...

Il doppiaggio come traduzione: il caso “Il diavolo veste Prada

by user

on
Category: Documents
76

views

Report

Comments

Transcript

Il doppiaggio come traduzione: il caso “Il diavolo veste Prada
Corso di Laurea magistrale in
INTERPRETARIATO E TRADUZIONE
EDITORIALE, SETTORIALE
Tesi di Laurea
Il doppiaggio come traduzione:
il caso “Il diavolo veste Prada”.
Analisi contrastiva dei copioni.
Relatore
Ch. Prof. Luís Luque Toro
Laureando
Alex Visnadi
Matricola 838403
Anno Accademico
2012 / 2013
A mamma e papà per avermi sostenuto
e che ora possono vantarsi,
e a Marco per avermi sopportato.
IL DOPPIAGGIO COME TRADUZIONE:
IL CASO “IL DIAVOLO VESTE PRADA”.
ANALISI CONTRASTIVA DEI COPIONI.
SOMMARIO
ABSTRACT ................................................................................................................................6
INTRODUZIONE ......................................................................................................................7
1. IL DIAVOLO VESTE PRADA........................................................................................... 13
1.1 LA TRAMA ......................................................................................................................13
1.2 DA ROMANZO A LUNGOMETRAGGIO ...............................................................................17
1.3 I PROTAGONISTI DI QUESTA AVVENTURA ........................................................................19
1.4 CARATTERISTICHE DEL FILM ..........................................................................................21
1.5 LA CRITICA .....................................................................................................................23
1.5.1 LA CRITICA ONLINE .................................................................................................23
1.5.2 LA CRITICA ITALIANA E LA CRITICA SPAGNOLA ......................................................24
1.5.3 LA CRITICA AMERICANA ..........................................................................................25
2. IL DOPPIAGGIO................................................................................................................ 27
2.1 ALCUNI CENNI SUL DOPPIAGGIO .....................................................................................27
2.2 PRO E CONTRO DEL DOPPIAGGIO .....................................................................................29
2.3 UNA LINGUA ARTIFICIALE ..............................................................................................33
2.4 IL DIAVOLO DOPPIATO ....................................................................................................38
2.4.1 IL DOPPIAGGIO ITALIANO ........................................................................................38
3. ANALISI DEL DOPPIAGGIO .......................................................................................... 41
3.1 IL TURPILOQUIO ..............................................................................................................41
3.2 MODI DI DIRE ..................................................................................................................56
3.3 LE ROUTINE TRADUTTIVE ..............................................................................................72
3.4 GLI ELEMENTI CULTURALI ..............................................................................................82
3.5 GLI ASPETTI SINTATTICI..................................................................................................90
3.5.1 LE DOMANDE CODA ................................................................................................91
3.5.2 TRATTI SINTATTICI .................................................................................................95
3.6 YOU, TU O USTED? ........................................................................................................101
4
4. L’ADATTAMENTO PER IL DOPPIAGGIO ................................................................ 107
4.1 CENNI GENERALI ..........................................................................................................107
4.2 IL CASO “IL DIAVOLO VESTE PRADA” ...........................................................................109
5. CONCLUSIONI ................................................................................................................ 116
APPENDICE .......................................................................................................................... 121
GLOSSARIO ..........................................................................................................................121
THE DEVIL WEARS PRADA: THE SCRIPT ..............................................................................128
BIBLIOGRAFIA .................................................................................................................... 210
RINGRAZIAMENTI ............................................................................................................. 213
5
ABSTRACT
This dissertation deals with the study of audiovisual translation (AVT), focusing
on the scripts of “The Devil Wears Prada” in English, Italian and Spanish.
The analysis aims at individuating differences and similarities in the translations,
studying the strategies employed by Italian and Spanish translators to make the movie
similar to the original, and in some case maybe better than the original, both in
linguistic aspects and in audience expectations and reactions.
The dissertation tries to explain, for example, how a devilish line in American
can be repeated in Italian or Spanish, making the audience laugh or how the culturebound elements can be adapted trying to find out a word similar in length and meaning.
The first chapter describes the movie and the differences between novel and
screen adaptation, presenting also the characters, the characteristics of the movie and the
critics.
The second chapter presents an overview on the dubbing, contextualizing it in
the history, the differences to the subtitling and eventually it describes the dubbing of
that movie in Italian and Spanish.
The third chapter is the corpus of the dissertation, focusing on the comparison of
the scripts to underline the differences and the similarities in some fields, as obscene
language, idiomatic expressions, syntax, culture-bound elements and linguistic
interference.
The fourth chapter deals with the normalization in audiovisual translation, in
particular explaining how images in the novel has been adapted to the screen.
This dissertation tries to show how much work there is in audiovisual
translation, considering the low steps made in the direction of perfection in this field.
6
INTRODUZIONE
La traduzione è un settore che da sempre mi affascina, per la possibilità di un
professionista di ricreare qualcosa di nuovo rielaborando e riproducendo ciò che già
esiste. Decine di studiosi hanno affrontato il tema della traduzione, convertendola da
mero processo a interessante campo di analisi con la nascita degli studi empirici sulla
traduzione e della traduttologia. La traduzione tocca qualsiasi ambito, ma il mio
interesse, esposto in questa tesi di laurea, è la traduzione cinematografica e il
doppiaggio.
Mentre la traduzione vede l’evolversi di studi e migliorie, la traduzione
cinematografica rimane sempre in quella fase di stallo in cui tutti cercano di affrontare il
problema ma nessuno riesce a risolverlo. La traduzione per il doppiaggio è quindi un
settore in continua evoluzione, ma solo dal punto di vista tecnologico e non traduttivo.
Il mio desiderio era quello di soddisfare una mia curiosità: mi sono trovato
diverse volte a guardare, e ancor meglio a osservare, film in lingua straniera o film
doppiati, concentrandomi sui movimenti delle labbra, notando che spesso la sincronia
era lasciata al caso.
Proprio per questa ragione ho deciso di iniziare ad analizzare The Devil Wears
Prada, una delle commedie meglio riuscite degli ultimi anni, cercando di capire come la
traduzione potesse rispettare la sceneggiatura originale, la sincronia labiale e corporea e
i personaggi doppiati. Un lavoro minuzioso che mi ha portato a capire il punto di vista
di molti teorici e professionisti del settore, e soprattutto mi ha fatto mettere in pratica
tutte quelle conoscenze traduttologiche studiate durante il mio percorso di studi.
La scelta è caduta su The Devil Wears Prada perché si tratta di una commedia
nuova, che affronta temi quali il lavoro e la difficoltà di conciliarlo con la vita privata
senza cadere nel banale, ma permettendo al pubblico di capire tutti i punti di vista,
quello dello stakanovista, quello del fidanzato che subisce il lavoro altrui, quello degli
amici che si vedono costretti ad allontanarsi. Il tema della moda, spesso causa di
dissapori e contrasti a livello sociale, viene esposto in modo reale senza dover
7
migliorare i personaggi; al contrario è proprio il loro modo di essere così realistici,
sarcastici e pieni di brio a rendere la commedia ancor più reale.
Un film è veicolo primario di una cultura e di una lingua, ancor più di un
romanzo. Attraverso la televisione e i film si diffondono modi di fare e modi di dire,
neologismi e imitazioni: la televisione viene tanto bistrattata quanto elogiata e chiunque
ne parla, bene o male. Per questo il mezzo televisivo è di estrema importanza e ciò che
esso mette a disposizione del grande pubblico deve essere rispettoso dello stesso,
nonché unire più culture di fronte a uno schermo. La traduzione cinematografica
dovrebbe fare questo: riportare nella cultura target un po’ della cultura source senza però
straniare troppo lo spettatore. Spesso però la cultura source è lasciata in disparte; questo
comporta una irrimediabile perdita di ciò che l’autore in origine voleva dire e voleva far
percepire.
Anche per questo ho cercato di comprendere come un’importante opera filmica,
quale è “Il diavolo veste Prada”, trasporti cultura e veicoli interessi considerando
comunque le differenze e i problemi traduttivi.
Inevitabile chiedersi come siano le battute originali, se esse facciano ridere o
meno, se una lingua abbia copiato da un’altra, ecc ecc. Sono tutte domane lecite che in
questo mio lavoro vengono, in maniera più o meno esaustiva, spiegate.
La presente tesi di laurea magistrale ha lo scopo di analizzare l’adattamento
cinematografico di The Devil Wears Prada attraverso un’analisi contrastiva dei copioni,
comparando la sceneggiatura originale americana con il copione adattato in italiano, in
primis, e quello spagnolo poi.
Il progetto nasce spiegando la storia che andrò ad analizzare; nel primo capitolo
infatti vengono indicati la trama del film, i personaggi, le caratteristiche del film e le
differenze con il romanzo di Lauren Wiesberger, ex assistente di una delle donne più
importanti del settore moda, Anne Wintour, il redattore capo di Vogue America, che si
dice essere la sagoma sulla quale verrà plasmato il personaggio di Miranda Priestley.
Attraverso una contestualizzazione pratica dell’opera, il lavoro di analisi è sviluppato e
compreso meglio. Visto e considerato il grande successo ottenuto, con candidature al
8
Golden Globe e la presentazione del film nella cornice del Festival Internazionale del
Cinema di Venezia del 2006, ho inserito come ultima parte del capitolo la sezione della
critica, permettendo di capire quanto il film sia stato apprezzato e quanto non risulti
essere una stupida commedia americana. Ci sono state decine di giornalisti italiani,
spagnoli e d’oltreoceano che hanno ben recensito il film, dandogli quel plus perfetto per
il successo.
Il secondo capitolo è invece dedicato al doppiaggio, un viaggio che va dal
generale al particolare. Ho infatti aperto il capitolo con una breve storia del doppiaggio,
che tocca le tappe salienti di questa professione, dagli anni Trenta con la promulgazione
di una legge italiana che vietava qualsiasi stranierismo nelle pellicole, al 1995, anno
dedicato alla tav, la traduzione audiovisiva. La contestualizzazione storica permette di
comprendere quindi le diverse posizioni e la dicotomia che contrappone la tecnica del
doppiaggio alla tecnica del sottotitolaggio. Viene anche presentata una panoramica della
situazione europea, schematizzata con una cartina. Dopo aver esposto a grandi linee pro
e contro del doppiaggio, secondo le teorie di Elisa Perego, il progetto entra nel
particolare linguistico e secondo quando esposto da Maria Pavesi traccia le linee guida
che definiscono la lingua cinematografica una lingua artificiale costruita ad hoc in uno
studio di registrazione, il famoso doppiaggese. Il capitolo si conclude entrando nel vivo
del doppiaggio de “Il diavolo veste Prada” e si procede con la descrizione del
doppiaggio italiano del film, con i termini tecnici del settore della moda, l’umorismo
che differisce di gran lunga dall’umorismo americano e anglosassone in generale e i
quattro parametri linguistici, quello diatopico, quello diamesico, quello diastratico e
quello
diafasico,
che
devono
essere
seguiti
e
rispettati
nell’adattamento
cinematografico.
Il terzo capitolo corrisponde al corpo centrale del lavoro, ovvero l’analisi del
doppiaggio negli adattamenti italiano e spagnolo rispetto all’originale americano. Il
lavoro è stato suddiviso studiando gli elementi più particolari. Si parte dal turpiloquio e
dai diversi modi che hanno le culture di intrepretare gli elementi volgari: ciò che in
americano è slang, in spagnolo è coloquial e in italiano è volgare. Il primo è una varietà
substandard non composta solo da elementi volgari, il secondo è un registro che può
sembrare irriverente per culture diverse dal quella spagnola, mentre il volgare italiano
9
corrisponde a qualcosa di offensivo. I diversi modi di utilizzo di questi elementi portano
anche a diverse aspettative nel pubblico e a determinate reazioni. Dall’analisi del
turpiloquio si attraverso il campo delle locuzioni e dei modi di dire, concentrandosi su
quelli elencati nel film originale e cercando di capire se le traduzioni in italiano e in
spagnolo si adattano alla versione originale e alla immagine che ricrea nel pubblico. I
casi di naturalizzazione di elementi idiomatici sono estremamente elevati nel campo
della traduzione cinematografica sia per la difficoltà di riportare la cultura source nella
cultura target sia per la difficoltà di sincronizzazione labiale. Si vede per esempio che le
immagini legate agli astri sono diverse tra cultura americana e culture italiana e
spagnola: mentre i primi parlano di stars i secondi parlano di luna. Tutto questo viene
contestualizzato secondo le teorie di studiosi del calibro di Nida o Vinay et Dalbernet.
Si analizza poi l’insieme dei realia presenti nel film originale e si cerca di decifrare
quali siano state le scelte traduttive applicate e le motivazione che hanno portato a un
adattamento piuttosto che a un altro. La margarina Crisco che diventa un lubrificante
italiano o una vaselina spagnola, o il Golden Nugget adattato come Moulin Rouge in
italiano e come casino de Las Vegas in spagnolo, modulando l’originale con la
spiegazione del realia. Quarta sezione del capitolo è composto dalle routine traduttive,
interessanti perché sono quegli elementi che un adattatore-dialoghista ripropone sempre
come traduzione delle stesse parole straniere sebbene queste ultime nell’originale
presentino delle sfumature sempre diverse. In questo modo il suo lavoro diventa più
meccanico e le scelte traduttive vengono limitate a quei casi di difficile comprensione
per la cultura target. Si vede quindi che in italiano just viene meccanicamente tradotto
come semplicemente, oppure che in spagnolo bien sarà la traduzione adottata per well,
good, right, o ancora che 15 minutes l’italiano lo traduce sempre come quarto d’ora,
abbassando anche il registro e inserendo quella nota di colloquialità non prevista
nell’originale. Il capitolo termina con i tratti sintattici: in primis le domande coda, che
sono fortemente impiegate in americano ma che non hanno una traduzione equivalente
né in italiano né in spagnolo, utilizzate per sottolineare una nota sarcastica, o per
assicurare che ciò che è stato pronunciato sia stato ben recepito dall’ascoltatore o ancora
per chiarire le proprie parole. Poi gli aspetti verbali, l’utilizzo dell’imperativo e degli
allocutivi, al quale viene dedicata la sezione 3.6.
10
Il quarto capitolo approfondisce il tema della traduzione intersemiotica
relativamente al film analizzato. Secondo le teorie di due professionisti del doppiaggio,
nonché teorici della traduzione, Mario Paolinelli ed Eleonora Di Fortunato, ho voluto
studiare come le immagini presenti nel libro della Weisberger siano state riprodotte sul
grande schermo. Il capitolo è quindi dedicato alla normalizzazione, a come il romanzo
debba venir scomposto e sia necessaria una sua comprensione totale per riuscire al
meglio nella sua riproduzione filmica. Si seguono quindi le teorie di Di Fortunato,
Paolinelli e Rutelli per spiegare come le pagine del libro siano presentate in 110 minuti
di film, con battute rapide e veloci cambi di scena, con quella spensieratezza tipica di
una commedia americana a tratti poco presente nel romanzo chick lit dal quale è tratto e
non per ultimo lo sviluppo di personaggi dalle personalità molto forti e diversi dai
classici personaggi hollywoodiani, che cercano sempre di essere migliori di quanto la
realtà delle cose non dimostri.
L’ultimo capitolo è infine dedicato alle conclusioni, derivate dal lavoro di analisi
svolto.
Il metodo utilizzato è di tipo induttivo. Sono partito dalla lettura del romanzo per
poi proseguire con la lettura della sceneggiatura americana. Ho visionato il film in
originale osservando il copione, riscontrando così i punti di maggiore interesse e
divertimento, il ritmo delle battute, la naturalezza dei movimenti e confrontando tono
della voce originale rispetto alla gestualità dei personaggi. Dopodiché ho svolto lo
stesso procedimento con il film e la sceneggiatura italiana, sempre evincendo dal
copione i punti più interessanti. Terza e ultima tappa la sceneggiatura in spagnolo. Da
questo ho poi iniziato a confrontare le tre sceneggiature con i miei commenti, notando
sin da subito come nelle tre versioni l’utilizzo degli allocutivi fosse stravolto, come
humor americano e humor italiano fossero diversi, come il sarcasmo regnasse
indisturbato per tutta la durata del film e come la lunghezza delle battute originale fosse
mantenuta pressoché identica, riscontrando un adattamento molte volte troppo simile tra
italiano e spagnolo, che rendeva la versione spagnola a tratti poco naturale. Lo sviluppo
del progetto è stato realizzato anche grazie alle teorie di diversi studiosi della
traduzione, primi fra tutti Umberto Eco e Maria Pavesi. Attraverso il metodo induttivo
utilizzato, partendo dalle nozioni generali sul doppiaggio, sono arrivato allo
11
svolgimento del progetto studiando i problemi, i limiti della traduzione, le difficoltà di
adattamento nelle versioni italiana e spagnola e le scelte traduttive applicate.
Vengono utilizzati i copioni del film, nelle tre versioni americana, italiana e
spagnola, nonché interessanti libri di approfondimento sul tema della traduzione
intersemiotica e dell’adattamento per il doppiaggio di Paolinelli e Di Fortunato, di
Romana Rutelli, di Elisa Perego e di Maria Pavesi, fra gli altri.
12
1.
IL DIAVOLO VESTE PRADA
1.1 LA TRAMA
“Scarpe Jimmy Choo, Manolo Blahnik… Nancy Gonzales la adoro!”. Con queste parole Nigel trasforma Andy da ragazza sciatta a fashion victim, portandola nello
showroom di Runway, la rivista al centro di questa commedia glamour.
Se per Marylin i diamanti erano i migliori amici delle donne, in questo lungometraggio di David Frankel lo sono scarpe, borse, tailleur, tubini, accessori, il tutto rigorosamente firmato dai migliori stilisti e artisti della moda internazionale.
Il diavolo veste Prada1 (titolo originale The Devil Wears Prada2) è una commedia americana del 2006, diretta da David Frankel e interpretata dall’attrice Premio Oscar
Meryl Streep, nei panni della perfida e cinica redattrice capo Miranda Priestley, e dalla
giovane Anne Hathaway, un’inesperta Andy, ragazza di provincia neolaureata aspirante
giornalista che diventa seconda assistente della grande Miranda Priestley solo per “pagarsi l’affitto”3.
Il film ruota attorno alla rivista di moda Runway, la bibbia della moda, il glamour e lo chic per eccellenza, la cui redazione si trova nella Grande Mela, città raggiunta dalla giovane per poter fare ciò per cui ha studiato. Tuttavia la ricerca del lavoro non
è così facile come pensava e dopo una serie di lettere e rifiuti viene contattata dalla
Elias Clark4, che le offre un posto a AutoUniverse o come assistente di Miranda Priestley.
1
Pellicola statunitense di enorme successo. Viene presentata al Festival Internazionale del Cinema diVe
nezia nel 2006 e da allora ne parlano decine di giornalisti e di testate di tutto il mondo, da Claudia Puig
di “USA Today” a David Edelstein del “New York Magazine” passando per le testate italiane di “Libero, “La Stampa”, “Il Giornale”, “Ciak” solo per citarne alcuni. Gli articoli da questi elaborati si inseriscono nel periodo tra settembre e ottobre 2006.
2
Il diavolo veste Prada (The Devil Wears Prada, David Frankel, USA 2006)
3
Frase pronunciata da Andy durante un brindisi con gli amici.
4
Elias Clark Publications è la casa editrice della rivista, che nel film viene ubicata nel famosissimo
McGraw Hill Building, grattacielo della Sixth Avenue.
13
Questa ingenua provinciale non sa a cosa va incontro: trasandata e amante dei
“maglionici infeltriti scovati in qualche angolo casual”5 non sa che la sua capa la farà
impazzire e che per sopravvivere alle sue pretese dovrà adeguarsi al suo gusto. Arriverà
a cambiare tutta se stessa per rendersi conto alla fine di aver fatto l’errore più grande
della sua vita.
Il film è liberamente ispirato dall’omonimo romanzo autobiografico chick lit di
Lauren Weisberger, ex assistente dell’autorevole Anna Wintour, la direttrice della rivista
di moda più famosa e importante al mondo sin dal 1988.
Il film, distribuito dalla 20th Century Fox, ottenne un successo di critica 6 e di
pubblico straordinari, pari alle migliori commedie americane di sempre.
David Frankel, insieme alla sceneggiatrice Aline Brosh McKenna, ha scattato
un’istantanea sul mondo della moda, un’istantanea intelligente che in modo buffo e
simpatico ironizza, con un non molto velato sarcasmo, un mondo difficile da raggiungere, quel mondo elitario fatto di lustrini e bijoux, di feste e di glamour, di notorietà e di
appariscenza; quel mondo che tutti devono conoscere e dove non ci si può permettere di
chiedere se “Gabbana si scrive con una o due B?” 7 perché l’oltraggio alla notorietà è
peccato mortale.
Un lavoro ben confezionato dove si vede tutto il carattere chick lit8 del romanzo
della Weisberger, quella rappresentazione e continua presenza di donne single che vivono nelle metropoli per poter fare carriera, che mettono i rapporti interpersonali in secondo piano rispetto al lavoro, considerato come la base fondamentale per potersi espandere, crescere e costruire qualcosa, espressione massima e realista di questa società del
Duemila dove il lavoro è considerato come principio e valore.
5
Battuta di Miranda Priestley durante il monologo contro Andy e la sua noncuranza.
La commedia si posiziona al 17° posto in classifica tra i 100 film più visti dell’anno 2006 negli Usa e al
12° per incasso internazionale.
Fonte: <http://www.movieplayer.it/film/il-diavolo-veste-prada_8824/incassi/>
7
Famosissima battuta di Andy: denota ingenuità e allo stesso tempo irriverenza nel dimostrarsi così ignorante; questo fa sì che lo stesso spettatore si chieda come abbiano fatto ad assumerla.
8
Genere letterario sviluppatosi negli anni Novanta negli Stati Uniti, paragonabile al romanzo rosa italiano
seppur con certe differenze. Caratteri principali dei romanzi chick lit sono un certo livello di ironia di
base e una visione del mondo con un’ottica più femminista, con protagoniste donne dinamiche in carriera e piene di problemi sentimentali. Il romanzo rosa italiano tratta il tema della donna, ma quasi esclusivamente da un punto di vista sentimentale.
6
14
Il lungometraggio inizia con la contrapposizione tra il glam e il kitch: Andrea,
giovane spirito libero, capelli spettinati, vestiti comprati da Club Monaco9, con tutta la
spensieratezza dei suoi venticinque anni e i chili di troppo che non le pesano; e le “tacchettine”10 che si preparano per affrontare la loro giornata lavorativa fatta di apparenza
e piegaciglia indossando tacchi e vestiti firmati.
All’arrivo presso la casa editrice deve già incassare i primi colpi dei colleghi, in
particolar modo della prima assistente Emily (interpretata dall’attrice britannica Emily
Blunt) giovane ambiziosa, cinica e sarcastica che fa di tutto per assecondare le stravaganti richieste del suo capo e che cerca di mettere Andy in cattiva luce affermando che
“è totalmente inadeguata per quel posto” e che “alle risorse umane hanno uno spiccato
senso dell’umorismo” visto che mandano una ragazza che indossa una gonna simile a
una “tovaglia della nonna” a lavorare nel Regno assoluto della Moda internazionale.
Non solo Emily. Anche Nigel, l’esperto di moda della rivista, fidato collaboratore del guru Miranda Priestley, la colpisce, sarcasticamente.
Il sarcasmo nel film viene usato spesso come mezzo per far crescere, la battuta
fa ragionare e pensare su ciò che viene considerato importante nella realtà di tutti i giorni.
Dopo varie peripezie, diverse delusioni provocate al suo capo, la direttricedittatrice Miranda Priestley perché ha voluto assumere la ragazza “sveglia e grassa” sperando che non fosse come tutte le altre “ragazze galline” assunte solitamente, Andy decide di adeguarsi. Con l’aiuto di Nigel e il vastissimo repertorio di capi presenti nella
redazione della rivista, “anche se sono tutte taglie di campionario 38/40”, Andy riesce a
rifarsi il look, si avvicina al mondo della moda; viene contagiata da tutto quello che fino
a pochi giorni prima considerava inutile perché “non avrebbe lavorato nel mondo della
moda per sempre”.
9
Catena di abbigliamento casual di proprietà della Polo Ralph Lauren, i cui prezzi sono modesti. Club
Monaco si pone come alternativa alle grandi firme e alla grande moda internazionale. Non è presente in
Italia, per tale motivo non si è trasposto ma si è optato per un simil equivalente culturale: i grandi
magazzini (simili per natura della merce venduta e per prezzi relativi).
10
Giovani che lavorano a Runway, cosi soprannominate per i tacchi a spillo necessariamente utilizzati per
risultare glamour. Nella versione inglese si chiamano “Clackers”, che rimanda al luogo i lavoro, l'Elias
Clark, piuttosto che all'uso modaiolo di un oggetto di abbigliamento.
15
Il radicale cambiamento della sua presenza fa sì che entri nelle grazie di Miranda, che inizia ad apprezzare il suo operato e gli sforzi che fa per lei, senza comunque
darle mai una soddisfazione o dirle mai un grazie perché alla signora Priestley tutto è
dovuto. Finalmente un pomeriggio, dopo una riunione in cui la perfida direttrice con
una semplicissima smorfia delle labbra riesce a distruggere un’intera collezione preparata con certosina attenzione da parte di un emergente stilista, si rivolge a Andy chiamandola per nome e affidandole il compito di portare a casa sua la sera il book.
Il compito del book è un elemento importante nel film: è la bozza del numero in
uscita, tutto ciò che il direttore deve vedere e approvare; deve essere consegnato dalla
seconda assistente ma il compito lo esegue Emily, la prima assistente, perché Miranda è
molto diffidente e finché non decide che Andrea non è una psicopatica non la fa entrare
in casa. Quel giorno tuttavia cambia qualcosa: Andrea viene investita di questo nuovo
titolo, il compito più importante per un’assistente di Miranda Priestley, la consegna del
book a domicilio.
Non tutto però va secondo i piani; le istruzioni di Emily risultano difficili da seguire per Andrea, che non sa sopra quale tavolino con i fiori riporre il book, visto e considerato che tutti i tavolini sono decorati con un vaso di fiori, e che inizierà a parlare con
le gemelle (figlie della direttrice) anche se Emily aveva espressamente impedito che
Andrea rivolgesse parola a chicchessia, e su questo punto era stata categorica! Nonostante questo Andrea si fa coinvolgere dal piano delle gemelle: portare il book di sopra.
Non appena Miranda la vede sulle scale sbianca.
Per la prima volta Miranda Priestley prova una sensazione diversa, sembra umana nel momento in cui Andrea la vede a casa sua. E ammettiamolo: l’umanità è l’ultima
dote di Miranda Priestley.
Da quel giorno la strada, che sembrava essersi appianata, torna in salita. La direttrice non può più fidarsi della sua seconda assistente, che pensa addirittura a licenziarsi, e le affida una serie di compiti di difficile esecuzione ma che Andy riesce a portare a compimento dimostrando capacità che non pensava di avere nemmeno lei.
Tutto questo la porta ad essere più apprezzata di Emily. La prima assistente deve
infatti accompagnare la direttrice alla settimana della moda a Parigi, e il compito dovrebbe essere della rossa assistente britannica. Tuttavia il duro lavoro di Andrea fa sì
16
che Miranda le dica di avvisare Emily che sarà lei ad accompagnarla a Parigi, stravolgendo tutti i piani e compromettendo il rapporto con Emily. Dopo una serie di peripezie,
della vita amorosa andata in pezzi, di laison con un “bel fighetto dell’alta moda”11, Andy capisce di essere cambiata e di aver rovinato i rapporti con tutti, dagli amici, al fidanzato alla famiglia.
Memorabile la battuta di Meryl Streep, aka Miranda Priestley, che in una scena a
Parigi in auto con Andy, al rifiuto di quest’ultima di vivere una vita cosi frenetica perché
diversa dai sui canoni e stili di vita, la Streep sostiene che “tutti vogliono essere noi” ribadendo che la vita nell’alta moda, nonché nel lusso e nello show biz, è da tutti bramato
e desiderato.
Andy infatti rifiuta la vita che le viene proposta perché comprende quanto sia
ipocrita e senza scrupoli il mondo che la circonda.
1.2 DA ROMANZO A LUNGOMETRAGGIO
Questa commedia del 2006 è tratta dall’omonimo romanzo 12 di Lauren Weisberger, scrittrice statunitense esponente di quel movimento letterario femminista e umoristico d’oltreoceano noto come chick-lit, letteralmente la “letteratura delle pollastrelle”.
Romanzo13 e film sono due opere parallele; ciò premesso possiamo affermare
che il film si discosta sotto diversi aspetti da quello che era l’idea originale dell’autrice.
Il regista Frankel e la sceneggiatrice Brosh McKenna hanno infatti creato
un’opera filmica dove enfatizzare il cinico mondo della moda e i cambiamenti estetici
che tutto ciò comporta. Al contrario il romanzo è molto più introspettivo, la moda è solo
un contorno, un aiuto per comprendere come le persone (Andy nello specifico) possono
cambiare per qualcosa che non appartiene alla loro natura e come l’animale uomo possa
adattarsi per sopravvivere. È un’opera frivola, ma nascosta in questa frivolezza c’è analisi di una ragazza della New York degli anni Duemila che vede il proprio mondo sgretolarsi e ricostruirsi, nuovo e diverso e ciò la fa ragionare.
11
Descrizione fatta da Lily, l'amica di Andy, per riferirsi a Christian Thompson, il giornalista freelance.
Cfr. WEISBERGER, L. (2003): The Devil wears Prada, New York City, Broadway Books.
13
Cfr. WEISBERGER, L. (2004): Il diavolo veste Prada, Milano, Edizioni Piemme.
12
17
Nel film c’è solo una piccola scena, verso la fine, dove si vede Andy che allo
specchio ripensa a come era, e cosa ha buttato in questo anno di lavoro a Runway.
Bisogna anche dire che mai, per la natura stessa della traduzione intersemiotica14, un’opera filmica può aderire perfettamente a un’opera letteraria. E proprio per questo anche in questo caso troviamo diverse differenze tra i due prodotti, dall’inizio alla
fine.
Innanzitutto il romanzo è leggermente più drammatico sotto certi aspetti rispetto
alla trasposizione cinematografica. Nel romanzo infatti Andy è sempre colta da crisi
isteriche mentre nel film questi tratti di isterismo sono solo accennati.
Altra importante e sostanziale differenza è la parte finale: nel romanzo Andy
scappa da Parigi per accorrere al capezzale di Lily, la sua migliore amica, ricoverata in
ospedale dopo un incidente per guida in stato di ebbrezza causato da lei stessa. La differenza rispetto al film sta per l’appunto nel fatto che Andy lascia Parigi dopo aver capito
che quella non è la vita che fa per lei, e che deve riprendere in mano le redini della sua
esistenza; decide quindi volontariamente di lasciare il settore della moda, cosa non riscontrata nel romanzo. Importante e da segnalare è quindi il fatto che il tema
dell’alcolismo non viene trattato.
Seguono differenze sui vari personaggi: il nome e la professione del fidanzato,
per esempio: Nate il cuoco nel film Vs Alex l’insegnante nel romanzo; l’amica Lily, curatrice di mostre nella trasposizione cinematografica ma universitaria con problemi di
alcol e uomini nella forma romanzata; la causa della non partenza di Emily: nel romanzo si ammala di mononucleosi e il medico le prescrive una settimana di quarantena, e
guarda caso proprio la settimana della moda di Parigi, l’evento più fashion dell’anno a
detta degli addetti ai lavori, mentre nel film viene investita e si arrabbia a morte con
Andy per aver accettato la richiesta di Miranda di accompagnarla in Europa. Ciononostante alla fine della fiera sarà molto contenta di Andy e la considererà una persona di
14
Cfr. BERTAZZOLI, R. (2006): La traduzione: teorie e metodi, Roma, Carocci Editore, p. 17: “Secondo
la classificazione di Roman Jakobson presentata nel saggio On Linguistic Aspects of Translation del
1959, la traduzione intersemiotica o trasmutazione consiste nell’interpretazione dei segni linguistici
per mezzo di sistemi non linguistici.” […] Secondo Jakobson vi è “l’impossibilità di arrivare a
un’equivalenza completa tra i sistemi cultrale e linguistico del testo di partenza e quelli del testo di arrivo a causa della loro intrinseca diversità e inadeguatezza e in quanto condizionati da fattori extralinguistici, talvolta inconciliabili.”
18
grande valore. Nigel nel film è un personaggio centrale, l’assistente moda di Miranda
Priestley che aiuta Andy nel passaggio da brutto anatroccolo a cigno. Al contrario nel
libro fa solo qualche apparizione fugace. Diverso anche l’aspetto: da palestrato di colore
del romanzo a gracile quattrocchi stiloso del film.
Ultima differenza, la laison tra Andy e Christian, Thompson nel film, giornalista
free lance con il quale una notte a Parigi ci finirà a letto, e Collinsworth nel romanzo,
uno scrittore con il quale non succederà nulla se non un corteggiamento serrato.
1.3 I PROTAGONISTI DI QUESTA AVVENTURA
Miranda Pristley (Meryl Streep) – la diabolica redattrice capo di Runway, la rivista di moda ispirata da Vogue. Meryl Streep incarna una donna cinica, attratta solo dal
fisico delle sue modelle e pretenziosa all’inverosimile. Una donna che tutti devono riverire e alla quale è tutto dovuto. Il suo carattere cinico e dispotico sarà la causa dei suoi
divorzi. Proprio allora si vede in lei tutta la debolezza di una donna, celata dietro richieste alquanto strane e assurde che la accompagnano per tutta l’opera filmica. Solo la
sfrontatezza di Andy che riprende in mano il controllo della sua vita arrivano a farle capire come sia realmente, in un piccolo senso, permettendole di venire assunta con delle
ottime referenze presso un noto quotidiano newyorkese.
Si dice che Lauren Weisberger per la creazione di questo suo personaggio si sia
ispirata a Anna Wintour, redattore capo di Vogue America. Lei stessa sostiene non sia
cosi, anche se alcune parti del film lo fanno pensare.
Andrea “Andy” Sachs (Anne Hathaway) – Andrea è una ragazza di provincia,
sveglia, laureata con ottimi voti alla Northwestern University che vuole fare carriera nel
mondo del giornalismo. Arriva a New York e dopo un milione di lettere riceve finalmente risposta dall’Elias Clarke, la casa editrice del magazine Runway la Bibbia della
moda. Suo malgrado si trova quindi proiettata in un mondo di paillettes e lustrini, un
mondo fatto di apparenza e niente sostanza, nel quale lei non c’entra decisamente niente
e al quale è totalmente impreparata. Il suo look acqua e sapone le creerà non pochi pro-
19
blemi inizialmente e non verrà presa in considerazione dal suo capo finché non capisce
che affinché ciò avvenga deve adeguarsi e dimostrare di essere perfetta fuori; il tutto a
discapito delle persone che la amano che le vogliono bene.
Questo personaggio è speculare a quello della gelida Priestley.
Emily Charlton (Emily Blunt) – la collega segretaria di Andy, o per meglio dire
“la prima assistente di Miranda”. È sì perché Miranda ha bisogno di due assistenti ed
Emily mette subito in chiaro con Andy che i loro compiti sono totalmente diversi: la
prima si occupa della sua agenda e del Book, la seconda delle commissioni e del caffè.
Emily è un’arrivista senza scrupoli, cerca di essere spietata quando in realtà sotto sotto
nasconde un animo buono. Si affeziona ad Andrea sebbene finga non sia cosi, perché
dimostrare le proprie emozioni “non è glamour”. Una rossa dal finto cuore di pietra.
Nigel (Stanley Tucci) – il Nigel cinematografico è molto diverso dal Nigel del
romanzo: tanto mingherlino, bianco, ed effemminato il primo quanto nero e palestrato il
secondo. Una cosa hanno in comune: l’omosessualità. La sceneggiatrice non poteva togliere al personaggio quella caratteristica tipica che individua crea simpatia nel personaggio. Nigel è uno dei responsabili moda di Runway. Fidato collaboratore di Miranda,
elogiato da quest’ultima mentre durante una riunione denigra tutti gli altri, amante della
moda, dell’eleganza e dell’apparenza, Nigel è un uomo, cresciuto in una situazione difficile in cui fingeva di essere chi non era, nascondendo le proprie ambizioni e le proprie
necessità. È un uomo dal cuore d’oro amante del bello. È l’Oscar Wilde del XIX secolo;
un dandy sempre ben vestito che ama le donne ma non le tocca neanche con un dito, un
uomo che segue fedelmente la sua maestra e che non si scompone quando questa lo pugnala alle spalle; un fido scudiero insomma; un moderno Sancho Panza sempre fedele al
capo impazzito.
