...

università dialogo aperto - Università degli Studi di Trento

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

università dialogo aperto - Università degli Studi di Trento
UNIVERSITÀ
DIALOGO APERTO
Capitale umano e ricerca.
Il valore dell’Università per l’impresa,
il mondo del lavoro, il territorio.
Assemblea pubblica di Ateneo
L’UNIVERSITÀ INCONTRA
INCONTRA L’UNIVERSITÀ
3 giugno 2015
Palazzo Istruzione, Rovereto
Assemblea pubblica di Ateneo 2014, 16 giugno 2014 - Dipartimento di Lettere e Filosofia
L’Università...
“Consolida i propri rapporti con il contesto territoriale convocando,
di norma annualmente, una Assemblea pubblica di Ateneo, aperta alla
Comunità universitaria, alla comunità locale e alle sue rappresentanze e
istituzioni, per illustrare ad esse l’attività dell’Ateneo e i suoi riflessi sul
territorio, e raccoglierne valutazioni e suggerimenti sugli indirizzi generali.”
Statuto dell’Università degli Studi di Trento, Art. 2, comma 10
Sommario
Assemblea pubblica di Ateneo
2
di Innocenzo Cipolletta
Spinta innovativa e capacità di fare sistema con le diverse realtà
del territorio: così contribuiamo allo sviluppo socio-economico
4
di Paolo Collini
Meccatronica: un’area ad alto potenziale di impatto
sullo sviluppo industriale
6
di Claudio Migliaresi
Rivoluzione digitale nei bilanci d’esercizio.
Il lavoro di ricerca nell’area dell’economia e del management 8
di Luca Erzegovesi
e Davide Panizzolo
Interagire con il mondo delle cooperative sociali e fare rete.
Il progetto UNI-VERSO LAVORO rivolto agli studenti dell’area sociologica
10
di Alessia Donà
ValorVitis e ValorTruta.
Recupero di scarti agro-industriali: concentrati in omega-3
dalla trota trentina e olio di vinacciolo
12
di Luca Fiori
Lo studio della mente e del comportamento
e la trasferibilità dei risultati della ricerca
al mondo imprenditoriale
14
di Luisa Canal
Robosense - start up accademica:
dall’automazione per la logistica ai prototipi tecnologici per l’innovazione
16
di Mariolino De Cecco
e Alberto Fornaser
Dalle aule al mondo del lavoro.
Esperienze dell’Università di Trento
18
di Paola Quaglia
e Patrizia Tomio
La cattedra UNESCO
in Ingegneria per lo Sviluppo Umano e Sostenibile e il sostegno
a progetti di volontariato internazionale e cooperazione allo sviluppo
20
di Guido Zolezzi
Terremoto a scuola, ma al sicuro:
un nuovo sistema di monitoraggio sismico
di Oreste S. Bursi
e Emiliano Debiasi
22
2
L’UNIVERSITÀ INCONTRA
INCONTRA L’UNIVERSITÀ
Assemblea pubblica di Ateneo
di Innocenzo Cipolletta
Presidente dell’Università di Trento
L’Università si è aperta al territorio
e incontra le differenti comunità
che compongono la società civile.
Questo è un portato del nuovo statuto
dell’Università di Trento che prevede
una volta l’anno un’assemblea aperta
alla cittadinanza.
Per evitare di fare di questo evento
solo una celebrazione formale, ripetuta
ogni 365 giorni, abbiamo deciso di
avviare un processo di ascolto e di
scambio d’informazioni durante tutto
l’anno, che avesse poi nell’Assemblea
aperta il suo momento di sintesi.
È così che la terza Assemblea, quella
del 3 giugno 2015, farà il punto sui
rapporti sviluppati con le comunità del
territorio del Trentino, con i sindacati
dei lavoratori e con le associazioni
delle imprese. Si tratta di un rapporto
rilevante per l’Università e per il
Territorio, perché riguarda i processi di
crescita economica e civile che hanno
nell’istruzione e nella cultura i loro
punti di forza.
Il Trentino, e con esso l’Italia, sarà
sempre più un’economia di qualità, nel
senso che produzioni e lavori potranno
competere nel mondo solo se si
sposteranno verso l’eccellenza, per
uscire dalla concorrenza dei
15 dicembre 2014
CONTATTI
Università degli Studi di Trento
via Calepina, 14 - 38122 Trento
tel. +39 0461 281133
[email protected]
3
Paesi emergenti e per remunerare
adeguatamente lavoro e capitale di
una nazione evoluta, dove i costi non
possono che essere elevati, come
elevato deve essere il tenore di vita del
territorio.
Per questo motivo, nel corso degli
ultimi dodici mesi, abbiamo svolto
incontri con i rappresentanti del
territorio, che hanno come obiettivo
lo sviluppo, con i sindacati dei
lavoratori, che tutelano il lavoro e la
sua remunerazione e con le imprese,
che devono competere in un’economia
globalizzata. Tutti hanno convenuto
dell’importanza dell’istruzione e della
ricerca come fattori di competitività e
di benessere e tutti concordano che
un più stretto rapporto con l’Università
rappresenta la strada per elevare la
qualità del lavoro e delle produzioni
del territorio.
3 marzo 2015
Abbiamo così passato in rassegna
le modalità di collaborazione
finora sviluppate, le loro criticità
e le possibilità di migliorarle e
aumentarle. D’intesa con la Provincia
autonoma di Trento, porteremo avanti
nuove iniziative per rafforzare la
collaborazione.
Di questo si parlerà il 3 giugno
all’Assemblea Aperta, così come un
anno fa si era parlato di rapporti con
il mondo della scuola e con quello del
volontariato.
24 marzo 2015
L’Assemblea non terminerà il 3 giugno
2015. Essa proseguirà idealmente
anche attraverso nuovi strumenti, quali
il blog e questa pubblicazione, numero
speciale dedicato all’evento, con
l’obiettivo di far conoscere l’impegno
quotidiano dell’Ateneo. L’Assemblea
continuerà nel corso dei dodici mesi
successivi, quando incontreremo
altre componenti essenziali della
società civile, mentre proseguiremo
a monitorare l’andamento delle
iniziative che sono state avviate con le
precedenti Assemblee, in un continuo
senza interruzione, così come continua
deve essere la vita di una società
vivace e intraprendente.
8 aprile 2015
4
Spinta innovativa e capacità di fare sistema
con le diverse realtà del territorio:
così contribuiamo allo sviluppo socio-economico
di Paolo Collini
Rettore dell’Università di Trento
L’Assemblea pubblica di Ateneo
quest’anno ci porta ad approfondire i
rapporti dell’Università con il mercato
del lavoro e con la realtà produttiva.
Siamo legati a doppio filo. E non
potrebbe essere altrimenti. Perché
è una nostra vocazione contribuire
allo sviluppo socio-economico del
territorio. Perché vogliamo mettere i
risultati della ricerca al servizio della
comunità. Perché l’occupabilità dei
nostri laureati è una priorità e vogliamo
che arrivino alla laurea con una
formazione solida e con competenze
trasversali utili e subito spendibili.
La scelta di istituire una delega
specifica di supporto al sistema
produttivo, affidandola al prorettore
vicario, Flavio Deflorian, mostra quanto
siano strategiche per l’Università di
Trento le relazioni con il territorio. È
solo l’ultima di una serie di iniziative
avviate in questo senso, come il
distacco di una persona dell’Ateneo
presso Confindustria Trento per
raccogliere le istanze delle imprese o
sviluppare progetti di collaborazione
come Industrial Problem Solving with
Physics, per risolvere problemi concreti
delle aziende con le migliori soluzioni
proposte dai giovani.
Il nostro obiettivo è che Ateneo e
sistema produttivo dialoghino e
collaborino in modo sempre più
proficuo e stabile.
CONTATTI
Università degli Studi di Trento
via Calepina, 14 - 38122 Trento
tel. +39 0461 281126
[email protected]
A questo servono il periodico
“Knowtransfer” dedicato al
trasferimento tecnologico e il
“portale impresa-lavoro”, attivato dal
Dipartimento di Ingegneria Industriale
per facilitare l’occupazione dei laureati.
Ma anche le giornate di orientamento
professionale e altre attività di Job
Guidance, i career days e gli eventi
dedicati alla ricerca applicata come i
BioDays.
Sul versante della formazione,
stiamo sperimentando un numero
crescente di iniziative di promozione
e di sostegno dell’imprenditorialità e
dell’innovazione (come Innovation Lab
o Innovation Academy con Trentino
Sviluppo) e con il prossimo anno
accademico sarà attiva una nuova
laurea magistrale in Management
della Sostenibilità e del Turismo, che
andrà ad aggiungersi agli altri percorsi
orientati al mondo produttivo, attivati
dall’Ateneo.
