...

sulle nostre gambe - Provincia di Rimini

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

sulle nostre gambe - Provincia di Rimini
SCHEDA PROGETTO PER L’IMPIEGO DI VOLONTARI IN
SERVIZIO CIVILE IN ITALIA
ENTE
1) Ente proponente il progetto:
CARITAS ITALIANA
La Caritas Italiana è l'organismo pastorale della Cei (Conferenza Episcopale Italiana) con lo scopo di
promuovere «la testimonianza della carità nella comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai
bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare
attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica» (art.1 dello Statuto).
È nata nel 1971, per volere di Paolo VI, nello spirito del rinnovamento avviato dal Concilio Vaticano II.
Ha prevalente funzione pedagogica, cioè tende a far crescere nelle persone, nelle famiglie, nelle comunità, il
senso cristiano della Carità.
Nel 1977 ha stipulato la convenzione col Ministero della Difesa per accogliere obiettori di coscienza al
servizio militare e nel 2001 è stata tra i primi enti a realizzare progetti di servizio civile nazionale.
Caritas diocesana di Rimini
La Caritas diocesana di Rimini nasce ufficialmente il 25 Gennaio del 1978, anche se da anni il territorio
riminese era attivo nelle opere di carità nei confronti degli ultimi e degli emarginati. Il primo servizio attivato
dalla Caritas diocesana è stata la mensa della fraternità. Nel 1985, per dare forma ufficiale e giuridica alle
iniziative promosse dalla Caritas, viene costituita la Cooperativa Madonna della Carità. E’ negli anni ’90 che
la Caritas amplia il proprio raggio di intervento grazie alla creazione di servizi quali: Telefono della
Solidarietà, Giro nonni, Centro Servizi Immigrati, Centro Betania Migrantes, Associazione Famiglie Insieme.
Nel 2002, viene costituito un nuovo strumento di servizio ai poveri: l’Osservatorio Diocesano delle Povertà e
delle Risorse con la finalità di favorire la conoscenza del disagio sociale presente sul territorio della diocesi.
Dallo stesso anno i giovani possono svolgere Servizio Civile in diversi settori di intervento della struttura.
Attraverso il laboratorio diocesano la Caritas stimola la crescita delle realtà caritative parrocchiali ed
interparrocchiali, assieme alle quali raccoglie dati utili che offrono alle istituzioni elementi per dare risposte
concrete ed efficaci ai bisogni dei poveri.
L’Ente presso il quale devono essere indirizzate le domande per il presente progetto è:
CARITAS DIOCESANA DI RIMINI
Via Madonna della Scala, 7 cap. 47921 città Rimini – Tel. 0542-26040 Fax 0541-24826
E-mail [email protected]
Persona di riferimento: Paola Bonadonna
2) Codice di accreditamento:
NZ01752
3) Albo e classe di iscrizione:
NAZIONALE
1° CLASSE
CARATTERISTICHE PROGETTO
4) Titolo del progetto:
SULLE NOSTRE GAMBE- RIMINI
1
5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3):
Settore: Assistenza
Area di intervento: Disagio adulto
Codice: A 12
2
6) Descrizione dell’area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il
progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori
misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto:
AMBITO DI INTERVENTO
Il progetto riguarda il territorio della provincia di Rimini, in particolare i comuni di Rimini e
Cattolica.
Si propone di agire sulla fascia del disagio adulto presente sul territorio provinciale, nello specifico
sulle persone in stato di bisogno, che si rivolgono alla Caritas diocesana di Rimini e alla Caritas
Parrocchiale dei SS Apollinare e Pio V di Cattolica. Il progetto intende qualificare l’intervento nei
confronti di quelle persone che si rivolgono ai due centri per permetterne una piena autonomia e il
reinserimento della persona stessa nel tessuto sociale.
Con disagio adulto si intende quella pluralità di situazioni di forte difficoltà che ricadono nella
categoria comunemente detta di povertà. Povertà intesa sia come indigenza economica, sia come
impoverimento sociale e culturale, solitudine, emarginazione, malattia, dipendenze e la povertà di
chi abbondona il proprio paese per cercare condizioni migliori di vita. All’interno di questo ampio
ambito, si vorrebbe agire in particolare su fasce di popolazione in situazione di disagio evidente, fra
le quali: le donne sole con figli a carico, le famiglie numerose, i rifugiati e richiedenti asilo, i senza
fissa dimora. Particolare attenzione si intende porre anche alla grossa fascia di persone che, con
l’avanzare della recente crisi, avendo perso o ridotto le ore di lavoro, si sono trovati in grave
affanno economico ed esistenziale.
CONTESTO TERRITORIALE E SETTORIALE DI RIFERIMENTO
Al 1° gennaio 2015 nella Provincia di Rimini, i residenti nei 26 comuni hanno raggiunto la quota di
336.189 unità (48,3% maschi e 51,7% femmine) con una crescita, rispetto all’anno precedente, di
1.156 unità (+0,3% in valore percentuale), dovuta esclusivamente all’immigrazione, poiché il saldo
naturale è risultato, per il quarto anno consecutivo, ancora negativo.
Gli stranieri residenti nella provincia di Rimini, sono 36.881 e rappresentano l’11% della
popolazione residente totale. Rispetto all’anno scorso sono aumentati di 360 unità (+1%).
Nel totale i paesi rappresentati da questo flusso migratorio sono 131: il 21,2% degli stranieri
proviene da paesi della Comunità Europea, il 78,8% proviene da paesi Extra Comunitari, il 15,3%
proviene dall’Africa, il 6,1% proviene dall’America e il 9,3% proviene dall’Asia. Le nazionalità
principali sono Albania (22,4%, al primo posto dal 1999), Romania (16%), Ucraina (13,1%),
Marocco (6,8%), Cina (6,3%), Senegal (4,8%), Moldova (4,6%), Macedonia (4,3%) e Russia
(2,9%).
I richiedenti asilo e rifugiati sono in costante aumento. Erano 189 nel 2013 (fonte: Questure
dell’Emilia Romagna, dati 2013) provenienti da Nigeria, Bangladesh e Somalia, sono….
EMERGENZA “MARE NOSTRUM”
In seguito al naufragio di un’imbarcazione libica, del 3 ottobre 2013 al largo di Lampedusa che
provocò 366 morti accertati, il governo italiano, decise di rafforzare il dispositivo nazionale per il
pattugliamento del Canale di Sicilia autorizzando l’operazione “Mare nostrum”. Una missione
militare e umanitaria la cui finalità era il prestare soccorso ai migranti, prima che potessero ripetersi
altri tragici eventi nel Mediterraneo.
L’obiettivo era quello di intervenire in loro aiuto, giungendo il più vicino possibile ai porti dei paesi
nordafricani dai quali salpano i barconi fatiscenti che li traghettano in Europa, con la speranza che
tale operazione potesse anche fungere come deterrente nei confronti di coloro che organizzano
questo illecito traffico di esseri umani.
3
Parallelamente alle operazioni di salvataggio, si è messa in atto una rete di accoglienza su tutto il
territorio nazionale in grado sia di garantire un’idonea sistemazione abitativa alle persone tratte in
salvo che, in attesa del perfezionamento della procedura intesa al riconoscimento della protezione
internazionale, una serie di attività finalizzate a fornire supporto ai migranti in termini di tutela della
salute, alfabetizzazione, conoscenza delle leggi che regolano il “sistema Italia”, possibilità di
rendersi progressivamente autonomi e consapevoli delle proprie capacità.
A gennaio 2014 il territorio provinciale di Rimini accoglieva 250 profughi distribuiti su diversi
Comuni, a giugno 2015 ne ospitava 331. (Fonte Prefettura di Rimini)
Comune di Rimini
La popolazione residente nel comune di Rimini al 1 gennaio 2015 era di 147.971 unità.
Gli stranieri residenti risultano 18.226, la pressione migratoria è del 12,4% e la percentuale di
stranieri, sul totale degli stranieri residenti nella provincia di Rimini, è del 49,9%.
Rimini rappresenta il comune con in assoluto la più alta percentuale di immigrazione.
Comune di Cattolica
Sempre nel periodo gennaio 2015, i residenti nel comune di Cattolica risultavano essere 17.116.
Gli stranieri residenti hanno raggiunto quota 1.947, la pressione migratoria è del 11,4% e la
percentuale di stranieri sul totale degli stranieri residenti nella provincia di Rimini è del 5,3%.
(Dati aggiornati all’1/1/2014 I fenomeni migratori nella Provincia di Rimini XIV° Osservatorio)
PROBLEMATICHE DEL TERRITORIO
Difficoltà economiche
Dall’osservatorio provinciale emerge che le persone in disagio economico presenti sul territorio di
Rimini sono 13.597, il dato è stato ottenuto incrociando i dati dell’Ausl, del Comune e della Caritas
diocesana. Le fonti dell’Osservatorio delle Povertà e Risorse della Caritas diocesana di Rimini,
rappresentano ormai da anni un punto di osservazione fondamentale per le statistiche pubbliche a
livello provinciale. La Caritas infatti rappresenta un punto di vista “privilegiato”, riuscendo ad
intercettare anche quelle persone che generalmente non possono accedere ai servizi pubblici (perché
immigrate e senza permesso di soggiorni o perché italiane ma non residenti sul territorio) e di cui
perciò non si avrebbe traccia diversamente. Dei 13.597, i residenti sono 7.751, gli stranieri sono
2.962 , di questi 8,9% sono residenti.
4
La povertà delle famiglie
Il dato più allarmante riguarda le famiglie: 6.201 (4,4% famiglie residenti) nuclei familiari dove
complessivamente vivono 18.842 persone.
5
Disoccupazione
Per quanto concerne la provincia di Rimini, dal 2007 al 2009 i disoccupati sono saliti di circa 5 mila
unità sfiorando quota 11 mila durante il primo anno di crisi. Nel 2010, in seguito all’annessione
dell’Alta Valmarecchia, il loro numero raggiunge le 12 mila unità, mantenendosi intorno a questa
cifra anche nel 2011. Ragionando in termini percentuali, il tasso di disoccupazione provinciale è
passato dal 4,5% del 2007 all’8,1% del 2011, con un aumento complessivo (+ 3,6 punti)
superiore a quello rilevato nello stesso periodo in ambito regionale (+ 2,4 punti) e nazionale (+
2,3 punti). Inoltre, mentre in Emilia-Romagna e in Italia il trend crescente di questo indicatore ha
inizio nel 2008, a livello locale già dal 2007 esso era salito seppur di poco (+ 0,3 punti) rispetto
all’anno precedente.
Secondo l’Istat, durante il 2012 i disoccupati residenti a Rimini superano le 15 mila unità ed il tasso
di disoccupazione si avvicina al 10%, con un incremento annuo di 1,7 punti percentuali che è simile
a quello medio regionale (+ 1,8 punti), ma inferiore al dato nazionale (+ 2,3 punti). Come detto, la
crescita dei senza lavoro prosegue anche nel 2013 quando il loro numero va oltre le 17 mila unità e
l’incidenza percentuale arriva in doppia cifra, toccando l’11,5%.
In termini relativi è proprio Rimini a presentare l’incremento più elevato, dal momento che il tasso
corrispondente sale di 1,7 punti, a fronte di un aumento di 1,4 punti in Emilia-Romagna e di 1,5
punti in Italia.
6
Fonte: Rapporto sull’economia della provincia di Rimini
DESCRIZIONE DELL’OFFERTA E DELLA DOMANDA DI SERVIZI ANALOGHI NEL
TERRITORIO
SPORTELLO SOCIALE COMUNE RIMINI
Sono 2.668 i colloqui con 1.691 utenti; questi in estrema sintesi i numeri degli assistenti sociali
dello sportello sociale professionale del Comune di Rimini per l’anno 2014, dedicato alla fascia di
popolazione adulta compresa tra i 18 e i 64 anni.
Degli utenti presentatisi per un colloquio di aiuto ed assistenza al Comune di Rimini, la
maggioranza (quasi mille, il 60%) fa parte di quella fascia di età cosiddetta attiva (tra i 31 e i 50
anni) che un tempo era meno colpita da questi bisogni e per cui è evidente l’impatto delle difficoltà
occupazionali dovuti alla crisi economica. Il 61% è invece la percentuale di coloro che hanno una
famiglia con figli minori a carico. Trattasi soprattutto di “famiglie giovani” prevalentemente
straniere, prive di reti parentali significative, con contratti di lavoro precari, nella quasi totalità
monoreddito, con la figura genitoriale femminile dedita all’accudimento dei figli, spesso priva di
alcuna esperienza lavorativa e con difficoltà linguistiche. Tra le richieste, i contributi economici per
problemi relativi alla casa (bollette, affitto, sfratto) rappresentano circa il 50% del totale, le
problematiche relative al lavoro si assestano al 15%, il resto delle richieste riguarda colloqui di
sostegno e consulenza o informazioni e orientamento per i servizi di assistenza pubblici.
7
8
CROCE ROSSA RICCIONE
La Croce Rossa Italiana è un’Associazione di Promozione Sociale che opera a livello locale e
internazionale.
La Croce Rossa di Riccione ascolta ed assiste le famiglie in difficoltà attraverso l’erogazione di
pacchi viveri, il pagamento di alcune bollette in caso di necessità, coordinandosi con i Servizi
Sociali.
Nel 2014 ha assistito 94 famiglie, per un totale di 214 adulti e 94 minori, in aumento rispetto alle
42 famiglie seguite nel 2013 e alle 34 seguite nel 2012.
Le famiglie sono prevalentemente italiane, rumene, ucraine, marocchine, tunisine, domenicane,
colombiane, slave, macedoni, albanesi e altre nazionalità.
Sono 60 le famiglie con minori a carico, 12 quelle numerose, 19 le persone separate con figli, 2 le
famiglie dove sono presenti disabili, 12 le famiglie prive di alcun reddito, 2 quelle completamente
abbandonate, 4 quelle che hanno difficoltà ad interagire, 2 che hanno un componente con problemi
di dipendenze e 12 le persone che sono completamente sole.
LA CAPANNA DI BETLEMME
La Capanna di Betlemme è una realtà di accoglienza per senza dimora attiva nel territorio
riminese dal 1987. Nel tempo la struttura si è modificata ed ampliata nel tentativo di dare una
risposta sempre più ampia ed efficace alle richieste ed esigenze delle persone incontrate in strada.
Lo spirito è rimasto lo stesso: rispondere non solo ai bisogni primari ma intraprendere con la
persona un percorso di reinserimento sociale. Ciò che si cerca di creare è un contesto di vita in cui
la presa a carico della persona sia globale.
Incontriamo chi vive in strada: tutte le sere alcuni operatori si dirigono in stazione dove
incontrano le persone che chiedono di essere accolte. Dopo essersi fermati in stazione circa un’ora
e dopo diversi colloqui gli operatori accompagnano le persone alla Capannadi Betlemme. Tutti
possono accedervi, eccezion fatta per chi ha consumato alcolici o per chi è sotto l’effetto di droghe.
Le persone accedono alla casa anche in seguito alle segnalazioni di polizia, questura, ospedale o
degli stessi cittadini di Rimini. Fondamentale è la collaborazione con le altre strutture presenti sul
territorio: la Caritas, la Mensa di Santo Spirito e le altre strutture dell’Ass. Papa Giovanni XXIII
presenti a Rimini e nelle varie zone d’Italia.
Unità di strada: operatori e volontari della Capanna di Betlemme una o due sere a settimana
effettuano un’uscita nelle zona di Rimini e provincia al fine di conoscere ed esplorare i luoghi
dell’emarginazione e del disagio. Lo scopo dell’unità di strada è quella di conoscere e creare una
relazione con tutti coloro che per diversi motivi sfuggono dai circuiti dell’accoglienza e vivono in
sistemazioni di fortuna. Si tenta non solo di offrire beni di primissima necessità, ma di creare una
relazione continuativa che possa portare ad un intervento di reinserimento sociale.
Albergo Sociale
Da più di un anno è iniziata una collaborazione col Comune di Rimini per l’accoglienza di nuclei
familiari in situazione di disagio abitativo residenti nel comune di Rimini e inviati direttamente dal
Comune.
La maggior parte di queste famiglie hanno avuto problemi abitativi, lavorativi, psicologici e
sanitari.
Le famiglie in situazione di povertà e di disagio abitativo ospitate nel 2014 dall’albergo sociale
sono state 17 (11 italiane e 6 straniere) per un totale di 32 persone (21 adulti e 11 minori).
Le nazionalità di provenienza dei nuclei stranieri sono: Ucraina, Marocco, Perù, Tunisia e Senegal.
In seguito al protrarsi della crisi economica e dei numerosi conflitti che anche quest’anno hanno
colpito Paesi a noi vicini, il numero delle persone in strada anche nel 2014 è aumentato in linea con
l’andamento degli ultimi quattro anni. Nel 2014 il numero delle persone accolte è aumentato
dell’8% in confronto all’anno precedente e ben del 59% rispetto al 2010.
9
Le diverse persone accolte sono state 986, di cui, 157 donne e 829 uomini per un totale di 17.532
accoglienze nell’arco dell’anno.
FAMIGLIE INSIEME
L’associazione si è costituita nel 1996 con la finalità di sostenere le famiglie in difficoltà economica
e come strumento di lotta all’usura. È operativa, attraverso l’erogazione di prestiti alle famiglie in
difficoltà e in questi anni tantissimi sono stati i cambiamenti, dovuti in gran parte alla crisi
economica che ha inciso notevolmente sul benessere delle famiglie.
Il servizio viene svolto da 4 volontari che, attraverso il dialogo diretto con la persona, ascoltano e
valutano le varie situazioni. Nel 2014 sono state 577 le famiglie che hanno fatto richiesta ed hanno
avuto risposta positiva ben 491 di queste.
