...

Relazionarsi oggi

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

Relazionarsi oggi
Enrico Cheli,
Ilaria Buccioni, Marinella Bonucci,
Serenella Dalolio,
Massimiliano De Luca, Isabella Venturi
RELAZIONARSI
OGGI
Strumenti di consapevolezza e comunicazione
A cura di Ilaria Buccioni
1
2
INDICE:
Prefazione………………………………………….. pg 5
Introduzione……………………………………….
pg 7
Prof. Enrico Cheli…………………………………. pg 9
Nuovi modi di stare in relazione: come e perché stanno cambiando
i bisogni e le regole dei rapporti interpersonali
Dott.ssa Ilaria Buccioni ……………………….…. pg 27
L’importanza di comunicare con se stessi: come i conflitti interiori si
riflettono sui nostri rapporti con il mondo esterno
Dott.ssa Marinella Bonucci ……………...………. pg 53
La relazione tra genitori e figli:conciliare i bisogni di entrambi
in modo creativo
Prof. Enrico Cheli……………………………….. pg 65
La coppia scoppia: affrontare i nuovi problemi dello stare insieme
Dott. ssa Serenella Dalolio…………………….. pg 85
La relazione tra allievi ed insegnanti: studiare e crescere insieme
Dott. Massimiliano De Luca ……………………. pg 107
Tra medico e paziente: favorire la relazione con reciproco vantaggio
Dott.ssa Isabella Venturi …………….. ……….. pg 129
Relazioni sul lavoro: problemi e prospettive dei rapporti con
colleghi e superiori
3
4
PREFAZIONE
Da sempre, o meglio da quando l’uomo è diventato
animale sociale e ha iniziato a costruire intenzionalmente delle
comunità, l’ambito delle dinamiche relazionali fra i singoli
individui membri delle comunità costituisce il terreno delle
trasformazioni, dei cambiamenti, talvolta macroscopiche e
traumatiche (tanto da far pensare a dei veri e propri cambi di
paradigma sociale), più spesso in modo impercettibile,
molecolare, come il crescere dell’erba sotto i nostri piedi,
invisibile eppure reale e inarrestabile. Personalmente, tendo a
attribuire valore piuttosto a questo secondo aspetto; cioè
anche quelli che individuiamo come cambiamenti epocali,
paradigmatici, rappresentano – a mio avviso – il punto di
nostra percezione di un fenomeno (magari rappresentato come
tale dai mass media o anche dagli studiosi per necessità di
sintesi o ricostruzione a posteriori) che si è costruito
attraverso un cumularsi di singoli episodi sociali, di
mutamenti relazionali atomici, di tensioni individuali verso un
cambiamento di status, fin quando il nuovo paradigma
sostituisce quello precedente, giungendo al suo acme... ma a
quel punto esso già inizia la sua fase di decadenza, cioè di
trasformazione. In ogni caso, le dinamiche relazionali sono in
una fisiologica condizione di equilibrio instabile, di perenne
mutamento; una sorta di flusso continuo ben difficile da
fotografare, immortalandolo in una istantanea. Si trovano, in
qualche modo, nella condizione tipica di ogni cultura, quella
della continua trasformazione, talché è difficile dire che esista
una cultura, ad esempio, occidentale che si confronta con una
cultura islamica e non solo perché dobbiamo sempre postulare
il pluralismo culturale anche all’interno dei macroagglomerati
che per comodità (o per vizio semplificativo) istituiamo quali
Occidente, Islam, ma soprattutto perché non si dà una cultura
5
ferma, immobile, fissata in alcuni valori o paradigmi stabiliti
una volta (ma quando?) per tutte. Del resto il parallelo non è
peregrino, giacché se volessimo in qualche modo tentare di
definire astrattamente (eppure, concretamente) la cultura,
forse, dovremmo accedere alla sua definizione come insieme di
esperienze condivise che attribuiscono un significato alla vita
dell’uomo, quindi ciò di cui si è discusso nel ciclo di
conferenze,
organizzato
dall’Associazione
Nazionale
Counselor Relazionali e dal Master in Comunicazione e
Relazioni Interpersonali dell’Università di Siena, di cui qui
raccogliamo gli atti. La cultura, o meglio le culture, è fatta di
queste dinamiche relazionali: genitori-figli, cittadiniistituzioni, lavoratori-imprenditori, insegnanti-studenti, i
sentimenti che legano due persone in un progetto familiare e
l’organizzazione che ne deriva, ecc. Tutti ambiti sottoposti a
profonde trasformazioni negli ultimi anni, anche sulla scia dei
cambiamenti indotti nella nostra società dall’accelerazione dei
processi di globalizzazione, dall’immissione nella nostra vita
quotidiana di dosi massicce di tecnologia, dai nuovi modelli di
organizzazione del lavoro. I materiali che qui pubblichiamo,
predisposti con grande rigore scientifico, ci offrono lo
spaccato di una società nel vortice di una crisi (da intendersi
come cambiamento) profonda: una fase di passaggio che ci
consegnerà in un domani molto diversi ma dove, per certo, le
relazioni interpersonali non sembrano cedere la propria
centralità nell’evoluzione della società globale.
Simone Siliani
Assessore alla Cultura Comune di Firenze
6
Introduzione
Nonostante le relazioni interpersonali siano alla base del
nostro vivere sociale ed influenzino in modo considerevole la
qualità della nostra vita ed il benessere psicofisico, viene
dedicata ad esse scarsa attenzione e pochissime risorse. I
risultati di questa omissione sono molteplici: dagli anziani che
soffrono di solitudine, ai bambini costretti a rapportarsi
prevalentemente con televisione e videogiochi, alla freddezza
e conflittualità dei rapporti sul posto di lavoro che sempre più
spesso degenerano in episodi di mobbing. Per non parlare dei
problemi di bullismo tra i giovani, dei difficili rapporti tra
genitori e figli e tra insegnanti e allievi, della difficile
comunicazione tra il medico e il paziente e più in generale tra il
cittadino e le istituzioni pubbliche. Parimenti, la continua
crescita di separazioni e divorzi, testimoniano la bassa qualità
della comunicazione perfino nelle relazioni di coppia e
l'incapacità di affrontare in modo costruttivo le diversità
esistenti tra i partner.
Un approccio scientifico finalizzato allo studio delle relazioni
interpersonali trova la sua ragion d’essere in questo mutato
scenario sociale che - dalla fine degli anni Sessanta sino ad
oggi - ha rimesso in discussione i tradizionali ruoli sociali ed i
relativi canoni comportamentali che caratterizzavano la nostra
società.
Inquadrare le dinamiche relazionali in un’ottica scientifica
significa implicitamente ammettere la necessità di doversi
formare in tale ambito, così come avviene per altre discipline i
cui contenuti sono oggetto di studio specifico piuttosto che di
esperienze vissute e trasmesse in chiave informale.
7
E’ proprio nel sottovalutare il cambiamento del contesto
sociale di riferimento che può sorgere la tendenza a banalizzare
contenuti altrimenti non accessibili in forma sistematica. Ciò in
sostanza significherebbe rinunciare ad accedere a soluzioni
idonee a soddisfare le esigenze emergenti relative alle
dinamiche relazionali che, nelle più diverse circostanze, ci
vedono protagonisti.
E’ un processo che, a partire dai problemi posti dalle
relazioni interpersonali, sia esse si svolgano nell’ambito del
micromondo (la dimensione interiore), mesomondo (la
famiglia, la scuola, il lavoro), macromondo (la società), vede
ognuno di noi coinvolto in modo sempre più attivo e quindi
necessariamente consapevole.
Gli interventi specifici oggetto della presente raccolta – che
segue un ciclo di conferenze i cui temi coincidono con i
capitoli – sono stati affidati, nel rispetto delle singole
competenze professionali, a diversi specialisti che, col loro
lavoro, partecipano al costante sviluppo dell’Associazione
Nazionale COunselor Relazionali (ANCORE) e al Prof.
Enrico Cheli direttore del Master in Comunicazione e
Relazioni Interpersonali dell’Università di Siena, nel rispetto
dei principi epistemologici a cui il gruppo si conforma, ma allo
stesso tempo senza rinunciare a valorizzare quelle che sono le
caratteristiche, lo stile, la creatività individuali.
Per ANCORE
Massimiliano De Luca
8
Nuovi modi di stare in relazione: come e perché stanno
cambiando i bisogni e le regole dei rapporti interpersonali1
Enrico Cheli2
Fra tutti i cambiamenti che sono in atto nel mondo,
nessuno è più importante di quelli che riguardano le
nostre vite personali: sessualità, relazioni, matrimonio e
famiglia.
A. Giddens, Il mondo che cambia
1. La rivoluzione interpersonale
La parola “rivoluzione” descrive un cambiamento radicale,
drastico, repentino, ed è appunto quello che è avvenuto nella
sfera dei rapporti interpersonali da qualche decennio a questa
parte. Dobbiamo infatti ricordare che per millenni e fino a tutta la
prima metà del XX secolo, la vita di relazione si era svolta
secondo regole e schemi cui dovevano conformarsi tutti i membri
di una data comunità. Vigeva una morale rigida, autoritaria,
1
Il presente saggio costituisce in parte una rielaborazione del primo capitolo
del mio libro Relazioni in armonia, FrancoAngeli editore, Milano, 2004.
2
Sociologo e psicologo si occupa da anni di relazioni interpersonali e metodi
olistici per lo sviluppo del potenziale umano. È docente all’Università di Siena
dove dirige un Master in Comunicazione, relazioni interpersonali e counseling
e vari corsi di perfezionamento e di aggiornamento sulla consapevolezza e
l’educazione sui sentimenti, le relazioni, le emozioni. Tra i suoi ultimi libri:
L'età del risveglio interiore (Francoangeli); Teorie e tecniche della
comunicazione interpersonale (Francoangeli); La comunicazione come
antidoto ai conflitti (Punto di fuga); Relazioni in armonia (FrancoAngeli). È
spesso intervistato da giornali italiani e stranieri e partecipa a numerosi
programmi radiofonici e televisivi.
9
repressiva, che metteva al bando ogni forma di deviazione e
devianza, e dunque anche di creatività: non era pensabile
percorrere altre strade, cambiare le regole, vivere il ruolo di
genitore, figlio o coniuge in modi diversi dal resto della
comunità, se non subendo la riprovazione sociale o sanzioni
perfino più gravi. Si tenevano le distanze e ci si dava del lei o del
voi perfino tra marito e moglie, tra madre e figli, tra amici: il
ruolo e la posizione sociale erano preponderanti sulla personalità
e sull’identità personale; importava molto più cosa eri che non
chi eri – un nobile, un borghese o un contadino; un padre o un
figlio; un dipendente o un padrone; un docente o un discente. Si
trattava insomma di una società in cui l’autorità prevaleva sulla
libertà, il controllo sulla spontaneità, la formalità sulla creatività.
Il forestiero, lo sconosciuto, il diverso erano guardati con timore
e sospetto; le diversità – nelle idee, nei comportamenti, nella
religione – non erano tollerate, anzi erano fonte di scherno, di
scontro e perfino di guerra.
Così come il mondo esteriore era uniforme, monolitico, anche il
mondo interiore era rigido e tutto d’un pezzo: solo alcuni tratti
della personalità erano ammessi e approvati dalla famiglia, dalla
comunità, dalla religione di appartenenza e tutto il resto andava
rinnegato, represso, rimosso. Gli uomini dovevano sviluppare
solo ed esclusivamente tratti maschili, le donne solo quelli
femminili. Un uomo non poteva piangere, intenerirsi,
commuoversi; una donna non doveva mostrare forza,
autodeterminazione, intraprendenza. Insomma, le persone erano
assai poco consapevoli di sé, cioè – detto in altri termini – vi era
poca o nessuna comunicazione con se stessi. Parimenti, era assai
carente anche la comunicazione con gli altri.
Nelle società patriarcali e autoritarie del passato, anche recente,
la comunicazione non poteva che avere un ruolo marginale.
Comunicare, come ricorda l’etimologia del termine3, comporta
3
Il termine “comunicazione” deriva dal latino communis - cum (con, insieme)
e munia (doveri, vincoli), ma anche moenia (le mura) e munus (il dono).
10
un flusso bidirezionale di informazione in cui vi è partecipazione
paritetica dei soggetti coinvolti – compartecipazione appunto;
nella società gerarchica del passato i flussi informativi erano
invece prevalentemente unidirezionali: c’era chi indottrinava e
chi imparava, chi ordinava e chi obbediva.
Come è noto, i principi della democrazia hanno cominciato a
diffondersi nelle società occidentali a partire dal XVIII secolo4,
culminando nella rivoluzione americana e nella rivoluzione
francese. Tuttavia, a parte gli Stati Uniti e, a momenti alterni, la
Francia, le altre nazioni hanno dovuto attendere ancora a lungo almeno fino agli inizi del ‘900 e in molti casi addirittura fino al
termine della seconda guerra mondiale - prima di vedere
affermata una qualche forma di democrazia. Pertanto, anche se
da oltre due secoli se ne parla, la democrazia è una conquista
molto recente. Non solo, ma ancora più recente – e per certi versi
ancora più rivoluzionario - è l’avvento della democrazia nella
famiglia, nel lavoro e nella vita quotidiana; i principi illuministici
che portarono alle due rivoluzioni e che poi in seguito portarono
gradualmente alle monarchie costituzionali e infine alle
repubbliche riguardavano infatti essenzialmente la sfera dei diritti
politici e dei rapporti tra cittadini (maschi) e governanti, ma non
intaccavano la struttura autoritaria e patriarcale della società
Communis significa quindi: essere legati insieme, collegati dall'avere comuni
doveri (munia), dal condividere comuni sorti (le mura che proteggono e
accomunano), dall'essersi scambiati un dono. Anche in greco antico
comunicare è sinonimo di unire, congiungere, mentre in tedesco la parola
rinvia a compartecipare, condividere (mit-teilen = spartire, suddividere,
tagliare insieme). Comunicare ha la stessa radice di comune, comunità,
comunione, condivisione e difatti si comunica per "compartecipare", per
"avvicinarsi fino a collegarsi".
4
Naturalmente gli ideali democratici non nascono ex novo nel 1700 e ne
possiamo rintracciare precursori già nelle aperture artistiche e filosofiche del
rinascimento e perfino prima, nella nascita dei liberi comuni, fino a risalire
alle esperienze repubblicane dell’antica Roma e dell’antica Grecia. Tuttavia è
nel XVIII secolo che tali ideali si sviluppano fino al punto di produrre
evoluzioni tangibili nella cultura e nella struttura sociale dei paesi occidentali.
11
civile. All’interno della famiglia vi era ancora un sostanziale
assolutismo: il potere era tutto dell’uomo, anzi del patriarca, il
maschio più anziano, mentre le donne e i bambini avevano assai
pochi diritti, spesso nessuno. Anche sul posto di lavoro il potere
era tutto dei padroni e dei dirigenti: certo, a partire dalla seconda
metà dell’800 si erano susseguite numerose lotte operaie e si
erano formati sindacati e partiti che portavano avanti le
rivendicazioni dei lavoratori, ma esse riguardavano
essenzialmente gli aspetti materiali economici – il salario,
l’orario di lavoro – e non quelli relazionali.
Inoltre, le lotte operaie riguardavano solo quei pochi paesi in
cui l’industrializzazione era più sviluppata, mentre nella maggior
parte degli altri paesi, tra cui l'Italia, permaneva una economia
agricola, incentrata sul rapporto di mezzadria, con una totale
subordinazione dei contadini ai padroni, non dissimile da quella
medioevale tra servi della gleba e feudatari. Fino agli anni ’50 –
quando finalmente in Italia fu abolita per legge la mezzadria – il
padrone non solo poteva legalmente sfruttare il lavoro del
mezzadro e della sua famiglia, ma aveva anche il potere di
decidere sulla loro vita privata: come dovevano vestirsi e
comportarsi, se e quando un membro della famiglia poteva
andarsene ad abitare altrove e via dicendo. D’altra parte, un
simile regime autoritario vigeva anche nella famiglia del
mezzadro (e in quasi ogni altra famiglia): il patriarca decideva
delle vite dei figli, delle donne, dei nipoti, come se fossero
oggetti di sua proprietà e non soggetti autonomi dotati di diritti –
pertanto non era così strano che il padrone facesse altrettanto con
lui e la sua famiglia.
Quelle contestazioni che nel ‘700 avevano opposto i cittadini ai
monarchi, i borghesi agli aristocratici, e nell’800 gli operai ai
padroni, si diffusero negli anni 1960 anche nella famiglia, nella
scuola, nella vita quotidiana, contrapponendo i figli ai padri, gli
studenti ai professori. Iniziato con due grandi rivoluzioni al
vertice della piramide, il processo di democratizzazione era
12
finalmente giunto alla base del paradigma patriarcale autoritario,
dove le rivoluzioni divenivano, migliaia, milioni – una per ogni
famiglia, per ogni scuola, per ogni contesto della società civile.
Le motivazioni non riguardano più i diritti politici o economici
ma soprattutto i propri diritti individuali:
Gli individui vogliono contare come individui e non più soltanto
come membri di un gruppo, di una famiglia, di una chiesa, di
una organizzazione. Ciò che fanno deve permettere loro di
realizzarsi come persone singole, vogliono essere soggetti in
grado di dare senso alle loro scelte ... (A. Melucci).
Si contesta ogni forma di autorità imposta dall’alto e non
liberamente scelta e negoziata: quella dei genitori sui figli, degli
insegnanti sugli allievi; si contestano valori e norme di
comportamento tramandate acriticamente per secoli con la
violenza e l’indottrinamento; si reclama il diritto di vivere la
sfera sessuale in modo libero, anche al di fuori del matrimonio
(cosa questa, consentita in passato solo agli uomini e solo con
donne mercenarie); si reclama perfino il diritto di non andare in
guerra. E buona parte di queste contestazioni, di queste
rivendicazioni giungono a segno. Grazie al terreno ormai maturo
e alla particolare situazione di momentanea assenza di poteri forti
determinata dalla seconda guerra mondiale, questo vasto e
trasversale movimento di contro-cultura (cioè contro la cultura
patriarcale dominante) ottiene in neppure vent’anni più
cambiamenti di quanti se ne fossero verificati nei duecento
precedenti. Se gli anni ’60 e ‘70 del 1700 segnarono una tappa
fondamentale nella storia della democrazia culminata con la
dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti d’America (1776),
gli anni ’60 e ’70 del XX secolo vanno considerati un periodo
13
non meno importante, che in un certo senso chiude il cerchio,
ricollegando il livello macro sociale a quello microsociale5.
In brevissimo tempo si è così passati da rapporti impostati su
copioni socialmente prestabiliti e rigidi a relazioni
autodeterminate e flessibili, dalla comunicazione formale alla
spontaneità, dal controllo e repressione delle emozioni
all’espressività senza freni. Il mutamento sociale e culturale
avviato nel ‘700 è alfine penetrato nelle famiglie, nelle scuole,
nelle aziende, insomma nei sistemi micro e mesosociali,
scardinando valori e modelli relazionali vecchi di secoli e
aprendo la strada ad una maggiore libertà nel modo di vivere le
relazioni tra coniugi, tra genitori e figli, tra insegnanti e allievi,
tra imprenditori e lavoratori e via dicendo.
Mai come adesso l’umanità è stata così libera di vivere a proprio
modo le relazioni con gli altri, di scegliere da soli le persone con
cui relazionarsi e di esplorare nuove modalità attraverso le quali
farlo, specie nelle relazioni sentimentali. Ci sono pochi paesi al
mondo dove non si svolga un intenso dibattito sulla parità
sessuale, sulla regolamentazione della sessualità e sul futuro
della famiglia, e dove questo dibattito non si verifica, è
soprattutto per l’azione repressiva di governi autoritari o di
gruppi fondamentalisti. (A. Giddens).
Esprimere liberamente le proprie emozioni e sentimenti è
divenuto non solo possibile ma anzi auspicabile e così pure
confrontare con sincerità i propri bisogni e le proprie paure, sia
nel rapporto di coppia che in quelli amicali. Si sta riducendo
5
Ciò non va inteso nel senso che il processo di democratizzazione sia
concluso, ma che si è concluso il primo ciclo e si è passati ad una nuova fase,
più capillare, più sottile che ho descritto estesamente in un mio precedente
lavoro (cfr. E. Cheli, 2001).
14
sempre più quel timore e quella deferenza verso l’autorità che
aveva caratterizzato i rapporti del passato e si afferma uno stile
sempre più spontaneo e informale. Nel corso di pochi decenni si
sta passando insomma da una società patriarcale, rigida,
maschilista e autoritaria ad una società più aperta e democratica,
in cui la comunicazione viene ad assumere un ruolo centrale in
quanto facilita il sentimento di uguaglianza, evidenziando punti
di contatto e somiglianze tra le diverse persone, culture e
religioni. Al contempo essa favorisce il dissolversi dei dogmi, e
delle ideologie – nate dall'idea egocentrica che esista un'unica
verità (sempre la propria) – facendo emergere una visione sempre
più pluralista e relativista della realtà.
2. Luci e ombre del cambiamento
Questa rivoluzione nelle relazioni interpersonali rappresenta
senz’altro un cambiamento evolutivo positivo, necessario
presupposto per una società più libera e creativa, per rapporti
umani più gratificanti, costruttivi e consapevoli, per una vita
sociale che incarni nel quotidiano – e non solo nella sfera politica
– i principi democratici della libertà, della autodeterminazione,
della parità di diritti, della reciprocità. Tuttavia la medaglia ha
anche il suo rovescio: col crescere della libertà è cresciuto anche
il disagio esistenziale; il senso di identità e i ruoli sociali e
sessuali sono entrati in crisi; stanno aumentando i conflitti, le
separazioni, le controversie e la famiglia è in disfacimento, come
pure la solidarietà e la coesione sociale; crescono la solitudine e
l’individualismo; il rapporto tra cittadini e istituzioni è sempre
più improntato alla sfiducia e l’ordine ne risente sotto più aspetti.
Difatti, così come la società patriarcale del passato – improntata
sull’ordine, la repressione e il controllo – ostacolava la
maturazione degli individui e produceva relazioni affettivamente
aride e scarsamente creative, la grande libertà attuale, non
15
supportata da una adeguata consapevolezza e da appropriate
abilità comunicative da parte dei cittadini, può portare
all’estremo opposto, alla crisi e alla dissoluzione delle identità
individuali e collettive, alla perdita dei valori e delle norme
morali, insomma al caos sociale e esistenziale – e basta leggere i
dati in costante aumento del disagio e della criminalità giovanile
per rendersi conto che vi è più di un rischio in tal senso.
I nostri antenati erano indubbiamente molto meno liberi di noi
nelle relazioni: dovevano seguire binari prefissati, uguali per
tutti, regole rigide e spesso inumane, ruoli formali e
affettivamente freddi; non potevano scegliere se sposarsi o
convivere, né, spesso, chi sposare, non potevano instaurare un
dialogo alla pari col datore di lavoro né manifestare apertamente
le loro esigenze. Non erano liberi di esprimere le proprie
emozioni e sentimenti in pubblico, e speso neppure in privato, né
potevano vivere in modo libero e soddisfacente la loro sessualità.
Erano meno liberi, certo, ma anche meno insicuri, meno ansiosi:
le stesse norme e vincoli che ne limitavano la libertà erano anche
una protezione contro l’incertezza, una guida sicura per orientarsi
nella vita sociale, una solida fonte di identità. Una moglie e
madre sapeva chi era, come doveva comportarsi, cosa doveva
aspettarsi dal marito e dai figli. Un giovane non si portava
addosso l’incertezza dell’adolescenza fino a trent’anni o più: a
sedici o diciotto anni entrava nell’età adulta e gli venivano
riconosciute interamente le prerogative proprie di tale stato. Due
fidanzati non dovevano confrontarsi e accordarsi sulle regole e
sugli obbiettivi della loro relazione ma limitarsi a seguire modelli
di comportamento che già i loro genitori, nonni, bisnonni
avevano seguito e tramandato. Non che anche allora non vi
fossero conflitti e problemi emozionali o sentimentali nelle
relazioni, ma erano più sotterranei, più “certi” nelle possibili
soluzioni (o repressioni). Le forme del malessere individuale e
sociale non erano, come invece oggi, evidenti ed effervescenti:
era un malessere che raramente sfociava nella ribellione, più
16
spesso nella rassegnazione, che non prendeva la strada del
confronto aperto, dello scontro o della separazione, ma quella del
silenzio, del conflitto sotterraneo, della lenta morte dell’anima.
Le relazioni coniugali erano più basate sui valori della famiglia e
del patrimonio che non sui sentimenti, e i coniugi vivevano per
molti aspetti in due mondi separati: non esisteva alcun confronto
sui vissuti emotivi né tanto meno un dialogo su piani più
intellettuali. Oggi invece confronto e dialogo sono elementi
essenziali al buon andamento di ogni relazione di coppia, sia essa
formalizzata o meno. L’emancipazione della donna l’ha portata a
cercare e talvolta pretendere dal proprio partner cose che non
sempre lui è in grado di darle, perché c’è stata una
emancipazione della donna, ma non ancora dell’uomo, salvo casi
isolati. La donna emancipata contemporanea ha mantenuto la
competenza emotiva delle sue antenate e in aggiunta ha iniziato a
sviluppare il proprio lato maschile, facendo propri alcuni aspetti
della personalità in passato riservati ai maschi (la ricerca della
realizzazione
individuale,
il
potere,
la
razionalità,
l’autodeterminazione, l’aggressività); il maschio invece si è
limitato a perdere le vecchie sicurezze e privilegi senza
guadagnare niente in cambio, perché ancora non ha saputo/voluto
imparare a sviluppare il proprio lato femminile (la sensibilità,
l’affettività, la capacità di vivere le emozioni senza affogarvi,
l’ascolto di sé e dell’altro etc.).
3. L’esigenza di creare nuovi modi di relazionarsi
Ci troviamo nel bel mezzo di una fase di transizione in cui le
persone credono sempre meno ai vecchi valori, alle vecchie
forme di relazione, hanno nuovi bisogni da soddisfare, nuove
aspettative, nuove speranze ma ancora non hanno imparato nuovi
e più adeguati modi di comunicare e relazionarsi e soprattutto
non hanno sviluppato la capacità di orientarsi da soli, usando la
17
propria consapevolezza per compiere le scelte, invece di seguire
ciecamente binari prestabiliti da altri. I vecchi valori e i vecchi
modelli di comportamento sono crollati o stanno crollando, ma
ancora non sono emersi nuovi schemi e nuove regole in grado di
far fronte alle mutate situazioni e ai bisogni emergenti che
caratterizzano oggi le relazioni interpersonali. Si crea pertanto un
paradosso: si continuano ad applicare i vecchi modelli
comunicativi alle nuove situazioni, si cerca di soddisfare i nuovi
bisogni all’interno di vecchie e inadatte forme di relazione, si va
incontro a complesse dinamiche comunicative ed emozionali con
le poche e rozze conoscenze e abilità dei nostri avi, e tutto ciò
non produce alcun esito positivo, anzi crea grande frustrazione e
irritazione. Non solo non si riesce a soddisfare i nuovi bisogni e
aspettative ma addirittura spesso si ottiene l’effetto opposto,
innescando conflitti, scontri e blocchi delle relazioni: dalle
incomprensioni tra genitori e figli alla sempre maggiore
ingestibilità delle classi scolastiche, dal mobbing all’aumento
delle separazioni e divorzi e della conflittualità che li caratterizza.
La maggior parte delle persone tende ad interpretare tali problemi
in modo egocentrico, attribuendo all’altro/altri ogni
responsabilità, e solo alcuni affrontano invece il problema da un
punto di vista più obbiettivo e autocritico, cercando di
comprendere anche le proprie “responsabilità”. Tuttavia vorrei
sottolineare con forza che la mancata soddisfazione dei bisogni e
delle aspettative e l’ingenerarsi di problemi relazionali ed
emozionali di vario tipo dipende solo in parte dall’’uno o
dall’altro dei soggetti in relazione, mentre una gran parte delle
responsabilità va attribuita alla società nel suo complesso e alle
contraddizioni legate alla fase di transizione che stiamo vivendo.
Facciamo alcuni esempi.
Il matrimonio come forma istituzionalizzata dei rapporti di
coppia è palesemente in crisi, sia per l'emergere di una sempre
maggiore libertà sessuale, sia per la crescente intolleranza degli
individui verso i vincoli, gli obblighi, le formalità. Le persone si
18
sposano di meno mentre aumenta il numero delle coppie
conviventi e dei single, e anche coloro che ancora optano per il
matrimonio si trovano poi spesso a separarsi e a divorziare nel
giro di pochi anni, se non mesi. La maggior parte dei separati e
divorziati ritiene che le responsabilità principali del “fallimento”
della relazione siano dell’altro e che il loro unico errore sia l’aver
sbagliato partner, ma in realtà una larga fetta di responsabilità va
attribuita alla inadeguatezza della istituzione “matrimonio” che –
come meglio illustrerò nel mio saggio sulle relazioni di coppia in
questo stesso libro – è nata per ben altri scopi, connessi alla
società patriarcale, ed è oggi incapace, così com’è, di soddisfare i
nuovi bisogni e aspettative che gli individui stanno maturando
nel clima culturale sempre più democratico e sempre meno
patriarcale dei nostri tempi.
Anche nelle imprese e nelle organizzazioni pubbliche e private
mancano validi modelli di relazione: quelli vecchi – piramidali e
gerarchici – non funzionano più, ma i nuovi sono poco conosciuti
e suscitano dubbi, oltre al fatto che richiedono abilità e
competenze comunicative ancora troppo poco presenti sia nella
dirigenza sia nei lavoratori. Si richiede ai lavoratori di essere
comprensivi verso il punto di vista dell’azienda, di sentirsi parte
di essa, di condividerne le finalità e le difficoltà, ma alla fin fine
si continua a mantenere la relazione entro modelli gerarchici a
senso unico che sono l’esatta antitesi della compartecipazione
che si vorrebbe suscitare.
