...

QUELLA UTOPIA CHE

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

QUELLA UTOPIA CHE
società
Nell’Inghilterra del seicento avrebbero fatto
parte dei movimenti utopisti sociali e
religiosi - livellatori, “diggers” zappatori,
“ranters” predicatori - all’interno della
rivoluzione cromwelliana, nell’Italia cattolica
hanno le loro radici nel cristianesimo che si
dedica ai poveri e agli svantaggiati. Cooptati
dal movimento europeo dell’agricoltura
biologica, ne sono
promotori nel Bel Paese.
Fondano una delle
esperienze più coerenti
di cooperazione tra
diversi e di impresa
agricola rispettosa della
natura e della salute
sociale. Sono quelli de
“La Lucerna”. Nell’Italia delle devastazioni,
dei condoni edilizi e dei conflitti impudenti
SOPRA: finto testo
dida trattore.
A DESTRA: La raccolta
del pomodoro.
di interessi, fanno notizia. di Piero Del Giudice
QUELLA UTOPIA CHE
Campeggine, Reggio Emilia. A metà giornata di metà
agosto dell’estate canicolare. La prima scena della cooperativa di agricoltura biologica “La Lucerna” è il set, il
paradigma di questa estate: la macchina rossa per installare le piantine di insalata avanza lenta in pieno sole nel
campo di terra gialla, Daniele, figlio di Pietro, e Paolo
sono seduti a rimorchio e infilano le piantine – una per
una – nei cilindri che le innestano nella terra, Pietro guida il trattore e di continuo scende tra i solchi davanti al-
2 GALATEA
la macchina, controlla e aggiusta i filari, si piega, raddrizza e reinnesta davanti e a sinistra. Dalla terra polverosa non si alza polvere, non si alzano voci, nell’aria ferma, nella luce ferma del sole.
Di questa terra che lavora insieme agli altri e di questa
stagione Pietro Ghirardini, presidente della cooperativa
dice: “Un anno come quest’anno mi sta avvilendo, lottare contro la stagione è lottare contro i mulini a vento. Abbiamo fatto cinquanta notti di gelo, l’ultima gelata è sta-
SI CHIAMA LUCERNA
ta l’8 aprile, non c’è stata primavera ed è cominciata l’estate. E’ stata massacrante. Se hai la stagione e riesci a
prendere un ritmo tu sai già che quando piove aggiusti,
prepari. Così ti scombina tutto. Sono tre mesi che annaffio tutti i giorni continuamente, non faccio altro che bagnare”. Nella pianura padana l’acqua per esserci c’è, ma
bisogna sostituirsi a tre mesi di siccità e a quelli della Lucerna, come a tutti, più che a tutti sono venuti “cattivi
pensieri”, come dice Paolo Arduini, vicepresidente del-
la cooperativa: “Ho avuto dei brutti pensieri con questa
stagione un po’ strana, mi sono chiesto delle responsabilità dell’uomo – nel clima mutato, nello scioglimento
dei ghiacciai – me lo sono chiesto ed ho pensato di sì. Spero che non sia troppo tardi per tornare indietro. Spero che
ci sia la possibilità di riscendere un attimo. Spero.”
Una stagione. Forse ce ne dimenticheremo, forse se ne dimenticheranno quelli della Lucerna. Ma questo assedio
qui intorno alle loro terre segnate dalle siepi, la succes-
GALATEA 3
sione continua di case, costruzioni, capannoni, tralicci?
La pianura padana che altro non è che un contenitore di
colate di cemento, di autostrade, di strade, di nuove strade ad alta velocità? Paolo: “La pianura, sempre più stretta, chimicizzata. Credo che con la terra che abbiamo siamo giusti, ma quando esco da qui vedo dei terreni che da
agricoli sono passati a industriali, a edificabili. Anche attorno a noi stiamo lottando coi denti, stanno lottando
con i denti i contadini contro l’espansionismo industriale. Mi viene un colpo al cuore quando vedo tutti i cantieri che ci sono adesso, costruzioni futuristiche incredibili che mangiano terra alla agricoltura. Mi fa male al
cuore, sto male”.
