2006, pp. 283-304.
Rossi, Marina, I prigionieri dello zar: soldati italiani dell’esercito austro-ungarico nei
lager della Russia 1914-18, Mursia, Milano 2007.
Spitzer, Leo, Lettere di prigionieri di guerra italiani. 1915-1918, Boringhieri, Torino
1976.
Überegger, Oswald, Le atrocità nella prima guerra mondiale. Saggio storico-bibliografico
e bibliografia scelta, in “Dep. Deportate, esuli, profughe. Rivista telematica di studi sulla
memoria femminile”, n. 7, 2007.
6. Lavoro industriale
6.1. Mobilitazione industriale
Bettini, Maurizio, Le «relazioni industriali» durante la prima guerra mondiale, in “Studi
storici”, nn. 2-3, 1993.
Bettini, Maurizio, Orari di lavoro nell’industria italiana 1907-1923, in Paolo Giovannini
(a cura di), Di fronte alla Grande guerra. Militari e civili tra coercizione e rivolta, Ancona
1997, pp. 11-60.
279
Di Girolamo, Piero, Produrre per combattere : operai e mobilitazione industriale a Milano
durante la grande guerra 1915-1918, Edizioni scientifiche italiane, Napoli 2002.
Miozzi, Umberto Massimo, La mobilitazione industriale italiana (1915-1918), La
goliardica, Roma 1980.
Tomassini, Luigi, Lavoro e guerra. La Mobilitazione industriale italiana 1915-18,
Edizioni scientifiche italiane, Napoli 1997.
6.2 Operai e conflitti
Bigazzi, Duccio, Il Portello. Operai, tecnici e imprenditori all’Alfa Romeo 1906-1926,
Franco Angeli, Milano 1998.
Camarda, Alessandro, Peli, Santo, “Mai di domenica”. La sospensione del riposo festivo
durante la Grande Guerra, in “Studi Bresciani”, n. 15, 1984.
Camarda, Alessandro, Peli, Santo, L’altro esercito. La classe operaia durante la prima
guerra mondiale, Feltrinelli, Milano 1980.
De Stefano, Natalia, Moti popolari in Emilia Romagna (1915-1917), in “Rivista storica del
socialismo”, n. 32, 1967, pp. 191-216.
Horne, John, Operai, movimenti operai e mobilitazioni industriali, in Stéphane AudoinRouzeau, Jean-Jacques Becker (a cura di), La prima guerra mondiale, edizione italiana a
cura di Antonio Gibelli, Einaudi, Torino 2007, pp. 21-34.
Isnenghi Mario (a cura di), Operai e contadini nella grande guerra, Cappelli, Bologna
1982.
Musso, Stefano, Gli operai di Torino 1900-1920, Feltrinelli, Milano 1980.
Musso, Stefano, Scioperi e conflitto sociale durante la prima guerra mondiale, in
“Movimento operaio e socialista”, n. 3, 1986.
Peli, Santo, Il proletariato, in Mario Isnenghi (a cura di), Padova capitale al fronte. Da
Caporetto a Villa Giusti, Atti del convegno omonimo, Comune di Padova, Padova 1990,
pp. 95-111.
Peli, Santo, La fabbrica militarizzata, in Gli italiani in guerra. Conflitti, identità, memorie
dal Risorgimento ai nostri giorni, vol. III, t. 1, La Grande Guerra: dall’intervento alla
“vittoria mutilata”, Utet, Torino 2008, pp. 662-669.
Peli, Santo, Operai e guerra. Materiali per un’analisi dei comportamenti operai nella
prima e nella seconda guerra mondiale, in Stefano Musso (a cura di), Tra fabbrica e
società: mondi operai nell’Italia del Novecento, Feltrinelli, Milano 1999, pp. 197-227.
7. Campagne
280
Bravo, Anna, Donne contadine nella prima guerra mondiale, in “Società e storia”, n. 10,
1980, pp. 843-861.
De Bernardi, Alberto, Il mal della rosa. Denutrizione e pellagra nelle campagne italiane
fra 800 e 900, Franco Angeli, Milano 1984.
Parisella, Antonio, Le lotte dei contadini nel Lazio dalla guerra al fascismo, in “Annali
dell’istituto A. Cervi”, n. 1, 1978, pp. 201-210.
Serpieri, Arrigo, La guerra e le classi rurali italiane, Laterza, Bari 1930.
D’Attorre, Pier Paolo, De Bernardi, Alberto (a cura di), Studi sull’agricoltura italiana.
Società rurale e modernizzazione, Feltrinelli, Milano 1994.
8. Donne
Azzolini, Marisa, Donne tra guerra e follia. L’esperienza di Maria Del Rio a Reggio
Emilia, in Scartabellati, Andrea (a cura di), Dalle trincee al manicomio. Esperienza bellica
e destino di matti e psichiatri nella Grande guerra, Marco Valerio, Torino 2008, pp. 331361.
Bravo, Anna (a cura di), Donne e uomini nelle guerre mondiali, Laterza, Roma-Bari 1991.
Curli, Barbara, Italiane al lavoro 1914-1920, Marsilio, Venezia 1998.