Molto si può ancora fare nel
trasferimento delle conoscenze e nel
contributo all’innovazione. A partire
dal coinvolgimento delle associazioni
di categoria e dalla mappatura delle
rispettive attività, già avviata su
sollecitazione del bando Horizon 2020
che ammette alla competizione per
i finanziamenti europei solo progetti
che vedano reti di impresa come
protagoniste.
Il territorio ci chiede supporto
nell’approfondire lo studio dei mercati,
nell’individuare nelle imprese le aree
dove avviare processi di innovazione
e nel misurare il valore dei comparti
in termini di impatto nell’economia
e nella conservazione del territorio
trentino. In tutto questo l’Università di
Trento è pronta a fare la sua parte con
rinnovato spirito propositivo, spinta
innovativa e capacità di fare sistema.
6
Meccatronica:
un’area ad alto potenziale di impatto
sullo sviluppo industriale
di Claudio Migliaresi
Professore ordinario
Direttore Dipartimento di Ingegneria Industriale
Università di Trento
“Il corso di laurea magistrale in
Ingegneria Meccatronica forma
ingegneri meccanici con una visione di
sistema e con la capacità di realizzare
(comprendere, pianificare, eseguire)
progetti d’innovazione e di sviluppo
di prodotti industriali di natura
meccanica o meccatronica.
I laureati magistrali avranno
padronanza dei metodi moderni
(Quality Function Deployment) per
la progettazione, sviluppo e, più in
generale, per la gestione dell’intero
ciclo di vita di nuovi prodotti industriali
e dei relativi mezzi/strumenti/
processi di produzione - anche
complessi - composti da una base
fisico-meccanica, su cui si integrano
tecnologie dell’automazione e nuovi
materiali.
I laureati magistrali saranno in grado
di utilizzare questi metodi in modo
appropriato, fluente e interdisciplinare,
e potranno, quindi, lavorare su
commesse e su progetti finalizzati
alla realizzazione di nuovi prodotti
e sistemi industriali meccanici e
meccatronici.”
controllo e l’automazione e, nel campo
manifatturiero, per la realizzazione di
quella che oggi viene definita “fabbrica
intelligente”.
La descrizione sintetica degli obiettivi
della laurea magistrale in Ingegneria
Meccatronica, riportata nella pagina
web del Dipartimento, ne disegna
i contenuti e gli obiettivi principali,
in accordo con l’inquadramento
ministeriale e in linea con i contenuti e
gli obiettivi di corsi analoghi offerti da
altri atenei, italiani e stranieri.
Il settore industriale, a livello
nazionale, produce circa il 25% del PIL
(per confronto il settore costruzioni
vale il 4% del PIL). I prodotti
industriali sono, inoltre, esportabili
e costituiscono (a differenza di altre
frazioni del PIL) un contributo alla
bilancia dei pagamenti. In aggiunta, il
settore industriale è universalmente
riconosciuto come il fondamento
delle altre attività produttive, come
il commercio e i servizi, che non
potrebbero esistere altrimenti.
La Meccatronica è una delle aree a
maggiore potenziale impatto sullo
sviluppo industriale in ambiti anche
molto diversi, con applicazioni nei
tantissimi casi nei quali sistemi di
controllo elettronici possono essere
utilizzati per gestire il movimento di
organi meccanici (settore trasporti,
processi produttivi, energia, ecc...).
Essa assume, pertanto, il ruolo
di una tecnologia abilitante per il
La competizione internazionale
richiede al settore industriale
innovazione continua, ottenuta, in
alcuni casi, migliorando i prodotti e i
processi (innovazione incrementale),
in altri, inventando prodotti o processi
interamente nuovi (breakthrough
7
innovation). È indispensabile, pertanto,
puntare su capitale umano formato
alla cultura dell’innovazione continua
ed è essenziale sviluppare attività di
ricerca focalizzate sull’innovazione
radicale (breakthrough innovation).
La recente Smart Specialization
Strategy della Provincia autonoma
di Trento ha riconosciuto il valore
strategico e fondamentale giocato
dalla meccatronica nell’innovazione
industriale. Molte altre regioni italiane
hanno fatto la stessa scelta.
La Provincia autonoma di Trento
ha deciso di investire nel settore
meccatronico realizzando il Polo per la
Meccatronica di Rovereto, un ambito
nel quale produzione, formazione
e ricerca s’incontreranno con la
presenza di industrie, enti di ricerca,
università.
Per quest’obiettivo l’Ateneo e,
in particolare il Dipartimento di
Ingegneria Industriale, nel quale
è incardinato il corso di laurea
magistrale in Ingegneria Meccatronica
e nel quale operano i ricercatori
dell’area meccatronica, ha manifestato
e confermato ancora oggi la propria
volontà d’impegno. Il Polo può
diventare non solo centro d’attrazione
e di localizzazione per tante aziende,
ma anche e soprattutto laboratorio di
scambio e strumento per il travaso di
competenze dal comparto industriale
alla ricerca e alla formazione. Il
Dipartimento considera il Polo
per la Meccatronica di Rovereto
un’opportunità e anche un’offerta
che non può non raccogliere. In
tal modo, sarà possibile attivare
programmi di formazione avanzata
con maggiore collegamento con la
produzione industriale e contributo
di essa alla formazione. Si potrà,
inoltre, dare corso a progetti di ricerca
congiunti, sia verticalizzati verso
obiettivi specifici di singole aziende,
sia di filiera con ricadute verso
comparti produttivi, sia a carattere
prevalentemente scientifico.
Si potranno quindi ottenere
significativi risultati, forse non
immediati, ma certamente occasione
di crescita e di idee anche per
le aziende coinvolte. Il rapido e
sistematico trasferimento al contesto
economico-produttivo di nuove
tecnologie, idee e conoscenze, ne
potrà favorire l’assunzione di ruoli
attivi e propositivi nella competizione
globale, che caratterizza questo
periodo storico.
L’impegno richiesto al Dipartimento
è certamente gravoso, anche
considerando le carenze di organico
che soltanto parzialmente troveranno
risposta nelle risorse future
e le difficoltà logistiche,
connesse alla delocalizzazione
del polo produttivo rispetto a quello
scientifico-tecnologico dell’Ateneo.
Questo richiederà modelli organizzativi
e strumenti condivisi tra Ateneo, Polo
della Meccatronica e organi di governo
provinciali: l’obiettivo resta quello
di fare e su questo il Dipartimento
conferma il suo impegno.
CONTATTI
Dipartimento di Ingegneria Industriale
Università degli Studi di Trento
via Sommarive, 9 - 38123 Povo (TN)
tel. +39 0461 282500-2503
www.unitn.it/dii
AUTORE
[email protected]
8
Rivoluzione digitale nei bilanci d’esercizio.
Il lavoro di ricerca nell’area
dell’economia e del management
di Luca Erzegovesi
Professore ordinario
Dipartimento di Economia e Management
Università di Trento
e Davide Panizzolo
Ricercatore
Dipartimento di Economia e Management
Università di Trento
La rivoluzione tecnologica degli Open
Data ha raggiunto le imprese italiane:
nel dicembre 2014 si è completato
l’iter normativo per l’entrata in vigore
dell’obbligo di deposito dei bilanci
presso il Registro delle Imprese
in formato elettronico elaborabile
(XBRL) secondo la tassonomia che
comprende anche la Nota integrativa.
Arrivato il via libera dall’OIC
(Organismo Italiano di Contabilità,
autorità che fissa i principi contabili
nazionali) la tassonomia, che codifica
il formato, è stata pubblicata sul sito
dell’Agenzia per l’Italia digitale.
Si tratta di una vera e propria
rivoluzione digitale, che, in queste
settimane, coinvolge più di un milione
di società italiane impegnate a
pubblicare l’intero bilancio di esercizio
utilizzando un formato elettronico
standard automaticamente elaborabile.
Un gruppo di ricerca del Dipartimento
di Economia e Management
dell’Università di Trento, ha contribuito
in maniera decisiva a questo risultato.
