...

LO SVILUPPO VISIVO DEL BAMBINO

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

LO SVILUPPO VISIVO DEL BAMBINO
LO SVILUPPO VISIVO DEL
BAMBINO
“Psicopatologia dello sviluppo”
UniRomaTRE
Dott.ssa Antonella De Luca
Dott.ssa Elisabetta Luschi
Ortottista - Assistente in Oftalmologia
Presidente AIOrAO Toscana (Associazione Italiana Ortottisti)
CHI E’ L’ORTOTTISTA?
L'Ortottista ed Assistente in Oftalmologia è l'operatore sanitario che tratta
i disturbi motori e sensoriali della visione ed effettua le tecniche di
semeiologia strumentale-oftalmologica.
(D.M. 14 settembre 1994, n.743)
“ORTOTTICA” (dal greco orthos = dritto e optiché = visione) sta a significare
l’insieme delle tecniche mirate alla riabilitazione visiva.
COSA FA L’ORTOTTISTA?
 Valutazione e riabilitazione dello strabismo e dell'ambliopia
(occhio pigro).
 Prevenzione delle anomalie e dei disturbi visivi
principalmente in età prescolare e scolare: screening
 Prevenzione dell'astenopia (o sindrome da affaticamento
visivo)
 Rieducazione del paziente ipovedente.
LA VISIONE
Il nostro occhio può percepire FORME,
COLORI, PROFONDITÀ, DISTANZA e
MOVIMENTO degli elementi che ci
circondano.
Per questo é di fondamentale importanza che il sistema visivo sia il
più efficace possibile in quanto, non solo rappresenta una base per
l’apprendimento, ma influenza anche il comportamento di una
persona.
VISTA
ACUITA’
VISIVA:
abilità
di
distinguere i dettagli a distanza
I fattori che condizionano l’acuità visiva
sono:
 lo
stato
refrattivo:
miopia,
ipermetropia, astigmatismo
 l’intensità luminosa: se questa
aumenta migliora l’acuità visiva
 contrasto: al suo aumento è
maggiore la possibilità di distinguere i
contorni delle immagini
 la salute dell’occhio: cornea,
cristallino, retina, nervo ottico ecc.
VISIONE
La capacità di capire
e
interpretare quello che vediamo.
Captare le informazioni
Processarle
Ricavarne un significato
Non si tratta solo di immagini, anche le
sensazioni, le emozioni che le
accompagnano hanno una relazione con
la visione.
COME AVVIENE LA VISIONE
La visione non si limita all’utilizzo dell’organo della vista.
Gli occhi sono soltanto la parte più esterna di una “macchina complessa”.
L’immagine viene proiettata sulla RETINA,
un tappeto di cellule nervose
Via
Visiva
Lo stimolo viene inviato al CERVELLO, dove
viene identificata, compresa e processata
IMPORTANZA DELLA VISTA
Il senso della vista fornisce al cervello circa il
90% delle informazioni sul mondo esterno e
rappresenta il canale primario di
comunicazione.
Il suo intervento non è ristretto
all’acquisizione delle immagini degli oggetti,
ma gioca un ruolo privilegiato durante
l’emergente relazione madre-neonato,
diventando così il principale veicolo dei
rapporti sociali.
MOLTE FUNZIONI VISIVE
La visione come percezione
GUARDARE
Con quanto dettaglio vedo
ACUITA’ VISIVA
Quale regione dello spazio vedo
CAMPO VISIVO
Come utilizzo il sistema visivo
OCULOMOZIONE
per guardare
La visione come funzione
VEDERE
Come utilizzo ciò
VISIONE PER L’AZIONE
che percepisco
LO SVILUPPO DELLA FUNZIONE
VISIVA
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
ALLA NASCITA
 Appena nato la retina è già in grado di funzionare,
permettendo al neonato di cogliere il contrasto tra zone
chiare e zone d’ombra (ad esempio le sopracciglia ed i
capelli della mamma).
 Il piccolo non è ancora capace di controllare i movimenti
degli occhi e non riesce a mettere a fuoco il mondo attorno
a sé.
