...

PATOGENI E ZECCHE VETTRICI: STUDIO EPIDEMIOLOGICO IN

by user

on
Category: Documents
216

views

Report

Comments

Transcript

PATOGENI E ZECCHE VETTRICI: STUDIO EPIDEMIOLOGICO IN
Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
DOTTORATO DI RICERCA IN
EPIDEMIOLOGIA E CONTROLLO DELLE ZOONOSI
Ciclo XXIV
Settore Concorsuale di afferenza: 07/H3 – MALATTIE INFETTIVE E
PARASSITARIE DEGLI ANIMALI
Settore Scientifico disciplinare: VET/06 – PARASSITOLOGIA E MALATTIE
PARASSITARIE DEGLI ANIMALI
PATOGENI E ZECCHE VETTRICI:
STUDIO EPIDEMIOLOGICO IN PARCHI PUBBLICI
DELL’EMILIA ROMAGNA
Presentata da: Dott.ssa SARA AURELI
Coordinatore Dottorato
Relatore
Prof. GIOVANNI POGLAYEN
Prof. MARIA PAOLA TAMPIERI
Esame finale anno 2012
INDICE
INTRODUZIONE
3
1 LE ZECCHE IXODIDAE ............................................................................................ 4
1.1
CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE GENERALI DELLE
ZECCHE IXODIDAE................................................................................................... 5
1.2
MORFOLOGIA ESTERNA ........................................................................... 7
1.3
MORFOLOGIA INTERNA E FISIOLOGIA .............................................. 12
1.4
BIOLOGIA ED ECOLOGIA ....................................................................... 16
1.5
ETOLOGIA .................................................................................................. 18
1.6
EPIDEMIOLOGIA ....................................................................................... 21
1.7
PROFILASSI ................................................................................................ 28
1.8
PROTEZIONE PERSONALE DELL’UOMO ............................................. 39
1.9
RUOLO PATOGENO .................................................................................. 39
2 PIROPLASMOSI ..................................................................................................... 48
2.1
CENNI STORICI.......................................................................................... 49
2.2
CLASSIFICAZIONE E DESCRIZIONE ..................................................... 54
2.3
CICLO BIOLOGICO ................................................................................... 61
2.4
ECOLOGIA .................................................................................................. 69
2.5
EPIDEMIOLOGIA ....................................................................................... 72
2.6
PATOGENESI .............................................................................................. 74
2.7
SINTOMATOLOGIA .................................................................................. 79
2.8
LESIONI ANATOMO-PATOLOGICHE .................................................... 82
2.9
ASPETTI ZOONOSICI ................................................................................ 83
2.10
DIAGNOSI ................................................................................................... 88
2.11
TERAPIA...................................................................................................... 92
2.12
PROFILASSI ................................................................................................ 96
3 ANAPLASMOSI DA ANAPLASMA PHAGOCYTOPHILUM ................................... 99
3.1
CENNI STORICI........................................................................................ 100
3.2
CLASSIFICAZIONE E DESCRIZIONE ................................................... 101
3.3
CICLO BIOLOGICO ................................................................................. 104
3.4
ECOLOGIA ED EPIDEMIOLOGIA ......................................................... 106
3.5
PATOGENESI ............................................................................................ 110
3.6
SINTOMATOLOGIA ................................................................................ 114
1
3.7
LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE ................................................... 117
3.8
ASPETTI ZOONOSICI .............................................................................. 118
3.9
DIAGNOSI ................................................................................................. 121
3.10
TERAPIA.................................................................................................... 125
3.11
PROFILASSI .............................................................................................. 126
4 BORRELIOSI DI LYME ......................................................................................... 127
4.1
CENNI STORICI........................................................................................ 128
4.2
CLASSIFICAZIONE
E
DESCRIZIONE
DELL’AGENTE
EZIOLOGICO........................................................................................................... 130
4.3
CICLO BIOLOGICO ................................................................................. 133
4.4
ECOLOGIA ED EPIDEMIOLOGIA ......................................................... 135
4.5
PATOGENESI ............................................................................................ 139
4.6
SINTOMATOLOGIA ................................................................................ 141
4.7
LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE ................................................... 147
4.8
DIAGNOSI ................................................................................................. 148
4.9
TERAPIA.................................................................................................... 152
4.10
PROFILASSI .............................................................................................. 154
5 MATERIALI E METODI ......................................................................................... 157
5.1
CAMPIONAMENTO DELLE ZECCHE................................................... 158
5.2
RICERCA DI PATOGENI TRASMESSI DALLE ZECCHE ................... 173
6 RISULTATI ............................................................................................................ 184
6.1
CAMPIONAMENTO DI ZECCHE ........................................................... 185
6.2
RICERCA DI PATOGENI TRASMESSI DALLE ZECCHE ................... 214
7 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI ......................................................................... 234
7.1
DISTRIBUZIONE DELLE ZECCHE ........................................................ 235
7.2
RICERCA DI PATOGENI TRASMESSI DALLE ZECCHE ................... 240
7.3
CONCLUSIONI ......................................................................................... 246
8 BIBLIOGRAFIA ..................................................................................................... 248
2
INTRODUZIONE
Le zecche sono importanti vettori di microorganismi patogeni (batteri, virus e
parassiti), che sono gli agenti responsabili di un ampio gruppo di malattie definite
VBD (vector-borne diseases), ovvero malattie trasmesse da vettori, che possono
determinare gravi malattie nell’uomo e negli animali. L’aumento, in certe aree, di
alcuni animali che possono fungere da serbatorio di queste infezioni o che
semplicemente ospitano le zecche vettrici e i cambiamenti ambientali indotti dalle
variazioni climatiche e dall’uomo hanno determinato un aumento della circolazione
delle zecche stesse e dei patogeni trasmessi. Ad esempio l’aumento degli ospiti
mammiferi ha facilitato la diffusione di Ixodes scapularis nel nord-est degli Stati Uniti
o di I. ricinus in Europa e in Italia. Anche gli uccelli migratori possono svolgere un
ruolo fondamentale nella diffusione delle infezioni trasmesse da zecche, come ad
esempio Borrelia burgdorferi s.l., trasportando le zecche infette o fungendo da
serbatoio. È ampiamente riconosciuto il fatto che gli uccelli possano contribuire
all’instaurarsi di nuovi focolai di malattia di Lyme, la più diffusa tra le malattie
trasmesse da zecche dell’emisfero settentrionale. Oltre a questa malattia di notevole
impatto zoonotico, le zecche possono trasmettere altre patologie definite
“emergenti”, ovvero malattie nuove o ri-emergenti la cui incidenza è aumentata negli
ultimi 20 anni; è il caso ad esempio delle babesiosi o dell’anaplasmosi da
Anaplasma phagocytophilum. Queste malattie rivestono una notevole importanza in
campo zootecnico ma sta aumentando la loro presenza anche a livello umano, sia a
causa dei cambiamenti ecologici che determinano una maggiore distribuzione degli
ixodidi, sia per un maggiore interesse per le attività all’aperto che pongono più
frequentemente l’uomo a contatto con le zecche vettrici, sia per l’aumento di
soggetti più sensibili a questo tipo di infezioni, come ad esempio le persone
immunodepresse. Allevatori, forestali, campeggiatori ed escursionisti, sono le classi
di popolazione maggiormente a rischio di contrarre malattie trasmesse da zecche.
In questa tesi, in una prima parte introduttiva sono state prese in considerazione le
zecche da un punto di vista ecologico ed etologico, con riferimenti particolari alla
loro diffusione, ai fattori di rischio di trasmettere patogeni, ai metodi di profilassi e di
controllo delle infezioni; successivamente vengono trattate importanti malattie da
esse trasmesse quali le piroplasmosi, l’anaplasmosi da A. phagocytophilum e la
borreliosi di Lyme.
Lo scopo della parte sperimentale di questa tesi è quello di fornire un quadro sulla
diffusione delle zecche e di alcuni patogeni trasmessi, attraverso una serie di
campionamenti ambientali, condotti a cadenza quindicinale, in alcuni parchi
dell’Emilia Romagna, dove non risultano precedenti segnalazioni. Oltre alle zecche
prelevate dall’ambiente, ne sono state raccolte altre in fase di alimentazione su varie
specie animali e sull’uomo.
Le zecche sono state tutte identificate ed è stata analizzata la loro diffusione nei siti
di campionamento sulla base di parametri climatici e ambientali. Su parte di questi
vettori sono state condotte indagini molecolari per investigare la presenza di
piroplasmi, A. phagocytophilum e B. burgdorferi s.l. Vengono illustrate le tecniche
analitiche cui sono stati sottoposti i vettori e i risultati ottenuti al fine di valutare la
diffusione di patogeni che possano costituire un eventuale rischio anche per la
salute umana.
3
1
LE ZECCHE IXODIDAE
4
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.1 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE GENERALI
DELLE ZECCHE IXODIDAE
Le zecche sono degli invertebrati ectoparassiti ematofagi, che da un punto di vista
tassonomico possono essere così classificate:
Phylum: Arthropoda
Subphylum: Chelicerata
Classe: Arachnida
Ordine: Acarina
Sottordine: Ixodida
(Villee e coll., 1978).
Gli Ixodida si differenziano dagli altri sottordini per le seguenti caratteristiche:
• Nella regione del prosoma c’è una particolare struttura flessibile e mobile
detta capitulum, mentre negli altri acari è fissa e viene detto gnatosoma. Sul
capitulum, ventralmente ai cheliceri, è impiantata una particolare struttura
che prende il nome di ipostoma. Questa è presente in forma rudimentale in
altri acari ectoparassiti ed è invece ben sviluppata e munita di dentelli
retroversi negli Ixodida.
• Le zecche si distinguono per la mancata suddivisione in propodosoma e
metapodosoma della parte che segue il capitulum che negli Ixodida è detta,
nel suo insieme, idiosoma. Questo è, ventralmente, caratterizzato
dall’apertura genitale e dall’attacco degli arti anteriormente, dall’ano e dagli
stigmi respiratori, con cui sboccano all’esterno le trachee, posteriormente.
• Gli stigmi respiratori appaiono come aree cribrose che in diverse specie sono
circondate da tratti di tegumento più o meno chitinizzati. Tali stigmi, negli
Ixodida, si aprono tra il III e IV paio di zampe o posteriormente ad esso ed è
per questo che le zecche sono comprese fra gli acari cosiddetti
metastigmati.
• Le zecche in tutti gli stadi di sviluppo sono ectoparassiti ematofagi obbligati
di vertebrati terrestri. Infine, gli Ixodida sono i soli acari in cui l’assunzione di
sangue condiziona la muta degli stadi immaturi a quelli successivi, i quali,
rispetto ai precedenti, acquistano peso e dimensioni senza uguali fra gli altri
acari, le cui forme adulte non superano in lunghezza 1,5 mm, mentre le
femmine e talora anche i maschi delle zecche possono raggiungere e
superare abbondantemente i 10 mm (Manilla, 1998).
Nel sottordine Ixodida si riconoscono attualmente 896 specie, le quali iniziarono
verosimilmente a differenziarsi da un unico ceppo ancestrale associato ai rettili
durante il periodo caldo-umido del tardo Paleozoico o del primo Mesozoico. Tali
specie sono raggruppate in tre famiglie: Ixodidae, Argasidae e Nutalliellidae.
Nutalliellidae: rappresentata da una sola specie (Nuttalliella namaqua) parassita
del suricato dalle quattro dita (Suricatus tetradactylus), che è l’unico viverride
vegetariano presente in Sud Africa. Tale famiglia presenta caratteri intermedi fra le
altre due famiglie.
5
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Argasidae: comprende circa 193 specie; con un diffuso diverbio circa la
classificazione di genere; inoltre 133 argasidi devono ancora essere oggetto di
ulteriori studi prima di determinare una classificazione definitiva (Guglielmone e
coll., 2010). Sono conosciute come “zecche molli”, in quanto prive di scudi
cheratinizzati e inoltre, fatta eccezione per le larve, il capitulum è ventrale e situato
in una depressione mediana detta camerostoma, mentre negli Ixodidae esso è
anteriore in tutti gli stadi (Manilla, 1998).
Ixodidae: comprende la maggior parte delle zecche di importanza economica;
distribuite in 14 generi e 702 specie e conosciute come “zecche dure” in quanto
presentano scudi chitinizzati (Guglielmone e coll., 2010). I maschi sono provvisti di
un unico scudo che riveste l’intera superficie dorsale (scudo dorsale). Ventralmente
gli scudi possono mancare (sottofamiglia Haemaphysalinae e genere Dermacentor)
o essere presenti solo nelle aree circostanti l’ano (sottofamiglie Hyalomminae e
Rhipicephalinae) oppure ricoprire l’intera superficie, come avviene nei maschi della
sottofamiglia Ixodinae.
Le femmine, invece, sono sempre prive di scudi ventrali e munite solo di uno scudo
dorsale limitato all’estrema regione anteriore.
Oltre alle differenze riguardanti la presenza degli scudi e la posizione del capitulum,
dal punto di vista anatomico gli Ixodidae si distinguono dagli Argasidae anche per
l’apertura genitale che non è sempre a livello delle coxae I come nelle zecche molli.
Negli Ixodidae, inoltre, gli stigmata sono sempre ben evidenti dietro il IV paio di
coxae con forme e dimensioni varie e talora muniti di prolungamenti sclerificati
(code), più accentuati nei maschi.
Il capitulum è di forma estremamente variabile sia per quanto riguarda la sua base,
che nelle femmine è caratterizzata dalla presenza delle aree porose, sia per quanto
concerne i palpi e le appendici buccali.
A differenza degli Argasidae, che hanno palpi con i quattro articoli ben distinti, negli
Ixodidae l’ultimo articolo è piccolo e infossato in una depressione del penultimo,
rimanendo così visibile solo ventralmente.
Infine, contrariamente agli Argasidae, che compiono pasti molto brevi, nessuna
specie di Ixodidae è polifasica ed ogni stadio compie un solo pasto di sangue, che
generalmente è di breve durata nelle larve e può protrarsi invece per molti giorni
negli stadi successivi (Manilla, 1998).
In questa tesi ci occuperemo fondamentalmente di zecche appartenenti alla famiglia
Ixodidae che comprende, come già detto, quattordici generi: Amblyomma (130
specie di cui 17 ancora considerata apparetneti al genere Aponomma da alcuni
autori), Anomalohimalaya (3 specie), Bothriocroton (7 specie tutte precedentemente
incluse nel genere Aponomma), Cosmiomma, Cornupalpatum e Compluriscutula
con una specie ciascuno, Dermacentor (34 specie), Haemaphysalis (166 specie),
Hyalomma (27 specie), Ixodes (243 specie), Margaropus (3 specie), Nosomma (2
specie), Rhipicentor (2 specie) e Rhipicephalus (82 specie, incluse 5 appartenenti in
precedenza al genere Boophilus ora riclassificato) (Guglielmone e coll., 2010).
6
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.2 MORFOLOGIA ESTERNA
Le zecche presentano delle caratteristiche anatomiche esterne specifiche che
costituiscono la base dell’identificazione dei diversi generi e specie.
1.2.1 CORPO
Il corpo è costituito, come già visto in precedenza, dal capitulum e dall’idiosoma il
quale viene ulteriormente suddiviso in podosoma (che comprende le zampe e il poro
genitale) e opistosoma, che è posto posteriormente al precedente e porta l’apertura
anale e gli stigmi respiratori o pulvilli.
Capitulum e podosoma costituiscono il prosoma, ben evidente negli altri aracnidi,
mentre nelle zecche è evidente solo nello stadio embrionale (Sonenshine, 1991).
Il corpo è di forma ovalare, di grandezza variabile dai 2 ai 30 mm, appiattito dorsoventralmente. Le dimensioni variano normalmente dallo stadio larvale ad adulto,
soprattutto nella femmina che aumenta molto il volume corporeo dopo l’ingestione di
sangue.
Il rivestimento esterno delle zecche è costituito da un esoscheletro che nella larva
appare trasparente essendo formato soltanto da un’epicuticola sottile e da un
epitelio monostratificato sottostante. Negli stadi successivi si forma una vera a
propria cuticola formata da due strati: superficiale (esocuticola) e profondo
(endocuticola); tra questa e l’ipoderma, tessuto che delimita la cavità interna detta
emocele, è presente uno strato di cellule secretorie. Nell’emocele sono presenti gli
organi del parassita immersi in un liquido incolore di composizione indeterminata
(Manilla, 1998). La cuticola diventa più o meno sclerotizzata e forma scudi, placche
stigmali o altre strutture del corpo come auricolae, creste, spine e cornue.
I vari strati sono attraversati da canali che si aprono in pori di varia forma,
grandezza e localizzazione, importanti anche questi nell’identificazione della specie.
Questi canali hanno la funzione di trasportare le sostanze dall’ipoderma verso lo
strato più superficiale della cuticola, dove formano un rivestimento aggiuntivo con
funzione protettiva nei confronti del bilancio idrico del parassita (fattore molto
importante per la sopravvivenza della zecca).
Superficie dorsale del corpo
Un’importante caratteristica distintiva tra Argasidae ed Ixodidae, utile per la
classificazione, è la presenza, in queste ultime, dello scudo dorsale a livello
dell’idiosoma (Sonenshine, 1991). Nelle Ixodidae lo scudo dorsale è già presente
nelle larve, ma diventa evidente nello stadio adulto grazie ai processi di
differenziazione. L’idiosoma ha forma ovale con margine posteriore arrotondato e
margini laterali convessi che si portano anteriormente formando degli angoli più o
meno acuti e arrotondati, detti scapule, che avanzano rispetto al margine anteriore.
Da questo punto possono partire dei solchi che hanno varie direzioni e lunghezze,
secondo la zona verso cui si portano, delimitando aree di varia grandezza; anche
queste caratteristiche vengono sfruttate per l’identificazione delle Ixodidae. Sulla
superficie dell’idiosoma ci possono essere punteggiature più o meno numerose e
setae. A livello del margine posteriore possiamo trovare solchi e rilievi che vanno a
formare dei festoni più o meno visibili a seconda della specie. Possono essere
7
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
presenti degli occhi a livello della confluenza tra margini antero-posteriori dello
scudo nelle femmine di Ixodidae, mentre nei maschi di questa famiglia, sono
sempre a livello laterale (Manilla, 1998).
Superficie ventrale del corpo
Nelle Ixodidae il solco anale è una caratteristica importante per l’identificazione: si
presenta a forma di U con l’apertura verso la parte posteriore del corpo nella
sottofamiglia Ixodinae (prostriati), mentre è a U o a Y con l’apertura verso la parte
anteriore del corpo negli altri Ixodidae (metastriati). L’ano è ricoperto da valvole
mobili che si aprono e si chiudono (Giangaspero, 1999). Nei maschi Ixodidae
possiamo trovare tutto attorno degli scudi sclerotizzati di varia forma e grandezza,
importanti nell’identificazione della specie.
Questi scudi vengono identificati secondo la loro posizione come:
• adanale
• sub-anale
• anale
• accessori
(Manilla, 1998).
A livello dei margini della metà anteriore della faccia ventrale, questi scudi sono
saldati per formare le coxae, ovvero i primi articoli degli arti. Tra l’apertura genitale e
quella anale si trovano i due solchi genitali che circondano l’apertura e proseguono
nell’area infra-coxale arrivando fino al solco anale. Sia sui margini laterali che
posteriori possiamo trovare i festoni nelle sottofamiglie Haemaphysalinae,
Hyalomminae e Rhipicephalinae. Gli stigmata si trovano posteriormente al quarto
paio di coxae prossimi ai bordi laterali e di dimensioni maggiori.
Gli stigmata possono rappresentare, inoltre, dei prolungamenti sclerificati, dette
code, che si portano verso i bordi laterali.
Altra caratteristica distintiva è rappresentata dal primo articolo degli arti (coxa)
saldato ai margini della metà anteriore del corpo che può presentare spine o punte
diverse a seconda della specie considerata (Manilla, 1998) (Fig. 1.1).
8
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Figura 1.1: Disegno schematico di forme adulte della famiglia Ixodidae; Faccia
ventrale di maschio della sottofamiglia Ixodinae (C): 1: Capitulum; 2: coxa I; 3: spina
esterna; 4: spina interna; 5: coxa II; 6: scudo pregenitale; 7: coxa III; 8: apertura
genitale; 9: coxa IV; 10: solco genitale; 11:scudo mediano; 12 e 14: stigmata; 13:
macula; 15: scudo epimerale; 16: scudo adanale; 17: ano; 18: solco anale, 19:
scudo anale. Faccia dorsale di femmina della sottofamiglia Hyalomminae (D): 1:
Capitulum; 2: pulvillo; 3: gibbosità dorsale; 4: organo di Haller; 5: tarso; 6: pretarso;
7: tibia; 8: femore; 9 trocantere; 10: coxa I; 11: scapula; 12: solco scapolare; 13:
solco cervicale; 14: scudo dorsale; 15: occhio; 16: solco marginale; 17:
punteggiatura; 18: alloscutum;19: festoni (Manilla, 1998).
1.2.2 TESTA O CAPITULUM
Rispetto ad altri acari, nelle zecche il capitulum è più mobile e come abbiamo già
accennato si trova in posizione anteriore negli Ixodidae. Il capitulum è formato da
una base impari e mediana, la base è piatta, ricca di particolari di notevole
importanza per la classificazione della specie; può avere forma esagonale,
trapezoidale, triangolare o rettangolare (Manilla, 1998).
Nel capitulum si valuta la lunghezza rispetto alla larghezza e la forma e le
dimensioni delle cornua, che sono degli ispessimenti sclerificati posti dorsalmente
tra il margine posteriore ed il margine laterale. Ventralmente tra i margini laterali e
posteriori troviamo le auricole, dorsalmente abbiamo punteggiature e satae; solo
nella femmina degli Ixodidae sono presenti delle aree maggiormente punteggiate
con aspetto cribroso di varia forma e variamente distanziate tra loro la cui funzione
sembra correlata all’ovodeposizione (Manilla, 1998).
Sui margini antero-laterali della base sono impiantati, uno per lato, i palpi. Il I articolo
è molto più piccolo degli altri e il IV è caratteristicamente molto corto ed infossato in
una depressione ventrale del terzo articolo. Gli articoli II e III sono i più sviluppati,
variamente conformati e non flessibili tra loro ma saldati lungo suture. Negli Ixodidi
la lunghezza dei palpi è un altro carattere distintivo della specie: i palpi corti, come
in Rhipicephalus sanguineus, hanno una lunghezza pari ai cheliceri, mentre i palpi
lunghi, come in Ixodes ricinus, li superano (Manilla, 1998).
I margini dei palpi sono paralleli tra loro e in molte specie quelli interni sono scavati
per accogliere l’ipostoma. Sui palpi troviamo numerose setae di varia lunghezza,
alcune delle quali hanno funzione sensitiva ovvero ricevono stimoli chemiotattili.
Sul margine anteriore della base trovano attacco le appendici buccali che
nell’insieme formano il rostro, composto da due cheliceri simmetrici e dorsali ed un
ipostoma posto più ventralmente e medialmente (Manilla, 1998).
I cheliceri sono espansioni cuticolari derivanti dai margini anteriori della faccia
dorsale della base. Ognuno è composto da tre segmenti: il trocantere, il corpo e
l’apotele. Entrambi i cheliceri, vengono utilizzati per lacerare la pelle dell’ospite e
consentire l’entrata dell’ipostoma; nei maschi sono inoltre utilizzati anche per aprire
l’apertura genitale delle femmine (Sonenshine, 1991).
L’ipostoma è dato dalla fusione a livello mediano di espansioni cuticolari ventrali del
primo paio di coxae; la forma varia a seconda della specie di appartenenza. La
faccia interna ha una struttura liscia, appiattita che va a formare il pavimento del
9
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
canale buccale; all’esterno invece si presenta convessa di varia forma (conica,
affusolata o lanceolata) e munita di dentelli retroversi utili alla zecca per ancorarsi
all’ospite durante il pasto. Nel maschio questi dentelli possono assomigliare a quelli
della femmina, oppure essere ridotti nelle loro dimensioni (Manilla, 1998).
Nelle femmine di tutte le specie, i dentelli sono ben sviluppati e disposti in file
longitudinali e possono essere in numero variabile da uno a cinque. Numero e
disposizione sono caratteristiche distintive per la tassonomia, infatti, non sono tutti
uguali e variano dalla parte apicale dell’ipostoma alla base. Sull’apice i dentelli
formano una corona e non sono ben evidenziabili l’uno dall’altro (Fig. 1.2).
Figura 1.2: Disegno schematico del capitulum. Faccia dorsale (A) e ventrale (B) di
femmina della famiglia Ixodidae; 1, 2, 3, 4: articoli I, II, III, e IV dei palpi; 5: base del
capitulum; 6: cornua; 7: auriculae; 8:area porosa; 9: guaina dei cheliceri; 10: diti dei
cheliceri; 11: ipostoma (Manilla, 1998).
1.2.3 ARTI
Le zecche sono caratterizzate da tre paia di zampe nella fase larvale e quattro nella
ninfa e nell’adulto. Ogni arto è composto da sei segmenti il primo dei quali è il coxa,
di forma e consistenza varia nelle diverse famiglie.
Negli Ixodidae, tranne che per poche specie, i coxa sono grandi, irregolari, più o
meno distanziati, ruvidi e sclerificati. Nei margini posteriori i coxae possono inoltre
presentare spine di varia grandezza e lunghezza, molto importanti per riconoscere
la specie cui appartiene la zecca. Queste spine possono essere interne o esterne
secondo l’angolo da cui emergono. La spina interna del coxa I è integra nelle
sottofamiglie Ixodinae e Haemaphysalinae, mentre nelle sottofamiglie Hyalomminae
e Rhipicephalinae è fessurata e suddivisa in due parti (Manilla, 1998). Importante ai
fini classificativi del maschio della zecca è il coxa IV caratteristico in alcune specie,
come in Dermacentor spp., dove è più sviluppato degli altri, oppure nella specie
Haemaphysalis punctata dove ha una spina interna ricurva e ha concavità interna.
Dopo il coxa troviamo il trocantere, seguito da femore, tibia, tarso e pre-tarso,
ognuno dei quali può portare un numero variabile di setae; in particolare sulla
10
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
superficie dorsale del tarso del primo paio di zampe è presente una depressione
dove è accolto l’organo di Haller (organo di senso), che ha il ruolo fondamentale di
ricercare l’ospite, di forma e dimensione varia secondo la specie (Sonenshine,
1991). Sempre a livello dei tarsi, dorsalmente nelle zecche dure, possiamo trovare
delle gibbosità oppure il tarso può assottigliarsi gradualmente verso l’estremità dove
troviamo due artigli, avvolti in tutti gli stadi di Ixodidae e nelle larve di Argasidae da
una sorta di cuscinetto detto pulvillo (Manilla, 1998) (Fig. 1.3).
Figura 1.3: Disegno schematizzato di coxae in alcune specie di Ixodidae: Femmina
di Exoppalpiger trianguliceps (a), femmina di Ixodes ricinus (b), femmina di
Schaphixodes frontalis (c), maschio di Haemaphysalis punctata (d), maschio e
femmina di Rhipicephalus sanguineus (e), maschio di Dermacentor marginatus (f)
(Manilla, 1998)
11
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.3 MORFOLOGIA INTERNA E FISIOLOGIA
Nelle zecche gli apparati circolatorio, respiratorio, escretore e nervoso hanno la
morfologia tipica di tutti gli artropodi, mentre l’apparato digerente e il riproduttivo
sono caratteristici e riflettono il particolare stile di vita di questi parassiti.
L’apparato circolatorio è di tipo lacunare, ciò significa che tutti gli organi interni sono
immersi nell’emolinfa che riempie la cavità corporea interna detta emocele. Il vaso
principale è costituito dall’aorta che decorre parallelamente alla parete dorsale del
corpo; inoltre è presente un altro vaso posto nella parte più craniale dell’emocele
con la funzione di cuore.
L’apparato respiratorio è costituito da un sistema di tubi aeriferi detti trachee, che
formano un sistema ramificato che raggiunge tutte le strutture interne del corpo
aprendosi verso l’esterno in corrispondenza degli stigmi respiratori o peritremi. Sotto
gli stigmata è presente una cavità, detta atrio, che negli Ixodidae è composto da un
insieme di camere atriali che comunicano con una camera sub atriale. Ogni trachea
si apre nelle camere subatriali e termina con una piccola cellula a forma di stella, i
cui rami minuti sono detti tracheole (diametro inferiore a 1 mm). Gli stigmi non sono
presenti nelle larve, le quali respirano attraverso la cute, che non è ancora
sclerificata (Manilla, 1998).
L’apparato escretore è costituito dai tubi malpighiani, due organi lunghi e sottili, che
raccolgono e filtrano i prodotti di rifiuto dell’organismo e sboccano nel tratto tra
stomaco ed intestino posteriore, ai lati del sacco rettale. L’osmoregolazione, grazie
alla quale viene mantenuto il bilancio idrico, negli Ixodidae avviene mediante la
secrezione salivare, durante la quale si ha l’eliminazione di acqua in eccesso
assorbita durante la suzione. Quando non si nutrono le zecche riescono a regolare il
loro bilancio idrico assumendo o eliminando vapore acqueo nell’ambiente
circostante secondo la temperatura e l’umidità relativa (Manilla, 1998).
Il sistema nervoso è composto da una massa celebrale situata nella metà anteriore
del corpo, posta ventralmente allo stomaco tra il secondo paio di coxa e attraversata
dall’esofago che la divide in due porzioni. La parte pre-esofagea è formata da due
gangli cerebroidi e quattro cefalici. Da quest’ultimi si dipartono rami nervosi di cui
due destinati ai cheliceri e due per i palpi. In questa porzione sarebbe presente un
organo equivalente al cuore negli insetti.
La porzione post-esofagea è formata da otto gangli podali da cui si originano tronchi
nervosi per gli arti ognuno dei quali si divide in due rami: uno per i muscoli e uno per
i recettori sensoriali. Esiste inoltre un plesso addominale da cui si dipartono nervi
per le regioni ventrali, stigmali, genitale, anale, antero-laterale e postero-laterale.
Sono presenti inoltre un nervo ottico e un plesso nervoso laterale simpatico che
innerva le ghiandole salivari (Manilla, 1998).
Gli organi di senso presenti in questi parassiti sono: occhi, organo di Haller, strutture
sensoriali sui palpi, sui cheliceri e a livello di aree porose e infine le setae distribuite
in varie parti del corpo diverse secondo la specie.
Gli occhi vengono detti ciechi perché privi dell’organo fotorecettore e consistono in
una porzione del tegumento con pigmenti granulosi scuri connessi con fibre nervose
(Rizzoli e coll., 2000), ma hanno comunque una certa sensibilità alla luce. Negli
Ixodidae, come già detto, gli occhi sono situati sui bordi laterali dello scudo dorsale
12
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
delle femmine e a livello dei margini antero-laterali dei maschi.
L’organo di Haller è una struttura molto importante che si trova a livello dei tarsi del
primo paio di zampe, con funzione sensoriale. All’interno di quest’organo sono
presenti delle setae collegate a terminazioni nervose. L’organo è composto da una
fossetta anteriore e da una capsula posteriore; la fossetta è concava e misura 50-70
micron di diametro ed è costituita da sei o sette sensilli. La capsula è circolare di 2560 micron di diametro, posta longitudinalmente negli Ixodinae e trasversalmente
nelle altre specie di Ixodidi e contiene 4-7 sensilli nel suo interno. I sensilli sono
formati da setae cave a loro volta costituite da ramificazioni dendritiche associate a
fibre nervose; questi organi hanno funzione chemiorecettrice: in particolar modo il
sensillo più distale, a livello della fossetta, è deputato a captare i ferormoni. I sensilli
non si trovano solo sull’organo di Haller, ma ce ne sono altri di varia forma e
funzione; infatti, nella porzione più distale dell’arto ci sono i recettori degli odori,
mentre nella parte media e prossimale del tarso sono presenti meccanocettori e
recettori combinati.
I palpi sono anch’essi sede di recettori sensoriali. Su tutti e quattro gli articoli dei
palpi, sono presenti dei sensilli che nell’ultimo articolo hanno una particolare
disposizione a ciuffi con funzione di chemiorecettori, importanti nella nutrizione per il
gusto.
I cheliceri sono percorsi da filamenti nervosi con caratteristiche di chemiocettori e
meccanocettori. La funzione principale sembra essere quella di assaggiare i tessuti
sottocutanei dell’ospite.
Nelle femmine di Ixodidae, sulla superficie dorsale della base del capitulum, sono
presenti inoltre aree porose con proprietà chemio recettive che sembrano essere
implicate secondo Manilla (1998) nella ovodeposizione, in quanto sono presenti
ghiandole secernenti durante questa fase.
Infine le setae si possono trovare su tutto il corpo, quelle lunghe hanno funzioni
chemiorecettive mentre quelle corte funzioni termorecettive.
1.3.1 APPARATO DIGERENTE
L’apparato digerente si divide in tre parti: intestino anteriore, medio e posteriore.
Anteriormente inizia con la cavità buccale, di forma tubulare, posta tra i cheliceri e
l’ipostoma. Si continua con il canale buccale, nel cui fondo troviamo gli sbocchi delle
ghiandole salivari, che possono occupare un ampio spazio nella zona anteriore della
cavità corporea fino a livello del III-IV paio di coxae.
Le ghiandole salivari consistono in una serie di lobuli acinosi che si originano a
livello dei peritremi, si riuniscono in due dotti nella parte anteriore del corpo e
sboccano presso l’apparato buccale. Esse svolgono funzione di osmoregolazione
tra un pasto e l’altro e sono coinvolte nella secrezione di sostanze cementanti per
l’ancoraggio all’ospite, anticoagulanti, vasodilatatori ed enzimi; secernono, inoltre,
sostanze farmacologicamente attive che inducono nell’ospite il rilascio di
antinfiammatori in grado di prevenire il rigetto da parte dell’ospite stesso e, in alcune
specie, anche tossine paralizzanti. Infine è importante il loro ruolo quali siti di
sviluppo di stadi infettivi di protozoi parassiti (Fawcett e coll., 1986).
Dopo il canale buccale troviamo il faringe corto e muscoloso che permette,
contraendosi ed espandendosi, la suzione del sangue dell’ospite e l’espulsione del
13
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
secreto ghiandolare. Esso presenta inoltre una serie di valvole che evitano il
rigurgito del sangue nel momento in cui viene pompato verso la parte intermedia. Il
faringe sbocca nell’esofago il quale a sua volta comunica con lo stomaco, un organo
molto voluminoso in quanto, pur essendo relativamente corto, è costituito da
numerose ramificazioni che si dipartono sia anteriormente che posteriormente e
terminano ciascuna con due o più lobi a fondo cieco (caeca) L’esofago serve,
probabilmente, solo al transito del pasto. Le stesse valvole si aprono poi quando il
parassita rigurgita acqua, vari elettroliti e contenuto delle ghiandole salivari
riuscendo così a concentrare l’alimento. La digestione del sangue avviene nei fondi
ciechi, estensibili durante il pasto, e procede verso la parte posteriore dell’intestino
grazie alla muscolatura circolare e longitudinale che ricopre esternamente le cellule
epiteliali e che permette i movimenti peristaltici.
Posteriormente lo stomaco si continua con il retto, che va ad aprirsi nel sacco
rettale, posto ventralmente alle gonadi. In questa dilatazione confluiscono, inoltre, i
tubuli malpighiani attraverso i quali vengono trasportate tutte le sostanze di
escrezione dall’emocele. Il sacco rettale si apre poi all’esterno nel poro anale, di
forma ellittica, formato da valve semilunari e circondato da un anello cuticolare.
La zecca grazie ai cheliceri che tagliano la cute, penetra con l’ipostoma nel
tegumento dell’ospite ancorandosi. Negli Ixodidae i palpi non entrano e si aprono
all’esterno aderendo parallelamente alla cute (Aoki e coll., 1984). A seconda della
lunghezza del rostro, possono arrivare allo strato basale dell’epidermide o andare
oltre. L’ancoraggio è garantito da una sostanza biancastra e fluida composta da
lipoproteine e carboidrati; questa sostanza al momento della sua secrezione è
liquida e diventa poi solida, in poco tempo, formando il cosiddetto “cemento”
(Sonenshine, 1991). Nella figura 1.4 è rappresentata una zecca in fase di
alimentazione.
Figura 1.4: Particolare del rostro di una zecca Ixodidae in fase di alimentazione
Nella femmina il pasto avviene in due fasi una iniziale dove essa si nutre molto
lentamente ed il suo aumento di volume è poco rilevante ed una seconda fase
rapida detta “ingorga mento” dove la femmina aumenta di dimensioni in modo molto
evidente (Adelus, 1995); questa fase inizia solo se c’è stata prima la fecondazione
che, nel caso degli Ixodidae, avviene sull’ospite (Manilla, 1998).
14
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.3.2 APPARATO GENITALE E RIPRODUZIONE
1.3.2.1 Apparato genitale femminile
L’apertura genitale ha localizzazione variabile pur restando sempre a livello dello
spazio infra-coxale. Segue una vagina nella quale si aprono i dotti delle ghiandole
accessorie tubulari e a questa segue l’utero che si trova localizzato nella metà
anteriore del corpo (Soneshine, 1991) e che si biforca in due ovidutti, i quali si
dilatano in un ampolla prima di immettersi nel relativo ovaio che è unico, tubulare e
disposto a ferro di cavallo (Manilla, 1998).
Negli Ixodidae vi sono inoltre specifiche cellule vitellogeniche che permettono di
supportare la produzione di migliaia di uova dopo il pasto, che è unico ed
abbondante, dopo la quale la femmina muore.
1.3.2.2 Apparato genitale maschile
Nel maschio all’apertura genitale segue un dotto nel quale si apre una vescicola
seminale che si continua in due deferenti che conducono ai relativi due testicoli. La
maturazione degli spermatozoi avviene nelle femmine, dopo l’introduzione di
spermatofore; queste sono delle sacche con un lungo collo, dentro le quali si
trovano gli spermatozoi. Il maschio introduce il collo della spermatofora nella vagina
della femmina e così facendo gli spermatozoi escono (Manilla, 1998).
1.3.2.3 Riproduzione nelle zecche
La riproduzione nelle zecche Ixodidae avviene sull’ospite. L’inseminazione è
preceduta dalla liberazione da parte della femmina di un feromone attrattivo per il
maschio , il 2-6 diclorofenolo (DCP). Questo è comune a molte specie e non
potrebbe pertanto evitare la produzione di ibridi, perciò è solo un feromone di
aggregazione o di contatto, mentre il reale meccanismo con cui il maschio riconosce
la propria femmina non è stato tuttora chiarito. L’ipotesi più verosimile è che in tale
riconoscimento intervenga un secondo feromone specie-specifico prodotto dalle
femmine (Manilla, 1998).
La ricerca della compagna adatta alla riproduzione avviene da parte del maschio,
che striscia la propria superficie ventrale contro quella della femmina senza
superare con le sue estremità anteriori l’apertura genitale. Una volta accertata la
conspecificità, le serra il corpo con il ripiegamento degli arti e subito dopo flette il
capitulum ventralmente perforando con i cheliceri l’apertura genitale.
A questo punto il maschio si incurva ripetutamente ed emette, dalla propria apertura
genitale, un bulbo bianco e trasparente (ectospermatofora) tondeggiante
all’estremità libera e ristretto a collo di bottiglia alla base. In pochi secondi nel bulbo
viene eiaculato il liquido seminale, lattiginoso e ricco di granuli proteici, facendo
diventare il bulbo opaco. Quindi il collo viene tappato da una secrezione della
ghiandola accessoria detta endospermatofora, perfettamente adesa alla superficie
interna del collo. Servendosi del dito mobile dei cheliceri, che in questa fase
appaiono lubrificati di saliva, il maschio fa roteare il bulbo in modo da porre contro
l’apertura genitale femminile il collo dell’ectospermatofora, mentre gli spermatozoi si
trasferiscono da questa all’endospermatofora che si estroflette e si allunga
all’interno della vagina (Feldman-Muhsam e Borut, 1971; 1978).
15
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
La femmina copula una sola volta nella vita e poi depone fino a 12.000 uova in una
sola emissione che si protrae per molti giorni. Al momento dell’ovodeposizione essa
protrude, fra la base del capitulum e il margine anteriore dell’idiosoma, una
vescicola (organo di Genè) contenente un liquido ceroso che si riversa sulle uova
facendole aderire in masse resistenti alla disidratazione. Al termine
dell’ovodeposizione la femmina risulta diminuita di peso fino al 70% (Manilla, 1998).
1.4 BIOLOGIA ED ECOLOGIA
Il ciclo biologico nelle zecche Ixodidae è caratterizzato da tre stadi di sviluppo
separati da mute:
• larva (esapode);
• ninfa (ottopode senza apertura genitale);
• adulto (ottopode con apertura genitale);
Le Ixodidae sono parassiti obbligati e per passare da uno stadio all’altro necessitano
di pasti di sangue, utili anche per l’ovogenesi e la spermatogenesi negli adulti,
tranne che per i maschi della sottofamiglia Ixodinae che non si nutrono poiché la
spermiogenesi è già completa alla fine dello stadio ninfale (Balashov, 1956).
Le Ixodidae assumono sangue in tre sole occasioni nel corso di una generazione,
restando infisse sugli ospiti per il tempo necessario alla replezione di ciascuno dei
loro tre stadi. La zecca quando ha infisso le sue appendici buccali nei tessuti
dell’ospite, ne assume il sangue alternando le suzioni a secrezioni salivari che
svolgono un’importante funzione anticoagulante e vasodilatatrice (Manilla, 1998).
Data la stretta correlazione fra la nutrizione e le fasi del ciclo biologico, la durata di
quest’ultimo varia a seconda che le specie dispongano o meno di ospiti adatti alla
loro nutrizione durante i periodi di attività, i quali sono a loro volta diversi a seconda
delle specie e degli stadi e, comunque, subordinati alle condizioni ambientali. Le
zecche possono però ovviare alla mancanza di ospiti o alle avverse condizioni
ambientali attraverso uno stadio di quiescenza detto diapausa, che prevede un
arresto dei processi metabolici che prolunga la durata dei cicli, rendendoli ancora
più variabili. I cicli biologici, indipendentemente dai fattori ambientali che li
condizionano, variano da specie a specie, in quanto sono diversi per durata i tempi
di nutrizione, di ovodeposizione e soprattutto quelli tra essi interposti, ovvero i tempi
di pre-nutrizione, di pre-ovodeposizione e di embriogenesi. La durata dei cicli, infine,
dipende anche dalla capacità di alcune specie di compiere mute sugli ospiti anziché
sul terreno.
Ultimata l’inseminazione il maschio si stacca dalla femmina e generalmente muore,
mentre la femmina si appresta a deporre le uova. In alcune specie il maschio può
effettuare ulteriori pasti di sangue e accoppiarsi nuovamente (Giangasper e Otranto,
2010). La fase di deposizione può durare fino a trenta giorni, con un picco di uova
prodotte verso il 4°-5° giorno dall’inizio, per poi decrescere rapidamente (Starkoff,
1962). La femmina forma dei grappoli di uova nella parte anteriore del corpo e ne
ricopre la superficie con una sostanza vischiosa. Alla fine della deposizione la
femmina muore. Le uova iniziano a schiudersi dal 14° giorno dopo la deposizione,
oppure possono aspettare fino a tre mesi dopo, mentre nel caso in cui la
deposizione sia avvenuta a fine estete, la schiusa avverrà la primavera successiva
16
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
con un intervallo di tempo di 280-350 giorni (Soneshine, 1991). Nella maggior parte
dei casi la schiusa avviene in primavera con la liberazione delle larve esapodi che
rimangono vicino al luogo di schiusa aspettando il passaggio di un ospite. Questo
stadio rappresenta il momento più critico per le zecche in quanto, se non riescono
ad alimentarsi entro 4-5 mesi muoiono secondo Starkoff (1962), mentre secondo
Caeiro (1996) il tempo massimo di sopravvivenza della larva senza cibarsi è di circa
13-19 mesi per le larve di I. ricinus. La ninfa, a differenza della larva, va alla ricerca
dell’ospite e dopo il suo pasto di sangue si trasforma in adulto entro un tempo
massimo di 7 mesi (Starkoff, 1962).
La durata del pasto varia dallo stadio larvale a quello adulto: la larva di Ixodes
ricinus, per esempio, impiega 3-4 giorni, la ninfa 4-7 giorni e l’adulto 7-10 giorni.
L’associazione delle varie specie di Ixodidae con i rispettivi ospiti può essere a
bassa specificità, con ampia gamma di ospiti, ad alta specificità, con una cerchia
ristretta di ospiti o ad altissima specificità con ospiti appartenenti ad una sola specie
o ad un solo gruppo. Esempi di specie ad alta specificità includono: la “zecca dello
scoiattolo”, Ixodes marxi, che vive nei nidi dei suoi ospiti e si nutre esclusivamente
sugli sciuridi, e la “zecca del bestiame”, Boophilus microplus, che si nutre
principalmente sul bestiame; viceversa le specie meno specifiche nella scelta
dell'ospite sono ad esempio Amblyomma tholloni (Walker e Olwage, 1987).
La specificità per un ospite è determinata dalla capacità della zecca di riconoscere e
rispondere a specifici composti volatili come la CO2, NH3, acido lattico e altri
composti, rafforzati da stimoli termici caratteristici del corpo ospitante (Sonenshine,
1994).
Le zecche, prima ancora di associarsi agli ospiti, sono legate a particolari ambienti e
bioclimi terrestri, ognuno dei quali è subordinato a determinati fattori abiotici, tra cui
latitudine, altitudine e piovosità, e fattori biotici, fra i quali svolge un ruolo di grande
rilievo la copertura vegetale. Quindi sono le diverse condizioni macro e
microclimatiche ad accomunare specie di zecche a specie di ospiti, in modo tale che
allo spostamento di un ospite da un ambiente ad un altro, diverse specie di zecche
sarebbero in grado di aggredirlo.
Le zecche possono alimentarsi su mammiferi, uccelli e rettili. La distribuzione
geografica varia dalle zone sub-artiche, all’equatore a quelle antartiche; gli habitat
spaziano dal deserto alle foreste pluviali. Possono sopravvivere persino immerse in
acqua marina in quanto spesso si alimentano su uccelli acquatici rimanendo
attaccate anche nelle fasi di immersione (Bowman and Nuttall, 2008).
Tra gli Ixodidae esistono molte specie che in tutti i loro stadi di sviluppo hanno
bisogno di condizioni microclimatiche costanti, che si realizzano solo in particolari
ambienti chiusi e protetti da variazioni sensibili della temperatura e dell’umidità
relativa.
Tali specie, necessariamente associate agli ospiti abituali dei rispettivi ambienti,
vengono dette endofile, a loro volta distinte, a seconda dell’ambiente che occupano,
in foleofile (tane), nidicole (nidi di uccelli), troglobie (grotte) e ipogee (cunicoli e
anfratti sotterranei) (Manilla, 1988).
La dispersione delle zecche endofile avviene attraverso quella dei rispettivi ospiti sui
quali sono reperibili anche in ambiente aperto in quanto, mentre si nutrono, le
zecche non dipendono più dall’ambiente ma solo dalla temperatura dei loro ospiti.
A differenza delle endofile, le specie dette esofile (tutte comprese fra le Ixodidae)
sono capaci di guadagnare gli ambienti aperti in tutti i loro stadi in occasione della
17
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
ricerca degli ospiti. Le zecche esofile hanno due diverse strategie per trovare
l’ospite: una è quella dell’ambushing, in cui si arrampicano sui fili d’erba e sugli
arbusti e aspettando passi un animale per lasciarsi cadere su di esso; l’altra tecnica
è quella dell’hunting, in cui le zecche corrono incontro all’animale attivamente.
Entrambi questi tipi di comportamenti sono attivati da stimoli di diverso genere:
chimici (CO2), olfattivi (feromoni), uditivi e tattili come le vibrazioni sul terreno (Maioli
e coll., 2009).
Per queste specie un ruolo determinante è svolto dalle condizioni climatiche e dalla
copertura vegetale, che garantisce ad esse sia il microclima necessario alle
esigenze igrometriche per mantenere il bilancio idrico, sia il supporto per aggredire
gli ospiti.
Ne deriva che, per tali specie esofile, lo studio delle relazioni parassita-ospite non
può essere disgiunto da quello dei rapporti con la vegetazione, così come rilevato
soprattutto da Gilot e coll. (1975; 1979 e 1992), i quali hanno evidenziato la stretta
interdipendenza fra alcune specie di Ixodidae e determinati tipi di vegetazione,
ricorrendo anche alla cartografia come premessa alle campagne di eradicazione.
Tali ricerche hanno anche permesso di distinguere le specie esofile in mesofile e
xerofile, a seconda della loro maggiore o minore dipendenza dall’umidità relativa.
Infine, altre specie di Ixodidae sono dette telotrope in quanto sono parassiti legati ad
ambienti chiusi nei loro primi stadi (sempre le larve e talora le ninfe) diventando poi
esofile da adulte e potendo così parassitare una gamma d’ospiti maggiore.
Tale possibilità è certamente da correlarsi con le strutture dei tessuti di rivestimento,
che nei primi stadi sono ancora poco chitinizzate. È così possibile dedurre che non
solo le specie ma anche i diversi stadi di una stessa specie dipendono dalle
condizioni macroclimatiche e microclimatiche prima ancora che dagli ospiti.
Anche la dispersione delle zecche telotrope ed esofile è legata al movimento dei
loro ospiti abituali, ma spesso anche ad ospiti occasionali. Sia gli uni che gli altri
possono trasferirle in areali anche molto distanti da quello di origine, ma qui sono di
nuovo la disponibiltà di ospiti adatti e le condizioni climatiche a determinarne o
meno lo sviluppo. È per questo che le specie esofile hanno probabilità di successo
maggiori rispetto alle telotrope (Manilla, 1988).
Viceversa, il distacco dagli ospiti per le specie endofile e per gli stadi immaturi di
quelle telotrope non allontana la zecca dalle sue fonti di nutrimento, evitando così
una riduzione della popolazione. Quello delle femmine delle specie telotrope e di
tutti gli stadi delle esofile potrebbe invece comportare tale rischio qualora il distacco
avvenisse in ambienti diversi da quelli adatti per la loro sopravvivenza.
1.5 ETOLOGIA
Possiamo distinguere, in base al comportamento nella scelta dell’ospite, due
categorie di zecche: monotrope e ditrope.
Monotrope: sono le specie di zecca che scelgono, ad ogni fase del ciclo, sempre
esemplari appartenenti alla stessa classe.
Ditrope: se uno o entrambi gli stadi immaturi si nutrono su ospiti appartenenti a
classi diverse da quelle degli adulti (Adelus, 1995).
In relazione alla ricerca degli ospiti le zecche vengono distinte in monofasiche,
18
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
difasiche, trifasiche e polifasiche, a seconda che nei loro cicli la ricerca avvenga
una, due, tre o più volte (Manilla, 1988).
Si possono, quindi distinguere:
zecche trifasiche: se ogni stadio è costretto a cercare l’ospite, da cui si distacca
dopo il pasto per compiere la muta sul substrato; rappresenta il ciclo più comune e
interessa il 90% delle zecche; in breve il ciclo delle zecche a tre ospiti o trifasiche è
il seguente:
1. la larva fuoriesce dall'uovo deposto sul suolo;
2. la larva sale su un primo ospite su cui compie il pasto di sangue per poi
cadere a terra e mutare a ninfa;
3. la ninfa sale su un secondo ospite, compie il pasto di sangue, cade a terra e
muta ad adulto;
4. l'adulto sale su un terzo ospite su cui compie il pasto di sangue, si accoppia
e poi scendere a terra per deporre le uova (nel caso della femmina).
L'intero ciclo si svolge per buona parte nell'ambiente creando un serbatoio su cui è
difficile intervenire.
zecche difasiche: l’ospite viene aggredito dalla larva, che si distacca come ninfa
repleta, e poi dagli adulti; il ciclo delle zecche a due ospiti o bifasiche può essere
sintetizzato come segue:
1. la larva fuoriesce dall'uovo deposto sul suolo;
2. la larva sale su un primo ospite su cui compie il pasto di sangue e muta a
ninfa;
3. la ninfa si nutre sullo stesso ospite e scende a terra;
4. la ninfa muta ad adulto nell’ambiente;
5. l'adulto sale su un secondo ospite su cui compie il pasto di sangue per poi
scendere a terra e deporre le uova.
zecche monofasiche: sono attive solo le larve, le quali, una volta trovato l’ospite,
compiono su di esso entrambe le mute abbandonandolo allo stadio di adulto nutrito.
Il ciclo in queste specie è breve e in un anno si possono compiere più cicli.
Il ciclo delle zecche ad un ospite o monofasiche può essere quindi schematizzato
come segue:
1. la larva fuoriesce dall'uovo deposto sul suolo;
2. la larva sale su un ospite su cui compie il pasto di sangue e muta a ninfa;
3. la ninfa si nutre sullo stesso ospite e muta ad adulto;
4. l'adulto compie il pasto di sangue per poi scendere a terra e deporre le uova.
Il tipo di ciclo biologico influenza la capacità delle zecche di agire come vettori di
microrganismi patogeni, ad esempio le zecche trifasiche e difasiche possono
trasmettere i patogeni acquisiti durante l’alimentazione larvale al successivo stadio
di vita con un fenomeno noto come trasmissione trans-stadiale (Anderson e
Magnarelli, 2008) quindi possono trasmettere da un ospite all’altro questi agenti
patogeni. Viceversa le zecche monofasiche grazie alla loro specificità, avranno
meno occasioni per potersi infettare con microrganismi patogeni e trasmetterli ad
altri ospiti, sarà così più facile il loro controllo, anche se alcuni microrganismi
possono passare dalla femmina alla progenie con un fenomeno detto di
trasmissione trans-ovarica.
Nelle specie monofasiche, come già accennato il ciclo è generalmente rapido, circa
7 settimane, ed è tipico di zecche ad alta specializzazione come per alcune zecche
19
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
del genere Rhipicephalus. Il ciclo a due ospiti è abbastanza comune per il genere
Hyalomma.
Nelle specie difasiche e trifasiche il ciclo sarà più lungo, da uno a quattro anni, e ci
sarà una maggior probabilità che la zecca trovi un ospite infetto e trasmetta poi
l’infezione ad un ospite successivo, il che comporta anche una maggiore difficoltà
nel controllo delle malattie da esse trasmesse.
Il comportamento delle zecche Ixodidae in occasione delle loro aggressioni varia a
seconda siano endofile o esofile.
Gli Ixodidae endofili sono solifughi, per cui nelle ore diurne restano inattive nei loro
anfratti ed aggrediscono l’ospite al buio o, comunque, al riparo dalla luce diretta
spesso mentre gli ospiti dormono o covano o sono in letargo.
Gli adulti (e talora le ninfe) delle specie telotrope e tutti gli stadi di quelle esofile,
come ad esempio I. ricinus, H. marginatum, affrontano l’ambiente esterno con
modalità ben descritte dalla studiosa slovacca Macicka (1958). I vari stadi si
inerpicano sugli steli erbosi, cespugli o varia vegetazione frondosa fino a
raggiungere una certa altezza dal suolo dove assumono una posizione di attacco,
restando aggrappati con le ultime due o tre paia di zampe e protendendo in avanti il
primo paio di zampe e i palpi, cioè le strutture più ricche di sensilli (Manilla, 1998).
Le zecche si dispongono a diversa altezza in dipendenza da vari fattori. Gli adulti,
infatti, tendono a salire più in alto sulla vegetazione aumentando la probabilità di
incontrare e di attaccarsi a grossi mammiferi quali cervi, carnivori e uomo. Poiché
l’equilibrio idrico è un importante fattore limitante per l’attività, le zecche restano
sulla pagina inferiore delle foglie o in posizioni tali da proteggersi dall’azione diretta
dei raggi solari. Rimangono in posizione di attacco anche per molte ore fino a
quando un eccessiva disidratazione non le costringe alla discesa verso il terreno
umido dove possono recuperare l’acqua persa (Sonenshine, 2005).
Le larve, in molte specie, essendo più sensibili al disseccamento (Manilla, 1998),
restano più vicine al terreno dove hanno maggiori probabilità di incontrare piccoli
mammiferi, uccelli terricoli e altri piccoli ospiti vertebrati (Sonenshine, 2005).
Restano in tale posizione finché un qualsiasi corpo non entra nel loro campo di
recezione sensoriale provocando il brusco abbandono da parte delle zecche dei loro
supporti, sui quali tornano ad inerpicarsi se il tentativo di aggressione risulta
infruttuoso. La zecca risponde a una grande varietà di stimoli quali ombre (forme
scure sullo sfondo luminoso del cielo), vibrazioni, odori, stimoli tattili e altri stimoli
che possono indicarle la presenza dell’ospite. La zecche, ricevuto lo stimolo,
estendono antero-lateralmente gli arti anteriori aggrappandosi all’ospite
(Sonenshine, 2005).
Il metodo di trascinamento per la raccolta ambientale delle zecche sfrutta questo
comportamento: le zecche si aggrappano al tessuto non distinguendolo in un primo
momento da un ospite vivente.
Anche il suono è in grado di attrarre le zecche. I suoni prodotti dai cani attirano
Rhipicephalus sanguineus, zecca del cane, mentre i suoni emessi da bovini sono
noti per attrarre le larve della zecca del bestiame, Boophilus microplus (Sonenshine,
2005). I sensilli olfattivi a livello di organo di Haller possono venir eccitati da varie
sostanze; in uno studio condotto da Leonovich (2004) sono stati rilevati nella lana e
nel pelo bovino, utilizzando tecniche cromatografiche, i principi attivi volatili in grado
di attivare i sensilli esaminati. Un tipo di recettore, presente in questo organello, ha
risposto solo ai derivati fenolici, (come o-clorofenolo, o-bromofenolo, o-metilfenolo,
20
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
2,6-diclorofenolo, 2,6-dibromofenolo, 2,4,6-triclorofenolo), l'altro tipo di recettore ha
risposto solo alla presenza di γ-valerolactone. Si presume che queste cellule
recettrici svolgano un ruolo importante nelle fasi di riconoscimento dell’ospite.
In generale i lattoni sono trovati come componenti emesse dal pelo di mammiferi,
inclusi gli esseri umani (Goetz e coll, 1988; Flood e coll., 1989; Steullet, 1993).
Probabilmente, una combinazione di questi stimoli informa la zecca
sull'avvicinamento dell’ospite.
La reazione comportamentale, naturalmente, non dipende solo da queste
informazioni, e altri sensilli nell’organo di Haller possono essere coinvolti; un
maggior sviluppo di questi sensilli in zecche del genere Ixodes, può essere spiegato
dalla necessità di questo parassita di percepire da lontano l’ospite per prepararsi
all’eventuale attacco (per prendere la postura attiva) (Leonovich, 2004).
L’abbondanza della vegetazione rende impossibile l'uso di biossido di carbonio
come segnale di avvicinamento quando la distanza zecca-ospite è elevata. In
queste circostanze, il segnale proveniente da un ospite potenziale deve essere
diverso da odori vegetali naturali e deve essere una sostanza piuttosto volatile,
come i ferormoni che sono in grado di fornire le informazioni direzionali che portano
le zecche al bestiame o ad altri ospiti ungulati (Barré e coll., 1997). I composti
fenolici e lattoni, essendo componenti volatili di vertebrati sono particolarmente
adatte per questo scopo.
L’attività sugli steli inizia, a seconda della specie e dell’areale di distribuzione, in
varie ore del giorno tranne in quelle più calde, per cui dove la temperatura
ambientale rimane elevata per tutto l’arco della giornata le zecche sono attive solo
di notte.
Il risultato di questi diversi comportamenti legati alle diverse condizioni climatiche ed
alle varie esigenze delle specie di Ixodidae è la sincronizzazione tra i periodi di
attività delle zecche e quelli degli ospiti. Tale sincronizzazione è indispensabile sia
per le specie endofile che per le esofile e, qualora non sia attuabile, tale handicap
viene superato grazie ad un più veloce ciclo di sviluppo a alla diapausa (Macicka,
1958).
1.6 EPIDEMIOLOGIA
Negli ultimi anni la percezione generale è quella di un aumento della diffusione delle
zecche dal loro ambiente naturale a quello domestico con un aumento delle
infestazioni non solo su animali domestici e selvatici, ma spesso anche sull’uomo.
E’ probabile che l’ecologia delle zecche e di conseguenza, l’epidemiologia delle
malattie trasmissibili da zecche, sia in stretta relazione con la popolazione umana.
Nuove associazioni tra ospiti e zecche si stanno sviluppando intensificando la
dinamica epidemiologica di alcune malattie da zecche. Le zecche si adattano ai
cambiamenti ambientali e si sono dimostrate molto abili a diffondersi e a mantenersi
stabili in determinati ambienti rispetto ad altri parassiti in competizione per lo stesso
territorio.
La distribuzione e la diffusione delle zecche nella popolazione animale dipende
dall’ecologia degli artropodi, dalle dinamiche della popolazione ospite a dal grado di
associazione tra zecche e ospite, le zecche infatti possono avere molti ospiti diversi
21
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
in grado di mantenere o accelerare il loro ciclo biologico (Genchi e Manfredi, 1999).
Secondo Gray e coll. (2009), ci sono diversi fattori di distribuzione e diffusione delle
zecche tra cui i mutamenti climatici, che hanno influenzato negli anni la
sopravvivenza delle zecche con un effetto diretto sulla loro distribuzione e
diffusione. I mutamenti climatici possono inoltre influenzare, con effetto indiretto, la
sopravvivenza delle zecche, modificando il tipo di vegetazione e l’abbondanza delle
specie ospite.
I cambiamenti climatici e la durata delle stagioni quindi colpiranno direttamente la
sopravvivenza, l'attività e lo sviluppo delle zecche, però non ci sono dati evidenti
che dimostrano che un aumento di temperatura aumenti l’abbondanza delle zecche
semplicemente incrementando il tasso di sviluppo, ma piuttosto variazioni nei tassi
di sviluppo renderanno disponibili raggruppamenti di zecche in differenti finestre di
diapausa (in gran parte determinate dalla lunghezza del giorno), cambiando quindi i
modelli di attività stagionali e alterando significativamente la lunghezza della
generazione (Gray, 2008).
Più complicati sono gli effetti indiretti del mutamento climatico. Per esempio, il clima
colpirà la vegetazione, che può influenzare in molti modi il numero delle zecche nel
territorio. Una vegetazione rigogliosa e densa è generalmente utile alla
sopravvivenza della zecca essendo inoltre un fattore positivo per lo sviluppo delle
specie ospiti, come cervidi, roditori e uccelli (Gray, 2008).
Nel rapporto EFSA 2010 sulla distribuzione delle zecche e delle malattie da loro
trasmesse in Europa e nel Bacino del Mediterraneo, (AA.VV., 2010) nei fattori che
influenzano la distribuzione e diffusione delle zecche sono inseriti oltre ai sopra citati
mutamenti climatici, fattori quali il movimento degli uccelli migratori, che possono
trasportare e diffondere questi parassiti, le tecniche zootecniche, le specie
selvatiche ed esotiche introdotte nell’ambiente e il movimento della popolazione
umana.
Prendiamo come esempio i tre specie di zecche dure più diffusi in Italia:
Rhipicephalus sanguineus, Ixodes ricinus e Dermacentor marginatus.
1.6.1 RHIPICEPHALUS SANGUINEUS
R. sanguineus viene detta anche "zecca del cane" perché in quest'ospite si ritrova
molto frequentemente (Fig. 1.6), è diffusa in tutte le regioni d'Italia e predilige un
ambiente urbano.
22
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Figura 1.5: Ciclo biologico di R.sanguineus e distribuzione in Italia (Iori e coll., 2005).
E’ una zecca di medie dimensioni, di colore bruno-giallastro o bruno-rossastro. Il
gruppo di R. sanguineus comprende diverse specie di zecche. Due specie di questo
gruppo sono molto simili a R. sanguineus e sono R. camicasi e R turanicus.
R. sanguineus è probabilmente la zecca più diffusa ed è all’incirca presente tra le
latitudini di 50° N e 30° S, e la sua preferenza pe r i cani ha facilitato la sua
distribuzione in tutto il mondo (Walker e coll., 2000).
In condizioni favorevoli questa specie può parassitare anche erbivori domestici che
vivono nello stesso ambiente del cane (bovini, equini, ecc.). La possiamo ritrovare
su carnivori selvatici, roditori, lagomorfi ed insettivori che possono agire come
serbatoio in alcune zone rurali (Stella e coll., 1988).
La distribuzione in tutto il mondo e l’ubiquità di R. sanguineus sono caratteristiche
distintive, il che implica che essa è in grado di sopravvivere in un ampia serie di
habitat potenziali (Yoder e coll., 2006).
In Europa in condizioni naturali la sua attività va da marzo a settembre; tuttavia
poiché gli animali domestici vivono in case o in ricoveri, le zecche si sono adattate
ad un ciclo vitale continuo (Maroli e coll., 1996).
Infatti le zecche appartenenti alla specie R. sanguineus sono spesso endofile e
anche se sono in grado di sopravvivere in ambienti aperti (soprattutto in zone
tropicali e subtropicali), sono adattate a vivere in canili e nelle case, quindi vivono
spesso in ambienti chiusi con una forte tendenza a risalire i muri delle case
infestate. Si possono inoltre nascondere in ogni tipo di crepe, di solito vicino al luogo
di riposo dell’ospite (Dantas-Torres, 2008). Questo comportamento endofilo è
atipico fra le zecche del genere Rhipicephalus, che di solito sono interamente
esofile (Estrada-Peña e coll., 2004). Recentemente è stato dimostrato che R.
sanguineus, per sopravvivere, ha minor necessità di un habitat ricco di umidità, e
questo facilita il suo propagarsi all'interno di aree che sono sfavorevoli per il
mantenimento dell'equilibrio idrico.
Dal momento che questa zecca è principalmente endofila, non presenta una rigida
stagionalità: la durata del ciclo di vita di R. sanguineus può variare da paese a
paese e da regione a regione e può completarsi e portare a completamento anche
due o più generazioni in un anno (Dantas- Torres, 2008).
Secondo uno studio sulle specie di zecche infestanti i ruminanti condotto da
Manfredi e coll. (1999) in Liguria che ha riscontrato questa zecca rispettivamente nel
38% e nel 33% degli animali infestati, si evidenzia che R. sanguineus si è adattato
23
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
molto bene a nutrirsi sia su ovini che su caprini. Questo suggerisce che la specie è
spesso in grado di mantenersi in ambienti rurali, anche se il più importante habitat
sembra essere quello domestico, urbano e peri-urbano dove c’è abbondanza di
cani.
In riferimento alla segnalazione di R. sanguineus sugli ovi-caprini, precedentemente
erano però stati espressi dubbi da parte di Ghirotti e Maroli (1997) sull’attribuzione
di questo parassita alle specie ovi-caprine. Gli autori avevano ipotizzato che fossero
stati erroneamente identificati come R. sanguineus soggetti appartenenti alla specie
di R. turanicus. Anche se erroneamente identificati è comunque probabile che
l’incremento della popolazione canina, in sinergia con l’adattabilità di R. sanguineus
per altre specie ospite abbia consentito la diffusione di queste zecche verso diversi
habitat e diversi tipi di ospiti in particolare dove questi condividono lo stesso
ambiente con i cani.
L'uomo può essere parassitato quando manca l'ospite naturale o se le zecche sono
presenti in concentrazioni tali da dover cercare altri ospiti per sopravvivere. Questa
zecca avendo il rostro corto predilige zone con cute sottile, come l'interno del
padiglione auricolare, attorno all'ano o sotto la coda. II ciclo di questa specie è
condizionato, come anche per altre specie, dalla temperatura; la deposizione
avviene tra i 15-40°C, mentre la schiusa tra i l8-3 8°C. La durata di un ciclo può
essere di 5-6 mesi, però nel caso in cui le zecche siano costrette a lunghi periodi di
diapausa l'intero ciclo si prolunga anche di un anno (Soulsby, 1982) o più. Il digiuno
negli adulti può durare fino a 19 mesi, nelle larve e nelle ninfe invece fino a 4 mesi
(Manilla, 1998). Secondo Caeiro (1996) il digiuno nelle larve può durare fino a 8-9
mesi mentre per le ninfe può durare fino a 6 mesi.
RHIPICEPHALUS SANGUINEUS
GIORNI SETTIMANE MESI
Periodo di pre-ovodeposizione
Durata dell’ovodeposizione
Tempo di schiusa
Tempo impiegato dalla larva per nutrirsi
Tempo impiegato dalla larva per mutare in ninfa
Tempo impiegato dalla ninfa per nutrirsi
Tempo impiegato dalla ninfa per mutare in adulto
Tempo impiegato dalla femmina adulta per nutrirsi
Tempo di sopravvivenza della larva senza cibarsi
Tempo di sopravvivenza della ninfa senza cibarsi
Tempo di sopravvivenza dell’adulto senza cibarsi
15-17
17-30
2-6
5-23
4-9
11-73
6-21
8-28
8½
6
20
Tabella 1.1: Tempistiche del ciclo di R. sanguineus (Caeiro, 1996).
I periodi di massima attività degli adulti sono in luglio e settembre, mentre ad aprile
si trovano le larve, che aspettano il passaggio dell'ospite. Oltre alla temperatura
sullo sviluppo incide il fotoperiodo: un aumento di ore di luce "risveglia" le zecche
dal torpore invernale, stimolandole a risalire in superficie per cercare un ospite su
cui nutrirsi. Questa specie di zecca è vettore di molti agenti patogeni come: Babesia
canis, B. vogeli, B. gibsoni, Ehrlichia canis, Haepatozoon canis, Rickettsia conori
(Giangaspero, 1999).
24
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.6.2 IXODES RICINUS
Ixodes ricinus è una specie trifasica, comune nelle zone umide di tutti i paesi
europei. La specie si trova in boschi di latifoglie e di conifere dove sono presenti
animali selvatici come caprioli, cervi e volpi, che rappresentano gli ospiti principali, e
in pascoli di bovini e ovini , di solito in alta quota e in zone ad alta piovosità. È le
specie più comunemente incontrata nella maggior parte dell’ Europa centrale,
occidentale e settentrionale. Questa specie è presente in Irlanda, Gran Bretagna,
Scandinavia, Finlandia e Russia occidentale e il suo areale di diffusione si estende
attraverso l’Europa continentale verso sud nell’area mediterranea, nel Nord Africa e
verso est fino nell’Iran.
La presenza di I. ricinus in Nord Africa è limitata principalmente alle aree più fresche
e piovose (precipitazioni di oltre 800 mm/anno) della regione mediterranea (EstradaPeña e coll., 2004; Keirans e Durden, 2005).
Nel nostro paese è stata segnalata in tutte le regioni (Fig. 1.8), le rare segnalazioni
in Sardegna sono da ascrivere secondo Manilla (1998) a Ixodes gibbosus.
Figura 1.6: Ciclo biologico di I. ricinus e distribuzione in Italia (Iori e coll., 2005)
Questa specie predilige un microclima fresco ed umido, anche perché resiste alla
disidratazione solo qualche giorno; infatti la piovosità di certi periodi dell'anno ne
favorisce la diffusione. I. ricinus è una zecca a tre ospiti (Fig. 1.8) che si comporta
da zecca endofila durante la fase larvale e da zecca esofila durante le fasi ninfali e
di adulto. Quando la temperatura aumenta e l'umidità diminuisce assume, a tutti gli
stadi, un tipo di vita endofilo.
I. ricinus ha una gamma molto ampia di ospiti; è 'stato registrato su circa 237 ospiti
tra cui molte specie di mammiferi, uccelli e perfino alcuni rettili (lucertole) (Gern,
1994). Tra le circa 30 specie di zecche che si nutrono di esseri umani, I. ricinus è la
più frequente in Europa (Keirans e Durden, 2005). Nonostante una tale varietà di
ospiti, la maggior parte di I. ricinus si alimenta su poche specie e le infestazioni da
zecche sono spesso limitate a una sola parte della popolazione ospite. Nell’ Europa
centro-meridionale gli ospiti principali delle forme immature di I. ricinus sono roditori,
come il topo selvatico dal collo giallo (Apodemus flavicollis) e l’ arvicola rossastra
(Myodes glareolus). L’ospite più frequentemente infestato dalle forme ninfali e
adulte è il capriolo (Capreolus capreolus) a cui è legata la possibilità di dispersione
25
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
della zecca (Manilla 1998; Labuda e Nuttall, 2008). La diffusione è inoltre favorita da
uccelli e da altri mammiferi che si spostano su ampie aree, mentre il mantenimento
è garantito dalla presenza dei piccoli mammiferi. Gli adulti si fissano
prevalentemente in zone del corpo a pelo rado (mammelle, inguine e orecchio), ma
con il loro lungo rostro si possono attaccare in zone con cute più spessa come il
dorso (Maroli e coll., 1996).
I. ricinus presenta un attività maggiore nelle aree del nord dove trova climi più freddi
e in genere, in questi habitat, manifesta due picchi di attività: uno in primavera e uno
in autunno con durata e variazioni di periodo in funzione della stagione, del tasso di
umidità e della temperatura, inoltre questa specie predilige aree boschive con un
abbondante sottobosco ad un'altitudine compresa tra i 500-1500 metri anche se è
possibile ritrovarla ad altitudini maggiori.
In genere, in un anno, I. ricinus si nutre solo una volta compiendo una sola muta,
impiegando così almeno 3 anni per completare il suo ciclo di vita. Le zecche che
non trovano un ospite nel periodo di attività autunnale passano l’inverno in diapausa
tornando nuovamente attive la primavera successiva, quindi il ciclo di vita può
anche durare fino a 6 anni. Questo comportamento può fungere da strategia di
sopravvivenza a variazioni di clima sfavorevoli (Manilla, 1998; Labuda e Nuttall,
2008).
Nella tabella 2 sono evidenziate le durate di alcune fasi del ciclo biologico di Ixodes
ricinus.
IXODES RICINUS
GIORNI
Periodo di pre-ovodeposizione
7-22
Durata dell’ovodeposizione
7-30
Tempo di schiusa
SETTIMANE
MESI
2-36
Tempo impiegato dalla larva per nutrirsi
2-6
Tempo impiegato dalla larva per mutare in ninfa
4-51
Tempo impiegato dalla ninfa per nutrirsi
3-7
Tempo impiegato dalla ninfa per mutare in adulto
Tempo impiegato dalla femmina adulta per nutrirsi
8-28
5-14
Tempo di sopravvivenza della larva senza cibarsi
13-19
Tempo di sopravvivenza della ninfa senza cibarsi
24
Tempo di sopravvivenza dell’adulto senza cibarsi
21-27
Tabella 1.2: Tempistiche del ciclo di I. ricinus (Caeiro, 1996)
Questa specie è particolarmente studiata per il suo ruolo di vettore nella
trasmissione di Borrelia burgdorferi responsabile della malattia di Lyme nell'uomo e
della borreliosi negli animali. Risultano particolarmente esposti guardie forestali,
cacciatori, boscaioli e naturalisti (Genchi e coll., 2000).
1.6.3 DERMACENTOR MARGINATUS
Dermacentor marginatus è una specie paleartica ampiamente distribuita in Europa
settentrionale e Asia settentrionale e occidentale. Si trova in Germania, Svizzera,
Francia meridionale e centrale, Italia e Spagna; inoltre è stata trovata anche in
Marocco (Keirans e Durden, 2005).
26
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
E’ diffusa in quasi tutte le regioni d'Italia (Fig. 12) e nell’area mediterranea. Predilige
foreste con faggi, conifere e querce e alle volte si può anche incontrare vicino alle
zone abitate. E' una specie trifasica e ditropa, e l'intero ciclo di vita può essere
completato in un anno. Gli adulti infestano i ruminanti domestici e gli ungulati
selvatici; in Italia centrale è strettamente associata al cinghiale (Sus scrofa) (Manilla,
1998). I cani possono essere infestati da soggetti adulti e gli esseri umani sono
suscettibili di infestazione da stadi immaturi, anche se gli stadi immaturi sono
endofili e si nutrono soprattutto su piccoli mammiferi, come roditori, alcuni carnivori
di medie dimensioni e anche su uccelli (Estrada-Peña e coll., 2004).
Spesso però, gli stadi immaturi, si possono ritrovare anche su cani da caccia come
in alcuni casi segnalati in Piemonte, Lombardia, Abruzzo e Sicilia (Giangaspero,
1999).
Gli adulti sono attivi in primavera, estate e all’inizio dell’autunno, tuttavia, a causa
della grande varietà di condizioni climatiche questa attività è suscettibile di ampie
variazioni.
La lunghezza del giorno e le temperature ambientali condizionano la ricerca
dell’ospite e di conseguenza l’assunzione del pasto di sangue e infine
l’ovodeposizione. Le femmine che cercano gli ospiti nei periodi in cui la durata del
giorno aumenta, cioè in primavera e all’inizio dell'estate, riescono a deporre le uova
quasi immediatamente. Al contrario, le femmine esposte al declino della durata del
giorno prima della ovodeposizione ritardano quest’ultima fino alla primavera
successiva (Sonenshine, 2005).
Il ciclo biologico della zecca (Fig. 10) si completa, a seconda dell'andamento
climatico e del periodo dell'anno, in 1,5 - 6,5 mesi; questa specie è inoltre
considerata un importante vettore di B. canis e B. equi (Iori e coll., 2005)
Dermacentor marginatus è inoltre vettore di Coxiella burnetii, Rickettsia conori, R.
slovaca, R. sibirica. Inoltre anche Francisella tularensis può essere trasmesso da
questa specie di zecche (Nosek, 1972; Hillyard, 1996; Raoult e coll., 2002).
Figura 1.7: Ciclo biologico di D. marginatus e distribuzione in Italia (Iori e coll., 2005).
27
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.7 PROFILASSI
Le infestazioni da pulci e zecche sono uno dei principali problemi sia in medicina
veterinaria, sia in sanità pubblica, in quanto si possono sviluppare resistenze da
parte dei parassiti verso i vari prodotti normalmente utilizzati. E’ necessario dunque
lo studio e lo sviluppo di nuove molecole, sempre più efficaci e più sicure verso
l’animale e verso chi le utilizza. L’importanza del controllo di questi parassiti è punto
fondamentale; in Italia il Ministero della Sanità ha emanato due Circolari Ministeriali
una datata il 10 Luglio 1995 (C.M. n°19) ed una il 13 Luglio 2000 (C.M. n°10 –
malattie trasmesse da zecche – cenni di epidemiologia – misure di prevenzione).
Queste circolari hanno posto l’accento oltre che sulle misure di prevenzione anche
sui criteri diagnostici delle malattie da zecche. Viene inoltre ribadita la necessità di
una corretta notifica al Ministero della Sanità (D.M. 15 dicembre 1990)
1.7.1 PRINCIPI GENERALI DELLA LOTTA VERSO LE ZECCHE
Le zecche sono parassiti temporanei e la lotta verso di esse deve essere
considerata secondo due approcci: durante la loro vita parassitaria sulle specie
domestiche e selvatiche e durante la loro fase di vita nell’ambiente.
Lotta durante la loro vita parassitaria: un mezzo per contrastare le zecche, in
particolare nel cane, consiste nel toglierle manualmente dall’animale dopo ogni
uscita; questo metodo è semplice e senza grandi pericoli, ma necessita di una
tecnica corretta per non lasciare il rostro della zecca all’interno dei tessuti dell’ospite
con possibilità di dare origine ad ascessi. E’ possibile utilizzare varie sostanze
chimiche antiparassitarie, oggi in commercio con molteplici formulazioni, che messe
a contatto con la cute dell’animale hanno effetto preventivo e terapeutico. La
somministrazione si effettua attraverso applicazioni regolari, durante la stagione di
massima attività delle zecche (Zenner e Gaillot, 2003).
Lotta nell’ambiente: in questo caso si agisce sulla zecca durante la sua vita
nell’ambiente mediante la distribuzione di acaricidi tramite fumigazioni, aereosol o
polveri. Questo metodo tuttavia favorisce l’inquinamento ambientale, la comparsa di
chemioresistenza e il pericolo di intossicazione sia per gli animali che per l’uomo,
quindi viene utilizzato soprattutto nel caso di zecche endofile che parassitano gli
ambienti domestici, la cui eliminazione è spesso difficile. Si stanno studiando metodi
alternativi e più ecologici che si propongono di modificare il biotipo della zecca,
interferendo con la sua capacità di sopravvivere (Zenner e Gaillot, 2003). Uno di
questi metodi si basa sul controllo delle popolazioni di animali selvatici, privando
così le zecche immature dei loro ospiti naturali e limitandone la diffusione. Altri
metodi fondamentali si applicano sulla vegetazione, falciando l’erba più alta,
curando giardini e parchi ed evitando un eccessivo rimboschimento in quanto le
aree abbandonate dall’uomo diventano un habitat favorevole al ciclo della zecca
(Zenner e Gaillot, 2003).
1.7.2 MEZZI MECCANICI, TECNICHE E STRUMENTI
I prodotti antiparassitari in commercio non hanno mai un’efficacia totale e quindi
28
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
capita spesso di dover estrarre la zecca manualmente. La rimozione manuale deve
portare ad un’estrazione completa del rostro, al fine di evitare complicazioni quali
granulomi e infezioni secondarie; in passato si consigliava di utilizzare una pinzetta
dopo l’applicazione di etere etilico sulla zecca. Questa tecnica tuttavia si è
dimostrata inadeguata in quanto il parassita durante il soffocamento con l’etere
rigurgita il pasto di sangue immettendo così nell’ospite eventuali agenti patogeni
tramite la saliva, pertanto l’utilizzo di etere, oli e solventi è sconsigliato. Inefficace è
l’utilizzo di anestetici locali nel punto di attacco della zecca. Le uniche sostanze da
utilizzare sono quindi gli appositi acaricidi. Per estrarre la zecca occorre afferrarla il
più vicino possibile al rostro, con una pinzetta o con strumenti specifici, imprimendo
una trazione perpendicolare alla superficie cutanea dell’ospite e applicando una
rotazione intorno all’asse del corpo della zecca (Zenner e Gaillot, 2003). La
rotazione permette di staccare l’apparato buccale dai tessuti dell’ospite,
facilitandone l’estrazione, successivamente è utile disinfettare la ferita per
minimizzare il rischio d’infezioni secondarie. La specie di appartenenza influisce
sull’efficacia dell’estrazione, infatti le zecche con il rostro corto (es. Rhipicephalus
sanguineus) sono più facili da estrarre rispetto alle zecche con il rostro lungo (es.
Ixodes ricinus). Nell’ uomo l’estrazione della zecca avviene nello stesso modo; è
consigliato conservare, per un mese circa, la zecca estratta in un barattolo. Questo
perché nel caso si manifestassero dei sintomi clinici correlabili al parassita, il medico
può, riconoscendo la specie, risalire all’eventuale patologia trasmessa. In Italia il
controllo delle zecche, nei carnivori domestici, è considerato essenziale per la loro
capacità di trasmettere agenti patogeni (Manilla, 1998).
1.7.3 ACARICIDI USATI NEL CONTROLLO DELLE ZECCHE
I prodotti acaricidi utilizzati per il controllo delle zecche possono essere formulati
come polveri da disciogliere in acqua e distribuire sugli animali attraverso spray o
disciolte in vasche da immersione (dipping). Più recentemente i trattamenti possibili
comprendono anche prodotti pour-on, iniettabili, boli intraluminali, marche auricolari
impregnate o dispositivi contenenti ferormoni e acaricidi applicati in diverse posizioni
(George e coll., 2008).
Le vasche di immersione per il controllo di zecche sul bestiame prevedono il
passaggio degli animali nella vasca contenente la soluzione acaricida in modo tale
da esporre completamente l'animale alla soluzione dalla testa agli zoccoli. Le
vasche di immersione devono essere mantenute a livelli di soluzione e di
percentuale di principio attivo corretti, soprattutto se utilizzati per più animali e per
lunghi periodi di tempo (Latif e Walker, 2004).
Il trattamento può essere ripetuto parecchie volte durante la stagione quando
vengono utilizzate soluzioni spray e immersioni. Per raggiungere un’efficacia
duratura, gli acaricidi possono essere incorporati in matrici adatte che ne
determinano una lenta emissione durante le successive settimane o mesi. I marchi
auricolari impregnati di acaricidi vengono ampiamente usati per il controllo delle
zecche sul bestiame e su altri grandi animali domestici. Gli acaricidi sistemici
forniscono un controllo duraturo ed efficace contro l’infestazione. Queste
preparazioni possono essere formulate come prodotti iniettabili, orali e topici, che
svolgono la loro azione sul parassita durante la sua attività sulla cute dell’ospite. La
29
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
maggior parte degli acaricidi sono troppo tossici da utilizzare regolarmente sugli
animali eccezion fatta per i lattoni macrociclici, che sono sistematicamente attivi a
dosi molto basse. Ogni metodo di somministrazione presenta i suoi vantaggi e
svantaggi. Le corsie spray, ad esempio si mostrano vantaggiose in quanto si utilizza
una quantità limitata di acaricida; al passaggio del bestiame uno spruzzo a bassa
pressione bagna l’animale con la soluzione acaricida, ma le parti del corpo quali le
orecchie e l'inguine non sono efficacemente trattate con questo metodo (Latif e
Walker, 2004). Un minor numero di animali può essere trattato con degli
atomizzatori portatili. Questi producono uno spray con gocce dal diametro elevato e
quindi con effetto bagnante sul pelo dell’animale; questi sono trattamenti economici,
ma con un eccesivo spreco di acaricida.
Utilizzando un trattamento selettivo dei siti di attaccamento, preferiti dalla zecca, con
spruzzatori manuali l’efficacia sarà parziale e dipendente dall’efficienza del
personale che effettua la manualità. Inoltre, con trattamenti parziali di questo tipo, vi
è un maggior pericolo di instaurare forti resistenze agli acaricidi (Latif e Walker
2004).
Per quanto riguarda la fauna selvatica, negli ultimi anni, è stato introdotto un
concetto importante chiamato controllo “host-targeted”, introdotto come metodo di
controllo delle zecche senza nuocere ai loro ospiti. Parecchi dispositivi sono stati
sviluppati per attirare i cervi o i piccoli mammiferi verso stazioni di alimentazione
dove possono venir trattati. Un dispositivo chiamato “four-poster” (baldacchino),
viene utilizzato per il controllo delle zecche sui cervi dalla coda bianca (Odocoileus
virginianus) (Pound e coll., 2000). Il dispositivo è formato da un contenitore centrale
contenente l'esca per attirare i cervi e una stazione che eroga l’acaricida ai lati
dell’esca. I cervi attirati dalla fonte di cibo inseriscono la testa nel dispositivo e gli
erogatori bagnano di soluzione acaricida la pelliccia del cervo. Questi dispositivi
presentano come vantaggio il fatto che le applicazioni sono mirate permettendo di
utilizzare quantità di antiparassitari nettamente inferiori a quelle utilizzate nelle
applicazioni con diffusione ambientale. L'efficacia di questo metodo dipende dalle
circostanze ecologiche e dal sito di applicazione. Questi metodi possono essere
strumenti importanti nei programmi di controllo del parassita, particolarmente se
integrati con altre tecniche di gestione appropriate alle condizioni di distribuzione,
dinamica di popolazione e di trasmissione del parassita. In un altro metodo “hosttargeted” si utilizzano scatole roditore-target con un esca contenente il fipronil, che
si è dimostrato efficace nell’eliminazione degli stadi larvali delle zecche sui topi e
quindi nella riduzione della popolazione successiva, ninfe e adulti di I. scapularis,
riducendo inoltre la percentuale di zecche infettate con Borrelia burgdorferi, agente
della malattia di Lyme (Dolan e coll., 2004).
Ci sono molte formulazioni acaricide per il trattamento degli animali domestici, gatti
e cani, che possono essere trattati con vari prodotti in commercio (fipronil,
selamectina, permetrina). I collari impregnati di acaricidi sono disponibili sia per gatti
e cani, ma non possono assicurare una totale protezione nei confronti della zecca
(Elfassy e coll., 2001; Spencer e coll., 2003).
Il controllo tramite acaricidi pone parecchi problemi in quanto, oltre che a lasciare i
residui farmacologici in carne e latte, l'uso di molti acaricidi, come organofosfati e
carbammati, è associato a gravi effetti collaterali e a rischi di avvelenamento legati a
una dose eccessiva per la specie trattata o per una particolare sensibilità di razza
(de Oliveira Monteiroa e coll., 2010).
30
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
La contaminazione ambientale e gli effetti nocivi sugli animali sono stati ben
documentati nel caso degli organoclorati, degli organofosfati, dei carbammati e dei
piretroidi (Kunz e Kemp, 1994). Lo sviluppo di resistenze all'acaricida, in alcune
specie di zecche, è una situazione preoccupante che continua ad aumentare nelle
aree tropicali e subtropicali dove queste specie sono state trovate resistenti agli
idrocarburi clorurati, agli insetticidi a base di organo fosfati e ai piretroidi (Kunz e
Kemp, 1994).
Quando le zecche sono esposte a sostanze acaricide per un lungo periodo è
probabile che si sviluppino, attraverso la selezione naturale, alcuni ceppi mutanti
che sono in grado di sopravvivere alla dose normalmente utilizzata. Questi ceppi
resistenti possono arrivare ad essere il tipo di zecca predominante in un certo
ambiente, riducendo notevolmente l'efficacia dell’acaricida. Questa resistenza può
essere elusa utilizzando una sostanza diversa, con il rischio però di produrre nuovi
ceppi di zecche resistenti a molti dei composti acaricidi disponibili.
La resistenza agli acaricidi in Europa non è stata ancora riferita, ma per evitare
l'inizio di questo fenomeno è necessario seguire alcune regole:
• quando si utilizza un acaricida questo deve essere conservato in modo
idoneo e deve venir utilizzato il prima possibile mantenendo così una
potenza adeguata come specificato dal produttore;
• tutte le zecche sugli animali trattati dovrebbero venir distrutte o eliminate;
• il tipo dell'acaricida raccomandato dalle autorità veterinarie ufficiali dovrebbe
essere usato finché le autorità veterinarie non consiglino di cambiare ad un
altro tipo;
• i nuovi acaricidi dovrebbero essere usati preferibilmente soltanto quando i
vecchi acaricidi siano diventati inefficaci (Latif e Walker, 2004).
1.7.3.1 Insetticidi-acaricidi derivanti da piante
Le piretrine naturali: sono sostanze neurotossiche che sono attive verso una
grande varietà di insetti e parassiti e determinano un effetto paralizzante. Queste
sostanze sono fotolabili e vengono rapidamente degradate nell’ambiente. I primi
piretroidi erano di origine naturale, costosi ed instabili alla luce solare. Le piretrine
naturali sono commercializzate in formulazioni spray non particolarmente tossiche
per i mammiferi, ma tossiche per i pesci.
La nicotina: ha azione sul sistema nervoso ed essendo molto tossica per uomo e
animali il suo utilizzo è stato ormai da tempo abbandonato.
Il rotenone: originariamente studiato per i pesci, per i quali si è dimostrato con una
certa tossicità, venne usato nei mammiferi dimostrando una maggior sicurezza.
Oggi è stato sostituito con altri insetticidi più potenti, anche se è possibile trovarlo
unito ad altri principi attivi in prodotti utilizzati contro acari delle orecchie e rogna
demodettica (Colliot, 1996).
L’olio di neem: viene estratto dai semi, spremuti a freddo, di Azadirachta indica, un
albero che cresce in India e Sud America da sempre utilizzato nella medicina
Ayurveda e oggi nella medicina omeopatica. Il suo principio attivo essenziale è la
31
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
azadiractina, un composto della famiglia dei limonoidi, che scorre nel sistema
linfatico del Neem. Questa sostanza possiede un ampio spettro di effetti inibitori che
permettono alla pianta di resistere contro un enorme quantità di batteri, funghi e
insetti.
Una ricerca nel centro-sud Italia, ha testato l’attività repellente nei confronti di ninfe
di I. ricinus, di due concentrazioni di spray naturale MyggA contenente PMD (paramenthane-3,8-diol) 4.2 e 3.2 g/m2 e una di RB86 (con il 70% olio di neem
contenente azadiractina) 3 g/m2. Ogni sostanza è stata applicata separatamente su
tele di cotone di 1 metro quadrato e successivamente passato sopra la vegetazione
per tragitti di 10 metri.
I risultati hanno evidenziato che tutti i tre trattamenti effettuati hanno mostrato
un’attività repellente contro le ninfe di I. ricinus (Garboui e coll., 2006).
1.7.3.2 Insetticidi-acaricidi a base minerale
Preparati a base di arsenico: furono impiegati tra il 1850 e il 1950. Inizialmente
l’arsenico veniva disciolto in vasche per il dipping; i primi report risalgono agli anni
1895-1896 in Australia e Sud Africa (Angus, 1996; Shaw, 1969). La resistenza
sviluppata dalle zecche verso l’arsenico, il limite sottile tra concentrazione efficace e
la tossicità per gli animali (DL50 orale tra 1-50 mg/Kg) e la presenza di residui nei
tessuti sono stati i principali fattori che hanno determinato la sostituzione di queste
sostanze con gli insetticidi sintetici organici dopo la Seconda Guerra Mondiale
(Graham e Hourrigan, 1977).
Derivati a base di fluoro: non si dimostrarono prodotti utilizzabili per l’elevata dose
di somministrazione e la dimostrata tossicità cronica nell’ospite.
Petrolio e suoi derivati: furono utilizzati per l’effetto diretto sul parassita, sul quale
provocano la morte per asfissia; il loro uso venne però dimesso per gli effetti
negativi che causava agli animali domestici. Oggi si possono trovare in commercio
in forma di emulsione con altri insetticidi (Colliot, 1996).
1.7.3.3 Insetticidi-acaricidi di sintesi
Furono studiati alla fine del XIX secolo e utilizzati durante la seconda guerra
mondiale.
Derivati del fenolo e del cresolo: vengono commercializzati come erbicidi e
insetticidi, ma i loro componenti non sono molto selettivi e presentano una elevata
tossicità per pesci e mammiferi.
Composti organoclorurati: scoperti nel 1939, furono usati per molti anni in
agricoltura e per il controllo di alcune gravi malattie trasmesse da vettori come la
febbre gialla e la malaria. I composti organoclorati furono i primi insetticidi sintetici e
molti di questi furono formulati per il controllo delle zecche sul bestiame. I primi
acaricidi furono DDT (para-diclorodifeniltricloroetano) e BHC (benzene esaclorato)
(Cobbett, 1947; Maunder, 1949; Whitnall e coll., 1951). Il DDT fu il primo insetticida
domestico ad avere proprietà neurotossiche specifiche per gli insetti.
32
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Questi composti però sono ora stati ritirati dal mercato (Kunz e Kemp, 1994) , in
quanto sono sostanze molto inquinanti e persistenti nell’ambiente e tendono ad
accumularsi nel tessuto adiposo (Ware, 2000). in alcuni paesi viene però ancora
utilizzato.
Altri composti come il lindano (γ-benzene-esacloridrato) e il metossicloro, sono
ancora usati per le applicazioni topiche e sembrano apparentemente sicuri.
Gli organoclorurati colpiscono i nervi sensoriali di insetti e acari inibendo il flusso di
potassio nell’assone. Vengono usati come bagni antiparassitari nel cane (DL 30-200
mg/Kg), poiché mostrano un’elevata tossicità nel gatto (DL 30-35 mg/Kg).
Nella maggior parte dei casi d’avvelenamento la causa è il sovradosaggio,
evidenziabile con sintomi clinici quali ipereccitabilità, tremori e convulsioni.
In questi casi sarà utile lavare l'animale con acqua e sapone e somministrare del
Diazepam (Keck, 1995).
Applicazioni intrauricolari di creme a base di Lindano, possono causare reazioni
neurologiche come atassia, nistagmo e convulsioni, dovute all'assorbimento
cutaneo della sostanza oppure all'ingestione accidentale del prodotto da parte
dell'animale.
Composti organofosfati - carbammati: gli organofosfati comprendono un gran
numero di composti; agiscono mediante l'inibizione dell'acetilcolinesterasi
dell'insetto, determinando il blocco della funzione nervosa. I composti utilizzati per
uso topico includono: coumafos, diclorvos, fention, malation e triclorfon. Lo sviluppo
di questi composti come antiparassitari era primariamente volto a contrastare la
resistenza agli organiclorati da parte delle zecche del genere Rhipicephalus
(Boophilus), molto diffuse negli allevamenti bovini nelle aree tropicali e subtropcali
(Shaw, 1970). Ethion, clorpirifos, clorfenvifos e coumafos sono alcuni degli
organofosfati più utilizzati per il trattamento di bovini infestati da zecche.
I carbammati furono utilizzati come fungicidi (Dithiocarbammati), erbicidi ed
insetticidi; hanno proprietà simili agli organofosfati, essendo inibitori delle
colinesterasi (Es. Carbaryl). Questi due composti agiscono sia sui vertebrati che
sugli invertebrati; sono disponibili in commercio sia in formulazione spray sia in
collari (dichlorwos, diazinon e propoxur). L’impiego dei carbamati nel controllo delle
zecche è limitato dalla cross-resistenza delle stesse nei confronti degli organofosfati
(Roulston e coll., 1968; Schuntner e coll., 1971; McDougall e Machin, 1988). La
resistenza delle zecche nei confronti di queste sostanze colinergiche ne ha limitato
ampiamente l’utilizzo in Australia, gran parte dell’Africa e in parte dell’America
Latina (Kunz e Kemp, 1994).
L’ingestione accidentale del collare o l'impiego di collari per cani sui gatti possono
provocare avvelenamento. La tossicità dipende quindi dall'uso improprio, dalla
specie su cui si applica il prodotto, la razza (ad esempio i levrieri sono più sensibili)
e l'età: i cuccioli non devono essere, infatti, trattati con questi prodotti. Ci possono
essere inoltre interazioni con vari farmaci. L'associazione di antielmitici a base di
tetramisolo o levamisolo, determina la comparsa di un'attività colinergica che
riproduce gli effetti dell'acetilcolina a livello dei recettori. L'utilizzo d'anestetici in
animali con collari antiparassitari o trattati con prodotti sistemici, possono dare un
effetto di sommazione (si raccomanda la somministrazione preventiva d'atropina per
evitare un'eccessiva reazione colinergica). Il trattamento antiparassitario su soggetti
da sottoporre a intervento chirurgico deve essere limitato o attuato servendosi di
33
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
prodotti che non inibiscono la colinesterasi (Keck, 1995).
I sintomi dati dall'avvelenamento di organofosforati o carbammati sono dati prima da
manifestazioni muscariniche: ipersalivazione, aumento delle secrezioni digerenti e
respiratorie ed aumento della peristalsi; poi da manifestazioni nicotiniche dovute agli
effetti dell'acetilcolina sulle giunzioni neuromuscolari: tremori, fascicolazioni
muscolari e paralisi degli arti posteriori. A dosi elevate, infine, possono dare
convulsioni. Il trattamento si basa sulla somministrazione di agenti
parasimpaticolitici (atropina o il glicopirrolato), o piridil-aldossima (2-Pam, 20 mg/Kg
2 volte al giorno EV).
Piretroidi sintetici: sono sostanze con un ampio margine d'azione, utilizzate per
uso topico; agiscono sui canali del sodio delle membrane nervose degli insetti e
degli acari. Sono spesso utilizzati in combinazione con sostanze sinergizzanti, come
il piperonil butossido, che previene l'inattivazione metabolica del piretroide: l'insetto
paralizzato può, infatti, riprendersi rapidamente dopo aver eliminato la sostanza
(Jones, 2003). Dall’inizio dell’utilizzo di questi composti nel 1949, si riscontrano poi
diverse generazioni di piretrodi; i primi utilizzabili nei confronti delle zecche erano
quelli di terza generazione, permetrina e fenvalerato (Davey e Ahrens, 1984; Ware,
2000). Cross-reazione col DDT ha poi ridotto l’utilizzo di questi composti in paes
quali l’Australia e il Sud Africa causa la resistenza riscontrata nei confronti di zecche
del genere Boophilus (ora Rhipicephalus) (Nolan e coll, 1979; Coetzee e coll, 1987).
Infine Cypermetrina, deltametrina e cialotrina sono esempi di piretroidi di quarta
generazione efficaci nella lotta agli acari (Stubbs e coll, 1982; Kunz e Kemp, 1994;
Aguirre e coll., 2000). I piretroidi sono abbastanza sicuri per i mammiferi e per
volatili, mentre sono molto tossici per i pesci.
L'intossicazione può essere causata da un sovradosaggio o per leccamento. Si
manifesta con: eccitabilità, aggressività, tremori, atassia convulsioni, diarrea, vomito
e disturbi cardio-respiratori. Possono essere responsabili inoltre di reazioni di
ipersensibilità, soprattutto nel gatto, evidenziabili con manifestazioni cutane come
prurito, eritema e ponfi. Si deve intervenire lavando l'animale (se l'intossicazione è
avvenuta tramite assorbimento cutaneo), oppure Apomorfina o Xilazina in caso di
ingestione (Keck, 1995). I farmaci emetici possono essere usati entro 1-2 ore
dall’ingestione per ridurre l’assorbimento gastro-enterico. Si somministrano inoltre
purganti e carbone attivo; quest’ultimo può ridurre i sintomi neurologici diminuendo il
ricircolo entero-epatico per alcuni di questi tossici (Gfeller e Messonnier, 2004).
Lattoni macrociclici: le avermectine (ivermectina, eprinomectina e doramectina)
derivano da Streptomyces avennitilis mentre le milbemicine, con la milbemicina
come unico prodotto efficace nel controllo delle zecche, derivano dai prodotti della
fermentazione di S. hygroscopicus aureolacrimosus (Lasota e Dybas, 1991). Questi
prodotti somministrati per via sottocutanea sono efficaci anche a bassi dosaggi
(Gonzales e coll., 1993; Muniz e coll., 1995; Remington e coll., 1997; Caproni e
coll., 1998; George e Davey, 2004), inoltre risultati soddisfacenti s sono ottenuti
anche con formulazioni puor-on (Davey e George, 2002; George e Davey, 2004). Il
costo elevato dei lattoni macrociclici ha però limitato l’impiego d questi
nell’allevamento bovino (Kemp e coll, 1999). Hanno elevato effetto acaricida,
agiscono sui canali del cloro del parassita e sono attivi nei confronti sia di parassiti
esterni, come gli acari, sia verso parassiti interni, come alcuni nematodi.
34
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Esistono diverse formulazioni sia per uso topico che sistemico, con attività
ectoparassiticida. Il composto maggiormente utilizzato è l'Ivermectina, che può dare
fenomeni tossici soprattutto nel collie e suoi incroci (Jones, 2003). L'avvelenamento
si manifesta con sintomatologia depressiva, paralisi flaccida e difficoltà respiratoria;
non esiste alcun trattamento specifico.
Amitraz: è una formamidina esistente in un'unica formulazione usata come
ectoparassiticida. E' particolarmente efficace verso zecche e acari, agendo come
inibitore della monoamminossidasi e come agonista dei recettori dell'octopamina,
che agisce sulle contrazioni della muscolatura del parassita, idrolizzando gruppi
aminici dei neurotrasmettitori (Kumar e coll., 2001). Palmer e coll (1971) riportarono
i risultati del test dell’utilizzo con successo dell’amitraz nei confronti di Rhipicephalus
(Boophilus) microplus sui bovini. Prove successive sia in Australia (Roy-Smith,
1975) che negli Stati Uniti (George e coll., 1998) con formulazioni commerciali
confermarono l’efficacia dell’acaricida nei confronti di questa specie di zecche. Altri
test effettuati in Sud-Africa dimostrarono l’efficacia dell’amitraz nel controllo di B.
decoloratus, R. appendiculatus, R. evertsi and Amblyomma hebraeum (Stanford e
coll., 1981).
L'amitraz ha un ampio margine di sicurezza ma può essere responsabile di letargia
nell'animale, per azione agonista verso gli alfa 2 recettori dei mammiferi; è attivo
verso le zecche sia nella forma adulta sia verso uova e larve. L'avvelenamento si
manifesta con un rallentamento delle attività digestive e bradicardia. Può essere
d'aiuto l'uso di antidoti come Yoimbina e Atipamezolo (Kumar e coll., 2001).
Fipronil: deriva da una nuova famiglia di prodotti chimici, i fenilpirazoli, scoperti nel
1981, che non sono correlati a nessun altro insetticida esistente in commercio.
Questa sostanza presenta un ampio spettro di azione, insetticida e acaricida, nei
confronti dei più importanti parassiti esterni degli animali (Hunter, 1997; Davoust e
coll., 2003).
La sua azione si esplica a livello del Sistema Nervoso Centrale, agendo in insetti e
acari tramite il legame con i recettori GABA (acido γ-amminobutirrico) dei canali del
cloro, con conseguente inibizione del flusso di ioni cloro e interruzione dell'impulso
nervoso (Cole e coll., 1993; Moffat, 1993; Tomlin, 1994).
E' somministrato in formulazioni spray o spot-on e mostra un'elevata efficacia e
resistenza, con bassa tossicità.
E' considerato molto sicuro nel cane e nel gatto, perché in questi animali non esiste
il recettore specifico per il Fipronil (Jeannin, 1996).
Varie ricerche hanno reso evidente delle differenze di sensibilità da parte delle
zecche nei confronti di vari parassiticidi; si è visto come la Permetrina sia più
efficace del Fipronil verso I. ricinus anche se quest'ultimo riesce ad agire su un gran
numero di specie di zecche (Endris e coll., 2002; Young e coll., 2003).
Altri studi dimostrano come si abbia un efficacia maggiore e più duratura contro D.
reticulatus nel cane somministrando combinazioni di fipronil/metoprene rispetto ad
un trattamento con imidacloprid/permetrina (Tielemans e coll., 2010).
35
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.7.4 CONTROLLO FERORMONE ASSISTITO
Il controllo feromone-assistito rappresenta una nuova strategia di controllo delle
zecche. La ricerca con i feromoni suggerisce che associando feromoni e acaricidi, si
ottengano composti sensibilmente più efficaci, poiché le zecche difficilmente
svilupperanno una resistenza verso i propri feromoni. Un dispositivo promettente è
costituito da perle (beads) di plastica impregnate di un acaricida e da 2,6diclorofenolo, feromone del sesso, e applicate sul pelo dell’ospite. I maschi delle
zecche sono attirati verso le esche nel pelo e sono uccisi. Questo metodo inoltre
interrompe l'attività di accoppiamento, in modo che anche le femmine sopravvissute
non possano produrre la progenie (Norval e coll., 1996). Recenti ricerche sono state
effettuate per l'uccisione delle zecche di I. scapularis nei loro habitat naturali
impregnando le componenti del feromone di arresto delle zecche (guanina, xantina
ed ematina) con la permetrina in una matrice oleosa e disperdendola sulla
vegetazione. Queste goccioline pastose hanno attirato e ucciso le zecche prima che
queste potessero infestare animali e uomini (Sonenshine e coll., 2003; Sonenshine
e coll., 2006; Sonenshine, 2008).
1.7.5 CONTROLLO BIOLOGICO DELLE ZECCHE
Il controllo biologico delle zecche sembra essere un'alternativa appropriata che può
ridurre l’utilizzo di sostanze chimiche nell'esigenza di trattare per ridurre inoltre le
malattie trasmesse dalle zecche. Gli agenti biologici di controllo sono ospitespecifici, caratteristica che li rende vantaggiosi per i trattamenti, ma la loro efficacia
spesso è relativamente bassa e i costi di fabbricazione sono alti e ci sono seri
problemi nell’applicazione.
Numerosi agenti patogeni attaccano le zecche, compresi i batteri, i funghi ed i
nematodi (Samish e coll., 2004). I funghi entomopatogeni sono stati utilizzati come
agenti di controllo delle zecche (Kaaya, 2000; Samish e Glazer, 2001; Samish e
coll., 2004; Polar e coll., 2005). Questi funghi invadono il loro ospite penetrando
direttamente dalla cuticola. Dopo la germinazione della spora secernono gli enzimi
istolitici e producono un ifa di penetrazione. Dopo la morte dell'ospite, il fungo si
sviluppa dal cadavere e sporula (Kleespies, 1993). La facilità con cui le spore di
questi funghi possono essere prodotte e diffuse artificialmente rende questi funghi
potenziali agenti per il controllo delle zecche (Norval e Horak, 2004). Gli studi sugli
effetti del fungo sulle zecche nel terreno sono però scarsi (Benjamin e coll., 2002;
Alonso-Díaz e coll., 2007).
È stato riferito che le secrezioni dell’ospite, come il sudore e la temperatura di
animali trattati con acaricidi, possono influenzare la virulenza dei funghi
entomopatogeni (Polar e coll., 2005). La disseminazione del fungo sulla vegetazione
può inoltre colpire gli organismi non target (Hajek e Geottel, 2000; Brownbridge e
Glare, 2007) e le quantità richieste nel trattamento di vaste aree sono costose.
L’alternativa è rappresentata dall’opportunità di utilizzare un dispositivo di autodisseminazione per consegnare le zecche agli agenti patogeni (Maniania e coll.,
2007). Tali dispositivi usano indicazioni visive, feromoni e kairomones per attirare i
parassiti verso una fonte contenente l’agente patogeno (Vega e coll., 2000).
Maranga e coll. (2006) hanno provato che si poteva attirare ed infettare sul terreno
36
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Amblyomma variegatum con una trappola trattata con il ferormone e contenente il
fungo patogeno; le zecche attirate verso la trappola sono state infettate ed uccise
dal fungo, con una riduzione numerica della popolazione successiva.
I polli domestici sono predatori opportunisti di zecche e potrebbero essere utilizzati
nelle zone rurali in quanto possono nutrirsi di un numero considerevole di zecche
soprattutto se possono razzolare tra il bestiame in particolare se questo viene
stabulato nelle prime ore del mattino o in tardo pomeriggio (Latif e Walker 2004).
Inoltre la coesistenza nello stesso pascolo di uccelli selvatici, come le bufaghe
(Buphagus erythrorhynchus e Buphagus africanus), in Africa, potrebbe essere
considerato come metodo di controllo. Questi uccelli, infatti, sono praticamente
predatori obbligati di zecche nutrendosi di un gran numero di questi parassiti sia dal
bestiame domestico che dalla fauna selvatica.
Anche altri artropodi possono essere utilizzati nel controllo biologico delle zecche: le
vespe della superfamiglia Chalcidoidea, del genere Ixodiphagus sono parassiti
obbligati di zecche Ixodidae e la maggior parte di queste specie si può sviluppare
solo nella fase ninfale della zecca, che viene uccisa nel corso di questo processo.
Due delle sette specie descritte compiono questo ciclo nei paesi africani (Hu e coll.,
1998; Mwangi e coll., 1997; Norval e Horak, 2004).
1.7.6 VACCINAZIONE
In Australia, è stato prodotto un vaccino antigene ricombinante per il controllo del
Rhipicephalus (Boophilus) microplus, zecca del bestiame, in base ad un cosiddetto
antigene celato (Bm86) in cellule dell’intestino della zecca. I rapporti recenti
suggeriscono che il Bm86 ricombinante possa ridurre la fecondità del parassita fino
al 90%. (Willadsen, 2006; 2008). Sebbene possano comparire fenomeni di
resistenza nelle zecche del bestiame, la vaccinazione in ampia scala dei greggi con
questi vaccini ricombinanti offre un'alternativa e un supplemento efficace agli
acaricidi. Sebbene si usi un antigene ottenuto dal R. (B.) microplus, questo risulta
ancora più efficace contro il R. (B.) annulatus che contro la specie omologa
(Fragoso e coll., 1998). Tali effetti non sembrano correlabili con il grado di
conservazione della sequenza dell'antigene attraverso queste specie (Willadsen,
2006). Molti antigeni sono stati studiati fino ad oggi, come proteine strutturali, in
particolare delle ghiandole salivari, enzimi idrolitici e loro inibitori, in particolare quelli
coinvolti nei processi emostatici e una vasta gamma di proteine associate alla
membrana con funzione sconosciuta (Willadsen, 2006).
Un altro interessante vaccino mira alla proteina cementante, che serve per l’attacco
della zecca, in questo modo verrebbe ostacolato l’attaccamento della zecca, così
come la capacità di trasmissione degli agenti patogeni (Labuda e coll., 2006).
1.7.7 AMMINISTRAZIONE DELLA VEGETAZIONE
Il controllo della zecca si effettua soprattutto con il trattamento degli animali.
Tuttavia, le modifiche dell'habitat infestato, possono aiutare a ridurre l'abbondanza
della zecca in un’area. Molti acaricidi, compreso fosforo organico e piretroidi
sintetici, potrebbero applicarsi direttamente sulla vegetazione in giardini, in parchi e
nelle aree di picnic. L’utilizzo degli acaricidi fuori dall'ospite nelle aree infestate da
37
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
zecche ha un valore limitato perché si presentano comunemente dei micro-ambienti
coperti da vegetazione, foglie, terreno e da altri materiali naturali, oppure nidi, tane
che non vengono facilmente in contatto diretto con questi tossici. Di conseguenza,
per essere efficaci, gli acaricidi devono raggiungere le zecche come vapori o tramite
il contatto quando queste si muovono alla ricerca degli ospiti. Tuttavia, il trattamento
degli habitat naturali con gli antiparassitari è sconsigliato per i problemi di
inquinamento ambientale. Le rotazioni selettive del pascolo riducono spesso
l'esposizione del bestiame alle popolazioni di zecche. Tenendo gli animali lontani da
determinati pascoli (per esempio rimozione dei cervi con la caccia o con recinti), il
numero delle zecche viene ridotto. La bruciatura delle erbe nel pascolo può a volte,
ma non sempre, uccidere molte zecche. Per il controllo nelle aree all'aperto, gli
sforzi dovrebbero essere fatti, in primo luogo, per rimuovere la vegetazione
sovrabbondante che invade queste aree. Inoltre è importante la riduzione di fauna
selvatica, roditori, cani randagi e gatti indesiderati, che potrebbero trasportare le
zecche in una determinata area. Il controllo dei canili, con pulizia e rimozione della
lettiera, è diretto soprattutto contro R. sanguineus. Infine, i trattamenti chimici
possono essere applicati nelle zone in cui le zecche possono ripararsi quando non
si alimentano sull’animale ospite (es. cucce, ricoveri e lettiere) (AA. VV., 2010).
38
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
1.8 PROTEZIONE PERSONALE DELL’UOMO
Le infestazioni da zecche nell’uomo, possono essere evitate astenendosi dalla
frequentazione di campi, foreste ed altri habitat delle zecche dure, particolarmente
nelle aree in cui è accertata la presenza di una certa malattia trasmessa da zecche
(Ginsberg e Stafford, 2005).
Gli habitat specifici da evitare dipendono dalla distribuzione delle zecche, che può
variare in funzione delle specie presenti e degli ospiti su cui possono alimentarsi. Il
mantenimento del prato tagliato “all’inglese” nei giardini e nei parchi, applicando
barriere di legno, con cartelli segnaletici, per impedire l'accesso ai boschi, può
minimizzare l'esposizione umana alle zecche. L'uso di percorsi naturalistici ben
definiti può contribuire a evitare il contatto con la vegetazione infestata. La gente in
passeggiata dovrebbe indossare: stivali, calzini, pantaloni lunghi e un abbigliamento
di colore chiaro. I pantaloni dovrebbero essere inseriti negli stivali e i calzini tirati
sopra i pantaloni per proteggere completamente la gamba. L'abbigliamento
dovrebbe essere trattato con un repellente o un acaricida. La permetrina è efficace
una volta applicata sull’abbigliamento prima di entrare negli habitat infestati.
Tuttavia, la permetrina non dovrebbe essere applicata sulla pelle nuda. Ora è
possibile trovare, non ancora in Italia, un abbigliamento impregnato in modo
permanente con la permetrina, che rimane efficace per tutta la durata
dell'indumento, nonostante i ripetuti lavaggi (Vásquez e coll., 2008). Anche la pelle
esposta dovrebbe esser trattata con repellenti o con acaricidi adatti all’uso umano.
Un repellente molto usato è il toluamide etilico (DEET), disponibile in lozione o
spray. Infine è corretto controllare l’intera superficie corporea durante e dopo
l’esposizione per evidenziare un’eventuale aggressione e poter rimuovere la zecca
tempestivamente. La rimozione immediata è importante per minimizzare il rischio di
contrazione delle malattie trasmesse da zecche (Whitehouse, 2004).
1.9 RUOLO PATOGENO
L’importanza che le zecche rivestono dal punto di vista economico e sanitario deriva
dal fatto che, più di ogni altro gruppo di artropodi ematofagi, sono in grado di
nuocere all’ospite non solo direttamente, inducendo ad esempio paralisi o
ipersensibilità nell’ospite, ma soprattutto trasmettendo una serie di malattie, ad
eziologia diversa, che possono colpire sia gli animali che l’uomo. Si può quindi
parlare di patogenicità diretta ed indiretta delle zecche.
1.9.1 PATOGENICITA’ DIRETTA
Alcune specie di zecche secernono sostanze capaci di causare tossicosi anche
letali nei loro ospiti vertebrati. In questi casi, la zecca stessa è l’agente che causa la
malattia. Fra queste patologie, la principale è la paralisi da zecca che induce
nell’ospite una paralisi motoria provocata dall’introduzione di sostanze tossiche
durante il pasto della zecca.
39
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Il morso di zecca può inoltre causare ipersensibilità allergica e tossiemie. Inoltre le
infestazioni da zecche hanno effetto anemizzante più o meno grave in funzione del
grado di infestazione dell’ospite.
La paralisi da zecca è conosciuta in molti paesi appartenenti all’Europa, all’Asia,
all’Africa ed al Nord America. La patologia è causata da 46 specie appartenenti alle
due principali famiglie di zecche. La maggior parte appartengono agli Ixodidae, ma
anche 9 specie di Argasidae sono state identificate come agenti della malattia
(Gothe e coll., 1979).
Si conoscono circa quaranta specie di zecche in grado di produrre neurotossine
paralizzanti; tra esse ricordiamo: Ixodes holocyclus in Australia, I. ribicundus, R.
everlsi in Sud Africa, D. andersoni nell' America Nord Occidentale e D. variabilis in
America Nord Orientale (il cane sembra essere il solo animale suscettibile alla
tossina di Dermacentor spp.).
In molti casi di paralisi causata da zecche Ixodidae si crede che i sintomi siano
causati dalle zecche femmine, anche se è stato dimostrato che le ninfe di Ixodes
rubicundus sono in grado di paralizzare conigli in laboratorio (Spickett e coll., 1989).
Nella zecca australiana la tossina è stata identificata come una glicoproteina, la
holociclotossina, prodotta dalle ghiandole salivari e secreta dalla saliva. Si suppone
che anche nelle altre specie la natura della tossina sia la stessa e che venga
sempre secreta con la saliva (Sonenshine, 1993). La neurotossina viene prodotta da
particolari acini delle ghiandole salivari della zecca (secondo alcuni autori solamente
zecche ammalate sono in grado di produrle), che hanno una struttura istologica
simile alle ghiandole velenifere dei serpenti (Giangaspero, 1999).
La tossina viene emessa con la saliva durante il pasto della zecca e agirebbe come
inibitore del rilascio di acetilcolina a livello pre-sinaptico dei nervi motori, causando
una paralisi flaccida ascendente (Shaw e Irwin, 2001).
Per altri autori la tossina si sostituirebbe all'acetilcolina occupandone i recettori. E'
stato inoltre osservato, come la secrezione della neurotossina avvenga spesso in
concomitanza all'ovogenesi (Adelus, 1995).
La paralisi da zecca è più comune nel bestiame e negli animali da compagnia, ma
anche i gallinacei domestici ed anche alcuni animali selvatici vengono colpiti. Alcuni
casi si verificano anche nell’uomo e possono portare alla morte se la zecca non
viene rimossa. L'evoluzione della malattia è rapida cosi come la sua risoluzione,
poiché è sufficiente allontanare i parassiti per avere una rapida guarigione
dell'animale che infatti, pochi minuti dopo il distacco delle zecche, riprende la
stazione quadrupedale. Nel caso però s'intervenga tardivamente la patologia è
irreversibile e la prognosi è infausta. I segni clinici sono rappresentati da: disfonia,
disfagia (dovuti al coinvolgimento dei nervi cranici), paralisi all'estremità inferiore
degli arti anteriori che prosegue fino ai muscoli respiratori provocando la morte. In
Italia fino ad ora non sono stati resi noti casi di paralisi da zecche sul cane
(Giangaspero, 1999), né su altri animali.
Anche nell’uomo la paralisi da zecca inizia generalmente nelle estremità inferiori e
ascende simmetricamente fino a coinvolgere il tronco, gli arti superiori e la testa in
poche ore (Engin e coll., 2006). La paralisi da zecca colpisce principalmente giovani
donne nelle regioni endemiche. Una serie di casi recenti hanno visto un aumento
della frequenza dovuta in realtà a un aumento di diagnosi errate come la sindrome
di Guillain-Barré. Un’analisi della letteratura scientifica, condotta da Diaz (2010)
utilizzando motori di ricerca in internet per valutare l’evoluzione e l'epidemiologia
40
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
della paralisi da zecca, prende in considerazione cinquanta casi umani ben
documentati tra il 1946-2006. I casi sono stati stratificati in base ai dati demografici,
le manifestazioni cliniche e gli esiti. La paralisi da zecca si è verificata
stagionalmente e in modo sporadico nei singoli soggetti e in gruppi di bambini e
adulti di entrambi i sessi, in luoghi urbani e rurali. La paralisi da zecca dovrebbe
essere aggiunta e rapidamente esclusa dalla diagnosi differenziali di atassia acuta e
paralisi flaccida, soprattutto nei bambini che vivono in regioni endemiche degli Stati
Uniti.
Da molti anni sono note tossicosi da zecca diverse dalla paralisi. Le più comuni
sono state associate al morso di zecche Argasidae. In Africa il morso di
Ornithodoros savignyi causa la morte del bestiame in meno di un giorno. Gravi
tossicosi, nello stesso continente, si possono verificare nell’uomo in seguito al
morso di Argas brumpti e Ornithodoros moubata. In Messico e negli USA occidentali
l’agente principale di tossicosi da zecca è Ornithodoros coriaceus e un altro
Argasidae (Ornithodoros lahorensis) è stato individuato come causa di tossicosi
nelle pecore nell’est dell’Europa. I sintomi includono tremori, saliva schiumosa,
digrignamento dei denti e, a volte, paralisi (Gregson, 1973). In Africa, inoltre,
Hyalomma truncatum è responsabile della cosiddetta “sweating sickness”, una
tossicosi che colpisce bovini, pecore, capre, maiali e anche i cani. L’agente
eziologico è una tossina secreta dalle femmine di H. truncatum durante il pasto di
sangue (Spickett, 1992). La patologia è diffusa nell'Africa centrale, orientale e
meridionale ed è stata evidenziata anche in India e Sri-Lanka, benchè qui non sia
presente la specie di zecca ritenuta responsabile della malattia (Burger e coll.,
1991). Questa tossicosi è caratterizzata da febbre, anoressia, iperestesia della pelle
e delle membrane mucose, salivazione profusa ed eczema ma non c’è paralisi. La
mortalità è comunque del 75%.
Il morso di zecca può causare inoltre una grave reazione allergica che si esprime
con un’immediata reazione di ipersensibilità IgE-mediata verso gli allergeni della
zecca (Gauci e coll., 1989). La zecca per nutrirsi deve superare tre elementi del
sistema difensivo dell'ospite: emostasi, risposta infiammatoria e risposta cellulomediata. Dopo la sua salita sull’ospite, la zecca deve scegliere la zona cui
attaccarsi, poi taglia la cute con i cheliceri, penetra con l'ipostoma e traumatizzando
i tessuti dell'animale stimola, in esso, una risposta infiammatoria (Merchant e
Ttaboada, 1991).
L'infiammazione viene determinata, oltre che dall'azione meccanica già descritta,
anche dall’azione irritante della saliva del vettore che induce l’attivazione piastrinica,
la liberazione d'istamina e serotonina, che insieme alla bradichinina, prodotta in
risposta al danno cellulare, determinano vasodilatazione, aumento della
permeabilità vasale e dolore (Sonenshine, 1994).
Per contrastare alcuni di questi effetti, la zecca, tramite la saliva, introduce delle
sostanze anticoagulanti, prostaglandine (PGE), prostacicline e sostanze
antistaminiche, con la funzione di inibitori dell'aggregazione piastrinica, vasodilatori
e antagonisti dell'emostasi.
Contemporaneamente, per poter rimanere attaccata all'ospite, la zecca utilizza degli
specifici composti che inattivano i mediatori chimici responsabili dei processi
infiammatori rivelatori della presenza del parassita sull’ospite; altri composti secreti
41
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
consentono di rafforzare il flusso di sangue durante il pasto (Sonenshine, 1994). Ad
esempio è stato trovato nella saliva di I. scapularis, un inibitore della bradichinina, il
dipeptidilcarbossilpeptidasi (Wikel, 1999).
Per quanto riguarda gli altri due elementi del sistema difensivo dell’ospite, occorre
considerare che l'attacco della zecca stimola in quest’ultimo una serie di reazioni
consequenziali attivate dalla penetrazione della zecca nella pelle: infatti questa
secerne sostanze con caratteristiche antigeniche che provocano, a livello dei tessuti
dell’ospite, un rilascio di mediatori chimici che stimolano l’infiammazione e
richiamano cellule infiammatorie, provocando inoltre la degranulazione dei mastociti
con liberazione di istamina. Gli antigeni secreti dalla zecca vengono catturati dalle
cellule di Langerhans che li presentano ai linfociti T; quest’ultimi rilasciano citochine
che determinano la secrezione da parte dei Linfociti B di specifiche IgM, IgG e IgE
(Loi, 2001).
