...

Itinerari guerra Valbisenzio CDSE

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Itinerari guerra Valbisenzio CDSE
Itinerari di
Guerra e Resistenza in
Val di Bisenzio
valibona faggi di javello cave faggione di luogomano carbonale torricella
1
1944-2014 - 70° Anniversario
della Liberazione della Val di Bisenzio
Introduzione
Progetto sostenuto dalla Regione Toscana
N
Itinerari di Guerra e Resistenza in Val di Bisenzio
el secondo conflitto mondiale la Val di Bisenzio è stata un
aspro teatro di guerra, soprattutto a partire dalla fine del
1943. Nelle alture appenniniche si nascosero gli ex prigionieri alleati e i giovani renitenti alla leva; nella bassa valle si formarono e agirono le brigate partigiane Storai e Buricchi mentre
imperversavano i bombardamenti volti a colpire la linea ferroviaria
Direttissima; nell’Alta Valle fu costruita l’ultima linea difensiva e
fortificata della campagna d’Italia, ovvero la ‘Linea Gotica’, la cui
presenza ha comportato accesi scontri tra gli eserciti (la battaglia
di quota 810, Poggio della Torricella) e la distruzione di interi borghi, come Cantagallo.
a cura della Fondazione CDSE – Centro di Documentazione
Storico Etnografica della Val di Bisenzio e Montemurlo
Ideazione e coordinamento: Alessia Cecconi
Testi storici: Alessia Cecconi, Luisa Ciardi, Annalisa Marchi
Progettazione e descrizione dei percorsi: Giacomo Agabio,
Riccardo Barni, Roberto Bartoli, Alessia Cecconi, Dario Conti,
Claudio Crapanzano, Gabriele Rossi, Nello Santini
Fotografie: Archivio storico Fondazione CDSE, Associazione
Linea Gotica Alta Val Bisenzio, Legambiente - Rifugio
Cascina Le Cave, Baldassare Amodeo, Francesca Bernini,
Dario Conti, Serena Maccelli
A ‘spettacolo’ terminato, i teatri di guerra lasciano spesso un cumulo di ferite e macerie, che impongono nell’immediato un’energica
azione di ricostruzione e, negli anni successivi, una nuova e altrettanto energica azione di recupero e salvaguardia della memoria.
Fortunatamente nella Val di Bisenzio da decenni si è concretamente cercato di recuperare, conservare e far rivivere con passione la
storia e i segni di questo doloroso passaggio. Grazie alle iniziative
delle varie amministrazioni, delle associazioni, dei ricercatori locali, e grazie anche alle ricerche trentennali del Centro di Documentazione storico della Val di Bisenzio, oggi Fondazione CDSE,
il recupero della memoria si è concretizzato in un impegno di ricerca collettivo e multigenerazionale: salvate e archiviate centinaia
di foto, testimonianze, documenti; edite importanti pubblicazioni;
organizzate passeggiate, momenti commemorativi e percorsi didattici; istituiti parchi memoriali, mostre permanenti e monumenti.
Progetto grafico: Baldassare Amodeo
Rilevamento percorsi GPS: Roberto Bartoli
Cartografia: Club Alpino Italiano, sezione di Prato
Scarica l’e-book degli itinerari e
ulteriori contenuti aggiuntivi al seguente indirizzo:
www.fondazionecdse.it/joomla/itinerari-di-guerra-e-resistenza
Sommario
1944: l’ultimo anno di guerra in Val di Bisenzio
Itinerario 1 - Valibona
Itinerario 2 - Faggi di Javello
Itinerario 3 - Le Cave
Itinerario 4 - Faggione di Luogomano
Itinerario 5 - Carbonale
Itinerario 6 - La Torricella
Luoghi della memoria nella Valdibisenzio e dintorni
4
6
10
14
18
22
26
30
Gli Itinerari di Guerra e Resistenza che presentiamo in occasione
del 70° Anniversario della Liberazione della Val di Bisenzio intendono partire da questo grande lavoro: sul filo della memoria e sullo
sfondo dei bellissimi paesaggi della Valle, abbiamo individuato sei
passeggiate di varia difficoltà, alla ricerca dei luoghi simbolo del
passaggio della guerra. Ogni percorso è presentato da un’introduzione storica con una testimonianza diretta e da una descrizione
più tecnica, nella speranza che il sentiero da percorrere possa rivelare ancora, tra gli incontaminati scenari dell’Appennino, i segni
e le emozioni di settanta anni fa.
3
1944: l’ultimo anno di guerra in Val di Bisenzio
3 gennaio - Battaglia di Valibona: scontro tra la formazione di Lanciotto Ballerini
e i militi dell’RSI.
21 gennaio - Bombardamento su Schignano e sulla Tignamica, muoiono sei
ragazzi.
8 febbraio - Bombardamento su La Briglia, il paese è duramente colpito.
Febbraio - Nasce la formazione partigiana Orlando Storai sul Monte Javello.
Gennaio/marzo - La Todt inizia a costruire le postazioni della Linea Gotica
nell’Alta Valle.
22 marzo - Scontro a Migliana tra partigiani della Storai e fascisti saliti per un
rastrellamento.
1 maggio - Tosca Martini issa una bandiera rossa su un cipresso a Usella in
segno di protesta.
18 maggio - Bombardamento a Vernio, destinato alla Grande Galleria dell’Appennino. Colpisce invece Poggiole, Ceraio, il viadotto ferroviario di Terrigoli e la
fabbrica Peyron.
Giugno - Sui Faggi di Javello si riorganizza una nuova formazione partigiana,
la Bogardo Buricchi.