Fiume, Giovanna (a cura di), Madri. Storia di un ruolo sociale, Marsilio, Venezia 2005.
Gagliani, Dianella, Salvati Mariuccia (a cura di), Donne e spazio nel processo di
modernizzazione, Clueb, Bologna 1995.
Molinari, Augusta, Donne e ruoli femminili nell’Italia della Grande Guerra, Selene
edizioni, Milano 2008.
Ortaggi Cammarosano, Simonetta, Donne, lavoro, grande guerra, Unicopli, Milano 2009.
Patuelli, Francesca, Del Rio Bertolani Maria, in Scienza a due voci. Le donne nella scienza
italiana dal Settecento al Novecento, http://scienzaa2voci.unibo.it/biografie/96-del-riobertolani-maria.
Soldani, Simonetta, Donne senza pace. Esperienze di vita, di lotta e di lavoro tra guerra e
dopoguerra, in “Annali dell’Istituto A. Cervi”, 13, 1991.
Thébaud, Françoise, La Grande Guerra: età della donna o trionfo della differenza
sessuale?, in Georges Duby, Michelle Perrot (a cura di), Storia delle donne. Il Novecento,
Laterza, Roma-Bari 1992, pp. 25-90.
9. Nuove generazioni
281
De Bernardi, Alberto, Il mito della gioventù e i miti dei giovani, in Paolo Sorcinelli,
Angelo Varni (a cura di), Il secolo dei giovani. Le nuove generazioni e la storia del
Novecento, Donzelli, Roma 2004, pp. 55-79.
Dogliani, Patrizia, Storia dei giovani, Bruno Mondadori, Milano 2003.
Ermacora, Matteo, I minori al fronte della grande guerra. Lavoro e mobilità minorile, Teti,
Milano 2004.
Gibelli, Antonio, Il popolo bambino. Infanzia e nazione dalla Grande guerra a Salò,
Einaudi, Torino 2005.
Magnarelli, Paola, I giovani e la guerra, in Paolo Sorcinelli, Angelo Varni (a cura di), Il
secolo dei giovani Le nuove generazioni e la storia del Novecento, Donzelli, Roma 2004,
pp. 21-53.
Mitterauer, Michael, I giovani in Europa dal Medioevo ad oggi, Laterza, Roma-Bari 1991.
Torre, Salvo, Infrangere l’ordine del tempo. Le nuove generazioni tra storia e sociologia,
Cuecm, Catania 2002.
Urli, Ivano, Bambini nella Grande guerra, Gaspari, Udine 2003.
10. Alimentazione, sanità, assistenza
Bachi, Riccardo, L’alimentazione e la politica annonaria in Italia, Laterza, Bari 1926.
Bartoloni, Stefania, L’associazionismo femminile nella prima guerra mondiale e la
mobilitazione per l’assistenza civile e la propaganda, in Ada Gigli Marchetti, Nanda
Torcellan, Donna lombarda 1860-1945, Franco Angeli, Milano 1992, pp. 65-91.
Betri, Maria Luisa, Gigli Marchetti, Ada (a cura di), Salute e classi lavoratrici in Italia
dall’Unità al fascismo, Franco Angeli, Milano 1982.
Boschi, Gaetano, La guerra e le arti sanitarie, Mondadori, Milano 1931.
Collier, Richard, L’influenza che sconvolse il mondo. Storia della spagnola, la pandemia
che uccise 20 milioni di persone, Mursia, Milano 2006.
Dentoni, Maria Concetta, “Questione alimentare” e “questione sociale” durante la prima
guerra mondiale in Italia, in “Società e storia”, n. 37, 1987, pp. 607-636.
Dentoni, Maria Concetta, Annona e consenso in Italia 1914-1919, Franco Angeli, Milano
1995.
Kolata, Gina, Epidemia. Storia della grande influenza del 1918 e della ricerca di un virus
mortale, Mondadori, Milano 2000.
282
Phillips, Howard, Killingray, David (ed.), The Spanish Influenza Pandemic of 1918-19.
New perspectives, Routledge, London-New York 2003.
Porisini, Giorgio, Agricoltura, alimentazione e condizioni sanitarie. Appendice statistica.
Prime ricerche sulla pellagra in Italia dal 1880 al 1940, Clueb, Bologna 1975.
Procacci, Giovanna, Warfare-Welfare. Assistenza, controllo sociale e militarizzazione in
Italia, in Emilio Franzina (a cura di), Una trincea chiamata Dolomiti, Gaspari, Udine
2003, pp. 45-68.
Tognotti, Eugenia, La “Spagnola” in Italia. Storia dell’influenza che fece temere la fine
del mondo (1918-1919), Franco Angeli, Milano 2002.
11. Devianza, marginalità, controllo sociale
Basaglia, Franco, Ongaro Basaglia Franca (a cura di), Crimini di pace, Einaudi, Torino
1975.
Dal Lago, Alessandro, La produzione della devianza. Teoria sociale e meccanismi di
controllo, Feltrinelli, Milano 1981.
Farolfi, Bernardino, Antropometria militare e antropologia della devianza (1876-1908), in
Franco Della Peruta (a cura di), Storia d’Italia, Annali 7, Malattia e medicina, Einaudi,
Torino 1984, pp. 1183-1190.
