...

Concetto di bisogno - Università degli Studi di Verona

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Concetto di bisogno - Università degli Studi di Verona
Concetto di bisogno
• Per bisogno si intende la necessità o il desiderio
dell’uomo di uscire da uno stato di
insoddisfazione mediante l’utilizzo di mezzi
adeguati allo scopo ed a tal fine destinati; questi
ultimi sono detti beni e quando sono in quantità
limitata rispetto ai bisogni prendono la qualifica
di beni/servizi economici.
• La limitatezza dei beni economici rispetto ai
bisogni fa sorgere il problema della più
opportuna coordinazione qualitativa, quantitativa
e temporale dei primi ai secondi: tale problema è
denominato problema economico di cui si
occupa l’economia politica.
Scarsità, risorse e bisogni
ƒ La scienza economica si occupa di allocare
in maniera efficiente le risorse scarse. Tali
risorse sono: terra, lavoro, capitale,
imprenditorialità (fattori produttivi).
ƒ Come conseguenza della scarsità delle
risorse, è importante definire il concetto di
costo opportunità, secondo il quale ogni scelta,
in economia, implica la rinuncia ad una possibile
alternativa.
Applicazione dei principi economici al
settore sanitario
In sanità ci si occupa di investire in maniera efficiente i
fondi a disposizione tenendo presente:
• Vincoli di equità:
- Equità nell’accesso ai servizi
- Equità nella distribuzione dello stato di salute
• Esigenze sanitarie della popolazione
Si tratta di definire il bisogno sanitario: dipende da fattori
genetici, epidemiologici, ambientali e culturali
Fattori che influenzano la salute
Fattori ambientali
Servizi sanitari
Stato di salute
Fattori comportamentali
Fattori genetici
Stadi di sviluppo
socio-economico
Scarsità, risorse e bisogni
•
Rispondiamo ai tre quesiti:
1. Che cosa produrre
2. Come produrre
efficienza allocativa
efficienza tecnica
3. Per chi produrre
distribuzione = equità
Applicazione dei principi economici al
settore sanitario
1. Che cosa produrre?
Nell’allocazione delle risorse bisogna decidere a quale
tipologia di servizio dare la priorità. Ciò andrebbe fatto
in base alle caratteristiche della domanda.
Ad esempio:
ƒ
In un ambito territoriale dove c’è prevalenza di anziani,
si dovrebbero destinare maggiori fondi per i servizi a
domicilio o le residenze per anziani
ƒ
Nelle zone periferiche dei grossi centri urbani,
andrebbero potenziati gli osservatori giovanili, o i
consultori, utile strumento di prevenzione.
ƒ
Applicazione dei principi economici al
settore sanitario
2. Come produrre, che cosa produrre?
• (es.: servizi ospedalieri versus servizi di base)
• (es.: servizi ospedalieri versus servizi scolastici e/o
sociali)
S
e 50
r
v
i 40
z 30
i
d
i
b
a
s
e
0
A
C
D
20
30
Servizi ospedalieri
40 50 60
La frontiera di produzione
consiste in una curva che mostra
tutte le possibili combinazioni
efficienti dei fattori produttivi
I problemi
Che cosa produrre, come produrre
B
i
a
n
c
h
i
A
S
e
r
v
i
z
i
d
i
b
a
s
e
D
50
40
20
0
20
Distribuzione della ricchezza
100
A
50
C
Servizi ospedalieri
Per chi produrre
40
60
0
50
100
Rossi
Dal concetto di scarsità discende quello di costo-opportunità ovvero il sacrificio o rinuncia. Per ottenere il beneficio
dall’utilizzo di un bene o servizio si deve rinunciare ad un altro. (ricerca migliore alternativa possibile)
Es. di costo opportunità per la società: costruzione di nuovo ospedale prevede la rinuncia ad una autostrada.
Stato e mercato
• L’economia politica si occupa di scelte (che cosa, come
e per chi produrre.
• Chi esercita tali scelte?
• Sistemi economici:
- Decentrati: economie di mercato, scelte effettuate dai
produttori e consumatori. (mano invisibile Smith).
L’attività di scambio che si svolge sul mercato è regolata
dal prezzo (domanda/offerta).
- Accentrati: economie pianificate. Le scelte economiche
vengono assunte dal potere centrale e quindi il prezzo.
- Misti: lo Stato interagisce con il mercato nelle scelte
fondamentali. Interviene con prelievi coattivi di ricchezza
ed effettua trasferimenti. Diventa produttore di beni e
servizi (energia elettrica, banche, comunicazioni, servizi
sanitari…)
Applicazione dei principi economici al
settore sanitario
• Per chi produrre?
- In una società basata sul welfare, i servizi sanitari
debbono essere distribuiti tenendo conto del concetto di
equità;
- I servizi sanitari devono essere accessibili a tutti, a
prescindere dalle possibilità finanziarie del singolo
utente;
- Le politiche sanitarie, come ad esempio il ticket per
determinate categorie di utenti, possono contenere
misure redistributive.
Definizioni di salute ed economia della salute
Economia della salute: è un concetto molto ampio. Si riconosce una relazione
fra le attività economiche svolte dagli individui (produzione, distribuzione e
consumo) e lo stato di salute di una popolazione.
Buona salute = una risorsa economica di valore.
- Due problemi:
• definizione di salute
• numerosi fattori che hanno a che fare con la salute (concezione clinica,
concezione funzionale, concezione socio-culturale). Dovere dello Stato
di tutela della salute dei singoli.
- Definizione di salute dell’OMS: stato di completo benessere fisico, psichico e
sociale.
- E’ superato il concetto di salute inteso come assenza di malattia. Dilatazione
dei confini relativi all’erogazione di SS pubblici. In termini economici:
scarsità delle risorse.
Necessità di stabilire dei principi per il razionamento dell’assistenza pubblica.
