...

Potrebbe trattarsi di un disturbo alimentare?

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Potrebbe trattarsi di un disturbo alimentare?
Potrebbe
trattarsi di
un disturbo
alimentare?
Come indirizzare una
diagnosi e a chi rivolgersi
Premessa
I disturbi del comportamento
alimentare (DCA) costituiscono
oggi una vera epidemia sociale,
ma in realtà difficilmente vengono
riconosciuti e quindi trattati in
modo adeguato.
Una diagnosi tardiva diminuisce
notevolmente le possibilità di
guarigione.
I DCA sono caratterizzati da una
pesante alterazione della condotta
alimentare, da un eccesso di
preoccupazione per la forma
fisica, da alterata percezione
dell’immagine corporea e da una
stretta correlazione tra tutti questi
fattori e i livelli di autostima.
Pubblicazione a cura di:
INFES
Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare
Autrici
Dr.ssa Raffaela Vanzetta (psicoterapeuta)
Dr.ssa Rita Trovato (dietologa internista)
Dr.ssa Maria Elena Azzaro (dietologa internista)
Si ringrazia per la collaborazione:
Dr. Markus Markart (pediatra)
Dr. Salvatore Rampulla (odontoiatra)
Dr.ssa Bianca Babich (ginecologa)
Dr.ssa Patrizia Zambai (medico generico)
Traduzioni
Raffaela Vanzetta
Grafica e impaginazione
MAGUTDESIGN
Illustrazioni
Roberto Maremmani
Stampa
Litotipografia Alcione, Lavis (TN)
Una diagnosi
tardiva diminuisce
notevolmente
le possibilità di
guarigione
Edizione
Novembre 2014
1
Diagnostic and Statistic Manual - APA American Psychiatric Association 2013
2
International Classification of Disorders
- WHO - World Health Organisation
2000
Essi sono disturbi psicosomatici
con complicanze cliniche serie
secondarie alla malnutrizione e ai
comportamenti impropri messi in
atto per ottenere il controllo sul
peso.
I disturbi classificati dai manuali
diagnostici (DSM-V1 ICD-102)
comprendono: l’anoressia
nervosa (AN), la bulimia nervosa
(BN), il binge eating disorder
(BED) (sindrome da abbuffate
compulsive o DAI, Disturbo da
Alimentazione Incontrollata) e
i disturbi non specificati, di cui
fanno parte le sindromi parziali
(in cui sono presenti alcuni, ma
non tutti i sintomi necessari per la
diagnosi di anoressia e bulimia).
Nell’eziopatogenesi intervengono
fattori sia genetici sia ambientali.
L’origine e il decorso sono
determinati da una pluralità di
variabili, nessuna delle quali da
sola è in grado di scatenare la
malattia. Alcune caratteristiche
di personalità (perfezionismo,
necessità di controllo sulla
propria vita emotiva e sugli
altri) favoriscono un’aumentata
vulnerabilità nei confronti di questi
disturbi e il culto della magrezza
esaltato nelle società industriali
come fonte di successo personale
e di bellezza suggerisce la strada,
attraverso la quale un malessere
più profondo si esprime e cerca
una sua risoluzione. Secondo
dati forniti dal Centro Nazionale
Epidemiologico dell’Istituto
Superiore di Sanità, la prevalenza
dell’AN e della BN in Italia sarebbe
1
rispettivamente dello 0,2%0,8% e dell’1%-5% in linea con
quanto riscontrato in molti altri
paesi. La distribuzione per età
della popolazione è rappresentata
principalmente dalla fascia
d’individui tra i 15 e i 25 anni, con
un incremento di pazienti in età
inferiore ai 15 anni e superiore
ai 40 anni, a dimostrazione di un
preoccupante ampliamento della
fascia di persone coinvolte. Vi è
una netta predilezione per il sesso
femminile (9/1) anche se stanno
aumentando le diagnosi nella
popolazione di sesso maschile, con
espressioni nuove della patologia
(Bigoressia e Ortoressia) e disturbi
infantili con forme purtroppo
estremamente severe e difficili da
trattare.
Il rischio di morte per una persona
con diagnosi di anoressia nervosa
è 5-10 volte superiore a quello
di soggetti di pari età e sesso e il
rischio suicidario costituisce circa il
20% di tutte le cause di morte.