Da tempo l’Italia è all’avanguardia nella
pubblicazione di dati finanziari delle
imprese in formato digitale. Fin dal
2007 le società depositano il bilancio
presso il Registro imprese utilizzando
il formato elettronico XBRL, un
dialetto del popolare linguaggio XML,
creato negli anni Novanta negli Stati
Uniti per condividere ed elaborare
informazioni finanziarie. Fino ad
ora, la parte elettronica del bilancio
depositato riguardava solo le tabelle
principali (Conto economico e Stato
patrimoniale). Dal 2015 dovranno
essere aggiunte le informazioni
di dettaglio riportate nella Nota
integrativa: con la nuova tassonomia,
le banche e altri soggetti interessati
potranno analizzare lo stato di salute
finanziaria delle imprese, utilizzando
bilanci più trasparenti, comparabili e
di facile fruizione. In questo modo,
la comunicazione finanziaria sarà più
ricca, con dati realmente open, in
quanto direttamente elaborabili con
procedure informatiche di analisi e
valutazione. In particolare, le PMI
(Piccole e Medie Imprese) potranno
trarre i maggiori benefici da questo
processo, potendo utilizzare gli stessi
strumenti di analisi e valutazione
finanziaria fino ad oggi dedicati alle
grandi imprese.
9
La digitalizzazione della Nota
integrativa procederà per gradi: la
prima versione, già adottata, riguarda
esclusivamente le informazioni
esplicitamente previste dal Codice
civile, ma si prevedono per il futuro
degli aggiornamenti che includeranno
le informazioni richieste dai Principi
contabili nazionali (ma non dalla
legge) e dalla best practice.
Il progetto tassonomia bilanci
XBRL è stato sviluppato grazie alla
collaborazione dei più importanti attori
nazionali sul tema dei bilanci come il
già citato OIC, il Consiglio Nazionale
dei Dottori Commercialisti, il sistema
delle Camere di commercio e il suo
polo informatico Infocamere, oltre
ai fornitori di pacchetti gestionali
rappresentati da Assosoftware.
Importante è stato il contributo
del Dipartimento di Economia e
Management (DEM) dell’Università
di Trento, che ha collaborato con i
colleghi delle Università Venezia
Ca’ Foscari e di Macerata.
Il Dipartimento di Economia e
Management ha studiato il potenziale
della tecnologia XBRL già dal 2003,
quando pochissimi in Italia ne erano
a conoscenza. Nel maggio 2004 è
stato pubblicato un Tech Report (AstePanizzolo, Lo standard XBRL), che ha
contribuito in maniera decisiva a far
conoscere questa nuova tecnologia
tra gli studiosi e gli utilizzatori italiani.
Fin dal 2005 è stata avviata una
collaborazione con Infocamere e con
l’Associazione XBRL Italia, che ha
consentito di seguire (e spesso di
indirizzare) da Trento tutto lo sviluppo
della tassonomia bilanci. L’attività di
ricerca del Dipartimento di Economia
e Management, avviata con il progetto
di ricerca di base FIRB-Smefin, si è
consolidata grazie a una posizione
di ricercatore dedicata ai temi delle
comunicazione finanziaria aziendale,
sponsorizzata da Infocamere.
Tra le nuove possibili aree di
applicazione di XBRL, presso
il Dipartimento di Economia e
Management ci siamo soffermati su
quella dei rapporti banca-impresa, che
presenta grande interesse nel caso
italiano.
In Italia, la comunicazione finanziaria
delle PMI nei confronti delle banche
è parziale ed episodica, spesso
reticente, costosa ma priva di valore
per l’impresa. XBRL può contribuire
a migliorare questo stato di cose
principalmente in due snodi della
filiera:
•
•
nella consulenza finanziaria alle
PMI, XBRL può facilitare l’analisi
finanziaria da parte del consulente,
chiamato a svolgere un ruolo di
guida dell’imprenditore in una
situazione in cui l’accesso al
credito è spesso difficile;
nel processo di valutazione dei
fidi, le banche potrebbero ricevere
dall’impresa le informazioni
contabili in formato XBRL,
facilitando così la concessione e il
rinnovo del credito.
Tra le idee innovative sperimentate
nella nostra ricerca, c’è anche un
prototipo di portale web per la
comunicazione finanziaria delle piccole
imprese, una sorta di social network in
cui l’impresa pubblica i dati, finanziari
e non solo, destinati ai partner con
cui intrattiene rapporti finanziari o
commerciali. Confidiamo di poter
sviluppare questa idea in futuri e
più ambiziosi progetti e contiamo di
trovare oggi un terreno più favorevole:
siamo, infatti, nel pieno di un’ondata
di investimenti (parliamo di miliardi di
euro) nel settore fintech, che unisce i
giganti della Silicon Valley e numerose
start up, nell’impresa di rivoluzionare
il modo di fare banca con la stessa
tecnologia che ha già prodotto effetti
disrupting nella distribuzione al
dettaglio, nelle agenzie di viaggio, nei
taxi e nella pubblicità.
Forse, tra qualche anno le imprese
si faranno conoscere attraverso la
rete per riscuotere il “mi piace” dei
loro partner finanziari, raccogliendo
simpatia e, soprattutto, capitali.
CONTATTI
Dipartimento di Economia e
Management
Università degli Studi di Trento
via Inama, 5 - 38122 Trento
tel. +39 0461 282100
www.unitn.it/economia
AUTORI
[email protected]
[email protected]
LINK UTILI
Agenzia per l’Italia digitale
http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/pubblica-amministrazione/formato-xbrl-dati-contabili
10
Interagire con il mondo delle
cooperative sociali e fare rete.
Il progetto UNI-VERSO LAVORO
rivolto agli studenti dell’area sociologica
di Alessia Donà
Professoressa associata
Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale
Università di Trento
Perché il progetto
UNI-VERSO LAVORO?
Durante l’a.a. 2014-15 il Dipartimento
di Sociologia e Ricerca Sociale ha
avviato il progetto
UNI-VERSO LAVORO: IL MONDO
DELLE COOPERATIVE SOCIALI.
Con questa iniziativa, che coinvolge
anche cooperative non riconducibili
strettamente ai servizi alla persona,
si è strutturata una più stretta
collaborazione con le cooperative
associate alla Federazione Trentina
della Cooperazione e a Con.Solida
(organo di raccolta di alcune
cooperative e imprese sociali).
L’obiettivo del progetto voleva
essere duplice: da un lato, sollecitare
studenti/studentesse a iniziare a
costruire un profilo lavorativo già
durante il periodo di studio; e,
dall’altro lato, far conoscere gli/le
studenti/studentesse, con le proprie
competenze, alle realtà produttive
presenti sul territorio.
Per fare questo è stato strutturato un
apposito percorso, rivolto agli iscritti
al secondo e terzo anno dei corsi di
laurea triennale in Sociologia, Studi
Internazionali e Servizio Sociale.
Le tappe di realizzazione del progetto
Il progetto è stato costruito durante
l’estate del 2014 attraverso una serie
di incontri preparatori tra i docenti
del Dipartimento, i rappresentanti
delle due realtà cooperative coinvolte
e lo staff di Job Guidance di Ateneo,
per concordare tempi e modalità di
realizzazione.
Nel periodo tra settembre e ottobre
2014, l’attività si è focalizzata sulla
raccolta della disponibilità da parte
delle imprese cooperative ad attivare
esperienze di tirocinio al loro interno.
L’avvio ufficiale del progetto è
avvenuto il 19 novembre 2014 con
l’incontro informativo rivolto alla
comunità studentesca, tenutosi presso
la sede della Federazione Trentina
11
della Cooperazione. L’appuntamento
ha permesso agli studenti e alle
studentesse di conoscere il mondo
della Cooperazione trentina e
alle cooperative di presentare le
opportunità di tirocinio.
Alla giornata hanno partecipato circa
cinquanta studenti (ventidue iscritti
di Studi Internazionali, diciassette di
Sociologia e sei di Servizio Sociale),
che si sono dimostrati interessati
non solo verso le opportunità di
tirocinio offerte, ma, in generale, –
essendo molti di loro provenienti
da fuori Provincia – a conoscere e
approfondire come funziona e come si
realizza il sistema della Cooperazione
trentina, una importante realtà
presente capillarmente sul territorio
del Trentino e in molteplici ambiti
produttivi. Nonostante la novità del
progetto, circa venti cooperative
hanno prontamente risposto con
la possibilità di attivare esperienze
di tirocinio e ciascuna di loro ha
preparato per l’incontro una scheda
di auto-presentazione con indicate le
aree di attività della struttura.
Dopo l’incontro informativo,
quattordici studenti hanno confermato
la propria adesione al progetto e
la volontà di svolgere un tirocinio
di almeno cento ore. Ognuno ha
avuto la possibilità di esprimere le
proprie preferenze per il settore o
la cooperativa presso cui svolgere
il tirocinio. Durante le apposite tre
giornate formative curate da Job
Guidance nel mese di gennaio 2015,
i tirocinanti sono stati introdotti
agli strumenti per la ricerca attiva
del lavoro (come ad esempio la
preparazione di un Curriculum Vitae,
di una lettera di motivazione e di un
colloquio di lavoro) e al tema della
sicurezza; inoltre si sono perfezionati
gli abbinamenti tra tirocinante e
potenziali cooperative al fine di
preparare al meglio la giornata del 13
febbraio 2015.