Il Fondo a cui si fa riferimento per l’erogazione dei prestiti è gestito da Banca CARIMETICREDITO ed è istituito attraverso contributi provenienti da diversi soggetti. Nel 2014 è stato
così composto: 50.000 euro da parte del Comune di Rimini, 33.000 dalla Caritas diocesana, 15.000
dalla Fondazione Carim, 7.000 euro dal Comune di Riccione, 5.000 euro dall’Ass. Figli del Mondo
e 7.000 da parte di offerte di privati, per un totale di 117 mila, che si è sommato al deposito che era
già presente.
10
11
12
La tabella seguente riporta gli aiuti alle famiglie presenti sul territorio del Comune di Rimini
Statale
Sconto del 20% circa, sulla bolletta della luce e del
15% sul gas.
Bonus elettrico (da 72 a 156 €) Bonus gas (da 35 a 300
€)
Assegno di
maternità
Statale
Assegno a fronte della nascita, dell’adozione o
dell’affidamento di un figlio. Viene concesso anche a
coloro che non hanno avuto indennità di maternità, in
quanto disoccupate.
Assegno per
nucleo familiare
con 3 figli minori
Statale ma va
richiesta in
Comune
Assegno a fronte di almeno tre figli minori e un
genitore.
I membri devono essere tutti nello stesso stato di
famiglia.
Bonus famiglia
Statale
Assegno per le famiglie qualificate a basso reddito. E’
cumulabile con altre forme di sostegno.
Statale
Prestito fino a 5000 euro da restituire entro 5 anni, per
coloro che hanno figli nati negli ultimi 3 anni.
Vengono erogati solo da banche che accettano la
proposta statale.
Social Card
Statale
Carta concessa agli anziani con più di 65 anni e ai
bambini minori di 3 anni con determinati requisiti.
Vale 40 euro al mese e porta anche a sconti in
determinati negozi.
Contributo per
Regionale ma va
Contributo per varie categorie sociali (principalmente
Bonus luce e gas
Fondo per i nuovi
nati
13
acquisto casa
richiesta in
Comune
giovani sposi e famiglie numerose) che acquistano un
alloggio nel loro Comune di provenienza
Fondo per affitto
Comunale
Contributo a fondo perduto di 1800€ per pagare i primi
mesi di affitto per coloro con reddito alto per accedere
alle Case Popolari ma non ne hanno abbastanza per
pagare una casa sul mercato libero
Bando Badanti
Comunale
Rimborso del 20% del costo per coloro che ricorrono a
badanti che assistono persone anziane o con invalidità
superiore al 75% conviventi con la famiglia
Contributi a
favore delle
famiglie con 4 e
più figli
Comunale
Assegno per coloro che hanno più di 4 figli e un
determinato ISEE.
Family Card
Comunale
Tessera sconti per coloro che hanno più di tre figli e un
determinato ISEE.
Residence dei
babbi
Comunale
Residence per padri separati che mantengono i propri
figli e che hanno un reddito inferiore a una certa soglia.
Sportello “Per
Lei”
Comunale
Servizi e consulenze per donne (ma anche uomini) che
riscontrino difficoltà come violenze o discriminazioni,
sia in ambito familiare che lavorativo
Ascolto
Caritas Diocesana e
Parrocchiali
Possibilità di parlare con volontari capaci di ascoltare
che diano sostegno, orientamento e risposte immediate
ai bisogni.
Pacco viveri
Caritas Diocesana e
Parrocchiali
Sostegno alimentare mensile o quindicinale.
Indumenti
Caritas Diocesana e
Parrocchiali
Possibilità di ricevere indumenti usati gratuitamente.
Medicinali
Caritas Diocesana
Possibilità di ricevere farmaci da banco gratuitamente
Distribuzione
materiale
scolastico
Caritas Diocesana
Possibilità di ricevere materiale scolastico, quali zaini,
cancelleria e altro, per famiglie con minori in difficoltà
Centro educativo
Caritas Diocesana
Sostegno scolastico e occasioni di socializzazione per
bambini italiani o stranieri che vivono in situazioni di
disagio
14
Prestiti
Associazione
Famiglie Insieme
Possibilità di ricevere un prestito per un tetto massimo
di 1000€ per famiglie in difficoltà, domiciliate sul
territorio, che abbiano un garante.
Giro mobili
Caritas Diocesana
presso magazzino
Parrocchia di San
Vito
Possibilità di donare mobili usati a famiglie in
difficoltà. Acquisto di mobili a basso prezzo
Fondo per il
Lavoro
Caritas Diocesana
Presentando domanda presso la propria Caritas
Parrocchiale o presso il patronato ACLI è possibile
candidarsi al Fondo per il Lavoro, un’opportunità di
trovare un impiego grazie agli incentivi che vengono
dati ai datori di lavoro ai quali viene pagato parte dei
contributi del nuovo dipendente
Giro nonni
Caritas Diocesana
Consegna pasti a domicilio a persone anziane sole e/o
in difficoltà
Assistente in
Famiglia
Caritas Diocesana
per conto del
Comune
Possibilità di ottenere impiego come badante
Possibilità di trovare un’assistente familiare
Avvocati solidali
Caritas Diocesana
Possibilità di avere una consulenza gratuita con
avvocati disponibili.
Centro Servizi
Immigrati
Caritas Diocesana
per conto del
Comune
Orientamento e disbrigo pratiche per cittadini
immigrati
Caritas Diocesana
Luogo che offre sostegno alle famiglie in quanto tre
pomeriggi a settimana accoglie bambini per l’aiuto
nello svolgimento dei compiti per casa e favorisce
occasioni educative di incontro e socializzazione per i
bambini di varie nazionalità.
Centro Educativo
15
Strutture del territorio provinciale che si occupano dell’accoglienza in ambito Emergenza
“Mare Nostrum” (fonte Prefettura di Rimini, dati aggiornati a giugno 2015)
DENOMINAZIONE
STRUTTURA
CASA DELLA GIOVANE
CARITAS
COMUNITA' PAPA
GIOVANNI
APPARTAMENTO
STRUTTURA DI VIA
EMILIA
STRUTTURA DI VIA
MARECCHIESE
RESIDENCE GEMMA DI
CAMPO
HOTEL ZURIGO
VIA MURANO
RICCIONE
SAN VITO APPARTAMENTO
VIA DARIO CAMPANA
CASA DI PRIMA
ACCOGLIENZA
APPARTAMENTI
HOTEL IVETTE
HOTEL VILLA DINA
RESIDENCE
APPARTAMENTI
APPARTAMENTI
HOTEL MARYLISE
TOTALE
CAPIENZA
(disponibilità
PRESENZE
della struttura
TOTALI
per accoglienza GIORNALIERE
migranti)
NOTE (strutture che sono
disponibili ad ospitare)
37
17
37
17
MADONNA DELLA CARITA
CARITAS
75
75
COMUNITA PAPA G.
5
5
TERRE SOLIDALI
15
15
TERRE SOLIDALI
15
15
CENTO FIORI
17
17
CENTO FIORI
10
10
CENTOFIORI
4
4
CENTOFIORI
6
6
CENTOFIORI
6
6
CENTOFIORI
16
16
FONDAZIONE S.PAOLO
13
33
17
14
14
11
6
331
13
33
17
14
14
11
6
331
ASSOCIAZIONE ARDEA
COOPERATIVA CAD
COOPERATIVA CAD
COOPERATIVA METIS
COOPERATIVA METIS
COOP.EDITH STEIN
provvisoria accoglienza
Sede: CARITAS DIOCESANA RIMINI
La Caritas diocesana di Rimini è attiva sul territorio provinciale dal 1978 per contrastare la povertà
e dare risposte che siano attinenti alle esigenze in continuo aumento e che si presentano sempre più
complesse.
Il Centro si caratterizza come una struttura di accoglienza multiforme perché accoglie persone con
diverse tipologie di disagio, sia uomini che donne e fornisce loro numerosi servizi e
l’accompagnamento necessario.
La Caritas dispone di alloggi di prima accoglienza per uomini e donne e di alloggi di seconda
accoglienza che sono stati messi a disposizione per fare fronte all’emergenza “Mare Nostrum”.
16
Qualsiasi tipo di intervento ha inizio con il Centro di Ascolto che è il luogo deputato alla
valutazione dei casi delle persone che si presentano per chiedere aiuto e alla conseguente
attivazione dei servizi più idonei.
Il primo servizio che la Caritas offre a coloro che si trovano in situazione di bisogno è l’ascolto, ne
segue la valutazione del caso, l’accoglienza o un eventuale invio ad altri servizi del territorio più
idonei ad affrontare le problematiche emerse.
Il Centro di Ascolto è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e lunedì, mercoledì e venerdì
dalle 15.00 alle 18.00.
Il Centro d’Ascolto dispone di tre uffici con postazione computer. Esso collabora con l’Osservatorio
diocesano delle Povertà e delle Risorse che si occupa della registrazione ed elaborazione dati,
raccolti dagli operatori del Centro di Ascolto. Nel dialogo con l’operatore, si cerca di comprendere
meglio la situazione di ogni utente, trovare nuove soluzioni ai problemi che emergono, strutturare
un percorso che possa al meglio rispondere alle problematiche di ciascun individuo.
Nato nel 2002, l’Osservatorio diocesano è uno strumento della Diocesi di Rimini finalizzato a
conoscere meglio, riflettere sulle situazioni di povertà ed emarginazione esistenti sul territorio e
trarne indicazioni di impegno sociale.
Per questo il lavoro di rete che la Caritas ha messo in piedi con gli altri attori del territorio che si
occupano di contrasto alla povertà e disagio, è fondamentale per poter dare risposte che siano
efficaci e rispondenti alle varie esigenze.
Ogni anno la Caritas diocesana di Rimini realizza il Rapporto sulle Povertà e le Risorse che
raccoglie i dati degli oltre 60 Centri di Ascolto Caritas presenti sul territorio della provincia e li
elabora al fine di offrire un quadro, il più esaustivo possibile, delle povertà presenti sul territorio e
delle realtà che si impegnano nel contrasto di questo fenomeno. Oltre ai dati delle Caritas, il
Rapporto riporta dati ed iniziative di altre realtà che sul territorio si occupano di contrasto alle
povertà. Da questo punto di vista, la Caritas diocesana di Rimini rappresenta un importante punto di
riferimento, riconosciuto da enti pubblici e privati, per l’osservazione e lo studio delle povertà
presenti sul territorio e dei flussi migratori.
Il Rapporto sulle Povertà e Risorse è fondamentale per una lettura efficace delle povertà e, grazie
alla sua divulgazione, permette un capillare lavoro di rete per approfondirle e mettere in atto piani
volti a contrastarle. E’ necessario a tal fine che si organizzino incontri pubblici informativi per far sì
che il territorio e le istituzioni siano informate. Nel 2014 è stato organizzato un evento pubblico al
quale erano presenti alcuni rappresentanti delle istituzioni ed incontri con scuole e gruppi
parrocchiali. (indicatore di bisogno sul quale incidere tramite il progetto).
Nuovi Poveri
Il numero delle persone che si sono presentate al Centro di Ascolto per la prima volta nel 2014 non
è diminuito rispetto agli anni precedenti: da 1.118 del 2013 siamo passati a 1.142; queste sono per il
26% italiane e per il 74% straniere (soprattutto rumeni e marocchini).
17
Tra i 295 italiani che si sono rivolti alla Caritas per la prima volta nel 2014, 70 risiedono a Rimini,
dato in aumento rispetto al passato. Tra le persone straniere che si sono rivolte alla Caritas per la
prima volta nel 2014 ci sono anche coloro che sono fuggiti dai conflitti, in particolare i profughi,
provenienti da: Mali, Afghanistan, Iran, Pakistan, Costa d’Avorio, Somalia, Ghana
(complessivamente 105 persone) e, anche se in misura numerica inferiore, pure coloro che sono
scappati dall’Ucraina (sono il 15% tra tutti gli ucraini venuti in Caritas nel 2014).
I ritorni
Tra i ritorni cresce la percentuale degli italiani (32%). Fra gli stranieri (il 68%) prevalgono rumeni,
marocchini, ucraini e tunisini, persone che sono residenti in Italia da tantissimi anni. Nei primi anni
della crisi si era assistito ad un abbandono dell’Italia da parte degli stranieri, che in assenza di
lavoro, lo andavano a cercare altrove o tornavano in patria. Molti di quelli che hanno resistito sono
residenti in Italia da tantissimi anni e sono bene integrati. Sono restii ad andarsene, anche perché
rischiano di perdere quei diritti (come ad esempio il riscatto degli anni di contributi versati) che
hanno maturato vivendo qui a lungo.
La presenza degli italiani nel 2014 è stata più elevata rispetto al 2013, soprattutto a partire
dall’ultimo quadrimestre. Tra gli stranieri invece c’è stata una diminuzione da gennaio a maggio e
un aumento nel secondo semestre con un picco a settembre di quasi 400 unità, dovuto
prevalentemente all’aumento dei profughi.
L’aumento degli uomini
L’afflusso di uomini cresce leggermente rispetto all’anno precedente (+2%): si tratta
prevalentemente di rumeni, marocchini, tunisini e italiani; inoltre tutti i profughi accolti sono
uomini.
18
L’aumento dei giovani
Sono aumentati in modo considerevole i giovani, sia per l’arrivo dei nuovi profughi (che sono tutti
al di sotto dei trent’anni), sia perché anche tra gli italiani è aumentata la loro incidenza percentuale
(tra l’altro sono connotati da situazioni molto complesse).
Gli italiani
È diminuito il numero degli italiani che nel 2014 si è rivolto alla Caritas diocesana, ma è aumentato
il numero di servizi richiesti. Come già messo in evidenza nel grafico sulle affluenze del Centro di
Ascolto, ma ancora più emergente dal grafico sulla frequenza degli italiani in mensa: rappresentano,
quasi tutti i mesi, il 40% di tutti coloro che accedono a tale servizio.
19
20
Gli stranieri
Il gruppo di immigrati più numeroso continua ad essere quello dei rumeni che, se si escludono i
profughi dal totale degli stranieri, ammontano al 28,6%, con una differenza del 2,3% rispetto al
2013.
IL FONDO PER IL LAVORO
Il Fondo per il lavoro nasce nel mese di ottobre 2013 come iniziativa diocesana, con lo scopo di
creare occasioni di occupazione a favore di persone disoccupate e/o inoccupate, che versano in
condizione di grave disagio economico. Il progetto vede la collaborazione di numerosi soggetti tra
cui: Diocesi, Caritas Diocesana, Camera di Commercio, Centro per l’Impiego, Centro di Solidarietà
della Compagnia delle Opere, Acli, Associazioni di categoria (in primis CNA), Istituti di Credito
ecc. ed opera grazie alla determinante collaborazione delle Caritas Parrocchiali presenti nella
Diocesi di Rimini. Nella prima fase del progetto si è mirato a realizzare la pubblicizzazione della
iniziativa ed a creare una adeguata disponibilità economica col lancio di una raccolta fondi, che ha
visti coinvolti la Caritas Diocesana e la Caritas Nazionale, grazie all’interessamento della Diocesi
(per 100.000 euro), le parrocchie, le associazioni di volontariato, le aziende, le associazioni di
categoria, gli ordini professionali, le banche ed i singoli cittadini. Il Fondo concede alle imprese che
decidono di collaborare con esso, incentivi pari al 30% del costo effettivo del lavoratore, per la
durata massima di mesi 12 e con esborsi che possono anche raggiungere l’ importo massimo di euro
8.000 per dipendente assunto.
21
Risultati raggiunti alla data del 31/12/2014 nei vari comparti di attività del Fondo.
Il Fondo per il Lavoro ha fatto emergere nuove situazioni di povertà, rispetto a quelle già conosciute
dalla Caritas. L’ opportunità di trovare un posto di lavoro è stata infatti per molti l’ occasione per
venire allo scoperto, tanto che il 73% di coloro che hanno fatto domanda al Fondo per il Lavoro,
non si era mai rivolto in precedenza ad una struttura Caritas.
Dall’analisi dei dati raccolti sui candidati al Fondo si evidenziano alcune difformità rispetto ai
tradizionali “utenti” Caritas.
Infatti, se fra questi ultimi vi è una preponderanza di cittadini stranieri (anche se negli ultimi anni si
è via via incrementata la percentuale degli italiani), tra i candidati al Fondo per il Lavoro la
maggioranza dei richiedenti è di origine italiana. Se fra i censiti presso la Caritas diocesana oltre il
40% è senza dimora, fra i richiedenti del Fondo per il Lavoro oltre il 20% ha addirittura casa in
proprietà. Sono 318 le persone che hanno presentato domanda al Fondo per il Lavoro e la maggior
parte di queste è stata inoltrata da uomini che hanno un età compresa tra i 45 ed i 54 anni, mentre le
donne hanno in prevalenza una età compresa nella fascia 35 /44 anni.
22
Per quanto attiene la condizione riguardante lo stato civile, si rileva che 155 candidati al Fondo per
il Lavoro sono coniugati ( 49%) e di questi 115 sono uomini e 40 sono donne. Tra i coniugati: 137
vivono in famiglia ed in 100 casi hanno a carico anche figli conviventi. Altri 11 invece non
convivono con il coniuge. Tra i non coniugati 21 convivono con il partner ( in 16 casi hanno figli
conviventi), mentre 45 vivono in famiglia. Le situazioni familiari di coloro che hanno fatto
domanda al Fondo per il lavoro sono molto variegate ed articolate:
•
•
•
•
•
•
•
•
138 famiglie sono prive di qualsiasi reddito e 82 sono famiglie monoreddito;
147 famiglie hanno minori a carico;
32 hanno figli disoccupati a carico;
36 convivono con anziani bisognosi di cure;
35 sono famiglie numerose con 3 o più figli;
13 sono padri separati che devono corrispondere l’ assegno di mantenimento alla propria
famiglia;
in 37 famiglie sono presenti disabili (fisici o psichici)
in 2 famiglie uno dei familiari è in carcerato ed in altre 2 famiglie si rileva la presenza di
persone che soffrono problemi di dipendenza.
