...

Rito di apertura della Porta Santa della Cattedrale di Nardò

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Rito di apertura della Porta Santa della Cattedrale di Nardò
2
Liturgia stazionale e apertura della Porta Santa
a cura dell’Ufficio Liturgico Diocesano
Due sono i momenti significativi della liturgia odierna: la statio e l’apertura
della Porta Santa.
La liturgia stazionale
È una liturgia di mobilità tipica della Chiesa di Roma. Si compone di due
momenti: la "colletta", ovvero il momento di raccolta dei fedeli presso una
chiesa succursale, e quindi la statio, la chiesa di arrivo della processione.
Questo tragitto è tradizionalmente occupato dal canto delle litanie dei santi.
Questi due momenti ripropongono l'immagine della comunità che si raduna
attorno al vescovo. Dunque rappresentano un segno di comunione e di unità
attorno al vescovo. È un modo anche di far capire come sia sempre attuale la
necessità di vigilanza, di attenzione per una conversione interiore profonda.
Infatti, statio è un termine latino che appartiene all’uso militare. Allude alla
vigilanza delle sentinelle a guardia dell'accampamento, ma armate della
preghiera, forgiate dalla penitenza e fortificate nello spirito dal digiuno,
dimensioni che dovrebbero caratterizzare ancora oggi la liturgia stazionale.
Questi piccoli gesti simbolici, accompagnati dal canto delle litanie, creano
anche un clima di comunione con i santi, con chi ci ha preceduto. È anche
l'occasione per riscoprire il senso di appartenenza all'unica comunità dei
credenti nel Cristo, presente sull'altare.
Che cos'è dunque la statio? Innanzitutto, una veglia, accompagnata dal
digiuno, con la quale ci si prepara a vivere un avvenimento importante. Si
riprende la terminologia militare, come sottolinea sant'Ambrogio, per cui
la statio ci rimanda all'immagine della sentinella che vigila nell'accampamento: vigilare, stare attenti e compiere in particolare opere di penitenza, di
carità e di digiuno. Queste opere vengono collegate tra loro e proposte per
creare un atteggiamento di conversione profonda attraverso, appunto, la
vigilanza, le pratiche e gli esercizi di pietà. Concretamente, la statio diventa
poi l'incontro della comunità cristiana che si raduna nei cosiddetti tituli, cioè le
antiche parrocchie o i santuari dove erano deposti i martiri. A tal proposito
ricordiamo che un antico documento, la Depositio martyrum, del 336, ci
riferisce il luogo dove riposa il martire e dove si tiene la statio, cioè il luogo
dove la comunità si riunisce per pregare quel martire nel ricordo del suo dies
3
natalis. L'incontro della comunità cristiana con il vescovo si apre con la
"colletta". Ci si riunisce in una chiesa da cui si parte per una processione lungo
la quale si cantano le litanie, per questo si parla di letania. Nel Liber
Pontificalis si parla sempre di fare una letania, cioè una processione della
comunità con il proprio vescovo dalla chiesa vicina alla chiesa
stazionaria o a una delle grandi basiliche, dove si conserva la memoria del
martire.
All'inizio le stazioni erano sempre presiedute dal vescovo. A Roma dal Papa,
nelle altre diocesi dai rispettivi vescovi, per esempio sant'Ambrogio a Milano.
Il vescovo si recava nella chiesa vicina a quella stazionaria. Lì si recitava la
"colletta", cioè la preghiera di riunione, e quindi si formava la processione
che, al canto delle litanie dei santi, giungeva alla chiesa stazionaria dove si
partecipava a una veglia di preghiera, successivamente sostituita dalla
celebrazione eucaristica.
La Porta Santa
È tipico segno del Giubileo. L'apertura della Porta Santa e la sua chiusura
segnano l'inizio e la conclusione dell'Anno Santo. A Roma sono quattro le
Porte Sante che vengono aperte soltanto durante i Giubilei. Oltre a quella di
San Pietro, ci sono quelle delle altre tre basiliche maggiori di Roma: San
Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura. La
Porta rimanda al passaggio che ogni cristiano è chiamato a compiere dal
peccato alla grazia, guardando a Cristo che di sé dice: «Io sono la porta».
