...

Se crederai, vedrai la gloria di Dio

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Se crederai, vedrai la gloria di Dio
Anno VI / N. 15 - Dicembre 2012
Quadrimestrale - Spedizione in abbonamento postale
omunità
Periodico della comunità “Eccomi, manda me!”
“Se crederai, vedrai
la gloria di Dio”
Gv 11, 40
Comunità
Comunità
Periodico della Comunità “Eccomi, manda me!”
Anno VI N. 15 - Dicembre 2012
Periodico della Comunità “Eccomi, manda me!”
Anno VI N. 15 - Dicembre 2012
Poste Italiane s. p. a. - Spedizione in Abb. Postale - D.L 353/2003
(convertito in L. 46 del 27/02/2004 art 1 comma 2), DR/CBPA - Ragusa
Poste Italiane s. p. a. - Spedizione in Abb. Postale - D.L 353/2003
(convertito in L. 46 del 27/02/2004 art 1 comma 2), DR/CBPA - Ragusa
La Comunità “Eccomi, manda me!” ha come cardini la preghiera (in modo particolare l'Adorazione Eucaristica)
e l'evangelizzazione. È stata riconosciuta come Associazione privata di fedeli con personalità giuridica il 21
novembre 2000 dall’allora Vescovo della Diocesi di Ragusa, mons. Angelo Rizzo, con l'approvazione della
regola spirituale e degli statuti. Dal 2003 è membro della “Catholic Fraternity of Charismatic Covenant
Communities and Fellowships”, Associazione internazionale privata di fedeli di Diritto Pontificio.
Don Salvatore Tumino, fondatore della Comunità, è nato a Ragusa il 26 agosto del 1959 ed è stato ordinato
sacerdote nel 1987. Nel 1988 ha promosso a Ragusa l’Adorazione Eucaristica perpetua e nell’anno successivo
ha dato inizio alle “Cellule di evangelizzazione”. Nel febbraio 2002 ha fondato la casa editrice Sion con
l’obiettivo di diffondere nel mondo, attraverso testi semplici, esperienze e testimonianze d’evangelizzazione. Il
29 maggio del 2002, dopo una lunga malattia, il Signore lo ha chiamato a Sé.
Sommario
“Se crederai, vedrai la gloria di Dio” (Gv 11, 40)
3
4
Editoriale
26
Perle di spiritualità
“Se crederai, vedrai la gloria di Dio” (Gv 11,40)
“Se crederai, vedrai la gloria di Dio”
di Rosario Antoci
a cura di Roberto Gibilisco
La sorgente
“Se crederai, vedrai la gloria di Dio” (Gv 11,40)
di don Mauro Nicosia
28
Don Salvatore: fratello, amico
e padre in Cristo
A gloria di Dio Padre!
Nella sofferenza la gioia: utopia o santità?
di Tonino Trotta
di Giorgio Occhipinti
Evangelizzare non è importante... è
importantissimo
10 Oikos
LE OTTO ATTITUDINI DEL LEADER:
La terza attitudine: il leader prepara
l’incontro di Cellula
di Giovannella Scannavino
di Saro Biazzo
32
Bene comune
Fede, verità e vita sociale
12
di Carmelo La Porta
Spazio libero
La verità dell’evangelizzatore
di don Gianni Mezzasalma
16
34
La comunità... in pillole
Giugno-Dicembre 2012
La staffetta
di Mimma Arrabito
Testimonianze
Direttore Editoriale
Rosario Antoci
Direttore Responsabile
Francesca Cabibbo
Redazione
Rosario Antoci
Rosa Maria Bizzarro
Gianluca Caruso
Roberto Gibilisco
don Gianni Mezzasalma
Giorgio Occhipinti
Agata Pisana
Giovannella Scannavino
Hanno collaborato a questo numero
Mimma Arrabito
don Mauro Nicosia
Saro Biazzo
p. Giovanni Salonia
Irene Criscione
Giusi Scalabrino
Carmelo La Porta
Tonino Trotta
Stampa
Tipografia C. D. B. - Ragusa
Abbonamenti
Caro lettore, puoi sostenere il periodico “Comunità” in questi modi:
- tramite versamento sul c/c postale n. 000072007248 intestato a: Associazione “Eccomi, manda me!”;
- tramite bonifico bancario, presso la Banca Agricola Popolare di Ragusa, sul c/c intestato a: Associazione “Eccomi, manda
me!”, con le seguenti coordinate IBAN: IT 82 A 05036 17000 CC0001002352;
- tramite il sito internet www.editricesion.com eseguendo un ordine di abbonamento alla rivista, con la possibilità di pagare in
contrassegno.
L’importo annuale dell’abbonamento è di:
abbonamento ordinario: € 15,00
abbonamento sostenitore: € 30,00
abbonamento benefattore: offerta libera
a cura di Irene Criscione
Il Corso "I Dieci Comandamenti"
18
Direzione e Amministrazione
Associazione “Eccomi, manda me!”
Via don Salvatore Tumino, 15
97100 Ragusa (RG)
telefono +39 0932.669314
e-mail: [email protected] - sito web: www.eccomimandame.it
Registro periodici Tribunale di Ragusa n. 2-2006
36
Appuntamenti
a cura di Gianluca Caruso
Missione compiuta
Nel versamento indicare chiaramente il nominativo, l’indirizzo completo, il cap e la città. È possibile regalare un abbonamento indicando le generalità della persona/parrocchia a cui si vuole spedire.
L’abbonamento avrà decorrenza dal primo numero successivo alla data di abbonamento e per tre numeri consecutivi. In caso di
mancata consegna, segnalare la mancata ricezione del numero al nostro indirizzo e-mail.
Non è possibile richiedere arretrati.
di Giusi Scalabrino
22
Spirito e vita
Foto di copertina: Gianni Corallo
Pur essendo peccatori
di p. Giovanni Salonia ofm capp.
38
Recensioni
La Fede
Non temere ...solo, abbi fede
Il ricavato degli abbonamenti, oltre a coprire le spese di stampa, verrà utilizzato per sostenere le missioni di evangelizzazione
della comunità.
All’uscita di ogni nuovo numero sarà possibile visionare il precedente sul nostro sito internet: http://www.eccomimandame.it
Tutela della privacy
L’informativa circa il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs n.196 del 30 giugno 2003 è consultabile sul
nostro sito web.
Articoli, commenti, ed informazioni (ad esclusione del materiale fotografico) pubblicati da “Comunità” non sono protetti da
copyright, a meno che non sia appositamente specificato. Ci auguriamo che i contenuti, purché non alterati, possano avere la
più ampia diffusione possibile. A tutti coloro che utilizzeranno i nostri testi chiediamo di citarne la fonte e di inviarci copia della
pubblicazione.
di Rosario Antoci
”Se crederai, vedrai la gloria di Dio”(Gv 11, 40)
La verità della fede, nell'annuncio del Vangelo
Comunità - Editoriale
Tanti gli spunti di riflessione per il nuovo numero di Comunità, tutti però accomunati da un'unica tematica
che ne rappresenta la chiave di lettura: la fede. Mi riferisco infatti all'anno della fede, indetto da Benedetto XVI
con la lettera apostolica “Porta fidei”, poi al recente Sinodo dei Vescovi sulla nuova evangelizzazione ed infine al
programma scelto dal nostro Vescovo per il nuovo anno pastorale: “Educhiamoci alla Verità”.
L'anno delle fede ha avuto inizio l'11 ottobre scorso, cinquantesimo anniversario dell'apertura del Concilio
Vaticano II, e si concluderà il 24 novembre 2013, solennità di Cristo Re dell'Universo. È stato indetto dal Papa
nella consapevolezza del bisogno di un richiamo forte alle fede che, come precisa Benedetto XVI, “non
costituisce più un presupposto ovvio del vivere comune, ma anzi spesso viene perfino negato. Mentre nel passato
era possibile riconoscere un tessuto culturale unitario, largamente accolto nel suo richiamo ai contenuti della fede
e ai valori da essa ispirati, oggi non sembra più essere così in grandi settori della società, a motivo di una profonda
crisi di fede che ha toccato molte persone”. Ecco dunque perché occorre anche oggi, anzi oggi più che mai,
aprire – come riferiscono gli Atti degli apostoli (14, 27) – la porta delle fede, quella porta cioè che ci introduce
alla vita di comunione con Dio. È possibile “oltrepassare quella soglia – afferma ancora il Papa – quando la Parola
di Dio viene annunciata e il cuore si lascia plasmare dalla grazia che trasforma”.
Alla fede vissuta e professata, quindi, deve far eco una fede annunciata e testimoniata anche in maniera
esplicita. Il recente Sinodo dei Vescovi ci ricorda l'interrogativo che già Paolo VI, nel 1975, poneva alla Chiesa
con l'esortazione “Evangelii nuntiandi”: “gli uomini potranno salvarsi anche per altri sentieri, grazie alla
misericordia di Dio, benché noi non annunziamo loro il Vangelo; ma potremo noi salvarci se, per negligenza, per
paura, per vergogna – ciò che san Paolo chiamava 'arrossire del Vangelo' – o, in conseguenza di idee false,
trascuriamo di annunziarlo?”. L'annuncio della fede è un compito centrale per la Chiesa di oggi e di sempre.
“Evangelizzare è la grazia e la vocazione propria della Chiesa, la sua identità più profonda. Essa esiste per
evangelizzare”.
Quanto poi al contenuto di questo annuncio, esso non può che essere ancorato alla verità della rivelazione.
La verità, infatti, non è un'ideologia astratta o un'opinione personale, non è un messaggio che rientra nella
disponibilità di colui che la comunica, né è qualcosa che si può possedere pienamente: è piuttosto una persona,
la persona di Cristo stesso. “Una persona – ci ricorda il nostro Vescovo – da amare e da seguire, la verità è Gesù,
che rivela pienamente il volto accogliente e misericordioso di Dio, che rivela l'uomo a se stesso e ne guida il
cammino di crescita nella libertà”. Emblematiche al riguardo le parole di Edith Stein (Santa Teresa Benedetta
della Croce): “Chi cerca la verità, cerca Dio che lo sappia o no”.
Ecco, quindi, perché per questo numero della rivista abbiamo scelto un titolo – “Se crederai, vedrai la gloria
di Dio” (Gv 11, 40) – che ripropone l'accorato invito di Gesù alla fede, e un sottotitolo – “la verità delle fede,
nell'annuncio del Vangelo” – che ricollega bene le tre tematiche che rappresentano lo sfondo dei vari articoli e
quindi: la fede, l'annuncio del Vangelo e la verità.
A noi tutti l'augurio di poter vivere la fede, testimoniare il Vangelo e annunciare la verità, così da poter guardare
al futuro con uno sguardo di fiducia e di speranza. Così scriveva, infatti, il nostro don Salvatore Tumino: “Senza la
fede in Dio, l'uomo svanisce. La paura è la conseguenza naturale allo smarrimento dell'uomo senza Dio! Se guardo
qualsiasi problema senza Dio, il problema diventerà “gigante” e più lo analizzerò, più crescerà e mi schiaccerà.
L'uomo è fragile, debole, incapace da solo di affrontare la realtà, ma con Dio può affrontare e superare ogni cosa.
La fede illimitata, la fede che mi fa aprire a Dio, la fede che mi fa sperimentare Dio è l'antidoto ad ogni paura e
angoscia”.
3
Il Santo Padre Benedetto XVI,
indicendo l'anno della fede,
vuole aiutare i cristiani a fidarsi
di Dio e ad affidarsi a Dio…
L
L’Eucaristia: fonte e culmine della vita cristiana
"Se crederai, vedrai la gloria di Dio" (Gv 11, 40)
di don Mauro Nicosia
Comunità - La sorgente
4
Sì, fratelli miei, ancora oggi questo
si ripete per noi: la nostra fede rinchiusa
nel sepolcro e anche noi stessi rinchiusi nel
sepolcro emaniamo cattivo odore perché
troppo annacquati e troppo tiepidi, la
nostra vita di fede a volte sembra una vita
da funerale poco credibile e poco
testimoniata! Gesù, come a Lazzaro, vuole
gridare a ciascuno di noi dentro il sepolcro
dei nostri egoismi e dei nostri peccati, della
nostra vanagloria e della nostra
indifferenza: “esci fuori” perché sembri
vivo ma in realtà sei morto, sembri aver
fede ma in realtà la tua fede è morta, fa
puzza perché non si nutre e non si rinnova.
Gesù risponde a Marta: “Non ti ho
detto che, se crederai, vedrai la Gloria di
Dio?“ (Gv 11, 40).