In Germania uno studio del
Robert Koch-Institut3 indica
un comportamento alimentare
problematico in un quinto
della popolazione (21,9% della
popolazione totale, 20,6% dei
giovani tra gli 11-13 anni, 22,7%
dei giovani in età compresa tra
i 14 -18 anni). In Alto Adige i
dati epidemiologici sono in fase
di elaborazione, ma l’indagine
sui giovani dell’ASTAT (2009) e
l’indagine HBSC (Health Behaviour
in School-aged Children 2010)
rilevano che, nonostante l’88%
dei giovani tra gli 11 e i 15 anni
sia normopeso, il 46% si ritiene
troppo grasso. Sono in aumento
tentativi di dimagramento in
adolescenti normopeso che
possono rappresentare in soggetti
predisposti un fattore scatenante.
In tutto il nostro territorio
sono circa 500 le persone che
attualmente sono in cura per
DCA, ma certamente il numero
di persone affette dal disagio
comportamentale è di gran lunga
superiore. Adeguando le stime ai
dati internazionali si suppone che
nella nostra provincia 10 - 12.000
donne riscontrino un disturbo nel
corso della loro vita.
Il percorso diagnostico terapeutico
deve prevedere la presa in carico
della paziente4 da parte di un
team multidisciplinare, dove sia
prevista l’integrazione di più
figure professionali esperte nel
settore (internista - dietologo
- psicoterapeuta - psichiatra tecnico dietista) aggiornate e
motivate in un percorso di cura
condiviso.
Hölling H., Schlack R.:
Essstörungen im Kindes - und
Jugendalter. Erste Ergebnisse
aus dem Kinder - und
Jugendgesundheitssurvey
(KiGGS). Bundesgesundheitsblatt
- Gesundheitsforschung Gesundheitsschutz 2007; 794-799
3
2
4
Essendo i disturbi alimentari
disturbi prevalentemente
femminili, parleremo di pazienti
al femminile, sottintendendo la
presenza di qualche paziente
maschile.
Spesso il primo
contatto con
persone che
soffrono di DCA
avviene con
medici di medicina
generale, pediatri,
ginecologi e
odontoiatri, che
possono avere un
ruolo fondamentale
nel riconoscere
tempestivamente
segni e sintomi che
indirizzano a una
diagnosi certa o
ad un sospetto del
disturbo attraverso
segnali di allarme.
Il riconoscimento
precoce di tali
disturbi e la cura
tempestiva sono
fondamentali
per garantire
un successo
terapeutico
ed evitare la
cronicizzazione.
Scopo di quest’opuscolo sarebbe
di fornire informazioni adeguate
per ottenere orientamenti
diagnostici che consentono di
indirizzare le pazienti ad un
trattamento adeguato il più
tempestivamente possibile. La
conoscenza del disagio consente
anche l’implementazione di un
percorso motivazionale necessario
quando le pazienti non hanno
consapevolezza del problema o lo
negano.
Diagnosi
breve
secondo
DSM-V
e ICD-10
Anoressia nervosa
>Basso peso corporeo (15% al di sotto del
normopeso per età e statura o BMI al di sotto del
17,5) autoindotto
>Rifiuto di mantenere un peso corporeo al di sopra
del peso minimo normale per l’età e la statura
>Paura di un aumento ponderale
>Eccessiva influenza del peso e delle forme
corporee sull’autostima
>Distorsione dell’immagine corporea
>Vengono distinti due sottotipi: il tipo restrittivo
e quello con condotte di eliminazione (vomito,
lassativi, diuretici, sport estremo)
Bulimia nervosa
Nell’ambito del sottopeso si
definiscono quattro livelli di
gravità
Lieve
IMC >17 kg/m²
Moderato IMC 16-16,9 kg/m²
Grave
IMC 15-15,9 kg/m²
Estremo IMC < 15 kg/m²
>Abbuffate compulsive: in un breve periodo di
tempo vengono ingerite quantità di cibo eccessive,
con la sensazione di totale perdita di controllo
>Inappropriate condotte compensatorie per
prevenire l’aumento di peso, come vomito
autoindotto, abuso di lassativi e diuretici,
enteroclismi, digiuno o esercizio fisico eccessivo
>Abbuffate e condotte compensatorie si verificano
almeno una volta in settimana per almeno tre
mesi
>Esagerata paura di ingrassare
>I livelli di autostima sono indebitamente
influenzati dalla forma e dal peso corporeo
Disturbo da alimentazione
incontrollata
>Abbuffate compulsive: in un breve periodo di
tempo vengono ingerite quantità di cibo eccessive,
con la sensazione di totale perdita di controllo
>Le abbuffate si manifestano senza condotte
compensatorie
>Le abbuffate si verificano almeno una volta in
settimana per almeno tre mesi
>Alle abbuffate seguono forti sensi di colpa e
vergogna fino al disgusto di se stessi
Esistono inoltre disturbi atipici e non altrimenti
specificati (NAS o EDNOS), che non verranno
descritti o elencati in questo opuscolo.
