...

TRATTO DA UNA STORIA CHE POTREBBE ESSERE VERA

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

TRATTO DA UNA STORIA CHE POTREBBE ESSERE VERA
TRATTO DA UNA STORIA CHE POTREBBE ESSERE VERA
USCITA SALA: 9 APRILE 2015
una distribuzione
in collaborazione con
● CAST TECNICO
Regia
Soggetto e Sceneggiatura
Mimmo Mancini
Mimmo Mancini e Carlo Dellonte
Direttore della Fotografia
Scenografia
Costumi
Marcello Montarsi
Biagio Fersini
Sabrina Beretta
Musiche
Montaggio
Fonico
Livio Minafra
Luciana Pandolfelli
Marco Parollo
Direttore di Produzione
Organizzazione Generale
Benedetta Altissimi
Alberto Brusco
Prodotto da
Luigi Ricci, Andra Mattei, Barbara Sperindei
Produzione
con il sostegno di
Rm Consulting Srl e Barbara Sperindei
MiBACT Direzione generale per il Cinema
film di interesse Culturale Nazionale
con il Patrocinio di
e con la collaborazione di
Apulia Film Commission
Comune di Bitonto
Comma 3
Nazionalità
Anno di produzione
Location
Italia
2014
Puglia: Mariotto, Castel del Monte, Cattedrale di
Bitonto, Cattedrale di Trani
Premi
Gran Premio “Nello spirito della Fede”
Religion Today Film Festival 2014
Durata film
Formato
‘98
digitale DCP colore
Distribuzione
in collaborazione con
Flavia Entertainment
Draka Distribution
Ufficio Stampa
Lionella Bianca Fiorillo
Storyfinders
Via A. Allegri da Correggio 11
Roma Italy +39.06.88972779
+39.340.7364203 [email protected]
crediti non contrattuali
● CAST ARTISTICO
Mehdi Mahdloo Torkaman
Jusuf
Mimmo Mancini
Mezzasoma
Claudia Lerro
Maria
Francesca Giaccari
Rita
Dante Marmone
Arafat
Roberto Nobile
Don Nicola
Cosimo Cinieri
Prof. Ferrara
Paolo Sassanelli
Michele
Michele Di Virgilio
Maresciallo
Maurizio Della Valle
Esterino
Andrea Leonetti
Tonino
Teodosio Barresi
Pino, Il Barista
Nadia Kibout
Amida
Miloud Mourad Benamara
Abdul
Luigi Angiuli
Nonno Maria
Pascal Zullino
Padre Maria
Hedy Krissane
Mustafà
Tiziana Schiavarelli
Mafalda
Massimo Bagnasco
Minguccio
Helena Converso
Lilli, La Giornalista
Alberto Testone
Cameraman
e con l’amichevole partecipazione di
Rosanna Banfi
Madre Maria
● SINOSSI
SINOSSI BREVE
È Venerdì Santo. A Mariotto, un minuscolo paese della Puglia, tutto è pronto per la Via Crucis, ma
l’interprete di Gesù, il parrucchiere Michele, si siede sulla corona di spine. È l’inizio del calvario. Il
tecnico delle luci, Jusef, mandato inconsapevolmente allo sbaraglio dall’amico parroco, lo sostituisce
nel ruolo di Cristo, ma è un musulmano. La notizia desta scalpore e fa il giro del mondo e l’opinione
pubblica di Mariotto si spacca in due. Jusuf, soprannominato Ameluk, sarà, suo malgrado, candidato
a sindaco nelle elezioni locali. Sotto un fuoco di fila incrociato, tra momenti drammatici e situazioni
esilaranti, Sarà Ameluk a riportare la pace nel paese.
SINOSSI
A Mariotto, un piccolo paesino della Puglia, sta per svolgersi la tradizionale Via Crucis del Venerdì
Santo, quando l’interprete di Gesù, il parrucchiere Michele, si siede per sbaglio sulla corona di spine e
si ferisce. Jusuf, tecnico delle luci, per eccesso di disponibilità viene spinto dall’amico parroco, Don
Nicola, a sostituire il parrucchiere Michele nel ruolo di nostro signore Gesù Cristo. Inevitabilmente è
mandato allo sbaraglio. Lui è un musulmano che porterà sulle sue spalle la croce di Cristo e ciò desta
scalpore. Per lui ha inizio il Calvario. La storia fa il giro del mondo e l’opinione pubblica del piccolo
paese pugliese si divide tra sostenitori e delatori.
