...

à bç@@@@@@@@@@@@@@rà è uscito à dén fç

by user

on
Category: Documents
17

views

Report

Comments

Transcript

à bç@@@@@@@@@@@@@@rà è uscito à dén fç
A
à (pron.) à
à bç@[email protected] à è uscito
à tà! prendilo!
à [email protected]@ dón è suo marito
à fç$rà è stato detto
Àbijàn (n.; dal francese) capitale
della Costa d’Avorio
màliènw kà càn Abijiàn i maliani
sono numerosi ad Abijan
áa (inter.) ah
áa, i b’à yé ah! vedrai quello che ti
succederà!
ádErE sì (n.; dal francese)
indirizzo
à kà ád ErEsì màn ¯ ì il suo indirizzo
è sbagliato
ábadà (avv.) mai
nà yé kúmà mí fç@@ à tE$ b ç@@ ó kàn ábadà
quando dice qualcosa, non cambia mai
idea
àkàrà (n.) pasticcini di fagioli con
l’occhio
í kà àkàrà kà dỉ i tuoi pasticcini
sono deliziosi
ábarikà (inter.) grazie
à tílalen dúmuni nà, à kó ábarika
quando ha finito di mangiare, ha detto
grazie: questa frase si rivolge alla donna
che ha preparato il pasto
ábarikà si utilizza nelle transazioni per
sollecitare il venditore a diminuire il
prezzo richiesto
ní fỉní yé kE$m
$ E yé questo tessuto costa
500 cfa
ábarikà! di meno!
Accrà (n.) capitale del Ghana
à dén fç@@lç b E$ Accrà il suo
primogenito è ad Accra
Alà (n.; dall’arabo) Dio
Alà kà bó Dio è grande!
Espressione di fiducia nel futuro, di
sorpresa di fronte a qualcosa di
straordinario, oppure davanti ad una
disgrazia
Alà kàmà! per l’amor di Dio!
Alà kç@@nson! in nome di Dio! (lett.:
a causa di) Si usa nelle richieste
ín shà Alà se Dio vuole
9
àlabatò (Ala + bato; dall’arabo)
1 (n.) adorazione
2 (v.) riconoscere la maestà di Dio
à b E$$ àlàbatò kùma b [email protected] E adora sempre
Dio attraverso la preghiera
àlàbanàn (ala + banan; n.; dall’arabo)
malattia naturale, normale, non dovuta a
stregoneria
à kà bóló dímí yé àlàbanan yé il suo
dolore al dito è una malattia normale
àlàdelì (ala + deli; n.; dall’arabo)
invocazione a Dio, preghiera
operazione magica basata sui versetti del
Corano
mórikE$ yé àlàdelìi kE$ wàlàsà à kà cE$
sç@rç$ il religioso, il saggio ha fatto delle
invocazioni affinché la donna trovasse
marito
àlàdeliberé (ala + deli; n.; dall’arabo)
bastone usato nei riti magici dotato di un
suo potere
b [email protected]@E b E$ síràn à kà àlàdeliberé là tutti
hanno paura del suo bastone magico
àlàdonbalì (ala + donbali; n.;
dall’arabo) che non è sottomesso a Dio
kàfiri, àlàdonbalì dón è un ateo, uno che
non riconosce Dio
àlàfarankan (ala + fara + kan; n.;
dall’arabo) provvidenza divina
à kà bínìn kE$rà àlàfarakàn yé la sua
caduta è dovuta alla Provvidenza divina:
non si è fatto male
àlà-ka-cidèn (n.; dall’arabo)
messaggero di Dio
bruco rosso
sàn mà nà nà àlà-ka-ciden b [email protected] càyà
quando piove ci sono tanti bruchi rossi
àlà-ka-murujàn (n; dall’arabo)
mantide religiosa
arcobaleno
músa b E$ kà àlà-ka-murujàn jíra Mussa
sta indicando l’arcobaleno
àlàkE$ (ala + kE; n.; dall’arabo)
qualsiasi cosa dipenda dalla volontà
di Dio
cE$ dç@ b [email protected]@ kà fç@@ kà b E$$ àlàkE bàlì c’è
un uomo che sta dicendo che può
lottare contro i decreti di Dio
àlàmadì (ala + madi; n.;
dall’arabo) matrimonio senza dote:
matrimonio celebrato tra due
famiglie amiche per il quale
nessuna dote è richiesta alla
famiglia dello sposo
Fànta kà fúrù kE$rà àlàmarì yé il
matrimonio di Fanta è stato un
matrimonio senza dote
àlàmakç nç $ (ala + makçnç ; n.;
dall’arabo)
situazione provvisoria: sperando
nell’aiuto di Dio
periodo prenatale
à kà dúgù tàagà kE$rà àlàmakçn ç$ yé
il suo viaggio è nelle mani di Dio
àlàmanì (ala + mani; n.;
dall’arabo) multa
ú kà mònbili jç@kojugùù bólò, ú yé
àlàmani sírà hanno preso una
multa per l’auto parcheggiata male
àlàminE $ n (ala + min En; v.;
dall’arabo) rassegnarsi
ú yé àlàmin E$ ní kó là si sono
rassegnati
àlàminE jç $ n (ala + min E + jçn; n.;
dall’arabo) persona rassegnata
ní kó là, à kE$rà àlàmin Ejç$n yé in
questa situazione, si è comportata
da persona rassegnata
àlàmisà (ala + misa; n.;
dall’arabo)
giovedì
nome proprio
àlàmisà yé dç@@g ç$ kún tílén nàanninà
yé giovedì è il quarto giorno della
settimana
à tç$gç$ Alamisà si chiama Giovedì
10
àlàmç rì (ala + mori; n.; dal francese)
armadio
à yé fíni bílà àlàm çri kç@non ha messo i
vestiti nell’armadio
àlàsirà (ala + sira; n.; dall’arabo)
legge, giustizia divina
religione
lo spazio naturale che separa i due
incisivi superiori o inferiori: chi ha
questo spazio è ritenuto una persona
molto fortunata
àlàsirà dá yE$lElà à yé ha avuto
un’illuminazione divina
àlàsirà b E$ à dà là, à b [email protected]$ [email protected]@ faàama yé ha
lo spazio tra i denti, diventerà ricco
àlàtaalà (n.; dall’arabo) Dio, il
Misericordioso
à kó àlàtaalà! così ha detto Dio!
àlàtanù (ala + tanu; n.; dall’arabo)
agiatezza, benessere, prosperità
bín bínma, ú b [email protected]@ àlàtanù come vivono
bene oggi grazie a Dio
àlàtçgç $ (ala + tçgç ; n.; dall’arabo)
versetto coranico contenente il nome di
Dio
b [email protected]@E [email protected]@ àlàtçg ç$w dón í kún fE$ non tutti
conoscono i nomi di Dio a memoria
àlàwaadù (ala + waadu; n.; dall’arabo)
destino
mç@@g ç$ b EòE, nà kà àlàwaadù dón ogni
persona segue il suo destino
àlàwelé (ala + wele; n.; dall’arabo)
chiamare, invocare Dio
à kà àlàwelé b E$ tà fó àn dúsù kún là la
sua invocazione a Dio ci tocca il cuore
àlà˜Esiranyà (ala + ¯E + siranya; n.;
dall’arabo) sottomissione ai
comandamenti divini
àlà ˜Esiranyà yé à bàli kà kójugù kE$ la
sottomissione ai comandamenti divini gli
ha impedito di comportarsi male
àlà˜ç $ (ala + ¯ç ; n.) specie di pianta,
bot. chlorophytum senegalense
àlà ¯ç$ fàlilà la pianta è cresciuta
álé
1 (pron.) lei, lui
2 (art.) il, la
3 (agg.) suo, sua
álé b [email protected]@ síràn egli ha paura
álé kà sàgà il suo montone
álekunsalàm (inter.; dall’arabo)
saluto in risposta a sàlemalekun
à kó sàlemalekùn ú yà jàbi
álekunsalàm lui ha salutato
dicendo “sàlemalunkun”, loro
hanno risposto “álekunsalam”
àlifaatiyà (n.; dall’arabo)
primo versetto del Corano
incantesimo
ú yé àlifaatiyà tàa hanno recitato il
primo versetto del Corano
àlihamarà (n., dall’arabo) varietà
d’incenso
ú yé àlihamarà wúsù sókçnòn
hanno bruciato “l’àlihamara” in
casa
àlii¯ E$ (ali + ji¯E; n.; dall’arabo)
paradiso
kàfirì [email protected]@tà àliji¯E$ là una persona
cattiva, atea, non andrà in paradiso
àliji˜ E dèn (aliji¯E + den; n.;
dall’arabo) persona scelta dal
paradiso
sàn nàna à kà sàngabodalà,
àliji˜ dén, dón ha piovuto durante il
suo funerale, è un uomo di Dio
àlikaabà (ali + kaaba; n.;
dall’arabo) Kaaba
àlikaabà b E$ màkàn la Kaaba si
trova alla Mecca
álikaama (n.; dall’arabo) piccola
pasta di grano duro fatta dai
Songhai, un’etnia del Nord del Mali
álikaamà yé kç$rçb çrç$ kà dúminì
màndi yé “l’alikama” è il piatto
preferito dai Songhai
11
àlikarì (n.; dall’arabo) giudice
musulmano
àlikari kó, kà jó tà là il giudice dei
musulmani ha detto che ha torto
àlimE tikalà (alim Eti + kala; n.; dal
francese) fiammifero: inteso
singolarmente, come unità
àlikiyamà (n.; dall’arabo) Aldilà
à b E$ kà ¯E$fç$, àlikiyamà yé mín yé sta
spiegando cos’è l’Aldilà
àsilamE $ (n.; dall’arabo)
musulmano
àsilam E$ bà dón è un grande
musulmano
àlikç lì (n.; dal francese) alcool,
bevanda alcolica
àlikç lì b E$ [email protected]@ kà jólì fúrakE$ l’alcool si
utilizza per curare una ferita
à yí dógò kà àlikç lì mín si è nascosto per
bere alcoolici
àliwwà (n.; dall’arabo) var. àluwà
tipo di caramella artigianale
àliwà b E$ dílàn ní súkaró ní
lènburukumùn yé l’àliwà si fa con
lo zucchero ed il limone
àlikubà (n.; dall’arabo) nicchia scavata
nel muro per riporre i libri
kàlandèn yé kàyé bílà àlikubà kç@n ç $ lo
scolaro ha messo il quaderno nella
nicchia
àlikuranE $ , var. kúranE $ (n.;
dall’arabo) Corano
àlà kà kúma b E$ kúran E$ kç@[email protected] òn tutte le
parole di Dio sono scritte nel Corano
àlimamì (n.; dall’arabo) imam
àlimami d E$ b [email protected], sílam E$ làselì mísirì kç$nç$
l’imam è colui che fa pregare i
musulmani nella moschea
àlimamiyà (alimani + ya; n.) imamato
mç@@g ç$ júgu [email protected]@sé kà àlimaniyà [email protected] le
persone cattive non possono praticare
l’imamato
àlimàn (n.; dal francese) tedesco
àli ní yà yé í bà dón kó àlimàn dón
guardandolo si capisce che è tedesco
àlimankE lE $ (aliman + kElE; n.; dal
francese) guerra mondiale
ànw b E$$nkE$w yé àlimankEl E$ [email protected] i nostri
antenati hanno combattuto la guerra
mondiale
àlimE tì (n.; dal francese) fiammiferi:
inteso come scatola, come insieme
à yé tàsumà mínin ní àlimetì yé ha
acceso il fuoco con un fiammifero
àmadibuubú (n.) varietà di miglio
molto grossa
¯ ínàn àmadibuubú mà fàlín kà ¯ àn
quest’anno la raccolta del miglio
grosso non è stata buona
àmiinà (n.; dall’arabo) amen, così
sia (risposta agli auguri, alle
benedizioni)
àlà, kí kísí júgú tç@rç@ mà che Dio
ti protegga dai nemici
àmiinà amen
án
1 (pron.) noi
2 (agg.) nostra, nostri
án b E$ tàa súgú là andiamo al
mercato
án kà bàw le nostre capre
ànì (cong.) e, anche
kélen àni fílà yé sàbà yé uno e due
fanno tre
à yé tç@@bili kE,@@ àni kà fíni kó ha
cucinato ed ha anche lavato i panni
ànginì (n.; dal francese) angina
ànginì fúrà il medicinale per curare
l’angina
ànimatE rì (n.; dal francese)
animatore
ànimatErì kúra nànà, ú kà ékç lí là
è arrivato un nuovo animatore nella
loro scuola
12
ánçfE lí (n.; dal francese) anofele,
zanzara che trasmette la malaria
ánpulù (n.; dal francese) lampadina
ú yé ánpulù kúrà dón hanno messo una
nuova lampadina
ànyí (n.) etnia della Costa D’Avorio
ànyí dón è un “ànyi”
ánwulç pù (n.; dal francese) busta da
lettera
dç@@ yé ánwulçpù dàyEl E$ qualcuno ha
aperto la busta
àpolò (n.) specie di musica e di danza
tradizionale accompagnata da
un’orchestra tradizionale
àn b E$$ tàa àn yúgubà àpolo yç$rç$ là
stiamo andando a ballare dove si suona la
musica tradizionale
árabà (n.; dall’arabo)
mercoledì
nome proprio dato alle donne nate di
mercoledì
árabasù notte dal martedì al mercoledì
fílElikElàw tE$ són kà làjElikE árabà dón
bàrì ní yé fín mí yé ó b E$ kE$ fílà yé i
veggenti non amano fare la veggenza al
mercoledì perché quello che vedono si
raddoppia
àrajabà (n.; dall’arabo) settimo mese
lunare dell’anno
à kà fìn càmàn b E$ kE$ àrajabà là la
maggioranza delle sue cose le fa nel
settimo mese lunare dell’anno
àrajò (n.; dal francese) radio
à mà sé kà kómuniké m E$n ,bàri àrajò tún
tE$ à bólò non ha potuto ascoltare le
notizie perché non aveva la radio
àrajomalì (arajo + mali; n.; dal
francese) RadioMali, la radio nazionale
del Mali
bàmanankàn bE$ fç@@ àrajomalì là a
RadioMali si parla il bambara
àrafù (n.; dall’arabo) pronuncia
à kà árafù má ¯ ì la sua pronuncia
non è buona
árakà (n.; dall’arabo) nome
generico per designare le posizioni
assunte durante la preghiera
à b E$ nà tíla sélì là, à b E$ árakà
làbàn là sta per finire la preghiera,
è all’ultima posizione
àràn (n.; dal francese) fila
ù yé dènmsEniw bílà àràn là hanno
messo i bambini in fila
árapidì (n.; dal francese) minibus
veloce
à kà árapidì fàrà il suo minibus è
pieno
árçndisimàn (n.; dal francese
“arrondissement”)
nell’ordinamento amministrativo
francese, suddivisione del
dipartimento o delle grandi città
árçndisimàn ¯E$bàw yé kç$n feransì
kE$ le autorità
dell’“arrondissement” hanno fatto
una conferenza
áspirinì (n.; dal francese) aspirina
áspirinì b E$ bànàn càmàn fúrakE$
l’aspirina cura tante malattie
ásiporò (agg.) aspro
nívakini ásiporolén dòn la
nivaquina è aspra
ásEtì (n.; dal francese) var. ásiyE tì
piatto
à kà ásiyEtì b ç$rà kà bín il suo
piatto è caduto
àtayì (n.; dal francese) tè verde
ú tílalen dúminilà, ú yé té wúlí
quando hanno finito di mangiare,
hanno preparato il tè verde
àwa (n.) nome proprio: Awa e
Adama sono nomi dati a sorelle
gemelle
13
áwrilì (n.; dal francese) aprile
à b E$$ tàa dúgù là áwrili kàlò là viaggerà
nel mese di aprile
àwiyç $ n (n.; dal francese) aereo
à b E$ síràn kà dón áwiyç$n kç$nç ha paura
di salire sull’aereo
áwokà (n.; dal francese) avvocato
ní áwokà ¯ úman tùn t’à bóló, à tùn b’à
Sí [email protected] kàsó là se non avesse avuto un
buon avvocato, avrebbe passato la vita in
prigione
àwç$ (avv.) sì
à kà àwç fç@ kà càn dice spesso di sì
àyì (avv.) no
ú yé dúmunìn [email protected]@ wá? hanno mangiato?
àyì no
mùsò má ká fç@@ àyi à cE$ mà una donna
non deve dire di no a suo marito
àyiwà (avv.) sì, bene, d’accordo:
avverbio utilizzato da un interlocutore
indeciso che cerca le parole, esita;
utilizzato da solo indica incertezza,
prudenza
14
B
bàá (n.) capra, caprino
fílenlikElà kó kà ká bàá sàrakà il
veggente gli ha detto di offrire una capra
in sacrificio
bà (n.) mille, migliaio
ní yé mísi bà tàn yé sono diecimila
mucche
bà kélén cinquemila
bá
1 (n.) madre
corso d’acqua, fiume
2 (agg.) importante
í fa ní bá tí jànfà àbadà tuo padre e tua
madre non potranno mai tradirti
bánicinìn la più giovane sorella di tua
madre, oppure l’ultima moglie di tuo
padre
dénmusò b E$ [email protected] à bá d E$ yé una bambina
segue le orme di sua madre
mç@g çbàw tùn b E$ à kà fúrusì là grandi
personalità erano presenti al suo
matrimonio
kà bá tìg E$ attraversare il fiume
à kà jin E$w b E$ bá kç$n ç$ i suoi geni sono
nel fiume
kà bá m ç$n pescare nel fiume
bà (suff.; accrescitivo)
bùlonbà grande vestibolo
dén ¯umàn bambino obbediente,
rispettoso
fàamabà persona molto ricca
bàa (n.) termine utilizzato davanti
ad un nome maschile in segno di
rispetto
bàa Ablo signor Ablo
bàbà var. bà padre
bàa (v.) cfr. bàgà offendere
i kànà bàa má non offenderlo
bàabì (n.; dal francese)
macchina simile alla Citroen 2Cv
sandali infradito di solito di
materiale sintetico
bàabinin yé sàbara yé mín dá ká
nçgçn Mali lá i sandali infradito
costano meno in Mali
bàabì (n.)
crema gelata molto diffusa nel Mali
calcetto
báabú (n.) capitolo
n) mà sé k’í ká gáfé báabú fç$lç$
fàamuyà non sono riuscito a capire
il primo capitolo del tuo libro
15
Báabugubaarà (n.)
lavori forzati
problema difficile da risolvere
ní kó kE$rà báabugubaarà yé, ú b E$E tùlò
kà g E$lE$ questo problema è difficile da
risolvere, sono tutti e due testardi
ù yé báabugubaarà di à mà l’hanno
condannato ai lavori forzati
báabugunìn (n.) casa di sabbia
costruita dai bambini
sàn yé ú ká báabugunìnw cí la pioggia
ha distrutto le loro case di sabbia
báagí (n.; dal francese) anello
filElikElà kó, ká ká báagi jE$màn dòn à
dén là il veggente le ha detto di mettere
un anello d’argento al dito di suo figlio
báadén (avv.) tanti
nàfolò báadén b E$ à kún ha tanta
ricchezza
báadingE $ (n.) fossa scavata per
l’estrazione dell’argilla da costruzione
à binnà báading E$ kç$nç è caduto in una
cavità del terreno
bàalàn (n.) hydrocyton forskali, pesce
del Niger
bàalàn ni zàm E$n kádì il pesce del Niger
è buono con il “riz au gras”
bàanà (agg.) ricco
nín dú kç$n ç$n dénw b E$E kE$rà bàanà yé
tutti i ragazzi di questa famiglia sono
diventati ricchi
bàanabanà (n.) piccolo commerciante
ambulante
ú yé bàanabanà gín kà b ç$ ú ká dú kç$n ç$
hanno cacciato il piccolo commerciante
dalla loro casa
báarà
1 (n.) lavoro
2 (v.) fare dei riti magici per ottenere
qualcosa
à yé báarà sç$rç$ Abijàn ha trovato lavoro
ad Abijan
ní m ç$rikE$ kà báarà ká ¯ ì i riti
magici di questo veggente
funzionano
báarabilàw kà càn tùbabù dùgù là
gli scioperi sono numerosi nei paesi
occidentali
báaradà (baara + da; n.)
servizio amministrativo
settore
luogo di lavoro
mestiere
abitudine
fórobáaradà servizio pubblico
à ká báarada yé míninseyà yé
il suo mestiere è quello del
falegname
à ká báaradà b E$ à kà só kE$rEfE$
il suo luogo di lavoro è vicino a
casa
báarakEbalì (baara + kEbali; n.)
senza lavoro, disoccupato
báarakEbalì dúsù kásilén dón, bári
à má báarà sç$rç il disoccupato
soffre poiché non ha trovato lavoro
báarakEdén (baara + kEden; n.)
lavoratore
sàlayà má ká báararakEdén mín E$
il lavoratore non dev’essere pigro
[email protected] arakE dà (baara + kEda; n.)
servizio amministrativo
posto di lavoro
[email protected] [email protected] [email protected] En [email protected] à kà [email protected] [email protected]
porta questa lettera al suo posto di
lavoro
báarakE là (baara + kEla; n.)
lavoratore
báarakElàw mà sàrà fç@lç$
i lavoratori non sono ancora stati
pagati
báarakE minE $ n (baarakE +
min En; n.)
attrezzi
armi di seduzione
músòw yé ú kà báarakEmin E$nw tàa
16
le donne stanno usando le loro armi di
seduzione
[email protected] arakE¯ ç gç $ n (baarakE + ¯çg çn; n.)
collega
à kà [email protected] yçg ç$n yé [email protected] [email protected]ù yé il
suo collega è una persona cattiva
[email protected] aratanya (baara + tanya)
1 (n.) disoccupazione
2 (v.) licenziare
[email protected]ù kà dç@g ç@ [email protected]à kç@sç$n ci sono
pochi matrimoni a causa della
disoccupazione
báara¯inì (baara + ¯ ini; n.)
operaio
domestico
mç@g ç$ b E$ à kç@nòn, kó báaranyinì yé fàli
yé la gente pensa che il domestico
dev’essere trattato come un asino
báara¯inisE bE $ n (baara + ¯ ini +
sEb En; n.) domanda di lavoro
yé ú à kà báara ¯ inisEb E$n túnùn hanno
smarrito la sua domanda di lavoro
báarasç rç baliyà (baara + sçrç +
baliya; n.) disoccupazione
báarasçrçbaliyà b [email protected] fúrú d ç@[email protected] çyà Màlí là
in Mali ci sono pochi matrimoni a causa
della disoccupazione
báari (v.; dal francese) sbarrare
à yé sírà báarì à ¯E& gli ha sbarrato la
strada
bàbà (n.)
papà, padre
parola di rispetto che si usa nei
confronti di una persona anziana
à b E& à bàbà bó ¯àn rispetta molto
suo padre
bábakE rE kelén (n.) granchio di
fiume
bábilì (n.)
ponte
diga
sélengé ní mànantalì bábilìw b [email protected]
kúràn dí Mali má dalla diga di
Selenge e di Manantali si ricava
l’energia elettrica per il Mali
bábolò (ba + bolo; n.)
braccio di fiume
affluente
Bá Niger ní à kà bàbolo il fiume
Niger con i suoi affluenti
bàbòn (ba + bon; n.) stalla per le
capre
ní bàbòn kà bó d E$! che grande
questa stalla per le capre!
bàbon¯à (ba + bon ¯a; n.) regalo
tradizionale che si dà alla madre
della fidanzata
à kà bàbon ¯à kà gíri il suo regalo
per la madre della fidanzata è
prezioso
bàbelé (n.) ghiaia
báasì
1 (n.) torto
male
2 (agg.) grave
báasì [email protected] non è grave, non è niente
báasì tà là non ha niente di grave
bàcE ncE $ n (ba + cEncEn; n.)
sabbia fine e bianca
à kà báara yé bàcEncE$n féré yé il
suo lavoro è vendere sabbia fine
báatarà (n.) che non vale niente
báataradén imbecille
báatarafE$n fannullone
báataradén dón à tE& mírí à sç@m çgç$w là
è un fannullone, non pensa ai suoi
genitori
bàdén (ba + den; n.)
capretto
figlio della madre in opposizione al
figlio di un’altra moglie
persona con la quale si hanno
legami d’affetto e di fiducia
ní dú bàdenw b E& kE&ra ú bà yé tutti i
17
figli di questa famiglia assomigliano alla
loro madre
bádenmà (ba + denma; n.) sin. bàlimà
parenti, amici, qualsiasi persona con la
quale si hanno rapporti di amicizia, di
stima o di affetto
bádenyà (ba + den + ya; n.)
solidarietà tra i figli della stessa madre
parentela materna
amicizia
ù tE& b ç& ¯ç@gòn kç@rç$ ú kà bàdenyà kà bón
non si tradiscono, la loro parentela è
molto stretta
bádenjugù (ba + den + jugu; n.) cattivo
fratello uterino, cattivo amico
àlà kàn kísì bádenjugù mà! che Dio ci
protegga da un cattivo fratello!
bàdingE $ (ba + ding E; n.) letto del
fiume
bàdialàn (n.) nome di un quartiere nel
Mali
bájalàn (ba + jalan; n.) canale che
conduce al porto
bàjàn (ba + jan; n.) tipo di capra del
Sahel
bàjanbiliyà (ba + janbiliya; n.)
vagabondaggio
ní kó ¯ onmusò kà mà ¯ amagà b [email protected] yàalà, à
b [email protected] fç@ kó kónyonmusò b [email protected] [email protected] bàjanbiliyà
músò yé se la vecchia donna che si
occupa della sposa durante i primi sette
giorni delle nozze va sempre in giro
(invece di stare seduta alla porta della
camera della sposa) si dice che la sposa
sarà sempre vagabonda.
In Mali l’educazione sessuale si
dovrebbe imparare durante i primi sette
giorni delle nozze ed è una donna
anziana esperta in questo campo che
deve svelare alla sposa tutti i segreti del
sesso
bájì (ba + ji; n.) acqua
bájì kà tímì ní kç@g ç$ jì yé l’acqua
del fiume è migliore di quella del
mare
bájù (ba + ju; n.)
fondamento
principio fondamentale
base
origine
mç$g ç$ sí tE& ní kó bájù dón nessuno
conosce l’origine di questa cosa
mç$g ç$ bájù fç$lç$ yé kà h [email protected] sç@rç$ il
principio fondamentale dell’uomo è
la ricerca della felicità
àn kà bálò bájù yé ¯ ón yé il miglio
è la base della nostra alimentazione
bájurù (ba + juru; n.)
anello della catena
parte della rete da pesca dove sono
attaccate le corde più grosse
nome di una melodia tradizionale
bàgà
1 (v.) accusare a torto
provocare
tingere
2 (n.) veleno
dolore
pianta velenosa
aggressività
sigaretta (pop.)
tintura color blu chiaro
tratto da
una liana: gala
í jó tà là, í bágarà à mà hai torto,
l’hai provocato
sà kà bàgà kà fàrì il veleno del
serpente è potente
ní fúrà yé à kà ¯ í dími bàgà fàgà
questo medicinale ha calmato il suo
mal di denti
cE$ bàgà kélén dí n) mà? ehi, tu, hai
una sigaretta da darmi?
bàga dúlokibà d [email protected] màkadì m ç@g ç$w
yé alla gente piace il “bubu” blu
chiaro
18
bágabagà (baga + baga; v.)
minacciare, far paura
à y’à bàgabagà k’à b’à fç@ à bá yé ha
minacciato di dirlo a sua madre
bágajE$ (baga + jE; n.) blu chiaro
bágán (n.)
cintura
braccialetto
protettore
mórikE$ kç@@gç lèn d [email protected] yé bàgàn d’à má è
un religioso molto potente che gli ha
dato il braccialetto di protezione
bágàn (n.)
il bestiame
animale domestico o selvatico
imbecille: insulto
fàmà dón à kà bágàn kà càn è ricco, ha
tanti animali: in Africa la ricchezza si
misura anche in base alla quantità di
animali che si possiedono
à hàkilì kà d ç@g ç$ í nà fç@ bágàn pensa
come un imbecille
báganfagayç rç $ (bagan + faga + yç rç ;
n.) mattatoio
ù tàarà báganfagayç rç$ kò, kà jE$ sono
andati a pulire il mattatoio
báganfurakE sò (bagan + fura + kEso;
n.) clinica veterinaria
à kà sàkà bànanèn, à tàarà nà yé
báganfurakEsò là ha portato nella
clinica veterinaria la sua pecora
ammalata
bágangEnnà (bagan + g Enna; n.)
pastore, guardiano
bágangennà bòlilà n’à kà mìsiw yé il
pastore è scappato con le sue mucche
báganmarà (bagan + mara; n.)
allevamento di bestiame
báganmarà yé tìminandiyà yé ci vuole
tanta pazienza per l’allevamento di
bestiame
pastore che si occupa degli animali
si chiama anche fúlakE, nome che
indica l’etnia Peul; quindi per
offendere scherzosamente un Peul
si usa dire questa frase: fúlakE$ nç@[email protected] ç$
bánnà, fúlakE$ bóbarà bísì pastore
Peul, il latte è finito, bisogna
mungere le tue natiche!
bágì (n.) cotonata chiamata
Guinea, tessuto in cotone, stoffa
leggera di fabbricazione moderna
à yé bágì tìg E$ à yé gli ha comprato
un tessuto in cotone
bàgì (n.) lebbra con pustole
ù y’à kà bàgì fùrakE$$, kà d E$sE$
hanno curato invano la sua lebbra
con pustole
bàgibà (n.) menopausa
àn kà fárafin fúrà càmàn b E$ bàgibà
nç@gç yà ci sono tanti medicinali
africani che rendono sopportabile la
menopausa
bágimugù (bagi + mugu; n.)
stoffa non cucita, grande rotolo di
stoffa
n) màgò b E$ bàgimugù là ho bisogno
di un grande rotolo di stoffa
bágipisì (n.) pezzo di stoffa
formato da sei pezzi minori cuciti
insieme, “pagne”, pareo
bàgipisìw tùn kà càn, à kà kç$¯ òn
mìnànw là c’erano tante pezze di
stoffa nel suo corredo
bàkiliù (agg.) tirchio
pç@shì tE$ bàkiliù kà fínì là il vestito
del tirchio è senza tasche
bàkiiiluyà (bakiuliu + ya; n.)
avarizia
bàkiuliuyà nì fàntanyà kà jàn
¯ç$gonnà l’avarizia e la povertà
sono due cose distinte
báganmaralà (bagan + marala; n.) sin.
fúlakE $ allevatore, pastore: in Mali, il
19
bákisE $ (ba + kisE; n.) prezzo di costo
n) tE$ sé kà d ç@ bç@ à là, à tE$ bàkisE$ b ç@ non
posso diminuire il prezzo, non arriva
nemmeno al prezzo di costo
bákolò (ba + kolo; n.) essenza,
significato fondamentale di un discorso
kúmà bákolò l’essenza di un discorso
bálà (n.) xilofono, balafong
ù yé bàlafç$ dàmin E$ hanno iniziato
a suonare lo xilofono
bàlabalà (v.) bollire, lessare
SE$fàn bàlabalén uovo sodo
wòsò bàlalalèn kàdì à yé ama le
patate lesse
bákç$ (ba + kç ; n.)
zia materna
bambino la cui madre è morta dopo
averlo partorito
bàlakawulì (n.) bot. pterocle
quadricinctus, pianta medicinale
che permette ai bambini di
camminare presto
nì yé bàlakawulì kE$ kà sén jç$sì, à
b E$ tàamà sìsàn se tocchi le sue
gambe con la pianta, camminerà
subito
bàkç rç sòn (bakçrç + sòn; n.) varicella
bàkçrçsòn dòn, à b E$ fùrakE$ è la
varicella, si cura
bàkurumasàn (v.) abbonarsi,
sottoscrivere un abbonamento
kíbarù bàkurumasàn l’abbonamento a
“Kibaru”: “Kibaru” è una rivista in
bambara venduta nel Mali
bàkurumasannà (bakurumasan + na;
n.) abbonamento
nì bàkurumasannà dà mà g E$lE questo
abbonamento non costa tanto
bàlà (n.)
persona dal colorito rossastro, specie di
albino
asino rosso e vigoroso
bàlà dòn, bàarà jùgù kà g E$lE$ kà sç$rç$ è
un albino, è difficile che un sortilegio lo
colpisca
àn b E$ nì fàlì d E$ wélé bàlà è questo
genere di asino che chiamiamo “bala”
bàlà (v.)
sorprendere
iniziare bruscamente
ò yé fín yé, mín b’à bàli à là è una cosa
che non l’ha sorpresa
mòtç rì bàlilà kà wùlì all’improvviso il
motore ha cominciato a funzionare
bàlà (n.) porcospino
bàlà yé sìrà tìg E$ il porcospino ha
attraversato la strada
bàlakawulí (avv.) espressione di
grande sorpresa
à [email protected] bàlakawulí kó yé è una cosa
molto sorprendente
bálakç nç $ (n.) uccello del genere
cavaliere
bàlakçn ç$w yé sìrà tìg E gli uccelli
hanno attraversato la strada
bálamç $ (n.) frutto maturo
sull’albero
à yé bálam ç$w càmàn kàrì ha colto
tanti frutti maturi
bàlàn (v.)
essere agganciato
essere ostinato
incastrare
ostacolare
à kà dùlç kì bàlannà dá lá il suo
vestito si è impigliato nella porta
à y’à bàlan ní kó lán si è ostinato
su questa cosa
à yà bàlàn à kà nàalì là ha
ostacolato il suo viaggio
bàlansì (n.; dal francese) bilancia
à b E$ sògò súmàn bàlansì lá pesa la
carne con la bilancia
bálawù (n.)
litigio sanguinoso, rissa
20
calamità
guerra
àn tE$ bálawù [email protected], àn b E$ h E$rE d E$ fE non
vogliamo la guerra, vogliamo la pace
bálawù dén dón è uno che ama molto le
risse
bàlén (n.) biforcazione
kç@n çnìn sìgirà bàlén lá l’uccellino si è
posato sulla biforcazione
bàlì (v.) impedire, proibire
à yé dénw bàli kà dúminì [email protected] sùnkalà là
ha proibito ai bambini di mangiare
durante il digiuno
bàlì (n.) gioco infantile fatto con due
uova o noccioli di karité
ù yé dén dégén bàlì b ç$ là hanno
insegnato ai bambini questo gioco
bálibalì (n.) pecora di sesso maschile
molto grossa, tipo di pecora del Sahel
à kà sàkàw tìlà b E$E yé bálibalíw yé la
maggior parte delle sue percore sono
pecore del Sahel
bálikù (n.; dall’arabo) persona adulta,
maggiorenne
báku kúmà kà gírì le parole degli adulti
sono importanti
bálikuyà (baliku + ya)
1 (n.) età matura
2 (v.) diventare adulto
bólokolì b [email protected] m ç$g ç$ dòn bálikuyà lá
la circoncisione ti fa diventare
adulto
à bàsigilén dòn sìsàn, à dònnà
bálikuyà là ora è responsabile, è
entrato nell’età matura
bálimà
1 (n.) parenti di secondo o terzo
grado
termine amichevole
utilizzato per i lettori o gli
ascoltatori
2 (v.) adulare qualcuno facendo il
panegirico dei suoi antenati
sin bádenmà à bálimà mà són fúru
kà kE$ i suoi parenti non hanno
accettato il matrimonio: in Africa
Occidentale, i parenti hanno una
grande influenza sul matrimonio
jéliw y’à balimà, dégulin dón i suoi
“griot” (cantastorie) l’hanno
adulato il giorno del battesimo
bálimakE $ (balima + kE; n.)
parente di sesso maschile
à bàlimakE$w kà càn, à tE$ d E$sE$ kò
là ha tanti parenti, non rimarrà
senza aiuto
bálikukàn (baliku + kan; n.)
alfabetizzazione funzionale,
alfabetizzazione degli adulti
bálikukàn kàlàn dámin Enà dùgucinìn
kç@n ç l’alfabetizzazione funzionale è
iniziata nei piccoli villaggi
bálimamusò (balima + muso; n.)
parente di sesso femminile
bàlimamusòw tE$g E$ b E$ ¯òngòn bòlò
i parenti si aiutano a vicenda
bálikukalandén (baliku + kalan + den;
n.) principiante adulto
nì bálikukalandéw jìlajalèn dòn questo
principante è perseverante
bálimamusodén (balima + muso +
den; n.) figlio della sorella o della
cugina
à bàlimamusodénw b E$E yé ¯òngòn
sç$rç$ à kà sò tutti i figli della
sorella si sono ritrovati a casa sua
bálikukalansò (baliku + kalan + so; n.)
centro di alfabetizzazione funzionale
bàlikukalansò jç$lì wùsarà, ù mà la
costruzione di un centro di
alfabetizzazione è stata loro utile
bálimayà (balima + ya; n.)
parentela, fratellanza
ú kà bálimayà sínsi lén dón la loro
parentela è solida
21
bálò
1 (n.) vita
cibo
mezzi di sopravvivenza
2 (v.) nutrire
vivere
crescere
à bálò yé ¯ç$n yé il suo cibo è il miglio
à y’à dén bálò sín là ha nutrito il suo
bambino al seno
bálò ní sàyà la vita e la morte
à bálolà ní dún kç@nòn è cresciuto in
questa famiglia
bàlòn (n.; dal francese) pallone
ú y’à kà bàlòn kàlà hanno cucito il suo
pallone
bàmà (n.) coccodrillo
bàmà kíli uova di coccodrillo
í jàntò à là, bàmà dón stai attento, è un
coccodrillo: una persona cattiva
bàmadà (bama + da; n.) berretto con
due punte che ricadono a lato della testa
à kà bàmadà ¯E$matununà à là non
ritrova più il suo berretto
bámakò (bama + ko; n.) capitale del
Mali
Il nome della capitale Bamako deriva da
una leggenda: la regina, per sfuggire ai
nemici, salì sul dorso di un coccodrillo
per attraversare il fiume Niger e Bamako
nacque sulla sponda opposta del fiume
bámanàn (n.)
Bambara: nome di un’importante etnia
dell’Africa Occidentale
animista
bámanan dón, à tE$ sélí è un animista,
non prega
bámananw sígirà Ségù i bambara si
sono stabilizzati a Segu (regione del
Mali)
bámanankàn (bamanan + kan; n.)
lingua bambara: la lingua veicolare di
tutta l’Africa Occidentale
sísàn bámanankàn b [email protected] kàlàn lákç lì
là adesso si studia il bambara a
scuola
bámananyà (bamanan + ya; n.)
conoscenza tradizionale dei
bambara
animismo
bàmananyà tE$ kò n ç$g ç$ yé non è
facile accedere alla conoscenza
tradizionale dei bambara
bámanbilén (n.) barbus
occidentalis, pesce del fiume Niger
ù yé bámanbilén d E$ mòn hanno
pescato questo genere di pesce
bàmanì (n.)
grande sforzo
resistenza
perseveranza
bàmani mç@g ç$ dón è una persona di
grande perseveranza
bámasantç ntç $ n (n.) dilemma,
situazione senza soluzione
ní yé bámasantçntç$n kó yé, Ala kí
d [email protected] E$! questa cosa è un dilemma,
che Dio ti aiuti!
bámE tE rE $ (ba + m Et ErE; n.)
chilometro
à b E$ bám EtErE$ càmàn tàgamà, kà
tàa ékç lì là cammina tanti
chilometri per andare a scuola
bàmù (v.) portare sulla schiena
con una pezza di tessuto un
bambino
túbamusò tE$ ú dén bàmù portare
sulla schiena un bambino avvolto in
un tessuto
bàmunàn (bamu + nan; n.) pezzo
di stoffa che serve per legare il
bambino che si porta sulla schiena
bámusò (ba + muso; n.) madre
à bámuso yé gánà yè sua madre è
molto in gamba
22
bàn (n.) bot. raphia sudanica, varietà di
palma
bànjì vino estratto da questa palma
bàn (v.) rifiutare, rinunciare
à y’à bàn kà tóbilì kE$ ha rifiutato di
cucinare
bàn d E$ b E$ cE$ya jírà è il rifiuto che fa
diventare uomo
àn són ní àn bàn tà là volente o nolente
bán
1 (v.) finire
morire
2 (avv.) già
ancora
à má bán wá? non è finito?
bánni [email protected]à c’è stato un decesso
à tàra kà bàn wà? è già andato?
à mà nà bàn wà? non è ancora arrivato?
bànà
1 (v.) ammalarsi
2 (n.) malattia
à tE$ b ç@ sàn kç@rç$, à b E$ bànà d E$! se non
la smettete di stare sotto la pioggia, vi
ammalerete!
bànà mísèn malattia benigna
bàna [email protected]à malattia contagiosa
bànà ládegé malattia immaginaria
cE$mancE$ bànà malattia della pancia,
scherzosamente la fame
bànabà (bana + ba; n.) lebbra
à y’à sékò kE$, à kà bànabà là ha fatto
l’impossibile per curare la sua lebbra
bànabagatç $ (bana + bagatç; n.)
malato
bànabagatç$ yàlayçrç$ tE$ sèlEdò yé un
malato non deve aggirarsi presso il
cimitero perché può lasciarsi andare
bànafurakE là (bana + furakEla; n.)
medico, guaritore
bànafurakElà kó à kà fúrà búliji mín
dç@gç kun kélén il medico gli ha detto di
bere l’infuso per una settimana
bànakisE $ (bana + kisE; n.) virus,
germe, microbo
ú kó fárafin kà kísE bànanakisE$ là
si dice che gli africani siano più
resistenti ai microbi
bànakisE fagalàn (bana + kisE +
fagalan; n.) antibiotici
túbabulà, ú b [email protected] bànakisEfagalàn
càman dí m ç$g ç$ màn in Europa si
danno tanti antibiotici alla gente
bánakçtagà (n.) escrementi, feci
ní sógorà kí sén b Eò bó là, ó kç@rç$ yé,
kí b E$nà h E$rE$ sç@rç$ quando sogni di
avere i piedi negli escrementi,
significa che di lì a breve avrai
fortuna
bànakçtagayç rç $ (babanakç +
tagayç rç ; n.) wc, bagno in generale
ù b E$ bàlawù fín fíli bànakç tagayçrç$
kç@n ç$n buttano nel wc gli amuleti di
stregoneria che provocano litigi
bànakçtaà (banakç + taa; v.)
andare a fare i bisogni
hàlisà, è mà tìlà bànakçtaà là? non
hai ancora finito di fare i bisogni?
bànankù (n.) bot. manioca
nanihot esculenta
Descrizione: arbusto da 2 a 3 metri
di altezza con fiori a calice verde
Per curare un ascesso: mistura di
foglie
Ferite: mistura di foglie
Occhi: applicazione di foglie per la
congiuntivite
Cicatrizzante: applicazione di tuberi
grattuggiati
músò mà nà bànankù càmàn dú, à jí
b [email protected] càyà quando una donna mangia
tanta manioca, ha la vagina umida
bànayçrç $ (bana + yçrç ; n.) parte
ammalata, parte del corpo dolente
ì b [email protected] sé kà sítulù mùn bànayçrç$ là
puoi massaggiare la parte dolente
con il burro di karité per attenuare il
dolore
23
bànbagatç $ (ban + bagatç ; n.) defunto
mç@g ç$ dàmà mín b E$ kàsí bànbagatç$ kúnà,
Ala kélen d E$ b’à dón ní ú kç@n ç$ jE$lén dón
solo Dio sa se la gente che piange un
defunto lo fa con sincerità
bànbalì
1 (n.) banchina, terrapieno
infinito
2 (agg.) interminabile
cronico
tílén bánbalì tE non è una cosa
interminabile
súmayà bánbalì malaria cronica
bàndà (v.) essere in stato di gravidanza
avanzata (si parla della grandezza della
pancia)
à mùsò kç@n ç bàndalén dòn sua moglie è
in stato di gravidanza avanzata
bànderí (n.; dal francese) bandiera
màlidéw b E$ b E$E Mali bànderí kúlç rí
kç@rç$ dón tutti i maliani conoscono il
significato dei colori della bandiera
nazionale
bándì (n.; dal francese)
bandito
canaglia
fannullone
bándì dón, à tE$ fóyì là, m ç$gç$ kà wàri
¯ iàgamí là è un bandito, non fa altro che
truffare, rubando soldi alla gente
bàndigì (n.) sin. bíyín punteruolo in
legno o in ferro che serve per tracciare le
righe tra i capelli
bàndigi b [email protected] kùnkolodigilaw b [email protected] bólo
tutte le parrucchiere hanno un punteruolo
bànjí (ban + ji; n.) vino di palma
nà y’í fà bànjí là, à b E$ yélí kE$ kç@sçb E$
quando beve il vino, vede bene (si
intende durante una veggenza)
bànfulà (n.)
berretto
tipo di acconciatura
à yé cE$kçrçbà d [email protected] E$, à kà bànfulà bín
tç@là dón aiutate quell’anziano, il
berretto gli sta per cadere
bángé (v.)
nascere
partorire, generare
rivelare
apparire
Amadu bángerà Kayes Amadu è
nato a Kayes
à músò bángerà kúnù sua moglie
ha partorito ieri
à mà nà m E$ cógocogò, tínyE$ nà
bángé dón dç$ prima o poi la verità
verrà a galla
bángebagà (bange + baga; n.) sin.
bángebaà genitori, padre e madre
mç$g ç$ kàn kí bángebagàw b ç$nyà si
deve rispetto ai propri genitori
bàngebalì (bange + bali; agg.)
sterile, non ancora fertile
mùsò bángebalì má càn Mali là le
donne sterili non sono numerose in
Mali, perché si fa di tutto per
curarle, per renderle fertili
bángejolì (bange + joli; n.)
sangue che si perde durante il parto
bángegE lenyà (bange + g Elenya;
n.) sterilità
bángegElenyà fúrà b E$ à bólò ha la
cura per la sterilità
bángekç nç dimì (bange + kçn ç +
dimi; n.) dolori post-parto
í fàra là, í mà yé, músò kà
bángekçn çdimì b’à là lasciala in
pace, ha i dolori post-parto
bángemusò (bange + muso; n.)
donna feconda
à bá tù yé bángemusò bá yé sua
madre era una donna molto feconda
bángçyç $ (n.) sin. bánkç yç $ bot.
solanum incanum, melanzane
selvatiche
24
nà kùnayalà, ì yé bángç yç$ càyà à là il
sugo è amaro, hai messo troppe
melanzane
bánì (avv.) prima di tutto
à fó bánì salutalo prima
báninkç nç $ (bani + kçnç ; n.) cicogna
à yé báninkçn ç$w làbolì ha fatto scappare
le cicogne
bánjaraki (n.) frutto quasi maturo
bánkí (n.; dal francese) banca
cE$kçrçbàw tE$ bánki [email protected] gli anziani non
amano le banche
bànkomà (n.) rifiuto categorico
bànkomà ní sç$komà si dice ad una
persona le cui decisioni sono categoriche
bánni (ban + ni; n.) decesso
ní fúndení bó¯anà, bánníbE @càyà
cE$kçrçbà cE$ là quando fa molto caldo, ci
sono molti decessi tra gli anziani
bá¯ebà (ba + ¯ eba; n.) vulva, sesso
femminile, vagina
táa í bá ¯ ebà kò ní nín fúrà yé, í b’à yé
fáa b E$ dón í cE$ là lava la tua vagina con
questo medicinale prima di avere
rapporti sessuali, vedrai che tuo marito
impazzirà
bá¯E¯ E $ (ba + ¯E¯E; n.) varietà di
grosso miglio dai semi rossi
ú yé bá ¯E¯E$ sùsù hanno macinato il
miglio rosso nel mortaio
bárà (n.)
bot. cucurbita siceria, zucca
zucca vuota usata come recipiente
grande recipiente
grande tamburo panciuto
cordone ombelicale
orchestra di percussione
boccola (tipo di danza bambara)
kà b E$ n E$rE$ b ç,@ à yé n ç@n ç$ kúmún kE$ bárà
kç@n ç$, k à cúcucù ha messo il latte
cagliato nella zucca e l’ha battuto per
ottenere il burro
à kà tùlù bárà il suo barattolo di
crema
ú yé dén bárà tíg E hanno tagliato il
cordone ombelicale del neonato
bárá (n.)
spazio dove si balla
luogo di discussione e di riposo
sotto gli alberi
moglie preferita dell’uomo che ne
ha più di una
La parola più diffusa è bàramusò,
di cui bara è la forma abbreviata
bárá fálén dòn m ç$gç là il luogo di
discussione è pieno di gente
à tE$ fín bç@ à kà bárá tà là accetta
tutto ciò che dice la sua moglie
preferita
bárà (prop.) da
à b [email protected] táa Fanta bárà va da Fanta
bárakàn (n.) lingua nazionale
àn kà bárakàn yé bàmanàn kàn yé
la nostra lingua nazionale è il
bambara
bárabà (agg.) molto grosso
bútelì bárabà b E$ à bólò ha una
bottiglia molto grossa
bàradà (n.) teiera
nà ní bàradà yé, àn kà té wúlí porta
la teiera, che facciamo il tè
bàradunu) (bara + dunu; n.)
tamburo che si suona per
incoraggiare i contadini quando
coltivano la terra
ù yé bàradunun) fç@, kà sE$n EkElàw
d E$m E$ hanno suonato il tamburo
per aiutare i contadini
bàrajì (bara + ji)
1 (n.) grazia, benedizione
ricompensa divina
2 (v.) ringraziare
ì ní cé í ní bàrajì grazie, che tu
abbia la ricompensa divina
bàraji tE$ m ç$g ç$ bílà le benedizioni
non ti lasceranno mai (quando hai
25
ricevuto benedizioni è difficile che ti
succeda qualcosa di grave)
bàrakùn (bara + kun; n.) parte
esterna dell’ombelico
bàrajitàn (bara + ji + tan; n.) ingrato
Ála mà kísì m ç$gç$ bàrajitàn mà! che Dio
ci protegga dalle persone ingrate!
bàrakç rç jù (bara + kçrç ju; n.)
parte interiore dell’ombelico
bàrajintanyà (baraji + tanya; n.)
ingratitudine
à tE$ bàrajintanyà dòn non conosce
l’ingratitudine
bàrajù (bara + ju; n.) specie di
tamburo
ú kó, kó bàrajù tE$ fç@ ú ká dú là ha detto
che non si suonerà il tamburo nella loro
casa
bàrajurù (bara + juru; n.)
cordone ombelicale
principio, fondamento
bàrajurù tíg Elén , kç@rç$ [email protected] bá ní dén, fára
lá il cordone ombelicale tagliato non
significa che il bambino e la madre siano
separati
sàriyaba bárajurù il fondamento della
costruzione
bàrakalà (n.) bot. perstropphe
bicalyculata, erbe per i cavalli
à nàanà nì sò kà bàrakala yé ha portato
l’erba per i cavalli
bàrakantén (n.) specie di incenso che
si utilizza contro il mal di testa, gli spiriti
cattivi, le energie negative, la stregoneria
à kélén kà bàrakantén wúsú à kà só,
músò bóli là kà b ç@, súbagà dón quando
ha bruciato l’incenso in casa, una donna
è uscita di corsa: è una strega
bàrakE $ (n.) pianta utilizzata per la
fabbricazione del sapone
bàrakç nç $ (bara + kçn ç; n.) tessuto in
cotone bianco le cui righe ricordano
quelle delle zucche con cui si fanno le
zanzariere
bàrakç rç là (bara + kç rç la; n.)
ventre, basso ventre e, per
eufemismo, la regione genitale
bàrakç rç siì (bara + kç rç + sii; n.)
peli pubici
bàrakunbà (bara + kunba; n.) sin.
bàrakurù ernia ombelicale
ní dén bàrakùmà fúrakE$ kà ¯à, à b [email protected]
[email protected], bàrakunbà yé se l’ombelico del
neonato non è curato bene, il
bambino potrebbe avere un’ernia
ombelicale
báramà
1 (n.) pentola in metallo, treppiede
per la cucina
2 (v.) adulare, lodare
músò mà kà b ç@, à kà báramà kç$rç$
la donna non deve allontanarsi dalla
pentola quando questa è sul fuoco,
altrimenti qualcuno potrebbe
buttarci dentro qualcosa
jélí y’à báramà kç@sçb E il “griot”
(cantastorie) l’ha molto lodato
báramanìn (barama + nin; n.)
elogi, adulazioni
à yadalén dón, báramanìn kàdì à yé
è un presuntoso, ama molto gli
elogi
báramç gç $ (bara + m çgç ; n.)
membri della famiglia
à báramçg ç$ kà càn ú kà só ha tanti
parenti sulle spalle
bánandà (n.) bot. musa
paradisiaca, banana platano
In Mali è un termine desueto, più
utilizzato è lókò
26
bàrandà (v.) mettere in un sacchetto di
tela (gli amuleti)
à y’à kà sE$b E$ bàrandà jònnà ha messo
rapidamente il suo amuleto in un
sacchetto di tela
bàrigòn (n.; dal francese) barile,
fusto
sàn b E$ kà nà, à yé bàrigòn sígì à
júkçrç$ sta piovendo, mettete il
barile sotto la pioggia
bárasagà (bara + saga; n.) montone
castrato
bárikà (n.; dall’arabo)
1 (n.) forza, potenza
favore
benedizione
2 (v.) rendere potente
ní dénnín bárikà bánnén dòn
questa ragazzina non ha più
nessuna forza
Àla k’í bárikà! che Dio ti dia la sua
benedizione!
à b [email protected] Amadu bárikà ¯ ínì cerca i
favori di Amadu
¯ é bárasagà dà jìgì ho abbassato il
prezzo del montone castrato
bánasakolò (banasa + kolo; n.) costole
bù b E$rE$ tE$ bànasakolò là c’è poca carne
sulle costole
bàratòn (bara + ton; n.) associazione il
cui scopo è l’organizzazione delle
festività tradizionali
bàratòn dç@ sígirà Mòptì a Mopti è stata
creata un’associazione
bàratù (bara + tu; v.) sin. tù
cucire, ricucire
chiudere ermeticamente
chiudere facendo dei nodi
à yé [email protected] E$n [email protected] gólò kç@n ç$ kà bàratù ha
avvolto l’amuleto dentro la pelle e poi
l’ha cucita bene
bàrì (v.)
intonacare
rappezzare
gettare su
àyà kà kógòbàrì ha intonacato il suo
muro
fàntà y’à bàrì ò dç@g çnì là Fanta si è
buttata su sua sorella
mùsà músò yé à cE$ kà fínì bàrì la moglie
di Musa ha rappezzato il vestito del
marito
bárí (cong.)
poiché
infatti
ma
così
à mà sé kà sùnçg ç$ bárí Fàntày’à bàn à
là non ha potuto dormire poiché Fanta
l’ha respinto
bárikadén (barika + den; n.) sin.
bàrikamà figlio benedetto, amato
dai suoi genitori
bárikadèn tE$ ¯ ínà à sç@m çg ç$ kç@ il
figlio benedetto non dimentica mai
i suoi genitori
bárikamà (agg.)
forte, potente
importante
benedetto
à kà d ç$nkilì b E$ nà [email protected] bárikamà
dç$nkilì yè la sua canzone diventerà
una canzone importante
bárisà (cong.) poiché, perché
à dénw mà kE$ fín yé bárisà múso
júgù dón i suoi figli non sfondano
perché è una donna cattiva
bàrò (n.)
alone, cerchio
eclissi di sole
frutta commestibile
ní bàrò [email protected]à, ú bà fç@ kó jàkumà yé
kálò mín E quando c’è un’eclissi di
sole, si dice che il gatto ha preso la
luna
ì b E$ sé kà dùn, bàrò dòn può
mangiarlo, è un frutto commestibile
27
bàró
1 (n.) discussione
racconto
2 (v.) chiacchierare
fare la corte
àn tu) fàmanà ¯ç@gonmà, àn yé bàró [email protected] fó
kà sú kó non ci vedevamo da un po’,
perciò abbiamo chiacchierato fino a notte
fonda
àblò y’à bàró Ablo le ha fatto la corte
à yé bàró tç,$ fç@ à yé le ha raccontato il
resto della storia
bàrodà (baro + da; n.)
luogo dove si chiacchiera
punto di ritrovo
ú ká bàrodà yé sìrajú kç@rç là yé il loro
punto di ritrovo è sotto il baobab
bàrodén (baro + den; n.) persona con
cui si chiacchiera
bàrodénw kà dùminì dìrà ù mà? avete
dato alle persone che sono venute a
chiacchierare il loro pasto?
bàrokE là (baro + kEla; n.) persona che
partecipa ad una discussione
bàrokElàw má ná fç@lç le persone che
devono partecipare alla discussione non
sono ancora arrivate
báròn (v.)
impastare
schiacciare, macinare
à yé Sç$ báròn ní gábakurù yé ha
macinato i fagioli con l’occhio con una
pietra
básà
1 (n.) agama, lucertola
tipico dei pantaloni dei nuovi
circoncisi
colore bruno giallastro
2 (v.) spalancare gli occhi
fissare, fissare gli occhi su
à b E$ ¯ ìng En E$ kE$ í nà fç@ básà fa la pipì
tanto quanto un “margouillat”
à yà ¯[email protected] básà à là l’ha fissato
à jà wùli kó júgù bólò, à ¯E$ básalén tórà
si è così spaventato che ha spalancato gli
occhi
básakankç rç tigE $ (basa + kan +
kç rç + tig E; n.) allergia che si
manifesta con delle ferite sotto
l’alluce
básakankçrç tig E$ kà júgù le ferite
sotto l’alluce fanno male
básakilicì (basa + kilici; v.)
parlare senza peli sulla lingua
à síràn ná kà básakilicìà yé ha
avuto paura di parlargli senza peli
sulla lingua
básakùn (n.) testa di lucertola:
gioiello che le donne portano alle
tempie chiamato così per la sua
forma
básakunkolò (basa + kunkolo; n.)
calzatura da donna la cui parte che
unisce la tomaia alla suola è di
forma triangolare e ricorda la testa
del “margouillat”
bàsàn (n.; dal francese) “bazin”,
pesante tessuto di seta dal costo
elevato
à y’à kà bàsàn dón gàlà là, fó í ¯E$
ha tinteggiato il suo “bazin”, che
bello! È da vedere
bàsanpç lç $ n (n.) tipo di fagioli
bàsanpçlç$n yé à kà dúminì màndì
yé i fagioli sono il suo piatto
preferito
básé var. báS é (n.; dal francese)
veicolo coperto che serve al
trasporto delle persone, tipo di
furgoncino
n) b E$ básé sàn ì yé ti comprerò un
“baché”
bàsì
1 (n.) cuscus africano a base di
miglio o di granturco cotto
al vapore
rimedio, medecina
talismano
colore rosso vivo
2 (agg.) aspro, amaro, acido
bàsi yé màrakàw kà dúmunì màndì
28
yé il cuscus è il piatto preferito dei
maraka (etnia del Mali)
dén wólò bàsì talismano che favorisce la
nascita
bàsì tE non è una cosa grave
ní bánà bàsì b E$ à bólò ha il rimedio per
questa malattia
wórò kà básì la noce di cola è aspra
màngorò mç$balì kà bàsì il mango non
maturo è aspro
applicazione
báarakElàw kà básigilenyà d E$ b [email protected]
jàmanà táa ¯[email protected] è la serietà dei
lavoratori che fa andare avanti il
paese
básí (n.)
sangue
sangue del parto
n’à yé básí yé, à b E$ b ç$ kà bìn appena
vede il sangue sviene
básikE tì (n.; dal francese)
pallacanestro
à kà jàn, à b [email protected] básikEtì [email protected] è alto,
gioca a pallacanestro
básibç $ (basi + b ç$; n.) perdite di sangue
dagli organi genitali
à yé n) d E$m E$, àn kà bàsibç$ jç aiutatemi a
fermare le perdite di sangue
básigì (v.)
essere serio
essere ordinato
essere calmo
prendersi cura
à dénw làmonà kà ¯ àn, ú b [email protected] bàsigilén
dón i suoi figli sono cresciuti bene, sono
calmi
mùsò kàn kà básigì una donna deve
essere ordinata
à tE$ són mànamakolà à básigilén dón
non ama le cose poco corrette, è una
persona seria
básigibalì (basigi + bali; agg.)
nervoso, agitato, instabile
frivolo
mùsò básigibalì b [email protected] kó lásé à [email protected] má una
donna frivola arreca solo danno a suo
marito
básigibaliyà (basigi + baliyà; n.)
agitazione, nervosismo, instabilità
básigibaliyà yé fínyE$ júgù yé il
nervosismo è un brutto difetto
básigilenyà (n.)
serietà
básikilì (n.; dal francese) bilancia
màlò bç$rE$ sìgì bàsikili kàn
deposita il sacco di miglio sulla
bilancia
básiliyç rç $ (basili + yçrç ; n.)
luogo di cure, ambulatorio,
dispensario
à kà jóli tE$ kà [email protected] Eyà, àn kà tà nà
yé básiliyç rç$ là la sua ferita non sta
guarendo, portiamolo in
ambulatorio
All’inizio si tende a curare il
paziente a casa con la medicina
tradizionale, riservandosi di
portarlo all’ospedale qualora le sue
condizioni non migliorino
bàsiyà (basi + ya)
1 (n.) asprezza
senso di pesantezza agli
occhi, sonnolenza
2 (v.) andare a male
nà Sílén bàsiyalà il sugo è del
giorno prima, è andata a male
t’à ì ¯E$ kò, bàsiyà b E$ b ç$ à là vai a
lavarti gli occhi, la tua sonnolenza
sparirà
bàtà (n.) rana
ní yé báta yé SúfE$, dúsukasì nàtç$
dòn se vedi una rana di notte
significa che sta per arrivare una
brutta notizia
bàtakì (n.)
lettere
notizia
messaggio
29
u) fàmana à kà bàtakì mà le sue lettere
non mi arrivano più
bàtarà (n.) sin. bàtaradèn,
bàtaramç gç $ fannullone
bàtaràmç@g ç$ dón! è un fannullone!
bàtò
1 (n.) augurio
2 (v.) seguire i consigli, obbedire
rispettare, adorare, venerare
à làm çnén dón, à b [email protected] cE$kçrçbà bátòn è
molto educato, rispetta le persone
anziane
ká Ala bàtòn venerare Dio
bàtó (n.; dal francese) imbarcazione a
motore
bàtó b [email protected] bç@ Bàmakó kà tá Gàó
l’imbarcazione a motore parte da
Bamako e arriva a Gao (regione del
Mali)
bàtojçyç rç $ (bato + jo + yçrç ; n.) porto
férelí b [email protected] [email protected] bàtojçyçrç$ là al porto si
commercia
báwò (cong.) perché, poiché
à mà nà báwò m ç@g ç$ tu) b [email protected] à kà só non è
venuto poiché aveva visite
bàwolò (ba + wolo; n.) pelle di caprone
à b E$ kà sélì bàwolò kàn sta pregando su
una pelle di caprone
báwulì (n.) sin. ¯ E $ g E nE $ urina
ní cE$ bàwulì mínén dón l’urina di
quell’uomo è stata bevuta: si dice di un
uomo che ha una vita sessuale frenetica.
kà báwulì kE urinare
bàyà
1 (n.) collana di perle che le donne si
mettono intorno alla vita
casa pubblica
2 (v.) diventare un personaggio
importante
ní yé músò kà bàya kç@n ç$n tç@m ç$, í b [email protected]
wári sç@rç$ se uno raccoglie le perle della
collana di una donna, avrà soldi
kí bólò cí bàyà kàn fare la corte ad una
donna
ní dúlokì módelí kE$ra bàyà yé
questo modello di vestito è stato
imitato da tutti
à kE$rà bàyà mç@g ç$ yé è diventato
un personaggio importante
bàyò (n.) tipo di “pagne”, pareo
nà sàmà bàyò là porti dal tuo
viaggio un pareo per lei
bàyElE mà (ba + yElEma; v.)
trasformare, cambiare
tradurre
à yé Sédù kà kítabu bàyEl Emà ha
tradotto il libro di Seydu
mç@g ç$ bàyElEmà bélébélé! è uno
che racconta le cose
trasformandole!
bélebelé (agg.) sin. bélebelebà
grande, grosso
músò bélebelé! una grande donna
bèdemù (acronimo BDM) Banca
di sviluppo del Mali
bémà (n.) moglie dello zio
materno
u) làmonà bèmà d E$ bólò sono
cresciuta con la moglie di mio zio
materno
bèré (n.) sin. béreké bastone,
randello, canna
à yé bèré tàa kà tàamà ha preso il
bastone per camminare
à yé fálì bç@g ç$ ní bèré yé ha colpito
l’asino con un bastone
béretubagì (n.) antica
acconciatura femminile
bésé (n.) machete
à yé zE$rE$ cí ní bésé yé ha tagliato il
cocomero con il machete
bété (n.)
etnia della Costa D’Avorio
persona di bassa statura, tarchiata
í d ç@gçnìn kE$rà bété yé tuo fratello
è rimasto basso
30
bété dón, à tE$ fílì è un Bete (etnia), si
vede
bE$ (v.) essere: verbo ausiliare, esprime
l’idea di esistere
à b E$ yàn si trova qui
n E$n E b [email protected] fa freddo
sànji b [email protected] c’è pioggia
bE @ E
1 (agg.) tutto
2 (avv.) sempre
ú nànì b [email protected] tutti e quattro
tùmà b [email protected] sempre
bE @ E là (n.) etnia dell’Africa
Occidentale stanziata nel Nord del Mali
bE $ lE $ (n.)
ghiaia, ciottolo
testicolo
à bínnà b E$lE$ kàn è caduta sulla ghiaia
bí b E$lE$ cì! ti rompo i testicoli! (insulto
volgare)
bE $ lE $ n (v.) spiare
à b [email protected] kà b E$lE$n, bàrì à mà dá là lo sta
spiando perché non ha fiducia in lui
bE $ lE nìn (b ElE + nin; n.) sin.
bE $ lE kE nìn appendicite
b E$lEnìn dè tu) b [email protected] à là, ó dé kç@n çdimì dó
il mal di pancia che aveva era dovuto
all’appendicite
bE @ n
1 (v.) andare d’accordo, andare bene
incontrare
piacere
coincidere
2 (n.) intesa
à nà térikE$ b [email protected]à sínemà só là ha
incontrato il suo amico al cinema
Màh kà dúlçkibà b [email protected]à à má il vestito
di Mah le è andato bene
à b [email protected]à àw má wá? vi è piacuto?
b [email protected] d ç@ron d [email protected] b [email protected] sé kà fàrafinnà bç@@ nç@g ç$
là solo l’intesa (tra popoli) può far
uscire l’Africa dal suo sottosviluppo
bE $ nà (morf.) tra poco
à b E$nà tílà kàlàn ná finirà fra
poco gli studi
bE $ nbà (n.) antenato, avo
ú yé à b E$nbàw kà kàlikàn fçè à yé
gli hanno riferito il giuramento dei
suoi antenati
bE $ nbE $ n (n.) complotto
à kànsilamusò yé b E$nb E$n kE$ à
kàmà sua cognata ha organizzato
un complotto alle sue spalle
bE $ nnà (b En + na; n.) luogo
d’origine della madre
à bá kç@sç$ à tàra à b E$nnà lá per
volontà di sua madre è andata nel
suo luogo d’origine
bE $ nEtulù (b En E + tulu; n.) olio di
sesamo
bE $ nE $ n (n.)
piano
terrazza
b E$n En só casa a più piani
bE $ ngE $ (n.) recipiente di terracotta
utilizzato per le abluzioni
b E$ng E$ bìnnà à bòlò, kà cì è caduto
il recipiente di terracotta e si è rotto
bE $ nkàn (b En + kan; n.)
accordo
decisione
risoluzione
músòw kà kç@ng ErE$ b E$nkànw le
risoluzioni del congresso delle
donne
ú yé b E$n kàn sç@rç$ hanno raggiunto
un accordo
bE @ nkE $ (n.) zio materno
à b [email protected]$ yé fílà yé ha due zii
bE @ nín (n.) nipote materno
bE @ nnindén (b Enin + den; n.)
cugino
31
bE @ nyç rç $ (b En + yçrç; n.) luogo di
incontro
dénkundiyçrç$ yé m ç@gç$ b [email protected]çrç$ yé il
luogo di battesimo è un luogo d’incontro
per la gente
bE $ rE $ (avv.)
bene
abbastanza
molto, tanto
mç@gç$ bE$rE$ má ná non c’era tanta gente
b E$rE$ y’à [email protected] sàyà lá era sul punto di
morire
bE $ rE mà (b ErE + ma; n.) la misura, ciò
che conviene, ciò che basta
b E$E ní b E$rEmatà ad ognuno la sua
misura
ní cE$ yé à b E$rEmatà yé è l’uomo che fa
per lei
bE $ sE $ (n.) donna frivola, che si veste
con cura
bE $ sEyà (n.) civetteria
b E$sEyà d ç@ròn tE$ músoyà yé non basta la
civetteria per essere donna
bí (avv.)
oggi
attualmente, ora
bí yé kàlò tílén náninà yé oggi è il
quarto giorno del mese
bí (dal francese)
1 (n.) goal
2 (v.) segnare
Màli yé bí dón la squadra del Mali ha
segnato
bí (n.) decina da 30 a 90
bísabà trenta
bíbulù (n.; dal francese) Bibbia
bíbulù b [email protected] à bólò kúmà b [email protected] ha sempre la
Bibbia in mano
bídonnà (bi + donna; n.; dal francese)
cannoniere
fúrà b [email protected] ní bídonnà bólò questo
cannoniere ha un talismano
bídç $ n (n., dal francese) bidone
à yé bìd ç$n fà jì là ha riempito il
bidone d’acqua
bíi (n.)
rombo
ronzio d’insetti
ní m ç@bilì kólò kà bíi kà bó questa
macchina ha un rombo troppo alto
bíkì (n.; dal francese ) penna a
sfera
à b E$ yélì kE$ ní bíkì yé fa
divinazioni con la penna a sfera
(scrivendo)
bílà (v.)
mettere
lasciare
permettere
darsi a
í yé wári bíla mín? dove hai messo
i soldi?
à bíla à kà b ç lascialo uscire
bílakasumà (bila + kasuma; v.)
temporeggiare
à kà ní kó bílakasumà non
temporeggiare su questa cosa
bílakò (bila + ko; n.)
comportamento, modo di agire
à bílakò kà júgù ha un
comportamento trasandato
bílakojugù (bilako + jugu; n.)
disordinato
mascalzone
í tE$ bílakojuguyà dà bíla wá!
smettila di essere disordinato!
bílakorò (n.) ragazzo non
circonciso
é ¯ç$gòn bílakorò, í b [email protected] jàmàn u)
kúnà! un ragazzo non circonciso
come te, come osa alzare la voce
con me!
32
bílakoroyà (bilakoro + ya; n.) infanzia,
tenera età, l’età in cui il ragazzo non è
ancora circonciso
à yé à kà bílakoroyà b [email protected] [email protected] bàsà g [email protected] lá
ha trascorso tutta la sua infanzia a
cacciare il “margouillat”
nàw tílà, lá jí bç@, à yé kç@lç$n bílì se
avete finito di attingere l’acqua,
coprite il pozzo
ú kà bíli mà jç@ kà bàn la
costruzione della loro terrazza non
è finita
bílakùn (bila + kun; n.)
ragione di essere
compito
à bílakùn yé kà dénw kç@lçsì il suo
compito è di controllare i bambini
bílisì (n.; dall’arabo) demonio, il
diavolo
à ní bílisì b E$nnà kúngò kç@n ç$ ha
incontrato il diavolo nella foresta
bílisikunkolò (n.) idrocefalo
bílalàn (bila + lan; n.) ciotola
ú yé sógò bílalàn tàa kà bóyé hanno
spostato la ciotola che contiene la carne
bílankç rç $ (bilan + kçrç ; n.) riserva,
risparmio
à músòyé sànù dç@ bílankçrç$ sua moglie
ha messo da parte un po’ d’oro come
risparmio
bílasirà (bila + sira; v.)
accompagnare
mettere sulla strada
aiutare
sàngafò mç@g ç$ tE$ bílasirà le persone che
portano le loro condoglianze non vanno
accompagnate
bílén
1 (n.) colore rosso
2 (v.) essere rosso
essere grave
ubriacarsi
3 (agg.) ardente
4 (avv.) non più
tuttavia
túlù bílénnà, sógo k’à lá l’olio è rosso,
metti la carne
tásumà bílén fuoco ardente
à y’à bílén, fó kà bín è ubriaco a tal
punto che è caduto
kà kó bílén dón conoscere le cose gravi
u) [email protected] kúmà í [email protected] bílén non ti parlerò più
bílì (n.)
copertura
terrazza
carpenteria
bílitinì (n.) decalitro
bímE tE nE $ (n.) decametro
bín
1 (n.) fallimento
erba
2 (v.) cadere
atterrare
iniziare
à sé tàlolà, à bínnà ha urtato
qualcosa ed è caduto
ú bínnà mç@g ç kç@rçfà mà si sono
messi a parlare male della gente
fóyì t’à ku), à bínnà b ç@g çbç$ non ha
niente, è fallito
sàgàw yé bín du) le pecore hanno
mangiato l’erba
bínaakE $ (binaa + kE; n.) zio
paterno
u) b [email protected] tàa kàn vàcanzi [email protected] bínaakE$
féyi vado a trascorrere le vacanze da
mio zio
bínbirì (bin + biri; n.) tipo di
miglio
ù kà bìnbirì ¯ ànà ¯ ìnà la sua
raccolta di miglio è andata bene
quest’anno
bínduté (bin + dute; n.) bot. erba
limonina, citronella
à yé bínduté d ç@ dí dúnà mà ha
preparato la citronella per l’ospite
33
bínjE $ (bin + jE; n.) bianco sporco
fìnì bìnjE$ càmàn b E$E à bòlò ha tanti
vestiti di colore bianco sporco
tó bi¯E$ to senza sugo
kínì bi¯E$ riso bianco
bàsì bi¯E$ cuscus senza sugo
bínE grì (n.; dal francese) aceto
bín Egrì càyarà à kà sàladì lá ha messo
troppo aceto nell’insalata
bírí
1 (n.) lievito, fermento della birra
di miglio
2 (v.) mungere
à [email protected] sé mísì bírì lá non sa mungere
la mucca
bíniminimà (binimini + ma; v.) essere
scosso da spasmi
à bíniminimà mç@g ç$ ¯E$nà è stato scosso
da spasmi davanti alla gente
bínkannikE là (binkan + nikEla; n.)
brigante, bandito
bínkannikElà tE$ fóli fE il bandito non
ama essere salutato: non vuole che la
gente lo riconosca, vuole passare
inosservato
bínkE nE $ (bin + kEn E)
1 (agg.) verde
2 (n.) erba verde
nín sàn nàannà, bínkEn E b E$ fàlì quando
piove, cresce l’erba fresca
ú kà fínì kúlçrì yé bínkEn E$ yé il colore
del suo vestito è verde
bínnibanà (binni + bana; n.) var.
bílibanà epilessia
mç@rikE$ kó kà, kà bínnibanà b E$ bàn, ní à
yà fárì sógò du il religioso veggente
dice che la sua epilessia finirà quando
mangerà un pezzo del suo corpo
bíntù (bin + tu; n.) cespugli
à yà d ç@gç$ bíntù cE$là si è nascosto tra i
cespugli
bí¯ E $ (n.)
corno
estremità appuntita
freccia
fegato
preparazione di un piatto senza sugo
sàkà yà tù nì bì¯E$ yé il caprone gli ha
dato un colpo con le corna
bí¯E$ túlomà freccia appuntita
u) bì¯E$ tíg E$ ti romperò il muso
à bì¯E$ kà kE$n E è una persona in gamba
bí¯E$ dímì mal di fegato
bírí (v.)
inchinarsi
rovesciare
rannicchiarsi
coprire
covare
màloyà bólà à yà ku) bírí ha chinato
la testa dalla vergogna
bírifinì bírí à lá! coprila!
bíribarà (ideof.) cadere in modo
morbido
à bínnà bíribarà è caduto in modo
morbido
bírifinì (biri + fini; n.) coperta
bírifinì gírimà coperta pesante
bírigì (n.; dal francese) mattone
bç@gç$ bírigìw i mattoni in terra
battuta
bírigajé (n.; dal francese)
brigadiere
bírigajé yé à làjç$ il brigadiere l’ha
arrestato
bírintì
1 (n.) contusione
2 (v.) orlare
à kà fínìn bírinlà il suo vestito è
stato orlato
à fàrì bírintinà, bínna lá la caduta
gli ha causato delle contusioni
bírò (n.; dal francese)
ufficio
amministrazione
à kà bírà b [email protected] yàn il suo ufficio è qui
34
bísì (v.) spremere, premere, strizzare
fànta yé fínì bísì kà jí b ç@ à lá Fanta ha
strizzato i vestiti per togliere l’acqua
lìnburikumùn bísilén limone spremuto
bísimilà (v.; dall’arabo) accogliere,
dare il benvenuto, far accomodare
à y’à bísimilà l’ha fatto accomodare
dúnànw bísimilalà bón kç@nç$ gli
stranieri sono stati fatti accomodare nella
stanza
bísimilayì (inter.; dall’arabo) in nome
di Dio (esprime soddisfazione,
ammirazione, approvazione)
bíyé (n.; dal francese) biglietto
à yé híjì bíyé sán, kà bá bílà kà tàa híjì lá
ha comprato il biglietto per mandare sua
madre in pellegrinaggio
bíyenali (n.; dal francese) biennal:
manifestazione culturale che si svolge
ogni due anni in Mali
bíyenalì dàmin Enà è iniziato il biennal
bíyE $ (n.) sesso femminile
bíyE $ kísE $ (n.) clitoride
bítigì (n.; dal francese) piccola bottega
tàa túlù sàn bítigì lá vai a comprare
l’olio in bottega
bò (n.) escremento
kà bò [email protected] defecare: solido
kà bò sérí defecare: liquido
bókurù sterco
¯E$bò sporco dell’occhio
kà bò cí scoreggiare
bóbarà (bo + bara; n.)
natiche
calcio del fucile
músò bóbarà bá donna dalle natiche
grosse
márifà bóbarà calcio del fucile
bóbò
1 (agg.) sordomuto
2 (n.) etnia dell’Africa
Occidentale
à bàlilà kà [email protected] bóbò yé è diventato
di colpo sordomuto
à tàarà bòbò dùgù là è andato nel
villaggio dei Bobo
bòdà (bo + da; n.) ano, culo
(insulto volgare)
n) b E$ ì bòdà cì ti rompo il culo
bòjì (bo + ji; n.) diarrea,
escremento liquido
à sén dónnà dén bòjì lá ha
calpestato la diarrea del bambino
bòfinyE $ (bo + finyE; n.) scoreggia
nì bòfinyE$ kàsà b E$ kà b ç$ àw d E$
fànfElà fE l’odore di questa
scoreggia proviene da voi
bòjarà (bo + jara; n.) bot. pianta
utilizzata contro la diarrea
bòjarà tálén wúsarà má sta meglio
da quando ha preso il medicinale
contro la diarrea
bólí
1 (v.) correre
scappare
guidare
riguardare
avere la diarrea
essere valido
fare la corte
2 (n.) feticcio, qualcosa che si
venera perché ha una
potenza, una forza
sovvranaturale
à bólilà dénní n ç@fE è corso dietro
alla bambina
à bólilà ú ¯[email protected] è scappato alla loro
vista
sáriyà b [email protected] bólí b [email protected] kàn la legge è
eguale per tutti
à kç@nç$ bólí lá ha la diarrea
júmàn, júmàn à b [email protected], à kà bólí són
ogni venerdì fa delle offerte al suo
feticcio
35
bólifE $ n (boli + fEn; n.) veicolo
à yè bólifE4n sán à músò yé
ha comprato una macchina a sua moglie
Màli ní Itali kà bólidi¯çg çmasirà
kàn ¯ ì la cooperazione tra il Mali e
l’Italia va bene
bólifentigì (bolifen + tigi; n.)
automobilista
ciclista
proprietario di qualsiasi veicolo
bólifentigì kà, kà sE$b E$n dón mí bà kísi
kásarà má l’automobilista deve avere
con sé un talismano che lo protegga
contro gli incidenti
bólodùn (bolo + dun; v.) sfruttare
fino alla rovina
à músow yà bólodùn fó à kólò sua
moglie l’ha portato alla rovina
bólikE là (boli + kEla; n.) podista
bólikElàw yé à dàdòn i podisti hanno
iniziato a correre
bólisirà (boli + sira; n.)
strada, via
linea
aereo
treno
battello
sàmiyE$ túmà, bólisirà càmàn b [email protected] tí¯E$
durante la stagione delle piogge, tante
strade si rovinano
bólò (n.)
mano
braccio
ramo
manico
à y’à bólò kó si è lavato le mani
à bólò kórà è stato circonciso
bá bólò affluente
jírì bólò ramo dell’albero
dúlokì bólò manica di vestito
bólò làbilà persona generosa
kà bólò [email protected] jí lá avere le mestruazioni
bólò kólòn povero
à bólò b E$ búgù la sua mano fa crescere i
capelli
à bólo kádì è un’ottima cuoca
bólodimì (bolo + dimi; n.) giradito
à kà bólodimì kà jùgù il suo giradito è
insostenibile
bólodi¯ çgç masirà (bolo + di¯ç g çma +
sira; n.) cooperazione
bólofà (bolo + fa; n.) manciata
à yé tígà bólofà díi gáribù mà ha
dato una manciata di arachidi al
mendicante
bólofarà (bolo + fara; n.)
contributo, quota
à yà kà kón ¯$çn bólofarà bílà kà tàa
ha mandato la sua quota per il
matrimonio
bólofE $ n (bolo + fEn; n.) cose,
affari personali
wàli bólofE$n kàdì à yé ama le cose
di altre persone
bólogE lE nyà (bolo + g ElEnya; n.)
sin. tE $ g E magE lE yà l’avarizia
fúrà tE$ à kà bólog ElEyà là non cè
rimedio alla sua avarizia
bólokodén (bolo + koden; n.)
nuovo circonciso
ù yé bólokodénw b [email protected] fàrà ¯ç@gòn
kàn hanno radunato tutti i nuovi
circoncisi
bólo¯E $ (bolo + ¯E; n.) treccine
sdraiate: che restano attaccate alla
testa per tutta la loro lunghezza
à yà kún [email protected] bólo ¯E$ yé ha fatto
sulla sua testa le treccine sdraiate
bólokç $ (bolo + kç ; n.) treccine
sdraiate al rovescio
bólokurù (bolo + kuru)
1 (n.) pugno
2 (v.) dare un pugno
à yà bólokurù le ha dato un pugno
36
bólolabaarà (bolola + baara; n.) lavoro
manuale, lavoro artigianale
à yà nàfolò sç@rç$ bólobaarà d E$ lá si è
arricchito con il lavoro artigianale
bòlocibalìw càyarà bàrì fìn tù bòlò
ci sono tanti non vaccinati per
mancanza di mezzi
bólolaminE $ n (bolo + lamin En; n.)
bagaglio a mano
à kà bòlolamin E$nw kà càn ha tanti
bagagli a mano
bólocilà (bolo + ci + la; n.)
vaccinatore
bólocilàw yé ù kà kE$tà kE$ i
vaccinatori hanno fatto il loro
dovere
bólanEgE $ (bola + n Eg E; n.)
braccialetto
à yé wárijE$ bólonan Eg E$ dón à dén lá ha
messo un braccialetto d’argento a suo
figlio
bólociyç rç $ (bolo + ci + yçrç; n.)
centro di vaccinazione
bólociyç rç$ kà jàn ù kà sò là il
centro di vaccinazione è lontano da
casa loro
bólolabalontàn (bolola + balontan; n.)
pallacanestro
à kà ján, ú y’à wélé bólolabalontàn lá è
alto, l’hanno chiamato per giocare a
pallacanestro
bólotulà (bolo + tula; n.) guaritore
la cui specialità è quella di curare le
fratture delle braccia
à dén bínnén, kà bólo kári, à tára
náyé bólotugulà féyì quando suo
figlio è caduto e si è rotto il braccio
l’ha portato dal guaritore
bólominE yç rç $ (bolo + min E + yç rç ; n.)
soccorso, appoggio
kú tó g [email protected]à lá, a yé bólomin Eyçrç$ sç@rç$
nei momenti duri, a livello economico,
ha trovato aiuto
bólominE $ (bolo + min E; v.) essere
fidanzata
à bólomin Enén à yé bç@lì dàbilà ha
smesso di uscire quando si è fidanzata
bólokç nì (bolo + kçni; n.) dito
à yà bòlokçnì fùrakE$ kà ¯ àn ha curato
bene il suo dito
bón (n.) casa
à kà bón jE$lén dòn kùmà b E$E la
sua casa è sempre pulita
bón (v.)
lanciare
gettare il malocchio
colpire
ú yé ní músò bón hanno gettato il
malocchio a questa donna
só bón scommessa
bólonç $ (bolo + nç ; n.)
firma
impronta
àw yà bólonç$w kE$ séb E$n kàn firmate il
documento
nì mà gàn dòn, ì bòlonç$ b E$ yé se non
indossi il guanto, si vedrà l’impronta
della tua mano
bòn (agg.) grande, forte
à fá ká fórò ká bòn il campo di suo
padre è grande
Alà kà bòn! Dio è grande!
bólocì (bolo + ci) vaccinazione
bólocì b [email protected] [email protected] bí oggi ci sarà la
vaccinazione
bò¯à (bo + ¯a)
1 (n.) grandezza
rispetto
regalo
2 (v.) onorare
bólocibalì (bolo + ci + bali; n.) non
vaccinato
bònbonsì (n.) barba
à yà bònbonsi bílà kà jànyà si è
lasciato crescere la barba
37
à kE$rà bò ¯ à dàn yé ci hanno onorato in
tutti modi
à y’à bá bò ¯à rispetta sua madre
bò¯abaliyà (bo ¯a + baliya; n.)
maleducazione
dénw kà bò ¯ abaliyà yé báw n ç@ yé
la maleducazione dei bambini è colpa
delle loro madri
bósó (v.)
squarciare, fare a pezzi
scorticare
fissare gli occhi su
ú yé ságà bósó hanno scorticato la
pecora
à yà ¯E$ bósó à lá l’ha fissato con i suoi
occhi
bòsò (n.) Boso: etnia di pescatori
bòsò dòn, à b E$ jì dòn, ì nà fç$ kàbakò è
un Boso, conosce bene l’acqua
bóyì (n.; dal francese) domestico
bó[email protected] yé túbabù kà tóbilí [email protected] il
domestico cucina come i bianchi
bç $ (n.)
bambù
pertica
à tàarà b ç$ tìg E$ là è andato a tagliare il
bambù
bç @ (v.)
uscire
togliere
calmare
essere, apparire
rendere visita
giocare
bastare
dimenticare
valere
ritornare
assomigliare
essere diffamato
servire da mangiare
preparare
scoprire
à bç@ra sísàn è appena uscito
à yà ¯ ín bç@ si è tolto un dente
ní músò b [email protected] b ç@ kàyì questa donna è
di Kaye
tílé bç@rà è giorno
ú b [email protected] táa b ç@, ú mámusò yé vanno a
far visita alla nonna
nà márasì b ç@ vieni a giocare
calcio
kç@g ç$ mà nájì b ç non c’è
abbastanza sale nel sugo
à bç@rà kç@nòn l’ha dimenticato
à tE$ fç@yì b ç@ non vale niente
à bç@rà dúgutagà lá è ritornato dal
suo viaggio
ní dén b ç@ra à fá lá questo bambino
assomiglia a suo padre
à bç@rà à kálamà ha scoperto quel
che succedeva
kínì b ç@ servi il riso
ú b [email protected] fúrà b ç preparano i rimedi
jélì tç@g ç$ b ç@rà questa “griote” è
famosa
fúntenì b ç@rà fa caldo
[email protected] b ç@rà è la stagione delle
angurie
à mà bç@ í yé! fatti i fatti tuoi!
bç @ dà (b ç + da; n.)
uscita
soluzione
bç@dà tE$ ní kó lá non c’è soluzione
bç @ g ç $ (b ç + g ç; n.) terra, fango,
argilla
ú b [email protected] túlonkE$ là bç@g ç$ lá giocano
nel fango
bç@gç$ kúrù grumo
bç@gç$ jE$ caolino
bç@gç$ bílèn terra rossa
bç@gç$ fín terra nera
bç @ g ç baarà (b çgç + baara; n.) il
lavoro agricolo
à b [email protected]$ b [email protected] bç@g çbaarà [email protected] suo zio
era contadino
bç @ g ç dén (bçg ç + den; avv.)
molto, tanto
súngurùn bç@gçdén b [email protected] à bólò ha
tante fidanzatine
38
bç @ g ç dingE $ (bçg ç + ding E; n.) buco
ì jàntò b ç$gçding E$wlà stai attento ai
buchi
bç @ g ç làn (bçg ç + lan; n.) tessuto tinto
con terra e urina di animali
sílam E$ tE$ són ká fínìb ç@gç làn dón il
musulmano non ama indossare vestiti di
bç@gç lan perché sono ritualmente impuri
bç @ g ç mà (bçg ç + ma; agg.) fangoso,
pieno di fango
à sén b ç@g çmà yE$lElà tàpì kán è montato
sul tappeto con i piedi pieni di fango
bç @ g ç mugù (bçg ç + mugu; n.) terriccio
fínyE$ yé b ç@g çmugù wúlì il vento ha
alzato il terriccio
bç @ g ç tì (b çg ç + ti; v.)
strappare, stradicare
riprendere con forza
ú yé bín b ç@g çtì hanno sradicato l’erba
à yé dén b ç@g çtì à lá le ha strappato con
forza il bambino
bókE là (bokE + la; n.) chi fa i suoi
bisogni
bókElà tE$ fólì [email protected] chi fa i suoi bisogni
non ama essere salutato: vuole passare
inosservato poiché la situazione è
imbarazzante
In Africa Occidentale i saluti hanno un
rituale lungo e complesso
bç $ katurù (bç ka + turu; v.) seminare
ù yé bç$katurù dàmin E$ hanno iniziato a
seminare
bç $ kE lE $ (b ç + kEl E; n) guerra
d’indipendenza
Màli dénw tE$ sé kà ¯ ín E$ b ç$kElE$ kç@ il
popolo del Mali non può dimenticare la
guerra di indipendenza
bç $ lì (n.) uscita di un libro, del numero
di una rivista
kíbarù b ç$lì bànnà il numero del giornale
“Kibaru” è esaurito
bç $ lì (n.) ciotola
bç $ lòn (n.) strada
à dénmusò yé kç$nòn tàa b ç$lòn [email protected]
sua figlia è rimasta incinta per
strada (cioè di un uomo
sconosciuto)
bç $ lç nbç lç $ n (b çlçn + b çlçn; n.)
vicolo
mònbilì mà sé kà tE$m E$ bç$lçnbç lç$n
fE$ la macchina non riesce a
passare attraverso il vicolo
bç @ n (v.)
versare, rovesciare
straripare
buttarsi su qualcosa
báarakElà yé ¯ àmàn b ç@n il
domestico ha vuotato la spazzatura
bá bç@nnà il fiume è straripato
à y’í bç@n à kàn si è gettato su di lui
á tágarà jí b ç@n è andato a far
l’amore
bç @ nbç $ n (bçn + bçn; n.)
caramella
à yé súkarò b ç@nb ç$n dílà ha
preparato caramelle di zucchero
bç › nE $ (n.) disgrazia, dispiacere
bç$n E bínnà kán le è successa una
disgrazia
bç $ nE mà (bon E + mà; agg.)
funesto, pericoloso
dúgutagà bç›n Emà un viaggio
pericoloso
bç $ ngç¯ ç $ (b çn + g ç¯ç ; n.) specie
di spezia aromatica utilizzata in
cucina
à b E$ dòn kò b ç$ngç¯ç$ b E$ à là si
capisce che c’è la spezia nel sugo
bç @ nçgç là (n.) sviluppo,
progresso
báara d E$ yé bç$n çgç lá yé il lavoro
è alla base del progresso
bç › nsç $ n (n.)
discendenza
39
generazione
ú bç@nsç$n dé yé jàmanà jç@ è la loro
discendenza che ha costruito il paese
búrù búgunnà il pane è ammuffito
búgùn dárà kógò kàn c’è della
muffa sul muro
bç @ rE $ (n.) sacco
kábà bç@rE$ un sacco di granturco
bùgurì (n.) polvere, cenere
jíri bùgurì segatura del legno
n E$g E$ bùgurì limatura di ferro
bç $ rç tç $ (v.) scucire
à yà ká fíni bç$rç tç ha scucito il suo
tessuto
bç $ sì (v.)
togliere con forza, scorticare
sbucciarsi
à bínna ká sénw b ç$sì è caduto e si è
sbucciato le gambe
bú
1 (n.) crusca
2 (v.) ridurre in farina
sàkàw kà dúmunì màndì yé bú yé il cibo
preferito delle percore è la crusca
àn b [email protected] ¯ ón bú sínì domani ridurremo il
miglio in farina pestandolo
bù (n.) carne (opposta all’osso)
sógò bù kílç$ un chilo di carne
à yé bù tàa è ingrassato
bù (v.) rendere difficile
à bùnà d E è stata dura
bùbagà (n.) termite
ú yé sárakà bílà búbagà só kán hanno
fatto un sacrificio sul termitaio
bùgù (v.)
rannicchiarsi
covare
nascondere
SE$ bùgulén dón la gallina cova
bùgurin¯ E $ (bugurin + ¯E; n.)
cenere
tàsumà sàrà, kà kE$ bùgurin ¯E$ yé il
fuoco si è spento ed è diventato
cenere
bùguridalalà (buguri + dala; n.)
geomante
bùguridalà kó, kà b [email protected] ná báarà sç@rç$
il geomante ha detto che troverà
lavoro
bùgusò (bugu + so; n.) casa con il
tetto di paglia
sùmayà dùn b E$ nì bùgusò kç$nòn
c’è fresco nella sua casa con il tetto
di paglia
bùlà (n.) polvere di colore azzurro
usata come sbiancante
à yé fíni¯E$màn kE$ bùlà kç@nç$n ha
messo il vestito bianco nello
sbiancante
búlamà (bula + ma; agg.) di
colore azzurro
à kà fìnì tìlà b E$ yé bùlamà yé la
maggioranza dei suoi vestiti è di
colore azzurro
bùletì (n.; dal francese) polpetta
bùletì b E$ sé kà [email protected][email protected] E$ yé si
possono fare le polpette con il pesce
búgù (v.) aumentare, crescere
ní kíni b [email protected] búgù questo riso cuocendo
aumenta di volume
bùlòn (n.) vestibolo che dà
accesso alla casa
dìbì b E$ bùlòn kç$n ç è buio nel
vestibolo
búgùn
1 (n.) muffa
nebbia
2 (v.) essere nebbioso
ammuffire
búlù (n.) foglia
à yé fári fín búlù kç@n ç ha cotto il
fàri nella foglia
fari: bigné di fagioli
40
bùlusù (n.; dal francese) camicetta
à kà bùlusù nç@g çrà la sua camicetta si è
sporcata
nuora
à b’à bùranmusò bó ¯àn kç@sçb E$
rispetta molto sua suocera
bùnakì (v.)
graffiare
contundere
à fárì búnakirà è tutto ammaccato
búurù (n.) pane
búurù kálà una pagnotta
búurugosilà fornaio
búurodilàn fare del pane
bùntén (v.)
ridurre in farina
pestare, dare una batosta
à yà bùnten kç@sçb E$ le ha dato una
batosta
à yé kábà bùntén kç@sçb E pestate bene il
granturco
bùububu (n.) verso della mucca,
muggito
bùntenìn (n.) scorpione
bùmtenìn yé à kìn lo scorpione l’ha
punto
búnunsò (n.) altalena
à fá [email protected]én kà búnunsò sán, dénsenì yé ú
ká só fá da quando suo padre ha
comprato un’altalena, la loro casa si è
riempita di bambini
bùrà (v.)
cuocere bene
diventare molle a causa della cottura
provare
sógò tóbi fó kà bùra cuoci la carne
finché diventa molle
à bá sáyà y’à bùrà la morte di sua
madre l’ha provata
bùràn (n.) famiglia della moglie, tutti
quelli che appartengono alla famiglia del
padre o della madre della moglie
à bùràn kà kó kà mísE$n i parenti di sua
moglie sono meschini
bùrankE $ (buran + kE; n.)
suocero
fratello del padre o della madre della
sposa
fratello più anziano della sposa
à táara ní súngalò súkarò yé à bùrankE$
féyì ha portato lo zucchero che si dà
durante il Ramadan a casa di suo suocero
bùranmusò (buran + muso; n.)
suocera
búrujù (buru + ju; n.)
origine
stirpe
à búrujù b E$ Kayes la sua stirpe si
trova a Kayes
bùrufiyE là (buru + fiyEla; n.)
trombettista
à kà sç$kç$ jùguyalén, à yé
bùrufiyElà dàbilà quando la tosse è
peggiorata ha smesso di fare il
trombettista
bùrùn (v.)
perdere
smaniare
cadere
innamorarsi
à kà búkulù bínnà à kç@ ha perso il
suo orecchino
à bùrunèn bà dón Fànta lá è
innamorato cotto di Fanta
búsàn (n.) verga, piccolo ramo
utilizzato per picchiare
à y‘à kà búsan dç@gò ha nascosto la
sua verga
bútE lì (n.; dal francese) bottiglia
í kàna í sé dón bútElì cílèn là non
mettere i piedi sui cocci di bottiglia
bútE lifE rE $ n (butEli + fErEn; n.)
cocci
bútElifErE$n dónnà a sén kç›n ç$ un
coccio di bottiglia gli è entrato nel
piede
bùtigì (n.; dal francese) piccola
bottega
41
à kà bùtigì fàrà mìnàn là ha tante merci
nel suo negozio
búwatì (n.; dal francese) scatola
tómatì búwatì scatola di pomodoro
búyakì (n.) bot. psidium gujava,
guaiava, frutto verde commestibile
búyakì yé à kà frui màndì yé la gujava è
il suo frutto preferito
bùzì (n.; dal francese)
cera per la tintura
candela di casa
candela del motore
bùzifinì “pagne” (pezzo di stoffa) cerato
42
C
cà, var. càmàn (agg.) numeroso,
abbondante, tanto
ní bágàn sí ká cà questo animale ha tanti
anni
mç@g ç$ càmàn náanà sono venute
numerose persone
càcò (n.) persona dalla pelle schiarita
artificialmente da prodotti cosmetici,
comunemente chiamata “due toni”
càcò músò kàsà b [email protected] b ç@ fúdenì là la donna
che usa prodotti schiarenti puzza quando
fa caldo
càkà (n.) collana
í yé í kà càkà sán mí? dove hai comprato
la tua collana?
càlanbò (n.) sandali di pelle
à bç@ra Gao ní càlanbo ¯ úman yé è
ritornato da Gao con dei bei sandali
cáròn (v.)
tagliare in un colpo solo
accendere un fiammifero strofinandolo
à yà cáròn ná fángà b [email protected] yé l’ha
tagliato in un colpo solo
càtirì (n.) teatro
à kó, ká dén tE› fúrù càtirì b ç@la má
ha detto che suo figlio non sposerà
mai una che fa teatro
cé (n.) ringraziamento, saluto
í ní cé, í ní bárajìi, í ní bó ¯ à!
grazie, che Dio ti benedica!
cE › (n.)
uomo
maschio
marito
cE$ ní músò l’uomo e la donna
cE$ kç@rçbà il vecchio
cE$n ì bambino
à cE$ tE$ m ç@g ç$ yé suo marito è un
fannullone
cE $ (prep.) entro
yàn ní Mç@pti cE tra qui e Mopti
ú yé náfolà tílà ú ní¯ç@gon cE si
sono spartiti la ricchezza
43
mùn d E$ b E$ ù cE$? cosa succede tra di
loro?