Fatica, Michele, Il problema della mendicità nell’Europa moderna (secoli XVI-XVIII),
Liguori, Napoli 1992.
Fiorino, Vinzia, Il “controllo sociale”: alcune riflessioni su una categoria sociologica e
sul suo uso storiografico, in “Storica”, n. 13, a. V, 1999, pp. 125-157.
Foucault, Michel, Sorvegliare e punire, Einaudi, Torino 1976.
Geremek, Bronislaw, La pietà e la forca. Storia della miseria e della carità in Europa,
Laterza, Roma-Bari 1986.
Goffman, Erving, Asylums. Le istituzioni totali: i meccanismi dell’esclusione e della
violenza, Torino, Einaudi, 1968.
Guitton, Jean Pierre, La società e i poveri, Arnoldo Mondadori, Milano 1977.
Lonni, Ada, Pubblica sicurezza, sicurezza pubblica e malato di mente. La legge del 1904,
in Alberto De Bernardi (a cura di), Follia, psichiatria e società. Istituzioni manicomiali,
scienza psichiatrica e classi sociali nell’Italia moderna e contemporanea, Franco Angeli,
Milano 1982, pp. 264-283.
Pastore, Alessandro, Sorcinelli, Paolo (a cura di), Emarginazione, criminalità e devianza in
Italia fra ’600 e ’900. Problemi e indicazioni di ricerca, Franco Angeli, Milano 1990.
283
Sorcinelli, Paolo, Miseria e malattie nel XIX secolo. I ceti popolari nell’Italia centrale fra
tifo petecchiale e pellagra, Franco Angeli, Milano 1979.
Woolf, Stuart J., Porca miseria. Poveri e assistenza nell’età moderna, Laterza, Roma-Bari
1988.
“Salute” e malattia mentale
1. Cultura del corpo e pensiero psichiatrico tra ’800 e ’900
1.1 Fonti - opere coeve
Bontadini, Gustavo, Gemelli Agostino, in Francesco Traniello, Giulio Campanini (a cura
di), Dizionario storico del movimento cattolico in Italia, vol. II, I protagonisti, Marietti,
Casale Monferrato (At) 1982, pp. 225-229.
Conolly, John, An Inquiry concerning the Indications of Insanity, with Suggestions for the
Better Protection and Care of the Insane, London 1830.
Conolly, John, On the Construction and Government of Lunatic Asylums and Hospitals for
the Insane, London 1847.
Conolly, John, Trattamento del malato di mente senza metodi costrittivi (1856), Einaudi,
Torino 1976.
Esquirol, Dominique, Dell’alienazione mentale o della pazzia in genere e in specie, Felice
Rusconi, Milano 1827.
Kraepelin, Emil,. Compendio di psichiatria per uso dei medici e degli studenti, a cura di
Raffaele Brugia e Clodomiro Bonfigli, Vallardi, Milano 1885.
Penta, Pasquale, La simulazione della pazzia e il suo significato antropologico, etnico,
clinico e medico-legale, Francesco Perrella editore, Napoli 1900.
Roncoroni, Luigi, Trattato clinico dell’epilessia, Vallardi, Milano 1894.
Tanzi, Eugenio, Lugaro, Ernesto, Trattato delle malattie mentali, Società editrice Libraria,
Milano 1905.
Ugolotti, Ferdinando, I vecchi manicomi italiani. Atlante storico, Arti grafiche Federici,
Pesaro s.d..
Ugolotti, Ferdinando, L’assistenza agli infermi di mente in Italia. Studi storici, La grafica,
Pesaro 1967.
1.2 Studi
284
Andreoli, Vittorino Un secolo di follia. Da Freud alla psichiatria degli anni Duemila,
Rizzoli, Milano 1991.
Andreoli, Vittorino, Cassano, Giovanni, Rossi, Romolo (a cura di), DSM-IV-TR. Manuale
diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Text Revision, Masson, Milano 2005.
Babini, Valeria Paola, Benedetto Monti, un alienista filosofo, in “Sanità, scienza e storia”,
n. 1, 1985, pp. 139-231.
Basaglia, Franco (a cura di), L’istituzione negata, Einaudi, Torino 1968.
Basaglia, Franco, Conferenze brasiliane, Raffaello Cortina editore, Milano 2000.
Basaglia, Franco, Scritti, a cura di Franca Ongaro Basaglia, Einaudi, Torino 1982.
Bourdieu, Pierre, Il dominio maschile, Feltrinelli, Milano 1999.
Cancrini, Luigi (a cura di), Dementia praecox o il gruppo delle schizofrenie, La Nuova
Italia Scientifica, Roma 1985.
Connell, Robert, Maschilità. Identità e trasformazioni del maschio occidentale, Feltrinelli,
Milano 1996;
Cooper, David, Psichiatria e antipsichiatria, Armando, Roma 1982.
David, Michel, La psicoanalisi nella cultura italiana, Bollati Boringhieri, Torino 1990.