Sullo sfondo la campagna elettorale per l’elezione del nuovo sindaco. In un crescendo di gag e
accadimenti la battaglia diventa sempre più accesa e ingarbugliata. Anche Jusuf, ormai
soprannominato da tutti “Ameluk”, entra a far parte dei giochi politici locali e diventa, suo malgrado, il
candidato “messia” di una colorita e non ben identificata lista civica. A complicare la sua esistenza ci
pensa anche l’amore e la difficile scelta tra una moglie opportunista e fragile, manipolata da una
madre arcigna e spietata, e un’amica amorevole e decisa.
Alla fine, in un’atmosfera variopinta, ricca di personaggi e momenti a volte esilaranti, a volte
drammatici, sarà proprio il povero Ameluk, “Cristo musulmano” a riportare la pace nel paese.
● NOTE DELL’AUTORE
La parola Ameluk è legata ad un ricordo di infanzia. Era il nome di un venditore ambulante che negli
anni sessanta girava per le piazze e le sagre di paese di Puglia e Basilicata vendendo pastiglie
“contro” il fumo. Un omone con i baffi da turco e il classico “fez” marocchino di colore rosso, con i
cordoncini neri che ciondolavano a ogni tentennamento del suo testone. Viandante e alchimista per la
mia fantasia, che sicuramente veniva da terre lontane e misteriose.
Il suo negozio non era altro che un banchetto colmo di confetti bianchi infilati uno ad uno
manualmente in un sacchetto rosso di carta trasparente, scivolosa e lucida. Al centro, un enorme
contenitore di vetro che conteneva una grossa e tozza vipera grigia, arrotolata e immersa in alcool
puro. Sopra dominava la scritta: Ameluk la pastiglia che ti fa smettere di fumare.
Ovviamente non c’era nulla di miracoloso in quelle pastiglie - semplici caramelle con zucchero e
menta - e mai nessuno ha smesso di fumare grazie a loro!
Ameluk ha un bel suono, è facile da ricordare, ed è il soprannome del nostro protagonista giordano:
“Jusuf Abdugali”. In tutto il Sud d’Italia avere un soprannome rientra nella norma, soprattutto se sei
“forestiero”. Per crearne uno sono indispensabili difetti e abitudini personali. Per esempio nel film,
Pino il barista è: “U genovese” (Il genovese), non perché nato a Genova, ma semplicemente perchè
spilorcio. L’estroverso rivoluzionario anarchico del paese che va sempre in giro con la kefiah al collo –
la famosa sciarpa di cotone a quadri bianchi e neri che indossano i palestinesi – si è guadagnato il
soprannome di Arafat.
Per il personaggio che incarna il futuro sindaco del paese, Jusuf diventa Ameluk perché tanto: “Arabo
giordano, marocchino o turco so’ tutti uguali”. A questi si può sempre dare del “mammalucco”.
Mettendo da parte la storia del baffone ambulante, l’etimologia della parola “ameluk”, potrebbe
derivare da “mamelucco”, etnia di origine egiziana. Così giocando con il dialetto pugliese,
“mamelucco” diventa “mammalukke” poi “ammelukke” per arrivare a “Ameluk”.
LA GENESI DEL PROGETTO
Nell'estate 2005, ero a Bitonto, il mio paese d'origine a pochi chilometri da Bari, a bere con alcuni
amici dell'ottimo Primitivo nella città vecchia. Con noi c'erano due marocchini perfettamente integrati
tanto che parlavano con una perfetta cadenza dialettale. Mi colpì la loro voglia di far parte del gruppo
e la naturale capacità dei miei amici di farli sentire italiani. A nessuno di noi sarebbe venuto in mente
di dire : “Ah, ma sono musulmani!”
Il giorno successivo assistetti a una processione sacra. Due degli amici incontrati la sera precedente
portavano in spalla la statua di un santo. Una strana idea mi fece sorridere: “E se accanto a uno dei
due italiani, chiari e cattolici, ci fosse uno dei due marocchini, scuro e musulmano?” Magari per
un'emergenza, per sostituire un amico. Sarebbe mai venuto in mente a qualcuno di dire: “Sacrilegio!
Quello è un musulmano!”
Da lì nacque l'idea per “Ameluk”: ambientare in un piccolo centro, tra gente semplice, l'eterna diatriba
tra cristiani e “infedeli” in tutte le sue declinazioni, dal drammatico al comico.
C’è una frase di Papa Giovanni XXIII che mi ha sempre emozionato: “Quando il riso sgorga dalle
lacrime, il cielo si spalanca”. Per questo ho voluto che Ameluk fosse un film seriamente divertente
dove la drammatica attualità e l’intensità dello scontro tra i protagonisti va di pari passo a un livello
parodistico e sotteso a tutta la vicenda.