Nella Bolla Misericordiae Vultus con cui viene indetto il Giubileo della
misericordia, papa Francesco annuncia che varcherà la Porta Santa in San
Pietro l’8 dicembre, giorno di apertura dell’Anno Santo straordinario,
mentre spalancherà quella di San Giovanni in Laterano la terza domenica di
Avvento, il 13 dicembre. Lo stesso gesto verrà ripetuto successivamente nelle
Porte Sante delle altre due basiliche maggiori di Roma (Santa Maria Maggiore
e San Paolo fuori le Mura).
Saranno «Porte della misericordia» – scrive Francesco nella Bolla – dove
chiunque le oltrepasserà «potrà sperimentare l’amore di Dio che consola,
perdona e dona speranza». Sempre il 13 dicembre saranno aperte le «Porte
della misericordia» in ogni diocesi del mondo: potranno essere nelle
Cattedrali o in una chiesa di speciale significato ma anche nei santuari dove i
pellegrini possono «trovare la via della conversione», annota il Papa.
4
Fu papa Martino V ad aprire per la prima volta nella storia degli Anni giubilari
la Porta Santa di San Giovanni in Laterano nel 1423. Fino all'Anno Santo del
1975 le Porte erano murate sia all'esterno, sia all'interno delle basiliche. Così,
nel giorno dell’inizio del Giubileo, il Papa aveva in mano un martelletto che
percuoteva tre volte sul muro della Porta prima che la parete fosse abbattuta.
Paolo VI volle spostare l'attenzione dal muro alla Porta e stabilì che le Porte
non fossero più murate all'esterno.
Così oggi sono sempre visibili dall’esterno: ad esempio, basta andare in San
Pietro per osservare sulla sinistra della facciata della basilica la Porta Santa
giubilare. E per aprire la Porta non serve più il martelletto d'argento e per
chiuderle non c'è bisogno che il Pontefice abbia in mano una cazzuola (come
avveniva in precedenza).
LEGENDA PER LA PREGHIERA
V = Vescovo
A = Assemblea
D = Diacono
5
RADUNO PRESSO LA CHIESA DI SAN DOMENICO
LITURGIA DI COLLETTA
Radunato il Popolo Santo di Dio, il Vescovo, i Presbiteri, i Diaconi e i Ministranti, indossando
l’abito liturgico loro proprio, si recano all’Altare della Chiesa stazionale di San Domenico.
Intanto viene eseguito il canto introitale, il grande Hallel, che ci introduce nello spirito della
grande tradizione ebraica del Giubileo, portata a compimento da Cristo Gesù:
CANTO: IL GRANDE HALLEL
Lodate il Signore perché è buono,
Lodate il Dio degli dei,
Lodate il Signore dei Signori,
Lui solo ha compiuto meraviglie,
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
Ha fatto i cieli con sapienza,
Ha posto la terra sulle acque,
Ha fatto i grandi luminari,
Il sole, la luna e le stelle,
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
Percosse l'Egitto nei suoi figli,
Percosse i suoi primogeniti,
E fece uscire Israele,
Con mano potente e braccio teso,
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
Divise in due parti il Mar Rosso,
Vi fece passare Israele,
Travolse nel mare il Faraone,
Travolse nel mare il suo esercito,
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
Guidò nel deserto il suo popolo,
Percosse e uccise re potenti,
E diede a Israele suo servo,
In eredità la loro terra,
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
Di noi umiliati si ricorda,
Dai nostri nemici Lui ci libera,
Lui dona il cibo alle creature,
Lodate il Dio del cielo,
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
perché eterna è la sua misericordia.
Quindi il Vescovo Fernando dà inizio alla Celebrazione.
6
V:
A:
V:
A:
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
Amen.
La misericordia del Padre,
la pace del Signore nostro Gesù Cristo.
la comunione dello Spirito Santo
siano con tutti voi.
E con il tuo spirito.
Il Vescovo invita a benedire e a lodare Dio (cfr. Sal 103):
V:
A:
V:
A:
V:
A:
Benedetto sei tu, o Padre:
tu solo hai compiuto grandi meraviglie (cfr. Sal 136,4).
Il tuo amore è per sempre.
Benedetto sei tu, Figlio unigenito:
ci hai liberati dai nostri peccati
con il tuo sangue (cfr. Ap 1,5).