Il servizio sanitario può essere risolutivo per il singolo ma lo stato di salute
dell’intera popolazione dipende anche da altri fattori esterni (igiene, ambiente)
È utile quindi abbandonare l’idea di economia della salute per concentrare
l’attenzione sull’economia sanitaria.
Economia sanitaria
• Si intende l’applicazione delle metodologie e
degli strumenti propri della scienza economica al
settore sanitario.
• Difficoltà nella definizione delle attività sanitarie
(es. cure termali, omeopatia…)
• Settore sanitario è l’insieme di attività dirette a
produrre beni e servizi che il consumatore usa al
fine esclusivo di migliorare la propria salute
• Caratteristiche dei servizi sanitari:
- Domanda derivata
- Asimmetria informativa
Domanda, utilità ed equilibrio del
consumatore
• Definizione di bene/servizio economico
- scarsità
- utilità
• Teoria della domandaÆ comportamento del
consumatore (portatore di bisogni)
• Funzione di domandaÆ teoria utilità (soddisfazione di un
bisogno)
• Bisogni da soddisfare (vincolo del reddito)
• Funzione della domanda
Qa = Qa (pa, R, Pb-z, G) grafici
(ceteris paribus)
Qa = Qa(Pa)
Prezzo: funzione di razionamento della domanda
Caratteristiche della domanda di servizi
sanitari
• Salute non è un bene economico
• Può essere migliorata con
- comportamenti personali
- ricorso ai servizi sanitari
Azione di tutela della salute come:
- Investimento (utilità indiretta)
- miglioramento della vita (utilità diretta)
considerazioni
• “Produzione” di salute non dipende solo dall’utilizzo di
servizi sanitari;
• Anche auto-consumo (stili di vita che migliorano la
propria salute, comportamenti personali)
• Il bisogno riguarda il singolo individuo
• La domanda per soddisfare il bisogno è rivolta ai servizi
sanitari
• Ricorso ai servizi sanitari fonte di pena e disagio
• Natura “derivata” dei servizi sanitari:
- strumento per ottenere salute
- il consumatore non possiede le conoscenze per
giudicare l’efficacia, l’appropriatezza e la qualità
Asimmetria informativa e rapporto
medico-paziente
• Asimmetria informativa medico-paziente
• Intervento dello Stato (attraverso norme) per tutelare
ignoranza del consumatore che riguarda: prevenzione,
diagnosi e cura.
• Imposizione di norme e regole per influire sull’allocazione
delle risorse e per tutelare interesse del paziente
• Meccanismo del libero scambio non può funzionare
(mancanza di sovranità del consumatore; dipende
dall’esperto; la salute non può essere acquistata)
• Mancanza di informazioni necessarie(costose ed inutili);
ricorso ad un esperto; rapporto di agenzia imperfetto
• L’ignoranza del consumatore cresce con il progredire del
grado di sofisticazione scientifica e tecnologica della medicina
• Necessità di autoimposizione di standard professionali e
comportamentali congruenti con la loro posizione.
Domanda indotta dall’offerta
• Nel mercato in concorrenza perfetta, sovranità del consumatore;
possiede le informazioni ed esercita una influenza sull’allocazione
delle risorse, spostandole verso i settori dove la domanda è
prevalente; rivela le proprie preferenze.
• In sanità tale sovranità è delegata al fornitore di servizi.
• Dipendenza del consumatore-paziente dal medico-curante è
direttamente proporzionale al grado di gravità della malattia
• Rapporto tra domanda e offerta in sanità è in parte capovolto
• L’offerta determina la domanda (SID= supply induced demand). I
medici influenzano il volume della domanda di servizi sanitari offerti
• Incrementi di capacità inducono ulteriori incrementi di domanda.
Es. aumento numero di letti, aumenta la domanda (ad eccezione
ostetricia e pediatria).
• In Italia, studi statistici hanno mostrato esistenza di R2 = 0.8 tra
densità posti letto e gg. di degenza pro-capite.
Generalità dei mercati
s
s’
P
Mercato servizi sanitari (es.posti letto)
s’
D’ s
P
D
D
p
p’
p
p’
D’
D
0
q
q’
D
Q
0
q
q’
Q
Ipotesi: curva di offerta rigida
spostamento verso dx della curva di offerta per fattori esogeni
Si conferma il fenomeno in sanità dell’induzione della domanda da parte dell’offerta (a new bed is a filled bed)
Dal bisogno di salute alla domanda di servizi
• Bisogni privati (si rivelano le preferenze)
• Bisogni pubblici (es. smaltimento rifiuti)
Preferenze non rivelate; non funziona il
meccanismo di mercato.
• Al fallimento di mercato deve intervenire lo
Stato con prelievi coattivi di ricchezza per
finanziare la produzione di tali tipi di beni
Dal bisogno di salute alla domanda
di assistenza sanitaria
• Nei Paesi basati sul welfare state, lo Stato è tenuto a
garantire la salute dei cittadini attraverso il
soddisfacimento dei seguenti bisogni:
- bisogno di conservare il buono stato di salute che si
possiede (prevenzione primaria compresa la profilassi);
- bisogno di conoscere la presenza di malattie prima della
manifestazione dei sintomi (prevenzione secondaria,
inclusa la diagnosi precoce);
- bisogno di conoscere la natura della malattia a sintomi
manifesti (diagnosi);
- bisogno di remissione della malattia contratta (terapia);
- bisogno di ripristinare le condizioni di salute anteriori
all’evento morboso o all’infortunio (riabilitazione).
Caratteristiche dei bisogni (e beni) privati e
dei bisogni (e beni) pubblici
• E’ necessario distinguere tra bisogni
privati e bisogni pubblici.
• Bisogni privati: possono esser soddisfatti,
in base a preferenze, reddito, prezzo, con
l’acquisto di un bene o servizio sul
mercato. Il bene/servizio è un bene
privato.