Se hai fede vedrai come la tua vita
cambierà, non sarai più tu a guidarla ma la
fede in Dio. La tua fede in Dio guiderà,
trasporterà la tua vita dandole un senso
nuovo.
Vedere la gloria di Dio vuol dire
voler sperimentare cose nuove dentro di te
e attorno a te.
Vivere nella fede a volte è
accogliere il silenzio di Dio: le prove che
Egli ti manda. Fede è ancora gioire pur
nella sofferenza e nella malattia, fede è
ancora dire il tuo 'eccomi' libero e
incondizionato a Lui che ti chiama, si fida
di te e ti manda affinché, con la tua umile
se ora dovete essere un pò afflitti da varie
prove, perché il valore della vostra fede,
molto più preziosa dell'oro, che, pur
destinato a perire, tuttavia si prova col
fuoco, torni a vostra lode, gloria e onore
nella manifestazione di Gesù Cristo: voi lo
amate, pur senza averlo visto; e ora senza
vederlo credete in lui. Perciò esultate di
gioia indicibile e gloriosa, mentre
conseguite la mèta della vostra fede, cioè la
salvezza delle anime.”
La Fede, quando è vera e autentica,
dà un'immensa gioia. Gioia che non
scaturisce da realtà umana ma da Dio
stesso. È Dio stesso che permette a noi di
credergli adesso mediante la Fede; quindi
Fede vuol dire accettare le prove che la vita
comporta, vuol dire anche che potrò
essere provato senza perdere la gioia. Fede
vuol dire toccare con mano la presenza
viva di Gesù nei sacramenti, nella
preghiera, nei fratelli… cioè nella Chiesa.
S. Pietro ci dice di esultare di gioia
indicibile e gloriosa, mentre conseguiamo
la mèta della nostra fede, cioè la salvezza
delle anime. Un cammino che dura da più
di duemila anni. Con gioia, nella fede, ci
apprestiamo a poter contemplare e a
toccare con mano il Verbo della vita,
l'autore della fede.
Pertanto dico a te, fratello mio,
sorella mia: “Abbi fede solo in Gesù e sarai
salvo”.
Amen alleluia.
Comunità - La sorgente
Queste parole di Gesù a Marta
sono dette in un contesto ben preciso: la
morte del fratello Lazzaro. Gesù ha
permesso tutto questo, rispondendo ai
discepoli: questa malattia non è per la
morte, ma per la gloria di Dio. Infatti nella
tristezza di Marta si inserisce la persona di
Gesù, che le dice: “Io sono la risurrezione e
la vita, chi crede in me anche se muore
vivrà… credi tu questo?” (Gv 11, 25-26).
Se apriamo la Sacra Scrittura, in
essa troviamo tantissimi episodi ricchi di
profonda fede: la fede dei patriarchi, dei
profeti, dei re, di Maria, degli apostoli e
della gente comune.
Proprio in quest'anno il Papa
Benedetto XVI ci chiama a riflettere e a
crescere in questa dimensione profonda,
in questo dono battesimale che è appunto
la Fede, purificandola da tutto ciò che non
è fede e che può sciupare ciò che di più
limpido c'è nel vivere in essa.
Un cammino di fede è lasciarsi
prendere per mano da Dio maturando
sempre più il proprio essere creatura
fragile, amata da Dio e tanto più bisognosa
di Lui, che è autore della fede.
Se torniamo nuovamente alle
parole di Gesù a Marta, leggendo il
vangelo di Giovanni, ella risponde al
Maestro così: “Signore, già manda cattivo
odore, poiché è di quattro giorni” (Gv 11,
39).
fede, possa spostare le montagne.
Il Santo Padre Benedetto XVI,
indicendo l'anno della fede, vuole aiutare i
cristiani a fidarsi di Dio e ad affidarsi a
Dio… Egli è l'oggetto della nostra fede e un
giorno lo vedremo così come egli è.
La fede, amici miei, ti fa camminare
e non brancolare, la fede ti permette di
guardare sempre e comunque avanti
perché sai che la meta non è una cosa
astratta ma una realtà: “Gesù, Via, Verità e
Vita”. La fede è camminare controcorrente
sul mare tempestoso della vita, sapendo
che non sei solo: c'è Gesù con te! Non
dorme! Veglia su di te e non permette che
tu affondi.
Concludendo vorrei dire questo:
non ho fatto un trattato teologico sulla fede
ma una riflessione che mi impegna
insieme a voi a fare della mia vita un
grande atto di fede in Gesù morto e
Risorto, in Lui che è il mio Signore e mio
Dio.
Gesù dice a ciascuno e a tutti: Credi
che io possa guarirti? Credi che io possa
farti riacquistare la vista? Credi che io possa
farti camminare? Credi che io ti farò
risorgere per sempre e sarai con me
sempre?
Alle sue domande possiamo solo
rispondere con un atto di fede: credo,
Signore, ma tu aumenta la mia fede!
Carissimi amici, vi invito a meditare
e riflettere su 1Pt 1, 6-9:
“Perciò siete ricolmi di gioia, anche
5
A Medujgorie sono rimasto
impressionato da tutti i momenti
di preghiera e, durante la Santa
Messa e l'Adorazione Eucaristica,
i canti, mi hanno dato una gioia
spirituale ed una felicità indescrivibili.
L
L’Eucaristia: fonte e culmine della vita cristiana
“La sorgente”, rubrica dedicata all'Eucaristia, fonte e culmine della vita cristiana,
ospita in questo numero la testimonianza di Tonino Trotta, responsabile
dell'Adorazione Eucaristica Perpetua a Battipaglia (Salerno)
A gloria di Dio Padre!
di Tonino Trotta
Comunità - La sorgente
6
Un'altra data per me importate è il
25 gennaio 2007, festa della conversione
di San Paolo. Ascoltavo su Radio Maria la
rubrica “La Chiesa vive dell'Eucaristia”,
che don Alberto Pacini conduce ogni
seconda domenica del mese alle 18,00,
con le testimonianze di alcuni sacerdoti e
laici circa la bellezza dell'Adorazione
perpetua nelle loro Parrocchie e su come
il Signore aveva cambiato in bene la loro
vita e la comunità parrocchiale. Durante
la notte successiva, trascorsa a Fano per
motivi di lavoro, non riuscivo a dormire e
sentivo forte il desiderio che quanto
avevo ascoltato per radio e quanto Gesù
aveva messo nel mio cuore potesse
realizzarsi anche nella mia città. Andai
avanti e aderirono al progetto di
Adorazione Eucaristica Perpetua ben 100
persone. Abbiamo però dovuto
attendere sino al giugno 2009 per avere
la possibilità di concretizzare quel
progetto nella mia attuale parrocchia
nella quale il parroco aveva già costruito
alle 24.
Il venerdì notte, in occasione della
festa di tutti i Santi, si continuò
l'Adorazione per tutta la notte, con la
partecipazione di tutti i gruppi e i
movimenti parrocchiali, i cui partecipanti
presero, individualmente, ciascuno una
propria ora. Io, avendo la responsabilità
di verificare se tutti assolvessero al loro
impegno eucaristico, mi trattenni per
tutta la notte per capire se tutti quelli
impegnatisi fossero presenti nell'ora da
loro stabilita. Con mio grande stupore,
avendo atteso l'arrivo di tutti gli iscritti,
arrivai alle ore 6 del mattino senza sentire
stanchezza fisica e constatando che tutti
avevano mantenuto il loro impegno
spirituale.
Al mattino del venerdì andammo
con don Alberto ad Eboli per invitare il
parroco di Santa Maria delle Grazie, don
Paolo Castaldi, che io conoscevo da tanto
tempo. Sentivo che questa esperienza
poteva realizzarsi anche nella sua
parrocchia. In un primo momento rimase
sorpreso, manifestando qualche
difficoltà perché riteneva che la zona
fosse difficile: troppa delinquenza e
sarebbe stato impossibile lasciare la
Chiesa aperta durante la notte, oltre poi,
Comunità - La sorgente
Nel settembre 2004, dopo tanti
anni in cui desideravo andare in
pellegrinaggio a Medujgorie, si è
realizzato il mio sogno, in quanto mia
moglie è stata invitata a fare questa
esperienza da una conoscente che aveva
perso un figlio di 18 anni e solo a
Medujgorie aveva trovato la pace
necessaria ad accettare il distacco.
A Medujgorie sono rimasto
impressionato da tutti i momenti di
preghiera e, durante la Santa Messa e
l'Adorazione Eucaristica, i canti, mi
hanno dato una gioia spirituale ed una
f e l i c i t à i n d e s c r i v i b i l i . Fa c e n d o
adorazione lì, anche all'esterno del
Santuario, sulla ghiaia in ginocchio per
un'ora, non ho avvertito nessun dolore,
ma invece una pace spirituale che prima
non avevo mai provato. Da quel
momento è entrato nel mio cuore un
piacere, un desiderio di rivivere
quell'esperienza che poi ho fatto anche
negli anni seguenti.
una cappella feriale. In vista
dell'inaugurazione, il 13 giugno mi disse
di voler aderire all'esperienza
dell'Adorazione perpetua. Subito
contattai e conobbi la signora Anna, una
donna ammalata seriamente e con una
fede come il granellino di senape, che
offrì la sua sofferenza per realizzare
l'Adorazione. In seguito contattammo
don Alberto Pacini per realizzare una
settimana Eucaristica, che si tenne dal 26
ottobre all'1 novembre 2009. Durante
questa settimana il parroco ritenne
opportuno esporre solo per due ore al
giorno il S.S. per l'Adorazione, prima
della Santa Messa vespertina perché
pensava che le persone non avrebbero
partecipato per un orario più esteso
come chiedeva don Alberto.
Don Alberto arrivò nel pomeriggio
da Roma e accontentammo il Parroco per
le sole due ore prima della Santa Messa,
ma durante la Santa Messa don Alberto
invitò i presenti a prendere un'ora
giornaliera, facendo un cartellone della
settimana. Dopo la santa Messa delle ore
7,00 ci fu l'esposizione del S.S., che fu
adorato fino alla Santa Messa vespertina.
Ogni giorno le ore si allungarono sempre
di più, fino ad arrivare dalle 6 del mattino
7
Il grande dono che nell'ultimo anno
ho ricevuto è di sperimentare il
versetto di Mt 6,10: "Venga il Tuo
Regno, sia fatta la Tua Volontà come
in cielo così in terra".
L
L’Eucaristia: fonte e culmine della vita cristiana
Comunità - La sorgente
8
condivisero la propria esperienza e,
siccome piacque che nella nostra Diocesi
ci fosse stato questo fermento, quasi
missionario, fui invitato a partecipare agli
incontri di coordinamento nazionale che
si svolsero a Roma e poi a Loreto nel
2011, come terzo Convegno Nazionale.
Per questioni di lavoro, personalmente,
ho visitato la gran parte delle Adorazioni
nazionali nelle varie città d'Italia,
conoscendo anche i responsabili,
trattenendo con loro una condivisione e,
soprattutto con alcuni, siamo diventati
missionari di questa esperienza in
Campania, Sicilia, Puglia e Basilicata.
Ma perché il Signore ha messo nel
mio cuore questo desiderio? Negli anni
'80, dopo alcuni anni di matrimonio ebbi
seri problemi con la mia sposa ed avendo
due figli questa situazione era ancora più
grave. Il Signore permise nel 1994 che
tutto si ricomponesse e desiderammo ed
avemmo il terzo e poi il quarto figlio.
Anche per la mia attività commerciale
sono stato aiutato in tantissimi momenti.
Per questo vissuto, l'Adorazione è stato il
mio modo di ringraziare il Signore, che a
Sua volta ha premiato l'impegno profuso
con la nascita di tante Adorazioni.
Un'altra circostanza devo
testimoniare: è il caso di Carmine, un
operaio che, invitato da me a prendere
un turno, per tre volte mi disse che non
poteva essere disponibile in modo
continuativo. Durante la primavera
successiva, al ritorno da Medujgorie, mi
chiamò e mi diede la sua disponibilità.
Da quel momento è stato il portavoce a
tutti coloro che lavorano in fabbrica e
osservano i tre turni lavorativi, avendo
numerosi riscontri con i sui colleghi.
Inoltre fino ad oggi ha provveduto a tutte
le sostituzioni che sono state richieste
durante gli ultimi due anni.
Il 23 ottobre 2011 il nostro
parroco, don Roberto Nicolino, è stato
chiamato in Cielo. Il giorno precedente
consegnò al vice il suo testamento
spirituale, affermando che "questi ultimi
due anni sono stati i più belli della mia
vita" ed affermò che le Parole di Gesù
«Sarò sempre con voi» lui le ha vissute
stando con il S.S. in Adorazione, in ogni
festività infatti proclamava a tutti che era
il suo Santo Natale più bello, la sua Santa
Pasqua più bella e così via, perché aveva
fatto esperienza di Gesù Vivo nella S.S.
