...

Questo testo è stato realizzato diversi anni fa, quindi molti dati e

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Questo testo è stato realizzato diversi anni fa, quindi molti dati e
Questo testo è stato realizzato diversi anni fa, quindi molti dati e
riferimenti non risultano aggiornati. Continua comunque ad essere
una valido manuale per l'Educazione ai diritti umani per le attività
proposte e gli ottimi suggerimenti operativi.
INDICE
1. Primi passi
1. Cosa sono i diritti umani? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2. Cos’è l’Educazione ai Diritti Umani? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3. Domande frequenti sull’Educazione ai Diritti Umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2. Strumenti
1. Come analizzare la situazione dei diritti umani nella scuola . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Come inserire i diritti umani nel curriculum? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Metodi efficaci d’insegnamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Come progettare le attività didattiche sui diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Come valutare le attività didattiche sui diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15
23
27
42
45
3. Con i più piccoli
1. Per iniziare – attività preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Tu ed io – attività sulla diversità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Chi, io? – attività sulla responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Diritti per la vita – attività sull’universalità dei diritti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Cos’è giusto? – attività sulla giustizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. I miei e i tuoi diritti – attività sulle situazioni in cui i diritti entrano in conflitto . .
7. Passare all’azione! – portare i diritti umani al di fuori della classe . . . . . . . . . . . . .
50
54
70
77
84
90
95
4. Con i più grandi
1. Per iniziare – attività preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.Vivere insieme – attività sul rispetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Chi, io? – attività sulla responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Diritti per la vita – attività sull’universalità dei diritti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Cos’è giusto? – attività sulla giustizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. I miei e i tuoi diritti – attività sulle situazioni in cui i diritti entrano in conflitto . .
7. Passare all’azione! – portare i diritti umani al di fuori della classe . . . . . . . . . . . . .
5
100
105
113
126
135
142
155
5. Documenti sui diritti umani
1. Dichiarazione universale dei diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani . . . . . . . . . .
3. Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia . . . .
161
166
169
186
6. Passi successivi
1. Lavorare in rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Come organizzare un workshop di Educazione ai Diritti umani . . . . . . . . . . . . . .
3. Esempio di workshop di Educazione ai Diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Come valutare un workshop di Educazione ai Diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Organizzazioni utili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Bibliografia e altri strumenti utili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6
191
193
196
200
202
219
Primi passi
1.1 Cosa sono i diritti umani?
I diritti umani sono l’elemento fondamentale che consente a ogni persona di
vivere con dignità in quanto essere umano. Soltanto grazie ad essi, infatti, è
possibile costruire la libertà, la giustizia, la pace ed è rispettandoli che
l’individuo e la comunità possono svilupparsi integralmente.
L’evoluzione dei diritti umani ha le sue radici nei grandi avvenimenti della storia umana, in particolare nella lotta per la libertà e l’uguaglianza ovunque nel
mondo. I principi basilari dei diritti umani – come il rispetto per la vita e per la
dignità umana – sono inoltre presenti nella maggior parte delle religioni e delle
filosofie.
Essi sono proclamati nella Dichiarazione universale dei diritti umani. Altri
documenti, come le Convenzioni internazionali sui diritti umani, stabiliscono
cosa i governi devono o non devono fare per garantire i diritti delle cittadine
e dei cittadini.
a. Caratteristiche dei diritti umani
• I diritti umani non devono essere acquistati, guadagnati o ereditati: essi
appartengono a ogni individuo sin dalla nascita. I diritti umani sono quindi
“diritti naturali”.
• I diritti umani sono gli stessi per tutti gli esseri umani, senza distinzione di
origine etnica, sesso, religione, opinione politica o di altro genere, origine
nazionale o sociale. Tutte le persone nascono libere e uguali in dignità e
diritti.
I
diritti
umani
sono
quindi
“diritti
universali”.
7
Primi passi
• I diritti umani non possono essere sottratti: nessuno ha il diritto di privarne
un’altra persona, per nessuna ragione. Gli individui conservano i diritti
umani persino quando le leggi dello Stato non li riconoscano o li violino: in
caso di schiavitù, per esempio, gli schiavi conservano i propri diritti anche se
essi sono apertamente violati. I diritti umani sono quindi “diritti inalienabili”.
• I diritti umani vanno intesi come un insieme: infatti concorrono tutti
assieme alla costruzione della libertà, della sicurezza e di un dignitoso
tenore di vita per ogni individuo. Se un diritto viene minacciato, sono
minacciati tutti gli altri. I diritti umani sono quindi “diritti indivisibili”.
b. Categorie di diritti
In genere i diritti umani sono suddivisi in tre categorie:
1. Diritti civili e politici (detti “diritti di prima generazione”). Sono “orientati
alla libertà”. Comprendono il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza
della persona; alla libertà dalla tortura e dalla schiavitù; alla partecipazione
politica; alla libertà di opinione, espressione, pensiero, coscienza e religione
; alla libertà di associazione e riunione.
2. Diritti economici e sociali (detti “diritti di seconda generazione”). Sono
“orientati alla sicurezza”. Comprendono il diritto al lavoro; all’educazione;
a un soddisfacente tenore di vita; al cibo; a un’abitazione e alla salute.
3. Diritti ambientali, culturali e allo sviluppo (detti “diritti di terza
generazione”). Comprendono il diritto di vivere in un ambiente pulito e
protetto dal degrado e i diritti allo sviluppo culturale, politico ed economico.
Quando affermiamo che ogni individuo deve godere del riconoscimento dei
propri diritti, affermiamo anche che ogni individuo ha la responsabilità di
rispettare i diritti degli altri.
diritti umani
c. La Dichiarazione universale dei diritti umani
Il documento più famoso sui diritti umani è la Dichiarazione universale dei
diritti umani (DUDU). Il suo messaggio centrale è il valore fondamentale e
innato di ogni essere umano. La Dichiarazione è stata adottata dalle Nazioni
Unite il 10 dicembre 1948 all’unanimità, con la sola astensione di otto Paesi.
Comprende un insieme di diritti ritenuti fondamentali per ogni essere umano,
senza fare distinzioni di razza, colore della pelle, sesso, lingua, religione,
opinioni politiche o di altro genere, origine nazionale o sociale, proprietà,
nascita o altre condizioni. Afferma che i governi hanno promesso di difendere
alcuni diritti, non solo per le cittadine e i cittadini ma anche per le persone di
altri
8
1. Primi passi
Paesi. In altre parole, i confini nazionali non sono barriere che impediscano di
aiutare altri esseri umani a ottenere il riconoscimento dei propri diritti. Dal
1948 la Dichiarazione ha rappresentato lo standard internazionale dei diritti
umani. Nel 1993 una conferenza mondiale di 171 stati, il 99% della popolazione mondiale, ha ribadito il proprio impegno per i diritti umani.
d. Status legale
Sebbene la DUDU sia il documento che ha ispirato la maggior parte della legislazione internazionale in materia di diritti umani, non è in sé un documento
legalmente vincolante. Tuttavia, come affermazione generale di principi, ha una
certa importanza nel mondo dell’opinione pubblica. I suoi principi sono
diventati strumento legale con il Patto internazionale sui diritti civili e politici
(International Covenant on Civil and Political Rights, in sigla ICCPR) e il Patto
internazionale sui diritti economici, sociali e culturali (International Covenant
on Economic, Social and Cultural Rights, in sigla ICESCR). I Paesi che hanno
ratificato questi Patti si impegnano a promulgare leggi volte alla protezione
di questi diritti umani. Purtroppo, più della metà dei paesi del mondo non li
ha ancora ratificati.
Esistono inoltre strumenti regionali per i diritti umani ispirati alla DUDU, come
la Carta africana dei diritti umani e dei popoli; la Convenzione europea sui
diritti umani e la Convenzione americana sui diritti umani. Anche molte legislazioni nazionali garantiscono i diritti umani.

Prime riflessioni sui diritti
Scrivete quelli che secondo voi sono o dovrebbero essere i diritti
umani. Se lavorate in gruppo, fatelo individualmente e poi
confrontatevi. Leggete quindi la Dichiarazione universale dei diritti
umani. Confrontate la vostra lista con la DUDU. I diritti che avete
elencato sono contenuti nella Dichiarazione?
9
Primi passi
1.2 Cos’è l’Educazione ai diritti umani?
L’Educazione ai diritti umani è rivolta sia alla conoscenza che alla concreta
attuazione dei diritti umani. Ad esempio:
• illustrare le leggi internazionali o parlare delle violazioni dei diritti umani,
come la tortura, vuol dire accrescere la conoscenza dei diritti umani;
• insegnare alle persone come si rispettano e si proteggono i diritti, vuol dire
favorire la concreta attuazione dei diritti umani.
La principale finalità dell’Educazione ai Diritti Umani è aiutare le persone a
comprendere i diritti umani e a diventare consapevoli che sono importanti e
che devono essere rispettati e difesi.
Questo manuale vuole appunto essere uno strumento per favorire la
conoscenza dei diritti umani, ma anche la loro concreta realizzazione. Le
attività forniscono alle/agli1 adolescenti le abilità, le conoscenze e le attitudini
di cui avranno bisogno per lavorare a favore di un mondo libero da violazioni
dei diritti umani. Tali aspetti sono racchiusi in ogni attività grazie a una
metodo- logia educativa interattiva. La metodologia partecipativa è stata
individuata da chi si occupa di educazione come la via più potente ed efficace
per svilup- pare nelle persone abilità, attitudini e conoscenze sia
nell’adolescenza che nel- l’età adulta. Il grafico di pagina 1 2 può aiutare a
visualizzare la relazione fra abilità, conoscenze, attitudini e metodologia2.
ABILITÀ
Ad esempio, ascoltare le altre persone, compiere analisi etiche,
collaborare, comunicare, risolvere i problemi e interrogarsi sullo
status quo. Queste abilità aiuteranno ragazze e ragazzi a:
- analizzare il mondo in cui vivono;
- comprendere che i diritti umani rappresentano un modo per migliorare la propria vita e quella delle altre persone;
- agire per proteggere i diritti umani.
1
Nel corso della traduzione e adattamento di questo manuale si è cercato di utilizzare un
linguaggio non sessista allo scopo di favorire lo sviluppo di una cultura che combatta la
discriminazione di genere, ancora così tanto presente nella società italiana. Si è tuttavia cercato
anche di conciliare questa esigenza con quella di garantire la scorrevolezza e la leggibilità del
testo, evitando eccessivi appesantimenti grafici: per questa ragione in alcuni casi (ad esempio, per
la parola “insegnante”, che ricorre numerose volte) si è derogato dall’impostazione prescelta.
2
Per ulteriori spiegazioni di questo modello e per suggerimenti sulla creazione e l’analisi di attività di Educazione ai diritti umani si veda il capitolo Come progettare le attività didattiche sui
diritti umani nel Cap.2, pp. 4 2 .
10
1. Primi passi
CONOSCENZE
Ad esempio, sapere quali documenti per i diritti umani esistono e quali
diritti contengono, comprendere che questi diritti appartengono a tutti
gli esseri umani e che sono inalienabili. Essere anche a conoscenza
delle conseguenze della violazione dei diritti umani. Queste conoscenze
aiutano le ragazze e i ragazzi a proteggere i diritti propri e altrui.
ATTITUDINI
Ad esempio, l’idea che i diritti umani sono importanti, che la dignità
umana è insita in ogni individuo, che i diritti devono essere rispettati,
che la collaborazione è migliore del conflitto, che siamo responsabili
delle nostre azioni e che si può migliorare il mondo, se si prova. Ciò
aiuta ragazze e ragazzi a svilupparsi eticamente e le/li preparano a una
partecipazione positiva nella società.
METODOLOGIA
Quando è partecipativa e interattiva coinvolge pienamente le ragazze e
i ragazzi nell’apprendimento; col sostegno dell’insegnante, diventano
così attivi esploratori del mondo che li circonda piuttosto che ricettori
passivi dell’esperienza altrui. Questa metodologia è particolarmente
appropriata quando si lavora sulle tematiche dei diritti umani, in cui è
frequente trovare differenti punti di vista su un argomento, piuttosto
che un’unica risposta “giusta”.