ò dón ní bí cE$ à mà sé àn kà só da quel
giorno in poi, non è più venuta a casa
nostra
ú cE$ mandì non vanno d’accordo
bç@ àn cE$ togliti di mezzo
Fànta ní Amadu cE$ jàn Fanta e Amadu
sono molto diversi
cE @ (n.) aspetto
à cE$ kà ¯ ì è bella
à [email protected]àjugù è brutta
cE $ (v.)
raccogliere, arraffare
rimboccarsi le maniche
à yé fínì cE$, sàn fìné dón raccogliete i
vestiti, il cielo è coperto
dç@ yé ú kà mín Enw cE$ qualcuno ha
arraffato tutte le loro cose
à y’à kà dúlokibà bólò cE$ ha tirato su le
maniche del suo “bubu” (vestito ampio)
cE $ bà (cE + ba; n.) uomo maturo
í [email protected]à cE$bà yé, í tE$ músò tàa sei
diventato un uomo maturo, perché non ti
sposi?
cE $ cì (cE + ci; n.)
tagliare in due
attraversare la strada
à yé zE$rE cE$cì ha tagliato in due il
cocomero
à yé síra cE$cì ha attraversato la strada
cE $ cE $ (n.) l’uomo più vecchio del
villaggio, il decano
à tE$ k ú m ç@g ç$ kà cE$cE$ sç@sç$ nessuno osa
contestare il decano del villaggio
cE $ dén (cE + den; n.) soldato, guerriero
dúgù cE$dénw b E› kç@kç lén dón tutti i
soldati del paese sono robusti
cE $ dunùn (cE + dunun; n.) musica
virile, musica guerriera
àli ní yé dúnùn màgàn m E›, í b’à dón che
cE$dunùn dón sentendo il suono di questo
tamburo si capisce che è una
musica da guerrieri
cE $ fagamalò (cEfaga + malo; n.)
varietà di riso
à yé cE$famagalò bç@rE kélé sàn ha
comprato un sacco di riso
cE $ ganàn (cE + ganan; n.)
scapolone
í tE$ cE$ganayà dàbilà! smettila di
fare lo scapolone!
cE $ jugù (cE + jugu; agg.) brutto
í ¯E$ cE$jugù b ç@ u) nà togli il tuo
brutto sguardo da me
cE $ juguyakurù (cEjuguya + kuru;
n.) neo
cE$juguyakurù fìlà d E$ bà ¯E$dà kàn
ci sono due nei sul suo viso
cE $ kisE $ (cE + kisE; n.)
vita
altezza
cE$kisE$ misìn vita sottile
cE $ kisEyà (cEkisE + ya; n.) tenacia
cE$kisiyà b [email protected] à bà là sua madre non
manca di tenacia
cE $ kò (cE + ko; n.) passione della
donna per l’uomo
à kà nì cE$kò tE$ gànsàn yé la sua
passione per gli uomini non è una
cosa semplice
cE $ kE $ (n.) cuscus di manioca,
piatto ivoriano
à b E$ cE$kE$ ní jE$g E$ féré ù kà dá là
vende il cuscus di manioca di fronte
a casa sua
cE $ kumancolò (n.) pomo
d’Adamo
à kà cE$kumancolò b E$ kà bò ¯ àn il
suo pomo d’Adamo
cE › là (n.) luogo d’origine del
marito
44
à tàarà tóbilì là, à cE$la là è andata a
cucinare per la famiglia d’origine del
marito
cE $ kurulén (cE + kurulen; n.) pesce
siluro ricurvo e affumicato in vendita nei
mercati
cE$kurulén kàdí tígan Elà il pesce
affumicato è buono col sugo d’arachidi
cE $ E nE $ (v.) scivolare
à cE$En Enà kà bólo kárì è scivolato
e si è rotto il braccio
cE $ tà (cE + ta; n.) reclutamento
militare
à dç@g çnì yé à tç@g ç$ dí cE$tà yç@rç$ là
suo fratello ha dato il suo nome per
il reclutamento militare
cE $ mancE $ (cEman + cE; n.) centro
à yé dón [email protected] sírà cE$mancE$ là ha ballato
nel centro della strada
cE $ tòn (cE + ton; n.) associazione
degli uomini
à kE$rà ú kà cE$ton kúntigì yé è
diventato il presidente della loro
associazione
cE $ manì (n.) ragazzo
ní cE$mani màlç$ kà d ç@g ç questo ragazzo
è sfacciato
cE $ minE $ (cE + min E; n.) rapimento
ú b [email protected] kà cE$min E$ kE$lE$ stanno lottando
contro il rapimento
cE $ misE nnìn (cE + misEnnìn; n.)
giovane
nì jàmanà dénw b E$E yé cE$m isEnnìn yé la
popolazione di questo paese è composta
da giovani
cE $ ncE $ n (n.) sabbia
ú yé cE$ncE$n tó ú kà dá là hanno buttato
la sabbia di fronte a casa loro
cE $ ndà (cEn + da; n.) pratica della
geomanzia: divinazione fatta leggendo la
sabbia
b E$ tE$ sé cE$ndà là non tutti sanno
praticare la geomanzia
cE $ nE gE $ (cE + n Eg E; n.) nome di
persona
Nella cultura maliana, è possibile
“prestare” una donna ad un uomo: i genitori possono cioè consentire ad una figlia
di andare ad abitare con un uomo. In
questo caso la ragazza può decidere di
ritornare a vivere con i suoi genitori o
meno. Se rimane incinta durante la
convivenza temporanea, al bambino viene
dato il nome di cE$nEgE$
cE $ yà (cE + ya; n.) virilità
à b E$ kà à kà cE$yà jìrà sta
mostrando la sua virilità
cE $ yasà (cEya + sa; n.) impotenza
sessuale
ní dónikElà b [email protected] sé cE$yasà fúrakElilà
questo veggente sa curare bene
l’impotenza sessuale
cE $ sirilàn (cE + sirilan; n.) cintura
cE$sirilàn dòn kà pàntalòn mìn E$n
indossi la cintura per tenere i
pantaloni
cí (n.) riga, scarificazione
kúnkolò júgumà b E$ fúrakE$ ní
tàmancì yé un mal di testa molto
forte si cura con la scarificazione
delle tempie
cí (v.)
picchiare
rompere, distruggere
fare rumore
dare un colpo
tracciare
à yé à bólò cí à bóbarà kàn ha
toccato le sue natiche, colpendole
à yè só cí ha picchiato il cavallo
fí¯E$ b [email protected] cí il vento soffia
à yé zàm E$ cí pá ha mangiato in un
solo boccone tutto il piatto di riso
“au gras”
dúgarén círà à bólò lo specchio gli
45
si è rotto tra le mani
à nú círà gli sanguina il naso
nàfigìw y’ú kà dú cí i delatori hanno
distrutto la loro famiglia
à tE$ sé d ç@g ç$ cí lá non sa spaccare la
legna
dénsenì yé mánkàn cí i bambini hanno
fatto rumore
à yé síra cí ha tracciato la strada
cí (n.)
corsa
messaggio
ordine
dovere
commissione
comandamento
cí fç@ portare un messaggio
cí [email protected] eseguire un ordine
álà ká cíw i comandamenti di Dio
cí [email protected] lavorare nei campi
cí, t’á là non ha nulla da fare
à y’à cí à kà só l’ha mandato a casa sua
cíbaà (n.) profeta
cídén (ci + den; n.) messaggero, inviato
cídén yé kùmà dàmin E$ gli inviati hanno
iniziato a parlare
cíkàn (ci + kan; n.) messaggio
ú mà són kà cíkàn fç@ ú bá yé non hanno
voluto riferire il messaggio alla loro
madre
cín (v.) pungere
sósò yé sú b [email protected] [email protected] à cíninà le zanzare
non hanno fatto altro che pungerlo
si è spaccata a causa dell’eredità
cíyE ntalà (ciyEn + tala; n.) erede
àli ú fá má sá ,cíyEntalàw b [email protected] [email protected]$
là il padre non è ancora morto e gli
eredi stanno già litigando
cókò (n.)
modo di fare, comportamento
soluzione
cókò dí? in che modo?
cókò júm E$n? come?
ò cókò là in questo modo
cókò cókò qualsiasi cosa sia
à y’à fç@ cókò mín nà, à [email protected] té fai
come ti ho detto
à yé cókò sç@r ç$ ha trovato la
soluzione
à cókò mà ¯ ì si comporta male
í cókò dón stai attento
córòn (v.)
confidare
cadere in trappola
à kà n [email protected] Esò córonnà b ç@gç$ là la sua
bicicletta si è impantanata
à y’à yE$rE$ córòn è caduto nella
trappola
cç @ nkç $ n (v.)
calpestare
lavare vigorosamente gli indumenti
a mano
à b [email protected] fínì cç@nkç$n lava
vigorosamente i vestiti
cùn (v.) saltare verso il basso a
piedi uniti
zó yà cùn [email protected] Emà il ladro è saltato
fuori
cíndà (cin + da; n.) puntura
à kà cindàw [email protected] kà n ç@g çyà le sue punture
non stanno guarendo
cíwarà (n.) feticcio delle colture,
maschera sacra che ha la testa da antilope
cíwarà b E$ nàfolò dòn ì kùn il feticcio
delle colture ti porta richezza
cíyE $ n (n.) eredità
ú kà dú círa cíyE$n n ç@fE$ la loro famiglia
46
D
dà (n.) bot. ibisco sabadariffa, acetosa
della Guinea, karkade
à yé dà jí b ç@ ha preparato la bevanda al
karkadé
dá (n.)
bocca
muso
apertura
porta
superficie
posto
prezzo
numero
turno
í tE$ í dá m ç@nén b ç@ àn dá là! smettila di
fare la faccia lunga!
à yà dá múgurì si è sciacquato la bocca
à dá kólén dón la sua bocca è lavata
Si dice a persone che si lavano la bocca
con certi medicinali africani, così che
quando chiedono qualcosa a voce non
gliela si può negare
sé í dá lá! stai zitto!
à dàbç$ ká gó parla in modo spiacevole
con la gente
àli à dén mà sàn kélén sç@rç$, à yà
dàbç$ suo figlio non aveva
nemmeno un anno e l’aveva già
svezzato
à dá sígilén dón è una persona
discreta
dá ní dá di bocca in bocca
à bínnà à dá kàn è rimasto a bocca
aperta
à dá séra mà ha parlato di ciò
ká dá gósì bussare alla porta
jéledà lama dell’ascia
mùrù dá mándì la lama del coltello
non è tagliente
à dá má g [email protected]$n non è caro
kà dòn dá là essere valorizzato
bá dá là sul bordo del fiume
bárò dá luogo dove si chiacchiera
à dá b [email protected] sé à mà toccherà a lei
mç@g ç$ dá dúmàn una persona che
ha la lingua sciolta
à dá ká mísìn parla troppo
à dá ká g [email protected]$n kó fárà è uno che
nega anche di fronte all’evidenza
à dá bílà smettere
dà súsù annerire le labbra: lo si fa
con tanti aghi intinti nella polvere
47
ricavata dai gusci di arachidi anneriti
dá túgù chiudere la porta
í bíla à dá là cerca di sapere qualcosa da
lei
sákà dá il numero, il prezzo delle pecore
dà (v.)
mettersi a letto, stendersi
mettere
credere
fare
creare
deporre le uova
à dàlen dón è a letto
à dà tàbalì kán mettilo sul tavolo
à yé zírì dà ha narrato un racconto
ká dç@n kilì dà cantare
ká dà ¯ç@gç$n ná mettere insieme
à y’à dà ú ¯[email protected] si è stesa davanti a loro
ì kà dà à là sappi che
u) mà dà à là non credo a questo fatto
u) dàlèn b’í là ho fiducia in te
ú b [email protected] fán dán depongono le uova
k’à dà í bá kç@sç$ a causa di tua madre
àlà y’à dá Dio ci ha creati
à yé kç@n ç$ dà là l’ha messa incinta
à y’à dà fámà kç@rç$ si è presentato
davanti allo sceicco
à y’à dúsù dà! calmatevi!
ù y’à dà à là l’hanno accusato
à b [email protected] sç@n jugù dà m ç@gç$ là denigra la
gente
kà dén tç@gç$ dà dare un nome al bambino
kà dà mu) kàn? per quale motivo?
à b [email protected] í ná fç@ sítulù, nà y’à tó yç@rç$ mín
ná, à t’ [email protected] bç@ yé è come il burro di karité,
dove si mette non si sposta più (si dice di
una persona molto pigra)
dá (v.) tessere
à fá b [email protected] gésé dá suo padre tesse
dàamù
1 (n.) felicità
2 (v.) colmare di felicità, rendere felice
dén y’è dàamu yé un figlio fa la felicità
í ni dàamù che la felicità sia con te
dàbà (n.) zappa
à yé dàbà tàa! prendete la zappa!
(zappate!)
dábà (n.) inchiostro
ù kò kà kà bòlokçnì dòn dàbà là gli
hanno detto di mettere il dito
nell’inchiostro
dàbadén (daba + den; n.) ferro
della zappa
númù y’è à kà dàbadén dílà il
fabbro ha forgiato il ferro della sua
zappa
dàbadankannà (daba +
dankanna; n.) cane con il collo
bianco
nì d E$ yé wùlù dàbadankannà yé è
questo il cane con il collo bianco
dàbakalà (daba + kala; n.)
manico della zappa
à kà dàbakalà kàrilà il manico
della zappa si è rotto
dábalì (da + bali)
1 (n.) maleficio
2 (v.) stregare
kà ná jígì à là, à dábalilén dón non
prendertela con lui, è stato stregato
dábayà (daba + ya; v.) fare il
bercione
à b [email protected] sé fE$n mín ná, ó yé dábayé
l’unica cosa che sa fare bene, è fare
il bercione
dábarà (da + bara; n.) cavità
orale, bocca
fE$n bìlenmà d ç$ b E$ ì dàbarà là hai
qualcosa di rosso in bocca
dábarà [email protected] à kún ha una bocca
grande
dábirì (da + biri; v.)
ricoprire
capovolgere
rovesciare: azione intenzionale
fílén dábirilà la “calebasse” si è
rovesciata
dáfirì (da + firi; v.) rovesciare:
azione non intenzionale
48
dábisì (v.) spremere
à yé kúrunì dábisì si è spremuto un
brufolo
dábolò (da + bolo; n.) situazione
cògoyà b E$ sç$rç$ nì dábolò si troverà una
soluzione per questa situazione
dàbEnbalì (da + b En + bali; agg.)
intelligente
à dénw b [email protected] kà dàb Enbalì dón è il più
intelligente dei suoi figli
dábç $ (v.)
iniziare, avviare
fare apposta
prevedere
affilare
svezzare
¯[email protected]$ dáb çrà il festeggiamento è
iniziato
kúmaw dáb çrà i colloqui sono stati
avviati
à y’à dábç$ à kámà l’ha fatto apposta
à y’à kà mùrù dábç$ ha affilato un
coltello
dádén (da + den; v.) tacere, rimanere
zitto
mç@g ç$ kàn kí dádén kó d ç@ mà bisogna
saper stare zitti davanti a certe cose
dádiyalàn (da + diyalan; n.)
condimento
ú b [email protected] dádiyalàn féré ú kà só dá là si
vendono condimenti di fronte a casa loro
dádiyà (da + diya; v.)
affilare
essere loquace
à b E$ dàdiyà d E$ là, à tE$ sé kà fòyì kE$ sa
essere loquace, non può farci niente
mùrù dàdiyalèn dòn, à b E$ ì tE$g E$ tìg E$
questo coltello è affilato, ti taglierà il dito
dádòn (da + don; v.)
attizzare il fuoco
avviarsi: di macchina, di dibattito
tàsumà dádòn attizza il fuoco
í ká m ç@bili dádòn andiamoci a tutta birra
dádonkàn (da + don + kan; n.)
destino
a) [email protected] sé kà dàdonkàn bálì non
possiamo fermare il destino
dáfà (da + fa; v.) completare,
realizzare
à yé wárìi dáfà ha completato i
soldi che mancavano
músò dáfalén una donna realizzata
dáfabalì (da + fabali; agg.) sin.
dá incompleto, numero decimale
dáfalén (da + falen; n.)
giuramento
vocale
dáfalén yé wólofilà yé bàmanankàn
nà ci sono sette vocali nel bambara
dáfatà (da + fata; n.) consonante
dáfatàw yé múgàn yé le consonanti
sono venti
dáfé (n.) cavallo bianco
à yE$lElà dàfé kàn kà bòlì è salito su
un cavallo per scappare
dáfElà (avv.) nei dintorni
ú sérà dúgù dáfElà sono arrivati
nei dintorni del villaggio
dáfilà (da + fila; n.) bugiardo,
fanfarone, persona che dice una
cosa oggi ed un’altra domani
í kánà à kà kúmà làm E$, dáfilà dòn
non ascoltare quello che dice, è un
bugiardo
dàfilà (da + fila; n.) etnia
residente tra il Mali e il Burkina
Faso
dàfilàw kò, kò b E$ nì kà làdà l’etnia
“Dafila” sostiene che ognuno ha le
sue tradizioni
dáfi¯E $ (da + fi¯E; n.) alito
à dáfin E$ kà gó il suo alito è pesante
dáfiyE $ (da + fiyE; v.) dare un
49
regalo in cambio di un segreto svelato
à dénw kó, kà kú dáfiyE$ i bambini gli
hanno chiesto un regalo per svelare il
segreto
dágerén (da + geren; v.) colmare,
tappare
ú yé wó dágerén ní b ç@g ç$ yé hanno
tappato il buco con la terra
dáfç (da + fç ; v.)
intrecciare i fili in modo che uno sia più
lungo dell’altro
mettere due cose insieme in modo che
una sconfini nell’altra
gésedalà yé gáari dáfç$ ¯ç@g ç$n là il
tessitore ha intrecciato i fili
dágElE $ (da + g ElE; n.) mascella
inferiore
dáfurukù (da + furuku; n.) guancia
í ní dáfurukù bá! tu con le grosse
guance!
dágà (n.)
pentola
giara
sacca gestazionale: anat.
dágà sígì, tílé gánnà metti la pentola sul
fuoco, la giornata sta finendo
jí dágà la giara d’acqua
kà dágà dòn mettere una giara sul fuoco
per far bollire le erbe che serviranno per
delle pratiche magiche al fine di guarire
da una malattia o di proteggersi dalla
cattiva sorte
dága cìrà si sono rotte le acque
à tE$ dágà sígi dágà dálà è un
fannullone, un vigliacco, non riesce a
combinare nulla di buono
dàgà (n.) disturbo
í dàgà bç@ u) dá là lasciami in pace
dàgafinfìn (daga + fin + fin; n.) il
nerofumo che ricopre le pentole
à má dágà mu), dàgafinfin bç@ kà g E$lE$
non ha spalmato (di grasso) la pentola, è
difficile pulire il nerofumo
dágosì (da + gosi; v.)
bussare alla porta
impedire bruscamente a qualcuno di
parlare
dágosi tE$ àn kà làdà là bussare alla
porta non fa parte delle nostre tradizioni
ú y’à dágosì gli hanno impedito
bruscamente di parlare
dágElE $ n (da + g ElEn)
1 (agg.) caro
2 (n.) persona che non riconosce
gli sbagli fatti
3 (v.) raccomandare di non
dimenticare qualcosa
fínì dágalE$n dòn è un tessuto che
costa caro
dàhirimE $ (da + hirim E; n.;
dall’arabo)
cibo
bisogno
à y’à dàhirim E$ sç@rç ha avuto il suo
cibo
à kç@lilà à dàhirim E$ là non riesce a
far fronte ai suoi bisogni
dájà (da + ja; v.) stancare con le
discussioni
àw nà ká dájà, à yé tàa ká bç@ a)
dálà voi e le vostre discussioni,
lasciateci in pace
dájE$ (da + jE; v.) non
raggiungere il numero dato
dç@ b’à dájE$ manca ancora qualcosa
per raggiungere il numero dato
dájì (da + ji; v.) inzuppare
kà Sç@ dájì lasciar riposare i fagioli
kà búrù dájì inzuppare il pane
dájí (da + ji; n.) saliva
í ká ní dáji sérí u) kàn non sputare
su di me
wúlù fátç$ dáji kàngalén dòn il cane
rabbioso ha la bava
í kánì dájì tí¯E$ à là non sprecare la
tua energia per lui
dájibç $ (da + ji + bç ; agg.)
stupido, sciocco
50
è ¯E$talà, dájib ç$ dòn non vedi, è uno
stupido!
à dén fç@lç$ yé dákantigì yé il suo
primogenito è un predestinato
dájikangà (daji + kanga; n.) bava
wùlù dájikangà dòn, ì bòlò b ç$ à là è la
bava del cane, togli le mani
dákarì (da + kari; v.)
rompere il muso a qualcuno
rompere
ní à y’í mín E$, à b’í dákarì se ti
prende, ti rompe il muso
bútelì bínnà, kà dákarì la bottiglia
è caduta e si è rotta
dájirà (da + jira; v.) esporre, spiegare
chiaramente e pubblicamente
ú nànà à dájirà à là sono venuti a
spiegarglielo chiaramente
dájugù (da + jugu)
1 (n.) persona dal linguaggio volgare
2 (v.) augurare involontariamente una
cosa brutta ad una persona
í dájugù b ç@ u) nà non augurarmi
involontariamente cose cattive
dájukç rç kumà (da + jukçrç + kuma;
n.) parola di scontento detta a mezza
voce
à kà dájukç rç kumàkà càn è sempre lí a
dire parole di scontento a mezza voce
dájurù (da + juru; n.) briglia
à yé só sámà à dájurù mà ha tirato il
cavallo per le briglie
dàkalà (da + kala; n.) muso
í ní dákalà jàn appellativo per persone
dal viso paffuto
dákabanà (daka + bana; agg.)
straordinario
molto forte
ní [email protected]à dákabanà kó yé è stata una cosa
straordinaria
dákabanà nà yàn! vieni qui, fenomeno!
(pop.)
dàkabanaworò (n.) noce di cola
utilizzata soprattutto per i sacrifici
dákàn (da + kan; n.) destino, sorte,
fatalità
b [email protected] ní dákàn dón ad ognuno il suo
destino
dákantigì (da + kan + tigi; n.)
predestinato
dákawuliterì (daka + wuliteri; n.)
amico inseparabile
à dákawuliterì b [email protected] à kà kó b [email protected] là il
suo amico inseparabile è sempre al
suo fianco
dákò (da + ko; n.) bellezza
dákojugù (dako + jugu; n.)
chi si corica male
persona deforme
dákojugù! ì y’í sé [email protected] kán, súrç
dormi proprio male! ieri mi hai dato
un calcio
dákùn (da + kun; n.) soglia della
porta
à yì mélekùn kà sé dàkùn là è
arrivato furtivamente sulla soglia
della porta
dákç rç bç $ (da + kçrç + bç ; v.)
stuzzicare qualcuno, mettere alla
prova, provocare
ní y’à dákç rçb ç$ kà [email protected] b [email protected] músò
[email protected]$ táa, à b [email protected] dímì se la stuzzichi
dicendo che suo marito prenderà
un'altra moglie, si arrabbia
ú y’à dákçrçb ç$ kà làjE$ ní à b [email protected] [email protected]
bángebàw [email protected] l’hanno messa alla
prova per vedere se ama i parenti di
suo marito
dákç rç sii (da + kçrç + sii; n.)
barba
í dákçrçsiì càyalà, à tíg E$ hai la
barba folta, tagliala
dálabò (dala + bo; n.) modo di
51
parlare
à dálabò kà kúnàn parla sempre in modo
acido
dáajaté (daa + jate; n.) calcolo a mente
à [email protected] sé dáajaté là non sa fare calcoli a
mente
dálacE $ (dala + cE; v.) negare in modo
categorico
à y’à dálacE$ cç@yì cç@yì ha negato in
modo categorico
dálajE $ (dala + jE; v.) mettersi insieme,
raggruppasi
ú yé ú dálajE$ mísirì dá lá si sono
raggruppati davanti alla porta della
moschea
dálakàn (dala + kan; n.)
punto di vista
promessa, impegno
kùntigì má dálakàn fç@ il capo non ha
espresso il suo punto di vista
dálamagà (da + la + maga)
1 (v.) mangiucchiare qualcosa prima del
pasto
2 (n.) stuzzichino
à yé dálamagà dç@ tàa prendete qualche
stuzzichino
dálamatç $ (dalama + tç ; n.) ferito grave
dálamatç$w càyarà ní kásarà là ci sono
tanti feriti gravi in questo incidente
dálaminE $ (dala + min E; v.) intepretare,
riprendere le parole di un’altra persona
per renderle pubbliche
rispondere a qualcuno in modo scontroso
mànu! ì b [email protected] í fá dálamin E$! come! Con
che coraggio osi rispondere in modo
scontroso a tuo padre!
dálaminE $ (n.) interprete, portavoce,
una persona che riprende le parole di
qualcuno per farle conoscere agli altri
dálamin E$ yé à d E$m E$ áni dúgulam çgç$ ká
¯ç@ngòn fámuyà l’interprete ha fatto sì
che la gente del villaggio lo capisse
dálàn (da + lan; n.) letto
í kán dálàn dílà fai il tuo letto
dála¯inì (dala + ¯ ini; v.)
provocare, stuzzicare
à y’à dàla ¯ inì fò kà bìlà kùmà jùgù
fç$ là l’hanno provocato fino a
fargli dire delle parolacce
dálasà (dala + sa; v.) impedire di
sviluppare qualcosa, impedire
un’azione
kúmà yé [email protected]$ dálasà le parole
hanno impedito che scoppiasse un
litigio
dálasì (n.) 5 franchi: unità
monetaria
dén y’à bàn dàlasì là la bambina
ha rifiutato 5 franchi
dálasigì (dala + sigi)
1 (n.) guardia
sostituto
2 (v.) uscire
sedersi alla porta
dálasigilàw b [email protected] dá kádì tutti i
guardiani hanno la lingua sciolta
dálasii (dala + sii; n.) baffi
à dàlasiì kà càn ha tanti baffi
dálì (da + lì; n.)
creazione
abitudine
à kE$rà dàlì kò yé è diventata
un’abitudine
dálifinì (fali + fini; n.) “pagne”,
pareo, tessuto fatto a mano
à yé dálifinì càmàn sç@rç$ à dén kà
dékunlì là ha ricevuto tanti tessuti
fatti a mano per il battesimo di suo
figlio
dálibà (dali + ba; n.) tessuto di
cotone di colore chiaro
à yé à kà dàlibà tìg E$ kà kE$ fìnì
¯ ùmàn yé ha tagliato il suo tessuto
e ne ha fatto un bel vestito
52
dálilù (dali + lu; n.)
motivo
diritto
potere
segreto
dálilù sí t’à bólò non ha nessun diritto
dálilù kádi á yé ama il potere
dàmà (da + ma; n.)
misura
numero
dimensione
altezza
limite
kà dàmà [email protected] E$ superare il limite
àw b [email protected] dàmà ká kán siete tutti (alti)
uguali
dàmà (agg.) solo
í yé ní dàmà [email protected] hai fatto solo questo!
dámajalàn (dama + jalan; n.)
blenorragia
à kà damajalàn b E$ kà jùguyà la sua
blenorragia sta peggiorando
dàmake¯ E $ (dama + kE¯E; v.) rendere
uguale, mettere allo stesso livello
ú yé búurù tílà kà dàmake¯E$ ha tagliato
il pane in parti eguali
dámàn (n.) miniera
dámàn bàarà kà g E$lE$ il lavoro in
miniera è difficile
dáminE $ (da + min E; v.) iniziare
à yé báarà dámin E$ ha iniziato il lavoro
dámç $ n (da + m çn; v.) storcere il naso
à y’à dámç$n ní kó là ha storto il naso
davanti a questo fatto
dámù (da + mu; n.) gioco della dama
dámù bç@ giocare a dama
dámudén pedina
dámubà dama
dámùn (da + mun; v.) dare una
bustarella per far tacere un testimone
à y’à dámùn wàlasà à kà ¯[email protected] tùgù gli ha
dato una bustarella affinché chiudesse un
occhio
dàn (n.) malattia che rende gobbo
dàntç$ gobbo
dàn
1 (n.) limite, fine
2 (v.) limitarsi
superare
scappare
fermare
3 (avv.) soltanto
troppo
á dànnà kúmà là si è limitato a
parlare
dàn tE$ [email protected] là Dio è infinito
í ¯[email protected] dàn a perdita d’occhio
ú sérà sírà dàn là sono arrivati alla
fine della strada
ní yé lE$n dàn yé che puzza sotto il
naso
à dàn yé o yé è tutto ciò che può
fare
à y’à dàn bólilà l’ha superato nella
corsa
dán (v.) contare
ú yé fíníw dán hanno contato i
tessuti
dákamà (n.) persona eccezionale
dákamà náanà! è arrivata una
persona eccezionale!
dànanjugù (danan + jugu; agg.)
molto cattivo
ní yé dànanjugù bélebelé yé! è una
persona molto cattiva!
dánbé (n.) dignità, onore,
reputazione
íkána í kà dánbé lán çg ç$ non devi
infrangere l’onore della tua famiglia
dànbilén (n.) sin. danworobilèn
cola rossa
dànbç $ (dan + b ç; v.) tracciare i
limiti, avere la frontiera in comune
con qualcosa, delimitare
ù kà dúgu ní dúgú [email protected] dànbç lén
dón il suo paese ha la frontiera in
comune con un altro
53
dànfarà (dan + fara)
1 (n.) differenza, discriminazione
frontiera, limite
2 (v.) distinguere
àn ká ¯[email protected], ká dànfarà [email protected]$ dobbiamo
tutti lottare contro la discriminazione
à yé fárafin dànfarà b [email protected] dáyElE$ tutte le
frontiere africane devono essere aperte
dánfin (dan + fin; n.) animale dal
pelame molto nero
n’à yé dánfìn yé, à jà b E$ tìg E$ se vede un
animale dal pelo molto nero, si
impaurisce
dánfE $ n (dan + fEn; n.) creatura
dánf$E$n sí [email protected] kísì sáyà mà la morte non
risparmia nessuna creatura
dàngà
1 (n.) maledizione
2 (v.) maledire
ní bá yé í dàngà, ó yé í mágç$ sàlén yé se
tua madre ti maledice, per te è finita
dàngandén (dangan + den; n.) figlio
maledetto
dàngandén tE$ tE$m E$ ní kàn nessuno è più
maledetto di te
dànkalàn (dan + kalan; n.)
trigonocefalo: serpente molto velenoso
dànkalàn b E$ m ç$gç$ fàgà yç$rçnikelén il
trigonocefalo uccide in un colpo solo
dànkàn (dan + kan; n.)
riva, argine
vice
à b [email protected] fíni kó dànkàn là lava i vestiti sulla
riva
tàa à ká dànkàn féyì vai dal suo vice
dánkannà (dan + kanna; n.) scialle,
pezzo di tessuto per coprire il collo e le
spalle
dànkç rç bà (dan + kçrçba; v.)
essere molto forte nel campo dell’occulto
avere molta esperienza in un determinato
campo
í kànà síràn, í kàlifalén dón dánkçrçbà
mà non avere paura, sei stato
affidato ad una persona che ha
molta esperienza in questo campo
dànkunberé (dan + kunbere; n.)
“pagne” che arriva fino alle
ginocchia
à kà dànkunberé ¯ ìgilebà jàrà
jònnà il suo “pagne” si è asciugato
presto
dánnamç gç $ (danna + m çgç ; n.)
persona di fiducia
à y’à ká dú kálifà à dànnamçg ç$ má
ha affidato la sua casa ad una
persona di fiducia
dánna¯çgonyà (danna + ¯çgoya;
n.)
fiducia reciproca
vicino
ní dánna ¯çgonyà [email protected] àn [email protected], tériyà
kún [email protected] se non c’è fiducia reciproca
tra noi, allora l’amicizia non è
possibile
dánnayà (danna + ya; n.) fiducia
à kà dánnayà m ç$gç$ bà dòn è una
persona di grande fiducia
dànnì (dan + ni; n.) seme
ì kànà àn bìlà bàarà là, nì dànnìw
tE$ ì bòlò non metterci a lavorare se
non hai ancora i semi
dànnindingE $ (dannin + ding E; n.)
buca per la semina
kùnù àn tìlalà dànninding Ew$ kE$lilà
ieri abbiamo finito di scavare le
buche per la semina
dànnikE masìn (danni + kE +
masin; n.) seminatrice
à nísojalén dón à dànnikEmasìin là
è contento della sua seminatrice
dànnikorò (danni + koro; n.)
recipiente utilizzato per seminare
bàrrà dàmin Enà, ù yé dànnikoròw
tàa il lavoro è iniziato, hanno preso
i recipienti
54
dànnisanji (danni + san + ji; n.)
pioggia che segna l’inizio della semina
dànnisanji mà càyà ¯ ínàn la pioggia
dell’inizio della semina non è stata
abbondante quest’anno
dànnisirà (danni + sira; n.) solco
àw y’à d [email protected] E kà dànnisirà cí aiutatelo a
tracciare i solchi nel campo
dánpé (n.) grande “pagne” utilizzato
dalle donne “maure” (etnia del Mali),
sari
dántigE $ (dan + tig E; v.) esporre,
spiegare, presentare
à yé kúmà dántig E$ Amadù yé ha spiegato
ad Amadu ciò che è stato detto
dá¯Egafe (da ¯E + gafe; n.) lessico
ù b E$ kà nì kàn dá ¯Egafé dégé stanno
studiando il lessico di questa lingua
dánçgç $ n (da + n çgçn; agg.) a buon
mercato
Sì [email protected] dánçg ç$n là le cose a buon mercato
non durano
dàrà (n.; dal francese)
lenzuolo
figuraccia
à yé dàrà sán ha comprato un lenzuolo
à yé dàrà cí ha fatto un’azione che gli ha
fatto fare una figuraccia
dàrakà
1 (n.) colazione
2 (v.) fare colazione
dàrakà [email protected], n) b [email protected] í kç@n ç$ fai colazione, ti
aspetterò
à kà dàrakà yé fúrufù yé la sua colazione
sarà a base di bignè di miglio
dáralì (n.) mercato degli animali a
Bamako (Mali)
à tààrà sàkà sàn dáralì là è andato a
comprare una percora al mercato degli
animali
dárapò (n.; dal francese) bandiera
Màli dárapò yé ¯ ùgujilamà, n E$mugàn
àni bílenmà yé verde, giallo e rosso
sono i colori della bandiera del Mali
dásaràn (v.) cucire un sacco
imbastendolo
ì mà b ç@rE$ dásaràn kà ¯ àn non hai
cucito bene il sacco
dàsi (v.) picchiare forte
à y’à dàsi l’ha picchiato forte
dásigibalì (da + sigibali; agg.)
indiscreto, che parla troppo
ì kánà í kà kúmà fç@ à yé, dásigibali
dón non confidargli nulla, è uno
che parla troppo
dásirì (da + siri)
1 (v.) legare
impedire a qualcuno di
parlare con mezzi magici
2 (n.) genio protettore del
villaggio
à júgùw mà sé kà fóyì fç@, à y’ú
dásirì i suoi nemici non hanno
potuto dire niente perché gli ha
impedito di parlare con dei mezzi
magici
ní sá tùn yé ú kà dásirì yé questo
serpente era il loro genio protettore
dásçgç $ (dà + sçgç ; v.) chiudere a
chiave
Màriam kà sánù b’à kç@nç$, à dásçg ç$
dentro c’è l’oro di Mariam, chiudi
la porta a chiave
dàsù (agg.) a buon mercato
nàmasà bç@rà, à [email protected]à dàsù yé è la
stagione delle banane, sono a buon
mercato
dátigE $ (da + tig E; v.) iniziare
à y’è kúmà dátig E$ ha iniziato a
parlare
dátç $ (da + tç ; n.)
resto di qualcosa, soprattutto cibo,
residuo
frutto rovinato dagli uccelli
wàraninkalà dátç$ scampato alla
pantera
55
màngoròw dátç$ i manghi rovinati
dátù (da + tu; n.) condimento a base di
grani di acetosa
dátù yé à kà ná díyà il condimento a
base di grani di acetosa ha reso
succulento il suo sugo
dátugù (da + tugu; v.) chiudere,
coprire, tappare, imprigionare
báramà dátugù copri la pentola
ú y’à dátugù kúnù l’hanno imprigionato
ieri
bútelì dátugù tappa la bottiglia
dátugulàn (da + tugulan; n.) coperchio,
tappo
dàtugulàn kE$ nà dà là metti il coperchio
sulla pentola del sugo
dáwolò (da + wolo; n.)
labbra
bordo
frontiera
à y’à dáwoló súsù ha reso nere le sue
labbra con le punte di ago
kç$lòn dáwolò il bordo del pozzo
Niger dáwolò là alla frontiera del Niger
dáwulà (da + wula; n.)
prestigio, fama
bellezza
ù kà dáwulà sérà dúgù tç@ là il loro
prestigio è arrivato negli altri paesi
músò dáwulà la bellezza di una donna
dáwulì (da + wuli; v.)
iniziare
riprendere
à y’à dáwulì tùguni? avete iniziato di
nuovo?
dà¯E $ (da + ¯E; n.) parola
ì dà ¯E$ yé ì dà ¯E$ yé la parola data è
quella e quella resta
dáyElE $ (da + yElE$)
à yé dáyElE$ ha aperto la porta
dáyElE$ dón è uno stupido
dè (particella che indica insistenza,
enfasi) proprio
Amadù dè y’à fç@ è proprio Amadu
che l’ha detto
défilé (n.; dal francese) sfilata
défilé [email protected] [email protected] 22 là si fa una sfilata
per la Festa dell’Indipendenza il 22
settembre
dégé (v.)
insegnare
imparare
à dégerà cíkE$ cógò là gli è stato
insegnato a coltivare
dégebagà (dege + baga; n.)
professore, colui che insegna
dégebagà ¯úmàn b [email protected] mç@g ç$ sé kó là
il buon maestro fa sì che il suo
studente riesca nella vita
dégedén (dege + den; n.)
apprendista
à kà dégedénw b E$E tàarà ¯E $ tutti i
suoi apprendisti hanno fatto carriera
dégeré (n.; dal francese) grado:
temperatura
bí fúdenì b [email protected] dégeré jólí là? quanti
gradi abbiamo oggi?
dégeresumalàn (degere +
sumalan; n.) termometro
ì fàrì kà kàlàn, dégersumalàn tàa
ha il corpo caldo, prendi il
termometro
dégùn
1 (n.) difficoltà
oppressione
problema
2 (v.) disturbare
soffocare, opprimere
affaticare
turbare
à ¯ ínakilì dégunà è rimasto
soffocato
ní kó yé à dégùn questa cosa l’ha
turbato
bànàn y’à dégùn la malattia l’ha
affaticato
56
délegè (n.; dal francese) delegato
dúgu [email protected] délegé kúmanà tutti i delegati
dei paesi hanno parlato
dèlì (v.) essere abituato
délì mà dón ú [email protected] non si sono ancora
frequentati
à mà délì jàmà kúmà là non si sono
abituati a parlare davanti al pubblico
délì
1 (v.) pregare, supplicare, chiedere
2 (n.) preghiera
Alà b [email protected] dèlì, jàngò m ç@g çninfin Dio
accetta di essere supplicato, a maggior
ragione gli esseri umani
déli dón! per favore!
délikò (n.) abitudine
délikò júgù cattiva abitudine
délikE là (deli + kEla; n.)
postulante
mediatore
délikElàw y’é [email protected]$ bàn i mediatori hanno
messo fine alla guerra
dén (n.)
figlio, bambino
frutto
parte, pezzo
à dén dón, à tE$ b ç@ à kç@ è suo figlio, non
l’abbandonerà mai
jàkumà dén gattino
jíridén frutto
kàbà dénnà il granturco ha dato molti
frutti
dénbà (den + ba; n.) madrina, donna
che si occupa dell’organizzazione delle
cerimonie di matrimonio o di battesimo
dénbatigì (den + ba + tigi; n.) donna,
madre solitamente di molti figli
La stessa parola si può usare anche per
gli animali
dénbatigì dénw b [email protected] túgàn là, à jà sígilén
tE$ questa donna ha i suoi figli all’estero,
non è mai tranquilla
sàgamusò dénbatigì una pecora che ha
degli agnelli
dénbajalà (denba + jala; n.)
titolo, ruolo di madrina
ù yé nì kç$¯ òn dénbajalà dì à mà le
hanno assegnato il ruolo di madrina
dénba¯umà (den + ba + ¯ uma; n.)
piante medicinali contro le malattie
infantili
dénba ¯umà mà kà d E$sE$ ì bòlò
àbadà devi avere sempre sotto
mano le piante medicinali
dénbE rE nìn (den + b ErEnin; n.)
sin. déndennìn bambola
à kà dénb ErEnìn b E$ hàlì dònkilì dà
perfino la sua bambola canta
dénbò (den + bo; n.) fannullone
[email protected] k úlusì dón, dénbò! diventa
uomo, fannullone!
dénbajugù (den + ba + jugu; n.)
cattiva madre, madre che trascura i
propri figli, madre che rifiuta di
occuparsi dei figli di un’altra donna
dénbajugù dénw b E$ síngin i figli di
una madre cattiva avranno tanti
problemi
dénfàn (den + fan; n.) feto
ù yé dénfàn Sù dòn il feto è stato
seppellito
dénkelenbà (den + kelen + ba; n.)
madre di un figlio unico
dénkelenbà mà càn Afrikì là non ci
sono tante madri con un figlio unico
in Africa
dénkE $ (den + kE; n.) figlio,
ragazzo
u) dénkE$, ¯án mà! ragazzo,
aiutami!
dénkorò (den + koro; n.) crampo
dénkoròw y’à mìn E$, à yì jç$ ha i
crampi, si è fermato
dénkundì (den + kundi; n.)
battesimo
ú yé dénkundì [email protected] màgàn bá yé
57
hanno organizzato una grande festa per il
battesimo
déminE là (den + min Ela; n.) baby-sitter
à kà démin Elà [email protected]à à dén [email protected], kç@sçb E$ la
baby-sitter ha voluto molto bene a suo
figlio
dénmarayç rç $ (den + mara + yçrç ; n.)
nido d’infanzia
à mà sòn à dèn kà tò dénmarayçrç$ là
non ha voluto che suo figlio rimanga al
nido
dénsù (den + su; n.) persona senza
energia, fiacca
dénsù ní dénbç$ [email protected] kà kàn una
persona fiacca e un fannullone sono
uguali
député (n.; dal francese) deputato
député sí, lábàn cógò tE$ ¯ àn
nessun deputato finisce bene il resto
della sua vita
désanburù (n.; dal francese)
dicembre
dénmisE $ n (den + misEn; n.) bambino
táa dénmisEnw wélé vai a chiamare i
bambini
détayì (n.; dal francese) dettaglio
à b [email protected] féré [email protected] détaglì là vendono al
dettaglio
dénmisE nyà (den + misEn + ya; n.)
infanzia
à y’à kà dénmisEnyà b [email protected] [email protected] Kayes ha
trascorso tutta la sua infanzia a Kayes
dì (part. inter.) come?
ì tç@g ç dì? come ti chiami?
ì b [email protected] dì? come stai?
ì kó dì? cosa mi racconti di bello?
dénmusò (den + muso; n.) figlia
à dénmusò fç@lç$ primogenita
dí (v.) rapare, rasarsi, farsi la
barba
à y’à kúndì si è rapato la testa
dén¯ ErE nìn (den + ¯ErEnin; n.)
neonato
nì dén ¯ErEnìn kà kàsì tE$ bàn questo
neonato non smette di piangere
dénsayà (den + sayà; n.) mortalità
infantile
dénsayà kà càn fáantà dúgù là c’è
un’alta mortalità infantile nei paesi
poveri
dénsò (den + so; n.) anat. utero
dénsodà (den + so + da; n.) anat. collo
dell’utero
dénsotulò (den + so + tulo; n.) anat.
tuba uterina
dénsç rç baliyà (den + sçrç + baliya; n.)
sterilità femminile
à yà kà dénsçrçbaliyà fùrakE$ kà d E$sE$!
hanno curato invano la sua sterilità!
dí (v.) dare
à b [email protected] sín dí là sta allattando
dì (n.) miele
dí kúlù sciame di api
dí
1 (agg.) buono, dolce, zuccherato
favorevole, facile
2 (v.) piacere, amare
à kà ná súmà ká dí il suo sugo ha
un buon odore
à dén sén ká dí suo figlio corre
velocemente
à nín ká dí ha la lingua lunga
dìbarà (di + bara; n.)
zucca riempita di miele
cosa molto fruttuosa
ní jágò [email protected]à dìnarà yé à bólò
questo commercio è diventato una
cosa molto fruttuosa per lei
58
díbì
1 (n.) buio
2 (v.) essere oscuro
díbi b [email protected] fa buio
à dónnàdíbì là è diventato cieco
à díbilèn dón ní kó là è all’oscuro di
questa cosa
dìbì (n.)
griglia per la carne
carne cotta sulla griglia
forno per le nocciole di karité
àn b [email protected] ságà dón díbì là portiamo il
montone alla griglia
dìbisogò (dibi + sogo; n.) carne cotta
alla griglia
dìbisogò kàdì à yé kç$sçb E$ ama molto la
carne cotta alla griglia
díbibà (dibi + ba; n.) eclissi
ù bç$rà kà tàa díbibà fìlE$ sono usciti per
andare a vedere l’eclissi
díbidibì (dibi + dibi; n.)
colpo basso
trama oscura
à térì júgù yé díbidibì [email protected], kà b ç@ bàara là
i suoi amici cattivi gli hanno tirato un
colpo basso, facendogli perdere il lavoro
dìdòn (di + don; n.) sin. dikisE $ ape
dèn b E$ sìràn dìdòn ¯E$ il bambino ha
paura dell’ape
díbilàn (dibi + lan; n.) talismano
dell’invisibilità
à ká díbilàn mà dílà kà ¯ án il suo
talismano non è stato fatto bene
dídE gE $ (di + d Eg E; n.) dolcetti a base di
miele
à mà tìlà díd Eg E$ dìlà là non ha finito di
preparare i dolcetti a base di miele
dígì (v.)
acconciare i capelli, fare le treccine
spingere
fare male
conficcare
soffrire
ì kún b [email protected] dígìi ká [email protected] mód Elì júm E$n
yé? come vuoi che ti acconci i
capelli?
kóngç$ dígirà là ha sofferto la fame
à dígì jí kç@n ç$ spingilo nell’acqua
b [email protected] u) sé dígi à kç@nòn gli appioppo
un calcio in culo (volgare)
dígidigì (digi + digi; v.) fare dei
massaggi sul corpo
nàa à dígidigi, á kç@ múgulén dón
vieni a massaggiarmi la schiena, mi
fa male tutto il corpo
díinE $ (n.)
religione
confessione
carattere
umore
kç@rç$ yé díin E$ náa á dúsukùn là la
vecchia l’ha condotto verso la
religione
dílàn
1 (v.) fare, fabbricare
mettere a posto, aggiustare
2 (n.) rasoio
à táara à kà jímberé dílàn è andato
a preparare la bevanda allo zenzero
à yé dén ká n [email protected] Esò dílàn ha
aggiustato la bici del bambino
à dìminàn kà dìlàn tàa, kà kùn b E$E
dì ha preso il rasoio e si è rapato
tutta la sua testa
dílalifE $ n (di + lafEn; n.) prodotto
Màli b [email protected] à ká dílalifE$n féeré dùgù tç$
là il Mali vende i suoi prodotti agli
altri paesi
dílayç rç $ (di + layçrç; n.)
fabbrica, stabilimento
Màli sùkarò dìlayçrç$ b [email protected] dúgabugù
lo stabilimento di zucchero del Mali
si trova a Dugabugu
dílì (n.) radice
à yé dìlì wùlì kà mìn ha fatto
bollire le radici e ha bevuto l’infuso
59
dìmansì (n.; dal francese) domenica
Màli fúsirì tílà b [email protected] b [email protected] [email protected] dìmansì dón la
metà dei matrimoni in Mali si celebra di
domenica
dímìn (di + min)
1 (n.) dolore, sofferenza
2 (v.) arrabbiarsi, far male, soffrire
ní à bólò b [email protected] jí là, à kç@n ç$ b [email protected] à dímìn
quando ha le mestruazioni, ha mal di
pancia
à ¯E$ bílén nà, dímìn bólò ha gli occhi
rossi per il dolore
díminbagatç $ (dimin + bagatç; n.)
malato
ferito
ú nàanà díminbagatç$ fó sono venuti a
salutare il malato
díminbç $ (dimin + b ç ; v.) vendicarsi
à y’à díminbç$ à là si è vendicato di lui
dímiyà (dimi + ya; n.) rabbia, rancore
ní kó dímiyà b [email protected] à là questa cosa gli sta
procurando rabbia
dímiyç rç $ (dimi + yçrç ; n.) parte del
corpo dolente
à bìnnà à dìmiyçrç$ kàn è caduto sulla
parte del corpo dolente
dímç gç $ (di + m çgç ; n.) mosca
à yé dìm çg ç$ g E$n, kà d E$sE$! ha cacciato
invano le mosche!
dímç gç bà (di + m çgçba; n.) calabrone
dímçg çbà kási kán il ronzio del
calabrone
à yé dírò kE$ kà bolanEgE$ kò ha
utilizzato la pianta per pulire il
braccialetto
dísà (n.) sciarpa lunga che le
donne di solito mettono sulla testa
à tE$ b ç$ nì dísà tE$ à kùnnà non esce
senza la sciarpa lunga sulla testa
dísì (n.) petto
à y’à gòsì à dísí là l’ha picchiato
sul petto
dísidimì (disi + dimi; n.) mal di
petto
à kà dísidimì b E$ kà sE$gìn kç$sçb E$ il
suo mal di petto lo sta molto
affaticando
dísifilekolonìn (disi + file +
kolonin; n.) cartilagine del basso
sterno
dísikì (n.; dal francese) disco
nì yé dìsikì kç$rç$ yé questo è un
vecchio disco
dísikolò (disi + kolo; n.) gabbia
toracica
à dìsikolò fàn d ç$ d E$ kàrilà una
parte della sua gabbia toracica si è
rotta
dísikùn (disi + kun; n.) centro del
petto
à y’à gòsì à dísikùn là l’ha colpito
al centro del petto
dìnaré (n.) accendino
dínaré sígàn à mà prestagli l’accendino
dìsinìn (n.) varietà di riso
ù b E$ dìsinìn d ç$ròn d E$ féeré
vendono solo questa qualità di riso
díngE $ (n.) fosso, buco
ú kà díng E$ sénnì mà bán non hanno
finito di scavare il buco
dísç ngç $ (di + sçngç ; n.) tasse
dísçng ç$ sárali yé jákuyà yé pagare
le tasse è obbligatorio
dínç nç $ (di + nçn ç ; n.) succo di miele
depurato
dísç ngç kaninà (di+ sçngç +
kaninà; n.) esattore delle tasse
dísçng çkaninà kó kà gó m ç@g ç$ yé la
gente odia l’esattore delle tasse
dírò (n.) pianta che serve per pulire
l’oro
60
dìwèn (n.; dal francese) vino
dìwèn sùguyà b E$E b’à kà sò ha tutti i tipi
di vino in casa
2 (n.) costrizione, obbligo
ù y’à díyagoyà kà dòn ní kó là
l’hanno costretto a fare questa cosa
dí¯ E $ (n.; dall’arabo)
mondo, universo
vita
n) kà cE$ , í [email protected] dí¯E$ díya dón amico mio,
non sai quanto è bella la vita
dí¯E$ ná! mai e poi mai!
à tàaràdí¯E$ dá lá è andato in capo al
mondo
à tàarà dí¯E$ ¯E$fE$ è in giro per il mondo
díyagoyafangà (diya + go + fanga;
n.)
colonizzazione
tirannia
a) mç@kE$w tE$ sé kà ¯ ínà
díyagoyafangà là i nostri nonni
non possono dimenticare la
colonizzazione
dí¯ Edén (di¯E + den; n.) libertino
dí¯E$ kà júgù dí¯Edén mà la vita riserva
delle brutte sorprese al libertino
dí¯ Elabàn (di¯E + laban; n.) fine del
mondo
dí¯Elabàn kúmà wúlilà si parla ancora
della fine del mondo
dí¯ ElatigE$ (di¯E + latig E; n.)
situazione, condizione
vita
Alà kà b ç@, à kà dí¯Elatig E$ séra kú
nç@gç yà tílé bín kùn [email protected] Dio è grande: la
sua situazione è migliorata da un giorno
all’altro
díya¯ebagà (diya + ¯Ebaga; n.)
persona oggetto dell’amore di
qualcuno
à b [email protected] kó b [email protected] [email protected] à díya ¯Ebagà yé fa
tutto per la persona che ama
dò (n.) associazione segreta
tradizionale
mç$g çS ì tà dòn kà b E$ dò là nessuno
sa che fa parte di un’associazione
segreta
dòdò (n.) solaio di piccole
dimensioni per le donne
mùsòw yé ¯òn kE$ dòdò kç$nòn
le donne hanno messo il miglio nel
solaio
dí¯ Ewulì (di¯E + wuli; n.) apocalisse,
fine del mondo
nì fìlmì b E$ kùmà dì¯Ewulì kàn questo
film parla dell’apocalisse
dògò (v.)
nascondere
cancellare
kà nç@ dògò cancellare una traccia
díyà
1 (n.) piacere, dolcezza
amicizia
2 (v.) facilitare
affilare
kà súgù díyà saluti augurali che si fanno
ad una persona che va al mercato
à dén m ç@ diyarà suo figlio è cresciuto
tanto
Alà kà sírà díyà Dio faccia che il tuo
viaggio sia positivo economicamente
ù díyarà si sono riappacificati
dògodogò (dogo + dogo)
1 (v.) nascondersi
2 (n.) nascondino
angolo
riparo
bàw yé ú bùgù ú kà dógodogò lá le
capre si sono rannicchiate nel loro
riparo
à y’à dògò jìrì kç$fE$ si è nascosto
dietro un albero
díyagoyà (diya + goya)
1 (v.) costringere
dògodogonìn (dogo + dogonin; n.)
gioco del nascondino
ù b E$ dògodogonìn là stanno
giocando a nascondino
61
dògodogoninkumà (dogo + dogonin +
kuma; n.) chiacchiere fatte a bassa voce.
Spesso sono maldicenze
à yé dògodonikumà dàbilà mç@g ç$ ¯E$nà?
la smettete di chiacchierare a bassa voce
davanti alla gente?
dògotù (dogo + tu; n.) rifugio, pensione
à yé dògotù dç$ sç$rç$ ha trovato un
rifugio
dòkàn (do + kan; n.) linguaggio segreto
ù b E$ dòkàn fç$ là stanno parlando in un
linguaggio segreto
dólà (n.) bobina
dòlà wàlakirà à bòlò la bobina si è
disfatta
dólén (n.) amo
mç$nì dàmin Enà, ù yé dólén tàa hanno
iniziato la pesca, hanno preso l’amo
dólenalà (n.) pescatore
jí tE$ fóyì yé dólenalà bólò il pescatore
conosce bene l’acqua
dòlò (n.) stella
tàadolò stella cadente
dòlò kù jàn stella del mattino
dómà (n.)
indovino
guaritore
ní dómà yé à kà bánà fúrakE$ è questo
guaritore che l’ha curata
dòn (v.)
entrare, mettere dentro, infilare
spendere
ú dònnà bç@lifE$n kç@nç$ sono entrati in
una macchina
à y’à kà wárì b [email protected] dòn ní músò kó là ha
speso tutti i suoi soldi per questa donna
à fàrì dònnén dòn il suo corpo è
intorpidito
à bá yé dúsù dòn à kç$n ç$ sua madre l’ha
incoraggiata
kç$ dç$nnà il fiume è in piena
ú yé sú dòn hanno seppellito il morto
kà dòn fílì là spingere nell’errore
kà dòn sírà ¯ úmà kàn mettere sulla
buona strada
dón (n.)
giorno
epoca
tempo
fúsirì dón il giorno del matrimonio
à kà dón sérà è arrivato il suo
giorno (il giorno in cui morirà)
Sundiata kà dón l’epoca di
Sundiata
kà dón dá fissare una data
dón ó dón ogni giorno
dón fç@lén là il giorno stabilito
dón gánsàn un giorno ordinario
dón jàn giorno lontano
dónbà (don + ba; n.) grande
giorno, giorno sacro
bí yé dónbà yé oggi è il giorno
sacro
dónjatelàn (don + jatelan; n.)
calendario
fàrajE$ kà dónjatelàn ní fárafin tà [email protected]
kélén yé il calendario occidentale è
diverso da quello africano
dònfinì (don + fini; n.) vestito di
ogni giorno
í kànà í kà dònfinì ní ¯E$n EjE$ fínì
¯ ágamì non mischiare i vestiti di
ogni giorno con i vestiti per la festa
dònì
1 (v.) caricare, portare, sostenere
sopportare
2 (n.) carico, fardello
dùnàn kà vàlisì dòninà fó ú kà só la
valigia dell’ospite è stata trasportata
fino a casa loro
dánnayà dònì kà gírìn la fiducia è
una grande responsabilità
dònitalà (doni + tala; n.)
facchino, portatore
dònitalà bínnà à kà dòni gíri¯ anà
bólò il facchino è caduto sotto il
peso del suo carico
62
dònitalàn (doni + talan; n.)
portabagagli
nì sérà, ì b E$ dònitalàn ¯ ìnì quando
arrivi, cerca un portabagagli
dònkabç $ (donka + b ç; n.) attività,
pratiche
à b E$ kà dònkab ç$w b E$E ¯E$n Eb ç$ stanno
sistemando tutte le pratiche
dónkatE mE sò (don + ka + tEm E + so;
n.) casa di passaggio
à yé S ì yç$rç$ sç$rç$ dònkatEm Esò ha
trascorso la notte in una casa di
passaggio
dónkùn (don + kun; n.) settimana
à yé dónkùn fílà [email protected] Kayes ha trascorso
due settimane a Kayes
dónkunbE $ n (don + kun + b E$n; n.)
l’ottavo giorno
à b E$ bàarà dàmin E$ nì kàlò dónkunb E$n là
ha iniziato il lavoro l’ottavo giorno del
mese
dónmafilà (donma + fila; n.) giorno
della settimana in cui qualunque cosa
uno faccia, si ripete
àrabà ní síbirì yé dónmafilà yé
mercoledì e sabato sono i giorni della
settimana in cui, se uno fa qualcosa, tale
cosa si ripete
dónmakç nç $ w (donma + kçn ç; n.)
situazione provvisoria
dónmakçnç$ gà gò à yé non ama le
situazioni provvisorie
dònonkç nç $ (donon + kçn ç; n.) veleno
dònonkçnç$ dé yé à fá fágà è il veleno
che ha ucciso suo padre
dònòn (n.) gallo
bànàn yé à dònòn tìlà b E$ fàgà la
malattia ha ucciso la maggior parte dei
suoi galli
dònonkç rç $ (donon + kç rç; n.) vecchio
gallo
dònonkçrç$ nà màndì il sugo che si
fa con un vecchio gallo non è
buono
dónsò (n.) cacciatore
dònsòw yé ù kà màrifàw tàa i
cacciatori hanno preso i fucili
In Africa Occidentale, i cacciatori
hanno dei poteri magici, conoscono
tutti i segreti della foresta e degli
animali
dónsodén (donso + den; n.)
apprendista cacciatore
à kà dónsodènw b E$ kà tE$m E$ à là i
suoi apprendisti cacciatori lo stanno
superando
dónsojelí (donso + jeli; n.)
musicista dei cacciatori
dònsojelì b E$ d ç$ dòn dònsoyà là il
musicista dei cacciatori conosce
alcuni segreti della caccia
dónsofç lì (donso + fç li; n.) specie
di musica sacra per cacciatori
b E$E tE$ dònsofçlì dòn non tutti
ballano la musica sacra per
cacciatori
dónsotòn (donso + ton; n.)
associazione dei cacciatori
à fá yé dónsotontigì yé suo padre è
il capo dell’associazione dei
cacciatori
dónsoyà (donso + ya; n.) caccia
dònsoyà tE$ b E$E kà bòlò kàn non
tutti possono andare a caccia
dòrò (n.) testicolo var. pop.
dòrokilì (è un po’ volgare)
à dòrò pòyirà kà bò ¯ àn il suo
testicolo si è ingrossato
all’improvviso
dç @
1 (agg.) alcuno, uno, l’uno, l’altro,
certi
2 (prop. art.) di, della
músòdç@ b’í kç@ una donna ti sta
63
cercando
jí dç@ d’à má dagli un po’ d’acqua
túmà dç@ là in una certa epoca
dón dç@là un giorno
dç @ bç làn (dç + bç lan; n.) segno meno
nella sottrazione
dç $ bç lì (d ç + b ç li; n.) sottrazione
dç$bç lì kà g E$lE$ à mà ha difficoltà con la
sottrazione
dç @ faralì (d ç + farali; n.) aumento
dç@faralì b [email protected] [email protected] sàn ó sàn ogni anno
abbiamo un aumento
dç @ g ç $
1 (n.) cadetto
2 (agg.) giovane, piccolo
stretto
3 (avv.) poco
dç@gç$ nàa yàn giovanotto vieni qui
à dén màlò kà d ç@g ç$ suo figlio non ha
paura di nessuno
ní sírà kà dç@g ç$ questa strada è stretta
dç @ g ç $ (n.)
mercato
settimana
legna da ardere, fascina
ú kà súgù d ç@gç$ jç@rà è il giorno della
settimana destinato al mercato
dç@gç$ dç@g ç$ ogni settimana
dç@gç$ jàlàn legno secco
dç @ g ç bolò (d çg ç + bolo; n.) pezzo di
legna da ardere
dç$gçbolò mà sòn kà m E$n E$ la legna non
si accende
dç @ g ç cilà (d çg ç + cilà; n.) boscaiolo
dç$gç cilà dùsù kà bòn fùdenì kùmà il
boscaiolo è nervoso quando fa caldo
dç @ g ç kE $ (d çg ç + kE; n.) fratello
minore, fratello piccolo
à y’à d ç@gç kE$ lànà Italì ha fatto venire
suo fratello in Italia
dç @ g ç kùn (d çg ç + kun; n.) settimana
dç@gç kùn fílà due settimane
dç@gç kùn tE$m Enèn la settimana
scorsa
dç @ g ç mayà (d çgç + maya)
1 (n.) umiliazione, mancanza di
rispetto
2 (v.) umiliare
à kà d ç@gçmayà tE$ kún [email protected] non
sopporto più la vostra mancanza di
rispetto
dç @ g ç musò (dçg ç + muso; n.)
cadetta, sorella minore
à dç@g çmusò fúrulà à ¯[email protected] sua
sorella minore si è sposata prima di
lui
dç @ g ç nìn (dçg ç + nin; n.) sorella
minore, fratello minore
à t’à d ç$gçnìn tùlong E$ là è molto
legato al suo fratellino
dç @ g ç yà (dçg ç + ya; v.)
diminuire
offendere, umiliare
spezzare
essere troppo piccolo
à yà d ç$gç yà jàmàn ¯E$nà l’ha
umiliato davanti alla gente
dùsukasì y’à dç$g ç yà il dolore l’ha
reso umile
dç $ kçtç rç $ (n.; dal francese)
medico, infermiere
dç$k ç tçrçkalàn làkç libà facoltà di
medicina
dç $ kçtç rç furà (dokçtç rç + fura;
n.) medicina
à y’à d ç$kçtçrç furà dá jígi!
diminuite il prezzo delle medicine!
dç $ kçtç rç monbilì (d çkç tçrç +
monbili; n.) ambulanza
fransi yé d ç$kç tç rç monbilì fílà dí
Point G mà la Francia ha dato due
ambulanze all’ospedale Point G
dç $ kçtç rç musò (dç kç tçrç +
muso; n.) dottoressa in medicina
à kà d ç$kç tç rçmusò tE$ wàrì mìn E$
64
fàntàn là il suo medico cura
gratuitamente i poveri
dç $ kçtç rç sò (dç kçtçrç + so; n.)
ospedale, ambulatorio, luogo di cura
fúrà kàsà b [email protected] fàn b [email protected] d ç$kç tçrçsò là c’è
odore di medicinali dappertutto, in
ospedale
dç $ kçtç rç yà (d çkç tçrç + ya; n.)
medicina
conoscenze mediche
sàn ò sàn à b E$ d ç$ fàrà à kà d ç$kç tçrçyà
kàlàn là ogni anno aggiorna le sue
conoscenze mediche
d ç @ lç $ (n) birra di miglio
í kà dç@lç$ m ç$nà la tua birra è pronta
dç@lç$ dúmàn una buona birra
dç@lç$ júgù una cattiva birra
dç@lç$ ¯ ágà lievito di birra
à yé dç$lç$ ¯ àgà kE$ fàrnì mùgù là ha
messo il lievito di birra nella farina
dç @ lç mafèn (dç lçma + fEn; n.) bibita
alcolica
dç$lçmafE$n tE$ féeré sùngalò kùmà non si
vendono bevande alcoliche
dç @ lç mìn (d çlç + min; n.) alcolismo
dç@lçmìn b [email protected] sé kà fárafin fúrakE$
l’alcolismo può essere curato all’africana
dç @ lç minà (d çlç + mina; n.) bevitore,
ubriacone
dúsù kà kàn [email protected] d ç@lçminà kç@n ç$ la
moglie di un ubriacone dev’essere
coraggiosa
dç @ n
1 (v.) ballare
calpestare
conoscere, riconoscere
saper ballare
2 (n.) ballo
à b [email protected] sé jémén d ç@n là sa ballare bene al
suono del tam tam
dç@nkEbaliyà kà físà dç@n kEju gù yé
meglio non ballare che ballare male
í tE$ kó dç@n sei ignorante
í yE$rE d ç@n comportati bene
kà dç@n í kùn [email protected] conoscere a
memoria
kà ¯E$ d ç@n capire
dç @ nbà (d çn + ba; n.) terzo mese
dell’anno tradizionale
dç$nbà dùbabù b E$E$ b E$ mìn E$ tutte
le benedizioni fatte durante il terzo
mese dell’anno tradizionale
vengono accolte
dç @ nbagà (d çn + baga; n.)
conoscente
à dç@nbagaw kà càn i suoi
conoscenti sono tanti
dç @ nkili (d çn + kili; n.) canto,
canzone
n’à yé d ç@nkilì dà, fó í fárikansì b [email protected]
[email protected] quando canta, ti viene la pelle
d’oca
dç@nkili dá kàn aria di musica
dç @ nkilidalà (dçnkili + dala; n.)
cantante
nì dç$n kilidalà d E$ b E$ sàngalà là è
questo cantante che è alla moda
dç @ nkò (n.) sapere
mç@g ç$ b [email protected] sà í dç@n kò d [email protected] là una
persona muore nel campo in cui ha
più esperienza: il pesce muore
nell’acqua
dç @ nkotigì (d çnko + tigi; n.)
persona di grande sapere
dç$nkotigì kùngolò b’à kùn ha la
testa di una persona di grande sapere
dç @ nní (n.) conoscenza, sapere
dç@nni kà kúnàn ní jílaji yé il sapere
è più amaro del vino di calcidrato:
chi aumenta la sua sapienza,
aumenta il suo dolore
dç @ nikE là (d çni + kEla; n.)
persona di sapere, scienziato
dç@nikElà kà kùmà mà càn è una
persona che parla poco
dç @ niyà (dçni + yà; n.) sapere,
conoscenza
65
Alà d E$ yé nì dç$n iyà dì à mà! è Dio che
le ha dato questo sapere!
dç @ nsén (d çn + sen; n.)
ritmo
passo di danza
nàa kì dégén nì d ç@nsén là vieni che ti
insegno questo passo di danza
dúdén (du + den; n.) persona che
abita in casa propria
ù kà dúdénw b [email protected] làmçnén dón kà ¯á
le persone che abitano nella loro
casa sono tutte beneducate
dç @ ç ninìn (avv.) poco a poco
kúmà dç@çninìn parla a voce bassa
dùda¯E $ (n.; dal francese)
doganiere
dùda¯E$w tìlenlén kà dç$g ç$ n) kà
jàmanà là ci sono pochi doganieri
onesti nei nostri paesi
dç @ rç gù (n.; dal francese) droga
à yé dç@rçgù tàa dàmin E$ sìsàn ha iniziato
ora a fare uso di droga
dùgarén (n.) specchio
à b’à yE$rE$ fìlE$ dùgarén là kùmà
b E$E guarda ogni momento
dç @ rç gutalà (dç rçgu + tala; n.)
drogato, tossicodipendente
dç@rçgutalàw màgò b E$ wàrì là kùmà b E$E
i tossicodipendenti hanno sempre
bisogno di soldi
dùgù (n.) certe fasi della notte
dùgù tílalà la notte è avanzata
dùgutilamà notte avanzata
dùgusEjE$ il giorno dopo
Alà kà dùgù ¯ úmàn [email protected]! buona
notte!
dç @ rç kò (v.) mischiare, mescolare
kúmadén dç@rçkçlén parola composta
dç @ rç mE $ (n.) moneta da cinque franchi
dç$rçm E$ kélén t’à bòlò non ha nemmeno
cinque franchi, è senza soldi
dç@rçm E$ mùgàn cento franchi
dç $ rç $ n (avv.) soltanto, appena
à b E$ sé kùmà d ç$rç$n là sa solo parlare
dù
1 (v.) cagliare
torcere
2 (agg.) denso
storto
3 (n.) tè maliano
nç$nç$ dùlén latte cagliato
nájì dùlén dòn la salsa è densa
à sén dùlén dòn ha le gambe storte
[email protected], àn tE$ dù wúlì! giovanotto, facciamo
un po’ di tè!
dú (n.)
casa
famiglia
cortile
àn kà dù, tE$ cì n) ¯E$nà finché vivo, non
distruggerai la mia casa
dùgú
1 (n.) terra, paese, villaggio,
regione, suolo
2 (v.) conoscere bene un posto
perché vi si è vissuto a
lungo
à y’à dá dúgumà si è sdraiato per
terra
dùgú gómàn brutto paese
dùgú dálà in superficie
dùgú kç@n ç$ entroterra
dùgulén dòn persona che conosce
bene il posto
dùgudén (dugu + den; n.) abitante
del villaggio
dùgudén yé ù bòlò dì ¯ òngçmà gli
abitanti del villaggio si sono aiutati
a vicenda
dùgujEdà (dugujE + da; n.) sin.
kE $ nE bç $ sul far del giorno
dùgujEdà tE$ músò kísE$ sí sç@rç$ dílàn
là il far del giorno non trova
nessuna donna a letto
dùgukE nE $ (dugu + kEn E; n.)
piazza pubblica, piazza del
villaggio, cortile
66
ú yé dùkEn E$ fúrà hanno spazzato la
piazza del villaggio
dùgukolò (dugu + kolo; n.) suolo, terra
dùgukolò tE$ m ç@g ç$ jànfà la terra non
tradisce
dùgule¯à (dugule + ¯a; n.)
cittadinanza
à m E$nà yé fò à yé dùgule¯ à tàa è
rimasto lì fino a prendere la cittadinanza
di quel paese
dùgumafE $ n (dugu + mafEn; n.)
serpente
tàsumà dònlèn kùngò là, dùgumafE$n
bòlilà kà b ç$ quando è stato appiccato il
fuoco nella foresta, i serpenti sono
scappati
dùgumanà (dugu + mana; n.) terra,
suolo
dùgumanà ní sánfElà terra e cielo
dùgumE nE $ (dugu + m En E; n.) formica
ní dùgum En E$w càmàn b ç@rà í kà só, í b [email protected]
wári sç@rç$ se casa tua è infestata dalle
formiche
dùgu¯ugù (dugu + ¯ ugu; n.) sin.
dùgurç sà lombrico
dùgusén (dugu + sen; n.) sin. dùgutagà
viaggio
à kà dùgusén [email protected]à fú yé il suo viaggio è
andato a vuoto
dùgutagalà (duguta + gala; n.)
viaggiatore
dùgutagalàw mà nàa hàlisà i viaggiatori
non sono ancora arrivati
dùlokotò (dulo + koto; v.) far gonfiare,
avere delle pustole che gonfiano la pelle
à kìnà, kà fàrì dùlokotò è stato punto e
ha il corpo ricoperto di pustole
dúlòn (v.) appendere, agganciare
à y’à kà fínì dúlòn jírì là ha appeso i
suoi vestiti agli alberi
dùlç kì (n.) vestito
dùlokì kòlò d E$ b E$ à là ha addosso
solo degli stracci
dùlç kibà (n.) “bubu”, grande
vestito ampio
fá b [email protected], í kà dùlç kibà là! il tuo bubu
è uno schianto!
dúmàn (agg.) buono, facile, utile
dón dúmàn buongiorno
kó dúmàn cosa buona
kán dúmàn bella voce
dúmàn kádi à yé gli piacciono i
buoni piatti
dúmunì
1 (v.) mangiare
2 (n.) cibo, pasto
dúmunì mç@nà il pasto è pronto
nàa àn kà dùmunì kE$ vieni a
mangiare con noi
dúmunidén (dumuni + den; agg.)
goloso (in senso un po’
spregiativo)
dúmidén! fó à dáji b [email protected] kàngà è
tanto goloso che ha sempre
l’acquolina in bocca
dùn
1 (agg.) profondo
2 (cong.) tuttavia, quindi
kà kç@n ç$ dùn tenere tutto dentro
é dún b’à fúrù! ciònonostante la
sposerai!
dún (v.)
mangiare
spendere
imbrogliare
kà dún imbrogliare
à yé kínì dún ha mangiato il riso
dúnàn (n.) straniero
[email protected] tE$ fátç$ [email protected], nkà à kà dúnàn [email protected]
bùgç$ il pazzo non ha nulla (da
offrire), ma non accetta che il suo
ospite sia picchiato: anche il povero
difende il suo ospite
67
dúnbalì (dun + bali; agg.)
immangiabile
à yé dùminì dùnbalì sìgì ù kç$rç$ gli ha
servito un pasto immangiabile
dúnfE $ n (dun + fEn; n.) alimento
dúnfE$n fóyì t’à bólò non ha niente da
mangiare
dùnùn (n.) tamburo
dùnùn díyatumà b [email protected] b [email protected] à fáratumà nà è
quando si sente bene il suono del
tamburo che esso si buca: la corda troppo
tesa si spezza
dùsù
1 (n.) cuore
sentimento
passione
collera
2 (v.) arrabbiarsi
à dùsù bç@rà si è arrabbiato
à dùsù jE$lén dòn è una persona sincera
à dùsù jàlén dòn ha il cuore duro
dùsukasì (dusu + kasi)
1 (n.) sofferenza morale, dispiaceri,
tormenti
2 (v.) essere afflitto
à dùsukasì kà bòn è una grande
sofferenza
dùsunkùn (dusu + kun; n.)
cuore
fegato
coraggio
dùsunkun b [email protected] à kç@nç$ ha fegato
dùsunkundimì (dusu + kun + dimi; n.)
mal di cuore
dùsunkundimì b’à là ha mal di cuore
dùsutàn (dusu + tan; n.) vigliacco
dùsutàn dòn, à b E$ bòlì g E$lEyà ¯E$ è un
vigliacco, scappa davanti alle difficoltà
dúurunìn (n.) veicolo utilizzato come
mezzo di trasporto a pagamento in Mali
à mà dúurunìn sç$rç$ jònnà non ha
trovato presto un mezzo di trasporto
68
J
jà (n.)
spirito
foto
disegno
ombra
immagine
carta
à jà kà g [email protected]$n non ha paura
jà
1 (n.) siccità
2 (v.) essere secco
essere rigido
essere al verde
essere magro
jà b [email protected] nà sono al verde
fínì jàrà i vestiti si sono asciugati
jáabìw b ç@rà i risultati sono usciti
à jàabì rispondi
jàasì (v.)
spezzare
rovinare
essere senza valore
sprecare
à yé wári jàasì ha sprecato i soldi
jàbà (n.) cipolla
jàbà [email protected] E$ cipolla fresca
jàbà jàlàn cipolla essiccata
jàbì (n.) henné
à yé jàbi dá ha messo l’henné sulle
mani e sui piedi
jàa (cong.) quindi, tuttavia, allora
jàa, jàa à b [email protected] ó dòn! allora lo sapeva!
jàbç $ (n.) proiezione del film
bì jàb ç$ b E$ mùsò kàn il film di oggi
è sulle donne
jáabì
1 (n.) risposta
risultato
soluzione
2 (v.) rispondere
jàbçsò (jab ç + so; n.) sala
cinematografica
jàbçsò fàarà, hàlì sigiyç rç$ tE$ yé la
sala cinematografica è piena, non
c’è nemmeno un posto libero
69
jàfilE $ (ja + filE; n.) specchio
jàfilE$ kárilà lo specchio si è frantumato
à yé jàlà sç@rç$ ha avuto una
ricompensa
jàgò (n.) commercio, affari
kà jàgò [email protected] fare del commercio
jàlajì (jala + ji; n.)
bibita del “caiecedrat”
cosa difficile
mç@g ç$ yé dí ní jàlajì yé l’uomo è
miele e vino di “caiecedrat” (prov.):
in ogni uomo c’è un lato buono e un
lato cattivo, cioè la vita è una
mescolanza di goia e di dolore
jàgokùn (jago + kun; n.) capitale,
fondo per il commercio
à b E$ kà jàgokùn ¯ ínì sta cercando del
capitale per fare commercio
jàhadì (n.; dall’arabo) catastrofe,
guerra, disastro
jàhadì sàn l’anno del distrastro
jàhanamà (n.; dall’arabo) inferno
ní b [email protected] tàa jàhanamà là andrà all’inferno
jàhilì (n.) impostore, delatore
ipocrita
jàhili bélebelé è un grande impostore
jàkà (n.; dall’arabo) elemosina, offerta
decima
à yé jàkà bç@ ha fatto l’elemosina
jàkalimE $ (jaka + lim E; agg.)
imbecille
bastardo
b’í jàkalim E$ kárì ti rompo il muso
jàkoyà (jako + ya)
1 (n.) costrizione
2 (v.) costringere
à y’à jàkoyà kà nàa l’ha costretto a
venire
jàkumà (n.) gatto
ní yé ¯ ín E$ sígilén yé jàkumà wólò kàn,
sàyà yé m ç$n E$ yé se vedi un topo seduto
sulla pelle di un gatto significa che, dopo
la tua morte, tutto può succedere
jàkumamorì (jakuma + mori; n.)
ipocrita
jàkumamorì dòn, à tóyi! è un ipocrita,
lascialo perdere!
jàlà (n.)
cordone, cintura
ricompensa
gallone
jàlakì
1 (n.) torto
2 (v.) avere torto
essere colpevole
sàriyà y’à jàlakì la legge l’ha
riconosciuto colpevole
jàlamugù (jala + mugu; n.)
turbante
ì b E$ tàa hç$ròn là, jàlamugù sìrì vai
al nord, metti il turbante
jàlàn
1 (agg.) secco, magro
senza accessori, nudo
2 (avv.) soltanto
mùsò jàlàn una donna magra
kúmà jàlàn parole senza
importanza
jàlatigì (jala + tigi; n.) ufficiale,
graduato
à [email protected]à jàlatigì yé è diventato
ufficiale
jàmà (n.) gente, pubblico, popolo
jàmà mà càn c’è poca gente
jàmajçdòn (jama + jç + don; n.)
giorno del giudizio finale
jàmajçdòn, kó b E$E, b [email protected] wólomà il
giorno del giudizio finale tutto sarà
chiarito
jàmakulù (jama + kulu; n.)
gruppo di lavoro, commissione
ù yé jàmakulù sígì hanno messo in
piedi una commissione
jámàn
70
1 (n.) vanità
2 (v.) avere la puzza sotto il naso,
essere vanitoso, essere arrogante
viziare
ì kànà jámàn à kúnà non alzare la voce
contro di lui
jámàn bólò, à [email protected] fólì [email protected] ha una tale puzza sotto il naso che non saluta la gente
jàmanà (n.) paese, regione, nazione
jàmanà [email protected] Enén paese povero
jàmanà má compatriota
jàmanafangà poteri pubblici
jàmù (n.) nome di famiglia
jàmù dúmàn! e il cognome!
jàn (agg.)
alto
lungo
lontano
Màli ní Itali kà jàn l’Italia e il Mali sono
lontani l’uno dall’altra
dén jàn un bambino alto
dón kà jàn, à sébali [email protected] il giorno è lungo,
ma può anche finire
jàn (v.)
allungare
tenere
sdraiare
à y’à jàn à kç@ là si è sdraiata a terra
à y’à jàn kà [email protected]$ è scoppiata a ridere
jànajE $ (n.) funerali
jànajE$ b [email protected] [email protected] bí ci saranno i funerali oggi
jànburì (n.) vagabondo
mùn d E$ yé ì kE$ jànburì yé? cosa ti ha
fatto diventare un vagabondo?
jànjigì (jan + jigi; n.) signore elegante,
persona elegante
jànjigì kà wúsulàn kásà! l’odore di
incenso della signora elegante!
jànfà (jan + fa)
1 (n.) tradimento, complotto
2 (v.) tradire
kà jànfà dílà ordire un tradimento
jànfà kç@lòn sén kà bç@¯ àn! scava un
pozzo dell’odio molto profondo
affinché ci sia posto per te!
jànkò (cong.)
affinché
perché
a maggior ragione
à mà wòrò bç@ jànkò fúrù non ha
fatto un fidanzamento ufficiale, a
maggior ragione non ha celebrato il
matrimonio
jànmajàn (agg.)
grande, alto
lungo
lontano
dón fítinì kà físà ní dón jànmajàn yé
un giorno breve è meglio di un
giorno lungo
jàntò (v.)
sorvegliare, prendersi cura di
qualcosa o di qualcuno
diffidare, fare attenzione
ì jàntò ná là sorveglia il sugo
jàjçyì (n.) tetano
à yé jàjç yì bòlocì kE$ ha fatto il
vaccino antitetanico
jàrà (n.) leone
jàrà [email protected] E$n kà ¯ ì il talismano del
leone è potente
jàrabì (jara + bi)
1 (n.) passione, amore
2 (v.) essere innamorato, essere
appassionato
à jàrabilén dòn à là è innamorata di
lui
jàrabì júgù passione distruttiva
jàrabijì (jarabi + ji; n.) sperma
jàrabiji b E$ [email protected] E$n tí¯E$ lo sperma
distrugge il talismano perché è
ritualmente impuro
jàrantç $ n (n.) cavalletta
jàrantç$nw yé tì¯E$ kE$ ¯ ìnàn
quest’anno le cavallette hanno fatto
tanti danni
71
jàtalà (ja + tala; n.) fotografo,
cameraman
à yé “músò” kà jàtalà yé è un
cameraman del film “Donne”
jàtalàn (jata + lan; n.) macchina
fotografica, telecamera
à yé jàtalàn tàa kà yç$rç$w tàa ha preso una
macchina fotografica per scattare le foto
jàté
1 (v.) contare
considerare qualcosa, tener conto
2 (n.) somma totale
ì kànà à kà kó jàté non prendere in
considerazione ciò che fa
pezzettini il legno con l’ascia
jélí (n.) “griot”, cantastorie
jéli yé só wélé à yé il “griot” ha
cantato le sue lodi
jéliyà (jeli + ya; n.) il mestiere del
“griot”
à b [email protected] sé jéliyà là sa fare bene il
mestiere del “griot”
jènbé (n.) tamburo
à yé jenbé fç$ kç$sçb E$ ha suonato
forte il tamburo
jàtedén (jate + den; n.) cifra
jàtedén d ç$ fç$ sà! dicci una cifra!
jènbefç là (jenbe + fç la; n.) colui
che batte il tamburo
jènbefçlà tE$g ErE$ jàlèn dòn chi
batte il tamburo ha le mani dure
jàtekalàn (jate + kalan; n.) calcolo,
aritmetica
à fç$rlén dòn jatekalàn là è bravo in
aritmetica
jènì (v.)
bruciare
grigliare
sógò jènì grigliare la carne
jàteminE $ (jate + min E)
1 (v.) tener conto
stimare, considerare
riflettere bene
2 (n.) censimento
ní kó jàtemin E$ kà ¯ à rifletti bene su
questa cosa
jènidà (jeni + da; n.) bruciatura
à kà jènidà jùguyarà la sua
bruciatura è peggiorata
jàtigì (ja + tigi; n.) ospite, persona che
riceve
súbagà jàtigi ní m ç@g ç$ gànsàn màn kàn
l’ospite dello stregone non è una persona
ordinaria (prov.): dimmi con chi vai e ti
dirò chi sei
jàtigilà (n.) casa dell’ospite
à sérà à jàtigilà kùnùn è arrivato a casa
dell’ospite ieri
jàtç $ (ja + tç; n.) libertino
jàtç$ bélebelé, nì à yé mùsò yé fò à b E$
yE$lE$ è un libertino, se vede una donna
sorride
jélé (n.) ascia
dç@gç$ círà ní jélé yé ha tagliato a
jE$
1 (v.) unire
mettersi d’accordo
2 (n.) associato
unione
tériyà ní jE$ amicizia e unione
b E$E jE$ cosa pubblica
jE $ ¯ çgòn (jE + ¯ç gon; n.)
ragazzo
collega, associato
à jE$¯ çgòn b E$E yé músò yé tutti i
suoi colleghi sono donne
jE$ (v.)
mancare, essere in meno
rifiutare
fóyì t’à jE$ non gli manca nulla
jE $
1 (agg.) bianco, chiaro, pulito,
puro
72
2 (v.) essere certo
à jE$rà pas è diventato completamente
bianco
mç@g ç$ jE$ una persona bianca
kálò jE$ la luna che brilla
socchiudere
scartare
inclinare
zoppicare
à sén jE$ng Enén dòn zoppica
jE $ balì (jE + bali; agg.) ambiguo, losco
jE$balì dòn è una persona ambigua
jE $ nsèn
1 (v.) diffondere, sparpagliare
2 (n.) diffusione
ní bánà b [email protected] jE$nsén questa malattia è
contagiosa
jàmà jE$nsenà la folla si è
sparpagliata
jE $ g E $ (n.) pesce
jE$g E$ kE$n E$ pesce fresco
jE$g E$ jàlàn pesce secco
jE$g E$ wúsù pesce affumicato
jE$g E$ jíralén pesce fritto
jE $ g E butì (n.) pezzettini di pesce secco
jE$g Ebutì kE$ nà là, à b’à dìyà metti il
pesce secco nel sugo, lo rende buono
jE $ g E butiwatì (jEg Ebuti + wati; n.)
scatola di sardine
tàa jE$g Ebutiwatì sàn, kà kE$ bùrù kç$nòn
compri una scatola di sardine che le
mangio con il pane
jE $ g E kolò (jEg E + kolo; n.) lisca
à yé jE$g Ekolò b ç$, kà dì à dén mà ha tolto
la lisca dal pesce e l’ha dato a suo figlio
jE $ kulù (jE + kulu; n.)
gruppo
commissione
jE$kulù sígirà kúnún la commissione si è
riunita ieri
jE $ lén (agg.) bianco, puro, senza difetti
à dà jE$lén tE$ ní kàn là non sa parlare
questa lingua in modo impeccabile
jE $ mù (n.) parole, discorsi
fàantàn dá kà dç@g ç$ fàamà jE$mufçyçrà là
le parole del povero non valgono niente
di fronte a quelle del ricco
jE $ nsentàn (jEnsen + tan; agg.)
contagioso
bànàn jE$nsentàn dòn, à yé àw jàntò
è una malattia contagiosa, state
attenti
jí (n.) acqua, ogni elemento
liquido
lénburù jí succo d’arancia
jí súmalén acqua fresca
jí góní acqua calda
jí kísE$ goccia d’acqua
jí círà à ¯E$nà ha gli occhi pieni di
lacrime
jíbç sirà (jibç + sira; n.) tubo
jíb çsirà gérelén dòn il tubo
dell’acqua è otturato
jídagà (ji + daga; n.) sin. jìfi¯ E $
giara per conservare l’acqua
à yé jì kE$ jídagàw kç$nòn mettete
l’acqua nelle giare
jídawolò (jida + wolo; n.) riva
à yé fìnì kò jídà là ha lavato i
vestiti sulla riva
jE $ njE $ n (n.) bandiera
b E$E yà kà jE$njE$n kç$rçtàn tutti hanno
alzato la bandiera
jíjà (ji + ja; v.)
stringere, strizzare
cavarsela
preoccuparsi
í jíjà ó là cerca di fare ciò che può
jE $ ngE $ n (v.)
inchinarsi
jíjukç rç sà (ji + jukçrç + sa; agg.)
ipocrita
73
jíjukçrçsà b E$ yE$lE$ b E$E fE$ l’ipocrita
sorride con tutti
jíjukç rç sayà (ji + jukçrç + sayà; n.)
ipocrisia
kç$rç$ mà à kà jíjukçrçsayà b ç$ à là la
vecchiaia non ha cancellato la sua
ipocrisia
jígì
1 (n.) speranza
attesa
soccorso
appoggio
2 (v.) contare su
provvedere
à jígì yé àlà yé la sua speranza è Dio
n) jìgì b’à kàn conto su di lui
jígilamç gç $ (jigi + lam çg ç; n.) persona
sulla quale si conta
à jígilam çg ç$ yé à bá yé la persona sulla
quale conta è sua madre
jìgìn (v.)
fermarsi presso qualcuno
scendere
partorire
ricordare
avercela con qualcuno
à jìginnà ú kàn si è fermato da loro
kà hàkilì jìgìn si è ricordato
à jìginnà dén músò là ha partorito una
femminuccia
jìginnì (n.) parto
à kà jìginni g E$lEyà là il suo parto è
diventato difficile
jìginnikE musò (jiginni + kE + muso; n.)
levatrice
à bà yé jìginnimusò yé sua madre è una
levatrice
jìginnisò (jiginni + so; n.) clinica
ostetrica
jìginnisò fàrà músò kç@n çmà là la clinica
ostetrica è piena di donne incinte
jígitàn (jigi + tan; avv.) senza
speranza, senza appoggio
jígitàn sùn çg ç$ màndi uno che è
senza speranza dorme poco
jíkalàn (ji + kalan; n.) acqua calda
jíkalàn bònnà à kàn l’acqua calda
si è rovesciata su di lui
jílabasà (jila + basa; n.)
coccodrillo
à b E$ jìlabasà kE$ sànbarà yé fa
delle scarpe con la pelle di
coccodrillo
jílafE $ n (jila + fEn; n.) tutto ciò
che vive nell’acqua, creatura
acquatica
ù yé jìlafE$n kàlàn dàmin E$ hanno
iniziato a studiare le creature
acquatiche
bósò b [email protected] jílafE$n w dòn il pescatore
conosce tutto ciò che vive
nell’acqua
jílakeleké (jila + keleke; n.)
lumaca d’acqua (la specie
particolare che provoca la
bilharziosi)
jímà (ji + ma; agg.) acquoso
jímà fE$n dòn, à b E$ ì kà fìnì ¯ ìgì è
un oggetto umido, bagnerà il tuo
vestito
jíminsirà (jimin + sira; n.)
esofago
ù yé bànàn yé à kà jíminsirà là gli
è stata riscontrata una malattia
all’esofago
jínjinberé (n.) bevanda allo
zenzero
à yé jínberé sùmalén dì ù mà gli ha
servito una fresca bevanda allo
zenzero
jínE $ (n.) spirito protettore
à kà jín E$ kà fàrì il suo spirito
protettore è potente
74
jínE banà (jin E + bana; n.) malattia
legata alla crisi d’isteria, malattia di una
persona posseduta
à kà jín Ebanà b [email protected] wúli júmàn dón la sua
malattia si ripresenta ogni venerdi
jínE dòn (jin E + don; n.) danza di chi è
posseduto
n’à yé jín Edòn dàmin E$, à b’à ¯E$ tùgù
quando inizia a ballare la danza di chi è
posseduto, chiude gli occhi
jítanyà (ji + tanya; n.)
siccità
disidratazione
ù yé jítanyà [email protected]$ hanno combattuto la
siccità
fàrikolò jítanya yé bànan yé la
disidratazione della pelle è una malattia
jírà (v.) mostrare, dimostrare
à yé síra jírà là gli ha mostrato la strada
jíralàn (jira + lan; n.) dimostrazione
ù kélén kà kE$ nì mònbilì yé, b E$E sònnà
quando hanno fatto la dimostrazione con
la macchina, tutti si sono mostrati convinti
jírabà (jira + ba; n.) guida
jírabà músomàn kà d ç@gç$ àn kà dúgù là
da noi è raro trovare una donna che guida
jíralì (n.) mostra
ù yé jíralì kE$ ù kà dùgù sòw kàn hanno
fatto la mostra sulle case del loro paese
jíràn (v.) friggere
à yé sógò jíràn ha fatto friggere la carne
jírì (n.) albero, legno
kà jíri túrù piantare un albero
kà jíri cí tagliare la legna
jíribulù (jiri + bulu ; n.) foglia
à yé jíribulù tç@b ì ha fatto bollire le
foglie
jíridén (jiri + den; n.) frutto
ní jíridén mà m ç@n questo frutto non è
maturo
jírita¯à (jiri + ta ¯a)
1 (n.) disboscamento
2 (v.) disboscare
jírita ¯à d E$ nàanà nì jà yé è il
disboscamento che ha causato la
siccità
jírisùn (jiri + sun; n.) albero
jírisùn càmàn b [email protected] ú kà só hanno
tanti alberi a casa
jísumanikE là (ji + sumani + kEla;
n.) metereologo
jísumanikEla kó, sàn b [email protected] nà bí il
meteorologo ha detto che pioverà
oggi
jítç$ (n.) vigliacco, pauroso,
codardo
jítç$ b [email protected] síràn [email protected]$ ¯[email protected] il vigliacco ha
paura della guerra
jó (n.)
ragione
precedenza
diritto
à yé jó sç$rç$ ha avuto ragione
jò (v.) restare con gli occhi aperti
a causa dell’insonnia
à ¯[email protected] jólén tç@rà i suoi occhi sono
rimasti aperti a causa dell’insonnia
jógìn (v.) ferire
à bínnà kà jógìn è caduto e si è
ferito
jógò (n.) carattere, comportamento
à jógò màn ¯ ì non ha un buon
carattere
jòlì (n.) sangue
jòlì kùrù grumo di sangue
jòlì sírà vena, arteria
à jòlì kà dí è simpatica
jòlicE yà (joli + cEya; n.)
ipertensione
jòlicEyà bànàn y’à bç@ kà bín è
caduto all’improviso a causa
dell’ipertensione
75
jòlitanyà (joli + tanya; n.) anemia
jòlitanyà b [email protected] fúrakE$ ní lénburujì, ní wóro
¯ ímì yé l’anemia si cura bevendo succo
di limone e masticando noci di kola
jç @ njç $ n (jçn + jçn; agg.) esatto,
vero
à yé kùnnafonì jç@njçn dí à mà gli
ha dato delle notizie precise
jóonà
1 (avv.) presto
2 (agg.) precoce
à wúlilà jóonà si è alzato presto
jç @ nì (pron. inter.) chi, quale
jç@n ì dòn? chi è?
jç$
1 (n.) lunghezza
rete, amaca, rete di maglie
2 (v.) costruire
essere in piedi
alzarsi
fermarsi
stabilire
confessare
fíni jç$ nà kç@n ç la lunghezza e la
larghezza del tessuto
à yé jç$ fílì bá là ha gettato la rete
nell’acqua
à y’à jç$ si è messo in piedi
ú yé mísirì jç$ hanno costruito la
moschea
kúnu ú yé sàriyàw kúrà jç$ ieri hanno
stabilito le nuove leggi
jç $ kàn (jç + kan; n.)
decisione
ragione
jàmanadénw yé à kà jç$kàn fàamiyà il
popolo ha capito le sue ragioni
jç $ lç kç $ (n.)
catena
manette
jç$lçkç$ dònnà zòn tE$g E$ là hanno messo
le manette ai polsi del ladro
jç $ n (v.)
disprezzare
sottovalutare
mç@g ç$ tE$ jç$n bó ¯à là non si disprezza un
regalo
jç $ n (n.) uomo, schiavo
Alà kà jç@n il servitore di Dio
jç$n kúnnanì un uomo fortunato
jç $ nkunnà (jçn + kunna; n.)
guardia del corpo
jç$n kunnà yE$rE$ d E$ b E$ à bòlò ha
addirittura una guardia del corpo
jç $ ntE fìn (n.) febbre gialla
nì yé jç$ntEfìn tàamaSE$n w yé sono i
segni della febbre gialla
jç $ ¯ à (n.) schiavitù
kà bç@ jç$¯ à là uscire dalla schiavitù
jç @ rç
1 (v.) temere, avere paura
2 (n.) paura, timore,
preoccupazione
à kà kàlàn jç@rç$ b [email protected] à là i suoi studi
lo preoccupano
jç › sèn (jç + sen; n.) statuto
Màli jç$sèn la costituzione del Mali
jç $ sì (v.) pulire, strofinare
à kà só jç›silén dòn kà ¯à la sua
casa è pulita molto bene
jç › y ç rç $ (jç + yçrç ; n.) posto,
ruolo
mùsò jç›yçrç$ kà bòn fàrafinà il
ruolo della donna è importante in
Africa
jù (n.)
base, fondamento
causa
origine, inizio
utero, sesso femminile
tronco di un albero
profondità
culo (volgare)
bànà jù l’origine della malattia
kE$lE$ jù la causa della lite
76
jùbajù (juba + ju; n.) fondamento,
motivo principale
nín kó jùbajù yé jùguyà yé il motivo
principale di questa cosa è la cattiveria
2 (n.) l’inizio e la fine
à yé kúmà jùtig E$ ha iniziato la
conversazione
jùtig E$ ní lábàn l’inizio e la fine
júfà (n.) tasca
à júfà sç@gç lén dòn ha le tasche bucate:
non ha soldi
júgù
1 (agg.) cattivo
grave
brutto
2 (n.) nemico
hàli ní júgù yè nsònsà yé, à fç@ à b [email protected] bòlì
anche se il coniglio è tuo nemico,
riconosci che sa correre (prov.): bisogna
riconoscere a tutti i loro meriti
jùlà (n.)
commerciante
popolazione d’origine mandinga della
Costa d’Avorio e del Burkina Faso la
cui lingua è una variante del bambara
júmà (n.) venerdì
júmà jíginnà la preghiera del venerdì è
finita
jùmE $ (pron. inter.) quale?
só jùm E$? quale casa?
jùrù
1 (n.) corda
debito
2 (v.) prestare dei soldi
à yé jùrù dòn à kàn nà gli ha messo la
corda al collo
à mà kà jùrù sàrà non ha pagato il suo
debito
à yé jùrù dòn à là gli ha prestato dei
soldi
jùrumù (n.) peccato
Ala b [email protected] jùrumù làtam E$ Dio perdona il
peccato
jùtigE$ (juti + g E)
1 (v.) iniziare, avviare
77
É
é (pron. pers.) tu, tuo, tuoi
é kó [email protected]! non si tratta di te!
