...

Dove, come, quando fare Birdwatching nel Delta del Po

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Dove, come, quando fare Birdwatching nel Delta del Po
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo
rurale: l’Europa investe nelle zone rurali
PROVINCIA
DI RAVENNA
Collana edita dal GAL DELTA 2000 Soc. Cons. a r.l.
Strada Luigia, 8 - 44020 S. Giovanni di Ostellato (FE) - Italy
Tel + 39 0533 57693 - Fax +39 0533 57674 - [email protected] - www.deltaduemila.net
dove, come,
quando fare
birdwatching
nel Delta del Po
where, how,
when to go
birdwatching
in the Po Delta
Collana edita dal GAL DELTA 2000 Soc. Cons. a r.l.
Strada Luigia, 8 - 44020 S. Giovanni di Ostellato (FE) - Italy
Tel + 39 0533 57693 - Fax +39 0533 57674
[email protected] - www.deltaduemila.net
Nel mondo sarebbero almeno 80 milioni: un
incredibile esercito di persone armate di binocoli
e cannocchiali, che si aggirano per i boschi,
si muovono furtive nelle sponde dei laghi, si
mimetizzano tra i canneti per ammirare il volo
di un falco, la danza di una gru o il rituale di
corteggiamento di una coppia di svassi. Ed’è
spettacolare fare birdwatching nel Delta del Po, area
per sua natura “non confinabile”, perché qui terra e
acque si scambiano in continuazione di posto, in
un singolare gioco che ridisegna, anno dopo anno,
gli orizzonti. Il Gruppo di Azione Locale DELTA 2000
ha investito dal 1997 per costruire l’offerta turistica
birdwatching nel Delta del Po grazie ai fondi
dell’Iniziativa comunitaria Leader. Oggi è proprio
con i fondi dell’Asse 4 del Piano di Sviluppo rurale
della Regione Emilia-Romagna destinati all’area del
Delta emiliano-romagnolo che viene realizzata la
presente guida, un importante strumento in più per
avvicinare all’attività di “osservazione dell’avifauna”
non solo i “birdwatcher” ma anche le famiglie con
bambini ed i turisti in generale interessati a vivere
lentamente la straordinaria natura del Parco del
Delta del Po.
Giancarlo Malacarne
Presidente GAL DELTA 2000
In the world there would be at least 80 million
birdwatchers: an amazing army of people armed with
binoculars and telescopes, that prowl the woods,
sneaking in the shores of lakes, camouflaged in
the reeds to admire the flight of a hawk, or a crane
dancing, or the ritual of courtship of a pair of loons.
It is spectacular going birdwatching in the Po Delta,
by its nature an “unconfined” area, because here
the ground and water are continuously exchanging
of place in a unique game that redesigns, year
after year, the horizons. The Group of Local Action
DELTA 2000 has invested, since 1997, in order to
build the tourist offer for birdwatching in the Po
Delta with the funds of the Community Initiative
Leader. Today, it is with the funds of Axis 4 of the
Rural Development Plan for the Emilia-Romagna
Region, area of the Po Delta in Emilia-Romagna,
that made possible the realization of this guide, an
important tool to bring the activity of birdwatching
not only possible for passionate “birders” but also
for families with children and tourists in general,
interested in enjoying slowly the extraordinary
nature of the Po Delta Park.
Giancarlo Malacarne
President of the Group of Local Action DELTA 2000
Ad
ria
SP68
Copparo
Venezia
7
Mesola
5
SP60
6
Il Parco del Delta del Po dell’Emilia-Romagna,
riconosciuto come uno dei parchi più importanti
d’Europa, si estende per 54.000 ettari distribuiti
su nove comuni nelle province di Ferrara e
Ravenna.
È caratterizzato da una grande varietà di ambienti
che vanno dai residui dunosi, lungo alcuni tratti
del litorale, alla verde distesa del Bosco della
Mesola; dai suggestivi percorsi naturalistici lungo
i suoi fiumi alle antiche pinete del ravennate; dalle
sterminate distese di acqua salmastra delle valli
di Comacchio e della Sacca di Goro alle valli di
acqua dolce di Argenta e di Ostellato, zone dove
trovano cibo e riparo numerose specie di uccelli.
Per facilitare la conoscenza e stimolare la curiosità
di quanti vorranno provare nuove emozioni
entrando nella dimensione delle tante specie di
uccelli che stazionano nelle aree del parco o che
vi transitano seguendo le loro rotte migratorie, è
stata realizzata questa guida del birdwatching,
uno strumento semplice, di facile comprensione
e consultazione costruita con rigore scientifico e
grande precisione.
L’osservazione degli uccelli costituisce un modo
efficace per entrare a diretto contatto con la
natura e il Parco del Delta del Po costituisce
un’occasione da non perdere per assaporarne
lentamente odori, colori, saperi e sapori, per stare
bene senza disturbare e senza essere disturbati.
9
SS309
Goro
Pomposa
SP54
FERRARA
Codigoro
SP68
ARA
4
A13
dir
Va l l e
Bertuzzi
SS309
E55
Ostellato
15
Lido degli Scacchi
Porto Garibaldi
Lido degli Estensi
A
r
3
AR
a
RR
10
Lido delle Nazioni
M
FE
Lido di Volano
Lido di Pomposa
Comacchio
Portomaggiore
Gorino
8
11
12
FERR
Sacca
di Goro
Lido di Spina
e
SS16
1
14
13
16
Massimo Medri
A
Va l l i d i
Comacchio
Argenta
Presidente Parco del Delta del Po Emilia-Romagna
d
Valli di
Argenta
r
Casal Borsetti
i
SS16
19
ola
Im
o
Lugo
SS309
E55
Bagnacavallo
A14
dir
SS16
Legenda / Legend
Punta Marina
Lido Adriano
RAVENNA
Ufficio informazioni Turistiche
Tourist Information Office
21
Ortazzo
e Ortazzino
Lido di Classe
SS3bis
Lido di Savio
SS16
Milano Marittima
E45
Sa
Siti Birdwatching
Birdwatching sites
Cervia
i
in
m
Ri ia
rv
Ce
23
di
Roma
e
lin
00
Lido di Dante
S. Apollinare
in Classe
22
Ufficio informazioni
e Accoglienza Turistica
information Office
Centro Visita del Parco
Park Visitor Centre
Parco Delta del Po
Emilia-Romagna
The boundaries
of the Emilia-Romagna
Po Delta Nature Reserve
Strade principali
highways
Marina di Ravenna
c
Fusignano
Porto Corsini
i
SS610
Pialassa
della
Baiona
20
Alfonsine
18
t
2
Marina Romea
a
S. Alberto
17
The Po Delta Regional Park of Emilia-Romagna
is one of the most important nature parks of
Europe, covers an area of 54.000 hectares and
nine municipalities in the provinces of Ferrara
and Ravenna.
This land is rich in different natural environments:
sand dunes along the coast, the forest of
Mesola, charming paths along the rivers, ancient
pine woods close to Ravenna, the wide brackish
water expanses of the “valli di Comacchio” and
of the “Sacca di Goro”, the fresh water wetlands
of Argenta and Ostellato. In these areas a lot of
birds shelter and find nourishment.
This guide has the purpose to enable our guests
to follow, with care and curiosity, the nesting,
passing, and habits of all species of birds - both
migratory and resident - which inhabit the area.
The guidebook is very practical and easy to use,
detailed and scientifically exact.
Birdwatching in the Po Delta is an extraordinary
way to get into direct contact with nature,
discover its secrets, appreciate colors, scents,
ways of life, loose trace of every day hectic time.
Massimo Medri
President Po Delta Regional Park of Emilia-Romagna
Informazioni turistiche
Tourist Information
www.parcodeltapo.it
www.ferraraterraeacqua.it
www.ravennaintorno.provincia.ra.it
Informazioni / Information.................................................. pag 2
Geomorfologia / Geomorphology................................. pag 4
Ambienti / Environments.................................................... pag 6
Dove | Where
OASI VAL CAMPOTTO............................................................. pag 14
OASI VALLE SANTA................................................................... pag 16
OASI DI BANDO.......................................................................... pag 18
VALLETTE DI OSTELLATO .................................................... pag 20
RISERVA NATURALE ORIENTATA
DUNE FOSSILI DI MASSENZATICA.................................... pag 22
RISERVA NATURALE BOSCO DELLA MESOLA........... pag 24
BOSCO DI SANTA GIUSTINA .............................................. pag 26
SACCA DI GORO ...................................................................... pag 28
VALLE DINDONA......................................................................... pag 30
FOCE PO DI VOLANO.............................................................. pag 32
OASI DI CANNEVIÈ – PORTICINO...................................... pag 34
VALLI BERTUZZI.......................................................................... pag 36
VALLI E SALINE DI COMACCHIO........................................ pag 38
VENE DI BELLOCCHIO E ANCONA................................... pag 40
OASI VALLE ZAVELEA.............................................................. pag 42
BONIFICA DEL MEZZANO...................................................... pag 44
BOSCOFORTE............................................................................. pag 46
VALLE MANDRIOLE................................................................... pag 48
PUNTE ALBERETE..................................................................... pag 50
PINETA SAN VITALE E PIALASSA DELLA BAIONA ....... pag 52
ORTAZZO, ORTAZZINO E FOCE DEL BEVANO............... pag 54
PINETA DI CLASSE.................................................................... pag 56
SALINA DI CERVIA..................................................................... pag 58
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Summary | Sommario
Info | Info
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
Come | How
ITINERARIO [A]
Nelle terre degli Estensi the land of the Estensi .......................... pag 60
5 + 6 + 8 + 9
Antiche pietre stones ................................................. pag 62
11 + 10 + 12
Argini, ponti e canali bridges and canals .......... pag 64
13 + 15 + 17 + 14
Paesaggi di bonifica Land .............................................. pag 66
4 + 3 + 1 + 2 + 16
Pinete e boschi allagati and flooded forests ........... pag 68
20 + 19 + 18
Mosaici e laghi salati and salt lakes ............................... pag 70
22 + 21 + 23
itinerary [A] In
ITINERARIO [B]
itinerary [B] Ancient
ITINERARIO [C]
itinerary [C] Riverbanks,
ITINERARIO [D]
itinerary [D] Reclaimed
ITINERARIO [E]
itinerary [E] Pinewoods
ITINERARIO [F]
itinerary [F] Mosaics
Quando | When
Le osservi nel Delta You spot them in the Delta............................................... pag 72
Elenco delle specie
List of the species................................................................... pag 73
1
Consigli pratici
Con questa guida vogliamo fornire uno strumento utile
per dare una risposta concreta a quanti chiedono quale
sia il periodo migliore per fare birdwatching nel Delta del
Po, dove farlo e come.
00
Memorizza il numero di
riferimento del sito,
consulta l’area
corrispondente;
11 + 10 + 12
abbina i vari siti
per costruire il tuo
itinerario ideale;
-00-
SB par. M W
individua le specie
che si possono avvistare
e il periodo in cui sono
presenti.