Inserimenti lavorativi effettuati dal Fondo per il lavoro
Grazie al Fondo per il Lavoro hanno trovato una occupazione 35 persone in difficile situazione
economica. Entrando nello specifico si tratta di 16 donne e 19 uomini, per la maggior parte con età
compresa tra i 35 e i 44 anni, per il 60% sono italiani e per il 40% stranieri ed il 46% ha un diploma
di licenza media. In 25 casi si tratta di persone che appartengono a nuclei familiari con presenza di
figli. 16 di questi hanno un solo figlio minore e 9 hanno dai 2 ai 4 figli a carico. Le rimanenti 10
persone vivono sole a seguito di separazione e/o divorzio, oppure per mancanza di rete familiare e
amicale. Sulle 35 persone avviate al lavoro in 3 non hanno superato il periodo di prova. Ad oggi 24
persone, fra quelle assunte, hanno avuto un contratto a tempo determinato della durata di sei mesi
ed alcune di queste alla scadenza del primo contratto, hanno avuto la possibilità di ottenerne il
rinnovo (4 casi).
23
Le famiglie in difficoltà
L’Osservatorio delle Povertà della Caritas ha condotto un’indagine sulle problematiche delle
famiglie che si rivolgono al Centro d’Ascolto dalla quale emergono i dati di seguito riportati. Se
contassimo le persone appartenenti ai nuclei familiari dei 232 intervistati, otteniamo
complessivamente 851 persone, di cui 221 minori buona parte dei quali accompagna i genitori al
Centro.
Il 40% delle famiglie che si rivolge al Centro d’Ascolto della Caritas lo fa per soddisfare
principalmente alle esigenze quotidiane come mangiare, vestirsi e provvedere al corredo scolastico
per i figli. Uno su quattro richiede aiuto per le spese di casa, come affitto, bollette o
elettrodomestici.
Se analizziamo il numero di lavoratori in relazione al numero di minori in famiglia ci accorgiamo
come siano pochissime le famiglie, anche con 3 o 4 minori che possono contare su due lavoratori
nel nucleo familiare. I problemi aumentano se si guarda la seconda colonna dove troviamo le
percentuali di famiglie con un solo lavoratore e più figli minori, qui vediamo come aumentando il
numero di figli aumenti anche la probabilità di trovare soltanto un lavoratore in famiglia.
Numero di minori in famiglia
n. lavoratori in famiglia
1
2
3-4
Totale
0
38,5%
29,6%
23,1%
31,8%
1
51,9%
66,7%
73,1%
62,1%
24
2
9,6%
3,7%
3,8%
6,1%
Totale
100,0%
100,0%
100,0%
100,0%
I marocchini risultano invariati a livello numerico, ma, se si considera la loro percentuale,
escludendo i profughi dal totale degli stranieri del 2014, emerge un aumento dello 0,7% rispetto al
2013. Il loro aumento è avvenuto in occasione dell’inizio della crisi economica ed ora frequentano
con costanza il Centro di Ascolto. Sono in gran parte uomini (81%), anche se negli ultimi anni è
aumentata la presenza delle donne. Molti sono fra i 25 e i 44 anni (67%), e in parte son qui con la
propria famiglia (28%). Il problema principale è l’assenza di lavoro (nel 90% dei casi), che si
riflette poi, in parte, nella difficoltà a trovare una dimora (il 59% non ce l’ha). La terza nazione più
rappresentata è l’Ucraina, in calo rispetto al 2012 (se si escludono i profughi dal totale degli
stranieri rappresentano l’10%), ma con ben il 15% di persone arrivate in Italia nel 2014 perché
scappate dalla guerra civile. Tra gli ucraini, prevale la presenza femminile (l’88%), hanno tra i 45 e
25
i 64 anni (il 65%). Solo il 14% vive in Italia con la propria famiglia, il 34% è senza dimora, il 93%
è disoccupato. Rispetto alle altre nazionalità è evidente la crescita di cittadini africani, in
particolare senegalesi (per la maggior parte già presenti in Italia dagli anni ’80 e adesso in forte
difficoltà), maliani e nigeriani (arrivati in Italia nel 2014 perché in fuga dai conflitti armati presenti
nei loro territori). Altri flussi importanti sono quelli provenienti da Pakistan, Afghanistan e Iran.
Paesi in cui i gruppi islamici fondamentalisti, l’Isis e altre aggregazioni terroristiche, stanno
portando violenza e distruzione.
Il problema della casa
È importante precisare che, come Caritas diocesana, non siamo in grado di dichiarare il numero
esatto delle persone che stabilmente dormono in strada, perché le 1.738 persone senza dimora
corrispondono alle persone che in tutto il 2014 sono passate dalla Caritas e che nel momento in cui
si sono rivolte a noi erano prive di dimora; spostandosi in altri luoghi costoro potrebbero aver
trovato un domicilio. Possiamo ad ogni modo dichiarare che, in base alla frequenza con cui le
persone si sono rivolte ai nostri servizi, 149 sono stabilmente senza una dimora sul nostro territorio.
Rispetto al tema del lavoro è importante prendere in considerazione anche il fatto che la stagione
estiva nel 2014 è stata drammatica per Rimini a causa delle frequenti piogge che hanno fatto sì che
spesso i lavoratori venissero lasciati a casa; inoltre la stagione è iniziata tardi (luglio) e finita presto
(fine agosto), per cui, anche quei pochi che hanno trovato lavoro, non sono comunque riusciti a
maturare i giorni lavorativi necessari per ottenere il sussidio di disoccupazione (mini aspi).
26
LE RISPOSTE DELLA CARITAS DIOCESANA
Dopo i picchi del periodo 2010-2012, nel 2014 il numero delle persone incontrate dal Centro di
Ascolto ha sfiorato le 2.400 unità ed è rimasto in linea con l’anno precedente.
Le persone incontrate dal Centro d’Ascolto e che poi hanno usufruito dei servizi della Caritas sono
state 2.397, a loro sono stati dedicati in tutto 8.393 ascolti. Lo scopo dell’ascolto è quello di poter
capire la situazione di bisogno in cui versano le persone e cercare insieme di trovare le risposte più
adatte, siano esse interne alla Caritas, sia facenti capo ad altri servizi del territorio.
Per questo è necessario poter dedicare ad ogni persona che si rivolge al Centro, un tempo congruo
di ascolto che permetta di approfondire la situazione e di mettere in atto le strategie più adatte.
Dalla scrittura- aggiornamento del curriculum, alla presa di contatti con altre strutture del territorio,
all’invio ai servizi, al monitoraggio dei percorsi, tutto è fondamentale per poter far sì che la persona
riesca ad essere nuovamente indipendente. Per fare ciò è necessario poter aumentare il numero degli
ascolti ed il tempo ad essi dedicato. Serve tempo per valutare la situazione, mettere in campo
strategie efficaci, avviare un lavoro di rete con gli altri attori della città, monitorare i progressi ed
eventualmente cambiare approccio. Suddividendo i 2.397 ascolti per i mesi di apertura del Centro
nei tre uffici, tra mattina e pomeriggio, fa media di 1ascolto al mese per persona per un tempo di
15 minuti. (indicatore di bisogno su cui incidere tramite il progetto). Il numero di ascolti e la
loro durata non sono sufficienti per poter al meglio rispondere alle esigenze degli utenti che si
rivolgono alla Caritas e per ognuno di essi programmare un intervento mirato. Lo scopo della
Caritas non è di fare assistenzialismo ma promozione umana, rendere cioè le persone autonome e
padrone della loro esistenza.
Di seguito vengono riportate le richieste fatte dalle persone incontrate dalla Caritas e i servizi messi
in atto.
Nel 2014 la Caritas diocesana è stata letteralmente oberata da richieste economiche da parte delle
famiglie per bollette e affitti; questo ha fatto sì che tre operatori abbiano dovuto organizzarsi per
rispondere a queste emergenze dedicando ascolto e attenzione alle persone in difficoltà: così,
verificando caso per caso, sono stati donati 100.000 euro.
La presenza di un farmacista volontario ha permesso di rispondere alle richieste crescenti di farmaci
da parte di persone non abbienti e spesso prive di dimora; questo dato mette in evidenza i problemi
legati alla sanità presenti sul nostro territorio.
Le difficoltà da parte delle famiglie con minori sono evidenziate anche dall’aumento delle richieste
di materiale scolastico.
La presenza del Fondo all’interno della Caritas diocesana ha fatto sì che emergessero nuove povertà
(il 70% di coloro che hanno presentato domanda non si era mai rivolto a una Caritas in passato e la
maggior parte sono italiani). Il flusso continuo di domande e l’impegno nella ricerca di posti di
lavoro ha necessitato l’impegno quotidiano di un volontario, dedicato totalmente a questo progetto.
Attraverso il Fondo per il lavoro sono state raccolte 318 domande ed hanno trovato occupazione 35
persone.
27
Emergenza profughi
La Caritas ha messo a disposizione la sua seconda accoglienza per l’ospitalità dei profughi
provenienti dell’emergenza “Mare Nostrum”. A gennaio 2014 il territorio provinciale di Rimini
accoglieva 250 profughi distribuiti su diversi Comuni, a giugno i profughi erano 331.(fonte
Prefettura di Rimini)
A Rimini la Caritas nel corso dell’anno 2014 ne ha ospitati complessivamente 105 provenienti dal
Mali, dalla Nigeria, dal Gambia, dal Senegal e dal Pakistan.
A giugno 2015, gli accolti in Caritas erano 17. (indicatore di bisogno sul quale incidere con il
progetto)
Rispetto al progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) che prevede
un’accoglienza dei profughi per un periodo di durata maggiore permettendo così una progettualità
più strutturata e una maggior integrazione, nel caso dell’emergenza i tempi di accoglienza sono
notevolmente ridotti. Una volta definito lo status di rifugiato dalle commissioni deputate, è prevista
la dimissione della persona subito dopo il rilascio del titolo di soggiorno eventualmente concesso.
Questo rende molto più difficile poter progettare un percorso di accompagnamento di lungo periodo
e rende necessario un intervento molto più tempestivo.
28
Sede: CARITAS PARROCCHIA DEI SS APOLLINARE E PIO V
La Caritas Parrocchia dei SS. Apollinare e Pio V con il suo Centro di Ascolto cerca di arrivare a
tutte le persone bisognose della città essendo l’unico punto di riferimento presente sul territorio.
L’utenza è molto cambiata negli anni con l’arrivo dei flussi migratori: prima magrebini e albanesi
poi ucraini, moldavi, russi e polacchi, ora molti rumeni e bulgari. La richiesta di aiuto principale
riguarda il lavoro. Per moltissime donne quello stagionale o di badante per anziani. Altre richieste
costanti sono il vestiario e i pacchi viveri.
Il Centro è attivo dal 1991. Frequenti le collaborazioni con il Comune (che ha dato un contributo
economico per la realizzazione della mensa) e con i servizi dell’ASL a cui vengono segnalati i casi
più problematici, le richieste e le azioni per aiutare le famiglie e gli anziani in difficoltà.
Si collabora anche con le altre associazioni di volontariato della città (Centro aiuto alla vita –
Avulls, ecc), sempre per dare un aiuto mirato. Ci sono difficoltà a rapportarsi con le altre parrocchie
di Cattolica.
Inizialmente, le persone del luogo erano molto diffidenti; ora il Centro è conosciuto e integrato nel
territorio La sede attuale, realizzata grazie a una donazione, è molto funzionale e i locali, spaziosi e
accoglienti, facilitano l’Ascolto. Comprende la mensa e il dormitorio. Il raccordo con la Caritas
diocesana è buono: utilizziamo la scheda comune Ospo e i dati vengono informatizzati,
partecipiamo ai corsi formativi molto utili e interessanti.
Lo Sportello Informa Immigrati attivo dal 2005, ha migliorato nettamente i servizi agli stranieri.
E’ stato organizzato un corso di italiano che si è rivelato veramente utile. Nel 2008 ha incontrato
133 persone per un totale di 403 interventi. Aumentano le persone straniere con regolare Permesso
di Soggiorno che si rivolgono allo Sportello. Su 133, 121 erano regolari e solo 7 irregolari, 4 italiani
e 1 cittadino comunitario.
I 128 utenti extra comunitari sono per la maggior parte donne (99) di cui 93 regolarmente
soggiornanti. Gli uomini sono stati solo 29 di cui 1 solo privo di regolare Permesso.
Lo Sportello sta diventando sempre più punto di riferimento per i cittadini stranieri che hanno
deciso di stabilirsi qui perché trovano un valido aiuto per l’integrazione.
Complessivamente in questi anni lo Sportello ha incontrato 376 persone. Numerosi gli interventi per
le pratiche di rinnovo del Permesso di Soggiorno. In aumento le richieste di aiuto per le procedure
di ricongiungimento familiare. Tali procedure, ormai completamente informatizzate, non sono di
facile fruibilità dallo straniero che, se anche possiede il computer, non ha spesso le conoscenze
informatiche necessarie per la gestione autonoma della presentazione della domanda.
Con le modifiche legislative introdotte, restrittive sulla possibilità di attivare suddette procedure, le
domande potrebbero diminuire sensibilmente, mentre resterà alto il bisogno informativo per chi
intende ricongiungersi con i propri familiari.
Stanno aumentando anche le domande di cittadinanza, segno che il fenomeno immigrazione sta
diventando una realtà ben radicata nel nostro territorio.
Dalla stretta collaborazione tra lo Sportello Informa Immigrati e l’amministrazione comunale, e
grazie all’impegno economico di quest’ultima, è stato attivato, nel 2008, un corso di lingua italiana
per stranieri suddiviso in due corsi distinti (corso base e corso avanzato).
Il programma dei corsi, oltre all’insegnamento della lingua italiana, può vantare, grazie alla
realizzazione di un progetto specifico promosso dalla Provincia, anche l’insegnamento di tutte le
nozioni principali di educazione civica, soffermandosi, in particolar modo, sull’analisi e lo studio
della Costituzione Italiana andando a trattare, infine, i temi più importanti del diritto
dell’Immigrazione.
Oltre a ciò il corso fornisce la possibilità, a tutti coloro che lo riterranno necessario per il loro
cammino di integrazione, di sostenere esami per certificare le proprie conoscenze linguistiche.
Anche la Caritas parrocchiale dei SS Apollinare e Pio V ha attivato un progetto di seconda
accoglienza, per meglio seguire quei casi di persone in stato di necessità tale da dover prevedere
29
un’accoglienza più prolungata e mirata. A parte casi sporadici, le persone accolte per la seconda
accoglienza sono tutte persone incontrate dalla Caritas tramite il suo Centro d’Ascolto.
Le persone incontrate
Dai dati 2014 della Caritas di Cattolica, non emerge un aumento di situazioni di povertà, tuttavia i
numeri non sono in grado di descrivere la situazione attuale, se è vero infatti che a livello numerico
la quantità delle persone in difficoltà è rimasta invariata, sono però cambiate le persone che si
rivolgono a noi, si tratta infatti sempre più di persone residenti. Aumentano sia le famiglie italiane,
con o senza figli, che le famiglie straniere, quest’ultime quasi tutte con figli.
Le problematiche incontrate sono diverse: anziani in difficoltà, disoccupazione giovanile, problemi
di salute mentale, mancanza di lavoro, conflittualità familiari, tra cui casi di violenza.
Nel 2014, in accordo con i servizi sociali del comune abbiamo consegnato pasti a domicilio a 13
famiglie perché in gravi situazioni.
L’amplificarsi dei problemi è riscontrabile anche dall’aumento del tempo che le persone richiedono
per il colloquio, se prima si rivolgevano a noi prevalentemente per richiedere solo il pacco viveri,
ora, oltre a quello ci richiedono conforto e consigli per questo è necessario poter dedicare loro un
tempo adeguato per una maggior personalizzazione degli interventi.
Anche rispetto al dormitorio abbiamo registrato dei cambiamenti: sono aumentate le persone del
territorio che chiedono ospitalità perché rimaste prive di alloggio, è stato necessario allungare i
tempi di permanenza perché le situazioni sono così complicate che se si facesse tornare le persone
in strada dopo un breve periodo risulterebbe inutile averle accolte. I problemi infatti non sono solo
quelli del lavoro, ma anche familiari e sanitari, problemi difficilmente risolvibili in breve tempo.
Tra le altre difficoltà abbiamo riscontrato anche situazioni di famiglie molto indebitate che non
possono neppure rivolgersi al nostro sportello prestiti in quanto non sarebbero in grado di restituire
la cifra ricevuta, neppure con ampie dilazioni e cifre irrisorie.
In totale le persone incontrate sono state 654, ad ognuna di esse in media si riescono a dedicare 1
colloquio al mese per un tempo di circa 15 minuti. (indicatore sul quale incidere tramite il
progetto)
30
31
Le iniziative
Il 9 gennaio 2014 è stato inaugurato uno sportello per piccoli prestiti alle famiglie che si trovano in
difficoltà, al momento si sta rivelando uno strumento utile e importante. Nel 2014 è stato aperto
anche un mercatino dell’usato per offrire mobilio e abbigliamento a basso prezzo alle famiglie. Un
altro servizio nato in Parrocchia, grazie alle segnalazioni raccolte durante l’ascolto alle famiglie, è il
doposcuola per i ragazzi le cui famiglie hanno problemi economici. Alcuni studenti hanno avuto
difficoltà per acquistare i libri scolastici, per gli abbonamenti per i mezzi di trasporto per
raggiungere le scuole superiori, siamo quindi intervenuti in base alle nostre disponibilità.
SERVIZI OFFERTI
Ascolto
GIORNO
Mercoledì
Venerdì
ORA
9,00-11,00
9,00-12,00
Ascolto e servizi per famiglie
Mensa
Dormitorio
Servizio informa immigrati
Attività ricreative per anziani
lunedì
Tutti i giorni
Solo periodo invernale
Martedì, Giovedì e Sabato
Lunedì e Giovedì
16.30-18.30
Da Ottobre a Giugno
Notte
Mattina
Pomeriggio
32
INDICATORI SUI QUALI INCIDERE TRAMITE IL PROGETTO
Caritas diocesana Rimini:
1. Difficoltà a soddisfare tutte le richieste di ascolto necessarie per persona e a dedicare ad ognuno
di essi un tempo adeguato per poter personalizzare l’intervento al meglio. Media di 1ascolto al
mese per persona per un tempo di 15 minuti.