7 giugno - La contraerea tedesca abbatte l’aereo americano B-25J Mitchell di
fronte a S. Quirico, in località Carbonale presso Poggiole.
30 giugno - Incursioni aeree su Vaiano, mitragliata la stazione.
28 luglio - Scontro tra partigiani della Buricchi e tedeschi alla Cavallaie: segue
un rastrellamento alle Banditelle, sventato dai partigiani.
30 luglio/3 agosto - I tedeschi ordinano lo sfollamento forzato degli abitanti
di S. Ippolito di Vernio e di Cavarzano.
Molte persone trovano rifugio presso
l’Alpe, in località ‘le Rocche’.
1 agosto - Cade un aereo alleato a
Sofignano, sotto Melagrana. Il pilota
viene nascosto dagli abitanti del paese.
11 agosto - Per rappresaglia contro un
attacco partigiano, viene freddato nella
sua aia il contadino di Schignano Leone Mengoni.
24 agosto - Bombardamento su Montepiano. La chiesa diventa prima rifugio di sfollati di Vernio e Cantagallo, poi
centro di smistamento di forza lavoro
per le necessità belliche dei tedeschi.
4
26 agosto - I tedeschi in ritirata fanno saltare gli imbocchi delle gallerie e i viadotti sulla ferrovia nell’Alta Valle.
2 settembre - I partigiani della formazione Buricchi fanno saltare la polveriera
tedesca di Castello (Cantagallo), destinata alla distruzione dell’abitato in prossimità della Linea Gotica.
4/5 settembre - I tedeschi fanno evacuare gli abitanti di Cantagallo, Luicciana e
Luogomano e li deportano a Castiglion de’ Pepoli e Creda; successivamente distruggono Cantagallo, Luogomano e fanno saltare il palazzo comunale a Luicciana.
5/6 settembre - I partigiani della Buricchi scendono dai Faggi per liberare Prato.
Segue uno scontro con i tedeschi presso Pacciana, il giorno dopo vengono impiccati a Figline 29 partigiani.
7/8 settembre - In seguito ai fatti di Figline, i tedeschi a Schignano uccidono i
tre fratelli Favini e sei ragazzi presso la località ‘Spirito’, tutti accusati di essere
partigiani.
8 settembre - I tedeschi in ritirata fanno saltare i ponti di Vaiano e la centrale
via Braga.
6/10 settembre - Le truppe germaniche risalgono la Val di Bisenzio lasciandosi alle spalle distruzioni e violenze. Le montagne tra Montemurlo e Cantagallo
sono percorse dalla 6ª Divisione sudafricana, mentre il crinale della Calvana
vede l’avanzata del 133° Reggimento della 34ª Divisione di Fanteria USA, i Red
Bulls.
10 settembre - Una colonna alleata giunge in vallata, vengono liberati Schignano, Vaiano, Sofignano e Migliana.
11/22 settembre - Giorni cruciali della battaglia per la conquista del Poggio della
Torricella sulla Linea Gotica (quota 810): forti cannoneggiamenti e combattimenti a distanza ravvicinata.
22/24 settembre - Il fronte è rotto, il Reggimento americano raggiunge la Crocetta e la cascina di Prati e il 23 si attesta a
Montepiano. Tra il 22 e il 23 i Sudafricani e
gli Americani raggiungono Mercatale e S.
Quirico trovandole completamente vuote.
17 e 24 settembre - Intere famiglie muoiono nei loro rifugi centrati da colpi di cannone presso il fosso delle Migliarine (tra
Luciana e Montepiano) e alla Storaia.
1/4 ottobre - Da Creda e Castiglione,
tornano a piedi i profughi di Cantagallo,
ritrovando il loro paese completamente
distrutto. 5
1 - Valibona
La storia
Questo itinerario si snoda sui monti della Calvana, nel territorio che
durante la Resistenza fu teatro del primo vero scontro armato tra partigiani e repubblichini nella Val di Bisenzio.
È il capodanno del 1944 e una squadra di partigiani, guidati da Lanciotto Ballerini di Campi Bisenzio, viene ospitata in un fienile dai contadini
di Valibona, su uno dei più antichi valichi tra Mugello e pianura pratese.
La squadra è lì di passaggio, dal Monte Morello si sta spostando verso
il Pistoiese ed è formata da un gruppo internazionale, comprendente
italiani, russi, slavi e un capitano inglese, di nome Stuart Hood.
Le requisizioni di bestiame effettuate dai partigiani il 2 gennaio alla Fattoria di S. Gaudenzio e probabilmente anche una soffiata di qualche
spia di passaggio a Valibona mettono in allarme i fascisti della zona:
una colonna di 150/200 repubblichini, carabinieri, militi della Banda Carità, guidati del seniore Duilio Sanesi, nella notte tra il 2 e il 3 gennaio
sale verso Valibona e accerchia il paese.
Lanciotto impartisce gli ordini: il sardo Ventroni alla mitragliatrice, gli
altri si sparpagliano per cercare di ingannare i fascisti. I partigiani decidono di vendere cara la pelle e lo scontro è cruento: il russo Vladimiro
rimane sul campo, il sestese Loreno Barinci viene ferito gravemente e
creduto morto. Lanciotto, nel tentativo di conquistare una mitragliatrice
ai nemici, viene colpito e ucciso.
Senza la guida del loro comandante i partigiani sbandano e vengono
catturati, portati in carcere alle Murate e torturati. Barinci, ferito al volto e
alla gola, si trascina nella notte fino alla casa del contadino Dario Fusi:
questi regala le scarpe del suo matrimonio al partigiano, che miracolosamente riesce con le proprie forze a scendere fino a Fabio e a salvarsi.