• In sanità Æ bisogni privati: soddisfatti
tramite interventi rivolti verso i singoli.
Caratteristiche dei bisogni (e beni) privati e
dei bisogni (e beni) pubblici
• Bisogni pubblici: non possono essere soddisfatti
tramite meccanismo di mercato (preferenze non
rivelate, fallisce la funzione allocativa del
mercato).
E’ necessario l’intervento dello Stato che, tramite
scelte politiche, fornisce i beni e servizi pubblici.
Lo Stato deve intervenire con prelievi coattivi di
ricchezza per finanziare la produzione di tali tipo
di beni.
Caratteristiche dei bisogni (e beni) privati e
dei bisogni (e beni) pubblici
• Es. 1: acquisto di un computer (bisogno privato). Lo
Stato non interviene nella compravendita, il mercato
funziona perfettamente perché le preferenze sono
rivelate e, tramite l’aggiustamento dei prezzi, si stabilisce
un’allocazione delle risorse Pareto-efficiente.
• Es.2: rinnovamento rete fognaria (bisogno pubblico).
Interessa la popolazione di un intero quartiere, nessuno
è disposto a pagare per un bisogno comune, preferenze
non rivelate, il mercato fallisce. Il Comune interviene,
con misure stabilite in base a scelte politiche ed
allocative.
Ottimo Paretiano: non è possibile riallocare le risorse migliorando la posizione di un
individuo, senza peggiorare la situazione di qualcun altro.
Caratteristiche dei beni privati e dei
beni pubblici
Beni privati
• sono divisibili
• sono appropriabili
• sono esclusivi (prezzo)
• preferenze rivelate
• possono essere prodotti
tramite il meccanismo di
mercato
Beni pubblici
• “non” sono divisibili
• “non” sono appropriabili
• “non” sono esclusivi
• preferenze “non” sono
rivelate
• mercato non
funziona;deve intervenire
lo Stato
(decisione politica)
Caratteristiche dei beni privati e dei
beni pubblici
• In sanità il bisogno è prevalentemente di natura
privata, i beni e servizi scambiati sono di natura
privata ma la funzione allocativa del mercato
fallisce (ignoranza del consumatore e
asimmetria informativa). Queste due
caratteristiche, fanno sì che il paziente non
riesca ad esprimere le proprie preferenze in
maniera razionale.
• Esigenza di un intervento da parte dello Stato.
Beni meritori
• Beni (bisogni) meritori: bisogni privati al cui soddisfacimento
provvede la collettività, data la loro importanza per il benessere
collettivo (istruzione e salute). Si pensa che lo Stato debba
intervenire finanziando tali beni per:
- esigenze distributive: garantire l’accesso ai servizi da parte dei
più poveri (principio di equità);
- esigenze di crescita economica: dal momento che una
popolazione sana garantisce maggiore produttività, investire nel
settore sanitario costituisce una buona base per lo sviluppo di
una Nazione;
- esigenze allocative: il mercato dei beni e servizi sanitari, se
lasciato a sé stesso, fallisce la propria funzione allocativa. Nel
caso dei beni meritori, lo Stato si sostituisce al singolo nel
processo che va dalla formulazione del proprio bisogno di
salute alla domanda di servizi sanitari (servizi di diagnosi, cura
e in parte riabilitativi)
Caratteristiche dei beni privati e dei
beni pubblici
• In sanità i beni privati (data la loro meritorietà)
vengono trattati dallo Stato come beni pubblici,
con la differenza che non godono delle stesse
caratteristiche. Se il bisogno privato viene reso
pubblico, e quindi il bene è fornito a costo zero,
non sussistendo gli elementi che caratterizzano
il bene pubblico (non esclusivo, non
appropriabile, non divisibile), il rischio di una
induzione del consumo e di un aumento della
domanda di servizi sanitari, è reale.
Formulazione della domanda di SS
•
1)
2)
3)
4)
I passaggi attraverso i quali si formula la
domanda di servizi sanitari (di primo e
secondo livello) sono i seguenti:
Bisogno oggettivo
Bisogno soggettivo
Domanda di primo livello
Domanda di secondo livello
Formulazione della domanda di SS
• Bisogno oggettivo: si tratta del quadro clinico del singolo,
prima che questi esprima uno stato di bisogno. Esistono
infatti molteplici patologie, che, pur essendo in corso,
non si manifestano con sintomi evidenti. Il bisogno
oggettivo non è quantificabile e non è noto ma può
essere approssimato tramite la diagnosi precoce
(screening).
• Bisogno soggettivo: si tratta della consapevolezza dello
stato di bisogno, in seguito al manifestarsi di determinati
sintomi. La sensibilità verso questi sintomi è influenzata
dal reddito, dal livello di istruzione, dal sesso, dal disagio
sociale. Può essere risolta con l’automedicazione o con
la domanda di primo livello.
Formulazione della domanda di SS
• Domanda di primo livello: è espressa dalla
quantità di visite presso il MMG. In presenza di
un terzo pagante il prezzo è ininfluente mentre
variabili condizionanti sono la vicinanza
dell’ambulatorio, gli orari di apertura
dell’ambulatorio, l’atteggiamento del medico, la
densità dei medici, il sistema di compenso (se
notula o quota capitaria). Si risolve con consigli
su stili di vita, prescrizioni farmacologiche
(condizionate a loro volta da pressioni da parte
della industrie farmaceutiche, pubblicità) oppure
rimandando alla domanda di secondo livello.
Formulazione della domanda di SS
• Domanda di secondo livello: comprende tutti i
servizi sanitari atti alla diagnosi, terapia,
riabilitazione, escluse le visite del MMG.
• Dipende dai seguenti fattori: scuola di
provenienza, mode mediche (es. taglio cesareo,
tonsillectomia…), disponibilità di servizi
specialistici o ospedalieri o di alternative valide
(day hospital, assistenza domiciliare).