2. Necessità di rendere il più possibile autonomi i 17 ragazzi accolti nell’emergenza. Ad ognuno di
essi sono dedicati in media 3 azioni personalizzate durante la loro permanenza in Caritas e questi
non sono sufficienti per acquisire una completa autonomia.
3. Scarsa Conoscenza della cittadinanza e spesso delle amministrazioni delle povertà presenti sul
territorio. 1 incontro pubblico all’anno con la cittadinanza e le istituzioni, 5 incontri con scuole
e gruppi parrocchiali.
Caritas Parrocchia SS Apollinare e Pio V:
1. Media di 1 ascolto al mese a persona a cui si riescono a dedicare 15 minuti.
2. Scarsa Conoscenza della cittadinanza e spesso delle amministrazioni delle povertà presenti sul
territorio. 1 incontro pubblico all’anno con la cittadinanza e le istituzioni, 5 incontri con scuole
e gruppi parrocchiali.
33
DESTINATARI DIRETTI:
1. Almeno 70 persone che si rivolgono al Centro di Ascolto in particolare i residenti nel
Comune di Rimini con i quali si riesce ad avviare un percorso più strutturato.
2. 17 ragazzi dell’emergenza accolti in Caritas.
3. Istituzioni pubbliche, 5 gruppi parrocchiali , 10 classi di scuole superiori
BENEFICIARI DEL PROGETTO:
• Le famiglie degli utenti che si rivolgono al nostro centro
• La rete dei servizi del territorio che hanno nel Centro d’Ascolto un valido collaboratore per
monitorare la situazione dei loro utenti e progettare insieme percorsi di reinserimento
• figli minori dei nuclei coinvolti, i quali migliorano la loro situazione grazie al sostegno
fornito dal Centro ai genitori
• I servizi del territorio che si occupano di immigrazione avranno un aiuto nell’espletamento
delle pratiche dei ragazzi dell’emergenza
• La cittadinanza di Rimini che, attraverso la realizzazione dell’azione di progetto, potrà
giovarsi di una diminuzione dell’esclusione sociale e del conseguente innalzamento della
percezione di benessere sociale
• I familiari dei giovani che parteciperanno agli incontri sulla Caritas che potranno essere
coinvolti in un percorso di sensibilizzazione
• La cittadinanza che grazie alla diffusione del Rapporto sulle Povertà e Risorse potrà rendersi
conto delle povertà del territorio ed avere informazioni utili su a chi potersi rivolgere in caso
di necessità
• Il sistema di welfare della città
7) Obiettivi del progetto:
PREMESSA
Caritas Italiana e le Caritas diocesane intendono promuovere una proposta di Servizio Civile
Nazionale come esperienza di formazione globale della persona.
Ai giovani che si avvicinano al Servizio Civile in Caritas si chiede di pensare a questo anno non come una
“parentesi” nella loro vita, ma come un anno intenso, ricco di stimoli e di sfide, un anno che raccoglie le
memorie del passato e produce orientamenti per le scelte future.
L’intenzione progettuale è di attingere dalla cultura cristiana del servizio, che ha radici assai antiche e
profonde, partendo dal cambiamento di sé per giungere ad un cambiamento della società.
Le Caritas diocesane si uniscono nell’impegno di proporre un anno di formazione intesa come competenza
del servizio che si svolge, ma anche come momento di auto-riflessione, di ripensamento e di scoperta. Un
anno per mettersi alla prova, per conoscere se stessi e fare nuove amicizie; per condividere con altri giovani
i propri vissuti attraverso la dimensione comunitaria e la sensibilizzazione. L’intento è quello di proporre
un’esperienza che cerchi e costruisca senso. Un’esperienza che davvero cambi.
Il Progetto si allinea altresì agli obiettivi condivisi dalle Caritas a livello nazionale, che mirano in particolare
alla prevalente funzione pedagogica del Servizio Civile nazionale, affermando l’impegno alla realizzazione
delle condizioni fondamentali affinché l’esperienza proposta abbia come finalità ultima l’attenzione ai giovani
coinvolti nel progetto, ai bisogni del territorio in cui si inserisce, all’impatto sulla società civile come
sensibilizzazione alla testimonianza della Carità.
Queste finalità generali sono così riassumibili:
Educazione ai valori della solidarietà, gratuità attraverso azioni di animazione e d’informazione per una
cittadinanza attiva e responsabile.
34
Condivisione coi poveri e con gli altri partecipanti al progetto, riconoscendo e promovendo i diritti umani e
sociali, per accompagnare le persone vittime di povertà ed esclusione sociale in percorsi di liberazione.
Riflessione sulle proprie scelte di vita, vocazionali, professionali, sociali e possibilità di approfondimento
spirituale.
Creazione delle condizioni per l’incontro con nuove persone, per inventare nuove professionalità in ambito
sociale.
Coscientizzazione: approfondimento della cultura della pace, della nonviolenza e della solidarietà.
Attenzione a tutto ciò che potrà incoraggiare un futuro volontariato inteso come stile di vita nei giovani che
verranno coinvolti nell’esperienza.
Difesa delle comunità in modo nonarmato e nonviolento in termini di: gestione e superamento del
conflitto, riduzione e superamento della violenza implicita e/o esplicita, acquisizione e riconoscimento di
diritti.
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
1
2
3
Offrire maggiori occasioni di ascolto, accoglienza e sostegno alle persone escluse ed emarginate
dalla società, con la possibilità di percorsi pedagogici personalizzati e reinserimento adeguato nel
tessuto sociale
Sostenere i profughi nel loro percorso verso l’autonomia
Sensibilizzazione del territorio nei confronti delle problematiche emerse dallo studio dei dati dei
diversi centri Caritas del territorio.
Grazie al lavoro di rete, migliorare e rendere più efficace gli interventi di contrasto all’emarginazione
OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO
AREA DI INTERVENTO (con riferimento a quanto indicato nel punto 5)
Disagio adulto
SEDE (indicare la dizione della sede come da accreditamento)
Caritas diocesana Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
SITUAZIONE DI PARTENZA
degli indicatori di bisogno
(si riportano gli stessi dati evidenziati nella
Descrizione del contesto)
1. Difficoltà a soddisfare tutte le richieste di
ascolto necessarie per persona e a dedicare
ad ognuno di essi un tempo adeguato per
poter personalizzare l’intervento al meglio.
1 ascolto al mese per persona per un tempo
di 15 minuti
2. N.3 azioni personalizzate per ognuno dei
17 ragazzi accolti
3. Scarsa Conoscenza della cittadinanza e
spesso delle amministrazioni delle povertà
presenti sul territorio. 1 incontro pubblico
all’anno con la cittadinanza e le istituzioni,
5 incontri con scuole e gruppi parrocchiali
OBIETTIVI SPECIFICI E INDICATORI
(Situazione di arrivo)
1. Maggiore personalizzazione dell’intervento.
Potenziare gli ascolti personalizzati, almeno 3
ascolti mirati al mese per persona della durata
di 25 minuti.
2. N. 5 azioni personalizzate per ognuno dei 17
ragazzi accolti
3. N. 3 incontri pubblici all’anno con la
cittadinanza e le istituzioni, 15 incontri con scuole
e gruppi parrocchiali
35
AREA DI INTERVENTO (con riferimento a quanto indicato nel punto 5)
Disagio adulto
SEDE (indicare la dizione della sede come da accreditamento)
Caritas parrocchia SS Apollinare e Pio V, via XX Settembre, 3 Cattolica
SITUAZIONE DI PARTENZA
degli indicatori di bisogno
(si riportano gli stessi dati evidenziati nella
Descrizione del contesto)
1. Difficoltà a soddisfare tutte le richieste di
ascolto necessarie per persona e a dedicare
ad ognuno di essi un tempo adeguato per
poter personalizzare l’intervento al meglio.
1 ascolto al mese per persona per un tempo
di 15 minuti
2. Scarsa Conoscenza della cittadinanza e
spesso delle amministrazioni delle povertà
presenti sul territorio. 1 incontro pubblico
all’anno con la cittadinanza e le istituzioni,
5 incontri con scuole e gruppi parrocchiali
8)
OBIETTIVI SPECIFICI E INDICATORI
(Situazione di arrivo)
1.Maggiore personalizzazione dell’intervento per
acquisizione autonomia. Potenziare gli ascolti
personalizzati, almeno 3 ascolti mirati al mese per
persona della durata di 25 minuti
2. N. 3 incontri pubblici all’anno con la
cittadinanza e le istituzioni, 15 incontri con scuole
e gruppi parrocchiali
Descrizione del progetto e tipologia dell’intervento che definisca in modo puntuale le
attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio
civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:
8.1 COMPLESSO DELLE ATTIVITÀ PREVISTE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI
AREA DI INTERVENTO (con riferimento a quanto indicato nel punto 5)
Disagio Adulto
SEDE (indicare la dizione della sede come da accreditamento)
Caritas diocesana Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
OBIETTIVO SPECIFICO N. 1:
Maggiore personalizzazione dell’intervento per acquisizione autonomia. Potenziare gli ascolti
personalizzati, almeno 3 ascolti mirati al mese per persona della durata di 25 minuti
Descrizione
Azione generale
1.1:
Presa in carico
Attività 1.1.1:
Accoglienza
Attività 1.1.2:
Le persone che si rivolgono alla Caritas vengono accolte in
sala d’aspetto. Al mattino l’accoglienza inizia alle 8, alle
persone viene offerta una piccola colazione e distribuito un
numero per il turno all’ascolto. Il pomeriggio l’accoglienza
riapre alle 14 e le persone in attesa ricevono il numero per
accedere ai vari servizi: ascolto, prestito di solidarietà,
centro servizi immigrati.
Descrizione
36
Ascolto
Le persone accolte vengono inviate al Centro d’Ascolto
dove ha inizio la presa in carico.
Se la persona è la prima volta che si rivolge al servizio,
viene redatta un’apposita scheda personale che permette di
avere informazioni sulla persona accolta che serviranno per
poter meglio valutare il singolo caso e mettere in atto la
azioni mirate. La scheda personale viene aggiornata
periodicamente tramite gli ascolti, vengono riportati sia i
servizi avuti che le collaborazioni con i servizi sul territorio.
La scheda viene poi inserita nel sistema informatico delle
Caritas, OSPO, che permetterà di redarre il Rapporto sulle
Povertà e Risorse. L’attività di ascolto si svolge in 5 mattine
e 3 pomeriggi a settimana.
Descrizione
Durante l’ascolto si cerca di capire quali sono le azioni più
adatte da mettere in atto per la singola persona. Una serie di
risposte sono attivabili direttamente in struttura.
Durante il mattino sono attivi una serie di servizi interni
volti principalmente a tamponare una situazione
emergenziale: docce, vestiario, mensa, distribuzione
materiale scolastico, pacchi viveri.
Durante l’ascolto del pomeriggio è possibile programmare
l’accoglienza presso il dormitorio, provvedere alla scrittura
Attività 1.1.3:
Valutazione e invio a e aggiornamento del curriculum personale, inviare la
persona ai servizi interni alla struttura quali: Associazione
servizi interni
Famiglie Insieme che si occupa di prestiti per le famiglie in
difficoltà e fa attività di sportello presso gli uffici della
Caritas diocesana, il Centro Servizi Immigrati che si occupa
delle pratiche legate ai documenti dei cittadini stranieri,
Avvocati Solidali, fornisce consulenza legale gratuita, e
Assistente in Famiglia che si occupa di mettere in
collegamento chi offre lavoro come badante con le famiglie
che necessitano di tale servizio. Anche questi tre servizi
hanno dei giorni di apertura del loro sportello presso gli
uffici della Caritas.
Descrizione
Periodicamente ci si incontra tra operatori del Centro
Attività 1.1.4:
d’Ascolto per fare il punto sull’andamento delle attività, per
monitoraggio
monitorare casi particolari e per darsi una linea comune
d’azione.
Descrizione
Azione generale
1.2:
Invio ai servizi del
territorio
Viene redatta una mappatura dei servizi del territorio, sia
quelli comunali che quelli di altre associazioni. Vengono
mappatura servizi riportati giorni di apertura, tipologia del servizio, numeri di
riferimento.
La mappatura viene periodicamente aggiornata e messa a
disposizione degli utenti.
Attività 1.2.2:
Descrizione
Attività 1.2.1:
37
Valutazione e invio a Durante l’ascolto viene valutata la situazione delle persone e
servizi
preso in considerazione l’invio ad un servizio del territorio
adatto. Fondamentale infatti è il lavoro di rete per poter al
meglio rispondere ai bisogni delle persone.
Si prendono contatti con i servizi e valutato insieme a loro
l’iter. In seguito al primo o a più colloqui, a seconda dei
casi, in base alla mappa in possesso della struttura e alla rete
di contatti, si cerca di indirizzare la persona verso strutture
che possano dare una risposta più efficace e maggiormente
mirata alla problematica/problematiche emersa. Il Centro
d’Ascolto ha una lista delle varie agenzie di lavoro interinale
e gli orari del Centro per l’Impiego, che consegna alle
persone che cercano lavoro. Tiene una lista con i riferimenti
delle persone che cercano e offrono lavoro, principalmente
come badanti e mette in contatto le persone tra loro. Per
meglio rispondere alle esigenze degli utenti, il Centro
d’Ascolto collabora con gli assistenti sociali e le altre
strutture che si occupano del contrasto all’emarginazione.
OBIETTIVO SPECIFICO N. 2
N. 5 azioni personalizzate per ognuno dei 17 ragazzi accolti
Descrizione
Attività 2.1.1:
accoglienza
All’arrivo di nuovi profughi, la Prefettura contatta le
strutture di accoglienza per verificarne la disponibilità.
Se vi sono posti disponibili, si valuta l’opportunità di una
eventuale presa in carico. I ragazzi accolti vengono ospitati
negli alloggi della seconda accoglienza. Viene presentata
loro la struttura, i servizi, le persone di riferimento e il
regolamento dell’accoglienza.
Descrizione
Azione generale 2.1: Attività 2.1.2:
presa in carico
valutazione casi
Attività 2.1.3:
monitoraggio
Azione generale 2.2: Attività 2.2.1:
Una volta accolti i ragazzi, si ascoltano le loro storie e si
cerca di pianificare per loro una serie di attività interne ed
esterne al Centro in attesa del parere della Commissione
giudicante incaricata di valutare il loro status di rifugiati.
Durante i colloqui, alla presenza di mediatori culturali, si
cerca di capire e valutare quali possono essere gli interventiazioni più adatti per ognuno. Si prendono contatti per loro
per corsi, visite mediche e disbrigo pratiche burocratiche. Si
cerca di inserirli in corsi e tirocini presenti in città.
Descrizione
Periodicamente gli operatori si riuniscono per discutere dei
singoli casi e valutare il percorso, se è necessario si
implementano o modificano gli interventi. Un secondo tipo
di monitoraggio che viene effettuato è quello con la persona
accolta con la quale vengono valutate le azioni previste,
risolte eventuali criticità, rimodulato il percorso.
Descrizione
38
accompagnamento
corso italiano
Fondamentale per questi ragazzi è imparare la lingua italiana
e a tal fine vengono predisposti dei corsi all’interno della
struttura e presi contatti con alti enti della città che
organizzano corsi in modo da potervi inserire i ragazzi per
favorirne l’integrazione e socializzazione con altre persone.
Descrizione
Attività 2.2.2:
conoscenza servizi
territorio
Importante è per i ragazzi la conoscenza del territorio, dei
servizi che esso offre, degli uffici pubblici ai quali possono
rivolgersi, delle agenzie di lavoro, dei corsi e tirocini
disponibili, del Centro per l’impiego, agenzie interinali e
altro.
Verranno quindi accompagnati singolarmente o a piccoli
gruppi, a seconda delle esigenze, ai servizi della città e nel
disbrigo delle pratiche burocratiche presso la Questura, il
medico, agli eventi pubblici che vengono organizzati in città
e in cui hanno spesso la possibilità di essere protagonisti con
il racconto della loro storia.(Es. Interazioni: settimana di
incontri e workshop sul tema dell’integrazione che si svolge
durante la prima settimana di giugno. Equamente evento che
si svolge durante tutto dicembre e propone anch’esso
incontri sull’integrazione, accoglienza e solidarietà)
Descrizione
Attività 2.2.3:
laboratori
Vengono predisposti dei laboratori all’interno della struttura
per i ragazzi accolti perché abbiano la possibilità di fare
attività insieme ad altre persone, migliorare l’integrazione e
scoprire/rafforzare le loro abilità. (corso di informatica, di
cucina, di teatro).
OBIETTIVO SPECIFICO N. 3
N. 3 incontri pubblici all’anno con la cittadinanza e le istituzioni, 15 incontri con scuole e gruppi
parrocchiali
Descrizione
Sul territorio della diocesi sono presenti diversi centri
Caritas parrocchiali ed interparrocchiali. Nel corso degli anni
se ne sono costituti di nuovi o alcuni si sono uniti per
Azione generale Attività 3.1.1:
Mappatura
dei
centri
aumentare la loro efficacia. Per avere un quadro dettagliato
3.1:
Caritas presenti sul della situazione sul territorio si organizzano incontri con le
redazione
Caritas interessate; si mantengono con loro contatti costanti
Rapporto Povertà territorio
e alla fine si redige una mappatura di tutti i centri, delle loro
e Risorse
sedi, dei servizi che offrono, degli orari di apertura e i loro
responsabili.
Attività 3.1.2:
Descrizione
39
Questa e le altre attività che seguono sono fondamentali per
Visita ai centri
Caritas del territorio la stesura del Rapporto sulle Povertà. Ci si reca in tutti i
centri Caritas del territorio e si prendono i dati relativi alle
e raccolta dei dati
persone che usufruiscono dei servizi. I dati vengono
registrati su un sistema di rilevazione dati di Caritas italiana,
Ospo. Dai centri che non utilizzano ancora il sistema Ospo,
si ritira il materiale cartaceo e ci si accorda per
l’installazione del sistema informatico e per incontri in cui si
spiega il suo funzionamento.