Il gioco dei principi
Può essere utile svolgere in gruppo la seguente attività come aiuto
nella riflessione sui diritti umani. Ogni gruppo esamina dieci articoli
della Dichiarazione universale dei diritti umani. Ad esempio, un
gruppo potrebbe studiare gli articoli 1,4, 7, 10, 13, 16, 19, 22, 25, 28.
Un secondo gruppo potrebbe studiare gli articoli 2, 5, 8, 11, 14, 17,
20, 23, 26, 29. Un terzo gruppo invece potrebbe studiare gli articoli
3, 6, 9, 12, 15, 18, 21, 24, 27, 30. Provate a identificare i principi che ne
sono alla base. Confrontate i risultati di ogni gruppo. Discutete
dell’importanza di tali principi. Nella vita pratica, cosa cambierebbe
11
Primi passi
nel vostro Paese se tutti questi diritti fossero rispettati da ogni persona? Per esempio, come cambierebbe la partecipazione al governo
locale? Ecco alcuni dei principi che potreste identificare:
Responsabilità
Giustizia
Libertà
Uguaglianza
Tolleranza
Solidarietà
Sicurezza
Identità
Pace
Grafico 1: Fattori coinvolti in ogni attività di Educazione ai diritti umani
Abilità
Metodologia
Attitudini
Conoscenza
1. 3 Domande frequenti sull’Educazione ai diritti umani
Le domande che seguono spesso vengono poste da insegnanti che stanno
pensando di svolgere attività di Educazione ai diritti umani. Le risposte fornite in questa sede sono sintetiche ma possono aiutare a superare qualche perplessità.
D.: Bisogna insegnare la responsabilità, non i diritti.
R.: Questo manuale dà la stessa rilevanza ai diritti e alle responsabilità. Le attività sono progettate per dimostrare che i diritti di una persona finiscono dove
iniziano quelli di un’altra e che ogni individuo ha la responsabilità di rispettare i diritti degli altri.
D.: Le tematiche dei diritti umani non spaventeranno le scolare e gli scolari più
giovani?
R.: Insegnare i diritti umani è una cosa positiva, non negativa, perché in questo modo scolare e scolari apprendono i propri diritti fondamentali e l’importanza della dignità umana. Certamente, fornire soltanto informazioni sulle
violazioni dei diritti umani non è sufficiente, e potrebbe risultare angosciante
12
1. Primi passi
per le/i più piccole/i. Ma insegnare i diritti umani non è questo: anche se il
punto di partenza è pur sempre la consapevolezza che accadono cose dolorose, l’obiettivo è quello di fornire alle ragazze e ai ragazzi le abilità necessarie
per passare all’azione, favorendone l’atteggiamento attivo nel cambiare una
situazione negativa.
D.: Cosa faccio se in classe mi rivolgono una domanda a cui non so rispondere?
R.: Quando si insegnano i diritti umani, le risposte non sono mai semplici. A
domande che hanno a che fare con l’etica difficilmente si può rispondere con
un sì o con un no. Suscitare la domanda è più importante che trovare la risposta “giusta”. Presentare queste tematiche complesse alle ragazze e ai ragazzi e
permettere loro una riflessione può metterle/li in condizione di affrontarle più
tardi nella vita. Il secondo capitolo (2. Strumenti a pag. 15) di questo manuale
illustra i metodi di insegnamento che possono aiutare a esplorare le tematiche
dei diritti umani in classe senza dover avere la risposta “giusta” a ogni
domanda.
D.: A che scopo si usano i giochi?
R.: Le cose si ricordano meglio facendo piuttosto che ascoltando. Anche se le
attività di questo manuale sono divertenti, gli scopi sono seri, generalmente si
tratta della spiegazione di un concetto inerente ai diritti umani. Questi scopi
sono presentati all’inizio di ogni attività. Si veda anche la precedente sezione
Cos’è l’Educazione ai diritti umani? (p. 1 0 ).
D.: Non possediamo una fotocopiatrice, o materiale sufficiente.
R.: La maggior parte delle attività di questo manuale sono concepite in modo
da non richiedere materiale costoso o una fotocopiatrice.
D.: Qui si insegnano Educazione civica e Diritto, non Diritti umani.
R.: Nella pratica, si possono insegnare le abilità, le conoscenze e le attitudini
associate ai diritti umani nell’ambito di molte materie (Si veda il paragrafo
Spunti per inserire l’insegnamento dei diritti umani nell’ambito delle discipline base nella sezione Come inserire i diritti umani nel curriculum?, nel secondo capitolo, pp. 2 4 ).
D.: Voglio insegnare anche agli adulti.
R.: Questo manuale è pensato per le scuole. Tuttavia, molte attività possono
essere proposte anche ad adulti. Il capitolo 2 contiene delle idee per sviluppare le proprie attività e le organizzazioni elencate nel capitolo 6 si possono dare
consigli per insegnare i diritti umani a persone adulte.
D.: Genitori, insegnanti e Dirigente scolastico/a dicono che insegnare i diritti
umani è indottrinamento politico.
13
Primi passi
R.: La cultura dei diritti umani mette ragazze e ragazzi in grado di partecipare più attivamente alla vita sociale e politica del proprio paese. Tuttavia, è
importante distinguere fra la capacità di partecipazione politica e i partiti
politici. Chi insegna ha la grande responsabilità di far comprendere questa
distinzione senza privilegiare un particolare orientamento ideologico-politico.
D.: Che differenza c’è fra Educazione civica, Educazione morale, Educazione
alla cittadinanza, Educazione all’intercultura, Educazione alla pace e risoluzione dei conflitti? In che ambito si inserisce l’Educazione ai diritti umani?
R.: Tutte queste discipline coprono argomenti diversi ma anche in larga parte
coincidenti (cfr. grafico 2 p. 1 4 ). Ad esempio, un’attività sul rispetto reciproco
potrebbe essere svolta in una qualsiasi di queste materie, ma un’attività che
riguardasse i documenti sui diritti umani sarà svolta espressamente
nell’Educazione ai diritti umani. Inoltre, la stessa metodologia, attiva e
partecipativa, può essere utilizzata per insegnare tutte queste discipline (cfr.
grafico 3 p. 14).
Ciò che è importante ricordare, comunque, è che queste discipline hanno tutte
lo stesso scopo: aiutare studentesse e studenti a sviluppare le abilità, le attitudini e le conoscenze di cui avranno bisogno per compiere consapevoli scelte
etiche riguardo al loro mondo e al proprio posto in esso.
Grafico 2: Tutte le discipline coprono argomenti lievemente diversi ma
anche in parte coincidenti.
Educazione
alla
cittadinanza
Educazione
alla pace,
Educazione all’intercultura
Educazione ai Diritti Umani
Grafico 3: Ma la metodologia può coincidere quasi del tutto.
14
2. Strumenti
2.1 Come analizzare la situazione dei diritti umani
nella scuola
La comprensione dei diritti umani si ottiene meglio se questi vengono
sperimentati nella pratica. La vita quotidiana nella scuola può fornire
questa esperienza e può corroborare lo studio formale di concetti
astratti come la libertà, la tolleranza, la giustizia e la verità.
Tuttavia, può capitare che le stesse scuole diventino un luogo dove i diritti
umani vengono violati piuttosto che incoraggiati. L’arroganza e il
pregiudizio spesso possono essere fonte di negazione dei diritti nell’ambiente scolastico. Ad esempio, se alle ragazze e ai ragazzi è permesso rivolgersi in maniera offensiva ad altri membri della classe
appartenenti a minoranze etniche o religiose e gli insegnanti non
prendono una chiara posizione, ciò lancia il messaggio che
l’intolleranza può
essere accettata. È invece importante agire
fermamente contro questo tipo di comportamenti se si vogliono
insegnare i diritti umani con successo.
a. Qual è la situazione dei diritti umani nella scuola?
Leggete le domande seguenti e pensate alla vostra scuola. Il loro scopo non è
criticare la disciplina e l’ordine della scuola, ma rendere più facile l’insegnamento dei diritti umani creando al suo interno un clima di rispetto.
15
Primi passi
Rapporti fra studenti
• Ci sono casi di violenza o di umiliazioni? Per esempio, tramite epiteti
offensivi?
• Ci sono pregiudizi, ad esempio nei confronti delle ragazze, di determinati
gruppi religiosi, di ragazze e ragazzi appartenenti a minoranze etniche o
rifugiate/i?
• Si prendono provvedimenti quando le studentesse e gli studenti lamentano violenze? Se sì, con quale efficacia?
Rapporti fra insegnanti e studenti
• Ci si aspetta che studentesse e studenti obbediscano agli insegnanti anche
se non capiscono le indicazioni?
• Le studentesse e gli studenti hanno la possibilità di intervenire nella creazione e nell’applicazione delle regole della scuola?
• Il sistema di valutazione è utilizzato per imporre la disciplina o per promuovere poche persone a scapito delle altre?
• Le studentesse e gli studenti vengono umiliate/i dagli insegnanti? La
disciplina è umana?
• In quali occasioni le studentesse e gli studenti vedono il/la Dirigente
scola- stico/a?
• La porta del/la Dirigente scolastico/a è aperta o chiusa?
• Il/La Dirigente scolastico/a conosce i nomi delle studentesse e degli
studenti?
• Studentesse e studenti vengono chiamate/i per nome o per cognome?
• Sono trattate/i equamente?
• C’è un’assemblea d’istituto? È possibile parteciparvi democraticamente?
Rapporti fra insegnanti e Dirigente scolastico/a
• Gli insegnanti hanno timore di sottoporre lamentele e suggerimenti al/alla
Dirigente scolastico/a?
• Insegnanti di diverse materie svolgono assieme lavoro interdisciplinare?
• Si scambiano esperienze d’insegnamento?
• Fanno lavoro di squadra, coordinato?
• Hanno la possibilità di esprimere opinioni nelle decisioni politiche?
• Gli insegnanti sono trattati equamente?
16
2 Strumenti
• Le promozioni sono dovute al rendimento o a considerazioni personali o
politiche?
• Quali sono i rapporti fra insegnanti e autorità scolastiche?
Rapporti fra insegnanti e genitori
• I genitori hanno timore di lamentarsi con gli insegnanti quando non
approvano il trattamento riservato alle loro figlie e ai loro figli o il metodo
d’insegnamento?
• Temono che le lamentele possano peggiorare la loro situazione?
• I genitori sono coinvolti nella gestione della scuola? Funziona? Come si
potrebbe migliorare?
Regole della scuola e procedure
• Quali valori sono promossi nelle regole della scuola?
• Studentesse e studenti sono tenute/i alla cieca osservanza di tutte le
regole in nome dell’obbedienza e della disciplina?
• Vigono regole umilianti, come dover chiedere il permesso di andare al
bagno?
• Le punizioni sono inappropriate o ingiuste?
• E le regole si applicano equamente a chiunque?
• Studentesse e studenti possono intervenire nella creazione delle regole o
devono soltanto sottostarvi?
L’ambiente
•
•
•
•
Le condizioni ambientali dell’edificio scolastico sono salubri?
C’è un cortile?
Ci sono tende o fiori nelle aule?
Studentesse e studenti si sentono coinvolte/i nel rendere confortevole la
loro aula?
• I loro disegni, poesie e scritti sono appesi al muro? Sono esposti anche i
lavori di chi ha meno capacità?
• I materiali e le attrezzature di studio sono disponibili per tutti, senza
discriminazione di genere o di classe sociale?
• Studentesse e studenti hanno un posto sicuro e privato nel quale lasciare i
propri effetti personali? E nel quale possano rimanere sole/i?
17
Primi passi
b. Cosa si può fare per migliorare la situazione dei diritti umani
nella scuola?
Le domande precedenti vertevano sul rispetto dei diritti umani all’interno della
scuola. Seguono ora alcuni suggerimenti specifici che possono aiutare a
migliorare la situazione. Si basano sul concetto che se le studentesse e gli studenti vengono responsabilmente coinvolte/i nella creazione delle regole e nella
decisione su che cosa fare quando queste regole vengono infrante, saranno più
propense/i a rispettarle.
Violenza, conflitti e pregiudizi
Insegnanti, studenti e studentesse possono lavorare insieme per sviluppare una
procedura specifica per fronteggiare queste situazioni. Ad esempio si
potrebbe:
• fermare l’aggressione verbale o fisica;
• individuare il vero problema, interpellando le persone coinvolte e quelle che hanno assistito;
• permettere a studentesse e studenti di parlare a turno con tranquillità,
rassicurando chi fosse turbata/o;
• chiedere loro dei suggerimenti per risolvere il conflitto ed essere pronti a fornire qualche spunto;
• discutere le alternative nell’ottica di individuare una soluzione equa;
• trovare un accordo su una strategia di azione e seguirla. Se non si
ottengono risultati dopo un periodo di prova, consultare le studentesse
e gli studenti e provare un’altra soluzione;
• far seguire all’incidente una discussione, una storia, un gioco di ruolo o
un’attività artistica. Chiedere a studentesse e studenti di confrontarlo
con incidenti simili.
Regole
Se le studentesse e gli studenti ritengono che alcune regole siano inutili,
ingiuste o immotivate, perché non permettere loro di suggerire modifiche? Le
regole nella scuola sono necessarie per evitare confusione e caos, ma ogni
regola può essere esaminata per vedere se è giusta o ancora valida. Gli
insegnanti dovrebbero essere preparati a tener conto dei bisogni di
studentesse e studenti, se viene suggerito un cambiamento che potrebbe
contribuire a una guida efficace della scuola. In tal modo ragazze e ragazzi
sentirebbero maggiormente la responsabilità di rispettare le regole.
18
2. Strumenti
Riunioni di classe 1
Le riunioni di classe possono rappresentare un importante primo passo per
modificare la situazione dei diritti umani nella scuola. Le prossime pagine
forniscono una guida dettagliata a tal proposito. La cosa più importante da
ricordare è che ci vorrà un po’ di pratica prima che voi e la classe iniziate
gradualmente a partecipare con piacere agli incontri. Non scoraggiatevi se i
primi tentativi non sono un grande successo!
Le riunioni di classe possono essere utilizzate per coinvolgere il gruppo e
pianificare gli argomenti di studio, per risolvere problemi o semplicemente per
rinsaldare lo spirito di gruppo. Un importante effetto della riunione è che
insegna la partecipazione, un’abilità fondamentale per difendere i diritti
umani. Di seguito sono elencate alcune tipologie di riunioni. L’insegnante può
rivolgere alla classe le domande qui sotto per stimolarne la partecipazione.
Comunque, per essere efficaci, le riunioni si devono svolgere in un clima in cui
le ragazze e i ragazzi non abbiano timore di condividere i propri sentimenti.
Per incoraggiarle/li, è una buona idea non forzarle/li a parlare se non ne
hanno voglia – rispettando il loro diritto di rimanere in silenzio quando
vogliono –, saranno più portate/i a parlare durante un incontro successivo.
Ovviamente, le proposte che seguono vanno adattate alla loro età.
Tipologie di riunioni di classe
– Riunione delle buone notizie: in questo caso, si possono porre domande
del tipo «Chi ha una buona notizia da condividere?».
– Il cerchio: fate un giro di opinioni utilizzando una traccia come quelle
suggerite più avanti. Ogni persona può scegliere se parlare o meno. Dopo
che tutte si sono espresse, l’insegnante può utilizzare i contributi
individuali come punto di partenza per una discussione. Alcuni esempi di
tracce:
- «Una cosa che mi piace di questa classe...»
- «Una cosa che secondo me migliorerebbe la nostra classe...»
- «Una decisione che ritengo dovremmo prendere...»
- «Mi domando perché...»
- «Mi preoccupa che...»
- «Vorrei...»
1
Adattamento da T.E. Lickona, Educating for character. How our school can teach respect and
responsibility, Bantam books, New York 1991, pp.149-151.
19
Primi passi
– Il momento dei complimenti: si scelgono una o due persone; successivamente l’insegnante invita il resto della classe a dire qualcosa che
apprezzano di ognuna di loro.
– Riunione per decidere gli obiettivi: discutete gli obiettivi della mattina,
della giornata, della settimana, dell’attività programmata, dell’anno
scolastico.
– Riunione per decidere le regole: «Di quali regole abbiamo bisogno nella
nostra classe?», «Per andare in palestra?», «Per andare allo zoo?».
– Riunione per giudicare le regole: «Come sono le regole della scuola?
Perché le abbiamo? Sono buone regole? Se poteste cambiare una regola, quale cambiereste? Qualcuna delle regole della nostra classe ha bisogno di modifiche per funzionare meglio?».
– Valutazione: «Cosa c’è stato di buono oggi?», «Come possiamo rendere
migliore la giornata di domani?», «Come possiamo fare in modo che
l’attività la prossima volta funzioni meglio?».
– Riflessioni: «Cosa hai imparato grazie a questa attività (unità, progetto,
libro)?».
–
Presentazione del lavoro svolto: uno o due membri della classe
presentano un loro lavoro, ad esempio un progetto o una storia.
– Problemi:
- Problemi personali: «Chi ha un problema che potremmo aiutare a
risolvere?»
- Problemi nel gruppo: «Qual è un problema della classe di cui dovremmo
parlare?»
- Lamentele e raccomandazioni: Ci si può lamentare di un problema, ma
bisogna proporre un’idea per risolverlo.
- Imparzialità: «Come possiamo risolvere questo conflitto in un modo
positivo per tutti?»
– Argomenti di studio: «Perché ritenete che ci serva studiare questo?»,
«Cosa vi aiuterebbe a svolgere meglio i vostri compiti a casa?», «Qualche
proposta sul prossimo compito?», «Come avrebbe potuto essere migliorato l’ultimo compito?».
– Riunione per un’aula migliore: «Quali cambiamenti renderebbero
migliore la nostra aula?». Possibilità: nuova disposizione degli arredi
(banchi, cattedra, lavagna), nuovi modi di lavorare insieme, nuovi giochi
per imparare, ecc...
– Riunione di verifica: «Com’è la soluzione/il cambiamento su cui ci siamo
accordati durante il lavoro? Possiamo fare meglio?».
20
2. Strumenti
– Riunione “filosofica”: «Cos’è un amico? Come fai amicizia?», «Cos’è la
coscienza? In che modo ti aiuta?», «Cos’è una bugia? È mai giusto dirne
una?», «Cos’è la fiducia? Perché è importante?», «Cos’è il coraggio?
Come lo si dimostra?».
– Cassetta dei suggerimenti/Cassetta delle attività della classe: qualsiasi
argomento appropriato che ragazze e ragazzi abbiano suggerito per la
discussione.
– Riunione sulle riunioni: «Cosa vi è piaciuto delle riunioni di classe?»,
«Cosa non vi è piaciuto?», «Cosa abbiamo realizzato?», «Come possiamo
migliorare le nostre riunioni?».
Una struttura chiara contribuirà al successo di queste riunioni. Di seguito viene
presentato un modello adattabile alle varie situazioni.
La riunione - tipo
– Il cerchio: fate formare un cerchio e chiedete alla classe di fare silenzio.
– Stabilire l’ordine del giorno: definite assieme gli scopi dell’incontro e gli
argomenti da discutere.
– Stabilire le regole: definite o rivedete assieme le regole per “parlare e
ascoltare bene”.
– Dividete la classe in coppie.
– Ponete il problema o la domanda: ad esempio. «Molti hanno lamentato
che nel cortile si utilizzano epiteti come “marocchino”, “ebreo” o
“zingaro”. Cosa possiamo fare per risolvere questo problema?».
– Discussione a coppie: scambio di opinioni della durata di 3-5 minuti; facilitate l’interazione se necessario.
– Segnale per il silenzio: definite un segnale per fermare la discussione a
coppie e iniziare quella in gruppo.
– Discussione plenaria: invitate più coppie a condividere le loro idee con il
gruppo; incoraggiate le repliche e ponete altre domande; se è il caso,
raggiungete un accordo sull’azione da intraprendere e prendetene nota.
Pianificate l’azione e fissate la data della riunione di verifica.
– Chiusura della riunione: In questa fase si può fare un giro per raccogliere i
commenti finali, fare il punto della situazione, chiedere a ragazze e ragazzi
cosa ricordano meglio dell’incontro o quale valutazione ne danno.
21
Primi passi
Quando la classe si sarà abituata alle riunioni potrà gestirle autonomamente,
ad esempio conducendo gli incontri a turno, riassumendo le cose dette o
prendendo nota delle conclusioni raggiunte.
Per favorire la partecipazione si può porre una domanda alla classe, dare il
tempo per scrivere le risposte e poi leggerle ad alta voce.
Cose su cui riflettere
Molti insegnanti hanno verificato che monitorare e poi modificare il proprio
comportamento ha rappresentato un passo importante per creare un clima
rispettoso dei diritti umani in classe. A tale scopo, potete porvi le seguenti
domande o sottoporle ai colleghi. Potrebbe essere utile prenderle in
considerazione per circa una settimana, durante la quale monitorare il vostro
comportamento in classe e riflettere su quali aspetti potrebbero essere
migliorati.
• Qual è il mio modo di entrare in relazione con le studentesse e gli
studenti? Le/Li chiamo per nome? Se sì, mi preoccupo di pronunciarlo
corretta- mente?
• Uso il linguaggio non-verbale per rassicurarle/li della mia attenzione?
• Mi scuso se ho commesso un errore?
• Permetto loro di prendere decisioni importanti? Ad esempio, quali
attività svolgere, quali libri leggere, dove pranzare…?
• Incoraggio comportamenti che favoriscano l’ascolto? Ad esempio, c’è un
segnale convenzionale per chiedere il silenzio o mi scopro a urlare?
• Sorrido in classe?
• Gratifico il gruppo per un’attività svolta collettivamente con successo?
Premio la collaborazione, l’attenzione e l’atmosfera pacifica, o solo il
compito ben fatto?
• Tendo a mettere in fila ragazze e ragazzi anche se non necessario, o permetto loro di muoversi in gruppo?
• Divido la classe in buoni e cattivi?
• Mi spaventano confusione e rumore anche se dovuti al lavoro entusiasta
della classe?
22
2. Strumenti
2.2 Come inserire i diritti umani nel curriculum?
In linea di principio, i diritti umani dovrebbero far parte di tutte le materie scolastiche e accompagnare l’intera esperienza di apprendimento.
Nella pratica, la situazione varia da paese a paese e gli insegnanti hanno
utilizzato modalità diverse per inserire i diritti umani nei curricula
scolastici. Tali modalità sono divisibili in due grandi categorie:
– iniziare a insegnare i diritti umani “dal basso”, in qualsiasi modo
possibile, con il consenso del/della Dirigente scolastico/a o delle
autorità scolastiche locali;
– persuadere le autorità locali o nazionali preposte all’educazione a
cambiare il sistema “dall’alto”, per trovare fondi e tempo per
l’insegnamento dei diritti umani.
Spesso gli insegnanti hanno combinato entrambe le strategie,
cominciando con l’insegnamento “dal basso” per poi sfruttare i successi
come prove per persuadere le autorità scolastiche a cambiare il sistema
Curricula per la scuola primaria
Nella scuola primaria, poiché è più lieve la pressione degli esami su alunne,
alunni e personale, e poiché spesso un insegnante presenta più materie alla
stessa classe, i docenti hanno generalmente trovato piuttosto semplice ottenere dai/dalle Dirigenti scolastici/che il consenso a insegnare i diritti umani con
un approccio multidisciplinare. Ad esempio, gli insegnanti di Rostov sul Don
(Russia) descrivono il loro insegnamento dei diritti come un “filo” che si snoda
attraverso tutte le materie, utilizzato per aiutare bambine e bambini a capire
che argomenti diversi, persone diverse e il mondo che le/li circonda sono tutti
strettamente connessi.
Curricula per la scuola secondaria
Introdurre i diritti umani a questo livello può essere più complicato. Molto
dipende dall’atteggiamento del/della Dirigente e delle autorità scolastiche
che spesso si preoccupano degli orari, già pienissimi, e della necessità che
studentesse e studenti si preparino per gli esami più impegnativi
(specialmente negli ultimi anni di scuola). La divisione e la specializzazione
degli insegna- menti delle scuole secondarie significa anche che c’è bisogno di
maggiore collaborazione fra il personale per integrare l’Educazione ai diritti
umani nei piani di studio.
23
Primi passi
Comunque, molti insegnanti hanno introdotto con successo l’Educazione ai
diritti umani a questo livello nei seguenti modi:
– come materia facoltativa, soluzione che permette di lavorare senza
pressioni, ma presenta lo svantaggio che a volte ragazze e ragazzi non
prendono sul serio materie che non saranno oggetto d’esame,
– alcuni docenti hanno iniziato a insegnare i diritti umani all’interno della loro
specifica materia. Nelle pagine seguenti si propongono alcuni spunti in
merito. In particolare, l’Educazione ai diritti umani si inserisce bene all’interno dell’ Educazione civica e del Diritto. In ogni caso gli insegnanti che
hanno utilizzato questo approccio sottolineano l’importanza di non
presentare i diritti umani come materia accademica avulsa dalla vita reale;
–
altri insegnanti, invece, hanno elaborato con i colleghi dei progetti
interdisciplinari. Ciò evita il pericolo che studentesse e studenti vedano i
diritti umani come una materia accademica ed evidenzia la connessione delle
materie scolastiche col mondo reale.
a. Spunti per inserire l’insegnamento dei diritti umani
nell'ambito delle discipline base
• Storia
Nell’insegnamento della storia i diritti umani possono essere introdotti all’interno di argomenti tradizionali. Alcuni esempi.
Documenti:
Magna Charta (1215)
Dichiarazione d’indipendenza degli U.S.A. (1776)
Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino (1789)
Statuto albertino (1848)
Costituzione italiana (1948)
Eventi importanti: fenomeni come le guerre, la schiavitù, il colonialismo,
l’imperialismo, il fascismo, il nazismo, il comunismo, l’apartheid sudafricano
e le dittature latinoamericane possono tutti essere studiati sotto il profilo
delle violazioni dei diritti umani che hanno provocato.
La crescita dei diritti umani nel corso della storia: ad esempio, le origini e lo
sviluppo del pensiero e delle istituzioni democratiche, lo sviluppo delle
Nazioni Unite, il formarsi dell’Unione Europea, la crescita dei sindacati.
Personaggi storici:
Anna Frank (Paesi Bassi)
Mahatma Gandhi (India)
Martin Luther King (USA)
24
2. Strumenti
Andrej Sakharov (ex URSS)
Nelson Mandela (Sudafrica)
Rigoberta Menchú (Guatemala)
Lo studio di figure ben note può portare allo studio di personaggi “sconosciuti”
che hanno subito violazioni o che hanno combattuto per i diritti umani e per
la pace. Ad esempio, gli schiavi attraverso la storia, o persone comuni, come i
parenti di ragazze e ragazzi della classe che hanno visto i propri diritti violati
dalla guerra in questo secolo.
• Geografia
La geografia urbana può servire per affrontare i problemi della povertà nelle
periferie e l’influenza di questa sui diritti umani delle persone povere. La geografia economica può studiare l’effetto degli investimenti e del commercio sul
tenore di vita o il legame fra degrado ambientale e problemi sanitari. Gli studi
demografici possono condurre a esaminare come hanno origine le carestie e la
povertà, e come il razzismo, il colonialismo e il trattamento delle minoranze e
delle donne abbiano intaccato i diritti dei popoli.
• Diritto
Questa materia rappresenta un’opportunità per insegnare le responsabilità,
oltre che i diritti, che comporta la convivenza pacifica. Ad esempio, studiare le
strutture e i processi del proprio governo può servire a enfatizzare il ruolo dei
singoli cittadini. Insegnare dalla prospettiva dei diritti umani può essere utile
specialmente dopo lo studio degli obblighi nei confronti dello Stato. Si può
anche studiare il dovere di Stato, cittadini e cittadine di sostenere la legislazione
nazionale e internazionale contro la discriminazione religiosa, di genere o
razziale. Inoltre, si può anche studiare l’evoluzione che ha portato i diritti
umani a svilupparsi, ad essere riconosciuti e trasformati in leggi. Per esempio,
una classe potrebbe esaminare il processo grazie al quale le donne hanno
gradualmente conquistato il diritto al voto oppure quello per cui i sindacati
sono stati accettati come mezzo di rappresentanza dei lavoratori e delle
lavoratrici.
• Scienze sociali
In questa materia si possono esaminare le disuguaglianze sociali e le loro
cause, ad esempio la xenofobia, la povertà, la discriminazione razziale e
religiosa e tutti i meccanismi e le strutture sociali che combattono queste
ingiustizie; oppure si possono approfondire funzioni e responsabilità della
polizia, dei sindacati, del sistema scolastico e dei mezzi di comunicazione. Uno
studio
25
Primi passi
di come le società si rapportano con il dissenso può essere estremamente utile
per affrontare tematiche legate ai diritti umani.
• Letteratura
Libri e poesie sono fonti eccellenti per un quadro vivido di diritti umani violati o difesi. La storia della letteratura è un’opportunità per chi insegna Storia e
Letteratura italiana e straniera di lavorare insieme e rendere i diritti umani
materia viva. A puro titolo esemplificativo si citano: La fattoria degli animali e
1984 di George Orwell; Il mondo nuovo di Aldous Huxley; Il diario di Anna
Frank; Una giornata di Ivan Denisovitch di Aleksandr Solzhenitsyn; Fahrenheit
451 di Ray Bradbury; Se questo è un uomo di Primo Levi.
• Scienze
Gli argomenti relativi alla salute sono un buon modo per introdurre i diritti
umani in questa materia. Per esempio, studentesse e studenti hanno diritto alla
salute ma anche la responsabilità di rispettare la propria e l’altrui. Ci sono grandi
possibilità d’insegnamento multidisciplinare. Per esempio, una lezione di
Biologia che esamini i miti della superiorità razziale può fornire una solida
base di giudizio nello studio parallelo del razzismo nella storia.
• Matematica
La statistica può essere utilizzata per nascondere o per rivelare gli abusi dei
diritti umani. Si può anche insegnare alla classe a interpretare criticamente i
grafici che si trovano nei giornali.
• Lingue straniere
Si possono utilizzare le competenze linguistiche per studiare interessanti argomenti di attualità di altri paesi. Ad esempio, per insegnare il lessico inglese si
può utilizzare un testo breve su un’azione contro il razzismo in Inghilterra. Lo
scopo è dare alla classe, assieme alla conoscenza della lingua straniera, uno
strumento per capire le problematiche dei diritti umani che riguardano
persone di altri paesi. Le lezioni di lingua straniera sono occasioni di
conversazione e discussione: studentesse e studenti saranno più motivate/i se
sull’argo- mento vi sono punti di vista differenti. Buoni argomenti di discussione
sono ad esempio quelli legati alla discriminazione o alla parità fra i sessi.
Molto utili anche i giochi di ruolo. Le lezioni di lingua offrono inoltre
l’opportunità di corrispondere con scolaresche di altri paesi e affrontare con
loro argomenti quali l’ordinamento politico, l’attualità sociale, il
trattamento delle minoranze e qualsiasi altro tema collegato ai diritti umani.
26
2. Strumenti
2.3 Metodi efficaci d’insegnamento
Le attività di questo manuale si fondano sui metodi illustrati di seguito.
Sono semplici e la pratica li renderà di ancora più facile utilizzo. Se però
temete che il loro uso possa creare problemi alla vostra classe, cominciate
da un metodo che vi pare più “facile”. Scoprirete che una parziale rinuncia
al vostro “potere” di docente aiuterà ragazze e ragazzi a rilassarsi e a
migliorare i risultati.
Ogni metodo è illustrato mediante la risposta alla domanda Che cos’è e
perché usarlo?, seguita da un’articolata spiegazione sul Come si fa.
il gioco di ruolo
Che cos’è e perché usarlo?
Il gioco di ruolo è una drammatizzazione rappresentata da studentesse e
studenti. Per la maggior parte è improvvisata. Lo scopo è evocare circostanze
o eventi che non sono familiari ai membri della classe. Il gioco di ruolo può
aiutare a comprendere una situazione e incoraggiare l’empatia verso le
persone coinvolte. Per esempio, in un gioco di ruolo su una rapina, ragazze
e ragazzi, recitando a turno la parte della vittima, possono comprendere
intimamente che cosa significhi essere vittima di un crimine.
Come si fa
Insieme alla classe:
• identificate l’argomento del gioco di ruolo. Per esempio, il diritto alla
proprietà (art. 17 della DUDU);
• definite la situazione, il problema e chi sono i personaggi. Per esempio, se
la classe sta studiando il diritto alla proprietà, si potrebbe immaginare
una situazione in cui una persona venga privata della casa, magari a causa
dell’appartenenza a un determinato gruppo etnico, o per via di una
carenza legislativa;
• decidete chi reciterà e chi starà a guardare e se svolgere il gioco
contemporaneamente a piccoli gruppi o tutti insieme. È importante
cercare di coinvolgere le persone timide;
• decidete come si svolgerà il gioco: per esempio, sotto forma di storia, in
cui una persona fa da voce narrante e descrive le scene mentre tutte le
altre raccontano il resto dell’evento dal punto di vista del proprio perso-
27
Primi passi
naggio; oppure sotto forma di drammatizzazione, in cui i personaggi
interagiscono, improvvisando i dialoghi; o ancora sotto forma di processo
simulato, in cui fingere di prestare testimonianza dinanzi a una corte;
•
•
•
•
•
successivamente, lasciate alcuni minuti per pensare alla situazione e ai
propri ruoli. Se necessario, adattate alle esigenze lo spazio disponibile;
svolgimento del gioco di ruolo;
potrebbe essere utile fermare la rappresentazione in un momento
cruciale per chiedere a chi recita e a chi osserva che cosa sta accadendo.
Per esempio, in un gioco di ruolo sulla violenza si può chiedere a chi
osserva di escogitare una risoluzione pacifica della situazione e poi far
rappresentare le soluzioni proposte;
dopo il gioco è importante che la classe rifletta su quanto ha appena
visto, affinché non sia solo un’attività, ma un’esperienza d’apprendimento.
Quando si pianifica il gioco bisogna perciò prevedere del tempo alla fine
per ribadire gli scopi e i punti d’apprendimento dell’attività. Per esempio,
se il gioco di ruolo è stato un processo simulato con testimoni, si può
chiedere alla classe di decidere un verdetto e poi discutere su come è stato
raggiunto.
se un gioco di ruolo non ha funzionato, si dovrebbe chiedere alla classe
come pensa che si possa migliorare. Se è stato svolto con successo, si può
proporlo a tutta la scuola, con una spiegazione degli argomenti trattati.
È necessario tener presente che, poiché i giochi di ruolo imitano la vita reale,
potrebbero sollevare domande a cui non è semplice dare risposta (ad esempio,
sul comportamento giusto o sbagliato di un personaggio fittizio). È consigliabile non dare mai l’impressione che a una domanda vi sia una sola risposta. È
molto importante che insegnanti, studentesse e studenti accettino la pluralità
dei punti di vista come una situazione normale e naturale. Gli insegnanti non
devono imporre il proprio punto di vista su argomenti controversi né cercare di
ottenere consenso a ogni costo. Comunque, si possono riassumere i punti su cui
sembra raggiunto un accordo lasciando aperti quelli ancora oggetto di
discussione. Il gioco di ruolo, inoltre, va usato con attenzione e sensibilità.
Gli insegnanti devono rispettare i sentimenti individuali e la struttura sociale
della classe: ad esempio, un gioco di ruolo sulle minoranze etniche richiede
una gestione attenta nel caso in cui nella classe vi siano persone
appartenenti a una minoranza etnica, affinché non si sentano additate o emarginate.
28
2. Strumenti
Lavoro a coppie o a gruppi
Che cos’è e perché usarlo?
La classe divisa in coppie o gruppi offre molte opportunità di partecipazione
e collaborazione. Coppie e gruppi possono essere utili per generare
rapidamente molte idee o per aiutare la classe a ragionare su concetti astratti
sulla base delle esperienze personali. Ad esempio, se si sta studiando il diritto
alla vita, si può avviare una discussione di 5 minuti a coppie o a gruppi
sulla questione “Può essere giusto uccidere un essere umano?” e quindi
riportarla in plenaria.
Come si fa
• Quando si organizzano i gruppi, ponetevi domande tipo: Voglio dividere la
classe in base alle capacità? Voglio mischiare maschi e femmine? Voglio
che le persone amiche lavorino insieme? A volte i gruppi possono essere
scelti casualmente, ad esempio per data di nascita o secondo l’ordine
alfabetico dei nomi o utilizzando altri criteri.
• Se un gruppo deve lavorare insieme per più di pochi minuti sarà
opportuno che vi sia una persona che conduce la discussione e un’altra
che prende appunti. Deve essere il gruppo a scegliere chi se ne occuperà.
• È opportuno organizzare la classe: illustrando chiaramente il compito;
disponendo le persone in modo che possano vedersi bene reciprocamente;
chiarendo qual è il tempo a disposizione.
• Mentre le coppie o i gruppi lavorano è opportuno: rimanere in disparte ma
a disposizione; non interrompere, a meno che un gruppo non abbia
frainteso quello che dovrebbe fare; ripartire la propria attenzione fra i vari
gruppi; lasciare che le discussioni scorrano, intervenendo solo se richiesto;
incoraggiare i gruppi a continuare a lavorare; non avvicinarsi per non
rischiare che il lavoro si interrompa.
• Al termine della discussione i gruppi dovrebbero riferire a tutta la classe
su quanto fatto: una decisione presa; gli esiti del confronto; le
informazioni su come il gruppo ha lavorato. Questa sorta di relazione può
essere molto utile per l’insegnante e la classe per migliorare la tecnica di
lavoro in gruppo. Se i gruppi dovranno relazionare, devono saperlo fin
dall’inizio, così da poter scegliere una persona per farlo.
• L’attività si chiude con una valutazione: si chiede alla classe se l’attività è
stata utile e cosa ha imparato. In presenza di un riscontro negativo, si
chiede a ragazze e ragazzi come organizzerebbero l’attività e quindi si
mettono in pratica le loro idee.
29
Primi passi
Brainstorming
Che cos’è e perché usarlo?
Il brainstorming è un metodo che incoraggia la creatività e genera molte
idee in maniera rapida. Può essere utilizzato per risolvere un problema specifico o per rispondere a una domanda. Per esempio, la classe può iniziare a
studiare il diritto alla cittadinanza con risposte spontanee alla domanda
“Quali motivazioni pensate che dovrebbe addurre un governo per togliere la
cittadinanza a una persona?”.
Il brainstorming può essere usato:
• per trovare una soluzione a un problema. Per esempio, dopo un
“incidente” causato da un conflitto, si può chiedere alla classe di
individuare tutte le possibili soluzioni non violente;
• per introdurre un nuovo argomento. Ragazze e ragazzi sono invitate/i a
esporre liberamente tutto quello che già conoscono sull’argomento. È un
buon metodo per aumentare il loro interesse e capire cosa sanno già;
• come esercizio creativo veloce, ad esempio per individuare un finale a un
racconto incompleto.
Come si fa
• Decidete l’argomento a cui dedicarvi. Rendetelo sotto forma di domanda
che abbia più di una risposta possibile. Per esempio: «In che modo
possiamo migliorare la nostra aula?». Scrivete la domanda dove tutta la
classe possa vederla.
• Chiedete alla classe di fornire idee e trascrivetele in un punto ben visibile.
Possono essere singole parole o brevi frasi.
• Chiarite che in un brainstorming non si possono commentare le idee altrui
fino alla fine e nemmeno ripetere idee già espresse.
• Incoraggiate l’intervento di tutte le persone, ma non date la parola
seguendo un ordine prestabilito e non forzatele – ciò potrebbe
scoraggiare la creatività.
• Non giudicate le idee mentre le trascrivete. Se possibile, chiedete a uno
studente o a una studentessa di farlo. Date le vostre idee solo se
necessario come incoraggiamento.
• Se un suggerimento è poco comprensibile, chiedete a chi l’ha proposto di
fornire un chiarimento oppure suggeritelo voi e chiedete alla classe se è
d’accordo.
30
2. Strumenti
• Scrivete tutti i suggerimenti. Spesso, quelli più creativi o provocatori sono
i più utili e interessanti.
• Fermate il brainstorming quando le idee cominciano a scarseggiare.
Soltanto a partire da questo momento le idee possono essere esaminate e
commentate.
Discussione plenaria2
Che cos’è e perché usarlo?
Le discussioni sono un buon metodo per insegnanti, studentesse e studenti
per scoprire quali siano le proprie attitudini su argomenti riguardanti i diritti
umani. Ciò è molto importante nell’insegnamento di questi in quanto, oltre
a conoscere i fatti, ragazze e ragazzi hanno anche bisogno di esplora- re e
analizzare gli argomenti autonomamente. La discussione è inoltre
un’opportunità per esercitare l’ascolto, il parlare a turno e altre abilità di
gruppo che sono importanti per rispettare i diritti altrui.
Per ottenere una discussione aperta, è importante che in classe ci sia
un’atmosfera di fiducia e rispetto reciproco. Un modo per creare un
ambiente “sicuro” è far elaborare alla classe le proprie “Regole di
discussione”3. Sarebbe preferibile farlo all’inizio dell’anno scolastico,
quando in genere si stabiliscono le norme di comportamento, ma comunque
tali regole si possono sviluppare in qualsiasi momento.
Come si fa
• Chiedete alle studentesse e agli studenti se vogliono che la loro aula sia
un luogo nel quale sentirsi libere/i di esprimersi e di imparare discutendo
fra loro (questo argomento potrebbe anche venir fuori spontaneamente
in seguito a una difficile discussione in classe).
• Suggerite che la classe potrebbe definire delle modalità condivise per
partecipare a una discussione.
• Chiedete alle studentesse e agli studenti di pensare ad alcuni principi a
cui attenersi per la discussione. Scrivete i suggerimenti in un posto ben
visibile a tutta la classe.
2
Basato sul saggio di F. Tibbits, Establishing rules for discussion, Human Rights Education
Associates.
3
Per creare regole di classe, cfr. anche il paragrafo del capitolo 4, Vivere insieme – attività sul
rispetto, pp. 105..
31
Primi passi
• Dopo che ogni persona ha espresso liberamente le proprie idee, accorpate ove possibile i suggerimenti e invitate la classe a discutere e
commentare. Se non fossero già stati suggeriti dalla classe, si possono
proporre i principi seguenti:
- ascoltare chi sta parlando
- può parlare solo una persona alla volta
- se si vuole intervenire, bisogna alzare la mano
- non interrompere chi sta parlando
- se non si è d’accordo con un compagno o una compagna, aver chiara la
distinzione tra criticare la persona e criticare le sue idee
- non ridere mentre una persona parla (a meno che non stia scherzando!)
- incoraggiare la partecipazione di tutti i membri della classe.
• Suggerite alla classe di approvare per consenso il rispetto delle regole
stilate. In questo modo, tutte le studentesse e tutti gli studenti saranno
responsabilizzate/i nell’applicare queste regole in prima persona e al resto
della classe. Decidete insieme quali potrebbero essere le conseguenze
dell’infrazione di alcune regole.
• Riportate chiaramente la lista su un cartellone e appendetelo nell’aula
per il resto dell’anno, come punto di riferimento al quale apportare
aggiunte o modifiche se necessario.
Fare domande
Che cos’è e perché usarlo?
Ogni insegnante rivolge domande alla classe tutti i giorni, ma c’è da
chiedersi di che tipo esse siano. Spesso sono del genere di: «Che cosa ho
appena finito di dire?» utilizzate per controllare la classe o per mettere in
ridi- colo una persona; vi sono poi le cosiddette domande “chiuse” (che
ammettono una sola risposta), d’uso frequente per verificare la
preparazione. Molte delle attività proposte in questo manuale ricorrono alle
discussioni di classe per analizzare tematiche relative ai diritti umani. In
queste discussioni, le domande sono molto importanti per incoraggiare la
partecipazione e l’analisi, anche con le bambine e i bambini più piccoli.
Ecco alcuni esempi di domande “aperte”: con la pratica, diventeranno di
uso comune. Il punto chiave da ricordare è: «Cosa voglio da questa
discussione? Dei “sì” e dei “no” o un dibattito interessante e aperto?».
• Per formulare ipotesi: «Cosa fareste/ pensereste se… ?». Questo tipo di
domande aiuta a immaginare situazioni e a stimolare il pensiero.
32
2. Strumenti
• Per favorire la riflessione: «Come possiamo contribuire a risolvere questo
problema?».
• Per incoraggiare/sostenere: «Questo è interessante, e poi?». Questo tipo
di domande favorisce l’espressione di esperienze e punti di vista.
• Per ricercare opinioni: «Cosa pensi o senti riguardo a...?». In questo modo
fate comprendere a ragazze e ragazzi che per voi le loro opinioni sono
importanti e interessanti.
• Per approfondire: «Perché lo pensi?»: posta in maniera non aggressiva,
questa domanda aiuta a riflettere in maniera approfondita e a giustificare/analizzare le proprie opinioni.
• Per chiarire/riassumere: «Allora, dimmi se sbaglio: tu pensi che…?».
Riassumere le parole di una persona accertandosi d’aver inteso bene aiuta
gli altri membri della classe a comprendere se sono d’accordo con ciò che è
stato detto.
• Per verificare il livello di consenso: «La maggioranza di noi è d’accordo sul
fatto che…?»: così si può aprire una discussione ma anche chiuderla. In tal
caso, con domande del tipo «Abbiamo finito su questo argomento?», si
può passare all’argomento seguente.
Infine, ricordatevi di evitare domande trabocchetto tipo «X è corretto, non è
vero?». Un simile approccio scoraggia la partecipazione. Dovreste anche evitare di porre domande ambigue o di farne troppe tutte insieme.
E ricordate anche che favorirete la partecipazione con un cenno del capo, un
sorriso o sedendovi tra i banchi!
Progetti
4
Che cos’è perché usarlo?
Si tratta di ricerche indipendenti svolte da studentesse e studenti in un arco
di tempo più lungo e che portano a un prodotto finale. Sono uno strumento
utile per l’insegnamento dei diritti umani perché:
• aiutano a individuare collegamenti fra materie differenti e fra gli argomenti di studio e il mondo esterno;
• abituano la classe a organizzarsi e a pianificare fasi e tempi del lavoro;
4
Basato su consigli di Hugh Starkey, membro dell’Institute of education dell’Università di Londra.
33
Primi passi
• consentono a ragazze e ragazzi, pur con la guida dell’insegnante, di
tenere le redini del proprio apprendimento;
• offrono loro opportunità di interazione reciproca e con altre persone
nella comunità esterna alla scuola;
• abituano a presentare e difendere in pubblico i risultati delle ricerche
svolte e le proprie opinioni – un’abilità importante per la promozione dei
diritti umani.
Come si fa
I progetti sono suddivisi in varie fasi. Si presterà costante attenzione al fatto
di permettere a ragazze e ragazzi di assumersi la responsabilità dello studio.
• L’argomento o problema. Può essere identificato dall’insegnante e
presentato alla classe come possibile scelta oppure può essere scelto
direttamente dalla classe, ad esempio in seguito a un brainstorming. È
opportuno formulare domande dirette su un argomento che si ritiene
possa interessare. Per esempio: «Nella nostra città gli immigrati sono
trattati bene?», oppure «Cos’è che spaventa maggiormente i genitori
della nostra comunità riguardo alla droga?». Le domande dovranno essere
precise, per evitare che studentesse e studenti si “perdano”
nell’argomento.
In alternativa, il punto di partenza potrebbe essere una particolare
attività o strumento che si vuole far utilizzare durante il progetto. Per
esempio, un registratore.
• Pianificazione. Studentesse, studenti e insegnanti dovranno decidere quando
inizierà il progetto, quanto durerà, quali risorse saranno necessarie e
come reperirle, se si lavorerà singolarmente o in gruppo, sullo stesso tema
o su argomenti diversi, e così via. Se manca l’abitudine alle ricerche può
riuscire più semplice lavorare in gruppo. È molto importante discutere già
in questa fase su come concludere il progetto.
• Ricerca/azione. I progetti sviluppano varie competenze in maniera molto
rapida. Per esempio, un progetto di ricerca che riguardi la tutela della
salute nella comunità può comportare visite, interviste, letture, fotografie,
ricerche statistiche, analisi dei dati. Un progetto creativo può richiedere
conoscenze tecniche – come lavorare con una videocamera – e abilità
artistiche – come produrre uno striscione. I progetti migliori uniscono
competenze accademiche, sociali e creative per coinvolgere tutte le abilità
della classe. In questa fase l’insegnante può essere d’aiuto rispondendo
a quesiti o offrendo suggerimenti, ma sono le ragazze e i ragazzi ad
essere responsabili dello svolgimento del lavoro.
34
2. Strumenti
• Il prodotto finale. Può essere una relazione, un film, una mostra, una
registrazione audio, una conferenza, un dipinto, una poesia… Una buona
idea sarebbe produrre un lavoro che non presenti soltanto le conclusioni
ma anche le varie fasi del progetto e il coinvolgimento della classe sugli
argomenti studiati. Ad esempio, un gruppo impegnato nell’elaborazione di
un manifesto per una campagna contro l’abuso di alcol nella propria
città, potrebbe scattare delle fotografie durante il lavoro e raccontare
scelta e realizzazione del progetto.
Il prodotto può essere presentato alla classe o a un pubblico più ampio.
Per esempio, un progetto sulla povertà nella zona potrebbe interessare i
giornali locali oppure le autorità municipali potrebbero voler conoscere i
risultati di un progetto sul danno ambientale.
• Valutazione. Dal momento che i progetti spesso sono multidisciplinari,
parecchi insegnanti possono essere coinvolti nella valutazione. Essa deve
tener conto delle diverse competenze messe in gioco e non dev’essere
fondata soltanto su criteri accademici.
Conversazione
Che cos’è e perché usarlo?
Una conversazione può essere utilizzata per spezzare il ritmo della lezione,
ad esempio dopo una lunga presentazione fatta dall’insegnante. È
un’opportunità per parlare in gruppi di 2-3 persone.
Come si fa
Dite alle studentesse e agli studenti che per cinque minuti possono
esprimersi liberamente su quanto detto o mostrato: possono dire quello che
pro- vano, quello che pensano oppure darsi a vicenda chiarimenti su punti
che non hanno capito. Al termine, i gruppi o le coppie possono essere invitati
a condividere idee o interrogativi con la classe.
Disegno
Che cos’è e perché usarlo?
Il disegno può essere usato durante le lezioni per sviluppare le capacità di
osservazione e di collaborazione, l’immaginazione, i sentimenti di empatia
verso le persone ritratte o per imparare a conoscere gli altri membri della
35
Primi passi
classe. Il disegno è utile durante l’insegnamento dei diritti umani perché il
lavoro della classe può essere esibito nella scuola per comunicare i valori dei
diritti umani alle altre classi.
Come si fa
• Raccogliete immagini, fotografie o disegni su svariati argomenti,
prendendoli da giornali, riviste, libri….
• Invitate la classe a dividersi in coppie. Date a ogni persona un’immagine
e del materiale da disegno e avvertite di non mostrare la propria immagine
al/alla compagno/a.
• Si deve descrivere l’immagine al/alla compagno/a che deve tentare di
riprodurla basandosi soltanto sulla descrizione. Dopo dieci minuti, la
coppia si scambia i ruoli. A causa del tempo limitato, il disegno
dovrebbe essere piuttosto semplice. In ogni caso, ciò che conta è la
descrizione, non il disegno. Successivamente si confrontano i disegni con
le immagini originali. Chiedete se è stato tralasciato un aspetto
importante. Quale? E perché?
O anche
• In una nuova classe potete invitare a ritrarre la/il compagna/o di banco,
con l’aggiunta di domande personali del tipo:
- Quali sono le cose che preferisci?
- Dove ti piacerebbe fare un viaggio?
- Qual è il tuo sogno?
• Invitate quindi a disegnare intorno al ritratto qualcosa che rappresenti le
risposte a queste domande. Per una versione più semplice dell’attività,
invece del ritratto basterà scrivere il nome; il resto dell’attività rimane
uguale.
O ancora
• Se la classe segue lezioni di materie artistiche, si possono creare manifesti
o altri prodotti artistici per esprimere la propria preoccupazione o il
proprio impegno per i diritti umani.
36
2. Strumenti
Immagini e fotografie 5
Che cos’è e perché usarlo?
Dal momento che ogni persona non interpreta la medesima immagine allo
stesso modo, fotografie e immagini d’altro tipo possono risultare molto
efficaci per far comprendere alla classe che noi tutti vediamo le cose in
maniera differente.
Come si fa
• Dividete la classe a coppie e date a ciascuna un’immagine da guardare,
eventualmente collegata a un argomento affrontato da voi o da altri
insegnanti. Concedete 5 minuti per scrivere tutte le domande che
l’immagine fa venire in mente. Quindi chiedete di scegliere le quattro
ritenute più importanti.
• Chiedete a ogni coppia di mostrare la propria immagine e le quattro
domande alla coppia vicina. Date dieci minuti per lavorare insieme e
rispondere a tutte le domande, suddividendole in 1) domande a cui non si
sa dare una risposta 2) domande con una risposta plausibile.
• Per le domande con una risposta plausibile è importante che scrivano
PERCHÉ hanno scelto quella risposta. Per esempio, se ritengono che un
bambino ritratto in una foto provenga da un paese freddo, su quali
elementi della foto si fonda la loro deduzione?
• Organizzate una mostra di tutte le immagini, le domande e le risposte.
Invitate l’intera classe a inserire ulteriori commenti, se necessario. Lasciate
uno spazio nel quale insegnanti, genitori, ragazze e ragazzi di altre classi
possano esprimere commenti e pensieri sulle immagini.
Cartoni animati e fumetti
Che cosa è e perché usarlo?
Cartoni animati e fumetti hanno una grande influenza sulle persone giovani.
Possono essere una forma d’intrattenimento e di informazione ma anche
alimentare pregiudizi e stereotipi. In classe si prestano a vari utilizzi: ad
esempio, si può preparare una discussione sulla violenza nei media
chiedendo
5
Per altre attività che prevedano l’utilizzo di immagini, cfr. i paragrafi Giochiamo con le
immagini, cap. 3, pp. 82, e I diritti nei giornali, cap. 4, pp. 103 )
37
Primi passi
a ragazze e ragazzi di quantificare gli episodi di violenza mostrati nei cartoni
e nei fumetti in una settimana. Vignette disegnate da loro possono essere
usate per presentare al resto della scuola argomenti inerenti i diritti umani.
Come si fa
• Selezionate da giornali, riviste, fumetti e pubblicità vignette o strisce che
si riferiscano all’argomento che si sta studiando, ad esempio, violenza,
intolleranza, razzismo. Chiedete alla classe di discuterle lavorando in
gruppi.
• Ponete le seguenti domande:
- Qual è la vostra prima reazione emotiva?
- Qual è il messaggio della vignetta o del fumetto?
- Le immagini sono efficaci nel raccontare la storia, nell’esprimere il punto
di vista, nel far riflettere le persone sull’argomento?
- Criticano un’idea o un gruppo umano?
- Presentano stereotipi o pregiudizi verso un particolare gruppo umano,
come donne, gruppi etnici, rifugiati, persone disabili?
- Sono serie, umoristiche o ironiche? Ciò contribuisce al messaggio? In che
modo?
O anche
• Chiedete alla classe di scegliere un argomento relativo ai diritti umani e
di disegnare una vignetta o un fumetto al riguardo cercando di catturare
l’attenzione della gente e di stimolare una riflessione sull’argomento. I
lavori prodotti potranno poi essere esibiti.
Video
Organizzazioni come il Consiglio d’Europa e Amnesty International hanno
prodotto materiali audiovisivi per uso scolastico. Ma possono risultare utili
anche spezzoni di un telegiornale o un documentario. Ragazze e ragazzi tendono a ricordare più facilmente le informazioni ricevute da un video. Per
esempio, possono utilizzare l’immaginazione per scrivere un diario dal punto
di vista di un personaggio apparso nel video oppure possono utilizzare il video
come base per una discussione.
38
2. Strumenti
Lavorare con i giornali
Che cos’è e perché usarlo?
I mezzi d’informazione sono essenziali per la circolazione delle notizie in
una società democratica. Tuttavia talvolta troviamo cronache infarcite di
stereotipi e pregiudizi. Identificare e analizzare i pregiudizi presenti nei
giornali prepara studentesse e studenti a identificarli e combatterli anche
nella vita quotidiana. Questo tipo di attività migliora anche le loro capacità
comunicative.
Come si fa
• Scegliete un argomento di attualità relativo ai diritti umani che riceva
grande copertura da parte dei media del vostro P aese, ad esempio il
trattamento delle minoranze. In alternativa, scegliete un argomento che
sia sotteso a storie differenti, come l’intolleranza.
• Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque persone.
• Date a ogni gruppo almeno una storia tratta da un giornale locale o
nazionale che riguardi l’argomento scelto. Se necessario, lo stesso articolo può essere usato da tutti i gruppi. È utile mettere a confronto articoli di
giornali diversi riguardanti uno stesso episodio.
• Chiedete a ogni gruppo di discutere a partire dalle domande che seguono. Selezionatele secondo gli articoli usati o formulatene di nuove:
- Il titolo dell’articolo suggerisce un’interpretazione dell’argomento trattato?
- Qual è la vostra prima impressione sulla situazione descritta? Vi sembra
che qualcuno abbia delle colpe? In tal caso, chi?
- Ci sono accuse dirette? Se sì, elencate le persone a cui sono rivolte.
- Si adducono prove a sostegno delle accuse?
- Quanta parte dell’articolo consiste in critiche?
- In che misura l’articolo sostiene o difende le persone oggetto di critica?
- Riporta dichiarazioni delle persone che sono criticate?
- Quali parole ritenete siano state determinanti nel formare la vostra
impressione sull’articolo? Si dà voce all’opinione della gente comune?
- Qual è l’atteggiamento delle autorità, ad esempio servizi sociali, forze
dell’ordine, pubblici funzionari, ecc.?
• Questo tipo di analisi può proseguire in molti modi, ad esempio, mediante
una discussione più ampia, oppure invitando studentesse e studenti a
scrivere cronache in stile giornalistico o a mettere a confronto la
copertura di un argomento sui giornali con quella alla radio e in
televisione.
39
Primi passi
• Si può anche chiedere a studentesse e studenti di portare articoli o storie
interessanti che hanno trovato sui giornali. In questo modo, si può
formare un archivio di classe che può essere utilizzato come base per le
discussioni. I genitori possono essere coinvolti nell’individuazione degli
arti- coli interessanti.
Fare interviste
Che cos’è e perché usarlo?
Quando si insegnano i diritti umani, si cerca nei libri il dettato della legge
ma per gli esempi concreti basta guardarsi intorno, nella comunità di
appartenenza. Ad esempio, se la classe sta studiando i diritti delle bambine e
dei bambini, i genitori e i nonni possono essere un’importante fonte di
informazioni per verificare come siano cambiate nel tempo le condizioni di
vita. Le interviste sono un buon metodo per portare la comunità più ampia
all’in- terno della scuola, per legare lo studio dei diritti umani alla vita reale
e anche per migliorare la capacità di studentesse e studenti di interagire
positivamente con tutti i tipi di persone.
Come si fa
Per un esempio di un’intervista di classe cfr. il paragrafo Grandi e piccoli
(cap. 3, pp. 8 0 ).
Associazioni di parole
Che cos’è e perché usarlo?
Questo metodo può essere usato con una classe sia nell’affrontare un nuovo
tema, per capire quanto studentesse e studenti già ne sappiano, sia al termine del lavoro per capire quanto abbiano appreso.
Come si fa
• Prendete una parola-chiave collegata all’argomento trattato.
• Chiedete alle studentesse e agli studenti di scrivere
rapidamente, saranno sufficienti due o tre minuti, altre
parole che vengono loro in mente in associazione allo stesso
termine.
• Chiarite che anche non scrivere nulla è accettabile. Il risultato
è un’“istantanea” della gamma di termini da loro associati
alla parola di partenza.
40
2. Strumenti
• Si può svolgere quest’attività in varie fasi del percorso didattico sulla
tematica in esame, confrontando i risultati, per valutare i progressi nell’apprendimento e l’efficacia del vostro metodo d’insegnamento.
• In alternativa, al termine della trattazione, chiedete a studentesse e
studenti di esprimere con una sola parola i propri pensieri e sensazioni al
riguardo, oppure di trovare una parola connessa all’argomento. Le parole saranno poi raccolte in una lista.
Rielaborare l’informazione
Che cos’è e perché usarlo
Un buon modo per interiorizzare e comprendere l’informazione è quello di
rielaborarla in altra forma. Ad esempio, si può ascoltare una storia e poi
raccontarla con un’immagine. Studentesse e studenti dovranno identificare la
parte più importante dell’informazione e quindi decidere come rielaborarla, spiegando il perché della scelta.
Questa tecnica aiuta a sviluppare l’immaginazione e le capacità di
osservazione, selezione e ragionamento.
Come si fa
• Scegliete con la classe un punto di partenza: una storia, un’immagine,
una poesia, un cartone animato, un film. Ad esempio, se la classe sta
studiando il diritto di avere una famiglia, si potrebbe utilizzare la foto di
una bambina o un bambino rifugiata/o.
• Studentesse e studenti esaminano attentamente la versione originale.
• Successivamente decidono quale parte della storia ricreare con il nuovo
mezzo espressivo e spiegano le ragioni della scelta. Se si usa un’immagine,
allora dovranno anche ricostruire con la fantasia la storia che c’è dietro.
• Se vogliono aggiungere nuovi elementi dovranno motivare la scelta.
• Infine, creano la nuova versione.
Spunti per la rielaborazione di un’informazione:
-. un radiodramma registrato
-. un breve racconto scritto
-. un racconto a fumetti
-. una poesia narrativa
-. un dipinto
-. una storia raccontata alla classe o al resto della
scuola
-. una mostra per la classe
41
Primi passi
2.4 Come progettare le attività didattiche
sui diritti umani
Tutte le attività di questo manuale contengono dei suggerimenti per
poterle adattare alle diverse esigenze. Nel caso si desideri invece
progettare da zero nuove attività, magari su tematiche di interesse nel
proprio Paese, si può utilizzare il semplice modello di riferimento che
segue6.
Prima di iniziare la lettura, è comunque opportuno rivedere Cos’è
l’Educazione ai diritti umani? (p. 10), in particolare al diagramma su
abilità, conoscenze, attitudini e metodologia.
1. Scegliete un argomento o un tema generale: potrebbe essere un fatto di
attualità (come le elezioni locali), un tema di vostro interesse (tolleranza)
oppure un argomento richiesto nel curriculum formale.
2. Decidete quali abilità, conoscenze e attitudini la vostra classe dovrà
sviluppare su quest’argomento e mettetele per iscritto (cfr. i riquadri a pag.
1 0 - 1 1 per attingere idee su abilità, conoscenze e attitudini).
3. Scegliete la vostra metodologia didattica o i materiali sui quali volete basare la vostra lezione. Potrebbe essere utile focalizzarvi su un’attività
principale, attorno alla quale costruire la lezione. Quest’attività può
includerne altre tradizionali, come la lettura di un testo da parte della
classe con successiva discussione o commento scritto, oppure altre meno
convenzionali, come progetti di ricerca, uso dei giornali, organizzazione
di un dibattito, scrittura di una poesia.
4. Scrivete uno schema delle varie fasi in cui suddividerete la lezione. La
maggior parte delle attività contenute in questo manuale sono così
strutturate:
– “riscaldamento”, esercizi di motivazione (come le domande “aperte”)
– compito vero e proprio (da svolgersi individualmente o in gruppi)
– discussione plenaria (se opportuno, a seguito della presentazione del lavoro di un gruppo)
– conclusione e compiti di verifica.
6
I consigli che seguono si basano sulle discussioni avute con la Citizenship Foundation e sul
saggio di F. Tibbits, Developing a lesson, Human Rights Education Associates.
42
2. Strumenti
5. Pensate ora a quale tipo di informazioni fornire preventivamente alla
classe. Inoltre, pensate a come valutare l’attività (per maggiori
informazioni sulla valutazione cfr. pp. 4 5 ). Ricordate di fare una stima del
tempo necessario per ogni fase.
6. Ora tornate alla lista originaria degli obiettivi. Li avete raggiunti tutti nella
fase di preparazione? Riflettete su come ripartire equamente discussione,
riflessione e azione.
Modello di lezione sulla costruzione degli stereotipi
Obiettivi/Temi di apprendimento7
– Distinguere tra generalizzazioni e stereotipi
– Individuare esempi di stereotipi nei media locali
– Sviluppare un sentimento di partecipazione nei confronti di gruppi umani
vittime di stereotipi negativi
Cosa serve
– Lavagna oppure cartelloni
– Giornali e riviste
Tempo
45 minuti
Come si fa
Introduzione (10 minuti)
• Scrivete sulla lavagna alcuni termini indicanti categorie di persone
(anziano/a, ragazza, ragazzo, disabile); chiedete alla classe di suggerire
parole per descrivere questi gruppi e riportatele sulla lavagna.
• Riassumete queste opinioni, cercando dei collegamenti, e decidete
insieme alla classe se gli attributi menzionati abbiano connotazione
positiva, negativa o neutra.
• Fate una distinzione fra generalizzazione e stereotipo.
• Chiedete alla classe: «Da dove pensate di avere attinto queste opinioni?
Dalla vostra esperienza personale, dai mass media oppure dalla famiglia
e dagli amici?».
7
Se si preferisce, si può pensarli in termini di abilità, conoscenze e attitudini; cfr. Cos’è
l’Educazione ai diritti umani?, a p. 10.
43
Primi passi
Lavoro di gruppo (10 minuti)
Chiedete alla classe di dividersi in gruppi di 5 o 6 persone. Ogni gruppo può
esaminare un giornale o una rivista, oppure prendere in considerazione altri
media, compresi programmi televisivi popolari o best-seller. Tra i materiali si
ricercano rappresentazioni di determinati gruppi umani – quelli menziona- ti
nell’introduzione ma anche altri notoriamente discriminati all’interno della
società. Gli stereotipi potranno essere positivi, negativi o neutri.
I gruppi fanno la loro presentazione alla classe (10 minuti)
Discussione (10 minuti)
Chiedete all’intera classe di rispondere alle seguenti domande:
– «Quali somiglianze riscontrate fra i gruppi che sono stati connotati con
stereotipi positivi?»
– «Quali somiglianze riscontrate fra i gruppi che sono stati connotati con
stereotipi negativi?»
Potete cogliere l’occasione per far notare che:
– le generalizzazioni che riguardano certi gruppi umani sono negative e
possono essere definite pregiudizi;
– le generalizzazioni negative che investono interi gruppi umani spesso non
si basano su un contatto personale e autentico con quel gruppo.
Conclusioni (5 minuti)
– «Da cosa derivano questi stereotipi?»
– «Quali conclusioni si possono trarre a proposito di generalizzazioni e
stereotipi, basandosi sull’attività svolta?»
(Ad esempio, che generalizzazioni e stereotipi esistono in molti aspetti
della cultura, nei mass media, nelle opinioni di amici e familiari; che gli
stereotipi negativi si basano sulla paura, quelli positivi sull’invidia)
Follow-up
Studentesse e studenti potrebbero scrivere un breve testo in riferimento a
un episodio in cui si sono sentiti attribuire uno stereotipo, negativo o
positivo che fosse. Come hanno reagito a tutto questo?
Valutazione8
Possibili criteri di valutazione:
– contributo individuale alla discussione in aula
8
Per maggiori informazioni su come valutare le attività didattiche sui diritti umani, cfr.
Come valutare un workshop di Educazione ai diritti umani, cap. 6, pp..200.
44
2. Strumenti
– partecipazione/collaborazione al lavoro di gruppo
– risultato del lavoro di gruppo (voto di gruppo)
– produzione scritta
Adattare la lezione
Siate abbastanza flessibili nelle modalità di svolgimento delle attività
didattiche. Alcune parti della lezione interesseranno la classe più di altre e
potreste scoprire che certe discussioni o fasi dell’attività sono
particolarmente utili e quindi richiederanno più tempo. Un’attività dovrebbe
essere pensata “a fisarmonica” – con singole parti suscettibili di ampliamenti
o riduzioni, per rispondere alle esigenze della classe. Dopo averla
sperimentata, prendete appunti per poterla adattare in un’occasione
successiva.
2.5 Come valutare le attività didattiche sui diritti umani
A seconda di come l’insegnamento dei diritti umani è stato introdotto nella
vostra scuola, la valutazione potrebbe essere un obbligo o una scelta. Quale
che sia la motivazione, ci sono molte buone ragioni per farla:
– È un’occasione per provare a voi stessi che i vostri sforzi sono proficui
– oppure no, e allora occorre un metodo nuovo.
– Vi dà maggiore credibilità presso le autorità scolastiche.
– Dà alle ragazze e ai ragazzi l’opportunità di misurare i propri
progressi.
– Può far parte del processo di rafforzamento della loro responsabilità
personale nell’apprendimento.
Di seguito vi sono alcune proposte per la valutazione all’interno della
classe9.
Per suggerimenti sulla valutazione nei workshop, cfr. Valutare un workshop di Educazione ai diritti umani, cap. 6, p. 2 0 0 .
I metodi istituzionali di valutazione, sebbene utili per valutare le conoscenze
acquisite con le attività di Educazione ai diritti umani10 non sono altrettanto
efficaci per valutare l’acquisizione di abilità e attitudini.
9
Questi suggerimenti si basano sul saggio di F. Tibbits, Lesson evaluation in the human rights
classroom, Human Rights Education Associates.
10
Cfr. Cos’è l’Educazione ai diritti umani?”, p. 10.
45
Primi passi
D’altronde, se è relativamente facile portarsi a casa un mucchio di prove da
correggere, è invece piuttosto difficile monitorare l’evoluzione delle abilità e
delle attitudini di una classe numerosa, soprattutto nel lavoro a gruppi. Ciò ha
indotto chi si occupa di Educazione ai diritti umani ad associare a quelle
tradizionali le tecniche di valutazione più recenti, concepite appositamente
per verificare l’efficacia della didattica relativamente ad abilità e attitudini.
Come valutare abilità e attitudini?
Valutare l’acquisizione di abilità e attitudini è più facile se:
• utilizzate criteri o standard ben definiti (preferibilmente concordati
assieme alla classe)
• ragazze e ragazzi compiono un’autovalutazione individuale…
• … e una valutazione reciproca in termini costruttivi.
Coinvolgendo studentesse e studenti nella valutazione di se stessi e delle/dei
compagne/i si ha inoltre il vantaggio ulteriore di incoraggiarle/li ad assumersi
maggiormente la responsabilità del proprio comportamento.
Tuttavia, potreste temere l’eventualità di contrasti tra l’autovalutazione
individuale, la valutazione espressa dal resto della classe e la vostra. In simili
casi si può discutere delle differenze e, se necessario, modificare le
procedure di valutazione.
Ad esempio, è possibile creare insieme alla classe, utilizzando la tecnica del
brainstorming, una lista di criteri o standard del lavoro collettivo. Eccone un
esempio:
Abilità richieste in un gruppo di lavoro
– avere ben chiaro l’obiettivo o il compito affidato
– collaborare con gli altri membri del gruppo
– lavorare senza disturbare gli altri
– comportarsi correttamente e con gentilezza con tutti i membri del gruppo
– portare a termine la propria parte del lavoro
– contribuire a migliorare il lavoro di gruppo.
È possibile valutare le attitudini allo stesso modo. Ad esempio:
Valutazione del grado di “apertura mentale”
– prendere in considerazione nuove idee e attività
– sperimentare nuove strade
– anteporre i fatti alle sensazioni durante le discussioni
– cambiare le proprie conclusioni alla luce di nuovi fatti emersi
– dare giudizi imparziali
46
2. Strumenti
– considerare tutti gli aspetti di un problema
– riconoscere stereotipi e pregiudizi.
Una lista simile può essere usata anche per l’autovalutazione. Per
esempio:
Autovalutazione sui valori che aiutano a
crescere
(A = ottimo, B = buono, C = sufficiente, D = non
sufficiente)
– rispetto per le altre persone
– interesse per le altre persone
– capacità di ascolto
– perseveranza
– attenzione ai bisogni altrui
– equilibrio nel giudicare
– spirito di collaborazione
– capacità di riflettere prima di agire
– onestà
– altruismo
– capacità di ammettere i propri errori.
Infine, ecco un esempio di sistema di valutazione che comprende anche
quel- la di lavori di gruppo, discussioni e progetti collettivi, oltre ad
esercitazioni e test più convenzionali:
Programma-tipo per la valutazione di
trimestre
un
• Voti assegnati per ogni attività di gruppo (uno a settimana), in base a
(assegnati
alla
singola
persona
tramite
–. partecipazione
autovalutazione e valutazione espressa dal resto della classe)
– risultati del gruppo (assegnati all’intero gruppo di lavoro dal
docente).
• Voti per test scritti e compiti a casa (attribuiti dall’insegnante)
• Voti per svolgimento di un progetto (uno a trimestre)
– valutato in base a progettazione, esecuzione e valore educativo
(attribuiti dall’insegnante e dal resto della classe sulla base di una
presentazione orale).
• Voti per la partecipazione e il contributo alle discussioni in classe
(attribuiti dall’insegnante e dai compagni di classe)
Come accade per tutti gli aspetti dell’Educazione ai diritti umani, una
volta sperimentato questo metodo di assegnazione dei voti, vi renderete
49
conto di come organizzarlo nella vostra classe; queste pagine non sono
che un punto di partenza per le vostre idee.
50
3. Con i più piccoli
GUIDA ALLE ATTIVITÀ
Per renderne più facile l’uso, le attività presentate in questa parte del
manuale hanno tutte la stessa struttura.
Titolo
Obiettivo: Assieme alla breve introduzione a ogni gruppo di attività ha la
funzione di spiegare il perché della loro utilità.
Temi di apprendimento: Sono i concetti chiave contenuti nell’attività.
Teneteli bene a mente.
Cosa serve: Questo punto vi spiega di che tipo di materiale avrete bisogno
e cosa preparare prima della lezione.
Tempi: I tempi indicati sono stimati in base alla durata dell’attività e di
ogni elemento della discussione.
Come si fa: Questa parte chiarisce passo per passo come condurre
l’attività. Nel caso di utilizzo di specifiche metodologie, ricordate che
esse sono illustrate nel capitolo 2 di questo manuale.
51
Primi passi
Domande: La maggior parte delle attività prevedono domande aperte e discussioni
per aiutare a riflettere sulle problematiche emerse. Nel capitolo 2 di questo
manuale trovate suggerimenti sull'uso delle domande aperte e della discussione.
Opzioni ulteriori: Si tratta di suggerimenti per l’approfondimento di un
argomento. Alcune attività contengono spunti per adattarle a una
diversa fascia d’età oppure per azioni sui diritti umani.
Informazioni/Esempi/Carte da gioco: Alcune attività prevedono parti
supplementari. Per evitare qualsiasi dimenticanza, leggete interamente le indicazioni relative all’attività prima di realizzarla e
assicuratevi di avere in vostro possesso tutti gli strumenti elencati alla
voce Cosa serve.
1. Per iniziare - attività preliminari
a. Questionario veloce1
Obiettivo
È un questionario utile per ogni livello di didattica dei diritti umani. Se la
classe non ha familiarità con il tema, questo strumento consente di
determinare l’ampiezza delle conoscenze precedenti e i graduali progressi. È
inoltre molto utile per scoprire i dubbi, i timori e gli argomenti che
maggior- mente interessano ragazze e ragazzi in tema di diritti umani.
Temi di apprendimento
– Sappiamo già molto dei diritti umani
– A volte non esistono risposte “giuste” quando discutiamo di diritti.
Cosa serve
Elenco di domande.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Scrivete le domande su un cartellone o sulla lavagna oppure dettatele,
chiarendo però che non si deve rispondere.
• Chiedete a ragazze e ragazzi di porre ognuna delle domande a una persona diversa, girando per l’aula, per 10 minuti; la persona che risponde
1
Basato su un’attività di David Shiman.Direttore del Center for World Education dell’Università del
Vermont.
52
3. Con i più piccoli
deve firmare la sua risposta. Questo è un modo per condividere le
conoscenze in materia di diritti umani. In alternativa, chiedete a ogni
persona di rispondere per conto proprio.
• Fate leggere ad alta voce le risposte e riportatele sulla lavagna. Per una
singola domanda possono esservi risposte diverse: mentre trascrivete,
incoraggiate la discussione.
• Ragazze e ragazzi probabilmente non saranno in grado di rispondere a
tutte le domande o daranno risposte imprecise: ad esempio, potrebbero
non sapere che la tortura esiste anche nelle democrazie occidentali.
Ricordate che lo scopo del questionario è far nascere la riflessione sui
diritti umani, non ottenere le risposte “giuste”.
• Le domande che suscitano particolare interesse possono costituire la base
per futuri dibattiti.
• Se avete poco tempo a disposizione, selezionate alcune delle domande,
concentrandovi su quelle maggiormente interessanti per la classe.
Domande
Sapresti indicare…
• un diritto umano?
• ...un Paese dove avvengano violazioni dei diritti umani?
• ...un documento che affermi i diritti umani?
• ...un gruppo oggetto di persecuzioni in passato?
• ...un Paese nel quale si neghino i diritti a causa dell’origine etnica?
• …un Paese nel quale si neghino i diritti a causa della religione professata?
• …un Paese nel quale i diritti di gruppi diversi sono in conflitto?
• …un’organizzazione che si batta per i diritti umani?
• …un film o un libro che parli dei diritti umani?
• …un Paese che pratichi la tortura?
• …un Paese nel quale la situazione dei diritti umani sia migliorata?
• …un Paese nel quale si neghi il diritto a emigrare?
• …un diritto negato a te nella tua scuola?
• …una persona che si batta per i diritti umani?
• …un diritto negato alle donne in determinati casi?
• …un diritto che tutte le bambine e tutti i bambini dovrebbero avere?
• …un popolo a cui è negato il diritto di costituire il proprio Stato?
• …un diritto umano negato ad alcune persone nel tuo Paese?
51
Primi passi
• …un diritto che i tuoi genitori hanno e che a te sia negato?
• …un tuo diritto che non sia mai stato violato?
• …una violazione dei diritti umani che ti riguardi
personalmente?
Opzioni ulteriori
• Se avete a disposizione una fotocopiatrice, disegnate una griglia su un
foglio, scrivete una domanda in ogni spazio e fate una copia del foglio
per ogni ragazza/o.
• Nell’ambito di un progetto2 ragazze e ragazzi più grandi potrebbero
scegliere una delle domande e fare una ricerca approfondita, facendo
poi una relazione delle loro conclusioni in classe.
• Per passare all’azione, ragazze e ragazzi potrebbero porre queste
domande a dei visitatori esterni in giornate “a porte aperte” a scuola.
b. Caccia al Tesoro
Obiettivo
Questa attività è un modo veloce di introdurre la Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia, molto utile se la classe si trova a
lavorare sui diritti umani per la prima volta. Può essere utilizzata anche per
introdurre la Dichiarazione universale dei diritti umani.
Temi di apprendimento
– I diritti umani hanno un valore
– Sono riportati in speciali documenti
Cosa serve
Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. Se ragazze e ragazzi
sono molto piccoli, è meglio usare la versione semplificata.
Tempo
30 minuti circa
Come si fa
• Trascrivete su dei foglietti alcuni articoli della Convenzione internazionale
sui diritti dell’infanzia oppure fotocopiateli e ritagliateli.
2
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
52
3. Con i più piccoli
• In assenza di alunne e alunni, nascondete ogni articolo in qualche luogo
dell’aula.
• Spiegate poi alla classe che nell’aula sono stati nascosti dei foglietti che
contengono qualcosa di molto prezioso e date il via alla “caccia”. Ogni
volta che trovano un articolo, chiedete di leggerlo ad alta voce e di
spiegarlo con parole semplici oppure fornite voi un esempio se l’articolo
è particolarmente significativo. Ad esempio, l’art. 7: «Il fanciullo è
registrato immediatamente al momento della sua nascita e da allora ha
diritto a un nome, ad acquisire una cittadinanza e, nella misura del
possibile, a conoscere i suoi genitori e a essere allevato da essi».
• Chiedete a chi lo ha trovato di conservare il foglietto: quello sarà il “suo”
articolo. Successivamente, quando la classe passerà ad altre attività sui
diritti umani, l’insegnante potrà chiedere alle alunne e agli alunni di
aiutarlo quando verranno fuori temi legati ai “loro” articoli. Ragazze e
ragazzi, anzi, potrebbero sviluppare conoscenza approfondita di
problemi e temi dei “loro” articoli.
Opzioni ulteriori
• Se state utilizzando il testo integrale della Convenzione internazionale
sui diritti dell’infanzia, la versione semplificata può esservi utile per illustrare gli articoli meno chiari.
• Nell’ambito di un progetto3, ogni alunna o alunno potrebbe realizzare
una drammatizzazione, una poesia, un manifesto o un dipinto per spiegare il “suo” diritto.
• Per passare all’azione, la classe potrebbe condividere i risultati del lavoro
con il resto della scuola, con i genitori e con la comunità. Ad esempio, in
occasione di un concerto organizzato in una data significativa per i diritti
umani4
3
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
4
Per spunti ulteriori cfr. Passare all’azione! - Portare i diritti umani al di fuori della classe, pp. 9 5 .
53
Primi passi
2. Tu e io – attività sulla diversità
Le attività che seguono riguardano la diversità, le somiglianze e le
differenze fra le persone.
Sono pensate per far comprendere che siamo tutti diversi, eppure tutti
uguali. Alcune delle attività sono incentrate sull’importanza che le
differenze rivestono per l’identità di ogni individuo. Altre attività
richiamano l’attenzione su alcuni aspetti comuni a tutti gli esseri umani
– ad esempio l’amore per i racconti o per la musica. Altre ancora trattano
invece del vivere insieme in spirito di solidarietà. Si tratta insomma dei
principi fondamentali contenuti nei documenti internazionali sui diritti
umani, come ad esempio la Dichiarazione universale dei diritti umani.
Per attività simili con ragazze e ragazzi più grandi, cfr. Vivere insieme attività sul rispetto, cap. 4, p. 1 0 5 .
a. Questo sono io!
Obiettivo
Ragazze e ragazzi rafforzano la propria identità e accrescono l’autostima
attraverso un’attività artistica. Le domande li incoraggiano a considerare
positivamente le differenze che esistono fra le persone.
Temi di apprendimento
– Siamo diversi ma abbiamo molte cose in comune.
– I diritti si basano sui bisogni analoghi di persone diverse.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Un foglio da disegno a testa. Penne, pastelli o colori.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Ogni alunna o alunno scrive il proprio nome su di un foglio da disegno.
• Quindi lo decora. Possono colorare il loro nome e disegnare accanto ciò
che preferiscono: giocattoli, luoghi, cibo e così via.
54
3. Con i più piccoli
• Fatto ciò, seduti in cerchio, chiedete a ognuna/o di mostrare il proprio
nome e spiegare la scelta dell’oggetto preferito.
• Seguendo la lista proposta più avanti, ponete alcune domande in modo da
stimolare la presa di coscienza delle differenze e somiglianze esistenti fra
loro.
• Mettete in mostra tutti i lavori all’interno della scuola, con un titolo del
tipo: Questi siamo noi!
Domande
•
•
•
•
•
Cosa avete imparato a proposito degli altri?
Hai imparato qualcosa in più su te stessa/o?
Che effetto ti ha fatto vedere il tuo nome messo in mostra?
Le cose che tu preferisci sono le stesse degli altri?
Cosa accadrebbe se fossimo tutti uguali?
Opzioni ulteriori
• La classe può esaminare la versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. Quali diritti fanno riferimento alle
somiglianze? Quali invece si riferiscono alle differenze?
• Se il gruppo è troppo numeroso, o le alunne e gli alunni sono troppo
piccole/i per concentrarsi a lungo, chiedete loro di parlare del proprio
lavo- ro con qualche compagna/o. Dopo alcuni minuti ogni coppia
illustrerà i propri lavori a un’altra.
• Le ragazze e i ragazzi più grandi possono ritrarsi a vicenda, a coppie. Dite loro
di parlarsi, scoprendo i rispettivi interessi, il proprio passato, i sogni, la famiglia, il lavoro e via dicendo, e di disegnare queste cose attorno al ritratto.
• Un’altra variante può essere questa: chiedete alla classe di muoversi all’interno dell’aula mentre suona della musica. Quando la musica si
interrompe, devono trovare una/un compagna/o e farsi a vicenda ogni tipo
di domande. Ad esempio: «Qual è il tuo colore o piatto preferito?», «Hai
fratelli o sorelle?», «Dove ti piacerebbe andare in viaggio?». Fate ripartire
la musica e ripetete l’operazione finché tutti non si siano scambiati le
loro opinioni. Alla fine, ponete delle domande simili a quelle elencate
sopra.
• All’interno di un progetto5 alunne e alunni potrebbero svolgere questa
attività assieme alle loro famiglie e amici adulti, spiegando loro stessi i
temi di apprendimento. I risultati di questo progetto potrebbero poi essere mostrati in ambito scolastico o extrascolastico.
5
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
55
Primi passi
b. Guardami!
Obiettivo
Questa attività rappresenta un variazione di Questo sono io!6. Accresce
l’autostima e stimola l’apertura alla tolleranza e al rispetto dei diritti
altrui. Questa attività inoltre propone nuove idee su come trasformare la
classe in un luogo più piacevole.
Temi di apprendimento
– «Comportati con le altre persone come vorresti che loro facessero con te».
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Blocco di fogli per lavagna, penne, pastelli o colori.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Dividete la classe in c o p p i e .
• Uno dei membri della coppia si distende su di un lungo foglio di carta.
• L’altro ne disegna la sagoma sul foglio. (Si tratta di un bella
opportunità per affrontare anche il tema delle parti del corpo!).
• Il primo si mette ora accanto alla propria sagoma disegnata. Il secondo
può aggiungere dettagli allo schizzo. Per esempio, particolari del viso,
colore dei capelli, vestiti e così via.
• Se invece avete diviso la classe in gruppi, si può completare il ritratto
assegnando a ciascun componente parti diverse del disegno.
presenta il ritratto della/del
• Successivamente, ogni alunna/o
compagna/o, spiegando cosa ha scoperto di nuovo su quella persona.
• Ponete le domande elencate più avanti.
• Ragazze e ragazzi possono portare a casa i ritratti e tenerli nella loro
stanza.
6
Si basa sugli spunti offerti in “Disegno” del paragrafo Metodi efficaci di insegnamento; cap.
2, p. 35.
56
3. Con i più piccoli
Domande
• La classe può esaminare la versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. In che modo le persone possono
aiutar- si a vicenda per ottenere questi diritti? (Ad esempio, prendendosi
cura dei propri amici, della famiglia, ecc.)
• Come ci si sente a farsi ritrarre?
• Che effetto fa invece fare un ritratto?
• Tutti abbiamo bisogno di una persona che si prenda cura di noi – questo
è un diritto che abbiamo tutti. Cosa accade quando non si riceve
abbastanza attenzione? (Le ragazze e i ragazzi potrebbero scrivere di un
episodio in cui si sono sentite/i sole/i.)
• Se ti trasferissi in un’altra scuola, come vorresti che la gente ti trattasse?
• In quali modi possiamo garantire che nessuna persona nella nostra classe
si senta sola?
Opzioni ulteriori
• Se lo ritenete preferibile, l’intera classe potrebbe disegnare una sola
ragazza o un solo ragazzo. Ad esempio, per fare sì che una/un ragazza/o
disabile si senta parte integrante del gruppo.
• Si può scegliere liberamente come farsi rappresentare (atleta, ballerina/o,
clown…)
• Se in classe c’è una persona appena arrivata o che sta per andare via,
questa attività può essere utile per farla sentire parte del gruppo (si
possono aggiungere nel disegno tutte le cose di cui chi è in procinto di
partire avrà bisogno nella sua nuova vita: amore, amici, gioia, sorrisi).
c. Con le mani!
Obiettivo
Questo divertente gioco aiuta a sviluppare lo spirito di gruppo e a
riconoscere la differenza come un fatto necessario.
Temi di apprendimento
– Le differenze sono utili e necessarie.
57
Primi passi
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Una benda per gli occhi.
Tempo
30 minuti
Come fare
• Chiedete alla classe di mettersi in circolo, in piedi. Cercate una persona
che si faccia bendare volontariamente.
• Fatela girare su se stessa alcune volte, poi guidatela verso un/una
compagno/a. Tastando i capelli, il viso e i vestiti, la persona bendata deve
riconoscere il compagno o la compagna.
• In questo gioco cercate di ignorare i consueti gruppetti di amicizie.
• Continuate finché ogni persona abbia fatto un turno di gioco.
• Ora ponete le domande elencate qui sotto, come stimolo alla
consapevolezza delle somiglianze e differenze.
Domande
• Perché abbiamo fatto un gioco del genere?
• Da cosa hai riconosciuto la/il tua/o compagna/o?
• Cosa succederebbe se avesse un colore della pelle o degli occhi diverso da
quello che ha?
• Cosa succederebbe invece se tutti avessimo lo stesso naso, capelli,
orecchie?
Opzioni ulteriori
• La classe può esaminare la versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia e discutere sul tema Perché
abbiamo bisogno degli stessi diritti se siamo così diversi?
• Questa attività può inoltre essere usata per affrontare il tema della
disabilità, mostrando alla classe come ci si sente quando si è ciechi.
• All’interno di un progetto7 ragazze e ragazzi potrebbero “sperimentare”
altre forme di disabilità e realizzare un libro prendendo nota delle
sensazioni che hanno provato e di come vorrebbero essere trattate/i se
fossero disabili.
7
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
58
3. Con i più piccoli
• Come variante, potete usare oggetti, cibi o profumi diversi per dimostrare come le apparenze possano essere ingannevoli.
d. Ragazze e ragazzi da tutto il mondo
Obiettivo
Questa attività con le immagini aiuta a esaminare le somiglianze tra le
ragazze e i ragazzi di tutto il mondo al di là delle differenze di nazionalità,
sesso o origine etnica.
Temi di apprendimento
- Siamo diversi ma abbiamo molte cose in comune.
- I diritti si basano sui bisogni analoghi di persone diverse.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. Foto di ragazze e di ragazzi sia del vostro Paese che di tutto il
mondo. Potete ritagliarle da giornali e riviste. Scegliete immagini che ritraggano tipi fisici e contengano dettagli che documentino stili di vita (abitudini alimentari, condizioni climatiche, ecc) assai diversi tra loro.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Fate girare le foto
• Chiedete alla classe di aiutarvi a raggrupparle secondo caratteristiche evidenti. Ad esempio, maschi e femmine, colore dei capelli, età e così via.
Cercate di mescolare le caratteristiche che riguardano le varie immagini
dal mondo. Ad esempio, raggruppate foto di ragazzi che stanno parlando
o giocando o che sono più o meno grandi dei ragazzi della vostra classe.
• Ponete le domande elencate qui sotto per stimolare la consapevolezza dei
tratti in comune fra le persone ritratte nelle foto.
59
Primi passi
Domande
•
•
•
•
Quali sono le analogie tra le persone ritratte nelle foto?
Quali le differenze?
Hai visto qualcosa che non sei stata/o in grado di capire?
Quali difficoltà pensi che incontrerebbero le ragazze e i ragazzi delle foto
se venissero nel tuo Paese?
• Come vorresti ti trattassero se fossi tu ad andare nella loro scuola?
Perché?
• Immagina che qualche ragazza o ragazzo delle foto stiano per visitare la
tua scuola. Cosa diresti alle ragazze e ai ragazzi delle altre classi sul modo
di comportarsi con loro?
Opzioni ulteriori
• La classe potrebbe essere invitata a scrivere, singolarmente o a gruppi,
delle lettere alle ragazze o ai ragazzi delle foto per raccontare di sé, della
scuola o altro.
• All’interno di un progetto8 potreste dare alle ragazze e ai ragazzi della
vostra classe l’opportunità di trovare amiche o amici di penna all’estero o
in un’altra regione del vostro Paese.
• Come attività, la classe potrebbe scrivere e mettere in scena una
rappresentazione teatrale il/la cui protagonista sta per trasferirsi in una
nuova scuola e viene trattato/a in modo gentile o scortese a seconda delle
alunni che incontra nella nuova scuola.
e. Giochi da tutto il mondo
Obiettivo
Questa attività con i giochi aiuta a scoprire le somiglianze tra le ragazze e i
ragazzi di tutto il mondo a prescindere da nazionalità, sesso o origine etnica. Inoltre introduce l’idea di godere di diritti innati, incluso il diritto al gioco,
i quali sono contenuti nella Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia.
Temi di apprendimento
– Siamo diversi ma abbiamo molte cose in comune.
– I diritti si basano sui bisogni analoghi di persone diverse.
8
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
60
3. Con i più piccoli
Cosa serve
Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e la sua versione
semplificata. Alcuni giochi, del tipo di quelli presentati più avanti.
Tempo
30 minuti circa
Come si fa
• Spiegate che le ragazze e i ragazzi di tutto il mondo hanno giochi diversi
ma tutti molto piacevoli.
• Presentate giochi di diversi Paesi (con un mappamondo o un atlante,
mostrate loro dove si trovano quei Paesi). Quindi iniziate a giocare.
• Chiedete alla classe quali dei loro giochi raccomanderebbero a ragazze e
ragazzi di altre parti del mondo. Giocate al gioco suggerito.
• Se vi sono appartenenti a minoranze etniche, chiedete loro se conoscono
qualche gioco caratteristico della propria cultura a cui poter giocare (ma se
non vogliono non insistete).
• Ponete le domande elencate qui sotto per stimolare la consapevolezza dei
tratti in comune fra ragazze e ragazzi di tutto il mondo.
Domande
• C’è qualche gioco che vi è piaciuto più di altri? Perché? Cos’è che rende
un gioco divertente?
• I giochi nuovi che avete sperimentato sarebbero più divertenti se fossero
per voi abituali?
• Tutti hanno il diritto di giocare. Questo diritto è sancito dalla Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. Per quale motivo pensate che al
gioco si riservi un’attenzione speciale in questo documento?
• Sareste capaci di insegnare i vostri giochi a ragazze e ragazzi di un altro
Paese, anche se questi non parlassero la vostra lingua? Come?
Opzioni ulteriori
• Questa attività può essere svolta anche usando canzoni che provengono
da tutto il mondo, o da parti diverse del vostro Paese.
• All’interno di un progetto, la classe potrebbe costruire una “collezione”
di giochi tratti dalla tradizione familiare, dai libri, dai racconti.
• La classe potrebbe dividersi in due gruppi. Il primo gruppo mostra all’altro
come giocare a un nuovo gioco, mimandolo. Poi fanno a cambio.
61
Primi passi
Esempi di giochi

1. COPRITI LE ORECCHIE (Corea)
• Questo gioco è amato da grandi e piccoli. Non c’è limite al numero
dei giocatori.
• Ci si siede in circolo. Si sceglie una persona come leader, che deve
coprirsi entrambe le orecchie con le mani.
• La persona alla sinistra del/la leader mette la mano destra
sull’orecchio destro. La persona alla destra invece si mette la mano
sinistra sopra l’orecchio sinistro. (In parole povere, le orecchie
rivolte al/la leader devono essere coperte.)
• La/Il leader toglie entrambe le mani dalle orecchie e indica un’altra persona nel circolo.
• Il/La nuovo/a leader si copre entrambe le orecchie. Di nuovo,
entrambe le persone che si trovano immediatamente alla destra e
alla sinistra del/la leader si coprono l’orecchio rivolto al/la leader.
Il/la nuovo/a leader indica un’altra persona e il gioco continua così,
il più velocemente possibile.
• Se una persona è troppo lenta a coprirsi le orecchie o fa uno
sbaglio, è fuori dal gioco. Vince l’ultima persona che resta in gioco.