Funzioni delle domande di primo e
secondo livello
• D1 = f (p, R, Mb)
• D2 = f (p, R, L, Mb, Mo)
•
•
•
•
•
•
D1D2 = domande di servizi di primo e secondo livello
p = prezzo della prestazione
R = reddito del consumatore
Mb = variabili attinenti il medico di base
Mo = variabili attinenti il medico ospedaliero
L = densità di servizi di secondo livello
Razionamento della domanda di
SS
• Analizzando i passaggi precedentemente descritti sorge
il quesito: quanto dipende la domanda finale dall’effettivo
stato di bisogno e quanto da altri fattori? Se i consumi di
SS non sono necessari, come si può contenere la
spesa?
• In un contesto dove la fornitura collettiva di beni privati
(appropriabili, esclusivi, ecc.) porta inevitabilmente ad un
eccesso di domanda, è necessario rispondere con
politiche di razionamento, con il vincolo di garantire
servizi efficaci (che portino ad un effettivo miglioramento
delle condizioni di salute).
Elasticità della domanda rispetto al
prezzo
• Si è visto che l’introduzione di un prezzo sotto forma di
copayment, può essere utile per ridurre il consumo di
alcuni servizi sanitari. A tale proposito è utile analizzare
di quanto varia la domanda al variare del prezzo. Es. P.S.
• L’elasticità della domanda rispetto al prezzo indica di
quanto varia la domanda di un dato bene o servizio
sanitario, al variare del prezzo.
• Per i beni salvavita la domanda è sostanzialmente rigida,
non varia cioè al variare del prezzo. Ciò in quanto il
consumo di una determinata quantità di tali beni/servizi è
strettamente necessario alla salvaguardia della salute.
Elasticità della domanda rispetto al
prezzo
• Per i beni palliativi (es. farmaci che aumentano
le difese immunitarie, ricostituenti, massaggi..),
la domanda è invece elastica, subisce cioè
variazioni, anche di notevole entità, al variare
del prezzo.
• Per i beni che causano esternalità positive (es.
vaccinazioni), esiste un sottoconsumo rispetto
all’ottimo, cioè in presenza di prezzo il servizio
non è domandato. Deve intervenire lo Stato con
mezzi persuasivi e/o coercitivi.
Elasticità della domanda rispetto al
prezzo
• Nei sistemi dove l’assistenza sanitaria è
gratuita, l’eccesso strutturale di domanda
di servizi sanitari è tanto più accentuato
quanto maggiore è l’elasticità della
domanda rispetto al prezzo.
• E’ inoltre dimostrato che il medico di base
è un soggetto capace di fare irrigidire la
domanda.
Elasticità della domanda rispetto al
reddito
• Diverse informazioni ci fornisce invece l’elasticità
della domanda rispetto al reddito. Ceteris
paribus, la domanda di servizi sanitari aumenta
all’aumentare del reddito, in particolare perché
aumenta il consumo di beni e servizi non
strettamente necessari alla salvaguardia della
salute (i cosiddetti palliativi). Questa
constatazione porta gli studiosi ad affermare che
la salute ha assunto negli ultimi anni le
caratteristiche di bene voluttuario.
• Tale fenomeno vale sia in presenza, sia in
assenza di un terzo pagante.
Razionamento della domanda di
SS: Buchanan
Teoria di Buchanan: eccesso strutturale di domanda in
sanità
ƒ La domanda è guidata da scelte individuali, l’offerta da
scelte collettive. Non esiste il prezzo per trovare un
punto di equilibrio, pertanto la domanda si spinge fino a
quando il beneficio marginale fornito da una unità
aggiuntiva di bene o servizio fruito, è positivo. Tale punto
si trova, ovviamente, oltre l’ipotetico punto di equilibrio
raggiungibile in presenza di prezzo, e ciò porta ad un
costante eccesso di domanda.
ƒ L’eccesso di domanda viene tuttavia a scontrarsi con un
razionamento dell’offerta, dal momento che l’offerta di
beni e servizi sanitari è guidata da scelte collettive e
quindi sussiste l’onere del costo (quanto meno in termini
di costo-opportunità).
Razionamento della domanda di
SS: Buchanan
• La teoria del Buchanan si basa su un confronto
fra sistemi ad assistenza sanitaria pubblica e
sistemi ad assistenza sanitaria privata. La spesa
sanitaria pro-capite negli USA è aumentata nel
ventennio ’60, ’80, in maniera più marcata
rispetto alla stessa spesa nel Regno Unito. In
questo Paese è il razionamento dell’offerta, con i
conseguenti problemi annessi (es. liste di attesa
lunghissime), che contribuisce a contenere la
spesa sanitaria pubblica.
Misure di razionamento
• Dai concetti illustrati oggi si può affermare, in via
conclusiva, che tre possibili misure per
contenere l’eccesso di domanda in sanità sono:
- l’introduzione di un ticket su alcuni beni e
servizi sanitari;
- un comportamento responsabile del medico di
base;
- il razionamento dell’offerta di beni e servizi
sanitari.
• Il mercato dei beni e servizi sanitari
presenta alcune peculiarità rispetto al
mercato concorrenziale. Per questo
motivo, a differenza del mercato
concorrenziale, se lasciato a sé stesso
non raggiunge un’allocazione efficiente
delle risorse.