In tale occasione il progetto UNIVERSO LAVORO ha avuto il suo
momento qualificante, con l’incontro
tra i referenti delle imprese cooperative
e i candidati tirocinanti. Erano presenti
i/le referenti delle seguenti imprese:
Handicrea, Punto d’incontro, Arianna,
Gruppo ’78, Amica, Città futura,
Tagesmutter ‘Il sorriso’, Consorzio
italiano Porfido, Consorzio Lavoro
Ambiente, Impact Hub, Federazione
Trentina della Cooperazione, Apt Terme
di Comano, FAI e Le Farfalle.
In un primo momento, le cooperative
hanno avuto la possibilità di
presentarsi, evidenziare le principali
esigenze occupazionali, far
conoscere la propria organizzazione
e le opportunità di tirocinio.
Successivamente gli studenti e le
studentesse hanno potuto incontrare
le cooperative, presentare il proprio
curriculum valorizzando, attraverso il
contatto diretto, le proprie motivazioni,
le aspettative e le proprie capacità
di relazione. Per effetto della novità
dell’iniziativa e anche grazie alla
formula inedita del colloquio breve
(circa dieci minuti) in un contesto
universitario, i referenti delle
cooperative e gli/le aspiranti tirocinanti
hanno interagito con entusiasmo e
motivazione. Ogni cooperativa ha
dunque potuto conoscere, tra gli altri,
anche il proprio potenziale tirocinante,
e concordare assieme orari e data di
inizio del tirocinio.
A conferma dell’utilità dell’incontro e
del soddisfacimento delle reciproche
aspettative, sia delle imprese che dei
tirocinanti, si segnala che i quattordici
tirocini inizialmente previsti sono stati
attivati e attualmente sono in corso
di svolgimento (i tirocini vengono
realizzati nel periodo aprile-giugno
2015). Va da sé che il tirocinio è
considerato attività formativa e come
tale riconosciuto in termini di CFU.
E dopo?
Il progetto ha rappresentato un primo
contatto da parte del Dipartimento
di Sociologia e Ricerca Sociale per
“fare rete” tra aziende e studenti e
per superare la divisione tra mondo
della formazione e mondo del lavoro.
La risposta favorevole da parte
dei soggetti coinvolti (studenti e
cooperative) e i risultati largamente
positivi sono le basi su cui il
Dipartimento intende rafforzare il suo
impegno per costruire un dialogo
permanente tra imprese e popolazione
studentesca.
Anche questo è uno strumento per
migliorare le prospettive occupazionali
dei propri laureati.
CONTATTI
Dipartimento di Sociologia
e Ricerca Sociale
Università degli Studi di Trento
via Verdi, 26 - 38122 Trento
tel. +39 0461 281300
www.unitn.it/sociologia
AUTORE
[email protected]
12
ValorVitis e ValorTruta.
Recupero di scarti agro-industriali:
concentrati in omega-3 dalla trota trentina
e olio di vinacciolo
di Luca Fiori
Professore aggregato
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Università di Trento
Il comparto agro-industriale dà un
contributo sostanziale all’economia
nazionale già al giorno d’oggi e le
proiezioni dicono che lo darà ancor più
in futuro. Le attività agro-industriali
generano importanti quantità di
sottoprodotti e rifiuti: nell’ottica di
una economia circolare, tali biomasse
residuali devono e possono trovare
un utilizzo che ne nobiliti alcune
componenti e che abbatta le quantità
avviate a smaltimento e i relativi oneri
economici. Nel presente contributo si
presentano brevemente due attività
di ricerca industriale tese al recupero
e alla valorizzazione di sottoprodotti
della filiera vitivinicola e di scarti di
lavorazione della trota trentina.
L’industria enologica genera
sottoprodotti quali ad esempio i
raspi, i vinaccioli e le bucce d’uva.
Già oggi esistono impieghi di questi
sottoprodotti (ad es. produzione
di alcool, farine per alimentazione
animale, olio di vinacciolo), che
però spesso non riescono neppure
a coprire i costi di trasporto che le
cantine e, a valle, le distillerie devono
sostenere. Questo è il punto di
partenza del progetto ValorVitis, che
si è posto l’obiettivo di sviluppare
una strategia integrata di recupero
dei sottoprodotti dei processi di
vinificazione e distillazione, per ridurne
l’impatto ambientale e ottenerne
derivati ad alto valore aggiunto, con
conseguente potenziale significativo
profitto per le aziende di vinificazione e
distillazione.
Il progetto ValorVitis
(www.valorvitis.com) è un progetto di
ricerca nazionale finanziato nel 2011
da Ager-Agroalimentare e Ricerca
(www.progettoager.it) e che si è
concluso a febbraio 2015.
Il progetto ha visto la partecipazione
di cinque istituti di ricerca, tra i quali
il Dipartimento di Ingegneria Civile,
Ambientale e Meccanica (DICAM)
dell’Università di Trento.
Il gruppo di ricerca UniTrento,
coordinato dallo scrivente e
partecipato da un dottorando, da
alcuni studenti impegnati nel lavoro di
tesi e dal prof. Guella del Dipartimento
di Fisica, si è occupato dell’estrazione
di olio dai semi d’uva o vinaccioli in
particolare mettendo a punto una
tecnica innovativa di estrazione:
l’estrazione con CO2 supercritica. Tale
metodica si propone come alternativa
alle più tradizionali metodiche quali
l’estrazione meccanica per torchiatura
e l’estrazione chimica con solventi
liquidi a base idrocarburica (ad
es. esano). Si è dimostrato che
l’estrazione con CO2 supercritica
permetta di ottenere rese in olio
analoghe alle rese caratteristiche del
processo che fa uso di solventi liquidi,
mantenendo però quella elevata qualità
dell’olio caratteristica del processo
meccanico di estrazione. L’olio di
vinacciolo è infatti un olio di pregio,
ricco in componenti antiossidanti,
anti-radicali ed anti-invecchiamento
13
(tocoferoli, tocotrienoli, acidi grassi
insaturi) che ne permettono una
commercializzazione a prezzi che
vanno dai 10 ai circa 70 euro/litro: in
questo caso viene venduto in boccette
cosmetiche da 100 cc. La tecnologia di
estrazione con CO2 supercritica utilizza
anidride carbonica ad alta pressione
(300-600 bar) e a bassa temperatura
(40-60°C), sfruttando la solubilità
dell’olio in un tale solvente naturale e
permettendo la rimozione dello stesso
per semplice depressurizzazione. È
una tecnologia di estrazione costosa
– si è valutato un costo di processo,
comprensivo del costo di investimento
iniziale, pari a circa 5 euro per kg
di olio di vinacciolo estratto – che
trova giustificazione visto il prezzo
di mercato dell’olio di vinacciolo
e il fatto che tale prezzo dipenda
fortemente delle caratteristiche finali
dell’olio stesso. Mettendo a confronto
sei cultivar d’uva e due annate di
vendemmia, ValorVitis ha permesso di
poter affermare che l’olio di vinacciolo
estratto con CO2 supercritica ha le
medesime caratteristiche dell’olio
estratto per torchiatura: analogo
contenuto in tocoli e stesso profilo
lipidico. Si è infine evidenziato come la
resa in olio sia fortemente dipendente
dalla tipologia di cultivar e meno
significativa, ma non trascurabile,
sia la dipendenza dalla annata di
vendemmia. Ai progetti Ager è stata
dedicata la puntata di Linea Verde
- L’agricoltura che verrà - andata in
onda lo scorso 28 settembre.
Un altro interessante progetto che
vede il coinvolgimento diretto di una
realtà produttiva locale,
Astro - Associazione dei Troticoltori
Trentini, con sede e stabilimento
produttivo a Lavis, riguarda la
produzione su scala industriale di olio
arricchito in grassi omega-3 da scarti
di lavorazione della trota trentina. Il
progetto è stato approvato a marzo
di quest’anno ed è cofinanziato da
Fondazione Caritro e da Astro stessa.
Il progetto fa seguito a due iniziative
antecedenti, una del 2009 ed una del
2013, quest’ultima cofinanziata dalla
Provincia autonoma di Trento (legge
6). Il progetto intende mettere in
condizione Astro di avviare una nuova
linea produttiva, che affianchi quelle
tradizionali legate alla vendita di trota
o porzioni di trota più o meno lavorate
(filetti affumicati, cotti al vapore,
hamburger di trota, ecc...).