Inoltre gli enzimi salivari attivano le frazioni del complemento C3 e C5, con
conseguente produzione di anafilotossine, che hanno una potente azione
chemiotattica per i leucociti (Capelli e coll., 1996). In seguito a queste risposte,
nell'ospite si può instaurare una resistenza, che si evidenzia sulla zecca come una
minor capacità di ingorgarsi, minor produzione di uova, incapacità
nell'accoppiamento fino alla morte. Dopo lunghi periodi di ripetuti attacchi da parte
delle zecche si possono formare anche degli immunocomplessi (Capelli e coll.,
1996). L'immunità, data dall'interazione dell'ospite con gli artropodi, è una delle
reazioni più studiate (Wikel, 1999). Nel cane infestato con R. sanguineus tutto
questo non avviene, perché la zecca non induce una risposta immunitaria nell'ospite
(Szabò e Bechara, 1995; Willandsen, 1980). Per questo motivo il cane si può
reinfestare più volte permettendo una circolazione continua dell'agente patogeno
eventualmente trasmesso. E' importante, tuttavia, distinguere il tipo di reazione
dopo un primo attacco da parte delle zecche da quella che si ha in seguito a più
attacchi. Nel caso di una seconda aggressione infatti la riposta infiammatoria, può
essere totalmente soppressa o addirittura distrutta.
La ferita determinata dalla zecca può peggiorare nel caso di complicazioni
batteriche (es. Staphylococcus spp.) o di contaminazione da parte di larve di mosca.
Si possono così sviluppare forme ascessuali, anche se questo processo avviene
più frequentemente nel caso in cui il rostro della zecca rimanga all'interno del
tessuto dell'ospite durante il tentativo di rimozione (Giangaspero, 1999).
Un altro aspetto importante da tenere in considerazione durante l'infestazione da
zecche, sono gli effetti dei fattori immunodepressori indotti dal pasto delle zecche
sull’ospite. Vari studi hanno dimostrato che, durante l'infestazione, si ha un
decremento della risposta immunitaria T-dipendente con una diminuzione dei Thelper l e un aumento T-helper 2 e dell'interleuchina 10. Non sempre quindi si viene
a creare una risposta protettiva verso il parassita (Wikel, 1999), ad esempio dalle
ghiandole salivari di D. reticulatus si è ottenuto un composto in grado di ridurre le
cellule Natural Killer in vitro; quest'ultime sono importanti nella produzione di
citochine, γ-interferone e nella produzione di Thl (Th2 non subisce nessuna
diminuzione) (Wikel, 1999).
La complessa interazione tra ospite e parassita aumenta se quest'ultimo è vettore di
agenti patogeni; infatti, la zecca è in grado di modulare la risposta immunitaria
dell'ospite regolando l'andamento dell'infestazione stessa e nel caso di trasmissione
di un agente infettante ne può favorire la sopravvivenza.
42
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
La modulazione dell'immunità da parte della zecca, che favorisce l'infezione di
agenti patogeni da essa trasmessi, viene attuata grazie a:
• alterazione funzionale delle cellule presentanti l'antigene;
• diminuzione dei linfociti T;
• soppressione o alterazione della produzione di citochine;
• diminuzione della risposta anticorpale;
• inibizione del complemento (Willadsen e Jongejan, 1999).
In Europa sono stati segnalati casi di allergia in relazione al morso di Argas reflexus,
parassita del piccione. Nuttall e coll. già nel 1908 avevano descritto gravi reazioni al
morso di questa zecca molle che occasionalmente attacca l’uomo. I sintomi
comprendono nausea, vomito, diarrea, edema, eritema e pulsazioni irregolari.
Occasionalmente le reazioni sono state tanto gravi da portare alla perdita di
conoscenza (Harwood e James, 1979).
L’azione anemizzante, infine, è legata alla sottrazione di sangue da parte di un
numero elevato di zecche localizzate su un singolo animale.
Ogni zecca è in grado di aumentare fino il a 100 volte il proprio peso corporeo;
questo dipende dallo stadio di sviluppo del parassita e dalla specie a cui appartiene.
Per esempio, le specie appartenenti al genere Amblyomma sono quelle dotate della
maggior capacità di sottrarre sangue provocando vari gradi di anemia (Manilla,
1998).
Ogni anno in estate, durante il periodo di massima attività delle zecche, sono
riportati casi di anemia soprattutto in cani, la cui gravità dipende dal grado di
parassitosi e dalla quantità del sangue sottratto. Nei cani se l'ematocrito raggiunge
l’11% si è di fronte ad un caso molto grave, che necessita di trasfusione immediata
(Sodikoff, 1997). La rapidità d'intervento è essenziale; bisognerà eliminare tutti i
parassiti ed intervenire con terapie di supporto.
1.9.2 PATOGENICITA’ INDIRETTA
Diversi tipi di microrganismi, tra cui protozoi, batteri e virus, vengono veicolati e
trasmessi all’uomo e agli animali dalle zecche (Tab. 3). Le zecche sono spesso
vettori biologici di agenti patogeni e possono garantirne la persistenza nell’ambiente
tramite la trasmissione transovarica (l'infezione si trasmette attraverso le uova dalla
madre alla prole) transtadiale (da larva a ninfe e / o da ninfe ad adulto), per cofeeding (zecca che effettua il pasto di sangue accanto ad un’altra infetta) e per via
orizzontale tra animali positivi (Maioli e coll., 2009).
43
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Malattia
Agente
Eziologico
Vettore
principale
Reservoir(s)
Distribuzione
Geografica
TBE
(Central
European
Encephalitis;
Russian spring
summer
encephalitis)
Flavivirus
Ixodes ricinus,
Ixodes
persulcatus
Roditori,
insettivori
Europa, Russia,
Siberia
Powassan
Flavivirus
Kysanur forest
disease
Colorado tick
fever
Flavivirus
Coltivirus
Ixodes,
Dermacentor;
Haemaphysalis
Haemaphysalis
spinigera
Dermacentor
andersoni
Roditori,
mustelidi,
lagomorfi
Scimmie,
micromammiferi
Roditori
Canada, USA,
Russia
India
Nord America,
Canada
Africa sub
sahariana,
Balcani,
Turchia, Grecia,
Sudest Asiatico
CCHF
(Crimean-Congo
Hemorrhagic
Fever)
Nairovirus
Hyalomma
Lepre, riccio,
micromammiferi
Rocky Mountain
Spotted Fever
Rickettsia
rickettsii
Dermacentor
variabilis,
Dermacentor
andersoni
Roditori,
lagomorfi
Nord America
Roditori, riccio
Bacino del
Mediterraneo,
Africa
Sub sahariana,
Medio Oriente
Micromammiferi,
Roditori
Europa
Africa
Roditori
Europa, USA
Cervidi, cane
Europa, USA
Ruminanti
Cosmopolita
Febbre
Bottonosa
del Mediterraneo
Altre rickettsiosi
Anaplasmosi
umana
(HGA)
Ehrlichiosi
(Human
Monocytotropic
Ehrlichiosis)
Rickettsia conorii
R. slovaca
R. sibrica
R. helvetica
R. africae
Anaplasma
phagocytophilum
Erlichia chaffensis
Rhipicephalus
sanguineus
Dermacentor
Haemaphysalis
Ixodes
Amblyomma
Ixodes ricinus,
I.scapularis, I.
pacificus
Amblyomma
americanum,
Dermacentor
variabilis
Febbre Q
Coxiella burnetii
Malattia di Lyme
Borrelia
Burgdoferi s.l.
Ixodes
Roditori, Uccelli
Tularemia
Francisella
tularensis
Più di 20 specie
Lagomorfi
Babesia microti
Babesia divergens
B. venatorum
(EU1)
Ixodes
scapularis
Ixodes ricinus
Roditori
Bovini
Cervidi
Babesiosi
Più di 40 specie
Regioni
temperate
dell’emisfero
nord
Regioni
temperate
dell’emisfero
nord
USA
Europa
Tabella 1.3: Principali zoonosi trasmesse da zecche (Maioli e coll., 2009)
44
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
Le malattie trasmesse da zecche sono di solito distribuite geograficamente
all'interno delle aree in cui sono diffusi i loro serbatoi; possono causare sia gravi
segni clinici, in fase acuta, sia forme sub-cliniche, soprattutto nelle zone endemiche.
Inoltre, possono verificarsi co-infezioni con diversi patogeni nello stesso animale
vertebrato, situazione che deriva dal fatto che la stessa specie di zecca può
trasmettere diversi patogeni (ad esempio Hepatozoon canis, Ehrlichia canis e
Anaplasma platys da Rhipicephalus sanguineus). Queste co-infezioni sono frequenti
negli animali da compagnia che vivono in aree endemiche e spesso possono
compromettere una corretta diagnosi eziologica (AA.VV., 2007).
La trasmissione di agenti patogeni avviene principalmente con la saliva delle zecche
durante la fase di alimentazione, soprattutto nella fase rapida, verso la fine, con il
rigurgito; nella zecca adulta durante la fase di alimentazione lenta la trasmissione è
limitata perché non c'è secrezione salivare (Giangaspero, 1999). Gli agenti patogeni
assunti dalla zecca, che si è alimentata su un organismo infetto, si distribuiscono in
vari organi e tessuti del parassita ed Infine si vanno a localizzare nelle ghiandole
salivari. La capacità di trasmettere l'infezione all'ospite dipende dalla capacità della
zecca di trattenere e trasmettere l'agente patogeno e dal numero d'unità infettanti
necessarie allo sviluppo della malattia. Durante la suzione l'agente infettante viene
trasmesso all'ospite dopo un certo periodo di tempo; nel caso delle Rickettsie
occorrono 10 ore, per Borellia 2-3 giorni, mentre per Babesia sono necessarie 48
ore. Una rapida rimozione della zecca può quindi prevenire la trasmissione del
patogeno (Adelus, 1995). Le zecche spesso hanno, oltre al ruolo di vettore d'agenti
patogeni, anche quello di serbatoio di tali microrganismi, garantendone cosi la
sopravvivenza nel tempo in un ambiente, grazie alla trasmissione transovarica e
transtadiale (Manilla, 1998) di cui si è già accennato. Di particolare rilevanza è
quest'ultimo metodo che è una caratteristica tipica delle zecche dure e non si ritrova
in altri artropodi ematofagi, poiché il metabolismo degli Ixodidae è caratterizzato da
scarsi processi istolitici durante la muta (Manilla, 1998). Questi metodi di
trasmissione sono molto importanti per aumentare il numero di ospiti infetti, grazie
anche alla bassa specificità di alcune zecche. Risulta dunque chiara l'importanza
del controllo di questi artropodi che rivestono quindi un ruolo notevole sia dal punto
di vista sanitario che economico. Tali parassiti, infatti, sono dei fattori limitanti nella
produzione animale poiché determinano un calo nella produzione e perdite di capi di
bestiame; sono inoltre causa di disturbo per l'uomo. La zecca può trasmettere
un'infezione oltre che attivamente, grazie al morso, anche passivamente in seguito
all'ingestione della zecca stessa (Hepatozoon canis), per l'ingestione di alimenti
provenienti da animali infestati di zecche infette (es. latte crudo per l'uomo) o per
inalazioni di polveri contenenti il patogeno, eliminato con le feci di Ixodidae (Coxiella
burnetti) (Manilla, 1998).
Ecologia della diffusione dei patogeni trasmessi da zecche
Lo studio delle relazioni esistenti tra vettori, agenti patogeni ed ospiti è importante
per comprendere come il patogeno persista nell'ambiente e come sia possibile la
sua diffusione, predire l'evoluzione della malattia, effettuare piani di controllo e
prevenzione. Le zecche si comportano sia da vettori biologici all'interno dei quali
l'agente patogeno attua una parte del suo ciclo, sia da vettori meccanici che
veicolano da un animale all'altro gli agenti patogeni. Ci sono molte malattie, la cui
diffusione è legata alle zecche che possono essere considerate emergenti o
45
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
riemergenti in seguito a variazioni climatiche e cambiamenti d'uso del territorio.
Infatti i cambiamenti d’ uso del territorio sia in USA che in Europa hanno favorito
l’aumento di zecche come ad esempio Ixodes scapularis e I. ricinus rispettivamente.
Il ripristino di vaste aree agricole a foreste nel ventesimo secolo ha determinato un
incremento di cervidi, roditori e uccelli con conseguente aumento delle zecche.
Secondo studi condotti in Massachusetts le popolazioni di cervidi dovrebbero essere
eliminate per ridurre la presenza di zecche nell’ambiente (Wilson e coll., 1988).
Anche l’incremento dei roditori, principale serbatoio di agenti zoonosici quali Borrelia
burgdorferi o Babesia microti, è un altro fattore importante per il mantenimento delle
zecche vettrici nell’ambiente (Magnarelli, 2011).
Il mantenimento del patogeno è dato dalla possibilità di scambio tra ospite infetto zecca non infetta e tra zecca infetta - ospite sano (Genchi, 1996).
Ospite infetto - zecca non infetta: in questo caso maggiore sarà il numero d'animali
infetti maggiore sarà anche il numero di zecche che assumeranno l'agente
patogeno. L'ospite vertebrato rappresenta dunque, un reservoir ovvero un serbatoio
di infezione. Maggiore sarà il numero di specie su cui la zecca si nutre maggiore
sarà la probabilità che si infetti (Mather e Ginsberg, 1994).
L'infettività di una specie è rappresentata dal numero di zecche che diventano
infette dopo il pasto di sangue su una determinata specie. Le specie che fungono da
ospiti per le zecche si dividono in riproduttivi e reservoirs. I primi hanno un ruolo
importante nel fornire il pasto di sangue alle zecche, ma non trasmettono infezioni,
gli altri servono a mantenere l'infezione nell'ambiente e a mantenere infette le
popolazioni di zecche (Genchi e coll., 2000).
Il tasso d’infestazione del reservoir è un altro parametro importante. Il numero di
infezioni dell'ospite è dato dal numero di zecche infette e dal livello di infestazione
delle stesse. Da tenere presente è il turn-over della popolazione degli ospiti; molti
animali infatti, dopo un certo periodo di tempo diventano immuni verso la malattia o
possono perdere l'infettività. Per la diffusione dell'agente eziologico c'è dunque
bisogno di altri ospiti recettivi. La durata dell'infettività dell'ospite condiziona il
mantenimento e l'amplificazione della malattia ed è variabile secondo il patogeno
considerato: può essere di alcune settimane (Babesia spp.) o tutta la vita
(Hepatozoon spp.) (Genchi e coll., 2000). Non sempre la maggiore infettività
dell'ospite assicura una maggiore infettività della zecca; infatti, un'elevata quantità di
patogeni ingeriti da essa, si accompagna ad una ridotta trasmissione transovarica
per l'aumento delle mortalità delle uova (Mather e Ginsberg, 1994). La probabilità
d'infezione dell'ospite dipende inoltre dal suo comportamento in natura, questo
influisce sulla possibilità di entrare in contatto con zecche infette. Un animale che
vive in zone popolate da zecche sarà a maggior rischio di infettarsi. Nel caso della
babesiosi canina, i cani da caccia risultano più esposti che altri, proprio per la loro
possibilità di venire in contatto con zecche infette durante le battute di caccia tra i
boschi e per la probabilità di incontrare zecche infette durante gli spostamenti
all'estero in zone endemiche. Al loro ritorno i cani potrebbero importare zecche
infette e diffondere agenti patogeni, infettando anche le zecche del nostro territorio.
Nel primo caso, se le zecche trovano fattori microclimatici e ambientali adeguati, si
riproducono amplificano la malattia grazie anche alla già detta trasmissione
transovarica e transtadiale (Genchi e coll., 2000).
Zecca infetta - ospite sano: la trasmissione dell'agente patogeno non avviene per
tutte le punture di zecca poiché non tutte le punture sono in grado di trasmettere un
46
Capitolo 1
Le zecche ixodidae
numero adeguato di agenti patogeni utili per sviluppare la malattia. La prevalenza di
infezione delle zecche è un parametro importante da valutare e dipende sia dal
numero di zecche infette che dal numero di ospiti disponibili. In questo modo si può
calcolare la probabilità che un ospite si infetti (Genchi e coll., 2000).
In questa tesi saranno prese in considerazione le seguenti malattie trasmesse da
zecche: piroplasmosi, borreliosi di Lyme e anaplasmosi da Anaplasma
phagocytophilum.
47
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2
PIROPLASMOSI
48
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.1 CENNI STORICI
Fra le piroplasmosi, indubbiamente le infezioni causate da parassiti appartenenti al
genere Babesia spp. (Babesiosi) sono fra le più conosciute.
La prima documentazione “storica” di un’infezione da Babesia è contenuta nel libro
biblico dell’ Esodo, in cui la piaga dei bovini egiziani è descritta come una ”grave
epizoozia” che può essere ricondotta alla febbre dell’acqua rossa dei bovini
(causata da B. bovis) che ha come sintomo principale l’ematuria (Homer e coll.,
2000).
Si capisce così come le infezioni da Babesia spp. abbiano complicato la vita
dell’uomo fin dall’antichità, primariamente attraverso le infezioni degli animali
domestici, mentre solo nella seconda metà di questo secolo, quest’infezione è
diventata un rischio per la salute dell’uomo, diventando una malattia zoonotica
emergente.
Molti studi riferiti alla babesiosi in campo animale, sono stati rivolti indubbiamente ai
bovini; l’esistenza di questo parassita non è stata formalmente riconosciuta fino al
1888, con il lavoro di Viktor Babes, studioso ungherese, che studiò la causa
dell’emoglobinuria con febbre nei bovini. Il nome Babesia venne, infatti, dato in suo
onore, poiché per primo osservò un “batterio” intraeritrocitario Gram-positivo ritenuto
responsabile di aver infettato circa 50.000 bovini in Romania nel tardo
diciannovesimo secolo (Babes, 1888). Babes usò il termine Haematococcus, mentre
Babesia fu coniato da Starcovici nel 1893.
Nello stesso periodo Daniel Elmer Salmon (1885), il fondatore dei servizi veterinari
del governo degli USA, dimostrò che nessuno dei meccanismi di trasmissione delle
malattie conosciuti fino a quel momento riusciva a spiegare l’andamento della
febbre del Texas nella popolazione bovina degli USA, e che la malattia non era
riscontrabile nei bovini al nord di una linea da lui determinata. Frederick Kilborne, un
veterinario americano (Schwabe e coll., 1986), credeva che l’habitat delle zecche
del bovino, coincidesse con i limiti territoriali indicati da Salmon per la febbre del
Texas, e tentò di verificare tale ipotesi. Le varie sperimentazioni, ripetute nelle estati
del 1890, 1891 e 1892, portarono alla conclusione che solo i bovini recettivi (del
Nord), esposti alla contaminazione da zecche, si ammalavano. Il risultato finale di
tutti gli esperimenti di Kilborne fu di stabilire in modo certo, prima ancora di scoprire
l’agente eziologico della malattia, che la zecca era un fattore importante della febbre
del Texas e che la malattia non si verificava in sua assenza; inoltre la progenie di
tale zecca, poteva anch’essa causare la malattia. La messa in evidenza della
relazione intercorrente fra parassita-ospite invertebrato-ospite vertebrato fu una
delle maggiori scoperte fatte nella storia della scienza medica (Schwabe e coll.,
1986). Contemporaneamente a Kilborne, Theobald Smith, un giovane medico del
Bureau of Animal Industry (B.A.I), dimostrò che l’agente eziologico responsabile
della febbre del Texas era un protozoo del sangue inizialmente chiamato Pyrosoma,
e successivamente identificato come B. bigemina (Schwabe e coll., 1986).
Studiando la malattia dei bovini in Argentina, Lignieres riconobbe nel 1903 che
stava lavorando con due ceppi di Babesia bigemina. Una forma era grande, simile
all’organismo descritto da Smith e Kilborne, mentre l’altra era piccola e spesso
difficile da trovare nello striscio di sangue, ma più facilmente visibile nei capillari dei
49
Capitolo 2
Le piroplasmosi
reni e nelle meningi del sistema nervoso centrale (Lignieres, 1903). Lignieres, nel
1910 nominò tale piccolo organismo Piroplasma argentina, successivamente
conosciuto come Babesia argentina. Il termine B. argentina fu utilizzato per molti
anni in Australia, nell’America del Sud e Centrale e nel 1970, i parassitologi
concordarono che B. argentina era sinonimo B. bovis (Brocklesby e coll., 1976).
M’Fadyean e Stockman nel 1911, riconobbero un piccolo organismo intraeritrocitario
in bovini in Inghilterra, che chiamarono Piroplasma divergens (poi Babesia
divergens) (M’Fadyean e Stockman, 1911). Ricercatori europei osservarono
organismi simili che indicarono come B. bovis e per molti anni si pensò che B.
divergens fosse sinonimo di B. bovis. Sergent e coll. nel 1926 riscontrarono una
grande babesia che sembrava differente da B. bigemina e che chiamarono B. major
(Sergent e coll., 1926). Rees nel 1934 determinò che sia Babesia bigemina che
Babesia bovis erano presenti in USA ed erano coinvolte nella febbre del Texas.
I ricercatori yugoslavi Simic, Petrovic e Rakovic nel 1955 riconobbero che le zecche,
che trasmettono il parassita, sono legate alla specie di Babesia (Simic e coll., 1955).
B. bigemina e B. bovis sono trasmesse da zecche del genere Boophilus, che
richiedono un clima relativamente caldo per completare il loro sviluppo; infatti non
sono presenti nel nord Europa. Al contrario, Ixodes ricinus e Haemaphysalis
punctata, che generalmente sono presenti nel nord e nell’ovest dell’Europa, sono
vettori adatti per B. divergens e B. major. La somigliana morfologica tra B. major e
B. bigemina era tale che solo nel 1968 Zwart e coll. confermarono la differenza fra le
due. B.major, presente in Gran Bretagna e nel nord Europa, ha una moderata
patogenicità e forse proprio per questa ragione è stata anche in passato
sottostimata (Brocklesby e Barnett, 1970).
Brocklesby nel 1976 indicò l’esistenza di quattro specie di babesie nei bovini: B.
bigemina, B. major, B. bovis e B. divergens, confermate attraverso studi sierologici
(Leeflang e Perie., 1972; Goldman e Rosemberg., 1974). Ulteriori tre specie di
babesie bovine: B. ovata, B. jakimovi e B. occulants, sono state successivamente
identificate e descritte attraverso varie tecniche sierologiche (Minami e coll., 1979;
Purnell, 1981; Gray e Potgieter, 1981). B. ovata fu identificata nel 1980 da Minami e
Ishihara in Giappone, trasmessa per via transovarica da H. longicornis. Nel 1981 fu
osservata una babesia simile in Sud-Africa nominata B. occulants, trasmessa per
via transovarica da Hyalomma marginatum rufipes. B. jakimovi a differenza di B.
ovata e B. occulants è patogena per i bovini ed è l’agente eziologico della
piroplasmosi in Siberia. Oltre ai bovini B. jakimoni può infettare anche i caprioli
(Capreolus capreolus), l’alce (Alces alces) e la renna (Rangifer tarandus). B.
odocoilei (B. cervi), dei cervi della Virginia, morfologicamente simile a B. divergens,
è stata identificata e descritta in Texas e Virginia (Emerson e Wright, 1968; Perry e
coll., 1985).
Oltre agli studi sul bovino, il genere Babesia fu studiato inoltre nel sangue di altri
animali quali cavallo, gatto, cane, suino, oltre che nell’uomo.
Nel cavallo un emoparassita intraeritrocitario simile a B. bigemina fu osservato per
la prima volta da Guglielmi nel 1899 (Henning, 1956). Theiler nel 1901 e 1902
descrisse per la prima volta la babesiosi equina ed insieme a Laveran nel 1901
conferirono il nome “equi” a questa piccola babesia (Theiler, 1906; Laveran, 1901).
B. equi è stata osservata per la prima volta nella zebra da Theiler nel 1905 (Theiler,
1905; Theiler, 1906) e fu verificata la sua possibilità di trasmissione dalla zebra al
cavallo tramite inoculazioni di sangue (Dennig, 1966).
50
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Nel 1929 fu identificata per la prima volta B. felis, riscontrata in un gatto selvatico
sudanese, ma segnalata come patogena anche nei gatti domestici (Davis, 1929).
La babesiosi canina fu inizialmente riportata nel 1934 in Florida (Eaton, 1934). In
passato si pensava che gli agenti eziologici potessero essere distinti in due specie:
B. canis (una babesia di grandi dimensioni) e B. gibsoni (una ‘piccola’ babesia); B.
canis sembrava distribuita un po’ in tutto il mondo, mentre Babesia gibsoni si
pensava fosse presente solo in Africa, India, Sri Lanka e Malesia (Groves e
Vanniasingham., 1970); più recentemente questo parassita è stato segnalato anche
in Europa, USA, Korea e Okinawa (Dennig e coll., 1980; Anderson e coll., 1979).
La babesiosi canina è un esempio di come la biologia molecolare abbia
rivoluzionato la classificazione degli agenti di babesiosi, in quanto è stato possibile
rilevare la presenza di 4 grandi babesie e 3 piccole babesie. Fra le grandi babesie:
B. canis è stata prima riclassificata in 3 sottospecie: B. canis canis, B. canis rossi e
B. canis vogeli; questi 3 parassiti sono ora considerati 3 specie diverse (Zahler M. e
coll., 1998; Carret e coll., 1999). La quarta grande babesia non ha ancora un nome
(Babesia spp.), ed è stata recentemente descritta in cani con segni clinici ed
ematologici di babesiosi nel Nord della Carolina (Birkenheuer e coll., 2004; Lehtinen
e coll., 2008). Le piccole babesie sono finora state differenziate in tre specie di
babesia distinte geneticamente e clinicamente: B. gibsoni, B. conradae (USA,
riportata inizialmente come B. gibsoni) (Conrad e coll., 1991; Kjemtrup e coll., 2006)
e una Babesia microti-like (poi denominata Theileria annae) (Zahler e coll., 2000;
Camacho e coll., 2001).
Anche nei suini sono state segnalate infezioni da Babesia spp.: B. trautmanni, è
stata riportata in U.R.S.S., Europa del Sud e Africa (Riek, 1968), mentre B.
perroncitoi è stata segnalata in Nord Africa e Sardegna; in Senegal sono stati
riportati 800 casi (Riek, 1968; Vercruysse e Parent, 1981).
Negli ultimi anni ha assunto un maggior interesse anche la babesiosi umana: la
prima osservazione che l’uomo poteva infettarsi con Babesia spp. è stata riportata
nel 1904 da Wilson e Chowning, che videro delle inclusioni piriformi intraeritrocitarie
simili a quelle descritte da Smith e Kilbourne, nel sangue di pazienti con la “Febbre
delle Montagne Rocciose” nell’ovest degli USA. Essi chiamarono tale agente
Pyroplasma hominis. Il primo caso documentato di babesiosi umana in Europa è
stato nel 1957, anno in cui un contadino splenectomizzato in Yugoslavia è stato
diagnosticato infetto da B. bovis (Skrabalo e Deanovic, 1957). Le successive
osservazioni mostrarono che molti casi in Europa erano dovuti a B. divergens. La
difficoltà di un’accurata diagnosi di B. divergens dallo striscio di sangue, ha fatto in
seguito pensare che anche il primo caso in Yugoslavia fosse probabilmente dovuto
a questo parassita (Homer e coll., 2000).
In USA il primo caso di babesiosi umana attribuito a B. microti è stato riportato da
Scholtens e coll. nel 1968 in California in un uomo di 46 anni residente a San
Francisco che era stato splenectomizzato 4 anni prima (Kjemtrup e Conrad, 2000).
Nello stesso anno, Fitzpatrick e coll. (1968; 1969), riportarono un caso fatale di
babesiosi dovuto a B. divergens in un pescatore nord irlandese di 48 anni.
Nel 1970, Western e coll. (1970), e Ristic e coll., (1971) in USA riportarono il primo
caso di babesiosi umana causato da B. microti in una donna di 59 anni non
splenectomizzata residente nell’isola di Nantucket (Healy e Ristic, 1988), mentre nel
1981 un altro caso è stato riportato in California in un paziente splenectomizzato;
questo caso ebbe la particolarità di presentare una elevata parassitemia (30%)
51
Capitolo 2
Le piroplasmosi
(Bredt e coll., 1981).
Il primo caso documentato di babesiosi umana in Svezia, è stato riportato nel 1989,
in un paziente di 34 anni, splenectomizzato nel 1975 per lesioni traumatiche. Esso
presentava febbre, mialgia, disuria, urine scure e presto il quadro si complicò con
anuria, progressiva anemia emolitica, trombocitopenia, fibrinolisi. In seguito
all’osservazione microscopica dello striscio di sangue fu fatta diagnosi di babesiosi
da B. divergens (forme parassitarie a tetrade e assenza di pigmenti malarici). La
diagnosi microscopica è stata poi successivamente confermata dall’inoculazione nel
gerbillo e dall’esame sierologico (Uhnoo e coll., 1992).
Negli anni successivi furono riportati altri casi umani in America e, più raramente, in
Europa; per anni si pensò quindi ad una distinzione epidemiologica netta fra le
infezioni americane, imputate a B. microti, e quelle europee legate a B. divergens.
Anche in questo caso l’avvento della biologia molecolare ha rivalutato le
conoscenze in questo campo.
Nel 1993, fu riportato un caso in California in un soldato con parassitemia di 1.2%,
sintomatologia e titolo anticorpale elevato 1:640 per B. gibsoni (piroplasma del cane
in California) e 1:80 per B. microti; l’isolato venne nominato CA1 (Jerant e Arline,
1993). Nello stesso mese un caso di babesiosi venne osservato nello stato di
Washington (Quick e coll., 1993) in un paziente di 41 anni non esposto ad alcun
fattore di rischio. Il test sierologico rilevò un titolo molto alto per B. gibsoni (1:2560) e
la caratterizzazione molecolare rilevò una maggiore somiglianza a B. gibsoni
rispetto a B. microti (Thomford e coll., 1994). Questo nuovo agente fu chiamato
WA1. Dal 1992 al 1993 in California vennero descritti altri 3 casi uno dei quali risultò
fatale (Persing e coll., 1995); questi tre pazienti presentavano un titolo anticorpale
molto elevato verso WA1 e nessun titolo per B. microti (Persing e coll., 1992). Nel
1994, WA1 fu ritrovato nello stato di Washington in un paziente anziano operato,
che aveva ricevuto numerose trasfusioni (Herwaldt e coll., 1997).
Nel 1992, in Missouri, in un uomo di 73 anni splenectomizzato fu diagnosticata una
babesiosi in seguito all’osservazione microscopica del parassita. La
caratterizzazione antigenica e genetica identificò come agente responsabile B.
divergens, nonostante alcune differenze antigeniche rispetto agli isolati europei di B.
divergens. L’agente di questo primo caso in Missouri fu nominato MO1 (Herwaldt e
coll., 1996)
Nel 1998 fu riportato anche il primo caso di babesiosi umana in Italia in un paziente
di 55 anni splenectomizzato e recentemente sottoposto a chemioterapia per linfoma,
con sintomatologia di modesta entità. In seguito, nel 2000, un caso di babesiosi
umana fu segnalato in Austria in un soggetto di 56 anni anch’esso
splenectomizzato, con anamnesi di puntura da zecca 2 settimane prima della
comparsa della sintomatologia, che era comunque stata di lieve entità. Dall’analisi
molecolare di entrambi i campioni, è stata identificata una Babesia spp.,
filogeneticamente correlata a B. divergens e a B. odocoilei, probabilmente una
nuova specie indicata come EU1 (Herwald e coll., 2003) e successivamente
denominata B. venatorum; questa specie fu poi segnalata in caprioli in Slovenia
(Duh e coll., 2005b) e Svizzera (Hilpertshauser e coll., 2006); poi, nel gennaio 2005
e Gennaio 2006, è stata individuata anche in caprioli in Francia (presenti nel “Wild
Fauna Reserve of Chizé”), grazie ad un lavoro svolto da Bonnet e coll. (2007)
dell’Istituto Nazionale della Ricerca Agronomica di Nantes. Infine, in tempi più
recenti questa specie è stata riscontrata anche in caprioli della zona di Verona
52
Capitolo 2
Le piroplasmosi
(Tampieri e coll., 2008) ed in zecche raccolte in Austria (Blaschitz e coll., 2008), in
Lussemburgo (Reye e coll., 2010) e nella provincia di Vicenza (Cassini e coll.,
2010).
Questi isolamenti hanno confermato che la presenza di Babesia sp. EU1 non è
limitata ad una ristretta area geografica in Europa.
53
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.2 CLASSIFICAZIONE E DESCRIZIONE
Regno: Protozoa
Phylum: Apicomplexa (Levine e coll., 1971)
Classe: Aconoidasida (Mehlhorn e coll., 1980)
Ordine: Piroplasmida (Wenyon, 1926)
Famiglia: Babesiidae, Genere: Babesia (Starcovici, 1893)
Famiglia: Theilariidae, Generi: Theileria Bettencourt, Franca e Borges, 1907;
Cytauxzoon Wagner, 1976.
Babesia e Teileria sono due generi appartenenti all’ordine piroplasmida, con
rilevante importanza quali agenti di malattie di interesse veterinario e non solo.
La distinzione primaria fra questi due generi è l’assenza di un ciclo pre-eritrocitario
in Babesia spp. e l’assenza di trasmissione transovarica in Theileria spp.(Kakoma e
Mehlhorn, 1993; Riek, 1968; Telford III e coll., 1993).
2.2.1 BABESIA SPP
Inizialmente, le varie specie del genere Babesia furono identificate in base a
parametri morfologici della forma intraeritrocitaria (trofozoiti) visibili negli strisci di
sangue di animali vertebrati infetti. Questa analisi, insieme alla specificità dell’ospite,
ha permesso di classificare le varie specie di Babesia (Tabella 1).
Da un punto di vista puramente pratico le babesie sono oggi distinte in due grandi
gruppi in base al diametro delle loro forme intraeritrocitarie; si parla quindi di
“piccole” babesie (1,0-2,5 µm) e “grandi” babesie (2,5-5,0 µm). Alle prime
appartengono ad esempio Babesia gibsoni, B. microti, B. divergens, B. equi e B.
rodhaini, mentre le seconde comprendono B.bovis, B.caballi e B.canis. La differenza
delle dimensioni è legata al numero di cellule figlie che nascono dal piroplasma
parentale: ve ne sono quattro nelle piccole babesie, con la classica forma a tetrade,
mentre solo due nelle babesie grandi (Telford III e coll., 1993).
Importante in questo genere è l’assenza di forme pre-eritrocitiche o
extraeritrocitiche, con gli sporozoiti che colonizzano direttamente i globuli rossi.
Questo dato, oltre a rappresentare la principale differenza tra Babesia spp. e
Teileria spp., pone anche dei dubbi sulla giusta classificazione di almeno due specie
di babesia: B. equi e B. microti, nelle quali sarebbe invece presente una forma
extraeritrocitaria (Mehlhorn e Schein, 1984). Questa caratteristica insieme
all’apparente mancanza di trasmissione trans ovarica nella zecca, suggerisce che
queste due specie potrebbero forse essere riclassificate proprio nel genere Theileria
(Telford III e coll., 1993). Inoltre, studi genetici sul DNA ribosomiale di cinque specie
di Babesia (Dalrymple e coll.,1992; Ellis e coll., 1992) classificano B. bovis, B.
bigemina e B. canis come Babesia “in sensu scricto”, mentre B. microti e B. gibsoni
sembrerebbero più strettamente collegate alle theilerie.
54
Capitolo 2
Le piroplasmosi
SPECIE
OSPITE VERTEBRATO
B. bovis
Bovino, uomo
B.
bigemina
Bovino, ungulati
selvatici
B.
divergens
Bovino, ungulati
selvatici, uomo
B. major
OSPITE
INVERTEBRATO
Ixodes spp.,
Rhipicephalus spp.
DISTRIBUZIONE
DIMENSIONI
Europa, Asia,
America, Africa;
Australia
piccola
2,0 x 1,5 µm
Europa, America,
Africa, Australia
grande
4,5 x 2,0 µm
Ixodes ricinus
Europa
piccola
2,0 x 1,0 µm
Bovino
Haemophysalis
punctata,
Rhipicephalus
(Boophilus) spp.
Europa, Africa, Sud
America, Unione
Sovietica
grande
2,6 x 1,5 µm
B. jakimovi
Bovino, ruminanti
selvatici
Ixodes ricinus
Siberia, Russia
grande
2,0-4,5 x 1,52,1 µm
B. ovata
Bovino
Haemaphysalis spp.
Giappone
grande
4,5x 2,5 µm
B.
occultans
Bovino
Hyalomma spp.
Sud-Africa
B. ovis
Ovino, caprino
Rhipicephalus spp.,.
Europa, Africa, Asia
Rhipicephalus spp.,
Haemophysalis spp.
Haemophysalis
punctata,
Rhipicephalus bursa,
Dermacentor silvarum
Rhipicephalus spp.,
Hyalomma spp.,
Dermacentor spp.
Rhipicephalus
sanguineus,
Dermacentor
reticulatus
Europa, Asia, Africa
grande
2.5-4.0 x 2.0
µm
Europa, Africa
grande
2.5-4.0 x 1.52.0 µm
Europa
piccola
0.7-2.0 µm
B. motasi
Caprino
B.
trautmanni
Suino
B.
perroncitoi
Suino
B. equi
Equidi (cavallo, mulo,
asino, zebra)
Dermacentor spp.,
Hyalomma spp.,
Rhipicephalus spp.
Europa, Asia, Africa,
America, Australia,
B. caballi
Equidi (cavallo, mulo,
asino)
Dermacentor spp.,
Hyalomma spp.,
Rhipicephalus spp.
Europa, Asia, Africa,
America, Australia,
B. canis
canis
Cane, lupo, sciacallo
Dermacentor spp.
B. canis
vogeli
Canidi
Rhipicephalus spp.
B. canis
rossi
Canidi
Haemaphysalis spp.
Asia, Sud Africa
B. gibsoni
Canidi
Rhipicephalus spp.,
Haemaphysalis spp.
Asia, Africa
Haemaphysalis spp.
Europa, Asia, Africa
Ixodes scapularis,
Amblyomma
americanum
America
Ixodes ricinus
Europa
B. felis
B.
odocoilei
B. capreoli
Gatto, leopardo, leone,
puma, lince
Cervo della Virginia,
Ovis canadensis
nelsoni, Odocoileus
hemionus, rangifer
tarandus caribou
Cervus nippon, Cervus
elaphus
grande 4,5x
2,5 µm
piccola
1.0 x 2.5 µm
Europa, America,
Asia
Stati Uniti, Sud della
Penisola Iberica,
Nord Africa
B. microti
Roditori, Uomo
I. dammini
Stati Uniti, Europa
B.EU 1
Cervidi, Uomo
I.ricinus
Europa
piccola
1.9 x 1.0 µm
(forme
singole)
grande
2.15-4.0 x 2.0
µm
grande
5,0 x 2,5 µm
grande
5,0 x 2,5 µm
grande
5,0 x 2,5 µm
piccola
1,2 x 3,2 µm
piccola
1,5 x 2,0 µm
piccola
2,0 x 1,0 µm
piccola
0,8 x 1,5 µm
piccola
1,5 x 2,5 µm
piccola
1,0 x 3,0 µm
Tabella 2.1: Principali specie di Babesia riconosciute nelle diverse specie animali (Morisod e
55
Capitolo 2
Le piroplasmosi
coll, 1972; Hoyte, 1976; Purnell, 1981; Soulsby, 1982; Reyers e coll., 1998; Zahler e coll.,
1998; Carret e coll., 1999 Navarrete e coll., 1999; Cacciò e coll., 2002; Boozer e Macintire.,
2003; Bonnet e coll.,2007).
Oltre alle specie sopra elencate, sono state descritte più di 100 specie di Babesia,
che infettano un’ampia varietà di vertebrati. Si sospetta, comunque, che molte di
queste descrizioni possano essere riferite a specie uguali o simili non distinguibili
con i metodi tradizionali (Persing e coll., 1995). I metodi tradizionali di
classificazione sono stati gradualmente soppiantati da più recenti metodiche di
biologia molecolare. Ci sono diverse motivazioni che attualmente giustificano l’uso
della biologia molecolare per la classificazione di Babesia spp. piuttosto che l’utilizzo
di metodi basati su parametri morfologici e di specificità di specie. Parassiti differenti
possono sembrare nello stesso ospite morfologicamente simili (es. Plasmodium e
alcune specie di Babesia). Lo stesso parassita può avere caratteristiche
microscopiche differenti in ospiti diversi, probabilmente per fattori specifici
dell’ospite, come la funzionalità splenica e la predisposizione immunitaria (es. B.
divergens ha il suo aspetto “caratteristico” negli eritrociti bovini, ma nell’uomo
mostra elevato pleomorfismo, che complica la sua diagnosi).
La classificazione di Babesia spp. in base alla specificità dell’ospite, sembra essere
meno utile di quanto una volta si pensasse, poiché alcune specie abbondantemente
studiate, come B. microti, hanno mostrato avere un ampio range di ospiti (Etkind e
coll., 1980; Brandt e coll., 1977; Moore e Kuntz, 1981, Ruebush e coll., 1981a;
Spielman e coll., 1981).
Come detto in precedenza, le babesie possono essere distinte in “piccole babesie” e
“grandi babesie”. Questa classificazione morfologica si è dimostrata generalmente
coerente con la classificazione filogenetica basata sulle sequenze della subunità
minore del DNA ribosomiale, che mostra che le piccole e grandi babesie rientrano in
due differenti clusters; Theileria spp. è maggiormente correlata alle piccole babesie
piuttosto che alle grandi . Un’eccezione a quanto detto riguarda B. divergens, che
appare piccola nello striscio di sangue (0.4-1.5 µm), ma è geneticamente correlata
alle grandi babesie (Fig.2.1).
56
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Figura 2.1: Albero filogenetico di Babesia spp. ottenuto dall’analisi del 18S rRNA
(Hunfeld e coll. 2008).
Alcune sequenze di B. microti hanno mostrato elevata similarità sia con Theileria
annulata (91%), un patogeno del bovino, sia con altre babesie (es. B. bigemina è
per l’88% simile a B. microti) (Persing e coll., 1992). Questa è stata la prima
evidenziazione biomolecolare che le piccole babesie sono evoluzionisticamente
collegate a Theileria spp. (Persing e coll., 1992) e come Theileria spp. anche le
piccole babesie sembra non vengano trasmesse per via transovarica nelle zecche,
portando a sostenere che le piccole babesie dovrebbero essere riclassificate nel
genere Theileria. (Mehlhorn e Schein, 1984; Telford III e coll, 1993). La descrizione
dello stadio extraeritrocitario in B. equi (Mehlhorn e Schein, 1984; Schein e coll.,
1981) ha portato alla riclassificazione di questa specie come T. equi (Mehlhorn e
Schein, 1998). E’ stato indicato un ciclo pre-eritrocitario anche in B. microti, ma sono
necessari ulteriori studi.
Anche nel caso del cane la biologia molecolare ha permesso di differenziare le
piccole babesie, in precedenza considerate un’unica specie (B. gibsoni), in tre 3
specie di Babesia distinte geneticamente e clinicamente: B. gibsoni, B. conradae
diffusa in USA (Conrad e coll., 1991; Kjemtrup e coll., 2006) e più recentemente una
specie definita inizialmente Babesia microti-like ed ora denominata Theileria annae
(Zahler e coll., 2000; Camacho e coll., 2001), descritta in Spagna. Recentemente,
sempre nel cane, è stata anche segnalata una nuova specie di Babesia,
responsabile di casi clinici nel Nord Carolina, identificata con tecniche molecolari,
per la quale non è ancora stato definito un nome, ed è chiamata solo Babesia sp.
L’analisi molecolare sembra quindi un utile strumento per meglio definire sia le
relazioni filogenetiche fra Babesia e Theileria (Persing e coll., 1992; Quick e coll.,
1993), sia per scoprire nuovi e/o non conosciuti patogeni. Un esempio è la scoperta
57
Capitolo 2
Le piroplasmosi
di WA1 (Quick e coll., 1993; Thomford e coll., 1994). Come già accennato
precedentemente, nel 1991 una sindrome acuta simile a malaria in un paziente è
stata attribuita a un nuovo piroplasma simile a Babesia spp., indicato come WA1.
Sebbene WA1 sia morfologicamente simile a B. microti, sono state evidenziate
numerose differenze, compresa la cross-reattività antigenica (Quick e coll., 1993), la
virulenza nel criceto (100% di mortalità entro 10 gg), e il polimorfismo della
lunghezza del frammento di restrizione del DNA digerito (RFLP, Restriction
fragment lenght polymorphism) (Quick e coll., 1993; Thomford e coll., 1994). Tutti
questi dati indicano che WA1 è un nuovo patogeno umano, distinto da B. microti.
Studi successivi riguardanti la determinazione delle sequenze della subunità
ribosomiale e il confronto con altre sequenze di piroplasmi hanno mostrato che WA1
è molto correlato a B. gibsoni. Filogeneticamente, WA1 rientra in un cluster che
include T. equi (B. equi) e tutte le theilerie conosciute.
L’analisi molecolare del 18S rRNA di B. microti ha permesso invece, recentemente,
di suddividere questa specie in 3 Clade: il Clade 1 comprende parassiti dei roditori
che possono essere causa di zoonosi; il Clade 2 comprende i parassiti dei carnivori
e il Clade 3 comprende nuovamente parassiti dei roditori che però non sono
coinvolti nella possibile trasmissione all’uomo (Hunfeld e coll., 2008).
Ancora, un controllo tramite PCR aspecifica di campioni da babbuini in varie colonie
presenti negli Stati Uniti, non solo ha scoperto una “nuova” specie di Babesia (PB-1)
(Bronsdon e coll., 1998), ma ha dimostrato che più del 40% di babbuini in queste
colonie erano infetti (Homer e coll., 2000). La nuova specie scoperta è correlata a B.
microti e potrebbe essere l’organismo precedentemente descritto come
Entopolypoides (Bronsdon e coll., 1998;).
In Europa e negli USA sono state di recente individuate nuove Babesia spp. in base
all’analisi della subunità ribosomiale 18S e della sequenza ITS2. Queste nuove
babesie sono B. venatorum (EU1-3), identificata da Herwaldt e coll. (2003) e
confermata da Häselbarth e coll. (2007) per quanto riguarda l’Europa ed una specie
B. divergens-like (Gray, 2006) per gli USA. Babesia EU1 rientra in un cluster
insieme a B. odocoilei, un parassita del cervo dalla coda bianca, e B. divergens
(Herwaldt e coll., 2003); sempre Babesia EU1 non è invece strettamente correlata
ad altre specie come B. microti e B. duncani (Herwaldt e coll., 2003; Conrad e coll.,
2006). L’analisi filogenetica di B. venatorum infatti, evidenzia analogie con B.
odocoilei, parassita del cervo negli USA; queste due specie inoltre sono correlate a
B. divergens. I ceppi B. divergens-like isolati in Missouri (MO1) (Herwaldt e coll.,
2003), nello Stato di Washington (Herwaldt e coll., 2004) e nel Kentucky (Beattie e
coll., 2002) presentano una notevole omologia del 18S con B. divergens. Il
segmento 18S dell’isolato del Kentucky e di quello del Missouri sembra essere
identico a quello di B. divergens isolato dal silvilago (Sylvilagus floridanus), un
ospite inusuale per questa babesia dell’isola di Nantucket descritto da Goethert e
Thelford (2003) (Holman e coll., 2005; Gray, 2006). Confrontando però la sequenza
nucleotidica del segmento amplificato con quella di tre isolati bovini di B. divergens
depositata in GenBank (U13670, Z48751 e U07885) si evidenzia come i ceppi
americani abbiano una percentuale di omologia del 99,6-99,7%. E’ stato inoltre
sequenziato l’intero frammento 18S dei tre isolati bovini, in aggiunta ad altri quattro
(Herwaldt e coll., 2003) e sono stati trovati tutti identici, con un’omologia del 100%.
Da questo, secondo Hunfeld e coll. (2008), si può dedurre che definire come B.
divergens ceppi che presentino un’analogia inferiore al 100% sia discutibile.
58
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.2.2 THEILERIA SPP.
I parassiti appartenenti al genere Theileria sono agenti di diverse sindromi in
ruminanti domestici e selvatici e sono responsabili di gravi perdite economiche che
annualmente raggiungono le centinaia di milioni di dollari in Africa Sub-Sahariana ed
Asia (Bishop e coll., 2004).
L’analisi della sequenza del gene del 18S rRNA ha dimostrato che il genere
Theileria è strettamente correlato a Babesia (Allsopp e coll., 1994).
Nel genere Theileria sono stati inseriti anche alcuni parassiti che in precedenza
erano stati classificati come generi a parte, ma entrambi compresi nella famiglia
Theileridae: Gonderia e Haematoxenus; l’unica eccezione è rappresentata dal
genere Cytauxzoon, comprendente parassiti dei felini in Nord America, e che gode
di una classificazione a parte (Wagner, 1976; Glenn e Stair, 1984). Inizialmente
erano state identificate almeno 39 specie, associate ai rispettivi ospiti su cui sono
state rinvenute; tra le principali da ricordare ci sono:
• T. annulata in: Bos taurus, B. indicus, Bubalus bubalis, Bison bison;
• T. aristotelis in: Cervus unicolor;
• T. barnetii in: Syncerus caffer;
• T. brimonti in: Bradypus tridactylus;
• T. mutans in: Bos taurus, B. indicus, B. bubalis, Syncerus caffer;
• T. parva in: B.taurus, B. indicus, B.bubalis, S. caffer, Kobus defassa;
• T. rossica in: Apodemus agrarius;
• T. separata in: Ovis aries;
• T. cervi in: Dama dama, Odocoileus virginiasus, Muntiacus munta;
• T. sylvicaprae in: Sylvicapra grimmia
• T. velifera in: B. taurus, B. indicus;
• T. taurotrago in: Taurotragus oryx, B. taurus, B. indicus (Levine, 2000).
In generale, in molti casi, il nome assegnato al parassita si deve al primo ospite
ritenuto originariamente specifico (per es. T. sylvicaprae); questo concetto è oggi
messo ampiamente in discussione dai più recenti metodi di identificazione, che
hanno dimostrato ad esempio come alle Theilerie presenti in Africa appartenga un
range di ospiti specifici molto più ampio di quanto il nome possa indicare. Parassiti
di ungulati africani dapprima classificati nel genere Cytauxzoon rientrano oggi
invece nel genere Theileria (ad es. T. taurotrago) (Grootenhuis e coll., 1979).
Un’ulteriore complicazione nella classificazione di Theileria spp. si ha, come
accennato precedentemente, sia per Babesia equi che per B. microti: gli sporozoiti
di questi due parassiti possono invadere i linfociti dell’ospite e svilupparsi in forme
simili agli schizonti di Theileria (Schein e coll., 1981; Rehbein e coll., 1982;
Mehlhorn e Schein, 1984). In questi casi è ancora in atto una serie di controversie
circa la classificazione di alcuni parassiti nel genere Theileria o Babesia, o in altri
generi ancora come ad esempio Nicollia (Young e Morzaria, 1986).
Nel tempo sono stati vari i parametri che hanno permesso di suddividere Theileria
spp. in specie e ceppi, ma la ridotta disponibilità di mezzi ha spesso portato in
passato, ad un’identificazione approssimativa e talvolta errata dei parassiti. A
questo si aggiunge l’uso di una terminologia spesso generica e poco definita
“ceppo”, che ha indotto gli studiosi a classificare certi parassiti in un determinato
59
Capitolo 2
Le piroplasmosi
gruppo secondo criteri senza un concreto valore identificativo, come ad esempio il
rinvenimento in una nuova area.
Per ovviare a una confusione nata per motivi simili nei tripanosomi, la World Health
Organization (WHO) nel 1978, aveva stabilito che una commissione formulasse
un’appropiata nomenclatura che potesse agevolare i tassonomisti nell’identificare
l’appartenenza di un parassita ad una specie piuttosto che ad un’altra. Uno
studioso, Irvin (1987), stabilì che tale lavoro dovesse essere intrapreso anche nei
confronti di Theileria. Fu quindi proposta una serie di definizioni, in accordo con le
quali il termine ceppo sarebbe in seguito stato utilizzato solo per popolazioni
parassitarie definite con precisione, e laddove tale certezza non venga raggiunta, i
termini “isolato” e “stock” sarebbero stati preferiti a seconda della circostanza;
l’identificazione di ceppo si ha sulla base di caratteristiche biologiche altamente
specifiche, come ad esempio i profili immunoreattivi.
Le più importanti specie di Theileria, dal punto di vista economico, che infettano il
bestiame ed i piccoli ruminanti sono trasmesse da zecche ixodidae dei generi:
Rhipicephalus spp., Amblyomma spp., Hyalomma spp. and Haemaphysalis spp.
OSPITE
VERTEBRATO
SPECIE
T. parva
Bufalo africano
(Syncerus caffer)
T. annulata
Bufalo d’acqua
(Bubalus bubalis)
T. mutans
Bovini africani
T. velifera
B. taurus, B.
indicus
T.
taurotragi
Taurotragus oryx,
B. taurus, B.
indicus
Bovini Asia
orientale
Bovini Asia
orientale
T. sergenti
T. buffeli
T.
*
lestoquardi
T. ovis
*
T. separata
T. cervi
*
OSPITE
INVERTEBRATO
Rhipicephalus
appendiculatus
R. zambesiensis
R. duttoni
Hyalomma anatolicum
e altre specie di
Hyalomma
Amblyomma
variegatum e altre
quattro specie di
Amblyomma
Amblyomma
variegatum e altre
specie di Amblyomma
Rhipicephalus
appendiculatus
R. zambesiensis
R. pulchellus
Varie specie di
Haemaphysalis
Varie specie di
Haemaphysalis
Piccoli ruminanti
Varie specie di
Hyalomma, R. bursa
Piccoli ruminanti
Varie specie di
Hyalomma, R. bursa,
R. evertsi
Ovis aries
Varie specie di
Hyalomma, R. evertsi
Daino, capriolo
Muntiacus munta
DISTRIBUZIONE
DIMENSIONI
Est, Sud e Centro
Africa
1,5-2,0 x 0,11.0 µm
Sud Europa, Ovest,
Est e Sud Asia e Nord
Africa
0,5-2,0 x 0,52,7 µm
Ovest, Est, Centro e
Sud Africa, Caribbean
islands
1,0-1,5 x 0,62.0 µm
Ovest, Est, Centro e
Sud Africa
1,0 x 2,0 µm
Est, Centro e Sud
Africa
1,0 x 2,0 µm
Giappone e Corea
1,0 x 2,0 µm
Europa, Asia,
Australia, Est Africa
Asia, Nord ed Est
Africa, Europa
meridionale
Asia, bacino del
Mediterraneo (R.
bursa) e Africa (R.
evertsi)
Asia e Africa sub
Sahariana
1,0 x 2,0 µm
0,6 x 2,0 µm
1,0-2,5 µm
1,0 x 2,0 µm
1,0 x 2,0 µm
Tabella 2.2: Specie di Theileria che possono infettare i ruminanti domestici, loro vettore e
*
distribuzione geografica. indica le specie di Theileria che infettano i piccoli ruminanti
60
Capitolo 2
Le piroplasmosi
(Levine, 2000; Bishop e coll., 2004; Capelli e coll., 2010).
2.3 CICLO BIOLOGICO
2.3.1 BABESIA SPP.
Il genere Babesia presenta tre stadi di riproduzione (Kakoma e coll., 1993):
gametogonia: formazione e fusione dei gameti all’interno della zecca,
sporogonia: riproduzione asessuata all’interno delle ghiandole salivari della zecca,
merogonia: riproduzione asessuata all’interno dell’ospite vertebrato.
Una delle specie più studiate e conosciute è B. microti, e gran parte del ciclo di
Babesia spp. all’interno della zecca, è stato conosciuto tramite studi su di essa
(Telford III e coll., 1993). Non è però ancora del tutto chiara l’esatta sequenza di
eventi che avvengono a partire dall’ingestione delle forme eritrocitarie da parte della
zecca ospite.
2.3.1.1 Ciclo all’interno della zecca:
Dal momento in cui la zecca ha compiuto il suo pasto di sangue sull’ospite
vertebrato infetto, B. microti può essere evidenziata dopo 10 ore all’interno di
eritrociti intatti presenti nell’intestino dell’artropode. A questo punto si può anche
rilevare un organello intracellulare, detto citostoma, all’interno del parassita
(Rudzinska e coll., 1984). Questa struttura endocellulare e i vacuoli ad essa
associati non sono presenti nelle fasi intraeritrocitarie di B.microti, ma lo sono invece
in quelle di B.equi e delle theilerie; sembra quindi esserci una maggiore affinità tra
B. equi ed il gruppo delle theilerie e, al contrario, potrebbe indicare B.microti come
una forma intermedia tra Theileria e Babesia sensu stricto (Mehlhorn e Schein,
1984).
Dopo circa 46-60 ore dal pasto, i parassiti sono ancora rilevabili all’interno degli
eritrociti, ma all’interno dei gametociti si iniziano a sviluppare nuovi organelli; il più
evidente è lo sviluppo di un organello a forma di punta di freccia, chiamata
Strahlenkorper (o corpo radiato) (Koch, 1906); in tutte le infezioni studiate sostenute
da Babesia e Theileria spp. sono stati rilevati protozoi contenenti questa struttura a
punta di freccia all’interno della zecca (Kakoma e coll., 1993). Queste formazioni
rappresentano la forma sessuata, e ciò è stato confermato dimostrando la fusione di
questi isogameti, che si liberano da eritrociti vicini: la struttura a punta di freccia è
coinvolta nella fusione dei gameti (Kakoma e coll., 1993; Rudzinska e coll., 1983b)
dalla quale origina in seguito uno zigote.
Lo zigote utilizza poi tale punta, che contiene enzimi litici, per penetrare nell’epitelio
intestinale della zecca circa 80 ore dopo il pasto. Una volta penetrato nell’epitelio,
entra nelle cellule intestinali mediante un processo d’invaginamento e al loro interno
perde densità e si rimpicciolisce, per poi assumere una forma sferica e localizzarsi
verso la membrana basale. Da qui raggiunge il circolo emolinfatico e passa allo
stadio di kinete (zigote mobile). I kineti oltre a invadere direttamente le ghiandole
salivari della zecca, invadono anche altre cellule, come il grasso corporeo o i
nefroliti, e vanno verso il secondo ciclo di divisione (Telford III e coll., 1993). Questi
secondi zigoti possono invadere l’ovario ed essere trasmessi così per via
61
Capitolo 2
Le piroplasmosi
transovarica. Questo tipo di trasmissione è riscontrata soprattutto nelle grandi
babesie come B. divergens.
Una volta giunti nelle ghiandole salivari, i kineti invadono sia le cellule interstiziali sia
quelle secretorie ed in seguito alla loro presenza si osserva una diffusa ipertrofia
ghiandolare. Sempre in questa sede i kineti formano gli sporoblasti, i quali sono
strutture multinucleate indifferenziate. Gli sporoblasti rimangono inattivi finchè la
zecca non si nutre nuovamente. Sapendo che la forma larvale si nutre in agostosettembre (Wilson e Spielman, 1985) e la risultante ninfa si nutre nella tarda
primavera successiva (Yuval e Spielman, 1990), possiamo dire che se una larva si
infetta lo sporoblasto rimane dormiente per 9-10 mesi (Piesman e coll., 1987a).
Quando la ninfa infetta comincia a nutrirsi su un nuovo ospite, sembra che proprio
l’aumento di temperatura conseguente al contatto con l’ospite vertebrato, sia lo
stimolo utile a far si che lo sporoblasto si espanda all’interno degli acini salivari fino
a riempire l’intera cellula (Lewengrub e coll., 1988); la sporogenesi quindi è favorita
dall’ingestione di sangue, ma il processo non avviene se non aumenta la
temperatura (Telford III e Spielman, 1989). Mentre la ninfa continua a nutrirsi, la
membrana singola che circonda lo sporoblasto s’invagina in numerosi punti, porzioni
di nucleo si insinuano in tali ripiegamenti e si forma così una struttura con nucleo
lobato.
Circa 46-65 ore dopo l’inizio del pasto della zecca cominciano a comparire nello
sporoblasto gli organelli intracellulari tipici degli sporozoiti: micronemi, roptri e
organelli a spirale (Karakashian e coll., 1983). Si ha infine la divisione del
citoplasma e poi del nucleo per scissione multipla, portando così alla maturazione
degli sporozoiti, i quali vengono poi liberati per gemmazione.
Gli sporozoiti maturi misurano 2.2 x 0.8 µm, presentano un roptri anteriore ed alcuni
micronemi, ma non sono presenti microtubuli. Sembra, invece, che contengano
ribosomi liberi, reticolo endoplasmatico liscio, strutture simili a mitocondri e organelli
a spirale (Telford III e coll., 1993).
L’efficienza di trasmissione della zecca è attribuita alla sua saliva, che
probabilmente facilita l’infezione con la sua attività antinfiammatoria o
immunosoppressoria (Ribeiro, 1987); sperimentalmente è necessario inoculare
almeno 10.000-25.000 sporozoiti di B. microti per infettare topo e criceto (Piesman e
Spielman, 1982).
2.3.1.2 Ciclo all’interno dell’ospite vertebrato:
Da ogni sporoblasto si formano 10.000 sporozoiti, che nelle ghiandole salivari della
zecca raggiungono un quantitativo enorme, circa 100.000; molte migliaia vengono
depositate nella pelle dell’ospite vertebrato, attorno all’apparato buccale della zecca,
nelle ultime ore del pasto (Mehlhorn e Schein, 1984).
Sperimentalmente si è visto che il tempo di permanenza della zecca attaccata
all’ospite vertebrato condiziona l’efficacia della trasmissione ai criceti e ai topi
bianchi, ovvero più a lungo la zecca rimane attaccata e più è alta la possibilità di
trasmissione degli sporozoiti. Se la zecca riesce a compiere un pasto completo, la
percentuale di trasmissione è di circa il 100% (Piesman e coll., 1987a).
Una volta entrati nel vertebrato, gli sporozoiti infettano direttamente gli eritrociti.
Gli sporozoiti iniettati dalla zecca, nelle specie di babesie senza stato
preeritrocitario) invadono gli eritrociti dell’ospite attraverso un processo di
62
Capitolo 2
Le piroplasmosi
invaginamento della membrana cellulare (Rudzinska e coll., 1976), formando dei
vacuoli. Contemporaneamente i merozoiti perdono i roptri: questo fatto avvalora
l’ipotesi che questa struttura sia fondamentale per il processo d’invasione cellulare.
Questa fase sembra essere facilitata dall’azione del complemento (soprattutto dal
fattore C3), pur non essendo chiaro se questo agisca andando a modificare la
membrana eritrocitaria o il merozoita stesso.
La membrana dei vacuoli si disintegra gradualmente e i parassiti rimangono a forma
di piroplasma con membrana singola, a differenza delle specie di Plasmodium, che
invadono con un meccanismo simile, ma conservano oltre alla loro anche la
membrana dell’ospite (Rudzinska e coll., 1976). All’interno degli eritrociti dell’ospite,
molti trofozoiti diventano merozoiti e si dividono tramite scissione binaria; questa
riproduzione asessuata produce molti altri merozoiti, che lisano le cellule e
continuano a infettare altri eritrociti. A volte si possono formare nello stesso
momento quattro parassiti, e in questi casi si può osservare una forma definita
“croce Maltese”. La rapida riproduzione distrugge la cellula dell’ospite e porta ad
emoglobinuria. Alcuni trofozoiti possono invece diventare potenziali gametociti
(Mehlhorn e coll., 1980; Rudzinska e coll., 1979): non si riproducono, ma
aumentano di dimensioni (Rudzinska, 1976). Questi gametociti si svilupperanno poi
in gameti, prima di lasciare gli eritrociti, una volta arrivati all’interno della zecca
(Rudzinska e coll., 1979). Una particolarità nel ciclo di trasmissione sembra essere
presente per B. gibsoni: sembra infatti che possa essere trasmessa, tramite il
morso, da cane a cane, senza quindi l’intervento del vettore (Birkenheuer e coll.,
2005; Jefferies e coll., 2007b). A sostegno di quest’ipotesi vi è la segnalazione negli
ultimi 10-13 anni di vari casi di babesiosi canina in paesi al di fuori dell’Asia,
soprattutto negli American Pit Bull Terrier o razze simili, aumentando così la
convinzione che questi casi si presentino in seguito a lotte o combattimenti tra cani
infetti e non (Birkenheuer e coll., 2005; Yeagley e coll., 2009). Inoltre, dall’analisi
della porzione di genoma codificante per l’ITS e per il 18S, a partire da vari isolati di
B. gibsoni di diversi paesi del mondo, si è rilevato che le sequenze di queste
porzioni erano conservate (Bostrom e coll., 2008) dando così la possibilità di
ipotizzare che la mancanza di diversità genetica sia dovuta all’assenza della
riproduzione sessuale (sporogonia) che avviene nella zecca. Di conseguenza i cani
(in particolare quelli utilizzati per i combattimenti) e non più la zecca, diventerebbero
il serbatoio del parassita (Irwin, 2009).
63
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Figura 2.2: Ciclo di Babesia spp. nella zecca e nell’ospite vertebrato (Homer e coll., 2000)
2.3.2 THEILERIA SPP.
Come per tutti i piroplasmi, anche per Theileria spp. le varie fasi di sviluppo del
parassita prevedono fondamentalmente due tappe, una all’interno dell’ospite
invertebrato e una nell’ospite vertebrato. Tutti gli stadi del ciclo sono aploidi, ad
eccezione dello zigote nell’intestino della zecca (Bishop e coll., 2004).
Come già detto in precedenza, l’identificazione di uno stadio pre-eritrocitario
nell’ospite vertebrato differenzia Theileria spp. da Babesia spp., sebbene tale stadio
sia stato definitivamente identificato in T. equi (B. equi) (Mehlhorn e coll., 1993;
Schein e coll., 1981) e si sospetta essere presente anche in B. microti (Mehlhorn e
coll., 1993). Lo stadio pre-eritrocitario è determinato da schizonti intralinfocitari che
compiono una blastogenesi e un’espansione clonale nelle cellule T in Theileria
parva e in quelle B in T. annulata (Baldwin e coll., 1988; Fawcett e coll.,1982;
Spooner e coll., 1989).
64
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Figura 2.3: Ciclo di Theileria parva nel bovino e nella zecca vettrice Rhipicephalus
appendiculatus (Bishop e coll., 2004).
2.3.2.1 Ciclo all’interno della zecca:
Il cilclo vitale all’interno della zecca è stato relativamente poco studiato a causa
della difficoltà di coltura. Tutto inizia col pasto di sangue della zecca su un ospite
infetto (servono zecche trifasiche e gli sporozoiti devono essere assunti allo stadio
di larva o di ninfa in quanto non c’e trasmissione transovarica ma solo transtadiale)
(Capelli e coll., 2010) con la conseguente assunzione di eritrociti infetti dai
piroplasmi; in seguito ad un pasto completo di sangue, una zecca adulta può
assumere milioni di eritrociti infetti, anche da animali con bassa parassitemia. Il
volume di sangue ingerito da una larva o da una ninfa è invece molto minore, come
minore è anche il numero di parassiti che sopravvivono e sviluppano nell’intestino
(Bishop e coll., 2004). Già poco tempo dopo che la zecca ha ingerito i piroplasmi col
sangue, è possibile rinvenire nel lume intestinale dell’artropode i gameti del
parassita (Mehlhorn e Schein, 1984), anche se la maggior parte dei piroplasmi
ingeriti, sembra che vengano distrutti nel lume intestinale probabilmente da fosfatasi
acide secrete dall’epitelio (Shaw e Young, 1994). Poco dopo il completamento del
pasto, si possono osservare i corpi radiati o Strahlenkorper, già descritti in Babesia
spp (Mehlhorn e Schein, 1984; Kakoma e Mehlhorn, 1993). Il processo di
gametogenesi appare simile nelle specie studiate, incluse T. parva e T. annulata,
ma non ci sono elementi riguardo ai fattori scatenanti lo sviluppo dei gameti.
65
Capitolo 2
Le piroplasmosi
La formazione dello zigote deriva da due gameti strutturalmente simili (Shaw, 2003);
lo zigote che si origina è sferico, invade le cellule epiteliali della mucosa intestinale
della zecca e si differenzia in un kinete mobile. Non è noto in quale tipo di cellule
intestinali lo zigote entri o quale sia il meccanismo del processo d’entrata in esse. È
comunque possibile che una struttura a testa di freccia simile a quella descrita per
Babesia sia coinvolta nel processo (Rudzinska e coll., 1983b).
Lo sviluppo intracellulare del parassita non avviene all’interno di un vacuolo
parassitoforo, ma si presenta libero nel citoplasma.
I kineti di Theileria spp. si sviluppano solo all’interno delle cellule intestinali e sono
tipicamente mononucleati (Bishop e coll., 2004).
Il kinete motile invade molto rapidamente le ghiandole salivari; questo processo è
molto specifico ed i kineti non sono stati rilevati in nessun altro organo, incluso
l’apparato riproduttivo (Shaw, 2003) Come già accennato, per Theileria spp. non è
infatti presente la via di trasmissione transovarica. Per arrivare alle ghiandole
salivari, il kinete passa nell’emolinfa dove diviene sporocinete (Capelli e coll., 2010);
deve inoltre superare diverse barriere: membrana basale e lamina per poter uscire
dalle cellule intestinali ed altre ancora per entrare nelle cellule degli acini delle
ghiandole salivari. Queste ghiandole, nelle zecche ixodidae, presentano quattro tipi
di acini: i tipi I, II e III sono presenti sia nei maschi sia nelle femmine, mentre il tipo
IV è presente solamente nei maschi. Gli acini di tipo II, III e IV contengono diversi
tipi di cellule secretorie distinte da lettere da “a” ad “h”. Si è visto che i kineti mobili
probabilmente riescono a riconoscere specificatamente gli acini di tipo III e sembra
inoltre che riescano ad invaderli selettivamente. Questo potrebbe essere dovuto alla
loro composizione in carboidrati che ne determina una maggior suscettibilità ad
essere parassitati (Shaw, 2003). Theileria spp. sviluppa esclusivamente all’interno
delle cellule e degli acini di III tipo, anche se è stato dimostrato che in zecche molto
infestate da T. annulata anche le cellule degli acini di tipo II possono essere
interessate (Mehlhorn e Schein, 1984). Una volta penetrati nelle cellule ghiandolari, i
kineti si trasformano in sporoblasti primari e secondari da cui, in seguito, tramite
sporogonia, si verranno a formare gli sporozoiti, che sono la forma infettante
(Capelli e coll., 2010).
La sporogonia, che è l’unico stadio moltiplicativo all’interno della zecca, avviene
nelle ghiandole salivari ed è tipicamente innescata dal pasto di sangue, nonostante
sia stato dimostrato che può essere completata anche in ambiente in condizioni di
elevata temperatura in parte degli acini (Young e Leitch, 1982).
Il numero di sporozoiti di T. parva prodotti nella femmina di Rhipicephalus
appendiculatus durante la sporogonia è stato stimato essere all’incirca 30.00050.000 per cellula acinare infetta, T. taurotragi può produrne fino a 140.000 (Norval
e coll., 1992; Shaw e Young, 1994). Ci sono indicazioni che il numero di sporozoiti
di T. parva nei maschi di R. appendiculatus siano meno che nelle femmine, ed è
inoltre dimostrato che il numero di sporozoiti è minore nelle cellule delle ninfe
rispetto che negli adulti; ciò può avere conseguenze sull’importanza dei diversi stadi
della zecca nella trasmissione di T. parva (Ochanda e coll., 1996). Theileria mutans,
nelle ghiandole salivari di Amblyomma variegatum produce meno sporozoiti, circa
5000, ma più grandi.
Una volta formatisi gli sporozoiti, la zecca ha assunto potere infettante, e tutto
questo avviene in circa 48-72 ore (Fawcett e coll., 1982).
Una zecca con una sola cellula acinale infetta può determinare serie patologie, fino
66
Capitolo 2
Le piroplasmosi
anche alla morte; la gravità dell’East Coast Fever, causata da T. parva, è
dipendente dalla quantità di sporozoiti ed inoltre ogni singolo animale presenta un
livello di suscettibilità diverso. Alcuni animali infatti mostrano solo una lieve
sintomatologia e sviluppano una risposta immunitaria protettiva (Bishop e coll.,
2004).
2.3.2.2 Ciclo all’interno del vertebrato:
Theileria parva presenta uno stretto range di ospiti vertebrati; una volta inoculati gli
sporozoiti, questi invadono solo alcune cellule di bovini e bisonti e nel processo di
penetrazione all’interno delle cellule è probabile che siano coinvolti specifici recettori
localizzati sulle cellule dell’ospite (Shaw, 1997; Shaw, 2003). T. parva infetta le
cellule della linea linfoide, mentre T. annulata quelle della linea mieloide
(monociti/macrofagi), nonostante possa entrare anche nei lunfociti B. Come per i
virus trasmessi da R. appendiculatus, i componenti della saliva della zecca
sembrano facilitare l’entrata degli sporozoiti di T. parva all’interno dei leucociti
dell’ospite (Shaw e coll., 1993), anche se questi componenti possono essere
implicati inoltre in un meccanismo di attivazione indiretta sempre dei linfociti.
Gli sporozoiti di Theileria parva non sono motili, a differenza di quelli delle altre
theilerie (Shaw e coll., 1991). Nel processo di penetrazione delle cellule dell’ospite
sono coinvolte la molecola di superficie maggiore degli sporozoiti di T. parva (p67) e
le molecole di istocompatibilità (MHC) di classe I dell’ospite, mentre anticorpi
monoclonali verso di loro inibiscono il processo (Musoke e coll., 1984; Shaw e coll.,
1991). A causa però della stretta specificità per le cellule dell’ospite, sarebbe poco
probabile che le uniche molecole coinvolte fossero solo quelle sopracitate. Sono,
infatti, coinvolti altri fattori quali: mobilitazione delle riserve di calcio all’interno degli
sporozoiti, proteasi del parassita e delle cellule dell’ospite, un segnale di trasduzione
attraverso le cellule dell’ospite e le proteine chinasi e G del parassita (Shaw, 1997).
Lo sporozoita, una volta entrato nella cellula bersaglio, è rapidamente rivestito da
una membrana cellulare prodotta dalla cellula stessa, che viene però rapidamente
rimossa dal parassita stesso in meno di 15 minuti, riuscendo così ad evadere i
meccanismi di difesa dell’ospite; da questo punto di vista Theileria è molto simile ad
altri patogeni intracellulari come Listeria, Shigella e Tripanosoma cruzi (Andrews e
Webster, 1991), probabilmente come risultato di un’evoluzine per ovviare al
problema della sopravvivenza intracellulare. La rapida dissoluzione della membrana
della cellula ospite da parte del parassita è strettamente correlata col rilascio del
contenuto degli organelli degli sporozoiti, che grazie al “microtubule nucleating
factor”, vengono rapidamente circondati da una rete di microtuboli.
Gli sporozoiti, quindi, entrano inizialmente nei linfociti presenti nel linfonodo
tributario della regione dove si è attaccata la zecca (spesso nella regione parotidea);
a questo punto si ha la trasformazione dei linfociti in linfoblasti e la schizogonia degli
sporozoiti, con formazione di macroschizonti; contemporaneamente alla schizogonia
il parassita stimola i linfoblasti a dividersi rapidamente e nel contempo anche lui si
divide per produrre due cellule infette (Capelli e coll., 2010). L’associazione degli
schizonti col nucleo della cellula ospite fa si che le cellule figlie che derivano dalla
divisione schizogonica restino infette (Carrington e coll., 1995). Il parassita e la
cellula ospite si dividono contemporaneamente e la sintesi del DNA dello schizonte
si ha quando la cellula ospite entra in mitosi; a tutto ciò segue rapidamente la
67
Capitolo 2
Le piroplasmosi
divisione, quando la cellula ospite è in metafase (Irvin e coll., 1982).
L’esatto meccanismo attraverso il quale Theileria spp. induce la proliferazione non è
conosciuto, ma è possibile che T. annulata e T. parva impieghino meccanismi
differenti, fra cui l’alterazione di alcune chinasi (Eichhorn e coll., 1994, Fich e coll.,
1998, Galley e coll., 1997, ole-MoiYoi e coll., 1989; 1993) e la distruzione o
l’induzione di vari attivatori della transcrittasi (Botteron e coll., 1998, Palmer e coll.,
1997).
Il ritmo di proliferazione è tale per cui le cellule infette duplicano ogni tre giorni. Circa
12 giorni dopo l’inizio dell’infezione, dai macroschizonti si vengono a formare i
microschizonti, i quali, in circa 24 ore, producono i merozoiti; questi penetrano poi
all’interno dei globuli rossi, nei quali si dividono per scissione binaria. Il ciclo si
completa con l’assunzione degli eritrociti parassitati da una zecca trifasica grazie al
pasto di sangue (Capelli e coll., 2010).
Il periodo d’incubazione dopo la puntura della zecca è di 8-24 giorni per T. parva,
mentre è di circa 15 giorni per T. annulata.
Sia per T. parva che per T. annulata è lo stadio linfocitario che determina le diverse
manifestazioni di malattia; i merozoiti vengono prodotti all’interno dei linfociti infetti e
da questi fuoriescono rompendoli (Shaw e Tinley, 1992). I merozoiti invadono poi i
globuli rossi similmente a come è avvenuto per i linfociti e ,come per gli schizonti
intra-linfocitici, anche i merozoiti sono liberi nel citoplasma. C’è una scarsa
moltiplicazione di T. parva all’interno dei globuli rossi, invece la moltiplicazione che
si ha nello stadio intraeritrocitario di T. annulata contribuisce alla patologia della
theileriosi tropicale. Per altre specie di Theileria spp., ed in particolare quelle che
non determinano trasformazione dei linfociti come T. mutans, T. buffeli e T. sergenti,
i livelli di merozoiti che si vengono a formare negli eritrociti sono elevati,
determinando così anemia di tipo emolitico (Bishop e coll., 2004).
Un aspetto particolarmente interessante legato a questa infezione è quindi il
processo linfoproliferativo, in quanto questo sistema fornisce un unico e
potenzialmente potente strumento per esaminare e possibilmente chiarire i
meccanismi del controllo del ciclo delle cellule nei linfociti. Le due specie
maggiormente utilizzate per tali studi sono T. parva che porta soprattutto alla
proliferazione delle cellule T, e la strettamente correlata T. annulata che infetta
primariamente le cellule B e i macrofagi (Spooner e coll., 1989). Entrambe le specie
causano gravi malattie linfoproliferative e le cellule infette possono proliferare
indefinitivamente nelle colture cellulari. Queste cellule trasformate hanno diverse
caratteristiche salienti, tra cui il cambio, sulla superficie, degli epitopi per gli anticorpi
monoclonali (Naessens e coll., 1985), il pleomorfismo e il breve tempo di
generazione (16-25 ore in vitro) (Steuber e coll., 1986). Inoltre, quando i linfociti
infetti sono iniettati in topi atimici (Irvin e coll., 1975) o SCID (con immunodeficienza
multipla severa) (Fell e coll., 1990), essi infiltrano i tessuti formando masse
metastatiche simil-tumorali. La trasformazione è comunque reversibile in seguito a
trattamento farmacologico perfino dopo molti anni in coltura (McHardy, 1984;
Hudson e coll., 1985; Rintelen e coll., 1990).
68
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.4 ECOLOGIA
Babesia spp. è uno dei parassiti del sangue maggiormente diffuso nel mondo, in
relazione al numero e alla distribuzione di specie ospiti, seconda solo ai tripanosomi
(Telford III e coll., 1993).
Come già detto, sia Babesia spp. che Theileria spp. hanno generalmente due classi
di ospiti, uno invertebrato e uno vertebrato ed il mantenimento di Babesia spp.
dipende da entrambi gli ospiti: le zecche vettrici si cibano sugli ospiti vertebrati
serbatoio che sono in grado di mantenere il parassita allo stato infettante per la
zecca, viceversa la zecca è in grado di mantenerlo nell’ambiente e di trasmetterlo
alla prole. L’ecologia di questi due generi di piroplasmi è strettamente correlata con
quella delle zecche vettrici, eccezion fatta per la già citata B. gibsoni.
2.4.1 BABESIA SPP.
Dai dati riscontrati in letteratura, si nota che solo le zecche Ixodidae sono state
identificate come vettrici di Babesia spp. e Theileria spp., ad eccezione di un caso
dove Ornithodoros erraticus (zecca Argasidae) è stato indicato come reservoir di B.
meri (Gunders, 1977).
Per quanto riguarda il rapporto parassita-zecca vettrice, si è visto che alcune specie
come B. bigemina e Theileria equi (Babesia equi), possono infettare più di un
genere di zecche (Kakoma e coll., 1993; Shortt, 1962), mentre B. microti può
infettare solo zecche del genere Ixodes (Telford III e coll., 1993). Diverse zecche
possono essere vettrici di più di una specie di Babesia. Per esempio, Ixodes
dammini ospita, prevalentemente, ma non esclusivamente B. microti (Piesman e
coll., 1986), ma nel suo stadio ninfale (Piesman e coll., 1982; Spielman e coll.,
1981) può albergare anche B. odocoilei (Armstrong e coll., 1998). Non è ancora
noto se le zecche possano ospitare allo stesso tempo più di una specie di Babesia e
nemmeno se ne possano trasmettere più di una contemporaneamente.
B. microti: l’ecologia e il ciclo biologico di B. microti e la sua interazione con I.
dammini, in passato conosciuta anche come Ixodes scapularis (Spielman e coll.,
1979), la rendono la più conosciuta fra le specie di Babesia (Telford III e coll., 1993).
Lo stadio ninfale di I. dammini e la sua interazione con Peromyscus leucopus (topo
dalle zampe bianche) è essenziale per il mantenimento di B. microti negli USA.
Osservazioni in campo hanno stimato che più del 40% dei topi siano infetti
(Spielman e coll., 1981; Piesman e coll., 1987a; Hofmeister e coll., 1998), e in un
altro studio sono risultati infetti addirittura il 60% degli stessi (Etkind e coll., 1980).
Allo stadio adulto I. dammini si ciba prevalentemente sul cervo della Virginia
(Odocoileus virginianus), che non funge da reservoir per B. microti, bensì per B.
odocoilei (Piesman e coll., 1979). Le uova schiudono in estate (tardo luglio) e le
larve si cibano prevalentemente sui topi nel periodo agosto e settembre. Questo è il
periodo nel quale le zecche possono acquisire Babesia spp. Queste larve infette
superano l’inverno e mutano a ninfe in primavera (Piesman e coll., 1987a). Si pensa
che approssimativamente il 40% delle ninfe di zecche in alcune aree (es. isola
Nantucket) dove la babesiosi è endemica, siano infette (Piesman e coll., 1987a). Le
69
Capitolo 2
Le piroplasmosi
ninfe si cibano sugli ospiti, prevalentemente P. leucopus nel nord-est degli Stati Uniti
(Healy e coll., 1976, Spielman e coll., 1981) e su lucertole nel sud-est degli Stati
Uniti (Spielman e coll., 1985) da maggio fino a luglio. Le ninfe che si sono cibate
mutano in adulti in autunno, completando il ciclo. Si pensa che le lucertole siano un
serbatoio inadeguato e non siano in grado di mantenere B. microti come agente
infettante (Spielman e coll., 1985), mentre i topi possono mantenere tali organismi.
Sono stati segnalati solo due casi umani in Europa ascritti a B. microti (Gorenflot e
coll., 1998; Humiczewska e coll., 1997). Questo è probabilmente dovuto alla limitata
o assente interazione in quest’area tra la zecca ospite di B. microti e l’uomo (Telford
III e Spielman, 1998). In Europa, infatti, le zecche specifiche dei topi reservoir per B.
microti, appartengono alla specie Ixodes trianguliceps (Telford III e coll., 1993) e
non si cibano sull’uomo.
B. divergens: gli ospiti vertebrati sono i bovini, mentre la zecca responsabile della
trasmissione all’uomo è Ixodes ricinus (Gorenflot e coll., 1998; Telford III e coll.,
1998). Il ciclo di vita di I. ricinus richiede 3 anni: larva al primo anno, ninfa al
secondo anno e adulto al terzo. Un’osservazione importante è che la maggiore
incidenza delle infezioni da B. divergens nei bovini avviene quando le temperature
ambientali sono elevate, presumibilmente quando le zecche sono più attive. Inoltre,
molti casi umani sono stati riportati in persone con elevati contatti con i bovini
(Clarke e coll., 1989). I. ricinus è anche il vettore della malattia di Lyme in Europa.
B. major: la presenza di questa Babesia in Svizzera è stata confermata grazie
all’estrazione del DNA da zecche I. ricinus (Brossard e Aeschlimann, 1975), ma
anche H. punctata è ritenuta un suo vettore (Hilpertshauser e coll., 2006).
WA1: la zecca vettrice di questa specie recentemente scoperta non è conosciuta,
ma ci sono però diversi candidati: le zecche Dermacentor variabilis, Ornithodoros
coriaceus e Ixodes pacificus sono infatti presenti nell’area dove è avvenuto il caso
attribuito a WA1 (Telford III e Spielman, 1998). Anche l’ospite vertebrato serbatoio di
WA1 non è conosciuto. Questo ceppo è maggiormente correlato a Babesia gibsoni,
patogena nel cane, ma WA1 non sembra infettare il cane. Essa può infettare i
roditori e si è visto che, a seconda dello stato di salute dei soggetti utilizzati per lo
studio, può essere per loro fatale (Moro e coll., 1998).
B. divergens-like: negli Stati Uniti, l’ospite serbatoio per questi parassiti isolati nel
Missouri (MO1) e nel Kentuky si presuppone possa essere, grazie ad un lavoro di
Goethert e Telford (2003) svolto a Nantucket, qualche specie di ‘cottontail rabbit’. Il
vettore non è invece conosciuto, ma probabilmente Ixodes dentatus mantiene
l’infezione nella popolazione di conigli di Nantucket.
Babesia EU-1: studi effettuati da Duh e coll. (2001; 2005a) e da Bonnet e coll.
(2007), supportano fortemente l’ipotesi che l’ospite vertebrato siano i cervidi, mentre
il vettore sia I. ricinus. Anche uno studio svolto nel Sud della Svizzera da
Hilpertshauser e coll. (2006) concorre a validare quest’ipotesi: 3 delle 294 zecche
esaminate nel loro lavoro infatti, presentano positività per EU 1 (Casati, 2005).
In Italia sono state segnalate diverse specie di Babesia quali: B. bigemina, B.
70
Capitolo 2
Le piroplasmosi
divergens, B. bovis, B. major, B. equi, B. caballi, B. canis, B. gibsoni, B. ovis, B.
EU1. La presenza di queste specie è correlata alla diffusione sul territorio nazionale
di importanti vettori di questi agenti quali Ixodes ricinus, Dermacentor marginatus,
Rhipicephalus sanguineus (tipico parassita del cane), R. bursa e R. (Boophilus)
annulatus.
Prendendo in considerazione invece gli ospiti vertebrati, si è già detto visto che
proprio sulla base dell’ospite le specie identificate di Babesia erano più di 100
(Levine, 1971; Telford III e coll., 1993)
Questo piroplasma può infettare molti mammiferi, soprattutto dell’ordine Rodentia, e
anche diverse specie aviari (Levine, 1971; Kakoma e coll., 1993; Telford III e coll.,
1993).
La specie-specificità varia in funzione della specie di Babesia: ad esempio 2 specie
agenti di zoonosi, B. microti e B. divergens, hanno un range ampio che comprende
piccoli roditori (Spielman, 1976; Brandt e coll., 1977), primati umani e non umani per
la prima (Moore e Kuntz, 1981; Ruebush e coll., 1981a,b), roditori, bovini, cervidi
(Langton e coll., 2003) e uomo per la seconda (Mahoney, 1977; Murphy e coll.,
1986; Clarke e coll., 1989).
Altre specie di piroplasmi descritte negli animali hanno una maggiore specificità
d’ospite ad esempio le specie che colpiscono i cavalli (B. caballi e T. equi), quelle
che si riscontrano nei cani (B. canis, B. gibsoni e B vogeli) (Telford III e coll., 1993),
o quelle specifiche per il suino B. trautmanni e B. perroncitoi (Knuth e duToit, 1922).
Sono state evidenziate differenti manifestazioni di malattie derivanti dalla
trasmissione di una specie di Babesia (es. B. microti) che è comune in una specie
vertebrata selvatica (es. P. leucopus) a un ospite vertebrato scarsamente adattato
(es. uomo). Come ospite naturale di B. microti vi sono numerosi topi bianchi (P.
leucopus) che nelle aree enzootiche di babesiosi sono parassitemici; tuttavia, non è
inusuale riscontrare che meno dello 0,1% degli eritrociti di tali ospiti siano infetti
(Etkind e coll., 1980; Spielman e coll., 1981); sembra inoltre che i topi bianchi
rimangano parassitemici per tutta la vita (Spielman e coll., 1981). Al contrario, i
criceti e i topi da laboratorio possono sviluppare alta parassitemia, spesso del 4050% (Lykins e coll., 1975; Benach e coll., 1978; Harvey e coll., 1988).
Per quanto riguarda B. divergens, Zintl e coll. (2003) hanno supposto che il
serbatoio possano essere bovini con un’infezione subclinica; di conseguenza i
movimenti del bestiame possono influenzare la diffusione geografica.
2.4.2 THEILERIA SPP.
Anche per Theileria spp. è importante ricordare quanto la presenza di entrambi gli
ospiti, vertebrato ed invertebrato, sia fondamentale per il completamento del ciclo
vitale.
I principali vettori di Theileria parva sono: Rhipicephalus appendiculatus, R.
zembeziensis e R. duttoni (Bishop e coll., 2004); T. annulata è invece trasmessa da
zecche appartenenti al genere Hyalomma: H. detritum in Nord Africa, H. detritum e
H. excavatum nei Paesi dell’Est, H. truncatum in alcune zone dell’Africa, H.
dromedarii in Asia centrale, H. excavatum, H. turanicum e H. marginatum in Asia
minore, H. marginatum in India e H. longicornis in Siberia ed in Estremo Oriente
(Capelli e coll., 2010). Come per la babesiosi, anche in quasto caso la presenza di
71
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Theileria spp. è strettamente legata alla zecca vettrice ma, in questo caso, non
essendoci la trasmissione transovarica, il serbatoio è solamente l’ospite vertebrato.
2.5 EPIDEMIOLOGIA
2.5.1 BABESIA SPP
Come già detto, il ciclo del parassita è strettamente legato sia a quello dell’ospite
vertebrato, sia a quello della zecca, di conseguenza la comparsa dei casi di
babesiosi o di teileriosi dipenderà anche da qualsiasi fattore in grado di incidere su
questi due aspetti.
A dimostrazione di ciò che è stato appena detto, in generale, la babesiosi ha un
tipico andamento stagionale, con un picco primaverile fra aprile e giugno ed uno
autunnale da agosto ad ottobre. Inizialmente si credette che la temperatura
atmosferica fosse un fattore chiave per lo sviluppo della babesiosi, poiché fu
riscontrata una forte correlazione tra la temperatura e l’incidenza della malattia
(Donnelly e McKellar, 1970). In un secondo momento si è visto però come la
temperatura, pur avendo un ruolo fondamentale nel determinare i primi e gli ultimi
casi d’infezione della stagione, abbia invece un effetto minimo una volta superata la
temperatura minima per l’attivazione delle zecche (Gray, 1980). In primavera, alla
temperatura di 7-10 °C, le ninfe e le zecche adulte entrano in attività e i primi casi di
babesiosi si osservano circa dopo due settimane (Donnelly, 1973); le zecche che si
alimentano in primavera potrebbero contribuire al manifestarsi del picco autunnale,
nonostante questo sia più probabilmente attribuibile a ninfe e ad adulti alimentatisi
nell’autunno precedente ed entrati poi in diapausa (Zintl e coll., 2002). Inoltre, data
la possibilità di trasmissione sia transtadiale che transovarica di Babesia spp.
all’interno della zecca, sembra ormai accertato che l’ospite vertebrato non sia
essenziale per mantenere il parassita all’interno di una popolazione di zecche,
almeno per brevi periodi di tempo.
Donnelly e Peirce (1975) hanno dimostrato che Babesia divergens persiste in
Ixodes ricinus fino alla seconda generazione larvale, anche se gli stadi intermedi
dell’artropode non si sono alimentati su animali infetti. Di conseguenza il parassita si
può mantenere fino a quattro anni all’interno di una popolazione di zecche, anche in
assenza di ospiti recettivi, poiché I. ricinus ha bisogno di circa tre anni per
completare una generazione (Joyner e Donnelly, 1979). Le zecche, quindi, sono
indubbiamente il serbatoio principale nel mantenimento in natura di Babesia spp.
(Gray e Murphy, 1985).
Nelle zone endemiche, comunque, la morbilità è molto bassa in seguito alla
sufficiente copertura immunitaria dell’ospite ottenuta grazie a contatti ripetuti col
parassita, di conseguenza la malattia si manifesta solo se si rompe questo equilibrio
ospite-parassita (per fattori relativi all’ospite, all’ambiente o al parassita) o se in tali
zone entrano animali recettivi provenienti da aree indenni. In questi casi, il
manifestarsi della malattia è di elevata importanza, vista la conseguente alta
mortalità (Navarrete e coll., 1999).
Parlando specificatamente dei fattori in grado di alterare l’equilibrio ospite-parassita,
li possiamo classificare in:
72
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Fattori relativi al parassita: questi fattori sono soprattutto legati a specificità e
virulenza della specie di Babesia coinvolta; ad esempio B. divergens nel bovino, è
molto più patogena rispetto a B. major. Altri aspetti importanti rivestono anche il
ceppo ed il singolo parassita, quale possibile portatore di mutazioni significative per
la patogenicità (Navarrete e coll., 1999)
Fattori relativi all’ospite: le diverse razze hanno diversa sensibilità a Babesia; ad
esempio le pecore Romanowsky sono più suscettibili a B.ovis di quelle di razza
Merinos (Li, 1957); allo stesso modo si è visto che i bovini della specie Bos indicus
sono meno sensibili a B. divergens di quelli della specie Bos taurus (Francis, 1966)
e che, fra questi ultimi, le razze Jersey (Ranatunga e Wanduragala, 1974) e
Charollaise (Lohr, 1969) sono maggiormente recettive.
Anche l’età può influire sulla sensibilità a Babesia spp.; per alcune specie del
parassita in questione la sensibilità diminuisce all’aumentare dell’età; ad esempio i
cuccioli di cane sono molto sensibili a B. gibsoni e B. canis (Botros e coll., 1975) e
ugualmente i puledri a B. equi (Erbsloh, 1975). Viceversa, nei bovini la sensibilità a
Babesia spp. aumenta con l’età. Questo è vero soprattutto per le aree endemiche, in
cui i vitelli sono protetti dagli anticorpi colostrali (Hall, 1960).
Il sesso dell’ospite è un fattore poco studiato ma secondo un studio di Goble (1966),
i topi maschi risultavano più sensibili delle femmine a B. rodhaini; lo stesso vide
Curasson (1943) nei bovini per B. divergens.
Anche l’età degli eritrociti sembra essere un fattore importante; si è visto, infatti, da
studi effettuati da Cox (1973), che varie specie di Babesia invadono preferibilmente
eritrociti maturi e in caso di sovrainfezioni o quadri anemici, in cui la percentuale di
eritrociti maturi tende ad essere deficitaria a favore di cellule più giovani, la
sensibilità a Babesia spp. diminuisce notevolmente. La malaria ad esempio induce
una forma di anemia emolitica di tipo rigenerativo, con notevole aumento dei
reticolociti, precursori dei globuli rossi; per questo motivo una sovrainfezione
babesiosica non si svilupperebbe in quanto verrebbero a mancare le sue cellule
bersaglio.
Fattori relativi all’ambiente: l’ambiente interviene soprattutto come fattore
condizionante la presenza del vettore: infatti, nelle zone endemiche dove le zecche
sono numerose, l’immunità dell’ospite è mantenuta a livelli efficaci dalle continue
reinfezioni ed i casi di malattia clinicamente manifesta sono rari. Al contrario, nelle
aree dove le zecche sono poche o limitate a zone molto ristrette, la popolazione
animale è praticamente priva di immunità. In questi casi, quando si verifica un
improvviso aumento della popolazione di zecche dovuto a cambiamenti climatici,
l’incidenza di babesiosi conclamata può aumentare in modo significativo. Tale
situazione è nota come “instabilità enzootica” (Urquhart e coll., 1998).
2.5.2 THEILERIA SPP.
Analogamente a Babesia spp., la theileriosi ha andamento stagionale, in quanto
strettamente dipendente dal suo ospite e dal suo vettore. Anche in questa patologia
quindi, la zecca svolge un ruolo fondamentale: questa è maggiormente attiva dopo
le piogge e di conseguenza i focolai possono presentarsi stagionalmente o, se le
piogge sono costanti, anche continuativamente. In zone in cui la presenza delle
zecche è scarsa, l’infezione è poco probabile e di conseguenza, a causa degli scarsi
73
Capitolo 2
Le piroplasmosi
contatti ospite-parassita, i bovini presenti mostravano un’immunità piuttosto bassa.
Se in queste aree però, si hanno precipitazioni prolungate, l’habitat diventa
favorevole alla crescita e alla diffusione delle zecche, e questo, unito alla scarsa
immunità degli animali, determina l’insorgenza di gravi focolai di theileriosi. Come
per la babesiosi, gravi casi (con mortalità indipendentemente dall’età e dalla razza)
si possono avere anche in conseguenza all’introduzione di animali recettivi senza
precauzioni idonee, in un’area endemica. In aree endemiche, i bovini adulti
presentano generalmente una buona resistenza ma si possono verificare forme
gravi nei giovani, anche se di solito non portano alla morte. I soggetti resistenti
hanno un ruolo fondamentale, in quanto possono rimanere portatori di Theileria e
diventare reservoir per le zecche (Capelli e coll., 2010). Altro fattore da ricordare è
che i bovini possono essere infestati da diverse specie di zecche ed inoltre è stato
accertato che una stessa zecca può trasmettere più di una specie di Theileria spp.
(Bishop e coll., 2004). Un esempio è dato da T. parva e T. taurotrago, gli sporozoiti
di queste due specie sono stati ritrovati insieme nelle ghiandole salivari della zecca
R. appendiculatus (Bishop e coll., 1994). Importante è inoltre ricordare che molti
bovini in Africa sono infetti da più di una specie di Theileria spp. e la situazione
epidemiologica è particolarmente complicata nei bovini dell’Africa orientale, i quali
possono essere infetti con anche cinque specie diverse nello stesso momento
(Norval e coll., 1992).
Infine, alcune complicazioni si possono avere per la presenza di particolari ceppi. Ad
esempio in alcune zone dell’Africa centrale ed orientale, in cui vi è la convivenza di
popolazioni di bovini e di bufali selvatici, si ha la circolazione di un particolare ceppo:
T. parva lawrencei; molti bufali sono portatori di questo ceppo, che è però mortale
per i bovini; inoltre il vettore, che è lo stesso di T. parva, può resistere nell’ambiente
fino circa a due anni, aumentando così la probabilità di trasmissione.
Per quanto riguarda T. annulata, come per la East Coast Fever, gli animali introdotti
nelle aree endemiche, in particolare le razze europee, sono molto recettivi, anche se
la malattia in questo caso non è sempre fatale; la mortalità in questi però può
arrivare al 70% (Capelli e coll., 2010).
2.6 PATOGENESI
2.6.1 BABESIA SPP.
In seguito all’infezione nel vertebrato, Babesia spp., si moltiplica negli eritrociti, e a
questo aspetto è strettamente correlata la gravità dei sintomi rilevabili (Telford III e
coll., 1993); dal punto di vista sintomatologico, inizialmente si ha però una fase
clinicamente silente che si protrae per circa due settimane; in questo periodo i
parassiti possono essere reperiti anche in gran numero nei globuli rossi senza il
manifestarsi di alcun segno clinico (Urquhart e coll., 1998).
Una volta penetrata nell’organismo ospite Babesia spp. esercita la sua azione
patogenetica tramite tre meccanismi:
• azione meccanica con rottura degli eritrociti
• azione tossica attraverso la produzione e l’escrezione da parte dei
merozoiti di sostanze tossiche
74
Capitolo 2
Le piroplasmosi
•
competizione con l’organismo ospite nell’utilizzo di determinate sostanze
quali ad esempio l’emoglobina
Queste tre vie portano tutte allo stesso risultato e cioè ad una mancata
ossigenazione di tessuti ed organi e loro conseguente ipofunzionalità (Navarrete e
coll., 1999).
Nelle infezioni acute gli eritrociti vengono rapidamente distrutti e l’ematocrito scende
prima ancora che i parassiti siano evidenziabili nel sangue periferico (Todorovic e
coll., 1976).
La maggior parte dei dati in nostro possesso è stata ottenuta tramite inoculazione di
B. microti presente in sangue umano infetto, in criceti o in topi di laboratorio; spesso
il 50-70% degli eritrociti può essere parassitato (Cullen e Levine, 1987) dopo un
tempo di incubazione variabile di 1-2 settimane a seguito di inoculazione
intraperitoneale. Emolisi intra- ed extravascolare originano man mano che la
parassitemia procede, con conseguente grave anemia ed ematocrito che può
raggiungere valori del 20% (Lykins e coll., 1975).
La distruzione degli eritrociti è diretta conseguenza della localizzazione intracellulare
di Babesia spp.; è dimostrato infatti che i globuli rossi infetti sono molto più fragili e
che anche quelli non infetti risultano a loro volta più deboli. Quindi, in corso di
babesiosi, l’emolisi intravasale è piuttosto ingente (Wright, 1973a).
La cospicua perdita di globuli rossi è dovuta, oltre che all’emolisi, anche alla
fagocitosi degli eritrociti infetti da parte dei macrofagi circolanti, motivo per cui la
milza gioca un ruolo fondamentale nelle infezioni da Babesia spp.. Tale organo
infatti, in quanto densamente popolato da macrofagi, è responsabile della fagocitosi
degli eritrociti infetti e dei parassiti liberi ed è, inoltre, sede della cosiddetta
”memoria” immunitaria, soprattutto per quanto riguarda i linfociti T (Curnow, 1973).
Si spiega così la ragione per cui la splenectomia è uno dei fattori predisponenti
all’infezione da Babesia spp. nell’uomo (Barnett, 1965).
Immediatamente dopo la crisi emolitica, inoltre, si sviluppano breve linfocitosi e
monocitosi che esitano in leucocitosi diffusa (Purnell e coll., 1977).
La presenza del parassita in circolo porta anche all’attivazione della pre-callicreina
e, quindi, della callicreina. Tale sostanza, normalmente presente nel sangue,
determina un aumento della permeabilità vasale con conseguente edema.
A questo quadro si sovrappongono anche turbe della coagulazione che portano, alla
fine, alla coagulazione intravasale disseminata (CID), in quanto, in seguito alla
produzione di proteasi ed esterasi da parte dei merozoiti, aumenta la quantità di
fibrinogeno e di fibrina con conseguente formazione di microtrombi disseminati,
favorita dall’azione della callicreina che, attraverso la maggiore permeabilità vasale,
determina anche la perdita di fattori di degradazione del fibrinogeno (PDF)
(Navarrete e coll., 1999).
Alcune specie di Babesia (es. B. bovis e B. canis) producono anche alcune
sostanze enzimatiche con spiccato tropismo per il sistema nervoso centrale, a livello
del quale esplicano la loro azione tossica determinando, in alcuni casi, la comparsa
di sintomatologia nervosa (Boreham e coll., 1976). Il danno a livello di sistema
nervoso centrale sembra dovuto principalmente all’impaccamento degli eritrociti nei
capillari cerebrali causato, appunto, da un’enzima del parassita (Wright e coll.,
1973b).
Durante l’infezione da Babesia spp. avviene, inoltre, la formazione di
immunocomplessi che vanno a depositarsi a livello di endotelio vasale causando
75
Capitolo 2
Le piroplasmosi
ulteriori danni, soprattutto renali, come ad esempio la glomerulonefrite (Zintl e coll.,
2003).
Tutti questi meccanismi portano ad un grave stato di anossia, o almeno ipossia, di
vari tessuti ed organi e possono esitare nello shock.
Se il sistema immunitario risulta efficace, l’infezione viene rapidamente arginata e
non si manifesta clinicamente in quanto, una volta eliminati i parassiti, si ha un
considerevole aumento dell’eritropoiesi, evidenziato dall’aumentata presenza in
circolo di reticolociti nucleati. Anche in caso di malattia conclamata si attiva
l’eritropoiesi come meccanismo compensatorio, ma non è sufficiente a far fronte
all’ingente emolisi (Purnell e coll., 1977).
Se, comunque, la risposta immunitaria non è efficiente la morte sopravviene
solitamente per collasso cardio-circolatorio o per insufficienza epatica o renale
(Collins e coll., 1970b).
L’azione patogena rimane strettamente dipendente sia dalla specie di Babesia
infettante che dalla sensibilità e dall’efficacia della risposta immunitaria dell’ospite.
La risposa immunitaria vede coinvolte la componente umorale, quella cellulomediata ed anche quella aspecifica.
Risposta umorale: la sua importanza è limitata in quanto l’azione anticorpale è
efficace solamente sulle forme libere, infatti subito dopo l’inoculazione del parassita
da parte della zecca, gli sporozoiti sono liberi nel plasma per un breve periodo di
tempo ed in questo momento le immunoglobuline G (IgG) posso prevenire
l’infezione legandosi agli sporozoiti e neutralizzandoli prima che essi invadano le
cellule bersaglio, mentre se invece riescono a penetrare all’interno degli eritrociti, la
parassitemia aumenta e si potrà manifestare la malattia. Dovranno allora entrare in
gioco i fattori immunitari aspecifici (Homer e coll., 2000). Tutto ciò è supportato
anche dal fatto che l’inoculazione di siero immune in topi immunodeficienti affetti da
B. microti non risolve la situazione (Matsubara e coll., 1993). Altre osservazioni
suggeriscono che Babesia spp. sia in grado di sovvertire e manipolare la risposta
umorale a proprio vantaggio; è stato infatti dimostrato che una proteina di B.
bigemina espressa sulla superficie dell’eritrocita infetto è coinvolta nel legame con le
IgM e si suppone che tale legame sia in qualche modo favorevole alla crescita ed
alla sopravvivenza del parassita (Echaide e coll., 1998). A sostenere quest’ipotesi
contribuisce anche il fatto che topi IgM deficienti sono inaspettatamente resistenti
all’infezione da B. microti (Rosenberg e Evans, 1979). Un simile meccanismo
sembra esistere anche in relazione ai componenti del complemento, infatti in uno
studio in cui il complemento veniva utilizzato per promuovere la fagocitosi
macrofagica dei merozoiti di B. rodhaini, l’inaspettato risultato fu che la presenza del
complemento inibiva la fagocitosi del patogeno stesso (Parrodi e coll., 1991).
Risposta cellulo-mediata: Il ruolo importante delle cellule T è suggerito dalla
persistente parassitemia che si riscontra nel caso in cui soggetti affetti da infezione
siano privi del timo, diversamente da quanto accade a soggetti dello stesso gruppo,
ma con timo regolarmente attivo (Clark e Allison, 1974). Studi condotti su animali
atimici hanno concluso che i linfociti T sono essenziali nella resistenza alla
babesiosi e che tali cellule mediano anche processi che avvengono durante la
risoluzione dell’infezione (Ruebush e coll., 1980).
Risposta non specifica: anche fattori immunitari non specifici (immunità innata) sono
coinvolti nella protezione contro l’infezione da Babesia spp., in particolare macrofagi
e cellule Natural Killer (NK), sembra che essi intervengano nella primissima fase
76
Capitolo 2
Le piroplasmosi
dell’infezione (Solomon e coll., 1985). Sia nel caso delle cellule NK che dei
macrofagi sembra essere fondamentale la produzione di mediatori solubili in grado
di combattere il parassita, in particolare, è probabile che la produzione di ossido
nitrico (Rosenblatt-Bin e coll., 1996) e di TNF-α (Tumor Necrosis Factor α) (Clark,
1978) da parte dei macrofagi inibisca efficacemente la crescita parassitaria. In
questa fase iniziale della malattia la milza ha la massima capacità di trattenere e
fagocitare gli eritrociti infetti o quelli che presentano una qualsiasi alterazione. La
presenza di quest’organo è fondamentale nel controllo dell’infezione (Homer e coll.,
2000). Studi condotti sui cani infettati sperimentalmente hanno evidenziato che i
soggetti splenectomizzati sviluppano più rapidamente la parassitemia e la forma
clinica (Vercammen e coll., 1995).
Ci sono anche altri fattori non ben conosciuti che sono in grado di alterare la
sensibilità degli ospiti vertebrati alle infezioni da piroplasmi, come ad esempio la
presenza primaria di eperythrozoon che potrebbe antagonizzare l’infezione, o anche
altre sostanze e organismi che potrebbero difendere i topi da B. microti in modo
aspecifico (BCG, glucani, zymosan, Salmonella spp., Listeria spp.) (Clark, 1978).
Infine una dieta povera di proteine, sempre nei topi, sembra poter incrementare il
periodo di prepatenza e ridurre il picco della parassitemia (Tetzlaff e coll., 1988).
2.6.2 THEILERIA SPP.
Come accennato in precedenza, nell’ambito della theileriosi le due malattie di
maggior impatto economico sono la East Coast Fever sostenuta da T. parva e la
Theileriosi tropicale sostenuta da T. annulata. Esse determinano gravi perdite
economiche in seguito ad un calo della produttività, fino anche alla morte degli
animali.
Per quanto riguarda T. parva, la malattia si presenta con caratteristiche acute ed è
fatale; si possono distinguere tre fasi patogenetiche, la prima delle quali rappresenta
il periodo d’incubazione, durante il quale né il parassita, né le lesioni sono
evidenziabili. Nella seconda fase, si ha marcata iperplasia ed aumento della
popolazione di linfoblasti infetti; questi sono localizzati inizialmente a livello dei
linfonodi tributari della zona in cui si è attaccata la zecca, mentre in seguito
diffondono in tutto l’organismo(Capelli e coll., 2010).
Infine vi è la terza fase, caratterizzata da deplezione linfoide associata ad una
massiva lisi linfocitaria (la cui causa è sconosciuta, anche se si pensa essere dovuta
all’attivazione delle cellule ‘natural killer’ e dei macrofagi) e da depressione della
leucopoiesi.
Ognuna di queste tre fasi dura circa una settimana.
Per T. annulata, la patogenesi è inizialmente simile a quella appena descritta per T.
parva, ma nelle ultime fasi si osserva anche anemia emolitica ed ittero (Capelli e
coll., 2010).
Una caratteristica unica sia per T. parva che per T. annulata, è la capacità dello
schizonte di determinare la trasformazione delle cellule dell’ospite, senza
l’integrazione del DNA del parassita in quello dell’ospite stesso; questo porta ad una
continua proliferazione delle cellule di entrambi (Spooner e coll., 1989) e tutto ciò
sta alla base del meccanismo patogenetico di queste due specie.
Il meccanismo che porta alla trasformazione delle cellule non è ancora stato del
77
Capitolo 2
Le piroplasmosi
tutto capito.
Per quanto riguarda le infezioni da T. annulata, questa invade prevalentemente i
macrofagi dei bovini ed in misura minore anche i linfociti B (Glass e coll., 1989), ed
al loro interno si differenzia nello stadio di schizonte multinucleato, il quale è
responsabile della maggior parte del meccanismo patogenetico della malattia
(Jensen e coll., 2009).
I macrofagi sono il prodotto terminale della differenziazione delle cellule della linea
dei monociti e giocano un importante ruolo nella risposta immunitaria (Iwasaki e
Akashi, 2007; Geissmann e coll., 2008; Serbina e coll., 2008); il parassita in
questione determina un’inversione della direzione di sviluppo, portando ad uno
stadio di indifferenziazione della cellula ed alterando così la risposta difensiva
(Sager e coll., 1997). Quest’infezione altera sia il fenotipo che la funzione dei
macrofagi dell’ospite (Glass e Jensen, 2007); per quanto riguarda le caratteristiche
fenotipiche che vengono alterate, alcune di queste riguardano un’alterazione della
regolazione dei markers macrofagici, CD14 e CD11b, assieme ad un aumento
dell’espressione di alcuni geni, come ad esempio quelli del complesso maggiore di
istocompatibilità bovino (BoLA) di classe2 (Glass e Spooner, 1990; Brown e coll.,
1995; Sager e coll., 1997; Glass e Jensen, 2007). Tra le funzioni danneggiate
invece, vi sono la fagocitosi, la produzione di ossido nitrico, di superossido e di
citochine pro-infiammatorie (Sager e coll., 1997).
Il processo di differenziazione di monociti e macrofagi è controllato dall’attività
coordinata di vari fattori di trascrizione (Hume e Himes, 2003; Friedman, 2007); i
fattori coinvolti sono vari e fra essi vi sono anche due membri del
‘muscoloaponeurotic fibrosarcoma oncogene trancription factor family’ (c-MAF e
MAFB) (Martinez e coll., 2006; Liu e coll., 2008). Il c-MAF oltre ad essere un fattore
di trascrizione, è anche un oncogene (Kataoka e coll., 1993); esso svolge un
importante ruolo nella proliferazione, differenziazione e sopravvivenza dei macrofagi
(Jensen e coll., 2009). Lo studio svolto da Jensen e coll. (2009) ha evidenziato
come l’espressione di c-MAF e MAFB e di tutti gli altri fattori di trascrizione coinvolti
nella regolazione della differenziazione di monociti/macrofagi sia soppressa dalla
presenza di T. annulata. Questo va a supportare l’ipotesi che il parassita alteri lo
stato di differenziazione della cellula ospite, e ciò è essenziale per la sua
sopravvivenza e proliferazione. Tra tutti, MAFB è il principale target di soppressione
per T. annulata (Jensen e coll., 2009).
La dinamica di soppressione di c-MAF e MAFB è diversa: la soppressione di MAFB
si ha in infezioni da T. annulata già stabilite e non nei primi 3 giorni, a differenza del
c-MAF che viene inibito negli stadi iniziali dell’infezione (Brossard e Wikel, 2004).
Il meccanismo con cui T. annulata induce la soppressione dei fattori di trascrizione
non è nota; i geni dei fattori di trascrizione potrebbero essere il target delle proteine
del parassita o la loro soppressione potrebbe derivare dalla regolazione della
cascata di eventi nella via di differenziazione monociti/macrofagi (Jensen e coll.,
2009).
Per quanto riguarda le infezioni da T. parva,non si sa ancora se i due fattori di
trascrizione MAF vengono soppressi nei linfociti T e B.
Un altro meccanismo utilizzato da Theileria spp. agisce sulla proteina cioplasmatica
p53; questa proteina è molto importante per la regolazione dei meccanismi di
proliferazione e di apoptosi della cellula; la sua normale funzione è infatti quella di
arrestare la divisione cellulare ed iniziare l’apoptosi nel caso di stress cellulari e
78
Capitolo 2
Le piroplasmosi
danneggiamento del DNA, per proteggere l’integrità del genoma (Haller e coll.,
2010). Uno studio ha evidenziato il fatto che la presenza di schizonti di Theileria
spp. all’interno delle cellule dell’ospite porta al sequestro citoplasmatico di questa
proteina, con conseguente inibizione della via dell’apoptosi mediata dalla stessa e
proliferazione delle cellule infette. Con la terapia a base di buparvaquone e la
conseguente eliminazione del parassita dalle cellule, si ha la traslocazione della
proteina p53 all’interno del nucleo favorendo la regolazione ed attivazione di
proteine proapoptotiche ed inibendo quelle antiapoptotiche (Haller e coll., 2010).
Si è visto infine che l’over-expression di c-MAF e MAFB determina un aumento
dell’espressione della proteina p53 (Hegde e coll., 1999; Hale e coll., 2000).
2.7 SINTOMATOLOGIA
2.7.1 BABESIOSI NEGLI ANIMALI
Cane: Nel cane i cuccioli risultano più sensibili rispetto agli animali adulti (Soulsby,
1982).
La forma più frequente (più del 50% dei casi) è quella classica o acuta, che è
caratterizzata da:
• modificazione del comportamento dell’animale con abbattimento, riluttanza al
movimento e anoressia;
• ipertermia a comparsa improvvisa, elevata e persistente fino a 40°C per
almeno 48 ore, associata a polipnea e tachicardia;
• sindrome emolitica che causa un’anemia spesso rigenerativa;
• valori di urea, creatinina, enzimi epatici e fosfatasi alcaline possono essere
aumentati fino all’istaurarsi di una alterazione epatica e renale;
• urine con colorazione giallo-arancio per la costante presenza di bilirubina.
La forma cronica presenta varie e differenti manifestazioni cliniche fra cui un’anemia
cronica che migliora senza trattamento.
Inoltre esistono delle forme atipiche con espressioni cliniche molto variabili, come ad
esmpio la forma locomotoria è caratterizzata da lombalgia e artrite, paresi, paralisi e
atassia; nella forma cerebrale e oculare si osservano convulsioni, nistagmo,
anisocoria, modificazioni del comportamento, coma; nelle forme renali si ha oliguria
o anuria, emoglobinuria fino ad un’insufficienza renale.
Equidi: B. caballi ha un periodo d’incubazione di 1-3 settimane, dopo il quale
determina:
• improvvisa ed importante ipertermia (41-42°C) che dura per 1-2 giorni per
poi mantenersi abbastanza elevata per 8-10 giorni; questa forma di
ipertermia si accompagna a sintomi generali quali anoressia, congestione
delle mucose, polipnea e tachicardia;
• qualche giorno più tardi sopravviene un’anemia con subittero ed
un’emoglobinuria più tardiva.
Come in tutte le forme di babesiosi si possono osservare delle forme atipiche con le
manifestazioni a livello viscerale. Queste forme acute classiche portano in 8-10
giorni a morte in assenza di terapia adeguata.
79
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Si può anche osservare una forma cronica che è caratterizzata da un’anemia
permanente.
Anche nell’infezione con Babesia equi l’incubazione è di 12-15 giorni e la
sintomatologia che determina è caratterizzata da:
• iniziale ipertermia meno marcata (39-40°C) ad anda mento ciclico;
• anemia più grave, con linfocitosi;
• ittero costante, mentre l’emoglobinuria è più rara.
Non vi sono delle complicazioni respiratorie o nervose, ma molto spesso si osserva
edema e petecchie delle mucose.
La malattia evolve in 8-10 giorni e la morte sopravviene in assenza di sintomatologia
nel 40% dei casi. Le forme acutissime possono portare a morte in 48 ore; dal 30 al
90% degli eritrociti sono parassitati.
Può esistere anche una forma cronica con anemia moderata con subittero. Una
parassitemia residua può quindi durare per diversi anni .
La diagnosi differenziale va fatta con l’ehrlichiosi monocitica equina, l’anemia
infettiva e con l’insufficienza epatica (Zaugg, 1990).
Bovini: i segni clinici compaiono 2-3 settimane dopo l’attacco della zecca. Il periodo
d’incubazione, comunque, varia dai 5 giorni alle 3 settimane in dipendenza dalla
quantità di patogeno inoculato. I sintomi tipici sono:
• febbre, depressione, anoressia;
• inizialmente diarrea profusa, seguita poi da marcata costipazione;
• ittero, tachicardia, tachipnea ed emoglobinemia;
• marcata emoglobinuria e bilirubinuria conseguenti all’emolisi.
Negli animali gravidi, inoltre, si ha aborto.
L’anemia si può manifestare molto rapidamente, con distruzione del 75% o più degli
eritrociti in pochi giorni. Si osservano spesso anche petecchie a carico delle mucose
e della cute (Zaugg, 1990).
La babesiosi cerebrale, caratterizzata da ipereccitabilità, convulsioni, opistotono e
coma può essere osservata in bovini affetti sia da B .bigemina che da B. bovis, ma
specialmente da quest’ultima (Soulsby, 1982).
La morte è causata fondamentalmente dallo shock associato all’accumulo di
tossine, al rilascio di sostanze vasoattive (callicreina) ed all’anossia anemica.
La maggior parte dei casi di babesiosi cerebrale è fatale anche se la mortalità è
estremamente variabile in relazione alla specie di Babesia infettante.
I soggetti che sopravvivono alla fase acuta, in genere vanno incontro a guarigione
ma divengono portatori asintomatici e possono rimanere resistenti alla malattia
anche per 4 anni (Mahoney e coll., 1973); altri possono invece sviluppare la forma
cronica, che può proseguire per settimane con un decorso irregolare e febbre
intermittente. Anche questi soggetti possono soccombere alla malattia o morire in
seguito ad infezioni secondarie contratte nel periodo di debilitazione.
Comunque, nelle forme croniche il numero di eritrociti parassitati diminuisce e la loro
osservazione risulta difficoltosa (Soulsby, 1982).
Dal punto di vista sintomatologico, la babesiosi bovina può essere confusa con
anaplasmosi, tripanosomiasi, theileriosi e leptospirosi ma l’osservazione del
parassita in strisci di sangue è diagnostica. La forma cerebrale, invece, può essere
confusa con la rabbia ed altre encefaliti (Zaugg, 1990).
Una resistenza verso B. divergens è stata vista nei vitelli (Brocklesby e coll., 1970).
80
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Suini: il suino è infettato da B. trautmanni e da B. perroncitoi. La sintomatologia è
molto simile per entrambe le specie e si presenta dopo 12-25 giorni dall’infezione
con:
• febbre, anemia, emoglobinemia, ittero;
• emoglobinuria;
• edema delle parti declivi ed incoordinazione.
Nelle scrofe gravide si ha aborto e la mortalità può raggiungere il 50% (Soulsby,
1982). I suinetti di 2-4 mesi e gli adulti sono ugualmente sensibili. Nell’area dell'exURSS, inoltre, anche il cinghiale è risultato infetto e può fungere da serbatoio
naturale per il parassita (Ershov, 1956).
2.7.2 THEILERIOSI
La sintomatologia dovuta all’infezione da T. parva e T. annulata è inizialmente
simile.
In particolare, per quanto riguarda T. parva, negli animali recettivi si possono
osservare due forme distinte, la prima delle quali è la forma classica, caratterizzata
da:
• periodo d’incubazione di circa 7 giorni (9-25 giorni per T.annulata, con una
media di 15 giorni), seguito da un aumento di volume dei linfonodi tributari
della regione in cui si è attaccata la zecca (solitamente la regione parotidea)
e piressia (40-41.7°C);
• dopo qualche giorno si ha un aumento generalizzato del volume dei linfonodi
superficiali delle regioni auricolare, oculare e sottomandibolare;
• anoressia, calo della produzione lattea, interruzione della ruminazione,
debolezza con aumento della frequenza cardiaca; possono essere presenti
petecchie emorragiche vulvari e sottolinguali;
• emaciazione, dispnea;
• occasionalmente anche sintomi nervosi, dovuti alla presenza dei parassiti nei
capillari cerebrali (ad esempio movimenti di circolo);
• eventualmente, nella fase terminale, gli animali possono presentare diarrea
striata di sangue, decubito permanente, fino a morte in circa 3 settimane.
Ci sono però anche forme meno gravi, nelle quali gli unici sintomi sono
rappresentati da una lieve piressia di 3-7 giorni, apatia ed aumento di volume dei
linfonodi superficiali.
Per quanto riguarda T. annulata, come detto in precedenza la sintomatologia è
simile, ma gli animali colpiti da questo parassita presentano anche edema delle
palpebre e feci diarroiche contenenti sangue e muco; come per T. parva gli animali
diventano emaciati e possono morire. Nella forma cronica si ha febbre intermittente,
inappetenza, anemia emolitica ed ittero. La convalescenza in caso di guarigione, è
particolarmente lunga.
Il complesso Theileria buffeli/orientalis/sergenti presenta una patogenicità minore
rispetto alle specie già considerate, con sintomatologia caratterizzata
occasionalmente da anemia, ittero e linfadenopatia.
Sintomi simili a T. parva e T. annulata si riscontrano anche nelle infezioni da T. hirci,
una Theileria che parassita sia ovini che caprini ed altamente patogena per gli
animali adulti, con mortalità dal 46 al 100%; un’altra specie presenta lo stesso
spettro di ospiti, T. ovis, la quale determina invece un’infezione di media entità e
clinicamente inapparente (Garippa e coll., 2010).
81
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.8 LESIONI ANATOMO-PATOLOGICHE
2.8.1 BABESIA SPP.
Nella maggior parte degli organi e dei tessuti si può osservare congestione,
emorragia, trombosi ed edema, come conseguenza dell’azione della callicreina. Nel
grasso sottocutaneo e nelle mucose compare una colorazione itterica, a volte
profusa. Nelle mucose sono frequenti le emorragie, così come nel fegato, nella
milza e nei linfonodi si osserva la presenza di depositi di emosiderina. È frequente
anche l’aumento di volume di tutti gli organi, confermato a livello microscopico da
ipertrofia e/o iperplasia cellulare. La presenza di liquido nelle cavità è costante e si
osservano, soprattutto, ascite, idrotorace ed idropericardio.