• Vediamo la differenza fra i due tipi di
mercato
Requisiti per il funzionamento del
mercato in concorrenza perfetta
•
•
•
•
Certezza
Perfetta conoscenza del consumatore
Indipendenza tra domanda e offerta
Assenza di esternalità
Caratteristiche del mercato dei
servizi sanitari
•
•
•
•
Incertezza
Ignoranza del consumatore
Domanda indotta dall’offerta
Presenza di esternalità (effetti esterni positivi o
negativi che il consumo di un bene o servizio sanitario di
un individuo può avere sul benessere di altri individui;
es. vaccini/antibiotici)
Mercato CP: certezza
• Nel mercato CP ogni soggetto è sicuro delle
proprie esigenze. Il consumatore sa
perfettamente che cosa vuole, quando e dove
comprarlo. E’ possibile pianificare i consumi in
base ai propri gusti ed al proprio vincolo di
bilancio.
• Nell’ottica neoclassica, si parla di consumatore
sovrano, che agisce in modo da minimizzare il
rischio, puntando alla massimizzazione della
propria utilità.
Mercato CP: certezza
• Ad es. sento l’esigenza di un caffè, lo consumo
e massimizzo il mio beneficio, in base ai miei
gusti ed al mio vincolo di bilancio
• All’inizio della settimana, posso recarmi in un
supermarket e pianificare, con un ampio
margine di certezza, il mio consumo di
alimentari per i prossimi giorni, nell’ottica di
soddisfare il mio fabbisogno alimentare,
massimizzando la mia utilità
Mercato CP: informazione perfetta
• Nel Mercato concorrenziale il consumatore è in
grado di ottenere facilmente una serie di
informazioni riguardo agli articoli presenti sul
mercato, ai loro prezzi, alle loro caratteristiche
• Queste informazioni aiutano il consumatore a
scegliere l’articolo che gli permette di
massimizzare la propria utilità, in base ai propri
gusti ed al proprio vincolo di bilancio
Mercato CP: informazione perfetta
• Es. 1: acquisto di un motorino. Desidero acquistare uno
scooter; ricerca informazioni sul mercato (tecniche e di
prezzo), decisione di spesa, massimizzazione utilità.
• Es. 2: acquisto di una casa. In questo caso la ricerca di
informazioni richiede un impiego di risorse maggiore,
fatto che spesso porta l’acquirente a rivolgersi ad un
agente. L’agente fornisce le informazioni necessarie
nell’interesse del principale. L’agente aiuta domanda ed
offerta ad incontrarsi tramite l’erogazione di informazioni,
ma agisce in maniera indipendente rispetto alle posizioni
dei due soggetti.
Mercato CP: indipendenza tra
domanda e offerta
• Secondo la teoria Marshalliana, nel mercato CP
domanda e offerta sono indipendenti. La curva
di domanda di un dato bene viene creata
indipendentemente dalla quantità offerta di quel
bene. L’unica variabile in grado di far incontrare
le due curve in un punto di equilibrio è il prezzo.
• Il prezzo costituisce un segnale importante al
fine di trovare un equilibrio di mercato. E’ infatti
attraverso i suoi aggiustamenti che offerta e
domanda si incontrano.
• E’ valida la seguente relazione:
Umg=Cmg=P=Umg=Cmg
Mercato in CP: assenza di
esternalità
• Esternalità: effetti positivi o negativi che la produzione o
il consumo, da parte di uno o più soggetti, di un
determinato bene o servizio, possono provocare sui
terzi.
• L’es. un’industria che inquina un fiume, le cui acque
confluiscono in un lago, zona di balneazione, sul quale si
affacciano diverse località turistiche. L’inquinamento del
lago provoca un effetto negativo diretto ed indiretto sugli
abitanti di tali località. Tale effetto può essere
quantificato per un eventuale risarcimento.
• Nel mercato CP per ottenere un equilibrio Paretiano, si
suppone l’assenza di esternalità. In presenza di
esternalità vi è infatti la possibilità, tramite accordi tra i
soggetti interessati, di ottenere un miglioramento del
livello di benessere di almeno un individuo.
Mercato dei SS: incertezza
• La domanda di salute è dominata dall’incertezza. Non
conosco perfettamente il mio stato di salute, non so di
quali servizi ho bisogno per mantenere il mio stock di
salute, non conosco la qualità dei servizi disponibili sul
mercato.
• Non so se nelle prossime ore avrò bisogno di servizi
sanitari perché:
- posso svegliarmi al mattino con l’influenza e ricorrere
all’automedicazione o al medico di base;
- posso accorgermi di avere un problema di salute più
grave che richiede accertamenti clinici e diagnostici;
- posso essere coinvolta in un incidente stradale ed aver
bisogno di assistenza sanitaria immediata.
Mercato dei SS: incertezza
• Da notare che la salute è un bene che
presenta caratteristiche particolari. Non
può essere scambiata sul mercato, è
soggetta a deterioramento, non è
rimpiazzabile. L’incertezza sul proprio
stato di salute è fonte di ansia, che
aumenta con il grado di avversione al
rischio del singolo soggetto.
Mercato dei SS: informazione
imperfetta
• A causa dell’incertezza sul proprio stato di salute
e sulle possibili cure, il paziente cerca di
ricevere informazioni. Ma queste sono costose e
difficili da ottenere nell’ambito del mercato della
salute.
• La peculiarità sta nel fatto che il paziente non è
in grado di individuare il proprio bisogno di
salute. Viene a mancare il punto di partenza del
processo decisionale che porta alla
formulazione della domanda di SS.
• Non è possibile parlare di sovranità del
consumatore nel mercato dei SS
Mercato dei SS: agenzia imperfetta
• L’unico soggetto in grado di fornire queste
informazioni è il medico, al quale il paziente
delega l’intero processo decisionale, a partire
dalla definizione stessa di bisogno (cfr. es.
acquisto di una casa).
• Il medico assume così il ruolo di agente, il quale
dovrebbe agire nell’interesse del paziente
(principale), ma è nel contempo erogatore di
servizi sanitari, e come tale agisce nel proprio
interesse.
• Si parla allora di Agenzia imperfetta nel rapporto
medico/paziente
Mercato SS: domanda indotta
dall’offerta
• Nel settore sanitario i soggetti che
erogano servizi (i medici) hanno la
possibilità di influire sulla domanda di tali
servizi.