Gli scarti di lavorazione, quali viscere,
teste, lische, pelle di trota, verranno
prima lavorati per ottenere farine
proteiche per alimentazione animale e
soprattutto olio di trota; l’olio di trota,
via frazionamento in colonna con CO2
supercritica, verrà poi arricchito per
ottenere concentrati in omega-3 per
il mercato nutraceutico. I primi due
progetti hanno permesso di poter
affermare che l’intera filiera “scarti di
lavorazione - olio di trota - concentrati
in omega-3” sia percorribile dal
punto di vista tecnico ed economico:
ora Astro intende implementare
il processo su scala industriale,
avvalendosi ancora delle competenze
del prof. Guella e dello scrivente che
affiancheranno il responsabile tecnico
di Astro che, significativo a dirsi, si è
laureato in Ingegneria delle Industrie
Alimentari presso il nostro Ateneo.
CONTATTI
Dipartimento di Ingegneria Civile,
Ambientale e Meccanica
Università degli Studi di Trento
via Mesiano, 77 - 38123 Trento
tel. +39 0461 282669
www.unitn.it/dicam
AUTORE
[email protected]
14
Lo studio della mente e del comportamento
e la trasferibilità dei risultati della ricerca
al mondo imprenditoriale
di Luisa Canal
Professoressa associata
Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive
Università di Trento
Utilizzando gli strumenti propri di
discipline quali la psicologia, le
neuroscienze, la filosofia, la linguistica,
la statistica e l’ergonomia, le scienze
cognitive sono volte a caratterizzare e
a comprendere gli elementi coinvolti
nei diversi aspetti dell’agire umano.
Il linguaggio, le capacità espressive,
la memoria, le emozioni, i processi
decisionali, l’apprendimento e
l’interazione sociale sono solo alcuni
degli aspetti che costituiscono
la cognizione umana su cui il
Dipartimento focalizza la propria
ricerca. Per studiare fenomeni
così complessi è necessario fare
ricorso ad un approccio fortemente
multidisciplinare, in grado di
integrare le competenze teoriche e
metodologiche di studiosi provenienti
da tutti i settori della psicologia –
generale, biologica, dinamica, del
lavoro, sociale e dello sviluppo – con
quelle di studiosi di pedagogia,
linguistica, matematica, statistica,
diritto e neuroscienze cliniche.
All’interno del Dipartimento viene
portata avanti ricerca fondamentale
sui processi di sviluppo cognitivo e
comunicativo, sulla comprensione
del linguaggio, sui meccanismi e
sui processi di apprendimento;
sulle competenze comunicative, sui
processi di cognizione sociale e sui
processi logici coinvolti nella presa
di decisione e nel ragionamento
probabilistico.
Da questa “messa a fuoco” ne
consegue che il Dipartimento di
Psicologia e Scienze Cognitive, che
sviluppa un approccio integrato allo
studio della mente, del cervello e del
comportamento, può dare contribuiti
importanti alle imprese, al mondo del
lavoro, al territorio.
Le linee di ricerca possono
trovare applicazione in ambito
economico (comportamento
dei consumatori, sviluppo delle
capacità decisionali e negoziali
dei manager), sanitario (processi
di ragionamento e di decisione in
ambito sanitario, valutazione dei
rischi professionali), ergonomicotecnologico (progettazione, sviluppo e
valutazione di interfacce multimediali
e di sistemi di interazione uomomacchina, sperimentazione di sistemi
esperti e di sistemi di supporto per
le decisioni), formativo (processi
di formazione, progettazione,
realizzazione e valutazione di azioni
nell’ambito dell’educazione degli
adulti, progettazione autonoma e
critica di percorsi di costruzione delle
conoscenze personali, aggiornamento
professionale, progettazione e
realizzazione di sistemi di e-learning
e di formazione multimediale),
organizzativo e del lavoro (analisi e
gestione delle carriere individuali,
processi di transizione al lavoro e sul
lavoro, prevenzione delle disabilità in
ambito lavorativo, apprendimento e
formazione nei luoghi di lavoro).
15
Nei corsi di laurea del Dipartimento
si creano figure professionali con
competenze di natura
tecnico-operativa nell’ambito della
psicologia e dell’ergonomia cognitiva.
Tali figure sono in grado di operare
in diversi ambienti di lavoro nei
quali siano richieste competenze
psicologiche. In particolare, sono in
grado di fornire supporto
teorico-tecnico per la costruzione dei
siti web o interfacce uomo-macchina
su base ergonomica e per la loro
valutazione rispetto alle differenze
individuali e agli stili cognitivodecisionali degli utenti. Possono avere
un ruolo nelle organizzazioni lavorative
al fine di migliorare la comunicazione
tra individui e tra gruppi, o di orientare
la riqualificazione professionale.
Queste competenze professionali
si possono articolare nell’effettuare
ricerche complesse di data-mining
utilizzando la rete; eseguire sondaggi
e indagini di mercato mediante
questionari web-assistiti; coadiuvare
gli esperti nella costruzione di siti
e pagine web e nell’allestimento di
materiali multimediali compatibili
con le capacità di rappresentazione
e le euristiche di esplorazione degli
individui o anche in riferimento a
gruppi con specifiche necessità;
concorrere alla elaborazione e alla
applicazione dei test di usabilità
delle pagine web e delle altre forme
di interazione in ambiente internet;
risolvere problemi di interazione tra
singoli o tra gruppi indagando gli
aspetti linguistici e/o visivi critici della
comunicazione; utilizzare strumenti
psicologici per la riqualificazione
professionale.
La maggior parte dei filoni di ricerca
portati avanti dai ricercatori del
Dipartimento di Psicologia e Scienze
Cognitive presenta quindi spiccate
caratteristiche di trasferibilità; per
favorire il processo di trasferimento
è importante da un lato rendere
costante il dialogo tra Università e
mondo imprenditoriale per aumentare
la conoscenza reciproca, e dall’altro
sviluppare esperienze di stage
sia curriculari (per studenti) sia
extracurriculari (per laureati).
CONTATTI
Dipartimento di Psicologia
e Scienze Cognitive
Università degli Studi di Trento
corso Bettini, 84 - 38068 Rovereto (TN)
tel. +39 0464 808401
www.unitn.it/cogsci
AUTORE
[email protected]
16
Robosense - start up accademica:
dall’automazione per la logistica ai prototipi
tecnologici per l’innovazione
di Mariolino De Cecco
Professore associato
Dipartimento di Ingegneria Industriale
Università di Trento
e Alberto Fornaser
Amministratore Delegato Robosense
L’Università di Trento promuove
diverse azioni di trasferimento
tecnologico dalla ricerca verso
l’industria. Tra queste il sostegno
alla creazione di spin off e start up
accademici. Si tratta di iniziative
imprenditoriali collegate a risultati di
ricerca dell’Ateneo che sviluppano
prodotti e servizi innovativi a supporto
del sistema industriale, a livello locale
ma anche nazionale ed internazionale.
In questo filone si colloca
Robosense, una start up accademica
dell’Università di Trento creata nel
2012 dalla ricerca del laboratorio di
meccatronica del Dipartimento di
Ingegneria Industriale.
Robosense offre soluzioni per
l’ottimizzazione della logistica
e dell’automazione industriale;
soluzioni che pertanto possono
trovare applicazione concreta anche
nelle più avanzate realtà industriali
del Trentino. Robosense, infatti,
è nata con l’obiettivo di realizzare
e commercializzare un sistema di
identificazione pallet per veicoli
automatici utilizzati nel settore
della logistica automatica. Questo
dispositivo, di nome SmartFinder,
aumenta il grado di intelligenza
artificiale a bordo veicolo: in tal
modo, si rende vantaggiosa la
destrutturazione degli impianti,
abbattendone notevolmente i costi
fissi ed aumentando la flessibilità della
produzione. Ciò ha come principale
effetto la generazione di una nuova
soluzione per le imprese medio piccole
al problema della logistica automatica:
(mini)impianti costituiti da singole
navette robotiche autonome ed
intelligenti.
Il business della start up non è tuttavia
limitato a questo: la competenza di
Robosense verte sia sulla robotica,
che sulla realizzazione di prodotti
innovativi nell’ambito di metrologia,
visione artificiale e controllo qualità.