Il tuo amore è per sempre.
Benedetto sei tu, Spirito santo:
consolatore dell’anima,
dolcissimo sollievo (cfr. sequenza Pentecoste).
Il tuo amore è per sempre.
Quindi il Vescovo rivolge al popolo una breve esortazione con queste o altre simili parole:
V:
Fratelli carissimi,
con lo sguardo fisso su Gesù
e sul suo volto misericordioso,
il Santo Padre, nella solennità
della Beata Vergine Maria, la tutta santa,
ha aperto il Giubileo straordinario
che dischiude per tutti noi e per l’ umanità intera
la porta della misericordia di Dio.
In comunione con la Chiesa universale,
questa celebrazione inaugura solennemente
l’Anno Santo per la nostra Chiesa diocesana,
preludio per una profonda esperienza
di grazia e di riconciliazione.
7
Ascolteremo con gioia
il Vangelo della Misericordia,
che Cristo Signore, agnello di Dio
che toglie il peccato del mondo,
sempre fa risuonare in mezzo agli uomini
invitandoci a gioire per il suo amore
annunciato instancabilmente ad ogni creatura.
Terminata l’ esortazione, il Vescovo dice la seguente orazione (cfr. Messe ad diversa, Per la
riconciliazione - II Colletta).
V:
A:
Preghiamo
O Dio, autore della vera libertà,
che vuoi raccogliere tutti gli uomini in un popolo solo
libero da ogni schiavitù,
e doni a noi tuoi figli un tempo di misericordia e di perdono,
fa’ che la tua Chiesa, crescendo nella libertà e nella pace,
splenda a tutti noi come sacramento di salvezza,
e riveli e attui nel mondo il mistero del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.
Segue la proclamazione del Vangelo da parte del diacono
D:
Dal Vangelo secondo Luca (15,1-7)
In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per
ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i
peccatori e mangia con loro». Allora egli disse loro questa parabola: «Chi di
voi se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto
e va dietro a quella perduta, finché non la trova? Quando l’ha trovata, pieno
di gioia se la carica sulle spalle, va a casa, chiama gli amici e i vicini e dice loro:
“Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora che era perduta”. Io vi
dico, così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che
per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione».
Parola del Signore.
A:
8
Lode a Te o Cristo.
Dopo il Vangelo si può sostare brevemente in silenzio, quindi un diacono legge l’inizio della
Bolla di indizione del Giubileo straordinario.
D:
Dalla Bolla di indizione del Giubileo straordinario della Misericordia
“Misericordiae Vultus” (1-3)
Francesco, vescovo di Roma servo dei servi di Dio a quanti leggeranno questa
lettera grazia, misericordia e pace Gesù Cristo è il volto della misericordia del
Padre. Il mistero della fede cristiana sembra trovare in questa parola la sua
sintesi. Essa è divenuta viva, visibile e ha raggiunto il suo culmine in Gesù di
Nazareth. Il Padre, « ricco di misericordia » (Ef 2,4), dopo aver rivelato il suo
nome a Mosè come « Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di
amore e di fedeltà » (Es 34,6), non ha cessato di far conoscere in vari modi e
in tanti momenti della storia la sua natura divina. Nella « pienezza del tempo »
(Gal 4,4), quando tutto era disposto secondo il suo piano di salvezza, Egli
mandò suo Figlio nato dalla Vergine Maria per rivelare a noi in modo
definitivo il suo amore. Chi vede Lui vede il Padre (cfr Gv 14,9). Gesù di
Nazareth con la sua parola, con i suoi gesti e con tutta la sua persona rivela la
misericordia di Dio.
Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte
di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza. Misericordia:
è la parola che rivela il mistero della SS. Trinità. Misericordia: è l’atto ultimo e
supremo con il quale Dio ci viene incontro. Misericordia: è la legge
fondamentale che abita nel cuore di ogni persona quando guarda con occhi
sinceri il fratello che incontra nel cammino della vita. Misericordia: è la via che
unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per
sempre nonostante il limite del nostro peccato.
Ci sono momenti nei quali in modo ancora più forte siamo chiamati a tenere
fisso lo sguardo sulla misericordia per diventare noi stessi segno efficace
dell’agire del Padre. È per questo che ho indetto un Giubileo Straordinario
della Misericordia come tempo favorevole per la Chiesa, perché renda più
forte ed efficace la testimonianza dei credenti.