Descrizione
Attività 3.1.3:
Analisi dei dati
raccolti
Attività 3.1.4:
Realizzazione del
Rapporto annuale
sulle povertà
Una volta raccolti i dati si procede al loro studio. Si controlla
che le schede siano correttamente compilate e che non ci
siano errori che possano falsare le statistiche. Si uniscono
poi i dati delle Caritas parrocchiali ed interparrocchiali a
quelli diocesani.
Dai dati raccolti si ricava quali sono i bisogni riscontrati,
quante persone hanno usufruito dei servizi, di che sesso,
nazionalità e età sono. Dopo aver creato delle tabelle che
permettono di incrociare i dati (es. nazionalità ed età) si
procede all’analisi degli stessi.
Descrizione
Con i dati raccolti dai centri Caritas e con il contributo dei
dati delle altre realtà che sul territorio di Rimini si occupano
di povertà, si realizza il Rapporto annuale sulle Povertà e
Risorse. Per ogni Caritas ed ente coinvolti è prevista una
scheda che ne spiega nel dettaglio l’ attività ( informazioni
sul centro, storia e dati del centro stesso). Queste schede
andranno a comporre il Rapporto finale nel quale compaiono
tutti i servizi offerti dalle varie realtà.
Descrizione
Attività 3.2.1:
Presentazione e
distribuzione del
Rapporto annuale
Azione generale
3.2:
organizzazione
incontri
Per la prima presentazione ufficiale del Rapporto viene
convocata una conferenza stampa pubblica alla quale sono
invitati i rappresentanti delle istituzioni regionali, provinciali
e cittadine, i rappresentanti degli enti che compaiono nel
rapporto e la stampa. Qualora un ente non partecipasse
all’incontro, si avrà cura di contattarlo e consegnargli il
Rapporto, per una maggiore diffusione.
Si organizzeranno poi altri eventi pubblici in cui illustrare le
criticità emerse nel Rapporto.
Descrizione
Attività 3.2.2:
Incontri con gli
attori sociali sulle
problematiche
emerse dal rapporto
Si organizzano incontri specifici con gli attori sociali e,
prendendo atto della specifica situazione locale, si cerca di
trovare soluzioni che meglio possano rispondere alle
esigenze rilevate. Si prende poi parte ai Piani di Zona.
Attività 3.2.3:
Descrizione
40
Incontri con scuole e Vengono presi contatti con le scuole superiori del territorio e
gruppi parrocchiali alcuni gruppi parrocchiali per organizzare incontri in cui
viene presentata loro la situazione della povertà del territorio
e illustrata l’attività della Caritas per sensibilizzare le
giovani generazioni.
AREA DI INTERVENTO (con riferimento a quanto indicato nel punto 5)
Disagio Adulto
SEDE (indicare la dizione della sede come da accreditamento)
Caritas Parrocchia SS Apollinare e Pio V, via XX Settembre, 3 Cattolica
OBIETTIVO SPECIFICO N. 1:
Maggiore personalizzazione dell’intervento per acquisizione autonomia. Potenziare gli ascolti
personalizzati, almeno 3 ascolti mirati al mese per persona della durata di 25 minuti
Descrizione
Attività 1.1.1:
Accoglienza
Le persone che si rivolgono alla Caritas parrocchiale
vengono accolte in sala d’aspetto. Al mattino l’accoglienza
inizia alle 8, alle persone viene offerta una piccola colazione
e distribuito un numero per il turno all’ascolto. Il
pomeriggio l’accoglienza riapre alle 16 e le persone in attesa
ricevono il numero per accedere ai vari servizi: ascolto,
servizio per immigrati.
Descrizione
Azione generale
1.1:
Presa in carico
Attività 1.1.2:
Ascolto
Attività 1.1.3:
Le persone accolte vengono inviate al Centro d’Ascolto
dove ha inizio la presa in carico.
Se la persona è la prima volta che si rivolge al servizio,
viene redatta un’apposita scheda personale che permette di
avere informazioni sulla persona accolta che serviranno per
poter meglio valutare il singolo caso e mettere in atto la
azioni mirate. La scheda personale viene aggiornata
periodicamente tramite gli ascolti, vengono riportati sia i
servizi avuti che le collaborazioni con i servizi sul territorio.
La scheda viene poi inserita nel sistema informatico delle
Caritas, OSPO, che permetterà di redarre il Rapporto sulle
Povertà e Risorse. L’attività di ascolto si svolge in 2 mattine
e 1 pomeriggio a settimana.
Descrizione
41
Valutazione e invio a Durante l’ascolto si cerca di capire quali sono le azioni più
servizi interni
adatte da mettere in atto per la singola persona. Una serie di
risposte sono attivabili direttamente in struttura.
Durante il mattino sono attivi una serie di servizi interni
volti principalmente a tamponare una situazione
emergenziale: docce, vestiario, mensa, distribuzione
materiale scolastico, pacchi viveri.
Durante l’ascolto del pomeriggio è possibile programmare
l’accoglienza presso il dormitorio, provvedere alla scrittura
e aggiornamento del curriculum personale, inviare la
persona ai servizi interni alla struttura quali come il servizio
per immigrati che offre consulenza legale.
Descrizione
Periodicamente ci si incontra tra operatori del Centro
Attività 1.1.4:
d’Ascolto per fare il punto sull’andamento delle attività, per
monitoraggio
monitorare casi particolari e per darsi una linea comune
d’azione.
Descrizione
Viene redatta una mappatura dei servizi del territorio, sia
quelli comunali che quelli di altre associazioni. Vengono
mappatura servizi riportati giorni di apertura, tipologia del servizio, numeri di
riferimento.
La mappatura viene periodicamente aggiornata e messa a
disposizione degli utenti.
Descrizione
Attività 1.2.1:
Azione generale
1.2:
Invio ai servizi del
territorio
Durante l’ascolto viene valutata la situazione delle persone e
preso in considerazione l’invio ad un servizio del territorio
adatto. Fondamentale infatti è il lavoro di rete per poter al
meglio rispondere ai bisogni delle persone.
Si prendono contatti con i servizi e valutato insieme a loro
l’iter. In seguito al primo o a più colloqui, a seconda dei
casi, in base alla mappa in possesso della struttura e alla rete
Attività 1.2.2:
di contatti, si cerca di indirizzare la persona verso strutture
Valutazione e invio a che possano dare una risposta più efficace e maggiormente
servizi
mirata alla problematica/problematiche emersa. Il Centro
d’Ascolto ha una lista delle varie agenzie di lavoro interinale
e gli orari del Centro per l’Impiego, che consegna alle
persone che cercano lavoro. Tiene una lista con i riferimenti
delle persone che cercano e offrono lavoro, principalmente
come badanti e mette in contatto le persone tra loro. Per
meglio rispondere alle esigenze degli utenti, il Centro
d’Ascolto collabora con gli assistenti sociali e le altre
strutture che si occupano del contrasto all’emarginazione.
OBIETTIVO SPECIFICO N. 2
N. 3 incontri pubblici all’anno con la cittadinanza e le istituzioni, 15 incontri con scuole e gruppi
parrocchiali
Azione generale
Attività 2.1.1:
Descrizione
42
Mappatura dei centri
2.1:
Caritas presenti sul
redazione
Rapporto Povertà territorio
e Risorse
Sul territorio della diocesi sono presenti diversi centri
Caritas parrocchiali ed interparrocchiali. Nel corso degli anni
se ne sono costituti di nuovi o alcuni si sono uniti per
aumentare la loro efficacia. Per avere un quadro dettagliato
della situazione sul territorio si organizzano incontri con le
Caritas interessate; si mantengono con loro contatti costanti
e alla fine si redige una mappatura di tutti i centri, delle loro
sedi, dei servizi che offrono, degli orari di apertura e i loro
responsabili.
Descrizione
Questa e le altre attività che seguono sono fondamentali per
la stesura del Rapporto sulle Povertà. Ci si reca in tutti i
Attività 2.1.2:
centri Caritas del territorio e si prendono i dati relativi alle
Visita ai centri
persone che usufruiscono dei servizi. I dati vengono
Caritas del territorio registrati su un sistema di rilevazione dati di Caritas italiana,
e raccolta dei dati
Ospo. Dai centri che non utilizzano ancora il sistema Ospo,
si ritira il materiale cartaceo e ci si accorda per
l’installazione del sistema informatico e per incontri in cui si
spiega il suo funzionamento.
Descrizione
Attività 2.1.3:
Analisi dei dati
raccolti
Attività 2.1.4:
Realizzazione del
Rapporto annuale
sulle povertà
Una volta raccolti i dati si procede al loro studio. Si controlla
che le schede siano correttamente compilate e che non ci
siano errori che possano falsare le statistiche. Si uniscono
poi i dati delle Caritas parrocchiali ed interparrocchiali a
quelli diocesani.
Dai dati raccolti si ricava quali sono i bisogni riscontrati,
quante persone hanno usufruito dei servizi, di che sesso,
nazionalità e età sono. Dopo aver creato delle tabelle che
permettono di incrociare i dati (es. nazionalità ed età) si
procede all’analisi degli stessi.
Descrizione
Con i dati raccolti dai centri Caritas e con il contributo dei
dati delle altre realtà che sul territorio di Rimini si occupano
di povertà, si realizza il Rapporto annuale sulle Povertà e
Risorse. Per ogni Caritas ed ente coinvolti è prevista una
scheda che ne spiega nel dettaglio l’ attività ( informazioni
sul centro, storia e dati del centro stesso). Queste schede
andranno a comporre il Rapporto finale nel quale compaiono
tutti i servizi offerti dalle varie realtà.
Descrizione
Azione generale
2.2:
organizzazione
incontri
Attività 2.2.1:
Presentazione e
distribuzione del
Rapporto annuale
Per la prima presentazione ufficiale del Rapporto viene
convocata una conferenza stampa pubblica alla quale sono
invitati i rappresentanti delle istituzioni regionali, provinciali
e cittadine, i rappresentanti degli enti che compaiono nel
rapporto e la stampa. Qualora un ente non partecipasse
all’incontro, si avrà cura di contattarlo e consegnargli il
Rapporto, per una maggiore diffusione.
Si organizzeranno poi altri eventi pubblici in cui illustrare le
criticità emerse nel Rapporto.
43
Attività 2.2.2:
Incontri con gli
attori sociali sulle
problematiche
emerse dal rapporto
Descrizione
Si organizzano incontri specifici con gli attori sociali e,
prendendo atto della specifica situazione locale, si cerca di
trovare soluzioni che meglio possano rispondere alle
esigenze rilevate. Si prende poi parte ai Piani di Zona.
Descrizione
Vengono presi contatti con le scuole superiori del territorio e
Attività 2.2.3:
Incontri con scuole e alcuni gruppi parrocchiali per organizzare incontri in cui
gruppi parrocchiali viene presentata loro la situazione della povertà del territorio
e illustrata l’attività della Caritas per sensibilizzare le
giovani generazioni.
Caritas diocesana Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
ATTIVITÀ’
PERIODO DI REALIZZAZIONE
Obiettivo specifico n. 1
4°
8°
10°
Almeno 3 ascolti mirati al mese 1° 2°
mes 11° 12°
per persona della durata di 25 mes mes 3° mes 5° 6° 7° mes 9°
e
e
mese e
mese mese mese e
mese e
mese mese
minuti
Attività 1.1.1
Accoglienza
Attività 1.1.2
Ascolto
Attività1.1.3
Valutazione
Attività 1.1.4
Monitoraggio
Attività 1.2.1
Mappatura servizi
Attività 1.2.2
Invio a servizi esterni
Obiettivo specifico n°2
N. 5 azioni personalizzate per
ognuno dei 17 ragazzi accolti
Attività 2.1.1
Accoglienza
Attività 2.1.2
Valutazione casi
1°
10°
mes 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9°
mes 11° 12°
e
mese mese mese mese mese mese mese mese e
mese mese
Attività 2.1.3
Monitoraggio
Attività 2.2.1
Corso italiano
44
Attività 2.2.2
Conoscenza servizi territorio
Attività 2.2.3
Laboratori
Obiettivo specifico n°3
N. 3 incontri pubblici all’anno
con la cittadinanza e le
10°
istituzioni, 15 incontri con 1°
mes
2°
3°
4°
5°
6°
7°
8°
9°
mes 11° 12°
scuole e gruppi parrocchiali
e
mese mese mese mese mese mese mese mese e
mese mese
Attività 3.1.1
Mappatura dei centri Caritas
Attività 3.1.2
Visita ai centri Caritas
Attività 3.1.3
Analisi dei dati
Attività 3.1.4
Realizzazione del Rapporto
Attività 3.2.1
Presentazione e distribuzione
Attività 3.2.2
Incontri con attori del territorio
Attività 3.2.3
Incontri scuole e gruppi
Caritas Parrocchia SS Apollinare e Pio V, via XX Settembre, 3 Cattolica
ATTIVITÀ’
PERIODO DI REALIZZAZIONE
Obiettivo specifico n. 1
4°
8°
Almeno 3 ascolti mirati al mese 1° 2°
per persona della durata di 25 mes mes 3° mes 5° 6° 7° mes 9° 10° 11° 12°
e
e
mese e
mese mese mese e
mese mese mese mese
minuti
Attività 1.1.1
Accoglienza
Attività 1.1.2
Ascolto
Attività1.1.3
Valutazione
Attività 1.1.4
Monitoraggio
Attività 1.2.1.
Mappatura servizi
Attività 1.2.2
Invio a servizi esterni
45
Obiettivo specifico n°2
N. 3 incontri pubblici all’anno
con la cittadinanza e le
istituzioni, 15 incontri con 1°
mes 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° 11° 12°
scuole e gruppi parrocchiali
e
mese mese mese mese mese mese mese mese mese mese mese
Attività 2.1.1
Mappatura dei centri Caritas
Attività 2.1.2
Visita ai centri Caritas
Attività 2.1.3
Analisi dei dati
Attività 2.1.4
Realizzazione del Rapporto
Attività 2.2.1
Presentazione e distribuzione
Attività 2.2.2
Incontri con attori del territorio
Attività 2.2.3
Incontri scuole e gruppi
8.2 RISORSE UMANE COMPLESSIVE NECESSARIE PER L’ESPLETAMENTO DELLE
ATTIVITÀ PREVISTE, CON LA SPECIFICA DELLE PROFESSIONALITÀ IMPEGNATE E LA
LORO ATTINENZA CON LE PREDETTE ATTIVITÀ.
AREA DI INTERVENTO (con riferimento a quanto indicato nel punto 5)
Disagio adulto
SEDE (indicare la dizione della sede come da accreditamento)
Caritas diocesana Rimini via Madonna della Scala, 7 Rimini
Numero
n. 1
Elenco attività in cui è coinvolto e eventuale
Professionalità spiegazione della coerenza con la professionalità
indicata.
Amministratore
(laureato in Scienze Forestali,
esperienza come obiettore di
coscienza. Presidente della
cooperativa che gestisce i
servizi e le risorse del Centro
operativo Caritas, dipendente
dal 2001 per 13 ore
settimanali. )
-Gestione amministrativa del personale e delle risorse del
Centro operativo Caritas.
- Gestione dei rapporti amministrativi con tutti gli enti pubblici
ed istituzioni coinvolti nei vari progetti del Centro.
46
n. 1
n. 1
n. 1
n. 1
n. 7
n. 1
Responsabile Struttura
(laurea in Matematica,
Presidente dell’Associazione
di volontariato che coordina il
servizio dei volontari Caritas,
volontaria dal 2006)
Responsabile
dell’Osservatorio delle
Povertà e delle Risorse
(laureata in Scienze
dell’Educazione, si occupa
del coordinamento
dell’Osservatorio, dipendente
dal 2006 per 40 ore
settimanali)
Responsabile del Centro di
Ascolto Diocesano (Suora
ex insegnante, diplomata in
Magistero, volontaria dal
2004 per 35 ore settimanali)
Operatrice esperta
nell’ascolto di donne vittime
della tratta e di violenza,
progetto “Help”, (ha maturato
8 anni di esperienza al Centro
d’Ascolto Caritas, volontaria
dal 2003, per 20 ore
settimanali)
Operatori esperti
nell’ascolto e l’orientamento
degli utenti (tutti con
esperienza maggiore di 5
anni al Centro di Ascolto della
Caritas Diocesana, 4 fra loro
sono ex insegnanti della
scuola pubblica in pensione e
1 è un dirigente INPS in
pensione, tutti e 7 volontari
per 10 ore settimanali)
Responsabile di settore Centro Servizi Immigrati(ha maturato esperienza in
questo ambito formandosi
come operatore di sportello e
coordinatore di progetti,
dipendente dal 1994 per 40
ore settimanali )
- Gestione di tutti i volontari che prestano servizio nel Centro
operativo Caritas.
- Gestione dei rapporti con gli enti pubblici come ad es.
partecipazione ai Piani di Zona (Piani Locali) e ai Tavoli di
coordinamento sulle Povertà e sulle Risorse
- Persona di riferimento per gli enti pubblici e titolare di diverse
convenzioni con essi.