ALLA NASCITA
L’acuità visiva (capacità di discriminare le
immagini) è inferiore ad 1/10
 Distingue il rosso ed il verde se sono in forte
contrasto
 Il campo visivo è piccolo
 La pupilla si restringe alla luce (riflesso
fotomotore)
Alla luce forte il bambino ammicca
Lo sguardo è attratto dal movimento di una luce
debole
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
DUE SETTIMANE
 Il piccolo inizia in parte a coordinare i
muscoli oculari riuscendo a mettere a fuoco
oggetti situati a 20-25 cm dai suoi occhi, alla
distanza cioè a cui si trova il volto della mamma
quando viene allattato.
E’ come se lo sguardo del neonato si
focalizzasse su quello che è veramente
importante per lui, ossia la fonte principale del
nutrimento e dell’affetto.
 Tutto ciò che è posto ad una distanza maggiore appare sfuocato e il
bambino vede solo forme imprecise, in diverse tonalità di grigio perché
non è ancora in grado di distinguere i colori.
 Distingue molto bene la luce dal buio
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
1 MESE
 L’occhio si sposta per risposta ad
uno stimolo visivo (riflesso di
fissazione): il piccolo diventa
capace di soffermare il suo
sguardo su un oggetto preciso.
 Il bimbo inoltre è in grado, per qualche secondo, di
seguire il lento spostamento, in orizzontale o in verticale,
di un oggetto posto a 20-25 cm dagli occhi.
1 MESE
 Il piccolo è capace di cogliere solamente i
contorni di un viso e sorride a qualsiasi
stimolo che abbia la forma di un volto: la
faccia di una persona, ma anche una
semplice maschera.
 Inizia ad acquisire il riflesso di chiusura
palpebrale alla minaccia
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
2 MESI
 Il bambino è capace di mantenere una fissazione
durevole su un oggetto (un viso vicino) con lenti
movimenti di inseguimento
 Il parallelismo degli assi visivi si stabilizza
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
3 MESI
 Il bambino governa meglio i muscoli del collo: è capace perciò di
seguire con lo sguardo i movimenti della mamma quando si sposta.
 Inizia a riconosce il volto della madre
 Inizia a svilupparsi la convergenza, quindi, a mano a mano che un
oggetto si avvicina, gli occhi ruotano verso l’interno.
 La sensibilità al contrasto è simile a quella
dell’adulto
Inizia a scoprire i colori ed è affascinato
soprattutto dalle tinte forti e dai contrasti
di luce intensa.
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
4 MESI
 si definisce la coordinazione
oculo - manuale
 compare la visione binoculare
Percepisce
un’unica
immagine
fondendo ciò che ciascun occhio vede
separatamente.
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
5 MESI
 La vista del piccolo riesce ad arrivare fino ad alcuni
metri intorno a sé, anche se vi è ancora un po’ di
difficoltà a mettere a fuoco oggetti in movimento.
 L’attenzione del bimbo è richiamata anche dagli
oggetti piccoli.
 Discreta coordinazione tra occhi e mani.
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
6 MESI
 L’acuità visiva è già oltre i 2/10.
 Insorge la stereopsi.
 Buona fissazione degli oggetti lontani.
 I muscoli degli occhi sono ben governati ed in
genere non è più riscontrabile lo strabismo, a meno
che non si stabilizzi una vera anomalia muscolare.
 La convergenza necessaria per fondere le immagini
provenienti dai 2 occhi nello sguardo da vicino è ben
sviluppata.
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
TRA IL 7°e 9°MESE
Il bambino ha un’acuità visiva di circa 5/10.
TRA IL 10°e 11° MESE
Viene raggiunta la visione tridimensionale: il piccolo
acquisisce il senso della profondità e se vede un oggetto
davanti a sé cerca di afferrarlo.
VISIONE DEGLI OGGETTI
PRIMI MESI: il neonato ha una limitata
capacità di fissazione
4 - 5 MESI: il neonato distingue alcuni
colori fondamentali
7 - 10 MESI: il piccolo comincia a percepire il senso della profondità
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
1 ANNO
 L’acuità visiva è di 6/10
 Il bambino indica gli oggetti che desidera
 Il campo visivo è uguale a quello dell’adulto
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
3 ANNI
 L’acuità visiva è di 7 - 8/10
 Si può esplorare la visione stereoscopica
 Appaia forme geometriche
EAI 3 ANNI SI CONSIGLIA UNA VISITA
ORTOTTICA PER VERIFICARE LA
PRESENZA DI AMBLIOPIA E STRABISMO
SVILUPPO DELLA FUNZIONE VISIVA
4 - 5 ANNI
 La vista raggiunge i valori normali dell’adulto (10/10)
 La stereopsi matura completamente
8 ANNI
Lo sviluppo può essere considerato terminato, anche se
è possibile talvolta ottenere piccole modifiche fino a
qualche anno più tardi.