● NOTE DELL’AUTORE
LO SVILUPPO
Il tema del film era chiaro: venirsi incontro è il modo per vivere in pace, e imparare l'uno dall'altro è il
modo per crescere. Per far trionfare questo tema, bisogna prima sconfiggere egoismi, timori,
ignoranza, campanilismi, paure di farsi fregare dal “diverso”.
Così il protagonista del nostro film è un immigrato, Jusuf Abdugali, un trentenne giordano che cerca di
integrarsi in un piccolo centro a ridosso della Murgia barese, pietrosa e arida come le colline che si
estendono tra Giordania, Cisgiordania e Israele. Quella terra brulla lo fa sentire un po' a casa. Non
tutti i paesani però gli trasmettono la stessa sensazione: è gente abituata a un secolo di emigrazione
che oggi fa fronte, con qualche sospetto e timore, all'immigrazione e a un inaspettato confronto
religioso, politico e sociale. In paese le contaminazioni avvengono con ritmi lenti, e gli scenari per una
nuova convivenza tra persone possono essere paradossali, assurdi, così come nel caso di Jusuf il
quale, per assecondare gli autoctoni, si complica la vita non poco. Quando poi, per fare l'ennesimo
favore (questa volta all'amico prete), veste i panni di Cristo nella Via Crucis, tutti i pregiudizi
esplodono pubblicamente.
● IL REGISTA
MIMMO MANCINI
Mimmo Mancini nasce a Bitonto (Bari) il 18 maggio 1960. A diciassette
anni frequenta un corso teatrale a indirizzo professionale a Bari e debutta
con alcune compagnie locali. Nel 1984 arriva la sua prima tournée
nazionale con Le allegre comari di Windsor di W. Shakespeare, con
Carlo Hintermann e Bianca Toccafondi per la regia di Nucci Ladogana.
Trasferitosi a Roma dopo varie esperienze di teatro cabaret, televisione e
radio, frequenta un corso di perfezionamento per attori con Dominic De
Fazio, membro dell’Actors Studio, con il quale studia anche “analisi del
cinema”. Scrive a quattro mani ed interpreta due spettacoli teatrali: Non venite mangiati e Vi faremo
sapere. A Roma, Non venite mangiati viene rappresentato per la prima volta al Teatro Trastevere nel
1990 e ripreso al Teatro dei Satiri. Lo spettacolo annovera più di cento repliche in tutta Italia. “Vi
faremo sapere” viene rappresentato per la prima volta nel 1992 al Teatro dei Satiri e ripreso al Teatro
Argot di Roma. “Sargassi”, monologo scritto con Vasco Mirandola, viene rappresentato al Teatro
Colosseo di Roma nel 1995.
In teatro ricopre ruoli in molti spettacoli di successo tra cui: Buio Interno (1997), per la regia di
Marinella Anaclerio; Notturno di donna con ospiti (2000), di A. Ruccello, con Giuliana De Sio, per la
regia di Enrico Maria La Manna, con il quale firma anche la regia del monologo Lo Zì (2006), scritto in
collaborazione con Pietro Albino di Pasquale e rappresentato anche presso il River Side Studios di
Londra. E' nel cast anche di film per la televisione, come: L’attentatuni(2000), nel ruolo dell’agente
Orso, per la regia di Claudio Bonivento; La guerra è finita (2001), nel ruolo del sergente Donati, con
Alessandro Gassman, per la regia di Lodovico Gasparini; L’uomo sbagliato (2004) nel ruolo del
detenuto Poldo, con Beppe Fiorello, per la regia di Stefano Reali; Distretto di Polizia 7 (2007), nel
ruolo del cattivissimo Morace, per la regia di Alessandro Capone; l'ultima serie del Maresciallo
Rocca (2007), con Gigi Proietti. Per il cinema partecipa ai seguenti film: Arriva la bufera (1993) di
Daniele Luchetti; Colpo di Luna (1994) di Alberto Simone (menzione speciale al Festival di Berlino
1995); A domani (1997) di Gianni Zanasi (in concorso alla 56ª Mostra di Venezia); Ospiti(1997) di
Matteo Garrone; Lacapagira (1999) di Alessandro Piva; Il Caimano (2005) di Nanni Moretti.
Ha all'attivo la regia di quattro cortometraggi, di cui ha curato anche il soggetto e la sceneggiatura: Sul
Mare Luccica (1996) e Arroganti (1998) girati in pellicola, U su' (2008) e Direzione Obbligatoria (2009)
girati invece in HD.
Ameluk segna il suo esordio alla regia cinematografica nel quale è anche interprete.
● IL CAST
Ameluk è un film corale dai personaggi espressivi e caricaturali, che involontariamente potrebbero
ricordare quelli visti nei fumetti di Andrea Pazienza.