• Per questo motivo non si parla mai di
eccesso di offerta nei servizi sanitari. Tale
situazione è ben descritta dall’ormai nota
frase: a new bed is a filled bed.
Mercato dei SS: domanda indotta
dall’offerta
• Il fenomeno della SID (supply induced demand) unito ai
progressi tecnologici in medicina, porta come inevitabile
conseguenza ad una dilatazione della domanda di
servizi sanitari e ad un aumento della spesa ad essi
relativa.
• Per contenere la spesa sanitaria è allora possibile e
doveroso agire sul lato dell’offerta. Le seguenti misure
non sono che alcuni esempi di politiche di razionamento
dell’offerta, attuate in Italia dai Governi passati:
- l’istituzione del numero chiuso nelle facoltà di medicina;
- il razionamento dei posti letto ospedalieri;
- misure che disincentivano un comportamento scorretto
da parte del medico di base (retribuzione a quota
capitaria e non a notula).
Mercato dei SS: domanda indotta
dall’offerta
• E’ d’obbligo un accenno al medical
paradox, secondo il quale in sanità
l’avvento di nuove tecnologie ha generato
più bisogni di quanti ne riesca a
soddisfare. In altri termini, i progressi
ottenuti in medicina hanno generato una
fascia di popolazione con un bisogno
crescente di assistenza sanitaria, e di
conseguenza un abbassamento del livello
medio di salute.
Mercato dei SS: presenza di
esternalità
• La presenza di esternalità nel settore dei SS, fa sì che lo
Stato debba intervenire con misure di diversa entità.
• Es. 1: il tabagismo costituisce una forma di esternalità
negativa che negli ultimi anni è stata combattuta dalla
PA tramite campagne informative e l’adozione di norme
sempre più restrittive nei confronti dei fumatori
(proibizione)
• Es. 2: la vaccinazione obbligatoria costituisce una forma
di esternalità positiva per tutta la popolazione. Lo Stato
impone la vaccinazione obbligatoria per tutti (misura
coercitiva), ma nel contempo ne sopporta il costo in
modo da garantire una soluzione equa in termini di
distribuzione del reddito.
Settore sanitario e presenza di un
soggetto regolatore
• Come conclusione di quanto espresso nei
punti precedenti si può affermare che: dal
momento che nel settore dei servizi
sanitari vengono a mancare tutti i requisiti
necessari per il funzionamento di un
mercato in perfetta concorrenza, è
necessario, al fine di ottenere una
allocazione ottimale delle risorse,
l’intervento di un soggetto regolatore, in
questo caso lo Stato.
La funzione di offerta in economia
politica
• La quantità di un bene/servizio offerta dai
produttori dipende da:
-prezzo del bene
-prezzo altri beni offerti sul mercato
-obiettivi dell’impresa (max profitto)
-prezzo e disponibilità dei fattori produttivi e
lo stato della tecnologia disponibile
(produzioni ad alta intensità di lavoro o capitale)
Sa = Sa(pa, pb-z, Ca)
Curva di offerta
Elasticità offerta = (∆X/X)/(∆p/p)
S
p
p
E=0
E=1
E = +∞
S
x
Consideriamo costanti tutti i fattori tranne uno: il prezzo (clausola ceteris paribus)
Sa = Sa(pa)
x
La funzione dell’offerta in economia
politica
• L’elasticità dell’offerta rispetto al prezzo è influenzata dal
periodo di tempo considerato e dai fattori tecnologici.
• L’offerta di beni/servizi è soggetta a spostamenti che
possono essere causati da:
- scoperte di nuovi giacimenti;
- nuove tecnologie;
- variazioni di prezzo di beni sostituti o complementari;
- modifiche nella disponibilità e nei prezzi degli input;
- cambiamento delle aspettative;
- cambiamento delle informazioni;
- variazioni dell’imposizione fiscale;
equilibrio del mercato
P
spostamento curva di offerta
P
D
O
D
O
O
E
P1
p1
p2
x1
X
x1
x2
X
Nel mercato in concorrenza perfetta:
Sovranità del consumatore; preferenze rivelate attraverso il prezzo;
Il mercato reagisce al mutamento delle preferenze dei consumatori riallocando le risorse ed adeguando le
decisioni di produzione;
Attraverso il mercato si hanno condizioni di massima efficienza allocativa e tecnica
Condizioni per avere concorrenza perfetta
• Per avere un mercato in concorrenza perfetta
devono essere presenti almeno le quattro
seguenti condizioni:
• Tutte le imprese devono essere ridotte al ruolo
di price-taker (nessuna deve poter condizionare
il prezzo)
• Prodotti devono essere omogenei
• Deve esserci pluralità di consumatori
• Perfetta conoscenza del consumatore
(informazioni disponibili)
La produzione di servizi sanitari.
Il processo produttivo in sanità
• Dal punto di vista economico il sistema sanitario
può essere concepito come un processo
produttivo il cui prodotto finale è rappresentato
dal bene “migliore salute”;
• Il sistema sanitario sottrae risorse (input) al resto
dell’economia, e offre un prodotto (outcome)
consistente nel miglioramento delle condizioni di
salute;
• Attraverso il processo produttivo si ottiene
l’output (il servizio sanitario) e quindi il prodotto
finale (outcome) ovvero migliore salute.