églisì (n.; dal francese) chiesa
Bàmakò églisì b [email protected] fà Nóel dòn la chiesa
di Bamako, capitale del Mali, si riempie
il giorno di Natale
èrediyà (n.) sigla RDA:
raggruppamento democratico africano
ékurù (n.; dal francese) vite
ékurù kélén dìyàn kà fE$n dùlòn dammi
una vite che appendo il quadro
ékç limEtirì (ekçli + m Etiri; n.; dal
francese) sin. kàlanfà, làcrE mugù
insegnante
fóyì tE$ ékçlim Etirì bólò
l’insegnante è povero
E $ r Egilì (n.; dal francese) righello
à cì nì E$rEgilì yé usi il righello per
tracciare una linea
E $ sitadì (n.; dal francese) stadio
ù tàarà bàlontàn làjE$ Esitadì là
sono andati a guardare la partita
allo stadio
ékç lì (n.; dal francese) sin. kàlansò
scuola
bàmanàn kàn b E$ kàlàn ékç lì là il
bambara si studia nelle scuole
ékç libaarà (ekç li + baara; n.) compito
nì mà tìlà ì kà ékçlibaarà là, ì kànà b ç$
se non hai finito i compiti, non uscire
78
F
fà (n.)
padre, zio, qualsiasi persona che abbia
l’età del padre
follia, pazzia
ú b [email protected] fà ní bá là sono figli dello stesso
padre e della stessa madre
fà fín pura follia
fà bílèn pura follia
fàamù (v.) capire
à má fáamù non ha capito
fá (v.)
riempire, colmare
essere pieno di, essere sazio
n) fárà no grazie, sono sazia
à yé tàssà fá ha riempito la ciotola
fàantanyà (faantan + ya)
1 (n.) povertà
2 (v.) diventare povero
fàantayà [email protected] m ç@g ç$ sà la povertà non
uccide, ma impedisce di soddisfare
i propri desideri
fáabà (faa + ba; n.) capitale
Màlì fáabà yé Bàmako yé la capitale del
Mali è Bamako
fàamà (n.)
persona ricca, potente
re
responsabile del governo
fàamaw ní fàantanw b [email protected] b [email protected] dòn
dùgukolò jùkçrç$ i ricchi e i poveri
saranno messi sotto terra
fàantàn (agg.)
povero
debole
fàantàn dòn ma h ç@ron dòn è
povero ma onesto
fàatò (v.) decedere
à fàatorà kúnùn è deceduto ieri
fàdèn (fa + den; n.)
fratello nato dal proprio padre, ma
non dalla stessa madre
rivale
fàdèn júgù rivale agguerrito
79
fàdensagò (faden + sago; n.)
fannullone
fàdensagò, í tà tì¯Elà fannullone, per te
è finita
fàlafalà (agg.)
leggero
poco resistente, di cattiva qualità
kólò fàlafalà cartilagine
fàde¯à (fade + ¯ a)
1 (n.) rivalità
2 (v.) competere
fàde¯ à [email protected] E$ una grande rivalità
fàlakà (n.)
membrana
sostanza membranosa bianca che si
trova sulla carne cruda
catarro
è kà ¯E$ fàlakà yé guarda la
membrana che è sul suo occhio
sógò fàlakà sostanza membranosa
che si trova sulla carne
fájirì (fa + jiri; n.) alba
à sérà ú kà dùgù là fájirì [email protected] è arrivato al
suo paese all’alba
fàgà (v.)
uccidere
spegnere
abbattere
tàsumà má fàga kà ¯ à il fuoco non è
stato ben spento
fàgalì (n.) uccisione
fàgalì càyaralà ní kó là in quella
occasione ci sono stati molti morti
fàgalikE là (fagali + kEla; n.) carnefice,
assassino
hín E$ mà kà [email protected] fàgalikElà là nessuno
deve avere pietà di questo carnefice
fágòn
1 (agg.) senza valore, inutile
2 (v.) rovinare
í kànà jígi à là, à fàgonén dòn non
prendertela con lui, è uno che vale poco
fákité (v.; dal francese) trasferire:
cambiare posto di lavoro
ú y’à fákité Kità è stato trasferito a Kita
fàkuwoyì (n.) sugo a base di foglie
kç@rçb çrç$ kà dúmunì màndi yé fàkuwoyì
yé il cibo preferito dei Songhay è il
“fàkuwoyi”
fálà (n.) orfano
fà sàyà ní bà sàyà tE$ m ç@g ç [email protected] fálà yé,
jígì sàyà d E$ b E$ m ç@g ç$ [email protected] fálà yé non è la
morte del padre e della madre che rende
veramente orfani, bensì la perdita di ogni
soccorso, di ogni speranza
fàlakç $ (n.) ripetitore dietro
l’iman: persona che ripete le parole
dell’imam durante la preghiera
fàlakç$ kàn mìn Enén dòn bì oggi si
sente dalla voce che il ripetitore è
raffreddato
fàlé (n.) filo della trama
fàlekalemà gomitolo di filo
fàlén (fa + len; v.)
scambiare, cambiare
crescere, germogliare
à yé u) kà wàri fàlén kà kE$
wàrimisìn yé ha cambiato i soldi in
moneta
à fàlennà kç@sçb E$ è molto cambiato
bín fàlennà, fà kà tíg E$ l’erba è
cresciuta, bisogna tagliarla
fàlì (n.) asino
fàlibà mulo
fàlì cE$ asino
fàlì músò asina
ní fàlì y’í tán, ní í y’à tán í [email protected]à fàlì
yé se l’asino ti dà un calcio e tu
glielo ritorni, anche tu diventerai un
asino (prov.)
fàlibaarà (fali + baara; n.) lavoro
molto pesante
hàlì fàlibaarà! nemmeno un lavoro
da asino!
fàmà (n.) lunga assenza da un
luogo, non farsi vedere da molto
80
à fàmanà ù mà non si fa vedere da molto
ì ní fàmà sá! toh! chi si vede!
potere da parte dei militari non è
durata
fàn (n.)
direzione
parte
aspetto
uovo
à mà fàn dòn non sa dove si trova
jàmanà fàn b [email protected] in tutto il paese
júguyà fàn sì màn ¯ í la cattiveria è
negativa in tutte le sue forme
fàn bá la maggior parte di qualcosa
fàn fítinìn la parte più piccola
[email protected]àn uovo di gallina
fànincinìn (fanin + cinin; n.)
giovane fratello del padre, zio
à y’à kà kálàn [email protected] à fànincinìn bólò
ha studiato mentre stava a casa di
suo zio
fànà (n.) delatore, spione
fànà bélebelé è un grande delatore!
fànfiyE $ (fan + fiyE; n.) l’ultimo sospiro
di un moribondo
ù y’à fàmuyà kà kà fànfiyE$ dòn hanno
capito che è il suo ultimo sospiro
fángà (n.) forza, potere, autorità
í kà fángà [email protected] kàn non hai potere su di me
fángà kó kà kà nísçngç$ b ç@ le autorità
hanno detto di pagare le tasse
fàngabannén (fanga + bannen; n.)
debolezza fisica
í mà yé, à fàngabannén dòn non lo vedi
che è debole fisicamente
fànkelenimì (n.) polmonite
fànkelenimì y’à mìn E$ ha preso la
polmonite
fànkelendimì (fankelen + dimi; n.)
pettinatura tipica dei bambini di
alcune famiglie che consiste nel
rasare la metà della testa
à kùn dìrà, kà kE$ fànkelendimi yé
la sua testa è stata rasata a metà
fànsì (n.) imitazione del tessuto
“wax”
à kà fínì b EE$ fànsì tutti i suoi
tessuti sono imitazioni del “wax”
fànsò (fan + so; n.) ovaia
à tàarà dùgù là kà à kà fànsò
fùrakE$ ha viaggiato per curare la
sua ovaia
fàngafin (fanga + fin; n.)
forza fisica
dittatura, tirannia
violenza
à b’à kç@nç$ fàngafin b [email protected] kó b [email protected] ¯[email protected] crede
che con la violenza si risolva tutto
fàrà
1 (n.) buccia
corteccia degli alberi
guscio
squama
2 (v.) aggiungere
3 (avv.) più
tíganikurù b [email protected] y è kélén yé, nkà mín
bç@rà fàrà kélen nà ,ú kà kéle¯ à ká
¯ í tç$w tà yé tutti i piselli sono
uguali, però quelli che escono dallo
stesso guscio si assomigliano più
degli altri (prov.)
nç@nç$ dç@ fàrà kàn aggiungere un
po’ di latte
músòw fáralén cE$w kàn le donne e
gli uomini
fàngatà (fanga + ta; n.) presa di potere
sç@rçdasì kà fàngatà mà m [email protected] la presa del
fárà
1 (n.) roccia dura
fàngabodà (fanga + bodà; n.) posto
dove si trovano le autorità,
l’amministrazione, il campo militare
à tàarà fàngabodà kà a kà kò ¯E$n Eb ç$ è
andato al campo militare per risolvere i
suoi problemi
81
2 (v.) separare, distinguere
stracciare
girare
smettere
rinviare
fárasò casa costruita con la roccia dura
à kà fínì fáralà il suo vestito si è
stracciato
à yé bá fárà ha attraversato il fiume
fárà í kíni [email protected] giri a destra
fárà à là! lascialo in pace!
fàramansì (fara + mansi; n.; dal
francese) farmacia
tàa àspirini sàn fàramansì là vai a
comprare l’aspirina in farmacia
fáramansinbuwatì confezione
medicinale fatta in farmacia
fárabulòn (fara + bulon; n.) grotta
à b E$ fìlElì kE$ fárabulòn kç$nòn fa la
veggenza dentro la grotta
fáranfasì
1 (v.) distinguere
precisare
2 (n.) distinzione
precisione
à yé ú kà kúmà fáranfasì ha spiegato in modo preciso le loro parole
fáradà (fara + da; n.) strappo
à kà dúlokì fáradà bó ¯ nanà lo strappo
del suo vestito si è allargato
fàrajE $ (fara + jE; n.) bianco, europeo
fàrafin ní fàrajE$ b [email protected] yé kélén yé i neri e i
bianchi sono eguali
fàrajElà (farajE + la; n.) Europa
à bç$lèn fàrajElà, fò kà nùgù è ritornato
dall’Europa ingrassato
fàrajEyà (farajE + ya; n.)
comportamento dei bianchi
à yé fàrajEyà cògò tàa ha preso il
comportamento dei bianchi
fàrafin (fara + fin; n.) africano, nero
fàrafinjamanà paese africano
fàrafinnà (fara + finna; n.) Africa
fàrafinnà b [email protected] in tutta l’Africa
fàrafi¯à (fara + fin ¯ a; n.) condizione
africana, negritudine
à yé kìtabù b ç$ fàrafi¯ à kàn ha scritto un
libro sulla negritudine
fàramà (fara + ma)
1 (n.) pelle dura
coccodrillo
2 (agg.) valoroso
dén kélén fàramà ká físà só fà càmàn
kólon yé un figlio valoroso è meglio di
una casa piena di fannulloni
fàramE $ (n.; dal francese) freno a
mano
à fç@, è kà fàram E$ mà tíg E$? non è
che il tuo freno a mano si è rotto?
fáranfaasilàn (faranfaa + silan;
n.) morfema
bàmanàn fáranfaasilàn fìlE$ ecco
un morfema del bambara
fáransikàn (faransi + kan; n.)
francese
à b [email protected] fáransikàn d ç@ròn d E$ fç@ parla
solo francese
fárasù (fara + su; n.)
calce
gesso
ù yé fárasù dòn à sénnà gli hanno
messo il gesso
fàratì
1 (v.) rischiare, prendersi dei
rischi
fare attenzione
2 (n.) rischio, pericolo
í fàratì à là stai attento a lui
fàrati kádì à yé ama il rischio
fárawò (fara + wo; n.) grotta,
caverna
à b [email protected] fílElì [email protected] fárawò kç@nòn fa la
divinazione dentro una grotta
fárì (n.) corpo
à fárì múgulén dón ha male
82
dappertutto
à yé fárì sç@rç$ è ingrassato
à fárì fàgarà à kán si è scoraggiato
í fárì bç@ ¯ç@gòn nà fai uno sforzo
à fárì ká dí à là è in buona salute
fárikolo¯ EnajE $ (farikolo +
¯EnajE; n.) sport
à dénw b [email protected] kç@kç lén dón
fárikolo ¯EnajE$ là tutti i suoi figli
sono bravi nello sport
fàrí (n.) bigné fatto con fagioli macinati
n) b [email protected] fàrí dílàn bí oggi preparo i bigné di
fagioli
fárikurù (fari + kuru; n.) sin.
fàrikisE $ piccoli brufoli sul corpo
fùndenì yé fàrikurù bìlà là il caldo
gli ha fatto venire dei piccoli brufoli
sul corpo
fàrigàn (fari + gan; n.) febbre
fàrigàn b [email protected] à dén là suo figlio ha la
febbre
fàriganbagatç $ (farigan + bagatç; n.)
una persona che ha la febbre, una
persona febbricitante
fàriganbagatç$ kà jì mí kà càn chi è
febbricitante beve tanta acqua
fàrimugù (fari + mugu; n.) spossatezza
fàrimugù b [email protected] à là sente una certa
spossatezza
fàrimà (fari + ma; n.) governatore degli
ex imperi del Ghana e del Mali
ò kùmà là, b E$E tùn b E$ sìràn fàrimà ¯E$
in quei tempi tutti avevano paura del
governatore
fàrikansìi (fari + kansii; n.) pelo del
corpo
à fàrikansìi wúlilà à kàn aveva la pelle
d’oca
fárikolò (fari + kolo; n.) corpo
Sí túlù kà ¯ í fárikolò mà il burro di
karité è buono per la pelle
fárikoloyç rç $ w (farikolo + yçrç w; n.)
le parti del corpo
à fàrikoloyç rç$ d ç$ bànanà alcune parti
del suo corpo hanno subito delle ferite
fárikolobanà (farikolo + bana; n.)
malattia della pelle, dermatite
à kà fárikolobanà fúrakElà ní fúrabulù yé
la sua dermatite è stata curata con le
piante
fárilafE $ n (fari + lafEn; n.)
parassita: pidocchio
fárilafE$n yé m ç$gç$ càmàn sç$rç$ ù kà
ékçlì sò là tante persone sono state
infettate dai pidocchi nella loro
scuola
fárimç sç $ n (fari + m çsçn; n.)
disidratazione
fárim çsç$n b [email protected] ní dén là questo
bambino è disidratato
fàrìn (agg.) cattivo, violento
coraggioso, forte
à kà wúlù kà fàrìn il suo cane è
cattivo
cE$ fàrìn uomo coraggioso
à fà kà fàrìn suo padre è severo
ní jímberé kà fàrìn questa bevanda
allo zenzero è forte
fàrinì (fari + ni; n.; dal francese)
bigné
farina di grano
fàrinì kílò kélén un chilo di farina
fàrinì b E$ yàn d E$! comprate i bigné!
fàri¯à (fari + ¯ a)
1 (n.) coraggio, forza
severità
2 (v.) essere forte
essere severo
fàri¯ à kójugù màn ¯ ì troppa
severità fa male
fári¯ E¯ E $ (fari + ¯E; n.) prurito
jí yé fári¯E¯E$ bílà à là l’acqua gli
ha provocato prurito
83
fàrisà (fari + sa; n.) impotenza sessuale
à bE$ kà màloyà nì à kà fàrisà yé si sta
vergognando della sua impotenza sessuale
fàrisogò (fari + sogo; n.) carne
fàrisogò b’à là è grassa
fàsò ¯E$tagà b [email protected] à dénw bólò il
progresso della patria è nelle mani
dei suoi figli
à tàarà à fàsò là è andato nel suo
paese natale
fàsò kànùn l’amore per la patria
fàsà (fa + sa )
1 (n.) lode, elogio
nervo
2 (agg.) magro
3 (v.) dimagrire
rammollire il “to” (polenta del
Mali)
jélì yé à fàsà dá il “griot”, il cantastorie,
ha cantato le sue lodi
fàsà b ç@ sógò là togli il nervo dalla carne
nàa à d [email protected] E$ tó fàsà là aiutalo a
rammollire il “to”
à fàsà kà g [email protected]$n è tenace, testardo
bànà y’à fàsà la malattia l’ha fatto
dimagrire
fàsobaarà (faso + baara; n.)
costruzione nazionale
fàsobaarà kàn kà dón b [email protected] dúsù kún
là tutti devono pensare alla
costruzione nazionale
fàsajà (fasa + ja; n.) ictus
ta)siòn yé fàsajà bíla à là la pressione
alta gli ha provocato un ictus
fásç $ n (n.; dal francese) modo,
tipo
mç$g ç$ fásç$n kà cán ci sono tanti tipi
di persone
fàsajabanà (fasaja + bana; n.) tetano,
malattia che provoca la paresi delle
membra
à kà fasajabanà bàlilà b E$E là la sua
paresi ha sorpreso tutti
fásàn (fa + san; v.) essere incapace di
fare qualsiasi cosa
fàsàn mà tE$m E$ à kàn non ho mai visto
una persona incapace come lui
fàsarì (v.) tradurre
à mà sé kúmà fàsarilén nà kà ¯ à non è
riuscito a tradurre bene le parole
fásayì (avv.)
completamente
velocemente
à tílalà báarà lá fásayì ha finito
velocemente il lavoro
fàsò (n.) patria, paese natale, casa del
padre
fàsodén (faso + den; n.) patriota
fàsodénw b [email protected] kà kúmà [email protected]à kélén
tutti i patrioti hanno detto le stesse
parole
fàsode¯à (fasode + ¯ a; n.)
patriottismo
à kà fàsode¯ à kà bò il suo
patriottismo è molto forte
fàtawù (n., dall’arabo) favore
divino
fàtawù dòn, ì kànà fòyì ¯ ìnì kà dòn
è un favore divino, non cercare di
capire
fàtiyà (n.; dall’arabo) incantesimi
religiosi
álimanì yé fàtiyà tàa l’imam ha
letto la Fatiya
fátç $ (agg.)
pazzo
arrabbiato
wúlù fátç$ cane arrabbiato
fátçyà (fatç + ya; n.) pazzia
à kà fàtçyà wùlilà la sua follia è
iniziata
fàtù (n.) morire
à fàturà kúnù è morto ieri
84
fàtulì (n.) decesso
fàtulì b [email protected] kà càyà dú kç@nòn sta iniziando
un ciclo di decessi in questa famiglia
fàyà (fa + ya; n.) paternità, relazione
che unisce un uomo ad un figlio o ad
un’altra persona che considera come suo
figlio
à kà fàyà kà g E$lE$ à mà la sua paternità
gli è cara
fáyidà (n.) eleganza
fàyidà bà d [email protected] b [email protected] à là è dotata di una
grande eleganza
féburuyekalò (feburuye + kalo; n.)
febbraio
fúndenì b ç@rà ní féburuyekalò là fa tanto
caldo nel mese di febbraio
féderasç $ n (n.; dal francese)
federazione
Màli tu) b [email protected] ní féderasç$n là il Mali fa
parte di questa federazione
fèeré
1 (v.) vendere
2 (n.) vendita
ní dén b [email protected] sé kí fèeré questo bambino
può venderti
Si dice di un bambino che se la cava
meglio di quanto si pensi
fèeré yé tíminadiyà d E$ yé ci vuole tanta
pazienza per vendere
fèeredà (feere + da; n.) prezzo di
vendita
à yé à kà fèeredà yE$lE$ ha aumentato il
prezzo di vendita
fèerefE $ n (feere + fEn; n.) merce
à kà fèerefE$n b [email protected] tí¯E$ nà tutte le sue
merci si sono rovinate
fèerelikE là (feereli + kEla; n.)
venditore
fèerelikElà b [email protected] à kà wàrì dún cógò dòn il
venditore sa come spendere i suoi soldi
féreké (v.) ingarbugliare, confondere
ní kó féreké là questa storia si è
ingarbugliata
fèeré (n.; dal francese) fiore
ù yé fèeré [email protected] à kà jàrdìn kç@nòn
hanno piantato dei fiori nel suo
giardino
fèeredà (feere + da; n.) prezzo di
vendita
b E$E kà fèeredà kà kE$ kélèn yé tutti
devono avere lo stesso prezzo
fèerefE $ n (fèere + fEn; n.) merce
à kà fèerefE$n sànnà tutta la sua
merce è stata venduta
fèerelikE là (feereli + kEla; n.)
venditore
fèerelikEà kó fìn tE$ b ç@ à là il
venditore ha detto che non
dimuinisce il prezzo
fE @
1 (prop.) da
verso
a causa di
con
2 (v.) amare
à Sírà ù [email protected] ha dormito con loro
sú [email protected] durante la notte
ní kó [email protected] a causa di questa cosa
¯E$ [email protected] davanti
kç@ fE$ dietro
n) bì fE$ ti amo
fE $ nE $ (n.) crema del latte
ní nç@n ç$ fE$n E$ càyarà questo latte ha
tanta crema
fE $ rE $ (n.)
astuzia
mezzo
ní kó fE$rE$ b E$ ú kç@n ç$ sanno come
usare l’astuzia in questa cosa
fE $ rE $ n (n.) frammento, coccio
bútelifErE$n coccio di bottiglia di
vetro
85
fE $ g E $ n (fE + g En; agg.) leggero, fragile
à dà kà fE$g E$n ha la lingua sciolta
ní fílén kà fE$g E$ questa “calebasse” è
leggera (si tratta di un recipiente ottenuto
da una zucca vuota)
fE $ g E yà (fEg E + ya; v.) indebolire,
alleggerire
ù y’à kà dóni fE$g Eyà hanno alleggerito il
suo peso
tàsumà b E$ kà fE$ge¯ à il fuoco si sta
indebolendo
fE $ n (n.)
cosa, elemento
essere
nì fE$n kà n ç@g ç$ questa cosa è facile
à [email protected]à [email protected] yé è diventato un uomo ricco
à mà [email protected] fç@ non ha detto niente
[email protected] çbaliyà b [email protected] jàmanà bàlì kà yíriwà
l’ignoranza impedisce al paese di
progredire
fE $ nsE $ n (v.) stendere
à yé fínì fE$nsE$n tílén là ha steso i vestiti
al sole
fE @ ntigì (fEn + tigi; n.) ricco
[email protected] tigì b E$ kà càyà dúgù kç@nòn
cominciano ad esserci tanti ricchi nel
villaggio
fE $ rE $
1 (n.) agiatezza
2 (v.) essere a proprio agio
3 (agg.) spazioso
4 (avv.) liberamente
dç@ kà [email protected]à yé d ç@ kà b ç$n E$ tu mà yé
l’agiatezza di qualcuno corrisponde alla
sfortuna di qualcun altro
à [email protected]én dòn è a suo agio
à kà dúkEn E$ [email protected]én dòn il suo cortile è
spazioso
à b [email protected] tàgamà [email protected]$ là cammina
liberamente
[email protected]$ d E$ b [email protected] nà ní bó jàn yé essere a
nostro agio ci porta a fare dei bisogni
lunghi (prov.)
à [email protected]à à mà l’ha preso in giro
fE @ rE kE nE $ (fErE + kEn E; n.) piazza
pubblica
ú b [email protected] yé ¯ç@gòn sç@rç$ [email protected]kEn E$ kàn
si sono radunati nella piazza
pubblica
fE $ rE mé (v.; dal francese)
chiudere
wúlì, í kà dà fE$rEmé alzati e chiudi
la porta
fE $ rE $ n (n.; dal francese) freno
à kà móbilì yé fE$rEntàn yé la sua
macchina è senza freni; i freni si
sono rotti
fífalàn (n.) ventaglio
fúndenì kç@sç$, ú yé fífalànw dí ú mà
a causa del caldo insopportabile gli
hanno dato dei ventagli
fífà (v.) sventagliare
tàsumà fífà, à b [email protected] kà sà sventaglia il
fuoco, si sta spegnendo
fílà (n.) numero due
nàmasà filà due banane
fílabarà (n.) testicoli
b’í fílabarà cí ti rompo i testicoli
fílàn (n.) persona che ha la tua
stessa età, persona uguale a te
à fílànw tE$m Enà à là i suoi simili
l’hanno superato
bùlonkelennasì yé dén nà fà [email protected] fílàn
yé ad un uomo che arriva a fare
certe bassezze a suo figlio o ad una
persona più giovane di lui, si può
mancare di rispetto
fílanìn (fila + nin; n.) gemelli
fílanìn kç@ tç@g ç$ yé Kç@n inbà yé
wàlima Sàyòn una persona che è
nata dopo una coppia di gemelli
viene chiamata Konimba oppue
Sayon
fílaninbìn (filanin + bin; n.)
pareggio
ù kà bàlòn tàn làbanà filaninbìn nà
la loro partita è finita con un
pareggio
86
fílaninsinsìn (filanin + sinsin; n.)
feticcio protettore dei gemelli
ù tàarà ù kà filaninsinsìn sòn hanno
offerto dei sacrifici al feticcio
fílankafò (filan + kafo; n.) persona che
pratica allo stesso tempo due religioni
mùn d E$ yé ì kE$ fílankafò yé? cosa ti
spinge a praticare allo stesso tempo due
religioni?
fílaninterì (filanin + teri; n.) amico
intimo
ú kà tériyà sínsìn nà, à [email protected]à fílaninteriyà
yé la loro amicizia si è consolidata, è
diventata un’amicizia intima
fílantE rE $ (n.; dal francese) sin.
fì¯E donà finestra
fílantErE$ dátugà, sú kórà chiudi la
finestra, è buio
fílawokinì (n.; dal francese) flavochina
à kàn kà fílawokinì tà S ín sàbà deve
prendere tre volte la flavochina
fílé (n.) fischietto
à yé fílé cí ha fischiato
fílén (n.) bot. lageneria siceraria,
“calebasse”, zucca secca
mç@bilì kàn kà yE$lE$ fílén kàn, ¯ ànì kà
kç@¯ ç$n dùgutagà dámin E$ la macchina
deve schiacciare una “calebasse”
correndoci sopra prima di iniziare il
viaggio del matrimonio
fílennìn piccola zucca
fílén kólón vecchia “calebasse”
fílE $ (v.) guardare
àw y’à ¯E$ ní àw kç@ fílE$ guardate davanti
e dietro di voi
é kí yE$rE$ fílE$! guardati !
ú y’à fílE$ nàlomà yé l’hanno considerato
uno stupido
fílE làn (filE + lan; n.) qualsiasi oggetto
che si usa per specchiarsi
à y’è fílElàn ¯ íni kà d E$sE$ ha cercato
invano uno specchio
fílE lì (v.) consultare i veggenti
fílElì kà dí à yé gli piace consultare
i veggenti
fílE likE là (filEli + kEla; n.)
veggente
fìlElikElaw yé ¯ òngòn yé i veggenti
si sono consultati
fílerì (n.; dal francese) fiore
à yé fílerìw càmàn túrù à kà só dà
là ha piantato tanti fiori di fronte
alla sua casa
fílì
1 (v.) sbagliare
lanciare, gettare
2 (n.) sbaglio
à yé jç@ fílì jí là ha lanciato la rete
nell’acqua
fíli dòn ha sbagliato
fíli y’è n) sç@rç$ ho sbagliato
tàgà yç@rç jàn [email protected] m ç@gç$ fíli à fàsò
búlòn mà andare lontano non
implica che poi ci si sbagli
sull’entrata della casa: si ritorna
sempre alle origini
fílijurù (fili + juru; n.; dal
francese) filo elettrico
dénminsenì à y’à mà b ç@ fílìi júrù
là! bambini, state lontani dai fili
elettrici!
fílimù (n.; dal francese) film
ù b [email protected] Màli fílimùw bç@ bí oggi
faranno vedere dei film sul Mali
fílitirì (n.; dal francese) filtro
à yé tùtù kE$ mònbilì filitirì là ha
messo l’olio nel filtro della
macchina
fíliyà (fili + ya)
1 (n.) periodo di vedovanza: per i
40 giorni successivi la morte
del marito si rimane a casa
indossando un vestito blu
scuro
2 (v.) essere in vedovanza
87
fíliyà b [email protected] [email protected] só kç@nòn la vedovanza si fa
a casa
fíliya fínì yé búlamà yé il vestito per la
vedovanza è blu scuro
fín
1 (agg.) nero, scuro
grande
2 (v.) essere nero
cuocere al vapore
sàn fínnà m ç@n im çnìn il cielo è molto
coperto
nkàlòn fín una grande bugia
júguyà fín una grande cattiveria
à kç@nòn fínnén dòn è molto cattivo
à y’à fín kà jE$ ha fatto tutto ciò che
poteva
càrbòn fín carbone nero
bàsì fínna wà? il cuscus cotto a vapore è
pronto?
fínfinkalà (finfin + kala; n.) matita
nera, kajal
à y’è fínfinkalà dà à ¯E$ júkçrç$ ha
sottolineato gli occhi con il kajal
fínì (n.)
tessuto, stoffa
vestito
fínì kólòn uno straccio
kà fínì dón indossare un vestito
kà fínì bç@ togliere un vestito
fínì múgù una stoffa
fíní (n.) bot. digitaria exilis, fonio non
preparato
é mà fíní fín wà? non hai cotto a vapore
il fonio?
fínijç silàn (fini + jç silan; n.) ferro da
stiro
Sàrbòn [email protected] fínijçsilàn kç@nòn metti il
carbone nel ferro da stiro
fínikojirì (finiko + jiri; n.) asse da
bucato
à kà fíni b [email protected] b [email protected] kó ní fínikojirì yé ha lavato tutti i suoi vestiti sull’asse da bucato
fínikolàn (fini + kolan; n.) sapone,
detersivo, qualsiasi cosa utilizzata per
fare il bucato
à kà fínikolàn d E$sErà il suo
detersivo è finito
fínikominàn (finiko + minan; n.)
bacinella
à y’è fínikominàn bílà mín? dove
avete messo la bacinella?
fínikùn (fini + kun; n.) estremità
del “pagne” con cui le donne fanno
un nodo per mettere i soldi
à yé wàrì b ç$ fìnikùn là ha tolto i
soldi dall’estremità del “pagne”
fínitigì (fini + tigi; n.) donna già
sposata che si risposa
fínitigì kà fúrù nàfolò mà càn la
dote di una donna già sposata non è
alta
fínkunbà (fin + kunba; n.) picche:
seme delle carte
à yé fínkunbà dà kà gà ¯ è ha tirato
fuori una picca e ha vinto
fí¯à
1 (n.) nerezza
2 (v.) essere nero
kó dç@ fí¯ à yé kélen yé, nkà ú
mánamanakò [email protected] kélén yé la nerezza
di alcune cose è uguale, ma la loro
luminosità è diversa
fí¯E $ (n.)
difetto, cicatrice
vento, aria
fí¯E$ b [email protected] à kúmà cógò là ha un
difetto nel parlare
fí¯E$ círà il vento ha soffiato
fí¯E$ wúli là c’è vento
fí¯E$ kálàn mà “harmattan”
fí¯E$ yé fí¯E$ yé, à b [email protected] cíkà tE$m E$ la
vita è come il vento, soffia e se ne
va (prov.)
fí¯E banà (fi¯E + bana; n.)
malattia contagiosa, epidemia
meningite
fúndenì kúmà fí¯Ebanà kà càn
durante il caldo, ci sono tante
malattie contagiose
88
fí¯E barà (fi¯E + bara; n.) camera
d’aria
ní fí¯Ebarà sç@g çrà questa camera d’aria
si è bucata
fí¯E digì (fi¯E + digi; n.) pressione
atmosferica
à yé fí¯Edigì ¯E$fç$ à dén yé ha spiegato
la pressione atmosferica a suo figlio
fí¯E digisumalàn (fi¯Edigi + sumalàn;
n.) barometro
à b E$ dòn fì ¯Edigisumalàn fE$ kò n E$n E$ b E$
si capisce dal barometro che fa freddo
fí¯E dilàn (fi¯E + dilan; n.) ventilatore
fí¯Edilàn tE$ fóyì ¯ àn bí fúndenì nà
perfino il ventilatore non serve a nulla
col caldo di oggi
fí¯E donà (fi¯E + dona; n.) finestra
nì sò fì¯Edonà kà dç$g ç$ la finestra di
questa casa è stretta
fí¯E kE làn (fi¯E + kElan; n.) pompa per
bicicletta
à tàarà fí¯EkElàn kúrà sàn è uscito a
comprare una pompa per bicicletta
fí¯E minE $ (fi¯E + min E; n.) ricreazione,
pausa dal lavoro
ú bólilà kà bç@, fí¯Emin E$ sèlén sono
usciti di corsa durante la ricreazione
fí¯E $ n (n.) giara che si riempe di acqua
da bere
fí¯E$n jí súmanàn à bílalén cíncìn kàn
l’acqua della giara si è raffreddata poiché
è stata messa nella sabbia
fí¯Etç $ (fi¯E + tç; n.) disabile
à yé fí¯Etç$w b [email protected] làdòn ha sempre
rispettato tutti i disabili
fírì (v.) rovesciare
dàgà fírì là la pentola si è rovesciata
fírifirì
1 (v.) agitare, scuotere la testa
2 (n.) farfalla
à y’à kún fírifirì ha scosso la testa
fírifirìw b ç@rà bí le farfalle sono
uscite oggi
físà (avv.) meglio
í kà kúngolodimì dún? à kà físà? e
il tuo mal di testa? Va meglio?
à kà físà à dç@g çnín yé è meglio di
suo fratello minore
físifasà
1 (v.) camminare dondolando
2 (agg.) disordinato
mùsò físifasalén una donna
disordinata
físikì (n.) forza fisica
físikì b’à là è forte
fítirì (n.) crepuscolo
fítirì sérà il crepuscolo è arrivato
fítirì dà l’inizio del crepuscolo
fítiriwalé (agg.) ingrato
fítiriwalé sç@n fE$n yé fínì yé, n’à
fáralà, à hàkilì b [email protected] jígìn à díbagà là
il regalo da fare ad una donna
ingrata è un vestito: quando il
tessuto si strapperà, si ricorderà del
suo donatore
fítiriwaleyà (fitiriwale + ya; n.)
1 (n.) ingratitudine
2 (v.) essere ingrato
bí m ç@gç$ kà fítiriwaleyà kà bòn
l’ingratitudine della gente di oggi è
grande
fíyentç $ (fiyen + tç ; n.) cieco
fíyentç$ kà kégùn ¯E$d imitç$ yé il
cieco è più furbo di chi ha problemi
agli occhi
fíyentç yà (fiyentç + ya; n.) cecità
fíyentç yà tE$ ì bàlì fòyì là la cecità
non ti impedisce di fare nulla
fíyEfiyE $ (fiyE + fiyE; n.) pepe
fíyEfiyE$ càyarà nà là c’è troppo
pepe nel sugo
fó (v.) salutare
í n’ù fó arrivederci
89
à t’ E$ m ç@g ç$ fó non saluta la gente
í fó scusami
fó
1 (avv.) fino a
a tal punto che
almeno che
tranne
2 (v.) essere necessario
à yé báarà [email protected] fó fájirì ha lavorato fino
all’alba
fó kà jín Ebàn fino alla fine del mondo
ú b [email protected] kúmanà fó Amadù hanno parlato
tutti tranne Amadu
fó ní y’í bàn bàarà mà almeno che ti
rifiutassi di lavorare
fóbondà (n.) stagione fredda
à b [email protected] dòn kó fóbondà sérà si capisce che
la stagione fredda è arrivata
fòfò (v.)
arrampicarsi
trascinare
strisciare
sà yé à fòfò il serpente ha strisciato
à d E$sElé kà wúli, à y’à fòfò siccome non
è riuscito ad alzarsi, si è trascinato
fòfofE $ n (n.) rettile
í jàntò í yE$rE$ là, fófofE$n kà càn stai
attento, ci sono tanti rettili
fògòn (v.) galleggiare
mùn d E$ b [email protected] kà fògòn jí kàn? cosa sta
galleggiando sull’acqua?
fógonfogòn (fogon + fogon)
1 (n.) polmoni
2 (v.) sfiatarsi
à bòlilà fó kà fógonfogòn ha corso fino a
rimanere senza fiato
fógonfogòn jòbilensirà arteria polmonare
fòlòn (v.) pestare i cereali per
togliere la crusca
mç@g ç$ b [email protected] ¯ ón fòlòn là, nì b E$ à là
ogni volta che la vedi, sta pestando
il miglio
fólòn (n.) letto di un corso
d’acqua, canaletto
jí t’à wòyofolòn tó l’acqua non
abbandona il letto del fiume (prov.):
una persona non abbandona mai le
sue vecchie abitudini
fónì (v.) slegare, staccare
à yé bç$rEdà fònì ha slegato il sacco
Alà k’í gàrijEg E$ fónì Dio ti conceda la fortuna (sleghi la fortuna)
fòolobarà (n.) vescica degli
animali
à yé bàgàn fàgà kà fòolobarà fìlì
ha ucciso l’animale e ha buttato la
sua vescica
fóorì (v.) togliere, estrarre
à y’à kùn fóorí ní kó là si è tolto da
questo affare
à yé dúmunì fóori à kç@rç$ ha
arraffato tutto il cibo che era
accanto a lui
fóró (n.) campo
kà fóró sE$n E$ coltivare un campo
fórobà (foro + bà; agg.)
pubblico
nazionale
comune
à [email protected]à fórobà dúmunì yé c’era da
mangiare per tutti
ní kíbarù [email protected]à fórobà yé questa notizia è diventata di dominio pubblico
fógonfogonbanà (fogon + fogonbana;
n.) tubercolosi
b [email protected] u) sé kE,@ ní fógonfogonbanà là farò
tutto ciò che posso per questa tubercolosi
fórobaaradà (foro + baarada; n.)
servizio pubblico
à yé Sànsì sç$rç$$, à b E$ bàarà kE$
fórobaaradà là ha fortuna, lavora
presso un servizio pubblico
fòlò (n.) gozzo
fòlò b ç@rà a kàn nà gli è venuto il gozzo
sul collo
fórobaarakE la (forobaara + kEla;
n.) funzionario
90
fórobaarakElaw mà ú kà sàrà sç@rç$ fçlç$ i
funzionari non hanno ancora percepito il
loro stipendio
fòròn (v.) aspirare, annusare,
fiutare
à yé dúté fòròn ha annusato il tè
fórobabanà (foroba + bana; n.)
malattia contagiosa
ní [email protected]à fórobabanà yé è diventata una
malattia contagiosa
fòrontòn (n.) bot. caspicum
frutescens, peperoncino di
Cayenna, peperoncino forte
à díminén à cE$ kç@rç, à yé fòrontò
càyà nà là dopo l’arrabbiatura che
ha preso da suo marito, ha messo
una grande quantità di peperoncino
nel sugo
fórobabatakì (foroba + bataki; n.)
circolare
ù yé fórobabatakì làtEm E$ hanno fatto
passare una circolare
fórobafangà (foroba + fanga; n.)
democrazia
fórobafangà b [email protected] kà dàmin E$ afriki dúgù tç@
là la democrazia sta prendendo piede
negli altri paesi dell’Africa
fórobanafolò (foroba + nafolo; n.)
erario
fórobatçgç $ (foroba + tçg ç ; n.) nome
comune
nì d E$ yé à kà fórobatçg ç$ yé è questo il
suo nome comune
fóroforò (foro + foro)
1 (n.) vescica
2 (v.) far gonfiare, gonfiare leggermente
à bólò fóroforà le sono venute le
vesciche sulle mani
fòrokì (v.) staccare, scorticare
à bínnà kà sén fórokì è caduto e si è
scorticato il piede
fórokì (v.) impastare, macinare, pestare
(pop.)
à y’è Sç@ fórokì ha macinato i fagioli
fòrikiyà (foriki + ya; n.) una specie di
“bubu” ampio, vestito africano
fà d E$ b [email protected], í kà fòrikiyà là! che schianto il
tuo bubu!
fórokò (foro + ko; n.) sacco, busta,
astuccio, custodia
lE$tErEforokò busta
fòrontobanìn (foroton + banin; n.)
grande peperoncino
fósì (avv.) niente
à mà fósì dí à mà non gli ha dato
niente
fótò (n.; dal francese) fotografia
à kà fótò mà tà kà ¯ à la sua foto
non è stata scattata bene
fótotalà (foto + tala; n.) fotografo
nì fótotalà yé m ç$g ç$ càmàn sç$rç$
questo fotografo ha avuto tanti
clienti
fótotalàn (foto + talan; n.)
macchina fotografica
ì kànà ¯ ìnàn ì kà fototalàn kç$ non
dimenticare la tua macchina
fotografica
fóyì (avv.) sin. fósí, fE $ n niente
à mà fóyì bílà à n E$n kàn non ha
mangiato niente
fç @
1 (v.) dire
suonare
2 (n.) parole
n) b’à fç@ bí, b’à fç@ sínì ribadisco
ciò che ho detto
ú y’è à kà fç@ m [email protected] ribadisco ciò che
ha detto
ú kà fç@ là, à b [email protected] nà stanno facendo
il tam tam
à kà d ç$n díyarà, fó kà fç@ la loro
festa è stata molto bella
91
í nà fç@ kç@ sembra che
yE$rE$ fç@ vantarsi
fç @ (v.)
venire durante l’assenza di qualcuno
venire dopo qualcuno, succedere
à fç@rà kç@ è venuto durante la sua assenza
ú kó, kà dén d E$ b [email protected] nà fç@ à kç@ gli hanno
detto che suo figlio gli succederà
fç @ bagà (fç + baga; n.) parlante
ní kàn fç@bagàkà càn i parlanti di questa
lingua sono numerosi
fç @ f ç $ (v.) susseguirsi, venire uno dopo
l’altro
ní sírà fç@fçlén dòn ¯ç@ngç$ kç@ tutti i suoi
figli sono nati uno dopo l’altro
fç @ lì (n.)
musica
brano musicale
festa con musicisti
ú yé ú kà fç@li [email protected], fó sú hanno fatto
musica fino a sera
fç @ lifE $ n (fç li + fEn; n.) strumento
musicale
à kà fç@lifE$n màndi yé búrùn yé il suo
strumento musicale preferito è il corno
fç @ likE là (fçli + kEla; n.) musicista
àn kà tà fç@likElàw kúrà làjE $ andiamo a
vedere il nuovo musicista
fç @ lisén (fç li + sen; n.) aria musicale,
brano
ní fç@lisén kàdi à yé gli piace questa aria
musicale
fç @ lç $
1 (v.) essere il primo a iniziare
iniziare
2 (avv.) prima, un tempo
à yé fç@lç$ fínì kó là iniziate a lavare i
vestiti
à dén fç@lç$ il suo primogenito
tóbilì kúmà mà sé non è ancora arrivato
il momento di cucinare
fç @ lç kç $
1 (n.) nuvola di polvere
2 (v.) squagliarsela (pop.)
à kà m ç$bili yé fç@lç kç$ wúlì la sua
macchina ha sollevato una nuvola
di polvere
cE,$ b [email protected] fç@lç kç$ amico mio, me la
squaglio
fç @ lç mç gç $ (fç lç + m çg ç; n.)
persona d’altri tempi, persona che
non segue la moda
à kà fínìdón cógò b [email protected] í nà fç@,
fç@lçm çgç$ il suo modo di vestirsi è
superato
fç@lçm çgç$ tùn kà ¯ i ní bí m ç@g ç$ yé le
persone di una volta erano più
buone di quelle di oggi
fç @ lçyç rç $ (fç lç + yç rç; n.)
origine
ní [email protected] fç@lç yçrç$ b [email protected] Kítà questa cosa
è originaria di Kita
fç @ n (n.) cicatrice già ben
rimarginata
jòlifç$n cicatrice
fç @ nç $ (v.) vomitare
mùsò kç@nçmà ní fç@n ç$ tE$ bàn una
donna incinta vomita sempre
fç @ rç $ (n.) verga, pene
n) bí fç@rç$ tíg E$! ti taglio il pene!:
insulto
fç @ rç masì (n.; dal francese)
formaggio
à b [email protected] sé fç@rçmasì dílà là sa come
fare il formaggio
fç @ sç kç sç $ (agg.)
magrolino
fiacco
à fç@sçkçsç lén dón è magrolino
fç $ tà (n.) quello che si può dire
tí¯E$ b E$E tE$ fç@tà yé non si possono
dire tutte le verità (prov.): la verità
offende spesso
fç $ y ç $ (n.) “fonio” cotto
cE$, ní fç$yç$ jàrà! questo “fonio” è
buono!
92
fù (n.) bot. luffa aegyptiaca, fibra,
spugna vegetale,
kòlàn fù spugna in fibra per lavarsi
tE$m Efù spugna metallica
à yé fù sírì ní fE$n là ha messo fine a
questa cosa (pop.)
grande quantità di succo di limone
fú
1 (v.) scappare (pop.)
2 (agg.) niente
gratis
senza motivo, inutile
àn kà fú andiamoci
à y’à n E$nì fú l’ha insultato senza motivo
kúmà fú parola inutile
bàlontàn ní làbanàn fú ní fú questa
partita è finita zero a zero
à tórà fú là è morto per niente
fúnfùn (fun + fun; v.)
spruzzare
spargere leggermente
fiammeggiare
à yé súkarò fúnfun fùrufurù kàn ha
sparso un po’ di zucchero sui bignè
à yé SE$ fúnfùn kà ¯ à ha
fiammeggiato bene il pollo
à yé jí fúnfùn à kàn ci ha spruzzato
sopra dell’acqua
fúfafù (n.)
pronipote
bisnonno
che non vale niente
à dénùw, à m ç$denàw, à fúfafùw ú b [email protected]
[email protected]à wàri tígì yé i suoi figli, i suoi
nipoti, i suoi pronipoti sono diventati
ricchi
fùgàn (fu + gan; n.) alluminio
à yé búwati yélé, kà kE$ fùgàn bàramà yé
ha fuso le lattine per farne delle pentole
in alluminio
fùgarì (agg.) mascalzone, poco di
buono
fùgarì tE$ cE$yà dòn il mascalzone non si
vergogna mai
fúgulàn (n.) cappello, berretto
à kà fúgulàn bínnà jí là il suo cappello è
caduto nell’acqua
fúlà (n.) Peul: etnia di allevatori
nomadi
fúlakE$ uomo Peul
fúlakàn lingua peul
fúlabanà (fula + bana; n.) anemia
n’íb’à [email protected] kà fúlabanà fúrakE$, í b [email protected]
lènburujì súkaramà càmàn mín se si
vuole curare l’anemia bisogna bere una
fúlabugunin (fula + bugunin; n.)
acconciatura femminile che
consiste in uno chignon in mezzo
alla testa
fùntení
1 (n.) calore, caldo
2 (agg.) arrabbiato
bí fùntenì kà bòn il caldo di oggi è
pesante
tàsuma fùnteni il calore del fuoco
à fùntenina à kç@rç$ si è arrabbiato
con lui
fùnùn
1 (v.) gonfiare
arrabbiarsi
2 (n.) gonfiore, ascesso
litigio
rabbia
Sç@ y’à kç@nòn fùnùn i fagioli gli
hanno gonfiato la pancia
bólò fúnùn fúrakE$ curare il
gonfiore della mano
à fùnnà à cE$ kç@rç$ si è arrabbiata
con suo marito
fúnunsò (funun + so; n.) cervo
volante
dénmisE$n b [email protected] b E$ sé fúnunsò dílà nà
tutti i bambini africani sanno
costruire un cervo volante
fúrà
1 (n.) foglia
rimedio, cura medicinale
93
2 (v.) curare
à kà bànà fúrà sç@rç$ díyarà è stato facile
trovare il medicinale per la sua malattia
fúrà b [email protected] bín jí là dón mín, à tE$ tóli ò dón
le foglie non marciscono il giorno in cui
cadono nell’acqua (prov.)
fúrabilennìn (fura + bilennin; n.)
mercurio cromo
à bínnén, ú y’è fúrabilennìn [email protected] à sén là
quando è caduto, hanno curato il suo
piede col mercurio cromo
fúrabç là (fura + b ç la; n.) guaritore
fúrabç là y’í bàn wàri là il guaritore ha
rifiutato di farsi pagare
fúrabú (fura + bu; n.) lembo
fúrabulù (fura + bulu; n.) foglia
fúrabulù jàlàn foglia secca
fúrabà (fura + ba; n.) stomaco
fúrabà dímìn b’à là ha mal di stomaco
fùradamà (avv.) da sempre, da tempo
à fùradamà mà lE$sogò dún da tempo
non mangia la carne di maiale
fúrajì (fura + ji; n.) medicinale liquido
à y’í bàn kà kà fúrajì mìn ha rifiutato di
bere il suo medicinale
fúraferelà (fura + ferela; n.) farmacista
fúraferelà kó wàrimisE$n tE$ à bólò il
farmacista ha detto che non ha monete
fúrakE là (fura + kEla; n.) guaritore,
medico, infermiere
fúrakElàw sàrà tE$ sç@rç$ qualsiasi
ricompensa che si dà ad un guaritore è
piccola
fúrakE lisò (fura + kEli + so; n.) sin.
fúrakE liyç rç $ ospedale, centro dove si
cura, ambulatorio
ù kà kç$fE$ m ç$g ç$ yé fúrakElisò kùrà jç$ ù
yé i loro concittadini hanno costruito nel
loro villaggio un nuovo ospedale
fúrakisE $ (fura + kisE; n.)
compressa
fúrakisE$ tàlì kà gó à yé non ama
prendere le compresse
fúralàn (fura + lan; n.) scopa
hàli fúralàn ¯ úmàn tE$ à bólò non
ha nemmeno una buona scopa
fúramarayç rç $ (fura + mara +
yç$rç$; n.) farmacia
à fà yé fúramayçrç$ dç@ dà yE$lE$ à yé
suo padre gli ha aperto una
farmacia
fúramugù (fura + mugu; n.)
medicinale in polvere, rimedio in
polvere, polvere di foglie: medicina
africana
ú yé fúramugù dí à mà , à kà mín
Sín sàbà tílén kç@nòn il medicinale
che gli hanno dato si deve prendere
3 volte al giorno
fúràn (v.) scopare, spazzare
à kà yç@rç$ fúralà kà ¯ àn il suo
cortile è stato spazzato bene
súfE$ fúràn, b [email protected] dúnàn làsé í màn se
scopi di notte, avrai degli ospiti
fúrancE $ (n.) distanza
fúrancE$ mìn b [email protected] cE$ ní músò cE$, ò mà
bòn non c’è una grande differenza
tra l’uomo e la donna
fúrancE$ jùm E$ b [email protected] dùgù fílà cE$
quanta distanza c’è tra i due
villaggi?
fúrasç rì (n.) cadavere
ù yé bàgànw fúrasç rìw cE$ kà b ç$ yé
hanno tolto i cadaveri degli animali
fùré (n.) associazione di donne per
la tessitura di cottone
ù kà fùré b E$ kà tàa ¯E$ la loro
associazione si sta sviluppando
fùrù (n.) pancia, stomaco
é k’í fùrù sígi cógò yé! guarda
com’è grossa la tua pancia!
94
fúrú
1 (v.) unire
divorziare
2 (n.) matrimonio
dote
codice
certificato
kà fúrù sírì unire in matrimonio
kà fúrù sà divorziare
fúrù fú matrimonio nullo
kà fúrù súdà annunciare il matrimonio
fúrù nàfolò la dote
fúrù sE$b E$n certificato di matrimonio
fúrù sàriyasùn il codice matrimoniale
fúrù tE$ dùlçkibà yé kó:mç@g ç$ b’à b ç@ k’à
dùlòn il matrimonio non è un ampio
“bubu” che togli quando vuoi (prov.):
quando ci si sposa, è per tutta la vita, nel
bene o nel male
fúrubolomà (furu + boloma; n.)
intermediario per unire due persone in
matrimonio
ní mùsò tì¯Enà, ò tE$ fúrubolomà nç@ yé
se la donna si comporta male, non è
colpa dell’intermediario che li ha uniti in
matrimonio
fúrudimì (furu + dimi; n.) mal di
stomaco, acidità di stomaco
à kà fúrudimì mà sé kà fúrakE$ non ha
potuto curare il suo mal di stomaco
fúrufurú (furu + furu; v.) fare
bollicine, fermentare
tàsumà càyarà nà jùkçrç$, à b [email protected] kà
fúrufurú c’è molto fuoco sotto il sugo,
perciò sta bollendo
fúrufurù (furu + furun) bígnè di miglio
o di fagioli
fúrufurù b E$ yàn d E$ ecco qui dei bignè di
miglio, comprateli (frase che usa una
venditrice di bignè)
fúrusà (furu + sa)
1 (v.) divorziare
2 (n.) divorzio
fúrusà b E$E sàbabuyà b E$ b ç@ m ç@g ç$
d E$ là all’origine di un divorzio ci
sono sempre delle persone
fúrusasE bE $ n (furusa + sEb En; n.)
certificato di divorzio
à ¯E$ tE$ sé kà dà à kà fúrusasEb E$n
kàn non riesce ad avere il coraggio
di guardare il suo certificato di
divorzio
fúrusE tigì (n.; dal francese)
forchetta
à tE$ sé fúrusEtigì dúmunì là, à
délilà bólò dúmunì là non sa
mangiare con la forchetta, è
abituato a mangiare con le mani
fúsufusù (fusu + fusu; v.)
piovigginare
annaffiare
sàn bà mà nà, à b E$ fúsufusù non
sta cadendo una grande pioggia, sta
piovigginando
à yé jí fúsufusù nàkç$ là ha
annaffiato il giardino
fútE $ (v.; dal francese)
infischiarsene
à y’à fútE$ b ç@ à là se n’è infischiato
fúwarì (n.; dal francese) fiera
fúwarì dáb çrà è inziata la fiera
fyE $ (v.) soffiare, suonare: di
strumento musicale
à yé búrù fyE$ ha suonato la tromba
kà bàgà fyE$ fumare (pop.)
kà tásumà fyE$ soffiare sul fuoco
fùrunE $ (furu + n E; n.) fornello
Sàrbòn [email protected] fúrnò kç@nòn metti il carbone
nel forno
95
¯
¯àamE $ (n.) cammello
à tàlèn kç$rç yanfàn là, à yE$lElà ¯ àam E$
kàn quando è andata al nord, è salita su
un cammello
¯àgà
1 (v.) svilupparsi
attizzare il fuoco
divertirsi
2 (n.) residuo, nido
kç$n çnìn pàn kòjugù b E$ tE$m E$ à ¯àgà là
l’uccellino che vola in fretta supera il suo
nido (prov.): un’ambizione eccessiva può
creare dei problemi
tàsumà ¯ àgà, nà kà sé kà m ç$n attizza il
fuoco, che il sugo possa cuocersi
à yé jìmberé sìnsE$, kà ¯ àgàw bòn ha
fatto filtrare il succo di zenzero prima di
buttare via i residui
àn kà tàa àn yE$rE$ ¯ àgà andiamo a
divertirci
¯àgamE $ (n.) bambino nato da un
matrimonio tra consanguinei
jòlì bànàn kà télì kà ¯àgam E$ dèn
sç$rç$ un bambino nato da un
matrimonio tra consanguinei ha una
predisposizione per le malattie del
sangue
¯àgalì (v.) rallegrarsi
dènmisE$n mìn b E$ ¯ àanì kà dà kE$lE$
kàn, à là su fç$lç$ dòn il bambino
che si rallegra per via della guerra,
ne sarà la prima vittima (prov.):
essere contento della disgrazia
altrui porta sfortuna
¯àgamì
1 (v.) mescolare
2 (n.) malinteso
truffa
nì kùmà ¯ àgaminà, cE$kçrçbaw b E$
à ¯E$n Ebç$ quando c’è un malinteso
con le parole, sono gli anziani che
mettono pace (prov.)
ì kànà nàafìn ¯ àgamì, kélén tE$ non
mescolare i condimenti, non sono
uguali
96
ì jà sìgì,¯ àgamì tE$ nì kò là stai
tranquilla, non c’è nessuna truffa dietro
questa cosa
¯àgaribç $ (v.) prendere in giro,
deridere
à tò ¯ongòn y’à ¯ àgarib ç$, kà yE$lE$ à là i
suoi amici l’hanno deriso e si sono messi
a ridere di lui
à tùn b E$ tò kà cE$nì mì ¯ àgarib ç$, à kE$rà
fìn yé il ragazzo che ha deriso è
diventato una persona importante
kà wàlì dèn ¯ àfgarib ç$, ò kàdì à yé gli
piace prendere in giro i figli altrui
¯àgasà
1 (n.) spazzatura, residui
2 (v.) arruffato
è mùsç$ tç$ d E$ kùn ¯ àsalèn dòn! come,
donna, hai i capelli cosi arruffati!
¯ àsà cE$ kà bç$ à kà dà là! togli la
spazzatura davanti alla sua porta!
nì fù ¯àgasà kà càn questa spugna di
paglia ha tanti residui
¯àmà (n.) forza vendicativa malefica
nì kò, tòyé,¯ àmà b E$ à là lascia questa
cosa, ha una forza malefica vendicativa
¯àmakalà ( ¯ama + kala; n.) persona di
casta
à mà sòn à dén kà fùrù ¯ àmakalà mà
non ha voluto che sua figlia sposasse un
uomo di casta
¯àmakù ( ¯ama + ku; n.) zenzero
à yé ¯àmakù càyà jìmberé là ha messo
troppo zenzero nella bevanda a base di
zenzero
¯àmàn (n.) immondizie
dèn kélén nàfamà, ò kà fìsà sòfà ¯àmàn
yé un solo figlio in gamba è meglio di
una casa piena di immondizie: (prov.) un
figlio in gamba è meglio di tanti figli
fannulloni (si dice soprattutto alle persone
che prendono in giro chi ha fatto pochi
figli)
¯àmagodèn ( ¯amago + den; n.) figlio
illegittimo
nì ¯ àmagodèn d E$ yé ù kùnnà wòlò
è questo figlio illegittimo che ha
salvato il loro onore
¯ àm çgçdèn kà fìsà bà kç$ lànkolòn
yé un figlio illegittimo è meglio di
una donna che non può avere figli:
(prov.) la sterilità è il peggiore dei
mali
¯àmçgç kE $ ( ¯ am çgç + kE; n.)
amante uomo
dénnín tE$ à bà kà kànnag ElEyà dòn,
fò nà yé à ¯àm çg çkE$ sònkinì bòn
la bambina non conosce la severità
di sua madre finché non rovescia un
giorno il piatto di riso destinato al
suo amante (prov.): si dice ad una
persona che è stata colpita negli
affetti più cari
¯àmçgç musò ( ¯ am çgç + muso;
n.) amante donna
nì sùrukù yé ¯ àm çgç musò dùn, à jò
b’à là se la iena mangia un amante,
le sta bene: (prov.) il male viene
sempre pagato
¯ànì
1 (n.) sofferenza
miseria
2 (v.) soffrire
à b E$ kà ¯ àn, à tòyé! sta soffrendo,
lascialo!
À kà ¯ànì bò ¯ ànlèn, fò kà fàsà la
sua sofferenza è stata cosi grande
che è dimagrita
Alà yé nàfolò dì ì mà, ì bà b ç$ ¯ ànì
là Dio ti ha dato la ricchezza, togli
tua madre dalla miseria
¯ànibagatç $ ( ¯ ani + bagatç ; n.)
miserabile
g E$lEyà b E$ dùgulà, ¯ànibagatç$w b E$
kà càyà c’è povertà nel paese, ci
sono tanti miserabili in giro
¯ànimabolì (n.) esilio
kE$lE$ y’à bìlà ¯ ànimabolì là la
guerra l’ha costretto all’esilio
97
¯ànkaràn (n.) uomo dotato di una
grande forza vitale
¯ ànkararàn dòn, à tE$ sìràn fìn ¯E$ è un
uomo dotato di una grande forza vitale,
non ha paura di niente
¯ànkarafolì ( ¯ ankara + foli; n.)
musica in onore degli eroi e dei
miracolati
à yé wùlì kà dòn kE$, ¯ànkarafolì dòn
alzatevi per ballare, è una musica per gli
eroi
¯ànkatà (v.) torturare
ù y’à mìn E$, kà ¯ ànkatà l’hanno preso e
torturato
¯ànsanìn (n.) morbillo
dç$kç tç rç musò kò, à dèn kà bànàn yé
¯ ànsanìn yé il medico le ha detto che la
malattia di sua figlia è il morbillo
¯àatumà (avv.) in quel momento
e Alà, ¯àatumà tùn b E$ àn sç$rç$ bàrò là
oh Dio, in quel momento stavamo
chiacchierando
¯àrakì (agg.) maleducato
à ¯àrakilèn dòn, à tE$ à sòm çg ç$w fìlànw
bò ¯àn è maleducato, non rispetta le
persone che hanno l’età dei suoi genitori
¯èrekù
1 (n.) menù
2 (v.) tritare
nì màS inì b E$ fìn b E$E ¯ èrekù questa
macchina trita tutte le cose
à yé nàa nì ¯ èrekù yé portateci il menù
¯E $
1 (n.) occhio
viso
colore
modo
intruso
successo
2 (agg.) pieno
3 (avv.) davanti
ì bìlà àn ¯E$ mettiti davanti a noi
sE$gìn bòlò fò kà ¯E$ bìlèn a causa della
sua grande stanchezza, ha gli occhi
arrossati
ì ¯E$ kòbalì kànà m ç$g ç$ fò quando ti
svegli, non salutare le persone
senza lavarti prima il viso
fìnì ¯E$ b E$ kà tì¯E$ il colore del
tessuto sta sbiadendo
nì kò ¯E$ b E$ b ç$ ì là il successo di
questa cosa dipende da lui
nì tùn yè kò kE$ à ¯E$ mà, m ç$gç$ tùn
tE$ fìn fç$ se avessi fatto le cose nel
modo giusto, nessuno avrebbe detto
qualcosa
¯E $ bE rE $ ( ¯E + b ErE; n.)
scarafaggio
fà tE$ dòn ¯E$b ErE$ là, kà tàa
dònokçrç$ fò sç$g çmà jònà là lo
scarafaggio non è abbastanza pazzo
per andare a salutare il gallo la
mattina presto (prov.): non ci si
getta nella bocca del lupo
¯E $ bilà ( ¯E + bila; n.)
guida
prefazione
àn kà ¯E$bilà b E$ kàn càmàn dòn la
nostra guida conosce tante lingue
mùn d E$ sE$b Enèn dòn nì kìtabù
¯E$bila kàn? cosa c’è scritto sulla
prefazione di questo libro?
¯E $ bò ( ¯E + bo; n.) secrezione
dagli occhi
ì ¯E$ kò kà ¯ àn, kà ¯E$bò à là lavati
bene gli occhi per togliere la
secrezione
¯E $ bç $ ( ¯E + b ç; v.)
invidiare
innamorarsi
à ¯E$b çrà ù kà so kùrà là ha
invidiato la loro nuova casa
à ¯E$b çrà à térimusó cE$ là si è
innamorata del marito della sua
amica
¯E $ dà ( ¯E + da; n.) viso
ì b E$ ì ¯E$dà kò S ìn sàbà nì fùrà yé
lava il tuo viso tre volte con il
medicinale
98
¯E $ dèn ( ¯E + den; n.) bulbo oculare
nì y’à ¯E$d èn yé, fò ì jà b E$ tìg E$ se vedi il
suo bulbo oculare, ti viene paura
¯E $ dendç gç $ ( ¯Eden + dçg ç ; n.)
spettacolo
à kE$rà jàmàn kò yé, à kà ¯E$dend çgç$ là!
quanta gente al suo spettacolo!
¯E $ dimì ( ¯E + dimi; n.) congiuntivite
kE$lE$ là, jò tE$ sé kà dì ¯E$dimibagatç$ mà kà
nE$n Ebagatç$ tò in una disputa tra una
persona con la congiuntivite e una persona
che ha freddo non si può dare ragione alla
prima, perché, se si accende il fuoco, si
farà del bene alla persona che ha freddo,
ma del male alla persona con la congiuntivite (prov.): ci sono delle situazioni in
cui non si può dare ragione a nessuno
¯E $ dingE $ n ( ¯E + ding E; n.) cavità degli
occhi
ù yé à ¯ ìnigà ¯E$ding E$n kàn, à mà sé kà
fòyì fç$ bàrì à mà dégé non ha potuto dire
nulla sulla cavità degli occhi, poiché non
ha studiato il tema
¯E $ dòn ( ¯E + don)
1 (n.) mancanza di rispetto
2 (v.) mancare di rispetto
bànà jùgù b E$ m ç$g ç$ ¯E$dòn ì là le
persone ti mancano di rispetto quando sei
ammalato (prov.): approfittano dei tuoi
momenti di debolezza per farti ancora
più male
sìsàn kç$n ì, à kE$rà ¯E$4dòn yé adesso è
diventata una mancanza di rispetto
¯E $ donnamç gç $ ( ¯Edonna + m çg ç ; n.)
persona che punzecchia
tàa m ç$gç$ wE$rE$ ¯ ìnì, ì kà nà kE$ , ì kà
¯E$donnamçg ç$ yé vai a cercare un’altra
persona da punzecchiare
¯E $ donnà ( ¯Edon + na; n.) mancanza di
rispetto
fòyì tE$ nì kò là non c’è nessuna
mancanza di rispetto in questa cosa
¯E $ dç $ n ( ¯E + dçn; v.) conoscere bene
nì yé wéleweledà cì bìlà wùlù kàn, ì y’à
bìlà à ¯E$d ç$n bàgà kàn se affidi a un
cane la funzione di banditore, l’hai
affidata alla persona giusta (prov.):
ognuno si trova a suo agio nella
materia che conosce di più
¯E $ jalandimì ( ¯E + jalan + dimi;
n.) glaucoma
à wòlolà nì à kà ¯E$jalandimì yé è
nato con il glaucoma
¯E $ j E $
1 (n.) occhio stralunato, occhio
minaccioso
2 (agg.) non maturo
à kà bànàn b E$ kà jùguyà, à ¯E$jE$ b E$
kà bç$ la sua malattia sta
peggiorando, ha l’occhio stralunato
à kélén kà ¯E$jE$ b ç$,dènmsennì
bòlilà quando ha mostrato i suoi
occhi minacciosi, i bambini sono
scappati
màngorò ¯E$jE$ nì cç$gç$ kàdì il
mango non maturo è buono da
mangiare con il sale
¯E $ j ì ( ¯E + ji; n.) lacrima
à ¯E$jì kà télì piange facilmente
SE$ b E$ kàsì nkà à ¯E$jì tE$ bç$ la
gallina piange senza versare lacrime
(prov.): l’uomo soffre, ma non
piange come le donne
¯E $ j imajç $ ( ¯Enji + majç; n.)
soggiorno breve della donna dai
suoi parenti dopo la vedovanza
La vedovanza dura 40 giorni,
durante i quali la donna indossa un
vestito blu scuro e non può uscire di
casa
¯E $ j irà ( ¯E + jira)
1 (v.) insegnare
mostrare
2 (n.) presentazione
à yé bàarà ¯E$jirà à là gli ha
mostrato il lavoro
à yé kàlalì ¯E$jirà à là gli ha
insegnato a cucire
ù b E$E yé ¯òngòn sç$rç$ à kà kìtabù
¯E$jirà yç$rç$ là si sono ritrovati tutti
alla presentazione del suo libro
99
¯E $ jugù ( ¯E + jugu)
1 (n.) occhio malevolo
2 (agg.) avido
3 (agg.) a rovescio
nì tàarà ù kà sò, à b’à ¯E$jugù d E$ b ç$ ì là
se vai a casa sua, ti guarda con l’occhio
malevolo
¯E$jugù dòn, à b E$ fìn b E$E fE$ è un uomo
avido, ama tutte le cose
ì kà fìnì b E$ à ¯E$jugù kàn il tuo vestito è
a rovescio
¯E $ jurujàn ( ¯E + jurujan; n.) persona
che ha l’occhio lungo
ì tE$ ì kà fìn dògò, ¯E$jurujàn dòn
nascondi le tue cose, è una persona che
ha l’occhio lungo
¯E $ fà ( ¯E + fa)
1 (v.) soddisfare la vista
2 (n.) persona imponente
tì¯E$ kà fç$, dùminì tùn yé àn ¯E$ fà
bisogna dire la verità, c’era abbastanza
cibo da soddisfar la nostra vista
kíminì kç$rç$, nì y’à yé, à b E$ ì ¯E$ fà! è un
ragazzone, se lo vedi, è una persona
imponente!
¯E $ farà ( ¯E + fara; n.) palpebra
à ¯E$farà b E$ kà ¯E$¯ ìn la palpebra gli
prude
¯E $ faralèn ( ¯E + faralen; avv.) senza
vergogna
nì tòyé, m ç$g ç$ ¯E$faralèn dòn lascia
perdere, è una persona senza vergogna
¯E $ f E là ( ¯E + fEla; n.)
cofano
sesso
mùn d E$ yé , è kà mònbilì ¯E$fElà g ç$lç$?
cosa ha rovinato il cofano della
macchina?
nì yé í ¯E$fElà kò fùrà là, ì b E$ fà dòn à là
se lavi la tua parte intima con il
medicinale, impazzirà durante il rapporto
intimo
¯E $ f ç $ (¯E + fç; v.) spiegare
à y’à ¯E$fç$, àn b E$E kà h E$rE$ sç$rç$
spiegate quel che è successo, cosi
avremo pace
¯E $ f ç lì ( ¯E + fç li; n.) spiegazione
¯E$fçlì fòyì tE$ nì kò là non c’è
spiegazione che regge in questa
faccenda
¯E $ gàn ( ¯E + gan)
1 (n.) sofferenza
2 (v.) soffrire
¯E$gàn tE$ m ç$gç$ fàgà nì wàatì mà sé
se la tua ora non è arrivata, non è
certo la sofferenza che ti porterà
alla morte (prov.)
n E$ tùn y’à dòn kà b E$ h E$rE$ sç$rç$, à
¯E$gànnà dì¯Elatig E$ là sapevo che
sarebbe stato felice, ha sofferto
troppo nella vita
¯E $ g E $ n ( ¯E + g En; v.) rigare
jòn dE$ yé pàpiè ¯E$gE$n kà bìlà? chi
ha rigato questa carta e l’ha lasciata
lì?
¯E $ g E $ n ( ¯E + g En; n.) bagno
nì m ç$gç$ yé làm Enì kE$, kà tò ¯E$g E$n
kç$n ç$, à Sì b E$ d ç$gç yà se una
persona risponde quando è in
bagno, avrà una vita breve
¯E $ g E nE $ (n.) urina
à ¯E$g En Ejì mìnén dòn hanno
bevuto la sua urina: si dice ad un
uomo che non riesce a controllare la
sua vita sessuale
nì yé ¯E$g En E$ kE$ fùrà là, à b E$ à tì¯E$
se metti l’urina nel medicinale
africano, ne distruggi l’effetto
¯E $ g E nE barà ( ¯Eg En E + bara; n.)
vescica urinaria
sàkà ¯E$g En Ebarà b ç$, kà bìlà
kE$rEfE$ togli la vescica urinaria
dell’agnello e mettila da parte.
¯E $ g E nE bilèn ( ¯Eg En E + bilen; n.)
bilharziosi
à yé fùrabulù mì d’à mà, à wùsarà
à kà ¯E$g En Ebilèn mà kç$sçb E$ i
medicinali a base di erbe che gli ha
100
dato hanno curato bene la sua bilharziosi
¯E $ kelén ( ¯E + kelen; n.) guercio
¯E$kelén kç$rçkE$ yé fìyEntç$ yé il fratello
maggiore del guercio è il cieco (prov.):
nella vita si trova sempre qualcuno che
soffre più di noi
¯E $ kilì ( ¯E + kili; n.) globo oculare,
occhio
nì tE$ ì ¯E$kilì kùlòr yé non è il colore
reale del tuo globo oculare
n’à yà ¯E$kilì jç$ ì là, fò ì jà b E$ tìg E$ se ti
fissa con i suoi occhi, ti spaventi
¯E $ kò ( ¯E + ko; n.) problema visivo
à tàarà fò tùbabù jàmanà là, à kà ¯E$kò
là è andato persino all’estero per il suo
problema all’occhio
¯E $ konkòn ( ¯E + konkon; n.)
sopracciglia
¯E$konkòn dç$g çyà, ò d E$ b E$ mùsomanì
bòlò sfoltire le sopracciglia è la moda
che seguono adesso le ragazzine
¯E $ kç mì ( ¯E + kçmi; n.) battere le
palpebre
à kà ¯E$kçmì b E$ kà càyà batte spesso le
palpebre
¯E $ kç rç ntorì ( ¯E + kçrçntori; n.)
gioiello che ricade sulle tempie
mùsò càmàn yé ù kà ¯E$kç rçntorì dòn
tante donne hanno messo il loro gioiello
che ricade sulle tempie
¯E $ madà ( ¯E + mada; v.) paragonare
à b E$ sé ¯E$madà d ç$ròn dé là non sa fare
altro che paragonarsi agli altri
¯E $ majç $ ( ¯E + majç; v.) essere
prudente
kç$rç$ kùn yé ¯E$majç$ yé la vecchiaia
determina l’essere prudente (prov.): si
dice ad una persona di una certa età che
si comporta male
¯E $ majç balì ( ¯Ema + jçbali; v.) essere
imprudente
¯E$majçbalì bà jà sìgilèn tE$ la madre di
una persona imprudente non è mai
tranquilla
¯E $ manç gç $ (¯ Ema + n çg ç; v.)
maltrattare
à tE$ h E$rE$ là, à ¯E$mançg çlèn dòn
non vive nella felicità, è maltrattato
¯E $ mati¯ E $ ( ¯Ema + ti¯E; v.)
raggirare
à y’à ¯E$mati¯E$ kà kà wàrì bEE$ b ç$
à kùn l’ha raggirato e gli ha
sottratto tutti i suoi soldi
¯E $ matunùn ( ¯Ema + tunun; v.)
smarrire, perdere di vista
à kà bòlon Eg E$ ¯E$matununà à là il
suo braccialetto è smarrito
à bòlilà kà ¯E$matunùn tç$ là ha
corso fino ad essere perso di vita
¯E $ mç gç $ ( ¯E + mçg ç ; n.)
dirigente, leader
mç$g ç$ gànsàn tE$ , à tE$rìw b E$E
¯E$m çgç$w! non è una persona
qualsiasi, i suoi amici sono solo
dirigenti!
¯E $ mç gç sò ( ¯Em ç + g çsò; n.)
direzione
à y’à jìlajà fò kà ¯E$m çgçsò yé ha
fatto di tutto per trovare il posto
dove si trova la direzione
¯E $ mç gç yà ( ¯E + m çg çya; n.)
leadership
dépì à fìtinimà, ¯E$m çgç yà kàdì à yé
da quando era piccolo, amava la
leadership
¯E $ nabç $ ( ¯Ena + b ç; v.) risolvere
à dònnà kà nànà, kò b E$E ¯E$nab ç$
si sa che è arrivato, tutte le cose
sono state risolte
¯E $ nadungarè ( ¯Ena + dungare;
n.) specchio
¯E$nadungarè cìlèn, ò yé dùsukasì
yé uno specchio rotto simbolizza
una disgrazia imminente
101
¯E $ najE $ ( ¯Ena + jE)
1 (n.) festa
2 (v.) festeggiare
divertirsi
mànsalàn b E$ m ç$gç$ ¯E$najE$, nkà à tE$ fìn
bç$ sìrà là la conversazione ti fa
divertire, ma non diminuisce la
lunghezza della tua strada (prov.): si dice
di un operaio che chiacchiera troppo e
lavora poco
ù b E$ ¯E$najE$ là bì, ù dén y’à kà E$sam E$
tE$m E$ sono in festa oggi, il loro figlio ha
superato l’esame
dì¯E$ tE$ ¯E$najE$ gànsàn yé la vita non è
solo festeggiare
¯E $ nafìn ( ¯Ena + fin; n.) nostalgia
nì yé bùgurì kE$ ì tùlonkE¯çg ç$n ¯E$ là, ì
b E$ bìlà ¯E$n Efìn là se getti la sabbia
nell’occhio del tuo compagno di gioco,
ne sentirai la mancanza (prov.): si dice
alle persone che hanno un carattere
insopportabile e rischiano di restare soli
Alà yé à kà ¯E$mayà n ç$gç yà à bòlò
Dio ha facilitato la sua esistenza
hùn, ¯E$namayà kà g E$lE$! Eh, la
vita è dura!
¯E $ naminì ( ¯Enami + ni; n.)
capogiro
nì sç$m inà k’ì b E$ kà ¯E$naminì, ò
fùrà yé sònsorolì yé se prevedi di
avere le vertigini, il rimedio è stare
accoccolati (prov.): una persona
saggia tiene conto dei consigli che
le danno e si comporta di
conseguenza
¯E $ namç gç $ ( ¯Ena + m çg ç; n.)
persona di sua scelta
à yé à ¯E$namçg ç$ d ç$ròn dé wélé ha
chiamato solo persone di sua scelta
¯E $ natà ( ¯Ena + ta; n.) scelta
ì kànà màloyà, ì ¯E$natà tàa non
vergognarti, fai la tua scelta
¯E $ nagE lE $ ( ¯Ena + g ElE; agg.)
sfrontato
ì mà fç$ k’ì ¯E$mag ElE$, sé à mà! se sei
sfrontato, toccalo per sincerartene!
¯E $ natigE $ ( ¯Ena + tig E; v.)
diventare grande
sìsàn kç$n ì, ì ¯E$natig Erà! adesso sei
diventato grande!
¯E $ nakekùn (agg.) abile
¯E$nakekùn d ç$ròn d E$ b E$ ì b ç$ n ç$g ç$ solo
una persona abile ti può tirare fuori da
questa brutta situazione
¯E $ natç mç $ ( ¯Ena + tçm ç; v.)
scegliere
ì yé ì ¯E$natçm ç$ wà? hai scelto?
¯E $ namà ( ¯Ena + ma)
1 (n.) vivente
2 (v.) essere ancora in vita
nì yé kàbakurù fìlitç$ yé su mà, sìgà kE$lèn
à ¯E$namà là quando si gettano delle
pietre ad un cadavere, si sospetta che sia
ancora in vita (prov.): si teme una
persona potente anche se ha perso le sue
forze
sù tç$g çfç$ b E$ ¯E$namàw ¯E$jì cE$
celebrare il nome del defunto, asciuga le
lacrime dei viventi (prov.): ascoltare le
grandi opere di un defunto permette di
sopportare meglio la sua morte
¯E $ namayà ( ¯Enama + ya; n.)
esistenza, vita
¯E $ ngò (agg.) egoista
ì mà ¯E$n yé, ¯E$ngò bélebelé! non
hai visto i suoi occhi! È un grande
egoista!
¯E $ ngoyà ( ¯Engo + ya; n.)
egoismo
dàn tE$ à kà ¯E$ngoyà là il suo
egoismo non ha limiti
¯E $ nç $ (v.) sembrare di avere già
visto
à ¯E$n ç$ b E$ àn là ci sembra di
averla già vista
¯E $ ¯ E $ n
1 (v.) grattarsi
2 (n.) prurito
102
nì sàfEn E$ b E$ kà à kà fàrì ¯E$¯ E$n bàn
questo sapone sta mettendo fine al suo
prurito
ì kànà ¯E$¯ E$n non grattarlo
¯E $ ¯ inì ( ¯E + ¯ ini; v.)
cercare di capire
gettare un maleficio
nì kò ¯E$¯ inì d E$! cerca di capire bene
questa cosa!
ù yà ¯E$¯ inì kà bìlà dùlçmì là! le hanno
gettato un maleficio che l’ha spinta a
ubriacarsi!
¯E $ jugù ( ¯E + jugu; v.) guardare male
à y’à ¯E$jugù b ç$ à là! l’ha guardato
male!
¯ ànì ì k’à ì ¯E$jugù bç$ fìn ¯Etç$ là, à fç$ à
yé k’à mà jà ì yé invece di guardare male un cieco, diglielo che non sei contento
del suo comportamento (prov.): meglio
esprimere il proprio disappunto ad una
persona che parlarne male in sua assenza
¯E $ sì ( ¯E + si; n.) ciglio
à ¯E$sì kà càn! le sue ciglia sono così
folte!
¯E $ sigì ( ¯E + sigi; v.) prevedere
n) kò, sìnì ¯E$sigì! sto dicendo di
prevedere il futuro!
¯E $ sìn ( ¯E + sin; v.) indirizzare verso
qualcuno o qualcosa
nì fì¯E$ wùlilà, à b’à ¯E$sì bàrakolò mà
se il vento soffia, si indirizza verso una
vecchia ciotola (prov.): nella vita,
quando ci arrabbiamo, ce la prendiamo
con i più deboli
¯E $ siranyà ( ¯E + siranyà; n.) timore
nì nì bàarà ¯E$siranyà b’ì là, ì t’à tòyé se
nutri un certo timore verso questo lavoro,
lascia perdere
¯E $ sisì ( ¯E + sisi; v.) guardar male
dépì kùnùn, à b E$ kà ¯E$sisì ù kç$rç$ da ieri
lo sta guardando male
¯E $ sç rç $ ( ¯E + sçrç; v.) avere il tempo
hàlisà ì yà ¯E$sçrç$ hai avuto ancora
tempo
¯E $ sumà ( ¯E + suma; n.)
agiatezza, prosperità
fàantàn dùsubà, ì ¯E$sumà dòn fç$lèn
ì yé quando si vede un povero
diventare arrogante, gli è stato
predetto il giorno della sua
agiatezza (prov.): un povero deve
essere paziente e tollerante
àn b E$ tùn b E$ kà nì ¯E$sumà d E$
màkçn ç$ stavamo tutti aspettando
questa prosperità
¯E $ tàa ( ¯E + taa; n.) progresso
àn kà jìlajà kà kàn dùgù ¯E$tàa bàtò
cerchiamo di incoraggiare il
progresso del nostro paese
¯E $ t ilèn ( ¯E + tilen; v.) guardare
nella stessa direzione
ì ¯E$tilèn sà, ì b E$ mònbilì bòlì là
guarda bene, stai guidando l’auto
¯ì (n)
amico
dente
¯ ì tE$ fàantàn là , nì Alà tE$ Dio è
l’unico amico del povero
mç$g ç$ yE$lEbagà b E$ ¯ ì tE$ bç$ ì là
tutte le persone che ridono di noi
non mostrano i loro denti (prov.):
tutti i nostri nemici non escono allo
scoperto
¯ìgìn (v.) bagnare, inumidire
fìnì ¯ ìginèn dùlòn jùrù là stendi i
vestiti bagnati sul filo
bòjì b E$ dùgukolò ¯ ìgìn nkà à tE$ bìn
fàlì la diarrea inumidisce la terra,
ma non fa crescere l’erba (prov.):
nella vita le parole non bastano,
sono i fatti che contano
¯ùmàn (agg.)
bene
bello
à ¯E$ tE$ tE$m E$ kò ¯ ùmàn kàn guarda
sempre le belle cose
nì yé ¯ ùmàn kE$, à b E$ ségìn ì mà se
fai del bene, ti ritorna indietro
103
¯ùmandòn ( ¯ uman + don; n.)
gratitudine
dònbalì tE$ ¯ùmandòn l’ingrato non
conosce la gratitudine
¯ùmandonbalì ( ¯ uman + don + bali;
agg.) ingrato
¯ ùmandonbalì dòn, à kà sìrà sì t’à là è
un ingrato, non gliene frega niente
¯ìmì
1 (n.) pidocchio
2 (v.) masticare
wàrà d E$sElèn b E$ kE$¯ E$ ¯ ìmì un leone
debole mastica le grosse formiche
(prov.): quando si perde le forze nella
vita, ci si accontenta di poco
kç$n ì ¯ ìmì tE$ ì kùnà! spero che tu non
abbia i pidocchi sulla testa!
¯ìmikalà ( ¯ imi + kala; n.) canna da
zucchero
mç$g ç$ tE$ fà ¯ ìmikalà là la canna da
zucchero si mangia senza aver voglia di
smettere
¯ìnàn ( ¯ i + nan; n.) quest’anno
¯ ìnàn bàlò kò g E$lEyarà kç$sçb E$
quest’anno il problema del cibo si è
molto sentito
¯ìnE $
1 (n.) topo
2 (v.) dimenticare
nì mùsò kç$rçnìn sç$m çg ç$ ¯ ìn Enà à kç$ à
b E$ fàsà, nà ¯ ìn Enà à yE$rE$ kç$ à b E$ sà se
i parenti di una donna anziana si
dimenticano di lei, dimagrirà, se si lascia
andare, morirà (prov.): nella vita bisogna
lottare come si può
jàkumà tàamà tE$ ¯ ìn E$ min E$ sà la
passeggiata del gatto non gli impedisce
di prendere il topo: le abitudini sono dure
a morire
¯ìnì (v.) cercare
fìn ¯ ìnikàn, à nà sàràn kàn tE$ kélén yé il
comportamento di una persona cambia
quando si contrae e si restituisce un
credito
¯ìninì (n.) ricerca
¯ ìninì bà b E$ nì kò là c’è tanta
ricerca da fare per questa cosa
¯ìninikE là ( ¯ inini + kEla; n.)
richiedente
cercatore
¯ ìninikElà nì kùmàn dùmàn tE$ bàn
un richiedente ha sempre delle belle
parole in bocca
sànù ¯ ìninikElàw b E$ kà càyà
stanno crescendo il numero delle
persone che cercano l’oro
¯ìninkali ( ¯ inin + kali; n.)
questione
nì ¯ ìninkalì jàabì kE$! rispondi a
questa domanda!
¯ìnjugù ( ¯ in + jugu; n.) nemico
non svelato
à b E$ sé kà ¯ ìnjugù dàn à
bòlokçndennì là può contare i suoi
nemici sulle dita della mano
¯ìntìn (n.) scolapasta in metallo o
in terra
¯ ìntìn dìlabagà ò à sànbagà, ù bà
dòn kò wò bà là la persona che
fabbrica lo scolapasta e quella che
lo compra sanno che ha dei buchi
(prov.): ci sono cose che tutti sanno,
per esempio che prima o poi
moriremo
¯ç $ (n.) miglio
cìkEbalì tE$ ¯ç$ mìn Ecogò dòn chi
non è contadino non conosce il
valore del miglio (prov.): si dice ad
una persona che spreca i soldi che ha
avuto in eredità
¯ç $ gòn
1 (agg.) simile
2 (pron.)
ù b E$ ¯ç$gòn fE$ si amano
ù jélì b E$ ¯ç$gonnà hanno lo stesso
sangue
¯ç $ gonyé
104
1 (n.) incontro
2 (v.) incontrarsi
ù yé kà ¯ç$gonyé kE$ dògò là hanno
svolto il loro incontro di nascosto
à kò àn kà ¯ç$gonyé, an kà fàmuyà b E$
nç$gç yà ha detto di incontrarci così ci
capiremo meglio
¯ç $ g ç¯ ç gç¯ì ( ¯ç g ç + ¯ç gç + ¯ i; v.)
fare il solletico
nì yé nì dèn ¯ç$g ç¯ç g ç¯ ì à b E$ yE$lE$! se
fai il solletico al bambino, ride!
¯ç $ kalà ( ¯ç + kala; n.) stelo di miglio
ù mà tìlà ¯ç$kalàw tìg E$ là non hanno
finito di tagliare gli steli del miglio
¯ç $ montì (v.) pizzicare con le unghie
à kò ì kà tòyé, ì b’à ¯ç$montì mùn nà? ti
ha detto di lasciarlo in pace, perché lo
pizzichi?
¯ç $ ngirì ( ¯çn + giri; v.) inginocchiarsi
à y’à ¯ç$ngirì à sòmçg ç$ kç$rç$ kà yàfà
délì ù fE$ si è inginocchiato di fronte ai
suoi genitori per chiedere perdono
¯ç $ nì (v.) spingere
à yé wàlidén ¯ç$nì kà b ç$ kà bì ha spinto
la figlia di un altro e l’ha fatta cadere
¯ùgujì ( ¯ugu + ji; agg.) verde
à kò k’à b E$ kùlòr b E$E fE$ fò nà kE$rà
¯ ùgujì yé ama tutti i colori tranne il
verde
¯ùgùn (v.) avere la nausea
n’à yé ¯E$g E$n n ç$gç lén yé, à b E$
¯ ùgùn se vede un bagno sporco, gli
viene la nausea
¯ùguntç $ (agg.) disgustoso
è k’ì dén kélén yé ¯ùguntç$ yé
guarda tuo figlio, è diventato
disgustoso
¯ùguntçfE $ n ( ¯ uguntç + fEn; n.)
cosa che disgusta
fàantanyà bòlò, à kE$rà ¯ ùguntçfE$n
yé la povertà l’ha fatto diventare
una cosa disgustosa
¯ùmàn (n.) bene
mç$g ç$ ¯ ùmantç$ b E$ jùgumàn kE$
facendo del bene, si può fare del
male
¯ùmayà ( ¯uma + ya; n.) bontà
mç$g ç$ sì kà ¯ ùmayà tE$ Alà t’à b ç$ la
bontà di Dio non ha limiti
¯ç $ ninsà ( ¯çnin + sa; n.) morbillo
ù kà dù kç$nòn, ¯ç$ninsà mà à kélén d E$
mìn E$ è stato l’unica persona a casa a non
avere il morbillo
¯ù (v.) caricare
ì sérà dònibà kç$rç$ , d ç$ y’ì ¯ ù hai fatto
un carico pesante, qualcuno di sicuro ti
ha aiutato (prov.): nella vita un capo non
è niente senza la sua gente
¯ùgù
1 (n.) pieghe
2 (v.) sgualcire
à y’à kà fìnì kàlà kà ¯ ùgù càmàn k’à là
ha cucito il suo vestito facendo tante
pieghe
ì kà dùlokì ¯ ùgù kàdì il tuo vestito si
sgualcisce facilmente
105
G
gà (n.)
focolare, cucina
veranda
à b E $gà là sta cucinando
í ní gà saluto di ringraziamento che si fa
alla cuoca dopo aver mangiato
à tàrà í sígì verandà kàn è andata a
sedersi sulla veranda
gá (n.) capanna
ù yé tè mín gá kç$rç$ hanno preso il tè
dentro la capanna
gáarì (n.) filo
kà gáari doòn mísElì lá infilare il filo
nell’ago
kùnsigigaarì filo per capelli
gáarikisE$ filo
gàbugù (n.) cucina
cE$ tE$ g E$rE$ gàbugù là l’uomo non deve
avvicinarsi alla cucina
gàdì (n.) micetta: termine affettuoso per
ragazze
à kà gàdi cE$ka¯ ì la sua micetta è bella
gàdonkalàn (gadon + kalan; n.)
economia domestica
à dégé gàdonkalàn là insegnala ad
economia domestica
gàdonmusò (gadon + muso; n.)
cuoca
gàdonmusò ní sànayà tE$ bàn una
cuoca dev’essere sempre pulita
gàdumàn (ga + duman; n.)
piatto succulento
buona cucina
ní, ní gàdumàn kà jàn d E$! altro che
piatto succulento!
gáfé (n.)
libro
quaderno
à kà gáfé sE$b Enlén dòn nànsarakàn
nà il suo libro è scritto in francese
gáfekçnç baabù (gafe + kçnç +
baabù; n.)
sommario
riassunto
à yé zírí gáfekçnçbaabù kE$ ha
fatto il riassunto del racconto
106
gáfelasogonnà (gafe + la + sogonna; n.)
bibliotecario
gáfelasogonnà mà nà fç@lç$ non è ancora
arrivato il bibliotecario
gáfelasagonsò (n.) biblioteca
gáfé b E$rE$ tE$ à kà gàfelasagonsò là non
ci sono abbastanza libri nella sua
biblioteca
gáfefinì (n.) taccuino
à yé bíkì bílà à kà gàfefini kç@nòn ha
messo la penna nel suo taccuino
gákçrç là (ga + kçrç + la; n.) veranda
à y’í sígì gákçrç là júkçrç$ si è seduto
sulla veranda
gàkurù (ga + kuru; n.) pietre del
focolare
à yé bàrajugù bílà gàkurù kç@rç$ ha
messo un talismano di cattiva sorte nel
focolare
gàlà
1 (v.) essere senza acquirente
non avere nessun uomo che vuole
sposarti
2 (n.) indaco
tintura
à dènmusò gàlalà sua figlia non è
riuscita a trovare un uomo che la sposi
à kà kàba gàlalà il suo granturco è
rimasto invenduto
à yé à kà fínì dòn gàlà là ha fatto tingere
il suo vestito
gàlabà (v.) fare velocemente una cosa
senza farla bene, fare in fretta (in senso
negativo)
à kà kó b [email protected] b [email protected] [email protected] ní gàlabà yé fa tutto
di fretta
à kç@nç b [email protected] à gàlabà ha la diarrea
gàlabù (n.)
condizione fisica
dinamismo
fiducia di sé
à gàlabù kà kE$n E$ è in gamba
à gàlabù kàrilà ha perso la fiducia in sé
gàladonnà (gala + donna; n.)
tintore
à kà gàladonnà bç@rà il suo tintore
è uscito
gàlafin (gala + fin; n.) indaco
puro
gàlafìn fìnì tessuto all’indaco
gàlafinì (gala + fini; n.) tessuto
tinto
fà d E$ b [email protected] í kà gàlafinì là! che
schianto il tuo tessuto tinto!
gàlakà (n.) costola
à gàlakà jàlén dòn ha le costole
magre
gàlamà (n.) grande cucchiaio fatto
con un tipo di zucca (calebasse)
fúlamusò yé nç@n ç$ súmàn ní gàlamà
yé la donna Peul ha misurato il
latte con un grande cucchiaio
gàlasì (n.; dal francese) ghiaccio
à kà gàlasì b E$E sànàn tutto il suo
ghiaccio è stato venduto
gàlasijí (galasi + ji; n.) acqua
ghiacciata
gàlasijí b [email protected] sàn kç@sçb E$ fúntenì là si
vende molta acqua ghiacciata col
caldo
gàn
1 (agg.) caldo
urgente
2 (v.) essere caldo
essere difficile
tílé yé à kùn gàn il sole gli picchia
in testa
tíle gànna là bí il sole picchia in
testa
à b [email protected] gàn d E$ non andrà bene
(parlando di una cosa)
ú y’à gàn ú kç@ gli hanno fatto
fretta
gán (n.) bot. ibisco esculentus,
gombo
107
gán tE$ jà ¯ à à kàtibagà mà hàbadà! le
difficoltà non costituiscono un
impedimento per chi vuole fare una cosa!
gán [email protected] E$ gombo fresco
gán jàlàn gombo secco
gán múgù gombo in polvere
gán nà salsa di gombo
gànà
1 (v.) rapare a zero
potare
2 (agg.) calvo
ú yé kç@¯ òn [email protected] kún gànà hanno rapato a
zero la testa dello sposo
kún gànà calvo
jírì gànà albero potato
gánà (agg.) in gamba (donna)
gánà dòn, à [email protected] d [email protected]$ fóyi là è una donna
in gamba, riesce a fare qualsiasi cosa
gánàn (agg.) zitella (nubile si usa solo
per la donna, celibe solo per l’uomo)
músò gánàn càyarà ci sono tante donne
zitelle
gànàn (n.) moneta
à tàn gànan dí à mà gli ha dato una
moneta da dieci franchi
gánké (n.) mal di pancia di origine
ginecologica
ú y’à kà gánké fúrakE$ ha curato il suo
mal di pancia
gánkekç nç dimì (ganke + kçnç + dimi;
n.) mal di pancia da dismenorrea
à kà gánkekçnçdimì wúlilà il suo mal di
pancia è inziato
gánsàn (agg.)
gratuito
inutile
semplice, facile
fE$n gánsàn tE$ non è una cosa facile
à tE$ wàri dí gánsàn non dà soldi per
niente
mç@g ç$ júgù kà físà gànsàn yé meglio
vivere con una persona cattiva che
rimanere da solo (prov.): la vicinanza
con un nemico impone sempre una
brutta situazione, dalla quale però si
ricava un’esperienza, quindi ha
almeno il vantaggio di insegnare
qualcosa
gánsì (v.) annunciare qualcosa,
fare pubblicità a una cosa
ú y’à kà fúrusirì gánsí fàn b [email protected]
hanno annunciato il suo matrimonio
a tutti
gánsilikE là (gansi + kEla; n.)
strillone
gánsilikElà mà sé ú ká só lo
strillone non è arrivato a casa loro
gánsilisE bE $ n (gansili + sEb En; n.)
cartellone pubblicitario
ú y’è gánsilisEb E$nw nç@rç kç@gò kàn
hanno incollato i cartelloni
pubblicitari ai muri
gàrabalì (n.)
mercato del bestiame
bordello
à tàara sàga sàn gàrabalì là ha
comprato una pecora al mercato del
bestiame
à kà só [email protected]à gàrabali yé la sua
casa è diventata un bordello
gáradì (dal francese)
1 (n.) guardia
2 (v.) conservare
gáradi yé à mín E$ màngorò kári là
la guardia l’ha sorpreso mentre
stava cogliendo il mango
n) mínànw gáradì kà ¯ àn conserva
bene le mie cose
gáradi¯ E $ (n.; dal francese)
guardiano, giardiniere
gáradi¯E$ dà [email protected]$! guardiano, apri
la porta!
gáradi¯E$ yé jírì són il guardiano
ha annaffiato le piante
gáramù (n.; dal francese) grammo
à y ‘é sánù gáramù dí jélì mà ha
108
dato dei grammi d’oro al cantastorie
“griot“
gárankE$ (n.) calzolaio, persona che
appartiene alla casta dei calzolai gárankE$
yé à kà sànbarà kàlà kà ¯ àn il calzolaio
ha cucito bene le sue scarpe
gárasí (n.; dal francese) garage
mç@bilì b [email protected] gárasì kç@n ç$ la macchina è
dentro il garage
gáré (n.; dal francese) stazione ferrovia
ú tàrà kúnb E$ gáré là sono andati a
prenderla alla stazione
gàrì (n.) filo
ní gàri b [email protected] [email protected] kà kún síri à ní kà fíni kàlà
questo filo serve per fare le treccine e per
cucire
gáribù (gari + bu; n.) mendicante, per
estensione studente della scuola coranica
bí gáribù b [email protected] wárì d ç@rç$n d [email protected] [email protected] oggi i
mendicanti vogliono solo soldi
gáribuyà (garibu + ya; n.) mendicità
gàribuyà mà càn túbabù jàmanàn là non
c’è tanta mendicità in occidente
gárisE gE $ (gari + sEg E)
1 (n.) fortuna
2 (v.) essere fortunato
mç@g ç$ jùgù yé à gárisEg E$ sírì le persone
cattive hanno diminuito le sue fortune
tramite un sortilegio
yàlì kà fç@ Ala kà dén dímà, Ala kà dén
gàrisEg Emà dí í mà quando si prega Dio
per avere un bambino, si deve pregare
perché sia fortunato (prov.): perché un
bambino fortunato è colui che non crea
dei problemi ai suoi genitori. Nella
cultura africana, se si mette al mondo un
bambino, si pensa di sedersi un giorno
sotto la sua ombra, cioè di affidarsi alla
sua protezione
gàrisE gE sirà (garisEg E + sira; n.)
tromba
à kà gàrisEg Esirà gérennà la sua tromba
si è otturata
gàsì (n.)
torto, offesa
considerazione
í kànà dòn n) gàsi là non farmi un
torto
dá yé gàsi yé, kç@n ç$ [email protected] kúmà la
bocca offende, ma la pancia non
parla (prov.)