Gli attori sono per lo più pugliesi: ritroviamo alcuni protagonisti del cult movie “LaCapagira”, tra cui
Mimmo Mancini, Paolo Sassanelli, Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli e Teodosio Barresi,
Ninni Angiulli, affiancati da attori nazionali d’indiscutibile talento come: Roberto Nobile, Cosimo
Cinieri, Pascal Zullino, Michele De Virgilio, Claudia Lerro, Nadia Kibout, Hedy Krissane, Mehdi
Madhloo, Miloud Mourad Benamara. Amichevole, benché calata in un ruolo lontano dalle sue
precedenti interpretazioni, è la partecipazione di Rosanna Banfi, che nella storia veste i panni
dell’arcigna e caratteriale “madre” del sud. Il film vanta il “battesimo” cinematografico della cantautrice
gallipolina Francesca Giaccari, di Andrea Leonetti Di Vagno e di Massimo Bagnasco. Il vero
fulcro di Ameluk è rappresentato dalla piazza, dal bar e da tutto il paese. Fondamentale per la riuscita
del film è stato anche il contributo degli straordinari figuranti, scelti accuratamente tra i cittadini del
piccolo centro pugliese e in tutta la provincia barese. Anche loro hanno dato un enorme contributo alla
riuscita del film, e l’hanno fatto con il cuore.
● IL CAST
MEHDI MAHDLOO TORKAMAN
Mehdi Mahdloo Torkaman, emergente attore cinematografico e
teatrale, di origini persiane è nato e cresciuto in Italia. Ha seguito la
scia del successo di Che bella giornata, diretto da Gennaro Nunziante
nel quale interpretava Sufien, il fratello della protagonista Farah. Nel
2010 ha preso parte a due cortometraggi: Solo, di fronte ad un bivio di
Simone La Rana, grazie al quale riceve il premio di Miglior Attore
Protagonista al Vasto Film Festival Nazionale e Lettera di
Compleanno, diretto da Luca Annovi, anche qui con il ruolo di attore
principale. L'esordio nei lungometraggi avviene con La Città Invisibile,
diretto da Giuseppe Tandoi, dove interpreta Marco, un militare
impegnato nell'Aquila post terremoto. Rapporto particolare con questo film, dato il legame che unisce
l'attore alla città: Mehdi ha conseguito la laurea in "Culture per la Comunicazione" presso L'università
degli Studi dell'Aquila. Ma non è solo il percorso di studi a legarlo alla cittadina; membro della Croce
Rossa Italiana (di cui è testimonial 2011) viene coinvolto in prima persona nelle operazioni di
soccorso di quel tragico 6 aprile 2009. È proprio mentre compie il suo servizio di aiuto che incontra la
troupe di Tandoi, in cerca di location per girare il film. Il suo debutto teatrale è del 2006 partecipa a
"La Divina Commedia", ispirato a La Divina Commedia di Dante Alighieri e nel 2007 a "L'Amlist",
ispirato a Amleto, di Willliam Shakespeare. Mehdi Mahdloo è stato vincitore per due volte del Premio
Letterario "Hombres", la prima volta nel 2009 con il racconto Tra il bene e il male, la seconda con il
pezzo "Dedicato alla morte", del 2010.
PAOLO SASSANELLI
Principalmente attore teatrale, dopo essere stato diretto da registi eccellenti come Vito Signorile, Nino
Manfredi, Pierpaolo Sepe e Marcello Cotugno in opere che vanno da
Goldoni a Calvino, da Shakespeare a Garcia Lorca, appare in
televisione nel film tv Don Chisciotte (1983) di Maurizio Scaparro e nel
telefilm Classe di ferro (1989) di Bruno Corbucci nel ruolo del
soldato Gabriele Serra, cameriere del ristorante Santa Lucia di Bari che
è chiamato al servizio militare obbligatorio. Un ruolo che gli ha portato
molta fortuna nel mondo dello spettacolo televisivo, infatti, dopo essere
stato diretto più volte da Leandro Castellani, recita nelle fiction ...Se non
avessi l'amore (1991) e I padri della Patria (1991). Il suo film d'esordio
cinematografico è legato al regista Gianni Zanasi che lo dirige in Nella mischia (1994) e con il quale
lavorerà in una lunga serie di pellicole. Dopo Colpo di luna (1995), allaccia un forte sodalizio artistico
anche con il regista Matteo Garrone che lo vorrà nel cast di molte sue opere. Dopo la
commedia Matrimoni (1998) con Stefania Sandrelli, recita il ruolo del medico Oscar nella serie tv Un
medico in famiglia (1998). Poi è diretto da Alessandro Piva ne Lacapagira (1999) con Dino Abbrescia.