- Organizza il lavoro di recupero dei dati inseriti nelle schede
passaggio delle persone accolte al Centro di Ascolto
- Mappatura delle Risorse presenti sul territorio
- Responsabile delle stesura del Rapporto sulle Povertà
- Coordina gli incontri del tavolo sulle Povertà
- Gestione degli operatori del Centro di Ascolto
- Gestione della Prima Accoglienza della Caritas diocesana
-Gestione dell’erogazione dei servizi volontari
- Partecipa alle riunioni di equipe del Centro d’Ascolto
- Gestione dei casi e disamina degli stessi
- Gestione degli inserimenti e dei rapporti con le Assistenti
Sociali dell’ente pubblico
- Partecipa alle riunioni di equipe del Centro d’Ascolto
- Gestione degli ascolti delle persone accolte
- Gestione della distribuzione di beni di prima necessità quali:
pacco viveri, buoni pasto, indumenti, servizio docce
- Partecipano alle riunioni di equipe del Centro d’Ascolto
.- Referente della Delegazione Caritas dell’Emilia-Romagna sui
Richiedenti Asilo
- Gestione degli sportelli di consulenza ed orientamento sulla
materia immigrazione in convenzione con il Comune di Rimini
- Coordina i progetti sull’immigrazione della Caritas diocesana
47
n.1
n. 1
n. 3
n. 1
n. 5
Operatore nel settore
Immigrazione
Laurea in Scienze
Antropologiche presso
l’Università degli Studi di
Bologna -Gestione del progetto “Sprar” per i rifugiati politici;
Operatrice presso lo sportello
Centro Servizi Immigrati
(2012- 2010)
Operatrice progetto SPRAR
(2011-ad oggi)
Avvocato
(laureato e abilitato a - Offre consulenze gratuite agli ospiti della struttura dopo che
svolgere la professione, gli operatori esperti del Centro di Ascolto hanno fatto da filtro
volontario dal 2004, per 6 ore nella casistica
settimanali)
Mediatori culturali
(collaboratori che vengono
coinvolti all’occorrenza, - Gestiscono i colloqui nelle lingue di origine degli immigrati che
si rivolgono al Centro di Ascolto Diocesano
dipendenti per 12 ore mensili)
Responsabile
dell’Accoglienza/portineria
(laureato in Giurisprudenza,
dipendente dal 2004, per 38
ore settimanali)
Operatori
dell’accoglienza/portineria
(esperti nell’accogliere
persone in difficoltà, volontari
dal 2003, 2004 per 12 ore
settimanali)
- Coordina la gestione degli operatori volontari, aggiornandoli
sui servizi offerti dalla Caritas diocesana e formando nuovi
volontari dell’Accoglienza.
- Accoglie le persone nella sala d’aspetto.
- Risponde al telefono e smista le telefonate ai vari servizi della
Caritas diocesana.
- Accolgono le persone che si rivolgono alla Caritas nella sala
d’aspetto
- Tutte le mattine offrono la colazione alle persone che
arrivano.
- Distribuiscono un numero, tramite il quale le persone accolte
accederanno al Centro d’Ascolto.
Totale
n. 24
48
AREA DI INTERVENTO (con riferimento a quanto indicato nel punto 5)
Disagio adulto
SEDE (indicare la dizione della sede come da accreditamento)
Caritas Parrocchia dei SS. Apollinare e Pio V, via XX Settembre, 3 Cattolica
Numero
n. 1
Elenco attività in cui è coinvolto e eventuale
Professionalità spiegazione della coerenza con la professionalità
indicata.
Amministratore
(laurea in medicina),
Presidente
dell’associazione che
coordina i volontari e
gestisce i servizi e le
risorse del Centro
operativo Caritas,
volontario dal 2001
n. 1
Responsabile Centro
d’ascolto
volontaria dal 1992 )
n. 1
Responsabile
amministrativo(volontaria
dal 1993 )
n. 1
n.1
Responsabile del
servizio accoglienza
notturna
Volontario del 2004
Responsabile del
deposito biancheria e
indumenti
Volontaria del 1993
- Gestione amministrativa dei volontari
e delle risorse del Centro operativo Caritas.
- Gestione dei rapporti amministrativi con tutti gli enti
pubblici coinvolti nei vari progetti del Centro.
Persona di riferimento per gli enti pubblici e titolare di
convenzioni
- Gestione di tutti i volontari che prestano servizio nel
Centro operativo Caritas.
Gestione dei servizi erogati
Cura i rapporti con le realtà famigliari in difficoltà sul
territorio e conferisce con i servizi sociale per
inserimenti.
- Gestione della parte burocratica ed amministrativa
Organizzazione delle spese di gestione di tutta la
struttura.
- Organizzazione e gestione del dormitorio. Effettua i
colloqui con ospiti dell’accoglienza notturna.
Coordina la sistemazione e la distribuzione indumenti
e biancheria
N2
Operatori per
Organizzano colloqui con le persone che hanno perso
l’inserimento lavorativo
il lavoro o che hanno situazioni difficili
Volontari dal 2009
n. 1
Responsabile della - Gestione della cucina con direttive per i volontari
cucina (volontaria dal addetti alla preparazione dei cibi e gestione
2004) organizzazione della dispensa
n. 1
Operatrice esperta - Gestione dei casi e disamina degli stessi
nell’ascolto Esperta nel - Gestione degli inserimenti e dei rapporti con le
colloquio con nuclei Assistenti Sociali dell’ente pubblico
famigliari disagiati
volontaria dal 2004)
49
n. 3
Volontari esperti
nell’ascolto e
l’orientamento degli utenti
(tutti con esperienza
maggiore di 5 anni al
Centro di Ascolto, tutti 7
volontari)
- Gestione degli ascolti delle persone accolte
- Gestione della distribuzione di beni di prima
necessità quali: pacco viveri, buoni pasto, indumenti,
servizio docce
N-10
Volontari che
distribuiscono i pasti alla Ogni giorno a turno distribuiscono il, cibo alla mensa
mensa
n. 1
Avvocato
- responsabile dello Sportello Informa Immigrati, offre
(laureato e abilitato a
consulenze gratuite agli immigrati
svolgere la professione,
volontario dal 2004)
N8
Volontari Ogni giorno a turno si occupano di preparare i pasti
in cucina
Totale
n. 31
8.3 RUOLO ED ATTIVITÀ PREVISTE PER I VOLONTARI NELL’AMBITO DEL PROGETTO.
Sede: Caritas diocesana Rimini
Obiettivi (cfr punto 7) Obiettivo 1 Maggiore personalizzazione dell’intervento per
acquisizione autonomia. Potenziare gli ascolti personalizzati, almeno 3 ascolti mirati al mese
per persona della durata di 25 minuti
Codice e titolo Descrizione delle attività e del ruolo dei giovani in servizio civile
attività (cfr.
8.1)
Il giovane in servizio civile accoglierà la persona presso la struttura. A turno i
Accoglienza
ragazzi potranno servire la colazione alle persone che aspettano in accoglienza
1.1.1
per entrare a fare l’ascolto. Distribuiscono loro un numero per stabilire i turni
dell’ascolto e si occupano delle prime necessità degli utenti.
Il
giovane, dopo un primo ascolto della persona, compila o aggiorna, a
Ascolto
seconda che l’utente sia o meno al primo passaggio in Caritas, la scheda
1.1.2
personale.
I dati rilevati vengono inseriti nel computer che utilizza il sistema informatico
OSPO.
Al mattino: Una volta fatto l’ascolta , a seconda delle necessità, il giovane
Valutazione
compila un buono alla persona per poter accedere ai servizi della struttura
1.1.3
come docce, distribuzione del vestiario, mensa o da appuntamento per i servizi
pomeridiani. Al pomeriggio: si fanno gli ascolti per l’accoglienza notturna ed
insieme agli operatori, si valuta ogni singolo caso. Il ragazzo in servizio civile
si occuperà della redazione dei curricula degli utenti.
Monitoraggio
Il giovane in servizio civile partecipa alle periodiche riunioni di equipe con gli
1.1.4
operatori per il monitoraggio dei casi.
50
Il giovane effettuerà una iniziale e periodica mappatura dei servizi del
territorio: servizi della ASL, Servizi Sociali, Centri per l’impiego, agenzie
interinali, centri per le famiglie associazioni e organizzazioni che si occupano
dell’accoglienza.
Invio a servizi
Ad ogni ascolto si valuta l’opportunità di inviare l’utente ad altro servizio del
esterni
territorio maggiormente idoneo per la sua situazione. Il giovane si occuperà di
1.2.2
fornire le informazioni necessarie sui centri.
Obiettivo 2: N. 5 azioni personalizzate per ognuno dei 17 ragazzi accolti
Mappatura
Servizi
1.2.1
Accoglienza
2.1.1
Monitoraggio
2.1.3
Corso italiano
2.2.1
I ragazzi in servizio civile assieme agli operatori accolgono i ragazzi
dell’emergenza e presentano loro i servizi della struttura e il personale di
riferimento.
I ragazzi partecipano agli incontri di monitoraggio dei percorsi
I ragazzi in servizio civile si occuperanno della calendarizzazione dei corsi,
della predisposizione degli spazi, accompagneranno i ragazzi ai corsi stessi e
terranno un registro delle presenze
I giovani accompagneranno i ragazzi ai servizi del territorio e agli eventi
pubblici
Conoscenza
servizi territorio
2.2.2
Laboratori
Si occuperanno della calendarizzazione dei laboratori, della raccolta delle
2.2.3
adesioni e dell’accompagnamento dei ragazzi
Obiettivo 3 N. 3 incontri pubblici all’anno con la cittadinanza e le istituzioni, 15 incontri con
scuole e gruppi parrocchiali
Codice e titolo Descrizione delle attività e del ruolo dei giovani in servizio civile
attività (cfr.
8.1)
Mappatura centri Il giovane, attraverso contatti telefonici, con gli operatori delle Caritas della
Caritas
diocesi, realizzerà una mappa dove vengono indicati la collocazione dei centri
3.1.1
Caritas, i servizi che offrono, gli orari di apertura e i responsabili.
Visita ai Centri
Il giovane, durante l’anno, farà visita ai diversi centri Caritas del territorio.
3.1.2
Con l’utilizzo del computer, o facendosi consegnare le schede cartacee,
rileverà i dati dei centri e le informazioni sulle persone che usufruiscono del
servizio. I dati vengono registrati su un sistema di rilevazione di Caritas
italiana: Ospo. Se un centro non utilizza il sistema informatico, ci si accorda
per la sua installazione e per incontri in cui si spiega il suo funzionamento.
Analisi dei dati
Una volta recuperati i dati dai centri, questi vengono analizzati dal giovane a
3.1.3
fini statistici
Realizzazione del Il giovane in servizio civile, al quale vengono comunicati i dati di ogni centro
Rapporto
che prende parte al progetto, si occuperà di realizzare delle schede di sintesi,
3.1.4
volta alla descrizione di ogni singolo centro.
Presentazione e
Il giovane parteciperà all’incontro di presentazione del rapporto e si occuperà
distribuzione del di annotare chi non ha partecipato all’evento e si impegnerà a contattarlo per
Rapporto
successivamente inviare o consegnare il Rapporto, in modo da rendere la sua
3.2.1
diffusione maggiormente efficacie.
incontri con
Il giovane prende contatti con le scuole e i gruppi parrocchiali per organizzare
scuole e gruppi
gli incontri, fissa un calendario e darà la sua testimonianza di giovane in
3.2.3
servizio civile agli incontri stessi.
51
Sede: Caritas diocesana SS Apollinare e Pio V, Cattolica
Obiettivi (cfr punto 7) Obiettivo 1 Maggiore personalizzazione dell’intervento per
acquisizione autonomia. Potenziare gli ascolti personalizzati, almeno 3 ascolti mirati al mese
per persona della durata di 25 minuti
Codice e titolo Descrizione delle attività e del ruolo dei giovani in servizio civile
attività (cfr.
8.1)
Il giovane in servizio civile accoglierà la persona presso la struttura. A turno i
Accoglienza
ragazzi potranno servire la colazione alle persone che aspettano in accoglienza
1.1.1
per entrare a fare l’ascolto. Distribuiscono loro un numero per stabilire i turni
dell’ascolto e si occupano delle prime necessità degli utenti.
Il giovane, dopo un primo ascolto della persona, compila o aggiorna, a
Ascolto
seconda che l’utente sia o meno al primo passaggio in Caritas, la scheda
1.1.2
personale.
I dati rilevati vengono inseriti nel computer che utilizza il sistema informatico
OSPO.
Al mattino: Una volta fatto l’ascolta , a seconda delle necessità, il giovane
Valutazione
compila un buono alla persona per poter accedere ai servizi della struttura
1.1.3
come docce, distribuzione del vestiario, mensa o da appuntamento per i servizi
pomeridiani. Al pomeriggio: si fanno gli ascolti per l’accoglienza notturna ed
insieme agli operatori, si valuta ogni singolo caso. Il ragazzo in servizio civile
si occuperà della redazione dei curricula degli utenti.
Monitoraggio
Il giovane in servizio civile partecipa alle periodiche riunioni di equipe con gli
1.1.4
operatori per il monitoraggio dei casi.
Mappatura
Il giovane effettuerà una iniziale e periodica mappatura dei servizi del
Servizi
territorio: servizi della ASL, Servizi Sociali, Centri per l’impiego, agenzie
1.2.1
interinali, centri per le famiglie associazioni e organizzazioni che si occupano
dell’accoglienza.
Invio a servizi
Ad ogni ascolto si valuta l’opportunità di inviare l’utente ad altro servizio del
esterni
territorio maggiormente idoneo per la sua situazione. Il giovane si occuperà di
1.2.2
fornire le informazioni necessarie sui centri.
Obiettivo 2 N. 3 incontri pubblici all’anno con la cittadinanza e le istituzioni, 15 incontri
con scuole e gruppi parrocchiali
Codice e titolo Descrizione delle attività e del ruolo dei giovani in servizio civile
attività (cfr.
8.1)
Mappatura centri Il giovane, attraverso contatti telefonici, con gli operatori delle Caritas della
Caritas
diocesi, realizzerà una mappa dove vengono indicati la collocazione dei centri
2.1.1
Caritas, i servizi che offrono, gli orari di apertura e i responsabili.
Visita ai Centri
Il giovane, durante l’anno, farà visita ai diversi centri Caritas del territorio.
2.1.2
Con l’utilizzo del computer, o facendosi consegnare le schede cartacee,
rileverà i dati dei centri e le informazioni sulle persone che usufruiscono del
servizio. I dati vengono registrati su un sistema di rilevazione di Caritas
italiana: Ospo. Se un centro non utilizza il sistema informatico, ci si accorda
per la sua installazione e per incontri in cui si spiega il suo funzionamento.
52
Analisi dei dati
2.1.3
Realizzazione del
Rapporto
2.1.4
Presentazione e
distribuzione del
Rapporto
2.2.1
incontri con
scuole e gruppi
2.2.3
Una volta recuperati i dati dai centri, questi vengono analizzati dal giovane a
fini statistici
Il giovane in servizio civile, al quale vengono comunicati i dati di ogni centro
che prende parte al progetto, si occuperà di realizzare delle schede di sintesi,
volta alla descrizione di ogni singolo centro.
Il giovane parteciperà all’incontro di presentazione del rapporto e si occuperà
di annotare chi non ha partecipato all’evento e si impegnerà a contattarlo per
successivamente inviare o consegnare il Rapporto, in modo da rendere la sua
diffusione maggiormente efficacie.
Il giovane prende contatti con le scuole e i gruppi parrocchiali per organizzare
gli incontri, fissa un calendario e darà la sua testimonianza di giovane in
servizio civile agli incontri stessi.
9) Numero dei volontari da impiegare nel progetto:
Sede: Caritas Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
4 volontari
Sede: Caritas Parrocchia dei SS Apollinare e Pio V, via XX Settembre, 3 Cattolica
1 volontario
10) Numero posti con vitto e alloggio:
N. posti:0
Modalità di fruizione del vitto e dell’alloggio:
Sedi di attuazione indicate alla voce 16 dove sono collocati i posti con vitto e alloggio (indicare il codice sede
e il numero di posti con V/A):
11) Numero posti senza vitto e alloggio:
0
12) Numero posti con solo vitto:
N. posti: 5
Modalità di fruizione del vitto: Il vitto sarà fornito all’interno delle stesse sedi di attuazione
Sedi di attuazione indicate alla voce 16 dove sono collocati i posti con solo vitto (indicare il codice sede e il
numero di posti con vitto):
Sede cod.6724: Caritas Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
4 volontari
Sede cod.40698: Caritas Parrocchia dei SS Apollinare e Pio V, via XX Settembre, 3 Cattolica
53
1 volontario
13) Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo:
30 ore settimanali
14) Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6):
5
15) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio:
Partecipazione al percorso formativo previsto a livello diocesano e ai corsi di formazione residenziali che, a seconda dei
progetti approvati e finanziati dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, potranno essere
organizzati anche d’intesa con altre Caritas diocesane della stessa regione, anche fuori dal comune e della provincia ove
si svolge il proprio progetto, in date e luoghi che verranno comunicati al Dipartimento prima dell’avvio del progetto.
Partecipazione ai momenti di verifica dell’esperienza di servizio civile con la Caritas diocesana e/o le sedi di attuazione
svolti su base periodica (quindicinale-mensile) e previsti a metà e a fine servizio con momenti residenziali in date e
luoghi che verranno tempestivamente comunicati al Dipartimento.
Disponibilità alla partecipazione ai momenti formativi e di verifica e monitoraggio anche se svolti di sabato e di domenica
o in altri giorni festivi.
Disponibilità al trasferimento temporaneo della sede in caso di eventi di formazione, aggiornamento e sensibilizzazione
(es. 12 marzo: incontro nazionale giovani in servizio civile).
Disponibilità al trasferimento temporaneo della sede in caso di soggiorno con gli adulti/minori ospiti della sede di progetto
realizzato presso struttura esterna
54
CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE
16) Sede/i di attuazione del progetto, Operatori Locali di Progetto e Responsabili Locali di Ente Accreditato
Nominativi degli Operatori Locali di
Progetto
Sede di
attuazione del
progetto
Comune
1
Caritas Rimini
Rimini
Via Madonna della
Scala, 7
6724
4
Mancino 5/08/19 MNCSLL83M
83
45H294A
Isabella
2
Caritas
Parrocchiale
dei SS
Apollinare e
Pio V
Cattolica
via XX Settembre,
3 Cattolica
40698
1
Depaoli 11/02/
Giovanna 1960
N.
Indirizzo
Cod.
ident. sede
N. vol. per
sede
Cognome e
nome
Data di
nascita
C.F.
Nominativi dei Responsabili Locali di Ente
Accreditato
Cognome e Data di
nome
nascita
C.F.