Simboli
Symbols
a piedi / walking
Nella guida sono presenti 23 schede che
descrivono i siti idonei per praticare il birdwatching, e
indicano se sono attrezzati o no, come ci si arriva, quali
sono le ore migliori per visitarli e soprattutto le specie
spot.
In auto, in barca, a piedi, in comodi capanni
o in torrette praticando magari il biowatching, cioè
l’osservazione di qualsiasi forma di vita animale e vegetale
presente nell’area. Nella guida sono presenti 6 schede
dedicate ad “Itinerari consigliati”, ideati per agevolare
la visita ed ottimizzare il tempo a disposizione, senza
trascurare i luoghi di interesse storico e culturale.
Sfidare il freddo invernale per osservare
le anatre, preferire i mesi caldi per i nidificanti oppure
l’autunno, periodo dei transiti migratori.
Per facilitare questa scelta nella guida è presente una
tabella che indica la stagionalità delle specie e il luogo
dove osservarle.
Escursioni
Museo o
Escursioni in pulmino
Torretta
Area di
Parcheggio Centro Visita Informazioni monumento nautiche elettrico Area pic-nic o capanno avvistamento
in barca / by boat
in pulmino / by bus
Parking
Visitor Centre Information Museum or Boat
Excursions Picnic area Tower
monument excursions with eletric
or shed
bus
Sighting area
“Where, how, when”,
to use this guide.
With this guide we aim to provide a useful tool for
those who want to know where, how and when to go
birdwatching in the Po Delta.
00
Remember the reference
number of the site, see
the corresponding area;
11 + 10 + 12
combine the various
sites to build your ideal
itinerary;
-00-
2
Praticare il birdwatching è soprattutto avere rispetto, oltre che
per gli uccelli, per la natura e per tutte le sue forme di vita. Capita
a volte che, presi da entusiasmo, per voler portare a casa uno
scatto fotografico particolare, inconsapevolmente si creino seri
problemi o danni all’avifauna. Ciò accade ad esempio quando
gli uccelli sono nel periodo riproduttivo, il disturbo creato dalla
presenza dell’uomo, peggio ancora se prolungata oppure
la vicinanza al nido, può indurre gli uccelli ad abbandonare
temporaneamente il sito di riproduzione, sottoponendo uova
o pulcini a rischio di predazione da parte di altri uccelli o
animali. Fatale può essere anche l’eccessivo riscaldamento
solare, causato dall’assenza dei genitori e, in certi casi, il nido
può essere abbandonato definitivamente. Un altro momento
a rischio elevato è quando gli uccelli si alimentano, anche
in questo caso la nostra presenza può provocare disturbo
impedendo agli uccelli un regolare approvvigionamento del
cibo, con conseguente indebolimento fisico. Le visite ad oasi
o ad aree protette, devono sempre avvenire in punta di piedi,
rumori molesti o anche la semplice vista delle nostre sagome
spaventano gli uccelli. Consigliamo un
abbigliamento adeguato e mimetico, portate
con voi, nelle stagioni calde, repellente e
una pomata per le punture di insetti, seguite
sempre i sentieri segnalati, utilizzate gli appositi
spazi e attrezzature per il birdwatching come
capanni e torrette. Se praticate l’attività da
soli fate sapere a qualcuno dove vi recate per
essere sempre reperibili.
Info
Info
“Dove, come, quando”,
utilizzo della guida.
SB par. M W
identifie the species that
can be seen and the
period in when they are
present.
Where? The guide contains 23 descriptive sheets
which describe suitable sites for birdwatching, whether
there are facilities or not, how to get there, when is the
best time to visit them and, of course, the rare species.
How? By car, by boat, on foot, hidden in sheds,
or from the top of towers, maybe practicing also
“biowatching”: observing every interesting animal and
vegetable form of life in the area.
In the guide you can find six recommended itineraries,
expressly tailor made for visitors with the aim of showing
the best, but also leaving plenty of time for culture.
When? You can challenge the winter cold and watch
the wild ducks, or enjoy the warm months when the
birds nest, or the autumn migration period. To facilitate
this choice you can find a table showing the seasonality
of the species and the places from which they can most
easily be observed.
Practical advice
Both birds and nature must be respected at
all times when doing birdwatching. Sometimes
one can do serious damages to birdlife, even
if only just trying to photograph from a close
distance. During the breeding period, staying
too close to the nest for too long, can make
the birds temporarily leave the breeding site or,
in some cases, the nest may be abandoned
permanently. The eggs or chicks are thus left
to the mercy of predators. Also the excessive
solar heating, caused by the absence of the parents, can be
fatal.
During feeding times, our presence can disturb the regular
supply of food, resulting in a physical weakness of the chicks.
The visits to oases or protected areas, should always be on
tiptoe, as noise or the mere sight of our shapes may scare the
birds.
Wear suitable clothing and camouflage. During the warm
season, carry with you insect repellent and and some medicine
for the insect bites. Always use the trails and facilities such as
hides and birdwatching towers. If you go on your own, make
sure to let someone know where you are going.
3
Dal punto di vista naturalistico il territorio del Delta rappresenta
il più vasto e importante complesso di zone umide esistenti in
Italia e offre ospitalità a una straordinaria biodiversità. Altrettanto
interessante è la geomorfologia di questo territorio: una miscela
di eventi naturali e interventi umani.
L’attore principale della storia è il fiume Po con il suo continuo
apporto di detriti naturali (sabbia, limo e argilla) che nei secoli
hanno dato origine a nuovi territori, paludi, lagune, spiagge,
rubando pian piano spazio al mare. Al suo fianco l’uomo a
partire dagli Etruschi nell’antichità, poi i Romani, i Benedettini,
gli Estensi, i Veneziani di volta in volta lo hanno sfruttato,
domato e a volte subito con le sue alluvioni. Risale all’epoca
Etrusca (VI e V sec. a.C.) il Po di Spina, ora scomparso, che
originò le paludi e le valli del comacchiese dove gli Etruschi
fondarono un porto (Spina) per scambiare merci con i Greci
che qui giungevano via mare. Dal Po di Spina si staccavano poi
altri due rami: l’Olana (Po di Volano) e il Gaurus (da cui deriva il
nome del Po di Goro).
In epoca romana l’apparato deltizio si sviluppava a sud di
Comacchio ed è tra il VI – VII sec. d.C. che si ha la totale
Geomorphology | Geomorfologia
Geomorphology | Geomorfologia
Evoluzione del Delta del Po
estinzione del Po di Spina, aumentarono le zone paludose
intorno a Comacchio e si rafforzarono il Po di Volano a nord ed il
Po di Primaro a sud. Saranno i monaci benedettini di Pomposa
intorno al X sec.d.C. ad intraprendere le prime consistenti
opere di bonifica e saranno poi gli Estensi nei secoli successivi
a completare l’opera di bonifica dei territori del Ducato di
Ferrara. In questi secoli due sono le date da ricordare, la prima
è il 1152 quando con la rotta di Ficarolo, nel Veneto, il corso
del fiume si diresse verso Nord dove lentamente cominciò
ad estendersi. La seconda è il 1600 quando la Serenissima
Repubblica di Venezia, temendo che i detriti interrassero la sua
laguna iniziò i lavori per il taglio di Porto Viro, un’imponente
opera di ingegneria idraulica. Dopo quattro anni di lavoro e
scontri e battaglie con lo Stato Pontificio, il 16 settembre 1604
il Po delle Fornaci, attraverso un canale, venne deviato verso
Sud nella Sacca di Goro, determinando la attuale formazione
del Delta moderno.
Infine le grandi bonifiche attuate tra gli anni ‘30 e ‘70 del
secolo scorso hanno contribuito a modellare ulteriormente il
paesaggio.
Avanzamento
della linea di costa:
[A] Età del Bronzo
[B] Età Romana
[C] 1000 d.C.
[D] 1600 d.C.
A
B
C
D
Advancement
of the coastline:
[A] Bronze Age
[B] Roman Age
[C] 1000 AD
[D] 1600 AD
Evolution of the Po Delta
4
From the naturalistic point of view the territory of the Delta
represents one of the largest and most important complex of
wetlands of Italy and it hosts an extraordinary biodiversity. Also
from the geological point of view the area is very interesting: it is
a mixture of natural events and human intervention.
The main actor of the story is the Po river, with its continuous
supply of natural debris (sand, silt and clay) which create, over
the centuries, new lands, marshes, lagoons and beaches,
slowly stealing the sea space. Man has for many centuries been
working at the side of this Giant Protagonist: first the ancient
Etruscans, then the Romans, the Benedictines, the Este, and
finally Venetians: all suffering for the frequent floods and the
many other dangers and difficulties involved. The Po di Spina,
now extinct, dates back to Etruscan age (VI and V century BC);
it originated the marshes and valleys of Comacchio where the
Etruscans founded a port (Spina) to exchange goods with the
Greeks who came here from the sea. Po di Spina branched
off in two other rivers: the Olana (Po di Volano) and the Gaurus
(Po di Goro). In Roman times the deltaic system developped
southern from Comacchio and between the VI - VII century
AD Po di Spina totally disappeared. The wetlands around
Comacchio became more widespread thus increasing the
importance of Po di Volano to the north and Po di Primaro to
the south. The Benedictine monks were the first to undertake
a substantial land reclamation in the area of Pomposa, around
the 10th century AD and then the Este, in later centuries,
completed the reclamation of the territories of the Duchy of
Ferrara. In these centuries there are two important dates to
remember, the first one is the 1152 and is called “La rotta
di Ficarolo”, in the Veneto region: the river headed northwards
where it slowly began to spread. The second one is the 1600
when the Venetian Republic, fearing that the debris would fill in
the famous lagoon, began working on the “Taglio di Porto Viro”,
an impressive work of hydraulic engineering. After four years of
work and fights and battles with the Papal States, the 16th of
September 1604 the Po delle Fornaci was diverted through a
channel to the south as far as the Sacca di Goro, determining
the actual formation of the modern delta. The landscape you
see today is the result of the further reclamation exploited from
the thirties to the seventies of the last century.
5
La linea di costa dell’Emilia-Romagna, che dal Faro di Goro
scende verso sud fino a Cervia e poi ancora più giù fino a Rimini,
è principalmente composta da sabbia trasportata nei secoli dal
Po e in minor quantità, dal Reno e dal torrente Bevano.
A partire dagli anni ‘60 del secolo scorso, questa zona ha subito
una forte antropizzazione con la nascita di stabilimenti balneari,
camping, alberghi e villaggi turistici.
Rimangono tuttavia delle aree ancora naturali dove, d’inverno, è
possibile praticare il birdwatching dedicandosi all’osservazione di
Limicoli svernanti come Chiurli maggiori e Chiurli minori, Piovanelli
pancianera e tridattili, Pivieresse, Pittime reali e Pittime minori,
Corrieri piccoli e Corrieri grossi, Gambecchi. Uno sguardo verso
il mare ci può regalare avvistamenti di Svassi maggiori e, con un
po’ di fortuna, Orchetti marini, Smerghi minori e Labbi.