à tE$ à músò gàsi dòn non ha
nessuna considerazione per sua
moglie
gàsì (n.) gas da cucina
à kà gàsi bànàn il suo gas da
cucina è finito
gàsisì (ga + sisi; n.) fumo che
emana dalla legna bruciata usata
per cucinare
à yé bç@ gàsisì là uscite dal fumo
della cucina
gàsò (n.) cucina
sísì yé gàsò fín il fumo ha annerito
la sua cucina
gàtigì (ga + tigi; n.) capofamiglia
ní gàtigì tE$ só kúmà sí questo
capofamiglia non è mai a casa
gàtò (n.; dal francese) dolce
súkarò càyarà ní gàtò là c’era
molto zucchero in quel dolce
gàbàn (agg.)
stupido
che non segue la moda
gàbàn dòn, í kànà jígì à là è
stupido, lascialo perdere
gàbàn dòn, é kà, kà fíni yé è uno
che non segue la moda, guarda i
suoi vestiti
gàwulç $ (n.) persona di casta
inferiore
à mà són à dén kà gàwulç$ fúrù non
ha voluto che suo figlio sposasse
una persona di casta inferiore
109
gázç lì (n.; dal francese) gasolio
í kà m ç@bilì gázç lì b [email protected] kà bàn il gasolio
della tua macchina sta finendo
géngén (v.)
inchiodare
appendere
attaccare
radicare
à yé à kà fótò géngén ha appeso la sua
foto
ní jírí géngenlén dòn quest’albero è ben
radicato nella terra
génìn (n.) tipo di incenso: rizoma e
giovani piante di kyllina bruciate
utilizzate come incenso
súbagà [email protected] síràn génìn kàsà ¯E$ la strega
ha paura dell’odore dell’incenso bruciato
géré (n.)
corno, zanna
tromba fatta con un corno
à yé sàgà mín E$ à géré mà ha afferrato il
montone per le corna
à yé géré fíyE$ ha suonato la tromba
ù b [email protected] sàmà géré féeré vendono le zanne
degli elefanti
gèrefé (n.; dal francese) mango
innestato
ní yé gèrefé dún, à b [email protected] súnçg ç$ bílà í là se
mangi il mango innestato, ti fa
addormentare
gèrèn (agg.)
non maturo, verde
vergine
màngorò gèren mango verde
sàgà gèrèn pecorella
súngurùn gèrèn giovane donna vergine
gérén (v.)
tappare, colmare
sabotare
à nún gérennà ha il naso tappato
músò túlò gérén una donna sorda
ú yé díng E$ gérén hanno tappato il buco
hàkilì gérén una persona stupida
í kànà í kà dúgù nàfasçrçsirà gérén non
sabotare lo sviluppo del tuo paese
gérenadinì (n.) granatina
à nàana ní gérenadinà càmàn yé
ha portato tante granatine
gèrenatì (n.; dal francese) bomba
a mano
ní yé fàrafin yé kà gèrenatì fíli
¯ç@ngòn mà SE$tan E$ dòn se vedi gli
africani lanciarsi delle bombe a
mano, c’è lo zampino del diavolo
gèsè (n.) filo del telaio, filato
grezzo
fàlé ní gèsé b E$ dà , ù b E$E b E$ [email protected] fínì
múgù yé il filo e il filato grezzo si
tessono e formano insieme la stoffa
(prov.): l’unione fa la forza
à b E $g èsé dà tesse
gèsedalà (gese + dala; n.)
tessitore
gèsedalà kó ká kà bírifinì mà bàn
fç@lç$ il tessitore ha detto che la sua
coperta non è ancora finita
géteré (n.) mercenario
géteré dòn, à tE$ síràn kó ¯E$ è un
mercenario, non ha paura di niente
gE $ lE $ n (agg.)
duro
solido
resistente
difficile
ní kó fç@ kà g E$lE$n questa cosa è
difficile da dire
jE$g E$ kàsà kà g E$lE$n l’odore del
pesce è forte
dón g E$lE$n giorni difficili
túlò g E$lE$n persona testarda
dà g E$lE$n persona che non
riconosce le sue bugie
ní fínì dà kà g E$lE$n questo tessuto
costa caro
gE $ lEyà (g ElE + ya)
1 (n.) difficoltà
povertà
2 (v.) essere duro
110
coraggioso
g E$lEyà b E$ jàmanà kç@nç$ c’è povertà nel
paese
à jà g E$lEyalà è diventato coraggioso
í g E$lEyà ní kó là mi raccomando, fai
bene questa cosa
gE $ n (v.) cacciare, mandare via
fúlakE$ yé mísì g E$n il Peul ha portato le
mucche al pascolo
à yé à músò fílanàn g E$n ha ripudiato la
seconda moglie
ú y’à g E$n kà b ç@ kàlansò là l’hanno
espulso dalla scuola
gE $ nE $ n (n.) tibia
à g E$n E$n jç@g ìnnà si è ferito alla tibia
gE $ rE $ (v.) avvicinarsi
í g E$rE$ à là sà! avvicinati a lui!
gE $ rE baliyà (g ErE + baliya; n.) assenza
momentanea di contatti, di relazioni
g E$rEbaliyà tE$ ¯ç@gòn fàamù n ç@g çyà la
mancanza di contatto non facilita la
comprensione
gE @ rE gE rE $ (g ErE + g ErE; n.)
disgrazia
cattivo scherzo, brutto tiro
hàn, g [email protected] ErE$ sç@rç$ màn gó eh! è facile
avere una disgrazia: una frase che si dice
quando succede qualcosa di brutto
all’improvviso
g [email protected] ErE$ bínnà ú kàn sono stati vittima
di un brutto tiro
gE $ rE $ n (v.) prosciugare
n) kà nà b E$ g E$rE$n g E$rE$n nà tutto il mio
sugo si è prosciugato
gE $ rE $ n (n.) club, luogo dove un gruppo
di amici si riunisce per prendere il tè o
giocare a carte
sùngurunìn tE$ bàn ú kà g E$rE$n là ci sono
sempre delle giovani donne nel luogo
dove essi si incontrano
gE $ rE ngE rE $ n (g ErEn + g ErEn; v.)
essiccare, prosciugare, evaporare
jí g E$rEng ErEnà l’acqua si è
asciugata
gE $ rE ntE $ (v.) stringere
à yé júrù g E$rEntE$ ha stretto lo
spago
gE $ sE $ (v.) sbiadire
à kà fínì ¯E$ g E$sErà il colore del
suo vestito si è sbiadito
gE @ sE $ (n.) bastoncino di legno che
serve da spazzolino da denti
fàamà kà g [email protected] yé fàantàn yé lo
spazzolino da denti del ricco è il
povero (prov.): il ricco usa il
povero come vuole
gE $ sE ngE sE $ n (n.) tendina
à y’à kà g E$sEng EsE$n kE$ ní bç@g ç lan
yé ha fatto la sua tendina con il
“bogolan“
gílasì (n.; dal francese) ghiaccio
gílasì b [email protected] sàn kç@sçb E$ fúndenì kúmà
col caldo si vende bene il ghiaccio
gíngìn (n.) gufo
súfE$ gíngìn yélìn yé súbagà yé il
gufo che esce di notte è una strega
trasformata in animale
gíntàn (n.) festa, festeggiamento
à kà fúrisì kE$rà gíntàn bélebelé yé il
suo matrimonio è diventato una
grande festa
gírigarà (v.) correre spaventati di
qua e di là
à síranén, à ya gírigarà kà b ç@ una
volta che aveva paura, è corso
spaventato di qua e di là
gínrín (agg.)
pesante
importante
dòni gínrín fardello pesante
kó gírín cosa importante
¯E$ tE$ dòni tàa, nkà à b [email protected] fín gírín
111
dòn l’occhio non porta il fardello, ma
riconosce se è pesante (prov.): si può
conoscere il contenuto di certi involti
senza disfarli
davvero bella!
gó (agg.) sgradevole, difficile
à dálakumà kà gó è una persona
che risponde male
gírín
1 (v.) precipitarsi
2 (n.) precipitazione
bella vita
à y’à gírín ú kàn si è gettato su di loro
à b E$ gírin nà dòn ó dòn ha sempre fretta
gírin kà dí à yé gli piace la bella vita
mç@g ç b [email protected] jç@n [email protected]$ là, nkà dúurula b [email protected]
dç@gç$ gírin si dà poca importanza al
peperoncino, ma ne bastano venticinque
franchi per mettere il mercato in
fermento (prov.): le piccole cose alle
quali si dà poca importanza possono
risultare molto efficaci
gírintì
1 (v.) ruttare
2 (n.) rutto
gírintì tE$ fá yé, nkà kç@ngç tç$ t’à [email protected] il
rutto non è segno di sazietà, ma
l’affamato non lo fa (prov.)
gíri¯à
1 (v.) essere pesante
2 (n.) peso
à gíri¯ à yé kílò [email protected] E$ yé il suo peso è di
cinquanta chili
ní músò kç@nç$ gíri¯ anà sua moglie è
incinta
gìtà (n.) strumento musicale fatto con
una “calebasse” ornata di cauri
ú yé gìtà fç@ dàmìn à kà kç@¯ ç$n só dà là
hanno inziato a suonare il “gita” di fronte
alla sua camera nuziale
gítafç là (gita + fçla; n.) suonatore di
“gita”
ní gítafç là b [email protected] à tànifilà là questo
suonatore di “gita” sta suonando bene
gò (n.) fidanzatina, micetta (pop.)
fà d E$ b E$ à kà gó là la sua micetta è
gófErE nE rì (n.) governatore
gófErEn Erì kó Sàriyà yé Sàriya yé il
governatore ha detto che la legge è
la legge
gófErE namàn (n.; dal francese)
governo
gófErEnamàn kúrà sígirà bí il
nuovo governo si è insediato oggi
gófErE nE rE sò (n.) governatorato
kàlandew tàrà gófErEn ErEsò là gli
alunni sono andati dal governatore
gógorò (n.)
lucchetto
verruca
à yé gógorò dòn kE$sì là ha messo
il lucchetto alla cassa
gógoro bç@ à dà là gli è venuta una
verruca in bocca
gólobà (v.)
precipitarsi
intensificare
sán gólobarà la pioggia è
aumentata
ú yé ú kà bàarà gólobà kà b ç@
hanno lavorato in fretta per uscire
dúnùn gólobarà il tam tam suona
più forte
“xa” gólobà? come vanno le cose?
gómàn (agg.) sgradevole, cattivo
dúmuní gómàn cibo non buono
kàsà gómàn odore sgradevole
kàn gómàn una brutta voce
kç@ng çtç$ tE$ dúmuni góman dòn
nessun cibo è cattivo per l’affamato
(prov.)
gómí (n.) amido
112
à yé gómí càyà fíní là ha inamidato tanto
il vestito
francese) persona importante che si
nota per la sua eleganza, pezzo
grosso
górobonE$ kà wúsulàn kàsa! che
pofumo, l’incenso di quella donna
elegante!
gómiji (gomi + ji; n.) acqua con amido
à yé nàa nì gómiji yé n) màgò b E$ à là
portatemi dell’acqua con amido, ne ho
bisogno
gòsì (v.)
picchiare, battere
toccare
forgiare
agghindare
góngòn (n.) bidone, secchio, recipiente
metallico
à yé góngòn bílà sànjì júkç rç$ ha messo
il bidone sotto la pioggia
gónì (agg.) caldo, bruciante
jí góni acqua calda
tílén gónì sole bruciante
bàramà gònimà pentola calda
gónitalàn (goni + talan; n.) termometro
gónitalàn kó fàrigàn b’à là secondo il
termometro ha la febbre
góniyà (goni + ya; v.) diventare caldo,
riscaldare
jí mà góniyà l’acqua non si è scaldata
góniyahakE $ (goniya + hakE; n.)
temperatura
è kà sírà júm E b [email protected] ní góniyahakE$ là?
perché ti interessi alla temperatura
dell’acqua?
gòrò (v.)
castigare
strofinare
à fà y’à gòrò kòsçb E$ suo padre l’ha
castigato ben bene
à y’à kç@ gòrò ní fú yé gli ha strofinato la
schiena con la spugna
à kó kà b’à dà gòrò ha detto che gli
romperà il muso
góró (n.) eczema
góró bç@rà à fàrì là gli è venuto un
eczema sul corpo
górobonE $ (goro + bon E; n.; dal
í kànà gòsì non picchiarlo
ú jE$rà kà ¯ ón gòsì hanno battuto
insieme il miglio
ú yé dúnùn gòsí hanno battuto il
tam tam
à y’à nín gòsí l’ha baciato
nùmùn yé n E$g E$ gòsí il fabbro ha
forgiato il ferro
ú y’à kà gàlà fínì gòsí hanno
ammorbidito il suo tessuto
battendolo con un pezzo di legno
í dá kànà gòsí à kà fúrù kó là non
toccare l’argomento del suo
matrimonio
gòsilàn (gosi + lan; n.) mestolo,
strumento che serve per
ammorbidire la stoffa tinta
gç @ lòn (v.) torcere, deformare
múrù gç@lonnà il coltello si è
deformato
à y’à dà g ç@lòn dími bólò la sua
bocca si è deformata dal dolore
gç $ nbE lE $ (n.) albino
à dén [email protected]à gç$nb ElE$ yé suo figlio è
nato albino
gç @ ngòn (n.) polvere di terra
bàgànw yé gç@ngòn wúlí gli animali
hanno sollevato la polvere
gç@ngòn b E$ nà ní bànà júgù yé la
polvere porta delle brutte malattie
gç @ ngç rç $ (n.) sasso
ní gç@ng çrç$ b ç@rà sán [email protected], b [email protected] bólò b’í
113
kún kàn se un sasso cade dal cielo,
ognuno mette la mano sulla testa (prov.):
in una situazione d’emergenza, ognuno
cerca di salvarsi
gç $ nkùn (n.) pedicello
jíridén gç$nkùn pedicello di un frutto
górjigE nì (n.) omosessuale
ní mà músoyà sàbabù dàbilà, í b [email protected] [email protected]
górjignì yé se non la smetti di tenere
degli atteggiamenti da donna, diventerai
omosessuale
gç $ rç ndò (v.)
ruggire
russare
wàrabà gç$rçndolén à bólilà quando il
leone ha ruggito, è scappato
à súnçg çrà fó kà gç$rçndonà si è
addormentato fino al punto di russare
gú (v.) urtare
à kà mónbili gúrà kógolà la loro
macchina ha urtato il muro
gúndobà (gundo + ba; n.) mistero
à kà wàri sç@rç$ yé gúndobà bélebelé
yé la sua richezza è un grande
mistero
gúndofç¯ çgç $ n (gundo +
fç¯ç g çn; n.) confidenza
í túlò dàyEl E$ kà ¯ án, ní yé
gúndofç¯çg ç$n yé apri bene le
orecchie, è una confidenza
gúndo¯ç¯ E $ (gundo + ¯ç¯E; agg.)
a porte chiuse (riunione, processo)
à tE$ sé kà nà, ú b [email protected] gúndo ¯ç¯E$ non
può venire, è in riunione a porte
chiuse
gúndojE $ (gundo + jE; n.) società
segreta
à mà fç@ mç@g ç$ sí yé, kà b [email protected] ní
gúndojE$ là non ha detto a nessuno
che fa parte di questa società
segreta
gùdròn (n.; dal francese)
catrame
strada
àlimànw yé Màli d E$m E$ kà gùdrùn kúrà
dà i tedeschi hanno aiutato il Mali a
costruire delle nuove strade
gún (v.)
unire
raggiungere
essere contiguo
ú gúnna ú là li hanno raggiunti
à kà fórò gúnnén Músà tà là il suo
campo è contiguo a quello di Mussa
ú yé dà gún ¯ç@gonnà hanno chiuso le
porte
gúndò (gun + do; n.) segreto
ní í yé í kà gúndò fç@ músò yé, ó y’í tà
tí¯Elén yé se racconti un segreto ad una
donna, sei rovinato (le donne hanno la
lingua sciolta)
à b [email protected] sé gúndò màrà là sa tenere un
segreto
114
H
hàan (inter.) insomma
hàan, é mà dòn é yé ní g [email protected]à!
insomma, hai proprio esagerato!
hàdamadén (n.) essere umano
hàdamadén tE$ fà dòn l’essere umano è
insaziabile
hàdamadenyà (hadamaden + ya; n.)
umanità, condizione umana
civiltà
b [email protected] b’ú kà hàdamadenyà dòn tutti
conoscono la loro umanità
hàkE $ (n.; dall’arabo) colpa, torto,
peccato
à kó kà kà hàkE$ tó ha detto di scusarlo
à yé à hàkE$ tàa gli ha fatto torto
wólò hàkE$ peccato originale
hákE $ (n.; dall’arabo) numero, misura
à tE$ bà hákE$ dòn non conosce il numero
delle pecore
hákE$ dòn í kà kó là cerca di porre un
limite alle tue cose
fórò hákE$ superficie del campo
ní fínì hákE$ yé jólì yé? quanto costa
questo tessuto?hákE$ b [email protected] kó b [email protected] là
c’è un limite a tutto
hákE mà (agg.) di quantità giusta
à b [email protected] fín hákEmà dí m ç@g ç$ mà dà le
cose in giusta quantità alle persone
hàkilì
1 (n.) spirito
intelligenza
memoria
2 (v.) fare attenzione
à hàkilì kà bòn è coscienzioso
à hàkilì kà dí è intelligente
à hàkili kà d ç@g ç$ è un incosciente
ú hàkili là à b [email protected] sé kó [email protected] credevano
che potesse farlo
í hàkili sígì stai tranquillo, non
preoccuparti
à hàkilì bç@rà ha dimenticato
à kç@rçlén, à yé hàkilì sç@rç$
invecchiando, è diventato saggio
à hàkilì wúlilà si è fatto prendere
dal panico
à hàkilì dàyElà là è diventato
intelligente
à bà hàkilì mà yE$lEmà sua madre
non ha cambiato il suo punto di vista
115
hàkilibanà (hakili + bana; n.) problemi
mentali
ú b [email protected] kà ká hàkilibanà fúrakE$ ní fárafin
fúrà yé stanno curando i suoi problemi
mentali con i medicinali africani
hàkilibç $ (hakili + b ç; n.)
smemoratezza
à kà hàkilib ç$ b [email protected] kà túgù túgù kç@ la sua
smemoratezza persiste
hàkilidumàn (hakili + duman; agg.)
sin. hàkilidiyà intelligente
hàkilidumàn dòn è una persona
intelligente
hàkilijakabç $ (hakili + jakabç ; v.)
riflettere
àn kà hàkilijakabç$ ní kó là riflettiamo su
questa cosa
hàkiligomàn (hakili + goman; agg.)
stupido
hàkiligomàn dòn è una persona stupida
hàkilijiginnà (hakili + jiginna; v.)
ricordarsi
à hàkilijiginnà à là si è ricordato di
questa cosa
hàkililà (hakili + la; n.) opinione, punto
di vista, idea
ú mà kà hàkililà [email protected] non hanno seguito il
suo punto di vista
hàkilitàn (hakili + tan; agg.) stupido,
incosciente
hàkilitàn bélebelé è un grande incosciente
hàkEtò (v.) scusarsi
à y’è hàkEtò b [email protected] [email protected] E$ scusatemi, devo
passare
hálakì (v.) distruggere, sterminare
dúsù kàsì yé à hálaki è distrutto per il
dolore
à b [email protected] áw hálakì! vi sterminerà tutti!
(scherzoso)
hàlalà
1 (n.) bene personale
2 (agg.) leggitimo
à hàlalà dòn è suo (è il suo bene
personale)
hàlaladén figlio legittimo
hàlì (part. biv.) anche, anche se
à tE$ hàlì à fó non l’ha neanche
salutato
hàlì bí finora
hàlì sà finora
hàlì ní í júgù yé nsònsàn yé, à fç@ à
b [email protected] bólì anche se il coniglio è tuo
nemico, riconosci che sa correre
(prov.): bisogna riconoscere a tutti i
loro meriti
hàlisà, í b [email protected] bàarà là stai ancora
lavorando
hàmì
1 (v.) preoccuparsi
2 (n.) preoccupazione
ní kó hàmì b [email protected] à là questa cosa la
preoccupa
hàmì càmàn b [email protected] bànàn bílà m ç@g ç$ là
tante preoccupazioni ti provocano
malattie
hàminankò (haminan + ko; n.)
preoccupazioni
à hàminankò tE$ bàn le sue
preoccupazioni non finiscono
hàn (inter.) eh!, ma come!
hàn, é kí bàn kàlàn mà! come! Ti
rifiuti di studiare!
hàrabaharabà (v.) fare alla svelta
à yé ní báarà hàrabaharabà [email protected] ha
fatto alla svelta questo lavoro
hàramù
1 (v.) proibire
2 (n.) cosa illecita
só bón hàramuyalén dòn il gioco
d’azzardo è proibito
lE$ sógò hàramuyalén dòn sílam E$
mà la carne di maiale è proibita ai
musulmani
hàsigì (agg.; dall’arabo) egoista,
cattivo
hàsigì kç@nç$ fínén dòn il cuore
dell’egoista è nero
116
hàsigì bélebelé à tç@yí! è una persona
molto cattiva, lascialo!
à yé à bà là híjì ¯ ínan ha mandato
in pellegrinaggio sua madre
hàsigiyà (hasigi + ya; n.) cattiveria,
egoismo
à kà hàsigiyà júgù d E$ y’à bàli kà [email protected]
mç@g ç$ yé è la sua grande cattiveria che
gli ha impedito di diventare qualcuno
híjidén (hiji + den; n.) pellegrino
híjidénw nàanà kúnù i pellegrini
sono arrivati ieri
hàtE $ (inter.) certo!
ì bà ¯ óngòn tún tE$ Ségù! non c’era
nessuna donna come tua madre a Segu!
(hàtE$ è usato soprattutto come risposta
ad un’affermazione altrui)
hàwusà (n.) etnia
hàwusà b [email protected] kúnsugì kà jàn tutti gli
Hawusa hanno i capelli lunghi
hàwusakalà (hawusa + kala; n.) canna
da zucchero
hàwusakalà kàdì à yé ama molto la
canna da zucchero
hàyà (n.; dall’arabo) incantesismi
derivati dal Corano
kàlandéw yé hàyà càmàn kàlàn gli
alunni hanno letto tanti incantesimi
coranici
hàyibù (v.; dall’arabo) umiliare
ú y’à hàyibù jàmàn ¯E$ là l’hanno
umiliato davanti alla gente
héyì (inter.) eh!
héyì kúmà làm E$n fç@lç$! ehi! Ascolta
prima quello che dico!
hE $ rE $ (n.) pace, felicità
àla kà bón, à kà h E$rE$ kà cà Dio è grande
e dà tanta felicità
h E$rE$ sírà? hai dormito in pace?
hE $ rE mugù ( hE$rE + mugu; n.)
grandissima felicità
jòn d E$ yé nì h E$rEmugù làsén ì mà? chi ti
ha portato questa grandissima felicità?
híjì (n.) pellegrinaggio (quello alla
Mecca)
híjirà (n.) Egira
à fà tàarà hígirà là suo padre è
andato all’Egira
hínE $ (dall’arabo)
1 (n.) pietà
2 (v.) impietosire
à b [email protected] hín E$ k ójugù si impietosì
molto
hín E$ b [email protected] à dúsunkùn nà si impietosì
dúsunkùn g [email protected]$ tE$ hín E$ dòn un
uomo dal cuore di pietra non
conosce la pietà
hínE tç $ (hín E + tç ; agg.) pietoso
à b E$ kà hín Etç$ kúmà fç@ sta
dicendo delle parole pietose
hínE tç yà (hin Etç + ya; n.) stato
pietoso
è kà ní yé hín Etç yà là guarda
quello lì, si concia in uno stato
pietoso
hóhù (n.) brutta sorpresa
ní kó [email protected]à hóhù bélebelé yé questa
cosa si è rivelata una brutta sorpresa
hún (inter.) cosa?
hún? mún dón? cosa? Che c’è?
hç @ n (v.) prendere
hç@n wàrì là prendi i soldi
hç @ rç $ n (n.) nobile
hç@rç$n ní ¯ àmakalà i nobili e gli
uomini di casta
sàyà tE$ hç@rç$n dòn la morte non
risparmia nessuno
hç @ rç nkE $ (h çrçn + kE; n.) nobile
hç@rçnkE$ yE$rE$ wólò kà d ç@g ç$ i veri
nobili sono pochi
117
hç @ rç nyà (n.) nobilità
b [email protected] tE$ h ç@rçnyà sç$rç$ non tutti
acquisiscono la nobilità
nùgù lànkolòn tE$ h ç@rçnyà dòn la nobiltà
è l’ultimo pensiero di una persona con lo
stomaco vuoto
118
I
í
1 (pron.) tu, tuo
2 (imp.) si
í nà ú fó à yé tu li saluterai per me
í kà fínì il tuo tessuto
í músòw le tue mogli
íkò (cong.) come
à b [email protected] íkò fàtç$ è come un pazzo
wárabilén t’à nún fíyE$ íkò m ç@g ç$ la
scimmia non si soffia il naso come
l’essere umano (prov.): ognuno ha il suo
stile di vita
íbilisà (n.) spirito del diavolo
íbilisà b [email protected] à fàrì là ha lo spirito del
diavolo in corpo
írisikàn (n.) lingua russa
à dénw dà má ¯E$yà írisì kàn là i suoi
figli non parlano bene il russo
ísamE $ (n.; dal francese) esame
à jà b [email protected] kà wúli ní ísam E$ là è spaventato
per il suo esame
ízinì (n.; dal francese) fabbrica
à fá b [email protected] ízinì bàarà là suo padre lavora in
fabbrica
ízinibaarakE là (izini + baara +
kEla; n.) operaio
izinibaarakElàw ní bànanw kúntàn
tE$ bàn gli operai sono sempre
vittima di strane malattie
ízinitigì (izini + tigi; n.)
industriale
ízinitigiw b [email protected] [email protected] Emà kà g E$lE$ tutti
gli industriali sono avari
íyò (inter.) sì
Fànta! Fànta! íyò! Sì!
ínì (loc.) saluto
ínì sç@gçmà buongiorno (dalle 8 alle
12)
ínì sú buonasera (quando fa notte)
ínì wúlà buonasera (quando è pomeriggio)
ínì tílén buongiorno (dalle 12 alle 15)
íni fàmà è molto tempo che non ti
vedo (saluto che si rivolge a qualcuno che non si vede da tempo)
íní tàamà bentornato (saluto che si
rivolge a qualcuno che torna da un
viaggio)
ínì cé grazie
119
K
kà (morf.)
kà dòn à kàn, ká bç@ nà yé entrare a casa
di qualcuno ed uscirne per raccontare i
suoi segreti ad altri: una tipica frase che
usa una persona che ha ospitato
gentilmente qualcuno che, per tutto
ringraziamento, parla male di lei
kà dúminì tóbi cucinare il cibo
ká (morf.)
ní fóronto kà fàrì kç@sçb E$ questo
peperoncino è molto forte
à fàri kà núgù la sua pelle è liscia
ká (morf.)
k’án sí passiamo la notte in pace
kà (suff.) indica la popolazione
yànkàw gli abitanti del luogo
Italikàw gli abitanti dell’Italia
kàabà (n.) santo altare dell’Islam
sílam E$w b [email protected] kàn kà kàabà yé Sín kélén
tutti i musulmani devono vedere il santo
altare dell’Islam
almeno una volta
káadç $ (n.) Dogon
káadç$ kà dúgù yé Bàgiangara yé il
villaggio dei Dogon è Bandiagara
káafirì (n.) pagano, ateo
káafirì kà físà díliriwalé yé l’ateo
è meglio dell’ingrato (prov.)
káafiriyà (káafiri + ya; n.)
paganesimo
kàafiriyà ní sílam Eyà kà jàn
¯ç$ngonà il paganesimo è ben
lontano dall’Islam
káamà (agg.) non brillato: riso,
fonio
màlo káamà il riso non brillato
káarà (n.) stuoia di paglia
grossolana
sànji yé káarà b [email protected] tí¯E$ la pioggia
ha rovinato la stuoia di paglia
kàaratanké (n.) gli abitanti del
Kaarta (regione del Nioro)
kàaré (n.; dal francese) corriera
ní kàaré kà súmà kójugu questa
corriera è lenta
120
káarí (n.) catarro
à yé káarí tún à sén kàn lett.: si è sputato
il catarro sul piede
káari (inter.) per niente, affatto
à kó káarí, à tE$ ní dénnì [email protected] ha detto che
non ama affatto questa ragazza
kàarí (v.) essere generoso, rinunciare
volontariamente a qualcosa senza
rimpianti
à tE$ kàarí non rinuncia a nulla
à kàarilen dòn è generoso
à kàarilà à kà nàfolo b [email protected] là ha
rinunciato a recuperare tutti i suoi crediti
kàarincì (kàari + nci; agg.) molto
generoso
mç@g ç kàarincilen dòn è una persona
molto generosa
kàbà (n.) granturco
ú yé kàbà tó díla bí hanno cucinato la
polenta di granturco
kàbà (n.) eczema, tigna
ú y’à kà kàbà fúrakE$ ní fárifin fúrà yé
hanno curato il suo eczema con le
medicine africane
kàbà jE$ specie di dardo
kàbà fìn specie di lebbra
kàbà (n.) cielo
kàbà fínna il cielo si è oscurato
kàbà kúlo là il cielo tuona
kábà (n.) pietra
ú yé bàbili kábà fç@lç dà hanno posato la
prima pietra della diga
kàba (v.) stupirsi
à b [email protected] kàbà fín b E$E là si stupisce davanti a
qualsiasi cosa
kàbadensà (kàba + densa; n.) tipo di
serpente velenoso che si trova tra le rocce
à yé kàbadensà yé fàrà júkçrç$ ha visto
un serpente velenoso sotto la pietra
kàbafin (kaba + fin; n.) nuvole
kàbafin b [email protected] kà càya, sàn b E$ nà ci sono
tante nuvole, pioverà
kábakó (kaba + ko; n.) cosa
straordinaria, meraviglia
kábakó fílE$ d E$ ecco una cosa
straordinaria
kábakó m ç@gç una persona
straordinaria
kàbakoló (kaba + kolo; n.)
firmamento
à ¯E$ b [email protected] kàbakoló là i suoi occhi
sono sempre sul firmamento
kàbakç rç là (kaba + kç rç la; n.)
sotto l’ascella
kúrú b [email protected] à kàbakçrç là ha un
foruncolo sotto l’ascella
kàbakç rç sì (kaba + kçrç + si; n.)
peli sotto l’ascella
à kàbakçrçsì càyara i suoi peli
sotto l’ascella sono cresciuti
kàbakulù (kaba + kulu; n.) tuono
à b E$ síran kàbakulù ¯E$ ha paura
del tuono
ní túló géren mà kàbakulù kàn m E$,
ní sàn b [email protected] nà à kàn, à b’ó m E$n se il
sordo non sente il rumore del tuono,
quando verrà la pioggia lo sentirà
(prov.)
kábakurùn (kaba + kurun; n.)
pietra dura
kàbila (n.) grande famiglia,
lignaggio
ú kà kàbila dç@n en dón kç@sçb E$ la
loro grande famiglia è conosciuta
bene
kàbiní (cong.)
da molto
molto prima
da
appena
da quando
kàbiní í mà wólo, n) b [email protected] féeré là
vendevo prima che nascessi
à kùnkolò b [email protected] à dími kàbiní kúnu ha
mal di testa da ieri
kàbiní fç@lç fçlç$ dall’inizio
121
kàbiní à nàna, màngàn càyarà da
quando è arrivato, sono iniziati i litigi
káburú (n.) tomba
[email protected] b [email protected] kúra cE$ kà ¯ i, fç@ kàburú kúrà
tutte le nuove cose sono belle tranne una
tomba nuova (prov.): la morte fa sempre
male
káburudón (káburu + don; n.) cimitero
káburudón tàgalí b [email protected] m ç@gç$ hàkili tón Alà
là andare al cimitero ti fa ricordare che
Dio esiste
kájE $ (n.) toeletta femminile: trucco,
cipria
jànjigì músò kà kájE$! la toeletta di una
grande seduttrice!
kàfà
1 (v.) essere superbo
2 (n.) superbia, orgoglio
à kàfalèn dòn fó à kà sá è superbo da
morire
kàfà b E$E à kà kò là si nota una superbia
nelle sue cose
káfé (n.; dal francese) caffè
dàn tE$ à kà káfe kó là gli piace troppo il
caffè
káfekE là (kafe + kEla; n.) caffettiera
à kà káfekElà tí¯Enà la sua caffettiera è
rotta
kàfesílàn (kàfe + silàn; n.) macinino
à mà kà kàfesilan yé non ha visto il suo
macinino
kàfò
1 (n.) regione, cantone
2 (v.) aggiungere, addizionare
à b [email protected] Màli kàfò b E$E dòn conosce tutte le
regioni del Màli
à kàfò à là! aggiungi!
kàfotigì (kafo + tigi; n.) capo cantone
kàfotigìw càman b ç@ra ù kà dúgù là ci
sono tanti capi cantoni che sono venuti
dal loro villaggio
kàfolan (kafo + lan; n.)
congiunzione
bàmanan kàn kàfolan yé jóli?
quante congiunzioni ci sono nel
bambara?
kàfolèn (kafo + len; n.) segno
dell’addizione (+)
ù mà tìlà kàfolèn dégelì là non
hanno finito di imparare il segno di
addizione
kàfoli (n.) addizione
kàfoli kà n ç@gç à mà ha
dimestichezza con l’addizione
káka
1 (v.) chiocciare
2 (n.) lima
SE$ b E$ káka la gallina chioccia
à kà kákà dà góyara la sua lima
non è più tagliente
kàkakà (v.) scoppiare a ridere
à yE$lElà kàkakà è scoppiato a
ridere
kàkalà (agg.) vizioso, dissoluto
wàrabilèn tE$ wùlù kàkalà dòn la
scimmia rossa non riconosce un
cane dissoluto (prov.): si ha sempre
paura di un nemico, anche se
debole
kàkalayà (kakala + ya; n.)
dissolutezza, depravazione
í kàna í yE$rE bíla kàkalayà là non
lasciarti andare alla depravazione
kàkalawo (n.; dal francese) cacao
ìvoirièn kà fç@ kó kàkalawò màndi à
yé mà ní ¯ç@gòn yé mai visto un
ivoriano che dice che non ama il
cacao
kàlà
1 (n.) gamba
bastoncino
stelo
bastone
122
manico
senso
2 (v.) essere al corrente
¯ç@n kàlà gambo di miglio
jélekalà manico
kàlà sí tE$ à kà kúmà là le sue parole
sono senza senso
b E$E tùn b E$ ní kó kàlà mà tutti erano al
corrente di questa cosa
kç@lòn kàlà pestello
fç@li kàlà bacchetta del tam tam
bólo kàlà braccio (arto)
¯ç@n mín b [email protected] ¯ àn, à b E$ dòn à kàlà fE$ il
miglio che crescerà bene, si riconosce dal
manico (prov.): si prevedono gli sviluppi
di una cosa in funzione dal suo stato
presente
jE$g E ní kàlaka ù b E$ mìn E ¯ç@gon [email protected],
nkà ù tE$ dún ¯ç@gon fE$ il pesce e le
impurità sono pescati insieme, ma
non li si mangia insieme (prov.): si
può dividere il buono dal cattivo
dúnan nàlen, ú yé kàlakaw làb ç$
quando gli ospiti sono arrivati,
hanno portato fuori i letti di paglia
kàla (v.) cucire
à kà fìnì mà kàlà kà ¯ àn il suo vestito
non è stato cucito bene
fìni fàra b [email protected] kàl, fìni kç@rç tE$ sé kà kàla si
cuce lo strappo di un vestito nuovo, ma
non quello di un vestito consumato
(prov.): quando una situazione sfugge di
mano, non si può più controllarla
à yé à fà dà kàlà ha cucito la bocca di
suo padre: ha impedito con la magia di
far parlare suo padre
kàlamE nE (kala + m En E; n.)
strabismo
è kà ¯E$ yé kàlamin E$ dòn guarda i
suoi occhi, è lo strabismo
kàlabagancì (kala + baganci)
1 (n.) bugiardo
2 (agg.) recalcitrante
tì¯E tE$ b ç@ kàlabagancì dà là la verità
non esce dalla bocca del bugiardo
à yé kàlabaganciyàkE$ ní kó là è
diventato recalcitrante davanti a questa
cosa
kàlabagancì fE$ bàro màndì non è
piacevole chiacchierare con un bugiardo
kàlabi¯ E $ (kala + bi¯E; n.) freccia
à kà kàlabi¯E$ dà góyarà la punta della
sua freccia non è tagliente
kàlakà (n.)
ramoscello di paglia
letto di paglia
impurità
kàlakà kà càn à kà ¯ç@n là ci sono tante
impurità in mezzo al miglio
kàlalikE là (kalali + kEla; n.) sarto
kàlalikElà mà tìla à kà fíni là il
sarto non ha finito di cucire il suo
vestito
kàlamà (kala + ma; n.) bastoncino
à yé kàlamà tìg E$ jírì là ha tagliato
dei bastoncini dall’albero
kàlàn
1 (n.) istruzione
insegnamento
corso
lettura
esperienza
studio
2 (v.) istruire
leggere
à dénw b E$E kàlàn nà tutti i suoi
figli hanno studiato
mç@g ç tE$ kç@rç kàlàn mà non si è
mai troppo vecchi per studiare
í b E$ sé kà ní kàlàn wà? riesci a
leggere?
kààn fç@lç$ l’insegnamento
fondamentale
à kE$ra n E$ là, b E$ mç@g ç$ kàlàn non
c’è miglior maestro nella vita che
l’esperienza
kàlan (agg.)
caldo
veloce
jí kàlan acqua calda
à kà kó b [email protected] kà kàlan fa tutte le sue
cose in modo veloce
123
kàlanbaga (kalan + baga; n.)
studente
lettore
giornale del Mali
kàlanbagaw mà càn ní dúgu là non ci
sono tanti studenti in questo villaggio
à yé kàlanbagaw b [email protected] féré ha venduto
tutti i giornali “Kàlanbaga”
kàlansèn (kalan + sen; n.) lezione
à kà kàlansènw b E$E, b [email protected] fàmuyà
tutte le sue lezioni si capiscono
kàlanbali (kalan + bali; n.) analfabeta
kàlanbali càyara ú kà dúgu là ci sono
tanti analfabeti nel loro villaggio
kàlansò (kalan + so; n.) aula,
classe
ní dúgu kàlansò b E$E fE$rElèn dòn le
aule di questo paese sono grandi
kàlanbaliya (kalan + baliya; n.)
analfabetismo
kàlanbaliya kç@sç@ ú kà dúgú tç@ra kç@fE è
l’anafabetismo che ha ritardato lo
sviluppo del loro paese
kàlandén (kalan + den; n.) allievo,
apprendista
à kà kàlandenw b E$E, [email protected] m ç@g ç yé tutti
i suoi allievi sono diventati qualcuno
kàlandensç mç gç (kalanden + sçm çgç ;
n.) genitori degli allievi
ù yé kàlandensçm çg ç@w wéle bí oggi,
hanno chiamato i genitori degli allievi
kàlanjE (kalan + jE; n.) studi senza
specializzazione
à tàara ìtali kàlanjE$ là è andata in Italia
per degli studi senza specializzazione
kàlankalan (agg.)
a righe
ruvido (la pelle)
ì fàri kàlankalàn là, tùlu mún la tua pelle
è diventata ruvida, metti della crema
à kà dúloki kàlankalanèn dòn il suo
vestito è a righe
kàlankE la (kalan + kEla; n.) studente,
tirocinante
à yé kàlankElà d ç@ bíla ù kà yç@rç là ha
messo un tirocinante al suo posto
kàlankE yç rç $ (kalan + kE+ yç rç ; n.)
scuola, università
kàlankEyçrç$ ¯úmàn dòn è una buona
università
dènmsenì kà kàlankEyçrç$ fílE$ ecco la
scuola dei bambini
kàlansirà (kalan + sira; n.)
istruzione
à kà kàlansirà nç@g ç yarà la sua
istruzione è stata facilitata
kàlantàn (kalan + tan; agg.) senza
interesse, insignificante
kùmà kàlantàn d E$ b [email protected] à dà kç@nòn
escono dalla sua bocca solo parole
insignificanti
kàlanyç rç $ (kalan + yçrç ; n.)
scuola
dòn gó dòn túlò b E$ tàa kàlanyçrç$
là ogni giorno l’orecchio va a
scuola (prov.): non si finisce mai di
imparare
kàlacE $ (kala + cE; n.) pulizia dei
campi prima della semina
ù b E $ kàlacE$ là stanno mettendo in
sesto il campo
kàlalì (kala + li; agg.) cucito
à kà kàlalì n ç@ b E$ dòn si riconosce
sempre il suo cucito
kàlasirà (kala + sira; n.) cucitura
é kà, gàri yé, à kà kàlasirà là!
guardate il filo nella sua cucitura!
kálé (n.; dall’arabo) kajal
à yé kálé dà ha usato il kajal
ní kálé kE$rà ¯E$ mìn nà, sàfùn E$kún
kélén t’ó jE$yà una sola scaglia di
sapone non basta per pulire bene un
occhio truccato con il kajal (prov.):
quando una donna ha cominciato a
fare la bella vita, è difficile farla
ragionare
kálé múgù kajal in polvere
kàlé (v.; dal francese) incastrare,
bloccare
124
à yé n E$g E kE$, kà kàlé ha usato il ferro
per bloccarlo
à kà SE$n ìn kàlé là la sua cerniera si è
incastrata
kàlekàlé (kale + kale; n.) scala
à yé kàlekàlé bç@ fén Etrì júkçrç$ ha
spostato la scala sotto la finestra
kálemurù (kale + muru; n.) coltello a
serramanico
kálemurù b [email protected] dònsokE$ b [email protected] bólò tutti i
cacciatori hanno un coltello a
serramanico
kàlesòn (n.; dal francese) slip da uomo
hàn! a tE$ à cE$ kà kálesòn kó! ma come!
Non lava gli slip di suo marito!
kàlì (v.)
giurare
scommettere
gàlon dòn, í kànì kàli ì bà là è falso, non
giurare su tua madre
ì kàli [email protected] E$ là! scommetti mille franchi !
ní t’à [email protected] m ç@g ç kà kàli í fá là, í fànà kànà
ì kàli m ç@gç tà là se non vuoi che si giuri
sulla testa di tuo padre, non giurare sulla
testa del padre di un altro
kàlifà
1 (n.) califfo (del profeta)
affidamento
2 (v.) affidare
à y’é à kà mìnàn kàlifà à mà gli ha
affidato i suoi bagagli
kàlifà kà g E$lE$ l’affidamento è una
grande responsabilità
à yé ní kó kàlifa Alà mà ha affidato
l’esito di questa cosa a Dio
mç@g ç tE$ sògosù kàlifà súrukù là non si
affida il cadavere di un animale alla iena
(prov.): non fidarti delle persone che non
meritano la tua fiducia
kàlikasiyE $ n (kali + kasiyEn; v.) giurare
su tutti i santi
à b E$ kàlikasiyE$n d ç@ròn d E$ là non fa altro
che giurare su tutti i santi
kàlikàn (kali + kan; n.) promessa,
parola data
k’í kàlikàn b ç@ dare la propria
parola
à y’à kàlikàn dí ha dato la sua
parola
kàlilì (kali + li; n.) imprecazione
kàlilì càmàn b [email protected] kà b ç@ à dà là dalla
sua bocca escono tante
imprecazioni
kálimà (n.; dall’arabo) parola
à yé kálimà fílà fç@ ha detto solo
due parole
kàlimù (n.; dall’arabo) penna
d’oca
à térìw yé kàlimù ¯ úmàn dí à mà i
suoi amici gli hanno regalato una
bella penna d’oca
kàlité (n.; dal francese) qualità
ní fínì kàlité mà ¯ ì questo tessuto
non è di buona qualità
kàliyà (n.) ulcera
fórotò dún b [email protected] í kà kàliyà júguyà il
peperoncino peggiora la tua ulcera
kàliyabonbòn (kaliya + bonbon;
n.) specie di malattia della pelle
caratterizzata da brufoli che
causano prurito
kàliyabonbòn b [email protected] fúrakE$ ní jàbà jí
yé questa malattia della pelle va
curata con la cipolla
kàliyakurù (kaliya + kuru; n.)
ganglio
fúrà yé à kà kàliyakurù b E$E cí la
cura ha sgonfiato tutti i suoi gangli
kàlò (n.)
luna
mese
mestruazioni
kàlò b ç$ il sorgere della luna
kàlò bìn il tramonto
kàlò jE$ chiaro di luna
kàlò kùrà luna nuova, novilunio
kàlò fìlà due mesi
125
kàlò dámin E$ l’inizio del mese
kàlò jç@ l’inizio di un nuovo mese
kàlò sà fine del mese
à yé à kà kàlò yé le sono venute le
mestruazioni
ní sàn tí¯Enà, jàtè tE$ kàlò mà quando
l’anno è rovinato non si tiene più conto
dei mesi (prov.): una grande disgrazia fa
dimenticare i piccoli problemi
l’ha respinta
ní y’é kàmalenkçrç$ fílà kE$lEtç$ yé
múgàn nç@fE$, tàn ní dúurù kó b [email protected]
kélén kç@nòn se due ragazzi litigano
per cento franchi, significa che uno
di loro vuole averne settantacinque
(prov.): normalmente ognuno dei
due deve averne cinquanta, ma è la
cupidigia di uno che porta alla lite
kàlodibì (kalo + dibi; n.) notte fonda
ì b E$ tàamì nì kàlodibì là? dove vai a
notte fonda?
kàmalenbà (kamalen + ba; n.)
dongiovanni
kàmalenbà kà pàrfin kàsà! che
profumo da dongiovanni!
kàmalenbà làbàn yé nàtigawçrç$ yé
tutti i dongiovanni finiranno per
sgusciare le arachidi (prov.):
qualsiasi dongiovanni finirà per
piegarsi alla volontà di una donna
kàlomusò (kalo + muso; n.) Venere
à yé kàlomusò jìrà à dèn là ha mostrato
Venere a suo figlio
kàluwà (n.; dall’arabo) isolamento
spirituale: nella religione musulmana,
isolamento spirituale che si fa per tre o
sette giorni senza mangiare, soltanto
pregando; durante questi giorni le
richieste a Dio hanno esito positivo.
à b E$nkE$ dóné kàluwà là, à kà dúsukasì
bànàn quando suo zio è entrato in ritiro
spirituale, tutti i suoi problemi sono finiti
kàmà (prep.)
a causa di
verso
contro
à nàna à kà júrù kànì kàmà è venuto per
riscuotere il suo credito
ù yé m ç$gç$ bìlà à kàmà ha messo la
gente contro di lui
à fà yé màrifà táa [email protected]ì kàmà suo padre
ha puntato il fucile contro il giovanotto
mùn kàmà? per quale motivo?
kàmabulòn (kama + bulon; n.) casa
sacra dove sono conservate le reliquie
della storia antica
mç$g ç$ gànsàn tE$ dòn kàmabulòn kç$nòn
una persona normale non entra in una
casa sacra
kàmalèn (kama + len; n.) giovanotto:
soprattutto ragazzo vigoroso
kàmalèn kç@rç$ un fusto
à kàmalèn yé à bàn à là il suo ragazzo
kàmalen¯à (kamalen + ¯ a; n.) età
adulta, imprudenza dovuta all’età
adulta
cE$kçrçbà sí kà càn ní kàmale¯ à yé
la vecchiaia è più lunga dell’età
adulta (prov.): gli anziani hanno più
esperienza degli adulti
kàmàn (n.) ala
kç@nón kàmànw le ali dell’uccello
à kàmàn wúlilén ha le spalle alzate:
(prov.) ha la puzza sotto il naso
ní b E$E [email protected]à wórò yé, m ç@gç$ sí tE$ kE$
kàmàn yé se tutti sono la coscia,
nessuno sarà l’ala (prov.): non
possono essere tutti capi
kàmankç rç là (kaman + kçrç la;
n.) ascelle
à kàmankçrçlà kàsà! la puzza delle
sue ascelle!
kàmankç rç sì (kaman + kçrçsi; n.)
peli sotto l’ascella
ní ¯ ónsusulàw y’ú kàmankçrçsì
dógó ¯ç@gón nà, ¯ç$n tE$ jE$ se le
donne che pestano il miglio nel
mortaio si nascondono a vicenda i
peli sotto le ascelle, allora il miglio
non verrà bene (prov.): in un
126
gruppo ognuno deve dare il suo
contributo
kàmankùn (kama + kun; n.) spalla
¯E$mùn dàn yé kàmankùn yé il limite
dove può girare l’occhio è la spalla
(prov.): c’è un limite a tutte le cose
kàmì (n.) faraona
kúngò kàmì la faraona selvatica
bç@bç@ kàmì la faraona domestica
kàmì sógó carne di faraona
kàmì b E$ ¯Em çg ç$ tç@n fílE$ la faraona
guarda la nuca della persona che la
precede (prov.): i bambini guardono e
imitano i loro genitori
kàmí
1 (n.) brace
2 (v.) essere ardente
tàsumà kàmí brace
tàsumà kàminà il fuoco è ardente
kàmikò (n.; dal francese) motocicletta
à b [email protected] k’à lìn [email protected] n’à kà kàmikò yé si sta
dando delle arie con la sua motocicletta
kàmisç lì (n.; dal francese) camicia
à k’à kàmisçlì b E$ kà d ç@g çyà à mà la sua
camicia sta diventendo stretta
kàmiòn (n.; dal francese) camion
à k’à kàmion b E$E b [email protected] kà wàri làdòn tutti
i suoi camion stanno fruttando bene
kàmusì (n.; dall’arabo) lessico,
vocabolario
í b E$ nà yé, à kà bàmanàn kàmusì b [email protected] nà
¯ àn vedrai, il suo vocabolario in
bambara sarà fatto bene
kàn (prep.) sopra
cE$ bínnà à kàn l’uomo l’ha aggredito
à jíginàn ù kàn è diventato loro ospite
à yé sàkì bílà dílàn kàn ha depositato la
borsa sul letto
dç$ fàràn ní kàn aggiungi un po’
kán (n.)
collo, gola
suono, rumore
lingua
parola
stato
bàrà kán il collo della zucca
ní dónnà jí là kà sé í kán là, ó yé í
fángà bànnén yé se si entra
nell’acqua e la si ha fino al collo
significa che si è senza forza
(prov.): quando si è dentro una storia
fino al collo difficilmente se ne esce
fuori
kàsi kán i pianti
ní jélimusó kán kà dí questa “griot”
ha una bella voce
ítalièn kán l’italiano
à yé à kán dí à mà gli ha dato la
sua parola
kúlén kán le grida
júru b [email protected] à kán là ha un debito
à kán sísilén dón ha la voce roca
í kán b [email protected] à lé dé mà? parli di lei?
kàn
1 (agg.) uguale
necessario
2 (v.) meritare
dovere
essere d’accordo
ú kàn b E$nnà ò kàn si sono messi
d’accordo
à b E$ kà kà$n n E$ mà per me è lo
stesso
àn b E$ kà kàn siamo tutti eguali
í m’à kàn k’í kç@rç@ d ç@gç yà non devi
insultare tua sorella
í k’à kàn ní h [email protected]$ yé meriti questa
felicità
kànà (ausiliare dell’imperativo
negativo) í kànà kàsì non piangere
kànbilà (kan + bila; v.) chiamare
à yé à kànbilà à mà l’ha chiamato
kànbolofarà (kan + bolo + fara;
n.) dialetto
hàli à dén kélen tE$ ú kà kànbolofara
fç@ nessuno dei suoi figli parla il
loro dialetto
127
kànbç$ (v.) lanciare un appello,
rivolgersi
dúgutì yé à kàn b ç@, b [email protected] kà jíri tù il capo
del villaggio ha lanciato un appello: che
tutti piantino gli alberi
kàndimi (kan + dimi; n.) torcicollo
à m’à dà kà ¯ àn, à kà kàndimi wúli là
non ha dormito bene, ha di nuovo il
torcicollo
kànjE $ (n.)
verità
lingua standard
kànjE$ d ç@rçn dé b [email protected] b ç@ à dà là dice solo
la verità
kánjabanà (kan + ja + bana; n.) var.
kánfasajabana meningite
kánjabanà b [email protected] fí¯E$ bílà m ç@g ç$ là la
meningite lascia dei postumi
kànjurù (n.) redini
à sò kànjurù sàmà tira le redini del
cavallo
kànfilatç $ (kan + fila + fç ; n.)
spergiuro
kànfilatç$ bélebelé! è uno che non fa
altro che spergiuri!
kànfilamE $ n (kan + fila + m En; n.)
bilinguismo
à dén yé kànfilam E$n kàlàn suo figlio è
bilingue
kànfilenìn (n.) esofago
fúrakElilàw kó kà kànfilenìn kà màgà il
dottore gli ha detto che ha l’esofago
molle
kàngà
1 (n.) spugna
bava
schiuma
2 (v.) insaponare
à yé fínì kàngà ha insaponato i vestiti
sàfen E$ kàngà la schiuma del sapone
wòlobaà yé sàfun E$ yé, ò tE$ kàngà kà bàn
la mamma è come il sapone, non smette
mai di fare schiuma (prov.): il cuore di
una madre è un abisso in fondo al
quale si ritrova sempre il perdono
(H.Balzac)
kàngajì (kanga + ji; n.) acqua con
schiuma
jà, à dèn yé kàngajìi mìn, ó d E$
kç@n çdimì b E$ à là ecco perché suo
figlio aveva mal di pancia, aveva
bevuto dell’acqua con la schiuma
kàngalibà (n.; dal francese) var.
kínkelibà “quinqueliba”, specie di
tè
à kélén kà sún tíg E$, à yé kínkelibà
mín quando ha finito il digiuno, ha
bevuto il tè
kàngarimadà (kangari + mada)
1 (v.) mettere in guardia
prevenire
2 (n.) monito
à y’à kàngarimadà: à kàna m E$
kE$n Em E$ l’ha messo in guardia di
non stare troppo fuori
à kà kàngarimadà làm E$ ascolta il
suo monito
kánì
1 (v.) riscuotere un credito
2 (n.) tassa
júrù tE$ kání súfE$ non si riscuote un
credito di notte (prov.): di notte è
difficile trovare i soldi, quindi la
troppa insistenza nel riscuotere un
credito può degenerare in litigio
kànkeletigí (kankele + tifgi; n.)
persona che tiene fede ai suoi
impegni, una persona di parola
kànkeletigí dòn, í nà [email protected] sé kà bàrrà
è una persona di parola, può lavorare
con lui
kánkodç nnà (kanko + d çnna; n.)
linguista
kánkodçnnàw yé bámanankàn
sáriyà sígì i linguisti hanno
stabilito le regole del bambara
128
kánkodç nniyà (kanko + d çnni + ya; n.)
la linguistica
à fà b [email protected] kánkodçnniyà kàlàn m ç@g ç$ kún
suo padre insegna linguistica agli altri
kánkolò (kan + kolo; n.) l’osso del
collo
à fàsarà fó kà kánkolò b ç@ è talmente
dimagrito che gli si vedono le ossa del
collo
kánkolosigì (kankolo + sigi; n.)
grammatica, struttura linguistica
kánkolosigì sàriyà le regole della
grammatica
kànkç rç sigì (kankçrç + sigi; n.)
assistente
vice
consigliere
dúgutigì yé à kà kànkçrçsigìw wélé il
capovillaggio ha chiamato i suoi
consiglieri
kànmadà (kan + mada; v.) sottomettere
[email protected]çrçbà kó: músò kàn kànmadà à cE$ yé
l’anziano disse: la donna deve
sottomettersi a suo marito
kánkç rç talàn (kan + kçrç + talan; n.)
altoparlante
ú ká kánkç rç talànw tì¯E$ nà, mùsik tE$ m E$
l’altoparlante è rotto, non si sente più la
musica
kánmE nbalì (kan + m En + bali; agg.)
disobbediente
í mà fç@ k’í yé kánm Enbalì yé, í b’á yé
vedrai, vedrai, rimani disobbediente!
kánnabç $ (kanna + b ç ; v.) mettere un
recinto intorno alla casa
à yé à kà só kánnabç$ ha fatto un recinto
di protezione per la sua casa
kánnajalà (kanna + jala; n.) cravatta,
“foulard” messo intorno al collo
í mà kà kánnajalà, bç@g çlan yé? hai visto
la sua cravatta di “bogolan”?
kànnakç nç $ n (kanna + kçn çn; n.)
collana di perle
à kà kànnakçn ç$n tíg Erà la sua
collana di perle si è rotta
kánakolón (kana + kolon; agg.)
nudo
ì kánakolón kà nà bç@ non uscire
nudo
kánaminE $ (kana + min E)
1 (v.) prenotare
2 (n.) prenotazione
à yé ní sígiyçrç$ kánamin E$ ha
prenotato questo posto
kánjE @ (kan + jE; n.) suono
kán¯Ekalàn (kan + ¯E + kalan;
n.) lingua standard
kánE @ (n.) sillaba
kánEbarà (kane + bara; n.)
fonema
kánEbE rE kalàn (kan E + b ErE +
kalan; n.) fonologia
kánEkalàn (kan E + kalan; n.)
fonetica
kánsinamusò (kansina + muso; n.)
moglie del fratello dello sposo
(cognata)
à kánsinamusò yé à fó ní kç@nonjugù
yé la moglie del fratello di suo
marito l’ha salutata a malincuore
kánsisí (kan + sisi; n.) raucedine
ní yé jí mín gàlamà là, à b [email protected] kánsisí
fúrakE$ bere acqua da un cucchaio
di zucca secca cura la raucedine
kántalàn (kan + talan; n.)
registratore
sísàn, télefoné càmàn b [email protected] í nà fç@
kántalàn adesso tanti cellulari
funzionano come registratori
kántigE $ (kan + tig E; v.) sgozzare,
tagliare la testa
à yé bá kántig E$ ha sgozzato la
capra
129
kántó (kan + to; v.) dire, esclamare
à yé à kántó: à b [email protected] tàmì? ha detto: dove
andate?
kánú
1 (v.) amare
auspicare
2 (n.) amore
auspicio
ála kánú l’amore di Dio
ní [email protected] yé à dén kánú kç@sçb E$ quest’uomo
ha amato molto sua figlia
à yé à kánú, jàbì kà sç@rç$ jónnà ha
auspicato che i risultati arrivassero presto
kápitE nì (n.; dal francese) capitano
kàporalè (n.; dal francese) caporale
à dèn [email protected] kàporalè yé suo figlio è
diventato caporale
kápoté (v.; dal francese) distruggere
n) b’í kápoté d [email protected]! ti distruggerò!
kárà (n.)
sfortuna
pericolo
disgrazia
Alà [email protected]à, kárà b [email protected] à kç@ colui che
combatte Dio è perseguitato dalla
disgrazia (prov.): Dio punisce chi si
oppone alle sue volontà
ní í b [email protected] kárà mín nç@fE$, í b’à yé se cerchi
il pericolo, lo avrai
kárabà (kara + ba; v.) sforzare,
costringere
túmà sébalì, tE$ kárabà non si può
costringere il futuro (prov.): secondo la
nostra cultura non bisogna influenzare il
futuro tramite la magia nera, poiché
forzandolo si può andare incontro alla
disgrazia o, peggio, alla morte
kárabarà (kara + bara; n.) specie di
piccole zucche usate come salvadanaio
à kà kárabarà círà, kà wàrì b [email protected] jE$nsE$n la
sua zucca si è rotta e i soldi si sono sparsi
per terra
kàrabòn (kara + bon; n.) treno
ní kàrabò kà súmà kójugù questo treno è
molto lento
káradà (n.) carda
à yé kç@rì SíyE$n ní káradà yé ha
sbrogliato il cotone con la carda
káradàntè (n.; dal francese) carta
d’identità
à yé à kà káradantè jírà gàrdiyèn là
ha mostrato la sua carta d’identità al
custode
káramà (n.) rispetto
ú kà dú kç@non, m ç@gç$ b E$ kùnb E$ nì
káramà yé a casa loro, la gente è
accolta con rispetto
káramç gç $ (kara + m çgç ; n.)
insegnante, professore
“marabu”
kójugú yé káramçg ç$ yé una brutta
esperienza è un buon maestro
(prov.): sbagliando si impara
à kà káramçg ç$ yè gólò [email protected] E$n dà à
mà il suo “marabu” gli ha dato il
suo talismano
káramç gç yà (kara + m çgç ya; n.)
insegnamento
“marabutaggio”
b [email protected] [email protected] sé káram çg çyà là non tutti
sono in grado di fare il
“marabutaggio”
kárapilì (n.; dal francese)
delinquente
kárapilì bà dúsù tE$ súmàn la madre
di un delinquente non è mai
tranquilla
káranE $ (n.; dal francese) tessera
sanitaria
à yé à dén kà káran E$ dí vàcinasioné
jírà dç@kçtçrò là ha mostrato al
medico la tessera sanitaria di suo
figlio
kàraté (n.; dal francese) karatè
à dén b [email protected] kàraté [email protected] suo figlio fa
karatè
130
káratì (n.; dal francese) tesserino di
partito
káratí fç@yi t’à bólò non ha nessun
tesserino di partito
káratç $ (kara + tç , agg.) scavezzacollo,
imprudente
ní m ç@gç kó, kí yé káratç$ yé, í ní wárabà
mànà b [email protected], í ná í mérún una persona può
anche affermare di essere uno
scavezzacollo, ma se incontra un leone si
rannicchierà dentro un buco (prov.):
nella vita si trova sempre qualcuno più
forte
kárawasì (n.; dal francese)
frustino
specie di mèche
à yé kárawasì tà à dén kàmà ha preso un
frustino per picchiare suo figlio
à kó: kárawasì dón tE$ sílam Eya yé ha
detto che farsi le mèches nei capelli è
contrario all’Islam
káré (n.; dal francese)
quadro
fantasia a quadri
káré càmàn [email protected]à à kà gàlà fíni là ci
sono tante fantasie a quadri sul suo
tessuto tinto
kárí (v.) rompere, tagliare, sbrecciare,
rompere all’improvviso
ú yé ¯ç@n kárí hanno tagliato gli steli di
miglio
vE$rì dà kárí là il bordo del bicchiere si è
sbrecciato
àssiEtì bínnà kà kári à bólò il piatto è
caduto e si è rotto
n E$n E$ kárìlà à là il freddo l’ha colto
all’improvviso
kàrì (n.) domenica
n E$ wólolà kàrì dòn sono nato di
domenica
kárisà (agg.) qualcuno
kárisà mà nà wà? non è venuto
nessuno?
kárití (n.; dal francese) carta geografica
à dén yé àfrikì káriti désE$n suo figlio ha
disegnato la carta dell’Africa
káritç $ n (n.; dal francese) cartone
à yé káritç$n fàrà k’í dà à kàn ha
strappato il cartone e ci si è sdraiato
sopra
kàrò (n.)
piastrelle
truffa
à tE$ fóyì là kàròw kç@ non fa altro
che fare delle truffe
à yé à kà kárò b [email protected] sàn, Italì ha
comprato tutte le sue piastrelle in
Italia
kàrokaromà (karo + aroma; agg.)
a quadretti
fíni kàrokaromà dón è un tessuto
con disegni a quadretti
kàrçtì (n.; dal francese) carota
ní yé kàrçtì càyà nà là, à b [email protected] tímiyà
se metti tante carote nel sugo,
diventerà troppo dolce
kásà (n.)
coperta di lana
odore
kása b [email protected] [email protected] ní sàgasì yé la coperta
di lana si fa con la lana dell’agnello
à dà kása b ç@lén dón ha un alito
cattivo
à kà wúsulàn kásà kádí il suo
incenso ha un buon odore
kásà tòlí cattivo odore
jE$g E$ kásà kà g E$lE$n l’odore del
pesce è persistente
kása gómàn [email protected] kà bç@ à kà sàkì là
c’è un cattivo odore che proviene
dalla sua borsa
fín tólilén b [email protected] b [email protected] kàsà b ç@, n)ka
mç@g ç$ mín b [email protected] à tà wç@gçbà, à kása
b [email protected] sé yç@rç$ b E$E tutte le cose che
marciscono puzzano, ma colui che
mescola le sue fa spandere l’odore
dappertutto (prov.): i panni sporchi
si lavano in casa
kàsabakç rç $ (kasa + bakçrç ; n.)
zitella
131
è mà m ç@g ç sí fúru, fó kàsabakçrç$! solo
una zitella hai potuto sposare!
stamattina sta piangendo con dei
singulti soffocati
kàsabì (n.) totale, somma
ní wàri kàsabì yé wàtàn la somma dei
soldi è cinquanta mila cfa
fíla ní sàbà kàsabì, yé dúrù yé la somma
di due e tre è cinque
kàsó (n.) prigione
à kélén kà músò bç@g ç$ , ú y’à bílà
kàsó là dopo che ha picchiato sua
moglie, è stato imprigionato
kásadiyalàn (kasa + diyalan; n.)
profumo
à tE$ kásadiyalàn gánsàn [email protected] à là non
mette mai un profumo semplice
kàsobón (kaso + bon; n.)
penitenziario, prigione
ù tàarà dúminì dàmàn kàsabón là
gli hanno portato da mangiare in
prigione
kàsankalàn (n.) coperta di lana con dei
disegni colorati
à yé kàsankalàn ¯ úmàn sç@rç à kà kç¯ç$n
mínànw là ha trovato una coperta di lana
nel suo corredo
kàsolabilà (kaso + labila; n.)
incarcerazione
à kà kàsobilà [email protected], à kà dònbayà
kç@sç$ la sua incarcerazione è stata
fatta per le sue conoscenze
kàsanké (n.) lenzuolo funebre
ú yé Sú kó, kà [email protected] kàsanké kónòn hanno
lavato il cadavere e l’hanno messo nel
lenzuolo funebre
fE$ErE$ bç@ dàn yé, kàsanké yé non c’è
miglior vestito che un lenzuolo funebre
(prov.): si dice alle persone che amano
molto i vestiti
kàsoladén (kaso + laden; n.) sin.
kàsolamç gç @ prigioniero
kàsoladénw múritilà dúmunì là i
prigionieri si sono rifiutati di
mangiare
kàsatigE làn (kasa + tig Elan; n.)
deodorante
n’í y’í kó kà ¯àn, í màgó tE $kàsatig Elàn
nà se ti lavi bene, non hai bisogno di un
deodorante
kàsí (v.) piangere
kàsí dàbilà! smettila di piangere!
dç@ kà kàsí yé dç@ kà yE$lE$ yé ciò che fa
piangere qualcuno, fa ridere un altro
kàsikàn (kasi + kan; n.)
pianto
grido di animali
canto degli uccelli
kónòn kàsikàn b [email protected] fàn b [email protected] là il canto
degli uccelli si sente dappertutto
ní yé dén júm E$n kàsikàn yé? questo è il
pianto di quale bambino?
só b [email protected] kásí là il cavallo nitrisce
kàsikurù (n.) singulto soffocato
dépí sç@g çmà à b [email protected] kàsikurú là da
kàsoladón (kasola + don; n.)
imprigionamento
n’ tE$ síràn kàsoladón là non ho
paura dell’imprigionamento
kàsonkà (n.) Kasonke, etnia del
Mali
kàtà (n.) potassio
kàrisà ká kúnàn í kó kàtà è amaro
come il potassio (prov.): è di una
cattiveria senza limiti
kátí
1 (n.) volontà
energia
2 (agg.) spietato
testardo
ní dén kátí kà g E$lE$ questo bambino
è testardo
à y’à bàn kátí si è rifiutato in modo
categorico
kátí là m ç@gç bélébé! è una persona
piena di energia!
132
kátígE lE $ (kati + g ElE; agg.)
energetico, tenace
kátig El Edèn tE$ síràn fóyí ¯E$ una persona
tenace non ha paura di niente
kátigE lE yà (kati + g ElEya; n.) tenacità,
perseveranza
à yé kàtig ElEyà mín [email protected] ní kó là, ó dé y’à
tàa ¯ ín la sua perseveranza in questa
cosa l’ha portato al successo
kàyà (n.) testicolo, ernia ai testicoli
n’[email protected] í kàyà cí! ti rompo i coglioni!
(volgare)
kàyà bó ¯ àn ó bó ¯ àn, à jú b [email protected] [email protected] nà per
quanto grande sia il testicolo è fissato a
qualcosa (prov.): si dice di una persona
che si definisce indipendente mentre
dipende da qualcuno
kàyé (n.; dal francese) quaderno
àn kà dúgú là, b [email protected] tE$ k àyé sóngón sç@rç@
nei nostri paesi, non tutti hanno i soldi
per comprare un quaderno
kàyití (n.) carta
nàa ní kàyití yé, à b E$nnà lE$tErì sE$b E$n
porti la carta, deve scrivere una lettera
kégún (agg.) furbo, astuto
à kà kégún, í nà fç@ sònsàn è furbo come
una lepre
kégumàn fílà tE$ sé kà jín E$ bósó due
persone furbe non possono scuoiare il
diavolo (prov.): in ogni unione, bisogna
che una persona sia meno furba dell’altra
kégunyà (kegun + ya)
1 (n.) furbizia, astuzia
diplomazia
2 (v.) essere furbo, essere astuto
à kà kó b [email protected] b E$ [email protected] ní kègunyà yé tutte le
cose si fanno con astuzia
kègunyà kà físa fàngà yé la diplomazia
vale più della forza
sísàn à fànà kègunyarà adesso anche lui
è diventato furbo
kéké (n.) lisca, spina
jE$g E$ kóló yé à sç@g ç@ si è punto con una
lisca di pesce
kélé (agg.) geloso, invidioso
n’à yé m ç@g ç@ mín yé h E$rE$ là, à b [email protected]
kéléyà ó là quando vede una
persona felice, diventa invidioso
à b [email protected] kéléyà à músó là kç@sçb [email protected] è
molto geloso di sua moglie
kèlebè (n.) ferita cronica, cancrena
à kà ní kèlebè tE$ gàsàn yé, ú y’à bó
questa sua ferita non è una cosa
normale, gli hanno fatto un
sortilegio
kèlebètç@ b E$ yE$lE$ bà bósolén nà chi
ha una cancrena ride di una capra
scorticata (prov.): c’è sempre
qualcuno che soffre di più, meglio
avere un problema piccolo che uno
grande
kèlekelè (n.) grande formica che
ama lo zucchero
ní cE$sirí tùn yé [email protected]ç rç yé, kèlekelè
tùn b E$ dí¯E$ màrà se bastasse solo
la volontà nel lavorare per diventare
ricco, la formica comanderebbe il
mondo (prov.): spesso nella vita ci
vuole un pizzico di fortuna
kèlekelè (agg.) gracile
mùn dé yé kèlekelè? cosa ti ha fatto
diventare gracile?
kèlekú (v.)
inciampare
vacillare, traballare
à kèlekurà, kà b ç@ kà bín à dén ¯E$nà
è inciampato ed è caduto davanti a
sua figlia
à kà Alàkó mà délí kà kèlekú la sua
fede in Dio non ha mai vacillato
kélén
1 (agg.) uno
uno solo
unico
uguale
2 (avv.) già
3 (n.) unità
Alà yé dén kélén d E$ dùmà Dio gli
ha dato un solo figlio
133
ní nàmasaw b [email protected] yé kélén yé tutte le
banane sono uguali
à yé kélén kà à là è andato a letto con lei
(pop.)
tàn ní kélén undici
kélennamçgç @ (kelenna + m çgç ; n.)
persona solitaria
kélennamçg ç@ dón, kúma càmàn màndí à
yé è una persona solitaria, non ama
molto parlare
kélennató (kelen + nato; n.) sin.
kélenyà
solitudine
unità
kélennató kà càn fà[email protected] jàmanà kàn c’è
tanta solitudine in Europa
Afrikí jàmanaw yé ú kà kélenyà sígí i
paesi africani hanno rinforzato la loro
unità
kèndé (n.) bot. sorghum margartiferum,
sorgho rosso, varietà di grosso miglio
rosso
kèndé ¯ànàn ¯ ínàn è stata una buona
annata per il grosso miglio rosso
kéningé (n.) bot. sorghum gambicum,
grosso miglio
kéningé tíg Elí dàmin Enà bí è iniziato
oggi il taglio del miglio
kènkèn (n.) parte interna della mascella
inferiore, guancia
ní [email protected]à yE$lE$ fílà b E$nn E$n yé kènkèn nà
sono come due sorrisi sulla guancia
(prov.): si dice quando due belle notizie
arrivano nello stesso momento
képí (n.; dal francese) cappello
ù yé képí kúrà dí bàlontanà mà hanno
dato dei nuovi cappelli ai calciatori
kéré (n.) sesso femminine, clitoride,
vulva
músó kà fàngà b [email protected] à kéré dé bóló la forza
di una donna sta nel suo sesso
kèreketé (n.) lumaca
é kà yé bàara là, àlì kèreketé
guardate come lavora, nemmeno
una lumaca fa come lui
kérún (v.) lanciare, gettare
Bózó yé jç@ kérún il pescatore ha
lanciato la rete (nell’acqua)
késekelé (n.) ventriglio della
gallina
SE$ késekelé kó kà ¯àn pulisci bene
il ventriglio della gallina
kèteketenìn (n.)
piccola lumaca di acqua dolce
pezzo di carne cotto
beniamino
à y’è kèteketenìn b E$ sàló kà b ç@ nà
là ha tolto tutti i pezzi di carne dal
sugo
kE $ (part. enunciativa)
à fç@ kE$! dillo!
tìn ¯E$ dòn [email protected] è proprio vero
kE @ (v.)
fare, realizzare
diventare
trasformare
ú yé fúrú [email protected] à kç@fE$ si sono sposati
durante la sua assenza
à sérà kà ní kó kélén [email protected] è riuscito a
fare questa cosa
à fà [email protected]à présidènt yé suo padre è
diventato presidente
à [email protected]à dí? cos’è successo?
à yé dí [email protected] n ç@nòn nà ha messo del
miele nel latte
[email protected] m ç@gç@ fE$, mín b’í [email protected] ama le
persone che ti amano
kE $ f ìn (n.) condimento, spezia
ní nín kE$fín mà kE$ í kà nà là, à tE$ jà
se non metti questa spezia nel sugo,
non sarà buono
kE $ kE $ (n.) pettine con dei denti
larghi
à tE$ dígí í là, n) bE$ í kú pE$¯é ní kE$kE$
yé
134
non ti farà male, ti pettinerò con il pettine
a denti larghi
ú yé tàsumàn dòn kE$l4EkElànw là
hanno bruciato tutte le armi
kE $ lE $
1 (n.) guerra
litigio
battaglia
problemi
2 (v.) litigare, sbaruffare
abbuffarsi
kE$lE$ t’àn cE$ non ci sono problemi tra di
noi
kE$lE$ màn ¯ í la guerra non è una buona
cosa
ú kà kE$lE$ wúlilà hanno iniziato a litigare
músów yé ú kà kE$lE$ mínànw tàa le
donne hanno preso le loro armi di
seduzione (prov.): le donne si stanno
facendo belle
mç@g ç@ tE$ dòn kE$lE$ là n’à mà mùgú cíkàn
m E$n non si partecipa ad una battaglia
senza sentire lo scoppio dei fucili (prov.):
quando ci si integra in una società, si
accettano le sue regole
n) b E$ kàn lànb E$ ní kíní kE$lE$li là mi sto
preparando ad abbuffarmi di riso
kE $ lE kE là (kElE + kEla; n.)
avversario, nemico
kE$lEkElàw b E$E bólilà kà tàa tutti
gli avversari sono scappati
kE $ lE boló (kElE + bolo; n.) esercito
ú kà kE$lEbolò làb Enèn dòn il suo
esercito è ben preparato
kE $ lE dà (kElE + da; n.) campo di
battaglia
à dén fç@lç@ tórà kE$lEdà yç$rç@ là il suo
primo figlio è caduto sul campo di
battaglia
kE $ lE dén (kElE + den; n.) sin. kE $ lE cE $
guerriero, soldato
kE$lEcE$ fàrìn b’ì màgàn tç$gç tigiyé il
guerriero valoroso lascia che un’altra
persona più importante di lui si prenda il
merito (prov.): spesso sono i capi a
prendere i meriti delle persone brave che
hanno lavorato nell’ombra
kE $ lE jelí (kElE + jeli; n.) incitatore di
guerra
kE$lEjelì b E$E yé m ç@gç@ júgú yé tutti gli
incitatori di guerra sono cattivi
kE $ lE kE làn (kElE + kElan; n.) arma
kE $ lE kE lE $ (n.) bot. capsicum
annuum, peperoncino
à mùsó dìminèn à kç$rç$, à yé
kE$lEkElE$ càyà nà là sua moglie,
essendo molto arrabbiata con lui, ha
messo tanto peperoncino nel sugo
mç$g ç$ b E$ jç@n kE$lEkElE$ là, nkà à
dùrulà b E$ dç$g ç$ gírín si sminuisce
l’importanza del peperoncino, ma
ne bastano venticinque franchi per
mettere in subbuglio un mercato
(prov.): una piccola disputa può
assumere dimensioni gigantesche
kE $ lE kuntigì (kEl E + kuntigi; n.)
sin. k E $ lE masà capo di un esercito
in guerra
é mí yé kE$lEkuntigì yé, í jç@ í jç@yçrç@
là tu che sei il capo dell’esercito,
sii responsabile
kE $ lE mabolì (kElE + ma boli; n.)
diserzione
è t’ E$ màloyà ní kE$lEmabolì là? non
ti vergogni di questa diserzione?
kE $ lE mabolilà (kElEma + bolila;
n.) disertore
hàlì ì kà kE$ kE$lEmabolilà yé ó b E$ kà
físà ní nín yé diventare un disertore
è meglio che comportarsi così
kE $ lì (n.) coito, fare l’amore (pop.)
í t’ E$ sàbalì k’à kE$lì kE$ ní mùsó
kúntàn yé smetti di far l’amore con
donne di cattiva reputazione
k E $ mE $ (n.) cento
wòrò kE$m E$ sàrakà sacrifica cento
noci di cola
kE $ mE jatè (kEm E + jate; n.)
percentuale
kE $ mE sù (kEm E + su; n.) forbici
135
ní kE$m Esù dà kà gó queste forbici
tagliano male
kE $ mE tanyà (kEm E + tanya; n.) conto,
bamanan (termine arcaico)
kE $ n (n.) grasso animale, grasso della
carnae
í mà sógó ¯úmàn sàn, kE$n kà càn là non
hai comprato carne buona, c’è troppo
grasso
mùsalà kúmà tùlç lèn dòn, nkà kE$n tà là
le adulazioni piacciono però non hanno
grasso (prov.): non è tutto oro quello che
luccica
kE $ nE $
1 (n.) pube
posto pubblico
luce del giorno
2 (agg.) maturo
in buona salute
í b E$ Sì mín nà, í kE$n E$ kà kàn dógó alla
tua età, devi nascondere il pube
màngorò kE$n E$ il mango maturo
nç$nç$ kE$n E$ il latte fresco
à y’à kE$n E$ dún l’ha mangiato crudo
í kà kE$n E$ wà? come stai?
n) mà kE$n E$ bí non sto bene oggi
à y’à cE$ n E$n ín kE$n E$ kàn ha insultato suo
marito in pubblico
à kà tèrìn kúrà kE$n E$ yé... la superficie
del suo nuovo terreno è di...
ì kàn kí kó fúrà là ¯ àní kE$n E$ kà fàrà
devi lavarti con i medicinali africani
prima dell’alba
kà kE$n E$ mín E$ scappare
à mùsó kà kE$n E$ kç$k sua moglie è molto
in gamba
à kE$n E$- kE$n E$ kàrilà è stato tagliato in
anticipo (prov.): si dice di una persona
che è morta giovane
kE $ nE bagatç @ (kEn E + bagatç ; n.) una
persona in buona salute
kE$n Ebagatç@ t’à dòn kà y’à jà, fó à kà
bànàn una persona in buona salute non
capisce di essere fortunata finché non si
ammala
kE $ nE mà (kEn E + ma; avv.) fuori,
all’esterno
à cE$ b E$ kE$n Emà kúmab E$ suo
marito è sempre fuori
í yé kE$n Emanà fúrà wà? hai
scopato fuori?
kE $ n E siì (kEn E + si; n.) peli del
pube
à dòntç là kç@¯ onsolà, ú y’à kE$n Esí
dí le hanno rasato tutti i peli del
pube entrando nella camera nuziale
kE $ nE walawalà (kEn Ewala + wala;
n.) zona della savana dove non
cresce nessun albero
ní fúrà b E$ kò kE$n Ewalawala là ci si
lava con questo medicinale in una
zona deserta della savana
kE @ ¯ E $
1 (v.) essere incapace di
fallire
livellare, rendere eguale
essere sopraffatto
2 (n.) cera
à dù [email protected]¯ E$ là, ní kó là eppure ha
fallito in questa cosa
ní kó [email protected]¯ E$ dòn í mà wà? questa
cosa è al tuo livello?
ní túlú bínnà tàa là, [email protected]¯ E$ tE$ sé k’à
bç@ quando l’olio cade nel fuoco
non è la cera che lo può togliere
(prov.): due persone nella stessa
situazione non possono aiutarsi
Alà mà bòlokçní dà k’ù [email protected]¯ [email protected] Dio
non ha creato le dita della stessa
lunghezza: (prov.) si dice alle
persone che invidiano gli altri
kE $ ¯ Ekà (kE¯E + ka; n.) il Nord
ú tàrà kE$¯ Ekà fànfElE$ fàn sono
andati verso Nord
kE @ ¯ EkE @ (n.)
delinquente
fannullone
kó nç@g ç@ kà dí [email protected]¯ [email protected] yé al
delinquente piacciono le cose facili
à dén b E$ kà kE$ [email protected]¯ [email protected] yé suo
figlio sta diventando un fannulone
136
kE @ ¯ EkE @ yà (kE¯E + kEya; n.)
delinquenza
sú mà nà tàa ¯E$fE$, [email protected]¯ [email protected]à b E$ càyà
man mano che la notte avanza, c’è più
delinquenza.
kE $ rE $ (n.) lato
à yé dén sìrì à kE$rE$ là ha messo il
bambino al suo lato
à b’ E$ kà fílE$ n’à ¯E$ kE$rE$ yè lo sta
guardando di traverso
kE $ rE dimì (kErE + dimi; n.) dolore
intercostale
à kà kE$rEdimì kà júgú il suo dolore
intercostale è molto grave
kE $ rE fE $ (avv.) accanto
à y’à sígí à c’ E$ kE$rEfE$ si è seduto
accanto a suo marito
kE @ rE mú (kErE + mu; n.) ghiaccioli fatti
a base di latte e di polvere di frutta di
baobab
ní mà kE$rEmú dílà sísàn, à tE$ fç@rmé se
non prepari adesso i ghiaccioli non si
formeranno
kE $ rE nkE rE $ n (kErEn + kErEn)
1 (v.) mettere da parte
2 (avv.) particolarmente, soprattutto
n) yé nì màngorów kE$rEnkErE$n í yé ti ho
messo da parte questi manghi
à yé ní kúmà fç@ à yé kE$rEnkErE$n
parlategli in modo particolare di questa
cosa
kE $ rE ntE $ (kErEn + tE; v.)
stridere
scontrarsi
í tE$ tùlù kE$ í kà frìn là, à b E$ kà kE$rEntE$
metti l’olio ai freni, stanno stridendo
n E$g Esów kE$rEntEna ¯ç@gonà le biciclette
si sono scontrate
kE $ rE pù (n.; dal francese) scarpe da
ginnastica
kE$rEpù tE$ m E$ à sén nà non gli durano le
scarpe da ginnastica
kE $ rE sabà (kErE + saba; n.) triangolo
è ¯E$ tàa là, kE$rEsabà dòn non
vedi, è un triangolo
kE $ sù (n.; dal francese) cassa,
valigia
fórobakEsù casse dello stato
í yé kà fíní kE$sù bìlà mìn? dove hai
messo la mia valigia?
kE @ tà (n.) sin. kE @ w lé
atto
condotta
dovere
à dén b E$ à kà [email protected]à dòn suo figlio
conosce il suo dovere
ní dç@ròn dé tùn b [email protected] sé kà [email protected], í kà
[email protected]à yé la tua condotta non poteva
essere che quella
dà tE$ m ç@g ç@ sé ní [email protected]à là non
bastano le parole per fare qualcosa,
ma servono i fatti (prov.): tra il dire
e il fare c’è di mezzo il mare
kíbarù (n.; dall’arabo) notizie
kíbarù júm E$n b’ì bóló? che notizie
hai?
kíbarudisó (kibarudi + so; n.)
casa editrice
jàkuyà tE$, à kà kó b E$ dòn, à b E$
bàarà là kíbarudisó là è ovvio che
conosca tutte le notizie, lavora in
una casa editrice
kíbarujE nsE nsó (kibaru +
jEnsEnso; n.) ministero
dell’informazione
kíbarujEnsEnsó kó kú b E$nnà grE$vù
kE$ il ministero dell’informazione
ha detto che faranno sciopero
kíbarulaselà (kibaru + lasela; n.)
giornalista
kíbarulaselà mìn dòn, à b E$
kE$lEyçrç là kùma b E$ è un
giornalista che è sempre sul campo
di battaglia
kílé (n.; dal francese) chiave
à yé à kà mònbilì kílé d’àmà gli ha
dato la chiave della sua macchina
137
kílí (n.)
uovo
testicolo
SE$ b E$ kílí dà là la gallina sta covando
SE$kilì uovo di gallina
dí¯E$ tì¯E$ tì¯E$, jàkumà tE$ kílí dà
qualsiasi sia il peggioramento del
mondo, il gatto non potrà mi covare
(prov.): le leggi naturali non cambiano mai
à b E$nnà í kílí cì ti romperà i testicoli
(insulto)
lo troverai
à b’ E$ jí mìn à kùn fE$, à tE$ à kínìn
nà ¯úmàn b ç$ ¯ç@gòn nà è una
persona con la testa tra le nuvole,
non sa distinguere la destra dalla
sinistra
kílisí (n.) incantesimo, formula magica
k’à b’í sç@g çmà jónnà là, à b E$ kílisí fç@ là
dall’alba sta facendo incantesimi
dùnàn fàlèn b E$ kílisí fç@ à jàtigì yé
l’invitato ben sazio rivela la sua formula
magica al suo ospite (prov.): un’opera
buona non va mai persa.
kíniní (n.) chinino
kinini mà fóyí ¯à, à kà sùmayà là il
chinino non ha avuto nessun effetto
sulla sua malaria
kílò (n.; dal francese) chilo
Sùngalò là, à tàrà súkarò kílò tàn dì à
brànàn là durante il Ramadam, ha
portato 10 chili di zucchero ai suoi
suoceri come vuole la tradizione
kílomE tE rE $ (n.; dal francese)
chilometro
n) tE$ à kílom EtErE$ hàkE$ dòn non so
quanti chilometri sono
kímonò (n.; dal giapponese) kimono
à y’è kímonò dòn à kù ¯ç$gòn kàn ha
messo il kimono a rovescio
kìn (n.) quartiere
ù kà kìn kà ¯E$n EjE$ b E$ yè bì la festa del
loro quartiere si svolge oggi
kínì (n.) riso preparato
nà tE$ kínì mìn nà , n) t’ò bì¯E$ dùn non
mangio il riso senza sugo: frase che usa
un figlio quando gli danno in moglie una
donna che non gli piace
kínikiní (kini + kini; n.) idee strane
kínikiní càmàn b E$ à kùnàn bì ha tante
idee strane per la testa
kínìn (n.) destra
è k’à tàa í kínìn fE$, ì b’à yé vai a destra,
kínninbolò (kinnin + bolo; agg.)
destra
mç@g ç@ fó ní kínninbolò yé saluta la
gente con la mano destra
kìntigí (kin + tigi; n.) capo
quartiere
ní kìntigí dòlò kà bòn questo capo
quartiere è molto carismatico
kírà (n.; dall’arabo) profeta
ní dé yé ànw sìlam Ew$ kà kírà yé è
il profeta di noi musulmani
kírí (n.)
giustizia
processo
ú yé ní kírí tìg E$ hanno fatto
giustizia
kírí tE$ dùgakçrç nì wùlù cE$ non
c’è giustizia tra un avvoltoio e un
cane (prov.): non c’è giustizia tra
un superiore e il suo sulbaterno
kíritigE là (kiri + tig Ela; n.)
giudice
wàrì dírà nì kíritig Elà mà sono
stati dati soldi a questo giudice
kíritigE só (kiri + tig Eso; n.)
palazzo di giustizia, corte di
giustizia
ú kà so b E$ kíritig Esò kE$rEfE$ la loro
casa è vicino al palazzo di giustizia
kìrikarà (kiri + kara)
1 (agg.) senza importanza, senza
valore
2 (v.) trascinare i piedi
138
à kà fìn sì tE$ m E$n , à b E$ fìn kírikarà le
sue cose non durano, sono tutte cose
senza valore
à yà kìrikarà kà dòn è entrata
trascinando i piedi
kísì (v.) proteggere, salvare
Alà k’ì kísì jùgumà! che Dio ti
protegga dai tuoi nemici!
à y’à dèn kísì ní bànàn là ha
salvato suo figlio da questa malattia
kìriké (n.) sella
kìriké b ç$ só kàn toglie la sella dal
cavallo
kìtabù (n.; dall’arabo) libro
nì kàlanèn dòn, à yé kìtabù fìla
sE$b E$n è un grande intellettuale, ha
scritto due libri
kìrikimaS E $ n (n.) epilessia
ní fùrà mà fóyì ¯ á à kà kírikima SE$n nà
questo medicinale non ha fatto effetto
sulla sua epilessia
kìrìn
1 (v.) svenire
affievolirsi
2 (n.) paralisi
bànàn yé à kìrìn kà dà la malattia l’ha
indebolito ed è rimasto a letto
kà tò kùmà là, kìrìn y’à mìn E$ mentre
parlava, ha avuto una paralisi
ú y’à kìrin E$n sç$rç@ l’hanno trovato
svenuto
kìsE $
1 (n.) grano
nocciolo
l’origine del problema
proiettile
brufoli
2 (agg.) ardente
in gamba
kìsE$ càmàn b E$ à fàrì kàn ci sono tanti
brufoli sul suo corpo
fó nì kó kìsE$ kà dòn faremo di tutto per
conoscere l’origine del problema
mùsò kìsE$ mà dòn è una donna in gamba
à kà kùmà kìsE$ yé nìn dé yé il nocciolo
del suo discorso
à kólén dòn, kìsE$ tE$ dòn à fàrì là è
lavato con delle piante tradizionali, il
proeittile non entra nel suo corpo
tàsumà kìsErà il fuoco è diventato
ardente
¯ ón kìsE$ i grani del miglio
kìsE$ tE$ jàbà là la cipolla non ha nessun
grano (prov.): è una bugia
kò (v.)
giungere (la notte)
lavarsi
sù kòrà è giunta la notte
é mà kò fç@lç@? non ti sei ancora
lavato?
kó
1 (n.) cosa, affare
2 (v.) dire
ní yé mùn kó yé? cos’è questa
cosa?
í kó mùn? cosa dici?
nì kó jE$lèn tE$ questo è uno sporco
affare
é kó tE$! non ti riguarda!
à kó kà b E$ nàa dice che verrà
kòbagà (ko + baga; n.) colui che
lava
sù tE$ sé kà dògò à kòbagà là il
cadavere non può nascondersi da
colui che lo lava (prov.): le bugie
hanno le gambe corte
kòdç $ n (ko + d çn)
1 (n.) sapere
2 (v.) istruire
à b E$ kòdç$n kç$sçb E$ è una che sa
tante cose
mç$g ç$ kòdç$n b E$, n) kà ì kòb EEd ç$n
tE$E si può essese istruiti, ma non
conoscere tutto
kòdç $ nbalì (kodçn + bali; agg.)
ignorante
nì cE$ kòdonbalì kà minsìn
quest’uomo ignorante è meschino
139
kòdç $ nnà (kodon + na; n.) persona
intelligente
à tòyé kòdç$nnà dòn, à b’à kà bàara
¯E$dòn lascia perdere, è una persona
intelligente, conosce perfettamente il suo
lavoro
kòdç$nnà sE$g Ennèn dòn, kòdçnbalì
fE$rElèn dòn l’uomo che sa è sempre in
pensiero, quello ignorante è tranquillo
(prov.): colui che è a conoscenza
dell’esistenza di un problema è in
pensiero, chi non lo è, no
kòjì (ko + ji; n.) bevanda di crusca di
miglio per il bestiame
à tàarà kòjì dìlà là è andato a preparare
la bevanda
kójugù (ko + jugu; avv.) troppo
à b E$ kùmà kójugù parla troppo
kó càyarà mà kójugù è stato sopraffatto
dagli avvenimenti
kójugukE là (kojugu + kEla; n.) bandito
mùn dé yé nì kójugukElà kE$ ì tèrì yé per
quale motivo questo bandito è diventato
tuo marito?
kófç @ (v.)
denunciare
annunciare
ù y’à kófç@ fàamà yé l’hanno denunciato
alle autorità
à c’ E$ kà mùsò fìlanàn kò kófç@rà à yé le è
stato annunciato il fatto che suo marito
vuole prendere una seconda moglie
kógó (n.) muro
hàn! ní mùsò kà kísE$, à yé sE$b E$n dòn
kógó kç$nòn mamma mia! Che donna!
Ha infilato un amuleto nel muro
mç$g ç$ tE$ dìyà tò ì nì bùlondà cE$, kà kògò
tàa non si lascia l’amicizia col portone
per saltare il muro e uscire (prov.): nulla
vale quanto l’intesa famigliare
kókùn (ko + kun; n.)
attività
dirigente
hàlì nì í y’à yé, ì b’à dòn kókùn m ç$g ç$
dòn! anche se lo vedi, sai che è una
persona che ha il carisma di un
dirigente!