Una storia diversa. Un’impresa diversa. Un gruppo di
giovani cattolici, uomini e donne, con rapporti inter-
ma dal punto di vista etico. Ci sono persone che producono da mangiare per sé e per la gente, rifiutando di utilizzare diserbanti e cose che avvelenano noi e il terreno,
perché non provare noi anche in base a tutti i principi etici e religiosi che abbiamo? Anche da un punto di vista di
fede il Signore ci ha messo come custodi del terreno, del
Creato, non come padroni. I custodi cercano di fare il meglio possibile e cercano anche di preservare, salvaguardare il terreno, la fertilità. Tutto questo è stato donato,
noi prendiamo quello che c’è. Abbiamo provato, con
molto scetticismo il primo anno. Certo, sono perito agrario, ma ho fatto una scuola dove non si parlava affatto di
biologico, l’impostazione era il concime chimico, il diserbante, l’antiparassitario. Abbiamo fatto un corso, abbiamo conosciuto un altro coltivatore e ci siamo resi con-
finto testo dida finto testo.
finto testo dida finto testo.
Il terreno se non lo rispetto si desertifica. La fertilità c’è, è una cosa
personali che si fondano nell’adolescenza in parrocchia e
nel volontariato, una visione della vita come pratica di
scambio con i poveri. Dopo le prime esperienze, le prime prove – raccolte di stracci, assemblaggio, due stanze
da dividere tutti, diversi e normali – la nostalgia della
terra, il ritorno alla terra. Così comincia la storia della
cooperativa di agricoltura biologica La Lucerna su queste terre nel 1987. Ci voleva coraggio e l’hanno avuto. In
quegli anni di biologico si parlava in qualche regione
d’Europa, poco o niente in dialetto emiliano. Pietro, perito agrario, lo dice così: “Abbiamo affrontato il problema del biologico quando non c’era quasi niente. Si sapeva di gente in Germania, in Svizzera e in Francia, ma il
movimento italiano non c’era. Ci siamo posti il proble-
4 GALATEA
to che non era una cosa così stratosferica. Abbiamo provato e la roba veniva. Più parlavamo, più conoscevamo
altre persone, più ci rendevamo conto che era giusto, che
era una scelta doverosa. Bene o male è l’unica strada che
possa dare un futuro, garantire un futuro anche alle generazioni che vengono. Il terreno se non lo rispetto si desertifica. La fertilità c’è, è una cosa che si riproduce, si rigenera, però l’uomo può anche distruggerla. Il movimento si è allargato, abbiamo conosciuto altra gente, sono arrivate le leggi, c’è stato un riconoscimento della validità della scelta. Contemporaneamente andava avanti
la costruzione della cooperativa, del modo di lavorare,
del modo di organizzarci, di dividere i soldi, nel frattempo si sono formate delle famiglie, sono nati i figli, il
nutrire il terreno piuttosto che la pianta che voglio coltivare, tutte le volte che parlo ho questa immagine delle
mie zie nei campi a portare l’erba, di quando mia zia mi
chiudeva nella stalla, voleva mungere e non voleva che
andassi in giro a fare danni, mi chiudeva nello stallino
dove tenevano i bidoni del latte quando ero da loro in
campagna. Ce l’ho e me la sento”. Per camminare all’indietro sulle strade di Pietro, di sua moglie Giuliana e di
altri soci della Lucerna bisogna parlare della grande esperienza delle “case della carità” in Emilia.
Fontanaluccia è un piccolo paese dal nome gentile sull’alto Appennino. Una comunità di qualche centinaio di
abitanti. Questo teatro montano di un disegno di Dio,
lo si incontra a mille metri di altezza facendo il passo di
San Pellegrino sulla montagna tra Modena e Reggio:
gruppo si è ingrandito.” Paolo: “I concimi sintetizzati in
laboratorio vengono dati direttamente alla pianta, il
concetto dell’agricoltura biologica è che nutri il terreno
e poi il terreno da alla pianta le sostanze di cui questa ha
bisogno. Coltivare in questo modo è più lento perché
debbo aspettare che sia il terreno a dare, che abbia il suo
ciclo, se invece voglio avere una cosa veloce do il concime direttamente alla pianta, le devo dare un concime che
la spinga subito ed è contro natura. Questo impoverisce
il terreno, è come crescere un bambino tenendolo sempre sulla carrozzella, ma nel momento in cui vuole camminare non lo sa fare…Ho visto un campo di pomodori
qui vicino, nel giro di due giorni è diventato rosso, era
tutto verde, allora gli hanno dato sopra una sostanza che
lo ha fatto maturare, ma non è maturato per il sole, per
finto testo dida finto testo.
