...

Codice di comportamento - Università degli Studi di Messina

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Codice di comportamento - Università degli Studi di Messina
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA
CODICE DI COMPORTAMENTO
A TUTELA DELLA DIGNITÀ DELLA PERSONA
NEI LUOGHI DI LAVORO E DI STUDIO
Art. 1 – Ambito di applicazione
L’Università degli Studi di Messina – sentito il Comitato per le Pari Opportunità e
d’intesa con le OO. SS. – richiamandosi:
- ai princìpi fondamentali della Costituzione italiana sanciti dagli artt. 2 e 3;
- all’art. 1 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, proclamata a Nizza
il 7 dicembre 2000;
- alla Raccomandazione 92/131/CEE sulla tutela della dignità delle donne e degli
uomini sul lavoro;
- all’art. 26 della Carta sociale europea, riveduta, con annesso, fatta a Strasburgo il 3
maggio 1996, ratificata con Legge n. 30 del 9 febbraio 1999;
- alla normativa nazionale in materia di pari opportunità, recepita anche dagli ultimi
CCNL del comparto Università;
- al concetto di salute inteso, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, quale
stato di benessere fisico, mentale, sociale, e non semplicemente come assenza di
malattia o infermità;
- all’importanza dei fattori psicologici nel lavoro, di cui al punto h) art. 2 del D. Lgs.
626/94;
adotta il presente Codice di comportamento a garanzia del diritto inviolabile di quanti
studiano e, a qualsiasi titolo, lavorano nell’Ateneo messinese ad essere trattati con dignità e
rispetto, e, in prima applicazione, in particolare contro le molestie sessuali.
Art. 2 – Finalità
L’Università degli Studi di Messina intende:
- richiamare l’attenzione sul problema della tutela della dignità delle donne e degli
uomini sul posto di lavoro e indicare ai responsabili delle strutture, ai sindacati, a
lavoratrici e lavoratori e a studentesse e studenti dell’Ateneo messinese la normativa
cui conformare la propria azione;
- assicurare l’effettivo esercizio del diritto di tutti i lavoratori alla protezione della loro
dignità sul lavoro e garantire a tutti coloro che operano, a vario titolo, nell’Ateneo la
possibilità di vivere in un ambiente di lavoro sereno, in cui i rapporti interpersonali
siano improntati al reciproco rispetto della libertà e della dignità della persona;
- promuovere la sensibilizzazione, l’informazione e la prevenzione in materia di
molestie sessuali sul luogo di lavoro o in connessione con il lavoro, e adottare ogni
adeguata misura per tutelare chi lavora e studia nell’Ateneo messinese contro tali
comportamenti;
-
promuovere la sensibilizzazione, l’informazione e la prevenzione in materia di atti
condannabili o esplicitamente ostili o offensivi ripetutamente diretti contro ogni
dipendente sul luogo di lavoro o in connessione con il lavoro, e adottare ogni
adeguata misura per tutelare i lavoratori contro tali comportamenti.
Pertanto:
a) assume iniziative di informazione e formazione per promuovere comportamenti
coerenti con la tutela della dignità della persona, impegnandosi ad organizzare attività di
sensibilizzazione sulle problematiche di cui al presente Codice dirette a tutto il personale
dipendente e, in particolare, ai Responsabili delle risorse umane e alla/al Consulente di
fiducia di cui al successivo art. 6;
b) incoraggia, in via preventiva, lo sviluppo e l’attuazione di regole di condotta e prassi
dirette a creare un ambiente di lavoro scevro da ricatti a connotazione sessuale e un clima in
cui uomini e donne rispettino reciprocamente l’inviolabilità della loro persona;
c) garantisce, in via successiva, il ricorso immediato a procedure tempestive, semplici e
imparziali, dirette a risolvere, con la massima discrezione, i casi di molestie sessuali e
prevenirne il ripetersi;
d) s’impegna ad approfondire il fenomeno delle molestie morali sui luoghi di lavoro e a
definire le opportune strategie per individuarle e per tutelare l’integrità psico-fisica dei
lavoratori.
Art. 3 – Definizione di molestie sessuali
Per molestia sessuale s’intende ogni atto o comportamento indesiderato, anche verbale, a
connotazione sessuale, che arrechi, di per sé o per la sua insistenza, offesa alla dignità e alla
libertà della persona che lo subisce, contribuendo così a creare un ambiente di lavoro o di
studio umiliante, ostile o intimidatorio.
Costituisce molestia sessuale di particolare gravità ogni atto o comportamento che,
implicitamente o esplicitamente, tenda ad usare a scopo ricattatorio, con il sotteso fine di
ottenere prestazioni sessuali, le decisioni dell’Amministrazione riguardanti l’assunzione, il
mantenimento del posto, la formazione professionale, la carriera, gli orari, gli emolumenti e
qualunque altro aspetto della vita lavorativa, nonché le decisioni dei docenti riguardanti il
superamento degli esame di profitto o di laurea di studentesse e studenti.
Art. 4 – Responsabilità
Tutti coloro che studiano e lavorano, a vario titolo e con status giuridico diverso,
nell’Università degli Studi di Messina sono tenuti all’osservanza del presente Codice.
Ne garantiscono l’applicazione il Rettore, i Dirigenti e i Responsabili delle strutture
centrali e decentrate.
Art. 5 – Procedure
Fatta salva la tutela in sede civile e penale, chiunque sia stato oggetto di molestie
sessuali, può, entro 60 giorni dal loro verificarsi, farne denuncia, per attivare in alternativa:
a) la procedura informale, rivolgendosi alla/al Consulente di fiducia di cui al successivo
art. 6;
b) la procedura formale, di cui al successivo art. 9.