3
Indice di
massa
corporea
(IMC o BMI body mass index)
L’indice di massa corporea mette in relazione il
peso corporeo con la statura. Questo indice permette
di definire se un individuo è normopeso, sottopeso,
sovrappeso o se si trova in una condizione di obesità.
L’IMC si calcola dividendo il peso in chilogrammi per
l’altezza, misurata in metri, al quadrato.
peso (kg)
altezza (m)²
Cenni Clinici
Fattori di rischio generali
>sesso femminile
>adolescenza e prima età adulta
>vivere nella società occidentale
Principali segni e sintomi
Fattori di rischio individuali
Condizioni presenti nel contesto famigliare
>DCA
>depressione, alcolismo
>diete frequenti
>commenti critici su peso, corpo, alimentazione
>tratti ossessivi e perfezionistici
>anaffettività e scarso contatto con i genitori
>frequentazione di ambienti che enfatizzano la
magrezza (danza, sport, moda)
>obesità
Caratteristiche dell’individuo
>obesità
>tratti di personalità (perfezionismo, bassa
autostima, difficoltà nel gestire le emozioni)
>disturbi d’ansia
Esperienze predisponenti
>abusi sessuali / esperienze traumatiche
>esperienze di derisione per il peso e la forma del
corpo
>lavori o attività ricreative (sport) che incoraggiano
la magrezza
Fattori precipitanti
>traumi
>lutti
>cambiamenti significativi nella vita
(malattie, separazioni, traslochi...)
Anoressia nervosa
Bulimia nervosa
Binge Eating disorder
Sintomi
Sintomi
Sintomi
>amenorrea
>dolore e gonfiore addominale
>iperattività
>disturbi del sonno
>affaticamento
>cefalea
>intolleranza al freddo
>stipsi
Segni
>irregolarità ciclo mestruale
>dolore e gonfiore addominale
>affaticamento
>cefalea
>gonfiore mani e piedi
>depressione
>stipsi
>richiesta di diete ipocaloriche
>alimentazione incontrollata e
spesso compulsiva
>dolore e gonfiore addominale
>depressione
>basso peso
>bassa temperatura corporea
>ipotensione
>inanizione
>ipotrofia muscolare
>pelle secca
>carotenodermia
>perdita di capelli
>lanugo
>acrocianosi
>bradicardia
>soffio mesosistolico (prolasso
mitrale)
>svuotamento gastrico
ritardato
Segni
Segni
>spesso in sovrappeso o obesi
>spesso appaiono in salute
>lesioni/callo dorso mani (segno
di Russel)
>rigonfiamento ghiandole salivari
>erosioni dentali
>edema
Fattori di mantenimento
>eccessiva importanza attribuita all’alimentazione, al
peso, alle forme corporee e al loro controllo
sotto il 18,5
18,5 - 24,9 25,0 - 29,9 30,0 e oltre sottopeso
normopeso
sovrappeso
obesità
4
5
Complicanze
cliniche DCA
Renali, elettrolitiche
>disidratazione
>ipopotassiemia
>ipocloremia
>ipomagnesiemia
>ipocalcemia
>ipofosfatemia da
rialimentazione
>calcolosi renale
>insufficienza renale cronica
>edema da sospensione di
lassativi diuretici
>edema da rialimentazione
>edema da ipoalbuminemia
Endocrine
>ritardo o arresto della crescita
>ritardo della pubertà
>amenorrea
>ipercortisolismo
>alterazioni funzionalità tiroidee
Cardiovascolari
>ipotensione ortostatica
>bradicardia
>insufficienza cardiaca
>aritmie
>prolasso mitrale
>alterazioni ECG
>arresto cardiaco
Gastrointestinali
>rigonfiamento ghiandole salivari
>iperamilasemia
>esofagite-perforazione esofagea
>ritardato svuotamento gastrico
>stipsi
>melanosi coli
>ileo da ipopotassiemia
Metaboliche
>osteoporosi/osteopenia
>deficit elementi traccia
(es: zinco)
>deficit vitaminici
>ipercolestrolemia
>obesità
Polmonari
>polmonite da aspirazione
>pneumomediastino