Oltre ai quattro personaggi principali sopraccitati possiamo elencare:
20
Nate – il fidanzato cuoco di Andy, innamorato della fidanzata a tal punto da sopportare la snervante e frustrante situazione lavorativa della compagna finché esasperato
si lasciano prima che lei parta per Parigi con Miranda per la settimana della moda;
Lily – la migliore amica che sempre la appoggia e la sostiene finché vede
Thompson darle un bacio sulla guancia e questo le fa capire quanto Andy sia cambiata;
Doug – altro amico di Andy, non si capisce se sia gay o meno anche se dalle sue
uscite sembrerebbe di sì;
le gemelle – le piccole figlie di Miranda; hanno ereditato dalla madre il gene
dell’impazienza e dell’arroganza; mettono Andy nei guai con i loro scherzetti;
James Holt – uno stilista emergente al quale Miranda Priestley con un semplice
“arricciamento delle labbra” stroncherà un’intera collezione;
Christian Thompson – il giornalista freelance modaiolo e dongiovanni che fa di
tutto per prendere Andy per sé togliendola dalle mani di Nate come se fosse una moderna Cenerentola da salvare; con questo personaggio Andy passerà una notte a Parigi;
Irv Ravitz – il proprietario dell’Elias Clarke, imprenditore con un ego gigantesco
che vuol far fuori Miranda Priestley insediando al suo posto Jaqueline Follet, la redattrice capo del Runway francese, senza successo.
1.4 CARATTERISTICHE DEL FILM
Ennesimo colpo alla moda internazionale. Ecco come possiamo definire questo
film, che tratta il tema della moda come fosse annunciato dal Messia.
La pellicola è caratterizzata da elementi linguistici che saltano subito
all’orecchio dello spettatore che li capta e li fa suoi, memorizzandoli.
21
Tratti tipici di questo lungometraggio sono le battute taglienti, soprattutto quelle
pronunciate dalla direttrice Priestley, dal responsabile moda Nigel e dalla prima assistente Emily. Inoltre lo spettatore si immedesima e vive la giornata lavorativa in una redazione giornalistica, e oltretutto chic e alla moda, tra inserzionisti, prove di copertina,
menabò e servizi fotografici.
Il lessico settoriale della moda è abbastanza presente, anche se lo scopo del film
era quello di divertire e far ragionare sorridendo su un dei settori più discussi
dell’economia mondiale e non quello di annoiare e straniare l’utente finale con termini
sconosciuti ai più.
Le battute hanno una lunghezza media. Ci sono solo pochi esempi di monologhi
di lunghezza considerevole15, che vengono pronunciati quasi d’un fiato per voler sottolineare e rimarcare la frenesia del lavoro e di quell’ambiente in particolare. Tali monologhi sono quasi tutti pronunciati dalla diabolica Meryl Streep.
Nell’adattamento italiano la frenesia non è scandita solo dalla lunghezza delle
battute, ma anche dal tono di voce. Mentre nella versione americana e nell’adattamento
spagnolo le voci sono piuttosto neutre (gli spagnoli hanno mantenuto quindi coerentemente il carattere naturale del film originale), in quella italiana al contrario sono veloci,
a volte pronunciate quasi mangiandosi parole e una dietro l’altra.
Il ritmo tuttavia non è troppo concitato se non in determinate scene, e non si
vuole straniare lo spettatore inserendo elementi che possano distrarre mentre segue il
film. Cosa strana è che nel film “Sex and the City” il ritmo è molto più marcato, gli abiti
molto più alla moda e le scarpe molto più chic. Strano perché il regista di questi due
film modaioli è lo stesso.
Il tono di Miranda Priestley è seducente, toni bassi e magnetici con i quali fa capire benissimo ciò che cerca e ciò che desidera; non urla perché urlare non è sinonimo
di eleganza, ma si esprime in un modo che lo spettatore sente come educato quando in
realtà sta velatamente insultandoti.
15
Miranda Priestley all’arrivo in ufficio, Miranda Priestley si scaglia contro Andy per la sua irriverenza
nel dire che non capisce ancora niente del settore moda, Nigel che dice a Andy che non sta facendo il
massimo, Miranda quando racconta a Andy del suo imminente divorzio e per ultimo il monologo di
Miranda in auto a Parigi quando afferma che sapeva cosa la compagnia stesse tramando alle sue spalle.
22
Le battute comiche sono il perno della commedia. Anche in questo caso il lavoro
di adattamento portato avanti dai dialoghisti italiani è stato eccelso. Lo humor inglese
non è compreso benissimo in Italia. Il Bel Paese preferisce battute sarcastiche, taglienti,
espressioni che colpiscono nel vivo. Un lavoro straordinario è stato fatto con le battute
di Miranda Priestley e di Nigel. Lo spagnolo anche in questo caso è più neutrale.
1.5
LA CRITICA
1.5.1 LA CRITICA ONLINE
Il diavolo veste Prada è considerata una delle commedie più divertenti degli ultimi anni. Questa moderna rivisitazione di Cenerentola non è solo divertente ma anche
brillante se consideriamo che al suo interno vengono inserite due morali importanti: la
prima è che l’industria della moda è meno superficiale di quanto si creda e offre migliaia di posti di lavoro; il secondo messaggio che si vuole inviare agli spettatori è:
quanto si è disposti a fare per la carriera? Dove si può arrivare e a quante persone bisogna pestare i piedi?
L’opera in questione è piacevole, anche se intuitivamente banale, come afferma
il sito internet www.filmup.com16.
Oltre al sito internet di recensioni e di cinema sopra citato ci sono stati anche il
sito web Rotten tomatoes17, un sito internet che si occupa di cinema, recensendo i film
in uscita e offrendo informazioni e notizie, e il sito Metacritic18 che non hanno voluto
lasciarsi sfuggire Il diavolo veste Prada. La critica di rottentomatoes.com dà un giudizio
di 76/100 al film, definendolo “uno dei pochissimi casi in cui l’opera filmica sorpassa il
romanzo, […] con una Meryl Streep in ottima forma e una Anne Hathaway che sa tenere testa a tutti gli altri.” Metacritic invece si occupa di riunire diverse recensioni dando
16
<http://filmup.leonardo.it/ildiavolovesteprada.htm>
<http://www.rottentomatoes.com/m/the_devil_wears_prada/>
18
<http://www.metacritic.com/movie/the-devil-wears-prada>
17
23
poi il suo giudizio finale. Il risultato è stato di 62/100 da parte dei critici del sito e di
7.4/10 da parte degli utenti.
La critica offline è stata altrettanto interessante, tanto in patria quanto all’estero.
1.5.2 LA CRITICA ITALIANA E LA CRITICA SPAGNOLA
In Italia si sono scatenati i giornalisti di ogni testata per analizzare, recensire, criticare il film. Dal giornalista Valerio Caprara che lo definisce come un’opera ricca di
“divertimento al diapason e show d’attori intonati e maliziosi” nonché “uno di quei film
che possono fare solo del bene al disorientato e ormai fuggiasco Grande Pubblico: sia
pure sardonico e tagliente nei confronti dell’alta moda, uno dei contemporanei feticci
consumistici, il regista David Frankel trasforma il bestseller in una contro-favola […]
alla maniera di Pretty Woman” 19.
Anche La Gazzetta del Mezzogiorno definisce critica positivamente l’opera. Il
giornalista Anton Giulio Mancino ne parla divinamente soffermandosi sugli attori Meryl
Streep e Stanely Tucci e definendoli come “una coppia d’attori eccellenti che interagiscono con assoluto divertimento con la giovane Anne Hathaway” per terminare poi descrivendo il film come “quelli destinati a sbancare il botteghino”. 20
In molti hanno apprezzato questa favola in chiave moderna, “una favola in cui il
brutto anatroccolo diventa cigno, ma siccome ha cervello e senso morale non si lascia
irretire dalle sirene della carriera fine a se stessa e senza scrupoli” 21, una favola che sotto sotto colpisce Anna Wintour che “diventa un simpatico mostro da criticare con sarcasmo, ma anche, perché no, da ammirare”.22
Anche i giornalisti italiani sono quindi, leggendo le critiche, consapevoli del fatto che l’adattamento cinematografico ha superato il romanzo, ed è portavoce di questa
CAPRARA, V.: “«Il diavolo veste Prada» con la Streep”, Il Mattino, 07 settembre 2006
MANCINO, A.G.: “Moda e passerelle: un inferno in terra”, La Gazzetta del Mezzogiorno, 15 ottobre
2006
21
SOLINAS, S.: “Con Meryl i veri attori sono gli abiti”, Il Giornale, 13 ottobre 2006
22
DE LUCA, A.: Ciak, ottobre 2006
19
20
24
idea la critica di Natalia Aspesi che scrive “il film risulta più carino del bestseller americano dallo stesso titolo da cui è tratto”23
Anche in Spagna il film ebbe grande successo, seguendo quindi la corrente americana.
In Spagna, come altrove, la definiscono una pellicola facile da vedere, che non
richiede troppi sforzi di comprensione; una pellicola per passare insieme dei bei momenti e divertirsi un po’.
Un film magistralmente interpretato dalla splendida Meryl Streep e da una Anne
Hathaway che “hace un buen trabajo como Andy Sachs […] aunque es imposible que
no se vea sobrepasada por el carisma y la experiencia de ésta”24.
I critici spagnoli ritengono che i camei di personaggi famosi, come Valentino o
Heide Klum per esempio, abbiano aiutato alla riuscita del film; in questo modo “queda
todo bien y completito”.25
Il diavolo veste Prada ha ottenuto grande successo di botteghino in Italia, con
più di 14 milioni di euro totali. Cifre simili si sono registrate in Spagna.
1.5.3 LA CRITICA AMERICANA
I critici d’oltreoceano non potevano di certo non sbizzarrirsi e scrivere recensioni e critiche, nel più classico dello stile americano. Più che analizzare la storia si soffermano a recensire gli attori, al contrario dei critici italiani.
Ecco quindi che Richard Propes, critico del The Indipendente Critic26, elogia tutti, da Meryl Streep descrivendo la sua performance utterly brilliant a Emily Blunt sostenendo che il ruolo di seconda assistente di Miranda è stato deliciously played by an appropriately smarmy Emily Blunt. Mr Propes poi passa a criticare positivamente la storia,
specificando che
23
ASPESI, N.: La Repubblica, 07 settembre 2006
GOIKOETXEA, A. <http://www.elmulticine.com/criticas2.php?orden=405>, 01 ottobre 2006
25
RULL, C. < http://cineahora.blogspot.it/2007/03/crtica-dvd-el-diablo-se-viste-de-prada.html>, 09
marzo 2007
26
Sito di recensioni indipendente.
24
25
‘the storyline is brilliant because it takes the audience inside the very real world
of the cutthroat, ruthless and frighteningly fluid nature of the fashion industry
and shows us its strengths, weaknesses, moral ambiguities and, ultimately, its
twisted moral righteousness.’ 27.
Ci sono poi testate molto più conosciute e famose a livello internazionale come
l’ MSNBC, dove si parla anche in questo caso della nota capacità della Streep come attrice. Il critico afferma Streep’s performance is the chief reason to see the picture e aggiunge […] Only Streep keeps it moving forward, underlining each insult and humiliation with a tasty twist, and she’s missed in every scene that isn’t about her28.
La regina incontrastata del film è dunque l’attrice americana 63enne.
Anche USA Today lo sostiene dichiarando che Streep, known best for her stellar
dramatic work, has perfect comic timing e the always reliable Streep does a fine job in
the role. La giornalista si espone anche sostenendo che when Streep is on screen the
movies is at its best 29. L’opera quindi ottiene consensi grazie alla diabolica Meryl.
La differenza tra critica americana e critica italiana sta proprio in questo: i critici
americani preferiscono recensire gli attori costruendo intorno a essi la trama e la critica
del film; al contrario i critici italiani recensiscono l’opera per come l’utente finale la ottiene e la vede, senza definire troppo tecnicamente il lavoro degli attori ma sviluppando
critiche agli stessi in base al successo del film.
27
<http://theindependentcritic.com/devil_wears_prada>
HARTL, J.: “Streep Wears Devil Well”, MSNBC
29
PUIG, C.: “Threadbare ‘Prada’ wears thin despite devilish Streep”, USA Today
28
26
2.
IL DOPPIAGGIO
2.1 ALCUNI CENNI SUL DOPPIAGGIO
Il doppiaggio è un delitto, e i sottotitoli purtroppo
non possono sostituire la parola e il suo timbro.
(Robert Bresson – regista)
Prima di affrontare l'analisi del doppiaggio del film in questione, cercherò di dare una panoramica su ciò che è il doppiaggio.
L’enciclopedia Treccani lo definisce come:
‘operazione con cui un film viene dotato di un sonoro diverso da quello originale per eliminare difetti tecnici o di recitazione, o trasferire il parlato in una
lingua diversa.’30
Trasferire, appunto. Non rendere identico, ma trasferire con un sonoro diverso. Il
doppiaggio si vede obbligato ad apportare alcune modifiche per rendere comprensibile
il dialogo di un film o altri prodotti audiovisivi a gente di diverse nazionalità.
E nel momento in cui un copione viene tradotto nella lingua di arrivo si deve far
fronte al sincronismo, l’aspetto più difficile per una traduzione audiovisiva.
Il doppiaggio si è sviluppato soprattutto in Italia, Francia, Germania, Spagna, in
quei paesi popolosi e ricchi dove puntare nel settore cinematografico rende parecchio.
L’Italia vanta una lunga tradizione nel settore. Nel nostro paese è infatti molto
diffuso a differenza di altre nazioni, soprattutto nord Europa o paesi est europei, dove è
preferito l’utilizzo dei sottotitoli, cosi da non stravolgere la pellicola originale.
30
<http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/doppiaggio/>
27
Il Bel Paese può parlare di tradizione nel doppiaggio soprattutto per la cultura di
proibizionismo decretata dal regime fascista. Durante il ventennio infatti il regime imponeva al Regno d’Italia un forte carattere nazionalista. Per tale ragione vietava la diffusione di pellicole in lingua originale, tutti i film dovevano essere tradotti in lingua italiana, doppiati e mai sottotitolati, per poi essere controllati dal Regime. Era proibito infatti il sottotitolaggio perché era un’espressione visibile di una lingua diversa
dall’italiano e ciò non era concesso.
Negli anni Trenta si doppiavano i film prima di importarli ma le inflessioni straniere restavano. A questo punto venne promulgata una legge che prevedeva l’obbligo di
doppiare i film su suolo italico, e che recitava così:
‘Il ministero dell’interno ha disposto che da oggi non venga accordato il nullaosta alla rappresentazione di pellicole cinematografiche che contengano del
parlato in lingua straniera sia pure in minima misura. Di conseguenza, tutti indistintamente i film sonori, ad approvazione ottenuta, porteranno sul visto la
condizione della soppressione di ogni scena dialogata o comunque parlata in
lingua straniera.’31
A seguito di questa disposizione ministeriale ci fu una conseguente crescita degli
studi di doppiaggio e con attori di teatro che prestavano le loro voci.
Fu questa l’epoca d’oro e di maggiore sviluppo del doppiaggio italiano che ha
portato negli anni a rendere i doppiatori italiani a livelli esemplari, grazie anche alle innovazioni tecniche degli anni ’80.
Nel 1995, in occasione del centesimo anniversario della nascita del cinema il
Consiglio d’Europa ha voluto celebrare l’anniversario con forum sul trasferimento linguistico e la traduzione audiovisiva (AVT in inglese, TAV in italiano).
Da allora sono aumentati esponenzialmente gli studi nel campo, convegni e seminari in materia di traduzione audiovisiva, considerato campo della traduzione a se
stante con proprie componenti sintattiche e semiotiche e il problema della combinazione
31
Cfr PEREGO, E. (2005): La traduzione audiovisiva, Roma, Carocci Editore, p. 21
28
tra parlato e gestualità.
2.2 PRO E CONTRO DEL DOPPIAGGIO
Nell’ambito cinematografico il doppiaggio permette la comprensione di pellicole
in lingua straniera; esso deve tener conto degli aspetti diatopici, diafasici, diamesici e
diastratici delle lingue di partenza e di arrivo per meglio permettere l’adattamento e il
trasferimento.
Molti si trovano contrari a questa pratica perché per elementi pragmatici tipici di
una cultura e di una lingua, l’attore doppiato si trova a eseguire un’interpretazione diversa, falsata, con l’espressione, il tono e la voce di un attore che non è lui; ma anche
perché con il doppiaggio le persone non vedono l’opera cinematografica nell’originale,
ovvero come è stata pensata; per non parlare del fatto che il doppiaggio è considerato
come discordanza tra linguaggio parlato e linguaggio gestuale, diverso da cultura a cultura; ciò significa che vedere sullo schermo italiano un attore che compie gesti che nella
cultura italiana non compirebbe risulta stranierizzante per lo spettatore.
Altro punto che sostengono i detrattori del doppiaggio è il fatto che il sonoro non
corrisponderà mai al labiale e uno spettatore attento lo nota e si infastidisce; e poi si fa
passare un elemento culturale straniero come elemento culturale italiano (nel nostro caso) quando di italiano non ha nulla, basti pensare a Halloween, piuttosto che ai voti delle scuole americane: A, A+, etc.
C’è anche chi il doppiaggio lo sostiene, e lo sostiene a spada tratta.
La fazione opposta infatti ritiene che il doppiaggio sia una traduzione e per la
natura stessa della traduzione la gente deve essere consapevole che il film è un adattamento alla lingua e alla cultura, non un’opera prima in quella lingua, ma uno strumento
di comprensione, senza apposizione di sottotitoli o didascalie che distolgono
l’attenzione dalla scena madre. Per i sostenitori del doppiaggio, inoltre, questa arte a
volte porta a migliorare il film originale. Credo sia quello che è successo con “Il diavolo
veste Prada”, film in cui il sarcasmo e il cinismo delle protagoniste risulta molto più
comico in lingua italiana che in lingua inglese, una lingua di per sé fredda in cui i giochi
29
di parole sono limitati per la natura stessa (rigida) delle lingue anglosassoni, a differenza
delle lingue romanze, e in cui l’humor inglese risulta meno empatico del sarcasmo italiano.
Ne è un esempio la battuta in cui Miranda ordina a Andy di accompagnarla alla
festa di beneficienza con Emily perché quest’ultima ha deciso di diventare un untore di
peste bubbonica. In inglese dice solamente […] decided to become an incubus of viral
plague. Mentre nell’italiano l’attenzione si dà all’untore, nell’inglese si dà alla peste.
L’italiano è più divertente perché parlando di untori torna alla mente l’immagine
dell’uomo vestito in tunica nera con il naso da corvo simile a una maschera veneziana.
L’humor inglese è più blando o comunque meno immediato rispetto allo spagnolo e all’italiano, più rispettoso delle conseguenze e delle reazioni degli interlocutori.
Ad esempio quando Emily risponde alla contentezza di Andy per essere stata
chiamata di Miranda con il suo nome, l’americano si limita a un Yeah whoopee, simile a
un urrà italiano; al contrario gli italiani ridono sentendo un “Oh sì un trionfo certo”, che
sottolinea quanto a Emily non importi questa cosa, e quindi quanto riesca a essere cinica
e distaccata.
O ancora l’ingenua Andy che chiede come se Gabbana si scrive con una o due B.
Un italiano non avrebbe di certo riso alla battuta originale Can you spell Gabbana?.
Ovvio che tutti pensano sarebbe meglio assaporare l’opera o la pellicola nella
sua forma originaria, ma sappiamo che ciò non è possibile. Tuttavia un buon adattamento può trasmettere allo spettatore della lingua di arrivo le stesse sensazioni e gli stessi
pensieri che il film genera nello spettatore della cultura di partenza: in questo caso, e solo in questo caso, allora l’adattamento del film è da considerarsi ottimale e ben riuscito;
a volte anche a discapito della traduzione di qualche battuta.
Il cinema è immagine e si percepisce gran parte anche senza i dialoghi.
L’altra forma di traduzione audiovisiva maggiormente impiegata è la sottotitolazione; settore al quale molti paesi europei si sono orientati.
La sottotitolazione prevede processi traduttivi diversi rispetto al doppiaggio, e
non è da considerarsi più o meno facile un procedimento rispetto all’altro.
30
Tutti coloro che bistrattano il doppiaggio preferiscono la sottotitolazione, fondamentalmente perché in questo modo la visione di una prodotto audiovisivo è anche
utile per l’apprendimento di una lingua straniera, piuttosto che il poter assaporare
l’opera filmica come pensata dal regista originale.
Ad ogni modo è innegabile che il doppiaggio sia di gran lunga preferito. Le ragioni sono molteplici: c’è chi dice che i sottotitoli distolgono l’attenzione, chi afferma
che ricoprono due terzi dello schermo, chi ancora sostiene che impegnano la lettura e
oltre a concentrarsi sulla comprensione lo spettatore deve concentrarsi anche in questo
altro compito. C’è poi chi è contrario perché può capitare che i sottotitoli vengano tolti e
sostituiti dalla scena successiva impedendo a molti la lettura completa.
Ma la ragione che mette d’accordo i sostenitori e i contrari della pratica del doppiaggio riguarda il fatto che la sottotitolazione è che le didascalie sono un riassunto.
Non si possono indicare sullo schermo tutte le parole pronunciate dall’attore arrivando a un adattamento cinematografico contrario i principi della buona traduzione e
della buona riuscita del film perché mai e poi mai un sottotitolo darà le stesse emozioni
di una voce.
In Europa si parla di paesi che si avvalgono della sottotitolazione e di paesi che
si avvalgono di doppiaggio. Ci sono però molte altre realtà diverse.
La cartina 1.1 nella pagina seguente sintetizza la situazione europea.
31
Cartina 1.1.
Doppiaggio esclusivamente per bambini, altrimenti solo sottotitoli
Aree miste: Paesi che utilizzano occasionalmente il doppiaggio, altrimenti solo sottotitoli
Voce fuori campo o voice over: Paesi che di solito utilizzano uno speaker o una coppia di voci fuori campo laddove è udibile
la colonna sonora originale in sottofondo
Doppiaggio generale: Paesi che utilizzando esclusivamente il doppiaggio sia per film che per serie TV, anche per la situazione
storica passata.
Belgio e Slovacchia: Paesi che utilizzano occasionalmente il doppiaggio e che in genere usano versioni doppiate di altri paesi poiché le loro lingue non sono così differenti le une dalle altre ed il pubblico è in grado di comprenderle senza problemi.
32
Non è il mio progetto quello di riprendere la querelle e sviluppare tesi e ipotesi a
sostegno della traduzione audiovisiva o contro di essa; poco è stato fatto finora e non ritengo di dover e poter competere con i grandi studiosi che analizzano la questione.
Ho solo voluto dare un’idea e un inquadramento della situazione così da poter
meglio comprendere il mio lavoro di analisi tra i copioni de “The Devil wears Prada”,
“Il diavolo veste Prada” e “El diablo viste de Prada”.
2.3 UNA LINGUA ARTIFICIALE
La lingua filmica non corrisponde mai alla lingua orale, sostanzialmente perché
è una lingua prefabbricata e creata ad hoc in studi di doppiaggio e registrazione e pianificata con l’intenzione di simulare il parlato quotidiano nonostante differisca per molti
aspetti.32
Innanzitutto le costruzioni molte volte non corrispondono alle costruzioni tipiche
della lingua target. Può per esempio accadere che una lingua target non impieghi costruzioni particolari come frasi scisse o dislocazioni ma che queste siano di uso comune nella lingua fonte. Bè in questo caso nell’adattamento cinematografico, per non differire
eccessivamente dal testo fonte si traducono e si adattano anche tali costrutti, creando però un certo distanziamento dalla colloquialità.
Molto spesso l’impiego nella lingua di arrivo di forme tipiche della lingua di
partenza porta a cambiamenti anche radicali nella prima, perché da quel momento viene
spontaneo utilizzare una determinata forma solo perché è stata impiegata da un attore
(doppiato!!) al cinema. E come tutti sappiamo i media sono la maggiore fonte di ispirazione anche linguistica di una comunità.
La lingua doppiata molto spesso presenta infatti le cosiddette “routines traduttive”33, ovvero degli automatismi che aiutano il dialoghista-adattatore nella formazione e
stesura dei dialoghi nella lingua doppiata, riducendo così le scelte che ogni processo
traduttivo implica e facilitando l’intero lavoro. Le routines traduttive vengono poi per32
33
Ibid, p. 10.
Cfr PAVESI M. (2005): La traduzione filmica. Aspetti del parlato doppiato dall'inglese all'italiano,
Roma, Carocci Editore, p. 48.
33
cepite dagli spettatori che sentendo ripetutamente una frase piuttosto che un’altra iniziano ad impiegarle anche nel loro parlato quotidiano.
La lingua doppiata è quindi una lingua a se stante e per questo è stato coniato il
termine “doppiaggese”34, molto spesso usato in senso negativo, che sta ad indicare una
lingua artificiale, di laboratorio alla quale gli utenti si adeguano modulando e modificando anche la loro lingua madre.
Dialogo filmico e dialogo spontaneo si differenziano per l’universo conoscitivo
in cui si svolgono: la conversazione spontanea infatti è svolta da due interlocutori che
condividono le stesse conoscenze enciclopediche e per questo le conversazioni sono anche più frammentate e implicite, mentre il dialogo filmico deve esprimere qualsiasi contenuto e non lasciare nulla per implicito perché lo spettatore non condivide l’universo di
conoscenze degli attori.
Altra differenza sta nel fatto che la turnazione nei film è schematica, turni di dialogo con frasi di simile lunghezza solitamente, al contrario dell’oralità quotidiana; e
inoltre il lessico prevede delle scelte di base, non si usano vocaboli forbiti o strani ma si
eliminano le espressioni letterarie e fortemente gergali preferendo parole semplici.
Esempio lampante è il seguente dialogo tra Andy e i suoi amici, dove le battute
sono molto brevi, con una sintassi spezzettata e parole molto semplici:
34
Cfr ROSSI; F. < http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/doppiaggio/Rossi.html>: “Indubbiamente il doppiaggese, vale a dire la varietà di lingua propria dei film doppiati, ha influenzato
direttamente non soltanto l’intera lingua del cinema italiano (il cosiddetto filmese), ma anche l’italiano
scritto e parlato tout court, e questo non tanto in virtù dei numerosi calchi, soprattutto dall’inglese, di
cui son prodighi i nostri doppiatori (dacci un taglio,da cut it out, invece di piantala o finiscila; ci puoi
scommettere!, da you bet!, o you can bet!, invece di senza dubbio!, naturalmente!, lo credo bene! e
simili), ma soprattutto per quella generale impressione di artificiosa formalità e azzeramento delle varietà tipica di quasi tutti i doppiaggi, nei quali lo scaricatore di porto parla come l’avvocato, al massimo con l’aggiunta del turpiloquio ma, ad accrescere l’inverosimiglianza dell’operazione, sempre in
una dizione ineccepibile e scevra d’ogni inflessione regionale.” Fabio Rossi insegna Linguistica Italiana presso l’Università di Messina. Si occupa di linguaggio dei media, delle caratteristiche pragmatico-sintattiche del parlato e di cinema e doppiaggio. Ha collaborato con l’Istituto della Enciclopedia
Italiana.
34
[…] Well, lucky for
[…] Beh per mia for-
[…] Por suerte para
me, I already have
tuna ho già il lavoro
mi, yo ya tengo el
my dream job.
dei miei sogni.
empleo de mis sueños.
You’re a corporate
Sei analista di una
Eres analísta investi-
research analyst.
grande azienda.
gador corporativo.
Oh you’re right. My
Oh è vero, il mio la-
Ehm sí, mi trabajo es
job sucks!
voro fa schifo.
una asco.
Tutti:
Nooo!
Nooo…
Nooo…
Doug:
It sucks... I don’t…
Fa schifo, è una pal-
Un asco…
it’s boring.
la.
it’s all right. Breathe.
Tutto apposto, respi-
Doug:
Tutti:
Doug:
Lily:
Respira respira …
ra.
Doug:
I’m trying
Ci sto provando.
Lo intento.
Andy:
I’d like to propose a
Ragazzi vorrei pro-
Quisiera proponer un
toast.
porre
brindis.
[…]
[…]
un
brindisi.
[…]
Altro esempio che sottolinea questo scambio repentino di battute è il seguente:
Emily:
[…] How did… Are
[…] Come hai … Ti
[…] ¿Cómo? Ehm…
you wearing the …?
sei messa …?
¿Esas botas son de
Chanel?
Andy:
The Chanel boots..
Gli stivali di Chanel.
Yeah, I am.
Si proprio quelli.
Serena:
You look good.
Stai bene.
Estás guapa.
Emily:
Oh God…
Oh Dio…
Ohi por Dios…
Serena:
What? She does!
Perché? È vero!
¿Quépasa? ¡Es cierto!
35
Sí, lo son.
Emily:
Oh, shut up Serena.
Oh piantala Serena.
Cállate Serena.
[…]
[…]
[…]
In questa caso si vede una lunghezza simile di battute, il classico botta e risposta
filmico e l’utilizzo di un lessico molto semplice e basilare.
L’adattamento spagnolo vede una grande differenza a inizio dialogo; Emily viene infatti doppiata mentre parla degli stivali di Chanel, cosa che nell’italiano e
nell’originale americano viene detta da Andy. In questo modo la lunghezza della battuta
cambia, accorciando ulteriormente quella di Andy.
Lunghezza dell’enunciato, sintassi più o meno frammentata, impiego di dislocazioni o altri costrutti marcati, dizione e tratti dialettali che identificano una determinata
provenienza o un determinato rango sociale sono tutte varianti che differenziano doppiaggio da colloquialità e ai quali un adattatore deve prestare parecchia attenzione.
Ad esempio, la sintassi frammentata della seguente battuta di Nigel viene rispettata negli adattamenti:
Nigel:
A little Cristo, some
Un po’ di lubrifican-
Con vaselina y un cal-
fishing line and we
te, un filo da pesca, e
zador lo conseguire-
are in business
il gioco è fatto
mos
Il dialogo filmico comunque è la base dell’opera filmica. Esso è infatti
l’elemento che inserisce e definisce gli attori e protagonisti, da un punto di vista relazionale e psicologico, in una cornice spazio-temporale, illustra eventi terzi per capire gli
eventi in corso e spiega i riferimenti non verbali dell’opera. Inoltre il dialogo filmico è il
perno della narrazione che permette l’avanzamento della trama e la buona riuscita e
conseguente commercializzazione di un prodotto cinematografico.
36
Ruolo centrale per questo ultimo punto è il tipo di linguaggio settoriale utilizzato, il tipo di umorismo impiegato considerando che sarcasmo, ironia, o humor britannico
non hanno lo stesso impatto su diverse culture. L’adattatore deve quindi anche capire
questo. Lo humor britannico è molto più sottile e nascosto, quasi un sotterfugio per non
andare incontro a delle conseguenze. Gli spagnoli e gli italiani di questo non se ne
preoccupano, e fanno ridere con ogni mezzo, lecito o illecito, educato o maleducato.
Nella versione originale del film in questione, le battute dei personaggi sono
leggermente smorzate e per retaggi culturali e per il tono della voce poco canzonatorio
mentre nelle due versioni europee analizzate si è optato per una comicità più sarcastica e
meno blanda, grazie anche a un doppiaggio con dei toni più irriverenti delle voci originali, che aiutano in questo senso.
In questo film si cerca di deridere chi non conosce la moda e il suo mondo multimiliardario, chi cerca di non cambiare per qualcosa per il quale il cambiamento è necessario; si deride il perbenismo sottolineando il cinismo dell’economia.
Basti vedere i monologhi iniziali di Miranda Priestley, in cui parla delle modelle
come persone sciatte, brutte grasse e goffe e la cosa risulta divertente proprio perché le
modelle per essere tali sono l’esatto opposto. Oppure le frecciatine lanciate da Emily sui
vestiti di Andy, parlando della sua gonna come “la gonna della nonna”
O ancora le battute di Nigel quando, per esempio, dà ordine alla redazione di
sbrigarsi perché sta arrivando il capo. L’originale dice all right everyone. Gird your
loins mentre la versione spagnola ad esempio dice atención todo: ¡empieza la batalla!.
Questa battuta è sicuramente più divertente perché sottolinea l’irriverenza di un dipendente che si permette di affermare che l’arrivo del suo capo è appunto una battaglia.
L’idea spagnola rende sicuramente molto più l’ilarità della situazione.
Analizzeremo tutti gli aspetti del parlato filmico dell’opera di Frankel nelle prossime sezioni.
37
2.4 IL DIAVOLO DOPPIATO
La pellicola, acclamata dalla critica, deve il suo successo, oltre alla bravura degli
attori, anche ai dialoghi tra gli stessi. Il lavoro di adattamento dei dialoghi italiani è stato
portato avanti del professionista Tonino Accolla.
La voce in questione è una delle più famose voci del cinema nazionale e del cinema doppiato nazionale, essendo il doppiatori di personaggi del calibro di Jim Carrey,
Eddie Murphy, Tom Hanks, Mickey Rourke, Billy Cristal, solo per citarne alcuni tra i
centinaia.
Tonino Accolla stato scelto per la sua bravura e la sua professionalità, nonché
per la sua grande capacità di rendere giustizia a un film e in particolare alla vena comico-umoristica di una pellicola. Ha infatti dedicato la sua vita al doppiaggio e come adattatore di copioni ricchi di battute comiche.
Ha sempre saputo con estrema maestria trasformare lo humor inglese in humor
latino, due stili di risate totalmente diversi ma che permettono agli spettatori di cultura
latina di ridere tanto quanto gli spettatori dei paesi anglosassoni, pur permettendosi
qualche licenza e modifica, a volte addirittura sostanziale.
Nel film in questione la straordinaria Maria Pia Di Meo, figlia dell’antico doppiatore della CID Giotto Tempestini e vincitrice di numerosi premi e riconoscimenti per
la sua attività di doppiatrice, dà la voce a Meryl Streep aka Miranda Priestley; una voce
calda ma che allo stesso tempo intimorisce, e non poco perché contrasta con l’occhio
gelido del diavolo in tacchi in spillo.
2.4.1 IL DOPPIAGGIO ITALIANO
“Il diavolo veste Prada” è un film con un copione molto ricco di elementi culturali, dalla margarina Crisco al casinò Golden Nugget, dal formaggio Jarlsberg al negozio Casual Corner, per citarne alcuni.
38
Non può mancare l’umorismo, trattandosi di una commedia, e alcuni termini settoriali legati alla moda, come ad esempio book, menabò, layout, prova di copertina,
quarta di copertina, rassegna.
L’umorismo gioca un ruolo sensazionale nell’opera perché è l’elemento che
permette di comprendere meglio la personalità dei personaggi, che fa in che modo che
lo spettatore capisca con chi ha a che fare arrivando a impersonificarsi nei protagonisti e
a usare le battute del film nella vita quotidiana. Proprio questo ha fatto Tonino Accolla:
ha reso giustizia all’originale rendendo l’adattamento anche meglio dell’opera prima, in
certi punti.35
Va ricordato che nell’adattamento di un copione, bisogna tener conto di diversi
aspetti: oltre al sincronismo labiale bisogna considerare le quattro variabili del repertorio linguistico: la variabile diatopica, la variabile diastratica, la variabile diafasica e la
variabile diamesica.
Queste quattro variabili sono sempre interagenti e per questo motivo è necessario percepirle e rendersene conto per perfezionare l’opera di traduzione.
La variabile diatopica correla la lingua al luogo all’interno del quale il parlante
ha ottenuto la sua socializzazione primaria, e quindi non necessariamente al luogo di nascita o di residenza ma a quello della formazione. Nel doppiaggio è logico perdere il
tratto della variazione diatopica e la motivazione è ovvia: da una parte per
l’impossibilità di trovare un corrispettivo geolinguistico con le stesse connotazioni e stereotipi culturali del geoletto originale dall’altra perché le variabili diatopiche italiane
vengono riconosciute da noi parlanti come funzioni retoriche e caratteri stereotipati precisi. Proprio per questo molte volte infatti nei film si nota un geoletto particolare che
vuole indicare che nell’originale tale personaggio parlava in modo differente. La variabile diatopica è spesso usata per definire degli stereotipi cinematografici, come ad
esempio il “burino romano”, il “furbo napoletano” o il “mafioso siciliano”.36
35
Si possono citare come esempi la battuta di Emily, quando Andy le chiede come deve comportarsi al
suono del telefono e la prima le risponde “Arrangiati” mentre in inglese si sente uno smorzato “Deal
with it” oppure ancora la battuta di Andy che al telefono, non sapendo come si scrive Gabbana chiede
ingenuamente “Gabbana con una o due B?” mentre in inglese si sente un neutro “Can you spell
Gabbana?”
36
Ibid., p. 38.
39
La variabile diastratica definisce la lingua in base a fattori sociali, il grado di
istruzione, il genere, il gruppo etnico di appartenenza. Proprio per questo motivo vedendo un film si intuisce l’appartenenza di un personaggio anche solo dal suo modo di parlare. Ad esempio, in molte pellicole statunitensi dove ci sono personaggi di colore o che
abitano nelle periferie si utilizza un lessico particolare come a voler definire quel gruppo sociale. Il Black English viene infatti adattato all’italiano che vede utilizzati termini
inconsueti nella nostra lingua, quali “ehi amico”, “sbirro”, “piedipiatti” etc…
La variabile diafasica deve correlare la lingua al contesto e quindi
all’interlocutore e all’argomento. La lingua quindi cambia in base all’occasione e
all’interlocutore operando in simbiosi con a variabile diastratica.