Quello stesso mattino del 3 gennaio 1944 i contadini Poli ricordano di
aver visto scendere verso Meretto tutte le famiglie residenti in Valibona
(gli Arrighini, i Fioravanti e i Lastrucci proprietari del famoso fienile) che
per rappresaglia erano state catturate dai fascisti e venivano portate
in carcere alle Murate. I boschi intorno a Fabio e Savignano saranno
lo sfondo per altre tristi vicende durante il passaggio del fronte: l’8 settembre 1944 i tedeschi, che avevano allestito un campo militare presso
Villa Cipriani, rastrellano alcuni ragazzi del posto, tra cui lo sfollato Bino
Bini, per lavorare al posizionamento di filo spinato in Calvana. L’uomo,
tornando a casa, viene raggiunto e freddato da un colpo sparato da un
ufficiale tedesco dal piazzale della chiesa di Fabio. 6
“Dopo le azioni di quella giornata a casa mia
vedo passare i fascisti
che spingevano davanti
a sé la gente di Valibona.
Scalzi, ignudi, facevan
compassione.
Li fermai e dissi: «O dove
la portate codesta gente? Non vedete in che
condizioni sono?»
E quelli: «Zitto, se no si
porta via anche voi!»
Una volta la settimana
attaccavo la cavalla al
calesse, andavo a Sesto
e di qui con un mio amico
fino a Firenze, in via Ghibellina, per andare a trovare la gente di Valibona
e portare qualche cosa.
Noi lassù s’era tutta una
famiglia.”
Testimonianza
di Dario Fusi
7
1 - Valibona
Il percorso
1
Dalla chiesa di Fabio imbocchiamo la strada bianca a destra che costeggia la canonica e si inerpica per qualche tornante fino alla vista di
un edificio rurale. Voltando a destra prima dell’edifico, raggiungiamo
l’abitato medievale abbandonato di Parmigno e successivamente arriviamo a un incrocio in prossimità di uno spazio aperto, dove imbocchiamo la strada in salita a sinistra, che percorriamo con ripide salite fino al
passo (incrocio sentiero CAI 42), costeggiando poi su un falso piano il
Monte Cagnani.
Poco dopo, sotto strada sulla de- 1
stra, scorgiamo i ruderi delle Case
Fusi (C. Nuova) e arriviamo poi al
Crocicchio di Valibona. Da qui,
attraverso una pineta, sulla sinistra sopra la strada troviamo prima una piccola piramide (il monumento a ricordo della battaglia) e
arriviamo infine all’abitato di Valibona, dove il famoso fienile teatro
della battaglia è stato trasformato
in Memoriale.
Tenendo la sinistra proseguiamo in discesa, fino a incrociare la strada
che proviene dalle Croci di Calenzano, poi sempre mantenendo la sinistra, dopo una ripida salita, raggiungiamo il valico di Foce ai Cerri dal
quale si può godere uno splendido panorama.
Si prosegue per un primo tratto su un falso piano e poi in discesa, fino
ad arrivare ai ruderi di Campo Sanico, Case Lavacchio e infine al
borgo medievale di Savignano. Attraversato il borgo, imbocchiamo a
sinistra la strada bianca (via degli schizzi) che ci riporta a Fabio. m
4D
600
500
Distanza
Durata
Dislivello
Difficoltà
400
300
200
100
8
02 4 6810
km
km 10,84
ore 4-5
m 400
media (E)
9
2 - Faggi di Javello
La storia
Questo itinerario si snoda sui Faggi di Javello, sul versante destro del
fiume Bisenzio, in una vasta area boschiva protagonista dal febbraio
1944 delle azioni dei partigiani della Brigata Orlando Storai e in seguito base per la Bogardo Buricchi.
Schignano è il luogo di raccolta per quei giovani che rifiutano di arruolarsi nel ricostituito esercito della RSI e scelgono, invece, ‘la via dei Faggi’:
dal paese partono i rifornimenti alimentari e le staffette con messaggi e
ordini; nei boschi sopra Vallupaia, in località Ebani, viene tenuto nascosto e protetto il bestiame di vari contadini, nel tentativo di salvarlo dalle
requisizioni tedesche. Dalla primavera tutta quest’area, da Albiano, passando per Schignano fino a Migliana, ospita migliaia di sfollati.
Dal gelido inverno del ´44, sotto la guida di Armando Bardazzi e di
Carlo Ferri, e in collegamento con il CLN pratese, è attiva sui Faggi la
squadra partigiana Storai, di cui fanno parte molti ragazzi della Val di
Bisenzio. La prima vera azione armata avviene il 22 marzo, dopo una
soffiata che annuncia un rastrellamento tedesco. I partigiani decidono
di agire per primi e cogliere di sorpresa i nemici: dal Pian dei Massi
percorrono il crinale e lungo lo stradello dei Tabernacoli raggiungono
Poggio alla Vecchia, proprio sopra la chiesa di Migliana, nel cui piazzale bivaccano i nazi-fascisti. Colti di sorpresa essi si sparpagliano,
incendiando il bosco, ma rinunciando al rastrellamento.
Dopo questa azione la Orlando Storai attraversa il fiume Bisenzio, passa sui monti della Calvana e muove verso il Falterona. Si ricostituisce in
giugno, con il nome di Brigata Bogardo Buricchi con base al Pian delle
Vergini, sul crinale del Monte Javello. Tra il luglio e l’agosto 1944 scontri
tra partigiani e fascisti avvengono alle Cavallaie, alle Banditelle, presso
Porciglia; spesso a pagarne le conseguenze sono i civili, i contadini
come Leone Mengoni e Domizio Fuligni.