De Peri, Francesco, Il medico e il folle: istituzione psichiatrica, sapere scientifico e
pensiero medico tra Otto e Novecento, in Franco Della Peruta (a cura di), Storia d’Italia,
Annali 7, Malattia e medicina, Einaudi, Torino 1984, pp. 1129-1134.
Federico, Antonio (a cura di), Cento anni della Società italiana di neurologia, Società
italiana di neurologia, Siena 2011.
Ferro, Filippo (a cura di), Passioni della mente e della storia. Protagonisti, teorie e vicende
della psichiatria italiana tra ’800 e ’900, Vita e pensiero, Milano 1989.
Foucault e la “Storia della follia” (1961-2011), “Aut Aut”, luglio-settembre 2011, n. 351.
Foucault, Michel, La vita degli uomini infami, il Mulino, Bologna 2009.
Foucault, Michel, Storia della follia nell’età classica, Rizzoli, Milano 1976.
Giacanelli, Ferruccio, Appunti per una storia della psichiatria in Italia, in Klaus Dörner, Il
borghese e il folle. Storia sociale della psichiatria, Laterza, Roma-Bari 1975, pp. I-XX.
Giacanelli, Ferruccio, Campoli, Giorgio, La costituzione positivistica della psichiatria
italiana, in “Psicoterapia e scienze umane”, n. 3, luglio-settembre 1973.
285
Giacanelli, Ferruccio, Il medico, l’alienista, in Cesare Lombroso, Delitto, genio, follia.
Scritti scelti, a cura di Delia Frigessi, Ferruccio Giacanelli, Luisa Mangoni, Bollati
Boringhieri, Torino 1995.
Giacanelli, Ferruccio, Psichiatria e storiografia, in “Psicoterapia e scienze umane”, n. 3,
1986, pp. 80-93.
Guarnieri, Patrizia, La storia della psichiatria. Un secolo di studi in Italia, L.S. Olschki,
Firenze 1991.
Herman, Judith Lewis, Guarire dal trauma. Affrontare le conseguenze della violenza,
dall’abuso domestico al terrorismo, Edizioni scientifiche Magi, Roma 2005.
Histoire de la folie à l’âge classique de Michel Foucault. Regards critiques 1961-2011,
Imec-Presses Universitaires de Caen, Caen 2011.
Luzzato, Sergio, «Un chierico grande vestito da soldato». La guerra di padre Agostino
Gemelli, in Gli italiani in guerra. Conflitti, identità, memorie dal Risorgimento ai nostri
giorni, vol. III, t. 1, La Grande Guerra: dall’intervento alla “vittoria mutilata”, Utet,
Torino 2008, pp. 452-462.
Marhaba, Sadi, Lineamenti della psicologia italiana: 1870-1945, Giunti-Barbera, Firenze
1981.
Mazza, Rita La malattia mentale nella medicina del Cinquecento: tassonomia e casi
clinici, in Alberto De Bernardi (a cura di), Follia, psichiatria e società. Istituzioni
manicomiali, scienza psichiatrica e classi sociali nell’Italia moderna e contemporanea,
Franco angeli, Milano 1982, pp. 304-316.
Moschetta, Francesco Saverio (a cura di), Marco Levi Bianchini e le origini della
psicoanalisi in Italia, Ospedale neuropsichiatrico, Teramo 2000.
Mosse, George, L’immagine dell’uomo. Lo stereotipo maschile nell’epoca moderna,
Einaudi, Torino 1997.
Mosse, George, Sessualità e nazionalismo: mentalità borghese e rispettabilità, Laterza,
Roma 1984.
Mucciarelli, Giuseppe (a cura di), Giulio Cesare Ferrari nella storia della psicologia
italiana, Pitagora, Bologna 1984.
Parlato, Giuseppe, Polemiche lombrosiane di ieri e di oggi, in “Note e Riviste di
Psichiatria”, fasc. 3-4, luglio-dicembre 1965, anno LVIII, pp.782-851.
Peccarisi, C., Boeri, R., Salmaggi, A., Eugenio Tanzi (1856-1934) and the beginnings of
European neurology, in “Journal for the History of Neurosciences”, a. III, n. 3, 1994, pp.
177-185.
Paolo Francesco Peloso, La guerra dentro. La psichiatria italiana tra fascismo e
Resistenza (1922-1945), Ombre Corte, Verona 2008.
286
Pinel, Philippe, La mania. Trattato medico-filosofico sull’alienazione mentale, a cura di
Francesco Fontebasso e Sergio Moravia, Marsilio, Venezia 1997.
Pirella, Agostino, Casagrande, Domenico, John Conolly, filantropia e psichiatria, in
Franco Basaglia (a cura di), Che cos’è la psichiatria?, Einaudi, Torino 1973 (1 ed. 1967),
pp. 153-170.
Portigliatti-Barbos, Mario Medicina ed antropologia criminale nella cultura positivista, in
Emilio R. Papa (a cura di), Il positivismo e la cultura italiana, Franco Angeli, Milano
1985, pp. 427-444.
Quarchioni, Marco, Marco Levi Bianchini e la Biblioteca psicoanalitica italiana,
Biblioteca provinciale “M. Delfico”, Teramo 1988.