L’ultima variabile è la diamesica che vede la lingua variare attraverso il mezzo
utilizzato. Tra lingua orale e lingua parlata, nella realtà come anche nelle pellicole cinematografiche, si notano evidenti differenze.37
Oggigiorno, ed è anche il caso de “il diavolo veste Prada” notiamo una sempre
maggiore colloquialità del parlato filmico, prediligendo bassi profili, un italiano molto
meno formale e teatrale ma molto più aperto ai dialetti e alla variabile diatopica, ovvero
un italiano che ha superato un’aderenza pressoché totale alla sintassi perfetta e al lessico
aulico.38
La traduzione dei dialoghi diabolici pieni di lustrini e di pailletes del “diavolo
veste Prada” denota una spiccata creatività, una notevole apertura alle fasce medio basse, sociolinguisticamente parlando, e una certa facilità di espressione con battute modello, routine traduttive e facilità di comprensione e memorizzazione anche per lo spettatore.
37
38
Ibid., pp. 35-37.
Alcuni esempi possono essere: la battuta di Serena: “Ma che si è messa addosso? Una tovaglia?”
anziché “Ma che cosa indossa?” dove l’interrogativo italiano che cosa è sostituito dal colloquiale che;
la battuta di Andy quando afferma che sta ancora “imparando tutto di questa roba” riferendosi alla
moda; Andy dice che deve “tenere duro solo un anno” sostituendo il verbo “resistere” con il
colloquiale “tener duro” o ancora Emily comunica a Andy che “insieme al book devi portare anche la
roba della tintoria di Miranda” sostituendo anche in questo caso una parola di registro più alto, quale
potrebbe essere “capi” con un registro colloquiale “roba”.
40
3.
ANALISI DEL DOPPIAGGIO
Il lavoro di analisi è stato suddiviso per macroargomenti e macroaree; in questo
modo si focalizza meglio sugli aspetti più particolari di un adattamento cinematografico
e sulle scelte traduttive operate dal dialoghista.
Tali aree sono:
1. turpiloquio
2. modi di dire
3. routine traduttive
4. gli elementi culturali
5. l’aspetto sintattico
6. gli allocutivi.
3.1 IL TURPILOQUIO
La traduzione delle parolacce e del turpiloquio in generale rappresenta uno degli
aspetti più difficili dell’adattamento, e questo perché? Bè semplice: perché la parolaccia
è vera, è sincera e arriva dritta dritta dal profondo dell’animo umano. E poi anche per il
diverso peso che si dà ai diversi insulti nelle diverse lingue. L’ormai conosciuto son of
bitch - figlio di puttana dei film angloamericani è diventato abbastanza naturale in italiano. In passato considerata parolaccia da non usare mai, è oggi invece entrata nel vocabolario e nell’uso di noi nativi italiani a causa dell’uso molto frequente che se ne fa
nei film americani.
È tipico nelle versioni doppiate di molti film originali in lingua inglese trovare
elementi attenuati o addirittura tralasciati per motivi di censura o autocensura o per le
difficoltà traduttive legate alla natura stessa del turpiloquio.
41
La difficoltà, come dice Frederic Chaume Varela39, traduttologo e traduttore, sta
nella sincronizzazione40:
1. la sincronizzazione labiale, ovvero la corrispondenza delle labbra, delle consonanti o l’apertura o chiusura delle vocali, ecc;
2. la sincronizzazione corporea, ovvero la pronuncia accompagnata da determinati
gesti compiuti dall’attore; questi gesti devono corrispondere alle sillabe accentate dell’attore e quindi anche del doppiatore;
3. l’isocronia, ovvero la corrispondenza della battuta originale e della battuta doppiata, fra le sillabe e il ritmo.
Nei film in lingua inglese e americana le parolacce e i termini volgari vengono
messi in bocca a personaggi di basso profilo, personaggi che si esprimono con slang e
tratti substandard, con geoletti particolari o variabili diatopiche strane, infondendo
quindi un carattere di informalità al registro. Al contrario l’italiano non potrebbe utilizzare lo stesso slang, lo stesso tratto substandard o lo stesso geoletto perché lo spettatore
italiano non comprenderebbe tale diversità. Per riprendere il banale ma significativo
esempio riportato da Maria Pavesi41, nel film Billy Elliot il padre del protagonista è un
minatore dell’Inghilterra del Nord che parla con spiccato accento scozzese; lo spettatore
italiano non conosce l’accento scozzese e per questo nella traduzione si è perso il tratto
tipico del personaggio.
Il turpiloquio viene quindi adattato, ma nelle versioni doppiate è sempre più controllato rispetto all’originale, quasi a voler controllare l’irriverenza dei termini che non
devono infastidire lo spettatore e la cultura di arrivo.
Frederic Chaume Varela è docente presso l’Universidad Jaume I - Departamento de Traducción y
Comunicación (Castellón de La Plana – España).
40
Cfr VARELA, F. (novembre 2005): Los estándares de calidad y la recepción de la traducción
audiovisual, “Puentes”, n. 6, p. 7.
41 Cfr PAVESI M. (2005): op. cit., p. 37.
39
42
Bisogna comunque affermare che l’italiano per quanto riguarda i termini volgari
non ha sfidanti; l’ampio repertorio italiano deve essere tradotto selezionando all’interno
di una gamma meno vasta di termini irriverenti nelle altre lingue. Viceversa i termini
angloamericani possono essere molto più sviluppati al momento del doppiaggio
all’italiano. Il tutto comunque dipende sempre dall’inventiva del dialoghista.
Nel film “Il diavolo veste Prada” gli elementi volgari non sono poi così volgari42. Ciò vuol dire che tanto nell’originale quanto nell’adattamento viene impiegato un
repertorio lessicale che possa risultare abbastanza neutro e legato alla vita quotidiana,
non distraendo l’attenzione dello spettatore che sente quindi, in mezzo a qualche battuta,
parole di uso comune. Qualora venissero impiegati termini con un uso quotidiano infe-
42
Bisogna sottolineare che non tutte le culture considerano volgari gli stessi elementi ma suddividono la
realtà fisica e linguistica in modi diversi. Ciò che in italiano è volgare, in spagnolo corrisponde quasi
completamente a lo coloquial mentre in americano corrisponde allo slang; e l’immagine mentale creata è diversa da cultura a cultura e per elementi linguistici utilizzati e per loro uso quotidiano.
In italiano ci si riferisce al lessico volgare come a quelle espressioni irriverenti e soprattutto offensive,
ovvero elementi e imprecazioni che stupiscono l’ascoltatore e utilizzati solo in determinate situazioni.
Gli elementi volgari in italiano prevedono un ampio uso da parte della gente comune ma non al di fuori di determinati contesti. Il volgare italiano appartiene in prima istanza alla gente più povera e meno
alfabetizzata. È da distinguersi dal gergo, che come indica la Treccani, è “un termine usato comunemente per indicare una varietà di lingua dotata di lessico specifico che viene utilizzato da particolari
gruppi di persone in determinate situazioni per non rendere trasparente la comunicazione agli estranei
e sottolineare l’appartenenza a un gruppo”.
Lo slang americano differisce dal volgare italiano in quanto non composto solo da espressioni offensive. Corrisponde infatti a una varietà di lingua substandard, con un lessico specifico e utilizzato da
determinati gruppi di persone. Il grado di utilizzo è elevato: ogni appartenente a un gruppo sociale o a
una subcultura utilizza lo slang in qualsiasi contesto si trovi. Esempi di slang: cool che nel significato
originale indica qualcosa di carino e bello mentre nello slang vuol dire eccellente.
Lo spagnolo coloquial differisce ulteriormente dai primi due casi. È un registro della lingua spagnola,
contenente termini che in altre culture possono risultare irriverenti ma che non lo sono per un parlante
spagnolo. L’uso è molto ampio: qualsiasi parlante in contenti favorevoli può intraprendere un discorso
in spagnolo coloquial. Una differenza rispetto a ciò che viene definito volgare in italiano è data dal
fatto che il volgare italiano è legato all’oralità, in quanto è estremamente difficile incontrare elementi
e termini irriverenti in forma scritta, mentre il coloquial spagnolo non è relegato alla sfera orale in
quanto ci sono forme scritte in tale registro (basti pensare a una lettera tra amici). Differisce dal volgare anche in quanto in vulgar e il vulgarismo spagnolo è legato alla classe sociale di appartenenza.
Volgare italiano si differenzia da slang americano ed español coloquial perché le ultime due sono registri linguistici specifici utilizzati dai più, mentre il primo è solo un insieme di elementi offensivi utilizzati in contesti specifici da parlanti definiti; inoltre come lo slang americano anche lo spagnolo coloquial rileva un elevato grado di spontaneità, espressività ed efficacia, come affermato da Antonio
Briz.
43
riore allora lo spettatore si metterebbe subito all’erta e forse addirittura potrebbe infastidirsi.
Nel nostro film esaminato viene utilizzato ripetutamente il termine shoot. Come
spiega l’Oxford Dictionary43, shoot è una tipica esclamazione nordamericana e dal registro ovviamente informale che viene impiegata come eufemismo per shit.
Ogniqualvolta l’adattatore Tonino Accolla riscontra la presenza di shoot
nell’originale opta per due soluzioni: la prima consiste nel mantenere il carattere eufemistico, inteso come figura retorica che sostituisce una parola per scrupolo morale, e
prediligendo l’utilizzo di termini come “accidenti” o “cavolo”, la seconda prevede di
mantenere il carattere irriverente, che nell’italiano “accidenti/cavolo” viene perso ma
che nell’originale shoot viene velatamente nascosto, traducendo con “merda”.
La traduzione della versione da parte di Sally Templer, adattata poi Fenton Luis,
prevede l’eliminazione della parola shoot o la sua traduzione letterale.
Nell’esempio sotto si nota come manchi una parola alla battuta. L’adattatore
Fenton deve quindi aver fatto un buon lavoro di sincronizzazione per coprire il buco lasciato dalla traduzione.
È risaputo che gli spagnoli non si creano problemi nell’utilizzo di frasi informali
o elementi a volte ritenuti volgari da altre culture. Si è però preferito eliminare un termine con una sfumatura volgare relativamente bassa, a discapito della scena, che richiede tale termine per indicare l’inadeguatezza della protagonista.
Di seguito vengono riportati alcuni stralci tratti dai dialoghi del film oggetto di
tesi, concernenti turpiloquio. Nella prima colonna vengono indicati i personaggi, nella
seconda la versione originale americana, la colonna centrale ospita le battute italiane
mentre nell’ultima colonna di destra è indicato l’adattamento spagnolo.
43
Cfr. WEHMEIMER, S. (2005): OXFORD ADVANCED LEARNER’S DICTIONARY, Oxford, Oxford
University Press.
44
Esempio 1:
Emily:
Where are you?
Ma dove sei?
¿Dónde estás?
Andy:
Oh,
Sono quasi arrivata.
Oh ya estoy llegando.
there. Yeah.
Si.
Sí
Shoot!
Accidenti!
---
I’m
almost
Nel dialogo sopra riportato fra la neoassistente Andrea e la ormai prima assistente Emily si nota come il dialoghista Accolla abbia in questo caso optato per l’eufemismo
“accidenti”. La scelta può essere stata fatta per diverse ragioni: è uno dei primi giorni di
lavoro di Andy, è ancora il brutto anatroccolo arrivato nella Grande Mela per fare la
giornalista. Un nativo italiano che sente una brava ragazza pronunciare parolacce rimane sempre perplesso. E anche se si sta bruciando con il caffè del suo diabolico capo Miranda Priestley rimane pur sempre una brava ragazza che non dice parolacce. Al contrario, se le parolacce le pronunciasse Emily, essendo una donna in carriera, senza scrupoli,
allora sembrerebbe normale sentirle.
Oppure la scelta è caduta su un più neutro e banale “accidenti” per sottolineare
le caratteristiche fisiche neutre e banali di Andy che con il mondo della moda non ha
niente a che vedere.
Lo spagnolo ha eliminato il carattere di ingenuità di Andy togliendo il termine
dall’adattamento. Forse così l’aria di piccola indifesa viene meglio rilevato dallo spettatore spagnolo.
45
Esempio 2:
Andy:
So none of the girls
E così qui le ragazze
¿Y las chicas de aquí
here eat anything?
non mangiano nien-
no comen nada?
te?
Nigel:
Not since 2 became
No da quando la ta-
No, desde que la talla
the new 4 and 0 be-
glia 38 è diventata la
34 se convirtió en la
came the new 2.
nuova 40 e la 36 è la
36.
nuova 38
Andy:
Well, I’m a 6.
Bè io porto la 42.
Yo gasto una 38.
Nigel:
Which is the new 14.
Che è la nuova 56.
Que ahora es la 40.
Andy:
Oh, shoot!
Cavolo!
Uhm mierda!
Nigel:
Oh, never mind. I’m
Oh che ti importa.
Uh no importa. Seguro
sure you have plenty
Sarai piena di ma-
que hay más mezclas
more polyblend
glioncini misto acri-
sintéticas
where that came
lico nell’armadio do-
conseguiste eso.
from.
ve hai preso quello.
dónde
L’esempio sopra citato ripercorre la scena del frugale pranzo di Andy quando si
sporca il maglioncino misto acrilico color ceruleo che indossa. Proprio in quel momento
l’espressione gergale shoot - cavolo - mierda fa capolino.
Anche in questo caso mettere in bocca a una brava ragazza un’espressione come
“merda” non sia il massimo, soprattutto per l’ambiente nel quale si svolge la scena. Si
trovano infatti in mensa, in mezzo a molte modelle, e per lo spettatore italiano ci sono
certe parole che durante un pasto non si dovrebbero pronunciare per buona educazione.
Considerando in americano l’espressione è un eufemismo, anche in italiano si è quindi
preferito impiegarne uno. Dal momento che “accidenti” era stato usato poche scene
46
prima, Tonino Accolla ha optato per un “cavolo”, forse per riprendere indirettamente
anche il tema pranzo.
Per quanto riguarda l’adattamento spagnolo in questo caso non si è cercato di
nascondere nulla, si è anzi enfatizzato. La forma più corretta in quella situazione sarebbe cáspita, meno enfatico sicuramente ma molto più signorile e rispettoso dell’originale.
Al contrario dell’esempio 1, in questo caso la traduzione è necessaria dal momento che
la battuta di Andy è formata da una sola parola. Tuttavia l’utilizzo di mierda44 non è
scandaloso, essendo una parola abbastanza comune nel gergo spagnolo. 45
Se si prosegue nell’analisi delle forme volgari ci si imbatte in un’imprecazione
ormai diventata di uso comune: Damn it!
L’espressione è la forma contratta dell’inglese God damn it!, molto frequente
negli Stati Uniti ma non utilizzata in quelle culture cattoliche dal momento che non è
possibile nominare Dio in ambito profano. Tuttavia questa regola, rigida in passato ma
molto più blanda al giorno d’oggi, viene infranta da un amico di Andy. Vedendo infatti i
regali che quest’ultima ha portato a tutti loro, esprime la sua sorpresa con un Damn it! –
Oddio!:
Esempio 3:
Andy:
Doug:
44
45
And I have some
Già, e ho alcuni pro-
Y
tengo
products.
dotti.
productos de cepillo de
Mason Pearson hair-
Le spazzole di Ma-
pelo
brushes.
son Pearson.
Pearson.
A little Clinique…
Un po’ di Clinique…
Algo de Clinique…
Oh damn it!
Oddio, quanto amo il
---
I love your job!
tuo lavoro!
Me encanta tu trabajo!
de
algunos
Mason
Expresión coloquial que se usa para indicar disgusto, rechazo o contrariedad.
Cfr. MALDONADO GONZÁLEZ, C. (2006): CLAVE Diccionario de uso del español actual, Madrid,
Ediciones SM.
47
La differenza sta nel fatto che nella versione adattato l’espressione gergale e
volgare “oddio” non crea una frase a sé stante, quindi l’insulto non viene percepito come tale, ma solo come un intercalare che inizia la frase di sorpresa, al contrario
dell’originale dove Damn it è separato dal resto della battuta.
La versione spagnola, rivolgendosi a un pubblico attento agli aspetti religiosi
quale è il pubblico spagnolo, elimina totalmente l’inizio della frase che nomina Dio,
preferendo una battuta neutra che toglie però tutta la sorpresa che viene esplicitata nella
versione originale e ottimamente ottenuta nella versione italiana. Un retaggio culturale
che blocca ma allo stesso tempo aiuta il lavoro del doppiaggio. Blocca perché la battuta
spagnola tende a non rendere giustizia all’originale ma aiuta perché se fosse stata tradotta la parolaccia lo spettatore spagnolo avrebbe potuto indisporsi, colpendo duramente
l’esito della pellicola.
Accostate a questi interventi apparentemente neutri, ce ne sono altri con uno
spessore volgare più ampio. Tra questi fa capolino l’ormai famosissima espressione
“porca puttana”. Parolaccia considerata di molto impatto, viene sempre più impiegata
grazie e a causa del cinema che ne ha diffuso l’utilizzo tra tutti i parlanti.
Nella scena in cui Andy è agitata per gli ordini impartitile da Miranda, viene ripresa da Emily con piglio deciso, come il più classico degli assistenti che vuole imitare
il capo diabolico.
Interessante in questo caso è l’adattamento in italiano. Ecco il dialogo tra le due
assistenti con evidenziato l’elemento tradotto:
Esempio 4:
Andy:
Is she back? Am I fired?
Andy:
Emily:
I rarely say this to people Emily:
Senti, mi capita raramente di
who aren’t me, but you
dirlo a altre persone oltre a me,
have got to calm down.
però ti devi dare una calmata.
Bloody hell!
Porca puttana!
48
È tornata? Sono licenziata?
Bloody hell in italiano corrisponde a un più neutro “dannazione”, “maledizione”.
In inglese viene infatti sviluppata, con questo insulto, una certa terminologia religiosa
(bloody riprende il sangue, hell corrisponde all’inferno). Il termine in inglese ha un certo impatto. Risulterebbe alquanto ridicolo tradurre in italiano con un eufemismo, anche
se traduzione quasi perfetta. Inoltre la versione originale è formata da due parole, quindi
l’adattatore ha optato per tradurre l’insulto con due parole anche nella lingua italiana. In
questo caso entra in gioco il fattore sincronismo labiale. A causa della natura stessa del
dialogo, in cui Emily articola l’esclamazione con una certa freddezza e rigidità e in cui
la percezione visiva della sonorità è palese, si è dovuto quindi inserire nella traduzione
una parola che iniziasse con una consonante bilabiale. La sostituzione da bilabiale sonora [b] inglese a sorda italiano [p] non è così rilevante. Perfetta quindi l’aderenza di posizione a inizio parola, come in pochissimi casi. L’adattamento portato avanti modificato
l’impropero è quindi stata una soluzione importante, non solo per la modifica [b] → [p]
quanto piuttosto che per essere riusciti a trovare un’espressione che contenesse una dentale occlusiva. Anche in questo caso si è dovuto operare una sostituzione e l’occlusiva
dentale sonora [d] di bloody diventa l’occlusiva dentale sorda [t], della parola puttana in
italiano.
Dalla bocca dell’assistente Emily viene pronunciata una serie di espressioni
sempre considerate improperi e sempre concernenti l’ambito religioso.
Un altro esempio infatti viene ben indicato quando Emily, distrutta dal raffreddore, se la prende con se stessa proprio per questo, imprecando perché ha un vestito di Valentino da indossare.
La formula originale consiste in una frase fatta tipica della lingua inglese. Tale
espressione non è conosciuta al pubblico italiano, se venisse tradotta letteralmente, e per
questo è stata adattata cercando di renderla lunga tanto quanto quella inglese, in modo
da creare sincronia nel doppiaggio.
49
Esempio 5:
Emily:
I refuse to be sick.
Mi rifiuto di stare
Me niego a estar mal.
I’m wearing Valentino.
male. Ho un vestito
Me
For crying out loud!
di Valentino, Cristo
Valentino, ¡por amor
Santissimo!
de Dios!
pondré
un
L’Oxford Dictionary definisce l’espressione inglese come espressione informale
used to express one’s irritarion or impatience.46 In italiano e in spagnolo l’espressione è
leggermente più forte, perché tutto ciò che viene rivolto a Dio, alla Chiesa o a Cristo è
considerato bestemmia. L’utente che guarda il film non si rende conto di questa impercettibile differenza, cerca solo di capire se la resa stilistica è riprodotta al meglio e quello bisogna ammettere che è effettivamente stato realizzato.
Tra italiano e spagnolo sembra quasi che uno abbia copiato l’altro; entrambe le
lingue infatti inseriscono nella battuta qualcosa non pronunciato in inglese. Mi viene
quindi da supporre che uno dei due dialoghisti non capendo come tradurre la versione
originale abbia copiato dall’altro adattamento. Difficile dire quale in quanto sia in Italia
sia in Spagna i film sono usciti nell’ottobre 2006.
Stesso identico esempio come sopra è rappresentato dalla scena in cui Emily si
trova in ospedale, ingessata dopo l’incidente che la vede costretta a rifiutare alla settimana della moda di Parigi.
In questo caso si è trovato l’equivalente quasi perfetto per la traduzione. Entrambe le lingue romanze, infatti, inseriscono come impropero un elemento religioso,
sempre pronunciato dalla giovane Emily:
46
Cfr. WEHMEIMER, S. (2005): OXFORD ADVANCED LEARNER’S DICTIONARY, Oxford, Oxford
University Press.
50
Esempio 6:
Emily:
You eat carbs, for
Tu mangi carboidrati,
Pero
si
comes
Christ’s sake!
Cristo Santo!
carbohidrátos, ¡por el
amor de Dios!
Unica differenza sta nel fatto che il for a inizio impropero nella versione americana viene riprodotto solo nell’adattamento spagnolo e non in quello italiano. Tuttavia
per sincronia, presenza di consonanti a inizio parola e lunghezza delle stesse la versione
italiana è meglio sviluppata. L’occlusiva velare [k] apre sia la versione originale che la
versione italiana “Christ – Cristo” preseguendo con la fricativa postalveolare [ʃ] delle
parole sake – santo. Lo spagnolo invece prevede non un adattamento della parolaccia
inglese (Cristo Santo in italiano non viene utilizzato, se non come calco dall’inglese) ma
l’inserimento di un’espressione tipica spagnola, por amor de Dios. Nella versione italiana lo spettatore più o meno attento che osserva il film non percepisce una così grande
divergenza del traducente rispetto al significante originale.
Non solo Emily ma anche il perfettino direttore alla moda della rivista, Nigel,
utilizza espressioni non proprio nobili.
Ne è un esempio la battuta seguente:
Esempio 7:
Nigel:
Sometimes I can’t
Certe volte mi sento
A veces no
believe I talk about
scemo a dire queste
creer que me pase el
this crap all day
cazzate dalla mattina
día hablando de esta
alla sera
mierda.
51
puedo
L’italiano aggiunge un termine che nell’originale non è previsto: “scemo”. La
differenza tra inglese e italiano è quindi palpabile. La forma originale infatti dice che
Nigel non può credere alle sue orecchie, non può credere di dire e ripetere quelle cose
tutto il giorno. L’italiano invece inserisce un giudizio che in inglese non c’è: Nigel si
sente uno scemo. La gravità della cosa sta nel fatto che un traduttore non deve modificare l’elemento originale inserendo giudizi non previsti. Il responsabile della moda non ha
mai detto di sentirsi uno scemo e mai lo dirà considerando quanto il personaggio ammiri
se stesso.
Lo spagnolo segue la versione originale, senza giudizi del traduttore/dialoghista.
Oltre a ciò si vede poi la traduzione del volgarismo crap47 in “cazzate”.
L’inglese in questo senso non ha una traduzione standard; i dialoghisti hanno quindi
operato una scelta solo di gusto.
Tonino Accolla ha tradotto con “cazzate” forse per la presenza nella parola della
doppia Z quasi a sottolineare con durezza l’inutilità di tutto ciò che viene detto. Anche
in questo caso si riscontra un giudizio, in quanto le cosiddette cazzate vengono pronunciate da chi sa che sta dicendo delle stupidaggini. Non si parla di cazzate se si ritiene
che quanto detto sia sensato.
Lo spagnolo adatta seguendo la versione originale: crap diventa infatti mierda.
In entrambe le lingue questi termini sono un intercalare abbastanza neutro seppur gergale e soprattutto non veicolano nessun giudizio del traduttore o del personaggio che utilizza il termine. Una mierda/crap è qualcosa legato più al gusto che alla sensatezza delle
cose, mentre in italiano viene giudicato ciò che si dice.
Come non affrontare poi il noto Hell. L’espressione è entrata nell’uso comune in
italiano solo attraverso la cinematografia, al contrario dello spagnolo. Nella pellicola ci
sono due esempi con questa espressione. Una in cui Nate, il fidanzato della protagonista
Andy, le chiede What the hell is wrong with you? che in italiano è diventato Che diavolo ti prende?. La traduzione è ottima fondamentalmente perché riprende il diavolo, tema
del film, quasi a voler indicare che anche Andy è diventata un diavolo come Miranda
Priestley. In spagnolo invece si sente Andy, ¿qué puñetas te ocurre?. La versione è più
47
Cfr. LEDVINKA, F.R. (2011): What the Fuck Are You Talking About?, Torino, Eris Edizioni, p. 63-69.
52
volgare rispetto all’italiano e all’inglese, dal momento che riprendere un ambito del turpiloquio legato all’aspetto sessuale. Tuttavia l’elemento antireligioso “diavolo” non viene minimamente menzionato, concordando con i valori culturali della Spagna Cattolica.
Il secondo esempio è What the hell kind of a blip is that? adattata in italiano nella formula Che razza di stranezza è questa? e in spagnolo ¿Qué fue exactamente lo qué
pasó?. La versione originale inserisce un giudizio espresso dal giornalista nei confronti
dell’anno professionale appena trascorso da Andy; tale elemento viene eliminato nelle
proposte italiana e spagnola, neutralizzando le versioni.
In questa caso la traduzione con “che diavolo” in italiano risulterebbe pesante,
essendo già stata impiegata durante la pellicola. L’utente italiano, infatti, non affronta
con leggerezza, per residui storico-culturali, il tema del diavolo e dell’inferno; per questo motivo sarebbe rimasto un po’ spiazzato se l’espressione fosse stata ripetuta. Inoltre
the hell è molto informale in inglese e tale informalità in italiano è rappresentata da
espressioni come “che razza”, impiegata in questo contesto. Lo spagnolo neutralizza
completamente con un semplice pronome interrogativo qué, semplificando anche troppo
ed eliminando il carattere di informalità dato al colloquio di lavoro.
Per terminare la rassegna sugli improperi e le espressioni volgari della pellicola
esaminata torniamo a parlare della giovane e brillante Andrea Sachs. Come già detto,
lavorando alla redazione di Runway da brutto anatroccolo diventa cigno, sostituendo anche Emily nelle grazie della perfida Miranda.
Questo cambiamento lo si nota anche nelle espressioni utilizzate, oltre che nel
look e nello stile. Andy infatti dopo il cambiamento utilizza termini che prima nessuno
avrebbe mai pensato usasse.
Come indicato negli esempi seguenti, Tonino Accolla e la direzione del doppiaggio del film hanno infatti preferito che Andy non usasse più gli eufemismi tipici della
prima ragazza giovane e sveglia ma iniziasse a usare espressioni più colorite da femme
fatale. E allora ecco che anche in italiano shoot non viene più tradotto con accidenti o
cavolo, ma con merda, eliminando il carattere di buona ragazza che cerca di non risultare scurrile, ancora presente nella forma originale
53
Nella versione spagnola questa idea di passaggio non è rappresentata dal momento che già in precedenza Andy ha usato espressioni come mierda. Ora però per indicare maggiore sicurezza di sé e per inserirla in quel mondo fatto di stress e lavoro duro,
utilizza anche espressioni più concitate come per esempio joder. Anziché ripetere il volgarismo per diverse volte viene impiegato un solo termine volgare con una maggiore
forza espressiva.
Esempio 8:
Al suono della sveglia:
Andy:
Oh shoot!
- - - (sospiro)
ooh ¡mierda!
Esempio 9:
Miranda:
Excuse me?
Scusami
¿Cómo dices?
Andy:
I need to talk to you
Devo parlarti imme-
Tengo que hablar con
right now. It’s about
diatamente. Ho una
usted…
Jacqueline Follet.
cosa
che
riguarda
Jacqueline Follet.. Oh
Shit! Oh shit, shit,
Jacqueline
Follet,
shit shit!
ha… Merda! Merda
es
sobre
¡mierda! ¡Joder!
merda merda merda!
Trasformazione da brava ragazza a femme fatale avvenuta.
Anche nei dialoghi quindi e nel turpiloqui in generale si possono riconoscere
tratti caratteriali dei personaggi dell’opera cinematografica.
54
Possiamo ora analizzare le diverse parolacce utilizzate considerando il loro scopo.
Le parolacce e le imprecazioni in generale sono elementi enfatici che rendono
frizzante il contenuto di un’opera cinematografica e conferiscono maggiore naturalezza;
sono veicoli di emozioni diverse.
Gli improperi possono essere usati per48:
1. inveire contro qualcuno;
2. esprimere sorpresa;
3. inveire contro la situazione o per sfogarsi;
4. per provocare una reazione;
5. per esprimere il proprio gusto e disgusto;
6. per emarginare;
Come indicato nell’elenco sopra, molto spesso le imprecazioni denotano una
certa sorpresa, come Doug alla vista dei prodotti di cosmesi dell’esempio 2, oppure
vengono impiegate solo come sfogo, liberandosi di un eccesso di ira o di stress.
È questo il caso degli esempi 4, 5 e 6 dove Emily utilizza degli improperi contro
la situazione e non contro l’interlocutore in sé.
L’esempio 6 si può far rientrare in quella categoria di parolacce legate alla religione e alla blasfemia; parolacce che in tempi passati erano considerate molto più gravi
in quanto non seguivano il precetto cristiano del “non nominare il nome di Dio invano”49. La parolaccia però col tempo ha perso quel significato intrinseco di blasfemia e di
attacco alla divinità, diventando nella cultura inglese e anglosassone una espressione di
uso comune per sfogarsi e dimostrare la propria rabbia.
Ci sono poi quegli insulti e quelle imprecazioni che denotano un certo livello di
volgarità. È questo il caso di crap e shit, termini che rimandano alle feci.
48
49
Ibid., pp. 36-106.
Ibid., p. 36.
55
Da sempre questi epiteti vengono usati come intercalare, tanto in inglese quanto
in italiano e sono legati a quel campo semantico considerato tutt’oggi tabù in entrambe
le culture.
L’esempio è espresso al numero 7.
Gli insulti vengono poi usati anche per emarginare, ma nel’opera filmica qui
analizzata non ci sono casi che rimandano a questa categoria.
Bisogna anche aggiungere che spesso il turpiloquio è accompagnato da un gesto.
I “gesti linguistici” esprimono meglio il concetto inteso, sono un commento allo stato
d’animo del personaggio e un modo per sottolineare.
Tuttavia tanto i gesti linguistici quanto il turpiloquio orale sono solo elementi enfatici e non aiutano all’avanzamento della trama quindi non è richiesta una traduzione
che sia da questo punto di vista il più aderente possibile; essa è richiesta piuttosto per
poter dare nello spettatore dell’opera adattata lo stesso stato d’animo ottenuto dall’opera
prima.
3.2 MODI DI DIRE
Le frasi idiomatiche sono l’anima di una lingua e questo perché come sostiene
Eco “possediamo una sorta di schema mentale in base al quale siamo capaci di riconoscere una data occorrenza in un dato oggetto”50. Ciò significa che ogni cultura vede e
identifica in determinati modi taluni oggetti e taluni riferimenti.
Ci sono stati poi studiosi che hanno analizzato a fondo il tema dei modi di dire e
come le diverse culture li traducono. Vinay e Dalbernet hanno costruito un’opera intorno a questo punto sostenendo che la traduzione da un lingua source a una lingua target
si ha per traduzione diretta o per traduzione obliqua. La traduzione diretta è quel processo traduttivo che comprende calco, traduzione letterale e prestito; mentre la traduzione
obliqua è formata da trasposizione, modulazione, equivalenza e adattamento. Ciò sta a
significare che in mancanza di un elemento culturale riconducibile anche alla cultura
50
Cfr. ECO, U. (2003): Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione¸ Milano, Bompiani, p. 88.
56
target il traduttore deve operare delle modifiche, a livello sintattico e lessicale, svolgendo uno dei processi del gruppo due.51
Le frasi idiomatiche infatti sono elementi culturali prima ancora che elementi
linguistici e proprio per questo motivo una traduzione pressoché perfetta è impossibile.
Ci si limita quindi a trovare delle traduzioni adeguate: adeguate al contesto, adeguate
alla situazione, adeguate al lettore/osservatore finale, adeguate alla cultura di arrivo senza perdere il senso della cultura di partenza, secondo le teorie traduttive dei due linguisti
francesi.
Il processo traduttivo portato avanti con idiomatismi e frasi fatte, infatti, non è
un processo traduttivo letterale, bensì un processo traduttivo logico: bisogno infatti oltrepassare i confini linguistici per addentrarsi nei confini semantico-logico-culturali
propri della cultura di arrivo per poter riprodurre un elemento che contenga la stessa enfasi e che dia lo stesso risultato dell’elemento originale.
Proprio per questo, se mancano elementi idiomatici che rappresentano la stessa
realtà in due lingue e culture diverse bisogna necessariamente dare sfogo alla propria
fantasia o creandone di nuove o utilizzando lunghe perifrasi.
Molto spesso gli idiomatismi si rifanno a elementi storico-culturali o a immagini
che vengono comprese solo da un parlante.
Per esempio la banalissima frase italiana “piove a catinelle”, dove secondo il vocabolario italiano catinella è un piccolo recipiente meno profondo di un catino, non viene di certo tradotta in inglese con “it rains basins”. L’idea di piovere a dirotto viene
espressa in inglese con la locuzione it rains cats and dogs, che di conseguenza non viene impiegata in italiano con la traduzione di “piovono cani e gatti”.
Le frasi idiomatiche e le locuzioni vanno quindi di pari passo con la mentalità e
l’apertura culturale di un popolo e cozzano con il principio di composizionalità, ovvero
quel principio che in semantica afferma che il significato di una frase dipende dalla
somma dei significati degli elementi che la compongono.
51
Cfr. MORINI, M. (2007): La traduzione: teorie, strumenti, pratiche, Milano, Sironi Editore, p. 63-64.
57
Nel momento in cui si traduce un idiomatismo o una frase fatta in generale bisogna superare i confini linguistici, immedesimandosi nella cultura di arrivo.
Sin dall’inizio “il diavolo veste Prada” presenta diversi elementi culturali espressi con delle locuzioni. Vengono di seguito analizzati tali episodi, cercando di capire come l’adattatore ha operato durante il processo traduttivo e quali scelte ha sviluppato.
Esempio 1:
La scena racconta i momenti precedenti l’arrivo del diavolo Priestley. Emily riceve un
sms dall’autista di Miranda Priestley che informa l’arrivo imminente del redattore capo. La scena si svolge nella zona antistante l’ufficio di Miranda Priestley con Emily, Nigel, l’esperto di
moda della rivista e Andy Sachs, arrivata per il suo colloquio di lavoro.
Emily:
Nigel:
That I can’t even talk
Lasciamo stare quel
about
tasto, per favore
All right, everyone!
Coraggio gente:
Atención todo:
Gird your loins!
gambe in spalla!
¡empieza la batalla!
De eso mejor ni hablar
A primo acchito direi che la soluzione è stata quella di trovare una frase con un
alto livello di sincronia labiale, nella versione italiana. Sia l’espressione inglese che
l’espressione italiana infatti iniziano con l’occlusiva velare sonora [g], dando quindi allo
spettatore l’idea che l’espressione sia originale e non un doppiaggio.
Secondo l’Oxford Dictionary la locuzione inglese significa prepare and
strengthen oneself for future actions, typically ones that may be dangerous or difficult.52
52
Cfr. WEHMEIMER, S. (2005): OXFORD ADVANCED LEARNER’S DICTIONARY, Oxford, Oxford
University Press.
58
Con questo possiamo quindi dire che in inglese tale locuzione non definisce l’atto di
muoversi ma la preparazione all’azione successiva.
Al contrario la frase italiana “gambe in spalla” sta a indicare lo svolgimento rapido di un’azione, quasi correndo, e quindi non le conseguenze successive come in inglese.
Dall’analisi si evince quindi che l’adattatore ha preferito sviluppare una traduzione che rispondesse al requisito di sincronia labiale, oltrepassando i confini linguistici
proprio della locuzione.
