...

Rivalutazione parziale delle pensioni da 3 a 6 volte il minimo

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Rivalutazione parziale delle pensioni da 3 a 6 volte il minimo
CGIL
BIELLA
Pagina 11
LA PAGINA SPI
TELEFONACI O VIENI A TROVARCI PER:
• SEGNALARE IL TUO BISOGNO
• RICHIEDERE UN AIUTO SE SEI SOLO E IN DIFFICOLTA’
• INCONTRARE QUALCUNO CHE TI ASCOLTI SE HAI
VOGLIA DI PARLARE
• OTTENERE INFORMAZIONI ED ACCOMPAGNAMENTO
AI NOSTRI SERVIZI
• TUTELARTI ED AIUTARTI ANCHE SUL TEMA DELLA
SALUTE E DEI DIRITTI SOCIALI
• SEGNALARE LA DISFUNZIONE DEI SERVIZI
- BIELLA 0153599224 - ANDORNO 015474008
- TOLLEGNO - 335235943 - CANDELO 0152536692
- CAVAGLIA’ 0161 966583 - OCCHIEPPO SUP. 0152593293
- MONGRANDO 015666362 - COSSATO 01593363
“Chiacchierare fa bene alla salute”
- VIGLIANO 015511370 - MASSERANO 01596110
- PETTINENGO - 0159555405 - PRAY 015767079
Ad agosto arretrati ed aumenti per le pensioni bloccate dal 2012
Rivalutazione parziale delle
pensioni da 3 a 6 volte il minimo
Rivalutate solo quelle con importo lordo superiore a 3 volte il
minimo (€ 1.405,05 nel 2012 e 1.441,50 nel 2013), escluse quelle
che superano 6 volte il minimo. Il recupero dal 40% (da 3 a 4 volte
il minimo) al 10% (da 5 a 6 volte il minimo). I sindacati chiedono
un’incontro a Poletti. Controlli possibili a partire da settembre.
La Corte costituzionale ha dichiarato illegittimo il
decreto-legge 6/12/2011, n. 201 nella parte in cui,
per gli anni 2012 e 2013, ha limitato la rivalutazione
delle pensioni esclusivamente alle pensioni di importo complessivo fino a 3 volte il trattamento minimo INPS.
Per dare attuazione alla sentenza il Governo ha
emesso il decreto legge n. 65/2015 che stabilisce:
Rivalutazione per gli anni 2012 - 2013
la rivalutazione automatica delle pensioni per gli
anni 2012 e 2013, è riconosciuta anche:
a) nella misura del 40% per le pensioni complessivamente superiori a 3 e pari o inferiori a 4 volte il
trattamento minimo INPS.
b) nella misura del 20% per le pensioni superiori a 4
volte e pari o inferiori a 5 volte il trattamento minimo INPS con riferimento all’importo complessivo
dei trattamenti medesimi.
c) nella misura del 10% per le pensioni complessivamente superiori a 5 volte e pari o inferiori a 6
volte il trattamento minimo INPS
d) non è riconosciuta per le pensioni complessivamente superiori a 6 volte il minimo INPS.
Il riconoscimento della perequazione nei termini sopra indicati opera solo ai fini della determinazione
degli arretrati per gli anni 2012-2013.
Rivalutazione delle pensioni dall’anno 2014
L’incremento attribuito per gli anni 2012 e 2013,
costituisce la base di calcolo per determinare gli
importi mensili delle pensioni a partire dal 2014 e
viene riconosciuto in misura pari:
• al 20% dell’aumento ottenuto nel biennio 20122013, relativamente agli anni 2014 e 2015;
• al 50% dell’aumento ottenuto nel biennio 20122013, relativamente all’anno 2016.
Pertanto, alle pensioni il cui importo è superiore a
3 volte il trattamento minimo verrà attribuita la percentuale di perequazione prevista per il 2012 pari al
2,7% e quella per il 2013, pari al 3% nella seguente
misura:
1) Pensioni superiori a 3 volte e pari o inferiori a 4
volte il minimo INPS: 20% del 40%
2) Pensioni superiori a 4 volte e pari o inferiori a 5
volte il trattamento minimo: 20% del 20%
3) Pensioni superiori a 5 volte e pari o inferiori a 6
volte il trattamento minimo INPS: 20% del 10%
4) Pensioni di importo superiore a sei volte il trattamento minimo INPS: nessun aumento
ESEMPIO: ANNI 2012 E 2013
anni
pensione
DL 65
arretrati
2012
1.500
16,20
210,6
2013
1.500
18,20
447,2
ANNI 2014 - 2015
2014
1.515,68
1.522,60
89,96
2015
1.518,56
1.525,49
48,51
Tot. Arretrati 08/2015
796,27
ANNO 2016
Nuovo importo mensile
1.541,75
Fonte: Circolare Inps 125 del 25/06/2015
NB: le pensioni sino a € 1.405,05 lordo nel 2012
- escluse dal blocco - sono già state rivalutate
Per informazioni, valutazione
del diritto ad ulteriori arretrati,
presentazione delle domande:
RIVOLGERSI DA SETTEMBRE
alle sedi SPI ed INCA territoriali
Avviso agli
iscritti
La Cgil e lo Spi hanno
contestato il decreto del
Governo ed hanno richiesto un incontro al Ministro
Poletti.
Abbiamo criticato la misura della rivalutazione e
l’esclusione da ogni beneficio delle pensioni basse
e richiesto l’utilizzo delle
disponibilità non utilizzate
sulla povertà e sull’occupazione.
L’incontro é previsto per
il 16 luglio prima che il
Decreto vada in aula il 21
luglio.
Sono quindi possibili modifiche e cambiamenti rispetto
alla tabella pubblicata.
controllo e di contestazione deve essere successiva al
pagamento delle pensioni del
mese di agosto.
Lo Spi di Biella, in collaborazione con l’Inca
predisporrà per quella data
gli strumenti necessari di
controllo e di verifica per i
nostri iscritti.
Ancora non sappiamo se
l’Inps invierà agli interessati
comunicazione scritta con il
dettaglio delle rivalutazioni,
che riguarderanno anche le
pensioni superiori a 3 volte
il minimo cessate dal 2012
ad oggi.
Questi incrementi determinano i nuovi importi mensili delle pensioni sui quali applicare le percentuali di perequazione previste dall’articolo 1, comma
483, della legge 27/12/2013, n. 147.
La differenza verrà corrisposta a titolo di arretrati
NB: presentarsi alle Sedi Spi
per il 2014 e per i primi sette mesi del 2015 con la
con Carta Identità e Codice
pensione di agosto 2015.
Pertanto ogni iniziativa di Fiscale.
Fly UP