...

Fastidio associato alle lenti a contatto. Che cos`è, perché si

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Fastidio associato alle lenti a contatto. Che cos`è, perché si
Fastidio associato alle lenti a contatto.
Che cos'è, perché si manifesta e come può essere trattato?
Jason J. Nichols (Houston, TX, USA), Lyndon Jones (Waterloo, Ontario, Canada), J. Daniel Nelson
(Minneapolis, MN, USA), Fiona Stapleton (Sydney, NSW, Australia), David A. Sullivan (Boston,
MA, USA), Mark D.P. Willcox (Sydney, NSW, Australia), per conto dei partecipanti al Workshop
internazionale TFOS sul fastidio associato alle lenti a contatto
Introduzione
Il fastidio associato alle lenti a contatto
(CLD) è un problema che affligge la metà dei
portatori di lenti a contatto. Tuttavia, non
esiste un consenso globale sulla sua
definizione, classificazione, epidemiologia,
patofisiologia, diagnosi e gestione, né sulla
corretta progettazione degli studi clinici a
riguardo.
Per raggiungere tale consenso, la Tear Film &
Ocular Surface Society (TFOS;
www.tearfilm.org) ha sponsorizzato un
workshop internazionale dal titolo “The TFOS
International Workshop on Contact Lens
Discomfort”. Il workshop ha coinvolto 79
esperti di tutto il mondo, i quali hanno
partecipato a uno delle nove
sottocommissioni dedicate ai molteplici
aspetti del CLD.
Lo scopo di questo report è quello di
descrivere le principali risultanze del
workshop, contribuendo così al loro
trasferimento nella pratica clinica e nella
cura dei portatori di lenti a contatto.
Che cos'è il CLD?
L'uso delle lenti a contatto viene definito
confortevole quando è possibile indossare le
lenti senza sentirle e senza accusare
problemi di alcun tipo, per tutto il tempo che
si desidera. Il fastidio associato alle lenti a
contatto viene spesso identificato
clinicamente sulla base dei sintomi di
fastidio e secchezza manifestati dal
portatore (soprattutto a fine giornata).
Il Workshop ha definito il CLD nel modo
seguente:
Il fastidio associato alle lenti a contatto (CLD)
è una condizione caratterizzata da sensazioni
oculari avverse, episodiche o persistenti,
legate all'uso delle lenti con o senza disturbi
visivi, derivante da una ridotta compatibilità
tra la lente a contatto e l'ambiente oculare, la
quale può portare a ridurre il tempo di utilizzo
e a interrompere l'uso delle lenti a contatto.
I termini finora usati per indicare la
cessazione dell’utilizzo delle lenti a contatto
sono molteplici (per esempio, smettere,
abbandonare -drop out, non tollerare,
www.tearfilm.org
Disagio con lenti a contatto
Lenti a contatto
Materiale
p. es.
Lubricità
Contenuto
d’acqua
Geometria
p. es.
Bordo
Curva Base
Applicazione
e Uso
p. es.
Interazione
con la lente
Modalità
d’uso
Ambiente
Manutenzione
p. es.
Composizione
chimica del
sistema di
manutenzione
Fattori
correlati al
paziente
p. es.
Età/Genere
Patologie
oculari/ sistemiche
Fattori
modificabili
legati al
paziente
p. es.
Medicamenti
Compliance
Ambiente
oculare
p. es.
Lipidi/ Stabilità
del film
lacrimale
Ammiccamento
Ambiente
esterno
p. es.
Umidità
Qualità
dell’aria
Progressione del CLD
Pazienti in difficoltà
Consapevolezza fisica
Disturbi visivi
Riduzione del
tempo di uso
confortevole
Riduzione del
tempo di uso totale
Interruzione
temporanea dell’uso
delle lenti
Interruzione
permanente dell’uso
delle lenti
(drop out)
Figura 1. Classificazione del CLD
sospendere). Il termine “smettere” dovrebbe
essere usato per descrivere la fine
dell’utilizzo delle lenti a contatto, mentre il
termine “abbandono” o dropout dovrebbe
essere usato per indicare che un individuo
ha interrotto (o sospeso) l’uso delle lenti a
contatto per un periodo prolungato di
tempo. Il Workshop ha stabilito di
classificare il CLD in due categorie principali,
basate rispettivamente su fattori associati
alle lenti a contatto e su fattori ambientali
(Figura 1).
Quanto è frequente il CLD?
Il fastidio associato alle lenti a contatto è un
problema frequente. Le stime derivate da
studi basati sulla popolazione e su trial
clinici indicano una frequenza del CLD
compresa tra il 31% e il 79% dei portatori di
lenti a contatto; quindi, si afferma spesso
che circa la metà dei portatori di lenti a
contatto soffre di CLD.
Perché si manifesta il CLD?
Sono stati presi in considerazione numerosi
fattori associati al paziente, modificabili e
non modificabili. Le evidenze non hanno
confermato un profilo di fattori di rischio
Title sponsor
non modificabili associati al paziente per il
CLD, anche se il sesso (femminile) e l'età
hanno mostrato una moderata correlazione
con tale condizione. Allo stesso modo, non
sono state raccolte prove sufficienti a
indicare per il CLD un chiaro profilo di fattori
di rischio modificabili associati al paziente.