Entrambe le frasi rendono l’idea di sbrigarsi a fare qualcosa, quindi tale immagine rimane abbastanza immacolata tanto nella cultura anglosassone quanto nella cultura
italiana.
Lo spagnolo invece opta per tutt’altra soluzione. L’adattamento infatti non fa
nessun tipo di riferimento all’azione in sé o alle sue dirette conseguenze. Viene infatti
impiegato un empieza la batalla che non risponde né al requisito di sincronia né al rispetto della forma originale. Tuttavia l’introduzione della espressione spagnola è molto
più d’impatto in quanto le due locuzioni italiana e inglese non vengono impiegate con
ordinariamente nel lessico ma sono diventate delle espressioni di uso poco comune. Al
contrario la forma spagnola è molto più comune delle altre due e sottolinea quanto sia
difficile lavorare in quella redazione. Oltretutto la frase di Nigel viene accompagnata da
un frastuono e da rapidissimi movimenti degli impiegati che si cambiano, si scontrano,
si rincorrono quasi proprio a simulare una battaglia più che una corsa contro il tempo.
Come anticipato, non si riesce sempre a salvare la traduzione sia per sincronia
sia per significato o percezione nello spettatore.
È questo il caso dell’esempio sotto riportato, in cui Miranda Priestley espone tutte le sue considerazioni sui servizi e sulle modelle richieste.
59
Esempio 2:
Miranda:
Is it impossible to
Si può trovare una
¿Tan difícil encontrar a
find a lovely, slender
donna paracadutista
una qué sea guapa y
female paratrooper?
bella e magra? Chie-
delgada? ¿Acaso estoy
Am I reaching for
do la luna per caso?
pidiendo la luna? En
the stars here? Not
Non credo.
serio.
really.
In questo caso la perfezione sincronica non è stata raggiunta. Le espressioni evidenziate infatti non mostrano consonanti o vocali nelle stesse posizioni, men che meno
la forma italiana. L’unico elemento di sincronia si riscontra nella forma scritta tra inglese e spagnolo dove entrambe le locuzioni iniziano con la vocale centrale aperta [a]. Tuttavia bisogna affermare che l’apertura della [a] spagnola e della [a] americana non sono
uguali in quanto la [a] americana è molto simile alla vocale medio-bassa semiaperta [ɛ]
italiana
In ogni caso quando non si raggiunge la perfezione sincronica si cerca di avvicinarsi a quella di significato. Visto e considerato che le tre culture per indicare qualcosa
di impossibile rimandano al campo semantico degli astri, si nota che l’adattatore ha trovato l’equivalente perfetto della forma inglese reaching for the stars.
La differenza nell’uso di stars - luna sta nel fatto che la cultura anglosassone utilizza stars per indicare la lontananza e quindi la difficoltà di raggiungere l’obiettivo in
termini di spazio; gli italiani e gli spagnoli utilizzano la luna per indicare il lungo viaggio che il nostro satellite compie intorno alla Terra e la conseguente difficoltà a svolgere
l’azione in termini di tempo.
Oltre al campo semantico della natura e degli elementi naturali, le frasi idiomatiche possono anche riferirsi a qualcosa che rimanda alla confusione o allo stare all’erta.
60
Questo è il caso dell’esempio sotto riportato, relativo alla scena in cui Emily spiega a
Andy che sta per iniziare la rassegna.
Esempio 3:
Emily:
Now be prepared.
Preparati. Alle 12.30
El repaso general está
The run-through is at
c’è la prova e si ve-
alas 12 y media y
12.30.
are
dono scene da pani-
cunde el pánico así
the
co. E allora il telefo-
que el teléfono no
phone is going to be
no squillerà come
dejará de sonar.
ringing
una tromba.
People
panicking
so
off
the
hook.
L’inglese to ring off the hook significa letteralmente suonare incessantemente e
ripetutamente. L’italiano adatta l’originale inserendo una locuzione che ricorda il rumore e la confusione; questa frase rimanda a un’immagine di rapidità e di nervosismo. Tuttavia lo spagnolo neutralizza completamente l’aspetto umoristico e iconico della frase
adattando con un semplicissimo no dejará de sonar. L’immagine di confusione, rapidità, frenesia del lavoro viene totalmente cancellata.
L’inglese è assai ricco di perifrasi verbali e phrasal verbs. Con pochissime particelle si esprime un concetto che in italiano e spagnolo si sviluppa a volte con un’intera
frase. A volte capita, come nel caso esplicato, che la versione originale non contenga
una locuzione ma che per meglio definire il concetto nella versione doppiata ci sia la
necessità di una frase fatta che rimanda a un immaginario collettivo nella cultura di arrivo. Tale scelta può essere veicolata da diverse ragioni; per esempio il dialoghista può
operare in questo senso per la difficoltà di espressione del phrasal verbs in italiano/spagnolo con un verbo semplice, per la lunghezza delle sillabe e quindi il sincroni-
61
smo labiale o ancora, e forse questa è la chiave di lettura corretta del caso analizzato,
per aiutare la definizioni dei caratteri e delle psicologie dei personaggi (in questo caso
Miranda Priestley) e per inserire una nota di umorismo maggiore per una cultura, come
quella italiana, dove la risata e la bonomia sono alla base di un qualsiasi rapporto.
Ecco l’esempio in questione:
Esempio 4:
Emily:
Thank God it’s Fri-
Grazie a Dio è ve-
Gracias a Dios que es
day, right? At least
nerdì, vero? Almeno
viernes, ¿no? Miranda
Miranda will be in
Miranda sarà a Mia-
estará en Miami y no
Miami, so we don’t
mi e non dobbiamo
nos molestará en todo
have to be on call
essere sotto i suoi
el fin de semana Mi
this weekend. You
piedi
padre viene a verme
know,
coming
questo
wee-
my
dad’s
kend. E poi viene
in
from
mio padre dall’Ohio.
desde Ohio.
Ohio.
L’espressione inglese è molto neutra: “non dobbiamo essere reperibili”. Questa
frase nasconde l’idea di necessità. Miranda Priestley considera tutti necessari, ma solo
per risolvere i suoi guai e i suoi problemi. Nella versione italiana tale idea di sottomissione e necessità di lavorare e operare al meglio per adempiere ai propri doveri è perfettamente espresso dalla nostra locuzione “stare sotto i piedi”.
Il dialoghista ha quindi optato per rendere la commedia più naturale inserendo
un buon livello di comicità.
Mantenendo la versione originale per uno spettatore italiano il piccolo siparietto
comico tra Andy ed Emily non avrebbe avuto senso.
62
Lo spagnolo asseconda la neutralità americana anche se l’attenzione viene spostata dalle assistenti alla capa. Infatti importante non è che loro non devono essere disponibili quanto che il boss non le disturberà. In questo modo, seppur con una certa neutralità legata alla versione originale, l’adattamento spagnolo sottolinea come l’italiano il
desiderio bramoso di Miranda Priestley di rovinare le giornate altrui.
Caso simile in cui l’inglese viene adattato con una locuzione è il seguente:
Esempio 5:
Andy:
But, you know, I’m
Ma no io non voglio
Pero yo no quiero
just saying that I
andarmene,
dejarla…esto
would just like a lit-
giusto però io… dico
justo. Pero si lo único
tle credit… for the
solo che vorrei… in-
que estoy diciendo es
fact that I’m killing
somma un minimo di
que me gustaría que se
myself trying.
riconoscimento! sto
me
facendo il massimo
hecho de que me mato
per lei.
intentándolo.
non
è
no
reconociera
es
el
L’inglese “mi uccido per provare (sottointeso, a fare del mio meglio)” viene trasposto con lo spagnolo me mato intentándolo. Il significato è esattamente lo stesso; in
questo caso quindi l’equivalenza è perfetta. L’italiano non utilizza un equivalente sintattico perfetto ma opta per “fare il massimo”. In questo caso la perdita si ha nella versione
adattata. Dare, o fare, il massimo non necessariamente indica che si faccia appello a tutti
gli sforzi o che si faccia tutto il possibile, e quindi non è detto che uno lavori fino a morire per il capo; esso vuole solo indicare che si cerca di fare il possibile per assecondare
il capo ma non importa se non ci si riesce. Al contrario “uccidersi per qualcosa” indica
63
proprio che ci si spinge fino al limite, si arriva sull’orlo del precipizio pur di svolgere i
propri compito.
Una piccola sfumatura a discapito di un buon adattamento.
Le locuzioni e le frasi idiomatiche quasi sempre nascono da elementi culturali,
che come ben sappiamo sono ciò che di più difficile si possa tradurre. La traduzione della cultura risulta pressoché impossibile. Ogni paese ha un propria cultura, e ogni lingua
è veicolo ed espressione della stessa. Proprio per questa ragione la traduzione equivalente è impossibile. Entra quindi in gioco la teoria della corrispondenza di Eugene Nida.
Il teorico, padre della traduttologia, sostiene che non esistono equivalenze perfette ma
solo corrispondenze il più simili possibili alla lingua e alla cultura source, e durante lo
svolgimento del processo traduttivo tale distinzione deve essere ben chiara al traduttore.
“The content of a message can never be completely abstracted from the form,
and form is nothing apart from content; but in some messages the content is of
primary consideration, and in others the form must be given a higher priority.
[…] The primary purpose of the translator may be information as to both content and form.”53
Ricorda Massimiliano Morini che Nida sostiene una differenza tra una equivalenza formale e una equivalenza dinamica. Questa distinzione è alla base di qualsiasi
processo traduttivo, con nella differenza tra traduzione straniante e addomesticante.54:
Nell’esempio 6 si nota questo interessante scontro culturale.
53
54
Cfr. NIDA, E. (1964): Towards a science of translating, Leiden, E.J. Brill, p. 156-157
Cfr. MORINI, M. (2007): op. cit., p. 66-67.
64
Esempio 6:
Andy:
Nate:
Yeah but the thing is,
Si e la verità è che c’è
Ya ya pero resulta que
it turns out there is
molto dipiù dietro a
Runway es algo más
more
Runway
Runway, non è una
que
than just fancy purs-
questione di borse e
extravagántes.
es. Look, here’s an
basta. Guardate: qui
aquí hay un ensayo de
essay by Jay McIn-
c’è un saggio diJay
Jay
erny, a piece by Joan
McInerney, un articolo
artículo
Didion. Even an in-
di Joan Didion, persi-
Didion,hasta
una
terview with Christi-
no una intervista con
entrevista
con
ane Amanpour
Christiane Amanpour
Christiane Amanpour
Looks like some-
A quanto pare qual-
Creo
one’s been drinking
cuno è stato contagia-
padece el Síndrome
the Kool-Aid
to
de Estocolmo
to
bolsos
Mira
McInerney,
de
que
un
Joan
algiuen
In questo caso si verifica l’opposto di quanto espresso negli esempi 4 e 5.
Nell’esempio numero 6 la lingua inglese è portatrice di una locuzione, di una frase fatta
che rimanda a precisi elementi culturali, intraducibili in italiano e in spagnolo. Si è
quindi optato per neutralizzare la forma adattata in italiano, semplicemente perché non
esiste un equivalente perfetto alla locuzione americana, mentre in spagnolo è stato cambiato il registro pur di trovare un adattamento simile.
Drinking the Kool Aid significa adottare il dogma o l'idea di un capo incondizionatamente. La locuzione statunitense viene tradotta in italiano con “qualcuno è stato
contagiato”: una neutralizzazione più che una traduzione.
Drinking the Kool Aid55 rimanda a una parentesi della storia americana contemporanea risalente al 1978, ovvero al massacro di Jonestown56, in Guyana. In questo ter55 Marca di una bibita analcolica americana al centro di un suicidio di massa nel 1978.
56 Evento con il maggior numero di cittadini americani morti al di fuori di una catastrofe naturale oltre
all'11 settembre 2001.
65
ritorio del Sudamerica nel 1978 si insediò la comunità religiosa del Tempio del Popolo,
fondata dal pastore Jim Jones, su concessione del governo centrale della Guyana. Il movimento Tempio del Popolo voleva ricreare un paradiso, dove vivere in comunione.
Molti vedevano questo Tempio del Popolo come una setta, dalla quale i membri faticavano o erano impossibilitati a uscirne, a causa di un rigido controllo da parte di una polizia informale al soldo di Jim Jones. Proprio le famiglie di questi membri chiesero a
gran voce un'indagine, portata avanti dal deputato Leo Ryan 57, che al momento di raggiungere questo Tempio venne ucciso insieme ad altri delegati. Jim Jones quindi radunò
un'assemblea58 e chiese ai membri del Tempio del Popolo di uccidersi per gloria del socialismo.
Il suicidio di massa avvenne bevendo un miscuglio di Kool-Aid, cianuro, valium
e idrato di cloralio59.
Il dogma di Jim Jones venne quindi seguito alla lettera dai suoi adepti senza
preoccuparsi che sarebbero morti. Proprio per questo motivo Drinking the Kool-Aid
rappresenta e rimanda a quell'idea di assuefazione e adesione incondizionata all'idea di
qualcuno.
La neutralità italiana è contrapposta a una certa similitudine all’originale della
versione spagnola. Ovviamente la locuzione americana è intraducibile anche in tale lingua, che riesce tuttavia a inserire un elemento di registro abbastanza alto, creando un dislivello tra l’americano e lo spagnolo.
La sindrome di Stoccolma è quella sindrome che colpisce le persone sequestrate
che terminano con l’apprezzare e il comprendere i propri sequestratori. L’idea americana è quindi totalmente inserita nella traduzione spagnola. Tuttavia la colloquialità
dell’originale è sparita inserendo una locuzione non a tutti comprensibile.
Se tale espressione fosse stata impiegata in italiano, lo spettatore medio non
avrebbe capito la battuta perché non tutti conoscono questa malattia.
57 Unico deputato della storia statunitense a essere ucciso in servizio
58 Documento storico sono i nastri registrati di questa adunata
59 Composto chimico molo tossico e irritante
66
L'intraducibilità dell'elemento culturale americano non ha rovinato l'adattamento
italiano, che, sebbene rappresentato con una naturalizzazione, dà allo spettatore un'immagine molto chiara.
Ci sono poi molti altri esempi nei quali molto spesso si è trovato un adattamento
con frasi fatte sia in italiano sia in spagnolo e altri casi in cui una delle due lingue adattate, o entrambe, non prevedono l’utilizzo di una locuzione.
Di seguito vengono riportati le battute adattate con locuzioni:
Esempio 7:
Andy:
I failed. She’s gonna
Ho fallito. Tanto mi
He
fire me anyway.
licenzia comunque.
despedirá.
I might as well beat
Mi conviene giocare
Es mejor si yo doy el
her to the punch.
d’anticipo.
primer paso.
fracasado.
Me
La lunghezza delle tre battute è esattamente la stessa. Oltre all’attenzione prestata alla lunghezza gli adattatori hanno trovato degli equivalenti che rispondessero perfettamente all’inglese beat to the punch. Questa locuzione significa “fare qualcosa prima
che qualcun altro la faccia” e viene rispettata nell’italiano “giocare d’anticipo” e nello
spagnolo dar el primer paso.
Esempio 8:
Andy:
How’s the cold do-
Il raffreddore, come
¿Qué tal este resfria-
ing?
va?
do?
67
Emily:
Like death warmed
Mi sento con un pie-
¡Estoy hecha polvo, la
up actually
de nella fossa!
verdad!
Mentre le locuzioni americana e italiana indicano quello stato di abbattimento fisico che precede la caduta, la locuzione spagnola può inserirsi nello step successivo in
cui il personaggio di Emily si sente già distrutto.
Ad ogni modo, escludendo questa piccola precisazione, si è trovato
l’adattamento corretto dal punto di vista del significato ma non dal punto di vista sincronico.
Ci sono poi quei casi in cui le locuzioni vengono prodotte riferendosi alle parti
del corpo. È il caso degli esempi sotto citati, in cui si è trovato l’equivalente perfetto
tanto in italiano quanto in spagnolo:
Esempio 9:
Andy:
So do you… Do you
Allora tu lo sai dove
Oye, ¿tu sabes adónde
know where we are
stiamo andando?
vamos?
going?
Christian:
Yeah…
Sì…
Sí…
Andy:
‘Cause I’m lost
Io mi sono persa…
No tengo ni idea
Christian:
Yeah, don’t worry. I
Sì, non ti preoccupare.
No
know this city like
Conosco questa città
conozco esta ciudad
the back of my
come le mie tasche.
como la palma de mi
hand.
mano.
68
te
preocupes,
Anche qui si raggiunge un ottimo livello di equivalenza, con delle locuzioni utilizzate comunemente in tutte e tre lingue analizzate. Nonostante ciò l’equivalenza non è
perfetta proprio perché, come ricorda Eco, il lavoro di traduzione è un lavoro di negoziazione e si negozia il significato che si vuole attribuire alle espressioni che usiamo 60.
L’unica differenza si riscontra nel fatto che l’inglese dice “conoscere come il palmo delle proprie mani” mentre l’italiano utilizza le tasche come immagine. Oggigiorno sempre
più spesso si sentono parlanti italiani che dicono “lo conosco come il palmo della mano” ma potrebbe essere un calco dall’inglese; a mio avviso un calco da evitare, avendo
una nostra locuzione.
Esempio 10:
Andy:
I want to say that
Bè io volevo…volevo
Bueno, solo… quería
you were right about
solo dirti che avevi ra-
decirte
everything. That… I
gione su tutto. Che…
razón respect a todo.
turned my back on
ho voltato le spalle ai
Que…
my friends and my
miei amici, alla mia
espaldas a mis amigos
family, and every-
famiglia e a tutto quel-
y ami familia y a todo
thing I believed in.
lo in cui credevo.
lo que yo creía.
que
les
tenías
di
las
Qui la piccola differenza palese sta nel fatto che in inglese e spagnolo si dice
“girare la schiena” e in italiano “girare le spalle”; tuttavia, l’immagine evocata nello
spettatore è esattamente la stessa.
Ultimo esempio in cui i dialoghisti italiano e spagnolo hanno adattato una locuzione americana con locuzioni nelle lingue di arrivo è il seguente:
60
Cfr. ECO, U. (2003): op. cit., p. 88.
69
Esempio 11:
Emily:
You have some very
Tu vai a sostituire una
Tu antecesora te ha
large shoes to fill.
persona di grande va-
dejado el rasero muy
lore.
alto.
Tutte e tre le espressioni indicano l’importanza di Andy e il grande lavoro che
aveva fatto e che ora spetta alla nuova assunta.
Nonostante questo si notano comunque delle piccole differenze, considerando
che in italiano l’attenzione è posta sulla persona e nei valori nei quali crede mentre in
inglese e in spagnolo l’attenzione è concentrata sul grado e sul livello relativo al lavoro
svolto dalla protagonista.
Ci sono poi battute che nell’originale sono formate da un phrasal verb e nelle
versioni adattate diventano delle locuzioni. È il caso della scena in cui Emily sta per essere investita dopo essere andata a fare delle commissioni per Miranda Priestley. Per dire che si era dimenticata di fare ciò che il capo le aveva detto di fare, Emily dice I freaked out che nella versione italiana diventa “sono andata nel pallone” e in quella spagnola perdí el coco. L’italiano è fin troppo colloquiale, di registro fin troppo basso. “Andare
nel pallone” è ormai un’espressione in disuso, che non viene usata quotidianamente.
Inoltre è il caso lampante che sottolinea come la cultura italiana si affezionata al pallone
e al gioco del calcio richiamato in espressioni come questa, diversamente dallo spagnolo
e dall’americano.
Ci sono poi i casi in cui la battuta originale è formata da una locuzione e tale locuzione viene riproposta solo in uno dei due adattamenti. È questo il caso di “fammi sapere quando la tua vita va completamente all’aria”, battuta di Nigel adattata all’originale
let me know when your whole life goes up in smoke. La locuzione viene riproposta pari
pari adattandola al contesto italiano, al contrario dello spagnolo che utilizza dime cuán-
70
do tu vida está destrozada, una forma composta che toglie tutto il sapore dell’originale,
in quanto “andare all’aria”/to go up in smoke vuole quasi significare che la vita presente
viene spazzata via e sostituita da una nuova, migliore in questa situazione, mentre la
“vita distrutta” dello spagnolo non necessariamente rimanda all’idea di nuova vita ma
alla difficoltà di riprendersi dopo un trauma. Una soluzione potrebbe essere dime cuándo tu vida va a saltar por los aires.
Ecco quindi la difficoltà di traduzione e adattamento delle locuzioni. Innanzitutto il dialoghista e l’adattatore devono tenere in considerazione l’immagine mentale che
l’espressione idiomatica rappresenta nello spettatore; in seconda istanza devono sincronizzare il parlato, prestando particolare attenzione alle consonanti labiali in primis e
all’apertura delle vocali poi; in terzo luogo, qualora l’adattamento con una locuzione
non fosse possibile, allora si deve optare per cambiare la frase, rendendola accettabile
dal pubblico.
È questo l’esempio della battuta di Miranda Priestley quando parla del lavoro
ben pagato di Jacqueline Follet. Il boss americano dice she jumped at it, che può essere
interpretato come “tuffarsi a capofitto”. In italiano però si è utilizzato “si è fiondata senza colpo ferire”. È sicuramente una locuzione di registro molto più alto rispetto a “tuffarsi a capofitto” e sottolinea anche a parole il luogo e la situazione nella quale le protagoniste si trovano, Parigi. In spagnolo viene totalmente neutralizzato, adattandolo con
un ni se lo pensó.
Spesso, nell’adattamento delle espressioni idiomatiche il dialoghista italiano ha
giocato bene le sue carte, mostrando come la nostra lingua sia ricca di idiomatismi e locuzioni (gioco d’anticipo, la conosco come le mie tasche, suonare come una tromba, va
completamente all’aria, con un piede nella fossa, si è fiondato senza colpo ferire, ecc)
che aderiscono perfettamente a diverse realtà e rimandano a immagini forti e chiare. In
questo modo, a volte a discapito della sincronia labiale, si è trovata una aderenza quasi
perfetta, non tanto dal punto di vista del significante, quanto piuttosto rispetto alla reazione creata nello spettatore con una locuzione simile.
71
Lo spagnolo a volte rende giustizia all’originale e lo rende anche migliore (ne è
esempio la battuta di Nigel gird your loins tradotto come empieza la batalla o quella di
Emily freaked out – perdí el coco) ma molto spesso non riesce a dare la stessa enfasi
con una locuzione e gestisce le battute neutralizzandole (esempio we’re in business diventa un semplice lo conseguiremos o […]goes up in smoke adattato con está destrozada o ancora she jumped at it – ni se lo pensó, per citarne alcuni).
Bisogna quindi prestare molta attenzione nella traduzione e negli adattamenti
delle locuzioni idiomatiche perché al contrario del turpiloquio, indicato nella sezione
precedente, dove la traduzione non veicola il significato ma aggiunge o toglie enfasi a
determinate situazioni, le frasi idiomatiche sono portatrici di significato e proprio per
questo è indispensabile che la realtà oggettiva creata nell’originale venga riproposta nei
doppiaggi. È indispensabile che gli adattatori e i dialoghisti comprendano le reazioni del
pubblico originale prima di potersi permettere di adattare a loro piacimento.
3.3 LE ROUTINE TRADUTTIVE
Come in ogni traduzione, anche nella traduzione audiovisiva l’adattatoretraduttore stabilisce delle equivalenza fisse tra testo di partenza e testo di arrivo. In questo modo a determinati segmenti corrispondono determinate traduzioni e il lavoro viene
in un certo senso semplificato. Attuando questo processo di routine il traduttore avrà la
possibilità di svolgere meno scelte tra tutte quelle possibili, considerando che in una
traduzione audiovisiva le scelte tra le quali optare sono sottoposte a limitazioni quali
lunghezza delle sillabe, sincronia, e in seconda istanza censura.
Quelle che in TAV vengono chiamate routine traduttive non sono altro che tutti
quei segmenti scelti e considerati validi per la traduzione di una battuta del testo di partenza che risponde a un requisito di fedeltà sia interlinguistico sia intersemiotico.
Le routine possono nascere dal film oggetto di traduzione, ed essere quindi tali
solo perché sviluppate con scelte ritenute opportune dal dialoghista e dall’adattatore,
72
oppure essere ormai entrate nella lingua per continui e ripetuti utilizzi in altri contesti,
soprattutto media e film61.
Ne “Il diavolo veste Prada” si riscontra un numero esiguo di routine traduttive.
L’adattamento italiano e l’adattamento spagnolo rispondono in maniera diversa a
queste routine.
Gli automatismi prodotti ad hoc nell’adattamento spagnolo sono relativi solamente a tutte quelle interazioni che riguardano il parlato, e quindi elementi estremamente naturali nella lingua spagnola che non hanno creato problemi al dialoghista.
Fondamentalmente tali routine sono solamente cinque:
1. great viene sempre tradotto con genial.
Il motivo è da ritrovarsi nell’uso colloquiale e molto diffuso del termine spagnolo, nonché nella perfetta aderenza vocalica e consonantica che porta a considerare
l’automatismo ideale a livello sincronico.
Vengono di seguito riproposti tre esempi:
Esempio 1:
61
Emily:
Andrea Sachs?
¿Andrea Sachs?
Andy:
Yes
Sí
Emily:
Great.
Genial.
Cfr. PAVESI, M. (2005): op. cit., p. 49: ne è un esempio l’avverbio italiano assolutamente, entrato nella
lingua come calco dell’inglese “absolutely” e utilizzato in ogni situazione comunicativa; o ancora
“dacci un taglio” dall’inglese “cut it off”, al posto del più naturale e italiano “finiscila” o “smettila”.
73
Esempio 2:
Andy:
Yeah, great.
Ah, genial.
The thing is I’m not
Lo malo es que yo no
one of them
soy una de ellas.
Esempio 3:
Mr. Ravitz:
Issue going well?
¿El número va bien?
Nigel:
Oh, yes. Our best
Sí, el mejor septiem-
September ever.
bre.
Great. […]
Genial. […]
Mr. Ravitz:
2. Ok diventa l’arcinoto vale.
Esempio 4:
Emily:
Andy:
Now, it’s very im-
Veamos..
portant that you do
Es muy importante que
exactly
hagas exactamente lo
what
I’m
about to tell you.
que voy a decirte.
Oh okay.
Vale.
74
Esempio 5:
Gemelle:
Andy:
It’s that door to the-
Es la puerta de tu
left
izquierda
Okay.
Vale.
3. Oh my God, diventa sempre ¡Ay por Dios!
In questo caso l’adattamento va a discapito della sincronia se si considera che le
due espressioni iniziano con un’apertura labiale diversa: l’inglese con una vocale chiusa
mentre lo spagnolo con la vocale aperta;
4. Well, right e good presentano una sola unica soluzione: bien.
Tale automatismo può essere stato impiegato per la lunghezza sillabica che bene
si adatta ai termini originali. Tuttavia mentre in americano ci sono tre elementi linguistici diversi, seppur simili, lo spagnolo utilizza uno stesso termine, creando un ritmo ben
preciso che lo spettatore sente marcato a intervalli regolari:
Esempio 6:
Christian
I woke up in Hobo-
Me
desperté
Thompson:
ken wearing noth-
Hoboken con solo un
ing but a poncho
poncho y un sombrero.
and a cowboy hat.
Andy:
Ah, well.
Uh, muy bien.
75
en
Esempio 7:
Emily:
Right.
Bien.
She wants to see
Dice que quiere verte.
you.
Esempio 8:
Miranda:
I need to get home
Necesito volver a casa
tonight. The twins
esta
have a recital tomor-
gemelas dan un recital
row
por la mañana.
morning
at
noche.
Las
school.
Andy:
What?
¿Cómo?
Miranda:
At school!
¡En la escuela!
Andy:
Absolutely. Let me
Por supuesto veré que
see what I can do!
puedo hacer.
Good!
¡Bien!
Miranda:
5. Really, interrogativo ed esclamativo, diventa il più naturale en serio.
Esempio 9:
Christian
I’m brilliant. No
Soy brillante. No, ¡en
Thompson:
¡really!
serio!
76
Esempio 10:
Christian
You shouldn’t.
Thompson:
It’s sexy
Andy:
Sexy? Really?
¿Sexy? ¿En serio?
Christian
Really!
¡En serio!
No deberías, es sexy.
Thompson:
Anche l’italiano utilizza delle routine legate al parlato e alle sue interazioni ma
oltre a queste trasforma due termini in automatismi, uno di quelli risulta errato rispetto
all’originale.
In italiano si possono riscontrare e seguenti routine:
1. Great diventa stupendo.
Una resa interessante data anche dalla presenza nell’ultima sillaba della coppia
di consonanti occlusive dentali [t] - [d]. La versione originale termina con la consonante
sorda mentre l’adattamento italiano con quella sonora. In questo caso si ottiene anche un
buon livello sincronico e per questo si è optato per rendere tale traduzione un automatismo traduttivo.
Esempio 11:
Emily:
Andrea Sachs?
Andrea Sachs?
Andy:
Yes
Sì
Emily:
Great.
Stupendo.
77
Esempio 12:
Christian
Great. I’m staying in
Stupendo. Ho prenotato
Thompson:
a fantastic little hotel
uno splendido alberghet-
in the Seventh.
to nel Sèptieme.
2. Just viene adattato con semplicemente.
In questo caso però la lunghezza delle sillabe è diversa quindi il dialoghista sarà
obbligato a creare una struttura che risponda ai movimenti labiali dell’originale:
Esempio 13:
Nigel:
You think this is just
Tu credi che questa sa
a magazine, hmm?
semplicemente
This is not just a
rivista! Questa non è
magazine.
semplicemente
una
una
rivista!
3. Right è italianizzato in giusto.
La traduzione prevede un alto livello di sincronia, tanto per lunghezza quanto
per movimenti labiali.
78
Esempio 14:
Miranda:
And you can do any-
E tu puoi fare qualsiasi
thing, right?
cosa, giusto?
The piece is called
Il servizio si chiama
“urban jungle”,
“giungla urbana”,
right?
giusto?
Esempio 15:
Andy:
4. Come lo spagnolo, anche l’italiano utilizza una routine per l’inglese really,
traducendo con davvero:
Esempio 16:
Nate:
I can think of some-
Mi è venuta un’idea
thing we can do that
dove il vestito non
doesn’t require any
serve.
clothing.
Andy:
Really?
Davvero?
79
Esempio 17:
Nigel:
You bet your size-six
Ci puoi scommettere il
ass.
tuo culo 42.
Andy:
Four.
40
Nigel:
Really?
Davvero?
Oltre a questi automatismi, l’italiano ha sviluppato altre due routine traduttive:
l’originale 15 minutes viene tradotto con l’italiano quarto d’ora mentre la parola gowns
viene trasformata in gonne.
Esempio 18:
Nigel:
Miranda’s
pushed
Miranda ha anticipato
the run-through up a
la
half an hour.
mezz’ora. E lei è sem-
She’s
always
15
rassegna
di
pre un quarto d’ora in
minutes early.
anticipo.
And I would like my
La mia bistecca invece
steak here in 15
la vorrei qui tra un
minutes.
quarto d’ora.
Esempio 19:
Miranda:
80
Esempio 20:
Miranda:
Oscar De La Renta
Oscar De La Renta ha
did a collection of
realizzato una colle-
cerulean gowns.
zione di gonne cerulee.
Esempio 21:
Miranda:
The gowns are fabu-
Le gonne sono favolo-
lous.
se.
La prima routine mantiene lo stesso significato anche se con un abbassamento
del registro rispetto all’originale mentre la seconda è una traduzione ex novo totalmente
errata. Le gowns sono infatti degli abiti, ma per semplificare e rendere la sincronia labiale l’adattatore ha preferito tradurre con gowns, considerando le consonanti iniziali e
la lunghezza della parola. Tuttavia un esperto di moda si renderà conto che nel 2002 lo
stilista nominato non ha prodotti gonne, bensì abiti.
Le routine traduttive vengono impiegate per rendere più naturale il parlato filmico e ciò è stato prodotto anche in queste situazioni, tanto in spagnolo quanto in italiano.
Bisogna prestare attenzione però, che non sempre una determinata parola è ottimale in un determinato contesto anche se nell’originale funziona correttamente, o viceversa. È il caso dell’esempio well/right/good, una triade tradotta in spagnolo con un
semplice bien.
81
3.4 GLI ELEMENTI CULTURALI
Come già tutti ripetono, tradurre non significa tradurre una parola ma significa
tradurre le implicazioni culturali che tale parola ha su una determinata cultura in un dato
contesto.
Più che tradurre quindi si interpreta la cultura, la si capisce e la si rende con delle
equivalenze nel testo di arrivo Tale procedimento viene applicato anche alla traduzione
audiovisiva.
Come afferma Paola Faini:
“l’attività del traduttore non si realizza nel vuoto, ma è il risultato del confronto
tra una data cultura in un dato tempo e un’altra cultura, in un rapporto diacronico e sincronico con la prima.” 62
Spesso i termini culturali, i realia, vengono adattati e non tradotti, proprio per la
loro stessa natura, in quanto una traduzione risulta essere impossibile.
Quando il testo viene manipolato si passa dal concetto di traduzione al concetto
di adattamento; questo può avvenire per adeguare la traduzione al destinatario della cultura di arrivo o per rendere il testo più fluente, creando nel destinatario della traduzione
o dell’adattamento le stesse reazioni del destinatario originale. 63
Ne “Il diavolo veste Prada” si riscontra la presenza di alcuni elementi culturali,
più o meno difficili da interpretare e riprodurre. I principali sono:
62
63
1.
Golden Nugget
2.
ball gown
3.
Casual Corner e Club Monaco
4.
Kool Aid (già analizzato nella sezione “locuzioni”)
5.
Blimpie
6.
tri-state area
Cfr. FAINI, P. (2007): Tradurre, Roma, Carocci Editore, p.24
Cfr. BERTAZZOLI, R. (2006): op. cit., p. 91
82
7.
Crisco
8.
Jarlsberg
Il primo in ordine di apparizione è Golden Nugget. Questo elemento fa riferimento a uno degli hotel casinò più lussuosi e famosi di Las Vegas. In questa struttura
vengono proposti tutte le sere varietà e spettacoli dal vivo con soubrette. Chiaramente
solo un nativo americano riconoscerà nel Golden Nugget determinati elementi e lo ricollega alla battuta del film; un italiano o uno spagnolo non possono comprendere cosa
possa indicare. Per mantenere quindi la stessa idea di varietà e soubrette concedendo al
pubblico straniero di crearsi una propria immagine mentale, non identica ma equivalente, il realia in questione è stato cosi adattato:
Esempio 1:
Nigel:
I got the exclusive
Ho l’esclusiva di Ca-
Bueno,
on the Cavalli for
valli per Gwyneth; ma
exclusiva
Gwyneth
the
il problema è che con
Cavalli para Gwyneth;
problem is, with that
quell’enorme coprica-
pero el problema es
huge
feathered
po di piume che indos-
que con el enorme
headdress that she’s
sa sembra che sia ap-
tocado de plumas quel
wearing she looks
pena scesa dal palco-
leva
like she’s working
scenico
vedette de un casino
the main stage at the
Rouge.
but
del
Moulin
tengo
parece
la
sobre
una
de Las Vegas.
Golden Nugget.
In italiano il Golden Nugget viene naturalizzato in Moulin Rouge; un elemento
non appartenente alla cultura italiana ma francese, ma che ben si adatta alla situazione
83
comunicativa e a ciò che Nigel vuole far intendere. La particolarità dell’adattamento italiano sta nel fatto che si è cercato un locale famoso tanto quanto il Golden Nugget
creando quindi un equivalente determinato che rimanda a una serie di famosi spettacoli.
Lo spagnolo invece cerca un equivalente indeterminato, neutralizzando il Golden Nugget in un semplice casino de Las Vegas. È risaputo che in ogni casinò della capitale del
gioco si fanno spettacoli, ma il Golden Nugget ospita i più famosi, come il Moulin Rouge in Francia. Neutralizzando si toglie quindi l’importanza data al locale e alla battuta
stessa.
Si passa poi a ball gown. Il ball gown corrisponde a quell’abito da sera utilizzato
per le grandi occasioni e per i balli scolastici dalle adolescenti. La protagonista è da poco uscita dal college e dicendo ball gown si rimanda quindi proprio a quei contesti. Né
in Italia né in Spagna a fine anno si partecipa a dei balli con l’elezione dei re e delle reginette. L'adattamento quindi non ha portato a problemi di traduzione, adeguandosi
all’abito da sera italiano e al vestido de fiesta spagnolo.
Esempio 2:
Nate:
You’re
Ma dai. Dovrai ri-
Pues, vas a contestar al
gonna be answering
spondere al telefono,
teléfono y a servir
phones and getting
preparare il caffè. Ti
café.
coffee. You need a
serve l’abito da sera?
vestido de fiesta?
Come
on.
¿Necesitas
un
ball gown for that?
