...

La dannazione di Giuda resta sempre tra di noi

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

La dannazione di Giuda resta sempre tra di noi
18
Venerdì 2 gennaio 2015
19
Venerdì 2 gennaio 2015
CULTURA&SPETTACOLI
UOMINI E IMPRESE STRAORDINARIE LA STORIA DELL’ESPLORATORE ERNEST SHACKLETON E DEL SUO EQUIPAGGIO
La leggendaria spedizione
Foto, testimonianze e diari: ecco i libri.
Che vite coraggiose
Ma chi siamo noi oggi? tra i ghiacci del Polo
Grazie alla documentazione fotografica della spedizione quella
dell’«Endurance» è anche un racconto per immagini. Di grande fattura è il volume di Caroline Alexander («Endurance. La leggendaria
spedizione di Shackleton al Polo Sud» Sperling & Kupfer Editori,
1999, pp.212), contiene centocinquanta foto scattate dall'australiano Hurley, tratte dalle lastre e dai negativi rimasti intatti (circa 500
erano le immagini riprese da Hurley), riguardanti la vita a bordo, la
marcia sui ghiacci, la deriva e la permanenza sull'Isola degli Elefanti
di parte dell'equipaggio. Naturalmente vi è il volume dello stesso
Ernest Shackleton, «Ghiaccio. La spedizione della nave Endurance
al Polo Sud: storia di una leggendaria avventura ai confini del mondo», Endurance - Shackleton's Incredible Voyage, Rizzoli, Milano,
1999, pp.376. Dalla voce del capospedizione, la ricostruzione dettagliata di tutta la vicenda si segnala Alfred Lansing, «Endurance:
l'incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud», «Endurance, Shackleton's Incredible Voyage», (Milano, Corbaccio, 1999, ill. b/n,
pp.304).
SAGGISTICA NE «IL PRESENTE COME STORIA», EDITO DA RIZZOLI, PENSIERI A CONFRONTO
Ce lo dicono gli antichi
Il nuovo libro di Luciano Canfora
di GIACOMO ANNIBALDIS
rievoca il vilipendio cui erano sottoposti imperatori e papi, anche da
morti. Commodo, il figlio di Marco
adre della veriAurelio fu condannato, ben che detà» definiva Mifunto, a essere trascinato con gli
guel Cervantes
uncini e, una volta dissepolto, getla narrazione
tato nel Tevere (pratica abituale a
storica, nel suo Don Chisciotte. Per
Roma). Altro caso: per l’intervento
cui Jorge Luis Borges poteva chioeuropeo in Libia contro Gheddafi,
sare, in Finzioni: «L’idea è meraCanfora ricorda la guerra punica
vigliosa: non vede nella storia l’incon Cartagine e le sotterranee mire
dagine della realtà, ma la sua oriimperialistiche di Roma, e scrive:
gine. La verità storica per lui non è
«L’ironia della storia ha voluto che
ciò che avvenne, ma ciò che noi
in quest’ultimo tempo della tormengiudichiamo che avvenne».
tata storia del Nordafrica la vicenda
È questo un pensiero-grimaldello,
si ripetesse, negli stessi luoghi o
che ci aiuta a capire la funzione e
quasi, in cui avvenne l’antico sterl’uso dello scrivere storia. Ce lo riminio: il rapace Sarkozy che “licorda ancora una volta Luciano
bera” la Libia rassomiglia, in caCanfora nel suo volume Il presente
ricatura, a Scipione l’Africano».
come storia. Perché il passato ci
Mentre invece, il crollo a Pompei
chiarisce le idee (Rizzoli ed., pp. 269,
della Casa dei
euro 18). Il filologladiatori è un’otgo e storico baretima occasione
se ripropone a
per delineare vibrevi capitoli la
ta, morte e misua riflessione su
sfatti di questa
eventi e fatti di
categoria, schiava
attualità riconsidue volte (ed è
derandoli attraovvio l’affacciarsi
verso la rifraziosulla scena di
ne della storia
Spartacus e di ciò
antica; accoglienche potesse consido l’auspicio forderarsi «terrorimulato dal greco
smo» nel mondo
Tucidide, che il
antico!).