Al termine della lettura, si avvia la processione.
D:
Fratelli e sorelle, avviamoci nel nome di Cristo:
Egli è la via che ci conduce
nell’anno di grazia e di misericordia.
9
PROCESSIONE LITANICA VERSO LA CHIESA STAZIONALE
Il Vescovo infonde l’incenso nel turibolo. Ha quindi inizio la processione verso la Cattedrale,
nella quale verranno celebrati i Vespri Solenni.
Precede il turiferario con il turibolo fumigante, segue un diacono che porta la croce astile
ornata a festa, ai suoi lati, i ministranti con le candele accese; poi il diacono che porta il Libro
dei Vangeli, quindi il Vescovo e, dietro di lui, i sacerdoti, gli altri ministri e i fedeli. Durante la
processione si cantano le litanie dei Santi.
Signore, pietà
Cristo, pietà
Signore, pietà
Signore, pietà
Cristo, pietà
Signore, pietà
Santa Maria, Madre di Dio
San Michele
San Gabriele
San Raffaele
Santi Angeli di Dio
San Giovanni Battista
San Giuseppe
Santi patriarchi e profeti
Santi Pietro e Paolo
Sant'Andrea
San Giovanni
San Bartolomeo
San Giacomo
San Luca
San Marco
San Matteo
Santi apostoli ed evangelisti
Santa Maria Maddalena
Santi discepoli del Signore
Santo Stefano
Sant'Ignazio d'Antiochia
San Lorenzo
Santi Martiri d’Otranto
prega per noi
10
Sante Perpetua e Felicita
Sant’Agnese
Sant’Agata
Santa Lucia
Santi Martiri di Cristo
San Gregorio
Sant'Agostino
Sant'Atanasio
San Basilio
San Martino
Santi Cirillo e Metodio
San Gregorio Armeno
San Benedetto
San Francesco
San Domenico
Sant’Antonio di Padova
San Giuseppe da Copertino
San Giovanni Maria Vianney
San Josè Escrivà
Santa Teresa d’Avila
Santa Caterina da Siena
Santa Teresa di Gesù Bambino
San Gerardo Maiella
San Pio da Pietrelcina
Santi e Sante di Dio
prega per noi
Nella tua misericordia
Da ogni male
Da ogni peccato
Dalla morte eterna
Per la tua incarnazione
Per la tua morte e resurrezione
Per il dono dello Spirito Santo
Salvaci, Signore
Noi, peccatori, ti preghiamo
Conforta e illumina la tua santa Chiesa
Ascoltaci, Signore
11
Proteggi il Papa, i Vescovi, i sacerdoti
Ascoltaci, Signore
e tutti i ministri del Vangelo
Manda nuovi operai nella tua messe
Dona al mondo intero la giustizia e la pace
Aiuta e conforta tutti coloro
che sono nella prova e nel dolore
Custodisci e conferma nel tuo santo servizio,
noi e tutto il popolo a te consacrato
Gesù, Figlio del Dio vivente, ascolta la nostra supplica
Gesù, Figlio del Dio vivente, ascolta la nostra supplica
12
APERTURA DELLA PORTA SANTA E STATIO IN CATTEDRALE
Giunti alla porta principale della Cattedrale, la processione si ferma. Il Vescovo acclama:
V:
Aprite le porte della giustizia,
entreremo a rendere grazie al Signore (cfr. Sal 118,19).
Mentre la porta viene aperta, il Vescovo continua:
V:
É questa la porta del Signore:
per essa entriamo per ottenere misericordia e perdono.
Il diacono consegna al Vescovo il Libro dei Vangeli. Il Vescovo stando sulla soglia lo tiene
elevato, mentre si canta l’antifona qui indicata, o un’altra adatta. Durante l’ostensione del
Libro dei Vangeli il diacono che porta la croce processionale si pone con la croce stessa
accanto al Vescovo.
Antifona
Aprite le porte a Cristo!
Non abbiate paura:
Spalancate il vostro cuore
all’amore di Dio.