Il terzo realia presente nella pellicola è Casual Corner, che corrisponde a una catena di negozi a basso prezzo fondata nel 1950. Ovviamente questa catena si trova solo
negli Stati Uniti e risulterebbe quindi incomprensibile per noi europei. Giocando sul
nome composto dalla parola casual che rimanda immediatamente a qualcosa di poco co-
84
stoso, il dialoghista italiano ha tradotto letteralmente in quanto la perdita di significato
non ci sarebbe comunque stata mentre quello spagnolo ha parafrasato la frase rendendola più fluida all’orecchio spagnolo ma meno empatica:
Inoltre è importante notare che nella versione spagnola viene tolto l’aggettivo
tragico, che sottolineava il disprezzo di Miranda Priestley per tutto ciò che non è alta
moda.
Esempio 3:
Miranda:
[…]
[…]
[…]
And then it filtered
Dopodichè è arrivato
Después se filtró a los
down through the
poco a poco nei grandi
grandes
department stores…
magazzini… E alla fi-
Y
And then trickled on
ne si è infiltrato in
alguna tienda de ropa
down into some trag-
qualche tragico Ango-
a
ic Casual Corner,
lo Casual, dove tu,
asequibles…
donde
where you, no doubt,
evidentemente,
tu,
duda,
fished it out of come
pescato nel cesto delle
lorescataste de alguna
clearance bin.
occasioni.
cesta de ofertas.
You know, the Andy
Senti, la Andy che co-
Sabes, la Andy que
I know is madly in
nosco io è innamorata
conozco
love with Nate, is
pazza di Nate, è sem-
locamente enamorada
always five minutes
pre cinque minuti in
de Nate, siempre llega
early and thinks, I
anticipo e pensa che il
cinco minutos pronto y
don’t
grande
cree
l’hai
almacenes…
luego
fue
hasta
precios
sin
Esempio 4:
Lily:
know,
that
85
magazzino
está
que
Club
Club
Monaco
is
couture.
Club Monaco sia alta
Monaco
moda.
costura.
es
alta
In questo esempio mi sembra corretta la scelta del dialoghista italiano di esplicitare cosa sia Club Monaco, questa catena di negozi a basso prezzo del gruppo Ralph
Lauren. L’equivalente trovato però differisce dall’originale, considerando che non è
propriamente un grande magazzino e dà quindi allo spettatore italiano un’immagine diversa da quella che crea nello spettatore americano. Tuttavia definendo a grandi linee di
cosa si tratta lo spettatore si immedesima nella scena cercando di comprendere quindi
cosa intenda l’amica Lily.
Lo spagnolo segue pari pari la versione americana senza preoccuparsi se il pubblico possa comprendere o meno di cosa si stia parlando.
Il realia successivo, Kool Aid, è già stato analizzato nella sezione delle locuzioni
trattandosi di una frase fatta legata alla cultura e alla storia americane.
Cosa sarà mai Blimpie? E tri-state area? Sono infatti questi i prossimi culturebound elements presenti nella sceneggiatura.
Blimpie64 è una paninoteca fast food statunitense, con sede in Arizona. La catena
non è presente in Europa, motivo per cui l’elemento culturale ha necessitato una spiegazione e un adattamento particolare.
L’italiano lo traduce con l’iperonimo fast food, neutralizzando l’originale ma
veicolando nello spettatore italiano lo stesso significato. Il dialoghista spagnolo opta per
altre scelte: predilige infatti manipolare totalmente l’originale. L’adattamento spagnolo
non rimanda infatti a nessun fast food, ma Blimpie viene adattato con antro, che secondo
il Clave65 è un establecimiento público de mal aspecto o reputación. L’idea di cattiva
64
65
www.blimpie.com
Cfr. MALDONADO GONZÁLEZ, C. (2006): CLAVE Diccionario de uso del español actual, Madrid,
Ediciones SM.
86
reputazione non è mai stata indicata nell’originale e vinee introdotta dal dialoghista spagnolo, dando un’idea negativa della protagonista che in realtà non frequenta nessun tipo
di postaccio.
La tri-state area è un’area legata a una particolare zona o città che tocca tre stati.
È il caso di New York, luogo d’ambientazione della pellicola, dove la tri-state area corrisponde a quella che comunemente in altre lingue è detta area metropolitana di New
York, che tocca gli stati di New York, New Jersey e Connecticut.
La definizione in italiano però è piuttosto tecnica e utilizzata solo in determinati
contesti, e non in un discorso tra amici. Oltretutto per sincronia labiale la versione italiana non potrebbe corrispondere alla versione americana.
Si è quindi operato, come per tutti i realia, verso una normalizzazione che veicoli
le stesse funzioni e dia le stesse reazioni, ma che preveda un significante diverso
dall’originale. L’italiano traduce con un “da New York al Connecticut” dando quindi
l’immagine di una zona precisa, ricollegabile alla tri-state area americana; lo spagnolo
semplifica fin troppo traducendo con un todos los estados, non dando allo spettatore
un’idea precisa di dove si svolgerebbe l’azione.
Esempio 5:
Emily:
If you get fired,
Se ti fai licenziare puoi
Si te despiden a ti
that might jeopardize
mettere in forse il mio
podrías hacer peligrar
Paris for me. If that
Parigi. E se dovesse
Paris para mi y si eso
happens, I will se-
succedere
setaccerò
pasa te buscaré por
arch
Blim-
tutti i fast food, da
todos los antros de
pie’s in the tri-state
New York al Connec-
todos
area until I track you
ticut, per venirti a ri-
hasta encontrarte.
down.
pescare.
every
87
los
estados
La rassegna di realia termina con due elementi culturali legati alla cucina, la
margarina Crisco e il formaggio Jarlsberg.
La margarina Crisco è un must delle cucine americane. Introdotta nel 1911, tutti
la usano. In molti film se ne fa menzione, come nel film “The Help” dove la cameriera
Minny ne parla come se fosse una divinità da venerare:
“Ain’t just for frying. You ever get a sticky something stuck in your hair, like
gum? That’s right, Crisco. Spread this on a baby’s bottom, you won’t even
know what diaper rash is. Shoot, I seen ladies rub it under they eyes and on
they husband’s scaly feet. And after all that it will still fry your chicken.”66
Proprio le sue proprietà lubrificanti fanno sì che in italiano venga tradotto con
“lubrificante” e in spagnolo con vaselina.
Esempio 6:
Andy:
Will that fit me?
Pensi che mi stia?
¿Me irá bien?
Nigel:
A little Crisco and
Oh sì.. un po’ di lubri-
Oh sì, con vaselina y
some
ficante e un filo da pe-
un
sca e il gioco è fatto.
conseguiremos.
fishing
line
and we’re in busi-
calzador
lo
ness
Fishing line e filo da pesca danno quella idea di sospensione, di attirare qualcosa
verso l’alto, e in questo caso è come se il vestito da far indossare a Andy dovesse essere
tirato su con fatica e con molta pazienza come se si stesse pescando; lo spagnolo calzador elimina l’immagine. Per mantenere la stessa idea avrebbe dovuto adattare con la parola caña.
66
The Help (Tate Taylor, USA 2012)
88
Dalla margarina si passa al formaggio Jarlsberg. Anche questo prodotto è tipico
degli Stati Uniti e proprio per tale ragione la battuta viene adattata. Le battute con questo realia sono due e la cosa che salta all’attenzione è che nella versione spagnola il tipo
di formaggio, Jarlsberg appunto, viene mantenuto affiancandolo al termine queso mentre in italiano viene tolto. La neutralizzazione in questo caso non porta a nessuna perdita
di significato, anzi la modifica veicola le stesse immagini mentali dell’originale.
Esempio 7:
Nate:
Oh no no no, give
Oh no no no, dammi
Ah no no no no no,
me that. There’s like
qua. Ci sono otto dol-
dame eso… hay ocho
eight
lari di formaggio lì
dolares
dentro.
Jarlsberg allí dentro.
I’m pretty sure they
Sono abbastanza sicu-
Estoy seguro de que
have bread in Bos-
ro che a Boston abbia-
hay pan de molde en
ton. May even have
no il pane. E forse ad-
Boston. Y hasta queso
Jarslberg.
dirittura anche il no-
Jarslberg.
dollars
of
Jarlsberg in there.
de
queso
Esempio 8:
Nate:
stro formaggio.
È importante quindi conoscere le implicazioni culturali per poter operare al meglio il processo di trasmutazione, ovvero per trasportare cultura da un testo originale a
un testo meta.
89
Come sostiene Umberto Eco infatti:
“una traduzione non dipende solo dal contesto linguistico, ma anche da qualcosa
che sta al di fuori del testo, e che chiameremo informazione circa il mondo, o
informazione enciclopedica.”67
Proprio queste informazione enciclopediche sono alla base di qualsiasi traduzione, sia essa intralinguistica, interlinguistica o intersemiotica.
Nella traduzione audiovisiva le scelte sono limitate, per le conoscenze del pubblico di arrivo e per l’spetto sincronico. Sarà quindi importante privilegiare l’aspetto
funzionale del testo per ottenere una certa efficacia comunicativa. 68
3.5 GLI ASPETTI SINTATTICI
Il parlato filmico è quel particolare tipo di oralità che risponde a tutte le caratteristiche del parlato colloquiale o del parlato spontaneo, sebbene sia un parlato costruito
ad hoc in forma scritta attraverso una sceneggiatura. Segue quindi una sintassi lineare,
con battute legate tra loro in modo da creare aspettativa nel pubblico, che rimane in attesa della conclusione del dialogo.
Differisce dal parlato spontaneo in quanto il pubblico e i protagonisti del film
non appartengono alla stessa realtà e non posseggono quindi le stesse conoscenze enciclopediche necessarie allo sviluppo di un dialogo contenente elementi sottintesi. Nel
parlato filmico tutto deve essere esplicitato.
Oltre a ciò il parlato filmico agisce anche in un’ottica commerciale: è il dialogo
filmico infatti che aiuta al successo di un film, con le battute, l’ironia e l’espressione
verbale in generale.
La sintassi, come noto, è quel livello linguistico che si occupa della struttura delle frasi, trattando la combinazione dei costituenti e l’organizzazione delle parole. 69 Men67
Cfr. ECO, U. (2003): op. cit, p. 31
Cfr. FAINI, P. (2007): op. cit., pp.30-31
69
Cfr. BERRUTO, G. (2006): Corso elementare di linguistica generale, Novara, De Agostini Scuola, p.69
68
90
tre gli altri aspetti analizzati sono soprattutto elementi culturali, la cui trasmutazione risulta necessaria per veicolare le stesse immagini mentali e per permettere agli spettatori
del testo target di condividere una realtà simile, se non uguale, agli spettatori del testo
source, la sintassi è quell’elemento linguistico necessario per la costruzione di una frase.
Seguire le regole sintattiche è quindi necessario per riprodurre al meglio la spontaneità, e per non straniare il pubblico. Un dialoghista dovrà tener ovviamente presente
che in una frase in tedesco con la presenza di due verbi il secondo va alla fine della proposizione stessa e non può tradurre letteralmente secondo la sintassi, per esempio, inglese.
Attenzione anche ai tempi verbali. Ad esempio un dialoghista italiano che traduce dallo spagnolo, o viceversa, dovrà prestare attenzione alla problematica forma verbale del “futuro nel passato”: il condizionale composto italiano dovrà essere adattato al
condizionale semplice spagnolo.
Tutti questi elementi sono meramente linguistici e seguono quindi il livello sintattico di ogni lingua.
3.5.1 LE DOMANDE CODA
Come afferma Chiaro Nocella70, le domande coda inglesi sono delle strutture
particolari che non presentano equivalenti in altre lingue.
Le domande coda presenti in questo film vengo utilizzate per sottolineare il sarcasmo della battuta o per creare quel passaggio di turno, quel botta e risposta che dà
ritmo al dialogo.
Vengono utilizzate come marche del discorso, ovvero elementi privi di significato proprio ma pieni di enfasi.
Le domande coda in inglese hanno una struttura fissa: ausiliare più pronome e
inversione della polarità rispetto a ciò che viene enunciato. La differenza rispetto
all’italiano e allo spagnolo è data dal fatto che in queste due lingue europee le domande
coda sono utilizzate con frequenza inferiore, non hanno una struttura fissa e particolare
70
Cfr. PAVESI M. (2005): op. cit., p. 54.
91
ma sono delle forme semplici come il no? o il vero? italiano o il ¿vale? o ¿verdad? spagnolo, o ancora l’iterazione eh?.
Molto spesso queste pseudo domande cosa italiane e spagnole appaiono come
routine traduttive.
La mancata, e inevitabile, traduzione delle domande coda inglese toglie
quell’aspetto culturale tipico della comunità britannica e americana che utilizza tali
elementi a scopo umoristico o per dimostrare la propria superiorità rispetto a dei subalterni.
Nel film esaminato le domande coda vengono enunciate solo da coloro che si ritengono, o che sono, superiori rispetto alla protagonista Andy, ovvero Miranda, Emily e
Nigel, i tre personaggi con la battute più sarcastiche del film.
Esempio 1:
Miranda:
[…]
[…]
[…]
And then I think it
E poi è stato Yves
Y luego creo que fue
was Yves Saint Lau-
Saint Laurent, se non
Yves
rent, wasn’t it? Who
sbaglio,
¿no? él que presentó
showed
giacche militari color
chaquetas
ceruleo.
ceruleas.
cerulean
military jackets.
a
proporre
Saint
Laurent
militares
L’italiano traduce la domanda coda con un “se non sbaglio”. Conoscendo la protagonista e comprendendo i suoi modi si capisce che lei non sbaglia mai, per cui far dire
tale battuta a Miranda Priestley risulta straniante per lo spettatore attento. Al contrario la
domanda coda inglese, replicata dal ¿no? spagnolo sta quasi a indicare conferma, sia
che lei abbia ragione sia che non ce l’abbia. L’italiano invece mette in dubbio ciò che lei
stessa dice.
92
Avrei proposto anche in italiano la traduzione della domanda coda con un no?,
sarebbe risultato tanto naturale quanto rispettoso del personaggio e delle sue intenzioni.
In questo caso invece si sottolinea il sarcasmo della battuta enunciata:
Esempio 2:
Andy:
Miranda:
You want the un-
Vuoi
published
non ancora pubblica-
manu-
il
manoscritto
¿Quiere el manuscript
sin publicar?
script?
to?
We know everyone
Abbiamo
in
It
conoscenze nell’edito-
las
shouldn’t be a prob-
ria. Non dovrebbe es-
deberías
lem, should it? And
sere un problema, no?
difícil y tu puedes
you can do anything,
e tu puoi fare qualsiasi
hacerlo todo, ¿no?
right?
cosa, giusto?
publishing.
parecchie
Conocemos a los de
editoriales.
No
resultarte
Tuttavia è da notare che di due domande enfatiche presenti, solo una viene riproposta nella versione spagnola. Il taglio della prima domanda coda porta a una diminuzione di ironia e on si percepisce il grado di arrabbiatura del capo che richiede un libro non pubblicato solo per punire Andy.
Secondo l’ideale sarebbe stato inserire un ¿verdad? come seconda domanda coda e un ¿no? alla prima.
Nell’esempio seguente invece la domanda coda di Nigel vuole sottolineare
l’ignoranza di Andy e la sua difficoltà nel capire le cose, che Nigel e tutto l’entourage
ritengono ovvie:
93
Esempio 3:
Nigel:
You still don’t get it,
Tu non hai ancora ca-
Siegues sin entenderlo,
do you?
pito, vero?
¿verdad?
Her opinion is the
La sua opinione è
Su
only one that mat-
l’unica che conta dav-
única que cuenta.
ters.
vero.
opionión
es
la
In questo caso viene veicolato sia in italiano che in spagnolo, con delle routine
solitamente impiegate come traduzione alle domande coda, l’idea che Andy continua a
non capire ma soprattutto la sorpresa di Nigel per questa cosa.
C’è poi il caso in cui Emily vuole intensificare una sua frase, evidenziando una
cosa ovvia e chiara. In questo la domanda coda non è un modo per interagire con un secondo personaggio ma un semplice elemento enfatico.
Lo spagnolo elimina tale elemento, forse ritenendolo superfluo; ma al contrario è
importante per indicare come Emily reputi ovvie e scontate le domande della neoassistente Andy. La proposta italiana è quel classico no? utilizzato come domanda coda. Io
avrei optato per un ovvio no!, trasformando la domanda coda in un esclamazione che
meglio rendeva l’idea e l’immagine dell’ovvietà della domanda.
Esempio 4:
Andy:
What? You haven’t
Non sei andata in ba-
¿Qué? ¿No has meado
peed since I left?
gno da quando sono
desde que salí?
uscita?
Emily:
No, I haven’t. I’ve
No che non ci sono
94
No,
no
he meado.
been manning the
andata. Ho piantonato
Tenía que estar en la
desk, haven’t I?
la scrivania, no?
mesa.
Bisogna quindi considerare l’importanza degli elementi enfatici in una traduzione, soprattutto in campo audiovisivo perché le domande coda in inglese rappresentato
quella precisa insicurezza verbale o una precisa presa di posizione nei confronti di un
altro personaggio e tale gerarchia o idea deve quindi essere rispettata.
3.5.2 TRATTI SINTATTICI
The Devil Wears Prada nella sua forma originaria presenta delle frasi molto
semplici, una struttura paratattica e l’utilizzo di forme verbali semplici.
È molto sviluppato l’utilizzo dell’imperativo, utilizzato in modo ironico per dare
ordini improbabili e impiegato soprattutto da Miranda Priestley e da Emily.
In tutte e tre le lingue tale modo verbale ha generalmente le stesse funzioni e
viene definito da Manuel Carrera Díaz come “il modo verbale del comando, l’ordine,
l’incitamento all’azione”.71
Tuttavia il carattere esortativo, seppur riscontrabile nelle tre lingue, è percepito
in maniera diversa da un parlante americano, da un parlante italiano e da un parlante
spagnolo. L’imperativo anglosassone ha un carattere più esortativo, di incitamento
all’azione, mentre l’imperativo delle lingue romanze ha un carattere di comando e imposizione maggiore. Tuttavia per la cultura italiana e spagnola l’uso dell’imperativo veicola l’obbligo di fare qualcosa ma questo risulta più attenuato e meno immediato.
Nel film il carattere esortativo è ben riscontrabile; ad esempio nelle battute di
Emily che esorta a muoversi prima dell’arrivo di Miranda o che esorta Andy a riporre il
cappotto nell’armadio. Le battute di Miranda sono ricche di imperativi e il carattere im-
71
Cfr. CARRERA DÍAZ, M. (2012): Grammatica spagnola, Roma, Ed. Laterza, p. 482.
95
positivo è molto più sviluppato rispetto a quello esortativo. Al contrario gli imperativi
degli altri personaggi sono più esortativi che impositivi.
Esempio 1:
Emily esorta i colleghi a muoversi prima che arrivi il capo
Emily:
Nigel:
Emily:
Oh my God! No, no,
Oh mio Dio! No, no,
¡Ahi por dios! ¡No, no,
no!
no!
no!
[…]
[…]
[…]
She’s on her way.
Sta arrivando. Avvisa
Ya viene. ¡Díselo a
Tell everyone!
tutti!
todos!
She’s not supposed
Non doveva arrivare
No debía llegar hasta
to be here until 9.00.
prima delle nove.
las nueve.
Her driver just text
Il suo autista mi ha
Por eso su chófer me
me and her facialist
mandato un sms: alla
ha
ruptured a disk. God
sua estetista è venuta
mensaje. Su masajista
this people!
un’ernia del disco. Dio
tiene una hernia discal.
[…]
che gente!
¡Dios qué gentuza!
Move it!
[…]
[…]
Muoviti!
¡De prisa!
enviado
un
Al contrario i famosi monologhi ricchi di ordini vomitati di getto da Miranda sono pieni di imperativi di carattere impositivo. Esempio il primo monologo:
Esempio 2:
Miranda:
Details of your incom-
I dettagli sulla tua in-
96
Los
detalles
de
tu
petence do not interest
competenza non mi inte-
incompetencia
me.
ressano.
meinteresan.
Tell Simone I’m not
Dì a Simone che non in-
Dile a Simone que no
going to approve that
tendo approvare la scelta
pienso aprobar a esa
girl that she sent me
della ragazza per il ser-
chica que me envió
for the Brazilian lay-
vizio brasiliano.
para la maquetación
out. I asked for clean,
Gliel’ho chiesta pulita,
brasileña. Le pedí una
athletic, smiling. She
atletica, sorridente. Me
chica limpia, atlética,
sent me dirty, tired and
l’ha
sonriente y me envió
punchy.
moscia e con la pancia.
una sucia, cansada y
And R.S.V.P. yes to
E rispondi sì per festa
gorda. Y contesta sí a
Michael Kors party: I
di Michael Kors:
la fiesta de Michael
want the driver
to
l’autista mi accompa-
Kors: que el chófer me
drop me off at 9.30
gnerà alle 9.30 e mi ri-
deje allí a las 9.30 y
and pick me up at
prenderà alle 9.45 pre-
me recoja a las 9.45.
9.45 sharp. Call Na-
cise. Poi chiama Natalie
Luego llama a Natalie
talie at Glorious Food,
alla Glorious Food e dil-
de Glorious Food y
tell her no, for the 40th
le di no, per la quarante-
dile que no. por la
time no. I don’t want
sima volta no. non vo-
enésima vez, no quiero
dacquoise,
want
glio la dacquoise. Voglio
crepes, quiero tartitas
tortes fill with warm
delle torte con ripieno di
de
rhubarb
compote.
composto di rabarbaro.
ruibarbo
my
ex-
Chiama il mio ex mari-
Luego llama a mi ex
husband, remind him
to e ricordagli la riu-
marido y recuérdale
the parent teacher con-
nione stasera con gli in-
que
ference is at Dalton
segnanti alla Dalton. Poi
padres en dalton es
tonight. Then call my
chiama mio marito e
esta noche. Y luego
husband, ask him to
digli che ci vediamo a
llama a mi marido que
meet for dinner at that
cena in quel posto dove
se reúna conmigo para
place I went to with
sono andata con Massi-
cenar en el local donde
Massimo. Tell Richard
mo.
fuimos con Massimo.
I saw the pictures that
Dì a Richard che ho vi-
Y dile a Richard que ví
he sent for the feature
sto le foto che mi ha
las fotos que me envió
Then
call
I
mandata
97
sciatta,
no
compota
la
de
caliente.
reunión
de
on the female para-
mandato per lo speciale
para el reportaje sobre
troopers. And they are
sulle donne paracaduti-
mujeres paracaidista y
so deeply unattractive.
ste. Sono tutte senza sa-
que son todas poco
Is it impossible to find
pore, senza sesso. Si può
atractivas. ¿tan difícil
a lovely, slender fe-
trovare una donna para-
encontrar a una que
male paratrooper? No!
cadutista bella e magra?
sea guapa y delgada?
[…]
[…]
[…]
Si contano ben 11 imperativi in un unico discorso. Seguono questo sistema anche altri suoi monologhi.
Il carattere proprio dell’imperativo è quindi stato trasposto correttamente nelle
due versioni analizzate.
Per quanto riguarda la struttura sintattica, essa è stata mantenuta tale anche nelle
due versioni adattate. Ciò è fondamentale perché la sceneggiatura originale prevede un
continuo botta e risposta nonché un elevato grado di attenzione nel pubblico che rimane
incollato allo schermo quasi ipnotizzato da dei dialoghi molto vivi e spigliati.
Inoltre il tipico botta e riposta è accompagnato da un forte livello prosodico: ci
sono continui alti e bassi nelle tonalità dei personaggi che tengono viva l’attenzione al
contrario di una recitazione monocorde.
Le frasi sono tendenzialmente brevi e semplici come negli esempi sotto:
Esempio 3:
Andy:
Hello?
Pronto?
¿Diga?
Mrs Priestley’s of-
Ufficio della Signora
Despacho de la senora
fice.
Priestley.
Priestley.
That’s what I meant,
È quello che volevo
Ehm, a eso me refería,
Miranda Priestley’s
dire, ufficio di Miran-
despacho de Miranda
98
office.
da Priestley.
Priestley.
Oh you know, she is
La signora è in riunio-
Ehm está reunida.
in a meeting.
ne.
¿Quiere
Can I please take a
Può lasciarmi un mes-
mensaje?
message?
saggio?
Mmm
Uhm uhm okay.
Okay.
acuerdo.
Can you spell Gab-
Gabbana con una o
¿Podría
bana?
due B? Pronto?
Gabbana?
Hello? I guess not!
Non me lo vuole dire..
¿Oiga?
dejarle
un
Mmm
de
deletrear
¡Parece
qué
no!
Esempio 4:
Miranda:
Please bore someone
Sei pregata di disturba-
Por favor, vas a aburrir
else with your ques-
re qualcun altro con le
a
tions.
tue domande.
preguntas.
And make sure we
E mi raccomando il
Y asegúrate de que
have Pier 59 at 8 am
Pier 59 alle 8 domani
tengamos los estudios
tomorrow.
mattina.
de Pier59 a las 8.
I
E ricorda a Jocelyn
Y recuérdale a Jocelyn
need to see a few of
che devo vedere un po’
que
those satchels that
di quei sacchetti che
bandoleras de mar, las
Marc is doing in the
Marc sta facendo in
de piel de pony y dile
pony.
cavallino.
a
And then tell Simone
E poi dì a Simone che
quedaré con Jackie si
I’ll take Jackie if
prendo Jackie se Mag-
Maggie no puede.
Maggie isn’t availa-
gie non è disponibile.
¿Ha confirmado De-
ble.
Demarchelier ha chia-
marchelier?
Remind
Did
Jocelyn
Demarchelier
mato?
confirm?
99
otro
con
tus
necesitaré
Simone
que
me
Esempio 5:
Emily:
Editors bring in op-
I direttori portano le
Los redactores traen
tions for the shoot
proposte dei servizi e
sus
and Miranda choos-
Miranda sceglie.
Miranda elige.
es.
Lei
fino
Y elige absolutamente
She chooses every
all’ultimo dettaglio di
todo para cada uno de
single thing in every
ogni numero.
ellos.
single issue.
Le rassegne sono u
Los
Run-throughs are a
evento senza prece-
usperimportantes.
huge deal.
denti.
Deberías saberlo.
I don’t know why
Non so come tu non
you don’t know that,
faccia a capirlo, An-
Andrea.
drea.
sceglie,
opciones
repasos
y
son
Nel film è quindi connotato un certo pragmatismo, che sottolinea il mondo del
lavoro e fa immedesimare lo spettatore finale. Tale pragmatismo è evidenziato dagli
strumenti verbali sopra esemplificati e dalla struttura lineare e paratattica delle battute,
che non stanca il pubblico, al contrario di lunghi e tediosi monologhi.
Spesso la semplicità sintattica è resa ancora più semplice negli adattamenti come
ad esempio nella frase deberías saberlo tradotta dall’americano I don’t know why you
don’t know that, Andrea. In questo caso però la semplificazione è troppo sviluppata perché sposta l’attenzione da Emily nella forma originale (e italiana) che non capisce come
Andrea non sappia certe cose, ad Andrea che diventa quindi la protagonista della frase e
si sottolinea la sua ignoranza nel campo della moda senza considerare che non ha mai
frequentato questi ambienti.
Avrei tradotto ad esempio come ¿cómo puedes no entender, Andrea?.
100
A livello linguistico non ci sono particolarità; il lessico è semplice e, a esclusione di qualche realia, non ha causato problemi alla traduzione. Il lessico settoriale nel
film non è molto sviluppato: si riscontrano solo pochi termini del settore della moda e
solo qualche citazione di stilisti o personaggi famosi.
Sicuramente uno spettatore medio non capisce tutti quei termini che percepisce
quindi solo in parte, come ad esempio “mi ha chiamato dentro e mi ha chiesto del Pier
59” o “come il Lacroix di luglio?” o ancora “vediamo questo Dolce per te… Scarpe…
Jimmy Choo, Manolo Blahnik…”. Ad ogni modo tutti questi elementi vengono superati
e non presi in considerazione perché scavalcati dalla commedia stessa.
Bisogna comunque ricordare che la commedia in questione non è costruita attorno alla moda e alle sue caratteristiche ma attorno a dei personaggi diametralmente opposti che lavorano nello stesso settore, mostrando quindi tutti i pregi e tutti i difetti.
Dal punto di vista sintattico si può quindi concludere che si è trasposto il prodotto al meglio, sia per lunghezza degli enunciati sia per utilizzo dei tempi e dei modi verbali. La sintassi, che è l’unico elemento linguistico da considerare nella traduzione audiovisiva è stata quindi rispettata per riprodurre, da quel punto di vista, due prodotti
nuovi ma rispettosi dell’originale e delle sensazioni creata nel pubblico americano.
3.6 YOU, TU O USTED?
You, tu e usted sono i tre pronomi allocutivi impiegati nelle tre diverse
sceneggiature analizzate nei dialoghi tra la neoassistente Andy e il capo Miranda.
Il pronome allocutivo, insieme alla forma verbale che lo accompagna, è quel
segno linguistico che permette di definire, capire e mantenere il rapporto fra parlanti.
La difficoltà nella traduzione delle allocuzioni non è tale tanto dal punto di vista
linguistico; lo è soprattutto perché esse veicolano significati sociali, rapporti gerarchici
prestabiliti in ogni società e in ogni cultura.
101
Ad esempio nella cultura italiana l’utilizzo dell’allocutivo lei è impiegato non
solo in base al parametro dell’età, bensì anche tra persone giovani, dimostrando un
rispetto reciproco.
Dalla mia esperienza in Spagna invece ho notato che, al contrario, tra persone
giovani o della stessa età si preferisce tutear e l’uso del pronome di cortesia usted è
limitato a quei rapporti sociali effettivamente codificati come “rapporti di rispetto e
sudditanza sociale”.
La presenza di pronomi allocutivi in diverse lingue non prevede che il loro
utilizzo sia uguale all’interno di qualsiasi sistema linguistico e di qualsiasi cultura. È ciò
che sostiene Friederike Braun:
“The classification of Spanish usted (V) as a pronoun does not always applied.
Marin explains that students of Spanish should not extend the use of usted as
far as is sometimes, for safety’s sake, recommend in grammars: in talking to
peers usted sounds artificial and demonstrates only idiomatical ignorance. […]
usted may be inappropriate rather than respectful or cultivated, depending on
the context.” 72
Ad ogni modo è socialmente riconosciuto che la forma di cortesia è riservata a
quelle persone che si trovano in rapporto di deferenza e dimostrano stima e/o rispetto,
dovuto o voluto, verso il parlante.
Ne è un esempio un giovane studente con il professore, o in contesti molto più
familiari, nel passato lo erano gli stessi figli nei confronti del padre o la nuora con la
suocera, dove addirittura ci si rivolgeva dandole del voi.
Ci sono comunque delle eccezioni:
“a violation of address norms, therefore, does not necessarily lead to
impoliteness. Whether a spontaneous change of address is to be interpreted as
72
Cfr. BRAUN; F. (1988): Terms of address: problems of patterns and usage in various languages and
cultures, Berlino, Ratzlow Druck, p. 46-47.
102
appreciating or as offensive, can be gathered from the context, from the
intonation, etc.” 73
La cortesia delle forme allocutive dipende, come detto, dallo sviluppo e
dall’utilizzo culturalmente noto di elementi cortesi in una lingua. Una lingua priva di
determinati costrutti o determinati realia che invece in un’altra rimandano alla cortesia
non prevede la traduzione o l’adattamento di questi, al fine di non straniare l’opera e
l’utente finale, attuando un processo di naturalizzazione.
Gli allocutivi si sono sviluppati tanto in inglese quanto in italiano e in spagnolo
anche se la storia e i processi di trasformazione della lingua hanno portato a delle
differenze rilevanti tra i tre sistemi pronominali.
Durante il medioevo in Inghilterra veniva utilizzato un allocutivo per “dare del
tu” e uno per “dare del lei/voi”. Essi erano rispettivamente thou per you/ye. Le
consuetudini linguistiche dei parlanti con il procedere dei decenni e dei secoli ha fatto si
che thou venisse impiegato per schernire o per insultare, e per questa ragione è stato
superato e il suo uso evitato a favore del pronome you.
In inglese esiste quindi un solo pronome di seconda persona che neutralizza la
allocuzione di rispetto e la allocuzione di familiarità74, rappresentate in italiano dalla
distinzione tu/voi/loro e in spagnolo da tu/usted/ustedes.
Per tradurre tali aspetti, che rientrano in un concetto non solo linguistico ma
anche culturale e sociale, si fa riferimento quindi a dei parametri universalmente
riconosciuti, che sono la dicotomia superiorità - inferiorità, ovvero il rapporto
gerarchico e la dicotomia distanza - vicinanza.
Il primo parametro veicola anche un concetto di asimmetria in quanto il soggetto
superiore si rivolgerà dando del tu al soggetto inferiore, mentre viceversa il soggetto
gerarchicamente sottoposto risponderà dando del lei.
Il secondo parametro concerne sia un rapporto di reciprocità sia di asimmetria:
quando c’è familiarità o interazione in un sistema non diviso gerarchicamente,
73
74
Ibid., p. 50.
Cfr PAVESI M. (2005): op.cit., p. 52.
103
solitamente si impiega l’utilizzo dell’allocutivo tu; al contrario si utilizza il rapporto
tu/lei.
Il terzo caso è quello del lei reciproco: esso viene impiegato per indicare rispetto
da entrambe le parti ed eliminare qualsiasi differenza sociale, elevando tutti gli
interlocutori gerarchicamente allo stesso livello. 75
Ne “Il diavolo veste Prada” Andy si rivolge al suo capo dandole del tu. Questa
prassi è assai poco comune nella cultura italiana, dove il rispetto gerarchico è molto
importante e ben valutato. Ad ogni modo nella pratica italiana il tu deve essere concesso
e questo nel film non accade: Andy non ha mai avuto da Miranda Priestley il permesso
di non darle del lei.
Ritengo quindi poco naturale la scelta del dialoghista italiano di eliminare il
rapporto gerarchico, anche perché dalla sceneggiatura e dalle caratteristiche dei
personaggi si vede con chiarezza come la diabolica redattrice voglia ed esiga che tutto
segua certi canoni e certi crismi.
La mia proposta quindi sarebbe stata quella di utilizzare il lei.
Tutt’al più, dal momento che spesso accade che il dipendente che lavora
assiduamente e attentamente entri a stretto contatto con il datore di lavoro, si potrebbe
aver trasposto l’allocutivo you inglese con lei all’inizio del film, quando Andy è ancora
quel brutto anatroccolo che non conosce il mondo lavorativo nel quale si è inserita, per
poi convertirlo in un tu dopo la sua trasformazione.
Il tu reciproco evidenzia un livello medio di scolarizzazione, quindi inadatto a
una studentessa neolaureata con ottimi voti. L’influsso di elementi neostandard è quindi
molto forte.
La versione spagnola invece differisce dalla decisione italiana. Lo spagnolo
infatti mantiene per tutta la durata del film la distinzione gerarchica e i rapporti che
intercorrono tra Andy e il capo, Andy e i colleghi e Andy e gli amici. Viene impiegato
sempre la forma di cortesia usted per rivolgersi a Miranda Priestley, mentre lei risponde
dando del tu, come normale che sia.
75
Ibid., pp. 52-53.
104
Sebbene a contrario della lingua italiana la lingua spagnola sia meno fiscale per
quanto concerne l’uso degli allocutivi, mi sembra corretto mantenere un certo distacco,
che sottolinea il fatto che Andy non si è mai veramente sentita inserita nella grande
famiglia di Runway.
Nella seguente battuta si nota ad esempio la differenza nell’uso degli allocutivi
nei tre sistemi linguistici definiti:
Esempio 1:
Andy:
I don’t think I’m like
Io non credo di esse-
No creo que yo sea
that…I couldn’t do
re cosi… non potrei
así…
what you did to Ni-
mai fare quello che
podría hacer lo que
gel, Miranda.
tu hai fatto a Nigel,
usted le ha hecho a
Miranda.
Nigel, Miranda.
yo…
yo
no
Il rapporto gerarchico in italiano è stato quasi completamente eliminato a favore
di uno sviluppo di dialoghi più colloquiali. La colloquialità oramai invade tutti i settori
della comunicazioni nella nostra cultura e questo ne è il risultato.
Come già ho spiegato, avrei preferito utilizzare la forma lei; il rapporto rimaneva
ben definito all’interno di determinati paletti e lo spettatore italiano che partecipava
passivamente al dialogo tu-lei era ben conscio di cosa potesse venir concesso e cosa no,
in base alle proprie conoscenze culturali e sociali.
Anche nel rapporto tra Emily e Miranda l’italiano impiega il tu mentre lo
spagnolo sviluppa i dialoghi con la forma di cortesia usted. Forse in questo caso
potrebbe risultare più accettabile per il fatto che Emily lavora con Miranda da molto più
tempo; tuttavia la forma spagnola è di gran lunga preferibile.