Si osservano inoltre lesioni specifiche a carico di diversi organi ed apparati :
Sistema Nervoso Centrale: macroscopicamente si ha congestione e
microscopicamente encefalite emorragica non purulenta, satellitosi, trombosi,
neuronofagia e presenza di manicotti linfocitari perivascolari;
Cuore: emorragia, pericardite, miocardite, endocardite ed infarti, soprattutto a livello
valvolare;
Polmone: emorragie ed edema alveolare;
Fegato: epatomegalia, epatite emorragica, colangite, infiltrazione linfocitaria,
emorragie, degenerazione grassa ed aree necrotiche;
Milza: aspetto friabile, colorazione brunastra, splenomegalia, congestione,
emorragie ed iperplasia;
Rene: glomerulonefrite, tubulonefrosi, nefrite interstiziale, emorragie, trombosi ed
infarto renale;
Apparato digerente: gastrite emorragico-ulcerosa ed enterite, da desquamativa ad
emorragica (Navarrete e coll., 1999).
2.8.2 THEILERIA SPP.
L’aspetto anatomo-patologico relativo all’infezione da T. parva, nella fase terminale
della malattia, è caratterizzato principalmente da linfonodi che presentano aumento
di volume, riduzione del contenuto cellulare ed iperemia di diverso grado. Altri rilievi
sono:
• splenomegalia con polpa soffice e corpuscoli di Malpighi prominenti;
• fegato ipertrofico, friabile, giallo scuro e con degenerazione
parenchimatosa;reni congesti o pallidi e possono presentare diversi infarti;
• cuore flaccido con petecchie su epicardio ed endocardio;
• polmoni spesso congesti ed edematosi;
• a volte: idrotorace, idropericardio, liquido sieroso in gran quantità nella
capsula renale;
• spesso varie petecchie su: pleura parietale e viscerale, corteccia surrenale,
vescica e mediastino;
• ulcere caratteristiche di 2-5 mm o più in: abomaso, intestino tenue e crasso;
82
Capitolo 2
Le piroplasmosi
• placche del Peyer aumentate di volume e contenuto intestinale giallastro;
• le meningi possono essere moderatamente congeste.
T. annulata determina un quadro molto simile a quello appena descritto: i linfonodi
sono spesso, ma non sempre, aumentati di volume, la milza è ipertrofica ed i reni
possono presentare infarti renali; anche in questo caso sono presenti le
caratteristiche ulcere nell’apparato digerente ed i polmoni sono spesso edematosi.
Le lesioni che si possono rilevare invece in caso di infezione dal complesso T.
buffeli/sergenti/orientalis, sono minori rispetto alle due specie sopracitate che
presentano una patogenicità maggiore; negli animali morti è possibile ritrovare
macroschizonti in impronte di milza e linfonodi (Capelli e coll., 2010).
2.9 ASPETTI ZOONOSICI
Nel 1969 è stato segnalato il primo caso di babesiosi umana da B. microti in un
individuo della costa orientale degli USA, con un caso fulminante nonostante il
paziente non fosse splenectomizzato (Western e coll., 1970). La malattia era
conosciuta come “febbre di Nantucket”, poiché tutti i casi erano avvenuti nell’isola di
Nantucket, al largo dalle coste del Massachusetts (Ruebush e coll., 1981b). Nei
decenni successivi furono identificati più di 40 casi di “febbre di Nantucket”,
rendendo così evidente la presenza di un focolaio endemico di B. microti lungo la
costa orientale, particolarmente nelle isole Nantucket, Massachusetts, Long Island,
New York (Spielman e coll., 1979; Benach e coll., 1978), ed in seguito foci endemici
sono stati identificati anche in aree di Connecticut, Wisconsin e Minnesota (Krause
e coll., 1991; Steketee e coll., 1985; Pruthi e coll., 1995). Il range geografico di B.
microti sembra inoltre estendersi verso sud, con singoli casi descritti nel New
Yersey (Eskow e coll., 1999). Un review indica che oltre 300 casi umani di babesiosi
dovuti a B. microti sono stati identificati negli USA, ma è possibile che molti casi
siano subclinici e non diagnosticati (Krause e coll., 1998).
Dal 1968 in poi sono stati segnalati numerosi casi in California in soggetti
splenectomizzati. I pazienti all’esame sierologico presentavano titoli elevati per B.
gibsoni e bassi o assenti per B. microti. Anche nello stato di Washington sono stati
riportati numerosi casi, tutti in soggetti non splecectomizzati e anche in questo caso
con elevati titoli anticorpali verso B. gibsoni. Questo nuovo agente patogeno
descritto è stato indicato come WA1 e i casi succitati della California sembrano
strettamente correlati con questo agente.
La stretta relazione di WA1 con B. gibsoni (piroplasma del cane in California), indica
che WA1 può non avere come reservoir i roditori. Dal 1992 al 1994 sono stati
documentati tre casi in California, e nello stesso periodo altri isolati di Babesia spp.
sono stati descritti nelle pecore (Ovis canadensis) (Goff e coll., 1993; Thomford e
coll., 1993) nel cervo mulo (Odocoileus hemionus) (Thomford e coll., 1993) e nel
daino (Dama dama) sempre in California. E’ un’interessante coincidenza geografica
il fatto che nei siti di esposizione dei casi umani con le popolazioni dei selvatici, da
questi siano state isolate babesie morfologicamente simili e/o siano stati rilevati
anticorpi verso Babesia (Kjemtrup e coll., 1995).
Dall’analisi filogenetica dell’intero 18S di tutti gli isolati dall’uomo e dai selvatici,
come pure di altri piroplasmi, è stato dimostrato che gli isolati ottenuti dall’uomo e
83
Capitolo 2
Le piroplasmosi
dagli animali nell’ovest degli USA formano un unico cluster, separato da B. microti,
B. divergens e Theileria spp. (Kjemtrup e coll., 2000).
Questi risultati mostrano che gli ungulati possono servire da reservoirs per le
infezioni umane da WA1.
Le specie di zecche che possono fungere da vettori per WA1 e che possono
pungere l’uomo sono: Dermacentor variabilis, Dermacentor occidentalis (solo in
California) Ixodes pacificus e Ixodes angustus (Furman e coll., 1984; Lane, 1990;
1994).
La babesiosi umana in Europa viceversa non è molto frequente, e di solito riguarda
soggetti splenectomizzati (Gorenflot e coll., 1998).
È del 1957 la documentazione di un caso umano di babesiosi, attribuito a B. bovis,
in un allevatore splenectomizzato yugoslavo; questa è stata la prima dimostrazione
del potenziale zoonotico di Babesia spp. Da quell’anno, circa 31 casi di babesiosi
sono stati identificati in Europa, 23 dei quali sono stati causati da B. divergens.
Questo piroplasma è un parassita dei bovini trasmesso da Ixodes ricinus con
elevata importanza economica; è segnalato in Francia, Inghilterra, Irlanda, Spagna,
Svezia, Svizzera, l’ex Yugoslavia e l’ex USSR (Denes e coll., 1999; Gorenflot e coll.,
1998). In un caso isolato di un abitante delle Isole Canarie, dove I. ricinus non è
presente, la strettamente correlata Ixodes ventalloi, è stata indicata come vettrice
(Olmeda e coll., 1997). Geograficamente i casi umani coincidono con la presenza di
popolazioni bovine infette e aree infestate da zecche Ixodes ricinus (Kjemtrup e
Conrad, 2000). I casi clinici nei bovini si osservano solitamente da maggio a giugno
con un secondo picco in settembre e ottobre ed anche i casi umani si presentano da
maggio a settembre; la distribuzione dei casi corrisponde al picco di attività delle
ninfe di Ixodes ricinus in tarda primavera e degli adulti in autunno, sebbene entrambi
gli stadi possano esistere contemporaneamente. Le larve di zecca invece sono più
attive in estate, e si pensa giochino un ruolo minore nella trasmissione al bestiame,
a causa della loro distribuzione a gruppi e del maggiore nutrimento su altri ospiti. La
simultanea presenza di zecche del genere I. ricinus, di popolazioni bovine infette e
dell’insorgenza di casi umani, implica I. ricinus come vettore di B. divergens
nell’uomo in Europa.
Allevatori, forestali, campeggiatori ed escursionisti che frequentano aree rurali sono
le classi di popolazione maggiormente a rischio di contrarre la babesiosi, mentre per
quanto riguarda il maggior fattore di rischio d’infezione per l’uomo da B. divergens è
la splenectomia, infatti almeno 26 dei 31 casi riportati (84%), riguardano pazienti
splenectomizzati per diverse cause mediche (Gorenflot e coll., 1998; Denes e coll.,
1999). Quest’osservazione, unita al fatto che anche la suscettibilità di altri primati è
associata alla splenectomia, porta alla conclusione che l’infezione nell’uomo sia
normalmente prevenuta dall’attività della milza (Garnham e coll., 1969). Gorenflot e
coll., 1987 hanno però mostrato che le persone non splenectomizzate possono
fungere da portatori asintomatici.
La sierosorveglianza di 190 donatori di sangue in Francia, ognuno dei quali aveva
avuto una puntura da zecca in aree dove la babesiosi bovina da B. divergens è
endemica, ha mostrato la reattività antigenica di due sieri all’IFI. Non è chiaro,
comunque, se la presenza di anticorpi indichi un’infezione cronica subclinica o
un’infezione asintomatica che era stata contratta e che rapidamente era scomparsa.
In Italia sono state effettuate indagini sierologiche per la ricerca di B. divergens in
167 persone per verificare l’efficacia di nuovi test diagnostici specifico per questa
84
Capitolo 2
Le piroplasmosi
specie. Due soggetti hanno presentato positività sierologica per questo agente di
zoonosi (Grabrielli e coll., 2010).
Non si sa se l’immunosoppressione per cause diverse oltre che la splenectomia,
possa predisporre le persone alle infezioni da B. divergens, ma è probabile che
quando l’immunosoppressione è associata alla splenectomia, la sensibilità sia
maggiore (Entrican e coll., 1979; Lopez-Jimenez, 1997). La trasmissione
transplacentare o perinatale negli uomini non è stata documentata (Telford III e coll.,
1993) ed infine per ora, infezioni umane da B. divergens non sono state riportate in
soggetti HIV positivi.
B. bovis, B. canis, B. microti e altre babesie non ben identificate sono state
diagnosticate nell’uomo in Europa, basandosi sulle caratteristiche morfologiche e
sulla reattività antigenica. E’ interessante notare che sono rari i casi segnalati di
babesiosi da B. microti nell’uomo in Europa, nonostante essa sia stata riscontrata
come parassita dei roditori in Inghilterra, Polonia e in altre parti d’Europa. In
Svizzera sono stati descritti dei casi dovuti a B. microti (Foppa e coll., 2002). È da
sottolineare però che il comportamento e la virulenza dei ceppi europei di B. microti
sono diversi da quelli dei ceppi del Nord America.
Il primo caso italiano di babesiosi risale al 1998 in un paziente di 55 anni
splenectomizzato per la malattia di Hodgkin nel 1980 e sottoposto a chemioterapia
per un linfoma di III stadio. Insieme a questo caso è stata riportata anche una
segnalazione in un paziente austriaco splenectomizzato di 56 anni. Entrambi i
pazienti vivevano in piccole città, per passione andavano a caccia e nessuno dei
due aveva animali da compagnia. Solo il paziente austriaco ha segnalato due
settimane prima dell’inizio della sintomatologia la puntura di una zecca. Il caso
austriaco è stato di lieve entità, quello italiano ha presentato una modesta gravità. In
entrambi i casi la diagnosi è stata fatta in seguito all’osservazione, negli strisci di
sangue, del parassita a livello intraeritrocitario. Entrambi i pazienti hanno risposto
alla terapia antibiotica con clindamicina nel paziente austriaco e clindamicina e
quintine in quello italiano.
In questi primi casi è stato indicato, come agente patogeno una nuova babesia,
definita inizialmente Babesia EU1 (Herwald e coll., 2003). Come già accennato,
questa nuova specie è stata ritrovata anche in caprioli in Slovenia e in Italia (Duh e
coll., 2005a; Tampieri e coll., 2008), nelle zecche di Slovenia e Svizzera (Duh e
coll., 2005b; Hilpershauser e coll., 2006), e in Francia (Bonnet e coll., 2007); la
segnalazione della sua presenza anche in Germania si è avuta da Häselbarth e coll.
(2007), ed è stata riportata anche in Italia in zecche nella zona di Vicenza come
visto in precedenza (Cassini e coll., 2010)
E’ necessaria quindi una maggiore sorveglianza per le infezioni zoonotiche legate a
questi nuovi agenti patogeni, anche perché è probabile che i test utilizzati in passato
non siano stati in grado di distinguere questa specie e di conseguenza non è
possibile conoscere la sua reale prevalenza.
Anche al di fuori dell’Europa e degli Stati Uniti sono state descritte infezioni umane
con Babesia spp. Tre casi asintomatici ben documentati sono stati segnalati in
Messico, con l’isolamento del parassita in seguito ad inoculazione nel criceto
(Osorno e coll., 1976). I sieri di questi uomini infetti sono stati testati per B. canis e
B. bigemina e hanno mostrato positività, ma l’identificazione di specie di questi
isolati non è stata fatta. Nel 1981 in Monzambico è stato ottenuto l’isolamento di
Babesia spp. da 2 casi umani acuti e mortali e da 3 uomini infetti asintomatici
85
Capitolo 2
Le piroplasmosi
(Rodriguez e coll., 1984). I parassiti sono stati identificati in seguito all’osservazione
degli strisci di sangue, all’isolamento nei criceti e alle colture di sangue. In Africa,
casi sporadici umani di infezione da Babesia spp. sono stati riportati nelle regioni del
nord, dall’Egitto (Michael e coll., 1987) e dalle Isole Canarie (Olmeda e coll., 1997).
Questi studi mettono in evidenza che la maggiore consapevolezza del parassita può
portare all’identificazione di infezioni umane in aree precedentemente non
considerate endemiche, e che la babesiosi umana è probabilmente più diffusa di
quanto non si creda.
Nelle regioni malariche, la babesiosi umana può essere diagnosticata come
infezione da Plasmodium spp., a causa della similarità della sintomatologia clinica,
della morfologia del parassita negli strisci di sangue, sottostimando così la sua
presenza. In Sudan ad esempio, monitorando infezioni umane di malaria dagli strisci
di sangue, 20 dei pazienti esaminati su 137 (14,5%), hanno mostrato merozoiti
intraeritrocitari più simili a Babesia spp. che a Plasmodium spp. (Suliman e coll.,
1998). Similmente, in Sudafrica diagnosi iniziali di malaria sono state poi
riconosciute come casi di babesiosi umana (Bush e coll., 1990). La possibilità di
coinfezione di babesia e malaria è stata descritta in un bambino in Costa d’Avorio,
con una parassitemia del 35% (Vermeil, 1983).
A Taiwan nel 1977 è stata descritta nei roditori una Babesia spp. morfologicamente
simile a B. microti (Van Peenen e coll., 1977). Hsu e Cross (1977), nello stesso
anno scoprirono che alcuni residenti a Taiwan erano sieropositivi per B. microti ed
anche in anni più recenti, nella stessa area, un caso umano di babesiosi con segni
clinici modesti, è stato ascritto a una babesia strettamente correlata a B. microti
(Shih e coll., 1997).
Le manifestazioni di malattia della babesiosi umana sono causate dallo stadio
asessuale di riproduzione degli organismi negli eritrociti dell’ospite e alla
conseguente lisi dei globuli rossi. La varietà degli aspetti clinici è probabilmente
direttamente correlata al grado di parassitemia del sangue. Il periodo di
incubazione, da quando la zecca trasmette l’organismo a quando compaiono i
sintomi, varia da 1 a 6 settimane e può essere anche di 3 mesi (Benach e Habicht,
1981). I fattori dell’ospite associati con la variabilità biologica della presentazione
della malattia sono scarsamente conosciuti.
La sintomatologia è spesso descritta come una infezione simile a malaria, con:
• malessere, freddo, febbre improvvisa (anche fino a 40°C);
• anemia, affaticamento;
• mialgia;
• emoglobinuria spesso associata a ittero a causa della grave emolisi. In
alcuni casi gravi, i pazienti hanno mostrato uno stato di shock, con danno
renale ed edema polmonare (Gorenflot e coll., 1998);
• in alcuni casi viene descritta anche nausea, emesi, sudorazione notturna,
perdita di peso e ematuria, che si crede siano associati con alti livelli di
parassitemia (Benach e Habicht, 1981; Persing e coll., 1995).
• possono anche essere presenti epatomegalia e splenomegalia.
L’anemia emolitica, che dura per diversi giorni fino ad alcuni mesi, può essere
presente in alcuni casi clinici gravi, molto comunemente in soggetti splenectomizzati
o ospiti anziani. Le complicazioni sono per lo più nei soggetti immunocompromessi
e possono portare ad un peggioramento con un reale stato di indebolimento o,
86
Capitolo 2
Le piroplasmosi
raramente, a una sindrome del distretto respiratorio negli adulti.
I casi europei dovuti a B. divergens, sono generalmente più gravi di quelli
determinati da B. microti in USA. La comparsa dei sintomi si ha entro 1-3 settimane
dalla puntura della zecca (Gorenflot e coll., 1998).
Più della metà dei casi sostenuti da B. divergens evolvono ad insufficienza renale
ed edema polmonare. Sono segnalate anche ecchimosi, petecchie, congestione
cardiaca e coma. La malattia è in genere fulminante e dura circa una settimana,
esitando nella morte in un terzo dei pazienti (Vannier e Krause, 2009)
La presenza o l’assenza di molte alterazioni negli esami di laboratorio dipendono dal
livello di parassitemia (Pruthi e coll., 1995). Nei casi clinicamente accertati l’esame
rileva:
• alti livelli di transaminasi, fosfatasi alcalina, bilirubina libera e deidrogenasi
lattica nel siero;
• anemia normocromica e normocitica, trombocitopenia ed occasionalmente
leucopenia.
Questo può essere dovuto alla risposta dei mediatori TNF dell’infiammazione.
Tuttavia, alla luce delle recenti scoperte di possibili coinfezioni negli uomini con più
agenti trasmessi da zecche, è possibile che alcuni degli aspetti più variabili nella
malattia possano essere associati a questa evenienza.
Ci sono probabilmente molte caratteristiche dell’ospite che influenzano la gravità
della babesiosi; fra queste sono state indicate l’età e l’immunocompetenza. Si è
visto, infatti, che le infezioni più gravi sostenute da B. microti si verificano nei
soggetti più anziani, negli immunocompromessi da virus HIV, da terapie
immunodepressive o da presenza di tumori maligni (Mathewson e coll., 1984;
Ruebush e coll., 1977; Krause e coll., 2008) e negli splenectomizzati (Rosner e coll.,
1984). Per quanto riguarda l’età sembra esserci una correlazione fra la gravità
dell’infezione e l’età del paziente (White e coll., 1998). Nei pazienti infetti con B.
microti, la maggior parte dei casi clinici si presenta in età comprese fra i 50 e i 60
anni (Benach e coll., 1981; Krause e coll., 1996a).
Tra i fattori addizionali che aumentano la gravità della babesiosi nell’uomo, oltre
all’età, abbiamo:
• asplenia: quasi tutti i casi di babesiosi in Europa (circa 83%) sono stati
attribuiti a B. divergens; queste infezioni sono più gravi e quasi sempre
interessano pazienti splenectomizzati prima dell’infezione (Gorenflot e coll.,
1998). Questi casi sono stati spesso fatali, al contrario di molti casi nel Nord
America causati da B. microti in pazienti normo-splenici.
• coinfezioni con altri agenti infettivi (Teutsch e coll., 1980; Smith e coll., 1986;
Ong e coll.; 1990 Falagas e Klempner, 1996; Telford III e Spielman, 1998): in
questo caso si ha un’eccezione a quanto appena detto, in quanto ci sono
casi segnalati nell’ovest degli Stati Uniti causati da WA1 (Quick e coll., 1993,
Thomford e coll., 1994), CA1 (Jerant e coll., 1993; Persing e coll., 1995) e
MO1 (Herwaldt e coll., 1996) in cui le manifestazioni possono essere più
gravi anche in soggetti non splenectomizzati (Krause e coll., 1996b), forse
per un effetto immunosoppressivo che facilita l’istaurarsi dell’infezione, o
forse per sinergie specifiche tra organismi che occupano lo stesso ciclo di
trasmissione. In pazienti con confezione da B. burgdorferi (agente causale
della Malattia di Lyme) e B. microti è stato mostrato un aumento della gravità
della malattia (Krause e coll., 1996a).
87
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.10 DIAGNOSI
La diagnosi di piroplasmosi deve iniziare con l’anamnesi, che include manifestazioni
cliniche, viaggi o spostamenti in aree endemiche, punture di zecche o esposizione a
zone infette, recenti trasfusioni di sangue e splenectomia, per quanto riguarda
l’uomo. Anche per gli animali l’eposizione a zecche o il rinvenimento di queste sugli
animali è considerato un importante dato anamnestico.
2.10.1 EMATOLOGIA
L’osservazione degli strisci di sangue per valutare la presenza dei parassiti
all’interno degli eritrociti è la tecnica più frequentemente utilizzata per la diagnosi di
piroplasmosi sia negli animali che nell’uomo. Gli strisci dal sangue periferico
vengono colorati con colorazione di Wright o con Giemsa.
Morfologicamente, c’è elevata variabilità nella forma; semplici cerchi (anulare),
trofozoiti a coppia o singoli a forma di pera (piriformi), e la rara ma a volte descritta
croce Maltese. Le infezioni da B. microti nell’uomo possono avere una parassitemia
fino all’85%. La durata dell’evidenziazione della parassitemia negli strisci di sangue
varia da 2 settimane (Anderson e coll., 1986) a 3 settimane (Ruebush e coll., 1977),
fino anche a 7 mesi come accaduto in un paziente splenectomizzato (Sun e coll.,
1983).
L’osservazione degli strisci di sangue è importante per la diagnosi di babesiosi, in
particolare per distinguere tra piccole e grandi babesie, per valutare la
contemporanea presenza di altri emoparassiti e per intraprendere una scelta
terapeutica adeguata (Kramer e coll., 2010).
In generale, l’analisi degli strisci di sangue è un processo abbastanza soggettivo e
di conseguenza dipende dall’esperienza dell’osservatore e dal tempo impiegato per
l’osservazione dello striscio. La necessità di discriminare la morfologia di Babesia e
basse parassitemie, richiede la necessità di utilizzare ulteriori analisi. In molti casi,
un’accurata anamnesi del paziente, la manifestazione clinica, e l’osservazione di
caratteristiche morfologiche sono sufficienti a stabilire la giusta diagnosi; altrimenti
devono essere utilizzate tecniche sierologiche o molecolari.
Ci sono alcune caratteristiche da valutare attentamente nel caso dell’osservazione
dello striscio di sangue. Le forme circolari all’interno degli eritrociti possono variare
molto e possono, nell’uomo, essere confuse con P. falciparum (Pruthi e coll., 1995).
Ci sono stati casi in cui ai pazienti è stata all’inizio erroneamente diagnosticata
malaria, con un ritardo nell’utilizzo del trattamento adeguato, che nei casi più gravi
(di solito dovuti ad infezioni da B. divergens) può essere fatale.
2.10.2 SIEROLOGIA ED IMMUNOLOGIA
Test sierologici con IFI sono utilizzati nella diagnosi di infezioni da Babesia spp.
soprattutto nelle infezioni croniche (Telford III e Spielman, 1998). Questi test
utilizzano antigeni verso babesia prodotti nell’hamster. L’IFI è sia sensibile che
88
Capitolo 2
Le piroplasmosi
specifica ed è attualmente consigliata come metodica sierologica (Chisholm e coll.,
1978).
Il titolo di cutoff per la determinazione di un risultato positivo varia da laboratorio a
laboratorio; solitamente, titoli al di sopra di 1:64 nell’uomo e 1:80 nei cani, sono
diagnostici (Krause e coll., 1994; Kramer e coll., 2010). Nella fase acuta di infezione,
il titolo anticorpale può essere 10-20 volte più alto del cutoff, con una fase di declino
dopo un periodo di tempo variabile (settimane o mesi) (Pruthi e coll., 1995). Il titolo
anticorpale può rimanere alto per 13 mesi fino a 6 anni dopo l’infezione (Persing e
coll., 1995). Nonostante la persistenza degli anticorpi non rifletta un’infezione
misurabile (Persing e coll., 1995; Ruebush e coll., 1981), il livello delle IgG
diminuisce meno velocemente nei pazienti persistentemente infetti, rispetto ai
pazienti che guariscono in meno di 3 mesi (Krause e coll., 1998).
La persistenza dell’infezione è correlata, invece, con livelli anticorpali
persistentemente elevati nelle infezioni da B. gibsoni nel cane (Conrad e coll.,
1991).
L’IFI rimane il test sierodiagnostico di scelta per rilevare anticorpi verso babesia.
L’IFI per B. microti presenta l’88-96% di sensibilità, 90-100% di specificità, 69-100%
di valore predittivo positivo e 69-99% di valore predittivo negativo (Krause e coll.,
1994).
Uno svantaggio del test sierologico è che altri protozoi, in particolare altri piroplasmi,
possono provocare cross-reattività dando risultati falsi-positivi, specialmente quando
si vanno a ricercare le IgM. I test sierologici sono ampiamente utilizzati per la loro
semplicità (Brüning, 1996), ma la qualità degli antigeni disponibili è fondamentale
per lo sviluppo di test specifici e sensibili. Nel caso per esempio di Theileria equi e
Babesia caballi, distinguere una specie piuttosto che l’altra è un dato
importantissimo per la prognosi e la terapia; T. equi infatti induce infezioni più gravi
ed è più resistente ai trattamenti (de Wall, 1992).
Si può inoltre avere difficoltà a discriminare una specie di babesia rispetto ad
un’altra, a causa appunto di meccanismi di cross-reazione ed inoltre infezioni recenti
potrebbero determinare esito negativo al test di immunofluorescenza in quanto non
è ancora presente una risposta an ticorpale. Risultati falsamente positivi possono
infatti presentarsi in caso di infezioni acute o iperacute; per confermare tali infezioni
è utile ad esempio monitorare il titolo anticorpale (Solano-Gallego e Baneth, 2011).
Pazienti con malattie del tessuto connettivale come il lupus eritematoso sistemico e
l’artrite reumatoide (Persing e coll., 1995), possono ugualmente dare risultati
falsamente-positivi per altri meccanismi.
L’IFI per B. divergens è utile soprattutto per valutazioni retrospettive, visto che gli
anticorpi per B. divergens vengono prodotti dopo 7-10 giorni dalla comparsa
dell’emoglobinuria, inoltre è stato evidenziato che B. divergens cross-reagisce con
numerose specie di Plasmodium e Babesia, dando problemi all’ IFI (Gorenflot e
coll., 1998).
L’IFI per WA1 è stata utilizzata in USA per individuare i soggetti potenzialmente
infetti (Quick e coll., 1993; Persing e coll., 1995; Fritz e coll., 1997), sebbene un
titolo soglia non sia stato ancora ben stabilito.
89
Capitolo 2
Le piroplasmosi
2.10.3 DIAGNOSI MOLECOLARE
Sebbene i casi clinici siano generalmente diagnosticati con le metodiche tradizionali,
infezioni lievi spesso rimangono non diagnosticate e non trattate. La scoperta di
queste infezioni necessita di tecniche maggiormente sensibili. Con lo sviluppo di
tecniche di PCR, il monitoraggio di casi lievi di babesiosi è diventato possibile.
Queste metodiche si basano sull’amplificazione di porzioni molto conservate del
DNA.
I protocolli per diagnosticare le infezioni da babesia hanno avuto molto successo
nella diagnosi delle infezioni da B. microti. Sono stati disegnati primers specifici per
il gene 18S rRNA (Persing e coll., 1992). Questo gene viene utilizzato perché
contiene regioni conservate che permettono l’utilizzo di primers universali per
identificare babesie anche di specie non ancora descritte. In letteratura sono anche
descritti vari primers per amplificare sempre, parzialmente o in toto, il DNA che
codifica per il 18S rRNA; ad esempio i primer definiti RLB-F2 ed RLB-R2
amplificano per una porzione di 460-520 bp (Centeno-Lima e coll., 1998). Invece i
primer CRIPTO F e CRIPTO R, sono stati utilizzati ad esempio per verificare il DNA
del primo caso documentato di babesiosi nell’uomo in Italia e Austria (Herwaldt e
coll., 2003).
Questa metodica è in grado di rilevare 3 merozoiti di B. microti in un volume di
100µl, e di identificare correttamente il 95% di infezioni acute (Krause e coll.,
1996a). La PCR si è mostrata tanto sensibile e specifica per la ricerca di B. microti
quanto l’inoculazione in hamster, con il vantaggio che la diagnosi si ha entro 2-3
giorni, rispetto a 1-6 settimane dell’inoculazione degli animali.
Come ogni tecnica diagnostica, la sensibilità e la specificità deve essere stabilita da
ogni laboratorio diagnostico, in relazione all’accuratezza dell’interpretazione dei
risultati. La standardizzazione di un test necessita la presa in considerazione delle
specie dell’organismo in esame, della distribuzione geografica dell’organismo nelle
regioni considerate e dello stadio dell’infezione, acuto o cronico (Sackett e coll.,
1985). Sebbene sia uno strumento diagnostico molto efficace, attualmente la PCR è
utilizzata nella diagnosi insieme alla valutazione dei segni clinici e ad altri strumenti
diagnostici quali la lettura degli strisci di sangue e l’esame sierologico.
Pazienti con DNA di Babesia spp. rilevabile nel sangue sono parassitemici; vari
studi hanno dimostrato che il DNA del parassita viene rapidamente eliminato in
assenza di replicazione, quindi la presenza di DNA è indice di una infezione attiva
(Nocton e coll., 1994, Krause e coll., 1998, Kain e coll., 1993). Negli individui
cronicamente infetti però, la sensibilità della PCR sul 18S è più bassa a causa del
minor numero di parassiti in circolo (Dalrymple e coll., 1992).
La successiva analisi delle sequenze dei frammenti amplificati e il confronto con
sequenze conosciute contenute in un database, permette l’identificazione
dell’agente infettante Oltre alla PCR tradizionale, altre metodiche molecolari sono
state utilizzate per la diagnostica delle piroplasmosi, quali ad esempio RT-PCR e
nested PCR. La RT-PCR permette un’analisi di tipo quantitativo oltre che qualitativo.
Protocolli di seminested-PCR sono invece stati messi a punto per discriminare ad
esempio le diverse specie che possono colpire i cani (B. canis, B. rossi, B. vogeli e
B. gibsoni) (Birkenheuer e coll.,2004).
Sono state messe a punto anche metodiche RLB con le quali i prodotti di PCR
90
Capitolo 2
Le piroplasmosi
vengono ibridati su membrane contenenti sonde specifiche per le diverse specie di
Babesia per il rinvenimento simultaneo di co-infezioni. Ad esempio, in Africa, l’RLB
viene utilizzato per confermare la presenza di B. vogeli e B. rossi
contemporaneamente (Matjila e coll., 2004).
Anche la metodica RFLP (analisi dei polimorfismi con enzimi di restrizione) è
utilizzata per discriminare le diverse specie di Babesia (Carret e coll., 1999; Jefferies
e coll., 2007a;Solano-Gallego e coll., 2008).
2.10.4 COLTURE CELLULARI
Le coltivazione in vitro di Babesie, originariamente usata per studiare meglio il
parassita, è uno strumento che può permettere di ottenere un’amplificazione dei
parassiti in modo da confermare una diagnosi anche in soggetti in cui l’infezione non
è stata individuata (Schuster, 2002). Questa metodica può anche permettere
l’identificazione di infezioni miste, in quanto lo striscio di sangue o la PCR
potrebbero rivelare inizialmente la presenza di una determinata specie i cui elementi
parassitari presenti in maggiore quantità al momento del prelievo di sangue, ma
potrebbe non rivelare la presenza di altri patogeni perché presenti in quantità
inferiore. In uno studio condotto su bovini di razza Romagnola asintomatici per
piroplasmosi è stato possibile identificare la presenza di Babesia major solo in
seguito a coltura cellulare. L’esame microscopico iniziale mostrava forme
parassitarie di diverse dimensioni riconducibili ad almeno due specie di piroplasmi,
ma l’analisi molecolare permetteva di rilevare solamente Theileria spp. Solo la
coltura cellulare ha permesso a B. major, presente in quantità decisamente inferiore,
di rendersi manifesta e poter essere identificata (Galuppi e coll., 2011).
Diversi autori hanno messo a punto tecniche colturali applicandole agli eritrociti di
diversi mammiferi. Thomford e coll. (1993) hanno utilizzato il sangue di cervo-mulo
(Odocoileus hemionus) e di pecora selvatica bighorn (Ovis canadensis), ottenendo
in coltura una parassitemia inferiore allo 0,01%, partendo da campioni di sangue in
cui non erano stati evidenziati i parassiti. Holman e coll.(1988; 1993), invece,
ottennero delle colture dal sangue di un cervo che presentava 1 globulo rosso
infetto/6000 e dal sangue di quattro cavalli risultati negativi allo striscio. Un lavoro
più recente (Holman e coll., 1998) riporta l’utilizzo di alcuni cavalli, che si erano
infettati naturalmente con Babesia equi, ma che non manifestavano né positività allo
striscio, né segni clinici, dai quali è stata ottenuta una coltura continua. Per
identificare i soggetti positivi era stata utilizzata la PCR.
Le colture in vitro possono essere utilizzate sia per coltivare e moltiplicare Babesia
spp., sia per mantenere i parassiti vitali senza ricorrere a infezioni sperimentali, che
per studiare meccanismi di invasione eritrocitaria. In questo caso si parte da
materiale infetto che viene coltivato su sangue sano. Il terreno di coltura utilizzato,
può essere specifico per ogni tipo di Babesia.
2.10.5 THEILERIA SPP.
Come per le babesiosi, un primo importante fattore da considerare, è l’anamnesi: la
East Coast Fever infatti, si presenta solamente in aree in cui è presente il vettore,
91
Capitolo 2
Le piroplasmosi
anche se sono stati segnalati casi in animali in zone diverse, in seguito
all’importazione di soggetti infestati da zecche e provenienti da zone endemiche
(Capelli e coll., 2010).
Nell’animale in vita i macroschizonti si possono facilmente ritrovare in strisci di
materiale a partire da biopsie linfonodali (come anche per T. annulata e per il
complesso T. orientalis). I parassiti possono anche essere rilevati nelle fasi
avanzate in strisci ematici colorati con Giemsa, e nel caso di T. parva fino all’80%
dei globuli rossi può risultare infetto. Nell’animale morto si possono rilevare i
macroschizonti in impronte su vetrino di linfonodi e milza (Capelli e coll., 2010).
Se viene rilevata una bassa parassitemia, ma non vengono rinvenuti schizonti,
questo può indicare che l’animale sia portatore del parassita.
Possono essere utilizzate anche tecniche molecolari o sierologiche, come ad
esempio l’immunofluorescenza indiretta, con la finalità di individuare animali che
abbiano superato la malattia (Capelli e coll., 2010).
Per quanto riguarda invece la coltivazione in vitro è stata ottenuta attraverso diverse
tecniche, correlate anche alla fonte di parassiti: sangue periferico, cellule linfatiche o
tessuti (Brown, 1987); inoltre anche lo stadio all’interno del vettore è stato riprodotto
in coltura.
Un’altra tecnica, recentemente sviluppata, si basa sul rilevamento di antigeni
intracellulari del parassita. Più precisamente è stato descritto un metodo di
citometria di flusso che permette di ritrovare gli schizonti intracellulari di T. parva
negli stadi iniziali dell’infezione e di ottenere una precisa quantificazione delle cellule
parassitate; è un metodo che si è rivelato essere molto sensibile e molto specifico
ed è una buona alternativa ad alcune colture tissutali (Rocchi e coll., 2008).
2.11 TERAPIA
2.11.1 BABESIA SPP.
2.11.1.1 Negli animali
Bovino: inizialmente furono utilizzati il Tripan Blu ed i derivati del chinuronio, fino a
che, nel 1940, furono scoperte le diamidine aromatiche; queste sono tutt’ora
largamente usate, oltre ad un farmaco più moderno, l’imidocarb dicloridrato
(carbanilide aromatica).
L’imidocarb, nelle forme cliniche di babesiosi nel bovino, diminuisce la parassitemia
ed impedisce la comparsa dell’anemia; è efficace contro tutte le specie di Babesia
già alla dose di 1 mg/kg se somministrato per via intramuscolare o sottocutanea, ma
nella pratica si preferisce usare un dosaggio di 2 mg/kg. Questo farmaco agisce
direttamente sul parassita determinando un’alterazione del numero e delle
dimensioni dei nuclei, oltre che della struttura del citoplasma (Beveridge, 1969).
Per quanto riguarda le diamidine aromatiche, le più diffuse sono l’amicarbalide e il
diminazene, che interferiscono con la glicolisi aerobia o con la sintesi del DNA del
parassita.
L’amicarbalide riduce efficacemente la parassitemia e la mortalità dei bovini infetti
da B. bovis e B. bigemina. La dose terapeutica standard è di 5 mg/kg sottocute o
intramuscolo, ma in casi iperacuti ed in soggetti adulti la dose può essere
92
Capitolo 2
Le piroplasmosi
raddoppiata; inoltre, se l’emoglobinuria persiste oltre le 24 ore successive al
trattamento, si deve ripeterlo.
Il diminazene invece, presenta un’attività incostante nei confronti delle diverse
specie di Babesia parassite del bovino: al dosaggio terapeutico di 3.5 mg/kg per via
sottocutanea o intramuscolo, elimina rapidamente dal sangue B. bigemina, ma ha
solamente una parziale efficacia verso B. bovis e B. divergens, reperibili nel sangue
anche per 4 giorni dopo il trattamento (McDougald e coll., 1991).
Equino: nel cavallo il trattamento per le piroplasmosi prevede l’uso integrato di una
terapia di supporto e di un trattamento chemioterapico. Il supporto terapeutico può
essere effettuato con fluidoterapia, trasfusioni di sangue e integrazioni vitaminiche.
Per entrambe le forme parassitarie che possono colpire i cavalli, le molecole
utilizzate sono le stesse ma a dosaggi differenti.
L’imidocarb dipropionato viene impiegato alla dose di 2-3 mg/kg in due
somministrazioni a distanza di 24 ore. Nel caso di infezioni da B. caballi, questo
trattamento è sufficiente alla sterilizzazione degli animali; in corso di theileriosi da T.
equi, invece, questo trattamento può portare alla scomparsa dei simtomi ma non
elimina completamente i parassiti. L’effetto parassiticida può essere ottenuto con 4
dosi da 4 mg/kg ripetute a distaza di tre giorni l’una dall’altra. Questo dosaggio
elevato può determinare la comparsa di effetti collaterali quali letargia, sudorazione
e dolori addominali.
L’amicarbalide è un altro principio attivo efficace alla dose di 9-10 mg/kg se
somministrato in singola dose per via intramuscolo o a dosaggio dimezzato se
somministrato in due volte a distanza di 24 ore. Questa posologia è indicata per
entrambe le forme parassitarie ma il farmaco presenta gravi effetti collaterali se
impiegato a dosi troppo elevate.
Un’altra molecola utilizzabile è il diminazene aceturato alla posologia di due dosi da
5 mg/kg intramuscolo a distanza di 24 ore per B. caballi, o di due dosi da 6-12
mg/kg distanziate di 48 ore nel caso di T. equi. Anche questo farmaco ha scarsa
maneggevolezza (Otranto e Traversa, 2010).
Cane: come negli equini, anche nel cane le babesie di maggiori dimensioni (B.
canis) sono più sensibili alla terapia rispetto a quelle più piccole (B. gibsoni).
I babesicidi attivi nei confronti di B. canis da utilizzare nel cane sono: imidocarb
dipropionato alla dose di 5 mg/kg per via sottocutanea o intramuscolare in due
somministrazioni distanziate di 14 giorni; diminazine in unica somministrazione al
dosaggio di 3.5 mg/kg; la fenamidina a 15 mg/kg anche in questo caso in unica
somministrazione o eventualmente ripetuta dopo 24 ore e il trypan blue, un farmaco
istolesivo, che deve essere somministrato alla dose di 10 mg/kg. Tra questi farmaci
la diminazina è quello con indice terapeutico più basso e sembra che si possa avere
tossicità dose-dipendente. Come supporto allo stato anemico del paziente si può
considerare la possibilità di una trasfusione di sangue.
In corso di babesiosi da B. gibsoni i farmaci utilizzabili sono ancora diminazina e
fenamidina, con la stessa posologia utilizzata per B. canis, oltre al parvaquone alla
dose di 20 mg/kg in unica somministrazione. Il famaco di elezione per questa specie
di piroplasmi sembra essere la diminazina (Kramer e coll., 2010).
Gatto:Il farmaco di elezione per il trattamento della babesiosi nel gatto è la
primachina fosfato, un farmaco antimalarico, somministrato per via orale alla dose di
0.5 mg/kg. Questo trattamento non garantisce comunque la sterilizzazione degli
animali ed inoltre induce facilmente vomito (Kramer e coll.,2010).
93
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Suino: le informazioni sulla terapia in corso di babesiosi sono poche; le soluzioni
possibili sono il Trypan Blue in soluzione all’ 1% via endovenosa alla dose di 10-25
ml per animale; il Berenil (diminazene aceturato) sempre endovena in soluzione al
7% alla dose di 3.5mg/kg per B. trautmanni (Puccini e coll., 1958) e la fenamidina
sottocute in soluzione al 40% ed alla dose di 1.5 ml/45 kg (Lawrence e Shone,
1955).
2.11.1.2 Nell’ uomo
Il trattamento nell’uomo varia in funzione della specie di Babesia coinvolta
nell’infezione.
B. microti: in caso di sintomatologia lieve o moderata il trattamento con atovaquone
e azitromicina per 7-10 giorni risulta efficace (Wormser e coll., 2006; Krause e coll.,
2000). Questa combinazione sembra avere la stessa efficacia di quella di
clindamicina e quinine, utilizzata inizialmente nella terapia della babesiosi, ma con
una minore incidenza e gravità di effetti collaterali (Vannier e Krause, 2009). La
terapia con quinine e clindamicina può determinare diminuzione dell’udito, sincopi,
ipotensione e disturbi gastrointestinali (Clyde e coll., 1975). Il nuovo protocollo
invece può portare sintomi più lievi quali disturbi gastroenterici e rash cutanei.
In corso di babesiosi grave, il trattamento di clindamicina e quinine è ancora quello
di elezione (Wormser e coll., 2006; Wittner e coll., 1982) protratto per 7-10 giorni,
eventualmente associato a trasfusione di sangue in pazienti con parassite mia
elevata (> 10%) o che hanno coinvolgimento renale, polmonare o epatico (Cahill e
coll., 1981; Vyas e coll., 2007).
B. divergens e B. divergens like: morbilità e mortalità sono elevate in corso
d’infezione da B. divergens, portando a considerare questa babesiosi un’emergenza
medica (Gorenflot e coll., 1998; Zintl e coll., 2003). Il trattamento raccomandato
prevede una trasfusione e l’utilizzo associato di clindamicina e quinine. È bene
eseguire la trasfusione di sangue prima della chemioterapia (Gorenflot e coll., 1998)
in quanto, nonostante la clindamicina in vitro sia efficace da sola, il rischio di una
rapida crescita della parassitemia con conseguente emolisi e danno renale sono
generalmente elevati (Brasseur e coll., 1998). In casi lievi (1% di parassitemia) può
non essere necessaria la trasfusione (Denes e coll., 1999). Anche i casi riconducibili
a B. divergens like segnalati in Kentucky e Washington State furono trattati con
questa combinazione o con quinidine con sucesso, mentre il paziente del Missouri
morì nonostante il trattamento di clindamicina e quinine (Herwaldt e coll., 1996;
2004; Beattie e coll., 2002).
Dopo la ‘clearance’ del parassita e la risoluzione dell’emolisi, potrebbe persistere
un’anemia non rigenerativa per almeno 1 mese, richiedendo così trasfusioni
aggiuntive (Telford III e coll., 1993).
Pazienti che sono immunocompromessi per cause iatrogene (Cahill e coll., 1981),
HIV-positivi (Machtinger e coll., 1993) e gravemente infetti da Babesia spp. alcune
volte non rispondono alla terapia antimicrobica e richiedono ulteriori terapie.
Trattamenti alternativi sono stati studiati in caso di fallimento del trattamento e a
causa della tossicità di quinine e clindamicina.
Altri farmaci promettenti per il trattamento di infezioni umane da B. divergens sono
imidocarb diproprionato e idroxinaptoquinone atovaquone.
L’Imidocarb, benché non sia registrato per uso umano, è il più efficace per il
94
Capitolo 2
Le piroplasmosi
trattamento di B. divergens nei bovini ed è stato utilizzato con successo, con
specifico permesso, per il trattamento di due casi irlandesi (Egan e Duggan, 1990).
L’atovaquone è invece registrato per uso umano e si è dimostrato in vitro migliore
dell’imidocarb nell’eliminare i parassiti dagli eritrociti umani e in vivo in modelli con
gerbilli (Pudney e Gray, 1997). Il farmaco ha mostrato anche effetto profilattico a
dosaggi giornalieri bassi, e gli autori hanno indicato che l’atoquanone può essere
utilizzato sia per il trattamento della malattia clinica sia a scopo profilattico nei
soggetti asplenici a rischio di infezione. Alcuni farmaci utilizzati per abbassare il
colesterolo come lovastatina e simvastatina si sono dimostrati capaci di inibire lo
sviluppo in vitro di B. divergens e P. falciparum negli eritrociti umani (Grellier e coll.,
1994). E’ stato dimostrato che tale effetto è dovuto alla necessità del parassita di
utilizzare gli acidi grassi e il colesterolo presenti nel plasma dell’ospite. Per l’uso in
vivo, comunque, devono essere prodotti nuovi derivati con migliore biodisponibilità,
in quanto sia lovastatina che simvastatina hanno una emivita breve nel plasma e
sono rapidamente metabolizzate a livello epatico.
Altri farmaci sono stati utilizzati nelle infezioni da babesiosi comprese cloroquine,
tetracicline, primaquine, sulfadiazine e pirimetamine con risultati variabili.
2.11.2 THEILERIA SPP.
T. parva: la scelta del farmaco da utilizzare dipende anche dal momento
dell’infezione: le tetracicline infatti, sono efficaci se somministrate al momento
dell’infezione, ma non hanno effetto se i casi sono già clinicamente evidenti. In
queste situazioni è preferibile quindi utilizzare i naftachinoni, tra cui il parvaquone, il
buparvaquone e un farmaco anticoccidico, l’alofuginone (Capelli e coll., 2010). Il
parvaquone è molto efficace contro le theileriosi bovine (T. parva e T. annulata)
quando viene somministrato nelle fasi iniziali dell’infezione; in queste condizioni
esso permette lo sviluppo di un’immunità protettiva, senza la comparsa della
sintomatologia. il buparvaquone è invece caratterizzato da una degradazione
metabolica più lenta, avendo così un’efficacia maggiore.
Complesso T. buffeli/sergenti/orientalis: non esistono molte informazioni sulle
possibilità terapeutiche, anche se i farmaci d’elezione sembrano essere sempre
parvaquone e buparvaquone.
T. hirci: come per T. parva, sono 3 i farmaci che risultano efficaci: il parvaquone
(una sola somministrazione intramuscolo alla dose di 20 mg/kg), il buparvaquone
(doppia somministrazione alla dose di 2.5 mg/kg intramuscolo) o infine l’alofuginone
(una sola somministrazione per os alla dose di 1.2 mg/kg). Per quanto riguarda
invece T. ovis, data la sua scarsa patogenicità, il trattamento non è di norma
necessario (Garippa e coll., 2010).
In generale, quindi i farmaci d’elezione sono i naftochinoni, che agiscono bloccando
il trasporto degli elettroni a livello dell’ubiquinone (o Coenzima Q10, presente nei
mitocondri) e la sua tossicità selettiva si pensa derivare dalla diversità
dell’ubiquinone nei parassiti e nei mammiferi (Genchi e coll., 2010).
Esiste però un problema per quanto riguarda l’utilizzo di parvaquone e
buparvaquone: questi due farmaci, infatti, infiltrano il muscolo dei bovini trattati e
non sono rapidamente eliminati dall’organismo, rappresentando così un pericolo per
la salute pubblica nel caso in cui latte e carne dei bovini trattati vengano consumati
95
Capitolo 2
Le piroplasmosi
dall’uomo (McHardy e coll., 1985).
Una recente tendenza, dovuta all’interesse sempre crescente verso farmaci di
origine naturale, ha indirizzato la ricerca verso nuove tipologie di medicinali. A
questo proposito, Mirzaei (2007) ha effettuato uno studio su 50 bovini affetti da
theileriosi tropicale; questi sono stati trattati utilizzando l’estratto della pianta
Peganum harmala, alla dose di 5 mg/kg per 5 giorni consecutivi; la percentuale dei
soggetti trattati e che hanno risposto è stata del 78% (39 bovini). Il risultato ottenuto
è stato quindi molto soddisfacente se si considera che il tasso di animali che
rispondono al parvaquone sembra essere del 60.7%, mentre quello per il
buparvaquone di 88.7% (Hashemi-Fesharki, 1991); l’aspetto positivo inoltre è che
questo estratto è un farmaco naturale che non infiltra il muscolo dell’animale (Puzii e
Serov, 1983).
Un’altra problematica recentemente osservata, sempre per quanto riguarda il
buparvaquone, è la comparsa di resistenza in T. annulata. Questa segnalazione è
stata effettuata da Mhadhbi e coll. (2010) in Tunisia: fino a questo momento in
letteratura non erano mai stati riportati casi di resistenza, ma dopo aver trattato 7
vacche con buparvaquone per due volte (2.5 mg/kg e 5 mg/kg), 4 sono comunque
morte. Il ceppo di T. annulata isolato dalle vacche morte è stato quindi utilizzato per
infettare sperimentalmente un vitello, dopo di che su di esso hanno lasciato
pasteggiare delle zecche che sono poi state utilizzate per infettare altri 3 vitelli.
Questi, nonostante fossero poi stati sottoposti a trattamento con buparvaquone, non
hanno mostrato i classici benefici del farmaco, tra cui la rapida diminuzione della
parassitemia e il veloce recupero. Si può quindi ipotizzare che il ceppo in questione
di T. annulata abbia sviluppato resistenza al buparvaquone (Mhadhbi e coll., 2010).
2.12 PROFILASSI
2.12.1 NEGLI ANIMALI
La prevenzione in corso di malattie trasmesse da zecche come nel caso della
piroplasmosi, prevede diversi interventi da attuare sulle zecche stesse, sugli animali
e nell’ambiente.
Per quanto concerne le zecche si rimanda al capitolo precedente.
Per controllare le infezioni da Babesia divergens nei bovini, alcuni studiosi hanno
proposto di utilizzare aree infestate da zecche come pascolo per ovini, resistenti a
questo patogeno, in modo da diminuire il grado di infezione nelle zecche stesse, per
poi poter riutilizzare, dopo lunghi periodi, quegli stessi pascoli per i bovini (Taylor e
coll, 1983). L’infezione nelle zecche può durare anche 2 anni in assenza di ospiti
sensibili (Donnelly e Peirce, 1975). L’approccio però più pratico e immediato è
quello di applicare acaricidi sintetici sul bestiame soprattutto durante il periodo di
maggior esposizione (Purnell, 1981; Gray e Murphy, 1985).
Generalmente i bovini di età compresa tra 3 e 9 mesi non manifestano sintomi di
babesiosi. La resistenza degli animali giovani è la base della stabilità enzootica
(Trueman e Blight, 1978; Goff e coll., 2001; Zintl e coll., 2005), definita come una
situazione in cui la relazione tra ospite, agente, vettore e ambiente è tale per cui i
casi clinici sono rari o assenti (Bock e coll., 2004). Questa stabilità sta anche alla
96
Capitolo 2
Le piroplasmosi
base del successo delle vaccinazioni in aree a rischio. I bovini di età superiore ad un
anno sono invece piuttosto sensibili a Babesia, compresi i ceppi di origine vaccinale
(Trueman e Blight, 1978). La comparsa di malattia in aree endemiche è solitamente
correlata alla rottura di questo equilibrio (Smith e coll., 2000). Alterazioni
dell’equilibrio della malattia possono essere causate da cambiamenti climatici e da
fattori umani, quali per esempio un controllo delle zecche inappropriato che
determina un minor contatto tra ospiti e vettori con conseguente minore
sensibilizzazione degli animali verso Babesia (Suarez e Noh, 2011).
Il controllo della babesiosi nei bovini può quindi essere ottenuto attraverso la
gestione delle zecche, l’immunizzazione e l’impiego di farmaci anti-Babesia come
l’imidocarb (Bock e coll., 2004) o attraverso una combinazione di questi approcci.
L’impiego dell’imidocarb non è senza rischi, in quanto può determinare la comparsa
di forme di resistenza tra i piroplasmi (Rodriguez e Trees, 1996; Zintl e coll., 2003)
ed inoltre può residuare nei prodotti derivati (Zintl e coll., 2003; Mdachi e coll., 1995)
e nell’animale stesso e inibire la risposta alla vaccinazione, in quanto sia B. bovis
che B. bigemina sono sensibili (Combrink e coll., 2002).
La vaccinazione è un metodo largamente utilizzato per diminuire l’impatto di casi
acuti. I vaccini sono generalmente allestiti con ceppi vivi attenuati; l’attenuazione di
B. bovis viene ottenuta con 20-30 passaggi seriali sui manzi splenectomizzati,
mentre quella di B. bigemina viene effettuata utilizzando passaggi di un ceppo
virulento su manzi non splenectomizzati (Callow e coll., 1979; Shkap e Pipano,
2000). Il meccanismo alla base di queste attenuazioni non è ancora ben chiaro. Una
caratteristica ideale per i vaccini bovini nei confronti dei piroplasmi sarebbe quella
della mancata trasmissione del protozoo alle zecche. Un vaccino contro B. bigemina
(Bock e coll., 2004) e uno prodotto in Argentina attivo nei confronti di B. bovis
sembrano avere queste caratteristiche (Mangold e coll., 1993).
I vaccini vivi attenuati sono in genere abbastanza tollerati dagli animali di 3-9 mesi
ma soggetti di età superiore possono risultare sensibili alla vaccinazione e incorrere
in casi clinici gravi (Suarez e Noh, 2011).
Anche nei confronti di B. divergens sono state effettuate prove di vaccinazione
utilizzando parassiti vivi o morti, susbstrati o antigeni parassitari. I vaccini vivi si
sono mostrati efficaci e abbastanza sicuri, soprattutto per soggetti di età inferiore ad
un anno. I ceppi vaccinali possono essere ottenuti da passaggi su animali
splenectomizzati (Christensson e Moren ,1987) o su gerbilli (Friedhoff e coll., 1989;
Gray e coll., 1989; 1995). Il problema fondamentale dei ceppi vivi attenuati è la
persistenza della virulenza, che può quindi determinare la comparsa di babesiosi
(Zintl e coll., 2003). L’attenuazione di B. divergens potrebbe essere ottenuta anche
attraverso le colture in vitro su eritrociti, ma finora le prove effettuate non hanno
portato riultati soddisfacenti. I bovini potrebbero essere anche trattati con imidocarb
qualche giorno prima della vaccinazione (Gray e Gannon, 1992; Gray e coll., 1995;
1989; Lewis e coll, 1981; Purnel e coll., 1980) e questo tipo di approccio abbraccia
parzialmente il metodo di controllo di tipo chemioprofilattico; tuttavia, anche con
questa metodica, i bovini adulti non sono mai completamente protetti (Gray e coll.,
1995).
Nei cani la prevenzione nei confronti delle piroplasmosi si basa innanzitutto sul
controllo dei vettori, utilizzando prodotti acaricidi per ridurre la possibilità di contatto
con le zecche. Anche in questo caso l’argomento è già stato ampiamente discusso
nel capitolo precedente.
97
Capitolo 2
Le piroplasmosi
Sono disponibili vaccini nei confronti di B. canis: uno contiene antigeni parassitari
ottenuti da coltura omologa di B. canis; l’altro contiene oltre a questi anche antigeni
derivati da un ceppo di B. rossi sud-africano (Moreau e coll., 1989; Schetters, 2005;
Schetters e coll., 2009). Entrambi i vaccini inducono una copertura parziale che si
manifesta con una sintomatologia più lieve, una minore parassitemia e una minore
durata dei segni clinici (Solano-Gallego e Baneth, 2011). Anche per B. gibsoni sono
presenti studi riguardanti diverse tecniche vaccinali, tra cui anche l’impiego di
vaccini a DNA ricombinante (Fukumoto e coll., 2005; 2007; 2009).
Per cavallo e suino non esistono vaccini disponibili nei confronti della piroplasmosi;
la prevenzione si basa sul controllo delle infestazioni da zecche, cercando di
impedire il contatto tra ospiti e vettori.
2.12.2 NELL’UOMO
Per quanto concerne l’uomo, i metodi di profilassi di queste parassitosi si basano su
approcci di tipo individuale o comunitario (Hayes e Piesman, 2003; Fish e Childs,
2009). Le singole persone possono prevenire il rischio di contrarre queste infezioni,
evitando aree a rischio frequentate dai serbatoi di Babesia spp., quali roditori e
cervidi, soprattutto nel periodo che va da Maggio a Ottobre, per le nostre latitudini
(Stafford III, 2007). I soggetti immunocompromessi, quindi a maggiore rischio di
infezione, dovrebbero evitare queste aree.
Sull’ambiente si potrebbero eseguire operazioni volte a ridurre il numero di zecche,
come tenere i prati tagliati, eliminare le foglie secche, ridurre il numero di topi o
utilizzare piante che non attirano i cervi (Stafford III, 2007).
Altre misure preventive riguardano il controllo del sangue utilizzato nelle trasfusioni i
donatori dovrebbero essere monitorati per individuare portatori sani; inoltre i
parassiti eventualmente presenti dovrebbero essere inattivati. Queste pratiche però
non sono ancora in uso (Grellier e coll., 1997; Zavizion e coll., 2004).
Non sono disponibili informazioni riguardanti l’impiego di farmaci ad uso profillatico
dopo la puntura di zecca per prevenire la babesiosi, né è stato messo a punto un
vaccino umano (Vannier e Krause, 2009).
98
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
3
ANAPLASMOSI DA
ANAPLASMA
PHAGOCYTOPHILUM
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
3.1 CENNI STORICI
Anaplasma phagocytophilum è l’agente eziologico di un gruppo di malattie
raggruppate come “erlichiosi granulocitiche “(Greig e Amstrong 2006). In passato
questo gruppo di patologie era ascritto a tre agenti eziologici diversi: Erlichia equi,
Erlichia phagocytophila e l’agente dell’Erlichiosi granulocitica umana (HGE), ora
rinominati in seguito alla riorganizzazione delle famiglie Rickettsiaceae e
Anaplasmataceae (Dumler e coll., 2001). A. phagocytophilum, inizialmente
denominato E. phagocytophila (Philip, 1974), è stato primariamente definito come
agente della febbre da zecche (Tick-borne fever-TBF) nei ruminanti. La prima
descrizione di questa patologia risale a Gordon e coll. (1940), otto anni dopo la
prima segnalazione di una nuova malattie trasmessa da zecche in Scozia
(MacLeod, 1932; Gordon e coll., 1932). Dopo la Scozia sono stati segnalati altri casi
di TBF in Regno Unito (Hudson, 1950) Irlanda (Collins e coll., 1970), Scandinavia
(Thorshaug, 1940; Overas, 1962; Tuomi, 1967a) e in altri parti d’Europa (Bool and
Reinders, 1964; Juste et al., 1989).
Questo patogeno è stato segnalato anche in diverse specie di ruminanti selvatici tra
I quali caprioli, renne e camosci in Norvegia (Stuen e coll., 2001; Jenkins e coll.,
2001), Slovenia (Petrovec e coll., 2002), Svizzera (Liz e coll., 2002) e Austria (Polin
e coll., 2004).
La prima segnalazione di anaplasmosi granulocitica equina (EGA) risale invece al
1969 ad opera di Gribble; successivamente è stata poi segnalata in altre parti degli
USA e dell’Europa. Sempre negli Stati Uniti d’America è stata diagnosticata per la
prima volta l’anaplasmosi canina (CGA) (Madewell e Gribble, 1982).
Chen e coll. (1994) segnalarono negli USA l’anaplasmosi granulocitica umana
(HGA), inizialmente definita come erlichiosi granulocitica umana. Dopo questa prima
segnalazione sono stati diagnosticati circa 600 casi di HGA (Bakken e Dumler,
2000) e dal 1994 al 2005 il CDC ha riportato più di 2.900 casi in USA (Ismail e coll.,
2011). La prima segnalazione umana in Europa risale al 1997 ad opera di Petrovec
e coll. in Slovenia. In casi nel nostro continente sono piuttosto sporadici (Blanco e
Oteo, 2002).
Successivamente A. phagocytophilum è stato riscontrato nel sangue di un gran
numero di animali e in diverse specie di zecche, questo suggerisce un’elevata
capacità di sfruttare numerosi ospiti e vettori (Bakken e Dumler, 2008; Ohashi e
coll., 2005; de la Fuente e coll., 2005; Massung e coll., 2005).
I ceppi responsabili di TBF in Europa sono diversi dai ceppi che causano
l’anaplasmosi umana in USA e in certe zone dell’Europa,con diversità relative alla
distribuzione, il target di ospiti, le manifestazioni cliniche e la gravità della malattia
(Woldehiwet, 2010).
La scoperta di analogie tra HGA, TBF, EGA e l’abilità unica di questi organismi di
invadere e replicare nei granulociti, ha posto l’interesse per analisi biomolecolari e
biologiche più approfondite (Dumler e coll., 2001). Le tecnologie molecolari hanno
permesso di individuare la giusta localizzazione filogenetica per le specie batteriche
delle famiglie Rickettsiaceae, Bartonellaceae e Anaplasmataceae all’interno
dell’ordine Rickettsiales. (Woese e coll., 1990; Weisburg e coll., 1989; Brenner e
coll., 1993; Birtles e coll., 1995). L’analisi delle sequenze del 16S rRNA e del gene
100
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
GroEL ha permesso la riclassificazione di questi batteri e di evidenziare l’elevata
percentuale di similarità tra E. equi, E. phagocytophila e l’agente dell’HGE
(Anderson e coll., 1991; Chen e coll., 1994; Drancourt e Raoult, 1994; Wen e coll.,
1995a,b; Dawson e coll., 1996; Sumner e coll.,1997; Zhang e coll., 1997b; Roux e
Raoult, 1999) che, associata alle affinità antigeniche sulla base di test di
immunofluorescenza indiretta (Dumler e coll., 1995) ha fatto si che si sia arrivati a
disegnare queste tre specie come varianti della stessa specie di Anaplasma
(Dumler e coll., 2001).
3.2 CLASSIFICAZIONE E DESCRIZIONE
Regno: Bacteria
Phylum: Proteobacteria
Classe: alpha-Proteobacteria
Ordine: Rickettsiales
Famiglia: Anaplasmataceae
Specie: Anaplasma phagocytophilum
Anaplasma phagocytophilum è una delle quattro specie appartenenti al genere
Anaplasma della famiglia delle Anaplasmataceae che a sua volta comprende anche
i generi Ehrlichia, Neorickettsia, Aegyptianella e Wolbachia, e due generi meno
conosciuti “Candidatus Neoehrlichia” e “Candidatus Xenohaliotis”. Questi generi
infettano specifici ospiti invertebrati (zecche, insetti, trematodi, nematodi o
molluschi) abbondanti in natura (Rikihisa, 2011).
A. phagocytophilum è un batterio Gram negativo intracellulare obbligato con
localizzazione principalmente nei granulociti (Rikihisa, 1991) e nelle cellule
endoteliali (Chen e coll., 1994; Goodman e coll., 1996; Herron e coll., 2005;
Rikihisa, 1991; Woldehiwet e Scott, 1982a), non motile e che non produce spore o
altre forme di resistenza (Dumler e coll., 2005). Questi batteri sono pleomorfici, ma
solitamente si presentano in forma coccoide o ellissoidale di 0.3-0.4 µm di diametro.
Nei granulociti replicano formando microcolonie o morule all’interno di vacuoli
intracitoplasmatici (Rikihisa, 1991; Popov e coll., 1995). All’interno dei vacuoli i
batteri possono presentarsi impaccati in seguito ad una perdita di lipopolisaccaridi e
peptidoglicani (Lin e Rikihisa, 2003). Questa perdita permette uno schiacciamento
del batterio all’interno del vacuolo per mantenere la plasticità del granulocita
richiesta per il circolo sanguigno (Rikihisa, 2011). Negli strisci di sangue, allestiti con
la metodica Giemsa-Romanowsky, gli inclusi citoplasmatici si presentano di colore
dal blu scuro al viola (Rar e Golovljova, 2011) e sono di dimensioni comprese tra 0.3
e 2.5 µm. Le morule e i vacuoli possono essere di varie dimensioni tra 1.5 e 2.5 µm
di diametro, ma possono arrivare anche a 6 µm (Foggie, 1951; Popov e coll., 1998)
e sono sospese in una matrice non-fibrillare (Dumler e coll., 2005). Nella forma
intracellulare possono presentarsi come piccole e dense strutture (dense-core o DC)
di 0.4-0.6 µm, con cromatina addensata, o come corpi reticolari (RC) da 0.4-0.6 a 07-1.9 µm che presentano filamenti nucleoidi dispersi e ribosomi (Popov e coll.,
1995; Ismail e coll., 2010; Tuomi e von Bonsdorff, 1966; Woldehiwet e Scott, 1982).
Entrambe le forme si dividono per fissione binaria (Woldehiwet e Scott, 1982) e
presentano la parete cellulare gram-negativa con una membrana interna liscia e una
esterna ondulata (Popov e coll., 1995). Studi effettuati in vitro hanno evidenziato che
101
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
la forma densa è predominante nelle prime 24 ore post infezione, suggerendo che
questa forma sia correlata con le fasi di adesione ed internalizzazione del batterio.
Dopo 48 ore la forma predominante è quella reticolare, mentre dopo 72 ore
dall’infezione la forma reticolare si evolve in forme dense che verrano poi rilasciate
per iniziare un nuovo ciclo replicativo (Ohashi e coll., 1998; Zhang e coll., 2007).
Alcuni autori sostengono che la forma reticolare è caratteristica dello stadio
vegetativo, mentre quella densa è tipica dello stadio latente (Rar e Golovljova,
2011).
All’osservazione con il microscopio elettronico l’ultrastruttura dell’involucro cellulare
rivela la presenza di foglietti interni ed esterni simili a quelli dei batteri Gram-negativi
(Popov e coll., 1998). La struttura interna viene visualizzata facilmente e consiste in
filamenti di cromatina e ribosomi. Le due forme cellulari sono ben osservabili e
anche la disposizione della cromatina è facilmente riconoscibile. La forma reticolare,
con cromatina addensata in posizione centrale o eccentrica è in genere identificata
in vivo, mentre quella densa, in cui si evidenziano filamenti omogenei di matrice
cromatinica, si osserva principalmente durante la propagazione in vitro. Come già
accennato, entrambe le forme si dividono per scissione binaria, suggerendo che un
ciclo di sviluppo associato a queste morfologie sia improbabile. Le diverse specie di
Anaplasma, infatti, possono produrre abbondante membrana che all’occorrenza si
avvolge attorno alle cellule individuali o invagina all’interno delle stesse. Negli spazi
vacuolari di Anaplasma, al contrario di quanto succede nel genere Ehrlichia, manca
la matrice fibrillare (Dumler e coll., 2005).
Colture in vitro di varianti umane di A. phagocytophilum sono state ottenute con
successo su colture primarie di neutrofili umani e in linee cellulari mielogene umane
e non umane (HL-60, THP-1, M1) (Goodman e coll., 1996). Anche in colture cellulari
ottenute da tessuti embrionali della zecca Ixodes scapularis (IDE8 e ISE6) è stato
possibile coltivare questo patogeno (Munderloh e coll., 1996a; b; 1999). Anche le
varianti responsabili di TBF sono state coltivate su linee cellulari da zecca
(Woldehiwet e coll., 2002; Woldehiwet e Horrocks, 2005). Nessuna specie di
Anaplasma è mai stata coltivata su terreni senza cellule. In coltura l’infezione
inizialmente si presenta con pochi batteri all’interno dei vacuoli definiti corpi iniziali.
Con la divisione binaria le colonie intra-vacuolari aumentano di dimensioni e si parla
quindi di corpi intermedi o morule, a seconda delle dimensioni. In una singola cellula
possono essere presenti diversi vacuoli, probabilmente derivati dalla fusione di
endosomi infetti.
Lo sviluppo delle colture cellulari ha facilitato gli studi relativi al meccanismo di
adesione e ai recettori cellulari dell’organismo (Goodman e coll., 1999; Herron e
coll., 2000), come anche la messa a punto di reagenti da utilizzare negli studi di
espressione antigenica nei mammiferi e nei vettori (Jauron e coll., 2001; Woldehiwet
e Horrocks, 2005).
Il genoma di questo batterio è abbastanza piccolo (0.8-1.5 Mb) ed è già stato
completamente sequenziato (Dunning Hotopp e coll., 2006). Nel corso dei processi
evolutivi la perdita di geni ridondanti ha determinato la dipendenza dello stesso dalle
cellule dell’ospite per esplicare funzioni fondamentali (Dunning Hotopp e coll.,
2006). Il genoma è caratterizzato da un unico cromosoma circolare e da un operone
di RNA ribosomiale, nel quale è localizzato il 16S rRNA, separatamente dal 23S-5S
rRNA (Dunning Hotopp e coll., 2006).
Attraverso l’analisi delle sequenze del 16S rRNA e dell’operone groESL, il genere
102
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
Anaplasma forma un clade distinto da Ehrlichia, Wolbachia, Neorickettsia, Rickettsia
e Orientia tra gli Alfa-proteobatteri, all’interno dell’ordine delle Rickettsiales (Dumler
e coll., 2005).
Questo batterio presenta una parete cellulare con le caratteristiche dei Gram
negativi, ma mancano importanti componenti della membrana cellulare tra i
lipopolisaccaridi e i peptidoglicani (Lin e Rikihisa, 2003). La parete cellulare è però
ricca di colesterolo, che il batterio assume dalle cellule ospiti e sembra essere
sfruttato per la sopravvivenza e per l’ingresso nelle cellule stesse. Studi recenti
hanno dimostrato che A. phagocytophilum sfrutta il colesterolo delle cellule
dell’ospite derivato dal metabolismo e dal sistema di regolazione dell’LDLR (Low
density lipoprotein receptor) per accumulare il colesterolo nei propri inclusi e
facilitare così la replicazione (Xiong e coll., 2009). In aggiunta a questo ruolo del
colesterolo, sembra che la parete cellulare ricca di colesterolo funzioni anche da
ligando per la stimolazione di risposte immunitarie innate e acquisite (Ismail e coll.,
2010).
A. phagocytophilum presenta proteine di membrana immunodominanti, membre
della famiglia Pfam PF01617 che costituiscono la famiglia OMP-1/MSP2/P44 (Yu e
coll., 1997; Ohashi e coll., 1998; Zhi e coll., 1999; Yu e coll 2000a; b; Caspersen e
coll., 2002; Ijdo e coll., 2002; Park e coll., 2003; Huang e coll., 2008). Il genoma
presenta tre omp-1, un msp2 e due msp2 omologhi, un msp4 e 113 loci p44
appartenenti a questa famiglia di proteine (Ijdo e coll., 2002; Peddireddi e coll.,
2009). La proteina P44 è implicata nella fase di adesione tra il batterio e la
superficie dei neutrofili e in variazioni antigeniche e evasioni della risposta
immunitaria dell’ospite. Esistono diverse p44 (p44-1 fino a p44-65) espresse sia nei
mammiferi che nelle zecche e conferiscono adattamenti antigenici ambientali ed
efficienza di trasmissione del patogeno alla zecca (Ijdo e coll., 2002; Zhi e coll.,
1999; Caspersen e coll., 2002; Peddireddi e coll., 2009; Dunning Hotopp e coll.,
2006).
Anaplasma presenta anche geni per i sistemi di secrezione di tipo IV, che sono
strutture che utilizzano un complesso di proteine transmembrana e un pilo per
mediare la traslocazione tra i ripiegamenti cellulari sia nei batteri Gram positivi sia
nei Gram negativi (Christie e coll 2005; Ohashi e coll., 2002; Dumler, 2005). Il
substrato Ank A di questo tipo di secrezione è stato identificato. Anaplasma induce
la fosforilazione della tirosina di una proteina di 160 KDa dell’ospite (ROCK1)
attraverso l’interazione con le sue cellule (Lin e Rikihisa, 2004) e indirettamente
induce la fosforilazione dell’AnkA (IJdo e coll., 2007; Thomas e Fikrig, 2007).
Questo processo è necessario al batterio per entrare nella cellula e proliferare come
dimostrato attraverso l’utilizzo di un inibitore della tirosina ad ampio spettro (Yoshiie
e coll., 2000; Mott e coll., 2002; Lin and Rikihisa, 2003; 2004). Dopo la
traslocazione, le tirosina-kinasi dell’ospite (Src e Abl) inducono la fosforilazione
dell’AnkA; dopo questa fase AnkA si lega alla fosfatasi dell’ospite (SHP-1) (IJdo e
coll., 2007). AnkA è una proteina unica di Anaplasma con peso molecolare elevato
(160 kDa), non associata alla membrana ma riscontrabile nel nucleo dei granulociti
infetti dell’ospite, presumibilmente dopo la secrezione e il passaggio attraverso
almeno 3 membrane (Caturegli e coll., 2000). Diversi studi hanno ipotizzato un ruolo
fondamentale di AnkA nell’infezione, in quanto sembra cruciale l’interazione di
questa proteina con l’Abl-1 per poter evadere la risposta immunitaria dell’ospite
(Rikihisa e Lin, 2010).
103
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
3.3 CICLO BIOLOGICO
Il ciclo biologico di A. phagocytophilum comprende fasi riproduttive che avvengono
sia nei vettori, zecche Ixodidae, sia negli ospiti vertebrati (Rikihisa, 1991). Questo
batterio è in grado di determinare un’infezione permanente negli animali vertebrati,
rendendoli così possibili serbatoi della malattia. Esistono diversi ceppi di A.
phagocytophilum derivati dai diversi agenti di malattia precedentemente classificati
come Ehrlichia phagocytophila, E. equi e HGE; la suscettibilità dei mammiferi ai vari
ceppi è variabile. L’uomo ad esempio è sensibile solo a pochi ceppi ed è
considerato un ospite a fondo cieco, infatti normalmente non rientra nel ciclo
biologico. Il ceppo umano in Europa è lo stesso che causa malattia anche in cani e
gatti.
3.3.1 CICLO ALL’INTERNO DELLA ZECCA
Nelle zecche il batterio si trasmette per via trans-stadiale da larve a ninfe e da ninfe
ad adulti. Attraverso il pasto di sangue, le zecche si infettano e, nello stadio
successivo, possono trasmettere il patogeno ad un altro mammifero (Paddock e
Childs, 2003). Non si sa molto del comportamento di A. phagocytophilum all’interno
della zecca: ad esempio quanto duri la permanenza nei vacuoli cellulari dopo il
pasto di sangue, quando arrivi nelle ghiandole salivari e come si protegge durante le
fasi di assunzione di sangue e trasmissione all’ospite (Foley e Nieto, 2006). Dopo
essere stato assunto dalla zecca, il batterio migra dall’intestino e va a colonizzare gli
acini secretori delle ghiandole salivari (Hodzic e coll, 1998a) e qui permane anche
nelle fasi di muta tra uno stadio e l’altro. Quando la zecca infetta assume un nuovo
pasto di sangue, il batterio inizia a replicare all’interno delle ghiandole ed esce,
principalmente attraverso la saliva, per infettare l’ospite mammifero e invadere i
neutrofili per completare il ciclo (Liu e coll., 2011). Quando una zecca si alimenta su
un ospite infetto, i batteri contenuti nei neutrofili raggiungono l’intestino assieme al
pasto di sangue e infettano le ghiandole salivari entro le 24 ore dal pasto (Hodzic e
coll, 1998a). Il meccanismo con cui questo patogeno migra dall’intestino alle
ghiandole salivari non è chiaro. Liu e coll (2011) sostengono che la proteina salivare
P11 favorisce l’infezione degli emociti della zecca, e sembra essere un passaggio
fondamentale per la successiva infezione delle ghiandole salivari. In un altro studio
è stato dimostrato che una proteina salivare della zecca I. scapularis, Salp16, è
fondamentale per la sopravvivenza di A. phagocytophilum all’interno delle ghiandole
salivari (Sukumaran e coll., 2006).
Altri studi evidenziano come nelle zecche che non si sono ancora alimentate la
concentrazione di questo patogeno a livello di ghiandole salivari sia bassa, mentre
nella fase immediatamente precedente il pasto sembra che si attui una notevole
replicazione del batterio. In un altro studio, su un gruppo di ninfe infettate
sperimentalmente, si è visto che nelle fasi in cui non si alimentavano le ghiandole di
una sola ninfa presentavano positività alla PCR per A. phagocytophilum, mentre
dopo il prefeeding il 35% delle ghiandole estratte da queste zecche risultava positivo
e infettante per inoculazione sul topo (Telford III e coll., 1996). In Giappone uno
studio ha rilevato che il 32% di campioni di ghiandole salivari ottenuti zecche I.
104
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
persulcatus e I. ovatus raccolte dall’ambiente era positivo alla PCR (Ohashi e coll.,
2005); mentre in I. ricinus le percentuali di positività variavano da 0,5 a 2,0 % in
funzione della tecnica utilizzata, stato di nutrizione e stadio della zecca (Alberdi e
coll., 1998). Questi dati suggeriscono che possano esserci notevoli variabilità
geografiche nel tasso di positività di questo batterio nelle zecche; gli effetti del
prefeeding sembrano comunque indicare che nelle zecche raccolte dall’ambiente la
carica infettante nel tessuto salivare sia basso (Foley e Nieto, 2006).
3.3.2 CICLO NELL’OSPITE VERTEBRATO
Nei neutrofili, come anche all’interno della zecca, A. phagocytophilum si presenta,
come già accennato, in due morfotipi (reticolare e denso) (Munderloh e coll., 1999;
Popov e coll, 1998; Troese e Carlyon, 2009). Nel circolo ematico il batterio è
presente principalmente in neutrofili maturi, piuttosto che nei tessuti periferici,
compreso il tessuto ematopoietico (Bayard-McNeeley e coll., 2004; Hodzic e coll,
2001; Xiong e coll., 2007), tuttavia può infettare i precursori midollari e le cellule
endoteliali (Klein e coll., 1997a; Herron e coll., 2005). In seguito al legame con i
recettori di membrana il batterio entra nei neutrofili per endocitosi e viene
incorporato in fagosomi. A. phagocytophilum inibisce la fusione tra fagosomi e
lisosomi, blocca il complesso enzimatico NADPH e inibisce l’apoptosi cellulare
(Banerjee e coll., 2000; Fox, 2000; Mott e Rikihisa, 2000; Wang e coll., 2002).
Attraverso questi meccanismi il batterio previene la sua eliminazione da parte dei
linfociti (Greig e Armostrong, 2006).
Gli studi di invasione cellulare sono stati effettuati attraverso la microscopia
elettronica applicata a neutrofili infetti di pecora (Woldehiwet e Scott, 1982a).
Questo tipo di analisi ha permesso di capire che solo le forme dense si legano alle
cellule HL-60 (Troese e Carlyon, 2009), ma sia le forme dense che quelle reticolari
sono in grado di legarsi e penetrare nelle linee cellulari di zecca ISE6 (Munderloh e
coll., 1999). Troese e Carlyon (2009) riportano che la forma densa è una fase di
transizione prima della forma reticolare e rimane per circa 12 ore, la forma reticolare
inizia quindi la fase di replicazione. Nel giro di 24 ore negli inclusi citoplasmatici
sono già visibili abbondanti batteri e a 36 ore inizia la reinfezione della stessa
cellula; in questa fase si osserva la presenza di entrambi i morfotipi batterici.
L’immunofluorescenza ha evidenziato che solo le forme dense, di dimensioni < 1
µm, si legano ed entrano nei neutrofili circolanti (Niu e coll, 2006); in coltura su
cellule HL-60, invece, entrambe le forme riescono ad entrare. In questo substrato, la
maggior parte delle forme reticolari viene velocemente trasportata ai compartimenti
LAMP1 (lysosome-associated membrane protein 1), suggerendo che fasi diverse
del batterio presentano caratteristiche biologiche e di superficie diverse che
permettono allo stesso di entrare nelle cellule dell’ospite attraverso recettori diversi.
Ad eccezione del sistema di secrezione tipo IV e del VirB9 i marker molecolari che
distinguono le forme DC dalle RC non sono ancora stati individuati (Niu e coll,
2006).
Nell’uomo non sono segnalate lesioni cutanee in corso di HGA, invece negli agnelli,
in condizioni di campo, il batterio viene riscontrato primariamente in associazione ai
neutrofili e macrofagi delle lesioni cutanee, suggerendo un ruolo importante dei
leucociti periferici nelle fasi di trasmissione dalla zecca (Granquist e coll., 2010b).
105
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
3.4 ECOLOGIA ED EPIDEMIOLOGIA
Anaplasma phagocytophilum è trasmesso primariamente da zecche appartenenti al
complesso Ixodes persulcatus; queste specie sono caratteristiche dell’emisfero
settentrionale (Woldehiwet, 2010). In Europa il vettore principale è Ixodes ricinus,
segnalato da diversi gruppi di lavoro attraverso l’impiego di tecniche molecolari
(Ogden e coll., 1998a; Liz e coll., 2000; von Loewenich e coll., 2003; Katargina e
coll., 2011) in questo vettore il batterio può sopravvivere fino ad un anno, nell’attesa
che la zecca si alimenti su un nuovo ospite (MacLeod e Gordon, 1933; MacLeod,
1936). Questi stessi studiosi ipotizzarono inoltre che Haemophysalis puncatata
potesse essere un altro possibile vettore della malattia in certe zone dell’Inghilterra,
dove I. ricinus non è segnalata (MacLeod, 1962). Questo patogeno è stato
segnalato in I. persulcatus in Russia (Eremeeva e coll., 2006; Rar e coll., 2010;
Shpynov e coll., 2006), in Cina (Cao e coll., 2003), Giappone (Ohashi e coll., 2005)
e in Korea (Kim e coll., 2006). Ci sono segnalazioni di A. phagocytophilum in
Dermacentor silvarum in Cina (Cao e coll., 2006), in I. ovatus in Giappone, in I.
trianguliceps in Inghilterra (Bown e coll., 2003) e in I. ventalloi in Portogallo (Santos
e coll., 2004). Sia I. ventalloi che I. trianguliceps possono mantenere il batterio in
natura ma queste zecche, essendo di attitudine nidicola, difficilmente possono
partecipare alla trasmissione del patogeno all’uomo o agli animali più grandi (Rar e
Golovljova, 2011).
Altri studi hanno dimostrato la presenza del batterio in I. persulcatus: Alekseev e
coll. (2001) riportano dati relativi alle regioni Baltiche della Russia, mentre Cao e coll
(2000) segnalano il batterio in una regione della Cina già enedemica per la malattia
di Lyme.
Negli USA l’infezione è trasmessa nella zona orientale e medio-occidentale da I.
scapularis (Telford e coll., 1996; Levin e Fish, 2001), mentre nella parte occidentale
è veicolata da I. pacificus e da I. spinipalpis (Richter e coll., 1996; Barlough e coll.,
1996; 1997; Burkot e coll., 2001). Uno studio sperimentale ha dimostrato che le
ninfe di I. pacificus sono vettori molto più efficienti rispetto alle ninfe di I. scapularis e
l’isolato Webster si trasmette più facilmente rispetto all’MRK (Teglas e Foley, 2006).
In relazione alla distribuzione delle zecche, la maggior parte dei casi umani sono
localizzati nelle zone nord-orientali e medio-occidentali degli USA, mentre molti dei
casi segnalati in cavalli provengono dalla parte occidentale, in California (Rikihisa,
2006b).
La prevalenza di infezione da A. phagocytophilum nelle zecche è in genere
superiore negli USA. Nella parte settentrionale il range di infezione in I scapularis è
compreso tra 7,6 e 53% negli adulti e 1.5-20.6 % nelle ninfe (Telford e coll., 1996).
In genere la prevalenza in I. ricinus e I. persulcatus varia da 1 a 5% (Alekeseev e
coll., 2001; Liz e coll., 2000; Katargina e coll., 2011; Ogden e coll., 1998; Cao e coll.,
2003; Ohashi e coll., 2005; Rar e coll., 2010; Shpynov e coll., 2006); in rari casi
sono state riscontrate percentuali di infezione superiori in Norvegia, 17%, (Rosef e
coll., 2009) e in Italia, 24%, (Cinco e coll., 1997). Le zecche raccolte in diversi
momenti, anche nella stessa località, possono presentare prevalenze di infezione
diverse (Massung e coll., 2002b); queste variazioni sembrano riflettere variazioni
stagionali e annuali, i diversi metodi di campionamento e le diverse metodiche
analitiche (Katargina e coll., 2011). Un confronto tra prevalenze tra diversi paesi
106
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
deve quindi essere considerato con cautela (Rar e Golovljova, 2011).
Le specie di mammiferi ospiti di A. phagocytophilum variano in funzione della
localizzazione geografica, comprendendo piccoli roditori come tamie, topi, scoiattoli
ma anche cervidi e alcuni uccelli.
Nella parte orientale e medio-occidentale degli Stati Uniti i serbatoi riconosciuti sono
il topo dai piedi bianchi (Peromyscus leucopus), la tamia striata (Tamias striatus)
(Telford e coll., 1996; Walls e coll., 1997) e il cervo dalla coda bianca (Odocoileus
virginianus) (Ravyn e coll., 2001). Ceppi di Anaplasma con ospiti differenti possono
circolare nelle stesse aree, ad esempio I. persulcatus può veicolare sia il ceppo
patogeno per l’uomo Ap-ha, sia la variante non patogena Ap-variant 1 (Courtney e
coll., 2003). Questi due ceppi differiscono per due nucleotidi nel 16S rRNA e in un
gene per una proteina maggiore di superficie (Courtney e coll., 2003; de la Fuente e
coll., 2005). In ambiente selvatico Ap-variant 1 è associato al cervo dalla coda
bianca (Massung e coll., 2005) ed è in grado di trasmettere sperimentalmente
l’infezione altri cervi dalla coda bianca e le capre, ma non i roditori (Massung e coll.,
2003; 2006; Reichard e coll., 2009). Il ceppo che infetta l’uomo, invece, può infettare
i roditori ma non il cervo (Reichard e coll., 2009).
Nella parte occidentale degli USA invece scoiattoli grigi (Sciurus griseus), ratto del
legno (Neotoma fuscipes) e tamie (Tamias senex) sono i principali reservoir della
malattia (Foley e coll., 2002; 2004). La sieroprevalenza in N. fuscipes varia dal 17
all’80% (Nicholson e coll., 1999; Foley e coll., 2002; Drazenovich e coll., 2006). In
uno studio di tipo sierologico condotto da Foley e coll., (2008) su diverse specie di
roditori, le tamie (Tamias senex) hanno presentato 4.8% di positività; i ratti del legno
il 28%, gli scoiattoli grigi l’85,7%, gli scoiattoli volanti (Glaucomys sabrinus) il 14,3%,
degli scoiattoli Douglas (Tamiascirus douglasii) il 40%. In totale il tasso di positività
tra tutti i roditori è risultato essere del 14.5%. Successivamente è stato dimostrato
che anche la tamia delle sequoie (Tamias ochrogenys) è un serbatoio competente
per A. phagocytophilum, in quanto si infettano facilmente con il ceppo MRK e
possono trasmettere l’infezione, attraverso I. pacificus, ai topi (Nieto e Foley, 2009).
Sembra comunque che i ceppi circolanti tra i roditori, in particolare quelli dei ratti del
legno, non causino infezione nei cavalli (Foley e coll., 2008); mentre i ceppi correlati
alle tamie riescono ad infettare sia i topi che i cavalli (Rar e Golovljova, 2011). Le
infezioni nel cavallo causate dal ceppo della tamia sono indistinguibili da quelle
causate dal ceppo di origine umana (Foley e coll., 2009). I ceppi del woodrat sono
geneticamente diversi nel gene msp2 rispetto ad altri ceppi americani di cane, uomo
e orso (Foley e coll., 2008). Questo suggerisce la presenza di molte varianti con
diverso tropismo d’ospite negli USA. Ap-variant 1 infetta i ruminanti ma non i roditori,
il ceppo del ratto del elgno è specifico per questa stessa specie animale, mentre i
ceppi di scoiattoli e topo dai piedi bianchi sono patogeni per una grande varietà di
animali come roditori, cavalli, uomo e cani (Foley e coll., 2009).
Altri animali selvatici possono fungere da ospiti come ad esempio il puma e il
coyote, ma in genere hanno un ruolo di sentinelle di infezione, in quanto non
sviluppano infezioni croniche (Foley e coll., 2004). Anche il procione può essere
sensibile all’infezione: il ceppo Ap-ha causa infezioni croniche, mentre Ap-variant 1
solamente infezioni brevi (Yabsley e coll., 2008).
Anche nei rettili è stata segnalata l’infezione da A. phagocytophilum. Nieto e coll.
(2009) hanno valutato la presenza del patogeno in diverse specie di lucertole e di
serpenti in California. Nelle lucertole è stata riscontrata una prevalenza del 10%, sia
107
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
sierologica che molecolare; i serpenti hanno mostrato una positività del 5% ai test
sierologici e del 11,7% alla PCR. L’analisi della sequenza del gene GroEL, ottenuto
da un serpente, ha mostrato un’analogia del 100% con il ceppo derivato dall’uomo.
Gli stessi autori hanno anche dimostrato la possibilità di effettuare infezioni
sperimentali nelle lucertole utilizzando zecche infette.
Uomini e cani sono ospiti in genere accidentali, la batteriemia è di breve durata e in
genere non sono coinvolti nell’infezione ad altri ospiti (Bakken e Dumler, 2008).
L’infezione nel bovino è rara negli Stati Uniti, ma è comune in Europa. Prove di
infezione sperimentale con il ceppo equino MRK su bovini sono fallite (Pusterla e
coll., 2001), confermando che il ceppo Californiano equino non ha tropismo per i
ruminanti.
In Europa l’anaplasmosi ha importanza principalmente nel settore veterinario, sono
infatti segnalati numerosi casi di febbre da zecche in pecore, bovini, capre e cavalli
(Rar e Golovljova, 2011).
In Norvegia si riconoscono centinaia di casi in ovini e bovini (Stuen e coll., 2006b);
in Regno Unito, in uno studio, è stata riscontrata una positività nelle pecore del 38%
(Ogden e coll., 2002a). La pecora sembra essere un efficiente serbatoio di infezione
nelle fasi acute e post-acute della malattia (Ogden e coll., 1998a; 2003). Nelle
pecore circolano 5 varianti di questo batterio (Stuen e coll., 2002). I due ceppi più
frequenti causano infezioni persistenti negli agnelli che possono durare anche 6
mesi, caratterizzate da stati di batteriemia ciclici. (Granquist e coll., 2010a).
Tra le specie selvatiche diversi mammiferi possono fungere da serbatoio: cervidi
come il capriolo (Capreolus capreolus), il cervo (Cervus elaphus) e il camoscio
(Rupicapra rupicapra) (Liz e coll. 2002). In Slovenia è stata riscontrata un’elevata
prevalenza di infezione nei caprioli: 941% all’esame sierologico e più dell’85% alla
diagnosi molecolare, dato, quest’ultimo riscontrato, anche nei cervi (Petrovec e coll.,
2002). Inoltre è stato anche segnalato il decesso di un giovane capriolo in Norvegia,
ritrovato in condizioni di paresi e fortemente infestato da zecche I. ricinus (Stuen e
coll., 2006a). A. phagocutophilum è stato segnalato anche in daini (Dama dama) in
Regno Unito (Mc Diarmid e coll., 1965) e alci (Alces alces) (Stuen e coll., 2001). Altri
stati Europei in cui è segnalato sono: Svizzera nei camosci (Petrovec e coll., 2002);
in Austria sempre nei camosci e in altri ruminanti selvatici (cervi, caprioli, capre ibex
e mufloni) (Polin e coll., 2004; Silaghi e coll. 2011a); in Slovacchia e Repubblica
Ceca in piccoli ruminanti (Derdáková e coll., 2011); in cani in Slovenia (Ravnik e
coll., 2009).
Attraverso le analisi molecolari A. phagocytophilum è stato ritrovato in molte specie
di piccoli mammiferi: arvicole (Myodes glareolus, Microtus arvalis, Mi. Agrestis e Mi.
oeconomus); topi (Apodemus sylvaticus e Ap. Flavicollis) e nel toporagno (Sorex
araneus) (Bown e coll., 2003; Grzeszczuk e coll., 2006; Hartelt e coll., 2008; Liz e
coll., 2000). La prevalenza di infezione nelle arvicole sembra essere superiore a
quella riscontrata nei topi, ad esempio in uno studio in Svizzera sono risultate
positive il 19,2% delle arvicole contro il 2,9-4,2% dei topi (Liz e coll., 2000), mentre
in Germania le arvicole positive erano il 13,4% e i topi solamente lo 0,5% (Hartelt e
coll., 2008).
Nelle aree in cui è maggiormante diffusa I. persulcatus, ad esempio in Russia, A.
phagocytophilum è stato ritrovato principalmente in piccoli roditori: arvicole (Myodes
spp. e Microtus rossiaemeridionalis), nel toporagno comune, nel topo Koreano
(Apodemus peninsulare) nella tamia siberiana (Tamias sibiricus) (Rar e coll., 2011;
108
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
Telford e coll., 2002). Le larve e le ninfe di questa zecca sono molto importanti per il
ciclo del batterio, quindi alimentandosi su questi piccoli mammiferi li rendono
possibili serbatoi (Rar e Golovljova, 2011).
Questo patogeno è stato isolato anche nella zona di Istambul e in una regione nordoccidentale della Turchia in zecche I. ricinus (Sen e coll., 2011).
In Cina A. phagocytophilum è stato segnalato in topi di campo (Apodemus spp.), in
criceti dalla coda lunga (Tscheskia triton), in tamie siberiane, in diverse specie di
ratti (Rattus spp. e Niviventer spp.) come anche nelle pecore(Cao e coll., 2006;
Zhan e coll., 2008; 2010). In Corea si hanno segnalazioni in arvicole (Ap. Agrarius)
e in insettivori (Crocidura lasiura) (Kim e coll., 2006).
L’incidenza e la gravità delle infezioni è variabile a seconda delle aree; la variabilità
è dovuta al ceppo di A. phagocytophilum circolante, dai serbatoi e dalla presenza
delle zecche vettrici (Tuomi e coll, 1967b; Ogden e coll., 2002b; Teglas e Foley,
2006).
Molti casi di TBF si sono verificati a seguito dell’introduzione di bestiame in pascoli
infestati da zecche, anche se epidemie sporadiche sono state segnalate nelle capre
(Gray e coll., 1988). Fino al riconoscimento dei roditori come reservoir delle varianti
di questo patogeno, si pensava che la malattia fosse mantenuta da un ciclo zeccaruminante, con infezioni persistenti nei ruminanti selvatici e domestici (MacLeod,
1936).
Il primo caso di una malattia simile a TBF nei cavalli è stato segnalato nel 1969 in
California (Gribble, 1969). All’inizio l’agente eziologico fu chiamato Ehrlichia equi.
Altri casi di erlichiosi granulocitica nel cavallo furono diagnosticati in Florida (Brewer
e coll., 1984), Colorado (Madigan, 1993), New Jersey (Ziemer e coll., 1987) e
Connecticut (Madigan e coll., 1996); l’aspetto clinico era caratterizzato da febbre
alta, depressione, edema alle estremità, petecchie e riluttanza a muoversi (Gribble,
1969; Madigan e Gribble, 1987; Madigan, 1993). In Europa l’infezione nei cavalli è
stata segnalata in Scandinavia (Engvall e Egenvall, 2002), Svizzera (Pusterla e coll.,
1998; Silaghi e coll., 2011), Regno Unito (McNamee e coll., 1989; Korbutiak e
Schneiders, 1994; Shaw e coll., 2001). L’infezione nei cavalli è stata riscontrata
anche in Guatemala (Teglas e coll., 2005).
Nel cane le infezioni sostenute da A. phagocytophilum hanno varie localizzazioni
geografiche: diversi autori le hanno segnalate negli USA (Bowman e coll., 2009), in
Scandinavia (Egenvall e coll., 1997), in Germania (Jensen e coll., 2007; Kohn e
coll., 2010), in Svizzera (Pusterla e coll., 1998), in Francia (Pantchev e coll., 2009),
in Regno Unito (Shaw e coll., 2001), in Slovenia (Ravnik e coll., 2011); in Spagna
(Solano-Gallego e coll., 2006; Amusategui e coll., 2008), in Portogallo (Santos e
coll.,2009), a Cipro (Chochlakis e coll., 2009) in Tunisia (M’Ghirbi e coll., 2009) e in
Israele (Levi e coll., 2006). Nell’emisfero meridionale non sono ancora stati segnalati
casi di anaplasmosi (Carrade e coll., 2009). I dati di prevalenza nel cane sono
influenzati dallo stato di salute del cane, dal sospetto clinico e dalla distribuzione
geografica di ospiti e vettori. Non va sottovalutato che ai test sierologici A.
phagocytophilum cross-reagisce con A. platys, quindi i dati di positività potrebbero
non essere attendibili (Carrade e coll., 2009). Un recente studio effettuato negli Stati
Uniti su 400 mila cani, utilizzando un kit ELISA commerciale, ha rilevato notevoli
variazioni di siero-prevalenza con picchi superiori al 40% in certe contee della parte
settentrionale del paese (medio-occidentali e nord-orientali) quando la prevalenza
complessiva di queste regioni si aggirava su livelli molto più bassi (6,7 e 5,5
109
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
rispettivamente) (Bowman e coll., 2009). Anche lo studio francese ha riportato dati
di prevalenza sierologica del 2,7%, risultato però che potrebbe essere falsato da
possibili cross-reazioni con A. platys (Pantchev e coll., 2009). In uno studio tedesco,
invece, i cani sono stati testati contemporaneamente con IFAT, PCR e striscio di
sangue per individuare le morulae nei granulociti. I risultati dimostrano che la
positività sierologica in cani positivi e sani o cani malati non presenta differenze
significative; i cani sono risultati positivi alla PCR principalmente nel periodo
maggio-settembre, indicando una stagionalità di infezione; inoltre i parametri ematici
di cani sani, di cani sieropositivi e di cani positivi a PCR e presenza di morulae, non
presentavano sostanziali differenze, suggerendo quindi che sono necessarie analisi
di tipo molecolare per i cani deputati alla donazione di sangue per minimizzare il
rischio di trasmissione (Kohn e coll., 2008). In uno studio condotto in Slovenia
(Ravnik e coll., 2011) sono state messi in relazione alterazioni ematologiche,
biochimiche e cliniche con la diagnosi attraverso IFAT e PCR. Anche in questo caso
si presentano dati discordanti tra IFAT e PCR e i segni clinici riscontrati nei cani
potrebbero non essere dovuti esclusivamente ad anaplasmosi. Gli autori
suggeriscono quindi l’importanza di individuare nuovi strumenti diagnostici per
questa malattia.
Infezioni da A. phagocytophilum sono state segnalate anche nei gatti in Svizzera
(Schaarschmidt-Kiener e coll., 2009), in Finlandia (Heikkilä e coll., 2010), negli USA
(Magnarelli e coll., 2005).
In Italia infezioni sostenute da A. phagocytophilum sono state segnalate in diverse
zone del paese e in diverse specie animali. Ebani e coll. (2007; 2008) riportano dati
relativi alla sieroprevalenza in diverse specie domestiche e selvatiche analizzate in
centro Italia: daini, cervi, cavalli, bovini, pecore, capre e cani, con valori compresi tra
il 46% nei ruminanti selvatici e il 4% nelle capre. I dati emersi riguardo i ruminanti
selvatici, suggeriscono un possibile ruolo di serbatoio di queste due specie nell’area
oggetto di studio. Altri autori hanno eseguito un’indagine nei cavalli in Italia centrale,
ottenendo una prevalenza sierologica del 17% e una prevalenza molecolare dell’8%
(Passamonti e coll., 2008). Infezioni sostenute da A. phagocytophilum sono state
segnalate anche nelle volpi (Ebani e coll., 2011). Un quadro della diffusione delle
malattie trasmesse da artropodi in Italia (Vector-Borne Diseases VBD) in cani e
gatti, è stato esposto da Otranto e Dantas-Torres (2010), che hanno segnalato casi
di anaplasmosi principalmente nel centro e sud dell’Italia. La prevalenza di questo
patogeno è stata indagata anche in Sicilia nelle zecche e in diverse specie animali
(Torina e coll., 2008; 2010) tra cui una pecora soggetta ad aborto (Giudice e coll.,
2011). Al Nord questa infezione è stata segnalata nei caprioli (Carpi e coll., 2009); in
questo studio era stata dimostrata la capacità di questi ruminanti di trasmettere
l’infezione alle larve di I. ricinus. In Emilia Romagna è stata analizzata una
popolazione di daini del Bosco della Mesola (Ferrara) e 20 soggetti su 72 sono
risultati positivi ad A. phagocytophilum attraverso indagini sierologiche, 11 dei 72
animali hanno mostrato positività anche alla PCR (Veronesi e coll., 2011).
3.5 PATOGENESI
Il tempo minimo di alimentazione della zecca per trasmettere A. phagocytophilum
110
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
all’ospite sensibile va dalle 24 alle 48 ore (Katavolos e coll., 1998; de Vignes 2001).
Il periodo di incubazione dura circa 1-2 settimane; nel cavallo il tempo di
incubazione medio è di 10,5 giorni (Pusterla e coll., 1999a). In vitro si è visto che il
batterio infetta i progenitori di granulociti e monociti ma i neutrofili più differenziati
sono le cellule più suscettibili (Kim e coll., 2002). Studi effettuati utilizzando
granulociti umani hanno permesso di capire che il batterio si attacca a recettori di
membrana come il P-selectin ligando-1 (PSGL-1), molto rappresentato sulla
superficie dei neutrofili, e il tetrasaccaride sialyl lewis-X (Hardalo e coll., 1995;
Goodman e coll., 1999; Herron e coll., 2000; Kim e coll., 2002; Rikihisa, 2006a).
Dopo il legame con il recettore, il batterio entra per endocitosi mediata da caveole e
viene incorporato all’interno di fagosomi. Le caveole sono delle cosidette zattere
lipidiche, ricche in lipidi e proteine, che permettono al batterio di bypassare la via
fagolisosomiale (Rikihisa, 2006a). A questo punto il batterio mette in atto diversi
meccanismi per bloccare l’attività battericida dei neutrofili: previene la fusione fagolisosomiale, blocca l’attività dell’NADPH e inibisce l’apoptosi (Banerjee e coll., 2000;
Fox., 2000; Mott e Rikihisa, 2000; Wang e coll., 2002). Sembra che la proteina AnkA
del batterio entri nel nucleo ed interagisca con regioni regolatrici, limitando
l’espresisone di geni di difesa, tra i quali il gp91phox, un componente dell’NADPH
ossidasi (Garcia-Garcia e coll., 2009). All’interno dei fagosomi il batterio inizia a
replicare e si forma la classica morula, individuabile al microscopio ottico (Popov e
coll., 1998), caratterizzata da venti o più microrganismi. La rottura del fagosoma e
della membrana della cellula infetta, determinano la liberazione di batteri che vanno
ad infettare nuove cellule. I neutrofili infetti con A. phagocytophilum si ritrovano nel
sangue periferico e nei tessuti del sistema fagocitico mononucleare (milza, fegato e
midollo osseo) (Dumler e coll., 2001; Egenvall e coll., 1998; 2000). E’ stato
dimostrato che il batterio determina nei granulociti una riduzione della motilità e
della fagocitosi (Garyu e coll., 2005), e diminuisce l’aderenza all’endotelio e la
trasmigrazione degli stessi, che normalmente avviene attraverso un arrotolamento
mediato dalla selectina, l’attivazione cellulare e legando molecole di integrina
(Carrade e coll., 2009). Una ricerca ha però evidenziato che i neutrofili di cani
infettati sperimentalmente con un isolato svedese mostravano fagocitosi normale
con incremento del burst respiratorio (Lilliehöök e coll., 1999). La diminuzione di
adesione all’endotelio sembra dovuta alla perdita dei recettori PSGL-1 e L-selectina
nei neutrofili infetti, in un momento in cui la β-integrina, la superfamiglia di
immunoglobuline di adesione e le molecole di adesione intercellulare sono stimolate
(Choi e coll., 2003). Questi meccanismi possono favorire la sopravvivenza del
batterio nel circolo sanguigno (Carrade e coll., 2009).
Normalmente i neutrofili restano circolanti per 10-12 ore prima di penetrare in un
tessuto e andare verso l’apoptosi, condizione questa che li rende una localizzazione
sfavorevole per molti patogeni. Al contrario A. phagocytophilum è in grado di
ritardare l’apoptosi garantendosi la sopravvivenza e la replicazione nei leucociti
(Rikihisa, 2006; Carlyon e Fikrig, 2006; Lee e coll., 2008; Borjesson e coll., 2005;
Yoshiie e coll., 2000).
Sebbene il meccanismo di trasferimento da cellula a cellula non sia conosciuto, il
batterio induce il rilascio di IL-8, nell’uomo, e un aumento dell’espressione di
CXCR2, un recettore dell’IL-8 che può determinare il reclutamento di nuovi neutrofili
sensibili all’infezione e facilitarne l’assunzione da parte delle zecche (Akkoyunlu e
coll., 2001;Scorpio e coll., 2004). Il batterio, inoltre, nell’uomo può infettare cellule
111
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
midollari CD34+, cellule endoteliali e cellule della linea dei megacariociti (Klein e
coll., 1997a; Munderloh e coll., 2004; Granick e coll., 2008). Queste cellule possono
servire come serbatoio per il trasferimento dell’infezione ai neutrofili circolanti
(Carrade e coll., 2009).
Recentemente un isolato del batterio è stato modificato in laboratorio, gli è stata
trasferita la capacità di esprimere proteine fluorescenti che potrebbero consentirne
la visualizzazione nelle cellule attraverso la microscopia a fluorescenza (Felsheim e
coll., 2006). Questa metodica potrebbe facilitare la comprensione della distribuzione
tissutale, del legame cellulare, dell’ingresso e della replicazione di A.
phagocytophilum in vivo.
Frequentemente l’anaplasmosi è associata a lieve o moderata trombocitopenia, ma
possono essere presenti anche neutropenia, linfopenia, e anemia; i meccanismi alla
base di queste alterazioni non sono però conosciuti (Carrade e coll., 2009). Nel
siero di uomini (Wong e Thomas, 1998) e cani (Kohn e coll., 2008) con
l’anaplasmosi sono stati ritrovati anticorpi anti-piastrine; anche altri meccanismi
immunitari possono determinare la riduzione delle piastrine, tuttavia la
trombocitopenia si verifica nelle forme acute, prima della formazione degli anticorpi
e in topi senza cellule T e B, suggerendo che tale condizione sia correlata anche ad
altri meccanismi (Borjesson e coll., 2001).
L’alterazione dei neutrofili e la leucopenia predispongono l’ospite ad infezioni
secondarie. Questa condizione è stata riscontrata in pecore e bovini affetti da TBF.
L’anaplasmosi può predisporre gli agnelli alla piemia, caratterizzata da zoppia e
paralisi, causata da Staphylococcus aureus, Pasteurella spp. e Listeria
monocytogenes (Foggie, 1956; Gilmour e coll., 1982; Øverås e coll., 1993; Grønstøl
e Øverås, 1980). Infezioni opportunistiche sono state documentate e ipotizzate
come causa di mortalità anche in uomini e cani con anaplasmosi granulocitica
(Bakken e Dumler, 2008; Carlyon e Fikrig, 2006; Lepidi e coll., 2000). L’alterazione
dei granulociti nell’uomo può influenzare la comparsa di un’infezione da B.
burgdorferi (Nyarko e coll., 2006).
La risposta immunitaria all’infezione da A. phagocytophilum non è stata
completamente caratterizzata. La produzione di IFN-ɣ sembra svolgere un ruolo
importante nella fase iniziale di controllo dell’infezione (Akkoyunlu e Fikrig, 2000;
Birkner e coll., 2008), tuttavia sembra contribuire al processo infiammatorio
associato alla malattia (Martin e coll., 2001).
La produzione di IFN-ɣ può essere innescata dalla produzione di IL-10 e IL-18
(Pedra e coll., 2007a,b). I linfociti T-natural killer sono la prima fonte di INF-ɣ,
mentre le cellule dendritiche producono IL-12 e L-18. In un modello murino di
infezione, l’eliminazione dei batteri sembrava dipendere dalle cellule T CD4+ e non
dalle citichine INF-ɣ e IL-12 (Birkner e coll., 2008). Sebbene l’immunità cellulomediata sia considerata la più importante nel contrastare infezioni da patogeni
intracellulari, i risultati ottenuti sul topo suggeriscono un importante ruolo
dell’immunità umorale nella risposta verso questa infezione (Winslow e Bitsaktsis,
2005; Sun e coll., 1997). Gli anticorpi si sviluppano a seguito della fase
extracellulare dell’infezione e possono attaccare strutture intracellulari contenenti i
batteri o stimolare l’attività fagocitaria (Winslow e Bitsaktsis, 2005). Sia le cellule B
che le T sono necessarie a contrastare l’infezione, infatti topi deficitari di questi
linfociti rimangono persistentemente infetti. Al contrario i topi con scarsi linfociti T
possono superare l’infezione (Birkner e coll., 2008).
112
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
Negli agnelli A. phagocytophilum riesce ad evadere la risposta immunitaria
attraverso una diversa espressione della proteina di superficie MSP2; questa
condizione è stata riscontrata anche nei bovini infettati con A. marginale (Granquist
e coll., 2008; Barbet e coll., 2000).
Il cavallo, che può infettarsi con il ceppo agente di malattia nell’uomo, è un buon
modello animale per lo studio dell’HGA (Madigan e coll., 1995). In uno studio
effettuato su 4 cavalli infettati sperimentalmente si è visto un aumento
dell’espressione dell’mRNA di IL-1β e TNF-α nei leucociti circolanti, tre dei cavalli
testati hanno mostrato una stimolazione dell’espressione dell’mRNA dell’IL-8. Uno
dei cavalli ha mostrato una debole espressione dell’mRNA di IFN-ɣ L-10 e IL12 p35.
Nessuno dei cavalli ha presentato livelli elevati di IL-2, IL-4, IL-6 o IL-12 p40 (Kim e
coll., 2002). Anche nei ruminanti la concentrazione di TNF-α aumenta in modo
considerevole in corso di infezione da A. phagocytophilum, come anche la
concentrazione di nitrati (Gokce e Woldehiwet, 2002).
Maggiori studi sono comunque necessari per meglio capire il ruolo delle varie
citochine nella patogenesi dell’anaplasmosi in vivo (Rikihisa, 2011).
La risposta immunitaria dell’ospite a successive infezioni da A. phagocytophilum è
variabile. Studi effettuati su pecore e bovini hanno mostrato che la reintroduzione di
soggetti che avevano superato la malattia in pascoli contaminati ha provocato lo
sviluppo di batteriemia e rialzo febbrile in alcuni, mentre altri non si sono ammalati
(Jamieson, 1947; Hudson, 1950; Littlejohn, 1950; Foggie, 1951). Studi sperimentali
hanno anche evidenziato che l’infezione primaria è seguita da un grado variabile di
resistenza verso un’infezione omologa (Foggie, 1951; Tuomi, 1967a; Woldehiwet e
Scott, 1982a). Alcuni animali resistevano a nuove infezioni solo pochi mesi, ma altri
risultavano protetti nei confronti dello stesso ceppo per più di un anno (Foggie,
1951; Woldehiwet e Scott., 1993). La resistenza era influenza dal ceppo, dall’età e
dal tipo di ospite, il lasso di tempo tra l’infezione primaria e la reinfezione e la
frequenza di esposizione al patogeno (Foggie, 1951; Tuomi, 1967b,c; Woldehiwet e
Scott, 1982b,c). Nel caso ad esempio di pecore, portate a pascolare in zone
infestate e rimosse da queste aree per periodi superiori a 6 mesi, durante i quali
hanno sviluppato la TBF, alcune possono manifestare aborti al momento della
reintroduzione nello stesso pascolo infestato (Jamieson, 1947; Overas, 1962). Per
quanto riguarda invece l’esposizione a ceppi diversi, sembra che bovini che ovini,
precedentemente esposti ad un ceppo di TBF, manifestino reazione con febbre e
batteriemia anche a seguito di infezione con varianti diverse, ma che la durata
dell’infezione sia inferiore (Tuomi, 1967c; Woldehiwet e Scott, 1982c), suggerendo
che i vari ceppi condividono alcuni antigeni. Anche nel cavallo è segnalata una
parziale protezione verso infezioni omologhe (Nyindo e coll., 1978).
Ci sono pochi studi sulla dinamica della produzione anticorpale, ma in un studio
condotto sulle pecore sono state riscontrate IgM e IgG specifiche entro 2 settimane
dall’infezione, con una predominanza delle IgM nelle prime 3 setitmane e delle IgG
successivamente (Woldehiwet e Scott, 1982c). Questi autori riportano il
rinvenimento di anticorpi IgM anche in animali persistentemente infetti. Anche
nell’uomo si segnala la presenza di anticorpi IgM e IgG nelle fasi iniziali
dell’infezione, con la riduzione del titolo di IgM successivamente (Zeman e coll.,
2002; Walder e coll., 2003). Molti studi sierologici condotti sull’uomo si basano sul
rilevamento di IgG (Woldehiwet, 2010).
Per quanto riguarda l’immunità cellulo mediata, i pochi studi effettuati in vitro sulle
113
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
pecore dimostrano l’importanza delle cellule T CD4+ nella risposta immunitaria dei
ruminanti nell’inibizione della migrazione leucocitaria (Woldehiwet e Scott, 1982e) e
nella proliferazione di linfociti mediata da antigeni (Gokce e Woldehiwet, 1999).
Anche studi effettuati sull’uomo e su topi infettati con varianti HGA, mostrano la
predominanza di linfociti T-helper 1 nella risposta, come indicato anche dalla
produzione di IFN-ɣ (Akkoyunlu e Fikrig, 2000; Dumler e coll., 2000).
3.6 SINTOMATOLOGIA
3.6.1 CANE
Nel cane l’infezione da A. phagocytophilum spesso rimane silente, come indicato
dall’ampio livello di prevalenza in assenza di segni clinici in aree endemiche (Beall e
coll., 2008; Foley e coll., 2001). Ad oggi non sono ancora stati segnalati casi di
decesso nei cani dovuti a questa malattia (Carrade e coll., 2009). Diversi studi in
USA, Germania e Scandinavia hanno riportato i rilievi clinici segnalati nei cani
evidenziando che la sintomatologia può presentarsi differente secondo l’area
geografica, riflettendo le diversità dei ceppi circolanti, aspetto già riconosciuto nelle
infezioni in ovini e bovini (Stuen e coll., 2003; Pusterla e coll., 1999b).
I segni clinici comuni nei cani che manifestano la malattia sono letargia e febbre che
compaiono dopo un periodo di incubazione di 1-2 settimane. La temperatura rettale
è compresa tra 39,2 e 41,4°C. Sono segnalate anche inappetenza o anoressia
(Greig e coll., 1996a; Poitout e coll., 2005; Kohn e coll., 2008). Frequentemente
sono riportati anche segni clinici a livello muscolo-scheletrico come riluttanza al
movimento e zoppia. In alcuni casi la zoppia deriva da una poliatrite neutrofilica
(Skotarczak e coll., 2004; Foley e coll., 2007).
Infrequente è la segnalazione di tosse secca e di iniezione della sclera (Poitout e
coll., 2005; Plier e coll., 2009).
Sintomi poco comuni sono: polidipsia, pallore delle membrana, segni gastroenterici
quali vomito o diarrea, emorragie manifestate come petecchie, melena o epistassi
(Greig e coll., 1996a; Poitout e coll., 2005; Kohn e coll., 2008).
Può essere riscontrata anche splenomegalia e lieve linfadenopatia, conseguenti alla
reazione linfatica e nel caso della milza a un’attivazione dell’ematopoiesi
extramidollare (Egenvall e coll., 1998; Hodzic e coll., 1998a). Raramente è
segnalata anche epatomegaliav (Mazepa e coll., 2010).
Sono stati segnalati sintomi neurologici caratterizzati da colpo apoplettico e deficit
propriocettivo; il colpo apoplettico è stato però segnalato in un cane con una storia
di epilessia (Greig e coll., 1996a).
La malattia nel cane sembra essere autolimitante, non sono infatti descritti casi
cronici.
I rilievi di laboratorio in corso di anaplasmosi nel cane mostrano principalmente
trombocitopenia, segnalata nel 90% dei casi (Greig e coll., 1996a; Poitout e coll.,
2005; Kohn e coll., 2008). Il midollo osseo dei cani infetti presenta un aumento dei
megacariociti, suggerendo che la carenza di piastrine sia dovuta alla distruzione
delle stesse (Lilliehook e coll., 1998). Si segnalano anche linfopenia, deviazione a
114
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
sinistra e anemia (Mazepa e coll., 2010). Sono state segnalate inoltre sia neutrofilia
che neutropenia nei dati relativi agli Stati Uniti (Greig e coll., 1996a; Poitout e coll.,
2005), mentre in Germania molti cani oggetto di uno studio hanno presentato
monocitosi (Kohn e coll., 2008).
L’esame sierologico può evidenziare lieve ipoalbuminemia, iperglobulinemia e lieve
aumento dell’attività enzimatica epatica, soprattutto la fosfatasi alcalina.
Un caso clinico atipico è stato segnalato da Kane e coll. (2011) in un cucciolo di 20
settimane. Il soggetto presentava letargia e inappetenza, nausea e vomito;
presentava segni di disidratazione e pallore delle mucose. All’esame
emocromocitometrico si rilevava pancitopenia, confermata anche dallo striscio di
sangue. Nei neutrofili non si riscontravano però gli inclusi tipici della malattia. Un
aumento del liquido addominale ha suggerito l’impiego dell’ecografia e il liquido è
stato prelevato e analizzato, permettendo di individuare i granulociti infetti da A.
phagocytophilum. L’effusione peritoneale non era mai stata segnalata nel cane; ci
sono segnalazioni nel cavallo, in cui questo sintomo sembra dovuto a fenomeni di
vasculite. Anche in questo cucciolo si può ipotizzare un processo infiammatorio a
carico dei vasi, indotto dal deposito di immunocomplessi e/o dalla produzione di
citochine pro-infiammatorie da parte dei granulociti infetti (Kane e coll. 2011).
3.6.2 GATTO
I casi di anaplasmosi segnalati nel gatto non sono molti. La sintomatologia nei gatti
è simile a quella dei cani: letargia, febbre e inappetenza (Bjöersdorff e coll., 1999b;
Lappin e coll., 2004; Ravnik e coll., 2009; Kohn e coll., 2008). Un lavoro finlandese
(Heikkilä e coll., 2010) riporta il caso clinico di un gatto di 3,5 anni di razza Maine
coon. Il soggetto si presentava con febbre (39,5°C) , tachipnea, rumori polmonari
aumentati, dolore nella parte craniale dell’addome e scolo oculare bilaterale. Il gatto
presentava inoltre 4 lesioni cutanee da morso di zecca ed una zecca è stata
ritrovata attaccata sull’animale. I polmoni all’esame radiografico presentavano un
lieve pattern bronchiolare. Il rinvenimento delle morulae nei neutrofili ha permesso la
diagnosi, confermata anche dalla biologia molecolare. In questo soggetto sono stati
rilevati segni clinici non specifici della malattia. Altri sintomi segnalati nel gatto sono:
iperestesia, dolore muscolare e articolare, zoppia, rigidità del collo,
linfoadenomegalia, gengiviti, periodontiti, congiuntiviti, perdita di peso, vomito,
faringiti, polidipsia, ematuria e problemi neurologici come tremori, incoordinazione
(Granquist e coll., 2010a). L’anaplasmosi induce immunodepressione e in molti casi
i sintomi riportati derivano da infezioni secondarie.
Il rilievo ematico più frequente è la trombocitopenia per distruzione delle piastrine
inappetenza (Bjöersdorff e coll., 1999; Lappin e coll., 2004; Ravnik e coll., 2009;
Lilliehook e coll., 1998; Carrade e coll., 2009). Questa condizione si presenta da
lieve a moderata nei gatti (Bjöersdorff e coll., 1999; Lappin e coll., 2004) e da
moderata a grave nei cani (Carrade e coll., 2009). Il gatto segnalato non presentava
trombocitopenia ma leucopenia, già descritte in precedenti casi di anaplasmosi
(Heikkilä e coll., 2010).
115
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
3.6.3 CAVALLO
Il periodo di incubazione nel cavallo è inferiore ai 14 giorni. La gravità dei sintomi
varia in funzione dell’età dell’animale e della durata della malattia (Madigan e
Gribble, 1987).
Soggetti di età superiore ai 4 anni generalmente manifestano segni progressivi di
febbre, depressione, parziale anoressia, edema degli arti, petecchie, ittero, atassia e
riluttanza al movimento. Clinicamente e sperimentalmente sembra che cavalli di età
inferiore manifestino segni più lievi comprendenti febbre moderata, depressione,
moderato edema agli arti e atassia. Nei puledri di età inferiore a un anno i segni
clinici sono difficilmente individuabili, generalmente è presente solo la febbre.
Nei primi due giorni di infezione la febbre è solitamente alta (39,4-41,3°C). I primi
sintomi sono riluttanza al movimento, atassia, depressione, ittero e petecchie. La
debolezza e l’atassia possono essere gravi al punto di predisporre il soggetto a
fratture in seguito a cadute. I cavalli manifestano anche appoggi a base larga,
indicando un deficit della propriocezione. L’edema distale e segni clinici più gravi si
presentano dal 3°-5° giorno, con febbre che persist e anche 14 giorni se non trattata.
Raramente è presente un coinvolgimento cardiaco con sviluppo di aritmie. Il
decorso clinico della malattia varia da 3 a 16 giorni; l’infezione può essere
autolimitante anche in soggetti non trattati; i casi di morte sono in genere correlati ad
infezioni secondarie.
I rilievi di laboratorio mostrano leucopenia, trombocitopenia, anemia, ittero e i
caratteristici corpi inclusi nei granulociti (Pusterla e Madigan, 2007).
3.6.4 RUMINANTI
Negli ovini il periodo di incubazione dura 7 giorni. La malattia è caratterizzata da
febbre alta, batteriemia, neutropenia, diminuita produzione di latte, aborto nelle
femmine non immuni e diminuzione della fertilità nei montoni. Le infezioni sono in
genere subcliniche specialmente nelle aree endemiche (Giudice e coll., 2011). Il
recupero è di solito lento e gli animali possono rimanere portatori per lunghi periodi
(Garippa e coll., 2010). Negli agnelli sono segnalate zoppie e perdite produttive
(Stuen e coll., 2002).
Le pecore possono rimanere portatrici dell’infezione per mesi o addirittura anni
(Woldehiwet, 2010). In uno studio è stato dimostrato che il sangue di una pecora era
infettante per un’altra pecora patogen-free 25 mesi dopo l’infezione primaria
(Foggie, 1951). Nello stesso studio, campioni di sangue prelevati in maniera casuale
in vari momenti dell’anno da pecore di un’azienda infestata da zecche, erano
infettanti per altre pecore sensibili. Questo dato suggerisce uno stato di persistenza
dell’infezione in pecore serbatorio anche durante il periodo di mancata attività da
parte delle zecche. Le pecore persistentemente infette non sviluppano segni clinici
gravi, ma la batteriemia può essere attivata da interventi di splenectomia o da
trattamenti immunosoppressivi (Foggie, 1951; Woldehiwet e Scott, 1993). Sembra
comunque che, in condizioni di campo, il rinvenimento del patogeno nel sangue sia
influenzato dalla quantità e dalla frequenza di infestazione da parte delle zecche.
Questa condizione è dovuta ad una variazione della batteriemia in seguito
116
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
all’aumento di zecche attaccate o dovuto a frequenti re-infezioni (Ogden e coll.,
2002a).
Non è ancora stato investigato se nei ruminati selvatici si riscontri questo stato di
infezione persistente da TBF (Woldehiwet, 2010).
3.7 LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE
Siccome questa malattia nel cane è autolimitante, le informazioni riguardanti Le
lesioni anatomo-patologiche sono scarse. Il danno tissutale sembra risultare dalla
risposta infiammatoria dell’ospite piuttosto che dall’azione stessa del batterio
(Dumler e coll., 2007).
Anche per quanto riguarda l’uomo, le informazioni sono limitate. In uno studio
effettuato da Lepidi e coll., (2000), sono stati valuati i quadri autoptici di 4 persone
oltre a rilievi bioptici di midollo osseo e linfonodi di altri pazienti sopravvissuti. Nella
milza dei 4 pazienti morti era rilevabile una deplezione linfoide con un livello di
infiltrazione macrofagica variabile, eritro-leucofagocitosi e aumento delle cellule
apoptotiche. In un paziente è stato riscontrato anche un aumento di plasmacellule.