(2 volte)
Terminato il canto dell’antifona, la processione riprende il suo cammino verso l’Altare:
precedono il turibolo, la croce e i candelieri; seguono il Vescovo con il Libro dei Vangeli, i
sacerdoti, gli altri ministri e i fedeli. Nel frattempo si canta:
Rit: Redenti dal sangue dell’Agnello,
splendenti della gloria del Padre,
uniti dal fuoco dell’Amore
formiamo la tua Chiesa, Signore Gesù.
Gloria e lode a te, roccia di fedeltà.
Gloria e lode a te, luce di verità.
Gloria e lode a te, vita dell’umanità.
Gloria e lode a te, Cristo Signore!
Sono in te, Tempio di Dio, le sorgenti della salvezza:
è acqua sgorgata dal fianco di Cristo morente in croce.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
13
Come madre sempre feconda rivesti di luce i tuoi figli,
rinati a vita immortale nell’acqua e nel soffio divino.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Rit: Redenti dal sangue dell’Agnello..
Tu ci doni, Arca di Dio, l’immortale cibo di vita:
parola che apre il cammino, pane che dona vigore.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Come trono le nostre mani tremanti accolgono Cristo,
carbone di fuoco divino che al cuore e alle labbra dà vita.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Rit: Redenti dal sangue dell’Agnello..
Sei avvolta, Casa di Dio, dello Spirito di santità;
con i suoi molteplici doni canti il Cristo nell’unità.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Come un turibolo d’oro al cielo innalzi la lode,
nel mondo diffondi il profumo di Cristo, vangelo d’amore.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Rit: Redenti dal sangue dell’Agnello..
Coi tuoi tralci, Vigna di Dio, abbracci gli estremi orizzonti,
avvinta alla croce di Cristo col sangue dai frutti di vita.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Come olivo verdeggiante rallegri di gioia i fratelli,
profumi d’amore la casa, consoli chi soffre nel pianto.
Benediciamo il Signore nella sua santa dimora.
Rit: Redenti dal sangue dell’Agnello..
Il Vescovo, giunto all’Altare, vi depone il Libro dei Vangeli. Quindi bacia l’Altare, lo incensa e si
reca alla Cattedra.
14
MEMORIA DEL BATTESIMO
Viene portato davanti al Vescovo un recipiente con l’acqua. Il Vescovo invita alla preghiera con
queste o altre simili parole:
V:
Fratelli e sorelle carissimi,
supplichiamo il Signore
perché benedica quest’ acqua
con la quale saremo aspersi
in memoria del nostro Battesimo.
Essa è invocazione di misericordia e salvezza
in virtù della resurrezione di Gesù Cristo.
Tutti pregano per qualche minuto di silenzio. Quindi il Vescovo, a mani giunte, prosegue
V:
A:
Dio onnipotente,
origine e fonte della vita,
benedici quest’acqua
e fa’ che noi tuoi fedeli,
aspersi da questa fonte di purificazione,
otteniamo il perdono dei nostri peccati,
la difesa dalle insidie del maligno
e il dono della tua protezione.
Nella tua misericordia donaci, o Signore,
una sorgente di acqua viva
che zampilli per la vita eterna,
perché liberi da ogni pericolo
possiamo venire a te con cuore puro.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.
Il Vescovo prende l’aspersorio e asperge se stesso, i concelebranti, i ministri e il popolo,
attraversando la navata della cattedrale. Intanto si esegue il canto:
Chi berrà la mia acqua
non avrà più sete in eterno
e quest'acqua sarà per lui
fonte di vita per l’eternità.
15
Affannati e stanchi,
voi oppressi e poveri venite,
attingete con gioia a Lui
alla sorgente di felicità.
Fiumi di acqua viva
sgorgheranno in colui che crederà
nel Signore che dona a noi
l'acqua di vita e di verità.
Percuotendo una roccia
dissetasti il popolo in cammino.
Fa’ che sempre noi camminiam
nel tuo timore nella fedeltà.
Fonte inesauribile
pace eterna, carità perfetta,
noi a mensa con Te sediam,
dolce, immensa, santa Trinità.
Amen.
Tornato alla cattedra, il Vescovo dice:
V:
A:
Dio onnipotente ci purifichi dai peccati,
e ci renda degni di partecipare
alla mensa del suo regno
nei secoli dei secoli.