Vicende ancora più cruente avvengono in seguito ai fatti di Figline
(5-6 settembre), che i partigiani della Buricchi raggiungono di notte per
liberare Prato. Tra il 7 e l’8 settembre 1944, dopo l’impiccagione di 29
uomini della brigata, i tedeschi salgono a Schignano: presso il monte
Casioli trovano i tre fratelli Favini della Tignamica e li freddano brutalmente; nel bosco sopra le Case Vecchie, in località ‘Spirito’, sei uomini
vengono fermati e accusati di essere partigiani: quattro sono impiccati
e due uccisi mentre tentano la fuga. Solo il 10 settembre Schignano
può salutare l’arrivo degli Alleati e dare degna sepoltura ai propri caduti.
10
“Ai primi di giugno la formazione si riorganizzò e
si ricostituì il campo base
ai faggi di Javello.
Le baracche furono costruite in fila lungo il crinale, tutte verso le Banditelle, perché su quel
lato c’era la macchia di
faggio alta; salendo dalle
Prata, appena il crinale
spianeggia, c’era la cucina, poi l’infermeria, l’armeria e le baracche del
dormitorio, che alla fine
arrivarono a cinque per
contenerci tutti e l’ultima
addirittura a due piani,
proprio di faccia al Faggio della Madonna.”
Testimonianza
di Renato Pozzi
11
2 - Faggi di Javello
Il percorso
2
1
Dal parcheggio della Bertaccia (1) si imbocca la strada per Vallupaia,
bella conca verde all’interno di un castagneto. A Vallupaia si prosegue
per l’ampia strada sulla sinistra, che si inerpica per numerosi tornanti
sulle pendici del Monte Javello fino a raggiungere Pian dai Massi, da
12
m
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
4D
Distanza
Durata
Dislivello
Difficoltà
1
2
3
4
5
6 km
km 6,12
ore 3-4
m 450
media (E)
dove si può ammirare uno spettacolare panorama sulla pianura Prato-Firenze-Pistoia.
Si prosegue per la stessa strada
(sentiero CAI 10) fino al crinale di
Javello (Pian delle Vergini), dove si
incontrano, in un viale di faggi, prima
un piccolo cippo a ricordo del campo
partigiano (collocato dopo la guerra) e poi un monumento più recente
(opera di Gilberto Tozzi). Al termine
del pianoro si trova un tabernacolo
dedicato alla Madonna, a destra del
quale si scende per un comodo sentiero fino a un piazzale. Da qui, sempre sulla destra, un viottolo pianeggiante conduce alla fresca Fonte del
Prete, dove si prende per il sentiero
CAI 14 che scende fino a un bivio,
passando dagli ‘Ebani’. Qui si continua a sinistra per il CAI 14 (l’altro,
CAI 14A, riporta in Vallupaia) e, con
una ripida discesa, si giunge fino al
Mulino del Vado e alla strada asfaltata. Appena sopra la strada si trova
un esemplare di cerro-sughera, che la tradizione popolare indica come
La Sughera.
Proseguendo a destra sulla strada 2
asfaltata, in località Spirito troviamo sulla destra un monumento (2)
a ricordo dei sei ragazzi uccisi nei
giorni del passaggio del fronte.
Continuando sulla strada asfaltata
verso La Collina torniamo in breve
al parcheggio della Bertaccia.
13
3 - Le Cave
La storia
È l’itinerario che lega la storia della Linea Gotica con quella della sfollamento coatto del paese di Cantagallo, l’una e l’altra vissute drammaticamente dalla popolazione nell’estate del 1944 e raccontate da Nello Santini.
Il paese aveva assistito da vicino al fervore delle opere con cui i Tedeschi volevano creare una linea fortificata lungo l’Appennino: dalla
primavera all’estate del 1944 vide centinaia di operai e officine, con
fabbri pronti a riparare gli arnesi e a fare le grappe di tondino di ferro per
collegare i tronchi d’albero per le armature delle postazioni. In cima al
monte Bucciana avevano sistemato poi un grosso osservatorio protetto
da alcune trincee: da lì avevano sotto controllo, sul versante di Cantagallo, la valle del fosso del Bacuccio, con due postazioni nel Porrancio,
una nel Traverseto e la più importante sopra la cascina di Cerliano.
Pochi giorni prima del passaggio del fronte, il 4 settembre 1944, i Tedeschi minano il municipio e un terzo delle abitazioni di Luicciana, tutte le
case (ad eccezione di una) di Cantagallo, gli edifici di Luogomano, dove
rimangono in piedi solo una cabina elettrica e la camera mortuaria. Prima
di far esplodere questi paesi (l’11 settembre) radunano la popolazione,
trascinandola fino a S.Quirico, Montepiano, Creda, in una lunga fila.
La famiglia di Nello Santini tenta di evitare la deportazione salendo a
Le Selve. Un soldato tedesco li blocca, assieme ad alcuni sfollati che
vi avevano trovato rifugio e che, quel giorno, avevano ammazzato polli
e conigli per sottrarli alla razzia dei militari: a fatica riescono a lasciare
nella casa de Le Selve i cinque anziani del loro nucleo familiare, alcuni
pluri-ottantenni, per sottrarli alle fatiche di un lungo viaggio a piedi verso ignota destinazione. Mentre qualcuno discute con il soldato tedesco,
altri indicano ai vecchi i luoghi dove erano stati nascosti i rifornimenti
di riserva: damigiane sotterrate piene di grano, scatole di pasta e riso
dentro i tronchi vuoti dei castagni, un fiasco d’olio nel cavo di un gelso.