Eucaristia. Il 10 dicembre S. E. Luigi
Moretti, vescovo della nostra diocesi, ha
dato l'incarico di parroco proprio a don
Paolo Castaldi, che aveva accettato
l'Adorazione il venerdì durante la nostra
settimana eucaristica del 2009.
A livello personale, ho visto come
il Signore mi ha cambiato la vita stando
alla Sua presenza. Il mio cuore si è
intenerito, purificando tutti i rancori e le
ferite che mi ero procurato vivendo nel
mondo, facendo la mia volontà e non la
Sua.
Il grande dono che nell'ultimo
anno ho ricevuto è di sperimentare il
versetto di Mt 6,10: "Venga il Tuo Regno,
sia fatta la Tua Volontà come in cielo così
in terra".
Avrei tante altre cose da dire, ma
non sono in grado di potervi comunicare
con le parole la pace, la gioia e la vera
felicità che Gesù e Maria hanno
provveduto a mettere nel mio cuore ed in
quello della mia sposa, donandoci altri
due figli e tre nipotini, grazie al Suo
Immenso Amore.
Comunità - La sorgente
ad altri dubbi. Ma, dopo che don Alberto
ebbe assicurato che nelle parrocchie
intitolate alla Vergine Maria il risultato era
garantito, il parroco diede il suo assenso
dicendo: “Chi sono io che devo
intralciare la volontà di Dio?”. Ci chiese,
inoltre, quali difficoltà avessimo
riscontrato nell'avviare l'Adorazione
perpetua a Battipaglia. Gli suggerimmo di
invitare tutti i parroci vicini a condividere
questo progetto. Il lunedì seguente anche
un altro parroco di Olevano sul Tusciano
invitò don Alberto a tenere una settimana
Eucaristica nella sua parrocchia e in otto
giorni il Signore permise di avviare tre
Adorazioni perpetue nella nostra
Diocesi. Successivamente, anche a
Bracigliano e a Salerno si sono avviate
altre Adorazioni. Attualmente sono sei le
Parrocchie che condividono questa
esperienza notte e giorno.
A Bracigliano, inoltre, quest'anno,
il Signore ha permesso che sette giovani
iniziassero il cammino di formazione
sacerdotale e, di queste, sei vocazioni
sono scaturite dall'Adorazione Eucaristica
Perpetua.
Nel mese di giugno 2010, a
Pompei si è tenuto il secondo Convegno
Nazionale Eucaristico. I partecipanti
9
Un secondo aspetto della preparazione
di un incontro è la cura dell'ambiente
in cui si dovrà svolgere la Cellula.
O
L’esperienza delle Cellule di Evangelizzazione
LE OTTO ATTITUDINI DEL LEADER
La terza attitudine: il leader prepara l’incontro di Cellula
di Giovannella Scannavino
Comunità - Oikos
10
la propria coscienza, riconoscere se ci sono
peccati per i quali è necessario accostarsi al
sacramento della riconciliazione, riflettere
sulla propria fede riguardo all'esperienza di
vita quotidiana e alla Cellula, meditare sulla
Parola che viene “spezzata”
nell'insegnamento per incarnarla nella
propria vita e, infine, verificare se le sue
relazioni personali nei diversi ambiti
(compreso quello della Cellula) vanno nella
giusta direzione.
La preparazione diventa ancora più
efficace e fruttuosa quando si applica il
digiuno o comunque una rinuncia. In tal
modo si purificano il corpo e l'anima e si
sviluppa una maggiore sensibilità spirituale,
predisponendo l'animo ad accogliere ogni
intuizione suggerita dallo Spirito Santo
riguardo all'incontro della Cellula.
Un secondo aspetto della
preparazione di un incontro è la cura
dell'ambiente in cui si dovrà svolgere la
Cellula. In questa fase il leader può farsi
collaborare dal coleader, condividendone la
responsabilità e preparando quest'ultimo
come futuro leader. Innanzitutto andrà ben
organizzato il momento dell'accoglienza di
ogni membro al suo arrivo ed in particolare
dei membri nuovi, che hanno bisogno di
un'attenzione particolare. Tutto ciò si farà per
realizzare quello che Gesù vuole, e cioè che
ogni Suo figlio venga accolto e amato in un
infatti il leader dovrebbe ascoltare il
contenuto dell'insegnamento prima
dell'incontro per estrapolarne i punti focali
da riproporre a se stesso e ai cellulini. Se un
leader prepara l'incontro per tempo e con
zelo, anche i cellulini capiranno che la
Cellula è un'opportunità di grande valore e la
considereranno un appuntamento fisso e
improrogabile con Gesù che viene ogni volta
a istruirci, a guidarci, a salvarci. Egli ci ha
invitati al Suo banchetto che ha preparato
per noi con amore e sapienza, chiedendoci
di sedere insieme, per condividere con gioia
e gustare “cibi succulenti”.
Sarebbe conveniente pensare ad
ogni incontro di Cellula come a un evento
straordinario, a una festa, a un banchetto,
comportandoci come una buona madre di
famiglia che ha invitato a pranzo tutti i suoi
cari e, volendo dare a ognuno il meglio, si
prepara per tempo, predisponendo tutto ciò
che serve in cucina per la realizzazione delle
pietanze, scegliendo gli ingredienti migliori,
facendo tutto con cura, aggiungendo
un'abbondante dose di amore al suo lavoro
perché ogni vivanda possa avere un gusto
ineguagliabile. Ella non vuole trascurare
nulla perché desidera far felici tutti e, poiché
si è affidata a Gesù, il suo pranzo sarà
sicuramente un capolavoro! Bisogna
prepararsi, quindi, perché ogni Cellula
diventi un'opera d'arte unica e preziosa,
realizzata da un Autore perfetto: lo Spirito
Santo.
Comunità - Oikos
Nella terza attitudine si vuole porre
l'accento sull'importanza che riveste la
preparazione di un incontro di Cellula, ferma
restando la priorità assoluta della preghiera
che, in tutte le sue forme, rimane la
preparazione più fruttuosa.
San Paolo, nella prima lettera a
Timoteo, attribuisce al tempo dell'attesa un
valore “profetico”. Essa riempie di forza e
speranza la nostra vita dando un senso
profondo e vero a tutto ciò che viviamo. “In
attesa del mio arrivo, dèdicati alla lettura,
all'esortazione e all'insegnamento. Non
trascurare il dono che è in te e che ti è stato
conferito mediante una parola profetica, con
l'imposizione delle mani da parte dei
presbiteri. Vigila su te stesso e sul tuo
insegnamento e sii perseverante: così salverai
te stesso e quelli che ti ascoltano” (1Tm 4, 1216).
L'attesa del futuro incontro della
Cellula lo rende già presente, soprattutto
quando esso viene opportunamente
preparato. Lasceremo in tal modo a Dio lo
spazio per intervenire ed essere vittorioso su
ogni ostacolo che anche il maligno voglia
preparare.
Il leader dovrebbe, in primo luogo,
rivolgere la preparazione a se stesso,
riservandosi del tempo per la preghiera
personale, la lode e l'Adorazione Eucaristica.
Durante questi momenti egli potrà esaminare
modo speciale. Anche il posto dove ci si
riunisce deve trasformarsi nel “luogo
dell'incontro”, nella “tenda del convegno”
dove ci si prende cura gli uni degli altri, dove
ognuno ascolta il Maestro, si lascia
conquistare dal Suo amore e sceglie di stare
con Lui. “Assisterà i suoi fratelli nella tenda
del convegno sorvegliando ciò che è affidato
alla loro custodia” (Nm 8, 26).
La Bibbia al centro della stanza sarà
un segno tangibile della presenza di Dio con
la Sua Parola e un cero acceso ricorderà a
tutti i presenti che Essa è la luce che illumina
ogni uomo orientandone il cammino.
“Lampada per miei passi è la tua parola, luce
sul mio cammino” (Sal 119, 105).
Spesso capita che nella Cellula siano
presenti anche dei bambini di età diverse. Il
leader rivolgerà anche a loro una cura
particolare perché possano avere uno spazio
adeguato per giocare, senza creare troppo
disturbo e vivere l'incontro, insieme ai loro
genitori, in modo naturale e sereno. Questi
piccoli gesti di attenzione e di amore nei loro
confronti rimarranno certamente impressi
nel loro cuore e nella loro memoria e
contribuiranno a favorire, in seguito, un
approccio più facile a un percorso di fede
vissuto nel gruppo, con i fratelli, nella
Chiesa. “Lasciate che i bambini vengano a
me, non glielo impedite: a chi è come loro
infatti appartiene il regno di Dio” (Mc 10,
14).
L'ascolto dell'insegnamento è un altro
momento importante da non trascurare;
11
Per una felice coincidenza nel nostro
cammino diocesano, stiamo riflettendo
sull'educazione alla verità. Due temi,
quello della verità e della fede, che
sono intimamente legati tra loro.
S
a cura del Moderatore Generale della Comunità "Eccomi, manda me!"
La verità dell’evangelizzatore
indietro, sarà sempre una meta da
raggiungere e mai un traguardo già
raggiunto. Il vero evangelizzatore non è un
arrivato, ma un uomo in cammino con gli
uomini, un discepolo.
Comunità - Spazio libero
Carissimi amici,
quest'anno il nostro Papa, Benedetto
XVI, ci invita a riscoprire la nostra fede, ad
approfondire le ragioni della nostra
speranza per comunicare con un nuovo
entusiasmo il Vangelo che abbiamo
ricevuto. Scrive al n. 7 della lettera
apostolica Porta Fidei: “È necessario un più
convinto impegno ecclesiale a favore di
una nuova evangelizzazione per riscoprire
la gioia nel credere e ritrovare l'entusiasmo
nel comunicare la fede”.
Per una felice coincidenza nel nostro
cammino diocesano, stiamo riflettendo
sull'educazione alla verità. Due temi –
quello della verità e della fede – che sono
intimamente legati tra loro. La fede, infatti,
è necessaria per raggiungere la Verità.
Scriveva Giovanni Paolo II che “La fede e
la ragione sono come le due ali con le
quali lo spirito umano s'innalza verso la
contemplazione della verità” (Lettera
enciclica Fides et ratio).
Ma voglio riflettere insieme a voi sulla
verità di colui che comunica la fede:
l'evangelizzatore.
Vedremo alcune caratteristiche di un
vero evangelizzatore, di un vero
trasmettitore della fede e lo voglio fare
leggendo con voi un passo del vangelo di
Giovanni in cui Giovanni Battista indica ai
suoi discepoli Gesù come l'Agnello di Dio.
2. L'evangelizzatore vero non porta a sé,
ma a Dio.
4. L'evangelizzatore vero è un uomo di
poche parole.
Elenco solo alcune caratteristiche che
mi sembrano importanti per fare di un
battezzato un vero evangelizzatore:
Giovanni non è preoccupato di
aumentare le fila dei suoi discepoli, anzi
indica in maniera chiara chi è Colui che
devono seguire. Il vero evangelizzatore è
libero da ogni autoaffermazione, da ogni
“successo” personale. Non vuole servirsi
del nome di Dio per innalzare se stesso.
Non si serve dei fratelli per la propria
realizzazione e tanto meno di Dio, ma
cerca Dio che passa nella sua vita e lo
indica ai fratelli per il loro bene. Le persone
non sono mai un mezzo, ma il fine della
vera evangelizzazione.
1. L'evangelizzatore vero fissa Dio senza
perdere di vista l'uomo.
3. L'evangelizzatore vero fissa Gesù che
passa.
Giovanni è un uomo di poche parole
perché lascia parlare Colui che è la Parola.
Lui è la voce che si mette al servizio della
Parola. Dice in tutto quattro parole ma così
cariche di significato, di fede e di amore
che i suoi discepoli, "sentendolo parlare
così, seguirono Gesù". Il vero
evangelizzatore non corre, ma fa correre la
Parola di Dio. Il vero evangelizzatore sa
che l'annuncio del Vangelo non è una
questione di parole ma di come, di quanto
cuore si mette nell'annunciare la Parola.
Quello che si dice con il linguaggio non
verbale è molto più importante, perché dà
significato e credibilità alle parole e arriva
direttamente al cuore.
Giovanni Battista, fissando lo sguardo su
Gesù che passava, si rivolge ai discepoli e
dice: "Ecco l'agnello di Dio!"
Questo mi sembra un particolare molto
importante. Giovanni fissa Dio, ma il suo
sguardo non si distoglie dai suoi discepoli.