Con l'arrivo del Duemila, Sassanelli si impone in drammi e commedie tutte italiane, grazie a Il fratello
minore (2000), Tandem (2000), Fate come noi (2001), Senza filtro (2001) e L'ultima lezione (2001).
Protagonista della serie tv Compagni di scuola (2001), del film tv Padri (2002) e della fiction Una
famiglia per caso (2003), torna sul grande schermo con Sotto gli occhi di tutti (2002), Cronaca rosa
● IL CAST
(2003), La vita che vorrei (2004), Uomini e zanzare (2005), E se domani... (2005). Inoltre, dopo la
partecipazione a qualche episodio di Nebbie e delitti (2005), recita ne Ma che ci faccio qui! (2006),
in Rosso come il cielo (2006), Last Minute Marocco (2007) e Giorni e nuvole (2007) di Silvio Soldini.
Seguono, nel 2006 le miniserie Codice Rosso e Raccontami. Continua sul grande schermo con Giulia
non esce la sera e La casa sulle nuvole (2008), e nel 2009 è protagonista de La strategia degli affetti.
Diretto da Lucio Pellegrini è nel cast di Figli delle stelle (2010) e nel 2011 di Questo mondo è per te.
Nel Nel 2013 recita nel film Song'e Napule dei fratelli Manetti, per il quale ottiene un Nastro d'argento
al migliore attore non protagonista.
COSIMO CINIERI
Cosimo Cinieri, Classe 1938, nasce a Taranto il 20
agosto. Nel 1961 frequenta la scuola di recitazione
a Roma, diplomandosi con Alessandro Fersen, nel 1963.
Diventa ben presto un grande e rinomato attore teatrale e
cinematografico, scrittore di testi e copioni e regista. La
sua carriera teatrale, come attore ed autore, inizia
sperimentandone le forme più avanguardiste ed estreme,
principalmente al fianco di Alessandro Fersen, Carlo
Quartucci e Carmelo Bene. Dal 1978, insieme alla moglie,
la regista e poetessa Irma Immacolata Palazzo, dirige
la Compagnia Teatrale Cinieri-Palazzo. Ha lavorato con
numerosi altri registi importanti, fra cui Franco Indovina, Lucio Fulci, Fernando Arrabal, Massimo
Troisi, Luigi Magni, Bernardo Bertolucci ed Edoardo Winspeare. Tra i suoi lavori televisivi più famosi
ce ne sono due con Lino Banfi: Il padre delle spose e la quinta serie di Un medico in famiglia oltre alle
due serie della fiction Vento di ponente, alla quinta serie della fiction R.I.S. - Delitti imperfetti nella
quale interpreta il filosofo Andreas Morbegno, ispiratore della setta su cui il reparto
dei Carabinieri indaga.
ROSANNA BANFI
Figlia d’arte, è nata a Canosa di Puglia, ma è cresciuta a Roma,
dove ha frequentato varie scuole e accademie teatrali. Dopo
l'esordio
nel cinema alla
fine
degli anni
ottanta in
alcuni film interpretati dal padre Lino, sempre al suo fianco ha
partecipato prevalentemente a fiction televisive Rai: tra queste, Il
vigile urbano (1989), Un medico in famiglia (1998-2009), Angelo il
custode (2001), Raccontami una storia (2004) e Il padre delle
spose (2006), in cui interpretava il ruolo di una donna lesbica,
interpretazione che le vale cinque anni dopo il Gay Village Award.
Nel 2014 ha vinto la undicesima edizione del Premio Leonardo
Azzarita a Molfetta.
● IL CAST
FRANCESCA GIACCARI
Francesca Giaccari, salentina, è nata il 2 Febbraio del 1984. Ha una
laurea in Relazioni Internazionali. Dopo aver partecipato al Grande
Fratello nel 2011 decide di partire per l’Australia e tentare la fortuna.
Incontra Billy Lofton, nipote di Aretha Franklin, che rimane colpito dalla
sua bella voce e grazie a lui incide la canzone "Don't you wait for me"
che in poche settimane raggiunge i vertici delle classifiche musicali. In
Australia è una star acclamata. Quella di Ameluk è la sua prima
partecipazione cinematografica. Attualmente si divide tra L’Italia e l’
Australia.