Dermatologiche
>perdita dei capelli
>lanugo
>pelle secca, unghie fragili, capelli
sottili
>carotenodermia
>erosioni o calli dorso mani
Ematologiche/immunologiche
>anemia
>leucopenia con linfocitosi
>trombocitopenia
>alterazioni CD4/CD8
>alterazioni immunità cellulo
mediata
Neurologiche
>pseudoatrofia cerebrale
>deficit cognitivi
>allargamento ventricoli cerebrali
6
Indicazioni
per il
ricovero
ospedaliero
in un reparto
internistico
(APA 2006)
Adulti
>FC<40/min
>PA<90/60mmHg
>Ipoglicemia sintomatica
(<60 mmHg)
>Ipokaliemia <3mmol/l
>Temperatura corporea <36°C
>Disidratazione
>Aritmie cardiache
>QT allungato
>Peso <75% peso ideale
>Rapido calo ponderale ( >10% in un mese)
>Incapacità di nutrirsi autonomamente
Età evolutiva (<18 anni)
>perdita di peso severa (<75%)
>PA<80/50 mmHg
>FC<50/min
>ipokaliemia
>ipofosforemia
>variazioni clino/ortostatismo (diminuzione PA
al di sopra di 10-20 mmHg)
Indicazioni per il
ricovero in SPDC
(APA 2006)
>incapacità di nutrirsi autonomamente
>alto rischio di suicidio/autolesionismo/abuso
alcool/stupefacenti/farmaci
>comorbosità psichiatrica severa
>contesto familiare che potrebbe ostacolare il
trattamento
>isolamento sociale
>scarsa motivazione o mancanza di coscienza della
gravità del disturbo
7
Come
indirizzare una
diagnosi
Nel vostro ambulatorio certamente vi confronterete
con pazienti che presentano una sintomatologia
che non sembra indirizzare immediatamente ad una
diagnosi di disturbo del comportamento alimentare.
La valutazione clinica è fondamentale assieme ad
un’attenta osservazione sia della storia familiare che
individuale. Le seguenti domande potrebbero essere
di aiuto per orientarsi verso una possibile diagnosi di
disagio comportamentale:
>Ha il ciclo mestruale regolare?
>Ha spesso pensieri rivolti al cibo o alla sua
figura corporea?
>Quante volte sale sulla bilancia?
>È soddisfatta del suo peso e della sua figura
corporea?
>Si mette spesso a dieta?
>Le succede di digiunare o saltare dei pasti?
>Ha cali o aumenti ponderali frequenti?
>Quante ore alla settimana pratica sport?
>Ci sono alimenti che lei si vieta?
>Sa quante calorie assume ogni giorno e
quante ne vorrebbe assumere?
Osservate inoltre se…
>... la paziente ha comportamenti autolesionistici
(tagli sulle braccia, si strappa i capelli).
>... la paziente ha formazioni callose sul dorso
della mano che indicano un accentuato uso del
vomito.
>Chiedete ai genitori se hanno notato:
cambiamento di umore, isolamento sociale,
abbuffate o dieta ferrea (saltare i pasti - ridurre
le porzioni - dividere gli alimenti in buoni e cattivi sminuzzare il cibo presente nel piatto).
Non tutti sanno che…
>L’amenorrea è secondaria alla restrizione
alimentare e al dimagramento. Un intervento
sui fattori di mantenimento (tra cui la dieta) è il
primo obiettivo della terapia. La somministrazione
di estrogeni (pillola anticoncezionale) come
cura dell’amenorrea, oltre a non tenere in
considerazione il sintomo amenorrea nel contesto
di un più complesso problema, rinforza la
negazione della malattia.
>La perdita di peso corporeo è controindicata
nei soggetti normopeso (BMI compreso tra
18,5 e 24,9 kg/m2), perché la dieta aumenta
di otto volte il rischio di sviluppare un disturbo
dell’alimentazione. La maggior parte di questi
soggetti cerca di dimagrire non per motivi di salute,
ma per migliorare l’immagine corporea.