Analoghe contraddizioni e problematiche si ritrovano nei rapporti
tra insegnanti e allievi, sempre più ingestibili e didatticamente
controproducenti; si sono abbandonati i modelli autoritari,
inefficaci e non più accettabili, senza però sostituirli con nuovi
modelli – ad esempio modelli in cui la disciplina e l’impegno
scaturiscano da una crescita di consapevolezza e da una
responsabilizzazione creativa degli allievi – limitandosi ad
assumere un atteggiamento di rassegnato laissez-faire, che
19
produce solo caos e lascia insoddisfatti sia gli insegnanti che gli
allievi.
Il fatto è che né gli individui, né i gruppi o le organizzazioni
dispongono al momento di un adeguato “know how” emotivorelazionale per sfruttare le grandi potenzialità positive insite nella
nuova libertà sociale del terzo millennio; al contrario, sono
spesso vittime inermi dei molti effetti collaterali negativi.
Ognuno è in balia di se stesso, e deve imparare sulla propria
pelle, da autodidatta, per tentativi e (dolorosi) errori come
nuotare o almeno stare a galla in questo mare agitato – un mare
divertente, spumeggiante e ricco di opportunità creative per un
nuotatore esperto, ma estremamente faticoso e perfino letale per
un principiante – e oggi siamo più o meno tutti principianti,
pionieri alla conquista di territori inesplorati, affascinanti ma
anche estremamente insidiosi.
4. Educare ai sentimenti, alle relazioni, alle emozioni
Nonostante le riforme susseguitesi negli ultimi decenni, il
sistema scolastico e universitario sono ancora fortemente
imperniati su una educazione di tipo logo-logico, che si rivolge
essenzialmente all’intelligenza cognitiva, trascurando o
addirittura ignorando altre importanti dimensioni, da quelle
senso-motorie a quelle comunicativo-relazionali, emozionali,
artistiche. Nessuno ci ha mai insegnato a comunicare
efficacemente e ad impostare in modi sani e costruttivi i nostri
rapporti con gli altri. Impariamo a parlare e a scrivere ma non ad
ascoltare e comprendere realmente l'altro in quanto diverso da
noi. Ci viene insegnata una storia umana fatta di guerre ma non ci
viene detto niente su come poterle evitare. Riceviamo una
formazione professionale senza alcuna formazione relazionale
per prepararci ai rapporti che avremo con i colleghi e con i
superiori, che pure incideranno in modo determinante sulla nostra
soddisfazione o insoddisfazione, sulla gratificazione o
20
frustrazione che ricaveremo dal lavoro e quindi anche sul nostro
rendimento. In alcune scuole ci si preoccupa perfino di dare una
educazione sessuale agli studenti, ma niente viene fatto per
fornire loro una qualche educazione sentimentale e relazionale.
Insomma, viviamo in una società tecnologicamente avanzata ma
siamo poco più che analfabeti sul piano comunicativo,
emozionale, relazionale.
Come si è detto, nella società patriarcale le abilità comunicativorelazionali erano marginali e per di più le si riteneva doti innate,
legate al carattere della persona e quindi non educabili. Questa
tesi è oggi totalmente superata e sappiamo anzi che così come
possiamo educare l’intelligenza razionale, possiamo – con
opportuni metodi e strumenti – educare anche le altre forme di
intelligenza, quali l’emotiva e la comunicativo-relazionale. Ne
consegue che l’educazione comunicativa-relazionale-emozionale
dei bambini e degli adulti dovrà essere tra le priorità dei prossimi
anni se vogliamo perseguire una politica sociale imperniata sulla
qualità della vita e sulla prevenzione – del disagio psico-sociale,
della microconflittualità urbana e familiare, del mobbing e di
tutte le altre patologie sistemiche che affliggono la nostra vita
sociale.
Proprio a partire da tale presa di consapevolezza ho avviato da
qualche anno presso l’Università di Siena il progetto pilota
“SE.R.EMO. Cultura, educazione e formazione su: Sentimenti,
Relazioni, Emozioni.”che comprende appunto iniziative
specificamente incentrate sullo sviluppo delle competenze
comunicativo-relazionali ed affettivo-emozionali, campi sui quali
l’Università di Siena e in particolare l’equipe da me diretta vanta
esperienze di assoluta avanguardia e un’offerta didattica postlaurea unica in Italia e tra le più ricche d’Europa, comprendente
un Master, vari Corsi di Perfezionamento e di aggiornamento,
una Scuola estiva e numerose altre iniziative didattiche e di
ricerca. Lo staff è composto da oltre 30 tra docenti universitari,
21
professionisti ed esperti di varie discipline e ambiti: psicologi,
medici, sociologi, pedagogisti, formatori.
Scopo del progetto SE.R.EMO. è di promuovere una nuova
cultura dei sentimenti, delle relazioni, delle emozioni e di fornire
strumenti formativi atti a sviluppare una maggiore
consapevolezza dei vissuti affettivo-emotivi e delle dinamiche
comunicative interpersonali che portino a vivere con serenità e
spirito di collaborazione le relazioni con gli altri e a superare in
modo pacifico e costruttivo incomprensioni e conflitti.
Il progetto si rivolge a varie categorie di persone che, per lavoro
o interesse personale, necessitano di migliorare la propria
formazione in materia: bambini e adulti, professionisti e privati
cittadini, medici e operatori sanitari, psicologi e counselor,
genitori, insegnanti e studenti. Ciò attraverso un ventaglio di
attività e iniziative a diversi livelli di approfondimento: dall’alta
formazione e specializzazione dei Master e dei corsi di
perfezionamento universitario ai corsi di formazione e
aggiornamento rivolti a specifiche categorie professionali, dai
convegni e seminari alle conferenze di sensibilizzazione culturale
rivolte all’intera cittadinanza, dai corsi per studenti ai seminari di
crescita personale. Le attività formative si caratterizzano per un
approccio olistico interdisciplinare e una formula didattica
interattiva ed esperienziale che utilizza metodologie di
avanguardia tra cui: proiezioni e analisi di sequenze di film sulle
problematiche emotivo-relazionali; workshop esperienziali con
simulate, role playing e “giochi” comunicativi di coppia e di
gruppo; tecniche di consapevolezza, rilassamento e meditazione;
tecniche di respirazione e di emotional release (sblocco
emozionale); confronto e condivisione in gruppo delle esperienze
e dei vissuti dei partecipanti (per ulteriori informazioni vedi ns.
sito web: http://www.unisi.it/mastercomrel).
22
5.Conclusioni
L’educazione comunicativo-emotivo-relazionale è il grande
compito e la grande sfida dei prossimi anni, se non vogliamo
tornare indietro alle vecchie forme patriarcali autoritarie oppure
naufragare nel mare agitato della libertà senza strumenti.
Comunicare con efficacia e vivere le relazioni con gli altri in
modo costruttivo è un'arte complessa, che si impara a poco a
poco e che richiede conoscenze scientifiche, tecniche operative,
consapevolezza e sensibilità e soprattutto metodi educativi che
non si traducano solo in formazione professionale ma anche in
maturazione e crescita personale. Sono infatti convinto che questi
due aspetti non siano separabili, specie nel campo della
comunicazione e delle relazioni interpersonali, ecco perché nei
miei corsi e nei miei libri dedico molto spazio al tema della
conoscenza di sé, o meglio, come l’ho ribattezzata, della
comunicazione con se stessi: solo comprendendo le nostre
reazioni emotive possiamo davvero comprendere le reazioni
degli altri; solo ascoltando i nostri bisogni, lamenti e conflitti
interiori sapremo riconoscere quelli altrui; solo prendendo
coscienza delle nostre maschere potremo aiutare gli altri a
liberarsi dalle proprie, così da instaurare con loro una
comunicazione veramente spontanea, sincera e costruttiva.
Dunque questo compito e questa sfida di imparare nuovi modi di
stare in relazione richiede un grande impegno sia agli individui
sia alle società. Ai primi è richiesta la disponibilità a mettersi in
discussione, ad ascoltare e comprendere gli altri, ad ascoltare e
comprendere se stessi. Alle seconde si domanda invece un grande
sostegno alla ricerca e alle iniziative educative orientate in tal
senso, considerando l’una e le altre non come lussi o spese ma
come investimenti indispensabili e altamente produttivi in
termini di innalzamento della qualità della vita e di riduzione del
disagio psicosociale e quindi dei costi per la spesa sociosanitaria. Si spendono ogni anno miliardi e miliardi di Euro per
23
opere pubbliche materiali: è adesso il caso di investire seriamente
anche su beni immateriali ma altrettanto (e forse più) essenziali
come la qualità delle relazioni, la comunicazione interpersonale,
la prevenzione e gestione dei conflitti, in modo da creare quel
dialogo interpersonale e interculturale e quella cultura della pace
che soli possono preservarci dai rischi di un progressivo degrado
nei rapporti sociali, interpersonali e internazionali.
24
BIBLIOGRAFIA MINIMA
CHELI ENRICO, L’età del Risveglio Interiore, FrancoAngeli, Milano
2001.
CHELI ENRICO, Relazioni in armonia, FrancoAngeli, Milano 2004.
CHELI ENRICO, Teoria e Tecniche delle Relazioni Interpersonali,
FrancoAngeli, Milano 2004.
GIDDENS A., Il mondo che cambia, Il Mulino Intersezioni, Bologna 2000.
MELUCCI A., Passaggio d’epoca, Feltrinelli, Milano 1994
25
26
L’importanza di comunicare con se stessi: come i conflitti
interiori si riflettono sui nostri rapporti con il mondo
esterno
Ilaria Buccioni6
In certi momenti mi sembrava che il mondo stesse
diventando tutto di pietra: una lenta pietrificazione
più o meno avanzata a seconda delle persone e dei
luoghi, ma che non risparmiava nessun aspetto della
vita. Era come se nessuno potesse sfuggire allo
sguardo inesorabile della Medusa…Perseo riesce a
padroneggiare quel volto tremendo tenendolo
nascosto, come prima l’aveva vinto guardandolo
nello specchio. E’ sempre in un rifiuto della visione
diretta che sta la forza di Perseo, ma non in un
rifiuto della realtà del mondo di mostri in cui gli è
toccato vivere, una realtà che egli porta con sé, che
assume come proprio fardello…Ma la cosa più
inaspettata è il miracolo che ne segue: i ramoscelli
marini a contatto con la Medusa si trasformano in
coralli, e le ninfe per adornarsi di coralli accorrono
e avvicinano ramoscelli e alghe alla terribile testa.
Italo Calvino, Lezioni americane
6
Formatrice e counselor relazionale collabora con l’Università di Siena –
Master Comunicazione e Relazioni Interpersonali. Progettista e
coordinatrice di percorsi formativi per enti pubblici e scuole; tiene corsi
sull’educazione comunicativo-emotivo-relazionale per adulti e ragazzi. E’
autrice di articoli tecnici e divulgativi, di saggi tra cui “Sopravvivere alla
propria coscienza” (Firenze, 2001), “Nessi tra pace planetaria e
microconflitti” (Firenze, 2003), “Dall’olismo alla cultura planetaria”
(Firenze, 2004).
27
Nel corso della vita è probabile essersi chiesti il perché le
nostre relazioni in famiglia, sul lavoro, nel gruppo di amici o
compagni non siano particolarmente soddisfacenti, se non
addirittura conflittuali, con una conseguente perdita di fiducia
nei rapporti che instauriamo.
Viviamo infatti in un mondo in cui la frustrazione,
l’aggressività diffusa, la mancanza di comunicazione ed ascolto
creano le basi per la “non accettazione” dell’altro e soprattutto
di noi stessi, con conseguente stress, senso di insoddisfazione,
rassegnazione, aggressività. Partiamo così da una dimensione
di conflittualità interiore che riguarda la non accettazione di sé
per riportarla sui piani intermedi (famiglia, lavoro, scuola,
condominio…) alimentando discriminazione sessuale, razziale,
culturale. Questo favorisce un terreno emotivo e culturale che
inevitabilmente supporta macroconflitti, guerre, prevaricazioni
e sfruttamento a livello mondiale.
Purtroppo molti di noi sono ancora legati alla vecchia
concezione che per cambiare lo stato del mondo sia necessario
partire esclusivamente dall’esterno, imponendo esclusivamente
cambiamenti attraverso interventi a livello culturale, sociale,
politico. In effetti senza una contemporanea rivoluzione nel
campo della coscienza individuale poco si trasformerà in
meglio e la resistenza al cambiamento del sistema in cui
viviamo rimarrà comunque forte. Soltanto nel momento in cui
accettiamo le nostre “diversità” accettiamo anche quelle
dell’altro, perché riusciamo a conciliare creativamente i nostri
bisogni invece di accettarne solo una parte.
E’ vero però che ridurre il tutto esclusivamente al nostro
mondo interiore sarebbe assurdamente riduttivo. Le nostre
ottusità culturali sono infatti fomentatrici di contrasti; certi
“valori” sono rappresentazioni di un preciso contesto socioculturale e fanno parte del patrimonio comune dell’essere
“riconosciuti” ed accettati. Questa dicotomia non soltanto ci
impone di nascondere quelle parti di noi che non
28
corrispondono ad un “valore positivo”, ma anche a giudicare
negativamente quello che proviene dalle altre culture, creando
un reciproco rifiuto.
Crediamo occorrano strumenti che partendo da questa crisi
generale portino ad un’analisi funzionale del nostro mondo
interiore e allo stesso tempo dei rapporti interpersonali
indirizzandoci verso il recupero della positività, della ricchezza
del mondo relazionale.
A tale scopo riteniamo indispensabile soffermarci sulla stretta
connessione tra la comunicazione intra-personale (la relazione
con se stessi) e quella inter-personale (la relazione con gli
altri). Individueremo la prima come capacità di accesso alla
propria vita emotiva, affettiva, grazie alla quale ci è concesso
di compiere un’immediata discriminazione delle emozioni, di
accettarle, di comunicarle, di interpretarle alla luce di codici
simbolici - strumento per comprendere e regolare il proprio
comportamento. La seconda, la comunicazione interpersonale,
implica nel bimbo piccolo la capacità di discriminare tra le
persone e soprattutto fra le loro motivazioni e intenzioni, gli
stati d’animo, i temperamenti; da adulti ci permette di leggere
perspicacemente le intenzioni, i bisogni e i desideri dell’altro.7
Sulla scia di queste considerazioni vorremmo fare alcune
proposte di lettura che prendono in considerazione
prevalentemente aspetti neurofisiologici e comunicativorelazionali, in un rapporto trasversale nel tentativo di proporre
alcune idee di riflessione sulla possibilità di cambiamento
individuale e interpersonale del quale siano promotori i
soggetti stessi, assumendo la responsabilità del proprio
sviluppo, della propria crescita, iniziando ad accantonare quelle
lenti preconfezionate che la società ci ha regalato al momento
della nostra nascita.
7
Cfr. Rossi B., Pedagogia degli affetti, Laterza, 2002
29
Tra micro e macro
Pur convenendo che la nostra competenza comunicativorelazionale non dipenda esclusivamente dalla dimensione intrapersonale - come la psicologia classica ci ha insegnato - ma che
si possa intervenire anche a livello relazionale in senso stretto8
qui ci focalizzeremo essenzialmente sul micromondo
individuale avendo presenti le seguenti premesse:
•
Comunicare con gli altri significa innanzitutto
comunicare con se stessi. Se è vero che una buona
comunicazione
interna
genera
una
buona
comunicazione esterna, maggiore sarà l’armonia con
noi stessi più appaganti, nutrienti, creative saranno le
relazioni che riusciamo ad instaurare. Parlando di
relazioni interpersonali, di pace, di conflitto, si è portati
a spostare costantemente l’attenzione verso l’esterno,
verso l’altro. Raramente consideriamo quello che
troviamo all’esterno una sorta di specchio della nostra
realtà interiore; quel micromondo fatto dalle nostre
esperienze, dalle nostre maschere, dai nostri
condizionamenti, insomma da tutto ciò che fino ad oggi
ci ha permesso di esistere e di vivere la nostra esistenza
familiare, lavorativa, sociale. Questo riproduce
fondamentalmente la conflittualità che ognuno di noi
ospita e nella maggior parte dei casi ci impedisce di
vivere pienamente la nostra vita e le nostre relazioni
interpersonali per incamminarci verso il nostro benessere e, perché no, sulla strada di una presunta felicità.
Il principio di isomorfismo – ovvero la corrispondenza
strutturale che consente di individuare le somiglianze
8
Con la scuola di Palo Alto, con E. Berne e R. D. Laing si comincia ad
introdurre un’educazione alle relazioni che permette di analizzare le
patologie psico-sociali come prodotto della relazione tra il soggetto ed il suo
sistema di riferimento.
30
tra i sistemi di riferimento e i diversi livelli di
comunicazione - ci spiega perché ciò che troviamo
all’esterno sia una sorta di specchio del nostro mondo
interiore. Tra le ipotesi a sostegno di tale teoria merita
attenzione quella che sostiene l’esistenza di un rapporto
profondo e universale tra l’uomo ed i simboli che pur in
forme temporali e cronologiche diverse rileva
somiglianze nei significati. Tali somiglianze sono da
ricercare nelle matrici storiche, religiose e culturali
comuni o vicine, che potrebbero derivare da complessi
psicologici inconsci, innati e universali, comuni a tutta
l’umanità. Secondo Jung tali archetipi sono
inosservabili ma attraverso sollecitazioni interne o
esterne emergono sotto forma di sogni, miti, fantasie
etc. Nonostante le differenze esteriori è spesso possibile
riuscire a vederli come espressione di uno stesso
significato profondo. Il carattere universale degli
archetipi sembra costituire un ulteriore elemento a
sostegno dell’ipotesi che vi siano isomorfismi tra la
struttura della percezione e la struttura della realtà,
non solo quella esterna ma anche quella interna
all’individuo (il sistema neuropercettivo)9.
•
Il processo comunicativo è innescato dalla necessità di
esprimere un nostro bisogno considerando che ognuno
di noi si esplicita attraverso le dimensioni fisicoenergetica, emotiva, razionale e spirituale. Pertanto per
poter realizzare un salto evolutivo verso una
consapevolezza10 globale è necessario che innanzitutto
9
CHELI E., Olismo e riduzionismo, in corso di stampa.
“La consapevolezza è la capacità di prestare attenzione a ciò che accade
dentro e fuori di noi, interpretandolo correttamente.... Comunicare con
consapevolezza significa quindi prestare attenzione a sé stessi e agli altri al
di là degli schemi consueti, saper ampliare la propria “visuale” in modo
da vedere nodi e blocchi della comunicazione, sapersi rendere conto di ciò
10
31
l’essere umano realizzi un’unità interiore. Partendo da
questi presupposti, la risoluzione della crisi relazionale
che caratterizza la società in cui viviamo implica una
trasformazione dell’esperienza di se stessi che,
modificando e sviluppando le potenzialità del nostro
cervello e della nostra coscienza, si manifesti in una
nuova logica creativa del vivere e in una visione
unitaria dell’uomo e del pianeta. Tale approccio
incoraggia una visione integrata e globale che tiene
conto delle differenze e delle molteplicità, favorendo
così il superamento della frammentarietà che connota
attualmente la gamma degli interventi con cui - a livello
sociale ed istituzionale - si tende a rispondere alla
complessificazione della società e dell’individuo.
Siamo di fronte quindi ad un proposta che ci permette
di offrire delle linee educative più globali, flessibili e
consone alle esigenze del presente momento di
trasformazione culturale e sociale. Un’educazione
globale che permette di sviluppare sia il senso di unità
interiore sia le potenzialità nelle differenti dimensioni
dell’esperienza umana. Osservare, entrare dentro e
accettare la nostra globalità, ci permette di accogliere i
“diversi da noi”; imparare ad accettare i nostri bisogni
ci consente di negoziare equamente con gli altri nel
micro e nel macro contesto.
•
Ogni comportamento individuale interferisce e
modifica il sistema di riferimento (scuola, famiglia,
coppia, gruppo …) nonostante i suoi tentativi
omeostatici di conservazione. La forza omeostatica di
un sistema è la sua propensione a rimanere uguale a se
che realmente sta accadendo mentre interagiamo” (Cheli E., L’età del
risveglio interiore, 2000).
32
stesso in una sorta di circuito di sopravvivenza e
sicurezza. Quando il sistema è sano questa forza
coesiste con quella di trasformazione ed evoluzione; in
caso contrario la tendenza è di restare immutato non
permettendo a nuovi fattori di intervenire e ostacolando
in vario modo la sua capacità di riorganizzarsi
autonomamente in una nuova forma. In virtù di tale
principio un approccio sistemico di prevenzione
funziona al tempo stesso come terapia ed i suoi effetti si
allargano dall’ambito ristretto a cui era stato mirato
stimolando la capacità del sistema di adattarsi a nuovi
processi. Questo permette un cammino di crescita in
termini evolutivi che coinvolge il singolo individuo ed
il contesto in cui è inserito. Quando questo si realizza
con successo, i processi attivati possono contribuire alla
soluzione di problemi o patologie anche molto lontane
dall’ambito specifico per cui erano state progettate.
•
Nella comunicazione/relazione ognuno di noi parte
dalle proprie premesse, dai propri condizionamenti ed
è indispensabile cercare altri punti di vista per
comunicare realmente e profondamente con l’altro.
Questo implica inesorabilmente la fatica di lasciare le
proprie certezze, i propri condizionamenti, i propri tabù
ed i propri pregiudizi. In questo senso ci è di grande
aiuto la fisica quantistica che ha sottolineato come
secondo il punto di vista in cui si osserva la realtà,
un’unità può essere analizzata ora come onda, ora come
particella (Principio di Indeterminazione di W.
Heisenberg). Il primo caso si verifica qualora la si
osservi come fascio di particelle (fotoni), oppure come
flusso di onde elettromagnetiche, rilevando così
processi dinamici. Nel secondo caso questa può essere
separata e distinta dalle altre e dal tutto, portando ad
33
una visione oggettuale e materiale del mondo.11
Collocando la problematica su un piano diverso
attraverso un processo di “ristrutturazione” si arriva a
rileggere la situazione arrivando a soluzioni alternative
e sciogliendo il nodo che ci bloccava in una prassi
ripetitiva e consolidata, ma senza efficacia. Per usare le
parole di Marcel Proust “Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere
nuovi occhi”.
Partendo da tali principi possiamo ampliare il paradigma
watzlawickiano che sostiene l’impossibilità di non
comunicare12 affermando che la nostra esistenza è una continua
interazione sia con l’esterno che con noi stessi. E’ vero infatti
che anche il nostro corpo è una comunicazione continua tra
organi, atomi, neuroni al fine di produrre/trasmettere le
informazioni che permettono loro di interagire e quindi
all’organismo di vivere.
Ma chi comunica con chi? In effetti se la comunicazione tra
due soggetti si compone di un contenuto, ovvero di ciò che
viene linguisticamente espresso e di una relazione, è
quest’ultima che lascia il segno di maggior rilievo - anche se
spesso inconsapevolmente in quanto si esprime su piani che
non sempre riusciamo a codificare a livello conscio (es.
mimica, gestualità, colori, odori, tono della voce…). In ogni
relazione che instauriamo entrano infatti in gioco due mondi
distinti. Sono i mondi di due soggetti con capacità di codifica
del messaggio diverse, perché diversa è la loro storia
individuale e sociale, entrambi però definibili ironicamente
11
Cfr Capra F. 1987.
In Pragmatica della comunicazione umana P. Wazlawicz afferma che non
solo la parola, ma anche il silenzio, ed in alcuni casi, l’assenza producono
un messaggio. Saremmo pertanto tratti in inganno qualora dessimo spazio
esclusivamente alle interpretazioni puramente letterali dei messaggi tra due
soggetti.
12
34
come due grosse cipolle, che rivelano la loro essenza soltanto
dopo essersi spogliate degli strati superficiali.
Ognuno di questi due mondi interpreta i messaggi che
arrivano filtrandoli attraverso le proprie stratificazioni. Si
comprende così come sia complessa la reale percezione del
significato dei messaggi che emettiamo e riceviamo. Questa
prospettiva, ci fa scorgere le continue interferenze
dell’ambiente e del canale di comunicazione, ma in misura
prevalente delle strutture e dei condizionamenti individuali. Da
un lato siamo le macro strutture in cui viviamo - lo stato, la
cultura dominante, la scuola, la famiglia, le relazioni familiari
primarie - dall’altro il micromondo individuale - che si
stratifica in conoscenze globali, competenza comunicativa,
conoscenze e valori, identità sociale (maschere e ruoli)
esperienze positive e negative, il nostro profondo sé.
Questa corazza stratiforme di cui ognuno di noi è
forzatamente dotato ci ha permesso di difendere la nostra vera
essenza e quindi di “sopravvivere” sin dall’infanzia. Così da
allora affidiamo la nostra immagine esteriore a delle
subpersonalità - ovvero a dei sé primari secondo la teoria del
Voice Dialogue13 - a delle maschere che mostrano solo ciò che
riteniamo essere accettato dagli altri. Secondo vari autori la
personalità infatti non è un'entità psicologica unitaria, ma
piuttosto un insieme dinamico di sub-personalità, alla ricerca di
attenzione e valorizzazione dei propri bisogni. Secondo Hal e
Sidra Stone, questi sé si suddividono in due grandi gruppi: i sé
primari e i sé rinnegati. Appartengono al primo gruppo quei sé
accettati e condivisi dal sistema familiare e socioculturale di
appartenenza e con i quali si tende fin da bambini a identificarsi,
portandoli alla luce del sole. Costituiscono invece il secondo
gruppo quelle sub-personalità che vengono giudicate
13
STONE H., STONE S., Tu ed io. Incontro, scontro e crescita nella
relazione interpersonale, ed. Compagnia degli Araldi, Montespertoli, Firenze,
1999.
35
negativamente dalla società e dunque anche dall'individuo, che
tende a rinnegarle, lasciandole nascoste o esiliandole
nell'inconscio.
Tali sub-personalità sono in un certo senso persone reali, il
cui sviluppo dipende anche dalle nostre predisposizioni
psicologiche, ma trae ispirazione dalle persone della nostra
infanzia. Quasi tutti noi abbiamo familiarità con la famiglia in
cui siamo nati (....) C'è tuttavia una cosa affascinante di cui
tener conto e che costituisce una nuova idea per la maggior
parte delle persone: noi non abbiamo solo una famiglia
esterna, ma anche una famiglia interiore (...) All'inizio, è
costituita da sé che assomigliano agli schemi di personalità dei
membri della nostra famiglia, dei nostri amici, dei nostri
professori o di chiunque abbia una qualche influenza su di noi
- oppure, all'inverso, è costituita da caratteristiche di
personalità (o sé) che rappresentano gli schemi esattamente
opposti (H. Stone e S. Stone, 1999). Queste parti di noi ci
hanno “sostenuto nel meritare” l’amore dei nostri genitori e
successivamente il riconoscimento del gruppo di amici, degli
insegnanti, di colleghi e superiori ecc. Tutto questo avviene a
scapito di altre subpersonalità rimaste in ombra, che prima o
poi si ripresentano sotto forme diverse - proiezioni su persone o
oggetti, ammirazione o odio, eventi esterni richiamati da
comportamenti individuali e collettivi oppure da un principio di
catalizzazione energetica.14 Con le nostre maschere proviamo a
tutelare la nostra profonda vulnerabilità, la nostra essenza
bambina che rimane tale nonostante la nostra crescita
anagrafica. Questa se eccessivamente esposta potrebbe essere
profondamente ferita, pena la nostra sconfitta o addirittura la
morte.
Ci costruiamo così delle modalità comunicativo/relazionali
che corrispondono ai principi di sopravvivenza che ognuno di
14
Secondo le modalità di approccio specifiche che ognuno di noi ritiene più
consone alla propria formazione.
36
noi ha sviluppato durante l’infanzia. Sia E. Berne, padre
dell’Analisi Transazionale, con la teoria dei giochi - una
codifica dei comportamenti relazionali tipo - che J. Redfield
con i drammi del controllo - l’inquisitore, l’intimidatore, la
vittima ed il troppo riservato, tipologie aggressive o difensive,
ma tutte forme di manipolazione più o meno esplicita della
comunicazione/relazione - trovano una matrice comune in
carenze affettivo-relazionali, ovvero nei vuoti d’amore. Si
tratta quindi della ferita dei non amati (Schellenbaum, 1991):
“il segno di una vecchia ferita mai rimarginata e ancora
dolorosa, l’impronta di un bisogno d’amore rimasto
inappagato”.
Le nostre emozioni
La maggior parte di noi vive in una grande inconsapevolezza
dei propri comportamenti, delle sensazioni15, delle emozioni16,
dei sentimenti17. Quando ci innamoriamo, quando ci
arrabbiamo, quando prendiamo delle decisioni, in realtà siamo
spesso mossi da desideri e paure inconsce, da condizionamenti
15
Le sensazioni sono stimoli corporei attivati tramite i sensi; quest’ultimi
trasformano gli stimoli in processi psichici attraverso un percorso di
apprendimento gestito dal cervello limbico e dal cervello rettile.
16
L’emozione nasce prevalentemente nell’amigdala, uno degli organi del
cervello limbico; la sua funzione è di segnalarci quali eventi della nostra
vita sono rilevanti così da poter attuare comportamenti adeguati per la loro
gestione.