2. CHI È? (Cile)
Possono giocare da sei a trenta persone.
• Una ragazza o un ragazzo va sotto. Le altre persone stanno in fila
dietro di lei/lui senza farsi vedere.
• La/Il ragazza/o fa lentamente nove passi in avanti mentre le altre
persone cambiano posto velocemente. Una di loro si mette proprio
dietro chi sta sotto.
• Le altre persone allora chiedono: «Chi c’è dietro di te?».
• Chi sta sotto può fare tre domande prima di tentare di indovinare.
Ad esempio: «È un ragazzo o una ragazza?», «È alta/o o bassa/o?»,
«Ha i capelli chiari o scuri?».
• Le altre persone rispondono alle domande con una sola parola. Chi
sta sotto deve allora indovinare chi si trova dietro di lei/lui.
• Se indovina, rimane al suo posto per un altro turno. Se sbaglia,
un’altra persona prende il suo posto.
62
3. Con i più piccoli
f. Racconti da tutto il mondo
Obiettivo
Questa attività utilizza dei racconti per aiutare i ragazzi e le ragazze a
scoprire le somiglianze a prescindere da nazionalità, sesso o origine etnica.
Temi di apprendimento
– Siamo diversi ma abbiamo molte cose in comune.
– I diritti si basano sui bisogni analoghi di persone diverse.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Alcuni racconti, del tipo di quelli presentati più avanti.
Tempo
60 minuti circa.
Come si fa
• Spiegate che le ragazze e i ragazzi di tutto il mondo ascoltano racconti
differenti.
• Raccontate alcune storie di diversi Paesi (con un mappamondo o un
atlante, mostrate dove si trovano quei Paesi).
• Chiedete quale racconto preferiscano tra quelle del loro Paese e quale
racconterebbero a ragazze e ragazzi di altre parti del mondo.
• Se vi sono appartenenti a minoranze etniche, chiedete loro se conoscono
qualche racconto caratteristico della propria cultura che vorrebbero
raccontare (ma se non vogliono non insistete).
• Ponete le domande elencate qui sotto per stimolare la consapevolezza dei
tratti in comune fra le ragazze e i ragazzi di tutto il mondo.
Domande
• Quale racconto vi è piaciuto di più? Perché? Cosa rende bello un racconto
• Perché la gente di tutto il mondo racconta storie? Quali tipi di storie vi
vengono in mente?
• Perché abbiamo fatto questa attività?
Opzioni ulteriori
• La minestra del mendicante e La spartizione del formaggio possono essere usati per mostrare quali siano le conseguenze della disonestà. Chiedete
alla classe di scrivere una storia sulla disonestà.
63
Primi passi
• Le fiabe del vostro Paese possono essere utili per fare Educazione ai diritti
umani. Ad esempio, storie che raccontano di bambine o bambini che
soffrono possono essere usate in parallelo con la versione semplificata
della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia
• Come attività, le alunne e gli alunni della classe potrebbero scrivere delle
storie di loro invenzione o mettere in scena una rappresentazione per
illustrare uno degli articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani.

Esempi di racconti
1. LA VOLPE E IL TACCHINO (Pueblo, nativi
americani)
O-way-way-ham-by-joh, che vuol dire tanto tanto tempo fa, il Signor
Volpe se ne uscì per andare a caccia. Lui e la Signora Volpe si erano
cibati di radici per molti giorni, e così gli era venuta voglia di mangiare qualcosa di più appetitoso.
Andò a caccia per molto tempo, finché si sentì stanco. All’improvviso
si imbatté in un tacchino bello grasso. Stava proprio per affondare i
suoi denti affilati nel tacchino, quando questi gli disse: «Aspetta,
Signor Volpe, ti senti bene? Sei così pallido! Non hai voglia di
schiacciare un pisolino? Tu sdraiati e dormi, io andrò a casa tua e dirò
alla Signora Volpe di cucinarmi per cena. Poverino, sembri così
stanco!». Questo fece sentire il Signor Volpe davvero stanco.
«Beh, sarebbe gentile da parte tua, Tacchino».
Così il tacchino si mise in viaggio verso la tana della volpe e la volpe
controllò che raggiungesse la porta, poi si sdraiò sotto un albero per
dormire.
Il tacchino bussò rumorosamente.
«Chi è?», chiese la Signora Volpe.
«Sono un amico con un messaggio per lei».
«Non vuole entrare?» disse la Signora Volpe.
«No, grazie – disse il tacchino – Vado di fretta. Il Signor Volpe mi ha
chiesto di passare a dirle che tornerà presto. È molto affamato e
vorrebbe che lei cucinasse delle radici per cena».
Il Tacchino scappò via.
La Signora Volpe si mise subito a cucinare alcune radici.
Presto il Signor Volpe rientrò a casa con l’acquolina in bocca. Era
proprio contento all’idea del delizioso tacchino che stava per man64
3. Con i più piccoli
giare. La Signora Volpe portò in tavola la cena e la mise davanti al
Signor Volpe. Egli diede un gran morso e cominciò a masticare.
«Questo è il tacchino più duro che mi sia capitato di mangiare» si
lamentò. «Sa più di radici che di tacchino. Come mai?».
«Tacchino!» disse la Signora Volpe. «Io non ho nessun tacchino!
Queste sono radici! Qualcuno ha bussato alla porta stamani, mi ha
detto che eri affamato e volevi che ti cucinassi delle radici per cena».
«Oh – gemette il Signor Volpe – dev’essere stato il tacchino!».

2. LA SPARTIZIONE DEL FORMAGGIO (Isole di
Capoverde)
Due gatti rubarono un formaggio. Uno voleva dividerlo ma l’altro,
non fidandosi di lui, gli disse: «No, troviamo una scimmia che lo divida per noi!». Il primo gatto andò a cercare una scimmia e le chiese di
fare da giudice. «Certamente», disse la scimmia.
Chiese un grosso coltello e una bilancia ma invece di tagliare il
formaggio a metà, fece un pezzo più grande dell’altro. Lo mise poi
sulla bilancia. «Non l’ho diviso egualmente», disse e si mise a
mangiare il pezzo di formaggio più grande.
«Che stai facendo?» urlarono i gatti.
«Voglio mangiare un pezzo di questo formaggio per renderlo uguale
all’altro». Presto il pezzo che stava mangiando divenne più piccolo
dell’altro. Allora passò all’altro e cominciò a mangiarlo.
I gatti capirono che avrebbe finito col mangiarsi tutto il formaggio.
Gli dissero: «Signor Giudice, lasciaci il resto del formaggio e lo
divideremo per conto nostro».
«Oh no – disse la scimmia – potreste contendervi il formaggio, e il re
degli animali mi verrebbe a cercare per questo». Così la scimmia
continuò a mangiare, prima un pezzo, e poi l’altro. I gatti videro che
non c’era più nulla da fare. Uno dei due si rivolse all’altro e gli disse:
«Avremmo dovuto fare la spartizione per conto nostro».
Dopo che la scimmia ebbe mangiato tutto il formaggio, disse:
«Andiamo in pace, e non permettete più che il vostro tornaconto vi
renda ciechi».

3. LA MINESTRA DEL MENDICANTE (Sri Lanka).
Sette andiya (mendicanti) girovaghi si trovarono a trascorrere la
notte nella stessa dimora. Si misero d’accordo per cucinare una
pentola comune di congee (riso cotto nell’acqua) per cena, per cui ogni
andiya avrebbe messo una manciata di riso.
65
Primi passi
Uno a uno, ogni andiya allungò la mano sulla pentola per gettarvi il
riso. Ma erano tutti dei furbacchioni, e nessuno di loro mise un solo
chicco di riso nella pentola.
Ogni andiya pensò che gli altri avrebbero messo la loro parte di riso,
come promesso. Quando il congee fu servito, ogni andiya ricevette
una scodella di acqua bollente!
g. Viaggio tra le stelle
Obiettivo
Questa fantasiosa attività aiuta le ragazze e i ragazzi a pensare alle
differenze e alle somiglianze tra gli esseri umani.
Temi di apprendimento
– Le somiglianze tra gli esseri umani sono più grandi delle differenze
– I diritti sono basati sui bisogni simili di persone diverse.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia.
Tempo
60 minuti, più compiti a casa.
Come si fa
• Chiedete alla classe di fingere di essere membri di un progetto spaziale
molto importante. Chiedete loro di immaginare che dei segnali spaziali
abbiano confermato l’esistenza di una forma di vita intelligente. Le
Nazioni Unite hanno deciso di mandare un’astronave recante informazioni
riguardo alla Terra nella direzione da cui provengono i segnali. Chiedete
loro cosa sceglierebbero di mettere sull’astronave per racconta- re degli
esseri umani ad esseri intelligenti di altri pianeti. Le scelte dovrebbero
aiutarli a capire che gli esseri umani di tutta la terra hanno sia somiglianze
che differenze.
• L’attività può anche essere realizzata come progetto individuale,
lasciando alle ragazze e ai ragazzi l’opportunità di chiedere ai genitori e
ad altre persone cosa farebbero. Per esempio, mandereste musica? Se sì,
di che tipo? Libri? Film? Fotografie? Modellini di persone? Se sì, di che
tipo e come sarebbero vestiti?
66
3. Con i più piccoli
• Analizzate le scelte assieme alle ragazze e ai ragazzi. Suggerite altre cose
alle quali potrebbero non aver pensato. Per esempio, ci sono
testimonianze di persone con disabilità?
• Ponete le domande che seguono per aiutare a riflettere sulle somiglianze
e le differenze.
Domande
• Ci sono più differenze o somiglianze tra i popoli del mondo? Cosa
penseresti se fossi un alieno che guarda giù, verso la Terra?
• Cosa penserebbe un alieno se vedesse le persone litigare ed essere
sgradevoli l’una con l’altra?
• Cosa sono più importanti, le differenze nelle abitudini, nel vestire, nel
linguaggio e nell’aspetto fisico, oppure le nostre somiglianze? Perché?
Opzioni ulteriori
• Capovolgete un cestino dei rifiuti vuoto sulla cattedra. Spiegate che è un
alieno proveniente da un’altra parte dell’universo che è curioso di
conoscere le forme di vita locali e, in particolare, quegli stravaganti bipedi
che chiamano se stessi, in così tante lingue, “esseri umani”. Chiedete alla
classe suggerimenti che possano aiutare l’alieno a identificare un
“essere umano”, se mai ne incontrasse uno nei suoi viaggi.
• Come attività la classe potrebbe scrivere e rappresentare un’opera
teatrale su un alieno che visita la Terra e non riesce a riconoscere le
differenze tra le persone che sono alte/basse, grasse/magre,
bianche/nere…
• All’interno di un progetto9 la classe potrebbe fare un’esposizione su una
parete che raggruppi diversi tipi di gambe, braccia, visi umani, abiti, cibi,
ecc. ritagliate dai giornali o dalle riviste.
h. Il bambino con due occhi
Obiettivo
Questo breve racconto offre un’immagine positiva della “diversità”.
Temi di apprendimento
– Le persone disabili hanno il diritto di essere trattate come le altre.
9
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 33.
67
Primi passi
Cosa serve
Versione semplificata
dell’infanzia.
della
Convenzione
internazionale
sui
diritti
Tempo
60 minuti circa.
Come si fa
• Raccontate la storia seguente:
Lontano, lontano nello spazio c’è un pianeta proprio come la Terra. Le
persone che vivono sul pianeta sono come noi tranne che per una cosa, hanno
solo un occhio. Ma è un occhio molto speciale. Con il loro unico occhio
possono vedere al buio. Possono vedere lontano, lontanissimo e possono
vede- re attraverso i muri. Le donne di questo pianeta hanno bambini
proprio come sulla Terra.
Un giorno nacque uno strano bambino. Aveva due occhi! Sua madre e suo
padre erano molto sconcertati.
Il bambino era felice. I genitori lo amavano ed erano contenti di prendersi
cura di lui ma erano preoccupati perché era così strano. Lo portarono da molti
dottori ma quelli scuotevano la testa e dicevano: "Non si può fare niente". Una
volta cresciuto come gli altri bambini i suoi problemi aumentarono. Poiché
non riusciva a vedere al buio doveva portare una lampada. Quando andava
a scuola non riusciva a leggere bene come gli altri bambini. I suoi
insegnanti dovevano dargli un aiuto in più. Non riusciva a vedere a grandi
distanze, così dovette avere un telescopio speciale: solo così poteva vedere gli
altri pianeti, come tutti gli altri. Qualche volta, quando tornava a piedi da
scuola, si sentiva solo. "Gli altri bambini vedono cose che io non vedo" pensava. "Perciò io devo essere capace di vedere cose che essi non vedono".
E un giorno straordinario scoprì che poteva vedere qualcosa che nessun
altro poteva vedere: non vedeva in bianco e nero come tutti gli altri! Andò
dai genitori, li portò fuori e raccontò loro della sua emozionante scoperta.
Erano stupefatti! I suoi amici lo erano altrettanto. Raccontò loro storie
meravigliose. Usava parole che non avevano mai sentito prima… come
rosso e giallo… e arancione. Parlava di alberi verdi e fiori viola. Tutti volevano sapere come vedeva le cose. Raccontò storie meravigliose su profondi
mari azzurri e onde con schiumanti creste bianche. I bambini amavano
ascoltare le sue storie su stupefacenti draghi. Rimanevano a bocca aperta
mentre descriveva la pelle, gli occhi e il loro respiro di fuoco.
Un giorno incontrò una ragazza. Si innamorarono. A lei non importava che
avesse due occhi. E allora egli scoprì che neanche a lui importava. Era
68
3. Con i più piccoli
diventato molto famoso. La gente veniva da tutto il pianeta per sentirlo
parlare. Un bel giorno ebbero un figlio. Il bambino era come ogni altro
bambino sul pianeta. Aveva solo un occhio.
• Finita la lettura, ponete le domande che seguono
Domande
• Come pensi fosse avere due occhi su un pianeta di gente con un occhio
solo?
• Quali difficoltà pensi avesse il bambino con due occhi? Perché?
• Quale altro tipo di differenze quanto a capacità hanno le persone?
• Saresti “diversa/o“ se vivessi da qualche altra parte sulla Terra? Perché?
Come vorresti essere trattata/o se fossi “diversa/o”?
Opzioni ulteriori
• Analizzate l’art. 23 della versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. Di quali “attenzioni particolari”
dovrebbero beneficiare bambine e bambini disabili? Se ci fosse una
bambina o un bambino disabile nella tua classe cosa faresti per aiutarla/o?
• Chiedete alla classe di immaginare di trovarsi in un Paese dove tutti hanno
un occhio solo. Chiedete loro di scrivere una lettera ai nuovi amici che
spieghi come le persone con due occhi vorrebbero essere trattate.
• Chiedete alla classe di ricreare la storia in un’altra forma. Per esempio,
come gioco o disegno.
• All’interno di un progetto10 la classe potrebbe studiare una particolare
disabilità, imparando di più su come vivono le persone con quella
disabilità, ciò che possono o non possono fare, di quali apparecchiature
speciali o aiuti hanno bisogno. Per le ragazze e i ragazzi è un’opportunità
eccellente di incontrare persone disabili e di mettere in discussione i
pregiudizi che potrebbero avere sulle disabilità.
10
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
69
Primi passi
3. Chi, io? – attività sulla responsabilità
Le attività che seguono riguardano le nostre responsabilità reciproche.
Introducono le ragazze e i ragazzi al concetto che bisogna trattare le
altre persone allo stesso modo in cui vorremmo che esse trattassero noi.
Alcune delle attività migliorano le abilità di ascolto. Tutte rafforzano la
fiducia reciproca e contribuiscono a creare nella classe un clima di
responsabilità e rispetto per i diritti altrui.
Per attività simili con ragazze e ragazzi più grandi, cfr. l’omonimo paragrafo nel cap. 4 (p. 1 1 3 ).
a. Che cosa provi?
Obiettivo
Questo gioco veloce incoraggia la sensibilità nei confronti dei sentimenti
altrui.
Temi di apprendimento
– La sensibilità verso i sentimenti delle altre persone è alla base della
protezione reciproca dei diritti.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia
Tempo
30 minuti
Come si fa
• Due ragazze/i lasciano la stanza
• Mentre sono fuori, il resto della classe sceglie un sentimento da
rappresentare quando rientrano, ad esempio felicità, rabbia, disappunto,
entusiasmo, noia, solitudine e così via.
• Le due persone rientrano e devono indovinare il sentimento “recitato”
dalla classe.
70
3. Con i più piccoli
• Ripetete l’esercizio fin quando vi sembra opportuno.
• Ponete le domande che seguono.
Domande
A chi stava fuori:
•
•
È stato facile indovinare i sentimenti rappresentati?
Come avete indovinato?
All’intera classe
• È un buona idea sapere come si sentono le persone
attorno a voi? Perché?
• Ti sei mai sentita/o felice mentre tutti gli altri erano tristi o
triste mentre tutti erano felici? Com’era?
• Cosa succederebbe se nessuno facesse attenzione ai
sentimenti delle altre persone?
Opzioni ulteriori
• Analizzate questa affermazione: "Bambine e bambini hanno il diritto di vivere
bene, di non essere danneggiate/i o trascurate/i". L’essere consapevole dei
sentimenti altrui può aiutare a mettere in pratica questo diritto?
• All’interno di un progetto11 rivolto a ragazzi e ragazze più grandi, si può
creare insieme un gioco di ruolo su una situazione dove siano coinvolti
sentimenti diversi (per esempio, una zuffa in cortile)12.
b. Toccami dolcemente
Obiettivo
Questo gioco veloce fa nascere sentimenti di gruppo positivi. [Questa attività funziona meglio con i più piccoli; le ragazze e i ragazzi più grandi, infatti, potrebbero essere riluttanti a toccarsi nel modo indicato. Valutate quindi
se si tratti di un’attività appropriata al gruppo con cui state lavorando.]
11
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
12
Su come usare i giochi di ruolo cfr. il relativo paragrafo in Metodi efficaci di insegnamento,
cap. 2, pp. 2 7 .
71
Primi passi
Temi di apprendimento
– "Fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te" (cioè: se rispetti i diritti
delle altre persone, le incoraggi a fidarsi di te e a rispettare i tuoi diritti).
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia
Tempo
20 minuti
Come si fa
• Chiedete a ragazze e ragazzi di camminare in cerchio.
• Chiedete quindi loro di sedersi col viso rivolto alla schiena di chi sta
davanti.
• Chiedete poi di immaginare che il proprio colore preferito venga versato
sulle spalle di chi sta davanti.
• Mostrate u n movimento, semplice e dolce, per massaggiare le spalle.
Lasciate che per alcuni minuti tutti massaggino la persona davanti.
• Tutti si girano e massaggiano chi li aveva massaggiati.
• Ponete le domande seguenti.
Domande
• Com’era ricevere il massaggio? Com’era praticarlo a un’altra persona?
• Cosa succederebbe se una persona fosse brutale o rude con l’altra? Cosa
sarebbe successo quando ci siamo girati? Perché?
• Come massaggeresti l’altra persona se volessi ricevere un massaggio
delicato?
• Puoi trovare esempi simili nella vita reale?
Opzioni ulteriori
• Analizzate la versione semplificata della Convenzione internazionale sui
diritti dell’infanzia. Cosa succederebbe se tutti ignorassimo i diritti altrui
e facessimo quello che vogliamo? Quali diritti verrebbero lesi? Come?
Vorresti vivere in un modo simile?
72
3. Con i più piccoli
• Quando una ragazza o un ragazzo è in collera, chiedile/gli di irrigidire i
muscoli e di immaginare che il suo colore preferito scorra sul corpo dalla
testa ai piedi, facendo rilassare i muscoli. Potrà poi allontanarsi dalla
pozza di colore ai suoi piedi, molto meno in collera.
c. Il bastone parlante
Obiettivo
Questa attività di condivisione aiuta a sviluppare capacità di ascolto e di
espressione.
Temi di apprendimento
– Ragazze e ragazzi hanno il diritto di esprimere le proprie opinioni e di
incontrarsi per esprimere i loro punti di vista.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Un bastone nodoso, non troppo grande e senza parti aguzze.
Tempo
10 minuti circa
Come si fa
• Spiegate alla classe che i Nativi d'America (più noti come “Indiani”) avevano un modo particolare di ascoltarsi a vicenda che garantiva a tutti
un’occasione per parlare: il “bastone parlante”.
• Chiunque abbia il bastone parlante ha il potere di parlare e tutti gli altri
hanno il potere di ascoltare. Il bastone è passato in cerchio. Chi non vuole
parlare lo passa. Il bastone parlante può essere usato in modi diversi, ad
esempio, per dare notizie o esprimere opinioni. È un buon modo per far
parlare senza paura le persone timide e persuadere quelle dominanti a
rispettare i diritti altrui.
• Per cominciare potete prendere il bastone e dire, ad esempio, una cosa
che vi piace; quindi passate il bastone a chi vi sta accanto.
• Non forzate nessuno a parlare.
• Dopo l’attività ponete le domande che seguono.
Domande
• Com’era parlare/ ascoltare?
73
Primi passi
• Hai scoperto qualcosa di nuovo o sorprendente?
• Ti piace essere interrotta/o?
• Qual è il vantaggio di lasciar parlare una persona senza interruzioni?
Opzioni ulteriori
• In caso di zuffe o altri incidenti, si può usare questa attività per capire le
opinioni della classe riguardo a cosa fare per risolvere il conflitto.
• Le/I più grandi possono usare questa attività esattamente allo stesso
modo, ad esempio per conoscersi.
d. Le filastrocche sbagliate
Obiettivo
Questo gioco con le rime aiuta a sviluppare abilità di ascolto13.
Temi di apprendimento
– Ascoltare bene ci aiuta a rispettare i diritti delle altre persone.
Tempo
30 minuti
Come si fa
• Recitate alla classe una filastrocca che sia familiare ma cambiate una parola.
• Ragazze e ragazzi devono individuare la parola scorretta e dire quale
dovrebbe essere quella giusta.
• Quando si sono abituati, cambiate due parole.
• Ponete quindi le domande che seguono.
Domande
• Quando ascoltiamo attentamente cosa facciamo con la mente e il corpo?
(Possibili risposte: ci sporgiamo in avanti, annuiamo col capo, pensiamo…)
• Cosa facciamo con la mente e il corpo quando non ascoltiamo molto
bene? (Possibili risposte: guardiamo da un’altra parte, non facciamo
domande…)
13
Cfr. anche il paragrafo Vivere insieme – attività sul rispetto, nel cap. 4, pp. 1 0 5 .
74
3. Con i più piccoli
• Pensate sia possibile riuscire ad ascoltare meglio facendo esercizio?
• Quali sono i vantaggi nell’ascoltare attentamente? (In famiglia, a scuola,
per la strada…)
• Che succederebbe se tutti al mondo smettessero di ascoltarsi a vicenda?
Opzioni ulteriori
• Chiedete alla classe di scrivere una storia, un testo teatrale o di fare un
disegno su una situazione di ascolto assente.
• All’interno di un progetto14 chiedete alla classe di annotare nel fine
settimana quante volte hanno visto una persona che non ascoltava. I dati
potrebbero essere usati per esercizi matematici di base che evidenzino la
rilevanza statistica di questo tipo di situazioni.
e. Fidati di me
Obiettivo
Questo eccitante gioco attivo aiuta a comprendere l’importanza della fiducia
e della cooperazione.
Temi di apprendimento
– Dobbiamo cooperare per assicurare a tutte le persone i diritti umani.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Bende per la metà della classe.
Tempo
45 minuti
Come si fa
• Chiedete alla classe di dividersi in coppie.
• Bendate un membro di ogni coppia.
• L’altro fa da guida al/la compagno/a per la stanza
14
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
75
Primi passi
• La guida deve trovare una serie di azioni (sicure!) da far eseguire al/la
compagno/a: ad esempio, possono chiedere di riconoscere un oggetto
toccandolo, abbandonarlo/la per un attimo, correre insieme su un
pavimento liscio. Incoraggiate le guide a usare la fantasia.
• Le coppie si scambiano i ruoli.
• Dopo il gioco, lasciate del tempo per la discussione, avviandola con le
domande che seguono.
Domande
•
•
•
•
•
•
Come ci si sente ad essere bendati/guida?
Come avete comunicato?
Quale ruolo hai preferito? Perché?
Ti sentivi responsabile quando facevi la guida?
Ti fidavi della tua guida?
Perché è importante fidarsi? ( in famiglia, nelle amicizie, tra Paesi diversi…)
Opzioni ulteriori
• Scegliete uno dei diritti dalla versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. In che modo il mondo dovrebbe
cooperare per assicurare ovunque il rispetto di questo diritto? (Per
esempio il diritto al cibo e all’acqua pulita richiede fiducia e cooperazione
da parte dei governi, dei coltivatori, dei commercianti, ecc…).
• Un’altra variante del gioco può essere questa: un/una ragazzo/a è
una“nave” e il resto della classe sono “scogli”. Gli scogli sono seduti sul
pavimento lasciando degli spazi tra di loro. La nave è bendata e deve
camminare da una parte della stanza (il mare) all’altra (la spiaggia) senza
urta- re gli scogli. Quando la nave si avvicina a uno scoglio, chi siede sul
pavimento deve produrre un suono simile a quello delle onde sugli scogli
per avvertire la nave di cambiare direzione. Quando la nave raggiunge la
spiaggia, un’altra persona diventa la nave.
• Per passare all’azione, la classe potrebbe preparare e mettere in scena
una recita per tutta la scuola su una situazione in cui un esempio di
cooperazione evita un disastro.
76
3. Con i più piccoli
4. Diritti per la vita – Attività sull’universalità dei diritti
Le attività che seguono aiutano a comprendere che, al pari dei nostri
pensieri, i nostri diritti sono inalienabili – cioè appartengono a ognuno di
noi e non possono esserci sottratti. Inoltre mostrano come i diritti siano
stati definiti e come si basino sui bisogni fondamentali di tutti gli esseri
umani.
Per attività simili con ragazze e ragazzi più grandi, cfr. l’omonimo paragrafo nel cap. 4 (p. 1 2 6 ).
a. A cosa serve questo?
Obiettivo
Questo gioco di fantasia con delle cianfrusaglie aiuta a introdurre il concetto
di diritti universali e inalienabili. Inoltre fa nascere domande sulle
similitudini e le differenze.
Temi di apprendimento
– Abbiamo tutti caratteristiche inalienabili nonché diritti inalienabili.
Cosa serve
Cianfrusaglie raccolte a scuola o a casa, come contenitori, sacchetti, stracci,
ecc…Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia.
Tempo
20 minuti circa
Come si fa
• La classe si siede in cerchio.
• Fate girare un oggetto. Ogni membro della classe ne suggerisce un
uso immaginario. Per esempio, un sacchetto vuoto potrebbe
essere un cappello, una scarpa, una valigia…In mancanza di idee si
può passare l’oggetto a chi siede accanto.
• Incoraggiate proposte fantasiose.
77
Primi passi
• Quando tutte le proposte sono esaurite si passa a un altro oggetto.
• Ponete le domande che seguono.
Domande
• Cos’ è l’immaginazione? Quando la usiamo? Per che cosa?
• Noi tutti abbiamo un’immaginazione che è innata e non può esserci
sottratta. Allo stesso modo, noi tutti nasciamo con dei diritti che nessuno
può portarci via. I nostri diritti possono essere ignorati o violati dalle altre
persone, ma ci appartengono sempre, non importa dove viviamo o chi
siamo – così come ci appartiene la nostra immaginazione, non importa chi
siamo.
Opzioni ulteriori
• Questa attività può essere utile anche per parlare di somiglianze e
differenze: noi tutti abbiamo un cervello ma i nostri pensieri e le nostre
idee sono a volte diversi, a volte simili, ma mai identici. Approfondite
questo argomento con la classe chiedendo "Cos’è questo?" prima di far
girare l’oggetto. La classe può concordare sull’oggetto (un vecchio
straccio) ma non sul suo uso.
• All’interno di un progetto15 chiedete alla classe di trovare cose e
situazioni che le persone vedono in modo diverso, ad esempio a causa
della statura, della vista, della distanza dall’oggetto, dei pregiudizi, ecc. Si
possono esporre i risultati in una mostra o in un libro.
b. Un lavoro importante
Obiettivo
Questa attività di brainstorming mostra come i documenti sui diritti umani
si basino sui bisogni fondamentali di tutte le persone.
Temi di apprendimento
– I diritti sono basati su bisogni simili di persone differenti.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia.
15
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
78
3. Con i più piccoli
Tempo
60 minuti circa
Come si fa
• Chiedete alla classe di immaginare di aver ricevuto dalle Nazioni Unite (il
parlamento delle nazioni del mondo) l’incarico di stilare una lista esaustiva delle esigenze di tutti i ragazzi e di tutte le ragazze del mondo per
essere felici e in buona salute. Per esempio cibo, giochi, aria, amore…
• Riportate questi bisogni così come sono suggeriti senza commentarli.
• Quando non ci sono più suggerimenti, chiedete alla classe di distinguere
bisogni e “capricci” (per esempio, tv e caramelle sono “capricci” e non
bisogni). Cercate di identificare dei bisogni che possano essere considerati tali in tutto il mondo.
• Adesso mostrate alla classe la versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia, spiegando che, anni fa, una lista
simile fu redatta dalla Nazioni Unite diventando in seguito la
Convenzione. Essa ricorda agli Stati del mondo i bisogni dei loro minori.
• Chiedete poi alla classe di confrontare la loro lista con la Convenzione.
Quali bisogni sono stati identificati come diritti? Ci sono delle differenze
tra le due liste? Perché?
• Ponete le domande che seguono.
Domande
• Perché pensate che le Nazioni Unite abbiano ritenuto importante fare
una lista dei diritti dei minori?
• Perché pensate che la Convenzione sia una lista di bisogni e non di
“capricci”?
• Pensate che tutte le bambine e tutti i bambini del vostro Paese e del
mondo godano di tutti questi diritti? Perché no?
• Esaminate uno o due diritti della Convenzione. Cosa potrebbe succedere
se privassimo di questi diritti una bambina o un bambino?
• Cosa potrebbero fare i governanti del vostro Paese, i vostri insegnanti, i
vostri genitori per garantire questi diritti a tutte le bambine e a tutti i
bambini del vostro Paese? Cosa potreste fare voi?
Opzioni ulteriori
• State in piedi o seduti in cerchio. Ogni ragazza/o a turno deve mimare
una delle azioni della propria lista (ad esempio, indossare un vestito,
79
Primi passi
Mangiare, abbracciare un amico o un’amica, giocare, scrivere una lettera),
o anche un sentimento come la felicità o la libertà. Mentre una persona
mima la propria azione, le si aggiunge una seconda, una terza e così via
fino a quando l’intera classe e l’insegnante mimeranno contemporaneamente. Riposate!
• Per passare all’azione, la classe può mettere in scena una recita per i genitori che abbia come soggetto iniziale la soddisfazione dei “capricci” che si
trasforma poi in soddisfazione dei bisogni.
c. Grandi e piccoli
Obiettivo
Questa attività di intervista mira ad aiutare le ragazze e i ragazzi ad
associare i diritti umani al proprio ambiente e a mostrare come il loro
riconosci- mento sia avvenuto in maniera graduale.
Temi di apprendimento
– La codifica dei diritti è un traguardo della fine del XX secolo. Ma i diritti
sono sempre esistiti, sono stati sempre violati, si è sempre combattuto per
essi e solo dopo un lungo processo storico sono stati riconosciuti.
Cosa serve
Versione semplificata
dell’infanzia.
della
Convenzione
internazionale
sui
diritti
Tempo
Tre lezioni, distribuite in diverse settimane.
Come si fa
• Spiegate alla classe che alcuni documenti sui diritti umani, come la
Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, sono il frutto di
sviluppi recenti, e che in passato molti dei diritti umani presenti nella
Convenzione non erano garantiti a tutti i minori. Spiegate che in molti
Paesi moderni è ancora così.
• Stilate una breve lista di persone (tra cui i nonni, ad esempio) che possano rispondere alla domanda: "La vita delle bambine e dei bambini nella
nostra città è migliorata nell’ultimo secolo?". Una lista di quattro persone è sufficiente.
• Chiedete alla classe di scrivere a queste persone per invitarle a scuola per
essere intervistate. (è più semplice se gli intervistati vengono in classe).
80
3. Con i più piccoli
• Ricordate di chiedere alle persone da intervistare un breve resoconto delle
loro conoscenze sull’argomento su cui dovranno rispondere. Questi
resoconti saranno poi letti e discussi in classe nel giorno precedente
all’intervista, in modo che le domande possano essere preparate in
anticipo. Nel preparare le domande, la classe dovrebbe pensare "Cosa
vogliamo imparare?". Per esempio, se una persona intervistata ha
riportato che nel- l’infanzia lavorava invece di andare a scuola, si
potrebbero fare domande sui suoi ricordi, su un evento particolare, su
come si sentiva, quando è successo, come e perché, chi c’era, e così via.
• Quando le persone da intervistare arrivano, fatele sedere dove tutta la
classe possa vederle.
• I ragazzi e le ragazze possono porre le domande a turno. Lasciate scorrere l’intervista evitando interruzioni non necessarie.
• Trascrivete le risposte o registratele su una cassetta.
• Se le persone da intervistare sono più d’una, chiedete loro di intavolare
una discussione vera e propria piuttosto che rispondere individualmente
alle domande. La conversazione potrebbe essere molto vivace!
• Successivamente, chiedete alla classe di confrontare le interviste con la
versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia.
• Ponete le domande che seguono.
Domande
•
•
•
•
Pensate che i diritti dei minori in passato fossero rispettati?
Quali diritti erano violati? Perché?
Vi sarebbe piaciuto vivere in quei tempi?
Le cose sono migliorate? O sono peggiorate? Perché?
Opzioni ulteriori
• Le ragazze e i ragazzi più grandi potrebbero intervistare le persone
direttamente a casa loro.
• Utilizzate i giornali per capire in che modo i diritti dei minori siano violati o tutelati nelle altri parti del mondo.
• All’interno di un progetto16, chiedete alla classe di creare giochi, poesie,
storie o oggetti d’arte che mettano a confronto la vita dei minori nel
passato e nel presente.
16
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
81
Primi passi
• La letteratura nazionale può essere una buona fonte sulla vita dei minori
in passato.
• Per passare all’azione, la classe potrebbe scrivere una commedia sulla
conquista dei diritti dei minori e rappresentarla durante un festività locale.
d. Giochiamo con le immagini
Obiettivo
Questa attività con le fotografie aiuta a spiegare come tutti i diritti siano
collegati. Può essere sviluppata con persone di ogni età.
Temi di apprendimento
– I diritti sono universali (tutti li possiedono)
– I diritti sono indivisibili (non si può godere di alcuni soltanto).
Cosa serve
Circa 12 fotografie o altre immagini di buona qualità di persone provenienti
da diverse parti del mondo colte in differenti situazioni. Calendari, giornali e
riviste sono buone fonti per queste immagini. Versione semplificata della
Dichiarazione universale dei diritti umani.
Tempo
30 minuti circa
Come si fa
• Spargete le foto per terra o su un tavolo dove tutti le possano vedere.
• Chiedete alla classe di scegliere collettivamente tre immagini.
• Racogliete le tre immagini e sistemate altrove le altre in modo che non
distraggano la classe.
• Appendete una delle tre immagini scelte dove tutti possano vederla.
Ponete alla classe le domande elencate più avanti per stimolare
l’immaginazione. Siate aperti a qualunque risposta!
• Ripetete questo esercizio di immaginazione per le altre due immagini
scelte.
• Ritornate quindi alla prima figura. Chiedete: "Quale diritto o diritti pensate
che rappresenti questa immagine?" (Se i partecipanti sono molto piccoli
o non conoscono i diritti umani, fate loro consultare la versione
semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani).
82
3. Con i più piccoli
• Ripetete questa domanda per le altre due immagini.
• Spargete di nuovo per terra le altre figure. Chiedete: "Cosa ne pensate di
queste altre? Quale diritto o diritti rappresenta ognuna di esse?".
Sfruttate questa occasione per spiegare come tutti i diritti siano
“universali” (tutti gli esseri umani li hanno).
• Chiedete alla classe se è possibile dividere le immagini in diversi gruppi,
ognuno dei quali deve corrispondere a uno dei punti della versione
semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani. Si capirà
subito che questo compito è impossibile in quanto tutti i diritti sono
collegati, così un’immagine rappresenterà diversi diritti
contemporaneamente. Cogliete l’occasione per spiegare che i diritti
sono “indivisibili” (non si può godere di alcuni soltanto).
Domande
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Dove pensate che sia stata scattata questa foto?
Cosa pensate che stia succedendo?
Che ora è?
Queste persone sono imparentate?
Sono povere/ricche? Felici/tristi?
Cosa stanno guardando/facendo/dicendo?
Dove stanno andando? Dove sono state?
Conoscono chi ha scattato la foto?
Cosa pensano di lei/lui?
Opzioni ulteriori
• Se le immagini usate raffigurano solo minori, allora questa attività può
essere fatta anche con la versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia.
• All’interno di un progetto17, la classe può raccogliere quante più foto
possibili di persone di tutto il mondo e farne un’esposizione.
17
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 33.
83
Primi passi
5. Cos’è giusto? - Attività sulla giustizia
"Non è giusto…": l’equità è qualcosa che tutti noi pensiamo di poter
giudicare correttamente. Riconosciamo subito che cosa non è giusto e in
genere diamo una risposta rapida alla domanda "Perché non è giusto?".
Giusto significa onesto e retto, che dà a tutti le stesse possibilità, lo stesso
trattamento, la stessa quantità di qualcosa sulla base delle regole
esistenti. Un esempio semplice è la partecipazione a una gara di corsa;
una gara è corretta solo se le regole sono le stesse per tutti. Se tutti
partiamo contemporaneamente, percorriamo la stessa distanza e siamo
della stessa età e capacità, allora questo è giusto.
La vita sarebbe giusta se tutti avessimo le stesse possibilità: se ogni persona avesse cibo a sufficienza e acqua pulita da bere, potesse andare a
scuola, fosse trattata equamente, indipendentemente da colore della
pelle, sesso o religione, potesse votare liberamente. Questi sono solo
alcuni esempi per esprimere che cos’ è la giustizia.
Comprendere l’importanza della giustizia nella loro vita è importante
per far capire meglio alle ragazze e ai ragazzi il bisogno di giustizia nel
mondo.
Per attività simili con ragazze e ragazzi più grandi, cfr. il paragrafo
omonimo nel cap. 4 (p.135).
a. Il gioco del nome
Obiettivo
Questo gioco, da fare seduti, dà la capacità di ricevere riconoscimento e di
darlo alle altre persone.
Temi di apprendimento
– Abbiamo tutti diritto a un nome.
– Tutte le persone traggono beneficio dalla giustizia.
Cosa serve
La versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia (in particolare l’articolo 7). Una palla di spugna o un cuscino.
Tempo
30 minuti circa
84
3. Con i più piccoli
Come si fa
• La classe siede in cerchio per terra.
• Una persona lancia la palla a un’altra chiamandola per nome. Se il nome è
corretto, la seconda a sua volta lancerà la palla a una terza, sempre
chiamandola per nome, e così di seguito. Se invece chi tira la palla sbaglia
il nome, chi la prende corregge e gliela tira indietro.
• Coinvolgete le persone che potrebbero essere lasciate in disparte,
ricordandovi di lanciare a loro la palla quando è il vostro turno.
• Quando tutti avranno ricevuto e fatto abbastanza tiri, ponete le domande
che seguono.
Domande
• Hanno avuto tutti le stesse possibilità di lanciare la palla? Perchè? Perchè
no?
• Come ti sentiresti se non avessi mai avuto la possibilità di tirare la palla?
Perchè?
• Che cosa possiamo fare per assicurare che si giochi in modo più giusto la
prossima volta?
• Ti ricordi di un episodio in cui qualcosa di ingiusto è successo a te?
• Come possiamo evitare l’ingiustizia nella nostra classe, scuola, famiglia?
Opzioni ulteriori
• Leggete l’art. 7 della versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. La vita sarebbe diversa se non
avessimo un nome?
• Chiedete alla classe di scrivere una storia o una drammatizzazione su una
situazione ingiusta cui si ponga rimedio.
• Questa attività può essere adatta a far conoscere tra loro i membri di una
nuova classe.
• Quando tutti i membri della classe conoscono i nomi degli altri, rendete il
gioco più difficile. Per esempio, chi getta per primo la palla potrebbe
iniziare una frase a cui ognuno in seguito deve aggiungere una parola.
• All’interno di un progetto18 la classe potrebbe fare una ricerca
sull’origine e il significato dei nomi.
18
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
85
Primi passi
b. Conosci la tua mela
Obiettivo
Questo gioco di osservazione propone il tema della condivisione nella classe e inoltre insegna alle ragazze e ai ragazzi che la nostra percezione delle
somiglianze e differenze è molto soggettiva. Questa idea di base viene poi
collegata tramite le domande alle idee sugli stereotipi nella società.
Temi di apprendimento
– I diritti sono basati sulla giustizia.
– I bambini e le bambine hanno il diritto di non soffrire la fame.
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Una mela (o qualsiasi frutto o verdura) per ogni partecipante.
Tempo
60 minuti
Come si fa:
• Chiedete alle ragazze e ai ragazzi di sedersi a coppie in un piccolo cerchio.
• Chiedete alla classe quali sono le caratteristiche delle mele. Le mele sono
tutte uguali?
• Date una mela a ogni coppia.
• Ogni coppia dovrebbe osservare la propria mela per un po’ di tempo.
Invitate a notare il colore e qualsiasi fossetta, protuberanza o altro che la
rendano diversa dalle altre mele.
• Raccogliete le mele in un sacchetto.
• Passatele in cerchio una a una. Ogni coppia esamina a turno tutte le mele.
Se una coppia riconosce la sua mela, la trattiene.
• Quando tutte le coppie avranno riconosciuto la propria mela, potranno
mangiarsela.
Domande
• Leggete l’art. 27 della versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’infanzia. Come possono la giustizia e la
condivisione contribuire a proteggere questo diritto per tutti i ragazzi e
le ragazze?
• Quale coppia ha preso per prima/ultima la sua mela? Perché?
86
3. Con i più piccoli
• Eravate preoccupati che un’altra coppia prendesse la vostra mela?
• E se la vostra mela non fosse saltata fuori, come vi sareste sentiti?
• Ora abbiamo messo in comune delle mele. Che cos’altro condividiamo a
scuola? Condividere a volte è un problema? Perché?
• Che cosa succederebbe se tutti dimenticassimo come condividere? (A
scuola, a casa, nel mondo…)
Le mele erano tutte uguali? Che cosa c’era di simile? Che cosa di diverso?
(Se la classe ha iniziato il gioco credendo che le mele fossero tutte uguali,
chiedete se la loro opinione adesso è cambiata.)
Opzioni ulteriori
• Si può svolgere questo gioco anche usando pietre, pezzi di legno o
qualsiasi altro gruppo di oggetti con lievi differenze tra loro.
• All’interno di un progetto19 chiedete a ogni alunna/o di creare e
condividere con il resto della classe una storia, una drammatizzazione o
un disegno riguardo un mondo dove tutti hanno dimenticato di
condivide- re.
• Se volete affrontare il tema degli stereotipi, ricordate alla classe che
pensavano che le mele fossero tutte uguali, mentre in realtà sono
abbastanza diverse. Poi mostrate loro più immagini possibili di un gruppo
sociale i cui membri vengono a volte percepiti come tutti uguali. Per
esempio, minoranze etniche nel vostro Paese o popoli di regioni lontane
del mondo. Chiedete alla classe che immagini stereotipate altri popoli
posso- no avere del vostro. Gli stereotipi sono utili? Perché? Perché no?
c. Mimetizzazione
Obiettivo
In questo gioco, che può essere svolto all’aperto o al chiuso, si apprende a
identificare l’ingiustizia e a metterla in discussione.
Temi di apprendimento
– I diritti sono basati sulla giustizia.
19
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
87
Primi passi
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Tre gomitoli di lana di diversi colori: uno di un colore brillante
come rosso o giallo, e gli altri di colori che si mimetizzino con l’ambiente.
Tempo
60 minuti circa
Come si fa
• Tagliate 20 o 30 pezzi di lana per ognuno dei colori.
• Nascondeteli in un prato o in un parco nei dintorni (o,
se al chiuso, in classe o nella scuola). Chiedete a un
ragazzo o a una ragazza più grande, un insegnante
o un genitore di aiutarvi a nasconderli.
• Dividete la classe in tre squadre. Ogni squadra deve
cercare la lana di un solo colore.
• Date un limite di tempo e concordate un segnale di
stop.
• Contate quanti pezzi di lana ogni squadra è riuscita a
trovare. Vince la squadra con più pezzi.
• La squadra che cerca la lana di colore più brillante
sarà quella che probabilmente vincerà, avendo il
colore più facile da trovare.
• Ponete le domande che seguono.
Domande
•
•
•
•
•
•
•
Che effetto ti ha fatto essere nella squadra vincente?
Che effetto ti ha fatto essere in una squadra che ha perso?
Quale squadra ha trovato più pezzi? Perché?
Se giocassimo ancora, in quale squadra ti piacerebbe stare? Perché?
Questo gioco è giusto?
Si può renderlo giusto?
Pensa a tutti i giochi che conosci: che cosa li rende giusti? (ad esempio,
nel calcio entrambe le squadre hanno lo stesso numero di giocatori.)
Opzioni ulteriori
• Leggete la versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. Per molte bambine e molti bambini nel mondo, questi diritti non
sono realizzati. Come ti sentiresti se fossi una/o di loro? Che cosa si può fare
riguardo a questa ingiustizia?
• Con i ragazzi e le ragazze più grandi, fate un gioco ingiusto (come questo),
usandolo come punto di partenza per riflettere sull’ingiustizia globale (per
esempio, nella distribuzione di ricchezza, acqua, cibo, terra...)
88
3. Con i più piccoli
d. Una definizione di giustizia
Obiettivo
Questo brainstorming aiuta a sviluppare il naturale senso di giustizia.
Temi di apprendimento
– I diritti sono basati sulla giustizia.
Tempo
90 minuti circa
Come si fa
• Fate un brainstorming con la classe sulla domanda "Che cosa è
giusto/ingiusto?". Scrivete tutte le idee della classe in un luogo ben visibile. Cercate di sintetizzare le idee, sempre accertandovi di aver compreso bene.
• Chiedete alla classe di dividersi in piccoli gruppi e concedete cinque minuti
per scrivere una definizione della giustizia.
• Mostrate i risultati affiggendoli alle pareti. Se vi fossero definizioni
differenti, chiedete alla classe di pensare a una definizione che le includa
tutte.
• Affiggete anche questa definizione alle pareti
• Ponete le domande per aiutare la classe a riflettere sul significato del
termine “ giustizia”.
• Se possibile, illustrate la definizione con disegni su giustizia/ingiustizia.
Domande
• La giustizia è importante? Perché?
• Vi viene in mente un episodio della vostra vita in cui c’era qualcosa di
giusto e un altro in cui c’era qualcosa di ingiusto?
• Che cosa rende qualcosa ingiusto?
• Che cosa avete provato di fronte a un’ingiustizia?
• Si può sempre porre rimedio a un’ingiustizia?
• Come possiamo fare per rendere giuste le cose nella nostra
classe/scuola/paese/mondo?
Opzioni ulteriori
• Questo processo di definizione può essere anche utilizzato per la libertà,
la tolleranza, la responsabilità, la pace o qualsiasi altro tema collegato
con i diritti umani. Il suo valore risiede nel fatto che si incoraggiano
89
Primi passi
ragazze e ragazzi a esprimere i loro sentimenti innati riguardo ciò che è
“giusto”.
• All’interno di un progetto a lungo termine20 la classe potrebbe elaborare
un glossario dei diritti umani. Quando emergono parole poco conosciute
durante le lezioni sui diritti umani, si può lavorare assieme per trovare una
semplice definizione da trascrivere nel glossario.
6. I miei e i tuoi diritti – attività sulle situazioni
in cui i diritti entrano in conflitto
Queste attività sulle situazioni in cui i diritti entrano in conflitto
utilizzano il gioco di ruolo e l’analisi delle situazioni di conflitto in casa e
a scuola per incoraggiare ragazze e ragazzi a riflettere su alternative
allo scontro. Tali attività aiutano a far comprendere che i diritti di ogni
per- sona finiscono dove cominciano i diritti delle altre e che quando i
diritti entrano in conflitto è meglio cooperare per trovare una
soluzione che rispetti i diritti di tutti21.
Per attività simili con ragazze e ragazzi più grandi, cfr. il paragrafo
omonimo nel cap. 4 (p. xx).
a. I regali di Andreina e Antonio
Obiettivo
Questo gioco di ruolo può aiutare ragazze e ragazzi a individuare soluzioni
per risolvere conflitti tra diritti.
Temi di apprendimento
– A volte le persone si trovano in situazioni in cui i rispettivi diritti entrano
in conflitto.
– Questi conflitti possono essere risolti in modo pacifico.
20
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 30
Parte delle attività di questo capitolo sono tratte e adattate da W. J. Kriedler, Creative Conflict
Resolution, Scott, - Foresman and Co., Glenview (Illinois), 1984, pp. 53-59.
21
90
3. Con i più piccoli
Cosa serve
Versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia. La storia di Andreina e Antonio.
Tempo
40 minuti circa
Come si fa
•
•
•
•
Raccontate la storia di Andreina e Antonio.
Chiedete alla classe di rappresentare la situazione22.
I ruoli sono quattro: Andreina, Antonio, il papà e la mamma.
Fermate il gioco di ruolo al momento del conflitto. Chiedete al resto della
classe suggerimenti su cosa potrebbe succedere. I personaggi poi scelgono uno di questi suggerimenti e lo usano per terminare il gioco di ruolo.
• Ponete le domande qui sotto per aiutare la classe a riflettere su soluzioni
nonviolente del conflitto.
• I personaggi possono poi rappresentare un finale non-violento.
Domande
•
•
•
•
•
•
Com’ è avvenuto questo conflitto? Perché è avvenuto?
Che cosa hanno provato i personaggi?
Il finale è stato positivo?
Come si sarebbe potuto prevenire questo conflitto?
Quali altre soluzioni avrebbero potuto funzionare?
Andreina e Antonio di chi stavano ignorando i diritti? Quali diritti? (Vedi
la versione semplificata della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia)
Opzioni ulteriori
• Questa attività può anche essere utilizzata per affrontare le situazioni di
conflitto che hanno luogo a scuola. Chiedete alle persone coinvolte, e
possibilmente a tutta la classe, di pensare a dei modi non-violenti per
risolvere questi conflitti reali.
• Può essere utile ripetere un gioco invertendo i ruoli, in modo che possano vedere il conflitto da entrambi i punti di vista.
22
Per suggerimenti su come usare il gioco di ruolo cfr. pp. 2 7 .
91
Primi passi