>Le persone che abusano di lassativi utilizzano tali
sostanze in due modi:
1. saltuariamente per eliminare le calorie assunte
in eccesso in seguito ad un’abbuffata oggettiva o
soggettiva (in questo caso il loro utilizzo è simile
alla pratica del vomito auto-indotto);
2. costantemente per ridurre l’assorbimento di
calorie e per raggiungere l’effetto “pancia piatta”
(in questo caso il loro utilizzo è simile alla dieta).
In realtà con i lassativi non si eliminano calorie,
ma principalmente acqua ed elettroliti.
>Le succede di mangiare di nascosto?
>Prende lassativi o diuretici?
>Le succede di mangiare in maniera
compulsiva con la sensazione di non riuscire
a fermarsi?
8
Come
affrontare
inizialmente
un DCA
Le persone
che soffrono di
DCA tendono a
minimizzare o
addirittura a negare
il problema
A volte manca proprio la
consapevolezza del disturbo,
altre volte c’è un forte senso
di vergogna o la paura di
dover rinunciare ai vantaggi
secondari del disturbo (p.es. la
magrezza o l’effetto calmante di
un’abbuffata). Queste pazienti
hanno bisogno di essere trattate
con sensibilità e determinazione.
È importante dare loro la
sensazione di assoluta autonomia,
ogni decisione resta comunque
una loro scelta. Quello che i
medici possono fare è informarle
sulle conseguenze anche gravi del
loro comportamento alimentare
e accompagnarle ad una
accettazione di cura consapevole.
In caso di magrezza estrema è
importante che conoscano le
conseguenze di un eventuale
emergenza clinica.
consapevolezza ed è disposta
ad accettare un aiuto. È utile
parlare con chiarezza ma con
sensibilità senza dimenticare che
ammettere un disturbo alimentare
rappresenta per la paziente una
grande fatica e sofferenza.
Pazienti non consapevoli:
se si rivolge a voi una paziente
con chiari sintomi che fanno
pensare a un disturbo alimentare,
ma la paziente non accenna
al problema, esprimete
apertamente il vostro sospetto,
soprattutto se è confermato
da risposte affermative alle
domande diagnostiche.
Informate la paziente sulle
possibili conseguenze del suo
comportamento. Se affrontare
una terapia appare ancora troppo
difficile, è possibile che la paziente
accetti di richiedere almeno una
consulenza all’INFES, anonima e
gratuita.
Pazienti molto giovani: se
venite contattata/o da ragazze
molto giovani per problemi
legati ad un possibile disturbo
alimentare, spesso non desiderano
che i genitori vengano informati.
Nessuna comunicazione o
scelta terapeutica deve essere
effettuata senza che la paziente
ne sia a conoscenza, poiché
ciò metterebbe a rischio la sua
disponibilità a farsi curare.
Anche in chi nega il problema
c’è una parte di consapevolezza.
Solitamente le pazienti sono
ambivalenti e tendono a negare il
loro disagio di fronte a chi le vuole
convincere a cambiare.
9
Pazienti consapevoli: se si
rivolge a voi una persona che
vi parla esplicitamente del suo
disturbo alimentare solitamente
ha già fatto un percorso di
Pazienti in condizioni cliniche
gravi: se si rivolge a voi una
paziente con un quadro clinico di
malnutrizione grave è necessario
informarla del rischio che sta
correndo e avviare le pratiche per
un ricovero. Quando l’indice di
massa corporea presenta un valore
inferiore a 14, il rischio clinico è
elevato.
Alcuni
consigli pratici
Le seguenti
considerazioni si
riferiscono solo
a pazienti che
presentano una
stabilità clinica
>Soffrire di un DCA significa
avere problemi gravi con la
propria immagine corporea.
Di conseguenza si esprime
molta reattività a ogni
commento sul proprio corpo.
È importante ponderare
bene le parole, per risvegliare
la consapevolezza che può
motivare a un cambiamento.
>Frasi come “lei dovrebbe
dimagrire/ingrassare” o “lei
è troppo magra/grassa”
vengono interpretate come
una pesante critica. Meglio
usare delle formule come “il
suo peso corporeo è molto
al di sotto della norma”, che
risultano neutre e quindi più
facilmente accettabili
>Frasi come “lei soffre di
anoressia” vengono accettate
più facilmente di “lei è
anoressica”.
>Le pazienti che soffrono di
DCA sono spesso convinte di
essere responsabili del loro
comportamento. Credono che
dipenda unicamente dalla loro
volontà riuscire a indurre un
cambiamento e il fatto di non
riuscire fa insorgere un senso
di fallimento e vergogna.