Anche nei linfonodi di 3 di questi pazienti era presente deplezione linfoide ed eritrofagocitosi; in un paziente invece erano presenti infiltrati macrofagici. In uno dei
pazienti morti, un caso pediatrico, è stata riscontrata inizialmente una linfadenite con
infiltrazione neutrofilia e macrofagica e in seguito una marcata iperplasia corticale.
A livello di midollo osseo è stata riscontrata reazione immunologica con presenza di
aggregati linfoidi paratrabecolari e non-paratrabecolari.
In tutti i casi di decesso l’aspetto del fegato era simile: lieve infiltrazione periportale
di linfo-istiociti, da lieve a moderata epatite lobulare linfo-istiocitica con occasionali
aggregati di linfociti, macrofagi e neutrofili. In due casi si è osservata iperplasia delle
cellule di Kuppfer, mentre in 3 casi apoptosi degli epatociti (Lepidi e coll., 2000).
I polmoni di un paziente mostravano segni di infiammazione, caratterizzati da lieve
infiltrazione linfatica associata ad edema ed emorragie intra-alveolari.
In due pazienti, la causa della morte era correlata alla presenza di infezioni
secondarie che avevano provocato esofagiti ulcerative sostenute in un caso da
Candida spp. e nell’altro dal virus Herpes simplex, associato ad una concomitante
nfezione da Cryptococcus spp. (Lepidi e coll., 2000).
Gli stessi autori riportano anche i rilievi anatomopatologici di 6 cavalli e di un agnello
di 9 mesi infettati sperimentalmente.
L’analisi dei tessuti ottenuti dai cavalli, soppressi nella fase acuta della malattia,
rivelava che l’infezione si era instaurata in maniera diffusa in ogni animale, in molti
organi erano presenti lesioni infiammatorie. Le milze mostravano deplezione linfoide
e congestione nella polpa rossa con la presenza di molti macrofagi. Nei linfonodi era
presente iperplasia paracorticale. Il midollo osseo era da normo a ipercellulare con
normale maturazione della linea emopoietica. Le lesioni polmonari variavano da una
lieve infiltrazione linfatica perivascolare a situazioni di edema delle pareti alveolari
con infiltrazione di linfociti e macrofagi. Un cavallo ha presentato un quadro più
grave caratterizzato da necrosi alveolare focale, fibrina intra-alveolare, essudato di
cellule infiammatorie e polmonite interstiziale. A livello epatico i rilievo variavano da
lievi infiltrazioni periportali di cellule mononucleate ad epatite lobulare con aggregati
117
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
di macrofagi e neutrofili all’interno dei sinusoidi e focolai di apoptosi associati a
piccole lesioni infiammatorie. In due cavalli, in cui furono esaminati muscoli e tendini
degli arti, è stata segnalata una vasculite con intensa infiltrazione infiammatoria
perivascolare; questa condizione però non è stata riscontrata in altri tessuti. Il rene
di un cavallo presentava infiltrazioni interstiziali di cellule mononucleate e rari
neutrofili.
Alla necroscopia di un altro cavallo morto a seguito di infezione sperimentale con un
ceppo svedese sono state segnalate petecchie diffuse, ecchimosi ed emorragie
intratoraciche. All’esame microscopico si rilevarono vasculiti necrotizzanti e trombosi
ialine, con infiltrazione periva scolare di cellule mononucleate. Nel fegato sono stati
evidenziati aggregati di cellule infiammatorie nei sinusoidi e apoptosi degli epatociti.
Le modificazioni vascolari, in questo caso clinico, erano correlate ad uno stato di
CID, situazione che è stata segnalata anche nell’uomo (Bakken e Dumler, 2008).
L’agnello infettato sperimentalmente da Lepidi e coll., (2000) ha manifestato al
quinto giorno una temperatura corporea di 41,6°C. L ’esame microscopico dello
striscio di sangue mostrava che il 56% dei neutrofili conteneva inclusi. L’esame della
milza evidenziava una lieve diminuzione delle cellule linfoidi con incremento di
macrofagi e neutrofili nei sinusoidi splenici. Nei linfonodi era presente iperplasia
paracorticale. Il fegato era caratterizzato da lieve infiltrazione linfocitica periportale e
piccoli aggregati macrofagici con adiacente apoptosi degli epatociti. Il polmone
presentava solamente una lieve infiltrazione perivascolare di tipo mononucleare.
L’analisi immunologica degli strisci ha permesso di identificare che il 95% delle
cellule infette nei tessuti erano neutrofili maturi. La caratteristica morula era
individuabile all’interno delle cellule. Circa il 90% dei neutrofili infetti era presente nel
lume dei vasi, principalmente nei sinusoidi della polpa rossa di un uomo, dei cavalli
e della pecora (Lepidi e coll., 2000).
Raramente i granulociti infetti sono stati riscontrati nei sinusoidi epatici, nel midollo
osseo o nei reni.
Gran parte degli aggregati presenti negli organi scarseggiavano in neutrofili. Le
morule non sono state riscontrate negli infiltrate perivascolari o nei focolai di
vasculite a livello di tendini e muscoli dei cavalli esaminati (Levine e coll., 2000).
Si è ipotizzato che il danno tissutale derivi dalla liberazione di sostanze da parte dei
neutrofili infetti o attraverso l’induzione di attività procoagulante da parte dei
monociti (Behl e coll., 2000). L’attivazione dei macrofagi nell’uomo è evidenziata
dall’aumento di ferritina, IL-10, IL-12 p70 e IFN-ɣ nel siero, come anche l’evidenza di
emofagociti (Dumler e coll., 2007).
3.8 ASPETTI ZOONOSICI
La prima segnalazione di anaplasmosi nell’uomo risale al 1994 sebbene
inizialmente tale infezione fosse stata identificata come erlichisi granulocitica (HGE)
(Chen e coll., 1994). Prima di allora si pensava che la malattia fosse limitata agli
animali domestici e ai serbatoi selvatici (Ogden e coll., 1998a,b). La scoperta che
l’agente causale di questa infezione fosse correlato a TBF e erlichiosi granulocitica
equina(ora EGA), ha stimolato l’interesse scientifico verso questo agente eziologico,
portando nuove informazioni biologiche e patogenetiche (Woldehiwet, 2010).
118
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
Infezioni nell’uomo da A. phagocytophilum sono state segnalate inizialmente nella
parte nord orientale e alto medio occidente degli Stati Uniti (Dumler, 1997).
Successivamente è stata ritrovata anche in altre parte degli USA (Foley e coll.,
1999) e in Europa (Lotric-Furlan e coll., 1998).
La scoperta di Dumler e coll. (2001) ha permesso di identificare A. phagocytophilum
come unico agente e di individuare le diverse varianti responsabili della malattia
negli animali.
Il ceppo umano che provoca HGA negli USA e in parte dell’Europa è differente da
quello che causa l’infezione nei ruminanti. Tentativi di infezione sperimentale nel
bovino utilizzando la variante umana non hanno avuto successo (Pusterla e coll.,
2001).
In Europa le prime segnalazioni sierologiche di infezione risalgono al 1995 in
Svizzera e Regno Unito (Bronqui e coll., 1995; Sumption e coll., 1995), dopo queste
prime segnalazione ne sono seguite altre da altre parti dell’Europa: in Germania
(Fingerle e coll., 1997); in Danimarca (Lebech e coll., 1998); in Svizzera (Pusterla e
coll., 1998b); in Svezia (Bjoersdorff e coll., 1999).
Negli USA l’epidemiologia dell’anaplasmosi umana è simile a quella della malattia di
Lyme: i fattori di rischio comuni sono le punture di zecca ma anche il contatto con
carcasse di animali infetti, come nel caso dei cacciatori o dei macellai di ruminati
selvatici (Bakken e coll., 1996a; 1999; Comer e coll., 1999). La trasmissione per via
trasfusionale è possibile, come anche è stata dimostrata l’infezione transplacentare
(McQuiston e coll., 2000; Kalantarpour e coll., 2000).
Il CDC di Atlanta ha registrato più di 2.900 casi di anaplasmosi umana negli USA dal
1994 al 2005, con un’incidenza annuale stimata attorno a 1,6 casi per milione negli
USA. Tra i vari stati l’incidenza maggiore si registra nel Wisconsin (24-58
casi/100.000 abitanti), seguito da Connecticut (14-16 casi ogni 100 mila abitanti) e
stato di New York (2,7/100.000) (Ismail e coll., 2011).
Negli ultimi anni diversi casi di HGA sono stati segnalati in Europa. Il primo caso è
stato diagnosticato in Slovenia (Petrovec e coll., 1997). Dopo questo altre
segnalazioni provengono dallo stesso paese (Lotric-Furlan e coll., 1998) e da altri
stati europei: Croazia (Misic-Majerus e coll., 2000); Spagna (Oteo e coll., 2000);
Scandinavia (Karlsson e coll., 2001); Norvegia (Kristensen e coll., 2001); Polonia
(Tylewska-Wierzbanowska e coll., 2001); Paesi Bassi (van Dobbenburgh e coll.,
1999).
La sorveglianza siero-epidemiologica effettuata in Europa ha mostrato valori di
prevalenza compresi tra 1,5 e 21% nei soggetti esposti a punture di zecca. Nello
specifico, secondo quanto raccolto nello studio di Blanco e Oteo (2002),
relativamente ai dati Europei, in Bulgaria si è riscontrata una prevalenza del 9,7%
(Christova e Dumler, 1999); in Danimarca valori compresi tra 3,8 e 21% (Lebech e
coll., 1998; Skarphedinsson e coll., 2001); in Francia il range va da 1,6 a 17%
(Brouqui, 1999); in Germania si riportano valori tra 11,4 e 14% (Fingerle e coll.,
1997); in Ungheria 12,5% (Bronqui, 1999); in Norvegia il 10,2% (Bakken e coll.,
1996); in Slovenia 15,4% (Petrovec e coll., 1999; Cizman e coll., 2000); in Spagna
1,9-2,3% (Oteo e coll., 2001); in Svizzera valori dal 7,4 al 17,1% (Pusterla e coll.,
1999; Bronqui e coll., 1995); in Svezia 8,1-11,5% (Dumler e coll., 1997; Bjoersdorff
e coll., 1999a).
Recenti studi di sorveglianza epidemiologica o segnalazioni di casi di anaplasmosi
in Europa riportano un dato di prevalenza del 31% in Belgio (Cochez e coll., 2011) e
119
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
una prevalenza del 7% in Slovacchia (Kalinova e coll., 2009); una prima
segnalazione della malattia in Austria (Vogl e coll., 2009) e in Grecia (Chochlakis e
coll., 2009b) e a Cipro (Psaroulaki e coll., 2009).
Le caratteristiche anagrafiche dei pazienti affetti da HGA negli USA sono: età media
51 anni, più del 95% dei soggetti positivi è di razza caucasica con una leggera
predominanza dei maschi rispetto alle femmine (Demma e coll., 2006). I casi si
verificano durante tutto l’anno con un picco in giugno e luglio, riflettendo
probabilmente l’importanza delle ninfe nella trasmissione della malattia (Ismail e
coll., 2011).
In Europa l’età media dei soggetti colpiti è di 38 anni; anche nel nostro continente
c’è una leggera predominanza dei maschi sulle femmine. Il picco di infezione in
Europa va da giugno ad agosto, periodo di massima attività dei vettori (Blanco e
Oteo, 2002).
Dopo l’infezione pochi soggetti manifestano la forma clinica e sembra che i casi
europei siano meno gravi di quelli statunitensi. La malattia si manifesta con sintomi
simil influenzali: febbre, mialgia, artralgia e mal di testa. Si possono riscontrare
anche segni di congiuntivite e linfadenopatia (Lotric-Furlan e coll., 1998; Arnez e
coll., 2001; Bakken e Dumler, 2000; Karlsson e coll., 2001; Laferl e coll., 1999).
Possono presentarsi tosse o polmonite e presenza di infiltrati a livello polmonare
(Karlsson e coll., 2001). Sono stati segnalati anche sintomi gastrointestinali come
diarrea, vomito e dolore addominale (Lotric-Furlan e coll., 1998; Arnez e coll., 2001;
Petrovec e coll., 1997; van Dobbenburgh e coll., 1999; Oteo e coll., 2000).
Occasionalmente sono segnalate anche epatomegalia e splenomegalia (TylewskaWierzbanowska e coll., 2001; Laferl e coll., 1999). In rari casi è segnalato anche
rash cutaneo (Bakken e Dumler, 2000; Bakken e coll., 1996b; Aguero-Rosenfeld e
coll., 1996); in Europa questa sintomatologia è stata segnalata in due soli casi
(Karlsson e coll., 2001). Sintomi a carico del sistema nervoso centrale sono stati
segnalati solo nell’1% dei casi americani (Horowitz e coll., 1996; Dumler e coll.,
2007); sono descritti anche sintomi nervosi periferici in alcuni pazienti: dolore al
plesso brachiale, paralisi dei nervi craniali e facciali, polineuropatia demielinizzante
(Dumler e coll., 2001; 2007; Horowitz e coll., 1996). Il recupero delle funzioni
nervose può durare anche diversi mesi (Ismail e coll., 2011). La sintomatologia
nervosa può essere dovuta a complicazioni o a infezioni concomitanti, come ad
esempio la malattia di Lyme. L’esame del liquido cerebro-spinale viene effettuato
raramente, ma le alterazioni segnalate comprendono pleiocitosi linfocitica e
aumento della concentrazione proteica (Walker e Raoult, 2005; Horowitz e coll.,
1996; Dumler e coll., 2007). In Europa non sono segnalati casi di meningite o di
liquor patologico (Blanco e Oteo, 2002).
I casi europei hanno in genere esito favorevole (Blanco e Oteo, 2002). Negli USA la
mortalità stimata e di 0-5% (Bakken e coll., 1994; Comer e coll., 1999; Bakken e
coll., 1996b; Aguero-Rosenfeld e coll., 1996; Wallace e coll., 1998). Molti casi di
morte sono associati ad infezioni secondarie dovute allo stato di
immunodepressione, a seguito della neutropenia, o a malattie latenti (Bakken e coll.,
1994; Aguero-Rosenfeld e coll., 1996; Jahangir e coll., 1998). I casi ospedalizzati in
America sono compresi tra 8,7 e 56% (Bakken e coll., 1996b; 1999; AgueroRosenfeld e coll., 1996; Horowitz e coll., 1998b), nei casi europei riportati in
letteratura quasi tutti i pazienti (80%) risultavano ospedalizzati (Blanco e Oteo,
2002). Le complicazioni segnalate sono: sindrome septica con CID (Bakken e coll.,
120
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
1994), sindrome respiratoria (Bjoersdorff e coll., 1999a; Wong e Grady, 1996),
neuropatie periferiche (Bakken e coll., 1998a; Horowitz e coll., 1996), vertigini
(Lotric-Furlan e coll.,1998; Tylewska-Wierzbanowska e coll., 2001), pancarditi
(Jahangir e coll., 1998), essudazione e tamponamento pericardico (Goodman e
coll., 1996), rabdomiolisi (van Dobbenburgh e coll., 1999) e gravi infezioni
nosocomiali (Bakken e coll., 1994; Aguero-Rosenfeld e coll., 1996; Jahangir e coll.,
1998). Non sono segnalati casi di infezione cronica e un caso di reinfezione è stato
descritto in USA (Horowitz e coll., 1998b).
3.9 DIAGNOSI
L’anaplasmosi è una malattia con andamento stagionale, in relazione
principalmente all’attività dei vettori. La diagnosi viene effettuata principalmente in
base ad anamnesi, segni clinici e rilievi di laboratorio di tipo ematologico e chimico. I
test sierologici possono aiutare nella conferma diagnostica, la diagnosi definitiva
può essere emessa in seguito ad indagine molecolare (Greig e Armstrong, 2005).
3.9.1 EMATOLOGIA
La microscopia ottica degli strisci di sangue intero o di buffy coat colorati con la
tecnica Giemsa permette di individuare le morule all’interno dei granulociti.
Solitamente nell’uomo si osservano 800-1.000 granulociti per vetrino (AgueroRosenfeld e coll., 1996; Bakken e coll., 1996; Aguero-Rosenfeld, 2002). In genere i
pazienti presentano meno dell’1% dei granulociti infetti e solitamente hanno
leucopenia; per questo motivo l’utilizzo del buffy coat permette una maggiore
attendibilità della diagnosi. Sono stati segnalati livelli di infezione del 40% nei
granulociti circolanti (Bakken e coll., 1994). La sensibilità dell’esame del buffy coat
nella fase acuta della malattia è del 60% (Bakken e coll., 2001). Quando presenti, le
morule appaiono basofiliche o anfifiliche e si riscontrano nei neutrofili e negli
eosinofili (Olano e Aguero-Rosenfeld, 2007). Sempre nell’uomo a livello sierologico
può essere presente un aumento di creatinina, lattato-deidrogenasi, creatinfosfochinasi, amilasi e anomalie elettrolitiche come ipocalcemia, ipomagnesiemia
ipofosfatemia, aumento del tempo di protrombina, aumento di prodotti di
degradazione della fibrina, acidosi metabolica, CID, danno renale ed epatico,
disfunzioni miocardiche (Bakken e Dumler, 2004; Dumler, 2005; Dumler e coll.,
2007).
Nel cane, escludendo le morule, riscontrate in concentrazioni variabili nei neutrofili
(7-32%) (Greig e coll., 1996b; Egenvall e coll., 1997; Poitout e coll., 2005), i rilievi di
laboratorio più importanti sono trombocitopenia, presente nell’80% dei casi,
linfopenia (90%), eosinopenia, moderata anemia non rigenerativa normocromica e
normocitica (Egenvall e coll., 1997; Pusterla e coll., 1997; Gray, 1999). Alcuni cani
possono presentare ipoalbuminemia, aumento dell’ALP, proteinuria e aumento
dell’attività amilasica (Egenvall e coll., 1997; Gray, 1999).
Nei ruminanti la diagnosi si fa solitamente con l’esame microscopico, benché non
sia molto sensibile. In caso di esito negativo si ricorre ad ulteriori indagini
121
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
sierologiche o molecolari (Garippa e coll., 2010).
Nel cavallo se si sospetta l’anaplasmosi la diagnosi viene effettuata ricercando le
morule. Si osservano gli strisci di sangue intero o di buffy coat. Il numero delle
cellule infette varia da 1% all’inizio dell’infezione, a 20-50% tra il giorno 3 e il giorno
5 di infezione. Per considerare un soggetto positivo è necessario vedere più di 3
inclusioni cellulari (Pusterla e Madigan, 2007).
3.9.2 SIEROLOGIA
L’analisi sierologica viene generalmente eseguita attraverso la metodica IFAT. A.
phagocytophilum è una specie che comprende diverse varianti. Inizialmente gli
antigeni utilizzati per allestire i vetrini provenivano da infezioni sperimentali negli
animali eseguite con le varianti del cavallo e dei ruminanti (Bakken e coll., 1994;
Dumler e coll., 1995; Madigan e coll., 1995). Per la diagnosi nell’uomo, ora si
preferisce usare ceppi di anaplasma isolati dall’uomo e coltivati su linee cellulari HL60 (Aguero-Rosenfeld e coll., 2000; Comer e coll., 1999; IJdo e coll., 1997; Ravyn e
coll., 1998).
I sieri dovrebbero essere testati ad una sola diluizione (1:64 o 1:80) e la presenza di
anticorpi determinata dopo incubazione con coniugato di fluoresceina istiocianato
anti IgG/IgM umane. Se il primo screening risulta positivo, si procede poi con
diluizioni per eseguire la titolazione. Una conferma sierologica di infezione si
raggiunge quando si dimostra un aumento del titolo nel periodo di convalescenza o
quando un soggetto con titolo ≥ 80 manifesta sintomatologia clinica tipica di HGA
(Aguero-Rosenfeld e coll., 1996; Bakken e coll., 1996). Nelle aree endemiche circa
11-14% della popolazione presenta anticorpi, quindi il solo rilevamento di positività
potrebbe non essere un dato importante (Aguero-Rosenfeld e coll., 2002; Bakken e
coll., 1998b). Il rilievo tipico in corso di infezione acuta è un rapido aumento del titolo
anticorpale nell’arco di 2 settimane, che raggiunge livelli ≥640 entro il primo mese
(Aguero-Rosenfeld e coll., 2000). Molti pazienti presentano un titolo anticorpale
individuabile per mesi o anni (Bakken e coll., 2001).
Sensibilità e specificità dell’immunofluorescenza sono alte, dato che esiste una
buona correlazione tra sintomatologia clinica e reazione anticorpale (AgueroRosenfeld e coll., 1996; 2000; Bakken e coll., 1996). La ricerca di IgM è un buono
strumento per la diagnosi di infezioni recenti, sembra invece che la sensibilità nella
ricerca delle IgG non sia così alta (Walls e coll., 1999).
Altri test sierologici sono stati utilizzati nella diagnosi di HGA, come ad esempio
ELISA e immunoblot, ma non vengono comunque impiegati nell’analisi di routine
(Dumler e coll., 1995; Ravyn e coll., 1998). L’immunoblot può essere utilizzato per
differenziare tra A. phagocytophilum ed Ehrlichia chaffeensis, in quanto i due
antigeni hanno peso molecolare diverso, 44 kDa e 28-29 kDa rispettivamente
(Dumler e coll., 1995; IJdo e coll., 1997; Wong e coll., 1997). All’esame IFAT si
registra cross-reattività tra queste due specie, testando però i sieri con entrambi gli
antigeni, spesso si rileva un titolo anticorpale maggiore per l’agente infettante
omologo (Aguero-Rosenfeld e coll., 1996; Walls e coll., 1999).
Reazioni falsamente positive sono state segnalate in pazienti con altre infezioni da
rickettsiaceae, febbre Q e virus Epstein-Barr. Molti pazienti positivi per HGA
sviluppano anticorpi che reagiscono anche verso B. burgdorferi ai test ELISA e
122
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
immunoblot (Wormser e coll., 1997). In alcuni casi questo rinvenimento è stato
associato a infezioni concomitanti da parte dei due agenti (Nadelman e coll., 1997;
Wong e coll., 1997). Questo scenario si presenta comunque frequentemente in
persone che vivono in aree molto endemiche (Magnarelli e coll., 1995; Bakken e
coll., 1998b).
Anche nel cane la diagnosi sierologica viene effettuata con tecnica IFAT. Gli
anticorpi IgG sono rilevabili 8 giorni dopo l’esposizione iniziale, 2-5 giorni dopo la
comparsa delel morule. Durante le fasi acute della malattia però gli anticorpi
potrebbero essere inapparenti. Siccome la positività sierologica può riflettere
esposizioni precedenti, durante la convalescenza è opportuno valutare l’andamento
del titolo anticorpale. Gli anticorpi nel sangue dei cani possono rimanere presenti
per diversi mesi e fino anche a un anno dopo la guarigione (Egenvall., 1997; 2000;
Poitout e coll., 2005).
Un ELISA polivalente che utilizza l’antigene p44 ricombinante è stato messo a punto
per testare i sieri di cani e cavalli. La positività sierologica non implica che la causa
della malattia del cane testato sia l’anaplasmosi, data la permanenza a lungo degli
anticorpi, inoltre risultati negativi all’IFAT e all’ELISA possono verificarsi anche in
cani con la forma acuta, a seguito del ritardo nella produzione di anticorpi in
relazione alla comparsa dei segni clinici (Carrade e coll., 2011).
Cross-reattività sierologica può esitare tra le diverse specie di Anaplasma.
Utilizzando anticorpi monoclonali che reagiscono con la proteina di superficie Msp5,
una cross-reattività del 100% è stata riscontrata tra A. phagocytophilum e A.
marginale utilizzando un ELISA indiretto, ma tale evenienza non si è riscontrata
utilizzando invece un ELISA competitivo (Strik e coll., 2007). Anche cani positivi per
A. platys reagiscono positivamente ai test per A. phagocytophilum, compresi quelli
che utilizzano l’antigene Msp2 (Bowman e coll., 2009). Cross-reattività è segnalata
anche tra A. phagocytophilum ed E. canis, ma non è molto frequente (Poitout e coll.,
2005; Plier e coll., 2009; Breitschwerdt e coll., 1999).
L’immunofluorescenza indiretta può essere effettuata anche sul siero di cavallo;
sono disponibili anche kit commerciali (Passamonti e coll., 2010).
A seguito di casi di aborto, l’infezione nei greggi o nelle mandrie di bovini può
essere identificata dall’aumento del titolo anticorpale attraverso la fissazione del
complemento (Woldehiwet e Scott., 1982d), l’immunoelettroforesi “counter-current”
(Webster e Mitchell, 1988), l’immunofluorecenza indiretta (Paxton e Scott, 1989;
Woldehiwet e Horrocks, 2005) o l’ELISA (Woldehiwet e Horrocks, 2005). E’
disponibile anche un kit commerciale ELISA competitivo, che ricerca gli anticorpi
specifici nei confronti della proteina Msp5 (Knowles e coll., 1996).
3.9.3 BIOLOGIA MOLECOLARE
Molti protocolli di PCR sono stati messi a punto per il rilevamento del DNA di A.
phagocytophilum (Edelman e Dumler, 1996; Massung e Slater, 2003; Sumner e
coll., 1997). La regione più analizzata è il 16S rRNA, in quanto relativamente
specifica come target per l’amplificazione. In genere si effettuano PCR tradizionali,
ma possono anche essere eseguite nested-PCR che permettono di amplificare
inizialmente il 16S rRNA degli eubatteri e successivamente, con primer specifici per
A. phagocytophilum, una regione più interna (Standaert e coll., 1995; Massung e
123
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
Slater, 2003).
Nella fase acuta della malattia è utile anche l’analisi del gene GroESL utilizzando la
nested-PCR. La lunghezza del prodotto di amplificazione varia tra le specie A.
phagocytophilum e E. chaffeensis, rispettivamente 480 e 528bp (Sumner e coll.,
1997). La sensibilità e specificità ottenute con diversi set di primer sono state
valutate da Massung e Slater (2003) utilizzando diluizioni seriali di DNA estratto da
linee HL-60 infettate con A. phagocytophilum. La specificità è stata confrontata
utilizzando il DNA estratto da colture di E. chaffeensis, Rickettsia rickettsii e
Bartonella henselae. I primer che hanno portato i migliori risultati sono quelli che
amplificano il 16S rRNA e quelli per il gene Msp2.
Più recentemente sono stati messi a punto anche dei protocolli di multiplex PCR per
evidenziare Ehrlichia e Anaplasma spp contemporaneamente utilizzando la realtime PCR (Courtney e Massung, 2003) e la real-time retro trascritta (Sirigireddy e
Ganta, 2005). Quest’ultimo tipo di analisi ha una sensibilità tale da permettere il
rinvenimento di 100 molecole di 16s rRNA, corrispondenti a una cellula infetta per
campione. Un altro approccio utilizzando la real time PCR è di tipo quantitativo.
Drazenovich e coll. (2006) hanno messo a punto un protocollo di TaqMan-PCR
utilizzando come target il gene Msp2, molto sensibile e specifico per i diversi ceppi
di A. phagocytophilum. Questo tipo d analisi si è dimostrata essere più sensibile
rispetto alla nested-PCR eseguita sul 16S rRNA. La specificità è stata testata su
differenti ceppi di Anaplasma isolati da varie specie animali e in diversi paesi e su
altri batteri più o meno correlati ad A. phagocytophilum (Drazenovich e coll., 2006).
Negli ultimi anni l’interesse per la variabilità genetica di questo patogeno è
aumentato notevolmente. Le diverse varianti mostrano differenze nei vettori, nel
tropismo d’ospite, nella patogenicità e nella distribuzione geografica (Massung e
coll., 2002a; Stuen e coll., 2002; Carpi e coll., 2009). Per questo motivo diversi geni
sono studiati per caratterizzare queste varianti, come ad esempio i geni per la
regione 23S-5S rRNA (Massung e coll., 2002a), 16S rRNA (Silaghi e coll., 2011a,b),
quelli per le proteine msp2 (Morissette e coll., 2009) e msp4 (de la Fuente e coll.,
2005); i geni groEL, ankA, gltA (Carpi e coll., 2009; Shukla e coll., 2007).
3.9.4 COLTURE CELLULARI
A. phagocytophilum può essere coltivato in vitro con successo su diverse linee
cellulari.
La coltivazione di ceppi umani ad ora è stata effettuata solamente negli USA. Non
sono ancora stati descritti isolati umani in Europa o Asia (Olano e AgueroRosenfeld, 2007). Negli USA ceppi da uomo, cavalli e cani sono stati isolati su HL60 e su ISE6 e IDE8 (Goodman e coll., 1996; Munderloh e coll., 1996; 1999;
Horowitz e coll., 1998) e il ceppo Ap-V1 è stato isolato su cellule ISE6 e HL-60 sia
da pecore infettate sperimentalmente che da zecche I. scapularis raccolte su cervi
dalla coda bianca (Massung e coll., 2007).
In Europa sono stati coltivati dei ceppi isolati da cavalli su cellule HL-60 (Bjoersdorff
e coll., 2002), da pecore su cellule ISE6 e IDE8 (Woldehiwet e coll., 2002;
Woldehiwet e Horrocks, 2005) e da caprioli sempre su IDE8 (Silaghi e coll., 2011b).
Lo scopo di ottenere colture in vitro può essere quello di produrre antigeni omologhi
da impiegare nell’allestimento di test sierologici con IFAT o ELISA (Woldehiwet e
124
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
Horrocks, 2005); studiare la variabilità genetica dei ceppi isolati (Bjoersdorff e coll.,
2002) e studiare i meccanismi patogenetici alla base delle infezioni sostenuta da A.
phagocytophilum.
3.10 TERAPIA
Il batterio A. phagocytophilum è sensible ad un gran numero di antibiotici:
doxyciclina, rifampicina, fluorochinoloni (ciprofloxacin, ofloxacin, levofloxacin e
trovafloxacin). mentre è resistente a clindamicina, trimetoprim-sulfametazolo,
imipenem-cilastatina, ampicillina, amoxicillina, eritromicina, claritromicina,
ceftriaxone, e azitromicina (Klein e coll., 1997b; Horowitz e coll., 2001), sebbene un
esito favorevole si sia ottenuto con l’ azitromicina (Lotric-Furlan e coll., 1998).
Cloramfenicolo e gentamicina hanno una scarsa attività inibitoria nei confronti di
questo batterio (Klein e coll., 1997).
Uomo: la terapia d’elezione è costituita dalla doxyciclina alla dose di 100 mg BID
per 7-10 giorni. Nel caso di sensibilità verso questa molecola sono consigliate
rifampicina e chinoloni. La rifampicina può essere utilizzata nelle donne in
gravidanza. I sintomi regrediscono generalmente nell’arco di 24-48 ore dall’inizio
della terapia (Bakken e coll., 1996; Aguero-Rosenfeld e coll., 1996).
Cane-gatto: anche nel cane le tetracicline sono i farmaci d’elezione. Per i cuccioli di
età inferiore ad un anno si può utilizzare il cloramfenicolo per prevenire
l’ingiallimento dei denti. La posologia prevede 5-10 mg/kg PO una o due volte al
giorno per 10 giorni di doxyciclina oppure 22 mg/kg ogni 8 ore per 14-21 giorni di
tetraciclina (Greig e Armstrong, 2005). Molti cani presentano un miglioramento
clinico in 24-48 ore, ma alcuni proprietari segnalano occasionalmente che sono
risultati necessari mesi o anni per avere la risoluzione completa dei sintomi (Greig e
coll., 1996; Egenvall e coll, 2000). Importante è anche il controllo di infezioni
concomitanti, per aumentare l’efficacia della terapia con tetracicline (Greig e
Armstrong, 2006).
Cavallo: la terapia descritta nel cavallo prevede l’utilizzo di ossitetraciclina alla dose
di 7 mg/kg una volta al giorno per 5-7 giorni. Un rapido miglioramento clinico, il
ritorno dell’appetito e l’abbassamento della febbre vengono segnalati nel giro di 12
ore dal trattamento. L’atassia può permanere per 2-3 giorni e l’edema agli arti per
più tempo. Nei casi più gravi sono consigliate terapie di supporto come fluido
terapia, bendaggio degli arti e ricovero in box per prevenire traumi conseguenti alle
difficoltà motorie (Pusterla e Madigan, 2007). Negli animali in cui atassia e edemi
sono particolarmente gravi è consigliata la somministrazione di desametasone alla
dose di 20 mg per 2-3 giorni (Otranto e Traversa, 2010).
Ruminanti: la terapia raramente è necessaria (Garippa, 2010) ma può avere una
buona efficacia se utilizzata in maniera strategica (Brodie e coll., 1986; Watt e coll.,
1968). Negli agnelli per ridurre morbilità e mortalità dovuta alla piemia da zecche si
utilizzano formulazioni di tetracicline long-acting (Watt e coll., 1968).
125
Capitolo 3
Anaplasmosi da A. phagocytophilum
3.11 PROFILASSI
Come per le altre malattie trasmesse da zecche, nell’uomo la profilassi diretta
consigliata è quella di evitare zone a rischio di infezione e aree contamiante da
zecche dalla primavera all’autunno, o nel caso di frequentazione di luoghi a rischio,
utilizzare prodotti repellenti e indossare un abbigliamento atto a prevenire l’attacco
da parte delle zecche (Parola e Raoult, 2001a,b; Oteo e coll., 2001a). Inoltre si può
effettuare una terapia profilattica con doxyciclina e tetraciclina prima di andare in
regioni endemiche (Greig e Armstrong, 2006).
Siccome il patogeno viene trasmesso nelle prime ore del pasto di sangue, la
rimozione precoce della zecca non esclude l’infezione (des Vignes e coll., 2001).
Anche per gli animali la profilassi prevede di limitare le infestazioni da zecche
utilizzando prodotti acarici e repellenti e rimuovendo tempestivamente le zecche
(Carrade e coll., 2009).
Non sono ancora stati allestiti vaccini attivi contro A. phagocytophilum. Lo sviluppo
di vaccini attivi contro batteri intracellulari richiede l’identificazione di componenti
batteriche necessarie per determinare l’immunità protettiva (Woldehiwet, 2006).
126
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
4
BORRELIOSI DI LYME
127
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
4.1 CENNI STORICI
La borreliosi di Lyme (LB), o malattia di Lyme, è una malattia dell’uomo e degli
animali causata dalla spirocheta Borrelia burgdorferi, che è trasmessa da zecche
del complesso Ixodes. Sebbene la diagnosi di LB sia abbastanza recente, si ritiene
che le prime segnalazioni della malattia risalgano al 1883 e ai primi anni del 1900
quando furono riportati in Scandinavia casi di acrodermatite cronica atrofica (ACA),
che rappresenta il terzo stadio della malattia (Buchwald, 1883; Herxheimer e
Hartmann, 1902; Weber, 1993; Aguero-Rosenfeld e coll., 2005). Alcuni anni dopo
Afzelius (1921) descrisse un eritema migrante, ora conosciuto come il primo stadio
della malattia, come un rash cutaneo diffusivo in pazienti colpiti dal morso di una
zecca delle pecore. Nel 1913 Lipschütz chiamò questa manifestazione cutanea
eritema cronico migrante (ECM), un termine tuttora utilizzato. Nel 1930 Hellerstrom
associò sintomi neurologici alla forma cutanea. Lennhoff nel 1948 e Thyresson nel
1949 sospettarono che la malattia potesse avere un’eziologia batterica e
utilizzarono la penicillina nel trattamento di eritema e acrodermatite.
La prima reale descrizione del patogeno risale però alla fine degli anni 70, negli
USA, in seguito ad un’epidemia umana di artriti reumatoidi e rash cutanei verificatasi
in tre contee contigue: Lyme, Old Lyme (da cui il nome della malattia) e Haddam Est
in Connecticut (Steere e coll., 1977b; 1989; 2006). Le indagini eseguite in seguito a
questa epidemia permisero di scoprirne l’eziologia batterica (Steere e coll., 1977a;
Burgdorfer e coll., 1982; Bacon e coll., 2008). Nel 1982 Burgdorfer isolò l’agente
eziologico dall’intestino della zecca I. scapularis e gli conferì il nome Borrelia
burgdorferi. Successivamente il batterio è stato ritrovato in biopsie cutanee, liquido
cerebrospinale o in campioni di sangue di pazienti ammalati sia negli Stati Uniti
(Benach e coll., 1983; Steere e coll., 1983) che in Europa (Preac-Mursic e coll.,
1984; Ackermann e coll., 1984; Asbrink e Hovmark, 1985). Negli USA il CDC di
Atlanta (Center for Disease Control and Prevention) diede inizio ad un piano di
sorveglianza per la malattia di Lyme nel 1982 e il Consiglio degli Epidemiologisti di
Stato e del Territorio dichiarò tale malattia denunciabile nel 1990 (Aguero-Rosenfeld
e coll., 2005).
Studi successivi hanno suddiviso la specie B. burdorferi in 3 genospecie patogene
per l’uomo quali B. burdorferi sensu stricto, B. afzelii e B. garinii (Baranton e coll.,
1992), oltre ad altre genospecie poco o non patogene: B. andersoni (Marconi e coll.,
1995), B. bisettii (Rudenko e coll., 2008), B. japonica (Kawabata e coll., 1993), B.
lusitanae (Le Fleche e coll., 1997), B. tanukii, B. turdi (Fukunaga e coll., 1996), B.
sinica (Masuzawa e coll., 2001), B. spielmanii (Richter e coll., 2006), B. valaisiana
(Wang e coll., 1997), B. californiensis (Postic e coll., 2007), B. carolinensis
(Rudenko e coll., 2009b) e B. americana (Rudenko e coll., 2009b), B. yangtze (Chu
e coll. 2008), B. bavariensis (Margos e coll., 2009) e B. kurtenbachii (Margos e coll.,
2010), oltre alla Genomospecie 2 (Postic e coll., 2007).
In Nord America l’unica specie che causa malattia nell’uomo è B. burgdorferi s.s.,
mentre in Europa in corso di malattia sono state isolate tutte 3 le specie patogene.
Tra gli isolati cutanei europei c’è una discreta prevalenza di B. afzelii, mentre nel
liquor generalmente prevale B. garinii (Canica e coll., 1993; Wilske e coll., 1993;
Eiffert e coll., 1995). Studi effettuati sul gene ospA dimostrano che le varianti che
128
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
causano la forma artritica sono eterogenei e non limitati a B. burgdorferi s.s. (Eiffert
e coll., 1998; Vasiliu e coll., 1998).
La malattia di Lyme è la più diffusa malattia da artropodi degli USA e rappresenta un
importante problema di Sanità Pubblica. La malattia di Lyme è ampiamente diffusa
in Europa e segnalata anche nella Russia orientale e nei paesi asiatci (Hubalek e
Halouzka, 1997; Saint Giron e coll., 1998; Wang e coll., 1999). In Europa è stata
inizialmente segnalata in Germania, Svizzera, Austria, Paesi Bassi, Belgio, Irlanda,
Svezia, Finlandia, Croazia, Slovenia, Francia, ma è stata descritta anche in Italia,
Slovacchia, Russia europea, con dati di prevalenza inferiore (Hubalek e Halouzka,
1997). Questi autori tuttavia segnalano che potenzialmente la malattia potrebbe
essere presente in tutto il continente, data la diffusione del suo vettore Ixodes
ricinus.
Negli ultimi vent’anni sono stati fatti notevoli progressi nello studio della malattia di
Lyme, sia per quanto riguarda la conoscenza degli aspetti microbiologici (Barbour e
Hayes, 1986; Bergstrom e coll., 1991; Wang e coll., 2001; Rosa e coll., 2005), di
ecologia ed epidemiologia (Anderson, 1991; Burgdorfer e coll., 1991; Parola e
Raoult, 2001; Schwan, 1996; Schwan e Piesman, 2002), della patogenesi (Hu e
Klempner, 1997; Nordstrand e coll., 2000; Steere e Glickstein, 2004; Szczepanski e
Benach, 1991; Trevejo e coll., 1999), degli aspetti clinici (Nadelman e Wormser,
1998; Pfister e coll, 1994; Stanek e coll., 1996; Stanek e Strle, 2003; Steere, 1989;
2001; Wormser e coll., 2000) e della diagnosi di laboratorio (Barbour, 1988;
Schmidt, 1997; Bunikis e Barbour, 2002; Wilske e Preac-Mursic, 1993; Wilske,
2003; Wilske e Schriefer, 2003). Si stima che, nei soli Stati Uniti, si testino ogni anno
2,7 milioni di sieri per la ricerca di anticorpi specifici contro B. burgdorferi (Tugwelln
e coll., 1997).
L’interesse per questa malattia è aumentato anche in seguito alla pubblicità che ne
è stata fatta sia dalla stampa sia su internet, che ha creato quasi situazioni di isteria
riguardo i rischi e le complicazioni possibili. La pubblicità, unita ad un elevato
numero di diagnosi errate, ha provocato uno stato di ansietà nei confronti della
malattia di Lyme non commisurato alla reale azione patogena (Shapiro e Gerber,
2000).
Oltre all’uomo, la malattia può colpire frequentemente il cane nel quale la malattia è
stata segnalata per la prima volta negli anni ’80 in USA (Lissman e coll., 1984;
Kornblatt e coll., 1985; Magnarelli e coll., 1987) e solo più recentemente in Europa.
Segnalazioni provengono da Germania (Bauerfeind e coll., 1998), Paesi Bassi
(Jacobson e coll., 1996; Grauer e coll., 1998; Hovius e coll., 2000), Belgio
(McKenna e coll., 1995), Francia (Doby e coll., 1988; avoust e Boni, 1998), Regno
Unito (May e coll., 1991), Slovacchia (Stefancikova e coll., 1996) e Spagna
(Delgado e Carmenses, 1995).
Anche altri animali quali gatto, cavallo e bovino possono presentare segni clinici
(Magnarelli e coll., 1987; Steere, 1989; Parker e coll., 1992; Appel e coll., 1993;
Magnarelli e coll., 1998; 2000b; 2001). Negli animali selvatici invece la
sintomatologia si presenta raramente, suggerendo il raggiungimento di un equilibrio
ospite-parassita (Skotarczak, 2002).
129
Capitolo 4
4.2 CLASSIFICAZIONE
Borreliosi di Lyme
E
DESCRIZIONE
DELL’AGENTE
EZIOLOGICO
Regno: Bacteria
Phylum: Spirochaetes
Classe: Spirochaetia
Ordine: Spirochaetes
Famiglia: Spirochaetaceae
Specie: Borrelia burgdorferi sensu latu
Con il nome Borrelia burgdorferi s.l. sono definiti un gruppo di batteri Gram negativi,
di forma spirillare con molti endoflagelli, di lunghezza 10-30 µm e larghezza 0,2-0,25
(Barbour e Hayes, 1986). Questo gruppo è formato da diverse genospecie tra le
quali si distinguono quelle che determinano la malattia di Lyme negli animali e
nell’uomo. Questi batteri si presentano mobili in coltura e nei vetrini a fresco, la
visualizzazione di questa motilità è possibile attraverso il microscopio a campo
oscuro o a contrasto di fase. L’osservazione di questi batteri può essere fatta anche
al microscopio ottico tradizionale con colorazione Giemsa, dopo impregnazione
argentica del vetrino o con metodi di fluorescenza.
L’ultrastruttura batterica è costituita da uno strato esterno viscido, da una membrana
trilaminare esterna che circonda lo strato periplasmico, all’interno del quale sono
contenuti 7-11 flagelli periplasmici (o endoflagelli) e il cilindro protoplasmico (Hayes
e Burgdorfer, 1993). I flagelli si dipartono dalle estremità e si attorcigliano attorno al
cilindro protoplasmico al centro della cellula. Il cilindro protoplasmico è costituito da
uno strato di peptidoglicani e da una membraba interna che racchiude i componenti
interni della cellula (Wang e Schwartz, 2011). I flagelli hanno sia funzione
scheletrica che di movimento. L’inattivazione del gene che codifica per la proteina
del filamento flagellare maggiore (FlaB) esita nella perdita della motilità e in una
forma bastoncellare del batterio, anziché la classica spiralata (Motaleb e coll.,
2000). La composizione lipidica della membrana esterna e della cellula sono molto
simili, suggerendo che il maggior trasferimento di lipidi avviene tra il citoplasma e le
membrane esterne. Le membrane esterne costituiscono circa il 16,5% del peso
secco delle spirochete. Analisi chimiche rivelano una composizione per il 45,9%
proteica, il 50,8% lipidica e il 3,8% costituita da carboidrati (Coleman e coll.,1986).
La membrana periplasmica presenta un basso peso specifico (1,12 g/cm2) ma
un’alta percentuale di proteine (56%). Dato che in B. burgdorferi manca la capacità
di allungare gli acidi grassi a lunga catena, quando messi in coltura i batteri riflettono
la composizione lipidica del medium.
Le specie di Borrelia sono abitualmente coltivate nel terreno liquido BarbourStoenner-Kelly (BSK) II, in condizioni di microaerofilia ad una temperatura ottimale
di 30-34°C. I batteri crescono lentamente, dividend osi ogni 8-12 ore durante la fase
esponenziale. Ceppi adattati alla crescita in coltura possono raggiungere una densià
di 107-108 cellule per ml dopo 5-7 giorni di coltura (Preac-Mursic, 1991). B.
burgdorferi s.l. può essere coltivata anche su terreno BSK solidificato con 1,5% di
agarosio (Kurtti e coll., 1987). Le colonie vengono in genere osservate dopo 2-3
settimane di incubazione e presentano differenze morfologiche tra i diversi ceppi, ad
esempio colonie rotonde e compatte (diametro medio 0,43 µm) diffuse sulla
130
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
superficie agarizzata, colonie diffuse (diametro medio 1,80 µm) che penetrano nel
medium, o colonie con un centro rilevato circondate da un ampio anello di
spirochete (Wang e Schwartz, 2011). Questo batterio è carente di geni che
codificano enzimi per la sintesi di molti amminoacidi, acidi grassi, cofattori enzimatici
e nucleotidi che devono essere presi dall’esterno e che sono quindi indispensabili
nel medium di coltura. Al contrario ci sono 52 ORF (Open Reading Frames) che
codificano per proteine di legame e di trasporto che contribuiscono a 16 diversi
sistemi di trasporto di membrana per amminoacidi, carboidrati, anioni e cationi
(Fraser e coll., 1997). B. burgdorferi s. l. presenta inoltre limitate capacità
metaboliche. La crescita dipende in gran parte dai nutrimenti forniti con il medium,
nel caso delle colture, o dagli ospiti (mammiferi o zecche).
Analisi genomiche e la riproduzione del meccanismo metabolico suggeriscono che il
batterio utilizza il glucosio come fonte primaria di carbonio ed energia, ma altri
carboidrati come glicerolo, glucosamina, fruttosio e maltosio vengono impiegati nella
glicolisi. B. burgdorferi non presenta geni codificanti per gli enzimi del ciclo dell’acido
tricarbossilico o componenti del sistema di trasporto degli elettroni (Fraser e coll.,
1997). L’acido lattico è il principale prodotto finale della glicolisi, in linea con la
natura microaerofila del batterio (Wang e Schwartz, 2011).
Il genoma di B. burgdorferi è stato completamente sequenziato (Fraser e coll., 1997;
Casjens e coll., 2000). L’analisi del genoma rivela che queste borrelie possiedono
caratteristiche uniche tra i procarioti quali: presenza di un cromosoma lineare di
circa 1000 kb e molti plasmidi circolari e lineari all’interno di ciscun batterio, in
numero variabile in relazione alla specie e al ceppo. L’organizzazione dell’RNA
ribosomiale è caratterizzata da un singolo 16S rRNA e ripetuti geni 23S e 5S rRNA,
alta prevalenza di geni codificanti per lipoproteine, una notevole porzione di plasmidi
che si presenta in uno stato di deterioramento e l’evidenza di numerosi
riarrangiamenti del DNA tra i geni plasmidici (Fraser e coll., 1997; Casjens e coll.,
2000).
Le membrane esterne contengono molte proteine di superficie (Osps-Outer surface
proteins) tra le quali OspA, OspB e OspC. Sebbene il ruolo di queste proteine non
sia ancora ben conosciuto, geni differenti per queste proteine sono espressi in
momenti differenti durante la trasmissione dalla zecca al mammifero. I geni che
codificano per queste proteine sono localizzati nei plasmidi (Shapiro e Gerber,
2000).
La variabilità antigenica di B. burgdorferi s. l. è stata ampiamente studiata. Le
variazioni possono esitare in seguito a ricombinazione plasmidica che permette di
eludere la risposta immunitaria dell’ospite e favorisce la persistenza dell’infezione
(Zhang e coll, 1997a).
Le genospecie afferenti a B. burgdorferi s. l. sono in totale 18. Nella tabella X sono
indicate le diverse specie con relativi vettori, ospiti e localizzazioni geografiche.
Tutte le genospecie sono trasmesse da zecche Ixodidae.
131
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
SPECIE
VETTORE
B. afzelii
I. ricinus, I.
persulcatus
I.pacificus, I. minor
I. dentatus
I. ricinus
I. scapularis, I.
pacificus
Ixodes scapularis, I.
ricinus, I. pacificus
B. americana
B. andersoni
B. bavariensis
B.bisettii
B. burgdorferi s.s.
B. californiensis
B. carolinensis
B. garinii
B. japonica
B. kurtenbachii
B. lusitaniae
B. sinica
B. spielmanii
B. tanukii
B. turdi
B. valaisiana
B. yangtze
I. pacificus,
I. jellisonii,
I. spinipalpis
I. minor
I. ricinus, I.
persulcatus, I. uriae I.
hexagonus, I.
nipponensis
I. ovatus
I. scapularis
I. ricinus
I. ovatus
I. ricinus
I. tanukii, I. ovatus
I. turdus
I. ricinus
Haemaphysalis
longicornis,
I. granulatus
OSPITE/
SERBATOIO
Roditori
DISTRIBUZIONE
Uccelli
Coniglio
Roditori
Roditori
USA
USA
Europa
USA
Roditori, lucertole,
uccelli, grandi
mammiferi
Ratto canguro,
cervo mulo
USA, Europa
Roditori, uccelli
Roditori, uccelli
marini, lucertole
USA
Europa, Asia, Poli
Roditori
Roditori
Lucertole, roditori
Roditori
Roditori
Roditori
Uccelli passeriformi
Uccelli, roditori
Roditori
Giappone
USA, Europa
Europa, Nord Africa
Cina
Europa
Giappone
Giappone
Europa, Asia
Cina
Europa, Asia
USA
Tabella 4.1: Caratteristiche delle genospecie di B. burgdorferi s.L.
(Wilske e coll., 2007b; Rudenko e coll., 2011)
Le specie che ad ora non sono ancora state associate a malattia nell’uomo sono: B.
americana, B. andersonii, B. californiensis, B. carolinensis, B. japonica, B. tanukii, B.
turdi, B. sinica e B. yangtze (Rudenko e coll. 2011). Le specie invece che
principalmente si associano a malattia sono B. burgdorferi s.s. in USA e B. afzelii e
B. garinii in Europa (Rudenko e coll. 2011), altre invece sono segnalate come
potenzialmente patogene sia per l’uomo sia per gli animali: B., bisettii, B. valaisiana
e B. lusitaniae. Altre segnalazioni riportano un ruolo patogeno nell’uomo per le
specie B. bavariensis, B. kurtenbachii e B. spielmanii (Picken e coll., 1996;
Rijpkema e coll., 1997; Strle e coll., 1997; Wang e coll., 1999; Ryffel e coll., 1999;
Godfroid e coll., 2003; Collares-Pereira e coll., 2004; Diza e coll., 2004; Rudenko e
coll., 2008, 2009b; Girard e coll., 2010).
Le diverse genospecie presentano un vario grado di omologia genomica con B.
burgdorferi s.s. compreso tra il 44 e il 65%.
132
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
4.3 CICLO BIOLOGICO
La malattia di Lyme è una malattia trasmessa agli animali e all’uomo dal morso di
zecche Ixodidae.
Le zecche vettrici presentano cicli biologicici di 2 anni con 3 stadi di sviluppo,
alimentandosi una sola volta in ogni stadio (Lane e coll., 1991). Le larve schiudono
in estate e sono solitamente non infette con B. burgdorferi s. l., siccome la
trasmissione transovarica è rara (Schoeler e Lane, 1993). La larva si può infettare
alimentandosi su un ospite infetto per poi staccarsi per compiere la muta
nell’ambiente. La ninfa riemerge la primavera successiva e può trasmettere
l’infezione al nuovo ospite, oppure ingettarsi se ancora non lo era. Larve e ninfe si
alimentano solitamente su piccoli mammiferi (roditori o lagomorfi) ma anche su
uccelli, rettili e animali insettivori (Brisson e coll., 2008; Tsao, 2009). La ninfa
rappresenta lo stadio più infettante, probabilmente perché è piccola e difficilmente
individuabile sul corpo degli animali e dell’uomo, quindi la rimozione tempestiva non
viene di solito effettuata (Shapiro e Gerber, 2000). Essendo piccola la ninfa si
riempie di sangue più velocemente dell’adulto e quando raggiunge l’ingorgamento, il
patogeno può essere trasmesso; inoltre le ninfe sono più frequenti in primavera ed
estate, periodi in cui gli uomini e gli animali solitamente frequentano più
assiduamente gli habitat delle zecche. Le ninfe mutano ad adulti in autunno. Gli
adulti si alimentano su grossi mammiferi, come ad esempio il cervo dalla coda
bianca in USA o altri ruminanti selvatici o domestici in Europa. Il ruolo dei ruminanti
selvatici nella trasmissione di B. burgdorferi è spesso messo in discussione.
Secondo alcuni autori non sembrano essere ospiti competenti per la trasmissione di
Borrelia spp. (Telford III, 1988; Gern, 2008), infatti le zecche non acquisiscono
l’infezione durante il pasto di sangue su questi animali (Rizzoli e coll., 2011).
Secondo altri autori il cervo dalla coda bianca funge da serbatoio nel New England
(Magnarelli e coll., 1991). La presenza e la densità di questi mammiferi influiscono
però sulla densità delle zecche, essendo essi fonte di nutrimento (Tsao, 2009). La
rimozione dei cervi in determinate aree ha determinato una notevole diminuzione
delle zecche (Stafford III e coll., 2003; Rand e coll., 2004).
Le zecche possono acquisire il patogeno da ospiti competenti infetti o da altre
zecche infette che si stanno alimentando nelle immediate vicinanze (trasmissione
per co-feeding) sullo stesso ospite, anche se non infetto, o alimentandosi in un sito
dove una zecca infetta ha appena concluso il pasto di sangue (trasmissione per cofeeding prolungato localizzato) (Tsao, 2009). Le zecche mantengono l’infezione
anche in seguito alle mute, trasmettendo quindi il patogeno agli stadi successivi e ai
nuovi ospiti su cui si alimentano (Rizzoli e coll., 2011).
All’interno della zecca, Borrelia burgdorferi manifesta un comportamento diverso da
altri spirochete. Gli studi effettuati su I. scapularis, I. ricinus e I. pacificus hanno
permesso di identificare un meccanismo di sviluppo prima sconosciuto tra le altre
borrelie trasmesse da zecche o pidocchi. Al contrario delle altre specie di Borrelia,
B. burgdorferi rimane a lungo nell’intestino della zecca dove si localizza a livello dei
microvilli e degli spazi intercellulari (Burgdorfer e coll., 1989). La penetrazione a
livello di cellule intestinali è il requisito fondamentale per la disseminazione
sistemica del patogeno però non tutte le zecche che presentano l’infezione
nell’intestino, manifestano anche la forma sistemica. Le percentuali di infezione
133
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
sistemica nelle zecche è stata studiata da diversi autori. In campionamenti eseguiti
da Burgdorfer e coll. nel 1981 a Shelter Island, New York, tra le zecche raccolte il
61% presentava infezione solo a livello intestinale; in altre 208 zecche invece,
infettate sia naturalmente che sperimentalmente, solo il 3,4% presentava l’infezione
a livello sistemico con localizzazione nel ganglio centrale, nei tubuli Malpighiani,
nelle ghiandole salivari e nell’ovaio (Burgdorfer e coll., 1989). In uno studio condotto
in Svizzera, utilizzando I. ricinus, il 95% degli artropodi mostrava infezione solo a
livello intestinale, il restante 5% presentava spirocheti nel ganglio centrale e
nell’ovaio (Burgdorfer e coll., 1983). Percentuali di infezioni sistemiche maggiori
sono state ritrovate in I. pacificus, il 32% delle zecche positive per B. burgdorferi
presentava spirochete a livello sistemico (Burgdorfer e coll., 1985). In un altro studio
di Burgdorfer e coll., (1989), il 66% delle zecche appartenenti alla specie I.
scapularis raccolte a livello ambientale presentavano l’infezione solamente a livello
intestinale. Una prevalenza maggiore di infezioni sistemiche è stata riscontrata in
femmine di I. scapularis, infettate naturalmente e/o sperimentalmente, 6-8 settimane
dopo l’ingorgamento. L’87% delle zecche è risultato infetto e tra queste il 24,6%
presentava spirocheti in tessuti diversi da quello intestinale. Sembra che il batterio
permanga e si moltiplichi a livello dei diverticoli e penetri la parete intestinale
durante o dopo il pasto di sangue, diffondendosi per via sistemica principalmente al
ganglio centrale, ai tubuli Malpighiani e all’ovaio (Burgdorfer e coll., 1989). Secondo
questi autori l’infezione sistemica non è quindi un requisito fondamentale per la
trasmissione del patogeno durante il pasto di sangue, in quanto i batteri vengono
inoculati nella fase di rigurgito durante il pasto di sangue.
La trasmissione del patogeno dalla zecca all’ospite avviene principalmente dopo 4872 ore dall’inizio del pasto di sangue (de Vignes e coll., 2001), quindi una rimozione
tempestiva del vettore ne riduce il potere infettante (Khal e coll., 1998).
L’individuazione delle zecche sul corpo sia dell’uomo che degli animali non è
sempre facile, nel caso delle ninfe per le ridotte dimensioni, ma anche, nel caso
degli adulti, per localizzazioni in zone del corpo alle volte poco ispezionabili (Húgli e
coll., 2009).
Durante le fasi di alimentazione, alterazioni del pH e della temperatura dell’intestino
della zecca attivano il batterio e stimolano l’espressione di diverse proteine di
superficie (Schwan e coll., 1995; Carroll e coll., 1999; Haake, 2000). Il batterio inizia
a moltiplicarsi e attraversa la parete intestinale, diffondendosi per via sistemica
anche alle ghiandole salivari (Tilly e coll., 2008). La proteina OspC è coinvolta nel
processo di colonizzazione delle ghiandole salivari e del tessuto cutaneo dell’ospite,
dove sono presenti strutture di legame specifiche (Pal e coll., 2004; Grimm e coll.,
2004). Questi meccanismi sono necessari alla trasmissione del patogeno (LeubaGarcia e coll., 1994), ma alcuni sostengono che il trasferimento di Borrelia
nell’ospite possa avvenire anche durante la rimozione delle zecche a seguito di
pressioni dirette esercitate sull’intestino (Miyamoto e Hashimoto, 1998; Piesman e
Dolan, 2002).
Un’altra via di trasmissione della malattia di Lyme negli animali potrebbe essere
quella orizzontale attraverso l’inseminazione. Una prova di infezione sperimentale in
cagne sia con l’inoculazione del patogeno, sia con inseminazione artificiale con
seme infetto ha evidenziato in molte delle cucciolate un neonato presentava
anticorpi IgM, ipotizzando quindi una trasmissione intrauterina del batterio, piuttosto
che una infezione trans-placentare (Gustafson e coll., 1993). Il batterio resiste al
134
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
congelamento e allo stoccaggio, rendendo quindi il seme una fonte di infezione
(Kumi-Diaka e Harris,1995). Il sangue potrebbe essere un altro mezzo di
trasmissione della malattia di Lyme, tuttavia, non sono ancora stati segnalati casi di
infezione da trasfusione sia nell’uomo che negli animali (Bohme e coll., 1992;
Gerber e coll. 1994).
4.4 ECOLOGIA ED EPIDEMIOLOGIA
Il complesso B. burgdorferi s.l. attualmente comprende 18 genospecie (Stanek e
Reiter, 2011; Rudenko e coll., 2011). Le diverse genospecie presentano ospiti e
vettori differenti a seconda della localizzazione geografica e gradi di patogenicità
variabili. B. burgdorferi s.s. è l’unica genospecie che causa malattia negli USA,
mentre B. garinii, B. afzelii e occasionalmente B. burgdorferi s.s. sono responsabili
della malattia di Lyme in Europa (Wang e coll., 1999; Weber, 2001). Alcuni autori
segnalano infezioni ascrivibili a B. valaisiana, B. bissettii e B. spielmanii in Europa
(Strle e coll, 1997; Rudenko e coll., 2008; Collares-Pereira e coll., 2004; Diza e coll.,
2004; Maraspin e coll., 2006). In Cina la malattia è correlata a B. garinii, B. afzelii e
raramente a B. valaisiana (Masuzawa e coll., 1996; Takada e coll., 2001; Saito e
coll., 2007).
Generalmente le zecche che veicolano Borrelia spp. vivono in ambienti compresi tra
il 33° e il 65° parallelo, tuttavia ci potrebbe ess ere uno spostamento più
settentrionale delal diffusione della malattia in seguito ai cambiamenti climatici
(Lindgren e coll., 2000; Brownstein e coll., 2005). Le zecche coinvolte sono I. ricinus
e I. persulcatus in Europa, I. persulcatus e I. ovatus in Asia, I. scapularis nella parte
orientale e I. pacificus nella parte occidentale degli Stati Uniti (Wang e coll., 1999;
Masuzawa, 2004; Killilea e coll., 2008).
Le larve e le ninfe si alimentano su diversi ospiti, tuttavia si riconoscono reservoir
specifici di alcune genospecie. In USA B. andersoni viene riscontrata nel coniglio
della Florida (Sylvilagus floridans) (Anderson e coll., 1989); B. bissettii sfrutta il ratto
del legno (Neotoma fuscipes), il ratto del cotone (Sigmodon hispidus) e il topo
Peromyscus gossypinus come serbatoi (Brown e Lane, 1992; Lin e coll., 2001). B.
burgdorferi s.s. ha due gruppi di reservoir in base alla localizzazione geografica, nel
nord-est degli USA è il topo dai piedi bianchi su cui si alimenta I. scapularis
(Schutzer e coll., 1997a; 1998). Il cervo dalla coda bianca e il procione agiscono
come serbatori nel New England (Magnarelli e coll., 1991). Il ruolo dei cervi
nell’incidenza della malattia è spesso messo in dubbio, tuttavia la rimozione degli
stessi da un ambiente determina una notevole diminuzione delle zecche (Rand e
coll., 2004). Altri autori però sostengono una correlazione più debole tra
l’abbondanza di cervi e il rischio per la malattia di Lyme (Ostfeld e coll., 2006).
Nella parte occidentale degli USA, il ratto del legno e la lucertola Sceloporus
occidentalis fungono da ospiti per rispettivamente I. neotomae e I. pacificus (Eisen e
coll., 2004). Poiché la lucertola è immune alla borreliosi, non è coinvolta nella
diffusione della malattia di Lyme (Lane e Quistad, 1998; Lane e coll., 2006), il ratto
del legno è l’unico serbatoio attivo in questa regione ma I. neotomae non attacca
l’uomo; I. pacificus è quindi l’unico vettore coinvolto nella trasmissione all’uomo. I
135
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
casi umani segnalati nella costa occidentale sono quindi rari e sono dovuti ad
attacchi di I. pacificus che si è alimentata casualmente sui ratti (Doggett e coll.,
2008).
In Europa i serbatoi sono meno specifici e sono costituiti da roditori, scoiattoli, ghiri,
ricci e lepri (Humair e Gern, 2000). Il bisonte è il maggiore serbatoio in Polonia
orientale (Sinski e coll., 1996). I roditori riconosciuti come reservoir per B. afzelii, B.
burgdorferi s.s. e B. garinii comprendono il topo dal collo giallo, il topo dei boschi
(Apodemus sylvaticus), il topo domestico (Mus musculus) e alcune arvicole (Myodes
glareolus e Microtus arvalis) (Khanakah e coll., 2006). B. valaisiana è specifica per
gli uccelli quali fagiani e merli (Humair e coll., 1998; Kurtenbach e coll., 1998).
Nei territori asiatici i serbatoi sono spesso riconosciuti in roditori quali ad esempio
Apodemus agrarius e Rattus losea (Zhang e coll., 2010).
Per quanto riguarda la circolazione nelle zecche, in Europa B. afzelii e B. garinii
sono le più frequenti, seguite da B. burgdorferi s.s. e B. valaisiana (Rauter e
Hartung, 2005), mentre B. lusitaniae ha una diffusione più focale, specialmente nel
bacino del Mediterraneo (Vitorino e coll., 2008). Alcune genospecie possono anche
presentarsi contemporaneamente in una stessa zecca (Rauter e Hartung, 2005).
Tutte le specie patogene causano la manifestazione cutanea della malattia (eritema
migrante), alcune genospecie invece sono correlate a altre specifiche manifestazioni
cliniche: B. burgdorferi s.s. è spesso associata ad artriti e sintomi neurologici, B.
garinii determina neuroborreliosi e B. afzelii è associata all’acrodermatite cronica
atropica (ECDC, 2010).
In Europa la distribuzione delle varie genospecie differisce sulla base di
caratteristiche locali o regionali, sia temporali che spaziali con un’ampia biodiversità
tra il 4° meridiano ovest e il 20° est, dove si reg istra la più alta prevalenza di zecche
infette (Estrada-Peña e coll., 2011). Anche la distribuzione geografica dei casi di
Lyme è irregolare: in Norvegia il 71% dei casi manifesta la forma neurologica,
invece in Germania l’85% dei soggetti colpiti presenta la forma eritematosa migrante
(Vorou e coll., 2007).
Negli Stati Uniti, le diverse manifestazioni cliniche sono associate a varianti di B.
burgdorferi s.s. I ceppi isolati, secondo uno studio condotto da Brisson e coll.
(2011), vengono classificati in base al genotipo ospC che ne contraddistingue la
virulenza. I ceppi di B. burgdorferi s.s. analizzati sono stati ottenuti da zecche, da
prelievi cutanei e dal sangue di pazienti con eritema migrante, nel liquido sinoviale
di pazienti con la forma artritica o nel liquido cerebro-spinale di pazienti con
sintomatologia neurologica. Dallo studio è emerso che la biodiversità del gene ospC
è maggiore tra le zecche. Nelle biopsie cutanee è stato riscontrato almeno uno dei
16 genotipi di questo marcatore, alcuni genotipi sono risultati decisamente più
frequenti (A, B, I, K e N). Negli altri campioni biologici si è riscontrata una minore
variabilità genetica, con una prevalenza dei genotipi A e K (Brisson e coll., 2011).
Studi recenti riguardanti la prevalenza nelle zecche effettuati in Europa hanno
riscontrato una prevalenza negli adulti di 18,6%, 10% nelle ninfe e 13,6% in totale
(Rauter e Hartung , 2005). In particolare in Austria è stata riscontrata una
prevalenza del 23,2%, in Svezia 29,6%, in Svizzera 30,8%, in Bulgaria 32,7%,
36,2% in Germania e 45% in Croazia (Gustafson e coll., 1989; Miserez e coll., 1990;
Golubic e coll., 1998; Fingerle e coll., 1999; Christova e coll., 2001; Hubálek e coll.,
2003).
In Nord America sono state effettuate indagini nel New Jersey, dove il 43% di
136
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
zecche adulte oggetto di studio hanno mostrato positività alla PCR (Varde e coll.,
1998), in Maine riscontrando una prevalenza del 41% e in Connecticut dove il
batterio è stato ritrovato nel 47% delle zecche (Dolan e eoll., 2004; Rand e coll.,
2004). In Ontario un tasso di infezione del 12,9% nelle zecche è stato segnalato da
Morshed e coll. (2006). Uno studio più recente effettuato nella stessa area ha
rivelato alla PCR una prevalenza del 67% di zecche positive per B. burgdorferi s.s.
(Scott e coll., 2008).
Per quanto riguarda l’uomo, negli USA dal 1982 sono stati segnalati dal CDC
200.000 casi, 17.000 dei quali risalenti al triennio 1998-2001 (CDC, 2004). Nel 2002
il numero dei casi è salito a oltre 23.000, con un tasso di incidenza di 8,2
casi/100.000 abitanti. Circa il 95% dei casi sono stati registrati in 12 stati del
nordest, medio Atlantico e regioni del centro nord degli USA: Connecticut,
Delaware, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, New Hampshire, New
Jersey, New York, Pennsylvania, Rhode Island, and Wisconsin (CDC, 2004).
Gli ultimi dati epidemiologici indicano che i casi annuali di Lyme nel Mondo sono
85.000 dei quali 65.000 in Europa, 16.500 in USA, 3.500 in Asia (Hubalek, 2009).
Una reale descrizione epidemiologica della malattia di Lyme in Europa non è tuttora
possibile in quanto pochi paesi hanno reso denunciabile la malattia (Vorou e coll.,
2007; Hubalek, 2009 Semenza e Menne, 2009). Non ci sono piani di monitoraggio a
livello europeo e la sorveglianza statistica dei casi è basata su sistemi non
standardizzati di raccolta dati (Lindgren e Jaenson, 2006; Smith e Takikinen, 2006).
Inoltre i dati sono poco accurati in quanto pazienti con eritema migrante o altri
sintomi spesso non sono notificati, i criteri per le indagini sierologiche non sono
standardizzati e report dalle aree più remote spesso sono carenti (Ogrinc e coll.,
2008). In aggiunta a queste problematiche c’è anche da considerare che i pazienti
potrebbero essere infetti con due genospecie contemporaneamente, manifestando
sintomatologie eterogenee che complicano la sorveglianza (Wilske e coll., 2007).
L’incidenza annuale in Europa è aumentata da 1 caso su 100.000 a circa 350 casi
su 100.000 abitanti. La localizzazione della malattia di Lyme si registra
generalmente tra il 35° e il 60° parallelo Nord, so tto altitudini di 1.300 metri slm. La
distribuzione spaziale è molto eterogenea ma la prevalenza di anticorpi per il
complesso B. burgdorferi s.l. è maggiore negli abitanti dei paesi settentrionali e
centrali (Rizzoli e coll., 2011). Si segnalano situazioni localizzate in cui si rileva
un’incidenza di più di 100 casi su 100.000 abitanti l’anno, ad esempio in alcune aree
slovene, tedesche, austriache, nella costa Baltica della Svezia e in alcune isole
finlandesi ed estoni (Rizzoli e coll., 2011). Un aumento dell’incidenza del 33% è
stato registrato in Germania nel 2002, passando da 17,8 casi/100.000 abitanti a
23,3/100.000 (Mehnert e Krause, 2005). In Norvegia il numero più alto di casi è
stato segnalato nel 2004 (253 in totale) (Nygard e coll., 2005). Anche nel Regno
Unito si è registrato un aumento dei casi segnalati di borreliosi da 0.38 per 100.000
abitanti nel 2000 a 1,79 per 100.000 nel 2009 (Smith e coll., 2002).
Il rischio di contrarre la malattia di Lyme è correlato all’abbondanza di zecche e alla
possibilità di esposizione alle stesse. Il rischio maggiore può essere correlato al tipo
di lavoro (forestale e agricolo) ma soprattutto alle attività ricreative (caccia, raccolta
di funghi e frutti selvatici) o all’età, con due categorie di soggetti maggiormente
colpiti: bambini tra 5 e 14 anni e adulti tra 50 e 64 anni (Rizzoli e coll., 2011).
La maggiore frequenza dei casi di borreliosi si manifesta tra giugno e luglio in molti
paesi del Nord e Centro Europa, un altro picco di entità inferiore può verificarsi a
137
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
fine estate o in autunno nelle zone più meridionali del continente; tuttavia sia
l’eritema migrante che le forme croniche possono essere riscontrate durante tutto
l’anno (Hubalek, 2009).
La malattia di Lyme è stata ampiamente studiata nell’uomo, nel cane invece non è
presente lo stesso interesse, nonostante le caratteristiche siano simili tra le due
specie (Skotarczak, 2002). Per quanto riguarda questo animale, spesso viene
segnalata una positività anticorpale nei confronti di B. burgdoerferi in aree in cui si
registrano casi di Lyme nell’uomo.
I dati relativi alla diffusione di B. burgdorferi nel cane sono pochi e spesso sono
ottenuti da indegini sierologiche. I cani che risultano positivi nel’86% dei casi non
manifestano sintomatologia clinica (Goossens e coll., 2001), questa sovrastima può
essere dovuta anche a cross-reazioni tra B. burgdorferi e altri batteri correlati
(Treponema spp., Bradyspira sp. e Leptospira spp.) (Skotarczak, 2002). In USA la
presenza di anticorpi nei cani è segnalata nell’11,6% dei soggetti nella parte nordorientale del paese, con prevalenze > del 40% in zone in cui la malattia era più
diffusa nell’uomo (Bowman e coll., 2009). Nella parte occidentale degli Stati Uniti è
stata registrata una prevalenza del 1,2% nei cani testati (Carrade e coll., 2011).
In Europa si segnalano prevalenze del 6,5% in Romania (Kiss e coll., 2011); in
Turchia uno studio riporta una prevalenza del 27.7% al test ELISA (Bhide e coll.,
2008); in Serbia 25.8% (Savić e coll., 2010); in Francia Bourdeau (2008) rileva una
prevalenza annua di 0.03-0.06 casi/1000 cani con un’incidenza annuale di 0,5
casi/1000. In Repubblica Ceca, valutando la presenza di IgG contro B. burgdorferi
s.l., è stata riscontrata una prevalenza in cani del 10.3%.
Per quanto riguarda il cavallo, negli USA ci sono pochi dati relativi all’epidemiologia
della malattia di Lyme, ma si suppone siano simili a quelli registrati nell’uomo
(Divers, 2007). Nel medio Atlantico e nel Nord-Est presentano prevalenze elevate,
come anche in Minnesota e in Wisconsin. Rare segnalazioni si registrano negli stati
Dakota e nel Nebraska. In New England un’indagine ha riscontrato la presenza di
anticorpi verso Borrelia nel 45% dei cavalli (Magnarelli e coll., 2000a), mentre in uno
studio effettuato in Wisconsin, 118 cavalli su 190 sono risultati positivi (Burgess,
1988). Un altro studio americano riporta prevalenze nei cavalli dal 13 al 24% in aree
in cui la malattia è endemica (Bernard e coll., 1990).
In Europa i dati epidemiologici vengono registrati in Francia (Maurizi e coll., 2010)
con una prevalenza che va dal 31 al 48% nelle regioni centro-occidentali e in quelle
orientali; in Danimarca dove il 29% dei cavalli testati è risultato positivo per la
presenza di anticorpi verso B. burgdorferi s.l. (Hansen e coll., 2010); in Turchia dove
si registra una prevalenza del 6,3% (Bhide e coll., 2008); in Germania con il 16,1%
(Käsbohrer e Schönberg, 1990), in Svezia 16,8% (Egenvall e coll., 2001); in Polonia
dove sono stati riscontati positivi il 25,6% dei cavalli (Stefanciková e coll., 2008) e in
Slovacchia il 47,8% (Stefanciková e coll., 2000).
In Italia dati epidemiologici per la malattia di Lyme riguardano principalmente le aree
nord-orientali e centro-meridionali del paese.
Santino e coll. (2004) hanno rilevato una positività del 7,5% nei lavoratori
considerati a rischio nelle zone del centro e sud Italia. Un’indagine era stata
condotta anche all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, eseguendo analisi
sierologiche sui lavoratori del parco; il 9% ha presentato anticorpi per B. burgdorferi
al test ELISA (Santino e coll., 1998). In Abruzzo è stato condotto anche un piano di
sorveglianza della malattia di Lyme negli anni 1994-1999: in questi anni 29 pazienti
138
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
su 769 esaminati sono risultati positivi (Fazii e coll., 2000). Dati forniti all’Ospedale
Umberto I di Roma riportano una prevalenza sierologica del 7,5% (Santino e coll.,
2008). In Toscana sono stati sottoposti a controllo sierologico dei lavoratori agricoli
e forestali, tra i quali è stata riscontrata una positività 7,8% dei soggetti (Tomao e
coll., 2005). Sempre in Toscana, ma in uno studio condotto a Firenze presso gli
ospedali “Nuovo San Giovanni di Dio” e “Careggi”, è stata riscontrata una
prevalenza del 12,6% tra le persone che si erano presentate all’ospedale in seguito
a morso di zecca (Ciceroni e coll., 2003). Ventitrè casi di eritema migrante sono stati
segnalati in Calabria tra il 1999 e il 2002, mostrando anche un andamento
stagionale differente rispetto alle aree endemiche per la malattia di Lyme, molti dei
casi infatti sono stati individuati tra Ottobre e Dicembre (Greco e coll., 2003).
Altri autori riportano invece i dati inerenti al Friuli-Venezia Giulia, negli agenti della
forestale, dove hanno segnalato una positività del 23,2% (Cinco e coll., 2004). In
questa regione la malattia di Lyme è abbastanza diffusa dal 1986 (Trevisan, 1987)
ed è stata riscontrata una prevalenza nelle zecche del 70% (Cinco e coll., 1998) e
una sieroprevalenza nella popolazione del 20% (Cinco e coll., 1993). Nel periodo
2000-2002 sono stati registrati 80-100 casi l’anno (Cinco e coll., 2004) e 218 tra il
2000 e il 2005, con un’incidenza di 0.58 casi/1000 abitanti/anno (Nazzi e coll.,
2010). In Emilia Romagna, un’area endemica grazie alla presenza di laghi, boschi e
zone paludose, sono stati registrati 722 casi dal 1996 al 2007 (Pavan, 2009).
Segnalazioni di positività sierologiche sporadiche provengono anche dal Piemonte
(Pugliese e coll., 2007).
Per quanto riguarda le zecche in Italia, alcuni lavori riportano prevalenze del 18% in
Lombardia (Pistone e coll., 2010), di più del 20% nelle Alpi orientali (Nazzi e coll.,
2010) ; di 1,32% nella provincia di Trento (Mantelli e coll., 2006). In uno studio
condotto in Toscana, B. burgdorferi s.l. è stato identificato nel 16,7% delle ninfe e
nel 39,6% degli adulti di Ixodes ricinus campionati; le indagino molecolari effettuate
hanno permesso di identificare B. lusitaniae nell’82,9% dei campioni positivi, B.
garinii nel 9,8%, B. afzelii e B. burgdorferi s.s. nel 2,4% delle zecche positive
(Bertolotti e coll., 2006). B. valaisiana è stata invece segnalata in pool di zecche in
Veneto (Favia e coll., 2001).
In Italia è stato segnalato un caso di Lyme in un cane pitbull in Sicilia (Giudice e
coll., 2003).
4.5 PATOGENESI
La trasmissione delle spirochete della malattia di Lyme dalla zecca agli ospiti
vertebrati avviene durante il pasto di sangue. I batteri presenti a livello intestinale si
moltiplicano e subiscono cambiamenti fenotipici, compresa l’inibizione della proteina
OspA e la stimolazione dell’espressione della proteina OspC (Schwan e coll., 1995)
che permette la penetrazione nelle ghiandole salivari della zecca. Il processo
richiede alcuni giorni, per questo motivo la trasmissione dell’infezione non è
immediata. L’epressione dell’OspC è fondamentale nell’instaurarsi dell’infezione
nell’ospite mammifero, sebbene il meccanismo con cui questo gene favorisca
l’invasione non sia ancora chiarito (Steer e coll., 2004; Rosa, 2005). Il tempo di
139
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
trasmissione del patogeno dalla zecca al vertebrato è variabile in funzione della
specie di Borrelia che è presente nella zecca e della localizzazione dell’infezione
all’interno della zecca stessa. In caso di intensa infezione sistemica all’interno del
vettore (Lebet e Gern, 1994), la trasmissione avviene in tempi più brevi, inoltre
sembra che B. afzelii si trasmetta prima di B. burgdorferi s.s. (Crippa e coll., 2002).
In generale, occorrono almeno 53 ore di pasto di sangue affinche siano presenti un
numero di batteri sufficienti all’infezione (Ohnishi e coll., 2001).
Durante il pasto di sangue la zecca infetta deposita nella pelle dell’animale ospite le
spirochete che poi andranno a disseminarsi attraverso i tessuti e il circolo ematico.
La diffusione per via ematica è influenzata dal ceppo di Borrelia presente (Wormser
e coll., 2008). Generalmente dopo il morso le spirochete si moltiplicano nel sito di
inoculo e si diffondono nei tessuti adiacenti. Successivamente localizzano altri
tessuti, compresi quelli articolari. La migrazione attiva attraverso i tessuti è più
frequente che non quella passiva per via ematica (Greene e Straubinger, 2006).
L’infezione provoca una risposta immunitaria sia mediata da macrofagi che da
anticorpi che uccidono le spirochete. Nonostante sia presente una buona reazione
dell’organismo, l’infezione può procedere grazie a fattori di virulenza del batterio che
inibiscono l’espressione di alcune proteine immunogene e a continue ricombinazioni
delle proprietà antigeniche di una lipoproteina di superficie VlsE (variable major
protein-like sequence expressed), utilizzata anche nella diagnosi sierologica e che
aumenta negli ultimi due giorni del pasto di sangue (Piesman e coll., 2003). La
capacità, inoltre, che hanno questi batteri di legarsi a componenti della matrice
extracellulare possono contribure alla presistenza dell’infezione (Steere e coll.,
2006; Cabello e coll., 2007; Baranton e De Martino, 2009).
Il sistema immunitario gioca un ruolo fondamentale nella patogenesi della malattia di
Lyme. Le lipoproteine batteriche sono potenti attivatori del sistema immunitario
innato e attivano i recettori “Toll-like” (TLRs) 1 e 2 (Salazar e coll., 2003) in un
sistema CD14-dipendente; i topi con carenza di TLR2 o di antigene di
differentiazione mieloide 88 (MyD88) presentano una carica infettante maggiore
(Bolz e coll., 2004).
Questi batteri non producono tossine e il danno tissutale sembra essere il risultato
della reazione infiammatoria dell’ospite. L’intensità della risposta varia in funzione
della genospecie di Borrelia coinvolta (Strle e coll., 2009).
Sebbene il numero di persone e animali morsi da zecche siano molti, solo alcuni
sviluppano la malattia, grazie alla reazione immunitaria che ne previene l’instaurarsi
(Greene e Straubinger, 2006). Dalla prospettiva della zecca, nelle zone endemiche
circa il 50% dei vettori può essere infetto, tuttavia solo il 2% della popolazione
colpita da morso diventa infetta. La causa è spesso dovuta al fatto che la zecca
viene rimossa tempestivamente. Anche nei cani la percentuale di soggetti che
manifesta la forma clinica è bassa (5-10%) in confronto al livello di esposizione
riscontrabile con indagini sierologiche (75% nelle aree endemiche) e il tasso di
infezione nelle zecche (Levy e Magnarelli, 1992).
All’interno dell’organismo B. burgdorferi agisce come un patogeno persistente. Le
spirochete vivono a livello extracellulare e, attraverso un meccanismo ancora non
conosciuto, possono evadere la risposta immunitaria per lunghi periodi nella pelle,
nel connettivo, nelle articolazioni e nel sistema nervoso (Greene e Straubinger,
2006). Le borrelie oltre a modificare l’espressione antigenica possono anche mutare
la morfologia, batteri spiraliformi e motili possono diventare sferici entro pochi minuti
140
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
dall’incontro di condizioni ambientali non favorevoli (Brorson e Brorson, 1997; Alban
e coll., 2000). In questa forma possono sopravvivere per giorni senza nutrirsi e
ritornano alla forma originale quando le condizioni ambientali sono migliorate. È
stato dimostrato che le forme sferiche possono infettare il topo (Gruntar e coll.,
2001). Questo può spiegare come mai il batterio può essere ritrovato nei tessuti,
attraverso la PCR o le colture, anche dopo mesi di trattamento antibiotico. Viceversa
dopo alcune settimane dall’infezione è difficile individuare e isolare B. burgdorferi
dai fluidi biologici o dagli organi interni di ospiti accidentali come il cane (Appel e
coll., 1993).
Alcuni eventi immunopatologici possono essere collegati alla risposta immunitaria
generatasi contro specifici antigeni. La flagellina, una delle proteine immunogene
più importanti, può stimolare un anticorpo che si lega alle proteine neuroassonali
dell’ospite (Sigal e Williams, 1997). Questo evento può stimolare la risposta
infiammatoria del tessuto nervoso. Nel liquor di persone con neuroborreliosi iniziale
è stato osservato l’accumulo di cellule T CD8+ (Jacobsen e coll., 2003). Il rilascio di
citochine può aiutare l’organismo nell’eliminazione del patogeno ma ne risulta anche
un danno al sistema nervoso. PCR eseguite sul liquido sinoviale di pazienti umani
infetti sono spesso positive, in quanto permettono di rilevare geni plasmidici
codificanti per OspA, OspB e OspC (Persing e coll., 1994). La risposta
infiammatoria a poche spirochete può essere spiegata da una replicazione
autonoma di DNA plasmidico (Wormser e coll., 1999). Aumenti di IL-8, che
determina il reclutamento di neutrofili nel sito di infiammazione, sono stati riscontrati
nelle membrane sinoviali di cani infettati sperimentalmente (Straubinger e coll.,
1997). Questo meccanismo può essere coinvolto nelle poliatriti suppurative. In
alcuni animali lo sviluppo di artriti può essere correlato al perpetuarsi di reazioni
immunitarie. Persone con alcuni aplotipi del complesso maggiore di istocompatibilità
sono soliti a manifestazioni cliniche più gravi e più resistenti al trattamento
antibiotico (Steere e coll., 2006).
Il tessuto d’elezione per la localizzazione delle borrelie varia in funzione della specie
coinvolta, condizionando anche la patogenicità e le manifestazioni cliniche. B. garinii
ad esempio è stata riscontrata nel fegato di cani con elevata attività enzimatica, un
rinvenimento non riscontrato in infezioni da B. burgdorferi s. s. (Hovius e coll.,
1999).
4.6 SINTOMATOLOGIA
4.6.1 MALATTIA DI LYME NELL’UOMO
La malattia di Lyme può manifestarsi in forma acuta o cronica, con grandi variazioni
dovute alla genospecie o al genotipo coinvolti nell’infezione (Wormser e coll., 2008).
La forma clinica della borreliosi di Lyme è caratterizzata da 3 stadi, durante quali il
batterio si localizza in diversi tessuti dell’ospite e ne determina i diversi sintomi
(Bhate e Schwartz, 2011a).
Primo stadio o forma precoce: è caratterizzato da eritema migrante (EM), che
permane per 1-3 settimane nel sito in cui la zecca ha inoculato il patogeno (Steere,
141
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
2001). Inizialmente si ha la presenza, spesso nel sito di attacco della zecca, di una
macula eritematosa o una papula che diffonde in modo centrifugo di circa 3 cm al
giorno e può sviluppare un alone centrale. La dimensione della macula è in funzione
della sua durata; il diametro medio è di 10-16 cm, in genere è maggiore quando
presente sul tronco e inferiore a livello di estremità (Müllegger, 2004). Solo il 50%
degli adulti e il 90% dei bambini presenta il classico EM con alone centrale
rendendolo un rilievo importante ma non fondamentale (Steere, 2001). L’eritema
può anche manifestarsi senza alone centrale o può presentare petecchie (Smith e
coll., 2002). Inoltre, in due studi è stato evidenziato che solo il 25% dei pazienti degli
USA erano in grado di ricordare un precedente morso di zecca (Nadelman e coll.,
1996; Strle e coll., 1999). Altri sintomi associati possono essere affaticamento,
febbre, mal di testa, dolore e prurito nel sito di inoculo o linfoadenopatia regionale
(Bhate e Schwartz, 2011a).
In Europa l’eritema migrante si presenta quasi indolente e tende ad essere meno
evidente (Strle e coll., 1999). Circa il 64% dei pazienti in genere ricorda una
precedente puntura di zecca (Strle e coll., 1999). Esistono differenze tra l’EM
causato da B. afzelii e quello causato da B. garinii. Quest’ultmia specie determina la
formazione precoce dell’eritema, una sua crescita rapida e sono associati molti
sintomi sistemici (Logar e coll., 2004). L’EM da B. afzelii presenta in genere l’alone
centrale (Carlsson e coll., 2003).
Questo sintomo cutaneo della malattia di Lyme regredisce in settimane o mesi se
non curato (Steere e coll., 1987).
Secondo stadio o forma tardiva: la malattia progredisce verso una forma
disseminata, generalmente con eritemi migranti multipli e sintomi di coinvolgimento
di molti organi, in particolare cuore e sistema nervoso. La comparsa della forma
disseminata si presenta in tempi variabili, può iniziare nella prima settimana di
infezione o presentarsi dopo mesi (Kaiser, 1998; Pinto, 2002; Müllegger, 2004).
Periodi asintomatici sono comuni. Molti pazienti con la Lyme disseminata
presentano eritemi migranti multipli che sono di solito più piccoli, meno caratteristici
e possono comparire contemporaneamente o subito dopo la scomparsa dell’EM
originario (Steere e coll., 1983). Una piccola percentuale di pazienti ha la
disseminazione ematica di spirochete ma senza manifestare gli eritemi multipli,
suggerendo che se i casi clinici non presentano complicazioni, il primo stadio della
malattia può passare inosservato (Wormser e coll., 2005).
In Europa l’eritema può persistere come una placca o un nodulo che coincide con lo
sviluppo di un linfocitoma cutaneo (LCC) (Chodynicka e coll., 2000). Il linfocitoma
cutaneo, conosciuto anche come linfoadenosi benigna cutanea, si presenta
generalmente come un nodulo di 1-5 cm solitario, rosso-violaceo localizzato nel lobo
auricolare o nello scroto nei bambini e nel torace o nei capezzoli negli adulti
(Chodynicka e coll., 2000; Müllegger, 2001). Questo sintomo può manifestarsi entro
le prime settimane dalla puntura di zecca ed è solitamente correlato al secondo e
terzo stadio della malattia (Pohl-Koppe e coll., 1998). Il linfocitoma può anche
comparire nelle fasi iniziali dell’infezione nel sito di inoculo, precedendo
occasionalmente l’EM (Müllegger, 2001). Le localizzazioni riscontrate in genere
riflettono i siti di trasmissione iniziale, ma possono anche rappresentare aree con
temperatura corporea inferiore, dove le borrelie preferiscono rimanere (Chodynicka
e coll., 2000). Il linfocitoma cutaneo è uno pseudolinfoma che può ricordare un
linfoma cutaneo primario, la diagnosi e l’approccio terapeutico sono quindi
142
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
fondamentali (Grange e coll., 2002).
Terzo stadio: le manifestazioni dermatologiche in questo stadio della malattia di
Lyme si riscontrano solo in infezioni contratte in Europa. L’acrodermatite cronica
atrofica (ACA) è un segno clinico tardivo (Chodynicka e coll., 2009). Non è mai stato
associato a pazienti statunitensi ed è spesso correlato ad infezioni con B. afzelii
(Steere e coll., 2001). Questa forma clinica è rara nei bambini (Oldak e coll., 2009),
può presentarsi negli adulti e la comparsa è insidiosa, può avvenire anche dopo
mesi o anni dal morso della zecca (Flisiak e coll., 1999). Solo il 20% dei pazienti
manifesta prima l’EM, ma molti ricordano un’esposizione in aree forestali o erbose.
L’ACA in genere inizia come uno stadio infiammatorio caratterizzato da placche che
tendono ad allargarsi, edematose e scarsamante demarcate con colorazioni rossoviolacee nelle estremità distali (Asbrink, 1985). Queste aree possono essere
piccole, localizzate ad esempio ad un dito del piede, ma possono anche espandersi
in direzione prossimale (Chodynicka e coll., 2009). Se non trattata questa forma
clinica in alcuni anni evolve ad una fase atrofica caratterizzata da cute
iperpigmentata o cute traslucida, glabra e rugosa; inoltre possono comparire noduli
fibrotici violacei o giallognoli in prossimità delle grandi articolazioni come gomiti e
ginocchia. L’ACA può presentarsi anche sul tronco e raramente sul viso
(Chodynicka e coll., 2009).
È stata riscontrata una evidente associazione tra la malattia di Lyme e i linfomi
cutanei maligni (Monari e coll., 2007; Eisendle e Zelger, 2009). Pazienti con
infezioni croniche e stimolazione linfatica prolungata possono sviluppare noduli
eritematosi e tumori alle estremità, caratterizzati dal crescita lenta e scarsa
definizione. È stata dimostrata la presenza di infiltrazione da cellule B, caratteristica
del linfoma a cellule B. La presenza dell’acrodermatite può indicare la possibile
coesistenza di malignità cutanea (Garbe e coll., 1988). Sfortunatamente questi
tumori non regrediscono con la terapia antibiotica impiegata nel trattamento della LD
(Garbe e coll., 1988).
Alcuni pazienti sviluppano la morfea, o sclerodermia localizzata, in concomitanza o
dopo l’acrodermatite; il ruolo delle borrelie nello sviluppo della morfea non è tuttora
chiaro (Hercogová, 2002), infatti, dalla prima sua prima descrizione nel 1985 in
pazienti con la LD, questa forma è oggetto di controversie (Aberer e coll., 1985).
Pazienti con la malattia di Lyme possono anche sviluppare il lichene sclerotico e
atrofico (LSA). Sia la morfea che il lichene sono rari nei pazienti statunitensi, ma
frequenti in Europa ed Asia (Fujiwara e coll., 1997).
Manifestazioni neurologiche: la sintomatologia neurologica può comparire alcune
settimane dopo l’EM (Kaiser, 1998). Il sistema nervoso può essere coinvolto sia per
via ematica che per diffusione attraverso i nervi periferici e i vasi linfatici nelle
vicinanze del sito di inoculo (Rupprecht e coll., 2008). L’invasione del liquor stimola
la produzione di citochina infiammatorie in aggiunta a chemiochine specifiche dei
linfociti T e B (Rupprecht e coll., 2008). B. garinii, la genospecie più neuro invasiva,
induce il CXCL13, una chemiochina specifica delle cellule B, considerata un marker
liquorale della malattia di Lyme (Rupprecht e coll., 2007). Questa stimolazione può
determinare una nuova espressione delle lipoproteine OspA e OspC, gli anticorpi
verso queste proteine sono stati riscontrati nel liquido cefalo-rachidiano di persone
con neuroborreliosi precoce (Schutzer e coll., 1997b).
La triade meningite linfocitaria, neurite craniale e radiculoneurite caratterizza le fasi
iniziali della neuroborreliosi nel 12-15% dei pazienti (Bacon e coll., 2008). Le
143
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
manifestazioni della meningite comprendono mal di testa, indolenzimento cervicale
e difficoltà di concentrazione. I sintomi causati dal coinvolgimento dei nervi periferici
includono dolore alle radici, paralisi facciali e altri deficit nervosi (Pachner e Steere,
1985). Paralisi di Bell, o paralisi facciale, in aree endemiche può indicare un caso di
Lyme (Ljostad e coll., 2005). Le radiculopatie determinano sintomi non specifici,
quindi la diagnosi di Lyme è spesso trascurata; possono, infatti, determinare dolore
asimmetrico agli arti inferiori seguito da paresi con gravità maggiore nel lato del
morso della zecca (Kaiser, 1998). Quasi tutti i nervi craniali possono essere
coinvolti. Raramente c’è un coinvolgimento vestibulococleare che si manifesta con
vertigini o perdita dell’udito (Peltomaa e coll., 1998; 2000). Possono verificarsi
anche paralisi dell’oculomotore e neuriti ottiche complicate da edema (Karma e coll.,
1995; Kaiser, 1998).
La neuroborreliosi se non trattata si risolve nel giro di alcuni mesi, ma nel 5% dei
casi progredisce alla forma cronica dopo uno o più anni dall’infezione (Pachner e
Steere, 1985). La forma cronica è una componente del terzo stadio della LD. Sia in
USA che in Europa i sintomi sono: radiculopatie, plessopatie brachiali o
lombosacrali, polineuropatia sensoria con parestesia, iperestesia e iperalgesia
(Pachner e Steere, 1985; Kaiser, 1998). La polineuropatia, in genere di tipo
assonale, coinvolge le estremità distali e può essere associata all’acrodermatite
(Pachner e Steere, 1985; Kaiser, 1998). Sono stati segnalati anche casi di
emiparesi e mieliti acute (Olivares e coll., 1995).
Manifestazioni reumatologiche: sintomi di artralgia possono verificarsi in un terzo
dei pazienti con malattia di Lyme acuta (Bacon e coll., 2008). Nel decorso clinico i
pazienti possono presentare dolore articolare assieme a mialgia. La forma
reumatologica si manifesta come un’artrite intermittente migrante con eventuali
localizzazioni asimmetriche, ad esempio a livello di ginocchio (Steere e coll., 1977a;
b). Il quadro clinico può comprendere effusioni non purulente e deformità delle
articolazioni con dolore moderato. Alcuni pazienti con LD confermata rispondono
bene alla terapia antibiotica, alcuni evolvono verso forme di degenerazione
articolare e altri possono manifestare sintomi di coinvolgimento articolare persistenti
e non specifici (Grygorczuk e coll., 2008). È stato dimostrato che esiste una
correlazione tra la resistenza al trattamento e genotipi umani che presentano gli
antigeni leucocitari (HLAs) DR4 e DRB1 (Steere e coll., 2001).
Manifestazioni cardiache: le infiammazioni cardiache sono un sintomo poco
comune della malattia di Lyme con una prevalenza di circa l‘8% (Peltomaa e coll.,
2002). Possono presentarsi nel secondo stadio a seguito della disseminazione
sistemica (Pinto, 2002). La più comune manifestazione clinica è un blocco
atriventricolare di primo grado (Lo e coll., 2003). Possono verificarsi anche blocchi di
secondo grado o completi, ritmo giunzionale e pause sistoliche. Altre alterazioni,
caratteristiche degli stadi avanzati della malattia, comprendono miocarditi,
cardiomiopatie dilatative e insufficienza cardiaca (Bartunek e coll., 2006). La
degenerazione cardiaca può essere collegata a problematiche autoimmunitarie
come ad esempio la cross-reattività verso la miosina dell’ospite, individuate in
modelli murini (Raveche e coll., 2005).
Le donne in stato di gravidanza, affette da malattia di Lyme, presentano la
sintomatologia clinica classica (Walsh e coll., 2007). Sono stai segnalati diversi casi
di complicanze fetali associate a LD gestazionale (Schlesinger e coll., 1985;
MacDonald e coll., 1987). Queste segnalazioni hanno posto il quesito di un
144
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
probabile effetto teratogeno della malattia di Lyme, tuttavia una relazione causale
non è ancora stata dimostrata (Williams e coll., 1995). La trasmissione
transplacentare è stata dimostrata ma ancora non è chiaro se ha effetti sulla
malformazione e sulla morte fetale (Walsh e coll., 2007).
Oltre a Borrelia burgdorferi, le zecche possono trasmettere altri agenti di zoonosi
come HGA e babesiosi (Krause e coll., 2002), già trattati nei precedenti capitoli. La
prevalenza di infezioni duplici o triplici ha variabilità regionale e riflette la situazione
epidemiologica di ogni malattia in una determinata area (Swanson e coll., 2006).
In America tassi di confezione nelle zecche ad opera di A. phagocytophilum, B.
burgdorferi e Babesia microti possono raggiungere il 28% (Swanson e coll., 2006).
Molte coinfezioni nella zecca riportano la presenza di B. burgdorferi e A.
phagocytophilum (Swanson e coll., 2006); al contrario nell’uomo si registrano più
facilmente infezioni miste da LD e babesiosi: uno studio relativo ad un’area
endemica per Babesia riporta che un terzo dei pazienti affetti da malattia di Lyme
presentavano positività sierologica per babesiosi (Benach e coll., 1985). Tuttavia
anche l’anaplasmosi deve essere tenuta in considerazione nei casi di Lyme, perché
circa il 26% dei affetti provenienti da aree endemiche, presenta evidenza sierologica
di doppia infezione (Aguero-Rosenfeld e coll., 2002).
In Europa confezioni sia nelle zecche che nell’uomo con Borrelia, Babesia e
Anaplasma sono meno frequenti, con dati di prevalenza del 13% (Christova e coll.,
2001) e del 17% (Brouqui e coll., 1995) rispettivamente. In Asia confezioni tra gli
ospiti sono rare (Swanson e coll., 2006).
4.6.2 MALATTIA DI LYME NEGLI ANIMALI
Cane: studi sulle manifestazioni cliniche della malattia di Lyme nel cane, come nel
gatto, sono stati fatti a seguito di infezioni indotte sperimentalmente utilizzando
zecche infette (Appel e coll., 1993). La forma clinica nei cani infettati
sperimentalmente si manifesta 2-6 mesi dopo l’esposizione e la gravità dei sintomi
sembra variare inversamente rispetto all’età degli animali e dello stato immunitario.
La comparsa della malattia coincide generalmente con l’aumento degli anticorpi
(Greene e Straubinger, 2006).
I sintomi clinici di carattere sistemico sono: febbre alta (39,5-40,5°C), zoppia
itinerante, dolore articolare, linfoadenomegalia, anoressia e malessere generale.
Tutti sintomi che rispondono alla terapia antimicrobica e che si riscontrano
frequentemente nei cani infetti (May e coll., 1990; Levy e coll., 1993). La diagnosi
spesso non è accurata dato che i segni clinici agli arti e alle articolazioni (dolore,
gonfiori e zoppie) associati a febbre e inappetenza sono stati osservati con
frequenza uguale in cani con e senza anticorpi specifici per B. burgdorferi
(Magnarelli e coll., 1987; Cerri e coll., 1994).
L’artrite è la sindrome più segnalata nelle infezioni acute. La diffusione del batterio
nella pelle, nel connettivo e nel tessuto muscolare è probabilmente la principale
causa di zoppie. Il primo arto coinvolto è generalmente quello più vicino al sito di
inoculo. L’inizio della zoppia può coincidere con l’aumento della temperatura. La
zoppia può persistere in un arto per alcuni giorni poi spostarsi in un altro o
scomparire. Nonostante l’artrite sembri passeggera, le modificazioni a livello
articolare sono progressive. Poliartriti croniche non erosive, riscontrate in molti
145
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
animali non sottoposti a trattamento o con infezioni prolungate, possono permanere
anche in seguito a terapia antibiotica.
Nel cane quindi le lesioni si riscontrano maggiormente nella pelle, nel tessuto
linfatico e nelle articolazioni anche se l’organismo può essere isolato da altri tessuti
e liquidi corporei (Greene e Straubinger, 2006).
In alcuni cani infettati sperimentalmente è stata segnalata una glomerulo nefrite
proteino-disperdente (Grauer e coll., 1988).
In 49 cani di un’area endemica per Borrelia sono stati riscontrati danni renali acuti
progressivi associati ad azotemia, uremia, proteinuria, edema periferico ed effusioni
(Dambach e coll., 1997). Le razze più colpite, secondo questo studio, erano
labrador e golden retrivers. La malattia presentava una durata compresa tra 24 ore
e 8 settimane, con una successiva comparsa di anoressia, vomito, letargia e perdita
di peso. Tutti i cani presentavano anticorpi verso B. burgdorferi e morirono o furono
soppressi a causa del danno renale.
Nel cane sono state segnalate manifestazioni neurologiche in seguito a infezioni
sperimentali: i soggetti presentavano moderati segni di meningite focale, encefalite
e polineuriti (Chang e coll., 2001).
Altri sintomi segnalati sono: lesioni rossastre nel sito di attacco della zecca che
scompaiono entro la prima settimana; artriti reumatoidi; aritmie indotte da miocarditi.
Gatto: nonostante sia stata segnalata la positività sierologica, per questa specie
non è stata descritta la forma clinica. I gatti sembrano essere più resistenti alla
Lyme. Prove di infezione sperimentale con spirochete coltivati hanno provocato
sieropositività anticorpale, tuttavia il patogeno è stato riscontrato solo nel sangue. La
batteriemia si presentava transitoria, scomparendo entro il 24 giorno e solo un gatto
presentava il batterio nei tessuti all’esame autoptico (Burgess, 1992). Nel caso in cui
i gatti invece si infettano utilizzando direttamente le zecche, svilupparono zoppia e
segni di infiammazione articolare, polmonare, linfatica e nervosa alla necroscopia
(Gibson e coll., 1995).
Cavallo: i segni clinici associati alla malattia di Lyme nel cavallo comprendono
febbre, rigidità e zoppia in più di un arto, debolezza muscolare, iperestesia e
cambiamenti caratteriali (Burgess e coll., 1986; Burgess e Mattison, 1987;
Magnarelli e coll., 1988; Browning e coll., 1993; Hahn e coll., 1996). Diversamente
dall’uomo, i versamenti articolari sono minimi nei cavalli. Perdita di muscolatura e
dolore nella zona toracolombare sono stati riscontrati in alcuni cavalli con titolo
anticorpale elevato. Risulta segnalato un cavallo che ha manifestato atassia e grave
infiltrazione linfocitaria delle meningi (Divers, 2007). C’è una segnalazione di
disfunzioni neurologiche in un cavallo attribuito alla Lyme (Hahn e coll., 1996) e in
un pony è stata riportata una panuveite (Burgess e coll., 1986). La febbre alta e
l’edema distale, riportati in associazione a siero conversione verso Borrelia, sono
spesso il risultato di una infezione concomitante da A. phagocytophilum (Chang e
coll., 2000a).
Infezioni sperimentali nei pony hanno provocato lesioni cutanee, muscolari, sui nervi
e nel tessuto perisinoviale, ma non sono stati osservati segni clinici. La patologia è
stata moderata in molti dei pony. Finchè la malattia non viene riprodotta
sperimentalmente la sintomatologia clinica associata ad infezione da Borrelia
rimarrà poco chiara. È possibile che alcuni cavalli, probabilmente associati al
complesso maggiore di istocompatibilità e reazioni antigene-anticorpo, possano
essere predisposti a manifestare segni clinici in seguito all’infezione (Divers, 2007).
146
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
4.7 LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE
4.7.1 UOMO
Le informazioni riguardanti le lesioni anatomopatologiche sono scarse, in quanto
questa malattia difficilmente provoca la morte dei pazienti.
Da prelievi istologici a livello di eritema migrante, linfocitoma cutaneo o
acrodermatite possono essere isolati le spirochete (Zanconati e coll., 1994; Hödl e
coll., 1996; Chodynicka e coll., 2009).
L’eritema migrante istologicamente presenta uno strato corneo assottigliato, atrofia
dell’epidermide con piccoli foci spongiotici, perdita di ghiandole sebacee e
infiltrazione perivascolare sia superficiale che profonda di linfociti, plasmacellule e
istiociti (Weger e Müllegger, 2001).
Nei tessuti prelevati dal linfocitoma si evidenzia una densa infiltrazione di linfociti
maturi attraverso il derma, con o senza la formazione di strutture follicolari nello
strato reticolare che ricordano i centri germinativi dei linfonodi (Weger e Müllegger,
2001). Diversamente dai linfomi, i noduli presenti nel linfocitoma sono costituiti da
cellule T e B contemporaneamente.
Le biopsie effettuate a livello di ACA mostrano un derma sclerotico infiltrato di
cellule mononucleari, che talvolta si estendono a grasso sottocutaneo (Weger e
Müllegger, 2001). Linfociti e plasmacellule talvolta convergono attorno agli annessi
cutanei, ai vasi dilatati e alle fibre collagene. I fasci connettivali possono presentarsi
rigonfi per il deposito di mucina. Può essere presente anche infiltrazione linfocitica a
livello neurale. Nelle fasi tardive dell’acrodermatite si può assistere ad una perdita
delle fibre collagene ed elastiche (Bhate e Schwartz 2011b).
A livello perivascolare e perineurale si possono riscontrare infiammazioni
caratterizzate da infiltrazione da cellule mononucleate (Avanzi e coll., 1998).
Infiltrazioni di questo tipo possono essere presenti anche a livello di piccole arterie
adiacenti il perinervio di molti nervi periferici e della muscolatura scheletrica.
4.7.2 ANIMALI
Cane-gatto: in cani infettati sperimentalmente sono state ottenute lesioni istologiche
in diverse localizzazioni: linfonodi, articolazioni, pericardio e cute (Appel e coll.,
1993). In aggiunta sono state riscontrate infiammazioni a livello vascolare (vasculiti,
arteriti), nervoso (perineuriti) e delle meningi (meningiti). Istologicamente si rilevano,
a livello dei linfonodi, espansioni follicolari e aumento delle aree parafollicolari. Le
biopsie cutanee presentano infiltrazioni linfoplasmocitarie a livello perivascolare con
accumulo di mast cellule.
In questi cani non erano state rilevate lesioni renali, riscontrate invece in cani che si
erano infettati naturalmente (Dambach e coll., 1997). In questi ultimi era stata
osservata la presenza di glomerulo nefriti, necrosi tubulari diffuse con rigenerazione
e infiammazione interstiziale. La presenza delle borrelie, evidenziata attraverso
l’impregnazione argentica, si è rivelata scarsa a livello di lesioni renali.
147
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
Nei gatti infettati sperimentalmente è stata invece riscontrata degenerazione
epatica, iperplasia splenica, plasmocitosi nei linfonodi regionali, meningoencefalite
non purulenta, polmoniti e lesioni renali simili a quelle evidenziate nei cani (Gibson e
coll., 1995).
Cavallo: nei cavalli infettati sperimentalmente le lesioni sono per lo più limitate a
reazioni linfo-istiocitiche della pelle, che circondano il sito di inoculo, e iperplasia
linfoide dei linfonodi regionali (Chang e coll., 1999; 2000). Un pony infettato
sperimentalmente presentava una infiammazione mononucleare nei muscoli cutanei
e nel pannicolo, specialmente attorno alle piccole arterie e ai nervi. Si possono
formare aggregati mononucleari perivascolari anche attorno alle piccole arterie
adiacenti al perinervio dei nervi periferici, quali ad esempio l’ulnare, il facciale, lo
sciatico, il labiale o attorno alle radici dei nervi spinali. Questo tipo di infiltrazioni
sono state riscontrate anche a livello di muscolatura scheletrica in diverse aree
(Chang e coll., 1999). Nel pony infettato sperimentalmente le lesioni si
manifestavano con maggiore gravità nel lato in cui si era attaccata la zecca (Chang
e coll., 1999).
4.8 DIAGNOSI
La malattia di Lyme presenta sintomi clinici simili ad altre malattie da zecca quali
anaplasmosi, babesiosi, STARI (Southern tick-associated rash illness) causata
sempre da spirochete (Borrelia lonestari); inoltre la diffusione epidemiologica spesso
si sovrappone (Bhate e Schwartz, 2011b). Altre diagnosi differenziali, soprattutto
riguardo l’eritema migrante, possono comprendere reazioni di ipersensibilità alle
punture di insetti, erisipela, celluliti, sclerodermi localizzati, granulomi anulari, tigna,
orticaria, ecc. (Müllegger, 2004; Tibbles e Edlow, 2007). Molte di queste malattie
possono spesso essere escluse se il paziente riporta un morso di zecca e un
lesione cutanea eritematosa, anulare e che tende ad allargarsi. Le reazioni di
ipersensibilità da punture di insetto in genre si manifestano entro 24-48 ore e
regrediscono spontaneamente (Müllegger, 2004). Le infezioni batteriche cutanee si
differenziano in genere per la presenza di leucitosi neutrofiliche (Tibbles e Edlow,
2007). La tigna determina la formazione di lesioni con bordi eritematosi e centro
chiaro, che però sono meno demarcate ed espandono in maniera più lenta, inotre
hanno un bordo forforoso che non si riscontra ell’eritema migrante (Dandache e
Nadelman, 2008).
Se i sintomi cutanei si presentano chiari, la diagnosi di LD può essere fatta
clinicamente. La possibile esposizione alle zecche è un altro dato che avvalora
l’ipotesi diagnostica, oltre alla presenza di altri sintomi cardiaci, neurologici o
reumatologici (Bhate e Schwartz, 2011b).
Tuttavia la diagnosi può essere confermata attraverso diverse metodiche analitiche,
impiegabili sia in campo umano che animale.
4.8.1 SIEROLOGIA
L’assenza di marker sierici nelle prime fasi della malattia può porre dei limiti alla
148
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
diagnosi della malattia. Il CDC e la Società Tedesca per l’Igiene e la Microbiologia
(DGHM) hanno istituito le linee guida per la diagnosi sierologica (Brouqui a coll.,
2004; Wilske e coll., 2007). Si dovrebbe procede con uno screening iniziale
utilizzando sia ELISA che IFAT. Risultati dubbi o positivi dovrebbero essere seguiti
dal Western Blot (Oldak e coll., 2008).
ELISA e IFAT rilevano la resenza di IgM e IgG per B. burgdorferi (Magnarelli, 1988).
Le IgM si rilevano 2-6 settimane dopo l’esposizione e calano rapidamente. Questi
anticorpi possono essere presenti per molto tempo nel caso di malattia prolungata o
di reinfezioni, ma possono anche essere riscontrati in pazienti precedentemente
trattati (Kalish e coll., 2001). Dopo 3 o 4 settimane dall’infezione si alza il livello di
IgG e si stabilizza, creando uno “scoglio immunologico” che indica l’esposizione al
patogeno ma non necessariamante la malattia (Kalish e coll., 2001). Una risposta
negativa alla ricerca delle IgG può indicare una forma di borreliosi tardiva.
L’IFAT può permettere la quantificazione del titolo anticorpale, anche se il risultato
può essere variabile in funzione dell’operatore (Bunikis e Barbour, 2002). L’ELISA è
un test iniziale più sensibile (Lencakova e coll., 2008), i kit commerciali rilevano in
generale gli anticorpi verso l’intera cellula batterica. Strumenti più recenti possono
utilizzare antigeni di superficie o antigeni ricombinanti come VlsE o C6, riconosciuti
come ampiamente conservati nelle varianti patogene (Aguero-Rosenfeld e coll.,
2005; Marangoni e coll., 2008).
I risultati dei test ELISA possono essere positivo, negativo o indeterminato,
basandosi sull’assorbanza del complesso antigene-anticorpo-antianticorpo nei
confronti del controllo negativo. Sebbene la sensibilità sia maggiore, solo il 20-30%
dei pazienti presenta sieroreattività nelle prime due settimane e il 70-80% durante la
convalescenza (Steere, 2001).
Il Western Blot è più sensibile e specifico dell’ELISA nella ricerca degli anticorpi antiborrelia (Dressler e coll., 1993). Viene utilizzato come seconda scelta nella diagnosi
a causa dei costi e della carenza di standardizzazione nell’interpretazione dei
risultati (Bakken e coll., 1992). Fortunatamente, studi recenti hanno permesso di
rendere più confrontabili sia i processi manuali che quelli automatizzati (Binnicker e
coll., 2008). In Europa il WB deve essere utilizzato e interpretato correttamente a
causa della eterogeneità delle infezioni da Borrelia spp. Gli antigeni utilizzati nel WB
sono stati definiti in base al peso in kDa. In USA vengono utilizzati per le IgM le
seguenti bande antigeniche: FlaB (41 kDa); BmpA (39 kDa) e OspC (24 kDa)
(Engstrom e coll., 1995). Il WB per le IgG utilizza 10 antigeni. 5 per FlaB (93-, 66-,
58-, 45-, 41-kDa), uno per BmpA (39 kDa), 3 per OspC (30-, 28, 21-kDa) e uno per
proteine da 18 kDa (Dressler e coll., 1993). I criteri fissati dal CDC impongono la
presenza di almeno due delle tre bande per la positività delle IgM e 5 su 10 per le
IgG (CDC, 1995). In Europa la scelta degli antigeni è relativa alla manifestazione
clinica e al presunto stadio della malattia. L’immunoblot per le IgM può risultare
positivo una settimana dopo il morso della zecca e rimanere tale per 6-8 settimane
(Bhate e Schwartz, 2011b).
La scarsa sensibilità dei test sierologici convenzionali può essere correlato alla
formazione di complessi antigene-anticorpo, non individuabili con queste metodiche
(Schutzer e coll., 1999). La formazione di immunocomplessi è stata riscontrata in
topi, scimmie e conigli (Schutzer e Luan, 2003), accendendo l’attenzione verso studi
su modelli animali. I complessi di OspA, OspB e OspC si formano nelle fasi iniziali,
anche prima della siero conversione, e possono essere precipitati utilizzando
149
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
preparazioni a base di glicole polietilenico (Schutzer e coll., 1999). Schutzer e coll.
(1994) hanno dimostrato la presenza di immunocomplessi sia con l’intera spirocheta
che con la proteina OspA nel siero di 20 su 21 pazienti con EM, originari di una
zona endemica. Contemporaneamente, IgM libere sono state riscontrate solo nella
metà dei pazienti. Il potenziale dell’utilizzo degli immunocomplessi è stato
dimostrato in una donna gravida con un sospetto di malattia di Lyme. Le borrelie
non erano state ritrovate all’esame istologico, tuttavia i campioni di siero
presentavano gli immunocomplessi (Bhate e Schwartz, 2011b).
Gli anticorpi anti-borrelia possono essere ritrovati anche nel liquido cefalorachidiano di pazienti con neuroborreliosi, soprattutto in Europa (Hansen e Lebech,
1991) utilizzando ELISA e Western Blot. Gli anticorpi IgM e IgG possono essere
evidenziati utilizzando cellule intere o proteine ricombinanti come ad esempio DbpA,
BBK32, OspC e flagellina (Aguero-Rosenfeld e coll., 2005).
Molti kit ELISA diagnostici non presentano una composizione antigenica
standardizzata. Questo fattore è rilevante soprattutto in Europa, dove è presente
una eterogenicità delle specie di Borrelia patogene (Wilske e coll., 2007). Il risultato
che ne deriva è una risposta anticorpale meno solida, determinando una minore
sensibilità e specificità dei test ELISA. Altro fattore critico è la condivisione, da parte
di Borrelia spp., di molti antigeni con altri batteri quali Treponema pallidum o
spirochete saprofite della normale flora batterica umana (Bruckbauer e coll., 1992).
Di conseguenza risultati positive all’ELISA o al WB possono non essere indicativi di
Lyme; al contrario risultati negativi possono in realtà essere falsi negativi. La
presenza di IgM senza però il conseguente rinvenimento di IgG può essere
indicativo di falsa positività (Bhate e Schwartz, 2011b).
ELISA, IFAT e Western Blot vengono impiegati anche nella diagnosi nel cane. Il WB
aiuta nell’identificazione di falsi positivi e permette di differenziare gli animali
vaccinati da quelli naturalmente infetti. Il pattern di risposta anticorpale dopo
un’infezione naturale è diverso da quello indotto dalla vaccinazione (Greene e
Sraubinger, 2006).
È inoltre presente un kit commerciale IDEXX che rileva la presenza di anticorpi
verso il peptide C6. Questo test permette di differenziare gli animali vaccinati da
quelli infetti con un’accuratezza maggiore rispetto al WB. La risposta anti C6
aumenta molto più velocemente rispetto agli anticorpi identificati dal test ELISA
utilizzando antigeni estratti dall’intero spirochete (Philipp e coll., 2001). Il C6 non
reagisce nei sieri di cani sani, in quelli con infezioni diverse da B. burgdorferi o in
quelli vaccinati sia utilizzando la lipoproteina OspA o l’intero batterio (Liang e coll.,
2000; O'Conner e coll., 2004).
L’utilizzo di questo peptide come antigene nei test diagnostici può aiutare nel
determinare infezioni attive o valutare l’efficacia del trattamento (Greene e
Sraubinger, 2006).
Il C6 è stato valutato anche nei gatti, però su un numero limitato di casi (Levy e coll.,
2003). Su 24 gatti testati in una regione endemica, 17 hanno mostrato un risultato
positivo, in accordo con il test IFAT. I gatti erano stati scelti per la possibile
esposizione e non per manifestazioni cliniche. Come nel cane, anche nel gatto il C6
può aiutare la diagnosi in soggetti che presentano sintomatologia (febbre e gonfiore
articolare) (Greene e Sraubinger, 2006).
Anche nel cane viene analizzato il LCR per la ricerca degli anticorpi. Un aumento
intratecale della concentrazione anticorpale è stato evidenziato in cani con
150
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
disfunzioni neurologiche (Mandel e coll., 1993).
Anche per il cavallo i test ELISA e IFAT sono quelli più utilizzati per la diagnosi della
malattia di Lyme. La valutazion del C6 utilizzando il kit IDEXX ha mostrato buone
correlazioni con l’ELISA per il cavallo. Come per il cane, il Western Blot viene
utilizzato nel cavallo per differenziare gli animali infetti da quelli vaccinati (Divers,
2007).
4.8.2 BIOLOGIA MOLECOLARE
La PCR è la tecnica molecolare più utilizzata per la diagnosi di malattia di Lyme.
Questa tecnica è più attendibile della sierologia e della coltura nella diagnosi
precoce dell’infezione (Schmidt, 1997).
La prima PCR specifica per B. burgdorferi s.l. è stata messa a punto nel 1989 (Rosa
e Schwan, 1989). I campioni biologici analizzabili alla PCR sono biopsie cutanee di
pazienti con EM o ACA (Whang, 2002), sangue, LCR o liquido sinoviale.
La sensibilità dell’analisi può diminuire in seguito a degradazione del DNA dei batteri
durante il trasporto, la conservazione e lo stoccaggio. Dai campioni di cute
mantenuti in terreno di trasporto come il BSK, le borrelie possono fuoriuscire e
localizzarsi nel medium. In questo caso è opportuno eseguire l’estrazione del DNA
anche dal terreno (Aguero-Rosenfeld e coll., 2005).
Tecniche di tipo qualitativo sono in genere adeguate, ma sono disponibili anche
protocolli di tipo quantitativo (Bhate e Schwartz, 2011b).
L’analisi qualitativa si basa sulla ricerca di specifici geni: FlaB, RecA, p66 e OspA,
oltre ad alcuni geni ribosomiali (Schmidt, 1997). La specificità descritta sui vari tipi di
campioni si avvicina al 100% (Aguero-Rosenfeld e coll., 2005). La sensibilità può
essere scarsa, in funzione della natura variabile dei batteri nel tempo e delle diverse
varianti (Schmidt, 1997). I primer ideali dovrebbero essere molto specifici per B.
burgdorferi s.l. ma universali per le genospecie che causano la Lyme (Schmidt,
1997). La sensibilità dipende anche dal tipo di campione, infatti nel sangue e nel
LCR tende ad essere inferiore (Aguero-Rosenfeld e coll., 2005).
I protocolli di PCR in molti casi non sono standardizzati e può risultarne una
notevole variabilità tra i laboratori che effettuano le analisi (Lange e Seyyedi, 2002).
Un protocollo di real-time PCR per la quantificazione del DNA di B. burgdorferi è
stato utilizzato per la prima volta su topi infettati sperimentalmente (Morrison e coll.,
1999). Successivamente questa tecnica è stata utilizzata per genotipizzare le specie
patogene di B.burgdorferi s.l. sia nelle zecche che nei pazienti con eritema migrante
in Europa (Pietila e coll., 2000; Mommert e coll., 2001; Rauter e coll., 2002). È stato
messo a punto anche un protocollo di multiplex real-tme PCR che permette il
rilevamento di B. burgdorferi e A. phagocytophilum contemporaneamente (Courtney
e Massung, 2003).
La PCR è una tecnica che permette di confermare i sospetti diagnostici di LB
permette di identificare o tipizzare la specie coinvolta nell’infezione e permette di
individuare confezioni. Tuttavia la PCR non viene accettata ovunque nei laboratori
diagnostici per la scarsa sensibilità ottenuta dai campioni di sangue e liquor. La
PCR è molto sensibile sui campioni cutanei di EM (Dumler., 2001), ma se queste
lesioni sono molto caratteristiche, la diagnosi viene effettuata anche senza la
biologia molecolare. In pazienti in cui c’è un coinvolgimento sistemico, la sensibilità
151
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
del test diminuisce molto, ad eccezione per la forma artritica (Aguero-Rosenfeld e
coll., 2005).
Le tecniche di biologia molecolare possono essere impiegate con successo anche
nel cane, anche se le analisi sierologiche sono generalmente quelle più impiegate
(Little e coll., 2010).
4.8.3 ISOLAMENTO COLTURALE
La coltivazione dell’agente eziologico è la tecnica più specifica per la diagnosi di
malattia di Lyme (Aguero-Rosenfeld e coll., 2005). I terreni utilizzati sono dei terreni
liquidi modificati dal terreno impiegato inizialmente, il medium “Kelly” (Kelly, 1971), e
sono ad esempio: il BSK II (Barbour-Stoener-Kelly II) (Barbour, 1984), il BSK-H
(Pollack e coll., 1993) e MKP (Medium Kelly-Preac-Mursic) (Preac-Mursic e coll.,
1986). Le colture sono in genere incubate a 30-34°C in condizioni di microaerofilia.
Temperature di 39°C o superiori possono rallentare o inibire la crescita (Barbour,
1984). La coltura dura circa 12 settimane, un tempo molto più lungo rispetto ad altri
batteri patogeni, a causa del tempo di generazione prolungato (7-20 ore) durante la
fase logaritmica (Barbour, 1984). Il monitoraggio della coltura viene effettuato
osservando il surnatante con il microscopio a campo oscuro o con quello a
fluorescenza (Reed, 2002).
B. burgdorferi può crescere anche su terreni solidi, utilizzando gli stessi terreni
decritti in precedenza addizionati di agar in condizioni di microaerofilia o anaerobiosi
(Barbour, 1984).