ù kà kókùn dàbçrà kùnùn la loro
attività è stata avviata ieri.
kòlandì (ko + landi; n.) ficcanaso
kòlandì b E$ sà bànanbatç$ ¯E$ il
ficcanaso muore prima
dell’ammalato (prov.): il ficcanaso
si mette sempre nei guai
kòlì (n.)
lavaggio
mestruazioni
nì kà kòlì mà bàn, ì kànà ì kò fúrà
là se hai ancora le mestruazioni,
non lavarti con i medicinali africani
t’à nà kà kòlijì yé porti la sua
acqua per lavarsi
dç$ bàbà, b E$ d ç$ bà kà kòlijì b ç$ il
padre di una persona prende l’acqua
dal pozzo per il lavaggio della
madre di qualcun altro (prov.): c’è
sempre qualcuno più bravo di te
kóló (n.) osso, nocciolo
ù yé sógó b E$E dù, kà kóló tò dàgà
kç$nòn hanno mangiato tutta la
carne, lasciando solo l’osso nella
pentola
Sì kóló il nocciolo del karité
à kE$rà n) ¯E$nà mùgù dòn, n) t’à dòn
kòlokarì dòn pensavo che fosse
uno stiramento, non sapevo che
fosse una frattura (prov.): ci
troviamo spesso in situazioni
peggiori di quanto pensassimo
kólobakarì (koloba + kari; agg.)
coraggioso
kólobakarì dòn, à SE$ b’ E$ p E$ è una
persona coraggiosa, non ha paura di
niente
kólobokalabà (agg.) disordinato
é k’ì kà bòn yé, kólobokalaba tE$
tE$m E$ ì kàn guarda la tua camera,
nemmeno una persona disordinata
farebbe meglio!
140
kólobilén (kolo + bilen; agg.) rossiccio
gàladonà kò kà b E$ sé kà fìnì kE$ kólobilén
yé la tintrice dice che può fare il tessuto
di colore rossiccio
kólobç @ (kolo + b ç ; n.) dentizione
à b E$ kólob ç@ là, ì mà yé à b E$ fìn b E$E kìn
vedi è nella sua fase di dentizione, sta
mordicchiando tutto
kólojEbugù (kolojE + bugu; n.)
cimitero
àn b E$E làbàn yé kólojEbugù yé siamo
tutti destinati a finire in cimitero
kòlokalà (kolo + kala; v.) andare a
zonzo
ì tE$ kòlokalà dàbilà, ì k’ì kà kàlàn kE$!
smetti di andare a zonzo, concentrati sui
tuoi studi!
kólokarì (kolo + kari; n.) frattura
ní dén kà fE$g E$ kòjugù, à kà bìnnìn b E$E yé
kòlokarì yé questo bambino è debole,
ogni volta che cade si rompe qualcosa
kólokE nE yà (kolo + kEn Eya; n.)
dinamismo
à kà kólokEn Eyà tE$ dògò il suo
dinamismo è palese
kólokoló (kolo + kolo; n.) pianta
medicinale contro gli stiramenti
kólokoló fàralèn S ìtulù là, ò b’à bàn péw!
la pianta del burro di karité lo guarisce
da tutto!
kòlokotò (kolo + koto; avv.)
invano
categorico
à kùmanà fE$ kòlokotò! gli ha parlato
invano!
à y’à bàn kòlokotò! ha rifiutato di tutto!
kólomisE $ n (kolo + misEn; n.) nervatura
secondaria della foglia
kòlòn (n.) cauri
à kà kòlòn bE$ kùmà i suoi cauri parlano:
fanno delle veggenze, danno dei segnali
kólón
1 (n.) mortaio
2 (v.) educare, domare
3 (agg.) vecchio
brutto
nì dònnà kòlòn nì kòlònkàlà cE, ù
b E$ ì sùsù dòn kèlèn se ti metti tra il
mortaio e il pestello, un giorno ti
pesteranno (prov.): tra moglie e
marito non mettere il dito
cE$ kólón un fannullone
fìnì kólón un vecchio vestito
mç$g ç$ b E$ sé kì dèn bàlì kà sò kòlò
sàn, nkà ì tE$ sé kà bàlì kà mùsò
kùntàn fùrù si può impedire ad un
figlio di comprare un brutto cavallo,
ma non di sposare una donna
sbagliata (prov.)
nì y’à kólón kà ¯ à, à b E$ ì kà kùmà
b E$E làm E$ se tu lo educhi bene,
ascolterà tutto quello che gli dici
à sérà kà fàlì kólón ha potuto
domare l’asino
kòlonE lì (n.; dal francese)
colonnello
ù y’à kà gràdì yE$lE$, kà kE$ kòlon Elì
yé è passato di grado, è diventato
colonnello
kólonìn (n.)
bottone di vestito
gioello di donna
é yé mùn mùsó yé, à tE$ sé hàlì
kólonìn dòn là che donna sei! non
sai nemmeno cucire un bottone
kòlokalàn (kolo + kalan; n.)
pestello
nì yé mùsò dìminèn yé kòlokalàn b E$
à bòlò, ì yE$rE$ ¯ íní se vedi una
donna arrabbiata col pestello, stalle
alla larga
kòlonkolòn (kolon + kolon; v.)
sdraiarsi per terra
kòlonkolòni kàdì à yé kójugù ama
molto sdraiarsi per terra
141
kòlonnìn (kolon + nin; n.) divinazione
tramite i cauri
à kà kòlonnìn b E$ kùmà la sua
divinazione tramite i cauri è precisa
kòlonninfililà (kolon + nin + fila; n.)
veggente che si serve dei cauri per fare la
divinazione
à mà sé ì kà tàa kòlonninfilà féyé, à tò
Alà mà non serve andare dal veggente,
conti su Dio
kòlonS E $ (kolon + SE; n.) gallina dal
piumaggio maculato
à kà kòlonSE$ bànàn non ha più galline
con piumaggio maculato
kòlontigì (kolon + tigi; agg.) ricco
Alà y’à b ç$ n ç$gç$ là, nkà kE$ kòlontigì yé
Dio l’ha fatto uscire dalla povertà e l’ha
fatto diventare ricco
kòlosà (kolo + sa; n.) mancanza
d’energia, debolezza
à kòlosalèn dòn kòjugù, kànà ì kànà jìgì
à là gli manca l’energia, non prendertela
con lui
kòlotugù (kolo + tugu; n.) tecnica che
permette di rinsaldare le ossa
à kà bàarà yé kòlotugu yé il suo lavoro è
quello di rinsaldare le ossa fratturate
kòlocì (kolo + ci; n.) reumatismi
ni nìnìn b ç$rà à kà kòlocì b E$ wùlì quando
fa freddo, i suoi reumatismi si fanno
sentire
kòmì (n.; dal francese) impiegato
hàlì nì kà kòmì dòn, ì mà kì jàmàn à
kùnà anche se è un tuo impiegato, non
devi gridargli contro
kòminsE rE $ (n.; dal francese)
commissario
kòminsErE$ yé à dàtugù il commissario
l’ha rinchiuso
kòminsE rE là (kominsErE + la; n.; dal
francese) commissariato
ù y’à cònvoké kòminsErElà là
l’hanno convocato al commissariato
kòminì (n.; dal francese) comune
ù kà fùrù sìrilà kòminì là kùnù il
suo matrimonio è stato celebrato
ieri in municipio
kòmitE rE $ (n.; dal francese) patate
à kà ràgù mà kE$ nì kòmitErE$ yé il
suo “ragu” non è stato fatto con le
patate
kóniyà (koni + ya; v.) essere
geloso
yàlì í kà dákantigì dén kóniyà, k’í
ká k’í téri yé invece di essere
geloso del figlio prodigo di un tuo
amico, fallo diventare un tuo amico
(prov.)
kònkòn
1 (v.) spolverare sbattendo
scaricare un’arma da fuoco
su qualcuno
2 (n.) arcata sopraccigliare,
à yé bìrinfìn kònkòn ha spolverato
sbattendo la coperta
à y’à kà màrafà kònkòn sògò kàn
ha scaricato la sua arma
sull’animale
kònnEgE $ (n.) chiave
kònn Eg E$ tE$ nì dùgù dà sì là non c’è
la chiave in nessuna porta di questo
villaggio
kò¯E $ (n.) affare
nì yé kò ¯E$ jùm E$ yé? cos’è
quest’affare?
kò¯umàn (ko + ¯ umann; avv.)
molto bene
ì jò d E$ kò ¯ umàn! stai bene dritto!
kò¯umàndòn (ko ¯ uman + don)
1 (n.) riconoscenza
2 (v.) essere riconoscente
fìtiriwalè nì kò ¯ umandòn! ò yè àn
kò fç$ il traditore e la riconoscenza!
Sono solo parole
142
à yé ù kò ¯ umandòn le è stato
riconoscente
kòori
1 (n.) cerchio
2 (v.) accerchiare
3 (agg.) tondo
nì màngorò kòorìlèn dòn questo mango
è tondo
ù y’à kòorì kà dàla ¯ inì l’hanno
accerchiato per provocarlo
ì kànà kòorì càmàn kE$ n) kà fìnì kàn non
fare tanti cerchi sul mio vestito
kòorokarà
1 (n.) tartaruga
2 (v.) trascinarsi come una tartaruga
nì yé kòorokarà yé jìrì sàn fE$, ò kç$rç$ yé,
h E$rE$ tE$ dùgumàn se vedi una tartaruga
su un albero significa che c’è felicità per
terra
à kç$n ç$ kà jùgù, é kà yé kòòrokarà là è
in malafede, guardatelo come si trascina
come una tartaruga
kóró (n.) “calebasse”, cioè recipiente di
zucca secca per bere la birra di miglio
à yé kóró fà mìn ha bevuto una
“calebasse” intera di birra di miglio
kórón (agg.) stretto, esiguo
ù kà só kórolén dòn la loro casa è esigua
nì sìrà kórolén dòn questa strada è
stretta
kòsà
1 (n.) abito
2 (v.) essere ben vestito
fà d E$ b E$ ì kà kòsà là! che bello il tuo
abito!
kàmalèn bà kòsalèn dòn kùman b E$ un
dongiovanni è sempre ben vestito
kòsçbE $ (avv.)
molto, tanto
bene
à b E$ kùmà kòsçb E$ parla tanto
jì k’à là kòsçb E$ metti tanta acqua
à dàtugù kòsçb E$ chiudilo bene
kòsçb E$! sì (risposta per confermare
quello che sta dicendo una persona)
kòsò (n.) coperta pesante di cotone
hàlì kòsò kélén tE$ à kà kç$¯ òn
mìnàn là non c’è nemmeno una
coperta di cotone nel suo corredo
kósón (avv.) a causa di
ò d E$ kósón à mà nà per questo
motivo non è venuto
kòtà
1 (n.) sacrilegio
2 (v.) commettere un sacrilegio
à Sì bànàn, ì y’à yé kòtà là ha una
vita breve, per questo commette un
sacrilegio
kótigí (ko + tigi; n.) responsabile
fílí b E$ sé kà kótigí sç@rç@ anche un
responsabile può sbagliare
kç $ (n.)
corso d’acqua
schiena
dietro
discendenza
kç$ dç$ tìg Elèn, d ç$ wE$rE$ bì ¯E$
appena attraversato un corso
d’acqua, se ne presenta un altro
(prov.): la vita è una lotta continua
à kà kç$jà wùlilà il suo mal di
schiena è iniziato
àw kà tà, n) b E$ àw kç$ andate avanti,
sono dietro di voi
à yé ní mùsó kç$ bE$ dàngàn ha maledetto tutta la discendenza di questa
donna
kç $ (prep.) tranne
dén S í t’à bóló ní kç$ non ha nessun
altro figlio tranne lui
kç @ bà (kç + ba; n.) pareo, “pagne”
in cotone fatto di grandi strisce
kç@bà d E$ b’à là bì oggi ha indossato
un pareo
kç @ dà (kç + da; n.) ano
bò kélén tE$ kç@dà fàrà un solo
143
escremento non può strappare l’ano
(prov.): l’unione fa la forza
kç @ f E là (kç + fEla; n.) culo
dén kç@fElà kó kà ¯àn lava bene il culo
del bambino
kç @ f E talàn (kç fE + talan; n.)
portabagaglio
à yé kç@fEtàn kE$ mònbilì sànfE$ ha
installato un portabagaglio sulla
macchina
kç $ f ilE $ (kç + filE; v.) guardarsi alle
spalle
mç$g ç$ tE$ kç$jàn tìg E$, nì mì kç$filE$ non si
può attraversare un lungo corso d’acqua
senza voltarsi indietro (prov.): bisogna
sempre tener conto del passato
kç $ g ç $ (n.) sale
kç$g ç$ càyarà nà là c’è troppo sale nel
sugo
kç$g ç$ mùgù sale in polvere
bòlò b E$ kç$g ç$ kE$ mùgù yé le mani
macinano il sale in polvere (prov.): senza
agire non si cambia niente
kç @ g ç @
1 (v.) maturare, essere grande
2 (agg.) maturo
3 (n.) petto
sà dògolén, kç@gç rà il serpente nascosto
diventa grande (prov.): un falso amico ti
colpisce sempre all’improvviso
lènburubà kç@g çrà il limone è maturo
à yà kç@g ç@ gósí, kà kà cE$yà jírà si è
battuto il petto dimostrando di essere un
vero uomo
kç $ g ç jì (kç$gç + ji; n.) mare, oceano
tùgantà sìrà là, à dén tórà kç$g çjì là
andando all’avventura, suo figlio è
annegato in mare
kç $ g ç fìn (kçgç + fin; n.) sale gemma
à kà kç$g ç fìn b ç$rE$ sç$gçrà il suo sacco di
sale si è bucato
kç $ g ç n¯ E $ (kçg çn + ¯E; n.) misura di
lunghezza del tessuto di circa 1
metro
n) màgò b E$ fìnì kç$gçn ¯E$ fìlà là ho
bisogno di circa due metri di tessuto
kç $ kandE mE $ (kçkan + d Em E; n.)
aiuto dall’estero
ù kà dù b E$ bàlò nì n) dén kà
kç$kand Em E$ yé la loro famiglia vive
dell’aiuto dall’estero del loro figlio
kç $ k E $ (n.) fratello maggiore
nì yé àn b E$E, kà kç$kE$ yé è il
fratello maggiore di noi tutti
kç $ kili (kç ki + li; n.) testicoli
bànàn bE$E à kç$kilì là ha dei
problemi ai testicoli
kç @ lE $ (n.) famiglia
mç$g ç$ tE$ sé k’ì kà kç@lE$ fìlí non si
può rinnegare la famiglia
kç @ lE tigì (kçlE + tigi; n.)
responsabile o membro di una
grande famiglia
kE$ à sç$mçg ç$ fE, kç@lEtigì dòn ama i
suoi parenti, è membro di una
grande famiglia
kç $ lì (v.)
impedire
privare
ù y’à kç$lì nì tùgàn tàgà là gli
hanno impedito di andare
all’avventura
ù yé hàlì kùmà kç$lì à là l’hanno
privato perfino della parola
kç $ lç $ (n.) nocciolo del karité
kàbì sç$g çmà, à b E$ kç$lç$ Sì là da
stamattina sta macinando il
nocciolo del karité
kç $ lç bç $ (kçlç + b ç; agg.) bruno
gàlamusò yé ní kç$lçb ç$ fìn kójugú
la tinteggiatrice ha scurito troppo il
colore bruno
kç $ lç kùn (kç lç + kun; n.)
ghiandola
144
à kç$lçkùn b E$ à dìmì la ghiandola gli fa
male
kç $ lç $ n (n.) pozzo
bìsimilày tE$ mòrikE$ bç$ kç$lç$n kç$n ç$
recitare soltanto una preghiera non fa
uscire il veggente dal pozzo (prov.):
aiutati che il ciel t’aiuta
ù kà kç$lç$n jàrà il suo pozzo si è
asciugato
kç $ lç ndà (kç lçn + da; n.) bordo del
pozzo
nì kç$londà b E$E cE$n E$ il bordo del pozzo
è scivoloso
kç $ lç sì
1 (n.) rosario dei musulmani
2 (v.) sorvegliare, essere attento
mç$g ç$ mìn tE$ kE$m E$ dùrù sç@rç@, ì tE$ sé kà
bà kélén dòn kò kç$lçsì là chi guadagna
duemilacinquecento cfa, non può
spendere cinquemila cfa in un rosario
(prov.): non fare il passo più lungo della
gamba
cfa: moneta dell’Africa Occidentale
à kç$lçsi, à kànà b ç$ sorveglialo, che non
esca
ì kç$lçsì kàsà là stai attenta a quella
persona
kç $ mì (v.) battere le palpebre
ì tE$ fàrà ¯ ìn kç$mìn là! smettila di battere
le palpebre!
kç $ mç $ (n.) società segreta d’iniziazione
bambara
à dònnà kç$m ç$ là, m ç$gç$ t’à dòn è entrato
nel “komo” senza che nessuno lo sappia
kç $ mç dèn (kçm ç + den; n.) membro
della società segreta d’iniziazione
bambara
kùmà càmàn màndì kç$m çdèn S ì yé
nessun membro del “komo” ama parlare
tanto
kç $ mç kùn (kçmç + kun; n.) maschera
della società iniziatica del “komo”
n E$ ¯E$tE$ kç$m ç kùn S ì là non vedo
nessuna maschera del “komo”
kç $ murù (kç + muru; n.) erba
tagliente del fiume
ì tE$ bòtSòn dòn kç$murù n’ì sé tíg E$
metti gli scarponi alti altrimenti ti
ferirai i piedi con l’erba tagliente
kç $ n
1 (v.) precedere
proibire
2 (avv.) presto
ù kç$nnà à mà nì kò là l’hanno
preceduto in questa situazione
àw kç$nnà nì tùlò sç$g ç$ là avete
bucato presto le sue orecchie
ù yé kç$g$ dùn kç$n à mà gli hanno
proibito di mangiare il sale
kç $ nà (n.) donna senza figli
dénbatigìw b E$E, b E$ yE$lE$ kç$nà mà
tutte le madri ridono di una donna
senza figli
kç $ ngç $ sin. kùngò
1 (n.) fame
carestia
2 (v.) avere fame
fà dùgujE$ yé kç$ngç$ yé la carestia
arriva dopo un banchetto (prov.):
nella vita bisona evitare di avere le
mani bucate e pensare sempre al
futuro
bàdenmà tàn, ù b E$E yé kàlamanìn
yé, kç$ng ç$ sén b’ó là se vedi dieci
fratelli tutti magri significa che è
colpa della fame (prov.): ci sono dei
segni esterni della fame, per
esempio la magrezza di una
persona.
kç$ng ç$ b E$E ì dèn là, dùminì d’à mà
tuo figlio ha fame, dagli da
mangiare
kç $ ngçbagatç $ (kçng ç + bagatç ;
n.) sin. kç $ ngç tç $ affamato
kç$ng çbagatç$ b’à fç@ kó dúminì
gòmàn kà dì un affamato dice che è
buono anche il cibo cucinato male
kç $ nì (avv.) comunque
nìn kç$nì yé tì¯E$ yé questa
comunque è la verità
145
kç $ nkç $ n (n.; dal francese) cetriolo
ì kànà ¯ ìnà kà kç$nkç$n kE$ sàladì là non
dimenticare di mettere il cetriolo
nell’insalata
kç $ nkç $ n (n.) complotto
ù yé kç$nkç$n làb E$ à kàmà hanno ordito
un complotto contro di lui
k ç $ nç $ (n.) uccello
kç$n ç$ mìn b E$ tò sàn fE$ kà yE$g EyEg E$, n’à
jìginnà dùgumà, à b E$ kòlòn sén l’uccello
che fa il segno di grattare per terra
quando è in volo, quando scenderà a
terra scaverà un pozzo (prov.): nella vita
ci sono dei segni precursori che
prevedono gli avvenimenti; di solito un
bravo studente un giorno diventerà
qualcuno
kç $ nç $ (v.) aspettare
sàyà kç$n çnìn tE$ b E$rE$ yé il tempo per
aspettare la morte non è tanto (prov.): la
vita è breve
kç $ nç $ (n.) società d’iniziazione dei
Senufo
kç$n ç$w b ç$rà le maschere della società
d’iniziazione Senufo sono uscite
kç $ nç $ (n.)
pancia
l’interno per il tutto
cE$ kç$n ç$ dìmì màn ¯ í il mal di pancia
dell’uomo è pericoloso
à dònnà sò kç$nç$ è entrato all’interno
(della casa)
n’ fàrà b E$ dòn kç$n ç$ bàrà là si sa che
una persona è sazia dall’aspetto della sua
pancia (prov.): quando una persona è
contenta, si vede dal suo aspetto
dùsukasì bò ¯ àn bòlò, à kç$n ç$ tì¯Enà per
via delle sofferenze morali, ha avuto un
aborto spontaneo
à kà kékùn, à kç$nç$ fìn tE$ fç$ è molto
furbo, non si sa mai cosa pensa
nì sàn kç$n ç$, à mà yE$rE$ sç$rç$ per tutto
quest’anno, non è mai stato in buona
salute
kç $ nç barà (kçn ç + bara; n.)
pancia considerata dalla parte
esterna
ì kç$n çbarà b E$ kà b ç$, ì b E$ mùn kàn?
la tua pancia sta ingrossando, cosa
stai mangiando di buono?
kç $ nç bolì (kçnç + boli; n.)
diarrea, dissenteria
jí nç$g çlèn mìnèn, ò d E$ yé kç$n ç$bòlì
bìlà à là è l’acqua sporca bevuta
che ti ha provocato la dissenteria
kç$n çbolì tE$ bànàn yé, bò nà nàtumà
dòn la diarrea non è una malattia,
ci sono dei momenti per le feci
normali (prov.): nella vita i
momenti buoni si alternano a quelli
brutti
kç $ nç dagà (kçn ç + daga; n.)
pancia da obeso
ì nì kç$n çdagà, ì kànà dumini bà
dàbilà con la tua pancia, smetti di
mangiare tanto
kç $ nç dagatugunàn (kçn ç + daga
+ tugunan; n.) diaframma
à yé kç$n çdagatugunàn kàlàn écolì
là ha studiato il diaframma a
scuola
kç $ nç dèn (kçn ç + den; n.)
uccellino
nì yé kç$nçdèn bàntç$ jàlà là, à hàkilì
b E$ fìn wE$rE$ là se vedi un uccellino
rifiutare di stare sul suo albero
significa che pensa ad un’altra
situazione migliore (prov.): si dice
ad una donna che rifiuta suo marito
a letto e forse pensa ad un altro
uomo
kç $ nçjà (kçn ç + ja; n.) stitichezza
sìnjàn mìn, à b E$ ì kà kç$n çjà fùrakE$
bevi gli infusi della cassia siberiana,
curerà la tua stitichezza
kç $ nçgàn (kçn ç + gan)
1 (n.) inquietudine
2 (v.) preoccuparsi
146
à kà tàlì tùngàn là, yé à bà kç$n çgàn il
suo viaggio all’estero ha fatto
preoccupare sua madre
kç$n çgàn jùgù bòlò, sùn çg ç$ tìg Erà à là la
sua persistente inquietudine gli ha tolto il
sonno.
kç $ nçgE $ n (kçnç + g En)
1 (n.) caccia
2 (v.) cacciare gli uccelli
ù kà kç$n çg E$n mà dìyà bì la sua caccia
agli uccelli non ha dato frutti oggi
kç $ nçgE nnà (kçnç + g Enna; n.)
spaventapasseri
fìn ¯E$ yé kç$n çg Ennà b ç$ kà bìn il vento
ha fatto cadere lo spaventapasseri
kç $ nç lagosì (kçn ç + lagosi; n.) aborto
Alà b E$ dén sàbà dì b E$E mà, nì yé
kç$n ç lagosi sàbà kE$,ó tç@ y’í nç@ yé Dio dà
tre figli a tutti, se hai tre aborti peggio
per te.
kç $ nç mà (kçn ç + ma; v.) essere incinta
à y’à mùsò fùrù sà, kà kç$n çmà tò ha
divorziato dalla moglie mentre era
incinta
kç $ nç mayà (kçnç + maya; n.)
gravidanza
à kà kç$n çmayà kà g E$lE$ la sua
gravidanza è difficile
kç $ nç $ n (n.) collana
ù yé í kà kç$nç$ dìlà nì jùrù fE$g E$ yé la tua
collana è stata fatta con un filo leggero
kç $ nç nà (kçnç + na)
1 (n.) interno
2 (avv.) durante
nì sò kç$nçnà kà ¯ í nì à kE$n Emanà yé
l’interno di questa casa è più bello di ciò
che sta fuori
n) b E$ kò b E$ kE$ kà nà nì sàn là faccio di
tutto per venire quest’anno
kç $ nonafilì (kçn çna + fili; v.) essere
molto preoccupato
à kç$nonafililà kç$sçb E$ à dén kà kó là si è
molto preoccupato per quello che
ha combinato suo figlio
kç $ nonakumà (kçnçna + kuma; v.)
parlare tra sé e sé
à kà hàmì kà càn, à tE$ fòyì là,
kç$nonakumà là non fa altro che
parlare tra sé e sé
kç $ nç nanjE $ (kçnç + nanjE; agg.)
sincero
mç$g ç$ kç$n çnanjE$ dòn, à b’ì fE$ sE$b E$
là è una persona sincera, ti ama sul
serio
kç $ nç nanjEyà (kçn ç + nanjEya;
n.) sincerità
kç$n çnanjEyà b E$ yé à kà kó b E$E là
la sincerità si vede in tutte le loro
cose
kç $ nç nanjugù (kçnçnan + jugu;
agg.) molto cattivo
mùsò kç$nçnanjugù dòn, à tE$ wàlì
dén fE è una donna molto cattiva,
non ama i figli altrui
kç $ nç nanjuguyà (kçn ç + nan +
juguya; n.) grande cattiveria
ì kà nì kç$n çnanjuguyà tE$ fòyi ¯à ì
yé la tua grande cattiveria non
porterà niente di buono
kç $ nç nansù (kçn ç + nan + su; v.)
incitare a
ù y’à kç$n çnansù kà, kà fùrù sà
l’hanno incitato a divorziare
kç $ nç nata (kçn ç + nata; n.) punto
di vista
à kélén kà kçnçnatà fç@, ù b E$E
wùlilà appena ha finito di
esprimere il suo punto di vista, tutti
si sono alzati
kç $ nç nkisE $ (kçnç + kisE; n.) perle
à b E$E kà kç$n çnkisE$ dòn gàrì là
stanno infilando le perle nel filo
kç $ nçtç $ n (n.) nove
ségì kç$fE$ mùn d E$ b E$ nà? kç$n çtç$n
147
dopo il numero otto cosa c’è? Il nove
kç $ nçntçnnàn (kçnçntçn + nan; n.)
nono
nì yé à kç$nçntçnnàn kàlò yé Màlì là è il
suo nono mese nel Mali
kç $ nçsogontì (kçnç + sogonti; n.)
struzzo
à dén b E$ sìràn kç$n çsogontì ¯E$ suo figlio
ha paura dello struzzo
kç $ nçtabaliyà (kçn ç + tabaliya; n.)
sterilità femminile
à kà kç$n ç tabaliyà jù yé à sìlamusò yé la
sua sterilità è dovuta alla seconda moglie
di suo marito (che ha fatto delle pratiche
pagane)
kç $ nçti¯ E $ (kçn ç + ti¯E; n.) aborto
dùsukasì bòlò, à kç$nç ti¯E$ nà ha subito
un aborto a causa della sua grande
sofferenza
kç $ nçyE lE mà (kçn ç + yElEma; n.)
l’ottavo mese della gravidanza, durante il
quale il bambino cambia posizione
à dònnà kç$n çyEl Emà kàlò là è entrata
nell’ottavo mese di gravidanza
kç $ ¯ ç $ (n.) matrimonio, nozze
à kà kç$¯ ç$ kE$rà gìtàn bà yé il suo
matrimonio è stato festeggiato con una
grande festa
ù y’à kà kç$¯ ç$ dà hanno fissato il giorno
delle sue nozze
kç $ ¯ çdénw (kç¯ç + denw; n.) invitati
kç$¯ ç dénw nànà gli invitati sono arrivati
kç $ ¯ çkE $ (kç¯ç + kE; n.) lo sposo
kç$¯ ç kE$ kùn dìrà la testa dello sposo è
stata rapata
kç $ ¯ ç musò (kç¯ç + muso; n.) la sposa
kç$¯ ç musò b E$ kàsì là, à b’à dòn mìn b’à
¯E$ la sposa sta piangendo, sa cosa
l’aspetta
kç @ rí (v.) toccare con la punta del dito
à y’à kç@rí kò à kà nà kùmà l’ha
toccato con la punta del dito
dicendogli di non parlare
kç $ rç $
1 (agg.) vecchio, anziano
2 (n.) vecchiaia
3 (v.) invecchiare
à kç$rçlà sìsàn è invecchiato adesso
kç$rç$ nà màndì, ì yé bòlo ¯E$ k èlèn
kE$ sàyatà là wà? il sugo della
vecchiaia non è buono, ma quello
della morte l’hai assaggiato almeno
volta? (prov.) La vecchiaia è
preferibile alla morte
cE$kçrçbà dòn, à bò ¯ àn è una
persona anziana, rispettalo
kç @ rç @ (prep.) accanto
nàa u) kç@rç@ vieni vicino a me
kç @ rç @ (n.) senso, significato
à mà nìn kó kç@rç@ dòn non ha capito
il significato di questa cosa
mç$g ç$ Sì tE$ “ùnhùm” kç@rç@ dòn
nessuno conosce il significato di
“unhum” (prov.): “unhum”
significa sentire senza esprimere il
proprio punto di vista; si dice ad
una persona che non parla
kç $ rç bç $ (kçrç + bç ; v.)
provocare, mettere alla prova
à b E$ k’ì kç$rçb ç$, ì kànà kùmà ti sta
provocando, non parlare
à yé í kç$rçb ç$, kà làjE$, nì b E$ sé kà nì
bàarà ¯àn ti sta provocando per
verdere se sei capace di portare a
termine questo lavoro
kç $ rç bç lì (kçrç + bç li; n.)
esperimento
ù yé kç$rçb çlì kE$ kà dòn nì nìn kò b E$
¯ àn hanno fatto un esperimento
per sapere se questa cosa andrà
bene
kç $ rç bç rç $ (n.) Sonrai (etnia del
Mali)
148
àlikamà yé kç$rçb çrç$ kà dùminì màndì yé
l’“alikama” è il cibo preferito dei Sonrai
alikamà tipo di spaghetti fini
kç $ rç fç $ (kçrç + fç)
1 (n.) critiche
2 (v.) criticare
fàamà b E$E kç$rç fç$ à kç$fE$ si critica una
persona influente durante la sua assenza
(prov.): le persone che criticano gli altri
sono dei cialtroni
à kà kç$rç fç$ dònnà u) tùlò kélén fE$ kà b ç$
nì dç$¯ ì yé le sue critiche sono entrate da
un orecchio e uscite dall’altro
kç $ rç kE $ (kçrç + kE; n.) fratello
maggiore
à y’à kçrç kE kà kùmà lam E$ ha fatto ciò
che gli ha detto suo fratello maggiore
¯E$ kélén kç$rçkE$ yé fìyentç$ yé il fratello
maggiore del guercio è il cieco (prov.):
nella vita si trova sempre che sta peggio
kç $ rç lèn (kçrç + len; n.) prima, tempo
fa
nì yé kùmà kç$rç lèn yé sono parole di
tempo fa
kç $ rç musò (n.) sorella maggiore
ù kç$rçmusò yé ù b E$E làtà tùnkàn fE$ la
loro sorella maggiore li ha fatto partire
tutti per l’estero
kç @ rç tà (kçrç + ta; v.)
sollevare
misurare
à yé màlò b ç$rE$ kç@rçtà, kà bìlà dùgumàn
ha sollevato il sacco di riso e l’ha buttato
per terra
à kùn kç@rç talèn dòn questa persona è un
prepotente
kç $ rç tç $ (kçrç + tç; v.)
essere impaziente
andare di fretta
ì kç$rç tçlà cògò cògò, ì b E$ sìgì k’ì dà
qualsiasi sia la fretta che hai, siediti prima di sdraiarti (prov.): nella vita ci sono
cose da seguire un passo alla volta
à kç$rçtç lèn dòn à mùsò kà nà kà b ç$ ù kù
dùgù là è impaziente che sua moglie
venga dal suo villaggio
kç $ sòn (prep.) a causa di
nì dè kç$sòn à mà naà a causa di
questo non è venuto
kç @ sç @ n (agg.) gracile
dùsu kàsì bòlòn, à kç@sç lèn dé tç$rà
a causa di una disgrazia è rimasto
gracile
kç $ t E $ (n.) lumaca
nì kç$tE$ fàrà cìrà à kàn, à fàngà
bànnà se si schiaccia la conchiglia
della lumaca, questa perde tutta la
sua forza (prov.): se si priva
qualcuno delle sue difese
primordiali lo si indebolisce
kç $ t E $ (n.) sin. kç $ t E bà teatro
tradizionale
nì m ç$gç$ kélén y’ì bàn kç$tE$ dònnì
mà, ì nà tç$w g ç$ngonrç$n wùlilèn yé
se una persona rifiuta di far parte
del teatro tradizionale, vedrà
sollevarsi intorno a lui la polvere di
sabbia degli altri (prov.): si dice ad
una persona che si isola dal gruppo
kç $ t E dén (kç tE + den; n.) attore
del teatro tradizionale
kç @ cç kç cç $ (v.) fare un rumore
ripetuto scuotendo qualcosa di
solido
à yé mìnànw kç@cçkçcç$ hanno fatto
rumore scuotendo i piatti
kú (n.)
coda
radice
culo (pop.)
sò yé à kù nç$g ç$ bò là il cavallo si è
sporcato la coda con i suoi
escrementi
ni jìrì b ç$ kò g E$lE$,à kù b E$ dùgumanà
kç$rç$ kòjugù questo albero è
difficile da sdraricare perché la sua
radice è troppo affondata nel suolo
ì kú bç@ n) dàlà! vaffanculo!
bà dàn yé, à kú yé il limite della
149
capra si misura dalla lunghezza della sua
coda (prov.): ognuno ha i suoi limiti
kú (n.) igname (tubero)
à yé kú ràgù dìlà ha fatto un “ragu” a
base di igname
“ragu”: piatto a base di igname o patate
con carne tagliata a pezzettini
mç$g ç$ tE$ kú jèninén kàriyçrç$ dç$n
nessuno sa dove si spacca l’igname
bruciato (prov.): non si può intervenire in
cose di cui non si sa niente
kúkalà (ku + kala; n.) coda
sò kúkalà la coda del cavallo
kúlé
1 (n.) grida
2 (v.) gridare
à kà kúlé kàn sérà dùgù fàn b E$E fE$ le
sue grida sono arrivate dappertutto nel
villaggio
à kúlelà, kà m ç$gç$ wélé si è messo a
gridare per chiamare le persone
nì kúlelà fùgà là, nì mà m ç$gç$ yé, ì nì
yE$rE$ yé quando si grida in una radura e
non si vede nessuno, uno vedrà se stesso
(prov.): si dice ad una persona cattiva
con gli altri per fargli capire che, se non
la smette, resterà sola
kùlebi¯ E $ (kule + bi¯E; n.) ago per
aggiustare i recipienti di zucca secca
“calebasse”
à b E$ kà dén dégén kùlebi¯E$ mìn E$n cògò
là sta aiutando sua figlia ad usare l’ago
per i recipienti di zucca secca
kùlekulé (kule + kule; n.) tacchina
kùlekulé sógó kàdí tùbabù yé gli
occidentali amano la carne della tacchina
kùlekulé (kule + kule; n.) pertosse
kùlekulé càyarà ¯ ìnàn c’è stata tanta
pertosse quest’anno
kùlekulenintç $ (kule + kulenintç ; n.)
ammalato di pertosse
ù yé kùlekulenintç$w gànsàn d E$ bìlà nìn
sò là hanno messo solo gli ammalati di
pertosse in questa casa
kùlensç $ n (kulen + sçn; n.)
varicella
kùlensç$n b E$ kà fàrì ¯ ìn ¯ ìn bìlà à
dèn là la varicella sta provocando
dei pruriti sul corpo di suo figlio
kúlç rì (n.; dal francese)
colori
matite
ù kà dúlokí kúlçrí mà ¯ àn il colore
di tinteggiatura del suo vestito non
è venuto bene
Màriam, ì yé à kà kúlçrì bílà mìn?
Mariam dove hai messo le sue
matite?
kùlù (n.)
gruppo
gregge
categoria
bà kùlù gregge di capra
díkulù sciame d’api
cE$ kùlù yé ù dàlajE$ fàamà kà sò dà
là un gruppo di uomini si è
radunato di fronte alla casa del
ricco
bç$ n) kùlù là ¯E$ tE$ sùmà colui che
si ritira dal gruppo sarà sempre in
difficoltà
nì SE$ kùlù sùgùyà sç$rç$ kà gò è
difficile trovare questa categoria di
pollo
kùlù (n.) montagna, collina
dòn b E$E kùlùtà tE$ dìyà ngòn là non
va bene ogni volta alla scimmia che
si reca in montagna (prov.): nella
vita non si vince sempre
kùlubà (kulu + ba; n.) grande
montagna
ù kà so b E$ nì kùlù kç$fE$ la loro casa
è dietro questa collina
kùlù (n.) pietra per pulire i piedi
ò kùmà kùlù tE$ ì bòlò? é k’ì sén
p E$rinlèn yé! ma non hai la pietra
per pulire i piedi? Guarda come
sono screpolati!
150
kúlú
1 (n.) tuono
2 (v.) gorgogliare
à bE$ sìràn kàbà kúlú ¯E$ ha paura del
tuono
mùn d E$ b E$ è kç$nç$n kúlú? cosa fa
gorgogliare la tua pancia?
kùlendén (kulu + den; n.) peso
kùlendén kélén b’à jE$ manca un peso
kúlukulù (kulu + kulu; n.) pollaio
mç$g ç$ b E$E SE$ dùnàn mìn E$ kà bìlà
kúlukulù là, wàlisà à kà kìsì jàkumawarà
tç$rç$ mà si mettono i polli sconosciuti
nel proprio pollaio per evitare che il gatto
selvatico li mangi (prov.): gli stranieri
vanno aiutati
kúlukutù (kulu + kutu; agg.)
nudo
tondo tondo
nì mà fìnì dòn, n’à y’í kúlukutù mìn E$n, ì
b’à yé! se non metti i vestiti, se ti prende
nudo, vedrai!
màngorò kúlukutù un mango tondo
tondo
kùlusì (n.) calzoni, pantaloni
cE$ tE$ mùsò kùlusì dòn l’uomo non deve
indossare i pantoloni delle donne (prov.):
un uomo deve rimanere tale nel
comportamento e nel carattere
hàlì à mùsò tE$ à kà kùlisi kò! nemmeno
sua moglie lava i suoi calzini!
kùlusikolòn b E$nèn cE$ d ç$ là, nì tç$g çkolòn
yé ci sono persone che preferiscono
indossare dei vecchi pantaloni che avere
una brutta reputazione
kùluwò (kulu + wo; n.) grotta, caverna
sà bç$rà nì kùluwò là il serpente è uscito
da questa grotta
kùmà
1 (n.) parola
2 (v.) parlare, discutere
ù kùmanà fE$ k à d E$sE$! gli hanno parlato
invano!
à kùmà cògò màn ¯ ì il suo modo di
parlare è offensivo
à kà kùmà kà càn! ama sempre fare
polemiche!
kùmà b E$ m ç$g ç$ dùn la parola
mangia
l’uomo (prov.): la parola è potente,
può portare a delle conseguenze
inaspettate
kùmabarà (kuma + bara; n.) sin.
kùmanàn microfono
nì bç$rà mìn? hàlì à tE$ sé kùmabarà
tàcogò là da dove viene questo?
Non sa nemmeno tenere un
microfono
kùmabolò (kuma + bolo; n.)
capitolo
à yé kùmabolò fìlanà dégé à kùn fE$
ha imparato a memoria il secondo
capitolo
kùmadén (kuma + den; n.) parola
nì é tE$ nì kùmadén kç@rç@ dòn, é b [email protected]
tàa ¯ ìn cògòdì? se non sai il
significato di questa parola, come
vai avanti?
kùmadengafé (kuma + den + gafe;
n.) vocabolario, lessico
à b E$ kà bàmanàn nì ìtalìen
kùmadengafé sE$b E$n sta scrivendo
un vocabolario bambara-italiano
kùmajE nsE nnàn (kuma +
jEnsEnnan; n.) altoparlante
kùmajEnsEnnànw kò b E$E k’ì dàdèn
gli altoparlanti hanno detto che tutti
devono smettere di parlare
kùmajurù (kuma + juru; n.)
telefono
kùmajurù sérà fó ù kà dùgù là il
telefono è arrivato fino al loro
villaggio
kùmakàn (kuma + kan; n.) voce
à kùmakàn tE$ fìlì la sua voce è
inconfondibile
151
kùmalà (kuma + la; n.) sin. kùmatala
oratore
kùmalàw y’à dàmin E$ gli oratori hanno
iniziato
kúmadàn (n.; dal francese) governatore
kúmadàn yélí kà g E$lE$ nì kùmà là è
difficile in questi giorni vedere il
governatore
kùmancì (kuman + ci; n.)
chiacchierone
ù màgò tE$ kùmancìw là non hanno
bisogno dei chiacchieroni
kùmasèn (kuma + sen; n.)
frase
tema
ù kà kònferensì kùmasèn kE$rà mùsò kàn
il tema della loro conferenza era la donna
kç$rç$ b E$ à kà kùmasènw b E$E là tutte le
sue frasi hanno un significato
kùmatasE bE $ n (kumata + sEb En; n.)
rendiconto
n) tE$ wàrì dì mà , nì n) mà kùmatasEb E$n
yé non ti dò i soldi, se non mi dai il
rendiconto
kùmùn
1 (agg.) acido
acre
cagliato
2 (v.) marcire
nç$nç$ kùmùn latte cagliato
sógó kùmunèn dòn la carne è marcita
jìmberé kùmùn nà il succo di zenzero è
diventato acido
nì yé mùn kùmùn kàsà yé? da dove viene
quest’odore acre?
à fàrì b E$E kùmulèn dòn gli fa male tutto
il corpo
kùn
1 (n.) testa
estremità
parte
motivo
2 (agg.) in gamba
3 (v.) incontrarsi
à yé à kùn làtà fàn d ç$¯ ì fE$ ha
girato la testa dall’altra parte
mùsò kùn dòn, à tE$ sìràn fòyì ¯E$ è
una donna in gamba, non ha paura di
niente
à yé à kà fìnì dòn à kùn jùgù kàn
ha indossato il vestito al rovescio
kùn sì tE$ à kà kùmà là ciò che dice
non ha nessun senso
ù yé ¯ç$ngòn kùnb E$ ù b’à kà sò si
sono incontrati da sua madre
nì tE$ nìnì kùn b ç$ non c’è motivo
per insultarlo
bìrifinì kùn mìn E$ tieni l’estremità
della coperta
à dén tàrà à kùn fE$ suo figlio è
andato all’avventura
à sérà kà b E$ fç$ à kùn fE$ è riuscito a
dire tutto a memoria
à yé wàrì b ç$ à kùn ha tirato fuori i
soldi
nì wàrì bànàn cE$ kùn, à mùsò b’à
fç$ kà dà cògò mà ¯ ì quando un
uomo non ha più soldi perfino sua
moglie dice che non si sdraia bene
per dormire (prov.): quando si è
poveri, non si è rispettati da
nessuno
kún (v.)
sopportare
accettare
tollerare
raggiungere
ù tE$ kún à kà sò non stanno tutti
insieme nella sua casa
à kà mòlibaliyà tE$ kùn fE$ non posso
più accetare la sua sfrontezza
ù bòlilà kà kún ù là hanno corso
per raggiungerli
kúnàn (agg.)
amaro
sgradevole
duro
nì kàsà kà kúnàn questo odore è
sgradevole
sàyà kà kúnàn la morte è dura da
accettare
nì jìmb Eré kà kúnàn questa
152
bevanda allo zenzero è amara
jì kúnàn acqua non potabile
kúnàn (n.) veleno
ù kà kúnàn d E$ yé à fàgà è suo il veleno
che l’ha ucciso
kúnatç $ (kuna + tç ; agg.) lebbroso
jùmàn, jùmàn à b E$ dùmunì dì kùnatç$ mà
ogni venerdi dà da mangiare ai lebbrosi
kùnbà (kun + ba; agg.) var. kùnbabà
grosso
grande
importante
mç$g ç$ kùnbà dòn è una persona grossa
nì bùrù fàn kùnbà dìyàn dammi la parte
grande del pane
à yé à kà nàfolò fàn kùnbà sç$rç$ ha avuto
la parte più importante della sua
ricchezza
kùnbayà (kun + baya)
1 (v.) essere grande
essere grosso
ingrassare
2 (agg.) importante
à b E$ kà kùnbayà sta ingrassando
à kà nì kùngò b E$ kà kùnbayà questo
affare sta diventando importante
nì sàkà tùlòw b E$ kà kùnbayà le orecchie
di questa pecora stanno diventando
grandi
à kà bòlò fùnù b E$ kà kùnbayà il suo dito
sta diventendo grosso per il gonfiore
jìrisù cìnìn b E$ sé kà tìlèn, nà kùnbayà ò
b E$ g E$lEyà un piccolo albero si può
raddrizzare, ma quando diventa grande
ciò è difficile (prov.): l’educazione si
impartisce da piccoli
kùnberé (n.) var. kùnberekù
ginocchio
à bìnnà kà kùnberé b E$ tìg E$ è caduto
scorticandosi le ginocchia
kùnbE $ ( (kun + b E; v.)
incontrarsi
prevenire
proteggere
à nì à dén yé ¯ç$gòn kùnb E$ mùsò
kélén féyé si è incontrato con suo
figlio dalla stessa donna
ù yé bànàn kùnb E$ nì zéyì questa
volta hanno prevenuto la malattia
kùnbE nnàn (kun + benna; n.)
protezione
ù yé kùnb Ennànw cì à mà gli hanno
mandato delle protezioni
kùndà (kun + da; n.) regione
kùndà jòlì b E$ ì kà dùgù là? quante
regioni ci sono nel tuo paese?
kùndamà (n.) altezza
à b E$ kà tE$m E$ à bà kùndamà là sta
superando sua madre in altezza
kùndì (kun + di; v.)
battezzare
rapare la testa
à kà kùndì b E$ kE$ àlamusà il suo
battesimo si celebrerà giovedi
ù yé kç$¯ oncE$ kùndì hanno rapato
la testa dello sposo
kùnfalèn (kun + falen; n.) sin.
kùnkE¯ ç ngòn equivalente
érò tàn kùnfalèn yé jòlì yé cfa là?
quale è l’equivalente di dieci euro
in cfa?
kùnfEjaté (kunfE + jate; n.)
calcolo mentale
à fç$rlé dòn kùnfEjaté là è molto
bravo nel calcolo mentale
kùnfE $ n (kun + fEn; n.) gli spiriti
mentali
à kà kùnfE$n kà fàrì, à b E$ fìn b E$E yé
i suoi spiriti mentali sono potenti, le
fanno prevedere tutto
kùnfilatù (kunfila + tu; n.) colera
¯ ìnàn kùnfilatù g E$lEyarà il colera
di quest’anno è persistente
kùnfìn (kun + fin; n.) analfabeta
kùnfìn tE$ bàmanàn là non è un
153
analfabeta nel bambara: conosce la
lingua
kùnfinyà (kun + finya; n.)
analfabetismo
kùnfinyà nì kòdonbaliyà tE$ kéleyén
l’analfabetismo e la stupidità sono due
cose diverse
kùngò (n.) savana
kùngò jàrà ì là? come è andata la caccia
nella savana?
kùngosogò (kungo + sogo; n.) animale
della savana
só kàdì dç$ là, kùngò màndì là, só màndì
dç$ là, kungò kàdì là si può avere
qualcosa rimanendo a casa e non andando
per forza nella savana e viceversa (prov.):
si dice alle persone che vogliono a tutti i
costi andare all’estero per fare fortuna
kùngowulunìn (kungo + wulunin; n.)
sciacallo
kùngowulunìn mì yé í tà kE$ sùnçg ç$ yé ò
tE$ kàmìn mìn E$ lo sciacallo che trascorre
il suo tempo a dormire, non prenderà mai
una faraona: (prov.) chi dorme non piglia
pesci
kùnkankò (kun + kanko; n.) problema,
questione
à kùnkankòw kà càn nì wàtì là, à tò yé
ha tanti problemi adesso, lascia perdere
ù yé ¯ç$ngòn yé à mùsò kà kùnkàn kò là
si sono visti per la questione di sua
moglie
kùnkE nE yà (kun + kEn Eya; n.)
competenza
à kà kùnkEn Eyà tE$ dògò la sua
competenza è nota a tutti
kùnkolò (kun + kolo; n.) testa
à kùngolò kà g E$lE$ è molto testardo
ì kùnkolò bà, bç$, n) dàlà con la tua
grande testa, lasciami in pace
Alà kà kùnkolò dàlèn, m ç$gç$ tE$ sé kà tì¯E$
il protetto di Dio è un privilegiato
(prov.): nessuno può cambiare il destino
di una persona
kùnkolobarà (kun + kolo + bara;
n.) var. kùnkolofilèn cranio
màrfà kìsE$ dònnà à kùnkolobarà là
il proiettile gli è entrato nel cranio
kùnkolosE mE $ (kun + kolo +
sEm E; n.) cervello
sàkà tòbilèn kùnkolosEm E$ kàdì à tè
le piace molto il cervello di pecora
cotto
kùnkç rç donnàn (kun +
kç rçdonnan; n.) cuscino
à tE$ sùn çgç$ nì à kà kùnkçrçdonnàn
tE$ à bòlò non dorme senza il suo
cuscino
kùnkç rç tà (kun + kç rç ta; v.)
onorare
rendere fiero
àn démusò yé àn kùnkçrçtà nostra
figlia ci ha onorato
àn kà jàmanà kélén kà kùpù tà, àn
b E$E yé kùnkçrçtà sç$rç$ siamo stati
fieri quando la nostra nazionale ha
vinto la coppa
kùnkç rç tasE bE $ n (kun + kçrç ta +
sEb En; n.) diploma d’onore
mùsò gàsàn tE$ à bòlò, à yé
kùnkç rçtasEb E$ bE$ sç$rç$ non ha
una moglie qualsiasi, ha perfino
avuto un diploma d’onore
kùnkurunin (kun + kurunin)
1 (n.) pezzettino
varietà di riso
2 (agg.) fugace
dì¯E$ yé wàgatì kùkurunìn yé la vita
è breve
kùnkurunìn dìyàn ì kà fàrnì là
dammi un pezzettino del tuo bigné
kùnkurunìn zàm E$n àn b E$ àn d E$g E$ là
il “riz au gras” con questa varietà di
riso: faremo baldoria oggi
kùnnabila (kunna + bila; n.) var.
kùnnabirì velo, scialle
à kànà bç$ n’à kà kùnnabirì tE$ à
kùnnà non uscite senza il vostro
velo
154
n E$n E$ bç$rà bìn kùnnabirì bìlà ì kàn là è
uscito il freddo, metti lo scialle sul collo
kùnnadà (kunna + da; v.)
rimproverare
ricordare il bene fatto
à kà bàarà tE$ fòyì yé kùnnadà kç$ non fa
altro che rimproverare la gente
fìtiriwalé kà tò kà kùnnadà ò dé ¯ç$n tE$
ogni tanto ricordare all’ingrato il bene
fatto è una cosa positiva
kùnnadonì (kunna + doni; n.)
responsabilità
à kà kùnnadonìw kà càn ha tante
responsabilità
kùnnafi¯ E $ (kunna + fi¯E; n.) pressione
atmosferica
ì kà E$sam E$ là, ù b E$ sòn kì ¯ ìnigà
kùnnafi¯E$ là al tuo esame, ti potranno
fare delle domande sulla pressione
atmosferica
kùnnafonì (kunna + foni)
1 (n.) informazioni, notizie
2 (v.) informare
sònnì ràdiò kùnnafonì b E$nnà dàmin E$ fra
poco inizieranno le informazioni alla
radio
ù yé à kà ìjì tàgà kùnnafonì fç$ à yé
l’hanno informato della sua partenza per
la Mecca
kùnnafonisE bE $ n (kunna + foni +
sEb En; n.) stampa
ò dù tE$ kùnnafonisEb E$n kàn eppure non
è stato accennato dalla stampa
kùnnafonidisò (kunna + fonidi + so; n.)
centro di informazione
Ministero dell’Informazione
kùnnafonidisò kò nì kò kùnnafonì tE$ dì il
Ministro dell’Informazione ha proibito la
diffusione di questa notizia
kùnnafonijE nsE nnà (kunna + foni +
jEnsEnna; n.) giornalista
kùnnafonijEnsEnnà dòn, à kà dùgù tàgà
kà càn è un giornalista che viaggia
spesso
kùnnandì (kun + nandi; agg.)
fortunato
kùnnandì mùsò dòn, nì ì y’à fùrù, ì
tE$ kE$ fàntàn yé è una donna
fortunata, se la sposi non diventerai
mai povero
kùnandiyà (kunan + diya; n.)
fortuna
cE$ kà kùnandiyà fç$lç$ yé, mùsò
¯ úmàn fùrù yé la prima fortuna di
un uomo è di sposare una brava
donna
kùnnangò (kun + nango; agg.)
sfortunato
hàlì n’ì yé kùnnangò bìlà tùlubarà
kç$n ç$, à jE$yalèn nà b ç$ una persona
sfortunata, anche se la metti dentro
un barattolo di olio, uscirà senza
olio (prov.): nella vita ci vuole un
pizzico di fortuna, lo sanno gli
sfortunati
kùnnangoyà (kun + nangoya; n.)
sfortuna
ì kà kùnnangoyà tE$ bòlonnç$ yé la
tua sfortuna non è un sortilegio
kùnnasE bE nnì (kunna + sEb Enni;
n.) dettato
à kò kà mà dà à kà kùnnasEb Ennì
dice che pensa di non aver fatto
bene il suo dettato
kùnawolò (kuna + wolo; v.)
onorare
à mùsò y’à kùnawolò, kà sùtarà
sua moglie l’ha onorato e ha
coperto i suoi errori
kùnninkelekù (n.) bruco
sàmin ¯E$ dònnèn kùnninkelekù
càmàn b E$E dùgumàn con la
stagione delle pioggie, ci sono tanti
bruchi per terra
kùntàn (kun + tan)
1 (agg.) stupido
strano
155
2 (n.) cianfrusaglie
mç$g ç$ kùntàn bélebelé! è un grande
stupido!
ù yé mùn d E$ fìlì yàn, à b E$ kà bànàn
kùntàn bìlà m ç$g ç$ là cos’hanno buttato
poiché, se si mette in una pozza
d’acqua più grande, un grande
pesce lo inghiottirà (prov.): nella
vita non bisogna mai andare oltre i
propri mezzi
qui, stanno provocando delle malattie
strane
ì kànà fòyì sàn à kùn, à b E$E fìn kùntàn
non comprare niente da lui, vende solo
cianfrusaglie
kúnùn (kun + nun)
1 (v.) svegliare
2 (avv.) ieri
jì kélén à yùlò kç$nòn à gìrilà kà
wùlì quando gli è stata messa una
goccia d’acqua nell’orecchio, si è
svegliato di soprassalto
dç$ kúnùn tùmà yé d ç$ kà sùn çg ç$
tùmà yé il momento di svegliare
una persona è il momento in cui
qualcuno si addormenta (prov.):
ognuno ha la sua fortuna nella vita
é tùn tàrà mìn kúnùn? dove sei
stato ieri?
kùntanyà (kuntan + ya; n.) imbecillità
à kà m ç$g ç$ kùntanyà tE$ b ç$ à là la sua
imbecillità non gli farà mai difetto
kùnsigì (kun + sigi; n.) capelli
ì kànà tò ì kùnsigì kà bì nà là stai attenta
che non ti cada un capello nel sugo
kùntigì (kun + tigi; n.) capo
kùn tE$ dì, kùntigì kç$ non si rapa una
testa in assenza del suo proprietario
(capo) (prov.): bisogna che l’autore di un
atto sia presente prima di giudicarlo
jàmanà kùntigì capo di stato
kùnturù (kun + turu)
1 (n.) intero
2 (agg.) nudo
à jùlangolò kùnturù tùn dòn era tutto
nudo
ù nànà mìS ì kùnturù nìn à là gli hanno
regalato una vacca intera
kùncE $ (kun + cE)
1 (v.) finire
2 (n.) centro della testa
ù yé kùmà kùncE$ hanno finito di parlare
nì yé mùn d E$ yé ì kùncE$ là? cosa c’è
sopra il centro della tua testa?
kùnùn (kun + nun; v.) inghiottire
à kç$rçtç$ kòjugù kà dùmunì dù, à b E$ à
kùnù nella fretta di mangiare, inghiotte il
cibo (senza masticare)
nì bàmadèn b E$ bò ¯ àn fE$, à k’ì dà jìnìn
kç$rç$, nà tàara jìbà là, jE$g E$ n’à kùnù se
il piccolo coccodrillo vuole crescere, è
meglio che si sdrai in poca acqua,
kùpù (n.) coppa
jç$n b E$ kùpù tàa ¯ ìnàn? chi
prenderà la coppa quest’anno?
kùpudafirikì (kupu + dafiriki; n.)
coppa d’Africa
kúrà
1 (agg.) nuovo
prossimo
2 (avv.) appena
à yé mùsò kúrà fúrù ha sposato
un’altra donna
à b E$ nàn sàn kúrà verrà il
prossimo anno
à nàlèn kúrà dòn, à tE$ fìn kàlamà è
appena arrivato, non sa ancora
niente
à cE$ yé mònbilì kùrà sàn yé suo
marito le ha comprato una nuova
macchina
fòyì tE$ tò kúrayalà nulla rimane
fresco in eterno (prov.): tutto ciò
che esiste, invecchierà un giorno
kùràn (n.) elettricità, corrente
elettrica
jì bàliyà d E$ b E$ nàn nì kùràn tìg E$ yé
è la mancanza d’acqua che porta ad
156
un interruzione della corrente
kùràn mà sé ù kà dùgù là l’elettricità
non è arrivata nel loro viaggio
kùràn jùrù linea elettrica
kùrù
1 (n.) pezzo
nodo
pietra
2 (v.) piegarsi
mç$g çyà b E$ tE$ kE$ kùrù kàn la vita in
società non si fonda sui rancori (prov.):
nella vita ci sarà sempre qualcuno che ci
accuserà a torto, meglio dimenticare ed
andare avanti.
kàbà kùrù blocco di pietra
mç$nì kùrù palline di farina di miglio
jùrù kùrù nodo della corda
tàmarò kùrù kélén dìyàn dammi un
dattero
sàfEn E$ kùrù d ç$ dìy àn dammi un pezzo
di sapone
sén kò kùrù pietra per pulire i calli del
piede
kùrukundimì (kuru + kundimi; n.)
artrite
n’à kà kùrukundimì dàmin Enà, fò ì
b E$ fìlì à mà quando iniziano i suoi
attacchi d’artrite, non lo riconosci
più
kúrún (n.)
piroga
sgabello
kúrún dàn yé cìncìn yé il limite di
una piroga è andare contro la sabbia
(prov.): nella vita, c’è un limite a
tutto
ù yé kç$¯ òn mùsò sìgì kúrú kàn, kà
sén kò hanno fatto sedere la sposa
su uno sgabello e le hanno lavato i
piedi (pratica che si fa prima che la
donna entri nella camera nuziale e
che dura sette giorni)
kúsukusú (kusu + kusu; v.)
sbattere
ù yé nç$n ç$ kùmunén kúsukusú à
fEn E$ kà b ç$ hanno sbattuto il latte
fermentato per far uscire il burro
kùrukùn (kuru + kun; n.) articolazione
à kE$rà à kùrukùn là è successo sulla
sua articolazione
157
L
là (prep.)
a
su
dentro
à tàarà ¯E$n EjE$ yç$rç$ là è andata alla
festa
à dç$nnà à kç$nòn è entrato in cucina
à yé à làyElE$ l’hanno fatto ridere
là (n.)
madre
padre
à kà là nì à kà lé kà fàrì suo padre e sua
madre sono cattivi
láabí (v.) esaudire
Alà yé à kà dùbabù láabí Dio ha
esaudito le sue preghiere
làadà (n.; dall’arabo)
usanze
spesa (per matrimonio)
ciclo mestruale
Jàmanà b E$E nì kà làadà dòn ogni paese
ha le sue usanze (prov.): paese che vai,
usanze che trovi
fùrù làadàw b E$ kà d ç$gç yà le spese
per il matrimonio stanno
diminuendo
à yé mùsò tE$Emé làadà kàn tàa ha
sposato una donna che è in
menopausa
dènmesenì tE$ tùgunì, à yé à kà
làadà yé non è più una bambina, ha
avuto le sue prime mestruazioni
làadì (v.) avvisare, mettere in
guardia
à làadirà kà sE$g ìn l’hanno avvisato
invano
mç$g ç$ tE$ fàtç$ làadì dùgutilamà
yàalà là nessuno mette in guardia
un matto che va in giro nel bel mezzo della notte (prov.): le circostanze
della vita fanno aprire gli occhi
anche ai più audaci e ai più testardi
làadibagà (laadi + baga; n.) var.
làadilikE là consigliere
làadibagà kélén dE$ b E$ à bòlò, ò yé à
bà yé ha solo una consigliera: è sua
madre
158
làadilikàn (laadi + kan; n.) consiglio
tùlò kùnnandì b E$ làadilikàn m E$n
l’orecchio fortunato ascolta i consigli
(prov.): chi ascolta i consigli degli
anziani ha la strada spianata
làadirì (laa + diri; agg.) onesto, sincero
à tèrì fìlà yé làadirì yé i suoi due amici
sono persone sincere
à cE$ tE$ sòn kó ¯ ágamì mà làadirì dòn
suo marito non ama le situazioni
ingarbugliate, è onesto
làalà (avv.) forse
mç$g ç$ tàa dòn, làalà à b E$ nàa nessuno lo
sa, forse verrà
làalimù (n.) scienziato
fìlElikElà kò, kà dén b E$ kE$ fìn yé il
veggente ha detto che suo figlio
diventerà uno scienziato
làaji (n.) persona di sesso maschile che
ha fatto il pellegrinaggio alla Mecca
ì kE$rà Làaji yé, kò jùgù kE$ dàbilà sei
diventato “L’Haji”, smetti di seminare il
male
làafà (n.) berretto
à kà làafà b E$ à kùnà kùmab E$ il suo
berretto è sempre sulla sua testa
làansarà (n.) preghiera del pomeriggio
à kò kà yé làansarà pàn bì dice che ha
saltato la preghiera oggi
làbàn
1 (n.) fine
2 (agg.) ultimo
3 (v.) finire
kò làbàn d E$ kà g E$lE$ è la fine che è
importante (prov.): nella vita è la fine di
ogni situazione che è importante, non i
vari problemi che si incontrano
à làbàn d E$ b E$ bç$ bàarà là è l’ultimo ad
uscire dal lavoro
làbàn tE$ dì¯E$ là il mondo non ha fine
(prov.): gli uomini passano, la vita
continua
làbanà (laban + na; v.) far
ammalare
n E$n E$ bò ¯àn kòjugù yé à làbanà il
grande freddo l’ha fatto ammalare
làbankò (laban + ko; n.) fine
ì tE$ sàbalì, ì tE$ ì làbankò dòn
smettila, non sai come sarà la tua
fine
làbE $ n (v.)
preparare
aggiustare
ù b E$ kù làb E$n kà b ç$ si stanno
preparando per uscire
à kà dùlokì làb E$n, à fàralén dòn
aggiusti il suo vestito, è strappato
sùnçgç$ nànà fí¯Etç$ làbEnnèn sç$rç$
il sonno ha trovato il cieco pronto ad
aspettarlo (prov.): si dice alle persone che fanno una cosa per cui hanno
già una predisposizione al successo
làbE nnì (lab En + ni; n.)
organizzazione, preparazione
kç$¯ onmusò kà làb Ennì dàmin Enà
la preparazione della sposa è inziata
à yé sòkçn çnà làb Ennì dàmin E$!
iniziate a pulire la casa!
làbilà
1 (n.) congedo
2 (v.) congedare
3 (agg.) generoso
jélíw kó nùn b E$ sé kà làbilà i
“griot”, i “cantastorie”, hanno
chiesto il loro congedo
à yé bàarakElà làbilà ha
congedato la domestica
mç$g ç$ ¯ ùmàn dòn, à bòlò làbilalèn
dòn è una brava persona, è molto
generosa
làbìn (v.)
far cadere
rovinare
à mùsò yé à kà nàfolò b E$E dùn, kà
làbìn sua moglie ha dilapidato tutti
i soldi, rovinandolo
sò mìn b E$ mç$g ç$ làbìn, ì tE$ à tùlò yé
non si vedono le orecchie del cavallo
159
che fa cadere le persone (prov.): quando
qualcuno vuole tradirci, è difficile notarlo
làbirì (v.) far abbassare
ù yé à kùngolò làbirì fìlèn kùnà hanno
abbassato la sua testa sulla “calebassa”
làbç $ (v.)
far uscire
bastare
à sç$m çg ç$w yé à làbç$ kàsò là i suoi
parenti l’hanno fatto uscire dalla prigione
nì bùrù tE$ làb çlì kE$ questo pane non
basterà
à yé dènmsEnì b E$E làb ç$ fate uscire tutti i
bambini.
làdà (v.)
sdraiare
mettere a letto
ricoverare
à bE$ nàa sìsàn, à tàarà dén làdà verrà
adesso, è andato a mettere a letto il
bambino
ì làdà kà ¯ àn, ì dç$g çnìn kàn kà dà ì
kE$rEfE$ sdraiati bene, il tuo fratellino
deve dormire accanto a te
à làadarà kùnùn dç$ktç rç$ sò là l’hanno
ricoverato ieri
làdamù (v.) educare, insegnare
mùsò làdamulèn dòn, à tE$ à cE$ sç$sç$ è
una donna educata, non contesta mai suo
marito in pubblico
à mùsò b E$ mùsòw tç$w làdamù kàlalì là
sua moglie insegna alle altre donne il
cucito
làdegé
1 (v.) imitare
2 (n.) imitazione
sàyà làdegé yé sùnçg ç$ yé l’imitazione
della morte è il sonno
à b E$ sé fìnì làdegé là sa imitare il
modello dei vestiti
bànà làdegé tE$, à màn kE$n E$ non è una
malattia immaginaria, sta poco bene
làdì (v.) avvertire
à y’à làdì m ç$g ç$ d ç$gç yà màn gli ha detto
di non umiliare la gente
làdilà (v.) aggiustare
à y’à kà sànbaràw làdilà, à b E$ ì nà
fç$ kùrà ha aggiustato le sue scarpe,
sembrano nuove
làdiyà (v.)
far piacere
ricompensare
nì yé nìn kò ¯E$n Eb ç$, n) b E$ ì làdiyà
kç$sçb E$ se risolvi questa cosa, ti
ricompenserò bene
à k’à nì kò ¯ umàn yé à làdiyà il
suo buon comportamento gli ha
fatto piacere
làdiyalàn (ladiya + lan; n.) regalo,
ricompensa
à y’è làdiyalàn dì à kà dùnànw b E$E
màn ha dato dei regali a tutti i suoi
ospiti
ì t’ù yé làdiyalàn mìn kófç$, ò b E$
mìn? dov’è la ricompensa che mi
hai promesso?
ládón (v.)
accogliere
occuparsi di
à b E$ à bà kç$rçnìn ládón kà ¯ àn si
occupa bene della sua vecchia
mamma
à mùsò yé n) ládón kà ¯ àn sua
moglie mi ha accolto bene
ládç nniyà (lad çnni + ya; v.)
informare
ù yé dùgù b E$E làdçnniyà kò ù kà jìrì
tìg E$ dàbilà hanno detto agli
abitanti del villaggio di smettere di
tagliare gli alberi
làjà (v.) far essiccare, asciugare
à yé fìnì làjà jùrù mìn b E$ sò kç$fE$
fate asciugare i vestiti sul filo che si
trova dietro casa
à yé bàsì làjà tìèn là essicate il
cuscus sotto il sole
làjabà (laja + ba; v.) umiliare
nì mà fàrà mç$gç$ làjabà là, ì làbàn
kò bE$ jùguyà se non la smetti di umiliare la gente, farai una brutta fine
160
làjE $ (v.)
guardare
esaminare
cercare di
à t’ì fE$, à b E$ kì làjE$ ¯ ìn jùkçrç$ non ti
vuole bene, ti sta guardando in modo
sornione
sò làjE$ kà ¯ àn ¯ ànì ì kà sàn guarda bene
il cavallo prima di comprarlo
à làjE$ sà! kà d E$m E$! ti prego cerca di
aiutarlo!
làjE lì (n.) divinazione
à tE$ sòn kà làjElì kE$ tàrata nì sìbirì non
ama fare la divinazione di martedì e di
sabato: si rifiuta di fare la divinazione in
questi giorni perché tutto quello che si
vede si avvererà doppiamente
làjE likE là (lajEli + kEla; n.) veggente
n’à tE$ nà Sì làjElikElà féyì le manca solo
di passare la notte dal veggente
làjigìn (v.)
far scendere
far partorire
à dìminà à kç$rç$, kà làjigìn à m ç$bilì là
l’ha fatto innervosire e l’ha fatto
scendere dalla macchina
à bà yé mùsò càmàn làjigìn ù kà sò sua
madre ha fatto partorire tante donne a
casa sua
làjç $ (v.) fermare
à y’à làjç$ kà kùmà à fE$ l’ha fermato per
parlare con lui
làfà (n.) berretto
nì kò ì kà làfà tE$ b ç$ ì kùnà, fì¯E$ dùn y’à
làfilì se dici che il berretto non si toglie
dalla tua testa, il vento te l’ha portato via.
láfà (v.)
riempire
ingrassare
Italì jàrà ì là, é k’ì láfà lèn yé ti sei
proprio trovata bene in Italia, guarda
come sei ingrassata
à dènmusonìn yé tàssà$ fà n ç$n ç$ là sua
figlia ha riempito la tazza con il latte
láfarà (v.) separare
à yé kE$lE$ ¯ç$gòn láfarà ha separato
i due litiganti
láfarì (n.) separazione
ì tE$ ì dà b ç$ nùnùn kà láfarì là non
immischiarti nella loro separazione
làfaralikE là (lafari + kEla; n.)
mediatore
làfaralikElà bà kàn kà sìgì il
mediatore deve essere una persona
calma
làfasà (v.) difendere
à yé cE$ làfasà zòn là ha difeso
questo uomo dai ladri
làfasalikE là (lafasali + kEla; n.)
avvocato
à kà làfasalikElà kò kà kì jà sìgì il
suo avvocato gli ha detto di stare
tranquillo
làfilì (v.) sbagliare
ù y’à làfilì l’hanno fatto sbagliare
làfi¯ E $ (v.) riposarsi
à kò kàbì làfi¯E$ sìsàn ha detto che
ora si riposerà
làfirì (n.) tipo di piatto a base di
cereali: fonio, riso, miglio
à brànkE$ b E$ àlè d ç$ròn kà làfirì d E$
fE$ il suo “lafiri” è l’unico piatto che
piace a suo suocero
làfiyà
1 (n.) riposo
pace
2 (v.) riposarsi
3 (agg.) tranquillo
fàtç$ kà kE$n E$, nkà à mà làfiyà il
folle è dinamico, ma non è
tranquillo (prov.): il ricco è molto
conosciuto, ma ha tanti problemi e
tante voglie, vuole sempre di più
làfiyà kàdì è bello riposarsi
à kà sò yé làfiyà yç$rç$ yé la sua casa
è un luogo di riposo
161
làfiyà, b E$ làfiyà d ç$ròn d E$ n ç$fE$! la pace,
voglio solo la pace!
làgalagà (agg.) nevrotico
hàn! bànàn y’à kE$ làgalagà yé mamma
mia! la malattia l’ha reso nevrotico
làgalagatç $ (lagalaga + tç; agg.)
stupido
làgalagatç$ dòn, ì kànà jìgì à là è uno
stupido, lascia perdere
làgaré (n.) l’ultimo figlio, che di solito
è molto viziato
à tE$ à kà làfaré tùlong E$ là è molto
legata al suo ultimo figlio
làgasà (n.) fannullone
làgasàw kà càn ù kà dù là ci sono tanti
fannulloni nella loro casa
làgasí (n.) treccine fatte senza cura
kç$n ç$ jùguyà bòlò, à yé n) kùn làgasì per
via della sua malafede, mi fa fatto le
treccine senza cura
làgosì (v.)
umiliare
disprezzare
à yà mùsò làgosì jàmàn là ha
disprezzato sua moglie davanti alla gente
ì kànà fìlE$ kò n) yé mùsò yé, kà làgosì
non pensare che, dato che sono una
donna, puoi umiliarmi come vuoi
làhalà (n.) aspetto
à kà làhalà b E$ m ç$g ç$ làbolì il suo aspetto
fa scappare la gente
làharà (n.; dall’arabo) aldilà
dì¯E$ tE$ sò yé nkà làharà tE$ tàayç rç$ yé
se il mondo non è il nostro domicilio
definitivo neanche l’adilà è il luogo dove
andare (prov.): si dice alle persone che
vogliono morire
làhinE $ (v.; dall’arabo)
sollevarsi
aiutare
kà tò tùnkàn là, à yé ù kù dùgù
làhin E$ kç$sçb E$ quando era
all’estero, ha aiutato molto il suo
paese
ù kélén kà dén yé, ù làhin Elà
kç$sçb E$ quando hanno ritrovato suo
figlio, sono stati molto sollevati
làhiyà (n.; dall’arabo) montone
che si sacrifica per la festa
musulmana del Tabaski
sàn ò sàn à bE$ à kà làhiyà sòngòn
bìlà kà tàa ogni anno manda i soldi
per comprare il montone per il
Tabaski
làhç rç mà (n.; dall’arabo)
grazia
gloria
generosità
à làhç rçmà kà ¯ ì è di una grande
generosità
àladelì càyà kòjugù, à yé kìrà
làhçrçmà sç$rç$ per via delle sue
invocazioni religiose, ha avuto la
grazia di Dio
làkalàn (v.) insegnare, istruire
nì mùsòw càmàn làkalanà, dùgù b E$
tà ¯E$ se tante donne sono istruite,
il paese andrà avanti
à kà bàarà fìlanà yé kà màraka
dénw làkalàn tùbabukàn là il suo
secondo lavoro è insegnare ai
bambini Màrakà il francese
Màrakà: un’etnia del Mali
làkalannì (lakan + ni; n.)
insegnamento
ì kànà tùlonkE$ à kà làkalannì là
non giocare con il suo
insegnamento
làkalì (v.) divulgare, raccontare
à dà tE$ sìgì, kò làkalì kàdì à yé ha
la lingua sciolta, ama raccontare le
cose
à mùsò yé à cE$ kà kùndò làkalì fàn
b E$E la moglie ha divulgato il
segreto di suo marito
162
làkalità (lakali + ta; n.) notizia
n) dà tE$ nì làkalità là non ho niente da
dire su questa notizia
kùmà b E$ cerca di cambiare
comportamento, non posso sempre
salvarti
làkalita¯inì (lakalita + ¯ in; n.)
reportage
ù yé làkalita ¯ inì kE$ ù kà dùgù kàn hanno
fatto un reportage sul loro paese
lákò (n.) problema
ì yé ì kà lákò dògòn cògocogò, à nà
poyì kà b ç$ anche se nascondi il tuo
problema, prima o poi uscirà fuori
làkalita¯ininà (lakalita ¯ ini + na; n.)
reporter
à cE$ yé làkalita ¯ ininà yé mì b E$ taà kE$lE$
dùgù là suo marito è un reporter che
viene mandato nei paesi di guerra
làkç libà (lakç li + ba; n.) scuola
secondaria, medie
à dén y’ì jìlajà fò kà làkçlibà kàlàn
bàn suo figlio ha fatto di tutto per
finire la scuola secondaria
làkalitasE bE $ n (lakalita + sEb En; n.)
giornale
làkalitasEb E$n d E$ fç$lç$ yé nì kìbarù fç$ è
stato il primo giornale a scrivere questa
notizia
làkç lidèn (lakç li + den; n.)
scolaro, alunno
làkçlidénw yé wàrì fàrà ¯ç$gòn kàn
kù kù kàlànyç rç$ bìlì gli scolari
hanno raccolto i soldi per costruire i
recinti della loro scuola
lákanà
1 (n.) protezione
2 (v.) proteggere
nì lákanà fì¯E$ yé jòlì yé questa protezione perde la sua potenza con il sangue
à lákanalén dòn kç$sçb E$ è una persona
molto protetta
làkasì (n.) far piangere
dènsennì làkasì kà dì à yé ama far
piangere i bambini
làkE rE $ (n.) gesso
hàlì làkErE$ tE$ sç$rç$ nì clàssì kç$nòn
nemmeno il gesso si trova in questa
classe
làkikà (agg.) vero
nì yé cìwarà làkikà yE$rE$ yé questo è un
vero “ciwara”
“ciwara”: maschera bambara che
simbolizza la ricchezza, l’abbondanza
làkirìn (v.) anestetizzare
ù kélén kà fç$ kù b E$nnà làkarìn à sìranàn
quando le hanno detto che
l’anestetizzeranno, ha avuto paura
làkisì (v.) salvare
ì fànà kì jògò fàlì, n) tE$ sé k’ì làkisì
làkç lidensE bE $ n (lakçli + den +
sEb En; n.) certificato di scolarità
è dùn kò kà kàlén tE$, m ç$g ç$ mìn kà
làkçlidensEb E$n b’à bòlò perché hai
detto che non è istruito, eppure ha il
suo certificato di scolarità
làkç lidènsomç gç $ (lakçli + den +
somçg ç; n.) genitori degli alunni
làkçlidensom çg ç$ kò kùnì kàram çg ç$
tE$g E$ b E$ ¯ç$gòn bòlò i genitori degli
alunni hanno detto che sono a
favore degli insegnanti
làkç lidensomogç tç $ n (lakçli +
den + somogç + tçn; n.)
associazione dei genitori degli
alunni
ù y’à bà kE$ làkç lidensomogç$
kùntigi yé sua madre è stata eletta
presidente dell’associazione dei
genitori degli alunni.
làkç likaramç gç $ (lakç li +
karamçg ç ; n.) maestro di scuola,
insegnante
ù b E$E yé ù fà nç$ tà, ù kE$rà
làkçlikaram çg ç$ yé hanno tutti
163
seguito le orme del loro padre, sono
diventati insegnanti
làkç lisò (lakç li + so; n.) scuola
hàlì làkç lisò kélén tE$ nì dùgù là non si
trova nemmeno una scuola in questo
villaggio
làkç lisì (v.) osservare
à b E$ làkç lisì kE$ kòjugù n’à yé mìn fç$
mç$g ç$ kàn dà ò là osserva bene le
persone, se ti dice qualcosa su qualcuno
credigli
làkunùn (v.) svegliare
à y’à làkunùn nì jì yé à tùlò kç$nòn l’ha
svegliato mettendogli delle gocce
d’acqua nell’orecchio
làkurù (n.) recluta
ì dùn b E$ kE$ m ç$gç$ bà yé, ì b’à dàmin E$
làkuruyà là, kà yE$lE$ eppure diventerai
una persona importante, inizierai con
l’essere una recluta, poi farai carriera
làmagà (v.)
mescolare
muovere
dare una lezione
kìnì làmagà, à b E$ sòn kà SìS ì mescola il
riso, sta per bruciare
à b E$ ì nà fç$, à b E$ kà làmagà sembra che
si stia muovendo
à fa y’à làmagà kç$sçb E$ suo padre gli ha
dato una bella lezione
làmaloyà (v.) umiliare
hàn? kà cE$ làmaloyà à dénw ¯E$nà!
cosa? umiliare un uomo davanti ai suoi
figli!
làmaloyalì (lamaloya + li; n.)
umiliazione
nì kò kE$rà làmaloyalì yé n) bòlò! questa
cosa è diventata un’umiliazione per noi!
làmarà (v.)
educare
custodire, conservare
à dénw S ì tE$ tàa bç$lòn fE$, ù b E$E
làmaralén dòn nessuno dei suoi
figli va a zonzo, sono tutti
beneducati
à yé wàlì sànù làmarà kà ¯ àn
custodisce bene l’oro altrui
à yé fùrajì làmarà kà ¯ àn ha
conservato bene il medicinale
liquido
làmE E $ n (v.) ascoltare
kùmà làm EE$n yé à tànàn yé per lui
ascoltare diventa un problema
làmE E bagà (n.) ascoltatore
làm EEbagàw kò à kà kàn yE$lE$ gli
ascoltatori hanno detto di alzare il
tono della voce
lámín (v.) far bere
¯ ànì ì kà nàa, bàgànw làmín prima
di venire, dai da bere agli animali
láminE $ (v.)
rispondere
sopportare
tenere
à dà kà gò, ì nà fç$ fE$n wE$rE$, à tE$
mç$g ç$ jàbì kà ¯ àn è una persona
scontrosa, non risponde bene alla
gente
mç$g ç$ Sì tE$ ùhùn lámin E$ dòn
nessuno sa cosa significa rispondere
“uhun” (prov.): si dice alle persone
che dicono di sì senza esprimere il
loro parere
à kò à dén mà kà kà sùg En E$ kò
lámin E$ ha detto a suo figlio di
trattenersi dal far pipì
tàssà láminE$ kà ¯àn tieni bene il
piatto
láminí
1 (v.) circondare, girare intorno
2 (n.) i dintorni
sìn tç$g ç$ là kà fìsà à láminí yé meglio andare dritto verso l’obbiettivo
che aggirarlo (prov.): meglio dire la
verità che girarci intorno
ùyé zòn láminí kù bà gòsì hanno
circondato il ladro per picchiarlo
164
Bàmakò nì à làmininí Bamako e i suoi
dintorni
làmç $ (v.)
educare
crescere
à bà y’à làmç$ kà ¯ án, à bà sìgilén dòn
sua madre l’ha cresciuto bene, è una
persona molto calma
à mà làm ç$ à kà dùgù là non è stato
educato nel suo villaggio
làmç balì (lamç + bali; v.) maleducato
ù bà bànèn, ù kE$rà làmçbalì yé quando
la loro madre è venuta a mancare, sono
diventati maleducati
làmç baliyà (lam ç + balia; n.)
maleducazione
làmçbaliyà b E$ kà càyà, dènmsenì b E$ ù
yE$rE$ mà c’è tanta maleducazione, i
bambini sono lasciati a loro stessi
làmç bagà (lam ç + baga; n.) tutore
à kà làmçbagà tE$ tùlonkE$ kàlàn kò là il
suo tutore tiene molto agli studi
làmç dén (lam ç + den; n.) figlio
adottivo
à kà làmçdén b E$E kE$rà fítirí wàlén yé
tutti i suoi figli adottivi sono diventati
ingrati
làmç yç rç $ (lam ç + yçrç ; n.) luogo
dove si è cresciuti
sìbirì, sìbirì, à b E$ tàa à kà làm çyç rç$ là
ogni sabato va dalla famiglia che l’ha
cresciuto
làmù (n.; dal francese) lama
à yé làmù kE$ kà kùn dì ha rasato la sua
testa con la lama
làmukalà (lamu + kala; n.) rasoio
ù yé làmukç$rç$ kò kà kE$ ì nà fç$ kùrà
hanno lavato i rasoi fino a farli diventare
come nuovi
làmuritì (v.) rivoltare
ù y’à làmuritì kà b ç$ bàarà là l’hanno
rivoltato per fargli lasciare il lavoro
lànaà (v.) far venire
ù yé bàarà kE$ kà làanà hanno fatto
delle invocazioni pagane per farlo
venire
lànEgE $ (v.) illudere
à yé à térekE$ làn Eg E$, kà kà wàrì
mìn E$ à là ha illuso il suo amico per
prendergli i soldi
lànkirì (n.) inchiostro
ù yé màS inì làjç$, lànkirì bàliyà bòlò
hanno fermato la macchina per
mancanza d’inchiostro
lànkolòn
1 (agg.) vuoto
senza importanza
2 (n.) fannullone
à kà ménàn lànkolòn d E$ b E$ nàa kà
bç$ féeré là dopo la vendita, torna
sempre con il piatto vuoto
à kà kùmà lànkolòn fç$ kà càn dice
tante parole vuote
cE$ lànkolò fannullone
bòlò lànkolòn povero
lànkoloyà (lankolo + ya; v.)
svuotare
impoverire
ù yé jéninin càyà kà dúgukolò
lànkoloyà bruciano spesso la terra
al punto che il suolo si è impoverito
n) kà jùfà lànkoloyalà sono
diventato povero
jì bç$ à là, kà lànkoloyà togli
l’acqua svuotandolo
lànçgç $ (v.)
sporcare
schernire
à yé àlamin E$ kà kà dùlokì kùrà
lànçg ç$ nì b ç$gç jì yé ha sporcato il
suo nuovo “bubu” con l’acqua
fangosa
à yé à làn çg ç$ jàmàn ¯E$nà l’ha
schernito davanti alla gente
lànpàn (n.; dal francese) lampada
tàjì kE$ lànpà là metti il petrolio
165
nella lampada
sànì ì kà tàjì kE$ fìyetç$ kà lànpàn là, Sç$
sàn à yé invece di mettere il petrolio
nella lampada di un cieco, compragli i
fagioli (prov.): se volete aiutare una
persona, dategli il giusto aiuto
là¯inE $ (v.) dimenticare
à yé làidù mìn tàa n) yé, à y’à yE$rE$
là ¯ in E$ ò kç$ ha fatto finta di dimenticare
la promessa che mi ha fatto
là¯inì
1 (v.) provocare, sfidare
2 (n.) progetto
là ¯ inì kà kç$rç$ làtig E$ yé il progetto è
anteriore alla realizzazione (prov.): il
lavoro precede il profitto
à yé à là¯inì fò kà bìlà kùmà là l’ha provocato a tal punto che si è messo a parlare
à y’à là ¯ inì nì bàara sç$rç$ là l’ha sfidato
su chi avrà questo lavoro
làfasà (v.) difendere
à tE$ à cE$ tùlonkE$ là, à y’à làfasà n’à
fàngà b E$E yé tiene molto a suo marito,
l’ha difeso con tutte le sue forze
làrabù (n.) arabo
anì làrabùw kàdì, ù b’à d E$m E$ kç$sçb E$
ha dei buoni rapporti con gli arabi,
l’aiutano molto
làrabujamanà (larabu + jamana; n.)
paese arabo
à y’à kà kàlàn kE$ àrabujamanà là ha
fatto i suoi studi nei paesi arabi
làrabukàn (larabu + kan; n.) lingua
araba
làrabukàn dùn mà g E$lE$ la lingua araba
non è difficile
làramè (n.; dal francese) esercito
nì mì jàntò làramè là, ù b’ì làbìn d E$! se
non stai attento all’esercito, ti manderà in
rovina!
láriwelí (n.) igiene
láriwelim çgç$w yé sòsò fúrajì fìyE$ il
personale dell’igiene ha spruzzato il
liquido contro le zanzare
lárò (n.) piatto di cereali
à bànanén ù tàrà lárò dàmàn
dç$ktçrçsò là quando si è ammalato
gli hanno portato all’ospedale un
piatto di “laro”
làsà (v.)
dimagrire
porre fine
à yé kò b E$E kE$ kà yE$rE$ làsà ha
fatto di tutto per dimagrire
í yé kE$lE$ mìn wùlì à làsà metti fine
alla guerra che hai provocato.
làsabalì (v.) calmare
à yé à kà kùmà làm E$n, à yé làsabalì
ascoltatelo, calmatevi
làsé (v.)
trasmettere, far arrivare, far
pervenire
far morire
ì kanà d ç$ fàrà à kà dùsukasì kàn,
kà tç$ làsé non aumentare le sue
pene per farla morire
à yé ¯àn à mà kà ní kíbarù làsé
aiutatelo, fategli pervenire questa
notizia
ù yé bànàn làsé ù mà gli hanno
trasmesso la malattia
làsegìn (v.)
rimandare
restituire
à yé à kà m ç$bilì làsegìn à mà gli ha
restituito la macchina
à yé kàrtòn làsegìn ha rimandato il
cartone
làsEgE $ n (v.) stancare
¯ ìnàn sù y’à làsEg E$n kç$sçb E$ il
digiuno di questo anno l’ha stancato
molto
làsigì
1 (v.) far sedere
andare in pensione
fondare
166
2 (n.) riunione
ù b E$E kùmà làsigì là stanno facendo una
riunione
dùnàn làsigirà, kà jì dàmàn hanno fatto
sedere lo straniero e gli hanno dato
dell’acqua
à bùrugù d E$ yé dùgù làsigì sono i suoi
antenati che hanno fondato questo paese
à làsigì kùmàn sérà è arrivato il
momento di andare in pensione
làsigidén (lasigi + den; n.)
ambasciatore
làsigidén kùrà sìgirà kùnùn il nuovo
ambasciatore si è insediato ieri
làsigidensò (lasigi + den; n.)
ambasciata
à tàarà nì à kà pàssapç$rt kç$rç$ làsigidèn
là ha portato il suo passaporto scaduto
all’ambasciata
làsiràn (v.) spaventare
ù y’à làsiràn tùnkàn sìgì ¯E$ lo hanno
spaventato a proposito della vita
all’estero
lásirí (v.) mettere incinta
à tE$ fòyì là kà wàlidén làsirì non fa altro
che mettere incinte le figlie altrui
làsirì fç $ lç $ (n.) quarto mese dell’anno
lunare
ù yE$lEmanà ù kà sò kùrà là làsirì fç$lç$
kùmà si sono trasferiti nella nuova casa
nel quarto mese dell’anno lunare
bastata per intonacare il muro
làsogE $ (n.) verginità
nì kò yé dénmusò kà làsog E$ sç$rç$, ù
b’à fç$ kàmà làm ç$n se la verginità
di una ragazza viene intaccata si
dice che non è stata educata bene
làsç mì (v.) avvisare
ù y’à làsçmì à kà bàrrà yç$rç$ jànfà
là l’hanno avvisato del complotto
che gli stanno preparando sul
lavoro
làsù (v.) incitare
à y’à wùlù làsù kà bìlà m ç$g ç$ kàn
ha aizzato il suo cane e l’ha spinto
contro la gente
làsumà (v.)
raffreddare
rinfrescare
attenuare il dolore
calmare
à tç$ àn kà jìmberé làsumà aspetta
che rinfreschiamo il succo di
zenzero
nì vèntilatòr tE$ kà sòkçnà làsumà il
ventilatore non sta rinfrescando la
camera
cE$kçrçbà kà fùrà yé à kà sén dìmì
làsumà il medicinale del vecchio
ha attenuato il suo dolore al piede
à kélén kà kùlén dàmin E$, ù y’à
làsumà kà làsigì quando ha iniziato
a urlare, l’hanno calmato e l’hanno
fatto sedere
làsirì làbàn (n.) sesto mese dell’anno
lunare
à y’à kà tùnkàn tàgà bìlà kàlò làsirì
làbàn è partita alla ventura durante il
sesto mese dell’anno lunare
làsumayà (lasuma + ya; v.)
rallentare
mç$bilì làsumayà, ì b E$ bòlì kòjugù
rallenti un po’ la velocità della
macchina, corre troppo
làsiritç $ (la siri + tç ; n.) donna incinta
é Alà! à kà nà làsiritç$ bìlà bàrrà càmàn
là! oh Dio! Non fate fare tanti lavori ad
una donna incinta!
làsunç gç $ (v.) addormentare
ì b E$ nà yé, tàmà sìngìn b’ì làsun çgç$
vedrai che la stanchezza della
camminata ti farà addormentare
làsò (n.) calce
làsò d E$sErà sò sérì là la calce non è
làtaà (v.) partire
nì mà jì dì dùnàn mà kà làsigì, ì b’à
167
làtaà se non dai acqua ad un ospite e lo
fai sedere significa che vuoi che parta: in
Africa la prima cosa che si dà ad un
ospite è l’acqua, e se la rifiuta significa
che è arrivato sul piede di guerra
làtigE cogò (latig E + cogo; n.)
meccanismo
nì yé dì¯E$ làtig Ecogò fàmuyà, ì tE$
sìngìn se conosci il meccanismo
della vita, tutto ti sarà più facile
làtangà (v.) proteggere
à m E$lEkE$ kà fàrì, à b’à làntagà fìn
càmàn là il suo angelo custode è molto
potente, la protegge contro tante
cattiverie
làtikç lç $ n (n.; dal francese)
profumo
nì yé latikç lòn kE$ ì kùnsigì là , à b E$
jE$ se metti il profumo sui capelli,
diventeranno presto bianchi
làtarasojì (n.) profumo di geranio
làtarasojì kàsà kàdì à yé gli piace il
profumo di geranio
làtilà (v.) salvare
àlàtilà nì kàsarabà là si è salvato
da questa sciagura
làteliyà (lateli + ya; v.) far veloce,
accelerare
à bà làteliyà kà kò b E$ kE$ fa veloce tutte
le sue cose
n) bE$ ì délì, ì kànà mç$nbilì làteliyà nì n) yé
ti prego non accelerare con l’auto
làtE mE $ (v.) superare
àn kà nì kò làtEm E$ nì h E$rE$ nì bàdèn yé
superiamo questa cosa senza tanti giri di
parole
làtigE $
1 (n.) volontà divina
2 (v.) decidere
realizzare
spiegare
risolvere
Alà d E$ mà nì kò làtig E$ non è stata
ancora una volontà divina
à nà kà nàngarabayà b E$E, à mà sé kà nì
kó làtig E$ nonostante sia una donna in
gamba, non ha potuto risolvere questa
cosa
à fànà à yé nì kò làtig E$, àn k’à h E$rE$ sç$rç$
vi prego, decidete su questa cosa in
modo da avere pace
à yé kE$lE$ kùn làtig E$ à yé ha spiegato
loro il motivo della discussione
làtigE dòn (latig E + don; n.) giorno
stabilito, convenuto
à kà dùgù tàgà làtig Edòn sérà il giorno
stabilito per il suo viaggio è arrivato
làtilén (v.)
raddrizzare, correggere
fare con onestà
à kà kò b E$E làtilen dòn tutte le sue
cose sono fatte con onestà
nì mòrì b E$ sé kò là , à yé kò
jìng Enén làtilén questo “marabut”
è bravo, è riuscito a raddrizzare una
situazione data per persa
à y’à dén làtilén, à tùn b E$ sìrà jùgù
kàn ha corretto suo figlio, era su
una brutta strada
làtilennikiritigE dà (latilenni +
kiritig Eda; n.) sezione penale della
Pretura
ú tàarà b ç$ à yé làtilennikiritig Edà
là sono andati a trovarlo nella
sezione penale della Pretura
làtilennisò (latelen + so; n.)
riformatorio
à dénkE$ fç$lç$ jç$rç$ b’à là, ùy’à bìlà
kà tàa làtilennisò là è molto
preoccupato per il suo primogenito:
è stato portato in riformatorio
làti¯ E $ (v.)
sabotare
distruggere
dilapidare
viziare
ù y’à cE$ kà nàfolò b E$E làti¯E$
hanno dilapidato tutte le ricchezze
168
di suo marito
sàn yé à kà sò tì¯E$ la pioggia ha
distrutto la sua casa
sù kòlèn, a jùgù y’à kà mònbilì fE$rìn
làti¯E$ quando si è fatto buio, un suo
nemico ha sabotato i freni della sua
macchina
à màmusò y’à làtiyE$n kòjugù sua nonna
l’ha molto viziato
làtç mòn (v.) smistare
à yé lE$tErElì làtçmòn k’ù bç$ ¯ òngonnà
ha smistato la posta
làturù (n.) geomanzia, divinazione
compiuta sulla terra facendo dei segni
à dàlèn dòn kç$sçb E$ làturù là crede
molto nella geomanzia
làturudalà (laturu + dala; n.)
geomante
làturudala kò, kà kì hàkilì sìgì à kà
dùsukasì bàntolà dòn il geomante gli ha
detto di stare tranquillo, tutti i suoi
problemi stanno per finire
làturusò (laturu + so; n.) figura
geomantica
à yé làturusòw càmàn kE$ dùgumàn, tì¯E$
dòn, gàlòn dòn, jç$¯ ì d E$ b’ò dòn? ha
disegnato tante figure geomantiche, vere
o false, chi lo sa?
làcì (v.) dimagrire
bànàn yé à làcì kç$sçb E$ la malattia l’ha
fatto molto dimagrire
làwà (n.)
sperma
voglia
Sç$ làwà b E$ n) là ho voglia di fagioli
nì y’ì dà fìnì n ç$g çlèn làwà là, ì b E$ sìngìn
se ti sdrai sul lenzuolo sporco di sperma,
avrai tanti problemi
làwajì (lawa + ji; n.) sperma liquido
kò nì yé làwajì mùn ì ¯E$dà là, cE$ sì tE$
bàn ì là se metti sperma liquido sul tuo
viso, nessun uomo ti resisterà
làwakisE $ (lawa + kisE; n.)
spermatozoo
fàngàn b E$rE$ tE$ à kà làwakisE$w là,
ò d E$ yé à kò dénkò g E$lEyà i suoi
spermatozoi sono deboli, per questo
ha difficoltà ad avere figli
làwulì (v.)
alzare
svegliare
mettere in moto
¯ ìn E$ b E$ sé kà sònkalà bìn, à tE$ sé
kà làwulì il topo può far cadere il
mestolo, ma non può raddrizzarlo
(prov.): è più facile distruggere una
situazione che ristabilire una
concordia
à yé ù b E$E làwulì, ù kà sélì
svegliali tutti quanti, che preghino
à yé wùlì kà dòn kE$, Sò,Sò! alzatevi
per ballare, sù, sù!
àn làbàn yé mònbilì pùssè, kà wulì
alla fine abbiamo spinto l’auto per
metterla in moto
làyì (n.; dal francese) aglio
nì yé làyì càyà zàm E$n ¯E$jE$ là, à b E$
jà se metti tanto aglio nel “ris au
gras” bianco, sarà buono
làyidù (layi + du; n.) promessa
é ¯ ìnanàn ì kà làyidù là? hai
dimenticato la tua promessa?
làyidukàn (layidu + kan; n.)
parola data
nì tE$ làyidukàn dì b ç$ non vale la
pena dare la tua parola in questa
situazione
làyidutigì (layidu + tigi; n.)
persona che mantiene le sue
promesse
làyidutigì dòn, à tE$ ì jànfà, hàbadà!