Sentire da un medico che si
tratta di una malattia che
va curata come qualsiasi altra
patologia può avere un effetto
benefico.
>A volte visitare una paziente che
soffre di un DCA può risultare
difficile, perché il rifiuto del
proprio corpo la mette in uno
stato di disagio e lo spogliarsi
davanti ad altre persone (anche
ai propri partner) può suscitare
in loro un certo imbarazzo.
Dietro ad un DCA ci possono
essere esperienze sessuali
traumatiche o violente.
Per questo motivo il medico
deve chiedere il consenso
esplicito della paziente per ogni
esame clinico obiettivo.
>A volte le pazienti hanno
bisogno di un po’ di tempo
per decidere se intraprendere
un percorso terapeutico. Date
loro il tempo per riflettere
e invitatele a un prossimo
appuntamento.
>Se la paziente è molto restia ad
10
In sintesi
iniziare una terapia, si possono
tentare passi intermedi. Darle
l’opportunità di provarci da
sola entro uno spazio di tempo
condiviso assieme, a volte aiuta
a guadagnare fiducia. Uno di
questi passi intermedi potrebbe
essere p.es. un leggero
aumento di peso o un visibile
miglioramento di sintomi.
Se ciò non dovesse accadere
fatele capire che da sola non
ha la forza per iniziare un
cambiamento e quindi necessita
di aiuto.
>Se la paziente rifiuta di rivolgersi
ad un ambulatorio dedicato per
iniziare un percorso terapeutico,
un colloquio all’INFES
può essere una soluzione
intermedia.
Le consulenti sono formate
per gestire colloqui
motivazionali e possono
offrire tempo all’ascolto e alla
gestione di alcuni incontri di
approfondimento.
Le consulenze sono anonime
e gratuite e la paziente non
deve prendere alcuna decisione
tempestiva. Le collaboratrici del
centro sono bene informate su
possibili terapie in provincia e
fuori provincia e questo può
aiutare ad orientare la paziente
verso la scelta più adeguata.
Il medico di base,
il ginecologo o il
pediatra, ma anche
il dentista, vengono
spesso a contatto
con pazienti, che
presentano sintomi
che potrebbero
essere causati da un
disturbo alimentare.
Essi hanno un ruolo
importante nella
diagnosi e quindi
nelle possibilità di
cura e guarigione.
>Il riconoscimento precoce
aumenta notevolmente le
possibilità di guarigione di un
DCA.
>La cura di un DCA necessita di
una stretta collaborazione
tra medico, psicoterapeuta
e nutrizionista. Gli ambulatori
specialistici garantiscono il
lavoro di equipe.
>Spesso le pazienti negano
il problema. Con le dovute
conoscenze è possibile
motivarle ad una maggiore
consapevolezza e quindi
ad una cura, ma ci vogliono
pazienza e sensibilità.
>Per motivare una paziente alle
cure è utile prendersi un po’ di
tempo per un colloquio di
approfondimento.
>Se decidete di comunicare la
vostra diagnosi ad una paziente
restia o che nega il disturbo
parlatele in maniera chiara
e diretta, tenendo presente
i sentimenti di vergogna o
fallimento che accompagnano
tali disturbi.
>Se la magrezza è eccessiva, con
un indice di massa corporea
inferiore al valore di 14, la
situazione clinica richiede
particolare attenzione,
valutando la possibilità di un
ricovero.
L’eziopatogenesi dei DCA è
multifattoriale e la cura deve
prevedere collaborazione
multidisciplinare. La situazione
ideale è che queste figure
professionali lavorino in
rete e che ci sia una stretta
collaborazione tra strutture
ambulatoriali e residenziali,
in modo da poter offrire alla
paziente l’aiuto necessario.
11
Dove accedere?
Linee Guida di riferimento:
American Psychiatric Assocition (APA)
Practice Guideline for the Treatment of Patients With Eating
Disorders. 2006
National Collaborating Centre for Mental Health (UK)
Eating disorders: Core interventions in the treatment and
management of anorexia nervosa, bulimia nervosa and related
eating disordes. 2004
Istituto Superiore di Sanità
Conferenza di consenso sui Disturbi del Comportamento
Alimentare (DCA) negli adolescenti e nei giovani adulti.