La storia di Andreina e Antonio
Andreina e Antonio erano molto contenti perché i loro genitori avevano comprato a entrambi un bellissimo regalo. Antonio aveva
ricevuto un tamburello ed era così felice che si mise subito a suonarlo.
Anche Andreina era molto contenta perché aveva ricevuto un
fischietto che cominciò subito a suonare. All’inizio erano entrambi
molto felici perché avevano ricevuto dei regali e potevano suonare
insieme, ma dopo un po’ si accorsero che non potevano concentrarsi se
continuavano a suonare contemporaneamente. Andreina smise di
suonare e chiese ad Antonio se poteva smettere per un po’ e lasciar
suonare solo lei. Antonio rispose che non gli dava fastidio se lei
continuava a suonare e che lui non voleva smettere. Andreina era
così arrabbiata che cominciò a suonare molto forte e allora Antonio
provò a suonare ancora più forte. Cominciarono a gareggiare l’uno
contro l’altra e siccome facevano un sacco di rumore i genitori
entrarono nella stanza e li fecero smettere.
b. Povero vecchio lupo!
Obiettivo
Questa divertente e fantasiosa attività narrativa permette di dimostrare che il
rispetto dei diritti di ogni essere umano è un vantaggio per tutti, a
differenza del conflitto in cui solo chi vince trae beneficio.
Temi di apprendimento
– A volte le persone si trovano in situazioni in cui i rispettivi diritti entrano
in conflitto.
– Questi conflitti possono essere risolti in modo pacifico.
Cosa serve
Una o due brevi fiabe tradizionali o storie per l’infanzia in cui ci sia un
conflitto tra i personaggi. Basta una breve ricerca per accorgersi che molte
vecchie fiabe sono basate su questi conflitti, in genere con un personaggio
o gruppo di personaggi stereotipati come “cattivi” e un altro personaggio o
gruppo di personaggi come “buoni”.
Tempo
60 minuti
92
3. Con i più piccoli
Come si fa
• Scegliete una storia e leggetela alla classe.
• Aiutate la classe a individuare il conflitto nella storia attraverso le
domande che seguono (in genere le fiabe tradizionali hanno personaggi
“cattivi” che muoiono o vengono puniti e personaggi “buoni” che vivono
felici e contenti):
– Chi era felice alla fine della storia? Perché?
– Chi era infelice alla fine della storia? Perché?
– Sono stati ignorati i diritti di un personaggio? Quale? Da chi sono stati
ignorati?
• Chiedete alla classe di ripensare alla storia e ricostruirla dal punto di vista
del mostro, del lupo o di un altro personaggio "cattivo". Ripercorrete da
questa angolazione ogni evento della storia. Per esempio, un drago
potrebbe dire: "Io sono un drago, è nella mia natura mangiare la gente,
ma un terribile Principe è venuto a tagliarmi la testa!...".
• Ora chiedete alla classe come potrebbe essere riscritta la storia in modo
che ognuno ottenga quello che desidera e si eviti il conflitto. Potete usare
le domande che seguono. Se c’è tempo ragazze e ragazzi potrebbero
scrivere le loro versioni della storia e illustrarle:
– È possibile risolvere questo conflitto pacificamente? Come?
– È possibile per tutti i personaggi della storia ottenere ciò che vogliono? Come?
– Perché questo sarebbe meglio rispetto a una situazione in cui c’è chi
vince e chi perde?
Opzioni ulteriori
• All’interno di un progetto potreste lavorare di più sull’idea di risolvere i
conflitti in modo che nessuno esca perdente. Uno strumento potrebbe
essere presentare alla classe le seguenti quattro modalità in cui possono
sfociare i conflitti. Chiedete alla classe di aiutarvi a pensare a degli esempi
che li illustrino tutti:
– Vinco-vinco: tutti sono contenti e ottengono ciò che desiderano.
– Vinco-perdo: una persona non ottiene ciò che desidera ed è scontenta.
– Perdo-vinco: l’altra persona non ottiene ciò che desidera ed è scontenta.
– Perdo-perdo: tutti perdono il loro tempo a discutere e nessuno ottiene
ciò che desidera.
• Una volta che la classe ha familiarizzato con il modello “vinco-vinco” di
affrontare i conflitti, usatelo quando si verificano conflitti reali nella
classe
93
Primi passi
se. Chiedete alle persone coinvolte, o a tutta la classe, di trovare una
soluzione “vinco-vinco”.
• Questa non deve per forza rappresentare un compromesso. Spesso
entrambe le persone coinvolte in un conflitto possono guadagnare da
una soluzione vinco-vinco. Per esempio immaginate che due persone si
stiano disputando un’arancia. Potrebbe essere che una la voglia mangiare tutta, mentre l’altra voglia solo la buccia per farne una torta. Questo
conflitto può essere risolto in modo pacifico ed entrambe possono “vincere”! Naturalmente non tutti i conflitti si possono risolvere così
facilmente, ma provare a pensare in questo modo può essere utile.
c. Reti di conflitto
Obiettivo
Questa attività di disegno aiuta ad analizzare i conflitti tra diritti usando la
propria esperienza.
Temi di apprendimento
– A volte le persone si trovano in situazioni in cui i rispettivi diritti entrano
in conflitto.
– Questi conflitti possono essere risolti in modo pacifico.
Cosa serve
Lavagna o un grande foglio di carta
Tempo
45 minuti
Come si fa
• In mezzo al foglio/lavagna scrivete la parola “conflitto” in un cerchio.
• Chiedete alla classe che cosa pensino significhi questa parola.
• Chiedete quali ricordi o pensieri evochi. Ogni volta che emerge qualcosa,
tracciate una linea dal cerchio principale e aggiungete la parola o frase
che è stata suggerita.
• Quando ragazze e ragazzi iniziano a proporre idee collegate ad altre idee
già suggerite, collegatele tra loro e non col cerchio principale. Continuate
finché l’interesse rimane elevato.
• Alla fine ponete le domande seguenti, le quali delineano alcune idee
generali riguardo il conflitto.
94
3. Con i più piccoli
Domande
• Come possiamo definire il "conflitto"?
• Che cosa hanno in comune i conflitti
che abbiamo individuato?
• Che cosa scatena i conflitti?
• Che cosa li aggrava?
• Che cosa previene o risolve i conflitti?
• Negli esempi, i diritti di chi sono
ignorati e da chi? Quali diritti? (cfr. la
versione semplificata della Convenzione
internazionale sui diritti dell’in-fanzia)
Opzioni ulteriori
• All’interno di un progetto chiedete alla classe di tenere per una settimana il diario dei conflitti che osservano. Chiedete loro di identificare
quelli che si risolvono in un modo utile, quelli in cui si spreca un mucchio
di tempo e quelli che si verificano spesso. Può essere utile suddividere
questi conflitti in categorie. Per esempio, amichevoli/arrabbiati,
semplici/complicati, violenti/non-violenti. Dite alla classe che recedere da
un conflitto e analizzarlo è un primo passo per risolverlo in modo da
rispettare i diritti di tutte le persone coinvolte.
• Per un’analisi più dettagliata, fate domande alla classe su parti specifiche
dei conflitti che hanno registrato. Per esempio: Queste soluzioni
avrebbero potuto essere migliori? O peggiori?
7. Passare all’azione! – Portare i diritti umani al di fuori
della classe
Le attività che seguono aiutano a riflettere sui diritti umani come qualcosa che tutte le persone sono in grado di difendere e per cui vale la pena
lottare, dovunque si viva. Altri suggerimenti per passare all’azione si
possono trovare tra le Opzioni ulteriori suggerite alla fine di molte delle
attività delle pagine precedenti.
Per attività simili con ragazze e ragazzi più grandi, cfr. il paragrafo
omonimo nel cap. 4 (p. 1 5 5 ).
95
Primi passi
a. Pubblicizziamo i nostri diritti!
Obiettivo
Questa attività artistica vuole incoraggiare ragazze e ragazzi a interpretare
e promuovere i propri diritti.
Temi di apprendimento:
– Tutti abbiamo bisogno di essere educati sui diritti umani.
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani o della
Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. Materiali per realizzare
manifesti: penne, colori, carta.
Tempo
90 minuti
Come si fa
• Prima della lezione, selezionate gruppi di diritti dalla Convenzione che
siano correlati tra loro. Per esempio, i diritti del/la bambino/a e della sua
famiglia.
• Chiedete alla classe di formare gruppi o coppie.
• Raccontate che in molti Stati si realizzano messaggi pubblicitari televisivi e
radiofonici e manifesti sui diritti dei bambini e delle bambine.
• Chiedete a ogni coppia o gruppo di ideare un messaggio pubblicitario che
spieghi un diritto o un gruppo di diritti della Convenzione. Potrebbe essere un manifesto, un testo teatrale, una canzone o una poesia da mostrare. Se alcuni decidono di creare un manifesto potrebbero esservi utili i
suggerimenti riportati nel riquadro più avanti.
• Il lavoro terminato può essere esposto o rappresentato per la classe o per
l’intera scuola.
96
3. Con i più piccoli
Suggerimenti per realizzare manifesti:
1. Decidi che cosa vuoi comunicare prima di cominciare. Decidi il tuo
messaggio e scrivilo.
2. Fai inizialmente dei disegni piccoli e veloci per testare quante più idee
possibili.
3. Non temere di eliminare un’idea in qualsiasi momento. È molto più
importante lavorare molto per ottenere un’idea forte piuttosto che
continuare a lavorare su un’idea che non ti soddisfa.
Opzioni ulteriori
• Le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali hanno scelto
giornate speciali a cadenza annuale per focalizzare l’attenzione
dell’opinione pubblica sui diritti umani. Le date sotto indicate sono
soltanto alcune di queste. Creare manifesti, spettacoli e poesie per
celebrare queste giornate potrebbe essere un buon modo per focalizzare
l’insegnamento dei diritti umani.
Giornata internazionale dei diritti della donna
Giornata internazionale dei diritti dei minori
Giornata internazionale dei diritti umani
8 marzo
20 novembre
10 dicembre
b. La bacheca dei diritti umani
Obiettivo
Questa attività incoraggia ragazze e ragazzi a portare i diritti umani fuori
dalla classe e a diffonderli nella scuola.
Temi di apprendimento
– I diritti umani riguardano tutte le attività umane.
Cosa serve
Accesso ai quotidiani e ad altri mezzi di comunicazione.
Tempo
Questo è un progetto da realizzare in un arco di tempo di diverse settimane.
97
Primi passi
Come si fa
• Trovate un luogo ben visibile nella scuola dove le notizie sui diritti umani
possano essere esposte e aggiornate regolarmente. Per esempio una
bacheca in un corridoio molto utilizzato o vicino all’entrata.
• Leggete i consigli riguardanti il lavoro di progettazione e il lavoro con i
giornali dalle pagine 3 3 e 39.
• Incoraggiate la classe a guardare giornali, riviste, tv o ad ascoltare la
radio per ricavare immagini e testi concernenti i diritti umani. Per
esempio, i cartoni animati possono mostrare pregiudizi e violenza, un
reportage di guerra può presentare le violazioni dei diritti umani in altri
Paesi, una notizia di cronaca nazionale può menzionare un tema di
interesse locale. Incoraggiate la classe a ritagliare questi articoli o a
scriverne un breve resoconto da mettere nella bacheca.
• Se possibile fate decidere ai ragazzi e alle ragazze che cosa dovrebbe
comparire nella “Bacheca dei diritti umani”. Questa è un’opportunità per
loro di assumersi responsabilità.
• È una buona idea cominciare la “Bacheca dei diritti umani” come progetto a breve termine, per approfittare dell’entusiasmo della classe. Se
riscuote successo, allora considerate se sia il caso di renderla permanente.
• Dove è possibile, compensate le immagini negative con altre positive. Per
esempio, il resoconto di un’esperienza di collaborazione tra gruppi diversi
nel vostro Paese.
• Usate il materiale della “Bacheca dei diritti umani” come base per l’insegnamento dei diritti umani – se anche la vostra classe è alla ricerca di
materiale interessante, il vostro lavoro sarà più facile!
Opzioni ulteriori
• La “Bacheca dei diritti umani” potrebbe contenere anche manifesti,
disegni, poesie e ricerche dei ragazzi e delle ragazze sulla situazione
locale dei diritti umani. Per esempio, un’ intervista con una persona
anziana che ha sofferto durante la guerra sarebbe un’ utile aggiunta (i
consigli su come fare un’intervista a pagina 8 0 potrebbero essere
d’aiuto).
• La “Bacheca dei diritti umani” potrebbe diventare una mostra per la
popolazione locale o un punto di informazione in una via frequentata.
98
4. Con i più grandi
GUIDA ALLE ATTIVITÀ
Per renderne più facile l’uso, le attività presentate in questa parte del
manuale hanno tutte la stessa struttura.
Titolo
Obiettivo: Assieme alla breve introduzione a ogni gruppo di attività ha la
funzione di spiegare il perché della loro utilità
Temi di apprendimento: Sono i concetti chiave contenuti nell’attività.
Teneteli bene a mente.
Cosa serve: Questo punto vi spiega di che tipo di materiale avrete bisogno e cosa preparare prima della lezione.
Tempi: I tempi indicati sono stimati in base alla durata dell’attività e di
ogni elemento della discussione.
Come si fa: Questa parte chiarisce passo per passo come condurre l’attività. Nel caso di utilizzo di specifiche metodologie, ricordate che esse
sono illustrate nel capitolo 2 di questo manuale.
Domande: La maggior parte delle attività prevedono domande aperte e
discussioni per aiutare a riflettere sulle problematiche emerse. Nel
capitolo 2 di questo manuale trovate suggerimenti sull’uso delle
domande aperte e della discussione.
99
Primi passi
Opzioni ulteriori: Si tratta di suggerimenti per l’approfondimento di un
argomento. Alcune attività contengono spunti per adattarle a una
diversa fascia d’età oppure per azioni sui diritti umani.
Informazioni/Esempi/Carte da gioco: Alcune attività prevedono parti
supplementari. Per evitare qualsiasi dimenticanza, leggete interamente le indicazioni relative all’attività prima di realizzarla e
assicuratevi di avere in vostro possesso tutti gli strumenti elencati alla
voce «Cosa serve».
1. Per iniziare – attività preliminari
Considerato che molte delle attività di questa sezione del manuale fanno
riferimento alla Dichiarazione universale dei diritti umani, ecco due attività per aiutare la classe a familiarizzare con essa.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute nel cap. 3 (p. 5 0 ).
1. Il paese immaginario1
Obiettivo
Questa attività introduce al concetto che i diritti sono fondati sui bisogni e
fa acquistare confidenza con la Dichiarazione universale dei diritti umani.
Fa inoltre emergere idee sul valore che diamo ai diritti.
Temi di apprendimento
– I documenti sui diritti umani sono basati sui nostri bisogni.
– Noi diamo più valore ad alcuni diritti in base alla nostra situazione personale, ma ogni diritto è importante per qualche persona.
1
Questa attività si basa su idee di Ed O’ Brien e Nancy Flowers, educatori e attivisti per i diritti umani.
100
4. Con i più grandi
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani.
Tempo
75 minuti per l’attività base.
Come si fa
•
•
Dividete la classe in gruppi di cinque o sei persone.
Leggete il seguente canovaccio:
Immagina di aver scoperto una nuova terra, mai abitata e dove non esistono né regole né leggi. Tu e gli altri membri del tuo gruppo vi stabili- rete
in questa nuova terra. Inizialmente non sei a conoscenza di quale
posizione sociale occuperai nel nuovo paese.
•
•
•
•
•
•
•
Si enunciano individualmente tre diritti che si ritiene dovrebbero essere
garantiti a tutti in questa nuova terra.
Invitate quindi a condividere e discutere la propria lista individuale all’interno del gruppo, e a selezionare una lista di 10 diritti che l’intero gruppo ritiene importanti.
Chiedete a ogni gruppo di dare un nome al paese e di scrivere i 10 diritti
ben visibili su un cartellone o una lavagna.
Mentre i gruppi presentano le loro liste alla classe, fatene un riepilogo che
le comprenda tutte. Alcuni diritti saranno presentati diverse volte:
trascriveteli una sola volta e fate un segno accanto ogni volta che vengono ripetuti.
Quando tutti i gruppi hanno presentato la propria lista, individuate nel
riepilogo i diritti che si sovrappongono o si contraddicono l’un l’altro. La
lista può essere razionalizzata? Si possono raggruppare alcuni diritti simili?
Quando la lista di riepilogo è completa, mettetela a confronto con la versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani. Quali
sono le differenze/somiglianze?
Usate le domande che seguono per evidenziare i temi di apprendimento.
Domande
•
Le vostre idee su quali diritti fossero più importanti sono cambiate duran- te questa
attività?
101
•
•
•
•
Come sarebbe la nostra vita se escludessimo alcuni di questi diritti?
Ci sono dei diritti che adesso volete aggiungere alla lista finale?
Qualcuno ha enunciato un diritto che non rientra in nessuna delle liste?
Perché è utile per noi fare questo tipo di lista?
Opzioni ulteriori
2
•
Se avete tempo, chiedete di indicare sulla lista di riepilogo i tre diritti
che ogni ragazza/o considera i più importanti, o senza i quali pensa che
non si potrebbe vivere.
•
Questa attività è stata utilizzata in molti paesi diversi. Dove la guerra è
una realtà tangibile, ragazze e ragazzi considerano il diritto alla vita
come il più importante, mentre nei paesi in crisi economica il diritto al
lavoro viene per primo. Potete analizzare questo tema con la classe
ponendo domande del tipo: «Pensate che la situazione del nostro paese vi
abbia influenzato nella scelta dei diritti? Perché? Perché no?».
•
All’interno di un progetto2 questa attività può essere adattata in
modo che la classe elabori una lista di diritti che ritenga possa migliorare
l’am- biente scolastico, ad esempio il diritto di lavorare in pace, il diritto
al rispetto della propria opinione, il diritto al rispetto delle proprie cose...
Siate aperti ai loro suggerimenti, ma mettete in evidenza che tutti i
dirit- ti comportano responsabilità. Questo documento potrebbe essere
espo- sto nella classe e aggiornato quando occorre. Chiedete alla classe:
«Che cosa pensate dovrebbe succedere se qualcuno viola questi diritti?».
•
Per passare all’azione, studenti, studentesse e insegnanti potrebbero
accordarsi su una lista di principi da rispettare nella scuola: si può esporre tale lista all’ingresso in modo che tutti possano leggerla. Ad esempio,
in una scuola si è deciso di concentrare l’attenzione sul problema della
violenza e così la lista conteneva affermazioni del tipo: «La nostra scuola
è un posto sicuro, in cui ragazze e ragazzi più grandi si prendono cura
delle/dei più piccole/i e ogni persona rispetta i diritti di tutte le altre…».
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
102
4. Con i più grandi
2. I diritti nei giornali3
Obiettivo
Questa attività di analisi e discussione è una buona introduzione ai diritti
per studentesse e studenti più grandi che hanno già un’idea di che cosa
siano i diritti umani. Li aiuta infatti a riconoscere i diritti nelle situazioni di
tutti i giorni.
Temi di apprendimento
– I diritti sanciti sulla carta riguardano la vita di tutti i giorni.
Cosa serve
Vecchi giornali e riviste di tutti i generi, abbastanza perché ogni gruppo ne
abbia almeno uno. Lavagna o un cartellone e penne. La Dichiarazione
universale dei diritti umani e la sua versione semplificata.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Leggete il testo che segue
Oggi abbiamo tutti accesso a una quantità di informazioni come mai
era accaduto prima. Per la maggior parte di noi queste informazioni
arrivano attraverso i media, specialmente attraverso i notiziari. Ogni
giorno gli schermi televisivi e i giornali sono pieni di situazioni e storie di speranza o tragedia, felici o tristi, semplici o complesse. In
genere di fronte a notizie drammatiche ci sentiamo impotenti.
Tuttavia, con una riflessione più approfondita guidata dal criterio del
rispetto dei diritti umani, possiamo individuare “modelli di successo”
in cui i diritti sono protetti e usati come riferimento per l’azione, e
“modelli problematici” in cui i diritti sono negati”.
• Chiedete alla classe di dividersi in gruppi di quattro persone.
• Distribuite a caso i giornali e le riviste.
• Utilizzando l’intera superficie della lavagna o del cartellone
disegnate un grande cerchio, sulla cui circonferenza scriverete le tre
espressioni
3
Basata su un esempio di Nancy Flowers.
103
Primi passi
seguenti (lasciando tra l’una e l’altra molto spazio per incollarvi poi i ritagli
di giornale): Diritti negati; Diritti protetti; Diritti esercitati.
• Chiedete ai gruppi di analizzare i giornali e le riviste per trovare fatti che
illustrino quanto espresso nelle tre frasi. Incoraggiate la classe a utilizzare
ogni parte dei giornali e delle riviste, comprese le pubblicità e altri annunci.
• Se necessario, stimolate la classe con qualche esempio:
– Diritti negati: un articolo in cui si denuncia che un ospedale è stato chiuso senza consultare la comunità locale (negazione del diritto alla salute o
anche alla vita).
– Diritti protetti: la notizia di bambini salvati da persone che li maltrattavano.
– Diritti esercitati: la fotografia di un calciatore che segna un gol (diritto
allo svago, alla salute, alla libertà di associazione e anche di movimento,
se ad esempio si tratta di una partita internazionale).
• Quando la classe ha completato il compito (in genere ci vogliono circa dieci
minuti), fate leggere la Dichiarazione universale dei diritti umani o la sua
versione semplificata per individuare l’articolo o gli articoli che possono essere
messi in relazione con le notizie o le immagini trovate sui giornali.
Concedete altri dieci minuti per questa attività.
• Chiedete poi a ogni gruppo di attaccare, a turno, ciò che hanno trovato sulla
lavagna o sul cartellone, spiegando perché hanno scelto quell’esempio e a
quale articolo della DUDU si riferisce.
• Alcuni degli esempi individuati potrebbero riguardare situazioni in cui uno o
più diritti sono allo stesso tempo negati, protetti ed esercitati. Usate le
domande che seguono per aiutare la classe ad analizzare queste situazioni.
Domande
• È stato facile trovare esempi di diritti negati, protetti o esercitati?
• C’è stata una categoria più difficile da illustrare delle altre? Perché?
• Avete trovato articoli di giornale riferibili a tutte e tre le categorie?
Quali? Perché?
• Avete trovato esempi di situazioni in cui la protezione dei diritti di una persona o
di un gruppo ledesse i diritti altrui? L’applicazione del concetto che “i miei diritti
finiscono dove cominciano i tuoi e viceversa” sarebbe
104
4. Con i più grandi
stata utile in quella situazione? Avrebbe consentito di ottenere un risultato
migliore per tutte le parti coinvolte? Perché? Perché no?
Opzioni ulteriori
• All’interno di un progetto4, la classe potrebbe esaminare gli sforzi
internazionali per difendere i diritti dei civili durante i conflitti oppure la difesa
dei diritti di un gruppo vulnerabile della vostra zona. [Sebbene ragazze e
ragazzi debbano sapere che i diritti spesso sono negati, è importante che
acquistino consapevolezza dell’esistenza di strumenti per difenderli, assimilando
così l’idea che la difesa dei diritti umani è possibile.]
• Per ulteriori idee sull’uso dei media per sviluppare attività sui diritti umani cfr.
“Lavorare con i giornali” in Metodi efficaci d’insegnamento (cap. 2, pp. 33); “La
bacheca dei diritti umani” in Passare all’azione! – por- tare i diritti umani al di
fuori della classe (cap. 3, pp. 9 5 ), offre invece qualche spunto per diffondere la
consapevolezza all’interno della scuola.
2. Vivere insieme – attività sul rispetto
Le attività che seguono vogliono sottolineare che il modo in cui interagiamo ogni giorno ha un’influenza diretta sul rispetto dei diritti umani. Un
gioco sulle regole fa sorgere domande sull’origine delle leggi; un’attività
sull’ascolto pone l’attenzione sul diritto alla libertà di opinione e la
responsabilità di rispettare le idee degli altri.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute nel cap. 3 (pp. 54).
1. In campeggio5
Obiettivo
Questo gioco aiuta a capire come le comunità sviluppino norme e leggi a
difesa dei diritti delle persone.
4
5
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
Tratto e adattato da The Citizenship Foundation, Understand the law, 1994.
105
Primi passi
Temi di apprendimento
– I codici di condotta evitano i conflitti e proteggono i diritti
– Le norme vanno costruite democraticamente
Cosa serve
Una copia per ogni gruppo delle “situazioni” presentate nelle pagine che
seguono.
Tempo
90 minuti circa
Come si fa
• Dividete la classe in gruppi di 5 o 6 persone
• Leggete questa situazione:

Immaginate di andare in campeggio con una comitiva di amici e di
amiche. Vi hanno parlato di un meraviglioso posto per un campeggio,
una radura nei boschi vicino a un lago, lontano dalla città. L’avete
programmato insieme da un sacco di tempo e finalmente arriva il fine
settimana. Dopo un lungo viaggio, arrivate al campo. Avete por- tato
tutto ciò che vi serve per la vacanza, compresa una grande tenda in
cui dormire tutti quanti. Lì vicino c’è un bel pozzo con dell’acqua
potabile e avete il permesso di tagliare la legna e accendere il fuoco.
Non ci sono altri servizi, né regole, persone adulte o gestori del
campeggio. Montate la tenda, vi fate una nuotata e vi preparate per
una settimana di divertimento!
Tuttavia, al termine della prima giornata ci sono già stati dei
disaccordi su come dovrebbe essere gestito il campo. Capite tutti
che sarebbe meglio riuscire a mettervi d’accordo su come rendere
la
vostra vacanza più piacevole. Decidete allora di riunirvi.
• Chiedete a ogni gruppo di individuare 4 o 5 problemi che la comitiva
potrebbe trovarsi a dover affrontare e quindi di decidere come potrebbero
risolverli.
• Chiedete alla classe di tenere in considerazioni le domande seguenti:
– Come hanno preso le decisioni?
– Qualche ragazza o ragazzo non era d’accordo?
– I membri della comitiva hanno tutti avuto modo di esprimere il proprio
parere?
106
4. Con i più grandi
• Successivamente, leggete il brano seguente:

Dopo la riunione tutto procede bene e le cose vanno molto meglio.
Però, dopo un paio di giorni, sorgono nuovi problemi che devono
essere affrontati assieme per evitare che si ripetano.
• Fotocopiate le “situazioni” e distribuitene alcune a ogni gruppo che deve
analizzarle una per volta e cercare di raggiungere una decisione condivi- sa sul
da farsi.
• Quando tutti i gruppi hanno finito di giocare, le “situazioni” vengono
singolarmente analizzate in plenaria e si discutono le proposte.
• L’attività si conclude con una discussione che può essere facilitata usando le
domande che seguono.
Domande
• In questa attività avete usato regole per proteggere i diritti di tutti i membri
della comitiva. Cosa sarebbe successo se non aveste saputo mettervi d’accordo
sulle regole o se tutte le persone le avessero ignorate?
• Cosa rende una regola buona/cattiva?
• E le leggi? Si deve sempre obbedire ad esse anche se sono cattive leggi?
• Alcune leggi o regole non sono scritte, ad esempio le leggi “morali” o
religiose. Perché alcuni gruppi di persone obbediscono a queste regole/leggi,
anche se non vi sono costretti?
• Le regole o leggi sono in genere fatte rispettare con una punizione o con una
sanzione. Probabilmente avete deciso di sanzionare le persone che hanno
violato le regole del campo. Qual è lo scopo delle sanzioni? Quali tipi di sanzioni
sono maggiormente efficaci? Possono essere controproducenti?
Opzioni ulteriori
•
Questa attività potrebbe essere il punto di partenza per creare un complesso di
regole che siano condivise dalla classe e dall’insegnante in modo partecipativo6
6
Per ulteriori spunti cfr. “Fare domande” nel paragrafo Metodi efficaci d’insegnamento, cap. 2,
pp. 3 2 .
107
Primi passi
• In molti Paesi, la pena di morte è la punizione comminata per reati di varia
entità, dall’omicidio a infrazioni come il contrabbando. Questa attività può
essere un punto di partenza per una discussione sull’effettivo valore
deterrente della pena capitale.
“Situazioni” per il gioco In campeggio
Situazione 1
Una persona deve dormire vicino all’ingresso della tenda, che non si
chiude bene. Al mattino, ritrova sempre le proprie cose sparse
all’aperto, sull’erba bagnata, e si lamenta che così si rovinano. Cosa
fate?
Situazione 2
Vi siete messi d’accordo alla riunione sull’organizzazione del
campeggio. C’è però una persona che non le vuole intendere. Come potete
far rispettare le regole?
Situazione 3
Qualcuno ha lasciato il bollitore sul fuoco e se ne è andato a nuotare. Il
bollitore è caduto nel fuoco e lancia scintille verso un angolo della
tenda. Tutti capite che avete un problema di sicurezza. Possono esservene altri. Cosa fate?
Situazione 4
Attingere l’acqua dal pozzo è un lavoro molto noioso; chiunque
preferirebbe andare a nuotare. Accade però che una persona del
gruppo, nuotando, si procura uno stiramento al braccio e non può più
svolgere tale incombenza. Ciò significa che impiegherete più tempo a
trasporta- re l’acqua. Cosa fate?
Situazione 5
Due di voi fumano, le altre persone no e protestano contro l’odore di
fumo nella tenda. Chi fuma, però, pensa che sarebbe giusto avere la
possibilità di farlo nei momenti di relax. Cosa fate?
108
4. Con i più grandi
Situazione 6
Una persona ha portato la radio e ascolta la musica ad alto volume la
mattina presto. Questo fa arrabbiare tutti. Cosa fate?
Situazione 7
Condividete la stessa tenda ma non riuscite a mettervi d’accordo sulle
pulizie: c’è chi vorrebbe che la tenda fosse sempre pulita e chi invece se
ne infischia. Le discussioni stanno turbando l’atmosfera del campeggio.
Cosa fate?
Situazione 8
Qualcuno danneggia una chitarra costosa che appartiene a un’altra
persona ma si rifiuta di pagare i danni. Cosa fate?
Situazione 9
Un’amica o un amico vi raggiunge per un paio di giorni; ha portato la
propria tenda, ma non conosce le regole da voi stabilite di comune
accordo. Cosa fate?
Situazione 10
Due di voi credono che il campeggio dovrebbe avere una regola sull’alcol e il bere. Chiedono una riunione per discutere la faccenda. La
maggior parte di voi è contraria a una proibizione completa. Cosa fate?
2. Ascolto attivo
Obiettivo
Questa attività aiuta a migliorare le capacità di ascolto e a ragionare su cosa
renda l’ascolto “buono” o “cattivo”.
Temi di apprendimento
– Ascoltare è un’abilità importante per rispettare il diritto di opinione di
tutti (cfr. l’articolo 12 della Convenzione internazionale sui diritti
dell’infanzia e l’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti
umani).
– Possiamo migliorare le nostre capacità di ascolto con la pratica.
109
Primi passi
Cosa serve
Le schede Che cosa ci aiuta ad ascoltare? e Che cosa ci impedisce di ascoltare?
presentate nelle pagine che seguono.
Tempo
30 minuti circa
Come si fa
• Dividete la classe in coppie.
• Spiegate che una persona in ogni coppia dovrà parlare senza fermarsi mentre l’altra
persona ascolterà il più attentamente possibile. Chi parla può raccontare ciò che
vuole: per esempio, di sé, della propria famiglia, di un’esperienza interessante…
• Concedete un momento alle coppie per decidere chi parlerà e chi ascolterà.
• Date il segnale di inizio a chi parla.
• Concedete a chi parla di farlo ininterrottamente per un minuto o due. Poi, prima
che inizino a esaurire le cose da dire, battete le mani e chiedete di fermarsi.
• Chiedete a coloro che hanno ascoltato di ripetere al/la compagno/a le ultime due frasi
che quella persona ha detto. Questa richiesta in genere è una grande sorpresa –
poche persone riusciranno a ricordare le due frasi perfettamente!
• Le coppie si scambiano i ruoli.
• Dopo un paio di minuti fermate di nuovo coloro che parlano. È probabile che coloro
che ascoltano questa volta abbiano ascoltato più attenta- mente – così chiedete loro
di ripetere le ultime tre frasi che il/la loro compagno/a ha detto!
• Usate le domande che seguono per delineare i temi di apprendimento.
Domande
• Siete riuscite/i a ricordare le frasi?
• Era più facile ricordarle la seconda volta? Perché?
• Cosa avete fatto per ascoltare meglio? Avete fatto qualcosa di particola- re con il
corpo? Con la faccia? O con la mente?
• Cosa vi ha impedito di ascoltare?
110
4. Con i più grandi
• Dopo aver mostrato alla classe le schede Che cosa ci aiuta ad ascoltare? e Che
cosa ci impedisce di ascoltare?, chiedete: «C’è qualcosa in queste schede a cui
non avevate pensato? Perché?».
• Ascoltare è una capacità importante per rispettare e proteggere i diritti umani.
È particolarmente importante per l’art. 12 della Convenzione internazionale sui
diritti dell’infanzia e l’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti
umani, ma anche per tutti gli altri articoli. Perché è così? Che vantaggi porta
l’ascolto reciproco? Vi siete mai trovate/i in una situazione dove nessuno voleva
ascoltarvi? Come vi sentite quando la vostra opinione viene ignorata? Siete
d’accordo con l’idea che possiamo migliorare le nostre capacità di ascolto con la
pratica?
Opzioni ulteriori
• Se lo ritenete opportuno, potete continuare il gioco scambiando i/le partner o
aumentando il numero di frasi che chi ascolta deve ricordare ogni volta
• Può essere divertente ripetere il gioco, rendendolo più difficile ogni volta, per
molti giorni o settimane, in modo che ragazze e ragazzi possano veder migliorare
il loro ascolto.
Che cosa ci impedisce di ascoltare?
Ascolto intermittente
Le persone pensano più velocemente di quanto parlino. Questo significa
che quando si ascolta qualcuno si ha molto tempo per pensare. Spesso
usiamo questo tempo per pensare al pranzo o cosa abbiamo fatto la sera
prima, invece di pensare a ciò che l’altra persona sta dicendo!
Ascolto con pregiudizio
In ogni parte del mondo ci sono parole o frasi che fanno cessare l’ascolto.
Ad esempio parole come “capitalista”, “comunista”, “fondamentalista”. Quando le persone ascoltano questo genere di parole, smettono di
ascoltare e iniziano a programmare la difesa o un contrattacco.
Ascolto a mente chiusa
Qualche volta decidiamo velocemente che la persona (o l’argomento) è
noiosa, in torto o non interessante e che sappiamo già ciò che dirà.
Allora smettiamo di ascoltare.
111
Primi passi
Ascolto distratto
Rumore, luci, temperatura, altre cose nella stanza, o ciò che abbiamo
mangiato a colazione, possono impedirci di ascoltare quello che le
persone dicono. Comunque, con la pratica, riusciamo ad ascoltare bene
anche in queste circostanze.
Che cosa ci aiuta ad ascoltare?
Ascoltare con il corpo e con la mente…
– Stare di fronte a chi parla
– Avere un buon contatto con gli occhi
– Assumere una postura aperta (non incrociare le braccia, non girarsi di
spalle …)
– Inclinarsi verso chi parla
– Rilassarsi
Ascoltare ciò che si sta dicendo…
– Ascoltare il tema centrale, non solo i “fatti”
– Mantenere la mente aperta
– Pensare in modo costruttivo
– Analizzare e valutare
– Non interrompere
Ascoltare come lo si dice…
– Segni non-verbali (per esempio espressioni del viso, postura del corpo)
– Tono di voce
Ascoltare è importante perché…
– Mostra alle persone che si dà valore alle loro esperienze e a ciò che
dicono
– Incoraggia le persone a parlare francamente e liberamente
– Può aiutare a identificare le aree in cui le persone sono d’accordo o in
disaccordo, e aiuta a individuare delle soluzioni per questi disaccordi.
112
4. Con i più grandi
3. Chi, io? - attività sulla responsabilità
Le attività che seguono sottolineano la responsabilità personale. Un
dilemma morale tratto dall’esperienza di ogni giorno è usato per
ingenerare domande sull’onestà e la responsabilità. Un’altra attività
sulla censura si pone l’obiettivo di far riflettere sull’uso responsabile del
potere. Lo scopo principale di queste attività è mostrare che i diritti
hanno responsabilità corrispondenti.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute nel cap. 3 (pp. 70).
a. Diritti e responsabilità
Obiettivo
Questa breve attività di discussione aiuta a comprendere la relazione tra
diritti e responsabilità
Temi di apprendimento
– Ogni diritto comporta una responsabilità corrispondente
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani. Le
schede Diritti e responsabilità e Diritti “negativi” e “positivi”.
Tempo
45 minuti circa
Come si fa
• Chiedete alla classe di dividersi in coppie. Ogni persona deve scrivere cinque
importanti diritti che pensa tutti dovrebbero avere a scuola e cinque importanti
diritti che pensa tutti dovrebbero avere a casa. Per esempio, il diritto al proprio
spazio.
• Chiedete di scambiare la lista con il/la compagno/a e di pensare alle responsabilità
che corrispondono a ogni diritto elencato dall’altra persona, ad esempio la
responsabilità di rispettare lo spazio delle persone con cui si vive.
113
Primi passi
• Ogni coppia espone al resto della classe due diritti e le responsabilità corrispondenti. Riportate i diritti e le responsabilità su fogli attaccati al muro o
sulla lavagna.
• Chiedete alla classe di leggere la scheda “Diritti e responsabilità”. Avviate una
discussione usando le domande che seguono.
Domande
• È stato facile o difficile pensare alla responsabilità corrispondente a ogni
diritto?
• Nell’esempio sulle cinture di sicurezza (vedi la scheda Diritti e responsabilità)
chi pensate abbia ragione, il governo o le persone che si rifiutano di
indossare le cinture di sicurezza?
• Cosa accadrebbe se qualcuno che conoscete si facesse male perché una
persona alla guida di un veicolo si è rifiutata di indossare la cintura? Come
potrebbe succedere questo? Come vi sentireste?
• Cosa accadrebbe se un bambino malato morisse perché i medici erano
impegnati ad aiutare una persona che si era rifiutata di indossare la cin- tura
e si è fatta male? Guardate la versione semplificata della Dichiarazione
universale dei diritti umani. Quali diritti sono coinvolti in questo esempio?
• Potete pensare ad esempi simili dove altri diritti e responsabilità siano in
conflitto?
Opzioni ulteriori
• Poiché le questioni relative a diritti e responsabilità sono comuni nelle scuole
(per esempio il diritto di usare attrezzature e la responsabilità di non
danneggiarle) questa attività può essere la base per usare il linguaggio dei
diritti e delle responsabilità nelle situazioni di ogni giorno.
• Studentesse, studenti e docenti potrebbero affiggere al muro l’elenco dei
diritti e delle relative responsabilità. Quando si verificano dei conflitti, o
quando emergono altre questioni legate ai diritti, chiunque può libera- mente
integrare la lista. Ad esempio, se una persona ha preso in prestito cose altrui
senza permesso, si può aggiungere alla lista: «Io ho il diritto al rispetto delle
mie cose / Ma io ho anche la responsabilità di rispettare le cose dei miei
compagni». Potrebbe essere utile scrivere in cima alla lista: «Noi tutti abbiamo
il diritto di integrare la lista / Ma noi tutti abbiamo la responsabilità di non
scrivere cose che violino i diritti delle altre persone».
114
4. Con i più grandi
• Per aiutare a chiarire diritti e responsabilità, studentesse e studenti potrebbero
leggere la scheda Diritti “negativi” e “positivi”. Successivamente si può
analizzare la Dichiarazione universale dei diritti umani individuando i diritti
“negativi” e “positivi” – verrà fuori che molti diritti consistono allo stesso tempo
di elementi “negativi” (responsabilità) e elementi “positivi”(diritto).
Diritti e responsabilità
Ogni diritto comporta una responsabilità corrispondente. Per esempio, il
diritto alla libertà di parola è limitato dalla responsabilità di non dire
cose non vere che possano offendere un’altra persona e ledano il suo
diritto alla dignità e alla buona reputazione.
L’equilibrio tra i nostri diritti e le nostre responsabilità nel rispettare i
diritti delle altre persone significa che in genere dobbiamo esercitare i
nostri diritti entro certi limiti.
Ci sono molte situazioni in cui diritti e responsabilità entrano in conflitto.
Per esempio, alcuni paesi hanno leggi che impongono di indossare le
cinture di sicurezza in auto. Molte persone si oppongono a queste leggi,
sostenendo che si tratta di una restrizione al loro diritto di agire liberamente. I governi di questi paesi sostengono invece che le persone in auto
hanno la responsabilità verso gli ospedali, i medici e verso il resto della
società di fare tutto il possibile per evitare di farsi male mentre guidano.
Sostengono inoltre che se le persone non indossano le cinture e si fanno
male, tolgono tempo, soldi e spazio in ospedale alle persone malate, e
dunque limitano il diritto dei malati alla giusta assistenza sanitaria.
Diritti “negativi” e “positivi”
Il termine “diritto negativo” è usato per descrivere un diritto che ci tutela da azioni altrui nocive o spiacevoli. Esempi di diritti negativi sono il
diritto di ogni persona di non essere uccisa o maltrattata o derubata dei
propri averi. Sono diritti negativi perché dicono NO a chi vorrebbe nuocerci.
Il termine “diritto positivo” è usato per descrivere un diritto che dichiara
la libertà di fare qualcosa. Per esempio, il diritto alla retribuzione per il
proprio lavoro è un diritto positivo. Sono diritti positivi perché dicono
che, SÏ, abbiamo questo diritto e che, SÏ, le altre persone devono rispettarlo. Per esempio, i datori di lavoro hanno la responsabilità di pagare chi
lavora.
115
Primi passi
a. Ladro?7
Obiettivo
Questo caso-studio usa un dilemma morale per introdurre al concetto di
responsabilità nella società. Sebbene la persona nel caso-studio sia pagata
per errore molto più del dovuto, ragazze e ragazzi potranno trovare
similitudini con situazioni da loro vissute, come un’occasione in cui abbiano
ricevuto un resto sbagliato in un negozio e abbiano quindi dovuto effettuare
una scelta.
Temi di apprendimento
– Ogni diritto comporta una responsabilità corrispondente. Per esempio, il
diritto di essere giudicati in modo equo dalla legge comporta la
responsabilità corrispondente di rispettare la legge.
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Dividete la classe in gruppi di cinque o sei persone.
• Leggete alla classe il testo che segue

Ogni mese Alessandro deposita una piccola parte dello stipendio sul
suo conto presso una banca locale. Non è molto, ma è l’unico modo in
cui può risparmiare abbastanza per una vacanza con i suoi bambini.
Ogni mese la banca invia ad Alessandro l’estratto conto. Questo mese
Alessandro si accorge che ha molto più denaro di quanto pensasse. Ci
deve essere un errore. Scrive alla banca per dire che gli sono stati
accreditati 2.000 euro in più del dovuto. «No – risponde la banca –
non c’è stato nessun errore. Il denaro è suo». Alessandro scrive di
nuovo. «Abbiamo controllato due volte – replica di nuovo la banca –
non abbiamo commesso nessun errore». Alessandro ancora non è
convinto. Scrive per la terza volta, e la banca gli ribadisce che il
denaro è suo. A questo punto, Alessandro pensa di non avere nien-
7
Ivi
116
4. Con i più grandi
te da perdere. Inizia a spendere il denaro per le cose di cui lui e la sua
famiglia hanno bisogno. Compra mobili nuovi, ridipinge
l’appartamento, e va in vacanza per una settimana con la famiglia.
Qualche tempo dopo, gli impiegati della banca capiscono di aver
commesso un errore. I 2.000 euro che Alessandro ha ricevuto
appartengono a un altro cliente che ha lo stesso nome. La banca
chiede ad Alessandro di restituire il denaro. Egli dà loro ciò che gli è
rimasto, ma ha speso più di 1.000 euro. Alessandro è accusato di
furto. Perché Alessandro sia legalmente dichiarato colpevole di furto,
deve essere provato in tribunale che egli:
-si è comportato in modo disonesto;
-ha preso o tenuto qualcosa che appartiene a un’altra persona;
-aveva intenzione di tenerlo per sempre.
• Chiedete ai gruppi di decidere se Alessandro dovrebbe essere considerato
colpevole di furto. Per rispondere a questo, devono porsi tre domande:
– Alessandro si è comportato in modo disonesto?
– Alessandro si è appropriato di un bene altrui?
– Alessandro intendeva tenerlo?
Se la risposta a tutte e tre le domande è sì, allora Alessandro è colpevole davanti
alla legge.
Se invece la risposta a una o più domande è no, allora non è colpevole.
• Se un gruppo decide che Alessandro è colpevole di furto, quale punizione
pensa che meriterebbe? Per esempio, in Inghilterra, per un reato del genere un
giudice può condannare alla reclusione fino a 10 anni o imporre una sanzione
pecuniaria fino a 2.000 sterline - circa 3.000 euro (scopri quale sarebbe la
punizione nel tuo Paese e comunicalo alla classe).
• Se un gruppo decide che Alessandro non è colpevole, gli farebbe restituire il
denaro che ha speso per la famiglia e la casa?
• Terminata questa parte, raccontate alla classe ciò che è accaduto realmente ad
Alessandro:

Dopo un processo di tre giorni, la giuria ha considerato
Alessandro non colpevole di furto. Le giurie non devono dare
motivazioni per il
loro verdetto, ma si può presumere che i tentativi di Alessandro di
segnalare l’errore all’attenzione della banca abbiano convinto la giuria che egli non aveva intenzioni disoneste. Sebbene Alessandro sia
stato considerato non colpevole di furto, resta però aperto il proble-
117
Primi passi
ma se debba restituire il denaro già speso. Non rientrava nelle
competenze del tribunale occuparsi di questo e la banca deve avviare
un nuovo procedimento giudiziario per reclamare il denaro.
Domande
• Cosa avreste fatto nei panni di Alessandro? Perché?
• Chi doveva correggere l’errore della banca: Alessandro o la banca? Perché?
• La vostra risposta sarebbe differente se la somma di denaro fosse stata maggiore o
minore?
• Per quanto riguarda altri casi? Per esempio, è responsabilità di chi possiede una
macchina chiuderla o è responsabilità delle altre persone non rubarla se non è
chiusa?
• Immaginate di essere un’amica o un amico di Alessandro. Lo denuncereste alla
polizia?
• Chi è responsabile di far rispettare la legge?
• Guardate la versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani.
Quali diritti sono coinvolti in questo caso?
Opzioni ulteriori
• Studentesse e studenti potrebbero scrivere una storia su una situazione in cui
debbano assumersi una responsabilità e prendere una decisione mora- le. Per
esempio, trovano del denaro per strada: lo riconsegnano?
• All’interno di un progetto8, la classe potrebbe studiare il sistema giudiziario
del proprio paese. Molte corti permettono di assistere ai dibatti- menti. Il
progetto potrebbe consistere in un processo simulato in cui si tratta un
caso che coinvolge diritti e responsabilità.
8
Per ulteriori spunti cfr. “Fare domande” nel paragrafo Metodi efficaci d’insegnamento, cap. 2,
pp. 3 3 .
118
4. Con i più grandi
b. Lasciatemi parlare!
Obiettivo
Questa attività esamina i diritti e le responsabilità dell’individuo e dello
Stato per quanto riguarda la libertà di espressione. Poiché si fonda molto
sulla fiducia tra studentesse, studenti e insegnante, è meglio usarla soltanto
quando la classe ha già avuto esperienza di altre attività di insegnamento
dei diritti umani.
Temi di apprendimento
– Ogni diritto comporta una responsabilità corrispondente. Per esempio, il
diritto alla libertà di espressione comporta la responsabilità corrispondente
di rispettare l’opinione altrui.
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani. Scheda
sulla censura (cfr. più avanti).
Tempo
90 minuti
Come si fa
• Chiedete alla classe di immaginare di scrivere al giornale locale (se nella vostra
zona non c’è, potete inventarne uno con la classe: titolo, periodicità, ecc.) una
breve lettera individuale su un aspetto assolutamente sgradito della realtà locale.
Spiegate che queste lettere non saranno diffuse al di fuori della classe e
assicuratevi che non lo siano.
• Quando tutti hanno terminato, dividete la classe in coppie. Chiedete di
scambiarsi le lettere. Ora ogni persona immaginerà di dirigere il giornale locale:
ha ricevuto questa lettera e teme che le autorità locali ne sarebbero contrariate
e dovrà quindi cancellare (censurare) le parti della lettera che giudichi pericolose,
modificandole a sua discrezione.
• Le lettere sono quindi restituite a coloro che le hanno scritte. A gruppi o in
plenaria si discutono le domande elencate più avanti.
• Dopo la discussione, esaminate le informazioni contenute nella scheda sulla
censura e chiedete alla classe di pensare a una sceneggiatura per illustrare
ognuno dei punti. Per esempio, sotto la voce “Cosa si censura” sono elencati gli
“artisti”. Chiedete alla classe quali potrebbero essere le
119
Primi passi
ragioni per censurare un artista. Se il vostro paese ha la censura o l’ha
avuta in passato, fornite esempi concreti della sua applicazione.
Domande
• Avete adottato qualche forma di auto-censura nella redazione della lettera?
Perché/perché no?
• Avete usato un linguaggio offensivo o educato?
• Se avete scritto una lettera cortese, era perché avete sentito la responsabilità
di non urtare i sentimenti altrui o perché temevate una punizione?
• Pensavate più a come migliorare la situazione o volevate soltanto esprimere
la vostra rabbia?
• Cosa avete provato quando la vostra lettera è stata censurata?
• Che aspetto aveva la vostra lettera dopo la censura?
• Come avete scelto cosa cancellare nella lettera da controllare?
• Come pensate che reagireste nei panni di un’autorità locale che ha ricevuto
una lettera di lamentela? Cosa accadrebbe se la lettera contenesse un attacco
personale o usasse un linguaggio offensivo?
• Pensate che un governo abbia la responsabilità di ascoltare tutte le lamentele,
anche se sono “pericolose”? Perché? Perché no?
• Avete scritto lettere “pericolose”?
• Per quale ragione abbiamo svolto questa attività?
Opzioni ulteriori
• Se lo ritenete opportuno, l’attività può essere variata immaginando di
scrivere al giornale della scuola.
• All’interno di un progetto9, chiedete alla classe di passare in rassegna i
giornali per un certo periodo: si può scegliere una notizia e fare un paragone
su come giornali diversi affrontino lo stesso argomento secondo le loro
tendenze.
• Se la classe si appassiona fortemente a una notizia letta sul giornale,
potrebbe scrivere una lettera cortese ai media per esprimere il proprio
punto di vista.
9
Per ulteriori spunti cfr. “Fare domande” nel paragrafo Metodi efficaci d’insegnamento, cap. 2,
pp. 3 3 .
120
4. Con i più grandi
Informazioni sulla censura
La libertà di espressione è un diritto umano sancito dalla Dichiarazione
universale dei diritti umani (art. 19). Molte persone credono che essa sia
il fondamento di una società democratica, altre dicono invece che
troppa libertà di espressione può essere pericolosa. In molti paesi la
libertà di parola è limitata nel caso di discorsi che istighino alla violenza,
al razzismo o al fanatismo. In alcuni paesi, viene censurata anche la
critica al governo.
Chi censura:
– organi ufficiali di censura - governo - legge - media
– funzionari statali - datori di lavoro - sindacati - gruppi di pressione
Cosa si censura:
– informazione - accesso all’informazione - espressione
– azione collettiva - attacchi ai valori costituiti - artisti
– scrittori - opposizione politica - critica alla società
Perché si censura:
– per nascondere l’incompetenza e/o l’informazione - per difendere lo
status quo - per proteggere la politica di governo - per proteggere il
privilegio - per difendere i gruppi vulnerabili, ad esempio i giovani - per
conservare il potere
Come si censura:
– impedendo la realizzazione di qualcosa (censura preventiva)
– punendo dopo l’accaduto (censura repressiva)
Quando si censura:
– prima di un’elezione
– in un momento di rapido cambiamento sociale
– durante un periodo di crisi nazionale/internazionale
– quando un governo è debole e sotto minaccia.
c. Cosa faresti?
Obiettivo
Questo caso-studio su un omicidio politico incoraggia a discutere sulle
responsabilità dello Stato e dell’individuo.
121
Primi passi
Temi di apprendimento
– Ogni diritto comporta una responsabilità corrispondente. Per esempio, il
diritto alla sicurezza personale comporta la responsabilità corrisponden- te
di non ledere la sicurezza altrui.
Cosa serve
Schede Il caso di Luis Diaz, Gli omicidi politici, e Cosa è accadutoQuesti materiali sono riportati più avanti.
Tempo
60 minuti circa
Come si fa
• Leggete, o chiedete di leggere, I l caso di Luis Diaz.
• Spiegate che morti come quella di Luis sono chiamate esecuzioni extra- giudiziali o
omicidi politici. Leggete o chiedete di leggere la scheda informativa sugli omicidi
politici.
• La famiglia di Luis vuole portare le persone responsabili della sua morte in
tribunale. L’esercito intende impedirlo. Chiedete alla classe di discute- re in gruppi di
4 o 5 persone sulle due posizioni. Potete usare le doman- de che seguono per
avviare la discussione:
1. Chi pensate sia responsabile della morte di Luis: l’esercito, il governo, Luis, il
soldato che gli ha sparato?
2. Se i soldati colpevoli fossero puniti, ciò come influirebbe sugli altri membri delle
forze di sicurezza?
3. Se i soldati colpevoli fossero puniti, aumenterebbe o diminuirebbe il potere del
governo, delle forze di sicurezza e dell’esercito? Cosa accadrebbe alla loro
immagine?
4. E se non fossero puniti? L’esercito perderà la fiducia del popolo?
5. È grave che l’esercito perda la fiducia del popolo?
6. Pensate sia giusto dire che i soldati non possono essere perseguiti per aver ucciso
qualcuno, anche in circostanze simili?
7. Se i soldati non fossero puniti, quale effetto avrà questo sulla percezione da
parte dell’opinione pubblica del sistema giudiziario (tribuna- li, giudici, ecc)?
• Chiedete alla classe di immaginare di trovarsi sul luogo dell’omicidio di Luis
e di aver visto, senza essere visti, il viso e il numero di matricola del soldato
che gli ha sparato. Cosa fareste in questa situazione?
122
4. Con i più grandi
–
–
–
–
Andreste a casa e dimentichereste tutto? Sarebbe possibile?
Andreste alla stazione di polizia a raccontarlo?
Direste alla famiglia di Luis o ad altre persone ciò che avete visto?
Fareste qualche altra cosa? Cosa? Perché?
• Al termine di questa attività, si può leggere alla classe la scheda “Cosa è
accaduto”.
Opzioni ulteriori
• Chiedete alla classe di immaginare di essere amici, familiari o colleghi di una
persona vittima di esecuzione extragiudiziale. Chiedete di scrivere una poesia
o una storia o di dipingere un quadro per mostrare come queste persone
possano sentirsi.
• All’interno di un progetto10 chiedete alla classe divisa in gruppi di finge- re che
uno di loro sia una/un giornalista che va a intervistare la famiglia di Luis Diaz
sulla sua morte. Ogni gruppo dovrebbe preparare una picco- la rappresentazione
sull’incontro con la/il giornalista. Alcune domande a cui pensare sono:
– Vogliono parlare alla/al giornalista? È pericoloso? Possono fidarsi di lei/lui?
– Cosa vuole la/il giornalista? Qual è il suo punto di vista sull’omicidio?
– Può contribuire a pubblicizzare l’omicidio?
– I parenti/amici/colleghi di Luis vogliono questo?
• Ogni gruppo può mostrare la propria rappresentazione al resto della classe.
Il caso di Luis Diaz
Il 17 settembre 1992 Luis Enrique Landa Diaz, 21 anni, studente di
medicina alla Carabobo State University di Aragua, Venezuela, stava
partecipando ai festeggiamenti per il XVII anniversario della facoltà di
medicina. Secondo alcune testimonianze, ci fu un alterco – a distanza –
tra studenti e membri di una pattuglia della Guardia Nazionale. Venti di
costo- ro iniziarono a lanciare gas lacrimogeni contro gli studenti.
Alle 14.30 le guardie iniziarono a sparare in direzione degli studenti.
L’intero episodio fu registrato in video. Luis Diaz fu ucciso da un
proiettile alcuni minuti dopo.
10
Per ulteriori spunti cfr. “Fare domande” nel paragrafo Metodi efficaci d’insegnamento, cap. 2,
pp. 3 3 .
123
Primi passi
Venne aperta un’indagine ufficiale sull’omicidio e un membro della
Guardia Nazionale venne identificato come sospetto. Sia la corte civile
che quella militare avviarono dei procedimenti giudiziari.
Nel marzo 1993, però, la corte militare reclamò la giurisdizione esclusiva
sul caso. In passato, i tribunali militari avevano ripetutamente prosciolto
membri delle forze di sicurezza accusati di violazioni dei diritti umani.
I familiari di Luis Diaz, che cercavano pubblicità per l’omicidio, divennero bersaglio di minacce sistematiche. Ricevevano telefonate minatorie e
furono sparati dei colpi d’arma da fuoco contro la loro casa. Nel
dicembre 1992 il padre di Luis fu ferito a un ginocchio da un gruppo di
uomini armati che spararono da un’auto.
Gli omicidi politici
Il termine “esecuzione extragiudiziale” descrive un deliberato omicidio
illegale compiuto su ordine di un governo o con la sua complicità. Se le
autorità rifiutano di investigare su un omicidio ingiustificabile da parte
delle forze di sicurezza o di portare in giudizio le persone responsabili,
allora si tratta di un’esecuzione extragiudiziale di cui il governo è
responsabile. Può essere anche usato il termine “omicidio politico” poiché è più facilmente comprensibile e include omicidi deliberati e arbitrari
da parte di gruppi politici armati.
Gli omicidi politici sono diversi dagli omicidi che si verificano in un contesto legalmente giustificabile. Se una persona viene uccisa per difesa
personale dai soldati o dalla polizia durante un tumulto, allora l’omicidio
potrebbe essere giustificabile legalmente. Inoltre, quando una per- sona
viene giustiziata perché giudicata colpevole dopo un processo imparziale,
lo stato responsabile argomenterà che l’omicidio è legalmente
giustificabile. Se un soldato uccide per ragioni personali ed è punito
come qualsiasi altro assassino, l’omicidio che ha commesso non è
un’esecuzione extragiudiziale. Anche uccidere soldati nemici durante un
combattimento è legale.
Molti governi che fanno ricorso agli omicidi politici sono obbligati dai
trattati a impegnarsi a rispettare i diritti umani. Alcuni governi non
tentano di giustificare il proprio operato. Alcuni usano metodi che
nascondono il crimine. Gli omicidi si compiono di notte, quando le vittime
sono da sole. I corpi vengono mutilati e nascosti per evitare il
riconoscimento. Ma la maggior parte dei governi mentono o
minimizzano i fatti.
124
4. Con i più grandi
Nel giugno 1989, i carri armati dell’esercito cinese massacrarono coloro
che manifestavano per la democrazia in piazza Tian An Men, a Pechino.
Le telecamere ripresero l’avvenimento e fu una notizia da prima pagina
in tutto il mondo. Migliaia di persone ne furono testimoni. Centinaia di
corpi furono trovati in obitori e ospedali. Nonostante ciò, il governo
inizialmente sosteneva che nessuno era stato ucciso. Questa versione fu
corretta in seguito: il governo dichiarò che 200 civili erano stati uccisi a
Pechino in scontri tra soldati e dimostranti, una stima grossolanamente
inferiore alla realtà.
Alcuni governi adducono la giustificazione che la violenza è endemica
nella loro società o che è il frutto di tensioni etniche. In verità la violenza
diviene endemica laddove i diritti umani sono violati e non è un prodotto inevitabile delle tensioni politiche, etniche o religiose. Spesso
esplode o peggiora a causa di precise politiche governative.
Cosa è accaduto
Del caso di Luis si è occupata l’organizzazione per i diritti umani
Amnesty International, lanciando una campagna internazionale.
Persone comuni da tutto il mondo hanno scritto lettere al governo del
Venezuela chiedendo di indagare sulla morte di Luis e di porre fine alle
minacce alla sua famiglia.
Nel luglio 1995, il membro della Guardia Nazionale che aveva sparato a
Luis fu condannato da un tribunale civile a 18 anni di carcere, in attesa
di appello.
Il padre di Luis ha dichiarato che ciò è accaduto: « …grazie alla
pressione internazionale… io avevo già perso la speranza… le
minacce e gli attacchi mi avevano quasi dato il colpo di grazia. Tutto ciò
è cambiato con la vostra campagna».
125
Primi passi
4. Diritti per la vita – attività sull’universalità dei diritti
Le attività che seguono aiutano a capire che tutti gli esseri umani hanno
gli stessi diritti. I nostri diritti possono essere violati, ma non possono
esserci sottratti. Essi ci appartengono, dalla nascita alla morte.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute nel cap. 3 (p. 7 7 ).
a. La ruota dei diritti1
Obiettivo
Questa attività prende spunto dall’esperienza di vita per far ragionare su
come difendere i nostri diritti e quelli delle altre persone.
Temi di apprendimento
– Nel corso della vita abbiamo già difeso i nostri diritti e quelli di altre
persone, anche se non abbiamo usato il linguaggio dei diritti.
Cosa serve
Una lavagna o un cartellone e delle penne
Tempo
60 minuti circa
Come si fa
• Questa attività è per gruppi di circa sei persone. In una classe numerosa,
potreste realizzare l’attività prima con un piccolo gruppo, che svolga poi il
ruolo di facilitazione nei gruppi.
• Dividete la classe in gruppi di circa sei persone, con un facilitatore per ogni
gruppo.
• Il/la facilitatore/trice chiede a ogni persona del gruppo di ricordare un
momento in cui ha difeso i diritti propri o altrui (per esempio, un episodio
della sua infanzia in cui sia stata accusata ingiustamente). Se preferiscono, i
membri del gruppo possono descrivere il ricordo a chi siede
1
Adattato dal workshop EDU sui diritti umani delle donne e l’uguaglianza di genere, presentato dalla ONG croata B.a.B.e, Sljeme, Croazia, marzo 1996.
126
4. Con i più grandi
accanto. Dopo cinque minuti, ogni persona del gruppo dovrebbe avere pronte le
seguenti informazioni:
1. Il momento in cui ho difeso i miei diritti
2. Cosa è accaduto
3. Dove è accaduto
4. Il motivo. Perché mi sono difesa/o
5. Chi o cosa mi ha sostenuto.
• Mentre pensano, il/la facilitatore/trice disegna una grande ruota con dei raggi.
• Chiede quindi a ogni membro di raccontare la propria storia, seguendo i cinque
punti elencati sopra.
• Mentre ogni membro del gruppo racconta la propria storia, il/la facilitatore/trice
scrive dove è avvenuto ogni episodio alla fine di uno dei raggi, e il motivo e le
fonti di sostegno lungo il raggio (per scrivere più facilmente, può riassumere
ciò che viene detto, se la persona è d’accordo)
• Quando tutti hanno raccontato la propria storia, il/la facilitatore/trice può usare
le domande che seguono per delineare i temi di apprendimento.
Domande
• Le vostre esperienze erano simili/differenti? Per esempio, sono avvenute in
pubblico/in privato, a casa/al lavoro?
• Certi luoghi o persone erano sia positivi che negativi?
• Sono state menzionate la legge o le autorità come fonte di sostegno? Perché?
Perché no?
• Come vi siete sentite/i quando avete ricordato la vostra difesa?
• Sono state esperienze positive? Perché? Perché no?
il
sostegno
o
la
solidarietà da
parte di
• Avete sperimentato
amici/colleghi/famiglia? Perché pensate che questo tipo di sostegno sia utile
quando si difendono i diritti umani?
Opzioni ulteriori
• Questa attività è molto flessibile. Si può usare per analizzare ogni tipo di
esperienza passata con gruppi di ogni età. È particolarmente utile per
dimostrare che condividiamo molte esperienze.
• Studentesse e studenti possono leggere i documenti sui diritti umani nel capitolo
5 di questo manuale per vedere quali diritti potrebbero essere in relazione con
le loro storie.
127
Primi passi
• All’interno di un progetto2, chiedete alla classe di passare in rassegna i
media e le loro esperienze per un fine settimana. Quanti esempi di persone
che difendono i propri diritti è possibile trovare?
b. ”Mignonette”3
Obiettivo
Questa complessa storia morale sul diritto alla vita aiuterà studentesse e studenti a ragionare su come funzionano i diritti nella pratica quotidiana. Si
lega bene anche con le attività sul conflitto presentate nel capitolo 6.
Temi di apprendimento
– Ogni persona ha diritto alla vita
– Esiste il concetto di “diritti naturali”
Tempo
60 minuti circa
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani.
Come si fa
• Mostrate alla classe l’art.3 della Dichiarazione universale dei diritti umani,
che sancisce il diritto alla vita: «Ogni individuo ha diritto alla vita, alla
libertà e alla sicurezza della propria persona».
• Dividete la classe in gruppi da 5 o 6 persone.
• Leggete alla classe la storia che segue:
Il 19 maggio 1884, quattro uomini salparono dall’Inghilterra per
l’Australia su un panfilo chiamato Mignonette. Erano il capitano
Thomas Dudley, il secondo Edwin Stephens, il marinaio Ned Brooks
e Richard Parker, il mozzo diciassettenne. Il 5 luglio un’onda enorme
si abbatté su un lato del panfilo che cominciò ad affondare. Gli uomini
ebbero il tempo solo di afferrare due lattine di cibo e di calarsi in una
scialuppa prima che il Mignonette affondasse. I quattro sfortunati
marinai si trovarono nel mezzo dell’Oceano Atlantico, a 1.600
miglia dalla terra, con solo alcune verdure in lattina per vivere. Dopo

