...

tipologie di bambini con bassa autostima

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

tipologie di bambini con bassa autostima
TIPOLOGIE DI BAMBINI CON BASSA AUTOSTIMA
Risulta evidente la complessità del concetto di autostima. I bambini che sperimentano
un senso di insicurezza interna possono esprimere questo disagio con modalità
differenti fra loro.
IL BAMBINO INVISIBILE
Il bambino invisibile si può osservare spesso all’interno di un gruppo. E’ proprio questo,
infatti, il contesto nel quale sono provocate maggiormente le sue reazioni difensive e
in cui mette in atto specifiche modalità relazionali. Il bambino è invisibile all’adulto
per una serie di motivi che lo rendono poco interessante agli occhi degli altri: non fa
mai troppa confusione, ma non è neanche totalmente silenzioso, non mostra di avere
una passione particolare e si confonde nel gruppo stesso. Il rapporto con i pari non
sembra, a prima vista, presentare alcun tipo di problematicità: è sempre fisicamente
inserito nel gruppo dei bambini più tranquilli, non litiga, non discute e non richiede
aiuto per risolvere eventuali conflitti e nella maggior parte dei casi accetta le
decisioni prese dagli altri. Per l’adulto alle prese con un gruppo di bambini, come ad
esempio nella situazione scolastica questa tipologia di bambino è la più comoda ma
anche la meno coinvolgente. L'adulto che entra le prime volte in contatto con lui tende
a dimenticarlo, sia mentre svolge le sue attività che durante una riflessione
successiva. Quel bambino ha infatti ubbidito alle sue richieste senza contraddirlo, non
ha espresso spontaneamente nessuna opinione, non ha manifestato sentimenti e non è
stato né affettuoso né scontroso. La passività si riflette anche nella relazione: il
bambino non ricerca attivamente conferme di nessun tipo, ma risponde se chiamato in
causa. Questo tipo di comportamento appare particolarmente evidente nel bambino di
quarta che ho seguito in questi ultimi due anni e proprio su di lui il giornalino ha avuto i
suoi migliori effetti. Abituandosi al contesto, sedata leggermente la sua ansia e
_________________________________________________________________________________
La scuola possibile - Sysform- Sistemi Formativi
Pag.1
percependo
un interesse crescente nei suoi confronti L. si è pian piano aperto al
gruppo.
IL BAMBINO “IPERATTIVO”
Il bambino iperattivo assume comportamenti molto vivaci e schietti, ma non va
assolutamente equiparato alla sindrome da iperattività. Nel nostro caso si tratta
piuttosto di un intenso bisogno di movimento e di azione unito ad un forte desiderio di
essere visto e anche contenuto. E’ sicuramente l’estremo opposto del bambino
invisibile, l’altra faccia della medaglia, se il primo voleva scomparire, il secondo non può
sopportare di non essere al centro dell’attenzione, nel bene e nel male: è meglio
essere sgridati e creare dei danni piuttosto che essere dimenticato. Alla base di
entrambi i casi però c’è la stessa insicurezza e la stessa paura di non essere all’altezza
delle diverse situazioni; così di fronte alle difficoltà uno decide di scappare senza
essere visto, l’altro di nascondersi creando confusione. Spesso questo bambino
esprime le sue emozioni e le sue paure tramite il movimento e l’agitazione poiché non
conosce altri canali di comunicazione. In genere ha molti amici, che trascina nelle sue
imprese e quando sta con loro sembra forte e spavaldo trasgredendo norme e regole.
E’ difficile che gli altri si accorgano della sua insicurezza se non quando rimane solo:
allora sembra quasi perso come se non sapesse più cosa fare.
IL BAMBINO CHE SFUGGE ALLE RELAZIONI
Il bambino che sfugge alle relazioni evita qualsiasi contatto interpersonale, sia fisico
che verbale. A differenza del bambino invisibile che appare sempre calmo e tranquillo,
questa tipologia di bambino attrae subito l’attenzione su di sé perché esprime disagio.
Spesso viene escluso dai coetanei e difficilmente riesce a partecipare ai giochi di
gruppo;
gli sembra sempre di subire torti ed ingiustizie così si isola e si chiude
rifiutando qualsiasi relazione con gli altri. Quando cerca di avvicinarsi agli altri lo fa in
_________________________________________________________________________________
La scuola possibile - Sysform- Sistemi Formativi
Pag.2
modo goffo, picchiando o stuzzicando gli altri con mille dispetti. Spesso riceve
risposte esasperate e non capisce perché gli altri lo trattino male, non è consapevole
delle proprie provocazioni.
L’adulto trova molta difficoltà nella gestione di questo tipo di bambino: è spesso
costretto a sgridarlo dal momento che inizia sempre lui a litigare con gli altri, ma se
prova a parlarci o a capirlo lo sente sfuggente come se la vicinanza dell’adulto gli
desse fastidio.
IL BAMBINO ADULTIZZATO
In questo caso è molto difficile accorgersi della sua scarsa autostima perché, anche
se appare a volte un po' timido, si dimostra sempre maturo, responsabile,
coscienzioso: a scuola riporta all'ordine i compagni distratti, collabora per il rispetto
delle regole, gioca con ordine e lealtà, si impegna con serietà nello studio. A casa aiuta
i genitori, si occupa dei fratelli più piccoli, è affidabile quando gli si dà un compito.
Tutti in genere sono contenti di lui e per questo è difficile che le sue difficoltà
vengano percepite: ad esempio è spesso un bambino che non sa giocare, non riesce a
scatenarsi, deve sempre controllare che tutto sia a posto, ha dentro di sé un'immensa
paura di sbagliare e di deludere le aspettative altrui.
Barbara Alessandri
_________________________________________________________________________________
La scuola possibile - Sysform- Sistemi Formativi
Pag.3
Fly UP