105
Secondo me l’unico rapporto in cui la traduzione con il tu è accettabile è quello
tra Miranda e Nigel, in quanto oltre a essere colleghi di lavoro, Nigel ha una mansione e
un livello superiore rispetto alle due assistenti e in ogni caso è amico di vecchia data di
Miranda.
L’interpretazione allocutiva è quindi un elemento di particolare interesse che
necessita di una vera e propria interpretazione del testo source prima di poter sviluppare
una traduzione o una trasmutazione in una nuova opera. La necessità di assecondare le
caratteristiche culturali deve essere primaria.
“The factor governing address behaviour are so varied and, partly, so culturespecific that is hard to fit them into a general theoretical frame. Not all of them
can easily be traced back to the more abstract notions of superiority/inferiority,
distance/intimacy, formality/informality.”76
Al contrario della traduzione interlinguistica, nella traduzione intersemiotica il
livello lessicale passa in secondo piano, conferendo maggiore importanza ad altri
aspetti, e in particolare alle locuzioni, alla sincronia labiale e gestuale rispetto a quanto
pronunciato e a tutta l’interazione contestualizzata, ovvero a tutti quegli aspetti proprio
del dialogo filmico che cerca di riprodurre un dialogo spontaneo, nonché agli elementi
propriamente culturali e legati ai rapporti all’interno della società.
76
Cfr. BRAUN; F. (1988): op. cit., p. 66.
106
4.
L’ADATTAMENTO PER IL DOPPIAGGIO
4.1
CENNI GENERALI
“Stiamo assistendo allo sviluppo di una nuova arte.
Essa non si evolve di giorno in giorno, ma di ora in ora,
si sbarazza dell’influenza delle arti più vecchie
e comincia, addirittura, ad agire su di esse”77
(Roman Jakobson)
Il tema della normalizzazione, o adattamento per il doppiaggio 78, è stato affrontato con grande interesse da molti studiosi, primi fra tutti gli italiani Eleonora Di Fortunato e Mario Paolinelli, che si occupano di traduzione e di doppiaggio sin dagli anni
Settanta.
Secondo quanto esposto nelle loro teorie la normalizzazione è un processo indispensabile in quanto
“il film è un sistema semiotico complesso, costituito da un codice visivo, uno
sonoro e uno verbale; l’elemento verbale è quindi un elemento strutturale e la
sua comprensione è essenziale alla comunicazione.” 79
In generale, ciò che viene quindi espresso dai personaggi dell’opera filmica deve
quindi essere compresa dal grande pubblico che non deve immedesimarsi nella cultura
source ma deve avere la possibilità di visionare il film adattato al proprio contesto culturale e sociale.
77
Cfr. JAKOBSON, R. (2009): La fine del cinema?, Milano, Book Time, p.69.
Cfr. PAOLINELLI, M. e DI FORTUNATO, E. (2005): Tradurre per il doppiaggio. La trasposizione
linguistica dell’audiovisivo: teoria e pratica di un’arte imperfetta, Milano, Hoepli editore, p. 52. “[…]
l’adattamento per il doppiaggio è – a nostro parere – l’unica traduzione possibile dell’audiovisivo.”
79
Ibid., p. 1.
78
107
L’adattatore dialoghista deve quindi agire come se fosse un traduttore ma sapendo di non esserlo: deve essere in grado di capire, interpretando, l’anima dell’opera, e
avere le doti, in primis la fantasia, per rielaborare e ricrearne una che renda giustizia
all’originale. Tuttavia l’adattatore di fronte a sé non ha un libro bensì delle scene e una
lista di dialoghi e un sistema di immagini. E proprio per questo deve analizzare e comprendere ciò che la sceneggiatura vuole dire e far capire, deve definire il personaggio, le
sue caratteristiche, il suo modo di parlare e le sue inflessioni, deve capire perché utilizza
un certo lessico piuttosto che un altro e deve cercare di riprodurre tali caratteristiche,
deve comprendere le connotazioni del personaggio e le sue implicazioni psicologiche
per non lasciare nulla al caso.80
Di Fortunato e Paolinelli affermano che l’adattatore-dialoghista
“dovrà calarsi nel linguaggio del film, capire qual è la “lingua” del film, quali
sono le strategie comunicative scelte dai personaggi, qual è la varietà della lingua – quello che in linguistica viene detto il “registro” – personaggio per personaggio e situazione per situazione, quindi scegliere le varietà, i “registri paralleli” da usare nella lingua di arrivo.”81
Qualora invece il film fosse la trasposizione cinematografica di un’opera letteraria allora entrano in gioco anche altri variabili che sono il testo originale e il testo tradotto oltre alla sceneggiatura originale e alla sceneggiatura tradotta. Il sistema che deve essere tradotto, sia dal punto di vista interlinguistico prima che intersemiotico poi, deve
quindi essere scomposto in tutte le sue parti, ovvero le sue scene, analizzare scena per
scena, decidere se riportarla sul grande schermo e poi tradurla, adattandola 82; e il significato che nasce da questo adattamento deve rispettare tutte le variabili sopraccitate.
A questo punto sarà indispensabile per lui mettersi nei panni del personaggio letterario e poi in quello del lettore; successivamente, a interpretazione avvenuta, dovrò calarsi nei panni del personaggio filmico e nel pubblico che lo osserva. Solo così facendo
si potrà riprodurre un’opera che rispetta l’originale e rispetta il pubblico.
80
Ibid., p. 2.
Ibid., p. 3.
82
Ibid., p. 2.
81
108
4.2 IL CASO “IL DIAVOLO VESTE PRADA”
È completamente sbagliato dire che il film è la traduzione cinematografica del
libro, perché mai, e nemmeno in questo caso, possono essere riprodotte le stesse scene,
mai i personaggi sono identici ai personaggi delle pagine letterarie e mai hanno le stesse
implicazioni psicologiche, e questo fondamentalmente per scelte di marketing che fanno
ricadere la scelta su un attore invece che su un altro, ad esempio.
Come sostengono Di Fortunato e Paolinelli, se si osserva con attenzione un film
che costituisce la traduzione intersemiotica di un’opera si percepisce che i traduttori lavorano sulla sceneggiatura e non sul film o sulle scene girate; infatti spesso ci sono riferimenti a scene montate in modo diverso rispetto alla traduzione.83
Il diavolo veste Prada è uno dei pochi casi in cui il film rende giustizia al libro,
anzi oserei dire che gli regala quel qualcosa in più, quel qualcosa che fa sì che lo spettatore non debba demonizzarlo o paragonarlo all’opera della Weisberger. Per essere trasposto, il libro ha necessitato una interpretazione, e l’operazione interpretativa risulta
essere indispensabile per aggiungere, togliere e renderlo ottimale al grande pubblico. 84
Rispetto al libro infatti, la struttura filmica è molto più dinamica; le 413 pagine
sono state trasformate e condensate in 110 minuti di scopi da raggiungere, con tutti i
mezzi, leciti o illeciti, sotterfugi, macchinazioni e idee bizzarre. Il brio è palpabile e le
immagini spumeggianti donano allo spettatore quella rilassatezza vissuta solo in parte
leggendo il libro. Rilassatezza e spensieratezza dovrebbero essere infatti i punti chiave
del romanzo in quanto caratteristiche fondamentali del filone chick lit del quale la Weisberger è una dei massimi esponenti; tuttavia spesso l’analisi psicologica e introspettiva
dei personaggi e della protagonista Andy interrompono il romanzo donando
quell’accenno di interesse tipico dei romanzi psicologici.
La descrizione psicologica è uno degli elementi più importanti del romanzo perché il lettore si immagina molto più facilmente il personaggio e i suoi comportamenti; al
contrario tale caratterizzazione è messa in disparte nel film dove si predilige analizzare
l’avere e non l’essere per rendere il tutto più accessibile e meno pesante. Esempio gli
83
84
Ibid., p. 51.
Cfr. RUTELLI, R. (2004): Dal libro allo schermo. Sulle traduzioni intersemiotiche dal testo verbale al
cinema, Pisa, Edizioni ETS, p. 14.
109
amici, che nel libro vengono descritti dettagliatamente, nelle scene trasposte diventano
solo dei contorni alla brillante vita newyorkese.
Il film eccelle nella descrizione della superba Miranda Priestley. Mentre nel libro
la sua vita privata rimane privata e non condivisa con i lettori, nel film la dicotomia Miranda privata – Miranda pubblica è molto ben strutturata; la sceneggiatura intercala ai
suoi modi alteri e austeri tipici del redattore capo della rivista più importante del mondo,
la sua spontaneità e il suo essere una fragile donna, venerata, adorata ma mai realmente
amata. Tutte le aggiunte inserite nel testo filmico sono poi aggiunte di conseguenza anche al testo letterario, e l’utente che ha osservato uno o ha letto l’altro non può non paragonarli e notare le eventuali differenze che permettono in taluni casi la decodificazione e la decifrazione di aspetti a volte bui.85
Miranda:
Oh, eccoti qua… Dobbiamo rivedere la disposizione dei tavoli…
dei posti… Per il pranzo.
Andy:
Ok, sì certo. Ce l’ho qui.
Miranda:
Fai pure tutto con la massima calma, sai quanto la cosa possa
esaltarmi. Ok, allora… prima di tutto dobbiamo spostare Snoop
Dogg al mio tavolo.
Andy:
Ma il tuo tavolo è completo.
Miranda:
Stephen non viene.
Andy:
Oh, Stephen non... quindi non devo andare a prendere Stephen
all'aeroporto domani?
85
Ibid., p. 15.
110
Miranda:
Beh, se tu ci parli e lui decide di tornare indietro sul divorzio...allora si, vallo a prendere. Sei una che sa prendere molto tu,
perciò vallo a prendere. E poi quando torniamo a New York dobbiamo chiamare Leslie... per vedere che può fare per non solleticare la stampa su questa storia. Un altro divorzio. Spiattellato in sesta pagina. Già mi immagino cosa scriveranno di me: "La Virago,
fissata con la carriera. La Regina delle Nevi caccia via un altro signor Priestley". Rupert Murdoch dovrebbe staccarmi un assegno
per tutti i giornali che gli faccio vendere. Comunque, non...non mi
importa molto di quello che scrivono su di me. però le mie figlie...
È cosi ingiusto per le mie bambine. Ed è...un'altra delusione. Un
altro fallimento. Un'altra figura paterna... che se ne va. In ogni caso, il punto è che... il punto è... il punto è che dobbiamo pensare
seriamente a dove piazzare Donatella...perché non parla praticamente più con nessuno.
Andy:
Mi dispiace tanto, Miranda. Se vuoi che ti annulli gli impegni di
stasera, lo faccio.
Miranda:
Non essere ridicola. Perché dovresti annullarli?
Andy:
Posso fare qualcos'altro per te?
Miranda:
Il tuo lavoro. È tutto.
Questa contrapposizione pubblico-privato è espresso anche dalla prima assistente Emily, che ricorda come il capo sia una persona riservata nelle sue cose.
Emily:
Ok adesso resta qui. Vado nel reparto grafico a dargli il Book.
Andy:
Il …?
Emily:
Questo è il Book. È il menabò, tutto quello che apparirà nel
numero attuale. Lo portiamo a casa di Miranda tutte le sere e
lei ce lo … non toccarlo … lei ce lo restituisce la mattina con le
111
sue note. Ora questo compito spetterebbe alla seconda assistente, ma Miranda è molto riservata e non le piacciono gli estranei in casa sua. Perciò finché non deciderà che non sei una
squilibrata totale, io ho l’adorabile compito di aspettare il
Book.
L’immagine della moda del romanzo è lo sfondo sul quale sono stati animati i
personaggi e sul quale le vicende personali si sviluppano; al contrario la moda nel film è
l’elemento che permette lo sviluppo e i cambiamenti nei rapporti interpersonali. Non è
più quindi lo sfondo ma è la parte integrante, quella parte che fa capire a Andy, alla fine,
che ha voltato le spalle a tutti solo per quello. In questo modo, mentre le immagini del
film, rispetto a quelle del romanzo, sono più dinamiche e più graffianti, proprio perché
la moda la protagonista e i personaggi sono gli elementi che ne permettono il successo,
diversamente dal romanzo dove è esattamente l’opposto.
L’immagine più ricorrente tanto nel romanzo quanto nel film è l’immagine
dell’ambizione. Come può una neolaureata in lettere non accettare il lavoro che le darà
grandi opportunità? Cosa deve accettare? Qual è la sottile linea da non oltrepassare per
far diventare il proprio lavoro e l’amore per il proprio lavoro la propria ragione di vita?
Questi quesiti sono esposti in entrambe le opere e in modi simili se ne ottiene risposta.
Andy capisce che il lavoro è un gioco, non può diventare l’oggetto da venerare, bensì
ciò che permette la crescita, da svolgere con la consapevolezza che bisogna rispettare gli
altri e con l’intelligenza di non farsi sopraffare dagli eventi e dalle situazioni. Sarà proprio Miranda a farglielo capire, dicendo che vede molto di lei stessa in Andy. Questo
metterà in allarmare la giovane assistente, che percepisce il pericolo rendendosi conto di
non voler diventare come il suo capo, fredda, cinica e calcolatrice, una donna che tutti
venerano solo perché temono.
L’immagine viene leggermente modificata nella trasposizione. La Miranda del
romanzo, dopo che Andy ha deciso di rimanere a Parigi e non tornare a New York per
assistere la sua amica in coma, dice:
112
“Andrea mi fa molto piacere che tu abbia preso questa decisione. E assolutamente la cosa giusta da fare, e apprezzo che tu lo riconosca. Devo ammettere
che avevo i miei dubbi su di te, sin dall’inizio. È chiaro che non capisci gran che
di moda e soprattutto che non te ne importa poi tanto. […] adesso hai dimostrato il tuo impegno e sono convinta che valga la pena di aiutarti a raggiungere i
tuoi obiettivi. Devi essere fiera di te, Andrea. […] Alla tua età ero come te” 86
Nel film invece la trasposizione prevede lo stesso disincantato complimento di
Miranda dei confronti di Andy, ma non per una sua decisione bensì per un suo modo di
comportarsi e di aiutare il redattore capo:
Miranda: “Tu pensavi che non lo sapessi. Invece io ne ero al corrente da un bel
pezzo. Mi ci è voluto un po’ per trovare un’alternativa adatta a Jacqueline. E
quel posto alla James Holt era così assurdamente strapagato… che lei ci si è
fiondata senza colpo ferire. È bastato dire a Irv che Jacqueline non era disponibile. La verità è che non c’è nessuno che sappia fare il mio lavoro. Lei compresa. Tutte le altre candidate avrebbero trovato il compito impossibile e la rivista
ne avrebbe sofferto. Soprattutto per via della lista. La lista di stilisti, fotografi,
direttori, scrittori, modelle che sono stati tutti trovati da me, nutriti da me e che
hanno promesso di seguirmi quando e se mai avessi deciso di lasciare Runway.
Così ci ha ripensato. Ma sono rimasta molto impressionata da come hai cercato
in tutti i modi di avvertirmi. Non avrei mai pensato di arrivare a dirlo, ma io vedo veramente molto di me stessa in te. Tu guardi al di là di quello che vogliono
le persone, di cosa hanno bisogno; e sai scegliere per te stessa”
86
Cfr. WEISBERGER, L. (2004): op. cit., p. 388.
113
Il romanzo segue una struttura cronologica precisa senza digressioni e artifici
letterari. Lo stesso fa il film dove le immagini seguono la struttura del romanzo, lineare,
senza flashback e con il racconto di Andy in prima persona che si nota essere la chiave
del film.
Tanto nel romanzo quanto nel film, la neoassistente è la chiave di lettura delle
immagini; con ciò voglio dire che le azioni compiute e gli eventi che vengono immaginati e visti sullo schermo vengono capiti dallo spettatore grazie alla filosofia e al modo
di pensare e agire di Andy.
Altra differenza nella trasposizione delle immagini è il fatto che il film risulta
essere più autoironico del romanzo, e ciò è di estrema importanza: lo spettatore infatti
partecipa a questo giudizio di ironia per quel settore da sempre bistrattato e criticato; la
recitazione è dinamica e tiene il pubblico fisso e attento in attesa della battuta successiva.
Una trasposizione decisamente ilare di un romanzo chick lit a tratti sottotono.
Questo perché i tempi cinematografici sono ben diversi dai tempi di un romanzo e i
cambiamenti dal punto di vista psicologico, sono trasposti solo in cambiamenti legati al
look e al modo di porsi. Questo è stato reso necessario per non annoiare e per accorciare
le tempistiche, diverse tra forma scritta e forma cinematografica.
Concludendo quindi si può ricordare che le immagini tra romanzo e film sono
state adattate pensando al grande pubblico e alla necessità di questo di non sorbirsi una
successione di scene dove l’elemento principale è la psicologia e come la moda la modifichi. Sia romanzo che film mantengono un ordine cronologico senza meccanismi particolari ed entrambi cercano di condannare la moda, e tutto ciò che viene mostrato come
bello e da imitare.
Ciò che rende giustizia a questo film, però, è che lo eleva al di sopra del romanzo è proprio questa mancanza di ovvietà. Con ciò voglio dire che nel romanzo a determinati comportamenti è ovvio che seguano determinate conseguenze; l’ovvietà del romanzo invece è messa in secondo piano nel film dalle battute, dal sarcasmo e dalla voglia di ridere, quel divertimento a volte nascosto tra le pagine introspettive di un romanzo chick, dai camei dei famosi e dalla allegra cattiveria che traspare dagli occhi di Andy
e dalle parole di Miranda, due personaggi tanto simili quanto diversi, sia nel romanzo,
114
sia nel film. La peculiarità che piace è che finalmente la caratteristica hollywoodiana di
trasformare le persone reali e comuni con i loro pregi e i loro difetti, la loro cattiveria e
la loro bonomia, in protagonisti migliori in mondi artificiali, viene scartata inserendo in
un contesto urbano e moderno le vere donne dei nostri giorni. Per ottenere successo bisogna inserire qualcosa di nuovo e come sostiene Romana Rutelli:
“ciò che di nuovo appare nella transcodificazione filmica – ovviamente consentito dal diverso mezzo espressivo e dal sincretismo di codici che vi confluiscono – è chiaramente l’elemento particolare.” 87
La particolarità è quindi il punto di forza di un’opera, ciò che la rende amata e
apprezzata dal grande pubblico.
87
Cfr. RUTELLI, R. (2004): op. cit., p. 54.
115
5. CONCLUSIONI
Con il presente progetto di tesi si è cercato di chiarire i dubbi e mostrare le
difficoltà legate al campo della traduzione intersemiotica e dell’adattamento per il
doppiaggio.
Il lavoro inizia con la spiegazione del film scelto, le sue caratteristiche e le
differenze con il romanzo, che si presenta come una versione più introspettiva rispetto
alla pellicola. Dal particolare si passa poi al generale, concentrandosi su ciò che è il
doppiaggio e su ciò che esso rappresenta. Molti sono contrari a questa pratica
cinematografica perché rovina e ricrea un’opera; altri però, pur consapevoli di questo
aspetto, la ritengono necessaria per la visione e la comprensione dell’opera da parte di
tutti. Questa contrapposizione è stata il perno del paragrafo 2.2, esemplificata al meglio
con una cartina che rappresenta la situazione europea. Da lì, attraverso una spiegazione
del doppiaggio de The Devil Wears Prada si è arrivati all’analisi del processo traduttivo
che ha portato alla nascita de Il diavolo veste Prada e di El diablo viste de Prada.
L’analisi del doppiaggio è concentrata su quei punti di maggior interesse per un
traduttore, tutti quegli elementi che sono legati alla cultura, dal turpiloquio ai realia,
dalle routine traduttive alle domande coda. Si parte dal turpiloquio, considerando le
differenze tra un parlante americano, uno italiano e uno spagnolo che non vedono e non
interpretano allo stesso modo le parole volgari, passando per i realia, e quindi
analizzando come la cultura ha dovuto essere reinterpretata e veicolata senza stravolgere
il contenuto del discorso; poi ci sono i modi di dire e la difficoltà di rappresentarli,
difficoltà dovuta non solo alle diverse immagini mentali tra cultura e cultura ma anche
alle diverse lunghezza e quindi alla sincronia labiale. Si tratta poi l’analisi degli
elementi sintattici, delle domande coda, degli allocutivi, cercando di spiegare perché
you della versione americana diventa un tu nella versione italiana e un usted in quella
spagnola.
Il progetto termina con una breve panoramica sul tema della normalizzazione.
Grazie all’attività di traduzione e alla loro professione nel campo del doppiaggio,
Eleonora Di Fortunato e Mario Paolinelli sono riusciti a regalarmi quei punti di vista
116
che non avrei preso in considerazione. Il quarto capitolo quindi affronta la difficoltà di
stabilire un collegamento diretto tra romanzo e film, collegamento che viene sempre
stravolto per motivi legati alla diversa lunghezza dell’opera su carta e dell’opera su
schermo, o per motivi di marketing, come ad esempio lo stravolgimento dei titoli deciso
dalle case di produzione solo per renderlo più accattivante quando a volte risulta solo
ridicolo. Un caso eclatante nella storia del cinema è sicuramente il titolo del film di
Michel Gondry Se mi lasci ti cancello, traduzione italiana del titolo inglese Eternal
Sunshine Of The Spotless Mind, che è il verso di un poema di Alexander Pope, che nella
traduzione italiana scompare completamente; così facendo l’immagina poetica, raffinata
e visionaria viene eliminata declassando il titolo a commediola americana senza troppe
pretese.
Quanto predetto cozza contro il ruolo primario del doppiaggio. Quest’ultimo
infatti ha lo scopo di oltrepassare le barriere culturali e le diversità linguistiche e non,
ricostruendo un mondo equivalente all’originale e riconoscibile da più culture, grazie a
un lavoro di sensibilità linguistica e culturale svolto prima da un traduttore e poi da un
dialoghista, che adatta la traduzione ai gesti, ai movimenti labiali, alle espressioni,
modificando quindi il lavoro, a volte anche certosino, dei traduttori88.
Il traduttore prima e il dialoghista poi, che possono essere la stessa persona o due
figure professionali distinte, diventa la figura centrale dell’atto comunicativo riproposto
sullo schermo.
Tuttavia oggigiorno gli studi sulla traduzione e la traduttologia fanno continui
passi avanti mentre studi e analisi relativi alla traduzione nel campo dell’audiovisivo
sono sempre a un punto morto. La preparazione del personale a volte è vaga, spesso per
motivi economici quel pesante e noioso lavoro di traduzione viene svolto da personale
del settore televisivo o del settore cinematografico con la falsa credenza che essendo
dipendenti nel settore capiscano e sappiano come operare, come gestire la traduzione e
come adattare i dialoghi. Tuttavia quell’ostacolo che non si riesce a superare, quella idea
che i traduttori professionisti o chiunque si avvicini a studi sulla traduzione non riesce a
far capire è che non tutti possono essere dei traduttori. La traduzione si basa su dei
principi, studiati, riconosciuti, analizzati e appresi che un chiunque esperto linguista
88
Cfr. PAOLINELLI M., DI FORTUNATO E. (2005): op. cit., p. 2.
117
riconosce e segue, principi di negoziazione e di equivalenza, decisioni che possono
modificare o stravolgere l’intera opera primaria ma che solo un traduttore esperto è in
grado di prendere con la consapevolezza del risultato finale. Fortunatamente si inizia a
vedere, a volte, un cambio di direzione, ovvero ci si avvicina a studiosi e professionisti
della traduzione per adattare una sceneggiatura originale in altre lingue. Tutto ciò sta
accadendo perché i mass media, con la televisione e i film in generale, sono ormai il
veicolo di comunicazione più importante e la gente inizia ad essere attenta a quel
mondo, in secondo luogo perché il fenomeno di globalizzazione in atto da decenni sta
diffondendo l’amore e lo sviluppo per lingue sempre a più persone che si avvicinano e
si affezionano a tutte quelle curiosità linguistiche che sono facilmente riscontrabili in
una pellicola. Già leggendo il titolo molto spesso la gente si chiede quale fosse il titolo
originale, anche se magari non ne conosce la traduzione, ma cerca poi di capire il
motivo per il quale si è deciso di tradurre così.
Con la presente tesi si può facilmente valutare lo stato della traduzione per il
doppiaggio. La materia scarseggia di impulsi pratici che realizzino ciò che i modelli
teorici ipotizzano e cercano di insegnare. E questo perché ogni film è diverso, ha una
sua genesi, una sua storia, ed elementi legati al suo sviluppo, alla sua trama e soprattutto
al suo successo; per questa ragione l’applicazione di un modello unico appare difficile
se non impossibile. Per la traduzione intersemiotica ci si rifà alle teorie di Greimas,
teorie che ormai hanno più di vent’anni, pubblicate sul saggio Semiotica figurativa e
semiotica plastica in cui sostiene che si deve selezionare un certo numero di tratti,
comprenderli nella globalità, capire la loro percezione simultanea e trasformarli in un
significante visivo riconoscibile89. Gli studiosi successivi hanno studiato e copiato le
teorie di Greimas senza però fare passi avanti: tutti parlano di decifrazione del testo e
ricostruzione in formato visivo, senza però assumersi la responsabilità di spiegare come
fare, cosa prediligere, cosa eliminare e soprattutto cosa non fare. C’è stata per esempio
Susan Petrilli che ha studiato il carattere della traduzione intersemiotica affermando che
89
Cfr. RUTELLI, R. (2004): op. cit., p. 9.
118
ogni sistema e ogni interpretazione è composta da segni verbali e da segni non verbali e
questi devono essere rispettati nella trasposizione da romanzo a film90.
Tuttavia oltre a qualche pensiero sporadico espresso da grandi linguisti, la
bibliografia è relativamente poca, sebbene il cinema sia nato da moltissimi anni, e la
traduzione intersemiotica è un po’ lasciata al caso, nonostante il mondo del doppiaggio
sia un ambito che oggigiorno desta curiosità in molte persone proprio perché il cinema è
ormai il pane quotidiano di molti.
Non si può non ricordare ciò che affermano Paolinelli e Di Fortunato quando nel
loro saggio sulla tav sostengono che il dialoghista rielabora in una nuova lingua
un’opera straniera, tenendo presente la sincronia e il ritmo, la prosodia e i dialoghi 91.
Spesso però questo è affidato a gente inesperta quando invece si dovrebbero assumere
persone che conoscono il lavoro che vanno a svolgere non solo dal punto di vista pratico
ma anche e soprattutto da quello teorico così da sviluppare quei processi traduttivi che
nella tav non vengono seguiti, legando le teorie sopraccitate al conoscimento della
cultura; non sono necessari semplici traduttori ma comunicatori e mediatori che
sappiano come interpretare al meglio lo stile della cultura source per non cadere in
tranelli o calchi, facilmente riscontrabili da un orecchio attento.
Il lavoro presentato in questi cinque capitoli è un lavoro che meriterebbe un
numero molto maggiore di pagine e uno sviluppo delle teorie maggiore. Non ho voluto
entrare nell’ambito teorico proprio per non far sì che la mia prima opera accademica
risultasse troppo pesante e ripetesse ciò che da decenni ormai si dice e si conosce. Ho
invece sfruttato il successo di una bizzarra commedia americana per sensibilizzare sul
tema della trasposizione, sulla mancanza di capacità e di professionisti veri che si
dedichino solo a questo aspetto traduttivo, ben diverso dalla traduzione di un romanzo.
Il numero di pagine è limitato rispetto all’argomento sia per motivi temporali, sia
per la scarsità, come già detto, di bibliografia sul tema. I limiti del mio lavoro sono
legati anche alla poca conoscenza del tema della trasposizione, nonostante la lettura
90
91
Ibid., p. 15.
Cfr. PAOLINELLI M., DI FORTUNATO E. (2005): op. cit, p. 79.
119
personale e l’approfondimento della materia; le teorie sono poche, la pratica è molta,
seppur mal sviluppata, e proprio questo era il mio impegno: dimostrare, comparando le
tre sceneggiature, i limiti della traduzione audiovisiva, la mancanza di professionisti
come si vede dalla traduzione di talune battute a volte troppo forzosa, soprattutto nella
lingua spagnola e le difficoltà riscontrate. Una delle difficoltà maggiori è la sincronia,
sia labiale sia gestuale ed espressiva, per la diversa lunghezza metrica delle parole nelle
diverse lingue, per l’uso di una sintassi diversa o per al predilezione di una lingua di
utilizzare determinate parole piuttosto che altre, e in questo caso gioca un ruolo
fondamentale la traduzione e il mantenimento del lessico e del registro.
A mio avviso la traduzione intersemiotica e audiovisiva avrebbe maggiore
successo e uno slancio maggiore se venissero impiegate persone che conoscono il
lavoro che vanno a svolgere e che non ritengono che la traduzione sia un mero processo
di copiatura parola per parola in lingua diversa. La traduzione è cultura e solo se
insieme al dialoghista che si occupa di creare dei dialoghi corretti nella lingua di arrivo
partecipasse una figura professionale nuova preposta alla verifica delle battute, al
bagaglio culturale alle quali fanno riferimento, ciò che esse rappresentano nella mente
della cultura target allora in quel caso la tav potrà essere considerata un vero lavoro che
richiede impegno e dedizione. Se il traduttore fosse anche mediatore allora l’aspetto
privilegiato al momento di tradurre risulterebbe essere l’aspetto culturale, ovvero ciò
che un film meglio vuole rappresentare.
Tuttavia finché il mondo del doppiaggio si avvarrà di personale poco qualificato
e lascerà gran spazio alle case di produzione e a tutti coloro che non si preoccupano della resa finale ma solo del loro guadagno personale, allora il settore della traduzione intersemiotica, tanto amata ed elogiata da Jakobson e da Greimas, e il settore
dell’adattamento per il doppiaggio non avanzeranno verso la perfezione.
120
APPENDICE
GLOSSARIO
Americano
Italiano
Spagnolo
Advertiser
Sponsor
Anunciante
Antibacterial wipes
Fazzolettini antibatterici
Toallitas antibacterianas
Art department
Reparto grafico
Departamento artístico
Back of the issue
Quarta di copertina
Contraportada
Ball gown
Abito da sera
Vestido de fiestas
Beacon of elegance and grace
Faro dell’eleganza e dello stile
Faro de elegancia y gracia
Beauty department
Reparto estetica
Sección de belleza
Before-and-after piece
Un servizio prima-e-dopo la Reportaje sobre el antes y el
cura
después
Benefit
Serata di beneficienza
Fiesta benéfica
Blimpie’s
Fast food
Antros
121
Boogie boards
Boogie boards
Tablas de boogie
Book
Book
Libro
Casual Corner
Angolo Casual
Tienda de ropa a precios
asequibles
Chopping block
Ghigliottina
Rodará mi propia cabeza
(Il chopping block è in realtà
quel ceppo di legno sul quale
veniva appoggiata la testa del
condannato a morte)
(In spagnolo non è stato tradotto)
Tacchettine
Clackers
(Neologismo nel film per definire tutte le ragazze che lavorano
in redazione e che venerano Miranda e la rivista.
L’italiano crea una onomatopea
inventando un nome che ripende
i tacchi e il loro carattere glamour, mentre in inglese e in spagnolo l’onomatopea è creata con
il nome del posto di lavoro,
l’Elias Clark publication.)
(Mantiene la versione originale)
Club Monaco
Club Monaco
Club Monaco
Corn chowder
Minestra di mais
Minestra de maíz
Corporate research analyst
Analista di una grande azienda
Analista investigador corporativo
Clackers
(si occupa delle ricerche e delle
analisi relative alle proposte fatte
122
dalla direzione e dalla proprietà
di una grande azienda, controllando l’impatto che queste hanno
direttamente
sulle
funzioni
aziendali e sugli azionisti.)
Couture
Haute-couture
Alta costura
Cover
Copertina
Portada
Crisco
Lubrificante
Vaselina
Dragon Lady
Virago
Dama Dragona
Drip coffee
Caffè alla napoletana
Café solo
(Coffee made by pouring boiling
water through a perforated container holding ground coffee into
a pot that is fitted underneath.)
(In realtà è molto più un caffè
all’americana e non uno alla napoletana considerando che negli
Stati Uniti non possiedono le nostre stesse caffettiere.)
Drop waist
Vita bassa
Cintura baja
Eight and a half
Trentotto e mezzo
Treinta y nueve
(Per le scarpe da donna negli
USA si moltiplica 3 perla grandezza in pollici del piede e si
sottrae 22,5. Un otto e mezzo
americano corrisponde a un 39
europeo.)
123
Feature
Speciale
Reportaje
Flip flops
Ciabattine
Aletas
Glacial pace
Massima calma
Dar ninguna prisa
Super fashion
Glamú-amazona
Lode
Estrella dorada
In the Seventh
Nel Septième
Districto Séptimo
Label
Griffe
Firma
Layout
Servizio
Maquetación
(A newspaper or magazine article or a broadcast programme
devoted to the treatment of a
particular topic, typically at
length.)
(ossimoro in quanto accosta glacial, ovvero qualcosa di glaciale,
congelato e immobile, al passo,
che corrisponde a qualcosa in
movimento.)
Glamazon
(a glamorous, powerfully assertive woman.)
Gold star
(riconoscimento ufficiale dato
per merito, sia a livello militare
sia a livello scolastico. Nel primo caso in italiano sarebbe la
medaglia d’oro mentre nel secondo la lode)
124
Minimize the press
Non solleticare la stampa
Controlar a la prensa
Mock-up
Menabò
Borrador
Guardia nazionale
Guardia nacional
(A layout of printed matter)
National Guard
(military units controlled by
each state of the United States.)
No-foam skimmed latte
Caffelatte
schiuma
scremato
Onion bagel
Ciambella alla cipolla
Donuts con cebolla
(Bagel flavored with onion)
(Tipica ciambella americana ricoperta, da uno strato croccante,
al gusto di cipolla.
Essendo un prodotto tipico della
cultura americana, nella versione
italiana del film viene naturalizzato in “qualcuno ha mangiato
cipolle?”)
(Típico donut americáno con
sabor de cebolla.
Realia americáno traducido en la
película española como el
italiano “¿alguien ha comido
algo con cebolla?”)
Pole dancing
Lap dance
Striptís
Port wine reduction
Coulis di Porto
Reducción de Oporto
Preview
Anteprima
Vista previa
Run-through
Prova
Repaso general
(A quick review)
125
senza
Café con leche sin espuma
Satchel
Sacchetto
Bandolera
(Sarebbe più uno zainetto monospalla piuttosto che un sacchetto
ma per sincronia si è preferito il
termine sacchetto.)
Science project
Compito di scienze
Proyecto de ciencias
Scrambled eggs
Uova strapazzate
Huevos revueltos
Sewing class
Scuola di cucito
Clases de costura
Shining beacon of hope
Luminoso fare di speranza
Faro luminoso de esperanza
Showroom
showroom
Sala de muestra
Snow Queen
Regina delle Nevi
Reinas de las Nieves
Someone’s been drinking the
Kool-Aid
Qualcuno è stato contagiato
Alguien padece el sindromo
de Estocolmo
Sous-chef
Secondo chef
Segundo chef
Spring break
Vacanze di primavera
Vacaciones de Pascuas
Stanford Law
Facoltà di legge di Stanford
Facultad de derecho de Stanford
(The sous chef is the assistant of
the executive chef)
126
Stomach flu
Colite
Gripe
(Errore nella traduzione perché
la colite gonfia la pancia e questo sarebbe la conseguenza opposta a quella che desidera Emily, visto che sta facendo di tutto
per perdere peso e pancia.)
TGIF
Grazie a Dio è venerdì
Gracias a Dios que es viernes
Cadere due gocce
Lloviznar
(Thanks God it’s Friday)
to Drizzle
(la traduzione corretta sarebbe
“piovigginare”)
to Freak out
Andare nel pallone
Perder el coco
Tri-state area
Da New York al Connecticut
Todos los estados
Viral plague
Peste bubbonica
Peste viral
127
THE DEVIL WEARS PRADA
THE SCRIPT
[Squeaks] [Woman Singing]
Nate:
Good luck.
[Children Giggling] [Horn Honks] [Ends] [Bell Dings]
Andy:
Hi. Uh, I have an appointment with Emily Charlton?
Emily:
Andrea Sachs?
Andy:
Yes.
Emily:
Great. Human Resources certainly has an odd sense of humour.
Follow me. Okay, so I was Miranda's second assistant, but her
first assistant recently got promoted, and so now I'm the first.
Andy:
Oh, and you're replacing yourself.
Emily:
Well, I am trying. Miranda sacked the last two girls after only a
few weeks. We need to find someone who can survive here. Do
you understand?
Andy:
Yeah. Of course. Who's Miranda?
Emily:
Oh, my God. I will pretend you did not just ask me that. She's
the editor in chief of Runway, not to mention a legend. You
work a year for her, and you can get a job at any magazine you
want. A million girls would kill for this job.
128
Andy:
It sounds like a great opportunity. I'd love to be considered.
Emily:
[Giggling] Andrea, Runway is a fashion magazine! So an
interest in fashion is crucial
Andy:
What makes you think I'm not interested in fashion?