CLAUDIA LERRO
Claudia Lerro si diploma come attrice presso l’Accademia teatrale ITACA
(gemellata con la LAMDA di Londra) e si laurea con una tesi in
drammaturgia contemporanea. Si unisce alla Compagnia di Teatro dei
Borgia con cui debutta prima al Fringe Festival di Edinburgo, recitando in
lingua inglese, e poi come protagonista nel Troilo e Cressida di
Shakespeare. Dal 2010 lavora con diverse compagnie romane tra cui
Teatro Instabile, Cassiopea, Rosi Giordano, portando avanti la sua
formazione con maestri quali Giancarlo Sepe, Andrea Cosentino,
Eleonora Danco, Sergio Rubini, Alberto Lori. Recita in diversi film per il
cinema, tra cui Marina diretto dal regista, ex candidato Premio Oscar,
Stijin Conix e Amiche da morire di Giorgia Farina, ed è protagonista femminile del film Ameluk di
Mimmo Mancini. È dialogue coach per l’attrice argentina Liz Solari sull’ultimo film di Paolo Genovese
Sei mai stata sulla luna?. Nel 2009 arriva in semifinale al Premio Scenario – Ustica con lo spettacolo
Miss Landmine. Con i piedi per terra, di cui è autrice ed interprete. Nel 2013 vince il Premio “salviamo
i talenti – Attilio Corsini” con lo spettacolo Riccardo e Lucia di cui è autrice e regista ed è cofondatrice, con Simona Oppedisano, della compagnia teatrale "Teatrificio 22".
● IL CAST
DANTE MARMONE
Barese, classe 1951, Dante Marmone fonda giovanissimo, nella sua città
nel 1974, la Compagnia Anonima G.R., con l'idea di realizzare spettacoli
fuori dagli schemi convenzionali e che fossero l'espressione della propria
creatività. Nei primi anni di attività, esibendosi per un lungo periodo nei
teatrini off di Roma, Dante Marmone ed il suo gruppo vengono notati da
personaggi come Alberto Moravia, Dacia Maraini, Cesare Zavattini,
Angelo Maria Ripellino, Italo Moscati, che intravedono in quel tipo di
comicità, una originalità da approfondire. Nel 1986 dall'incontro con Nanni
Loy nasce lo spettacolo Dolce o amaro? cui seguirà, due anni dopo,
L'osso sacro. Grazie a questa collaborazione, Marmone si avvicina al
cinema esordendo in Scugnizzi (1989), per la regia di Loy. Oltre ad alcuni
ruoli da caratterista, alla fine degli anni novanta viene scelto da Alessandro Piva per un ruolo di primo
piano ne LaCapagira (1999), presentato al Festival di Berlino. Nel 2003 recita in Mio cognato, sempre
per la regia di Piva. Tra gli altri film da lui interpretati, anche Lo sceicco di Castellaneta (2010)
e Natale con chi vuoi (2011). Nel 1997 debutta in televisione su Telebari come protagonista della
sitcom Il Festival di San Romolo di cui viene realizzato un sequel l'anno successivo. Dal 2000 al 2009
è protagonista (e autore) della fortunata sitcom Catene, definita dal critico Aldo Grasso una delle più
interessanti fiction italiane. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo romanzo La Stirpe Stravagante.
ROBERTO NOBILE
Ragusano d'origine ma nato a Verona, Roberto Nobile comincia
a recitare nel 1986, quando Cesare Bastelli lo dirige in Una
domenica sì (1986) con Fiorenza Tessari e Marcello Cesena. Nel
corso della sua carriera è stato diretto da grandi autori del
cinema italiano come Giuseppe Tornatore (Stanno tutti bene,
1990, con Marcello Mastroianni), Gianni Amelio (Porte aperte,
1990), Carlo Mazzacurati (Vesna va veloce, 1996), i fratelli
Paolo e Vittorio Taviani (Tu ridi, 1998) ed ha anche preso parte
ad alcune importanti produzioni internazionali tra cui il musical
Nine con Daniel Day-Lewis, Nicole Kidman e Sophia Loren. Nel
1992 scrive la sceneggiatura del film Le amiche del cuore, diretto
da Michele Placido con Asia Argento, Claudia Pandolfi, Carlotta
Natoli, Franco Interlenghi ed Enrico Lo Verso. Nel 1997 firma poi
la sceneggiatura di Santo Stefano.
Molto attivo anche il televisione ricopre ruoli in numerose fiction
tra cui Un giorno fortunato, Il padre di mia figlia, Ultimo 2 - La
sfida, Raccontami una storia, Luisa Sanfelice dei Taviani, Don Matteo, La provinciale, Giovanni Paolo
II, Io ti assolvo, Chiara e Francesco, Sotto il cielo di Roma, ed è nel cast di alcune miniserie di
successo come: La piovra 7 - Indagine sulla morte del Commissario Cattani (1995) di Luigi Perelli, Il
barone (1995) di Alessandro Fracassi, Richard T. Heffron e Enrico Maria Salerno e Una sola debole
voce (1999) di Alberto Sironi. Ha ottenuto grande popolarità presso il grande pubblico grazie ai ruoli di
Antonio Parmesan in Distretto di Polizia e di Nicolò Zito ne Il commissario Montalbano.