Ceppi batterici coltivati in laboratorio possono essere co-coltivati anche su linee
cellulari di zecca (Kurtti e coll., 1988; Obonyo e coll., 1999) e su linee cellulari di
alcuni mammiferi (Hechemy e coll., 1992; Speck e coll., 2002).
B. burgdorferi s.l. può essere isolato da diversi tessuti e fluidi biologici di pazienti
affetti da LB: biopsie (Strle e coll., 1996) o lavaggi di lesioni da EM (Wormser e coll.,
1992), biopse da lesioni acrodermatose (Picken e coll., 1998), biopsie da linfocitomi
(Maraspin e coll., 2002), campioni di liquidi cerebro-spinale (Karlsson e coll., 1990),
e sangue (Wormser e coll., 2000a). È stato segnalato anche l’isolamento del
batterio dal liquido sinoviale (Schmidli e coll., 1988), tessuto cardiaco (Stanek e
coll., 1990) e iride (Preac-Mursic e coll., 1993).
4.9 TERAPIA
4.9.1 TERAPIA NELL’UOMO
4.9.1.1 Terapia preventiva
Un approccio di tipo preventivo dopo il morso di una zecca viene proposto in
America utilizzando una singola iniezione di doxyciclina (Wormser e coll., 2007). In
Europa un trattamento analogo non è stato valutato (Girschick e coll., 2009).
152
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
4.9.1.2 Terapia delle manifestazioni iniziali
L’eritema migrante in genere regredisce spontaneamente entro 6 settimane, ma una
terapia antibiotica può accorciarne la durata a pochi giorni (Steere coll., 1980).
Trattamenti con doxyciclina (4 mg/kg/giorno in due somministrazioni), amoxycillina
(50 mg/kg/giorno in 3 dosi) o cefuroxime acetile (20-30 mg/kg/giorno in due dosi)
tutti per 14 giorni si sono dimostrati efficaci (Wormser, 2006). Nel caso invece del
linfocitoma cutaneo la terapia va protratta per 28 giorni (Girschick e coll., 2009).
Considerati i problemi di allergia correlati alle penicilline e il fatto che la doxyciclina
non può essere impiagata nei bambini, l’azitromicina è stata ampiamente valutata
per il trattamento dell’EM. Alcuni autori però sostengono che l’efficacia di questo
principio attivo sia inferiore a quella dell’amoxycillina (Luft e coll., 1996). Nei pazienti
che presentano anche forme disseminate con sintomi di febbre, mialgia, artralgia,
mal di testa e linfadenopatia la somministrazione di doxyciclina per 21 giorni o di
cetriaxone per 14 gioni sono ugualmente efficaci nella prevenzione della
sintomatologia tardiva (Dattwyler e coll., 1997). Amoxycillina e doxyciclina possono
essere impiegate anche nel trattamento delle forme cardiache, oculari e articolari
(Girschick e coll., 2009).
Nella seconda fase della malattia, quando insorgono i sintomi nervosi, gli antibiotici
utilizzabili sono penicillina (0,5 milioni U/kg/giorno divise in 6 dosi), cefatriaxone (50
mg/kg/giorno in 3 dosi) e cefotaxime (200 mg/kg/giorno in dose singola) per via
endovenosa per 14 giorni, oppure doxyciclina per via orale (4 mg/kg/giorni in due
dosi) sempre per 14 giorni (Girschick e coll., 2009).
4.9.1.3 Terapia delle manifestazioni tardive
Artriti: L’infiammazione sinoviale può persistere anche se l’infezione è stata
eliminata dall’uso di antibiotici (Kannian e coll., 2007). L’artrite può risolversi anche
dopo periodi di 6 anni o più sia negli adulti che nei bambini (Steere e Angelis, 2006),
in funzione probabilmente di fattori immunologici, genetici o correlati al patogeno
(Girschick e coll., 2009). Alcuni autori hanno proposto terapie antibiotiche ripetute
con doxyciclina o amoxycillina nel caso di artriti lievi, o con ceftriaxone, cefotaxime o
penicillina nel caso di artriti più gravi (Steere e Angelis, 2006). Girschick e coll.
(2009) propongono invece l’utilizzo del solo cefotaxime per 14 giorni. Per i bambini
di età superiore a 8 anni può essere utilizzata la doxyciclina.
Accanto agli antibiotici sono consigliate anche terapie con FANS, per contribuire alla
risoluzione dell’infiammazione più velocemente (Girschick e coll., 2009).
Forme neurologiche: trattamenti antibiotici sono consigliati anche in corso di
complicazioni neurologiche utilizzando nuovamente cefotaxime e penicillina.
ACA: il trattamento dell’acrodermatite cronica prevede l’impiego di cefotaxime per
almeno 4 settimane.
4.9.2 TERAPIA NEGLI ANIMALI
Cane-gatto: il trattamento immediato nella terapia della malattia di Lyme prevede la
riduzione del titolo anticorpale e il numero di batteri nell’organismo, oltre alla
prevenzione o la cura di zoppie e problemi articolari (Straubinger e coll., 1998).
Gli antibiotici, utilizzati per almeno 30 giorni, sono amoxycillina, azytromicina,
153
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
ceftriaxone e doxyciclina. A causa di una difficoltà di ripulire gli animali
dall’infezione, si può registrare la presenza dei batteri a livello articolare. Questa
persistenza provoca processi infiammatori cronici. I soggetti con forme di borreliosi
cronica sono meno propensi a migliorare e più facilmente manifestano recidive,
anche se trattati per settimane o mesi.
La doxyciclina è in genere la terapia di elezione alla dose di 10 mg/kg bid. Negli
animali in crescita si preferisce usare l’amoxycillina, per evitare il deposito delle
tetracicline nei denti o nelle unghie (Greene e Sraubinger, 2006). Il cefatriaxone è in
genere utilizzato nell’uomo, quindi si cerca di evitarne l’uso negli animali.
L’amoxycillina viene impiegata alla dose di 20 mg/kg ogni 8 ore; l’azytromicina
invece può essere somministrata alla dose di 25 mg/kg una volta al giorno (Greene
e Sraubinger, 2006).
Per alleviare i sintomi articolari, si può affiancare una terapia antidolorifica,
prestando però attenzione alle possibili complicazioni gastro-enteriche. I
glucocorticoidi potrebbero essere utilizzati, in quanto anche a bassi dosaggi sono
efficaci nel trattamento delle artriti croniche. Tuttavia questi farmaci hanno effetto
immunosoppressore; alla dose di 2mg/kg/giorno per 2 settimane possono far
riattivare infezioni latenti (Straubinger e coll., 2000). I cani trattati non manifestano
segni di zoppia, ma quando la terapia viene sospesa possono sviluppare artrite
entro una settimana (Straubinger e coll., 2000).
Il trattamento delle disfunzioni renali varia a seconda dello stadio e della gravità
della malattia. Una marcata proteinuria può provocare sindrome nefrosica e
ipertensione sistemica. In questo stadio iniziale si possono utilizzare ACE inibitori e
farmaci antiinfiammatori. Al progredire della malattia, si può manifestare
ipoproteinemia e diminuzione della perfusione renale che necessitano di agenti
vasoattivi e diuretici osmotici. Purtroppo il danno renale è progressivo, nonstante la
terapia (Greene e Sraubinger, 2006).
Cavallo: i farmaci utilizzati normalmente nel cavallo sono tetraciclina per via
endovenosa o doxyciclina per via orale. La tetraciclina manifesta una maggiore
concentrazione tissutale rispetto alla doxyciclina (Bryant e coll., 2000). La dose
esatta e la durata della terapia non sono chiare. In generale si consiglia un dosaggio
di 6,6 mg/kg di tetraciclina ogni 24 ore per 7-10 giorni, seguita da una terapia con
doxyciclina a 10 mg/kg bid per almeno 1 mese. Per considerare il trattamento
efficace, si effettua un monitoraggio del titolo anticorpale, che deve essere inferiore
a 110 unità ELISA dopo la sospensione della terapia, e continuare a calare nel
tempo (Divers, 2007).
4.10 PROFILASSI
Come già visto in precedenza per le altre malattie trattate, la profilassi di tipo diretto
consigliata per l’uomo nei confronti della malattia di Lyme prevede di evitare le zone
a rischio di infezione o comunque di prestare attenzione nelle aree ad alta densità di
zecche (Schutzer e coll., 1997a). Nel caso si frequentino queste aree o si sospetti
una possibile esposizione ai vettori, è consigliato, come per le altre malattie,
utilizzare metodi di protezione personale, come i repellenti acaricidi e l’abbigliameno
adeguato a ostacolare l’attacco delle zecche (Hayes e Piesman, 2003). L’ispezione
accurata del corpo dopo aver frequentato aree a rischio è fondamentale, soprattutto
154
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
per individuare e rimuovere le zecche in tempi brevi, anche se alcuni lavori mettono
in dubbio l’efficacia di una rimozione tempestiva delle stesse (Vazquez e coll.,
2008).
Per quanto concerne l’ambiente, l’uso di acaricidi è di solito sconsigliato, per i
problemi di contaminazione (Piesman, 2006). La rimozione e bruciatura delle foglie
secche può avere gli stessi effetti degli acaricidi (Stafford e coll., 1998).
Alcuni studiosi hanno anche proposto la rimozione dei cervidi da determinate aree
per controllare il numero delle zecche (Stafford e coll., 2003; Rand e coll., 2004;
Piesman, 2006), il rapporto però tra la rimozione degli ospiti e il numero delle
zecche non è ben chiaro e comunque è una tecnica difficilmente attuabile su larga
scala (Bhate e Schwartz, 2011b).
La chemioprofilassi con doxyciclina è una pratica molto utilizzata negli Stati Uniti,
soprattutto nelle aree endemiche per la malattia di Lyme, in cui il tasso di infezione
nelle zecche raggiunge il 20% (Bhate e Schwartz, 2011b). L’antibiotico viene
somministrato a pazienti che denunciano una puntura da I.scapularis, con un pasto
di sangue di almeno 36 ore ed entro 72 ore dalla rimozione (Wormser e coll., 2006).
In Europa questo tipo di approccio non viene attuato (Stanek e Strle, 2003).
La vaccinazione nelle aree endemiche potrebbe essere uno strumento valido nel
controllo della malattia (Meurice e coll., 1997). In USA vaccini contenenti OspA
ricombinanti (LYMErix) erano stati approvati nel 1998 (Rutter, 1998). Questi vaccini
determinano la formazione di anticorpi anti-Borrelia che vengono assunti dalla zecca
durante il pasto e attaccano le spirochete nel suo intestino, bloccando il ciclo (Bhate
e Schwartz, 2011b). L’impiego di questo metodo di profilassi non ha però riscosso
un grande successo, in quanto viene considerato più che altro un metodo di
precauzione ambientale (Rutter, 1998), inoltre i soggetti vaccinati non sono
distinguibili da quelli infettati naturalmente (Schutzer e coll., 1997c). I costi di
produzione e gli effetti collaterali provocati dal vaccino hanno spinto i produttori a
sospenderne la commercializzazione nel 2002 (Bhate e Schwartz, 2011b).
Sono stati fatti studi su altri antigeni da impiegare nell’allestimento dei vaccini, come
ad esempio OspC (Earnhart e Marconi, 2007), ma il fallimento del LYMErix ha
dissuaso molti ricercatori (Bhate e Schwartz, 2011b).
Per quanto riguarda il cane, oltre ai metodi di controllo delle infestazioni da zecche
visti in precedenza, la profilassi di tipo indiretto attaverso la vaccinazione sembra
proteggere dalla malattia di Lyme in America (Keller e coll., 1994). In Europa, data
la molteplicità delle specie patogene, la protezione risulta meno efficace. I vaccini
disponibili in America contengono la proteina OspA o cellule batteriche inattivate
(Greene e Straubinger, 2006). Lo schema vaccinale consigliato prevede di
effettuare un primo trattamento a 4 settimane per i vaccini con OspA e a 12
settimane per quelli con antigene intero. In entrambi i casi viene ripetuto un richiamo
dopo 3-4 settimane. La vaccinazione è in genere consigliata per cani che
frequentano abitualmente aree a rischio o che vivono in aree endemiche (Greene e
Straubinger, 2006).
L’immunità prodotta dopo la vaccinazione permette al cane di avere una protezione
principalmente contro gli antigeni OspA (Rice Conlon e coll., 2000; Straubinger e
coll., 2002). Questo tipo di protezione non viene riscontrata in cani che si infettano
naturalmente. La proteina OspA è espressa da Borrelia nell’intestino della zecca
prima del pasto di sangue e permette al batterio di colonizzarla. Durante il pasto di
sangue, con l’intervento del sistema complemento, gli anticorpi verso OspA
155
Capitolo 4
Borreliosi di Lyme
inibiscono l’invasione delle ghiandole salivari, da parte del batterio, in zecche che si
alimentano su cani vaccinati (De Silva e coll., 1997).
I vaccini disponibili non determinano una protezione duratura e nei cani a rischio è
raccomandato il richiamo annuale (Greene e Straubinger, 2006).
Uno svantaggio della vaccinazione potrebbe essere quello di non distinguere
animali vaccinati da animali naturalmente infetti, questo problema viene però
superato dall’impiego di metodiche di immunoblotting ed kit specifici per il C6,
argomento già affrontato in precedenza (Greene e Straubinger, 2006). Un altro
problema potrebbe essere l’insorgere di reazioni di ipersensibilità, soprattutto
utilizzando vaccini ad antigene intero (Jacobson e coll., 1996). I cani, prima di
essere sottoposti a vaccinazione, dovrebbero essere accuratamente visitati per
escludere infezioni latenti; inoltre i cani con precedenti esposizioni alla Lyme non
dovrebbero essere vaccinati (Greene e Straubinger, 2006).
La prevenzione della malattia di Lyme nel cavallo prevede, come per gli altri animali
e l’uomo, l’utilizzo di prodotti repellenti e la rimozione tempestiva delle zecche.
Possono essere impiegati anche trattamenti antibiotici profilattici a seguito di morso
di zecca o vaccini (Divers, 2007).
Per quanto riguarda i vaccini, prove sperimentali condotte su pony utilizzando
l’antigene OspA hanno evidenziato una buona protezione dopo l’attacco di zecche
infette 92 giorni dopo la terza vaccinazione (Chang e coll., 1999). Attualmente non
sono registrati vaccini per il cavallo, quindi la durata della protezione, gli effetti
collaterali e l’efficacia dei vaccini per cani, utilizzati sul cavallo, è tuttora sconosciuta
(Divers, 2007).
156
Capitolo 5
Materiali e metodi
5
MATERIALI E METODI
157
Capitolo 5
Materiali e metodi
5.1 CAMPIONAMENTO DELLE ZECCHE
Sono stati effettuati campionamenti di zecche ixodidae dall’ambiente (questing ticks)
in quattro aree delle province di Bologna e Ravenna.
I campionamenti sono stati effettuati ogni 15 giorni a partire da aprile fino a ottobre
2010, sempre negli stessi siti di campionamento. La tempistica di raccolta poteva
variare di un giorno rispetto al programma stabilito in relazione alle condizioni
atmosferiche, in quanto non poteva essere effettuata in caso di pioggia
(Sonenshine, 1993). Oltre a questi campionamenti a livello ambientale, sono state
raccolte zecche ixodidae che stavano compiendo il pasto di sangue (feeding ticks)
su animali o su persone nelle zone dello studio ambientale.
5.1.1 QUESTING TICKS
La raccolta delle zecche dal suolo e dalla vegetazione è stata effettuata utilizzando
teli di stoffa di 100 cm x 100 cm, che venivano trascinati “spazzolando” le aree da
campionare; questo metodo è definito dalla letteratura anglosassone con il nome di
flagging (Sonenshine, 1993).
I teli, di colore bianco per permettere una più semplice visualizzazione delle zecche
attaccate, sono montati su di un bastone in
modo da mantenerli ben tirati durante lo
strascico sul terreno.
Il telo (Fig. 5.1) viene tirato lentamente per
permettere l’attacco delle zecche, attirate dal
movimento del telo stesso. Ogni 2 metri di
percorso, secondo le indicazioni di Li e
Dunley (1998), il telo viene accuratamente
ispezionato, per individuare e prelevare le
zecche che si sono attaccate, facendo
particolare attenzione alle larve, che
essendo di piccole dimensioni possono
sfuggire all’osservazione, soprattutto se il
telo è sporco o ha raccolto frammenti di
Figura 5.1 – Strisciamento del telo di stoffa
vegetazione e terriccio.
sull’area di campionamento
Nel nostro studio abbiamo campionato sia
lungo percorsi lineari che intere aree. Per quanto riguarda le zone campionate come
percorsi lineari sono stati definiti tratti di 100 metri suddivisi in “fasce” da 20 metri
ciascuna; il campionamento è stato effettuato per trascinamento del telo sulla prima,
terza e quinta fascia da 20 metri che abbiamo chiamato TRANSECT 1, TRANSECT
2 e TRANSECT 3 (Schema 5.1). In ogni transect il controllo dei teli è stato effettuato
ogni 2 metri definiti subtransects (Li e Dunley, 1998). Lungo i percorsi lineari,
essenzialmente sentieri, è stato campionato il lato a monte, in quanto considerato
più ricco di zecche (Kramer and Beesley, 1993).
158
Capitolo 5
Materiali e metodi
Schema 5.1: Rappresentazione schematica del percorso campionato suddiviso in transect e
subtransect
Per quanto riguarda le zone campionate come aree, il campionamento è stato
effettuato strisciando il telo su tutta la superficie. Ogni 2 metri, come per il
campionamento lineare, i teli sono stati controllati e le zecche attaccate sono state
prelevate, in modo tale da limitarne il fenomeno del distacco dal telo (Li e Dunley,
1998).
Durante ogni campionamento e per ciascun transect sono state registrate la
temperatura in gradi centigradi e l’umidità percentuale di ogni sito a 5 cm dal suolo
(Schwarz e coll., 2009) utilizzando un termometro con igrometro (Oregon Scientific)
in modo tale da avere informazioni microclimatiche specifiche di ogni luogo di
raccolta.
5.1.2 ZONE DI CAMPIONAMENTO
Le aree scelte per il campionamento (Fig. 5.2) sono rappresentate da sentieri, aree
picnic e aree boschive nei pressi dei sentieri in parchi naturalistici dell’Emilia
Romagna.
Le aree prese in esame sono localizzate lungo la dorsale appenninica e sebbene
distanziate anche di alcune centinaia di chilometri, presentano caratteristiche
ambientali e geologiche simili.
In provincia di Bologna le aree campionate sono state:
• Parco dei Gessi Bolognesi e Calanchi Dell’Abbadessa; località Ca’ de
Mandorli (44° 26’ 32” N, 11° 26’ 30” E);
• Parco dei Gessi Bolognesi e Calanchi Dell’ Abbadessa; località Ciagnano
(44° 24’ 57” N, 11° 27’ 16” E);
• Parco Regionale Abbazia di Monteveglio (44° 28’ 01 ” N, 11° 5’ 14” E).
In provincia di Ravenna l’area campionata è stata:
• Parco del Carnè (44° 13’ 34” N, 11° 44’ 22” E).
159
Capitolo 5
Materiali e metodi
Figura 5.2: Luoghi campionati nella regione Emilia-Romagna
5.1.2.1 Parco dei Gessi Bolognesi e Calanchi Dell’Abbadessa
Il Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell'Abbadessa (Fig. 5.3) si
sviluppa sulle prime pendici della collina bolognese, nelle immediate vicinanze del
capoluogo emiliano (San Lazzaro di Savena, Ozzano dell'Emilia e Pianoro), tra i
torrenti Savena, Zena, Idice e Quaderna e racchiude un territorio in cui spiccano gli
spettacolari affioramenti dei gessi messiniani e i caratteristici calanchi del Passo
dell'Abbadessa. Doline, calanchi, altopiani, valli cieche e rupi rocciose modellano il
territorio lungo una fascia che, sviluppandosi in modo discontinuo trasversalmente
alle valli, termina verso est nella imponente Vena del Gesso romagnola (anch'essa
parte del sistema delle aree protette regionali). Il fiume Savena segna per un lungo
tratto il confine occidentale dell'area protetta che a est si spinge sino al suo piccolo
affluente Quaderna; nella sua parte centrale è situata la confluenza fra Zena e Idice.
• Superficie a terra (ha): 4.815,87
• Comuni: Bologna, Ozzano dell'Emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena
160
Capitolo 5
Materiali e metodi
CA’ DE MANDORLI
CIAGNANO
Figura 5.3: Parco dei Gessi e dei calanchi dell'Abbadessa, mappa del parco
Flora e fauna del parco
Il parco è caratterizzato da rupi gessose rivestite di vegetazione ridotta e
discontinua alternate a zone boschive ricche di siepi ed arbusteti.
La morfologia del terreno influisce sul microclima e di conseguenza sulla tipologia di
vegetazione. Nella valle si riscontra principalmente la presenza di vegetazione
termofila nelle zone più elevate, mentre nelle zone più prossime al fondo si sviluppa
una vegetazione mesofila e sciafila (vi si possono incontrare anche piante tipiche di
fasce altitudinali più elevate, come, ad esempio, il castagno). Nelle zone in cui la
roccia è scoperta si crea un microclima particolarmente caldo e arido che favorisce
lo sviluppo di specie mediterranee generalmente inconsuete. I boschi sono
caratterizzati da alberi di roverella, carpino nero, acero campestre, tiglio e castagno.
Numerosi sono gli arbusti nel sottobosco tra cui nocciolo, corniolo, sanguinella
coronilla, biancospini e fusaggine, spesso ricoperti di caprifoglio e vitalba. Sul fondo
delle doline e agli ingressi degli inghiottitoi si registra un microclima fresco e umido,
dovuto al ristagno di aria fredda, che favorisce lo sviluppo di piante normalmente
riscontrate a quote superiori.
Nonostante l'estrema vicinanza all'area urbana bolognese, grazie al suo microclima
ed ai differenti habitat, il parco ospita numerose specie animali.
Sono infatti segnalati piccoli roditori come il mustiolo (Suncus etruscus), donnole,
lepri, volpi, caprioli, cinghiali, alcuni lupi, documentati dal bollettino del parco, e sono
state rinvenute anche tracce di lince. Tra gli uccelli si registrano lo scricciolo
(Troglodytes troglodytes), l’occhiocotto (Sylvia melanocephal), varie specie di
picchio (Picus viridis; Sitta europaea, Dendrocopos major), l’assiolo (Otus scops), la
poiana (Buteo buteo), il martin pescatore (Alcedo atthis), il fagiano (Phasianus
colchius), oltre a numerosi esemplari di sterpazzola (Sylvia communis), tortora
(Streptopelia turtur), succiacapre (Caprimulgus europaeus), averla piccola (Lanius
161
Capitolo 5
Materiali e metodi
collurio), strillozzo (Miliaria calandra), usignolo (Luscinia megarhynchos), capinera
(Sylvia atricapilla), cinciallegra (Parus major), merlo (Turdus merula), gazza (Pica
pica), corvo imperiale (Corvus corax), allodola (Alauda arvensis) e qualche rara
upupa (Upupa epops). Ci sono inoltre diverse specie di rettili come il ramarro
(Lacerta viridis), le lucertole (Podarcis sicula Podarcis muralis), il biacco (Hierophis
viridiflavus). Tra gli anfibi si segnalano il tritone crestato (Triturus cristatus) e il
tritone punteggiato (Triturus vulgaris), la raganella (Hyla arborea) e l’ululone dal
ventre giallo (Bombina variegata), rana in pericolo di estinzione
(http://www.parks.it/parco.gessi.bolognesi/).
5.1.2.2 Località Ca’ de Mandorli
La zona, un tempo occupata da cave di ghiaia, presenta oggi un notevole interesse
naturalistico in quanto gli scavi dei depositi alluvionali del Pleistocene inferioremedio, hanno lasciato varie depressioni in cui sono presenti zone umide che offrono
ricovero a diverse specie migratorie.
Un percorso circolare e attrezzato con torrette di avvistamento consente di visitare
l'area e si connette all'itinerario lungo l'Idice che risale il corso d'acqua per un lungo
tratto.
Questa località si trova ad un altitudine di 66 metri s.l.m.; in questa sede sono stati
campionati due siti denominati zona 1 e zona 2.
ZONA 1
Questa area (Fig. 5.4) si trova in prossimità di un sentiero ricoperto di ghiaia e
separato dall’area di campionamento da una bassa staccionata di legno. L’area è
composta da una vegetazione di piccoli alberi del sottobosco, il suolo non possiede
alcun manto erboso ed è ricoperto da foglie e piante rampicanti che si estendono su
alcuni tratti del terreno. Ai margini dell’area scelta si sviluppa una parete in cui ci
sono alberi di maggiori dimensioni. L’area campionata ha dimensioni di 35 m2.
Figura 5.4: Ca' de Mandorli-Zona 1
162
Capitolo 5
Materiali e metodi
ZONA 2
Questo sito (Fig.5.5) a differenza della zona 1 si presenta ricco di vegetazione, il
suolo è ricoperto da un manto costituito da varie specie di piante erbacee e da alberi
a medio fusto; la zona, molto soleggiata con un alternanza a macchie di zone
d’ombra e zone esposte al sole, è stata campionata selezionando un percorso
lineare di 100 metri e suddiviso in transect da 20 metri. Il percorso inizia da una
zona molto ricca di vegetazione e con il suolo ricoperto da erba alta, si snoda
attorno a una collinetta e termina in un’ampia vallata con pochi e diradati alberi. Al
termine di questo percorso, a circa venti metri dalla fine, abbiamo trovato una di
pozza di fango frequentata dai cinghiali della zona, inoltre abbiamo avvistato un
capriolo durante il campionamento, segno che la zona è ricca di fauna selvatica e
quindi di potenziali ospiti per le zecche.
Figura 5.5: Ca' de Mandorli-Zona 2
5.1.2.3 Località Ciagnano
Questa località si trova a un altitudine di 240 metri s.l.m., la zona è percorsa da un
sentiero naturalistico che collega Castel de' Britti, Ciagnano e
Settefonti; la flora e la fauna sono ricche e variegate, durante i
campionamenti abbiamo avvistato varie specie di mammiferi e
uccelli.
I campionamenti sono stati effettuati in due zone diverse
lungo il sentiero naturalistico, effettuando il flagging a monte
del sentiero (Kramer e Beesley, 1993).
ZONA 1
Il percorso scelto misura 100 m e di questo abbiamo
campionato 3 transect di 20 metri ciascuno. Nel transect 1 il
suolo si presenta come un terreno coperto da foglie e piante
rampicanti come l’edera. Segue dopo 20 metri il transect 2
che percorre il sentiero lungo un tratto di scalini di legno. Il Figura 5.6: Ciagnano: zona 1,
transect 3
transect 3 (Fig. 5.6) è l’ultimo tratto ed è, a differenza degli
163
Capitolo 5
Materiali e metodi
altri, ricoperto da molte foglie secche di quercia lungo i lati del sentiero.
Tutto il percorso è in ombra.
ZONA 2
Questo tratto segue il margine del sentiero che si snoda attraverso una fitta
vegetazione, con un alternanza di zone di luce e ombra. Anche questo tratto
presenta un suolo coperto di foglie, principalmente nei primi due transects (Fig. 5.7
a,b), mentre nel transect 3 (Fig. 5.7 c) è presente un manto erboso alternato a zone
di terreno più o meno arido in funzione della stagione; quest’ultimo tratto del
percorso campionato si trova in una zona soleggiata per gran parte della giornata.
Figura 5.7 a,b,c: Ciagnano: zona 2, transect 1, transect 2, transect 3
5.1.2.4 Parco Regionale Abbazia di Monteveglio
E’ il più piccolo tra i Parchi regionali dell'Emilia Romagna; il parco ha un’area di un
migliaio di ettari sulle colline che si innalzano alle spalle di Monteveglio, un
paesaggio variegato nel quale vigneti e frutteti si alternano a ripidi versanti boscosi.
Il mosaico di coltivi, siepi e macchie di bosco viene interrotto dai calanchi. Accanto
agli ambienti naturali ci sono i resti del castello di Matilde di Canossa e l'abbazia di
Santa Maria.
Flora e Fauna
La variegata copertura vegetale del Parco, conseguenza della grande varietà di
rocce affioranti, offre senza dubbio una efficace sintesi degli aspetti naturali e
paesaggistici della collina bolognese, dove si alternano praterie, coltivazioni,
arbusteti, boschi e vigneti. Un ambiente che testimonia lo storico intreccio tra
dinamiche naturali e intervento dell'uomo.
Nel paesaggio del parco si trovano boschi non molto estesi. In prevalenza si tratta di
boschi cedui modellati dagli interventi dell’uomo, che nei secoli ha destinato i terreni
164
Capitolo 5
Materiali e metodi
più produttivi all’agricoltura, mantenendo le zone del bosco come riserve di legname
per il riscaldamento e per vari impieghi nel podere. I boschi si trovano in prevalenza
sui versanti ripidi o esposti a nord e si interrompono in maniera repentina quando
dai terreni marnosi si passa alle aree dei calanchi, dove le argille non consentono la
crescita di un bosco stabile.
I pendii soleggiati ospitano boschi xerofili, cioè soggetti a periodi di aridità
soprattutto nei mesi estivi, dominati da una varità di quercia, la roverella, alla quale
si accompagnano l’orniello o frassino minore e arbusti di citiso, vescicaria, coronilla
e viburno. Nel sottobosco tappezzato di graminacee emergono i fusti sempreverdi
del pungitopo.
Sui versanti ombrosi crescono boschi misti di tipo mesofilo, caratterizzati da una
maggiore umidità per tutto l’anno, dove alla roverella si uniscono il carpino nero,
l’orniello, l’acero, il nocciolo, il corniolo e i fusti lianosi di edera. Il sottobosco è ricco
di muschi e funghi; all’inizio della primavera il manto erboso si ricopre di fiori.
Lungo il fondovalle dei torrenti e intorno alle piccole raccolte d’acqua artificiali si
incontra una vegetazione di tipo igrofilo, caratteristica dei luoghi con elevata e
costante umidità.
La varietà di ambienti che caratterizza il parco favorisce senza dubbio un notevole
grado di biodiversità, creando le condizioni ottimali per una fauna diversificata e
numericamente apprezzabile.
Nel parco vivono molti mammiferi tipici dei boschi e delle aree marginali della
collina. Sono presenti il riccio (Erinaceus europaeus), lo scoiattolo (Sciurus
vulgaris), il ghiro (Glis glis), il moscardino (Muscardinus avellanarius) e l’arvicola
rossastra (Clethrionomys glareolus), frequenti nelle aree boschive, dove si
distribuiscono tra il sottobosco e le chiome degli alberi a seconda delle abitudini
alimentari e riproduttive. Negli spazi aperti si incontrano lepri e arvicole campestri
(Microtus arvalis) mentre nei pressi dei corsi d’acqua si notano le gallerie
dell’arvicola terrestre (Arvicola terrestris). Tra le specie di taglia maggiore sono
presenti la volpe e altri carnivori come il tasso (Meles meles), la donnola e la faina
(Martes foina), ormai adattati a trarre profitto dalla convivenza con l’uomo. Negli
ultimi anni ha fatto ritorno il capriolo, da tempo assente dalla collina, che sta
riconquistando boschetti cedui, arbusteti e campi abbandonati, che rappresentano il
suo habitat naturale e sono ben distribuiti all’interno dell’area protetta. Recente è
anche l’apparizione del cinghiale.
L'avifauna del Parco è molto ricca e numericamente apprezzabile.
Complessivamente sono note circa 140 specie di uccelli, 68 delle quali nidificanti.
Nei boschi cedui e negli intricati arbusteti trovano ospitalità molti piccoli passeriformi
come usignolo, capinera, scricciolo, pettirosso (Erithacus rubecula), merlo (Turdus
merula), fringuello (Fringilla coelebs) e luì piccolo (Phylloscopus collybita). I tipici fori
circolari che si notano su molti pioppi senescenti segnalano la presenza del picchio
rosso maggiore e del picchio verde. Queste cavità vengono spesso utilizzate per la
nidificazione da altri uccelli, come il picchio muratore e varie specie di cince e sono
particolarmente importanti nei giovani boschi cedui, dove la mancanza di siti adatti
riduce la potenziale presenza di specie. Nel folto dei boschi si trovano anche
ghiandaia (Garrulus glandarius) e cuculo (Cuculus canorus). Coltivi abbandonati e
altri spazi aperti sono frequentati da verdone (Chloris chloris), cardellino (Carduelis
carduelis) e zigolo nero (Emberiza cirlus). Molto comune in questi ambienti è il
fagiano, al quale in estate si aggiunge un altro galliforme, la quaglia (Coturnix
165
Capitolo 5
Materiali e metodi
coturnix).
Il gheppio (Falco tinnunculus) si spinge anche nelle aree calanchive e la poiana
(Buteo buteo) abita stabilmente in tutto il settore centrale dell’area protetta. Lungo le
rive di Samoggia e Ghiaia è possibile sorprendere, soprattutto durante il periodo
estivo, aironi cenerini (Ardea cinerea) e altri ardeidi che si spostano lungo i corsi
d’acqua alla ricerca di pesci intrappolati in pozze isolate.
Le scarpate, i coltivi abbandonati e in genere le aree assolate sono l’habitat ideale
per varie specie di rettili, mentre nel fondovalle e nelle raccolte d'acqua è possibile
osservare una notevole varietà di anfibi. Facili da avvistare sono biacco (Hierophis
viridiflavus) e colubro di Esculapio (Zamenis longissimus), entrambi innocui e
abituali frequentatori della fascia collinare, dove è possibile incontrare anche il
colubro liscio (Coronella austriaca), un piccolo cacciatore di lucertole. In prossimità
dei torrenti principali, ma anche nel sottobosco umido dei versanti esposti a nord, si
può osservare la natrice dal collare (Natrix natrix). Oltre alle comuni lucertole
(Podarcis muralis, P. sicula), e facile incontrare il ramarro e la luscengola (Chalcides
chalcides).
Nel fondovalle umido del rio Ramato si trovano diverse specie di anfibi della collina
che, dalla fine dell’inverno e per tutta la primavera, vi affluiscono talvolta in gran
numero per compiere la fase riproduttiva. Il più abbondante è il rospo comune (Bufo
bufo), che predilige i boschi freschi ma si spinge senza difficoltà in tutti gli altri
ambienti terricoli. La raganella (Hyla arborea) ha invece abitudini più arboricole ma
in primavera la si può incontrare nascosta tra le canne e gli arbusti intorno a
qualcuno dei piccoli specchi d’acqua del parco, frequentati anche dalla rana agile
(Rana dalmatina), che nel resto dell’anno vive al riparo del sottobosco. In stagni e
pozze, infine, trascorrono la fase larvale anche tritone crestato e tritone punteggiato
(http://www.parcoabbazia.it/).
Monteveglio si trova ad un altitudine di 252 metri s.l.m; nel nostro studio sono state
campionate tre zone lineari: zona 1, zona 2, zona 3.
MONTEVEGLIO
MONTEVEGLIO
Figura 5.8: Monteveglio, mappa e vista satellitare (http://maps.google.it/)
ZONA 1
La zona 1 (Fig. 5.9a) è composta da un percorso rettilineo di 100 metri, lungo un
sentiero naturalistico in cui troviamo un manto erboso, che ricopre il sentiero, e una
vegetazione per lo più arbustiva ai lati dello stesso. La zona è soleggiata nel
166
Capitolo 5
Materiali e metodi
pomeriggio durante il periodo estivo. Il percorso è stato campionato in 3 transects
da 20 metri ciascuno.
ZONA 2
La zona 2 (Fig. 5.9b) è costituita da un percorso di 100 metri che include 3 transects
da 20 metri in cui sono stati effettuati i campionamenti.
Il percorso si presenta con zone in ombra e zone soleggiate e si snoda lungo il
sentiero naturalistico che fiancheggia inizialmente un bosco e nell’ultimo tratto una
siepe. Il suolo nei primi due transects è battuto e scarso di vegetazione al centro,
mentre ai margini del sentiero appare ricoperto da foglie secche in prossimità degli
alberi, mentre, nel terzo transect il bordo del sentiero è coperto da un tappeto
erboso.
ZONA 3
La zona 3 (Fig. 5.9c) è anch’essa costituita da un percorso lineare che però a
differenza dei precedenti è di soli 80 metri con 2 transects (iniziale e finale)
campionati di 30 metri ciascuno. Il percorso ha tratti in ombra e tratti esposti al sole
ed è rappresentato dal margine di una zona di prato costeggiata da arbusti.
Fig 5.9 a,b,c: Monteveglio zone 1-2-3
5.1.2.5 Parco del Carnè
Il Parco naturale attrezzato del Carnè è un'area di proprietà pubblica di estremo
interesse paesaggistico e naturalistico nei Gessi di Rontana e Castelnuovo. E' stato
istituito nel 1973 dalla Provincia di Ravenna e dai Comuni di Brisighella e di Faenza.
Attualmente la superficie del Parco è di 43 ettari (Fig. 5.10).
Nel territorio del Parco si aprono numerose cavità carsiche, per lo più a sviluppo
prevalentemente verticale: tra queste gli abissi Fantini e Garibaldi, sotto il Monte di
Rontana e, meno profondi, l'Abisso Carnè e l'Abisso Faenza.
Il sottosuolo è attraversato da uno dei uno dei più articolati collettori ipogei della
Vena del Gesso, solo in parte esplorato. Le doline si susseguono senza soluzione di
continuità e non mancano altre forme di dissoluzione tra le quali spiccano erosioni a
candela.
Flora e fauna
La copertura arborea può vantare la presenza, accanto ai consueti carpino nero,
orniello e roverella, di specie più rare e di ecologia tra loro diversissima: l'acero
minore e il tiglio selvatico.
A brevissima distanza dalle specie tipicamente termofile e xerofile (tolleranti
167
Capitolo 5
Materiali e metodi
all’aridità) che punteggiano le falesie rivolte a Sud, troviamo sulle pendici nord
piante igrofile o microterme normalmente reperibili a quote decisamente più elevate.
La fauna è estremamente ricca di anfibi, rettili, uccelli e mammiferi. Gli affioramenti
gessosi possono ospitare numerose specie di insetti e coleotteri. Tra gli uccelli
vanno segnalate civette, allocchi, barbagianni e almeno una coppia di gufi reali
(Bubo bubo), e l’assiolo, più altri rapaci diurni come il gheppio, la poiana, l'albanella
minore (Circus pygargus) e il lodolaio (Falco subbuteo). Oltre a questi rapaci, è
presente anche l’occhiocotto; tra i mammiferi si segnalano l’istrice, il tasso, la faina,
la donnola e la puzzola e varie specie di chirotteri (Myotis, Rhinolophus e
Miniopterus).
Degna di interesse è la componente faunistica della Vena del Gesso, che ospita
molte specie di anfibi, rettili, uccelli e mammiferi: vanno ad esempio rimarcate due
segnalazioni particolarmente importanti, relative alla nidificazione di almeno una ed
alla certa stanzialità dell'istrice, grande roditore mediterraneo fino a qualche anno fa
non usuale a queste latitudini
Purtroppo, in contrapposizione a questi aspetti positivi, molti sono quelli negativi. I
rapaci, presenti fino al 1950 in cospicuo numero, sono attualmente rappresentati da
pochi esemplari anche se la potenzialità dell'ambiente è molto maggiore. La caccia
indiscriminata è senza dubbio stata la causa principale della loro rarefazione
(http://www.venadelgesso.org/itinerari/brisighella/parcocarne.htm).
PARCO DEL CARNE’
PARCO DEL CARNE’
Figura 5.10: Parco del Carnè, mappa e vista satellitare (http://maps.google.it/)
Il parco ha una altitudine di 387 metri s.l.m.
In questo parco abbiamo campionato tre zone con diverse tipologie d’uso e di
terreno denominate: zona 1, zona 2, zona 3. I campionamenti, a differenza degli altri
parchi, sono iniziati a maggio, in quanto in precedenza il parco era chiuso al
pubblico e quindi non accessibile.
ZONA 1
Questa zona è rappresentata da un area di 236 metri2, comprendente una zona
giochi, un’area da picnic e un’area periferica che circonda queste due.
168
Capitolo 5
Materiali e metodi
Area giochi: (Fig. 5.11a) comprende uno scivolo per bambini e la zona attorno ad
esso, è a tratti soleggiata e il suolo si presenta coperto da un manto erboso ad
esclusione della porzione di suolo sotto la costruzione ludica che si presenta priva di
erba e con il terreno pressato.
Area da picnic: (Fig. 5.11b) comprende due tavoli da picnic, la zona è in ombra e il
suolo si presenta battuto e coperto da un abbondante fogliame secco.
Area periferica: una parte è situata al di sopra dei tavoli da picnic (Fig. 5.11c) e si
presenta in ombra e il suolo è coperto da un abbondante fogliame alternato da zone
verdi di cespugli e piante. Infine la parte che si trova al di sotto della zona dei tavoli,
(Fig. 5.11d) è costituita da un piccolo sentiero che si affaccia su una strada ghiaiata,
che costituisce il sentiero di passeggiata principale del parco. Il suolo è come il
precedente, ma rispetto a quest’ultimo si presenta più ricco di vegetazione erbacea
e arbustiva
a
b
c
d
Figura 5.11 a,b,c,d: Parco del Carnè, zona 1
ZONA 2
Questa zona è caratterizzata da un percorso lineare di 100 metri, campionato in
fasce da 20 metri ciascuna; essendo questo percorso molto vario verranno descritti
separatamente i 3 transects campionati.
Transect 1
Questo transect (Fig. 5.12a) è costituito da un percorso di 20 metri che costeggia un
piccolo ammasso di rocce granitiche che bordano uno stretto passaggio che si apre
in un grande prato verde isolato dal sentiero principale del parco. Il suolo è in
penombra e vi è un alternanza di rocce, sassi, fogliame e vegetazione erbacea.
Transect 2
169
Capitolo 5
Materiali e metodi
Percorso lineare di 20 metri che attraversa una zona picnic passando sotto e
attorno ai tavoli di legno. Quest’area è avvolta da una fitta vegetazione che ricopre
la parete di rocce dietro a questa. Sul davanti dell’area picnic si stende uno spiazzo
di grandi dimensioni e mantenuto con un prato all’inglese (Fig. 5.12b).
Transect 3
Ultimo transect lineare di 20 metri che si trova in un’area del sottobosco dove gli alti
alberi creano sul suolo zone di luci e di ombre. Il tratto iniziale parte da una zona
coperta da edera, arbusti e piante per continuare e terminare sul sottosuolo
boschivo costituito da terreno più o meno privo di vegetazione e coperto da foglie e
rami secchi (Fig. 5.12c).
b
a
c
Figura 5.12: Parco del Carnè, zona 2, transects 1, 2, 3.
ZONA 3
Questo tratto campionato è formato da 3 transect di 20 metri ciascuno selezionati in
un percorso di 100 metri che costeggia uno sentiero naturalistico che si snoda tra la
fitta vegetazione boschiva (Fig. 5.13).
170
Capitolo 5
Materiali e metodi
Figura 5.13: Parco del Carnè, zona 3, transect 1.
171
Capitolo 5
Materiali e metodi
5.1.3 FEEDING TICKS
Le zecche sono state raccolte anche durante il pasto di sangue su varie specie
animali (cani, cavalli, bovini e un gatto) o sull’uomo nelle stesse zone in cui sono
stati effettuati i campionamenti dall’ambiente. Questi artropodi sono stati forniti da
veterinari liberi professionisti o da persone che segnalavano il rinvenimento di
zecche in seguito alla frequentazione di queste aree a scopo ricreativo.
5.1.4 CONSERVAZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE ZECCHE
Le zecche raccolte dall’ambiente, dagli animali e dalle persone sono state prelevate
con delle pinzette e inserite immediatamente in provette contenenti alcool etilico a
70 gradi. Ogni provetta è stata identificata con un’etichetta in cui veniva segnata
data, luogo e zona di prelievo.
In laboratorio ciascuna zecca è stata identificata con l’ausilio dello
stereomicroscopio utilizzando le chiavi morfologiche di Manilla (1998) e di Iori
(2005).
5.1.5 ANALISI DEI DATI
Per quanto riguarda le zecche raccolte dall’ambiente, in riferimento alla sola specie
I. ricinus, maggiormente rappresentata, è stato calcolato l’indice di abbondanza (IA),
espresso come il numero di zecche raccolte su 100 m2, sia per le larve (IAL) sia per
le ninfe (IAN) sia per gli adulti (IAA), calcolato secondo la formula:
IA=TR x 100/a
dove TR è il numero di I ricinus raccolte e a è la superficie dell’area campionata
espressa in metri quadrati (Barandika e coll., 2010).
Questo indice è stato utilizzato per comparare l’abbondanza di queste zecche
ixodidae nei diversi luoghi di raccolta, nei diversi momenti di raccolta o in riferimento
ai diversi valori di temperatura e umidità relativa al suolo, registrati al momento della
cattura, e infine in relazione alle differenti caratteristiche della vegetazione
(“sottobosco” o “manto erboso”).
Il test non parametrico di Kruskall-Wallis è stato utilizzato per valutare le differenze
per quanto riguarda l’abbondanza tra le diverse località.
Il test Rho di Spearman è stato utilizzato per valutare la correlazione tra l’IA di larve,
ninfe e adulti con temperature e umidità relative osservate a 5 cm dal suolo.
Per valutare l’eventuale presenza di variazioni macroclimatiche tra le diverse località
campionate, sono stati raccolti i dati di temperatura e umidità relativa registrati dalle
centraline ARPA poste più vicino ai parchi (www.arpa.emr.it) durante l’intero periodo
di campionamento.
172
Capitolo 5
Materiali e metodi
5.2 RICERCA DI PATOGENI TRASMESSI DALLE ZECCHE
5.2.1 ALLESTIMENTO E PREPARAZIONE DEI CAMPIONI
Una volta identificate, le zecche sono state preparate per l’estrazione del DNA,
valutando sia lo stadio di sviluppo della zecca, sia il punto di raccolta. Sulla base di
riferimenti bibliografici (Cassini e coll., 2010) sono stati costituiti dei pool contenenti
5 ninfe o 10 larve, mentre gli adulti sono stati processati singolarmente, in modo tale
da ottenere un idoneo quantitativo di materiale genetico per le indagini successive.
Ciascun pool di ninfe e/o di larve, era costituito da zecche raccolte nello stessa zona
e nella stessa giornata.
In totale sono stati analizzati 1.622 soggetti, per un totale di 393 campioni, così
suddivisi:
• 330 larve (utilizzate per formare 33 pool);
• 1.165 ninfe (utilizzate per formare 233 pool);
• 127 adulti (59 campionati dall’ambiente e 68 dagli animali e dalle persone)
Tra le zecche campionate in fase di alimentazione, sono stati analizzati solamente
gli adulti, in quanto sono state rinvenute solo 5 ninfe da ospiti diversi, non sufficienti
a creare un pool. Le zecche adulte sono state tutte analizzate singolarmante.
I singoli campioni sono stati identificati con un numero progressivo e una sigla
riferita alla zona di campionamento per le “questing ticks” (CM=Cà de Mandorli;
CG=Ciagnano; MV=Monteveglio; CR=Carnè), con la sigla AN per le “feeding ticks”.
Lavaggio delle zecche: per rimuovere l’alcool in cui erano state conservate le
zecche, ogni campione è stato sottoposto a due lavaggi immergendo in PBS,
centrifugando per circa 1 minuto a 10.000 x g.
Le zecche di ogni campione sono qundi state tagliate con lama da bisturi sterile per
facilitarne la lisi e sono state raccolte in eppendorf da 1.5 ml.
5.2.2 ESTRAZIONE DEL DNA
L’estrazione del DNA è stata eseguita utilizzando il KIT NUCLEOSPIN TISSUE
(Macherey-Nagel, Duren, Germany) che sfrutta un sistema di colonnine dotate di un
filtro costituito a membrana di gel di silice, ad alta affinità per il DNA, che permette
una rapida ed efficiente purificazione del DNA cellulare.
La metodica utilizzata è quella prevista dalla ditta produttrice con alcuni adattamenti.
Fasi dell’estrazione:
pre-lisi: ai campioni di zecca lavati e sminuzzati sono stati aggiunti 180 µl di
buffer T1 e 25 µl di proteinasi K, vortexando poi per mescolare; le eppendorf
sono state poste in incubazione “overnight” in termoblocco a 56°C,
vortexando occasionalmente per facilitare la lisi;
lisi: i campioni sono stati vortexati e sono stati addizionati di 200 µl di buffer
B3; dopo un ulteriore passaggio su vortex, si è proceduto con
un’incubazione a 70°C in termoblocco per 30 minuti (il protocollo originale
prevedeva 10 minuti). Dopo aver vortexato brevemente, i campioni sono stati
173
Capitolo 5
Materiali e metodi
centrifugati per 5 minuti ad alta velocità (11.000 x g.) ed il surnatante
contenente il DNA è stato trasferito in un nuovo tubo, facendo attenzione a
non prelevare frammenti di zecca;
aggiustamento delle condizioni di legame del DNA: 210 µl (il protocollo
originale prevedeva 200µl) di etanolo (96-100%) raffreddato a -20°C sono
stati aggiunti ai campioni che sono poi stati vortexati vigorosamente; dopo
l’aggiunta dell’etanolo può essere visibile un precipitato, ma questo non
interferisce con l’isolamento del DNA;
legame DNA: per ogni campione è stata preparata una colonnina in un tubo
da 2ml, i campioni sono stati trasferiti nelle colonnine e centrifugati poi per 1
minuto a 11.000 x g. Al termine della centrifugazione il tubo di raccolta è
stato eliminato e la colonnina è stata trasferita in un nuovo tubo. Se il
campione non scendeva completamente attraverso la matrice, si è ripetuta la
centrifugazione a 11.000 x g;
lavaggio della membrana di silice: il primo lavaggio è stato effettuato con 500
µl di buffer BW seguito da una centrifugazione di 1 minuto a 11.000 x g.; la
colonnina è stata poi trasferita in un nuovo tubo e sottoposta al secondo
lavaggio con 600 µl di buffer B5 sempre seguito da centrifugazione per 1
minuto a 11.000 x g.; infine il tubo con il buffer è stato eliminato e la
colonnina posta in un nuovo tubo;
asciugatura della membrana di silice: la colonnina è stata centrifugata per 3
minuti a 11.000 x g. per rimuovere residui di etanolo;
eluizione del DNA: nella colonnina, posta in una eppendorf da 1.5ml, sono
stati aggiunti 50 µl di buffer BE preriscaldato a 70°C; i campioni sono stati
infine incubati a temperatura ambiente per 1 minuto e centrifugati per 1
minuto a 11.000 x g.
Il DNA, eluito attraverso l’ultimo passaggio in centrifuga, è stato conservato in
congelatore alla temperatura di -20°C fino al succe ssivo utilizzo.
5.2.3 RICERCA DI PIROPLASMI
5.2.3.1 PCR
Su tutti i campioni di DNA estratti, è stata eseguita una PCR per la ricerca dei
piroplasmi utilizzando i primer specifici PIRO A (5’ AAT ACC CAA TCC TGA CAC
AGG G 3’) e PIRO B (5’ TTA AAT ACG AAT GCC CCC AAC 3’); questi amplificano
un segmento di circa 400bp del 18S rRNA (Armstrong e coll.,1998).
La mix utilizzata per la PCR, in un volume di 50 µl, è stata la seguente:
• H2O
34.5 µl;
• Buffer
5 µl;
• MgCl
2 µl;
• dNTP
1 µl;
• PIRO A
1 µl;
• PIRO B
1 µl;
• Taq (2.5 unità)
0.5 µl;
• DNA
5 µl
174
Capitolo 5
Materiali e metodi
I reagenti utilizzati sono Euro Clone (Milano, Italia), ad eccezione dei dNTP
(Fermentas-Gmbh, St. Leon-Rot, Germany) e dei primer (MWG, Germania).
I primer, inviati liofilizzati dal produttore, sono stati ricostituiti in laboratorio a 100
pmoli; nella reazione sono stati impiegati ad una concentrazione di 20 pmoli.
Il ciclo di amplificazione è stato condotto in un termociclatore (Whatman Biometra,
Germania) e prevedeva il seguente protocollo:
Fase iniziale
40 Cicli
Fase finale
DENATURAZIONE
DENATURAZIONE
ANNEALING
ESTENSIONE
ESTENSIONE FINALE
94°C per 1 minuto
94°C per 45 secondi
58°C per 45 secondi
72°C per 45 secondi
72°C per 7 minuti
Tab. 5.1. Protocollo del ciclo di amplificazione del 18s rRNA dei piroplasmi.
Per verificare l’esito della PCR, l’amplificato è stato sottoposto a corsa elettroforetica
su gel all’ 1% di Agarosio (Sigma, St. Louis MO, USA) con SYBR-SAFE DNA Gel
Stain 0.5X TBE (Invitrogen Ltd, Paisley, UK) a 100V per 30 minuti. La lettura è stata
eseguita visualizzando il gel sul transilluminatore (Invitrogen).
Come controllo positivo è stato utilizzato un campione di sangue bovino positivo per
Babesia spp., mentre come controllo negativo è stata utilizzata acqua sterile.
Come marker, è stato usato: O’GeneRulerTM 100 bp DNA Ladder ready-to-use
(Fermentas).
5.2.3.2 PURIFICAZIONE DEI PRODOTTI DI PCR
I campioni risultati positivi alla PCR sono stati purificati utilizzando il KIT
NUCLEOSPIN EXTRACT II (Macherey-Nagel, GmbH, Duren, Germania), secondo il
protocollo previsto dal produttore:
correzione delle condizioni di legame del DNA: i campioni positivi sono stati
portati ad un volume di 50 µl con buffer TE;
legame del DNA: per ogni campione è stata preparata una colonnina che è
stata posta in un tubo da 2 ml ed è stato caricato il templato; dopo una
centrifugazione di 1 minuto a 11.000 x g., è stato eliminato il tubo di raccolta
e la colonnina è stata messa in un nuovo tubo;
lavaggio della membrana di silice: sono stati aggiunti 600 µl di buffer NT3 ed
in seguito è stata effettuata un’altra centrifugazione di 1 minuto a 11.000 x
g.; come sopra è stato eliminato il tubo e la colonnina è stata messa in un
nuovo tubo
asciugatura della membrana di silice: i campioni sono stati centrifugati per 2
minuti a 11.000 x g. per rimuovere il buffer NT3; oltre alla centrifugazione,
per ottenere una più completa rimozione dei residui di etanolo e di buffer
NT3 che possono inibire successive reazioni, le colonnine sono state messe
ad incubare con il tappo aperto per 2-5 minuti a 70°C prima dell’eluizione;
eluizione del DNA: la colonnina è stata messa in una eppendorf da 1.5 ml e
sono stati aggiunti 30 µl di acqua preriscaldata a 70°C; la colonnina è stata
175
Capitolo 5
Materiali e metodi
incubata a temperatura ambiente per 1 minuto, in modo tale da aumentare la
resa di eluizione del DNA, e si è effettuata un’ultima centrifugazione per 1
minuto a 11.000 x g..
Terminata la purificazione, è stata effettuata la quantificazione del DNA contenuto
nei campioni utilizzando lo spettrofotometro (Eppendorf; Amburgo, Germania).
Il sequenziamento è stato effettuato presso la ditta BMR Genomics (Università di
Padova) che utilizza come sequenziatore l’ ABI-3730XL analyzer.
Il quantitativo di DNA da spedire per il sequenziamento, è stato calcolato secondo le
istruzioni della ditta, tenendo presente che per ogni 100 pb del frammento
bisognava inviare 3 ng di campione; il nostro frammento era di 400 bp e di
conseguenza servivano 12 ng. E’ stata fatta quindi la proporzione in base alla
concentrazione di ogni singolo campione ottenuta allo spettrofotometro (ng/µl).
Al campione così dosato è stato aggiunto 1 µl di primer PIRO B diluito a 10 pmoli
I campioni infine sono stati fatti seccare a 65°C p er circa 1ora e 30 minuti in un
termoblocco, lasciando il tappo delle eppendorf aperto.
5.2.3.3 ANALISI FILOGENETICA
Le sequenze sono state corrette mediante analisi visuale degli elettroferogrammi
utilizzando il programma Bioedit v 7.0.5 (Hall, 1999) e sono poi state analizzate su
BLAST (Altschul e coll., 1990), nella home page del National Center of
Biotechnology Information, testandole verso le sequenze di 18S-rRNA di Babesia
spp. e Theileria spp. presenti nel database (http://www.ncbi.nlm.nih.gov).
Le sequenze ottenute e quelle più simili a loro depositate su BLAST, sono state
utilizzate per costruire gli alberi filogenetici.
Le sequenze sono state allineate su Bioedit e gli alberi filogenetici sono stati
costruiti tramite il programma Mega 5 (http://www.megasoftware.net) utilizzando
neighbour-joining (Saitou e Nei, 1987) ed il modello di Kimura 2- parametri (Kimura,
1980).
La tipologia dell’albero è stata valutata mediante 1000 ripetizioni in analisi bootstrap.
5.2.3.4 ANALISI STATISTICA
È’ stato effettuato il test del χ2 per confrontare la prevalenza di campioni positivi
rispetto alle diverse zone esaminate, allo stadio di sviluppo delle zecche, al periodo
di campionamento ed a temperatura e umidità al momento del campionamento. È
stato considerato significativo un valore di p < 0,05.
176
Capitolo 5
Materiali e metodi
5.2.4 RICERCA DI ANAPLASMA PHAGOCYTOPHILUM
Gli estratti di DNA da ninfe e adulti sono stati analizzati per la ricerca di Anaplasma
phagocytophilum. Le larve non sono state utilizzate in quanto non è descritta una
trasmissione verticale del patogeno dalla femmina alle uova.
5.2.4.1 REAL-TIME PCR E NESTED-PCR
Un totale di 360 campioni è stato analizzato secondo la metodica Taqman PCR
(StepOnePlus, Applied Biosystem, Life Technologies Corporation, Carlsbad,
California- USA) per la ricerca del gene msp2/p44 del batterio in esame
(Drazenovich e coll., 2006). La sonda TaqMan (939p-TTA AGG ACA ACA TGC
TGT AGC TAT GGA AG-GCA) presenta il “reporter” 6-carbossi-fluoresceina (FAM)
all’estremità 5’ e il “quencher” 6-carbossi-tetrametril-rodamina (TAMRA) all’estramità
3’. I primer Invitrogen 903f (5’-AGT TTG ACT GGA ACA CAC CTG ATC-3’) e 1024r
(5’-CTC GTA ACC AAT CTC AAG CTC AAC-3’) amplificano un frammento di 122
bp.
I campioni da analizzare sono stati caricati in piastre microtiter contenenti 11 µl di
mix, formata da 6 µl di TaqMan Master Mix Fermentas (Fermentas Inc., Glen
Burnie, Maryland, USA), 0,6 µl di primer mix + sonda per un totale di 2 nmol di ogni
primer e 400 pmol di sonda MWG (High Point, North Carolina, USA), 4,4 µl di acqua
e 1 µl di DNA.
Il ciclo di amplificazione era così composto:
• 50°C per 2 minuti
• 95°C per 10 minuti
• 40 cicli di 15 secondi a 95°C
• 60°C per un minuto
Campioni con un valore soglia (Ct-value) inferiore a 40 sono stati considerati
positivi.
Sui campioni con Ct-value inferiore a 38 sono state eseguite ulteriori analisi
attraverso NESTED-PCR. I geni analizzati sono stati il 23S-5S rRNA (ITS2) e msp4
(major surface protein 4). Tutte le reazioni di PCR sono state effettuate con un
termociclatore Eppendorf Mastercycler ep (Eppendorf AG, Amburgo, Germania).
5.2.4.1.1 23S-5S rRNA
Per quanto riguarda questo gene i primer utilizzati sono: ITS2F (5’- AGG ATC TGA
CTC TAG TAC GAG-3’) e ITS2R (5’-CTC CCA TGT CTT AAG ACA AAG-3’), come
primer esterni e ITS2iF (5’-ATA CCT CTG GTG TAC CAG TTG-3’) e ITS2iR (5’-TTA
ACT TCC GGG TTC GGA ATG-3’) come primer interni (Rejmaenk e coll., 2011).
Il ciclo di amplificazione utilizzato per entrambe le coppie di primer è riportato in
tabella 5.2.
La mix utilizzata, di 25 µl di volume, era diversa nelle due PCR ed era così
composta:
Mix 1° round:
• Green Go Taq Master Mix
• ITS2-F
• ITS2-R
12,5 µl
2,5 µl
2,5 µl
177
Capitolo 5
•
•
Materiali e metodi
H2O
DNA
5,0 µl
2,5 µl
Mix 2° round:
• Green Go Taq Master Mix
• ITS2-int F
• ITS2-int R
• H2O
• DNA della prima PCR
12,5 µl
2,5 µl
2,5 µl
6,5 µl
1,0 µl
La Master mix è prodotta da Promega (Madison, Wi, USA), mentre i primer, utilizzati
ad una concentrazione di 5 µM sono prodotti Invitrogen (Grand Island, NY, USA).
Fase iniziale
35 Cicli
Fase finale
DENATURAZIONE
DENATURAZIONE
ANNEALING
ESTENSIONE
ESTENSIONE FINALE
94°C per 2 minuti
94°C per 30 secondi
58°C per 30 secondi
72°C per 1 minuto
72°C per 4 minuti
Tabella 5.2: Ciclo di amplificazione per il gene 23S-5S rRNA
5.2.4.1.2 Msp4
I primer utilizzati per questo gene sono MSP4P3 (5’- TG AAT TAC AGA GAA TTG
CTT GTA GG-3’) e MSP4P5 (5’-TTA ATT GAA AGC AAT CTT GCT CCT ATG- 3’)
come esterni e MSPF1(5’- CTA TTG G(C+T)G G(A+G+C+T)G C(C+T)A GAG T- 3’)
e MSPR2 (5’-GTT CAT CGA AAA TTC CGT GGT A-3’) come interni (de la Fuente e
coll., 2005).
La mix è stata preparata secondo le modalità viste per il gene 23S-5S.
Mix 1° round:
• Green Go Taq Master Mix
12,5 µl
• Msp4-Ap5
2,5 µl
• Msp4-Ap 3
2,5 µl
• H20
5,0 µl
• DNA
2,5 µl
Mix 2° round:
• Green Go Taq Master Mix
• Msp4-F2
• Msp4-R2
• H20
• DNA della prima PCR
12,5 µl
2,5 µl
2,5 µl
6,5 µl
1,0 µl
Il ciclo di amplificazione è riportato in tabella 5.3
178
Capitolo 5
Fase iniziale
35 Cicli
Fase finale
Materiali e metodi
DENATURAZIONE
DENATURAZIONE
ANNEALING
ESTENSIONE
ESTENSIONE FINALE
94°C per 5 minuti
94°C per 20 secondi
58°C per 20 secondi
72°C per 50 secondi
72°C per 5 minuti
Tabella 5.3: Ciclo di amplificazione per il gene msp4
Per valutare l’esito della PCR, gli amplificati di entrambi i geni sono stati caricati su
gel di agarosio 1% con GelStar (Lonza, Rockland, ME) e, dopo una corsa di 30
minuti a 110V, sono stati visualizzati al transilluminatore.
Le bande positive sono state separate dal gel utilizzando lame di bisturi sterili e
poste in eppendorf da 1,5 ml per effettuare la purificazione.
5.2.4.2 PURIFICAZIONE DEI PRODOTTI DI PCR
I campioni risultati positivi sono stati purificati utilizzando il QIAquick Gel Extraction
Kit (Qiagen, Valencia, CA) secondo il seguente protocollo:
Scioglimento del gel di agarosio: in ogni provetta contenente i frammenti di
gel sono stati aggiunti 3 volumi del buffer QG su un volume di gel in base al
peso del frammento stesso (100 mg ~ 100 µl). I campioni sono stati quindi
incubati a 50°C per 10 minuti vortexando ogni 2-3 m inuti per favorire lo
scioglimento
Allestimento delle colonnine: per ogni campione è stata posizionata una
colonnina a membrana silicea su un tubo da 2 ml
Legame del DNA: i campioni sono stati trasferiti nelle colonnine e centrifugati
per 1 minuto a 11.000 x g. In ogni colonnina possono essere caricati al
massimo 800 µl, quindi in caso di volumi superiori il campione è stato
caricato in due volte e centrifugato nuovamente. Il liquido raccolto nel tubo è
stato buttato e il tubo stesso riutilizzato per i passaggi successivi.
Rimozione dell’agarosio: per eliminare eventuali tracce di gel, sono stati
aggiunti 500 µl di buffer QG ad ogni campione e centrifugato nuovamente
per 1 minuto a 11.000 x g. Anche in questo caso il materiale raccolto nel
tubo è stato gettato e il tubo riutilizzato.
Lavaggio della membrana di silice: ad ogni colonnina sono stati aggiunti 750
µl di buffer PE, i campioni sono stati incubati 2-5 minuti a temperatura
ambiente e successivamente centrifugati a 11.000 x g per un minuto. Il tubo
è stato svuotato e riutilizzato.
Asciugatura della membrana: dopo aver svuotato il tubo, la colonnina è stata
sottoposta ad un’ulteriore centrifugazione a velocità massima, 17.000 x g,
per asciugare la membrana ed eliminare i residui di etanolo contenuti nel
buffer PE.
Eluizione del DNA: dopo l’asciugatura le colonnine sono state poste in
eppendorf da 1,5 ml pulite e sono stati aggiunti 50 µl di acqua sterile
preriscaldata a 50°C. I campioni sono stati quindi centrifugati nuovamente e
il DNA purificato è stato conservato a -20°C in att esa di inviarlo al
sequenziamento.
179
Capitolo 5
Materiali e metodi
Di ogni campione da sequenziare sono stati inviati 15 µl di DNA purificato; in una
provetta a parte sono stati preparati 15 µl di primer Forward per campione, alla
stessa concentrazione utilizzata nella PCR. I campioni sono stati sequenziali da
Davis Sequencing (Davis, Ca), che utilizza un sequenziatore ABI 3730.
5.2.4.3 ANALISI FILOGENETICA
Le sequenze sono state visualizzate e corrette utilizzando il programma BioEdit v
7.0.9, sono state tagliate ad una lunghezza finale di 248 bp per il gene ITS2 e 331
bp per msp4. Le sequenze ottenute sono quindi state confrontate con BLAST
(Altschul e coll., 1990) con quelle presenti in GenBank.
Per entrambi i geni le analisi filogenetiche sono state condotte utilizzando il
programma Mega 5 secondo il metodo Maximum Likelihood, Kimura 2-parametri
con 1000 ripetizioni bootstrap.
5.2.4.4 ANALISI STATISTICA
Come nel caso dei piroplasmi, è stato utilizzato il test del χ2 per confrontare i livelli di
prevalenza tra ninfe e adulti, e, per quanto riguarda le zecche ambientali, le
differenze tra i siti campionati, tra le temperature e i livelli umidità relativa misurate a
5 cm dal suolo e il mese di raccolta..È stato considerato significativo un valore di p <
0.05.
5.2.5 RICERCA DI BORRELIA BURGDORFERI S.L.
I 360 campioni analizzati per A. phagocytophilum sono stati sottopposti anche a
indagini molecolari per la ricerca di B. burgdorferi s.l. con l’intenzione di identificare
le differenti genospecie nei campioni risultati positivi attraverso la metodica RFLP.
5.2.5.1 REAL-TIME PCR
Su tutti i campioni è stata eseguita la real-time PCR, utilizzando la metodica
Taqman per l’analisi della regione 16S rDNA secondo il protocollo di Barbour e coll.
(2009) modificato.
Sono stati utlizzati i primers BorrF (5’–GCT GTA AAC GAT GCA CAC TTG GT–3’) e
Borr R (5’–GGC GGC ACA CTT AAC ACG TTA G–3’) e la sonda 6FAM (TTC GGT
ACTA ACT TTT AGT TAA) commercializzata da Applied Biosystem. La reazione è
stata condotta in un volume di 12 µl contenenti 6 µl di TaqMan Master Mix
(Fermentas), 0,6 µl di primer mix/sonda per un totale di 2 nmol di ogni primer e 400
pmol di sonda MWG (High Point, NC, USA), 4,4 µl di acqua e 1 µl di DNA.
Il ciclo di amplificazione prevedeva:
• 50°C per 2 minuti
• 95°C per 10 minuti
• 50 cicli di 15 secondi a 95° C (il protocollo orig inale prevedeva 45 cicli)
• 60°C per 1 minuto (il protocollo originale prevede va una temperatura di
63°C)
Anche per questa specie, i campioni che presentavano un Ct-value < 40 sono stati
considerati positivi e quelli con valore minore o uguale a 38 sono stati processati
con la tecnica RFLP.
180
Capitolo 5
Materiali e metodi
5.2.5.2 PCR-RFLP (RESTRICTION FRAGMENT LENGHT POLYMORPHISM)
La metodica PCR-RFLP permette, attraveso l’impiego di enzimi di restrizione, di
ottenere frammenti del DNA di un determinato gene amplificato con la PCR. I
frammenti, nel caso del complesso B.burgdorferi s.l., si differenziano in base alla
genospecie di pertinenza e si presentano di dimensioni, e quindi pesi molecolari,
diversi. La visualizzazione su gel permette quindi di individuare queste differenze e
di discriminare una specie dall’altra.
Per i campioni in esame è stato scelto di effettuare una PCR per il gene 23S-5S
rRNA e successivamente utilizzare gli enzimi MseI e DraI (New England Biolabs,
Ipswich, MA, USA) per individuare i pattern di restrizione. La scelta degli enzimi è
stata effettuata dopo un’accurata ricerca bibliografica e sulla base dei risultati
prodotti da Lin e coll. (2001) e Chu e coll. (2011).
La mix di PCR utilizzata, per un totale di 25 µl, era composta da:
•
•
•
•
•
Green Go Taq Master Mix
Primer F
Primer R
H2O
DNA
12,5 µl
2,5 µl
2,5 µl
5,0 µl
2,5 µl
I primer utilizzati sono stati rrf-rrl F (5'-CTG CGA GTT CGC GGG AGA-3’) e rrf-rrl R
(5’-TCC TAG GCA TTC ACC ATA-3’) (Postic e coll., 1994) che amplificano un
frammento di circa 250bp. Come per le altre PCR la Green Go Taq è di Promega e i
primer, utilizzati sempre a 5 µM, sono prodotti da Invitrogen.
Il ciclo di amplificazione utilizzato è riportato in tabella 5.4.
Fase iniziale
30 Cicli
Fase finale
DENATURAZIONE
DENATURAZIONE
ANNEALING
ESTENSIONE
ESTENSIONE FINALE
94°C per 1 minuto
94°C per 1 minuto
52°C per 1 minuto
72°C per 2 minuti
72°C per 5 minuti
Tabella 5.4: Protocollo di amplificazione del gene 23S-5S rRNA di B. burgdorferi s.l.
Dopo diverse prove utilizzando concentrazioni diverse di enzimi e tempi di
incubazione diversi sono state raggiunte le condizioni ideali per ottenere
un’adeguata separazione dei frammenti di DNA.
La mix di reazione per l’enzima MseI era costituita da:
•
•
•
•
•
•
Buffer
Enzima
BSA
H2O
DNA
4 µl
0,8 µl
0,2 µl
7,2 µl
10 µl
I campioni venivano preparati in piastre da microtiter e posti ad incubare a 37°C per
un’ora.
181
Capitolo 5
Materiali e metodi
La mix per l’enzima DraI era invece costituita da:
•
•
•
•
Buffer
Enzima
H2O
DNA
4 µl
2 µl
6 µl
10 µl
In questo caso i campioni, dopo la preparazione, venivano lasciati incubare per 2
ore sempre a 37°C per ottenere una migliore separaz ione dei frammenti.
Terminata l’incubazione i campioni sono stati caricati su gel di agarosio al 3% con
GelStar per 3 ore a 100 V, utilizzando il marker “All Purpose Lo DNA marker”
(Bionexus, Oakland, California, USA).
I gel sono quindi stati osservati al transilluminatore per individuare le bande
ottenute.
Una volta identificati i diversi pattern polimorfici, per identicare le genospecie
correlate è stata eseguita un’ulteriore PCR per lo stesso gene 23S-5S rRNA. I
prodotti di PCR sono stati quindi purificati e inviati al servizio di sequenziamento,
secondo le modalità descritte per A. phagocytophilum.
In caso di esito sfavorevole del sequenziamento, è stata effettuata l’amplificazione
del gene della flagellina (FlaB) secondo la metodica descritta da Barbour e coll.
(1996). È stata eseguita una NESTED-PCR con le seguenti coppie di primers, che
portano ad un amplificato di circa 320bp:
esterni:
• FlaLL (5’-ACA TAT TCA GAT GCA GAC AGA GGT-3’)
• FlaRL (5’-GCA ATC ATA GCC ATT GCA GAT TGT-3’)
con la seguente mix di reazione (25 µl di volume):
• Green Go Taq
12,5 µl
• Primer F
2,5 µl
• Primer R
2,5 µl
• H2O
5,0 µl
• DNA
2,5 µl
interni:
• FlaLS (5’-AAC AGC TGA AGA GCT TGG AAT G-3’)
• FlaRS (5’CTT TGA TCA CTT ATC ATT CTA ATA GC-3’)
con questa mix (25 µl di volume):
• Green Go Taq
12,5 µl
• Primer F
2,5 µl
• Primer R
2,5 µl
5,0 µl
• H2O
• DNA della prima PCR
1,0 µl
Anche in questo caso la Green Go Taq è di marca Promega e i primer Invitrogen,
utilizzati sempre a 5 µM.
Come già visto in precedenza, i campioni amplificati sono stati caricati su gel all’1%
di agarosio con GelStar e fatti correre per 30 minuti a 110V. Terminata la corsa il gel
182
Capitolo 5
Materiali e metodi
è stato osservato al transilluminatore e le bande di DNA sono state separate dal gel
e preparate per la purificazione, secondo il protocollo Qiagen già descritto.
I campioni purificati sono quindi stati inviati al servizio di sequenziamento, con le
stesse modalità viste in precedenza per A. phagocytophilum.
Le sequenze ottenute sono state analizzate con BLAST (Altschul e coll., 1990) per
identificare le specie di appartenenza.
5.2.5.3 ANALISI STATISTICA
Come nel caso dei piroplasmi e di A. phagocytophilum, è stato utilizzato il test del χ2
per confrontare i livelli di prevalenza tra ninfe e adulti e, per quanto riguarda le
zecche raccolte dall’ambiente, le differenze tra i siti di campionamento, le
temperature e i livelli di umidità relativa registrate a 5 cm dal suolo e il mese di
campionamento..È stato considerato significativo un valore di p < 0.05.
183
Capitolo 6
Risultati
6
RISULTATI
184
Capitolo 6
Risultati
6.1 CAMPIONAMENTO DI ZECCHE
Nel periodo Aprile-0ttobre 2010, sono state raccolte dall’ambiente
complessivamente 8139 zecche nelle 4 località esaminate. In particolare il
numero più elevato è stato riscontrato in località Ciagnano (4187) seguito da Cà
de Mandorli (2123), Parco del Carnè (967) e infine Monteveglio (862). In
maggioranza si trattava di larve (6734) e in misura minore di ninfe (1344). Sono
invece stati raccolti solo pochi esemplari adulti (28 femmine e 33 maschi).
Nello stesso periodo, su animali e uomo sono state raccolte 73 zecche: di cui 33
femmine, 35 maschi e 5 ninfe.
Di seguito sono descritte le diverse specie reperite con le caratteristiche
morfologiche distintive che hanno permesso l’identificazione secondo le chiavi di
Manilla (1998) e Iori (2005).
Larva di Ixodes ricinus: (Fig. 6.1)
• Dimensioni 0,8 mm circa
• Capitulum con base triangolare
• Cornua piccole a punta arrotondata
• Auriculae rettangolari a punte smusse
• Coxae I con spina esterna corta ed interna più allungata
• Coxae II-III con modeste spine esterne
• Ipostoma con apice arrotondato con 7 file basali
2/2 e 3-4 file subapicali 3/3
Figura 6.1: Larva di I.ricinus, veduta
ventrale
Ninfa di I.ricinus: (Fig. 6.2)
• Dimensioni 1,5 mm x 0,7 mm
• Assenza di apertura genitale e aree porose
• Auricole ad angolo retto
• Aspetto simile alla femmina
Figura 6.2a,b: Ninfa di I. ricinus veduta dorsale e ventrale
Maschio di I.ricinus: (Fig. 6.3)
• Dimensioni 2,2-2,6 mm x 1,4 mm
185
Capitolo 6
•
•
•
•
•
•
•
•
Risultati
Cornua assenti
Stigmata grandi quanto le coxae IV
Scudo mediano ventrale con margini laterali arrotondati alla base
Scudi adanali con margini laterali convergenti posteriormente
Scudo dorsale con setae rade e corte
Tarsi II-IV gradualmente assottigliati
Capitulum con base dorsalmente larga quanto lunga
Coxa I con spina interna molto lunga che sopravanza il margine anteriore della coxa
IIFigura 6.3a,b: Maschio di I. ricinus, veduta dorsale e veduta ventrale
(porzione rostrale e anale).
Femmina di I. ricinus: (Fig. 6.4)
• Cornua assenti
• Auriculae assenti
• Ipostoma dentellato con 4-5 file sub apicali 4/4 e 5 file basali 2/2 fra cui sono
interposte 5 file 3/3
• Solchi scapolari superficiali
• Idiosoma con setae corte e rade
• Coxa I con lunga spina interna dritta
• Tarsi gradualmente assottigliati fino all’inserzione dei pulvilli.
Figura 6.4a,b: Femmina di I. ricinus, veduta dorsale e ventrale
186
Capitolo 6
Risultati
Maschio di I. acuminatus:
• Corpo ovale lungo 1,5 mm circa
• Scudo oblungo con solchi cervicali poco marcati, rettilinei, divergenti; scapule alte
• Setae rade, corte e incolore
• Scudi adanali a rettangoli curvilinei con margini sub paralleli
• Scudo anale ogivale
• Palpi corti e larghi
• Ipostoma con apice appiattito e incavato medialmente con denti larghi laterali uniti da
6-7 file sinuose di dentelli rudimentali
• Coxa I con spina interna lunga che si sovrappone alla coxa II e spina esterna più
piccola e arrotondata
• Coxae II-III con spine larghe e smussate, di cui quelle esterne sono più evidenti delle
interne
• Coxa IV solo con piccola spina esterna
• Tarsi gradualmente assottigliati
Femmina di I. acuminatus: (Fig. 6.5)
•
•
•
•
•
•
•
•
Idiosoma con setae lunghe
Solchi scapolari rilevati come creste
Cornua corte, triangolari, retroverse, appuntite
Auricole piatte, triangolari, retroverse
Ipostoma affusolato con 3-4 file basali 2/2 e 10-11 file subapicali 3/3
Coxa I con spina interna lunga, affilata, diritta, che sorpassa il margine anteriore della
coxa II
Coxae II-III con corte spine interne
Tarsi gradualmente assottigliati
Figura 6.5a,b,c: Femmina di I.acuminatus, veduta ventrale, dorsale e capitulum
Larva di Scaphixodes frontalis: (Fig. 6.5)
• Dimensioni 0,9 mm di lunghezza, 0,6 mm di larghezza nel terzo posteriore.
• Capitulum con base dorsale più larga che lunga
• Cornua sottili
• Palpi con articoli fusi tra loro
187
Capitolo 6
•
•
•
•
Risultati
Auriculae a punte smusse e che non sporgono dai margini laterali della base
Ipostoma affusolato con 4 file basali 2/2 e 3-5 file subapicali 3/3
Coxae I con spina interna più lunga dell’esterna
Coxae II-III con sole spine esterne, piccole e appuntite.
Figura 6.6: Larva di S. frontalis, veduta ventrale
Ninfa di S. frontalis: (Fig. 6.7)
• Dimensioni 1 mm x 0,85 mm
• Scudo stretto, glossiforme, più lungo che largo, con lunghe setae evidenti soprattutto
nell’area centrale.
• Solco anale arcuato con branche leggermente convergenti che raggiungono il
margine posteriore
• Assenza di apertura genitale
• Auricole sporgono dai margini laterali della faccia ventrale della base con
escrescente triangolari smussate
• Ipostoma lungo e fusiforme con 6 file basale 2/2 , 2-3 file 3/3 e 1-2 file 4/4
Figura 6.7a,b: Ninfa di S. frontalis, veduta ventrale e rostro
Femmina di S. frontalis: (Fig. 6.8)
• Corpo ovale dalle dimensioni da 3 a 11 mm circa
188
Capitolo 6
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Risultati
Apertura genitale a livello delle coxa III
Solco anale molto corto
Stigmata ovali, grandi e larghe
Capitulum con base dorsalmente rettangolare, due volte più larga che lunga
Cornua minute
Auriculae come grosse escrescenze rettangolari dirette e sporgenti lateralmente
oltre i margini ventrali della base
Ipostoma lungo e fusiforme, con estremità appuntita e dentellato con 3 file basali
2/2, 3 file 3/3 e 7-8 file sub apicali 4/4
Coxa I con spina interna stretta che raggiunge la coxa II
Coxa I-IV con robusti speroni esterni
Tarsi gradualmente assottigliati.
Figura 6.8a,b: Femmina di S. frontalis, veduta ventrale e dorsale
Maschio di Hyalomma m.marginatum: (Fig. 6.9)
• Dimensioni 4-6 mm x 3-3,5 mm
• Scudo dorsale da rosso a bruno marrone, con scapule alte e punteggiature
numerose di varia grandezza, solchi laterali lunghi fino alla metà dello scudo
• Cornua appena accennate
• Stigmata rotondeggianti
• Festoni non chiusi e parma assente
• Solchi paramediani difficilmente apprezzabili
• Apertura genitale tra le coxae I e II
• Scudi adanali subrettangolari, lunghi con margini posteriori nettamente più corti dei
margini interni
• Stigmata con coda lunga e tozza, leggermente arcuata
• Capitulum con la base a margine posteriore dorsale concavo e margini laterali
leggermente divergenti anteriormente, con aree porose ovali e ravvicinate
• Ipostoma lungo con estremità arrotondata e dentizione 3/3
• Palpi lunghi e dritti con articolo I ventralmente prolungato come appendice spiniforme
• Coxa I con spina bifida tipica del genere
• Coxae II-IV con corte e larghe spine esterne
• Articoli successivi rosso-bruni con anelli bianco giallastri
189
Capitolo 6
Risultati
a
b
c
d
Figura 6.9a,b,c,d: Maschio di H. m. marginatum, veduta dorsale, ventrale, particolari di
stigmi respiratori e rostro
Femmina di H. m. marginatum: (Fig 6.10)
• Corpo di notevoli dimensioni da 6 a 18 mm circa
• Scudo dorsale più largo che lungo, con scapule molto alte e larghe
• Apertura genitale a livello delle coxa II
• Stigmata grandi e ovali con brevi appendici caudali ricurve e appuntite, con area
peristigmata glabra
• Capitulum con la base a margine posteriore dorsale concavo e margini laterali
leggermente divergenti anteriormente, con aree porose ovali e ravvicinate
• Ipostoma lungo con estremità arrotondata e dentizione 3/3
• Palpi lunghi e dritti con articolo I ventralmente prolungato come appendice
spiniforme
• Coxa I con spina bifida tipica del genere
• Coxae II-IV con corte e larghe spine esterne
• Articoli successivi rosso-bruni con anelli bianco giallastri
190
b
Capitolo 6
Risultati
a
Figura 6.10a,b,c,d: Femmina di H. m. marginatum veduta dorsale, ventrale, stigma e
rostro
Maschio di Hyalomma detritum detritum: (Fig 6.11)
• Dimensioni 4,5-5,5 mm x 2,8-3,2 mm
• Capitulum con base dorsalmente subrettangolare
• Palpi lunghi con articoli I ventralmente romboidale con angolo posteriore
spiniforme
• Scudo dorsale liscio, lucido, con minute punteggiature superficiali
• Solchi laterali lunghissimi estesi dai festoni agli occhi
• Solco posteriomediano esteso dal parma a circa metà dello scudo
• Parma grosso, sub triangolare, spesso giallastro
• Apertura genitale tra coxae I e II
• Scudi adanali lungi e stretti
• Scudi subanali semilunari piccoli
•
Stigmata con code lunghe, appuntite distalmente e inarcate dorsalmente
•
Arti uniformementi pigmentati in giallo-bruno, privi di anelli o chiazze scolorate,
talora sono presenti deboli strie dorsali
191
Capitolo 6
Risultati
Figura 6.11: Maschio di H. d. detritum, veduta ventrale e stigma
Maschio di H. detritum scupense, simile a quello di H. d. detritum, si differenzia per: (Fig.
6.12)
• Dimensioni inferiori 3,2-3,8 mm x 2,0-2,4 mm
• Stigmata con code corte, tozze e solo leggermente incurvate
Figura 6.12: Maschio di H. d.scupense, veduta dorsale e stigma
Larva di Hyalomma spp. (Fig. 6.11)
Gli stadi immaturi del genere Hyalomma non consentono l’identificazione di specie. In
generale nel genere Hyalomma le larve sono caratterizzate da:
• Palpi lunghi ancora privi di strutture di aggancio
• Ipostoma con estremità arrotondata armato di file 2/2
• Presenza di occhi sporgenti alla confluenza dei margini anteriori con quelli posteriori
dello scudo
• Festoni presenti
• Coxae inermi
192
Capitolo 6
Risultati
Figura 6.11: Larva di Hyalomma spp.
Femmina di Dermacentor marginatus: (Fig. 6.13)
• Scudo dorsale rotondeggiante smaltato con macchie brunastre
• Capitulum con base rettangolare
• Cornua piccole e smusse
• Aree porose ovoidali
• Palpi diritti con articolo I molto ridotto
• Ipostoma corto e robusto con minuta corona e 8 file di grossi denti 3/3
• Solchi genitali che divergono posteriormente alle coxae IV
• Stigmata larghi, ovoidali e rilevati
• Coxa I fessurata in due spine
• Coxae II-IV con spine esterne larghe e lunghe
• Tarsi con uncini ventrali pre-apicali
Figura 6.13a,b: Femmina di D. marginatus, veduta dorsale e ventrale
Larva di D. marginatus: (Fig 6.12)
• Corpo largo e ovale poco più di 0,6 mm largo 0,5 mm
• Scudo dorsale più lungo che largo con margine posteriore solo leggermente
arrotondato, quasi piatto che non supera metà dell’idiosoma
• Capitulum con base dorsale a margini postero-laterali prolungati che formano angoli
molto acuti spiniformi con quelli antero-laterali
193
Capitolo 6
•
•
•
•
Risultati
Palpi a margini convessi con estremità a punte smussate e senza apparente sutura
fra gli articoli I e II
Ipostoma corto, piatto apicalmente con 6-7 file di denti 2/2
Coxa I con piccola spina interna
Coxa II-III con spine esterne che debordano dai margini posteriori.
Figura 6.12: Larva di D. marginatus
Femmina di Rhipicephalus turanicus: (Fig. 6.14)
• Dimensioni 3,5 mm x 2 mm
• Capitulum con base esagonale più larga che lunga
• Cornua corte a larghi triangoli arrotondati
• Palpi con estremità quasi piatte, margini esterni dritti e interni leggermente convessi
• Articolo I e II con margini ventrali muniti di setae e sutura evidente fra articoli III e IV
• Ipostoma corto con estremità arrotondata e dentizione 3/3
• Scudo dorsale più lungo che largo
• Solchi cervicali profondi, arcuati, più larghi anteriormente con grosse punteggiature
• Occhi grandi appiattiti
• Alloscutum con solchi marginali superficiali estesi e 11 festoni
• Faccia ventrale con setae
• Apertura genitale fra le coxae II a forma di U larga
• Coxa I profondamente bifida
• Coxae II-IV con spine esterne corte e robuste
• Tarso IV con due uncini ventrali, uno preapicale e uno apicale
194
Capitolo 6
Risultati
Figura 6.14a,b: Femmina di R. turanicus, veduta ventrale e dorsale
Maschio di R. turanicus: (Fig. 6.15)
• Dimensioni 4 mm x 2 mm
• Capitulum con base esagonale più lunga che larga
• Cornua robuste discretamente lunghe e arrotondate
• Palpi come nella femmina ma più corti e tozzi
• Ipostoma con dentizione 3/3
• Scudo dorsale con punteggiature di varie dimensioni, solchi laterali profondi e solchi
cervicali poco profondi; solco mediano corto e largo
• Occhi appiattiti
• Faccia ventrale con setae
• Apertura genitale tra le coxae I e II
• Stigmata con code corte, tozze e larghe quanto un festone
• Arti come nella femmina
Figura 6.15a,b: Maschio di R. turanicus, veduta ventrale e stigma
195
Capitolo 6
Risultati
Femmina di R. sanguineus: (foto assente)
• Dimensioni 3,5 mm x 1,5 mm (11 mm x 7 mm se ingorgata)
• Capitulum a base esagonale con margine postero-dorsale leggermente concavo
• Cornua piccole subtriangolari a punte arrotonadate
• Palpi corti con estremità a tondo appiattito e articolo I ben evidente munito di spina
robusta
• Scudo dorsale più lungo che largo con solchi cervicali lunghi arcuati e profondi, con
rade punteggiature
• Occhi appiattiti
• Alloscutum con margini posterolaterali orlati e 11 festoni
• Faccia ventrale con setae dense
• Apertura genitale a livello delle coxae II
• Arti come in R. turanicus
Maschio di R. sanguineus: (Fig 6.16)
• Dimensioni 3 mm x 1,5 mm
• Capitulum a base esagonale simile a quello della femmina ma con palpi più tozzi e
appiattiti
• Scudo dorsale con grosse punteggiature
• Margini posterolaterali con 11 festoni
• Solchi laterali dai festoni agli occhi e breve solco longitudinale mediano
• Faccia ventrale con rade e corte setae
• Apertura genitale fra coxae I e II
• Scudi adanali con margini posteriori quasi rettilinei, angoli interni posteriori retti
• Scudi accessori lunghi con estremità appuntite
• Stigmata con lunga coda arcuata e stretta, non più larga della metà di un festone
Figura 6.16a,b: Maschio di R. sanguineus, veduta ventrale e stigma
Femmina di R. bursa: (foto assente)
• Dimensioni 4 mm x 2 mm
196
Capitolo 6
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Risultati
Capitulum con base esagonale più larga che lunga
Cornua corte, appuntite, subtriangolari
Palpi corti con apice quasi piatto
Articolo I dei palpi ventralmente munito di una robusta spina
Articolo II dei palpi con piccola spina dorsomediale
Ipostoma con estremità rotondeggiante con 7-8 file di denti 3/3
Scudo dorsale lungo quanto largo
Solchi cervicali profondi anteriormente, larghi posteriormente ed estesi fino ai margini
Alloscutum ricco di punteggiature con 11 festoni
Apertura genitale tra coxae II a V
Stigmata a largo ovale con breve processo caudale
Coxa I profondamente bifida
Coxae II-IV con spine corte e robuste
Tarso IV con uncino preapicale ventrale
Maschio di R. bursa: (Fig 6.17)
• Dimensioni 4 mm x 2,5 mm
• Capitulum con base a esagono stretto
• Cornua robuste, pronunciate e a punte smussate
• Palpi simili a quelli della femmina, più tozzi e con apici appiattiti
• Ipostoma cilindrico con eremità arrotondate e 6-7 file di denti 3/3
• Scudo dorsale bruno, densamente punteggiato
• Solchi laterali estesi dagli occhi ai festoni, solco longitudinale posteromediano lungo
e stretto
• Margini posterolaterali orlati con 11 festoni
• Apertura genitale a livello del margine anteriore delle coxae II
• Scudi adanali più lunghi che larghi, stretti anteriormente, con margini laterali convessi
e molto divergenti
• Arti come nella femmina
Figura 6.17a,b,c: Maschio di R. bursa, veduta dorsale, vetrale e rostro
6.1.1 “QUESTING TICKS”
La specie predominante è risultata essere I. ricinus. Raramente sono state
riscontrate anche Scaphixodes frontalis, Hyalomma spp., D. marginatus.
197
Capitolo 6
Risultati
Nello specifico il numero degli esemplari raccolti è stato:
• I. ricinus: 8080 esemplari;
• D. marginatus: 37 esemplari;
• S. frontalis: 13 esemplari;
• Hyalomma spp.: 6 esemplari;
• I. acuminatus: 3 esemplari.
In tabella 6.1 sono riassunte le specie ritrovate divise per zone di
campionamento e per stadio di sviluppo.
198
Capitolo 6
SPECIE
Risultati
STADIO
Ca'
De
Mandorli
Ciagnano
Monteveglio
Parco
Carnè
del
TOTALE
Larve
1876
3614
520
684
6694
Ixodes
Ninfe
242
493
330
268
1333
ricinus
Femmine
2
11
6
3
22
Maschi
2
16
6
7
31
1
1
2
11
1
1
Larve
Scafixodes
Ninfe
frontalis
Femmine
9
Maschi
Larve
36
36
Dermacentor Ninfe
marginatus
Femmine
1
1
Maschi
Hyalomma
Larve
spp.
Ninfe
Hyalomma
m.
marginatum
3
3
Femmine
2
2
Maschi
1
1
2
2
Larve
Ixodes
Ninfe
acuminatus
Femmine
Maschi
Totale
2123
4187
862
1
1
967
8139
Tabella 6.1: Numero totale di zecche, divise per stadio di sviluppo, raccolte dall’ambiente
nelle diverse aree di campionamento .
Come si può notare la maggiore eterogenicità di specie è stata rilevata a
Ciagnano.
Poiché le specie diverse da I. ricinus sono state riscontrate in minor numero e
solo occasionalmente, per le considerazioni seguenti è stata presa in esame solo
questa specie.
199
Capitolo 6
Risultati
6.1.2 ANALISI DELL’ABBONDANZA DI I. RICINUS
L’abbondanza media di I. ricinus sul totale delle aree campionate, per l’intero
periodo di cattura, è risultata pari a 106,3/100 m2; più in dettaglio si è evidenziata
una maggior abbondanza relativa media dello stadio larvale (87,5/100 m2)
rispetto alle ninfe (18/100 m2) e soprattutto agli adulti (0,6/100 m2). Valutando i
diversi siti di campionamento si può evidenziare come sia per le zecche in totale,
sia considerando solo le larve o le ninfe, a Ciagnano si sia registrato un indice di
abbondanza medio significativamente più elevato (p<0,01 per il totale delle
zecche e per le larve, p<0,05 per le ninfe) rispetto agli altri siti, mediante
confronto con il Test di Kruskal-Wallis (Tab. 6.2).
Zecche/100
m2
Larve/100
m2
Ninfe/100
m2
Adulti/100
m2
Media
147,2279
124,1241
22,7806
0,32313
N
28
28
28
28
Deviaz.
standard
271,48028
278,81159
37,12279
0,837955
Media
44,6311
33,3402
10,8988
0,39206
N
33
33
33
33
Deviaz.
standard
59,38407
57,37237
25,69506
1,232416
Media
246,0714
215,1190
29,3452
1,60714
N
28
28
28
28
Deviaz.
standard
333,88387
345,43315
38,34632
2,702009
Media
34,2063
20,6349
13,0952
0,47619
N
42
42
42
42
Deviaz.
standard
35,91476
28,83688
21,08690
0,922888
Media
106,2738
87,5244
18,0854
0,66401
N
131
131
131
131
Deviaz.
sandard
216,67592
219,05750
30,78293
1,597323
LOCALITA’
Cà de
Mandorli
Carnè
Ciagnano
Monteveglio
Total
Tabella 6.2: Indice di abbondanza dei vari stati di sviluppo nei diversi siti di
campionamento (N= numero totale di campionamenti per area)
200
Capitolo 6
Risultati
Considerando i diversi mesi di raccolta, complessivamente si può notare (Grafico
6.1) come nel mese di luglio si sia registrata la massima abbondanza di zecche.
Un altro picco di raccolta, anche se molto inferiore, si è osservato nel mese di
maggio.
Mean zecche/100 m2
300,00
200,00
100,00
0,00
4
5
6
7
8
9
10
Mese
Grafico 6.1: Numero totale di zecche nel tempo
Sono state evidenziate alcune differenze a seconda delle diverse zone di
campionamento e dello stadio di sviluppo delle zecche (Grafici 6.2-6.5).
larve/100 m2
600
ninfe/100 m2
adulti/100 m2
500
Mean
400
300
200
100
0
4
5
6
7
8
9
10
Mese
Grafico 6.2: IAL, IAN, IAA nei diversi mesi di campionamento a Cà de Mandorli.
201
Capitolo 6
Risultati
larve/100 m2
800
ninfe/100 m2
adulti/100 m2
Mean
600
400
200
0
4
5
6
7
8
9
10
Mese
Grafico 6.3: IAL, IAN, IAA nei diversi mesi di campionamento a Ciagnano.
larve/100 m2
50
ninfe/100 m2
adulti/100 m2
40
Mean
30
20
10
0
4
5
6
7
8
9
10
Mese
Grafico 6.4: IAL, IAN, IAA nei diversi mesi di campionamento a Monteveglio.
202
Capitolo 6
Risultati
larve/100 m2
100
ninfe/100 m2
adulti/100 m2
80
Mean
60
40
20
0
5
6
7
8
9
10
Mese
Grafico 6.5: IAL, IAN, IAA nei diversi mesi di campionamento a Carnè.
Come si può osservare dai grafici, per quanto riguarda le larve, il maggior indice
di abbondanza è stato riscontrato nel mese di luglio nei due siti di raccolta del
Parco dei Gessi, ovvero a Cà de Mandorli e Ciagnano, (Grafico 6.2 e 6.3) e a
Monteveglio (Grafico 6.4), anche se in quest’ultimo sito è evidente un precedente
picco, di entità inferiore, nel mese di maggio. Per quanto riguarda il Parco del
Carnè (Grafico 6.5) il maggior IAL è stato osservato nei campionamenti del mese
di agosto.
Il maggior indice di abbondanza per le ninfe è stato riscontrato nel mese di
maggio in tutte le aree di campionamento, precedendo così il picco delle larve,
anche se a Monteveglio, in corrispondenza del picco delle ninfe in maggio, è
presente anche un aumento di abbondanza delle larve.
Il riscontro di soggetti adulti è risultato invece piuttosto sporadico e distribuito
durante tutto l’arco dei campionamenti.
Da dati rilevati presso le centraline dell’ARPA, situate in zone vicine alle aree di
campionamento, è stato evidenziato come i parametri del “macroclima”, inteso
come Temperatura Media dell'aria a 2 m (in Gradi Centigradi) e l’Umidità Relativa
Media (Percentuale), presentino un andamento simile in tutte le località.
Abbiamo quindi considerato l’abbondanza media delle varie fasi di sviluppo (IAL,
IAN, IAA) (n. zecche/100mq) rispetto alla temperatura e all’umidità verificata a 5
cm dal suolo al momento del campionamento (Grafici 6.6-6.13).
203
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.6: IAL, IAN, IAA in rapporto alla temperatura a 5 cm da terra a Cà de Mandorli.
Le temperature registrate durante tutto il periodo di raccolta in località Cà de
Mandorli andavano dai 15,4°C fino ai 37,1°C.
L’IAL medio più elevato si è osservato a temperature ≥ a 30°C mentre per le
ninfe il massimo IAN medio è stato osservato tra i 18°C e i 22°C; non sono stati
raccolti adulti a temperature <18°C o ≥30°C (Grafico 6.6).
Grafico 6.7: IAL, IAN, IAA in rapporto alla temperatura a 5 cm da terra a Ciagnano.
La temperatura di raccolta a Ciagnano andava dai 14,7°C ai 35,8°C;
l’abbondanza media più elevata per le larve si è osservata a temperature ≥30°C,
mentre i valori di temperatura che sembrano favorire una maggior abbondanza di
ninfe sono inferiori a 22°C. Gli adulti, in questo caso, non sono stati osservati
solo a temperature ≥30°C (Grafico 6.7).
204
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.8: IAL, IAN, IAA in rapporto alla temperatura a 5 cm da terra a Monteveglio.
La temperatura di raccolta a Monteveglio andava dai 10,7°C fino ai 37,9°C; in
questo sito, dove l’indice di abbondanza delle zecche è stato inferiore rispetto
agli altri parchi, il massimo IAL medio è stato trovato a temperature ≥ 30°C,
mentre per le ninfe l’indice di abbondanza più elevato è stato trovato tra i 18°C e i
22°C; anche in questo caso non sono stati raccolti adulti a temperature ≥ 30°C
(Grafico 6.8).
Grafico 6.9: IAL, IAN, IAA in rapporto alla temperatura a 5 cm da terra a Carnè.
Le temperature registrate durante il campionamento nel Parco del Carnè
variavano da 13,5°C fino a 32,2°C. Anche in questo sito, per quanto riguarda le
larve, il massimo indice di abbondanza medio è stato riscontrato a temperature
≥30°C, mentre per le ninfe, l’intervallo tra i 18°-2 2°C è stato quello che ha
evidenziato un maggior indice di abbondanza; gli adulti non sono stati raccolti a
temperature ≥ 30°C (Grafico 6.9).
205
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.10: IAL, IAN, IAA in rapporto all’umidità relativa % a 5 cm da terra a Cà de
Mandorli.
Durante il campionamento in località Cà de Mandorli l’UR è variata dal 29% al
81%. Si è verificato un maggior IAL medio per UR < 35%, mentre per le ninfe l’IA
medio è risultato altalenante ma abbastanza costante. Sono stati raccolti pochi
adulti e comunque mai a UR ≥70% (Grafico 6.10).
Grafico 6.11: IAL, IAN, IAA in rapporto all’umidità relativa % a 5 cm da terra a Ciagnano.
L’ umidità relativa percentuale durante la raccolta in località Ciagnano è variata
dal 32% al 75%.
206
Capitolo 6
Risultati
Con una UR<35% l’IAL è risultato più elevato, mentre le ninfe presentano un
maggior IA medio tra il 35%-53% di UR. Gli adulti non sono stati raccolti a UR≥
70% (Grafico 6.11).
Grafico 6.12: IAL, IAN, IAA in rapporto all’umidità relativa % a 5 cm da terra a
Monteveglio.
L’umidità relativa registrata a Monteveglio è variata dal 23% al 74%. L’IAL medio
è risultato maggiore a UR ≥35% <53%; mentre le ninfe risultano più attive con
UR ≥53% <70%. Nessun adulto è stato trovato a UR ≥70% (Grafico 6.12).
Grafico 6.13: IAL, IAN, IAA in rapporto all’umidità relativa % a 5 cm da terra a Carnè.
207
Capitolo 6
Risultati
L’UR registrata nel parco del Carnè variava dal 32% al 76%. Il maggior IAL
medio è stato riscontrato in corrispondenza di un UR <35%, mentre l’IAN medio è
maggiore a UR ≥70%. A differenza degli altri siti gli adulti sono stati trovati anche
ad UR ≥70%, mentre nessun adulto è stato trovato a UR <35% (Grafico 6.13).
Globalmente (Grafico 6.14) l’indice di abbondanza delle larve tende ad
aumentare al crescere della temperatura a terra, in particolare il maggior IAL è
stato riscontrato per temperature ≥30°C.
Viceversa l’indice di abbondanza delle ninfe tende a decrescere all’aumentare
della temperatura con la massima abbondanza registrata a temperature
comprese tra i 18°C e i 21°C.
Gli adulti non sono mai stai trovati a temperature ≥30°C.
Come illustrato dai grafici 6.15, 6.16 e 6.17 è possibile evidenziare, all’interno del
range delle temperature osservate nel periodo di campionamento, una
correlazione positiva per quanto riguarda l’IAL e la temperatura stessa e negativa
per quello che concerne le ninfe e gli adulti. Le differenze evidenziate (maggiore
è la temperatura, maggiore è la IAL; e minore sono le IAN e IAA) sono risultate
statisticamente significative al test di correlazione non parametrica Rho di
Spearman.
IA - Temperatura sul totale dei
campionamenti
300
250
m
0 200
0
1
/
e 150
h
cc
e
z 100
.
N
50
2
0
larve
<18°C
18,99
18°C-21°C
33,83
22°C-25°C
55,92
26°C-29°C
68,86
=30°C
280,69
ninfe
18,25
31,25
16,64
14,99
4,16
adulti
1,21
1,07
0,43
0,55
0
Grafico 6.14: IAL, IAN, IAA in rapporto alla temperatura registrata a 5 cm da terra
calcolata sul totale dei campionamenti
.
208
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.15: IA di larve in relazione alla temperatura
Grafico 6.16: IA di ninfe in relazione alla temperatura
209
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.17: IA di adulti in relazione alla temperatura
Per quanto riguarda l’umidità relativa, globalmente un maggior IAL è stato
osservato con UR <35%; l’abbondanza poi decresce all’aumentare dell’umidità.
In questo caso però le differenze non sono risultate statisticamente significative.
Per le ninfe e per gli adulti, viceversa, si riscontra un andamento altalenante, ma
abbastanza costante all’aumentare dell’umidità (grafico 6.18).
210
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.18: IAL, IAN, IAA in rapporto all’umidità relativa % registrata a 5 cm da terra
calcolata sul totale dei campionamenti.
Grafico 6.18: IA, IAL, IAN, IAA in rapporto al tipo di vegetazione.
211
Capitolo 6
Risultati
Infine, considerando la vegetazione presente nei vari transects di raccolta
(Grafico 6.18), è stato possibile osservare come, in genere e più in particolare
per le larve e le ninfe, la maggior abbondanza è stata riscontrata nella zona di
sottobosco, in aree in cui il manto erboso era assente, ma si riscontrava solo la
presenza di piccoli arbusti e/o di terreno coperto da foglie secche e rada
vegetazione rampicante (es. Hedera helix).
212
Capitolo 6
Risultati
“FEEDING TICKS”
Per quanto riguarda le 73 zecche catturate in fase di alimentazione, le specie
riscontrate sono riportate in tabella 6.3 differenziate in relazione a stadio, sesso e
ospite su cui sono state rinvenute.
SPECIE
NUMERO
STADIO/SESSO
19 femmine
Ixodes ricinus
37
13 maschi
Ixodes acuminatus
Rhipicephalus
sanguineus
1
Rhipicephalus turanicus
21
Rhipicephalus bursa
2
Hyalomma
m.marginatum
Hyalomma d. detritum
Hyalomma d. scupense
7
3
1
1
5 ninfe
femmina
2 femmine
5 maschi
9 femmine
12maschi
1 femmina
1 maschio
1 femmina
2 maschi
maschio
maschio
OSPITE
11 da 5 cani
4 da 3 cavalli
3 da un gatto
1 da 1 uomo
12 da 2 cani
1 da 1 uomo
da 4 uomini
da 1 cane
da 1 cane
da 2 cani
da 3 cavalli
da 3 cavalli
da 1 cane
da 1 uomo
da 1 cane
da 1 bovino
da 1 cavallo
da 1 cavallo
da 1 cavallo
da 1 cavallo
Tabella 6.3: Zecche prelevate in fase di alimentazione su uomo o animali
Come nel caso dei campionamenti ambientali, su 73 zecche raccolte in fase di
alimentazione la specie più frequente è risultata essere I. ricinus con 37
esemplari tra maschi, femmine e ninfe, seguita da R. turanicus (21 soggetti
adulti) e R. sanguineus (7), più altre specie più rare presenti in un numero
esiguo. Mentre I. ricinus è stata ritrovata su diverse specie animali, incluso
l’uomo, le zecche appartenenti al genere Hyalomma sono state riscontrate solo
sul cavallo, specie che è risultata inoltre infestata anche da R. turanicus. R.
sanguineus si conferma la specie tipica del cane, essendo stata rinvenuta solo in
questo animale, sul quale peraltro sono stati ritrovati anche un esemplare di R.
turanicus e uno di R. bursa; quest’ultimo è stato riscontrato anche su un bovino.
Sull’uomo sono state ritrovate zecche prevalentemente appartenenti alla specie I.
ricinus, ma anche un esemplare di R. turanicus.
213
Capitolo 6
Risultati
6.2 RICERCA DI PATOGENI TRASMESSI DALLE ZECCHE
In tabella 6.4 sono evidenziate il numero totale di zecche raccolte dall’ambiente,
suddivise per specie, stadio di sviluppo e località di campionamento, che sono
state sottoposte a indagini molecolari per la ricerca di patogeni. Come
evidenziato nei Materiali e Metodi, queste analisi sono state effettuate su
campioni formati da pool di 10 larve o 5 ninfe (ogni pool comprendeva soggetti
provenienti dallo stesso transect e appartenenti alla stessa specie) o dai singoli
soggetti adulti. Per quanto riguarda le 73 zecche raccolte dagli animali, sono stati
esaminati i soggetti adulti singolarmente (68 campioni), mentre le 5 ninfe, isolate
su 4 diverse persone, non permettevano di costituire un pool sufficiente, per cui
non sono state analizzate.
SPECIE
I. ricinus
S. frontalis
D. marginalis
Dermacentor
spp
I. acuminatus
Hyalomma
m.marginatum
Totale
STADIO
CA' DE
MANDORLI
CIAGNANO
MONTEVEGLIO
CARNÈ
Larve
110/11
210/21
-
-
Ninfe
215/43
445/89
280/56
220/44
Femmine
2
12
4
3
Maschi
2
15
7
7
Larve
-
-
-
-
Ninfe
-
5/1
-
-
Femmine
-
-
-
-
Maschi
-
-
-
-
Larve
-
-
-
-
Ninfe
-
-
-
-
Femmine
-
-
-
-
Maschi
1
-
-
-
Larve
-
10/1
-
-
Ninfe
-
-
-
-
Femmine
-
-
-
-
Maschi
-
-
-
-
Larve
-
-
-
-
Ninfe
-
-
-
-
Femmine
-
2
-
1
Maschi
-
-
-
-
Larve
-
-
-
-
Ninfe
-
-
-
-
Femmine
-
2
-
-
Maschi
-
1
-
-
330/59
702/144
291/67
231/55
Tabella 6.4: Zecche/N. campioni esaminati tra quelli prelevati dall’ambiente
In totale sono stati analizzati 325 campioni di zecche prelevate dall’ambiente, di
214
Capitolo 6
Risultati
cui 59 campioni da Cà de Mandorli, 144 campioni da Ciagnano, 67 campioni da
Monteveglio e 55 campioni da Carnè.
In tabella 6.5 sono evidenziati i singoli campioni delle zecche analizzate raccolte
dall’ambiente.
Adulto
Ninfa
Larva
Totale
Ixodes
ricinus
21 femmine
31 maschi
232 pools
32 pools
316 campioni
Ixodes.
acuminatus
3 femmine
Scafixodes
frontalis
-
3 campioni
1 pool
1 campione
Hyalomma
marginatum
2 femmine
1 maschio
3 campioni
Dermacentor
spp.
1 maschio
1 pool
2 campioni
Totale
27 femmine
32 maschi
233 pools
33 pools
325 campioni
Tabella 6.5: composizione dei campioni di zecche ambientali analizzati.
6.2.1 RICERCA DI PIROPLASMI
Su 393 campioni esaminati, (325 campioni ambientali più 68 zecche in fase di
alimentazione) 30 (7,6%) sono risultati positivi per piroplasmi alla PCR,
evidenziando una banda a circa 400 bp, come evidenziato in Figura 6.18.
Di questi 28 erano campioni dall’ambiente e due zecche in fase di alimentazione
sull’ospite.
CG CG CG CG CG CG CG CG CG CG CG CG M
1
2
4 6
K+
9 10 11 13 16 2 27 30
CG CG CM CM CM CM CM CM CM CM CM CM M K+
72 73
2
3
4
5
6
7
8
9
12 13
Figura 6.18: Corsa su gel di amplificati derivanti da campioni di Ciagnano.
Evidenziati in rosso i campioni positivi.
In totale sono risultate positive:
• 1 femmina I. ricinus
215
Capitolo 6
•
•
•
Risultati
4 maschi: 3 I. ricinus e 1 H. m. marginatum
25 pool di ninfe
nessuno dei pool di larve esaminati è stato riscontrato positivo.
Fra le “questing ticks” solo i campioni di I. ricinus sono risultati positivi e, pur con
prevalenze diverse, sono stati ritrovati in tutti i siti di campionamento:
Monteveglio (12 campioni positivi/67 campioni totali-17,9%), Ca’ de Mandorli (2
campioni positivi/59 campioni totali-3,4%), Ciagnano (11 campioni positivi/144
campioni totali-7,6%) e parco Carnè (3 campioni positivi/55 campioni totali-5,4%).
La prevalenza è risultata significativamente maggiore nelle zecche raccolte
presso il parco di Monteveglio (17.9%) (grafico 6.17).
Per quanto riguarda i campionamenti dagli animali, sono risultati positivi un
maschio di I. ricinus prelevato da un cane e uno di H. m. marginatum raccolto su
un cavallo.
% campioni positivi
17,9%
18,00%
16,00%
14,00%
12,00%
10,00%
7,6%
8,00%
6,00%
5,4%
3,4%
4,00%
2,00%
0,00%
Ca de'
Mandorli
Ciagnano
Carné
Monteveglio
Grafico 6.17: Positività alla PCR di campioni di zecche raccolti nei diversi siti di
campionamento.
Indipendentemente dalla zona di campionamento, la positività è stata riscontrata
solo in campioni di zecche raccolti nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno, con
maggior frequenza nel mese di Maggio (Grafico 6.18). In questo mese sono
anche state raccolte ed esaminate un maggior numero di zecche.
216
Capitolo 6
Risultati
% campioni
positivi
16,00%
14,00%
12,00%
10,00%
8,00%
14,84%
6,00%
4,00%
2,00%
6,67%
4,82%
0%
0,00%
Positivi/
Esaminati
4/83
1M, 3N
19/128
1F, 1M, 17N
5/75
0%
0/18
0/4
0%
0/8
0%
0/9
5N
Grafico 6.18: Positività alla PCR per piroplasmi in campioni di zecche raccolte
dall’ambiente in diversi periodi dell'anno.(M= maschio, F= femmina, N= pool di ninfe)
Come si può osservare nel grafico 6.19, la maggior frequenza di positività alla
PCR è stata osservata nei campioni formati da pool di ninfe.
% campioni positivi
12%
10%
8%
6%
10,73%
% campioni positivi
4%
6,25%
3,7%
2%
0%
Positivi/
0%
Pool di larve
Pool di
ninfe
0/33
25/233
Femmine
1/27
Maschi
2/32
esaminati
Grafico 6.19: Prevalenza di positività alla PCR per piroplasmi nei diversi stadi di sviluppo
delle zecche raccolte dall’ambiente.
217
Capitolo 6
Risultati
Maggior frequenza di isolamento si è inoltre osservata negli esemplari catturati
quando la temperatura ambientale, riscontrata al momento della cattura, era
superiore ai 35°C (Grafico 6.20), ed in condizioni di umidità al momento della
raccolta inferiore al 30% (Grafico 6.21).
% Campioni positivi in relazione alla
Temperatura
30,00%
25,00%
20,00%
28,57%
15,00%
10,00%
13,64%
12,50%
9,16%
5,00%
2,50%
0%
0,00%
T < 16°C
Positivi/
6/44
16°C = T <
20°C
12/131
20°C = T <
25°C
2/80
25°C = T <
30°C
6/48
30 °C = T <
35°C
0/15
T = 35°C
(fino 46°C)
2/7
esaminati
Grafico 6.20: Percentuale di positività alla PCR per piroplasmi dei campioni di zecche
ambientali in relazione alla temperatura al momento della raccolta.
% Campioni positivi in relazione all'Umidità
18,2%
13,3%
20%
8,6%
7%
10%
5,7%
0%
0%
U < 30%
Positivi/
2/11
30% ≤ U < 40% ≤ U < 50% ≤ U < 60% ≤ U <
40%
50%
60%
70%
8/60
10/143
2/35
5/58
U ≥ 70%
0/18
esaminati
Grafico 6.21: Percentuale di positività alla PCR per piroplasmi dei campioni di zecche
ambientali in relazione all'umidità al momento della raccolta.
218
Capitolo 6
Risultati
Le differenze di positività in base a stadio di sviluppo, periodo di cattura,
temperatura ed umidità non sono però risultate significative al test del χ2.
Dopo il sequenziamento dei prodotti di PCR ottenuti dalle zecche, è stato
possibile identificare tramite BLAST i piroplasmi presenti, che sono riconducibili a
tre specie/gruppi:
1. Babesia EU1: 100% di identità con GU647159, primo isolato in Italia da
zecca (Cassini e coll., 2010), e con altri isolati da zecche di paesi europei;
è stato riscontrata in 11 campioni di zecche ambientali costituiti sia da
pool di ninfe, che da una femmina e da un maschio, provenienti da tutti i
siti di campionamento (Tab. 6.6).
2. Babesia divergens/capreoli: 99% di identità con FJ944828 (B. capreoli)
e con AY572456 (B. divergens), è stata riscontrata in 2 pool di ninfe
raccolti presso il Parco del Carné.
3. Theileria
spp.
rientranti
nel
complesso
Theileria
buffeli/sergenti/orientalis: con percentuali di identità differenti,
comprese tra 85% e 100%, differenziate in base alla provenienza dei 17
campioni positivi, come descritto di seguito:
o Monteveglio: 11 isolati che hanno presentato 100% di identità con
HM538222 – AB520956 – AB520955 (T. orientalis), HM538197 (T.
buffeli) e AJ616718 (Theileria sp.);
o Ca’ de Mandorli: un campione con percentuale d’identità del 100%
con HM538223 – FJ822144 (T. sergenti), AJ661513 (T. buffeli) e
AB520953 (T. orientalis);
o Ciagnano: tutti e tre i campioni hanno presentato 85-88% di
identità con: FJ225391 – HM538197 (T. buffeli), AB520955 (T.
orientalis) e AJ616718 (Theileria sp.); due degli avevano
sequenza identica;
o Campioni da animali: in un campione ottenuto da un maschio di H.
m. marginatum campionato da un cavallo (AN35) è stato
evidenziato un ceppo con l’89% di omologia con T. sergenti
(FJ225392), mentre un campione estratto da un maschio di I.
ricinus campionato su un cane (AN25) ha mostrato l’86% di
analogia con T. buffeli (FJ225391).
In Tabella 6.6 e nei grafici 6.22-6.25 sono illustrate le distribuzioni dei diversi
piroplasmi riscontrati in zecche ambientali, in base al sito di campionamento.
219
Capitolo 6
Risultati
Theileria
buffeli/
sergenti/
orientalis
Località
Esaminati
Positivi
totali
Babesia
EU1
Babesia
capreoli/
divergens
Ca’ de
Mandorli
59
2 (3.4%)
1 pool ninfe
-
1 pool ninfe
-
3 pool ninfe
Ciagnano
144
11 (7.6%)
1 femmina
1 maschio
6 pool ninfe
Parco Carné
55
3 (5.4%)
1 pool ninfe
2 pool ninfe
-
Monteveglio
67
12 (17.9%)
1 pool ninfe
-
1 maschio
10 pool ninfe
Totale
325
28 (8,6%)
11 (3,4%)
2 (0,6%)
15 (4,6%)
Tabella 6.6 Campioni ritrovati positivi per le diverse specie di piroplasmi nelle diverse
località di campionamento.
Grafico 6.22: Suddivisione dei campioni positivi ai diversi piroplasmi a Cà de Mandorli
Grafico 6.23: Suddivisione dei campioni positivi ai diversi piroplasmi a Ciagnano
220
Capitolo 6
Risultati
Grafico 6.24: Suddivisione dei campioni positivi ai diversi piroplasmi a Carnè
Grafico 6.25: Suddivisione dei campioni positivi ai diversi piroplasmi a Monteveglio
Come si può osservare dal grafico 6.25, a Mopntveglio, che è stato anche il sito in cui si
aveva una maggiore prevalenza di piroplasmi nelle zecche, la specie predominante
appartiene al complesso T. buffeli/sergenti/orientalis. Viceversa a Ciagnano (grafico
6.23), in cui la prevalenza dei piroplasmi nelle zecche è solo di poco più bassa rispetto a
Monteveglio, la specie prevalente risulta essere Babesia EU1. B. capreoli/divergens è
stata riscontrata solo in zecche raccolte nel Parco del Carnè (grafico 6.24).
221
Capitolo 6
Risultati
Gli alberi filogenetici costruiti con Mega 5, evidenziano come i nostri isolati
riferibili a Babesia EU1 (tutti uguali fra loro), formino un cluster con i vari isolati
della stessa specie presenti in GenBank, nettamente distinto dal cluster
contenente gli isolati riferibili sia a Babesia capreoli sia a B. divergens (Figura
12). Il frammento da noi sequenziato è compreso in una regione conservata del
genoma (18S-rRNA) e non permette di distinguere tra la due specie.
Figura 6.19: Albero filogenetico di isolati di Babesia EU1 e Babesia capreoli/divergens.
Sono evidenziati in rosso i campioni da noi ritrovati.
222
Capitolo 6
Risultati
Per quanto riguarda Theileria è interessante notare (Figura 6.20) come gli isolati
da zecche di provenienza diversa formino dei cluster separati gli uni dagli altri.
L’isolato da H. m. marginatum prelevato dal cavallo (AN35) clusterizza con gli
isolati delle zecche di Ciagnano, mentre l’isolato da I. ricinus raccolta sul cane
(AN25) si differenzia nettamente dagli altri raggruppamenti. Entrambi gli animali
vivevano ne territorio del Parco dei Gessi.
Figura 6.20: Albero filogenetico di Theileria buffeli/sergenti/orientalis. Sono stati
evidenziati i campioni da noi ritrovati.
223
Capitolo 6
Risultati
6.2.2 RICERCA DI ANAPLASMA PHAGOCYTOPHILUM
Un totale di 33 campioni (9,2%) sui 360 analizzati per la ricerca di A.
phagocytophilum è risultato positivo alla real-time PCR. I. ricinus è l’unica specie
risultata positiva tra i campioni di zecche ambientali. L’analisi del χ2 ha
evidenziato come i risultati di prevalenza ottenuti al Parco del Carnè (0/55)
differiscano significativamente con le prevalenze riscontrate negli altri 3 siti di
campionamento (p< 0,05), mentre non risultano differenze significative tra ninfe e
adulti. I. ricinus è anche la più frequentemente positiva nei campioni ottenuti da
zecche in fase di alimentazione: i campioni positivi sono stati trovati sul cane, sul
gatto o sull’uomo. Tra le “feeding ticks” sono risultate positive anche altre specie
prelevate su cani: 1 Rhipicephalus turanicus, 1 R. bursa, 1 R. sanguineus e 1 I.
acuminatus (Tab. 6.7).
Specie
I. ricinus
•
ninfe
•
adulti
I. acuminatus
•
ninfe
•
adulti
D. marginalis
•
ninfe
•
adulti
H. marginatum
•
ninfe
•
adulti
H. d. scupense
•
ninfe
•
adulti
H. d. detritum
•
ninfe
•
adulti
S. frontalis
•
ninfe
•
adulti
R. bursa
•
ninfe
•
adulti
R. sanguineus
•
ninfe
•
adulti
R. turanicus
•
ninfe
•
adulti
Totale pos/tot %
CM
CG
MV
CR
AN
Totale
5/43 (11,6%)
0/4 (0%)
6/89 (6,7%)
2/27 (7,4%)
8/56 (14.3%)
2/11 (18.2%)
0/44 (0%)
0/10 (0%)
0/0
6/32 (18,7%)
19/232 (8,2%)
10/84 (11,9%)
0/0
0/0
0/0
0/2 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/1 (0%)
0/0
1/1 (100%)
0/0
1/4 (25%)
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/3 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/3 (0%)
0/0
0/6 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/1 (0%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
1/2 (50%)
0/0
1/2 (50%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
1/7 (14,3%)
1/7 (14,3%)
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
0/0
1/21 (4,7%)
0/0
1/21 (4,7%)
5/48 (10.4%)
8/122 (6,6%)
10/67 (14,9%)
0/55 (0%)
10/68 (14.7%)
33/360 (9,2%)
Tabella 6.7: Campioni di zecche esaminate (positivi/totale)
La prevalenza di A. phagocytopylum si è rivelata significativamente più elevata
nel mese di aprile rispetto ai mesi di maggio e giugno (p<0,05). Nei mesi
successivi il patogeno non è mai stato riscontrato ma il numero di zecche
analizzate era molto basso (grafico 6.26).
224
Capitolo 6
Risultati
16,00%
14,00%
12,00%
10,00%
8,00%
6,00%
4,00%
2,00%
0,00%
Grafico 6.26: Positività alla PCR per A. phagocytophilum in campioni di zecche raccolte
dall’ambiente in diversi periodi dell’anno
La prevalenza di Anaplasma nelle zecche raccolte a 25-26 °C è risultata
significativamente più elevata (p>0,05) rispetto alle prevalenze rilevate in zecche
raccolte a temperature superiori o inferiori (grafico 6.27).
% Campioni positivi in relazione alla Temperatura
20,00%
15,00%
10,00%
5,00%
0,00%
<16
16-20
>20-25
>25- 30
>30-35
> 35
Grafico 6.27: Percentuale di positività alla real-time PCR per A. phagocytophilum dei
campioni di zecche ambientali in relazione alla temperatura al momento della raccolta.
Non sono invece state evidenziate differenze significative di prevalenza in
zecche raccolte a diversa percentuale di Umidità Relativa dell’aria (grafico 6.28).