Art. 6 – La/Il Consulente di fiducia
È istituita la figura professionale del Consulente di fiducia, nominata/o dal Rettore su
proposta del Comitato per le Pari Opportunità, con l’incarico di fornire consulenza e
assistenza a chi è oggetto di molestie sessuali e di contribuire alla soluzione del caso.
Il Comitato per le Pari Opportunità proporrà al Rettore uno o più nominativi di persone
esterne all’ambito universitario, selezionate in base a requisiti di documentata preparazione
ed esperienza professionale e di sensibilità e capacità d’ascolto e di comunicazione tali da
attestarne l’idoneità a svolgere il delicato compito previsto.
L’affidamento di tale incarico sarà regolato dall’Amministrazione mediante apposita
convenzione in cui saranno precisate le modalità con cui la/il Consulente di fiducia
espleterà le proprie funzioni e sarà indicato il compenso, forfettario e/o proporzionale
all’attività resa e alla disponibilità data, ad essa/o dovuto.
La/Il Consulente di fiducia dura in carica un anno e può essere riconfermata/o.
Art. 7 – Ruolo e ambito d’intervento della/del Consulente di fiducia
La/Il Consulente di fiducia, su richiesta della persona interessata:
• assume la trattazione del caso e informa sulle modalità, anche legali, più idonee per
affrontarlo;
• interviene, con ampia discrezionalità (mediante colloqui, acquisizione di eventuali
testimonianze, proponendo incontri conciliativi tra la vittima e l’autore/autrice della
molestia etc.) per accertare i fatti e per favorire, in tempi ragionevolmente brevi, il
superamento delle situazioni di disagio e il ripristino di un sereno ambiente di lavoro.
A tal fine:
• dispone dei mezzi e strumenti necessari per assolvere al suo compito;
• ha accesso agli atti amministrativi inerenti il caso in esame;
• può avvalersi di consulenti interni all’Università;
• agisce nel rispetto della parte lesa e dell’accusato/a e assicura l’assoluta discrezione sui
fatti, a tutela di tutti i soggetti coinvolti nell’accertamento della vicenda, sia per garantire
il diritto alla riservatezza che per evitare ogni forma di ritorsione;
• partecipa alle attività di formazione promosse dall’Università e da altri enti, in materia di
pari opportunità, tecniche di comunicazione, mobbing, corsi di autostima, di counselling
etc.
La/Il Consulente di fiducia può essere invitata/o a partecipare alle riunioni del Comitato
per le Pari Opportunità, in qualità di esperta/o e con voto consultivo, per suggerire azioni
specifiche o generali volte a promuovere un clima di lavoro che assicuri la pari dignità e
libertà delle persone.
È tenuta/o a relazionare sull’attività svolta, ogni 6 mesi, al Comitato per le Pari
Opportunità e, a conclusione dell’incarico, al Rettore.
Art. 8 – Procedura informale
La persona vittima di comportamenti lesivi della propria dignità può richiedere
l’intervento della/del Consulente con una procedura informale, che deve concludersi nel
termine di 90 giorni.
La/Il Consulente prende in esame il caso, impegnandosi a non adottare alcuna iniziativa
senza averne prima discusso con la presunta vittima della molestia e averne ricevuto
l’espresso consenso.
Nel ricercare, ove possibile, una soluzione conciliativa, adotta, ai sensi dell’art. 7, le
iniziative più opportune per ripristinare un sereno ambiente di lavoro e di studio.
Art. 9 – Procedura formale
Ove l’interessata/o ritenga inopportuno o insufficiente qualunque tentativo di soluzione
informale del problema oppure qualora, dopo tale tentativo, il comportamento indesiderato
permanga, la persona lesa potrà sporgere formale denuncia al Direttore amministrativo, se
l’accusato/a fa parte del personale tecnico-amministrativo, o al Rettore, se questi è una/un
docente o una studentessa/uno studente.
Qualora l’Amministrazione ritenga fondati i fatti denunciati, nel corso del procedimento
disciplinare, dovrà adottare, su proposta della/del Consulente di fiducia, quelle misure
organizzative idonee alla cessazione immediata dei comportamenti molesti.
La/Il denunciante deve avere la possibilità di rimanere nel proprio posto di lavoro, se lo
desidera, o di essere trasferita/o in altra sede che non comporti disagio.
L’Amministrazione provvede ad annullare, in via di autotutela e senza ritardo, gli atti
amministrativi in qualunque modo peggiorativi della posizione soggettiva, che derivino da
minacce, ricatti, discriminazioni riconducibili ad atti di molestia sessuale.
Art. 10 – Diritto alla riservatezza e all’onorabilità
Tutti i soggetti preposti alla prevenzione e alla soluzione dei casi di molestie sessuali
sono tenuti al massimo riserbo sui fatti e sulle notizie di cui vengono a conoscenza nel corso
della trattazione.
Nel caso in cui la denuncia si riveli manifestamente infondata, l’Amministrazione deve
garantire la riabilitazione della persona accusata e si riserva di avviare, nei confronti della
controparte, gli eventuali provvedimenti disciplinari.
Art. 11 – Informazione
L’Amministrazione s’impegna a garantire la massima diffusione presso ogni struttura
dell’Ateneo del presente Codice e delle iniziative correlate e a comunicare la reperibilità e
la sede della/del Consulente di fiducia.
Fly UP