Molto spesso gli imprenditori
vorrebbero realizzare qualcosa
di nuovo o migliorare i propri
impianti, ma non trovano riscontro
nella tecnologia attualmente
commercializzata. Robosense riesce
qui a fare leva, discutendo con gli
imprenditori e trasferendo conoscenze
e competenze tecnologiche avanzate,
attinte nell’immenso serbatoio della
ricerca spesso lontano dalle realtà
industriali, in prototipi e prodotti
innovativi da poter integrare su
impianti esistenti.
In questo modo sono nati gli ultimi
due prodotti di Robosense: Morphos
3D, sistema ottico di scansione
corporeo per l’ortopedia in grado di
acquisire intere parti anatomiche con
17
un singolo click, e RoboAIR, sistema
di controllo di presenza oggetti per
linee di controllo aereoportuali che
aiuta i passeggeri a non smarrire
i propri oggetti al momento del
controllo bagagli. RoboAIR è
attualmente presente su 18 linee nei
terminal dell’aeroporto di Fiumicino.
Robosense nasce da una attività di
ricerca del gruppo di Meccatronica e
beneficia delle competenze acquisite
da alcuni suoi membri fondatori dal
percorso di dottorato anche grazie
alla loro partecipazione a progetti
di carattere europeo. L’esperienza
del dottorato e della ricerca offrono,
infatti, elementi di formazione
difficilmente accessibili in un ambiente
lavorativo comune: ricercare la
soluzione ad un problema attingendo
al bacino della ricerca scientifica
mondiale. Nelle realtà industriali
moderne purtroppo vi è raramente
il tempo o le risorse per analizzare
un problema in maniera organica e
strutturale; solitamente si ricorre a
soluzioni tecniche note o già presenti
sul mercato, accontentandosi di ciò
che si riesce ad ottenere con tali
soluzioni ed adeguando le esigenze di
produzione.
Nell’ambito della ricerca conoscere
significa vedere e prevedere aspetti
del problema di non immediata
percezione, cambiando approccio alla
progettazione e utilizzando tecnologie
innovative, che permettono di
realizzare un notevole salto di qualità
e prestazioni, mantenendo i requisiti
di costo. È il caso di RoboAIR che,
nell’applicazione aeroportuale prima
riportata, ha scalzato una soluzione
proposta da una nota multinazionale
americana produttrice di sistemi di
visione per applicazioni industriali.
Gli obiettivi del breve periodo sono
di espandere la rete di contatti e
consolidare quelli acquisiti ad oggi.
Prioritario è inoltre arricchire il
portafoglio di prodotti, spingendo
quelli attualmente a catalogo e
sviluppandone di nuovi. Importante
è anche la partecipazione a fiere
dell’automazione in modo da
aumentare la visibilità della società.
A tale scopo, dal 19 al 23 maggio,
Robosense ha partecipato alla Fiera
ipack-ima di Milano assieme a Tiber
Automation.
Le competenze e prodotti di
Robosense possono trovare anche
applicazione in realtà industriali
del Trentino che necessitano
di applicazioni di automazione
industriale, logistica e robotica.
Si pensi, da un lato, alle aziende
che fanno parte del Polo della
Meccatronica di Rovereto e che
potranno beneficiare delle competenze
di ricerca applicata nell’ambito della
meccatronica presenti in Università e
delle applicazioni industriali sviluppate
da Robosense. Dall’altro lato, emerge
sempre con maggiore chiarezza che
realtà industriali rilevanti del Trentino
(si pensi ai settori del cartario, del
tessile, ma non solo) hanno un
crescente bisogno di sistemi di
automazione industriale, magazzini
automatici, sistemi di movimentazione
merci flessibili, sistemi integrati di
produzione, robotica industriale e
nuovi sistemi gestionali e di logistica.
In questa direzione Robosense potrà
porsi come interlocutore privilegiato.
CONTATTI
Dipartimento di Ingegneria Industriale
Università degli Studi di Trento
via Sommarive, 9 - 38123 Povo (TN)
tel. +39 0461 282500-2503
www.unitn.it/dii
Robosense srl
Salita dei Molini, 2
Villazzano - 38123 Trento
tel. +39 0461 282558
www.robosense.it
[email protected]
AUTORI
[email protected]
[email protected]
18
Dalle aule al mondo del lavoro.
Esperienze dell’Università di Trento
di Paola Quaglia
Professoressa associata
Delegata di Ateneo per i tirocini curriculari, il Placement e gli Alumni
Università di Trento
e Patrizia Tomio
Responsabile Ufficio Partecipazioni ad Organismi Esterni
Università di Trento
Nella cornice disegnata dal Piano strategico 2014-2016,
l’Ateneo si è fatto parte attiva per promuovere una serie
di iniziative di intermediazione con il mondo del lavoro.
L’intento è quello di perseguire due obiettivi principali:
offrire percorsi di studio che permettano di acquisire, oltre
alla indispensabile formazione specialistica, una serie di
competenze che agevoli la prima occupazione; raccogliere
le istanze del sistema produttivo, affinché la formazione
“accorci le distanze” rispetto alle esigenze del mondo del
lavoro.
Un primo asse di intervento, con lo scopo di promuovere
il dialogo e la collaborazione tra gli studenti e il mondo
delle imprese, riguarda la diffusione di informazioni utili
e delle iniziative esistenti, in particolare alla popolazione
studentesca e ai/alle laureati/e, che hanno conseguito un
titolo di studio in Ateneo da non più di 18 mesi.
Il servizio Job Guidance d’Ateneo ha recentemente messo a
disposizione, anche on-line, una Carta dei Servizi, che mira
a far conoscere gli ambiti e le tipologie di attività messe a
punto in questa direzione.
Gli interventi descritti nel documento sono riconducibili a
due aree principali: da un lato, la pubblicazione di offerte
di stage e di lavoro, dall’altro, la diffusione di iniziative di
partnership, dirette ad aumentare la visibilità delle aziende
rispetto alla popolazione studentesca per favorire contatti
utili nella ricerca di occupazione.
Un’esperienza di stage, curricolare o extracurriculare,
rappresenta un’ottima occasione di orientamento
professionale e di integrazione delle competenze acquisite,
oltre che una buona opportunità di avvicinamento al
mercato del lavoro.
Lo confermano le indagini statistiche svolte da AlmaLaurea
secondo cui l’esperienza di stage si associa ad un
vantaggio in termini occupazionali che già da alcuni anni si
attesta su quote superiori ai 10 punti percentuali.
L’Ateneo si è fortemente impegnato per offrire opportunità
su questo versante. Solo nell’ambito della Cooperazione
Trentina, dal 2013 sono stati avviati circa 250 stage, in
diversi settori (credito, turismo, attività sociali) e località
della provincia. Complessivamente, seguendo un trend di
crescita costante, nel 2014 sono stati attivati 1810 tirocini,
dei quali 1547 curriculari, 1154 da svolgere presso enti/
aziende del Trentino Alto Adige, 190 da svolgere all’estero.
19
Particolarmente proficue sono le opportunità offerte nel
corso di eventi (genericamente chiamati Career Day) in
cui le aziende possono presentarsi, prendere contatto
con giovani studenti, neolaureati o dottorandi, mentre
questi ultimi hanno l’occasione di avvicinare le imprese,
conoscerne le esigenze, avere colloqui di selezione, avviare
rapporti.
Complessivamente, seppure in diverse aree tematiche,
sono già state organizzate in Ateneo 14 edizioni di
Career Day. Sono eventi generalmente molto apprezzati,
ad esempio i tre Career Day del 2015 hanno visto la
partecipazione di 2023 studenti e di 98 aziende.
Su un altro versante, l’ingresso nel mondo del lavoro
richiede, accanto alla formazione tradizionale, l’acquisizione
di competenze trasversali, le cosiddette “soft skills”:
capacità di lavorare in gruppo, negoziazione e gestione dei
conflitti, intelligenza emotiva, personal branding, ecc....
Su questi temi l’Ateneo ha assegnato degli obiettivi specifici
alla struttura di riferimento, la Direzione Didattica e Servizi
agli Studenti, nell’ambito del Piano della Performance
2015-2017, affinché venga incrementata del 10% l’attuale
offerta formativa.
Più di recente, l’Ateneo ha stipulato una convenzione con
l’Agenzia del Lavoro, finalizzata a condividere e valorizzare
interventi di orientamento e formazione propedeutici
all’ingresso nel mondo del lavoro e destinati a laureandi/e e
laureati/e, domiciliati/e sul territorio provinciale.
Le iniziative qui rappresentate mostrano, in modo evidente,
la direzione intrapresa dall’Ateneo, in relazione all’esigenza
di rafforzare il rapporto tra formazione e mondo della
produzione.