Il CLD è stato valutato anche alla luce di
altri aspetti eziologici, come la neurobiologia
dei sintomi, gli effetti dell'uso delle lenti a
contatto su superficie oculare, annessi e film
lacrimale e l'impatto dei materiali, delle
geometrie e della manutenzione delle lenti a
contatto. Nonostante la probabilità che la
neurobiologia associata alla superficie
oculare sia di importanza cruciale nel CLD,
attualmente si sa poco sul ruolo del sistema
nervoso, e sulla sua risposta, in relazione al
CLD. Molte delle altre strutture della
superficie oculare sembrano non subire
alterazioni in presenza del CLD, con la
possibile eccezione della perdita o modifica
delle ghiandole di Meibomio. La perdita di
ghiandole di Meibomio e/o l'uso delle lenti a
contatto portano a una riduzione della
stabilità del film lacrimale pre-lente e a un
aumento dell'evaporazione, due circostanze
che possono avere un legame con il CLD.
www.arvo.org
Disagio
o tempo d’uso
confortevole
inferiore a quello
desiderato?
No
Nessun'altra azione
richiesta
Si
Cambiare la soluzione o il
sistema di manutenzione
Auto-riduzione
del tempo
d’uso
No
Iniziare
la gestione
Eliminare il sistema di manutenzione/Passare alle lenti
monouso giornaliere
Regolare la frequenza
di sostituzione
Valutare lo stato
del paziente
Il tempo
d’uso è adeguato
alle esigenze
del paziente?
No
Interruzione /
abbandono
Si
Si
Cambiare la geometria e/o
il materiale della lente
Eliminare i fattori
concomitanti
Integrazione del film
lacrimale
Gocce lubrificanti
tanti
Inserti lacrimali
Occlusione puntuale
1)
2)
3)
4)
Stabilire i fattori
non ottimali legati
alla lente
Integrazione dietetica
(olio di enagra)
Cambiare il
metodo di
correzione
Disagio
o tempo d’uso
confortevole
inferiore a quello
desiderato?
No
Farmaco topico
(Azitromicina)
Si
Migliorare l’ambiente
Trattamento del
paziente con una
lente clinicamente
accettabile
No
Sono state
esaminate tutte
le strategie?
Disagio
o tempo d’uso
confortevole
inferiore a quello
desiderato?
Si
Si
No
Figura 2. Gestione del CLD
Molti fattori legati alla geometria o al
materiale della lente a contatto hanno
dimostrato di avere un ruolo ridotto nel
CLD. Tra quelli che sembrano avere una
certa influenza sul CLD si annoverano un
più alto contenuto d'acqua nel materiale
della lente, un ridotto attrito di
superficie, un'applicazione inadeguata, il
profilo del bordo della lente (meglio
sottile/acuto che arrotondato) e la
modalità di utilizzo (meglio le lenti
giornaliere monouso che quelle
riutilizzabili). Inoltre, la letteratura non
fornisce un'indicazione chiara circa le
specifiche formulazioni e i componenti
delle soluzioni per la manutenzione
associate al CLD. Rimane ancora da
dimostrare in modo definitivo se una
regolare manutenzione delle lenti a
contatto, comprendente le fasi di
sfregamento, risciacquo e adeguata
immersione nel liquido (disinfezione e
pulizia), sia importante nella prevenzione
del CLD.
Come può essere trattato
il CLD?
Il primo passo nel trattamento del CLD è
ottenere dal paziente un'anamnesi
dettagliata, seguita dall'eliminazione di
possibili aree di confusione (per esempio,
attraverso l’identificazione e la cura di
eventuali patologie oculari e sistemiche
coesistenti/non legate alle lenti a
contatto) e di qualsiasi problema ovvio
legato alla lente (per esempio, un danno
fisico). In seguito, i trattamenti possono
includere: il passaggio a una lente a
contatto in materiale diverso, il
cambiamento della modalità di utilizzo,
la sostituzione della soluzione/sistema di
manutenzione, l'eliminazione delle
soluzioni per la manutenzione, l’
aumento della frequenza di sostituzione,
il cambiamento della geometria della
lente, l'utilizzo di un collirio, variazioni
nella dieta, miglioramento delle
condizioni ambientali (incremento
dell’umidità) o l'utilizzo di farmaci topici
(Figura 2).
Conclusioni
Il fastidio associato alle lenti a contatto è un problema comune. Sono stati fatti progressi significativi nell'identificazione di importanti
fattori caratteristici della condizione, nonché di quelli che invece devono essere ignorati. Dato che il trattamento del CLD è complesso
e articolato, è importante che i clinici considerino un approccio graduale all’identificazione, alla gestione e al trattamento del CLD al
fine di massimizzare le possibilità di un uso delle lenti a contatto continuativo e di successo.
Ringraziamenti: Grazie a Sabrina Zappia (www.citynetonline.it) e Amy Gallant Sullivan per il loro aiuto professionale. L'elenco dei partecipanti al Workshop è
disponibile sul sito www.tearfilm.org.
www.tearfilm.org
Title sponsor
www.arvo.org
Fly UP