L'uomo è il beneficiario del suo fissare
Gesù. Fissando Gesù, lui dice ai discepoli:
Gesù nella vita del vero evangelizzatore
non sta fermo ma passa, passa avanti, dice
cose sempre nuove. La vita spirituale del
vero evangelizzatore non è statica ma
dinamica, in cammino di crescita e di
comprensione sempre più grande della
Verità di Dio che sarà sempre avanti e mai
12
Il passo è il seguente:
“
Il giorno dopo Giovanni stava ancora là
con due dei suoi discepoli e, fissando lo
sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco
l'agnello di Dio!». E i suoi due discepoli,
sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi
lo seguivano, disse loro: «Che cosa
cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che,
tradotto, significa Maestro –, dove
dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete».
Andarono dunque e videro dove egli
dimorava e quel giorno rimasero con lui;
erano circa le quattro del pomeriggio” (Gv
1, 35-39).
Comunità - Spazio libero
"Ecco l'agnello di Dio!" È un'indicazione
chiara per il bene dei discepoli. Il suo
rapporto con Gesù è messo al servizio degli
uomini perché scoprano in Gesù l'amore
di Dio.
di don Gianni Mezzaslma
5. L'evangelizzatore vero pone delle
domande.
La prima cosa che fa un vero
evangelizzatore, sull'esempio di Gesù, non
è quella di dare risposte ma di fare
domande. "Che cosa cercate?" Domanda
13
Il soggetto vero dell'evangelizzazione
è una famiglia. L'evangelizzatore vero
deve poter dire: venite e vedrete.
Il luogo dove si dimora sono le relazioni
fraterne di coloro che hanno la stessa
“casa”, perché figli dello stesso Padre.
S
a cura del Moderatore Generale della Comunità "Eccomi, manda me!"
Comunità - Spazio libero
6. L'evangelizzatore vero ha una “casa”.
Il soggetto vero dell'evangelizzazione è
una famiglia. L'evangelizzatore vero deve
poter dire: "venite e vedrete". Il luogo dove
si dimora sono le relazioni fraterne di
coloro che hanno la stessa “casa”, perché
figli dello stesso Padre. L'evangelizzatore
vero deve poter dire a tutti coloro che non
hanno “casa”: vieni e vedi. Vieni e vedrai
come ci vogliamo bene, vieni e vedrai
come la nostra “casa” sarà la tua “casa”,
perché tu sei nostro fratello.
Gesù ha detto chiaramente: “Da questo
14
tutti sapranno che siete miei discepoli, se
avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13,
35).
La vita si trasmette con la vita, non con
le parole. A fondamento della vita c'è
sempre la relazione tra due persone che si
amano e solo lì è possibile incontrare e
conoscere il vangelo: Gesù. A fondamento
dell'evangelizzazione c'è sempre una
comunità, una comunione di vita che
trasmette la vita.
7. L'evangelizzatore vero rimane con
l'altro.
circa le quattro del pomeriggio". Non è
semplicemente un'informazione di
cronaca, ma un particolare che dice
l'importanza di un evento, di un incontro.
Un particolare che dice il portare nel cuore
l'altro. Il ricordare dice l'importanza
dell'altro. Il vero evangelizzatore ricorda
anche i particolari perché ricorda l'altro, lo
porta nel cuore.
Sicuramente questi criteri per verificare
la verità dell'evangelizzatore non sono
esaustivi, non sono i soli, non gli unici.
Esistono tanti altri criteri, ma queste
indicazioni che ci vengono dal confronto
con la Parola di Dio mi sembrano molto
importanti per vivere in maniera autentica
la nostra chiamata all'evangelizzazione.
La beata Vergine Maria, stella
dell'evangelizzazione, modello di fede e di
verità, interceda per noi e ci sostenga nel
nostro cammino. Ci doni nuovo zelo,
entusiasmo ed ardore nel rispondere in
maniera vera alla nostra vocazione
battesimale di annunciare il Vangelo fino
agli estremi confini della terra.
Gesù non solo dice: "venite e vedrete",
ma vuole che gli uomini rimangano con
lui, nel suo amore, nella sua “casa”, nella
sua dimora. Il testo dice: "rimasero con lui".
Gesù stesso dirà: "Rimanete nel mio amore"
(Gv 15, 19). Le relazioni di amore vero
rimangono. Il cuore dell'evangelizzatore
vero è sempre aperto. Aperto verso tutti,
aperto ad ogni ritorno, aperto ad ogni ora,
aperto ad ogni fratello, aperto senza
condizioni. Nella “casa”
dell'evangelizzatore vero si può entrare ma
non uscire del tutto, anche quando
fisicamente si è andati lontano.
Comunità - Spazio libero
Gesù agli uomini. Non è una domanda
retorica come quando si dice alle persone:
come stai? E subito, senza aspettare la
risposta si inizia a parlare. Ma la domanda
dell'evangelizzatore vero è vera, procede
da un cuore interessato al bene dell'altro,
al suo cuore. È una domanda che si vuole
fare carico dei pesi dell'altro, che procede
da un cuore compassionevole e pieno di
amore. È una domanda che dice la
predisposizione all'ascolto e
all'accoglienza dell'evangelizzatore. È una
domanda che vuole far prendere
consapevolezza all'altro di che cosa lo
muove, della sua identità. È una domanda
che inizia un cammino di liberazione verso
la conoscenza di sè e quindi di Dio. Il
cammino verso Dio implica sempre un
cammino verso se stessi e verso gli altri.
8. L'evangelizzatore vero ricorda i
particolari.
Annota l'evangelista Giovanni: "Erano
15
I dieci comandamenti non ci
venivano presentati come rassicuranti
cartelli indicatori del cammino della
vita, ma piuttosto come grossi pesi
da portare, come un elenco di
prescrizioni da osservare.
L
Esperienze di nuova evangelizzazione, attività e appuntamenti della Scuola di Evangelizzazione
Il Corso “I Dieci Comandamenti”: segnaletica per la felicità
di Mimma Arrabito
«E questo è l'amore: che
camminiamo secondo i suoi
comandamenti" (2 Gv 1, 6)
Comunità - La staffetta
16
a Dio, a comportarsi come si comporta Dio.
L'osservanza gioiosa dei dieci comandamenti
non nasce da fredde riflessioni razionali, ma da
impulsi molto più profondi: scaturisce
dall'esperienza dell'amore di Dio per l'uomo, dal
sentirsi amati infinitamente da Lui. L'osservanza
diventa così frutto ed espressione di gratitudine.
L'agire dell'uomo così ispirato si trova liberato
dall'angoscia del dovere e dall'aridità e dalla noia
di un adempimento puramente esteriore ed
assume un tono di festosità e di gioia. L'uomo
non si comporta più da schiavo ma da figlio,
perché ha compreso che l'adesione a Dio è la
sorgente straripante di ogni gioia piena e
duratura e che servire Dio è regnare.
L'osservanza dei comandamenti è un
atto di amore a Dio che ci ama. Tutto quello che
non è fatto per amore non è osservanza vera: è
non osservanza, è peccato. L'osservanza dei
comandamenti è la nostra collaborazione con
l'azione liberante di Dio: diamo una mano a Dio
che ci libera, gli permettiamo, con i fatti, di
liberarci dal male. Il comportamento richiestoci
da Dio attraverso i comandamenti è quello della
fede (in questo caso, credere che i
comandamenti sono per il nostro vero bene),
della relazione entusiasta, amorosa e vivace con
Lui. Si tratta di cooperare consapevolmente con
l'azione di Dio.
I comandamenti mirano a far sì che
l'uomo credente impari a camminare con Dio
(Mi 6,8), a percorrere con Lui una via comune.
Per questo il decalogo viene definito nel Salmo
25 come la “via di Dio”.
Comunità - La staffetta
Il corso sui dieci comandamenti che la
scuola della Comunità ha pensato e proposto
quest'anno nasce dalla convinzione che il
cuore di ogni cammino spirituale è l'amore che
Dio ha per l'uomo. Si sceglie di seguire Dio non
per costrizione, ma per attrazione.
L'obiettivo del corso è scoprire nelle
“dieci parole” che Dio rivolge al suo popolo
non un'espressione arbitraria del suo volere,
ma delle parole di vita che indicano all'uomo la
via della libertà e della felicità. Ogni
comandamento viene visto a partire da quello
che Dio fa per l'uomo, perché è sempre Lui a
fare il primo passo, a prendere l'iniziativa e in
tutto questo il modello per eccellenza è Gesù,
che non abolisce ma porta a compimento tutta
la legge e ne svela il significato sul monte delle
beatitudini e sul monte calvario.
Il cristiano può far suo questo dono e
viverlo nella sua vita attraverso l'opera delicata
ma efficace dello Spirito Santo, che dona la
forza di vivere secondo la volontà di Dio nella
libertà e nella gioia piena.
I comandamenti nascono in un
contesto di relazione, come dono di amore da
parte di Dio al suo popolo; si può leggere come
in Esodo 19, 4-6 Dio si rivolge al suo popolo con
accenni affettuosi: dall'Egitto lo ha trasportato
su ali d'aquila fino a sé, è il suo grande
liberatore, è un Dio materno che come
un'aquila si carica dei suoi piccoli, ancora
incapaci di volare, e li conduce verso altezze
dove possono respirare la libertà.
È un Dio premuroso che ha cura dei
suoi figli: i comandamenti sono come le “ali
d'aquila” sulle quali Dio ci prende per
trasferirci dalla terra della schiavitù al regno
della libertà.
Il decalogo comincia con una frase
d'importanza decisiva per la comprensione di
tutto il testo: “Io sono il Signore tuo Dio, che ti
ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla
condizione di schiavitù” (Es 20,1; Dt 5,6). Le
singole direttive che seguono sono una
conseguenza dell'azione liberatrice di Dio.
In altre parole, Dio dice al suo popolo:
Io ti ho liberato dalla schiavitù perché ti amo, ti
voglio libero e felice; ora ti dono dieci regole
per restare libero e non ricadere in schiavitù: ti
do i dieci comandamenti, ti do le dieci leggi
della libertà.
È questa la chiave per capire i
comandamenti: quello che viene prima è la
relazione che Israele ha con Dio, è l'alleanza
che Dio ha sancito con questo popolo che egli
ama e i comandamenti sono una conseguenza
di come vivere in questa relazione. Dio si
rivolge al cuore di'Israele e gli dona le vie per
essere felice.
Se togliamo questa frase che introduce
il decalogo decade ogni relazione, ogni
alleanza e i comandamenti vengono visti solo
come pesi dati da un Dio che vuole comandare.
Dio è libero e vuole che l'uomo, fatto a
sua immagine, partecipi a questa libertà: in
questo l'uomo trova il proprio sviluppo e la
pienezza di vita per sé e per gli altri. Egli non
guarda con diffidenza alla libertà dell'uomo e
non si preoccupa di imporre nuove catene con
una fitta rete di leggi. Se così fosse, Dio non
avrebbe creato l'uomo libero o lo avrebbe
privato della libertà dopo i primi abusi. No! Dio
non guarda con sospetto la libertà dell'uomo,
non teme la concorrenza dell'uomo: al
contrario, come ogni padre, desidera che il figlio
cresca nella libertà responsabile.
Dopo che Dio ha liberato il suo popolo,
questo deve comportarsi in maniera rispondente
all'azione divina e non perdere o rovinare di
nuovo, con la propria incoerenza, la libertà
donatagli da Dio.
Molti cristiani conservano un ricordo non
del tutto piacevole dei comandamenti; da
bambini li abbiamo imparati a memoria, come un
sussidio che li banalizzava prima di ogni
confessione. Così i precetti divini fungevano più
che altro da spauracchio: per ogni piccola cosa ci
si domandava se avevamo offeso Dio o se il
Signore fosse contento di noi.
I dieci comandamenti non ci venivano
presentati come rassicuranti cartelli indicatori del
cammino della vita, ma piuttosto come grossi pesi
da portare, come un elenco di prescrizioni da
osservare.
Dio, invece, non vuole l'uomo schiavo
dei comandamenti, ma libero, innamorato e
riconoscente per il dono dei comandamenti. Di
fronte a queste leggi l'uomo credente deve
percepire in maniera molto intensa e con
profonda gratitudine la gratuità dell'azione
divina e sentirsi spinto ad agire in maniera simile
17
T
Foto di gruppo dei partecipanti alla missione di Marina di Ragusa
"Missione compiuta"
di Giusi Scalabrino
Comunità - Testimonianze
18
messaggio che non è proprio ma è di
Cristo: ecco perché il Signore manda i
discepoli “davanti a sé”, come sottolinea il
vangelo di Luca. Essi sono precursori,
come il Battista, di colui che è più
importante e che vuole entrare nella vita di
tutti: “in ogni città e luogo dove stava per
recarsi”. L'elemento più bello di questa
missione è che è Dio che bussa alle porte
dei suoi figli – “ecco sto alla porta e
busso” (Ap 3,20) – e vuole entrare
attraverso altri figli che si fanno poveri
strumenti per portare un messaggio di
pace e di speranza.