17
Secondo alcuni studiosi i sentimenti sarebbe una struttura complessa e
articolata composta da varie emozioni; altri li definiscono come fenomeni
più duraturi e stabili, meno intensi delle emozioni, ma sostenuti
dall’affettività. Il sentimento riguarda la consapevolezza delle proprie
azioni, del proprio essere e dell’altro. Nell’accezione comune il termine
viene spesso utilizzato per contrapposizione alla sfera cognitiva o
puramente fisica, alla quale invece appartiene. Per una trattazione più
puntuale rimandiamo ai testi di GABRIELE LA PORTA, A come Anima, Il
saggiatore, Milano 2001 e di MASINI VINCENZO, Dalle emozioni ai
sentimenti, Ed. Prevenire è possibile, Catania 2001.
37
sociali, da imprinting familiari o sociali, da modelli di
comportamento che abbiamo interiorizzato in modo coatto e
inconsapevole. Spesso attiviamo anche un controllo delle
emozioni - prerogativa importante dell’uomo - che se eccessivo
innalza un muro interiore che ci protegge dal dolore, ma ci
priva di vitalità e ci nega anche la gioia.
I ricercatori 18 hanno dimostrato che più del Q.I., sono la
consapevolezza emotiva e la capacità di padroneggiare le
emozioni, i sentimenti a determinare il successo e la felicità in
tutti i campi dell’esistenza. Possiamo quindi affermare che
questa intelligenza intra-personale è una capacità correlativa
rivolta verso l’interno: è l’abilità di formarsi un modello
accurato e veritiero di se stessi e di usarlo per operare nella
vita. Diventa così fondamentale educare l’essere umano a
conoscere profondamente le proprie capacità e ad utilizzarle al
meglio; ad avere consapevolezza dei propri sentimenti, delle
proprie
emozioni e del proprio corpo e a saperli
adeguatamente esprimere e, all’occorrenza, a controllarli.
L’educazione emotiva è pertanto mezzo e fine per uno sviluppo
adeguato della personalità e per favorire il benessere psicofisico; l’individuo viene così instradato ad avere una positiva e
realistica immagine di sé, facilitando l’istaurarsi di gratificanti
rapporti con gli altri. Un allenamento a vivere insieme agli
altri con serenità, con spirito di collaborazione, senza
sopraffare e senza essere sopraffatti.
Le emozioni sono condizionate dalle nostre esperienze e
dai modelli acquisiti nel corso della vita e a loro volta
condizionano i nostri pensieri, la nostra capacità di
interpretazione/percezione della realtà, le nostre reazioni; sono
soggette - in misura diversa per ognuno di noi - a processi di
selezione più o meno volontari, di consapevolezza o di rifiuto,
di esaltazione o di blocco. Spesso la sfera emotiva e quella
18
Tra gli altri GARDNER A., GOLEMAN D., GORDON T., GOTTMAN
J. e DECLAIRE J., DI PIETRO M.
38
cognitiva sono un’unità indivisibile e diventa estremamente
difficile separarle. La capacità di esprimere l’emozione è una
funzione della corteccia cerebrale che permette di prendere
consapevolezza, accettare e gestire ciò che ci sta accadendo.
Ciò permette di attenuare e affrontare positivamente anche le
esperienze dolorose e di rafforzare quelle piacevoli, cercando
di limitare le emozioni non stemperate che possono costituire
traumi che rimangono nascosti e attivi per tutta la vita. Le
emozioni ed i sentimenti sono infatti una manifestazione
spontanea ed unitaria dell’essere umano, nel senso psico-fisicospirituale. Esse sono strettamente collegate alla dimensione
sentimentale ed affettiva, oltre che a quella comportamentale,
posturale e mimica: il batticuore, il cuore in gola, lo stomaco
che sale, il nodo alla gola…; il ritmo cardiaco o respiratorio
accelerati o al contrario regolari ed armonici segnano stati
emotivi diversi. Fu grazie a W. Reich19 all’inizio del ‘900 che
si scoprì la base biologica delle nevrosi, stabilendo il principio
di identità funzionale tra mente e corpo: le fissazioni mentali ed
il comportamento di una persona hanno un loro preciso
corrispondente nelle tensioni muscolari croniche. Tali tensioni
causano limitazioni alla respirazione e al libero scorrere
dell’energia vitale dell’individuo. Per dirlo con parole di Reich:
“il corpo racchiude nei suoi blocchi muscolari la storia del
nostro inconscio”.
Nella nostra società i blocchi emozionali e conseguentemente
fisici, sono quasi sempre collegati a condizionamenti culturali
negativi. Abbiamo vissuto millenni di cultura basata
sull’aggressività, sul potere e sulla divisione. La strategia
dell’educazione e della legge è basata sulla paura del giudizio e
della punizione, sul senso di colpa. Ma se la comunicazione, e
19
Il lavoro di Reich fu ripreso in seguito da Lowen considerato l’ideatore
dell’analisi bioenergetica, ma anche da J. Pierrakos fondatore della
Corenergetica e da F. Perls fondatore della Gestalt; in generale le sue tesi
hanno dato l’impulso iniziale alle più importanti correnti della attuale
psicologia somatica.
39
quindi l’informazione, è la nostra vita, un condizionamento
errato può compromettere la possibilità di evoluzione verso un
sistema in cui l’uomo sia libero di essere quello che è
veramente, e di crearsi intorno un mondo “sano” in cui ogni
forma di vita abbia il suo diritto di esistere.
L’essere imbevuti della nostra cultura ci costringe ad
identificarci con i suoi contenuti e valori. L’identificazione è
però il processo psichico inverso a quello del distacco. La
certezza di aver subito dei condizionamenti impropri deve
trasformarsi in consapevolezza della necessità di
decondizionarci in modo intelligente per raggiungere un livello
di libertà, di naturalezza e di rispetto interiore ed esteriore.
Soltanto conoscendo noi stessi possiamo comprendere le
reazioni degli altri; solo ascoltando i nostri bisogni, i nostri
conflitti interiori possiamo riconoscere quelli altrui; solo
prendendo coscienza dei nostri condizionamenti possiamo
aiutare gli altri a liberarsi dai propri instaurando delle relazioni
ed una comunicazione spontanea e sincera che entra in contatto
profondo.
La teoria dei tre cervelli
Per sostenere ed approfondire quanto sopra descritto è di
rilevante supporto un orientamento teorico estremamente
interessante che riprende i principi di neurofisiologia enunciati
da Henri Laborit20, ulteriormente sviluppati dai coniugi Fradin;
successivamente ripresi e rielaborati da Christian Boiron
(2001). Boiron integra la ormai accettata teoria dei due lobi del
nostro cervello – sinistro e destro, maschile e femminile,
logico e analogico - introducendo e ampliando la teoria dei tre
cervelli. In sostanza ci spiega, attraverso un’ipotesi sul
funzionamento del nostro cervello, come le nostre emozioni
20
Passato riduttivamente alla storia come il padre degli ansiolitici.
40
derivino non tanto da quello che ci accade, ma dalla nostra
interpretazione e valutazione della realtà.
Secondo tale approccio siamo dotati di un cervello rettile21
che presiede essenzialmente a tutte le funzioni primarie
(attivazione di bisogni fisiologici come la sete, la fame, …) e di
sorveglianza (attraverso l’attivazione di stati di emergenza).
Tale cervello ci consente di mettere in atto meccanismi di
difesa che preservano la nostra sopravvivenza; quelli più
comuni sono essenzialmente la fuga, l’attacco, l’inibizione
dell’azione. Normalmente tali automatismi hanno una durata
pressoché limitata al riconoscimento del reale pericolo e benché siano comunque uno stress per il nostro organismo sono utili per prendere decisioni immediate, indispensabili in
contesti di pericolo reale. Per molti di noi sono diventati degli
stati cronici, patologici attraverso i quali - ognuno con le
proprie modalità e prerogative - attiviamo emozioni costanti di
paura, collera, tristezza o abbattimento. Si generano così stati
permanenti di panico, ansia, depressione (tra le patologie più
diffuse rilevate dal OMS).
Il cervello rettile non ha alcun potere decisionale se non
attraverso gli impulsi di reazione attivati attraverso il cervello
limbico22, che sovrintende alla conservazione della specie e
dell’individuo. Esso si occupa dei programmi acquisiti o innati
e di quelli automatici (supremazia, istinto materno, coscienza
21
Il cervello rettile si suppone formato circa 500 milioni di anni fa e prende
il nome dal fatto che le sue funzioni sono in parte simili a quelle che
permettono la sopravvivenza dei rettili. Esso si compone di varie parti tra
cui le più importanti sono il midollo spinale, il tronco encefalico, il
cervelletto, alcune parti del talamo e alcuni organi alla base della scatola
cranica.
22
Il cervello limbico (o cervello arcaico) si è formato tra i 300 ed i 200
milioni di anni fa ed è particolarmente sviluppato nei mammiferi e negli
uccelli (secondo alcuni studiosi). Esso è composto dal talamo,
dall’ipotalamo, dall’amigdala. Dal talamo partono informazioni per la
corteccia cerebrale (che deciderà come gestirle) e verso l’amigdala che
interverrà sulla base della sua memoria emotiva.
41
professionale…); è il centro di costruzione dei condizionamenti
(la memoria programmatrice). Esso è pertanto la sede
dell’istinto gregario e di tutti quei processi che ci permettono di
codificare e classificare le nostre esperienze di vita, dando loro
un segno positivo o negativo. Il c.l. classifica gli eventi in base
alla percezione di tutti i nostri sensi (colori, odori, sensazioni...)
e ci spinge alla ricerca di quelle situazioni che a sua
discrezione sono state segnate con segno positivo. La sua
tendenza è quindi quella di riproporre per ogni situazione
vissuta lo stesso tipo di esperienza senza troppe chance di
modifica, alla ricerca del massimo godimento rettile.
Se il cervello rettile caratterizza la nostra fase neonatale, il
cervello limbico è prerogativa di quella infantile. Con
l’adolescenza iniziamo a prendere le distanze dai nostri
condizionamenti e cominciamo a rompere con quelli che non
sono più pertinenti con la nostra vita; questo meccanismo è
possibile grazie allo sviluppo della neocorteccia o corteccia
prefrontale23. Essa presiede l’istinto della scoperta, la capacità
di ragionare, di calcolare, di disegnare, di creare, di cercare la
propria strada; è quindi alla base del progresso dell’umanità. Se
il sistema limbico privilegia il gruppo, la neocorteccia
privilegia l’individuo ed il suo sviluppo multidimensionale. E’
la neocorteccia che valutando se il pericolo è reale riesce a
trasmettere agli altri due cervelli la fondatezza o meno
dell’allarme, liberandosi dall’emozione qualora si tratti di un
falso pericolo oppure decidendo la strategia di intervento
qualora il pericolo sia fondato. Finché la corteccia non prende
il controllo il campanello d’allarme rimane inserito.
23
La neocorteccia (o nuovo cervello) formatasi circa 4 milioni di anni è
costituita da una quantità di neuroni estremamente più ricca di quella degli
altri mammiferi. La peculiarità dei neuroni di quest’area è quella di essere
capaci di mettersi in relazione gli uni con gli altri formando circuiti diversi
che consentono molteplici funzioni del pensiero: analizzare, riflettere,
dedurre, ipotizzare, calcolare, proiettarsi nel futuro.
42
Non dobbiamo però cadere nell’inganno di un giudizio di
valore sui tre cervelli ognuno svolge le sue funzioni ed è
soltanto attraverso una comunicazione armoniosa tra i tre che
l’uomo può godere e accettare allo stesso tempo la sua
animalità e la sua umanità.
La felicità ed il piacere
Quanto enunciato sopra ci porta inevitabilmente a toccare
una tematica scottante per tutti noi, la chimera della felicità.
Vorrei rudemente partire con un dato di fatto: la felicità è
accessibile a ognuno di noi, senza distinzione di ceto sociale,
ricchezza, grado di salute fisica o di istruzione.
Seguendo la linea interpretativa di Boiron troviamo una
differenziazione profonda tra il piacere (rettiliano o limbico) e
la felicità. Possiamo infatti definire il primo come la sensazione
che permane durante tutto il processo di soddisfacimento di un
bisogno fisiologico, oppure dalla risoluzione di uno stato di
emergenza (ad esempio il rilassamento dopo uno spavento,
dopo una forte ansia). Il piacere limbico deriva dallo
svolgimento di programmi automatici o da condizionamenti
acquisiti (bisogno di vincere, di ordine, di gerarchia, di
considerazione, di integrazione nel gruppo…) oppure dalla
ricerca della massima quantità di piacere rettiliano attraverso
una selezione rapidissima delle informazioni immagazzinate
grazie all’esperienza di vita. Siamo spesso confusi e
ricerchiamo un prolungamento artificiale di tale sensazione di
soddisfacimento che ci spinge a coltivare stati di emergenza
per poterli soddisfare al meglio (ricerca del brivido, amore
idealizzato, competizione continua…).
La felicità è inaccessibile in uno stato di allarme cronico che
spinge alla ricerca del piacere per farci illudere che tutto va
bene; “la compensazione di piacere” richiesta dallo stato
cronicizzato non può essere in quantità superiore ai bisogni
43
fisiologici da soddisfare. Ci creiamo così bisogni artificiali
eccitandoci con lo zucchero, con il gioco, con il caffè, con
l’amato cioccolato, con lo sport eccessivo, con il superlavoro e
con altro ancora.
La felicità è frutto della neocorteccia che sviluppa in noi
l’amore per l’arte, per la creatività, per le ipotesi, per l’analisi e
al tempo stesso per gli approcci globali, la capacità di
ragionamento svincolata dai luoghi comuni e quella di
proiettarci nel futuro con un pizzico di sana e ottimistica
incoscienza. L’attivazione della neocorteccia - prerogativa
indiscutibile di ogni essere umano - è la chiave per
incamminarci verso l’accettazione della diversità, del dubbio,
dei non dati di fatto, di una precarietà fiduciosa, che ci
permette di uscire dagli schemi codificati. L’infelicità, al
contrario, fa consumare tutta l’energia in un arrovellamento
interiore, in un conflitto perpetuo che rafforza inevitabilmente i
condizionamenti propri e altrui in quanto unica ancora di
certezza per la propria fantomatica “salvezza”.
La felicità però non si costruisce possiamo soltanto eliminare
ciò che la ostacola riportandoci al buon funzionamento
fisiologico: cominciando a sbucciare la nostra cipolla e
incamminandoci verso l’essenza, il nostro vero essere. Questo
processo richiede di entrare, riconoscere i nostri
condizionamenti e iniziare a prenderne le distanze ognuno con
i propri strumenti, da soli o con il supporto di un professionista.
In ogni caso il processo sarà la cosa importante. Nel cammino
verso la meta iniziamo ad accettarci e di riflesso ad accettare
l’altro. Si cerca così di individuare i propri condizionamenti
originati dall’istinto gregario, dalla nostra esperienza infantile,
dalle esperienze di vita - fonte preziosa per la nostra evoluzione
personale se riusciamo a prenderci il tempo per rielaborarle ed
integrarle. Un lavoro a volte doloroso, lungo, che necessita di
pazienza e di amore verso se stessi. Si lavora per ripristinare la
propria fiducia, accettando i propri limiti e le debolezze,
44
sviluppando un’elasticità ed un’apertura verso se stessi e verso
gli altri che permette di entrare nella logica di un gioco a
somma positiva dove sia l’individuo che il gruppo agiscono per
la crescita e la realizzazione individuale e sociale. Sulla scia
delle proposte di E. Ellis e di M. Di Pietro potremmo
individuare alcune fasi strutturali: il riconoscimento delle
emozioni, la loro accettazione senza giudizio, la scissione tra
pensieri ed emozioni, la trasformazione dei pensieri inquinanti
o disfunzionali, l’attuazione di nuovi modi di pensare. Si
impara così a riconoscere, accettare, accogliere, comunicare il
proprio mondo emotivo cercando di individuare i pensieri
responsabili delle nostre attivazioni negative, osservandoci e
liberandoci da sensi di colpa e da drammatizzazioni superflue.
Le carezze
Nella valorizzazione del proprio mondo emotivo diventa
indispensabile affrontare il tema delle carezze24 ovvero del
riconoscimento di se stessi e dell’altro; un riconoscimento
reciproco che determina la qualità della nostra vita.
Ognuno di noi ha bisogno di stimolazioni da parte di altri
esseri umani per poter crescere e sopravvivere. Secondo Eric
Berne (cfr. 1967) abbiamo bisogno continuamente di
sollecitazioni emotivo/sensoriali pena la morte: Si può dunque
postulare l’esistenza di una catena biologica che va dalla
privazione emotiva e sensoria all’apatia, e di qui a modifiche
degenerative e alla morte. In questo senso la fame di stimolo
24
Pur rifacendoci al termine ripreso dall’Analisi Transazionale ed in
particolare da Magrograssi (2003), ci riferiremo qui col termine carezza
prevalentemente alle carezze positive sia verbali che non verbali.
Magrograssi le suddivide invece in positive e negative; verbali e non
verbali; condizionate (specifiche su un evento o situazione: “mi piace
quando ti vesti da solo”, “mi fai arrabbiare quando ti comporti così…”) e
incondizionate (riferite alla generalità: sei buono, sei cattivo…); interne
(rivolte a se stessi) ed esterne (rivolte agli altri).
45
ha come la sopravvivenza dell’organismo umano lo stesso
rapporto della fame di cibo.
Una carezza è ciò che, riconoscendo l’esistenza dell’altro o di
se stessi, comporta una comunicazione con una valenza
affettiva positiva, un’emozione più o meno intensa. Lo sono
quelle fisiche, i gesti, le espressioni del volto, un sorriso, una
pacca sulla spalla, ascoltare ed essere ascoltati con attenzione,
dare e ricevere segnali di disponibilità; quelle verbali, “mi fa
piacere che tu sia qui”, “questo vestito ti sta bene”, “questo di
te mi piace…”, “ sono molto soddisfatto del suo lavoro…”
Sin da bambini abbiamo un immenso bisogno di essere
risconosciuti e quindi siamo estremamente sensibili alle
carezze che riceviamo. Alla nascita si tratta di un bisogno di
contatto fisico, di odori, sapori; poi il riconoscimento si fa
anche simbolico, una parola, un gesto, un sorriso. Le carezze
come riconoscimento permettono la nostra crescita: ci
trasformano da bambini in adolescenti e quindi in adulti.
L’esperienza di una loro limitazione tende a riproporsi e segna
il nostro essere soddisfatti o meno della vita, condiziona la
capacità di goderne, di darne e di riceverne, nonché di farne a
noi stessi.
Imparare a dare carezze agli altri ci permette anche di
renderci disponibili verso di sé e concederci quel
riconoscimento di cui un’autocarezza ci fa godere. Per poter
essere aperti a questo dobbiamo essere consapevoli di quanto ci
accettiamo e dello spazio dato alle autocritiche, alle carezze
negative verso noi stessi.25 Acquisita questa consapevolezza,
che richiede un paziente lavoro, siamo in condizione di
accettare piccole carezze, su piccole cose, che pian piano
possono permettersi di crescere senza lasciar spazio al continuo
autobiasimo. L’essere continuamente alla ricerca di
25
In altri termini ciò significa essere in grado di gestire il nostro Critico
Interiore, secondo il Voice Dialogue, o il nostro Genitore Critico, secondo
la A.T.
46
riconoscimento - anche senza accorgersene - e l’incapacità di
riconoscere le carezze che ci fanno star bene da quelle che ci
fanno star male ci costringe ad accontentarci di quello che la
vita ci riserva giorno per giorno. Diventa così importante essere
sinceri con se stessi: l’educazione emotiva ci soccorre
nell’essere obiettivi sul nostro sentire, la neocorteccia ci
permette l’obiettività dei fatti.
Cosa possiamo fare per …
La vita ci chiede di accettare quello che c’è dentro di noi,
soprattutto quello che non amiamo, senza pregiudizi, senza
giustificazioni. Solo accogliendo “il brutto ed il bello”
possiamo diventare realmente noi stessi; quando la guerra
dell’accettazione interiore è terminata ci apriamo
inevitabilmente al mondo. In questo processo di crescita, di
autoconsapevolezza del nostro mondo interiore è
indispensabile concerdersi tempo e silenzio lontano dallo stress
e dall’agitazione che favoriscono gli automatismi, ricordando
che l’intelligenza non è sinonimo esclusivo di razionalità.
Qualcuno prediligerà la meditazione come ginnastica dei
sensi sento dunque sono, attraverso la quale la respirazione e la
postura favoriscono la distensione ed il contatto profondo.
Qualcun altro cercherà il silenzio in contatto con la natura,
attraverso un lavoro fisico, manuale oppure in forme di
preghiera o di contemplazione. Le opportunità sono diverse ma
mirate a favorire la pienezza del vuoto interiore, offrendo la
possibilità al nostro cervello corticale di entrare nel pieno delle
proprie potenzialità. Ognuno potrà sperimentare lo strumento
più efficace per se stesso senza regole precostruite, senza
schemi preconfezionati. L’obiettivo è comunque individuare le
nostre reazioni inadeguate, i nostri modi di pensare
disfunzionali, correggere e trasformare i pensieri
47
“irrazionali”26, mettere in pratica nuovi modi di pensare e di
sentire per sperimentare nuove reazioni emotive e
comportamentali che incrementino gli stati emotivi piacevoli,
acquisendo abilità di autocontrollo, favorendo l’accettazione di
sé e dell’altro.
Si crea gradualmente un atteggiamento di ascolto, di
comprensione di se stessi, che inevitabilmente si ripercuote
all’esterno in una condivisione di progetti, nel fare squadra in
modo stabile. Partendo da noi riusciamo ad agire
indirettamente anche sul sistema di riferimento riportando dei
cambiamenti positivi, creando un clima di sostegno e di
collaborazione. Si instaura così una comunicazione vera,
profonda, scevra da giudizi, accogliente nel verbale e nel non
verbale. Una relazione che tiene conto dei dati reali ed
oggettivi, che favorisce l’espressione del proprio mondo
interiore senza cadere in banali sentimentalismi e che non
innesca circoli di comunicazione negativa. Si instaura una
disponibilità reale all’ascolto - di per sé già una carezza
incondizionata e positiva - interpretando la comunicazione
dell’altro in modo reale e non distorto, verso una relazione
profonda e soddisfacente in cui ciò che esprimiamo è ciò che
realmente sentiamo.27 Ci apriamo così alla possibilità di
incontrare persone che condividono almeno in parte i nostri
stessi obiettivi, creando uno spirito di impresa o di progetto
costruttivi. Si abbraccia la possibilità di accettare le diversità
dentro e fuori di noi in una condizione di pace che non è la
semplice gestione del conflitto, ma condivisione di ideali e
valorizzazione dei saperi cognitivi ed emotivi. Questo
atteggiamento porta inevitabilmente ad un’apertura alle
relazioni interpersonali e ad un riconoscimento ed un rispetto
26
Cfr. DI PIETRO M.
Questo tipo di approccio è applicabile anche in ambiti relazionali più
formali, come quello professionale, calibrando la modalità di
comunicazione e divenendo consapevoli quando il processo non è realizzato
completamente per necessità dovuta alla situazione specifica.
27
48
di tutte le forme di vita del nostro pianeta in una visione di
ecologia che è la vera essenza del termine.
BIBLIOGRAFIA MINIMA
BERNE E., A che gioco giochiamo, Bompiani, Milano, 1967
BOIRON C., Le ragioni della felicità, FrancoAngeli, Milano, 2001
CAPRA F., Il tao della fisica, Adelphi, Milano, 1987
49
CHELI E., Relazioni in armonia, FrancoAngeli, 2004
CHELI E., Teoria e Tecniche delle Relazioni Interpersonali, FrancoAngeli,
2004
DI PIETRO, L’ABC delle mie emozioni. Corso di alfabetizzazione socioaffettiva, ed. Erikson, Trento, 1999.
LA PORTA G., A come Anima, Il saggiatore, Milano 2001
GARDNER A., Formae mentis. Saggio sulla pluralità delle intelligenze,
Feltrinelli, Milano, 1987.
GOLEMAN D., Intelligenza emotiva, Rizzoli, Milano, 1995.
GORDON T., Genitori efficaci. Educare figli responsabili, La Meridiana,
Bari, 1994.
GOTTMAN J.– DECLAIRE J., Intelligenza emotiva per un figlio, Bur edRCS Libri S.p.A, Milano, 1997.
MASINI V., Dalle emozioni ai sentimenti, Ed. Prevenire è possibile,
Catania, 2001
MONTECUCCO N.F., CYBER. La visione olistica, ed. Mediterranee,
Roma, 2000
A cura di ROSSI G., Lezioni di sociologia della famiglia, Carocci editore,
Roma, 2001
B. ROSSI, Pedagogia degli affetti, Laterza, 2002
SCHELLENBAUM P., La ferita dei non amati, Edizioni RED, Novara,
1991
STONE H., STONE S., Tu ed io. Incontro, scontro e crescita nella
relazione interpersonale, ed. Compagnia degli Araldi, Montespertoli,
Firenze, 1999.
WATZLAWICK P., Il linguaggio del cambiamento, Feltrinelli, Milano
1980
50
WATZLAWICK P., BEAVIN J., JACKSON D.D., Pragmatica della
comunicazione umana, Astrolabio, Roma 1971
51
La relazione tra genitori e figli:
conciliare i bisogni di entrambi in modo
creativo
52
Marinella Bonucci28
Vorrei offrire la mia lunga esperienza d’insegnante per
dire come è importante interrogare la voce delle
emozioni, sentimenti, pensieri e comportamenti piacevoli
e spiacevoli usando lo strumento della domanda. Si può
andare così oltre ciò che appare, cercando di scoprire
quello che non conosciamo, ciò che ci viene insegnato dal
buon senso, dalle tradizioni, dalle attese degli altri, dagli
stereotipi.
La domanda apre uno spazio intimo dal quale escono
sentimenti e stati d’animo, che permettono di immaginare
un nuovo modo di pensare a se stessi. Proviamo anche
noi ad immaginarci nuovi, nel capire che il “giudizio”
non solo è inutile, ma non porta nessuna nuova
conoscenza, perché i nostri comportamenti e quelli
dell’altro sono sempre determinati dalla storia e
dall’esperienza individuale. Quando riusciamo a sentire
questo, l’altro diventa occasione interessante di scoperta
e di apprendimento anche dei nostri “meccanismi”.
Scegliamo di essere con i bambini e i ragazzi per aiutarli
a capire, a capirsi.
Grazie al lavoro che svolgo nella scuola, la mia vita si è
arricchita di esplorazioni, di conoscenza, di amore, di
sogno…
“Ciascuno cresce solo se sognato”
(D.Dolci)
Venire al mondo
Le settimane che seguono la nascita
Sono come la traversata di un deserto.
Un deserto popolato di mostri:
28
Insegnante e counselor relazionale. Collabora da anni con lo “Spazio
Famiglia” ed il comune di Arezzo per iniziative rivolte alla famiglia. E’
docente presso i corsi di comunicazione e intercultura.
53
le nuove sensazioni che dal di dentro
salgono all’assalto del corpo del bambino.
Dopo il calore del seno materno,
dopo la folle stretta che è la nascita,
la solitudine gelida della culla.
E poi una belva,
la fame,
che morde il piccolo nelle viscere.
Ciò che sconvolge il povero bambino
Non è la crudeltà della ferita.
E’ la sua novità.
E la morte del mondo tutt’intorno
Che conferisce all’orco
proporzioni immense.
Come placare una simile angoscia?
Nutrire il bambino?
Sì.
Ma non solo col latte.
Bisogna prenderlo fra le braccia.
Bisogna carezzarlo, cullarlo.
E massaggiarlo..
Questo piccino: bisogna parlare alla sua pelle
Bisogna parlare al suo dorso
Che ha fame e sete come il suo ventre.
Frèdèrick Leboyer
Pochi autori sono riusciti a descrivere in modo così empatico
che cosa può rappresentare l’arrivo di una nuova creatura in
questo mondo. Siamo di fronte ad un evento così delicato dà
suggerirci la ricerca di uno spazio sottile di ascolto; parliamogli
con gli occhi, con le mani, con tutto il nostro essere, cerchiamo
di essere lì. Se noi sentiamo questo piccolo, potrà sentirsi, se
lo tocchiamo potrà conoscersi, se lo accogliamo, potrà amarsi e
54
avere fiducia. La vicinanza e il contatto fisico creano dialogo,
attenzione profonda.
I bambini devono essere nutriti per placare la loro fame, che
talvolta si presenta come una “ belva”, ma devono soprattutto
essere stretti, accarezzati, massaggiati perché vivono, durante
l’allattamento, la relazione più intima dell’esperienza umana.
“E’ il cuore a cuore che conferisce senso al corpo a corpo” (F.
Doltò).
Non solo quando il bambino è neonato ha bisogno di essere
accolto e coccolato, ma durante tutto il suo percorso di crescita.
Questa consapevolezza l’ho riscontrata più volte durante la mia
esperienza professionale.
Nella scuola dove insegno, un mattina arriva Marco
accompagnato dalla mamma, entra nella classe e comincia a
correre, irrompe negli angoli gioco disturbando in modo
evidente le attività degli altri bambini. Mi avvicino a lui
cercando il suo sguardo per salutarlo, ma lui, scalcia e si butta a
terra. Sento molto affanno, mi dico che non posso lasciarmi
sopraffare, credo abbia bisogno di sentire la mia presenza
rassicurante, in grado di contenere i suoi confini. Lo abbraccio
stretto, gli massaggio le spalle, sento tutte la sue tensioni.
Quando avverto che la sua ansia si è un po’ placata, ci
separiamo delicatamente, lo accompagno, su sua richiesta, da
un amico al gioco delle costruzioni. Dopo qualche minuto si
alza per venire a darmi un bacio.
Anche ai bambini più grandi, quando sono tesi e irrequieti,
talvolta basta un abbraccio o un contatto per ristabilire un
comunicazione.
Separarsi
La madre amorevole insegna al proprio figlio a
camminare da solo. E’ abbastanza lontana da non poterlo
sorreggere, ma le sue braccia sono protese verso di lui.