PLASTICITA’ DEL SISTEMA VISIVO
• Il periodo di tempo critico per lo sviluppo di una
normale visione nel bimbo sembra essere tra la
nascita e la 6°settimana di vita.
• La plasticità del sistema visivo si protrae fino a
circa i 10 anni di età.
• Qualunque anomalia acquisita, come lo strabismo
o la cataratta congenita e traumatica, può
comportare un’alterazione nello sviluppo visivo.
Uno sviluppo anomalo del senso visivo
determina nel bambino un anomalo
sviluppo generale perché il bambino
impara “imitando”.
Per esempio attraverso il meccanismo
della visione diventa consapevole delle
azioni compiute con le sue mani.
Il rapporto visivo con i genitori gli
fornisce preziose indicazioni circa le sue
prestazioni.
COMPORTAMENTI DEL BAMBINO CHE DEVONO
FAR PENSARE AD UN PROBLEMA VISIVO
 Sguardo assente
 Difficoltà a seguire i movimenti degli oggetti
 Difficoltà ad afferrare gli oggetti
 Cadute frequenti
 Difficoltà ad evitare gli ostacoli
 Avvicinamento esagerato per guardare gli oggetti
 Torcicollo
 Cefalea
MISURA DELLA VISTA
PER I PIU’
PICCOLI
Prova del Rifiuto
Bambino che non vede con l’occhio di sinistra:
1. con tutti e due gli occhi aperti: è indifferente
2. con l’occhio vedente (OD) chiuso: piange e si ribella
3. con l’occhio non vedente (OS) chiuso: indifferente o
nessuna reazione
MISURA DELLA VISTA
DAI 3 ANNI
E di Albini
1. Realizzare una E nera su un foglio bianco
2. Presentare al bambino la E ad una distanza ravvicinata.
3. Insegnare al bambino ad imitare la E con la mano con le
dita aperte
4. Invitarlo ad orientare la mano nella stessa direzione
della E: sopra, sotto, destra e sinistra
5. In alternativa può essere fatto con una E identica che il
bambino deve posizionare uguale, oppure prendendo
dei riferimenti come il cielo, i piedi, la porta e la
finestra.
6. Ripetere finché il bambino avrà preso dimestichezza con
l’esercizio
Questo allenamento costituirà un grosso
aiuto per l’ortottista che si troverà a dover
misurare la vista al bambino.
I DIFETTI DI REFRAZIONE
L’OCCHIO UMANO PUÒ ESSERE PARAGONATO
AD UNA MACCHINA FOTOGRAFICA
Cornea e
Cristallino
Obbiettivo
Iride e Pupilla
Diaframma
Retina
Pellicola
fotografica
MIOPIA
La visione per lontano non è buona ed il
bambino, per aiutarsi, può:
 strizzare gli occhi
 cercare di avvicinarsi all’oggetto che lo
interessa per apprezzarne i dettagli.
In genere gli oggetti vicini sono visti bene:
→ un maggior interesse del bambino per quelle attività (lettura,
scrittura, ecc.) che gli risultano agevoli
→ potrà tendere ad estraniarsi dai giochi che richiedono buona
percezione di oggetti lontani, come avviene per le attività all’aria
aperta.
MIOPIA
Frequentemente la miopia appare nel corso
dell’accrescimento (“miopia scolare”) ed è talora
progressiva fin oltre i vent’anni.
La miopia si corregge con lenti (dette divergenti o
negative) che fanno proseguire fin sulla retina i
raggi luminosi provenienti da lontano.
IPERMETROPIA
L’immagine viene percepita
sfocata perché le immagini si
formano in un punto oltre la
retina.
Il bambino può essere capace facilmente e
automaticamente, cambiando la forma del suo cristallino
(accomodazione), di portare l’immagine sul piano retinico.