è una persona di parola, non ti
abbandonerà mai!
làyiduti¯ E $ (layidu + ti¯E; n.)
mancato rispetto di una promessa
làyiduti¯E$ bç$rà nì kò là una
promessa non è stata mantenuta
169
lébù (v.) umiliare
kà m ç$gç$ sàbà jE$ kùlisì kélén là, d ç$ kà
lèbù b’à là se si chiede a tre persone di
utilizzare gli stessi calzoncini, ci sarà una
persona che si vergognerà (prov.): ci
sono cose che non si possono
condividere, come l’amore, il marito, la
moglie ecc.
lélé (n.) foglie per il sugo
lélé càyà ì kà nà là aumenta le foglie nel
tuo sugo
lèlelè (n.) amante
à kà lèlelèw tE$ dògò si conoscono ormai
i suoi amanti
lèminanpò (n.) prurito vaginale
à màloyalà kà fç$ à kàmalèn yé kò
lèminanpò bà là si è vergognata di dire
al suo fidanzato che ha dei pruriti
lènburù (n.)
agrume
arancia
limone (pianta e frutto)
nì yé dényErEnì kò S ìn wòlofilà nì
lènburù bùlù wùlilèn yé ,à b E$ kìsì bànàn
càmàn là se lavi sette volte un neonato
con il succo delle foglie di limone
bollite, sarà immunizzato contro tante
malattie dell’infanzia
lènburubà (lenburu + ba; n.) arancia
lènburuba jì kàdì à yé, nkà à kàrilì
màndì à yé ama il succo d’arancia ma
non vuole raccoglierle
lènburukumù (lenburu + kumu; n.)
limone
lènburukumù bE$ fç$nòn nE$g E$ tìg E$ il succo
di limone mette fine alla nausea
létù (v.) levigare
à b E$ jìrì bàarà létù là il suo lavoro
consiste nel levigare la legna
létù (n.) specie di insalata
à tE$ sàladì fòy fE$ nì létù tE$ come insalata
mangia solo quella brasiliana
lE $ (n.) maiale
è sìlam Etç$, ì b E$ lE$ sògò dùn? come
musulmano mangi la carne del
maiale?
lE $ fal (n.) facocero
à sògorà kò lE$fàl b E$ kà bòlì à n ç$fE$
ha sognato un facocero che lo
inseguiva
lE $ f E $ (n.) vaglio
nì ¯E$kilì yé à yE$rE$ yé lE$fE$ kç$nç$,
làadilì bànàn se l’occhio si vede
nel vaglio significa che è arrivato il
momento di non più dare consigli
(prov.): si dice ad una persona che
non segue i consigli e si trova in
grave difficoltà
lE $ g E sE $ (agg.) vero
à b’ò d E$ fç$? lE$g EsE$! ha detto
questo? Vero!
lE $ npE $ n (n.) copri sesso per le
bambine
sìlipù yé lE$np E$n tùnù lo slip ha
fatto sparire il copri sesso
lE $ mpò (n.; dal francese) sin.
nìsongòn tasse
ù nàlèn lE$npò kànì là, à kò kà
mànkE$n E$ quando sono venuti a riscuotere le tasse, ha detto che stava
male
lE $ rE $ (n.; dal francese) ora
à yé tìlén làjE$ kà fç$ lE$rE$ mìn b E$ yé
ha guardato il sole e ha chiesto che
ore sono
lE $ t E rE $ (n.; dal francese) lettera
à b E$E ù kà dùgulam çgç$ càmàn kà
lE$tErE$ sE$b E$n bàrì ù mà kàlàn
scrive le lettere dei suoi paesani
poiché sono analfabeti
lE $ t E rE forokò (lEt ErE + foroko; n.)
busta da lettera
à yé wàrì bìlà lE$tErEforokò kç$nòn,
ò b E$ sé? ha messo i soldi nella
busta da lettera, arriveranno?
170
lì (n.; dal francese) letto
à y’à dénmusò dégén lì dìlàn là ha
insegnato a sua figlia a fare il letto
lìtirì (n.; dal francese) litro
tàjì lìtirì kélén dìyàn dammi un
litro di petrolio
lìburù (n.; dal francese) libro
à kà lìburù màjarà m ç$g ç$ yé il suo libro
è piaciuto alla gente
lìsì (n.; dal francese) lista
député kà lìsì bç$rà la lista dei
deputati è uscita
lìburumayç rç $ (liburu + mayçrç ; n.)
biblioteca (come luogo)
mùsòw n’ù dén sénnà kàn kà càyà
lìburumayçrç$ là le donne e le loro figlie
devono andare spesso in biblioteca
lógobà (v.) fare qualcosa senza
cura
à yé fìnì lògobà kò kà bìlà ha
lavato senza cura i vestiti
lìburubilayç rç $ (liburu + bilayçrç ; n.)
libreria (mobile)
à kà lìburù mà kù lìburubilayç rç$ là i
suoi libri non stanno nella sua libreria
lìmaanà (n.) grande amico, confidente
nì d E$ yé à lìmaanà yé, à b E$ h E$rE$ là,
kùngò y’à sç$rç$, ù b E$ ¯ òngòn fE$ ecco il
suo grande amico, sono sempre insieme,
nella felicità e nella disgrazia
lìmaniyà (lima + niya)
1 (n.) fede
2 (v.) avere fede, avere fiducia
mç$g ç$ mìn b E$ lìmaniyà, ì tìlalèn dòn una
persona che ha fede non avrà problemi
nella vita
b E$E y’à kà lìmaniyà yé nìn kàsarà là
tutti hanno potuto notare la sua grande
fede in questa catastrofe
àn kà fùrù tE$ sé kà ¯E$ nì lìmaniyà tàn cE$
il nostro matrimonio non può andare
avanti se non c’è fiducia
lìnjilì (n.) Bibbia
lìnjilì fìtinì b’à bòlò kùmab E$ ha sempre
una piccola Bibbia in mano
lìpà (v.) dare uno schiaffo, picchiare
à bàlilà kà lipà gli ha dato uno schiaffo
all’improvviso
à yé dénnì jàmanèn lìpà kç$sçb E$ ha
picchiato forte questa ragazza con la
puzza sotto il naso
lòkò (n.) bot. platane, banane
giganti
bì àn b E$ lòkò, àcEkEkE$ ànì jE$g E$
jìralèn dùn, àn b E$ àn d E$g E$ là! oggi
mangiamo le platane, il cuscus di
manioca e il pesce fritto, faremo un
bel festino!
lòmasà (n.) colore blu scuro
brillante
à y’à kà lomasà fìnì kàkàn kà kE$
kòmplE$ ¯ ùmàn yé hanno cucito il
suo tessuto blu scuro brillante in un
bel completo
lòmpò (n.) specie di legna
profumata
à b E$ dòn kà bà b E$ lòmpò féeré si
sa dall’odore che sua madre vende
della legna profumata
lòriyé (n.; dal francese) alloro
nà mòn kùmà, ì b E$E k’à là, ò d E$ b’à
dìyà se il sugo sta per essere cotto,
mettici dentro l’alloro, sarà più
succulento
lòterì (n.; dal francese) lotteria
à kà nàfolò tàarà lòterì là ha speso
la sua fortuna alla lotteria
lòtE lì (n.; dal francese)
albergo
ristorante
à kà lòtElì b E$ màrSé kà ¯ àn il suo
albergo funziona bene
à b’à kà débanyà tò kòngòn là, kà
171
tàa dùminì kE$ lòtElì là lascia la sua
famiglia affamata per mangiare nei
ristoranti
lç $ g ç $ (n.) voglia, desiderio
à y’à kò bE$ lç$gç$ bç$ n) nà mi ha tolto tutto
il desiderio di avere a che fare con lui
tàmarò kE$n E$ lç$gç$ b E$ n) nà ho voglia di
datteri freschi
lç $ g ç bE $ (v.) giocare mescolando
à yé nà b EE$ lç$g çb E$ ha giocato
mescolando senza cura il sugo
lç @ g ç mà (n.)
manciata
boccone
nà dùminì kE$ sà? Alì nà kE$rà lç@gçmà
kélén yé vieni a mangiare con noi?
Anche se è solo un boccone
tìgà lç@gçmà nànì sàrakà fai un sacrificio
di quattro manciate di arachidi
lç $ g çtì (n.) concentrato di pomodoro
lç$g ç tì tE$ nà jà il concentrato di
pomodoro non rende buono il sugo
lùpù (n.; dal francese) lente
d’ingrandimento
à yé lùpù kE$ kà wàrì kç$rç$ fìlE$ kà ¯ àn ha
usato la lente d’ingradimento per vedere
bene la vecchia moneta
lùulù (n.) diamante
lùulù b E$ mùn ¯ àn nì bànàn jùgù b’ì là a
cosa serve un diamante se non stai molto
bene
lùwansè
1 (n.) affittuario
2 (v.) affittare
lùwansèw kà kE$lE$w wùlilà gli affittuari
hanno iniziato a litigare
à yé à kà sò dì lùwansè là ha affittato la
sua casa
172
M
màabç $ (n.) “griot”, cantastorie Peul
màabç$ y’à fàsà dà, fò kà làkasì il “griot”
Peul gli ha fatto così tanti elogi che si è
messo a piangere
màamusò (maa + muso; n.) nonna
à màamusò y’à tì¯E$ kòjugù sua nonna
l’ha molto viziata
màa¯òn (maa + ¯ on; n.) granturco
màa ¯òn kàdì à yé ama molto il
granturco
nì yé d ç$ kà màa ¯ òn sìsitç$ yé, d ç$ b E$ à
bòlò se vedi bruciare il granturco di
qualcuno, si vede che ne ha dell’altro
(prov.): chi spreca, ne ha di più
màbç $ (v.) allontanare
ì màb ç$ tàsumà là! allontanati!
màdà
1 (v.) calmare
diminuire
abbassarsi
2 (n.) calma
mùsò kàn kà màdà à cE$ kç$rç$, à kà fùrù
kç$sç$ una donna deve abbassarsi
davanti a suo marito a causa del
matrimonio
à kà ¯ ì dìmì màdarà il suo mal di
denti si è calmato
gòngòn bE$ kà màdà la tempesta di
sabbia sta calando d’intensità
màdarasà (n.) scuola coranica
à dénw yé màdarasà kàlàn d E$ kE$
fç$lç$ i suoi figli fanno prima la
scuola coranica
màdòn (v.) avvicinare
jàmà càyalén, à yà dén màdòn à là
quando la folla si è ingrossata, ha
avvicinato suo figlio a lei
màdù (n.) canto religioso
màdù làm E$ b’ì kà Alà kò bò ¯ àn
ascoltare il canto religioso aumenta
la tua fede in Dio
màjamù (v.) fare gli elogi
jélì y’à màjamù kà d E$sE$, à mà hàlì
dç$rçm E$ kélén dì à mà il cantastorie
gli ha fatto gli elogi invano, non gli
ha dato nemmeno un franco
173
màjamukàn (majamu + kan; n.) elogi
jòn d E$ b E$ sé kà fç$ kò màjamukàn màndì
à yé! chi può dire che non ama gli elogi!
màjE $ (v.) mancare
mònbilì frE$n tàn yé à màjE$ la macchina
senza freni l’ha mancato
fE$n mìn nànà ì kàmà, ò tE$ ì màjE$ una
cosa che è venuta per colpirti, non
mancherà il bersaglio (prov.): non si può
andare contro il proprio destino
màjigìn (v.) abbassarsi
à y’à màjigìn à cE$ sòm çgç$ kç$sç$ si è
abbassata nei confronti dei parenti dei
genitori
màjç $ (v.)
fermarsi
fissare negli occhi
à y’à tùlò màjç$ à kà kùmà là ha prestato
attenzione a quello che diceva
à y’à màjç$ ù kE$rEf E$ si è fermato accanto
a loro
mç$gç$ mòlibalì, à b’à ¯E$ jç$ ì là è una
persona sfrontata, ti guarda negli occhi
màfilà (ma + fila; v.) chiedere il bis
jàmà kùlenlà! dònkilì màfilà! la gente ha
urlato chiedendo il bis della canzone
màfilE $ (v.)
guardare
esaminare
considerare
à y’à dén kà sùngurù màfilE$, kà làjE$ nì
fìn b’à bòlò kà fç$ ha guardato molto la
fidanzatina di suo figlio per vedere se
c’era qualcosa da dire
à yé sàkì màfilE$ kà dòn nà b’à sàn ha
esaminato la borsa per capire se comprarla
ù b’à kà màfilE$ lànomà yé lo
considerano uno stupido
màfiyE rà
1 (n.) disprezzo
2 (v.) disprezzare
à b E$ sé màfiyErà ¯ ùmàn là sa
disprezzare molto bene
à kE$rà màfiyErà dàn yé è diventato un
disprezzo totale
màgà (v.)
toccare
rubare (pop.)
picchiare
abbordare
à màgarà wàlì wàrì là ha rubato i
soldi altrui
nì mà dàbilà, n) b E$nnà màgà ì là se
non la smetti, ti picchierò
à kànà màgà n) kà tòmatì là, nà t’à
sàn non toccate i miei pomodori se
non li comprate
à tE$ màgà d E$! è una che non si
lascia abbordare!
à dà mà màgà ù kà fùrusà kò là
non ha toccato l’argomento del
divorzio
màgàn (agg.) morbido, liscio
bì bùrù kà màgàn il pane di oggi è
morbido
Sì tùlù d E$ b E$ ì fàrì màgayà è il burro di karité che rende liscia la pelle
màgayà (v.)
ammorbidire
rammollire
nç$nç$ kE$ bùrù kàn, à b E$ màgayà
sìsàn versa il latte sul pane che si
rammolisce
nì pòmadì b E$ kùnsigì màgayà
questa pomata ammorbidisce i
capelli
màgE $ n
1 (v.) soccorrere
raggiungere
2 (n.) soccorso
rinforzo
à màg E$n, à kànà tìlà ì là!
raggiungilo, non deve scapparti!
sàn bà nàalèn, ù tàarà ù màg E$n
quando ha piovuto tanto, sono
andati a soccorrerli
ù yé màg E$n w kç$nç$ kà d E$sE$! hanno
aspettato invano i rinforzi!
à tàarà màg E$nw wélé è andata a
chiamare i soccorsi
màgò (n.)
bisogno
174
occupazione
interesse
Sìbantç$ màgò tE$ ¯ ìnàn ¯ òn ¯ ànì là una
persona agonizzante non si occupa della
raccolta di miglio di quest’anno (prov.):
nella vita ognuno ha i suoi problemi, la
salute è tutto
ù màgò b E$ ì là! ho bisogno di te!
màgò t’à là non ha occupazione
màgo¯Ebaliyà (mago + ¯Ebaliya; v.)
non rendersi utile
kà tìlèn dùgù kç$n ç$ mà g E$lE$,
màgo ¯Ebaliyà d E$ kà g E$lE$ trascorrere la
giornata nel villaggio non è difficile, ma
lo è non rendersi utile (prov.): nella vita
dobbiamo tutti agire
màgo¯EfE $ n (mago + ¯EfEn; n.) cosa
utile
ù màgo ¯EfE$n dòn, n) tE$ sé kà sìgàn ì mà
è una cosa utile per loro, non posso
prestartela
màgosà (mago + sa)
1 (v.) distruggere
2 (n.) danno
nì mì jàntò, à b’ì màgosà! se non stai
attento, ti distruggerà!
à yé màgosà dòn à kùn gli ha arrecato
un danno
màkanjamanà (makan + jamana; n.)
paesi del Medio Oriente
màkanjamanà tàagà b E$ n) kùn kàn sto
per partire per il Medio Oriente
màkaràn (v.) proteggere
ì dénw màkaràn, jùguyà kà càn!
proteggi i tuoi figli, c’è troppa cattiveria!
màkakolòn (n.) varietà di miglio
à b E$ dòn kò jà sérà, màkakolòn d E$ dç$ròn
b E$ sç$rç$ si capisce che è arrivata la
carestia, si trova solo questa varietà di
miglio
màkankç nç $ n (makan + kçnçn; n.)
pavone
à b E$ kà yE$rE$ kE$ ì nàfç$ màkankçnç$n si
comporta come un pavone
màkarì (dall’arabo)
1 (v.) avere pietà
implorare
2 (n.) pietà
cE$ b E$, cE$ bòlò, màkarì bànàn un
guerriero è uguale ad un altro, la
pietà è finita (prov.): sotto il fuoco
nemico, tutti si difendono
à màkarì b E$ n) là mi fa pietà
à y’à màkarì kà d E$sE$! l’ha
implorato invano!
màkaritç $ (agg.) miserabile,
pietoso
dùgù tE$ kà tàa ¯E$, màkaritç$w b E$
kà càyà il paese non si sta sviluppando, stanno aumentando i miserabili
màkaritç$ sìgì tE$ fòyì b ç$ ¯ ànì nà
sedersi in modo pietoso non ci sottrae dalla miseria (prov.): nella vita
bisogna lavorare per uscire dalla
miseria
màkasì (v.)
implorare
lamentarsi
mç$g ç$ b’à màkasì nì b E$ ì màkasì è
sempre lui a lamentarsi
à y’à màkasì à kànà dén kòfç$ m ç$gç$
yé l’ha implorato di non denunciare
suo figlio
màkE $ (n.) capo
jàtig E$ yé tì¯E$ nkà màkE$ yé ò yé, ò
b E$E nì ¯E$dì dòn si può avere paura,
ma non al punto di piangere ogni
volta che si vede il proprio capo
(prov.): significa che il servitore ha
qualcosa da rimproverasi
màkolà (n.) grande bacinella
à yé dényErEnì kE$ màkolà kç$n ç$ kà
kò ha lavato il neonato nella
bacinella grande
màkç nç $ (v.)
aspettare
spiare
¯ à màkçn ç$ kà d E$sE$, à mà nàa!
175
l’ho aspettato invano, non è venuto!
dç$gç kùn kélén màkçn ç$ aspetti una
settimana
à tàarà wàarà màkçn ç$ è andato ad
aspettare un leone
portato un sacco di riso
kç$ng çtç$ màlò kà d ç$g ç$ bàrodà yé
l’affamato non ha tanta vergogna in
pubblico (prov.): quando si ha
fame, non si ragiona più.
màkùn (v.)
tacere
non urlare
mç$g ç$ màkunnèn kç$n ç$ tE$ dòn non si
possono conoscere i pensieri di colui che
rimane in silenzio
ì màkùn làkaré, ì kànà kàsì non urlare,
mio beniamino, non piangere
màlobalì (agg.)
sfrontato
maleducato
mç$g ç$ màlobalì dòn, ì kànà jìgì à là
è una persona sfrontata, lascia
perdere
màlobalì màgò tE$ kùnsigì jE$ là una
persona maleducata non considera
le persone che hanno capelli
bianchi
málasà (v.)
mescolare
illudere
à yé fàrnì màlasà nì sùkarò yé ha
mescolato la farina con lo zucchero
à kà cì yé, kà mùsò màlasà non fa altro
che illudere le donne
màlokinìn (malo + kinin; n.)
piatto di riso
à yé màlokininìn kàlamàn sìgì à
kç$rç$ ha messo un piatto di riso
caldo accanto a loro
màlasakoyì (n.) salgemma
màlasakoyì kàdì à kà sàkà yé la sua
pecora ama il salgemma
màmusò (ma + muso; n.) nonna
à màmusò d E$ yé à kà kò b E$ yé è
sua nonna che fa tutto per lei
màlì (n.) ippopotamo
màlì fìlà tE$ b E$n dànkàn kélén nà due
ippopotami non possono vivere sulla
stessa sponda
màminE $ (v.) essere fidanzato
ì màmin Elén dòn, b ç$lì bà dàbilà sei
fidanzata, smetti di uscire tanto
Màlì (n.) nome della repubblica del
Mali
àn kà Màlì bà! il nostro grande Mali!
màlidén (mali + den; n.) maliano
màlidénw b E$E kà fàsò kànùn kà bò tutti i
maliani hanno un forte amore verso la
patria
màlidèn (mali + den; n.) var.
malidenni piccolo ippopotamo
nì sérà màlidèn mà, à bà b E$ nà ì kàmà
se tocchi un piccolo di ippopotamo, sua
madre ti aggredirà
màlò (n.)
riso
vergogna, disonore
à nàanà nì màlò b ç$rE$ kélén yé ha
màminE musò (mamin E + muso;
n.) fidanzata
hàlì à mà dòn fç$lç$, à màmin Emusò
tE$ fòlì kE$! non è nemmeno
riconosciuta legalmente, e già la sua
fidanzata non saluta!
mànabE lE $ (mana + b ElE; n.)
fionda
mànabElE$w b E$ kà tùnùn tùbabù
jàmanàn là nei paesi occidentali
stanno sparendo le fionde
mànajurù (mana + juru; n.)
cordicella plastificata
à yà kç$nòn dòn mànajurù là,
wàlasà à kànà tìg E$ ha infilato le
perline nella cordicella di plastica
in modo che non si rompa
176
mànamà
1 (agg.) nuovo
brillante
di bell’aspetto
2 (n.) materia plastica
ì dùn mànamanèn b E$ tàa mìn? dove vai
così ben vestito?
à kà fìnì b ç$lén dòn mànama yé il suo
vestito sembra nuovo
mànamà fìn kà càn à kà kç$¯òn mìnàn là
ha tante cose in plastica nel suo corredo
nì yé à bìlà tìlén kç$rç$, à b E$ mànamà se
lo metti sotto il sole diventa brillante
mànamanà mç$gç$ tE$ non è una persona
qualsiasi
un alito cattivo è comprensibile, ma
dire che ha un occhio che puzza è
segno di animosità
màndalén (manda + len; n.) misura
à tE$ kà fìnì màndalén dòn non ha capito
la misura del vestito
mànjé (n.) papaia
mànjé bùlù b E$ sàyì fùrakE$ le foglie
di papaia curano l’epatite B
màndì (agg.)
amato
stimato
preferito
viziato
mç$g ç$ kà dén màndì yé ì làkarì yé il
figlio viziato di qualcuno diventerà fonte
di umiliazione per lui
nì d E$ yé à kà so màndì yé, ì jàntò à là kà
¯ àn è il suo cavallo preferito, prenditi
bene cura di lui
à sùngurù màndì fìlE$ ecco la sua amata
fidanzata
màngasìn (n.; dal francese) magazzino
taà nì ¯ òn bç$rE$w yé màngasìn kç$nòn
porta i sacchi di miglio nel magazzino
màngò (agg.) non amato, odiato
kùmakElà màngò y’à dàmin E$ l’odiato
oratore ha iniziato
wùlù màngò yé kùlén dàmin E$ il cane non
amato ha iniziato ad abbaiare
màngorò (n.) mango
màngorò kE$n E$ dùnìn kàdì à yé ama
mangiare il mango crudo
màngoyà (n.) animosità
ì dà kàsà b E$, ò yé tì¯E$ yé, ì ¯E$ kàsà b E$ ò
yé màngoyà yé dire che una persona ha
mànimanì
1 (n.) maniere
2 (v.) darsi delle arie
à b E$ kà mànimanìw càyà nì kò là si
sta pavoneggiando in questa
circostanza
mànimanì m ç$g ç$ bà è uno che si dà
delle arie
màninkà (n.) Malinke (etnia)
tìgatig E$ nà kàdì màninkàw yé ai
Malinke piace il sugo di arachide
màninkE mE $ (manin + kEmE; n.)
sessanta
wòrò mànikEm E$ tìlalà ù cE$ sono
stati divisi tra di loro settanta
noccioli di cola
mànkalà (man + kala; n.) canna
da zucchero
mànkalà kà tìmì, à dùnnì dàbilalalì
kà g E$lE$ la canna da zucchero è
dolce, è difficile smettere di
mangiarla
màniyE rì (n.) vestito alla
marinara
à kà màniyErì dòn kà càn, kç$nì à
kç$n çmà tE$! indossa spesso il
vestito alla marinara, forse è
incinta!
mànkalà (n.) cerva
mànkalà gìrinnà kà sìrà tìg E$ à ¯ ìn
una cerva all’improvviso gli ha
attraversato la strada
mànkàn (n.) rumore
nì mì yé sègifa ¯E$ tàa, à nà mànkàn
m E$n se una persona prende un
paniere pieno, lo prende anche con
il suo rumore (prov.): nella vita
177
quando si ha un posto di responsabilità
bisogna accettarne le conseguenze
mànkàn kà càn, ìS ì tE$ kà b ç$ tà là c’è
troppo rumore, non c’è fumo che esce
dal fuoco (prov.): si dice quando una
situazione non si concretizza
tàzzà mànkàn dìyàn dammi una ciotola
media
mànkutù
1 (n.) celebrità
aggettivo qualificativo
2 (v.) glorificare
mç$g ç$ ¯E$ ò ¯E$, ì tE$ sé k’ì mànkutù
qualsiasi sia la tua posizione, non puoi
celebrarti da solo (prov.): è meglio che lo
facciano gli altri
mànkutù càmàn tùn b E$ yé ci sono tante
celebrità
kàlandén fìlilà kà mànkutù d ç$ yé lo
scolaro ha sbagliato a mostrare qualche
aggettivo qualificativo
mànç gç $
1 (v.) vilipendere
sparlare
2 (n.) siluro
mç$g ç$ tE$ wòrò ¯ ìnì mànçg ç$ là non si
può cercare una coscia nel siluro (prov.):
inutile cercare qualcosa dove non si trova
à kélén fàntàn yé, à mùsò kà m ç$gç$ y’à
mànçgç$ quando è diventato povero, i
parenti di sua moglie l’hanno vilipeso
à tE$ sàbalì kà màn çgç$ à kç$fE$ la
smettete di sparlare dietro la sua schiena
mànsà (n.)
genitori
antenati
nì y’à mànsà kE$lE$, ò yé fùrù sàlèn yé se
litighi con i suoi genitori, il matrimonio
finirà
à mànsà tùn yé mç$g ç$w bà yé i suoi
antenati erano potenti
mànsìn (n.; dal francese) macchina
mànsìnw sàn, mì tE$ kùràn càmàn jénìn
compra una macchina che non sprechi
tanta corrente
màntarakà (n.) martello
nùmukE$ yé màntarakà kE$ kà n E$g E$
gòsì il fabbro ha usato il martello
per dare forma al ferro
màtigà (n.) arachide
à yé nàa nì màtigà yé, té kàlamàn
kç$rç$ porta le arachidi accanto al té
caldo
màntirinì (n.) mandarino
ù nàanà màndarinì càmàn dì dùnàn
mà hanno portato tanti mandarini
all’ospite
màntòn (n.)
popolo
nazione
màntòn b E$ dà b E$nà kélén kàn, à kà
kE$ présidente yé tutto il popolo è
d’accordo che diventi presidente
mànugù (v.) rendere liscio,
levigare
ù b E$ ì kà dà mànugù kà ¯àn
levigheranno bene la tua porta
màntùn (v.)
calmare
tacere
à yé sìn dì dén mà, kà màntùn ha
allattato il bambino per farlo
calmare
nì kùmanà, à tE$ à màntùn, à b E$
kùmà tìg E$ kà bç$ ì dà là quando
parli, non tace e ti toglie la parola
màn¯amagà (n.) donna,
solitamente di età avanzata, che
sorveglia e controlla la nuova sposa
durante i sette giorni nuziali (i
coniugi trascorrono quei giorni in
una camera e costei, seduta davanti
alla loro porta, dà tutti i consigli
necessari alla sposa per sedurre
meglio suo marito; attualmente i
giorni si sono ridotti a tre)
màrà
1 (v.) conservare
178
governare
2 (n.) protezione
regione
n’à tùn y’à sç$rç$ sòlì kà wùlì tùn b E$
mç$g ç$ dòn dà là, wùlù tùn b E$ dì¯E$ màrà
se avesse fatto diventare le persone ricche, il cane avrebbe governato il mondo:
nella vita ci vuole anche l’aiuto del cielo
à kà sànù màrà kà ¯ àn conservi bene il
suo oro
à b E$ dùgutigì kà màrà là, ì kànà sàmà è
sotto la protezione del capo villaggio,
non toccarlo
à bà b E$ Moptì màrà là sua madre si
trova nella regione di Moptì
màrabaatigà (marabaa + tiga; n.)
arachidi salate
à kà màrabaatigà b E$E b E$ sàn kà bàn
tutte le sue arachidi sono state vendute in
un lampo
màrabayaasà (n.) danza che si fa in
seguito ad un giuramento fatto in una
situazione andata a buon fine
màrabayaasà dòn, é d E$ y’à fç$ k’ì bà kE$
nì kà kò ¯ ànà balli questa danza perché
hai fatto un voto
màrahabà (n.) risposta di un uomo ad
un saluto
ànì sç$gçmà! màrahaba! buongiorno!
“Marahaba”!
màrakà (n.) etnia del Mali
bàsì yé Màrakà kà dùminì màndì yé il
cuscus è il piatto preferito dei Maraka
màrakajalàn (n.) etnia della provincia
di San (Mali)
à b E$ Sàn, à nì Màrakajalàn b E$ ¯ òngòn
kàn è a Sàn, vive con i Màrakajalan
màrifà (n.) fucile
ì kànà màrifà cì yàn, dènsennì
bìyàn non sparare un colpo di
fucile qui, ci sono bambini
màrifà mìn E$ tE$ m ç$g ç$ kE$ dònsò yé
tenere un fucile in mano non ti fa
diventare cacciatore
màrisikalò (marisi + kalo; n.)
marzo
à wòlolà màrisikalò è nato nel
mese di marzo
màsà (n.) re, capo, imperatore
màsà kèlèn tìlè tE$ dì¯E$ bàn i giorni
di regno di un solo re non mettono
fine al mondo (prov.): nulla è
eterno
dépuì à b E$ à bà kç$nòn, à fç$rà kà b E$
kE$ màsà yé avevano detto che
sarebbe diventato imperatore da
quando si trovava nella pancia di
sua madre
africi màsàw b E$E yé ¯ òngòn sç$rç$
Bàmakò tutti i capi dell’Africa si
sono ritrovati a Bamako (capitale
del Mali)
màsabolonìn (masa + bolonin; n.)
specie di cavalletta
sàmi¯E$ bànàn màsabolonìnw kà
kùmà sérà la stagione delle pioggie
è finita, è venuto il momento delle
cavallette
màsabulòn (masa + bulon; n.)
sala del trono
ù y’à kùnb E$ kà ¯ àn, ù y’à làsigì
màsabulòn kç$nòn ci hanno
ricevuto bene, ci hanno ospitato
nella sala del trono
màramafE $ n (mara + mafEn; n.) arma
màramafE$n yE$rE$ d E$ b E$ à kà sò ha
addirittura un’arma in casa
màsadimì (masa + dimi; n.)
uretrite
à b’à fE$ kà, kà màsadimì fàrafìn
fùrakE$ vuole curare la sua uretrite
con la medicina tradizionale
màrasì (n.) carte, gioco di carte
sìbirì sìbirì, à b E$ tàa màrasì b ç$ là ogni
sabato va a fare il gioco delle carte
màsakE $ (masa + kE; n.) re,
imperatore
179
màsakE$ tàmacogò tE$ fìlì si riconosce
subito l’andatura di un re
fòlì b E$ yE$lEmà màsakE$ yé, nkà d ç$g ç$ tE$
yE$lEmà màsakE$ yé si cambia musica per
il re, ma non il giorno del mercato: nella
vita ci sono regole che sono valide per
tutti
másalà
1 (v.) chiacchierare
2 (n.) conversazione
ù b E$ másalà jìrì kç$rç$ stanno
chiacchierando sotto l’albero
à kà màsalà kàdì n) yé mi piace la sua
conversazione
màsamakç nç $ (masa + makçn ç ; n.)
vice del re
anulare
màsamakçn ç$ yé à màsamakçn ç$ kùnb E$
il vice del re ha accolto gli altri vice
à kà bàgì mà sé kà dòn à kà
màsamakçn ç$ là il suo anello non è
entrato al suo anulare
à nà mà màsçrç$ kà tàa à kà ékç lì là
sua madre non ha avuto il tempo di
andare a sua scuola
à mà kùma càmàn màsçrç$ ò dòn
non ha avuto l’opportunità di
parlare troppo
màsumà
1 (v.) calmare, alleviare
2 (n.) calma
à b E$nnà cE$ màsumalèn mà è
capitato a un uomo calmo
déliw yé à màsumà le preghiere
l’hanno calmato
fùrà mìnèn, dìmì màsumanà dopo
aver bevuto il medicinale, il dolore
si è alleviato
màsunru¯á (massurun + ¯à; avv.)
in prossimità
à kà sò jç$rà sùgù màsunru ¯á là ha
costruito la sua casa in prossimità
del mercato
màsibà (masi + ba; n.) catastrofe
¯ ìnà sàn kE$rà màsibà yé, jà b E$ fàn b E$ è
stato un anno di catastrofi, c’è la carestia
dappertutto
màatamà (v.) frequentare
à b E$ kà nì mùsò màatamà kòjugù, à
làbàn b E$ sòn kà kE$ fùrù yé sta
frequentando molto questa donna,
si rischia di finire con un
matrimonio
màsikç lç $ (masi + kç lç; n.) segreto che
non si vuole rivelare
hàlì ì kànì sE$g ìn, nì yé màsikçlç$ bà yé
lascia perdere, questo è un segreto che
non svelerà mai
màtigì (n.)
maestro
signore
màtigì kà jàmàn kà càn i seguaci
del maestro sono tanti
màsirì
1 (v.) decorare, insignire
2 (n.) ornamento
à yé sò màsirì nì bç$g ç làn yé ha decorato
la casa con i tessuti di “bogolan”
cE$yà màsirì tE$ jìtç yà yé la paura non è
ornamento dell’uomo (prov.): un uomo
deve sempre dimostrare le sue capacità
virili
fàamàw yé à màsirì kùnùn ieri le
autorità l’hanno insignito
mègò (n.) cicca
è kà nì cìgarettì mègò càmàn yé! ì
yé nìn b E$ mìn? guarda queste
cicche! hai fumato tutto questo?
màsç rç $
1 (v.) avere il tempo
2 (n.) l’opportunità
méleké (v.) avvolgere
à yé à kà mùsçrç$ méleké à kùn nà
ha avvolto il tessuto sulla sua testa
mèrù (v.) fare le trecce
à nàanà kùnùn kàn dénmusò mèrù è
venuta ieri per fare le trecce a mia
figlia
180
mèrùn (v.)
nascondersi
rannicchiarsi
nì mç$gç$ kò k’ì yé kàratç$ yé, nì yé wàrabà
yé, ì nì mèrùn se una persona si definisce
temeraria, quando vedrà un leone sarà
costretto a nascondersi (prov.): quando si
rischia la pelle, si diventa più prudenti
à y’à mèrùn jìrì kç$fE$ si è rannicchiato
dietro l’albero
mE $ kalò (n.) maggio
à tàarà m E$kalò là è andata nel mese di
maggio
mE $ E n
1 (v.) durare
2 (avv.) prima o poi
à m E$En ò m E$En, à kàsà nàa bç$ prima o
poi si saprà la verità
à b E$ kà m E$En, mùn d E$ kE$rà? sta
durando, cos’è successo?
à jìginàn à mà m E$En ha partorito da
poco
mE $ rE $ (agg.) tenera
à kà sàkà sògò m E$rElèn dòn la sua carne
di agnello cotta è tenera
SE$ m E$rE$ una piccola gallina
à yé dèn m E$rElì sç$rç$ ha avuto un
bambino piccolo
mE $ g E mE gE $ (v.)
brillare
lampeggiare
ànpùl b E$ kà m E$g Em Eg E$,àn b E$ nà sà la
lampadina sta lampeggiando, fra poco si
spegnerà
tìlèn dùn b E$ kà sE$b Ekçrç$ m E$g Em Eg E$ bì
il sole sta brillando forte oggi
mE $ lE kE $ (n.)
angelo
spirito
bambino
à kà m E$lEk E$ kà fàrì il suo spirito è potente (lo protegge contro le cattiverie)
Alà y’à dòn, m E$lEkE$ tç$rçlà ù bòlò solo
Dio sa quanto stanno facendo soffrire il
bambino
mE $ lE kE nìn (m El EkE + nin; agg.)
innocente
hàlì kà fç$ kà m E$lEkEnìn dòn, ù tE$
hìn E$ à là! non hanno nemmeno
pietà di un innocente!
mE $ n (v.)
capire
sentire
à yé mìn fç$ ì yé, ì y’à m E$n wà?
quello che ti ha detto, l’hai capito?
mùn kàsà b E$ kà m E$n yàn? che
odore si sente qui?
àn y’à m E$n kà cE$ nànà kà b ç$
tùnkàn là abbiamo sentito che suo
marito è ritornato dall’estero
mE $ nE $ (v.)
accendere
colpire
nì mà sìsì kùn, tàsumà tE$ nà m E$n E$
se non sopporti il fumo, il fuoco
non si accenderà (prov.): nella vita
bisogna sopportare il dolore per
raggiungere la felicità
mE $ nE mE nE $
1 (n.) piccola formica
2 (v.) brillare
zuccharò mìn bònnà dùgumà, yé
m E$n Em En E$ càmàn wélé lo
zucchero rovesciato per terra
richiama tante formiche
m E$n Em En E$ nà kùnkçrçbà tE$ bàn
tra le formiche, c’è sempre un
leader (prov.): in ogni gruppo c’è
sempre un responsabile, un leader
é dùn ¯E$dà b E$ kà m E$n Em En E$ bì
eppure il tuo viso sta brillando oggi
mE $ rE $ (n.; dal francese) sindaco
m E$rE$ yé ù kà fùrù sìrì bì il sindaco
li ha sposati oggi
mE $ rì (n.; dal francese) comune
à tàarà kà wòlò sE$b E$n ¯ ìnì m E$rì là
è andato a cercare il suo certificato
di nascità in comune
181
mE $ t E rE $ (n.) metro
ì màgò b E$ m E$tErE$ jòlì là? di quanti
metri hai bisogno?
mE $ t E rE kE nE $ (m EtErE + kEn E; n.)
metro quadrato
ì là bòn b E$ m E$tErEk En E$ jòlì bç$? quanti
metri quadri ha questa camera?
mídì (n.) mezzogiorno
mídì sérà d E$! é kà gà mà mòn hàlisà! è
mezzogiorno! E la tua cucina non è
ancora pronta!
Mìirì
1 (v.) riflettere, pensare
2 (n.) riflessione, pensiero
problemi
nàfolotigiyà tE$ kélennà mìirì bàn essere
ricco non impedisce di avere problemi
personali (prov.): anche i ricchi piangono
nì dònkilì b E$ kà mìirì jàn ¯àn questa
canzone porta lontano il mio pensiero
ì mìrì kà ¯àn à tç$g ç là rifletti bene sul
suo nome
à mìirilèn, à kò kà b’à fùrusà dopo
averci pensato, ha detto che divorzierà
é dùn b’à fE$ kà kà mìirì dòn? e perché
vuoi sapere la sua riflessione?
gli ha dato due milioni per andare
alla Mecca
mìlitarì (n.) militare
mìlitarì yé fàngà tàa i militari
hanno preso il potere
mìn (v.) bere, ubriacarsi
n) tE$ jì mìn n) nùn fE$ non bevo dal
naso (prov.): non sono un imbecille
à b’à mìn kà mùsò b ç$g ç$ si ubriaca
e picchia sua moglie
nì bàsì yé jì mì, ì b E$ sé kà fìn se il
cuscus ha assorbito l’acqua, lo può
cuocere al vapore
mín (pron.)
dove
quale
í b E$ mín? dove sei?
kùmà mín fç$rà quel che è stato
detto
mìnàn (n.) antilope
àn yé fìn càmàn yé, àn yé mìnàn yé
kà sìrà tìg E$ abbiamo visto tante
cose, abbiamo visto le antilopi
attraversare la strada
mìliyarì (n.; dal francese) miliardo
mìliyarì nà càmàn dòn il miliardo e le
sue conseguenze negative
mìnE $ (v.)
prendere
acciuffare
riprendere
sequestrare
nì Alà y’à dén mìn E$, àn tE$ sé kà
fç$yì fç$ se Dio si riprende la vita di
tuo figlio, non possiamo dire nulla
ì kùn y’ì mìn E$ kç$sçb E$ la
pettinatura ti sta bene
gòmì yé fìnì kà ¯ àn wà? l’amido si
è amalgamato bene al tessuto?
à gìrinà kà zòzanì mìn E$ ha
acciuffato all’improvviso il coniglio
ù y’à mìn E$ l’hanno preso, l’hanno
colto sul fatto
Pòlisì yé à kà n E$g Esò mìn E$ la
polizia gli ha sequestrato la bici
mìliyòn (n.) milione
à yé mìlioni fìlà dàman à kà tàa mànkàn
mìnE $ n (n.)
recipiente, contenitore
mìribalì (miri + bali; agg.) persona
irresponsabile
mìribalì dòn, à tE$ m ç$g ç$ gàsì sìgì è una
persona irresponsabile, non rispetta
nessuno
mìrinatà (miri + nata; n.) punto di vista
n) tE$ sé kì mìrinatà dòn non riesco a
conoscere il tuo punto di vista
mìriyà (miri + ya; n.) idea
à mìriyà yé, àn b E$E kà ¯ òngòn sç$rç$ à kà
sò la sua idea è che ci ritroviamo tutti a
casa sua
182
piatti
armi di seduzione
bagagli
nì kà mìn E$n n ç$gç lén S ìrà à mà kò, à b E$ à
kà so gàsig E$ sìrì se i piatti sporchi
passano la notte senza essere lavati, porta
sfortuna a tutti i membri della casa
nç$nç$ kE$ mìnàn kç$nòn, à kç$rà metti il
latte nel recipiente, è stato lavato
ì yé tàjì kE$ mìnàn mì kç$nòn à sç$g çrà il
contenitore nel quale hai messo il
petrolio si è bucato
d E$g E$ b E$ kùmù m ç$gç kçrçnìn kà mìn E$n là
la pappa di latte fermenta nel recipiente
della persona anziana (prov.): nella vita
ci sono situazioni che solo gli anziani
riescono a risolvere
dùaniè yé à kà mìn E$n càmàn mìn E$ il
doganiere gli ha sequestrato molti dei
suoi bagagli
mìnfE $ n (min + fEn; n.) bevanda
mìnfE$n sùguyà b E$E tùn b E$ ù kà dégunlì
là c’erano tanti tipi di bevande al loro
battesimo
mìniminì (v.) girare
nì yé sò mìniminì, ì b’à sìgilèn sç$rç$ una
volta che giri la casa, lo troverai seduto lì
mìniminisaalò (minimi + saalo)
1 (n.) gioco di bambini che consiste nel
girare su se stessi
2 (v.) girare a vuoto
à tç$rà mìnimisaalò là, fò kà fç$ kà bìn si
è messa a girare su se stessa fino al punto
di cadere
è tùn b E$ mùn mìnimisaalò là fò kà dùgù
jE$? come mai stai girando a vuoto da
stamattina?
mìnisè (n.; dal francese) falegname
mìnisè yé à kà dilàn kE$ kà ¯ àn il
falegname ha fatto bene il suo letto
mìni¯àn (mini + ¯ an; n.) pitone
kç$ tE$ mìni¯ àn kE$lE$ il pitone non ha
paura del fiume (prov.): una persona
coraggiosa non ha paura di nulla; nella
vita, gli ostacoli si superano
mìnisirì (n.; dal francese) ministro
à bç$lén mìnisiriyalà à mùsò bòlilà
quando ha smesso di essere
ministro, sua moglie l’ha lasciato
mìnisirisò (minisisi + so; n.)
ministero
ù yé mìnisirisò làmunumù, kà kùlén
hanno circondato il ministero,
urlando
mìnitì (n.; dal francese) minuti
à kò kà b E$nà mìnitì dàmàn, hàlisà
àn mà yé aveva detto che sarebbe
venuto tra pochi minuti, ma non
l’abbiamo ancora visto
mìnkE $ (avv.) quando
à sélén mìnkE$, à yé tì¯E$ b E$ fç$
quando è arrivato, ha detto tutta la
verità
mìnnì (avv.) dove
é tùn tàarà mìnnì? dov’eri andato?
mìnijì (mini + ji; n.) acqua da bere
hàlì mìnijì à t’à dì m ç$gç$ mà non ti
dà nemmeno acqua da bere
mìnnçgç $ (min + n çg ç)
1 (n.) sete
2 (v.) avere sete
pàn jì kùnàn tE$ mìn çg ç$ b ç$, fò ì kà
jìgì kà mìn scendere nel corso
d’acqua non toglie la sete a
nessuno, bisogna entrarci per bere
(prov.): nella vita non bisogna solo
ascoltare i consigli, ma anche
metterli in pratica
nì mìn çg ç$ bì là, ì b E$ fìn b E$E mìn
quando una persona ha sete, non fa
differenza tra le bevande
mìnnù (pron.) coloro, quelli
mìnnù mà fE$n sç$rç$, ù k’ù tE$g E$ kç$rç$
tàn coloro i quali non hanno
ricevuto niente, che alzino le mani
mìnsigì (min + sigi; n.) cuscinetto
che si mette sulla testa per portare
una cosa pesante
183
à kà mìnsigì mà bìlà kà ¯àn, mìnàn bE$ kà
jìngìn il suo cuscinetto non è stato
messo bene, il recipiente si sta inclinando
mì¯ankà (n.) etnia del Mali
à dén fùrulà mì¯ anka mà suo figlio ha
sposato una donna di etnia Mì¯ankà
mìsE lì (n.) ago
fì¯Etç$ tE$ mìsElì tç$mòn un cieco non
raccoglie un ago per terra (prov.): nella
vita ci vuole una formazione base per
ottenere determinate cose
mìsE $ n (agg.)
piccolo
minuto
meschino
gàrì kà mìsE$n , à b E$ dòn mìselì wò là il
filo è fine, entra nella cruna dell’ago
mùsò mìsE$n dòn, gànà dòn è una donna
minuta, è in gamba
bàyà dònnèn à fìtinamalà, ò d E$ yà cE$kisE$
mìsEyàn è il fatto di mettere la collana
intorno ai fianchi da quando era piccola
che le ha dato una vita sottile
à kà mìsE$n kòjugù, fòyì tE$ b E$n à mà è
una persona meschina, non gli va bene
nulla
mìsE nyà
1 (n.) meschinità
2 (v.) essere piccolo
ì kà kòrì, mìsE$n yà gàlà fìnì kàn fai
piccoli i cerchi sul vestito
à b E$ kà mìsEnyà dòn n kò là sta
mettendo della meschinità in questa cosa
mìsì (n.) bovino, mucca
mìsì b E$ jòlì tò à wòlò là, kà n ç$n ç$ b ç$ la
mucca conserva il suo sangue nel corpo
dando latte (prov.): ci sono delle persone
nella vita che ridono con voi e allo stesso
tempo vi augurano tutto il male possibile
fùlakE$ yé mìsìw gìn il pastore ha
cacciato i bovini
mìsibò (misi + bo; n.) sterco di bovino
mìsibò jàlàn, à kç$nç$ kà màgàn lo sterco
di bovino secco è molle dentro: (prov.) si
usa per dire ad una persona che è
ipocrita
mìsibolanzE rE $ (misi + bolan +
zErE; n.) cocomero selvatico
kùngò kç$nç$, yé mìsibolanzErE$
jìralà nella foresta gli ha mostrato
il cocomero selvatico
mìsidabà (misi + daba; n.) aratro
à kà dàbà sE$n E$ n ç$gç yarà, bàrì à
dén yé mìsidabà sàn à yé usa poco
la zappa perché suo figlio gli ha
comprato un aratro
mìsidèn (misi + den; n.) vitello
mìsidèn tE$ jàrà dòn, nkà à bà b’à
dòn il vitello non riconosce il leone,
ma sua madre (prov.): si dice ai figli
che non seguono i consigli dei loro
genitori contro eventuali pericoli
mìsikà (n.) specie di mango molto
profumato e lungo
à b E$ dùmàn dòn, à b E$ mìsikà d ç$ròn
d E$ dùn è un buongustaio, mangia
solo il “misika”
mìsikì (n.) musica
tàa dòn mìsikì là! metti la musica a
tutto volume!
mìsikinE $ (n.)
orfano
povero senza sostegno
à mà ¯ ìn E$ kà tùn yé mìsikin E$ yé
non ha dimenticato che è stato un
orfano
kàlò kàlò nì yé dùminì dì mìsikin E$
mà, ì kùngò b E$ n ç$gç yà se dai da
mangiare ai poveri ogni mese avrai
meno problemi
mìsikunberé (misi + kunbere; n.)
specie di pianta da mettere nel sugo
ì yé mìsikunberé càyà nà là hai
messo tanta “mìsikunberé” nel sugo
mìsirì (n.; dall’arabo) moschea
gàbugù kà kç$rç$ mìsirì yé la cucina
184
è più vecchia della moschea (prov.): a
pancia vuota non si ragiona più
mìsirimagàn (misiri + magan; n.)
mendicante cieco
à yé dùminì dì mìsirimagàn mà ha dato
da mangiare al mendicante
à fç$rà kò kà fìnì dì mìsirimagàn là è
stato detto di dare da mangiare al
mendicante cieco
mìsiriwelé (misiri + wele; n.) appello
dei fedeli alla preghiera
mìsiriwelé màngàn b E$ dòn àn dùnsukùn
là il canto dell’appello dei fedeli alla
preghiera arriva fino al cuore
mìsiriwelelà (misiri + welela; n.)
muezzin
nì kàfirì kò, kà tE$ mìsiriwelelà m E$n, à kà
tò à kà dùgù là se l’animista non vuole
sentire l’appello del muezzin, è meglio
che stia a casa (prov.): se non si vogliono
avere problemi nella vita, meglio
rimanere a casa propria
mítàn (n.; dal francese) primo tempo
ù yé bì kélén dòn àn kùn mítàn fç$là là ci
hanno segnato una rete durante il primo
tempo
mítarE yE tí (n.) mitraglietta
mùn d E$ b E$ mítarEyEtí dòn d E$msEnì
bòlò? chi ha messo la mitraglietta nelle
mani di un bambino?
mòrì (n.) veggente religioso
kùnnà sE$b E$n kà kç$rç$ mòrì kà sE$b E$n yé
la scrittura del destino è più antica del talismano del veggente religioso (prov.):
nessuno può cambiare il destino previsto
da Dio
mòriyà (mori + ya; n.) veggenza
religiosa
Alà kìbarù b E$ tE$ mòriyà yé dire “Dio è
grande” non significa saper fare una
veggenza religiosa (prov.): l’abito non fa
il monaco
mòtE rì (n.; dal francese) motore
à kà mòtErì mà sòn, àn b’à sénnà il
suo motore ha avuto un guasto, siamo
a piedi
mòtò (n.; dal francese) moto
à fa yé mòtò kùrà sàn kà dàmà, à yé
kç$rç lén féeré suo padre gli ha
comprato una nuova moto e ha
venduto la vecchia
mç $
1 (agg.) maturo
cotto
2 (v.) maturare, crescere
cuocere
nì yé sùrukù ¯ ìnigà “mùsò jùmèn
kà tò kàdì?” à b’à fç$ “mìn tà b E$
mç$ jònnà” se chiedi alla iena
“quale donna cucina meglio la
polenta?”, ti risponderà “quella che
cuoce veloce” (prov.): una persona
golosa non guarda la qualità del
cibo, mangia quel che trova
à dènmusò m ç$ jàrà sua figlia è
cresciuta velocemente
à mç$nà kà ¯ àn è stato cresciuto
bene
jE$g E$ mà m ç$ kà ¯ àn il pesce non è
cotto bene
lèmburubà mà m ç$ kà ¯ àn l’arancia
non è ancora ben matura
mç $ bilì (n.) automobile
à b E$ lE$nnà à kà m ç$bilì kùrà kç$nòn
si sta dando delle arie nella sua
nuova macchina
mç $ dèn (n.) nipotino
à tE$ à m ç$d ènw tùlong E$ là non
vuole che nessuno tocchi i suoi
nipotini
mç $ g ç $ (n.) persona
mç$g ç$ kE$rà cògocogò ì kànà ¯ ìnà ì
bç$yçrç$ là qualsiasi persona tu sia,
non dimenticare mai le tue origini
mç $ g ç bà (mçg ç + ba; n.) uomo
importante, personalità
185
mç$g çbà dòn, m ç$g çbàw d ç$ròn d E$ b E$
¯ òngòn sç$rç à kà sò è un uomo
importante, solo le personalità si
ritrovano a casa sua
mç $ g ç jirì (m çgç + jiri; n.) pianta
medicinale che viene utilizzata per la
cura del fibroma
hàlì m ç$g çjirì mà fE$n ¯ àn à kà bànàn là
nemmeno questa pianta medicinale è
riuscita a curarla
mç $ g ç kç rç bà (m çg ç + kçrç + ba; n.)
persona anziana
adulto
mç$g çkçrçbàw yé kùmà tàa le persone
anziane hanno preso la parola
mç$g çkçrçbà dòn, ì kànà sç$sç è una
persona adulta, non contestarla
mç $ g ç la¯inì (m çg ç + la ¯ ini; v.)
provocare
mç$g çla ¯ inì d E$ n E$g E$ b’à là, à tç$yì oggi
ha voglia di provocare le persone,
lascialo perdere
mç $ g ç nìn (m çg ç + nin; n.)
bambola
statuetta
persona spregevole
à b E$ m ç$g çnìn fèeré Artisanà vende le
statuette all’“Artisanat”
Artisanat: mercato dove si vendono
oggetti artigianali
à kà m ç$g çnìn b E$ kùmà, kà dònkE$,
kàbakò! la sua bambola parla e balla,
incredibile!
ù mà S ì yé à kùnnà, ù kò mç$g çnìn dòn
non hanno nessun rispetto nei suoi
confronti, dicono che è una persona
spregevole
mç $ g ç ninfìn (m çg ç + ninfin; n.) essere
umano
hàkilì d E$ b E$ m ç$gçninfìn nì bàgàn bç$
¯ òngonà è il pensiero che differenzia
l’essere umano dagli animali
mç $ g ç sì (agg.) nessuno
ù kà m ç$g çsì mà nàa à kà fùrù là
nessuno dei loro parenti è venuto al
loro matrimonio
mç $ g ç¯umàn (m çg ç + ¯ uman; n.)
persona buona di cuore
mç$g ç¯umàn dén tE$ sE$gìn i figli di
una persona buona di cuore non
avranno tanti problemi nella vita: si
suppone che il bene fatto dai loro
genitori agli altri ritorni a loro
mç $ g ç tç $ (mçg ç + tç; n.) persona
gracile
dùsukasì bòlò, à kE$rà m ç$g çtç$ yé a
causa della sofferenza è diventata
una persona gracile
mç $ g ç yà (m çg ç + ya; n.)
personalità
esistenza
amore per gli altri
à kà m ç$g çyà kà bòn il suo amore
per gli altri è molto forte
à y’à kà m ç$gç yà b E$ kE$ ù kà sò ha
trascorso tutta la sua esistenza a
casa
Alà d E$ y’à kà m ç$gç yà dì à mà è
Dio che gli ha dato questa
personalità
mç $ kE $ (n.) nonno
à nà mç$kE$ b E$ tùlonkE$ là, à b E$ kà
bònbòn Sì sàmà sta giocando con
suo nonno, gli sta tirando la barba
mç $ n (v.)
pescare
impallinare
prendere
à sòlilà kà tàa bà m ç$n là si è
alzato presto per andare a pescare
mç$n! ì kànì bàn à là prendi! non
rifiutarlo
à y’à m ç$n l’ha impallinato
mç $ nE $
1 (n.) rancore, rabbia
disgrazia di fronte a cui non
possiamo fare nulla
2 (v.) darsi da fare
vendicarsi
186
nì yé ¯ìn E$ yé jàkumà wòlò kàn, sàyà yé
mç$nE$ yé se vedi un topo sulla pelle di un
gatto, significa che la morte è una
disgrazia (prov.): quando si muore, c’è chi
ne approfitta per mancarti di rispetto
À kà nì kùmà yé mç$n E$ dòn à là ciò che
ha detto mi ha provocato una grande
rabbia
ù sérà kà m ç$n E$ b ç$ à là sono riuscita a
vendicarmi di lui
hàlisà à mç$n E$ b E$ n) là provo ancora
rancore nei suoi confronti
mç $ nì (n.) pappa fatta di piccoli grumi
di solito a base di miglio o di granturco
í yé lE$mburukumù càyà m ç$n ì là c’era
troppo limone nella pappa
mç $ nimç nì (m çni + m çni; n.) nero
brillante
à sén fìnnà m ç$n imçnì il suo piede è
diventato di un nero brillante (grazie
all’henné)
mç $ nnì (n.) pesca
¯ ànì ì kà m ç$g ç$ dégé jE$g E$ dùn à là, à
dégé m ç$nn là invece di insegnare ad una
persona a mangiare pesce, insegnali a
pescare
mç $ nnikE là (m çni + kEla; n.) pescatore
mç$nnikElàw càmàn b E$ tò jì là, ù dòn kà
tanti pescatori muoiono nell’acqua, cioè
in un ambiente che conoscono bene
mç $ nç cE nìn (n.) pianta medicinale che
facilita la camminata di un bambino
nìn tùn yé m ç$nç cEnìn dì à mà, à kà
tàgamà tùn b E$ téliyà se gli avesse dato
questa pianta, gli avrebbe facilitato la
camminata
mç $ ntç $ (v.) strizzare
à yé fìnì m ç$ntç$ kà jì bç$ à là ha strizzato
il vestito per togliere l’acqua
mç $ ntç rç $ (n.; dal francese) orologio
à kà m ç$ntçrç$ jç$lèn dòn il suo orologio è
rotto
mç $ ¯ òn (n.) torcia
nì b E$ tàa dùgufitinìn là, tàa nì
mç$¯ òn yé se vai nei piccoli
villaggi, porta con te una torcia
mç $ ¯ ongòn (v.) schiacciare,
ridurre in piccoli pezzettini, ridurre
in polvere
mç$nbilì d E$ yE$lElà bùtelì kàn kà
mç$¯ ongòn l’auto è passata sulla
bottiglia e l’ha schiacciata
dénnì yé làcrE$ mòn ¯ongòn la bambina ha ridotto a pezzettini il gesso
à kò k’ù kà b ç$g ç$ mòn ¯ ongòn ha
detto di ridurre in polvere l’argilla
mç $ rç mç rç $ (v.)
accarezzare
infilarsi
à y’à m ç$rçm çrç$ kà dòn sò kç$nòn si
è infilata per entrare in casa
à y’à m ç$rçm çrç$ à kùnnà l’ha
accarezzato in testa
mç $ sì (n.) etnia burkinabè
àn sìgi¯ ongòn yé m ç$sì yé, ù b E$ bç$
Bùrkinà Fasò i nostri vicini sono
Mòsi, vengono dal Burkina Faso
mç $ sòn
1 (v.) stringere
restringere
appassire
rannicchiarsi
2 (n.) pallina di prodotto
farmaceutico
à kà fìnì kòlèn, à m ç$sonnà il suo
vestito lavato si è ristretto
à y’à dàwolò m ç$sòn dìmì bòlò ha
stretto le labbra dal dolore
n’à mà tìg E$, à b E$ m ç$nsòn se non lo
tagli, appassirà
à y’à yE$rE$ mç$nsòn n E$n E$n bòlò si
è rannicchiata per il freddo
dònsò mç$nsonèn bE$ jìrì là, kà sògò
màkçnç$ il cacciatore rannicchiato
accanto all’albero aspetta la sua
preda (prov.): si dice ad una persona
per metterla in guardia nei confronti
di qualcuno
187
mùjinì (n.; dall’arabo) muezzin
mù d E$ b E$ mùjinì kàn là, à b E$ kà
yE$rEyErE$ cos’ha la voce del muezzin, sta
tremando
mùgàn (v.) succhiare
nì fùrà b E$ mùgàn questo medicinale è da
succhiare
mùgè (n.) babbuccia
à dèn yé à kà mùgè sàn fò arabù dùgù là
sua figlia gli ha comprato le babbucce
addirittura in un paese arabo
mùgù (n.)
farina
polvere
polvere da sparo
dolori
stiramento
mùgù tE$n tE$! setaccia la farina!
bùgurì mùgù polvere di sabbia
fùralikElà yé à sèn mùgù sàlò il
guaritore ha fatto un massaggio al suo
piede che ha subito uno stiramento
à fàrì mùgulèn dòn ha dei dolori in tutto
il corpo
à yé mùgù cì ha sparato
nì y’à m E$n màrifà mùgù kàdì, ¯òn mùgù
b E$ à sèn kç$rç$ per poter dire “la polvere
da sparo è buona” bisogna avere accanto
la farina di miglio (prov.): per andare in
guerra bisogna prima mangiare
mùgubà (mugu + ba; n.) pantaloni
all’araba
à kà mùgubà sç$gç rà i suoi pantaloni
sono stati ricamati
mùgu¯ E mugu¯ E $ (n.) euforia
mùn mùgu ¯Emugu ¯E$ b E$ nì là! quanta
euforia ha quello lì!
múgurí (v.)
sciacquarsi la bocca
divertirsi
hàlì jì tE$ sç$rç$ kàn dà múgurí non si trova
nemmeno acqua per sciacquarsi la bocca
à yé tàa à múgurí bàlanì là andate a
divertirvi al ballo tradizionale
mùlù (n.; dal francese) stampo per
fare i mattoni
à kà mùlù bE$ kà wàrì dòn à kù
kç$sçb E$ lo stampo gli sta facendo
fare tanti soldi
mùlukumalakà (muluku +
malaka; v.) arrampicarsi torcendosi
à y’à mìn E$ mùlukumakalà là à kà
so kE$rEfE$ l’ha sorpreso che si stava
arrampicando torcendosi vicino a
casa sua
mùmE $ (avv. ) tutto
nì sàn mùm E$ b E$E là, sàn mà nà
durante tutto l’anno, non ha piovuto
mùn (pron.) cosa?
mùn dòn? cosa c’è?
mùn kE$rà? cos’è successo?
mùn (v.)
spalmare
rivestire
à fàrì mùn nì S ìtulù yé, à b E$ nç$g çyà
spalma il suo corpo con l’olio di
karité, guarirà
sò bìnnèn, àn yà mùn tùgunì la
casa crollata è stata rimodellata
mùnaafigì (n.) delatore
mùnaafigì dòn, nà yé kùmà mì m E$,
à b’à fç$ è un delatore, se sente
qualcosa, lo racconta
mùnankàn (n.)
nugolo
nuvola isolata
dìdèn mùnankàn un nugolo di api
sàn tE$ nàa, mùnankànw d ç$ b E$
sànfE$ non pioverà, ci sono delle
nuvole isolate in cielo
mùntàn (n.) nuvola che lascia
passare la luce
mùntàn dç$ fìlE$ ecco una nuvola da
cui trapela la luce
mùnù (v.)
girare
188
mescolare
mùnù ì kìnì bòlofE$ giri a destra
tìgad Eg E$ nà mùnù mescoli il sugo di
arachidi
múnumE nE $ (v.) accarezzare
à b E$ kà dén kùn múnum En E$ sta
accarezzando la testa del bambino
múnumunù (v.)
girare
andare e venire
à b E$ múnumunù sàlò là sta andando a
zonzo
ì múnumunù, k’à ì misurì tàa girati, ti
prendo le misure
múnumàn (n.) mestolo
è mùsò tç$, é tE$ ì kà múnumàn yç$rç$ dòn!
come, donna, non sai dove si trova il tuo
mestolo!
mù¯ù (v.) aver pazienza, sopportare
mù ¯ù tE$ nìmisà non ci si pente di aver
avuto pazienza (prov.): la pazienza paga
à b E$ kà bànàn mù ¯ù sta sopportando la
malattia
múrà (n.) raffredore
à kà múrà b E$E b E$ fùrakE$ nì S ìtulù yé
cura tutti i suoi raffredori con il burro di
karité
múrasç gç sç gç $ (mura + sçg çsçg ç; n.)
influenza
fì¯E$ kòlò, pùssiE$r, yé múrasçg çsçgç$ bìlà
à là il vento e la polvere gli hanno
provocato l’influenza.
múré (n.) misura di capacità per il
grano
múré tàa, í kà kàbà sùmà prendi il múré
e pesa il granturco
¯ òn sàn múré kà, kòngçtç$ d E$ b E$ ò fç$ il
prezzo di una misura di miglio è caro, lo
dice un affamato (prov.): sono i poveri a
dire che i ricchi sono cattivi, i ricchi da
soli non se ne rendono conto
mùrù (n.) coltello
tàà nì mùrù yé, ù kà dà jà porta il
coltello ad affilare
Alà yé kòlatigE$ màsà yé, ì yE$rE$ kà
mùrù dà jà Dio ti dà il coltello, ma
tocca a te affilarlo (prov.): nella vita
non aspettarti che le cose ti cadano
dal cielo
mùrujà (muru + ja; n.) bilancia
romana
nì b E$ bùtigì dà yE$lE$, ì màgò b E$
mùrujà là se apri un negozio che
vende un po’ di tutto, hai bisogno di
una bilancia romana
mùrefé (n.) velluto di colore rosso
à tà dòn, à b E$nnà à kà mùrefè kàlà,
kà kE$ mòd Elì mìn yé non sa quale
modello di vestito fare con il suo
velluto rosso
múrukù (muru + ku; v.)
avere uno stiramento
paralizzare momentaneamente
à bìnnà kà sèn múrukù è caduto e
si procurato uno stiramento al piede
bànàn yé à bòlò múrukú la malattia
gli ha paralizzato
momentaneamente il braccio
mùrumurù (n.) residui, avanzi
nì yé dùminì kE$ cògò yé, mùrumurù
b E$ yç$rç$ b E$E che modo di mangiare
è quello lì, ci sono avanzi
dappertutto
à yé burù mùrumurù dì kç$nç$ mà
date i residui di cibo agli uccelli
mùruntinìn (n.) specie di
moscerino
mùruntinì càmàn sìgirà zE$rE$
tìg Elén kàn tanti moscerini si sono
posati sul cocomero tagliato a
pezzettini
mùrutì (v.)
ribellarsi
non funzionare
à mùrutirà fàliyà bàarà là si è
189
ribellato a un lavoro da asino
mùn dE$ bE$ àn kà mònbilì mòtç$r là? à bE$
kà mùrutì cos’ha il motore della nostra
auto? Non sta funzionando
mùsakà (n.) spese
à kà fùrù mùsakà bò ¯anà àn mà le spese
del suo matrimonio sono state troppe
músalakà (agg. ) ipocrita
bàn kà gò, à kà fìsà mùsalakà yé è
meglio un rifiuto netto che delle parole
ipocrite
mùsò (n.)
donna
sposa
femmina
à mùsò fìlanà la sua seconda moglie
mùsò dànbé l’orgoglio della donna
SE$ mùsò gallina
kç$n ç$ mùsò femmina dell’uccello
mùsobakç rç $ (muso + bakçrç ; n.)
donna di una certa età
mùn d E$ yà bìlà mùsobakçrç$ fùrù là?
cosa lo ha spinto a sposare una donna di
una certa età?
mùsojiginnà (muso + jiginna; n.)
ostetrica moderna, levatrice
mùsojiginnà tùn tE$ d ç$ktçrçsò là,
mùsojiginnà Fàtù yé à làjigì non ha
trovato l’ostetrica all’ospedale, perciò
l’ha fatta partorire la levatrice Fatu
mùsojiginnisò (muso + jiginni + so; n.)
maternità
à y’à jìlajà kà mùsojiginnisò kùrà dàlayE$
ù kà dùgù là ha fatto di tutto per aprire
un nuovo reparto maternità nel suo
villaggio
mùsofìn (muso + fin; n.) malattia degli
organi genitali femminili
à tàarà fò kç$fE$ kà à kà mùsofìn fùrakE$ è
andata fino all’estero per curare la
malattia ai suoi organi genitali
mùsoganà (muso + ganna; n.)
nubile
mùsoganà càmàn b E$ ù kà dù là ci
sono tante donne nubili nella loro
casa
mùsokandonnà (musokan +
donna; n.) violentatore
ù kélén kà fç$ à yé kà dén d E$ yé
mùsokandonnà yé, à kò gàlondò
quando le è stato detto che suo
figlio è uno che violenta le donne,
ha detto che è falso
mùsokE lE $ (muso + kElE; n.) parto
à kà mùsokEl E$ kùmà sùru ¯ anà si
avvicina il momento del parto
mùsokò (muso + ko; n.)
amore fisico
problema sessuale
cE$ hàkilì b E$ fE$n b E$ sàn fE$, fç$
mùsokò l’intelligenza dell’uomo è
superiore a tutto tranne al desiderio
sessuale (prov.): la passione è più
forte della ragione
à sé tà là, nà yé mùsò yé, à kà mùsò
b E$ wùlì non riesce a trattenersi, se
vede una donna si accende il suo
desiderio sessuale
mùsokç rç bà (muso + kçrç + ba;
n.) vecchia donna
cE$kçrçbà kà dòn kE$ k’ì pàn, à
¯E$bçlén dòn mùsokçrçbà là se
vedi un vecchio ballare saltellando
significa che è innamorato di una
vecchia donna (prov.): di solito un
vecchio balla lentamente; significa
che, quando si fanno delle cose
straordinarie, ci devono essere delle
motivazioni serie
mùsokç rç nìn (muso + kçrç + nin;
n.) una donna molto vecchia
mùsokçrçnìn nàlì nà tòlì à yE$rE$ d E$
b’ò dòn far venire o lasciare una
donna molto vecchia, lo sa solo lei:
una persona matura sa quello che le
va bene
190
mùsokùn (muso + kun; n.) donna molto
dinamica
mùsokùn dòn, m ç$gç$ màn kà jç$rç$ à kà kò
sì là è una donna molto dinamica,
nessuno deve preoccuparsi per lei
mùsolanpE rE $ (muso + lanp ErE; n.) che
ama la compagnia delle donne
ì b E$ kà fùrù mùsolanp ErE$ mà ti stai per
sposare con una persona che ama la
compagnia delle donne
voglia
nì y’ì dògò ì mìyE$ là , sògò b E$ dùn ì
kç$rç$ se nascondi la tua voglia (di
mangiare carne) mangeranno la
carne davanti a te senza chiamarti
(prov.): se nascondi i tuoi problemi,
nessuno ti aiuterà
mìyE$ bòlò, fa kà dàjì càyà à dà là è
così goloso che ha l’acquolina in
bocca
mùsomarì (muso + mari; n.) gioco di
carte
ù b E$ kà mùsomarì b ç$ stanno facendo un
gioco di carte
mìyE banà (miyE + bana; n.)
malnutrizione
ù kà dùgù là, mìyEbanà kà càn
dènsennì là nel suo paese è diffusa
la malnutrizione tra i bambini
mùsomusolèn (muso + muso + len; n.)
mosca tsé tsé
mùsomusolén yé sùnçg ç$ bànàn bìlà à là
la mosca tsé tsé gli ha provocato la
malattia del sonno
mìyE dà (miyE + da; n.) appagare
un desiderio
à nànà nì nàmasà yé, kà mìyE$ dà
ha portato delle banane per
appagare un suo desiderio
mùsoyà (muso + ya; n.)
condizione femminile
sesso femminile
mùsokolòn d E$ b E$ mùsoyà kE$ m ç$n E$ yé,
mùsò d E$ b E$ fàamà bàngè, kà wàlijù
bàngè è la donna fannullona che scredita
la condizione femminile, la donna mette
al mondo i ricchi, mette al mondo i santi
cE$ sì jà b E$ fàriyà à kà mùsoyalà nessun
uomo resiste davanti al sesso femminile
mìyE tç $ (miyE + tç; agg.) goloso
mìyEtç$ tE$ gòmà dòn un goloso non
conosce ciò che non è buono
mùsç rç $ (n.) fazzoletto da testa
à cE$ kò kà kà mùsçrç$ sìrì à kùnnà suo
marito le ha detto di mettere il fazzoletto
da testa
mùsumusù (v.) piovigginare
sàn b E$ kà mùsumusù, à tE$ ù kà ¯E$n EjE$
bàlì sta piovigginando, questo non
impedirà la festa
mùtukalì (n.) misura di peso (l’oro)
sànunferelà b E$ à kà mùtukalì ¯ ìnì il
venditore d’oro cerca la sua misura di
peso
mìyE $ (n.)
golosità
191
N
n)
1 (pron.) io
2 (agg.) mio
n) y’à fç$ ho detto
n) kà só il mio cavallo
nà
1 (v.) venire
ritornare
2 (n.) sugo
à nànà kùnù kà b ç$ à kà dùgù tàgà là è
ritornato ieri dal suo viaggio
ì nànà jònnà bì! sei venuto presto oggi!
kç$rç$ nà màndì, ì yé sàyà tà n E$n E$ il
sugo della vecchiaia non è buono, ma hai
mai assaggiato quello della morte?
(prov.): gli acciacchi della vecchiaia
sono preferibili alla morte
nàafigì (agg.) delatore
nààfigì n E$ kàlà b E$ dùgù cì la lingua del
delatore distrugge il villaggio
nàamà (agg.) viscoso
nà b E$ kà nàamayà il sugo sta
diventando viscoso
nàamù
1 (v.) fare le trecce senza cura
2 (avv.) sì
à kù nàamù jònnà falle le trecce
senza cura, velocemente
ì fà tù b E$ dùgù b E$E làbalò tuo
padre nutriva tutto il villaggio
nàamù sì, è vero
nàamunaamunà (naamun +
naamun + nà; n.) persona che
risponde ad un’altra persona che sta
facendo un discorso
jE$lì nà kà nàamunaamunà nànà il
cantastorie è venuto con la persona
che risponderà a ciò che dirà
nàanì
1 (n.) numero quattro
2 (v.) coccolare
prendere in giro
mùsò b E$rE$ yé nàanì yé la cifra
simbolica della donna è il numero
quattro
mùsò sùrunìn nàanì kàn yé à kà
kE$n E$ si coccola una piccola donna
dicendole che è attiva
192
ù yé kùmà dùmàn fç$ à yé, kà nàanì gli
hanno detto delle belle parole per
prenderlo in giro
nàarè (n.) burro
à yé nç$n ç$ gòsì, kà nàarè b ç$ ha ricavato
il burro dal latte sbattendolo
bàarà d E$ yé nàarè yé il frutto del lavoro
è come il burro, il burro è una merce
costosa (prov.): siamo i primi a trarre
vantaggio dalla nostra operosità
nàbagà (n.)
essere vivente
chi è appena nato
nàbagà dòn, ì mà yé à b E$ yE$lE$ b E$E fE$ è
appena nato, vedi che ride con tutti
à kò à dèn mà, nàbagàw tE$ m ç$gçninfìn
gànsàn yé ha detto a suo figlio che chi è
appena nato non è come un essere
vivente normale (ha dei poteri
soprannatuarali)
nàbarà
1 (agg.) paralitico
2 (n.) persona senza gambe
nàbarà sàgò yén: “à n) tàa yé”
l’auspicio di una persona senza gambe è:
“vieni a prendermi” (prov.): nella vita si
desidera sempre che un’altra persona faccia per noi ciò che siamo incapaci di fare
Alà d E$ y édén nàbarà dì à mà Dio che
gli ha dato un figlio paralitico
nàbi¯umàn (nabi + ¯ umàn; n,) profeta
nàbi¯umàn kà kùmà ¯E$fçrà ù yé le
parole del profeta sono state loro
spiegate
nàbulù (nà + bulu; n.) foglie che
servono alla preparazione del sugo
nàbulù kò kà ¯àn ¯ ànì ì kà kE$ nà là lava
bene le foglie prima di metterle nel sugo
nàfà (n.)
interesse
utilità, beneficio
mç$gç$ bE$ ì dì¯anE$ kò dòn, nkà Alà dE$ bE$ ì
nàfakò dòn noi sappiamo ciò che ci piace,
ma solo Dio sa ciò che è utile per noi
nà nàfà tE$ kò kò là, à tE$ dòn là se non
ha interesse per una cosa non se ne
occupa
ì kà bàarà nàfà b E$ nà sé àn b E$E mà
usufruiremo tutti quanti del
beneficio del tuo lavoro
nàfà jùm E$n d E$ b E$ là nì so kç$nç$n?
che utilità hai tu in questa casa?
nàfasçrç sirà (n.)
economia
sviluppo
ù b E$ kà, kù kà jàmanà nàfasçrçsirà
d E$m E$ stanno aiutando lo sviluppo
del loro paese
arabù dùgù dç$ kà nàfasçrçsirà b E$
bç$ tàjì là lo sviluppo del loro paese
si basa sul petrolio
nàfirì (n.) forza fisica
nì kò yé nàfirì kò, cE$yà kò in questa
cosa bisogna avere forza fisica,
essere uomo
nàfolò (n.) ricchezza
mç$gç$ kùnkolò kàn kà tò mìnà, ì kànà
nàfolò jàtè quando c’è di mezzo la
testa di qualcuno, non bisogna
discutere del prezzo: (prov.) la vita
non ha prezzo
nàfolomayç rç $ (nàfolò + màyçrç$;
n.) banca
à kà wàrì tE$ bìlà màtelà jùkç rç$, à
b’à bìlà nàfolomayçrç$ là non
mette i suoi soldi sotto il materasso,
bensì in banca
nàfolotigì (nàfolò + tìgì; agg.)
ricco
hàlì nì fàlì kE$rà nàfolotigì yé, ù b’à
wélé: bìn çgç$ fàlì perfino l’asino,
quando diventa ricco, viene
chiamato “zio asino” (prov.): la
gente è pronta a umiliarsi davanti
ad una persona ricca
nàgà (n.)
basso ventre
cestino di noce
jùrù tE$ bàn nàgà là non si finisce
193
mai di legare un cestino di noce, appena
si slega, lo si lega di nuovo (prov.): nella
vita c’è bisogno l’uno dell’altro
nì fànà yé mùn d E$ yé, k’ì nàgà b ç$ tàn
cos’è questo comportamento, che mostri
il basso ventre?
nàgalòn (n.) velo palatino
à yé fùrà mìn, mùn b E$ ù kà nàgalòn dìmì
jç$ ha dato il medicinale per fermare il
dolore al velo palatino
nàgasà (v.)
sforzarsi
camminare con difficoltà
è kà à b E$ kìnàgasà kà nàa guardalo, sta
camminando con difficoltà
ì fànà, ì nàgasà kà dùminì kE$ anche tu,
sforzati di mangiare
nàgasì (v.)
distruggere
sperperare
à mùsò y’à b ç$lafìn b E$E nàgasì sua
moglie ha sperperato tutta la sua
ricchezza
sàn bà y’à kà fòrò nàgasì la pioggia
torrenziale ha rovinato il suo campo
agricolo
nàjì (nà + ji; n.) sugo a base soprattutto
di cipolla e pomodoro in contrasto con il
sugo d’arachide
kà jE$g E$ mìn E$ jì kélén mìn nà, kà tòbì ò jì
kélén nà, ò nàjì tE$ tìmiyà cuocere il
pesce con l’acqua dov’è stato pescato,
non dà un buon sugo (prov.): affrettarsi
nel prendere decisioni è sempre
sconsigliato.
nàkàn (n.) destino
b E$E nà nàkàn dòn ad ognuno il suo
destino
nànbarà
1 (v.) prendere in giro
ingannare
2 (n.) inganno
nànbara bE$ à kò b E$E là c’è inganno in
tutte le cose che fa
mç$g ç$ tE$ fìlì nànbarà kò mà si riconosce
sempre uno che si fa ingannare
ù y’à nànbarà nì wàrì kò nà
l’hanno preso in giro in questa
faccenda di soldi
nànbaratç $ (nànbara + tç$; n.)
ingannatore
nànbaratç$ nìsonjalèn kùmab E$, à tE$
fE$ fòyì kà tà à ¯E$ kàn l’ingannatore
è sempre felice, non vuole che si
noti nulla sul suo viso
nàkç $ (n.) orto
à b E$ nàkç$ sòn là kùmab E$ è molto
assiduo nell’annaffiare il suo orto
nàkùn (n.) motivo della visita
ì nì sù yé tì¯E$ yé, ì nì dùgutilà, ì nà
ì nàkùn fç$ buonasera è un saluto
corrente, ma dirlo a mezzanotte
presuppone una spiegazione del
motivo della visita (prov.): certi
comportamenti insoliti richiedono
delle spiegazioni
nàlì (n.) arrivo
à kà nàlì Sì tE$ dògò il suo arrivo è
sempre previsto
nàalònmà (agg.) stupido
nàalomàn yé dùgù fàamà dç$ yé lo
stupido è una specie di re nel suo
villaggio: non viene mai
rimproverato perché è stupido
nàalomayà (nàalò + màyà; n.)
stupidità
bànàn bE$ fùrà b E$ sç$rç$ fà nà kE$rà
nàalomayà yé c’è una cura a tutte
le malattie tranne a quella della
stupidità
nàmà
1 (n.) iena
società d’iniziazione
amo
2 (agg.) vischioso
nàmà sòn kà jùgù yé tì¯E$ yé nkà à
tE$ ¯ ònsiyE$n b ç$ la iena è un
animale cattivo di natura, ma non
strappa i nuovi steli di miglio
194
(prov.): nella vita, se si vuole accusare
qualcuno, ci dev’essere una ragione
valida
à tàarà nàmà sàn nùmukE$ bòlò è andato
a comprare un amo dal fabbro
nàa mà nàmayà kà ¯ àn, dç$ fàrà à kàn il
sugo non è denso, aggiungi qualcosa
é b E$ sé kà mùn d E$ fç$ àn yé nàmà kàn?
cosa ci può dire su questa società
d’iniziazione?
à yé cE$ nàmugulasogò d E$ sç$rç$, nà
sòmçg ç$ yé mùn fç$, à b’ò d E$ kE$ ha
sposato un marito senza carattere,
fa quello che gli dicono i suoi
genitori
nàmadèn (nàma + den; n.) membro
della società d’iniziazione “Nama”
nàmadèn dòn, à kà kùmà mà càn è un
membro della società “Nama”, parla
poco
nànayé (n.) menta
nànayé kE$ dùté là, ò d E$ bà jà metti
la menta nel tè, diventerà più buono
nàmasà (n.) banana
ì kànà nàmasà fìlì n) sé kç$rç$, dènmsennì
b E$ sé kà cE$n E$ non buttate le bucce di
banana sotto i piedi, i bambini possono
scivolare
nàmayà (nama + ya; v.) lubrificare
à yé tùlù kE$ frìn là kà nàmayà ha messo
olio sui freni per lubrificarli
nàminà (n.)
fumista
truffatore
nàminà dòn, à b E$ dòn yàn kà b ç$ yàn è
un fumista, entra qui ed esce dall’altra
parte
nàminà kò kà b E$ sé kà dèn làtà tùnkàn là
il truffatore ha detto che può mandare
suo figlio all’estero
nàmù (v.) fare delle grosse treccine
senza cura
nì kùn nàmù dòn, à b E$ bàn sìsàn se è per
fare delle grosse treccine, finisce subito
nàanagalèn (n.) rondine
nàamagalèn càmàn nàanà fò kà
dìbì dòn sono apparse tante rondini
fino a che il cielo si è oscurato
nànfiyerù (n.)
agente della dogana
polizia
kò dç$ kE$rà, ì mà nànfiyerù yé ù kà
dù kç$n ç$! qualcosa è successo, hai
visto l’agente di polizia in casa sua!
nànkarabà (agg.) sfrontata
nànkarabà tE$ dòn fùrù là nà nàtà tE$
mìn nà una donna sfrontata non
entra in un matrimonio se non c’è il
suo interesse
nànkarabanì (nànkarabà + nì; n.)
modello di trecce di donna
à kò kà tE$ mòdèl Sì fE$ nìn
nànkarabanì tE$ ha detto che non
vuole nessun altro modello di trecce
se non è “nankarabani”
nànsarà (n.) europeo
nànsaràw b E$ jìgìn ù kà sò kùmà b E$
gli europei sono sempre loro ospiti
nàmugù (n.) polvere di foglie di
baobab
à yé nàmugù kE$ bàsì là kà càyà ha
messo nel cuscus troppa polvere di foglie
di baobab
nàsì (n.) protezione magica fatta
dai veggenti religiosi consistente in
un liquido: durante la preparazione
di questo liquido, si pronunciano
delle preghiere
à b E$ kò nàsì là kùmab E$ si lava
sempre con il fluido di protezione
religiosa
nàmugulasogò (nàmugù + sògò; agg.)
senza carattere, senza personalità
nàsijì (nasi + ji; n.) filtro liquido
fatto dai veggenti religiosi,
195
sinonimo di nàsì
nàsç $ n (n.) specie di capra
bà nàsç$n sùgù b E$E, b E$ sç$rç$ si trovano
tutte le specie di capra
nàsç rç $ (avv.) forse
à nàsç rç$ à tE$ à kàlamà forse non ne è
al corrente
nàtà
1 (n.) cupidigia
2 (agg.) avida
prossimo
nàtà bà b E$ sà wàrisò dà là! una persona
avida muore davanti alla porta della
banca (prov.): si dice di una persona
troppo avida
nàtà tE$ dògò la cupidigia non si
nasconde
à fà b E$ nà jùmàn dòn nàtà suo padre
arriva venerdì prossimo
nàtabayà (nata + baya; n.) cupidigia
fùrà tE$ à kà nàtabayà là non c’è rimedio
alla sua cupidigia
nàtì (v.) portare
à sèlèn tùbabù jàmanà là, à yé à
dç$gçnìw nàtì una volta arrivato in
Europa, ha fatto portare i suoi fratelli
nbà (n.) risposta d’uomo ad un saluto
Bàbà, ì nì sç$gçmà! Baba, buongiorno!
Nbà! Sì, buongiorno!
nbàwudì (n.) genere di musica Peul
nì yé nbàwudì kàn yé è un genere di
musica Peul
nbE $ dà (n.) grande strada
à kélén kà fç$ jàmà kà wùlì, b E$E yì fìlì
nbE$dà là quando ha detto alla gente di
ribellarsi, tutti sono scesi per strada
nbE $ nbE $ (n.) libellula
mùn d E$ yé nb E$nb E$ càmàn kE$ n) kà sò
kE$rEfE$? come mai ci sono tante libellule
vicino a casa?
à kélén kà gà ¯ è lòterì là, ò
nbE$ndiyà bò ¯ anà! quando ha vinto
alla lotteria, la sua gioia è stata
eccessiva!
tì¯E$ kà fç$ Alà yé, nb E$ndiyà b’ù cE$
diciamoci la verità, c’è felicità tra
di loro
nbìlì (n.) effimera: insetto
à yé nbìlìw jìràn kà dù ha fritto gli
insetti e li ha mangiati
nbùgunì (n.)
nome di un paesino del Mali
disegni a scacchi di colore scuro e
chiaro su tessuto di cotone grezzo
fìlElikElà kò, kà kà nbùgunì fìnì dòn
à dèn là, kà S ì il veggente ha detto
di far indossare a suo figlio, di
notte, un vestito con dei disegni sul
tessuto di cotone grezzo
à bç$rà Bùgunì kùnùn è venuto da
Buguni ieri
nbùrèn (n.) frutto selvatico
à kò kà tE$ nbùrèn dòn ha detto che
non conosce questo frutto selvatico
ncç $ gòn (n.) specie di frutto
zuccherino a forma di pisello
à yé ncç$gòn dàjì wàlasà à kà kE$
kE$n E$ yé ha lasciato nell’acqua per
tutta la notte la frutta a forma di
pisello per far sì che si rinfreschi
ncòn (n.) foruncolo
à kélén kì kò fùrà là, ncòn càmàn
bç$rà à fàrì là quando si è lavato
con il medicinale, sono apparsi tanti
foruncoli sul suo corpo
ndésaaní espressione di
compiacimento: evviva!