finto testo dida finto testo.
che si riproduce, si rigenera, però l’uomo può anche distruggerla.
l’acqua. E questa sostanza dove va a finire? Quanto nuoce a chi la mangia? E nel terreno dove si ferma? Cosa c’è
sotto, arriva all’acqua?”.
Le culture si incrociano, il rispetto dell’ecosistema diventa una pratica di fede, la protezione della terra e dei
cicli stagionali è responsabilità verso gli altri viventi e
opzione sul futuro. Per sapere da dove vengono queste
convinzioni e dove mette radici la sua cultura Paolo – già
volontario con i tossicodipendenti, già attivo in parrocchia, anche perito agrario – affronta la sua biografia: “Io
vengo da una famiglia di contadini. Mio nonno era contadino, mio padre veterinario che però mi ha sempre parlato di quando lavorava nella stalla con suo padre. Un po’
nel sangue ce l’ho, me lo sento addosso. Quando parlo del
“La chiesina e poco altro, la piazzettina, il cinemetto,
frazioni, borghetti, c’è ancora l’ospizio, la prima Casa di
Carità, ristrutturata è diventata la casa madre superiore
della congregazione mariana della case della carità.” La
prima Casa della Carità viene fondata durante la guerra
a Fontanaluccia da un uomo schietto, deciso, con un forte carisma, don Mario Prandi, parroco di quel posto
sperduto nella montagna, che decide di affrontare le
grandi miserie e tribolazioni di quegli anni e di quei
luoghi, non solo con preghiere, ma con opere. Apre la
parrocchia e ospita anziani, malati, svantaggiati. La predicazione di don Prandi guadagna altri passi e altre
montagne, si diffonde sull’Appennino e scende per le
valli in pianura, la sua volontà e le sue opere sono così
GALATEA 5
coinvolgenti ed efficaci da creare un movimento che divulga le sue esperienze e le sue case in una trentina di
parrocchie dell’Emilia e in una decina di missioni in
paesi del Terzo Mondo, India, Brasile, Madagascar. Il
povero è la nostra ricchezza, diceva don Prandi. E i giovani che fondano la Lucerna lo prendono in parola. Con
loro lavorano, alla loro mensa mangiano, con loro vivono poveri e svantaggiati. Giuliana, moglie di Pietro e
mamma di Daniele – quello che innesta piantine di insalata nel campo d’agosto, ha 15 anni e studia agraria –
e poi di Giovanni 13 anni, di Gemma 10, di Matteo 6
anni e del piccolo Filippo di 3 anni, si occupa soprattutto della casa – di tutti , prepara il pranzo e cura l’allestimento dello spaccio e la vendita al minuto dei prodotti. Giuliana che ha una sorella suora nelle Case della
Carità dice: “Mi ha spinto all’inizio il fatto di lavorare
con altre persone. Creare legami, rapporti con le persone è la cosa più bella, soprattutto anche con persone che
hanno un po’ difficoltà nel mondo comune a inserirsi, a
trovare il loro posto. Sono persone che hanno molto da
dare agli altri, c’è una povertà che ci si scambia, noi ab-
discorso di giustizia. Non mi sembra che sia giusto perché magari io sono più dotata, ho delle possibilità che
altre persone meno dotate non hanno, che io non condivida.”
E’ sul tema della giustizia che in Emilia Romagna si confrontano e spesso si fondono dai primi decenni del secolo la cultura laica della eguaglianza e la cultura cattolica
della solidarietà. Dalle esperienze dei “piccoli apostoli”
a quella della “case della carità”, da don Zeno della città
dei ragazzi a Dossetti, dal fronte comune contro il fascismo all’aiuto agli ebrei. L’Emilia è stata e in parte rimane il laboratorio di queste esperienze e delle sinergie
messe in atto dai due grandi filoni popolari.