I frutti di questa evangelizzazione
sono molteplici:
- la conversione di persone che
vivono lontane dal Signore e il loro ritorno
a Dio attraverso il sacramento della
riconciliazione;
- la conoscenza da parte del
parroco di alcune problematiche del
territorio parrocchiale;
- i grandi frutti spirituali che il
Signore dona non solo a coloro che
vengono evangelizzati, ma anche ai
missionari che evangelizzano: gioia, pace,
consolazione, guarigioni interiori,
riappacificazioni…
L'andare di casa in casa è per prima
cosa un'esperienza di salvezza che
permette di arrivare dove la parrocchia
non può giungere per diversi motivi, ed è
Alcune testimonianze possono
esprimere la grazia che Dio dona
attraverso questa evangelizzazione:
Antonio Petriglieri (missionario):
«Insieme a Concetta, mia moglie, abbiamo
partecipato all'evangelizzazione 'porta a
porta' a Marina di Ragusa. La missione di
Marina è stata un crescendo di impegno e
di indescrivibile gioia, condivisa con tutte
Fra Paolo
le famiglie visitate e con tutta la comunità
parrocchiale. Tutti ci attendevano e ci
hanno accolto con cordialità, come fratelli
figli dello stesso Padre, da sempre
conosciuti e attesi. Cuore
dell'evangelizzazione è stato Gesù
Eucaristia, sempre esposto ed adorato dai
fratelli in costante preghiera. Posso
testimoniare di aver condiviso momenti di
adorazione e di evangelizzazione. Le mie
difficoltà motorie mi costringevano ad
appoggiarmi ad un bastone, ma l'ultimo
giorno non ho avuto bisogno di tale
sostegno perché mia forza era l'amore di
Gesù che mi guidava ai fratelli. Gesù è stato
mia forza e mio sostegno ed il suo Amore,
fin che Lui vorrà, sarà sempre la sorgente
del mio amore verso tutte le creature.
Eterna gloria al Padre, al Figlio, allo Spirito
Santo e benedetta nei secoli la Santa
Ve r g i n e M a r i a R e g i n a
dell'evangelizzazione!».
Salvatore Puglisi (missionario):
«Durante la mia vita sono stato coinvolto in
molte avventure e, fra queste, le più belle
sono state quelle vissute lavorando per il
Signore. Mi chiamo Salvatore, sono andato
in pensione sei anni fa e da quel momento
dedico gran parte del mio tempo al lavoro
nella vigna del Signore. Recentemente ho
avuto modo di compiere una meravigliosa
esperienza per la crescita della mia fede
cristiana, partecipando
all'evangelizzazione delle famiglie
appartenenti alla parrocchia di Marina di
Ragusa. Cresce sempre di più in me la
convinzione che, quando si è vissuta
intensamente la presenza di Dio nella
propria vita, non la si può tenere solo per
sé, ma si deve condividere e sperimentare
con i fratelli che si incontrano lungo il
cammino. Visitando le famiglie della
parrocchia in compagnia di Giusi e Pina,
ho trovato tante sofferenze e tanti
problemi di varia natura, ma sempre tanto
bisogno d'amore, tanto bisogno di Dio che
aiuta a lenire il dolore e a vincere la
tristezza. Una cosa mi colpisce delle
missioni di evangelizzazione: succede
spesso di trovare negli altri le stesse
sofferenze che si sono provate nella
propria vita o che si stanno ancora
vivendo. Gesù, con la sua magnanimità, ci
fa incontrare persone con le nostre stesse
sofferenze, per consentirci di consolare
Comunità -Testimonianze
“Dopo questi fatti il Signore
designò altri settantadue discepoli e li
inviò a due a due avanti a sé in ogni città e
luogo dove stava per recarsi” (Lc 10, 1).
Dal 1997 in diverse parrocchie
della diocesi di Ragusa è iniziata
l'evangelizzazione "porta a porta". Dopo
alcuni anni di sosta, dallo scorso marzo
(con la missione a Vicari, in provincia di
Palermo) la nostra Comunità ha ripreso
tale attività. Il vero protagonista della
missione è lo Spirito Santo, poiché senza di
Lui non esisterebbero né Chiesa né
missione. Lo scorso ottobre quindi i
missionari sono stati impegnati a Marina di
Ragusa nella parrocchia di Maria di
Portosalvo, in occasione dei settant'anni
della nascita della parrocchia.
L'evangelizzazione 'porta a porta'
ha come obiettivo quello di evangelizzare
un territorio visitando personalmente
famiglie, negozi, uffici, ecc… L'amore per
Dio e l'urgenza di annunciare il Vangelo
spinge circa 30 missionari laici a lasciare
case, lavoro e famiglia per alcuni giorni per
portare l'annuncio del Cristo risorto, ma
soprattutto per testimoniare le opere
meravigliose che il Signore ha compiuto e
continua a compiere nelle loro vite poiché
davvero, come Pietro e Giovanni davanti
al sinedrio, “non possiamo tacere ciò che
abbiamo visto e udito” (At 4,20). I
missionari si fanno portatori di un
un'occasione di crescita per la parrocchia,
per i missionari che sono rafforzati nella
fede e per coloro che ricevono l'annuncio
e che fanno esperienza concreta della
misericordia infinita di Dio.
19
T
Un momento di adorazione durante la missione
Comunità - Testimonianze
20
Statua della Madonna nella Chiesa di Marina
gioia e la verità del Vangelo ovunque, infatti
è dono suo se in parrocchia è nata
l'Adorazione diurna ogni giorno e la
continuazione dei cenacoli del Vangelo. Il
Signore ci dice anche attraverso il nostro
Vescovo: “questa è la strada, percorretela”.
Amen. Alleluia! Buon cammino…».
Personalmente posso condividere
che l'evangelizzazione "porta a porta" è stato
per me motivo di crescita personale e
spirituale. Incontrare gente fino ad allora
sconosciuta che apre le porte delle propie
case e parlare come se ci conoscessimo da
sempre è una grazia che solo Dio può fare.
Condividere gioie e dolori di persone che si
Fra Paolo
confidano in modo semplice e sincero mi ha
fatto comprendere che si fa esperienza vera
dell'amore di Dio solo attraverso i fratelli che
Lui ci dona. In ogni cosa vissuta, in ogni
fratello incontrato ho visto davvero come
Dio si manifesta in modo vivo. Sarebbero
tante le cose da raccontare, perché non si
finisce mai ricevere durante la missione, ma
il dono più grande che ho ricevuto sono le
amicizie strette durante quei giorni e
soprattutto la gioia della serata conclusiva
dei cenacoli.
È stato davvero incredibile vedere la
chiesa in festa piena di gente, che era lì
magari per la prima volta o dopo tanti anni,
stretta attorno a Gesù Eucaristia. Dentro al
cuore porto l'immagine di un Dio paziente
che ha atteso silenziosamente per una
settimana i suoi figli nella sua casa come il
padre che attende il figliol prodigo e che,
vedendolo arrivare quando ancora è
lontano, gli corre incontro per fare festa con
lui. Ed è stata una festa, un'esplosione di
gioia incontenibile, un fiume di grazia…
qualcosa che è difficile esprimere con le
semplici parole. È certo che tutto questo
viene solo da Lui, solo Dio può operare tali
prodigi e vedere realizzarsi le parole del
vangelo di Luca: “Bisognava far festa e
rallegrarsi, perché questo tuo fratello era
morto ed è tornato in vita, era perduto ed è
stato ritrovato” (Lc 15, 32).
Giovanni Paolo II, nel 1985, disse a
Lima: “La Chiesa ha bisogno di molti apostoli
per evangelizzare, il mondo del nuovo
millennio si aspetta di trovare questi
evangelizzatori tra voi uomini e donne”.
Questa esortazione dovrebbe entrare nei
nostri cuori e farci sentire interpellati
personalmente, perché è necessario
annunciare Gesù a chi è lontano, a chi è
disperato, a chi non ha più voglia di vivere, a
chi è piegato dalla sofferenza, a chi attende
solo una parola per poter ricominciare e a
chi ha bisogno solo di una mano per potersi
rialzare e camminare verso la casa di Dio. “A
colui che in tutto ha potere di fare molto più
di quanto possiamo domandare o pensare,
secondo la potenza che già opera in noi, a Lui
la gloria nella Chiesa e in Cristo Gesù per tutte
le generazioni, nei secoli dei secoli! Amen”
(Ef 3, 20-21).
L a Ve r g i n e M a r i a , s t e l l a
dell'evangelizzazione che ci ha
accompagnati in queste missioni, ci guidi e ci
custodisca per ogni missione che il Signore ci
chiamerà a svolgere. Alleluia!
Comunità -Testimonianze
con l'amore che Lui stesso ha infuso nel
nostro cuore. Le testimonianze di vita che
ho ricevuto durante la missione mi hanno
lasciato tanto, arricchendo la mia fede
perché la fede cresce donandola.
Ringrazio il buon Dio per tutto ciò che ho
ricevuto dai fratelli della parrocchia di
Maria di Portosalvo, per la disponibilità
con cui ci hanno accolti e per il loro amore
che porterò sempre nel mio cuore».
Don Mauro Nicosia (parroco di
Marina): «Lodo e ringrazio il Signore per
quanto ha realizzato nei giorni in cui si è
tenuta la missione 'porta a porta' nella mia
parrocchia, a Marina di Ragusa. Circa due
anni fa, parlando con don Gianni
Mezzasalma della possibile missione
parrocchiale da fare qui a Marina, si
rimandava sempre questo evento, come se
lo Spirito Santo, che guida la storia
dell'umanità, ci volesse trasportare al mese
di ottobre 2012… così è stato. Tanto lavoro
da fare ci scoraggiava, ma poi il Signore –
che, come sempre, è meraviglioso e
speciale – ha fatto grandi cose per la nostra
comunità. Tutto il territorio di Marina di
Ragusa è stato visitato da fratelli e sorelle
della comunità “Eccomi, manda me!” di
Ragusa, coadiuvati da diversi membri della
parrocchia… Preghiera, missione e
condivisione sono stati gli ingredienti di
quei giorni che hanno permesso di
formare la chiesa, divenendo un sol corpo
e un solo spirito. Cosa dire ancora? Gesù ci
conferma nella fede e nell'amore e ci
incoraggia col suo Spirito a diffondere la
21
Ripetiamolo ancora! Ripetetelo con me!
Impariamolo a memoria: “Dio dimostra
il suo amore verso di noi nel fatto che,
mentre eravamo ancora peccatori,
Cristo è morto per noi”.
S
Pur essendo peccatori *
di p. Giovanni Salonia ofm capp.
Comunità - Spirito e vita
22
sete di un giorno, ma dà una risposta che
diventa sorgente d'acqua via.
E forse è nel discorso che fa san
Paolo ai Romani che possiamo trovare il
cuore di questa sorgente d'acqua viva:
“Dio dimostra il suo amore verso di noi nel
fatto che, mentre eravamo ancora
peccatori, Cristo è morto per noi”.
Questo è forse il cuore di tutta la
Parola di Dio che abbiamo ascoltato. Qui
c'è – direi – la fonte che zampilla acqua
per la vita eterna e che ci dà sempre una
possibilità di ritrovare la via.
Ripetiamolo ancora! Ripetetelo
con me! Impariamolo a memoria: “Dio
dimostra il suo amore verso di noi nel fatto
che, mentre eravamo ancora peccatori,
Cristo è morto per noi”.
Perché questa affermazione di
Paolo nella famosa, grande Lettera ai
Romani ha un valore così forte? Perché ci
dice che Dio non ha aspettato che noi
diventassimo buoni prima di morire per
noi. Dio ci amati (e quindi ci ama, e
quindi ci amerà!) mentre ancora siamo
peccatori.
Ecco la novità rivoluzionaria in
termini di religione, in termini
antropologici... in qualsiasi cultura, infatti,
la logica è un'altra: prima ti converti,
prima cambi idea, prima mi chiedi scusa,
prima torni e poi ne parliamo.
Qui invece c'è la rivoluzione di
nostra esistenza?
E qui ci può aiutare questa certezza
di Paolo ai Romani: Qui si manifesta
l'amore di Dio – dice – perché “mentre
eravamo ancora peccatori, Cristo è morto
per noi”.
Allora ecco la sfida che ci
accompagna un po' tutta la vita e che per gli
Ebrei aveva un nome preciso: Massa e
Merìba.