Un gruppo di 25 persone viene alla fine rastrellato e aggiunto alla colonna degli sfollati: quando ritornano, nel mese di ottobre, la famiglia Santini ritrova gli anziani lasciati a Le Selve e si sistema in un castagneto a
Campo ai Socci, nel periodo in cui ricostruivano la casa a Cantagallo.
Diffusa, nel dopoguerra, divenne la pratica di ricercare i materiali, molto richiesti all’epoca, serviti per allestire la Linea Gotica: rotoli di filo
spinato, di filo di ferro grosso e fine, attrezzi da lavoro abbandonati al
momento della ritirata tedesca.
14
"Nella zona di Cave erano state costruite cinque
postazioni: due in località
Il Melaccio, i cui resti ora
sono nascosti nei pressi
di una piccola abetaia.
Una in fondo alla roccia che si vede sull’altro
versante di fronte alla
cascina, detta I Rugoni,
una vicino alla sorgente
e una sul crinale, in cima
al castagneto.
Nel fosso del sottostante
fosso di Bacuccio ricordo
che c’era un altro campo
minato, vicino alla confluenza con il rio Ceppeta, ai fianchi del quale i
Tedeschi avevano sistemato altri rifugi fortificati.
Alla fine della guerra era
diventato un vero e proprio lavoro, soprattutto
per i più giovani, come
me, recuperare i materiali utilizzati per costruire la Linea Gotica, dato
che ci pagavano per i
rotoli di filo spinato che si
raccapezzava per recintare i campi o per il filo
di ferro grosso o fine che
fosse."
Testimonianza
di Nello Santini
15
3 - Le Cave
Il percorso
4
3
2
1
Si parte dal parcheggio della Riserva Naturale Acquerino-Cantagallo
situato sotto il centro visite di Cantagallo. Superato il ponte sul rio
Ceppeta, al trivio immediatamente successivo si imbocca a destra la
salita ‘della tagliata’, sul sentiero CAI 36. Si prosegue per il ponte delle
Selve attraverso boschi cedui di roverella, orniello, carpino nero e castagno fino alla località Campo ai Socci (1) dove sono ancora visibili
i resti della casa della famiglia Santini abbandonata nei primi anni ’50.
Il percorso prosegue in mezzo a
castagneti secolari fino a giungere
4
in località Cerliano, dove si trova
un bivacco sempre aperto in prossimità di una bella fonte denominata Fonte Santa.
Da qui, seguendo la strada carrabile, si raggiunge la località Melaccio
(2), dove sono visitabili i resti di due
postazioni della Linea Gotica al limitare di una piccola abetaia ben
visibile lungo il percorso.
Proseguendo si giunge in località
Vitiperonzoli (3): anche qui sono
visibili resti di una postazione, proprio ai bordi della strada. In breve si
raggiunge la Cascina Le Cave, oggi laboratorio ambientale. Appena
sopra la Cascina, lungo il crinale che conduce alla cima del monte Bucciana, è visitabile l’installazione artistica Segmenti di Linea Gotica (4)
di Ivano Cappelli realizzata nel 2014.
Dalla Cascina imboccando il sentiero botanico CAI 36A si scende al
ponte sul rio Ceppeta e quindi al parcheggio della riserva.
m
800
700
600
500
400
300
200
16
4D
Distanza
Durata
Dislivello
Difficoltà
km 5,58
ore 3-4
m 330
media (E)
100
012 345 km
17
4 - Faggione di Luogomano
La storia
Il percorso, sul tracciato della Linea Gotica, conduce alla zona ove
sono ancora visibili i resti delle fortificazioni e del passaggio del fronte.
All’interno della Riserva Naturale, al passo degli Acquiputoli, salirono
gli ex prigionieri britannici evasi dal sottocampo di Montemurlo dopo l’8
settembre 1943, riparando soprattutto presso i contadini di Migliana.
Nella primavera-estate del 1944, sotto il crinale e attorno al Faggione
di Luogomano, in posizione dominante, si concentrarono i lavori di costruzione di un tratto di Linea Gotica che doveva risultare invalicabile
per gli Alleati nello spostamento del fronte. Tutte queste opere nascevano sopra o sotto sentieri antichi, nella fitta rete di viabilità creata nel
tempo nella zona per trasportare legna e carbone.
Inizialmente alle postazioni lavoravano gli uomini ingaggiati da ditte locali (la Vannucchi) o del versante emiliano (la Frighi di Trisigallo in provincia di Ferrara, la Robotti e la Lorenzi Rubini di Bologna), con operai
provenienti da varie parti d’Italia. In seguito gli uomini addetti al trasporto dei materiali venivano rastrellati qua e là nella zona, soprattutto fra
gli abitanti del posto e gli sfollati che nell’estate del 1944 popolavano i
boschi della Val di Bisenzio.
L’Organizzazione Todt aveva creato nel paese di Cantagallo il suo
cantiere principale, presidiato dai soldati tedeschi. Si trattava di qualche centinaio di operai, cui si aggiunsero anche alcuni prigionieri russi,
addetti a custodire muli e cavalli.
Nella zona tutta intorno al Faggione era un brulicare di uomini e di
materiali: attrezzi da taglio e da sterro, ogni pezzo era marcato con la T
della Todt. Abbattevano chilometri e chilometri di bosco, castagneti interi: via via che procedevano, costruivano semplici bunker, scavati nella
montagna seguendo l’andamento del terreno. Ognuno di essi consisteva in una stanza sotterranea, di circa tre metri di lato, alta due, rivestita
e coperta con tronchi d’albero tagliati sul posto e collegati con grappe:
l’ingresso era curvo o a L, per impedire la penetrazione di schegge di
granata. Vicino all’ingresso preparavano due trincee a forma di ferro
di cavallo, raggiungibili per un camminamento: sotto veniva sistemata
una piazzola per la mitragliatrice.