Imita i suoi movimenti, e se barcolla, velocemente si
55
china come per prenderlo, così che il bambino abbia
l’impressione di non essere solo a camminare….E fa
anche di più. Il suo viso è come una ricompensa, un
incoraggiamento. Così il bambino cammina da solo con
gli occhi fissi sul viso della madre, non sulle difficoltà che
incontra. Si sostiene a braccia che non lo sorreggono e
continua a farsi strada verso il rifugio che è l’abbraccio
della madre, non sospettando che nel momento stesso in
cui accentua il bisogno di lei, dimostra che può farcela da
solo.
Soren Kierkegaard
Andrea arriva presto al mattino con la mamma, piange forte e
si ribella ad ogni tentativo della madre di lasciarlo a scuola.
Osservo la scena con partecipazione emotiva perché i pianti per
la difficoltà di separarsi mi toccano dentro. Aspetto un po’, mi
avvicino con calma senza dire niente; la madre mi chiede di
essere aiutata a risolvere il suo problema, faceva tardi a
lavorare. Andrea si oppone, piange rabbiosamente, si siede a
terra coprendosi il volto con le mani. Mi siedo accanto a lui e
provo a dirgli: “hai ragione ad essere arrabbiato, so che avresti
preferito restare con la tua mamma, anch’io quando ero piccola
spesso a scuola mi sentivo triste senza i miei genitori; senti,
resterai solo un po’ di tempo, fino a dopo pranzo, poi la tua
mamma tornerà…”
Il suo pianto lentamente si calma, alza lo sguardo, così posso
proporgli di andare in giardino per vedere se le tartarughe si
sono svegliate…Lui mi offre la sua mano, andiamo.
Questo breve racconto descrive una situazione che molto
spesso mi capita di vivere;
per questa ragione sento quanto nei momenti critici dei
bambini, mi sia necessario un certo grado di stanziamento
emotivo, unito alla partecipazione affettiva, che si raggiunge
solo dopo aver tentato di superare il rancore verso i genitori.
56
Se vogliamo essere utili ai bambini ed aiutarli a separarci
serenamente da noi, è necessario aver elaborato le nostre paure
di essere abbandonati.
Gran parte delle nostre insicurezze e paure risalgono proprio a
quando cominciamo ad allontanarci fisicamente da nostra
madre, quando ci avventuriamo ad incontrare la “separatezza”
che rappresenta un viaggio lungo e difficile.
Quando, intorno ad un anno e mezzo (durante la crisi chiamata
del riavvicinamento) i bambini si rendono conto che non c’è
sempre la madre ad offrire continuamente conforto e sicurezza,
nasce dentro di loro uno stato emotivo che può essere descritto
con queste domande: “Come posso sostenermi da solo? Se mi
allontano potrò morire? Al mio ritorno lei sarà triste oppure
arrabbiata per la mia assenza? Quanto posso allontanarmi senza
andare in pezzi?
E’ molto importante quale madre troverà il nostro “bambino
esploratore” al suo ritorno; se troverà un sorriso andrà
fiducioso verso il mondo, se la madre sarà impaurita dalla sua
assenza potrebbe avere paura, se troverà tristezza potrebbe
essere disponibile al ricatto affettivo e se riceverà rabbia è
possibile che risponda con l’obbedienza o con le opposizioni
reattive. Certe volte nella nostra vita di adulti, queste
esperienze di vissuto emozionale riemergono e ci fanno sentire
la paura di essere soli, di cambiare lavoro, di chiudere una
relazione o di intraprendere un viaggio. Ci troviamo a vivere
nuovamente quel legame doloroso che non ci ha resi liberi.
Sappiamo che per offrire accoglienza ai nostri figli qualcuno
deve averci accolto, qualcuno deve avercelo insegnato. Per fare
questo può essere necessario aver rivisto la nostra infanzia e
avere analizzato da quali schemi operativi inconsci derivano le
nostre convinzioni, insicurezze, paure, rigidità. Come possiamo
far bene i genitori se ci portiamo dentro dolori e ferite che
abbiamo ereditato dalla nostra esperienza di figli? Come si fa a
non ripetere gli stessi schemi errati? E soprattutto come si fa a
57
guardare in faccia i nostri figli senza vedere noi stessi? Non è
un lavoro semplice ma assolutamente appassionante.
Il racconto
La prima finestra da aprire è la conoscenza della nostra storia
familiare; raccontiamo ai nostri figli quanto abbiamo vissuto,
ciò che siamo stati e quello che si fatto. Talvolta il nostro
passato è appesantito da esperienze dolorose, da equilibri non
raggiunti, da ciò che non siamo riusciti ad essere, perché “La
ferita dei non amati” ci ha segnato in modo profondo…..
Siccome ogni comportamento non nasce mai dal nulla ma è
parte della nostra storia personale e familiare, il nostro
“narrare” può contenere spiegazioni, motivazioni e suggestioni
che fanno comprendere ai figli dove ci sta portando il nostro
sistema familiare e di quale “racconto” stiamo facendo parte.
Impareranno così a riconoscere il senso dei nostri atteggiamenti
e potranno leggere con più chiarezza anche i loro. Quando i
nostri figli si riconosceranno dentro un sistema familiare che
trasmette la sofferenza da una generazione all’altra, potranno
scegliere di mettere in discussione schemi, modelli e
comportamenti che produrranno cambiamenti e novità su tutto
il sistema familiare.
Questi racconti non solo creano senso di appartenenza, ma
aprono anche la possibilità di lenire i sensi di colpa a noi
genitori, perché capiamo che abbiamo fatto ciò che ci è stato
insegnato.
Questo non significa che non esiste, ovviamente, la possibilità
di scegliere, ma bisogna partire dalla conoscenza dei nostri
meccanismi interiori per essere in grado di cambiare
“racconto”.
Certe volte i genitori tacciono i loro vissuti personali e familiari
perché pensano di ferire i figli con i loro dolori. Il dolore viene
considerato da molti come un’esperienza evitabile, non
58
necessaria. Sappiamo però che è un’esperienza che dovremo
incontrare, possiamo solo insegnare loro come si fa a
conoscerlo, ad accettarlo, a scioglierlo.
I vissuti di sofferenza non possono essere certo trasferiti ai
nostri figli senza che questi siano stati prima elaborati, perché
potremmo invaderli di negatività senza soluzione.
Se riusciamo ad esprimere le nostre emozioni positive e
negative, i bambini e i ragazzi impareranno a sentire e a
riconoscere anche le loro. Questa esperienza espanderà e
amplificherà le loro gioie e non consentirà alla paura di
sequestrare tutte le loro energie. Così facendo i nostri figli
saranno anche aiutati a sviluppare capacità di adattamento per
affrontare diverse situazioni.
Quando i genitori si separano, i figli leggono dal “non detto”,
interpretando il silenzio a modo loro, e talvolta attribuiscono a
se stessi la responsabilità di quanto accade. E’ bene allora
spiegare a bambini e ragazzi che cosa ci fa star male e quali
sono i sentimenti che proviamo. Facciamo capire che
riconosciamo le loro difficoltà, che possiamo accoglierle.
Attraverso l’onestà del racconto e la comprensione del disagio
possiamo imparare a sostenerci nelle fatiche che la vita ci
presenta.
L’importanza del racconto di sé come insegnamento di
consapevolezza, assume più valore quando si riesce a offrire ai
figli la capacità di fare scelte nuove, ricercando autonome
soluzioni dei problemi. Creiamo dunque le condizioni perché
loro possano fare autonomamente il loro cammino.
I problemi
Noi genitori spesso tentiamo di risolvere i problemi dei figli
anche se ci rendiamo conto che hanno più capacità di trovare
soluzioni di quanto pensiamo. Quando abbiamo capito che è
59
importante lasciare loro uno spazio autonomo di ricerca di
soluzioni, cambierà totalmente il nostro comportamento.
Ci sono problemi che appartengono ai genitori, per esempio il
bambino che fa chiasso o interrompe continuamente mentre gli
altri parlano, l’adolescente che continua a lasciare tutto in
disordine. Ecco che il genitore può modificare il suo
comportamento per arrivare alla soluzione dei suoi problemi.
Potrebbe chiedersi quale è il rispetto che intende attribuire a se
stesso, quanto e perché certi comportamenti lo disturbano. Una
volta fatto spazio al bisogno di sentir rispettate le proprie
necessità, sarà abbastanza semplice ricercare soluzioni che
portano al cambiamento di comportamenti indesiderati.
Quando bambini o ragazzi fanno cose che non tolleriamo,
spesso il problema siamo noi. Non riusciamo ad autorizzarci
nell’interrompere quei comportamenti perchè probabilmente
proteggiamo una parte di noi che è stata ferita, ma è nostra, non
la loro.
Poi ci sono i problemi dei figli, come ad esempio le difficoltà a
scuola, problemi di relazioni con i coetanei e il gruppo o con la
propria corporeità, soprattutto in adolescenza.
Queste
situazioni rappresentano un’area di problemi appartenenti ai
ragazzi; questo non significa che non dobbiamo interrogare il
problema per cercare di capirne l’origine, ma potrebbe essere
più interessante per loro non avere l’analisi già confezionata.
Siccome nessuno di noi ha la saggezza infinita per trovare
soluzioni positive agli altri, anche se questi sono figli, il
miglior aiuto potrebbe essere quello di invitarli a ricercare le
proprie soluzioni.
Ma come si può ottenere ascolto dai figli quando i bisogni
nostri e quelli loro sono in contrasto? I nostri genitori hanno
utilizzato con noi la famosa strategia del ricatto: se non fai
questo, non otterrai quest’altro… Ma premi e punizioni sono
l’espressione di una relazione di potere basata sulla possibilità
di offrire o negare il piacere.
60
Questa strategia non solo appare impari, ma spesso non
estingue i comportamenti che vogliamo correggere, perché
impedisce a bambini e ragazzi di elaborare il senso di un
bisogno. Forse bisogna abbandonare, come genitori, i vecchi
comportamenti per riuscire ad individuare soluzioni che non
prevedono né un vincitore né un perdente.
Spesso, quando c’è un disaccordo, il genitore cerca di
persuadere il figlio a rinunciare alle sue richieste ma se il
genitore rinuncia e lascia al figlio fare ciò che desidera,
l’adulto perde e il figlio vince. Quando il genitore invece
impone una soluzione con autorità che il figlio respinge, il
figlio perde e l’adulto vince.
Come si fa ad essere entrambi vincenti? La ricerca di soluzioni
che siano positive per entrambi è la cosa più difficile nelle
relazioni di scambio con i figli, ma forse l’unica che possiamo
tentare di sperimentare. Possiamo essere insieme per dirci: io
ci sono, voglio essere riconosciuto nel mio bisogno, tu ci sei, ti
riconosco e ti ascolto.
Per fare una sintesi con Natalia Ginzburg
Il rapporto che intercorre fra noi e i nostri figli,
dev’essere uno scambio vivo di pensieri e di sentimenti, e
tuttavia deve comprendere anche profonde zone di
silenzio; dev’essere un rapporto intimo, e tuttavia deve
comprendere anche profonde zone di silenzio; dev’essere
un rapporto intimo, e tuttavia non mescolarsi
violentemente alla loro intimità; dev’essere un giusto
equilibrio tra silenzio e parole. Noi dobbiamo essere
importanti, per i nostri figli, e tuttavia non troppo
importanti: dobbiamo piacergli un poco, e tuttavia non
piacergli troppo: perché non gli salti in testa di diventare
identici a noi, di copiarci nel mestiere che facciamo, di
cercare nei compagni che si scelgono per la vita, la
nostra immagine. Noi dobbiamo essere, con loro, in un
rapporto d’amicizia: eppure non dobbiamo essere troppo
61
i loro amici, perché non gli diventi troppo difficile avere
dei veri amici, a cui possano dire cose che tacciono con
noi. Dobbiamo essere là per soccorso, se un soccorso sia
necessario; essi debbono sapere che non ci
appartengono, ma noi sì apparteniamo a loro, presenti
nella stanza vicina, pronti a rispondere come sappiamo
ad ogni interrogazione possibile.
E se abbiamo una vocazione noi stessi, se l’abbiamo
tradita, se abbiamo continuato attraverso gli anni ad
amarla, a servirla con passione, possiamo tenere lontano
dal nostro cuore, nell’amore che portiamo ai nostri figli,
il senso della proprietà. Se invece una vocazione non
l’abbiamo o l’abbiamo abbandonata e tradita, per
cinismo o per paura di vivere, o per un malinteso amore
paterno, allora ci aggrappiamo ai nostri figli come un
naufrago al tronco dell’albero, pretendiamo vivacemente
da loro
che ci restituiscano tutto quanto gli abbiamo dato, che
siano assolutamente e senza scampo come noi li
vogliamo, che ottengano dalla vita tutto quanto a noi è
mancato; finiamo col chiedere a loro tutto quanto può
darci soltanto la nostra vocazione stessa:
vogliamo che siano in tutto opera nostra, come se, per
averli una volta procreati, potessimo continuare a
procrearli lungo la vita intera. Lasciamoli dunque
quietamente fuori di noi, circondati dell’ombra e dello
spazio che richiede il germoglio d’un essere. Questa è
forse l’unica reale possibilità che abbiamo di donare
l’amore, perché l’amore alla vita genera l’amore alla
vita.
BIBLIOGRAFIA MINIMA:
Dolto Francoise, Le parole dei bambini e l’adulto sordo,
Mondadori, Milano, 1987
62
Viorst Judith, Distacchi, Frassinelli, Piacenza, 1997
Demetrio Duccio, Raccontarsi, Raffaello Cortina Editore,
Milano, 1999
Dolci Danilo, Creatura di creature, Einaudi, Torino, 1974
Leboyer Frédérick, Shantala, Bompiani, Milano, 1976
Marcoli Alba, Il bambino nascosto, Oscar Mondatori, Milano,
1993
Ginzburg Natalia, Le piccole virtù, Einaudi, Torino, 1962
Cucinato M., Salvo P., Lavorare con le famiglie, Carocci,
Roma, 1998
63
64
La coppia scoppia: affrontare i nuovi
problemi dello stare i
insieme
Enrico Cheli29
Le nostre ‘relazioni’ d’affetto erano generalmente rapporti
quotidiani basati su un collegamento sessuale; avevano un
tetto, una casa e dei muri. Erano esclusive: trovavamo una
persona singola da amare e alla quale essere fedeli. Erano
durature: promettevamo di amarci reciprocamente per sempre.
Oggi però queste relazioni non funzionano più: finiscono, non
sembrano più quello che erano una volta, quello che
pensavamo dovessero essere, ci spezzano il cuore e si
frantumano. La metà dei nostri matrimoni si conclude con il
divorzio, e chissà quanti altri amori di prova, di pratica e
‘part-time’ naufragano sugli scogli. Nessuno di noi può dire di
essere passato indenne attraverso il tunnel dell’amore e
all’inizio di questo nuovo millennio la nostra identità di
amanti muore e allo stesso tempo diventa adulta.
D. R. Kingma, Il futuro dell’amore
29
Sociologo e psicologo, si occupa da anni di relazioni interpersonali e metodi
olistici per lo sviluppo del potenziale umano. È docente all’Università di Siena
dove dirige un Master in Comunicazione, relazioni interpersonali e counseling
e vari corsi di perfezionamento e di aggiornamento sulla consapevolezza e
l’educazione sui sentimenti, le relazioni, le emozioni. Tra i suoi ultimi libri:
L'età del risveglio interiore (Francoangeli); Teorie e tecniche della
comunicazione interpersonale (Francoangeli); La comunicazione come
antidoto ai conflitti (Punto di fuga); Relazioni in armonia (FrancoAngeli). È
spesso intervistato da giornali italiani e stranieri e partecipa a numerosi
programmi radiofonici e televisivi.
65
1. Vecchi modelli in crisi
Negli ultimi tre o quattro decenni abbiamo assistito ad una
serie di profonde trasformazioni nei rapporti di coppia. Il
modello tradizionale incentrato sul matrimonio è sempre più
entrato in crisi, sia per l'emergere di una nuova libertà sessuale,
sia per la crescente intolleranza degli individui verso i vincoli,
gli obblighi, le formalità. Le persone si sposano di meno
mentre aumenta il numero delle coppie conviventi e dei single,
e anche coloro che ancora optano per il matrimonio si trovano
poi spesso a separarsi e a divorziare nel giro di pochi anni, se
non mesi: negli USA quasi il 70% dei matrimoni finisce in un
divorzio; in Italia la percentuale è più bassa ma in costante
crescita, oltre al fatto che i dati ufficiali non rendono conto di
tutti quei matrimoni finiti che non sfociano in una separazione
solo a causa delle notevoli difficoltà economiche e burocratiche
che ciò comporta (e nel nostro paese questo fattore incide
molto più che in altri).
La maggior parte dei separati e divorziati ritiene che la causa
principale del “fallimento” sia l’aver sbagliato partner, ma forse
hanno anche sbagliato forma relazionale. Certo, molti matrimoni
falliscono perché in realtà non avrebbero mai dovuto aver luogo,
perché i due partner non si amavano o non erano
sufficientemente compatibili, ma che dire di quei rapporti che
procedono bene per anni, anche convivendo, e poi si incrinano
poco tempo dopo il matrimonio?
Come è noto, la funzione sociale del matrimonio era in origine
principalmente, anzi esclusivamente quella della procreazione,
della trasmissione ereditaria del nome e dei beni della famiglia,
della alleanza tra famiglie, mentre oggi tali scopi sono sempre
più secondari, prevalendo invece il reciproco benessere affettivo,
sessuale e materiale dei coniugi. Il matrimonio d’amore è un
fenomeno piuttosto recente, affacciatosi sulla scena da appena
due secoli, col romanticismo, ma diffusosi su ampia scala solo
66
durante il ‘900; in precedenza le nozze erano quasi sempre decise
dalle famiglie, spesso senza neppure interpellare i diretti
interessati, specie quelli di sesso femminile. Ci si sposava per
mettere su famiglia, per acquisire uno status sociale e una certa
indipendenza dalle famiglie di origine: l’uomo diveniva padre di
famiglia, la donna padrona in casa sua, e non era poco se
consideriamo che sottostare alle imposizioni di certi padri poteva
essere un vero e proprio tormento (ancora oggi non è raro, specie
in certe aree geografiche, il caso di persone – soprattutto donne –
che si sposano per andarsene di casa). Non che non vi fosse
amore tra i coniugi – esso poteva anche nascere in alcuni casi –
ma non era affatto ritenuto un ingrediente necessario al
matrimonio, tant’è che le grandi storie d’amore della storia e
della letteratura – da Abelardo ed Eloisa a Romeo e Giulietta,
dalla Lettera scarlatta a Anna Karenina – si svolgevano tutte al di
fuori del matrimonio ed erano caratterizzate da una notevole dose
di trasgressione verso regole sociali che di fatto negavano
l’amore in nome degli interessi materiali e politici della famiglia
e della comunità di appartenenza, della religione, della
rispettabilità e via dicendo.
Oggi è molto diverso e attrazione e innamoramento sono
ritenuti ingredienti fondamentali di ogni rapporto di coppia e
dunque anche del matrimonio. E non sono i soli ingredienti,
poiché la relazione di coppia mette in gioco molte altre
dimensioni – intellettuali, esistenziali, e anche strettamente
pratiche - che portano inevitabilmente ad un incontro e ad un
confronto di personalità e di mentalità.
In passato i coniugi, pur abitando sotto lo stesso tetto, vivevano
in due mondi separati: i loro compiti erano nettamente distinti e
le reciproche aspettative assai diverse da quelle attuali, poiché il
partner era visto più come un ruolo (marito-moglie, padre-madre
dei propri figli) che non come una persona. Salvo rari casi non si
avvertiva alcun bisogno di conoscersi a fondo, di costruire una
intimità, un dialogo sincero e profondo; l’importante era che
67
ognuno si comportasse bene, che svolgesse i ruoli che gli
competevano. La motivazione stessa del matrimonio – mettere su
famiglia – chiamava entrambi i coniugi a rinunciare alla loro
individualità (ammesso che ne avessero mai potuta sviluppare
una) a favore della famiglia. Non esisteva alcun confronto sui
vissuti emotivi perché solo la donna ne era consapevole (e se li
teneva per sé o al massimo ne parlava con le amiche più intime):
l’uomo aveva fin da bambino rinnegato e rimosso la propria
emotività e vulnerabilità e non era in grado di interagire su tale
piano (né avrebbe voluto). Non esistevano confronti neppure su
piani più intellettuali, poiché alla donna non era dato di avere una
istruzione che non fosse cucito e buone maniere (e spesso
neppure questo) né tantomeno coltivare l’intelligenza razionale.
Oggi invece il confronto intellettuale ed emozionale è un
elemento essenziale al buon andamento non solo delle relazioni
coniugali ma anche di relazioni di coppia meno formalizzate, e
non è un confronto facile, perché l’uomo e la donna hanno due
modi di vedere le cose e di comunicare molto diverso, e nessuno
gli ha mai spiegato questa diversità, che può essere fonte di
grande arricchimento se la si sa affrontare ma anche di grande
sofferenza se invece la ignoriamo. A questa difficoltà di base va
poi aggiunto il processo di emancipazione della donna, che non si
accontenta più di ricevere dal proprio partner una casa e una certa
sicurezza materiale ma avanza anche altre richieste, sessuali,
sentimentali e di dialogo, che non sempre lui è in grado di capire
e di soddisfare, anche perché mentre la donna ha iniziato già da
tempo a sviluppare il proprio maschile interiore, l’uomo – salvo
rare eccezioni - non ha ancora affrontato il suo femminile
interiore ed anzi lo teme.
La donna emancipata contemporanea ha mantenuto la
competenza emotiva delle sue antenate e in aggiunta ha iniziato a
sviluppare il proprio lato maschile, facendo proprie alcune
capacità e aspettative in passato riservate ai maschi (la
realizzazione
individuale,
il
potere,
la
razionalità,
68
l’autodeterminazione, l’aggressività); il maschio invece si è
limitato a perdere le vecchie sicurezze e privilegi senza
guadagnare niente in cambio, perché ancora non ha saputo/voluto
imparare a sviluppare il proprio lato femminile (la sensibilità,
l’affettività, la capacità di esprimere i sentimenti, l’abilità di
affrontare le emozioni proprie e del partner senza esserne travolto
etc.).
Questo profondo mutamento nelle aspettative e nelle
dimensioni in cui si sviluppa il rapporto di coppia pone un
problema di non poco conto: può una forma istituzionalizzata di
relazione come il matrimonio - originatasi in un ben preciso
contesto culturale, patriarcale e materialista, e con precise
funzioni sociali – può tale istituzione adattarsi al nuovo spirito
del tempo e stravolgere il suo imprinting in modo tale da
soddisfare le esigenze e gli obbiettivi delle coppie di oggi? Molti
ritengono che non sia possibile modificare l’istituzione
matrimonio e che per vivere in modo soddisfacente i rapporti di
coppia occorrano forme istituzionali del tutto nuove, fluide e
ampiamente personalizzabili dai partner. Ma ammettiamo pure
che sia possibile adattare il matrimonio alle nuove esigenze: ciò
sta forse già avvenendo? Gli organi legislativi, le religioni, la
società civile hanno forse provato a introdurre qualche
innovazione creativa nel matrimonio? La risposta, come ben
sapete, è no! Nonostante che tutto stia cambiato, intorno e dentro
di noi, il matrimonio ha mantenuto saldamente la sua identità
arcaica. Diversamente che in passato ci si può separare,
divorziare, risposare anche, ma lo schema interno non è
realmente cambiato.
La stabilità del matrimonio è ritenuto uno dei fondamenti della
nostra società, tant’è che finora è stata la società a modellare la
forma del matrimonio, a farlo scorrere liscio, in modo stabile e
affidabile, come una disciplinata rotella nell’ingranaggio delle
69
nostre piccole comunità. L’esigenza di stabilità sociale crea
aspettative collettive secondo le quali
“… le persone sposate devono rimanere tali, devono
comportarsi bene, occuparsi delle cose più importanti che
la società ha da offrire e non fare nulla di troppo strano che
possa turbare l’ordine costituito, come scegliere di vivere in
una comune, scappare con il vicino di casa o decidere di
non pagare le tasse.
Poiché questa aspettativa sottintesa è una funzione
sociale più che una nostra personale convinzione, le
persone sposate sono costrette a rimanere aderenti ai valori
esteriori e a partecipare a una coscienza generica piuttosto
che individuale o visionaria. Invece di tuffarci nelle
profondità interiori dove potremmo trovare la saggezza del
nostro cuore (e probabilmente anche straordinarie soluzioni
sociali o forme insolite di relazione ... ) ci intruppiamo nel
gregge insieme agli altri conformisti. La verità è che il
matrimonio - in quanto relazione - è stato fagocitato dalle
convenzioni sociali e, poiché serve la società, finisce
spesso per soffocare l’anima viva e individuale.
Il dovere, la responsabilità e le convenzioni sociali, per
quanto importanti, ci allontanano spesso dal nostro
collegamento naturale più profondo con le altre persone - i
legami del cuore - e di conseguenza, nel tentativo di servire
la società, possiamo tradire o abbandonare noi stessi.
Invece di esaminare il nostro cuore, la nostra mente e la
nostra coscienza per trovare le forme più adatte per la
nostre relazioni, permettiamo che i nostri matrimoni si
trasformino in versioni annacquate dei valori sociali
correnti mentre dovrebbero essere vibranti unioni emotive
che nutrono e sostengono coloro che vi partecipano” (D. R.
Kingma).
70
Daphne Rose Kingma sottolinea molto bene la
contrapposizione tra il benessere dell’individuo e le esigenze
della società. Gran parte degli occidentali sono oggi del tutto
convinti che la relazione di coppia debba essere
principalmente una via per un maggior benessere e non certo
un sacrificio a favore degli interessi della comunità di
appartenenza o della società in senso lato. Tuttavia, le nostre
credenze e convinzioni sociali sul matrimonio sono ancora in
larga misura quelle vigenti in passato e solo adesso
cominciano a perdere potere. “Anzi, devono necessariamente
perdere potere perché noi possiamo svilupparci ulteriormente
come persone e come anime.” (ibidem).
2. La nuova coppia
E' indubbio che il modello tradizionale non risponda più alle
nuove esigenze, ma è altrettanto vero che i rapporti con l'altro
sesso non possono limitarsi al solo erotismo. Vi è un bisogno
profondo di intimità, di confronto, di unione che non può essere
soddisfatto da rapporti occasionali e richiede una qualche forma
di continuità, meno rigida però di quella tradizionale. Ecco allora
le sperimentazioni degli anni '60 e '70, dalla formula della coppia
aperta fino alle varie esperienze comunitarie. Formule che non si
sono dimostrate risolutive ma che hanno contribuito a esplicitare
le esigenze degli individui e i pregi, limiti e contraddizioni delle
diverse opzioni.
La cultura emergente non fornisce in proposito ricette certe, ma
indica alcune direzioni di ricerca. Per prima cosa non esistono
soluzioni valide per tutti, e ogni individuo e ogni coppia
dovrebbe trovare una propria via di realizzazione: per alcuni può
risultare ancora appropriata la via tradizionale del matrimonio
mentre per altri la direzione può essere quella della convivenza o
di forme ancor meno rigide da un punto di vista dei vincoli. Ciò
che conta, nella nuova ottica, non è tanto la forma esteriore ma la
71
consapevolezza e l'impegno con cui i due partner vivono la strada
scelta, quale che sia. Il rapporto esclusivo con un partner può
essere fonte di grande crescita e merita di essere vissuto con
sacralità, rispetto, impegno. In secondo luogo, le proposte non
vanno imposte dall'alto ma scoperte singolarmente dall'individuo
e dalla coppia attraverso un processo di libera e cosciente
sperimentazione. Si può naturalmente prendere spunto da
esperienze altrui, trarre aiuto e stimolo dalla condivisione, dal
confronto con altri individui e con altre esperienze, per poi però
giungere a creare la propria personale sintesi.
Grazie alla libera sperimentazione condotta a partire dagli anni
'60, ci si è resi conto che la promiscuità non è alla lunga
soddisfacente, in quanto non consente di approfondire
determinate sfere relazionali e affettive basilari per il benessere e
la crescita di entrambi. In certi momenti della vita in cui prevale
il bisogno di esplorazione può anche essere appropriata ma non
deve servire da alibi per sfuggire quei bisogni più profondi che
solo una relazione stabile può dare. Dobbiamo però precisare che
"stabile" non significa necessariamente “a vita”: a titolo di spunto
mi sembra interessante riportare come viene affrontata la
questione nella comunità di Damanhur, in Piemonte, dove le
persone sono libere di scegliere tra una ampia gamma di
possibilità: possono frequentarsi da single a single, convivere
senza regolamentazioni, sposarsi normalmente oppure — ed ecco
una interessante novità — sposarsi a tempo determinato. I due
partner possono cioè decidere consensualmente di vivere per un
certo periodo come marito e moglie e sperimentare la vita
coniugale con pieno, reciproco impegno e dedizione, ma senza il
peso dell'impegno "a vita" (naturalmente, in tali casi, molti
ritengono auspicabile astenersi dal procreare). E' vero che, con
l'introduzione del divorzio, anche nella nostra società è possibile
sciogliere un rapporto matrimoniale, però una cosa è sapere in
anticipo che il vincolo sarà, poniamo, di un anno, (e semmai
decidere di prolungarlo) e un conto è fronteggiare la delusione e
72
il senso di fallimento connesso allo sciogliere qualcosa che si
riteneva "a vita", senza contare il fastidio delle procedure legali,
con spese e incombenze tutt'altro che piacevoli.
Ad ogni modo, ribadiamo che i nuovi principi sul come vivere
le relazioni di coppia andranno ispirati ad una grande flessibilità,
che tenga conto del fatto che gli individui sono diversi tra loro e
che le fasi della vita, pure, possono rispecchiare bisogni diversi.