Tuttavia, con il mondo in generale come va, con l’Italia
come paese come va, la cooperativa La Lucerna rischia di
vivere in una ridotta o in un altro pianeta. Le tecniche per
evitare l’isolamento sono state messe in atto sin dalla fondazione. Buoni i rapporti con gli agricoltori vicini. I contadini dei campi che confinano con i 36 ettari della cooperativa hanno accolto la novità di questo gruppo di giovani, che si è avventurato nelle campagne portando il
Ottantamila contatti esterni in un anno non sono pochi, tanti sono in un anno
biamo la nostra povertà.
Da loro ricevo molta accoglienza.” L’accoglienza, altro punto cardine di
questi cattolici. Il lavoro
si paga, l’accoglienza si
dona. Lucia Bonazzi, socia storica della cooperativa, addetta alla bottega
di vendita con Giuliana e
a cento altre mansioni
parla dei soggetti dell’accoglienza: “L’essenziale della vita sfugge
quando ci si lascia andare troppo dal correre, dalla produttività, dall’efficentismo. Persone che non possono
correre troppo, non possono essere produttive, hanno un
modo di vivere più semplice e i valori normali riescono
ad avere più spazio. Io ci sto bene con certe persone, riesco probabilmente ad avere un rapporto abbastanza intenso anche con persone in difficoltà, a me sembra così.
Il discorso del lavorare mi piace perché riesco ad offrire
anche a loro delle opportunità che non potrebbero riuscire ad avere se noi non facessimo questa proposta. E’
facile calpestare certe persone, perché quando si corre
non si sta attenti e sono le persone più fragili. Poi è un
6 GALATEA
verbo nuovo delle coltivazioni biologiche, con
stupore e con speranza.
Poi la scelta decisiva della vendita diretta al dettaglio sia con lo spaccio
interno, sia con la vendita ambulante nei tre mercati del biologico - martedì a Modena, giovedì a
Carpi, sabato a Reggio.
Ottantamila
contatti
esterni in un anno non sono pochi, tanti sono i tagliandi di vendita. Il biologico ha un suo mercato, una
sua clientela. Arrivano in bicicletta, in agosto, nella storica e bella p.za Fontanesi ai banchi della Lucerna. Molte coppie giovani, figure eccentriche della città, signore
dall’aria intelligente e civile. Produttori del biologico e
consumatori fanno un tutt’uno. L’estraneità e l’astio, il
regime di necessità e di rivendicazione che caratterizza e
divide produttori, distributori e consumatori dei prodotti convenzionali, lascia il passo a rapporti diversi e alternativi, a comprensione e solidarietà, a franchezza e
trasparenza. E insieme alle nuove culture del consumo
sono intervenuti i finanziamenti della Comunità euro-
pea e della Regione. Anche se: “Sono due anni – dice Paolo - che la comunità europea dà poco e niente. Sino a due
anni fa finanziavano i metri quadrati di siepe che impiantavi. Ti obbligavano a mettere giù la siepe perché è
un fattore fondamentale per l’agricoltura biologica. Per
l’ecosistema, la siepe intorno che fa da barriera, che fa da
protezione, che fa da nidi per gli uccelli che ti aiutano
nella coltivazione, nidi per gli insetti utili. Adesso non
lo fanno più anche perché nel biologico è finito un po’ di
tutto c’è gente che l’ha fatto solo perché c’erano dei finanziamenti.”
Il reseau della Lucerna è questo: prima di tutto i sei soci che lavorano e i rapporti tra questi soci, attorno a loro una quarantina di soci sostenitori della cooperativa.