Le postazioni sul Poggio dell’Uccelliera e al Passo degli Acquiputoli
furono le uniche utilizzate, quando il luogo fu raggiunto dai fucilieri indiani aggregati alla 6a Divisione Corazzata sudafricana: ci furono dei
combattimenti con morti e feriti da ambo le parti.
18
“Ricordo che le postazioni alle Pellacchie erano
disposte su tre livelli:
alcune lungo la strada
Luogomano - Cascina di
Spedaletto, alcune alla Fonte degli Acerelli e
molte altre lungo il crinale di Vitetta.
Presso la fonte, vicino al
punto in cui oggi c’è una
grande abetaia, i Tedeschi avevano piazzato
una fortificazione scavata nello scoglio e perfino
un ospedale da campo.
Lungo il sentiero degli
Acquiputoli, nei pressi della Nevaia, i rifugi
erano stati coperti con
lamiera ondulata.
Alla Cerbiancana avevano costruito un grande
deposito per le munizioni
e una stanza che fungeva da posto di comando.
Sul crinale del Tondatoio
fino al Casotto del Bindini
e dove oggi c’è il cartello
che indica le sorgenti del
Bisenzio, verso la valle
del Fosso delle Barbe,
avevano allestito due
campi minati anti-uomo.”
Testimonianza
di Nello Santini
19
4 - Faggione di Luogomano
Il percorso
3
4
2
1
B - L’itinerario può essere percorso anche partendo da Luogomano e raggiungendo il Faggione per la strada carrabile e da qui: sentiero 32 - Straccalasino - Culipiana - Cerbiancana - Belvedere - Faggione - Luogomano.
m
4D
1000
AB
Distanza km 7,30
12,98
Durata
ore 3-4
6-7
Dislivello m 150
500
Difficoltà media (E) media (E)
800
600
400
200
20
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
km
A - Si parte dal passo degli Acquiputoli superando la sbarra della Riserva
Naturale; dopo circa duecento metri, al
bivio, si imbocca a sinistra il sentiero
di crinale appenninico CAI 00 che sale
fino alla località Straccalasino (1) (eloquente toponimo). Si prosegue lungo il
bellissimo sentiero di Culipiana: visibili la tomba di un soldato tedesco e
un’antica neviera (2), vicino a questa
diversi crateri (3) di bombe sganciate
da un aereo in avaria nel 1944.
Giunti al passo della Cerbiancana,
svoltando a destra e seguendo una fila
di faggi secolari, si trovano i resti di
molte postazioni belliche (4).
Arrivati al crinale si scende verso la località Belvedere, dove sono visibili ulteriori
resti di postazioni. Prendendo il sentiero sulla destra in discesa si raggiunge il
Faggione di Luogomano, monumento
naturale della riserva composto da due
piante concresciute per circa tre secoli,
una delle quali ha purtroppo recentemente ceduto alle intemperie.
Dal Faggione, prendendo il sentiero CAI 32, si incontrano prima una meravigliosa pianta di agrifoglio dal portamento arboreo, poi i resti di un antico ovile, fino a raggiungere
la fonte degli Acerelli. Con- 4
tinuando sul sentiero 32 si
ritrova lo Straccalasino, ora
da percorrere in discesa fino
al passo degli Acquiputoli.
21
5 - Carbonale
La storia
L’itinerario conduce nei luoghi dove, nel giugno del 1944, fu abbattuto
l’aereo americano B25-J Mitchell e dove, tra la primavera e l’estate
dello stesso anno, l’esercito tedesco installò numerose postazioni difensive, minando edifici e obbligando la popolazione ad abbandonare le proprie case. All’inizio di giugno, a seguito dell’intensificarsi dei
bombardamenti alleati, le forze nazifasciste iniziarono infatti a dislocare
alcune batterie antiaeree presso S. Ippolito.
Il 7 giugno 1944 una formazione di 18 B25 (12ª Air Force americana),
accompagnati da 8 Spitfire inglesi, sorvolò Vernio verso le 17: appena
arrivati in Val di Bisenzio la contraerea tedesca, posizionata al Pianatino
e a Spazzavento nei pressi di S. Ippolito, colpì alla coda uno degli aerei,
che si spezzò in volo. L’aereo (matricola 43-4059) cadde nei pressi della località Carbonale, nei boschi di Poggiole: nello schianto morì tutto
l’equipaggio del velivolo tranne un componente, che riuscì a paracadutarsi fuori prima dell’impatto. 70 anni dopo l’Associazione Linea Gotica
Alta Val Bisenzio ha ricostruito la storia di questo abbattimento, collocando nel luogo dello schianto un monumento a ricordo dell’equipaggio
e contattando negli Stati Uniti i parenti dei soldati caduti.
In quella stessa terribile estate del 1944 era già iniziato da tempo anche il fenomeno dello sfollamento, che divenne sempre più coatto dal
luglio, quando i tedeschi iniziarono ad affiggere manifesti nei quali si
ordinava l’abbandono forzato degli insediamenti: gli abitanti di S. Ippolito lasciarono il paese il 30 luglio, quelli di Cavarzano il 3 agosto. Molti
si nascosero nei pressi dell’Alpe di Cavarzano, ovvero nella zona de
‘Le Rocche’, dove cigli, grotte e cavità naturali furono adattati a rifugi da
decine e decine di persone.