Il processo produttivo
• Il sistema di produzione della salute
FATTORI CONCOMITANTI
OUTPUT
INPUT
Lavoro,
Processo
Capitale,
produttivo
Beni e servizi
Servizi
prestati
o prestazioni
OUTCOME
ambientali
Migliore
salute
comportamentali
Non esiste “domanda di salute” ma domanda di servizi
sanitari (natura derivata)
Offerta di servizi in base al bisogno
• Prevenzione primaria: evita l’insorgere delle malattie
- campagna contro la diffusione dell’AIDS:
coinvolge il settore scolastico e quello della
comunicazione;
- lotta all’inquinamento: assessore all’ambiente,
ministero risorse agricole
• Prevenzione secondaria: individua la presenza di
malattie
- diagnosi precoce: coinvolge il settore della
comunicazione più i servizi sul territorio
Offerta di servizi in base al bisogno
• Diagnosi: informa sulla natura della malattia e
sui possibili rimedi
- i servizi offerti sono le visite mediche e gli
esami diagnostici.
• Terapia: remissione della malattia
- farmaci, interventi clinici, chirurgici o di altra
natura
• Riabilitazione: attenua le conseguenze
- presenza di servizi sul territorio che fornisce
assistenza nel lungo periodo
Efficienza, efficacia, performance
• Sono concetti molto importanti per
valutare l’andamento dei sistemi sanitari
nel loro complesso e nello specifico
• La definizione delle tre nozioni è
concettualmente semplice, mentre la loro
misurazione presenta problemi di difficile
soluzione
Efficienza
• Efficienza= output/input
• Distinzione tra efficienza espressa in termini
fisici ed efficienza espressa in termini monetari.
• Rapporto tra dati fisici (n° servizi prestati e fattori
produttivi considerati). Riflette il concetto di
produttività.
• In termini monetari (rapporto tra singoli servizi
prestati e l’insieme dei fattori produttivi, espressi
in moneta). Riflette il concetto di economicità del
processo produttivo.
Efficacia
• Efficacia = outcome/output
• L’efficacia descrive l’attitudine delle
singole prestazioni erogate a raggiungere
le finalità a loro attribuite (migliore salute
ascrivibile all’azione dei servizi sanitari).
Performance o rendimento
• Performance = outcome/input
oppure
efficienza x efficacia
Indica la capacità di funzionamento di un
determinato servizio.
Costo delle prestazioni
• Costo delle prestazioni = input x prezzi
output
• Costo della salute = input x prezzi
outcome
I concetti di equità
• Due concetti in termini di equità, divenuto
compito della collettività:
• EquitàÆ equalitarismo (GB, Italia)
Garantire a tutti le stesse opportunità in tema di
assistenza sanitaria
• EquitàÆ minimo standard (USA)
Si limita a garantire la copertura dei bisogni ritenuti
essenziali a coloro che sono in difficoltà
I concetti di equità
• EquitàÆ equalitarismo (GB, Italia)
• EquitàÆ minimo standard (USA)
Prelievo
e spesa
d Prelievo fiscale (equalitarismo)
d’ Prelievo fiscale (min. standard)
c
c’
esente
0
a
b
b’ Spesa sanitaria
a’
Reddito pro capite
Definizioni operative di equità
• Equità orizzontale: uguale trattamento degli uguali
• Equità verticale: diverso trattamento dei diversi
• Dal lato delle entrateÆequità orizzontale
(uguale capacità contributiva, uguale pagamento)
Æequità verticale
(anche aliquote proporzionali al reddito)
si raggiunge se imposta è in misura
progressiva (decisione politica)
Equità dal lato dell’erogazione dei
SS (uscite)
Definizioni:
• Uguaglianza di trattamento per uguale bisogno (es.
adozione di protocolli)
• Uguaglianza nelle condizioni di salute (scala di priorità e
allocazione conseguente di risorse finanziarie)
• Uguaglianza di accessibilità ai servizi (intesa come
opportunità di fruizione dei servizi espressa ad es. in
termini di tempo e di denaro. Guida per allocazione dei
fondi disponibili per superare squilibri territoriali)
• Uguaglianza nei redditi finali (redistribuzione dei redditi a
favore dei meno abbienti. Mancanza di obiettivo esplicito
della politica sanitaria; meccanismo perverso)
Produttività e costi
• La funzione dei costi, in regime di mercato, costituisce la base per la
costruzione della funzione di offerta
• Lo studio dei costi in sanità è importante poiché rappresenta l’onere
che la sanità impone alla società
• Domanda e offerta dei SS si comportano in modo diverso (mercato
imperfetto)
• Importanza dello studio dei costi in sanità per esigenza di
minimizzarli, a parità di servizio reso (dovere sociale)
• La funzione dei costi presuppone la conoscenza del comportamento
della produttività; è una diretta derivazione della funzione di
produzione
• Teoria dei costiÆ ospedale
• - rilevanza economica (copre 50% della spesa sanitaria
totale ed è in aumento)
• - presidio simile ad impresa
Funzione di produzione
•
•
•
•
•
P = f (x1, x2,…xn) in un dato periodo di tempo
P Æprestazioni ottenute
x1,x2,…xn Æ fattori produttivi impiegati
Breve periodo: non variano i fattori (solo L)
Lungo periodo: possono variare tutti i
fattori (L e K)
• P = f (L,K) legge dei rendimenti decrescenti
Es. necessità aumento n° esami in laboratorio analisi nel B/T e nel L/T
Funzione di produzione
•
Per produzione totale si intende la quantità complessiva di prodotto (es.
analisi cliniche) ottenuto nell’unità di tempo.
• Pme = P/L
• Pma(n) = P(n) – P (n-1)
• Nel breve termine aumenta L:
- Pma, prima aumenta e quindi inizia a diminuire (legge Pma decrescente);
- Pme aumenta, quindi diminuisce
- P tot. aumenta, quindi, dal punto in cui Pma tocca il max, continua a crescere
ma con saggi di incremento decrescenti.
• Nel lungo termine:
• - la funzione di produzione indica la variazione del volume di produzione al
variare anche del fattore K.