● IL CAST
LUIGI ANGIULI
Laureatosi in Scienze dello Spettacolo, Luigi Angiuli alterna l'attività di interprete a quella da regista.
Ha preso parte a numerosissimi recital concerti, produzioni
radiofoniche e film tra cui Io non ho la testa e Volontari per
destinazione ignota. Ha partecipato, tra gli altri, all' Adelchi di
Alessandro Manzoni interpretato e diretto da Vittorio Gasmann, al
Cyrano di Bergerac di Edmond Rostand con Antonio Salines. Come
protagonista ne L'Avaro di Carlo Goldoni al Teatro Centrale di Roma.
Ha ricoperto il ruolo del protagonista in George Dandin di Molière, in
Quanto costa il ferro? e Dansen di B. Brecht. Nel corso della sua
carriera ha curato la regia di numerosi spettacoli con testi da lui scritti,
commedie, drammi in italiano e in dialetto. Ha fondato e diretto il
periodico culturale Sud 70 e L'Osservatorio.
NADIA KIBOUT
Nadia Kibout nasce a Saint-Etienne in Francia da genitori algerini. È
l’unica figlia femmina della famiglia, prima di lei otto fratelli maschi,
questo le fa dire e pensare di aver un lato maschile molto pronunciato.
Già dai primi anni di scuola scopre l’amore per il palcoscenico e si
appassiona alla musica e al canto. Durante il liceo collabora ad opere
liriche presso il teatro Jean Massenet della città e prende parte ad un
corso di recitazione davanti alla macchina da presa. Vari contrasti
familiari la porteranno ad allontanarsi dalle sue passioni artistiche.
Svolge diverse attività professionali in vari settori e viaggia molto ma
capisce di non farcela se non vive delle sue passioni. Incomincia così un
reale percorso di studi di recitazione, per tre anni, a Milano. Sceglie poi
di trasferirsi a Parigi per approfondire le sue conoscenze nell’ambito
teatrale presso la scuola Le Cours Florent per un anno, segue poi uno
stage intensivo di un mese con Ariane Mnouchkine al Theatre du Soleil. Curiosa di mettere in pratica
a livello internazionale i suoi studi incomincia attraverso l’Europa e l’America una lunga
frequentazione di seminari e laboratori con insegnanti americani di fama internazionale, per la
maggior parte membri dell’Actor’s studio di Lee Strasberg (Greta Seacat, Susan Batson, Robert
Castle, Bernard Hiller). Nel 2004 incomincia la sua carriera con Balletto di Guerra, un film
drammatico opera prima di Mario Rellini, cui seguiranno altre pellicole cinematografiche e fiction
televisive. In teatro, è diretta da Sergio Castellito nello spettacolo Il Dubbio che la porterà in tournée in
tutta italia. La passione e la dedizione in ciò che fa la sostengono nel desiderio di una carriera ricca di
personaggi ed incontri.
● IL CAST
HEDY KRISSANE
Hedy Krissane è nato a Tataouine, un paesino del sud della Tunisia
scelto da George Lucas come location in Guerre Stellari per il
pianeta natale della famiglia Skywalker (Tatooine). Nel 1992 si
trasferisce in Italia, nella capitale, dove segue dei corsi e workshop di
recitazione e di regia e inizia la sua carriera lavorando in televisione.
Dopo una lunga gavetta come attore esordisce dietro la macchina da
presa nel 2003 con il cortometraggio LEBESS non c'è male che si
aggiudica il Premio miglior film spazio Torino al Torino film festival
del 2003 con la seguente motivazione: “Con questa storia il regista
mostra già dal suo esordio un punto di vista nuovo riguardo alla
tematica dell'immigrazione, un punto di vista molto interessante e
senza retorica.” Nel 2005 gira il suo secondo cortometraggio
Colpevole Fino A Prova Contraria che gli vale il Premio “European
Kodak Showcase Cannes 2006” per il miglior corto italiano al Torino
film festival nel 2005. Nel 2008 gira Da Qualche Parte In Città e nel 2009 torna a parlare di
immigrazione con Ali Di Cera vincendo per la terza volta il Torino Film Festival 2008 come miglior film.
Tra il 2008 e 2011 gira Torino, Alimentali E Ansia, tre videoclip del gruppo emergente “MonKey’s”.