225
Capitolo 6
Risultati
% Campioni positivi in relazione all’UR
12,00%
10,00%
8,00%
6,00%
4,00%
2,00%
0,00%
<30%
30-40%
>40-50%
>50-60%
>69-70%
Grafico 6.28: Percentuale di positività alla real-time PCR per A. phagocytophilum dei
campioni di zecche ambientali in relazione all’UR al momento della raccolta.
6.2.3 ANALISI FILOGENETICA
Ventisei campioni che presentavano Ct-value inferiore a 38 alla real-time PCR
sono stati amplificati con NESTED-PCR per l’analisi del gene 23S-5S rRNA: 23
campioni hanno dato risultato positivo alla PCR. Di questi campioni 20 erano
costituiti da zecche ambientali e 3 da zecche I. ricinus in fase di alimentazione,
una sul cane e due sul gatto.
Le sequenze ottenute da questi 23 campioni sono state corrette, allineate e
analizzate su BLAST permettendo così l’identificazione di 6 varianti del
frammento di 248 bp ottenuto che differivano di poche basi nucleotidiche rispetto
alle sequenze reperibili in GenBank per questo gene.
Confrontando i nostri ceppi con la sequenza di origine umana HZ (CP000235),
abbiamo identificato 7 campioni (gruppo A) che differivano da questa per 3
variazioni nucleotidiche. A questo gruppo facevano capo 2 campioni provenienti
da Monteveglio, 3 campioni da Ciagnano e due dalle zecche prelevate sul gatto.
Altri 7 campioni (gruppo B) mostravano solamente due variazioni nucleotidiche.
Tra questi, 3 isolati provenivano da Cà de Mandorli, 2 da Monteveglio, uno da
Ciagnano e uno dalla zecca prelevata sul cane.
Il gruppo A è costituito dai campioni MV11, MV 21, CM 11, AN 10, AN 12, CG
104, CG 56, CG 21 e il gruppo B da: CM 38, CG 93, MV 3, AN 28, CG 110, CM
45, CM 14, MV 41.
Altri due isolati (CG39 e MV13) hanno presentato 3 variazioni nucleotidiche,
diverse dalle precedenti; infine sono state identificate tre ulteriori varianti che
differivano dal ceppo HZ per 1 nucleotide (CG26), 2 nucleotidi (MV19) e 3
nucleotidi (MV20) ciascuna
Ogni variante è stata depositata su GenBank con numeri di accesso da
JQ040534 a JQ040539.
In Tabella 6.7 sono riportati tutti gli isolati ottenuti in questo studio (evidenziati in
grassetto) e le sequenze di 23S-5S rRNA disponibili in GenBank, utilizzate per le
226
Capitolo 6
Risultati
analisi filogenetiche, evidenziando le differenze nucleotidiche riscontrate in ogni
sequenza.
Posizione nucleotidica
Isolato (N. accesso))
Ospite
2787
2820
2842
2847
2853
2854
2861
2881
HZ (CP000235)
MRK (JF451139)
Group A (JQ040534)
Group B (JQ040535)
CG39/MV13
(JQ040536)
CG 26 (JQ040537)
MV 19 (JQ040538)
MV 20 (JQ040539)
Homo sapiens
Equus caballus
Ixodes ricinus
Ixodes ricinus
C
*
*
*
A
*
*
*
G
A
A
A
A
*
*
*
C
*
*
*
G
*
A
A
A
*
G
*
A
G
*
*
Ixodes ricinus
T
*
A
*
*
A
*
*
Ixodes ricinus
Ixodes ricinus
Ixodes ricinus
Neotoma
fuscipes
Sciurus griseus
*
*
*
*
*
*
*
A
A
*
*
*
*
T
*
A
*
A
*
*
*
*
*
G
*
*
A
*
*
*
*
*
*
G
A
*
*
*
*
G
Nf (JF451141)
Sg (JF451142)
Tabella 6.7: Differenze nel 23S-5S rRNA di isolati di A. phagocytophilum; l’asterisco
indica le basi uguali rispetto al ceppo di riferimento HZ.
Il filogramma ottenuto attraverso l’analisi ML del 23S-5S rRNA di A.
phagocytophilum ha evidenziato che i nostri isolati clusterizzano con altri ceppi di
origine statunitense disponibili in GenBank ottenuti da mammiferi e sono
nettamente separati da un ceppo isolato da lucertola (JF487929), più correlato
ad Anaplasma marginale.
Il clade in cui sono compresi i nostri isolati si presenta ulteriormente ripartito in
funzione delle singole differenze nucleoidiche descritte in precedenza (Fig. 6.21).
Figura 6.21: Analisi filogenetica di 23S-5S rRNA di A. phagocytophilum
227
Capitolo 6
Risultati
Il gene msp4 è stato amplificato in 8 campioni scelti sulla base della distribuzione
filogenetica ottenuta dall’analisi del 23S-5S rRNA. Sono stati utilizzati i campioni
AN10-CG104 (gruppo A), CM38-CG110 (gruppo B), CG26, MV 13, MV19 e
MV20; solo 7 di questi hanno fornito sequenze idonee.
Sono state individuate due varianti del gene esaminato, successivamente
depositate in GenBank (JQ068824 e JQ178338), differenziate da una singola
sostituzione nucleotidica che però non determina una modifica nell’espressione
della proteina codificata.
Le sequenze sono state allineate con altre sequenze dello stesso gene presenti
in GenBank e l’analisi filogenetica condotta ha evidenziato che i nostri isolati si
raggruppano in un cluster comprendente sequenze ottenuta da ruminanti,
specialmente caprioli e capre, isolate in diversi Paesi (Fig. 6.22).
Figura 6.22: Analisi filogenetica di msp4 di A. phagocytophilum
228
Capitolo 6
Risultati
6.2.4 RICERCA DI BORRELIA BURGDORFERI S.L.
La real-time PCR per la ricerca di B. burgdorferi s.l. è risultata positiva in 78
campioni di zecche su 360 (21,6%). I campioni positivi erano costituiti solo da
zecche prelevate dall’ambiente, nello specifico 27 campioni provenivano dalla
località Ciagnano, 18 dalla località Cà de Mandorli, 17 dal Parco di Monteveglio e
16 dal Parco del Carnè; non sono risultate differenze significative di positività in
relazione ai diversi siti campionati. L’unica specie riscontrata positiva è I. ricinus.
La descrizione dei campioni di zecche ambientali risultati positivi è riportata in
tabella 6.8.
Campioni
Pool di ninfe
Femmine
Maschi
Totale
Cà de
Mandorli
17/43
(39,5%)
1/2
(50%)
0/3
0%
18/48
37,5%
Ciagnano
Monteveglio
Carnè
Totale
25/90
(27,8%)
1/16
(6,2%)
1/16
6,2%
27/122
22,1%
14/56
(25%)
1/4
25%
2/7
28,5%
17/67
25,4%
14/44
(31,8%)
1/4
25%
1/7
14,3%
16/55
29,1%
70/233
(30%)
4/26
15,4%
4/33
12,1%
78/292
26,7%
Tabella 6.8: Campioni di zecche ambientali esaminate-positivi/totale (%)
Sul totale dei campioni, si osserva come le ninfe siano significativamente più
infettate da B. burdorferi s.l. rispetto agli adulti (30% vs 13,6%; p<0,01), mentre
non è statisticamente significativa la differenza tra i vari siti di campionamento.
30,00%
25,00%
20,00%
15,00%
10,00%
5,00%
0,00%
Grafico 6.29: Positività alla PCR per B. burgdorferi s.l. in campioni di zecche raccolte
dall’ambiente in diversi periodi dell’anno
La prevalenza di B. burdorferi s.l. nelle zecchè è risultata più elevata nei mesi di
Aprile, Maggio e Giugno, ma a causa dell’esiguità dei campioni esaminati negli
229
Capitolo 6
Risultati
altri mesi, questa differenza non è risultata significativa (grafico 6.29).
% Campioni positivi in relazione alla
Temperatura
40,00%
30,00%
20,00%
10,00%
0,00%
<16°C
16-20°C
>20-25°C >25- 30°C >30-35°C
> 35°C
Grafico 6.30: Positività alla PCR per B. burgdorferi s.l. in campioni di zecche raccolte
dall’ambiente in relazione alla temperatura al momento della raccolta
% Campioni positivi in relazione all'UR
40,0%
35,0%
30,0%
25,0%
20,0%
15,0%
10,0%
5,0%
0,0%
<30%
30-40%
>40-50%
>50-60%
>69-70%
Grafico 6.31: Positività alla PCR per B. burgdorferi s.l. in campioni di zecche raccolte
dall’ambiente in relazione all’UR al momento della raccolta
La prevalenza di B. burgdorferi non ha presentato differenze significative fra le
zecche raccolte a diversi range ti temperatura e Umidità Relativa (grafici 6.30,
6,31).
Su 58 campioni con Ct-value <38 è stata eseguita la PCR-RFLP. Sono stati
analizzati 23 campioni di Ciagnano, 13 di Cà de Mandorli, 10 di Monteveglio e 12
del Carnè. Due campioni di Monteveglio hanno dato esito negativo. Con l’enzima
MseI sono stati ottenuti 7 patterns definiti da lettere (A-G) (Fig. 6.23), mentre con
l’enzima DraI sono stati evidenziati 6 patterns (a-f) (Fig. 6.24).
230
Capitolo 6
M
E
Risultati
G
C
G
A
A
F
B
A
A
F
D
M
Figura6.23: Elettroforesi dopo digestione con enzima MseI (M=marker)
M
a
c
a
f
b
d
e
a
a
c
c
c
M
Figura 6.24: Elettroforesi dopo digestione con enzima DraI
L’analisi condotta ha permesso di identificare 12 diverse combinazioni dei
patterns ottenuti. Da un campione per ogni combinazione è stato amplificato
inizialmente il gene 23S-5S rRNA, ma sono state ottenute sequenze di scarsa
qualità, tranne che per i campioni CM21 e CG24. È stato quindi deciso di
effettuare una nuova amplificazione per il gene FlaB, per assegnare una
genospecie ad ogni pattern, in seguito ad analisi su BLAST. Con il
sequenziamento sono state identificate 5 genospecie. In Tabella 6.8 sono
elencati i campioni risultati positivi, suddivisi in base al pattern ottenuto, per
ciascuno dei quali è stata evidenziata la genospecie di appartenenza, con la
percentuale di omologia verso le sequenze presenti in GenBank.
231
Capitolo 6
Genospecie
(N. accesso-% similarità)
B. afzelii
(HM345909-100%)
B. burgdorferi JD1
(CP002312-99%)
B. burgdorferi s.s.
(HM345911-100%)
B. burgdorferi s.s.
(AY772210-100%)
B. burgdorferi s.s.
(HM345911-95%)
B. garinii
(GU581274-99%)
B. garinii
(HM802189-99%)
B. garinii
AB091807-100%
B. garinii
(JN828685-95%)
B. lusitaniae
(GU581278 99%)
B. lusitaniae
(GU581278-92%)
B. valaisiana
(AF497985-95%)
Risultati
Pattern MseI
Pattern DraI
N (Campioni positivi)
A
b
7 (CM14, CG82, CG88,
MV8, CR4, CR23, CR24)
A
c
2 (CR21, CR25)
E
d
7 (MV 52, MV54, MV56,
CR3,
CR18,
CR26,
CR48)
F
c
1 (CM21)
F
e
1 (CR8)
A
a
16 (CM13, CM18, CG2,
CG12, CG23, CG37,
CG43, CG45, CG48,
CG52, CG61, CG78,
MV11, MV26, MV35,
CR20)
B
a
2 (CM43, CG20)
C
a
3 (CG62, CG80, CG99)
G
a
8 (CM26, CM37, CG14,
CG31, CG110, MV63,
MV33, MV66)
D
c
3 (CM7, CM17, CM36)
G
f
3 (CM47, CG50, CG96)
E
a
3 (CG10, CG24, CR9)
Tabella 6.8: Patterns di PCR-RFLP individuati con gli enzimi MseI e DraI
Come si può osservare in tabella 6.8, quattro diversi patterns (Ac, Ed, Fc, Fe)
ottenuti con gli enzimi di restrizione, erano riconducibili a B. burgdorferi s.s. però,
tranne i patterns Ed e Fe, per i quali, nell’analisi di BLAST la maggiore
percentuale di similarità era riferita allo stesso isolato, le sequenze ascrivibili agli
altri 2 patterns avevano elevata similarità con isolati diversi fra di loro e dai
precedenti. Quattro diversi patterns sono invece stati ascritti a B. garinii (Aa, Ba,
Ca, Ga), ciascuno però con elevata similarità per un isolato diverso presente in
GenBank. Gli isolati ascrivibili a B. lusitaniae presentavano invece 3 diverse
combinazioni di patterns RFLP (Dc, Gg, Ea) e i primi due presentavano maggiore
similitudine con uno stesso isolato presente in GenBank. Un solo pattern era
riconducibile a B. afzelii e un altro a B. valaisiana.
232
Capitolo 6
Risultati
6.2.5 COINFEZIONI ALL’INTERNO DELLE ZECCHE
In 16 campioni di zecche è stata riscontrata la presenza di infezioni concomitanti.
Specie patogena
Cà de
A. phagocytophilum/
CM11-ninfe
B. burgdorferi s.l.
CM38-ninfe
A. phagocytophilum/
Babesia EU1
B. burgdorferi s.l./
Babesia EU1.
B. burgdorferi s.l./
B. divergens
Ciagnano
mandorli
CM23-ninfe
CG110-ninfe
CG16-maschio
Monteveglio
MV11-ninfe
MV21-maschio
Carnè
CR48-maschio
-
-
-
-
-
CR24-ninfe
CG31-ninfe
-
CG82-ninfe
CG99-ninfe
-
-
MV33-maschio
B. burgdorferi s.l./
Theileria spp.
-
-
MV36-ninfe
MV40-ninfe
-
MV45ninfe
Tabella 6.9: Campioni che presentavano coinfezioni
L’associazione A. phagocytophilum/B. burgdorferi s.l. si è rivelata la più frequente
(6 campioni) ed è stata riscontrata in tutti i siti di campionamento, seguita
dall’associazione B.burgdorferi/Theileria spp. (4 campioni), riscontrata solo nei
campioni di Monteveglio. Babesia EU1 è stata riscontrata associata a B.
burgdorferi s.l. in 3 campioni provenienti da Ciagnano e associata a A.
phagocytophilum in 2 campioni provenienti da Cà de Mandorli e Ciagnano. Uno
dei due campioni positivi per B. divergens, raccolto presso il Parco del Carnè, era
positivo anche per B. burgdorferi s.l.
233
7
DISCUSSIONE E
CONCLUSIONI
7.1 DISTRIBUZIONE DELLE ZECCHE
La distribuzione delle zecche Ixodidae in Italia è influenzata notevolmente dai
diversi habitat che si susseguono nella nostra penisola, dalle Alpi all’estrema
area del sud della Sicilia (Genchi e Manfredi, 1999). Molti studi relativi alla
distribuzione delle differenti specie di zecche sono legati alla raccolta delle
stesse su animali parassitati.
Negli ultimi anni, nell’opinione pubblica è aumentata la percezione di un
incremento della diffusione delle zecche, con un’aumentata frequenza di
infestazione anche nell’uomo.
Oltre ai cambiamenti climatici, all’aumento degli animali selvatici in aree rurali e
periurbane, negli ultimi anni si è assistito anche ad un maggior interesse
dell’uomo per le attività naturalistiche che lo hanno portato ad un più stretto
contatto con gli ambienti silvestri in cui si compie il naturale ciclo della zecca. Il
monitoraggio delle zecche, e di I. ricinus in particolare, nelle aree utilizzate dal
pubblico per attività ricreative nel tempo libero, rende possibile una valutazione
del rischio di infestazione da questi artropodi e di possibili infezioni da patogeni
trasmessi (Kubiak e coll., 2006).
Per questa tesi sono stati effettuati campionamenti in quattro località situate in tre
parchi naturali della regione Emilia Romagna, sui quali non vi erano studi
precedenti. Il lavoro svolto ha permesso di evidenziare la presenza in questi
territori di diverse specie di zecche Ixodidae. Oltre a Ixodes ricinus, che si è
rivelata la specie più abbondante e di cui parleremo in seguito, nei campioni
ambientali è stata evidenziata la presenza anche di Scaphixodes frontalis,
Dermacentor marginatus, Hyalomma spp. e Ixodes acuminatus, ai quali si
aggiungono le zecche raccolte in fase di alimentazione su animali e uomo
afferenti alle specie I. ricinus, I. acuminatus, H. m. marginatum, H. detritum
detritum, H. d. scupense, Rhipicephalus turanicus, R. bursa e R. sanguineus.
Anche tra le “feeding ticks” I. ricinus è stata riscontrata più frequentemente.
S. frontalis è una specie considerata endofila, nidicola, trifasica e monotropa che
parassita essenzialmente le specie aviarie, soprattutto passeriformi (Manilla,
1998; Iori e coll., 2005). Questa zecca è stata trovata nei campionamenti
ambientali in due località, Ciagnano e Parco del Carnè, in un numero limitato di
esemplari ovvero una larva, 11 ninfe e una femmina. Il ritrovamento è avvenuto
in ambienti congrui con quelli descritti per la specie, che viene segnalata con
maggior frequenza in aree cespugliose con terreni coperti da foglie e humus (Iori
e coll., 2005). S. frontalis viene segnalata in gran parte dell’Italia anche se finora
non risultavano segnalazioni della sua presenza in Emilia Romagna (Manilla,
1998; Iori e coll., 2005). E’ comunque da evidenziare come questa specie venga
facilmente trasportata dagli uccelli durante le migrazioni. Tra le specie aviarie
descritte come ospiti (Manilla, 1998) figurano la capinera (Sylvia atricapilla) e la
sterpazzola, entrambe segnalate nelle località del campionamento.
Gli esemplari raccolti sono stati catturati nei mesi di aprile/maggio a Ciagnano e
a maggio/giugno nel Parco del Carnè e non è stata rilevata la presenza di
maschi, che comunque risultano raramente descritti in letteratura. Il ciclo
biologico, la stagionalità e il ruolo patogeno di questa specie non sono ancora
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
completamente chiariti (Iori, 2005).
Dermacentor marginatus è una specie esofila, xerofila e ditropa, diffusa in quasi
tutte le regioni d'Italia e nell’area mediterranea. Gli stadi immaturi sono endofili e
si nutrono soprattutto su piccoli mammiferi, come roditori, alcuni carnivori di
medie dimensioni e anche su uccelli (Estrada-Peña e coll., 2004), mentre gli
adulti si nutrono principalmente su ruminanti domestici e su ungulati selvatici (Iori
e coll., 2005). Un esemplare adulto di D. marginatus è stato rinvenuto nella zona
di Cà de Mandorli in un transect con un terreno ricoperto da erba in prossimità di
un’area frequentata da cinghiali; in località Ciagnano, sempre nel mese di
maggio, sono state raccolte 36 larve di questa specie, in un transect
caratterizzato da un terreno in cui era presente un tappeto erboso esposto al
sole. Anche in questa zona durante il campionamento abbiamo trovato chiari
segni della presenza di cinghiali. Il ritrovamento in queste zone concorda con
quanto segnalato in letteratura in riferimento a questa specie di Ixodidae: infatti
Iori e coll. (2005) descrivono un habitat con querceti aperti, aree arbustive e
pascoli, tipologia che possiamo in parte paragonare ai transects di ritrovamento
per questa zecca. Inoltre è segnalato come in Italia centrale questa zecca sia
strettamente associata al cinghiale (Manilla, 1998), la cui presenza è stata
riscontrata nelle nostre aree di cattura. Tra le specie segnalate come ospiti
troviamo anche altri mammiferi presenti nei parchi campionati, tra cui la volpe, la
donnola, il lupo, la lepre e il capriolo.
Per quanto riguarda il genere Hyalomma, gli esemplari adulti da noi reperiti (1
maschio e 2 femmine), in località Ciagnano, sono risultati appartenenti alla
sottospecie Hyalomma marginatum marginatum, mentre per le larve (3
esemplari), trovate nella stessa località, non è possibile risalire alla specie in
quanto in questo stadio di sviluppo non sono presenti caratteristiche distintive
(Manilla, 1998).
Hyalomma m. marginatum è una specie considerata endo-esofila, di-trifasica,
mono-ditropa con stadi immaturi che possono essere ospitati da una vasta
gamma di mammiferi e uccelli, mentre gli adulti, che sono attivi dalla primavera
all’autunno, preferiscono artiodattili (suini, cervi, caprioli, bovini e capre) e
perissodattili (cavalli e asini), ma possono anche attaccare l’uomo. E’ segnalata
in tutta Italia, anche se è stata più frequentemente ritrovata nelle regioni
meridionali (Manilla, 1998; Iori e coll., 2005). E’ considerata una specie ad ampia
plasticità ecologica diffusa in tutti gli ambienti, come in pascoli aridi o umidi o in
piena macchia mediterranea (Iori e coll., 2005).
In questo lavoro questa specie è stata rinvenuta sia nell’ambiente, sia su animali
(cavalli). Per quanto riguarda l’ambiente, è stata riscontrata limitatamente alla
località Ciagnano, dove gli esemplari sono stati rinvenuti in due transects
caratterizzati da micro-habitat tipo sottobosco, con foglie secche e humus. Nella
zona sono presenti numerosi animali segnalati come ospiti abituali, quali
capriolo, cinghiale (Sus scrofa), lepre, assiolo, poiana, fagiano, sterpazzola,
tortora, succiacapre, averla piccola (Lanius collurio), usignolo (Luscinia
megarhynchos), capinera, merlo (Turdus merula), gazza, allodola (Alauda
arvensis) e upupa (Upupa epops).
I soggetti prelevati in fase di alimentazione sul cavallo, residente nel Parco dei
Gessi, erano due maschi e una femmina.
Sono stati campionati anche altri due esemplari appartenenti al genere
236
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
Hyalomma, nello specifico un maschio di H. detritum detritum e uno di H.
detritum scupense. Anche queste zecche sono state raccolte in fase di
alimentazione su cavalli. In Italia sono state segnalate principalmente nelle
regioni meridionali, in particolare in Puglia sono state rinvenute entrambe (Iori e
coll., 2005).
Ixodes acuminatus, di cui sono state reperite 2 femmine in località Ciagnano, 1
maschio nel parco del Carnè e un altro maschio in fase di alimentazione su un
cane, è una specie endofila, trifasica e monotropa o mono-ditropa
E’ considerata strettamente legata ai suoi ospiti e alle loro tane: micromammiferi,
sia insettivori che roditori, spesso mustelidi e anche carnivori come la volpe;
recentemente è stata reperita anche sull’uomo (Iori e coll., 2005). A Ciagnano si
registra la presenza di vari mustelidi tra cui la faina, il tasso e la donnola che
rappresentano, per gli stadi adulti, l’ospite più frequentemente parassitato. Nella
nostra indagine, è stata trovata in zone caratterizzate da un habitat tipico del
sottobosco, con terreno ricoperto da foglie secche, piante rampicanti e da
arbusti.
Il genere Rhipicephalus comprende circa 60 specie, molte delle quali hanno un
ciclo a tre ospiti e alcune a due ospiti (Giangaspero e Otranto, 2010).
Nel nostro studio sono stati rinvenuti due esemplari di R. bursa: un maschio
raccolto su un bovino e una femmina ingorgata prelevata da un cane. È una
zecca a tre ospiti e infesta principalmente bovini, ovini, equini, cani e uccelli. È
diffusa nell’Africa sub-Sahariana e in sud Europa. In Italia, in precedenza, è stata
rinvenuta principalmente nelle regioni centro-meridionali, con una segnalazione
in Emilia Romagna (Canestri-Trotti e Corradini, 1986).
R. sanguineus, chiamata anche zecca bruna del cane, parassita appunto il cane
ma anche altri mammiferi e a volte gli uccelli. È la zecca più diffusa al mondo. È
una specie trifasica ed endofila, al contrario delle altre specie appartenenti al
genere Rhipicephalus tendenzialmente esofile, e sopravvive abbastanza bene
anche nei canili e nelle case (Giangaspero e Otranto, 2010). Nei campionamenti
effettuati sugli animali sono stati raccolti 5 maschi e 2 femmine, tutti su cani.
R. turanicus è un zecca trifasica e ditropa; le forme immature parassitano
generalmente i roditori, i lagomorfi e gli insettivori, mentre gli adulti si alimentano
generalmente su caprini, ovini, bovini, equidi, meno frequentemente sui cani e
altri carnivori (Manilla, 1998). Ventuno soggetti appartenenti a questa specie
sono stati prelevati in fase di alimentazione: 19 sono stati raccolti su cavalli,
mentre due sono stati prelevati su un cane e su una persona rispettivamente. In
Italia questa zecca è descritta primariamente nelle regioni del sud, anche se
alcune segnalazioni riguardano la Liguria (Manilla, 1998) e recentemente l’Emilia
Romagna (Iori e coll, 2010). Probabilmente per il fatto che in passato era stata
confusa con R. sanguineus, non si può escludere che la distribuzione possa
essere più ampia di quanto pensato finora.
Ixodes ricinus è sicuramente la specie più diffusa in Italia; Genchi e Manfredi
(1999) ne indicano una elevata abbondanza nelle regioni del nord Italia e Frusteri
e coll. (1994) hanno rilevato come in un parco in provincia di Roma I. ricinus
fosse la specie maggiormente rappresentata.
Anche nella nostra indagine risulta essere la specie predominante, con 8080
esemplari catturati dall’ambiente e 37 prelevati da animali o persone.
Questa specie è endo-esofila, trifasica e ditropa, con bassissima specificità;
237
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
solitamente gli stadi immaturi colpiscono micromammiferi, ma anche uccelli e
rettili; le ninfe e gli adulti sono frequentemente associati agli ungulati selvatici e a
mammiferi di medie e grandi dimensioni (Manilla, 1998); anche l’uomo viene
aggredito con facilità. In questa indagine oltre all’uomo, gli animali su cui è stata
rinvenuta durante i nostri campionamenti sono cani, gatti e cavalli.
Questa specie è stata segnalata in tutte le località di campionamento, anche se
si sono notate variazioni dell’IA collegate al periodo di raccolta, stadio di sviluppo,
microclima (temperatura e umidità) e vegetazione sul sito di campionamento.
Valutando l’abbondanza complessiva delle zecche durante l’intero periodo di
campionamento e sul totale dei siti campionati si è evidenziata una maggior
abbondanza relativa allo stadio larvale (891,3/100 m2) rispetto alle ninfe
(150,9/100 m2) e soprattutto agli adulti (7,1/100 m2). Risultati analoghi in termini
di una maggior presenza degli stadi immaturi sono stati osservati anche da
Barandika e coll. (2010) nel nord della Spagna, mentre la maggior parte della
recente letteratura prende in considerazione solo gli stadi ninfali e adulti. Una
minor presenza degli stadi maturi, rispetto alle forme giovanili, può essere legata
al fatto che delle migliaia di uova prodotte dalla femmina solo lo 0,1% può
raggiunge lo stadio adulto (Wilson, 1994), quindi una minor presenza di forme
ninfali e adulte può essere considerata fisiologica. Valutando i diversi siti di
campionamento si può osservare come a Ciagnano si sia registrato un indice di
abbondanza medio significativamente più elevato rispetto alle altre località.
Questa zona è anche caratterizzata da una maggior varietà di specie di Ixodidae,
condizione che probabilmente è legata alla presenza sul territorio di una fauna
variegata e ricca, probabilmente maggiore rispetto agli altri siti di raccolta.
Durante il periodo di campionamento, indipendentemente dallo stadio di sviluppo,
si può notare come nel mese di luglio si sia registrata la massima abbondanza di
zecche. Un altro picco di raccolta, anche se molto inferiore, si è osservato nel
mese di maggio.
Valutando l’andamento stagionale dei diversi stadi di sviluppo, per quanto
riguarda le larve il maggior indice di abbondanza è stato riscontrato nel mese di
luglio nei due siti di raccolta del Parco dei Gessi e a Monteveglio, anche se in
quest’ultimo sito è evidente un precedente picco, di entità inferiore, nel mese di
maggio. Per quanto riguarda il Parco del Carnè, il maggior IAL è stato osservato
nei campionamenti del mese di agosto. In tutte le aree di campionamento, il
maggior IAN è stato riscontrato nel mese di maggio, precedendo così il picco
delle larve, anche se a Monteveglio, in corrispondenza del picco delle ninfe in
maggio, è presente anche un aumento di abbondanza delle larve. In accordo con
i nostri risultati, Randolph e coll. (2002) in uno studio analogo condotto in
Inghilterra dal 1996 al 2001, hanno evidenziato come, anche se con differenze
annuali, le larve mostrano un maggior picco intorno al mese di luglio, mentre le
ninfe mostrano una maggior attività nel mese di maggio, a differenza di quanto
segnalato da Barandika e coll. (2010) nel nord della Spagna. Questi ultimi autori
avevano evidenziato un pattern di attività bimodale (con 2 picchi in maggio/luglio
– autunno) per quanto riguarda le larve, mentre per le ninfe evidenziavano picchi
stagionali differenti tra i diversi siti di campionamento.
Nel nostro lavoro il riscontro di soggetti adulti è risultato invece piuttosto
sporadico e distribuito durante tutto l’arco dei campionamenti. L’IAA in totale è
risultato pari a 7,1/100 m2, in linea con quanto riscontrato da Barandika e coll.
238
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
(2010) che evidenziavano abbondanze totali variabili da 1,4 a 14,3/100 m2 a
seconda dell’anno e del sito di campionamento.
Sono stati valutati i dati macroclimatici utilizzando i dati raccolti dalle centraline
dell’ARPA, situate in zone vicine alle aree di campionamento per controllare se
durante il periodo di indagine, nelle diverse località scelte, si fossero presentate
variazioni macroclimatiche (temperatura e umidità) tali da giustificare i diversi IA
ottenuti. Poichè non si sono registrate differenze importanti abbiamo escluso
dalle nostre considerazioni la variabile macroclimatica, considerando solo la
temperatura e l’umidità registrate a 5 cm dal suolo durante i campionamenti nei
diversi transects (microclima).
Nell’ambito del range di temperatura riscontrato durante il periodo di
campionamento è stato osservato come l’IAL tende ad aumentare al crescere
della temperatura, in particolare una maggior abbondanza è stata riscontrata per
temperature ≥30°C; viceversa l’IAN e l’IAA tendono a calare al c rescere della
temperatura, con il picco massimo fra i 18°C e i 22 °C. Gli adulti non sono mai stai
trovati a temperature ≥30°C.
I dati rilevati per le ninfe concordano con altri lavori presenti in letteratura che
segnalano un aumento del numero di zecche raccolte con il metodo del flagging
fino a temperature di 24°C (Perret e coll., 2000), mentre temperature al di sopra
dei 24°C causano una diminuzione del numero di zecc he attive (Martin e coll.,
1990). Kubiak e Dziekonska-Rynco (2006) in Polonia, segnalano la minore
attività delle zecche proprio nei periodi estivi, quando la temperatura è più
elevata. Non abbiamo trovato dati in letteratura che possano giustificare
l’aumento del IAL al crescere della temperatura riscontrato nel nostro studio, in
particolare per temperature superiori a 30°C. Gli s tadi larvali sono normalmente
considerati più sensibili alle alte temperature e vari autori segnalano come le
temperature di 32°C siano considerate critiche per la sopravvivenza di I. ricinus,
in quanto provocano una rapida disidratazione (Balashov, 1972). Solitamente
l’umidità viene infatti considerata un fattore cruciale per la sopravvivenza di I.
ricinus, perciò larve e ninfe scelgono micro-habitat in cui l’umidità relativa è per lo
più superiore all’80% per evitare l’essiccamento (Anderson e Magnarelli, 2008).
E’ descritto come normalmente le zecche in attiva ricerca dell’ospite, in
conseguenza alla disidratazione tendono a scendere negli strati più superficiali
dei suolo, sotto al fogliame o alla base della vegetazione, dove si crea un
microclima ad alta umidità che ne permette la reidratazione (Soneshine, 1993).
Le giovani zecche una volta reidratate e affamate tendono a risalire sugli strati
superficiali del tappeto erboso o sugli strati di foglie del sottobosco presentando
un’elevata attività di ricerca dell’ospite (Jensen, 2000). Il fatto che in questa tesi
sia stato osservato come l’abbondanza delle larve tende a decrescere
all’aumentare dell’umidità, anche se le differenze non sono significative,
evidenziando il maggior IAL in momenti in cui l’umidità rilevata a 5 cm dal suolo
era inferiore a 35%, può essere spiegato col fatto che le zecche raccolte con il
campionamento mediante flagging sono quelle in attiva ricerca dell’ospite e che
questa attività aumenta appunto quando l’umidità dell’aria è bassa (Jensen,
2000).
Per le ninfe e per gli adulti si riscontra un andamento altalenante, ma abbastanza
costante, di differenti range di umidità registrate.
Considerando la vegetazione presente nei vari transects di raccolta è stato
239
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
possibile osservare come per I. ricinus in genere, e in particolare per le larve e le
ninfe, la maggior abbondanza sia stata riscontrata in aree di sottobosco dove il
manto erboso non era presente e si riscontrava una vegetazione con piccoli
arbusti e soprattutto con terreno ricoperto da foglie secche. Sebbene pascoli e
prati siano considerati idonei per la presenza di I. ricinus in alcuni paesi europei
quali Gran Bretagna, Irlanda, Repubblica Ceca, Slovacchia e Austria, esse sono
quasi assenti nelle zone di pascolo ed è l’habitat legato al sottobosco che ne
favorisce la sopravvivenza. In particolare le forme immature sono meno frequenti
nei pendii assolati delle aree collinari (Sonenshine, 1993). I dati da noi ottenuti
possono quindi essere spiegati con il fatto che le aree che presentavano un
manto erboso erano anche le più esposte al sole, questo probabilmente limitava
la presenza di zecche attive negli strati più superficiali, diminuendo l’attacco delle
stesse ai teli di raccolta.
7.2 RICERCA DI PATOGENI TRASMESSI DALLE ZECCHE
Piroplasmi: dei 393 campioni esaminati in questa ricerca, il 7,6% è risultato
positivo per piroplasmi. Le positività sono state riscontrate solo in zecche adulte
o in ninfe.
Prevalenze inferiori a quelle da rilevate in questo studio, sono state segnalate da
Reye e coll. (2010) in Lussemburgo, che hanno riscontrato una percentuale di
zecche positive per Babesia sp. del 2.7%. In Slovenia Duh e coll. (2005b) hanno
ottenuto livelli di prevalenza simili a questi ultimi (2.2%), mentre in un lavoro
precedente avevano osservato una positività del 9.6% (Duh e coll., 2001). Altre
ricerche svolte in Svizzera ed in Germania hanno riportato rispettivamente una
prevalenza media dello 0.8% (da 0.7 a 1.7%) (Casati e coll., 2005) e dell’1%
(Hartelt e coll., 2004).
Fra i vari paesi europei, il maggior numero di ricerche è stato riscontrato in
Polonia, dove sono stati osservati tassi d’infezione delle zecche diversi a
seconda della zona di campionamento. Le percentuali rilevate sono del 16.3%
nel lavoro di Skotarczak e Cichocka (2001) e del 6.2% nel lavoro di Skotarczak e
coll. (2002). Livelli molto elevati di prevalenza, quasi il 60%, sono stati segnalati
da Kuźna-Grygiel e coll. nel 2002, mentre Pieniᾳżek e coll. (2006) hanno invece
rilevato il 2% di positività. Questi dati sono relativi al Nord-Ovest del paese, a
differenza della percentuale del 3.52% riportata da Wόjcik-Fatla e coll. (2009) nel
Sud-Est della Polonia.
Altre ricerche hanno rilevato percentuali di positività nettamente superiori alla
nostra, come lo studio condotto in Austria da Blaschitz e coll. (2008), in cui la
prevalenza riscontrata è stata del 51.7% e una ricerca eseguita in Svizzera nel
2002 (da zecche raccolte nel Luglio 1997) in cui è risultata una prevalenza del
21.87% (Foppa e coll., 2002).
I dati presenti in letteratura evidenziano quindi livelli di positività molto variabili a
seconda delle aree campionate; alcuni dati però potrebbero non essere
direttamente confrontabili in quanto sono state utilizzate tecniche di rilevamento
diverse, come ad esempio la ricerca degli sporozoiti direttamente nelle ghiandole
salivari (Kuźna-Grygiel e coll., 2002) o diverse metodiche di PCR.
Anche in questo studio sono stati rilevati livelli di positività diversi a seconda delle
240
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
zone campionate ed in particolare una prevalenza d’infezione nelle zecche
significativamente maggiore è stata riscontrata a Monteveglio, probabilmente
perché le aree campionate costituiscono una nicchia favorevole al mantenimento
del ciclo biologico del parassita. In concordanza con quanto osservato dagli altri
autori, anche le positività da noi rilevate sono state evidenziate solo in zecche
appartenenti alla specie Ixodes ricinus; come già descritto in precedenza questa
specie di zecca è la più comune ed ampiamente diffusa in Europa e rappresenta
il vettore di molti patogeni (Pieniᾳżek e coll., 2006).
Prendendo in considerazione il periodo in cui sono stati effettuati i
campionamenti, la maggior prevalenza è stata evidenziata in Maggio, anche se
le differenze tra i diversi periodi dell’anno non erano significative. Alcuni autori
hanno indicato prevalenze maggiori in settembre (Reye e coll., 2010) o in Giugno
ed Ottobre (Kuźna-Grygiel e coll,.2002). Nel nostro studio non sono state rilevate
positività nei mesi autunnali; questo risultato potrebbe essere spiegato da un
minor numero di zecche ritrovate nell’ambiente, con una conseguente minore
probabilità di riscontrare campioni positivi.
Le ninfe sono risultate più frequentemente infette degli adulti e delle larve (tutte
negative); queste differenze però non sono significative da un punto di vista
statistico. Al contrario, in Polonia (Kuźna-Grygiel e coll,.2002), gli adulti hanno
mostrato livelli di positività maggiori rispetto alle ninfe; queste ultime rivestono
comunque il principale ruolo nella diffusione dei patogeni, dato il loro numero più
elevato.
Nei nostri risultati non si riscontrano differenze significative di positività in
relazione al sesso delle zecche adulte; in un lavoro svolto in Lussemburgo, le
femmine hanno invece mostrato una prevalenza d’infezione molto più elevata
rispetto ai maschi (rispettivamente 26,7% e 19,7%) (Reye e coll., 2010).
Anche in relazione ai valori di temperatura ed umidità riscontrati durante le fasi di
campionamento del nostro lavoro, le differenze non sono risultate significative.
Quest’osservazione non trova riscontri analoghi in letteratura; i dati principali,
infatti, riguardano l’incidenza delle infezioni legata alla maggior attività delle
zecche e non alla positività dei vettori. Clarke e coll. (1989) ad esempio, hanno
evidenziato che la maggiore incidenza delle infezioni da B. divergens nei bovini
avviene quando le temperature ambientali sono elevate, ovvero quando le
zecche sono più attive, con un conseguente andamento stagionale della malattia.
Studi precedenti di Gray (1980) avevano invece dimostrato come la temperatura,
una volta superata la soglia minima di attivazione delle zecche, abbia un effetto
minimo sull’andamento della piroplasmosi.
Le specie di piroplasmi da noi identificate tramite sequenziamento dei campioni
positivi sono tre: Babesia EU1, Babesia capreoli/divergens ed il complesso
Theileria buffeli/sergenti/orientalis.
Gli isolati di Theileria appartenenti a quest’ultimo complesso di specie non sono
distinguibili sulla base dell’analisi del frammento da noi amplificato, compreso nel
18S rRNA, una regione molto conservata del genoma dei piroplasmi. Per poterle
distinguere si potrebbero studiare tratti di genoma diversi, come ad esempio
quello della Proteina di Superficie Maggiore dei Piroplasmi (p33/34), sfruttata nel
lavoro svolto da Kawazu e coll. (1998).
Questo complesso di specie è comunque considerato poco patogeno per gli
241
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
animali sensibili (ruminanti domestici e selvatici) e ciò, unitamente all’assenza di
potere zoonotico, ha fatto si che l’attenzione verso questo gruppo di parassiti sia
scarsa. Queste specie non rappresentano un rischio rilevante per la salute dei
bovini italiani, come confermano precedenti segnalazioni relative ad esse (Savini
e coll., 1998; Cassini e coll., 2012), ma potrebbero dare problemi interferendo
nella diagnosi di specie più patogene come T. annulata (Savini e coll.,1998).
Nel presente lavoro la presenza di questo complesso di specie è stata rilevata in
tutti i siti di campionamento, ad eccezione del Parco del Carné, e in due zecche
prelevate in fase di alimentazione. La località di Monteveglio ha mostrato un
elevata percentuale di positività. In questa zona non sono presenti bovini al
pascolo, per cui probabilmente, il serbatoio del luogo potrebbero essere alcuni
ruminanti selvatici. In questi animali, in Italia, queste specie non sono ancora
state segnalate, mentre Tampieri e coll. (2008) hanno evidenziato la presenza di
altre specie di Theileria quali Theileria sp. OT3 e T. capreoli. Le “feeding ticks”
risultate
positive
per
Thileria
spp.
appartenenti
al
complesso
buffeli/sergenti/orientalis erano due adulti afferenti alle specie I. ricinus e H. m.
marginatum e sono state raccolte rispettivamente su cane e su un cavallo. Non
avendo potuto esaminare il sangue di questi soggetti non è possibile stabilire se
gli animali infestati fossero essi stessi positivi (peraltro nel cane e nel cavallo non
è segnalata la presenza di questi piroplasmi) oppure se le zecche fossero già
infette in seguito ad un pasto precedente.
Per quanto riguarda l’analisi filogenetica degli isolati, si nota la particolarità del
fatto che le sequenze ottenute da campioni provenienti dalla stessa località sono
molto simili, se non identiche, tra di loro, mentre sono differenti in relazione al
luogo di campionamento.
Babesia divergens/capreoli: sono specie che infestano essenzialmente i
ruminanti selvatici e il bovino nel caso di B. divergens (Zintl e coll., 2003), come
segnalato in letteratura (Duh e coll., 2005b; Hoby e coll., 2007; Tampieri e coll.,
2008). Negli isolati ottenuti, entrambi riscontrati in zecche provenienti dal Parco
del Carnè, non è stato possibile discriminare tra la specie B. capreoli e B.
divergens, in quanto l’analisi molecolare del 18S-rRNA non permette di
distinguerle, come riportato anche da altri Autori (Garcia-Sammartin e coll.,
2007). Le sequenze da noi ottenute sono risultate identiche tra loro.
La segnalazione di Babesia EU1, chiamata anche Babesia venatorum, è quella
che riveste una maggior importanza; è stata segnalata in tutti i siti di
campionamento, con una prevalenza totale del 3,4% ed in particolare il maggior
tasso d’infezione è stato riscontrato in zecche raccolte nella località di Ciagnano
(5,56%).
Tutte le sequenze da noi isolate sono identiche fra loro e blastano al 100% con
diversi ceppi di Babesia EU1, tra cui anche quello segnalato da Cassini e coll.
(2010) in Veneto, sempre da zecche e l’isolato dal caso umano segnalato da
Herwald e coll. (2003) sulle colline dell’Appennino forlivese. Questo caso
riguardava un cacciatore splenectomizzato che presumibilmente aveva contratto
l’infezione durante le battute di caccia sulla dorsale appenninica che costituisce il
proseguimento verso est del tratto oggetto di campionamento.
Questa specie è stata isolata per la prima volta da due casi umani, uno austriaco
ed uno italiano (Herwald e coll., 2003), mentre successivamente è stata isolata
anche da caprioli in Slovenia (Duh e coll., 2005a), in Francia (Bonnet e coll.,
242
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
2007) ed in Italia nella provincia di Verona (Tampieri e coll., 2008). L’isolamento
da zecche, in particolare Ixodes ricinus, si è avuto in Slovenia (Duh e coll.,
2005b), Svizzera (Casati e coll., 2006; Hilpertshauser e coll., 2006), in Austria
(Blaschitz e coll., 2008), in Lussemburgo (Reye e coll., 2010), ed in Italia in
Veneto (Cassini e coll., 2010).
Babesia EU1 sta riscontrando un sempre maggiore interesse, in quanto agente
eziologico di una zoonosi emergente trasmessa da zecche; quello che viene
considerato il suo principale vettore, Ixodes ricinus, è infatti ampiamente diffuso
in Europa e molto spesso attacca anche l’uomo, aumentando così la possibilità di
trasmissione.
Questa specie di Babesia non è in realtà molto patogena per l’uomo e la
sintomatologia clinica sembra manifestarsi principalmente in soggetti
splenectomizzati, immunodepressi o anziani, causando però sintomi di lieve
entità. Non si può però escludere la presenza di infezioni asintomatiche, che
possono portare a sottostimare la sua reale diffusione; ad oggi infatti i casi
segnalati di babesiosi umana sotenuti da Babesia EU1 sono pochi.
Questa specie ha un alto grado di correlazione con B. divergens, sia a livello
molecolare, con solamente 31 bp di differenza (Lempereur e coll., 2010), ma
soprattutto a livello sierologico causando cross-reazioni al momento della
diagnosi. Prima del suo isolamento, questa peculiarità potrebbe aver oscurato la
reale prevalenza di Babesia EU1 a favore di B. divergens (Casati e coll., 2006).
Il ritrovamento dei campioni di zecche positivi è avvenuto in parchi frequentati
dall’uomo, in particolare in sentieri naturalistici, aree pic-nic e zone giochi per
bambini. I risultati ottenuti stanno ad indicare la presenza del rischio di contatto
con zecche infette e la conseguente possibilità di trasmissione all’uomo
dell’infezione da Babesia EU1.
Anaplasma phagocytophilum: In Italia la presenza di questo patogeno è stata
investigata principalmente nelle regioni centro-meridionali in diverse specie
animali tra cui cavalli (16,89%), bovini (16,78%), pecore (12,74%), capre
(4,16%), daini (42,26%), cervi (46,15%), volpi,e topi (Torina e coll., 2008; 2010;
Ebani e coll., 2008; 2011; Passamonti e coll., 2010) e su cani con prevalenza del
3,76% (Otranto e Dantas Torres, 2010) e del 8,76% (Ebani e coll., 2008). Un
recente studio condotto in Sicilia su cavalli e asini ha evidenziato prevalenze del
9,0 e del 6,0 % rispettivamente (Giudice e coll., 2012). Altri autori riportano dati di
prevalenza dell’infezione in daini del Bosco della Mesola (27,77%) (Veronesi e
coll., 2011) e di caprioli nel Nord-Est del paese (5,11%) (Carpi e coll., 2009).
Questi studi hanno anche preso in considerazione le zecche presenti sugli
animali al momento del campionamento, ma solo Torina e coll. (2010) hanno
analizzato anche zecche prelevate a livello ambientale in Sicilia.
Nel corso della nostra indagine, tra le “feeding ticks” sono stati ottenuti 10
campioni positivi (14,7%): 6 esemplari di I. ricinus, 1 di R. turanicus, 1 di R.
sanguineus, 1 di I. acuminatus e 1 di R. bursa. Per quanto riguarda I. ricinus, un
esemplare femmina è stata ritrovata su una persona, altri due esemplari femmine
su un gatto e le altre zecche appartenti a questa specie sono state rinvenute su
cani. Gli altri esemplari sono stati tutti raccolti su cani.
Ad ora, in Italia, non sono stati rinvenuti altri studi sulla prevalenza di infezione da
A. phagocytophilum nelle zecche prelevate a livello ambientale.
243
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
In Europa invece sono disponibili analisi sulle zecche ambientali e si segnalano
prevalenze che variano in generale da 1,4 a 17, 5% (Rosef e coll., 2009; Liz e
coll., 2000; Sen e coll., 2011), con l’eccezione della Bulgaria in cui è segnalato
un tasso di infezione del 33,9% (Christova e coll., 2001).
In questo studio la prevalenza a livello ambientale è risultata essere del 9,6%, in
linea con le prevalenze riscontrate a livello europeo. I campioni di origine
ambientale risultati positivi sono stati rinvenuti in tutti i siti di campionamento,
tranne che al Parco del Carnè. Nello specifico a Cà de Mandorli è stata
riscontrata una prevalenza del 10,4%, a Ciagnano del 6,6%, a Monteveglio del
14,9%.
L’analisi filogenetica del gene 23S-5S rRNA ha permesso di identificare 6 varianti
negli isolati da noi ottenuti. Il confronto con i pochi ceppi disponibili su GenBank,
relativi a questo gene, ottenuti da mammiferi provenienti dagli Stati Uniti
evidenzia come le nostre sequenze si differenzino solo per poche mutazioni
puntiformi. Nell’analisi filogenetica sono stati inclusi anche isolati ottenuti da
lucertole, sempre di origine nord americana, che però si presentano nettamente
differenti rispetto ai ceppi ottenuti dai mammiferi.
La successiva analisi filogenetica condotta sul gene msp4 ha permesso di
evidenziare come gli isolati ottenuti si localizzino all’interno di cluster a cui fanno
capo altri ceppi isolati da ruminanti, capriolo e capra, suggerendo che anche gli
isolati del presente studio possano avere un’origine simile, considerando che la
presenza di caprioli è stata ampiamente documentata nelle aree campionate. La
presenza di A. phagocytophilum è stata descritta in caprioli e in cervi in varie
parti d’Europa (Stuen e coll., 2001; Petrovec e coll., 2002).
Tra le sequenze utilizzate per questa analisi, due sono state ottenute da zecche
campionate in fase di alimentazione su un cane e su un gatto. Nel nostro studio
non è stato possibile investigare l’eventuale presenza del patogeno anche negli
animali da cui erano state prelevate le zecche, inoltre in GenBank non sono
disponibili isolati da queste specie animali. Il marker genetico da noi utilizzato
non ci permette quindi di determinare l’origine degli isolati, ovvero se il patogeno
fosse presente all’interno della zecca prima del pasto di sangue o se invece
l’abbia assunto alimentandosi sul cane e sul gatto.
In uno studio condotto in Italia, utilizzando altri marker genici (16S rRNA) era
stato evidenziato che alcuni isolati provenienti dalla Sardegna erano
geneticamente correlati a isolati americani di comprovata azione patogena
(Alberti e coll., 2005). Inoltre bisogna considerare che i cappi umani di HGA in
USA e Europa sono differenti dai ceppi che causano l’infezione nei ruminanti,
quindi, bisognerebbe definire se gli isolati da noi ottenuti possano essere
patogeni per l’uomo o no, eventualmente implementando le analisi utilizzando
altri marker o ampliando i campionamenti anche ai mammiferi che frequentano i
parchi oggetto di studio.
Borrelia burgdorferi s.l.: l’agente eziologico della malattia di Lyme è stato
ampiamente studiato nell’uomo.
Per quanto riguarda la diffusione in Europa alcuni lavori riportano dati di
prevalenza in zecche ambientali dell’11,3% in Lussemburgo (Reye e coll., 2010),
del 22,1% in Serbia (Savic e coll., 2010), uno studio condotto nella zona di
Belgrado riporta una prevalenza del 21,9% (Cekanac e coll., 2010), in
244
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
Repubblica Ceca è segnalata una percentuale di positività del 35% (Danielová e
coll., 2004) e del 14,8% nella zona di Brno (Pejchalová e coll., 2007), in Austria
del 14% (Stanek, 2009), in Germania del 20,2% (Crowder e coll., 2010) e del
3,1% (Franke e coll., 2011), in Svizzera del 20% (Jouda e coll., 2004) e del
17,4% (Gern e coll., 2010), in Portogallo del 14,2% (Baptista e coll., 2004), del
5,4% in Polonia (Cisak e coll., 2006), del 13,2% in Francia (Quessada e coll.,
2003).
In questa ricerca è stata ottenuta una prevalenza del 21,6% sul totale dei
campioni analizzati mentre, limitatamente alle zecche prelevate dall’ambiente, la
percentuale è stata del 26,7%. Nel dettaglio la prevalenza a Cà de Mandorli è del
37,5%, a Ciagnano del 22,1%, a Monteveglio del 25,4% e a Carnè del 29,1%.
Non è stata riscontrata positività tra le “feeding ticks”.
Le successive analisi, condotte su 58 campioni, hanno permesso la
genotipizzazione delle specie mediante PCR-RFLP del frammento 23S-5S rRNA,
in base al pattern ottenuto attraverso gli enzimi di restrizione MseI e DraI, e
grazie al sequenziamento dei geni 23S-5S rRNA e FlaB. In totale sono state
identificate 5 genospecie con 12 diversi patterns di restrizione: B. afzelii (7
campioni), B. burgdorferi s.s. (11 campioni), B. garinii (29 campioni), B. lusitaniae
(6 campioni) e B. valaisiana (3 campioni). B. garinii è risultata la genospecie più
frequente (50%) tra i campioni positivi. Le sequenze ottenute, anche all’interno
della stessa genospecie, hanno blastato con isolati differenti.
Altri lavori riportano le stesse genospecie da noi riscontrate, con prevalenza
maggiore di B. garinii rispetto alle altre genospecie (Jouda e coll., 2004:
Pejchalová e coll., 2007).
In Italia la presenza nelle zecche è stata investigata nel Nord-Est, dove è stata
riscontrata una prevalenza maggiore del 20% (Nazzi e coll, 2010), in Lombardia
è stata evidenziata una prevalenza del 18% (Pistone e coll., 2010), in Toscana
uno studio ha rilevato la presenza di B. burgdorferi s.l. nel 16,7% delle ninfe e nel
39,6% degli adulti campionati.
Viceversa in questo studio la percentuale di positività tra le ninfe è risultata
essere del 30%, mentre è minore tra gli adulti (13,55%).
Coinfezioni: 16 campioni hanno presentato infezioni concomitanti, nello
specifico 6 presentavano la doppia infezione A. phagocytophilum/B. burgdorferi
s.l., 4 B. burgdorferi s.l./Theileria spp., 3 campioni B. burgdorferi s.l./Babesia
EU1, 2 campioni A. phagocytophilum/ Babesia EU1 e un campione presentava
B. burgdorferi s.l./B. divergens.
Altri autori hanno segnalato la presenza di coinfezioni in I. ricinus: in particolare
l’associazione Borrelia spp./Babesia spp. nel 5,9% delle zecche campionate in
Germania (Hildebrandt e coll., 2010), la stessa associazione è stata riscontrata
anche da Franke e coll. (2010) sempre in Germania, che hanno individuato
anche l’associazione A. phagocytophilum/Babesia spp. Coinfezioni tra A.
phagocytophilum e B. afzelii sono state segnalate anche in Russia (Masuzawa e
coll., 2008).
Altri autori segnalano la presenza di A. phagocytophilum, B. burgdorferi s.l. e B.
microti contemporaneamente (Wójcik-Fatla e coll., 2009).
Nel presente studio, viceversa, non è mai stata riscontrata la presenza di
confezioni con più di due agenti infettanti coinvolti.
245
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
7.3 CONCLUSIONI
Le malattie infettive e parassitarie trasmesse da zecche presenti in tutto il
mondo, sono segnalate soprattutto nelle aree tropicali e sub-tropicali, ma sono
rinvenute anche in varie zone temperate; Babesiosi e Theileriosi sono le
principali parassitosi trasmesse da zecche riscontrate in Europa (L’Hostis e
Seegers, 2002). Per quanto riguarda le batteriosi, la malattia di Lyme è la più
frequente patologia trasmessa da zecche nell’emisfero settentrionale, mentre
l’anaplasmosi granulocitica, oltre ad essere la più frequente malattia da zecche
degli animali in Europa (Stuen, 2007), è la terza infezione in ordine di frequenza,
nell’uomo in USA e in Europa (Dumler, 2012).
Svariati fattori possono contribuire all’emergenza o ri-emergenza di patologie
trasmesse da zecche, tra cui: la farmaco-resistenza, l’evoluzione genetica del
vettore o del patogeno ed i cambiamenti ambientali. In questi sono incluse le
continue e progressive variazioni climatiche (L’Hostis e Seegers, 2002), ma
anche ad esempio, un aumento dei terreni utilizzati per l’allevamento estensivo,
in seguito al crescente interesse verso i prodotti biologici (Thompson, 2001). Per
quanto riguarda il primo aspetto, una delle modificazioni climatiche più importanti
degli ultimi anni è l’aumento della temperatura, che ha permesso un maggior
sviluppo dei parassiti anche in zone in cui la loro densità, a causa di temperature
più basse, era in precedenza minore (Coles, 2001). Dal punto di vista invece
dell’utilizzo dei terreni, l’ampliamento delle aree per l’allevamento ha determinato
una maggior probabilità di incontro sia fra gli animali domestici ed i luoghi in cui
sono presenti le zecche, sia fra animali domestici e selvatici con un conseguente
maggior rischio di trasmissione di patogeni (Thompson, 2001).
A questi fattori si aggiungono anche un aumento del numero di persone
immunocompromesse, e di conseguenza più sensibili, ed una maggior
attenzione alle patologie trasmesse da zecche in corso di diagnosi differenziale
(Kjemtrup e Conrad, 2000).
Grande importanza riveste anche il crescente interesse per le attività all’aperto,
che spinge l’uomo ad un più stretto contatto con luoghi in cui le zecche
normalmente compiono il loro ciclo vitale.
I cambiamenti climatici possono favorire lo sviluppo e la diffusione dei vettori
(Gould e Higgs, 2009), aumentando di conseguenza la distribuzione delle
malattie da loro trasmesse anche in aree in cui non erano presenti (Takken e
Knols, 2007).
Risulta quindi necessario ampliare e approfondire gli studi per poter rilevare e
caratterizzare la diffusione di queste patologie.
Con questa ricerca si è investigato sulla diffusione delle zecche in alcuni parchi
pubblici dell’Emilia Romagna, ad ora mai indagati, cercando di apportare un un
contributo alla conoscenza sulla diffusione di patogeni, potenziali agenti di
zoonosi.
Per quanto riguarda le zecche si è fornito un contributo alla conoscenza della
distribuzione delle zecche ixodidae anche in Italia, evidenziando in particolare la
presenza di Scaphixodes frontalis che non era mai stata segnalata prima in
Emilia Romagna.
Per quanto riguarda i patogeni trasmessi, i risultati da noi ottenuti evidenziano
una notevole circolazione di Borrelia burgdorferi s.l., la presenza di specie di
246
Capitolo 7
Discussione e conclusioni
Babesia possibili agenti di zoonosi, quali Babesia EU1 e B. divergens, e la
presenza di A. phagocytophilum all’interno delle zecche campionate.
La frequentazione di queste aree può quindi essere un fattore di rischio per
l’uomo di contrarre infezioni, più o meno gravi, in relazione anche allo stato di
salute. Ad esempio la borreliosi di Lyme negli ultimi anni è stata segnalata anche
in Emilia Romagna. Presso l’Unità Operativa di Malattie Infettive dell’Ospedale S.
Orsola di Bologna da giugno 2010 sono stati registrati 10 casi, di cui due riferiti a
bambini (comunicazione personale).
Fra le indicazioni emerse da questo studio si segnala come nel mese di maggio
si sia riscontrato il picco della presenza delle ninfe. Poiché B. burgdorferi si trova
con più frequenza nella forma ninfale, questa stagione potrebbe essere
considerata come la più a rischio per la trasmissione del patogeno. La
divulgazione di questo dato potrebbe fornire indicazioni riguardo alle precauzioni
da osservare nei periodi di maggior rischio.
Come già detto le località dove sono stati svolti i campionamenti sono in
vastissima parte parchi pubblici attraversati da sentieri naturalistici, dotati di aree
pic-nic e di svago, frequentate spesso anche da famiglie e bambini. L’importanza
di questa tesi sta nel fatto di aver ampliato le conoscenze sulla presenza di
zecche e dei patogeni da esse veicolati; tali dati possono essere utilizzati per
effettuare campagne di informazione presso le popolazioni, consigliando i periodi
e gli atteggiamenti più idonei e le misure di profilassi da adottare durante la
frequentazione di aree considerate a rischio.
Per meglio delineare il reale rischio zoonosico potrebbe essere interessante
ampliare le zone di campionamento, estendendole anche ad altri parchi pubblici,
ricercare i patogeni anche nei mammiferi reservoir di infezione e approfondire gli
studi filogenetici per meglio descrivere i ceppi circolanti.
247
Bibliografia
8
BIBLIOGRAFIA
248
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
AA. VV., (2010): Scientific Opinion on Geographic Distribution of Tick-borne Infections and
their Vectors in Europe and the other Regions of the Mediterranean Basin. EFSA Journal
2010; 8 (9)
AA.VV., (2007): Opinion of the Scientific Panel on AHAW on a request from the European
Commission on the risk of tick introduction into the UK, Ireland, and Malta as a consequence
of abandoning the national rule, The EFSA Journal 2007, 469: 1-102.
Aberer E., Neumann R., Stanek G. (1985): Is localised scleroderma a Borrelia infection?
Lancet, 2: 278.
Ackermann R., Kabatzki J., Boisten H. P., Steere A. C., Grodzicki R. L., Hartung S., Runne U.
(1984): Spirochete etiology of erythema chronicum migrans disease. Dtsch. Med.
Wochenschr. 109: 92–97.
Adelus F. (1995): Le malattie del cane trasmesse da zecche. Professione veterinaria, 6
(suppl. 2): 1-24.
Afzelius A. (1921): Erythema chronicum migrans. Acta Derm. Venereol., 2: 120-125. Citato
da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
Aguero-Rosenfeld M. E. (2002): Diagnosis of human granulocytic ehrlichiosis: state of the art.
Vector Borne Zoonotic Dis., 2(4): 233-239.
Aguero-Rosenfeld M. E., Donnarumma L., Zentmaier L., Jacob J., Frey M., Noto R.,
Carbonaro C. A., Wormser G. P. (2002): Seroprevalence of antibodies that react with
Anaplasma phagocytophila, the agent of human granulocytic ehrlichiosis, in different
populations in Westchester County, New York. J. Clin. Microbiol., 40: 2612-2615.
Aguero-Rosenfeld M. E., Horowitz H. W., Wormser G. P. McKenna D. F., Nowakowski J.,
Muñoz J., Dumler J. S. (1996): Human granulocytic ehrlichiosis: a case series from a medical
center in New York State. Ann Intern Med., 125: 904–908.
Aguero-Rosenfeld M. E., Kalantarpour F., Baluch M., Horowitz H. W., McKenna D. F., Raffalli
J. T., Hsieh T. C., Wu J., Dumler J. S e Wormser G. P. (2000): Serology of culture-confirmed
cases of human granulocytic ehrlichiosis. J. Clin. Microbiol., 38: 635-638.
Aguero-Rosenfeld M. E., Wang G., Schwartz I., Wormser G. P. (2005): Diagnosis of lyme
borreliosis. Clin. Microbiol. Rev., 18: 484-509.
Aguirre D. H., Viñabal A. E., Salatin A. O., Cafrune M. M., Volpogni M. M., Mangold A. J.,
Guglielmone A. A. (2000). Susceptibility to two pyrethroids in Boophilus microplus (Acari:
Ixodidae) populations in northwest Argentina: preliminary results. Vet. Par., 88: 329–334.
Akkoyunlu M., Fikrig E. (2000): Gamma interferon dominates the murine cytokine response to
the agent of human granulocytic ehrlichiosis and helps to control the degree of early
rickettsemia. Infect Immun., 68: 1827–1833.
Akkoyunlu M., Malawista S. E., Anguita J., Fikrig E. (2001): Exploitation of interleukin-8induced neutrophil chemotaxis by the agent of human granulocytic ehrlichiosis. Infect
Immun., 69: 5577–5588.
Alban P. S., Johnson P. W., Nelson D. R. (2000): Serum-starvation-induced changes in
protein synthesis and morphology of Borrelia burgdorferi. Microbiology, 146: 119-127.
Alberdi M. P., Walker A. R., Paxton E. A., Sumption K. J. (1998): Natural prevalence of
infection with Ehrlichia (Cytoecetes) phagocytophila of Ixodes ricinus ticks in Scotland. Vet
Parasitol., 78(3): 203-213.
Alberti A, Zobba R, Chessa B, Addis MF, Sparagano O, Pinna Parpaglia ML, Cubeddu T,
Pintori G, Pittau M. (2005): Equine and canine Anaplasma phagocytophilum strains isolated
on the island of Sardinia (Italy) are phylogenetically related to pathogenic strains from the
United States. Appl. Environ. Microbiol. 71(10): 6418-6422.
Alekseev A. N., Dubinina H. V., van de Pol I., Schouls L. M. (2001): Identification of Ehrlichia e
Borrelia burgdorferi species in Ixodes ticks in the Baltic region of Russia. J. Clin. Microbiol.,
39: 2237-2242.
Allsopp M.T.E.P., Cavalier-Smith T., De Waal D.T., Allsopp B.A. (1994): Phylogeny and
evolution of the piroplasms. Parasitology, 108: 147-152.
249
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Alonso-Díaz M. A., García L., Galindo-Velasco E., Lezama-Gutierrez C. A., Angel-Sahagún C.
A., Rodríguez-Vivas R. I., Fragoso-Sánchez H. (2007): Evaluation of Metarhizium anisopliae
(Hyphomycetes) for control of Boophilus microplus (Acari: Ixodidae) on naturally infested
cattle in the Mexican tropics. Vet. Par., 147: 336–340.
Altschul S. F., Gish W., Miller W., Meyers E. W., Lipman D. J. (1990): Basic local alignment
search tool. J. Mol. Biol., 215: 403-410.
Amusategui I., Tesouro M. A., Kakoma I., Sainz A. (2008): Serological reactivity to Ehrlichia
canis, Anaplasma phagocytophilum, Neorickettsia risticii, Borrelia burgdorferi and Rickettsia
conorii in dogs from northwestern Spain. Vector Borne Zoonotic Dis., 8: 797– 803.
Anderson J. F. (1991): Epizootiology of Lyme borreliosis. Scand. J. Infect. Dis., 77 :23–34.
Anderson J. F., Johnson R. C., Magnarelli L. A., Hyde F. W., Myers J. E. (1986): Peromyscus
leucopus and Microtus pennsylvanicus simultaneously infected with Borrelia burgdorferi and
Babesia microti. J. Clin. Microbiol., 23: 135–137.
Anderson J. F., Magnarelli L. A., Donner C. S., Spielman A e Piesman J. (1979): Canine
Babesia new to North America. Science, 204: 1431-1432.
Anderson J. F., Magnarelli L. A., LeFebvre R. B., Andreadis T. G., McAninch J. B., Perng G.
C., Johnson R. C. (1989): Antigenically variable Borrelia burgdorferi isolated from cottontail
rabbits and Ixodes dentatus in rural and urban areas. J. Clin. Microbiol., 27: 13-20.
Anderson J. F., Magnarelli L.A. (2008): Biology of Ticks. Infect Dis Clin North Am, 22: 195215.
Anderson, B. E., Dawson, J. E., Jones, D. C. & Wilson, K. H. (1991): Ehrlichia chaffeensis, a
new species associated with human ehrlichiosis. J. Clin. Microbiol., 29: 2838-2842.
Andrews N. W., Webster P. (1991): Phagolysomal escape by intracellular pathogens.
Parasitology Today, 7: 335-340.
Angus B. M. (1996). The history of the cattle tick Boophilus microplus in Australia and
achievements in its control. Int. J. Parasitol., 26: 1341–1355.
Aoki K., Kamata H., Iida T., Suzuki H. (1984): Tick bite: two cases studied by scanning
electron microscopy. Brit. J. Derm., 110: 233-240.
Appel M. J., Allan S., Jacobson R. H., Lauderdale T. L., Chang Y. F., Shin S. J., Thomford J.
W., Todhunter RJ, Summers B. A. (1993): Experimental Lyme disease in dogs produces
arthritis and persistent infection. J Infect Dis., 167: 651-664.
Armstrong P. M., Katavolos P., Caporale D. A., Smith R. P., Spielman A., Telford S. R. III.
(1998): Diversity of Babesia infecting deer ticks (Ixodes dammini). Am. J. Trop. Med. Hyg.,
58: 739–742.
Arnez M, Petrovec M, Lotric-Furlan S, Zupanc TA, Strle F. (2001): First European pediatric
case of human granulocytic ehrlichiosis. J Clin Microbiol; 39: 4591–4592.
Asbrink E. (1985): Erythema chronicum migrans Afzelius and acrodermatitis chronica
atrophicans. Early and late manifestations of Ixodes ricinuseborne Borrelia spirochetes. Acta.
Derm. Venereol. Suppl. (Stockh),118: 1-63.
Asbrink E., Hovmark A. (1985): Successful cultivation of spirochetes from skin lesions of
patients with erythema chronicum migrans Afzelius and acrodermatitis chronica atrophicans.
Acta Pathol. Microbiol. Immunol. Scand. B, 93:161–163.
Avanzi S., Messa G., Marbini A., Pavesi G., Granella F. (1998): Isolated neuritis of the sciatic
nerve in a case of Lyme disease. Ital. J. Neurol. Sci., 19(2): 81-85.
Babes V. (1888): Sur l’hemoglobinurie bacteri enne du boeuf. C.R. Acad. Sci. Ser. III Sci.
Vie, 107: 692-694
Bacon R. M., Kugeler K. J., Mead P. S. (2008): Surveillance for Lyme disease—United States,
1992-2006. MMWR Surveill. Summ., 57: 1-9.
Bakken J. S, Krueth J., Tilden R.L., Dumler J. S., Kristiansen B .E. (1996a): Serological
evidence of human granulocytic ehrlichiosis in Norway. Eur J Clin Microbiol Infect Dis., 15:
829–832.
Bakken J. S. e Dumler J. S. (2004): Ehrlichiosis and anaplasmosis. Infect. Med., 21: 433-451.
Bakken J. S., Aguero-Rosenfeld M. E., Tilden R. L., Wormser G. P., Horowitz H. W., Raffalli J.
250
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
T., Baluch M., Riddell D., Walls J. J., Dumler J. S. (2001): Serial measurements of
hematologic counts during the active phase of human granulocytic ehrlichiosis. Clin. Infect.
Dis., 32(6): 862-870.
Bakken J. S., Dumler J. S. (2006): Clinical diagnosis and treatment of human
granulocytotropic anaplasmosis. Ann. N. Y. Acad. Sci., 1078: 236-247.
Bakken J. S., Dumler S. (2008): Human granulocytic anaplasmosis. Infect Dis Clin North
Am., 22: 443–448.
Bakken J. S., Erlemeyer S. A., Kanoff R. J., Silvestrini T. C., Goodwin D. D., Dumler J. S.
(1998a): Demyelinating polyneuropathy associated with human granulocytic ehrlichiosis. Clin
Infect Dis., 27: 1323–1324.
Bakken J. S., Goellner P., Van Etten M., Boyle D. Z., Swonger O. L., Mattson S., Krueth J.,
Tilden R. L., Asanovich K., Walls J., Dumler J. S. (1998b): Seroprevalence of human
granulocytic ehrlichiosis among permanent resident of northwestern Wisconsin. Clin. Infect.
Dis., 27: 1491-1496.
Bakken J. S., Krueth J., Lund T., Malkovitch D., Asanovich K., Dumler J. S. (1996a): Exposure
to deer blood may be a cause of human granulocytic ehrlichiosis. Clin Infect Dis., 23: 198.
Bakken J. S., Krueth J., Wilson-Nordskog C., Tilden R. L., Asanovich K., Dumler J. S. (1996b):
Clinical and laboratory characteristics of human granulocytic ehrlichiosis. JAMA, 275: 199–
205.
Bakken J. S., Tilden R. L., Walls J., Dumler J. S. (1999): Influence of occupation, pre-existing
illness, and chronic medication use on the severity of illness of human granulocytic ehrlichiosis
(HGE). In: Raoult D., Brouqui P. (Eds.), Rickettsiae and rickettsial diseases at the turn of
the third millenium. Elsevier, Paris, pp 195–198.
Bakken J.S., Dumler J. S., Chen S. M., Eckman M. R., van Etta L. L., Walker D. H. (1994):
Human granulocytic ehrlichiosis in the upper Midwest United States. A new species
emerging? JAMA, 272: 212–218.
Bakken J.S., Dumler J.S. (2000): Human granulocytic ehrlichiosis. Clin. Infect. Dis., 31(2):
554-560.
Bakken L. L., Case K. L., Callister S. M., Bourdeau N. J., Schell R. F. (1992): Performance of
45 laboratories participating in a proficiency testing program for Lyme disease serology.
JAMA, 268: 891-895.
Balashov Y. S. (1956): Nutrizione e spermatogenesi nei maschi delle zecche Ixodidae (in
russo). Dokl. Akad. Nauk., 110: 1133-1136.
Balashov Y. S. (1972): Bloodsucking ticks (Ixodidea). Vector of diseases of man and animals.
Miscellaneous Publications of the Entomological Society of America, 8: 161-376.
Baldwin C. L., Black S. J., Brown W. C., Conrad P. A., Goddeeris B. M., Kinuthia S. W., Lalor
P. A., MacHugh N. D., Morrison W. I., Morzaria S. P., et al. (1988): Bovine T cells, B cells, and
null cells are transformed by the protozoan parasite Theileria parva. Infect. Immun., 56: 462–
467.
Banerjee R, Anguita J, Roos D, Fikrig E. (2000): Cutting edge: infection by the agent of human
granulocytic ehrlichiosis prevents the respiratory burst by down-regulating gp91phox1. J
Immunol., 164: 3946-3949.
Baptista S., Quaresma A., Aires T., Kurtenbach K., Santos-Reis M., Nicholson M., CollaresPereira M. (2004): Lyme borreliosis spirochetes in questing ticks from mainland Portugal. Int.
J. Med. Microbiol., 293 Suppl 37: 109-116.
Barandika J.F, Hurtado A., Juste R.A., Garcìa-Pérez A.L. (2010): Seasonal Dynamics of
Ixodes ricinus in a 3-Year Period in Northern Spain: First Survey on the Presence of TickBorne Encephalitis Virus. Vector-Borne and Zoonotic Diseases, 10 (10): 1027-1035.
Baranton G., De Martino S. J. (2009): Borrelia burgdorferi sensu lato diversity and its influence
on pathogenicity in humans. Curr. Probl. Dermatol., 37: 1–17.
Baranton G., Postic D., Saint Girons I., Boerlin P., Piffaretti J C., Assous M., Grimont P. A.
(1992): Delineation of Borrelia burgdorferi sensu stricto, Borrelia garinii sp. nov., and group
VS461 associated with Lyme borreliosis. Int. J. Syst. Bacteriol. 42: 378-383.
251
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Barbet A. F., Lundgren A., Yi J., Rurangirwa F. R., Palmer G. H. (2000): Antigenic variation of
Anaplasma marginale by expression of MSP2 mosaics. Infect Immun., 68: 6133–6138.
Barbour A. G. (1984): Isolation and cultivation of Lyme disease spirochetes. Yale J. Biol.
Med., 57: 521–525.
Barbour A. G. (1988): Laboratory aspects of Lyme borreliosis. Clin. Microbiol. Rev., 1: 399–
414.
Barbour A. G., Bunikis J., Travinsky B., Hoen A. G., Diuk-Wasser M. A., Fish D., Tsao J. I.
(2009): Niche partitioning of Borrelia burgdorferi and Borrelia miyamotoi in the same tick
vector and mammalian reservoir species. Am. J. Trop. Med. Hyg., 81(6): 1120-1131.
Barbour A. G., Hayes S. F. (1986): Biology of Borrelia species. Microbiol. Rev., 50: 381–400.
Barbour A. G., Maupin G. O., Teltow G. J., Carter C. J., Piesman J. (1996): . Identification of
an uncultivable Borrelia species in the hard tick Amblyomma americanum: Possible agent of a
Lyme diseaselike illness. J. Infec. Dis. 173: 403–409.
Barlough J., Madigan J., DeRock E. e Bigornia L. (1996): Nested polymerase chai reaction for
detection of Ehrlichia equi genomic DNA in horses and ticks (Ixodes pacificus). Vet.
Parasitol., 63: 319-329.
Barlough J., Madigan J., Kramern V., Clover J., Hui L., Webb J. e Vredevoe L. (1997):
Ehrlichia phagocytophila genogroup rickettsiae in ixodid ticks from California collected in 1995
and 1996. J. Clin. Microbiol., 3: 2018-2021.
Barnett S. F. (1965): The chemotherapy of Babesia bigemina infection in cattle. Vet. Sci.
Res., 6: 397-415.
Barré N., Garris G. I., Lorvelec O. (1997): Field sampling of the tick Amblyomma variegatum
(Acari: Ixodidae) on pastures in Guadeloupe; attraction of CO2 and/or tick pheromones and
conditions of use. Exp Appl Acarol, 21: 95-108.
Bartunek P., Gorican K., Mrazek V., Varejka P., Veiser T., Hercogova J., Hulínská D.,
Janovská D. (2006): Lyme borreliosis infection as a cause of dilated cardiomyopathy. Prague
Med. Rep., 107: 213-226.
Bauerfeind R., Kreis U., Weiβ R. Wieler L. H., Baljer G. (1998): Detection of Borrelia
burgdorferi in urine specimens dogs by a nested polymerase chain reaction. Zentralbl.
Bakteriol., 287: 347-361.
Bayard-McNeeley M., Bansal A., Chowdhury I., Girao G., Small C. B., Seiter K., Nelson J.,
Liveris D., Schwartz I., Mc Neeley D. F., Wormser G. P., Aguero-Rosenfeld M. E.(2004): In
vivo and in vitro studies on Anaplasma phagocytophilum infection of the myeloid cells of a
patient with chronic myelogenous leukaemia and human granulocytic ehrlichiosis. J. Clin.
Pathol. 57: 499–503.
Beall M. J., Chandrashekar R., Eberts M. D., Cyr K. E., Diniz P. P., Mainville C., Hegarty B. C.,
Crawford J. M., Breitschwerdt E. B. (2008): Serological and molecular prevalence of Borrelia
burgdorferi, Anaplasma phagocytophilum, and Ehrlichia species in dogs from Minnesota.
Vector Borne Zoonotic Dis., 8: 455–464.
Beattie J. F., Michelson M. L., Holman P.J. (2002): Acute babesiosis caused by Babesia
divergens in a resident of Kentucky. N. Engl. J. Med., 347: 697-698.
Behl R., Klein M. B., Dandelet L., Bach R. R., Goodman J. L., Key N. S. (2000): Induction of
tissue factor procoagulant activity in myelomonocytic cells inoculated by the agent of human
granulocytic ehrlichiosis. Thromb Haemost., 83: 114–118.
Benach J. L., Bosler E. M., Hanrahan J. P., Coleman J. L., Habicht G. S., Bast T. F., Cameron
D. J., Ziegler J. L., Barbour A. G., Burgdorfer W., Edelman R., Kaslow R. A. (1983):
Spirochetes isolated from the blood of two patients with Lyme disease. N. Engl. J. Med. 308:
740–742. Citato da Shapiro e Gerber, 2000.
Benach J. L., Coleman J. L., Habicht G. S., MacDonald A., Grunwaldt E., Giron J. A. (1985):
Serological evidence for simultaneous occurrences of Lyme disease and babesiosis. J. Infect.
Dis., 152: 473-477.
Benach J. L., Habicht G. S. (1981): Clinical characteristics of human babesiosis. J. Infect.
Dis., 144: 481.
252
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Benach J. L., White D. J., McGovern J. P. (1978): Babesiosis in Long Island: host-parasite
relationships of rodent-and human-derived Babesia microti isolates in hamsters. Am. J. Trop.
Med. Hyg.,27: 1073–1078.
Benjamin M. A., Zhioua E., Ostfeld R.S. (2002): Laboratory and field evaluation of the
entomopathogenic fungus Metarhizium anisopliae (Deuteromycetes) for controlling questing
adult Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae). J. Med. Entomol., 39: 723–728.
Bergstrom S., Barbour A. G., Garon C. F., Hindersson P., Saint Girons I., Girons I., Schwan T.
G.. (1991): Genetics of Borrelia burgdorferi. Scand. J. Infect. Dis. Suppl., 77: 102–107.
Bernard W. V., Cohen D., Bosler E., Zamos D. (1990): Serologic survey for Borrelia
burgdorferi antibody in horses referred to a mid-Atlantic veterinary teaching hospital. J. Am.
Vet. Med. Assoc., 196: 1255–1258.
Bertolotti L., Tomassone L., Tramuta C., Grego E., Amore G., Ambrogi C., Nebbia P., Mannelli
A. (2006): Borrelia lusitaniae and spotted fever group rickettsiae in Ixodes ricinus (Acari:
Ixodidae) in Tuscany, central Italy. J. Med. Entomol., 43: 159-165.
Beveridge E. (1969): Babesicidal effect of basically substituted of carbanilides II. Imidocarb in
rats and mice: toxicity and activity against Babesia rodhaini. Res. Vet. Sci., 10: 534-539.
Bhate C., Schwartz R. A. (2011a): Lyme disease Part I. Advances and perspectives. J. Am.
Acad. Dermatol., 4: 619-636.
Bhate C., Schwartz R. A. (2011b): Lyme disease. Part II. Management and prevention. J. Am.
Acad. Dermatol., 64 (4): 639-653.
Bhide M, Yilmaz Z, Golcu E, Torun S, Mikula I. (2008): Seroprevalence of anti-Borrelia
burgdorferi antibodies in dogs and horses in Turkey. Ann. Agric. Environ. Med., 15(1): 8590.
Binnicker M. J., Jespersen D. J., Harring J. A., Rollins L. O., Bryant S. C., Beito E. M. (2008):
Evaluation of two commercial systems for automated processing, reading, and interpretation
of Lyme borreliosis Western blots. J. Clin. Microbiol., 46: 2216-2221.
Birkenheuer A. J., Correa M. T., Levy M. G., Breitschwerdt E. B. (2005): Geographic
distribution of babesiosis among dogs in the United States and association with dog bites: 150
cases (2000-2003). J. Am. Vet. Med. Assoc., 227: 942-947.
Birkenheuer A. J., Neel J., Ruslander D., Levy M. G., Breitschwerdt E. B.(2004): Detection and
molecolar characterization of a novel large Babesia species in a dog. Vet. Parasitol., 124:
151-160.
Birkner K., Steiner B., Rinkler C., Kern Y., Aichele P., Bogdan C., von Loewenich F. D. (2008):
The elimination of Anaplasma phagocytophilum requires CD41 T cells, but is indepen- 1140
Carrade et al dent of Th1 cytokines and a wide spectrum of effector mechanisms. Eur J
Immunol., 38: 3395–3410.
Birtles R. J., Harrison T. G., Saunders N. A. & Molyneux D. H. (1995): Proposals to unify the
genera Grahamella and Bartonella, with descriptions of Bartonella talpae comb. nov.,
Bartonella peromysci comb. nov., and three new species, Bartonella grahamii sp. nov.,
Bartonella taylorii sp. nov., and Bartonella doshiae sp. nov. Int J Syst Bacteriol., 45, 1-8.
Bishop R. P., Sohanpal B. K., Morzaria S. P., Dolan T. T., Mwakima F. N., Young A. S. (1994):
Discrimination between Theileria parva and Theileria taurotragi in the salivary glands of
Rhipicephalus appendiculatusticks using oligonucleotides homologus to ribosomal RNA
sequences.Parasitology Research, 80: 259-261.
Bishop R., Musoke A., Morzaria S., Gardner M., Nene V. (2004): Theileria: intracellular
protozoan parasites of wild and domestic ruminants transmitted by ixodid ticks. Parasitology,
129: 271-283.
Bjoersdorff A., Bagert B., Massung R. F., Gusa A., Eliasson I. (2002): Isolation and
characterization of two European strains of Ehrlichia phagocytophila of equine origin. Clin.
Diagn. Lab. Immunol., 9: 341–343.
Bjoersdorff A., Brouqui P., Eliasson I., Massung R. F., Wittesjo B., Berglund J. (1999a):
Serological evidence of Ehrlichia infection in Swedish Lyme borreliosis patients. Scand. J.
Infect. Dis., 31: 51–55.
253
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Bjöersdorff A., Svendenius L., Owens J., Massung R. (1999b): Feline granulocytic ehrlichiosis
- a report of a new clinical entity and characterisation of the infectious agent. J Small Anim
Pract., 40: 20-24.
Blanco J. R., Oteo J. A. (2002): Human granulocytic ehrlichiosis in Europe. Clin. Microbiol.
Infect., 8: 763–772.
Blaschitz M, Narodoslavsky-Gföller M, Kanzler M, Stanek G, Walochnik J. (2008): Babesia
species occurring in Austrian Ixodes ricinus ticks. Appl Environ Microbiol., 74: 4841-4846.
Bock R., Jackson L., de Vos A., Jorgensen W. (2004): Babesiosis of cattle. Parasitology,
129: S247–S269.
Bohme M., Schwenecke .S, Fuchs E., Wiebecke D., Karch H. (1992): Screening of blood
donors and recipients for Borrelia burgdorferi antibodies: no evidence of B burgdorferi
infection transmitted by transfusion. Infusionsther Transfusionsmed, 19: 204-207.
Bolz D. D., Sundsbak R. S., Ma Y., Akira S., Kirschning C. J., Zachary J. F., Weis J. H., Weis
J. J. (2004): MyD88 plays a unique role in host defense but not arthritis development in Lyme
disease. J. Immunol., 173: 2003–2010.
Bonnet S., Jouglin M., L’Hostis M., Chauvin A. (2007): Babesia sp. EU1 from Roe Deer and
Trasmission within Ixodes ricinus. Emerging Infectious Diseases, 13: 1208-1210.
Bool P.H., Reinders J.S. (1964): Tick-borne fever in cattle in the Netherlands. Tijdschr.
Diergeneesk. 89: 1519–1527. Citato da Woldehiwet Z. (2010).
Boozer A. L., Macintire D. K. (2003): Canine babesiosis. Vet. Clin. North. Am. Small Anim.
Pract., 33: 885-904.
Boreham P. F. L., Wright I. G. (1976): The release of pharmacologically active substances in
parasitic infections. In: Willis G.P., West G.B. (Eds.) Progress in Medical Chemistry. North
Holland Publishing, Amsterdam, Holland, 1976, pp 160-204.
Borjesson D. L., Kobayashi S. D., Whitney A. R., Voyich J. M., Argue C. M., Deleo F. R.
(2005): Insights into pathogen immune evasion mechanisms: Anaplasma phagocytophilum
fails to induce an apoptosis differentiation program in human neutrophils. J Immunol., 174:
6364–6372.
Borjesson D. L., Simon S. I., Tablin F., Barthold S. W. (2001): Thrombocytopenia in a mouse
model of human granulocytic ehrlichiosis. J Infect Dis., 184: 1475–1479.
Bostrom B., Wolf C., Greene C., Peterson D. S. (2008): Sequence conservation in the rRNA
first internal transcribed spacer region of Babesia gibsoni genotype Asia isolates. Vet.
Parasitol., 152: 152-157.
Botros B. A. M., Moch R. V., Barsoum L. S. (1975): Some observation on experimentally
induced infecion of dog with Babesia gibsoni. Am. J. Vet. Res., 36: 293-296.
Botteron C., Dobbelaere D. (1998): AP-1 and ATF-2 are constitutively activated via the JNK
pathway in Theileria parva-transformed T-cells. Biochem. Biophys. Res. Commun. 246:
418–421.
Bourdeau P (2008) Canine vector-borne diseases in France: information obtained from
veterinary clinics in national surveys. Proceedings of the 3rd Canine Vector-Borne Disease
(CVBD) Symposium, Germany, 16–19 April, pp. 78–84.
Bowman A. S., Nuttal P. A. (2008): Systematics and evolution of ticks with a list of valid genus
and species names. In: Bowman A. S. and Nuttal P. A. (Eds.) Ticks Biology, Disease and
Control. Cambridge University press, New York, USA, 2008, pp. xi-xii.
Bowman D, Little S. E., Lorentzen L., Shields J., Sullivan M. P. e Carlin E. P. (2009):
Prevalence and geographic distribution of Dirofilaria immitis, Borrelia burgdorferi, Ehrlichia
canis, and Anaplasma phagocytophilum in dogs in the United States: Results of a national
clinic-based serologic survey. Vet Parasitol., 160: 138–148.
Bown K. J., Bennet M., Begon M., Woldehiwet Z. e Ogden N. H. (2003): Seasonal dynamics of
Anaplasma (formely Ehrlichia) phagocytophila in a rodent-tick (Ixodes trianguliceps) system in
the UK. Emerg. Infect. Dis., 9: 63-70.
Brandt F., Healy G. R., Welch. M. (1977): Human babesiosis: the isolation of Babesia microti
in golden hamsters. J. Parasitol., 63,: 934–937.
254
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Brasseur P., Lecoublet S., Kapel N., Favennec L., Ballet J. J. (1998): In vitro evaluation of
drug susceptibilities of Babesia divergens isolates. Antimicrob. Agents Chemother., 42:
818–820.
Bredt A. B., Weinstein W. M., Cohen S. (1981): Treatment of babesiosis in asplenic patients.
J. Am. Med. Assn., 245: 1938-1939.
Breitschwerdt E. B., Hegarty B. C., Hancock S. I. (1998): Sequential evaluation of dogs
naturally infected with Ehrlichia canis, Ehrlichia chaffeensis, Ehrlichia equi, Ehrlichia ewingii,
or Bartonella vinsonii. J Clin Microbiol.,;36: 2645–2651.
Brenner D. J., O’Connor S. P., Winkler H. H., Steigerwalt A. G. (1993): Proposals to unify the
genera Bartonella and Rochalimaea, with descriptions of Bartonella quintana comb. nov.,
Bartonella vinsonii comb. nov., Bartonella henselae comb. nov., and Bartonella elizabethae
comb. nov., and to remove the family Bartonellaceae from the order Rickettsiales. Int J Syst
Bacteriol. 43: 777-786.
Brewer B. D., Harvey T. W., Mayhew I. G. (1984): Ehrlichiosis in a Florida horse. J. Am. Vet.
Med. Assoc., 185. 446–447.
Brisson D., Baxamusa N., Schwartz I., Wormser G. P. (2011): Biodiversity of Borrelia
burgdorferi strains in tissues of Lyme disease patients. PLoS One., 6(8): e22926.
Brisson D., Dykhuizen D. E., Ostfeld R. S. (2008): Conspicuous impacts of inconspicuous
hosts on the Lyme disease epidemic. Proc. Biol. Sci.;275: 227-235.
Brocklesby D. W., Barnett S. F. (1970): Large Babesia species transmitted to splenectomised
calves by field collection of British ticks (Haemaphysalis punctata). Nature (Lond.), 228: 1215.
Brocklesby D. W., Harradine D. L., Young E. R. (1976): Babesia major in Britain: crossimmunity trials with Babesia divergens in splenectomized calves.Res. Vet. Sci., 21 : 300-302.
Brocklesby D. W., Harradine D. L., Young E. R. (1976): Babesia major in Britain: crossimmunity trials with Babesia divergens in splenectomized calves.Res. Vet. Sci., 21 (3): 300302.
Brodie T. A., Holmes P. H., Urquhart G. M. (1986): Some aspects of tick-borne fever in British
sheep. Vet. Rec., 118: 415–418.
Bronsdon, M. A., Homer M. J., Magera J. M. H., Harrison C., Andrews R. G., Bielitzki J. T.,
Emerson C. L., Persing D. H., Fritsche T. R. (1998): Detection of enzootic babesiosis in
baboons (Papio cynocephalus) and phylogenetic evidence supporting synonymy of the genera
Entopolypoides and Babesia. J. Clin. Microbiol. 37: 1548–1553.
Brorson ø, Brorson S. H. (1997) Transformation of cystic forms of Borrelia burgdorferi to
normal, mobile spirochetes. Infection, 25: 240-246.
Brossard M., Aeschlimann A. (1975): Piroplasmoses bovine en Suisse italienne. Schweiz.
Arch. Tierheilkd, 117: 287-292.
Brossard M., Wikel S. K. W. (2004): Tick immunobiology. Parasitology,129(Suppl): S161S176.
Brouqui P. (1999): Ehrlichiosis in Europe. In: Raoult D., Brouqui P. (Eds.) Rickettsiae and
rickettsial diseases at the turn of the third millenium, Elsevier, Paris, pp 220–232.
Brouqui P., Bacellar F., Baranton G., Birtles R. J., Bjoersdorff A., Blanco J. R., Caruso G.,
Cinco M., Fournier P. E., Francavilla E., Jensenius M., Kazar J., Laferl H., Lakos A., Lotric
Furlan S., Maurin M., Oteo J. A., Parola P., Perez-Eid C., Peter O., Postic D., Raoult D., Tellez
A., Tselentis Y., Wilske B.; ESCMID Study Group on Coxiella, Anaplasma, Rickettsia and
Bartonella; European Network for Surveillance of Tick-Borne Diseases. (2004): Guidelines for
the diagnosis of tick-borne bacterial diseases in Europe. Clin. Microbiol. Infect., 10: 11081132.
Brouqui P., Dumler J. S., Lienhard R., Brossard M., Raoult D. (1995): Human granulocytic
ehrlichiosis in Europe. Lancet, 346: 782-783.
Brown C. G. D. (1987): Theileriidae. In: Taylor A. E. R. and Baker J. R (Eds), In vitro methods
for parasites cultivation. Academic Press, New York, N.Y, pp 230-253.
Brown D. J., Campbell J. D. M., Russel G. C., Hopkins J., Glass E. J. (1995): T cell activation
by Theileria annulata-infected macrophages correlates with cytokine production. Clin. Exp.
255
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Immunol., 102: 507-514.
Brown R. N., Lane R. S. (1992): Lyme disease in California: a novel enzootic transmission
cycle of Borrelia burgdorferi. Science;256: 1439-1442.
Brownbridge M., Glare T. (2007): Impact of entomopathogenic fungus on soil-dwelling
invertebrates. In: Ekesi S., Maniania N.K. (Eds.) Use of Entomopathogenic Fungi in
Biological Pest Management. Research Signpost, Kerela, India, pp. 295–392.
Browning A., Carter S. D., Barnes A., May C., Bennett D. (1993): Lameness associated with
Borrelia burgdorferi infection in the horse. Vet. Rec. 132: 610-611.
Brownstein J. S., Holford T. R., Fish D. (2005): Effect of climate change on Lyme disease risk
in North America. Ecohealth, 2: 38-46.
Bruckbauer H. R., Preac-Mursic V., Fuchs R., Wilske B. (1992): Crossreactive proteins of
Borrelia burgdorferi. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 11: 224-232.
Brüning A. (1996). Equine piroplasmosis an update on diagnosis, treatment and prevention.
Brit. Vet. J. 152: 139–151.
Bryant J. E., Brown M. P., Gronwall R. R., Merritt K. A. (2000): Study of intragastric
administration of doxycycline: pharmacokinetics including body fluids, endometrial and
minimum inhibitory concentrations. Equine Vet. J., 32(3): 233-238.
Buchwald A. Ein Fall von diffuser idiopathischer Haut-Atrophie. Arch Dermatol Syphilol
1883;10:553-6. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
Bunikis J., Barbour A. G. (2002): Laboratory testing for suspected Lyme disease. Med. Clin.
North Am., 86: 311–340.
Burgdorfer W., Anderson J. F., Gern L., Lane R. S., Piesman J., Spielman A. (1991):
Relationship of Borrelia burgdorferi to its arthropod vectors. Scand. J. Infect. Dis., 77(S): 35–
40.
Burgdorfer W., Barbour A. G., Hayes S. F., Benach J. L., Grunwaldt E., Davis J. P. (1982):
Lyme disease—a tick-borne spirochetosis? Science, 216: 1317-1319. Citato da Shapiro e
Gerber, 2000.
Burgdorfer W., Barbour A. G., Hayes S. F., Peter O., Aeschlimann A. (1983): Erythema
chronicum migrans-a tickborne spiroche-tosis: short communication. Acta Trop., 40: 79-83.
Burgdorfer W., Hayes S. F., Corwin D. (1989): Pathophysiology of the Lyme Disease
Spirochete, Borrelia burgdorferi, in Ixodid Ticks. Rev. Infect. Dis., 11 (S 6): S1442-S1450.
Burgdorfer W., Lane R. S., Barbour A. G., Gresbrink R. A., Anderson J. R. (1985): The
western black-legged tick, Ixodes pacificus: a vector of Borrelia burgdorferi. Am J Trop Med
Hyg., 34: 925-30.
Burger D. B., Crause J. C., Spickett A. M., Neitz A. W. H. (1991): A comparative study of
proteins present in sweating-sickness inducing and no-inducing strains of Hyalomma
truncatum ticks. Exp. Appl. Acarology, 13: 59-63.
Burgess E. C (1988): Borrelia burgdorferi infection in Wisconsin horses and cows, Ann. NY
Acad. Sci., 539: 235-243.
Burgess E. C. (1992): Experimentally induced infection of cats with Borrelia burgdorferi. Am.
J. Vet. Res., 53: 1507-1511.
Burgess E. C., Gillette D., Pickett J. P. (1986): Arthritis and panuveitis as manifestations of
Borrelia burgdorferi infection in a Wisconsin pony. J. Am. Vet. Med. Assoc., 189: 1340-1342.
Burgess E. C., Mattison M. (1987): Encephalitis associated with Borrelia burgdorferi infection
in a horse. J. Am. Vet. Med. Assoc., 191:1456-1458.
Burkot T. R., Maupin G. O., Schneider B. S., Denatale C., Happ C. M., Rutherford J. S. e
Zeidner N. S. (2001): Use of a sentinel host system to study the questing behavior of Ixodes
spinipalpis and its role in the transmission of Borrelia bissettii, human granulocytic ehrlichiosis,
and Babesia microti. Am. J. Trop. Med. Hyg., 65: 293–299.
Bush J. B., Isaacson M., Mohamed A. S., Potgieter F. T., de Waal D. T. (1990): Human
babesiosis a preliminary report of 2 suspected cases in South Africa. S. Afr. Med. J., 78: 699.
Cabello F. C., Godfrey H. P., Newman S. A..(2007): Hidden in plain sight: Borrelia burgdorferi
and the extracellular matrix. Trends. Microbiol., 15: 350–354.
256
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Cacciò S. M., Antunovic B., Moretti A., Mangili V., Marinculic A., Rafaj Barc R., Slemenda S.
B., Pieniazek N. J. (2002): Molecular characterisation of Babesia canis canis e Babesia canis
vogeli from naturally infected European dogs. Vet. Parasitol., 106: 285-292.
Caeiro V. (1996): Biology of ticks. Proceding International Forum on Fleas and Ticks
Control, Rhone-Merieux: 19-23.
Cahill K. M., Benach J. L., Reich L. M., Bilmes E., Zins J. H., Siegel F. P., Hochweis S. (1981):
Red cell exchange: treatment of babesiosis in a splenectomized patient. Transfusion, 21:
193–198.
Callow L. L., Mellors L. T., McGregor W., (1979): Reduction in virulence of Babesia bovis due
to rapid passage in splenectomized cattle. Int. J. Parasitol., 9: 333–338.
Camacho A. T., Pallas E., Gestal J. J., Guitìan F. J., Olmeda A. S., Goethert H. K., Telford S.
R. (2001): Infection of dogs in north-west Spain with a Babesia microti-like agent. Vet. Rec.,
149: 552-555.
Canestri-Trotti G., Corradini L. (1986): Aggiornamento alla fauna ixodologica dell’EmiliaRomagna. Atti 14° Congresso Nazionale della Società Italiana di Parassitologia: 215-216.
Canica M. M, Nato F., du Merle L., Mazie J. C., Baranton G., Postic D. (1993): Monoclonal
antibodies for identification of Borrelia afzelii sp. nov. associated with late cutaneous
manifestations of Lyme borreliosis. Scand. J. Infect. Dis., 25: 441-448.
Cao W. C., Zhan L., He J., Foley J. E., De Vlas S. J., Wu X. M., Yang H., Richardus J. H. e
Habbema J. D. (2006): Natural Anaplasma phagocytophilum infection of ticks and rodents
from a forest area of Jilin Province, China. Am. J. Trop. Med. Hyg., 75: 664–668.
Cao W. C., Zhao Q. M., Zhang P. H, Dumler J. S., Zhang X. T., Fang L. Q e Yang H. (2000):
Granulocytic Ehrlichia in Ixodes persulcatus tick from an area in China where Lyme disease is
endemic. J. Clin. Microbiol., 38: 4208-4210.
Cao W. C., Zhao Q. M., Zhang P. H., Yang H., Wu X. M., Wen B. H., Zhang X. T., Habbema
J.D. (2003): Prevalence of Anaplasma phagocytophila and Borrelia burgdorferi in Ixodes
persulcatus ticks from northeastern China. Am. J. Trop. Med. Hyg., 68: 547–550.
Capelli G., Otranto D., Pietrobelli M. (2010): Parassiti dei bovini. In: Taylor M. A., Coop R. L.,
Wall R. L. (Eds) Parassitologia e malattie parassitarie degli animali. EMSI, Roma, Italia, pp:
61-151.
Capelli J. L., Ghernati I., Chabanne L., Magnol J.P., Delverdier A. (1996): La babèsiose
canine, maladie à complexes immuns: à propos d’un cas de vascularite à manifestations
cutanèes. Pratique Medicale and Chirurgicale de Animal de Compagnie, 31: 231-239.
Caproni L. Jr, Umehara O., Moro E., Goncalves L. C. B. (1998). Field efficacy of doramectin
and ivermectin against natural infestations of the cattle tick Boophilus microplus. Brazilian J.
Vet. Parasitol., 7: 151–155.
Carlsson S. A., Granlund H., Jansson C., Nyman D., Wahlberg P. (2003): Characteristics of
erythema migrans in Borrelia afzelii and Borrelia garinii infections. Scand. J. Infect. Dis., 35:
31-33.
Carlyon J. A., Fikrig E. (2006): Mechanism of evasion of neutrophil killing by Anaplasma
phagocytophilum. Curr Opin Hematol., 13: 28–33.
Carpi G., Bertolotti L., Pecchioli E., Cagnacci F., Rizzoli A. (2009): Anaplasma
phagocytophilum groEL gene heterogeneity in Ixodes ricinus larvae feeding on roe deer in
Northeastern Italy. Vector Borne Zoonotic Dis., 9(2):179-184.
Carrade D. D., Foley J. E., Borjesson D. L. e Sykes J. E. (2009): Canine Granulocytic
Anaplasmosis: a review. J. Vet. Intern. Med., 23: 1129-1141.
Carrade D., Foley J., Sullivan M., Foley C. W., Sykes J. E. (2011): Spatial distribution of
seroprevalence for Anaplasma phagocytophilum, Borrelia burgdorferi, Ehrlichia canis, and
Dirofilaria immitis in dogs in Washington, Oregon, and California. Vet. Clin. Pathol., 40(3):
293-302.
Carret C., Walas F., Carcy B., Grande N., Precigout E., Moubri K., Schetters, T.P., Gorenflot
A. (1999): Babesia canis canis, Babesia canis vogeli, Babesia canis rossi: differentiation of the
three subspecies by a restriction fragment length polymorphism analysis on amplified small
257
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
subunit ribosomal RNA genes. J. Eukaryot. Microbiol. 46: 298–303.
Carrington M., Allsopp B., Baylis H., Malu N. M., Shochat Y., Sohal S. (1995):
Lymphoproliferation caused by Theileria parva and Theileria annulata. In Molecular
Approaches to Parasitology (ed. Boothroyd, J.C. and Komuniecki R.), pp 43-526. New York,
Wiley-Liss Inc
Carroll J. A., Garon C. F., Schwan T. G. (1999): Effects of environmental pH on membrane
proteins in Borrelia burgdorferi. Infect. Immun., 67:3181-3187.
Casati S. (2005): Etude sur la diversité génétique des tiques Rhipicephalus sanguineus et
Ixodes ricinus, et des agents pathogénes Rickettsia sp., Coxiella sp., Borrellia burgdorferi
sensu lato, Babesia sp. et le virus de l’encéphalite à tique en Suisse. Ph.D. thesis. Università
of Neuchâtel, Neuchâtel, Switzerland.
Casati S., Sager H., Gern L., Piffaretti J. C. (2006): Presence of potentially pathogenic
Babesia sp. for human in Ixodes ricinus in Switzerland. Ann Agric Environ Med., 13(1): 6570.
Casjens S., Palmer N., van Vugt R., Huang W. M., Stevenson B., Rosa P., Lathigra R., Sutton
G., Peterson J., Dodson R. J., Haft D., Hickey E., Gwinn M., White O., Fraser C. M. (2000): A
bacterial genome in flux: the twelve linear and nine circular extrachromosomal DNAs in an
infectious isolate of the Lyme disease spirochete Borrelia burgdorferi. Mol. Microbiol. 35:
490-516.
Caspersen K., Park J. H., Patil S. e Dumler J. S. (2002): Genetic variability and stability of
Anaplasma phagocytophila msp2 (p44). Infect Immun., 70(3):1230-1234.
Cassini R., Bonoli C., Montarsi F., Tessarin C., Marcer F., Galuppi R. (2010): Detection of
Babesia EU1 in Ixodes ricinus ticks in Northen Italy. Vet. Parasitol., 171: 151-154.
Cassini R., Marcer F., di Regalbono A. F., Cancrini G., Gabrielli S., Moretti A., Galuppi R.,
Tampieri M. P., Pietrobelli M. (2012): New insights into the epidemiology of bovine
piroplasmoses in Italy. Vet Parasitol., 184: 77-82.
Caturegli P., Asanovich K. M., Walls J. J., Bakken J .S., Madigan J. E., Popov V. L., Dumler J.
S. (2000): Ank A: an Ehrlichia phagocytophila group gene encoding a cytoplasmic protein
antigen with ankyrin repeats. Infect Immun., 68(9):5277–5283.
CDC (1995): Recommendations for test performance and interpretation from the Second
National Conference on Serologic Diagnosis of Lyme Disease. MMWR Morb. Mortal. Wkly.
Rep., 44: 590-591.
CDC (2004): Lyme Disease --- United States, 2001—2002 MMWR Morb. Mortal. Wkly. Rep.,
53: 365-369. Available at http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm5317a4.htm
Cekanac R., Pavlovic N., Gledovic Z., Grgurevic A., Stajkovic N., Lepsanovic Z., Ristanovic E.
(2010): Prevalence of Borrelia burgdorferi in Ixodes ricinus ticks in Belgrade area. Vector
Borne Zoon. Dis., 10(5): 447-452.
Centeno-Lima S., do Rosario V., Parreira R., Maia A. J., Freudenthal A. M., Nijof A. M.,
Jogejan F. (1998): A fatal case of human babesiosis in Portugal: molecular and phylogenetic
analysis. Tropical Medicine and International Health, 8(8): 760-764.
Cerri D., Farina R., Andreani R., Nuvoloni R., Pedrini A., Cardini G. (1994): Experimental
infection of dogs with Borrelia burgdorferi. Res. Vet. Sci., 57: 256-258.
Chang Y. F., McDonough S. P., Chang C. F., Shin K. S., Yen W., Divers T. (2000a): Human
granulocytic ehrlichiosis agent infection in a pony vaccinated with a Borrelia burgdorferi
recombinant OspA vaccine and challenged by exposure to naturally infected ticks. Clin.
Diagn. Lab. Immunol., 7: 68-71.
Chang Y. F., Novosel V., Chang C. F., Summers B. A., Ma D. P., Chiang Y. W., Acree W. M.,
Chu H. J., Shin S., Lein D. H. (2001): Experimental induction of chronic borreliosis in adult
dogs exposed to Borrelia burgdorferi-infected ticks and treated with dexamethasone. Am. J.
Vet. Res., 62: 1104-1112.
Chang Y. F., Novosol V., McDonough S. P. (2000b): Experimental infection of ponies with
Borrelia burgdorferi by exposure to Ixodid ticks. Vet. Pathol., 37(1): 68-76.
Chang Y., Novosol V., McDonough S. P. (1999): Vaccination against Lyme disease with
258
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
recombinant Borrelia burgdorferi outer-surface protein A (rOspA) in horses. Vaccine, 18(5-6):
540-548.
Chen, S. M., Dumler, J. S., Bakken, J. S. & Walker, D. H. (1994): Identification of a
granulocytotropic Ehrlichia species as the etiologic agent of human disease. J. Clin.
Microbiol., 32: 589-595.
Chisholm E. S., Ruebush II T. K., Sulzer A. J., Healy G. R. (1978): Babesia microti infection in
man: evaluation of an indirect immunofluorescent antibody test. Am. J. Trop. Med. Hyg., 27:
14–1.
Chochlakis D., Ioannou I., Sharif L., Kokkini S., Hristophi N., Dimitriou T., Tselentis Y.,
Psaroulaki A. (2009a): Prevalence of Anaplasma sp. in Goats and Sheep in Cyprus. Vec.Borne Zoon. Dis., 9: 457-463.
Chochlakis D., Psaroulaki A., Kokkini S., Kostanatis S., Arkalati E., Karagrannaki E., Tsiatis
K., Tselentis Y., Gikas A. (2009b): First evidence of Anaplasma infection in Crete, Greece.
Report of six human cases. Clin Microbiol Infect., 15 Suppl 2: 8-9.
Chodynicka B., Flisiak I., Okrasinska K, Andrzejewska A., Schwartz R. A. (2000):
Lymphocytoma cutis: cases linked with Lyme disease. Cutis, 66: 243-246.
Chodynicka B., Schwartz R. A., Flisiak I. (2009): Acrodermatitis chronic atrophicans. Available
at: http://emedicine.medscape.com/article/1051695-overview. Accessed June 20.
Choi K. S., Garyu J., Park J., Dumler J. S. (2003): Diminished adhesion of Anaplasma
phagocytophilum-infected neutrophils to endothelial cells is associated with reduced
expression of leukocyte surface selectin. Infect Immun., 71: 4586–4594.
Christensson D. A., Moren T. (1987): Seroresponse (IgG) after vaccination and natural
infection of cattle with Babesia divergens. Acta Vet. Scand., 28: 393–402.
Christie P. J., Atmakuri K., Krishnamoorthy V., Jakubowski S., Cascales E. (2005) Biogenesis,
architecture, and function of bacterial type IV secretion systems. Annu. Rev. Microbiol.,
59:451–485.
Christova I. S., Dumler J. S. (1999): Human granulocytic ehrlichiosis in Bulgaria. Am J Trop
Med Hyg., 60: 58–61.
Christova I., Schouls L., van De Pol I., Park J., Panayotov S., Lefterova V., Kantardjiev T.,
Dumler J. S. (2001): High prevalence of granulocytic Ehrlichiae and Borrelia burgdorferi sensu
lato in Ixodes ricinus ticks from Bulgaria. J. Clin. Microbiol., 39: 4172-4174.
Chu C. Y., Liu W., Juany B. G., Wang D. M., Juany W. J., Zhao Q. M., Zhang P. H., Wang Z.
X., Tang G. P., Yang H., Cao W. C. (2008): Novel genospecies of Borrelia burgdorferi sensu
lato from rodents and ticks in southwestern China. J. Clin. Microbiol., 46: 3130–3133.
Chu C-Y., Jiang B-G., He J., Gao Y., Zhang P-H., Wu X-M., W-Y Zhang, Shi H., Gaowa H-S.,
Wang J-B., Foley J. E., Liu W., Cao W-C. (2011): Genetic Diversity of Borrelia burgdorferi
Sensu Lato Isolates from Northeastern China. Vector-Borne Zoon. Dis., 11: 1-6.
Ciceroni L., Bartoloni A., Leoncini F., Ciarrocchi S., Pinto A., Favia G., Bartalesi F., Scagnoli
L., Iori A. (2003): Risk of tick-borne bacterial diseases in humans in the Florence area,
Tuscany. Ann. NY Acad. Sci, 990: 346-349.
Cinco M, Padovan D, Murgia R., Poldini L., Frusteri L., van de Pol I., Verbeek-De Kruif N.,
Rijpkema S., Maroli M. (1998): Rate of infection of Ixodes ricinus ticks with Borrelia burgdorferi
sensu stricto, Borrelia garinii, Borrelia afzelii and group VS116 in an endemic focus of Lyme
disease in Italy. Eur J Clin Microbiol Infect Dis; 17: 90–94.
Cinco M., Balanzin D., Benussi P., Trevisan G. (1993): Seroprevalence and incidence of Lyme
borreliosis in forestry rangers in Friuli Venezia Giulia (northern Italy). Alpe Achia Microbiol. J.
2: 91–98.
Cinco M., Barbone F., Grazia Ciufolini M., Mascioli M., Anguero Rosenfeld M., Stefanel P.,
Luzzati R. (2004): Seroprevalence of tick-borne infections in forestry rangers from
northeastern Italy. Clin. Microbiol. Infect., 10(12): 1056-1061.
Cinco M., Padovan D., Murgia R., Maroli M., Frusteri L., Heldtander M., Johansson K.E.,
Engvall E.O. (1997): Coexistence of Ehrlichia phagocytophila and Borrelia burgdorferi sensu
lato in Ixodes ricinus ticks from Italy as determined by 16S rRNA gene sequencing. J. Clin.
259
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Microbiol., 35: 3365–3366.
Cisak E., Chmielewska-Badora J., Zwoliński J., Wojcik-Fatla A., Zajac V., Skórska C.,
Dutkiewicz J. (2008): Study on Lyme borreliosis focus in the Lublin region (eastern Poland).
Ann Agric Environ Med., 15(2): 327-332.
Cizman M., Avsic-Zupanc T., Petrovec M., Ruzic- Sabljic E., Pokorn M. (2000):
Seroprevalence of ehrlichiosis, Lyme borreliosis and tick-borne encephalitis infections in
children and young adults in Slovenia. Wien Klin Wochenschr., 112: 842–845.
Clark I. A. (1978): does endotoxin cause both the disease end parasite death in acute malaria
and babesiosis? Lancet, 11: 75-77.
Clark I. A., Allison A. C. (1974): Babesia microti and Plasmodium berghei Yoeleii infection in
nudae mice. Nature, 252: 328-329.
Clarke C. S., Rogers E. T., Egan E. L. (1989): Babesiosis: underreporting or case-clustering?
Postgrad. Med. J., 65: 591–593.
Clyde D. F., Gilman R. H, McCarthy V. C.. (1975): Antimalarial effects of clindamycin in man.
Am. J. Trop. Med. Hyg., 24: 369–370.
Cobbett N. G. (1947): Preliminary tests in Mexico with DDT, cube hexachlorocyclohexane
(benzene hexachloride), and combinations thereof, for the control of the cattle fever tick,
Boophilus annulatus. Am. J. Vet. Res., 8: 280–283.
Cochez C., Ducoffre G., Vandenvelde C., Luyasu V., Heyman P. (2011): Human
anaplasmosis in Belgium: a 10-year seroepidemiological study. Ticks Tick Borne Dis., 2:
156-159.
Coetzee B. B., Stanford G. D., Davis D. A. T. (1987). The resistance spectrum shown by a
fenvalerate-resistant strain of blue tick (Boophilus decoloratus) to a range of ixodicides.
Onderstepoort J. Vet. Res., 54: 79–82.
Cole L. M., Russel A. N., Casida J. E. (1993): Action of phenylpyrazole insecticide at the
GABA- gated chloride channel. Pesticide Biochemistry and Phisiology, 46: 47-54.
Coleman J. L., Benach J. L., Beck G., Habicht G. S. (1986): Isolation of the outer envelope
from Borrelia burgdorferi. Zentralbl Bakteriol Mikrobiol Hyg A., 263: 123-126. Citato da
Wang G, Schwartz I., 2011.
Coles G. C. (2001): The future of veterinary parasitology. Vet. Par., 98: 31-39.
Collares-Pereira M., Couceiro S., Franca I., Kurtenbach K., Schafer S. M., Vitorino L.,
Goncalves L., Baptista S., Vieira M. L., Cunha C. (2004): First isolation of Borrelia lusitaniae
from a human patient. J. Clin. Microbiol., 42: 1316–1318.
Collins J. D., Hannan J., Ferguson A. R., Wilson J. O. (1970): Tick-borne fever in Ireland. Irish
Vet. J., 24, 162–164.
Collins J.D., O Nuallain T., Ferguson A.R. (1970b): Observations of bovine babesiosis in
Ireland. Ir. Vet. J., 24: 42-51.
Colliot F. (1996): Insecticides, acaricides and nematocides used in plant protections.
Proceding International Forum on Fleas and Ticks Control, Rhone-Merieux: 35-44.
Combrink M. P., Troskie P. C., De Waal D. T. (2002): Residual effect of antibabesial drugs on
the live redwater blood vaccines. Ann. N. Y. Acad. Sci., 969: 169–173.
Comer J. A., Nicholson W. L., Olson J. G., Childs J. E. (1999): Serologic testing for human
granulocytic ehrlichiosis at a national referral center. J Clin Microbiol., 37: 558–564.
Conrad P. A., Kjemtrup A. M., Carreno R. A., Thomford J., Wainwright K., Eberhard M., Quick
R., Telford III S. R., Herwaldt B. L. (2006): Description of Babesia duncani n. sp.
(Apicomplexa: Babesiidae) from humans and ist differentiation from other piroplasms. Int. J.
Parasitol., 36: 779-789.
Conrad P. A., Thomford J. W., Yamane I., Whiting J., Bosma L., Uno T., Holshuh H. J., Shelly
S. (1991): Hemolytic anemia caused by Babesia gibsoni infection in dogs. J. Am. Vet. Med.
Assoc., 199: 601–605.
Courtney J. W., Dryden R. L., Montgomery J., Schneider BS., Smith G., Massung R. F.
(2003): Molecular characterization of Anaplasma phagocytophilum and Borrelia burgdorferi in
Ixodes scapularis ticks from Pennsylvania. J. Clin. Microbiol., 41: 1569–1573.
260
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Courtney J. W., Massung R. F. (2003): Multiplex Taqman PCR assay for rapid detection of
Anaplasma phagocytophila and Borrelia burgdorferi. Ann. N. Y. Acad. Sci., 990: 369–370.
Cox F. E. G. (1973): The significance of previous infections on susceptibility to infection with
th
blood parasites. Proceeding of the 4 International Congress of Protozoology, ClearmontFerrand, France, 1973.
Crippa M., Rais O., Gern L. (2002): Investigations on the mode and dynamics of transmission
and infectivity of Borrelia burgdorferi sensu stricto and Borrelia afzelii in Ixodes ricinus ticks.
Vector Borne Zoon. Dis., 2: 3–9.
Crowder C. D., Matthews H. E., Schutzer S., Rounds M. A., Luft B. J., Nolte O., Campbell S.
R., Phillipson C. A., Li F., Sampath R., Ecker D. J., Eshoo M. W. (2010): Genotypic variation
and mixtures of Lyme Borrelia in Ixodes ticks from North America and Europe. PLoS One, 5:
e10650.
Cullen J. M., Levine J. F. (1987): Pathology of experimental Babesia microti infection in the
Syrian hamster. Lab. Anim. Sci., 37 (5): 640-643.
Curasson G. (1943): Protozoologie veterinaire et comparée, vol.3 Sporozoaires. Vigot Frères,
Paris, France.
Curnow J. A. (1973): Studies on antigenic changes and strain differences in Babesia argentina
infections. Aust. Vet. J., 49: 279-283.
Dalrymple B. P., Dimmock C. M., Parrodi F., Wright I. G. (1992): Babesia bovis, Babesia
bigemina, Babesia canis, Babesia microti e Babesia rodhaini: camparison of ribosomal RNA
gene organization. Int. J. Parasitol., 22: 851-855.
Dambach D. M., Smith C. A., Lewis R. M., Van Winkle T. J. (1997): Morphologic,
immunohistochemical, and ultrastructural characterization of a distinctive renal lesion in dogs
putatively associated with Borrelia burgdorferi infection:49 cases (1987-1992). Vet. Pathol.,
34: 85-170.
Dandache P., Nadelman R. B. (2008): Erythema migrans. Infect. Dis. Clin. North. Am., 22:
235-260.
Danielová V., Daniel M., Rudenko N., Golovchenko M. (2004): Prevalence of Borrelia
burgdorferi sensu lato genospecies in host-seeking Ixodes ricinus ticks in selected South
Bohemian locations (Czech Republic). Cent. Eu.r J. Public. Health., 12(3): 151-156.
Dantas-Torres F. (2008): The brown dog tick, Rhipicephalus sanguineus (Latreille, 1806)
(Acari: Ixodidae): from taxonomy to control. Vet Parasitol 152, 173-185.
Dattwyler R. J., Luft B. J., Kunkel M. J., Finkel M. F., Wormser G. P., Rush T. J., Grunwaldt E.,
Agger W. A., Franklin M., Oswald D., Cockey .L, Maladorno D. (1997): Ceftriaxone compared
with doxycycline for the treatment of acute disseminated Lyme disease. N. Engl. J. Med., 337:
289-294.
Davey R. B., Ahrens E. H. (1984): Control of Boophilus ticks on heifers with two pyrethroids
applied as sprays. Am. J. Vet. Res., 45: 1008–1010.
Davey R. B., George J. E. (2002): Efficacy of macrocyclic lactone endectocides against
Boophilus microplus (Acari: Ixodidae) infested cattle using different pour-on application
treatment regimes. J. Med. Entomol., 39: 763–769.
Davis L. J. (1929): On a piroplasm of the Sudanese wild cat (Felis ocreata). Trans. R. Soc.
Trop. Med. Hyg., 22: 523-534.
Davoust B., Boni M. (1998): Lyme-disease in dogs-seroepidemiological survey in the southeast of France. Med. Mal. Infect., 28: 408-409.
Davoust B., Mariè J. L., Mercier S., Boni M., Vandeweghe A., Parzy D., Beugnet F. (2003):
Valutazione dell’efficacia del fipronil per la prevenzione dell’ehrlichiosi monolitica canina in
zone endemiche. Vet. Par., 112: 91-100.
Dawson J. E., Warner C. K., Standaert S. & Olson J. G. (1996): The interface between
research and the diagnosis of an emerging tick-borne disease, human ehrlichiosis due to
Ehrlichia chaffeensis. Arch. Intern. Med., 156: 137-142.
de la Fuente J., Massung R. F., Wong S. J., Chu F. K., Lutz H., Meli M., von Loewenich F. D.,
Grzeszczuk A., Torina A., Caracappa S., Mangold A. J., Naranjo V., Stuen S., Kocan K.M.
261
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
(2005): Sequence analysis of the msp4 gene of Anaplasma phagocytophilum strains. J. Clin.
Microbiol., 43(3):1309-1317.
de Oliveira Monteiroa C. M., Furlong J., de Azevedo Prata M. C., Soares A. E., de Paula
Batista E. S., Dolinskic C. (2010): Evaluation of the action of Heterorhabditis bacteriophora
(Rhabditida: Heterorhabditidae) isolate HP88 on the biology of engorged females of
Rhipicephalus (Boophilus) microplus (Acari: Ixodidae). Vet. Par., 170: 355–358.
De Silva A. M., Fish D., Burkot T. R., Zhang Y., Fikrig E. (1997): OspA antibodies inhibit the
acquisition of Borrelia burgdorferi by Ixodes ticks. Infect. Immun., 65: 3146-3150.
De Wall D. T. (1992): Equine piroplasmosis: a review. Brit. Vet. J., 148: 6–13.
Delgado S., Carmenes P. (1995): Seroepidemiological survey for Borrelia burgdorferi (Lyme
disease) in dog from northwestern of Spain. Eur. J. Epidemiol., 11: 321-324.
Demma L. J., Holman R. C., McQuiston J. H., Krebs J. W., Swerdlow D. L. (2006): Human
monocytic ehrlichiosis and human granulocytic anaplasmosis in the United States, 20012002. Ann. N. Y. Acad. Sci., 1078: 118-119.
Denes E., Rogez J.P., Dardè M.L., Weinbreck P. (1999): Management of Babesia divergens
babesiosis without a complete course of quinine treatment. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect.
Dis., 18: 672-673.
Dennig H. K.(1966): The isolation of Babesia species from wild animals. Proc. Ist int. Congr.
Parasitol. Rome. Corradetti A. (ed): Pergamon Press, London, 1966, p 262.
Dennig H. K., Centurier C., Göbel E., Weiland G. (1980): Canine babesiasis and its
importance in the Federal Republic of Germany and West Berlin. Berl. Munch Tierarzte
Wochenschr, 93 (19): 373-379.
Derdáková M., Stefančíková A., Spitalská E., Tarageľová V., Košťálová T., Hrkľová G.,
Kybicová K., Schánilec P., Majláthová V., Várady M., Peťko B. (2011): Emergence and
genetic variability of Anaplasma species in small ruminants and ticks from Central Europe.
Vet Microbiol., 153(3-4): 293-298.
des Vignes F., Piesman J., Heffernan R., Schulze T. L., Stafford K. C. III, Fish D. (2001):
Effect of tick removal on transmission of Borrelia burgdorferi and Ehrlichia phagocytophila by
Ixodes scapularis nymphs. J Infect Dis., 183: 773–778.
Diaz J. H. (2010): A 60-year meta-analysis of tick paralysis in the United States: a predictable,
preventable, and often misdiagnosed poisoning. J. Med. Toxicol., 6 (1): 15-21.
Divers T. J. (2007): Lyme disease. In Sellon D. C. e Long M. T. (Eds.): Equine infectious
diseases. Saunders Elsevier, Philadelphia, PA, USA, pp: 310-312.
Diza E., Papa A., Vezyri E., Tsounis S., Milonas I., Antoniadis A. (2004): Borrelia valaisiana in
cerebrospinal fluid. Emerg. Infect. Dis., 10: 1692–1693.
Doby D., Chevrier S., Couatarmanach A. (1988): Tickborne Borrelia burgdorferi infection in
dogs in western France. Systematic serological survey of 806 hunting dogs and 88 military
dogs in 14 departamens. Rec. Med. Vet., 164: 367-374.