Scartabellati, Andrea, Intellettuali nel conflitto. Alienisti e patologie attraverso la Grande
guerra (1909-1921), Edizioni goliardiche, Bagnaria Arsa (Ud) 2003.
Scartabellati, Andrea, Pagine dimenticate. Le culture psichiatriche in Italia tra fine ’800 e
primi decenni del ’900, in Andrea Giuntini, Povere menti, La cura della malattia mentale
in provincia di Modena tra Ottocento e Novecento, Provincia di Modena, Modena 2009,
pp. 15-40.
Stok, Fabio, Kraepelin e i kraepeliniani in Italia, in F.M. Ferro (a cura di), Passioni della
mente e della storia, Vita e Pensiero, Milano 1989, pp. 373-396.
Stok, Fabio, La formazione della psichiatria, Il pensiero scientifico, Roma 1981
Villa, Renzo, Il deviante e i suoi segni. Lombroso e la nascita dell’antropologia criminale,
Franco Angeli, Milano 1985.
2. Storia dell’attività e dell’assistenza psichiatrica
Babini, Valeria Paola, Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del
Novecento, Il Mulino, Bologna 2009.
Bergomi M. et al., Il cerchio del contagio: il S. Lazzaro tra lebbra, povertà e follia, Reggio
Emilia 1980 (catalogo della mostra organizzata al padiglione Lombroso del S. Lazzaro, 1030 aprile 1980).
Bertani, Mauro, Ipotesi su un manicomio. Il San Lazzaro di Reggio Emilia tra ’800 e ’900,
in Andrea Giuntini (a cura di), Povere menti. La cura della malattia mentale in provincia
di Modena tra Ottocento e Novecento, Provincia di Modena, Modena 2009, pp. 213-254.
Cagliero, Claudio, Collo, Paolo, Il Regio Manicomio di Torino. Nascita e sviluppo di
un’istituzione totale, in Alberto De Bernardi (a cura di), Follia, psichiatria e società,
Franco Angeli, Milano 1982, pp. 33-44.
287
Canosa, Romano, Storia del manicomio in Italia dall’Unità a oggi, Feltrinelli, Milano
1979.
Cassata, Francesco, Moraglio, Massimo (a cura di), Manicomio, società e politica. Storia,
memoria e cultura della devianza mentale dal Piemonte all’Italia, Bfs, Pisa 2005.
De Bernardi, Alberto (a cura di), Follia, psichiatria e società. Istituzioni manicomiali,
scienza psichiatrica e classi sociali nell’Italia moderna e contemporanea, Franco Angeli,
Milano 1982.
De Bernardi, Alberto, De Peri, Francesco, Panzeri, Laura, Tempo e catene, manicomio,
psichiatria e classi subalterne. Il caso milanese, Franco Angeli, Milano 1980.
Degani, Miriam, Gorla, Aldo, Dal recinto alla macchina. Architettura e psichiatria nella
definizione degli spazi istituzionali, in Alberto De Bernardi (a cura di), Follia, psichiatria e
società, Franco Angeli, Milano 1982, pp. 402-412.
Fiorino, Vinzia, Matti, indemoniate e vagabondi. Dinamiche di internamento manicomiale
tra Otto e Novecento, Marsilio, Venezia 2002.
Funck-Brentano, Franck, Marindaz, Georges, L’Hôpital général Bicêtre, Ciba, Lyon 1938.
Moraglio, Massimo, Prigionieri di un’utopia. Il manicomio dalle speranze terapeutiche
alla routine segregante, in Andrea Giuntini (a cura di), Povere menti. La cura della
malattia mentale in provincia di Modena tra Ottocento e Novecento, Provincia di Modena,
Modena 2009, pp. 55-76.
Roscioni, Lisa, Il governo della follia. Ospedali, medici e pazzi nell’età moderna, Bruno
Mondadori, Milano 2003.
Rossi, Lino, Enrico Morselli e le scienze dell’uomo nell’età del positivismo, Unità sanitaria
locale n. 9, Reggio Emilia 1984.
Scartabellati, Andrea, “Il dovere dei medici nell’ora presente”. Biopolitica, seduzione
bellica e battaglie culturali nelle scienze umane durante il primo conflitto mondiale, in
“Medicina e storia”, n. 14, 2007.
Scartabellati, Andrea, Culture psichiatriche & cultura nazionale. Per una storia sociale
(1909-1929), in “Frenis Zero. Scienze della Mente, Filosofia, Psicoterapia e Creatività”, a.
III, n. 5, gennaio 2006, p. 1, http://web.tiscali.it/bibliopsi/frenis.htm.
Stumpo, Enrico I bambini innocenti. Storia della malattia mentale nell’Italia moderna
(secoli XVI-XVIII), Le Lettere, Firenze 2000.
Tamburini, Augusto, Ferrari, Giulio Cesare, Antonini, Giuseppe, L’assistenza degli
alienati in Italia e nelle varie nazioni, Utet, Torino 1918.
3. Guerra e follia
288
3.1 Opere coeve
Boschi, Gaetano, Un ospedale speciale per malati nervosi. L’ospedale Militare
Neurologico Villa del Seminario presso Ferrara, Tipografia Ferrariola, Ferrara 1918.