La geografia, in realtà, è fatta dal
cuore. Tutta la geografia che ci interessa è
quella del cuore: là è il posto del primo
bacio, là ci siamo incontrati, là l'ho vista…
c'è una geografia del cuore che è
importante. E anche il popolo ebraico ha
una sua geografia della storia d'amore col
Signore: Massa e Merìba è il luogo dei guai.
E' il luogo in cui la gente dice: ma
perché, Signore? Lo dice a Mosè perché
Mosè riferisca (il numero di cellulare del
Signore l'aveva Mosè: tramite Mosè
parlavano col Signore). E dicono a Mosè:
chiediglielo al Signore perché ci ha fatto
uscire dall'Egitto se qua stiamo morendo di
sete.
Quante volte questa pagina ci
appartiene! Perché, Signore, ti sei
dimenticato di me? Perché, Signore, fai il
sordo? Perché non rispondi?
Un po' tutti, ogni tanto, abbiamo
detto (e purtroppo forse diremo) questa
frase. Ebbene, la risposta è: a Massa e
Merìba gli Ebrei tentarono il Signore.
Chiesero: Ma ci sei o non ci sei? – così
Comunità _- Spirito e vita
Comunità
Es 17,3-7; Sal 94/95; Rm 5,1-2.5-8; Gv
4,5-42
Il dialogo fra Gesù e la Samaritana
è una fonte inesauribile di acqua viva, nel
senso che non finisce mai di dare a noi il
sapore della vita, della freschezza
dell'incontro col Signore.
Questa donna che era andata,
come faceva abitualmente, a prendere un
po' d'acqua al pozzo, fa un incontro che le
cambia la vita. È proprio questo è il senso
profondo della pagina che abbiamo
ascoltato: l'incontro col Signore è un
incontro che cambia la vita. “L'acqua che
io vi do diventa una sorgente d'acqua
viva”.
È questa la differenza fra le cose
che appartengono agli uomini, le cose
che appartengono alle illusioni degli
uomini, al nostro smarrirci, e le cose che
appartengono al Signore.
Le cose che finiscono, che ci
lasciano le mani vuote, che ci danno un
senso d'insoddisfazione non sono acqua
che disseta per sempre. Sono rimedi
temporanei alla nostra inquietudine, al
bisogno del nostro cuore.
Gesù invece le dice: non solo ti
darò quell'acqua che tu cerchi, ma farò
che il tuo cuore diventi sorgente d'acqua
viva. Questa è la novità che Gesù viene ad
annunziare a noi fedeli!
Non dà una risposta che colma la
tutti i rapporti: “Dio dimostra il suo amore
verso di noi nel fatto che, mentre eravamo
ancora peccatori, Cristo è morto per noi”.
A questo punto nessuno ha diritto di
scoraggiarsi. Dio è morto per noi mentre
eravamo peccatori, il che significa che quasi
quasi Dio rinunzia alla nostra conversione.
Del tipo: se volete convertirvi vi convertite,
se non volete io continuo a morire per voi.
In tutto il dialogo fra Gesù e la
Samaritana (che è un capolavoro di giochi,
di interventi, di allusioni... perché qua Gesù
si manifesta veramente come colui che
conosce il cuore dell'uomo (e nella
fattispecie il cuore di una donna), Gesù si
manifesta come colui che legge i cuori e li
legge non perché ha uno strumento, una
TAC per leggere dentro l'uomo: legge i cuori
perché li ama.
E quando uno ama capisce l'altro
dove si muove e cosa desidera.
Ma tutto il discorso che Gesù fa alla
Samaritana è proprio questo: Cosa c'è nel
cuore dell'uomo? Che cosa è l'uomo?
L'uomo è un essere alla ricerca di qualcosa
che lo plachi. Gesù dice: Hai sbagliato a
cercare fino ad adesso, hai avuto cinque
uomini e non ti sei placata. Che cosa stai
cercando? Hai cercato acqua che non
disseta. Prova a cercare l'acqua che disseta!
Né il discorso è in termini di
differenza fra cose buone che dà Dio e cose
non buone che vengono dalla vita terrena;
il problema è: dove cercare ciò che ci può
placare? Che cosa, chi può dare senso alla
23
S
Comunità - Spirito e vita
24
mentre pecchiamo, Dio ci sta baciando.
Anche quando noi pecchiamo,
anche quando noi soffriamo, anche quando
noi ci smarriamo Dio è presente là, nel
nostro cuore, perché noi possiamo ritrovare
la strada che ci porta ai suoi occhi, al suo
cuore.
La parola al fondatore: "Se crederai, vedrai la gloria di Dio" (Gv 11, 40)
* Tratto da Le sue braccia sempre aperte. Omelie dalla
sapienza della vita. G. Salonia Il pozzo di Giacobbe,
2011
Ci sono persone che si lamentano sempre che le cose vanno male. A queste persone dico:
incominciate a pregare e vedrete la gloria di Dio nella vostra vita e, attraverso voi, nella vita di
chi vi sta accanto!
a cura di Roberto Gibilisco
Frutto della superstizione è la paura, come frutto della fede è la pace.
Chi è superstizioso ha paura di tutto, chi ha fede non teme nulla.
(© S. Tumino, La preghiera fonte di vita, Editrice Sion, Ragusa, 2004, p. 98)
(© S. Tumino, Non temere, Io sono con te, Editrice Sion, Ragusa, 2008 p. 87)
Quando permetti a Gesù di amare in te, di pensare in te, di parlare in te, di gioire in te, di soffrire
in te, di pregare in te, la tua vita sarà meravigliosa e vedrai continuamente la gloria di Dio.
Comunità
- Perle_ di
spiritualità
Comunità
Spirito
e vita
finisce la lettura – Il Signore è o non è in
mezzo a noi? Che Signore è? Prima ci libera
e poi ci fa morire?
Quante volte il nostro cuore dice: ma
ci sei o non ci sei?
Allora è questo il momento in cui, con
Mosè, dobbiamo rinnovare la nostra fede: il
braccio di Dio non si accorcia. Se Dio ci ha
amato, continua ad amarci fino alla fine.
Ma perché questo? Perché ci ha
amati prima che noi ci convertissimo, prima
che noi diventassimo buoni, prima che noi
ci accorgessimo di Lui. Questa è la grande
verità!
Ecco perché dubitare di Dio significa
rimanere là, a Massa e Merìba, con quelli
che dubitano di Dio. Invece i profeti, Mosè,
Cristo ci invitano ad avere fiducia, perché il
Signore non si dimentica di noi, perché il
Signore non si fa condizionare dal nostro
peccato.
Quante volte noi pensiamo: Gesù ci
vuol punire, Gesù permette questo perché
h o p e c c a t o . . . Tu t t i p e n s i e r i c h e
appartengono a noi e non a Dio: Dio non si
fa condizionare dai nostri peccati. Se noi
pecchiamo, Lui continua a sorriderci come
quando noi non pecchiamo, perché il suo
amore è una sorgente che non finisce mai.
Questo è l'invito che ci viene oggi
dalla Chiesa attraverso la Parola di Dio che ci
viene consegnata: ritrovare il respiro grande,
il respiro aperto, la gioia di quell'acqua che
non finisce perché Dio ci bacia. Anche
P
(© S. Tumino, Rifletti, Editrice Sion, Ragusa, 2002, p. 23)
Se sei fragile, debole… non lamentarti di tutto questo, ma fidati del Signore, affidati a Lui e
vedrai la Gloria di Dio.
Dio manifesta potentemente la sua grazia nella nostra debolezza.
(© S. Tumino, Nell'umiltà incontri Dio, Servizi Rns, Roma, p. 55)
La ragione senza la fede in Dio non può da sola guidare la vita di un uomo. La ragione può
spiegare alcune cose ma non può dare il senso ultimo alla vita dell'uomo. Ed ecco allora che
invece di aggiungere alla ragione la fede in Dio che illumina e guida la ragione alla verità tutta
intera… cosa si è fatto negli ultimi tempi? Si è rinnegata la ragione e si è esaltata solo l'emozione,
l'emozione del momento.
(© S. Tumino, La gioia, Editrice Sion, Ragusa, 2002, p. 45)
Quando incominci a dubitare di Dio, fermati, prega, fa' un atto di fede, perché è una tentazione
che ti vuol separare da Dio.
(© S. Tumino, Rifletti, Editrice Sion, Ragusa, 2002, p. 127)
La copertina del libro di p. Salonia
25
P
Ogni problema può diventare insolubile se, invece di guardare la gloria di
Dio, guardo la mia debolezza. Quando ci poggiamo su noi stessi: ecco che
ci smarriamo. Senza la fede in Dio, l'uomo svanisce.
La paura è la conseguenza naturale allo smarrimento dell'uomo senza
Dio! Se guardo qualsiasi problema senza Dio, il problema diventerà
“gigante” e più lo analizzerò, più crescerà e mi schiaccerà.
Solo incontrando Dio la paura svanisce come neve al sole. Non è nella
ricerca di un autocontrollo o di artificiosi ragionamenti che svanisce la
paura, ma solo nell'apertura del cuore e della mente al Creatore, al
Signore, che il nostro cuore si rasserena. Solo incontrando Dio possiamo
affrontare e superare la paura.
L'uomo è fragile, debole, incapace da solo di affrontare la realtà, ma con
Dio può affrontare e superare ogni cosa. La fede illimitata, la fede che mi
fa aprire a Dio, la fede che mi fa sperimentare Dio è l'antidoto ad ogni
paura e angoscia.
La fede distrugge la paura, illumina la vita, sorregge nei momenti difficili; insomma se
hai fede hai tutto perché sei in Dio; se sei incredulo non hai niente perché sei solo con te
stesso.
Ho incontrato delle persone che in mezzo alle sofferenze più grandi hanno
sperimentato una gioia indicibile: la fede fa scaturire fiumi anche nel deserto.
(© S. Tumino, Rifletti, Editrice Sion, Ragusa, 2002, pp. 93 e 94)
(© S. Tumino, Amare sempre Amare tutti, Editrice Sion, Ragusa, 2009, p. 80)
Fidati di lui! Affidati a Lui! Cerca Lui con tutte le tue forze e Lui non ti deluderà mai!
Magari abbiamo un problema grosso in questo momento, Ti vogliamo dire: “Signore, vogliamo
fidarci di Te”.
Forse abbiamo vacillato perché abbiamo avuto dubbi sul Tuo amore, sulla Tua grazia.
Vogliamo oggi fissare lo sguardo su di te. Non vogliamo guardare noi stessi; vogliamo guardare
Te.
Non vogliamo guardare gli avvenimenti; vogliamo guardare Te.
Comunità - Perle di spiritualità
Comunità - Perle di spiritualità
(© S. Tumino, Gesù guarisce il tuo cuore, Servizi RnS, Roma, 2005, pp. 59 e 60)
Chi crede in Dio non rimane deluso! Quante volte l'abbiamo fatta l'esperienza: ci siamo fidati di
Lui e Lui ci ha aiutati. Siamo stati disperati solo perché tante volte,invece, non abbiamo creduto.
Abbiamo vacillato come Pietro perché invece di credere alla Parola di Gesù ci siamo lasciati
impressionare dalla furia del vento.
Credi alla Sua Parola e vedrai la gloria di Dio. Non ti ho detto che se credi vedrai la gloria di Dio?
“Spera in Lui, sii forte, si rinfranchi il tuo cuore e spera in Lui”. Spera contro ogni speranza, non
guardare gli avvenimenti che a volte sono disastrosi, non guardare le situazioni che a volte sono
contro di te e sembra che Dio ti ha abbandonato.
Credi in Lui e non vacillerai!
(© S. Tumino, Amare sempre Amare tutti, Editrice Sion, Ragusa, 2009 p. 81)
Quando un ammalato vive la sua sofferenza nella fede, la pace, la luce, la gioia, l'amore che si
sprigiona da lui può contagiare tantissime persone.
Quando un ammalato vive con fede la sua malattia, sarà un segno della risurrezione di Gesù.
(© S. Tumino, La preghiera fonte di vita, Editrice Sion, Ragusa, 2004, p. 54)
26
Quando la ragione subentra alla fede, la fede scompare e sprofonda nel nulla.
Pietro camminò nelle acque quando ebbe fede, sprofondò quando incominciò a
ragionare.
La fede supera la ragione e ti innalza a Dio.
Con la fede non è che non ragioni, ragioni con la mente di Dio.