Emily:
[Cell Phone Ringing] Oh, my God. No! No! No!
Nigel:
What's wrong?
Emily:
She's on her way. Tell everyone!
Nigel:
She's not supposed to be here until 9:00.
Emily:
Her driver just text messaged, and her facialist ruptured a disk.
God these people! [Whistles, Whispers]
Nigel:
Who's that?
Emily:
That I can't even talk about.
Nigel:
All right, everyone! Gird your loins!
[Excited Chattering] Did somebody eat an onion bagel?
[Exhales, Sniffs] [Bell Dings]
Girl:
Sorry, Miranda.
[Bell Dings]
Emily:
Move it! Ooh!
129
Miranda:
I don't understand why it's so difficult to confirm an
appointment.
Emily:
Miranda:
I know. I'm so sorry, Miranda. I actually did confirm last night.
.
Details of your incompetence do not interest me. Tell Simone
I'm not going to approve that girl that she sent me for the
Brazilian layout. I asked for clean, athletic, smiling. She sent
me dirty, tired and paunchy. And R.S.V.P. Yes to the Michael
Kors party. I want the driver to drop me off at 9:30 and pick me
up at 9:45 sharp.
Emily:
[Whispers] 9:45 sharp.
Miranda:
Call Natalie at Glorious Foods, tell her no for the 40th time.
No, I don't want dacquoise. I want tortes filled with warm
rhubarb compote. Then call my ex-husband and remind him the
parent-teacher conference is at Dalton tonight. Then call my
husband, ask him to meet me for dinner at that place I went to
with Massimo. Tell Richard I saw the pictures that he sent for
that feature on the female paratroopers and they're all so deeply
unattractive. Is it impossible to find a lovely, slender female
paratrooper?
Emily:
No.
Miranda:
Am I reaching for the stars here? Not really. Also, I need to see
all the things that Nigel has pulled for Gwyneth's second cover
try. I wonder if she's lost any of that weight yet. Who's that?
Emily:
Nobody. Um, uh! Human Resources sent her up about the new
assistant job, and I was preinterviewing her. But she's hopeless
and totally wrong for it.
130
Miranda:
Clearly I'm going to have to do that myself because the last two
you sent me were completely inadequate. So send her in. That's
all.
Emily:
Right… She wants to see you.
Andy:
Oh! She does?
Emily:
Move!
Emily:
This is foul. Don't let her see it. Go!
Andy:
That's… [Sighs]
Miranda:
Who are you?
Andy:
Uh, my name is Andy Sachs. I recently graduated from
Northwestern University.
Miranda:
And what are you doing here? [Clears Throat]
Andy:
Well, I think I could do a good job as your assistant. And,
um…Yeah, I came to New York to be a journalist and sent
letters out everywhere and then finally got a call from EliasClarke and met with Sherry up at Human Resources. Basically,
it's this or Auto Universe.
Miranda:
So you don't read Runway?
Andy:
Uh, no.
Miranda:
And before today, you had never heard of me.
131
Andy:
No.
Miranda:
And you have no style or sense of fashion.
Andy:
Well, um, I think that depends on what you're…
Miranda:
No, no. That wasn’t a question.
Andy:
Um, I was editor in chief of the Daily Northwestern. I also, um,
won a national competition for college journalists with my
series on the janitors'union, which exposed the exploitation
Miranda:
That's all.
[Scoffs]
Andy:
Yeah. You know, okay. You're right. I don't fit in here. I am not
skinny or glamorous and I don’t know that much about fashion.
But I’m smart, I learn fast and I will work very hard.
Nigel:
I got the exclusive on the Cavalli for Gwyneth. But the problem
is, with that huge feathered headdress that she's wearing she
looks like she's working the main stage at the Golden Nugget.
Andy:
Thank you for your time.
Nigel:
Who is that sad little person? Are we doing a before-and-after
piece I don't know about?
Receptionist:
Brown and Law, please? Thank you.
Emily:
Andrea.
132
Andy:
Hmm?
***
Nate:
Wait. You got a job at a fashion magazine?
Andy:
Mm-hmm.
Nate:
What was it, a phone interview?
Andy:
Ow! Don't be a jerk.
Doug:
Miranda Priestly is famous for being unpredictable.
Andy:
Okay, Doug. How is it that you know who she is and I didn't?
Doug:
I'm actually a girl. Oh!
Andy:
Oh!
Lily:
That would explain so much.
Doug:
Look, seriously. Miranda Priestly is a huge deal. I bet a million
girls would kill for that job.
Andy:
Yeah, great. The thing is I'm not one of them.
Lily:
Look, you gotta start somewhere, right? I mean, look at this
dump Nate works in. I mean, come on. Paper napkins? Hello.
133
Nate:
Yeah. And Lily, she works at that gallery doing, uh, you know
Oh, I'm sorry. What exactly is it that you do anyway?
Doug:
Well, lucky for me, I already have my dream job.
Nate, Andy, Lily:
You're a corporate research analyst!
Doug:
Oh, you're right. My job sucks.
Lily:
No!
Doug:
It sucks. I don't…It's boring.
Lily:
It's all right. Breathe.
Doug:
I'm trying.
Lily:
Here. Take a drink
Doug:
I will have a drink. I will have a drink.
Andy:
I'd like to propose a toast. To jobs that pay the rent.
Nate, Doug:
To jobs that pay the rent.
Lily
Jobs that pay the rent.
***
Andy:
Oh, baby. You should see the way these girls at Runway dress.
I don't have a thing to wear to work.
134
Nate:
Come on. You're gonna be answering phones and getting
coffee. You need a ball gown for that?
Andy:
I think I might.
Nate:
Well, I happen to think you look great always.
Andy:
Aww! I think you're full of it.
[Giggling]
Nate:
Hey. Come on. Let's go home..
Andy:
Yeah
Nate:
I can think of something we can do that doesn't require any
clothing.
Andy:
Really?
Nate:
Mmm.
***
[Phone Ringing] [Woman Singing]
Andy:
Hello?
135
Emily:
Andrea, Miranda decided to kill the autumn jacket story for
September and she is pulling up the Sedona shoot from
October. You need to come into the office right this second and
pick up her coffee order on the way.
Andy:
Now?
Emily:
Now, get a pen and write this down.
I want one no-foam skimmed latte with an extra shot and three
drip coffees with room for milk. Searing hot. And I mean hot.
[Line Clicks]
[Continues] [Cell Phone Ringing]
Andy:
Hello?
Emily:
Where are you?
Andy:
Oh, I'm almost there. Yeah. Shoot! Oh!
***
Miranda:
Is there some reason that my coffee isn't here? Has she died or
something?
Emily:
No. [Whispers] God.
Oh. Bloody time. I hope you know that this is a very difficult
job
Andy:
Mm-hmm.
136
Emily:
For which you are totally wrong. And if you mess up, my head
is on the chopping block.
Now, hang that up. Don't just fling it anywhere. Okay. First of
all, you and I answer the phones. The phone must be answered
every single time it rings. Calls roll to voice mail, and she gets
very upset. If I'm not here… Andrea, Andrea…you are chained
to that desk.
Andy:
Well, what if I need to…
Emily:
What? No! One time an assistant left the desk because she
sliced her hand open with a letter opener and Miranda missed
Lagerfeld just before he boarded a 17-hour flight to Australia.
She now works at TVGuide.
Andy:
Man the desk at all times. Got it.
[Phone Rings]
Emily:
Miranda Priestly's office. No, she's not available. Who is it? [Mouthing Words] Yes, I will tell her you called.
Yet again.
[Bell Chimes]
Emily:
Right. Remember, you and I have totally different jobs. I mean,
you get coffee [Scoffs] and you run errands.
Yet I am in charge of her schedule her appointments and her
expenses. And, um, most importantly, um I get to go with her to
Paris for Fashion Week in the fall. I get to wear couture. I go to
all the shows and all the parties. I meet all of the designers. It's
divine. Okay.
Now, stay here. I'm going to the art department to give them the
137
Book.
Andy:
The…?
Emily:
This is the Book. Now, it is a mock-up of everything in the
current issue. And we deliver it to Miranda's apartment every
night, and she retu… Don't touch it... She returns it to us in the
morning with her notes. Now, the second assistant is supposed
to do this but Miranda is very private and she does not like
strangers in her house. So until she decides that you are not a
total psycho I get the lovely task of waiting around for the
Book.
[Phone Rings]
Andy:
Oh, Emily? What do I do
Emily:
Deal with it.
[Rings] [Sighs] [Rings]
Andy:
Hello. Mrs. Priestly's office. Hmm. That's what I meant.
Miranda Priestly's office.
[Groans]
Um, you know, she is in a meeting. Can I please take a
message? Uh-huh. Okay. Can you please spell Gabbana?
[Line Clicks, Dial Tone Hums] -Hello? I guess not.
Nigel:
I guessed an eight and a half.
Andy:
Um, uh, that's very nice of you but I don't think I need these.
Miranda hired me. She knows what I look like.
Nigel:
Do you?
138
[Chuckles]
Miranda:
Emily.
Emily?
Nigel:
She means you.
Miranda:
We just cut on the bias. That's not what I asked you. I couldn't
have been clearer. There you are, Emily.
How many times do I have to scream your name?
Andy:
Actually, it's Andy. My name is Andy. Andrea, but, uh,
everybody calls me Andy.
Miranda:
[Chuckles] I need 10 or 15 skirts from Calvin Klein.
Andy:
What kind of skirts do you…
Miranda:
Please bore someone else with your questions.
And make sure we have Pier 59 at 8:00 a.m. Tomorrow.
Remind Jocelyn I need to see a few of those satchels that Marc
is doing in the pony.
And then tell Simone I'll take Jackie if Maggie isn't available.
Did Demarchelier confirm?
Andy:
D-Did D-Demarchel
Miranda:
Demarchelier. Did he… Get him on the phone.
Andy:
Uh, o…okay.
Miranda:
And, Emily?
139
Andy:
Yes?
Miranda:
That's all.
It's just the cavalier disregard for clear directions
[Chattering Continues]
Miranda:
Do you have Demarchelier?
Andy:
Uh, Demarchelier.
Emily:
[Groans] Leave it.
Andy:
Do you have…?
Emily:
I have Miranda Priestly calling. I have Patrick!
Andy:
Uh, no, she called me in there and-and then she asked me about
Pier 59.
And there was something about Simone, Frankie, someone else.
And, um, she needs skirts from Calvin Klein.
And, uh, there was something about a pony.
Emily:
Did she say which skirts?
Andy:
No… no!
Emily:
Did she say what kind? Color, shape, fabric?
Andy:
I tried to ask her.
140
Emily:
You may never ask Miranda anything.
Right. I will deal with all of this, and you will go to Calvin
Klein.
Andy:
Eh, me?
Emily:
Oh, I'm sorry. Do you have some prior commitment?
Some hideous skirt convention you have to go to?
Andy:
Uh.
***
[Cell Phone Rings]
Andy:
Miranda?
Miranda:
Are you there?
Andy:
I'm about to walk in. I'll call you as soon as… Hello?
[Line Clicks] [Cell Phone Rings] [Horn Honks]
Andy:
Hi.
Emily:
While you're out Miranda needs you to go to Hermes to pick up
25 scarves we ordered for her.
Andy:
Okay.
141
Emily:
Cassidy forgot her homework at Dalton. Pick that up. Miranda
went out to meet with Meisel, and she will want more
Starbucks when she gets back.
Hot Starbucks.
Andy:
Can you just repeat that first?
***
Emily:
[Dial Tone Hums] -Hello?
Oh, my God. What took you so long? I have to pee!
Andy:
What? You haven't peed since I left?
Emily:
No, I haven't. I've been manning the desk, haven't I? I'm
bursting.
Andy:
Oh, hi.
Emily:
[Snaps Fingers] You do coat. Do the coat!
Andy:
Okay.
Emily:
Now, be prepared. The run-through is at 12:30. People are
panicking, so the phone is going to be ringing off the hook.
Andy:
The run… The run-through. Right.
Emily:
Yes. Editors bring in options for the shoot, and Miranda
chooses. She chooses every single thing in every single issue.
Run-throughs are a huge deal. I don't know why you don't
142
know that, Andrea.
Serena:
Okay. Are you ready?
Emily:
Oh, hi, hi Right. Well, after the loo, Serena and I are going to
lunch. This is her, the new me.
Andy:
Hi.
Emily:
Told you.
Serena:
I thought you were kidding.
Emily:
No, quite serious, yeah. I get 20 minutes for lunch, and you get
15. When I come back, you can go.
Andy:
Okay.
Serena:
What exactly is she wearing?
Emily:
[Giggling] Her grandmother's skirt.
***
[Man Singing In French]
Nigel:
Hmm. Corn chowder. That's an interesting choice. You do know
that cellulite is one of the main ingredients in corn chowder.
[Man Singing In French Continues]
143
Andy:
So none of the girls here eat anything?
Nigel:
Not since two became the new four and zero became the new
two.
Andy:
Well, I'm a six.
Nigel:
Which is the new fourteen.
Andy:
Oh. Shoot.
Nigel:
Oh, never mind. I'm sure you have plenty more polyblend
where that came from.
[Cash Register Clicking]
Andy:
Okay. You think my clothes are hideous. I get it. But, you know,
I'm not going to be in fashion forever, so I don't see the point of
changing everything about myself just because I have this job.
Nigel:
Yes, that's true.
That's really what this multibillion-dollar industry is all about
anyway, isn't it? Inner beauty.
[Cell Phone Rings]
Hello. Right. Come on. Miranda's pushed the run-through up a
half an hour.
Andy:
Mmm!
Nigel:
She's always 15 minutes early.
Andy:
Which means?
144
Nigel:
You're already late. Come.
Andy:
Shoot!
***
Nigel:
Excuse me. [Bell Dings] Mr. Ravitz.
Mr. Ravitz:
Nigel. Issue going well?
Nigel:
Oh, yes. Our best September ever.
Mr. Ravitz:
Great. Heard Miranda killed autumn jackets and pulled up the
Sedona shoot. What's that costing me?
Nigel:
About 300,000.
Mr. Ravitz:
Must have been some lousy jackets. Irv Ravitz.
Nigel:
Oh, I'm sorry.This is Andy Sachs, Miranda's new assistant.
Mr. Ravitz:
Congratulations, young lady. A million girls would kill for that
job.
Nigel:
Bye-bye.
Chairman of Elias-Clarke, Irv Ravitz. You know what they say?
Tiny man, huge ego.
***
145
Miranda:
No. And I've seen all this before.
Employee:
Theyskens is trying to reinvent the drop waist, so actually it's…
Miranda:
Where are all the other dresses?
Employee:
We have some right here.
Nigel:
Stand, watch and listen.
Employee:
And I think it can be very interesting.
Miranda:
No. No, I just…It's just baffling to me. Why is it so impossible
to put together a decent run-through? You people have had
hours and hours to prepare. It's just so confusing to me.
Where are the advertisers?
Employee:
We have some pieces from Banana Republic.
Miranda:
We need more, don't we? Oh. This is…This might be…What
do you think of?
Nigel:
Yeah Well, you know me. Give me a full ballerina skirt and a
hint of saloon and I'm on board.
Miranda:
But do you think it's too much like…?
Nigel:
Like the Lacroix from July? I thought that, but no, not with the
right accessories. It should work.
Miranda:
Where are the belts for this dress… Why is no one ready?
146
Employee:
Here. It's a tough call. They're so different.
Miranda:
Hmm
[Andy: Snorts, Chuckles]
Miranda:
Something funny?
Andy:
No. No, no. Nothing… You know, it's just that both those belts
look exactly the same to me. You know, I'm still learning about
this stuff and, uh…
Miranda:
"This stuff"?
Oh. Okay. I see. You think this has nothing to do with you. You
go to your closet and you select…I don't know… that lumpy
blue sweater, for instance because you're trying to tell the world
that you take yourself too seriously to care about what you put
on your back. But what you don't know is that that sweater is
not just blue. It's not turquoise. It's not lapis. It's actually
cerulean. And you're also blithely unaware of the fact that in
2002, Oscar de la Renta did a collection of cerulean gowns.
And then I think it was Yves Saint Laurent, wasn’t it? who
showed cerulean military jackets.
I think we need a jacket here. Mmm.
And then cerulean quickly showed up in the collections of eight
different designers. And then it, uh, filtered down through the
department stores and then trickled on down into some tragic
Casual Corner where you, no doubt, fished it out of some
clearance bin.
However, that blue represents millions of dollars and countless
jobs and it's sort of comical how you think that you've made a
choice that exempts you from the fashion industry when, in fact
you're wearing a sweater that was selected for you by the
people in this room from a pile of stuff.
147
***
Andy:
So then I said, "No, I couldn't see the difference between the
two absolutely identical belts and you should have seen the
look she gave me! I thought the flesh was gonna melt off her
face.
[Nate: Chuckles]
Andy:
It's not funny. She's not happy unless everyone around her is
panicked, nauseous or suicidal. And the Clackers just worship
her.
Nate:
The who?
Andy:
They call them Clackers. The sound that their stilettos make in
the marble lobby. It's like, "Clack, clack, clack. Clack, clack."
[Groans]
And they all act like they're curing cancer or something.
[Chuckling]
The amount of time and energy that these people spend on
these insignificant, minute details, and for what? So that
tomorrow they can spend another $300,000 reshooting
something that was probably fine to begin with to sell people
things they don't need!
God!
I'm not even hungry anymore.
Nate:
What?
Andy:
That is why those girls are so skinny.
Nate:
Oh. No, no, no Give me that. There's, like, eight dollars of
148
Jarlsberg in there.
Andy:
[Sighs] You know what? I just have to stick it out for a year.
One year. And then I can do what I came to New York to do.
But I can't let Miranda get to me. I won't.
Nate:
Easy there, tiger.
***
Andy:
Oh, good morning, Miranda.
Miranda:
Get me Isaac!
I don't see my breakfast here. Are my eggs here? Where are my
eggs?
Andy:
Excuse me!
Miranda:
Pick up the Polaroids from the lingerie shoot.
Have the brakes checked on my car.
[Truck Horn Honking] [Gasps]
Miranda:
Where's that piece of paper I had in my hand yesterday
morning?
The girls need new surfboards or boogie boards or something
for spring break.
Andy:
Hello.
Emily:
The twins also need flip-flops.
149
Andy:
Oh, my gosh!
Miranda:
Pick up my shoes from Blahnik, and then go get Patricia.
Andy:
Who's that?
Good girl! Good girl! Good girl!
Miranda:
Get me that little table that I liked at that store on Madison.
Get us a reservation for dinner tonight at that place that got the
good review.
Get me Isaac.
Thirty-six thank-you notes delivered today.
Where is everyone?
Why is no one working?
[Miranda's Voice Overlapping]
Miranda:
Get me Demarchelier.
Andy:
I have Miranda Priestly calling for… Okay.
I have Patrick.
[Sighs] Thank God it's Friday, right?
At least Miranda will be in Miami, so we don't have to be on
call this weekend. You know, my dad's coming in from Ohio.
Yeah, we're gonna go out to dinner, maybe see Chicago. You
doing anything fun this weekend?
Emily:
Yes.
***
150
[Piano]
Andy:
Yeah, Nate said it was great.
He actually… He applied here, but they wanted someone with
more experience.
Dad:
Here.
Andy:
Huh? What's this
Dad:
I don't want you to get behind on your rent.
Andy:
Dad, how did you… It's… I'm gonna kill Mom. [Chuckles]
Dad, thank you.
Dad:
Mm-hmm.
Andy:
It's really good to see you.
Dad:
You too, honey.
Andy:
So, you want to start grilling me now or should we wait till
after dinner?
Dad:
I thought I'd let you at least enjoy the bread basket first.
Andy:
No, no, no. It's okay. Go right ahead.
Dad:
We're just a little worried, honey. We get e-mails from you at
your office at 2:00 a.m. Your pay is terrible. You don't get to
write anything.
Andy:
Hey, that's not fair. I wrote those e-mails.
151
Dad:
I'm just trying to understand why someone who got accepted to
Stanford Law turns it down to be a journalist, and now you're
not even doing that.
Andy:
Dad, you have to trust me. Being Miranda's assistant opens a lot
of doors. Emily is going to Paris with Miranda in a few months
and she's gonna meet editors and writers from every important
magazine. And in a year, that could be me. All right?
Dad:
Mm-hmm.
Andy:
Dad, I swear, this is my break. This is my my chance.
[Cell Phone Ringing]
This is my boss. I'm sorry, Dad. I have to take this.
Dad:
Take it. Take it.
Andy:
Hello. Miranda?
Miranda:
My flight has been cancelled. It's some absurd weather
problem. I need to get home tonight. The twins have a recital
tomorrow morning at school.
Andy:
What?
Miranda:
At school!
Andy:
Absolutely. Let me see what I can do.
Miranda:
Good.
152
Andy:
Hi. Um, I know this is totally last minute but I was hoping that
you could maybe get a flight for my boss from Miami to New
York tonight?
Dad:
It's right here. Thank you.
Andy:
Yeah, any kind of jet. From Miami to New York. Thank you.
Yup, I need it tonight. I need it!
Dad:
Ow!
Andy:
I thought you were going out the other.
Dad:
Sweetie! No!It's over here, honey.
Andy:
Tonight.
Hi. I'm trying to get a flight tonight for tonight from Miami to
New York. Yes, I know there's a hurricane. Nothing is flying
out?What do you mean, nothing is flying out? It's for Miranda
Priestly, and I know that she's a client of yours. Yes. Yes, hi. I
need a jet tonight from Miami to New York.
Yeah. Sorry. Hold on. Hello? Miranda, hi. I'm trying to get you
a flight, but no one is flying out because of the weather.
Miranda:
Please. It's just, I don't know, drizzling.
[Thunderclap] Someone must be getting out.
Call Donatella. Get her jet. Call everybody else that we know
that has a jet. Irv? Call every… This is your responsibi…This is
your job. Get me home.
Andy:
Oh, my God! She's going to murder me.
Dad:
What does she want you to do, call the National Guard and
153
have her airlifted out of there?
Andy:
Of course not. Could I do that?
Dad:
Come on. Come on.
***
Miranda:
The girls' recital was absolutely wonderful. They played
Rachmaninoff. Everyone loved it. Everyone except me,
because, sadly, I was not there.
Andy:
Miranda, I'm so sorry.
Miranda:
Do you know why I hired you? I always hire the same girl:
stylish, slender, of course worships the magazine. But so often,
they turn out to be, I don't know, disappointing and, um, stupid.
So you, with that impressive resume and the big speech about
your so-called work ethic I, um, I thought you would be
different. I said to myself, go ahead. Take a chance. Hire the
smart, fat girl.
[Clears Throat]
I had hope. My God. I live on it. Anyway, you ended up
disappointing me more than, um more than any of the other
silly girls.
Andy:
Um, I really did everything I could think of.
Miranda:
That's all.
Emily:
Excuse me! Where do you think you're going?
154
***
Andy:
She hates me, Nigel.
Nigel:
And that's my problem because…Oh, wait. No, it's not my
problem.
Andy:
I don't know what else I can do because if I do something right,
it's unacknowledged. She doesn't even say thank you. But if I
do something wrong, she is vicious.
Nigel:
So quit.
Andy:
What?
Nigel:
Quit.
Andy:
Quit?
Nigel:
I can get another girl to take your job in five minutes: one who
really wants it.
Andy:
No, I don't want to quit. That's not fair. But, you know, I'm just
saying that I would just like a little credit for the fact that I'm
killing myself trying.
155
Nigel:
Andy, be serious. You are not trying. -You are whining. What is
it that you want me to say to you, huh? Do you want me to say,
" Poor you. Miranda's picking on you. Poor you. Poor Andy"?
Hmm? Wake up, six. She's just doing her job. Don't you know
that you are working at the place that published some of the
greatest artists of the century? Halston, Lagerfeld, de la Renta.
And what they did, what they created was greater than art
because you live your life in it. Well, not you, obviously, but
some people. You think this is just a magazine, hmm? This is
not just a magazine. This is a shining beacon of hope for oh, I
don't know let's say a young boy growing up in Rhode Island
with six brothers pretending to go to soccer practice when he
was really going to sewing class and reading Runway under the
covers at night with a flashlight. You have no idea how many
legends have walked these halls. And what's worse, you don't
care. Because this place, where so many people would die to
work you only deign to work. And you want to know why she
doesn't kiss you on the forehead and give you a gold star on
your homework at the end of the day. Wake up, sweetheart.
[Sighs]
Andy:
Okay. So I'm screwing it up.
Nigel:
Mmm
Andy:
I don't want to. I just wish that I knew what I could do to…
[Sighs]
Nigel?
Nigel:
Hmm?
Andy:
Nigel, Nigel.
156
Nigel:
No.
***
Nigel:
I don't know what you expect me to do. There's nothing in this
whole closet that'll fit a size six. I can guarantee you. These are
all sample sizes two and four.
All right. We're doing this for you. And…
Andy:
A poncho?
Nigel:
You'll take what I give you and you'll like it. We're doing this
Dolce for you.
Andy:
Hmm!
Nigel:
And shoes. Jimmy Choo's.
Andy:
Hmm
Nigel:
Manolo Blahnik.
Andy
Wow!
Nigel:
Nancy Gonzalez. Love that. Okay, Narciso Rodriguez. This we
love. Uh, it might fit. It might.
Andy:
What?
157
Nigel:
Okay. Now, Chanel. You're in desperate need of Chanel.
Darling, shall we? We have to get to the beauty department, and
God knows how long that's going to take.
***
[Groans]
Emily:
I mean, I have no idea why Miranda hired her.
Serena:
Me neither. The other day, we were in the beauty department.
She held up the Shu Uemura eyelash curler and said, "What is
this?"
[Laughing]
Emily:
I just knew from the moment I saw her she was going to be a
complete and utter disast…
[Phone Rings]
Andy:
Miranda Priestly's office.
No, actually, she's not available, but I'll leave word.
Okay, thanks. Bye.
Emily:
[Clears Throat] How did [Grunts] Are you wearing the…
Andy:
The Chanel boots? Yeah, I am.
Serena:
You look good.
158
Emily:
Oh, God.
Serena:
What? She does.
Emily:
Oh, shut up, Serena.
***
Nate:
See you guys tomorrow.
Good night, man. Take it easy.
Take care of that finger, huh?
Andy:
So, what do you think?
Nate:
Uh, I think we better get out of here before my girlfriend sees
me.
***
[Woman Singing] [Continues] -[Horn Honking] [Cell Phone Rings] [Continues]
Miranda:
The gowns are fabulous. Mm-hmm. We're gonna use the
burgundy. Gotta find!
***
159
Nate:
So we spent a whole semester on potatoes alone. You take the
fry and squeeze it. See how firm that is?
Andy:
Hey. Oh, I'm so sorry I'm late. There was a crisis in the
accessories department. I needed to find a python headband.
Doug:
Python’s hot right now
Andy:
I have exciting presents for all of you. Are you ready?
Nate:
What is that?
Andy:
It's a Bang & Olufsen phone. Charlie Rose sent it to Miranda
for her birthday. I looked it up on line. It's $1,100.
Lily:
What?
Nate:
Wow!
Andy:
And I have some products. Mason Pearson hairbrushes. A little
Clinique.
Doug:
Ooh! Oh, damn it. I love your job.
Andy:
Oh! One more. A little thing. [Gasps] Do you want it? You want
Lily:
Oh. Gimme! Gimme, gimme, gimme!
Andy:
I think she likes it.
Lily:
Oh, my God! This is the new MarcJacobs! This is sold out
everywhere. Where did you get this?
160
Andy:
Miranda didn't want it, so…
Lily:
No, no, no, no, no. This bag is, like, $1,900. I cannot take this
from you.
Andy:
[Cackles] Yeah, you can.
Nate:
Why do women need so many bags?
Lily:
Shut up.
Nate:
You have one. You put all your junk in it, and that's it. You're
done.
Doug:
Fashion is not about utility. An accessory is merely a piece of
iconography used to express individual identity.
Lily:
Oh! And it's pretty.
Doug:
That too.
Andy:
Yeah. But the thing is, it turns out there is more to Runway than
just fancy purses. Look, here's an essay by Jay Mclnerney, a
piece by Joan Didion. Even an interview with Christiane
Amanpour.
Nate:
Looks like someone's been drinking the Kool-Aid.
Andy:
What do you?
[Cell Phone Ringing]
Nate:
I got it. It's… Yup, the Dragon Lady
161
Lily:
Oh, Miranda? Let me talk to her.
Andy:
I need that.
Lily:
I'll tell her to get her own scrambled eggs.
Andy:
Lily, no, no, no! Put that thing up! I was gonna answer it! It's
gonna make Give me the phone.
[Beeps]
Andy:
[Sputters] Hi, Miranda. Ooh. Shh. Absolutely.
Nate, Lily, Doug:
Shh!
Andy:
Uh-huh. I'm leaving right now. You know, you guys didn't have
to be such assholes.
***
[Rings] [Electronica] [Woman Singing]
Andy:
Um, excuse me. I'm looking for James Holt.
Employee:
Um, that's him right there.
Andy:
Oh. Thanks.
Employee:
No problem.
162
James Holt:
I put my stuff out there, and I pray they improve.
Employee:
Really?
Andy:
Excuse me.
James Holt
Hi.
Andy:
I'm Andy. I'm picking up for Miranda Priestly.
James Holt:
Oh, yes. You must be the new Emily.
[Chuckling]
Nice to meet you. Oh, let me see that bag. Very, very nice. Ah.
Distressed, studded leather, pieced by hand, finished with a
metallic fringe.
[Clicks Tongue]
Very nice, indeed. Who made that fantastic thing?
Andy:
You.
James Holt:
Hmm. Duh. This way. Uh, here we go. It's a sketch of
Miranda's dress for the benefit. Also the centrepiece of my
spring collection. Top secret stuff.
Andy:
I'll guard it with my life.
James Holt:
Please do.
Come on. You're working for Miranda Priestly now. You must
be in desperate need of hard liquor. Excuse us, girls. She'll have
the punch.
[Clears Throat]
163
James Holt:
It's deadly. Have fun.
[Man Singing]
Christian Thompson:
He's right, you know.
Andy:
Hmm?
Christian Thompson:
The punch. I drank it at James's last party. I woke up in
Hoboken wearing nothing but a poncho and a cowboy hat.
Andy:
Ah. Well.
Christian Thompson:
Wise. [Chuckling] Uh, hi. Christian Thompson.
Andy:
Christian Thompson? You're kidding. No, you're…You write
for, like, every magazine I love. I actually… I reviewed your
collection of essays for my college newspaper.
Christian Thompson:
Did you mention my good looks and my killer charm?
Andy:
No, but…
Christian Thompson:
What do you do?
Andy:
Oh. Well, I want to work for somewhere like The New Yorker
or Vanity Fair. I am a writer too.
Christian Thompson:
Is that right?
Andy:
Mm-hmm.
Christian Thompson:
I should read your stuff. Why don't you send it over?
164
Andy:
Yeah? That would be…thank you. That would be great.
[Giggling]
But actually, right now, I'm working as Miranda Priestly's
assistant.
Christian Thompson:
Oh, you're kidding. Well, that's too bad. That's…Whoa. You'll
never survive Miranda.
Andy:
Excuse me?
Christian Thompson:
Well, you seem nice, smart. You can't do that job.
Andy:
Gotta go.
Christian Thompson:
Okay. Well, it was very, very nice to meet you, Miranda girl.
***
Miranda:
Emily? Call James Holt's office. Tell them I want to move the
preview up to today at 12:30. Tell everybody else. Be ready to
leave in half an hour.
Nigel:
But we're not expected until Tuesday. Did she say why?
Andy:
Yes. Yeah, she explained every detail of her decision making.
And then we brushed each other's hair and gabbed about
American Idol.
Nigel:
I see your point.
165
Andy:
What’s a preview anyway?
James Holt:
Good morning, Miranda.
Nigel:
Miranda insists upon seeing all the designers' collections before
they show them.
James Holt:
Great to see you.
Miranda:
Hello, James.
Andy:
And she tells them what she thinks?
Nigel:
In her way.
James Holt:
Uh, this season really began for me with a meditation on the
intersection between East and west.
Nigel:
There's a scale. One nod is good. Two nods is very good.
There's only been one actual smile on record, and that was Tom
Ford in 2001.
James Holt:
An obi belt.
Nigel:
She doesn't like it, she shakes her head.
James Holt:
This is the dress that we have designed specifically and
exclusively for you.
Nigel:
Then, of course, there's the pursing of the lips.
Andy:
Which means?
166
Nigel:
Catastrophe.
James Holt:
[Whispers] Just, uh… Just go.
Miranda:
I just don't understand. I'm appalled. It's absurd. Appalled. You
deal with it.
Nigel:
I'll talk to him.
Andy:
So because she pursed her lips, he's gonna change his entire
collection?
Nigel:
You still don't get it, do you? Her opinion is the only one that
matters.
Miranda:
Call my husband and confirm dinner.
Andy:
At Pastis? Done.
Miranda:
And I'll need a change of clothes.
Andy:
Well, I've already messengered your outfit over to the shoot.
Miranda:
Fine. And, Andrea, I would like you to deliver the Book to my
home tonight. Have Emily give you the key.
Andy:
Mm-hmm.
***
Emily:
Guard this with your life.
167
Andy:
Of course. You know, if I can deliver the Book, that means I
must have done something right. I'm not a psycho. Oh, and, you
know, she called me Andrea? I mean, she didn't call me Emily,
which is…Isn't that great?
Emily:
Yeah, whoopee. Right. Now, it's very important that you do
exactly what I'm about to tell you.
Andy:
Oh. Okay.
Emily:
The Book is assembled by 10:00, 10:30 and you must wait
around for it until then. You will be delivering Miranda's dry
cleaning with the Book. Now, the car will take you straight to
Miranda's townhouse. You let yourself in. Andrea. You do not
talk to anyone. Do not look at anyone. This is of the utmost
importance. You must be invisible. Do you understand?
Andy:
Uh-huh.
Emily:
You open the door and you walk across the foyer. You hang the
dry cleaning in the closet across from the staircase.
Andy:
Uh
Emily:
And you leave the Book on the table with the flowers.
[Panting]
Andy:
Shit!
Miranda’s daughters
It's that door to the left.
168
Andy:
Okay. [Whispers] Thank you.
Miranda’s daughters
You can give the Book to us.
Andy:
Shh. Which, which table?
Miranda’s daughter
It's okay. Come on up.
Andy:
No, I can't. I can't.
Miranda’s daughter
What? It's okay. -Come on. Yeah, come on. It's okay
Andy:
Please stop talking.
Miranda’s daughter
Or you can bring the Book upstairs. Emily does it all the time.
She does? Right. She does, all the time.
Andy:
Yeah? Okay.
[Giggling]
Miranda:
What did you expect me to do, walk out in the middle of a
cover shoot?
Miranda’s husband
I rushed out of an investment committee meeting and I sat there
waiting for you for almost an hour.
Miranda:
I told you the cell phones didn't work. Nobody could get a
signal out.
Miranda’s husband
I knew what everyone in that restaurant was thinking: there he
is, waiting for her again.
169
***
Andy:
Okay, okay! Okay, okay.
Emily:
Oh, no. Shh!
Andy:
It really wasn’t that big a deal. I promise. The twins said hello,
so I said hello back. Then I went up the stairs to give her the
Book and…
Emily:
You went upstairs? Oh, my God. Why didn't you just climb into
bed with her and ask for a bedtime story?
Andy:
Okay, I made a mistake. I know.
Emily:
Andrea, you don't understand. If you get fired, that might
jeopardize Paris for me. If that happens, I will search every
Blimpie's in the tristate area until I track you down.
Andy:
She's gonna fire me?
Emily:
I don't know. She's not happy.
Miranda:
Andrea?
[Snaps Fingers]
Andy:
Miranda, about last night…
Miranda:
I need the new Harry Potter book for the twins.
170
Andy:
Okay. Okay. I'll go down to Barnes & Noble right now.
Miranda:
Did you fall down and smack your little head on the pavement?
Andy:
Not that I can recall.
Miranda:
We have all the published Harry Potter books. The twins want
to know what happens next.
Andy:
You want the unpublished manuscript?
Miranda:
We know everyone in publishing. It shouldn't be a problem,
should it? And you can do anything, right?
[Cell Phone Rings]
Miranda:
Yes, Bobbsey. I know, baby. Mommy's working very hard to get
it for you.
Andy:
She doesn't get it. I could call J.K. Rowling herself. I'm not
gonna get a copy of that book.
Miranda:
My girls are leaving on the train for their grandmother's at 4:00
so the book better be here no later than 3:00.
Andy:
Of course!
Miranda:
And I would like my steak here in 15 minutes.
Andy:
No problem! [Panting] Okay. I have four hours to get the
impossible manuscript. Smith & Wollensky's doesn't open until
11:30. How am I gonna get the steak? Okay. I will be back in
15 minutes. Wish me luck!
171
Emily:
No. Shart.
***
Andy:
Yes, yes, yes, yes. I've been on hold. It's for Miranda Priestly.