I loro rapporti sono di continuo saldati e attivati dalle
riunioni settimanali e mensili, le ore di preghiera e le
assemblee, le messe e i seminari di discussione. Subito
attorno a questo nucleo i soci “conferitori”, poi i vicini
di campo e di cascina e quotidianamente o settimanalmente il contatto diretto con la gente attraverso la vendita al minuto nella bottega interna e i banchetti sui
mercati. Ma soprattutto quelli della Lucerna si sentono e sono dentro un movimento del nuovo e del rispetto dell’ambiente, un movimento con forti pulsioni all’eguaglianza e allo scambio equo. E’ così che ci si mette a fianco dei popoli più sfruttati della Terra, al Terzo
Mondo. Nella cooperativa - anche lui agronomo, anche lui cattolico con forti esperienze di volontariato – è
soprattutto Paolo Vincenzi che porta avanti questo discorso. Ha fatto il servizio civile volontario internazionale in Madagascar in un programma per lo sviluppo di
aziende agricole. Il suo racconto sulle coltivazioni del
caffè in collina e del riso in pianura, delle paludi, del
mare e delle falaises, delle aziende nazionalizzate e degli ultimi coloni europei con mogli malgasce rimasti in
Madagascar, è dettagliato, pieno di nostalgia per quella esperienza e quelle culture diverse. Da quella esperienza passa in Italia in una azienda agricola convenzionale che però ospita per stages e corsi di formazione
giovani agricoltori o studenti di paesi terzi. Da lì al biologico e alla Lucerna: “In questi anni le distanze si sono molto accorciate, persone dal Terzo Mondo ne pas-
i tagliandi di vendita. Il biologico ha un suo mercato, una sua clientela.
sano tante, la possibilità di inserirsi nei progetti è molto maggiore, è nato il discorso del commercio equo solidale, che è parente del biologico e parente con i progetti di sviluppo. A lungo andare credo che l’importazione di prodotti agricoli da parte dei paesi sviluppati
dai paesi sottosviluppati andrà ad aumentare, l’esigenza del biologico andrà ad affermarsi. Ma questo commercio va fatto con modalità diverse da quello che stanno avvenendo. Ci sono banane e ananas da agricoltura
biologica vendute in negozi da agricoltura biologica,
non sempre sono anche da commercio equo e solidale,
non sempre dietro questi prodotti c’è uno sviluppo reale delle popolazioni che li producono e li coltivano.”
Dunque, qual è il sogno? “Sogni ne ho tanti. Potrebbe
essere trasmettere la nostra esperienza, quella fatta qui.
duttile di rapporti della Lucerna. Conferiscono alcune
cooperative del sud olio e altri prodotti, cooperative del
trentino mele e altre frutta, conferiscono soci che si dividono tra il lavoro nelle terre affittate dalla Lucerna e
proprie coltivazioni. Uno di questi è Dario Mazzoni che
quest’anno ha fatto una vendemmia eccezionale. Dario
29 anni, nonni contadini, padre ceramista tutta la vita,
qualche problema: “La terra era dei nonni a Barco di Bibiano. Ho cominciato a mettere su i filari nel ’98. Quel
vigneto lì è diviso in tre settori, una parte è più giovane, una parte è più vecchia. C’è l’irrorazione d’acqua a
goccia. Quest’anno abbiamo avuto alcuni problemi con
un tipo d’uva, la Lancellotta, una malattia che chiamiamo “flavescenza dorata”. L’abbiamo combattuta e
abbiamo perso un centinaio di piante. Ci sono 76 filari
finto testo dida finto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testo.
...quello che serve all’uomo per poter mangiare. La terra è un dono
La nostra esperienza è un capitale che potrebbe far comodo ad altri popoli, ad altri gruppi, basta guardare
l’Albania, per arrivare sino all’Africa e via. Questo capitale di esperienza potrebbe essere trasmesso. Potrei
dare molto di più oggi di quello che ho dato quando sono andato a 20 anni in Madagascar. Potrei trasmettere
una esperienza tecnica e anche culturale molto maggiore. Si può fare spostandosi là, si può fare accogliendo persone che vengono qui, si può fare con il commercio, potremmo anche avere una cooperativa all’estero
che ci fornisce alcuni prodotti che non possono essere
coltivati qui o che è meglio coltivare là e noi occuparci
della commercializzazione”.