Foto in basso:
Scanno di Goro;
a destra,
dall’alto in basso:
Upupa Upupa epops,
Gruccione
Merops apiaster.
Dune fossili
Nella piatta campagna del Delta del Po può capitare di
imbattersi in piccoli monti di sabbia ricoperti di vegetazione:
sono le dune fossili, testimonianza delle antiche linee di costa.
Le dune si formano lungo i litorali sabbiosi, nel nostro caso si
tratta di dune formate dall’azione del vento, in particolar modo
dalla Bora (vento freddo che soffia da Nord verso Ovest) che,
quando spira, solleva grandi quantitativi di sabbia.
In questi ambienti sono estremamente importanti le piante
pioniere, per il ruolo che svolgono, in particolare l’Ammofila
litoranea, che contribuisce alla formazione
di piccoli ed embrionali accumuli di rena,
dando così il via alla formazione delle dune.
Quelle di Massenzatica risalgono all’epoca
etrusca e raggiungono quasi i 7 metri di altezza.
Le dune fossili sono dei veri “monumenti naturali”,
integralmente tutelate, mantengono ancora le
caratteristiche vegetative tipiche dei litorali come il
Leccio, l’Asparago pungente, il Biancospino e il Ginepro.
Boschi, pinete e foreste allagate
Tre sono le tipologie di boschi presenti nell’area del Parco
del Delta del Po: i vecchi boschi litoranei, i boschi allagati
e le pinete. I primi sono rappresentati dal Bosco di Santa
Giustina e dal Bosco della Mesola dove prevale il Leccio e le
piante tipiche della macchia mediterranea. Nel tempo si sono
insediate altre piante di pianura quali la Farnia, il Pioppo, il
Frassino e il Carpino.
La massima espressione di bosco allagato la si può osservare
a Punte Alberete, dove nelle casse di espansione del fiume
Lamone si è formata una vera e propria foresta ricca di
Salicone, Pioppo, Olmo, Ontano, Farnia e Frassino con laghi
aperti di acqua dolce dove crescono Castagna d’acqua,
Ninfea e altre piante della vegetazione idrofila, oltre a prati umidi
composti da Carice e Giunco. Forme minori di boschi allagati si
possono incontrare in alcune anse golenali lungo il Po di Goro.
Environments | Ambienti
Environments | Ambienti
Litorali sabbiosi
the ancient shorelines. The dunes form on the sandy shores, where the
wind, especially the Bora (cold wind blowing from north towards west)
raises large quantities of sand. In these environments the “pioneer
plants” play an important role, especially the Coastal Ammofila, which
contributes to the formation of embryonic and small accumulations of
sand, paving the way for the formation of the dunes.
The ones of Massenzatica date back to Etruscan age and reach almost
7 metres in height. The fossil dunes are truly “natural monuments”, fully
protected and still retain the typical features of the vegetation of the
coasts as the Holm, the Asparagus, the Hawthorn and the Juniper.
Picture above:
Scanno di Goro;
right, from top to bottom:
Hoopoe
Upupa epops,
Bee-eater
Merops apiaster.
Sandy beaches
The coastline of Emilia Romagna descends from the Goro Lighthouse
south to Cervia and then further down to Rimini, it is mainly composed
of sand transported over the centuries by the Po and to a lesser extent,
from the Reno and the Bevano rivers.
Since the 1960, this area has been dramatically interfered with by man
with the construction of campings, hotels and tourist villages. However,
there are some areas which remain natural; here in wintertime, it is
possible to see some wintering waders such as Curlews, Whimbrels,
Dunlins, Sanderlings, Grey Plover, Black-tailed Godwits, Bar-tailed
Godwits, Little Ringed Plover, Ringed Plover and Little Stints. A look
toward the sea can give us more sightings of Great Crested Grebes,
and with some luck, Common Scoter, Red-breasted Merganser and
Parasitic Skua.
Fossil dunes
6
In the flat countryside of the Po Delta one can bump into small sandy
hills covered with vegetation: these are the fossil dunes, evidence of
Forests, pinewoods
and flooded forests
There are three types of forests in the area of the Po Delta Park:
old coastal forests, flooded forests and pine forests. The former are
represented by the Forest of Mesola and the Wood of Santa Giustina
where the Holm Oak prevails together with the typical plants of the
Mediterranean coasts. During the years other plants such as Plain
English Oak, Poplar, Ash and Hornbeam have settled in the area.
The highest expression of flooded forests can be observed in Punte
Alberete, where in the flood plain around the Lamone river has formed
a real forest full of Goat Willow, Poplar, Elm, Alder, Oak and Ash, with
open freshwater lakes where Water Chestnuts grow, Water Lilies and
other hydrophilic plants, as well as wet meadows which consist
of Sedge and Rushes. Lesser forms of flooded forests may
be found in the flood plains along the Po di Goro.
The pine trees grow along the coast, we find the younger
plantings dating back to the 50s of last century and the
pine forests of Roman age (Pineta di Cervia, Classe and
7
Sacche e pialasse
Foto in basso:
Valli di Comacchio;
a destra,
dall’alto in basso:
Martin pescatore
Alcedo atthis,
Beccapesci
Sterna sandvicensis.
Picture above:
Valli di Comacchio;
right, from top to bottom:
Kingfisher
Alcedo atthis,
Sandwich Tern
Sterna sandvicensis
Per sacche e pialasse si intendono dei bacini costieri separati
dal mare da cordoni litoranei (localmente chiamati “scanni”)
caratterizzati da acque salmastre e soggetti a maree, che si
possono identificare più facilmente come lagune.
Con il termine sacca, usato solo nel Delta del Po, si intende una
laguna abbracciata da due fiumi, (come ad esempio la Sacca di
Goro con il Po di Goro a nord e il Po di Volano a sud).
San Vitale). The pine forests are composed mostly of Pine with a
characteristic umbrella shape and in some cases of Maritime Pine.
In the oldest ones there is a rich Mediterranean vegetation and the
trend is the evolution into a Holm oak forest, which was the typical
environment before the human interventions.
In all the mentioned forests and pinewoods it is possible to see in
springtime various species of wild Orchids. In the flooded forest of
Punte Alberete it is also possible to see the rare Spring Snowflake.
Salt and brackish lagoons
8
With the local names “Sacche” and “Pialasse” we mean coastal basins
that are separated from the sea by sandbanks (locally called “scanni”)
characterized by brackish water and submitted to the influence of the
tides, which can be identified more easily as lagoons.
The word “Sacche”, only used in the Po Delta, means a lagoon
enclosed by two rivers (such as the “Sacca di Goro” with the Po di
Goro river north and the Po di Volano river south).
The word “Pialassa”, however, comes from the local dialect and means
Il termine pialassa, invece, deriva dalla lingua parlata “pia” piglia
e “lassa” lascia e indica sempre una laguna dove è un unico
canale a permettere l’entrata e l’uscita dell’acqua marina in
base alle maree. Anche le pialasse in genere sono situate nei
pressi della foce di un fiume.
Nelle sacche e nelle pialasse, così come nelle lagune la
profondità dell’acqua varia da pochi centimetri fino a circa due
metri, questo fa sì che in ogni periodo dell’anno possano essere
popolate da una ricca varietà di avifauna acquatica.
Qui gli uccelli, in base alla propria specifica dieta, possono
trovare diverse specie di alghe, microorganismi, invertebrati,
molluschi e pesci. Particolare anche la flora di queste zone: nei
dossi che emergono dalle acque salmastre, detti barene, cresce
una vegetazione particolare che ha sviluppato adattamenti agli
ambienti salati (piante alofile). Molto belle le fioriture estive che
tingono di lilla le barene col Limonio e l’Astro marino, in autunno
invece è la Salicornia a tingere di rosso i dossi e i bordi.
Valli da pesca
Il sistema vallivo costiero è molto diffuso in alto Adriatico e
si estende in maniera praticamente continuativa a partire da
Grado, in provincia di Gorizia nel Friuli Venezia Giulia, per
estendersi poi nel Veneto nelle provincie di Venezia, Padova
(una piccola porzione) e Rovigo e terminare appunto in
Emilia Romagna tra le provincie di Ferrara e Ravenna.
Le valli sono bacini chiusi e ben delimitati, il livello idrico
è regolato dall’uomo con l’immissione di acqua dolce e
salata al fine di ricreare l’ambiente ideale per l’allevamento
del pesce, principalmente Spigole, Orate e Anguille.
Già in epoca romana si costruivano argini per racchiudere
Environments | Ambienti
Environments | Ambienti
Le pinete si sviluppano lungo la costa, dove troviamo quelle
più giovani risalenti alle piantumazioni degli anni ’50 del secolo
scorso e le pinete storiche di epoca romana (Pineta di Cervia,
di Classe e di San Vitale).
Le pinete sono composte per lo più da Pino domestico dalla
caratteristica forma ad ombrello e in alcuni casi anche da Pino
marittimo.
Nelle più antiche è presente un’abbondante vegetazione
mediterranea con una tendenza verso l’evoluzione a lecceta,
l’ambiente tipico prima dell’intervento umano.
In tutti i boschi e le pinete citati, in primavera, è possibile vedere
le splendide fioriture di varie specie di orchidee selvatiche e nella
foresta allagata di Punte Alberete anche il raro Campanellino.
“take and give back” referring to the tide effect in a lagoon with a single
channel allowing the seawater to enter and exit according to the tides.
The “pialasse” are usually located near the mouth of a river.
In “sacche” and “pialasse” as well as in the lagoons the water depth
varies from a few centimeters to two meters ant thanks to this they are
always populated by a rich variety of avifauna.
Here the birds can find different species of algae, microorganisms,
invertebrates, molluscs and fishes. The flora is also particular in these
areas: on the sandbanks that emerge from the brackish water, grow a
particular vegetation that has developed specific adaptations to these
salty environments (salt-tolerant plants). In summertime the blooming of
Limonium and the Sea aster paint the sandbanks lilac, while in autumn
the Salicornia dyes the bumps red.
Fish farms
The valley system is widespread along the northern Adriatic coastline
and stretches from Grado, in the province of Gorizia in Friuli Venezia
Giulia, to Veneto, in the provinces of Venice, Padua (a small portion)
and Rovigo, thus ending in Emilia Romagna in the provinces of
Ferrara and Ravenna.
The valleys are well defined and closed basins, the water level is
regulated by man with the input of fresh and salt water in order to create
the ideal environment for raising fish, mostly Bass, Breams and Eels.
Already in Roman times dikes were built to enclose portions of
lagoons in order to exploit the migrations made ​​by some
species of fish: in springtime they move from the sea to
the lagoons while in autumn they reverse the trip because it is at that
particular period that fish, at this stage fully adult, leaves in order to
9
Foto in basso:
Salina di Cervia;
a destra,
dall’alto in basso:
Spatola
Platalea leucorodia,
Fenicottero rosa
Phoenicopterus roseus.