Amen.
Quindi inizia la Celebrazione dei Primi Vespri della Terza Domenica d’Avvento.
16
SOLENNE LITURGIA DEI VESPRI
V:
A:
O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
V:
A:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, nei secoli dei secoli.
Amen. Alleluia.
Inno
Rit: Cantate al Signore, alleluia,
Benedite il suo nome, alleluia.
Cantate al Signore, alleluia,
con inni di lode, alleluia.
Cantate al Signore un canto nuovo,
da tutta la terra cantate a lui,
benedite per sempre il suo nome,
narrate alle genti la sua gloria.
Rit.
Dio regna glorioso sulla terra,
terribile e degno di ogni lode,
date a lui la gloria del suo nome,
prostratevi alla sua maestà.
Rit.
Gioiscano i cieli e la terra
davanti al Signore che viene,
egli giudica il mondo con giustizia
e con verità tutte le genti.
Rit.
1a Antifona
Canta di gioia, Gerusalemme:
viene a te il Salvatore, alleluia.
SALMO 112 Lodate il nome del Signore
Ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili (Lc 1, 52).
17
Lodate, servi del Signore, *
lodate il nome del Signore.
Sia benedetto il nome del Signore, *
ora e sempre.
Dal sorgere del sole al suo tramonto *
sia lodato il nome del Signore.
Su tutti i popoli eccelso è il Signore, *
più alta dei cieli è la sua gloria.
Chi è pari al Signore nostro Dio che siede nell'alto *
e si china a guardare nei cieli e sulla terra?
Solleva l'indigente dalla polvere, *
dall'immondizia rialza il povero,
per farlo sedere tra i principi, *
tra i principi del suo popolo.
Fa abitare la sterile nella sua casa *
quale madre gioiosa di figli.
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.
1a Antifona
Canta di gioia, Gerusalemme:
viene a te il Salvatore, alleluia.
2 a Antifona
Io, il Signore, mi avvicino: la mia giustizia non è più lontana,
la mia salvezza non tarderà.
SALMO 115 Rendimento di grazie nel tempio.
Per mezzo di lui (Cristo) offriamo continuamente un sacrificio di lode a Dio (Eb 13,15).
Ho creduto anche quando dicevo: *
«Sono troppo infelice».
Ho detto con sgomento: *
«Ogni uomo è inganno».
18
Che cosa renderò al Signore *
per quanto mi ha dato?
Alzerò il calice della salvezza *
e invocherò il nome del Signore.
Adempirò i miei voti al Signore, *
davanti a tutto il suo popolo.
Preziosa agli occhi del Signore *
è la morte dei suoi fedeli.
Sì, io sono il tuo servo, Signore, †
io sono tuo servo, figlio della tua ancella; *
hai spezzato le mie catene.
A te offrirò sacrifici di lode *
e invocherò il nome del Signore.
Adempirò i miei voti al Signore *
davanti a tutto il suo popolo,
negli atri della casa del Signore, *
in mezzo a te, Gerusalemme.
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.
2 a Antifona
Io, il Signore, mi avvicino: la mia giustizia non è più lontana,
la mia salvezza non tarderà.
3 a Antifona
Manda, Signore, l'Agnello, Dominatore del mondo;
venga dal deserto al monte di Sion.
CANTICO Fil 2, 6-11
Cristo servo di Dio
Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, *
non considerò un tesoro geloso
la sua uguaglianza con Dio;
19
ma spogliò se stesso, †
assumendo la condizione di servo *
e divenendo simile agli uomini;
apparso in forma umana, umiliò se stesso †
facendosi obbediente fino alla morte *
e alla morte di croce.
Per questo Dio l'ha esaltato *
e gli ha dato il nome
che è al di sopra di ogni altro nome;
perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi †
nei cieli, sulla terra *
e sotto terra;
e ogni lingua proclami
che Gesù Cristo è il Signore, *
a gloria di Dio Padre.
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.
3a Antifona
Manda, Signore, l'Agnello, Dominatore del mondo;
venga dal deserto al monte di Sion.
Lettura Breve 1 Ts 5, 23-24
Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione, e tutto quello che è vostro,
spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore
nostro Gesù Cristo. Colui che vi chiama è fedele e farà tutto questo!