SINTOMI
Nella visione per vicino, stanchezza, bruciore oculare e
cefalea, tipicamente alla fine di una giornata di studio
Il bambino può reagire rifiutando gli
impegni di studio e preferendo attività
meno gravose: viene così inquadrato
come un bambino svogliato.
IPERMETROPIA
In
certi
bambini,
l’eccessiva
stimolazione
dell’accomodazione, esercitata per vedere nitido, può
indurre una deviazione degli occhi verso l’interno, visibile
anche nello sguardo per lontano:
STRABISMO ACCOMODATIVO
Lo strabismo può ridursi
o annullarsi con l’uso
degli occhiali.
IPERMETROPIA
Nel bambino nato a termine il cristallino è più piatto e si genera
quindi una ipermetropia che è normale per l’età, ma che durante
la crescita può ridursi, tanto da regredire a volte del tutto,
raggiungendosi così un equilibrio normale (emmetropia).
Per correggere l’ipermetropia si usano lenti (dette convergenti o
positive) che riportano a fuoco sulla retina l’immagine confusa e
sollevano l’occhio da una eccessiva accomodazione.
A seconda dei casi se ne prescrive l’uso saltuario o permanente.
ASTIGMATISMO
Mentre la cornea normale ha una superficie sferica (palla
da tennis), nell’occhio astigmatico la cornea ha un profilo
ellissoidale (pallone da rugby).
ASTIGMATISMO
Gli oggetti sono visti alquanto indistinti, come
schiacciati, perché ogni singolo punto è visto
come una linea.
La visione, soprattutto da lontano, è diminuita.
ASTIGMATISMO
L’astigmatismo è un difetto subdolo che talora non
manifesta sintomi particolari perché il bambino vi si adatta
fin dalla primissima età.
Possono suggerirne l’esistenza:
 cefalea
 strizzare gli occhi per vedere più nitido
 tenere vicini gli oggetti per vederli meglio
 presenza di posizioni viziate del capo (torcicollo oftalmico)
 cadute frequenti, perdita equilibrio
 dolore cervicale
GLI OCCHIALI DEL BAMBINO
Fornire al bambino un occhiale corretto per
il suo vizio di refrazione equivale a dare allo
stesso tutte le armi per:
 migliorare la sua performance
scolastica
 migliorare la sua qualità di vita
GLI OCCHIALI DEL BAMBINO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Confortevoli, sopportabili ed efficaci per consentire una normale
vita di relazione con gli altri bambini ed ottenere lo scopo per il
quale sono stati prescritti.
Devono essere costruiti con materiale robusto e leggero,
indeformabile con montatura priva di spigoli.
Il margine superiore della lente deve superare di poco il
sopracciglio per impedire al bambino di guardare sopra la
montatura
Stanghette elastiche, a molla e aderenti
Appoggio nasale stabile
Lenti leggere, centrate correttamente, antigraffio e resistenti agli
urti
OCCHIALI: CONSIGLI
Il bambino in genere si difende da ciò che lo disturba. Per questo,
se si rende conto che l’occhiale è un aiuto per lui, lo accetterà con
facilità.
In caso contrario ogni strategia è buona:
 l’uomo ragno che indossa gli occhiali
 il papà o il cuginetto che sono “grandi” e li mettono
 “con gli occhiali sei più bella/o”.
Coinvolgerli nella scelta della montatura è importante
I genitori e gli insegnanti non devono vivere con ansia il fatto che
il bambino debba indossare gli occhiali: se il bambino intuisce l’ansia
degli adulti lo sarà anche lui e indosserà con più difficoltà gli occhiali.
OCCHIALI: CONSIGLI
Alla scuola materna o alle elementari possono verificarsi problemi
con gli altri bambini che prendono in giro chi porta gli occhiali,
soprattutto se è l’unico nella classe. In questi casi le insegnanti,
mediando il rapporto del piccolo nell’ambito scolastico, hanno un
ruolo molto importante.
Far fare giochi a tema occhiali:
o Costruire occhiali o maschere di cartoncino e farle
indossare a tutti i bambini.
o Far provare ai bambini il cannocchiale, o far usare la
macchina fotografica spiegando la “messa a fuoco”.
Responsabilizzare il bambino: non indossare l’occhiale
può comportare danni permanenti alla sua visione. E’ per il
suo bene!