Picture above:
Salt-pans di Cervia;
right, from top to bottom:
Spoonbill
Platalea leucorodia,
Flamingo
Phoenicopterus roseus.
Saline
Tra le aree di maggior interesse naturalistico e ambientale
inserite nel Parco Regionale del Delta del Po troviamo due
importanti realtà: la Salina di Comacchio e la Salina di Cervia.
Il sale è strettamente legato alla storia di Comacchio, lo ricorda
il famoso Capitolare del Re longobardo Liutprando, risalente
reproduce in the sea.
The fish is attracted by the fresh water that flows into the valley thanks
to specific channels, and swims in that direction in order to reach the
“lavoriero”, a barrage where it has to linger and thus is easily caught.
The valleys, from season to season, are populated by different species
that pass, nest or spend some time there.
Well known throughout the world are the Valli di Comacchio, mainly for
the quality and quantity of Eels that are caught here.
Salt-pans
10
Among the areas of the Po Delta Regional Park of greatest natural and
environmental interest there are two important realities: the Salt-pans of
Comacchio and Cervia.
The salt is closely linked to the history of Comacchio as the famous
“capitolare” of the Lombard King Liutprand said. This document dates
back to 715 and has allowed merchants to sell their salt and other
goods from Comacchio up to the Po Valley. Also the origins of the Saltpans of Cervia are very old: maybe they go back to Etruscan times or
to the Greek colonization, as is sujested by the old name of Cervia:
al 715, che autorizzava i mercanti comacchiesi a risalire la
pianura del Po per vendere il loro sale ed altre merci. Anche le
origini delle Salina di Cervia si perdono nell’antichità: qualcuno
le fa risalire all’epoca etrusca, altri alla colonizzazione greca,
ricordando soprattutto il vecchio nome
di Cervia, “Ficocle”, di origine greca.
La Salina di Cervia, grazie alla tenacia
degli ultimi salinari, continua ad essere
produttiva e mantiene intatta la tradizione
tramandata di padre in figlio da quasi 2.000 anni.
Diverso invece il destino della Salina di Comacchio,
che nel 1985 viene chiusa definitivamente dai
Monopoli di Stato perchè ritenuta poco produttiva
rispetto ad altre saline di maggiori dimensioni.
Attualmente la Salina di Comacchio produce una
piccola quantità di sale a scopo didattico ed è un
Centro Visite del Parco del Delta del Po, così come
la Salina di Cervia.
In questo contesto si inseriscono varie specie ornitiche, che
sfruttando i differenti spessori dei bacini d’acqua, trovano
l’habitat idoneo alle proprie esigenze.
Un capitolo a parte merita lo splendido Fenicottero rosa, che
nella Salina di Comacchio ha fatto la sua comparsa alla fine
degli anni ’90; negli anni successivi numerose coppie hanno
nidificato, aumentando progressivamente il numero degli
individui, tanto che nel 2011 sono state stimate circa 1000
coppie nidificanti.
Attualmente la salina di Comacchio rappresenta uno dei siti
più importanti nell’area mediterranea per la nidificazione della
specie.
“Ficocle” of Greek origin. Thanks to the tenacity of the last salt workers,
the production of Cervia still continues and the traditions, handed down
from father to son for two thousand years, remain intact.
The fate of the Salt-pans of Comacchio was different: it was
permanently closed by the State Monopoly in 1985 because it was less
productive compared to other larger salt-pans. Currently the Salt-pans
of Comacchio produce a small amount of salt for educational purposes
and it is, together with the Salt-pans of Cervia, one of the main Visitor
Cenetres in the Po Delta Nature Reserve.
Several bird species find their ideal habitat in this environment also
due to the different depth and salinity of water in the various areas of
the Salt-pans. A special presence in this area is represented by the
beautiful flamingo, which appeared in the Salt-pans of Comacchio in
the late ‘90s, then in the following years many couples nested
and the number of individuals progressively increased, so
that in 2011 were estimated about 1000 breeding pairs.
Currently, the Salt-pans of Comacchio is one of the most
important sites in the Mediterranean area as a breeding
site for this species.
Rural environment
and reclamation
As mentioned above, (read chapter concerning
geomorphology), land reclamation has had a
very important role in the Po Delta since ancient
times. Nowadays waterpumps, besides often
representing an interesting architectural trate of
the past, still carry out the important purpose of
keeping “land above waters.”
Environments | Ambienti
Environments | Ambienti
porzioni di laguna allo scopo di sfruttare le migrazioni compiute
da alcune specie ittiche: queste, in primavera, dal mare si
addentrano nelle lagune e, in autunno, fanno il viaggio inverso.
È in questo momento infatti che il pesce, cresciuto ed ingrassato,
esce dalla valle e torna in mare per riprodursi.
Il pesce viene richiamato dall’acqua salata del mare che l’uomo
fa entrare attraverso specifici canali, questi conducono il pesce
allo sbarramento chiamato “lavoriero” dove rimane intrappolato
e facilmente pescato.
Le valli, di stagione in stagione, si popolano di specie diverse
di uccelli acquatici che transitano, nidificano o vi trascorrono
un periodo.
Conosciute in tutto il mondo sono le Valli di Comacchio,
principalmente per la qualità e la quantità di Anguille che qui
venivano pescate.
Foto in basso:
Bonifica del Mezzano;
a destra,
dall’alto in basso:
Saltimpalo
Saxicola torquata,
Codirosso
spazzacamino
Phoenicurus ochruros.
Come già accennato nel capitolo dedicato alla geomorfologia
del territorio, la bonifica nel Delta del Po ha avuto fin dai tempi
più antichi un ruolo primario.Tutt’ora i consorzi di bonifica che vi
operano svolgono un’azione fondamentale nel mantenimento
delle opere svolte in passato.
Grazie alla fitta rete di canali e fossati e all’azione delle pompe
meccaniche (idrovore), si mantengono asciutti i terreni e si
possono irrigare al momento del bisogno. Azioni indispensabili
se consideriamo che gran parte del territorio deltizio si trova
sotto il livello del mare.
Proprio la presenza di canali e fossati in certe zone e la notevole
estensione di aree agricole, unite alla scarsa presenza di
insediamenti umani, costituiscono ottimi siti per lo svernamento,
la nidificazione o l’alimentazione di diverse specie ornitiche.
Zone agricole particolarmente interessanti sono la bonifica
della Valle del Mezzano a Ovest delle Valli di Comacchio, con
un’estensione di circa 18.000 ettari nella quale dagli anni ‘70
è bandita la caccia; qui tra l’inverno e la primavera si possono
osservare oche, gru, cicogne, rapaci diurni e notturni ed alcune
specie di limicoli come la Pavoncella o il Piviere dorato.
Altre zone agricole interessanti sono le risaie tra Goro e Gorino
Ferrarese e in maniera più estesa tra Mezzogoro e Jolanda di
Savoia.
Queste aree sono utilizzate per l’alimentazione dagli uccelli
nel periodo successivo alla semina del riso e nel momento
dell’allagamento dei campi, per cui si possono osservare
anatidi come il Germano reale e la Volpoca, vari tipi di aironi (da
segnalare l’Airone rosso) o altre specie come il raro Ibis sacro,
tra i nidificanti infine la Folaga e il Cavaliere d’Italia.
Zone umide interne e ripristini
Per zone umide si intendono le paludi e gli acquitrini, le torbe
oppure i bacini, naturali o artificiali, permanenti o temporanei,
con acqua stagnante o corrente, dolce, salmastra o salata, ivi
comprese le distese di acqua marina la cui profondità, durante
la bassa marea, non supera i sei metri.
Oltre alle zone umide già citate precedentemente, un capitolo a
parte meritano quelle che abbiamo definito zone umide interne,
tutte di origine antropica.
Si tratta di casse di espansione, bacini di raccolta d’acqua per
scopi irrigui, civili o industriali, ex risaie, aree di svago per gli
sport acquatici o la pesca amatoriale, tutelate e divenute oasi.
Per ripristini intendiamo, invece, zone umide appositamente
create attraverso l’applicazione di misure agro-ambientali.
L’acqua in queste aree è generalmente dolce, la flora è
rappresentata da canneti e da alberi ed arbusti tipici della
pianura, interessanti le piante acquatiche, quasi sparite in altre
zone, come la Castagna d’acqua, la Ninfea o il Ranuncolo
d’acqua; l’avifauna varia in base alle stagioni e spesso si
possono osservare anche uccelli tipicamente legati alle acque
salate o salmastre.
Environments | Ambienti
Environments | Ambienti
Ambiente agrario e bonifica
easily find their nourishment: it is possible to observe Mallard
and Shelduck, various types of herons (including the remarkable
Purple Heron) or other rare species such as the African Sacred,
while among the breeding species note Coots and Blackwinged Stilts.
Inland wetlands
Picture above:
Bonifica del Mezzano;
right, from top to bottom:
Stonechat
Saxicola torquata,
Black Redstart
Phoenicurus ochruros.
12
Thanks to the impressive network of canals and ditches and
to the action of mechanical pumps, it is possible to drain or
irrigate the land according to the different agricultural purposes.
One must not forget that a great part of the Delta lies below the
level of the sea.
The presence of canals and ditches in some areas and the
considerable extension of agricultural land, combined with the
scarcity of human settlements, are excellent sites for wintering,
nesting or feeding of various bird species.
A rural area of particular interest is Valle del Mezzano, west of
the Valli di Comacchio, with an area of about
​​
18.000 hectares in
which hunting is banned since 1970. Here you can see geese,
cranes, storks, birds of prey, and some species of waders
such as Lapwing or Golden Plover in winter and spring. The
paddyfields between Goro and Gorino Ferrarese and more
widely among Mezzogoro and Jolanda di Savoia are also
another very interesting area.
After sowing, and when the rice fields are flooded, birds can
Wetlands are a mixture of marsh, fen, peatland and water,
natural or artificial, permanent or temporary, with water that can
be static or flowing, fresh, brackish or salt, including areas of
marine water the depth of which at low tide does not exceed
six metres.
Artificial wentlands are “casse di espansione” or water basins
and can be used for irrigation, both for civil or industrial
purposes, for rice fields, or recreational areas for water sports
and fishing, that in some cases become protected oasis.
The artificial wetlands were created thanks to the application of
agri-environmental devices.
These sweet water basins are characterized by the presence of
reeds, trees and shrubs which grow naturally in the plains and
here one can also find other interesting aquatic plants, (almost
disappeared in other areas) such as the Water Chestnuts,
the Water Lily and the Buttercup. The bird-species change
according to the season, often it is possible to see typically
salt or brackish water birds.
13
OASI VAL CAMPOTTO
SIC – ZPS IT4060001
Il sito si trova nell’immediata vicinanza dell’abitato di
Argenta, a Sud del fiume Reno. Si raggiunge seguendo
le coordinate indicate.