2
3
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
Tratto e adattato da The Citizenship Foundation, Understand the law, cit.
128
4. Con i più grandi
tre giorni, gli uomini affamati riuscirono a catturare una tartaruga.
Questa fornì loro da mangiare e da bere, ma nove giorni dopo era tutto
finito. Ancora a 1000 miglia dalla terra, senza cibo e solo con
l’occasionale acqua piovana da bere, i navigatori caddero in preda
alla disperazione. Il capitano scrisse a sua moglie in una lettera che,
se non fosse arrivata nessuna nave, «presto moriremo… mi
rammarico di aver intrapreso questo viaggio…». C’era, comunque,
una possibilità di sopravvivenza, almeno per tre membri
dell’equipaggio, per qualche altro giorno. Uno di loro doveva
diventare cibo per gli altri. Il capitano suggerì di estrarre a sorte per
decidere chi di loro dove- va essere ucciso, ma Stephens e Brooks
obiettarono: «se dobbiamo morire», dissero, «dobbiamo morire tutti
insieme». Il giovane Richard Parker, steso quasi in stato di
incoscienza sul fondo della barca, non disse niente.
Dopo altri due giorni senza cibo e acqua, il capitano convinse
Stephens che uno di loro doveva essere sacrificato per salvare gli altri
e che l’ovvio candidato era Richard Parker. Era orfano, senza moglie
né famiglia, ed era già vicino alla morte. Si svegliava dal coma solo di
tanto in tanto per bere l’acqua del mare che faceva peggiora- re le
sue condizioni. Sapevano che la loro barchetta stava andando alla
deriva. Ogni giorno avrebbero potuto avvistare una nave – ma
poteva anche non accadere. Si misero d’accordo che se non fosse
arrivato nessun aiuto entro il giorno successivo, allora avrebbero
ucciso il ragazzo. Nessuno arrivò. Il marinaio Brooks non voleva
partecipare al delitto. Mentre si copriva con una giacca in fondo alla
barca, Dudley e Stephens si inginocchiarono su Parker, in stato di
incoscienza.
«Richard, ragazzo mio – sussurrò il capitano – è arrivato il tuo
momento». Stephens era in piedi pronto a tenere i piedi del ragazzo
ma non ce ne fu bisogno. Era troppo malridotto per combattere
quando il capitano estrasse un coltellino e glielo conficcò nel collo,
uccidendolo all’istante. Tutti e tre gli uomini bevvero il sangue e
mangiarono il cuore e il fegato di Richard per i tre giorni successivi.
Il quarto giorno, furono avvistati da una nave tedesca, il Montezuma.
I tre uomini erano molto deboli. Il capitano e il suo secondo dovettero essere issati a bordo con una corda.
Gli uomini sbarcarono in Inghilterra il 7 settembre. Dudley, Stephens
e Brooks andarono dalle autorità e spiegarono le ragioni della morte
del ragazzo.
129
Primi passi
• Chiedete ai gruppi di rispondere alle seguenti domande:
_. Pensate che i tre uomini abbiano agito in modo sbagliato?
_ Avrebbero dovuto essere accusati di un delitto?
– Tutti avrebbero dovuto essere accusati dello stesso delitto?
• Successivamente, leggete alla classe il seguito della storia:

Episodi simili erano già avvenuti in precedenza, e così Dudley, Stephens
e Brooks rimasero molto sorpresi quando furono in prima istanza
accusati di omicidio. In un secondo momento l’accusa contro il
marinaio Brooks fu lasciata cadere. Ci fu molto interesse
nell’opinione pubblica per questa storia che fu seguita in dettaglio dai
giornali. Fu raccolto del denaro per pagare gli avvocati che
difendevano gli uomini in tribunale. Al processo, tutti erano
d’accordo sui fatti, ma la giuria si trovò di fronte a un compito
difficile. Simpatizzavano con i tre uomini e avrebbero voluto essere
d’accordo sul fatto che non fosse sbagliato per una persona
ucciderne un’altra per salvarsi la vita. Ma riconobbero che uccidere
intenzionalmente chi non minaccia la tua vita deve considerarsi
omicidio. Il giudice offrì alla giuria una via d’uscita permettendole di
adottare l’inusitato provvedimento di un “verdetto speciale”. In esso la
giuria ricostruì i fatti ma rimandò a un comitato di cinque giudici la
decisione sulla colpevolezza o meno di Dudley e Stephens.
• Chiedete ai gruppi di rispondere alle seguenti domande:
– Se voi foste stati uno dei cinque giudici, avreste trovato Dudley e Stephens colpevoli
o no di omicidio?
– Perché?
– Se colpevoli, come avrebbero dovuto essere puniti?
• In seguito, raccontate alla classe cosa è successo:

La corte emanò un verdetto di colpevolezza per Dudley e Stephens. La
sentenza per l’omicidio era la morte, ma in questo caso fu commutata
in sei mesi di carcere. Per gli standard del tempo e a paragone con il
trattamento ricevuto da altri marinai in situazioni simili, la sentenza fu
comunque considerata da molte persone troppo severa.
Domande
• Il diritto alla vita di Richard Parker è stato violato. E per quanto riguarda il
diritto alla vita degli altri uomini sulla barca?
130
4. Con i più grandi
• Cosa avreste fatto voi? Morireste piuttosto che uccidere un’altra persona?
• Questa storia è accaduta 64 anni prima che fosse stilata la Dichiarazione
universale dei diritti umani. Questo cambia qualcosa riguardo al diritto alla
vita di Richard Parker?
• Alcuni affermano che esistono leggi “naturali” e diritti che sono sempre esistiti
e che sono di senso comune e giusti. Per esempio, il diritto di esse- re liberi
sarebbe un diritto “naturale”. Siete d’accordo con questa idea?
• Per quali altre cose, oltre la vita, pensate che potremmo avere un diritto
“naturale”? Fate un elenco e paragonatelo con i diritti contenuti nella
Dichiarazione universale.
Opzioni ulteriori
• Cosa sarebbe accaduto se gli uomini non avessero raccontato alle autorità di aver
ucciso il ragazzo? Chiedete di scrivere una sceneggiatura, sto- rie, poesie o
lettere in cui immaginino di essere i tre uomini dieci anni dopo l’episodio. Come
si sentirebbero per ciò che hanno fatto? Si sentirebbero colpevoli? Perché?
Perché no?
• Come avreste reagito se Richard Parker fosse stato un vostro amico?
• All’interno di un progetto4, la classe potrebbe fare un sondaggio tra gli amici e
in famiglia, chiedendo «Quali pensi siano i tuoi diritti naturali?». I risultati
potrebbero essere raccolti e usati per una discussione o come base per lavoro
matematico, per esempio rappresentandoli con un grafi- co a torta.
c. La storia di Irina
Obiettivo
Questo caso-studio su una persona i cui diritti sono stati sistematicamente
violati mira a migliorare la conoscenza sulle violazioni dei diritti umani e a
sviluppare l’attitudine che le violazioni possono essere contrastate dalla
gente comune.
Temi di apprendimento
– Gli individui e specialmente i gruppi possono agire per opporsi con successo alle violazioni dei diritti umani.
4
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
131
Primi passi
Cosa serve
Storia di Irina. Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti
umani. Scheda informativa I prigionieri di coscienza.
Tempo
60 minuti circa
Come si fa
• Chiedete alla classe di pensare rapidamente a tutte le ragioni per cui un
governo potrebbe imprigionare una persona in modo legittimo, ad esempio
per omicidio, furto, ecc. Riportate le risposte su un cartellone affisso alla
parete o sulla lavagna. Non impiegate più di cinque minuti per questa parte.
• Leggete, o chiedete di leggere, la scheda informativa I “prigionieri di
coscienza
• Leggete, o chiedete di leggere, la storia di Irina.
• Dividete la classe in gruppi di 5 o 6 persone. Date a ogni gruppo una copia
della versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani.
Chiedete loro di trovare quale dei diritti di Irina è stato violato secondo la
Dichiarazione universale dei diritti umani.
• Se qualche gruppo finisce velocemente, chiedete loro di identificare i metodi
che il gruppo di Amnesty International di Milwaukee ha usato per farla
rilasciare
• Usate le domande che seguono per iniziare una discussione sul caso di
Irina.
Domande
• Pensate che sia stato giusto imprigionare Irina? Perché? Perché no?
• Quale diritto di Irina è stato violato? A cosa pensate che le autorità mirassero
trattandola così?
• I soci di Amnesty International non conoscevano Irina personalmente e non erano
del suo stesso Paese. Perché pensate che si siano preoccupati di ciò che le stava
succedendo?
• Quale effetto, se c’è stato, pensate che le azioni di queste persone abbia- no avuto
sul governo sovietico, il governo degli USA e su Irina? Perché?
• Le autorità che hanno messo in carcere Irina, e altri governi che hanno calpestato i
diritti umani, usano la giustificazione che le persone “nemiche dello S tato”
vengono private dei loro diritti quando agiscono contro lo Stato. La premessa della
Dichiarazione universale dei diritti umani sostiene che tutti abbiamo “diritti uguali e
inalienabili”. Chi pensate che abbia ragione? Perché? Perché è importante?
132
4. Con i più grandi
• Come vorreste che reagisse il mondo se foste voi a finire in carcere
ingiustamente?
Opzioni ulteriori
• Con ragazze e ragazzi più grandi, usate la versione non semplificata della
Dichiarazione universale dei diritti umani.
• Chiedete a studentesse e studenti più grandi di scrivere una poesia dal punto di vista
di una persona in cella d’isolamento o di rappresentare la storia di Irina al resto
della scuola.
• Irina ha scritto poesie sul sapone. Le ragazze e i ragazzi più piccole/i potrebbero
fare un esperimento scrivendo poesie usando l’acqua sulla terra o bastoncini, ecc…

La storia di Irina
Il giorno dopo il suo ventinovesimo compleanno, il 5 marzo 1983,
Irina Ratushinskaya, una poetessa ucraina, fu condannata a sette
anni di lavori forzati e a cinque anni di confino per azione e
propaganda anti-sovietica. La sua condanna si basò su cinque poesie
a proposito delle quali suo marito affermò che avevano a che fare con
la politica tanto quanto il Padre nostro. Irina aveva anche
partecipato a dimostrazioni che chiedevano un rispetto maggiore da
parte del governo per i diritti umani.
Fu messa in carcere nella “Zona Piccola”, un settore speciale per
donne prigioniere politiche, a Barashevo, nella Repubblica
Autonoma della Mordovia, stato della Federazione Russa. La “Zona
Piccola” aveva il regime di prigionia più duro per le donne secondo
la legge sovietica. Irina fece scioperi della fame per protestare contro
le celle non riscaldate e la mancanza di cibo e cure mediche. Soffrì di
numerosi problemi di salute, eppure la famiglia non poteva andarla a
trovare né poteva mandarle medicinali. In risposta ai suoi scioperi
della fame, Irina fu trasferita ai servizi punitivi nella prigione di
Yavas. All’arrivo, fu bastonata fino a perdere conoscenza e lasciata
per tutta la notte svestita sul pavimento in pietra e non le fu concesso
un letto per riprendersi. Dopo i tentativi di accusare i sor- veglianti di
averla percossa, Irina fu messa in isolamento per “simulazione di
sofferenza da percosse”.
In un libro intitolato Grigio è il colore della speranza, ella descrisse la
133
Primi passi
sua prigionia: «Tutte le norme di comportamento umano che vengono
inculcate a ogni essere umano sin dalla culla, sono soggette a
distruzione sistematica e deliberata. È normale voler essere puliti?
Allora prendi la tua porzione di sardine salate attraverso l’apertura
della porta della tua cella con le mani nude! Non ti verranno dati né
piatti né coltelli, nemmeno un foglio di carta per poggiarle. E poi,
pulisciti le mani sporche delle viscere del pesce sui vestiti, perché non
pelle, vivi
puoi avere acqua! Contrai scabbia e funghi della
nell’immondizia, respira il puzzo del secchio di acqua sporca, allora ti
pentirai dei tuoi misfatti! Le donne sono inclini alla modestia? Una
ragione in più per lasciarle nude durante le perquisizioni, e quando
vengono portate al bagno durante le perquisizioni, un intero gruppo
di ufficiali del KGB beffardi e con occhi maliziosi entreranno “per
caso”… a una persona normale ripugnano volgarità e bugie?
Incontrerai una così grande quantità di entrambe, che dovrai dar
fondo a tutte le tue risorse interiori per ricordare che sì, esiste un’altra
realtà!».
Nel 1983 l’organizzazione per i diritti umani Amnesty International
iniziò una campagna per il rilascio di Irina. In particolare, il gruppo
di Amnesty International di Milwaukee, USA, organizzò un’azione
speciale per pubblicizzare la situazione di Irina con articoli di
giornali e riviste e interviste alla radio, inclusa un’intervista alla Voice
of America che molte volte fu trasmessa anche in URSS. Mandarono
petizioni e cartoline sul caso di Irina alle autorità sovietiche e
cercarono di ottenere l’assistenza di autorità statunitensi, incluso il
Presidente. Contattarono anche il marito di Irina e la suocera.
Nel 1985 Amnesty International scoprì che Irina era stata trasferita
in una località sconosciuta. Il gruppo di Milwaukee organizzò un concerto, che fece il tutto esaurito, per il compleanno di Irina e la
Giornata internazionale della donna. Al concerto le sue poesie furono
lette da un famoso poeta e furono fornite al pubblico informazioni sul
caso e istruzioni su come scrivere lettere a suo favore.
Nel 1986 il caso di Irina era diventato molto noto. Il senatore Edward
Kennedy discusse il caso con il segretario generale Mikhail
Gorbachev nella sua visita in URSS. In Inghilterra fu organizzato uno
sciopero della fame a favore di Irina e in Israele gruppi di Amnesty
distribuirono opuscoli su di lei. Studenti di Denver, Colorado,
organizzarono una festa di compleanno e le scrissero ogni giorno.
Finalmente, Irina fu rilasciata il 9 ottobre 1986. Le autorità
sovietiche le permisero anche di viaggiare all’estero per cure
mediche. A Irina era stato proibito di scrivere poesie in prigione e le
134
erano state
135
4. Con i più grandi
negate la carta e il necessario per scrivere. Tuttavia, riusciva a
scrivere poesie incidendole su un grande pezzo di sapone nella sua
cella, le memorizzava, poi le lavava via. Scrisse 300 poesie in questo
modo. Le poesie furono pubblicate dopo il suo arrivo in Occidente.

I prigionieri di coscienza
I “prigionieri di coscienza” sono uomini, donne e minori detenuti per
le loro opinioni, colore, sesso, origine etnica, lingua e religione e che
non hanno usato né sostenuto l’uso della violenza. In tutto il mondo
centinaia di migliaia di persone sono in prigione non perché sono
criminali ma per ciò in cui credono. Sono spesso detenute senza processo o dopo un processo segreto o tenuto in loro assenza. Tali
detenzioni sono contro la Dichiarazione universale dei diritti umani.
Molti prigionieri di coscienza sono privati della loro libertà per la loro
paci- fica dissidenza con il loro governo.
5. Cos’è giusto? – attività sulla giustizia
Le attività che seguono usano la discriminazione subita da donne e
minoranze come mezzo per affrontare il tema dell’ingiustizia. Lo scopo
è dimostrare che ogni giorno un gran numero di persone vede negati i
propri diritti umani e far comprendere che ci si deve opporre a tutto ciò.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute nel cap. 3 (p. 8 4 ).
a. La storia di Vesna5
Obiettivo
Questo caso-studio sulla discriminazione razziale mira a esplorare i temi
della giustizia e dei diritti umani.
5
Tratto e adattato da The Citizenship Foundation, Understand the law, cit.
136
Primi passi
Temi di apprendimento
– La discriminazione, inclusa la discriminazione razziale, è una violazione
dei diritti umani.
Tempo
90 minuti circa
Cosa serve
Una copia della versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti
umani per ogni gruppo.
Come si fa
• Dividete la classe in gruppi di 5 o 6 persone.
• Spiegate alla classe che molti Paesi hanno leggi contro la discriminazione sessuale o
razziale. Anche la Dichiarazione universale dei diritti umani contiene alcuni articoli
contro la discriminazione.
• Chiedete alla classe divisa in gruppi di analizzare parti diverse della versione
semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani per individuare gli articoli
relativi alla discriminazione (Nota: quasi ogni arti- colo è pertinente in qualche
modo).
• Dopo dieci minuti, chiedete a ogni gruppo di illustrare agli altri un arti- colo che
ritengono connesso al problema della discriminazione. Chiedetegli di giustificare
la scelta dando un esempio pratico di come quell’articolo vi si opponga.
• Leggete la storia di Vesna, una donna rom:

Vidi un annuncio nella vetrina di un negozio di abbigliamento per
commessa. Volevano qualcuno tra i 18 e i 23 anni. Io ne ho 19, così
entrai a chiedere informazioni ma la direttrice mi disse di tornare
dopo due giorni perché avevano risposto ancora poche persone. Sono
ritornata la seconda volta e mi disse la stessa cosa. Circa una settimana dopo tornai al negozio. L’annuncio di lavoro era ancora in
vetrina. La direttrice era troppo impegnata per incontrarmi, ma mi
dissero che il posto era stato assegnato. Quando uscii dal negozio ero
così sconvolta che chiesi a una mia amica non-rom di entrare a
chiedere lavoro. Quando uscì mi disse che le avevano fissato un
colloquio per lunedì.
• Successivamente, leggete la versione della direttrice:
136
4. Con i più grandi

Ho pensato che Vesna avrebbe trovato difficoltà a lavorare qui, a
causa della distanza che avrebbe dovuto percorrere ogni giorno.
Sarebbe stato un viaggio di 8 miglia su 2 autobus. Diventa difficile
gestire il negozio se il personale è sempre in ritardo. Preferivo
assumere qualcuno proveniente da questa zona. La persona a cui
ho offerto il lavoro sembrava proprio adatta.
• Chiedete ai gruppi di decidere:
– Pensate che Vesna sia stata discriminata? Perché?
– Se sì, cosa pensate che avrebbe dovuto fare il negozio?
– Cosa poteva fare Vesna in questa situazione? Pensate che i suoi amici non-rom
avrebbero dovuto aiutarla ad avere giustizia? Come?
• Infine, raccontate alla classe cosa è successo:

Vesna portò il suo caso dinanzi a un particolare tribunale europeo
che si occupa dell’applicazione della legge sulla discriminazione. Il
tribunale concordò sul fatto che Vesna fosse stata discriminata.
Furono interrogate molte altre persone che vivevano lontano dal
negozio. La ragazza che aveva ottenuto il lavoro aveva solo 16 anni e
viveva alla stessa distanza di Vesna dal negozio. Il negozio ha dovuto
versare a Vesna del denaro per il danno morale subito.
Domande
• Vesna è stata ingiustamente discriminata a causa della sua origine etnica. La direttrice
non sapeva nulla di lei. Quali gruppi di persone sono discriminati nel vostro Paese?
Perché? Siete d’accordo con questa discriminazione?
• Sapete qualcosa di questi gruppi? Pensate che la vostra conoscenza sia accurata?
• «L’ignoranza incoraggia il pregiudizio e rende possibile la discriminazione». Siete
d’accordo con questa affermazione?
Opzioni ulteriori
• Chiedete alla classe di scrivere storie, poesie, una sceneggiatura o di realizzare
fumetti/illustrazioni su un’occasione in cui si sono sentiti ingiusta- mente
discriminati. Per esempio, a causa del sesso o dell’età. Come sarebbe essere
sempre discriminati? Se acconsentono, esponete i lavori degli studenti e delle
studentesse nella classe.
137
Primi passi
• All’interno di un progetto6, la classe potrebbe studiare un gruppo che viene
discriminato nel proprio Paese, concentrandosi sulla domanda: «Ë giustificata
questa discriminazione?».
b. Lei non lavora
Obiettivo
Questa attività ha come obiettivo di attirare l’attenzione sulla
discriminazione contro le donne e di incoraggiare a combatterla.
Temi di apprendimento
– La discriminazione contro le donne è una violazione dei diritti umani.
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani. Il testo
“Lei non lavora”. Una lavagna o un cartellone.
Tempo
Due lezioni e i compiti a casa
Come si fa
• Leggete o chiedete di leggere il testo Lei non lavora.
• Con tutta la classe, fate una rapida lista di tutti i lavori che deve fare la moglie.
• Fate un brainstorming sulle ragioni per cui il marito non pensa che la moglie
“lavori”. Per esempio, potrebbe essere perché lei non è pagata, o perché lui pensa
che il suo lavoro sia più duro. Dedicate cinque minuti a questa parte.
• Successivamente, fate un brainstorming sulle ragioni per cui gli impegni della moglie
sono un lavoro, ad esempio la sua giornata lavorativa particolarmente lunga.
Dedicate cinque minuti a questa parte.
• Dite alla classe che gli artt. 1 e 2 della Dichiarazione universale dei diritti umani
menzionano specificamente l’uguaglianza tra i sessi. Leggete questi articoli nella
versione completa o in quella semplificata.
• Chiedete alla classe di formare della coppie. Ogni coppia farà un elenco di tutto il
lavoro che si deve fare dentro e intorno alla loro casa.
6
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
138
4. Con i più grandi
• Dopo cinque minuti, avvicinatevi e chiedete a ogni coppia un punto della lista,
fino a esaurimento. Scrivete tutte le proposte su un cartellone o alla lavagna.
• Chiedete alla classe di formare gruppi di 4 o 5 persone. Chiedete a ogni gruppo
di scrivere un questionario per un’indagine sul lavoro domestico nella zona. Le
domande dovrebbero essere formulate in modo tale da riuscire a ottenere la
massima quantità possibile di informazioni; ecco alcuni esempi:
– Chi prepara i pasti in casa?
– Gli uomini e i bambini aiutano in casa?
– Quanto tempo richiede il lavoro domestico?
– Le donne hanno altri lavori da fare?
Probabilmente ogni questionario sarà diverso dagli altri. In alternativa, la classe
potrebbe lavorare insieme per creare un solo questionario.
• Concedete una settimana per fare un’indagine sul lavoro domestico nella
comunità, usando i questionari. Ricordate alla classe di fare domande sia a
uomini che a donne!
• Dopo aver svolto l’indagine, tenete una lezione in cui i gruppi presenta- no una
relazione sotto forma di analisi statistica oppure di resoconto orale; si può anche
usare l’attività Il bastone parlante (vedi pp. 73), durante la quale ogni
studentessa o studente riferisce di una cosa che ha scoperto nel corso
dell’indagine.
• Durante o dopo la relazione, usate le domande seguenti per aiutare studentesse
e studenti ad analizzare i loro risultati:
Domande
• Avete scoperto qualcosa che vi ha sorpreso?
• Cosa avete provato dinanzi a ciò che avete scoperto?
• Le vostre scoperte hanno cambiato il vostro modo di pensare riguardo al lavoro
svolto dalle donne? Perché? Perché no?
• Avete scoperto qualche compito che potrebbe essere svolto solo dagli uomini?
• Avete scoperto qualche compito che potrebbe essere svolto solo dalle donne?
• Ragazzi, vorreste fare tutto il lavoro che fanno le donne? Perché/Perché no?
• E’ giusto che le donne debbano sobbarcarsi tutto questo lavoro?
139
Primi passi
• Cosa possiamo fare in questa classe, o a casa, per trattarci a vicenda più
equamente? Quali compiti possono svolgere gli uomini? Quali le donne?
Quali compiti uomini e donne possono svolgere insieme?
Opzioni ulteriori:
All’interno di un progetto7, chiedete alla classe di calcolare quante ore ci
sono in una settimana e poi di calcolare nella loro famiglia quanto tempo
ogni persona trascorre a dormire, lavorare, rilassarsi, giocare, ecc. I risultati
possono essere riportati in un grafico statistico, o calcolati in percentuali.
Poi fate delle domande come quelle elencate sopra per far riflettere sul peso
del lavoro domestico sopportato dalle donne e sulle differenze tra la vita
dei ragazzi e quella delle ragazze. Le ragazze avranno probabilmente meno
tempo libero dei ragazzi. Concentratevi a esaminare se studentesse e
studenti pensano che la situazione attuale sia giusta.

Lei non lavora
«Hai molti bambini?» chiese il dottore.
«Sedici nati ma solo nove sono in vita», egli rispose.
«Tua moglie lavora?»
«No, sta a casa».
«Capisco. Come passa il tempo?»
«Beh!, si alza alle quattro del mattino, va a prendere acqua e legna,
accende il fuoco e prepara la colazione. Poi va al fiume e lava i vestiti. Quando ha finito va in città per prendere del grano e comprare ciò
che serve al mercato. Poi cucina il pranzo».
«Vai a casa a mezzogiorno?»
«No, no. Il pranzo me lo porta lei nei campi, a circa tre chilometri da
casa».
«E dopo?»
«Beh!, sta dietro ai polli e ai maiali. E ovviamente accudisce i bambini
tutto il giorno. Poi prepara la cena così la trovo pronta quando
rientro».
«Va a letto dopo cena?»
«Io sì, lei no. Ha da fare altre cose per casa fino alle nove».
«Ma dici che tua moglie non lavora?»
«No, te l’ho detto. Sta a casa».
7
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
140
4. Con i più grandi
c. Vantaggi e svantaggi8
Obiettivo
Questa attività aiuta studentesse e studenti a esaminare le proprie attitudini
e percezioni sulle differenze di trattamento nella società tra uomini e
donne.
Temi di apprendimento
– La discriminazione contro le donne è una violazione dei diritti umani.
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani. Carta e
penne.
Come si fa
• Chiedete alla classe di formare gruppi omogenei di maschi e femmine; l’ideale
sarebbe che ci fosse lo stesso numero di gruppi maschili e femminili. Spiegate
che a ogni gruppo sarà richiesto di fare una lista che sarà usata per una
discussione.
• Chiedete a ogni gruppo di maschi di fare una lista dei vantaggi e degli
svantaggi di essere donna. Le femmine fanno lo stesso riguardo all’esse- re
uomo. Concedete 10 minuti per questa attività.
• Gli elenchi dovranno riportare lo stesso numero di vantaggi e svantaggi.
• Successivamente accoppiate ogni gruppo maschile con un gruppo femminile: a
turno, i due gruppi si leggeranno a vicenda gli elenchi e risponde- ranno alle
reazioni l’uno dell’altro.
• Se necessario, per stimolare la discussione usate le domande che seguono:
Domande
• È stato semplice pensare ai vantaggi e agli svantaggi di essere uomo o donna?
Perché? Perché no?
• Vi siete trovate/i a elencare cose che potrebbero essere definite “sessiste”?
• Pensate che simili generalizzazioni sulle persone siano realistiche? Possono
riferirsi a persone che conoscete?
8
Amnesty International USA, HRE Resource Notebook: Women’s rights.
141
Primi passi
• È stata un’attività utile? Perché? Avete imparato qualcosa che prima non
sapevate?
Opzioni ulteriori
• Questa attività può essere usata anche per esaminare altre differenze oltre a
quella di genere, come quelle fondate sull’origine etnica, la classe sociale, la
religione…
6. I miei e tuoi diritti – attività sulle situazioni
in cui i diritti entrano in conflitto
Le attività che seguono utilizzano situazioni immaginarie per aiutare
studentesse e studenti a comprendere che là dove finiscono i diritti di
una persona e cominciano quelli di un’altra possono sorgere dei conflitti.
Nel gioco “E adesso che si fa?” studenti e studentesse devono cooperare
per trovare soluzioni alle situazioni di conflitto.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute cap. 3 (p. 90).
a. E adesso che si fa?9
Obiettivo
Questo appassionante gioco insegna che: 1) può esserci contrasto tra i
bisogni della comunità intera e i diritti dell’individuo; 2) per risolvere tale
contrasto (e altri nella società) è importante discutere attentamente per
raggiungere un accordo soddisfacente per tutte le persone.
Temi di apprendimento
– A volte le persone si trovano in situazioni in cui i loro diritti entrano in
conflitto.
– Questi conflitti possono essere risolti in modo pacifico.
9
Tratto e adattato da The Citizenship Foundation, Understand the law, cit.
142
4. Con i più grandi
Tempo
60 minuti circa
Cosa serve
Lo scenario Atterraggio d’emergenza a Mobius. La plancia di gioco. Le
carte dei problemi
Come si fa
• Chiedete alla classe di dividersi in gruppi di quattro persone.
• Date a ogni gruppo una copia della plancia di gioco e un gruppo di “carte dei
problemi“. Ogni problema deve trovarsi su un foglio separato.
• Leggete lo scenario Atterraggio d’emergenza a Mobius.
• Leggete ad alta voce le regole del gioco.
Regole del gioco
• Mischiate le carte dei problemi e mettetele sul tavolo coperte.
• Pescate un problema alla volta e leggetelo ad alta voce. Ogni problema
•
•
•
•
•
•
ha due opzioni: “A” o “B”. Il gruppo DEVE sceglierne una.
Quando è stata presa una decisione, colorate la plancia di gioco,
iniziando dal fondo e spingendovi verso il disegno del radiofaro
d’emergenza, in alto.
Se prendete la decisione “A”, colorate una casella. Se prendete la
decisione “B”, colorate due caselle.
Continuate con il problema successivo soltanto quando avete finito con il
precedente.
Anche se il punteggio delle scelte “B” è più alto di quello delle scelte
“A”, non dovete scegliere le risposte B solo per muovervi più velocemente. Fate sempre quello che il gruppo ritiene sia giusto, anche se
questo vi fa rallentare.
Non dovete terminare cadendo esattamente sull’ultima casella.
Quando il gruppo raggiunge il radiofaro d’emergenza, contate quante
mosse avete fatto. Segnate il totale delle mosse “A” e “B” nella casella
in fondo alla plancia di gioco.
• Date inizio al gioco. Assicuratevi che tutti abbiano capito le regole, ma non
interferite a meno che non sia strettamente necessario.
143
Primi passi
• Alcuni gruppi finiranno prima di altri. Chiedete loro di discutere delle domande
riportate più avanti finché non finiscono gli altri.
• Quando hanno finito tutti i gruppi, chiedete i loro punteggi, poi leggete il
testo che segue.
Che tipo di gruppo è stato il vostro?
• 8-10 mosse: le vostre decisioni hanno aiutano l’intero gruppo a
raggiungere velocemente la salvezza ma alcune persone potrebbero
esser- si perse per strada.
• 11-13 mosse: avete cercato di far avanzare il gruppo il più velocemente
possibile ma non avete ignorato i bisogni di alcuni membri del gruppo.
• 14-16 mosse: avete anteposto i desideri delle singole persone ai bisogni
del gruppo: il viaggio ha perciò richiesto molto tempo.
• Fatto ciò, rileggete gli Obiettivi del gioco, poi ponete le domande che
seguono.
Domande
• Nel vostro gruppo è stato difficile prendere alcune decisioni? Quali? Perché?
• Alcune decisioni erano più semplici di altre? Perché? Ci sono state decisioni su cui
la maggior parte della classe si è trovata d’accordo? Ci sono state opzioni su cui il
vostro gruppo non riusciva a decidersi? C’erano persone nel vostro gruppo più
energiche nell’esprimere le proprie opinioni? Tutte le persone hanno avuto la
possibilità di dire la propria? Avete mai fatto ricorso al voto per prendere una
decisione?
• Tutti i problemi riguardavano i diritti dell’individuo e del gruppo. Quali diritti erano
coinvolti? (Su questo punto la classe può essere sollecitata a far riferimento alla
versione semplificata della Dichiarazione universale dei diritti umani.)
• Molti dei problemi posti nel gioco spesso si verificano nella vita reale (ad esempio la
condivisione del denaro). Il gruppo di sopravvissuti rappresentava in piccolo la nostra
società. Come vengono prese nella vita reale decisioni come queste? Pensate siano
giusti questi modi di prendere decisioni? Secondo voi danno vita a buoni accordi?
Cos’è un buon accordo? In quale altro modo si possono prendere le decisioni?
144
4. Con i più grandi
Opzioni ulteriori
• Ogni problema è il punto di partenza di una grande discussione. Molti sono in
relazione a questioni come l’aborto, la disabilità, il potere, la distribuzione
globale della ricchezza… All’interno di un progetto10 la classe potrebbe
individuare il parallelo nella vita reale di una delle situazioni immaginate nelle
“carte dei problemi”.
• Chiedete alla classe di scrivere una sceneggiatura, una poesia, una storia o di
dipingere qualcosa su una delle situazioni presentate nelle “carte dei problemi”.
Per esempio, potrebbero fingere di essere la mamma del Problema 5. Come si
sentirà quella donna? Cosa penserà?
• Immaginate che il vostro gruppo abbia deciso di restare sul pianeta. Basandovi
sui problemi, quali tipi di regole potreste darvi per proteggere i diritti delle
persone povere, malate, anziane? Come potrebbero essere concordate e fatte
rispettare?

Atterraggio di emergenza a Mobius
La nave spaziale Voyager della Cosmic Holiday partita dalla Terra
verso il pianeta di vacanze Funfaria si è imbattuta in una tempesta
di meteoriti. Il velivolo è stato seriamente danneggiato e tutti i sistemi
di comunicazione sono andati distrutti prima che si riuscisse a
inviare un segnale d’avaria. Il pilota è riuscito a compiere un
atterraggio d’emergenza su Mobius, il pianeta più vicino.
Il pianeta è pressoché inesplorato ma le persone sopravvissute sanno
che ha un’atmosfera con ossigeno, simile a quella della terra, e che
viaggiatori precedenti hanno installato un radiofaro d’emergenza al
polo nord di Mobius. Sfortunatamente, il velivolo spaziale è
precipitato vicino al polo opposto. Il viaggio verso il radiofaro
potrebbe durare mesi.
Siete nel grande gruppo di sopravvissuti che sta per cominciare il
viaggio verso il faro. Siete riusciti a recuperare un po’ di cibo e
provviste ma, mentre viaggiate, si presentano varie situazioni che
dovete risolvere insieme. Se i problemi non vengono risolti
velocemente, l’intero gruppo potrebbe soffrire e potreste non
raggiungere mai il
radiofaro.
10
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
145
Primi passi
Carte dei problemi
Problema 1
Problema 2
Alcune persone che si sono fatte
male durante l’atterraggio stanno
rallentando il gruppo. Temete di
non
riuscire
ad
arrivare
al
radiofaro prima che il cibo finisca.
Cosa fate?
A una donna del gruppo piace cantare. Sfortunatamente, lo fa in
continuazione. Ad alcune persone
ciò non crea problemi mentre altre
dicono che le fa impazzire. Cosa
fate?
a. Procedete adattandovi al loro
passo lento e rischiate la vita di
tutti?
a. Non fate niente e le permettete
di cantare quando vuole?
b. Le chiedete di smettere di cantare quando si trova accanto ad
altre persone?
b. Li lasciate indietro, a rischio
della morte?
Problema 3
Problema 4
Ci sono dei disaccordi su chi debba
guidare il gruppo. Si sta perdendo
molto tempo dando a tutte le
persone la possibilità di parlare.
Cosa fate?
I membri di una famiglia con un
bambino
gravemente
disabile
dicono che non riescono ad
accudirlo correttamente. Il bambino
sta soffrendo. Cosa fate?
a. Mantenete il sistema per cui
tutti hanno l’opportunità di dire
la propria opinione?
a. Fornite alla famiglia un’altra
persona che possa aiutarli?
b. Non fate niente e lasciate che la
famiglia risolva il problema da
sola?
b. Votate per una/un leader che
possa prendere decisioni velocemente?
146
4. Con i più grandi
Problema 5
Problema 6
Una donna del gruppo ha avuto un
bambino. È malato, e probabilmente
morirà nel cammino. Cosa fate?
Una signora anziana muore. Si
scopre che stava portando con sé
una grande somma di denaro di cui
sua figlia ora rivendica il possesso.
Cosa fate?
a. Fermate il gruppo finché la
madre e il bambino possano
viaggiare?
b.
Procedete sperando
bambino sopravviva?
che
il
a. Permettete alla figlia di tenere i
soldi?
b. Le impedite di impossessarsi del
denaro in modo che non possa
usarlo per comprare ingiuste
quantità di razioni?
Problema 7
Problema 8
Il gruppo trova uno stagno che
contiene un liquido verde pallido.
Il liquido ha l’effetto di far star
bene le persone, ma qualcuna ne
sta bevendo troppo e questo la
rende pigra. Cosa fate?
quattordicenne
si
sta
Un
comportando
davvero
male,
rallentando il cammino del gruppo.
I suoi geni- tori non riescono a
controllarlo ma rifiutano di lasciar
tentare un’altra persona. Cosa
fate?
a. Consentite loro di berlo?
a. Rispettate il volere dei genitori?
b. Impedite completamente di
bere l’acqua dello stagno?
b. Mettete il ragazzo con un’altra
famiglia?
Problema 9
Problema 10
Uno dei capi del gruppo si è
ammalato e ha bisogno di una
trasfusione
di
sangue.
Molte
persone hanno lo stesso gruppo
sanguigno ma nessuna si offre
volontaria per paura di infezioni.
Cosa fate?
C’è una persona che critica sempre
il modo in cui viene guidato il
gruppo. I suoi commenti stanno
influenzando l’atteggiamento delle altre. Cosa fate?
a. Permettete alle persone di
rifiutare se vogliono?
b. Le forzate a donare il sangue?
147
a. Le permettete di continuare?
b. Le dite di stare calma e la
separate dal gruppo?
Primi passi
Problema 11
Problema 12
Una donna del gruppo si rifiuta di
svolgere i compiti che le sono stati
affidati. Dice che è inutile, tanto
sono tutti condannati. È molto
depressa. Cosa fate?
Una coppia di anziani, convinta di
impedire l’avanzare del gruppo,
propone volontariamente di essere
lasciata indietro. Cosa fate?
a. Li aiutate a continuare il viaggio?
a. La lasciate in pace e le
permettete di fare ciò che
vuole?
b. Accettate la proposta?
b. Minacciate di punirla se non
lavora?
Problema 13
Problema 14
Scoprite che la persona che avete
incaricato di sorvegliare le provviste
di cibo ha passato sei anni in
carcere per furto. Finora ha fatto
un ottimo lavoro. Cosa fate?
C’è una contesa tra due membri del
gruppo. Si accordano per un duello
serale. Cosa fate?
a. Lasciate che combattano?
b. Fermate il duello per evitare che
altre persone vi partecipino?
a. Le date fiducia e lasciate che
continui il suo lavoro?
b. Non le concedete possibilità e
mettete
qualcun
altro
a
sorvegliare il cibo?
Problema 15
Problema 16
Sul pianeta fa molto freddo. Alcuni
passeggeri hanno perso i loro
vestiti pesanti quando la navicella è
precipitata. Cosa fate?
Ci sono stati dei furti. Una donna
viene sorpresa mentre prende il
denaro da una borsa. Cosa fate?
a. La punite per il solo crimine che
sapete ha commesso?
a. Permettete alle persone di tenere
i propri vestiti, poiché presto o
tardi le cose inizieranno a
logorarsi?
b. La punite molto severamente
per dare un esempio?
b. Lasciate che tutti si dividano
equamente i vestiti?
148
4. Con i più grandi
QUI VA INSERITO A PIENA PAGINA IL TABELLONE
149
Primi passi
b. Gioco di ruolo sui rifugiati
Obiettivo
Mediante un gioco di ruolo in cui si confrontano differenti punti di vista,
studentesse e studenti si avvicinano al tema del diritto d’asilo.
Temi di apprendimento
– I rifugiati sono un gruppo particolarmente vulnerabile che ha diritti
specifici.
Cosa serve
I materiali del gioco, presentati più avanti. La scheda informativa sui
rifugiati, anch’essa nelle pagine che seguono.
Tempo
60 minuti
Come si fa
• Iniziate con un brainstorming per scoprire le opinioni della classe sui rifugiati.
Scrivete la parola “rifugiato” alla lavagna o su un cartellone e chiedete a
ragazze e ragazzi di dire le prime cose che vengono loro in mente.
• Leggete la scheda informativa sui rifugiati per introdurre l’argomento.
• Leggete ad alta voce il seguente canovaccio (se volete, potete inventare
nomi immaginari per i Paesi X e Y):
È una notte buia, fredda e umida alla frontiera tra X e Y. È appena
arrivata una colonna di profughe/i che scappano dalla guerra in X.
Vogliono attraversare il confine ed entrare in Y. Hanno fame, freddo
e sono stanche/i. Non hanno denaro e nessun documento eccetto il
passaporto. I funzionari dell’Ufficio immigrazione di Y hanno punti di
vista differenti: alcuni vogliono permettere a queste persone di
attraversare il confine, altri no. Le/I profughe/i sono disperate/i e
usano molti argomenti per cercare di persuadere i funzionari.