UTILISSIMA LA VISITA ORTOTTICA E
OCULISTICA PRIMA DI ENTRARE ALLA
SCUOLA ELEMENTARE!!!
LO STRABISMO
Anomalia degli occhi, in cui essi
perdono il loro allineamento
Ortoforia
gli assi visivi sono sempre perfettamente allineati
Eteroforia: strabismo latente
Eterotropia: strabismo costante
Gli strabismi possono essere
 divergenti: verso la tempia  EXO
 convergenti: verso il naso  ESO
Se i muscoli degli occhi non sono coordinati e i due occhi non
lavorano insieme, UN OCCHIO SI STORCE
IL CERVELLO NON PUÒ FONDERE L’IMMAGINE
dell’occhio che guarda diritto con l’immagine
dell’occhio deviato
Il bambino vede CONFUSO o DOPPIO
Può imparare rapidamente ad IGNORARE L’IMMAGINE
dell’occhio deviato e a SOPPRIMERLA.
Egli vedrà dunque SOLO L’IMMAGINE
DELL’OCCHIO CHE GUARDA DIRITTO
AMBLIOPIA
RICADUTE PSICOLOGICHE DELLO STRABISMO
“Non ti invito a casa mia perché sei strabico!”
I BAMBINI CON PIÙ DI 6 ANNI DI ETÀ TENDONO A NON INVITARE I
COETANEI CON STRABISMO ALLE LORO FESTE DI COMPLEANNO.
[Studio dell’Ospedale cantonale di San Gallo e pubblicato sul British Journal of Ophthalmology]
 Sono state mostrate a 118 bambini dai 3 ai
12 anni le foto di alcune coppie di gemelli identici
nelle quali a uno dei due erano stati deviati gli occhi
al computer.
 E’ stato chiesto loro quale dei due gemelli
avrebbe invitato al proprio compleanno.
 Nella maggior parte dei casi ad essere escluso era il gemello che
appariva strabico.
 La discriminazione avveniva indipendentemente dal sesso o da altri
dettagli nell’aspetto, come l’abbigliamento indossato.
Essere esclusi può comportare pesanti implicazioni
psicologiche sul bambino
Questa attitudine negativa allo strabismo si manifesta soltanto dai
6 anni in su
Benché i bambini tra i 4 e i 6 anni si rendono conto della differenza tra
occhi allineati e strabici, questa differenza non viene valutata
negativamente.
L’INTERVENTO ORTOTTICO O CHIRURGICO DOVREBBE
ESSERE FATTO PRIMA CHE EMERGANO LE ATTITUDINI
NEGATIVE NEI CONFRONTI DELLO STRABISMO:
PRIMA DEI 6 ANNI
Spesso gli insegnanti possono accorgersi di atteggiamenti
patologici del bambini che possono sfuggire anche al
genitore attento
 Il bambino tende a storcere un occhio?
 Tiene spesso la testa inclinata o ruotata?
 Avvicina troppo al viso gli oggetti? Scrive o legge molto vicino al foglio?
 Chiude un occhio solo al sole o davanti ad una forte luce?
 Lacrima troppo?
QUANDO HA FINITO DI APPLICARSI PER VICINO (lettura, scrittura):
 Ha gli occhi rossi?
 Si strofina gli occhi?
 Vede annebbiato o doppio?
 Lamenta mal di testa?
L’AMBLIOPIA
AMBLIOPIA
Chiamata anche “occhio pigro”, è un’alterazione della visione
che si traduce in una diminuzione dell’acuità visiva (visus) di un
occhio, mentre l’altro ha una visione normale.
Si manifesta in età infantile e può regredire se tempestivamente
diagnosticata e corretta.
Le cause più frequenti di questa patologia sono:
• strabismo
• differenza di difetto di vista tra un occhio e l’altro
• anomalie dalla nascita (abbassamento della palpebra o
cataratta).
Se non trattata, l’ambliopia in età adulta incide negativamente
sulla qualità di vita e riduce la possibilità di accedere a varie
carriere lavorative e di ottenere patenti o brevetti.
AMBLIOPIA: SINTOMI
Facilmente passa inosservata da genitori ed
insegnanti perché il bambino ha sempre visto
in quel modo e non lamenta di vedere meno
da un occhio.