suo racconto poA volte invece
tesse «servire di
il pretesto per un
orientamento ai
salto nel passato
politici del futuro
scaturisce dalla
in situazioni analettura di un liloghe» (in questa
bro; e la riflessioluce Benedetto
ne non si appiatCroce vedeva l’uotisce a semplice
mo come «un mirecensione (volucrocosmo, non in
mi come La felisenso naturalisticità della democo, ma in senso
crazia, intervista
storico: compentra G. Zagrebeldio della storia
sky ed E. Mauro;
universale»).
ovvero La demoCanfora sopratcrazia dispotica
tutto offre al vadi M. Ciliberglio del lettore
to…), ma si allarconcetti-base coga a originalissime democrazia (e
me consideraziole sue varianti), il
ni. Il tema della
peso delle oligardemocrazia è
chie in antico cosmisurato, amme in moderno, o
mette Canfora,
anche delle mino«ma un qualche
ranze agguerrite,
bilancio… va pur
ovvero il ruolo
tratto. Se non ci
degli intellettuali
e la fascinazione
LA FINE DI SADDAM In alto, Canfora si rende conto
che il fenomeno
del potere, le ridominante del
voluzioni e loro
nostro tempo, tempo definibile cofallimenti… Sicché il volume, pur
me “autunno della democrazia”, è
essendo in sostanza una raccolta di
lo svuotamento di essa, si rischia di
articoli apparsi sul «Corriere della
parlare di qualcosa ce non è più,
Sera» dal 2005 al 2013, lievemente
nell’illusione che ci sia ancora».
aggiornati, acquista una unitarietà
Quello che emerge naturalmente
tematica molto stringente, in un
da queste brevi prose è che il diagioco spesso oscillatorio tra ieri e
logo con gli antichi è proficuo; esso,
oggi, in cui il passato – soprattutto
nonostante lo sguardo all’indietro,
quello greco e latino – ci aiuta a
produce pensieri nuovi. Sostenere
capire meglio il presente. E, a volte,
ciò non è segno di un «subalterno
a trarre da uno sguardo a ritroso
culto verso il passato»; ma il frutto
qualche utile insegnamento.
della «convinzione radicata che in
Le occasioni per gli interventi
quell’età remota ci fosse un accuvengono spesso offerti dalla cronamulo di esperienze e di pensieri che
ca: come quando, di fronte alla noaspetta ancora di essere sfruttato
tizia dei pugnalatori del cadavere di
fino in fondo».
Saddam Hussein, lo storico pugliese
«M
IL PASSATO È ADESSO
Tanti esempi: i pugnalatori
di Saddam rievocano il vilipendio
di imperatori e papi
Cent’anni fa l’avventura dell’«Endurance»
La nave fu intrappolata nel gennaio del 1915
Nell’epoca che viviamo si sente la
mancanza di uomini e storie
straordinarie, solo cento anni fa si
partiva alla scoperta degli angoli
più remoti della terra, non tanto
per sete di avventura ma per
provare ancora una volta la tenacia e l’abnegazione dell’uomo.
Iniziamo con questo articolo una
serie sulle imprese straordinarie
del passato e del presente.
di NICOLÒ CARNIMEO
C
ento anni fa, i primi di
gennaio del 1915, il vascello Endurance (Resistenza), mai nome fu più
appropriato, rimane incagliato nel
pack dell’Antartico, il destino di
ventotto uomini e sessantotto cani
rimane appeso ad un esile filo. La
nave è armata da Sir Ernest Shackleton, uno dei più famosi esploratori dell’inizio del secolo scorso,
era partito nel 1914 dall'Inghilterra
diretto a Sud per tentare «l'ultima
grande impresa che resta da compiere»: la traversata via terra del
continente antartico da Ovest a Est.