Verso la fine di agosto, con l’avanzare del fronte, i tedeschi fecero saltare gli imbocchi delle gallerie e i viadotti sulla ferrovia; a Mercatale furono
distrutti edifici nel borgo e i due ponti nel Bisenzio. Poggiole divenne
un’importante postazione difensiva con trincee e piazzole su entrambi i
versanti, quello che guarda Mercatale e quello verso S. Quirico. Proprio
per la sua posizione strategica, la medievale chiesa di S. Michele di
Poggiole, che impediva la visuale dell’Osservatorio occupato dai tedeschi sul monte di Mezzana ed era un punto di riferimento per i bombardieri alleati, fu fatta saltare in aria dai tedeschi insieme alle case dell’intero paese. In luogo dell’antica chiesa è stato costruito un Santuario
dedicato a S. Antonio Maria Pucci, punto di partenza dell’itinerario.
22
“Ricordo che durante i
primi bombardamenti un
apparecchio americano
venne abbattuto dalle
batterie contraeree tedesche piazzate al Pianatino a S. Ippolito.
Ero su un poggetto sopra S. Quirico e l’aereo
in fiamme veniva proprio
verso di me. All’improvviso si staccò il motore
e un pezzo d’ala, tanto
da farlo deviare contro
la montagna posta a trecento metri sulla mia destra. Dopo un po’ esplose, disintegrandosi. Nel
frattempo gli occupanti si
erano lanciati con il paracadute: uno fu ucciso
da un tedesco appena
toccata terra, altre tre
perirono e uno riuscì a
fuggire”.
Testimonianza
di Alfio Bessi
23
5 - Carbonale
Il percorso
2
3
4
5
1
Dal piazzale antistante il santuario di Poggiole (1) (dando le spalle
alla chiesa) si imbocca la strada asfaltata che sale verso Case Patriarchi. Seguendo le indicazioni che conducono verso il luogo del ritrovamento dell’aereo, e mantenendosi sulla strada principale fino alla
fine del percorso asfaltato, si prosegue per lo sterrato in salita sulla
sinistra. Al termine della salita si giunge in prossimità di un edificio rurale in località Carbonale di sopra (2) e si imbocca una carrareccia
sulla destra. Proseguendo per un centinaio di metri circa, sulla destra si
nota l’indicazione per l’imbocco
del comodo sentiero, realizzato 3
appositamente dall’Associazione
Linea Gotica Alta Val Bisenzio
nel 2014, che conduce direttamente al monumento (3) a ricordo dell’equipaggio dell’aereo
abbattuto il 7 giugno 1944.
Ritornando indietro sui propri
passi, dopo poco si incontra un
bivio: invece di risalire per il sentiero appena percorso, si imbocca la discesa sulla sinistra che
conduce alla località Poggiolino
(4) e alla strada asfaltata. Proseguendo sulla strada principale, si incontra quella che proviene da S.
Quirico e, mantenendosi sulla destra, si raggiunge inizialmente la località La Lama (5) e quindi il piazzale antistante il santuario di Poggiole. m
500
400
300
200
100
24
0 123
km
4D
Distanza
Durata
Dislivello
Difficoltà
km 3,16
ore 2
m 180
bassa (T)
25
6 - La Torricella
La storia
Questo itinerario, che si sviluppa lungo il Parco Memoriale della Linea Gotica (istituito nel 2003 dalla Provincia di Prato, dalla Comunità Montana
Val di Bisenzio, dal Comune di Vernio e dall’UNUCI di Prato), permette
di ripercorrere da un lato i feroci scontri tra gli eserciti per la conquista del
Caposaldo della Torricella, dall’altro i drammatici momenti vissuti dalla
popolazione sottoposta a incursioni aeree, colpi di artiglieria, e requisizioni.
Vernio fu investito in pieno dal passaggio del fronte: i continui bombardamenti della primavera-estate del 1944 devastarono la linea ferroviaria,
la stazione e l’imbocco della Grande Galleria. Momenti altrettanto drammatici furono vissuti dagli abitanti di S. Quirico, fatti evacuare dalle loro
case dai soldati tedeschi in ritirata. Nella confusione del momento molti
si rifugiarono nella valle del Rio Meo, sistemandosi alla meglio sotto la
Crocetta: così facendo si ritrovarono sotto il tiro incrociato delle artiglierie
proprio nei giorni più prossimi alla Liberazione.
Quando ormai Prato era liberata da giorni, il territorio di Vernio visse infatti il suo momento di maggiore emergenza, ritrovandosi tra l’avanzata
degli Alleati e le postazioni fortificate della Linea Gotica. Questa fu l’ultima linea difensiva della campagna d’Italia: collegava la pianura costiera
di Massa a Ovest con quella di Rimini a Est, seguendo all’incirca il 44°
parallelo. La realizzazione dei lavori era affidata all’organizzazione militarizzata Todt, che in Italia appaltava i cantieri a ditte locali utilizzando
spesso manodopera del posto. Come per il territorio di Cantagallo, anche
quello di Vernio per tutto il 1944 fu interessato da un’intensa attività di costruzione di postazioni, avamposti, trincee: i boschi ancora conservano
piazzole, bunker, nidi di mitragliatrici.
Intorno al 10 settembre 1944, con l’avanzata sul crinale della Calvana,
iniziò l’attacco alleato tra il Mugello e la Val Bisenzio; parallelamente i
tedeschi si trincerarono tra la fattoria delle Soda fino al passo della Crocetta, dove sostavano alcuni carri armati tedeschi che sistematicamente
apparivano allo scoperto, sparando una salva di colpi e ritornando subito
dopo al riparo. Dal 14 al 22 settembre si intensificarono gli scontri e il
Poggio della Torricella divenne il feroce campo di battaglia tra i fanti della
334ª Infanterie Division tedesca e quelli della 34ª ‘Red Bull’ Division americana. Finalmente, il 23 settembre, dopo aver espugnato il Caposaldo di
quota 810 alla Torricella ed essere entrati a Montepiano dal valico della
Crocetta, gli Alleati raggiunsero S. Quirico passando dal Gallo: trovarono
il paese completamente vuoto.