Doggett J. S., Kohlhepp S., Gresbrink R., Metz P., Gleaves C., Gilbert D. (2008): Lyme
disease in Oregon. J. Clin. Microbiol., 46: 2115-2118.
Dolan M. C., Maupin G. O., Schneider B. S., Denatale C., Hamon N., Cole C, Zeidner N. S.,
Stafford K. C. 3rd. (2004): Control of immature Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae) on rodent
reservoirs of Borrelia burgdorferi in a residential community of southeastern Connecticut. J.
Med. Entomol., 41: 1043-1054.
Donnelly J. (1973): Epidemiology of babesia infection in cattle. Proc.R. Soc. Med., 66: 774775.
Donnelly J., Peirce M. A. (1975): Experiments on the trasmission of Babesia divergens to
cattle bye the tick Ixodes ricinus. Int. J. Parassitol., 5: 363-367.
Donnely J., Mc Kellar J. C. (1970): The effect of weather end season on the incidence of red
water fever in cattle in Britain. Agric. Meteorol., 7: 5-17.
Drancourt M., Raoult D. (1994): Taxonomic position of the rickettsiae : current knowledge.
FEMS Microbiol. Rev., 13: 13-24.
Drazenovich N., Foley J., Brown R. N. (2006): Use of Real-Time quantitative PCR targeting
262
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
the msp2 protein gene to identify cryptic Anaplasma phagocytophilum infections in wildlife and
domestic animals. Vector-borne Zoon. Dis., 1: 83-90.
Dressler F., Whalen J. A., Reinhardt B. N., Steere A. C. (1993): Western blotting in the
serodiagnosis of Lyme disease. J. Infect. Dis., 167: 392-400.
Duh D., Petrovec M., Avsic-Zupanc T. (2001): Diversity of Babesia Infecting European sheep
ticks (Ixodes ricinus). J. Clin. Microbiol., 39: 3395-3397.
Duh D., Petrovec M., Avsic-Zupanc T. (2005a): Molecular characterization of human pathogen
Babesia EU1 in Ixodes ricinus ticks from Slovenia. J. Parasitol., 91, pp 463-465.
Duh D., Petrovec M., Bidovec A., Avsic-Zupanc T. (2005b): Cervidae as babesiae hosts,
Slovenia. Em. Inf. Dis., 11 (7): 1121-1123.
Dumler J. S. (1997): Is human granulocytic ehrlichiosis a new Lyme disease? Clin. Infect.
Dis., 25: S43–47.
Dumler J. S. (2001): Molecular diagnosis of Lyme disease: Review and meta-analysis. Mol.
Diagn., 6: 1–11.
Dumler J. S. (2005): Anaplasma and Ehrlichia infection. Ann NY Acad Sci., 1063: 361–373.
Dumler J. S. (2012): The biological basis of severe outcomes in Anaplasma phagocytophilum
infection. FEMS Immunol. Med. Microbiol., 64(1): 13-20.
Dumler J. S., Asanovich K. M., Bakken J. S., Richter P., Kimsey R., Madigan J E. (1995):
Serologic cross-reaction among Ehrlichia equi, Ehrlichia phagocytophila and human
granulocytic ehrlichia. J. Clin. Microbiol., 33: 1098-1103.
Dumler J. S., Barat N. C., Barat C. E. Bakken J. S. (2007): Human granulocytic anaplasmosis
and macrophage activation. Clin Infect Dis., 45: 199–204.
Dumler J. S., Barbet A. F., Bekker C. P., Dasch G .A., Palmer G. H., Ray S. C., Rikihisa Y.,
Rurangirwa F. R. (2001): Reorganization of genera in the families Rickettsiaceae and
Anaplasmataceae in the order Rickettsiales: unification of some species of Ehrlichia with
Anaplasma, Cowdria with Ehrlichia and Ehrlichia with Neorickettsia, descriptions of six new
species combinations and designation of Ehrlichia equi and 'HGE agent' as subjective
synonyms of Ehrlichia phagocytophila. Int. J. Syst Evol Microbiol.,51: 2145-2165.
Dumler J. S., Dotevall L., Gustafson R., Granstrom M. (1997): A population-based
seroepidemiologic study of human granulocytic ehrlichiosis and Lyme borreliosis on the west
coast of Sweden. J Infect Dis., 175: 720–722.
Dumler J. S., Rikihisa Y., Dasch G. A. (2005): Family II. Anaplsmataceae. In Brenner D. J.,
Krieg N. R., Staley J. T. (Eds.): Bergey’s manual of systematic bacteriology, second edition,
Volume two, The Proteobacteria, Springer, N.Y., USA.
Dumler J. S., Trigiani E. R., Bakken J. S., Auero-Rosendeld M. E., Wormser G. P. (2000):
Serum cytokine responses during acute human granulocytic ehrlichiosis. Clin. Diagn. Lab.
Immunol., 7: 6–8.
Dunning Hotopp J. C., Lin M., Madupu R., Crabtree J., Angiuoli S. V., Eisen,J. A., Seshadri R.,
Ren Q., Wu M., Utterback T. R., Smith S., Lewis M., Khouri H., Zhang C., Niu H., Lin Q.,
Ohashi N., Zhi N., Nelson W., Brinkac L.M., Dodson R. J., Rosovitz M. J., Sundaram J.,
Daugherty S. C., Davidsen T., Durkin A.S., Gwinn M., Haft D. H., Selengut J. D., Sullivan S.
A., Zafar N., Zhou L., Benahmed F., Forberger H., Halpin R., Mulligan S., Robinson J., White
O., Rikihisa Y., Tettelin H. (2006): Comparative genomics of emerging human ehrlichiosis
agents. PLoS Genet., 2 (2), e21.
Earnhart C. G., Marconi R. T. (2007): An octavalent Lyme disease vaccine induces antibodies
that recognize all incorporated OspC type-specific sequences. Hum Vaccin., 3: 281-289.
Eaton P. (1934): Piroplasma canis in Florida. J. Parasitol., 20: 312-313.
Ebani V, Cerri D, Fratini F, Ampola M, Andreani E. (2008): Seroprevalence of Anaplasma
phagocytophilum in domestic and wild animals from central Italy. New Microbiol., 31(3): 371375.
Ebani V. V., Cerri D., Fratini F., Ampola M., Andreani E. (2007): Anaplasma phagocytophilum
infection in a fallow deer (Dama dama) population in a preserve of central Italy. New
Microbiol., 30(2):161-165.
263
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Ebani V. V., Verin R., Fratini F., Poli A., Cerri D. (2011): Molecular survey of Anaplasma
phagocytophilum and Ehrlichia canis in red foxes (Vulpes vulpes) from central Italy. J Wildl
Dis., 47(3): 699-703.
Echaide I. E., Hines S. A., McElwain T. F., Suarez C. E., McGuire T. C., Palmer G. H. (1998):
In vivo binding of immunoglobulin M to the surface of Babesia bigemina-infected erythrocytes.
Infect. Immun., 66: 2922-2927.
Edelman D. C., Dumler J. S. (1996): Evaluation of an Improved PCR Diagnostic Assay for
Human Granulocytic Ehrlichiosis. Mol. Diagn., 1: 41-49.
rd
nd
Egan E. L., Duggan C. (1990): Int. Soc. Haematol. 23 Congress, Am. Soc. Haematol. 32
Annu. Meet. (citato da Zintl e coll., 2003).
Egenvall A., Bjöersdorff A., Lilliehöök I., Olsson Engvall E., Karlstam E., Artursson K.,
Hedhammar A., Gunnarsson A. (1998): Early manifestations of granulocytic ehrlichiosis in
dogs inoculated experimentally with a Swedish Ehrlichia species isolate. Vet Rec., 143: 412–
417.
Egenvall A., Franzén P., Gunnarsson A., Engvall E. O., Vågsholm I., Wikström U. B.,
Artursson K. (2001): Cross-sectional study of the seroprevalence to Borrelia burgdorferi sensu
lato and granulocytic Ehrlichia spp. and demographic, clinical and tick-exposure factors in
Swedish horses. Prev. Vet. Med., 49: 191-208.
Egenvall A., Hedhammar A., Bjoersdorff A. (1997): Clinical features and serology of 14 dogs
affected by granulocytic ehrlichiosis in Sweden. Vet. Rec., 140: 222–226.
Egenvall A., Lillihöök I., Bjöersdorff A., Engvall E. O., Karlstam E., Artursson K., Heldtander
M., Gunnarsson A. (2000): Detection of granulocytic Ehrlichia species DNA by PCR in
persistently infected dogs. Vet. Rec., 146: 186–190.
Eichhorn M., Dobbelaere D. A. E. (1994): Induction of signal transduction pathways in
lymphocytes infected by Theileria parva. Parasitol. Today, 10: 469–472.
Eiffert H, Ohlenbusch A, Christen HJ, Thomssen R, Spielman A, Matuschka FR. (1995):
Nondifferentiation between Lyme disease spirochetes from vector ticks and human
cerebrospinal fluid. J. Infect .Dis., 171: 476-479.
Eiffert H., Karsten A , Thomssen R , Christen H. J. (1998): Characterization of Borrelia
burgdorferi strains in Lyme arthritis. Scand J Infect Dis., 30: 265-268.
Eisen .L, Eisen R. J., Lane R. S. (2004): The roles of birds, lizards, and rodents as hosts for
the western black-legged tick Ixodes pacificus. J. Vector. Ecol., 29: 295-308.
Eisendle K., Zelger B. (2009): The expanding spectrum of cutaneous borreliosis. G. Ital.
Dermatol. Venereol., 144: 157-171.
Elfassy O. J., Goodman F. W., Levy S. A., Carter L. L. (2001): Efficacy of an amitrazimpregnated collar in preventing transmission of Borrelia burgdorferi by adult Ixodes
scapularis to dogs. J. Am. Vet. Med. Assoc., 219: 185–189
Ellis J., Hefford C., Baverstock P. R., Dalrymple B. P., Johnson A. M. (1992): Ribosomal DNA
sequence comparison of Babesia and Theileria. Mol. Biochem. Parasitol., 54: 87-96.
Emerson H. R., Wright W. T. (1968): The isolation of a babesia in white-tailed deer. Wildl.
Dis., 4(4): 142.
Endris R. G., Matthewson M. D., Cooke D., Amodie D. (2002): Repellency and efficacy of 65%
permethrin and 9.7% fipronil against Ixodex ricinus. Tierarztliche Umschau, 57 (10): 556566.
Engin A., Elaldi N., Bolayir E., Dokmetas I., Bakir M. (2006): Tick paralysis with atypical
presentation: isolated, reversible involvement of the upper trunk of brachial plexus. Emerg
Med J., 23 (7).
Engstrom S. M., Shoop E., Johnson R. C. (1995): Immunoblot interpretation criteria for
serodiagnosis of early Lyme disease. J. Clin. Microbiol., 33: 419-427.
Engvall E. O., Egenvall A. (2002): Granulocytic ehrlichiosis in Swedish dogs and horses. Int.
J. Med. Microbiol., 33: 100–103.
Entrican J. H., Williams H., Cook I. A., Lancaster W. M., Clark J. C., Joyner L. P., Lewis D.
(1979): Babesiosis in man: report of a case from Scotland with observations on the infecting
264
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
strain. J. Infect., 1: 227-234.
Erbsloh J. K. E. (1975): Babesiosis in the newborn foal. J. Rep. Fertil., 23, pp 725-726
Eremeeva M. E., Oliveira A., Robinson J. B., Ribakova N., Tokarevich N. K., Dasch G. A.
(2006): Prevalence of bacterial agents in Ixodes persulcatus ticks from the Vologda Province
of Russia. Ann. N. Y. Acad. Sci., 1078: 291–298.
Ershov V. S. (1956): Parasitology and parasitic diseases od livestock. Natural Science
Foundation and Department of Agriculture, Washington, USA
Eskow E. S., Krause P. J., Spielman A., Freeman K., Aslanzadeh J. (1999): Southern
extension of the range of human babesiosis in the eastern United States. J. Clin. Microbiol.,
37: 2051-2052.
Estrada-Peña A, Ortega C, Sanchez N, DeSimone L, Sudre B, Suk JE, et al. (2011):
Correlation of Borrelia burgdorferi sensu lato prevalence in questing Ixodes ricinus ticks with
specific abiotic traits in the western Palearctic. Appl. Env. Microbiol., 77(11): 3838-3845.
Estrada-Peña A., Bouattour A., Camicas J., Walker L.A.R. (2004): Ticks of Domestic Animals
in the Mediterranean Region. A guide to Identification of Species. (ICTTD2, ed.).
Etkind, P., Piesman J., Ruebush II T., Spielman A., Juranek D. D. (1980). Methods for
detecting Babesia microti infection in wild rodents. J. Parasitol., 66: 107–110
European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). Factsheet for health
professionals
(Lyme
disease).
Updated
16
June
2010.
Available
from:
http://www.ecdc.europa.eu/en/
healthtopics/tick_borne_diseases/lyme_disease/basic_facts/Pages/factsheet_health_professio
nals.aspx.
Falagas M. E., Klempner M. S. (1996): Babesiosis in patients with AIDS: a chronic infection
presenting as fever of unknown origin. Clin. Infect. Dis., 22: 809–812.
Favia G., Cancrini G., Carfì A., Grazioli D., Lillini E., Iori A. (2001): Molecular identification of
Borrelia valaisiana and HGE-like Ehrlichia in Ixodes ricinus ticks sampled in north-eastern
Italy: first report in Veneto region. Parassitologia., 43: 143-146.
Fawcett D. W., Binnington K., Voigt W. P. (1986): The cell biology of the ixodid tick salivary
gland. In: Sauer J.R., Hair J.A. (Eds.) Morphology, physiology and behavioral bio logy of ticks.
Ellis Horwood Ltd., Chichester, UK, 1986, pp. 22-45.
Fawcett D. W., Doxsey S., Stagg D. A., Young A. S. (1982): The entry of sporozoites of
Theileria parva into bovine lymphocytes in vitro: electron microscopic observations. Eur. J.
Cell. Biol., 27: 10–21.
Fazii P., Ballone E., Ippolito N., Cosentino L., Clerico L., Galella G., Riario Sforza G.,
Schioppa F. (2000): Survey of Lyme disease in Abruzzo (Italy). Int J Immunopathol
Pharmacol. 13: 151-156.
Feldman-Muhsam B., Borut S. (1971): Copulation in Ixodid ticks. J. Parassitol., 57: 630-634.
Feldman-Muhsam B., Borut S. (1978): Further observations on spermatophore formation in
Argas ticks. J.Insect Physiol., 24: 693-697.
Fell A. H., Preston P. M., Ansell J. D. (1990): Establishment of Theileria-infected bovine cell
lines in scid mice. Parasitol. Immunol. 12: 335–339.
Felsheim R. F., Herron M. J., Nelson C. M., Burkhardt N. Y., Barbet A. F., Kurtti T. J.,
Munderloh U. G. (2006): Transformation of Anaplasma phagocytophilum. BMC Biotechnol.,
6: 42.
Fich C., Klauenberg U., Fleischer B., Broker B. M. (1998): Modulation of enzymatic activity of
src-family kinases in bovine T cells transformed by Theileria parva. Parasitology, 117: 107115
Fingerle V., Goodman J. L., Johnson R. C., Kurtti T. J., Munderloh U. G., Wilske B. (1997):
Human granulocytic ehrlichiosis in southern Germany: increased seroprevalence in high-risk
groups. J. Clin. Microbiol., 35: 3244–3247.
Fingerle V., Munderloh U. G., Liegl G., Wilske B. (1999): Coexistence of ehrlichiae of the
phagocytophila group with Borrelia burgdorferi in Ixodes ricinus from Southern Germany. Med.
Microbiol. Immunol., 188: 145-149.
265
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Fish D., Childs J. E. (2009): Community-Based Prevention of Lyme Disease and Other TickBorneDiseases Through Topical Application of Acaricide to White-Tailed Deer: Background
and Rationale. Vector-Borne and Zoonotic Diseases, 9: 357–364.
Fitzpatrick J. E. P., Kennedy C. C., McGeown M. G., Oreopoulos D. G., Robertson J. H.,
Soyannwo M. A. (1969): Further details of the third recorded case of redwater (babesiosis) in
man, Br. Med. J., 4: 770.
Fitzpatrick J. E. P., Kennedy C. C., McGeown M. G., Oreopoulos D. G., Robertson J. H.,
Soyannwo M. A. (1968): Human case of piroplasmosis (Babesiosis), Nature, 217: 861.
Flisiak I., Schwartz R. A., Chodynicka B. (1999): Clinical features and specific immunological
response to Borrelia afzelii in patients with acrodermatitis chronica atrophicans. J Med., 30:
267-278.
Flood P.F., Abrams S.R., Muir G.D., Rowell J.E. (1989): Odor of the muskox. A preliminary
investigation. J. Chem. Ecol, 15: 2207–2217.
Foggie A. (1951): Studies on the infectious agent of tick-borne fever. J. Pathol. Bacteriol., 63:
1-15. (Citato da Woldehiwet, 2010).
Foggie A. (1956): The effect of tick-borne fever on the resistance of lambs to staphylococci. J
Comp Pathol.,;66: 278–285.
Foley J. E., Crawford-Miksza L., Dumler J. S., Glaser C., Chae J. S., Yeh E., Schnurr D., Hood
R., Hunter W., Madigan J. F. (1999): Human granulocytic ehrlichiosis in Northern California:
two case descriptions with genetic analysis of the Ehrlichiae. Clin. Infect. Dis., 29: 388–392.
Foley J. E., Foley P., Madigan J. E. (2001): Spatial distribution of seropositivity to the
causative agent of granulocytic ehrlichiosis in dogs in California. Am J Vet Res., 62: 1599–
1605.
Foley J. E., Kramer V. L., Weber D. (2002): Experimental ehrlichiosis in dusky footed woodrats
(Neotoma fuscipes). J. Wildl. Dis., 38: 194–198.
Foley J. E., Nieto N. C., Massung R., Barbet A., Madigan J., Brown R. N. (2009): Distinct
ecologically relevant strains of Anaplasma phagocytophilum. Emerg. Infect. Dis., 15: 842–
843.
Foley J., Drazenovich N., Leutenegger C., Chomel B. B. (2007): Association between
polyarthritis and thrombocytopenia and increased prevalence of vectorborne pathogens in
Californian dogs. Vet Rec., 160: 159–162.
Foley J., Nieto N. (2006): Anaplasma phagocytophilum subverts tick salivery gland proteins.
Trends in Parasitology, 23: 3-5.
Foley J., Nieto N. C., Madigan J., Sykes J. (2008): Possible differential host tropism in
Anaplasma phagocytophilum strains in the Western United States. Ann. N. Y. Acad. Sci.,
1149: 94–97.
Foley J..E, Foley P., Brown R. N., Lane R. S., Dumlers J. S., Madigan J. E. (2004): Ecology of
granulocytic ehrlichiosis and Lyme disease in the western United States. J. Vector. Ecol., 29:
41–50.
Foppa I. M., Krause P. J., Spielman A., Goethert H., Gern L., Brand B., Telford S. R. III (2002):
Entomologic and serologic evidence of zoonotic trasmission of Babesia microti in Eastern
Switzerland. Emerg Infect Dis., 8: 722-726.
Fox J. L. (2000): Ehrlichiosis agent blocks apoptosis, preserving host and habitat. ASM News,
66: 291.
Fragoso H., Rad P.H., Ortiz M., Rodriguez M., Redondo M., Herrera L., de la Fuente J. (1998):
Protection against Boophilus annulatus infestations in cattle vaccinated with the Boophilus
microplus Bm86-containing vaccine GAVAC. Vaccine, 16: 1990-1992.
Francis J. (1966): Resistence of zebu and other cattle to tick infestation and babesiosis with
special reference to Australia: an historical review. Brit. Vet. J., 122: 301-307.
Franke J., Fritzsch J., Tomaso H., Straube E., Dorn W., Hildebrandt A. (2010): Coexistence of
pathogens in host-seeking and feeding ticks within a single natural habitat in Central
Germany. Appl. Environ. Microbiol. 76(20): 6829-6836.
Franke J., Hildebrandt A., Meier F., Straube E., Dorn W. (2011): Prevalence of Lyme disease
266
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
agents and several emerging pathogens in questing ticks from the German Baltic coast. J.
Med. Entomol., 48(2): 441-444.
Fraser C. M., Casjens S., Huang W. M., Sutton G. G., Clayton R., Lathigra R., White O.,
Ketchum K. A., Dodson R., Hickey E. K., Gwinn M., Dougherty B., Tomb J. F., Fleischmann R.
D., Richardson D., Peterson J., Kerlavage A. R., Quackenbush J., Salzberg S., Hanson M.,
van Vugt R., Palmer N., Adams M. D., Gocayne J., Weidman J., Utterback T., Watthey L.,
McDonald L., Artiach P., Bowman C., Garland S., Fuji C., Cotton M. D., Horst K., Roberts K.,
Hatch B., Smith H. O., Venter J. C. (1997): Genomic sequence of a Lyme disease
spirochaete, Borrelia burgdorferi. Nature, 390: 580-586.
Friedhoff K. T., Ganse-Dumrath D., Weber C. e Muller I. (1989): Epidemiology and control of
Babesia divergens infections in northern Germany. Proc. 8th Nat. Vet. Hemoparasite
Disease Conf. St. Louis: 441–449.
Friedman A. D. (2007): Transcriptional control of granulocyte and monocyte development.
Oncogene, 26: 6816-6828.
Fritz C. L., Kjemtrup A. M., Conrad P. A., Flores G. R., Campbell G. L., Schriefer M. E., Gallo
D., Vugia D. J. (1997): Seroepidemiology of emerging tickborne infectious diseases in a
Northern California community. J. Infect. Dis., 175: 1432-1439.
Frusteri L., Khoury C., Maroli M. (1994): Temporal distribution of ticks (Acarina: Ixodidae) in
"Macchia Grande" park in Manziana in the province of Rome. Parassitologia, 36 (3): 295300.
Fujiwara H., Fujiwara K., Hashimoto K., Mehregan A. H., Schaumburg-Lever G., Lange R.,
Schempp C., Gollnick H. (1997): Detection of Borrelia burgdorferi DNA (B garinii or B afzelii) in
morphea and lichen sclerosus et atrophicus tissues of German and Japanese but not of US
patients. Arch. Dermatol., 133: 41-44.
Fukumoto S., Tamaki Y., Igarashi I., Suzuki H., Xuan X. (2009): Immunogenicity and growth
inhibitory efficacy of the prime-boost immunization regime with DNA followed by recombinant
vaccinia virus carrying the P29 gene of Babesia gibsoni in dogs. Exp. Parasitol., 123: 296–
301.
Fukumoto S., Tamaki Y., Okamura M., Bannai H., Yokoyama N., Suzuki T., Igarashi I., Suzuki
H., Xuan X. (2007) Prime-boost immunization with DNA followed by are combinant vaccinia
virus expressing P50 induced protective immunity against Babesia gibsoni infection indogs.
Vaccine, 25: 1334–1341.
Fukumoto S., Tamaki Y., Shirafuji H., Harakawa S., Suzuki H., Xuan X. (2005). Immunization
with recombinant surface antigen P50 of Babesia gibsoni expressed in insect cells induced
parasite growth inhibition in dogs. Clin. Diagn. Lab. Immunol., 12: 557–559.
Fukunaga M., Okada K., Nakao M., Konishi T., Sato Y. (1996): Phylogenetic analysis of
Borrelia species based on flagellin gene sequences and its application for molecular typing of
Lyme disease borreliae. Int. J. Syst. Bacteriol., 46: 898-905.
Furman D. P., Loomis E. C. (1984): The ticks of California (Acari:Ixodida), 25 Berkeley, CA:
University of California Press.
Gabrielli S., Galuppi R., Marcer F., Marini C., Tampieri M. P., Moretti A., Cancrini G.,
Pietrobelli M. (2010): Development of serological tools to diagnose Babesia divergens
infections in animals and humans. Parassitologia, 52: 315.
Galley Y., Hagens G., Glaser I., Davis W., Eichhorn M., Dobbelaere D. (1997): Jun NH2terminal kinase is constitutively activated in T cells transformed by the intracellular parasite
Theileria parva. Proc. Natl. Acad. Sci. USA 94: 5119–5124.
Galuppi R., Bonoli C., Aureli S., Cassini R., Marcer F., Foley J. E., Tampieri M. P. (2011).
Comparison of diagnostic methods to detect piroplasms in asymptomatic cattle. Vet Parasitol.
Jul 27.
Garbe C., Stein H., Gollnick H., Taud W., Orfanos C. E. (1988): Cutaneous B cell lymphoma in
chronic Borrelia burgdorferi infection. Report of 2 cases and a review of the literature [in
German]. Hautarzt, 39: 717-726. Citato da Bhate C. e Schwartz R. A. (2011).
Garboui S. S., Jaenson T. G., Palsson K. (2006): Repellency of MyggA Natural spray (para-
267
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
menthane-3,8-diol) and RB86 (neem oil) against the tick Ixodes ricinus (Acari: Ixodidae) in the
field in east-central Sweden. Exp. App. Acarol., 40 (3-4): 271-277.
Garcia-Garcia J. C., Rennoll-Bankert K. E., Pelly S., Milstone A. M., Dumler J. S. (2009):
Silencing of host cell CYBB gene expression by the nuclear effector AnkA of the intracellular
pathogen Anaplasma phagocytophilum. Infect Immun., 77: 2385–2391.
García-Sanmartín J., Aurtenetxe O., Barral M., Marco I., Lavin S., García-Pérez A. L., Hurtado
A. (2007): Molecular detection and characterization of piroplasms infecting cervids and
chamois in Northern Spain. Parasitology., 134(Pt 3): 391-398.
Garippa G. (2010): Parassiti degli ovini e dei caprini. In: Taylor M. A., Coop R. L. e Wall R. L.
(Eds) Parassitologia e malattie parassitarie degli animali. EMSI, Roma, Italia, pp: 152-260
Garnham P. C. C., Donnelly J., Hoogstraal H., Kennedy C. C., Walton G. A. (1969): Human
babesiosis in Ireland: further observations and the medical significance of this infection. Br.
Med. J., 4: 768-770.
Garyu J. W. A., Choi K. S., Grab D. J., Dumler J. S. (2005): Defective phagocytosis in
Anaplasma phagocytophilum-infected neutrophils. Infect. Immun., 73: 1187–1190.
Gauci M., Loh R. K., Stone B. F., Thong Y. H. (1989): Allergic reactions to the Australian
paralysis tick, Ixodes holocyclus: diagnostic evaluation by skin test and radioimmunoassay.
Clin. Exp. Allergy, 19: 279-283.
Geissmann F., Auffray C., Palframan R., Wirrig C., Ciocca A., Campisi L., Narni-Mancinelli E.,
Lauvau G. (2008): Blood monocytes: distinct subsets, how they relate to dendritic cells, and
their possible rotes in the regulation of T-cell responses. Immunol. Cell Biol., 86: 398-408.
Genchi C. (1996): Tick-trasmitted disease. Proceedings International Forum on Fleas and
Ticks Control, Rhone-Merieux: 25-34.
Genchi C., Manfredi M.T. (1999): Tick species infesting ruminants in Italy: ecological and bioclimatic factors affecting the different regional distribution. Parassitologia, 41 (Suppl. 1): 4145.
Genchi C., Rizzoli A., Rosà R., Nicolini G., Pugliese A. (2000): Ecologia e modellistica delle
malattie trasmesse da zecche. Report Centro di Ecologia Alpina, Trento, 2000, 21: 42-48.
George J. E., Davey R. B., Ahrens E. H., Pound J. M., Drummond R. O. (1998). Efficacy of
amitraz (Taktic® 12.5% EC) as a dip for the control of Boophilus microplus (Canestrini) (Acari:
Ixodidae) on cattle. Prev. Vet. Med., 37: 55–67.
George J. E., Pound J. M. And Davey R. B. (2008): Acaricides for controlling ticks on cattle
and the problem of acaricide resistance. In: Bowman A. S. and Nuttal P. A. (Eds.) Ticks
Biology, Disease and Control. Cambridge University press, New York, USA, 2008, pp 408423.
George, J. E. Davey R. B. (2004). Therapeutic and persistent efficacy of a single application of
doramectin applied either as a pour-on or injection to cattle infested with Boophilus microplus
(Acari: Ixodidae). J. Med. Entomol., 41: 402–407.
Gerber M. A., Shapiro E. D., Krause P. J., Cable R. G., Badon S. J., Ryan R. W. (1994): The
risk of acquiring Lyme disease or babesiosis from a blood transfusion. J. Infect. Dis., 170:
231-234.
Gern L. (1994): Certainity and uncertainity about ecology, epidemiology and control of Lyme
borreliosis. Advances in Lyme Borreliosis research. Proc. IV Int Conf Lyme Borreliosis,
1994, pp. 199-204.
Gern L. (2008): Borrelia burgdorferi sensu lato, the agent of lyme borreliosis: life in the wilds.
Parasite., 15(3): 244-247.
Gern L., Douet V., López Z., Rais O., Cadenas F. M. (2010): Diversity of Borrelia genospecies
in Ixodes ricinus ticks in a Lyme borreliosis endemic area in Switzerland identified by using
new probes for reverse line blotting. Ticks Tick Borne Dis., 1(1):23-29.
Gfeller R. W., Messonnier S. P. (2004): Tossicologia ed avvelenamenti nei piccoli animali.
Traduzione italiana a cura di Formato G. e Ronconi C., Poletto Editore srl., Milano, 2005, pp.
141-142.
Ghirotti M., Maroli M. (1997): Ticks and tick-borne diseases as a constraint to sheep and goat
268
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
production in Italy. Selected features. Parassitologia, 39: 111-114.
Giangaspero A. (1999): L’infestazione da zecche nei cani e gatti. Obbiettivi e documenti
Veterinari, 10: 5-18.
Giangaspero A., Otranto D. (2010): Ectoparassiti ed artropodi vettori. In Taylor M. A., Coop R.
L., Wall R. L. (Eds.), Parassitologia e malattie parassitarie degli animali, EMSI, Roma, Italia,
2010, pp: 679-754.
Gibson M. D., Omran M. T., Young C. R. (1995): Experimental feline Lyme borreliosis as a
model for testing Borrelia burgdorferi vaccines. Adv. Exp. Med. Biol., 383: 73-82.
Gilmour J. L., Brodie T. A., Holmes P. H. (1982): Tick-borne fever and pasteurellosis in sheep.
Vet Rec., 111: 512.
Gilot B., Laforge M.L., Cabassu J.P., Romani M. (1992): Elements pour la cartographie
ecologique des populations de Rhipicephalus du groupe sanguineus dans l’agglomeration
marseillaise, en relation avec les diverses formes d’urbanisation. Acarologia, 33: 17-33.
Gilot B., Pautou G., Moncada E. (1975): L’analyse de la vegetation appliqué a la detection des
populations tiques exophiles dans le sud-est de la France: l’exemple d’Ixodes ricinus. Acta
Tropicalis, 32: 232-258.
Gilot B., Pautou G., Moncada E., Ain G., Lachet B., Christin J. G. (1979): La cartographie des
populations de tiques exophiles par la biasis de la vegetation: bases ecologiques, interêt
epidemiologique. Doc. Cartogr. Ecol., 22: 65-80.
Ginsberg H. S., Stafford K. C. (2005): Forum: Management of Ticks and Tick-Borne Diseases.
In: Goodman J. L., Dennis D. T., Sonenshine D.E. (Eds.) Tick-Borne Diseases of Humans.
Asm Press, Washington DC, pp. 65-86
Girard Y. A., Fedorova N., Lane R. S. (2010): Genetic diversity of Borrelia burgdorferi and
detection of B. bissettii-like DNA in serum of north-coastal California residents. J. Clin.
Microbiol. [Epub ahead of print] doi:10.1128/JCM.01689-10.
Girschick H. J., Morbach H., Tappe D. (2009): Treatment of Lyme borreliosis. Arthritis Res
Ther., 11(6):258.
Giudice E., Domina F., Britti D., Di Pietro S., Pugliese A. (2003): Clinical findings associated
with Borrelia burgdorferi infection in the dog. Vet Res Commun., 27 (Suppl 1): 767-770.
Giudice E., Giannetto C., Furco V., Alongi A., Torina A. (2012): Anaplasma phagocytophilum
seroprevalence in equids: a survey in Sicily (Italy). Parasitol. Res. Feb 24. [Epub ahead of
print].
Giudice E., Giannetto C., Torina A., Gianesella M. (2011): Anaplasma Phagocytophilum
intragranulocytic morulae in aborting sheep: a herd case in Sicily. Transbound Emerg Dis.,
58(3):263-7.
Glass E. J., Innes E. A., Spooner R. L., Brown C. G. D. (1989): Infection of bovine
monocyte/macrophage populations with Theileria annulata and Theileria parva. Vet.
Immunol. Immunopathol., 22: 355-368.
Glass E. J., Jensen K. (2007): Resistance ans susceptibility to a protozoan parasite of cattlegene expression differences in macrophages from different breeds of cattle. Vet. Immunol.
Immunopathol., 120: 20-30.
Glass E. J., Spooner R. L. (1990): Parasite-accessory cell interactions in theileriosis. Antigen
presentation by Theileria annulata-infected macrophages and production of continuously
growing antigen-presenting cell lines. Eur. J. Immunol., 20: 2491-2497.
Glenn B. L., Stair E. L. (1984): Cytauxzoonosis in domestic cats: reéort two cases in
Oklahoma, with a review and discussion of the disease. JAVMA. 184: 822-825.
Goble F. C. (1966): Pathogenesis of blood protozoa. In: Soulsby E.J. L. (Ed.) Biology of
parasites. Academic Press, London, UK, pp 237-254.
Godfroid E., Min H. C., Humair P. F., Bollen A., Gern L. (2003): PCR-reverse line blot typing
method underscores the genomic heterogeneity of Borrelia valaisiana species and suggests
its potential involvement in Lyme disease. J. Clin. Microbiol., 41: 3690–3698.
Goethert H.K., Telford S.R. III (2003): Enzootic transmission of Babesia divergens among
cottontail rabbit on Nantucket Island, Massachussets. Am. J. Trop. Med. Hyg., 69: 455-460.
269
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Goetz N., Kaba G., Good D., Hussler G., Bore P. (1988): Detection and identification of
volatile compounds evolved from human hair and scalp using headspace gas
chromatography. J. Soc. Cosm. Chem., 39: 1–13.
Goff W. L., Jessup D. A., Waldrup K. A., Thomford J. W., Conrad P. A., Boyce W. M., Gorham
J. R., Wagner G. G. (1993): The isolation and partial characterization of a Babesia spp. from
desert bighorn sheep (Ovis canadensis nelsoni). J. Eukaryot Microbiol, 40: 237-243.
Goff W. L., Johnson W. C., Parish S. M., Barrington G. M., Tuo W., Valdez R. A. (2001): The
age-related immunity in cattle to Babesia bovis infection involves the rapid induction of
interleukin-12, interferon-gamma and inducible nitric oxide synthase mRNA expression in the
spleen. Parasite Immunol., 23: 463–471.
Gokce H. I., Woldehiwet Z. (2002): Production of tumour necrosis factor-alpha (TNF-alpha)
and reactive nitrogen intermediates by ovine peripheral blood leucocytes stimulated by
Ehrlichia (Cytoecetes) phagocytophila. J. Comp. Pathol., 126: 202–211.
Gokce H. I., Woldehiwet Z., (1999): Differential haematological effects of tick-borne fever in
sheep and goats. J. Vet. Med., 46: 105–115.
Goldman M., Rosenberg A. S. (1974): Immunofluorescence studies of the small Babesia
species of cattle from different geographical areas. Res. Vet. Sci., 16: 351-354.
Golubic D., Rijpkema S., Tkalec-Makovec N., Ruzic E. (1998): Epidemiologic, ecologic and
clinical characteristics of Lyme borrelliosis in northwest Croatia. Acta Med. Croatica, 52: 713.
Gonzales, J. C., Muniz R. A., Farias A., Goncalves L. C. B., Rew R. S. (1993). Therapeutic
and persistent efficacy of doramectin against Boophilus microplus in cattle. Vet. Par., 49: 107–
109.
Goodman J. L., Nelson C. M., Klein M. B., Hayes S. F., Weston B. W. (1999): Leukocyte
infection by the granulocytic ehrlichiosis agent is linked to expression of a selectin ligand. J
Clin Invest., 103: 407–412.
Goodman J. L., Nelson C., Vitale B., Madigan J. E., Dumler J. S., Kurtti T.J. e Munderloh U. G.
(1996). Direct cultivation of the causative agent of human granulocytic ehrlichiosis. N. Engl. J.
Med., 334: 209–215.
Goossens H. A., van den Bogaard A. E., Nohlmans M. K. (2001): Dogs as sentinels for human
Lyme borreliosis in the Netherlands. J. Clin. Microbiol., 39: 844-848.
Gordon W. S., Brownlee A., Wilson D .R. (1940): Studies on louping ill, tickborne fever and
scrapie. In: Proc. 3rd Int. Congr. Microbiol., p. 362.
Gordon W. S., Brownlee A., Wilson D. R., MacLeod J. (1932): “Tick-borne fever” (A hitherto
undescribed disease of sheep). J. of Comp. Path., 45: 301-307. Citato da Woldehiwet Z.,
2010.
Gorenflot A., Bazin C., Ambroise-Tomas P. (1987): Babesioses humaines: tratment des
formes graves. Presse Med., 16: 1099.
Gorenflot A., Moubri K., Precigout E., Carcy B., Schetters T. P. (1998): Human babesiosis.
Ann. Trop. Med. Parasitol., 92: 489–501.
Gothe R., Kunze K., Hoogstraal H. (1979): The mechanism of pathogeincity in the tick
paralysis. J. Med. Entomol., 16, pp. 357-369.
Gould E. A., Higgs S. (2009): Impact of climate change and other factors on emerging
arbovirus diseases. Tran. Roy. Soc. Trop. Med. Hyg., 103: 109-121.
Graham O. H., Hourrigan, J. L. (1977). Eradication programs for the arthropod parasites of
livestock. J. Med. Entomol., 13: 629–658.
Grange F., Wechsler J., Guillaume J. C., Tortel J., Tortel M. C., Audhuy B., Jaulhac B.,
Cerroni L. (2002): Borrelia burgdorferi associated lymphocytoma cutis simulating a primary
cutaneous large B-cell lymphoma. J. Am. Acad. Dermatol., 47: 530-534.
Granick J. L., Reneer D. V., Carlyon J. A., Borjesson DL. . (2008): Anaplasma
phagocytophilum infects cells of the megakaryocyte lineage through sialyated ligands but fails
to alter platelet production. J Med Microbiol., 57: 416–423.
Granquist E. G., Bårdsen K., Bergström K., Stuen S. (2010a): Variant -and individual
270
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
dependent nature of persistent Anaplasma phagocytophilum infection. Acta Vet Scand., 52:
25.
Granquist E. G., Stuen S., Lundgren A. M., Bråten M., Barbet A. F. (2008): Outer membrane
protein sequence variation in lambs experimentally infected with Anaplasma phagocytophilum.
Infect Immun., 76: 120–126.
Granquist, E. G., Aleksandersen M., Bergström K., Dumler S. J., Torsteinbø W. O., Stuen S.
(2010b): A morphological and molecular study of Anaplasma phagocytophilum transmission
events at the time of Ixodes ricinus tick bite. Acta Vet. Scand. 52:43.
Grauer G. F., Burgess F. C., Cooley A. J., Hagee J. H. (1998): Renal lesions associated with
Borrelia burgdorferi infection in a dog. J. Am. Vet. Med. Assoc., 193: 237-239.
Gray D., Webster K., Berry J. E. (1988): Evidence of louping ill and tickborne fever in goats.
Vet. Rec., 122: 66.
Gray J. S. (1980): Studies on the activity of Ixodes ricinus in relation to the epidemiology of
babesiosis in Co Meath, Ireland. Br. Vet. J., 136. 427-436.
Gray J. S. (1999): Tick-borne pathogen interactions. Infect. Dis. Rev., 1: 117-119.
Gray J. S. (2006): Identity of the causal agents of human babesiosis in Europe. Int. J. Med.
Microbiol., 296(40): 131-136.
Gray J. S. (2008): Ixodes ricinus seasonal activity: implications of global warming indicated by
revisiting tick and weather data,” Int. J. Med. Microbiol., 298, supplement 1: 19–24,
Gray J. S., Gannon P. (1992): Preliminary development of a live drug-controlled vaccine
against bovine babesiosis with the Mongolian gerbil, Meriones unguiculatus. Vet. Par., 42:
179-188.
Gray J. S., Kaye B., Talty P. J., McSweeney C. (1995): The field use of a gerbil-derived and
drug-controlled live vaccine against bovine babesiosis in Ireland. Ir. Vet. J., 48: 358–362.
Gray J. S., Langley R. J., Brophy P. O. e Gannon P. (1989): Vaccination against bovine
babesiosis with drug-controlled live parasites. Vet. Rec., 125: 369–372.
Gray J. S., Murphy T. S. (1985): Bovine Babesiosis in Ireland. Ir. Vet. News, pp 9-14.
Gray J. S., Potgieter F. T (1981): The retention of Babesia bigemina infection by Boophilus
decoloratus exposed to imidocarb diproprionate during engargement. Onderest. J. Vet. Res.,
48: 225-227.
Gray J.S., Dautel H., Estrada-Peña A., Kahl A., Lindgren E. (2009): Effects of climate change
on ticks and tick-borne diseases in Europe. Interdisciplinary Perspectives on Infectious
Diseases, 1-12.
Greco F., Vallone A., Apuzzo G., Vallone G., Tenuta R., Guaglianone L., Giraldi C. (2003):
Presence and indigenous nature of Lyme disease in southern Italy. New Microbiol., 26: 391394.
Green C. E., Straubinger R. K. (2006): Borreliosis. In In Greene C. G. (Ed): Infectious
diseases of the dog and the cat. Third edition, Saunders Elsevier, Philadelphia, PA, USA,
pp:417-435.
Gregson J. D. (1973): Tick paralysis: an appraisal of natural and experimental data.
Monography No.9. Canada department of Agriculture, Kamllops, Canada.
Greig B., Armstrong P. J. (2006): Canine granulocytotropic anaplasmosis (A. phagocytophilum
infection). In Greene C. G. (Ed): Infectious diseases of the dog and the cat. Third edition,
Saunders Elsevier, Philadelphia, PA, USA, pp: 219-224.
Greig B., Asanovich K. M., Armstrong P. J., Dumler J. S. (1996a): Geographic, clinical,
serologic, and molecular evidence of granulocytic ehrlichiosis, a likely zoonotic disease, in
Minnesota and Wisconsin dogs. J Clin Microbiol., 34: 44–48.
Greig B., Frigo E., Nelson P. M., (1996b): Seroprevalence of a newly emerging zoonotic
granulocytic ehrlichial disease in Minnesota and Wisconsin dogs. Abstract # 126. J. Am. Coll.
Vet. Intern. Med., 10: 180.
Grellier P., Santus R., Mouray E., Agmon V., Mazière J. C., Rigomier D., Dagan A., Gatt S.,
Schrével J. (1997): Photosensitized inactivation of Plasmodium falciparum- and Babesia
divergens infected erythrocytes in whole blood by lipophilic pheophorbide derivatives. Vox
271
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Sanguinis, 72: 211–220.
Grellier P., Valentin A., Millerioux V., Schrevel J., Rigomier D. (1994): 3-Hydroxy-3methylglutaryl coenzime A reductase inhibitors lovastatin and simvastatin inhibit in vitro
development of Plasmodium falciparum and Babesia divergens in human erythrocytes.
Antimicrob. Agents Chemother., 38: 1144-1148.
Gribble D. H. (1969): Equine ehrlichiosis. J. Am. Vet. Assoc., 155: 462-469.
Grimm D., Tilly K., Byram R., Stewart P. E., Krum J. G., Bueschel D. M., Schwan T. G.,
Policastro P. F., Elias A. F., Rosa P. A. (2004): Outer-surface protein C of the Lyme disease
spirochete: a protein induced in ticks for infection of mammals. Proc. Natl. Acad. Sci. USA,
101:3142-7.
Grønstøl H., Øverås J. (1980): Listeriosis in sheep. Tick-borne fever used as a model to study
predisposing factors. Acta Vet Scand., 21: 533–545.
Grootenhuis J. G., Young A. S., Dolan T. T., Stagg D. A. (1979): Characteristic of Theileria
species (Eland) infection in eland and cattle. Res. Vet. Sci., 27: 59-68.
Groves M. G., Vanniasingham J. A. (1970): Treatment of B. gibsomi infection infection with
phenamidine isethionate. Vet. Rec., 86: 8-10.
Gruntar I., Malovrh T., Murgia R., Cinco M. (2001): Conversion of Borrelia garinii cystic forms
to motile spirochetes in vivo. APMIS, 109: 383-388.
Grygorczuk S., Zajkowska J., Kondrusik M., Moniuszko A., Pancewicz S., Pawlak-Zalewska
W. (2008): Failures of antibiotic treatment in Lyme arthritis [in Polish]. Przegl. Epidemiol., 62:
581-588. Citato da Bhate C. e Schwartz R. A. (2011).
Grzeszczuk A., Karbowiak G., Ziarko S., Kovalchuk O. (2006): The root-vole Microtus
oeconomus (Pallas, 1776): a new potential reservoir of Anaplasma phagocytophilum. Vector
Borne Zoonotic Dis., 6: 240–243.
Guglielmone A. A, Robbins R. G., Apanaskevich D. A., Petney T. N., Estrada-Peña A., Horak
I. G., Shao R., Barker S. C. (2010): The Argasidae, Ixodidae and Nuttalliellidae (Acari:
Ixodida) of the world: a list of valid species names. Zootaxa, 2528: 1–28.
Gunders A. E. (1977): Piroplasm sporozoites in the argasid Ornithodoros erraticus (Lucas).
Experientia, 33: 892-893.
Gustafson J. M., Burgess E. C., Wachal M. D., Steinberg H. (1993): Intrauterine transmission
of Borrelia burgdorferi in dogs. Am. J. Vet. Res., 54: 882-890.
Gustafson R., Gardulf A., Svenungsson B. (1989): Comparison of culture, indirect
immunofluorescence and dark-field microscopy for detection of spirochetes from Ixodes
ricinus ticks. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 8: 570-572.
Haake D. A. (2000): Spirochaetal lipoproteins and pathogenesis. Microbiology, 146: 14911504.
Hahn C. N., Mayhew I. G., Whitwell K. E., Smith K. C., Carey D., Carter S. D., Read R. A.
(1996): A possible case of Lyme borreliosis in a horse in the UK. Equine Vet. J. 28: 84–88.
Hajek A. E., Geottel M. S. (2000): Guidelines for evaluating effects of entomopathogens on
non-target organisms. In: Lacey LA Kaya HK (Eds.) Field Manual of Techniques in
Invertebrate Pathology. Kluwer, Dordrecht, pp. 847–868
Hale T. K., Myers C., Maitra R., Kolzau T., Nishizawa M., Braithwaite A. W. (2000): Maf
transcriptionally activates the mouse p53 promoter and causes a p53-dependent cell death. J.
Boil. Chem., 275: 17991-17999.
Hall T. A. (1999): BioEdit: a user-friendly biological sequence alignment editor and analysis
program for Windows 95/98/NT. Nucl. Acids. Symp. Ser., 41: 95-98.
Hall W. T. K. (1960): The immunity of calves to Babesia argentina infection. Aust. Vet. J., 36:
361-366.
Haller D., Mackiewicz M., Gerber S., Beyer D., Kullmann B., Schneider I., Ahmed J. S., Seitzer
U. (2010): Cytoplasmic sequestration of p53 promotes survival in leukocytes transformed by
Theileria. Oncogene, 29: 3079-3086.
Hansen K., Lebech A. M. (1991): Lyme neuroborreliosis: a new sensitive diagnostic assay for
intrathecal synthesis of Borrelia burgdorferi-specific immunoglobulin G, A, and M. Ann.
272
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Neurol., 30: 197-205.
Hansen M. G., Christoffersen M., Thuesen L. R., Petersen M. R., Bojesen A. M. (2010):
Seroprevalence of Borrelia burgdorferi sensu lato and Anaplasma phagocytophilum in Danish
horses. Acta Vet. Scand., 52: 49.
Hardalo C. J., Quagliarello V., Dumler J. S. (1995): Human granulocytic ehrlichiosis in
Connecticut: report of a fatal case. Clin. Infect. Dis., 21: 910-914.
Hartelt K., Oehme R., Frank H., Brockmann S. O., Hassler D., Kimming P. (2004): Pathogens
and symbionts in ticks: prevalence of Anaplasma phagocytophilum (Ehrlichia sp.), Wolbachia
sp., Rickettsia sp. And Babesia sp. In southern Germany. Int. J. Med. Microbiol., 293: 86-92.
Hartelt K., Pluta S., Oehme R., Kimmig P. (2008): Spread of ticks and tick-borne diseases in
Germany due to global warming. Parasitol. Res., 103: S109–116.
Harvey J. W., Taboada J., Lewis J. C. (1988): Babesiosis in a litter of pups. J. Am. Vet. Med.
Assoc., 192: 1751–1752.
Harwood R. F., James M. T. (1979): Entomology in human and animal health. MacMillan
Publishing Co., New York, USA.
Häselbarth K., Tenter A. M., Brade V., Krieger G., Hunfeld K.P (2007): First case of human
babesiosis in Germany – Clinical presentation and molecular characterisation of the pathogen.
Int. J. Med. Microbiol., 297: 197-204.
Hashemi-Fesharki R (1991) Chemotherapeutic value of parvaquone and buparvaquone
against Theileria annulata infection of cattle. Res. Vet. Sci., 50: 204-207.
Hayes E. B., Piesman J. (2003): How can we prevent Lyme disease. The New England
Journal of Medicine, 348: 2424–2430.
Hayes S. F., Burgdorfer W. (1993): Ultrastructure of Borrelia burgdorfer. In Weber K,
Burgdorfer W. (Eds.), Aspects of Lyme borreliosis, Springer-Verlag, Berlin, Germany, pp: 2943. Citato da Aguero-Rosenfeld e coll., 2005.
Healy G. R., Ristic M. (1988): Human babesiosis. In: Ristic M. (Ed) Babesiosis of Domestical
Animals and Man. CRC Press, Inc. Boca Raton Floride: pp 209-225
Healy G. R., Spielman A., Gleason N. (1976): Human babesiosis: reservoir of infection on
Nantucket Island. Science 19: 479–480.
Hechemy K. E., Samsonoff W. A., Harris H. L., McKee M. (1992): Adherence and entry of
Borrelia burgdorferi in Vero cells. J. Med. Microbiol., 36: 229–238.
Hegde S. P., Zhao J., Ashmun R. A., Shapiro L. H. (1999): C-maf induces monocytic
differentiation and apoptosis in biopotent myeloid progenitors. Blood, 94: 1578-1589.
Heikkilä H. M., Bondarenko A, Mihalkov A, Pfister K, Spillmann T. (2010): Anaplasma
phagocytophilum infection in a domestic cat in Finland: Case report. Acta Vet Scand., 52: 62.
Hellerstrom S. (1930): Erythema chronicum migrans Afzelii. Acta Derm. Venereol. (Stockh),
11: 315-321. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
rd
Henning M. W. (1956): Animal diseases in South Africa. 3 ed. Central News Agency,
Pretoria, South Africa, pp 537-561.
Hercogová J. (2002): Borrelia burgdorferi: a protagonist in Lyme disease, a bystander in
morphoea? J. Eur. Acad. Dermatol. Venereol., 16: 98-99.
Herron M. J., Ericson M. E., Kurtti T. J. e Munderloh U. G. (2005): The interactions of
Anaplasma phagocytophilum, endothelial cells, and human neutrophils. Ann. N. Y. Acad.
Sci., 1063: 374–382.
Herron M. J., Nelson C. M., Larson J., Snapp K. R., Kansas G. S., Goodman J. L. (2000):
Intracellular parasitism by the human granulocytic ehrlichiosis bacterium through the Pselectin ligand, PSGL-1. Science, 288: 1653–1656.
Herwaldt B. L., Cacciò S., Gherlinzoni F., Aspock H., Slemenda S. D., Piccalunga P., Martinelli
G., Edelhofer R., Hollstein U., Poletti G., Pampiglione S., Loschenberger K., Tura S. e
Pieniazek N (2003): Molecular charcterization of a non-Babesia divergens organism causing
zoonotic babesiosis in Europe. Emerging Infectious Disease, 9: 942-948.
Herwaldt B. L., de Bruyn G., Pieniazek N. J., Homer M., Lofy K. H., Slemenda S. B., Fritsche
T. R., Persing D. H., Limaye A. P. (2004): Babesia divergens-like infection, Washington State.
273
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Emerg. Infect. Dis., 9: 942-948.
Herwaldt B. L., Kjemtrup A. M., Conrad P. A., Barnes R. C., Wilson M., McCarthy M. G.,
Sayers M. H. e Eberhard M. L. (1997): Transfusion-transmitted babesiosis in Washington
State: first reported case caused by a WA-1 type parasite. J. Infect. Dis, 175: 1259-1262.
Herwaldt B. L., Persing D. H., Precigout E. A., Goff W. L., Mathiesen D. A., Taylor P. W.,
Eberhard M. L., Gorenflot A. F.(1996): A fatal case of babesiosis in Missouri. Identification of
another piroplasm that infects humans. Ann. Intern. Med., 124: 643–650.
Herxheimer K., Hartmann K. (1902): Ueber Acrodermatitis chronic atrophicans. Arch. F.
Dermatol. U. Syph., 61: 57-76. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
Hildebrandt A., Pauliks K., Sachse S., Straube E. (2010): Coexistance of Borrelia spp. and
Babesia spp. In Ixodes ricinus ticks in Middle Germany. Vector-borne Zoon. Dis., 9: 831-837.
Hillyard P. (1996): Ticks of North-West Europe. Natural History Museum, London, U.K., pp.
178.
Hilpertshauser H., Deplazes P., Schnyder M., Gern L., Mathis A. (2006): Babesia spp.
Identified by PCR in ticks collected from domestic and wild ruminants in Souther Switzerland.
App. Envir. Microbiol., 72: 6503-6507.
Hoby S., Robert N., Mathis A., Schmid N., Meli M. L., Hofmann-Lehmann R., Lutz H.,
Deplazes P., Ryser-Degiorgis M. P. (2007): Babesiosis in free-ranging chamois (Rupicapra r.
rupicapra) from Switzerland. Vet Parasitol., 148(3-4): 341-345.
Hödl S., Soyer H., Müllegger R. (1996): Dermatopathologic diagnosis of Lyme borreliosis.
Acta Derm Venereol (Ljubljana). 5: 123-9.
Hodzic E., Borjesson D. L., Feng S. e Barthold S.W. (2001): Acquisition dynamics of Borrelia
burgdorferi and the agent of human granulocytic ehrlichiosis at the host-vector interface.
Vector Borne Zoonotic Dis. 1: 149–158.
Hodzic E., Fish D., Maretzki C. M., De Silva A. M., Feng S., Barthold S.W. (1998a): Acquisition
and transmission of the agent of human granulocytic ehrlichiosis by Ixodes scapularis ticks. J.
Clin. Microbiol., 36: 3574–3578.
Hodzic E., Ijdo J. W., Feng S., Katavolos P., Sun W., Maretzki C. H., Fish D., Fikrig E., Telford
S. R. 3rd, Barthold S. W. (1998b): Granulocytic ehrlichiosis in the laboratory mouse. J Infect
Dis., 177: 737–745.
Hofmeister E. K., Kolbert C. P., Abdulkarim A. S., Magera J. M., Hopkins M. K., Uhl J. R.,
Ambyaye A., Telford S. R. III, Cockerill F. R. III, Persing D. H. (1998): Cosegregation of a
novel Bartonella species with Borrelia burgdorferi and Babesia microti in Peromyscus
leucopus. J. Infect. Dis.; 177: 409–416.
Holman P. J., Becu T., Bakos E., Polledo G., Cruz D., Wagner G. G. (1998): Babesia equi field
isolates cultured from horse blood using a microcentrifuge method. J. Parasitol, 84: 696-699.
Holman P. J., Frerichs W. M., Chieves L., Wagner G. G. (1993): Culture confirmation of the
carrier status of Babesia caballi-infected horses. J. Clin. Microbiol., 31: 698-701.
Holman P. J., Spencer A. M., Droleskey R. E., Goethert H. K., Telford S.R.III (2005): In vitro
cultivation of a Zoonotic Babesia sp. Isolated from Eastern Cottontail Rabbit (Sylvilagus
floridanus) on Nantucket Island, Massachussets. Journal of Clinical Microbiology, 43: 39954001.
Homer M. J., Aguilar-Delfin I., Telford III S. R., Krause P. J., Persing D. H. (2000): Babesiosis.
Clin. Microbiol. Rev., 13(3): 451-496.
Horowitz H. W., Aguero-Rosenfeld M. E., Dumler J. S., McKenna D. F., Hsieh T. C., Wu J.,
Schwartz I., Wormser G. P. (1998b): Reinfection with the agent of human granulocytic
ehrlichiosis. Ann Intern Med., 129: 461–463.
Horowitz H. W., Hsieh T. C., Aguero-Rosenfeld M. E., Chowdhury I., Wormser G. P., Wu J. M.
(2001): Antimicrobial susceptibility of Ehrlichia phagocytophila. Antimicrob Agents
Chemother., 45: 786–788.
Horowitz H. W., Marks S. J., Weintraub M., Dumler J. S. (1996): Brachial plexopathy
associated with human granulocytic ehrlichiosis. Neurology, 46:1026–1029.
Horowitz H.W., Aguero-Rosenfeld M. E., McKenna D. F., Holmgren D., Hsieh T. C., Varde S.
274
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
A., Dumler S. J., Wu J. M., Schwartz I., Rikihisa Y., Wormser G. P. (1998b): Clinical and
laboratory spectrum of culture-proven human granulocytic ehrlichiosis: comparison with
culture-negative cases. Clin Infect Dis., 27: 1314–17.
Hovius J. W , Hovius K. E., Oei A., Houwers D. J., van Dam A. P. (2000): Antibodies against
specific proteins of and immobilizing activity against three strains of Borrelia burgdorferi sensu
lato can be found in symptomatic but not in infected asymptomatic dogs. J. Clin. Microbiol.,
38: 2611-2621.
Hovius K. E., Stark L. A. M., Bleumink-Pluym N. M. C., van de Pol I., Verbeek-de Kruif N.,
Rijpkema S. G., Schouls L. M., Houwers D. J. (1999): Presence and distribution of Borrelia
burgdorferi sensu lato species in internal organs and skin of naturally infected symptomatic
and asymptomatic dogs as detected by polymerase chain reaction. Vet. Q, 21: 54-58.
Hoyte H. M. D. (1976): The tick-fever parasites of cattle. Proceeding of the Royal Society of
Queensland, 87: V-XII.
Hsu N. H., Cross J. H. (1977): Serologic survey for human babesiosis on Taiwan. Taiwan I.
Hsueh. Hui. Tsa. Chilh., 76: 950-954.
Hu L. T., Klempner M. S. (1997): Host-pathogen interactions in the immunopathogenesis of
Lyme disease. J. Clin. Immunol., 17: 354–365.
Hu R., Hyland K.E., Oliver J.H. (1998): A review on the use of lxodiphagus wasps
(Hynlenoptera: Encyrtidae) as natural enemics for the control of ticks (Acari: Ixodidae). Syst
Appl Acarol., 3: 19-28.
Huang H., Lin M., Wang X., Kikuchi T., Mottaz H., Norbeck A., Rikihisa Y.(2008): Proteomic
analysis of and immune responses to Ehrlichia chaffeensis lipoproteins. Infect. Immun., 76:
3405–3414.
Hubalek Z. (2009): Epidemiology of Lyme borreliosis. Curr. Probl. Dermatol.,;37:31-50.
Hubalek Z., Halouzka J. (1997): Distribution of Borrelia burgdorferi sensu lato genomic groups
in Europe, a review. Eur. J. Epidemiol., 13: 951– 957.
Hubálek Z., Stunzner D., Halouzka J., Sixl W., Wendelin I., Juricová Z., Sanogo Y. O. (2003):
Prevalence of borreliae in ixodid ticks from a floodplain forest ecosystem. Wien Klin.
Wochenschr., 115: 121-124.
Hudson A. T., Randall A. W., Fry M., Ginger C. D., Hill B., Latter V. S., McHardy N., Williams
R. B. (1985): Novel anti-malarial hydroxynaphthoquinones with potent broad spectrum antiprotozoal activity. Parasitology, 90: 45–55.
Hudson J. R. (1950): The recognition of tick-borne fever as a disease of cattle. Brit. Vet. J.,
106: 3–17. Citato da Woldehiwet Z., 2009.
Húgli D., Moret J., Rais O., Moosmann Y., Erard P., Malinverni R., Gern L. (2009): Tick bites
in a Lyme borreliosis highly endemic area in Switzerland. Int. J. Med. Microbiol., 299: 15560.
Humair P. F., Postic D., Wallich R., Gern L. (1998): An avian reservoir (Turdus merula) of the
Lyme borreliosis spirochetes. Zentralbl. Bakteriol., 287: 521-538.
Humair P., Gern L. (2000): The wild hidden face of Lyme borreliosis in Europe. Microbes
Infect., 2: 915-922.
Hume D. A., Himes S. R. (2003): Transcription factors that regulate macrophage development
and function. Handb. Exp. Pharmacol., 158: 11-40.
Humiczewska M., Kuzna-Grygiel W. (1997): A case of imported human babesiosis in Poland.
Wiad. Parazytol.,43: 227–229.
Hunfeld K. P., Hildebrandt A., Gray J. S. (2008): Babesiosis: recent insight into an ancient
disease. Int J Parasitol., 38(11):1219-1237.
Hunter J. S. (1997): Efficacy of Frontline Spray and Frontline Top Spot. Compendium on
Continuing Education for the Practicing Veterinarian, 19 (10): 15-16.
IJdo J. W., Carlson A. C. e Kennedy E. L. (2007): Anaplasma phagocytophilum AnkA is
tyrosine phosphorylated at EPIYA motifs and recruits SHP-1 during early infection. Cell.
Microbiol., 9: 1284–1296.
rd
IJdo J. W., Wu C., Telford S. R. 3 e Fikrig E. (2002): Differential expression of the p44 gene
275
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
family in the agent of human granulocytic ehrlichiosis. Infect Immun., 70(9):5295-8.
IJdo J. W., Zhang Y., Hodzic E., Magnarelli L. A., Wilson M. L., Telford S. R. III (1997): The
early humoral response in human granulocytc ehrlichiosis. J. Infect. Dis., 176: 687-692.
Iori A., Di Giulio A., De Felici S. (2005): Zecche d’Italia: In: Cringoli G., Iori A., Rinaldi L.,
Veneziano V., Genchi C. (Eds.) Mappe parassitologiche: Zecche. Rolando Editore, Napoli,
2005, pp. 52-163.
Iori A., Gabrielli S., Calderini P., Moretti A., Pietrobelli M., Tampieri M. P., Galuppi R., Cancrini
G. 2010): Tick reservoirs for piroplasms in central and northern Italy. Vet Parasitol., 170: 291296.
Irvin A. D. (1987): Characterization of species and strains of Theileria. Adv Parasitol., 26:
145-197.
Irvin A. D., Ocama J. G., Spooner P. R. (1982) : Cycle of bovine lymphoblastoid cells
parasitised by Theileria parva. Research in Veterinary Science, 33 : 298-304.
Irvin A. D., Stagg D. A., Kanhai G. K., Brown C. G., Omwoyo P. L. (1975): Studies on cell
fusion between Babesia rodhaini-infected mouse erythrocytes and baby hamster kidney cells.
Int. J. Parasitol., 5: 465–470.
Irwin P. J. (2009): Canine babesiosis: from molecular taxonomy to control. Parasites &
Vectors, 2 (Suppl. I): 1-9.
Ismail N., Bloch K. C., McBride J. W. (2010): Human Ehrlichiosis and Anaplasmosis. Clin.
Lab. Med., 30(1): 261-292.
Iwasaki H., Akashi K. (2007): Myeloid lineage commitment from the hematopoietic stem cell.
Immunity, 26: 726-740.
Jacobsen M., Zhou D., Cepok S, Nessler S., Happel M., Stei S., Wilske B., Sommer N.,
Hemmer B. (2003): Clonal accumulation of activated CD8+ T cells in the central nervous
system during the early phase of neuroborreliosis. J. Infect. Dis. 187: 963-973.
Jacobson R. H., Chang Y. F., Shin S. J. (1996): Lyme disease: laboratory diagnosis of
infected and vaccinated symptomatic dogs. Semin. Vet. Med. Surg. (Small Anim), 11: 172183.
Jahangir A., Kolbert C., Edwards W., Mitchell P., Dumler J. S., Persing D. H.. (1998): Fatal
pancarditis associated with human granulocytic ehrlichiosis in a 44-yearold man. Clin Infect
Dis., 27: 1424–1427.
Jamieson S. (1947): Some aspects of immunity to tick-borne fever in hoggs. Vet. Rec., 62:
468–470. Citato da Woldehiwet Z., 2009.
Jauron S. D., Nelson C. M., Fingerle V., Ravyn M. D., Goodman J. L., Johnson R. C.,
Lobentanzer R., Wilske B. e Munderloh U. G. (2001): Host cell-specific expression of a p44
epitope by the human granulocytic ehrlichiosis agent. J Infect Dis., 184(11): 1445-1450.
Jeannin P. (1996): How veterinary insecticides for the treatment of dogs and cats are tested.
International Forum on Fleas and Ticks Control, Rhole-Merieux: 47-51.
Jefferies R., Ryan U. M., Irwin P. J. (2007a): PCR-RFLP for the detection and differentiation of
the canine piroplasm species and its use with filter paper-based technologies. Vet. Parasitol.,
144: 20–27.
Jefferies R., Ryan U. M., Jardine J., Broughton D. K., Robertson I. D.,Irwin P. J. (2007b):
Blood, bull terriers and babesiosis: further evidence for direct transmission of Babesia gibsoni
in dogs. Aust. Vet. J., 85: 459-463
Jenkins A., Handeland K., Stuen S., Schouls L., van de Pol I., Meen R. T., Kristiansen B. E.
(2001): Ehrlichiosis in a moose calf in Norway. J. Wildl. Dis., 37: 201–203.
Jensen J., Simon D., Murua Escobar H., Soller J. T., Bullerdiek J., Beelitz P., Pfister K. e Nolte
I. (2007): Anaplasma phagocytophilum in dogs in Germany. Zoonoses Public Health., 54:
94–101.
Jensen K., Makins G. D., Kaliszewska A., Hulme M. J., Paxton E., Glass E. J. (2009): The
protozoan parasite Theileria annulata alters the differentiation state of the infected
macrophage and suppresses muscoloaponeurotic fibrosarcoma oncogene (MAF) transcription
factors. International Journal for Parasitology, 39: 1099-1108.
276
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Jensen P.M. (2000): Host seeking activity of the Ixodes ricinus ticks based on daily
consecutive flagging samples. Experimental and Applied Acarology, 24: 695-708.
Jerant A. F., Arline A. D. (1993): Babesiosis in California. West. J. Med.,158: 622–625.
Jones S. A. L. (2003): Ectoparassiticidi. In: Aiello S.E., Mays A. (Eds.) Il Manuale Merck
Veterinario. C. Giraldi Editore, Bologna, 2003, pp. 1843-1846.
Jouda F, Perret JL, Gern L. (2004): Density of questing Ixodes ricinus nymphs and adults
infected by Borrelia burgdorferi sensu lato in Switzerland: spatio-temporal pattern at a regional
scale. Vector Borne Zoonotic Dis., 4(1): 23-32.
Joyner L. P., Donnelly Y. (1979): The epidemiology of Babesial infection. In W.H.R.Lumsder,
Muller R., Baker J.R. (ed.) Advances in parassitology, vol 17, Accademic press London,
United Kingdom, pp 115-140.
Juste R. A., Scott G. R., Paxton E. A., Gelabert J. L. (1989): Presence of Cytoecetes
phagocytophila in an atypical disease of cattle in Spain. Vet. Rec. 124: 636. Citato da
Woldehiwet Z., 2010.
Kaaya G. P. (2000): Laboratory and field evaluation of entomogenous fungi for tick control.
Ann. N. Y. Acad. Sci., 916: 559–564.
Kahl O., Janetzki-Mittmann C., Gray J. S., Jonas R., Stein J., deBoer R. (1998): Risk of
infection with Borrelia burgdorferi sensu lato for a host in relation to the duration of nymphal
Ixodes ricinus feeding and themethod of tick removal. Zentralbl.Bakteriol., 287: 41–52. Citato
da Bhate C. e Schwartz R. A., 2011.
Kain K. C., Brown A. E., Lanar D. E., Ballou W. R., Webster H. K. (1993): Response of
Plasmodium vivax variants to chloroquine as determined by microscopy and quantitative
polymerase chain reaction. Am. J. Trop. Med. Hyg., 49: 478–484.
Kaiser R. (1998): Neuroborreliosis. J. Neurol., 245: 247-255.
Kakoma I., Mehlhorn H. (1993): Babesia of domestic animals. In J. P. Kreier (Ed.), Parasitic
protozoa, 2nd ed., vol. 7. Academic Press, San Diego, Calif. pp 141– 216.
Kalantarpour F., Chowdhury I., Wormser G. P., Aguero-Rosenfeld M. E. (2000): Survival of the
human granulocytic ehrlichiosis agent under refrigeration conditions. J Clin Microbiol., 38:
2398–2399.
Kalinova Z., Halanova M., Cislakova L., Sulinova Z., Jarcuska P. (2009): Occurrence of IgG
antibodies to Anaplasma phagocytophilum in humans suspected of Lyme borreliosis in
eastern Slovakia. Ann Agric Environ Med., 16: 285-288.
Kalish R. A., McHugh G., Granquist .J, Shea B., Ruthazer R., Steere A. C. (2001): Persistence
of immunoglobulin M or immunoglobulin G antibody responses to Borrelia burgdorferi 10-20
years after active Lyme disease. Clin. Infect. Dis., 33: 780-785.
Kane A., Block G., Heeb L. A. (2011): An unusual presentation of granulocytic anaplasmosis
in a young dog. J. Am. Anim. Hosp. Assoc., 47(4):276-279.
Kannian P., Drouin E. E., Glickstein L., Kwok W. W., Nepom G. T., Steere A. C. (2007):
Decline in the frequencies of Borrelia burgdorferi OspA161 175-specific T cells after antibiotic
therapy in HLADRB1* 0401-positive patients with antibiotic-responsive or antibiotic-refractory
lyme arthritis. J. Immunol., 179: 6336-6342.
Karakashian S. J., Rudzinska M. A., Spielman A., Lewengrub S., Piesman J., Shoukrey N.
(1983): Ultrastructural studies on sporogony of Babesia microti in salivary gland cells of the
tick Ixodes dammini. Cell. Tissue Res., 231: 275-287.
Karlsson M., Hovind-Hougen K., Svenungsson B., Stiernstedt G. (1990): Cultivation and
characterization of spirochetes from cerebrospinal fluid of patients with Lyme borreliosis. J.
Clin. Microbiol., 28: 473–479.
Karlsson U., Bjoersdorff A., Massung R. F., Christtensson B. (2001): Human granulocytic
ehrlichiosis—a case in Scandinavia. Scand. J. Infect. Dis., 33: 805–806.
Karma A., Seppala I., Mikkila H., Kaakkola S., Viljanen M., Tarkkanen A. (1995): Diagnosis
and clinical characteristics of ocular Lyme borreliosis. Am. J. Ophthalmol., 119: 127-135.
Käsbohrer A., Schönberg A. (1990): Serologic studies of the occurrence of Borrelia burgdorferi
in domestic animals in Berlin (West). Berl. Münch. Tierärztl. Wochenschr., 103: 374-378.
277
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Citato da Hansen e coll. (2010).
Kataoka K., Nishizawa M., Kawai S. (1993): Structure-function analysis of the maf oncogene
product, a member of the b-Zip family. J. Virol., 67: 2133-2141.
Katargina O., Geller J., Alekseev A., Dubinina H., Efremova H., Mishaeva N., Vasilenko V.,
Kuznetsova T., Järvekülg L., Vene S., Lundkvist A. e Golovljova I. (2011): Identification of
Anaplasma phagocytophilum in tick populations in Estonia, European Part of Russia and
Belarus. Clin. Microbiol. Infect. doi:10.1111/j.1469-0691.2010.03457.x.
Katavolos P., Armstrong P. M., Dawson J. E., et al. (1998): Duration of tick attachment
required for transmission of granulocytic ehrlichiosis. J. Infect. Dis., 177: 1422-1425.
Kawabata H., Masuzawa T., Yanagihara Y. (1993): Genomic analysis of Borrelia japonica sp.
nov. isolated from Ixodes ovatus in Japan. Microbiol. Immunol., 37: 843-848.
Kawazu S., Kamio T., Kakuda T., Terada Y., Sugimoto C., Fujisaki K. (1999): Phylogenetic
relationships of the benign Theileria species in cattle and Asian buffalo based on the major
piroplasm surface protein (p33/34) gene sequences. Int J Parasitol., 29(4): 613-618.
Keck G. (1995): Tossicologia e antidoti dei principali antiparassitari per pulci e zecche.
Supplemento Veterinaria, 1: 23-30.
Keirans J.E., Durden A.D. (2005): Tick Systematics and Identification. In: Goodman J.L.,
Dennis D.T., Sonenshine D.E.(Eds.) Tick Borne Diseases of Humans. ASM Press,
Washington, pp. 123-140.
Keller D., Koster F. T., Marks D. H., Hosbach P., Erdile L. F., Mays J. P. (1994): Safety and
immunogenicity of a recombinant outer surface protein A Lyme vaccine. J. Am. Med. Assoc.,
271: 1764-1768.
Kelly R. (1971): Cultivation of Borrelia hermsii. Science, 173: 443–444.
Kemp D. H., McKenna R. V., Thullner R., Willadsen, P. (1999). Strategies for tick control in a
world of acaricide resistance. In Control de la Resistencia en Garrapatas y Moscas de
Importancia Veterinaria y Enfermedades queTransmiten, IV Seminario Internacional de
Parasitologia Animal, eds. Morales, G., Fragosa, H. & Garcia, Z., Puerto Vallarta, Jalisco,
Mexico, pp. 1–10.
Khanakah G., Kocianová E., Výrosteková V., Rehacek J., Kundi M., Stanek G. (2006):
Seasonal variations in detecting Borrelia burgdorferi sensu lato in rodents from north eastern
Austria. Wien Klin. Wochenschr., 118: 754-758.
Killilea M. E., Swei A., Lane R. S., Briggs C. J., Ostfeld R. S.(2008): Spatial dynamics of lyme
disease: a review. Ecohealth, 5: 167-195.
Kim C. M., Yi Y. H., Yu D. H., Lee M. J., Cho M. R., Desai A. R., Shringi S., Klein T. A., Kim H.
C., Song J. W., Baek L. J., Chong S. .T, O'guinn M. L., Lee J. S., Lee I. Y., Park J. H., Foley
J., Chae J. S. (2006): Tick-borne rickettsial pathogens in ticks and small mammals in Korea.
Appl Environ Microbiol., 72(9): 5766-5776.
Kim H. Y., Mott J., Zhi N., Tajima T. e Y. Rikihisa. (2002): Cytokine gene expression by
peripheral blood leukocytes in horses experimentally infected with Anaplasma phagocytophila.
Clin. Diagn. Lab. Immunol., 9: 1079–1084.
Kimura M. (1980): A simple method for estimating evolutionary rates of base substitutions
through comparative studies of nucleotide sequences. J. Mol. Evol., 16: 111-120.
Kiss T., Cadar D., Krupaci A. F., Bordeanu A., Brudaşcă G. F., Mihalca A. D., Mircean V.,
Gliga L., Dumitrache M. O., Spînu M. (2011): Serological reactivity to Borrelia burgdorferi
sensu lato in dogs and horses from distinct areas in Romania. Vector Borne Zoonotic. Dis.,
11(9): 1259-1262.
Kjemtrup A. M., Conrad P. A. (2000): Human babesiosis: an emerging tick-borne disease.
Intern. J. Parasit., 30(12-13):1323-1337.
Kjemtrup A. M., Thomford T. J., Gardner I. A., Conrad P. A. (1995): Seroprevalence of two
Babesia spp. isolates in selected bighorn sheep (Ovis canadensis) and mule deer (Odocoileus
hemionus) populations in California J. Wild. Dis., 31: 467-471.
Kjemtrup A.M., Wainwright K., Miller M., Penzhorn B.L., Carreno R.A. (2006): Babesia
conradae, sp. nov.a small canine Babesia identified in California. Vet. Parasitol., 138: 103-
278
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
111.
Kleespies R. (1993): Untersuchungen zur Biologie und Anwendung des entomopathogenen
Pilzes Metarhizium anisopliae (Metsch.) Sorokin zur biologischen Bekämpfung afrikanischer
Wanderheuschrecken. Thesis, TH Darmstadt, Germany, pp. 348.
Klein M. B., Miller J. S., Nelson C. M., Goodman J. L. (1997a): Primary bone marrow
progenitors of both granulocytic and monocytic lineages are susceptible to infection with the
agent of human granulocytic ehrlichiosis. J. Infect. Dis., 176: 1405–1409.
Klein M. B., Nelson C. M., Goodman J. L. (1997b): Antibiotic susceptibility of the newly
cultivated agent of human granulocytic ehrlichiosis: promising activity of quinolones and
rifamycins. Antimicrob Agents Chemother., 41: 76–79.
Knowles D. P. (1996): Control of Babesia equi parasitemia.Parasitol. Today; 12: 195-198.
Knowles D. P., Torioni de Echaide S., Palmer G. H., McGuire T., Stiller D., McElwain T. F.
(1996): Antibody against an Anaplasma marginale MSP5 epitope common to tick and
erythrocyte stages identifies persistently infected cattle. J. Clin. Microbiol., 34: 2225–2230.
Knuth P., duToit P. J. (1992): Die piroplasmoses des Schweines: Die durch Piroplasma
trautmanni (nov. Spec.) verursachte Piroplasmose. In: Handbuch der tropenkrankheiten, Vol.
6, Leipzig, Germany.
Koch R. (1906). Kultivierungversuch der Hunde piroplasmen. Z. Hyg. Infektionskr., 54: 1–9.
Citato da Ristic M., 1988.
Kohn B., Galke D., Beelitz P., Pfister K. (2008): Clinical features of canine granulocytic
ehrlichiosis in 18 naturally infected dogs. J Vet Intern Med., 22:1289–1295.
Korbutiak E., Schneiders D. H. (1994): First confirmed case of equine ehrlichiosis in Great
Britain. Equine Vet. Educ., 6: 303–304.
Kornblatt A. N., Urband P. H., Steere A. C. (1985): Arthritis caused by Borrelia burgdorferi in
dogs. J. Am. Vet. Med. Assoc., 186, 960-964.
Kramer L., Mancianti F., Otranto D. (2010): Parassiti del cane e del gatto. In Taylor M. A.,
Coop R. L., Wall R. L. (Eds.), Parassitologia e malattie parassitarie degli animali, EMSI,
Roma, Italia, pp: 358-464.
Kramer V. L., Beesley C. (1993): Temporal and spatial distribution of Ixodes pacificus and
Dermacentor occidentalis (Acari: Ixodidae) and prevalence of Borrelia burgdorferi in Contra
Costa county, California. J. Med. Entomol., 30: 549–554.
Krause P. J., Gewurz B. E., Hill D., Marty F. M., Vannier E., Foppa I. M., Furman R. R.,
Neuhaus E., Skowron G., Gupta S., McCalla C., Pesanti E. L., Young M., Heiman D., Hsue
G., Gelfand J. A., Wormser G. P., Dickason J., Bia F. J., Hartman B., Telford S. R. 3rd,
Christianson D., Dardick K., Coleman M., Girotto J. E., Spielman A. (2008): Persistent and
relapsing babesiosis in immunocompromised patients. Clin. Infect. Dis., 3,: 370–376.
Krause P. J., Lepore T., Sikand V. K., Gadbaw J. Jr, Burke G., Telford S.R. 3rd, Brassard P.,
Pearl D., Azlanzadeh J., Christianson D., McGrath D., Spielman A (2000): Atovaquone and
azithromycin for the treatment of babesiosis. T. N. Engl. J. of Med., 343: 1454–1458.
Krause P. J., McKay K., Thompson C. A., Sikand V. K., Lentz R., Lepore T., Closter L.,
Christianson D., Telford S. R., Persing D., Radolf J. D., Spielman A.; Deer-Associated
Infection Study Group. (2002): Disease-specific diagnosis of coinfecting tickborne zoonoses:
babesiosis, human granulocytic ehrlichiosis, and Lyme disease. Clin. Infect. Dis., 34: 11841191.
Krause P. J., Spielman A., Telford S. R. III, Sikand V. K., McKay K., Christianson D., Pollack
R. J., Brassard P., Magera J., Ryan R., Persing D. H. (1998): Persistent parasitemia after
acute babesiosis. N. Engl. J. Med., 339: 160–165.
Krause P. J., Telford S. R. III, Ryan R. (1991): Geographical and temporal distribution of
babesial infection in Connecticut. J. Clin. Microbiol., 29: 1-4.
Krause P. J., Telford S. R. III, Ryan R., Conrad P. A., Wilson M., Thomford J. W., Spielman A.
(1994): Diagnosis of babesiosis: evaluation of a serologic test for the detection of Babesia
microti antibody. J. Infect. Dis., 169: 923–926.
Krause P. J., Telford S. R. III, Spielman A., Ryan R., Magera J., Rajan T. V., Christianson D.,
279
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Alberghini T. V., Bow L., Persing D. (1996a): Comparison of PCR with blood smear and
inoculation of small animals for diagnosis of Babesia microti parasitemia. J. Clin. Microbiol.,
34: 2791-2794.
Krause P. J., Telford S. R. III, Spielman A., Sikand V., Ryan R., Christianson D., Burke G.,
Brassard P., Pollack R., Peck J., Persing D. H. (1996b): Concurrent Lyme disease and
babesiosis: evidence for increased severity and duration of illness. JAMA, 275: 1657–1660.
Kristiensen BE, Jenkins A, Tveten Y, Karsten B, Line Ø, Bjöersdorff A. 2001): Human
granulocytic ehrlichiosis in Norway. Tidsskr. No.r Laegeforen., 121(7):805-806. Citato da
Woldehiwet Z., 2010.
Kubiak K., Dziekonska-Rynko J. (2006): Seasonal activity of the common European tick,
Ixodes ricinus (Linnaeus, 1758), in the forested areas of the city of Olsztyn and its
surroundings. Wiadomosci Parazytologiczne, 52 (1): 59-64.
Kumar S., Jaykumar K., Sriniragan M.R., Ramesh N., Hohnegowda C., Narayana K., Udupa
V. (2001): Biological efficacy of amitraz against the three host tick Rhipicephalus sanguineus.
International Journal of Animal Science, 71 (6): 527-528.
Kumar S., Jaykumar K., Sriniragan M.R., Ramesh N., Hohnegowda C., Narayana K., Udupa
V. (2001): Biological efficacy of amitraz against the three host tick Rhipicephalus sanguineus.
Int. J. Anim. Sci., 71 (6): 527-528.
Kumi-Diaka J., Harris O. (1995): Viability of Borrelia burgdorferi in stored semen. Br. Vet. J.,
151: 221-224.
Kunz S. E., Kemp D. H. (1994). Insecticides and acaricides: resistance and environmental
impact. Revue scientifique et technique de l’Office International des Epizooties, 13: 1249–
1286.
Kurtenbach K., Peacey M., Rijpkema S. G., Hoodless A. N., Nuttall P. A., Randolph S. E.
(1998): Differential transmission of the genospecies of Borrelia burgdorferi sensu lato by game
birds and small rodents in England. Appl. Environ. Microbiol., 64: 1169-1174.
Kurtti T. J., Munderloh U. G., Ahlstrand G. G., Johnson R. C. (1988): Borrelia burgdorferi in
tick cell culture: growth and cellular adherence. J. Med. Entomol. 25: 256–261.
Kurtti T. J., Munderloh U. G., Johnson R. C., Ahlstrand G. G. (1987): Colony formation and
morphology in Borrelia burgdorferi. J. Clin. Microbiol., 25:2054-2058.
Kuźna-Grygiel W., Bukowska K., Cichocka A., Kosik-Bogacka D., Skotarczak B. (2002): The
prevalence of piroplasms in a population of Ixodes ricinus (Acari: Ixodidae) from north-western
Poland. Ann Agric Environ Med., 9(2): 175-178.
Labuda M., Nuttall P. (2008): Viruses transmitted by ticks. In: Ticks: Biology, Disease and
Control, Cambridge University Press Ed.
Labuda M., Trimnell A.R., Ličková M., Kazimírová M., Davies G.M., Lissina O., Hails R.S.,
Nuttall P.A. (2006): An antivector vaccine protects against a lethal vector-borne pathogen.
Public Library of Science Pathogens, 2: e27.
Laferl H, Hogrefe W, Kock T, Pichler H. (1999): A further case of acute human granulocytic
ehrlichiosis in Slovenia. Eur J Clin Microbiol Infect Dis., 18: 385–386.
Lane R. S. (1990): Seasonal activity of two human-biting ticks. California Agricolture, 44: 2325.
Lane R. S. (1994): Ticks of California and their public health significance. J Spirochetal TickBorne Dis., 1: 74-76.
Lane R. S., Mun J., Eisen L., Eisen R. J. (2006): Refractoriness of the western fence lizard
(Sceloporus occidentalis) to the Lyme disease group spirochete Borrelia bissettii. J.
Parasitol., 92: 691-696.
Lane R. S., Piesman J., Burgdorfer W. (1991) . Lyme borreliosis: relation of its causative agent
to its vectors and hosts in North America and Europe. Annu. Rev. Entomol., 36: 587–609.
Lane R. S., Quistad G. B.. (1998): Borreliacidal factor in the blood of the western fence lizard
(Sceloporus occidentalis). J. Parasitol., 84: 29-34.
Lange R., Seyyedi S. (2002): Evidence of a Lyme borreliosis infection from the viewpoint of
laboratory medicine. Int. J. Med. Microbiol., 291(suppl 33): 120-124.
280
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Langton C., Gray J. S., Waters P. F., Holman P. J. (2003) Naturally acquired babesiosis in a
reindeer (Rangifer tarandus tarandus) herd in Great Britain. Parasitol. Res., 89, 194–198.
Lappin M. R., Breitschwerdt E. B., Jensen W. A., Dunnigan B., Rha J. Y., Williams C. R.,
Brewer M., Fall M. (2004): Molecular and serologic evidence of Anaplasma phagocytophilum
infection in cats in North America. J Am Vet Med Assoc., 225: 893-896.
Lasota J. A., Dybas R. A. (1991). Avermectins, a novel class of compounds: implications for
use in arthropod pest control. Ann. Rev. Entomol., 36: 91–117.
Latif A. A., Walker A. R. (2004): An introduction to the biology and control of ticks in Africa.
ICTTD-2, (Ed.).
Laveran A. (1901): Contribution a l’etude du Piroplasma equi. C.R. Soc. Biol., 53, p 385
(citato da Ristic, 1988).
Lawrence D. A., Shone D. K. (1955): Porcine Piroplasmosis. Babesia trautmanni infection in
Southern Rhodesia. J. S. Afr. Vet. Med. Ass.; 26: 89-93.
Le Fleche A., Postic D., Girardet K., Peter O., Baranton G. (1997): Characterization of Borrelia
lusitaniae sp. nov. by 16S ribosomal DNA sequence analysis. Int. J. Syst. Bacteriol. 47: 921925.
Lebech A. M., Hansen K., Pancholi P., Sloan L. M., Magera J. M., Persing D. H. (1998):
Immunoserologic evidence of human granulocytic ehrlichiosis in Danish patients with Lyme
neuroborreliosis. Scand. J. Infect. Dis., 30: 173–176.
Lebet N., Gern L. (1994). Histological examination of Borrelia burgdorferi infection in unfed
Ixodes ricinus nymphs. Exp. App. Acarol., 18: 177–183.
Lee H. C., Kioi M., Han J., Puri R. K., Goodman J. L. (2008): Anaplasma phagocytophilum
induced gene expression in both human neutrophils and HL-60 cells. Genomics, 92: 144–
151.
Leeflang P., Perie N. M. (1972): Comparative immunofluorescent studies on 4 Babesia
species of cattle. Res. Vet. Sci., 13: 342-346.
Lehtinen L. E., Birkenheuer A. J., Drolesky R. E., Holman P. J. (2008): In vitro cultivation of a
newly recognised Babesia sp. in dogs in North Carolina. Vet. Parasitol., 151: 150-157.
Lempereur L., De Cat A., Caron Y., Madder M., Claerebout E., Saegerman C., Losson B.
(2011): First molecular evidence of potentially zoonotic Babesia microti and Babesia sp. EU1
in Ixodes ricinus ticks in Belgium. Vector Borne Zoonotic Dis., 11(2): 25-30.
Lencakova D., Fingerle V., Stefancikova A., Schulte-Spechtel U., Petko B., Schreter I., et al.
(2008): Evaluation of recombinant line immunoblot for detection of Lyme disease in Slovakia:
comparison with two other immunoassays. Vector Borne Zoon. Dis., 8: 381-390.
Lennhoff C. (1948): Spirochetes in aetiologically obscure diseases. Acta Derm. Venereo., 28:
295-324. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
Leonovich S. A. (2004): Phenol and lactone receptors in the distal sensilla of the Haller’s
organ in Ixodes ricinus ticks and their possible role in host perception. Exp.App. Acarol., 32:
89–102.
Lepidi H., Bunnell J. E., Martin M. E., Madigan J. E., Stuen S., Dumler J. S. (2000):
Comparative pathology and immunohistology associated with clinical illness after Ehrlichia
phagocytophila-group infections. Am J Trop Med Hyg., 62: 29–37.
Leuba-Garcia S, Kramer MD, Wallich R, Gern L. (1994): Characterization of Borrelia
burgdorferi isolated from different organs of Ixodes ricinus ticks collected in nature. Zentralbl
Bakteriol., 280: 468-475.
Levi O., Waner T., Baneth G., Keysary A., Bruchim Y., Silverman J., Harrus S.(2006):
Seroprevalence of Anaplasma phagocytophilum among healthy dogs and horses in Israel. J
Vet Med B Infect Dis Vet Public Health., 53: 78–80.
Levin M. L., Fish D. (2001): Interference between the agents of Lyme disease and human
granulocytic ehrlichiosis in a natural reservoir host. Vector-borne Zoonotic Dis., 1:0139-148.
Levine N. D. (1971): Taxonomy of the piroplasms. Trans. Am. Microsc. Soc., 90: 2-33.
Levine N. D. (2000): The protozoan phylum apicomplexa – vol II – CRC Press inc Boca Raton,
Florida pp 42-44.
281
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Levy S. A., Dombach D. M., Barthold S. W., et al. (1993): Canine Lyme Borreliosis. Compend.
Cont. Educ. Pract. Vet. Small. Anim., 15: 833-846.
Levy S. A., Magnarelli L. A. (1992): Relationship between development of antibodies to
Borrelia burgdorferi in dogs and the subsequent development of limb/joint borreliosis. J. Am.
Vet. Med. Assoc., 200: 344-347.
Levy S. A., O'Connor T. P., Hanscom J. L., Shields P. (2003): Evaluation of a canine C6
ELISA Lyme disease test for the determination of the infection status of cats naturally exposed
to Borrelia burgdorferi. Vet Ther., 4: 172-177.
Lewengrub S., Rudzinska M. A., Piesman J., Spielman A., Gubert E.(1988): Hyperthermia and
sporogony of Babesia microti in the tick Ixodes dammini: an ultrastructural study. Can. J.
Zool., 66: 1342-1351. Citato da Hodgson J. L. e coll., 1992.
Lewis D., Purnell R. E., Francis L. M. A., Young E. R. (1981): The effect of treatment with
imidocarb dipropionate on the course of Babesia divergens infections in splenectomised
calves, and their subsequent immunity to homologous challenge. J. Comp. Pathol., 91: 285–
292.
L'Hostis M., Seegers H. (2002): Tick-borne parasitic diseases in cattle: current knowledge and
prospective risk analysis related to the ongoing evolution in French cattle farming systems.
Vet Res., 33(5): 599-611.
Li P. N. (1957): Studium des Stoffwechsels bein Schafen mit Babesiose. Trudy
Vsesoynznogo Istituta Eksperimental-noi Meditsny, 21: 260-265.
Li X., Dunley J. E. (1998): Optimal sampling and spatial distribution of Ixodes pacificus,
Dermacentor occidentalis and Dermacentor variabilis ticks (Acari: Ixodidae). Experimental
Applied Acarology, 22: 233-248.
Liang F. T., Jacobson R. H., Straubinger R. K., Grooters A., Philipp M. T. (2000):
Characterization of a Borrelia burgdorferi VlsE invariable region useful in canine Lyme disease
serodiagnosis by enzyme-linked immunosorbent assay. J. Clin. Microbiol. 38:4160-4166.
Lignieres (1903): La piroplasmose bovine. Nouvelles recherches et preservations sur la
multiplicite des parasites, leur evolution, la transmission naturelle de la maladie et vaccination.
Arch. Parasite., 7: 398-407.
Lignieres (1910): La prophylaxe et la pathologie des maladie protozoaries (piroplasmoses,
trypanosomoses, etc.) avec demostration des parasites specifiques et des animaux
transmitteurs (tiques, mustiques, etc.). Tr. 9 Int. Vet. Congr. (The Hague, 1909), 1: 1-18.
Lilliehook I., Egenvall A., Tvedten H. W. (1998): Hematopathology in dogs experimentally
infected with a Swedish granulocytic Ehrlichia species. .Vet Clin Pathol., 27: 116–122.
Lilliehöök I., Johannisson A., Magnusson U., Egenvall A., Trowald-Wigh G., Håkansson L.
(1999): Granulocyte function in dogs experimentally infected with a Swedish granulocytic
Ehrlichia species. Vet Immunol Immunopathol., 67: 141–152.
Lin M., den Dulk-Ras A., Hooykaas P. J. (2007): Anaplasma phagocytophilum AnkA secreted
by type IV secretion system is tyrosine phosphorylated by Abl-1 to facilitate infection. Cell
Microbiol., 9: 2644–2657.
Lin M., Rikihisa Y. (2003): Ehrlichia chaffeensis and Anaplasma phagocytophilum lack genes
for lipid A biosynthesis and incorporate cholesterol for their survival. Infect. Immun., 71:
5324–5331.
Lin M., Rikihisa Y. (2004): Bacteria-specific tyrosinephosphorylated proteins in Ehrlichia
th
chaffeensis and Anaplasma phagocytophilum-infected host cells. In ASM 104 General
Meeting. ASM General Meeting Committee (ed.). New Orleans, LA: American Society for
Microbiology, p. 127.
Lin T., Oliver J. H. Jr, Gao L. (2004): Molecular characterization of Borrelia isolates from ticks
and mammals from the southern United States. J Parasitol., 90(6): 1298-1307.
Lin T., Oliver J. H. Jr, Gao L., Kollars T. M. Jr, Clark K. L. (2001): Genetic heterogeneity of
Borrelia burgdorferi sensu lato in the southern United States based on restriction fragment
length polymorphism and sequence analysis. J. Clin. Microbiol., 39: 2500-2507.
Lindgren E., Jaenson T. G. T. (2006): Lyme borreliosis in Europe: influences of climate and
282
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
climate change, epidemiology, ecology and adaptation measures. Copenhagen: World Health
Organization Regional Office for Europe.
Lindgren E., Talleklint L., Polfeldt T. (2000): Impact of climatic change on the northern latitude
limit and population density of the disease-transmitting European tick Ixodes ricinus. Environ.
Health. Perspect., 108:119-23.
Lipschütz B. (1913): Uber eine seltene Erythemform (erythema chronicum migrans). Arch.
Dermatol. Syph., 118: 349-356. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
Lissman B. A., Bosler E. M., Camay H., Ormiston B. G., Benach J. L. (1984): Spirocheteassociated arthritis (Lyme disease) in a dog. J. Am. Vet. Med. Assoc., 185: 219-220.
Little S. E., Heise S. R., Blagburn B. L., Callister S. M., Mead P. S. (2010): Lyme borreliosis in
dogs and humans in the USA. Trends Parasitol., 26(4): 213-218.
Littlejohn A. I. (1950): Tick-borne fever as a cause of abortion in sheep. Vet. Rec., 62: 577–
579.
Liu H., Shi B., Huang C. C., Eksarko P., Pope R. M. (2008): Transcriptional diversity during
monocyte to macrophage differentiation. Immunol. Lett., 117: 70-80.
Liu L., Narasimhan S., Dai J., Zhang L., Cheng G. e Fikrig E. (2011):Ixodes scapularis salivary
gland protein P11 facilitates migration of Anaplasma phagocytophilum from the tick gut to
salivary glands. EMBO Rep., 12: 1196-1203.
Liz J. S., Anderes L., Sumner J. W., Massung R. F., Gern L., Rutti B. e Brossard M., (2000):
PCR detection of granulocytic ehrlichiae in Ixodes ricinus ticks and wild small mammals in
western Switzerland. J. Clin. Microbiol., 38: 1002–1007.
Liz J. S., Sumner J. W., Pfister K., Brossard M. (2002): PCR detection and serological
evidence of granulocytic ehrlichial infection in roe deer (Capreolus capreolus) and chamois
(Rupicapra rupicapra). J. Clin. Microbiol., 40: 892–897.
Ljostad U., Okstad S., Topstad T., Mygland A., Monstad P. (2005): Acute peripheral facial
palsy in adults. J. Neurol., 252: 672-676.
Lo R., Menzies D. J., Archer H., Cohen T. J. (2003): Complete heart block due to lyme
carditis. J. Invasive Cardiol., 15: 367-369.
Logar M., Ruzic-Sabljic E., Maraspin V., Lotric-Furlan S., Cimperman J., Jurca T., Strle F.
(2004): Comparison of erythema migrans caused by Borrelia afzelii and Borrelia garinii.
Infection, 32: 15-19.
Lohr K. F. (1969): Immunisierung gege Babesiose und Anaplasmose von 40 nach Kenya
importierten Charollais-Rindern und Bericht uber Erscheinungen der Photosensibilitat bei
diesen Tieren. Zentralblat fur Veterinarmedizin, 16: 40-46.
Loi S. (2001): Bioecologia di Rhipicephalus sanguineus in Sardegna, parametri favorenti la
diffusione e il controllo. Tesi di dottorato in Epizoologia, Epidemiologia e Chemioterapia delle
Malattie Parassitarie, XIV- Ciclo, Università degli studi di Cagliari.
Lopez-Jimenez L. (1997): Babesiosis in a splenectomised patient. Is it the first case in Spain?
Med. Clin. (Barcelona), 108: 717.
Lotric-Furlan S., Petrovec M., Zupanc T. A., Nicholson W. L., Sumner J. W., Childs J. E., Strle
F. (1998): Human granulocytic ehrlichiosis in Europe: clinical and laboratory findings for four
patients from Slovenia. Clin. Infect. Dis., 27: 424–428.
Luft B. J., Dattwyler R. J., Johnson R. C., Luger S. W., Bosler E. M., Rahn D. W., Masters E.
J., Grunwaldt E., Gadgil S. D. (1996): Azithromycin compared with amoxicillin in the treatment
of erythema migrans. A double-blind, randomized, controlled trial. Ann. Intern. Med., 124:
785-791.
Lykins J. D., Ristic M., Weisiger R. M. (1975): Babesia microti: pathogenesis of parasite of
human origin in the hamster. Exp. Parasitol., 37: 388– 397.
M’Fadyean J., Stockman S. (1911): A new species of piroplasm found in the blood of British
cattle. J. Comp. Pathol., 24: 340-354.
M’ghirbi Y., Ghorbel A., Amouri M., Nebaoui A., Haddad S. e Bouattour A. (2009): Clinical,
serological and molecular evidence of ehrlichiosis and anaplasmosis in dogs in Tunisia.
Parasitol Res., 104: 767–774.
283
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
MacDonald A. B., Benach J. L., Burgdorfer W. (1987): Stillbirth following maternal Lyme
disease. N. Y. State. J. Med., 87: 615-616.
Machtinger, L., Telford S. R. III, Inducil C., Klapper E., Pepkowitz S. H., Goldfinger D. (1993):
Treatment of babesiosis by red blood cell exchange in an HIV-positive, splenectomized
patient. J. Clin. Apheresis 8: 78–81.
Macicka O. (1958): Sulla biologia di Haemaphysalis inermis. Cslka. Parsit., 5: 121-124.
MacLeod J. (1932): Preliminary studies in tick transmission of louping ill. lI. A study of the
reaction of sheep to tick infestation. Vet. J., 88: 276-284.
MacLeod J. (1936): Studies on tick-borne fever of sheep. II. Experiment on transmission and
distribution of the disease. Parasitology, 28: 320-329.
MacLeod J. (1962): Ticks and disease in domestic stock in Great Britain. Symp. Zool. Soc.
Lond., 6: 29-50.
MacLeod J., Gordon W. S. (1933): Studies on tick-borne fever of sheep. I. Transmission by
the tick Ixodes ricinus with a description of the disease produced. Parasitology, 25: 273-283.
Madewell B. R. and Gribble D. H. (1982). Infection in two dogs with an agent resembling
Ehrlichia equi. J. Am. Vet. Assoc., 180: 512-514.
Madigan J. (1993): Equine ehrlichiosis. In: Woldehiwet, Z., Ristic, M. (Eds.), Rickettsial and
Chlamydial Diseases of Domestic Animals. Pergamon Press, Oxford, pp. 209–214.
Madigan J. E., Barlough J. E., Dumler J. S., Schankman N. S., DeRock E. (1996): Equine
granulocytic ehrlichiosis in Connecticut caused by an agent resembling the human
granulocytotropic ehrlichia. J. Clin. Microbiol., 34: 434–435.
Madigan J. E., Gribble D. (1987): Equine ehrlichiosis in northern California: 49 cases (19681981). J. Am. Vet. Med. Assoc., 190: 445–448.
Madigan, J. E., Richter P. J. Jr, Kimsey R. B., Barlough J. E., Bakken J. S., Dumler J. S.
(1995): Transmission and passage in horses of the agent of human granulocytic ehrlichiosis.
J. Infect. Dis. 172: 1141–1144.
Magnarelli L. A. (1988): Serologic diagnosis of Lyme disease. Ann. N. Y. Acad. Sci., 539:
154-61.
Magnarelli L. A., (2011): The role of vertebrate hosts in tick-borne infections. Clin. Microb.
Newsl. 33: 17-20.
Magnarelli L. A., Anderson J. F., Schreier A. B., Ficke C. M. (1987): Clinical and serologic
studies of canine borreliosis. J. Am. Vet. Med. Assoc., 191: 1089-1094.
Magnarelli L. A., Anderson J. F., Shaw E, Post J. E., Palka F. C. (1988): Borreliosis in equids
in northeastern United States. Am. J. Vet. Res., 49: 359-362.
Magnarelli L. A., Bushmich S. L., IJdo J. W., Fikrig E. (2005): Seroprevalence of antibodies
against Borrelia burgdorferi and Anaplasma phagocytophilum in cats. Am J Vet Res. 66(11):
1895-1899.
Magnarelli L. A., Dumler J.S., Anderson J. F. (1995): Coxeistence of antibodies to tick-borne
pathogens of babesiosis, ehrlichiosis, and Lyme borreliosis in human sera. J. Clin.
Microbiol., 33: 3054-3057.
Magnarelli L. A., Ijdo J. W., Anderson J. F., Padula S. J., Flavell R. A., Fikrig E. (1998): Human
exposure to a granulocytic Ehrlichia and other tickborne agents in Connecticut. J. Clin.
Microbiol., 36, 2823-2827.
Magnarelli L. A., Ijdo J. W., Padula S. J., Flavell R. A., Fikrig E. (2000a): Serologic diagnosis
of Lyme borreliosis by using enzyme-linked immunosorbent assays with recombinant
antigens. J. Clin. Microbiol., 38: 1735-1739.
Magnarelli L. A., Ijdo J. W., Van Andel A. E., Wu C., Padula S. J., Fikrig E. (2000b): Serologic
confirmation of Ehrlichia equi and Borrelia burgdorferi infections in horses from the
northeastern United States, J. Am. Vet. Med. Assoc., 217(7): 1045-1050.
Magnarelli L. A., Levy S. A., Ijdo J. W., Wu C., Padula S. J., Fikrig E. (2001): Reactivity of dog
sera to whole-cell or recombinant antigens of Borrelia burgdorferi by ELISA and immunoblot
analysis. J Med Microbiol., 50: 889-895.
Magnarelli L. A., Oliver J. H. Jr, Hutcheson H. J., Anderson J. F. (1991): Antibodies to Borrelia
284
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
burgdorferi in deer and raccoons. J. Wildl. Dis., 27: 562-568.
Mahoney D. F. (1977): Babesia of domestic animals, pp 1–52. In J. P. Kreier (ed.), Parasitic
protozoa, vol. 4. Academic Press, San Francisco, California.
Mahoney D. F., Wright I. G., Mirre G. B. (1973): Bovine babesiasis: The persistence of
immunity to Babesia argentina and Babesia bigemina in calves (Bos taurus) after naturally
acquired infection. Ann. Trop. Med. Parasitol., 67: 197-203.
Maioli G., Spaggiari B., Bonilauri P., Calzolari M., DeFilippo F., Luppi A., Dottori M. (2009):
Zecche: etologia e malattie trasmesse. L’osservatorio, 12 (4): 5-7.
Mandel N. S., Senker E. G., Bosler E. M., et al. (1993): Intrathecal production of Borrelia
burgdorferi specific antibodies in a dog with central nervous system Lyme borreliosis.
Compend. Cont. Educ. Pract. Vet., 15: 581-585.
Manfredi M. T., Dini V., Piacenza S., Genchi C. (1999): Tick species parasitizing people in a
area endemic for tick-borne diseases in North-Western Italy. Parassitologia, 41: 555-560.
Mangold A. J., Aguirre D. H., Cafrune M. M., de Echaide S. T., Guglielmone A. A. (1993):
Evaluation of the infectivity of a vaccinal and a pathogenic Babesia bovis strain from Argentina
to Boophilus microplus. Vet. Parasitol. 51(1-2): 143-148.
Maniania N. K., Nchu F., Ekesi S. (2007): Fungal pathogen for biocontrol of ticks. In: Ekesi S.
and Maniania N. K. (Eds.) Use of Entomopathogenic Fungi in Biological Pest
Management. Research Signpost, Kerela, India, pp. 295–392.
Manilla G. (1988): Etologia delle zecche e classificazione delle specie endofile. Rivista di
Parassitologia, 49: 129-136.
Manilla G. (1998): Fauna d’Italia. Acari.: Ixodida. Ed calderini, Bologna.
Mantelli B., Pecchioli E., Hauffe H. C., Rosà R., Rizzoli A. (2006): Prevalence of Borrelia
burgdorferi s.l. and Anaplasma phagocytophilum in the wood tick Ixodes ricinus in the
Province of Trento, Italy. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 25: 737-739.
Maranga R. O., Hassanali A., Kaaya G. P.; Mueke J. M. (2006): Performance of a prototype
baited trap in attracting and infecting the tick Amblyomma variegatum (Acari: Ixodidae) in field
experiments. Exp. App. Acarol., 38: 211–218.
Marangoni A., Moroni A., Accardo S., Cevenini R. (2008): Borrelia burgdorferi VlsE antigen for
the serological diagnosis of Lyme borreliosis. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 27: 349354.
Maraspin V., Cimperman J., Lotric-Furlan S., Ruzic-Sabljic E., Jurca T., Picken R. N., Strle F.
(2002): Solitary borrelial lymphocytoma in adult patients. Wien. Klin. Wochenschrift. 114:
515–523. Citato da Aguero-Rosenfeld e coll., 2005.
Maraspin V., Ruzic-Sabljic E., Strle F. (2006): Lyme borreliosis and Borrelia spielmanii.
Emerg. Infect. Dis., 12: 1177.
Marconi R. T., Liveris D., Schwartz I. (1995): Identification of novel insertion elements,
restriction fragment length polymorphism patterns, and discontinuous 23S rRNA in Lyme
disease spirochetes: phylogenetic analyses of rRNA genes and their intergenic spacers in
Borrelia japonica sp. nov. and genomic group 21038 (Borrelia andersonii sp. nov.) isolates. J.
Clin. Microbiol., 3s3: 2427-2434.
Margos G., Hojgaard A., Lane R. S., Cornet M., Fingerle V., Rudenko N., Ogden N.,
Aanensen D.M., Fish D., Piesman J. (2010): Multilocus sequence analysis of Borrelia bissettii
strains from North America reveals a new Borrelia species, Borrelia kurtenbachii. Ticks Tick
Borne Dis., 1: 151–158.
Margos G., Vollmer S.A., Kornet M., Garnier M., Fingerle V., Wilske B., Bormane A., Vitorino
L., Collares-Pereira M., Drancourt M., Kurtenbach K. (2009): A new Borrelia species defined
by multilocus sequence analysis of housekeeping genes. Appl. Environ. Microbiol., 75:
5410–5416.
Maroli M., Khoury C., Frustery L., Manilla G. (1996): Diffusione della zecca del cane
(Rhipicephalus sanguineus Laitreille, 1806) in Italia: un problema di salute pubblica. Annuali
Istituto Superiore della Sanità, 32 (3): 387-397.
Martin M. E., Caspersen K., Dumler J. S. (2001): Immunopathology and ehrlichial propagation
285
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
are regulated by interferon-gamma and interleukin-10 in a murine model of human
granulocytic ehrlichiosis. Am J Pathol., 158: 1881–1888.
Martin P., Bigaignon G., Gillion P., Thirion A., Fain A. (1990): Fréquence de Borrelia
burgdorferi (maladie de Lyme) et répartition de son vecteur Ixodes ricinus (Acari: Ixodidae)
dans le district Mosan de Belgique. Bull. Soc. Fr. Parasitol., 8: 331-338.
Martinez F. O., Gordon S., Locati M., Mantovani A. (2006): Transcriptional profiling of the
human monocyte-to-macrophage differentation and polarization: new molecules and patterns
of gene expression. J. Immunol., 177: 7303-7311.
Massung R. F., Courtney J. W., Hiratzka S. L., Pitzer V. E., Smith G., Dryden R. L. (2005):
Anaplasma phagocytophilum in white-tailed deer. Emerg. Infect. Dis., 10: 1604–1606.
Massung R. F., Lee K., Mauel M., Gusa A. (2002a): Characterization of the rRNA genes of
Ehrlichia chaffeensis and Anaplasma phagocytophila. DNA Cell Biol., 21: 587-596.
Massung R. F., Levin M. L., Munderloh U. G., Silverman D. J., Lynch M. J., Gaywee J. K.,
Kurtti T.J., (2007): Isolation and propagation of the Ap-Variant 1 strain of Anaplasma
phagocytophilum in a tick cell line. J. Clin. Microbiol. 45, 2138–2143.
Massung R. F., Mather T. N., Levin M. L. (2006): Reservoir competency of goats for the Apvariant 1 strain of Anaplasma phagocytophilum. Infect. Immun., 74: 1373–1375.
Massung R. F., Mauel M. J., Owens J. H., Allan N., Courtney J. W., Stafford 3rd K. C., Mather
T.N. (2002b): Genetic variants of Ehrlichia phagocytophila, Rhode Island and Connecticut.
Emerg. Infect. Dis., 8: 467–472.
Massung R. F., Priestley R. A., Miller N. J., Mather T. N., Levin M. L. (2003): Inability of a
variant strain of Anaplasma phagocytophilum to infect mice. J. Infect. Dis., 188: 1757–1763.
Massung R. F., Slater K. G.. (2003): Comparison of PCR assays for detection of the agent of
human granulocytic ehrlichiosis, Anaplasma phagocytophilum. J Clin Microbiol. 41: 717-22.
Masuzawa T. (2004): Terrestrial distribution of the Lyme borreliosis agent Borrelia burgdorferi
sensu lato in East Asia. J. Infect. Dis., 57: 229-235.
Masuzawa T., Kharitonenkov I. G., Okamoto Y., Fukui T., Ohashi N. (2008): Prevalence of
Anaplasma phagocytophilum and its coinfection with Borrelia afzelii in Ixodes ricinus and
Ixodes persulcatus ticks inhabiting Tver Province (Russia) - a sympatric region for both tick
species. J. Med. Microbiol. 57: 986-991.
Masuzawa T., Takada N., Kudeken M., Fukui T., Yano Y., Ishiguro F., Kawamura Y., Imai Y,
Ezaki T. (2001): Borrelia sinica sp. nov., a lyme disease-related Borrelia species isolated in
China. Int. J. Syst. Evol. Microbiol. 51: 1817-1824.
Masuzawa T., Wilske B., Komikado T., Suzuki H., Kawabata H., Sato N., Muramatsu K., Sato
N., Isogai E., Isogai H., Johnson R. C., Yanagihara Y. (1996): Comparison of OspA serotypes
for Borrelia burgdorferi sensu lato from Japan, Europe and North America. Microbiol.
Immunol., 40: 539-545.
Mather T., Ginsberg H. (1994): Vector-host-pathogens relationship: trasmission dynamics of
tick-born infection. In: Soneshine D.E., Mather T. (Eds.) Ecological dynamics of tick-borne
zoonoses. Oxford University Press, Oxford, UK, 1994, pp. 107-118.
Mathewson H. O., Anderson A. E., Hazard G. W. (1984): Self-limited babesiosis in a
splenectomized child. Pediatric Infectious Disease, 2: 148–149.
Matjila P. T., Penzhorn B. L., Bekker C. P., Nijhof A. M., Jongejan F. (2004): Confirmation of
occurrence of Babesia canis vogeli in domestic dogs in South Africa. Vet. Parasitol.,122:
119–125.
Matsubara J., Koura M., Kamiyama T. (1993): Infection of immunodeficient mice with a
mouse-adapted substrain of the gray strani of Babesia microti, J. Parasitol., 79: 783-786.
Maunder J. C. J. (1949): Cattle tick control: results achieved in the field with DDT and BHC.
Queensland Agricultural Journal, September: 1–8.
Maurizi L., Marié J. L., Aoun O., Courtin C., Gorsane S., Chal D., Davoust B. (2010):
Seroprevalence survey of equine Lyme borreliosis in France and in sub-Saharan Africa.
Vector Borne Zoonotic. Dis., 10(5): 535-537.
May C., Bennett D., Carter S. D. (1990): Lyme disease in the dog. Vet. Rec., 126: 293.
286
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
May C., Carter S., Barnes A., Bell S., Bennett D. (1991): Serodiagnosis of Lyme disease in UK
dogs. J. Small. Anim. Pract., 32: 170-174.
Mazepa A. W., Kidd L. B., Young K. M., Trepanier L. A. (2010): Clinical presentation of 26
Anaplasma phagocytophilum-seropositive dogs residing in an endemic area. J Am Anim
Hosp Assoc., 46: 405-12.
McDiarmid A. (1965): Modern trends in animal health and husbandry. Some infectious
diseases of free-living wild-life. Brit. Vet. J., 121: 245– 257.
McDougald L. R., Roberson E. L. (1991): farmaci antiprotozoari. In: Booth N. H., McDonald L.
E. (Eds.) Farmacologia e Terapeutica Veterinaria. EMSI, Roma, 1991: pp 1048-1067.
McDougall K. W., Machin M. V. (1988). Stabilization of the carbamate acaricide promacyl in
cattle dipping fluid. Pesticide Science, 22: 307–315.
McHardy N. (1984): Recent advances in the chemotherapy of theileriosis. Prev. Vet. Med., 2:
179–192.
McHardy N., Wekesa L. S., Hudson A. T., Randall A. W. (1985): Antitheilerial activity of
BW720C (buparvaquone): a comparison with parvaquone. Res Vet Sci., 39: 29-33.
McKenna P., Clement J., Van Dijck D., Lauwerys M., Carey D., Van den Bogaard T.,
Bigaignon G. (1995): Canine Lyme disease in Belgium. Vet. Rec., 136: 244-247.
McNamee P. T., Cule A. P., Donnelly J. (1989): Suspected ehrlichiosis in a gelding in Wales.
Vet. Rec., 124: 634–635.
McQuiston J. H., Childs J. E., Chammberlang M. E., Tarbor E. (2000): Transmission of tickborne agents of disease by blood transfusion: a review of known and potential risks in the
United States. Transfusion, 40: 274–84.
Mdachi R. E., Murilla G. A., Omukuba J. N., Cagnolati V. (1995): Disposition of diminazene
aceturate (Berenil®) in trypanosome-infected pregnant and lactating cows. Vet. Parasitol.,
58: 215–225.
Mehlhorn H., Peters W., Haberkorn A. (1980): The formation of kinetes and oocysts in
Plasmodium gallinaceum and considerations on phylogenetic relathionships between
Haemosporidia, and other Coccidia. Protistologica, 16: 135-154.
Mehlhorn H., Schein E. (1998): Redescription of Babesia equi Laveran, 1901 as Theileria equi
Mehlhorn, Schein 1998. Parasitology, 84: 467-475.
Mehlhorn H., Schein E., Ahmed J. S. (1993): Theileria. In J. P. Kreier (ed.), Parasitic
protozoa, vol. 7. Academic Press, New York, N.Y, pp. 217–304.
Mehlorn H., Schein E. (1984): The piroplasms: life cycle and sexual stages. In: Baker J.R.,
Muller R. (Eds.) Advances in Parasitology. Academic Press, London, UK, 23: 37-103.
Mehnert W. H., Krause G. (2005): Surveillance of Lyme borreliosis in Germany, 2002 and
2003. Eurosurveillance, 10: 83–85.
Merchant S.R., Ttaboada J. (1991): Dermatolology aspects of tick bites and tick transmitted
disease. Vet. Clin. N. Am., 21 (1): 145-155.
Meurice F., Parenti D., Fu D., Krause D. S. (1997): Specific issues in the design and
implementation of an efficacy trial for a Lyme disease vaccine. Clin. Infect. Dis., 25(Suppl. 1):
S71-75.
Mhadhbi M., Naouach A., Boumiza A., Chaabani M..F., BenAbderazzak S., Darghouth M..A.
(2010): In vivo evidence for the resistance of Theileria annulata to buparvaquone. Veterinary
parasitology, 169: 241-247.
Michael S. A., Morsy T. A., Montasser M. F. (1987) A case of human babesiosis. J. Egypt.
Soc. Parasitol.; 17: 409-410.
Michalski M., Rosenfield C., Erickson M., Selle R., Bates K., Essar D., Massung R. F. (2006):
Anaplasma phagocytophilum in central and western Wisconsin: a molecular survey. Parasitol.
Res., 99: 694–699.
Minami T., Ishihara T. (1980): Babesia ovata sp.n. isolated from cattle in Japan. Natl. Inst.
Anim. Health Q (Tokyo), 20(3): 101-13.
Minami T. M., Yamabe K., Hayashi S, Ishihara T. (1979): Serological ralationship of Japanese
Babesia spp. with capillary tube agglutination tests. Vet. Parasitol., 5: 29-38.
287
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Mirzaei M. (2007): Treatment of natural tropical theileriosis with the extract of the plant
Peganum harmala. Korean Journal of Parasitology, 45 (4): 267-271.
Miserez V., Gern L., Aeschlimann A. (1990): Borrelia burgdorferi in ticks of the Canton Tessin
(Switzerland). Parassitologia, 32: 293-199.
Misic-Majerus L.J., Bujic N., Madjaric V., James-Poje V. (2000): First description of the human
granulocytic ehrlichiosis in Croatia. Clin. Microbiol. Infect., 6 (Suppl. 1): 194–195.
Miyamoto K., Hashimoto Y. (1998): Prevention of Lyme borreliosis infection after tick bites [in
Chinese]. Kansenshogaku Zasshi, 72: 512-516. Citato da Bhate C. e Schwartz R. A. (2011).
Moffat A. S. (1993): New chemicals seek to outwit insect pest. Science, 261: 550-551.
Mommert S., Gutzmer R., Kapp A., Werfel T. (2001): Sensitive detection of Borrelia
burgdorferi sensu lato DNA and differentiation of Borrelia species by LightCycler PCR. J. Clin.
Microbiol., 39: 2663–2667.
Monari P., Farisoglio C., Calzavara Pinton P. G. (2007): Borrelia burgdorferi-associated
primary cutaneous marginal-zone B-cell lymphoma: a case report. Dermatology, 215: 229232.
Moore J. A., Kuntz R. E. (1981): Babesia microti infections in nonhuman primates. J.
Parasitol., 67: 454–456.
Moreau Y., Vidor E., Bissuel G. e Dubreuil N. (1989): Vaccination against canine babesiosis:
an overview of field observations. Trans. R. Soc. Trop. Med. Hyg., 83(Suppl): 95–96.
Morisod A., Brossard M., Lambert C., Suter H., Aeschlimann A. (1972): Babesia bovis:
transmisison par Ixodes ricinus (Ixodoidae) dans la plaine du Rhone. Schwiezer Arch. f.
Tierheil., 114: 387-394.
Morissette E., Massung R. F., Foley J. E., Alleman A. R., Foley P., Barbet AF. (2009):
Diversity of Anaplasma phagocytophilum strains, USA. Emerg Infect Dis., 15: 928-931.
Moro M. H., David C. S., Magera J. M., Wettstein P. J., Barthold S. W., Persing D. H. (1998):
Differential effects of infection with a Babesia-like piroplasm, WA1, in inbred mice. Infect.
Immun., 66: 492–498.
Morrison T. B., Ma Y., Weis J. H., Weis J. J. (1999): Rapid and sensitive quantification of
Borrelia burgdorferi-infected mouse tissues by continuous fluorescent monitoring of PCR. J.
Clin. Microbiol., 37: 987–992.
Morshed M. G., Scott J. D., Fernando K., Geddes G., McNabb A., Mak S., Durden L. A.
(2006): Distribution and characterization of Borrelia burgdorferi isolates from Ixodes scapularis
and presence in mammalian hosts in Ontario, Canada. J. Med. Entomol., 43: 762-773.
Motaleb M. A., Corum L., Bono J. L., Elias A. F., Rosa P., Samuels D. S., Charon N. W.
(2000): Borrelia burgdorferi periplasmic flagella have both skeletal and motility functions.
Proc. Natl. Acad. Sci. USA., 97: 10899-10904.
Mott J., Rikihisa Y. (2000): Human granulocytic ehrlichiosis agent inhibits superoxide anion
generation by human neutrophils. Infect. Immun., 68: 6697-6703.
Mott J., Rikihisa Y., Tsunawaki S. (2002): Effects of Anaplasma phagocytophila on NADPH
oxidase components in human neutrophils and HL-60 cells. Infect. Immun., 70: 1359–1366.
Müllegger R. R. (2001): Clinical aspects and diagnosis of erythema migrans and borrelial
lymphocytoma. Acta Derm Venereol (Ljubljana), 10: 152-158.
Müllegger R. R. (2004): Dermatological manifestations of Lyme borreliosis. Eur. J. Dermatol.,
14: 296-309.
Munderloh U. G., Blouin E. F., Kocan K. M., Ge N. L., Edwards W. L., Kurtti T. J. (1996a):
Establishment of the tick (Acari: Ixodidae)-borne cattle pathogen Anaplasma marginale
(Rickettsiales: Anaplasmataceae) in tick cell culture. J Med Entomol., 33: 656-664.
Munderloh U. G., Jauron S. D., Fingerle V., Leitritz L., Hayes S. F., Hautman J. M., Nelson C.
M., Huberty B. W., Kurtti T. J., Ahlstrand G. G., Greig B., Mellencamp M. A. e Goodman J. L.
(1999): Invasion and intracellular development of the human granulocytic ehrlichiosis agent in
tick cell culture. J. Clin. Microbiol., 37: 2518-2424.
Munderloh U. G., Lynch M. J., Herron M. J., Palmer A. T., Kurtti T. J., Nelson R. D., Goodman
J. L. ( 2004): Infection of endothelial cells with Anaplasma marginale and A. phagocytophilum.
288
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Vet Microbiol., 101: 53–64.
Munderloh U. G., Madigan J. E., Dumles J. S., Goodman J. L., Hayes S. F., Barlough J. E.,
Nelson C. M., Kurtti T. J. (1996b): Isolation of the equine granulocytic ehrlichiosis agent,
Ehrlichia equi, in tick cell culture. J. Clin. Microbiol. 34: 664–670.
Muniz R. A., Hernandez F., Lombardero O., Leite R. C., Moreno J., Errecalde J., Goncalves L.
C. (1995). Efficacy of injectable doramectin against natural Boophilus microplus infestations in
cattle. Am. J. Vet. Res., 56: 460–463
Murphy T. M., Gray J. S., Langley R. J. (1986): Effects of rapid passage in the gerbil
(Meriones unguiculatus) on the course of infection of the bovine piroplasm Babesia divergens
in splenectomised calves. Res. Vet. Sci., 40: 285–287.
Musoke A. J., Nantulya V. M., Rurangira F. R., Buscher G. (1984): Evidence for a common
protective antigenic determinant on sporozoites of several Theileria parva strains.
Immunology, 52: 231-238.
Mwangi E. N., Hassan S. M., Kaaya G. P., Essijman S. (1997): The impact of Ixodiphagus
hookeri, a tick parasitoid, on Amblyonnna variegatum (Acari : lxodidae) in a field trial in Kenya.