Affidagli tutti i tuoi affari, materiali e spirituali, Egli veramente è in grado di reggerli tutti. Sappi
che la vita con Dio sopporta tutto: malattia, fame, umiliazione. E non essere sorpreso se ti
accadono queste cose: sii paziente e le vedrai trasformarsi e schierarsi dalla tua parte per il tuo
maggiore bene. Straordinario questo! Tutto concorre al bene di coloro che amano Dio! Se tu gli
hai affidato tutto; se tu ami Dio in ogni cosa, Lui userà anche le cose più brutte che ti capitano
nella vita per te! Vedrai trasformarsi e schierarsi dalla tua parte anche le cose terribili! Questa è la
gloria di Dio!
(© S. Tumino, Rifletti, Editrice Sion, Ragusa, 2002, pp. 103 e 104)
(© S. Tumino, Amare sempre Amare tutti, Editrice Sion, Ragusa, 2009 p. 145)
27
D
Nella sofferenza la gioia: utopia o santità?
di Giorgio Occhipinti
Comunità - Don Salvatore: fratello, amico e padre in Cristo
28
trasforma quel ragazzo. Diventa triste,
taciturno, scontroso.
A 23 anni passa la tempesta.
Salvatore mi comunica che vuole
diventare sacerdote, e ritorna la gioia.
Gioia che non si allontanerà più da
lui.
Nel 1987 fu ordinato sacerdote,
nel 2002 il Signore lo ha chiamato a Sé!
...sono solo 15 anni!
È inutile che io mi soffermi su quello
che don Salvatore fece in quel piccolo
spazio temporale… lo sappiamo tutti. Ma
quello che molti probabilmente non
sanno è che tutto quello che il Signore gli
ha permesso di fare (adorazione perpetua,
evangelizzazione in tutto il mondo,
cellule, comunità, libri, casa editrice) l'ha
fatto con gioia pur in un continuo stato di
sofferenza.
La sua gioia la ricordiamo tutti: era
contagiosa – chi può dimenticare la sua
risata? Ma quanti di noi ricordiamo che
don Salvatore trascorse la sua giovane
esistenza in questo mondo sempre nella
sofferenza causata dalle continue malattie
che colpivano il suo debole corpo?
Io sono testimone di questi 15 anni
trascorsi tra una malattia e l'altra, cercando
il medico giusto o l'ospedale migliore. Non
ho spazio sufficiente per raccontarvi tutta
l'odissea di Salvatore alla ricerca della
salute. Credo però che tutti sappiate che
previsione della scienza… il tempo necessario
per concludere quello che aveva iniziato.
Pochi mesi prima che lasciasse questo
mondo, nel 2012, fonda la casa editrice
“Sion” e scrive il suo ultimo libro, proprio sulla
gioia: “La gioia: anelito del tuo cuore”.
Nell'introduzione scriveva così: Si può
essere nella gioia anche nel dolore, si può
essere portatori di gioia anche nelle
tribolazioni, si può essere testimoni di gioia
anche quando tutto sembra crollare. Solo
l'incontro e la vita in Dio sono la garanzia di
una gioia senza fine, di una gioia vera,
profonda.
Comunità - Don Salvatore: fratello, amico e padre in Cristo
Umanamente parlando, se si pensa
ad una persona piena di gioia, si suppone
che quella persona sia così perché la vita è
stata generosa con lei: non ha problemi
finanziari, gode ottima salute… non le
manca niente.
Viceversa, dinanzi ad una persona
triste, senza sorriso, poco socievole,
pensiamo che sia sicuramente sofferente.
Poche volte capita di conoscere
una persona che vive la sofferenza nella
gioia… e gioia, peraltro, che trasmette
anche agli altri. In questo caso – siatene
certi! – quella creatura ha incontrato Gesù
vivo.
Tanti anni fa ho conosciuto un
bambino di 13 anni: Salvatore. Salvatore
era il fratellino di Pina (oggi mia moglie) ed
era un bambino così dolce ed affettuoso
che fu facile volergli subito bene come se
fosse stato mio fratello.
Credo che il Signore aveva già
scelto Salvatore, infatti un giorno mi disse
che voleva diventare salesiano. In famiglia
– giustamente – si pensò che era troppo
piccolo per prendere decisioni così
importanti. Lui capì e non parlò più di
questo argomento.
Intanto gli anni passavano e come
tutti i ragazzi della sua età, Salvatore si
divertiva con i suoi amici ed era sempre
contento e sereno.
A 20 anni una depressione terribile
alla fine fu un terribile tumore allo stomaco
che a soli 42 anni lo condusse piano piano
davanti a nostro Signore.
Nel novembre del 2000 Salvatore
viene ricoverato al S. Raffaele di Milano per
essere operato. I medici non capivano perché
non digeriva niente… neanche l'acqua. Il
chirurgo che lo opera lo 'richiude' subito ed
esce furioso dalla sala operatoria perché
nessuno, malgrado tutti gli esami fatti prima, si
era accorto del terribile male che aveva invaso
tutto lo stomaco di Salvatore.
Quando fu dimesso, nella stanza del
chirurgo Salvatore chiese se doveva fare della
terapia. Il medico gli rispose: “Nessuna terapia
padre… nessuna… si riposi, vada in
montagna e mangi quello che vuole”. Io
sapevo che il medico aveva decretato due o
tre mesi di vita.
Scendiamo insieme dal 6° piano con
l'ascensore, con noi c'era una cara amica:
Paoletta. Io non avevo il coraggio di guardarlo.
Fuori quella mattina a Milano c'era il sole.
Paoletta andò a prendere la macchina ed io e
Salvatore restammo soli ad aspettare. “Vedi,
Giorgio – mi disse rompendo
quell'angosciante silenzio – quanto mi vuole
bene il Signore? Ho un tumore e non c'è
bisogno neanche della terapia: ma questa è
una grazia!”. Guardai il suo volto: era sereno e
gioioso. Non ricordo cosa ho risposto, ma io
non avevo la gioia che lui aveva. Forse perché
io guardavo verso terra… lui verso il Cielo.
Don Salvatore restò in questo mondo per
altri 18 mesi, smentendo clamorosamente le
29
D
Evangelizzare non è importante... è importantissimo! *
di Saro Biazzo
Comunità - Don Salvatore: fratello, amico e padre in Cristo
30
è stata donata sia perché contagiati dal
suo desiderio irrefrenabile di lavorare
nella vigna del Signore.
Seguirlo tante volte, con colei che nel
1993 sarebbe diventata mia moglie, nei
viaggi, nelle missioni è sempre stato un
partecipare intensamente alla sua fede,
al suo zelo, alla sua evangelizzazione.
Ogni incontro per don Salvatore era
importante, non importava se una folla o
una singola persona, se per la prima volta
o per l'accompagnamento spirituale. In
ogni incontro era presente Dio che, lui
ne era sempre certissimo, voleva
operare. Ricordo una riunione con tanti
giovani a Vittoria nel corso della quale
non potè dire molto perché le risate lo
soffocavano e coinvolse tutta l'assemblea
in un clima di gioia e di allegria tanto che
nessuno andò via senza avere
sperimentato la gioia che può dare Dio.
Certo la gioia cristiana non si esaurisce
con l'allegria e don Salvatore stesso affidò
ad un libro, scritto già nella sofferenza
fisica, la sua visione della gioia.
Ma se esiste il dono delle lacrime,
credo che don Salvatore avesse il dono
della risata che coinvolgeva chiunque lo
avvicinasse.
Ricordo che in Colombia mise in crisi
primo, aveva intrapreso con tutte le sue
forze.
Dopo tanti anni penso che don
Salvatore non è stato solo questo. E'
diventato l'umile cavalcatura che portava il
suo Dio in mezzo alla folla, è stato
l'instancabile apostolo che, percorrendo
faticosamente le strade del mondo,
bussava a tutte le porte per portare il Dio
che amava. E' stato colui che, come
Giovanni, indicava l'Agnello che toglie i
peccati del mondo nella pratica
dell'Adorazione eucaristica. Infine è stato
in buon cireneo che ha abbracciato la
croce di Cristo fattasi presente nella
propria vita.
Se un velo di tristezza copre queste
parole non è per il rammarico della
perdita, ma per la nostalgia del ricordo.
No, caro don Salvatore, non ti abbiamo
perso ma ti abbiamo guadagnato come
potente intercessore per ognuno di noi
perché non possiamo perdere chi ci è caro
se lo abbiamo amato e siamo stati amati in
Colui che non si può perdere.
Comunità - Don Salvatore: fratello, amico e padre in Cristo
“Beato colui che ama Te, e l'amico in
Te, e il nemico per Tuo amore. Non può
perdere nessuno dei suoi cari solo chi
ama i suoi cari in Colui che non si può
perdere” (S. Agostino, Confessioni).
Con la consapevolezza che don
Salvatore non ci è stato sottratto ma
ridonato, scrivo queste insufficienti
parole con la commozione che sempre
mi assale al ricordo di un caro amico e di
un uomo radicato nella fede in Dio.
Don Salvatore aveva trovato colui che
non si può perdere e lo testimoniava a
tutti, con le parole e con la vita, da
quando lo incontrai al primo piano della
cattedrale di Ragusa, nel novembre del
1991, presso un locale adibito
all'Adorazione Eucaristica. Ricordo quel
momento perché, da allora, la Persona
più importante della vita di don
Salvatore divenne anche la mia e si
manifestò durante la mia prima
confessione dopo dieci anni di
disorientamento vissuti nella
presunzione, mi fu tutto chiaro in quel
momento, di guidare e determinare la
mia vita e quella degli altri.
Da allora don Salvatore rimase con
noi ancora undici anni ed io li ho vissuti
intensamente sia per la vita nuova che mi
un suo confratello al quale chiedeva di
tradurre che: “evangelizzare non è
importante”. Non immaginando che
quella apparente contraddizione
preparava l'annuncio che “evangelizzare
è... la cosa più importante”.
In fondo la vita di don Salvatore è stato
questo: tralasciare tutto ciò che è
importante per ciò che è essenziale,
donarsi a Colui che è l'essenza di ogni cosa
importante, ritrovare in Gesù il senso di
ogni nostra azione, di ogni nostro incontro,
di ogni nostro respiro.
Non posso dimenticare la gioia che
trasmise, (lui a noi!), quando, il giorno del
nostro matrimonio, lo incontrammo nella
sua casa, malato per i postumi della
polmonite. Non si poteva non cogliere, nei
suoi occhi, la felicità del padre per i propri
figli ed , in fondo, un bagliore della gioia
del Padre celeste per la felicità delle
proprie creature.
Ebbe a scrivere che i legami spirituali, a
volte, superano l'intensità dei legami
familiari e questo lo viveva intensamente
nella misura in cui era un dispensatore
dell'amore di Dio.
Al suo funerale colpì la definizione che
dava di se stesso: un cartello stradale che
indicava come raggiungere Dio, quasi a
significare che tutta la sua vita era stata
spesa ad individuare la strada che, lui per
* Tratto dal libro Ci ha mostrato Gesù, S. Tumino Editrice
Sion, 2010
31
Il Concilio Vaticano II, di cui lo scorso 11 ottobre si è
ricordato il 50esimo anniversario dell'apertura, ha lasciato
alla Chiesa una grande eredità e una grande missione:
l'idea della Chiesa a servizio del mondo contemporaneo,
della storia, della società, dell'uomo di ogni tempo.
B
Fede, verità e vita sociale
di Carmelo La Porta
Comunità - Bene comune
32
potere. Tale concetto è stato inquinato dall'idea
del dominio sugli altri per il proprio vantaggio
personale o sul vantaggio della parte cui si
appartiene, secondo una mentalità edonistica
ed egoistica che vede la società come uno
strumento ad uso e consumo personale. Non è
questa la logica del vangelo, e per tale ragione i
cristiani sono chiamati all'impegno e alla
testimonianza dentro le strutture sociali in cui
vivono.
Nell'anno della fede, Benedetto XVI
richiama alla vocazione alla vita sociale… Nella
lettera apostolica “Porta fidei”, con la quale
Benedetto XVI apre l'anno della fede, è
richiamato l'impegno dei cristiani a servizio della
vita sociale. «Il rinnovamento della Chiesa – dice
il Papa – passa anche attraverso la testimonianza
offerta dalla vita dei credenti: con la loro stessa
esistenza nel mondo i cristiani sono infatti
chiamati a far risplendere la Parola di verità che il
Signore Gesù ci ha lasciato». E più avanti:
«Professare con la bocca, a sua volta, indica che la
fede implica una testimonianza ed un impegno
pubblici. Il cristiano non può mai pensare che
credere sia un fatto privato. La fede è decidere di
stare con il Signore per vivere con Lui. E questo
“stare con Lui” introduce alla comprensione delle
ragioni per cui si crede. La fede, proprio perché è
atto della libertà, esige anche la responsabilità
sociale di ciò che si crede».