L’esploratore guida ventotto uomini
che hanno risposto ad un annuncio
pubblicato dall'irlandese su un giornale di Londra, alla ricerca di equipaggio per la sua «Imperial
Trans-Antarctic Expedition»; il comandante è il neozelandese Frank
Worsley, uomo rispettato e capace, a
dispetto di una certa eccentricità
che lo porterà a dormire sul pa-
vimento del corridoio, ritenendo
troppo soffocante l'ambiente della
sua cabina.
A bordo sale anche il fotografo
australiano Frank Hurley, soprannominato «il principe» per la sua
sensibilità all'adulazione, cui si devono le immagini memorabili della
spedizione, e Perce Blackborow, inizialmente non arruolato, che grazie
all'aiuto dei compagni Bakewell ed
How si intrufola ugualmente,
uscendo allo scoperto solo in mare
aperto; Shackleton ne fa uno steward, apprezzando l'intraprendenza del giovane.
L’Endurance sulla via del Circolo
Polare Antartico dopo aver percorso più di mille miglia dalle lontane stazioni baleniere della Georgia Australe a sole ottanta miglia
ERNEST SHACKLETON
E LA SPEDIZIONE
DELL'ENDURANCE
In alto, un’iimagine
dell’esploratore (a destra) con i
suoi collaboratori. A fianco e
sotto, due immagini della nave
Fu la grande traversata del
continente antartico da
Ovest a Est. La «resistenza»
di 28 uomini e 68 cani
dalla meta viene costretta a fermarsi. Un fortissimo vento da Nord
Est che aveva spirato per sei giorni
di fila la intrappola nei ghiacci del
mare di Weddel. Qualche giorno
dopo, pochi giorni dopo il capodanno del del 1915, la temperatura
precipita sotto lo zero con il risultato di compattare il pack gal-
leggiante come una morsa. Per tutto
l’inverno la corrente sempre più
forte porta inesorabilmente l’Endurance alla deriva lontano dalla
terra quasi raggiunta. Una strenua
resistenza che mette a dura prova
l’equipaggio e il suo capitano, perché anche le giornate che sembrano
più tranquille si tramutano presto
ROMANZO POSTUMO DEL SALENTINO BRUNO LUCREZI: PRENDE SPUNTO DAI VANGELI
La dannazione di Giuda
resta sempre tra di noi
di VITTORIO GENNARINI
L
o scrittore pugliese
Bruno Lucrezi, nato a Campi Salentina in provincia di
Lecce nel 1917 e scomparso a
Napoli nel 1979, è certamente una delle coscienze critiche
più risentite e
originali dello
scorso secolo: di
lui, allievo di Giuseppe Toffanin,
insignito d’un
premio Marzotto
opera prima e
d’un premio Napoli, è uscito
postumo quest’anno un romanzo cristologico e insieme
un pamphlet filosofico e sociale dal titolo La dannazione di Giuda (Napoli, Rogiosi
ed, pp.423, euro 18,00).
La narrazione prende lo
spunto dai Vangeli sinottici
per narrare, con punte d’intenso lirismo, la vita di quei
È anche un lavoro
cristologico
e un pamphlet
filosofico e sociale
«pover’uomini» dei dodici
apostoli al seguito del Cristo: undici in verità poiché
tanti ne furono scelti da Gesù mentre l’ultimo, Giuda,
colui che poi lo tradì consegnandolo ai carnefici, s’offrì volontariamente di seguirlo.
Innanzitutto, va detto che
Lucrezi ha chiarito un pensiero fondamentale del cristianesimo delle origini oggi
completamente dimenticato
non soltanto da quanti si
piccano d’essere cristiani
ma anche da tutta la società
europea e occidentale: e cioè
che essere credenti non significa soltanto frequentare
i sacramenti e recarsi a messa la domenica e le feste comandate, e neppure fare
l’elemosina quando capiti ai
mendicanti, ma proprio, per
quanto possa spiacere al perbenismo borghese, avere a
che fare con ladri e prostitute, direbbe Pasolini, storpi
e mentecatti poiché è a queste persone che è più vicino
il Signore.