Exp . App. Acarol., 21: 117-126.
Nadelman R. B., Horowitz H. W., Hsieh T. C., Wu J. M., Aguero-Rosenfeld M. E., Schwartz L.,
Nowakowski J., Varde S. e Wormser G. P. (1997): Simultaneous human granulocytic
ehrlichiosis and Lyme borreliosis. N. Engl. J. Med., 337: 27-30.
Nadelman R. B., Nowakowski J., Forseter G., Goldberg N. S., Bittker S., Cooper D., Varde S.,
Moy F. H., Forseter G., Pavia C. S., Schwartz I. (1996): The clinical spectrum of early Lyme
borreliosis in patients with culture-confirmed erythema migrans. Am. J. Med., 100: 502-508.
Nadelman R. B., Wormser G. P. (1998): Lyme borreliosis. Lancet, 352: 557–565.
Naessens J., Newson J., Bensaid A., Teale A. J., Magondu J. G., Black S. J. (1985): De novo
expression of T cell markers on Theileria parva transformed lymphoblasts in cattle. J.
Immunol., 135: 4183–4188.
Navarrete I., Serrano F. J., Reina D. (1999): Babesiosis e Theileriosis, Parasitosis hematicas.
In Cordero del Campillo M., Rojo Vazqez F. A., Martinez Frnandez A. R., Sanchez Acedo M.
C., Hernandez Rodriguez S., Navarrete Lopez-Cozar, Diez Banos P., Quisoz Romero H.,
Carvalho Varela M. (Eds.), Parasitologia veterinaria, McGraw-Hill-Interamericana de Espana,
S. A. U., Madrid, España, pp: 283-305.
Nazzi F., Martinelli E., Del Fabbro S., Bernardinelli I., Milani N., Iob A., Pischiutti P., Campello
C., D'Agaro P. (2010): Ticks and Lyme borreliosis in an alpine area in northeast Italy. Med.
Vet. Entomol., 24: 220-226.
Nicholson W. L., Castro M. B., Kramer V. L., Sumner J. W., Childs J. E. (1999): Duskyfooted
wood rats (Neotoma fuscipes) as reservoirs of granulocytic Ehrlichiae (Rickettsiales:
Ehrlichieae) in northern California. J. Clin. Microbiol., 37: 3323– 3327.
Nieto N. C., Foley J. E., Bettaso J. e Lane R. S. (2009): Reptile infection with Anaplasma
phagocytophilum, the causative agent of granulocytic anaplasmosis. J. Parasitol., 95: 11651170.
Nieto, N.C., Foley, J.E. (2009): Reservoir competence of the redwood chipmunk (Tamias
ochrogenys) for Anaplasma phagocytophilum. Vector Borne Zoonotic Dis., 9: 573–577.
Niu H., Rikihisa Y., Yamaguchi M. e Ohashi N. (2006): Differential expression of VirB9 and
VirB6 during the life cycle of Anaplasma phagocytophilum in human leucocytes is associated
with differential binding and avoidance of lysosome pathway. Cell. Microbiol., 8: 523–534.
Nocton J. J., Dressler F., Rutledge B. J., Rys P. N., Persing D. H., Steere A. C. (1994):
Detection of Borrelia burgdorferi DNA by polymerase chain reaction in synovial fluid from
patients with Lyme arthritis. N. Engl. J. Med., 330: 229–234.
Nolan J., Roulston W. J., Schnitzerling H. J. (1979). The potential value of some synthetic
pyrethroids for control of the cattle tick (Boophilus microplus). Australian Vet. J., 55: 463–
466.
Nordstrand A., Barbour A. G., Bergstrom S. (2000): Borrelia pathogenesis research in the
post-genomic and post-vaccine era. Curr. Opin. Microbiol., 3 :86–92.
289
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Norval R. A. I., Horak I. G. (2004): Ticks. In: Coetzer J.AW., Tustin R.C. (Eds.) Infectious
nd
Disease of Livestock. 2 Ed., Oxford University Press, pp. 3-42.
st
Norval R. A. I., Perry B. D., Young A. S. (1992): The Epidemiology of Theileriosis in Africa. 1
edn. London, Academy Press.
Norval R. A. I., Sonenshine D. E., Allan S. A., Burridge M. J. (1996): Efficacy of pheromoneacaricide impregnated tail-tag decoys for controlling the bont tick, Amblyomma hebraeum
(Acari: Ixodidae), on cattle in Zimbabwe. Exp. App. Acarol., 20: 31–46.
Nosek J. (1972): The ecology and public health importance of Dermacentor marginatus and D.
reticulatus ticks in Central Europe. Folia Parasitologica, 19: 93–102.
Nuttal G. H. F., Warburton C., Cooper W. F., Robinson L. E. (1908): Tick. A monograph of the
Ixodoidea. Part I: the Argasidae. Cambridge University Press, Cambridge, UK, pp. 1-104.
Nyarko E., Grab D. J., Dumler J. S. (2006): Anaplasma phagocytophilum- infected neutrophils
enhance transmigration of Borrelia burgdorferi across the human blood brain barrier in vitro.
Int J Parasitol., 36: 601–605.
Nygard K. K., Brantsaeter A. B., Mehl R. (2005): Disseminated and chronic Lyme borreliosis in
Norway, 1995–2004. Eurosurveillance, 10: 235–238.
Nyindo M. B. A., Ristic M., Lewis G. E., Huxsoll D. L., Stephenson E.H. (1978): Immune
responses of ponies to experimental infection with Ehrlichia equi. J. Am. Vet. Med. Assoc.,
180: 512–514. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Obonyo M., Munderloh U. G., Fingerle V., Wilske B., Kurtti T. J. (1999): Borrelia burgdorferi in
tick cell culture modulates expression of outer surface proteins A and C in response to
temperature. J. Clin. Microbiol., 37: 2137–2141.
Ochanda H., Young A. S., Wells C., Medley G. F., Perry B. D. (1996): Comparison of the
transmission of Theileria parva between different instars of Rhipicephalus appendiculatus.
Parasitology, 113: 243-253.
O'Conner T. P., Esty K. E., Hanscom J. L., Shields P., Philipp M. T. (2004): Dogs vaccinated
with common Lyme disease vaccines do not respond to IR6 the conserved immunodominant
region of the VlsE surface protein of Borrelia burgdorferi. Clin. Lab. Immun.
Ogden N. H., Bown K. J., Horrocks B. K., Woldehiwet Z., Bennett M. (1998a): Granulocytic
Ehrlichia infection in ixodid ticks and mammals in woodlands and uplands of the U.K. Med.
Vet. Entomol., 12: 423–429.
Ogden N. H., Casey A. N. J., French N. P., Bown K. J., Adams J. D. W., Woldehiwet Z.
(2002a): Natural Ehrlichia phagocytophila transmission coefficients from sheep ‘carriers’ to
Ixodes ricinus ticks vary with the numbers of feeding ticks. Parasitology, 124: 127–136.
Ogden N. H., Casey A. N. J., French N. P., Woldehiwet Z. (2002b): A review of studies on the
transmission of Anaplasma phagocytophilum from sheep: implications for the force of infection
in endemic cycles. Exp. Appl. Acarol., 28: 195–202.
Ogden N. H., Casey A. N. J., Lawrie C., French N. P., Woldehiwet Z., Carter S. D. (2002c):
IgG responses to salivary gland extract of Ixodes ricinus ticks vary inversely with resistance in
naturally exposed sheep. Med. Vet. Entomol., 16: 186–192.
Ogden N. H., Casey A. N. J., Woldehiwet Z., French N. P. (2003): Transmission of Anaplasma
phagocytophilum to Ixodes ricinus ticks from sheep in the acute and post-acute phase of
infection. Infect. Immun., 71: 2071–2078.
Ogden N. H., Woldehiwet Z., Hart C. A. (1998b): Granulocytic Ehrlichiosis: an emerging or
rediscovered tick-borne disease. J. Med. Microbiol. 47: 475–482.
Ogrinc K., Ružić-Sabljić E., Strle F. (2008): Clinical assessment of patients with suspected
Lyme borreliosis. Int. J. Med. Microbiol., 298(Suppl. 1): 356-360.
Ohashi N, Zhi N, Lin Q, Rikihisa Y. (2002): Characterization and transcriptional analysis of
gene clusters for a type IV secretion machinery in human granulocytic and monocytic
ehrlichiosis agents. Infect. Immun., 70: 2128–2138.
Ohashi N., Inayoshi M., Kitamura K., Kawamori F., Kawaguchi D., Nishimura Y., Naitou H.,
Hiroi M., Masuzawa T. (2005): Anaplasma phagocytophilum-infected ticks, Japan. Emerg.
Infect. Dis., 11(11):1780-1783.
290
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Ohashi N., Zhi N., Zhang Y. e Rikihisa Y. (1998): Immunodominant major outer membrane
proteins of Ehrlichia chaffeensis are encoded by a polymorphic multigene family. Infect
Immun., 66(1):132-139.
Ohnishi J., Piesman J., de Silva A. M. (2001): Antigenic and genetic heterogeneity of Borrelia
burgdorferi populations transmitted by ticks. Proc. Natl. Acad. Sci., 98: 670-675.
Olano J. P., Aguero-Rosenfeld M. E. (2007): Ehrlichia, Anaplasma, and Related Intracellular
Bacteria. In Murray P. R., Baron E. J., Jorgensen J. H., Landry M. L., Pfaller M. A. (Eds.):
Manual of Clinical Microbiology, Volume 1, American Society for Microbiology, Washington
DC, USA, pp: 1046-1061.
Oldak E., Flisiak I., Chodynicka B. (2009): Lyme disease in children. Przegl. Dermatol., 96:
146-151.
Oldak E., Sulik A., Dorota R. (2008): The significance of immunoblot tests in diagnosis of
Lyme borreliosis in children [in Czech]. Przegl. Epidemiol., 62(suppl): 83-87. Citato da Bhate
C. e Schwartz R. A. (2011b).
Ole-MoiYoi O. K., Brown W. C., Iams K. P., Nayar A., Tsukamoto T., Macklin M. D. (1993):
Evidence for the induction of casein kinase II in bovine lymphocytes transformed by the
intracellular protozoan parasite Theileria parva. EMBO J. 12: 1621–1631.
Ole-MoiYoi O. K., Nayar A., Iams K., Musoke A. J., Yilma T. (1989): Molecular aspects of
Theileria parva and approaches to vaccine development for animals. Ann. N. Y. Acad. Sci.,
569: 174–182.
Olivares J. P., Pallas F., Ceccaldi M., Viton J. M., Raoult D., Planche D., Delarque A. (1995):
Lyme disease presenting as isolated acute urinary retention caused by transverse myelitis: an
electrophysiological and urodynamical study. Arch Phys Med Rehabil., 76: 1171-1172.
Olmeda A. S., Armstrong P. M., Rosenthal B. M., Valladares B., del Castillo A., de Armas F.,
Miguelez M., González A., Rodríguez Rodríguez J. A., Spielman A., Telford S. R. 3rd. (1997):
A subtropical case of human babesiosis. Acta Trop., 67: 229-234.
Ong K. R., Stavropoulos C., Inada Y. (1990): Babesiosis, asplenia, and AIDS. Lancet, 336:
112.
Osorno B. M., Vega C., Ristia M., Robles C., Ibarra S. (1976): Isolation of Babesia spp. from
asymptomatic human being. Vet. Parasitol., 2: 111-120.
Ostfeld R. S., Canham C. D., Oggenfuss K., Winchcombe R. J., Keesing F. (2006): Climate,
deer, rodents, and acorns as determinants of variation in lyme-disease risk. PLoS Biol., 4:
e145.
Oteo J. A., Blanco J. R., de Artola V., Ibarra V. (2000): First report of human granulocytic
ehrlichiosis in southern Europe (Spain). Emerg. Infect. Dis., 6: 430–431.
Oteo J. A., Blanco J. R., Ibarra V. (2001a): Can we prevent tickborne transmission disease?
Enferm Infecc Microbiol Clin., 19: 509–513.
Oteo J. A., Gil H., Barral M., Pérez A., Jimenez S., Blanco J. R., Martinez de Artola V., GarcíaPérez A., Juste R. A. (2001): Presence of granulocytic ehrlichia in ticks and serological
evidence of human infection in La Rioja, Spain. Epidemiol Infect., 127: 353–8.
Otranto D., Dantas-Torres F. (2010): Canine and feline vector-borne diseases in Italy: current
situation and perspectives. Parasites Vectors, 3: 2.
Otranto D., Traversa D. (2010): Parassiti degli equini. In: Taylor M. A., Coop R. L. e Wall R. L.
(Eds) Parassitologia e malattie parassitarie degli animali. EMSI, Roma, Italia, pp: 261-317.
Øverås J, Lund A., Ulvund M. J., Waldeland H. (1993): Tick-borne fever as a possible
predisposing factor in septicaemic pasteurellosis in lambs. Vet Rec., 133: 398.
Øverås J. (1962): Tick-borne fever (sjodogg) hos storfe. Norsk Veterinaertisskrift, 14: 631–
641. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Pachner A. R., Steere A. C. (1985): The triad of neurologic manifestations of Lyme disease:
meningitis, cranial neuritis, and radiculoneuritis. Neurology, 35: 47-53.
Paddock C. D., Childs J. E. (2003): Ehrlichia chaffeensis: a Prototypical Emerging Pathogen.
Clin. Microbiol. Rev., 16: 37–64.
Pal U., Yang X., Chen M., Bockenstedt L. K., Anderson J. F., Flavell R. A., Norgard M. V.,
291
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Fikrig E. (2004): OspC facilitates Borrelia burgdorferi invasion of Ixodes scapularis salivary
glands. J. Clin. Invest., 113: 220-230.
Palmer B. H., McCarthy J. F., Kozlik A., Harrison, I. R. (1971). A new chemical group of cattle
acaricides. Proceedings of the 3rd International Congress of Acarology, Prague, pp. 687–691.
Palmer G. H., Machado J. Jr., Fernandez P., Heussler V., Perinat T., Dobbelaere D. A. (1997):
Parasite-mediated nuclear factor kappaB regulation in lymphoproliferation caused by Theileria
parva infection. Proc. Natl. Acad. Sci. USA , 94: 12527–12532.
Pantchev N., Schaper R., Limousin S., Norden N., Weise M., Lorentzen L. (2009): Occurrence
of Dirofilaria immitis and tickborne infections caused by Anaplasma phagocytophilum, Borrelia
burgdorferi sensu lato and Ehrlichia canis in domestic dogs in France: results of a countrywide
serologic survey. Parasitol. Res., 105: S101–S113.
Park J., Choi K. S., Dumler J. S. (2003): Major surface protein 2 of Anaplasma
phagocytophilum facilitates adherence to granulocytes. Infect Immun., 71: 4018–4025.
Parker J. L., White K. K. (1992): Lyme borreliosis in cattle and horses: a review of the
literature. Cornell Vet.,.82(3): 253-274.
Parola P., Raoult D. (2001a): Tick-borne bacterial diseases emerging in Europe. Clin.
Microbiol. Infect.; 7: 80–3.
Parola P., Raoult D. (2001b): Ticks and tickborne bacterial diseases in humans: an emerging
infectious threat. Clin Infect Dis., 32: 897–928.
Parrodi F., Jacobson R. H., Wright I. G., Fitzgerald C. J., Dobson C. (1991): The effect of
immune serum and complement on the in vitro phagocytosis of Babesia rodhaini. Parasitol.
Immnol., 13: 457-471.
Passamonti F., Veronesi F., Cappelli K., Capomaccio S., Coppola G., Marenzoni M. L., Piergili
Fioretti D., Verini Supplizi A., Coletti M. (2010): Anaplasma phagocytophilum in horses and
ticks: a preliminary survey of Central Italy. Comp. Immunol. Microbiol. Infect. Dis., 33(1):7383.
Pavan W. O. (2009): Local epidemiology and clinical manifestations of Lyme disease. Int. J.
Med. Sci., 6: 123.
Paxton E. A., Scott G.R. (1989): Detection of antibodies to the agent of tick-borne fever by
indirect immunofluorescence. Vet. Microbiol., 21: 133– 138.
Peddireddi L., Cheng C., Ganta R. R. (2009): Promoter analysis of macrophage- and tick cellspecific differentially expressed Ehrlichia chaffeensis p28-Omp genes. BMC Microbiol., 9: 99.
Pedra J. H., Sutterwala F. S., Sukumaran B., Ogura Y., Qian F., Montgomery R. R., Flavell R.
A., Fikrig E. (2007b): ASC/ PYCARD and Caspase-1 regulate the IL-18/IFN-gamma axis
during Anaplasma phagocytophilum infection. J Immunol., 179: 4783–4791.
Pedra J. H., Tao J., Sutterwala F. S., Sukumaran B., Berliner N., Bockenstedt L. K., Flavell R.
A., Yin Z., Fikrig E. (2007a): IL-12/23p40-dependent clearance of Anaplasma
phagocytophilum in the murine model of human anaplasmosis.,50: 401–410.
Pejchalová K., Zákovská A., Mejzlíková M., Halouzka J., Dendis M. (2007): Isolation,
cultivation and identification of Borrelia burgdorferi genospecies from Ixodes ricinus ticks from
the city of Brno, Czech Republic. Ann Agric Environ Med., 14:75-79.
Peltomaa M., Pyykko I., Sappala I., Viitanen L., Viljanen M. (2000): Lyme borreliosis, an
etiological factor in sensorineural hearing loss? Eur. Arch. Otorhinolaryngol., 257: 317-322.
Peltomaa M., Pyykko I., Seppala I., Viljanen M. (1998): Lyme borreliosis—an unusual cause of
vertigo. Auris Nasus Larynx, 25: 233-242.
Peltomaa M., Pyykkö I., Seppälä I., Viljanen M. (2002): Lyme borreliosis and facial paralysis—
a prospective analysis of risk factors and outcome. Am. J. Otolaryngol., 23: 125-132.
Perret J. L., Guigoz E., Rais O., Gern L. (2000): Influence of saturation deficit and temperature
on Ixodes ricinus tick questing activity in a Lime borreliosis-endemic area (Switzerland).
Parassitol. Res., 86: 554-557.
Perry B. D., Nichols D. K., Cullom E. S. (1985): Babesia odocoilei Emerson e Wright, 1970, in
white-tailed deer, Odocoileus virginianus (Zimmermann), in Virginia. Journal of Wildlife
Diseases, 21: 149-152.
292
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Persing D. H., Herwaldt B. L., Glaser C., Lane R. S., Thomford J. W., Mathiesen D., Krause P.
J., Phillip D. F., Conrad P. A. (1995): Infection with a Babesia-like organism in northern
California. N. Engl. J. Med, 332: 298-303.
Persing D. H., Rutledge B. J., Rys P. N., Podzorski D. S., Mitchell P. D., Reed K. D., Liu B.,
Fikrig E., Malawista S. E. (1994): Target imbalance: disparity of Borrelia burgdorferi genetic
material in synovial fluid from Lyme arthritis patients. J. Infect. Dis., 169: 668-672.
Persing, D. H., Mathiesen D., Marshall W. F., Telford S. R. III, Spielman A., Thomford J. W.,
Conrad P. A. (1992): Detection of Babesia microti by polymerase chain reaction. J. Clin.
Microbiol., 30; 2097–2103.
Petrovec M., Bidovec A., Sumner J. W., Nicholson W. L., Childs J. E., Avsic-Zupanc T. (2002):
Infection with Anaplasma phagocytophila in cervids from Slovenia: evidence of two genotypic
lineages. Wien. Klin. Wochenschr., 31: 641–647.
Petrovec M., Lotric-Furlan S., Zupanc T. A., Strle F., Brouqui P., Roux V., Dumler J. S. (1997):
Human disease in Europe caused by a granulocytic Ehrlichia species. J. Clin. Microbiol., 35:
1556–1559.
Petrovec M., Sumner J. W., Nicholson W. L. Childs J. E., Strle F., Barlic J., Lotric-Furlan S.,
Avsic Zupanc T. (1999): Identity of ehrlichial DNA sequences derived from Ixodes ricinus ticks
with those obtained from patients with human granulocytic ehrlichiosis in Slovenia. J Clin
Microbiol., 37: 209–210.
Pfister H. W., Wilske B., Weber K. (1994): Lyme borreliosis: basic science and clinical
aspects. Lancet, 343: 1013–1016.
Philip C. B. (1974): Tribe II. Ehrlichieae Philip 1957. In: R.E. Buchanan and N. E. Gibbons
th
(eds), Bergey’s manual of determinative bacteriology, 8 edit. The Williams & Wilkins
Company, Baltimore. pp: 893-897. Citato da Suen S., 2007.
Philipp M. T., Bowers L. C., Fawcett P. T., Jacobs M. B., Liang F. T., Marques A. R., Mitchell
P. D., Purcell J. E., Ratterree M. S., Straubinger R. K. (2001): Antibody response to IR6, a
conserved immunodominant region of the VlsE lipoprotein, wanes rapidly after antibiotic
treatment of Borrelia burgdorferi infection in experimental animals and humans. J. Infect. Dis.,
184: 870-878.
Picken R. N., Cheng Y., Strle F., Picken M. M. (1996): Patient isolates of Borrelia burgdorferi
sensu lato with genotypic and phenotypic similarities of strain 25015. J. Infect. Dis., 174:
1112–1115.
Picken R. N., Strle F., Picken M. M., Ruzic-Sabljic E., Maraspin V., Lotric-Furlan S.,
Cimperman J. (1998): Identification of three species of Borrelia burgdorferi sensu lato (B.
burgdorferi sensu stricto, B. garinii, and B. afzelii) among isolates from acrodermatitis chronica
atrophicans lesions. J. Investig. Dermatol., 110: 211–214.
Pieniazek N., Sawczuk M., Skotarczak B. (2006): Molecular identification of Babesia parasites
isolated from Ixodes ricinus ticks collected in northwestern Poland. J Parasitol. Feb;92(1):325.
Piesman J. (2006): Strategies for reducing the risk of Lyme borreliosis in North America. Int. J.
Med. Microbiol., 296(Suppl. 40): 17-22.
Piesman J., Dolan M. C. (2002): Protection against lyme disease spirochete transmission
provided by prompt removal of nymphal Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae). J. Med.
Entomol., 39: 509-512.
Piesman J., Karakashian S. J., Lewengrub S., Rudzinska M. A., Spielman A. (1986):
Development of Babesia microti sporozoites in adult Ixodes dammini. Int. J. Parasitol., 16:
381–385.
Piesman J., Lewengrub S., Rudzinska M. A., Spielman A. (1987a): Babesia microti: prolonged
survival of salivarian piroplasms in nymphal Ixodes dammini. Exp. Parasitol., 64: 292-299.
Piesman J., Mather T. N., Dammin G. J., Telford III S., Lastavica C. C., Spielman A. (1987b):
Seasonal variation of transmission risk of Lyme disease and human babesiosis. Am. J.
Epidemiol., 126: 1187–1189.
Piesman J., Mather T. N., Sinsky R. J., Spielman A. (1987c): Duration of tick attachment and
293
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Borrelia burgdorferi transmission. J. Clin. Microbiol., 25: 557–558.
Piesman J., Spielman A. (1982): Babesia microti: infectivity of parasites from ticks for
hamsters and white-footed mice. Exp. Parasitol., 53: 242–248.
Piesman J., Spielman A., Etkind P., Ruebush T. II, Juranek D. D. (1979): Role of deer in the
epizootiology of Babesia microti in Massachusetts, USA. J. Med. Entomol., 15: 537–540.
Piesman J., Zeidner N. S., Schneider B. S. (2003): Dynamic changes in Borrelia burgdorferi
populations in Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae) during transmission: studies at the mRNA
level. Vector-Borne Zoon. Dis., 3: 125-132.
Pietila J., He Q., Oksi J., Viljanen M. K. (2000): Rapid differentiation of Borrelia garinii from
Borrelia afzelii and Borrelia burgdorferi sensu stricto by Lightcycler fluorescence melting curve
analysis of a PCR product of the recA gene. J. Clin. Microbiol., 38: 2756–2759.
Pinto D. S. (2002): Cardiac manifestations of Lyme disease. Med. Clin. North. Am., 86: 285296.
Pistone D., Pajoro M., Fabbi M., Vicari N., Marone P., Genchi C., Novati S., Sassera D., Epis
S., Bandi C. (2010): Lyme borreliosis, Po River Valley, Italy. Emerg. Infect. Dis., 16: 12891291.
Plier M. L., Breitschwerdt E. B., Hegarty B. C., Kidd L. B. (2009): Lack of evidence for perinatal
transmission of canine granulocytic anaplasmosis from a bitch to her offspring. J. Am. Anim.
Hosp. Assoc., 45: 232-238.
Pohl-Koppe A., Wilske B., Weiss M., Schmidt H. (1998): Borrelia lymphocytoma in childhood.
Pediatr Infect Dis J., 17: 423-426.
Poitout F. M., Shinozaki J. K., Stockwell P. J., Holland C. J., Shukla S. K. (2005): Genetic
variants of Anaplasma phagocytophilum infecting dogs in western Washington State. J Clin
Microbiol., 43: 796–801.
Polar P., Kairo M. T. K., Peterkin D., Moore D., Pegram R., John S. A. (2005): Assessment of
fungal isolates for development of a myco-acaricide for cattle tick control. Vector-Borne
Zoonotic Dis., 5: 276–284.
Polin H., Hufnagl P., Haunschmid R., Gruber F., Ladurner G. (2004): Molecular evidence of
Anaplasma phagocytophilum in Ixodes ricinus ticks and wild animals in Austria. J. Clin.
Microbiol. 42: 2285–2286.
Pollack R. J., Telford S. R. III, Spielman A. (1993): Standardization of medium for culturing
Lyme disease spirochetes. J. Clin. Microbiol. 31: 1251–1255.
Popov V. L., Chen S. M., Feng H. M. e coll. (1995): Ultrastrctural variation of cultured Ehrlichia
chaffeensis. J. Med. Microbiol., 43: 411-421.
Popov V. L., Han V. C., Chen S. M., Dumler J. S., Feng H. M., Andreadis T. G., Tesh R. B.,
Walker D. H. (1998): Ultrastructural differentiation of the genogroups in the genus Ehrlichia. J.
Med. Microbiol., 47: 235-251.
Postic D., Assous M. V., Grimont P. A., Baranton G. (1994): Diversity of Borrelia burgdorferi
sensu lato evidenced by restriction fragment length polymorphism of rrf (5S)-rrl (23S)
intergenic spacer amplicons. Int J Syst Bacteriol., 44(4): 743-752.
Postic, D., Garnier M., Baranton G. (2007): Multilocus sequence analysis of atypical Borrelia
burgdorferi sensu lato isolates—description of Borrelia californiensis sp. nov., and
genomospecies 1 and 2. Int. J. Med. Microbiol., 297: 263–271.
Pound J. M., Miller J. A., George J. E., Lemeilleur C. A. (2000): The “4-poster” passive topical
treatment device to apply acaricide for controlling ticks (Acari: Ixodidae) feeding on whitetailed deer. J. Med. Entomol., 37: 588–594
Preac-Mursic V., Pfister H. W., Spiegel H., Burk R., Wilske B., Reinhardt S., Bohmer R.
(1993): First isolation of Borrelia burgdorferi from an iris biopsy. J. Clin. Neuroophthalmol.,
13: 155–161.
Preac-Mursic V., Wilske B., Reinhardt S. (1991): Culture of Borrelia burgdorferi on six solid
media. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis. 10: 1076– 1079.
Preac-Mursic V., Wilske B., Schierz G. (1986): European Borrelia burgdorferi isolated from
humans and ticks culture conditions and antibiotic susceptibility. Zentbl. Bakteriol. Mikrobiol.
294
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Hyg. A., 263: 112–118. Citato da Aguero-Rosenfeld e coll., 2005.
Preac-Mursic V., Wilske B., Schierz G., Pfister H. W., Einhäupl K. M. (1984): Repeated
isolation of spirochetes from the cerebrospinal fluid of a patients with meningoradiculitis
Bannwarth. Eur. J. Clin. Microbiol., 3: 564– 565. Citato da Aguero-Rosenfeld e coll., 2005.
Pruthi R. K., Marshall W. F., Wiltsie J. C., Persing D. H. (1995): Human babesiosis. Mayo
Clin. Proc., 70: 853–862.
Psaroulaki A., Chochlakis D., Ioannou I., Florentia A., Gikas A., Tselentis Y. (2009): Acute
anaplasmosis in humans in Cyprus. Clin Microbiol Infect., 15 Suppl 2: 10-11.
Puccini V., Lo Muzio F., Giannubilo G. (1958): Efficacia del “Berenil” nella cura della
piroplasmosi suina da Piroplasma trautmanni e da Babesiella perroncitoi. Vet. Ital., 9: 611616.
Pudney M., Gray J. S. (1997): Therapeutic efficacy of atovaquone against the bovine
intraerythrocytic parasite, Babesia divergens. J. Parasitol, 83: 307-310.
Pugliese A., Beltramo T., Torre D. (2007): Seroprevalence study of Tick-borne encephalitis,
Borrelia burgdorferi, Dengue and Toscana virus in Turin Province. Cell. Biochem. Funct., 25:
185-188.
Purnell R. E., Brocklesby D. W., Hendry D. J., Stark A. J., Young E. R. (1977): Babesia
divergens in splenectomised calves: titration of the infective dose. Res. Vet. Sci., 23: 124-125.
Purnell R. E., Lewis D., Young E. R. (1980): Investigations on the prophylactic effect of
treatment with imidocarb diproprionate on Babesia divergens infections in splenectomised
calves. Br. Vet. J., 136: 452–456.
Purnell R.E. (1981): Babesiosis, In Ristic M. e Kreier J.P (Eds), Babesiosis in various hosts,
Academic Press, New York, 25-63.
Pusterla N., Anderson R. J., House J. K., Pusterla J. B., DeRock E., Madigan J. E. (2001).
Susceptibility of cattle to infection with Ehrlichia equi and the agent of human granulocytic
ehrlichiosis. J. Am. Vet. Med. Assoc., 218: 1160–1162.
Pusterla N., Huder .J, Wolfensberger C., Litschi B, Parvis A, Lutz H. (1997): Granulocytic
ehrlichiosis in two dogs in Switzerland. J. Clin. Microbiol., 35: 2307-2309.
Pusterla N., Huder J. B., Feige K., Lutz H. (1998a): Identification of a granulocytic Ehrlichia
strain isolated from a horse in Switzerland and comparison with other rickettsiae of the
Ehrlichia phagocytophila genogroup. J. Clin. Microbiol., 36: 2035–2037.
Pusterla N., Leutenegger C. M., Chae J. S., Lutz H., Kimsey R. B., Dumler J. S., Madigan J. E.
(1999a): Quantitative evaluation of ehrlichial burden in horses after experimental transmission
of human granulocytic Ehrlichia agent by intravenous inoculation with infected leukocytes and
by infected ticks. J. Clin. Microbiol., 37: 4042-4044.
Pusterla N., Madigan J. E. (2007): Anaplasma phagocytophila. In Sellon D. C. e Long M. T.
(Eds): Equine infectious diseases. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri, USA, 2007, pp:
354-357.
Pusterla N., Pusterla J. B., Braun U., Lutz H. (1999b): Experimental cross-infections with
Ehrlichia phagocytophila and human granulocytic ehrlichia-like agent in cows and horses. Vet
Rec., 145: 311–314.
Pusterla N., Weber R., Wollfensberger C., Schär G., Zbinden R., Fierz W., Madigan J. E.,
Dumler J. S., Lutz H. (1998b): Serologic evidence of human granulocytic ehrlichiosis in
Switzerland. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 17: 207–209.
Puzii A. D., Serov V. M. (1983) Persistence of pegarmin (a preparation of the alkaloids of
Peganum harmala) in the body (of cattle). Veterinariia, 5: 62-64.
Quessada T., Martial-Convert F., Arnaud S., Leudet De La Vallee H., Gilot B., Pichot J.
(2003): Prevalence of Borrelia burgdorferi species and identification of Borrelia valaisiana in
questing Ixodes ricinus in the Lyon region of France as determined by polymerase chain
reaction-restriction fragment length polymorphism. Eur J Clin Microbiol Infect Dis.,
22(3):165-173.
Quick R. E., Herwaldt B. L., Thomford J. W., Garnett M. E., Eberhard M. L., Wilson M., Spach
D. H., Dickerson J. W., Telford III S. R., Steingart K. R., Pollock R., Persing D. H., Kobayashi
295
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
J. M., Juranek D. D. Conrad P. A. (1993): Babesiosis in Washington State: a new species of
Babesia? Ann. Int. Med., 199: 284-290.
Ranatunga P., Wanduragala L. (1974): Reactions and haematology in imported jersey cattle
premunized in Ceylon. Brit. Vet. J., 128: 9-18.
Rand P. W., Lubelczyk C., Holman M. S., Lacombe E. H., Smith R. P. Jr. (2004): Abundance
of Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae) after the complete removal of deer from an isolated
offshore island, endemic for Lyme disease. J. Med. Entomol., 41: 779-784.
Randolph S. E., Green R. M., Hoodless A. N., Peacey M. F. (2002): An empirical quantitative
framework for the seasonal population dynamics of the tick Ixodes ricinus. Int. J. Parassitol.,
32: 979-989.
Raoult D., Lakos A., Fenollar F., Beytout J., Brouqui P., Fournier P.E. (2002): Spotless
rickettsiosis caused by Rickettsia slovaca and associated with Dermacentor ticks. Clin. Inf.
Dis., 34, 1331-1336.
Rar V. A., Epikhina T. I., Livanova N. N., Panov V. V., Doroschenko E. K., Pukhovskaia N. M.,
Vysochina N. P., Ivanov L.I. (2011): Genetic variability of Anaplasma phagocytophilum in
Ixodes persulcatus ticks and small mammals in the Asian part of Russia. Vector-Borne and
Zoonotic Dis., 11: 1013–1021.
Rar V. A., Livanova N. N., Panov V. V., Doroschenko E. K., Pukhovskaia N. M., Vysochina N.
P., Ivanov L. I. (2010): Genetic diversity of Anaplasma and Ehrlichia in Asian part of Russia.
Ticks and Tick-borne Diseases, 1: 57–65.
Rar V., Golovljova I. (2011): Anaplasma, Ehrlichia, and “Candidatus Neoehrlichia” bacteria:
Pathogenicity, biodiversity and molecular genetic characteristics, a review. Inf. Gen. Evol., 11:
1842-1861.
Rauter C., Hartung T. (2005): Prevalence of Borrelia burgdorferi sensu lato genospecies in
Ixodes ricinus ticks in Europe: a metaanalysis. Appl. Environ. Microbiol., 71(11): 7203-7216.
Rauter C., Oehme R., Diterich I., Engele M., Hartung T. (2002): Distribution of clinically
relevant borrelia genospecies in ticks assessed by a novel, single-run, real-time PCR. J. Clin.
Microbiol., 40: 36–43.
Raveche E. S., Schutzer S. E., Fernandes H., Bateman H., McCarthy B. A., Nickell S. P.,
Cunningham M. W. (2005): Evidence of Borrelia autoimmunity-induced component of Lyme
carditis and arthritis. J. Clin. Microbiol., 43: 850-856.
Ravnik U., Tozon N., Smrdel K. S., Zupanc T. A. (2011): Anaplasmosis in dogs: the relation of
haematological, biochemical and clinical alterations to antibody titre and PCR confirmed
infection. Vet. Microbiol., 149: 172-176.
Ravnik U., Tozon N., Strasek K., Avsic Zupanc T. (2009): Clinical and haematological features
in Anaplasma phagocytophilum seropositive dogs. Clin. Microbiol. Infec., 15: 39-40.
Ravyn M. D., Goodman J. L., Kodner C. B., Westad D. K., Coleman L. A., Engstrom S. M.,
Nelson C. M e Johnson R. C. (1998): Immunodiagnosis of human granulocytic ehrlichiosis by
using culture-derived human isolates. J. Clin. Microbiol., 36: 1480-1488.
Ravyn M. D., Kodner C. B., Carter S. E., Jarnefeld J. L., Johnson R. C. (2001): Isolation of the
etiologic agent of human granulocytic ehrlichiosis from the white-footed mouse (Peromyscus
leucopus). J Clin Microbiol., 39(1): 335-338.
Reed K. D. (2002): Laboratory testing for Lyme disease: possibilities and practicalities. J. Clin.
Microbiol., 40: 319–324.
Rees C. W. (1934): Characteristics of the piroplasm Babesia argentina and Babesia bigemina
in the United States.J. Agric. Res., 48: 427-438.
Rehbein G., Zweygarth E., Voight V. P., Schein E. (1982): Estabilischment of Babesia equiinfected lynphoblastoid cell lines. Z. Parasite, 67: 125-127.
Reichard M. V., Roman R. M., Kocan K. M., Blouin E. F., de la Fuente J., Snider T. A., Heinz
R. E., West M. D., Little S. E., Massung R.F. (2009): Inoculation of whitetailed deer
(Odocoileus virginianus) with Ap-V1 or NY-18 strains of Anaplasma phagocytophilum and
microscopic demonstration of Ap-V1 in Ixodes scapularis adults that acquired infection from
deer as nymphs. Vector Borne Zoonotic Dis., 9: 565–568.
296
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Rejmanek D, Bradburd G, Foley J. (2011) Molecular characterization reveals distinct
genospecies of Anaplasma phagocytophilum from diverse North American hosts. J Med
Micro. In-Press.
Remington B., Kieran P., Cobb R., Bodero, D. (1997). The application of moxidectin
formulations for control of the cattle tick (Boophilus microplus) under Queensland field
conditions. Australian Vet. J., 75: 588–591.
Reye A. L., Hübschen J. M., Sausy A., Muller C. P. (2010): Prevalence and seasonality of tickborne pathogens in questing Ixodes ricinus ticks from Luxembourg. Appl Environ Microbiol.,
76: 2923-2931.
Reyers F., Leisewitz A. L., Lobetti R. G., Milner R. J., Jacobson L. S., Van Zyl M. (1998):
Canine babesiosis in South Africa: more than one disease does this serve as a model for
falciparum malaria? Ann. Trop. Med. Parasitol., 92: 503-511.
Ribeiro J. M. (1987): Role of saliva in blood-feeding by arthropods. Annu. Rev. Entomol., 32:
463–478.
Rice Conlon J. A., Mather T. N., Tanner P., Gallo G., Jacobson R. H. (2000): Efficacy of a
nonadjuvanted, outer surface protein A recombinant vaccine in dogs after challenge by ticks
naturally infected with Borrelia burgdorferi. Vet Ther., 1: 96-107.
Richter D., Postic D., Sertour N., Livey I., Matuschka F. R., Baranton G. (2006): Delineation of
Borrelia burgdorferi sensu lato species by multilocus sequence analysis and confirmation of
the delineation of Borrelia spielmanii sp. nov. Int. J. Syst. Evol. Microbiol., 56: 873-881.
Richter P., Kimsey R., Madigan J. Barlough J., Dumler J. e Brooks D. (1996): Ixodes pacificus
(Acari: Ixodidae) as vector of Ehrlichia equi (Rickettsiales: Ehrlichieae). J. Med. Entomol., 33:
1-5.
Riek R. F. (1968): Babesiosis, In Weinman D.and Ristic M. (Ed.), Infectious blood diseases of
man and animals, vol. 2. Academic Press, New York, N.Y., pp 219–268.
Rihikisa Y. (1999): Clinical and biological aspects of infections caused by Ehrlichia
chaffeinensis. Microbes. Infect., 1: 367-376.
Rijpkema S. G., Tazelaar D. J., Molkenboer M. J., Noordhoek G. T., Plantinga G., Schouls L.
M., Schellekens J. F. (1997): Detection of Borrelia afzelii, Borrelia burgdorferi sensu stricto,
Borrelia garinii and group VS116 by PCR in skin biopsies of patients with erythema migrans
and acrodermatitis chronica atrophicans. Clin. Microbiol. Infect., 3: 109–116.
Rikihisa Y. (1991): The tribe Ehrlichieae and ehrlichial diseases. Clin. Microbiol. Rev., 4:
286–308.
Rikihisa Y. (2006a): Ehrlichia subversion of host innate responses. Curr Opin Microbiol.,9:
95–101.
Rikihisa Y. (2006b): New findings on members of the family Anaplasmataceae of veterinary
importance. Ann. N. Y. Acad. Sci. 1078: 438–445.
Rikihisa Y. (2011): Mechanisms of Obligatory Intracellular Infection with Anaplasma
phagocytophilum. Clin. Microbiol. Rev., 24: 469–489.
Rikihisa Y., Lin M. (2010): Anaplasma phagocytophilum and Ehrlichia chaffeensis type IV
secretion and Ank proteins. Current Opinion in Microbiology, 13: 59–66.
Rintelen M., Schein E., Ahmed J. S. (1990): Buparvaquone but not cyclosporin A prevents
Theileria annulata-infected bovine lymphoblastoid cells from stimulating uninfected
lymphocytes. Trop. Med. Parasitol., 41: 203–207.
Ristic M., Conroy J. D., Siwe S., Healy G. R., Smith A. R., Huxsoll D. L. (1971): Babesia
species isolated from a woman with clinical babesiosis. Am. J. Trop. Med. Hyg., 20: 14-22.
Rizzoli A., Hauffe H. C., Carpi G., Vourc’h G. I., Neteler M., Rosà R. (2011): Lyme borreliosis
in Europe. Euro Surveill., 16(27):pii=19906.
Rizzoli A., Tagliapietra V., Chemini C., Lui A., Genchi C. (2000): Caratteristiche biologiche e
ruolo patogeno delle zecche. Centro di Ecologia Alpina, Report 21: 3-10.
Rocchi M. S., Ballingall K. T., Ngugi D., Machugh N. D., McKeever D. J. (2008): A rapid and
sensitive intracellular flow cytometric assay to identify Theileria parva infection within target
cells. Parasitology, 135 (2), pp 195-201
297
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Rodriguez O. N., Isabel M., Dias R. T., Rodriguez P. (1984): Report on infection with Babesia
bovis (Babes,1988) in the human population of the Popular Republic of Mozambique. Rev.
Cub. Cienc. Vet., 15, pp 41-50
Rodriguez R. I., Trees A. J. (1996): In vitro responsiveness of Babesia bovis to imidocarb
dipropionate and the selection of a drug-adapted line. Vet. Parasitol., 62: 35–41.
Rosa P. (2005): Lyme disease agent borrows a practical coat. Nat. Med., 11: 831–832.
Rosa P. A., Schwan T. G. (1989): A specific and sensitive assay for the Lyme disease
spirochete Borrelia burgdorferi using the polymerase chain reaction. J. Infect. Dis. 160: 1018–
1029.
Rosa P. A., Tilly K., Stewart P. E. (2005): The burgeoning molecular genetics of the Lyme
disease spirochaete. Nat. Rev. Microbiol., 3: 129–143.
Rosef O., Paulauskas A., Radzijevskaja J. (2009): Prevalence of Borrelia burgdorferi sensu
lato and Anaplasma phagocytophilum in questing Ixodes ricinus ticks in relation to the density
of wild cervids. Acta. Vet. Scand., 51: 47.
Rosemblatt-Binn H., Klein A., Sredni B. (1996): Antibabesial effect of immunomodulator
AS101 in mice: role of increased production of nitric oxid. Parasitol. Immunol., 18: 297-306.
Rosenberg Y.J., Evans C.B. (1979): Resistence of mice suppressed for IgM production to
Babesia microti infection. Nature, 281: 302-304
Rosner F., Zarrabi M. H., Benach J. L., Habicht G. S. (1984): Babesiosis in splenectomized
adults. Review of 22 reported cases. Am. J. Med., 4: 696–701.
Roulston, W. J., Stone, B. F., Wilson, J. T., White, L. I. (1968). Chemical control of an
organophosphorus- and carbamate-resistant strain of Boophilus microplus (Can.) from
Queensland. Bull. Entomol. Res., 58: 379–392.
Roux V., Raoult D. (1999): Phylogenetic analysis and taxonomic relationships among the
genus Rickettsia. In Rickettsiae and Rickettsial Diseases at the Turn of the Third
Millennium. Edited by D. Raoult & P. Brouqui. Paris: Elsevier: 52-66.
Roy-Smith F. (1975): Amitraz: Australian field trials against the cattle tick (Boophilus
microplus). Proceedings of the 8th British Insecticide and Fungicide Conference, pp. 565–571.
Rudenko N, Golovchenko M, Grubhoffer L, Oliver JH Jr. (2011): Updates on Borrelia
burgdorferi sensu lato complex with respect to public health. Ticks Tick Borne Dis., 2(3):123128.
Rudenko N., Golovchenko M., Mokracek A., Piskunova N., Ruzek D., Mallatova N., Grubhoffer
L. (2008): Detection of Borrelia bissettii in cardiac valve tissue of a patient with endocarditis
and aortic valve stenosis in the Czech Republic. J. Clin. Microbiol., 46: 3540–3543.
Rudenko N., Golovchenko M., Rúžek D., Piskunova N., Mallatova N., Grubhoffer L. (2009a):
Molecular detection of Borrelia bissettii DNA in serum samples from patients in the Czech
Republic with suspected borreliosis. FEMS Microbiol. Lett., 292: 274–281.
Rudenko,N., Golovchenko M., Grubhoffer L., Oliver J. H. Jr. (2009b): Borrelia carolinensis sp.
nov., a new (14th) member of the Borrelia burgdorferi sensu lato complex from the
southeastern region of the United States. J. Clin. Microbiol., 47: 134–141.
Rudzinska M. A. (1976): Ultrastructure of intraerythrocytic Babesia microti, with emphasis on
the feeding mechanism. J. Protozool., 23: 224–233.
Rudzinska M. A., Lewengrub S., Spielman A., Piesman J. (1983b): Invasion of Babesia microti
into epithelial cells of the tick gut. Journal of Protozoology, 30: 338-346.
Rudzinska M. A., Spielman A., Lewengrub S., Piesman J., Karakashian S. (1984): The
sequence of developmental events of Babesia microti in the gut of Ixodes dammini.
Protistologica, 20: 649-663.
Rudzinska M. A., Spielman A., Lewengrub S., Trager W., Piesman J. (1983b): Sexuality in
piroplasms as revealed by electron microscopy in Babesia microti. Proc. Natl. Acad. Sci.
USA, 80: 2966–2970.
Rudzinska M. A., Spielman A., Riek R. F., Lewengrub S. J., Piesman J. (1979):
Intraerythrocytic “gametocytes” of Babesia microti and their maturation in ticks. Can. J. Zool.,
57: 424–434.
298
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Ruebush T. K., Cassaday P. B., Marsh H. J., Lisker S. A., Voorhaees D. B., Mahoney E. B.,
Healy G. R. (1977): Human Babesiosis on Nantucket Island: clinical features. An. Intern.
Med., 86: 6-9.
Ruebush T. K., Hanson W. L. (1980): Thymus dependence of resistance to infection with
Babesia microti of human origin in mice. Am. J. Trop. Med. Hyg., 29, pp 507-515
Ruebush T. K., Piesman J., Collins W. E., Spielman A., Warren M. C. (1981a): Tick
transmission of Babesia microti to rhesus monkeys (Macaca mulatta). Am. J. Med. Hyg., 30:
555–559.
Ruebush, T. K., Juranek D. D., Spielman A., Piesman J., Healy G. R. (1981b): Epidemiology
of human babesiosis on Nantucket Island. Am. J. Trop. Med. Hyg., 30: 937–941.
Rupprecht T. A., Kirschning C. J., Popp B., Kastenbauer S., Fingerle V., Pfister H. W., Koedel
U. (2007): Borrelia garinii induces CXCL13 production in human monocytes through Toll-like
receptor 2. Infect. Immun., 75: 4351-4356.
Rupprecht T. A., Koedel U., Fingerle V., Pfister H. W. (2008): The pathogenesis of lyme
neuroborreliosis: from infection to inflammation. Mol. Med., 14: 205-212.
Rutter T. (1998): Lyme disease vaccine given guarded approval in the US. BMJ, 316: 1695.
Ryffel K., Peter O., Rutti B., Suard A., Dayer E. (1999): Scored antibody reactivity determined
by immunoblotting shows an association between clinical manifestations and presence of
Borrelia burgdorferi sensu stricto, B. garinii, B. afzelii, and B. valaisiana in humans. J. Clin.
Microbiol., 37: 4086–4092.
Sackett D. L., Haynes R. B., Tugwell P. (1985): Clinical epidemiology: a basic science for
clinical medicine (1st ed.), Little Brown, Boston, MA.
Sager H., Davis W. C., Dobbelaere D. A., Jungi T. W. (1997): Macrophage-parasite
relationship in theileriosis. Reversible phenotypic and functional dedifferentiation of
macrophages infected with Theileria annulata. J. Leukoc. Biol., 61: 459-468.
Saint Giron, I., Gern L., Gray J. S., Guy E. C., Korenberg E., Nuttall P. A., Rijpkema S. G.,
Schonberg A., Stanek G., Postic D. (1998): Identification of Borrelia burgdorferi sensu lato
species in Europe. Zentbl. Bakteriol. 287: 190–195.
Saito K., Ito T., Asashima N., Ohno M., Nagai R., Fujita H., Koizumi N., Takano A., Watanabe
H., Kawabata H. (2007): Case report: Borrelia valaisiana infection in a Japanese man
associated with traveling to foreign countries. Am. J. Trop. Med. Hyg., 77: 1124-1127.
Saitou N., Nei M. (1987): The neighbour-joining: a new method for reconstructing phylogenetic
trees. Mol. Biol. Evol., 4: 406-425.
Salazar J. C., Pope C. D., Sellati T. J., Feder H. M. Jr, Kiely T. G., Dardick K. R., Buckman R.
L., Moore M. W., Caimano M. J., Pope J. G., Krause P. J., Radolf J. D., Lyme Disease
Network (2003): Coevolution of markers of innate and adaptive immunity in skin and
peripheral blood of patients with erythema migrans. J. Immunol., 171: 2660–2670.
Samish M., Ginsberg H., Glazer I. (2004): Biological control of ticks. Parasitology, 129: 389–
403.
Samish M., Glazer I. (2001): Entomopathogenic nematodes for the biocontrol of ticks. Trends
in Parasitology, 17: 368–371.
Santino I, Iori A, Sessa R, Sulli C, Favia G, Del Piano M. (1998): Borrelia burgdorferi s.l. and
Ehrlichia chaffeensis in the National Park of Abruzzo. FEMS Microbiol. Lett., 164(1): 1-6.
Santino I., Berlutti F., Pantanella F., Sessa R., del Piano M. (2008): Detection of Borrelia
burgdorferi sensu lato DNA by PCR in serum of patients with clinical symptoms of Lyme
borreliosis. FEMS Microbiol. Lett., 283: 30-35.
Santino I., Cammarata E., Franco S., Galdiero F., Oliva B., Sessa R., Cipriani P., Tempera G.,
Del Piano M. (2004): Multicentric study of seroprevalence of Borrelia burgdorferi and
Anaplasma phagocytophila in high-risk groups in regions of central and southern Italy. Int. J.
Immunopathol. Pharmacol., 17(2): 219-223.
Santos A. S., Alexandre N., Sousa R., Núncio M. S., Bacellar F., Dumler J. S. (2009):
Serological and molecular survey of Anaplasma species infection in dogs with suspected
tickborne disease in Portugal. Vet Rec., 164:168–171.
299
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Santos A. S., Santos-Silva M. M., Almeida V. C., Bacellar F., Dumler J. S. (2004): Detection of
Anaplasma phagocytophilum DNA in Ixodes ticks (Acari: Ixodidae) from Madeira Island and
Setubal District, mainland Portugal. Emerg. Infect. Dis., 10: 1643–1648.
Savić S., Vidić B., Lazić S., Lako B., Potkonjak A., Lepsanović Z. (2010): Borrelia burgdorferi
in ticks and dogs in the province of Vojvodina, Serbia. Parasite., 17(4): 357-361.
Savini G, Onuma M, Scaramozzino P, Kakuda T, Semproni G, Langella V. (1998): First report
of Theileria sergenti and T. buffeli/orientalis in cattle in Italy. Ann N Y Acad Sci., 849: 404407.
Schaarschmidt-Kiener D, Graf F, von Loewenich FD, Müller W. (2009): Anaplasma
phagocytophilum infection in a cat in Switzerland. Schweiz Arch Tierheilkd, 151: 336-341.
Schein E., Rehbein G., Voigt W. P., Zweygarth E. (1981): Babesia equi (Laveran 1901) 1.
Development in horses and in lymphocyte culture. Tropenmed. Parasitol., 32: 223–227.
Schetters T. (2005): Vaccination against canine babesiosis. Trends Parasitol., 21: 179–184.
Schetters T. P., Moubri K., Cooke B. M. (2009): Comparisonof Babesia rossi and Babesia
canis isolates with emphasis on effects of vaccination with soluble parasite antigens:a review.
J. S. Afr. Vet. Assoc., 80: 75–78.
Schlesinger P. A., Duray P. H., Burke B. A., Steere A. C., Stillman M. T. (1985): Maternal-fetal
transmission of the Lyme disease spirochete, Borrelia burgdorferi. Ann. Intern. Med., 103:678.
Schmidli J., Hunziker T., Moesli P., Schaad U. B. (1988): Cultivation of Borrelia burgdorferi
from joint fluid three months after treatment of facial palsy due to Lyme borreliosis. J. Infect.
Dis., 158: 905–906.
Schmidt B. L. (1997): PCR in laboratory diagnosis of human Borrelia burgdorferi infections.
Clin. Microbiol. Rev., 10:185–201.
Schoeler G. B., Lane R. S. (1993): Efficiency of transovarial transmission of the Lyme Disease
spirochete, Borrelia burgdorferi, in the Western blacklegged tick, Ixodes pacificus (Acari:
Ixodidae). J. Med. Entomol., 1: 80-86
Scholtens R. G., Braff E. H., Healy G. R., Gleason N. N. (1968): A case of babesiosis in a man
in the United States. Am. J. Trop. Hyg., 17: 810-813.
Schuntner, C. A., Schnitzerling, H. J., Roulston, W. J. (1971): Carbaryl metabolism in larvae of
organophosphorus and carbamate-susceptible and -resistant strains of cattle tick Boophilus
microplus. Pesticide Biochemistry and Physiology, 1: 424–433.
Schuster F. L (2002): Cultivation of Babesia and Babesia-like blood parasites: agents of an
emergine zoonotic desease. Clin. Microbiol. Rev., July: 365-373.
Schutzer S. E., Brown T. Jr, Holland B. K. (1997a): Reduction of Lyme disease exposure by
recognition and avoidance of high-risk areas. Lancet, 349: 1668.
Schutzer S. E., Coyle P. K., Dunn J. J., Luft B. J., Brunner M. (1994): Early and specific
antibody response to OspA in Lyme disease. J. Clin. Invest., 94: 454-457.
Schutzer S. E., Coyle P. K., Krupp L. B., Deng Z., Belman A. L., Dattwyler R., Luft B. J.
(1997b): Simultaneous expression of Borrelia OspA and OspC and IgM response in
cerebrospinal fluid in early neurologic Lyme disease. J. Clin. Invest., 100: 763-767.
Schutzer S. E., Coyle P. K., Reid P., Holland B. (1999): Borrelia burgdorferi-specific immune
complexes in acute Lyme disease. JAMA, 282: 1942-1946.
Schutzer S. E., Holland B. K., Brown T. Jr. (1998): Avoidance of tick-borne diseases. Ann.
Intern. Med., 128: 784.
Schutzer S. E., Luan J. (2003): Early OspA immune complex formation in animal models of
Lyme disease. J. Mol. Microbiol. Biotechnol., 5: 167-171.
Schutzer S. E., Luan J., Coyle P. K. (1997c): Detection of Lyme disease after OspA vaccine.
N. Engl. J. Med.., 337: 794-795.
Schwabe C. W., Reimann H. P., Franti C. E. (1986): Epidemiologia veterinaria. Ed Agricole,
pp 13-16.
Schwan T. G. (1996): Ticks and Borrelia: model systems for investigating pathogen-arthropod
interactions. Infect. Agents Dis., 5: 167–181.
300
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Schwan T. G., Piesman J. (2002): Vector interactions and molecular adaptations of Lyme
disease and relapsing fever spirochetes associated with transmission by ticks. Emerg. Infect.
Dis., 8: 115–121.
Schwan T. G., Piesman J., Golde W. T., Dolan M. C., Rosa P. A. (1995): Induction of an outer
surface protein on Borrelia burgdorferi during tick feeding. Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 92:
2909-2913.
Schwarz A., Maier W.A., Kistemann T., Kampen H. (2009): Analysis of the distribution of the
tick Ixodes ricinus L. (Acari: Ixodidae) in a nature reserve of western Germany using
Geographic Information systems. Int. J. Environ. Health, 212: 87-96.
Scorpio D. G., Akkoyunlu M., Fikrig E., Dumler J. S. (2004): CXCR2 blockade influences
Anaplasma phagocytophilum propagation but not histopathology in the mouse model of
human granulocytic ehrlichiosis. Clin Diagn Lab Immunol., 11: 963–968.
Scott J. D., Lee M. K., Fernando K., Jorgensen D. R., Durden L. A., Morshed M. G. (2008):
Rapid introduction of Lyme disease spirochete, Borrelia burgdorferi sensu stricto, in Ixodes
scapularis (Acari: Ixodidae) established at Turkey Point Provincial Park, Ontario, Canada. J.
Vector. Ecol., 33: 64-69.
Semenza J. C., Menne B. (2009): Climate change and infectious diseases in Europe. Lancet
Infect Dis., 9(6): 365-375.
Sen E., Uchishima Y., Okamoto Y., Fukui T., Kadosaka T., Ohashi N., Masuzawa T. 2011):
Molecular detection of Anaplasma phagocytophilum and Borrelia burgdorferi in Ixodes ricinus
ticks from Istanbul metropolitan area and rural Trakya (Thrace) region of north-western
Turkey. Ticks Tick Borne Dis., 2: 94-98.
Serbina N. V., Jia T., Hohl T. M., Pamer E. G. (2008): Monocyte-mediated defense against
microbial pathogens. Annu. Rev. Immunol., 26: 421-452.
Sergent E., Donatien A., Parrot L., Lestoquart F., Plantureux E. (1926): Les piroplasmoses
bovines dues aux Babesiella etude d’ensemble avec description d’une especie nouvelle, B.
major, originaire de France. Arch. Inst. Pasteur Alger, 4: 318.
Shapiro E. D., Gerber M. A. (2000): Lyme disease. Clin. Infect. Dis., 31: 533-542.
Shaw M. K. (1997): The same but different: the biology of Theileria sporozoite entry into
bovine cells. International Journal for Parasitology, 27: 457-474.
Shaw M. K. (2003): Cell invasion by Theileria sporozoites. Trends Parasitol., 19(1): 2-6.
Shaw M. K., Tinley L. G. (1992): How individual cells develop from a syncytium: merogony in
Theileria parva (Apicomplexa). Journal of Cell Science, 101: 109-123.
Shaw M. K., Tinley L. G., McKeever D. J. (1993): Tick salivary gland extract and Interlukeukin2 stimulation enhance susceptibility of lymphocytes to infection by Theileria parva sporozoites.
Infection and Immunity, 61: 1486-1495.
Shaw M. K., Tinley L. G., Musoke A. J. (1991): The entry of Theileria parva sporozoites into
bovine lymphocytes: evidence for MHC Class I involvement. Journal of Cell Biology, 113:
87-101.
Shaw M. K., Young A. S. (1994): The biology of Theileria species in ixodid ticks in relation to
parasite transmission. Advances in Disease Vector Research, 10: 23-63.
Shaw R. D. (1969). Tick control on domestic animals. I. A brief history of the economic
significance of tick infestations. Trop. Sci., 11: 113–119.
Shaw R. D., (1970): Tick control on domestic animals. II. The effect of modern treatment
methods. Trop. Sci., 12: 29–36.
Shaw S. E., Irwin P. (2001): Le conseguenze dell’infestazione del cane e del gatto. Waltham
Focus, 11 (2): 16-22.
Shaw S., Kenny M., Day M., Birtles R. (2001): Equine granulocytic ehrlichiosis in the UK. Vet.
Rec., 149: 127–128.
Shih C. M., Lui L. P., Chung W. C., Ong S. J., Wang C. C. (1997): Human babesiosis in
Taiwan: asyntomatic infection with a Babesia microti-like organism in a Taiwanese woman. J.
Clin. Microbiol., 35: 450-454.
Shkap V., Pipano E. (2000): Culture-derivated vaccination of cattle against tick-borne
301
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
diseases. Ann. N. Y. Acad. Sci., 916: 154-171.
Shortt H. E. (1962): Ticks and piroplasms, no.6. In Arthur D. R. (ED), Aspects of disease
trasmission by ticks. Zoological society of London, London, United Kingdom.
Shpynov S., Fournier P. E., Rudakov N., Tarasevich I. e Raoult D. (2006): Detection of
members of the genera Rickettsia, Anaplasma, and Ehrlichia in ticks collected in the Asiatic
part of Russia. Ann. N. Y. Acad. Sci., 1078: 378–383.
Shukla S. K., Aswani V., Stockwell P. J., Reed K. D. (2007): Contribution of polymorphisms in
ankA, gltA, and groESL in defining genetic variants of Anaplasma phagocytophilum. J Clin
Microbiol., 45: 2312-2315.
Sigal L. H., Williams S. (1997): A monoclonal antibody to Borrelia burgdorferi flagellin modifies
neuroblastoma cell neuritogenesis in vitro: a possible role for autoimmunity in the neuropathy
of Lyme disease. Infect. Immun., 65: 1722-1728.
Silaghi C., Hamel D., Thiel C., Pfister K., Friche Passos L. M., Rehbein S. (2011a): Genetic
variants of Anaplasma phagocytophilum in wild caprine and cervid ungulates from tha Alps in
Tyrol, Austria. Vector-borne Zoon. Dis., 3: 1-8.
Silaghi C., Kauffmann M., Passos L. M., Pfister K., Zweygarth E. (2011b): Isolation,
propagation and preliminary characterisation of Anaplasma phagocytophilum from roe deer
(Capreolus capreolus) in the tick cell line IDE8. Ticks Tick Borne Dis., 2: 204-208.
Silaghi C., Liebisch G., Pfister K. (2011c): Genetic variants of Anaplasma phagocytophilum
from 14 equine granulocytic anaplasmosis cases. Parasit Vectors. 4: 161.
Simic C. P., Petrovic S., Rakovec R. (1955): Les especes de Babesiella du Bœuf d’Europe.
Arch. Inst. Pateur Alger. 33: 310.
Sinski E., Gill J., Rijpkema S. (1996): Prevalence of antibodies to Borrelia burgdorferi in
European bison (Bison bonasus) from Bialowieza Primeval Forest. Rocz. Akad. Med.
Bialymst., 41: 111-116.
Sirigireddy K. R., Ganta R. R. (2005): Multiplex detection of Ehrlichia and Anaplasma species
pathogens in peripheral blood by real-time reverse transcriptase-polymerase chain reaction. J.
Mol., Diagn., 7: 308-316.
Skarphedinsson S., Sogaard P., Pedersen C. (2001): Seroprevalence of human granulocytic
ehrlichiosis in highrisk groups in Denmark. Scand J Infect Dis., 33: 206–210.
Skotarczak B, Cichocka A. (2001): The occurrence DNA of Babesia microti in ticks Ixodes
ricinus in the forest areas of Szczecin. Folia Biol (Krakow)., 49(3-4): 247-250.
Skotarczak B, Wodecka B, Cichocka A. (2002): Coexistence DNA of Borrelia burgdorferi
sensu lato and Babesia microti in Ixodes ricinus ticks from north-western Poland. Ann Agric
Environ Med., 9(1): 25-28.
Skotarczak B. (2002): Canine borreliosis--epidemiology and diagnostics. Ann Agric Environ
Med., 9(2): 137-40.
Skotarczak B., Adamska M., Rymaszewska A., Suproń M., Sawczuk M., Maciejewska A.
(2004): Anaplasma phagocytophila and protozoans of Babesia genus in dogs from endemic
areas of Lyme disease in north-western Poland. Wiad Parazytol., 50: 555–561.
Skrabalo Z., Deanovic Z. (1957): Piroplasmosis in man: report of a case. Doc. Med. Geogr.
Trop.; 9: 11–16.
Smith R. D., Evans D. E., Martins J. R., Ceresér V. H., Correa B. L., Petraccia C., Cardozo H.,
Solari M. A., Nari A. (2000): Babesiosis (Babesia bovis) stability in unstable environments.
Ann. N. Y. Acad. Sci., 916: 510–520.
Smith R. P., Evans A. T., Popowsky M., Mills L., Spielman A. (1986): Transfusion-acquired
babesiosis and failure of antibiotic treatment. JAMA, 256: 2726–2727.
Smith R. P., Schoen R. T., Rahn D. W., Sikand V. K., Nowakowski J., Parenti D. L., Holman
M. S., Persing D. H., Steere A. C. (2002): Clinical characteristics and treatment outcome of
early Lyme disease in patients with microbiologically confirmed erythema migrans. Ann.
Intern. Med., 136: 421-428.
Smith R., Takikinen J. (2006): Editorial team. Lyme borreliosis: Europewide coordinated
surveillance and action needed? Euro Surveill.;11(25):pii=2977. Available from:
302
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
http://www.eurosurveillance.org/ViewArticle.aspx?ArticleId=2977
Smith T., Kilbourne F.L. (1893): Investigations into the nature, causation and prevention of
Texas or southern cattle fever. Bur. Anim. Ind. Bull., 1: 151-152.
Sodikoff C. H. (1997): Medicina di laboratorio del cane e del gatto. Masson edizioni
Veterinarie, Cremona, 1997, pp. 254-255.
Solano-Gallego L., Baneth G. (2011): Babesiosis in dogs and cats. Expanding parasitological
and clinical spectra. Vet. Par., 181: 48-60.
Solano-Gallego L., Llull J., Osso M., Hegarty B., Breitschwerdt E. (2006): A serological study
of exposure to arthropod-borne pathogens in dogs from northeastern Spain. Vet Res., 37:
231–244.
Solano-Gallego L., Trotta M., Carli E., Carcy B., Caldin M., Furlanello T., (2008): Babesia
canis canis and Babesia canis vogeli clinicopathological findings and DNA detection by means
of PCR-RFLP in blood from Italian dogs suspected of tick-borne disease.Vet.Parasitol., 157:
211–221.
Solomon J. B., Forbes M. G., Solomon J. R. (1985): A possible role of natural killer cells in
providing protection against Plasmodium berghei. IN: Early stage of infection. Immuno. Lett.,
9: 349-353.
Sonenshine D. E. (1991): Biology of tick. Vol. I. Oxford University Press, New York, USA.
Sonenshine D. E. (1993): Biology of tick. Vol. II. Oxford University Press, UK, pp. 320-400.
Sonenshine D. E. (1994): Host specifity and host utilization. In: Sonenshine D.E., Mather TM.
(Eds.) Ecological dynamics of tick borne zoonoses. Oxford university press, New York, 1994,
pp. 7-9.
Sonenshine D. E. (2005): The biology of tick vectors of human disease. In: Goodman J.L.,
Dennis D.T., Sonenshine D.E. (Eds.) Tick-Borne Diseases of Humans. ASM Press,
Washington , 2005.
Sonenshine D. E. (2008): Pheromones and other semiochemicals of ticks and their use in tick
control. In: Bowman A.S., Nuttall P.A. (Eds.) Ticks. Biology, Disease and Control. Cambridge
University Press, pp.470-491.
Sonenshine D. E., Adams T., Allan S. A., McLaughlin J., Webster F. X. (2003): Chemical
composition of some components of the arrestment pheromone of the black-legged tick,
Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae) and their use in tick control. J. Med. Entomol., 40: 849–
859.
Sonenshine D. E., Kocan K., de la Fuente J. (2006): Tick control: further thoughts on a
research agenda. Trends in Parasitology, 22: 550-551.
Soulsby E. J. L. (1982): Helminths, Arthropods and Protozoa of domestic animals, Seventh
Edition. Balliere Tindall; London.
Speck S., Failing K., Reiner B., Wittenbrink M. M. (2002): Evaluation of different media and a
BGM cell culture assay for isolation of Borrelia burgdorferi sensu lato from ticks and dogs. Vet.
Microbiol., 89: 291–302.
Spencer J. A., Butler J. M., Stafford K. C., Pough M. B., Levy S. A., Bledsoe D. L., Blagburn B.
L. (2003): Evaluation of permethrin and imidacloprid for prevention of Borrelia burgdorferi
transmission from blacklegged ticks (Ixodes scapularis) to Borrelia burgdorferi-free dogs.
Parasitol. Res., 90: 106–107.
Spickett A. M. (1992): Sweating sickness-aetiology and the development of immunity. In:
Munderloh U.G., Kurtti T.J. (Eds.) First international conference on tick-borne pathogens at
the host-vector interface: an agenda for research. St. Paul, Minnesota, USA, 1992.
Spickett A. M., Elliott E. G. R., Heyne H., Neser J. A. (1989): Paralysis of laboratory rabbits by
ninphae of Ixodes rubicundus and some effects on the life-cycle following feeding under
different temperature conditions. Onderstepoort J.Vet.Res., 56: 59-62.
Spielman A. (1976): Human babesiosis on Nantucket Island: transmission by nymphal Ixodes
ticks. Am. J. Trop. Med. Hyg., 25: 784–787.
Spielman A., Clifford C. M., Piesman J., Corwin M. D. (1979): Human babesiosis on Nantucket
Island, USA: description of the vector, Ixodes (Ixodes) dammini, n. sp. (Acarina: Ixodidae). J.
303
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Med. Entomol., 15: 218–234.
Spielman A., Wilson M. L., Levine J. F., Piesman J. (1985): Ecology of Ixodes dammini-borne
human babesiosis and Lyme disease. Annu. Rev. Entomol., 30: 439-460.
Spielman, A., Etkind P., Piesman J., Ruebush II T. K., Juranek D. D., Jacobs M. S. (1981):
Reservoir hosts of human babesiosis on Nantucket Island. Am. J. Trop. Med. Hyg., 30: 560–
565.
Spooner R. L., Innes E. A., Glass E. J., Brown C. G. (1989): Theileria annulata and T. parva
infect and transform different bovine mononuclear cells. Immunology, 66: 284–288
Stafford III K. C. (2007): Tick Management Handbook: An Integrated Guide for Homeowners,
Pest Control Operators, and Public Health Officials for the Prevention of Tick-Associated
Disease. The Connecticut Agricultural Experimental Station, New Haven, Conn, USA.
Stafford K. C. III, Denicola A. J., Kilpatrick H. J. (2003): Reduced abundance of Ixodes
scapularis (Acari: Ixodidae) and the tick parasitoid Ixodiphagus hookeri (Hymenoptera:
Encyrtidae) with reduction of white-tailed deer. J. Med. Entomol., 40: 642-52.
Stafford K. C. III, Ward J. S., Magnarelli L. A. (1998): Impact of controller burns on the
abundance of Ixodes scapularis (Acari: Ixodidae). J. Med. Entomol., 35: 510-513.
Standaert S. M., Dawson J. E., Schaffner W., Childs J. E., Biggie K. L., Singleton J. Jr,
Gerhardt R. R., Knight M. L., Hutcheson R. H. (1995): Ehrlichiosis in a golf-oriented retirement
community. N Engl J Med., 333:420-425.
Stanek G. (2009): Pandora's Box: pathogens in Ixodes ricinus ticks in Central Europe. Wien
Klin Wochenschr. 121: 673-683.
Stanek G., Klein J., Bittner R., Glogar D.. (1990): Isolation of Borrelia burgdorferi from the
myocardium of a patient with longstanding cardiomyopathy. N. Engl. J. Med., 322: 249–252.
Stanek G., Reiter M. (2011): The expanding Lyme Borrelia complex– clinical significance of
genomic species? Clin. Microbiol. Infect., 17(4): 487-493.
Stanek G., Strle F. (2003): Lyme borreliosis. Lancet, 362: 1639-1647.
Stanek, G., O’Connell S., Cimmino M., Aberer E., Kristoferitsch W., Granstrom M., Guy E.,
Gray J. (1996): European union concerted action on risk assessment in Lyme borreliosis:
clinical case definitions for Lyme borreliosis. Wien. Klin. Wochenschr. 108: 741–747.
Stanford G. D., Baker J. A. F., Ratley C. V., Taylor, R. J. (1981). The development of a
stabilized amitraz cattle dip for control of single and multi-host ticks and their resistant strains
in South Africa. In Proceedings of a Conference on Tick Biology and Control, eds. Whitehead,
G. B. & Gibson, J. D., Rhodes University, Grahamstown, South Africa, pp. 143–181.
Starcovici C. (1893): Bemerkungen uber den durch Babes entdecktien Blood parasiten und
die durch denselben hervorgebrachten Krankheiten, die seuchenhafte Hamoglobinurie des
Rindes (Babes), das Texas fieber (Th. Smith) und der carceag der Schafe (Babes), Zentralbl.
Bakteriol. Parasiten kd.Infektionskr. Abt. 1,14
Starkoff O. (1962): Nuove osservazioni faunistiche e biologiche sulle zecche italiane.
Parassitologia, 4: 31-37.
Steere A. C. (1989): Lyme disease. N. Engl. J. Med., 321:586-596. Citato da Bhate C.,
Schwartz R. A., 2011.
Steere A. C. (2001): Lyme disease. N. Engl. J. Med. 345: 115–125.
Steere A. C. (2006): Lyme borreliosis in 2005, 30 years after initial observations in Lyme,
Connecticut. Wien Klin. Wochenschr., 118: 625-633.
Steere A. C., Angelis S. M. (2006): Therapy for Lyme arthritis: strategies for the treatment of
antibiotic-refractory arthritis. Arthritis Rheum., 54: 3079-3086.
Steere A. C., Bartenhagen N. H., Craft J. E., Hutchinson G. J., Newman J. H., Rahn D. W.,
Sigal L. H., Spieler P. N., Stenn K. S., Malawista S. E. (1983): The early clinical manifestations
of Lyme disease. Ann. Intern. Med., 99: 76-82.
Steere A. C., Coburn J., Glickstein L. (2004): The emergence of Lyme disease. J. Clin.
Invest., 113: 1093–1101.
Steere A. C., Glickstein L. (2004): Elucidation of Lyme arthritis. Nat. Rev. Immunol., 4: 143–
152.
304
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Steere A. C., Grodzicki R. L., Kornblatt A. N., Craft J. E., Barbour A. G., Burgdorfer W.,
Schmid G. P., Johnson E., Malawista S. E. (1983): The spirochetal etiology of Lyme disease.
N. Engl. J. Med., 308: 733–740. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011a.
Steere A. C., Gross D., Meyer A. L., Huber B. T. (2001): Autoimmune mechanisms in antibiotic
treatment-resistant lyme arthritis. J. Autoimmun., 16: 263-268.
Steere A. C., Klitz W., Drouin E. E., Falk B. A., Kwok W. W., Nepom G. T., Baxter-Lowe L. A.
(2006): Antibiotic-refractory Lyme arthritis is associated with HLA-DR molecules that bind a
Borrelia burgdorferi peptide. J. Exp. Med.; 203: 961–971.
Steere A. C., Malawista S. E., Hardin J. A., Ruddy S., Askenase W., Andiman W. A. (1977a):
Erythema chronicum migrans and Lyme arthritis. The enlarging clinical spectrum. Ann. Intern.
Med., 86: 685-698.
Steere A. C., Malawista S. E., Newman J. H., Spieler P. N., Bartenhagen N. H. (1980):
Antibiotic therapy in Lyme disease. Ann. Intern. Med., 93: 1-8.
Steere A. C., Malawista S. E., Snydman D. R., Shope R. E., Andiman W. A., Ross M. R., et al.
(1977b): Lyme arthritis: an epidemic of oligoarticular arthritis in children and adults in three
Connecticut communities. Arthritis Rheum., 20: 7-17. Citato da Shapiro e Gerber, 2000.
Steere A. C., Schoen R. T., Taylor E. (1987): The clinical evolution of Lyme arthritis. Ann.
Intern. Med., 107: 725-731.
Stefanciková A., Adaszek Ł., Pet'ko B., Winiarczyk S., Dudinák V. (2008): Serological
evidence of Borrelia burgdorferi sensu lato in horses and cattle from Poland and diagnostic
problems of Lyme borreliosis. Ann Agric Environ. Med., 15(1): 37-43.
Stefancíková A., Derdáková M., Škardová I., Szestáková E., Cisláková L., Kovácová D.,
Stanko M., Petko B. (2000): Prevalence of antibodies to Borrelia burgdorferi in horses of east
Slovakia. Vet. Med. Czech., 45: 227-231. Citato da Hansen e coll. (2010).
Stefancikova A., Skardova I., Pet’ko B., Janovska D., Cyprichova V. (1996): IgG antibodies to
Borrelia in dogs in the area of Kosice. Vet Med (Praha), 41: 83-86 (in Slovak). Citato da
Skotarczak, 2002.
Steketee R. W., Eckman M. R., Burgess E. C. (1985): babesiosis in Wisconsin: a new focus of
disease trasmission. J. Am. Med. Assn., 253: 2675-2678.
Stella E., Khoury C., D’Amato FR., Rivosecchi L. (1988): Nuovi dati sulla biologia di
Rhipicephalus sanguineus (Ixodidae) nella periferia di Roma. Rivista Parassitologica, 49: 313.
Steuber S., Frevert U., Ahmed J. S., Hauschild S., Schein E. (1986): In vitro susceptibility of
different mammalian lymphocytes to sporozoites of Theileria annulata. Z. Parasitenkd., 72:
831–834.
Steullet P. (1993): Perception of vertebrate volatiles in the tropical bont tick, Amblyomma
variegatum Fabricius. Ph.D. Thesis,University of Neuchatel, Switzerland.
Straubinger R. K., Rao T. D., Davidson E., Summers B. A., Jacobson R. H., Frey A. B. (2002):
Protection against tick-transmitted Lyme disease in dogs vaccinated with a multiantigenic
vaccine. Vaccine, 20: 181-193.
Straubinger R. K., Straubinger A. F., Härter L., Jacobson R. H., Chang Y. F., Summers B. A.,
Erb H. N., Appel M. J. (1997): Borrelia burgdorferi migrates into joint capsules and causes an
up-regulation of interleukin-8 in synovial membranes of dogs experimentally infected with
ticks. Infect. Immun., 65: 1273-1285.
Straubinger R. K., Straubinger A. F., Summers B. A., Jacobson R. H., Erb H. N. (1998) Clinical
manifestations, pathogenesis, and effect of antibiotic treatment on Lyme borreliosis in dogs.
Wien. Klin. Wochenschr., 110: 874-881.
Straubinger R. K., Straubinger A. F., Summers B. A., Jacobson R. H. (2000): Status of
Borrelia burgdorferi infection after antibiotic treatment and the effects of corticosteroids: an
experimental study. J Infect Dis., 181: 1069-1081.
Strik N., Alleman A. R., Barbet A. F., Sorenson H. L., Wamsley H. L., Gaschen F. P.,
Luckschander N., Wong S., Chu F., Foley J. E., Bjoersdorff A., Stuen S., Knowles D. P.
(2007): Characterization of major surface protein 5 of Anaplasma phagocytophilum and the
305
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
extent of cross-reactivity with A. marginale. Clin Vaccine Immunol., 14: 262–268.
Strle F., Nadelman R. B., Cimperman J., Nowakowski J., Picken R. N., Schwartz I., Maraspin
V., Aguero-Rosenfeld M. E., Varde S., Lotric-Furlan S., Wormser G. P. (1999): Comparison of
culture-confirmed erythema migrans caused by Borrelia burgdorferi sensu stricto in New York
State and by Borrelia afzelii in Slovenia. Ann. Intern. Med.,130: 32-36.
Strle F., Nelson J. A., Ruzic-Sabljic E., Cimperman J., Maraspin V., Lotric-Furlan S., Cheng Y.,
Picken M. M., Trenholme G. M., Picken R. N. (1996): European Lyme borreliosis: 231 cultureconfirmed cases involving patients with erythema migrans. Clin. Infect. Dis., 23: 61–65.
Strle F., Picken R. N., Cheng Y., Cimperman J., Maraspin V., Lotrič-Furlan S., Ružić-Sabljić
E., Picken M. M. (1997): Clinical findings for patients with Lyme borreliosis caused by Borrelia
burgdorferi sensu lato with genotypic and phenotypic similarities to strain 25015. Clin. Infect.
Dis., 25: 273–280.
Strle K., Drouin E. E., Shen S., Khoury J. E., McHugh G., Ruzic-Sabljic E., Strle F., Steere A.
C. (2009): Borrelia burgdorferi stimulates macrophages to secrete higher levels of cytokines
and chemokines than Borrelia afzelii or Borrelia garinii. J. Infect. Dis., 200: 1936–1943.
Stubbs V. K., Wilshire C., Webber, G. (1982). Cyhalothrin: a novel acaricidal and insecticidal
synthetic pyrethroid for the control of the cattle tick (Boophilus microplus) and the buffalo fly
(Haematobia irritans exigua). Australian Vet. J., 59: 152–155.
Stuen S., Bergström K., Petrovec M., Van de Pol I., Schouls L. M. (2003): Differences in
clinical manifestations and hematological and serological responses after experimental
infection with genetic variants of Anaplasma phagocytophilum in sheep. Clin. Diagn. Lab.
Immunol., 10 692–695.
Stuen S., Engvall E. O., Van de Pol I., Schoouls L. M. (2001): Granulocytic ehrlichiosis in a roe
deer calf in Norway. J. Wildlife Dis. 37: 614–616.
Stuen S., Moum T., Bernhoft A., Vene S. (2006a): A paretic condition in an Anaplasma
phagocytophilum infected roe deer calf. J. Wildl. Dis., 42: 170–174.
Stuen S., Moum T., Petrovec M., Schouls L. M., (2006b): Genetic variants of Anaplasma
phagocytophilum in Norvay. Int. J. Med. Microbiol., 296: 164–166.
Stuen S., Van De Pol I., Bergström K., Schouls L. M. (2002): Identification of Anaplasma
phagocytophila (formerly Ehrlichia phagocytophila) variants in blood from sheep in Norway. J.
Clin. Microbiol., 40: 3192–3197.
Suarez C. E., Noh S. (2011): Emerging perspectives in the research of bovine babesiosis and
anaplasmosis. Vet. Parasitol., 4: 109-125.
Suen S. (2007): Anaplasma phagocytophilum - the most widespread tick-borne infection in
animals in Europe. Vet. Res. Commun., 31 Suppl 1: 79-84.
Sukumaran B., Narasimhan .S, Anderson J. F., DePonte K., Marcantonio N., Krishnan M. N.,
Fish D., Telford S. R., Kantor F. S., Fikrig E. (2006): An Ixodes scapularis protein required for
survival of Anaplasma phagocytophilum in tick salivary glands. J. Exp Med., 203(6): 15071517.
Suliman T., Abdoun A., El Tayeb M. (1998): Babesia parasites described from patients bled
for malaria. Saudi. Med. J., 19: 179-181.
Sumner J. W., Nicholson W. L., Massung R. F. (1997): PCR amplification and comparison of
nucleotide sequences from the groESL heat shock operon of Ehrlichia species. J Clin
Microbiol., 35: 2087-2092.
Sumption K. J., Wright D. J. M., Cutler S. J., Dale B. A. S. (1995): Human Ehrlichiosis in the
UK. Lancet, 346: 1487–1488.
Sun T., Tenenbaum M. J., Greenspan J., Teichberg S., Wang R. T., Degnan T., Kaplan M. H.
(1983): Morphologic and clinical observations in human infection with Babesia microti. J.
Infect. Dis., 148: 239–248.
Sun W., Ijdo J. W., Telford S. R., Hodzic E., Zhang Y., Barthold S. W., Fikrig E. (1997):
Immunization against the agent of human granulocytic ehrlichiosis in a murine model. J Clin
Invest., 100: 3014–3018.
Swanson S. J., Neitzel D., Reed K. D., Belongia E. A. (2006): Coinfections acquired from
306
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
ixodes ticks. Clin. Microbiol. Rev., 19: 708-727.
Szabò M. P. J., Bechara G. H. (1995): An insight into the histopathology caused by the tick
Rhipicephalus sanguineus (Acarina: Ixodidae), in the skin of previously infested, vaccinated or
tick-bite naïve dogs, guinea pigs and hamsters. Brazilian Journal of Veterinary Research
Animal Science, 32: 37-42.
Szczepanski A., Benach J. L. (1991): Lyme borreliosis: host responses to Borrelia burgdorferi.
Microbiol. Rev. 55 :21–34.
Takada N., Masuzawa T., Ishiguro F., Fujita H., Kudeken M., Mitani H., Fukunaga M.,
Tsuchiya K., Yano Y., Ma X. H. (2001): Lyme disease Borrelia spp. in ticks and rodents from
northwestern China. Appl. Environ. Microbiol., 67: 5161-5165.
Takken W., Knols B. G. J (Ed.) Emerging pests and vector borne diseases in Europe.
Wageningen (NL): Wageningen Academic Publishers; 2007. 500 p. Citato da Romi R. 2010.
Tampieri M. P., Galuppi R., Bonoli C., Cancrini G., Moretti A., Pietrobelli M. (2008): Wild
ungulates as Babesia hosts in Northern and Central Italy. Vector-Borne Zoon. Dis., 8 (5):
667-674.
Taylor S. M., Kenny J., Mallon T. (1983): The effect of multiple rapid passage on strains of
Babesia divergens: a comparison of the clinical effects on juvenile and adult cattle of
passaged and irradiated parasites. J. Comp. Phathol., 93: 391-396.
Teglas M. B., Foley J. (2006): Differences in transmissibility of two Anaplasma
phagocytophilum strains by the North American tick specie Ixodes pacificus and Ixodes
scapularis. Exp. Appl. Acarol., 38: 47-58.
Teglas M., Matern E., Lein S., Foley P., Mahan S. M., Foley J. (2005): Ticks and tick-borne
disease in Guatemala cattle and horses. Vet. Par., 131: 119-127.
Telford III S. R., Korenberg E. I., Goethert H. K., Kovalevskii U. V., Gorelova N. B., Spielman
A. (2002): Detection of natural foci of babesiosis and granulocytic ehrlichioses in Russia. Zh.
Mikrobiol. Epidemiol. Immunobiol., 6: 21–25.
Telford S. R. III, A. Gorenflot, P. Brasseur, and A. Spielman. (1993): Babesial infections in
humans and wildlife. In J. P. Kreier (ed.), Parasitic protozoa, 2nd ed., vol. 5. Academic
Press, San Diego, Calif., pp. 1–47.
Telford S. R. III, Dawson J. E., Katavolos P., Warner C. K., Kolbert C. P., Persing D.H. (1996):
Perpetuation of the agent of human granulocytic ehrlichiosis in a deer tick-rodent cycle. Proc.
Natl. Acad. Sci. USA., 93: 6209–6214.
Telford S. R. III, Spielman A. (1989): Proximal maturation stimuli of Ixodes-borne pathogens.
Am. Soc. Trop. Med. Hyg., Anual Meeting, Honolulu, USA.
Telford S.R. III, Spielman A (1998): Babesiosis of Humans. In: Collier L., Balows A., Sussman
th
M. e Kreier J.P. (Eds), Topley and Wilson’s Microbiology and Microbial infections 9 Ed.,
Edward Arnold, London, pp 349-359.
Telford, S.R. III (1988): Incompetence of deer as reservoirs of the Lyme disease spirochete.
Am. J. Trop. Med. Hyg., 39: 105–109.
Tetzlaff C. L., Carlomagno M. A., McMurray D. N. (1988): Reduced dietary protein contend
suppresses infection with Babesia microti. Med. Microbial. Immunol., 177: 305-315.
Teutsch S. M., Etkind P., Burwell E. L., Sato K., Dana M. M., Fleishman P. R., Juranek D. D.
(1980): Babesiosis in post-splenectomy hosts. Am. J. Trop. Med. Hyg., 29: 738–741.
Theiler A. (1905): Notes on piroplasmosis in the horse, mule and donkey. Rep. Gov. Vet.
Bactriol. Transv. 1903-1904: 171 (citato da Ristic, 1988).
Theiler A. (1906): Further notes on piroplasmosis of the horse, mule and donkey. Rep. Gov.
Vet. Bactriol. Transv, 1904-1905: 94 (citato da Ristic, 1988).
Thomas R. J., Dumler J. S., Carlyon J. A. (2009): Current management of human granulocytic
anaplasmosis, human monocytic ehrlichiosis and Ehrlichia ewingii ehrlichiosis. Expert. Rev.
Anti. Infect. Ther., 7: 709–722.
Thomas V., Fikrig E. (2007): Anaplasma phagocytophilum specifically induces tyrosine
phosphorylation of ROCK1 during infection. Cell. Microbiol., 9: 1730–1737.
Thomford J. W., Conrad P. A., Boyce W. M., Holman P. J., Jessup D. A. (1993): Isolation and
307
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
in vitro cultivation of Babesia parasites from free-ranging desert bighorn sheep (Ovis
Canadensis nelsoni) and mule deer (Odocoileus hemionus) in California. J. Parasitol, 79: 7784.
Thomford J. W., Conrad P. A., Telford III S. R., Mathiesen D., Bowman B. H., Spielman A.,
Eberhard M.L., Herwaldt B. L., Quick R. E., Persing D. H. (1994): Cultivation and phylogenetic
characterization of a newly recognized human pathogenic protozoan. J. Infect. Dis., 169:
1050-1056.
Thompson R. C. A. (2001): The future of veterinary parasitology: a time for change? Vet.
Parasitol., 98: 41-50.
Thorshaug K. (1940): Anaplasma phagocytophilum (formerly Ehrlichia phagocytophila)
infection in sheep and wild ruminants in Norway: a study on clinical manifestation, distribution
and persistence. Doctor Philosophiae Thesis, Norwegian College of Veterinary Medicine.
Citato da Woldehiwet Z. 2010.
Thyresson N. (1949): The penicillin treatment of acrodermatitis atrophicans chronica
(Herxheimer). Acta Derm. Venereol., 29: 572-621. Citato da Bhate C., Schwartz R. A., 2011.
Tibbles C. D., Edlow J. A. (2007): Does this patient have erythema migrans? JAMA, 297:
2617-2627.
Tielemans E., Manavella C., Pollmeier M., Chester T., Murphy M., Gale B. (2010):
Comparative acaricidal efficacy of the topically applied combinations fipronil/(S)-methoprene,
permethrin/imidacloprid and metaflumizone/ amitraz against Dermacentor reticulatus, the
European dog tick (ornate dog tick, Fabricius, 1794) in dogs. Parasite, 17 (4): 343-348.
Tilly K., Rosa P. A., Stewart P. E. (2008): Biology of infection with Borrelia burgdorferi. Infect.
Dis. Clin. North. Am., 22: 217-34.
Toboada J. (1998): Babesiosis. In: Green C.E. (Ed.) Infectious diseases of dog and cat. W.B.
Saunders Company, Philadelphia, USA, 1998: pp 473-481.
Todorovic R. A., Long R. F. (1976): Comparison of in direct fluorescent antibody (IFA) with
complement fixation (CF) tests for diagnosis of Babesia spp. Infections in Colombian cattle.
Zeitschrift fur Tropenmedizin und Parasitologie, 27: 169-181.
Tomao P., Ciceroni L., D'Ovidio M. C., De Rosa M., Vonesch N., Iavicoli S., Signorini S.,
Ciarrocchi S., Ciufolini M. G., Fiorentini C., Papaleo B. (2005): Prevalence and incidence of
antibodies to Borrelia burgdorferi and to tick-borne encephalitis virus in agricultural and
forestry workers from Tuscany, Italy. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 24: 457-463.
th
Tomlin C. (1994): The pesticide manual 10 Edition Crop protection Publication. (Citato da
Keck, 1995).
Torina A., Alongi A., Naranjo V., Scimeca S., Nicosia S., Di Marco V., Caracappa S., Kocan K.
M., de la Fuente J. (2008): Characterization of anaplasma infections in Sicily, Italy. Ann N Y
Acad Sci., 1149: 90-93.
Torina A., Galindo R. C., Vicente J., Di Marco V., Russo M., Aronica V., Fiasconaro M.,
Scimeca S., Alongi A., Caracappa S., Kocan K. M., Gortazar C., de la Fuente J. (2010):
Characterization of Anaplasma phagocytophilum and A. ovis infection in a naturally infected
sheep flock with poor health condition. Trop Anim Health Prod., 42(7):1327-31.
Trevejo R. T., Krause P. J., Sikand V. K., Schriefer M. E., Ryan R., Lepore T., Porter W.,
Dennis D. T. (1999): Evaluation of two-test serodiagnostic method for early Lyme disease in
clinical practice. J. Infect. Dis. 179: 931–938.
Trevisan G. (1987): Lyme disease in Italy. Zentralbl. Bakt. Hyg. A267: 459–463.
Troese M. J., Carlyon J. A. (2009): Anaplasma phagocytophilum densecored organisms
mediate cellular adherence through recognition of human P-selectin glycoprotein ligand 1.
Infect. Immun., 77:4018–4027.
Trueman K. F., Blight G. W. (1978): The effect of age on resistance of cattle to Babesia bovis.
Aust. Vet. J., 54: 301–305.
Tsao J. I. (2009): Reviewing molecular adaptations of Lyme borreliosis spirochetes in the
context of reproductive fitness in natural transmission cycles. Vet. Res., 40: 36.
Tugwell P., Dennis D. T., Weinstein A., Wells G., Shea B., Nichol G., Hayward R., Lightfoot R.,
308
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Baker P., Steere A. C. (1997): Laboratory evaluation in the diagnosis of Lyme disease. Ann.
Intern. Med., 127: 1109–1123.
Tuomi J. (1967a). Experimental studies on bovine tick-borne fever. 1. Clinical and
haematological data, some properties of the causative agent, and homologous immunity. Acta
Pathol. Microbiol. Scand., 70: 429–445. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Tuomi J. (1967b): Experimental studies on bovine tick-borne fever. 3. Immunological strain
differences. Acta Pathol. Microbiol. Scand., 71: 89–100. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Tuomi J. (1967c): Experimental studies on bovine tick-borne fever. 2. Differences in virulence
of strains in cattle and sheep. Acta Pathol Microbiol Scand., 70(4): 577-589. Citato da
Woldehiwet Z., 2010.
Tuomi J., von Bonsdorff C. H. (1966): Electron microscopy of tick-borne fever agent in bovine
and ovine phagocytizing leukocytes. J. Bacteriol., 92: 1478-1492.
Tuomi, J. (1967d): Experimental studies on bovine tick-borne fever. 5. Sensitivity of the
causative agent to some antibiotics and to sulphonamides. Acta Pathol. Microbiol. Scand.
71, 109–113. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Tylewska-Wierzbanowska S., Chmielewski T., Kondrusik M., Hermanowska- Szpakowicz T.,
Sawicki W., Sulek K. (2001): First case of acute human granulocytic ehrlichiosis in Poland.
Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., 20: 196–198.
Uhnoo I., Cars O., Christensson D., Nystrom-Rosander C. (1992): First documented case of
human babesiosis in Sweden. Scand. J. Infect. Dis., 24: 541-547.
Urquhart G. M., Armour J., Ducan J. L., Dunn A. M., Jennings F. W. (1998): Parassitologia
Veterinaria.UTET, Torino, pp 286-292.
van Dam A. P., Kuiper H., Vos K., Widjojokusumo A., de Jongh B. M., Spanjaard L.,
Ramselaar A. C., Kramer M. D., Dankert J. (1993): Different genospecies of Borrelia
burgdorferi are associated with distinct clinical manifestations of Lyme borreliosis. Clin. Infect.
Dis., 17: 708–717.
Van Dobbenburgh A., van Dam A. P., Fikrig E. (1999): Human granulocytic ehrlichiosis in
Western Europe. N. Engl. J. Med., 340: 1214–1216.
Van Peenen P. F. D., Chang S. J., Bankneider A. R., Santana F. J. (1977): Piroplasms from
Taiwanese rodents. J. Protozool., 24: 310-312.
Vannier E., Krause P. J. (2009): Update on Babesiosis. Interdiscip Perspect Infect Dis.,
Epub 2009 Aug 27.
Varde S., Beckley J., Schwartz I. (1998): Prevalence of tick-borne pathogens in Ixodes
scapularis in a rural New Jersey County. Emerg. Infect. Dis.,4: 97-99.
Vasiliu V., Herzer P., Rössler D., Lehnert G., Wilske B. (1998): Heterogeneity of Borrelia
burgdorferi sensu lato demonstrated by an ospA-type-specific PCR in synovial fluid from
patients with Lyme arthritis. Med. Microbiol. Immunol., 187: 97-102.
Vázquez M., Muehlenbein C., Cartter M., Hayes E. B., Ertel S., Shapiro E. D. (2008):
Effectiveness of personal protective measures to prevent Lyme disease. Emerg Infect Dis.,
14(2): 210-216.
Vázquez M., Muehlenbein C., Cartter M., Hayes E. B., Ertel S., Shapiro E. D. (2008):
Effectiveness of Personal Protective Measures to Prevent Lyme Disease. Emerg. Infect. Dis.,
14: 210–216.
Vega F. E., Dowd P. F., Lacey L. A., Pell J. K., Jackson D. M., Klein M. G. (2000).
Dissemination of beneficial microbial agents by insects. In: Lacey L.A., Kaya H.K. (Eds.) Field
Manual of Technique in Invertebrate Pathology. Kluwer Academic Publishers, pp. 153–177
Vercammen F., De Deken R., Maes L. (1995): Clinical and serological observations on
experimental infections with Babesia canis and its diagnosis using the IFAT. Parasite, 2: 407–
410.
Vercruysse J., Parent R. (1981): Report of an account of porcine Babesiosis due to Babesia
perroncitoi in Senegal. Afr. Med., 20: 435.
Vermeil C., Menut J., Miegeville M., Cruziat J., Julienne F., Morin O., Roger A. P., Marjolet M.,
Bouillard C. (1983): Babesiosis, pediatric malaria: does confusion exist in Africa? Bull. Soc.
309
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Pathol. Exot. Filiales., 76: 797-804.
Veronesi F., Galuppi R., Tampieri M. P., Bonoli C., Mammoli R. e Piergili Fioretti D. (2011):
Prevalence of Anaplasma phagocytophilum in fallow deer (Dama dama) and feeding ticks
from an Italy preserve. Res Vet Sci., 90(1): 40-43
Villee C.A., Walker W. F. JR, Barness R. D. (1978): General Zoology. Sounders Company,
Philadelphia, USA, pp. 781-802.
Vitorino L. R., Margos G., Feil E. J., Collares-Pereira M., Ze-Ze L., Kurtenbach K. (2008):
Fine-scale phylogeographic structure of Borrelia lusitaniae revealed by multilocus sequence
typing. PLoS One., 3(12): e4002.
Vogl U. M., Presterl E., Stanek G., Ramharter M., Gattringer K. B., Graninger W. (2010): First
described case of human granulocytic anaplasmosis in a patient in Eastern Austria. Wien Med
Wochenschr, 160: 91-93.
von Loewenich F. D., Baumgarten B. U., Schröppel K., Geissdörfer W., Röllinghoff M. e
Bogdan C. (2003): High diversity of ankA sequences of Anaplasma phagocytophilum among
Ixodes ricinus ticks in Germany. J. Clin. Microbiol., 41: 5033–5040.
Vorou R. M., Papavassiliou V. G., Tsiodras S. (2007): Emerging zoonoses and vector-borne
infections affecting humans in Europe. Epidemiol. Infect., 135(8): 1231-1247.
Vyas J. M., Telford S. R. e Robbins G. K. (2007): Treatment of refractory Babesia microti
infection with atovaquoneproguanil in an HIV-infected patient: case report,” Clin. Inf. Dis., 45:
1588–1590.
Wagner J.E. (1976): A fatal Cytauxzoonosis-like disease in cats. JAVMA. 168: 585-588.
Walder G., Falkensammer B., Aigner J., Tiwld G., Dierich M.P., Wurzner R., Lechleitner P.
(2003): First documented case of human granulocytic ehrlichiosis in Austria. Wien. Klin.
Wochenschr., 11: 263–266.
Walker D. H., Raoult D. (2005): Rickettsia rickettsii and other spotted fever group rickettsiae
(Rocky Mountain spotted fever and other spotted fevers). In: Mandell, G. L.; Bennett, J. E.,
Dolin, R. (Eds.). Mandell, Douglas, and Bennett’s principles and practice of infectious
diseases. 6. Philadelphia, PA: Churchill Livingston,.pp: 2287-95.
Walker J. B., Keirans J. E., Horak I. G. (2000): The Genus Rhipicephalus (Acari, Ixodidae): a
Guide to the Brown Ticks of the World. Cambridge University Press
Walker J.B., Olwage A. (1987): The tick vectors of Cowdria ruminantium (Ixodoidea, Ixodidae,
genus Amblyomma) and their distribution. Onderstepoort J Vet Res., 54: 353-379.
Wallace B. J., Brady G., Ackman D. M., Wong S. J., Jacquette G., Lloyd E. E., Birkhead G. S.
(1998): Human granulocytic ehrlichiosis in New York. Arch Intern Med., 158: 769–773.
Walls J. J., Aguero-Rosenfeld M. E., Bakken J. S., Goodman J. L., Hossain D., Johnson R. C.,
Dumler J. S. (1999): Inter- and intalaboratory comparison of Ehrichia equi and human
granulocytic ehrlichiosis (HGE) agent strains for serodiagnosis of HGE by the
immunofluorescent-antibody test. J. Clin. Microbiol., 37: 2968-2973.
Walls J., Greig B., Neitze D., Dumler J. S. (1997): Natural infection of small mammal species
in Minnesota with the agent of human granulocytic ehrlichiosis. J. Clin. Microbiol., 35: 853–
855.
Walsh C. A., Mayer E. W., Baxi L. V. (2007): Lyme disease in pregnancy: case report and
review of the literature. Obstet. Gynecol. Surv., 62: 41-50.
Wang G., Schwartz I. (2011): Genus II. Borrelia Swellengrebel 1907, 582. In Krieg N. R.,
Staley J. T., Brown D. R., Hedlund B. P., Paster B. J., Ward N. L., Ludwig W., Whitman W. B.
(Eds.), Bergey’s Manual of Systematic Bacteriology, Second Edition, Volume four, Springer,
New York, USA, pp. 484-498.
Wang G., van Dam A. P., Le Fleche A., Postic D., Peter O., Baranton G., de Boer R.,
Spanjaard L., Dankert J. (1997): Genetic and phenotypic analysis of Borrelia valaisiana sp.
nov. (Borrelia genomic groups VS116 and M19). Int. J. Syst. Bacteriol. 47: 926-932.
Wang G., van Dam A. P., Schwartz I., Dankert J. (1999): Molecular typing of Borrelia
burgdorferi sensu lato: taxonomic, epidemiological, and clinical implications. Clin. Microbiol.
Rev., 12: 633–653.
310
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Wang G., van Dam A. P., Spanjaard L., Dankert J. (1998): Molecular typing of Borrelia
burgdorferi sensu lato by randomly amplified polymorphic DNA fingerprinting analysis. J. Clin.
Microbiol. 36: 768–776.
Wang G., Wormser G. P., Schwartz I. (2001): Borrelia burgdorferi. In Sussman M. (Ed.):
Molecular medical microbiology. Academic Press, London, United Kingdom. p. 2059–2092.
Wang T., Malawista S. E., Pal U., Grey M., Meek J., Akkoyunlu M., Thomas V., Fikrig E.
(2002): Superoxide anion production during Anaplasma phagocytophila infection. J. Infect.
Dis., 186: 274-280.
Wang, G. (2002): Direct detection methods for the Lyme Borrelia, including the use of
quantitative assays. Vector Borne Zoon. Dis., 2: 227–235.
Ware, G. W., (2000): The Pesticide Book, 5th edn. Fresno, CA: Thomson Publications.
Watt J. A., Foster W. N. M., Cameron A. E. (1968): Benzathine penicillin as a prophylactic in
tick pyemia. Vet. Rec., 83: 507–508. Citato da Woldehiwet Z., 2006).
Weber K. (1993): History of Lyme borreliosis in Europe. In: Weber K, Burgdorfer W, editors.
Aspects of Lyme borreliosis. Berlin: Springer-Verlag, pp. 1-20. Citato da Bhate C., Schwartz
R. A., 2011a.
Weber K. (2001): Aspects of Lyme borreliosis in Europe. Eur. J. Clin. Microbiol. Infect. Dis.,
20: 6-13.
Webster K. A. e Mitchell G. B. B. (1988): Use of counter immunoelectrophoresis in the
detection of antibodies to tick-borne fever. Res. Vet. Sci., 45: 28– 30.
Weger W., Müllegger R. R. (2001): Histopathology and immunohistochemistry of
dermatoborreliosis. Acta Derm Venereol (Ljubljana), 10: 135-42.
Weisburg W. G., Dobson M. E., Samuel J. E. & other authors (1989): Phylogenetic diversity of
the Rickettsiae. J Bacteriol., 171: 4202-4206.
Wen B., Rikihisa Y., Fuerst P. A. & Chaichanasiriwithaya W. (1995b): Diversity of 16S rRNA
genes of new Ehrlichia strains isolated from horses with clinical signs of Potomac horse fever.
Int. J. Syst. Bacteriol., 45: 315-318.
Wen B., Rikihisa Y., Mott J., Fuerst P. A., Kawahar, M. & Suto C. (1995a): Ehrlichia muris sp.
nov., identified on the basis of 16S rRNA base sequences and serological, morphological, and
biological characteristics. Int. J. Syst. Bacteriol., 45: 250-254.
Wenyon C.M. (1926): “Protozoology”. Vol.1 Baylliere, Tindal and Cox, London
Western K. A., Benson G. D., Gleason N. N., Healy G. R., Schultz M. G. (1970): Babesiosis in
a Massachusetts resident. N. Engl. J. Med, 283: 854-856.
White D. J., Talarico J., Chang H.-G., Birkhead G. S., Heimberger T., Morse D. L. (1998):
Human babesiosis in New York State: review of 139 hospitalized cases and analysis of
prognostic factors. Arch. Inter. Med., 19: 2149–2154.
Whitehouse C. A. (2004): Crimean-Congo hemorrhagic fever. Antivir. Res., 64: 145-160.
Whitnall A. B. M., Mchardy W. M., Whitehead G. B., Meerholz F., (1951): Some observations
on the control of the bont tick, Amblyomma hebraeum Koch. Bull. Entomol. Res., 41: 577–
591.
Wieler L. H., Szattelberger C., Weiβ R., Bauerfeind R., Kurtzer P., Failing K., Baljer G. (1999):
Serum antibodies against particular antigens of Borrelia burgdorferi sensu stricto and their
potential in the diagnosis of canine Lyme borreliosis. Berl. Munch. Tierärztl. Wochenschr.,
112: 465-471.
Wikel K. S. (1999): Tick modulation of host immunity: an important factor in pathogen
trasmission. Int. J. Parasitol., 29: 851-859.
Willadsen P. (1980): Immunity to tick. Advances in Parasitology, 18: 293 262.
Willadsen P. (2006): Tick control: thoughts on a research agenda. Vet. Par., 138: 161–168.
Willadsen P. (2008): Anti-tick vaccines. In: Bowman A.S. Nuttall P.A. (Eds.) Ticks. Biology,
Disease and Control. Cambridge University Press, pp. 424-446.
Willadsen P., Jongejan F. (1999): Immunology of the tick-host interaction and the control of
tick and tick-borne diseases. Parasitol. Today, 15 (7): 258-262.
Williams C. L., Strobino B., Weinstein A., Spierling P., Medici F. (1995): Maternal Lyme
311
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
disease and congenital malformations: a cord blood serosurvey in endemic and control areas.
Paediatr. Perinat. Epidemiol., 9: 320-330.
Wilske B. (2003): Diagnosis of Lyme borreliosis in Europe. Vector Borne Zoonotic Dis. 3:
215–227.
Wilske B., Fingerle V., Schulte-Spechtel U. (2007): Microbiological and serological diagnosis
of Lyme borreliosis. FEMS Immunol. Med. Microbiol., 49(1): 13-21.
Wilske B., Johnson B. J. B., Schriefer M. E. (2007b): Borrelia. In Murray P. R., Baron E. J.,
Jorgensen J. H., Landry M. L., Pfaller M. A. (Eds.): Manual of Clinical Microbiology, Volume 1,
American Society for Microbiology, Washington DC, USA, pp: 971-986.
Wilske B., Preac-Mursic V. (1993): Microbiological diagnosis of Lyme borreliosis. In Weber K.
e Burgdorfer W. (Eds.): Aspects of Lyme borreliosis. Springer-Verlag, Berlin, Germany. pp.
267–300. Citato da Aguero-Rosenfeld e coll., 2005.
Wilske B., Preac-Mursic V., Göbel U. B., Graf B., Jauris S., Soutschek E., Schwab E,
Zumstein G. (1993): An OspA serotyping system for Borrelia burgdorferi based on reactivity
with monoclonal antibodies and OspA sequence analysis. J. Clin. Microbiol. 31: 340-350.
Wilske B., Zöller L., Brade V., Eiffert H., Göbel U. B., Stanek G., Pfister W. (2000): MIQ 12,
Lyme-Borreliose. In Mauch H. e Lütticken R. (Eds.), Qualitätsstandards in der
Mikrobiologisch-Infektiologischen Diagnostik. Urban & Fischer Verlag, Munich, Germany,
pp: 1-59.
Wilske, B., Schriefer M. E. (2003): Borrelia, In Murray P. R., Baron E. J., Jorgensen J. H.,
Pfaller M. A., and Yolken R. H. (Eds.): Mannual of clinical microbiology, 8th ed. American
Society for Microbiology, Washington, D.C. pp. 937–954. Citato da Aguero-Rosenfeld e coll.,
2005.
Wilson M. L., Spielman A. (1985): Seasonal activity of immature Ixodes dammini. J. Med.
Entomol., 4: 408-414.
Wilson M. L., Telford S. R. 3rd, Piesman J., Spielman A., (1988): Reduced abundance of
immature Ixodes dammini (Acari: Ixodidae) following elimination of deer. J Med Entomol.,
25(4): 224-228.
Wilson M.L. (1994): Population ecology of tick vectors: interaction, measurement and analysis.
In:Sonenshine D.E. Mather T.N. (Eds.) Ecological dynamics of tick-borne zoonoses. Oxford
University Press, pp.20-44.
Winslow G. M., Bitsaktsis C. (2005): Immunity to the ehrlichiae: New tools and recent
developments. Curr Opin Infect Dis., 18: 217–221.
Wittner M., Rowin K. S., Tanowitz H. B., Hobbs J. F., Saltzman S., Wenz B., Hirsch R.,
Chisholm E., Healy G. R. (1982): Successful chemotherapy of transfusion babesiosis. Ann
Intern Med., 96: 601-604.
Woese C. R., Kandler O. & Wheelis M. (1990): Towards a natural system of organisms:
proposal for the domains Archaea, Bacteria, and Eukarya. Proc Natl Acad Sci USA, 87,
4576-4579.
Wójcik-Fatla A., Szymańska J., Wdowiak L., Buczek A., Dutkiewicz J. (2009): Coincidence of
three pathogens (Borrelia burgdorferi sensu lato, Anaplasma phagocytophilum and Babesia
microti) in Ixodes ricinus ticks in the Lublin macroregion. Ann. Agric. Environ. Med., 16(1):
151-158.
Woldehiwet Z. (2006): Anaplasma phagocytophilum in ruminants in Europe. Ann. N. Y. Acad.
Sci., 1078: 446-460.
Woldehiwet Z. (2010): The natural history of Anaplasma phagocytophilum. Vet. Parasitol.,
167: 108-122.
Woldehiwet Z., Horrocks B. K. (2005): Antigenicity of ovine strains of Anaplasma
phagocytophilum grown in tick cells and ovine granulocytes. J. Comp. Pathol., 132: 322–328.
Woldehiwet Z., Horrocks B. K., Scaife H., Ross G., Munderloh U. G., Bown K., Edwards S. W.
e Hart C. A. (2002): Cultivation of an ovine strain of Ehrlichia phagocytophila in tick cell
culture. J. Comp. Pathol., 127: 142-147.
Woldehiwet Z., Scott G. R. (1982a): Stages in the development of Cytoecetes phagocytophila,
312
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
he causative agent of tick-borne fever in sheep. J.Comp. Pathol., 92: 469-474.
Woldehiwet Z., Scott G. R. (1982b). Differentiation of strains of Cytoecetes phagocytophila,
the causative agent of tick-borne fever, by complement fixation. J. Comp. Pathol., 92, 475–
478. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Woldehiwet Z., Scott G. R. (1982c): Immunological studies on tick-borne fever in sheep. J.
Comp. Pathol., 92, 457–467. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Woldehiwet, Z., Scott G. R. (1993): Tick-borne (pasture) fever. In: Woldehiwet, Z., Ristic, M.
(Eds.), Rickettsial and Chlamydial Diseases of Domestic Animals. Pergamon Press,
Oxford, pp. 233–254. Citato da Woldehiwet Z., 2010.
Woldehiwet, Z., Scott, G.R., 1982e. Tick-borne fever: leukocyte migration inhibition. Vet.
Microbiol., 7, 437–455. Citato da Woldehiwet Z., 2010
Wong S. J., Brady G. S., Dumler J. S. (1997): Serological responses to Ehrlichia equi,
Ehrlichia chaffeensis and Borrelia burgdorferi in patients from New York State. J. Clin.
Microbiol., 35: 2198-2205.
Wong S. J., Thomas J. A. (1998): Cytoplasmic, nuclear, and platelet autoantibodies in human
granulocytic anaplasmosis patients. J Clin Microbiol., 36: 1959–1963.
Wong S., Grady L. J. (1996): Ehrlichia infection as a cause of severe respiratory distress. N
Engl J Med., 334: 273.
Wormser B. P., Liveris D., Nowakowski J., Nadelman R. B., Cavaliere L. F., McKenna D.,
Holmgren D., Schwartz I. (1999): Association of specific subtypes of Borrelia burgdorferi with
hematogenous dissemination in early Lyme disease. J. Infect. Dis., 180: 720-725.
Wormser G. P. (2006): Clinical practice. Early Lyme disease. N. Engl. J. Med., 354: 27942801.
Wormser G. P., Bittker S., Cooper D., Nowakowski J., Nadelman R. B., Pavia C. (2000a):
Comparison of the yields of blood cultures using serum or plasma from patients with early
Lyme disease. J. Clin. Microbiol. 38: 1648–1650.
Wormser G. P., Brisson D., Liveris D, Hanincová K, Sandigursky S., Nowakowski J.,
Nadelman R. B., Ludin S., Schwartz I. (2008): Borrelia burgdorferi genotype predicts the
capacity for hematogenous dissemination during early Lyme disease. J. Infect. Dis., 198:
1358–1364.
Wormser G. P., Dattwyler R. J., Shapiro E. D., Dumler J. S., O’Connell S., Radolf J. D.,
Nadelman R. B. (2007): Single-dose prophylaxis against Lyme disease. Lancet Infect. Dis., ,
7:371-373.
Wormser G. P., Dattwyler R. J., Shapiro E. D., Halperin J. J., Steere A. C., Klempner M. S.,
Krause P. J., Bakken J. S., Strle F., Stanek G., Bockenstedt L., Fish D., Dumler J. S.,
Nadelman R. B. (2006): The clinical assessments treatment, and prevention of lyme disease,
human granulocytic anaplasmosis, and babesiosis: clinical practice guidelines by the
Infectious Diseases Society of America. Clin. Infect. Dis., 43: 1089–1134.
Wormser G. P., Forseter G., Cooper D., Nowakowski J., Nadelman R. B., Horowitz H.,
Schwartz I., Bowen S. L., Campbell G. L., Goldberg N. S. (1992): Use of a novel technique of
cutaneous lavage for diagnosis of Lyme disease associated with erythema migrans. JAMA,
268: 1311–1313.
Wormser G. P., Horowitz H. W., Nowakowski J., McKenna D. F., Dumler J.S., Varde S.,
Schwartz I., Carbonaro C., Aguero-Rosenfeld M. E. (1997): Positive Lyme disease serology in
patients with clinical and laboratory evidence of human granulocytic ehrlichiosis. Am. J. Clin.
Pathol., 107: 142-147.
Wormser G. P., McKenna D., Carlin J., Nadelman R. B., Cavaliere L. F., Holmgren D., Byrne
D. W., Nowakowski J. (2005): Brief communication: hematogenous dissemination in early
Lyme disease. Ann. Intern. Med., 142: 751-755.
Wormser G. P., Nadelman R. B., Dattwyler R. J., Dennis D. T., Shapiro E. D., Steere A. C.,
Rush T. J., Rahn D. W., Coyle P. K., Persing D. H., Fish D., Luft B. J. (2000b): Practice
guidelines for the treatment of Lyme disease. Infect. Dis. Soc. Am. Clin. Infect. Dis., 31(S1):
1–14.
313
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Wright I. G. (1973a): Osmotic fragility of erythrocytes in acute Babesia argentina and Babesia
bigemina infections in splenectomised Bos taurus calves: Res. Vet. Sci., 15. 299-305.
Wright I. G., Goodner B. V. (1973b): Proteolytic enzyme activity in the intra-erythrocyte
parasites Babesia argentina and Babesia bigemina. Z. Parasitenk., 42: 213-220.
Xiong Q., Lin M. e Rikihisa Y. (2009): Cholesterol-dipendent Anaplasma phagocytophilum
exploits the low-density lipoprotein uptake pathway. Plos Pathog; 5(3): e1000329.
Xiong Q., Wang X. e Rikihisa Y. (2007): High-cholesterol diet facilitates Anaplasma
phagocytophilum infection and up-regulates macrophage inflammatory protein-2 and CXCR2
expression in apolipoprotein E-deficient mice. J. Infect. Dis., 195: 1497–1503.
Yabsley M. J., Murphy S. M., Luttrell M. P., Little S. E., Massung R. F., Stallknecht D. E., Conti
L. A., Blackmore C. G., Durden L. A. (2008): Experimental and field studies on the suitability of
raccoons (Procyon lotor) as hosts for tick-borne pathogens. Vector Borne Zoonotic Dis., 8:
491–503.
Yeagley T. J., Reichard M. V., Hempstead J. E., Allen K. E, Parsons L. M., White M. A., Little
S. E. Meinkoth J. H. (2009): Detection of Babesia gibsoni and the small Babesia spp. ‘Spanish
isolate’ in confiscated pit bull terriers. J. Am. Vet. Med. Assoc., 235 (5): 535-539.
Yoder A., Benoit J.B., Rellinger E.J., Tank J.L. (2006): Developmental profiles in tick water
balance with a focus on the new Rocky Mountain spotted fever vector, Rhipicephalus
sanguineus. Med Vet Entomol, 20: 365-372.
Yoshiie K., Kim H.Y., Mott J. e Rikihisa, Y. (2000): Intracellular infection by the human
granulocytic ehrlichiosis agent inhibits human neutrophil apoptosis. Infect. Immun. 68: 1125–
1133.
Young A. S., Leitch B. L. (1982): Epidemiology of East Coast fever: some effects of
temperature on the development of Theileria parva in the tick vector, Rhipicephalus
appendiculatus. Parasitology, 83: 199-211.
Young A. S., Morzaria S. P. (1986): Biology of Babesia. Parasitology today, 2: 211-219.
Young D. R., Arther R. G., Davis W. L. (2003): Valutazione comparativa dei trattamenti topici
con K6 Advantix TM e con Frontline Plus per la repellenza delle zecche (Rhipicephalus
sanguineus) sui cani. Praxis Veterinaria, 24 (4): 16-18.
Yu X. J., Crocquet-Valdes P., Walker D. H. (1997): Cloning and sequencing of the gene for a
120-kDa immunodominant protein of Ehrlichia chaffeensis. Gene, 184: 149–154.
Yu X. J., McBride J. W., Diaz C. M., Walker D. H. (2000a): Molecular cloning and
characterization of the 120-kilodalton protein gene of Ehrlichia canis and application of the
recombinant 120-kilodalton protein for serodiagnosis of canine ehrlichiosis. J. Clin.
Microbiol., 38: 369–374.
Yu X., McBride J. W., Zhang X. e Walker D. H. (2000b): Characterization of the complete
transcriptionally active Ehrlichia chaffeensis 28 kDa outer membrane protein multigene family.
Gene, 248: 59–68.
Yuval B., Spielman A. (1990): Duration and regulation of the developmental cycle of Ixodes
dammini. J. Med. Entomol., 27: 196-201.
Zahler M., Rinder H., Schein E., Gothe R. (2000): Detection of a new pathogenic Babesia
microti-like species in dogs. Vet. Parasitol., 89: 241-248.
Zahler M., Schein E., Rinder H., Gothe R. (1998): Characteristic genotypes discriminate
between Babesia canis isolates of differing vector specificity and pathogenicity in dogs.
Parasitol Res, 84: 544-548.
Zanconati F., Cattonar P., Grandi G. (1994): Histochemical and immunohistochemical
methods for demonstration of spirochetes in skin biopsies. Acta Derm Venereol (Ljubljana),
3: 99-104.
Zaugg J. L. (1990): Babesiosis. In: Smith B.P. (Ed.) Large animal internal medicine. Mosby, St
Louis, USA, 1990, pp 1217-1222.
Zavizion B., Pereira M., de Melo Jorge M., Serebryanik D., Mather T. N., Chapman J., Miller
N. J., Alford B., Bzik D. J., Purmal A. (2004): Inactivation of protozoan parasites in red blood
cells using INACTINE PEN110 chemistry. Transfusion, 44: 731–738.
314
Bibliografia
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Zeman P., Pazdiora P., Cinatl J. (2002): HGE antibodies in sera of patients with TBE in the
Czech Republic. Int. J. Med. Microbiol. 33: 190–193.
Zenner L., Gaillot E. D. (2003): Contròle et lute mècanoque contre les tiques. Le Point
Vètèrinaire, 234: 30-33.
Zhan L., Cao W. C., de Vlas S., Xie S. Y., Zhang P. H., Wu X. M., Dumler J. S., Yang H.,
Richardus J. H., Habbema J. D. (2008): A newly discovered Anaplasma phagocytophilum
variant in rodents from southeastern China. Vector Borne Zoonotic Dis., 8: 369–380.
Zhan L., Cao W. C., Jiang J. F., Zhang X. A., Liu Y. X., Wu X. M., Zhang W. Y., Zhang P. H.,
Bian C. L., Dumler J. S., Yang H., Zuo S. Q., Chu C. Y., Liu W., Richardus J. H., Habbema J.
D. (2010): Anaplasma phagocytophilum from rodents and sheep, China. Emerg. Infect. Dis.,
16: 764–768.
Zhang F., Gong Z., Zhang J., Liu Z. (2010): Prevalence of Borrelia sensu lato in rodents from
Gansu, northwestern China. BMC Microbiol., 10: 157.
Zhang J. R., Hardham J. M., Barbour A. G., Norris S. J. (1997a): Antigenic variation in Lyme
disease borreliae by promiscuous recombination of VMP-like sequence cassettes. Cell, 89:
275-285. (Erratum in: Cell 1999 Feb 5;96(3):447)
Zhang J. Z., Popov V. L., Gao S., Walker D. H., Yu X. J. (2007): The developmental cycle of
Ehrlichia chaffeensis in vertebrate cells. Cell Microbiol., 9(3): 610-618.
Zhang Y., Lafontant G., Bonner F J. Jr. (2000): Lyme neuroborreliosis mimics stroke: a case
report. Arch. Phys. Med. Rehabil., 81: 519-521.
Zhang Y., Ohashi N., Lee E. H., Tamura A., Rikihisa Y. (1997b): Ehrlichia sennetsu groEL
operon and antigenic properties of the GroEL homolog. FEMS Immunol. Med. Microbiol., 18:
39-46.
Zhi N., Ohashi N., Rikihisa Y. (1999) Multiple p44 genes encoding major outer membrane
proteins are expressed in the human granulocytic ehrlichiosis agent. J. Biol. Chem., 274:
17828–17836.
Ziemer E. L., Keenan D. P., Madigan J. E. (1987): Ehrlichia equi infection in a New Jersey
foal. J. Am. Vet. Med. Assoc., 190: 199–200.
Zintl A. C., Mulcahy G., Skerrett H. E., Taylor S. M., Gray J. S. (2003): Babesia divergens, a
Bovine Blood Parasite of Veterinary and Zoonotic Importance. Clin. Microbiol. Rev., 16: 622636.
Zintl A. C., Westbrook G., Mulcahy G., Skerrett H. E., Gray J. S. (2002): Invasion and shortand long- term survival of Babesia divergens (Phylum Apicomplexa) cultures in nonbovine
sera and erythocytes. Parasitology, 124: 583-588.
Zintl A., Gray J. S., Skerrett H. E., Mulcahy G. (2005): Possible mechanisms underlying agerelated resistance to bovine babesiosis. Parasite Immunol., 27: 115–120.
Zwart D., Van Den Ende M. C., Kouwenhoven B., Buys J. (1968): The difference between
Babesia bigemina and a Dutch strain of B. major. Tijdschr. Diergeneeskd. 93: 126.
Siti internet
• http://maps.google.it/
• http://www.arpa.emr.it
• http://www.megasoftware.net
• http://www.ncbi.nlm.nih.gov
• http://www.parks.it/parco.gessi.bolognesi/pun.php
• http://www.biosci.ohio-state.edu/~acarolog/needham/tickgone.htm
315
Fly UP