DPLGNN60B
51HH294L
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
55
17) Eventuali attività di promozione e sensibilizzazione del servizio civile nazionale:
L’azione di promozione del servizio civile volontario rientra in un’iniziativa allargata di promozione generale
del servizio civile e del patrimonio dell’obiezione di coscienza di Caritas Italiana.
La campagna permanente di promozione del servizio civile si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica ai
valori della solidarietà, della pace, della nonviolenza e della mondialità e in particolare alle possibilità offerte
dal servizio civile e/o altre forme di impegno civile dei giovani.
ATTIVITÀ PERMANENTI DI PROMOZIONE E SENSIBILIZZAZIONE A LIVELLO NAZIONALE
Sito Caritas Italiana www.caritas.it
Foglio informativo quindicinale on line “InformaCaritas” di Caritas Italiana
Mensile della Caritas Italiana “Italia Caritas”
Sito del Tavolo Ecclesiale sul Servizio Civile www.esseciblog.it
Sito www.antennedipace.org della Rete Caschi Bianchi (per il servizio all’estero)
Stampa di pieghevoli, poster e altro materiale sul servizio civile.
Incontro nazionale dei giovani in servizio civile in occasione di San Massimiliano martire (12 marzo).
Marcia per la pace (31 dicembre) organizzata dall’Ufficio nazionale CEI per i problemi sociali e il lavoro, Pax
Christi, Azione Cattolica e Caritas Italiana.
In collaborazione con la Conferenza Nazionale Enti per il Servizio Civile (CNESC), di cui la Caritas Italiana è
socio, presentazione pubblica del rapporto annuale degli enti membri della CNESC.
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SENSIBILIZZAZIONE A LIVELLO LOCALE SVOLTE PRIMA DELL’AVVIO
DEL PROGETTO
Le Caritas dell’Emilia Romagna hanno allestito e aggiornano regolarmente il sito web www.caritas-er.it per
promuovere il Servizio Civile volontario, descrivendo nelle varie sezioni del sito i progetti e pubblicizzando i
diversi bandi.
Sono stati prodotti dalle Caritas dell’Emilia Romagna anche un video promozionale, pieghevoli e locandine
contenenti le principali informazioni riguardo al Servizio Civile volontario in Caritas e con rimandi al sito.
La Caritas diocesana di Rimini e tutte le organizzazioni di accoglienza, sedi di realizzazione del progetto,
sono impegnate in una campagna permanente per promuovere il Servizio Civile Volontario presso la
popolazione giovanile della città.
Vengono utilizzati i seguenti strumenti:
a. Pieghevoli, locandine e video contenenti una prima informazione sul Servizio Civile Volontario
b. Articoli e comunicati stampa su pubblicazioni periodiche e quotidiani (Quotidiani: Corriere di Rimini,
Resto del Carlino Rimini, La Voce) Presentazione sul settimanale diocesano e sul periodico della
Caritas Diocesana: Il Ponte.
c. Newsletter
d. Interventi e comunicati stampa televisioni locali (Rai Tre redazione regionale Emilia Romagna, E-TV,
TeleRimini).
e. Promozione attraverso messaggi informativi sulle radio locali: Radio Gamma, Radio Bruno e Radio
Sabbia.
f. Promozione ed organizzazione di incontri di sensibilizzazione / approfondimento con gruppi giovanili,
associazioni e scuole per diffondere capillarmente la cultura del Servizio Civile, con la partecipazione
dei volontari e delle Volontarie del Servizio Civile in qualità di testimoni privilegiate.
g. Pubblicizzazione su alcuni siti internet: www.caritas.rimini.it ; www.associazioninrete.it
h. Incontri nelle scuole e gruppi giovanili, quali: Azione Cattolica e Scout della Diocesi di Rimini.
i. Comunicazione alle Caritas parrocchiali e agli oratori.
j. Coinvolgimento nelle attività e proposte dell’Ufficio di Pastorale Giovanile della Diocesi.
La caritas diocesana Rimini è membro del Coordinamento Provinciale degli Enti di Servizio Civile
(COPRESC) della Provincia di Rimini e si avvale di tutti gli strumenti di divulgazione che il COPRESC stesso
predisporrà nei vari bandi
56
Totale ore dedicate prima dell’avvio del progetto: 50 circa
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SENSIBILIZZAZIONE A LIVELLO LOCALE SVOLTE DURANTE LO
SVOLGIMENTO DEL PROGETTO
I giovani in Servizio Civile saranno impegnati, ogni mese, in attività di sensibilizzazione nei gruppi
parrocchiali, nei gruppi dell’A.g.e.s.c.i. e dell’Azione Cattolica, per raccontare la loro esperienza e, quindi,
dare una testimonianza concreta della scelta di cittadinanza attiva e di condivisione con chi si trova in
difficoltà, ad altri giovani riminesi.
Totale ore dedicate durante il servizio civile: circa 30
Totale complessivo ore di promozione e sensibilizzazione: circa 80
18) Criteri e modalità di selezione dei volontari:
Criteri autonomi di selezione verificati nell’accreditamento
19)
Ricorso a sistemi di selezione verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione
dell’Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio):
SI
20) Piano di monitoraggio interno per la valutazione dell’andamento delle attività del progetto:
Si rinvia al sistema di monitoraggio e valutazione verificato in sede di accreditamento.
Inoltre per quanto concerne il monitoraggio, la verifica e la valutazione dell’esperienza dei volontari in
servizio civile si prevedono alcuni momenti di incontro con tutti i giovani partecipanti al progetto:
incontro di metà servizio (al 5°-6° mese);
incontri periodici (quindicinali o mensili) di alcune ore ciascuno svolti a livello diocesano;
incontro di fine servizio (al 12° mese);
Durante gli incontri verranno proposte attività di gruppo finalizzate alla verifica e alla rilettura dell’esperienza.
Durante gli stessi momenti a inizio, metà e fine servizio, verrà distribuito un questionario come previsto dal
sistema di monitoraggio accreditato.
21)
Ricorso a sistemi di monitoraggio verificati in sede di accreditamento (eventuale
indicazione dell’Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio):
SI
22)
Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli
richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64:
Nessuno
23)
Eventuali risorse finanziarie aggiuntive destinate in modo specifico alla realizzazione del
progetto:
Il progetto prevede l’impiego di risorse finanziarie aggiuntive destinate:
57
1.
alla copertura della quota-parte che il personale dipendente di cui alla voce 8.2 dedica al progetto;
2.
alle attività di formazione specifica previste alla voce 39 e 40;
3.
alle risorse tecniche e strumentali dedicate al progetto previste alla voce 25;
4.
alle attività di promozione di cui alla voce 17;
secondo la seguente ripartizione:
Voci di spesa in quota parte del personale retribuito (cfr voce 8.2)
n. 1 amministratore
n. 1 responsabile dell’osservatorio delle povertà e delle risorse
n. 1 responsabile del Centro Servizio Immigrati
n. 1 avvocato
n.1 operatore Sprar
Totale spesa
Risorse finanziarie
720,00
3.000,00
100,00
100,00
470,00
4.390,00
Voci di spesa formazione specifica
n. 5 formatori
Risorse finanziarie
1.120,00
Coinvolgimento di esperti volontari e professionisti
300,00
Utilizzo di sedi e attrezzature tecniche
400,00
Predisposizione di materiale didattico e dispense, acquisto di libri, uso
del computer e accesso a internet
100,00
Uso di automezzi per visite a realtà formative e significative
200,00
Partecipazione a corsi specialistici
200,00
Totale spesa
2.320,00
Voci di spesa risorse tecniche e strumentali (come da voce 25)
Risorse finanziarie
2.000,00
Utilizzo automezzo per la promozione e per gli spostamenti di servizio.
Utilizzo di materiale didattico e di consumo per la promozione e per l’animazione 200,00
Acquisto di materiale e eventuale strumentazione per il rinnovo dei moduli e
degli strumenti di sensibilizzazione
100,00
Materiale per banchetti
50,00
Pubblicazioni di materiali sul sito
50,00
Totale spesa
2.400,00
Voci di spesa promozione del progetto (come da voce 17)
Risorse finanziarie
Pieghevoli, locandine contenenti una prima informazione sul Servizio 800,00
Civile Volontario
Utilizzo automezzo per la promozione e per gli spostamenti di servizio.
500,00
Materiale per banchetti
400,00
Pubblicazioni di materiali sul sito
100,00
Totale spesa
1.800,00
TOTALE RISORSE FINANZIARIE AGGIUNTIVE: 10.910,00
58
24)
Eventuali reti a sostegno del progetto (copromotori e/o partners):
Il progetto SULLE NOSTRE GAMBE- RIMINI può beneficiare dei seguenti partner e copromotori, i quali
costituiscono la rete finalizzata ad una migliore realizzazione del progetto:
1. La COOPERATIVA “MADONNA DELLA CARITA’” mette a diposizione:
• tutto il personale dipendente elencato al punto 8.2 ovvero: l’Amministratore, il
Responsabile dell’Osservatorio delle Povertà, il responsabile del centro servizi
immigrati, il referente dello Sprar, i mediatori culturali, il responsabile
dell’accoglienza.
• l’uso della struttura sita in via Madonna della Scala, 7, è lasciata in comodato
dalla Diocesi alla Cooperativa, la quale occupandosi interamente della gestione,
se ne assume tutti gli oneri connessi quali pagamento delle utenze,
manutenzione dei locali, etc…, la mette a disposizione dell’espletamento del
progetto.
l’uso di tutti i beni strumentali quali: pc, telefoni, automobile e anche strutturali quali: l’uso di aula didattica
con strumentazione audio-video; salone per le conferenze, sala d’aspetto, nonché i 3 uffici del centro
d’Ascolto e 1 ufficio (con 3 pc) per l’Osservatorio delle Povertà.
2. Marcaccini Service S.r.l. fornisce gratuitamente i materiali di cancelleria utilizzati per i
corsi di lingua italiana (Attività 2.2.1).
25)
Risorse tecniche e strumentali necessarie per l’attuazione del progetto:
Sede: Caritas Diocesana di Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
Una sala d’aspetto dove vengono accolte le persone in attesa di farle accedere ai servizi
Tre uffici dove ha sede il Centro d’ Ascolto, dotati ognuno di un computer con installato il sistema
informatico Ospo per l’archiviazione dei dati.
Due dei tre uffici sono dotati di fotocopiatrice per fotocopiare i documenti degli utenti e per il materiale
informativo da consegnare loro
Un ufficio per l’Osservatorio delle Povertà dotato di tre computer con installato il sistema informatico
Ospo per l’archiviazione dei dati, l’analisi degli stessi e la redazione del Rapporto sulle Povertà e Risorse,
uno scanner e due fotocopiatrici
Ognuno degli uffici sopraccitati è dotato di telefono
Un’ automobile per eventuali spostamenti
Dormitorio di prima accoglienza con stanze in piani separati per uomini e donne per un totale di 40 posti
letto
Dormitorio di seconda accoglienza con 10 stanze triple
Una sala riunioni per le riunioni di equipe del Centro d’Ascolto e per organizzare gli incontri con i referenti
dei servizi del comune e con le persone accolte.
Un salone per le attività ludico ricreative dotato di microfoni, impianto stereo, e di un videoproiettore
Una biblioteca dotata di 10 computer per i corsi di informatica e un proiettore
Sede: Caritas Parrocchia dei SS. Apollinare e Pio V
Due uffici dove viene effettuato l’ Ascolto dotati computer in cui è installato il sistema informatico OSPO per
l’inserimento dei dati.
59
Gli uffici sono dotati di telefono.
Disponiamo di una stanza per il deposito e la distribuzione di vestiti e biancheria.
Due bagni con docce uno per uomini e uno per donne .
Una stanza utilizzata come deposito viveri con un frigo per la conservazione.
Un locale cucina per la preparazione dei pasti per la mensa
Una sala da pranzo con una trentina di posti per la mensa
Dormitorio di seconda accoglienza con 5 stanze triple
CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI
26)
Eventuali crediti formativi riconosciuti:
Riconosciuti da parte del Corso di laurea interfacoltà in "Scienze per la Pace" dell'Università di Pisa
27)
Eventuali tirocini riconosciuti :
Riconosciuti da parte del Corso di laurea interfacoltà in "Scienze per la Pace" dell'Università di Pisa
28)
Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l’espletamento del servizio,
certificabili e validi ai fini del curriculum vitae:
Per tutti coloro che concludono il Servizio Civile è previsto il rilascio di un attestato da parte di Caritas
Italiana in cui vengono riportate la tipologia del servizio svolto e le competenze che vengono conseguite
durante il servizio (modello consegnato al Dipartimento da Caritas Italiana).
La singola Caritas diocesana rilascia –su richiesta dell’interessato e per gli usi consentiti dalla leggeulteriore documentazione più dettagliata e particolareggiata.
Le stesse competenze sono riconosciute e certificate mediate il rilascio di un attestato da parte
dell’Ente terzo CGM - Consorzio Nazionale della Cooperazione di Solidarietà Sociale “Gino
Mattarelli”, come da convenzione allegata.
Il progetto consente l'acquisizione delle seguenti competenze riconosciute e certificate da Caritas Italiana e
dall’ente terzo CGM - Consorzio Nazionale della Cooperazione di Solidarietà Sociale “Gino Mattarelli”:
COMPETENZE TRASVERSALI
- Costruire messaggi chiari, al fine di fornire informazioni corrette ai giovani interessati alle attività
organizzate dall’associazione.
- Adottare stili di comportamento propositivi, improntati alla cordialità e alla cortesia.
- Collaborare con i professionisti coinvolti nel progetti, in relazione ai propri compiti e ai risultati da
raggiungere.
- Integrarsi con altre figure/ruoli professionali e non.
- Adeguarsi al contesto: linguaggio e atteggiamenti, rispetto delle regole e orari.
- Gestire la propria attività con la dovuta riservatezza ed eticità.
- Controllare la propria emotività rispetto alla sofferenza.
- Lavorare in team per produrre risultati collettivi.
- Assumere le necessarie decisioni gestionali in sufficiente autonomia, seppur nell’ambito di sistemi e
procedure già calibrati e condivisi.
- Collaborare con il Personale dell’Ente e con i colleghi.
COMPETENZE SPECIFICHE
60
-
-
Sapere promuovere attività socio-culturali per la sensibilizzazione del territorio
Saper progettare interventi atti alla reintegrazione dell’immigrato nel contesto sociale di origine.
Conoscere le condizioni sociali, politiche e culturali del Paese di provenienza del profugo.
Applicare tecniche di animazione, socializzazione e di gioco per favorire l’integrazione dei singoli e dei
gruppi.
Collaborare alla progettazione, organizzazione e conduzione di attività di socializzazione, di
ricostruzione della rete relazionale.
Possedere capacità di accoglienza e di ascolto di persone straniere (minori e adulti) provenienti da
qualsiasi paese.
Possedere capacità di relazione con persone di culture diverse.
Possedere capacità di accompagnare le persone straniere (minori e adulti) nel processo di integrazione
sociale.
Possedere capacità di mediazione culturale e di confronto.
Essere in grado di orientare al lavoro e ricercare opportunità lavorative per persone disagiate.
Conoscere le modalità di assistenza legale per gli immigrati.
Conoscere i principali aspetti della normativa sull’ immigrazione.
Conoscere le problematiche psico-sociali relative all’emarginazione ed esclusione
Riconoscere le problematiche specifiche legate alla tipologia di utenza (immigrazione, problemi legali,
problemi sanitari)
Collaborare a identificare metodologie di intervento e alla costruzione della rete relazionale con servizi
ed istituzioni competenti per territorio.
Possedere una capacità di interazione con soggetti svantaggiati e in difficoltà socio economica e
competenza nell’accompagnamento di tali soggetti in un percorso di autonomia e liberazione dal disagio
Riconoscere le problematiche specifiche legate alla tipologia di utenza (immigrazione, problemi legali,
problemi sanitari)
Possedere capacità di ascolto empatico che elimina le barriere della comunicazione.
Avere la capacità di risposta a situazioni di ansia o disperazione.
Controllare la propria emotività rispetto alla sofferenza.
Avere la capacità di entrare in rete e interagire con le realtà pubbliche e private che si occupano di
disagio.
Avere la capacità di accoglienza, ascolto e progettazione di percorsi di uscita dal disagio sociale
attraverso la relazione di aiuto
Essere in grado di lavorare in rete e in équipe
Promuovere il coordinamento di attività tra enti diversi operanti nei campi giustizia, pace e solidarietà
Saper organizzare e condurre un servizio di mensa per persone disagiate
Saper utilizzare l’Office Automation e di Internet per fini operativi, di comunicazione e coordinamento
Essere in grado di accompagnare e supportare l’utente nelle attività ricreative.
Collaborare all’utilizzo di tecniche specifiche di animazione: attività di intrattenimento (giochi, musica,
films ecc…); attività occupazionali (disegno, patchwork, manipolazione creta, pittura) attività culturali
(visite e gite, raccolta storie personali, drammatizzazione), sostegno ai legami familiari (feste ,
accompagnamento), supporto ad attività a valenza assistenziale ( supporto nella deambulazione o nelle
passeggiate – ginnastica di gruppo – aiuto nel momento del pasto e della merenda - riattivazione
individuale - stimolazione cognitiva in senso lato).
Accompagnare promuovere e sostenere i processi educativi e di crescita della persona in situazione di
disagio.