Il Vescovo tiene l’Omelia seguita da un momento di riflessione silenziosa.
Responsorio
R.
V.
20
Mostraci, Signore, * la tua misericordia.
Mostraci, Signore, la tua misericordia.
E donaci la tua salvezza,
la tua misericordia.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Mostraci, Signore, la tua misericordia.
Antifona al Magnificat
Prima di me, nessuno era Dio;
nessuno, dopo di me:
davanti a me si piegherà ogni ginocchio,
mi esalterà ogni lingua.
CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)
Esultanza dell'anima nel Signore
L'anima mia magnifica il Signore *
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia *
si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
21
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.
Antifona al Magnificat
Prima di me, nessuno era Dio; nessuno, dopo di me:
davanti a me si piegherà ogni ginocchio, mi esalterà ogni lingua.
Intercessioni
V:
A Cristo, fonte di vera gioia per tutti coloro che lo attendono, innalziamo
la nostra preghiera:
A:
Vieni, Signore, non tardare.
D:
A:
Verbo eterno, che sei prima di tutti i tempi,
vieni a salvare gli uomini del nostro tempo.
D:
A:
Creatore dell'universo e di tutti gli esseri che vi abitano,
vieni a riscattare l'opera delle tue mani.
D:
A:
Dio con noi, che hai voluto assumere la nostra natura mortale,
vieni a liberarci dal dominio della morte.
D:
A:
Salvatore, che sei venuto perché gli uomini abbiano la vita e l'abbiano in
abbondanza,
vieni a comunicarci la tua vita divina.
D:
A:
Signore glorioso, che chiami tutti gli uomini nella pace del tuo regno,
fa' risplendere il tuo volto ai nostri fratelli defunti.
Padre nostro…
V:
A:
22
Guarda, o Padre, il tuo popolo, che attende con fede il Natale del
Signore, e fa' che giunga a celebrare con rinnovata esultanza il grande
mistero della salvezza. Per il nostro Signore.
Amen.
Prima della Benedizione solenne vengono comunicati ai fedeli le chiese e i santuari nei quali il
Vescovo ha stabilito che si apra una uguale Porta della Misericordia per poter accogliere,
lungo la durata dell’intero Giubileo straordinario, il dono dell’Indulgenza. Il Vescovo dice:
V:
Il nostro pensiero ora si volge alla Madre della Misericordia. La dolcezza
del suo sguardo ci accompagni in questo Anno santo, perché tutti
possiamo riscoprire la gioia della tenerezza di Dio.
L’Assemblea invoca Maria, Madre di Misericordia con il canto:
Salve, Regína,
Mater misericórdiae,
vita, dulcédo et spes nostra, salve.
Ad te clamámus, éxsules filii Evae.
Ad te suspirámus geméntes et flentes
in hac lacrimárum valle.
Eia ergo, advocáta nostra,
illos tuos misericórdes óculos
ad nos convérte.
Et Iesum, benedíctum fructum ventris tui,
nobis, post hoc exsílium, osténde.
O clemens, o pia, o dulcis Virgo María!
Segue la Benedizione solenne
V:
A:
Il Signore sia con voi.
E con il tuo spirito.
D:
Chinate il capo per la Benedizione
V:
Dio, che vi dà la grazia di celebrare
la prima venuta del suo Figlio
e di attendere il suo avvento glorioso
vi santifichi con la luce della sua visita.
Amen.
A:
V:
A:
Nel cammino di questa vita,
Dio vi renda saldi nella fede,
gioiosi nella speranza, operosi nella carità.
Amen.
23
V:
A:
V:
A:
Voi che vi rallegrate per la venuta del nostro
Redentore, possiate godere della gioia eterna,
quando egli verrà nella gloria.
Amen.
E la Benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio + e Spirito Santo,
discenda su di voi, e con voi rimanga sempre.
Amen.
Dopo la Benedizione il diacono congeda l’Assemblea.
D:
A:
Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso.
Andate in pace.
Rendiamo grazie a Dio.
L’Assemblea si scioglie lodando e ringraziando Dio con il canto finale
Cantate Domino canticum novum,
cantate Domino omnis terra.
Quoniam magnus Dominus et laudabilis nimis,
quoniam terribilis est super omnes deos.
24
Fly UP