I soci “conferitori” sono una voce crescente della rete
8 GALATEA
per 2500 piante, abbiamo perso poco. Ricaviamo 500
quintali d’uva e l’uva si vende al quintale a 45/50 euro
massimo. Ci tiro fuori un po’ di soldi. Prima di iniziare a lavorare ho fatto un po’ di esperienza alla casa della carità di Carvriago. A quei tempi c’era la sorella della Giulia e mi ha consigliato - Vè c’è mia sorella che cerca delle persone da lavorare, se vuoi provare -. Io sono
venuto, ho provato, m’è piaciuto. Prima ho provato anche in fabbrica, ma facevo fatica. Qui mi piace il rapporto con la gente, il modo di fare, stare all’aria aperta
a contatto con la natura. Vengo tre giorni alla Lucerna
e gli altri sto a casa e il sabato vado nella vigna. Lì mi
aiuta mio padre Lino, con lui discutiamo delle volte,
siccome io faccio fatica fare delle cose, allora mio padre
mi deve insegnare due, tre volte, sui campi. A guidare
il trattore a fare manovra con i carri io non riesco tanto
bene, lui mi insegna e delle volte si arrabbia”.
La Lucerna non è un piccolo “paradiso terrestre” con
buoni e laboriosi cristiani dentro che, mescolati a figli
di un dio minore, danno la loro testimonianza, recintati da siepi ecologiche, dentro la struttura nobile e di antica architettura di una cascina della bassa con il vecchio silos delle granaglie. La Lucerna non è neanche soltanto un esempio. E’ una scelta di vita, un tentativo di
stare nel mondo per cambiarlo dall’interno, la ricerca
di un equilibrio. Alla terra viene chiesta una fertilità
che si possa rinnovare, i guadagni che il lavoro durissimo dà - e soltanto negli ultimi anni – sono misurati
sullo stretto necessario per vivere. Pietro e Giulia ven-
ed è socia fondatrice della cooperativa: “La cooperativa
nasce anche con me anche se io come lavoro effettivo ho
fatto sempre l’odontotecnico, sino a due-tre anni fa. Ero
tra i primi, da sempre mi ci dedico, ho fatto un periodo
che facevo tre pomeriggi alla settimana qui da volontario. Ho potuto prendere questa decisione difficile anche perché adesso oltre a condividere un lavoro un po’
più umanizzante e molte cose, possiamo condividere
un po’ di guadagno tra di noi e anche con persone in difficoltà. Mi interessava fare una esperienza di questo tipo anche perché ti mette già in guida su certi valori che
non sono principalmente il guadagno, anche se il guadagno è necessario. Il biologico rientra comunque in
quella filosofia di vita che è poi il messaggio del Vangelo. La terra è vita. Credendo molto alla vita crediamo
finto testo dida finto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testofinto testo.
grosso dal cielo, lo sfruttamento è evangelico, abusarne non lo è.
gono remunerati, insieme, con 1500 euro al mese, ed
hanno cinque figli. Paolo Arduini ha un reddito di 650
euro al mese, riesce a farcela perchè lavora anche la moglie Chiara, assistente sociale e insieme possono dare
qualche garanzia alla figlia Sara. Il marito di Lucia è ingegnere, ma hanno quattro figli. Dario arrotonda con
la vigna sulla terra dei nonni. Paolo Vincenzi ha due figli ma lavora anche la moglie. Ecco perché Ercole Giroldini di Canossa, anni 45, il socio più anziano, per 25
anni odontotecnico, ha potuto soltanto da poco venire
a lavorare sui campi. Ercole dal robusto appetito è un
uomo piccolo e mite nonostante il nome, discendente
di mugnai attivi in uno dei più antichi mulini delle colline, ha tre figli e una moglie, Rita, che fa la commessa
che vada rispettata in tutte le sue forme. Lo sfruttamento normale è quello che serve all’uomo per potere
mangiare. La terra è un dono grosso dal cielo, lo sfruttarlo è evangelico, abusarne non lo è. E’ una scelta importante il biologico perché fa parte del discorso, dopo
19 anni, tribolando ci siamo riusciti, siamo stati una
delle prime scelte biologiche in Italia”.
Tribolare, questo è il verbo. E un futuro in bilico, dice
Pietro. Forse siamo ancora in tempo. Forse il punto di
crisi maggiore è passato, il neoliberismo è in crisi, i consumi si fermano nonostante le sollecitazioni e i modelli
selvaggi, la società no future ricomincia a pensare. E’ tutto in bilico ancora, ma forse siamo in tempo: salvare noi,
salvare la Lucerna.
GALATEA 9
Fly UP