Pertanto ciò che va bene per uno può non andare bene per l'altro,
così come ciò che va bene in una certa fase può poi richiedere un
cambiamento in funzione della continua evoluzione. (Per un
approfondimento sulle nuove forme di relazione cf. D. R.
Kingma, Il futuro dell’amore, ed. Gruppofutura, 2001).
3. Incontro, scontro e crescita nelle relazioni
Come si è visto, la relazione di coppia oggi non si limita più
alla famiglia e alla procreazione, e non si esaurisce neppure nella
sessualità e nei sentimenti, ma mette in gioco molte altre
dimensioni che portano inevitabilmente ad un confronto di
personalità e di mentalità che può evolversi sia come crescita sia
come scontro, più spesso entrambi. Questo è valido per ogni tipo
di relazione interpersonale ma nella coppia, a causa del forte
coinvolgimento affettivo-emotivo e delle reciproche aspettative
ed investimenti, ogni aspetto si accentua al massimo, nel bene e
nel male.
Come è noto, nelle fasi iniziali di una relazione le persone
tendono a fare bella figura, a mostrare la parte "migliore" e più
accettabile di sé. Se poi tra loro nasce un innamoramento ognuno
tende a vedere l'altro ancor più bello e apprezzabile,
idealizzandolo. Tuttavia, presto o tardi anche altri aspetti della
personalità emergeranno e alla fase iniziale dell'innamoramento,
in cui il partner appare splendente come il sole, subentrano fasi
meno brillanti in cui si prende coscienza anche dei suoi limiti e
dei suoi lati meno lucenti: l'ombra. E' qui che nascono le prime
73
incomprensioni, le prime delusioni, i primi conflitti che poi, se
manca una reciproca capacità di comunicare (e quasi sempre
manca) inevitabilmente vanno ad accentuarsi fino a portare alla
crisi.
I modi di affrontare questi problemi variano da persona a
persona: alcuni tendono a nascondere il disaccordo, inscenando
una rappresentazione di armonia tutt'altro che veritiera, oppure si
rassegnano a convivere con le tendenze distruttive, alternando
fasi di litigiosità a fasi di relativa quiete. Altri, giunti oltre un
certo livello, decidono di cessare la relazione per cercare un'altra
persona che gli faccia riprovare l'ebbrezza dell'innamoramento e
che sia finalmente quella giusta. Se in passato prevaleva la prima
tendenza (rassegnazione e conflitto sotterraneo), oggi sta sempre
più affermandosi la seconda (separazione e ricerca di un nuovo
partner). Tuttavia, per quanto intensa possa essere la fase di
innamoramento, per quanto giusto possa apparirci il nuovo
partner, prima o poi scopriremo anche in lui/lei limiti e aspetti
ombra, rinascerà il conflitto e saremo di nuovo punto e a capo. Il
fatto è che tutti i suddetti modi di affrontare la questione sono
errati: non va bene ignorare il problema o sopportare in silenzio,
perché vuol dire rinunciare a quanto di più bello una relazione di
coppia può offrire, ma non va bene neppure passare da una storia
all'altra all'eterna ricerca del partner ideale, poiché non esistono
persone fatte di sola luce e ognuno ha in sé anche delle zone
oscure, inconsce, che premono per emergere e essere finalmente
riconosciute. La relazione sentimentale non ha solo lo scopo di
far stare bene i due partner, ma è anche e soprattutto il luogo in
cui ognuno dei due desidera colmare il proprio senso di
incompletezza e guarire una volta per tutte le proprie ferite
d’amore primarie: le carenze affettive, le delusioni, talvolta
addirittura gli abusi fisici o morali subiti durante l’infanzia. E’ un
desiderio per lo più inconscio ma molto, molto potente, che
influenza profondamente la dinamica della relazione e che
illustreremo più a fondo nei prossimi paragrafi.
74
4. Le ferite del cuore
Come hanno bene evidenziato varie scuole di psicologia del
profondo e di psicoterapia, l’infanzia non è solo un tempo
idilliaco di giochi e spensieratezza, ma anche un periodo molto
difficile e doloroso per la stragrande maggioranza degli esseri
umani30. Da bambini siamo deboli e vulnerabili e abbiamo un
grande bisogno di cure, di attenzione, di amore, di
riconoscimento sociale, e raramente la nostra famiglia e le altre
agenzie educative riescono a soddisfare compiutamente tali
bisogni: i nostri genitori dovevano lavorare, erano impegnati e
non potevano – né talvolta volevano - dedicarci tutto il tempo che
avremmo voluto; anche quando stavano con noi riuscivano
raramente a darci amore, vero amore. E’ fin troppo noto che non
pochi genitori trascurano i figli, lasciandoli al loro destino,
oppure li picchiano o li prevaricano in altri modi, dicendo magari
che lo fanno per il loro bene; anche tra quelli non assenti e non
violenti pochi, molto pochi riescono davvero a trasmettere amore
ai figli, non per cattiva volontà ma perché a loro volta non ne
hanno ricevuto abbastanza dai loro genitori e non hanno quindi
mai imparato ad aprire veramente il cuore, ad amare e ad
esprimere l’amore nei modi appropriati, nonché ad accettare ed
apprezzare i figli per quello che sono e non per quello che
vorrebbero fossero.
Questo ultimo punto è molto importante, perché amare non
vuol dire solo prendersi cura del figlio, non fargli mancare niente,
non picchiarlo e dargli baci e abbracci – certo questo sarebbe già
molto, moltissimo, ma c’è dell’altro: amare significa anche
accettarlo e apprezzarlo per quello che è. Raramente un bambino
è amato e accettato per ciò che è, e quasi sempre i genitori
30
Cfr. Tra gli altri: P. Schellembaum, La ferita dei non amati, Red, Milano,
1996.
75
tendono, consapevolmente o meno, a desiderarlo diverso e a
plasmarlo a foggia di qualche modello ideale. La situazione non
è, ovviamente, uguale per tutti: alcuni genitori e alcuni insegnanti
sono a riguardo più rigidi, altri più amorevoli, più disposti ad
accettare e sostenere il bambino in modo incondizionato.
Incondizionato vuol dire: "accettarlo e amarlo senza porre
condizioni, a prescindere cioè dal fatto che assomigli o meno al
nostro modello ideale e che si comporti come noi adulti
desideriamo". Se invece l'accettazione e il sostegno dipendono da
tali fattori, allora non è più amore incondizionato, ma si ha amore
condizionato, in quanto si pone una condizione: "Se sei buono e
bravo (nel modo in cui io adulto intendo tali termini) allora ti
amerò, altrimenti no".
E’ l’amore incondizionato che fa sbocciare in noi un
atteggiamento spontaneo e fiducioso verso l'esistenza, la
sensazione rassicurante di protezione e nutrimento, il senso di
dignità in quanto esseri umani a prescindere dalla nostra identità
e posizione sociale (la carta dei diritti dell'uomo, il concetto di
uguaglianza di fronte alla legge, le carte costituzionali delle
repubbliche democratiche possono intendersi come espressioni in
forma giuridica di tale fondamentale valore).
L’amore condizionato è invece quello che ci stimola a seguire
determinate regole di comportamento, a impegnarci
nell’apprendere, a raggiungere traguardi, ad eccellere. E' la base
dell'energia creativa dell'uomo, del suo desiderio di evolvere, di
migliorare e migliorarsi, di confrontarsi, di raggiungere sempre
nuovi traguardi; è una energia positiva ed utile, che però, quando
è eccessiva, può portare sofferenza e distruzione.
Affinché il bambino si sviluppi armonicamente sono
necessarie entrambe queste forme di amore, che non si
escludono l'un l'altra, ma sono anzi complementari ed è
fondamentale che vi sia tra loro equilibrio: ogni disarmonia,
ogni prevalere - in una famiglia o in una società - di una sola
forma con conseguente carenza o assenza dell'altra determina
76
infatti gravi conseguenze. Noi proveniamo da una civiltà
patriarcale, autoritaria, severa in cui per millenni vi è stato
troppo poco amore incondizionato, il che ha prodotto cattivi
rapporti genitori-figli, profonde ferite d’amore e una tendenza
delle persone, sin da bambine, a chiudersi, a difendersi, a
crearsi una maschera che nasconde e rinnega alcuni aspetti di
sé (quelli che attirano disapprovazione) e rinforza solo quelli
che gli fanno ricevere l’approvazione dei genitori e degli altri
adulti significativi. Tuttavia non si deve credere che un regime
matriarcale sarebbe migliore, poiché il solo amore
incondizionato creerebbe inevitabilmente figli viziati,
stagnazione, pigrizia, inerzia evolutiva, mancanza di creatività
- come si vede chiaramente in quelle famiglie iperprotettive,
molto "mammone", in cui i figli non si distaccano nemmeno a
quarant'anni e mancano dello stimolo evolutivo di affermarsi e
rendersi autonomi in quanto individui. E' giusto che nell'epoca
attuale di crisi del patriarcato vi sia una rivalutazione del
femminile, ma non per sostituirlo al maschile bensì per porli
finalmente fianco a fianco, pariteticamente, senza che nessuno
dei due prevalga sull'altro.
4.1. Amami come non sono mai stato amato (ma avrei
sempre voluto)
Dopo questo lungo ma necessario preambolo, torniamo al
rapporto di coppia e al riflesso che hanno su di esso le ferite
affettive della nostra infanzia.
Da bambini le nostra speranza più grande è che i nostri
genitori ci capiscano, ci rispettino e ci amino come e quanto
abbiamo bisogno. Purtroppo è una speranza che raramente si
avvera, per quanto intensi possano essere i nostri sforzi e le
nostre preghiere. Subentra così col tempo una sorta di
abitudine, di rassegnazione e infine di oblio. Ma la speranza
77
non è morta, è solo in animazione sospesa, e si risveglia
quando ci troviamo coinvolti in una relazione di coppia. Non
sempre e non subito, però: solo in quelle relazioni in cui c’è un
profondo coinvolgimento affettivo, un innamoramento, e solo
dopo vari mesi, quando i due hanno raggiunto un certo grado di
confidenza e intimità e iniziano a fare a meno delle maschere.
A questo punto scattano in entrambi forti aspettative nei
confronti dell’altro:
“Che cosa farai per me? Mi aiuterai? Mi ascolterai? Mi farai
sentire bene? Realizzerai i miei sogni? Sarai il perfetto genitore
per i nostri figli? Il padre che io non ho potuto avere, la madre
che non ho avuto? Adesso che mi sono innamorato di te, tu hai il
dovere di far scomparire le mie sofferenze. Ascoltami,
guariscimi, fammi stare bene. (…) Ci sono due tipi di bisogni
emotivi che cerchiamo di soddisfare nelle nostre relazioni intime:
uno è quello di cui siamo consapevoli (fammi felice, dammi la
sicurezza economica, sii un buon padre per i miei figli), l’altro è
costituito dalle esigenze emotive inconsce che rappresentano il
tentativo della nostra personalità di guarire tutto ciò che si
frappone alla nostra capacità di sentirci integri. In ogni relazione
esiste dunque un viaggio emotivo nascosto.” (D. R. Kingma)
La relazione di coppia diviene insomma una opportunità
tramite cui crediamo di poter guarire una volta per tutte le ferite
d’amore, le carenze affettive, le delusioni subite durante
l’infanzia e il partner diviene per certi aspetti un sostituto di
nostro padre, di nostra madre (o di entrambi) e inconsciamente lo
invitiamo – talvolta sfidiamo - ad amarci in modo totale, ad
accettarci per quello che siamo, ad essere il genitore perfetto che
non abbiamo mai avuto ma abbiamo sempre desiderato.
Si tratta, come è facile intuire, di aspettative eccessive, che solo
una mente bambina può sperare di poter soddisfare e tuttavia il
nostro inconscio è sempre allo stadio infantile – è inconscio
78
proprio perché non ha voluto/potuto crescere – e quindi è proprio
sulla base di tali aspettative che passiamo dall’innamoramento
alla relazione stabile.
Oltre a chiedere al nostro partner capacità e comportamenti al
di là delle umane possibilità, formuliamo le nostre richieste in
modo errato, ad esempio con tono di sfida e aggressivo,
pretendendo con forza ciò che crediamo ci spetti di diritto,
oppure con sottintesi, ammiccamenti o lamenti vittimistici.
Purtroppo il nostro partner – che vuole anch’egli la stessa cosa
- si trova nelle nostre stesse condizioni, cioè ha il cuore ferito,
chiuso, e non è in grado di amarci come vorremmo, così come
noi non siamo in grado di farlo con lui/lei. Ecco allora che dopo
un po’ subentra in uno dei due (il più sensibile) un senso di
delusione, di insoddisfazione: invece di guarire, le sue ferite
infantili si sono aperte di più e sono perfino più doloranti che non
quando stava da solo; il partner ha tradito le sue aspettative, non
lo capisce, non lo ama veramente e via dicendo. La situazione,
già di per sé difficile, diventa ancor più critica in quei casi in cui
oltre ad essere stati delusi e feriti dai genitori siamo stati anche
delusi da qualche nostro precedente partner. La relazione diventa
tesa, la comunicazione ambigua, la sessualità e l’affettività ne
risentono e si innesca una reazione a catena che può essere, a
seconda del carattere delle persone, sotterranea o esplosiva.
Se ci limitassimo ad invitare il partner ad amarci, senza
sfidarlo, senza aggredirlo, senza lamentarsi o sfuggirlo, il
rapporto sarebbe meno teso, meno ambiguo; se sapessimo
comunicare con chiarezza e chiedere apertamente al partner ciò
di cui abbiamo bisogno, lo metteremmo nelle condizioni per fare
del suo meglio e capiremmo che anche lui si trova nella nostra
stessa situazione. Potremmo a questo punto reagire in due modi:
•
Lasciarlo, perché ci ha rivelato la sua fragilità
e i suoi limiti mentre noi cerchiamo un partner
“super” che non sia ferito e bisognoso ma
79
generoso, impeccabile e tutto per noi (questa
aspettativa è molto simile a quella del
bambino verso il genitore: da piccoli tutti noi
vediamo i genitori come esseri enormi,
onnipotenti, vere e proprie divinità). Si tratta
di una reazione sbagliata, ma sempre meglio
che continuare a perdere tempo in sfide,
conflitti, scontri.
•
Affrontare in modo più realistico il rapporto,
comprendendo che il nostro partner non ha il
potere magico di guarire le nostre ferite di
cuore e di riempire i nostri vuoti esistenziali –
né lui né nessun altro partner. Guarire tali
ferite e colmare tali vuoti è un processo
possibile – anche se lungo e laborioso - ma
può avvenire solo attraverso l’autoguarigione;
certo, un partner comprensivo e amorevole
può esserci di grande aiuto, ma il lavoro
ognuno lo deve fare da sé su di sé.
Il punto di partenza per un tale lavoro è assumersi la
responsabilità della propria guarigione, senza scaricarla su altre
persone: né sui nostri veri genitori né sul nostro partner.
Dobbiamo accettare che quel che è stato è stato: le situazioni e le
cause che hanno prodotto le ferite non possono essere cambiate:
appartengono al passato e i fatti del passato non possono mutare.
Può però mutare la nostra interpretazione di quei fatti e possono
mutare gli effetti di quei fatti. Possiamo cioè per prima cosa
interpretare la mancanza di amore non come una nostra sfortuna
e ingiustizia privata ma come un male collettivo che affligge tutta
l’umanità; in tal modo smetteremo di sentirci vittima e di
attribuire colpe agli altri – se colpe vi sono, sono collettive – e
potremo poi perdonare coloro che – genitori, partner precedenti –
80
involontariamente ci hanno fatto soffrire perché a loro volta
sofferenti. E ci tengo a precisare che il perdono non è un regalo
che facciamo a loro ma a noi stessi, perché significa smettere di
sprecare energie nel vano tentativo di cambiarli; difatti, non è in
nostro potere di cambiare il modo di essere di un’altra persona,
se non noi stessi, e solo quando smetteremo di sprecare tempo ed
energie in quella direzione, solo allora potremo dedicarci davvero
a noi stessi, imparando ad amarci ed accettarci per quello che
siamo (amore incondizionato) ed al contempo a stimolarci
bonariamente ma con disciplina, a perfezionarci e a sviluppare al
meglio le nostre potenzialità (amore condizionato), attività che
amo definire “fare da madre e padre amorevoli di noi stessi” –
qualcosa di molto simile a ciò che molti maestri spirituali hanno
chiamato “amare se stessi” come ho meglio illustrato in un altro
mio scritto (cfr. E. Cheli, L’età del risveglio interiore, Franco
Angeli 2001).
5. A scuola di relazione
Man mano che risaniamo le ferite d’amore primarie e che
impariamo ad amarci e a stimolarci positivamente, cresce la
nostra autostima e la fiducia nell’altro e anche il rapporto di
coppia ne risente felicemente. Specie se entrambi i partner si
incamminano su un tale sentiero si passa gradualmente da una
situazione di permanente conflitto interiore ed esteriore ad uno
stato emotivo più armonico, ad una identità più fluida e piena di
entrambi che conduce ad una comunicazione con l’altro basata
sull’ascolto e la comprensione e non più sul giudicare e sul
proiettare, ad una relazione basata sulla complicità e la
collaborazione e non più sulla sfida e l’antagonismo.
Si tratta di un sentiero lungo eppure possibile, che finora solo
pochi pionieri hanno percorso ma che adesso si rende
disponibile ad un sempre maggior numero di persone. E’ un
sentiero che non va percorso da autodidatti ma partecipando a
81
specifici corsi e seminari sulle relazioni di coppia,
sull’autoconsapevolezza, sulla comunicazione interpersonale.
Ho partecipato a molti corsi e seminari del genere, prima come
allievo e poi come docente e ne ho ricavato un notevole
accrescimento personale e professionale in entrambi i ruoli. Si
tratta di corsi che prevedono sia lezioni sia soprattutto
esercitazioni pratiche, che consentono di sviluppare una sempre
maggiore consapevolezza e capacità di ascolto di sé e
dell’altro, una migliore capacità di esprimere sentimenti ed
emozioni, di comunicare le proprie richieste o lamentele in
modo costruttivo, senza ferire l’altro né umiliare se stessi.
Ad alcuni può sembrar strano dover andare a scuola di
relazione e magari pensano che amarsi e stare insieme sia
qualcosa di spontaneo, non da imparare. Invece è un’arte che,
come tutte le arti, va imparata. Anche l’artista agisce a partire
da una ispirazione, da un sentimento, da una visione spontanea,
ma poi la trasfigura, la esprime e la rende opera d’arte grazie
alla sua abilità tecnica e alla sua sensibilità acuita. Se non
avesse studiato, se non avesse imparato certi principi e certe
tecniche, se non avesse, grazie all’esercizio e alla
contemplazione,
affinato
la
propria
sensibilità
e
consapevolezza Bach non sarebbe divenuto l’artista che era, e
così pure Leonardo o Michelangelo, Dante o Montale.
Ognuno di noi– anche se non è un artista - è chiamato nella
vita ad esercitare le arti più umane, difficili e sublimi del
comunicare, del relazionarsi e dell’amare. Esercitarle senza
studiare non significa agire spontaneamente, anzi al contrario
significa essere prigionieri di quegli stili che abbiamo appreso
da bambini, imitando i nostri genitori oppure adottando per
reazione stili esattamente opposti ai loro, stili limitati e spesso
poco efficaci ma ormai divenuti abituali e inconsci e che
influenzano potentemente e spesso negativamente il nostro
agire, come ho meglio illustrato nel mio ultimo libro (E. Cheli,
Relazioni in Armonia, Franco Angeli 2004).
82
Se invece ci impegniamo a studiare, ad esercitarci, a
confrontarci con altre persone, arriviamo a scoprire che
esistono altri modi di comunicare, di esprimere emozioni e
sentimenti, di stare in relazione, e grazie alle esercitazioni
possiamo anche provarli questi modi, indossarli senza
impegno, giusto per vedere come ci sentiamo in essi e magari
scoprire che ci corrispondono più di quelli che finora avevamo
adottato come nostri. Allora iniziamo a prendere le distanze dai
nostri vecchi stili (che nostri non erano) e a capire come in fin
dei conti essi fossero responsabili di molte incomprensioni, di
molti conflitti, di molte sensazioni di mancata intimità, e
giungiamo piano piano a formarci un nostro stile, questa volta
davvero nostro perché sviluppato consapevolmente, perché
costituito da modi e linguaggi che sentiamo corrispondere alla
nostra interiorità, alle nostre aspirazioni, al nostro vero essere.
Come ho detto nel saggio introduttivo a questo libro, siamo
tutti fondamentalmente degli analfabeti sul piano comunicativoemozionale-relazionale perché figli di una cultura patriarcale
basata sul potere e non sulla comunicazione. Adesso è giunto il
momento di superare questo analfabetismo e di riappropriarci
delle nostre prerogative affettive e relazionali. Abbiamo
impiegato così tanto tempo a scuola per imparare cose spesso
rivelatesi inutili nella vita, perché non dedicare almeno qualche
briciola del nostro tempo ad una sfera così importante come la
relazione di coppia?
83
BIBLIOGRAFIA MINIMA
Cheli E., L’età del risveglio interiore, Franco Angeli 2001
Cheli E., Relazioni in Armonia, Franco Angeli 2004
Kingma D. R., Il futuro dell’amore, Gruppo Futura 2000
Schellembaum P., La ferita dei non amati, Red, Milano, 1996
Stone H., Stone S., Tu ed io. Incontro, scontro e crescita nella
relazione interpersonale, ed. Compagnia degli Araldi,
Montespertoli, Firenze, 1999
84
La relazione tra allievi ed insegnanti: studiare e
crescere insieme
Serenella Dalolio31
Ciascuno cresce solo se
sognato
Ciascuno Cresce solo se sognato
Danilo Dolci
Nella nostra cultura la relazione insegnante-alunno colora tutto
il percorso dell’età evolutiva , lungo un continuum che può
iniziare nei primi mesi di vita e proseguire fino all’età adulta.
La relazione insegnante-alunno si caratterizza come un
rapporto che assume una propria specifica finalità
nell’educazione e nell’apprendimento, nella crescita armoniosa
e valoriale della persona, in una dimensione comunicativa di
reciproca interdipendenza e condivisione. Abbiamo così
disegnato la cornice delle nostre riflessioni, tenuto conto che il
contesto scolastico a sua volta si inserisce, interagisce,
influenza ed è influenzato dai più ampi eventi sociali, culturali
e storici. L’immagine che possiamo trarne è quella di un
gomitolo di relazioni dove ciascuno di noi tiene in mano i suoi
31
Pedagogista, counselor relazionale, insegnante. Si occupa di psicologia
sociale e di psicologia scolastica con specifica attenzione alle dinamiche
comunicative e relazionali. Collabora a progetti di ricerca e di formazione
con la facoltà di Psicologia dell’Università di Bologna e gli Istituti
Regionali di Ricerca Educativa. Collabora con riviste a carattere scientifico
e divulgativo: “Età Evolutiva” (Giunti Ed), “Psicologia dell’Educazione e
della Formazione” (Erikson), “L’Educatore” (Fabbri Ed), “Psicologia
scolastica” (C. Amore Ed). Presidente dell’Associazione Nazionale
Counselor Relazionali ANCORE.
85
fili e li tesse con i suoni degli altri, creando e ricreando giorno
dopo giorno partiture comunicative.
Sviluppo sociale e contesto scolastico
L’essere umano è un essere sociale,
predisposto
all’interazione con gli altri e all’attaccamento con membri
significativi della propria specie.
Il bambino fin dalla nascita incomincia a proiettarsi verso
l’esterno, privilegiando nel mondo degli oggetti il volto umano;
fin dalla nascita è dotato di abilità che gli consentono di porsi
in relazione con le persone. Si dimostra coinvolto, desidera
esserci, assumere un proprio ruolo: è motivato a capire gli altri,
a coglierne le interazioni, le emozioni, le proibizioni, le usanze
per divenire un membro della società32.
Il bambino struttura comportamenti sociali via via più
complessi; la costruzione del sé, della propria identità inizia
dall’interazione con l’altro.
Nel corso dello sviluppo il bambino percepisce di esistere
come individuo separato dagli altri, come soggetto promotore
di azioni finalizzate a uno scopo; questo significa riconoscere a
se stesso di possedere capacità e caratteristiche personali.
Lungo la linea dello sviluppo è possibile cogliere due elementi
che esprimono l’immagine del fluire del tempo e della ricerca
di equilibrio:33
- un elemento di continuità: l’individuo assimila la realtà
esterna, accomoda le strutture possedute adeguandole
all’esperienza assimilata, stabilisce un adattamento
intelligente fra se stesso e l’ambiente;
32
Molinari L. “Psicologia dello sviluppo sociale” – Ed. Il Mulino – Bologna
2002
33
Liverta Sempio O. (a cura di) “Vygotskij, Piaget, Bruner Concezioni
dello sviluppo” – Ed. Raffaello Cortina – Milano 1998
86
- un elemento di discontinuità: lo sviluppo si caratterizza per
modificazioni strutturali che comportano riorganizzazioni
qualitativamente diverse.
L’essere umano in ogni età è un essere attivo che con il proprio
comportamento può modificare, creare comunicazione.
L’interazione con l’altro si allarga ad influenzare il sistema
cognitivo, la percezione della propria efficacia, delle proprie
abilità sociali. Attraverso le relazioni con gli altri coglie quali
sono le richieste di genitori e insegnanti, quali sono i
comportamenti che può tenere in loro assenza, quali sono le
conseguenze del proprio agire. La nostra società
istituzionalizza le diverse fasi di socializzazione attraverso il
sistema scolastico che segna la direzione della costruzione del
sapere e della crescita nella relazione tra pari e con gli
insegnanti.
L’ingresso nella scuola rappresenta per lo studente di ogni età
l’ingresso in un’organizzazione con regole e ruoli che devono
essere conosciuti, compresi, accettati, condivisi; il luogo in cui
viene interpretata in maniera potenzialmente creativa la
“cultura degli adulti” che viene proposta dagli insegnanti34.
Essere studenti, essere insegnanti
Abbiamo visto che ogni essere umano ha un imprescindibile
bisogno di nutrirsi di relazioni e che la scuola rappresenta,
insieme alla famiglia, un contesto privilegiato di crescita.
La nostra scelta di fondo è porci in un’ottica di comunicazione
e quindi di ascolto dell’altro.
Cosa fare per stare bene insieme? Che cosa può fare lo
studente, che cosa può fare l’insegnante?
Riprendendo un proverbio dell’africa sahariana “se vuoi sapere
qualcosa chiedilo ai bambini” rivolgiamo queste domande agli
34
Carugati F., Selleri P. “Psicologia sociale dell’educazione” – Ed. Il
Mulino – Bologna 1996
87
studenti. Questo ci consente di avere un’indicazione delle
rappresentazioni degli alunni e, in un secondo momento, di
valutare la possibilità di correlare i risultati con più ampie
indagini codificate a livello scientifico. (tab. 1)
Cerchiamo una chiave di lettura di questa semplice indagine
esplorativa.
I ragazzi ritengono che per stare bene insieme, per avere
relazioni in armonia con gli insegnanti sia innanzitutto
indispensabile la categoria del rispetto e dell’educazione, in
altre parole gli alunni legittimano il ruolo del docente,
riconoscendone la funzione istituzionale. Dimostrano inoltre di
porre attenzione al rispetto dei tempi scolastici indicando fra i
propri compiti la capacità di organizzarsi e di non approfittarsi
di eventuali situazioni favorevoli. Qualcuno ritiene opportuno
mettersi nei panni dell’insegnante, sentire quindi la
responsabilità di chi si trova dall’altra parte per coglierne la
funzione maieutica (insegnare e far apprendere) distinta e
separata dalla funzione valutativa (esprimere un giudizio).
Tab. 1
Indagine esplorativa a risposta aperta su un campione di alunni di
una quarta liceo
RELAZIONI IN ARMONIA
Cosa fare per stare bene insieme? Che cosa può fare lo studente, che cosa
può fare l’insegnante?
Cosa deve fare
l’ALUNNO
-
rispetto per l’insegnante
non approfittarsi di
situazioni favorevoli in
modo troppo visibile
puntualità nello svolgere
Cosa deve fare
l’INSEGNANTE
-
-
rispettare l’alunno sia
accordandosi sulle scadenze
(compiti, interrogazioni), sia
valutando con equità
dovrebbe essere una persona
88
-
-
compiti e scadenze
dobbiamo avere
educazione
metterci nei panni
dell’insegnante
capire che prima di tutto
è alla cattedra per farci
imparare non per dare
voti
mostrarci più interessati
ci si deve saper
organizzare
rispetto
disponibilità
non approfittarsi di un
insegnante
accondiscendente
rispetto e educazione
verso l’insegnante
-
con sani principi
fare il proprio lavoro (non
aspettare mesi per correggere
un compito)
giustizia nei voti
premiare chi studia,
penalizzare chi dorme
chiarezza nelle richieste per
evitare
sgradevoli incomprensioni
non mettere etichette che si
rispecchiano nei voti
non fare preferenze
ascoltare le richieste degli
alunni che a volte possono
essere costruttive
mettersi nei panni dell’alunno
mostrare più interesse per
l’insegnamento
adeguarsi ai tempi della
nostra e futura generazione
adeguarsi ai tempi moderni
(non c’è solo la scuola
essere organizzato
capire i problemi degli alunni
nell’apprendimento
mantenere l’attenzione (non
essere noioso)
evitare di generalizzare
quando si critica la “nostra
generazione di nullafacenti”
All’insegnante, a sua volta, viene richiesto di insegnare, di
saper trasmettere il piacere dell’esercizio della propria
professione, di essere portatore di valori morali di equità e di
rispetto dello studente, di vivere il proprio tempo mettendosi
nei panni degli alunni ponendo attenzione alle peculiarità
89
generazionali. Le risposte di questo gruppo di studenti ci
consentono due importanti riflessioni:
da un lato risulta immediatamente percettibile la sfasatura
quantitativa tra ciò che deve fare l’alunno e ciò che deve fare
l’insegnante assegnando enorme responsabilità al ruolo
dell’adulto, dall’altro è interessante rilevare come la dominanza
della categoria del rispetto35 sia rintracciabile lungo tutto l’arco
evolutivo e caratterizzi le richieste degli studenti a partire dagli
8 anni.