Ferrari, Giulio Cesare, Osservazioni psicologiche sulla nostra guerra, Stabilimento
Poligrafico Emiliano, Bologna 1916.
Freud, Sigmund, Promemoria sul trattamento elettrico dei nevrotici di guerra, in Opere,
vol. 9, 1917-1923, Boringhieri, Torino 1967.
Gemelli, Agostino, I canti del nostro soldato. Documenti per la psicologia militare, Vita e
pensiero, Torino 1918.
Gemelli, Agostino, Il nostro soldato. Saggi di psicologia militare, Treves, Milano 1917.
Lustig, Alessandro, Effetti e cura dei gas di guerra, Istituto sieroterapico milanese, Milano
1936.
Massarotti, Giuseppe, Ospedalizzazione militare in guerra, Ravà e C., Milano 1915.
Smith, Grafton Elliott, Shell Shock and its Lessons, Manchester University Press,
Manchester 1917.
3.2 Storiografia sulle istituzioni
Babington, Anthony, Shell Shock. A History of the Changing Attitudes to War Neurosis,
Leo Cooper, London 1997.
Bianchi, Bruna, Psichiatria e guerra, in Stephane Audoin-Rouzeau, Annette Becker, (a
cura di), La prima guerra mondiale, cit., pp. 309-325.
Binneveld, Hans, From Shell Shock to Combat Stress. A comparative History of Military
Psychiatry, University of Michigan Press, Ann Arbor 1998.
Delaporte, Sophie, Les Réponses thérapeutiques, in “14-18. Aujourd’hui, Today, Heute”,
n. 3, 1999, pp. 36-55.
Gibelli, Antonio, La guerra laboratorio: esercito e igiene sociale verso la guerra totale, in
“Movimento operaio e socialista”, n. 3, 1982, anno V, pp. 335-349.
Giovannini, Paolo, Guerra e psichiatria dal primo al secondo conflitto mondiale, in
“Storia e problemi contemporanei”, n. 43, a. 9, settembre-dicembre 2006, pp. 9-26.
Giovannini, Paolo, La psichiatria italiana e la grande guerra. Ideologia e terapia
psichiatrica alle prese con la nuova realtà bellica, in “Sanità, scienza e storia”, n. 1, 1987,
pp. 111-152.
Labita, Vito, La psicologia militare italiana (1915-1918), in Dante Leoni, Camillo Zadra,
La Grande guerra: esperienza, memoria, immagini, Il Mulino, Bologna 1986, pp. 237-245
289
Labita, Vito, Un libro simbolo: «Il nostro soldato» di Agostino Gemelli, in “Rivista di
storia contemporanea”, n. 3, 1986, pp. 402-429.
Lerner Paul Frederick, Histerical men. War, Psychiatry and the Politics of Trauma in
Germany, 1890-1930, Cornell University Press, Ithaca 2003;
Lerner, Paul, Micale, Mark S., Trauma, Psychiatry and History. A Conceptual and
Historiographical Introduction, in P. Lerner, Mark Micale (ed.), Traumatic pasts,
Cambridge University Press, Cambridge 2001, pp. 1-27.
Montella, Fabio, Paolella, Francesco, Ratti, Felicita (a cura di), Una regione ospedale.
Medicina e sanità in Emilia Romagna durante la Prima Guerra Mondiale, Clueb, Bologna
2010.
Moraglio, Massimo, Dentro e fuori il manicomio. L’assistenza psichiatrica in Italia tra le
due guerre, in “Contemporanea”, n. 1, a. IX, gennaio 2006, pp.15-34.
Paolella, Francesco, La neuropsichiatria in Emilia Romagna durante la Grande Guerra, in
Id., Fabio Montella, Felicita Ratti (a cura di), Una regione ospedale. Medicina e sanità in
Emilia-Romagna durante la Prima guerra mondiale, Clueb, Bologna 2010, pp. 98-110.
Paolella, Francesco, Un laboratorio di medicina politica. Placido Consiglio e il Centro
psichiatrico militare di prima raccolta, in Mirco Carrattieri, Alberto Ferraboschi, Piccola
Patria Grande Guerra. La prima guerra mondiale a Reggio Emilia, Clueb, Bologna 2008.
Roscioni, Lisa, Des Dorides, Luca, Il Manicomio e la grande guerra, in Antonino Iaria,
Tommaso Losavio, Pompeo Martelli (a cura di), L’ospedale di Santa Maria della Pietà di
Roma. L’ospedale psichiatrico di Roma dal manicomio provinciale alla chiusura, Bari,
Dedalo, 2003, pp. 135-144.
3.3 Storiografia sui pazienti-soldati
Adami, Maria Vittoria, L’esercito di San Giacomo. Soldati e ufficiali ricoverati nel
manicomio veronese (1915-1920), Il poligrafo, Padova 2006.
Barham, Peter, Forgotten Lunatics of the Great War, Yale University Press, New HavenLondon 2004.
Bettiol, Nicola, Feriti nell’anima. Storie di soldati dai manicomi del Veneto 1915-1916,
Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca trevigiana,
Treviso 2008.