Una lezione di vita che
tornerà sgradevole a molti
ma senza la quale, suggerisce fra le righe lo scrittore,
parlare di fede cristiana è
proprio assurdo e pretestuoso.
Il titolo,e la traccia di sviluppo del voluminoso romanzo richiamano alla memoria una sentenza famosa
di Dino Buzzati: «In cuor
suo Dio onnipotente vorrebbe che certe cose non accadessero, ma impedirlo non
può perché è stato da lui
stesso deciso».
In realtà, il Cristo sapeva
bene che Giuda sarebbe stato il responsabile della sua
morte e della sua fine ma
non poteva neppure lui impedirlo poiché a questo ingrato compito egli era stato
predestinato nonostante
amasse il Signore come e
in terribili tormente di neve. Il
vento soffia a più di trecento chilometri all'ora e la temperatura a
volte scende a 73,5°C sotto lo zero.
Dopo mesi di agonia la nave prima
si inclina di trenta gradi e poi viene
spezzata dai ghiacci. «Una notte
tremenda - si legge nel diario di
bordo - con la sagoma nera dell’En-
GIUDA E GLI
APOSTOLI
L’Ultima Cena
(Cenacolo)
di Leonardo
da Vinci
(1494-1498)
.
forse di più degli altri apostoli.
Questa era «la dannazione
di Giuda», che lo porterà
poi,per i sensi di colpa, al
suicidio: ma Lucrezi approfondisce in maniera esemplare e con un’acutissima indagine psicologica la personalità di questo seguace di
Gesù e, così facendo, non
soltanto connota d’un significato cristologico e teologico
questo suo capolavoro narrativo, ma, insieme, riesce a
trovare la misura e le parole
giuste per ricavare dal racconto evangelico un messaggio originale per gli uomini
del nostro tempo.
Al centro della riflessione
è la passione d’amore, per
Gesù o per qualsiasi altro
essere umano, poco importa:
mentre i restanti undici apostoli la vivono con uno spontaneo e semplice candore,
colui che è predestinato a
tradirlo e a venderlo agli op-
durance che si stagliava contro il
cielo e il rumore della pressione che
la stritolava. Sembravano le grida
di un essere umano».
L'equipaggio, a cui rimangono tre
piccoli scafi, passa cinque mesi sulla banchisa galleggiante, riuscendo
poi a raggiungere Elephant Island,
monolocale di roccia e ghiaccio in
pressori romani ragiona, e
ragiona e ragiona sul suo
sentimento nei confronti del
Cristo fino a rinnegarlo e a
desiderare di ucciderlo.
E’ come se Lucrezi, ripercorrendo la Passione bimillenaria del Nazareno, si ergesse, sempre con grande
leggerezza e in pagine che
sfiorano la poesia, a condannare ogni passione d’amore
degli uomini d’oggi che obbedisca a un calcolato e furbesco raziocinare e non a un
semplice impulso d’affetti
scaturiti al ritmo stesso
dell’esistenza.
Il che non significa,suggerisce Lucrezi in questo suo
piccolo capolavoro, che una
passione d’amore o d’amicizia debba essere, oggi, rozza
ed elementare: ma che scaturisca da quella verginità e
purezza di sentimenti che
aveva fatto già coniugare ai
romantici l’identità di amore
e morte.
Che sia un nuovo romanticismo a salvare l’uomo dalla orribile confusione intellettuale e morale contemporanea? Lucrezi lo lascia intendere, e un animo rinnovato nel segno d’un umanesimo veramente cristiano è
il miracolo, tutto interiore,
ch’egli fortemente auspicava
per gli uomini del nostro
tempo.
co-abitazione con foche e pinguini.