La fede è, quindi, un atto pubblico che
deve permeare tutti gli ambienti di vita dei
credenti, vita sociale e politica comprese.
Un'autentica vita di fede non può vedere il
credente indifferente dinanzi alle questioni
sociali.
L'invito alla comunità cristiana diventa poi
esplicito: «Coloro che sono o possono diventare
idonei per l'esercizio dell'arte politica, così difficile,
ma insieme così nobile, vi si preparino e si
preoccupino di esercitarla senza badare al proprio
interesse e a vantaggi materiali. Agiscano con
integrità e saggezza contro l'ingiustizia e
l'oppressione, l'assolutismo e l'intolleranza d'un
solo uomo e d'un solo partito politico; si
prodighino con sincerità ed equità al servizio di
tutti, anzi con l'amore e la fortezza richiesti dalla
vita politica».
Il cristiano impegnato nel servizio sociale
e politico sa di essere un “collaboratore della
verità” (3Gv1,8), perché ricerca e attua ciò che è
autenticamente bene comune.
Nel documento Educhiamoci alla verità
che ha introdotto il nuovo anno pastorale nella
nostra diocesi, il Vescovo Paolo Urso afferma che
«la verità non è un'idea, un concetto astratto: è
una persona da amare e da seguire; la verità è
Gesù, che rivela pienamente il volto accogliente e
misericordioso di Dio, che rivela l'uomo a se stesso
e ne guida il cammino di crescita nella libertà». Per
il cristiano, che vive nella comunione con CristoVerità, afferma il Vescovo, «gli ingredienti
necessari per cercare la verità sono onestà
intellettuale, correttezza, libertà interiore, umiltà,
amore, rispetto, silenzio. La ricerca della verità non
si può mai coniugare con la dipendenza dai
pregiudizi, con la scorrettezza nel pensare nel
dialogare e nell'agire, con l'arroganza, con la
volontà di prevalere battendo qualunque strada,
con la volontà di fare del male al prossimo, col
frastuono». Sono atteggiamenti di chi cerca la
verità, ma sono imprescindibili per chi si mette a
servizio nella vita sociale e pubblica, che non è
solo esteriorità, ma si alimenta nella ricerca
interiore.
Continua Mons. Urso: «Chi cerca la verità
non può essere arrogante e non può mettere sé
stesso davanti alla verità; ha la consapevolezza di
essere «piccolo» e sa che anche le più belle qualità
di cui è dotato le ha ricevute in dono. (…) La
ricerca della verità esige il silenzio. La verità «parla»
e per ascoltarla bisogna tacere. I «rumori», fuori e
dentro di noi, sono veramente tanti e talvolta
anche assordanti. Per cercare e trovare la verità,
bisogna creare un clima di silenzio. E non è sempre
facile! Devi tacere tu e devi far tacere il «mondo»
attorno a te. Bisogna fare attenzione che «c'è
silenzio e silenzio». Il silenzio dei pavidi, dei
traditori, degli opportunisti, degli indifferenti non
è certamente utile a cercare la verità».
Il tempo contemporaneo esige che i
cristiani siano uomini di fede, tenaci testimoni
della speranza, collaboratori della verità,
promuovendo tutto quello che di vero, buono e
bello si trova nella comunità umana per rafforzare
la pace tra gli uomini (GS 76).
Comunità - Bene comune
Il Concilio Vaticano II, di cui lo scorso 11
ottobre si è ricordato il 50esimo anniversario
dell'apertura, ha lasciato alla Chiesa una grande
eredità e una grande missione: l'idea della
Chiesa a servizio del mondo contemporaneo,
della storia, della società, dell'uomo di ogni
tempo. È un'idea che ha segnato il cammino dei
decenni che ci hanno preceduto e segnerà
ancora, in maniera indelebile, il futuro cammino
della comunità ecclesiale.
Per il Concilio la vita sociale e politica dei
cristiani è tra i problemi contemporanei
particolarmente urgenti, sia perché la natura
sociale e relazionale dell'uomo lo colloca nella
società come soggetto protagonista, sia perché
la complessità della società contemporanea
esige una testimonianza cristiana sempre più
autenticamente ancorata ai valori evangelici
dell'amore al prossimo e del servizio agli altri.
Gesù Cristo stesso ha posto l'accento
sulla testimonianza del servizio all'uomo. Nel
Vangelo di Marco (10, 35-45) troviamo
esplicitata l'idea di servizio come era intesa da
Gesù per sé e per la sua comunità: «Voi sapete
che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le
dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il
potere. Fra voi però non è così; ma chi vuol essere
grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol
essere il primo tra voi sarà il servo di tutti. Il Figlio
dell'uomo infatti non è venuto per essere servito,
ma per servire e dare la propria vita in riscatto per
molti».
Gesù alla logica umana (la grandezza di
chi detiene il potere) contrappone la logica del
Regno di Dio (la verità della grandezza sta nel
servizio) che sembra paradossale, ma è l'unica
logica che rende vero e autentico il concetto di
Il Concilio Vaticano II, nella costituzione
Gaudium et Spes, richiama espressamente i
cristiani all'impegno per la vita pubblica,
esortandoli a «prendere coscienza della propria
speciale vocazione nella comunità politica; essi
devono essere d'esempio, sviluppando in se stessi
il senso della responsabilità e la dedizione al bene
comune, così da mostrare con i fatti come possano
armonizzarsi l'autorità e la libertà, l'iniziativa
personale e la solidarietà di tutto il corpo sociale,
la opportuna unità e la proficua diversità». La
testimonianza del sevizio e la dedizione al bene
comune richiamano l'importanza, posta dallo
stesso documento conciliare, di «curare
assiduamente la educazione civica e politica, sia
per l'insieme del popolo, sia soprattutto per i
giovani, affinché tutti i cittadini possano svolgere il
loro ruolo nella vita della comunità politica».
29
33
L
Giugno-Dicembre 2012
a cura di Irene Criscione
Comunità - La comunità... in pillole
Nel mese di agosto a San Luca, la casa di spiritualità della Comunità “Eccomi, manda
me!”, si sono tenuti due corsi stupendi: Il segreto di Paolo e I dieci comandamenti:
segnaletica per la libertà. Sono stati ritiri spirituali che ci hanno permesso di fare
un'esperienza forte dell'Amore di Dio che continuamente ci parla e ci guida: “scoprire
nella vita di Paolo il segreto che lo ha reso un apostolo infaticabile e un
evangelizzatore appassionato e scoprire nelle Dieci Parole che Dio rivolge al suo
popolo non un'espressione arbitrario del suo volere ma delle parole di vita che
indicano all'uomo la via della libertà e della felicità”.
Molto bella e arricchente è stata la partecipazione di tanti fratelli e sorelle provenienti
da Palermo, che ci hanno permesso di sperimentare la bellezza e la gioia della
comunione che, puntualmente, si realizza quando il nostro sguardo è rivolto a Gesù
Cristo, l'unico e vero salvatore dell'uomo.
34
Da tanti è stato definito un 'terremoto' che ha scosso Marina di Ragusa, dal 15 al 20
ottobre 2012. Tale è stata la missione di Evangelizzazione "porta a porta" che si è tenuta a
Marina di Ragusa.
Missionari laici, appartenenti alle Cellule di evangelizzazione di Ragusa, per cinque
giorni hanno bussato ad ogni porta di case private e luoghi pubblici, portando a tutti,
credenti e non credenti, l'annuncio della Buona Novella.
"Gesù ti ama": questa è la verità che anche oggi sconvolge ogni uomo che riesca per un
attimo a fermarsi per alzare lo sguardo verso il Cielo.
La Comunità “Eccomi, manda me!” ha dato inizio al nuovo anno pastorale 2012-2013 con un'agenda
stracolma di impegni di evangelizzazione.
Il lavoro di apostolato è tanto e richiede la forza e l'impegno di tanti operai. Preghiamo costantemente
che il Signore mandi sempre nuovi operai a lavorare nella sua vigna perché la messe è molta, ma gli
operai sono pochi.
P. Salvatore Tumino ci incitava sempre dicendo: “Il mondo brucia e noi non possiamo rimanere
comodamente seduti nelle nostre case”. Che ciascuno di noi possa sempre rispondere con prontezza,
entusiasmo e zelo ad ogni invito che Dio ci rivolge per andare anche noi a lavorare nella Sua Vigna.
35
29
Comunità - La comunità... in pillole
È già trascorsa la quinta estate in cui l'Adorazione Eucaristica Perpetua è continuata
regolarmente, senza alcuna interruzione, nella chiesa di San Vito a Ragusa.
Tanti adoratori, giorno e notte, si alternano grazie all'impegno di un'ora settimanale
e, nonostante l'estate porta tante persone ad allontanarsi da Ragusa per le vacanze,
nessuno ha dimenticato o ha fatto a meno di fermarsi davanti a Gesù, vivo e
presente nel Santissimo Sacramento dell'Eucaristia.
Ringraziamo Dio per questa immensa Grazia riversata su ciascuno di noi e sulla
città di Ragusa.
Quando la città rimane vuota perché tanti sono in vacanza e non riesci a trovare
una chiesa aperta, ecco che a San Vito trovi sempre qualcuno che sta in adorazione
davanti a Gesù e così hai sempre la possibilità di fermarti davanti a Colui che non va
mai in ferie nella tua vita.
Il 30 settembre 2012 il Santuario delle Madonne delle Lacrime di Siracusa si è riempito, ancora una volta,
di tanti fratelli e sorelle provenienti da tutta la Sicilia che condividono il cammino delle “Cellule di
evangelizzazione parrocchiali”.
"Evangelizzarsi per evangelizzare": questo è stato il tema del Rally Regionale delle Cellule di
evangelizzazione di Sicilia.
Bellissimi gli interventi dei due relatori: il card. Paolo Romeo e il vescovo di Noto, mons. Antonio
Staglianò.
"La chiesa di oggi è in crisi non perché solo il 15% dei battezzati viene a Messa la domenica, ma perché
questo 15% di persone che si dicono 'impegnate e praticanti', uscendo dalla Chiesa non riescono più ad
incendiare il mondo con il fuoco dello Spirito Santo perché la 'fede' si è ridotta solo a delle pratiche
esteriori che non cambiano la vita, né personale né delle persone che Dio ci dona di incontrare ogni
giorno".
A
Corsi e appuntamenti
a cura di Gianluca Caruso
Scuola di evangelizzazione
“Eccomi, manda me!”
Corsi di evangelizzazione:
Incontri mensili di evangelizzazione:
29-30 Dicembre 2012
Corso "Aquila e Priscilla" a Vicari (PA)
13 Gennaio 2013
(incontro diocesano delle Cellule. La S. Messa sarà presieduta dal Vescovo di Ragusa
Mons. Paolo Urso)
25-27 Gennaio 2013
Corso "Mio Signore e mio Dio" a Malta
dal 4 Febbraio al 18 Marzo 2013 ogni lunedì mattina
Corso "Il Segreto di Paolo" a Ragusa
17 Febbraio 2013
10 Marzo 2013
14 Aprile 2013
Comunità - Appuntamenti
15-17 Marzo 2013
Corso "I Dieci Comandamenti" a Malta
Comunità - Appuntamenti
2-3 Marzo 2013
Corso "Pietro" a Ragusa
Missioni di evangelizzazione:
12-16 Dicembre 2012 - Caltagirone (CT)
dall’8 Aprile al 27 Maggio 2013 ogni lunedì sera
Corso "Mosè" a Ragusa
19-21 Aprile 2013
Corso "Le Beatitudini" a Ragusa
6-10 Marzo 2013 - Vittoria (RG)
6-12 Maggio 2013 - Vicari (PA)
27-28 Aprile 2013
Corso "Giacobbe" ad Augusta (SR)
Per tutte le informazioni e aggiornamenti sui Corsi e sulle Cellule, potete visionare il nostro sito
internet www.eccomimandame.it oppure scrivere un’e-mail all’indirizzo [email protected]
36
37
R
Editrice Cattolica SION
via dei Vespri Siciliani, 1 - 97100 Ragusa
Tel: 0932 683183 - Fax: 0932 684129
www.editricesion.com - [email protected]
Girolamo Bongiorno
La Fede
Editrice Sion
Ragusa, 2012
ISBN: 9788874290420
Comunione "Non temere"
Comunità - Recensioni
Non temere ...solo, abbi fede
Editrice Sion
Ragusa, 2012
ISBN: 9788874290413
Tu t t i c o l o r o c h e a c q u i s t a n o i l i b r i d e l l a c a s a e d i t r i c e S i o n d a l s i t o
www.editricesion.com possono usufruire dello sconto del 15% sul prezzo di copertina
38
Fly UP