àn kà Bìntunì fùrulà, ndésaaní! la
nostra piccola Bintu si è sposata,
evviva!
ndéré (avv.) molto
à b E$ bàrrà kE$ ndéré! lavora molto!
nbE $ ndiyà (nb En + diya; n.) gioia,
felicità
196
né (pron.)
io
me
mio
né dùn? e io?
né tà dòn è per me
né kà sò il mio cavallo
nègè (n.) voglia
nì fE$n tì fE$, à tE$ ì tèrì fE$, dç$ bç$ ì kà nègè
là se non hai niente, e il tuo amico non ha
niente, limita le tue voglie
nègebç $ (nège + bç)
1 (n.) esagerazione
2 (v.) disgustare, togliere la voglia
sònsorolì kàdì bàmà yé nkà à kù bà n E$g E$
bç$ à là accovacciarsi piace al caimano,
ma la sua coda gli toglie la voglia
(prov.): nella vita ci sono cose che non
possiamo risolvere
à y’à kà kò b E$ n E$g Ebç$ né nà mi ha
disgustato del tutto
à kà kò b E$E b E$ kE$ nì nègeb ç$ yé fa tutte
le sue cose con esagerazione
nègelà (nège + là; n.)
vizietto
preferenze
à nègelà yé sìgarettì yé il suo vizietto
sono le sigarette
à y’à kà nègelàw sàn à yé gli ha
comprato ciò che voleva
nègemafE $ n (nège + mafEn; n.) golosità
ù y’à kà nègemafE$n dògò à là, bàrì à b E$
kà bò ¯àn kòjugù gli hanno nascosto le
cose di cui è goloso poiché stava
ingrassando a vista d’occhio
nègetç $ (nège + tç; n.) buongustaio
nègetç$ dòn, à tE$ fìn b E$ dùn è un
buongustaio, non mangia qualsiasi cosa
néní
1 (n.) insulto
2 (v.) insultare
nì m ç$gç$ yé ì fàrikolò yç$rç$ b E$E tç$gç$ fç$, à
làbàn, ì nà ì yE$rE$ néní chi cità tutte le
parti del suo corpo, finirà per insultare se
stesso (prov.): nella vita è meglio
non parlare troppo; si dice alle
persone che hanno una lingua lunga
néníw dòròn d E$ b E$ b ç$ à dà là
dalla sua bocca escono solo insulti
nérí (n.) iella, sfortuna
nérí b E$ ¯E$ mìn kàn, ò tE$ kò kà jE$
gli occhi della persona piena di jella
non sono mai lavati bene (prov.): è
inutile dare consigli ad uno che ha
la sfortuna alle calcagna
néritç $ (nérì +tç$; n.) persona
sfortunata
ì fànà, ì kànà bìlà ì kùnà, kò ì yé
néritç$ yé anche tu, non metterti in
testa di essere una persona
sfortunata
nE $ E mà
1 (n.) felicità
benessere
freschezza
2 (agg.) sereno
sàn wç$yèn kç$, y é n E$Emà yé dopo il
diluvio, il sereno: si dice alle persone che soffrono, nel senso di tenere
duro
Alà kà nì dùbabùw n E$Emà sé à mà
che Dio gli faccia arrivare in cielo
la freschezza delle nostre preghiere
è kà fàrì nùgulèn yé! ì b’à dòn kà
b E$ n E$Emà là guarda come brilla il
suo corpo, si capisce che vive nel
benessere
àn b E$E b E$ nì n E$Emà d E$ n ç$fE$ noi
tutti cerchiamo la stessa felicità
nE $ g E $ (n.) metallo, ferro, tutto ciò
che è di metallo o di ferro
n E$g E$ kà gònì, ì tùrà là il ferro
brucia, lo sai perché l’hai toccato
(prov.): le persone che hanno provato qualcosa, ne possono parlare
n E$g E$ sùguyà kà càn ci sono tanti
tipi di metallo
nE $ g E bò (n E$g E$ + bò; n.) minerale
di ferro
197
à y’à b ç$ n E$g Ebò là l’ha fatto estrarre dal
minerale di ferro
nE $ g E jurù (n Eg E + juru; n.)
filo di ferro
telegramma
ù yè n E$g Ejurù kE$, kà mèleké kç$sçb E$
l’hanno avvolto col filo di ferro
ù d E$selèn kà sç$rç$, ù y’à cì n E$g Ejurù fE$
siccome non sono riusciti a vederlo, gli
hanno mandato un telegramma
nE $ g E jurusò (n Eg E + juru + so; n.)
ufficio postale
à kò kà b E$ tàa n E$g Ejurusò là kà lE$tirì cì
ha detto che va in posta per mandare la
lettera
nE $ g E fìn (n Eg E + fin; n.) ferro
à yé n E$g Efìn jàgò d E$ kE$ è nel commercio del ferro
nE $ g E $ (v.) ingannare, prendere in giro
fE$n kélén tìgì fìlà, d ç$ b’à yE$rE$ n E$g E$ se
due persone sono proprietarie della stessa
cosa, una delle due si sta ingannando da
sola
é b’à kç$n ç$ kò n E$ yé dènmsennì nì b E$ n)
n E$g E$! se mi prendi in giro, pensi che io
sia una bambina!
nE $ g E nnE gE $ n (n E$g En + n E$g E$n ; v.)
coccolare
à mùsò y’à n E$g Enn Eg E$n kà dùsù dà sua
moglie l’ha coccolato per calmarlo
nE $ g E nnì ( nE$g En + nì; n.) inganno
mùn d E$ yé ì bìlà kà n E$g Ennì dòn nì kò
là? come mai c’è stato inganno in questa
cosa?
nE $ g E sén (n Eg E + sen; n.) staffa
è k’ì sén bìlà n E$g Esén kç$nòn, ì tE$ b ç$ kà
bìn metti il piede nella staffa, non cadrai
nE $ g E sirà (n Eg E + sira; n.) ferrovie
àn kà dùgù n E$g Esirà màn ¯ ì $ le ferrovie
del nostro paese non sono buone
nE $ g E sò (n Eg E + so; n.) bici
à kò kà màgò b E$ n E$g Esò kùrà là, kà tàa
fòrò là ha detto che ha bisogno di
una nuova bicicletta per andare nei
campi
nE $ mù (n E + mu; v.) leccare
ì kànà tò wùlù k’ì n E$mù, ì kà sélijì
b E$ tìyE$n stai attenta a non farti
leccare dal cane, rovinerà le tue
abluzioni
nE $ (n.) pus
n’àn yé ì tE$g E$ n E$ b ç$, à b E$ n ç$gç yà
se facciamo uscire il pus dal tuo
dito, sentirai meno dolore
nE $ n (n.) lingua
bòlolankolòn n E$n yé dàrò yé la
lingua del povero è come una
campana (prov.): nessuno tiene
conto di quello che dice un povero
nE $ ndumàn (n E$n + dunàn; n.)
chiacchierone
nE$ndumàn dòn, à kà kùmà tE$ bàn è
un chiacchierone, non finisce mai di
parlare
nE $ nE $
1 (n.) freddo
2 (v.) assaggiare
fìnìn kùrà mìn mà sé kà n E$n E$ b ç$
mç$g ç$ là, fìnì kç$rçlèn tE$ sé kà bç$
se un vestito nuovo non ha potuto
togliere freddo ad una persona, non
lo farà un vestito vecchio (prov.):
una persona pigra in gioventù non
potrà mai diventare un grande
lavoratore in vecchiaia
à sùnèn dòn, à tE$ sé kà nà n E$n E$ è
a digiuno, non può assaggiare il
sugo
nE $ nE dimì (n E$n E + dimì; n.)
febbre con brividi
à kà n E$n Edimì b E$ dàmin E$ nì sù
kòrà la sua febbre con brividi
inizia quando comincia a fare notte
nE $ nEtç $ (n E$n E + tç; agg.)
freddoloso
198
n E$n Etç$ dòn, ò d E$ b E$ à sìràn kà b ç$ è una
persona freddolosa, per questo ha paura
di uscire
nE $ nkùn (n E$n + kùn; n.) lingua, punta
della lingua
à n E$nkù kà jàn ha la lingua sciolta
kìsE$ kìsE$ b ç$rà à n E$n kùn là sono apparsi
tanti brufoli sulla punta della sua lingua
nE @ rE @ (n.) bot. parkia biglobosa, “néré”:
frutto selvatico:
nì sùnbalà jàrà n [email protected]@ bç$bagà tE$ dòn se
il “sunbala” è buono si dimentica colui
che ha portato il “néré” (prov.): si dice a
chi si dimentica dell’intermediario della
situazione
“sunbala”: spezia a base di “néré”
nE @ rE mugù (n [email protected] + mugù; n.)
farina di “néré”
colore giallo
à yé n [email protected]ù mì sàn sùgù là , gòngòn
tùn b’à là la farina di “néré” che ha
comprato al mercato aveva della polvere
di sabbia
sélì là, ù kà dùkçn ç$ dénw b E$E yé fìnì
n [email protected]à dòn durante la festa della
“Tabaski” tutti i membri della loro
famiglia hanno indossato un vestito di
colore giallo
nfirinfirinin (n.) farfalla
é kà yé nfírinfirinín n ç$fE$ guardalo, è
dietro le farfalle
ngòlò (n.) nome dato al secondo figlio
à tç$gç$ tùn yé ngòlò yé il suo nome era
Ngolo
ngç $ kì (n.) gola, trachea
mùn kùrù b E$ kà sìgì, ì kàn jùkçrç$? che
cosa hai di grosso sotto la gola?
bànàn sérà fò à ngç$kì là la malattia ha
raggiunto perfino la trachea
ngç $ kijurù (gç$ki + juru; n.) corde
vocali
à mà sé kà dònkilì dà kà ¯ àn bàrì à
ngç$kijurù b’à dìmì non ha potuto
cantare bene perché ha male alle
corde vocali
ngç $ n (n.) cinocefalo
kùlù b E$ à nç$ là, ngç$n b E$ tàa kà nà
la collina è sempre lì, è il cinocefalo
che va e viene (prov.): si dice alle
persone che non affrontano un
problema e ci girano intorno
ngç $ njigì (ngç$n + jigi; n.) gorilla
nì yé sìgarEtì dì nì ngç$n jigì mà, à
b’à mìn se dai una sigaretta a
questo gorilla, la fuma
ngç $ ngç ndilì (n.) radici
aromatiche
è dòròn d E$ b’à fç$ kà tE$ ngç$ngçndilì
kàsà fE$ sei l’unico a dire di non
sopportare l’odore delle radici
aromatiche
ní
1 (v.) dare
offrire gratuitamente
2 (n.) parte
vita
anima
3 (cong.) e
4 (prep.) con
nànsarà dùgù yé màSinì ní àn là i
paesi europei ci hanno dato le
macchine
kàlò kàlò, à b E$ ¯ç$n b ç$rE$ ní ù là
ogni mese offre loro gratuitamente
un sacco di miglio
è ní tà là non c’è la tua parte
bànà bìlelèn nì ní tE$ fàn kélén fE$
la malattia grave e la vita non
vanno di pari passo (prov.): non
tutte le malattie sono mortali;
finché c’è vita c’è speranza
ù kò nì sàrà, ì ní bE$ bç$ kà tàa yç$rç$
wE$rE$ là si dice che quando muori la
tua anima esce dal corpo e va altrove
ì ní cé, í ní bàrajì grazie, che Dio ti
aiuti
cE$ ní músó l’uomo e la donna
à yé ùn d E$m E$ ní gàniyà ¯ úmàn yé
mi ha aiutato di tutto cuore
199
ní y’à fùrù, ì tE$ h E$rE$ sç$rç$ se lo sposi,
non avrai mai pace
mç$g çyà b E$ à nìm çg ç$w là i suoi
parenti acquisiti sono beneducati
nìgifE $ (n.) piccola misura per le
granaglie
à yé mì sàn, à tE$ hàlì nìgifE$ fà b ç$ quello
che ha comprato non riempie nemmeno
la misura per le granaglie
nìmç gç yà (nì + m çg çya; n.)
rapporto tra cognati
nìmçg çyà d E$ b E$ àn cE$ tra di noi
c’è un buon rapporto tra cognati
nìlç $ n (n.) nylon
à yé sàladì kE$ nìlç$n kç$n ç$ kà jì b ç$ ha
messo l’insalata nel nylon per togliere
l’acqua
nìkankò (nì + kankò; n.) vita o morte
à yé nì sò kò kE$ nìkankò yé ha fatto di
questo problema una questione di vita o
di morte
nìmafE $ n (nì + mafE$n ; n.) essere
vivente
nìmafE$n dàn tE$ m ç$gçnifìn yé l’uomo
non è l’unico essere vivente
nìmakaràn (nì + makaràn; n.) agonia
à yé dùbabù kE$, à b E$ nìmakaràn là fate
le benedizioni, è in agonia
nìmanç gç $ (nìma + nçg ç ; v.)
maltrattare
ì tE$ sàbalì kà ì dénw mùsòw nìmançg çsì,
démusòw b E$ ì bòlò ti conviene smettere di
maltrattare le mogli dei tuoi figli, hai anche
tu delle figlie
nímisà
1 (v.) pentirsi
2 (n.) rimorso
ní Alà y’í sòn, kànà wàsò, ní Alà m’í sòn,
kànà nímisà se Dio ti dà qualcosa di
buono, non vantarti, se non ti dà nulla,
non avere rimorsi (prov.): nella vita,
bisogna accettare la situazione nella
quale ci si trova, il successo e il
fallimento dipendono anche da Dio
à nímisarà kç$sçb E$ à kà kòjugù kE$lì là si
è pentito molto delle cose brutte che ha
fatto
nìmç gç $ (nì + m çgç ; n.) parenti
acquisiti (cognato, cognata)
nìn (agg.)
questo
questa
quello
nìn bà questa madre
nìn b ç$ questo affare
nìn kùmà Sì tE$ fòyì ¯àn tutto quello
che è stato detto non è servito a
niente
kùtù fìtinìn un cucchiaino
nìnakilì (nina + kili)
1 (n.) respiro
2 (v.) respirare
à nìnakilì b E$ kà dègù, à yé fìn Etrì
dà yE$lE$ sta respirando con
difficoltà, aprite le finestre
é kà nìnakilì làm E$! sentite il suo
respiro!
nínginangà
1 (n.) rettile mitico che sputa
fuoco, dragone
2 (v.) spostarsi come un dragone
é kà yé nínginangà là! guardalo
come si sposta come un dragone!
dénní dàbalì bànnàn, ù kélén kà
fç$,kç$ tàsumà bç$rà nínginangà dà là
la bambina si è stupita quando le è
stato detto che il dragone sputava
fuoco
nísç $ n (n.) umore
à mùsò nísç$n kàdì sua moglie è
sempre di buon umore
nísç ndiyà (nísçn + diyà)
1 (n.) allegria, gioia
2 (v.) rallegrare
nísçndiyà dàn yé sùrukù bìlalèn yé
wàgeyà là il colmo della gioia per
una iena, è di metterla a fare il
macellaio (prov.): il massimo della
200
felicità è raggiungere i propri obbiettivi
n’à cE$ nànà, à kà nísçndiyà tE$ dògò
quando suo marito arriva, la sua allegria
non si nasconde
ù yé dùnànw nísçndiyà ní dúnú fç$ yé
hanno rallegrato gli ospiti con le danze al
ritmo del tamburo
nísç ndiyafuranìn (ní + sçndiya +
furanin; n.) droga sotto forma di
compressa
nísçndiyafuranìn tE$ fòyì ¯ àn ì kà kùngò
là la droga non risolve nessuno dei tuoi
problemi
nísç ngoyà (nísçn + goyà)
1 (n.) tristezza
malumore
2 (v.) essere triste
kìbarù jùgù sélén àn mà, àn b E$E
nísçngoyalà quando ci è pervenuta la
brutta notizia, ci siamo rattristati
à yà kà nísçngoyà jìrà à kà nì
bàarabaliyà là ha dimostrato il suo
malumore per questa mancanza di lavoro
yE$lE$ sà, à tç$ nì nísongoyà kà b ç$ ì ¯E$dà
là dai, sorridi, togli questa tristezza dal
tuo viso
nísç ngç $ (n.) tassa pro capite
ní y’í dén wèlé “Bàbà kòmandàn”, à b E$
nísçng ç$ mìn E$ ì fç$lç$ là se chiami tuo
figlio “Papà comandante”, sarai il primo
a cui chiederà la tassa pro capite (prov.):
si dice alle persone che viziano troppo i
loro figli
nìwakinì (n.; dal francese) nivachina:
medicinale soprattutto in compresse che
si usa contro la malaria
nìwakinì kà ¯ ì pàlù mà la nivachina ha
un buon effetto sulla malaria
nìyç rç $ (nì + yç rç; n.) parte
mç$g ç$ b E$ ìkò jìrisunbà: tàamanà b E$
nìyçrç$ b E$ à sùmà là l’uomo è come un
grande albero, tutti cercano di avere un
posto alla sua ombra (prov.): si dice per
invogliare la solidarietà
nkàlòn
1 (n.) bugia
2 (v.) dire bugie
à kà nkàlòn tìg E$ kà càn dice tante
bugie
nkàlòn tE$ bùgù sìrì una bugia non
costruisce una casa (prov.): le bugie
hanno le gambe corte
nkàlontigE $ sin. nkàlòn
nkàlontigE là (nkàlon + tig Ela; n.)
bugiardo
nkàlontig Elàw mì nùn b E$ b ç$
tùnkanlà , b E$ kà càyà i bugiardi
che vengono dall’estero stanno
aumentando
nkàrankà (n.) pidocchio
mç$g ç$ dìyanyekò, à b E$ nkàrankà cì ì
késeké kàn la passione può
spingere una persona a schiacciare
un pidocchio sul pene (prov.):
quando si ama, non si ragiona
nkélennín (n.)
asso
gioco delle carte
à bòlò b E$nnà nkélennín mà, à
gà ¯enà la sua mano ha sollevato
l’asso, ha vinto.
nkèlèn (avv.) già
ì nànà nkélèn? sei già arrivato?
nkE $ lensò (n.) posizione che
consiste nell’accavallare le gambe
ì kànì nkE$lensò sìgì ì brànkE$ ¯E$nà
non sederti con le gambe
accavallate davanti ai tuoi suoceri
nkç $ nì (n.) specie di chitarra
suonata dai “griot”
à bE$ kà dènkE$ dégé nkç$nì là sta insegnando a suo figlio a suonare la
chitarra
nkç $ nifç là (n kç$ni + fç la; n.)
chitarrista
jélí b E$ wàrì mìn sç$rç$, nkç$nifçlà tò
sç$rç$ i soldi che racimola il
“griot”, il chitarrista non li trova
201
nkç $ rì (n.)
virgola
anello
à yé nkç$rì bìlà kùmasèn ¯E$fE$ ha messo
la virgola davanti alla parola
ù kò kà kà nkç$rì wàrijE$ dòn à tE$g E$ là ha
detto di mettere un anello d’argento al
dito
ù tàarà ù sìgì ù n ç$ kç$rç$ là sono
andati a sedersi al loro vecchio
posto
à kç$rç$ mùsò n ç$ tE$ non è colpa di
sua sorella
nkç $ sç $ n (n.) grande scorpione nero
nkç$sç$n yélì tE$ ¯ ùmàn yé la vista di un
grande scorpione nero non è una buona
cosa
nç $ g E $ n (v.) dare la caccia
à yé wàrabà n ç$g E$n kùngò kç$nòn
ha dato la caccia al leone nella
foresta
nkç $ y ç $ (n.) melanzana
nì mì dà nkç$yç$ kç$rç$, ì tàa dùgumadèn
b E$E yé se non ti sdrai ai piedi della
melanzana, non potrai vedere tutti i suoi
frutti (prov.): nella vita, finché non parli
con una persona, non potrai sapere quel
che pensa
nç $ g ç $ (n.)
sporcizia
concime
nì sù kç$rçtçrà à kòbagàw kç$rç$, à nì
nç$gç$ b E$ tàa làharà là se il morto
ha fretta con le persone che devono
lavarlo, andrà sporco nell’aldilà
(prov.): quando si ha fretta verso le
persone che devono aiutarci, si può
addirittura rimanere a mani vuote.
tùbabù nç$gç$ concime artificiale
importato
nànkçyç $ (n.) pomodoro
à kà nànkçyç$ ¯ànàn ¯ ìnàn ha avuto
tanti pomodori quest’anno
nkùnàn (n.) pianta medicinale contro il
diabete
nkùnàn b E$ sùkarò bànàn fùrakE$ questa
pianta cura il diabete
nògò (n.) intestino
à yè sàkà nògò tç$bì kà fùrotòn càyà ha
cucinato gli intestini della pecora
aumentando la dose di peperoncino
nòwamburù (n.; dal francese)
novembre
nòwamburù kàlò sérà àn ¯ ìnà mà il
mese di novembre è arrivato molto
velocemente
nç $ (n.)
tracce
posto
sànù kç$rç$ n ç$ tE$ bàn tùlò là le tracce dei
vecchi orecchini d’oro non spariscono
dalle orecchie (prov.): si riconosce
sempre un ricco diventato povero dal suo
comportamento
nç $ bç $ (n ç + b ç; v.) inseguire
à yé zònw nç$b ç$ ha inseguito i ladri
nç $ g ç jì (n ç$g ç + jì; n.)
saliva
sputo
làlomà dòn, n ç$g çjì b E$ kà b ç$ à dà là
è un menomato, la saliva sta
uscendo dalla sua bocca
ù kE$lElèn, à yé n ç$g çjì tùn, à ¯E$dà
là quando hanno litigato, ha
sputato sul suo viso
nç $ g ç làn (nçg ç + lan; n.)
foglie, soprattutto quelle del baobab, per rendere il sugo vischioso
mucillagine
nç$gç làn càyà nà là aumenta la
quantità di foglie di baobab nel
sugo
nç$gç làn càmàn tùn b E$ yàn c’erano
tante mucillagini
nç $ g ç $ n (agg.)
facile, semplice
poco
202
à kò nì yé kò n ç$gç$n yé ha detto che è
una cosa facile
cE$ nì kà kò, kà n ç$g ç$n quest’uomo è
semplice
nì fìnì dà kà nç$g ç$n questo vestito costa
poco
nç $ g ç tç $ (nç$g ç + tç$; n.) persona sporca
nç$gç tç$ t’à dòn kò fì¯E$ wùlilà la persona
sporca si comporta come se non fosse
successo nulla
nç $ g ç yà (nç$g ç + yà)
1 (n.) miglioramento
2 (v.) facilitare
migliorare
wàrì mì sç$rç là, à yé n ç$gç yà dòn, ù kà kò
càmàn là i soldi che sono stati racimolati, hanno portato un miglioramento ai
loro affari
à kà kò nç$g ç yarà kç$sçb E$ i suoi affari
sono molto migliorati
kànm E$ bàliyà m’à à kà kò n ç$gç yà il non
saper parlare la lingua non ha facilitato i
suoi affari
nç $ kandà (n.) successore
ù yé , ù kà dùgù n ç$kandà jìrà à là gli
hanno mostrato il successore del capo
villaggio
nç @ n (v.)
leccare
nuotare
í kànà tò bàgàn k’í n ç@n stai attento che
l’animale non ti lecchi
k’à nç@nnì kE$ jì kç$nç$ tE$ ì kE$ jE$g E$ yé non
è nuotando nell’acqua che diventi pesce
nç @ nà
1 (n.) pronome
fratello minore
2 (agg.) seguente
nì mà n ç@nàn fàrakàn, à tE$ fàmuyà se
non aggiungi un pronome, non si capisce
à nç@nà kà kékùn nà yé suo fratello
minore è più intelligente di lui
à kà fùrù b E$ kE$ nç@nà wE$rE$ il suo
matrimonio si farà la prossima settimana
nç $ nkç nkurù (nç$n kçn + kuru; n.)
gomito
à bìnnà kà n ç$nkçnkurù bç$S ì è
caduto scorticandosi il gomito
nç $ nç $ (n.) latte
nç$nç$ mà jìgì à sìn là non ha ancora
latte nel seno
nç$nç$ kE$n E$ latte fresco
nç$nç$ kùnùn latte fermentato
nç$nç$ fE$n E$ il burro che deriva dal
latte
sàyà fùrà yé SE$ n ç$nç$ yé la cura
contro la morte è il latte di gallina
(prov.): non c’è cura contro la
morte
nç $ nsì (n.) camaleonte
nì yé dì¯E$ sòkEgirìn, ì bE$ sègìn kà
nç$nsì tàamà chi corre saltellando
nella vita, finirà per camminare come un camaleonte (prov.): chi si gode eccessivamente la vita finirà per
calmarsi, in quanto perderà le forze
nç $ nsikù (n.) pianta medicinale
che serve a guarire il mal di pancia
nei bambini
à yé nç$nsikù tòbì, kà dì dèn mà fate
preparare la pianta medicinale e
dategliela
nç $ nsitaamà (n ç$nsi + taama; v.)
camminare a passi lenti e prudenti
à bE$ kà nç$nsitaamà kà dòn sta camminando a passi lenti per entrare
nç $ ç nì (v.) impastare
bç$gç$ nç$çninà nì jì mìn yé, ò tE$ sé
kà bç$ à kà l’acqua con la quale
abbiamo impastato la terra non si
può più togliere (prov.): è difficile
cambiare il carattere di una
persona; il lupo perde il pelo, ma
non il vizio
nç $ ç rç $ (n.) luce sul viso
fàamayà kàdì, è kà n ç$çrç$ yé à ¯E$dà
là! è bello essere ricco, guarda la
luce sul suo viso!
203
nç $ rç kç $ (v.) sporcare
nì y’à m E$n kò cE$kçrçbà b E$ kùmàn càmàn
fç$, à dà nç$rç kç$lèn dòn se senti dire che
un vecchio ha la lingua sciolta, ha la
bocca sporca (prov.): si dice perché di
solito un vecchio parla poco e solo una
bustarella lo può spingere a comportarsi
così
npìrinpirìn (n.) insetto
kùràn fàgà, npìrinpirìn càmàn b E$
kànà spegni la luce, stanno
arrivando tanti insetti
npàlàn (n.) borsa da fattorino
nkà npàlàn sç$gç lèn dèn la mia borsa è
bucata: si dice per spiegare che non si ha
soldi
npìyà (agg.) insipido
sùpù b E$ npìyà la zuppa è insipida
npàn (n.)
sciabola
bambù
npàn bE$ kàratekà càmàn kà sò c’è la
sciabola nella casa di tante persone che
praticano il karate
à tàarà npàn tìg E$ yç$rç$ là è andato nel
luogo dove tagliano il bambù
npàrajà (n.) varicella
bànàn càmàn y’à fìtininamàn mìn E$ fò
n’à kE$rE$ npàrajà yé ha avuto tante
malattie durante la sua infanzia, tranne la
varicella
npàyi (avv.) niente
à kò npàyì ha detto niente da fare
npéré (n.) orlo
à b E$ tìlà sìsàn, à tç$ tòrà npéré yé finisce
fra poco, gli rimane solo l’orlo
npéré
1 (v.) essere il primo
2 (n.) campione
à péré d E$ nànà è stato il primo a venire
à yé npéré yé, nànbarà fòyì t’ò là è
diventato un campione, non ci sono
dubbi
npE $ t E $ (n.) scatola di tabacco
à sàgò b E$ à kà np E$tE$ là è libero di fare
ciò che vuole della sua scatola di tabacco
(prov.): nella vita si è liberi di fare ciò
che si vuole delle proprie cose
pìyà (avv.) con franchezza
n) ¯à fç$ bì, n) ¯ à fç$ sìnì l’ho detto e
l’ho ridetto con franchezza
npògì (n.) copri sesso per ragazzi
à kànà fòtò tà nì n) kà npògì yé non
farmi la foto con il copri sesso
npògò (n.) copri sesso per le
ragazze
npògò kà kòlòn kà fìsà jùlankolò yè
meglio indossare un copri sesso che
andare in giro nude: si dice a chi ci
prende in giro per i nostri vestiti usati
npògotigì (npogo + tigi; n.)
giovane donna
nì npògotigì dén fç$lç$ kE$rà fìlanìn
yé, à b E$ dèn wòlò n E$g E$ b ç$ à là se
il primo parto normale di una
giovane donna è gemellare, le
passerà la voglia di partorire di
nuovo (prov.): quando abbiamo
avuto una brutta esperienza,
diventiamo diffidenti
npògotigiyà (npogo + tigiya; n.)
giovinezza (di donna)
à y’à kà npògotigiyà b E$ kE$ à bènkE$
kà sò ha trascorso tutta la sua
giovinezza a casa di suo zio
npç $ g ç rç tç rç $ (n.) meschinità
à kà npç$g çrç tçrç$ kà càn ha tanta
meschinità
npç $ n (n.; dal francese) ponte
ànbutiyagì b E$ npç$n kàn bì c’è
tanto traffico sul ponte oggi
npç $ ròn (n.) collana
jç$n d E$ yé np ç$ròn dì mà? chi ti ha
dato questa collana?
204
nsàalawù (espressione fissa) se Dio lo
vuole
à b E$ nà sìnì, nsàalawù verrà domani, se
Dio lo vuole
nsè (n.) risposta di una donna ad
un saluto
JE$n Ebù, ì nì sç$g çmà! Buongiorno
Jenebù! Nsè! Buongiorno!
nsàajàn (n.) cane con le zampe lunghe
à kà wùlù yé nsàajàn yé il suo cane ha le
zampe lunghe
nsírín (n.) racconto
à yé nsírín mì dà ù yé, ò jàarà ù yé
il suo racconto è loro piaciuto molto
nsàamE $ (n.) “riz au gras” specie di
risotto
bì yé dìmanS ì, à yé nsàam E$ tòbì oggi è
domenica, cucino il “riz au gras”
nsírà (n.)
rame giallo
baobab
sànù ní nsírà màn kàn non bisogna
confondere l’oro con il rame (prov.):
non bisogna mettere sullo stesso
piano un uomo onesto e un
fannullone
ní nsírà falénnà í dísí kà, í b E$ sé kà
¯E$n Ekilì, í b E$ Alà tànù se il baobab
si mette a crescere sul tuo petto e
riesci a respirare, devi ringraziare
Dio (prov.): qualsiasi siano le prove
che devi affrontare, se la tua vita è
salva, ringrazia Dio; solo vivendo
possiamo fare qualcosa
nsàbàn (n.) bot. saba senegalensi,
specie di frutto selvatico
nsàbàn sìrì bE$ bç$ à yE$rE$ là tirare la liana
del saba senegalensi dipende da ciascuno
di noi (prov.): nella vita ognuno di noi ha
la propria soluzione in mano
nsànà (n.)
proverbio
fiaba
àn kà cE$kç rçbàw kà kùmà b E$E nsànà i
nostri anziani parlano solo attraverso dei
proverbi
à yé dénmsennì càmàn kç$rì à dà là kà
nsànà dà ha fatto sedere tanti bambini
intorno a lui per raccontare le fiabe
nsànpç rç $ (n.) verso di disprezzo che si
fa con la bocca
é fítinìn b E$ sé nsànpç rç$ cì là! tu che sei
così piccola, sai fare questo verso di
disprezzo con la bocca!
nsE $ rE $ (n.) cocomero
à kùngolò kà bò, ì nà fç$ nsE$rE$ la sua
testa è grande come un cocomero
nsE $ rE bù (n.) pantaloni a sbuffo
à yé nkà nsE$rEbù bò ¯ àn kòjugù ha fatto
troppo grandi i miei pantaloni a sbuffo
nsE @ g E nE @ (n.) bot. balanites aegyptiaca:
palma da datteri selvatica
é kà [email protected] En [email protected] d ç$ mìn, à b E$ wùsarà, ì kà
kç$nçdimì là prendi un po’ di infuso di
palma da datteri selvatica, ti farà bene
nsírabulù (nsira + bulu; n.) foglie
di baobab
bà b E$ nsírabulù dùn, nà bìnnà la
capra mangia le foglie del baobab
quando cadono (prov.): alla morte
di un dittatore, si fa tutto quello che
lui impediva
nsíramugù (nsira + mugu; n.)
farina del frutto del baobab
à b’à d E$g E$ là bì, à bà yé síramugù
cì à mà si rallegrerà oggi, sua
madre gli ha mandato della farina
del frutto del baobab
nsòn (n.) vaiolo
à kà nsòn jùguyarà, fò kàn kç$nòn
gàn il suo vaiolo è peggiorato a tal
punto che ci ha fatto preoccupare
nsón (n.) ruggine
à yé n E$g E$ mìn tò kE$n Emà nsòn
wùlilà à là la ruggine ha intaccato
il ferro che ha lasciato fuori
205
nsòn (n.) ladro
nsòn b E$ nsòn wE$rE$ kà fìn Sùwìn il ladro
ruba le cose di un altro ladro
nsóró (n.) bot. ficus dicranostyle,
tintura di colore rossastro ottenuta dalle
foglie di questo albero
nsóró d E$ b E$ sàngàn là ¯ ìnàn è la tintura
di colore rossastro che è alla moda
questo anno
ntàgì (agg.) coraggioso
ntàgì m ç$g ç$ dòn, à tE$ sìràn fòyì ¯E$n è
una persona coraggiosa, non ha paura di
niente
ntàlèn (n.)
proverbio
ragno
kàn càmàn ntàlèn b E$ ¯òngòn sç$rç$ i
proverbi di tante lingue si assomigliano
ntàlèn yélén sç$g çmà fE$, ò yé dùsù kàsì yé
vedere un ragno la mattina annuncia una
disgrazia
ntàlenfarà (n.)
tela di ragno,
macchia bianca sulla fronte di un cavallo
è kà ntàlenfarà yé so fàn b EE là, à b E$ ì
nà fç$ m ç$g ç$ tE$ sò guarda le tele di ragno
dappertutto, è comè se non ci fosse
nessuno in casa
à yé ntàlenfarà sò sàn ha comprato un
cavallo con una macchia bianca sulla
fronte
ntàmà (n.) tamburo, di solito piccolo,
che si mette sotto le ascelle
ntàmà kàdì, dúlofE$n dòn è bello suonare
il tamburo, ma è una cosa che si
apprende (prov.): nella vita per essere
felici bisogna fare degli sforzi
ntàmarò (n.) datteri
jùmàn jùmàn, à b E$ ntàmarò sàrakà ogni
venerdì offre dei datteri alle persone
ntàmarò sù (n.) albero di datteri
ntàmarò sù kàcàn kç$rç yàn fàn fE$ ci
sono tanti alberi di datteri nel Nord
ntánàn (n.) campana
n’à dèn yé ntánàn màngàn m E$, à b E$
nìsonjà se sua figlia sente il suono
della campana, si rallegra
ntélekún (n.) ferita al dito del
piede
à kà ntélekún mà nç$g ç yà la sua
ferita al dito del piede non è guarita
ntén (n.) bot. eaesis guineensis,
palma da olio
màa sì tE$ d E$sE$ ntèn là tutti possono
avere i frutti della palma da olio,
perché cadono una volta maturi
(prov.): nella vita bisogna avere
pazienza
nténtulù (ntén + tulu; n.) olio di
palma
nà mç$ kùmà, ì b E$ nténtulù kàlà
quando il sugo è quasi pronto,
aggiungi dell’olio di palma
ntènbanà (nten + bana; n.)
pneumopatia
cardiopatia
nì ntènbanà sérà kà kE$lE$, kà bàn,
dènmsennì càmàn b E$ h E$rE$ sç$rç$ se
si riuscissero ad eliminare la
pneumopatia e la cardiopatia, tanti
bambini vivrebbero in santa pace
ntE $ bE $ n (n.) orata
à b E$ dùmàn dòn, à b E$ ntE$b E$n
jéninén dònròn d E$ fE$ ama le cose
buone, ama solo l’orata alla griglia
ntE $ fà (n.) pianta medicinale
destinata a dare appetito
ù yé ntE$fà dì à mà kà d E$sE$, à mà
fòyì ¯ àn gli ha dato invano il
medicinale derivato dalla pianta che
dà appetito
ntE $ g E $ n (n.) bue castrato
nì ntE$g E$n dà jàrà questo bue
castrato è costato di meno
206
ntE $ nE $ n (n.) lunedì
ì wololà kàrì, ntE$nE$n ì kE$rà mç$gç$ yé,
tàratà, ì tàarà Sù kàn sei nato domenica,
sei diventato adulto lunedì e martedì sei
morto: un bambino che diventa ricco
velocemente ha una vita breve
è Dio che dà l’acqua alle termiti per
costruire il termitaio (prov.): la termite costruisce il suo termitaio anche
nella stagione secca quando non piove; si dice ad una persona che manca
di coraggio: aiutati che il ciel t’aiuta
ntE $ ntE $ n (n.) indovinello
ní mí sérà kà ntE$ntE$n nì kç$rç$ fç$, n) b E$ ò
làjà chi riesce a dare la risposta giusta a
questo indovinello, sarà ricompensato
ntònsò (n.) pipistrello
sç$g çmà jònnà fE$, kà ntònsòn yé, ò
tE$ ¯ ùmàn yé vedere un pipistrello
la mattina presto non è una cosa
positiva
ntìgi¯ E $ (n.) formica nera che lascia una
puntura dolorosa
dén tàa kà b ç$ yé, ntìgi¯E$ kà càn yàn
porta via il bambino di qui, ci sono tante
formiche nere
ntìlE kù (n.) piombo
à tàarà sç$rç$ nùmù b E$ kà ntìlEkù yélén
ha trovato il fabbro che stava fondendo il
piombo
ntòolò (v.)
crollare
straripare
kàn tò kùmà là, kòkò, ntoòlolà
mentre stavamo parlando, il muro è
crollato
bà ntòololà, à yé à yE$rE$ ¯ ìnì! il
fiume sta straripando, scappiamo!
ntòlà (n.) palla
nà sén yé ntòlà sç$rç$, ò y’à dònlèn yé se
il suo piede tocca la palla, segna un gol
ntòrì (n.) rospo
nì yé ntòrì sùfE$ dùn kç$nç$, dùsù kàsì
nàatç$ dòn se vedi un rospo di notte,
in casa, sta per arrivare una disgrazia
ntòlatàn (ntola + tàn; n.) calcio
ntòlatàn yìriwalà b E$ bç$ ù yE$rE$ d E$ là
sviluppare il calcio dipende da loro
ntç $ mç nç $ (n.) giuggiola
à tE$ fà ntç$m çn ç$ là non ha mai
abbastanza giuggiole
ntòlatannà (ntola + tan + na; n.) sin.
ntòlacilà, bàlontalàn calciatore
à dén mì kE$rà ntòlatannà yé, ò d E$ b E$ ù tò
sùturà là è il figlio che è diventato
calciatore che li sta aiutando
economicamente
ntç $ mç filèn (n.) tartine di
giuggiole
à nànà ntç$m ç filèn sàmàn à mà gli
ha portato dal suo viaggio delle
tartine di giuggiole
ntòmì (n.) tamarindo
à kò, kà b E$ ntòmijì wùsarà nì jìmberé yé
ha detto che preferisce il succo di
tamarindo a quello di zenzero
kàrisà bE$ ì nàfç$ ntòmì, à yélì nì à nE$gE$ bç$
tE$ kélèn yé questa persona è come il
tamarindo, vederlo e detestarlo è facile
(prov.): si dice di una persona che ti
delude velocemente
ntòn (n.) termitaio
Alà d E$ b E$ jì dí bùbagà mà, à kà ntòn jç$
ntç $ n (n.) cavalletta
nì y’à m E$n nì ntç$n kà kùnà, d ç$ y’à
n E$n E$ se si dice che questa
cavalletta è amara, qualcuno l’ha
assaggiata (prov.): si dice ad una
persona che non vuole ascoltare i
consigli degli altri
ntç $ nç gç $ (n.) specie di verme di
terra, tenia
sàn nàlèn, ntç$n çgç$ càyalà dùgumà
quando piove, appaiono tanti vermi
di terra
207
ntç $ rç $ n (n.) zoccolo
ntùranìn ntç$rç$n yé dìbarà cì lo zoccolo
del vitellino ha rotto la zucca piena di
miele: colui che dà più soldi, vince un
processo
ntùgàn (n.) tortora
fE$n dç$ tE$ ntùgàn fàgà nkà à b’à Sì bùnù
mùnù ci sono proiettili che non uccidono
un uccello, ma gli tolgono le piume
(prov.): le cattive parole non uccidono le
persone, ma possono danneggiarle
ntùganninjE $ (ntugan + ninjE; n.)
colomba
ntùganninjE$ nànà ì sìgì ù kà sò dà là
una colomba si è messa davanti alla porta
di casa loro
ntùlomà (n.) pilastro
mùsò d E$ yé jàmanà ntùlomà yé la donna
è il pilastro della società
ntùmù (n.) verme
b E$E b’ì dàyçrç$ ntùmù dòn ogni persona
conosce il verme del proprio letto
(prov.): ogni persona conosce i suoi
problemi meglio degli altri
nturà (n.) vitello
nç$nç$ b E$ ¯ ìnì mìsì g E$nàn fE$, nkà tùrà b E$
¯ ìnì wE$rE$ tìgì fE$ per comprare il latte,
ci si rivolge al pastore, invece per comprare il vitello, ci si rivolge al proprietario (prov.): quando si cerca qualcosa,
meglio bussare alla porta giusta
nùgù (n.)
intestino
trippa
nùgù lànkolòn tE$ h ç$ronyà dòn chi ha la
pancia vuota dimentica la dignità
à yè sàkà nùgù kò kà ¯ àn, kà tòbì ha
lavato e rilavato gli intestini della pecora
e li ha cucinati
núgú (agg.) liscio
nsìrà kà núgú, nkà à dén kà ¯E$¯ E$ il
tronco del baobab è liscio, ma la pelle del
suo frutto è ruvida (prov.): spesso le
parole non rispecchiano i sentimenti
nùmàn (n.) sinistra
i nùmàn dà mà, à tàatçlà dòn dùgù
là dagli la mano sinistra, sta
viaggiando
In Africa si saluta una persona con
la mano sinistra, quando viaggia,
per favorire un suo incontro
nùmù (n.) fabbro
nùmù kç$rç lèn tE$ dòn fàn nà non è
nell’età adulta che si inizia un
fabbro: per conoscere bene un
mestiere meglio iniziarlo da piccolo
nùn (n.)
naso
punta
ì nùn turù dùgù kòlò là, ì nà dòn k’ì
tà tE$ affonda il tuo naso per terra,
saprai che non è per te (prov.): si
dice per ricordare ad uno straniero
che non è a casa sua
nùncì bànàn b E$ à là ha la malattia
che fa sanguinare il naso
fùrSEtì nùn kò kà ¯ àn lava bene la
punta della forchetta
nùnbara (nùn + bara; n.) naso
í ní í nùnbarà! tu e il tuo naso!
nùnbò (nun + bò; n.) muco
seccato
à dèn nç$g ç len dòn, nunbò b’à nùn
kç$rç$ suo figlio è sporco, ha il
muco seccato sotto il naso
nùnjì (nùn + ji; n.) moccio liquido
ì kà mùrà b E$ jùguyà, é k’ì nùnjì yé
il raffreddore sta peggiorando,
guarda il tuo muco liquido
nùnEtì (n.; dal francese) occhiali
à yé nùn Etì kàrà sàn à bà yé ha
comprato dei nuovi occhiali a sua
madre
nùnkalà (nun + kala; n.) parte
superiore del naso
à cE$ka ¯ ì, à nùnkalà kà jàn è bella,
ha il naso dritto
208
nùnkç nç sì (n.) peli del naso
nùnkç rç sì (n.) baffi
à bE$ cE$kçrçbayà là, à yé à nùnkçrsçsì
bìlà kà bç$ sta facendo il finto vecchio, si
sta facendo crescere i baffi
nùnkùn (n.) punta
mùrù nùnkùn la punta del coltello
nùnkurunì (nùn + kuruni; n.) qualità di
mango con l’estremità un po’ arrotondata
nùnkurunì kàdì à yé ama questa qualità
di mango
nùncE làn (nùn + cElan; n.) fazzoletto
è yé mùn mùsò sìyà yé, hàlì nùncElàn tE$
à bòlò che razza di donna sei, non hai
nemmeno un fazzoletto
nùncì (nùn + ci; n.) sanguinamento dal
naso
nì fùdennì b ç$rà, à kà nùncì b E$ cE$yà
quando fa caldo, il suo sanguinare
peggiora
nùnwò (nùn + wò; n.) narice
ù yé kç$rmugù kE$ à nùnwò là, kà jòlì jç$
gli hanno messo del cotone nella narice
per fermare il sangue
209
N
NànaNanakàn ( Nàna Nana + kàn; n.)
chiacchiere
nì yé kà tòyé, à kà N àna Nanakàn kà càn
lascialo perdere, fa tante chiacchiere
Nàarà (n.)
specialista della parola
poeta
N àarà kùmanà kà kùmà, fò kà làkasì lo
specialista della parola ha parlato così
tanto che ha pianto
Nànà (n.) uomo coraggioso
N ànà làbàn yé tìgà wç$rç$ yé un uomo
coraggioso finirà sempre per scorticare le
arachidi (prov.): in casa un uomo si piega
sempre al volere della donna; in Africa è
compito della donna scorticare le arachidi,
perciò, se si vede un uomo farlo, significa
che l’ha fatto soltanto per volere della
donna; questo per dimostrare la forza
della donna
risolvere una situazione in modo
poco limpido
à y’à jìlajà kà kò N ànamù kà bìlà
si è arrangiato a risolvere la
situazione in un modo poco limpido
ù yé dà N ànamù, kà dàliyE$ hanno
forzato la porta per aprila
Nàniyà
1 (n.) volontà
2 (v.) volere
à y’à N àniyà àn kà kà fùrù kE$ yàn
ha voluto che celebrassimo il nostro
matrimonio qui
nì N àniyà màn bò nì kò là, ì t’à
tòyì! se hai poca volontà, lascia
perdere!
Nà¯akì (v.) avere uno stiramento
à sé N à ¯ akilé, ù y’à sàlò nì S ìtulù
yé quando ha avuto uno stiramento
al piede, l’ha massaggiato con il
burro di karité
Nànamù (v.)
forzare
210
NE $ nEN E nE $ (v.) diventare gracile
mùn d E$ yé ì NE$n ENEn E$ tàn? cosa ti ha
fatto dimagrire così?
Nç $ mì (n.) frittella a base di farina di
riso o di miglio
nànbarà tE$ Nç$m ìw jìràn la furbizia non
cuoce le frittelle (prov.); le bugie hanno
le gambe corte
Nç $ nì (n.) spina
Nç$nì tE$ bç$ sàmà sén là non si toglie la
spina dal piede di un elefante (prov.); i
grandi hanno sempre l’immunità
NùnuNunukàn ( Nùnu Nunu + kàn; n.)
mormorio, brusio
N ùnu Nunukànw y’à bàlì kà kùmà i
mormorii gli hanno impedito di parlare
nì yé mùn NùnuNumukàn yé? cos’è
questo brusio?
211
ò
ò (agg.) questo
ò kùmà bànàn questo è stato detto
ò (cong.) quindi
ò kumà à tE$ nàa tùngunì? quindi non
verrà più?
òlù (agg.) questi
òlù d E$ mà sòn là nà sono questi che si
sono rifiutati di venire
212
çò
ç $ (aus.) è
ç$ dòn! sì, è questo!
ç$tçburù kàlò (n.) il mese di ottobre
nì nànà ç$tçburù kàlò là, ì b E$ nàa nìnìn
sç$rç$ ì ¯ ìn se vieni nel mese di ottobre,
troverai il freddo ad aspettarti
ç $ hç $ n (avv.) sì
ç$hç$ à nì mùn wE$rE sì, e poi...
213
P
pà (espressione di rifiuto)
n) tà kE$ pà non lo faccio proprio
pàanì (n.) misura di lunghezza
nì yé fìnì sùmà nì pàanì yé, fìlì tE$ kE$ à là
se misuri il tessuto con il “pàani”, non
sbaglierai
pàarà (v.) trascinarsi
à b E$ k’ì pàarà kà nàa si sta trascinando
per venire
à tE$ à cE$ bò¯àn, hàlì à kà jì pàlàn à
t’à sìgì ¯E$gìn là non rispetta suo
marito, non gli mette nemmeno il
secchiello dell’acqua per lavarsi in
bagno
pàlantòn (n.; dal francese)
piantone
pàlantòn yé à bòlò kç$rç tàn à kà
SE$fù yé il piantone ha alzato le mani quando ha visto il capo passare
pàkatì (n.; dal francese) sin. pàké
pacco
sùngalò là, à tàarà sùkarò pàkatì tàn dì
à bùramàw là durante il Ramadam, ha
dato dieci pacchi di zucchero ai suoi
suoceri: in Africa, durante il Ramadam si
dà zucchero ai suoceri per addolcire il
loro digiuno
pàlE $ (n.; dal francese) palazzo
ù yé kònferensì kE$ pàlE$ mìn kç$n ç$,
fò ì ¯E$! bisognava vedere il
palazzo dove hanno fatto la
conferenza!
pàlàn (n.) secchiello
à yé pàlàn fà jì là, kà sígí à kùn ha
riempito il secchiello d’acqua e se l’è
messo sulla testa
pànfE $ n (n.) volatile
Alà k’àw kìsì nì pànfE$n bànàn là, à
b E$ yE$lEmà m ç$g ç$ fE$! che Dio ci
protegga dalle malattie dei volatili!
pàlonpalòn (n.) vagabondaggio
à tE$ fòyì là, pàlompalòn là non fa
altro che vagabondare
214
pàngEnE $ n (n.) pantalone che si ferma
alla tibia
à b E$ pàng En E$n w d ç$ròn d E$ dòn indossa
solo pantaloni che si fermano alla tibia
pànkurùn (n.) aereo
gàbàn dòn, à mà délì kà dòn pànkurùn
kç$nç$ è uno che non conosce niente, non
ha mai preso un aereo
pàn (v.) saltare
kç$n çnìn pàn kòjugù b E$ tE$m E$ à ¯àgà là
se un uccellino salta troppo, può superare
il suo nido (prov.): quando si fanno le
cose senza pazienza, si finisce per avere
dei problemi
pànnì (n.) salto
pànnì b E$E tE$ kélenyé non tutti i salti
sono uguali
pàn pàn (v.) saltare
à b E$ pàn pàn là nìsonjà bòlò sta
saltando dalla gioia
pàntalç $ n (n.; dal francese) pantaloni
ù tE$ sòn mùsòw kà pàntalç$w dòn non
vuole che le donne portino i pantaloni: in
Africa ci sono degli uomini che pensano
che le donne non debbano indossare i
pantaloni, altrimenti perderebbero la loro
femminilità
pà¯E $ (n.) cestino di noci di cola
wòrò tìlà kùmà sérà, à yé nàanà nì wòrò
yé è arrivato il momento di distribuire le
noci di cola, portate i cestini: in Africa,
quando si distribuiscono le noci di cola,
si capisce che c’è un fidanzamento
pàpà (v.) intimidire
é kà toyé, b E$ nà pàpà lasciala, la
intimidirò
pàpayì (n.; dal francese) papaia
pàpayà bùlù b E$ sàyì fùrakE$ le foglie di
papaia curano l’epatite B
pàrà (avv.) senza esitazione
n) b’à fç$ bì, n) b’à fç$ pàrà l’ho detto
e l’ho ridetto senza problemi
pàrakì (avv.) di colpo
à bç$rà pàrakì è uscito di colpo
pàrantì (n.; dal francese)
apprendista
nì yé ì kà pàrantì dégé fE$n b E$ là,
dòn kélén à b’ì sç$sç$ se insegni al
tuo apprendista tutte le cose, un
giorno ti contesterà
pàratà (v.) sfilare il cotone
à yé kç$rçmugù pàratà ha sfilato il
cotone
pàrì
1 (n.) specie di colletta
2 (v.) agghindarsi
wàrì b E$ à kùn sìsàn, à yé pàrì cE$
ha soldi adesso, ha preso la sua
parte di soldi (colletta)
à tE$ kE$ à là, à pàrilèn dòn tùmab E$!
non scherza minimamente, è
sempre ben vestito!
pàriyé (v.; dal francese) fare una
scommessa
àn kà pàriyé nì kò là
scommettiamo su questa cosa
pàròn (v.) afferrare bruscamente
à sénnà kà pàròn à tE$g E$ mà gli ha
afferrato bruscamente le mani
pàsé
1 (n.) soldi per il trasporto
2 (v.) stirare
à yé fìnì frç$isselé pàsé kà bàn ha
finito di stirare tutti i vestiti
sgualciti
hàlì à kà pàsé sòng ç$ t’à bòlò non
ha nemmeno i soldi per pagarsi il
trasporto
pàsì (avv.) molto
à jE$lén dòn pàsì è di un bianco
immacolato
215
pàtantì (n.; dall’italiano) patente
à sérà kà kà pàtantì tàa ha potuto
prendere la patente
pétì pùwà (n.; dal francese) piselli
pétì pùwà yé fàmà dùmunì yé i
piselli sono il cibo dei ricchi
pàtisakanà esclamazione che esprime
una grande emozione: mamma mia!
hàn pàtisakanà! cosa! Mamma mia!
pétç rç lì (n.; dal francese) petrolio
ì kà làmpàn b E$ kà sa, kç$n ì ì yé
pétçrçlì kà là? la tua lampada a
petrolio si sta spegnendo, l’hai
riempita?
pàyasì (n.; dal francese) materasso di
paglia
tàsumà wulilà à kà payasì kòlò là il suo
vecchio materasso di paglia ha preso
fuoco
pàyì esclamazione di approvazione: bene!
pàyì, ò jò bì là! bene, ti sta proprio bene!
pédalì
1 (n.) pedale
2 (v.) pedalare
à kò kà tE$ sé n E$g Esò pédalì là ha detto
che non sa andare bici
é ¯E$té ì kà pédalì tì¯E$ là? non vedi che
il tuo pedale è rovinato?
pélù (n.; dal francese) paletta
nì y’à cE$ nì pélù yé, fòyì tE$ tòyì se
raccogli con la paletta, non rimane niente
pèntelù (n.) piccolo pareo che si mette
sotto il vestito
nàngarabà bélebelé, à kà pèntelù b E$E
wùsulèn dòn è una grande seduttrice,
tutti i suoi parei hanno odore d’incenso
péreperelatigE $ (v.) precisare
nì mì ì kà kòtE$ b E$E péreperelatig E$, à b E$
kà dùté ì là se non precisi tutto quello
che fai, stai dubitando di lui
péresidàn (n.; dal francese) presidente
dì¯E$ b E$ kà yE$lEmà, mùsò kà kE$ àn kà
péresidàn yé! il mondo sta cambiando,
una donna che diventa nostro presidente!
pésé (v.; dal francese) pesare
Sç$ kìlò fìlà pésé kà dìyàn pesami due
chili di fagioli con l’occhio
pétì (n.; dal francese) figliolo
é pétí! té kE$ tà là figliolo! Metti il tè sul
fuoco
pE $ g E $ (n.) trappola
ù p E$g E$ dà bàgànw ¯E$ hanno teso
una trappola agli animali
pE $ mE $ (n.) perlina piatta
à kà p E$m E$ kç$nòn màkadì m ç$g ç$ yé
le sue perline piatte piacciono alla
gente
pE $ npE rE $ n (v.) screpolarsi
tìlèn bò ¯ àn jògò fE$, fò kà dùgukolò
p E$np ErE$n il sole era così forte che
la terra si è screpolata
pE $ rE $ n
1 (n.) scheggia
crepa
grida
2 (v.) screpolarsi
urlare
nì kògò p E$rEnnà, bàsà b E$ dòn à fE$
se il muro si screpola, la lucertola ci
entra (prov.): quando non si è uniti,
si apre la strada al nemico
bùtelì p E$rE$n kélé y’à sç$rç$ una
scheggia della bottiglia l’ha colpito
n’à p E$rEnà, fò kògò b E$ yE$rEyErE$
quando urla, i muri tremano
à kà p E$rE$n tE$ fòyì kE$ n) yé le sue
grida non mi fanno niente
pE $ t E $ (v.) appiattire
nì fìnì p E$tE$, à tE$ dòn vàlisì là se
non appiattisci i vestiti, non entrano
nella valigia
pE $ tupEtù (n.; dal francese)
sandalo
n) kà p E$tup Etù b E$ mìn? n) b E$nnà
sélijì tàa dove sono i miei sandali?
Devo fare le mie abluzioni
216
pì (v.; dal francese) spingere
à y’à pì kà pà ha fatto tutto ciò che
poteva
à y’ù d E$m E$ kà m ç$bilì pì, à kà wùlì
aiutami a spingere la macchina per farla
partire
pìlì (n.; dal francese) pile
à yé pìlì sàn kà kE$ tòrSì là kùràn tE$ yé
comprate le pile da mettere nella torcia,
non c’è corrente
pìnE $ (n.; dal francese) ruota
fì¯E$ b E$rE$ tE$ à kà pìn E$ là c’è poca aria
nella sua ruota: la ruota è sgonfia
pìpilàn (n.) claxon
à dònnà kò fùrusirì b E$ ù kà kàré kç$n ç$
bì, ì mà pìpilànw m E$? si capisce che c’è
un matrimonio nel loro quartiere, non
senti il suono del claxon?
pìriparà
1 (v.) essere disordinato
mal acconciare
2 (n.) frattaglie di carne
ì pìriparalèn b E$ tàa mìn? dove vai così
mal acconciato?
é kà sò pìriparalèn yé! guarda che
disordine in camera!
pìriparà kà càn nì sògò là, ì kànà sàn
gran parte di questa carne è frattaglie,
non comprarla
pìripirì (v.) dibattersi
à y’à yE$rE$ pìripirì k’à yE$rE$ bç$ zòn bòlò
si è dibattuto per svincolarsi dai ladri
pìsì (n.) pezza di stoffa
ù k’à dù kç$nòn m ç$g ç$w kà càn, hàlì pìsì
kélén tùn b ç c’è così tanta gente a casa
sua che nemmeno un’intera pezza di
stoffa basterebbe per loro
pìyà (avv.) senza esitazione
à kò kà y’à fç$ pìyà l’ha detto senza
esitazione
pìyòn (n.; dal francese) pedina del
gioco della dama
pìyòn kélén b’à jE$, à dùn tàarà
mìn? manca una pedina, dov’è
finita?
pòlisì (n.; dal francese) polizia
ù kà kE$lE$ làbannà pòlisì tàagà là
per via della loro lite sono andati
alla polizia
pòlisisò (poli + so; n.; dal francese)
posto di polizia
ù tàarà nì zòw yé pòlisò là hanno
portato i ladri al posto di polizia
pòlitikì (n.; dal francese) politica
nì b E$ pòlitikì kE$, ì làkanà kà càn se
fai politica, proteggiti bene
pòliyò (n.; dal francese)
poliomelite
pòliyò yé à dén mìn E$ suo figlio ha
avuto la poliomelite
pòrò (n)
propaganda
menzogna
ù kà pòrò kùmà sérà è arrivato il
momento di fare propaganda
pòrò dòn, sìgà fòyì t’à là è senza
dubbio una pura menzogna
pòrokotò (pòro + kotò; v.)
scappare dalle braccia
à pòrokotorà kà b ç$ kà bìn è
scappato dalle braccia
pòroporò (pòro + pòrò; v.)
intimidire
fare scintille
n’àn yà pòroporò, à b’à dàkE¯E$ tç$
mà se lo intimidiamo, si
comporterà come gli altri
tàsumà b E$ kà pòroporò, ì mà b ç$ à
là! il fuoco sta facendo scintille,
allontanati!
pòtì (n.; dal francese) ciotola
à yé jì kE$ pòtì là, kà dì à mà ha
messo l’acqua nella ciotola per
dargliela
217
pòtojù (poto + ju; n.; dal francese) palo
kùràn sérà ù kà dùgù là, ì mà pòtojù yé?
la corrente è arrivata nel loro villaggio,
non hai visto i pali?
pç $ sç nì (n.; dal francese) veleno
pç$sçnì dòn, ì mà b ç$ à là è una
persona che si comporta come il
veleno, allontanati da lei
pòyì
1 (v.) uscire all’improvviso
2 (n.) pezzo di musica
poema
bàgàn pòyì là kà b ç$ tù là l’animale è
uscito all’improvviso dalle erbacce
àn kà tàa àn làmagà bì, ù yé pòyì k’à là
andiamo a divertirci oggi, balleremo con
la musica “pòyì”
nà yé pòyì kàlàn fò ì b E$ kàsì quando
legge una poesia, ti viene voglia di
piangere
pç $ sç npç sç $ n (pç$sçn + pçsç$n; v.)
appassire
flE$rì b E$ kà p ç$sçnpçsç$n il fiore sta
appassendo
pòivròn (n.; dal francese) peperone
à yé pòivròn càyà nàa là ha messo
troppo peperone nel sugo
pùrutì (v.) strappare
dç$ y’à kà sàkì pùritì qualcuno gli
ha strappato la borsa
pç $ ntì (n.; dal francese)
punta
chiodo
nì kàlà p ç$ntì b E$ m ç$g ç$ sç$g ç$ la punta di
questo bastone ti punzecchia
nàa nì màrtò nì p ç$n tìw yé porta il
martello e i chiodi
pùtE rE $ (avv.) nulla
nì yé pùtErE$ yé non è niente
pç $ t ç pç tç $ (n.) fango
à sén dònnà pç$tçpç tç$ là i suoi
piedi sono entrati nel fango
pùkE $ (espressione fissa) di colpo
pìnò fì¯E$ b ç$rà pùkE$! la ruota si è
sgonfiata di colpo!
pùwà (n; dal francese) peso
nì nàmasà pùwà yé jòlì yé? qual è
il peso delle banane?
pç $ rì
1 (n.) birra locale
2 (v.) fare rumore con le labbra
dòngodò à cE$ b’à fà p ç$rì là ogni giorno
suo marito si ubriaca con la birra
ì yé í dén yé p ç$rì cì là guarda tuo figlio
che fa le pernacchie
pç $ rç tç manì (n.; dal francese)
portamonete
fàantayà b E$ à là, hàlì wàrim EsE$n tE$
sç$rç$ à kà pç$rç tçmanì là la povertà si
fa sentire, non ha più spiccioli nel suo
portamonete
pç $ rç tomantç $ (n.; dal francese)
attaccapanni
gàbàn, ì kà fìnì dùlòn p ç$rçtomantç$ là
stupido, appendi i tuoi vesti
all’attaccapanni
218
S
Sà
1 (n.) serpente
2 (v.) morire, spegnersi
3 (cong.) siccome
nì mùsò sògorà kò sà y’à kìn, ò kç$rç$ yé,
kà b E$nà kç$nç$ tàa se una donna sogna
che un serpente l’ha morsa, significa che
rimarrà incinta.
nà mà sòn sà, àn kà tàa siccome si
rifiuta, andiamo avanti
nà mà sà, à tE$ làfiyà se non muore, non
riuscirà ad avere pace
Sàafò (n.)
la quarta preghiera musulmana
periodo che indica l’inizio della notte
(verso le 20 di sera)
à b E$ kà sàafò sélì, à tE$ sé kà nàa sìsàn
sta facendo la quarta preghiera, non può
venire adesso.
à yé nàa ¯ànì sàafò kà dòn venite prima
che inizi la notte
sàafurulayì (espressione fissa) che Dio
perdoni le mie parole!
à y’à mùsò n’à dén g E$n , kà musò wE$rE$
tàa? jòn d E$ yé nìn fç$ àw yé, à
tàa fç$ sàfurlayì! chi vi ha detto
questa cosa? Dite che Dio perdoni
le mie parole
sàalò (v.)
accarezzare
massaggiare
scopare leggermente
à b E$ sìràn à mùsò ¯E$, nì à mùsò yà
kùn sààlò, à b’à kE$ séw! ha paura
di sua moglie, se le accarezza la
testa, si tranquillizza subito!
cE$ y’à sén sàalò, kà dìmì b ç$ à là!
ha massaggiato il suo piede per
togliere tutto il dolore
kò kò yç$rç$ fùrà, à y’à sàalò kà bìlà
gli è stato detto di ramazzare per
bene, ma ha solo dato una leggera
scopata
sàamE $ (n.) scambio di saluti che
si fa durante le feste musulmane,
per esempio durante la festa del
Tabaski
àn kà tàa kà sàam E$ andiamo a
salutarlo per il Tabaski
219
sàanì (v.)
pulire a fondo un piatto
essere una persona che tiene molto alla
pulizia
nùgumà bélebelé, nàa yé dùminì kE$, à b E$
mìnàn fànà sàanì è un grande goloso,
quando mangia, pulisce a fondo il piatto
mç$g ç$ sàniyalèn dòn, à tE$ nç$g ç$ fE$ fìyé è
una persona pulita, non ama la sporcizia
sàbà
1 (agg.) tre
2 (v.) picchiare improvvisamente e
velocemente
cE$ b E$rE$ yé sàbà yé il numero che
simbolizza l’uomo è il tre (è il numero
dei genitali dell’uomo)
à y’à sàbà kç$sçb E$ l’ha picchiato per
bene
sàbabù (n.)
causa
benefattore
kò b E$ nà kà sàbabù dòn non ci sono fatti
senza causa
nì y’à m E$ n) b E$ h E$rE$ là, ì k’ò fç$ sàbabù
¯ ùmàn dòn se dici che stai navigando in
buone acque, non dimenticare che è per
via di un benefattore
sàbabuyà (sàbabu + yà; n.) causalità
mç$gç$ Sì tE$ sàbabuyà bç$ yç$rç$ dòn
nessuno sa dove risiede la causa di ciò
sàbagà (n.) defunto
à yé sàbagà tòyì, à sàrà kà bàn lasciate
in pace il defunto, è già morto
sàbalì
1 (n.) non morto
pazienza
2 (v.) calmarsi
essere pazienti
kò b EE$ jùrù b E$ sàbalì là finché non si è
morti, tutto può succedere
sèn b E$ m ç$g ç$ yé dòn mìn, ò d E$ sàbalì kà
¯ ì è quando si hanno i piedi che bisogna
avere pazienza: (prov.) nella vita, quando
si ha il potere, bisogna avere pazienza
dàn tE$ dì¯E$ là, sàbalì kç$ il mondo non
ha limite al di là della pazienza
à yé sàbalì, à yé fàmuyalì kE$!
smettetela, cercate di capire!
sàbanan (saba + nan; agg.) terzo
sàbanàn kà g E$rE$ che il terzo si
avvicini
sàbanìn (sàba + nin; n.) trigemino
à m E$nà à mà dén sç$rç$, Alà yé
sàbanìn d’à mà da un bel po’ non
ha avuto figli, Dio gli ha dato un
parto trigemino d’un colpo
sàbarà (n.) scarpe
dì¯E$ b E$ yç$rç$ mìn nà bì, g ç$nì b E$
hàlì sàbaratigì sç$g ç$ sànkò
sènnankolòw nella vita di oggi, le
spine pungono perfino i piedi delle
persone che portano le scarpe, a
maggior ragione quelli delle
persone che hanno i piedi nudi
(prov.): la vita è una lotta
sàbatì (v.)
essere costante
condurre bene
essere stabile
mç$g ç$ sàbatilèn dòn, à tE$ kò kE$ à
kùn fE$ è una persona stabile, non
fa nulla per caso
à y’à jìlajà, fò kà kò nì sàbatì ha
fatto di tutto per condurre a buon
fine questa cosa
à b E$ kà à kà kò b EE$ sàbatì sta
stabilizzando bene le cose
sàbù (n.) causa
à kà dùsukasì sàbù b ç$rà nì cE$ là la
causa di questa sua sofferenza
deriva da quest’uomo
sàbutigì (sabu + tigi; n.)
attaccabrighe
làfiyà màndì sàbutigì yé
l’attaccabrighe non ama la pace
sàdingE $ (sa + ding E$; n.)
tana di serpente
posto stretto
220
mç$g çninfìn b E$ sé kà Sì yàn, hàlì
sàding E$? un essere umano può dormire
qui, in un posto così stretto?
ì mà b ç$ yàn, nì yé sàding E$ yé allontanati
da qui, questa è la tana del serpente
sàfà (n.) infiammazione della lingua
à kà sàfà wùlilà tùgunì gli si è di nuovo
infiammata la lingua
sàfì (agg.) imbecille
sàfì bélebelé! è un grande imbecille!
sàfoolò (sà + foolo; n.) muta del
serpente
sàfoolò tE$ kE$ sà yé nkà nì sàdennìn mà
sà, à mà sà bà ¯ç$gòn bç$ la muta del
serpente non diventerà mai un serpente,
ma il piccolo serpente, se non muore,
può diventare un grande serpente
con la stupidità; si dice a qualcuno
che tace ma conosce l’affare
sàgasagà (n.) specie di sugo a
base di foglie di manioca e di olio
di palma
nà yé sàgasagà tç$bì fò ì dà quando
cucina il sugo a base di foglie di
manioca e di olio rosso, hai
l’acquolina in bocca
sàgò (n.)
volontà
augurio
sàyà kà jùgù nkà bànajugù d E$ yé ì
jùgù sàgò la morte è una brutta
cosa, ma l’augurio del tuo nemico è
una brutta malattia
à kò kà sàgò mà kE$ hàlisà ha detto
che la sua volontà non è stata
ancora attuata
sàfunE $ (n.; dal francese) sapone
nì kàlè kE$rà ¯E$ mìn nà, sàfun E$ kélén t’ò
jE$tà un pezzo di sapone non basta per
pulire bene un occhio col kajal
sàgolatà (n.) scelta
à kà sàgolatà dòn, à tòyé è la sua
scelta, lascialo
sàfurà (sà + fura; n.) medicinale per il
morso di serpente
sàfurà ¯ ùmàn b’à bòlò, à b E$ jélì dà jà
péw ha un buon medicinale per il morso
di serpente, essica la ferita di un colpo
sàhelì (n.)
nord
zona saheliana
ù tàarà sàhelì là sono andati al
nord
ù kà sàhelì pròjE$ kà càn ci sono
tanti progetti nella zona saheliana
sàgà (n.) pecora
sàgà kùlù b E$ g E$n béré kélén nà, nkà
mç$g ç$ b E$E nà g E$n béré dòn si può
condurre un gregge di percore con un
bastone, ma per quanto riguarda le
persone ogni persona ha il suo bastone
sàgadén (sàga + den; n.) agnello
nì màgarà sàgadèn là, sàkamusò b’ì tùn
se tocchi l’agnello, la pecora ti asssesterà
dei colpi
sàgajigì (sàga + jigi; n.) ariete
sàgajigì kà kùnsuulì b E$E tE$
sìradonbaliyà yé ogni volta che l’ariete
abbassa la testa non significa che non
conosce la strada (prov.): l’indifferenza o
la pazienza non hanno nulla a che vedere
sàhelijamanà (sàheli + jamana;
n.) Sahele, paese saheliano
à kò fò à kà tàa sàhelijamanà là
ha detto che deve andare nel Sahel
sàn kò kà sùmà sàhelijamanà là
c’è poca pioggia nel Sahel.
sàhelikungò (Saheli + kungo; n.)
Sahara
à yé fòtò càmàn tàa sàharà kç$nòn
ha fatto tante foto nel Sahara
sàjurù (sa + juru; n.) pianta
rampicante
sàjurù gìri¯ alà kògò là, fò kà b ç$ kà
bìn le piante rampanti erano così
pesanti che hanno fatto cadere il
muro
221
sàjEgE $ (sa + jEg; n.) anguilla
à yé sàjEg E$ dì à mùsò mà, à kà tòbì ha
dato dell’anguilla a sua madre per
cucinare
sàlò (n.) l’anno scorso
à y’à kà sò jç$ kà bàn sàlò ha finito
di costruire la sua casa l’anno
scorso
sàkarobà (n.) piatto di miglio al sale,
piatto dei prigionieri: è un piatto povero
che si dà ai prigionieri
ì kànà jìgì à là,à tE$ sé sàkorobà tòbilì là
non prendertela, non sa cucinare il miglio
al sale
à b E$ sàkorobà d ç$ròn d E$ dùn kàsò là
mangia solo il piatto a base di miglio al
sale
sàlonnasinì (salon + nasini; avv.)
due anni fa
nì yé sàlonnasinì kò yé questa è
una cosa di due anni fa
sàkEnE $ (sa + kEn E; n.) specie di
lucertola
à kùn kà kE$n E$ ì nà fç$ sàkEn E$ è sveglio
come la lucertola
sàlà (v.) essere pigro
à sàlalèn dòn kòjugù è troppo pigro
sàlabagatç $ (sala + bagatç ; n.) pigro
sàlabagatç$ màn kà kE$ nùgumà yé un
pigro non deve diventare goloso
sàlamù (n.; dall’arabo) saluto
musulmano
à sàlamù buongiorno
bà buongiorno
sàlasalà (n.) soluzione diluita
nàfE$n b E$E bì bòlò, é dùn b E$ é dùn b E$ nà
sàlasalà dìlà mùn nà? hai tutti i
condimenti necessari, perché il tuo sugo
è diluito?
sàlatì (n.; dal francese) insalata
n) tE$ bàgàn yé, n) tE$ sàlatì dùn non sono
un animale, non mangio l’insalata
sàlayà (sala + ya; n.) pigrizia
sàlayà bòlò, à mà sé kà wùlì jònà non ha
potuto alzarsi presto per la sua pigrizia
sàlèn (n.) pesce capitano
dùnàn b’ù féyì, ù yé sàlèn tòbì hanno
degli ospiti, hanno cucinato il capitano
sàlòn (n.; dal francese) salotto
nì yé à kà sàlòn yé, fò ì ¯E$ se vede
il suo salotto, ti toglie il saluto
sàmà
1 (n.) regalo
pacco
elefante
2 (v.) mandare
tirare
à fà tàlèn dùgulà, à y’à sàmà
n E$g Esò ¯ ùmàn là suo padre, al
ritorno dal suo viaggio, gli ha
portato come regalo una bella
bicicletta
tàa n) kà sàmà dì n) màsò mà porta
il pacco a mia moglie
sàmà tE$ bò¯àn kùngò mà l’elefante
non è troppo grande per la savana
(prov.): benché una persona sia pericolosa, i suoi parenti non la temono
nì jùrù sàmà kòjugù à b E$ tìg E$ se
tiri troppo la corda, si strappa
(prov.): nella vita non bisogna
forzare troppo gli eventi
àn yé àn kà fìniw sàmà à mà gli
abbiamo mandato i nostri tessuti
tradizionali
sàmakulù (sama + kulu; n.)
millepiedi
n’à yé sàmakulù yé, à jà b E$ tìg E$
quando vede un millepiedi, si
spaventa
sàmanE nE $ (sama + n En E; n.)
pancreas
bànàn bE$ à kà sàman En E$ là ha una
malattia al pancreas
222
sàmasèn (n.) colonna
à yé sàmasènw jç$ nì sìmàn yé costruite
le colonne con il cemento
sànb ElEnìn b E$ kà mònbilì càmàn
tì¯E$ la grandine sta rovinando tante
macchine
sàmiyE $ (n.) stagione delle piogge in
Africa Occidentale
nì bàlò sìrilà kç$lçnsonifanà nà, nì
sàmiyE$ dònnà, ì nà mùn dùn? se la tua
sopravvivenza è legata al pasto che ti
danno quando fori un pozzo d’acqua,
cosa mangerai durante la stagione delle
piogge? (prov.): se vivi solo dei doni che
ricevi, cosa farai il giorno in cui non li
riceverai più?
sàndà (n.) prezzo di costo
à mà tç$nòn sç$rç$, à y’à féré sàndà
là non ha avuto nessun beneficio,
l’ha venduto al suo prezzo di costo
sàmç gç $ (n.) etnia che vive alla
frontiera tra il Mali e il Burkina Faso
é b E$ sàm çg çw$ kà làdà dòn? conosci le
tradizioni dei Samogo?
sànfìn (san + fin; n.) cielo coperto
di nuvole scure
kàrisà sàrà sànfìn kç$rç$ è morto
sotto un cielo coperto di nuvole
scure (prov.): si dice di qualcuno
che è morto quando la moglie era
incinta
sàn
1 (n.) anno
pioggia
2 (v.) comprare
bànàn tE$ sàn, à b E$ yàalà non si compra
la malattia, la si porta in giro: perché
cercando la cura giusta si è costretti a
spiegarla agli altri
nì sàn tì¯Enà, jàtè tE$ kàlò mà quando
l’anno è rovinato, non si tiene conto dei
mesi: una grande disgrazia fa
dimenticare i particolari
dènsennì b E$ dòn là sàn kç$rç$ i bambini
ballano sotto la pioggia
sànbagà (san + baga; n.) acquirente
nì yé sànbagaw càyalèn yé kò mì nà, ò tò
yé se vedi che ci sono tanti acquirenti
per una cosa, è meglio lasciar perdere
(ognuno farà di tutto per comprarla e così
il prezzo aumenterà)
sànburuyE rì (n.) camera d’aria
à kà n E$g Esò sànburuyErì sç$g çrà la
camera d’aria della sua bicicletta si è
bucata
sànbE lE nìn (sàn + b ElEnin; n.)
grandine
sàndiyà (n.) musica per
divertimento
sàndiyà dòn, ì kà, kà dònkE$ jàkuyà
là è una musica per divertimento,
devi ballare per forza
sànfi¯ E $ (san + fi¯E; n.)
tempesta
oracolo
sànfi¯E$ wùlilà, àn kà yE$rE$ ¯ ìnì è
iniziata la tempesta, rifugiamoci
sànfi¯E$ nì fùrù là, Alà kà kE$ h E$rE$
yé c’è l’oracolo durante il suo
matrimonio, che Dio faccia in modo
che sia felice
sànfE $ n (san + fEn; n.) articolo
commerciale
sùgù dìyarà, sànfE$n w bànàn il
mercato è andato bene, è finito tutto
sàngà (n.)
lutto
successo
moda
sàngà tE$ m ç$gç$ wòlomà il lutto non
fa differenza tra le persone
nì dùlokì sàngà bìnnà questo
vestito non è più alla moda
nì kò sàngà bç$rà à kà kìsE$ yà il
successo di questa cosa è dovuto
alla sua bravura
223
sàngabòn (sànga + bòn; n.) casa dove
c’è un lutto
ù tàatçlà sàngabòn là, ù yé fìnì bìrì ù
kùnnà andando nella casa del lutto,
hanno messo il foulard sulla testa
sàngacì (sànga + ci; n.) annuncio di un
decesso
à b E$ sìràn sàngacì ¯E$ ha paura
dell’annuncio del decesso
sàngafò (sànga + fò; n.) condoglianze
nì tàtugù mà bàn tòn tE$ tòn sàngafò se il
fuoco non è spento, la cavalletta non
presenta le sue condoglianze ad un’altra,
perché lei stessa può cadere nel fuoco
(prov.): quando c’è un colpo di stato un
compagno di partito non va a far visita ad
un altro compagno
sànga¯ongòn (sànga + ¯ongon; n.)
rivale
nì sànga ¯ongòn t’ì là, ì tE$ jàté se non
hai rivali, non sei considerato
sàngawulì (sànga + wuli)
1 (n.) moda
2 (v.) avere successo
nì dònkilì dàlà sàngà wùlilà questa
cantante sta avendo successo
fàantàn kà sìrà tE$ sàngawulì là al
povero non interessa la moda
sàngé (n.) zanzariera
hàlì nì yé dì¯E$ bìlà bùtElì kç$n ç$,
kùnnandì nà sàng E$ sìrì à kç$n ç$ anche se
metti il mondo nella zanzariera, il
fortunato legherà la sua zanziera (prov.):
anche nelle situazioni difficili, una
persona fortunata ne uscirà fuori
sànjì (sàn + ji; n.) pioggia
dànnì sànjì tE$ nà m ç$gç$ kélén yé la
pioggia delle semine non viene per una
sola persona (prov.): tutte le persone
hanno diritto alla felicità
sànankò (v.) sciacquare
fìnì sànankò kà ¯ àn, kà sàfEn E$ bç$ à là
sciacqua bene i vestiti per togliere il
sapone
sànì (avv.) prima di
sànì ì k’à tàa, t’ì ¯E$ dà ì bà kàn
prima di partire, vai a salutare tua
madre
sàniyà (sàni + ya)
1 (n.) pulizia
2 (v.) essere pulito
hàn nì yé sàniyà dàn yé! Mamma
mia, quanta pulizia!
à kà sò sàniyalèn dòn kùmab E$ la
sua casa è sempre pulita
sànkabà (sàn + kabà; agg.)
maculato
àn màgò b E$ sàkà sànkabà là
abbiamo bisogno di una pecora
pezzata
sànkasò (n.) casa a più piani
à yé sànkasò jò, kà bà bìlà à kç$n ç$
ha costruito una casa a più piani e ci
ha messo dentro sua madre
sànkò (espressione fissa) figurarsi
à mà sòmçgç$w bò¯àn sànkò mç$gç$
wE$rE$ non ha nessun rispetto per i
suoi genitori, figurati per quelli degli
altri
sànkolò (sàn + kolò; n.) cielo
sànkolò nì dùgumakolò il cielo e la
terra
sànkunbE $ (san + kunb E; n.)
anniversario, compleanno
à yé m ç$gç$ dàlajE$ à dén kà
sànkunb E$ là ha radunato la gente
per il compleanno di suo figlio
sànkç rç tà (san + kçrçta; n.)
1 (v.) adulare
considerare
liberare
2 (n.) promozione
ù yé kç$nòn fùrakE$, kà sànkçrçtà
hanno curato l’uccello e l’hanno
liberato
224
n’à y’ì sànkç rçtà, fò ì b E$ yE$lE$ se ti
aduli, ti metterai addirittura a ridere da
solo
ù y’à bò ¯àn, kà sànkçrç$ tà l’hanno
rispettato e l’hanno considerato
à y’à sékò kE$ kà kà dùgù sànkçrçtà ha
fatto di tutto per promuovere il suo paese
sànminE dulokì (san + min E + duloki;
n.) impermeabile
nì sànjì kà càn sànmin Edulokì mà c’è
troppa pioggia per l’impermeabile
sànminE làn (sàn + min Elan; n.)
ombrello
sàn fìnèn dòn, è kà sànmin Elàn b E$ mìn?
il cielo è coperto, dove sono i vostri
ombrelli?
sànnakolò (sanna + kolò; n.) tibia
à kà sànnakolò kàrilà si è fratturato la
tibia
sànni (n.)
acquisto
shopping
ù tàarà sànnì là sono andati a fare
shopping
nì sànnì yé n) à jùfà sç$gç$ questo
acquisto mi ha impoverito
sàpé (v.; dal francese) vestirsi bene
nà y’à sàpé, fò à b’à kàmàn wùlì se si
veste bene, diventa pieno di sé
sànpE rE $ (n.) tuono
sànp ErE$ kà dèn nàm ç lèn tùlò tE$ màrifà
cì kàn m E$n il bambino cresciuto dal
tuono non sente lo sparo del fucile
(prov.): un bambino cresce con
l’educazione che gli danno i suoi genitori
sànsì (n.; dal francese) benzina
sànsì dà yE$lElà il prezzo della benzina è
aumentato
sàntaramà (n.; dal francese )
carabinieri
à b E$ b ç$ sàntaramà dù là viene da una
famiglia di carabinieri
sàntì (n.; dal francese) pettinare
à b E$ sìràn kùn sàntì là ha paura di
pettinarsi i capelli
sàntilàn (sànti + làn; n.) pettine
ì jìlajà kà kùnsigì b ç$ sàntilàn là fai
di tutto per togliere i capelli dal
pettine
sànù (n.) oro
sànù nì wàrì b E$ bàn, nkà m ç$gç yà tE$
bàn l’oro e i soldi finiscono, ma le
relazioni umane rimangono
sànujì (sànu + ji; n.) colore dorato
sànujì b ç$nèn wàrijE$ kàn, tE$ sànù yé
l’oro colato sull’argento non è oro
sà¯ç $ (n.) miglio
nì sà ¯ç$ dà yE$lElà, ò kç$rç$ yé kò
bàlokò g E$lEyalà se il prezzo del
miglio è aumentato, significa che il
problema del cibo è impellente
sàrà
1 (v.) rivolgersi
morire
2 (n.) stipendio
carisma
porzione
bì sàrà tE$ fò yé lo stipendio di oggi
non è niente
kç$rç tç$ b E$ nà nì sàrà jùgù cE$ yé,
nç$tE$ fa sògò dòn b E$ sé la fretta ci
fa scegliere una brutta porzione di
carne, altrimenti il giorno in cui non
sapremo cosa farne arriverà (prov.):
la pazienza è il fondamento della
vita
kç$rç$ mà kà sàrà bàn la vecchiaia
non ha diminuito il suo carisma
kùmà kò kà tìg Erà m ç$g ç$ fìlà là: mìn
b’à dà dòn à là, k’à sç$rç$ à mà sìrà
à là, ànì mìn b’à dàdèn n’à sàralà à
là dice che ha smesso di avere
fiducia in due categorie di uomini:
quelli che intervengono senza che
nessuno rivolga loro la parola e
quelli ai quali ci si rivolge e non
dicono nulla; il primo è un
225
ficcanaso e il secondo è un vigliacco
à sàrà kà dùsukasì tò à kç$n ç$ è morto
con dei dispiaceri
sàradà (sàra + dà; v.) dividere in
porzioni
à yé tìgà sàradà kà féeré ha diviso le
arachidi da vendere in porzioni
sàratalà (sàra + talà; n.)
stipendiato
nì sàrà kùmà sérà, sàratalà nìsòn
b E$ jà quando arriva il momento
della paga, lo stipendiato diventa
contento
sàrakà (n.)
elemosina
sacrificio
sàrakà tE$ nàkàn nà non c’è un sacrificio
che può cambiare il corso del destino
jùmàn jùmàn à b E$ sàrakà dì gérebùw mà
ogni venerdi fa l’elemosina ai mendicanti
sàratì (n.) promessa
sàratì b E$ n E$kùn kàn la promessa è
sulla lingua (prov.): bisogna tener
fede alla parola data; si dice alle
persone che non rispettano i loro
impegni
ì yé jùrù sàratì ¯ ìnì kà dòn wà? hai
cercato di capire la clausola di
questo debito?
sàrakadelì (sàraka + deli; n.) mendicità
bì sàrakadelì mà jà là, à mà fòyì sç$rç$ la
mendicità di oggi non ha portato frutti,
non ha ricevuto niente
sàri (n.; dal francese) aratro
sàrì yé fòrò bàarà téliyà l’aratro ha
accelerato il lavoro del proprio
campo
sàrakaminE $ (sàraka + min E; n.)
desiderio esaurito
Alà yé n) kà sàrakà mìn E$ Dio ha esaudito
il mio desiderio
sàriyà (n.; dall’arabo) legge
nì sàriyà yé mìn fç$, ò dòn la legge
è la legge
sàrakaminE nà (sàraka + min Ena; n.)
mendicante
sàrakamin Enà kò kà b E$ wàrì d E$ fE$ il
mendicante ha detto che vuole soltanto i
soldi
sàramà (agg.) affascinante
kàburudò sìrà tE$ dèn sàramà dòn la
strada che porta al cimitero non conosce
un bambino affascinante
sàràn (v.) andare di traverso
mç$g ç$ b E$ d E$g E$ mìn, kà sç$rç$ à mìn sàràn
si può mangiare la pappa senza che vada
di traverso (prov.): nella vita, bisogna
limitare le proprie voglie
sàrannabalì (sàran + na + bali; n.)
intruso
ì mà wélé, sàrannabalì! non sei stato
chiamato, intruso!
sàyà (n.) morte
mç$g ç$ tE$ sà ì jùgù d ç$ngçdòn non si
muore il giorno desiderato dal
proprio nemico
sé (v.)
potere
essere in gamba
à b E$ sé kò là è in gamba
à mà sé kà nàa non è potuto venire
sèbè (n.) bot. borasso
sèbè kà jàn jìrì bà kélén yé, n)kà
kàmalèn kç$rç$ cE$ wòlonwulà tE$ sé
kà sìgì à sùmà nà il borasso è più
alto di un migliaio di alberi, ma 7
fusti non possono sedersi sotto la
sua ombra (prov.): si dice del ricco
che tiene tutto per sé
séeré
1 (n.) testimone
2 (v.) testimoniare
n) yé n) séeré kE$ Alà yé Dio è il mio
testimone
226
sùbagà séeré tE$ gìngìn yé il gufo non
può testimoniare contro la strega (prov.):
non si denuncia un colpevole di cui si è
complici
In Africa il gufo è considerato una strega
ségelén (v.) claudicare, zoppicare
jòlitç$ hìn E$ b E$ m ç$g ç$ là, nkà ì tE$ kE$
ségelén yé si può avere pietà di qualcuno
che ha male al piede, ma non si zoppica
per questo motivo (prov.): ci sono dei
limiti alla compassione
sègì
1 (n.) cestino
2 (v.) ritornare
à b E$ sègì kç$rç$ tùgàn kç$nç$, kò fìlèn kç$rç$
tùgàn ¯E$ tE$ kò là l’uccello posto sotto
un grande cestino pensa che quello che è
sotto il piatto di zucca non vede niente
(prov.): si dice alle persone che si
pensano più furbe delle altre
tàa b E$ kE$lE$ là nkà sègì bàliyà fànà b E$
si va alla guerra, ma alcuni non tornano
più (prov.): si dice nelle situazioni
pericolose
ségonì (n.) alluce
à ségonì yé m ç$gç$ bàyà tàmaS ìn yé
il suo alluce denota una forte personalità
sèlì
1 (n.) preghiera
festa
2 (v.) pregare
gàtigì yé sélitigì yé il capo della famiglia
è il responsabile della festa (prov.): il
capo ha tutti i poteri nelle sue mani
mìn kò à b E$ sùn, mìn kò à b E$ sèlì, jàmà
jç$dòn, ò b E$ nà wòlomà chi dice che fa il
digiuno, chi dice che prega, il giorno del
giudizio universale si saprà (prov.): non è
tutto oro ciò che luccica
sèlì kà g E$lE$ à mà la preghiera è molto
importante per lui
sén
1 (n.) piede
2 (v.) immischiarsi
scavare
ì sén b ç$ nì kò là non immischiarti
in questa faccenda
à kà sén kòlì dàmin Enà il lavaggio
dei suoi piedi è iniziato
In Africa si lavano i piedi della sposa prima che entri nella camera
nuziale
sò ¯E$fE$ sén b E$ dìg E$n sén, à kç$fE$
sén b’à dàtugù il piede anteriore
del cavallo scava un buco, quello
posteriore lo chiude (prov.): la guerra è positiva per il paese che la vince
e negativa per quello che la perde
séndiyà (sén + diya; v.) correre
velocemente
ì séndiyarà cògò cògò, ì tE$ sé kà
bòlì kà tE$m E$ ì yE$rE$ kàn benché una
persona sia veloce, non può
superare se stesso (prov.): la vanità
ha i suoi limiti
séndumà (sén + duma; v.) avere il
passo svelto
bòlì dàbalibalì, séndumà nà mìn E$ à
là in una corsa senza fine, quelli
che hanno il passo svelto saranno
arrestati (prov.): potete mistificare
qualcuno per tanto tempo, ma prima
o poi questa mistificazione finirà
sénkàn (sén + kàn; n.) rumore del
passo
fE$n mìn b E$ m ç$gç$ min E$, ì tE$ ò
sénkàn m E$n non si sente il passo
della persona che ci colpirà: (prov.)
la disgrazia arriva senza far rumore
sénnamçgç $ (sénna + m çgç ; n.)
pedoni
n’à fç$rà sòw b E$ Jéné, sénnamçg ç$
fànà b E$ yé quando si dice che ci
sono dei cavalli a Djénné, ci sono
anche dei pedoni (prov.): in un
paese ci sono dei ricchi come dei
poveri, gli uni aiutano gli altri e
viceversa
sénnateliyà (sénna + teliya; v.)
camminare in modo frettoloso
227
nì dàteliyà yé m ç$gç$ bìlà kò mìn nà,
sénnateliyà t’ì bò là colui che si è creato
dei problemi per aver parlato troppo
presto, non è scappando velocemente che
li risolverà (prov.): bisogna imparare a
tener freno la propria lingua
sénnç $ (sén + nç$; n.) impronta di piede
nì yé sénnç$ yé fòrò sìrà kàn, ò yé
fE$rEbangacì sénnç$ yé tutte le impronte
di piedi che si vedono sulla la strada del
campo, sono quelle di un orso in buona
salute
séré (v.; dal francese) stringere
àn sérelén dòn kòjugù, à y’à pùssé siete
troppo stretti, spostatevi
sèrì (n.) pappa
kànkç rç$ lànç$ tE$ tò sèribà là a forza di
leccare il bordo di un piatto di pappa,
non ne rimane niente (prov.): con la
perseveranza si ottiene tutto
sE $ bE $ n (n.) talismano
kùnnà sE$b E$n kà kç$rç$ mòrì sE$b E$n yé la
scrittura del destino è più anziana di
quella del talismano (prov.): il destino è
il destino
sE $ E nsE $ E n (v.) trascinare
à y’à jìlajà kà sE$EnsE$En kà mç$g ç$ wélé
ha fatto di tutto per trascinarsi, per
chiamare la gente
sE $ g E $ (n.)
sparviero
potassa
sE$g E$ kà SE$d èn tàa, tE$ kòjugù yé, kà sìgì
kògò kàn kà dùn, ò yé ¯E$ dòn yé che lo
sparviero prenda un pulcino, si capisce,
ma che si metta su un muro per
mangiarlo, è una provocazione (prov.): si
dice ad un ladro che entra in una casa
vedendo il proprietario
mç$g ç$ tE$ bùgùrìnjE$ dòn sE$g E$ yé, fò nà
kE$rà ì ¯E$ kàn non si sa che c’è la
potassa nella cenere finché non entra
negli occhi (prov.): non si può sapere che
un lavoro è duro finché non lo si prova
sE $ g E $ n
1 (n.) miseria
2 (v.) stancarsi
sE$g E$n kà fìsà jònyà yé la miseria è
meglio della schiavitù (prov.): si dice ad un padrone che sfrutta i suoi
operai
sà sE$g Ennèn b E$ m ç$gç$ kìn un
serpente stanco (di essere
provocato) morde (prov.): quando
si provoca una persona, alla fine
questa si stanca
sE $ g E rE $ (v.) raggiungere
nì màgò b E$ fùlà là, ì b’à sE$g ErE$ à
kà wE$rE$ là se hai bisogno di un
pastore, lo raggiungi al suo pascolo
(prov.): quando si cerca qualcosa,
bisogna andare nel posto giusto
sE $ lE dò (n.) cimitero
bànabagatç$ yàalà yç$rç$ tE$ sE$lEdò
yé il cimitero non è un luogo di
passeggio per un ammalato (prov.):
c’è qualcuno che sta sempre peggio
di noi
sE $ mE $
1 (n.) appoggio
midollo
2 (v.) appoggiarsi
jìrì b E$E tE$ sE$m E$ jìrì yé non tutti gli
alberi servono per appoggiarsi
(prov.): non tutte le persone sulle
quali contiamo sono all’altezza
delle nostre aspettative
nì yé mùn sE$m E$ cògò yé? che tipo
di appoggio è questo?
sàkà kùngolò sE$m E$ d E$ kàdì à yé gli
piace il midollo della testa della
pecora
sE $ nE $
1 (n.) coltura
2 (v.) coltivare
mç$g ç$ mìn b E$ sE$n E$ kE$ tìlè là, ò b E$
dùminì kE$ sùmà là chi coltiva sotto
il sole, mangia all’ombra
nì b E$E yé sE$n E$ kE$ fàantà bàara, àn
bàlò b E$ bç$ mìn? se tutti hanno
228
fatto della coltura un lavoro da poveri,
dove prenderemo il cibo?
sE $ nE kE là (sEn E + kEla; n.) contadino
sE$n EkElaw yé à dàdò i contadini hanno
inziato la coltura
sE $ nE kE yç rç $ (sEn E + kEyçrç ; n.)
terreno di coltura
dùgukolò ¯ùmàn b E$E tE$ sE$n EkEyç rç$ yé
non tutte le belle terre sono terreni di
coltura (prov.): non è tutto oro quello che
luccica
sE $ rE bE tì (n.; dal francese)
asciugamano
à k’à sE$rEb Etì n ç$gç lén il suo
asciugamano è sporco
sì
1 (n.) karite
vita
piuma
pelo
2 (v.) passare la notte
fà sì kà cà kòngç$ yé la vita di un sazio è
più lunga di quella di un affamato
bòlò mì yé sì dòn m ç$ nà, ò d E$ b E$ à bç$ la
mano che ha messo le noci di karité a
maturare, è quella che le può togliere
(prov.): nella vita si raccoglie ciò che si
semina
sì kç$ngç$ là, fç$tumà tE$ dàtumà yé non è
al momento di andare al letto che
bisogna dichiarare la propria fame
nì dùgukolò tùn b E$ kç$rç$, ¯ç$gòn tùmà à
sì jE$rà se la terra avesse potuto invecchiare, da un bel po’ avrebbe avuto i peli
bianchi (prov.): nella vita ci sono cose
che non si possono cambiare
sìbantç $ (si + bantç; n.) persona in
agonia
sìbantç$ màgò tE$ ¯ ìnà ¯ç$n ¯ ànì là la
persona in agonia non si preoccupa del
successo della raccolta di quest’anno
sìbirì (n.) sabato
à wòlolà sìbirì è nato di sabato
sìdòn (v.) indovinare
kò dç$ ¯E$ tE$ fç$, nkà ò b E$ sìdòn ci
sono cose che non si dicono
chiaramente, ma che si possono
indovinare (prov.): nella vita capita
di leggere nei pensieri delle donne
senza che questi siano espressi
sìgà
1 (n.) dubbio
rischio
2 (v.) dubitare
mç$g ç$ b E$ sìgà ì yE$rE$ sòn nà si
dubita del proprio carattere (prov.):
nella vita mai dire mai
sìgà b E$ à kùmà là c’è qualcosa che
non va in ciò che dice
sigà b E$ n ç$nç$ mìn nà bere il latte
presenta dei rischi (prov.): il latte
non è trasparente, ci si può mettere
del veleno.; si dice di una cosa che
non è chiara
sìgì (n.) bufalo
sìgì dàn yé à kù yé il limite del
bufalo è la sua coda (prov.): nella
vita c’è un limite a tutto
sìgi¯ çgç $ n (sìgi + ¯çg çn; n.)
vicino
mç$g ç$ sìgi¯ç g ç$n tE$ ì tì¯E$ il vostro
vicino non può volervi male
(prov.): il vicino è il primo aiutante
di una persona
sìn (n.) seno
sìn tE$ kç$n ç$ fE$, kç$n ç$ b E$ à dèn bàlò
l’uccello non ha seno, ma nutre
comunque i suoi piccoli (prov.):
questa frase viene detta da un
povero che cerca di sopravvivere
à sìn jì kà càn ha tanto latte
à sìn bìnnèn dòn ha i seni che
cadono
sìn (v.) andare verso
tE$g ErE$ b E$ dìyà dònkElà kùn yç$rç , à
b E$ jùkunà sìn yE$n fE$ il ballerino
gira il sedere verso gli applausi
(prov.): nella vita si va nella
direzione in cui si è apprezzati
229
sìnamusò (sina + muso; n.) seconda
moglie del padre
ì bà sìnamusò tE$ ì jùgù yé nkà nà n’à y’ì
bà bìn kùmà sàmà fE$; à tE$ dìyà ì yé la
seconda moglie di tua padre non è per
forza tua nemica, ma se i due discutono,
non ti piacerà che getti a terra tua madre
(prov.): l’amore materno non ha limiti
sìnayà (sìna + yà) rivalità tra mogli
sìnayà jùguyarà còcogò, m ç$g ç$ tE$ tò
nàntàn dì à mà qualsiasi sia il grado di
gelosia, una donna non darà mai un piatto
senza sugo all’altra moglie di suo marito
sìngà
1 (n.) prestito
2 (v.) prestare
fìnitigì kànù dìyà yé sìngalì yé il
vantaggio di essere l’amico di uno che ha
dei vestiti, è di poterli prendere in
prestito (prov.): è normale che, nella vita,
gli amici si aiutino a vicenda
sìngà tE$ m ç$gç$ ¯E$, nkà à tE$ ¯E$kE$
l’oggetto preso in prestito rende servizio,
ma non è stabile: nulla vale la proprietà
sìnì (n.) domani
nì mà sà bì, ì b E$ sà sìnì se non muori
oggi, morirai domani (prov.): prima o poi
si muore
sìnikE nE $ (sini + kEn E; n.) dopodomani
kànà ì kà kìnì b E$E dùn, sìnì nì sìnikEn E$
non mangiare tutto il tuo piatto oggi,
arriveranno domani e dopodomani
(prov.): nella vita bisogna pensare al
futuro
sìnjì (sin + ji; n.) latte materno
SE$ mà délì à bà sìnjì là la gallina non ha
imparato a bere il latte dal seno di sua
madre (prov.): non si può essere abituati
ad una cosa non conosciuta
sìnsìn (v.) appoggiarsi
mç$g ç$ kà sìnsìn ¯ç$n kàlà bèré là sànì ì kà
bç$ bèré sç$rç$ meglio appoggiarsi su uno
stelo di miglio prima di trovare uno stelo
di bambù (prov.): nella vita bisogna
accontentarsi di poco prima di
avere ciò che si vuole
sì¯ Enà (v.) vegliare
sìyçrç tàn sàgò yé sì¯Enà yé colui
che non ha un posto per dormire,
desidera vegliare (prov.): chi non è
in grado di compiere una missione è
contento che questa venga
assegnata ad un’altra persona
sìrà (n.) strada
sE$g E$ kà sìrà tE$ SE$denìn kà
mà ¯umàn kò nà allo sparviero non
importano i pianti del pulcino
à yé sìrà tìg E$ ha attraversato la
strada
sìrà (n.) tabacco
à kà sìrà bàrrà b E$ à kE$rEf E$ kùmà
b E$ ha sempre vicino a lui il suo
barattolo di tabacco
sìràn
1 (n.) paura
2 (v.) avere paura
mç$g ç$ tE$ sìràn kà Alà dàn anche se
si ha paura di Dio, lui ti troverà
(prov.): non ci si può nascondere da
Dio, ci vede sempre
sìràn tE$ sàyà sà la paura non
impedisce che la morte arrivi
sìrì
1 (v.) legare
2 (n.) legame
nsàbàn sìrì b E$ b ç$ nsàbàn yE$rE$ là
la liana che lega la liana viene da se
stessa (prov.): ogni persona ha il
proprio destino nelle mani
nì sìrì y’à bàlì fìn càmàn là questo
legame (di magia) gli ha impedito
di fare tante cose
sìsì
1 (n.) fumo
2 (v.) bruciare
nì mìn mà sìsì kùn, ò tE$ tàsumà
mànà yé colui che non sopporta il
fumo, non vedrà la fiamma (prov.):
230
non ci sono rose senza spine
bàndenkElE$, à b E$ sìsì, nkà à tE$ sé kà
mìn E$ una lite tra nati della stessa madre
fa fumo, ma non brucia
sògò b E$E sìsirà tutta la carne si è
bruciata
sìsò (si + so; n.) casa
mç$g ç$ nì sìsò tE$ tàamà una persona non
viaggia con la sua casa (prov.): anche se si
vive in una bella casa, bisogna adattarsi ad
una meno bella quando si viaggia.
sìtanE $ (n.; dall’arabo) Satana
sìtan E$ b E$ à nç$fE$ ha Satana alle sue
calcagna
sìyç rç $ (sì + yçrç; n.) posto dove si
dorme
nàmbara kà ¯ ì m ç$g ç$ tìlenyçrç$ là, ì sìyç rç$
yé al truffatore riesce la sua truffa non
nel luogo dove va a dormire, ma dove
trascorre la giornata
só (n.) cavallo
só mìn b E$ mç$g ç$ bìn, ì tE$ ò tùlò yé non si
vedono le orecchie del cavallo che fa cadere le persone (prov.): quando qualcuno
vuole tradirci, non manifesta le sue
intenzioni
sòforò (so + foro; n.) campo
agricolo
sìgì kà m E$n b E$ sòforò sE$n E$ se
rimani a lungo nello stesso
villaggio, potrai coltivare un
campo: se un cooperante rimane a
lungo in un villaggio, finirà per
avere influenza sulla gente
sògìn (v.)
razzolare
intiepidire
kç$n ç$ yé kàbà bE$E sògìn l’uccello
ha razzolato tra il granturco
jì kàlàn fìlà tE$ ¯ òngòn sògìn due
acque calde non possono
intiepidirsi
sògò (n.) carne, selvaggina
nì yé kòlokurubà yé dènmisE$n bòlò
sògotilayçrç$ là, à fà nì yç$rç$ dòn se
vedi un grosso osso nella mano di
un bambino lì dove si distribuisce la
carne, è la parte di suo padre
(prov.): nella società africana, il
posto di ognuno è ben conosciuto
sògò jìgì yé wùlà yé il rifugio
dell’antilope è la savana (prov.): ci
si trova a proprio agio nel proprio
ambiente
sò (n.)
casa
villaggio
sò cE$, nì kùngocE$ màn kàn un uomo che
rimane nel villaggio è diverso da quello
che percorre la savana (prov.): non è nel
villaggio che si riconosce un uomo
bravo, bensì nel campo dove può
dimostrare la sua bravura
à b E$ sò jç$ là sta costruendo la sua casa
sògolòn (v.) ammucchiare
à yà kà mìnàn sògolòn k’à tàa a bà
féyé ha ammucchiato la sua roba ed
è andata da sua madre
sòdà (n.) soglia
dònì bìlèn tE$ sòdà dòn una carica troppo
pesante non conosce la soglia del
villaggio (prov.): quando i problemi
cominciano ad essere pressanti, alcuni
capi famiglia tendono a scappare dalle
loro responsabilità.
sòmà (n.) stregone feticista
mùsò dè b E$ sòmà wòlò, n ç$tE$ mùsò
tE$ kE$ sòmà yé una donna può
partorire uno stregone feticista, ma
non diventerà mai uno stregone
feticista
sòlì (v.) alzarsi presto
à mùsò kà kE$n E$, à b E$ sòlì kà wùlì,
kà dàrakà tòbì sua moglie è in
gamba, si alza presto per preparare
la colazione
231
sòmç gç $ (n.)
genitori
parenti
à b E$ ì nà fç$ sòmçg ç$ tE$ m ç$g ç$ mìn nà è
come una persona che non ha parenti
(prov.): si dice di una persona che si trova
in una situazione senza via d’uscita (perché dev’essere aiutata dai suoi parenti)
n’à sòmçg ç$ yé mùn fç$, ò dòn fa quello
che gli dicono i suoi genitori
nì sòsofagalàn tE$ kà fòyì ¯àn sòsòw
là questo insetticida non risolve assolutamente il problema delle zanzare
sònkalà (sòn + kala; n.) mestolo
¯ ìn E$ b E$ sé kà sònkalà bìn, nkà à tE$ sé
k’à làwulì il topo può far cadere il
mestolo, ma non può alzarlo (prov.): è
più facile distruggere che costruire
sç $ g ç $ (v.)
pungere
bucare
bòlokçnì kùnbabà tE$ tò tìg E$, nkà à
b’à sç$g ç$ il pollice non può
spostare una pallina di “tò” (specie
di polenta), ma lo buca (prov.): ogni
persona, per piccola che sia, ha la
sua parte nella società
mìselì y’à sç$gç$, jèlì m’à b ç$ l’ago
l’ha punto, ma il sangue non è
uscito
sònsàn (n.) coniglio
Alà sé yé tì¯E$ yé, nkà à tE$ sé kà bì¯E$ b ç$
sònsàn kùnnà è vero che Dio è potente,
ma non può far crescere le corna sulla
testa di un coniglio (prov.): Dio non può
cambiare le leggi naturali che ha stabilito
sònsorò (v.) accovacciarsi
sònsorò, kà wùlì tE$ kùn dèn b E$E là non
tutti i bambini riescono ad accovacciarsi
e a rialzarsi (prov.): nella vita tante
persone non riescono a riprendersi dopo
una sconfitta
sò¯à (v.) rubare
nì yé dùgulèn fìlè sò ¯à, ì n’à fìyE$ yç$rç$ fç$
se rubi il flauto di un abitante del
villaggio, non potrai suonare dove vuoi
perché si sentirà
sò¯alì (v.) rubare
nì yé sò ¯ alì kE$ ì kà sò, ì nà kE$ kE$n Emà
se rubi in casa, lo farai anche fuori
sòsò (n.) zanzara
sòsò b E$ dòn nà, nkà à hàkilì b E$ à g E$lE$n
nà la zanzara balla, ma sta attenta alle
sue gambe, che sono molto fragili
(prov.): ci si può divertire senza perdere
di vista i propri obiettivi
sòsofagalàn (soso + fagalan; n.)
insetticida
sòtigì (so + tigi; n.) cavaliere
fE$n mì b E$ sòtigì ¯E$, à tE$ tàa k’à
dàn un cavaliere troverà sempre
sulla sua strada qualcosa che lo
aspetta (prov.): non si può scappare
dal proprio destino
sç $ g ç làn (sçgç + lan; n.) malattia
nì sç$g çlàn yé mç$g ç$ mìnàn, à b E$
yE$lE$ sòkE$ bàlàn kà, n’à b E$ bç$, à b E$
yE$lE$n sìrakçg çmà kàn quando vi
coglie, la malattia arriva al galoppo,
ma quando se ne va via, ha
l’andamento di una tartaruga
sç $ g ç mà (sçg ç + ma; n.) var.
sç $ g ç madà mattina
sù fç$rà m ç$g ç$ càmàn kç$, sç$g çmadà
fç$rà m ç$gç$ càmàn kç$ la notte è
arrivata, benché tante persone non
ci fossero più la stessa mattina
(prov.): si morirà un giorno, durante
la notte o durante il giorno
ànì sç$gçmà buongiorno
sç $ g ç sç gç $ (sçg ç + sçg ç)
1 (n.) tosse
2 (v.) tossire
mç$g ç$ tE$ dònsò sç$g çsçgç tç$ dàngà
è inutile maledire un cacciatore che
tossisce: la disgrazia può colpire
chiunque
sç$gçsçgç$ jE$ b’à là ha la tosse secca
232
sç $ mì
1 (n.) avvertimento
2 (v.) insospettire
è kE$ cògò d E$ m ç$g ç$ sç$m ì ì là è il tuo
comportamento che fa insospettire le
persone sul tuo conto
à b E$ kE$n E$ kàn, nì yé sç$m ì kò yé è chiaro,
questo è un avvertimento
sç $ mç nç $ (n.) pescatore
jàkumà tE$ tàa jàkuman Eg E$ là sç$m çn ç$ sò
là un gatto non va dal pescatore solo per
amore di una gatta (prov.): il bisogno del
cibo è più forte della passione sessuale
sç $ n (n.)
antilope
beneficio
carattere
sç$n tE$ pàn à dèn kà nùgumàn l’antilope
non fa un balzo affinché suo figlio vada a
gattoni (prov.): il piccolo sarà agile come
sua madre; si dice di un figlio di un ricco
che rimarrà ricco
Alà tE$ m ç$g ç sìgilèn sç$n Dio non concede i suoi benefici alla persona che rimane
seduta (prov.): aiutati che Dio ti aiuterà
sç$n jùgù tE$ sàramà chi è bello non ha
difetti (prov.): l’amore rende ciechi
sç$n ¯ ùmàn buon carattere
sç $ ngç $
à sç$ng ç$
à sç$ng ç$
à sç$ng ç$
(n.) prezzo
kàdì è un buon prezzo
kà jùgù costa tanto
tE$rEm E$ discuti il prezzo
sç $ nkùn (sçn + kùn; n.) cuore
cE$¯ E$ b E$ ¯E$ là, dìyanyé b E$ sç$n kù d E$ là
la bellezza è sul viso, l’amore è nel cuore
(prov.): meglio cercare le qualità del
cuore che la bellezza
sç $ nkunà (sçn + kunà; n.) acidità di
stomaco
sç$nkunà tE$ m ç$gç$ mìn E$, fàkunà d E$ b E$ ì
mìn E$ a meno che tu non abbia mangiato
troppo, altrimenti non potresti avere
acidità di stomaco (prov.): il povero che
non ha da mangiare non può sentire
acidità di stomaco, mentre il ricco sì
sç $ sç $ (v.) contraddire
nì kélén tàarà kùngò là, ì kò, ì yé
Alà yé; mç$g ç$ tE$ sé k’ì sç$sç$ se sei
andato da solo nella savana e dici
che hai visto Dio, nessuno ti può
contraddire (prov.): difficile contraddire una persona senza prove
sù
1 (n.) notte
cadavere
2 (v.) inzuppare
eccitare
mettere dentro
sù kòrà notte fonda
sù dàmin E$ inizio della notte
sù mìn b E$ dìyà, ò b E$ dòn fìtirì là è
al crepuscolo che si indovina se la
notte sarà buona: (prov.) alcuni
presagi non ingannano
sù là bùlonnìn fàrà, ¯E$n Emà kà
bùlonnìn dç$g çyçrà il piccolo
vestibolo dei morti è pieno del suo
contenuto e quello degli esseri
viventi ha diminuito il suo (prov.):
qualsiasi siano le difficoltà della
vita, bisogna tenere duro,
soprattutto non suicidarsi, poiché il
regno dei morti è pieno
nì yé ì bòlò sù ì yE$rE$ ¯E$ là, è dE$ nç$
dòn se ti metti il dito nell’occhio, è
colpa tua, non puoi accusare gli altri
à yé bùrù sù n ç$n ç$ là ha inzuppato
il pane nel latte
à y’è à kà wùlù su kà kE$ m ç$g ç$ kàn
ha aizzato il cane contro la gente
sùbagà (n.) strega
sùbagà t’à yE$rE$ dèn dù la strega
non mangia i propri figli (prov.):
nessuno fa male a se stesso
sùdà (v.) prevenire
kò bàlalèn b E$ kò sùdalèn sà un
evento inaspettato fa cancellare il
programma previsto
sùdòn (su + don; v.) seppellire
ì nàanà mç$g ç$ bòlò, ì b E$ sùdòn
233
mç$g ç$ fE$ sei nato nelle mani di qualcuno, da qualcuno sarai seppellito (prov.):
la nostra vita è legata a quella degli altri
sùgò (n.) sogno
nì y’à m E$n kò n) sùgorà, n) sùnçg çrà se
senti qualcuno dire “ho sognato”,
significa che ha dormito (prov.): nella
vita nulla vale la pace
sùgù (n.) mercato
nàtabà b E$ sùgù làminì la persona avida
fa il giro del mercato: (prov.) non finisce
perché non sa cosa prendere e cosa
lasciare; nella vita bisogna imparare a
decidere
sùgù wulilà il mercato è finito
sùgunE $
1 (n.) urina
2 (v.) urinare
sùgunE$ làbàn yé à tìgì kç$rç là yé l’urina
finisce sempre sui piedi del suo proprietario (prov.): il male ci si ritorce sempre
contro
nì yé sùg En E$ kE$ ì dèn ¯E$n E$, à tE$ màlò ì
mà se fai pipì davanti a tuo figlio, non ti
rispetterà più: bisogna tenere le cose
intime per sé
sùkasì (su + kasi; v.) piangere un morto
sùkasì yé tàsumà yé sù mà piangere un
morto diventa fuoco sul suo corpo: si
dice che le lacrime che si versano sono
fuoco sul corpo del defunto
sùkò (su + ko; n.) lutto
dòn b E$E tE$ kE$ sùkò yé non tutti i giorni
sono giorni di lutto (prov.): prima o poi
la felicità arriverà; si dice alle persone
che attraversano un momento difficile
sùmà
1 (n.) ombra
freschezza
odore
2 (v.) raffreddarsi
puzzare
calmare
misurare
3 (agg.) lento
kò bìlèn ò bìlèn, à nà sùmà dòn dç$
per quanto difficile sia un affare, si
calmerà (prov.): dopo la tempesta,
arriva il bel tempo
nì yé d ç$ kàn m E$, n) kùn b E$ sùmà là ,
ò kç$rç$ yé, d ç$ tà b E$ tìlé là se senti
dire a qualcuno “la mia testa è sotto
l’ombra” significa che la testa di
qualcun’altro è sotto il sole (prov.):
sovente la felicità di qualcuno
dipende dalla disgrazia di un altro
sàn yé sùmà lànà la pioggia ha
portato freschezza
nì jìrì sùmà kàdì, ì sìgirà à kç$rç$
questo albero profuma di buono,
significa che una brava persona vi
si è seduta sotto (prov.): nella vita,
quando si dice che qualcuno è
bravo significa che si ha avuto
modo di apprezzare le sue opere
à b E$ kà sérì làsumayà sta
raffreddando la pappa a base di riso
mùn d E$ sùmà b E$ kà bç$? cosa sta
puzzando?