L’area ha un’estensione di 600 ettari con specchi
di acqua dolce ed una superficie boschiva di 100
ettari. Fanno parte dell’oasi due casse di espansione,
Campotto e Bassarone, ed il Bosco del Traversante,
con la tipica vegetazione igrofila.
Val Campotto si caratterizza per la presenza di una
delle più grandi colonie di Cormorano in Italia. Tra le
specie nidificanti ricordiamo il Mignattino piombato, la
Sgarza Ciuffetto, il Migliarino di palude, la Salciaiola, il
Cannareccione e la Cannaiola.
Tra i migratori si registra inoltre la presenza del Falco
Navigator
Campotto di Argenta (FE)
Via Cardinala
N44°34’56” E11°47’54”
ra
rra
Fe
Impianto idrovoro
Saiarino
Museo delle Valli
Casino di Campotto
Via Cardinala,1/c Campotto (FE)
Tel. +39 0532 808058
[email protected]
hio
cc
ma
Co
Argenta
Pieve di
San Giorgio
Museo
Civico
Aperto dal martedì alla domenica
9.30-13.00 e 15.30-18.00
Open from Tuesday to Sunday
9.30-13.00 and 15.30-18.00
Oasi Val Campotto
a
nn
ve
Ra
Museo delle Valli
Campotto
1
14
OASI VAL CAMPOTTO
SCI – SPA IT4060001
The site is located very close to the town of Argenta,
south of the Reno river and can be reached following
the coordinates.
The site is composed by an area of 600 hectares
with fresh water ponds and of a wood 100 hectars
large, characterized by two big ponds (“casse di
espansione”), Bassarone and Campotto, and finally a
reforestation area called the Traversante Wood, with
the typical hydrophilous vegetation.
Val Campotto is characterized by the presence of one
of the largest colonies of Cormorants in Italy. Among
the breeding species there are the Whiskered Tern, the
Squacco Heron, the Reed Bunting, the Savi’s Warbler,
the Great Reed Warbler and the Reed Warbler.
pescatore, mentre l’area boschiva ospita diverse specie
di Silvidi, come il Canapino, il Rigogolo, il Cuculo, l’Averla
cinerina e l’Ortolano.
Il sito è inoltre conosciuto per aver ospitato tra gli anni
2006 e 2010 esemplari svernanti di Aquila anatraia
maggiore e di Aquila di mare.
Per iniziare la visita del sito si consiglia di recarsi presso
il Centro Visite Museo delle Valli, all’ingresso dell’oasi,
dove è possibile prenotare una visita guidata in quanto
gli ingressi sono regolamentati.
In alternativa è possibile percorrere un sentiero di libero
accesso esterno all’oasi che parte dalla Pieve di San
Giorgio e arriva fino al Centro Visite.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 40 specie
• Punti di osservazione e torrette
• Buona agibilità, possibile presenza di fango nei periodi di pioggia
Modalità di fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore
• Ingresso regolamentato con visite guidate
• Percorso con libero accesso dalla Pieve di San Giorgio al Centro visite
• Percorso in gran parte accessibile ai disabili
Servizi
• Centro visite, museo, bookshop e bar
• Parcheggio
• Area pic-nic
• Visite guidate
• Noleggio biciclette
• Noleggio binocoli
Dall’alto al basso:
Basettino
Panurus biarmicus,
Mignattino piombato
Chlidonias hybridus
e Sgarza ciuffetto
Ardeola ralloides.
Where | Dove
Where | Dove
1
Among migratory birds we must note the Osprey,
while the forested area is home to several species of
Silvidae such as the Melodious Warbler, the Golden
Oriole, the Cuckoo, the Lesser Grey Shrike and the
Ortolan Bunting.
The site is also known for having hosted, between the
years 2006 and 2010, wintering specimens of Greater
Spotted Eagle and White-tailed Eagle.
To start your visit you should go to the Museo delle Valli
Visitors Centre, at the entrance of the Oasis, where you
can book a guided tour as the access is regulated.
However you can have a walk along a free path outside
the Oasis which begins at the Parish of St. Giorgio and
arrives fast to the entrance of the Visitors Centre.
From top to bottom:
Features
Bearded Tit
• Chance to see over 40 species
Panurus biarmicus,
• Observation points and birdwatching towers
Whiskered Tern
• Good practicability, possible presence of mud in the rainy periods
Chlidonias hybridus
For your visit
and Squacco Heron
• Open all year round
Ardeola ralloides.
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours
• Regulated access with guided tours
• Path with free access from the Parish of St. Giorgio to the Visitors centre
• Path largely accessible to disabled
Services
• Visitors centre, museum, bookshop and bar
• Parking
• Picnic area
• Guided tours
• Bicycle rental
• Binoculars rental
15
OASI VALLE SANTA
SIC – ZPS IT4060001
Valle Santa si trova a poca distanza dal Museo delle
Valli nel Comune di Argenta.
Si tratta di una cassa di espansione del torrente Idice
di 250 ettari, con vegetazione emersa a canneto e
nannuferi. All’esterno della cassa di espansione è
presente un interessante prato umido, utilizzato da
numerose specie per l’alimentazione quotidiana.
Valle Santa è uno dei migliori siti per il birdwatching
dell’area del Delta del Po dove si possono avvistare
varie specie di uccelli: in primavera-estate Sterna
maggiore, Sterna zampenere e Mignattino piombato,
interessanti anche gli aironi, tra cui il Tarabusino e la
Sgarza ciuffetto; in inverno Airone bianco maggiore e
Tarabuso.
Navigator
Ar
ge
nt
a
Campotto di Argenta (FE)
Via Cardinala
N44° 34’27” E11°49’00”
San Biagio
Oasi Vallesanta
Lavezzola
Con
selic
2
16
e
OASI VALLE SANTA
SCI – SPA IT4060001
Valle Santa is located within walking distance from the
Museo delle Valli in the town of Argenta.
It is a “cassa di espansione” (overflow) of the Sillaro
river 250 hectares large, characterized by reeds and
Yellow Water-lily.
Outside the overflow is an interesting wet meadow,
used by many species for their daily feeding.
Valle Santa is one of the best sites for birdwatching in the
Po Delta, where you can spot various species of birds:
in spring - and summertime there are Caspian Tern,
Whiskered Tern and Gull-billed Tern, herons, such as
the Little Bittern and the Squacco Heron; in wintertime
there are the Great White Egret and Bitterns.
In the nearby countryside it is easy to see flocks of
Nelle campagne adiacenti è facile osservare stormi di
Oche selvatiche e Gru. Altre specie presenti in inverno
sono Alzavola, Volpoca, Mestolone e Beccaccino;
specie particolari sono il Mignattaio e la Spatola.
I canneti ospitano specie come Basettino, Pendolino,
Usignolo di fiume, Cannaiola ed altri piccoli uccelli.
Per visitare il sito, ci si inoltra lungo il percorso che va
dal parcheggio (dove si trova una bacheca illustrativa
dell’oasi) alla torretta di avvistamento dalla quale si
osserva facilmente gran parte della zona umida.
Si consiglia di non camminare sulle sponde più elevate
dell’argine per non disturbare l’avifauna.
Le condizioni migliori di luce per le osservazioni
si hanno alle prime ore del mattino o dal primo
pomeriggio fino a sera.
Dall’alto in basso:
Mestolone Anas clypeata,
Beccaccino
Gallinago gallinago,
Airone bianco maggiore
Egretta alba e Pendolino
Remiz pendolinus.
Where | Dove
Where | Dove
2
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 40 specie
• Punti di osservazione e torretta
• Buona agibilità, possibile presenza di fango nei periodi di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno, tratto di 6 Km sempre
visitabile, ulteriori 3 km sono vitabili il giovedì,
sabato, domenica e festivi.
• Accesso libero
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: 2-3 ore
• Accessibile ai disabili solo se accompagnati
Servizi
• Centro visite e servizi
nella vicina Oasi di Campotto
• Parcheggio
Greylag Goose and Crane. Other species found in
winter are Teal, Shelduck, the Northern Shoveler and
the Common Snipe; more particular species are the
Glossy Ibis and the Spoonbill.
The cane thickets houses many species such as
Bearded Reedling, Penduline Tit, Cetti’s Warbler,
Eurasian Reed Warbler and other small birds.
To visit the site, you can walk along the path starting from
the parking (where there is a notice board illustrating
the oasis) as far as the birdwatching tower from which
you can easily see a big part of the wetland.
It would be better not to walk on the higher part of the
banks so as not to disturb the birds.
The best conditions for observation, in order to be
favoured by daylight, is in the early morning and in the
afternoon until the early evening hours.
Features
• Chance to see over 40 species
• Observation points and birdwatching tower
• Good practicability, possible presence of mud in the rainy
periods
For your visit
• Open all year round (the stretch of 6 km is always open,
while a 3 km further is open on Thursday, Saturday, Sunday
and holidays).
• free access
• Recommended hours: all day
• Duration: 2-3 hours
• Accessible to disabled only if accompanied
Services
• Visitor centre and services in the nearby oasis of Campotto
• Parking
From top to bottom:
Northern Shoveler
Anas clypeata,
Snipe
Gallinago gallinago,
Great White Egret
Egretta alba
and Penduline Tit
Remiz pendolinus.
17
OASI DI BANDO
A ridosso delle antiche Valli del Mezzano, nel Comune di
Portomaggiore, l’oasi delle Anse Vallive di Porto - Bacino di
Bando è una zona umida di straordinario valore naturalistico
per la salvaguardia di numerose specie animali e vegetali.
Una superficie di circa 52 ettari, composta da una vasca
centrale e da tre laterali più piccole, visitabile grazie a sentieri
che costeggiano i bacini.
Nel sito nidificano regolarmente numerose coppie di Oche
selvatiche e di Cicogne bianche, frutto di due progetti di
reintroduzione curati dalla Provincia di Ferrara che hanno
determinato il ritorno di queste specie animali.
Il variare della vegetazione e della profondità delle acque,
da un metro a pochi centimetri, garantisce una notevole
presenza di specie ornitiche in qualsiasi periodo dell’anno.
È possibile osservare tutte le specie di Ardeidi in compagnia
Navigator
Portomaggiore (FE)
Traversa Via Val d’Albero
N44° 31’30” E11°55’17”
Fer
rar
a
Anse Vallive di Porto - Bacino di Bando
Traversa di Via Val d’Albero,
Bando di Argenta (FE)
Tel. +39 0532 807512
[email protected] Apertura invernale
Sabato, domenica e festivi
10.00 – 16.00
Apertura estiva
Sabato, domenica e festivi
8.45 – 18.45
Comacchio
Oasi di
Bando
Winter opening
Saturday, Sunday and holidays
10.00 – 16.00
Summer opening
Saturday, Sunday and holidays
8.45 – 18.45
Bando
3
18
OASI DI BANDO
Located next to the Valli del Mezzano in the Municipality of
Portomaggiore, is the Oasis of Anse Vallive di Porto – Bacino
di Bando, a wetland of great natural value both for the
conservation of many plant and animal species. It is an area
of ​​about 52 hectares, and it consists of a central pond and
three smaller ponds, accessible through paths unwinding
near the water.