Per ogni produzione esistono dimensioni ottime che permettono di minimizzare
i costi per unità di prodotto ottenuto
(necessità di valutazioni economiche e studi funzioni di costo)
Produzione totale, produttività marginale e
produttività media
es. laboratorio analisi
20000
P
18000
prodotto e produttività
16000
14000
12000
10000
8000
6000
4000
Pme
2000
0
1
2
3
4
5
6
lavoro
7
8
9
10
Pma
Le funzioni di costo: i costi totali
• Le funzioni di costo indicano come variano
i costi totali e unitari al variare della
produzione (nell’unità di tempo)
• Costi fissi
• Costi variabili
• Costi complessivi (CV+CF)
Vedi graf. Costi pag. 263
Le funzioni di costo: i costi unitari
3500
3000
costi
2500
Cmef
2000
Cmev
cme
1500
Cma
1000
500
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
quantità prodotta
Cme= CT/X
Cmef= CTf/X
Cmev= CTv/X
Cma(n)= CT (n) – CT (n-1) incremento subito dal costo totale quando la produzione aumenta di una unità
I costi del ricovero ospedaliero
• Distinzione tra attività di ricovero e
extramurali
• Analisi sui costi per attività di ricovero
(ospedale)
• Distinzione tra costi fissi e variabili
• Costo posto letto = CTf/n° posti letto
• Negli ospedali, struttura dei costi rigida
I costi del ricovero ospedaliero
• I costi complessivi di ricovero:
• Costi variabili (consumi e servizi);
• Costi relativi al personale (fissi o variabili?)
- struttura rigida (rapporto fisso posti
letto/personale sanitario)
evoluzione legislativa fino al D.Lgs.517/93 (introduzione
flessibilità; delega alle regioni riorganizzazione) realtà odierna?
• Costi fissi (k inv, amm.ti)
Categorie di costo
Costi per consumi e servizi
Costi per il personale
Costi per il capitale investito
Totale
CF
CV
CT
5
20
25
60
6
66
9
-
9
74
26
100
• Struttura attuale costi degli ospedali italiani
ancora rigida
• 70-75% costi fissi
• 20-25% costi variabili
• Problema? La scelta di un nuovo ospedale
porta al sostenimento del 75% dei costi
per l’intero arco di vita dell’ospedale
I fattori influenzanti i costi di ricovero
• Per diminuire i costi si può incidere:
- migliore gestione dei singoli nosocomi;
- azione di programmazione della rete ospedaliera
• Situazione: elevata rigidità della struttura dei costi
quindi si può prendere in considerazione il grado di
utilizzazione dell’ospedale:
- tasso di occupazione dei posti letto (gg. di degenza/n°
posti letto x 365)
- ceteris paribus, costo medio complessivo diminuisce
all’aumentare del tasso di occupazione dei posti letto
- durata media degenza (gg. di degenza anno/n° ricoveri)
- se diminuiscono i gg. di degenza aumenta il n° ricoveri
(e diminuisce il costo per caso trattato)
• Devono ricorrere le seguenti condizioni:
- la riduzione durata media degenza non deve
influire sulla qualità del servizio;
- l’ospedale deve mantenere costante il tasso di
occupazione;
- l’aumento dei casi di ricovero non deve portare
un aumento di costi variabili (di norma ciò è
difficile)
In ogni caso la riduzione della durata media di
degenza comporta un risparmio.
Miglior gestione
• Attenzione ai costi:
• CFÆ investimenti (condizioni di accesso al
credito; centralizzazione acquisti attrezzature ed
impianti a livello regionale; osp. monopsonio);
• CFÆ personale (minimizzare straordinari,
ricorrere al tempo pieno e migliore
organizzazione; ridurre costi personale
amministrativo)
• CVÆ consumi e servizi (centralizzazione
acquisti, e di alcuni servizi
Dimensione, organizzazione, progresso tecnico,
produttività e costi
• Teoria tradizionale: per ogni settore esiste una
“dimensione ottima” = costi unitari minimi
• Felsdtein studio su H inglesi: dimensione ottima
per ospedale 300 posti letto
• In Italia dati disponibili non permettono una
generalizzazione; si può dire che non è
efficiente una dimensione troppo piccola
• Per ospedali più grandi:
- Costi unitari
al crescere della dimensione (casi
più complessi sono trattati da H di grandi
dimensioni; degenze medie più lunghe); per tali
ospedali la dimensione ottima aumenta a 900 letti.
- costo del personale, maggiore retribuzione per
maggiore qualifica (es. rianimazione), durata media
degenza maggiore, impiego di tecnologie sofisticate
con aumento dei costi di produzione.
- in medicina innovazione = miglioramento del
prodotto
innovazione = maggiori costi per l’ottenimento di
risultati migliori (cura di nuove malattie,
invecchiamento popolazione)
- ospedale è il presidio sanitario a più alto tasso di
innovazione tecnologica
- si economie di scala ma carenze organizzative
Dimensione, organizzazione, progresso tecnico,
produttività e costi
• Fino ad ora si è fatto ricorso alle giornate di
degenza come unità di misura dell’output ma
tale uso è improprio;
• Si può ovviare definendo come output i casi
trattati attribuendo a ciascuno il peso relativo
che deve essere il più possibile oggettivo data la
loro eterogeneità;
• Un metodo di classificazione consiste nel
considerare omogenei quei casi aventi la stessa
diagnosi e sottoposti a terapie analoghe: DRG
Sintesi sui costi del servizio ospedaliero:
Prevalenza dei costi fissi;
Importanza della fase programmatoria e
progettuale poiché si decide l’ammontare della
maggior parte dei costi relativi al funzionamento
dell’ospedale per i successivi 20/30 anni;
Necessità di vegliare sull’andamento della gestione
quotidiana (limitato livello di concorrenzialità)
Necessità di sviluppare metodi che consentano il
confronto dei costi di H diversi per valutare le
rispettive performance (efficienza x efficacia)
Fly UP