Tali progetti, peraltro, richiedono un forte investimento
in termini di risorse umane e materiali. Per tale ragione
lo sviluppo di queste direttrici strategiche potrà trovare
attuazione in forma graduale e all’interno di progetti di
medio-lungo periodo.
In conclusione, dunque, molto è stato realizzato, ma si può
ancora migliorare. D’altra parte, formazione e ricerca sono
ambiti che hanno per loro stessa natura caratteristiche di
dinamicità, che richiedono alle Istituzioni, quindi anche
all’Università, di saper accompagnare le crescenti e diverse
domande provenienti dai propri interlocutori.
Per il raggiungimento di tale obiettivo sono tra l’altro allo
studio possibili forme di tutoraggio e di collaborazione
con i Dipartimenti che svolgono attività di ricerca su questi
temi.
Altre opportunità significative di contatto con le imprese
sono le presentazioni aziendali, al termine delle quali
vengono organizzati colloqui di selezione (140 colloqui con
9 aziende nell’anno in corso).
Citiamo inoltre un programma di mentoring, denominato
GenerAzioni e sostenuto da ValoreD, associazione di
imprese creata in Italia per promuovere la leadership
femminile in azienda. L’iniziativa, avviata negli ultimi mesi
del 2014, ha visto il coinvolgimento di alcuni Atenei italiani,
oltre a quello trentino. Donne manager, provenienti da
significative realtà imprenditoriali italiane ed estere, si
sono impegnate nel supportare e indirizzare 25 studenti/
studentesse nel percorso di studi e di avvicinamento
al mondo del lavoro, a partire da una maggiore
consapevolezza delle proprie potenzialità e caratteristiche.
CONTATTI
Università degli Studi di Trento
via Calepina, 14 - 38122 Trento
tel. +39 0461 281126
AUTORI
[email protected]
[email protected]
20
La cattedra UNESCO
in Ingegneria per lo Sviluppo Umano e Sostenibile
e il sostegno a progetti di volontariato
internazionale e cooperazione allo sviluppo
di Guido Zolezzi
Professore associato
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Università di Trento
United Nations
Educational, Scientific and
Cultural Organization
La Cattedra UNESCO in Ingegneria
per lo Sviluppo Umano e Sostenibile
è stata assegnata all’Università di
Trento nel 2011. Essa si focalizza
sui temi dell’ingegneria ambientale
con l’obiettivo di costruire relazioni,
fra ingegneria e cooperazione allo
sviluppo, fra ricerca e applicazione, fra
università e territorio, secondo i tre
pilastri della missione universitaria:
la formazione, la ricerca e la “terza
missione”, cioè la condivisione delle
conoscenze sviluppate in ambito
accademico con i territori.
Le attività della Cattedra ruotano
intorno a un nucleo stabile di
circa dieci fra docenti, ricercatori,
collaboratori, afferenti a diversi
gruppi di ricerca nel Dipartimento
di Ingegneria Civile, Ambientale e
Meccanica, insieme a studenti di
Laurea Magistrale e di dottorato.
Attività centrale è il percorso di
laurea magistrale in Ingegneria per
l’Ambiente e il Territorio, dove i
docenti della Cattedra offrono sei corsi
fra loro coordinati, che costituiscono
uno degli orientamenti curricolari
del secondo anno: “Progettazione
integrata dell’ambiente e del
territorio nei contesti di cooperazione
internazionale”. È un’opportunità
unica in Italia per diventare ingegneri
preparati a cogliere le connessioni
tra ambiente, sviluppo e povertà e in
grado di promuovere, attraverso le
proprie competenze e scelte tecniche,
un modello di sviluppo centrato sulla
persona e la tutela dell’ambiente, a
partire dalla lettura dei territori e delle
loro dinamiche.
I contenuti didattici accostano alle
conoscenze tradizionali dell’ingegnere
civile-ambientale (gestione delle
acque e dei rifiuti, pianificazione
territoriale, ecologia applicata, nei
contesti in via di sviluppo) i temi della
progettazione partecipata del territorio,
della gestione dei conflitti ambientali,
in particolare nei programmi di
UNESCO Chair in
Engineering for Human and
Sustainable Development
cooperazione allo sviluppo. Alle lezioni
in aula sono affiancate esercitazioni e
laboratori, visite sul campo, interazioni
con chi opera in progetti di sviluppo e
simulazioni di casi reali.
La formazione delle competenze non è
rivolta esclusivamente agli studenti di
ingegneria: il corso di “Metodologie di
cooperazione internazionale e gestione
partecipata dei progetti” è offerto
all’interno del manifesto didattico
di Ingegneria per l’Ambiente e il
Territorio, e grazie al proprio carattere
di trasversalità vede la partecipazione
di studenti di Economia, Studi
internazionali, Giurisprudenza,
Sociologia, al fianco degli studenti di
Ingegneria, con un notevole valore
aggiunto per l’apprendimento e
l’interdisciplinarità.
Per formare queste competenze
“globali” nei professionisti di domani
è necessario che sempre di più i
formatori possano progettare i propri
insegnamenti collegando i contenuti
21
tecnici con le realtà dei contesti locali
e le dinamiche di interdipendenza
globale. Quest’ottica di “formazione
formatori” è stata al centro del
progetto europeo GDEE “Global
Dimension in Engineering Education”
(http://gdee.eu), che ha raggiunto
docenti e ricercatori universitari di
discipline tecnico-scientifiche in tutta
Europa, dove la Cattedra UNESCO
è stata partner a fianco di altre otto
università e ONG italiane, spagnole ed
inglesi.
Le attività della Cattedra escono
dal puro ambito accademico e
interagiscono con il territorio,
in linea con la cosiddetta “terza
missione” dell’Università.
Un esempio è costituito dal corso
“Stage di Progetto nei contesti
di cooperazione internazionale”
e dalle tesi di laurea in progetti
di cooperazione allo sviluppo.
Entrambi sono svolti dagli studenti di
Ingegneria ambientale, che scelgono
l’orientamento formativo proposto
dalla Cattedra e sperimentano
l’opportunità di una prima esperienza
pratica sul campo in progetti di
cooperazione allo sviluppo. Sia lo
stage (attività di gruppo) che le
tesi (individuali) hanno a monte
un forte lavoro di rete con almeno
un’organizzazione di cooperazione
internazionale (tradizionalmente ONG,
ente pubblico, università locale).
Questo consente di concordare
l’obiettivo del lavoro insieme al
partner, e ha prodotto, in molti casi,
un documento di progetto che è stato
direttamente adottato dall’ente partner
nella propria attività istituzionale,
garantendo un’applicazione concreta.
Le possibilità di esperienza
internazionale ed interculturale
con marcata connotazione pratica
costituisce un valore aggiunto
per il successivo inserimento
nel mondo del lavoro. Ad oggi
più di cinquanta laureati a Trento
in Ingegneria ambientale hanno
maturato un’esperienza internazionale
a diretto contatto con i complessi
temi dello sviluppo in realtà culturali,
sociali e ambientali molto diverse
da quelle di origine. La formazione
che offriamo non è solo mirata a
formare professionisti o volontari
della cooperazione internazionale,
ma più in generale a sviluppare
competenze progettuali, di analisi dei
contesti e di relazione sempre più
imprescindibili per chi lavora oggi in
un ambito sempre più interdipendente
ed internazionale, anche per chi opera
principalmente nei propri territori di
origine.
La dimensione dei partenariati
riguarda anche il piano nazionale
- la Cattedra UNESCO coordina la
partecipazione del nostro ateneo al
CUCS (Coordinamento Universitario
per la Cooperazione allo Sviluppo,
composto da circa 30 atenei italiani –
www.cucs.net) e locale – attraverso
l’interazione permanente con il
CFSI (Centro per la Formazione alla
Solidarietà Internazionale – www.tcic.
eu) attraverso la co-progettazione e
docenza di moduli formativi, rivolti
alla cittadinanza, agli operatori della
solidarietà internazionale, con una
forte partecipazione di studenti
universitari.
Per chiudere, le prospettive future.
Intendiamo rinforzare le sinergie locali
con il CFSI, attraverso la creazione
di percorsi formativi congiunti che
portino un valore aggiunto a quanto
già esistente, in particolare in
relazione alle competenze richieste
per un più mirato inserimento nel
mondo del lavoro dei nostri laureati.
In quest’ottica, rivolgiamo il nostro
approccio sempre più al mondo
delle imprese, in particolare quelle
che hanno scelto una dimensione
internazionale orientata alla
sostenibilità ambientale e sociale dei
propri progetti.