Numerous pairs of Greylag Goose and White Stork breed
normally on the site, as a result of two reintroduction projects
managed by the Province of Ferrara, which achieved the
return of these species. The diversity of vegetation and water
depth, from one meter to a few centimeters, ensures a large
presence of bird species at any time of the year.
You can see all species of Ardeidae, as wells as Marsh
Warbler and Great Reed Warbler.
di Cannaiole e Cannareccioni.
Nelle vasche, a seconda della stagione, nuotano diverse
specie di Anatidi come Germano reale, Mestolone, Alzavola,
Marzaiola, Fischione. Abbondanti sono gli esemplari nidificanti
di Falco di palude, di Svasso maggiore, Folaga e Gallinella
d’acqua. Nel prato umido si affollano invece i Limicoli:
Cavaliere d’Italia, Pittima reale, Piovanello e Combattente.
Sono presenti nell’oasi diversi esemplari di Spatola e una
colonia di Gruccioni.
Nel periodo invernale svernano centinaia di Oche selvatiche
miste ad individui di Oca lombardella e Oca granaiola.
Negli inverni più “fortunati” (quando nel Nord Europa le
temperature scendono più del solito) sono stati avvistati
anche Anseriformi molto rari per le nostre latitudini, come
l’Oca lombardella minore e l’Oca collorosso, tipica specie
a distribuzione artica. L’avvistamento di questi esemplari è
facilitata dalla presenza di capanni di osservazione lungo il
percorso dell’oasi.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 40
specie
• Capanni e schermature
• Buona agibilità anche in caso
di pioggia
Modalità di Fruizione
• Aperto tutto l’anno il sabato,
domenica e festivi dalle 08.45
alle 18.45 (orario estivo) e
dalle 10.00 alle 16.00 (orario
invernale)
• Orario consigliato: primo
mattino e tardo pomeriggio
• Durata: due ore
• Ingresso a pagamento
• Percorso parzialmente
accessibile
ai disabili
Servizi
• Centro visite
• Aula didattica
• Area pic-nic
• Parcheggio
• Visite guidate
su prenotazione
• Noleggio binocoli
In the ponds, depending on the season, swim different
species of ducks such as Mallard, Northern Shoveler,
Common Teal, Garganey, Wigeon. The breeding species are
abundant and include Marsh Harrier, Great Crested Grebe,
Coot and Moorhen. In the wet meadow can be observed
flock of waders such as Black-winged Stilt, Black-tailed
Godwit, Curlew Sandpiper and Ruff.
There are also species such as the Spoonbill and a colony
of Bee-eaters. In wintertime there are hundreds of Greylag
Goose wintering together with individuals of Greater Whitefronted Goose and Bean Goose.
In the more “lucky” winters (when in northern Europe the
temperature drops more than usual) we have also spotted
Anseriformes which are extremely rare for our latitudes: the
Lesser White-fronted Goose and Red-breasted Goose, all
species normally populating the Arctic areas. The sighting of
these species is facilitated by the presence of birdwatching
huts along the paths inside the oasis.
Features
• Chance to see over 40
species
• Birdwatching huts and
shielding
• Good practicability also in
case of rain
For your visit
• Open all year round on
Saturdays, Sundays and
holidays from 08.45 to 18.45
(summer) and from 10.00 to
16.00 (winter)
Dall’alto in basso:
Cicogna bianca
Ciconia ciconia,
Germano reale
Anas platyrhynchos,
Gallinella d’acqua
Gallinula chloropus.
Where | Dove
Where | Dove
3
• Recommended hours: early
morning and late afternoon
• Duration: 2 hours
• Admission fee
• Route partly accessible for
disabled
Services
• Visitor Centre
• Didactic room
• Picnic area
• Parking
• Guided tours by appointment
• Binoculars rental
From top to bottom:
White Stork
Ciconia ciconia,
Mallard
Anas platyrhynchos,
Moorhen
Gallinula chloropus.
19
VALLETTE DI OSTELLATO
A metà strada tra Ferrara e il mare si trovano le Valli di
Ostellato. Estese per circa 280 ettari, rappresentano il
residuo delle antiche Valli del Mezzano che lambivano
il territorio di Ostellato prima dell’ultima bonifica.
L’oasi è una zona umida di grande valore naturalistico,
diventata zona di protezione della fauna nel 1975.
Al suo interno ci sono circa 10 Km di sentieri
con percorsi naturalistici lungo i quali si trovano
capanni, torrette e schermature per l’osservazione
dell’avifauna, adatte per il birdwatching e per la
fotografia naturalistica.
L’ambiente umido è caratterizzato da canneti, tifeti
e boschetti di Prugnolo, Sambuco, Salice bianco,
Pioppo, Olmo e Farnia. A rendere l’oasi davvero
eccezionale sono le numerose specie di uccelli
Navigator
Ostellato (FE)
Via Argine Mezzano, 1
44°44’38”N 11°58’8”E
Villaggio Natura
Valli di Ostellato
Via Argine Mezzano,1 Ostellato (FE)
Tel. +39 0533 680757
[email protected]
Aperto tutto l’anno:
primavera/estate 8.30 - 20.00;
autunno/inverno 9.00 - 17.00
Open all year:
Spring / Summer 8:30 to 20:00;
Autumn / Winter, 9:00 to 17:00
4
20
Ferrara
Corte Centrale
Ostellato
Museo
del Territorio
Valle
t
te di
Com
acc
Oste
llato
hio
presenti. Nell’arco dell’anno si possono avvistare
numerose specie diverse di uccelli, tipiche del territorio
del Parco del Delta del Po, si tratta in gran parte di
uccelli acquatici. I principali abitanti dell’oasi sono:
Airone cenerino, Sgarza ciuffetto, Garzetta e Nitticora
che popolano una grande garzaia. Si possono
avvistare anche lo Svasso maggiore, il Tuffetto, il
Tarabusino e numerosi Passeriformi che trovano
riparo nel fitto canneto. Infine gli Anatidi, in particolare
Germano reale, Moriglione e Oca selvatica che nidifica
sui dossi, tra i giunchi. Trovano rifugio nell’oasi anche
diverse specie di rapaci come il Gheppio, il Falco di
palude, il Gufo comune e la Civetta.
Dall’alto in basso:
Nitticora
Nycticorax nycticorax,
Svasso maggiore
Podiceps cristatus,
Beccamoschino
Cisticola juncidis.
Where | Dove
Where | Dove
4
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 40 specie
• Punti di osservazione, mascheramenti, torrette, capanni
• Buona agibilità, possibile presenza di fango nei periodi di pioggia
Modalità di Fruizione
• Aperto tutto l’anno con i seguenti orari: primavera/estate 8.30 - 20.00; autunno/inverno 9.00 - 17.00
• Orario consigliato: primo mattino e tardo pomeriggio
• Durata: minimo due ore e trenta
• Accesso a pagamento
• Percorso in parte accessibile ai disabili
Servizi
• Centro visite, museo e bookshop
• Parcheggio
• Punto ristoro, locanda
• Noleggio biciclette e car elettriche
• Visite guidate
• Noleggio Binocoli
VALLETTE DI OSTELLATO
to spot many different species typical of the Po Delta
(mostly water birds).
The most frequent species of the oasis are: Grey
Heron, Squacco Heron, Little Egret and Night Heron
that live in a large heronry. It is also possible to see
the Great Crested Grebe, Little Grebe, Little Bittern
and many Passeriformes who find shelter in the
dense reeds. Finally the Anatidae, especially Mallard,
Pochard and Greylag Goose nest on islets among
the reeds. Several species of birds of prey, like the
Kestrel, the Marsh Harrier, the Long-eared Owl and
the Little Owl also find refuge in this area.
The Vallette di Ostellato are halfway between Ferrara
and the Adriatic Sea. They extend for about 280
hectares and represent the remains of the ancient
wetlands of the old Valli del Mezzano before the last
reclamation intervention.
The oasis is a wetland of great natural value and in
1975 became an area of protection of wildlife.
There are about 10 km of trails along which there are
birdwatching huts, towers and shieldings, suitable for
birdwatching and nature photography.
The site is characterized by reeds, Bulrush, and
Blackthorn groves, Elder, White Willow, Poplar, Elm
and Oak. The several species of birds that can be
observed at the Vallette di Ostellato make the oasis
very remarkable. Throughout the year it is possible
Features
• Chance to see over 40 species
• Birdwatching huts, towers and shieldings
• Good practicability, possible presence of mud in rainy periods
For your visit
• Open all year round at the following times:
Spring / Summer 8:30 to 20:00; Autumn / Winter 9:00 to 17:00
• Recommended hours: early morning and late afternoon
• Duration: minimum two hours and thirty
• Access fee
• Route partly accessible for disabled
Services
• Visitor centre, museum and bookshop
• Parking
• Refreshment
• Rent bicycles and electric cars
• Guided tours
• Binoculars rental
From top to bottom:
Night Heron
Nycticorax nycticorax,
Great Crested Grebe
Podiceps cristatus,
Fan-tailed Warbler
Cisticola juncidis.
21
RISERVA NATURALE
ORIENTATA DUNE FOSSILI
DI MASSENZATICA
SIC – ZPS IT4060010
Le Dune Fossili di Massenzatica si trovano nel Comune
di Mesola, sono ben segnalate e si raggiungono
facilmente, sia da Pomposa, che da Mesola.
Dal parcheggio esterno, subito dopo il Centro visite, ci
si inoltra in un sentiero circolare con una variante che
conduce ad un punto panoramico.
L’area è costituita da relitti di dune dell’antica linea
di costa di epoca Etrusca, che da Ravenna arrivava
fino a Chioggia. Le Dune di Massenzatica hanno
un’estensione di circa 50 ettari e rappresentano oggi
Navigator
Mesola (FE)
Via Strada Fronte
N44°53’51’’ E12°09’39’’
Monticelli
Centro Visite Riserva
Naturale Orientata Dune
Fossili di Massenzatica
Tel. +39 0533 790159
[email protected]
Prenotazione visite guidate
Reservations for guided tours
Tel. +39 339 5996650
Aperto tutto l’anno dal martedì
al sabato dalle 09.00 alle 14.00
Open all year from Tuesday to
Saturday from 09.00 to 14.00
Ferrara
S.S
9R
ome
a
Italba
RISERVA NATURALE
ORIENTATA DUNE FOSSILI
DI MASSENZATICA
SCI – SPA IT4060010
22
A sinistra: Pettirosso
Erithacus rubecola;
a destra dall’alto al basso:
Gruccione
Merops apiaster,
Assiolo Otus scops
e Testuggine di Hermann
Testudo hermanni.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 25 specie
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: due ore circa
• Percorso per non vedenti
Servizi
• Centro visite
• Parcheggio
• Area pic-nic
• Visite guidate su prenotazione
Dune fossili di
Massenzatica
. 30
5
le dune più alte di tutto il Delta del Po (circa 7 metri
sopra il livello del mare).