A cura di De Virgilio G., Coclite D., Napoletano A., Barbina D., Dalla
Ragione L., Spera G., Di Fiandra T. 2013
Deutsche Gesellschaft für Psychosomatische Medizin und
Psychotherapie (DGMP) Deutsches Kollegium für Psychosomatische
Medizin
Diagnostik und Therapie von Essstörungen.
S3Leitlinie 2010
12
L’eziopatogenesi dei DCA è
multifattoriale e la cura deve
prevedere una collaborazione
multidisciplinare La situazione
ideale è che queste figure
professionali lavorino in rete e che
ci sia una stretta collaborazione
tra strutture ambulatoriali e
residenziali, in modo da poter
offrire alla paziente l’aiuto
necessario.
In Alto Adige questo tipo di
terapia è garantito da quattro
ambulatori, uno in ogni
comprensorio, gestiti da equipe
multidisciplinari. A Merano e
Bressanone questi ambulatori
seguano adulti e bambini, a
Bolzano e a Brunico le ragazze
minorenni sono seguite dagli
ambulatori per la salute
psicosociale nell’età infantile ed
evolutiva. Per ricoveri urgenti di
ragazze minorenni è stato creato
il centro di competenza presso il
reparto di Pediatria dell’ospedale
di Bressanone.
La clinica riabilitativa di Rodengo
ha implementato un programma
specifico residenziale per la
riabilitazione da questi disagi.
Il centro per i disturbi alimentari
INFES offre consulenze anonime
e gratuite anche a parenti o
amici, colloqui motivazionali e
informazioni sulle possibili terapie.
Inoltre è possibile frequentare
a pagamento gruppi di training
psicosociale, arte terapia o altri
corsi che sostengono e stimolano
la terapia individuale.
Indirizzi e link utili
Consultori
INFES - Centro per i Disturbi
del Comportamento Alimentare
Prime consulenze anonime e gratuite anche a
parenti, amici, insegnanti et.al.
via Talvera 4
39100 Bolzano
Consulenze al telefono: Tel. 0471.970039
Consulenze via mail: [email protected] - www.infes.it
Ambulatori per la cura dei DCA
Ambulatorio per Disturbi Alimentari Bolzano
Collaborazione interdisciplinare tra
> Servizio di dietetica e nutrizione clinica
> Centro di psicosomatica Consis
via Cassa di Risparmio 8
39100 Bolzano
Tel. 0471.970383
[email protected]
Ambulatorio per Disturbi Alimentari Merano
Collaborazione interdisciplinare tra
> Servizio di dietetica e nutrizione clinica
> Servizio Psicologico
> Consultorio Familiare Lilith
> Consultorio familiare EEBS
> Caritas di Silandro
Ospedale Tappeiner di Merano
via Rossini 1
39012 Merano
Tel. 0473.251250
[email protected]
Ambulatorio per Disturbi Alimentari Brunico
Collaborazione interdisciplinare tra
> Servizio di dietetica e nutrizione clinica
> Centro di salute mentale
> Ambulatorio specialistico per la salute psicosociale
nell’età infantile ed evolutiva
Ospedale di Brunico
via Ospedale 11
39031 Brunico
Tel. 0474.581120
[email protected]
Ambulatorio per Disturbi Alimentari
Bressanone
Collaborazione interdisciplinare tra
> Reparto di medicina 1
> Servizio di dietetica e nutrizione clinica
> Servizio Psicologico
Ospedale di Bressanone
via Dante 51
39042 Bressanone
Tel. 0472.812711
[email protected]
[email protected]
Ambulatorio specialistico per la salute
psicosociale nell’età infantile ed evolutiva
piazza Gries 10
39100 Bolzano
Tel. 0471.446211
[email protected]
via Herzog Sigmund 1
39031 Brunico
Tel. 0474.370402
[email protected]s-jugend.it
www.eos-jugend.it
Strutture per ricoveri
Per minorenni in fase acuta
Reparto di pediatria
Ospedale di Bressanone
via Dante 51
39042 Bressanone
Tel. 0472.812670
Centro terapeutico Bad Bachgart
Centro terapeutico per le dipendenze e disturbi
psicosomatici
San Paolo 56
39030 Rodengo
Tel. 0472.887611
[email protected]
13
via Talvera 4
I - 39100 Bozen
Tel. 0471.970039
[email protected]
www.infes.it
Ringraziamo per il sostengo:
Fly UP