• Chiedete a un terzo della classe di immaginare di essere i funzionari
dell’Ufficio immigrazione di Y. Date a questo gruppo la scheda Argomenti e
opzioni dei funzionari dell’Ufficio immigrazione.
• Chiedete a un altro terzo della classe di immaginare di essere le/i profughe/i.
Date a questo gruppo la scheda Argomenti e opzioni delle/dei pro- fughe/i.
150
4. Con i più grandi
• Dite a coloro che giocano che possono usare non solo gli argomenti sulle
schede ma anche altri che a loro paiono significativi. Se può essere d’aiuto,
tracciate una linea sul pavimento come simbolo della frontiera. Dite che quando
inizia il gioco di ruolo, i gruppi hanno dieci minuti per raggiungere una
conclusione, che può essere una di quelle in lista, o un’altra.
• Dipende da voi e dalla classe decidere se profughe/i e funzionari dell’Ufficio
immigrazione utilizzeranno i loro argomenti come gruppo o se ogni
partecipante esporrà una propria posizione.
• Chiedete al restante terzo della classe di fungere da osservatori/trici (metà dei
quali può monitorare i funzionari dell’Ufficio immigrazione e l’altra metà le/i
profughe/i).
• Prima che il gioco inizi, date alle/ai partecipanti alcuni minuti per legge- re gli
argomenti e le opzioni e decidere le tattiche.
• Date inizio al gioco. Fermatelo quando lo ritenete opportuno.
• Dopo il gioco di ruolo, discutetene usando le domande che seguono. Ciò è
importante per sottolineare i temi di apprendimento.
Domande
•
•
•
•
Come si è risolta la situazione? Cosa è successo?
Come vi siete sentiti nei panni di una/un profuga/o?
Come vi siete sentiti nei panni di una/un funzionaria/o dell’Ufficio immigrazione?
Secondo la Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati le/i pro- fughe/i
hanno diritto alla protezione. È stato concesso tale diritto? Perché? Perché no?
• Pensi che un Paese dovrebbe avere il diritto di cacciare le/i profughe/i?
• Lo fareste voi personalmente? E se sapeste che vanno incontro alla morte nel loro
Paese?
Opzioni ulteriori
• Se c’è tempo, ripetete il gioco di ruolo a ruoli invertiti.
• L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR) è responsabile della
protezione dei diritti dei rifugiati. Chiedete alla classe, divisa in gruppi, di fingere di
essere una delegazione inviata dall’ACNUR per aiutare le/i profughe/i di X e di
scrivere una relazione ufficiale della missione che tenga conto delle seguenti
domande:
151
Primi passi
– Quali argomenti potreste usare per convincere i funzionari dell’Ufficio
immigrazione a fare entrare le/i profughe/i?
– I funzionari dell’Ufficio immigrazione stanno facendo qualcosa di sbagliato?
– Possono essere utili alcuni degli articoli della Dichiarazione universale dei
diritti umani o della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia?
– In che modo questa relazione potrebbe spingere Y a proteggere i diritti
delle/dei profughe/i?
• All’interno di un progetto11, i rifugiati nel vostro Paese potrebbero esse- re
un utile fonte di informazione
• Chiedete alla classe di scrivere individualmente un resoconto immagina- rio
della scena alla frontiera. Il resoconto potrebbe essere dal punto di vista di
una/un minore rifugiata/o.
• Per passare all’azione, la classe potrebbe raccogliere fondi o beni e inviar- li ai
rifugiati che hanno chiesto protezione nel vostro Paese.
Argomenti e opzioni dei funzionari dell’Ufficio immigrazione
Durante il gioco potete usare i seguenti argomenti ma anche altri che vi
paiono significativi:
• Sono persone ridotte alla disperazione, non possiamo rimpatriarle.
• Se le rimandiamo indietro saremo responsabili se saranno arrestate,
torturate o uccise.
• Abbiamo l’obbligo legale di accogliere profughe/i.
• Non hanno denaro e avranno bisogno di un supporto statale. Il nostro
Paese non può fornirlo.
• Possono provare di essere davvero alla ricerca di protezione? O forse
sono qui soltanto per cercare migliori condizioni di vita?
• Il nostro Paese è legato da rapporti d’affari e militari con X. Non possiamo far vedere che le proteggiamo.
• Ci servono?
• Ci sono già abbastanza rifugiati nel nostro Paese. Dobbiamo occuparci del nostro popolo. Dovrebbero andare in stati più ricchi.
• Se le lasciamo entrare, altri le seguiranno.
• Non parlano la nostra lingua, professano una religione diversa e
mangiano cibo diverso. Non si integreranno.
11
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 3 3 .
152
4. Con i più grandi
• Porteranno problemi politici
Prima di iniziare a giocare, considerate le seguenti opzioni:
• Permetterete a tutte/i le/i profughe/i di attraversare il confine o soltanto ad alcune/i?
• Le/Li dividerete secondo l’età, la professione, la ricchezza…?
• Farete qualche altra cosa?
Argomenti e opzioni delle profughe/i
Durante il gioco potete usare i seguenti argomenti ma anche altri che vi
paiono significativi:
•
•
•
•
•
•
•
•
Ottenere asilo è un nostro diritto.
I nostri bambini hanno fame, avete la responsabilità morale di aiutarci.
Se torniamo indietro saremo uccisi.
Non abbiamo denaro.
Non possiamo andare da nessuna altra parte.
Nel mio Paese esercitavo la professione medica.
Vogliamo soltanto essere protetti finché non sarà sicuro tornare a casa.
Ad altre/i profughe/i è stato permesso di entrare nel vostro Paese.
Prima di iniziare a giocare, considerate le seguenti opzioni:
• Vi dividerete se i funzionari dell’Ufficio immigrazione ve lo chiederanno?
• Tornerete a casa se tenteranno di rimandarvi indietro?
I rifugiati
Una questione di termini: sfollati, migranti, profughi, rifugiati,
richiedenti asilo.
Ogni anno centinaia di migliaia di persone sono costrette a lasciare la
propria casa per molti motivi.
Gli sfollati sono coloro che a causa di guerre o carestie o catastrofi naturali
fuggono dalla propria abitazione e vanno ad abitare altrove, ma nello
stesso Stato.
I migranti sono invece coloro che lasciano il proprio Paese, spesso per un
lungo periodo di tempo.
153
Primi passi
Fra questi, alcuni decidono volontariamente di cercare un lavoro o una
nuova vita altrove: si tratta dei migranti economici. Altri, invece, scappano da situazioni di guerre, carestie o catastrofi naturali: sono i profughi. I
rifugiati, invece, sono costretti a fuggire perché hanno il fondato timo- re
di essere individualmente perseguitati dal loro governo o da altri gruppi
organizzati per motivi di opinione politica, religione, etnia, nazionalità,
provenienza, sesso, orientamento sessuale, o per altri motivi. Coloro che
fuggono cercano quindi protezione presso un altro governo; quando
richiedono che sia loro concessa questa protezione, cioè sia loro
concesso lo status di rifugiato, si chiamano richiedenti asilo.
È bene sapere che in inglese per profughi e rifugiati si usa l’unico
termine di refugees.
Quasi sempre, rifugiati, profughi e sfollati sono costretti a spostarsi
improvvisamente, lasciandosi alle spalle i loro beni, allontanandosi dalle
loro famiglie. Molti non possono più tornare a casa.
Una questione di numeri
A gennaio 2004, secondo le statistiche dell’Alto Commissariato delle
Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR), i rifugiati, i profughi e i
richiedenti asilo nel mondo erano 10,7 milioni; gli sfollati 4,4 milioni. La
maggior parte dei rifugiati e profughi cerca protezione in un Paese
vicino. Sempre a gennaio 2004, il 61% di loro si trovavano in Asia e
Africa, il
25% in Europa, il 13% in Nord e Sud America.
I diritti dei rifugiati in teoria…
I richiedenti asilo e i rifugiati sono tutelati dal diritto internazionale, che
stabilisce alcune regole fondamentali. Ogni persona ha diritto ad
accedere a uno Stato per richiedervi asilo e di essere informata nella
propria lingua del diritto di chiedere asilo. In seguito, ha diritto a che
la sua domanda sia individualmente e accuratamente considerata da un
organo indipendente, che emetta una decisione scritta contro la quale
sia possibile fare appello restando nel territorio dello Stato.
Indipendentemente da queste garanzie, vige il principio generale di non
respingimento (non refoulement) enunciato nell’art. 33 della
Convenzione di Ginevra del 1951 relativa allo Status dei rifugiati (ma
applicabile a tutti gli Stati): «Nessuno Stato Contraente espellerà o
respingerà, in qualsiasi modo, un rifugiato verso i confini di territori in
cui la sua vita o la sua libertà sarebbero minacciate a motivo della sua
razza, della sua religione, della sua cittadinanza, della sua
appartenenza a un gruppo sociale o delle sue opinioni politiche».
154
4. Con i più grandi
Questo significa anche che lo Stato non può espellere o respingere una
persona verso un Paese dal quale si può supporre che sarà espulsa verso
Paesi “a rischio”.
La Convenzione del 1951 afferma anche che i rifugiati non dovrebbero
essere oggetto di discriminazione e dovrebbero godere pieni diritti nel
Paese presso il quale cercano protezione.
…e nella pratica
Molti Paesi, purtroppo, non danno una tutela adeguata ai richiedenti
asilo e ai rifugiati. In Italia, ad esempio, il diritto d’asilo, oltre che dalla
Convenzione di Ginevra, è tutelato dalla Costituzione Italiana (art. 10),
ma da cinquant’anni si attende una legge organica in materia, che dia
piena e completa attuazione a questi principi.
Inoltre, gli stati, soprattutto quelli ricchi, sono spesso discordi su chi
debba ricevere lo status di “rifugiato”: mettono assieme le questioni
relative all’immigrazione economica con quelle legate al diritto di asilo
e, per giustificare le restrizioni nei confronti dei rifugiati, spesso dicono
che non sono davvero vittime di oppressione...
I media e i politici inoltre molte volte chiedono che siano posti limiti al
numero dei rifugiati, dicendo che sono causa di tensione razziale e
penuria di alloggi e di lavoro.
Si dimentica insomma che dare asilo, cioè protezione, a chi lo richiede e
ne ha diritto è un obbligo internazionale.
7. Passare all’azione! Portare i diritti umani
al di fuori della classe
Le attività che seguono aiutano studentesse e studenti, ovunque vivano,
a considerare i diritti umani come qualcosa da difendere e per cui
lottare.
Queste attività possono integrare quelle per ragazze e ragazzi più piccole/i contenute nel cap. 3 (p. 9 5 ).
155
Primi passi
a. La forza dell’azione
Obiettivo
Questo caso-studio su un famoso sostenitore dei diritti umani ha lo scopo di
mostrare la forza dell’azione proponendo l’esempio di una persona che ha
agito con successo per ottenere il rispetto dei propri diritti.
Temi di apprendimento
– Gli individui, e specialmente i gruppi, possono agire per opporsi con
successo alle violazioni dei diritti umani.
Cosa serve
La storia del Mahatma Gandhi.
Tempo
30 minuti circa
Come si fa
• Leggete, o chiedete di leggere, la storia di Gandhi.
• Usate le domande che seguono per avviare una
discussione.
Domande
• Il popolo indiano condusse una protesta non-violenta. Perché pensate che ciò
accadde?
• Se avessero protestato violentemente, per esempio uccidendo soldati
inglesi, cosa pensate che avrebbero fatto gli inglesi? Pensate che sarebbero
morti anche molti indiani?
• Gandhi chiese «la solidarietà mondiale in questa battaglia del Diritto contro la
Potenza». Pensate che gli altri popoli del mondo sarebbero stati altrettanto
solidali se gli indiani avessero attaccato gli inglesi? Perché?
• Pensate che la protesta pacifica fosse la scelta giusta in questo caso? E' negli
altri casi? Per esempio nel vostro Paese?
Opzioni ulteriori
• Presentate alla classe l’esempio di una persona o di un gruppo del vostro
Paese che ha agito per ottenere il rispetto dei propri diritti. All’interno di un
progetto12 la classe potrebbe fare ricerche su questa persona o gruppo e
preparare un cartellone, una storia o una rappresentazione per mostrare i
risultati.
12
Cfr. “Progetti” nel paragrafo Metodi efficaci di insegnamento, cap. 2, pp. 33.
156
4. Con i più grandi