26
Ci avevano ordinato di
radunarci tutti nella piazza di S. Quirico per andare a Montepiano, ma
ci fu confusione e noi si
risalì il rio Meo e il fosso
del Casigno. C’era tanta
gente, anziani, bambini,
proprio sotto la casa di
Castagnolo.
La notte si scatenò l’inferno. Dai poggi di Mezzana ci sparavano i tedeschi, perché pensavano
che fossimo americani,
da Le Soda ci sparavano gli americani perché
pensavano che fossimo
tedeschi e tutti picchiavano.
Morirono sotto le cannonate un uomo e due donne, che si videro morire.
La mattina si prese la
strada della Bandiera e
nel punto più scoperto
si fece una corsa e ci si
buttò nel rifugio di Celle.
Testimonianza
di Remo Fiesoli
27
6 - La Torricella
Il percorso
3
2
1
Dalla piazza del comune di S. Quirico (dove si trova la mostra permanente dei reperti bellici curata dall’Associazione Linea Gotica Alta
Val Bisenzio), si segue in auto l’indicazione per Celle e, mantenendosi
sulla sinistra, si imbocca una strada stretta in salita che conduce alla
località La Bandiera. Lasciata l’auto in prossimità della strada, ci si immette nel sentiero CAI 60, proseguendo in salita fino all’edificio rurale
del Cotone e quindi ai ruderi della fattoria Le Soda, da dove si può
godere di un bellissimo panorama sulla Val di Bisenzio. Si prosegue in
salita lungo la mulattiera (sentiero CAI 20); giunti sul crinale si possono notare i resti di trincee e postazioni
2
tedesche della Linea Gotica immerse
in un bellissimo bosco di castagni e
conifere. Mantenendosi sul sentiero
CAI 20, alla fine del pianoro, dopo una
breve discesa, si incontra il passo
della Torricella (1), dove attraversiamo la strada asfaltata per continuare
sulla mulattiera che risale ripidamente
fino al Poggio della Torricella, mèta
principale dell’itinerario, e al Parco Memoriale omonimo, dove si trova
il monumento (2) a ricordo della battaglia. Da qui lo sguardo può spaziare verso il Mugello. Lungo il crinale si incontrano numerose trincee.
Si ritorna quindi al passo della Torricella per imboccare verso destra la
strada asfaltata precedentemente attraversata, che conduce alla località Il Gallo (dove è presente un agriturismo) e quindi a La Bandiera.
Un’alternativa molto più facile (tracciato verde): da Montepiano imbocchiamo in auto la strada verso Barberino fino all’incrocio del sentiero CAI 20 (3), da qui a piedi in pochi minuti si arriva al monumento (2).
m
700
600
500
400
300
200
100
28
012345 67
km
4D
Distanza
Durata
Dislivello
Difficoltà
km 7,39
ore 2-3
m 340
media (E)
29
Luoghi della memoria nella Valdibisenzio e dintorni
LUOGHI DELLA CONSERVAZIONE E
CENTRI DI DOCUMENTAZIONE
Memoriale di Valibona
Fondazione CDSE
Centro di Documentazione Storico Etnografica Val di Bisenzio e Montemurlo
Via Mazzini 21 - 59021 Vaiano (PO)
tel. 0574 942 476
www.fondazionecdse.it - [email protected]
Fondazione CDSE
Fondazione Museo e
Centro della Deportazione e della Resistenza
Via di Cantagallo 250, 59100 – Loc. Figline (Prato)
tel. 0574 461 655
www.museodelladeportazione.it - [email protected]
MOSTRE PERMANENTI
DI REPERTI BELLICI
Associazione Linea Gotica Alta Val Bisenzio
Piazza del Comune 20 - 59024 S. Quirico di Vernio (PO)
tel. 0574 931 044
www.lineagoticabisenzio.it - [email protected]
Linea Gotica Bisenzio
Associazione Gruppo storico di
ricerca Linea Gotica 1943-45
Via Montalese 715 - 59013 Montemurlo (PO)
tel. 0574 651 272 - 339 7237 445
[email protected]
30
PARCHI E MEMORIALI
Per info: Comune di Calenzano
Piazza Vittorio Veneto 12 - 50041 Calenzano (FI)
tel. 055 8833 225 / 282 / 256
[email protected]
http://web.comune.calenzano.fi.it/portale/schede/ufficio_relazioni_con_il_
pubblico/memoriale-di-valibona-1/memoriale-di-valibona
Linea Gotica Vernio
Parco Memoriale della Torricella
Per info: Comune di Vernio
Piazza del Comune 20 - 59024 S. Quirico di Vernio (PO)
tel. 0574 931 011
www.comune.vernio.it - [email protected]
Comune di Vernio
Linea Gotica Cantagallo
Trincee e installazioni Le Cave
Per info: Comune di Cantagallo
Via Giuseppe Verdi 24 - 59025 Luicciana (PO)
tel. 0574 956 809
www.comune.cantagallo.po.it - [email protected]
Comune di Cantagallo
Rifugio Le Cave
tel. 338 6172 364
www.rifugiolecave.it - [email protected]
Rifugio Cascina Le Cave 31
32
Fly UP