Bianchi, Bruna, Esperienze di violenza e di oppressione nelle testimonianze dei soldati
accolti in manicomio, in “Protagonisti”, n. 33, 1988, pp. 48-60.
Bianchi, Bruna, I disobbedienti nell’esercito italiano durante la grande guerra, in
“Parolechiave”, n. 26, 2002, pp. 157-185.
290
Bianchi, Bruna, La follia e la fuga. Nevrosi di guerra, diserzione e disubbidienza
nell’esercito italiano 1915-1918, Bulzoni, Roma 2000.
Crocq, Louis, Les traumatismes psychiatriques de guerre, Odile Jacob, Paris 1999.
Gibelli, Antonio, L’officina della guerra. La Grande Guerra e le trasformazioni del mondo
mentale, Bollati Boringhieri, Torino 2007 (1 ed. 1991).
Giovannini, Paolo, Soldati, follia e Grande guerra nelle cartelle cliniche del San
Benedetto, in Paolo Sorcinelli, Lavoro, criminalità, alienazione mentale. Ricerche sulle
Marche tra Otto e Novecento, Il lavoro editoriale, Ancona 1986.
Leese, Paul, Shell shock. Traumatic neurosis and the British soldiers of the First World
War, Palgrave MacMillan, New York 2005.
Leese, Peter, “Why are they not cured?” British Shellshock Treatment During the Great
War, in Mark S. Micale and Paul Lerner (ed.), Traumatic pasts. History, Psychiatry, and
Trauma in the Modern Age 1870-1930, Cambridge University Press, Cambridge 2001, pp.
205-220.
Nicola, Paola, “Snidare l’anormale”. Psichiatria e masse combattenti nella prima guerra
mondiale, in “Rivista di storia contemporanea”, 1987, 1, pp. 59-84.
Raito, Leonardo, La Grande guerra e la fuga nell’inconscio. L’esperienza del conflitto
sull’individuo moderno, in “Nuova storia contemporanea”, n. 3, 2007, pp. 141-151.
Scartabellati, Andrea (a cura di), Dalle trincee al manicomio. Esperienza bellica e destino
di matti e psichiatri nella Grande guerra, Marco Valerio, Torino 2008.
Scartabellati,
Andrea,
Leggere
la
http://web.tiscali.it/bibliopsi/archivi.htm.
follia
in
guerra,
1915-1918,
in
Shephard, Ben, A War of Nerves. Soldiers and psychiatrist 1914-1994, Harvard University
Press, Cambridge, Massachusets 2001.
Storia di Parma
Adorni, Bruno, La forma e l’immagine della città. Una storia urbana per punti salienti, in
Domenico Vera (a cura di), Storia di Parma. I caratteri originali, vol. I, Mup, Parma 2008,
pp. 201-247.
Asioli, Fabrizio, A Parma, prima della psichiatria, in “Annali di neurologia e psichiatria”,
a. 73, 1979, pp. 133-146.
Azzali, Andrea, Il manicomio di Colorno. Per una storia della struttura psichiatrica
parmense (1865-1881), tesi di laurea, Università degli Studi di Parma – Facoltà di
Magistero, a.a. 1996-1997.
291
Balestrazzi, Giuseppe, Il contributo di Parma alla vittoria, in “Aurea Parma”, n. XXII,
1938, pp. 192-195.
Balestrazzi, Giuseppe, Ospedali di guerra, in “Rassegna mensile”, maggio 1928, pp. 9495.
Banzola Pellegri, Maria Ortensia, Organizzazione sanitaria dell’esercito italiano –
Ospedali militari a Parma durante il primo conflitto mondiale, in AA.VV., Figure, luoghi
e momenti di vita medica a Parma, Artegrafica Silva, Parma 2003, pp.401-484.
Banzola, Maria Ortensia, Farinelli, Leonardo, Spocci, Roberto, (a cura di), Figure, luoghi e
momenti di vita medica a Parma, Silva editore, Parma 2003.
Banzola, Maria Ortensia, L’Ospedale vecchio di Parma, Palatina editrice, Parma 1980.
Becchetti, Margherita, La Fata, Ilaria, Moschini, Maria Teresa, La fabbrica dei matti.
L’ospedale psichiatrico nei racconti di alcuni colornesi ai ragazzi, Comune di Colorno,
Colorno 2008.
Becchetti, Margherita, La villa rossa. Storia di Giovanni Faraboli, Clueb, Bologna 2012
(in corso di pubblicazione).
Becchetti, Margherita, Oltretorrente. Rivolte e conflitto sociale a Parma 1868-1915, tesi di
dottorato di ricerca, Università di Parma, a.a. 2009-2010.
Benassi, Umberto, Guglielmo Du Tillot, un ministro riformatore del secolo XVIII.
Contributo alla storia dell’epoca delle Riforme, 5 voll., Regia Deputazione di Storia Patria,
Parma 1915-1924.
Berzieri, Cristina, Parma nella grande guerra (1914-1919). Interventismo, condizioni di
vita, organizzazione assistenziale, in “Storia e documenti”, n. 6, 2001, pp. 15-37.