Qui il povero Perce perderà tutte le
dita del piede sinistro, aggredite dal
gelo. Shackleton non si perde d'animo e insieme a cinque uomini, un
sestante, una bussola prismatica,
un binocolo, carte nautiche, fede e
speranza, salpa con la «James
Caird» (una scialuppa di soli 22
piedi, poco più di 6 metri) in cerca di
soccorsi, rotta per l'isola di South
Georgia, a 800 miglia.
Lo sparuto equipaggio è composto dagli irlandesi Tom Crean,
secondo ufficiale, e Tim McCarthy,
marinaio, dal carpentiere scozzese
Henry McNeish, dal forzuto nostromo John Vincent e dal capitano
Worsley, che definirà McCarthy «il
più irrefrenabile ottimista che abbia mai incontrato». A terra, dopo
aver sofferto fame, sete, temuto onde giganti e rischiato il naufragio
sugli scogli, i sei devono arrancare
ancora tra neve e ghiaccio, fino alla
stazione baleniera di Stromness, da
cui parte l'organizzazione del salvataggio dei rimanenti uomini, rimasti a Elephant Island. Dopo quasi
quattro mesi ed altrettanti tentativi,
Shackleton recupera l'equipaggio
con il rimorchiatore cileno Yelcho: è
il 30 agosto 1916 e tutti sono sopravvissuti. Un secondo viaggio, in
dicembre, vede Shackleton sull' Aurora a Capo Royds, altro versante
dell'Antartide, per riprendere a bordo la parte della spedizione insediata presso il mare di Ross.
Le parole del poeta Robert Browing, fatte pietra dietro la lapide di
Shackleton, recitano I hold that a
man should strive to the uttermost
for his life's set prize e cioè «Penso
che l'uomo dovrebbe sforzarsi di
raggiungere il limite predestinato
quale scopo della sua vita».
1). Continua
Guerra e (poca) pace
in onda sul pianerottolo
Le storie da condominio raccontate da Luciano Ragno
di NICOLA SIMONETTI
S
torie di comune condominio ovvero
homo condomini lupus, quello che,
come i genitori, non puoi sceglierti.
In Inghilterra, invece puoi. Un’agenzia immobiliare ne prospetta la possibilità
per la somma (stabilita in base al risultato di
un sondaggio) di 15 mila sterline (18.000 euro)
da aggiungere al costo dell’appartamento. A
Detroit, invece, accade che è l’«altro», un ex,
che sceglie, pagando quota aggiunta, l’appartamento di fronte e, per 7.000 dollari, piazza nella quota del proprio giardino, una gran
mano bronzea (12 piedi di altezza) con il dito
medio rivolto verso la camera da letto della
«lei».
Guerra & pace (e un giallo) sul pianerottolo,
un libro (pag. 192 – Palombi ed. euro 15) in cui
Luciano Ragno, già caporedattore de «Il Messaggero» si trasforma in inviato speciale sul
pianerottolo e narra quel che in condominio
si «puote» od è «off limits», le liti, le contestazioni, i tragitti legali (250.000 nel 2013,
lunghi fino a 20 anni obiettivo Cassazione.
Liti fra condomini che non sempre usano
termini e modi di Proust che fa giungere la
protesta in termini gentili e rispettosi. I fantasmi? Questi, alle volte, sono un lenzuolo che
copre l’amante della condomina. Ma ci sono
anche allusioni, ammiccamenti, delazioni di
quanto avviene sotto alcune lenzuola. E desiderio esplicitato in un post sgrammaticato
appiccicato alla porta «ti portassi a letto»,
post che si spostano dalla bacheca al lampione di fronte per vendicare l’invito a giovani alla moderazione durante le effusioni.