 Il bambino ha un occhio strabico costante
 Spesso chiude un occhio per avere una buona visione
 Sembra veder poco
 Ha spesso un occhio rosso
 Lamenta mal di testa
 Ha un cattivo rendimento scolastico
 Spesso è goffo nelle attività sportive
L’ambliopia diventa sempre più difficile da curare man
mano che il bambino cresce.
Una diagnosi più precoce possibile ed un tempestivo
trattamento possono consentire il recupero della visione.
Fino ai 7 – 8 anni
Viene trattata con gli occhiali e solitamente con una benda
sull’occhio sano, stimolando così la visione dell’occhio
ambliope.
IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE DELL’AMBLIOPIA
L’AMBLIOPIA RIDUCE L’AUTOSTIMA
Il confronto con i bambini normovedenti si
manifesta essenzialmente attraverso il senso di
INFERIORITÀ e INADEGUATEZZA
Causa difficoltà psicologiche che influenzano:
 la vita di relazione
 la vita lavorativa
 i rapporti sociali
ANSIA
IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE DELL’AMBLIOPIA
Il bambino si sente IMPACCIATO, GOFFO, STUPIDO
1
Può essere EMARGINATO ed essere vittima di
pregiudizi e bullismo
Tenderà ad ISOLARSI dal gruppo
IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE DELL’AMBLIOPIA
2
Può cercare di farsi accettare dal gruppo mettendosi
in mostra con i compagni
Bambino IPERATTIVO
OCCLUSIONE: CONSIGLI
 Chiedere ai genitori la modalità del trattamento
(quante ore al giorno, in quale momento)
 Spiegare al bambino le ragioni dell’occlusione
 Il bambino non deve poter sbirciare sotto l’occlusione:
l’ideale è applicare l’occlusione sulla pelle. Evitare la
benda messa sull’occhiale.
 Controllare che il bambino
non cerchi di togliersi la benda
 Non interrompere la
terapia senza il consenso
dell’ortottista
OCCLUSIONE: CONSIGLI
GIOCHI
1. Fargli la dimostrazione su un pupazzo
2. Far realizzare una benda a tutti i
bambini per fare il gioco dei pirati
PREVENZIONE DELL’AMBLIOPIA
Gli effetti dell’ambliopia durano per tutto il corso della
vita. Essa è curabile solo in tenera età
Gli obiettivi da perseguire sono la DIAGNOSI PRECOCE
e il TRATTAMENTO TEMPESTIVO.
SCREENING ORTOTTICO A 3 ANNI
QUANDO INVIARE IL BAMBINO DALL’ORTOTTISTA
 Avvicina troppo gli oggetti al viso
 Lamenta mal di testa
 Strizza gli occhi o chiude un occhio per vedere meglio
 Bruciore oculare
 Dolore cervicale
 Tende a storcere un occhio
 Tiene spesso la testa inclinata o ruotata → Torcicollo
 Scrive o legge molto vicino al foglio
 Chiude un occhio solo al sole o davanti ad una forte luce
 Lacrima troppo
 Ha un cattivo rendimento scolastico
 Cadute frequenti, perdita di equilibrio
 Difficoltà ad evitare gli ostacoli
QUANDO INVIARE IL BAMBINO DALL’ORTOTTISTA
MENTRE LEGGE:
 Riferisce di vedere le lettere che si invertono, ruotano o “ballano”
RIASSUMENDO
 Perde facilmente il rigo
 Riferisce di vedere le parole distorte e sdoppiate
QUANDO HA FINITO DI APPLICARSI PER VICINO (lettura, scrittura):
 Ha gli occhi rossi
 Si strofina gli occhi
 Vede annebbiato o doppio
 Lamenta mal di testa
CONCLUDENDO
L’insegnante svolge un ruolo fondamentale
nella gestione del bambino con difficoltà
visive.
Costituisce un punto di riferimento per i
genitori che si ritrovano a dover affrontare un
iter riabilitativo per migliorare la visione del
proprio bambino.
Costituisce inoltre un valido aiuto per
l’ortottista, confrontandosi in prima persona
con il bambino.
Grazie per l’attenzione
Dott.ssa Elisabetta Luschi
Ortottista – Assistente in Oftalmologia
349/5010778
[email protected]
www.elisabettaluschi.it
Fly UP