Alla ricerca di una definizione
Cerchiamo ora di individuare, prima di entrare all’interno di
questa relazione, quali sono gli aspetti costitutivi dell’essere
umano inteso nella sua individualità e nel suo rapporto con
l’altro. Questa operazione ci consentirà di verificare la
possibilità di assumere alcune linee-guida che ci possono
accompagnare nel percorso relazionale.
Per fare questo ci riferiamo alla posizione fenomenologica di
Husserl integrandola con la concezione e sistemica di Von
Bertalanffy e olistica della psicologia della Gestalt. Le
dimensioni originarie dell’uomo risultano così caratterizzate:
- ogni essere umano è costituito da una coscienza soggettiva
che è sempre coscienza intenzionale, “coscienza di”ovvero
coscienza aperta verso il mondo e verso l’altro;
- ogni individuo è portatore di una propria visione del mondo
che lo definisce nella sua dimensione di unicità e libertà di
essere;
- il riconoscimento della soggettività implica il rispetto di sé
e dell’altro;
35
Molinari L., Dalolio S. “Le regole non sono un gioco. Uno studio sui
bambini della scuola elementare” in Età evolutiva” - Giunti Editore –
Milano - ottobre 1999/64
90
-
il riconoscimento della libertà implica il concetto di
responsabilità per sé e per gli altri;
- la comunicazione interpersonale opera nella direzione della
cooperazione;
- l’educazione costituisce un campo di esperienza originario;
- ogni relazione si definisce nel carattere della reciprocità;
- le relazioni si caratterizzano per la sistemicità (i diversi
elementi sono fra loro strettamente correlati) e la
complessità (il tutto è diverso dalla somma delle parti).
La relazione insegnante-alunno possiamo così definirla come
una relazione impostata sulla reciprocità nella direzione della
ricerca di significati condivisi, all’interno di un contesto dato,
che si configura come educativo per l’esplicito mandato
istituzionale di crescita ed apprendimento. Il suo specifico
carattere educativo la rende aperta alla possibilità, al
cambiamento, al futuro, assumendo la problematicità
relazionale come caratterizzante ogni orizzonte dell’esperienza
umana. Allo stesso tempo si connota come una relazione in cui
emerge in modo predominante il carattere della irreversibilità,
ogni vissuto può essere modificato nei significati ma non nella
imprescindibile esperienza di realtà.
Questa breve formalizzazione teorica ci consente di porre
attenzione a sviluppare quelle modalità comunicative che
hanno radici nel nostro stesso essere uomini. E così come il
corpo e la mente hanno bisogno di cibo, allo stesso modo tutto
l’essere umano ha bisogno di relazioni per crescere.
L’apprendimento non viene più interpretato come l’unica
risultante dello sviluppo cognitivo ma come un processo in cui
si intersecano fattori emotivi, affettivi, relazionali,
comunicativi.
Il gruppo-classe
91
Struttura portante della nostra organizzazione scolastica è la
classe che rappresenta un microcosmo nel più ampio contesto
sociale. Qui gli insegnanti svolgono una funzione istituzionale
decisiva come mediatori relazionali degli alunni, nell’essere
“impalcatura “ e fattore di protezione per la crescita.
La classe si configura come una comunità di apprendimento
cognitivo-relazionale in cui gli insegnanti assumono la
funzione di facilitatore del processo di conoscenza
condividendo con gli alunni, pur nella differenziazione dei
ruoli, la responsabilità dei processi di acquisizione.
La carriera scolastica degli alunni è fortemente connotata dal
clima della classe. Il clima della classe influisce sulla crescita
personale degli studenti e sulla motivazione all’apprendimento.
L’insegnamento risulta ottimizzato se gli alunni hanno
chiarezza dei percorsi a loro proposti e se percepiscono il
sostegno e il favore degli insegnanti.
L’appartenenza a un gruppo consente di stabilire la nostra
identità sociale. Tutti i gruppi sviluppano un sistema di norme,
forme di interdipendenza, una rete di comunicazione e di
legami, ruoli e aspettative comportamentali.36
In ogni gruppo si presentano i medesimi processi interattivi:
leadership, cooperazione, conflitti, competizione, coalizione,
diadi, status medio, marginalità, socializzazione del linguaggio,
popolarità, sottogruppi, resistenze.
Lo stile di insegnamento e l’organizzazione del lavoro in classe
incidono sulle dinamiche relazionali e sulla motivazione: una
struttura individualizzata tende a collegare il successo
all’impegno personale; una struttura competitiva tende a creare
vinti e vincitori, una struttura cooperativa tende a produrre un
incremento del piacere di andare a scuola e incide
positivamente sulla motivazione all’apprendimento per il
sostegno che ciascun componente del gruppo sente di poter
36
Moreno J.L. “Principi di sociometria, di psicoterapia di gruppo e
sociodramma” - Ed. Etas Kapass - Milano 1964
92
ottenere. La coesione sociale nel gruppo è inoltre garantita da
reciproci ruoli di tutoraggio e dalla condivisione delle
elaborazioni cognitivo-relazionali.
Da quanto abbiamo finora detto risulta evidente l’importanza di
monitorare i processi interattivi del gruppo classe con
l’obiettivo di contenimento e di valorizzazione delle diversità.
A questo scopo l’insegnante può utilizzare strumenti di
rilevazione del ruolo che i singoli studenti percepiscono di
assumere in rapporto al gruppo (ad es. il sociogramma), nonché
del ruolo assegnato a ciascuno da ogni singolo compagno.
Qualsiasi tipo di rilevazione necessita di essere accompagnato
dall’intuizione e dalla sensibilità dell’insegnante che nella vita
scolastica di tutti i giorni ha il polso della dinamica di gruppo,
delle emozioni e delle appartenenze che rinforzano o
inibiscono la classe.
INTERVALLO
A scuola, in ogni scuola, c’è il momento dell’intervallo, il momento per
eccellenza del chiacchierare, del rilassarsi. Anche noi facciamo merenda,
merenda di parole e di pensieri.
“Tutte le tragedie del mondo, sia
individuali che collettive,
provengono dalla mancanza di
armonia.
E l’armonia si ottiene nel modo
migliore creando l’armonia nella
propria vita.”
Hazrat Inayat Khan
“Poiché in ogni atto d’amore e
volontà – e alla lunga entrambi sono
presenti in ogni azione – noi forgiamo
allo stesso tempo noi stessi e il mondo.
Questo è ciò che significa abbracciare
il futuro.”
Rollo May
93
Le strategie
Riprendiamo il percorso fin qui effettuato: siamo partiti dalla
contestualizzazione dello sviluppo sociale connotato nel
sistema scolastico, per poi passare ad individuare i bisogni
relazionali che emergono dall’intervista agli studenti. Questa
procedura ci ha consentito di ricercare i fondamenti della
relazione insegnante-alunno nell’essenza stessa di noi esseri
umani. Abbiamo così potuto affermare che questa relazione
risponde ad un primario bisogno educativo e che si configura
per il carattere di reciprocità. Cerchiamo ora di riassumere
alcune delle linee guida emerse nel nostro discorso tenendo
presente il nostro obiettivo di favorire relazioni in armonia,
nella consapevolezza che un buon sistema relazionale assume
la fondamentale funzione di ruolo protettivo nel corso
dell’intero ciclo della vita. Abbiamo più volte ripetuto il
carattere di reciprocità della relazione così come il modello di
comunicazione al quale noi facciamo riferimento è un modello
dialogico dove tutte le componenti intervengono in modo attivo
e significativo nel determinare le interazioni. In quest’ottica
possiamo dire che la protezione emotiva coinvolge sia l’alunno
nel suo percorso di crescita, sia l’insegnante nel suo percorso
personale e professionale di significato.
Winnicott parlava di “una madre sufficientemente buona”,
parafrasando le sue parole potremmo dire che, per avere
relazioni in armonia, possono bastare un
insegnante
sufficientemente buono e un alunno sufficientemente buono.
Questo potrebbe significare che la strada da perseguire non è
quella dell’eccellenza, ma è quella dell’attenzione, delle
relazioni che vengono coltivate giorno dopo giorno nella
direzione di costruire insieme qualcosa che dia un senso al
nostro quotidiano e che ci ponga, nel nostro immaginario, nella
direzione del “qui ed ora” e del futuro.
94
Quindi quali strategie per stare bene insieme? Abbiamo già
visto come emerga l’esigenza di uguaglianza e di rispetto
dell’altro nelle interazioni diadiche
alunno-insegnante.
Abbiamo poi sottolineato l’importanza del monitoraggio delle
relazioni nel gruppo classe attraverso l’uso di molteplici
strumenti di rilevazione e attraverso le osservazioni
sistematiche dei processi relazionali.. Qui approfondiamo le
nostre riflessioni tenendo conto che le strategie devono essere
calate nelle routine del quotidiano e nelle specificità dei singoli
contesti dove è interessante
assaporare la ricerca di
condivisione e costruzione di significati.
Ascolto
Ascoltare è conoscere se stesso e gli altri, è possibilità di
comunicare e di esprimersi. Il tempo scolastico, scandito
dall’acquisizione del sapere, deve tener conto di uno spazio
relazionale per il confronto, la discussione e il racconto. Ecco
che la narrazione sottolineata da Bruner, nella forma spontanea
o ritualizzata, diventa un dono per sé e per l’altro, diventa un
modo per esserci, per sentire e sperimentare la reciproca
appartenenza37. Imparare ad ascoltare se stessi e l’altro è un
importante esercizio di consapevolezza, di navigazione nel
mare delle possibilità, di prevenzione dei conflitti, di
potenziamento della capacità simbolica, di costruzione della
direzione di senso.
L’empatia è la capacità di mettersi nei panni dell’altro, di
guardare il mondo dal suo punto di vista. Mettersi in contatto
con l’altro
significa ascolto, non necessariamente
condivisione. Significa decentrarsi dal proprio io dando
centralità e attenzione al racconto, nel rispetto dei propri
confini e nella consapevolezza che, a volte, i no sono
indispensabili per crescere.
37
Liverta Sempio O. (a cura di) “Vygotskij, Piaget, Bruner. Concezioni
dello sviluppo” – Ed. Raffaello Cortina – Milano 1998
95
Quando parliamo di ascolto non vogliamo soltanto riferirci alla
narrazione verbale. Noi sappiamo infatti che “non è possibile
non comunicare” e che tutto il nostro corpo, insieme alle nostre
emozioni, è partecipe del dialogo con l’altro. Questo significa
dare autenticità alla dinamica dell’ascolto attraverso un
linguaggio non verbale che comunichi accettazione
incondizionata, sospensione del giudizio, congruenza nel “qui e
ora” tra il nostro apparire e il nostro essere.38
L’ascolto dell’altro comprende lo spazio del silenzio. Questa
dimensione di “non parole” se da un lato può essere sentita
come un indice di disagio, dall’altro può segnare il momento
magico della condivisione e dell’intimità. Saper accogliere e
ascoltare il silenzio significa creare spazio dentro di sé e porsi
in una dimensione di sospensione. Del resto, come la musica è
stata definita “silenzio tra suoni”, allo stesso modo potremmo
dire che il ritmo e l’intensità dell’ascolto è dato un
atteggiamento di silenzio e attesa .
Saper ascoltare è una competenza che si può intenzionalmente
acquisire, per l’insegnante attraverso una specifica formazione,
per gli studenti attraverso momenti strutturati nel percorso
curriculare. In questi ultimi anni abbiamo potuto osservare la
presenza di progetti tesi a migliorare le relazioni a scuola e la
comunicazione tra studenti e insegnanti; i colloqui, la
consulenza, l’orientamento, sono diventati patrimonio comune
della nostra realtà scolastica tesa al successo formativo e alla
prevenzione della dispersione e del disagio. Riteniamo
importante proseguire su questo percorso mettendo nella
cassetta degli attrezzi degli insegnanti il possesso di abilità di
38
Rogers C.R. “La terapia centrata sul cliente” – Psycho di G. Martinelli –
Firenze 1970
96
counseling39 da utilizzare, con carattere di trasversalità,
nell’ascolto di sé e dei propri alunni.
Comprensione
“Insieme con i colleghi ho messo a punto un programma
educativo che pone la comprensione al vertice dei nostri
obiettivi. L’idea centrale è che la comprensione è una
prestazione di ciò che uno sa ed è in grado di fare.
Si tratta di esporre gli studenti fin dall’inizio a esempi di
comprensione e di offrire loro ampia opportunità di praticare e
di esibire la propria capacità. Solo in un ambiente che offra
loro numerose occasioni di applicare le proprie conoscenze in
forme inedite essi potranno potenziare le proprie capacità di
comprensione nella scuola e nella vita.40”
La comprensione può connotarsi come strategia di tipo
cognitivo, capire un determinato contenuto, e può allo stesso
tempo essere definita come una strategia di tipo comunicativorelazionale. E’ in quest’ultima accezione che qui interpretiamo
il significato etimologico del termine “prendere con, prendere
insieme, contenere in sé, abbracciare l’altro da sé (contenuti,
idee, persone)”.
Per com-prendere l’altro è indispensabile mettersi nei suoi
panni, uscire simbolicamente da noi stessi attraverso una
sospensione del giudizio per entrare nell’alterità di un diverso
punto di vista. Questo viaggio conduce ciascuno di noi
all’esplorazione e alla scoperta di infiniti mondi possibili,
39
Il counseling si configura come una relazione di ascolto tesa a facilitare
la comunicazione con l’altro e con se stessi, finalizzata a prevenire e
risolvere le problematiche inerenti i rapporti interpersonali; nello specifico
il “counseling relazionale” attraverso un approccio olistico-relazionale e
una metodologia non direttiva, favorisce la consapevolezza e il benessere
della persona promuovendone la competenza comunicativa e relazionale.
40
Gardner L. “Sapere per comprendere” - Feltrinelli - Milano 2000
97
laddove l’unicità di ogni essere umano si riflette nella
molteplicità dei modi di essere.
Il processo di comprensione induce ad un decentramento
cognitivo: la capacità di cogliere le emozioni dell’altro
rappresenta un imprescindibile strumento conoscitivo per
l’esercizio delle interazioni e integrazioni sociali, per quel
senso di appartenenza o di non appartenenza ad un gruppo che
evolve nella capacità di espressione di un giudizio critico e
nella costruzione della propria identità.
Queste riflessioni ci portano a ricordare l’espressione di Hume
“la ragione è e può solo essere schiava delle passioni”
puntualizzando l’importanza delle emozioni, del sentire con la
propria pelle. Possiamo così cogliere come il codice relazionale
e quello cognitivo interagiscano perfettamente in una reciproca
interdipendenza dove la connotazione delle nostre relazioni e
dell’apprendimento scolastico è data dalla misura
dell’emozione che l’altro (persona o sapere disciplinare)
suscita in noi.
Tempo e spazio
Le nostre relazioni sono sempre situate in un tempo e in uno
spazio. Questa semplice e ovvia constatazione ci consente di
porre la dovuta attenzione al contesto relazionale.
Le relazioni si costruiscono nel tempo e con il tempo, ovvero
sono disegnate all’interno di una cornice che tende a definirle e
a connotarle attraverso le routine del quotidiano. L’essere
umano ha intrinsecamente bisogno di relazioni stabili
attraverso le quali identificarsi come singolo individuo ed allo
stesso tempo è portatore di quel bagaglio di curiosità e di
esplorazione che lo conduce verso nuove avventure. Possiamo
sostenere che è proprio la presenza di importanti figure di
attaccamento che consente a ciascuno di noi, in qualsiasi età, di
proiettarci verso la conoscenza.
98
Per stare insieme c’è bisogno di tempo.
Le relazioni seguono un andamento processuale che possiamo
caratterizzare lungo un continuum che va dall’indifferenza alla
dipendenza. Il senso di appartenenza si costruisce nel tempo,
nel dialogo, nella ricerca e nella condivisione di uno stile e di
un linguaggio relazionale, nella gestione del quotidiano che
porta con sé un’inevitabile, costitutiva conflittualità.
I conflitti vanno analizzati individuando il sistema delle
interdipendenze che si creano con l’altro (diade o gruppo)41. I
conflitti vanno prevenuti collocando le relazioni in un tempo
dove noi stessi siamo co-costruttori e responsabili degli eventi.
Le relazioni si collocano nello spazio. Noi sappiamo che la
comunicazione non è veicolata soltanto attraverso il codice del
linguaggio, ma passa in misura significativa attraverso il nostro
corpo e la distanza o prossimità con l’altro (oggetto, persona).
Questo significa che la relazione insegnante-alunno si esperisce
in uno spazio per definizione mai neutro. La modalità di
collocazione dell’ambiente di studio determina le modalità
relazionali, più aperte al dialogo e all’interazione in una
disposizione circolare, più rivolte all’apprendimento
individuale nella scelta di una disposizione frontale. È
importante avere la consapevolezza di quanto l’ambiente possa
influire sul nostro stare bene in una situazione, tenendo conto
che l’utilizzo di strategie di flessibilità consente, in rapporto
alle singole situazioni, di ottenere relazioni qualitativamente
diverse. Per esempio, se a scuola il tempo è quello della
narrazione dove ogni alunno è protagonista e attore della
propria storia, lo spazio è quello della vicinanza fisica, di un
tenersi per mano che ci consente di vivere l’emozione della
condivisione.
L’organizzazione del tempo e dello spazio a scuola rappresenta
per insegnanti e alunni una preziosa opportunità per studiare,
41
Vergnani P. Scaglione D. “ Manuale di sopravvivenza al conflitto” –
Fullvision 2000
99
per crescere, per saper ridere, in quella dimensione di gioco
che ad ogni età rappresenta il miglior oggetto mediatore per
stare bene insieme.42
Contratto didattico
La scuola svolge una funzione decisiva nell’organizzare il
contesto relazionale così determinante per l’acquisizione delle
competenze curriculari. Il contratto didattico tra insegnanti e
alunni rappresenta il luogo di negoziazione per la strutturazione
di una relazione dove le norme e le regole sono percepite come
socialmente condivise, dove c’è spazio per discutere, per
confrontarsi, per crescere insieme.
Parlare di contratto didattico significa porre attenzione alla
costruzione condivisa di significati, alle pratiche educative che
consentono di realizzare la situazione insegnamentoapprendimento, al contesto comunicativo della classe. Significa
concordare un sistema di regole frutto del patto educativo
elaborato dall’interazione dei diversi attori protagonisti, gli
alunni, gli insegnanti, i genitori. Questa modalità produce un
coinvolgimento diretto degli studenti ed una forte
incentivazione
ad
una
motivazione
intrinseca
all’apprendimento.
La comunicazione scolastica risulta fortemente influenzata dal
gioco delle reciproche aspettative.
A scuola gli alunni tendono ad imparare quello che si cerca di
insegnare loro. L’acquisizione dei contenuti rappresenta una
risposta alle aspettative dell’insegnante, allo scopo di superare
le prove di verifica. Gli studenti più bravi sono abili non
soltanto negli aspetti strettamente disciplinari ma soprattutto
perché comprendono e si pongono in sintonia con quanto viene
loro richiesto utilizzando in misura maggiore le strategie
42
Euli E. “I dilemmi (diletti) del gioco” – Ed. La Meridiana – Molfetta
(Bari) 2004
100
metacognitive43 di controllo. Queste riflessioni ci consentono di
ribadire l’importanza
del momento dell’ascolto e del
monitoraggio del clima di soddisfazione.
La comunicazione in classe risulta essere fondamentale per la
costruzione di significati condivisi. Attraverso la discussione e
la negoziazione dei punti di vista è possibile connotare
l’apprendimento in una dimensione socio-culturale,
intervenendo nell’analisi dei processi cognitivi attraverso le
interazioni
intersoggettive.
E’
importante
conferire
all’organizzazione discorsiva della classe alcune delle
caratteristiche del discorso quotidiano al fine di legare le
finalità dell’istruzione all’interesse e di tutti i componenti del
gruppo-classe. Questo consente di rispondere alle esigenze
degli studenti di affrontare argomenti attinenti ai tempi
moderni e ai loro vissuti, con l’attenzione di intervenire nella
“zona di sviluppo prossimale”44 definita da Vygotskij, al fine di
creare quel positivo conflitto socio-cognitivo che ci orienta
verso una saggia crescita.
L’esplicitazione degli obiettivi didattici ed educativi, oltre a
rendere alunni e insegnanti consapevoli del percorso, sviluppa
un clima relazionale positivo, sincronizzando la comunicazione
sul piano cognitivo e relazionale, favorendo un processo di
condivisione delle reciproche aspettative in misura sempre più
profonda lungo il percorso evolutivo.
Regole
43
Cornoldi
C.
“
Metacognizione
e
apprendimento” - Il MulinoBologna
1995
Liverta Sempio O. (a cura di) “Vygotskij, Piaget, Bruner. Concezioni
dello sviluppo” – Ed. Raffaello Cortina – Milano 1998
44
101
Wittgenstein afferma che le regole rappresentano il momento
più alto del processo di socializzazione in quanto consentono la
comunicazione.
Le routine quotidiane sono tipizzate da comportamenti
condivisi dove la regola svolge la funzione di regolare il
sistema di relazioni come prodotto delle reciproche aspettative
e di favorire, all’interno di contesti affettivamente stabili, la
conoscenza di sé e la crescita di un’identità equilibrata.
Noi interpretiamo lo stesso apprendimento come assunzione
di
significato
e comportamenti condivisi,
come
partecipazione ad una comunità sociale, scolastica nel nostro
caso, dove è data la possibilità di sperimentarsi come soggetti
relazionali.
L’atmosfera di un gruppo classe può essere vista come il
prodotto della qualità delle relazioni tra insegnanti e alunni, del
sistema di punizione e ricompense, del tipo di compiti richiesti.
Il modo di porsi degli adulti fa la differenza.
Una leadership autoritaria orienta condotte a regolazione
esterna con un sistema di premi e punizioni, una leadership
laissez fair produce disorientamento, una leadership
democratica favorisce la partecipazione collaborativa e la
strutturazione di un controllo intrinsecamente motivato45.
Gli adulti autorevoli-democratici favoriscono nello studente la
percezione che il proprio comportamento sia regolamentato
dalla propria volontà. Gli adulti che utilizzano il loro potere in
maniera contenuta, cercando di ottenere l’accettazione delle
regole, indirizzano lo sviluppo morale degli alunni verso forme
di autoregolazione che creano un presupposto emotivo
favorevole al dialogo, ad un rapporto giocato sulla reciprocità.
La vita quotidiana è però costellata di incomprensioni, di
disaccordo, di divergenze. Il confronto tra i diversi punti di
vista può condurre a più soluzioni: il conformismo ovvero
45
Emiliani F., Zani B. “Elementi di Psicologia Sociale” - Il Mulino –
Bologna 1998
102
l’adeguamento all’altro senza condizioni, la chiusura nelle
proprie posizioni, l’elaborazione di soluzioni mediate. Soltanto
l’ultima dinamica consente, attraverso il processo di
negoziazione, di giungere a soluzioni più elaborate sul piano
cognitivo, più interessanti su quello relazionale, più rispettose
su quello umano.
Sta per suonare ......
Abbiamo iniziato questo nostro breve discorso ascoltando il
punto di vista degli studenti e cercando di fondare la relazione
insegnante-alunno sulle direzioni intenzionali originarie che ci
accomunano in quanto esseri umani. Abbiamo poi accolto la
visione “olistica-relazionale”46
ricercando le interazioni
comunicative nel quotidiano, laddove i significati e le
reciproche aspettative rappresentano il luogo privilegiato della
negoziazione. Abbiamo infine indicato le modalità che
riteniamo più significative al fine di strutturare un percorso
didattico-educativo nella direzione prefissata dall’istituzione
scolastica:
l’attenzione
al
benessere
psicofisico,
all’acquisizione dei saperi, ai valori della democrazia e della
pace.
Parafrasando le parole di Morin, possiamo concludere che la
relazione insegnante- alunno non è rivolta soltanto alla
costruzione di una “testa ben fatta”47, quindi con particolare
accentuazione dell’aspetto intellettivo- razionale, ma di una
“persona ben fatta” all’interno di una visione unitaria e
interdipendente delle diverse componenti umane: cognitiva,
affettiva, spirituale, fisica, etica, estetica.
Essere “persone ben fatte” coinvolge sia l’essere insegnante
che l’essere alunno poiché ogni comunicazione produce un
46
definiamo “olismo relazionale” l’assunzione della imprescindibile
complessità dell’essere umano nella sua costitutiva dimensione
interpersonale
47
Morin E. “ La testa ben fatta” – Ed. Raffaello Cortina – Milano 2000
103
cambiamento dei singoli componenti di un sistema, ogni
relazione si configura per il carattere della reciprocità e ogni
essere umano è ricerca di direzioni di senso.
Nel nostro tempo è importante sapersi porre le domande poiché
proprio i quesiti sono costruttori di pensiero e di dialogo.
Riprendiamo quanto ci siamo chiesti all’inizio: che cosa
insegnar-ci (insegnanti e alunni) per stare bene insieme, per
avere relazioni in armonia?
Ecco le direzioni48 individuate:
- il riconoscimento di se stessi e dell’altro; ogni essere
umano è portatore di un’imprescindibile unicità;
- l’uguaglianza nella differenza; tutti gli uomini sono uguali
in quanto equidistanti da Dio;
- il bene della fragilità; ciascun essere umano porta in sé ogni
aspetto dell’ umana natura;
- il dubbio e la sospensione del giudizio; l’unica certezza che
ci accompagna è l’incertezza;
- la responsabilità e la speranza; ogni uomo è “abile al
responso” e portatore della possibilità di un cambiamento.
Ciascuno, a qualsiasi età e in qualsiasi ruolo, cresce solo se
sognato, se accolto, se oggetto di attenzione e di cura, se
soggetto di un progetto relazionale, se protagonista di un’
emozione negli occhi dell’altro.
Sognamo-ci.
48
In successione saranno espresse idee liberamente tratte dai seguenti
autori: Walzer, Hobbes, Nussbaum, Montaigne, Pascal, Block, Platone
104
BIBLIOGRAFIA MINIMA
CHELI E., www.relazioniinarmonia.i, Università degli Studi di Siena
MAGGIOLINI A., Counseling a scuola, Franco Angeli, Milano, 1997
MASINI V., La qualità educativa, relazionale e dell’apprendimento nella
scuola, ed. Prevenire è possibile, Grosseto 2001
PIANTA R., La relazione bambino-insegnante. Aspetti
evolutivi e clinici, Raffaello Cortina Editore,
Milano, 2001
Rivista
Conflitti – Rivista italiana di ricerca e formazione
Psicopedagogia, Redazione Conflitti – Piacenza (primo anno
di pubblicazione 2001)
Rivista
Psicologia dell’educazione e della formazione, Ed. Erickson,
Trento (primo anno di pubblicazione 1998)
105
106
Tra medico e paziente: favorire la
relazione con reciproco vantaggio
Massimiliano De Luca49
La mia libertà finisce quando comincia il bisogno altrui.
Tommaso Campanella, De Magia
1. Oggigiorno, sempre di più le discipline che fanno capo alla
comunicazione – intesa come insieme di competenze
relazionali articolate in un paradigma funzionale al contesto a
cui si applicano – integrano percorsi finalizzati a professioni
che, pur denunciando da sempre lacune in tal senso, non erano
mai state oggetto, in passato, di tale critica. Si pensi – e forse è
il caso più eclatante – al mondo della scuola, nel quale, sino a
pochi anni addietro, il ruolo del docente era concepito
esclusivamente in termini di competenza circa la materia
oggetto dell’insegnamento, senza considerare il suo riflesso
49
Esperto nelle discipline della comunicazione, Educatore, Counselor
Relazionale, già co-docente di sociologia della comunicazione presso
l’Università degli Studi di Firenze, attualmente ricopre l’incarico di
funzionario nell’area delle Politiche Sociali della Provincia di Firenze e
svolge attività di formazione in ambito socio-relazionale. In qualità di
scrittore e pubblicista è autore, tra gli altri, dei saggi “Psicopatologia e arte”
(Firenze, 2000), “La ristrutturazione cognitiva attraverso la scrittura come
Arte-terapia” (Firenze, 2001), dei romanzi “Le stelle sul soffitto” (La
Strada Editrice, 1997), ”Sotto gli occhi” (La Strada Editrice, 1998).
107
didattico – caratterizzante la specifica professionalità – ciò che
comunemente (ma con molto buon senso) viene definito
“sapere insegnare”.
Questa accresciuta attenzione verso le problematiche relative
al rapporto che lega i professionisti delle più diverse discipline
con l’utenza di riferimento, testimonia il processo di
democraticizzazione dei rapporti tra le persone in quanto
conseguenza di una diversa, sopraggiunta concezione
dell’uomo e dei diritti ad esso spettanti.
Nelle società moderne, ancora più che nel passato, dove l’uso
della forza era parte integrante dell’esercizio di dominio,
possiamo senza dubbio affermare che il controllo
dell’informazione è alla base di ogni sistema di potere, poiché
instaura una dinamica nella quale coloro che ne sono esclusi,
necessariamente si trovano a dipendere da chi amministra il
patrimonio di conoscenze e l’esercizio ad esse collegato. Non
si ritiene importante, ai fini del tema oggetto del presente
lavoro, soffermarsi più di tanto su questo punto, se non per
evidenziare quello che è stato il momento di rottura, nel quale
il processo di democraticizzazione innescato dalle rivoluzioni
americana, francese e russa – attraverso i moti del 1848 – trova
il suo culmine alla fine degli anni ’60, gli anni della cosiddetta
“rivoluzione contro-culturale” che ha esteso i suoi effetti
dall’ambito macro-sociale a quello micro-sociale.