It's very important. Yes, I know it's impossible to get but, well, I
was wondering if you could make the impossible possible if
that's at all possible.
[Laughing]
Yes, I'm calling about the Harry Potter manuscript. Uh, no.
Unpublished. Not a chance? Tell her that it's for Miranda
Priestly. 'Cause I think it makes a difference. Let me call you
back. You probably don't remember me. We met at James Holt's
party. I'm Miranda Priestly's assistant.
Christian Thompson:
The Harry Potter manuscript? Oh, you're kidding.
Andy:
Uh, sorry to ask, but I'm desperate.
Christian Thompson:
Just tell her it can't be done. You'll have to come up with a Plan
"B."
Andy:
Well, this is Miranda Priestly we're talking about. There is no
Plan "B." There's only Plan "A." Is she back? Am I fired?
Emily:
I rarely say this to people who aren't me but you have got to
calm down. Bloody hell!
Miranda:
Coat, bag. What's that? Oh, I don't want that. I'm having lunch
with Irv. I'll be back at 3:00. I'd like my Starbucks waiting. Oh,
172
and if you don't have that Harry Potter book by then don't even
bother coming back.
***
[Phone Rings]
Nate:
Hello. Quit? Are you sure?
Andy:
I failed. She's gonna fire me anyway. I might as well beat her to
the punch.
Nate:
Wow. Andy, good for you. Congratulations. You're free.
Andy:
Yeah. Well, listen, I'll call you later.
Nate:
Okay.
[Line Clicks, Phone Rings]
Andy:
Hello.
Christian Thompson:
I'm brilliant. No, really. Monuments should be erected in my
honour.
Andy:
You didn't.
Christian Thompson:
Oh, yes. A friend of a friend does the cover art and she happens
to have the manuscript.
Andy:
Oh, no, 'cause that would mean that I actually did something
right. [Chuckles] It's just… Oh! The thing is, Christian, I was
173
just…
Christian Thompson:
Look, you want this thing, you better hurry. I'll meet you at the
St. Regis.
Andy:
Excuse me.
[Horn Honks]
Concierge:
Welcome to the St. Regis. May I assist you with anything?
Andy:
Oh. Yes. Uh, I'm meeting someone at the King Cole Bar.
Concierge:
Right this way.
Andy:
Hi.
Christina Thompson:
You have one hour.
Andy:
Thank you.
***
Miranda:
One copy. What are my twins gonna do with that? Share?
Andy:
Oh, no, I made two copies and had them covered, reset and
bound so that they wouldn't look like manuscripts. This is an
extra copy to have on file. You know, just in case.
Miranda:
Well, where are these fabulous copies? I don't see them
anywhere.
174
[Whistle Blows]
Andy:
They're with the twins, on the train on the way to Grandma's. Is
there anything else I can do for you?
Miranda:
Mm-mmm. That's all.
Andy:
Okay.
***
[Door Opens]
Andy:
Hey.
Nate:
Hey. I went to Dean & Deluca. Man, they charge, like, five
dollars a strawberry there. But I figure since you quit your job
we should celebrate.
Andy:
Listen, Nate.
Nate:
Wait a minute. You quit your job, but you're still working on the
twins' science project? Well, that's big of you.
Andy:
Okay, after we talked, I realized it doesn't make sense throwing
away all those months of hard work. I just had a moment of
weakness, that's all.
Nate:
Yeah, well, either that, or your job sucks and your boss is a
wacko. All right. Whatever. It's your job.
175
Andy:
I still want the same things. Okay?
Nate:
Mm-hmm
Andy:
I promise. Same Andy, better clothes.
Nate:
I like the old clothes.
Andy:
Really? Well, what about these necklaces? Do you like them?
No? And this dress, it's new.
Nate:
Eh.
Andy:
Well, there is one other thing that's new that I thought you
might like. But, uh… What about this? You don't like it. I
should better do…
Nate:
No, no, no, no.
***
[Woman Singing] [Ends]
Nigel:
Is this number two look? This is number two?
Andy:
Hi.
Nigel:
Hi. All right Turn around for me, darling.
Andy:
Oh, I get it. I get it. I get it. The piece is called "urban jungle”,
right?
176
Nigel:
Yes, the modern woman unleashes the animal within to take on
the big city. [Growls] Good. Go. [Sighs] Sometimes I can't
believe I talk about this crap all day. Bobby, come here. Let me
see.
Andy:
Oh, thank you.
Nigel:
Make sure Miranda gets these as soon as possible.
Andy:
Mm-hmm.
Nigel:
And tell her I switched in the Dior for the Rocha.
Andy:
Oh, great. Can't wait.
Nigel:
Excuse me. Can we adjust the attitude?
Andy:
I'm sorry.
Nigel:
Don't make me feed you to one of the models.
Andy:
I'm sorry. It's a busy day. My personal life is hanging by a
thread, that's all.
Nigel:
Join the club. That's what happens when you start doing well at
work, darling. Let me know when your whole life goes up in
smoke. That means it's time for a promotion.
***
Miranda:
No. All right, February, back of the issue. Did anybody speak
177
with Salma's people yet?
Employee:
Yes, but she'd rather do a summer cover because she has a
movie coming out.
Miranda:
No. Also, I'm pulling the Toobin piece on the Supreme Court
women… woman. And I need to see a new draft on that piece
about shopping for a plastic surgeon It's dull. And this layout
for the winter wonderland spread. Not wonderful yet.
Employee:
Oh, okay. L-I'll look at it.
Miranda:
What about Testino? Where are we on that?
Nigel:
Zac Posers doing some very sculptural suits. So I suggested
that, uh, Testino shoot them at the Noguchi Garden.
Miranda:
Perfect. Thank God somebody came to work today. What about
accessories for April?
Employee:
One thought I had was enamel. Um, bangles, pendants,
earrings.
Miranda:
No. We did that two years ago. What else?
Employee:
Um, well, they're showing a lot of florals right now, so I was
thinking…
Miranda:
Florals? For spring? Groundbreaking.
Employee:
But we thought about shooting them in an industrial space. We
thought the contrast between the femininity of the florals and
the more raw, rough-hewn background would create this
178
wonderful tension between
Miranda:
No.
Employee:
Which?
[Emily Coughing]
Miranda:
No.
[Coughing Continues]
Miranda:
Does anybody else have anything I can possibly use?
Antibacterial wipes perhaps?
***
[Groans]
Andy:
How's the cold doing?
Emily:
Like death warmed up actually. [Sniffles] Oh, God. It's the
benefit tonight. I've been looking forward to it for months. I
refuse to be sick. I'm wearing Valentino, for crying out loud.
Right. Well, everybody will be leaving soon to get ready so I
suggest you go and drop Miranda's Fendi bag off at the
showroom and then I suppose you can just go home.
Andy:
Yeah? Oh, well, that is great. Perfect actually. I need to get to
Magnolia Bakery before it closes. It's Nate's birthday tonight.
So we're, uh, having a little party for him.
179
Emily:
Yeah, I'm hearing this, and I wanna hear this.
Andy:
Bye.
Emily:
I love my job. I love my job. I love my job.
***
[Chattering] [Cell Phone Rings]
Andy:
Hello?
Miranda:
Before the benefit tonight, I need to make sure that you're both
fully prepared on the guest list.
Andy:
But I thought that only the first assistant went to the benefit.
Miranda:
Only when the first assistant hasn't decided to become an
incubus of viral plague. You'll come and help Emily. That's all.
Emily:
Right. These are all of the guests. Miranda invites everyone. We
have to make sure that they all think she knows exactly who
they are. And I've been studying for weeks.
Andy:
I have to learn all these by tonight?
Emily:
No, don't be silly, Andrea. These too.
***
180
Andy:
Look, you better just start without me, okay? I'll get there as
soon as I can.
Lily:
Andy, come on, it's his birth… Okay, but hurry.
Andy:
Oh, please, believe me, I will. This is the last thing that I
wanna… Ooh, I love that. Uh, I'll call you the second I'm
leaving, okay? Will that fit me?
Nigel:
Oh, yeah. A little Crisco and some fishing line, and we're in
business.
***
[Sarcastic Chuckle] [Woman Singing]
Nigel:
Well, nothing really. I mean, this is… I mean, really, this is the
social event of the season.
Emily:
Oh, oh, my God. Andy, you look so chic.
Andy:
Oh, thanks, Em. You look so thin.
Emily:
Do I?
Andy:
Yeah.
Emily:
Oh, it's for Paris. I'm on this new diet. It's very effective. Well, I
don't eat anything. And then when I feel like I'm about to faint,
I eat a cube of cheese.
181
Andy:
Well, it's definitely working.
Emily:
I know. I'm just one stomach flu away from my goal weight.
[Man Singing]
Emily:
That's John Folger, the new artistic director of the Chelsea Rep.
Miranda:
John, thanks for coming.
John Folger:
Hey there Oh, thank you. It's always nice seeing you.
Emily:
Stop fidgeting.
Andy:
I'm sorry. I'm so late.
Emily:
Just deal with it. You have to be here.
Andy:
Emily, come here. Isn't that Jacqueline Follet from French
Runway?
Emily:
Oh, my God, and Miranda hates her. She was supposed to
arrive after Miranda left.
Andy:
I didn’t… Oh
Emily:
Yeah.
Mr. Ravitz:
Miranda, fabulous event as always.
Miranda:
You brought Jacqueline.
182
Jacqueline Follet:
Surprise.
Miranda:
Quelle surprise. Oh, wonderful. We're so happy you were able
to come to our little gathering.
Jacqueline Follet:
Of course. I plan my whole year around this.
Miranda:
Well, we're so grateful that you do.
Jacqueline Follet:
Ciao.
Miranda:
Have you gotten my note?
Mr. Ravitz:
Yes, I did. We'll discuss it on Wednesday.
Miranda:
Yes, I agree. No business tonight.
Mr. Ravitz:
Not tonight.
Miranda:
Enjoy. [Sniffles]
Andy:
Em.
Emily:
Oh, thanks. Thanks. Oh, um… Oh, my God. I just can't
remember what his name is. I just saw his name this morning
on the list. It's…Oh, I know this. It's something to do
with…Wait, he was…he was part of the…Oh, God, I know
this. Um…
Andy:
It's Ambassador Franklin, and that's the woman that he left his
wife for, Rebecca.
Miranda:
Rebecca. Ambassador.
183
Ambassador:
Miranda You look fabulous.
Miranda:
Oh, very kind.
Emily:
Thank you.
***
[Chattering Continues]
Christian Thompson:
Look at you.
Andy:
Hello.
Christian Thompson:
You're… You're a vision.
Andy:
Oh. [Scoffs]
Christian Thompson:
Thank God I saved your job.
Andy:
[Stammers, Chuckles] You know, I figured out a few things on
my own too. Turns out, I'm not as nice as you thought.
Christian Thompson:
I hope not. Well, if it weren’t for the stupid boyfriend. I'd have
to whisk you away right here and now.
Andy:
Do you actually say things like that to people
Christian Thompson:
Evidently.
Andy:
[Giggles] Well, I gotta go.
184
Christian Thompson:
Are you sure? 'Cause my editor for New York Magazine is
inside and, you know, I could introduce you two. You sent over
your stuff for me to look at? Remember?
Andy:
Yeah.
Christian Thompson:
All right, I gotta admit, I only read a couple. It was a very large
packet you sent.
Andy:
Yeah.
Christian Thompson:
But what I did read wasn’t half bad. And, you know, I think… I
think you have a talent, Andy. He should meet you. Why don't
you come in? Just for one drink.
Andy:
Um, okay, yeah. I guess I could for one. No, I can't. I'm sorry,
but I have to go.
Christian Thompson:
All right. Give my best to the boyfriend.
***
Andy:
Roy, I'm sorry. Can you go any faster?
Roy
I'm sure Nate will understand.
Andy:
Yeah.
***
185
[TV, Indistinct]
Andy:
Hey. Happy birthday. Nate, I'm so sorry. I kept trying to leave,
but there was a lot going on. And, you know, I didn't have a
choice.
Nate:
Don't worry about it. [Grunts] I'm gonna go to bed.
Andy:
Can we at least talk about this?
Nate:
You look really pretty.
***
Miranda:
Andrea? Do you have the Book?
Andy:
Oh!
Miranda:
Mm. Paris is the most important week of my entire year. I need
the best possible team with me. That no longer includes Emily.
Andy:
Wait. You want me to… No, Miranda. [Exhales] Emily would
die. Her whole life is about Paris. She hasn't eaten in weeks. L-I
can't do that. Miranda, I can't.
Miranda:
If you don't go, I'll assume you're not serious about your future
at Runway or any other publication. The decision’s yours.
That's all.
[Woman Singing] [Laughing] [Continues]
186
Nate:
Hey, Andy.
Andy:
Hey.
Nate:
You coming to bed anytime soon?
Andy:
Uh, yeah. Five minutes, okay?
***
[Fax Printing] [Clears Throat]
Miranda:
Andrea, don't forget to tell Emily. Do it now.
[Line Ringing]
Andy:
Don't pick up. Don't pick up. Don't pick up. Don't pick
Emily:
Hi.
Andy:
Emily.
Emily:
Hi, hi. Sorry I'm late. It's just Miranda wanted some scarves
from Hermes. And she did tell me yesterday, but I forgot like an
idiot. And so I freaked out, of course.
Andy:
Emily, Emily, I-I need to talk to you.
Emily:
I called Martine at home, and she opened the shop early. Whoa!
I'm sorry. She opened the shop early for me, so I got them,
which is great.
187
Andy:
Okay. Um, Emily, wh-when you come in there's something I
have to talk to you about.
Emily:
Well, I hope it's not another Miranda problem.
Andy:
Not exactly.
Emily:
Well, good, because I've got so much to deal with before I go. I
swear to God
[Gasps] [Horn Honks, Tires Skid] [Clamoring] [Woman]
Andy:
Oh, my God! Emily?
***
[Woman On P.A., Indistinct] [Elevator Bell Dings]
Emily:
I don't care if she was gonna fire you or beat you with a red-hot
poker! You should have said no.
Andy:
Emily, I didn't have a choice.
Emily:
Oh. Please.
Andy:
You know how she is.
Emily:
That is a pathetic excuse. [Door Opens] Thanks. Do you know
what really just gets me about this whole thing is that, you
know, you're the one who said you don't really care about this
stuff. And you don't really care about fashion. You just wanna
188
be a journalist. What a pile of bollocks!
Andy:
Emily, I know you're mad. I don't blame you.
Emily:
Face it, you sold your soul the day you put on that first pair of
Jimmy Choo's. I saw it. And you know what really just kills me
about this whole thing is the clothes that you're gonna get. I
mean, you don't deserve them. You eat carbs, for Christ's sake.
God, it's so unfair!
Andy:
Emily.
Emily:
Just go!
Andy:
Emily.
Emily:
I said go!
***
[Sighs]
Doug:
You are going to Paris for the couture shows?
Andy:
Mm-hmm.
Doug:
That's the coolest fashion event of the year.
Andy:
Mm-hmm.
Doug:
I mean, who are you going to see, Galliano?
189
Andy:
Yeah.
Doug:
And Lagerfeld and Nicholas Ghesquiere.
Andy:
Yep. Yes. Okay, now you're scaring me. [Chuckles]
Lily:
Hey
Andy:
Hey. This show is amazing. I am so proud of you.
Lily:
Thank you. Okay, start with the photos in the back and work
your way forward. That is the way I designed it. It is brilliant.
You will love it
Andy:
Of course.
Lily:
And you, I have somebody I want you to meet, okay?
Doug:
Ooh, art and sex. Lead the way.
Lily:
See you later.
Andy:
Okay.
[Woman Singing]
Christian Thompson:
Hey. Hey, Miranda girl.
Andy:
Hi.
Christian Thompson:
I was just thinking about you.
Andy:
Oh, come on.
190
Christian Thompson:
It's true.
Andy:
No.
Christian Thompson:
I'm profiling Gaultier for Interview and, uh, making my Paris
plans. I found myself wondering if, uh, you were gonna be
there.
Andy:
Well, actually, um, I am going.
Christian Thompson:
Great. I'm staying in a fantastic little hotel in the Seventh right
across the street from the falafel restaurant that will change
your life.
Andy:
[Chuckles] I'm sorry. I'll be too busy working. You'll have to
find someone else's life to change.
Christian Thompson:
Well, that's just it. I'm beginning to wonder if I can.
Andy:
Lily. Lily, he's just a guy I know from work.
Lily:
Yeah, that looked like work.
Andy:
Look, you're making a big deal out of…
Lily:
You know, the Andy I know is madly in love with Nate is
always five minutes early and thinks, I don't know, Club
Monaco is couture. For the last 16 years, I've known everything
about that Andy. But this person? This "glamazon" who skulks
around in corners with some random hot fashion guy? I don't
get her.
191
Andy:
Lily.
Lily:
Have fun in Paris.
Nate:
You going to Paris?
Andy:
Uh, yeah. It just happened.
Nate:
I thought Paris was a big deal for Emily.
Andy:
Great. Now you're gonna give me a hard time too?
Nate:
Hey, Andy. Andy! Andy, what the hell is wrong with you?
Andy:
L-I didn't have a choice, okay? Miranda asked me, and I
couldn't say no.
Nate:
I know. That's your answer for everything lately, "I didn't have
a choice". Like this job was forced on you.
Andy:
Nate, I get it, okay?
Nate:
Like you don't make these decisions yourself.
Andy:
You're mad because I work late all the time and I missed your
birthday party. And I'm sorry.
Nate:
Oh, come on. What am I, four?
Andy:
You, You hate Runway and Miranda. And you think fashion is
stupid. You've made that clear.
Nate:
Andy, I make port wine reductions all day. I'm not exactly in
192
the Peace Corps. You know, I wouldn't care if you were out
there pole dancing all night as long as you did it with a little
integrity. You used to say this was just a job. You used to make
fun of the Runway girls. What happened? Now you've become
one of them.
Andy:
That's absurd.
Nate:
That's okay. That's fine. Just own up to it. And then we can stop
pretending like we have anything in common anymore.
Andy:
You don't mean that, do you?
Nate:
No, I do.
Andy:
Well, maybe this trip is coming at a good time. Maybe we
should take a break. Nate?
[Cell Phone Ringing]
Andy:
I'm sorry. Just one second?
Nate:
You know, in case you were wondering the person whose calls
you always take, that's the relationship you're in. I hope you
two are very happy together.
[Cell Phone Continues Ringing]
Andy:
Hello, Miranda.
***
[Man Singing] [Chattering]
193
Valentino:
Pardon. Miranda.
Miranda:
Maestro. Mmm.
Valentino:
How are you? So glad to see you. Thank you for coming. You
like the collection?
Miranda:
Absolutely. I think it's the best in years.
Valentino:
This is very important for me. Very, very important. I'm very
happy for you.
Miranda:
This is my new Emily.
Valentino:
Hello. How do you do?
Andy:
I'm good. Pleasure. Nice to meet you.
Valentino:
You love the show?
Journalists:
Miranda. This way! [Clamoring] Miranda. Nigel. Fashion’s gre
gatekeepers. Miranda, what is Runway's position on French
fashion versus American fashion?
Christian Thompson:
I've been thinking
Andy:
Oh
Christian Thompson
You still owe me for Harry Potter.
Andy:
Oh, do I?
194
Christian Thompson:
Of course you do. Are you working tonight?
Andy:
Oh! No, actually Miranda has a dinner.
Christian Thompson:
Great, you're free. Oh, but there is the problem of le boyfriend.
Wait, don't tell me. The boyfriend non plus? Je suis tres, tres
desole.
Andy:
Oh, you're so full of it. You're not desole at all.
Christian Thompson:
No, not even a little. What time should I pick you up?
Andy:
I'll call you.
Christian Thompson:
Yeah.
***
Andy:
Oh.
Miranda:
Oh, there you are. [Clears Throat] We need to go over the
seating, uh, chart for the luncheon.
Andy:
Okay. Um, yeah, sure. I have it right here.
Miranda:
By all means, move at a glacial pace. You know how that thrills
me.
Andy:
Okay.
Miranda:
So first of all, we need to move Snoop Dogg to my table.
195
Andy:
But your table's full.
Miranda:
Stephen isn't coming.
Andy:
Oh, Stephen is so I don't need to fetch Stephen from the airport
tomorrow?
Miranda:
Well, if you speak to him and he decides to rethink the divorce
then, yes, fetch away. You're very fetching, so go fetch. And
then when we get back to New York, we need to contact, um,
Leslie to see what she can do to minimize the press on all this
Another divorce splashed across page six. I can just imagine
what they're gonna write about me. The Dragon Lady, careerobsessed. Snow Queen drives away another Mr. Priestly. Rupert
Murdoch should cut me a check for all the papers I sell for him.
Anyway, I don't I don't really care what anybody writes about
me. But my, my girls, I just… It's just so unfair to the girls. It's
just another disappointment, another letdown, another father
figure [Chuckles] gone.
Anyway, the point is [Clears Throat] the point is [Sighs]
The point is we really need to figure out where to place
Donatella because she's barely speaking to anyone.
Andy:
I'm so sorry, Miranda. If you want me to cancel your evening, I
can.
Miranda:
Don't be ridiculous. Why would we do that?
Andy:
Um, … Is there anything else I can do?
Miranda:
Your job. That's all.
196
***
[Knocking]
Nigel:
Hi. I need Miranda's itinerary for tomorrow.
Andy:
Okay. Come on in.
Nigel:
All right? Thanks. Who put that together for you?
Andy:
This? Oh, it's just, it's just something I threw on
Nigel:
Turn around. Let me see. Turn. Mm. Incroyable.
Andy:
Yeah?
Nigel:
It's really just, no, it's, no, gorgeous.
Andy:
Yeah? Okay, good.
Nigel:
Really. I think that my work here is done.
Andy:
Oh.
Nigel:
We're going to celebrate. I'm going to get some champagne.
Andy:
Okay. What are we toasting?
Nigel:
We are toasting, my dear, to the dream job. The one that a
million girls wanted.
Andy:
Which I got months ago.
197
Nigel:
I'm not talking about you.
Andy:
Mm-hmm.
Nigel:
James Holt…
Andy:
Yeah.
Nigel:
Massimo Corteleoni is investing in James's company and taking
it global. Bags, shoes, fragrances: the works And James needs a
partner. And that partner would be me.
Andy:
Does Miranda…?
Nigel:
No, no, Miranda knows, because Oh, she put me up for it. God,
no. Can you imagine?
Andy:
But… But…But you're leaving
Nigel:
Mm-hmm.
Andy
I can't imagine Runway without you.
Nigel:
I know, I know, but I'm so excited though. This is the first time
in 18 years I'm going to be able to call the shots in my own life.
Oh, my God! I'm going to be able to come to Paris and actually
see Paris.
Andy:
Well, congratulations.
Nigel:
Huh? Oh.
198
Andy:
Nigel, you deserve it.
Nigel:
You bet your size-six ass. [Guffaws]
Andy:
Four.
Nigel:
Really?
Andy:
[Glasses Clink] Cheers.
Nigel:
Cheers to you.
Andy:
To us.
Nigel:
Let me see that. [Giggles]
***
[Woman Singing In French]
Andy:
Okay, I just wanna say that yes, there are things Miranda does
that I don't agree with, but…
Christian Thompson:
Come on. You hate her. Just admit it to me.
Andy:
No.
Christian Thompson
She's a… She's a notorious sadist and not in a good way.
Andy:
Okay, she's tough, but if Miranda were a man no one would
notice anything about her, except how great she is at her job.
199
Christian Thompson:
[Chuckles] I'm sorry. I can't… I can't believe this. You're
defending her?
Andy:
Yeah.
Christian Thompson:
The wide-eyed girl peddling her earnest newspaper stories?
You, my friend, are crossing over to the dark side.
Andy:
I resent that.
Christian Thompson:
You shouldn't. It's sexy.
Andy:
Sexy? Really?
Christian Thompson:
Really.
***
Andy:
So do you… do you know where we're going? 'Cause I'm lost.
Christian Thompson:
Yeah. Yeah, don't worry. I know this city like the back of my
hand. It's my favourite place in the whole world. You know,
Gertrude Stein once said: "America is my country, and Paris is
my hometown.”
[Andy Laughs]
Christian Thompson:
It's true.
Andy:
What do you do? Do you just write stuff like that down and
then file it away to use on us girls?
200
Christian Thompson:
I'm Christian Thompson. That's my way.
Andy:
That's your way. Right.
Christian Thompson:
I work freelance. I have a lot of free time on my hands.
Andy:
You know, I never understood why everyone was so crazy
about Paris but it is so beautiful.
[Giggles]
Andy:
Mm. L-I can't. I'm sorry. I can't. You know, Nate and I just split
up a couple days ago, and I can't. Ooh. I've had too much wine.
And my hearing - vision judgment's impaired. No, I barely
know you. I'm in a strange city. I am out of excuses.
Christian Thompson:
Thank God.
***
[Groans] [Gasps]
Andy:
Oh, shoot.
[Door Opens]
Christian Thompson:
Bonjour, madame.
Andy:
Uh, what the hell is this?
201
Christian Thompson:
What does it look like? It's a mock-up.
Andy:
Yeah. Of?
Christian Thompson:
Of what American Runway will look like when Jacqueline
Follet is the new editor in chief.
Andy:
Wh… They're replacing Miranda?
Christian Thompson:
Yeah. And she's bringing me in to run all the editorial content.
You're really surprised? Jacqueline's a lot younger than
Miranda. She has a fresher take on things. Not to mention
American Runway's one of the most expensive books in the
business. Jacqueline does the same thing for a lot less money.
And Irv, Irv's a businessman, you know.
Andy:
Miranda will be devastated. Her whole life is about Runway.
He can't do that to her.
Christian Thompson:
It's done. Irv's gonna tell Miranda after the party for James.
Andy:
And she has no idea?
Christian Thompson:
She's a big girl. She'll be fine.
Andy:
Shit… I have to go.
Christian Thompson:
Andy. Andy, it's done. Baby, it's done.
Andy:
I'm not your baby.
***
202
[Phone Ringing]
Miranda:
Hallo.
Andy:
Oh! Oh! Thank God you're there.
Miranda:
[Sighs] Excuse me?
Andy:
I need to talk to you right away. It's about Jacqueline Follet.
Shit! Oh, shit! Shit, shit, shit!
Mr. Ravitz:
Yes.
Andy:
Mr. Ravitz, I'm so sorry to bother you. I was wondering…
Miranda:
Have you completely lost your mind?
Andy:
I need to talk to you.
Miranda:
Do not disturb me again.
Andy:
But, um, it's just for one… Miranda!
***
[Horn Honks]
Andy:
Miranda. Miranda. Wait, I need to talk to you. Irv is making
Jacqueline Follet the editor in chief of Runway. Christian
Thompson told me he's gonna work for her. Irv is going to tell
you today. I thought maybe if I told you, that you could fix it.
203
Miranda:
Do I smell freesias?
Andy:
What? No. L-I specifically told them…
Miranda:
If I see freesias anywhere I will be very disappointed.
***
Nigel:
For 72 years, Runway has been more than a magazine. It has
been a beacon of elegance and grace. Miranda Priestly is the
finest possible guardian of that beacon setting a standard that
inspires people across the globe.
Ladies and gentlemen, I give you Miranda Priestly.
Miranda:
Thank you, my dear friend.
Bonjour. [Chuckles] Thank you very much for coming today to
help celebrate our dear friend, James Holt. But before I talk to
you about James and his many accomplishments I would like
first to share some news with you. Um, as many of you know
uh, recently Massimo Corteleoni has agreed to finance the
expansion of the James Holt label transforming the work of this
visionary artist into a global brand, which is really an exciting
enterprise. Runway and James Holt share many things in
common chief among them, a commitment to excellence. And
so, it should come as no surprise that when the time came For
James to choose the new president of James Holt International
he chose from within the Runway family. And it's my great
happiness today to announce to you all that that person is my
friend and long-time esteemed colleague Jacqueline Follet.
204
Jacqueline Follet:
Thank you. Merci.
Miranda:
And now to the main event our celebration of James Holt. We
at Runway are very proud to have been…
Nigel:
When the time is right, she'll pay me back.
Andy:
You sure about that?
Nigel:
No. But I hope for the best. I have to.
***
[Clamoring]
Miranda:
You thought I didn't know. I've known what was happening for
quite some time. It just took me a little while to find a suitable
alternative for Jacqueline. And that James Holt job was so
absurdly overpaid that, of course, she jumped at it. So I just had
to tell Irv that Jacqueline was unavailable. The truth is, there is
no one that can do what I do including her. Any of the other
choices would have found that job impossible and the magazine
would have suffered. [Sighs] Especially because of the list. The
list of designers, photographers, editors, writers, models, all of
whom were found by me, nurtured by me and have promised
me they will follow me whenever and if ever I choose to leave
Runway. [Chuckles] So he reconsidered. But I was very, very
impressed by how intently you tried to warn me. I never
thought I would say this, Andrea but I really I see a great deal
of myself in you. You can see beyond what people want and
what they need and you can choose for yourself.
205
Andy:
I don't think I'm like that. I couldn't do what you did to Nigel,
Miranda. I couldn't do something like that.
Miranda:
Mm. You already did. To Emily.
Andy:
That's not what I… No, that was…that was different. I didn't
have a choice.
Miranda:
Oh, no, you chose. You chose to get ahead. You want this life,
those choices are necessary.
Andy:
But what if this isn't what I want? I mean, what if I don't wanna
live the way you live?
Miranda:
Don't be ridiculous, Andrea. Everybody wants this. Everybody
wants to be us.
[Clamoring] [Woman Vocalizing] [Cell Phone Ringing] [Vocalizing Continues]
***
Nate:
I have to be at work in 20 minutes. What's up?
Andy:
Well, I just… I wanted to say that you were right about
everything. That I turned my back on my friends and my family
and everything I believed in and, and for what?
Nate:
For shoes and shirts and jackets and belts.
Andy:
Nate. I'm sorry.
206
[Clears Throat]
Nate:
I flew up to Boston while you were gone. I interviewed at the
Oak Room.
Andy:
And?
Nate:
And you're looking at their new sous-chef. I'm moving up there
in a couple weeks.
Andy:
That's great. Congratulations. I don't know what I'm gonna do
without those late-night grilled cheeses, but
Nate:
I'm pretty sure they have bread in Boston. May even have
Jarlsberg. We might be able to figure something out.
Andy:
You think?
Nate:
Yeah. So, what about you? I mean, what are you gonna do
now?
Andy:
Actually, I, uh, I have a job interview today.
Nate:
Oh, yeah?
Andy:
Mm-hmm.
Nate:
That's what you're wearing?
Andy:
Shut up. I like this.
207
***
Greg Hill:
Andy, Greg Hill.
Andy:
Hello.
Greg Hill:
Come on. These clips are excellent. This thing on the janitors'
union, that's exactly what we do here. My only question is,
Runway? You were there for less than a year. What the hell
kind of a blip is that?
Andy:
Learned a lot. In the end though, I kind of screwed it up.
Greg Hill:
I called over there for a reference, left word with some snooty
girl. Next thing you know, I got a fax from Miranda Priestly
herself saying that of all the assistants she's ever had you were,
by far, her biggest disappointment. And, if I don't hire you, I am
an idiot. You must have done something right.
[Beeping] [Phone Ringing]
Emily:
Miranda Priestly's office.
Andy:
Hey, Emily, it's Andy. Don't hang up. I have a favour to ask
you.
Emily:
You have a favour to ask of me?
Andy:
Yeah. The thing is, I have all these clothes from Paris and I
don't have anyplace to wear them so I was wondering if you
could take them off my hands.
208
Emily:
Well, I don't know. It's a huge imposition. And I'll have to get
them taken in. I mean, they'll drown me. But I suppose I could
help you out. I will have Roy pick them up this afternoon.
Andy:
Thanks, Em. I appreciate it. Good luck.
Emily:
You have some very large shoes to fill. I hope you know that.
***
Miranda:
I don't understand why it is so challenging to get my car when I
ask for it. [Chuckles] Go.
***
The End
209
BIBLIOGRAFIA
ASPESI, N.: La Repubblica, 07 settembre 2006
BERRUTO, G. (2006): Corso elementare di linguistica generale, Novara, De Agostini
Scuola
BERTAZZOLI, R. (2006): La traduzione: teorie e metodi, Roma, Carocci Editore
BRAUN; F. (1988): Terms of address: problems of patterns and usage in various
languages and cultures, Berlino, Ratzlow Druck
CAPRARA, V.: “«Il diavolo veste Prada» con la Streep”, Il Mattino, 07 settembre 2006
CARRERA DÍAZ, M. (2012): Grammatica spagnola, Roma, Ed. Laterza
DE LUCA, A.: Ciak, ottobre 2006
ECO, U. (2003): Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione¸ Milano, Bompiani
FAINI, P. (2007): Tradurre, Roma, Carocci Editore
HARTL, J.: “Streep Wears Devil Well”, MSNBC
JAKOBSON, R. (2009): La fine del cinema?, Milano, Book Time
LEDVINKA, F.R. (2011): What the Fuck Are You Talking About?, Torino, Eris Edizioni
MANCINO, A.G.: “Moda e passerelle: un inferno in terra”, La Gazzetta del
Mezzogiorno, 15 ottobre 2006
210
MORINI, M. (2007): La traduzione: teorie, strumenti, pratiche, Milano, Sironi Editore
NIDA, E. (1964): Towards a science of translating, Leiden, E.J. Brill
PAOLINELLI, M. e DI FORTUNATO, E. (2005): Tradurre per il doppiaggio. La
trasposizione linguistica dell’audiovisivo: teoria e pratica di un’arte imperfetta,
Milano, Hoepli editore
PAVESI M. (2005): La traduzione filmica. Aspetti del parlato doppiato dall'inglese
all'italiano, Roma, Carocci Editore
PEREGO, E. (2005): La traduzione audiovisiva, Roma, Carocci Editore
PUIG, C.: “Threadbare ‘Prada’ wears thin despite devilish Streep”, USA Today
RUTELLI, R. (2004): Dal libro allo schermo. Sulle traduzioni intersemiotiche dal testo
verbale al cinema, Pisa, Edizioni ETS
SOLINAS, S.: “Con Meryl i veri attori sono gli abiti”, Il Giornale, 13 ottobre 2006
VARELA, F. (novembre 2005): Los estándares de calidad y la recepción de la
traducción audiovisual, “Puentes”, n. 6
WEISBERGER, L. (2003): The Devil wears Prada, New York City, Broadway Books.
WEISBERGER, L. (2004): Il diavolo veste Prada, Milano, Edizioni Piemme.
SITOGRAFIA
http://cineahora.blogspot.it/2007/03/crtica-dvd-el-diablo-se-viste-de-prada.html
http://filmup.leonardo.it/ildiavolovesteprada.htm
211
http://www.bliempie.com
http://www.elmulticine.com/criticas2.php?orden=405
http://www.movieplayer.it/film/il-diavolo-veste-prada_8824/incassi/
http://www.rottentomatoes.com/m/the_devil_wears_prada/
http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/doppiaggio/
http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/doppiaggio/Rossi.html
DIZIONARI UTILIZZATI
MALDONADO GONZALEZ, C. (2006): CLAVE Diccionario de uso del español
actual, Madrid, Ediciones SM.
PITTÀNO, G. (2009): Dizionario grammaticale. Così si dice (e si scrive) – dizionario
grammaticale e degli usi della lingua italiana, Bologna, Zanichelli.
WEHMEIMER, S. (2005): OXFORD ADVANCED LEARNER’S DICTIONARY, Oxford,
Oxford University Press.
212
RINGRAZIAMENTI
Un ringraziamento al mio relatore, Ch. Prof. Luís Luque Toro, che mi ha
appoggiato e sostenuto nella realizzazione e nella stesura di una tesi nuova e diversa;
senza il suo appoggio questo progetto, interessante e stimolante, non avrebbe potuto
essere realizzato.
Un grazie particolare va ai miei genitori, che si sono sempre fatti in quattro per
permettermi di studiare e completare il mio ciclo di studi e che mi hanno spinto a
continuare anche dopo la triennale. Un grazie a mio fratello Danny, che riusciva
magicamente a sopportare il mio stress in sessione d’esami.
Non posso non ringraziare di cuore tutte quelle persone che mi sono state vicine
durante questi mesi di ricerca e lavoro. In primis Marco, che mi ha consigliato,
ascoltato, preso in giro, fatto ridere, sostenuto ed è sempre stato al mio fianco, e senza il
quale questo progetto ora non esisterebbe; Elisa, per la sua straordinaria prova di
coraggio nell’accompagnarmi a Venezia e Leonardo, per avermi fatto capire quanto
bello sia spiegare e far comprendere ai più piccoli il fantastico mondo delle lingue.
Last but not least le mie colleghe cafoscarine, Sara e Valentina, che hanno
riempito i miei lunghi pomeriggi universitari, con le quali ho condiviso interminabili
risate pre-laurea e che hanno infuso in me e nel mio progetto di tesi una vena di ironia e
di sana ilarità.
213
Fly UP