Animali spesso motivo del contendere. Dal
gatto, al cane, al maiale in salotto, agli esotici
che qualcuno lascia andare per le scale, al
pappagallo cui il padrone ha insegnato la
parola («cornuto!» o anche peggio) che ferisce
il compianerottolo frontaiolo. E c’è il gatto
sfrattato ed affranto che «cerca adozione».
Ma c’è anche cronaca nera, dalle minacce,
alle baruffe, alle lesioni ai delitti. Fino al
grido: «Ai millesimi ci tengo più della vita» e
l’autore muore veramente coinvolgendo altri
tuttiper scoppio provocato di bombole di
gas.
E gli Ermellini chiamano in causa il latinorum vim vi repellere licet (lecito respingere la forza con la forza) per assolvere un
condomino che trancia lucchetti e catene posti da chi voleva proteggere, indebitamente il
proprio posto auto. Una stampella legale
all’inquilino divenuto lupus contro il condomino lupissimus.
Un vero miracolo
a New York
Riapre la prima
libreria italiana
P
er le librerie indipendenti, New
York è un cimitero costellato di
croci: «Gotham» e «Coliseum»
se ne sono andate ai primi decenni del 2000, vittime delle grandi catene, a loro volta finite sott'acqua con
l’avvento di Amazon. La «Rizzoli» ha
chiuso l’anno scorso per far posto a un
grattacielo di lusso. Se dunque «Vanni»,
la prima libreria italiana in America,
fondata nel 1884 dal siciliano (di Caltagirone) Sante Fortunato Vanni, riapre
i battenti a Greenwich Village, si può
legittimamente parlare di «miracolo sulla 12/a strada».
Appuntamento a fine gennaio: con un
occhio al passato e l'altro al futuro i locali
di Vanni, al numero 30 della 12/a strada,
riapriranno per qualche mese come libreria «pop up» e centro culturale sotto
gli auspici del Centro Primo Levi. «L'obiettivo – spiega Alessandro Cassin, direttore editoriale del Centro e figlio di
quell'Eugenio Cassin che, con la piccola
casa editrice Orion Press a Londra, pubblicò la prima edizione in inglese di "Se
questo è un uomo" nel 1959, è puntare i
riflettori sulla storia dell’ebraismo italiano in America, ma anche resuscitare
un mito".
Vanni arriva a New York nel 1884,
all’apice dell’immigrazione italiana, e
inizia la sua attività di libreria e stamperia al 548 West Broadway. La libreria
vende classici italiani, manuali d’inglese
e dizionari (anche un vocabolario siciliano-italiano), ma anche cartoline, riviste, manuali tecnici, calendari, biglietti da visita, santini e materiale religioso
per le diocesi. Vanni svolge anche l’attività di scrivano, occupandosi di corrispondenze per i tanti emigranti analfabeti.
Nel 1931 entra in campo Andrea Ragusa, consulente editoriale appena arrivato dall’Italia. La libreria passa a Bleeker Street, poi nella sede attuale sulla
12/a. Ragusa è il direttore generale della
Fratelli Treves: arriva negli States con
l’idea di vendere la Treccani negli Usa.
Quelle strade del Village all’epoca erano
l’epicentro delle stamperie. Ragusa pubblica libri in inglese ad argomento italiano e trasforma la libreria in un punto
di riferimento culturale. Fino al 1974,
quando viene ucciso in una rapina davanti al negozio, stampa 138 titoli, tra
critica letteraria italiana e libri per le
scuole. La libreria passa nelle mani delle
figlie Isa e Olga fino al 2004, quando il
sipario cala per sempre. O così sembrava.
Che fine avrà la seconda (o terza vita)
di Vanni? La palazzina sulla 12/a, è doppiamente cinta d’assedio: da un lato ricchi e famosi che aspirano a un pezzo di
uno dei quartieri piu romantici e fermi
nel tempo di Manhattan, dall’altro l'ateneo che anno dopo anno sta acquisendo
tutte le proprietà disponibili nella zona.
[Alessandra Baldini]
Fly UP