A tale proposito è interessante osservare che, se da un lato le
organizzazioni macro-sociali si sono modellate per alcuni versi
secondo quelle che erano le strutture della cellula sociale per
eccellenza, e cioè la famiglia, dall’altro il processo di
cambiamento ha seguito la strada inversa, giungendo a mettere
in crisi la società patriarcale e le sue gerarchie autoritarie
partendo dalla critica del sistema nel suo insieme.
Al pari di altre figure istituzionalmente riconosciute e
caratterizzanti il tessuto sociale – veri e propri punti di
riferimento quali il sacerdote, l’insegnante, il carabiniere
108
eccetera – il medico, in particolare, non poté che acquisire, tra i
primi, quell’importanza e quel potere che deriva sia dal suo
apporto alla comunità, sia dalla sua formazione specialistica, a
fronte di una società rurale composta da elementi caratterizzati
da scarsa professionalità e perlopiù sostituibili gli uni con gli
altri.
Ora, senza addentrarsi troppo sugli impervi sentieri di norma
di competenza della psicologia, è necessario ricordare il ruolo
fondamentale
giocato,
nelle
dinamiche
umane,
dall’affermazione del proprio senso di identità – senso di
identità che inevitabilmente viene a forgiarsi nell’interazione
del soggetto con gli altri, tendendo, talvolta, a sovrapporsi con
un altro concetto ad esso correlato, quello di “ruolo” sociale.
Ha buon gioco Jean Paul Sartre quando, nel celebre
aneddoto, riprende il giovane che lo sta servendo dicendogli:
“Lei non è un cameriere, fa il cameriere”: la distinzione tra
“essere” e “fare” appare plausibilissima ai più quando essa
viene applicata a ruoli sociali a basso contenuto di
specializzazione, vale a dire per i quali non esistono i
presupposti di detenzione e quindi controllo dei saperi ad essi
collegati; ben più difficile appare la questione applicata a ruoli
specialistici e al relativo status sociale.
E’ comunque doveroso considerare – sempre mantenendosi
sul piano dell’intuizione e persino del senso comune – che
alcune professioni richiedono un coinvolgimento culturale,
deontologico e persino emotivo superiore ad altre: ma ciò non
giustifica completamente il fatto che “essere” e “fare”,
parafrasando Sartre, necessariamente debbano sovrapporsi.
Quando ciò accade, ecco che quei saperi ascritti al ruolo
particolare divengono tutt’uno con i saperi propri del soggetto
e che, in quanto tali, lo caratterizzano strettamente, sia sul
piano della auto-percezione di sé, che nel rapporto con gli altri.
Ed è proprio al fine di conservare intatto uno status che è
qualcosa di più di un mero riflesso sociale, che si instaura
109
quella dinamica di controllo delle informazioni relative al ruolo
professionale la quale, tra le sue conseguenze più rilevanti, ha
quella di creare una forma di comunicazione verso l’esterno
improntata prevalentemente a questo scopo, e quindi di voluta,
difficile comprensione per gli interlocutori.
Tutt’oggi è possibile riscontrare tracce di questo
atteggiamento culturale, ad esempio, nella scrittura il più delle
volte incomprensibile che caratterizza, sino al luogo comune, le
prescrizioni mediche, o nell’uso della terminologia scientifica
anche nei sempre troppo brevi spazi dei rapporti vis-à-vis in cui
i limiti culturali – in senso lato o specialistici dell’interlocutore definiscono l’unico piano comunicativo
possibile ai fini della comprensione.
Naturalmente la classe medica non è l’unica detentrice di
questo atteggiamento. Tra le agenzie sociali più rilevanti del
nostro sistema, la Chiesa ancora oggi sembra affidare
soprattutto al processo di secolarizzazione le sue speranze di
perpetuarsi, ponendosi come interprete unica di quanto
concerne la naturale tendenza al trascendente dell’uomo, ed i
problemi, anche etici e pratici, ad essa connessi; viceversa la
scuola, di cui abbiamo già accennato, ha subito un fortissimo
processo di democraticizzazione interna.
Permangono – e, per certi versi si inaspriscono – forti
resistenze che, a tratti, giustificano persino l’esistenza di
professioni che, oltre al carattere tecnico, si distinguono per la
loro prevalente componente ermeneutica, come consulenti di
vario genere, ma anche avvocati e commercialisti, divenuti
tramite necessari a pratiche legali o amministrative i cui
termini difficilmente sono intelligibili alla stessa utenza di
riferimento.
Persino professioni tradizionalmente collocabili in una fascia
di istruzione almeno formalmente più bassa, come i meccanici
d’auto o i riparatori di apparecchi radiotelevisivi, hanno
risentito di questo atteggiamento; è ipotizzabile che una meta110
comunicazione del tipo: “non cercare di capire quello che ho
fatto, ma che hai bisogno di me per farlo” induca
l’interlocutore ad un forte rispetto per la competenza dell’altro
e che tale rispetto si concretizzi nell’accettazione collettiva di
compensi inevitabilmente alti perché – in tal senso –
“giustificati”. Ma non vorremmo allontanarci dai temi propri
del presente lavoro.
Concludiamo questa introduzione sottolineando come nella
nostra società sempre di più la parcellizzazione del lavoro di
scala ha originato la tendenza a suddividere e conservare i
saperi così da contro bilanciare, attraverso la definizione di un
senso di identità sociale ben definito e – in diversa misura –
rispettato, il processo di alienazione a cui larghissima parte
della popolazione è sottoposta. In tale ottica, non vi è, né può
esserci, figura più importante di quella del medico a cui, tutti,
necessariamente, dobbiamo ricorrere in qualità di pazienti,
anche i medici stessi.
2. I motivi che stanno alla base dell’instaurarsi di una buona
relazione tra medico e paziente sono riscontrabili nei due
presupposti che costituiscono quella che può essere definita a
ragione la mission di tale figura professionale, ovvero: gestire
le aspettative dell’utenza e stimolare, anche attraverso l’aspetto
relazionale, tutte le risorse del paziente mirate alla sua
guarigione.
Per quanto riguarda il primo punto, è già stato accennato il
fatto che, a causa dei mutamenti culturali intervenuti a partire
dalla seconda metà degli anni sessanta, si è sviluppato un senso
diffuso di insofferenza verso queste forme di potere, nonché di
sfiducia generalizzata verso le istituzioni in generale, comprese
quelle mediche. Tale atteggiamento, per quanto fondato su
fattispecie concrete, di certo non rende giustizia a tutti quanti
operano nel rispetto del loro codice deontologico, e siamo certi
che non si tratta di un numero statisticamente irrilevante,
111
tutt’altro. Pur valutando la notizia nei limiti dati dalla scarsità e
dalle inevitabili lacune dovute alle fonti indirette di
riferimento, possiamo valutare sintomatico in tal senso il
recente caso della paziente che, rifiutando l’amputazione di un
piede in cancrena, ha pagato a breve con la vita questa sua
scelta50. E analoghe riflessioni possono essere fatte a proposito
del sempre maggiore consenso a cui vanno incontro figure
operanti a vario titolo nei settori dell’esoterismo o del
paranormale, o l’affermarsi di sette mistico-religiose
fortemente connotate da discipline che contemperano l’aspetto
fisico con quello spirituale.
E’ evidente che l’obiettivo di questo lavoro non è quello di
dare giudizi, ma soltanto ribadire quanto la medicina – ed i suoi
operatori paghino il conto di questo clima di scetticismo
crescente anche a causa della chiusura pregiudiziale che
caratterizza i loro rapporti con le cosiddette medicine “non
ufficiali” quali l’agopuntura e l’omeopatia. Ma, anche rispetto
a questo, le cose, stanno rapidamente cambiando.
Per quanto riguarda il nesso esistente tra una buona relazione
con il paziente ed i suoi margini di guarigione, è possibile fare
riferimento al filone di studi inaugurato dalla scuola di Palo
Alto negli anni sessanta. Già Sigmund Freud si era interessato
alle dinamiche relazionali, concentrandosi però sui traumi che
ne derivavano; Paul Watzlavick, George Bateson, Eric Berne,
Ronald D. Laing tra gli altri, spostarono il focus del problema
sulla relazione del soggetto con il sistema in cui era inserito,
50
La notizia del decesso della donna – indicata dalla stampa con lo
pseudonimo di Maria – è avvenuto il giorno 11 febbraio 2004, a distanza di
neanche tre settimane dalla visita medica all’ospedale San Paolo di Milano,
dove aveva rifiutato di sottoporsi all’operazione di amputazione di un piede
affetto da cancrena causata dal diabete trascurato. Il vice presidente della
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Dr. Salvatore Amato, ha
commentato così l’accaduto: “Abbiamo rispettato le norme [il diritto del
paziente di rifiutare le cure. N.d.A.] ma non il vero senso etico del medico
che, in ultima analisi, è la vita.” (riportato da La Repubblica, 20 febbraio
2004).
112
aprendo la strada a nuove concezioni sistemico-relazionali
mirate non solo alla cura, ma addirittura alla prevenzione di
patologie psico-sociali attraverso una vera e propria
educazione alle relazioni. In tale visione, le dinamiche sociali
sono fortemente criticate: l’uomo, infatti, può essere definito
come il prodotto delle sue ferite emozionali non curate che, per
cultura e convenzione, vengono tenute nascoste e vissute con
un senso di vergogna.
Il problema delle relazioni con gli altri è dato dalle
componenti di emotività e responsabili dell’attivazione di
comportamenti anche distonici rispetto alla sfera cognitiva,
prevalentemente orientati alla difesa della vulnerabilità che
emerge nella fattispecie. Solo prendendo coscienza del lato
emozionale di ognuno di noi, è possibile innanzi tutto
accertarne l’esistenza, quindi rispettare quella degli altri.
Senza entrare nello specifico della scientificità delle
definizioni utilizzate, solo a scopo esemplificativo, occorre
sottolineare che i processi che avvengono nella mente
cosiddetta “emozionale” sono paragonabili a quelli di un bimbo
di tre-cinque anni, ed è solo grazie alla mente “razionale” che i
traumi così originati sono relegati nei territori oscuri
dell’inconscio, dai quali, sollecitati, comunque emergono, a
volte in modo inaspettato, improvviso e spesso dirompente.
Un’altra metafora efficace, nonostante la banalità della sua
formulazione, è quella che permette di paragonare la nostra
personalità51 al tronco di un albero; esso, infatti, sviluppandosi
per rivestimenti successivi (dalla cui sezione orizzontale è
infatti possibile ricavarne l’età semplicemente contandoli)
incorpora e conserva in sé ciò che “è stato”in tutti i precedenti
anni di vita.
51
Anche per il presente termine, vale l’avvertenza riportata in precedenza,
ovvero che alcune definizioni vengono utilizzate, pur nell’ovvio rispetto
della loro etimologia scientifica, con prevalente fine esemplificativo.
113
Tutto questo per dire che il vivere le relazioni in una forma
culturalmente considerata “adulta” non solo non è in grado di
rispondere pienamente ai bisogni dell’uomo, ma spesso è causa
di vere e proprie ferite emozionali che potrebbero essere
evitare, prima, curate poi, modificando le relazioni stesse di cui
siamo parte.
Vi sono numerose tecniche, più o meno scientificamente
fondate, quali vari tipi di psicoanalisi, l’ipnosi, il rebirthing, la
meditazione, e tante altre ancora che permettono di riportare
alla soglia della coscienza particolari eventi e riviverli
nell’attualità, così da poterli affrontare alla loro radice e,
possibilmente risolvere le implicazioni che portano con sé
qualora esse si esprimano sotto forma di problemi.
Volutamente è stata introdotta una distinzione tra “ricordare”
e “rivivere”, in quanto funzioni, rispettivamente, di prevalente
gestione della mente razionale e della mente emozionale; è
proprio al fine di ottenere il risultato di incidere in modo
positivo sulla sofferenza causata dal trauma, che occorre
prendere consapevolezza di un aspetto di più vasto respiro,
ovvero – come già accennato – accettare l’esistenza della
propria sfera emozionale e dell’importanza che essa riveste
nella vita di ognuno di noi.
Ogni uomo, infatti, è portatore di un mondo emozionale
proprio e, in tal senso, può essere definito esso stesso come un
mondo a sé; ciò significa che solo attraverso la comunicazione
è possibile far venire a contatto questi mondi diversi
caratterizzanti ognuno un soggetto diverso. In altre parole,
potremmo dire che la visione del mondo di ognuno – prodotta,
in larga misura dall’universo emozionale proprio di ogni
soggetto, responsabile se non della costruzione, quanto meno
della polarizzazione della struttura dei processi cognitivi, e, più
in generale, dell’apprendimento – non si identifica
necessariamente con quello dell’altro; dobbiamo addirittura
114
ammettere che, nonostante l’appartenenza a realtà
culturalmente in gran misura coese, difficilmente ciò avviene.
E’ possibile ricondurre queste considerazioni su un piano
epistemologico in grado di restituire loro il senso profondo al
quale appartengono. E’ evidente che, in una comunicazione,
(sia intra-personale che inter-personale) l’intento di farne
accettare i contenuti si pone come strategia propedeutica a
qualunque obiettivo di carattere più generale, e che ciò non può
che avvenire nel pieno rispetto della strutturazione del mondo
emotivo del soggetto a cui il messaggio è diretto; ed è proprio
nell’accettazione della sfera emozionale, e nella sua gestione
(intesa non nell’accezione di “controllo” ma di “possibilità di
scelta rispetto alle diverse opzioni comportamentali”) che a
nostro giudizio risiede l’esercizio della libertà rispetto alle
scelte possibili.
Oggi viviamo un numero di relazioni infinitamente superiore
a quello che caratterizzava le generazioni precedenti;
parallelamente, non si è evoluta la capacità di gestire questo
cambiamento. Come in altri ambiti, culturalmente definibili
come “specialistici”, oggigiorno è evidente che anche le
relazioni posseggono tale dignità e si propongono nella loro
qualità di oggetto di studio e di apprendimento.
L’incidenza di tale abilità è trasversale, ed investe diversi
ambiti della vita personale, sociale e professionale in senso
stretto. A tale proposito, anche ai fini di cominciare ad
introdurre alcune tracce relative alla determinazione di una
serie di accorgimenti pratici da potere utilizzare all’occorrenza,
è necessario riprendere alcuni dei capisaldi della pragmatica
della comunicazione sviluppata e codificata nell’omonimo
testo dagli studiosi della cosiddetta Scuola di Palo Alto.
Il primo punto da tenere in considerazione nell’ambito dei
processi comunicativi riguarda l’impossibilità di non
comunicare. Non solo la parola, ma anche il silenzio,
addirittura – in alcuni casi – persino l’assenza producono un
115
messaggio: cadremmo sicuramente in errore se interpretassimo
in modo esclusivamente letterale le comunicazioni che
provengono da un soggetto altro. Restringendo il campo alla
comunicazione interpersonale, è necessario sottolineare che –
tra messaggio verbale e messaggio non verbale52 – è
quest’ultimo che assume la prevalenza e connota l’intero
messaggio nel suo insieme.
Un'altra considerazione basilare riguarda la difficoltà di
comunicare in modo efficace (ovvero in modo tale che il
messaggio trasmesso venga correttamente interpretato),
principalmente a causa del fatto, già accennato, che ogni uomo
può essere considerato un mondo a sé.
Ogni comunicazione si svolge su due livelli distinti,
rispettivamente di contenuto e di relazione. Per “contenuto” si
intende ciò che il messaggio esprime in senso stretto; per
“relazione”, il rapporto che lega l’emittente al ricevente. E’
evidente che la corretta interpretazione del messaggio viene
filtrata dal livello relazionale al fine di attribuire al contenuto il
suo valore.
Per quanto concerne la tecnica comunicativa, essa non può
essere che al servizio del contesto a cui si riferisce, al fine di
sortire l’effetto desiderato. Ciò sottolinea due aspetti del
processo: l’esistenza di varie tecniche comunicative e
l’esigenza di una preparazione in tal senso al fine di utilizzare
gli strumenti migliori nella fattispecie. Un attenta osservazione
e l’ascolto dell’interlocutore sono propedeutiche al fine di una
comunicazione modulata alle sue caratteristiche.
3. Abbiamo parlato sino ad adesso della comunicazione
prevalentemente per quanto riguarda il paziente, dei suoi diritti
52
Potremmo definire il comportamento non verbale come ciò che viene
detto senza dirlo. In particolare, tale modalità comunicativa avviene
attraverso l’intonazione delle parole, il paralinguaggio (qualità della voce,
pause, silenzi ecc.), la cinesica (sguardo, espressione del volto, gestualità
ecc.), il tatto, l’olfatto, l’aspetto esteriore.
116
e dell’implicazioni che sussistono col processo stesso di
guarigione; in tale ottica, prevalentemente, è stata infatti sino
ad adesso inquadrata la figura del medico.
Tuttavia è fondamentale ribadire che il corretto svolgersi
della relazione si pone come un’esigenza ed un diritto di
entrambe le parti, in quanto soddisfa i diversi bisogni che
emergono nel confronto, e che vengono comunemente definiti
come “problematiche nella comunicazione a rischio”, nel
dettaglio:
1.
2.
3.
4.
implicazioni emozionali per il paziente
implicazioni emozionali per il comunicatore
difficoltà linguistiche e/o culturali del paziente
verifica di ciò che ha percepito il paziente e
interpretazione del feedback
Focalizziamo adesso l’attenzione sul secondo punto, ovvero
sulle implicazioni emozionali per il comunicatore, e cioè, nel
nostro caso, il medico.
Come verrà meglio illustrato in seguito, uno dei presupposti
alla base di una buona comunicazione tra medico è paziente è
dato dal tempo che viene dedicato a tale attività.
Aldilà degli inevitabili problemi causati dalla concentrazione,
durante l’orario lavorativo, di un insieme di impegni spesso
indistinguibili dal punto di vista prioritario, è importante
soffermarsi su quella che potremo definire “tenuta emotiva”
della comunicazione.
Nel corso di alcune interviste all’interno un percorso di
formazione per operatori sanitari del quale abbiamo curato
l’ambito relativo alle competenze comunicativo-relazionali53, è
stata confermata quella che, a nostro giudizio, si pone né più né
53
Una iniziativa all’interno del “Progetto di sorveglianza colonscopica dei
soggetti a rischio aumentato per familiarità di cancro colorettale (CCR)
nella Regione Toscana”, Firenze, 23-24 settembre 2003, 16 gennaio 2004.
117
meno che come una evidenza, vale a dire lo stato di disagio che
accompagnava tutti coloro i quali – nel rispetto del proprio
ruolo, dal medico stesso all’operatore di sportello – venivano a
confrontarsi con la paura, il disagio o il dolore del paziente, in
una sola parola con la “realtà” che all’occasione lo definiva.
Ed è altrettanto evidente quali, devastanti effetti possa produrre
una esposizione emozionale superiore alla capacità di
assorbimento reiterata nel tempo.
Nella consapevolezza di essere impossibilitati a fornire
soluzioni esaustive per fronteggiare questo tipo di dinamica,
nonché per soddisfare nella totalità dei casi i bisogni emergenti
dalle problematiche proprie della comunicazione a rischio, ci
limiteremo a fornire elementi di riflessione in grado di
permettere lo svolgimento dei compiti che il ruolo – di medico
o paziente che sia – che si instaura nella dinamica sia svolto nel
migliore dei modi.
A beneficio di coloro che maggiormente avvertono la
responsabilità del ruolo rivestito in quanto non occasionale (e
quindi dei medici, e più in generale di tutti coloro che si
trovano ad operare nel disagio a livello professionale), è buona
norma tenere sempre presente che solo attraverso la cura di sé
stessi è possibile prendersi realmente cura anche degli altri, e
che la capacità di trasmettere una sensazione di forza e di
sicurezza – nelle sue diverse accezioni di conforto,
accettazione eccetera – è vincolata all’effettivo possesso di tali
caratteristiche, e mai di una finzione54.
Un aggancio cognitivo alla questione è rappresentato
senz’altro dal distinguo che possiamo introdurre tra il senso di
54
A tale proposito, si rimanda ad uno dei punti espressi in precedenza,
ovvero al fatto che tra messaggio verbale e messaggio non verbale è
quest’ultimo che assume la prevalenza e connota l’intero messaggio nel suo
insieme. Per maggiori approfondimenti circa le implicazioni emozionali
degli operatori del disagio in genere, si rimanda all’articolo “La ferita
collettiva dell’emarginazione” (tratto da “La ristrutturazione cognitiva
attraverso la scrittura come Arte-terapia”).
118
responsabilità e l’emozione causata dal senso di responsabilità,
ovvero, nella fattispecie, tra l’insorgenza della malattia e la sua
diagnosi.
Abbiamo fatto riferimento a quell’esperienza comune di
disagio che si verifica allorquando un soggetto provoca,
attraverso una sua comunicazione, uno stato di dolore ad un
altro. E’ evidente che di tale esperienza ognuno possiede già
uno schema cognitivo che lo porta, nei limiti del possibile, ad
evitarla, o, nel caso, a circoscriverla nel più breve lasso di
tempo.
E’ questa, a nostro giudizio, una tra le cause –
probabilmente la principale – responsabile della frettolosa
comunicazione che, mediamente, il medico instaura col
paziente.
Tale generalizzazione, che deve essere intesa come
esemplificativa, si presta maggiormente alla descrizione di
figure specialistiche piuttosto che di quella del medico di base,
il quale, per la natura del suo ruolo, segue gli pazienti per anni
nelle circostanze più diverse, spesso svolgendo funzione di
interprete delle sue manifestazioni sintomatologiche, e,
all’occorrenza, il tramite con lo specialista a cui il paziente
viene indirizzato55.
Riuscire a prendere le distanze dal senso di colpa, valutare la
sensazione di disagio non in quanto tale ma come il prodotto
dell’emozione suscitata dalla relazione, significa compiere un
primo, significativo passo verso quella che abbiamo definito in
modo un po’ estetico come la “tenuta emotiva” della
comunicazione, ed essere così in grado di soddisfare sia
l’esigenza di accoglimento e conforto del paziente, sia i rischi
di burn-out 56del medico.
55
Per quanto riguarda la corrispondenza tra i sintomi manifestati dal
paziente e la loro corretta interpretazione, quindi esposizione al mendico, si
veda, tra gli altri: T. Dethlefsen, Rudiger Dahlke: Malattia e destino,
Edizioni. Mediterranee, Roma 1993.
119
Esercizi mirati a stimolare le risorse sufficienti a fare fronte
a tale sovraccarico emotivo sono oggetto di una relativamente
recente codificazione; essi trovano corrispondenze più o meno
precise con alcune tecniche proprie della meditazione, e una
loro sommaria descrizione sarà data nel proseguo
dell’esposizione.
4. Schematicamente, possiamo riassumere le caratteristiche
salienti alla base di una comunicazione soddisfacente nei
seguenti punti:
1.
2.
3.
4.
5.
setting adeguato
accoglienza da parte dell’emittente
ascolto attivo ed empatia
eventuale contatto fisico
congedo adeguato
Il paziente, che si caratterizza nel suo occasionale stato di
bisogno, deve essere ricevuto in una cornice accogliente,
percepire che il medico si prende cura di lui, aldilà
dell’intervento di natura specificatamente tecnica. Il luogo
attrezzato per i colloqui deve essere modellato, in sostanza,
sull’idea di comfort alla quale si ispira l’arredo di un salotto,
piuttosto che di uno studio.
Non è consigliabile interporre una scrivania col paziente,
piuttosto due sedie vicine, disposte in modo tale che, da sedute,
le persone si possano confrontare disposte su un angolo di circa
novanta gradi. Studi sulla prossemica hanno infatti dimostrato
che tale posizione rappresenta un efficace compromesso tra
56
In termini generali, si definisce “burn out” (Cherniss, 1983) il mancato
raggiungimento da parte di un’energia della sua meta e la conseguente
attività di autodistruzione che questa deviazione determina, o, in un’ottica
maggiormente specialistica, “una progressiva perdita di idealismo, energia e
scopi vissuta da operatori sociali […] come risultato delle condizioni in cui
lavorano” (Edelwich, Brodsky, 1980).
120
quella di fronte (indicatrice di fortissima intimità o di un
conflitto) e quella da lato (tipica di una forte confidenza).
Qualunque arredo – piante, stampe vivaci, può contribuire, a
creare un senso di accoglimento nel locale.
L’accoglienza vera e propria inizia con l’andare incontro al
paziente e stringergli la mano, quindi invitarlo a sedere. Si
tenga presente che quello potremmo definire “l’alfabeto”
dell’emisfero cerebrale destro, responsabile dell’elaborazione
delle emozioni, è composto da un linguaggio simbolico che si
basa sulle corrispondenze tra i gesti ed i suoi sottointesi; in
parole povere, immediatamente, a livello emotivo, “il” porgere
la mano viene individuato come un segnale di “benvenuto”.
Stessa considerazione può essere fatta per le braccia protese.
Naturalmente, il soggetto può e deve valutare quale possa
essere l’atteggiamento migliore da adottare nella fattispecie,
anche nel rispetto del suo ruolo professionale e della
confidenza con l’interlocutore.
Teniamo sempre presente che il lavoro sul corpo innesca un
riflesso psichico (e viceversa): tale dinamica rende ben
comprensibile come anche attraverso role playing, o
nell’espletamento di rituali, si compia, a livello inconscio, la
vivificazione del simbolo rappresentato.
Le braccia incrociate sul petto sono sintomo57 di ricerca di
protezione e vengono percepite a livello inconscio come una
forma di chiusura da parte dell’interlocutore. Viceversa, le
palme delle mani aperte, appoggiate sulle gambe e rivolte verso
l’alto, comunicano disponibilità all’accoglimento.
Esiste inoltre una precisa corrispondenza tra il fluire del
respiro e le emozioni. La respirazione tipica degli adulti
57
Il termine è usato nella sua accezione etimologica, dal greco
SYMPTOMA (coincidenza), da SYM (SIN) più PIPTEIN (cadere): “fatto
che coincide con un altro fatto che ne è l’effetto o il segno” e anche
“fenomeno che accompagna una malattia” e “indizio”. I sintomi possono
essere detti “subiettivi” riguardo la loro percezione da parte del malato e
“obiettivi” nella considerazione del medico.
121
avviene a livello di torace, contrariamente a quella dei bambini,
i quali, vivendo pienamente le loro emozioni, focalizzano tale
attività all’altezza della pancia. Letteralmente, nei momenti
emotivi particolarmente difficili (nei quali può prevalere, ad
esempio, una sensazione di paura) si dice che “si è bloccato il
respiro”: tale blocco è da considerarsi il riflesso fisico di una
più profonda interruzione della fluidità con la quale le
emozioni ci attraversano.
Le zone polmonari nelle quali avviene il processo di
respirazione sono tre: inferiore, media, superiore; in una
situazione di quiete, il respiro dovrebbe partire dal basso ed
estendersi verso l’alto. La tendenza ad escludere la parte
inferiore dal processo è da considerarsi la trasposizione a
livello fisico di una volontà più o meno conscia di escludere
dal proprio vissuto le emozioni, di qualunque tipo, anche
positive. Il respiro può a ragione essere considerato né più né
meno che la parte somatica delle emozioni; educare la mente a
questo processo non è certo sufficiente: occorre far imparare al
corpo questa verità58, così da innescare un processo circolare in
grado di richiamarsi ora alla sfera cognitiva, ora a quella
emotiva.
Respirare “di” pancia ha un primo effetto benefico circa
l’allentamento della tensione emotiva. Il sincronizzare il
proprio respiro su quello dell’altro, permette, inoltre –
attraverso una tecnica denominata del “rispecchiamento” – di
riuscire a modulare la capacità di accoglimento emotivo sui
contenuti portati dall’altro. Tale tecnica introduce – in quanto
riflesso fisico di un atteggiamento emotivo di accoglienza – ai
concetti di ascolto attivo e empatia.
Aldilà delle varie definizioni che la caratterizzano, possiamo
semplificare affermando che l’empatia si risolve nel
riconoscimento e non-rifiuto dell’emozione dell’altro,
partecipando cioè ad essa, ma tenendola distinta dall’emozione
58
Nel senso di “realtà”, “stato di fatto” (N.d.A.).
122
personale. Il background di un corretto processo empatico nei
riguardi della comunicazione a rischio può essere sintetizzato
nel seguente assunto “mi dispiace per quello che accade, ma
non ho colpe, anzi: sono qui per aiutarti”. La ripetizione di
questa frase, a livello interiore, può radicarsi a livello inconscio
(quindi emozionale) secondo le stesse dinamiche rituali dei
mantra; si ricordi che per la natura della loro professione, i
medici, e comunque tutti coloro che operano nel disagio ed
hanno strumenti per contrastarlo, spesso vivono il senso di
impotenza alla stregua di un vero e proprio senso di colpa, sino
a rimproverarsi intimamente di non essere riusciti a fare
persino l’impossibile.
Viceversa, per il paziente, la figura del medico è talvolta
vissuta come riflesso di quel residuo di potere di cui è stato
accennato in precedenza, quindi sovrapposta ad una figura
completamente diversa, quella del giudice, con le conseguenza
del caso. Tale atteggiamento culturale è reso letteralmente
dell’espressione “i medici mi hanno condannato” – la cui
corretta formulazione sarebbe piuttosto “i medici hanno
constatato che…”. Questo è un caso limite (ma
quantitativamente non trascurabile) in cui gli effetti di una
cattiva comunicazione si riversano sulla figura “forte” del
rapporto.