Bordi, Alberto, Rossi, Sauro, Zarotti, Mario, Il “nuovo” ospedale di Parma.
Un’architettura primonovecentesca tra dibattito tipologico ed esigenze di cantiere (19131926), in M. O. Banzola, L. Farinelli, R. Spocci (a cura di ), 800 anni per la salute, Silva,
Parma 2003, pp. 371-391.
Braga, Angelo Malaria e pellagra in provincia di Parma nel secolo passato. Conferenza
alla Famija Pramzana, La tipografica parmense, Parma 1954.
Catalano, Angelo, L’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Parma dal 1931 al 1947 ed il
problema dell’organizzazione psichiatrica della provincia di Parma, in “Rassegna di Studi
Psichiatrici”, 1947, vol. XXXVI.
Cervetti, Valerio, Parma e il Parmense nel secolo XIX. Processi economici e condizioni
sociali, in Pietro Bonardi e Ubaldo Del Sante (a cura di), Anna Maria Adorni e il suo
tempo, Silva, Parma 1994, pp. 57-109.
292
Dall’Aglio, Pier Luigi, Trombara, Carlo, Cenni storici e bibliografici sull’antico ospedale
di Parma, Amministrazione degli Ospedali riuniti, Parma 1956.
Della Valle, Ferrante, Lombardi, Glauco, Rossi, Armando, Gli ospedali militari di Parma
nel primo biennio di guerra, Fresching, Parma 1917.
Greci Roberto (a cura di), L’ospedale Rodolfo Tanzi di Parma in età medievale, Clueb,
Bologna 2004.
Lenzotti, Serena, La ricerca di Zaira. Protoindustria e strutture urbane a Parma tra primo
e secondo Ottocento, Franco Angeli, Milano 2007.
Longhena, Maurizio, Uno psichiatra parmigiano, in “Gazzetta di Parma”, 13 novembre
1962.
Miglioli, Maurizio, La gestione dei folli a Parma sotto i governi dei Borboni e dei francesi,
in “Archivio storico per le provincie parmensi”, XXXIII, 1981, pp. 437-453.
Montale, Bianca, Ducato di Parma e Piacenza - Ducato di Modena e Reggio, in
Amministrazione della giustizia e poteri di polizia dagli stati preunitari alla caduta della
destra, Atti del 52 congresso di storia del risorgimento italiano, Pescara, 7-10 novembre
1984, pp. 217-265.
Moreni, Marzia, Storia dell’Ospedale Psichiatrico di Colorno, in Luigi Contegiacomo ed
Emanuele Toniolo (a cura di), L’alienazione mentale nella memoria storica e nelle
politiche sociali. “ Chisà che metira fuori un calchedun da sto manicomio”, Minelliana,
Rovigo 2004, pp. 67-70.
Padovani, Giorgio, Ferdinando Ugolotti, in “Neuropsichiatria. Rivista trimestrale”, n. 3, a.
XXII, luglio-settembre 1966, pp. 630-633.
Palazzi, Maura, Nascita di un’economia agro-industriale. Città e campagna a Parma
dall’Unità agli anni Trenta, in Fiorenzo Sicuri, Comunisti a Parma, Istituto Gramsci
Emilia-Romagna e Parma – Biblioteca “U. Balestrazzi”, Parma 1986, pp. 69-125.
Paoletti, Italo, Studi e ricerche Sulla medicina nel Ducato di Parma all’epoca di Maria
Luigia, in “Aurea Parma”, XLVI, 1962, pp. 229-232.
Parisella, Antonio, Memorie industriali e mutamenti sociali urbani. Appunti sulla
formazione di un sistema agroindustriale a Parma agli inizi del XX secolo, in Roberto
Montali (a cura di), Nel mondo nuovo. Parma da Verdi a Vittorio Veneto. 1900-1918,
Mup, Parma 2007.
Piazza, Nicoletta, Ambiente urbano, condizioni di vita e malattie infettive epidemiche a
Parma nella seconda metà del’Ottocento. Il caso del colera, in Maria Ortensia Banzola,
Leonardo Farinelli, Roberto Spocci (a cura di), Figure, luoghi e momenti di vita medica a
Parma, Artegrafica Silva, Parma 2003, pp. 279-296.
Sereni, Umberto, Il movimento cooperativo a Parma. Tra riformismo e sindacalismo, De
Donato, Bari 1977.
293
Sicuri, Fiorenzo, La vita politica di Parma dalla belle époque alla prima guerra mondiale,
in Roberto Montali (a cura di), Nel mondo nuovo. Parma da Verdi a Vittorio Veneto (19001918), Monte università Parma, Parma 2007, pp. 42-50.
Spocci, Roberto, (a cura di), Parma di fronte alla Grande Guerra, Istituto per la storia del
Risorgimento italiano, Parma 2005.
Tocci, Giovanni, Il ducato di Parma e Piacenza, Utet, Torino 1987.
Ugolotti, Ferdinando, L’assistenza degli alienati e i loro ospedali di ricovero nel territorio
di Parma: studio storico, Stabilimento d’arti grafiche G. Federici, Pesaro, 1933.
294
Fly UP