à kà kç$n ç$ dìmì sùmayalà il suo mal
di pancia si è calmato
mìsì mìn b E$ fàgà sìnì, ò géré
sùmakùn tE$ non c’è motivo di
misurare le corna di una mucca che
si ucciderà domani (prov.): inutile
discutere di una cosa già fatta
nì téliyà yé fE$n fE$n tì¯E$, ò tE$ ¯E$
bìlèn, nì sùmayà yé fE$n fE$n ¯E$ , à tE$
tì¯E$ tutte le azioni fatte con precipitazione portano alla sconfitta,
mentre tutte le cose fatte con lentezza riescono (prov.): la precipitazione
nelle cose è sempre nociva
sùmàn (n.) piatto di cibo
mç$g ç$ t’à kç$rç tig Ebagà b E$E dòn
nkà mìn b’à fç$: ì bàn sùmàn tç$ là, ì
n’ò dòn non si riconoscono tutti
quelli che ti lusingano, ma colui che
dice “lascia lì il resto del tuo piatto”
lo si riconoscerà (prov.): non si
conoscono tutti i falsi amici, ma
quelli che ci fanno male
apertamente si riconoscono
234
sùmù (n.) carie
sùmù b E$ fùrakE$ nì wòsò bùlù wùlilèn jì
yé la carie si cura con un infuso di foglie
di patate
sùmunìn (n.) foruncolo
mç$g ç$ t’ì jùkunà tç$nç$ dòn nì sùmunìn
m’à bç$ à là non si riconosce il valore
delle natiche finché non vi appare un
furuncolo (prov.): non ci si rende conto
dell’importanza di una persona, finché
non ci rende un servizio
sùn
1 (n.) digiuno
tronco
2 (v.) digiunare
mìn kò à b E$ sùn, mìn kò à b E$ sélì, jàmà
jç$dòn, ò b E$ nà wòlomà chi dice che digiuna, chi dice che prega, il giorno del
giudizio universale si farà la loro divisione (prov.): mai fidarsi delle apparenze
à yé sùn tìg E$ ha finito il digiuno
à b E$ sùn là sta digiunando
à y’à sE$m E$ jìrì sùn là si è appoggiato ad
un tronco d’albero
sùnbalà (n.) specie di condimento
sùnbalà tE$ nà tì¯E$ il condimento
“sunbala” non guasta il cuscus (prov.):
l’abbondanza non è mai una cosa
negativa
sùngurùn (n.) donna giovane
à ¯E$ tE$ tE$m E$ sùngurùn ¯ùmàn là guarda
sempre le donne giovani
sùngurubà (sunguru + ba; n.)
prostituta
kàmalenbà d E$ b E$ sùngurubà Sì yç$rç$
sono i donnaioli che sanno dove vivono
le prostitute (prov.): per poter parlare di
prostituite bisogna averle frequentate
sùnkalò (n.) quaresima
fìlElìw tE$ sòn kà bàarà kE$ sùnkalò là i
veggenti non amano praticare
l’occultismo durante la quaresima (mese
sacro in cui bisogna rispettare Dio)
sùnçgç $
1 (n.) sonno
2 (v.) dormire
à kà sùn çgç$ kà gìrì ha il sonno
pesante
sàyà làdegé yé sùnçg ç$ yé il sonno
è un imitazione della morte
cE$kçrçbà ¯E$ tùgulèn t’à sùn çg çlén
yé un vecchio con gli occhi chiusi
non dorme: fa finta di non vedere
certi comportamenti, ma non
significa che li ignora
sùrakà (n.)
etnia dell’Africa: “Maure”
negoziante
à kùnsigì nùgulèn, ì n’à fç$$ sùrakà
dèn ha i capelli lisci come quelli di
un Maure
tàa sùkarò sàn sùrakà féyì vai a
comprare lo zucchero dal
negoziante
sùrukù (n.) iena
cE$kçrçbà kùmà yé sùrukù bò yé,
n’à kç$rç là, à b E$ jE$yà le parole
dell’anziano assomigliano allo
sterco della iena, dopo un po’ di
tempo si imbiancano (lo sterco
fresco della iena è nero, ma con il
tempo diventà bianco): sul
momento il significato delle sue
parole vi scapperà, ma poi
riconoscerete la loro importanza
sùsù (v.) pestare, dare una bella
lezione picchiando
kà jì kE$ kòlòn kç$n ç$, k’à sùsù, ò yé
nàlonmayà dàn yé mettere l’acqua
nel mortaio e pestarla è da stupidi
(prov.): si dice ad una persona
stupida
à y’à sùsù kç$sçb E$ gli ha dato una
bella lezione picchiandolo
sùtarà (v.) proteggere
bàmusò kç$rç$ kù mà sé kà yE$rE$
sùtarà jànkò m ç$gç$ wE$rE$ la coda
della vecchia capra non ha potuto
proteggere (nascondendo) le sue
235
parti intime, figurarsi quelle di un’altra
(prov.): non chiedere aiuto ad una
persona più povera di te
sùyà (su + ya; n.) stregoneria
n E$ yé n) kà dùgù dòn, sùyà tE$ conosco il
mio paesino, non ha niente di stregoneria
(prov.): si parla di ciò che si conosce
236
S
S E $ (n.) gallina
sàyà fùrà yé SE$ n ç$nç$ yé il rimedio
contro la morte è il latte di gallina
(prov.): la morte è senza rimedio
avere una gallina da mangiare:
bisogna fare una scelta, o il profitto
immediato, o quello più importante
e lontano
S E $ bà (SE + bà; n.) vecchia gallina
kùmà yé SE$ bàsì, m ç$g ç$ b’à sç$rç$ ¯ òngòn
fE$ le parole sono come le piume di una
vecchia gallina, le si riceve insieme
(prov.): se una persona non conosce
alcune parole, chi le conosce gliene
spiega il significato
S E$n
1 (n.) pianta
2 (v.) grattare
ù yé Alà mìn E$ kà tàa cE$ kà jìrì SE$n
b E$E b ç$gç tì è andato a tirare fuori
tutte le piante di quest’uomo
nì jì b E$ fàrì SE$n bìlà ì là
quest’acqua dà prurito al corpo
S E $ dèn (SE + den; n.) var. S E $ nìn
pulcino
SE$d èn b E$ kèguyà à bà sìbçyçrç$ là il
pulcino prudente sta nel luogo in cui si
spiuma sua madre (prov.): si acquisisce
esperienza essendo testimone delle
sofferenze altrui
S E $ fàn (SE + fan; n.) var. S E $ kilì uovo
di gallina
tç$n ç$ fìlà tE$ sç$rç$ SE$fàn kélén kç$nç$ non
si possono ottenere due benefici
da un solo uovo di gallina, o si mangia
l’uovo, o lo si lascia schiudere per
S E $ ntalà ( Sen + tala; n.) lottatore
nì y’à m E$n n) ¯ç$gòn SE$n talà tE$, ì
sèn fìlà kà yé dùgù mà per poter
dire “non esiste un lottatore come
me al mondo” hai ancora i due
piedi a terra (prov.): non si può
essere il migliore senza appoggio
S ç $ (n.) fagiolo
mç$gç$ kç$rç$ ¯E$ b E$ Sç$ mç$ l’occhio di
un vecchio riesce a fare cuocere i
fagioli: la conoscenza degli anziani è
infinita
237
T
tà
1 (n.) fuoco
parte
2 (v.) accendere il fuoco
mettere sotto pressione
à y étà dòn lç$gç$ là accendete il fuoco
con l’aiuto della legna
nì tà b E$ kà bç$ mìn? da dove viene
questo fuoco?
b E$ nà tà dòn à là li metterò sotto
pressione
à tà filE$ è la sua parte
tàa (v.)
andare
prendere
appartenere
tàa mà gE$lE$n, nàa nà yé dE$ kà gE$lE$
partire non è difficile, ma tornare con
qualcosa lo è: iniziare un’attività è facile,
ma ottenere dei risultati è difficile
ì y’à tàa yç$rç$ mìnà, à bìlà yé dove l’hai
preso? rimettilo al suo posto
à tàa yé, yé à tàa yé ciò che è per lui, è
suo
tàabagà (tàa + baga; n.) chi parte,
ritorna; chi viene, se ne andrà
(prov.): l’uomo è solo un
passeggero sulla terra, tutto ha un
tempo, tutto passa
tàabataabà (tàaba + taaba; n.)
problemi
nì kò tàabataabà kà càn ci sono
tanti problemi in questo affare
tàabolò (tàa + bolo; n.)
svolgimento
nì yé dì¯E$ tàabolò fàmuyà, fòyì tE$
bàlì ì là se capisci lo svolgimento
della vita, non ti stupisci di nulla
tàayç rç $ (tàa + yçrç ; n.) luogo
dove si va
sìgiyçrç$ tì¯E$ kà fìsà tàayç rç$ tì¯E$
yé meglio creare dei danni nel
luogo dove si vive che nel luogo
dove si va (prov.): bisogna rispettare le leggi del paese che ti ospita
238
tàafé
1 (n.) pareo
2 (agg.) in gamba
ì kà tàafé b E$ à ¯E$ jùgù kàn il tuo pareo
è messo a rovescio
tì¯E$ kà fç$ Alà yé, mùsò tàafé tìgì dòn
diciamoci la verità, è una donna in gamba
tàakasegìn (tàaka + segin; n.) avanti e
indietro, andata e ritorno
tàakasegìn b E$ gòn d E$ mà, kùlù b’à n ç$ là
è la scimmia che va e ritorna, la collina è
al suo posto (prov.): nella vita cercando
di sfuggire ai problemi non li risolvi,
meglio affrontarli
tàakasegìn b E$ gèsetEn E$ dìyà l’andare e
ritornare permette al tessitore di tirare
bene i suoi fili (prov.): la perseveranza
permette di finire un’opera iniziata
tàalì (tàa + li; n.) partenza
à kà tàalì dòn jç$rà il giorno della sua
partenza è stato fissato
tàlibé (n.; dall’arabo) alunno coranico,
discepolo
tàlibéw b E$ kàlàn là gli alunni coranici
stanno studiando il Corano
à kà tàlibéw tE$ sé kà dàn kà bàn non si
riesce a contare il numero dei suoi
discepoli
tàamà
1 (v.) camminare
viaggiare
2 (n.) viaggio
Alasirà, mç$g ç$ t’à tàamà m ç$gç$ yé la
religione è un affare personale
dèn tE$ tàamà kò: à tE$ bìn il bambino
non si mette a camminare senza cadere
(prov.): nella vita non si ottiene nulla
senza soffrire
à kà tàamà kà càn fàrajE$ dùgù là fa
tanti viaggi in Europa
wàrabà nì sàgà tE$ tàamà ¯ç$gòn fE$ il leone e la pecora non viaggiano insieme
(prov.): i deboli non devono associarsi ai
potenti
tàamadèn (tàama + den; n.)
viaggiatore
ì t’ì tàamadènw fò fànà? non saluti
i tuoi viaggiatori?
tàama¯çgç $ n (tàama + ¯ç g çn; n.)
compagno di strada
nì tàama ¯ç gç$n nìn kàdì questo
compagno di strada è chiacchierone
tàamaseeré (tàama + seeré; n.)
segno, simbolo
tàamaseeréw y’à jìrà kò kà b E$ kE$
fìn yé i segni hanno mostrato che
diventerà qualcuno
nì yé ù kà Sìyà tàamaseeréw yé
sono i simboli della sua etnia
tàamasén (tàama + sén; n.)
andatura
mù d E$ b E$ é mùsò tç$ kà tàamasén kE$
cE$ tà yé? come mai tu, donna, hai
un’andatura da uomo?
tàamasi¯ E $ n (tàama + si¯En; n.)
segno particolare
fàlì tàamasi¯E$n tE$ dà jE$ il segno
particolare di un asino non è il
bianco della bocca (prov.): da un
segno comune a tutti è difficile
individuare una persona
tàarì (n.; dal francese) ettaro
à kà fòrò tàarì kà càn il suo terreno
misura molti ettari
tàasì
1 (v.) riflettere
2 (n.) riflessione
tàasì b E$ jE$g E$ dìyà è il riflesso che
permette di apprezzare il pesce: è
con la riflessione che si possono
realizzare delle belle cose
nì tàasirà ¯ ànì ì kà kùmà, ì kà kà
càmàn b E$ ¯àn se rifletti prima di
parlare, risolverai tanti tuoi
problemi
tàbà (n.; dal francese) tabacco
ì yé kà tàbà bìlà mìn? dove hai
messo il mio tabacco?
tàbaarikalà! (espressione) grazie
a Dio!
239
à yé dénkE$ sç$rç$, tàbaarikalà! ha avuto
un figlio, grazie a Dio!
tàbadagà (tàba + daga; n.) pipa
sùrukù sènnà kà gònì tàbadagà mìn mà
la camminata della iena è troppo veloce
per poter fumare la pipa: non si può essere
veloce e pretendere di fare cose che
richiedono una certa lentezza
tàbalì (n.; dal francese) tavolo
ì yé tàbalì sìgì wà? hai preparato il
tavolo?
tàbalitigì (n.) vetrinista
à b E$ sé tàbalitigiyà là kà ¯àn sa fare
bene il vetrinista
tàbusì (n.)
un esponente dell’etnia màndingo che
vive all’estero
figli di immigrati mandingo
tàbusì kò kà ¯ ìnanà bàmanàn kàn là il
figlio di immigrati mandingo dice che ha
dimenticato il bambara
tàfò (n.) cordicella protettrice
ù kélén kà tàfò sìrì à tE$g E$ là, à kà bànàn
nç$gç yarà da quando le hanno messo la
cordicella protettrice ha avuto meno
malattie
tàfiyeké (n.) scintilla
tàfiyekéw bE$ kà sérì yç$rç$ là, nùmukE$ t’à
dòn kò fì¯E$ wùlilà il fabbro sta continuando il suo lavoro come nulla fosse,
nonostante le scintille che volano
dappertutto
tàfiyE $ (ta + fiyE; n.) ventaglio
fùdenì mà nà b ç$ ì b E$ tàfiyE$ sùgù b EE$ yé
quando esce il caldo, appaiono ventagli
di tutti i tipi
tàngà
1 (n.) molare
2 (v.) proteggere
¯ ì b E$E kà kç$rç$ tàngà yé nkà Alà d E$ b E$
kòlobàw kàrì tutti i denti sono spuntati
prima di quelli del giudizio, però sono
quelli del giudizio che macinano le ossa
(prov.): si dice per incoraggiare gli
ultimi nati a dimostrare che non
sono cosi deboli come si crede
à bà y’à tàngà fìn càmàn là sua
madre l’ha protetto contro tante cose
tàkalà (tà + kalà; n.) fiammifero
nì yé àn kà jàmanà tàkalàw dìlalèn
yé sono i fiammiferi prodotti nel
nostro paese
tàkamì (tà + kami; n.) brace
ardente
à yé wùsulàn kE$ tàkamì là ha
messo l’incenso nella brace ardente
tàkayuguyugù (n.) ciarpame
à dèn b E$ tàkayuguyugù mìn cì à
mà, à b’ò féeré àn grò il ciarpame
che gli manda sua figlia, lo vende
all’ingrosso
tàkisE $ (tà + kisE; n.) brace
màlò jì bònnà tàkisE$ kàn, kà fàgà
l’acqua del riso si è rovesciata sul
fuoco, che si è spento.
tàkisì (n.; dal francese) taxi
à bE$ tàkisì yE$rE$ d E$ tà sìsàn, wàrì
b E$ à kùn prende addirittura il taxi,
si vede che ha soldi
tàkulà (n.) dolcetto di miglio cotto
al vapore
jùmàn jùmàn, à kà tàkulà b E$ d E$sE$
ogni venerdì i dolcini di miglio che
vende in anticipo finiscono
tàkurundà (n.) legnaia ardente
fà tE$ dòn tàkurundà là, kà tàa bàjì
sç$g çmà fò una grande legnaia non
è abbastanza pazza per andare a
dare un buongiorno mattiniero al
fiume (prov.): nessuno si butta nella
bocca del lupo
tàlàn (n.) manica
à bE$ bàramà kàlamà tà à tàlàn mà,
à t’à dòn kò fì¯E$ kE$rà prende la
pentola calda dai manici, come
niente fosse successo
240
tàlòn (v.) inciampare
à tàlònnà, kà b ç$ kà bì à brànkE$ ¯E$nà è
inciampato ed è caduto davanti ai suoi
suoceri
tàlç $ n (n.; dal francese) tacchi
tàlç$n jàn dE$ b’à sùturà sono i tacchi alti
che nascondono la sua bassa statura
calcio, se lo ripaghi diventi come lui
(prov.): il male non si paga con il
male
tàlòn tàlòn (v.) barcollare
à yé tàa à kùmb E$, à b E$ k’ì tàlòn tàlòn kà
nàa andategli incontro, cammina
barcollando
tànbé (n.) bara
tànbé yélì kàn kà m ç$gç$ g E$rE$ Alà là
la vista di una bara dovrebbe
avvicinare la gente a Dio
tàmà (n.)
lancia
un franco (ex moneta)
ex misura di lunghezza
tàmà sùguyà b E$ nì dònsokE$ questo
cacciatore ha tutti i tipi di lancia
à tE$g Emà kà g E$lE$, à b E$ tàmà kélén d E$ dì
mç$g ç$ mà è avaro, dà solo un franco alle
persone
ì màgò bE$ fìnì tàmà jòlì là? di quale
misura di questo tessuto hai bisogno?
tàngà (v.) proteggere
Alà yé à tàngà bànàn kùntàn là
Dio l’ha protetto contro le brutte
malattie
tàmatì (n.; dal francese) pomodoro
tàmatì lç$kçtì concentrato di pomodoro
à kà nàkç$ tàmatì kàd i pomodori del suo
orto sono succulenti
tàmE nE $ (tà + m En E; n.) fiamma
tàm En E$ b E$E tE$ kélén yé non tutte le
fiamme sono uguali (prov.): l’apparenza
inganna
tàmugù (tà + mugù; n.) polvere da
sparo tradizionale
ù b E$ bàrrà jùgù kE$ nì tàmugù yé fanno
dei lavori occulti con la polvere da sparo
tradizionale
tàn
1 (agg.) dieci
2 (v.) dare un calcio
3 (n.) fodero
mùrù tàn il fodero del coltello
tàn yé tàn d E$ yé, fòsì tE$ sé kà kE$ dieci
sono dieci, non si può fare niente (prov.):
ci sono cose che non si possono cambiare
nì dç$ y’ì tàn, nì y’à tàn, ì b E$ kE$ à
¯ òngòn yé quando qualcuno ti dà un
tànà (n.) totem
b E$E nà kà tànà ad ognuno il suo
totem
tànpç $ n
1 (n.) tampone
2 (v.) tamponare
àn màgç$ b E$ fìn b E$E là, hàlì
tàmpònw tE$ àn bòlò abbiamo
bisogno di tutto, non abbiamo
nemmeno i tamponi
ù yà kà mònbilì kùrà tànpç$né
hanno tamponato la sua auto nuova
tàntà (n.; dal francese) tenda
nì kE$rà à Sìn fç$lç$ d E$ yé kà Sì tàntà
kç$rç$ è stata la prima volta che
dormiva in tenda
tànù (v.) glorificare
k’ì cE$¯ çg ç$n tànù, à t’ì kE$ mùsò yé
glorificare il tuo amico, non ti fa
diventare donna (prov.):
riconoscere le qualità degli altri non
significa abbassarsi
tàpErE $ n (tà + p ErEn; n.) scintilla
nailon fìnì b’ì là, ì mà b ç$ tàp ErE$n
là hai un vestito di nylon,
allontanati dalle scintille del fuoco
tàpì (n.; dal francese) tappeto
à kà tàpì b ç$rà fò màkàn il suo
tappeto proviene dalla Mecca
tàratà (n.) martedì
à tE$ sòn à kùn kà dìgì tàratà dòn
non vuole farsi le trecce di martedì
241
tàratilè (n.) calore
nì yé tàratilè kò dàn yé! quanto calore
oggi!
tàrì (avv.) ancora
tàrì ì b E$ nàa? pensate che verrà ancora?
tàrikì (n.; dall’arabo) storia
nì dèn yé à kà tàrikì dòn, à tE$ fìlì à yE$rE$
mà se un bambino conosce la storia
della sua famiglia, non si perderà mai
tàrikidç nnà (tàriki + d çnna; n.) storico
àn kà tàrid çnnà mànkadì kç$fE$ m ç$gç$ yé
il nostro storico è molto stimato
all’estero
tàsà (n.) piatto
tàsà kò kà ¯ àn, kà tùlù b E$E bç$ à là lava
bene il piatto per togliere tutto l’olio
tàsajù (tàsa + jù; n.) modello di
treccine per le donne
n’à yé tàsajù kE$ ì kùn fò ì ¯E$! se ti fa
questo modello di treccine, che
meraviglia!
tàsalé (n.) bollitore
jì kE$ tàsalé kç$nòn, ù b E$ nà sélì metti
l’acqua nel bollitore, devono pregare
tàsumà (n.) fuoco, fiamma
nì yé cE$ncE$n kE$ dàntigì kà tàsumà kàn,
nì kùnnà mà dìyà, ì tà b E$ fàgà kà tà à tà
tò se butti la sabbia sul fuoco del
predestinato e sei sfortunato, il tuo si
spegnerà prima del suo e il suo si salverà
(prov.): non si può impedire a nessuno di
diventare quel che vuole Dio
tàsumà b E$ màsadèn jènì la fiamma del
fuoco brucia i figli del re (prov.): la
disgrazia non guarda in faccia a nessuno
tàti¯E $
1 (n.) catastrofe
2 (v.) distruggere
tàti¯E$ sérà ù kà jàmanà là c’è stata una
catastrofe nel loro paese
dç$lç$ y’à tàti¯E$ l’alcool l’ha distrutto
tè (n.; dal francese) tè
nùn sérà kà tè kàlamàn sç$rç$ nì nE$nE$
là, à bE$ n) yé se riesco ad avere il té
caldo, con questo freddo, mi farà
piacere
télì var. téliyà
1 (agg.) veloce
2 (v.) accelerare
dènmsennì sénnà kà télì nkà à tE$
tàa yç$rç$ jàn un giovane corre
veloce, ma non va lontano (prov.):
si dice ai giovani che pensano che
la forza fisica risolva tutto
à yà kà sE$b E$n kò téliyalà accelerate
la sua pratica
télù (n.) calvizie
nì télù sérà ì kù càmancElà, ì mà kE$
fàmà yé, ò y’à bànèn yé se la
calvizie arriva sulla metà della tua
testa e non sei diventato ricco, non lo
diventerai più
tèn (n.) var. tènbarà fronte
ì nì tènbarabà, nì y’ì mìn E$! con la
tua grande fronte, se ti prendo!
tèngù (tèn + gu; v.) appoggiarsi
contro
à yé kòlòn tèngù jìrì là ha
appoggiato il mortaio contro
l’albero
tènkurù (tèn + kurù; n.)
bernoccolo
à bìnnà kà tènkurù bélebelé b ç$ à là
è caduto e gli è venuto un grande
bernoccolo
tèntegematigì (v.) portare in
equilibrio
nì sç$rç$ bE$ bòn nà,yaalà
tèntegematigì nç$fE$ se c’è profitto a
raccogliere ciò che cade, bisogna
seguire colui che ha un recipiente in
equilibrio sulla testa (prov.): è
meglio essere perseverante nel luogo
in cui si pensa di poter trovare la
felicità
242
téré (n.)
jella
sfortuna
fàkç$ tE$ tònkç$ téré fç$bayà yé il figlio nato
dopo la morte di suo padre non deve
soffrire della jella di un altro che ha perso
la madre che lo partoriva (prov.): non
bisogna ridere di una persona che si trova
nella nostra stessa disgrazia
à téré kà ¯ ì, à fùrù la fortuna la segue,
sposala
térejugù (tére + jugu; agg.)
perseguitato dalla sfortuna
bç$ n) fà là, tE$ térejuguyà yé è nell’essere
perseguitata dalla sfortuna che si assomiglia al padre (prov.): tale padre, tale figlia
téreké (v.) strofinare
nì mà téreké kà ¯ à, nç$g ç$ tE$ b ç$ se non
strofini bene, la sporcizia non andrà via
térí (n.) amico
à térí bà dòn, à t’à jànfà hàbadà è un suo
grande amico, non lo tradirà mai
tériyà (téri + ya; n.) amicizia
ù kà tériyà sìnsinlèn dòn la loro amicizia
è vera
térùn (v.) spostare
à y’à d E$m E$ kà sìgilàn térùn aiutalo a
spostare le sedie
tE $ (negazione: ausiliare del presente
negativo) non
n) tE$ bì n) tE$ sìnì no e no
tE $ g E $ (n.) mano
àn kà tE$g E$ dì ¯ç$gòn mà diamoci la
mano a vicenda
mç$gç$ tE$ ì dìyanyebagà sònkolò dòn, fò à
kà tàsumà dà ì tE$g E$ là non si prende
coscienza della cattiveria di un amico
finché non ci mette le braci tra le mani
(prov.): l’amore rende ciechi
ì ¯ ùmàn bòlò dìyàn, ì tàa tòlà dùgù là, à
b E$ ¯ òngòn yé n ç$gç yà dammi la mano
sinistra, stai per metterti in viaggio, farà
sì che ci rivedremo
tE $ g E furà (tEg E + fura; n.) palmo
della mano
à dònnà kà tE$ ¯ òn sùsù, à tE$g Efurà
kà màgà il palmo della sua mano è
morbido, si vede che non pesta nel
mortaio
tE $ g E lamisE $ n (tEg E + lamisEn; n.)
cleptomane
à y’à kà sàcçSì g E$rE$ àw là,
tE$g Elamise$n nàatç$ dòn tenetevi le
borse vicine, la cleptomane sta
arrivando
tE $ g E rE $
1 (n.) applauso
2 (v.) applaudire
mç$g ç$ tE$ ntòrì kà pànnì b EE$ kE$
tE$g ErE$ fç$ yé bàwò à tàamacogò
dòn non si fa un applauso ogni
volta che un rospo salta, poiché lo
fa sempre (prov.): si dice ad una
persona che fa solo il suo lavoro
tE$g ErE$, à y’à dìyà à bòlò!
applaudite, incoraggiatelo!
tE $ mE $
1 (n.) setaccio
2 (v.) superare
nì jòginbagatç$ b’à fç$ tE$ tE$m E$ yàn
kàn, mìn yà jògìn, n’ò bìlà là à
nç$fE$, à nà tE$m E$ yàn kàn se senti un
ferito dire “non posso andare
lontano”, se un aggressore viene a
cercarlo, andrà lontano
wò b E$ tE$m E$ là, tàa dìlà c’è un
buco nel setaccio, vai ad aggiustarlo
tE $ nE kù (v.) scivolare
nì tE$n Eku nà kà bç$ kà bì ¯ ìngìn
kç$nòn, ò yé ì S ì d ç$gç yalèn yé se
scivoli e cadi nel bagno, la tua vita
sta diminuendo
tE $ nE $ (n.) var. tE $ nE musò zia
à tàarà b ç$ à tE$n E$ yé è andata a
trovare la zia
tE $ ntE $ n (v.) setacciare
à tç$ à kà bàsì tE$n tE$n là lasciala
setacciare il cuscus
243
Il cuscus africano è a base di miglio o di
granturco
tE $ rE mE $
1 (n.) negoziazione
2 (v.) negoziare sul prezzo
é fìlàn b E$ kà sòsàn, e b E$ sòkù tE$rEm E$ là
i tuoi compagni stanno comprando un cavallo e tu stai negoziando la coda di un
cavallo (prov.): si dice per ricordare a
qualcuno che è rimasto indietro rispetto
agli altri
tE$$g Emà g E$lE$ nì tE$rEm E$ tE$ bàn all’avaro
piace la negoziazione sui prezzi
tE $ rE $ n (n.; dal francese)
treno
terreno
tE$rE$n jòlèn, lE$mburubà férélàw bòlilà kà
nàa fermato il treno, le venditrici di
arance sono accorse
à yé tE$rE$n bélebelé sàn ha comprato un
grande terreno
tE $ rE nbolilà (tErEn + bolila; n.)
macchinista di treno
à cE$ yé tE$rEnbolilà yé, à kà Sìlì kà càn
kE$n Emà suo marito è un macchinista,
dorme spesso fuori
tE $ t E $ (v.) insegnare ad un bambino a
camminare
à sérà tE$tE$ yé ha raggiunto l’età di
imparare a camminare
tìbitabà (n.) problema
nì kò tìbitabà b E$ kà càyà cominciano a
saltare fuori tanti problemi in questa cosa
tìgà (n.) arachide
Nànà làbàn yé tìgà wç$rç$ yé anche un
eroe finirà per scorticare le arachidi
(prov.): un uomo finirà per piegarsi al
volere della sua donna a casa
tìgadEgE $ (tiga + d Eg E; n.) pasta
d’arachidi
à tE$ tìgad Eg E$ nà tùlong E$ là ama molto il
sugo a base di arachidi
tìganìn (tiga + nin; n.) arachidi
zuccherate a base di zucchero
bruciato
à y’àn kùnb E$ nì tìganìnw yé ci ha
accolto con le arachidi zuccherate
tìganinkurù (tiganin + kuru; n.)
pisello di terra
nì b E$ tìganikurù bàlabalà, kç$g ç$ d ç$
k’à là se fai bollire i piselli di terra,
aggiungi un po’ di sale
tìganinkurù yé kélén yé, nkà mìnù
bç$rà fàrà kélén nà, ù kà kélenyà kà
¯ ì tç$ tà yé tutti i piselli sono
uguali, ma quelli che provengono
dallo stesso baccello si
assomigliano di più (prov.): il
sangue non mente
tìga¯agà (tiga + ¯ aga; n.) fieno di
foglie d’arachide
à kà sàkàw b E$ tìga ¯agàw dòn dèpì
yç$rç$ jàn le sue pecore riconoscono
il fieno d’arachidi da lontano
tìgE (v.)
tagliare
attraversare
perdere fiducia
nì fìnì tìg E$ cògò mà ¯ àn questo
tessuto è stato tagliato male
nì b E$ tàa dùgù nì dùgù là, fò ì kà nì
kç$ tìg E$ se devi andare in questo
villaggio, devi attraversare questo
fiume
nì kò yé n) tìg E$ à là questa faccenda
ci ha fatto perdere fiducia in lui
tìgEdà (tig E + da; n.)
taglio
articolo
nì tE$ tìg Edà yé, ù yé d ç$ b ç$ à là
ecco il taglio, hanno tolto qualcosa
ì jà sìgì nì tìg Edà sE$b Ennì là fai
con calma per la scrittura di questo
articolo
tìgE limà (tig E + lima; v.) criticare
indirettamente
mç$g ç$ tE$ mìsì tìg Elimà tE$m E$ kç$rç$
244
non si criticano indirettamente i bovini in
presenza di un vitello (prov.): la
solidarietà tra le specie esiste
tìgEnnà (n.)
disprezzo
indifferenza
sìsàn, tìg Ennà d E$ b E$ àn cE$ adesso c’è
solo indifferenza tra di noi
tìgì (n.)
proprietario
responsabile
nì màgò b E$ sò tìgì là, nàa wùlà fE$ se
hai bisogno del proprietario della casa,
vieni di pomeriggio
é d E$ yé nì kò tìgì yé, kùmà! sei il
responsabile di questa faccenda, parla!
tìgilamç gç $ (tigi + lam çg ç; n.)
interessato
n’à tìgilam çgç$ kò, kà, kà sìrà t’à là, ì t’ì
dà bç$ à là se l’interessato dice che non è
un suo problema, lascia perdere
tìlà (v.)
dividere
finire
à yé nàmaà tìlà à dén nì òngòn cE$ ha
diviso le banane tra i suoi figli
à tìlalà bàarà là jònnà ha finito presto il
lavoro
tìlalì (tila + li; n.) divisione
fà kà nàfolò tìlalì kE$rà màgàn mà b ç$ à là
c’è stata una divisione dei beni senza
problemi
tìlancE $ (tilan + cE; n.) metà
kùmà tìlancE$ là, à gìrinnà kà wùlì a
metà discorso si è alzato all’improvviso
àw yé bàarà kE$ ¯ òng çfE$, wàrì tìlancE$
d’à mà avete lavorato insieme, dagli
metà dei soldi
tìlatà (tila + ta; n.) dividendo
jàté ¯E$fç lilà à dén yé, à yé tìlatà jìralà
spiegando la matematica a suo figlio, gli
ha spiegato il dividendo
tìlé (n.)
sole
giorno
tìlé bç$rà bì c’è tanto sole oggi
tìlé gànnà là bì oggi è in ritardo
àn b E$ tìlé mìnà bì, dènmsenì tE$
màkçrçbà bò ¯ àn al giorno d’oggi i
giovani non rispettano gli anziani
tìlé bànbalì tE$ non c’è giorno
senza fine (prov.): ogni cosa ha il
suo inizio e la sua fine
tìlesinìn (tile + sinin; n.) primo
raggio di sole
è b E$ mùn nà kE$n Emà, hàlì tìlesìnìn
kélèn mà bç$ cosa fai fuori, non c’è
nemmeno un raggio di sole
tìlebà (tile + ba; n.) cicala
à yé tìlebà jìrà à dén là ha
mostrato una cicala a suo figlio
tìlebìn (tile + bin; n.) ovest
è kà tàa tìlebìn y’àn fàn fE$, ì b E$ nà
dùgù yé vai verso l’ovest, troverai
il villaggio
tìlemà (tile + mà; n.) stagione
secca
tìlemà kùmà jì kò b E$ g E$lEyà kç$sçb E$
durante la stagione secca il
problema dell’acqua diventa
impellente
tìlèn (v.)
essere onesto
andare dritto
raddrizzare
à tìlennèn dòn, à tE$ dòn mànanmanà
kò là è una persona onesta, non si
immischia nelle cose brutte
jìrisùn cìnnìn b E$ sé kà tìlèn, nkà nà
kùnbayarà, à tE$ sé kà tìlèn un
piccolo albero giovane può essere
raddrizzato, ma quando cresce
storto questo non è più possibile
(prov.): l’educazione di un figlio si
fa nella sua giovane età, ma quando
cresce questo non è più possibile
à mà mç$g ç$ sì kà kùmà làm E$, à y’à
245
tìlèn kà tàa à kà sìrà fE$ non ha ascoltato
nessuno, è andato dritto per la sua strada
viziato troppo
tì¯E$ kà kùnà la verità è amara
tìlesekuncE $ (tilese + kuncE; avv.)
all’improvviso
tìlesekuncE$ à nànà kà b E$ tç$ yàn
all’improvviso è venuto e ha detto che
vuole rimanere qui
tì¯E nì (ti¯E + ni; n.) distruzione
tì¯Enì yé à sòn kç$rç$ yé la
distruzione è la sua caratteristica
tìmì (agg.)
zuccherato
dolce
buono
nì yé jE$g E$ mìn E$ jì mì nà kò tòbì, ò nà tE$
tìmiyà se fai il sugo con l’acqua in cui
hai preso il pesce, non sarà buono
(prov.): non bisogna essere precipitosi
nelle cose e lasciare tempo al tempo
à kà jìribèn tìmiyarà kòjugù la sua
bevanda a base di zenzero è stata troppo
zuccherata
àn yé tìmì fE$n sùgù b E$ dùn abbiamo
mangiato tutti i tipi di dolce
tìminandiyà (timi + nandiya; n.)
perseveranza
tìminandiyà d E$ b E$ m ç$gç$ tàa ¯E$ è la
perseveranza che ti porta lontano
tìminangò (timi + nango; agg.)
negligente
à tìminangò, à dàkò kà kùnà è
negligente e risponde male
tìn (n.) doglie
à kà tìn wùlilà jònnà le sue doglie sono
iniziate presto
tìnminE musò (tin + min Eso; n.)
ostetrica tradizionale
mùsò càmàn kà tìnmin Emusò yé è
l’ostetrica tradizionale di tante donne
tì¯E $
1 (v.) rovinare
distruggere
viziare
2 (n.) verità
ù yé mònbilì kùrà tì¯E$ hanno distrutto la
nuova macchina
nì sìrà tì¯E$ dòn questa strada è rovinata
à fà y’à tì¯E$ kòjugù suo padre l’ha
tì¯Efç là (tì¯E + fç la; n.) persona
che dice la verità
tì¯Efç là sìgiyçrç$ tE$ màsakE$ kà
bùlondà yé il palazzo del re non è
un posto dove deve stabilirsi uno
che ama dire la verità (prov.): i
potenti non amano la verità
tìrì (n.) linea
nì b E$ tìrì kE$, tìricilàn tàa se vuoi
tracciare una riga, prendi il righello
tìricilàn (tiri + cilan; n.) righello
tìricilàn b’à bòlò, à tE$ sè kà tìrì kE$
kà càn ha un righello e non riesce a
tracciare una linea dritta
tìrikò (n.; dal francese) maglia
à kà tìrikò sérelén dòn à là la
maglia le sta stretta
tìsò
1 (v.) starnutire
2 (n.) starnuto
fòrontò bç$rE$ bànnàn cògò cògò,
tìsotà tE$ bàn à là in un sacco di
peperoncino, anche completamente
vuoto, si trova sempre qualcosa che
ti fa starnutire (prov.): bisogna essere prudenti nei giudizi sulle persone
deboli; possono ancora essere forti
ì kà tìsò b E$ kà càyà nì kùmà là, kç$n ì
h E$rE$ dòn i tuoi starnuti stanno aumentando in questo periodo, speriamo che non sia niente di brutto
tò
1 (n.) polenta a base di farina
(miglio, riso, granturco)
2 (v.) lasciare
rimanere
permettere
bòlokçnì kùnbabà tE$ tò tìg E$ nkà à
bà sç$g ç$ il pollice non può afferare
246
una pallina di “tò”, ma può farci un buco
in mezzo
à y’à tò lasciate perdere
à tòrà m ç$g ç$ fìlà yé sono rimaste due
persone
è d E$ y’à tò à yé nì kE$ sei tu che gli hai
permesso di fare questa cosa
kò ì yé? se ammucchi i vestiti, chi
verrà a lavarli per te?
tòbì (v.) cucinare, cuocere
kç$n ç fE$n nì kùn tE$ tòbì ¯ òngòn fE$ le
viscere e la testa non si cucinano insieme
(prov.): ci sono cose molto diverse, come
la verità e la menzogna
nà b E$ kà tòbì il sugo si sta cuocendo
tònkùn (n.) termitaio
à yé sàrakà kE$ tònkùn sànfE$ ha
fatto un sacrificio sopra il termitaio
tòbikE là (tòbi + kEla; n.) cuoca
tòbikElà màn kà kç$rç tç$ una cuoca non
deve avere fretta altrimenti combina guai
tògò (n.) capanna
nì sànjì yé ì yé tògò kòlòn nà, à tE$ jç$
tùgunnì quando la pioggia ti vede sotto
una vecchia capanna, non per questo si
ferma (prov.): quando un nemico ti vede
senza appoggio, non smette di infierire
tòlì (v.) alterare
gùndò jùgù b E$ ì kò sògò kE$n E$ n’à tòlilà,
à kàsà b E$ b ç$ un vizio segreto è come la
carne, quando si altera, puzza (prov.):
una brutta azione nascosta prima o poi
verrà svelata
tòmì (n.)
tamarindo
punto
tòmì bùlù kà ¯ ì kàbà mà le foglie di
tamarindo sono buone per l’eczema
à yé tòmì kE$ yç$rç$ mì nà, àn b E$ ¯òngòn
sç$rç$ yé ci troveremo lì, dove ha segnato
il punto (sulla carta)
tòmòn (n.) rovina
dì¯E$ yé tòmòn kòlòn yé, mç$g ç$ kànà tìg E$
dì¯E$ nà il mondo è come una vecchia
rovina, non bisogna perdere fiducia in
lui: ci saranno tantissime sconfitte nella
vita, ma non bisogna scoraggiarsi
tòn (v.) ammucchiare
nì fìnì tòn ¯ òngòn kàn, jòn d E$ b E$nnà ò
tònì (v.) sgocciolare
wò b E$ bùtelì là, tùlù b E$ kà tònì la
bottiglia ha un buco, l’olio sta
sgocciolando
tònsò (n.) placenta
jìginì bànàn sa, ù yé tònsò b ç$
partorire è stato facile, hanno tolto
la placenta
tònsojurù (tònso + juru; n.)
cordone ombelicale
ù yé dén kà tònsojurù tìg E$ hanno
tagliato il cordone ombelicale del
bambino
tòrò (n.) bot. ficus gnaphalocarpa,
fico
tòrò bùlù bàlabalèn b E$ bìyèn
fùrakE$ l’infuso di foglie di fico
bollite cura le malattie del fegato
tç $ (n.) resto
wàrì tç$ kà tìlà ù nì ¯ òngòn cE$ il
resto dei soldi va suddiviso tra di
loro
tç $ g ç $
1 (n.) nome
anca
2 (agg.) famoso
dén tç$g ç$ dàrà kùnù ieri hanno dato
il nome al bambino
tì¯E$ kà fç$ Alà yé, à yé tç$gç$ sç$rç$ diciamoci la verità, è diventato famoso
è kà yé, à bà tç$kç$ làmagà guardate
come muove le anche
tç $ g ç mà (tçgç + ma; n.) omonimo
à tà tç$g çmà jE$ fòyì là dà tutto al
suo omonimo
tç $ g ç¯inì (n.) persona che cerca a
tutti i costi un nome
247
à kà kò kE$tà, tE$ bàlì n) nà, tç$gç¯ inì dòn
quel che fa non mi stupisce, è uno che
cerca a tutti i costi un nome
tç $ g ç ti¯ E $ (tç$gç + ti¯E; v.) sparlare di
una persona
sùrukù kélén b E$ tç$w tç$g ç$ tì¯E$ una iena
rovina il nome delle altre (prov.): le
azioni di una sola persona possono
rovinare il nome delle altre
hàn! tç$n w sérà kE$rEfE$ fòrò mà, k’ì
pàn à tà kùnà! com’è possibile! Le
cavallette hanno distrutto i campi
agricoli vicini senza toccare il suo!
tç $ ndèn (tçn + dèn; n.) membro di
un’associazione
tç$ndénw b E$E b E$ fìlì kélén nà tutti i
membri dell’associazione
condividono questo fatto
tç $ g ç tç gç nìn (tçgç + tçg çnin; n.)
dissenteria
jì nç$g ç$ mìnì b E$ tç$g ç tçg ç$ bìlà ì là bere
l’acqua sporca ti provoca la dissenteria
tç $ nfà (tçn + fa; n.) presidente
onorario di un’associazione
ù kà tç$n fà kà gìrì il presidente
onorario della loro associazione è
importante
tç $ g ç wagà (tçgç + waga; n.) persona
dalle gambe arcuate
dén tç$g çwagalèn gàsig E$ kàdì i bambini
con le gambe arcuate sono fortunati
tç $ nnì (n.; dal francese) tonnellata
à màgò b E$ n E$g E$ tç$nnì fìlà là ha
bisogno di due tonnellate di ferro
tç $ lì (n.; dal francese) lamiera
tç$tì bìlalèn sò sànfE$, à b’à fùdenì càyà
una lamiera messa sopra la casa fa
aumentare il caldo
tç $ ntigì (tçn + tigi; n.) presidente
dell’associazione
à kà tç$n tigì b E$ yé à là, n’à à yà dà
yE$lE$, fò ì ¯E$ si vede che è il presidente di un’associazione, quando
apre la bocca si rimane esterrefatti
tç $ lç $ (v.) ingrassare
wàlifE$n b E$ mç$g ç$ bò ¯àn, nkà à tE$ ì tç$lç$
appropriarsi del bene altrui può rendere
importanti, ma non fa ingrassare: (prov.)
i soldi non onesti portano a un futuro
doloroso
tç $ mç $ (v.) raccogliere
mç$g ç$ yé kç$n ç$ mìn su tç$m ç$, ì tE$ ò
kàsikàn dòn non si conosce il canto
dell’uccello morto che si è raccolto
(prov.): si tende a sperperare il bene
altrui, perché non si riconosce con quale
fatica si è acquisito
tç $ n (n.)
associazione
cavalletta
nuca
kàmì b E$ à ¯E$m çgç$ tç$n fìlE$ la faraona
guarda la nuca di chi la precede (prov.): i
bambini imitano i loro genitori
ù kà tç$n b E$ kà tàa ¯E$ la loro
associazione sta andando avanti
tç $ nç $ (n.) guadagno, profitto
dì¯E$ tç$n ç$ b E$ à dònbagà d E$ bòlò
colui che capisce il mondo ne trae
profitto (prov.): la pazienza è alla
base del mondo
à yé tç$n ç$ càmàn sç$rç$ ha avuto un
grosso guadagno
tç $ nç madà (tçn ç + mada; v.)
ipotecare
fàsò b E$ tç$n çmadà nkà à tE$ fèeré si
può ipotecare la patria, ma mai
venderla (prov.): il legame con la
patria è profondo
tç $ nç mì
1 (v.) torcere
2 (n.) braccialetto in metallo a
forma di torciglione
à yé zòn bòlò tç$nç mì kà kà wàrì b ç$
à bòlò ha torto il braccio del ladro
e gli ha tolto i soldi
à yà tE$rEmusò sàmàn tç$n çmì là ha
248
portato alla sua amica un braccialetto in
metallo a forma di torciglione
tç $ nsigì (tçn + sigi; n ) riunione
ù kà tç$nsigì tE$ bàn h E$rE$ là le loro
riunioni non finiscono mai in pace
tç $ ¯ òn (v.) ledere
ì yé n) tç$¯ òn bì, ì yé n) tç$¯òn sìnì mi hai
proprio ferito
tç $ ¯ çgòn (tç¯ç + gon; n.) amico
mç$g ç$ b E$ tàsumà tò ì bònsì là, k’ì
tç$¯ çgòn tà fàgà si può avere la propria
barba che brucia sul fuoco e spegnere
quello di un amico (prov.): si può essere
nella miseria ed aiutare comunque gli altri
tç $ ç rç $
1 (v.) essere infastidito
2 (n.) problema
sofferenza
nì wòlolà kà jòlì mìn tò ì fa sèn nà, ò
kàsà màn kì tç$çrç$ non puoi essere
infastidito dall’odore della ferita che si
trovava sul piede di tuo padre prima della
tua nascita (prov.): non ci si può vergognare della miseria dei propri genitori
bì, bì là, tç$çrç$ b’à là oggi come oggi ha
tanti problemi
nì bànàn tç$$çrç$ kà bòn questa malattia
provoca tanta sofferenza
tç $ rç sì (n.; dal francese) torcia
tàa nì tç$rçsì ì bòlò, kùràn téyé porta con
te una torcia, non c’è corrente lì
tù
1 (v.) sputare
mettere dentro il cuoio
essere fitto
2 (n.) foresta
3 (esclamazione di disprezzo)
à kà kç$n çmayà b’à bìlà dàjì tù là la sua
gravidanza la fa spesso sputare
à yé à kà sE$bE$n tù wàrà gòlò là ha messo
il suo talismano dentro una pelle di leone
tù, n) tìg Erilà vai via, non ho più fiducia
in te
wàrà gìrinà kà b ç$ tù là all’improvviso è
apparso un leone dalla foresta
mùn d E$ yé è kùnsigì tùlèn yé tàn!
come mai i tuoi capelli sono cosi
fitti!
tùbabù (n.; dal francese) un
europeo
tùbabù nàanà nì màS inì càmàn gli
europei hanno portato tante
macchine
tùbabufìn (tubabu + fin; n.)
assimilato
à fìlilà à bç$ yç$rç là, à kE$rà
tùbabufìn yé non sa più da dove
viene, è diventato un assimilato
tùbabukàn (tubabu + kan; n.)
francese
tùbabukàn nì ìtalìyE$n kàn bç$lèn
dòn il francese assomiglia
all’italiano
tùfà (v.) strappare
bàndì yé à kà sàkì tùfà il bandito
gli ha strappato la borsa
tùgù (v.)
legare
seguire
fare finta
incollare
chiudere
mç$g ç$ tE$ tùgù mç$g ç$ là gànsàn non
si segue una persona senza motivo
à yé tàa tùgù à là l’hanno messo
sotto pressione
fì¯E$ yé dà tùgù il vento ha chiuso
la porta
mç$g ç$ b’ì tùgù kà N ùnà, m ç$g ç$ t’ì
tùgù kà wç$sì una persona può far
finta di gemere, ma non può far finta di sudare (prov.): ci sono dei sentimenti che non si possono fingere
à bòlonan Eg E$ tùgù ¯ òngonà ha
incollato il braccialetto
tùgukurù (tugu + kuru; n.) nodo
àn b E$E d E$sErà kà tùgukurù fònì
non siamo riusciti a slegare il nodo
249
tùgùn (avv.)
di nuovo, ancora
mai
à tE$ nàa tùgunì non verrà più
kùmà tùgunì parla ancora
tùgunì, d ç$ fàrà n) kùn aggiungimene
ancora un po’
à b E$ kà sègìn à kàn tùgunì lo sta
ripetendo di nuovo
tùgucì (tugu + ci; n.) vaccinazione
tùgucì dàm Enà, tàa nì dén yé hanno
iniziato la vaccinazione, porta il bambino
tùlò (n.) orecchio
dòn ò dòn tùlò b E$ tàa kàlansò ogni
giorno l’orecchio va a scuola (prov.): la
curiosità è l’inizio della conoscenza
à tùlò kà g E$lE$, ì nà fç$ kàbakò ha la testa
molto dura
à yé tE$g E$ dà à tùlò là gli ha dato uno
schiaffo
tùlodèn (tulo + den; n.) timpano
tùlodèn kà fE$g E$, ì kànà fìn Sç$rì ì tùlò
kç$n ç$ il timpano è fragile, non metterci
niente dentro
tùlobò (tulo + bò; n.) secrezione
dell’orecchio
tùlobò càyalà quanta secrezione
nell’orecchio
tùlogerèn (tulo + geren; n.) sordo
nì tùlogerèn mà sàn kùlukàn m E$n, nì
sànjì bìnnà, à nò yé se il sordo non sente
il tuono, quando le gocce di pioggia cadranno se ne renderà conto (prov.): si
dice alle persone che non ascoltano i
consigli
tùlù (n.) olio
bòlo ¯E$ kélén tùlù tE$ sàmà mù l’olio di
una sola mano non può ungere un
elefante (prov.): una sola persona non
può fare tutto
tùlù gònninà, sògò k’à là l’olio è caldo,
metti la carne
tùmà
1 (cong.) allora
2 (n.) momento
ò tùmà, àn b E$ mùn kE$ ? allora,
cosa facciamo?
ò tùmà mà sé non è arrivato il
momento
tùngàn (n.) estero
tùngàn màndì fùgarì là andare
all’estero non è positivo per un
fannullone
tùngarankE $ (tùngaran + kE; n.)
immigrato
tùngarankE$ mà kà ¯ ìnà à fàsò là
un immigrato non deve mai
dimenticare la sua patria
tùnùn (v.) perdersi
mç$gçninfìn bE$ tùnù jì là yç$rç$ mìn
nà, ò tE$ bà tàayçrç$ yé una capra
non deve andare nel punto del fiume
dove un uomo sparisce (prov.): non
bisogna impegnarsi nelle prove dove
persone più importanti di te hanno
fallito
tùrisì (n.; dal francese) turista
àn kà dùgù kàdì tùrisìw yé il nostro
paese piace ai turisti
tùrù
1 (n.) cresta
treccia
2 (v.) piantare
ì nù tùrù dùgukolò là, ì nà dòn kò ì
tà tE$ pianta il tuo naso per terra,
saprai che non ti appartiene (prov.):
per ricordare a qualcuno la sua
condizione di straniero
fùkarì tE$ jàbà tùrù un fannullone
non pianta la cipolla: non si può
affidare ad un pigro un lavoro che
richiede perseveranza
à y’à kùn tùrù bò ¯ àn si è fatta le
traccine troppo grosse
è b E$ mùn d E$ kE$ nì SE$ tùrù yé?
cosa fai con questa cresta di gallo?
tùurù (n.; dal francese) giro
à b E$ kà tùurù kE$ stanno facendo
un giro
250
tùrikì (n.; dal francese) turco
tùrikì càmàn b E$ Alima ¯ ì ci sono tanti
turchi in Germania
tùsù (n.) grappolo
nì résìn tùsù kà jùgù questo grappolo
d’uva costa troppo
tùtunìn (n.) sesso della donna
ì tùtunìn kò kà ¯ àn lavati bene le parti
intime
tùbì (v.) convertire
Alà k à bò, jòn tùn bà dòn kà b E$ sé kà
tùbì? chi avrebbe detto che poteva
convertirsi?
tùbidèn (tubi + den; n.) convertito
tùbidènw fàanà b E$ m ç$gç$ wE$rE$ ¯ ìnì, ù kà
tùbì i convertiti cercano altre persone da
convertire
251
U
ù (pron.) loro
ù nàanà sono venuti
ùnhùn (avv.) sì
ùnhùn dç$ròn t’à b ç$ un sì non basta
ùn, ùn (avv.) non
ùn, ùn mà sòn no, non accetto
ùtikalò (n.) mese di agosto
ùtikalò b’à sç$rç$ à b E$ vàcansì là il mese
di agosto lo trova in vacanza
252
W
wà (v.) andare
à wàrà à dénmusò féyé è andato da sua
figlia
wàa (n.) boscaglia
à tàrà wàa là kà tàà fùrà tìg E$ è andato
nella boscaglia per tagliare le piante
medicinali
wàajù (n.) volontà divina
mìrì tE$ dì¯E$ bàn. Alà d E$ b E$ jç$nnìnw
wàajù i pensieri non risolveranno mai i
problemi del mondo. È Dio che dà dei
buoni consigli agli uomini (prov.):
l’uomo ha i suoi limiti, dipendiamo dalla
volontà divina
wàajulì (wàaju + lì; v.) predicare
à b E$ kà wàajulù kE$, à y’à nìn mìn E$ sta
predicando, un po’ di silenzio
wàajulikE là (wàajuli + kEla; n.)
predicatore
wàajulikElà kò, ù kà kà kùmà dç$ròn d E$
jàtè il predicatore ha detto di tener conto
di quello che dice
wàansofilì (n.) festa che consacra
l’iniziazione di un nuovo circonciso
ù tàarà wàansofilì là siamo andati
alla festa per l’iniziazione del nuovo circonciso
wàatì (n.)
momento
ora
dì¯E$ yé wàatì kùngurù yé la vita è
un breve momento
à kà wàatì sérà è arrivata la sua ora
wàjibì (avv.) per forza
wàjibì yé à d E$m Enì yé dobbiamo
aiutarlo per forza
wàjibiyà (wàjibi + ya; v.)
costringere
ù y’à wàjibiyà à kà mùsò n fùrù
l’hanno costretto a sposare questa
donna
wàgà (v.) aprire largamente
kòdonbagà bE$ kòdonbalì hàkilì
wàgà l’uomo istruito apre la mente
253
all’ignorante: gli porta nuove idee, nuove
conoscenze
wàgabç $ (n.) cestino di kola
wàgabç$ jòlì kàn kà nàa à kà wòrò tìlà
là? quanti cestini di cola bisogna portare
per i fidanzamenti?
wàgasì (v.) graffiare
nì mà ì dèn sç$nnì tìg E$, à b E$ mç$g ç$ wàgasì
se non tagli le unghie di tuo figlio,
graffierà le persone
wàkilù (n.) testimone nell’ambito del
matrimonio religioso
à kà wàlikù y’à làdì fùrù tàa ¯E$ là il suo
testimone l’ha consigliato sulla buona
riuscita di un matrimonio
wàhabiyà (n.) “wahabita”: una corrente
dell’Islam, persona che segue questa
corrente
wàhabiyàw yé d E$m Enì kE$ i wàhabiti
hanno dato un sostegno
wàlahà (n.; dall’arabo) tavoletta di
legno che utilizza un veggente religioso
musulmano
nì m ç$rikE$ kò: dì¯E$ b E$ fìrì, à tE$ fìrì ì yE$rE$
nì kà wàlahà kç$ se il veggente religioso
annuncia la fine del mondo, lui e la tavoletta di legno non saranno risparmiati: il
profeta della disgrazia è anche interessato
wàlakì (v.) rovesciare
tàsà fàlèn nç$nç$ là, wàlakilà il recipiente
pieno di latte si è rovesciato
wàlàn (n.; dal francese)
volante
tavoletta in legno degli alunni
musulmani
lavagna
hàlì wàlàn mìn E$ cògò à tE$ sé ò là non sa
nemmeno tener bene un volante
kàlàndènw yé ù kù wàlàn tàa gli alunni
della scuola musulmana hanno preso le
loro lavagnette
n’à yé wàlànw dí ékç lì mà, à b E$ wùsayà
ù mà se regalate delle lavagne a questa
scuola, sarà una cosa buona per loro
wàlanwalàn (wàlan + walan; v.)
srotolare
essere a proprio agio
ù b E$ kà fìnì wàlanwalàn hanno
srotolato il tessuto
é kà wàlanwalanèn sìgilèn yé
guardalo seduto a suo agio
wàlì (agg.) var. wàlità altrui
¯E$kunayà tE$ Sç$ b ç$ wàlì fòrò là
l’invidia non fa sparire i fagioli nel
campo altrui (prov.): l’invidia non
serve a niente, non impedisce il
destino
wàlijù (wali + ju; n.) santo
kç$ng ç$ tE$ wàlijù dòn la carestia non
riconosce il santo (prov.): non
risparmia nessuno
wàlisì (n.; dal francese) valigia
nàa bç$rà dùgù là, à kà wàlisì b E$ fa
sàmàn là quando ritorna da un viaggio, la sua valigia è piena di regali
wàntErE $ (n.)
liquidazione, saldi
asta pubblica
à kà fìn b E$E b E$ sàn wàntErE$ là
tutte le sue cose sono comprate ai
saldi
ù tàarà nà kà mìnàn yé wàntErE$ là
hanno portato le sue cose all’asta
pubblica
wàrà (n.) bestia feroce
sà yE$rE$ mà, kà fìsà wàramin E$ yé
meglio morire di morte naturale che
essere preda di una bestia feroce
(prov.): si dice ad una persona che
ama gli eccessi
wàrabà (wara + ba; n.) leone
wàrabà dE$sElèn bE$ ntènkE¯E$ ¯ ìmì
il vecchio leone senza forza mastica
le grosse formiche (prov.): quando si
hanno pochi mezzi, ci si accontenta
di poco
254
wàrabilèn (wara + bilen; n.) scimmia
rossa
wàrabilèn bE$ jìrì dòn, nkà dùgà bE$ ànì
sàn SE$ per quanto abile sia la scimmia ad
arrampicarsi sugli alberi, l’avvoltoio si
pone più in alto (prov.): si trova sempre
qualcuno superiore a noi
wàranikalà (warani + kala; n.) pantera
jàkumà nì wàranikalà b ç$lèn, nkà à dèn
tE$ il gatto assomiglia alla pantera, ma
non è il suo piccolo (prov.): l’apparenza
inganna
wàrakà (v.) disfare
à yà kà mìnàn wàrakà, fòyì mà yé à kùn
ha disfatto le sue cose, non gli hanno
trovato nulla
wàrandà (n.; dal francese) veranda
ù b E$ sìgì verandà kàn, kà tè wùlì si
siedono sulla veranda per prendere il tè
wàrasE $ (n.) aquila
ù kò kà kà wàrasE$ sàrakà, à b E$ d ç$ fàrà à
kà màsayà là ha detto di sacrificare
un’aquila, aumenterà la sua maestà
wàrawarà (n.) specie di setaccio con
grossi buchi
à tàarà nà kà wàrawarà yé dìlalì yç$rç$ là
ha portato il suo setaccio ad aggiustare
wàrì (n.) soldi
à kà wàrì bànàn non ha più soldi
wàrì b’à bòlò ha soldi
sànù nì wàrì b E$ bàn, nkà m ç$gç yà tE$ bàn
l’oro e i soldi finiscono, ma le relazioni
umane rimangono (prov.): la ricchezza
può sparire, ma l’amore fraterno rimane
wàribaaralà (wari + baarala; n.)
finanziere
wàribaaralà dòn, à d E$gènnèn dòn wàrì
là è un finanziere, è abituato ai soldi
wàribòn (wari + bon; n.) tesoreria
pubblica
tàa nì sE$b E$n yé wàribòn yç$rç$ là, ù b’ì kà
wàrì dì ì mà porta la lettera in tesoreria,
ti daranno i soldi
wàribontigì (wari + bontigi; n.)
tesoriere
à yà sìgì kà wàribontigì màkçnç$ kà
dE$sE$ ha aspettato invano il tesoriere
wàrijE $ (wari + jE; n.) argento
à yé wàrijE$ dòn à tE$g E$ là ha messo
un braccialetto d’argento al suo
braccio
wàsà (v.) essere soddisfatto
sìsàn kç$n ì à wàsarà, à dènw b E$E
kE$rà fìn yé adesso è soddisfatta,
tutti i suoi figli sono diventati
qualcuno
wàsò (v.) vantarsi
wàsò kç$ yé kùnnangoyà yé il
vantarsi porta all’umiliazione
(prov.): i beni non sono eterni, la
gente prenderà in giro chi si vanta
quando non avrà più niente
nì Alà yé fìn d’ì mà, ì kànà wàsò se
Dio ti dà qualcosa non vantarti, perché te lo può riprendere un giorno
wàsolòn (n.) regione del
Wassoulou
wàtirì (n.; dal francese)
automobile
wàtirì yE$rE$ d E$ b E$ à bòlò ha
addirittura un’automobile
wàyé (n.) macellaio
nìsondiyà dàn yé kà sùrukù kE$ wàyé
yé il massimo della gioia è far
diventare macellaia una iena
(prov.): il massimo della felicità è
avere ciò che si vuole
wàyibà (v.)
diffamare
svelare
à yé gùndò wàyibà fàn b E$E ha
svelato il segreto dappertutto
à yé ùn wàhibà ùn mùsò ¯E$nà mi
ha diffamato davanti a mia moglie
wélé
1 (v.) chiamare
255
2 (n.) annuncio pubblico
dòn tE$ wélé dòn nà non si chiama un
giorno con il nome di un altro (prov.): il
passato è passato
jàmàn b EE$ yé ¯ òngòn sç$rç$ wélelì yç$rç$
là tutta la gente si è incontrata nel luogo
dell’annuncio pubblico
se non metti un’altra vite non tiene
bene
wéleweledalà (wele + weledala; n.)
banditore
à tùn d ç$nèn dòn, jàkuyà tE$, wéleweledalà
dòn era molto conosciuto, è ovvio, era
un banditore
wò
1 (n.) buco, fessura
2 (v.) terminare
sàn wòlèn kç$, fìlensigì tE$ fE$n ¯E$
quando la pioggia è finita, è inutile
mettere una zucca sotto la grondaia
(prov.): per approfittare di una
situazione bisogna agire al
momento giusto
tù fìn ò fìn, nkE$lEnnìn tE$ fìlì dà mà
per quanto buio sia il cespuglio, lo
scoiattolo non sbaglia l’entrata del
suo buco: (prov.) non ci si sbaglia
mai sul posto dove si trova la
felicità.
wò b ç$rà kògò là si è aperta una
fessura nel muro
wélenìn (wele + nin; n.) campanella
à yé wélenìn sìrì à kà mìS ì màndì kàn nà
ha legato una campanella al collo della
sua mucca preferita
wélurù (n.; dal francese) velluto
nì fùndennì là, à b E$ wélurù dòn con
questo caldo indossa un vestito di
velluto
wE $ rE $
1 (agg.) altro
2 (n.) allevamento
bicchiere
3 (v.) allargare
fùlamusò kò bE$ cE$ mìn yé, ì nà tàa
wE$rEdà là colui che brucia di passione
per una donna Peul (etnia che si occupa di
allevamento del bestiame), andrà presso
l’allevamento (prov.): quando avete
bisogno urgentemente di una cosa, dovete
andare alla fonte
hàlì wE$rE$ ¯E$n Emà tE$ à bòlò non ha
nemmeno dei buoni bicchieri
mç$g ç$ wE$rE$ mà fìn sç$rç$ wà? ci sono ancora altri che non hanno ricevuto nulla?
à y’à wE$rE$, kà kç$n ç fìn b ç$ l’ha allargato
per rovesciarne il contenuto
wE $ rE wE rE ncì (wErE + wErEnci; agg.)
meschino
wE$rEwErEncì dòn , fòyì tE$ b E$n à mà è una
persona meschina, non gli va nulla
wìsì (n.; dal francese) vite
nì mà wìsì wE$rE$ kà là, à tE$ mìn E$ kà càn
wìtirì (n.; dal francese) vetro
dènmsenì yé kàbakurù kE$, kà kà
vìtirì cì i bambini gli hanno rotto il
vetro con una pietra
wòlò
1 (n.) pelle
2 (v.) nascere
mìsì b E$ jòlì tò à wòlò là , kà n ç$nç$
bç$ la mucca conserva il sangue
nella sua pelle dando il latte (prov.):
si possono avere dei problemi
aiutando lo stesso le persone
wòlò nì kùnnandiyà tE$ kélén yé far
nascere dei bambini e avere fortuna
sono due cose diverse (prov.): non
tutti i bambini sono l’orgoglio dei
genitori
wòlobà (wolo + ba; n.) madre
biologica in opposizione a madre
adottiva
dèn tE$ fìlì à wòlobà mà àbadà! un
bambino non sbaglia mai nel
riconoscere la sua vera madre!
wòlodèn (wolo + den; n.) bambino
biologico
nì mùsò sE$g Enà sà, ù y’à wòlodènw
256
dì làm ç$ là questa donna si è stancata,
hanno dato in adozione i suoi figli
(prov.): inutile cercare qualcosa
dove non si trova
wòlodugù (wolo + dugu; n.) villaggio
nativo
à yé kùràn dòn à kà wòlodugù là ha
messo la corrente nel suo villaggio
nativo
wòrobù (woro + bu; n.) carne
della coscia
SE$ tòbirà kç$sçb E$, kà wòrobù b E$E
bç$ à là hai fatto cuocere troppo il
pollo, infatti tutta la carne della
coscia si è staccata
wòlofà (wolo + fa; n.) padre biologico
in opposizione agli zii paterni
ì wòlofà kà kùmà làm E$n, à t’ì jànfà
àbadà ascolta le parole di tuo padre, non
ti tradiranno mai
wòlomalì (n.) scelta
mìn kò à b E$ sùn, mìn kò à b E$ sélì, jàmà
jç$dòn à b E$E nà wòlomà chi dice che fa il
digiuno, chi dice che prega, il giorno del
giudizio universale si farà una scelta
(prov.): non fidarsi delle apparenze
wòlonugù (wolo + nugu; n.) organi
genitali
à yà kà wòlonugù bànàn fùrakE$ kà bàn
ha curato la malattia che ha aggredito i
suoi organi genitali
wòlonfilà (n.) sette
bàrikà b E$ wòlonfilà là il sette è un
numero molto potente
wòlosE bE $ n (wolo + sEb En; n.)
certificato di nascita
à kà wòlosEb E$n ¯E$matununà à là il suo
certificato di nascita è andato smarrito
wòlosò (wolo + so; n.) tipo di casta
à mà dògò mç$g ç$ là kò wòlosò dòn non
ha nascosto a nessuno che proviene da
una casta
wòrò (n.)
cola (specie di noce amara)
coscia
bòlò b E$ wòrò kE$ fE$ErEn yé sono le mani
che spaccano la cola
mç$g ç$ tE$ wòrò ¯ ìnì mànçg ç$ là non si
cerca una coscia in un pesce siluro
wòsò (n.) bot. ipomea batatas,
patata dolce
bàgà ànì wòsò tE$ bàlabalà ¯ç$gç$n
fE$ non si mescola la soda caustica
con la patata dolce (prov.): legarsi a
delle brutte compagnie porta alla
rovina
wòsò bulù wùlilèn kà ¯ ì dìab Etì mà
il liquido delle foglie di patata
bollita fa bene al diabete
wòtorò (n.) carretta
à yé wòtorò bòlilà wélé, kà kà
mìnàn tà ha chiamato il conducente
della carretta per portare delle cose
wòwò (v.) abbaiare
wòwò jàlàn nì kE$lì tE$ kélén yé
parlare a vanvera e fare qualcosa
per davvero sono due cose diverse
(prov.): tra il dire e il fare c’è di
mezzo il mare
wòyò
1 (v.) scorrere
2 (n.) corrente
fàrakùn bìnnèn jàbalì dànkàn nà, nì
dòn mà jànyà, wòyò nì kE$ fàlemà yé
una roccia caduta dalla riva di un
fiume inesauribile sarà prima o poi
ridotta in pezzettini dalla corrente
(prov.): goccia dopo goccia, l’acqua
scava la pietra
kà tò fìnì kò là bà dalà là, wòyò
tàarà nàa yé mentre lavava i vestiti
vicino al fiume, la corrente l’ha
portato via
wç $ g ç bE $ (wçg ç + b E; v.)
dissotterrare
257
fE$n tòlilèn bE$ bE$E kà sò nkà mç$gç$ mìn yé
ì tà wç$gçbE$,ò kàsà bE$ sé yç$rç$ b E$E ci
sono delle cose maleodoranti in tutte le
famiglie, ma chi dissotterra le sue
diffonderà la loro puzza dappertutto
(prov.): i panni sporchi si lavano in casa
wç $ lç $
1 (n.) bot. terminalia macroptera
albero
pernice
2 (agg.) giallo
kà bàn wç$lç$ là, kà còkwE$ dùn rifiutare
di mangiare una pernice cruda e
mangiarne una affumicata (prov.): si dice
a chi non beve bevande alcoliche in
pubblico ma lo fa di nascosto
fìnì kE$ wç$lç$ nì nùgujimàn yé fai un
vestito di colore giallo e verde
wç$lç$ bùlù wìlelèn kà ¯ ì fàrigàn mà il liquido derivato dalle foglie del terminalia
macroptera è buono per curare la febbre
wç $ lç fç $ (n.) Wolof, etnia del Senegal
ànì wç$lçfç$w b E$ bàarà kE$ lavora con i
senegalesi
wç $ lç sç $ (n.) falce
wç$lçsç$ bç$rç lamà, mç$g ç$ tE$ ò sìdòn nkà ì
b’à dòn kò fE$n kùrulèn b E$ b ç$rE$ kç$nç$ se
si mette una falce nella borsa, non si può
sapere che è una falce, ma si saprà che è
una cosa curva (prov.): dalle parole o
dagli atti si possono conoscere le
intenzioni di una persona
wç $ rç $
1 (agg.) sei
2 (v.) scorticare
wàrabilèn kç$rç$ tE$ d E$gè tìgà wç$rç$ là non
si insegna ad una vecchia scimmia a sbucciare le arachidi (prov.): una persona di
esperienza sa come agire di conseguenza
wç$rç$ kà d ç$gç$, ì t’à kE$ tàn yé sei è poco,
fa dieci
wç $ sì (v.) sudare
sànjì jùkçrç$ wç$sì tE$ dòn il sudore non si
vede sotto la pioggia (prov.): si dice degli sforzi e delle sofferenze sconosciute
wç $ y ç $ (n.)
violenta disputa
grido di dolore
bì¯E$ kùrà b ç$ tE$ ¯E$ wç$yç$ kç$ le
nuove corna non crescono senza un
grido di dolore: (prov.) tutte le nuove imprese hanno un inizio difficile
kùmà dç$ b E$ nà nì wç$yç$ yé alcune
parole portano ad una violenta
disputa
wùgù (v.)
macinare
ruminare
¯ òn kà càn wùgù là c’è troppo
miglio sulla pietra da macina
(prov.): non si può fare tutto allo
stesso tempo
bà b E$ wùgù là, à tòyì la capra
rumina, lasciala là
wùgubà (wugu + ba; v.)
scavare
frugare
ù y’à kà jùfà wùgubà, kà wàrì ¯ ìnì
à kç$nòn hanno frugato nelle sue
tasche per cercare i soldi
dùgukolò wùgubarà kà d E$sE$, sànù
mà yé hanno scavato la terra
invano, non hanno trovato l’oro
wùlà (n.)
pomeriggio
boscaglia
tìn k’à dòn b E$ nà wùlà fE$ il
rimpianto viene a fine giornata
(prov.): il rimpianto arriva sempre
troppo tardi
sògò jìgì yé wùlà yé il rifugio
dell’antilope è la boscaglia (prov.):
ognuno si trova bene nel suo
ambiente
wùladanìn (espressione fissa)
verso il calar del sole
wàladanìn mà nà sé, ì b’à pàrilèn
sìgilèn sç$rç$, ù kà bùlodà là verso il
calar del sole, la trovi ben vestita
seduta al portone della sua casa
258
wùlì (v.)
bollire
alzarsi
wùlì kà b ç$ n) n ç$ là, ò yé tì¯E$ yé, nkà wùlì
nkà bç$ n) kùntErE$ kàn, ò yé nkàlòn yé
“alzati dalla mia sedia” si può dire, ma
“abbandona il tuo destino” è impossibile
(prov.): per quanto una persona sia invidiosa, non può andare contro il destino di
qualcun’altro
jì wulilà, màlò k’à là l’acqua bolle, metti
il riso
wùlù (n.)
cane
pene
wùlù wùlilèn tE$ nàmayà dòn un pene in
erezione non conosce legami di parentela
(prov.): un uomo deve sempre avere la padronanza del suo comportamento sessuale
nà àn kà dùminì kE$, ò yé kç$rç lèn kò yé,
nkà wùlù kòng çbatç$ b’à kE$ sE$b E$ yé
“vieni a mangiare” è un invito che si fa a
qualsiasi persona che ci vede mangiare,
ma il cane affamato, se chiamato, lo fa
sul serio (prov.): una persona affamata
non rispetta le regole dell’educazione
wùlujE gE $ (wulu + jEg E; n.) pescecane
à yé wùlujEg E$ tòbì kà kE$ nà dùmàn yé
ha cucinato il pescecane per fare un buon
sugo
wùrudì (v.) sgranare il rosario
à b E$ wùrudì là, à tE$ tìlà sìsàn sta
sgranando il rosario, non finirà
subito
wùsù (v.)
fumare
affumicare
mettere l’incenso
puntare
mùn d E$ b E$ kà wùsù tàsumàn là?
cosa sta fumando sul fuoco?
jE$gE$ wùsulèn kàdì tìgadE$ nà là il
pesce affumicato è buono nel sugo
di arachidi
ì ¯E$ wùsulèn b ç$ n) nà non puntare
il tuo sguardo su di me
à kà sò wùsulèn dòn kùmab E$ c’è
sempre incenso nella sua casa
wùyà (n.) parole menzognere
dònsokE$ tE$g E$ jòlimà tE$ wùyà fç$ il
cacciatore con le mani coperte di
sangue non mente (prov.): la
migliore prova di competenza di
una persona sono le sue prove
wùyafçlà (wuya + fçla; n.)
bugiardo
ìmigrè wùyafçlàw kà càn ci sono
tanti immigrati bugiardi
wùlukutù (wulu + kutu; v.) lussare
à sén wùlukuturà si è lussato un piede
wùlulù (n.)
acqua sporca
fogna
wùlulù d E$ b E$ nàa nì sòsò càyà yé è
l’acqua sporca che porta le zanzare
à sélèn fàngà là, à kò kà b E$ wùluwulù
kE$lE$ quando è arrivato al potere, ha
detto che avrebbe lottato per migliorare
la situazione delle fogne
wùrubà (v.) crollare
sàn càyà kòjugù yé kògò wùrubà
l’abbondanza della pioggia ha fatto
crollare il muro
259
Y
yàalà
1 (v.) andare in giro
2 (n.) passeggiata
nì yé dì¯E$ yàalà, nì mà fE$n sç$rç$, ì nà fE$n
càmàn dç$n se vai in giro per il mondo,
anche se non guadagni niente, conoscerai
tante cose (prov.): questa è l’utilità del
viaggio
t’ì yàalà d ç$nì, à b E$ wùsayà ì mà vai a
fare una passeggiata, ti farà bene
yàdà (n.) arroganza
yàdà màn ¯ ì l’arroganza è una cosa
brutta
yàfà (n.) perdono
àn b E$ Alà délì, yàfà kà dòn àw dùsù là
preghiamo Dio che il perdono entri nel
vostro cuore
yàlòn (v.) alzare o togliere di colpo
à yà sén kE$ kà dàtugulàn yàlòn kà bç$ yé
ha tolto il coperchio con un calcio
yàn (avv.) qui
à bìlà yàn lo metto qui
yànnì (avv.) prima
yànnì ì kà nàa, ì sàrà ì bà là prima
di venire, parla con tua madre
yàyorobà (n.) donna ben messa
fisicamente
yàyorobò dòn, à b E$ fa dòn cE$
càmàn là è una donna ben messa
fisicamente, fa impazzire gli uomini
yéelèn
1 (n.) luce
2 (v.) sciogliere
kàkò d ç$ tE$ jç$ m ç$g ç$ ¯E$nà, nkà ì b E$
dònkE$ à yéelén nà la nuova luna
talvolta si alza all’insaputa delle
persone, si danzerà alla sua luce
(prov.): si può beneficiare di una
cosa senza esserne l’organizzatore
Sìtulù kE$rà cògò cògò à b E$ yéelèn
tìlèn jùkçrç$ qualsiasi sia la
resistenza dell’olio, si scioglie sotto
260
il sole (prov.): ci sono delle situazioni
rispetto alle quali non possiamo fare
niente
yéfegé (n.) albino
nì yé yéfegé fùrù, ì dèn b E$ sòn kà kàyé
se sposi un albino, i tuoi figli potrebbero
essere albini
yèlì (v.) vedere
dèn tE$ yélì b E$rE$ kE$ la bambina non vede
bene
yèn (avv.) lì
nà sérà yèn, à y’à jç$ se arrivate lì,
aspettate
(prov.): ci sono delle leggi che tutti
devono rispettare
yE$lEmà càmàn dònnà kò là sono
stati introdotti tanti cambiamenti
tìlé yé fìnì kùlòr yE$lEmà il sole ha
trasformato il colore del vestito
yE $ lE $ n
1 (v.) salire
2 (agg.) alto
dì¯E$ yé jìgin jìgìn càmàn nì yE$lE$n
yE$lE$n càmàn yé nella vita ci sono
tanti alti e bassi (prov.): la vita è
imprevedibile
nì yE$lElà sànfE$, ì b’à yé se sali, lo
vedrai
yE $ lE $
1 (v.) aprire
2 (n.) sorriso
dç$ kàsikò yé d ç$ kà yE$lE$ kò yé quel che
fa piangere una persona, ne fa ridere
un’altra (prov.): nella vita ci sono alti e
bassi
dà yE$lE$ kàsà kà bç$ apri la porta, che
esca l’odore
yE $ lE nyE lE nsèn (yEl En + yElEn +
sèn; n.) scala
dèn bç$rà kà bìn yE$lEnyElEnsèn là il
bambino è caduto dalle scale
yE $ lE bagà (yEl E + baga; n.) chi ride
mç$g ç$ yE$lEbagà b E$E ¯ ì tE$ b ç$ ì là tutte le
persone che ridono di noi non mostrano i
loro denti (prov.): tutte le persone che
non ci vogliono bene non mostrano i loro
denti
yE $ lEyE lE nnàn (yEl E + yElEn +
nàn; n.) scala
yE$lEyElEnnàn tàa, ì bolo t’à sç$rç$
prendi una scala, la tua mano non ci
arriva
yE $ lE misE $ n (yElE + misEn; n.) sorrisini
n’à y’à cE$ yé, ò yE$lEmisE$n tE$ bàn se
vede suo marito, i sorrisini si susseguono
yE $ lE mà
1 (v.) trasformare, cambiare
raggirare
traslocare
2 (n.) cambiamento
à y’à kùmà yE$lEmà nì kùmà dùmàn yé
l’ha raggirato con delle belle parole
ù yé ò yE$lEmà kùnùn hanno traslocato ieri
fç$lì b E$ yE$lEmà màsakE$ yé nkà d ç$gç$ tE$
yE$lEmà màsakE$ yé per il re si cambia la
musica, ma non il giorno del mercato
yE $ lE nyE lE nmansìn (yElEn +
yElEnman + sin; n.) ascensore
yE$lEnyElEnmansìn tE$ yé lì non c’è
ascensore
yE $ rE $
1 (pron.) se stesso
2 (espressione fissa) in persona
ì kE$ séw, à fà yE$rE$ nàatç$ dòn sii
paziente, sta arrivando suo padre in
persona
è k’ì yE$rE$ làjE$ guarda te stesso
yE $ rE bo¯à (yErE + bo ¯a; v.)
darsi troppa considerazione
farsi rispettare
à b’à yE$rE$ bò ¯ àn nì bàarà mà si
ritiene superiore a questo lavoro
ì kànà tò, ù k’ì d ç$g çyà, ì yE$rE$
bò ¯à! non accettare che ti umilino,
fatti rispettare!
261
yE $ rE dç $ n (yErE + d çn; n.) conoscenza
di se stessi
jìrid ç$n, sòd ç$n, jìdç$n , yE$rEd ç$n ¯ç$g ç$n tE$
sapersi arrampicare su un albero, andare
a cavallo, nuotare, nulla vale quanto la
conoscenza di se stessi (prov.):
conoscere i propri limiti permette di
comportarsi meglio
yE $ rE donbalì (yErEdon + bali; agg.)
maleducata
yE$rEdonbalì kà sìrà tE$ bò ¯à là una
persona maleducata non conosce il
rispetto
yE $ rE fagà (yErE + faga; v.) sucidarsi
yE$rEfagasù màgò tE$ ¯ ìnà ¯ òn ¯ àlèn b E$E
là colui che vuole suicidarsi non si
preoccupa del buon raccolto dell’anno
yE $ rE jirà (v.) farsi vedere
n’à mà yE$rEjirà n) tE$ h E$rE$ sç$rç$ se non si
fa vedere, non avremo pace
yE $ rE jiranci (yErE + jiranci; n.) chi
ama farsi notare
yE$rEjirancì kà bà tE$ dògò bà tç$w cE$ là
la capra che appartiene al vanitoso non
rimane sconosciuta al gregge: il vanitoso
la mostrerà a tutti
yE $ rE kalannà (yErE + kalanna; n.)
autodidatta
yE$rEkalannà dòn, nkà à kE$rà fìn yé è un
autodidatta, ma è diventato qualcuno
yE $ rE kE $ (v.)
stendere
sparpagliare
tìlèn b ç$rà, fìnì yE$rEk E$ il sole è uscito,
stendi i vestiti
kç$nòn kùlù y’ù pàn kà yE$rEkE$ lo stormo
degli uccelli si è alzato e ha lui avuto
paura
yE $ rE kùn (yErE + kùn; pron.) se stesso
yE$rEkùn sç$rç$ ¯ç$g ç$n tE$ sç$rç$ là tra i beni
preziosi, nulla vale quanto la vita (prov.):
la vita non ha prezzo
yE $ rE lagosi (yErE + lagosi; v.)
esporsi volontariamente alle
critiche altrui
à tE$ hìn E$ à yE$rE$ là, yE$rElagosì kàdì
à yé non ha pietà per se stesso, ama
esporsi volontariamente alle
critiche altrui
yE $ rE majigìn (yErEma + jigin; n.)
umiltà
nì tòrà kà yE$rEmajigìn dòn ì kà kò
là, ì bE$ làfiyà se metti un po’ di
umiltà nelle tue cose, sarai in pace
con te stesso
yE $ rE mahç rç nyà (yErEma +
hçrçn + ya; n.) indipendenza
à kò kà màgò tE$ mùsòw kà
yE$rEmah çrçnyà là ha detto che non
gli interessa l’indipendenza delle
donne
yE $ rE minE $ (yErE + min E; n.)
padronanza di se stesso
yE$rEmin E$ kà g E$lE$ à mà gli è
difficile avere padronanza di sé
yE $ rE¯inì (yErE + ¯ ini; v.)
salvarsi
yE$rE¯ inì bòlì nì kç$n çnajuguyà tE$
b E$n quando si corre per salvarsi
non ci si mette poca volontà
(prov.): per salvarsi, si fa ogni
sforzo possibile
yE $ rE sagokE là (yErE + sago +
kEla; n.) persona che fa di testa sua
wàrì b E$ à kùn, wà yE$rEsagokElà
dòn ha i soldi ed è una persona che
fa di testa sua
yE $ rE sç rç $ (yErE + sçrç)
1 (v.) riprendere
2 (n.) sollievo
bànàn tùn y’à sE$gìn kç$sçb E$, à y’à
yE$rEsç rç la malattia l’aveva stancato molto, ma si è ripreso
nì yé fùrà tàa, yE$rEsçrç$ d ç$nnì b E$
nàa
262
se prendi le medicine, avrai un po’ di
sollievo
yE $ rE wolò (yErE + wolo; agg.)
legittimo, autentico
tàa yç$rç$ jàn, à tE$ m ç$gç$ fìlì fàsò bùlondà
yE$rEwolomà là anche se si va lontano,
non ci si sbaglia mai sulla porta d’ingresso della propria casa (prov.): non bisogna mai dimenticarsi le proprie origini.
nì yé fìnì yE$rE$ wòlò yé è un tessuto
autentico
yògolòn (yògo + lon; v.)
appendere a metà
à yògolòn d E$ tòrà jìrì là è rimasto
appeso a metà sull’albero
yònbò (n.) tinta nera
kùnsigì jE$ màndì à yé, yònbò b E$ à
kùnnà kùmab E$ non ama avere i
capelli bianchi, li tinge sempre di
nero
yE $ rE yE rE $ (y ErE + yErE)
1 (v.) tremare
2 (n.) tremore
à b E$ sìràn ¯E$, n’à y’à yé, à b E$ yE$rEyErE$
se lo vede, trema
à kà yE$rEyErE$ b E$ kà càyà i suoi tremori
stanno aumentando
yç $ g ç yçgç $ (yçgç + yçg ç)
1 (v.) muoversi
2 (agg.) poco resistente
à ¯ ì b E$ nà bìn, à b E$ kà yç$g çyçg ç$ il
suo dente sta per cadere, si sta
muovendo
pointì mà dòn kà ¯àn, à
yç$g çyçg ç lèn dòn la punta non è
stata fissata bene, è poco resistente
yìgiyagà (v.) scuotere
sìrà mà ¯ ì, mònbilì b E$ kà yìgiyagà nì àn
yé la strada è brutta, la macchina si sta
muovendo, scuotendosi
yç $ rç $ (n.) posto, luogo
è b’à tàa yç$rç$ dòn? dov’è andato?
nì yé yç$rç$ jùm E$n yé? dov’è il
posto?
yìriwà (v.)
aumentare
promuovere
sviluppare
ù kà dùgù b E$ kà yìriwà il loro paese si
sta sviluppando
cE$w kàn kà mùsòw d E$m E$ ù kà yìriwà là
gli uomini devono aiutare le donne a
emanciparsi
à kà nàfolò yìriwarà ¯ ìnà la sua fortuna
è aumentata quest’anno
yùgubà (v.) sfogarsi ballando
àn tù m E$nà àn tE$ dònkE$, àn y’àn
yùgubà kç$sç$b E$ kùnùn da tanto
tempo non balliamo, balliamo e
sfoghiamoci!
yùgurì (agg.) molto leggero (di
tessuto)
yùgurì d E$ b E$ mç$d ì là sìsàn tessuto
molto leggero che è alla moda
yòbà (v.) diventare molle
à kà bàsìn fìnì yòbarà il suo tessuto in
“basin” è diventato molle
yùguyugù (yugu + yugu; n.)
rigattiere
à mà kç$lç kçlç$ wàrì sç$rç$ yùguyugù
féeré là da rigattiere, ha fatto molti
soldi nel commercio
yòboyabà (yobo + yaba; v.) indebolire
mç$g ç$ kélén sàyà tE$ dùgù cì, nkà à b’à
yòboyagà la morte di una sola persona
non distrugge un villaggio, ma lo indebolisce (prov.): si riconosce l’importanza
di una persona solo quando muore
yùruguyurù (yurugu + yuru; n.)
affare losco
à b E$ yùruguyurù kò là sta in un
affare losco
263
Z
zànàn (n.) proverbio
kàn b E$E, nà kà zànàn tutte le lingue
hanno i loro proverbi
zàmE $ (n.) piatto tradizionale a base di
riso
tùlù càyarà à kà zàm E$ là c’è troppo olio
nel suo riso con vegetali e pesce secco
zàntì (n.) gennaio
à wòlolà sàn dàmin E$, ò yé zàntì yé è
nato all’inizio dell’anno, nel mese di
gennaio
zéneralì (n.; dal francese ) generale
ù y’à kà gràdì yE$lE$, à kE$rà zéneralì yé
l’hanno passato di grado, è diventato
generale
à yé zE$rEbù ¯ ùmàn kàlà à yé gli ha
cucito un bel vestito
zìlE $ (n.; dal francese ) giubbotto
à kà zìlE$ b E$ kà dç$g çyà à mà il
giubbotto gli sta diventando stretto
zùlù (n.) taglio alla moda degli
zulu, un’etnia del Sud Africa
à kà zùlù ¯ ànàn il suo taglio zulu è
bello
zùluyekalò (zuluye + kalo; n.)
luglio
à kà fùrù bìlalà zùluyekalò là il suo
matrimonio è stato rinviato al mese
di luglio
zE $ rE $ (n.) cocomero
dìyà hàlì kélén tE$ nì zE$rE$ là questo
cocomero non ha nessun sapore
zE $ rE bù (zErE + bu; n.) vestito maschile
ampio
264
Fly UP