La riserva, oltre al birdwatching, ben si presta
all’osservazione naturalistica e allo studio della
botanica. Durante la passeggiata all’interno dell’area si
possono osservare il Ramarro, la Lucertola campestre,
la Testuggine di terra e altri Rettili come il Biacco e la
Natrice dal collare.
La natura sabbiosa del terreno attira particolarmente il
Gruccione che sfrutta l’area per la nidificazione, mentre
l’area boscata, con arbusti, favorisce l’insediamento
dell’Upupa, del Canapino, del Rigogolo e dell’Assiolo.
The fossil dunes of Massenzatica, within the
Municipality of Mesola, are easily accessible both
from Pomposa and from the town of Mesola.
Just after the Visitors centre you go along a circular
path with a variant that leads to a lookout point.
The area extends for about 50 hectars and consists
of remains of ancient sand dunes which date back
to Etruscan age along the old coastline, which
stretched from Ravenna to Chioggia; they represent
the highest sand dunes of the Po Delta (about 7
meters above the sea level).
The natural reserve, in addition to birdwatching, can
offer interesting wildlife and botanical observations.
Walking along the paths it is possible to see the
European Green Lizard, the Italian Lizard, the
Hermann’s Tortoise and other reptiles such as Green
Whip Snake and Grass Snake.
The sandy soil attracts especially the Bee-eaters
which nest here, while the wooded area with shrubs
is ideal for Hoopoe, Melodious Warbler, Golden Oriole
and Scops Owl.
Features
• Chance to see over 25 species
• Good practicability in case of rain
For your visit
• Area open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: two hours
• Path for the blinds
Services
• Visitor centre
• Parking
• Picnic area
• Guided tours by appointment
Left: Robin
Erithacus rubecola;
right from top to bottom:
Bee-eater
Merops apiaster,
Scops Owl Otus scops,
Hermann’s Tortoise
Testudo hermanni.
Where | Dove
Where | Dove
5
RISERVA NATURALE
BOSCO DELLA MESOLA
SIC – ZPS IT4060015
Situato tra i comuni di Mesola, Goro e Codigoro, il Bosco della
Mesola si estende su di un’area di 1058 ettari. Per via delle
caratteristiche fisiche del terreno (piccole dune e depressioni
infradunali) nel bosco sono presenti diverse tipologie di piante
che variano dalle termofile come il Leccio, alle igrofile, quali il
Pioppo e il Frassino, mentre tra i due ambienti si posizionano le
piante cosiddette mesofile, rappresentate dalla Farnia.
Si trovano tre percorsi di diverse lunghezze, che variano dall’una
alle tre ore di percorrenza lungo i quali si possono osservare
i discendenti dell’antica popolazione di Cervo nobile (noto
anche come Cervo delle dune), oggi affiancati da numerosi
Daini, specie di recente introduzione. Interessante anche la
Bosco Mesola
Goro
9
30
S. ea
S. om
R
i
Po d
Navigator
Bosco Mesola (FE)
Via dei Frassini
N44°51’20” E12°14’39”
Corpo Forestale dello Stato
Comando di Bosco Mesola
State Forestry
Command of Bosco Mesola
Via Frassini, 24
Tel. +39 0533 794285
Torre Palù
Testuggine di palude che si può facilmente osservare lungo
i canali che attraversano il bosco. Molto comune anche la
Testuggine terrestre, oggetto di un programma di protezione.
L’avifauna è rappresentata da vari tipi di Silvidi come
la Cinciarella, la Cinciallegra, la Capinera, l’Usignolo, il
Rampichino, il Rigogolo e il Frosone, solo per citarne alcuni.
Sono presenti poi il Picchio rosso e il Picchio verde, l’Upupa e
una numerosa colonia stanziale di Colombaccio.
Cinque sono le specie di rapaci notturni che solitamente
frequentano il bosco: il Barbagianni, la Civetta, il Gufo comune,
l’Allocco e l’Assiolo.
Il periodo migliore per visitare il bosco è senza dubbio la
primavera, quando il canto degli uccelli raggiunge il massimo
della sonorità.
Dall’alto al basso:
Gufo comune Asio otus,
Cervo delle dune
Cervus elaphus
e Upupa Upupa epops.
Where | Dove
Where | Dove
6
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare più di 35 specie
• Buona agibilità, possibile presenza di fango nei periodi di pioggia
Modalità di Fruizione
• Aperto da marzo a ottobre il martedì, venerdì, sabato e
domenica dalle 08.00 alle 18.00 (ore 16.00 orario solare)
• Orario consigliato: primo mattino e tardo pomeriggio
• Durata: minimo due ore
• Accesso a pagamento
• Alcuni sentieri sono accessibili ai disabili
• Percorso per non vedenti
Servizi
• Parcheggio a pagamento
• Area pic-nic
• Escursioni guidate nell’area preclusa al pubblico su prenotazione
• Visite guidate su prenotazione
• Noleggio biciclette
Goro
Bosco della
Mesola
Sacca
di Goro
o
lan
i Vo
od
Lid
Info e prenotazioni
visite guidate
Servizio informativo del Parco
Info and reservations
guided tours
Park Service Information
Tel. +39 346 8015015
6
24
RISERVA NATURALE
BOSCO DELLA MESOLA
SCI – SPA IT4060015
The Mesola Wood is located between the towns of Mesola,
Goro and Codigoro and covers an area of 1058 hectares.
Because of the characteristics of the soil (small dunes and
depressions between them) different types of plants ranging
from thermophilic like Holm Oak, to hygrophilous, such as
Poplar and Ash can be observed in the wood, in addition
to these species one can also find the so-called mesophile
plants, represented by the English Oak.
There are three routes of different lengths, ranging from
one to three hour journey during which you can see the
descendants of the ancient population of Red Deer (also
known as Stag of the dunes), now joined by a number of
Fallow Deer, species of recent introduction. Also interesting
is the European Pond Turtle that can easily be seen along the
canals that cross the forest. Very commonis the Hermann’s
Tortoise, (now subject of a protection program).
The birds located here are specially various kinds of Silvidi
such as Blue Tit, Great Tit, Blackcap, Nightingale, Shorttoed Treecreeper, Golden Oriole and Hawfinch… just to
name a few.
There are then the Great Spotted Woodpecker and Green
Woodpecker, Hoopoe and a permanent colony of Common
Wood Pigeon.
There are also five species of owls living in the woods: the
Barn Owl, the Little Owl, the Long-eared Owl, the Tawny
Owl and the Scops Owl. The best time to visit the forest
is undoubtedly the spring when birds are singing at their
maximum.
From top to bottom:
Long-eared Owl
Asio otus,
Red Deer
Cervus elaphus,
Hoopoe
Upupa epops.
Features
• Chance of seeing more than 35 species
• Good practicability, possible presence of mud in the rainy periods
For your visit
• Open from March to October on Tuesdays, Fridays, Saturdays
and Sundays from 08.00 to 18.00 (16.00 solar time)
• Recommended hours: early morning and late afternoon
• Duration: minimum two hours
• Access fee
• Some trails are wheelchair accessible
• Path for the blinds
Services
• Parking on payment
• Picnic area
• Guided tours in the area normally closed to the public by appointment
• Guided tours by appointment
• Bicycle rental
25
BOSCO DI SANTA GIUSTINA
SIC – ZPS IT4060015
Il Bosco di Santa Giustina, detto anche della
“Fasanara”, si trova a Nord del Bosco della Mesola,
nei pressi dell’abitato di Santa Giustina, ma un tempo
faceva parte della grande area boscata che ricopriva
quasi per intero la “Media Insula”.
Si estende per circa 200 ettari dal piccolo centro
rurale fino al Po di Goro.
Il bosco è visitabile tutto l’anno e la visita si svolge
attraverso un sentiero principale che attraversa il
bosco da Sud a Nord, dal quale partono altri sentieri
secondari che si diramano nel bosco.
La fauna è molto simile a quella del Bosco della
Navigator
S.Giustina di Mesola (FE)
Piazza Bruno Rossi
N44°54’22” E12°16’10”
o
i Gor
ia
ez
• Tavern • Hostel • Learning
Center • Fishing • Rent a bike
Open all year
Mesola
Bosco
di Santa
Giustina
S.S. 3
09
Castello
di Mesola
Tel. +39 0533 993176
Ra
ven
26
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare più di 35 specie
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore
• Non accessibile ai disabili
Servizi
• Centro visite, bookshop, punto ristoro, ostello
• Parcheggio a S. Giustina in Piazza Bruno Rossi
• Area pic-nic
• Visite guidate su prenotazione
• Noleggio biciclette
Po d
•Osteria •Ostello •Centro didattico
•Pesca sportiva •Noleggio bici
Aperto tutto l’anno
7
a sinistra:
fioritura di orchidee;
a destra dall’alto al basso:
Picchio rosso maggiore
Dendrocopos major,
Cuculo Cuculus canorus,
Cinciallegra Parus major,
e Volpe Vulpes vulpes.
Ve
n
Torre Abate oasi naturale
Piazza Bruno Rossi, 21
Santa Giustina Mesola (FE)
Mesola con l’assenza però di Cervi e Daini. Per questo
motivo, il Bosco di Santa Giustina presenta un ricco
sottobosco a macchia mediterranea, con Asparago
selvatico, Pungitopo, cespugli di Ginepro e Fillirea.
In primavera si possono osservare interessanti fioriture
di diversi tipi di orchidee selvatiche spontanee.
Nel Bosco di Santa Giustina numerosi sono i Fagiani,
è inoltre presente il Picchio rosso maggiore, la
Cinciallegra, la Capinera, la Ghiandaia, il Cuculo oltre
a numerosi altri uccelli silvani.
Where | Dove
Where | Dove
7
na
Torre Abate
Santa Giustina
BOSCO DI SANTA GIUSTINA
SCI – SPA IT4060015
The Wood of Santa Giustina, also known as the
“Fasanara Wood”, is located north of Mesola Wood,
near the small town of Santa Giustina, but was once
part of the large wooded area that covered almost the
whole “Media Insula”.
It covers about 200 hectares from the small rural town
to the Po di Goro river.
The forest is open all year and the visit takes place
on a main path that crosses the wood from south to
north, from which branch off other secondary trails.
The fauna is very similar to the one of Mesola Wood,
with the absence, however, of Red- and Fallow Deers.
And this is why the Bosco di Santa Giustina has a
rich undergrowth of Maquis shrubland, with Wild
Asparagus, Butcher’s broom, bushes of Juniper and
Phyllirea. In springtime it is possible to see different
kinds of wild Orchids.