Per quanto riguarda l’ascolto attivo, durante la conversazione
è importante porre domande, cercare di capire quella che è la
realtà vissuta dal paziente, così da restituire un senso di
accettazione, e riuscire infine a ricondurlo – nel caso – a quella
che è la realtà, per così dire: oggettiva, e stabilire una linea di
condotta collaborativa; cenni di assenso o espressioni di intesa
favoriscono una percezione positiva di essere realmente
ascoltato.
Al termine della comunicazione, l’ascolto attivo deve
focalizzarsi sul feedback ricevuto, così da riuscire a
123
comprendere quella che è stata effettivamente la reazione del
paziente, e valutare i possibili sviluppi futuri.
Un contatto fisico, un gesto di conforto – facilitato
dall’assenza di barriere fisiche – può rivelarsi efficace, a patto,
come già detto, di valutarne l’opportunità, a seconda del
soggetto che si ha di fronte e dal contesto. E’ fondamentale –
ed è stato ripetuto più volte – che qualunque atteggiamento,
qualunque gesto, per risultare efficace, deve essere compiuto
solo se intimamente se ne possiede la forza e la volontà,
altrimenti la percezione che l‘altro ne riceve sarà non solo tale
da vanificarne gli effetti, ma persino occasione di conflitto.
Al momento del congedo, occorre tenere ben viva nell’altro
la percezione dello stretto rapporto che lo lega al medico, che
la fine del colloquio non è sinonimo di abbandono, ma solo di
uno dei vari step nel corso dell’iter di cura. Dare peso, in caso
di diagnosi sfavorevoli, a quella che è la statistica positiva circa
la fattispecie, evidenziando la quantità delle risposte favorevoli
ai trattamenti – e cercare di responsabilizzare il soggetto
facendolo sentire non solo parte, ma elemento indispensabile
del processo di guarigione, si configurano come strategie
minime finalizzate ad una reazione in tal senso.
6. Sul piano metodologico, l’obiettivo di fondo è quello di
contribuire a far affermare una concezione del paziente
inquadrata in un modello psico-sociale, dove la “situazione di
vita” e i “tratti di personalità” del paziente assumono rilevanza
nella formulazione della diagnosi e relativo iter di cura, in
contrapposizione con il modello bio-medico, nel quale il
paziente si configura nient’altro che in qualità di portatore
passivo della malattia, in un rapporto di completa
subordinazione al medico. Ciò richiede un impegno sul piano
formativo volto a ridefinire i parametri della professionalità
medica rispetto al contesto in cui opera, quindi l’assunzione
124
della prospettiva comunicativo-relazionale quale riferimento
circa la costituzione del rapporto con il paziente.
Potremmo dire che non è sufficiente parlare al paziente,
piuttosto col paziente, sottolineando così, ancora una volta, il
suo ruolo attivo nella dinamica di guarigione; il colloquio deve
pertanto rispettare i più elementari criteri di uguaglianza tra gli
interlocutori, sia pure nel rispetto dei diversi ruoli. Ad esempio,
al fine di distribuire in modo equilibrato l’apporto di entrambi,
durante l’intervista il medico dovrebbe interrompere il paziente
solo quando è veramente necessario, incoraggiarlo ad
esprimersi e ad imparare a riportare in modo fedele quelli che
sono i suoi sintomi; in particolare, deve essere dato spazio alla
sua storia individuale, così da poter ricostruire una anamnesi
personale, intesa come raccolta di informazioni che lo
riguardano, anche in relazione alla sua malattia.59
L’intervista col paziente può essere strutturata secondo
modalità diverse; un approccio possibile, definito “integrato”60,
prevede una serie successiva di passaggi che, dal problema
principale manifestato dal paziente, arrivano a definire la sua
storia familiare:
•
•
•
•
•
•
•
Problema principale
Anamnesi patologica
Altri problemi presenti
Tematiche generali riguardanti la salute
Anamnesi patologica remota
Storia sociale
Storia familiare
59
La radice del termine “anamnesi” (ANAMNESIS) letteralmente è
traducibile con “ricordo”. Ciò evidenzia non soltanto l’importanza quello
che viene raccontato dal paziente, ma anche “come” tale racconto avviene,
il che può essere considerato un indicatore del suo rapporto con la realtà, in
particolare con la malattia.
60
SMITH R.C. “La storia del paziente, un approccio integrato all’intervista
medica”, Il pensiero scientifico, Roma, 1997.
125
Un diverso approccio al colloquio può essere ispirato
all’esigenza di rapportarsi al paziente in modo tale da ricavare
le informazioni necessarie a partire da quelle che sono le sue
esigenze, soprattutto emotive; ciò, in particolar modo, nel caso
di comunicazioni che possono modificare, in modo negativo, la
suo visione del futuro. In sostanza, porsi il problema di capire
cosa già sa il paziente, ma anche cosa vuole sapere ; una volta
stabilito un piano comune di dialogo nel quale i timori dell’uno
siano – almeno in parte – compensati dall’accoglienza
dell’altro, è possibile pianificare il processo di cura.
Più in generale, al fine di procedere in modo da agevolare
un’apertura emotiva del paziente che si traduca in una raccolta
di informazioni maggiormente dettagliata, nonché in quella che
– attraverso un apparente paradosso – potremmo definire la sua
collaborazione al processo di guarigione, è buona norma
iniziare il colloquio con una domanda aperta, e solo in seguito
porre una serie di domande specifiche mirate all’obiettivo.
Possiamo infine concludere affermando che l’insieme delle
strategie comunicative di cui abbiamo parlato, oltre a porsi
come un efficace strumento di lavoro, debbono essere
principalmente intese come riflesso di un più ampio
cambiamento culturale, che tra i suoi effetti, nella fattispecie,
ha quello di mettere al centro dell’attenzione la persona, non il
problema che porta con sé.
126
BIBLIOGRAFIA MINIMA
BATESON GREGORY, MENTE E NATURA, Adelphi, Milano 1994
BATESON GREGORY, VERSO UNA ECOLOGIA DELLA MENTE,
Adelphi, Milano 1977
BERTINE ELEANOR, LE RELAZIONI TRA LE PERSONE, Ed.
Comunità, Milano 1961
CAPRA FRITJOF, IL TAO DELLA FISICA, Adelphi, Milano, 1987
CHELI ENRICO, RELAZIONI INTERPERSONALI, FrancoAngeli, Roma
2004.
COHEN SOLAL ANNE, SARTRE, Il Saggiatore, Milano 1989
DE FELICE FRANCO /BARBARA CIOCCOLANTI: IL RISCHIO DI
BURNOUT NEGLI OPERATORI SOCIOSANITARI, Edizioni
Goliardiche, Urbino 1999
DE FELICE FRANCO, LA COMUNITA’ IN CAMMINO–IL CAMMINO
DELLA COMUNITA’, Quattroventi, Urbino 1997
DETHLEFSEN THORWALD, DAHLKE RUDIGER, MALATTIA E
DESTINO, Edizioni Mediterranee, Roma 1993
FRANCESCATO D., G. GHIRELLI, FONDAMENTI DI PSICOLOGIA
DI COMUNITA’, Carocci, Roma 1998
JUNG CARL GUSTAV, L’UOMO E I SUOI SIMBOLI, TEA, Milano
1992
LEOZAPPA EZIO A., BENVENUTA MALATTIA!, Castelvecchi,
Bologna 2001
QUADRIO ASSUNTO, CLERICI A. SIMIONATO M. (a cura di),
PSICOLOGIA E PROBLEMI GIURIDICI, Giuffrè, Milano 2000.
SEMI ANTONIO ALBERTO, TECNICA DEL COLLOQUIO, Raffaello
Cortina Editore, Milano 1985
127
SCHELLENBAUM PETER, LA FERITA DEI NON AMATI, Demetra,
Milano 1995
SMITH R.C., LA STORIA DEL PAZIENTE, UN APPROCCIO
INTEGRATO ALL’INTERVISTA MEDICA, Il pensiero scientifico,
Roma, 1997.
WATZLAWICK PAUL, BEAVIN J., JACKSON D.D., PRAGMATICA
DELLA COMUNICAZIONE, Astrolabio, Roma 1971
WATZLAWICK PAUL, IL LINGUAGGIO DEL CAMBIAMENTO,
Feltrinelli, Milano 1980
128
Relazioni sul lavoro:
problemi e prospettive dei rapporti con
colleghi e superiori
Isabella Venturi61
Una proposta di cambiamento è un esercizio di
potere, quindi una proposta di qualità di potere
Enzo Spaltro, medico psicologo
Intervista a Isabella Venturi, consulente e formatrice per il
benessere nel lavoro.
Si parla tanto dei problemi nei rapporti di coppia,
famigliari… e sul lavoro?
Anche le Organizzazioni sono sistemi relazionali complessi.
Sul lavoro spesso le persone sono fianco a fianco per anni, e
non sempre si capiscono. L’accumulo di incomprensioni
comporta stress, disaffezione professionale, sofferenza; perfino
malattie anche gravi sono causate da disagi sul lavoro. Lo stato
di scontentezza crea intorno a sé un’ energia poco costruttiva,
che influisce sugli altri... anche involontariamente. Se una
persona non è soddisfatta del suo lavoro, crea e “informa”
61
Formatrice e Counselor relazionale; esperta in metodologie
autobiografiche. Progetta e conduce percorsi formativi per gruppi di adulti;
specializzata in gestione e potenziamento risorse umane si occupa di
consulenza e formazione per migliorare le relazioni interpersonali e il
benessere nel lavoro.
129
nuova insoddisfazione, con evidenti ripercussioni negative
sulla qualità dei servizi erogati…
Ogni individuo ha bisogno di considerazione, di ascolto, di
essere stimato nel suo ruolo, insomma … “di esistere”… Se
impariamo a “coltivare” i rapporti, a interrogarci sul “come”
stiamo e cosa potremmo fare per stare meglio. Creiamo nuova
pensabilità, che è la premessa per alimentare un percorso verso
il “ ben vivere”, e di conseguenza mettiamo le basi per il
“buon lavorare”. In altre parole, il lavoro può essere
un’opportunità per riflettere sui diversi stili comportamentali,
sulle modalità di presa delle decisioni (anche non decidere è
una decisione …) e ancora su come si vivono e si esercitano le
proprie responsabilità, i propri ruoli professionali… Tutto
questo comporta riflessioni sulla propria soddisfazione nel
lavoro e la ricerca di soluzioni migliorative, con evidenti
ricadute positive sui prodotti dell’ azienda, siano questi servizi
o beni materiali.
Quali sono i problemi più ricorrenti tra gli “abitanti” delle
organizzazioni?
Spesso dicono “non ci sto bene”, oppure “là non funziona
nulla”, o anche “ormai le ho provate tutte…” enunciazioni un
po’ generiche, insomma. Sembra che dopo un certo periodo nel
quale le persone si impegnano ad affrontare situazioni che a
loro avviso possono essere migliorate, se non ottengono i
risultati attesi… abbandonano. Raramente se ne vanno dall’
organizzazione che comunque garantisce sicurezza; più spesso
si “adagiano”, “smettano di pensare” passando da una
posizione di proposta attiva a una di attesa, a volte di resa,
quando non di attacco a colleghi e superiori. E’ chiaro che
queste posizioni sono un costo per l’ organizzazione sia in
termini economici che sociali.
Costi economici e sociali?
130
Pensiamo a un infermiere, a un impiegato del Comune, della
ASL... se non condividono le scelte dei propri dirigenti, o
peggio non le conoscono nemmeno (e non è raro che ciò
accada): lei non crede che questo abbia una ricaduta sull’
atteggiamento rispetto al lavoro, e quindi rispetto all’ utente?
La stessa cosa vale per le aziende private: se il magazziniere
non è a conoscenza delle scelte aziendali, se non si sente
coinvolto, pensa che la sua dedizione al lavoro sia elevata? E
non è solo una questione di stipendio: su questo ci sono
ricerche anche molto serie che dimostrano che a parità di
stipendio i comportamenti delle persone variano molto a
seconda del coinvolgimento, del clima… Consideri la scuola
pubblica: stipendi uguali per analoghi incarichi, eppure ci sono
situazioni e proposte tra loro così diverse…
Altro esempio: per lo più si ritiene che siano gli addetti allo
sportello - ossia quanti si relazionano direttamente ai
clienti/utenti - quelli che più di altri necessitano di formazione
relazionale, senza pensare che è proprio il “clima”, la cultura, i
segnali della direzione che facilitano o meno anche gli
operatori a diretto contatto con i cittadini ad essere più o meno
“relazionalmente competenti”. Immaginiamo un addetto allo
sportello che non va d’ accordo con il suo collega, che vede
raramente il suo dirigente, che non è informato… con quale
cura questa persona offrirà il servizio ai cittadini?
Sembra cioè che sia una questione di scarsa informazione e
considerazione..
Certo. Proviamo a immaginare con che stato d’animo ad
esempio un responsabile tecnico va a una riunione interna dove
è necessario prendere una decisione congiuntamente con il
settore legale - amministrativo se non c’è stima tra le parti, se
non sono chiare le responsabilità di ognuno, se uno pensa dell’
altro qualche cosa del tipo: “quello fa il furbo… tende a
131
scaricare le sue responsabilità …” . E questi signori il più delle
volte vanno alla riunione e ne escono con le medesime
convinzioni di prima - forse anche rafforzate - in merito al fatto
che “l’altro” non capisce, non si impegna, non… E
considerando i vissuti dal punto di vista di ciascuno di loro,
probabilmente verrebbe da dargli ragione. Ma spesso è appunto
questione di “punti di vista”, derivanti da una sorta di
“economia mentale”, che non consente di cogliere aspetti che
non siano conferma della propria posizione.
E allora…?
Allora volendo affrontare il discorso dall’ inizio, l’essenza è
un po’ questa: a scuola impariamo matematica, storia,
geografia… e fino all’ università studiamo “le materie”. Ma
nessuno ci insegna a dire le cose in modo da essere compresi e
non fraintesi, ad ascoltare le differenze, ad essere collaborativi,
e ancora a lavorare in gruppo e per obiettivi, a come definire un
organigramma in modo concordato… insomma, qualche cosa
che è ben oltre la buona educazione. Ognuno è frutto della sua
storia, di intrecci di vicende familiari, scolastiche, amicali e
professionali: imparare a relazionarsi non è materia scolastica,
ma per lo più è un apprendimento di tipo esperienziale e in
genere né a scuola né in famiglia o in altre occasioni gruppali
viene offerta la possibilità di ripensare, rielaborare,
comprendere consapevolmente la complessità degli eventi
senza giudizi...
Le persone – dal dirigente all’ addetto al protocollo - in linea
di massima fanno del loro meglio e anche senza volerlo
commettono svariati errori, parte dei quali sarebbero evitabili
con un po’ più di riflessione che in specifici percorsi si cerca di
sviluppare facilitando nei gruppi di colleghi la presa in
considerazione della propria “storia” individuale e di gruppo,
132
oltre che le proprie modalità di relazionarsi con gli altri
prospettando possibilità alternative per “reincontrarsi”…
Se come Lei dice ognuno fa già del suo meglio, che cosa si
può migliorare?
La vita è comunicazione e in un ceto senso è come un gioco:
per starci sufficientemente bene le persone devono capire quali
sono le regole, e non soltanto quelle più evidenti quali quelle
legali, economiche... Nella comunicazione molte sono le regole
e pochissime sono comprensibili solo con l’ ausilio del proprio
“buon senso”: è un gioco difficilissimo e complesso.
Conoscere i principi della comunicazione serve per capire almeno un po’ - “come va il mondo” e anche per decidere se e
come cambiare qualche cosa .
Spesso le persone ne incolpano altre per i propri insuccessi e
insoddisfazioni: ma questo è un “autoinganno”. Infatti
incolpando altri non si migliora la propria condizione e spesso
ci si blocca, accontentandosi di lamentarsi, a volte anche per
tutta una vita.
In appositi corsi si tende a “riaccendere” tra i partecipanti il
desiderio di partecipare, di scegliere, di responsabilizzarsi: in
altre parole, di viversi pienamente anche sul lavoro,
migliorando così la propria autostima professionale. Si avviano
riflessioni sul “come”: come mi atteggio, mi relaziono, scelgo,
decido… e – naturalmente – si lavora sulle possibilità di
sviluppare maggiore soddisfazione sul lavoro. Siamo quindi
alla ricerca di senso. Di quel senso del ben vivere nelle
organizzazioni , così necessario per il ben-lavorare…
In pratica si tratta di fare un intervento sul benessere delle
persone nel proprio posto dl lavoro per ottenere migliori
qualità nelle prestazioni professionali…
133
Esatto. Oggi non è più sufficiente un approccio prettamente
“ingegneristico” al lavoro, ma è necessario che a questo si
affianchi una visione più complessa, che considera il lavoro
oltre che per gli aspetti tecnico strutturali, anche per gli aspetti
individuali, relazionali e di motivazione; in definitiva di
coinvolgimento e dedizione al lavoro di quanti partecipano alla
vita dell’ Organizzazione.
Si tratta di sviluppare un concetto di professionalità che
comprenda anche riflessioni personali sui propri valori e
atteggiamenti rispetto al lavoro, senza sottovalutare l’
importanza dell’autostima, che incide notevolmente sulle
capacità di autonomia, critica e autocritica costruttiva.
Recentemente – a fianco dei più noti sapere, saper fare e saper
essere – si è introdotto il termine “saper divenire”. Quest’
ultima sta diventando una competenza strategica per tutte le
Organizzazioni, siano queste aziende pubbliche che private,
oggi più che mai a contatto con rapidi cambiamenti economici
e sociali. Oggi è determinante per l’ efficacia e l’efficienza
nell’ erogazione di beni e servizi che all’interno
dell’Organizzaziore ciascuno per le proprie competenze e
responsabilità si interroghi su “chi siamo e cosa vogliamo”
anche in termini di desideri, sentimenti ed emozioni per
reinvestire con costruttiva intelligenza e rinnovata motivazione
in progetti sia personali che di gruppo: per “divenire”,
appunto...
Ritorniamo agli individui e ai problemi organizzativi…
Dicevo prima che le Organizzazioni sono sistemi complessi ,
e in quanto tali trovano nel tempo un loro equilibrio. Il che non
vuol dire che la situazione sia ottimale. Anzi. Un equilibrio non
vuol dire necessariamente benessere organizzativo. Equilibrio
134
può significare anche accontentarsi del quieto vivere,
disinvestire nel lavoro ed investire altrove, fuori
dall’organizzazione. Vista in questi termini, la situazione non è
molto diversa da quanto può accadere in una famiglia che “per
quieto vivere” continua a esistere come sistema, ma la
“produzione” di benessere è ormai minima e ognuno fa quello
che può chiudendosi in se stesso, a volte cercando altrove
situazioni in cui investire meglio le proprie risorse, dove avere
maggiore gratificazione...
E quali sono le
impasse?
possibili soluzioni per uscire da questi
Il primo passo è creare nelle organizzazioni le condizioni
per favorire nuova pensabilità. Nella maggioranza dei casi le
persone se messe in condizione di “riattivare il pensiero” lo
fanno più che volentieri. Ognuno a modo suo tende al proprio
benessere relazionale (a volte anche fuggendo) oltre che
professionale (può apparire strano, ma a volte isolarsi, oppure
ammalarsi sono strade difensive per mantenere un proprio
equilibrio relazionale). Quando nelle organizzazioni viene
offerta la possibilità di un momento di riflessione guidata, dove
le persone si sentono aiutate a “rivedere”, ripercorrere e
ripensare le proprie convinzioni, i propri atteggiamenti, stili di
pensiero e di lavoro… allora avviene quella che io chiamo “la
liberazione della speranza” che può avvenire in ognuno di noi .
In tutti. L’arte di volersi un po’ più bene (il che il più delle
volte significa anche voler un po’ meno male agli altri) è a
portata di tutti. Se così non fosse, se non lo vedessi ogni volta
in ogni gruppo… lei crede che farei ancora questo lavoro?
Come dice anche Woody Allen in un suo ottimo film “La mia
mente e il mio cuore non si danno nemmeno più del tu”. Fermi.
Ricolleghiamo mente e cuore, e le cose anche nelle
organizzazioni andranno meglio. Pare semplice e in un certo
135
senso lo è. Le organizzazioni sono come tigri. Come
locomotive. Come alveari e come le rose. E come tante altre
cose. Ogni cosa ha bisogno di cura. Di cura di sé e di ogni sua
parte.
Le organizzazioni come le rose…
Certo: come le rose sono delicate ma hanno le spine,
orgogliose e profumate si ammalano e sfioriscono. E possono
mettere nuovi boccioli, rifiorire e… ancora tante cose. Se
penso alle rose. Vede, le metafore sono uno strumento molto
utile per “pensare altrimenti”, per osare immaginare, per
cercare di capire qualche cosa in più che diversamente - con i
canali razionali abituali - non si può percepire in modo così
immediato, ricco, spontaneo, così… così come è.
Del resto le opere d’ arte - una poesia, un quadro, ma anche
un film…- sono metafore della vita come lo sono le favole e la
musica e hanno la capacità di colpire l’ immaginario, di
resistere nel tempo perché rappresentano gli archetipi della
vita. Quando in aula mostro una riproduzione di un quadro,
quando porto una poesia, un brano di letteratura…allora sento
che i miei corsisti “si muovono”, si avvicinano tra loro .
Questo è il primo passo: avvicinarsi. E allora posso pensare e
anche sperare che ci sia davvero un’ arte del vivere. Del resto,
Marc Chagall, l’artista dei colori accesi e delle “felici
possibilità” si chiedeva: “Davvero soltanto gli artisti debbono
cercare di giustificare la vita nell’arte, mostrare la via
dell’arte? E gli altri uomini, non dovrebbero anch’essi
mostrare la loro arte collettiva di vivere?”
136
Le metafore quindi per comprendere le organizzazioni?
Con le metafore si dice una cosa per dirne un’altra. Si attiva
una parte del nostro pensiero che spesso trascuriamo. Il
pensiero per associazioni di idee, dell’intuizione creativa.
D’altronde non è una novità l’uso delle metafore per definire
una organizzazione. Negli anni 50, ma forse anche negli anni
‘80, si preferivano riferimenti meccanici (tipico l’orologio:
simbolo di precisione, prevedibilità e puntualità ) mentre oggi
sempre più spesso appaiono metafore “viventi” (animali,
piante, mostri …) a significare il passaggio da concezioni di
realtà meccaniche a esseri viventi, pulsanti, pluricellulari,
relazionali…). Alla domanda: “che cosa è per me la mia
Organizzazione, come me la rappresento?”, recentemente ho
ottenuto le risposte più originali: un sandwich, un ponte fatto di
corde un po’ traballante, una nave con tanti buchi rattoppati,
un’orchestra, un elefante con i pattini…ogni cosa. Ogni
rappresentazione racchiude in sé un tesoro, un punto da cui
partire per fare una prima conoscenza, anzi direi una “nuova”
conoscenza della propria organizzazione. Per porsi domande in
modo originale, anche per alleggerire.
Alleggerire: in che senso?
Togliere peso. Togliere quella pesantezza che rende le
persone immobili sotto l’onere di un’organizzazione “pesante”.
Dico pesante. Io la vorrei pensante. Questione di una “n” in più
o in meno. Giocare con le parole, con le frasi… è magnifico
vedere come anche gli adulti si rilassano - almeno un po’- se
percepiscono il sapore della leggerezza. Che non è
superficialità. Ci tengo a questo distinguo. Oltre alle metafore
esistono altre modalità per risvegliare il pensiero in modo utile
oltre che divertente: esercitazioni e giochi relazionali, lavori di
gruppo… situazioni protette in cui le persone si rimettono in
gioco, prendono gusto alla sorpresa, alla riscoperta di sé e
137
dell’altro. Per spiegarmi meglio, riporto alcune frasi di persone
che hanno provato queste esperienze: “ho scoperto lati dei miei
colleghi che non avrei mai pensato”; “ci siamo divertiti, e
anche perdonati”; “Ora sono più a mio agio, sento di poter
dire quello che penso senza sentirmi subito giudicata”; “mi
pare che siamo tutti più attenti…” …. e a questo si arriva
senza gravità, ma con leggerezza, appunto. La leggerezza è
quella condizione che permette di osare senza sentirsi stupidi o
inadeguati. E’ quel clima che consente l’errore e la
ricomposizione. Per usare le parole di Italo Calvino: la
leggerezza come reazione al peso del vivere favorisce un’
umanità poco giudicante, piuttosto accogliente …
Insomma il paradiso...
Forse no, ma nemmeno l’inferno. Ecco. Accontentiamoci di
escludere dal nostro vocabolario gli estremi: oltre al bianco e al
nero esistono altri colori, sfumature…oltre alla gazzella e al
leone esiste - come ben diceva Massimo Troisi - l’orsacchiotto.
Ma anche il gabbiano, l’istrice (già , l’istrice). Proviamo a
sostituire le parole “mai” e “sempre” con “a volte”, “forse” e
già siamo più leggeri. Siamo nel campo del probabile, della
possibilità… Uscire dalle categorie del dogmatismo e del
pregiudizio per superare “quell’atteggiamento di curiosità
distratta, quella tendenza verso una condotta accidiosa, fatta
più di omissioni che di azioni”, cui fa riferimento Salvatore
Natoli a proposito dell’ accidia. Ogni condotta si può
modificare se prendiamo consapevolezza di quanto questa
possa essere per noi stessi nociva.
138
E la consapevolezza
organizzazioni?
è sufficiente per migliorare le
Facciamo un po’ di conti: considerando che nessuno fa
miracoli, ma che le persone hanno ancora ciascuno in sé il
germe della speranza, che ciascuno di noi è naturalmente teso
al proprio benessere… Sì: una maggior consapevolezza di sé,
dei propri atteggiamenti e stili comportamentali sono le basi
per rivitalizzare le organizzazioni, per renderle meno vinte, più
vitali. Mi pare di averlo già detto, ma lo ripeto volentieri
perché accade, perché è vero: le persone se messe in
condizione di “ripensarsi”, se ne hanno il tempo, se sono
ascoltate, se quello che propongono viene accolto… allora a un
certo punto c’è uno “sblocco”, che non è un miracolo. E’
qualche cosa di naturale, di connaturato in ognuno, anche se
spesso è relegato in un cantuccio ben nascosto dentro di noi:
succede che le persone cominciano ad interrogarsi, a
riprogettarsi, a proporre a se stesse prima che ad altri
comportamenti e prassi più collaborative, si responsabilizzano,
insomma… cambiano. Poi indubbiamente una riflessione sui
diversi ruoli e modelli organizzativi consente approfondimenti
con ricadute operative anche sulla struttura del lavoro, sulla
rilettura di compiti di ruolo, sugli stili di leadership, sulla
conduzione delle riunioni, sul lavorare per progetti… Ma dopo:
solo dopo che le persone si sono riconosciute “persone
reciprocamente degne” - se posso dire così - ha senso parlare di
“struttura organizzativa” come di un qualche cosa che connette
utilmente le parti, che aiuta, e perché no, che guida. Sono i
diretti interessati a proporre nuove modalità relazionali e
originali prospettive organizzative più adatte alla loro vita
lavorativa. In questi corsi il mio compito principale è seminare
dubbi tra le certezze, facilitare il percorso fornendo stimoli e
schemi interpretativi per ricercare nuovi significati e proposte
in una concezione di formazione, ricerca e intervento che si
139
alimenta continuamente dei vissuti e delle nuove esperienze dei
partecipanti.
A parer mio, è in questo modo che un’Organizzazione
autenticamente impara e consolida nel tempo l’appreso.
Sperimenta nuovi comportamenti relazionali ed organizzativi
proposti dalle stesse persone che ci lavorano e si trasforma
rigenerandosi, diventando essa stessa risorsa. L’organizzazione
che impara da se stressa è vincente. Ma ci vuole un po’ di
fiducia, un po’ di tempo, un po’ di “ardente pazienza”, per
chiudere con le parole di Pablo Neruda.
Grazie.
140
BIBLIOGRAFIA MINIMA
BELLAMIO DANTE, Formazione e Lavoro, in “Rivista Adultità” (rivista
semestrale n. 16, ottobre 2002)
BELLOTTO MASSIMO, Valori e lavoro, Franco Angeli, 1997
BRUSCAGLIONI MASSIMO., GHENO G., Il gusto del potere,
Angeli, Milano, 2000
Franco
CALVINO ITALO, Lezioni americane, Oscar Mondatori, 1993
MAZZARA BRUNO, Stereotipi e pregiudizi, Il Mulino, 1997
MORGAN GARETH, Immaginizzazione, Franco Angeli, 1996
NATOLI SALVATORE, Dizionario dei vizi e delle virtù, Feltrinellli, 1997
PICCARDO CLAUDIA, Empowerment, strategie di sviluppo organizzativo
centrate sulla persona, Raffaello Cortina Editore, 1995
WATZLAWICK PAUL, BEAVIN JANET, JACKSON DON D. Pragmatica
della comunicazione umana, Astrolabio, 1971
WATZLAWICK PAUL, WEACKLAND JOHN, FISCH RICHARD,
Change, Astrolabio, 1974
141
142
CONTATTI:
www.ancore.net
INFO: [email protected]
lunedì - mercoledì – venerdì: tel. 059 305097/ 3339053258
ISCRIZIONI: tel. 055352961/ 3351244279
Prof. Enrico Cheli (Firenze, Arezzo): [email protected]
Dott.ssa Ilaria Buccioni (Firenze): [email protected]
Dott.ssa Marinella Bonucci (Arezzo): [email protected]
Dott. ssa Serenella Dalolio (Modena): [email protected]
Dott. Massimiliano De Luca (Firenze): [email protected]
Dott.ssa Isabella Venturi (Arezzo): [email protected]
143
144
145
Fly UP