CONTATTI
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Università degli Studi di Trento
via Mesiano, 77 - 38123 Trento
tel. +39 0461 282669
www.unitn.it/dicam
[email protected]
http://web.unitn.it/dicam/30701/unesco-chair-in-engineering-for-human-and-sustainable-development
AUTORE
[email protected]
22
Terremoto a scuola, ma al sicuro:
un nuovo sistema di monitoraggio sismico
di Oreste S. Bursi
Professore ordinario
Dipartimento di Ingegneria, Civile, Ambientale e Meccanica
Università di Trento
e Emiliano Debiasi
Amministratore Delegato
Intelligent Infrastructure Innovation
Intelligent Infrastructure Innovation, (www.i-kubed.com)
start up accademica dell’Università di Trento (Dipartimento
di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica - DICAM),
ha ideato un innovativo sistema di monitoraggio sismico
per edifici denominato SAFEQUAKE (www.i-kubed.com/
safequake), in grado di comunicare in tempo reale al
proprietario informazioni sull’affidabilità strutturale e di
segnalare tempestivamente attraverso dispositivi mobile
la presenza di danni o situazioni di pericolo. Si tratta di
un sistema sperimentale, risultato della ricerca svolta
dall’Università di Trento negli ultimi otto anni nell’area
di ricerca dedicata all’innovazione delle infrastrutture
e coordinata dal Prof. Daniele Zonta e dal Prof. Oreste
S. Bursi. Il gruppo si occupa, prevalentemente, di
monitoraggio strutturale delle opere civili, ed in particolare
dello sviluppo, integrazione e validazione sperimentale in
laboratorio di nuove tecnologie per il monitoraggio (sensori
wireless, sensori a fibra ottica, sensori elasto-magnetici,
cristalli fotonici), della progettazione e gestione nel tempo
di sistemi di monitoraggio per diverse tipologie strutturali
(ponti, viadotti, edifici di nuova realizzazione, strutture
storiche) e della realizzazione di sistemi di gestione delle
opere.
Il sistema proposto da I-Kubed consiste in una rete di
sensori disposti strategicamente nell’edificio monitorato
e da un sistema centrale, connesso permanentemente in
rete, che elabora le informazioni e le rende disponibili ai
proprietari. L’unità centrale gestisce i dati di tutti gli edifici
monitorati e fonde, in maniera intelligente, i dati dei sensori
con informazioni sull’intensità sismica e sulla vulnerabilità
dell’edificio. La principale innovazione del sistema consiste
nel fatto che le informazioni raccolte su un singolo edificio
sono usate per migliorare la conoscenza del danno e del
rischio anche su altre strutture non monitorate direttamente
per mezzo di strumenti. Si tratta, quindi, di un sistema
che può essere utilizzato per la gestione delle emergenze
sismiche, sia a livello di singoli edifici sia di un gruppo di
strutture distribuite sul territorio.
I vantaggi di questo sistema sono prima di tutto un
aumento della sicurezza. Infatti, dopo una scossa
sismica, il sistema segnala al proprietario e agli occupanti
possibili situazioni di pericolo e può essere associato
ad un sistema di allarme locale che, quando necessario,
segnala agli occupanti la necessità di evacuare l’edificio.
Oltre alla sicurezza, c’è anche un beneficio economico: il
monitoraggio permette di identificare la presenza di danni
anche non direttamente visibili, rendendo gli interventi di
riparazione tempestivi ed economici.
23
Essere costantemente aggiornati sullo stato di una struttura
consente di minimizzare i rischi e ridurre la necessità di
ispezioni. Questo permette di investire in maniera ottimale
le risorse pubbliche e private, intervenendo solo dove
necessario e risparmiando dove possibile.
La prima installazione pilota del progetto SAFEQUAKE
è avvenuta presso la scuola elementare di Stenico nella
zona delle Giudicarie in Provincia di Trento. La scuola è
un complesso costruito nei primi anni ottanta dall’ITEA
(Istituto Trentino Edilizia Abitativa). Il corpo scuola,
oggetto del monitoraggio, ospita attualmente le aule, i
laboratori e gli uffici, mentre l’interrato ospita la sede
dei vigili del fuoco di Stenico. Il complesso occupa un
sedime di 480m2. Il corpo scuola si sviluppa per un’altezza
di due piani fuori terra, ai quali si aggiunge un piano
interrato. Precedentemente all’installazione del sistema
di monitoraggio è stata effettuata una modellazione agli
elementi finiti (FEM) della struttura, al fine di evidenziare
le criticità della struttura e indicare i punti chiave che è
necessario monitorare. Seguendo le indicazioni fornite
da questa analisi, si è proceduto con la progettazione
del sistema di monitoraggio e con l’installazione degli
strumenti, in particolare accelerometri e inclinometri.
I sensori, collegati via cavo ad una centralina di
acquisizione ed analisi dati a sua volta collegata con un
PC industriale e a un gruppo di continuità, dimensionato
in modo da garantire il funzionamento del sistema anche
in caso di mancanza di energia elettrica, registrano gli
spostamenti dei punti chiave della struttura durante
l’evento sismico. I dati dell’evento vengono elaborati e
salvati sia in locale che in remoto dove vengono archiviati
ed ulteriormente analizzati. In tempo reale i dati del
sistema sono resi disponibili, tramite un’interfaccia web
appositamente sviluppata, consultabile da qualsiasi
dispositivo mobile. Contemporaneamente, vengono inviati
ai soggetti responsabili dell’opera messaggi sms/email
contenenti i dati che possono evidenziare un pericolo per la
struttura e gli occupanti della stessa.
Il sistema, nel suo complesso, è in grado di:
• riconoscere l’evento sismico, evitando i falsi positivi e
falsi negativi, adottando in particolare due strategie:
-- una strategia locale a livello del singolo nodo,
all’interno del quale è implementato un algoritmo
in grado di riconoscere i disturbi di natura elettrica
ed evitare la trasmissione di misure scarsamente
significative;
-- una strategia globale a livello di sistema, in grado
di riconoscere se l’eccitazione di un sensore
appartenente alla rete è indotta da un terremoto o
dal passaggio di una persona o di un veicolo;
• registrare e analizzare i segnali attraverso algoritmi
necessari alla determinazione delle quantità fisiche
utili alla definizione dello stato di danno (per esempio:
drift di piano) a partire dalle misure strumentali (per
esempio: accelerazioni);
• trasmettere le misure ritenute significative ad un
sistema di acquisizione centrale;
• valutare la risposta della struttura a partire dalle misure
acquisite, verificando lo stato di danno immediatamente
dopo il terremoto e comunicando in tempo reale lo
stato di agibilità della costruzione.
La scuola elementare di Stenico è solo la prima di una
serie di edifici pubblici che verranno monitorati e sono
già previste ulteriori tre installazioni nelle scuole di Pieve
di Bono e Roncone in Trentino. In futuro si prevede di
installare il sistema anche su altre strutture pubbliche,
come per esempio ospedali, ma anche su edifici privati.
CONTATTI
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Università degli Studi di Trento
via Mesiano, 77 - 38123 Trento
tel. +39 0461 282669
www.unitn.it/dicam
Ikubed srl
via G.B Lampi, 1 - 38122 Trento
tel: +39 340 5075858
[email protected]
http://www.i-kubed.com
AUTORI
[email protected]
[email protected]
Università Dialogo Aperto
a cura di:
Ufficio di Presidenza
Università degli Studi di Trento
Progettazione grafica e impaginazione:
Divisione Comunicazione ed Eventi
Direzione Generale
Università degli Studi di Trento
Immagini:
Archivio UniTrento, AgFBernardinatti, G. Cavulli, A. Coser, fotolia.it, fototonina.com e altri
Stampato da:
Nuove Arti Grafiche “Artigianelli”
Data di stampa: maggio 2015
Info:
www.unitn.it/assembleadiateneo
[email protected]
Lavoro, impresa, cooperazione, territorio
sono i temi intorno ai quali abbiamo dialogato in questi mesi,
in occasione degli incontri che abbiamo organizzato,
arricchendo di nuovi stimoli il percorso avviato dagli anni precedenti.
L’Assemblea pubblica di Ateneo continua
anche oltre l’appuntamento odierno,
trasformandosi in un rapporto costante,
attraverso iniziative e progetti, che lo mantengono dinamico e vitale.
Il dialogo si arricchisce, ora, di un nuovo strumento,
il blog, “una piazza virtuale”, che consentirà di incontrarci
in modo informale e diretto,
per dare seguito alle riflessioni reciproche,
offrire preziose occasioni di ascolto,
in uno scambio continuo di quesiti, risposte, proposte.
Aspettiamo anche il tuo contributo:
scrivici su www.unitn.it/dialogoaperto
Fly UP