La storia del Mahatma
Gandhi
Il Mahatma (“grande anima”) diede un nuovo significato alla nonviolenza. Disse infatti che non valeva la pena ottenere le cose con la
violenza. Nato nel Gujarat (India) nel 1869, Mohandas Karamchand
Gandhi si specializzò come avvocato in Inghilterra e quindi fece pratica
in Sudafrica. Qui fece esperienza per la prima volta della
discriminazione razziale. C’erano leggi che impedivano alle persone che
non fossero di pelle bianca di fare molte cose, per esempio diventare
avvocato o viaggiare in vagoni di prima classe sui treni. Gandhi notò
che molti neri in Sudafrica erano poveri ed erano trattati male dai
bianchi. Organizzò allora delle proteste ma fu arrestato per la sua lotta
contro l’ingiustizia.
Fin dall’inizio delle sua attività di protesta, Gandhi fu guidato dalle sue profonde convinzioni religiose. Credeva che la violenza fosse sempre sbagliata.
Tornò in India nel 1915. Anche tra gli indiani c’era grande povertà. Gli inglesi
governavano l’India aspramente, riscuotendo tasse che il popolo non poteva
permettersi, impedendo agli indiani di governare il proprio Paese,
scoraggiando la loro industria e usando la forza per controllare il popolo.
Nel 1930 Gandhi scelse per protestare un argomento che sulle prime
non preoccupò gli inglesi perché sembrava di secondaria importanza: la
tassa sul sale. Il sale può essere ricavato dall’acqua marina ma in India
tutto il sale era prodotto e venduto dal governo britannico che
guadagnava su questo commercio. Gandhi disse che il sale
apparteneva all’India e che avrebbe violato questa legge.
Come prima cosa chiese di discutere la questione con il capo del
governo britannico in India, il viceré. Costui rifiutò, pensando non fosse
importante. Allora, il 12 marzo 1930, all’età di 60 anni, Gandhi partì con
i propri seguaci e marciò per 322 km da casa sua fino al mare per fare il
sale. Per 24 giorni il popolo dell’India e il resto del mondo seguirono la
sua avanzata. L’attesa era grande. Il 6 aprile, davanti a migliaia di
spettatori, Gandhi camminò nel mare e raccolse una manciata di sale.
Questo gesto di sfida fu un segnale per la nazione. Lungo tutta la costa
dell’India le persone fecero il sale illegalmente. Egli scrisse: «Voglio la
solidarietà del mondo in questa battaglia del Diritto contro la Potenza».
Un mese dopo Gandhi fu arrestato e decine di migliaia di persone
furono mandate in prigione.
Gandhi e il popolo dell’India trascorsero molti anni a protestare prima che
i britannici finalmente cedessero. Continuarono a marciare, a rifiutarsi di
cooperare e a sfruttare le risorse britanniche lasciandosi imprigionare.
Finalmente, nel 1947 l’India raggiunse il suo obiettivo: i britannici
rinunciarono a governare e l’India divenne indipendente.
157
Primi passi
b. Giochi di ruolo per agire
Obiettivo
Questi giochi di ruolo vogliono incoraggiare ragazze e ragazzi a esercitare i
propri diritti in situazioni reali.
Temi di apprendimento
– Violazioni dei diritti umani possono verificarsi nelle situazioni di ogni
giorno e possono essere fronteggiate da persone “comuni”.
Cosa serve
Versione semplificata della Dichiarazione universale dei d iritti umani. Le
situazioni per i giochi di ruolo presentate più avanti.
Tempo
90 minuti circa
Come si fa
• Chiedete alla classe di dividersi in piccoli gruppi di tre o quattro persone. Leggete la
situazione del gioco di ruolo 1 e chiedete alla classe di identificare gli articoli della
Dichiarazione universale dei diritti umani che possono essere chiamati in causa.
Concedete dai 5 ai 10 minuti per far ciò.
• Fate lo stesso per le situazioni dei giochi di ruolo 2 e 3.
• Gli articoli da prendere in considerazione sono:
– per il gioco di ruolo 1: articoli 2, 6, 7, 13.
– per il gioco di ruolo 2: articoli 20 e 23.
– per il gioco di ruolo 3: articoli 19, 20, 24.
• Successivamente, dividete la classe in tre gruppi e date a ogni gruppo una delle
tre situazioni dei giochi di ruolo. Chiedete a ogni gruppo di interpretare la
propria situazione, inserendo un finale a proprio piacere. Date il tempo
necessario per decidere chi interpreterà ogni singolo ruolo e come
rappresentare il finale della situazione.
• Chiedete a ogni gruppo di rappresentare, a turno, il proprio gioco di ruolo
all’intera classe. Dopo ogni rappresentazione domandate a chi recitava quali
sentimenti ha provato, quindi chiedete all’intera classe di pensare ad altre
possibili conclusioni. Incoraggiate a pensare ai modi in cui le persone nelle
varie situazioni potrebbero evitare che vengano violati i propri diritti.
158
4. Con i più grandi
Opzioni ulteriori
• Se la classe è piccola, o il tempo è poco, alcune persone potrebbero
rappresentare un solo gioco di ruolo per l’intera classe.
Situazioni dei giochi di ruolo
UNO: Ida vuole attraversare il confine per andare a trovare nel Paese
vicino la figlia, che si è sposata lì con un uomo del posto. Le guardie di
frontiera si rifiutano di farla entrare. Dicono che è troppo povera per
permettersi un albergo nel loro Paese.
DUE: Ivan è un addetto alle pulizie in una società di lavaggio auto.
Durante l’inverno spesso si ferisce le mani a causa del freddo e del
ghiaccio. Il capo gli ha detto che non comprerà dei guanti perché sono
molto costosi. Ivan non può permettersi di comprarli da solo e chiede
aiuto al suo sindacato. Quando il capo lo scopre, però, Ivan perde il
posto.
TRE: L’ultimo parco in città sta per essere trasformato in un parcheggio.
Dieci persone del vicinato dimostrano pacificamente nel parco, dicendo
che hanno bisogno di un posto dove rilassarsi e far giocare i loro
bambini. La polizia arriva e dice che non possono dimostrare e che se ne
debbono andare. Le/I dimostranti si siedono sul prato e rifiutano di
andarsene. La polizia le/li rimuove con la forza, picchiando alcune/i di
loro.
159
5. Documenti
sui diritti umani
1. Dichiarazione universale dei diritti umani (ONU, 1948)
Preambolo
Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia
umana e dei loro diritti, uguali e inalienabili, costituisce il fondamento della libertà,
della giustizia e della pace nel mondo.
Considerato che il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno portato ad
atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità e che l’avvento di un mondo in
cui gli esseri umani godano della libertà di parola e di credo e della libertà dal timo- re e
dal bisogno è stato proclamato come la più alta aspirazione dell’uomo.
Considerato che è indispensabile che i diritti umani siano protetti da norme giuridiche,
se si vuole evitare che l’uomo sia costretto a ricorrere come ultima istanza, alla ribellione
contro la tirannia e l’oppressione.
Considerato che è indispensabile promuovere lo sviluppo di rapporti amichevoli tra le Nazioni.
Considerato che i popoli delle Nazioni Unite hanno riaffermato nello Statuto la loro fede
nei diritti fondamentali umani, nella dignità e nel valore della persona umana,
nell’eguaglianza dei diritti umani e della donna, e hanno deciso di promuovere il
progresso sociale e un miglior tenore di vita in una maggiore libertà.
Considerato che gli Stati membri si sono impegnati a perseguire, in cooperazione con
le Nazioni Unite, il rispetto e l’osservanza universale dei diritti umani e delle libertà
fondamentali.
Considerato che una concezione comune di questi diritti e di questa libertà è della
massima importanza per la piena realizzazione di questi impegni.
161
Primi passi
L’ASSEMBLEA GENERALE
proclama
LA PRESENTE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI come ideale comune da
raggiungersi da tutti i popoli e da tutte le Nazioni, al fine che ogni individuo e ogni
organo della società, avendo costantemente presente questa Dichiarazione, si sforzi di
promuovere, con l’insegnamento e l’educazione, il rispetto di questi diritti e di queste
libertà e di garantirne, mediante misure progressive di carattere nazionale e
internazionale, l’universale ed effettivo riconoscimento e rispetto tanto fra i popoli degli
stessi Stati membri, quanto fra quelli dei territori sottoposti alla loro giurisdizione.
Articolo 1
Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di
ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.
Articolo 2
1. A ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente
Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di
lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o
sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.
2. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico
internazionale del Paese o del territorio sia indipendente, o sottoposto ad
amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di
sovranità.
Articolo 3
Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona.
Articolo 4
Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la
tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma.
Articolo 5
Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamento o a punizioni
crudeli, inumane o degradanti.
Articolo 6
Ogni individuo ha diritto, in ogni luogo, al riconoscimento della sua personalità
giuridica.
Articolo 7
Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione, a
una eguale tutela da parte della legge. Tutti hanno diritto a una eguale tutela contro
ogni discriminazione che violi la presente Dichiarazione come contro qualsiasi incitamento a tale discriminazione.
Articolo 8
Ogni individuo ha diritto a un’effettiva possibilità di ricorso a competenti tribunali
nazionali contro atti che violino i diritti fondamentali a lui riconosciuti dalla costituzione
o dalla legge.
162
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 9
Nessun individuo potrà essere arbitrariamente arrestato, detenuto o esiliato.
Articolo 10
Ogni individuo ha diritto, in posizione di piena uguaglianza, a una equa e pubblica
udienza davanti a un tribunale indipendente e imparziale, al fine della determinazione
dei suoi diritti e dei suoi doveri nonché della fondatezza di ogni accusa penale gli
venga rivolta.
Articolo 11
1. Ogni individuo accusato di un reato è presunto innocente sino a che la sua
colpevolezza non sia stata provata legalmente in un pubblico processo nel quale
egli abbia avuto tutte le garanzie necessarie per la sua difesa.
2. Nessun individuo sarà condannato per un comportamento commissivo od omissivo
che, al momento in cui sia stato perpetuato, non costituisse reato secondo il diritto
interno o secondo il diritto internazionale. Non potrà deI pari essere inflitta alcuna
pena superiore a quella applicabile al momento in cui il reato sia stato commesso.
Articolo 12
Nessun individuo potrà essere sottoposto a interferenze arbitrarie nella sua vita
privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, né a lesioni del
suo onore e della sua reputazione.
Ogni individuo ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni.
Articolo 13
1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di
ogni Stato.
2. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio, e di ritornare
nel proprio Paese.
Articolo 14
1. Ogni individuo ha il diritto di cercare e di godere in altri Paesi asilo dalle
persecuzioni.
2. Questo diritto non potrà essere invocato qualora l’individuo sia realmente ricercato
per reati non politici o per azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.
Articolo 15
1. Ogni individuo ha diritto a una cittadinanza.
2. Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua cittadinanza, né del
diritto di mutare cittadinanza.
Articolo 16
1. Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia,
senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. Essi hanno eguali diritti
riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e all’atto del suo scioglimento.
2. Il matrimonio potrà essere concluso soltanto con il libero e pieno consenso dei futuri
coniugi.
3. La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere
protetta dalla società e dallo Stato.
163
Primi passi
Articolo 17
1. Ogni individuo ha il diritto ad avere una proprietà sua personale o in comune con
altri.
2. Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua proprietà.
Articolo 18
Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione tale diritto
include la libertà di cambiare di religione o di credo, e la libertà di manifestare
isolatamente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il
proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.
Articolo 19
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di
non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffonde- re
informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.
Articolo 20
1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di riunione e di associazione pacifica.
2. Nessuno può essere costretto a far parte di un’associazione.
Articolo 21
1. Ogni individuo ha diritto di partecipare al governo del proprio Paese, sia direttamente, sia attraverso rappresentanti liberamente scelti.
2. Ogni individuo ha diritto di accedere in condizioni di eguaglianza ai pubblici impieghi
del proprio Paese.
3. La volontà popolare è il fondamento dell’autorità del governo; tale volontà deve
sere espressa attraverso periodiche e veritiere elezioni, effettuate a suffragio
universale eguale, e a voto segreto, o secondo una procedura equivalente di libera
votazione.
Articolo 22
Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché
alla realizzazione, attraverso lo sforzo nazionale e la cooperazione internazionale e in
rapporto con l’organizzazione e le risorse di ogni Stato, dei diritti economici sociali e
culturali indispensabili alla sua dignità e al libero sviluppo della sua personalità.
Articolo 23
1. Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell’impiego, a giuste e
soddisfacenti condizioni di lavoro e alla protezione contro la disoccupazione.
2. Ogni individuo, senza discriminazione, ha diritto a eguale retribuzione per eguale
lavoro.
3. Ogni individuo che lavora ha diritto a una remunerazione equa e soddisfacente che
assicuri a lui stesso e alla sua famiglia una esistenza conforme alla dignità umana e
integrata, se necessario, da altri mezzi di protezione sociale.
4. Ogni individuo ha diritto di fondare dei sindacati e di aderirvi per la difesa dei propri
interessi.
Articolo 24
Ogni individuo ha diritto al riposo e allo svago, comprendendo in ciò una ragionevole
limitazione delle ore di lavoro e ferie periodiche retribuite.
164
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 25
1. Ogni individuo ha diritto a un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il
benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione al
vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; e ha diritto
alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o
in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti
dalla sua volontà.
2. La maternità e l’infanzia hanno diritto a speciali cure e assistenza. Tutti i bambini
nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale.
Articolo 26
1. Ogni individuo ha diritto all’istruzione. L’istruzione deve essere gratuita almeno per
quanto riguarda le classi elementari e fondamentali. L’istruzione elementare deve
essere obbligatoria. L’istruzione tecnica e professionale deve essere messa alla portata di tutti e l’istruzione superiore deve essere egualmente accessibile a tutti sulla
base del merito.
2. L’istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana e al
rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa deve
promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi
razziali e religiosi, e deve favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento
della pace.
3. I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire
ai loro figli.
Articolo 27
1. Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della
comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico e ai suoi
benefici.
2. Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti
da ogni produzione scientifica, letteraria e artistica di cui egli sia autore.
Articolo 28
Ogni individuo ha diritto a un ordine sociale e internazionale nel quale i diritti e le
libertà enunciati in questa Dichiarazione possano essere pienamente realizzati.
Articolo 29
1. Ogni individuo ha dei doveri verso la comunità, nella quale soltanto è possibile il
libero e pieno sviluppo della sua personalità.
2. Nell’esercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, ognuno deve essere sottoposto soltanto a quelle limitazioni che sono stabilite dalla legge per assicurare il riconoscimento e rispetto dei diritti e delle libertà degli altri e per soddisfare le giuste
esigenze della morale, dell’ordine pubblico e del benessere generale in una società
democratica.
3. Questi diritti e queste libertà non possono in nessun caso essere esercitati in
contrasto con i fini e i principi delle Nazioni Unite.
Articolo 30
Nulla nella presente Dichiarazione può essere interpretato nel senso di implicare un
diritto di un qualsiasi Stato, gruppo o persona di esercitare un’attività o di compiere
un atto mirante alla distruzione di alcuni dei diritti e delle libertà in essa enunciati.
165
Primi passi
2. Versione semplificata della Dichiarazione universale
dei diritti umani
Articolo 1
Quando nascono, i bambini sono liberi e hanno diritto ad essere trattati tutti nello
stesso modo. Hanno tutti ragione e coscienza e devono comportarsi amichevolmente
con gli altri bambini.
Articolo 2
I diritti stabiliti in questa Dichiarazione valgono per tutti. Non importa:
– se sono maschi o femmine
– qual è il colore della loro pelle
– quale lingua parlano
– che cosa pensano
– in quale religione credono
– se sono più o meno ricchi
– a quale gruppo sociale appartengono
– da quale Paese provengono.
Inoltre, non ci deve essere nessuna differenza tra le persone che vivono in un Paese
indipendente e quelle che vivono in un Paese che non lo è.
Articolo 3
Hai il diritto di vivere, e di vivere in libertà e in condizioni sicurezza.
Articolo 4
Nessuno ha il diritto di trattarti da schiavo e tu non devi rendere nessuno tuo schiavo.
Articolo 5
Nessuno ha il diritto di torturarti.
Articolo 6
Hai il diritto di essere protetto dalla legge nello stesso modo in tutte le parti del
mondo.
Articolo 7
La legge è uguale per tutti e deve essere applicata nello stesso modo per tutti.
Articolo 8
Quando i diritti garantiti dal tuo Stato non vengono rispettati, devi avere la possibilità di essere aiutato dalla legge.
Articolo 9
Nessuno ha il diritto di arrestarti, di tenerti in prigione, o di mandarti via dal tuo Paese
ingiustamente, o senza un buon motivo.
Articolo 10
Se devi essere processato, questo deve avvenire in pubblico. Le persone che ti giudicano non devono lasciarsi influenzare dagli altri.
166
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 11
Hai il diritto di essere considerato innocente finché non viene provato che sei colpevole.
Se sei accusato di un reato, devi sempre avere il diritto di difenderti. Nessuno ha il
diritto di condannarti o di punirti per qualcosa che non hai fatto.
Articolo 12
Hai il diritto di essere protetto se qualcuno cerca di danneggiare il tuo buon nome, di
entrare in casa tua, di aprire le tue lettere, o di dare fastidio a te e alla tua famiglia
senza una buona ragione.
Articolo 13
Hai il diritto di muoverti come vuoi all’interno del tuo Paese. Hai il diritto di lasciare il
tuo Paese per un altro e di rientrare nel tuo Paese se lo desideri.
Articolo 14
Se qualcuno ti fa del male, hai il diritto di andare in un altro Paese e chiedere di essere protetto.
Perdi questo diritto se hai ucciso qualcuno e se non rispetti i principi scritti in questa
Dichiarazione.
Articolo 15
Hai il diritto di essere cittadino di un Paese e, se lo desideri, nessuno può impedirti,
senza una buona ragione, di diventare cittadino di un altro Paese.
Articolo 16
Dal momento in cui la legge te lo permette, hai il diritto di sposarti e di avere una
famiglia. In questo, non devono essere considerati ostacoli né il colore della tua pelle,
né il Paese da cui provieni, né la religione. Gli uomini e le donne hanno gli stessi diritti
sia quando sono sposati che quando si separano.
Nessuno ha il diritto di costringere una persona a sposarsi.
Il governo di ogni Paese deve proteggere sia le famiglie che ogni persona che ne fa
parte.
Articolo 17
Hai il diritto di possedere delle cose e nessuno può portartele via senza una buona
ragione.
Articolo 18
Hai il diritto di professare liberamente la tua religione, di cambiarla, e di praticarla sia
da solo che con altre persone.
Articolo 19
Hai il diritto di pensare e di dire quello che vuoi, e nessuno può proibirti di farlo.
Hai il diritto di scambiare le tue idee anche con persone provenienti da altri Paesi.
Articolo 20
Hai il diritto di organizzare riunioni pacifiche o di prendervi parte in modo pacifico. È
sbagliato obbligare qualcuno a fare parte di un gruppo.
167
Primi passi
Articolo 21
Hai il diritto di partecipare alle questioni politiche del tuo Paese, sia facendo parte del
governo, sia scegliendo politici che hanno le tue stesse idee.
I governi devono essere eletti con elezioni periodiche e il voto deve essere segreto. Hai il
diritto di votare e tutti i voti devono avere lo stesso valore. Hai diritto ad accedere ai
pubblici impieghi come tutti gli altri.
Articolo 22
La società in cui vivi deve aiutarti a sviluppare e a usare nella maniera migliore tutte
le possibilità (cultura, lavoro, assistenza sociale) offerte a te e a tutti gli uomini e a
tutte le donne del tuo Paese.
Articolo 23
Hai il diritto di lavorare, di essere libero di scegliere il tuo lavoro, di ricevere uno
stipendio che ti permetta di vivere e di mantenere la tua famiglia. Se un uomo e una
donna fanno lo stesso lavoro devono essere pagati allo stesso modo. Tutte le persone
che lavorano hanno il diritto di unirsi e di difendere insieme i propri interessi.
Articolo 24
Le giornate lavorative non devono essere troppo lunghe, perché tutti hanno il diritto di
riposarsi e di prendersi delle vacanze periodiche e retribuite.
Articolo 25
Hai il diritto di avere tutto quello di cui hai bisogno per garantire a te stesso e alla tua
famiglia: di non ammalarvi; di non avere fame; di avere dei vestiti e una casa; di essere aiutati se siete senza lavoro, se siete ammalati, se siete vecchi, se la moglie o il marito
sono morti, o se non riuscite a guadagnarvi da vivere per qualsiasi altra ragione che non
dipende da voi.
Hanno diritto a ricevere un aiuto speciale sia la madre che sta per avere un bambino
che il suo bambino. Tutti i bambini hanno gli stessi diritti, sia se la madre è sposata sia
se non lo è.
Articolo 26
Hai il diritto di andare a scuola e tutti devono andarci. La scuola elementare deve essere gratuita. Devi poter imparare una professione o continuare gli studi finché lo
desideri. A scuola, devi poter sviluppare le tue capacità e ti devono insegnare ad
andare d’accordo con gli altri indipendentemente dalla loro razza, religione, o dal
Paese dal quale provengono. I tuoi genitori hanno il diritto di scegliere che cosa ti
deve essere insegnato a scuola e in quale modo.
Articolo 27
Hai il diritto di partecipare alle attività artistiche e scientifiche della tua comunità e di
riceverne tutti i vantaggi possibili. Le tue opere di artista, scrittore o scienziato devono essere protette e devi poterne ricavare dei benefici.
Articolo 28
Per fare sì che i tuoi diritti siano rispettati ci deve essere un “ordine” che possa
proteggerli. Questo “ordine” deve essere locale e mondiale.
168
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 29
Hai dei doveri verso la comunità, e solo dentro la comunità la tua personalità può
svilupparsi del tutto. La legge deve garantire i diritti umani e permettere a tutti di
rispettare gli altri e di essere a loro volta rispettati.
Articolo 30
Nessuna società, nessun essere umano, in nessuna parte del mondo, deve prendersi la
responsabilità di comportarsi in modo da distruggere i diritti stabiliti in questa
Dichiarazione.
3. Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia
(ONU, 1989)
Preambolo
Gli Stati parti alla presente Convenzione
Considerando che, in conformità con i principi proclamati nella Carta delle Nazioni
Unite, il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana
nonché l’uguaglianza e il carattere inalienabile dei loro diritti sono le fondamenta
della libertà, della giustizia e della pace nel mondo.
Tenendo presente che i popoli delle Nazioni Unite hanno ribadito nella Carta la loro
fede nei diritti fondamentali umani e nella dignità e nel valore della persona umana
e hanno risolto di favorire il progresso sociale e di instaurare migliori condizioni di vita
in una maggiore libertà.
Riconoscendo che le Nazioni Unite nella Dichiarazione universale dei diritti umani e nei
Patti internazionali relativi ai Diritti Umani hanno proclamato e hanno convenuto che
ciascuno può avvalersi di tutti i diritti e di tutte le libertà che vi sono enunciate,
senza distinzione di sorta in particolare di razza, di colore, di sesso, di lingua, di
religione, di opinione politica o di ogni altra opinione, di origine nazionale o sociale, di
ricchezza, di nascita o di ogni altra circostanza.
Rammentando che nella Dichiarazione universale dei diritti umani le Nazioni Unite
hanno proclamato che l’infanzia ha diritto a un aiuto e a un’assistenza particolari.
Convinti che la famiglia, unità fondamentale della società e ambiente naturale per la
crescita e il benessere di tutti i suoi membri e in particolare dei fanciulli, deve ricevere
la protezione e l’assistenza di cui necessita per poter svolgere integralmente il suo
ruolo nella collettività.
Riconoscendo che il fanciullo ai fini dello sviluppo armonioso e completo della sua
personalità deve crescere in un ambiente familiare in un clima di felicità, di amore e
di comprensione.
In considerazione del fatto che occorre preparare pienamente il fanciullo ad avere una
sua vita individuale nella società, ed educarlo nello spirito degli ideali proclamati nella
169
Primi passi
Carta delle Nazioni Unite, in particolare in uno spirito di pace, di dignità, di
tolleranza, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà.
Tenendo presente che la necessità di concedere una protezione speciale al fanciullo è
stata enunciata nella Dichiarazione di Ginevra del 1924 sui diritti del fanciullo e nella
Dichiarazione dei diritti del fanciullo adottata dall’Assemblea Generale il 20 novembre
1959 e riconosciuta nella Dichiarazione universale dei diritti umani, nel Patto
internazionale relativo ai diritti civili e politici [in particolare negli artt. 23 e 24] nel
Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali [in particolare all’art.
10] e negli Statuti e strumenti pertinenti delle Istituzioni specializzate e delle
Organizzazioni internazionali che si preoccupano del benessere del fanciullo.
Tenendo presente che, come indicato nella Dichiarazione dei diritti umani il fanciullo, a
causa della sua mancanza di maturità fisica e intellettuale, necessita di una
protezione e di cure particolari, ivi compresa una protezione legale appropriata, sia
prima che dopo la nascita.
Rammentando le disposizioni della Dichiarazione sui principi sociali e giuridici
applicabili alla protezione e al benessere dei fanciulli, considerati soprattutto sotto il
profilo della prassi in materia di adozione e di collocamento familiare a livello
nazionale e internazionale; dell’insieme delle regole minime delle Nazioni Unite relative
all’amministrazione della giustizia minorile (Regole di Pechino) e della Dichiarazione
sulla protezione delle donne e dei fanciulli in periodi di emergenza e di conflitto
armato,
Riconoscendo che vi sono in tutti i Paesi del mondo fanciulli che vivono in condizioni
particolarmente difficili e che è necessario prestare loro una particolare attenzione.
Tenendo debitamente conto dell’importanza delle tradizioni e dei valori culturali di
ciascun popolo per la protezione e lo sviluppo armonioso del fanciullo.
Riconoscendo l’importanza della cooperazione internazionale per il miglioramento
delle condizioni di vita dei fanciulli in tutti i Paesi, in particolare nei Paesi in via di
sviluppo.
Hanno convenuto quanto segue
Prima parte
Articolo 1
Ai sensi della presente Convenzione si intende per fanciullo ogni essere umano avente
un’età inferiore a diciotto anni, salvo se abbia raggiunto prima la maturità in virtù
della legislazione applicabile.
Articolo 2
Gli Stati parti si impegnano a rispettare i diritti enunciati nella presente Convenzione e
a garantirli a ogni fanciullo che dipende dalla loro giurisdizione, senza distinzione di
sorta e a prescindere da ogni considerazione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di
religione, di opinione politica o altra del fanciullo o dei suoi genitori o rappresentanti
legali, dalla loro origine nazionale, etnica o sociale, dalla loro situazione finanziaria,
dalla loro incapacità, dalla loro nascita o da ogni altra circostanza.
170
5. Documenti sui diritti umani
Gli Stati parti adottano tutti i provvedimenti appropriati affinché il fanciullo sia
effettivamente tutelato contro ogni forma di discriminazione o di sanzione motivate
dalla condizione sociale, dalle attività, opinioni professate o convinzioni dei suoi
genitori, dei suoi rappresentanti legali o dei suoi familiari.
Articolo 3
1. In tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza delle istituzioni pubbliche o
private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorità amministrative o degli
organi legislativi, l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione
preminente.
2. Gli Stati parti si impegnano ad assicurare al fanciullo la protezione e le cure
necessarie al suo benessere, in considerazione dei diritti e dei doveri dei suoi
genitori, dei suoi tutori o di altre persone che hanno la sua responsabilità legale, e a
tal fine essi adottano tutti i provvedimenti legislativi e amministrativi appropriati.
3. Gli Stati parti vigilano affinché il funzionamento delle istituzioni, servizi e istituti che
hanno la responsabilità dei fanciulli e che provvedono alla loro protezione sia conforme alle norme stabilite dalle autorità competenti in particolare nell’ambito della
sicurezza e della salute e per quanto riguarda il numero e la competenza del loro
personale nonché l’esistenza di un adeguato controllo.
Articolo 4
Gli Stati parti si impegnano ad adottare tutti i provvedimenti legislativi, amministrati- vi
e altri, necessari per attuare i diritti riconosciuti dalla presente Convenzione. Trattandosi
di diritti economici, sociali e culturali essi adottano tali provvedimenti entro i limiti
delle risorse di cui dispongono e, se del caso, nell’ambito della cooperazione
internazionale.
Articolo 5
Gli Stati parti rispettano la responsabilità, il diritto e il dovere dei genitori o, se del
caso, dei membri della famiglia allargata o della collettività, come previsto dagli usi
locali, dei tutori o altre persone legalmente responsabili del fanciullo, di dare a
quest’ultimo, in maniera corrispondente allo sviluppo delle sue capacità,
l’orientamento e i consigli adeguati all’esercizio dei diritti che gli sono riconosciuti
dalla presente Convenzione.
Articolo 6
1. Gli Stati parti riconoscono che ogni fanciullo ha un diritto inerente alla vita.
2. Gli Stati parti assicurano in tutta la misura del possibile la sopravvivenza e lo sviluppo
del fanciullo.
Articolo 7
1. Il fanciullo è registrato immediatamente al momento della sua nascita e da allora
ha diritto a un nome, ad acquisire una cittadinanza e, nella misura del possibile, a
conoscere i suoi genitori e a essere allevato da essi.
2. Gli Stati parti vigilano affinché questi diritti siano attuati in conformità con la loro
legislazione nazionale e con gli obblighi che sono imposti loro dagli strumenti
internazionali applicabili in materia, in particolare nei casi in cui, se ciò non fosse
fatto, il fanciullo verrebbe a trovarsi apolide.
171
Primi passi
Articolo 8
1. Gli Stati parti si impegnano a rispettare il diritto del fanciullo a preservare la propria
identità, ivi compresa la sua nazionalità, il suo nome e le sue relazioni familiari, così
come riconosciute dalla legge, senza ingerenze illegali.
2. Se un fanciullo è illegalmente privato degli elementi costitutivi della sua identità o di
alcuni di essi, gli Stati parti devono concedergli adeguata assistenza e protezione
affinché la sua identità sia ristabilita il più rapidamente possibile.
Articolo 9
1. Gli Stati parti vigilano affinché il fanciullo non sia separato dai suoi genitori contro la
loro volontà a meno che le autorità competenti non decidano, sotto riserva di
revisione giudiziaria e conformemente con le leggi di procedura applicabili, che
questa separazione è necessaria nell’interesse preminente del fanciullo. Una
decisione in questo senso può essere necessaria in taluni casi particolari, ad
esempio quando i genitori maltrattino o trascurino il fanciullo, oppure se vivano
separati e una decisione debba essere presa riguardo al luogo di residenza del
fanciullo.
2. In tutti i casi previsti al paragrafo 1 del presente articolo, tutte le parti interessate
devono avere la possibilità di partecipare alle deliberazioni e di far conoscere le loro
opinioni.
3. Gli Stati parti rispettano il diritto del fanciullo separato da entrambi i genitori o da
uno di essi di intrattenere regolarmente rapporti personali e contatti diretti con
entrambi i genitori, a meno che ciò non sia contrario all’interesse preminente del
fanciullo.
4. Se la separazione è il risultato di provvedimenti adottati da uno Stato parte, come
la detenzione, l’imprigionamento, l’esilio, l’espulsione o la morte (compresa la morte,
quale che ne sia la causa, sopravvenuta durante la detenzione) di entrambi i
genitori o di uno di essi, o del fanciullo, lo Stato parte fornisce dietro richiesta ai
genitori, al fanciullo oppure, se del caso, a un altro membro della famiglia, le
informazioni essenziali concernenti il luogo dove si trovano il familiare o i familiari,
a meno che la divulgazione di tali informazioni possa mettere a repentaglio il
benessere del fanciullo. Gli Stati parti vigilano inoltre affinché la presentazione di
tale domanda non comporti di per sé conseguenze pregiudizievoli per la persona o
per le persone interessate.
Articolo 10
1. In conformità con l’obbligo che incombe agli Stati parti in virtù del paragrafo 1 dell’art. 9, ogni domanda presentata da un fanciullo o dai suoi genitori in vista di
entrare in uno Stato parte o di lasciarlo ai fini di un ricongiungimento familiare sarà
considerata con uno spirito positivo, con umanità e diligenza. Gli Stati parti vigila- no
inoltre affinché la presentazione di tale domanda non comporti conseguenze
pregiudizievoli per gli autori della domanda e per i loro familiari.
2. Un fanciullo i cui genitori risiedono in Stati diversi ha diritto a intrattenere rapporti
personali e contatti diretti regolari con entrambi i suoi genitori, salve circostanze
eccezionali.
A tal fine, e in conformità con l’obbligo incombente agli Stati parti, in virtù del paragrafo 1 dell’art.9, gli Stati parti rispettano il diritto del fanciullo e dei suoi genitori
172
5. Documenti sui diritti umani
di abbandonare ogni Paese, compreso il loro e di fare ritorno nel proprio Paese. Il
diritto di abbandonare ogni Paese può essere regolamentato solo dalle limitazioni
stabilite dalla legislazione, necessarie ai fini della protezione della sicurezza interna,
dell’ordine pubblico, della salute o della moralità pubbliche, o dei diritti e delle
libertà altrui, compatibili con gli altri diritti riconosciuti nella presente Convenzione.
Articolo 11
1. Gli Stati parti adottano provvedimenti per impedire gli spostamenti e i non-ritorni
illeciti di fanciulli all’estero.
2. A tal fine, gli Stati parti favoriscono la conclusione di accordi bilaterali o multilaterali
oppure l’adesione ad accordi esistenti.
Articolo 12
1. Gli Stati parti garantiscono al fanciullo capace di discernimento il diritto di
esprimere liberamente la sua opinione su ogni questione che lo interessa, le opinioni
del fanciullo essendo debitamente prese in considerazione tenendo conto della sua
età e del suo grado di maturità.
2. A tal fine, si darà in particolare al fanciullo la possibilità di essere ascoltato in ogni
procedura giudiziaria o amministrativa che lo concerne, sia direttamente, sia tramite un rappresentante o un organo appropriato, in maniera compatibile con le regole
di procedura della legislazione nazionale.
Articolo 13
1. Il fanciullo ha diritto alla libertà di espressione. Questo diritto comprende la libertà
di ricercare, di ricevere e di divulgare informazioni e idee di ogni specie,
indipendentemente dalle frontiere, sotto forma orale, scritta, stampata o artistica, o
con ogni altro mezzo a scelta del fanciullo.
2. L’esercizio di questo diritto può essere regolamentato unicamente dalle limitazioni
stabilite dalla legge e che sono necessarie:
a) al rispetto dei diritti o della reputazione altrui; oppure
b) alla salvaguardia della sicurezza nazionale, dell’ordine pubblico, della salute o
della moralità pubbliche.
Articolo 14
1. Gli Stati parti rispettano il diritto del fanciullo alla libertà di pensiero, di coscienza e
di religione.
2. Gli Stati parti rispettano il diritto e il dovere dei genitori oppure, se del caso, dei
tutori legali, di guidare il fanciullo nell’esercizio del summenzionato diritto in
maniera che corrisponda allo sviluppo delle sue capacità.
3. La libertà di manifestare la propria religione o convinzioni può essere soggetta
unicamente alle limitazioni prescritte dalla legge, necessarie ai fini del
mantenimento della sicurezza pubblica, dell’ordine pubblico, della sanità e della
moralità pubbliche, oppure delle libertà e diritti fondamentali umani.
Articolo 15
1. Gli Stati parti riconoscono i diritti del fanciullo alla libertà di associazione e alla libertà
di riunirsi pacificamente.
173
Primi passi
2. L’esercizio di tali diritti può essere oggetto unicamente delle limitazioni stabilite
dalla legge, necessarie in una società democratica nell’interesse della sicurezza
nazionale, della sicurezza o dell’ordine pubblico, oppure per tutelare la sanità o la
moralità pubbliche, o i diritti e le libertà altrui.
Articolo 16
1. Nessun fanciullo sarà oggetto di interferenze arbitrarie o illegali nella sua vita
privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza, e neppure
di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione.
2. Il fanciullo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o tali
affronti.
Articolo 17
Gli Stati parti riconoscono l’importanza della funzione esercitata dai mass media e
vigilano affinché il fanciullo possa accedere a una informazione e a materiali
provenienti da fonti nazionali e internazionali varie, soprattutto se finalizzati a
promuovere il suo benessere sociale, spirituale e morale nonché la sua salute fisica e
mentale. A tal fine, gli Stati parti:
a) incoraggiano i mass media a divulgare informazioni e materiali che hanno una
utilità sociale e culturale per il fanciullo e corrispondono allo spirito dell’art. 29;
b) incoraggiano la cooperazione internazionale in vista di produrre, di scambiare e di
divulgare informazioni e materiali di questo tipo provenienti da varie fonti culturali, nazionali e internazionali;
c) incoraggiano la produzione e la diffusione di libri per l’infanzia;
d) incoraggiano i mass media a tenere conto in particolar modo delle esigenze
linguistiche dei fanciulli autoctoni o appartenenti a un gruppo minoritario;
e) favoriscono l’elaborazione di principi direttivi appropriati destinati a proteggere il
fanciullo dalle informazioni e dai materiali che nuocciono al suo benessere in
considerazione delle disposizioni degli artt. 13 e 18.
Articolo 18
1. Gli Stati parti faranno del loro meglio per garantire il riconoscimento del principio
secondo il quale entrambi i genitori hanno una responsabilità comune per quanto
riguarda l’educazione del fanciullo e il provvedere al suo sviluppo. La responsabilità
di allevare il fanciullo e di provvedere al suo sviluppo incombe innanzitutto ai
genitori oppure, se del caso, ai suoi tutori legali i quali devono essere guidati
principalmente dall’interesse preminente del fanciullo.
2. Al fine di garantire e di promuovere i diritti enunciati nella presente Convenzione,
gli Stati parti accordano gli aiuti appropriati ai genitori e ai tutori legali nell’esercizio
della responsabilità che incombe loro di allevare il fanciullo e provvedono alla
creazione di istituzioni, istituti e servizi incaricati di vigilare sul benessere del
fanciullo.
3. Gli Stati parti adottano ogni appropriato provvedimento per garantire ai fanciulli i
cui genitori lavorano il diritto di beneficiare dei servizi e degli istituti di assistenza
all’infanzia, per i quali essi abbiano i requisiti necessari.
174
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 19
1. Gli Stati parti adottano ogni misura legislativa, amministrativa, sociale ed educativa
per tutelare il fanciullo contro ogni forma di violenza, di oltraggio o di brutalità fisiche o mentali, di abbandono o di negligenza, di maltrattamenti o di sfruttamento,
compresa la violenza sessuale, per tutto il tempo in cui è affidato all’uno o all’altro,
o a entrambi, i genitori, al suo tutore legale (o tutori legali), oppure a ogni altra
persona che abbia il suo affidamento.
2. Le suddette misure di protezione comporteranno, in caso di necessità, procedure
efficaci per la creazione di programmi sociali finalizzati a fornire l’appoggio
necessario al fanciullo e a coloro ai quali egli è affidato, nonché per altre forme di
prevenzione, e ai fini dell’individuazione, del rapporto, dell’arbitrato, dell’inchiesta,
della trattazione e dei seguiti da dare ai casi di maltrattamento del fanciullo di cui
sopra; esse dovranno altresì includere, se necessario, procedure di intervento
giudiziario.
Articolo 20
1. Ogni fanciullo il quale è temporaneamente o definitivamente privato del suo
ambiente familiare oppure che non può essere lasciato in tale ambiente nel suo
proprio interesse, ha diritto a una protezione e ad aiuti speciali dello Stato.
2. Gli Stati parti prevedono per questo fanciullo una protezione sostitutiva, in
conformità con la loro legislazione nazionale.
3. Tale protezione sostitutiva può in particolare concretizzarsi per mezzo dell’affidamento familiare, della kafalah di diritto islamico, dell’adozione o, in caso di
necessità, del collocamento in adeguati istituti per l’infanzia. Nell’effettuare una
selezione tra queste soluzioni si terrà debitamente conto della necessità di una certa
continuità nell’educazione del fanciullo, nonché della sua origine etnica, religiosa,
culturale e linguistica.
Articolo 21
Gli Stati parti che ammettono e/o autorizzano l’adozione si accertano che l’interesse
superiore del fanciullo sia la considerazione fondamentale in materia e:
a) vigilano affinché l’adozione di un fanciullo sia autorizzata solo dalle autorità
competenti le quali verificano, in conformità con la legge e con le procedure
applicabili e in base a tutte le informazioni affidabili relative al caso in esame, che
l’adozione può essere effettuata in considerazione della situazione del bambino in
rapporto al padre e alla madre, genitori e tutori legali e che, ove fosse necessario,
le persone interessate hanno dato il loro consenso all’adozione in cognizione di
causa, dopo aver acquisito i pareri necessari;
b) riconoscono che l’adozione all’estero può essere presa in considerazione come un
altro mezzo per garantire le cure necessarie al fanciullo, qualora quest’ultimo non
possa essere affidato a una famiglia affidataria o adottiva oppure essere allevato in
maniera adeguata nel Paese d’origine;
c) vigilano, in caso di adozione all’estero, affinché il fanciullo abbia il beneficio di
garanzie e di norme equivalenti a quelle esistenti per le adozioni nazionali;
d) adottano ogni adeguata misura per vigilare affinché, in caso di adozione all’estero, il
collocamento del fanciullo non diventi fonte di profitto materiale indebito per le
persone che ne sono responsabili;
175
Primi passi
e) perseguono le finalità del presente articolo stipulando accordi o intese bilaterali o
multilaterali a seconda dei casi, e si sforzano in questo contesto di vigilare affinché
le sistemazioni di fanciulli all’estero siano effettuate dalle autorità o dagli organi
competenti.
Articolo 22
1. Gli Stati parti adottano misure adeguate affinché il fanciullo il quale cerca di ottenere lo statuto di rifugiato, oppure è considerato come rifugiato ai sensi delle regole
e delle procedure del diritto internazionale o nazionale applicabile, solo o
accompagnato dal padre o dalla madre o da ogni altra persona, possa beneficiare
della protezione e della assistenza umanitaria necessarie per consentirgli di
usufruire dei diritti che gli sono riconosciuti della presente Convenzione e dagli altri
strumenti internazionali relativi ai diritti umani o di natura umanitaria di cui detti
Stati sono parti.
2. A tal fine, gli Stati parti collaborano, nelle forme giudicate necessarie, a tutti gli
sforzi compiuti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite e dalle altre organizzazioni
intergovernative o non governative competenti che collaborano con
l’Organizzazione delle Nazioni Unite, per proteggere e aiutare i fanciulli che si
trovano in tale situazione e per ricercare i genitori o altri familiari di ogni fanciullo
rifugiato al fine di ottenere le informazioni necessarie per ricongiungerlo alla sua
fami- glia. Se il padre, la madre o ogni altro familiare sono irreperibili, al fanciullo
sarà concessa, secondo i principi enunciati nella presente Convenzione, la stessa
protezione di
quella di
ogni altro fanciullo
definitivamente
oppure
temporaneamente privato del suo ambiente familiare per qualunque motivo.
Articolo 23
1. Gli Stati parti riconoscono che i fanciulli mentalmente o fisicamente handicappati
devono condurre una vita piena e decente, in condizioni che garantiscano la loro
dignità, favoriscano la loro autonomia e agevolino una loro attiva partecipazione alla
vita della comunità.
2. Gli Stati parti riconoscono il diritto dei fanciulli handicappati di beneficiare di cure
speciali e incoraggiano e garantiscono, in considerazione delle risorse disponibili, la
concessione, dietro richiesta, ai fanciulli handicappati in possesso dei requisiti richiesti,
e a coloro i quali ne hanno la custodia, di un aiuto adeguato alle condizioni del
fanciullo e alla situazione dei suoi genitori o di coloro ai quali egli è affidato.
3. In considerazione delle particolari esigenze dei minori handicappati, l’aiuto fornito
in conformità con il paragrafo 2 del presente articolo è gratuito ogni qualvolta ciò
sia possibile, tenendo conto delle risorse finanziarie dei loro genitori o di coloro ai
quali il minore è affidato. Tale aiuto è concepito in modo tale che i minori
handicappati abbiano effettivamente accesso alla educazione, alla formazione, alle
cure sanitarie, alla riabilitazione, alla preparazione al lavoro e alle attività
ricreative e possano beneficiare di questi servizi in maniera atta a concretizzare la più
completa integrazione sociale e il loro sviluppo personale, anche nell’ambito
culturale e spirituale.
4. In uno spirito di cooperazione internazionale, gli Stati parti favoriscono lo scambio di
informazioni pertinenti nel settore delle cure sanitarie preventive e del tratta-
176
5. Documenti sui diritti umani
mento medico, psicologico e funzionale dei minori handicappati, anche mediante la
divulgazione di informazioni concernenti i metodi di riabilitazione e i servizi di
formazione professionale, nonché l’accesso a tali dati, in vista di consentire agli Stati
parti di migliorare le proprie capacità e competenze e di allargare la loro esperienza
in tali settori. A tal riguardo, si terrà conto in particolare delle necessità dei Paesi in
via di sviluppo.
Articolo 24
1. Gli Stati parti riconoscono il diritto del minore di godere del miglior stato di salute
possibile e di beneficiare di servizi medici e di riabilitazione. Essi si sforzano di
garantire che nessun minore sia privato del diritto di avere accesso a tali servizi.
2. Gli Stati parti si sforzano di garantire l’attuazione integrale del summenzionato
diritto e in particolare adottano ogni adeguato provvedimento per:
a) diminuire la mortalità tra i bambini lattanti e i fanciulli;
b) assicurare a tutti i minori l’assistenza medica e le cure sanitarie necessarie, con
particolare attenzione per lo sviluppo delle cure sanitarie primarie;
c) lottare contro la malattia e la malnutrizione, anche nell’ambito delle cure
sanitarie primarie, in particolare mediante l’utilizzazione di tecniche agevolmente
disponibili e la fornitura di alimenti nutritivi e di acqua potabile, tenendo conto dei
peri- coli e dei rischi di inquinamento dell’ambiente naturale;
d) garantire alle madri adeguate cure prenatali e postnatali;
e) fare in modo che tutti i gruppi della società, in particolare i genitori e i minori,
ricevano informazioni sulla salute e sulla nutrizione del minore, sui vantaggi dell’allattamento al seno, sull’igiene e sulla salubrità dell’ambiente e sulla prevenzione
degli incidenti e beneficino di un aiuto che consenta loro di mettere in pratica tali
informazioni;
f) sviluppare le cure sanitarie preventive, i consigli ai genitori e l’educazione e i
servizi in materia di pianificazione familiare.
3. Gli Stati parti adottano ogni misura efficace atta ad abolire le pratiche tradizionali
pregiudizievoli per la salute dei minori.
4. Gli Stati parti si impegnano a favorire e incoraggiare la cooperazione internazionale
in vista di ottenere gradualmente una completa attuazione del diritto
riconosciuto nel presente articolo. A tal fine saranno tenute in particolare
considerazione le necessità dei Paesi in via di sviluppo.
Articolo 25
Gli Stati parti riconoscono al fanciullo che è stato collocato dalla autorità competente
al fine di ricevere cure, una protezione oppure una terapia fisica o mentale, il diritto a
una verifica periodica di detta terapia e di ogni altra circostanza relativa alla sua collocazione.
Articolo 26
1. Gli Stati parti riconoscono a ogni fanciullo il diritto di beneficiare della sicurezza
sociale, compresa la previdenza sociale, e adottano le misure necessarie per
garantire una completa attuazione di questo diritto in conformità con la loro
legislazione nazionale.
177
Primi passi
2. Le prestazioni, se necessarie, dovranno essere concesse in considerazione delle risorse
e della situazione del minore e delle persone responsabili del suo mantenimento e
tenendo conto di ogni altra considerazione relativa a una domanda di prestazione
effettuata dal fanciullo o per suo conto.
Articolo 27
1. Gli Stati parti riconoscono il diritto di ogni fanciullo a un livello di vita sufficiente
per consentire il suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale e sociale.
2. Spetta ai genitori o ad altre persone che hanno l’affidamento del fanciullo la
responsabilità fondamentale di assicurare, entro i limiti delle loro possibilità e dei
loro mezzi finanziari, le condizioni di vita necessarie allo sviluppo del fanciullo.
3. Gli Stati parti adottano adeguati provvedimenti, in considerazione delle condizioni
nazionali e compatibilmente con i loro mezzi, per aiutare i genitori e altre persone
aventi la custodia del fanciullo ad attuare questo diritto e offrono, se del caso,
un’assistenza materiale e programmi di sostegno, in particolare per quanto riguarda
l’alimentazione, il vestiario e l’alloggio.
4. Gli Stati parti adottano ogni adeguato provvedimento al fine di garantire il
mantenimento del fanciullo da parte dei suoi genitori o altre persone aventi una
responsabilità finanziaria nei suoi confronti, sul loro territorio o all’estero. In
particolare, per tener conto dei casi in cui la persona che ha una responsabilità
finanziaria nei confronti del fanciullo vive in uno Stato diverso da quello del
fanciullo, gli Stati parti favoriscono l’adesione ad accordi internazionali oppure la
conclusione di tali accordi, nonché l’adozione di ogni altra intesa appropriata.
Articolo 28
1. Gli Stati parti riconoscono il diritto del fanciullo all’educazione, e in particolare, al
fine di garantire l’esercizio di tale diritto in misura sempre maggiore e in base
all’uguaglianza delle possibilità:
a) rendono l’insegnamento primario obbligatorio e gratuito per tutti;
b) incoraggiano l’organizzazione di varie forme di insegnamento secondario sia
generale che professionale, che saranno aperte e accessibili a ogni fanciullo, e
adottano misure adeguate come la gratuità dell’insegnamento e l’offerta di una
sovvenzione finanziaria in caso di necessità;
c) garantiscono a tutti l’accesso all’insegnamento superiore con ogni mezzo
appropriato, in funzione delle capacità di ognuno;
d) fanno in modo che l’informazione e l’orientamento scolastico e professionale
siano aperte e accessibili a ogni fanciullo;
e) adottano misure per promuovere la regolarità della frequenza scolastica e la
diminuzione del tasso di abbandono della scuola.
2. Gli Stati parti adottano ogni adeguato provvedimento per vigilare affinché la
disciplina scolastica sia applicata in maniera compatibile con la dignità del fanciullo
in quanto essere umano e in conformità con la presente Convenzione.
3. Gli Stati parti favoriscono e incoraggiano la cooperazione internazionale nel
settore dell’educazione, in vista soprattutto di contribuire a eliminare l’ignoranza e
l’analfabetismo nel mondo e facilitare l’accesso alle conoscenze scientifiche e
tecniche e ai metodi di insegnamento moderni. A tal fine, si tiene conto in
particolare delle necessità dei Paesi in via di sviluppo.
178
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 29
1. Gli Stati parti convengono che l’educazione del fanciullo deve avere come finalità: a)
favorire lo sviluppo della personalità del fanciullo nonché lo sviluppo delle sue
facoltà e delle sue attitudini mentali e fisiche, in tutta la loro potenzialità;
b) sviluppare nel fanciullo il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali e
dei principi consacrati nella Carta delle Nazioni Unite;
c) sviluppare nel fanciullo il rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua
lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del Paese nel
quale vive, del Paese di cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua;
d) preparare il fanciullo ad assumere le responsabilità della vita in una società libera,
in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di
amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di
origine autoctona;
e) sviluppare nel fanciullo il rispetto dell’ambiente naturale.
2. Nessuna disposizione del presente articolo o dell’art.28 sarà interpretata in maniera
da nuocere alla libertà delle persone fisiche o morali di creare e di dirigere
istituzioni didattiche, a condizione che i principi enunciati al paragrafo 1 del presente
articolo siano rispettati e che l’educazione impartita in tali istituzioni sia conforme
alle norme minime prescritte dallo Stato.
Articolo 30
Negli Stati in cui esistono minoranze etniche, religiose o linguistiche oppure persone di
origine autoctona, un fanciullo autoctono o che appartiene a una di tali minoranze
non può essere privato del diritto di avere una propria vita culturale, di professare e di
praticare la propria religione o di far uso della propria lingua insieme agli altri membri
del suo gruppo.
Articolo 31
1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a
dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale e artistica.
2. Gli Stati parti rispettano e favoriscono il diritto del fanciullo di partecipare pienamente alla vita culturale e artistica e incoraggiano l’organizzazione, in condizioni di
uguaglianza, di mezzi appropriati di divertimento e di attività ricreative, artistiche
e culturali.
Articolo 32
1. Gli Stati parti riconoscono il diritto del fanciullo di essere protetto contro lo sfruttamento economico e di non essere costretto ad alcun lavoro che comporti rischi o sia
suscettibile di porre a repentaglio la sua educazione o di nuocere alla sua salute o
al suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale o sociale.
2. Gli Stati parti adottano misure legislative, amministrative, sociali ed educative per
garantire l’applicazione del presente articolo. A tal fine, e in considerazione delle
disposizioni pertinenti degli altri strumenti internazionali, gli Stati parti, in
particolare:
a) stabiliscono un’età minima oppure età minime di ammissione all’impiego;
179
Primi passi
b) prevedono un’adeguata regolamentazione degli orari di lavoro e delle condizioni
d’impiego;
c) prevedono pene o altre sanzioni appropriate per garantire l’attuazione effettiva
del presente articolo.
Articolo 33
Gli Stati parti adottano ogni adeguata misura, comprese misure legislative,
amministrative, sociali ed educative per proteggere i fanciulli contro l’uso illecito di
stupefacenti e di sostanze psicotrope, così come definite dalle Convenzioni
internazionali pertinenti e per impedire che siano utilizzati fanciulli per la produzione
e il traffico illecito di queste sostanze.
Articolo 34
Gli Stati parti si impegnano a proteggere il fanciullo contro ogni forma di sfruttamento sessuale e di violenza sessuale. A tal fine, gli Stati adottano in particolare ogni
adeguata misura a livello nazionale, bilaterale e multilaterale per impedire:
a) che dei fanciulli siano incitati o costretti a dedicarsi a una attività sessuale illegale;
b) che dei fanciulli siano sfruttati a fini di prostituzione o di altre pratiche sessuali illegali;
c) che dei fanciulli siano sfruttati ai fini della produzione di spettacoli o di materiale a
carattere pornografico.
Articolo 35
Gli Stati parti adottano ogni adeguato provvedimento a livello nazionale, bilaterale e
multilaterale per impedire il rapimento, la vendita o la tratta di fanciulli per
qualunque fine e sotto qualsiasi forma.
Articolo 36
Gli Stati parti proteggono il fanciullo contro ogni altra forma di sfruttamento
pregiudizievole al suo benessere in ogni suo aspetto.
Articolo 37
Gli Stati parti vigilano affinché:
a) nessun fanciullo sia sottoposto a tortura o a pene o trattamenti crudeli, inumani o
degradanti. Né la pena capitale né l’imprigionamento a vita senza possibilità di
rilascio devono essere decretati per reati commessi da persone di età inferiore a
diciotto anni;
b) nessun fanciullo sia privato di libertà in maniera illegale o arbitraria. L’arresto, la
detenzione o l’imprigionamento di un fanciullo devono essere effettuati in
conformità con la legge, costituire un provvedimento di ultima risorsa e avere la
durata più breve possibile;
c) ogni fanciullo privato di libertà sia trattato con umanità e con il rispetto dovuto alla
dignità della persona umana e in maniera da tener conto delle esigenze delle
persone della sua età. In particolare, ogni fanciullo privato di libertà sarà separato
dagli adulti, a meno che si ritenga preferibile di non farlo nell’interesse preminente
del fanciullo, ed egli avrà diritto di rimanere in contatto con la sua famiglia per
mezzo di corrispondenza e di visite, tranne che in circostanze eccezionali;
d) i fanciulli privati di libertà abbiano diritto ad avere rapidamente accesso a
un’assistenza giuridica o a ogni altra assistenza adeguata, nonché il diritto di
contestare la
180
5. Documenti sui diritti umani
legalità della loro privazione di libertà dinanzi un Tribunale o altra autorità
competente, indipendente e imparziale, e una decisione sollecita sia adottata in
materia.
Articolo 38
1. Gli Stati parti si impegnano a rispettare e a far rispettare le regole del diritto
umanitario internazionale loro applicabili in caso di conflitto armato, e la cui
protezione si estende ai fanciulli.
2. Gli Stati parti adottano ogni misura possibile a livello pratico per vigilare che le
persone che non hanno raggiunto l’età di quindici anni non partecipino
direttamente alle ostilità.
3. Gli Stati parti si astengono dall’arruolare nelle loro forze armate ogni persona che
non ha raggiunto l’età di quindici anni. Nel reclutare persone aventi più di quindi- ci
anni ma meno di diciotto anni, gli Stati parti si sforzano di arruolare con
precedenza i più anziani.
4. In conformità con l’obbligo che spetta loro in virtù del diritto umanitario
internazionale di proteggere la popolazione civile in caso di conflitto armato, gli
Stati parti adottano ogni misura possibile a livello pratico affinché i fanciulli
coinvolti in un conflitto armato possano beneficiare di cure e di protezione.
Articolo 39
Gli Stati parti adottano ogni adeguato provvedimento per agevolare il recupero fisico
e psicologico e il reinserimento sociale di ogni fanciullo vittima di ogni forma di
negligenza, di sfruttamento o di maltrattamenti; di torture o di ogni altra forma di
pene o di trattamenti crudeli, inumani o degradanti, o di un conflitto armato. Tale
recupero e reinserimento devono svolgersi in condizioni tali da favorire la salute, il
rispetto della propria persona e la dignità del fanciullo.
Articolo 40
1. Gli Stati parti riconoscono a ogni fanciullo sospettato, accusato o riconosciuto
colpevole di reato penale il diritto a un trattamento tale da favorire il suo senso
della dignità e del valore personale, che rafforzi il suo rispetto per i diritti umani e
le libertà fondamentali e che tenga conto della sua età nonché della necessità di
facilitare il suo reinserimento nella società e di fargli svolgere un ruolo costruttivo
in seno a quest’ultima.
2. A tal fine, e tenendo conto delle disposizioni pertinenti degli strumenti
internazionali, gli Stati parti vigilano in particolare:
a) affinché nessun fanciullo sia sospettato, accusato o riconosciuto colpevole di
reato penale a causa di azioni o di omissioni che non erano vietate dalla
legislazione nazionale o internazionale nel momento in cui furono commesse;
b) affinché ogni fanciullo sospettato o accusato di reato penale abbia almeno diritto
alle seguenti garanzie:
I - di essere ritenuto innocente fino a quando la sua colpevolezza non sia stata
legalmente stabilita;
II - di essere informato il prima possibile e direttamente, oppure, se del caso, tramite i suoi genitori o rappresentanti legali, delle accuse portate contro di lui, e di
beneficiare di un’assistenza legale o di ogni altra assistenza appropriata per la
preparazione e la presentazione della sua difesa;
181
Primi passi
III - che il suo caso sia giudicato senza indugio da un’autorità o istanza giudiziaria
competenti, indipendenti e imparziali per mezzo di un procedimento equo ai sensi
di legge in presenza del suo legale o di altra assistenza appropriata, nonché in
presenza dei suoi genitori o rappresentanti legali a meno che ciò non sia ritenuto
contrario all’interesse preminente del fanciullo a causa in particolare della sua età
o della sua situazione;
IV - di non essere costretto a rendere testimonianza o dichiararsi colpevole; di
interrogare o far interrogare i testimoni a carico e di ottenere la comparsa e
l’interrogatorio dei testimoni a suo discarico a condizioni di parità;
V - qualora venga riconosciuto che ha commesso reato penale, poter ricorrere contro
questa decisione e ogni altra misura decisa di conseguenza dinanzi a un’autorità o
istanza giudiziaria superiore competente, indipendente e imparziale, in con-formità
con la legge;
VI - di essere assistito gratuitamente da un interprete se non comprende o non parla
la lingua utilizzata;
VII - che la sua vita privata sia pienamente rispettata in tutte le fasi della procedura.
3. Gli Stati parti si sforzano di promuovere l’adozione di leggi, di procedure, la
costituzione di autorità e di istituzioni destinate specificamente ai fanciulli
sospettati, accusati o riconosciuti colpevoli di aver commesso reato, e in particolar
modo:
a) di stabilire un’età minima al di sotto della quale si presume che i fanciulli non
abbiano la capacità di commettere reato;
b) di adottare provvedimenti ogni qualvolta ciò sia possibile e auspicabile per
trattare questi fanciulli senza ricorrere a procedure giudiziarie rimanendo tuttavia
inteso che i diritti umani e le garanzie legali debbono essere integralmente
rispettate.
4. Sarà prevista tutta una gamma di disposizioni concernenti in particolar modo le
cure, l’orientamento, la supervisione, i consigli, la libertà condizionata, il collocamento in famiglia, i programmi di formazione generale e professionale, nonché
soluzioni alternative all’assistenza istituzionale, in vista di assicurare ai fanciulli un
trattamento conforme al loro benessere e proporzionato sia alla loro situazione che
al reato.
Articolo 41
Nessuna delle disposizioni della presente Convenzione pregiudica disposizioni più propizie all’attuazione dei diritti del fanciullo che possano figurare:
a) nella legislazione di uno Stato parte; oppure
b) nel diritto internazionale in vigore per questo Stato.
Seconda parte
Articolo 42
Gli Stati parti si impegnano a far largamente conoscere i principi e le disposizioni della
presente Convenzione, con mezzi attivi e adeguati sia agli adulti che ai fanciulli.
Articolo 43
1. Al fine di esaminare i progressi compiuti dagli Stati parti nell’esecuzione degli
obblighi da essi contratti in base alla presente Convenzione, è istituito un Comitato
dei diritti del fanciullo che adempie alle funzioni definite in appresso.
182
5. Documenti sui diritti umani
2. Il Comitato si compone di dieci esperti di alta moralità e in possesso di una
competenza riconosciuta nel settore oggetto della presente Convenzione. I suoi
membri sono eletti dagli Stati parti tra i loro cittadini e partecipano a titolo
personale, secondo il criterio di un’equa ripartizione geografica e in considerazione
dei principali ordinamenti giuridici.
3. I membri del Comitato sono eletti a scrutinio segreto su una lista di persone
designate dagli Stati parti. Ciascuno Stato parte può designare un candidato tra i
suoi cittadini.
4. La prima elezione avrà luogo entro sei mesi a decorrere dalla data di entrata in vigore
della presente Convenzione. Successivamente si svolgeranno elezioni ogni due anni.
Almeno quattro mesi prima della data di ogni elezione il Segretario Generale
dell’Organizzazione delle Nazioni Unite inviterà per iscritto gli Stati parti a proporre i
loro candidati entro un termine di due mesi. Quindi il Segretario generale stabilirà
l’elenco alfabetico dei candidati in tal modo designati, con l’indicazione degli Stati
parti che li hanno designati, e sottoporrà tale elenco agli Stati parti alla presente
Convenzione.
5. Le elezioni avranno luogo in occasione delle riunioni degli Stati parti, convocate dal
Segretario Generale presso la Sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. In
queste riunioni per le quali il numero legale sarà rappresentato da due terzi degli
Stati parti, i candidati eletti al Comitato sono quelli che ottengono il maggior numero
di voti, nonché la maggioranza assoluta degli Stati parti presenti e votanti.
6. I membri del Comitato sono eletti per quattro anni. Essi sono rieleggibili se la loro
candidatura è ripresentata. Il mandato di cinque dei membri eletti nella prima
elezione scade alla fine di un periodo di due anni; i nomi di tali cinque membri
saranno estratti a sorte dal presidente della riunione immediatamente dopo la prima
elezione.
7. In caso di decesso o di dimissioni di un membro del Comitato oppure se, per
qualsiasi altro motivo, un membro dichiara di non poter più esercitare le sue
funzioni in seno al Comitato, lo Stato parte che aveva presentato la sua candidatura
nomina un altro esperto tra i suoi cittadini per coprire il seggio resosi vacante fino
alla scadenza del mandato corrispondente, sotto riserva dell’approvazione del
Comitato.
8. Il Comitato adotta il suo regolamento interno.
9. Il Comitato elegge il suo Ufficio per un periodo di due anni.
10. Le riunioni del Comitato si svolgono normalmente presso la Sede della
Organizzazione delle Nazioni Unite, oppure in ogni altro luogo appropriato
determinato dal Comitato. Il Comitato si riunisce di regola ogni anno. La durata delle
sue sessioni è determinata e se necessario modificata da una riunione degli Stati
parti alla presente Convenzione, sotto riserva dell’approvazione dell’Assemblea
Generale.
11. Il Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite mette a
disposizione del Comitato il personale e le strutture di cui quest’ultimo necessita
per adempiere con efficacia alle sue mansioni in base alla presente Convenzione.
12. I membri del Comitato istituito in base alla presente Convenzione ricevono, con
l’approvazione dell’Assemblea Generale, emolumenti prelevati sulle risorse
dell’Organizzazione delle Nazioni Unite alle condizioni e secondo le modalità
stabilite dall’Assemblea Generale.
183
Primi passi
Articolo 44
1. Gli Stati parti si impegnano a sottoporre al Comitato, tramite il Segretario Generale
dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, rapporti sui provvedimenti che essi
avranno adottato per dare effetto ai diritti riconosciuti nella presente Convenzione
e sui progressi realizzati per il godimento di tali diritti:
a) entro due anni a decorrere dalla data dell’entrata in vigore della presente
Convenzione per gli Stati parti interessati;
b) in seguito, ogni cinque anni.
2. I rapporti compilati in applicazione del presente articolo debbono se del caso indicare i fattori e le difficoltà che impediscono agli Stati parti di adempiere agli
obblighi previsti nella presente Convenzione. Essi debbono altresì contenere
informazioni sufficienti a fornire al Comitato una comprensione dettagliata
dell’applicazione della Convenzione nel Paese in esame.
3. Gli Stati parti che hanno presentato al Comitato un rapporto iniziale completo non
sono tenuti a ripetere nei rapporti che sottoporranno successivamente | in
conformità con il capoverso b) del paragrafo 1 del presente articolo | le
informazioni di base in precedenza fornite.
4. Il Comitato può chiedere agli Stati parti ogni informazione complementare relativa
all’applicazione della Convenzione.
5. Il Comitato sottopone ogni due anni all’Assemblea generale, tramite il Consiglio
Economico e Sociale, un rapporto sulle attività del Comitato.
6. Gli Stati parti fanno in modo che i loro rapporti abbiano una vasta diffusione nei loro
Paesi.
Articolo 45
Al fine di promuovere l’attuazione effettiva della Convenzione e incoraggiare la
cooperazione internazionale nel settore oggetto della Convenzione:
a) le Istituzioni specializzate, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia e altri organi
delle Nazioni Unite hanno diritto di farsi rappresentare nell’esame dell’attuazione di
quelle disposizioni della presente Convenzione che rientrano nell’ambito del loro
mandato. Il Comitato può invitare le Istituzioni Specializzate, il Fondo delle Nazioni
Unite per l’Infanzia e ogni altro organismo competente che riterrà appropriato, a
dare pareri specializzati sull’attuazione della Convenzione in settori di competenza
dei loro rispettivi mandati. Il Comitato può invitare le Istituzioni Specializzate, il
Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia e altri organi delle Nazioni Unite a sottoporgli rapporti sull’attuazione della Convenzione in settori che rientrano nell’ambito
delle loro attività;
b) il Comitato trasmette, se lo ritiene necessario, alle Istituzioni Specializzate, al Fondo
delle Nazioni Unite per l’Infanzia e agli altri Organismi competenti ogni rapporto
degli Stati parti contenente una richiesta di consigli tecnici o di assistenza tecnica, o
che indichi una necessità in tal senso, accompagnato da eventuali osservazioni e
proposte del Comitato concernenti tale richiesta o indicazione;
c) il Comitato può raccomandare all’Assemblea generale di chiedere al Segretario
Generale di procedere, per conto del Comitato, a studi su questioni specifiche
attinenti ai diritti del fanciullo;
184
5. Documenti sui diritti umani
d) il Comitato può fare suggerimenti e raccomandazioni generali in base alle
informazioni ricevute in applicazione degli artt.44 e 45 della presente Convenzione.
Questi suggerimenti e raccomandazioni generali sono trasmessi a ogni Stato parte
interessato e sottoposti all’Assemblea Generale insieme a eventuali osservazioni
degli Stati parti.
Terza parte
Articolo 46
La presente Convenzione è aperta alla firma di tutti gli Stati.
Articolo 47
La presente Convenzione è soggetta a ratifica. Gli strumenti di ratifica saranno
depositati presso il Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
Articolo 48
La presente Convenzione rimarrà aperta all’adesione di ogni Stato. Gli strumenti di
adesione saranno depositati presso il Segretario Generale della Organizzazione delle
Nazioni Unite.
Articolo 49
1. La presente Convenzione entrerà in vigore il trentesimo giorno successivo alla data
del deposito presso il Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite
del ventesimo strumento di ratifica o di adesione.
2. Per ciascuno degli Stati che ratificheranno la presente Convenzione o che vi
aderiranno dopo il deposito del ventesimo strumento di ratifica o di adesione la
Convenzione entrerà in vigore il trentesimo giorno successivo al deposito da parte di
questo Stato del suo strumento di ratifica o di adesione.
Articolo 50
1. Ogni Stato parte può proporre un emendamento e depositarne il testo presso il
Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Il Segretario Generale
comunica quindi la proposta di emendamento agli Stati parti, con la richiesta di far
sapere se siano favorevoli a una Conferenza degli Stati parti al fine dell’esame delle
proposte e della loro votazione. Se, entro quattro mesi a decorrere dalla data di
questa comunicazione, almeno un terzo degli Stati parti si pronuncia a favore di tale
Conferenza, il Segretario Generale convoca la Conferenza sotto gli auspici
dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Ogni emendamento adottato da una
maggioranza degli Stati parti presenti e votanti alla Conferenza è sottoposto per
approvazione all’Assemblea Generale.
2. Ogni emendamento adottato in conformità con le disposizioni del paragrafo 1 del
presente articolo entra in vigore dopo essere stato approvato dall’Assemblea
Generale delle Nazioni Unite e accettato da una maggioranza di due terzi degli
Stati parti.
3. Quando un emendamento entra in vigore esso ha valore obbligatorio per gli Stati
parti che lo hanno accettato, gli altri Stati parti rimanendo vincolati dalle disposizioni
della presente Convenzione e da tutti gli emendamenti precedenti da essi accettati.
185
Primi passi
Articolo 51
1. Il Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite riceverà e
comunicherà a tutti gli Stati il testo delle riserve che saranno state formulate
dagli Stati all’atto della ratifica o dell’adesione.
2. Non sono autorizzate riserve incompatibili con l’oggetto e le finalità della presente
Convenzione.
3. Le riserve possono essere ritirate in ogni tempo per mezzo di notifica indirizzata in
tal senso al Segretario Generale delle Nazioni Unite il quale ne informerà quindi
tutti gli Stati. Tale notifica avrà effetto alla data in cui è ricevuta dal Segretario
Generale.
Articolo 52
Ogni Stato parte può denunciare la presente Convenzione per mezzo di notifica
scritta indirizzata al Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. La
denuncia avrà effetto un anno dopo la data di ricezione della notifica da parte del
Segretario Generale.
Articolo 53
Il Segretario Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite è designato come
depositario della presente Convenzione.
Articolo 54
L’originale della presente Convenzione, i cui testi in lingua araba, cinese, francese,
inglese, russa e spagnola fanno ugualmente fede, sarà depositato presso il Segretario
Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
4. Versione semplificata della Convenzione internazionale
sui diritti dell’infanzia
Prima parte
Articolo 1
Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni.
Articolo 2
Gli Stati devono rispettare, nel loro territorio, i diritti di tutti i bambini: handicappati,
ricchi o poveri, maschi o femmine, di diverse razze, di religione diversa, ecc.
Articolo 3
Tutti quelli che comandano devono proteggere il bambino e assicurargli le cure
necessarie per il suo benessere.
Articolo 4
Ogni Stato deve attuare questa Convenzione con il massimo impegno per mezzo di
leggi, finanziamenti e altri interventi. In caso di necessità gli Stati più poveri dovranno
essere aiutati da quelli più ricchi.
Articolo 5
Gli Stati devono rispettare chi si occupa del bambino.
186
5. Documenti sui diritti umani
Articolo 6
Il bambino ha diritto alla vita. Gli Stati devono aiutarlo a crescere.
Articolo 7
Quando nasce un bambino ha diritto a un nome, ad essere registrato e avere l’affetto
dei suoi genitori.
Articolo 8
Il bambino ha diritto alla propria identità, alla propria nazionalità e a rimanere sempre
in relazione con la sua famiglia.
Articolo 9
Il bambino non può essere separato, contro la sua volontà, dai genitori. La legge può
decidere diversamente quando il bambino viene maltrattato. Il bambino separato dai
genitori deve poter mantenere i contatti con essi. Quando la separazione avviene per
azioni di uno Stato (carcerazione dei genitori, deportazione, ecc.) il bambino deve
essere informato sul luogo dove si trovano i genitori.
Articolo 10
Le richieste di entrare in un Paese o di lasciarlo per riunire la famiglia saranno prese in
considerazione con spirito positivo e con umanità. Se i genitori vivono in stati diversi, il
bambino ha diritto di mantenere contatti regolari con entrambi.
Articolo 11
Il bambino non può essere portato illegalmente in un altro Stato.
Articolo 12
Il bambino deve poter esprimere la propria opinione su tutte le cose che lo riguardano. Quando si prendono decisioni che lo riguardano, prima di decidere deve essere
ascoltato.
Articolo 13
Il bambino ha diritto di esprimersi liberamente con la parola, lo scritto, il disegno, la
stampa, ecc.
Articolo 14
Gli Stati devono rispettare il diritto del bambino alla libertà di pensiero, di coscienza e di
religione. I genitori hanno il diritto e il dovere di indirizzare i figli nell’esercizio dei loro
diritti.
Articolo 15
Il bambino ha diritto alla libertà di associazione e di riunione pacifica.
Articolo 16
Il bambino deve essere rispettato nella sua vita privata. Nessuno può entrare in casa
sua, leggere la sua corrispondenza o parlare male di lui.
Articolo 17
Il bambino ha diritto a conoscere tutte le informazione utili al suo benessere. Gli Stati
devono:
- far fare film, programmi TV e altro materiale utile per il bambino;
- scambiare con gli altri Stati tutti i materiali interessanti adatti per i bambini;
- proteggere i bambini da libri e da altri materiale inadatto per loro.
187
Primi passi
Articolo 18
I genitori o i tutori legali devono curare l’educazione e lo sviluppo del bambino. Lo
Stato li deve aiutare rendendo più facile il loro compito.
Articolo 19
Gli stati hanno l’obbligo di proteggere i bambini da tutte le forme di abuso e dovranno