Nel 2011 dirige una commedia dal titolo Aspromonte con Franco Neri, Pier Maria Cecchini, Andrea De
Rosa e Maria Pia Calzone. Attualmente sta lavorando alla sua opera seconda; una commedia
multietnica dal titolo Che Bravi Ragazzi.
MILOUD BENAMARA
Miloud Mourad Benamara inizia la sua carriera in Algeria, sua terra
natale. Nel 1994 frequenta un corso di recitazione dizione, canto e
danza presso la scuola “Acvo Oran” diretta da A. Hakem. Nel 1996
frequenta la scuola di arte drammatica “Theatre du Point” e nel 2002
la Scuola di teatro TTo Oran. Lavora in teatro dove interpreta ruoli in
diversi spettacoli tra cui: La famiglia di Moussa e la tristezza diretto da
A. Hakem (1994), Lo Spettacolo di M. Mihoubi (1995), Le Avventure di
Nino e Barkouka ancora per la regia di A. Hakem (1997-1998), Il
Coniglietto e la Volpe per la regia di H. Belmoulay (2001), 7 ore per
farti innamorare di Giampaolo Morelli e Gianluca Ansanelli. In
televisione recita nella serie tv di canale 5 Benvenuti a Tavola al fianco
di Giorgio Tirabassi e Fabrizio Bentivoglio. Al cinema è nel cast de Il
Prigioniero per la regia di F. Peduzzi (2013), Vite in Gioco di T. Paganelli e Si Accettano miracoli di
Alessandro Siani.
● IL CAST
MICHELE DE VIRGILIO
Michele De Virgilio si è diplomato presso la Scuola di Recitazione
del Teatro Stabile di Genova. Ha preso parte a vari spettacoli teatrali
tra cui ricordiamo: Tito Andronico (regia di Peter Stein), Un tram che si
chiama desiderio (regia di Elio De Capitani), Riccardo II (regia
di Gabriele Lavia), e Verso Peer Gynt (regia di Luca Ronconi). Nel
1996 recita nel film Al centro dell'area di rigore di Ivan
Garbuglia e Bruno Orano e in Cronache del terzo millennio di
Francesco Maselli. Nel 1997 recita nel film Altri uomini, mentre un
anno più tardi in Sotto la luna. Nel 2000 fa parte del cast della serie
di Raiuno Nebbia in Val Padana a fianco di Cochi e Renato. In seguito
lavora prevalentemente in teatro anche se continua a fare apparizioni al cinema ed in serie televisive. Nel
novembre 2010 è stato fra i protagonisti della miniserie di Raiuno Tutti i padri di Maria dove
interpreta Fausto, il figlio di Franco (Lino Banfi). Recita in diverse fiction di successo tra cui Don Matteo 8,
Il Restauratore, Un Caso di Coscienza 5 e Che Dio ci Aiuti!. Al cinema è nel cast, tra gli altri, di: Liberate i
pesci (Cristina Comencini, 2000), Miracolo a Sant'Anna di Spike Lee (2008), Non me lo dire di Vito Cea
(2012).
PASCAL ZULLINO
Nato a Matera nel 1964, Pascal Zullino inizia a frequentare i suoi
primi laboratori teatrali nella sua città natale e, dopo aver conseguito
il diploma, si trasferisce a Roma dove frequenta la scuola
teatrale "La Scaletta" dei maestri Antonio Pierfederici e Giovan
Battista Diotaiuti. Nel 1985 scrive e dirige il suo primo
spettacolo, Diario di un pazzo, tratto dall'opera di Nikolaj Gogol.
Dopo aver lavorato con Giorgio Albertazzi, nel 1996 si trasferisce
a Londra dove lavora per una fiction, e l'anno successivo ritorna in
Italia dove gira il suo primo cortometraggio intitolato Arturo, che
vince diversi premi. Nel 2006 scrive ed interpreta Il rabdomante,
diretto da Fabrizio Cattani, grazie al quale ottiene diversi riconoscimenti come miglior attore.
Successivamente fa parte del cast dei film Tutto torna (2008) e Un giorno della vita , in cui è uno degli
attori protagonisti.
MASSIMO BAGNASCO
Nato a Bitonto il 27 giugno 1984, dal 2008 al 2010 frequenta a Bari la scuola di
recitazione "Il Sipario" ed è nel cast di alcuni cortometraggi prodotti dalla scuola
tra cui Passaggio sulla Luna (2010). Recita anche in teatro. Tra gli spettacoli
che lo vedono protagonista: Due Signorine Molto Allegre per la regia di Teresa
Conforti e La Pensione del Professore. Tutti la vogliono per la regia di Grazia
Coviello. Ameluk segna il suo esordio nella recitazione cinematografica.
Fly UP