Possedere capacità di analisi delle richieste e lettura dei bisogni espressi e inespressi della persona
Conoscere i diritti della donna e del minore
Archiviare e catalogare su supporto elettronico materiale su supporto magnetico e pubblicazioni
Possedere una conoscenza generale del lavoro di rete territoriale di prevenzione e reinserimento
Archiviare e catalogare su supporto elettronico materiale discografico e pubblicazioni
Distinguere e rapportarsi con i settori della Pubblica Amministrazione che costituiscono riferimento per le
attività dell'ente
Costruire messaggi informatici destinati alla stampa per la pubblicizzazione delle attività
dell’associazione
Orientare verso percorsi di crescita etici e morali
Educare ai principi morali e sociali della pace e della nonviolenza
Conoscere le situazioni di disagio e interventi minimi per il superamento delle problematiche
Possedere capacità di interazione con soggetti svantaggiati e in difficoltà socio economica e
competenza nell’accompagnamento di tali soggetti in un percorso di autonomia e liberazione dal disagio
61
Formazione generale dei volontari
29)
Sede di realizzazione:
Il corso di formazione generale si terrà prevalentemente presso la Caritas diocesana di Rimini via Madonna
della Scala, 7 Rimini
Ulteriori sedi saranno:
- Parrocchia Gesù Redentore, via Leonardo da Vinci 220 - Modena
- Villaggio senza Barriere Pastor Angelicus – Tolè frazione di Vergato (BO)
- Oratorio Don Bosco, via Adua 79 - Reggio Emilia
30)
Modalità di attuazione:
La formazione è effettuata in proprio, presso l’Ente, con formatori dell’Ente
31)
Ricorso a sistemi di formazione verificati in sede di accreditamento ed eventuale
indicazione dell’Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio:
SI
32)
Tecniche e metodologie di realizzazione previste:
A partire dai contenuti previsti per la formazione generale nella circolare “Linee guida per la formazione
generale dei volontari”, ed il sistema di formazione verificato in sede di accreditamento, il percorso di
formazione generale si attua con le seguenti tecniche e metodologie.
Metodologia
Per ogni obiettivo formativo viene considerato:
- la coscientizzazione: essere/divenire consapevoli di sé, dell’altro, del mondo
- dalla conoscenza della realtà al saper comunicare la realtà
- dal sapere di essere nella realtà al saper stare nella realtà
- dal saper fare al saper fare delle scelte
- dallo stare insieme al cooperare
ed in relazione a questi livelli la dimensione:
- individuale della persona
- la famiglia, il gruppo, la comunità di appartenenza
- la società, il mondo
attraverso:
- lezioni frontali (non meno del 30% delle 42 ore);
- elaborazione dei vissuti personali e di gruppo, simulazioni, lavori in gruppo e riflessioni personali (non meno
del 40% delle 42 ore);
- testimonianze e/o visite ad esperienze significative
Articolazione della proposta di formazione previste;
totale nei primi sei mesi dall’avvio del progetto: 42 ore.
-
La proposta è articolata in un percorso di formazione caratterizzato da:
corso di inizio servizio di alcune giornate nel primo mese di servizio.
incontri di formazione permanente di alcune ore o al massimo di 1-2 giornate ciascuno nei mesi
successivi.
62
Inoltre durante i momenti di verifica di metà e fine servizio e periodici dal 5° al 12° mese (vedi il piano di
monitoraggio interno descritto alla voce 21), verranno proposti anche degli approfondimenti tematici a partire
dalla verifica dell’esperienza svolta nell’incontro di monitoraggio.
Numero verifiche previste e relativi strumenti utilizzati anche per la misurazione dei livelli di
apprendimento raggiunti;
Durante il servizio civile: valutazione attraverso scheda di verifica a conclusione dei singoli moduli formativi.
Successive condivisioni e confronti in gruppo.
33)
Contenuti della formazione:
A partire dai contenuti previsti per la formazione generale nella circolare “Linee guida per la formazione
generale dei volontari”, ed il sistema di formazione verificato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio
Civile Nazionale in sede di accreditamento, si propone una formazione generale che preveda due fasi:
una prima fase di 36 ore circa che tiene conto delle indicazioni delle “Linee guida per la formazione generale
dei volontari” in cui presentare ad un primo livello i singoli argomenti che saranno poi, dove necessario,
approfonditi a partire dalle esigenze del gruppo.
Verranno unificate alcune tematiche all’interno dei momenti previsti e verrà dedicato il primo periodo
all’aspetto formativo istituzionale (una giornata settimanale).
La tempistica verrà modulata secondo la tabella sottostante:
Moduli Linee Guida
L’identità del gruppo in formazione e
patto formativo
Moduli Caritas
Sostenere l’esperienza e la sua
rielaborazione.
Favorire l’attenzione alla cura delle relazioni.
Sostenere la motivazione.
Sostenere l’orientamento per il futuro.
Tempistica
6
Modalità (1)
6i
Dall’obiezione di coscienza al servizio
civile nazionale.
Il dovere di difesa della Patria -difesa
civile non armata e nonviolenta
La normativa vigente e la Carta di
impegno etico
Comprendere il significato di concorrere alla
difesa della patria
2
2f
4
3f – 1i
2
1f – 1i
Conoscere il sistema del Servizio Civile
Nazionale
La formazione civica
Le forme di cittadinanza
La protezione civile
Favorire l’educazione alla solidarietà, alla
cittadinanza attiva, alla pace e alla
responsabilità ambientale
3
3
3
2f – 1i
2f – 1i
2f – 1i
La rappresentanza dei volontari nel
servizio civile
Presentazione dell’ente
Il lavoro per progetti
Conoscere il sistema del Servizio Civile
Nazionale
Conoscere la Caritas come ente
Conoscere il sistema del Servizio Civile
Nazionale
Conoscere il sistema del Servizio Civile
Nazionale
Conoscere il sistema del Servizio Civile
Nazionale
Promuovere la prosocialità.
Sostenere l’esperienza e la sua
rielaborazione.
Favorire l’attenzione alla cura delle relazioni.
Sostenere la motivazione.
1
1i
3
2
2f – 1i
1f – 1i
2
2f
2
2f
3
3i
36
20f – 17i
L’organizzazione del servizio civile e le
sue figure
Disciplina dei rapporti tra enti e
volontari del servizio civile nazionale
Comunicazione interpersonale e
gestione dei conflitti
(1) f: lezione frontale; I:dinamiche non formali
Fermo restando le ore complessive di formazione ed i temi, l’articolazione della proposta sarà adattata in
base al gruppo dei volontari in formazione.
63
Al termine della prima fase verranno proposti alcuni strumenti per verificare il gradimento e l’interesse dei
giovani rispetto a tutte le tematiche presentate, in modo da programmare il restante percorso formativo.
Una seconda fase di 6 ore circa dove sarà possibile dedicare più attenzione e tempo ad alcune tematiche
rispetto ad altre partendo dalle esigenze e dalle risorse dei giovani e delle realtà locali. Si approfondiranno
gli stessi contenuti affrontati nella prima fase e si individueranno altre tematiche in base alle esigenze ed alla
situazione del gruppo particolare di volontari.
Inoltre durante i momenti di verifica di metà e fine servizio (vedi il piano di monitoraggio interno descritto alla
voce 21), verranno proposti anche degli approfondimenti tematici, inerenti ai contenuti di formazione
generale, a partire dalla verifica dell’esperienza svolta.
34)
Durata:
Il progetto prevede un percorso formativo generale di 42 ore.
Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei volontari
35)
Sede di realizzazione:
Caritas diocesana Rimini, via Madonna della Scala, 7 Rimini
36)
Modalità di attuazione:
La formazione specifica è effettuata in proprio, presso l’Ente, con formatori dell’Ente
37)
Nominativo/i e dati anagrafici del/i formatore/i:
Annalisa Natale nata a Caserta il 06/02/1981 NTL NLS 81B46 B963 W
Isabella Mancino nata a Rimini il 5/8/1983 MNCSLL83M45H294A
Pietro Borghini nato a Rimini il 18/12/1967 BRG PTR 67T 18H 294I
Gabriele Arretini nato a Forlì il 28/12/1955 RRTGRL55T28D704Q
Maria Monti nata a Monsummano Terme (PT) IL 06/06/1942 MNTMRA42H46F384L
Debora Debebe nata a Rimini il 1/2/1986 DBB DBR 86B41 H291 A
38)
Competenze specifiche del/i formatore/i:
Cognome e
Nome
Natale Annalisa
Titoli di studio
Esperienze
Laurea in
Educatore Sociale
conseguita presso
Alma Mater
Studiorum
(Università di
Bologna)
Volontaria in Servizio
Civile presso la Caritas
Diocesana Rimini
(2003/2004)
Temi trattati in
formazione
5° modulo
La
progettazione
educativa con l’adulto
in difficoltà
Coordinatrice del
progetto “detenuti
stranieri” presso la
Casa Circondariale di
Rimini
(2010-2014)
Dipendente della coop
Madonna della Carità in
64
qualità di coordinatrice
ed educatrice della
struttura di Prima e
Seconda Accoglienza
della Caritas Rimini
(2011-2012)
Educatore sociale
presso la coop Il
Millepiedi di Rimini
(2007-2009)
Mancino
Isabella
Laurea in
Educatore
professionale
Facoltà di Scienze
della Formazione
Bologna, tesi di
laurea in psicologia
di gruppo 106/110
(29/3/2006)
Volontaria in Servizio
Civile presso la Caritas
Diocesana Rimini dal
1/12/2004 al
30/11/2005
Educatrice parrocchiale
dal 1999
Danzeducatrice dal
2005/2006
Operatrice Co.Pr.E.S.C.
(Coordinamento
Provinciale Enti
Servizio Civile) da
Marzo 2006
Coordinatrice/formatrice
del Servizio Civile
presso l’Associazione
“Madonna della carità”,
da Settembre 2006
Dal 2007 responsabile
dell’Osservatorio
diocesano delle Povertà
diocesano
1° modulo (a)
Conoscenza di
gruppo
Conoscere,
riflettere e condividere
i valori della scelta di
volontariato a favore
di soggetti a rischio di
esclusione sociale
Socializzazione
delle esperienze
personali
3° modulo
Ascolto attivo
ossevazione
mirata
Tecniche del
colloquio
4° modulo (a)
I fondamenti
concettuali
della
relazione d'aiuto
6° modulo
Le dinamiche
di gruppo
Il lavoro di
equipe
Lavorare per
progetti metodi e
tecniche
9° modulo (a)
gestione
delle
dinamiche di gruppo;
- relazione d’aiuto
relazione educativa
- riconoscimento e
superamento
del
conflitto
stereotipi e pregiudizi
sul “diverso”
65
Borghini Pietro
Diploma di Laurea
in Scienze Forestali
Facoltà di Agraria
dell'Università degli
Studi di Firenze, con
voto 104/110 (1993)
“MADONNA DELLA
CARITÀ
COOPERATIVA
SOCIALE ARL”
Presidente del
Consiglio di
Amministrazione
Responsabile della
progettazione,
Responsabile delle
risorse Umane e del
Centro di Prima
Accoglienza (20002008)
Responsabile della
sicurezza della sede
Caritas diocesana di
Rimini
“ASS. DI
VOLONTARIATO
MADONNA DELLA
CARITÀ”
VICEPRESIDENTE
(2002-2008)
LA FORMICA
COOPERATIVA
SOCIALE ARL RIMINI.
Presidente del
Consiglio di
Amministrazione,
Responsabile
Amministrativo, del
Personale e della
Progettazione. (19962007)
“CONSORZIO
SOCIALE
ROMAGNOLO”
PRESIDENTE
(dal 2008)
Arretini
Gabriele
Debora Debebe
1° modulo (b)
- conoscenza del
centro, delle persone
che vi lavorano, dei
volontari, dei rispettivi
incarichi
(organigramma);
conoscenza
delle
attività
e
delle
procedure operative
8° Modulo
- approfondimento
della relazione tra
persone
che
lavorano
in
sinergia all’interno
del
medesimo
progetto ma con
ruoli
e
competenze
differenti;
- il lavoro in équipe:
riconoscimento di
ruoli
e
competenze,
processi
di
comunicazione e
costruzione
di
sinergie;
- metodologie del
lavoro in gruppo
2º modulo
formazione
ed
informazione
sui
rischi
connessi
all’impiego
dei
volontari in progetti di
servizio civile
Laurea in
Giurisprudenza
(ottobre 2007)
Dipendente nel settore
“accoglienza” presso la
Caritas Diocesana
Rimini
7° modulo
Il sistema dei
servizi sociali
Il sistema di
protezione sociale per
gli adulti in condizione
di povertà urbana
9° modulo (b)
- aspetti legislativi e
sanitari
Laurea in
Scienze
Antropologiche
presso
l’Università degli
Studi di
Bologna
Volontaria in Servizio
Civile presso la Caritas
diocesana Rimini
(2009 – 2010)
10º modulo
- chi è un rifugiato?
Quali
le
caratteristiche di
un
richiedente
asilo;
- il
sistema
di
Operatrice presso lo
sportello Centro Servizi
66
Immigrati (2012- 2010)
Operatrice progetto
SPRAR (2011-ad oggi)
Monti Maria
Diploma scuola
magistrale
Coordinatrice/volontaria
del progetto “Giro
nonni” presso la Caritas
diocesana di Rimini
servizi
per
assistenza
e
integrazione;
la
relazione
interculturale
Il progetto SPRAR
4° modulo (b)
La
relazione
con
persone in situazione
esclusione sociale
Formatrice dei volontari
del progetto “Giro
nonni” della Caritas
Diocesana Rimini
Animatrice Giovani
(1988-1990)
Insegnante scuola
materna (1972-1980)
39)
Tecniche e metodologie di realizzazione previste:
Ai volontari verrà proposto un percorso formativo complessivo comprendente:
- incontro di accoglienza iniziale: presentazione della sede di realizzazione del progetto, delle attività
svolte, del ruolo e delle responsabilità richieste al volontario;
- incontri settimanali: verifica e programmazione insieme agli operatori della sede di realizzazione del
progetto al fine di confrontarsi sui casi, confrontarsi sulle difficoltà incontrate e per trasmettere i
contenuti formativi affinché il volontario possa raggiungere gli obiettivi previsti;
- incontri di supervisione mensile: fornire al volontario la possibilità di esternare il proprio vissuto
emotivo in ordine al rapporto con gli utenti e con gli operatori del centro;
- incontri specifici di approfondimento tematico su argomenti relativi al progetto;
- possibile partecipazione a eventi formativi rivolti agli operatori dei centri;
incontro di bilancio finale per effettuare una valutazione condivisa dell’esperienza del volontario;
presentazione da parte dei volontari di una relazione di “fine servizio” per una “restituzione” dell’esperienza.
40)
Contenuti della formazione:
I principali contenuti su cui verte la formazione specifica sono:
Breve descrizione del percorso formativo specifico
Il “cuore” degli interventi a favore delle fasce maggiormente vulnerabili della popolazione è costituito dalla
relazione d’aiuto con operatori e giovani del servizio civile Nazionale. La gestione di relazioni positive è in
grado di responsabilizzare l’utente, di dare riconoscibilità agli interventi proposti, di veicolare l’immagine dei
servizi, di attivare risorse. In altre parole, se non è pensabile l’efficacia dei singoli interventi fuori da un
sistema territoriale di strategie contro l’esclusione sociale, dall’altra parte, tuttavia, ogni sistema territoriale è
possibile solo attraverso le competenze e gli stili delle persone che intercettano i soggetti in difficoltà,
entrano in relazione, li prendono in carico proponendo loro percorsi di uscita dallo stato di bisogno.
1° modulo (a) Mancino Isabella 6 ore
Conoscenza di gruppo
- Conoscere, riflettere e condividere i valori della scelta di volontariato a favore di soggetti a rischio di
esclusione sociale
Socializzazione delle esperienze personali
1° modulo (b) Borghini Pietro 4 ore
- conoscenza del centro, delle persone che vi lavorano, dei volontari, dei rispettivi incarichi (organigramma);
conoscenza delle attività e delle procedure operative
2º modulo Pietro Borghini 4 ore
67
-
formazione ed informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile.
3° modulo Mancino Isabella 4 ore
Ascolto attivo
- ossevazione mirata
Tecniche del colloquio
4° modulo (a) Mancino Isabella 4 ore
I fondamenti concettuali della relazione d'aiuto
4° modulo (b) Monti Maria 4 ore
La relazione con persone in situazione esclusione sociale
5° modulo Natale Annalisa 4 ore
La progettazione educativa con l’adulto in difficoltà
6° modulo Mancino Isabella 6 ore
Le dinamiche di gruppo
Il lavoro di equipe
Lavorare per progetti metodi e tecniche
7° modulo Arretini Gabriele 6 ore
Il sistema dei servizi sociali
Il sistema di protezione sociale per gli adulti in condizione di povertà urbana
8° modulo Borghini Pietro 10 ore
• approfondimento della relazione tra persone che lavorano in sinergia all’interno del medesimo
progetto ma con ruoli e competenze differenti;
• il lavoro in équipe: riconoscimento di ruoli e competenze, processi di comunicazione e costruzione di
sinergie;
• metodologie del lavoro in gruppo
9° modulo (a) Mancino Isabella 6 ore
• gestione delle dinamiche di gruppo;
• relazione d’aiuto
• relazione educativa
• riconoscimento e superamento del conflitto
• stereotipi e pregiudizi sul “diverso”
9° modulo (b) Arretini Gabriele 4 ore
• aspetti legislativi e sanitari
10º modulo Debebe Debora 10 ore
- chi è un rifugiato? Quali le caratteristiche di un richiedente asilo;
- il sistema di servizi per assistenza e integrazione; la relazione interculturale
Il progetto SPRAR
41)
Durata:
72 ore
° modulo (a) Mancino Isabella 6 ore
1° modulo (b) Borghini Pietro 4 ore
2º modulo Pietro Borghini
4 ore
3° modulo Mancino Isabella 4 ore
68
4° modulo (a) Mancino Isabella 4 ore
4° modulo (b) Monti Maria 4 ore
5° modulo Natale Annalisa 4 ore
6° modulo Mancino Isabella 6 ore
7° modulo Arretini Gabriele 6 ore
8° modulo Borghini Pietro 10 ore
9° modulo (a) Mancino Isabella 6 ore
9° modulo (b) Arretini Gabriele 4 ore
10º modulo Debebe Debora 10 ore
69
Altri elementi della formazione
42)
Modalità di monitoraggio del piano di formazione (generale e specifica) predisposto:
Si rinvia al sistema di monitoraggio verificato dal Dipartimento in sede di accreditamento
Data
Il direttore della Caritas diocesana
Il Responsabile legale dell’ente
Don Francesco Antonio Soddu
Direttore
________________________
_____________
70
Fly UP