rendere disponibili adeguati programmi sociali e servizi di supporto per raggiungere
questo obiettivo.
Articolo 20
Lo Stato deve assistere il bambino che non può stare con la sua famiglia affidandolo a
qualcuno. Chi si occupa del bambino deve rispettare le sue abitudini.
Articolo 21
Gli Stati devono permettere l’adozione nell’interesse del bambino. L’adozione deve
essere autorizzata dalle autorità col consenso dei parenti del bambino. Se l’adozione
non può avvenire nello Stato del bambino si può fare in un altro Stato. L’adozione non
deve essere fatta mai per soldi.
Articolo 22
Gli Stati devono prendersi cura dei bambini rifugiati e aiutarli a ricongiungersi con la
famiglia.
Articolo 23
Il bambino svantaggiato fisicamente o mentalmente deve vivere una vita completa e
soddisfacente insieme agli altri bambini. Gli Stati devono garantire l’assistenza gratuita
se i genitori e i tutori sono poveri. Inoltre il bambino ha diritto ad andare a scuola, a
prepararsi al lavoro e a divertirsi.
Articolo 24
Il bambino deve poter vivere in salute anche con l’aiuto della medicina. Ha diritto di
essere aiutato quando ne ha bisogno.
Articolo 25
Il bambino che è stato curato ha il diritto di essere controllato periodicamente.
Articolo 26
Ogni bambino deve essere assistito in caso di malattia o di necessità economiche
tenendo conto delle possibilità economiche dei genitori o dei tutori.
Articolo 27
Ogni bambino ha diritto a vivere bene. La famiglia ha la responsabilità di nutrirlo,
vestirlo, dargli una casa anche quando il padre si trova in un altro Stato e gli Stati
devono aiutare le famiglie in questo compito se ne hanno bisogno.
Articolo 28
Il bambino ha diritto all’istruzione. Per garantirgli questo diritto gli Stati devono:
fare scuole di base gratuite e obbligatorie per tutti;
garantire la scuola superiore e aiutare chi ha le capacità a frequentarle;
informare i bambini sulle varie scuole che ci sono.
Gli Stati devono anche controllare che nella scuola siano rispettati i diritti dei bambini.
Articolo 29
L’educazione del bambino deve:
188
4. Con i più grandi
- sviluppare tutte le capacità;
- rispettare i diritti umani e le libertà;
- rispettare i genitori, la lingua e la cultura del Paese in cui il bambino vive;
- preparare il bambino ad andare d’accordo con tutti; rispettare l’ambiente naturale
Articolo 30
Il bambino che ha una lingua o una religione diversa dalla maggioranza ha il diritto di
usare la propria lingua, e vivere secondo la sua cultura e praticare la sua religione
Articolo 31
Il bambino ha diritto di giocare, di riposarsi e di divertirsi. Gli Stati devono garantire a
tutti il diritto di partecipare alla vita culturale e artistica del Paese.
Articolo 32
Il bambino non deve essere costretto a fare dei lavori pesanti o rischiosi per la sua salute
o che gli impediscano di crescere bene e di studiare. Gli Stati devono approvare delle
leggi che stabiliscano a quale età si può lavorare, con quali orari e in quali condizioni e devono punire chi non li rispetta.
Articolo 33
Gli Stati devono proteggere il bambino contro le droghe ed evitare che sia impegnato
nel commercio della droga.
Articolo 34
Gli Stati devono proteggere il bambino dallo sfruttamento e dall’abuso sessuale.
Articolo 35
Gli Stati devono mettersi d’accordo per evitare il rapimento e la vendita dei bambini.
Articolo 36
Gli Stati devono proteggere il bambino da ogni forma di sfruttamento.
Articolo 37
Nessun bambino deve essere sottoposto a tortura, a punizioni crudeli, alla pena di
morte o all’ergastolo. Se un bambino deve andare in prigione deve essere per un motivo grave e per un breve periodo. In carcere deve essere rispettato, mantenere i contatti con la famiglia e tenuto separato dagli adulti.
Articolo 38
In caso di guerra i bambini non devono essere arruolati in un esercito se non hanno
almeno quindici anni.
Articolo 39
Se un bambino è stato trascurato, sfruttato o maltrattato anche a causa della guerra,
deve essere aiutato a recuperare la sua salute.
Articolo 40
Il bambino che non osserva la legge deve essere trattato in modo da rispettare la sua
dignità. Gli Stati devono garantire che deve essere ritenuto innocente fino a quando
non sia riconosciuto colpevole, dopo un processo giusto; che la sua causa si faccia
velocemente; che non sia costretto a dichiararsi colpevole; che, se giudicato colpevole
abbia diritto alla revisione della sentenza; che se parla un’altra lingua abbia
l’assistenza di un interprete, che sia rispettata la sua privacy, ecc.
189
Primi passi
Articolo 41
Gli articoli di questa Convenzione possono non essere sostituiti alla legge dello Stato
se essa è più favorevole al bambino.
Seconda parte
Articolo 42
Gli Stati s’impegnano a far conoscere questa Convenzione sia ai bambini che agli adulti.
Articolo 43
Gli Stati devono nominare un comitato internazionale che si riunisca periodicamente
e controlli se i diritti dei bambini vengono rispettati.
Articolo 44
Ogni 5 anni gli Stati devono informare il segretario generale delle Nazioni Unite (ONU)
e il Comitato dicendogli cosa hanno fatto per rispettare i diritti dei bambini.
Articolo 45
Le Nazioni Unite possono incaricare organizzazioni specializzate internazionali, come
l’Unicef o altri, di controllare come i diritti dei bambini vengono rispettati in tutti gli
Stati del mondo.
Terza parte
Articolo 46
Questa Convenzione può essere firmata da tutti gli Stati del mondo.
Articolo 47
La Convenzione deve essere trasformata in legge da ogni Stato.
Articolo 48
La Convenzione può essere firmata, anche dopo l’approvazione, da qualsiasi altro
Stato che si aggiunga dopo.
Articolo 49
La Convenzione è entrata in vigore 30 giorni dopo che i primi 20 Stati la hanno
adottata.
Articolo 50
Ogni Stato può proporre cambiamenti al testo della Convenzione inviando le proposte di modifica al segretario generale delle Nazioni Unite.
Articolo 51
Il segretario generale farà conoscere a tutti gli Stati le osservazioni e i dubbi che ogni
singolo Stato ha espresso quando ha adottato la Convenzione.
Articolo 52
Uno Stato si può opporre alla Convenzione scrivendo al segretario generale.
Articolo 53
La Convenzione è depositata presso il segretario generale delle Nazioni Unite.
Articolo 54
Il testo ufficiale della Convenzione è scritto in arabo, cinese, inglese, francese, russo e
spagnolo.
190
6. Passi successivi
1. Lavorare in rete
a. Perché farlo
Molte sono le ragioni che rendono preferibile, laddove possibile, lavorare in
rete.
Efficienza: nella vostra zona ci saranno sicuramente già molte persone o
associazioni che svolgono attività di Educazione ai diritti umani o che hanno
una responsabilità ufficiale per questo. Contattarle e collaborare con loro
vuol dire condividere le informazioni, progettare e agire insieme, il che
consente di risparmiare tempo ed energia.
Efficacia: le organizzazioni presenti nella vostra zona che si battono per i diritti
delle donne, delle minoranze, dei bambini, dei disabili, ecc… possono dare
preziosi suggerimenti sulla base della loro esperienza e consentirvi quindi di
strutturare le vostre attività al meglio.
Pressione: lavorare in rete può essere opportuno per convincere più
facilmente le autorità scolastiche e politiche della vostra zona a
promuovere e supportare le attività di Educazione ai diritti umani.
Materiali: lavorare in rete può rendere più semplice la produzione di nuovi
materiali per l’Educazione dei diritti umani e la traduzione e/o
adattamento di materiali stranieri. Inoltre favorisce un’ampia distribuzione
degli stessi e la valutazione della loro efficacia.
191
Primi passi
b. Come si fa
Se volete promuovere nella vostra zona la nascita di una rete finalizzata
all’Educazione ai diritti umani potrebbe essere utile porsi le seguenti
domande:
• Nella mia zona ci sono persone con esperienza o interessi nell’Educazione ai
diritti umani?ì
• Chi conosco o con chi ho già un contatto? Dove si trovano?
• Con chi è più utile che abbia contatti?
• Quante persone ho il tempo, l’energia e le risorse di contattare?
• Forse sarebbe preferibile che mi concentrassi a rafforzare i contatti che già
ho?
• Vale la pena cercare di stimolare le istituzioni dove non conosco nessuno
interessato all’Educazione ai diritti umani?
Ecco alcuni suggerimenti su chi contattare
Nelle scuole
Insegnanti di scuola dell’infanzia, primaria, secondaria; d ocenti funzioni
strumentali; dirigenti scolastici; studenti; genitori; psicologi, pedagoghi o
altro personale eventualmente presente.
Nelle istituzioni educative
Educatori degli adulti; ricercatori nel campo dell’educazione e della
formazione; bibliotecari; formatori.
Nelle istituzioni scolastiche e amministrative locali
Funzionari dei Centri servizi amministrativi o degli Uffici scolastici
regionali; assessori e/o funzionari all’istruzione o alla cultura comunali,
provinciali, regionali.
Nella comunità locale
Organizzazioni non governative; associazioni giovanili; associazioni
religiose; associazioni professionali; sindacati; media locali.
192
6. Passi successivi
2. Come organizzare un workshop di Educazione
ai Diritti Umani
Con la parola workshop si intende una sessione pratica di formazione in
cui formatori/trici e partecipanti lavorano insieme usando metodi di
apprendimento partecipativi, come quelli contenuti in questo manuale,
per migliorare le proprie abilità, conoscenze e attitudini sui diritti umani
e le modalità per introdurli a scuola.
Organizzare un workshop sull’Educazione ai diritti umani può sembra- re
un compito difficile. In verità, l’attenta programmazione delle attività può
evitare problemi. Nonostante tutto, comunque, nessun workshop è
perfetto: difficoltà probabilmente sorgeranno ugualmente; ma esse
dovrebbero essere considerate come lezioni pratiche che vi aiuteranno a
fare meglio la volta successiva!
Quanto tempo ci vuole per organizzarlo?
Per organizzare un workshop breve (uno o due giorni), con uno o due formatori/trici, avrete bisogno di almeno 6 o 8 settimane. Più lungo è il workshop e
più alto è il numero di formatori/trici ipotizzato, più tempo sarà necessario in
fase di preparazione.
Ricordate che è sempre meglio avere del tempo in più che non averne
abbastanza!
Quali sono gli obiettivi del workshop?
Riflettete attentamente su questa domanda: risparmierete molto tempo ed
energia se gli obiettivi saranno chiari e comprensibili a tutte le persone
(formatori/trici, partecipanti, collaboratori/trici) che saranno coinvolte.
A chi è destinato?
Ad esempio, se saranno insegnanti, a quale fascia d’età insegnano? Hanno già
esperienza di Educazione ai diritti umani, di metodologie di insegnamento
partecipative, di workshop? Da dove verranno? Come arriveranno al workshop e chi pagherà le spese di viaggio? Ci sono anche altri gruppi che
potrebbero beneficiare della partecipazione? Per esempio, studentesse e
studenti, rappresentanti delle autorità scolastiche locali, dirigenti scolastici?
193
Primi passi
Cosa hanno bisogno di imparare e come?
Per esempio, ci saranno presentazioni teoriche o uno sviluppo di abilità pratiche di insegnamento come il gioco di ruolo o il brainstorming? Quali materie
insegnano? Vi aspettate da loro che inseriscano l’Educazione ai diritti umani in
orario curriculare o come attività aggiuntiva? Quali sono gli specifici problemi
dei diritti umani che loro o i loro studenti fronteggiano nella realtà locale?
Chi può aiutarli a sviluppare le competenze?
I/Le formatori/trici verranno da fuori? Se sono locali, ciò comporterà dei
vantaggi: costano meno, è più facile organizzare i loro spostamenti, conoscono
meglio la situazione della vostra zona. Quante persone servono? È più
semplice organizzare un workshop e confrontarsi con un piccolo gruppo di
formatori/trici. Comunque, considerate che devono essere in numero adeguato
sia per permettere loro di riposarsi e sia per evitare che chi partecipa al workshop si annoi lavorando sempre con la stessa persona! In genere, più lungo è il
workshop, più formatori/trici servono.
È molto importante che nel programmare, nell’eseguire e nel valutare il
workshop i/le formatori/trici non lavorino come un gruppo gerarchizzato.
Sebbene alcune persone possano avere più esperienza, altre potrebbero avere
capacità ugualmente di grande valore, come ad esempio una migliore
comprensione della situazione locale. Esse dovrebbero fornire un modello di
stile democratico di insegnamento il quale potrà essere per le persone
partecipanti tanto importante quanto i contenuti del workshop. Una persona
esperta ma autoritaria può facilmente contraddire con il linguaggio del
corpo un messaggio verbale tutto centrato sui concetti di uguaglianza e diritti
umani!
Quanti partecipanti e quanti formatori/trici?
Più di 25 partecipanti rendono difficili la comunicazione e la partecipazione
attiva. Comunque, gruppi più numerosi possono essere divisi per alcune
attività. Ad esempio, due formatori/trici possono coordinare due gruppi da 810 persone. Al contrario, avere poche persone partecipanti può essere una
per- dita di tempo, energia e denaro.
Quanto tempo deve durare?
In genere non più di 3 o 4 giorni di seguito, perché l’apprendimento
partecipativo è molto stancante. Prevedete abbastanza pause sia per le persone
partecipanti che per i/le formatori/trici, ma non fatele troppo lunghe o il
tempo destinato alle attività andrà sprecato.
Qual è il periodo migliore?
194
6. Passi successivi
Questo dipende soprattutto dalle persone partecipanti e dai/dalle formatori/trici. Possono prendere dei permessi dagli obblighi di lavoro? Hanno impegni familiari? Alcuni momenti comunque sono migliori di altri. Per esempio, la
fine dell’anno scolastico può essere inadatta per gli insegnanti che hanno più
lavoro in quel periodo.
Cosa serve?
Siate realistici. È molto meglio condividere le responsabilità dell’organizzazione
che dover fare tutto da soli. Esse comprendono infatti:
La sistemazione per partecipanti e formatori/trici
• Uno spazio sufficientemente ampio dove svolgere il workshop, con sedie che
possano essere spostate quando serve. Sono molto importanti anche una
illuminazione adeguata e una certa tranquillità. Fogli e penne. Attrezzature
specifiche, ad esempio audio-visive, o materiali per gli esercizi partecipativi.
Ricordatevi di controllare sempre le attrezzature prima di cominciare il
workshop per verificare che tutto funzioni! (Una nota sul- l’uso delle moderne
tecnologie: sebbene possano rendere la formazione più efficace, ricordate che
possono anche essere una fonte di distrazione. Usate attrezzature complesse
soltanto se ritenete che apporteranno un vantaggio concreto al workshop.
• I costi. Chi pagherà le sistemazioni, la sede del workshop, i viaggi, il cibo, i
materiali, gli interpreti, etc.? I costi saranno coperti dalle autorità scolastiche, da
privati, da fondazioni, dalle persone partecipanti? Stendete un budget credibile
sin dal primo momento. Fate attenzione a non sottosti- mare i costi.
• La comunicazione con le persone partecipanti, con i/le formatori/trici e con gli
eventuali finanziatori. Le persone partecipanti hanno bisogno di una
convocazione scritta con una data di scadenza per la prenotazione. Potrebbero
aver bisogno in anticipo del programma o di qualche materiale. I/Le
formatori/trici devono incontrarsi prima o comunque mettersi in contatto per
pianificare il workshop e decidere chi deve fare cosa. I finanziatori vorranno
sapere quando mandare il denaro e come sarà speso.
• Dopo il workshop, vorrete mettere a frutto i contatti che avete creato e la
competenze che avete acquisito. Potreste quindi:
– chiedere alle persone partecipanti al workshop suggerimenti, commenti e
critiche. Potrebbe aiutarvi un questionario anonimo, con domande come «Qual è
stata la parte più/meno utile del workshop?»
– Condividere gli indirizzi in modo che le persone partecipanti possano
scambiarsi informazioni, supportarsi a vicenda e discutere le loro esperienze.
195
Primi passi
– Dar vita a un bollettino con idee, esperienze, informazioni…
– Organizzare workshop di approfondimento sui temi che le
persone partecipanti hanno trovato maggiormente utili.
3. Esempio di workshop di Educazione ai diritti umani
Questo workshop di tre giorni è il risultato della combinazione di vari
workshop di Educazione ai diritti umani realizzati da Amnesty
International in Europa centrale e orientale tra il 1995 e il 19961. È
costituito da attività pratiche, mini-lezioni e discussioni. Le attività sono
spiegate per esteso in altre parti di questo manuale. Le mini-lezioni si
basano sulle informazioni contenute ne cap. 1 (p. 7) di questo manuale.
I tempi per ogni parte della scaletta sono approssimativi, ma per ogni
giorno di lavoro si prevedono circa sette ore.
Naturalmente questo esempio va considerato soltanto come uno spunto
da adattare alle proprie specifiche esigenze.
I giorno: Introduzione ai diritti umani
• ARRIVO DELLE PERSONE PARTECIPANTI (15 MINUTI)
Distribuite a ogni persona il materiale necessario e il badge col proprio nome.
• INTRODUZIONE (15 MINUTI)
Presentate l’organizzazione ospite e ogni eventuale altro partner.
• RISCALDAMENTO
Tutti (inclusi i/le formatori/trici) si presentano (potete usare, ad esempio, Il gioco del
nome, cap. 3, pp. 8 4 ).
• NOTE (10 MINUTI)
Presentate la scaletta e la metodologia. Spiegate che la scaletta potrebbe essere
modificata sulla base di ciò che emergerà dalle valutazioni quotidiane delle persone partecipanti.
• ASPETTATIVE (20 MINUTI)
Chiedete alle persone partecipanti cosa si aspettano dal corso. Se necessario, possono scrivere privatamente dei pensieri prima di condividere le loro aspettative con il
gruppo. Trascrivete le aspettative su un cartellone e conservatele per l’ultimo giorno.
Se qualche persona ha delle aspettative che non possono essere soddisfatte dal
1
Alcune parti della scaletta sono basate su un workshop progettato da Nancy Flowers e Ellen
Moore, educatrici e attiviste per i diritti umani..
196
6. Passi successivi
workshop, prendetene nota. Se possibile, incontratele durante un intervallo per
discutere su come possono soddisfare i propri interessi.
• PAUSA (30 MINUTI)
• MINI-LEZIONE (15 MINUTI)
Cosa sono i diritti umani? (cfr. cap. 1, pp. 7 )
• IL PAESE IMMAGINARIO (60-75 MINUTI)
Attività in cui le persone partecipanti progettano un documento sui diritti umani
per un nuovo Paese (cfr. cap. 4, pp. 1 0 0 ).
• PRANZO (90 MINUTI)
• MINI-CONFERENZA (15 MINUTI)
Cos’è l’educazione ai diritti umani? (cfr. cap. 1, pp. 1 0 ).
• VIDEO SULLA DUDU E DISCUSSIONE (45 MINUTI).
• I DIRITTI NEI GIORNALI (60 MINUTI)
Le persone partecipanti usano i giornali e le riviste locali per trovare esempi di diritti
esercitati, violati, protetti o in conflitto (cfr. cap. 4, pp. 1 0 3 ).
• PAUSA (30 MINUTI)
• APPUNTI PERSONALI (15 MINUTI)
Chiedete alle persone partecipanti di rispondere in forma privata a queste domande:
«Quali sono a tuo parere le principali questioni in materia di diritti nel tuo Paese?
Pensa soprattutto a situazioni dove diversi diritti siano in conflitto»; «Come sono
trattate tali questioni?»; «Potrebbero essere risolte? Come?».
• VALUTAZIONE (15 MINUTI)
Spiegate che la valutazione è importante perché aiuta i/le formatori/trici ad adattare il workshop alle esigenze delle persone partecipanti. Chiedete di rispondere in
modo anonimo alle domande seguenti: «Cosa ti è piaciuto di più oggi? Cosa ti è
piaciuto di meno? Quali cambiamenti faresti?». Raccogliete le risposte e leggetele
assieme ai/alle formatori/trici. Se possibile, fate le opportune modifiche alla scaletta
per soddisfare le richieste emerse.
II giorno: I diritti dei minori
• RISCALDAMENTO (15 MINUTI)
Ascolto
1 0 9 ).
attivo (cfr. cap. 4, pp.
• PUNTO DELLA SITUAZIONE (15 MINUTI)
I/Le formatori/trici espongono sinteticamente i risultati della valutazione del giorno
precedente e illustrano le eventuali modifiche apportate alla scaletta.
197
Primi passi
• QUALI
SONO LE TUTELE E I DIRITTI DI CUI DOVREBBERO GODERE I MINORI?»
(15 minuti)
Ponete questa domanda alle persone partecipanti per avviare un brainstorming.
• MINI-LEZIONE (15 minuti)
La Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. Seguono le domande delle
persone partecipanti. Se c’è tempo, esse, divise in gruppi, potrebbero elencare gli
articoli della Convezione più o meno rispettati nel proprio Paese.
• LA RUOTA DEI DIRITTI (60 minuti)
Adattate questa attività (cfr. cap. 4, pp. 126) in modo che le persone partecipanti
pensino a come, da piccole, hanno lottato per i propri diritti.
• PAUSA (30 minuti)
• IL “CAROSELLO” DELLE METODOLOGIE (prima fase: 60 minuti)
Le persone partecipanti si dividono in quattro gruppi. Ogni gruppo, a turno, visita
ognuno dei quattro angoli della stanza dove un/una formatore/trice illustra una
diversa attività. Poiché i/le formatori/trici non si muovono, ognuno/a illustra la stessa
attività quattro volte a quattro gruppi differenti. Ogni dimostrazione dura circa
25 minuti. Le persone partecipanti hanno poi 5 minuti per identificare le abilità, le
attitudini, le conoscenze e la metodologia usate nelle attività. Il “carosello” è un
buon modo per illustrarne molte in modo veloce.
Si possono usare le seguenti:
Vantaggi e svantaggi (cfr. cap. 4, p. 141).
Giochiamo con le immagini (cfr. cap. 3, p. 82).
Reti di conflitto (cfr. cap. 3, p. 94).
Conosci la tua mela (cfr. cap. 3, p. 86).
Nota: queste quattro attività durano in genere tra i 30 e i 60 minuti. Come già
indicato, durante il “carosello” avete invece a disposizione ca. 30 minuti per
illustrare ognuna di esse. Ciò significa che dovrete usarne soltanto gli elementi
essenziali. Se dopo 30 minuti l’attività non è ancora finita ed è il momento di far
ruotare i gruppi, spiegate velocemente la parte che resta. Ma non rallentate il
“carosello”.
• PRANZO (90 minuti)
(Si svolge quindi all’interno del “carosello”, quando ogni gruppo ha sperimentato
due attività e ne ha ancora due da fare.)
• IL “CAROSELLO” DELLE METODOLOGIE (seconda fase: 60 minuti)
• PAUSA (30 minuti)
• MINI-LEZIONE (30 minuti)
Come progettare le attività didattiche sui diritti umani (cfr. cap. 2, p. 42).
• VALUTAZIONE
DEL LAVORO DEL GIORNO
(15 minuti)
III giorno: Portare a casa l’Educazione dei Diritti Umani
• RISCALDAMENTO (15 minuti)
Questionario veloce (cfr. cap. 3, p. 50).
198
6. Passi successivi
• PUNTO DELLA SITUAZIONE (15 minuti)
I/Le formatori/trici espongono sinteticamente i risultati della valutazione del giorno
precedente e illustrano le eventuali modifiche apportate alla scaletta.
• MINI-LEZIONE (15 minuti)
“L’Educazione ai diritti umani e il curriculum nazionale del nostro Paese”.
• “IN CHE MODO I DIRITTI UMANI POSSONO FAR PARTE DEL CURRICULUM?” (30 minuti)
Ponete questa domanda alle persone partecipanti per avviare un brainstorming.
• APPUNTI PERSONALI (15 minuti)
Chiedete alle persone partecipanti di rispondere in forma privata a questa domanda:
«Come introdurresti l’Educazione ai diritti umani nella tua classe, scuola o
comunità? Ciò farebbe davvero la differenza?».
• PROGETTARE LE NOSTRE ATTIVITÀ (90 MINUTI)
Assieme alle persone partecipanti, fate un veloce elenco dei temi relativi ai diritti
umani che a loro piacerebbe maggiormente insegnare. Chiedete di lavorare
individualmente o in gruppo per creare modelli di lezione su questi temi da usare
nella pratica educativa. Se necessario, riepilogate i punti principali della mini-lezione
del giorno precedente «Come progettare le attività didattiche sui diritti umani».
• PRANZO (90 minuti)
• PRESENTAZIONE
DEI MODELLI DI LEZIONE (60
minuti)
(Non devono essere perfetti o completi: il fine dell’attività è semplicemente quello di
dare il via alla creazione di materiali.)
• RITORNARE A
CASA
(30 minuti)
Chiedete alle persone partecipanti, divise in gruppi, di fare due elenchi. Una lista dei
fattori che potrebbero aiutarle a fare Educazione ai diritti umani quando termineranno la formazione e una dei fattori che potrebbero ostacolarle. Chiedete ai gruppi
di confrontare i loro elenchi. Gli “aiuti” vincono gli “ostacoli”? Come si possono
affrontare questi ostacoli?
• VALUTAZIONE
FINALE
(30 minuti)
Chiedete alle persone partecipanti di rispondere in modo anonimo alla scheda di
valutazione lunga riportata alle pp. 200.
• “IL BASTONE PARLANTE” (20 minuti)
Mostrate l’elenco delle aspettative fatto durante il primo giorno. Usando l’attività
illustrata nel cap. 3 (pp. 7 3 ), date alle persone partecipanti l’opportunità di dire se
le loro aspettative sono state soddisfatte e di esprimere, se vogliono, i propri
commenti.
• CONSEGNA DEGLI ATTESTATI DI
PARTECIPAZIONE
199
Primi passi
4. Come valutare un workshop di Educazione
ai diritti umani
La valutazione2 di un workshop è utile per molte ragioni, alcune delle
quali sono:
– garantisce che i/le formatori/trici sappiano ciò che vogliono le persone
partecipanti;
– dà un feedback immediato, positivo o negativo che sia, che aiuta a
migliorare il workshop in corso e quelli futuri;
– fa capire alle persone partecipanti che le loro opinioni sono prese in
considerazione.
In genere, gli schemi per la valutazione anonima vengono distribuiti alle
persone partecipanti ogni giorno e/o alla fine della formazione. Feedback
informali si possono ottenere anche oralmente in riunioni plenarie di gruppo o
in incontri di un piccolo gruppo con un/una formatore/trice, che poi riferirà
le valutazioni ottenute al resto del team di formazione.
Gli schemi di valutazione anonima possono essere lunghi o brevi. Potrebbe
essere opportuno utilizzare schemi brevi per la valutazione giornaliera e uno
schema lungo alla fine della formazione. Nello schema lungo, si potrebbe
anche inserire una domanda che chieda alle persone partecipanti come
intendano svolgere attività di Educazione ai diritti umani con la propria classe
dai quattro ai sei mesi successivi. Le informazioni raccolte, infatti,
potrebbero essere utili per progettare e coordinare forme di supporto.
a. Schema di valutazione breve
• Cosa ti è piaciuto di più delle attività di oggi?
• Cosa ti è piaciuto di meno?
• Hai qualche suggerimento per migliorare il nostro lavoro?
b. Schema di valutazione lunga
1) Aspetti organizzativi del workshop
(Valuta il tuo gradimento, usando la seguente scala: eccellente; buono;
sufficiente; non sufficiente.)
2
Questa sezione si basa sul saggio di F. Tibbitts, Evaluation of in-service teacher trainings.
200
6. Passi successivi
1. Sede del workshop
2. Sistemazione
3. Cibo
4. Trasporti
2) Aspetti educativi del workshop
(Valuta quanto ti è stato utile il workshop, usando la seguente scala:
1=molto utile, 2=abbastanza utile, 3=non molto utile.)
5 Apprendimento dei principali documenti sui diritti umani e dei principi e
meccanismi di tutela
6. Acquisizione di dimestichezza con le metodologie educative partecipative
7. Apprendimento di specifiche attività da poter applicare in classe
8. Sessioni del workshop (nota per chi somministra la valutazione: inserite in
questo punto l’elenco delle sessioni)
3) Altri aspetti
9. Cosa ti è stato più utile?
10. Cosa ti è stato meno utile?
11. Hai qualche suggerimento per migliorare la formazione?
12. Come pensi di applicare ciò che hai imparato durante la formazione
nella tua classe, scuola o altro contesto educativo?
c. Schema di valutazione visiva
La valutazione si può anche effettuare in modo visivo.
Disegnate un bersaglio su un cartellone o su una lavagna (il bersaglio sarà
composto da molti cerchi concentrici che si irradiano intorno a un punto
rosso centrale, con linee che dividono i cerchi in sezioni, come fette di una
torta. Il numero delle sezioni dovrebbe essere equivalente al numero di cose
che volete valutare).
Dite alle persone partecipanti che i/le formatori/trici lasceranno la stanza.
Mentre sono fuori, le persone partecipanti devono tracciare un segno in
ognuna delle sezioni. Ad esempio, se il loro giudizio su un aspetto è “eccellente”, allora devono tracciare il segno sul punto rosso centrale, nella sezione corrispondente. Al contrario, se il loro giudizio è “molto negativo”, allora devono tracciare il segno nel cerchio più esterno, nella sezione corrispondente.
201
Primi passi
5. Organizzazioni utili
Le organizzazioni che seguono sono divise in grandi aree tematiche. Nel
compilare questo elenco, che non ha pretese di esaustività, sono state privilegiate quelle che possono contribuire all’Educazione ai diritti umani
attraverso la pubblicazione di rapporti, informazioni o materiali ad hoc.
• a. Organizzazioni governative
Croce Rossa Italiana
Sito web: http://www.cri.it/
Indirizzo: Via Toscana, 12 - 00187 Roma
Telefono: 06 47591
Fax: 06 44244534
Cosa fa: è la Sezione italiana della Croce Rossa Internazionale, associazione umanitaria con lo scopo di prestare primo soccorso a tutte le persone in uno stato di sofferenza.
ONU - Organizzazione delle Nazioni Unite
Sito web: http://www.un.org/
Indirizzo: UN Headquarters. First Avenue at 46th Street - New York, NY 10017
Cosa fa: è l’organismo che riunisce i rappresentati di tutti i Paesi del mondo.
Sull’educazione ai diritti umani e, più in generale, sul materiale per la scuola, si veda
in particolare la sezione: http://www.un.org/Pubs/CyberSchoolBus/index.asp
UNESCO - United Nations Educational, Scientific an Cultural
Organization
Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO
Sito web: http://www.unesco.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Piazza Firenze, 27 - 00186 Roma
Telefono: 06 6873713 / 6873723 / 6873712 / 6873717
Fax: 06 6873684
Cosa fa: La missione della Commissione è quella della promozione, del collegamento,
della informazione, della consultazione e della esecuzione dei programmi UNESCO.
UNHCR - United Nations High Commissioner For Refugees
Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati
Sito web: http://www.unhcr.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via A. Caroncini 19 - 00197 Roma
202
6. Passi successivi
Telefono: 06 802121
Fax: 06 80212325
Cosa fa: è l’agenzia delle Nazioni Unite per la protezione dei rifugiati in tutto il mondo
UNICEF - Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia
Comitato Italiano per l’UNICEF Onlus
Sito web: http://www.unicef.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 - 00185 ROMA
Telefono: 06 478091
Fax: 06 47809270
Cosa fa: opera in 158 Paesi di tutto il mondo, dove vivono oltre due miliardi di ragazze e
ragazzi sotto i quindici anni, con programmi di sviluppo a lungo termine nel settore
sanitario, dei servizi, delle forniture d’acqua, dell’istruzione e dell’assistenza alle
madri, oltre che con programmi di emergenza, per difendere bambine e bambini
dalle conseguenze delle guerre e di altre calamità.
• b. Organizzazioni per l’intervento umanitario nelle zone di guerra e povertà
Cuamm - Medici con l’Africa
Sito web: http://www.cuamm.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: via San Francesco 126 - 35121 Padova
Telefono: 049 8751649 / 049 8751279
Fax: 049 8754738
Cosa fa: è una associazione costituita da medici, infermieri, tecnici, presenti in Paesi tra
i più poveri dell’Africa e del mondo: Angola, Etiopia, Mozambico, Rwanda, Tanzania,
Uganda.
Emergency
Sito web: http://www.emergency.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Orefici 2 - 20123 Milano
Telefono: 02 881881
Fax: 02 86316336
Cosa fa: l’associazione si occupa di portare assistenza medico-chirurgica alle vittime dei
conflitti armati, dare attuazione ai diritti umani per chi soffre le conseguenze sociali di guerre, fame, povertà, emarginazione e di promuovere una cultura di pace e
solidarietà
ICS - Consorzio Italiano di Solidarietà
Sito web: http://www.icsitalia.org/
e-mail: [email protected]
203
Primi passi
Indirizzo: Via Salaria 89 - 00198 Roma
Telefono: 06 85355081
Fax: 06 85355083
Cosa fa: è un’organizzazione umanitaria impegnata nella protezione delle vittime dei
conflitti e delle crisi internazionali: i civili coinvolti nei conflitti, i rifugiati e gli sfollati, le vittime di abusi dei diritti umani, gli individui e le comunità più deboli e vulnerabili.
Medici Senza Frontiere
Sito web: http://www.msf.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Volturno, 58 - 00185 Roma
Telefono: 06 4486921
Fax: 06 44869220
Cosa fa: è un’associazione internazionale privata nata per offrire soccorso sanitario
alle popolazioni in pericolo e per testimoniare le violazioni dei diritti umani cui assiste durante le sue missioni.
• c. Organizzazioni e coalizioni pacifiste
Associazione per la Pace
Sito web: http://www.assopace.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Salaria 89 - 00198 Roma
Telefono: 06 8841958
Fax: 06 8841749
Cosa fa: l’associazione si fa promotrice di progetti politici e culturali volti alla realizzazione dei disarmo, alla cessazione dei conflitti esistenti nel mondo, alla risoluzione dello squilibrio tra Nord e Sud, al rispetto dei diritti umani e delle libertà dei
popoli.
Beati i costruttori di Pace
Sito web: http://www.beati.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: via Antonio da Tempo, n. 2 - 35131 Padova
Telefono: 049 8070522 / 049 8070699
Fax: 049 8070699
Cosa fa: l’associazione ha realizzato attività di interposizione nonviolenta dentro ai
conflitti organizzando anche marce della pace in Bosnia e in Kosovo; ha inoltre realizzato attività di animazione per minori in Bosnia e Kosovo, monitoraggio sui diritti
umani, anche in collaborazione con organizzazioni internazionali. È anche impegnata, in Italia, in campagne sul disarmo e la riconversione dell’industria bellica e
operazioni per cambiare lo stile di vita delle persone e delle famiglie e per ridurre i
consumi.
204
6. Passi successivi
INTERNATIONAL PEACE BUREAU
Sito web: http://www.ipb-italia.org/
Indirizzo: c/o Rocca Estense, Piazza Martiri n. 1 - 48022 Lugo (RA)
Cosa fa: è una associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei
conflitti. L’International Peace Bureau di Ginevra riunisce e coordina, tra
Federazioni, Associazioni e Sodalizi, oltre 20 organizzazioni internazionali e 188
nazionali in 54
Paesi ed è la più antica e grande Federazione del mondo impegnata sui temi della
pace.
Tavola della Pace
Sito web: http://www.tavoladellapace.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Casa dell´Associazionismo, in via della Viola 1 - 06100 Perugia.
Telefono: 075 5736890
Fax: 075 5739337
Cosa fa: è una esperienza di coordinamento e di confronto tra chi lavora in Italia per
promuovere la pace, i diritti umani e la solidarietà. Vi aderiscono centinaia di associazioni, organismi laici e religiosi ed enti locali di tutte le regioni italiane.
È stata fondata il 13 gennaio 1996 presso il Sacro Convento di S. Francesco di Assisi dai
promotori della Marcia per la pace Perugia/Assisi.
d. Organizzazioni non governative e coalizioni per la difesa dei diritti umani
Antigone
Sito web: http://www.associazioneantigone.it/
e-mail: [email protected]
Telefono/fax: 06 5810299
Cosa fa: è una associazione ‘’per i diritti e le garanzie nel sistema penale’’; è nata alla
fine degli anni Ottanta nel solco della omonima rivista contro l’emergenza promossa,
tra gli altri, da Massimo Cacciari, Stefano Rodotà e Rossana Rossanda. È
un’associazione politico-culturale a cui aderiscono prevalentemente magistrati,
operatori penitenziari, studiosi, parlamentari, insegnanti e cittadini che a diverso
titolo si interessano di giustizia penale. In particolare Antigone promuove come
attività ordina- ria: elaborazioni e dibattiti sul modello di legalità penale e
processuale del nostro Paese e sulla sua evoluzione; raccolta di informazioni sulla
realtà carceraria; predisposizione di proposte di legge e definizione di eventuali
linee emendative di pro- poste in corso di approvazione; campagne di informazione
e di sensibilizzazione su temi o aspetti particolari, comunque attinenti
all’innalzamento del modello di civiltà giuridica del nostro Paese.
Associazione per i popoli minacciati
Sito web: http://www.gfbv.it/
e-mail: [email protected]
Indrizzo: via Marconi Str. 5 - CP/PF 233 - 39100 Bolzano/Bozen
205
Primi passi
Telefono/fax: 0471 972240
Cosa fa: si occupa di difendere i diritti delle minoranze etniche, linguistiche e religiose minacciate e perseguitate, dei popoli senza Stato e delle comunità dei popoli
indigeni.
ASIA - Associazione per la Solidarietà Internazionale in Asia
Sito web: http://www.asia-onlus.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 - ROMA
Telefono: 06 44340034/5
Fax: 06 44702620
Cosa fa: è una Organizzazione non governativa nata nel dicembre del 1988 dalla
volontà e dall’impegno di un gruppo di studiosi di cultura tibetana. Presidente e
fondatore dell’organizzazione è il prof. Namkhai Norbu Rinpoche, studioso di fama
internazionale e promotore di molte iniziative per la salvaguardia della cultura tibetana.
The Citizenship Foundation
Sito web: www.citizenshipfoundation.org.uk
Indirizzo: Ferroners House; Shaftesbury Place, Aldersgate Street - London EC2Y 8AA
Cosa fa: è un ente indipendente di beneficenza, fondato nel 1989. Ha lo scopo di spingere gli individui, in particolare giovani, a impegnarsi nella comunità, mediante l’educazione al rispetto della legge, alla democrazia, alla socialità.
Coalizione Italiana contro la pena di morte
Sito web: http://www.coalit.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Giancarlo Liguori - Coalizione Italiana contro la pena di morte - Casella
Postale n° 39 - 80078 Pozzuoli (Na)
Cosa fa: la Coalizione è stata fondata nel 1997 con l’obiettivo di creare collegamento
e coordinamento tra tutti i gruppi, le associazioni, i movimenti e i singoli cittadini,
sia italiani che stranieri, che si oppongono alla pena di morte.
Comunità di Sant’Egidio
Sito web: http://www.santegidio.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Piazza S. Egidio 3/a - Roma
Telefono: 06 57300510
Fax: 06 5800197
Cosa fa: è un movimento di laici a cui aderiscono più di 50.000 persone, impegnato
nella comunicazione del Vangelo e nella carità a Roma, in Italia e in più di 70 Paesi
dei diversi continenti. Tra le attività più importanti, è in corso una campagna
permanente per una moratoria delle esecuzioni capitali.
206
6. Passi successivi
ControllArmi - Rete Italiana per il disarmo
Sito web: http://www.disarmo.org/
e-mail: [email protected]
Cosa fa: è una coalizione di associazioni e ONG italiane. Si occupa di: monitoraggio
della spesa militare e del commercio di armi, controllo del rispetto dei vincoli
all’esportazione di armamenti, rifinanziamento dei fondi per progetti di
riconversione e sminamento.
Fondazione Internazionale Lelio Basso per il diritto e la liberazione dei popoli
Sito web: http://www.internazionaleleliobasso.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via della Dogana Vecchia, 5 - 00186 Roma
Telefono: 06 68801468 – 06 6833389
Fax: 06 6877774
Cosa fa: La Fondazione opera sulla base di programmi di natura politico-culturale
(ricerche, seminari, convegni, pubblicazioni…) studiando su un piano giuridico e
storico, ma anche economico, sociale e antropologico, le formulazioni giuridicopolitiche che sostanziano il Diritto dei popoli: lo scopo è quello di contribuire all’elaborazione dei principi che devono regolare un nuovo ordine di rapporti volti a
favorire la pace.
Human Rights Watch
Sito web: http://www.hrw.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo 350 Fifth Avenue, 34th floor - New York, NY 10118-3299 USA
Telefono: 1-(212) 290-4700
Fax: 1-(212) 736-1300
Cosa fa: è un’importante organizzazione per la difesa dei diritti umani in tutto il
mondo
Nessuno Tocchi Caino
Sito web: http://www.nessunotocchicaino.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via di Torre Argentina 76 - 00186 Roma
Telefono: 06 68803848
Fax: 06 68979211
Cosa fa: è una lega internazionale di cittadini e di parlamentari per l’abolizione della
pena di morte nel mondo. È un’associazione senza fine di lucro, federata al Partito
Radicale, fondata a Bruxelles nel 1993.
Non c’è pace senza giustizia
Sito web: http://www.npwj.org/
207
Primi passi
Indirizzo: Via di Torre Argentina 76 - 00186 Roma
Telefono: 06 68803613
Fax: 06 68803609
Cosa fa: è una organizzazione transnazionale che ha l’obiettivo di contribuire alla
creazione di un sistema di giustizia internazionale.
Pax Christi
Sito web: http://www.paxchristi.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: via Quintole per le Rose, 131 - 50029 Tavarnuzze (Fi)
Telefono: 055 2020375
Fax: 055 2020608
Cosa fa: è un movimento che si propone come oggetto principale la tutela dei diritti
civili tramite l’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale per la pace
nel mondo.
Reporters sans Frontières
Sito web: http://www.rsf.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Cordusio 4 - 20123 Milano
Cosa fa: è un’associazione internazionale per la difesa della libertà di stampa. Si
occupa di denunciare le limitazioni che i vari governi impongono alla stampa e di
difendere giornalisti imprigionati o torturati.
Save the children - Italia
Sito web: http://www.savethechildren.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Firenze, 38 – 00184 – Roma
Telefono: 06 4807001
Fax: 06 48070039
Cosa fa: sviluppa progetti che consentono miglioramenti sostenibili e di lungo periodo
a beneficio dei minori, lavorando a stretto contatto con le comunità locali; porta aiuti
immediati, assistenza e sostegno alle famiglie e ai minori in situazioni di emergenza,
createsi a causa di calamità naturali o di guerre.
Survival International
Sito web: http://survival-international.org/it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Morigi 8 - 20123 Milano
Telefono: 02 8900671
Fax: 02 8900674
Cosa fa: è un’organizzazione mondiale di sostegno ai popoli tribali attraverso campagne di mobilitazione dell’opinione pubblica.
208
6. Passi successivi
Telefono Azzurro
Sito web: http://www.azzurro.it/
Numero Verde: 800.090.335
Cosa fa: dal 1987 si batte affinché gli enunciati della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza diventino realtà concrete. Tra i servizi attivi: il Centro
nazionale di ascolto per bambine e bambini (al numero 19696), i team d’emergenza
che intervengono nelle situazioni di gravi eventi che coinvolgano minori; la gestione
del servizio telefonico nazionale per le emergenze dell’infanzia, il 114; interviene
inoltre nelle scuole, nella formazione degli operatori; collabora con le Istituzioni per
garantire in tutti gli ambiti il rispetto dei diritti dei minori. È anche un osservatorio
permanente dell’infanzia in Italia e pubblica annualmente un Rapporto nazionale
sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza in collaborazione con Eurispes.
Terre des hommes - Italia
Sito web: http://www.tdhitaly.org
e-mail: [email protected]
Indirizzo: viale Monza 57 - 20127 Milano
Telefono: 02 28970418
Fax: 02 26113971
Cosa fa: è una organizzazione non governativa europea focalizzata sulla difesa dei
diritti dell’infanzia nei Paesi in via di sviluppo.
War Child
Sito web: http://www.warchild.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: War Child UK Ground floor, Unit 3 5-8 Anglers Lane - London, NW5 3DG, U.K.
Telefono: + 44 20 7916 9276
Fax: + 44 20 7916 9280
Cosa fa: è un network di organizzazioni indipendenti che si battono contro l’impiego
di Bambini Soldato
World Organisation Against Torture
Sito web: http://www.omct.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: PO Box 21 - 8, rue du Vieux-Billard CH - 1211 Geneva 8 Switzerland
Telefono: + 41 22 809 4939
Fax: + 41 22 809 4929
Cosa fa: è una coalizione mondiale di organizzazione non-governative contro la tortura, la detenzione arbitraria e le esecuzioni extragiudiziali
209
Primi passi
• e. Organizzazioni non governative e coalizioni che operano nell’educazione
e nella cooperazione allo sviluppo
Action Aid International – Sezione Italiana
Sito web: http://www.azioneaiuto.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Broggi 19/A - 20129 Milano
Telefono: 02 742001
Fax: 02 29533683
Cosa fa: è un’organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle
cause della povertà e dell’esclusione sociale. Agisce principalmente attraverso programmi di sviluppo a lungo termine in Asia, Africa e America Latina.
ALISEI
Sito web: http://www.alisei.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Piazza Fidia, 3 - 20159 Milano
Telefono: 02 66805260
Fax: 02 66809723
Cosa fa: è un’organizzazione non governativa che opera a livello nazionale e internazionale nel campo della cooperazione, dell’aiuto umanitario, dell’educazione allo
sviluppo e nelle politiche d’inserimento della popolazione immigrata.
CESVI - Cooperazione e sviluppo
Sito web: http://www.cesvi.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: via Broseta 68/a - 24128 Bergamo
Telefono: 035 2058058
Fax: 035 260958
Cosa fa: è un’organizzazione umanitaria indipendente, fondata nel 1985 a Bergamo,
dove ha la sede centrale, che opera in tutti i continenti per affrontare ogni tipo di
emergenza e ricostruire la società civile dopo guerre e calamità.
CIPSI
Sito web: http://www.cipsi.it/home/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Viale Baldelli, 41 - 00146 Roma
Telefono: 06 5414894
Fax: 06 59600533
Cosa fa: è un Coordinamento nazionale che associa 34 ONG e associazioni della
società civile che operano mediante programmi di sviluppo e iniziative di educazione
allo sviluppo, con un approccio di ”partenariato”.
210
6. Passi successivi
CISP - Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli
Sito web: http://www.cisp-ngo.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Germanico 198 - 00192 - Roma
Telefono: ????
Fax: 06 3216163
Cosa fa: è una ONG che opera nel campo della cooperazione internazionale e della
lotta all’esclusione sociale. Partecipa all’elaborazione delle politiche di sviluppo e al
dialogo con gli attori coinvolti nella loro formalizzazione e realizzazione: donatori,
popolazioni destinatarie, partner e istituzioni locali.
COCIS - Coordinamento delle associazioni non governative per la
Cooperazione internazionale allo sviluppo
Sito web: http://www.cocis.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Tacito 10 - 00193 Roma
Telefono: 06 32111501
Fax: 06 3201274
Cosa fa: è una federazione di organizzazioni non governative che operano in diversi settori della cooperazione allo sviluppo, condividendo un’etica progettuale basata
sull’autosviluppo e la solidarietà tra i popoli e la centralità dei diritti umani universali.
Fondazione Pangea ONLUS
Sito web: http://www.pangeaonlus.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Cusani, 10 - 20121 Milano
Telefono: 02 733202
Fax: 02 36561754
Cosa fa: si propone di creare e sostenere progetti in ambito sociale, socio-sanitario,
scolastico e di microcredito miranti alla ricostruzione e allo sviluppo del tessuto
sociale in tutti quei Paesi che presentano situazioni stabili di disagio, dovute a ragioni pregresse causate da guerre, carestie, instabilità politico-sociale o che si trovano
in condizioni socio-economiche particolarmente drammatiche.
INTERSOS
Sito web: http://www.intersos.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Nizza 154 - 00198 - Roma
Telefono: 06 8537431
Fax: 06 85374364
Cosa fa: è una organizzazione umanitaria senza fini di lucro e indipendente, che opera
a favore delle popolazioni in pericolo, vittime di conflitti armati o di calamità naturali. Nata nel 1992 con il sostegno delle Confederazioni sindacali, interviene nell’immediato per arginare l’emergenza e, successivamente, per garantire condizioni di
normalità per la popolazione civile.
211
Primi passi
Mani Tese
Sito web: http://www.manitese.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Segreteria Nazionale, Piazza Gambara 7/9 - 20146 Milano
Telefono: 02 4075165
Fax: 02 4046890
Numero verde: 800-552456
Cosa fa: è un organismo non governativo di cooperazione allo sviluppo; opera dal
1964 a livello nazionale e internazionale per favorire l’instaurazione di nuovi rapporti fra i popoli, fondati sulla giustizia, la solidarietà, il rispetto delle diverse identità
culturali. Realizza progetti di solidarietà nel Sud del Mondo e svolge una costante
opera di informazione, di educazione allo sviluppo e di pressione politica
Movimondo
Sito web: http://www.movimondo.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via di Vigna Fabbri 39 - 00179 Roma
Telefono: 06 7844211
Fax: 06 78851280
Cosa fa: è una organizzazione non governativa di cooperazione e solidarietà
internazionale. L’associazione si impegna nella lotta alla povertà e all’esclusione
sociale. I suoi principali obiettivi sono quelli di contribuire allo sviluppo dei popoli
della Terra e partecipare alla costruzione della società civile internazionale, attraverso
la promozione di una cultura della mondialità, la formazione e l’educazione allo
sviluppo.
ONG - Portale italiano della Cooperazione allo sviluppo
Sito web: http://www.ong.it/
e-mail: [email protected]
Cosa fa: è un progetto avviato da tre organizzazioni non governative italiane: COSV,
ICEI e VIS, in partenariato con Unimondo e OneWorld Europe e in stretta
collaborazione con l’Associazione Italiana delle ONG. Il Portale vuole essere uno
strumento per facilitare l’accesso alle informazioni presenti sul Web riguardanti il
mondo della cooperazione e delle ONG, al fine di promuovere una cultura della
cooperazione e della solidarietà internazionale attraverso l’utilizzo di Internet.
UNA
Sito web: http://www.una.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Broseta, 68/a - 24128 Bergamo
Telefono: 035 260940
Fax: 035 260958
Cosa fa: Il Consorzio UNA riunisce sei associazioni, che insieme rappresentano un grande patrimonio di esperienza nel volontariato internazionale e nella cooperazione
con i Paesi più poveri: CESVI, ACRA, GRT, CAST, CESPI. Nasce per ottimizzare le
energie
212
6. Passi successivi
della solidarietà, per porsi alla pari con le grandi organizzazioni umanitarie europee
e per dare più forza, con l’informazione e la trasparenza dei fondi, alla solidarietà
italiana per il mondo.
Un ponte per...
Sito web: http://www.unponteper.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: piazza Vittorio Emanuele II, 132 - 00185 Roma
Telefono: 06 44702906
Fax: 06 44703172
Cosa fa: lo scopo dell’associazione è il contrasto della dominazione dei Paesi del nord
sul sud del mondo e la prevenzione di nuovi conflitti, in particolare in Medio
Oriente, attraverso campagne di sensibilizzazione, incremento degli scambi culturali,
delle relazioni di amicizia e della cooperazione allo sviluppo.
VIS
Sito web: http://www.volint.it/
Indirizzo: Via Appia Antica, 126 - 00179 Roma
Telefono: 06 516291
Fax: 06 51629299
Cosa fa: si occupa di progetti di cooperazione allo sviluppo esclusivamente di tipo
educativo, e di educazione alla mondialità
Volontari nel mondo - FOCSIV
Sito web: http://www.focsiv.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via San Francesco di Sales, 18 - 00165 Roma
Telefono: 06 6877796 - 06 6877867
Fax: 06 6872373
Cosa fa: è una Federazione italiana di organizzazioni non governative che operano nei
Paesi più poveri del mondo con una sola unità d’intenti: contribuire alla lotta contro
ogni forma di povertà ed esclusione, all’affermazione della dignità e dei diritti di
ogni uomo, inviando volontari internazionali richiesti dai partner dei Sud.
f. Centri di documentazione
• Amnesty International Sezione Italiana - Centri di documentazione
Denominazione: Centro di documentazione nazionale
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via G.B. De Rossi, 10 - 00161 Roma
Telefono: 06 4490252
213
Primi passi
Fax: 06 4490222
Cosa fa: ha a disposizione moltissimi titoli, tra volumi e materiale video, sul tema dei
diritti umani. Conserva inoltre tutti i materiali sulle campagne di Amnesty
International.
Centro di documentazione sui diritti umani, ambientali e dei popoli
Indirizzo: Il Centro di documentazione è organizzato nelle seguenti sedi decentrate:
Testi sui diritti umani e dei popoli: Centro servizi culturali - Via Montegrappa, Campo
Parignano, Ascoli Piceno
Testi e materiali sull’Ambiente: Biblioteca di Storia Contemporanea - Corso G. Mazzini,
39 - Ascoli Piceno
Cineteca Prestito Gratuito: Corso G. Mazzini, 39 - Ascoli Piceno
Cosa fa: il Centro di documentazione nasce da una iniziativa di Amnesty International,
Legambiente, Superfac e Commercio Equosolidale, in collaborazione con il Centro
servizi per il volontariato delle Marche. Mette a disposizione oltre 250 titoli, tra
volumi e materiale video, su diversi argomenti e si pone quindi come un utile punto
di riferimento per tutti coloro che devono preparare una ricerca scolastica o una tesi
di laurea.
Centro di documentazione sui diritti umani
e-mail: [email protected]
Indirizzo: c/o Amnesty International - Circoscrizione Emilia Romagna, via Irma
Bandiera 1/a - Bologna
Telefono: 051 434384
Cosa fa: sono presenti circa 2000 testi sulle tematiche inerenti ai diritti umani,
compresi tutti i rapporti di Amnesty International prodotti dalla Sezione Italiana e
dal movimento internazionale dal 1978 a oggi. Sono catalogati in vari settori:
armi, donne, minori, pena di morte, rifugiati, storia, sindacati e mondo economico,
terrorismo, testimonianze, normative internazionali, corte europea dei diritti
umani, commissioni ONU, aree geografiche, narrativa, notiziari. È presente anche
un’ampia sezione dedicata all’educazione ai diritti umani, rivolta in particolare agli
insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado. I testi sono disponibili per la sola
consultazione: non è infatti attivato il servizio di prestito.
Centro di documentazione per la promozione e l’educazione alla tutela dei
diritti umani “Rigoberta Menchù Tum”
e-mail: [email protected]
Indirizzo: via Benedetto D’Acquisto, 30 - 90141 Palermo
Telefono: 091 329142
Cosa fa: il Centro offre i servizi di una biblioteca composta da circa 1300 testi tematici,
suddivisi per argomento, tipologie d’utenza e fasce d’età, nonché da più di un
migliaio di riviste; conserva inoltre una piccola raccolta di videocassette. Il Centro si
propone come supporto alle attività di Educazione ai diritti umani svolte sul
territorio siciliano da Amnesty International. Fornisce consulenza ad associazioni
ester-
214
6. Passi successivi
ne che necessitano di specifica documentazione. Si rivolge inoltre a studenti,
ricercatori, curiosi che intendono approfondire le tematiche dei diritti umani. Tutto
il patrimonio del Centro è reso disponibile sia mediante la consultazione in loco che
mediante prestito esterno all’utenza regolarmente autorizzata e iscritta al Centro, a
prescindere dall’essere soci o meno di Amnesty, il tutto nel rispetto di un preciso
regolamento interno.
• Archivio Pace e Diritti Umani dell’Università di Napoli
Sito web: http://www.archiviopace.unina.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Facoltà di Scienze Politiche - Dipartimento di Analisi Dinamiche, Ambientali
e Territoriali
Via L. Rodinò 22 - 80138 Napoli
Telefono: 081 5537735
Fax: 081 201409
Cosa fa: è un centro di ricerca creato da professori e ricercatori dell’Università di Napoli
con l’obiettivo costruire il “sapere” dei diritti umani (delle persone e dei popoli),
informare diffusamente circa i contenuti, teorici e applicativi, di questo sapere e
educare perché il sapere dei diritti umani si incarni nella vita sociale e politica.
Archivio Regionale “Pace Diritti Umani” - Centro interdipartimentale di ricerca
e servizi sui diritti della persona e dei popoli - Università degli Studi di
Padova
Sito web: http://www.centrodirittiumani.unipd.it
e-mail: [email protected]
Indirizzo Via Anghinoni 10 - 35120 Padova
Telefono: 049 827 44 31
Fax: 049 827 36 84
Cosa fa: è un centro di ricerca creato da professori e ricercatori dell’Università di
Padova con l’obiettivo costruire il “sapere” dei diritti umani (delle persone e dei
popoli), informare diffusamente circa i contenuti, teorici e applicativi, di questo
sapere e educare perché il sapere dei diritti umani si incarni nella vita sociale e
politica.
• Mani Tese - Centro di Documentazione
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Piazza Gambara 7/9 - 20146 - Milano
Telefono: 02 .4075165
Fax: 02.4046890
Cosa fa: vedi le indicazioni sull’organizzazione Mani Tese.
215
Primi passi
• g. Agenzie informative
Carta
Sito web: http://www.carta.org/
e-mail: [email protected]
Cosa fa: è un mezzo di comunicazione sociale. Informa e mette in comunicazione tra
loro ambiti diversi della società civile in ogni modo possibile. Il principale è il settimanale: un giornale nazionale con le “no news”: grandi reportage, inchieste socia- li,
approfondimenti sui temi più importanti e le 30 pagine dei Cantieri sociali, con
segnalazioni dall’associazionismo più vario.
MISNA - MIssionary Service News Agency
Sito web: http://www.misna.org/ita/default.htm
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Levico, 14 - 00198 Roma
Telefono: 06 85356455
Fax: 06 85356385
Cosa fa: è un’agenzia giornalistica specializzata nel diffondere notizie e servizi di
approfondimento e reportage sul Sud del mondo. Il tutto in un’ottica editoriale
orientata sui versanti: politico, economico, sociale, religioso e culturale.
Peacelink
Sito web: http://www.peacelink.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: C.P. 2009 – 74100 Taranto
Cosa fa: associazione di volontariato dell’informazione che dal 1992 offre una alternativa ai messaggi proposti dai grandi gruppi editoriali e televisivi. Peacelink collabora con associazioni di volontariato, insegnanti, educatori e operatori sociali che si
occupano di pace, nonviolenza, diritti umani, liberazione dei popoli oppressi, rispetto
dell’ambiente e libertà di espressione.
Peacereporter
Sito web: http://www.peacereporter.net/it
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Bagutta 12 - 20121 Milano
Telefono: 02 76028334
Fax: 02 76003719
Cosa fa: è un quotidiano on-line che tratta temi internazionali; è anche una agenzia
di stampa e di servizi editoriali, nato da una idea dell’agenzia giornalistica Misna e
della organizzazione umanitaria Emergency.
Redattore Sociale
Sito web: http://www.redattoresociale.it/
216
6. Passi successivi
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Vallescura, 47 - 63010 Capodarco di Fermo (AP)
Telefono: 0734 68191
Fax: 0734 681920
Cosa fa: è la prima agenzia giornalistica quotidiana dedicata al disagio e all’impegno
sociale in Italia e nel mondo. È promossa dalla Comunità di Capodarco,
un’organizzazione direttamente coinvolta in queste tematiche.
Reporter Associati
Sito web: http://www.reporterassociati.org/
e-mail: [email protected]
Cosa fa: è una testata giornalistica on-line di attualità, analisi e commenti di politica
internazionale
Vita
Sito web: http://www.vita.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Marco D’Agrate 43 - 20139 Milano
Telefono: 02 5522981
Fax: 02 55230799
Cosa fa: è un settimanale esclusivamente dedicato al volontariato e al no profit. Offre
uno sguardo aggiornato su quanto è successo durante la settimana, ma non solo.
Inserti fissi mensili quali E&F - Etica e Finanza (dedicato all’economia e all’investimento socialmente responsabile) e Ecomondo (su ambiente, energia e risorse);
dossier e speciali a tema (università, biologico, ecc.); pubblicazioni di quaderni di
approfondimento e guide ragionate su temi specifici (volontariato, rapporto sulla
finanza etica in Italia).
• g. Centri di formazione
Centro psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti
Sito web: http://www.cppp.it/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Campagna 83 - 29100 Piacenza
Telefono e fax: 0523 498594
Cosa fa: è un istituto per la formazione, la consulenza e la progettazione. Da quindici
anni si occupa di gestione educativa e trasformazione dei conflitti.
• h. Organizzazioni e coalizioni per la promozione di una economia di giustizia
Rete di Lilliput
Sito web: http://www.retelilliput.org/
e-mail: [email protected]
217
Primi passi
Telefono: 338 9280684
Cosa fa: l’ obiettivo principale è quello di far interagire e collaborare le esperienze
locali che in Italia cercano di lottare contro il liberismo sfrenato servendosi di azioni
mirate e concrete.
• i. Organizzazioni che operano nell’ambito dell’esclusione sociale
CARITAS ITALIANA
Sito web: http://www.caritasitaliana.it/
Indirizzo: Viale F. Baldelli 41 - 00146 Roma
Telefono: 06 54921
Fax: 06 5410300
Cosa fa: è un organismo pastorale della Chiesa italiana che, a livello nazionale,
attualmente si impegna soprattutto in quattro grandi ambiti: il debito estero, la
tratta di persone a scopo di sfruttamento sessuale, il carcere, la disoccupazione
giovanile. A livello diocesano e parrocchiale si impegna anche sulla povertà di strada,
devianza minorile, immigrazione, insediamenti di nomadi.
Gruppo Abele
Sito web: http://www.gruppoabele.org/
e-mail: [email protected]
Indirizzo: C.so Trapani 95 - 10141 Torino
Telefono: 011 3841066
Cosa fa: il Gruppo Abele ha interpretato (dal 1965 a oggi) l’essere cittadini a partire
dalla strada. Una strada che in questi anni ha parlato non solo di droghe, ma dei
tanti volti, nessuno escluso, di chi fa più fatica: AIDS, alcolismo, immigrazione,
carcere, prostituzione, senza fissa dimora, giovani disadattati, malattia mentale,
solitudini diverse... Attraverso il portale del Gruppo Abele si può accedere ai siti di
numerose associazioni e iniziative ad esso collegate. Tra queste, l’Associazione
Libera: http://www.libera.it/
218
6. Passi successivi
6. Bibliografia e altri strumenti utili
La sezione che segue, anch’essa come già la precedente senza pretese di
esaustività, è divisa in tre parti. La prima, Sapere e saper essere, è dedicata a testi argomentativi su tutto quello che ruota attorno ai diritti
umani (e quindi pubblicazioni sui vari tipi di violazioni, rapporti sui Paesi
ma anche testi con contributi teorici al tema dell’Educazione ai diritti
umani e, più in generale all’etica). La seconda, Saper fare, è dedicata
invece a quei testi che contengono proposte per il lavoro “pratico” con i
gruppi (unità didattiche da usare in classe, fiabe per i più piccoli, schede
da completare, giochi…) sia in contesto scolastico che extrascolastico. La
terza parte, infine, è dedicata agli Strumenti e fornisce indicazioni per
chi voglia utilizzare non solo materiali cartacei ma altri strumenti
altrettanto validi.
a. Sapere e saper essere
Amnesty International, Rapporto annuale 2004, EGA Editore, Torino 2004
Id. (a cura di), Economia e diritti umani. Geografia del rischio aziendale, Amnesty
International, Roma 2004
Id. (a cura di), Abu Ghraib e dintorni. Un anno di denunce non ascoltate sulle torture in
Iraq, EGA Editore, Torino 2004
Id. (a cura di), Mai più! Fermiamo la violenza sulle donne, EGA Editore, Torino 2004
Id. (a cura di), Armare i conflitti. Il G8: esportazioni di armi e violazioni dei diritti umani,
EGA Editore, Torino 2003
Id. (a cura di), Razzismo. Il colore della discriminazione, Rizzoli, Milano 2003
Id. (a cura di), Russia. Giustizia in rosso, EGA Editore, Torino 2003
Id. (a cura di), Non sopportiamo la tortura, Rizzoli, Milano 2001
Id. (a cura di), La forza della solidarietà. Diritti economici e sociali in un mondo che cambia,
Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 2001
Id. (a cura di), La disavventura del Generale. Il caso Pinochet e la repressione della tortura,
Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 2001
Id., Diritti umani. La nuova sfida per le imprese, Edizioni Cultura della Pace, San Domenico
di Fiesole (FI) 2001
Id. (a cura di), Quando i “grandi” fanno la guerra. Proteggere i bambini nei conflitti armati, Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 2000
Id. (a cura di), Diritti umani e ambiente. Giustizia e sicurezza nella questione ecologica,
Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 2000
Id. (a cura di), Democrazia e diritti violati. Il caso Stati Uniti, Edizioni Cultura della Pace, San
Domenico di Fiesole (FI) 1999
Id. (a cura di), Tutti i bambini del mondo. Liberi ed eguali in dignità e diritti, Edizioni
Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1998
219
Primi passi
Id. (a cura di), Introduzione ai diritti umani. A cinquant’anni dalla Dichiarazione Universale,
Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1998
Id. (a cura di), Diritti senza pace. Difendere la dignità umana nei conflitti armati, Edizioni
Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1998
Id. (a cura di), Nunca mas. Mai più al di sopra della legge, Edizioni Cultura della Pace, San
Domenico di Fiesole (FI) 1997
Id. (a cura di), Liberi di essere. Storie a lieto fine di Amnesty International, Edizioni Cultura
della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1997
Id. (a cura di), Il sale della terra. I rifugiati e il diritto d’asilo, Edizioni Cultura della Pace, San
Domenico di Fiesole (FI) 1997
Id. (a cura di), Dentro le Nazioni Unite. La diplomazia popolare di Amnesty International:
come e perché, Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1996
Id. (a cura di), La Muraglia violata. Diritti umani e differenti culture. Il caso Cina, Edizioni
Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1996
Id. (a cura di), Un errore capitale. Il dibattito sulla pena di morte, Edizioni Cultura della
Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1995
Id. (a cura di), Donne in prima linea. Contro le violazioni dei diritti umani, Edizioni Cultura
della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1995
Id. (a cura di), Combattere la fame difendere la libertà, Edizioni Cultura della Pace, San
Domenico di Fiesole (FI) 1994
A. Andreasi - L. Bianco (a cura di), Diventare cittadini, EGA Editore, Torino 2002
H. Arendt, La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme, Feltrinelli, Milano 1998
Z. Bauman, Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Edizioni Laterza, Bari
2001
Beati i costruttori di pace (a cura di), Dall’11 settembre…per capire, Beati i Costruttori di
Pace, Padova 2001
E. Bergomi - G. Dall’Asta - P. Da nuvola - G. Terruzzi, I diritti umani. Riflessioni teoriche e
indicazioni didattiche, Editrice La Scuola, Brescia 1989
A. Boscaro (a cura di), Dizionario della Globalizzazione. Le idee e le parole dello sviluppo,
Zelig Editore, Milano 2002
Caritas Italiana (a cura di), Non chiamarmi soldato. I bambini combattenti tornano a casa:
frammenti di pace in Sierra Leone, EGA Editore, Torino 2002
M. Crudo, La conoscenza dell’altro tra paura e desiderio, CRES - Edizioni Lavoro, Roma 1996
P. Degani - P. De Stefani (a cura di), Diritti umani e pace. Materiali e proposte per l’educazione, Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Università di Padova, Padova 2002
D. Demetrio, Educatori di professione. Pedagogia e didattiche del cambiamento nei servizi
extra-scolastici, La Nuova Italia 1997
P. De Stefani (a cura di), Raccolta di strumenti internazionali sui diritti umani, Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Università di
Padova, Padova 2001
A. Di Napoli - I. Kas - G.L. Spadoni - A. Taviani - E. Zerbino (a cura di), Medici e tortura. Sette
storie d’oggi, il Pensiero Scientifico Editore, Roma 1994
Dipartimenti per l’informazione e per le politiche e la promozione dei diritti civili della
Regione Veneto (a cura dei), Cittadino e diritti umani. Legislazione internazionale e
regionale, Regione del Veneto Marsilio Editori, Venezia 1990
A. Ferrari (a cura di), Disegni di guerra. La guerra civile in Sierra Leone raccontata dagli ex
bambini soldato, EMI, Città di Castello (PG) 2001
P. Freire, La pedagogia degli oppressi, EGA Editore, Torino 2002
220
6. Passi successivi
A. Genco (a cura di), Processi formativi in prospettiva sociale, Cleup, Padova 1998
G. Giliberti (a cura di), La cultura dei diritti. “Incontri di Monteveglio” 1994-1997, Loffredo
Editore, Napoli 1997
Id., Strumenti internazionali sui diritti umani, Amnesty International, Roma 1995
Gruppo di lavoro incaricato dell’inchiesta sull’insegnamento dei diritti umani (a cura di),
Inchiesta sull’insegnamento e l’informazione relativi ai diritti umani in Italia, Presidenza
del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l’informazione e l’Editoria, Roma 1996
G. Harrison, I fondamenti antropologici dei diritti umani, Meltemi Editore, Roma 2001
D. Invernizzi, Cittadini under 18. I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Editrice
Missionaria Italiana
A. Langer, La scelta della convivenza, Edizioni e/o, Roma 1995
F. Lotti - N. Giandomenico (a cura di), Insegnare i diritti umani, EGA Editore, Torino 1998
A. Mangano, Problemi e prospettive della pedagogia sociale, Bulzoni Editore, Roma 1989
J. Maritain, L’educazione al bivio, La Scuola, Brescia 1963
M. Mascia (a cura di), Una nuova mondialità per un futuro di pace, Edizioni Cultura della
Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1994
Don L. Milani, L’obbedienza non è più una virtù e gli altri scritti pubblici, Stampa
Alternativa, Roma 1998
D. Novana - L. Boccalini, Tutti i grandi sono stati bambini, EGA Editore, Torino 2000
J. O’Loughlin (a cura di), Dizionario di geopolitica, Asterios Editore, Trieste 2000
A. Papisca (a cura di), Il sapere dei diritti umani nel disegno educativo, Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Università di Padova,
Padova 2002
D.E. Pittuelli, Né oblio né perdono. Diario di un prigioniero politico argentino, EGA Editore,
Torino 2003
K. Popper, La lezione di questo secolo. Intervista di Giancarlo Borsetti, Marsilio, Venezia
1996
F. Postiglione, “In the name of love”. Rock e impegno politico dal Live Aid alla Guerra in
Iraq, Pagano, Napoli 2003
Id., Giustizia è fatta? Una risposta razionale alla pena di morte, Pagano, Napoli 2002
Presidenza del Consiglio dei Ministri (a cura di), Conferenza Europea di lancio del decennio
per l’educazione ai diritti umani, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per
l’informazione e l’Editoria, Roma 1993
D. Scaglione, Diritti un campo. Storie di calcio, libertà e diritti umani, EGA Editore, Torino
2004
Id., Istruzioni per un genocidio. Rwanda: cronache di un massacro evitabile, EGA Editore,
Torino 2003
L. Schrader, Il diritto di esistere. Storie di kurdi e turchi insieme per la libertà, EGA Editore,
Torino 1999
Scuola di Barbiana (a cura di), Lettera a una professoressa, Libreria Editrice Fiorentina,
Firenze 1996
S. Shute - S. Hurley (a cura di), I diritti umani. Oxford Amnesty Lectures, Garzanti, Cernusco
s/C (MI) 1994
E.P. Simonetti, Bambini che non giocano. Il lavoro minorile nel mondo: dall’analisi alle strategie operative, VIS - Fondazione Cesar, 2003
B. Solet, Tortura. Testimoni contro il silenzio, EGA Editore, Torino 1996
A. Tabaro (a cura di), Scenari a prova di pace, Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di
Fiesole (FI) 1994
221
Primi passi
A. Taviani (a cura di), Guarire dalla tortura. Da vittime a testimoni, Il Pensiero Scientifico
Editore, Roma 2002
Tavola della Pace – Centro di informazione delle Nazioni Unite (a cura di), Cinquanta idee
per celebrare il 50° Anniversario della Dichiarazione Universale dei diritti umani, 2002
Id. (cura di), I Diritti delle Donne: una responsabilità di tutti, 2002
Id. (cura di), I Diritti dei Bambini, 2002
Id. (cura di), L´educazione ai diritti umani, 2002
E. Toffano Martini, E noi guardiamo il cielo? Ipotesi per un’ educazione ai diritti umani, voll.
1 e 2, Cleup, Padova 2001
S. Ulivieri (a cura di), L’educazione e i marginali. Storia, teorie, luoghi e tipologie dell’emarginazione, La Nuova Italia 1997
Unione Europea (a cura di), Violazione dei diritti dell’uomo e aiuti umanitari, Parlamento
Europeo Ufficio per l’Italia e Commissione Europea Rappresentanza in Italia, Viterbo
1996
P. Valadier, Inevitabile morale, Morcelliana, Brescia 1998
b. Saper fare
Amnesty International, Diritti delle donne, diritti umani. Unità didattiche per la scuola
media, EGA Editore, Torino 2004
Id. (a cura di), I diritti delle donne – Unità didattiche per la scuola superiore, EGA Editore,
Torino 2004
Id. (a cura di), Insieme si può. Spunti per un’educazione ai diritti umani per il secondo ciclo
delle scuole elementari, EGA Editore, Torino 2004
Id. (a cura di), Rispetta i miei diritti! La parola ai rifugiati. Itinerari didattici per la scuola
media e superiore, Amnesty International, Roma 2004
Id. (a cura di), Razzismo di Ieri. Razzismo di oggi. Itinerari didattici per la scuola media,
Amnesty International, Roma 2003
Id. (a cura di), Razzismo: un problema? Itinerari e materiali didattici per il biennio delle
superiori, Amnesty International, Roma 2003
Id. (a cura di), Il quadernone di Amnesty International per scoprire cosa sono i diritti dei
bambini, EGA Editore, Torino 2003
Id. (a cura di), Un paese tutto nuovo e altre storie, Edizioni Cultura della Pace, San
Domenico di Fiesole (FI) 2001
Id. (a cura di), Il grande libro dei diritti dei bambini, Edizioni Sonda, Torino 1995
Id. (a cura di), Il tempo dei diritti. Piccolo “ideario” per l’educazione ai diritti umani,
Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole (FI) 1995
Id. (a cura di), Educare ai diritti. Una “Cassetta degli attrezzi”, Amnesty International, Roma
1995
AA.VV., COMPASS. Manuale per l’educazione ai diritti umani con i giovani, Roma,
Sapere2000 Ed. multimediali, 2004
P. Badaloni - B. Bozzetto, Il libro dei diritti dei bambini, EGA Editore, Torino 1999.
A. Boal, Il poliziotto e la maschera. Giochi esercizi e tecniche del Teatro dell’Oppresso,
Edizioni La Meridiana, Molfetta 2003
C. Besemer, Gestione dei conflitti e mediazione, EGA Editore, Torino 2003
A. Cenini, Ciurma, questo silenzio cos’è? 35 tecniche per animare la discussione in gruppo,
Edizioni Paoline, Milano 2001
M. Jelfs, Tecniche di animazione. Per la coesione del gruppo e un’azione sociale nonviolenta, Editrice Elle Di Ci, Torino 1986
222
6. Passi successivi
S. Loos, Viaggio a Fantasia. Giochi creativi e non competitivi a scuola e in famiglia, EGA
Editore, Torino 1991
Id. Novantanove giochi, EGA Editore, Torino 1989
L. Luatti (a cura di), Il mondo in uno scaffale. Percorsi di lettura per la scuola elementare,
UCODEP e Centro di Documentazione di Arezzo, Arezzo 2002
Id. (a cura di), Il mondo in uno scaffale. Percorsi di lettura per la scuola media, UCODEP e
Centro di Documentazione di Arezzo, Arezzo 2003
Id. (a cura di), Il mondo in uno scaffale. Percorsi di lettura per la scuola superiore, UCODEP
e Centro di Documentazione di Arezzo, Arezzo 2004
D. Novara, Obiettivo… giustizia, EGA Editore-Paravia, Torino 2004
Id., Obiettivo… solidarietà, EGA Editore-Paravia, Torino 2004
Id., Obiettivo… rapporti, EGA Editore-Paravia, Torino 2004
Id. Obiettivo… futuro, EGA Editore-Paravia, Torino 2004
D. Novara - E. Passerini, Ti piacciono i tuoi vicini? Manuale di educazione socioaffettiva,
EGA Editore, Tornino 2003
S. Parlagreco, Le ragioni della tolleranza. Diritti umani, storie disumane, SEI, Torino 1995
R. Portamann, Anche i cattivi giocano. Giochi per gestire l’aggressività. Edizioni La
Meridiana, Molfetta 1997
P. Ranzani, 99 per Amnesty. Ritratto a Nord Ovest, Gribaudo Editore, Torino 2003
Telefono Azzurro (a cura di), I diritti dei bambini, i doveri degli adulti, 1999
Id. (a cura di), Coloriamo i diritti dei bambini, Fabbri-Telefono Azzurro 1999
Id. (a cura di), Il tempo dei diritti, Fabbri Editori-Il Telefono Azzurro, 1999
UCODEP - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE CITTÀ DI AREZZO (a cura di), Intercultura –
Riflessioni ed esperienze di educazione interculturale in ambito scolastico, Editrice
Missionaria Italiana, Bologna 2004
Id. (a cura di), Pace. Riflessioni ed esperienze di educazione alla pace in ambito scolastico,
Editrice Missionaria Italiana, Bologna 2004
Id. (a cura di), Diritti. Riflessioni ed esperienze di educazione ai diritti umani in ambito scolastico, Editrice Missionaria Italiana, Bologna 2004
Id. (a cura di), Sviluppo. Riflessioni ed esperienze di educazione allo sviluppo in ambito scolastico, Editrice Missionaria Italiana, Bologna 2004
UNICEF (a cura di), Percorsi didattici sui diritti dei bambini n.1, Comitato Italiano per
l’UNICEF, 2001
Id. (a cura di), Percorsi didattici sui diritti dei bambini n.2, Comitato Italiano per l’UNICEF,
2002
Id. (a cura di), Promuovere la partecipazione dei ragazzi per costruire la democrazia, Centro
di Ricerca Innocenti dell’UNICEF, 2001
Id. (a cura di), I diritti dei bambini in parole semplici, Comitato Italiano per l’UNICEF, 2001
c. Strumenti
GIOCHI
Amnesty International (a cura di), Community. Il gioco che libera il mondo, Clementoni
2001
223
Primi passi
VIDEO
Amnesty International (a cura di), Rispetta i miei diritti! La parola ai rifugiati, Amnesty
International, Roma 2004
Id. (a cura di), Mai più violenza sulle donne, Amnesty International, Roma 2004
Beati i costruttori di pace (a cura di), Disarmiamo la storia, 2004
CESVI (a cura di), Prove di danza per una musica nuova
CIPSI (a cura di), Dare voce al sud del mondo
Id. (a cura di), Diritti Umani e resistenza nei processi di globalizzazione, 1988
Id. (a cura di), Educare alla mondialità e ai diritti: un approccio territoriale integrato
Consiglio d’Europa (a cura di), La nostra voce oggi per i diritti umani, Consiglio d’Europa
1995
Cooperativa sociale Pangea (a cura di), Un’altra via di uscita
Emergency (a cura di), L’arcobaleno e il deserto. Emergency in Iraq, 2003
Mani Tese (a cura di), YATRA - dallo sfruttamento all’istruzione
Id. (a cura di), Nongtaaba. In motorino tra i progetti di Mani Tese in Burkina Faso
Id. (a cura di), Tembè e Coloni. La nostra casa è l’Amazzonia
J. Pilger, Paying the price. Killing the Children in Iraq, 1999
Polimago (a cura di), Brasile: bambini di strada, ICEI-DGCS 1992
Telefono Azzurro (a cura di), Diritti al cuore n. 1, 2, 3
UNICEF (a cura di), La condizione dell’infanzia nel mondo 2004. Non ci sono più scuse
(Educazione per le bambine), UNICEF 2003
Id. (a cura di), La condizione dell’infanzia nel mondo 2003. La partecipazione dei ragazzi
UNICEF 2003
Id. (a cura di), La condizione dell’infanzia nel mondo 2001. Prima Infanzia, UNICEF 2001
Id. (a cura di), La condizione dell’infanzia nel mondo 2000. Bambini sulla Strada, Bambini
Soldato, Aids, UNICEF 2000
Id. (a cura di), La condizione dell’infanzia nel mondo 1999. L’istruzione UNICEF 1998
Id. (a cura di), La condizione dell’infanzia nel mondo 1997. Lavoro minorile UNICEF
Id. (a cura di), Convivere con l’HIV, UNICEF-Tv Danese 2003
Id. (a cura di), Il Manifesto dell’Infanzia, UNICEF, Giugno 2002
Id. (a cura di), Emergenza IRAQ, UNICEF Marzo 2003
Id. (a cura di), Bangladesh, Istruzione per i piccoli lavoratori UNICEF 2003
Id. (a cura di), I figli della strada, DGCS-UNCEF
Un ponte per… (a cura di), Sabra e Chatila, 20 anni dopo, 2002
CD-ROM
Amnesty International (a cura di), Diritti Violati. Un viaggio interattivo nella Dichiarazione
universale dei diritti umani, Si. Lab Edizioni Multimediali/InOvo, 2001
Mani Tese-CRES (a cura di), Un pianeta in movimento. Viaggio nei fenomeni migratori
Università di Padova – Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli (a cura di), Abcdirittiumani: Diritti umani, pace, sviluppo, interculturalità e solidarietà nella scuola, Corso di formazione per il personale docente e dirigenziale
della Scuola nella Regione Veneto – a.s.. 2001/2002
224
Fly UP