In the wood of Santa Giustina, there are many
Pheasants, there is also the Great Spotted
Woodpecker, the Great Tit, the Blackcap, the Roller,
the Cuckoo and many other woodland birds.
Features
• Chance of seeing more than 35 species
• Good practicability in case of rain
For your visit
• Open all year
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours
• Not accessible for disabled
Services
• Visitor centre, bookstore, dining, hostel
• Parking at St. Giustina Piazza Bruno Rossi
• Picnic area
• Guided tours by appointment
• Bicycle rental
left: orchids blooming;
right from top to bottom:
Great Spotted Woodpecker
Dendrocopos major,
Cuckoo Cuculus canorus,
Great Tit Parus major,
Fox Vulpes vulpes.
27
SACCA DI GORO
SIC – ZPS IT4060005
La Sacca di Goro è un’ampia laguna racchiusa tra il Po di Goro
e il Po di Volano, raggiungibile dalle strade che conducono a
Goro e Gorino Ferrarese.
Si estende per circa 3.000 ettari ed è conosciuta per la
produzione di molluschi, in particolar modo vongole, che
trovano nei fondali della sacca il luogo ideale per accrescersi
e svilupparsi.
Una parte della sacca, denominata Valli di Gorino, comprende
zone di oasi ad alta naturalità, con canneti e barene.
La zona confinante con il mare è delimitata da una lunga
striscia di sabbia localmente chiamata “scanno” meglio
conosciuta come “Isola dell’amore”, i birder invece amano
definirla “l’isola dei limosi” per via delle migliaia di Limicoli che lì
si fermano per lo svernamento.
sco
Bo sola
Me
Navigator
Gorino (FE)
Piazzale Michele Passarella
N44°49’08” E12°21’01”
Goro
Santa
Giulia
Goro (FE)
Piazzale Sandro Pertini
N44°50’55” E12°17’34”
Gorino
o
an
Po
ro
di
Go
Vo
l
Sacca di Goro
Sca
nno
di G
oro
Lanterna
vecchia
Faro di Goro
8
28
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre
50 specie
• Punto di osservazione alla
“Lanterna vecchia”
• Buona agibilità, possibile
presenza di fango nei periodi
di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: in barca
tutto il giorno, dall’argine,
al primo mattino e al tardo
pomeriggio
Dall’alto al basso:
Beccacia di mare
Haematopus ostralegus,
Smergo minore
Mergus serrator
e Svasso piccolo
Podiceps nigricollis.
• Durata: minimo tre ore
• Percorso libero lungo l’argine
della Sacca da Goro a Gorino
• Percorso libero da Gorino
fino a “Lanterna vecchia”
(non accessibile ai disabili)
Servizi
• Parcheggio a Goro e Gorino
• Area pic-nic a Goro e Gorino
• Noleggio biciclette a Goro e
Gorino (zona porto)
• Escursioni con operatori della
zona in barca e motonave
• Visite guidate su prenotazione
di
Tel. +39 346 5926555
[email protected]
Po
Navi del Delta
Escursioni in motonave
Excursions by boat
Gorino
Sullam
Nonostante l’elevata frequentazione dell’uomo per le attività
di pesca, numerose sono le specie presenti avvistabili durante
tutto l’anno, in un continuo avvicendarsi di partenze e arrivi.
In inverno le acque della sacca si popolano di vari stormi
di anatre, numerosissimo lo Svasso piccolo, facile anche
l’avvistamento di qualche Smergo minore.
Nelle barene si possono osservare diversi Limicoli tra cui
Chiurlo maggiore e Chiurlo piccolo, Voltapietre e poi ancora
Piovanello pancianera, Pivieressa e Pittima minore.
Con il cambio di stagione variano anche le specie, arrivano
infatti l’Airone rosso, la Sterna comune, il Fratino, il Fraticello,
l’Avocetta, il Cavaliere d’Italia e la Beccaccia di mare.
La Sacca di Goro si visita principalmente in barca, approfittando
delle varie escursioni organizzate dagli operatori della zona, ci
si può in ogni caso divertire anche da terra. I porti di Goro
e Gorino sono collegati da una strada che segue l’argine,
sulla quale vige un divieto di accesso alle auto, ma ci si può
tranquillamente inoltrare a piedi.
Where | Dove
Where | Dove
8
SACCA DI GORO
SCI – SPA IT4060005
The Sacca di Goro is a large lagoon enclosed by the branches
of the river Po, Po di Goro and Po di Volano, reached by roads
that lead to Goro and Gorino Ferrarese.
It covers about 3000 hectares and is known for the production
of shellfish, especially clams, which find in the bottom of the
“sacca” the perfect place to grow and develop.
A portion of the lagoon, called “Valle di Gorino”, includes
some areas of high natural value, such as reed beds and salt
marshes.
Along the coast line there is a long strip of sand locally called
“scanno” better known as “Island of Love;” the birdwatchers
rather like to call it “the island of silters” because of the
thousands of waders that stop here wintering.
Despite the frequent presence of fishermen, many species
are commonly seen throughout the year, in a continuous
succession of departures and arrivals.
In winter, the lagoon are filled with ducks, very common is also
the Black-necked Grebe, and also relatively easy to spot is the
Red-breasted Merganser.
On sandbanks one can see several waders including Curlew,
Whimbrel, Ruddy Turnstone, Dunlin, Grey Plover and Bartailed Godwit only to mention some.
With the change of season also the species coming and
going vary: we have the Purple Heron, the Common Tern, the
Kentish Plover, the Little Tern, the Avocet, the Black-winged
Stilt and the Oystercatcher.
It is possible to visit the Sacca di Goro by boat, thanks to
many organized boat excursions; but it is also possible to
enjoy it from the mainland. The ports of Goro and Gorino are
connected by a road that follows the bank, which bans the
presence of cars, thus becoming a great route to walk along.
Features
• Chance to see over 50
species
• Observation point at the
“Old Lantern”
• Good practicability,
possible presence of mud
in the rainy periods
For your visit
• Open all year round
• Time recommended:
by boat all day, from the
bank, in the early morning
and late afternoon
• Duration: minimum three
hours
• Free path along the bank
of the lagoon from Goro to
Gorino
• Free path from Gorino up to
“Old Lantern”
Services
• Parking at Goro and Gorino
• Picnic area at Goro and
Gorino
• Bicycle rent at Goro and
Gorino (port area)
• Boat excursions with tourist
operators
• Guided tours by appointment
From top to bottom:
Oystercatcher
Haematopus ostralegus,
Red-breasted Merganser
Mergus serrator,
Black-necked Grebe
Podiceps nigricollis.
29
VALLE DINDONA
SIC – ZPS IT4060005
L’area conosciuta come Valle Dindona è un’ansa
golenale di 10 ettari che si trova lungo il Po di Goro,
tra l’abitato di Goro e quello di Gorino Ferrarese.
Si raggiunge a piedi o in bicicletta lungo la ciclabile
sull’argine destro del Po di Goro. In auto si può arrivare
percorrendo la strada provinciale che da Goro porta
a Gorino Ferrarese, girando a sinistra dopo 3 km da
Goro, in Via Vallazza. Una volta giunti alla fine della
via si prosegue a piedi salendo sull’argine con vista
sulla golena.
La vegetazione che vi si trova è quella tipica ripariale
formata da Salice e Pioppo, con ampi canneti. Sugli
Navigator
Goro (FE)
Via Corte Po
N44°51’01” E12°19’54”
Po d
i Goro
Valle
D
alberi si insedia in primavera un’interessante garzaia,
una piccola città degli aironi dove nel medesimo
albero nidificano abitualmente specie diverse di
Ardeidi. Questa garzaia è diventata particolarmente
interessante in quanto da alcuni anni agli aironi si è
unito anche il Cormorano. Gli aironi nidificanti sono:
Airone cenerino, Airone guardabuoi, Airone rosso,
Garzetta, Nitticora e Sgarza ciuffetto.
Dall’alto dell’argine, dalla parte opposta della golena,
si possono osservare le campagne coltivate a risaia,
dove non è difficile avvistare la Volpoca, la Folaga, il
Cavaliere d’Italia; frequente anche l’Albanella minore.
Dall’alto al basso:
Airone rosso
Ardea purpurea,
Martin pescatore
Alcedo attis
e Airone guardabuoi
Bubulcus ibis.
Where | Dove
Where | Dove
9
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare più di 30 specie
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore
• Percorso praticabile dai disabili partendo da Goro
(Via Vincenzo Monti)
Servizi
• Parcheggio a Goro e Gorino
• Area pic-nic a Goro e Gorino
• Noleggio biciclette a Goro e Gorino (zona porto)
• Escursioni con operatori della zona in barca e motonave
• Visite guidate su prenotazione
indon
a
Goro
Bosco
Mesola
Sacca di Goro
9
30
o
Gorin
VALLE DINDONA
SCI – SPA IT4060005
The area known as Valle Dindona is a flooded-plain
of 10 hectares located along the river Po di Goro,
between the towns of Goro and Gorino Ferrarese.
You can walk or travel by bike along the cycle route
on the bank on the right hand side of the Po di Goro,
or you can drive along the road that from Goro leads
to Gorino Ferrarese, turning left after 3 km from Goro,
in Via Vallazza. At the end of the street you can walk
on the embankment of the river and from here you
can have a beautiful view over the flooded plain.
The vegetation consists of Willows, Poplars and
Reeds. In springtime an interesting heronry settles
on the trees, it is like a “small town” where different
species of herons live and nest on the same trees.
This heronry has become particularly interesting in the
last few years as herons are joined by Cormorants.
The nesting herons are: Grey Herons, Cattle Egrets,
Purple Herons, Little Egrets, Night Herons and
Squacco Herons.
From the bank, on the other side of the plain you can
see the paddy fields, cultivated fields, where it is not
difficult to spot different species such as Shelduck,
Coot, Black-winged Stilt and Montagu’s Harrier.
Features
• Chance of seeing more than 30 species
• Good practicability in case of rain
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours
• Accesible for the disables starting from
Goro (Via Vincenzo Monti)
Services
• Parking at Goro and Gorino
• Picnic area at Goro and Gorino
• Bicycles rental at Goro and Gorino (port area)
• Boat excursions with tourist operators
• Guided tours by appointment
From top to bottom:
Purple Heron
Ardea purpurea,
Kingfisher
Alcedo attis,
Cattle Egret
Bubulcus ibis.
31
FOCE PO DI VOLANO
SIC – ZPS IT4060005
Il sito si trova nei pressi dell’abitato del Lido di
Volano ai margini della Sacca di Goro e si raggiunge
parcheggiando l’auto al “capitello della Madonnina”
che si trova, arrivando dalla S.S. 309 Romea, appena
giunti a Volano. Il sentiero si snoda tra la pineta e la
spiaggia ed è percorribile in due direzioni. Superata
la sbarra dietro il capitello e proseguendo diritti si
raggiunge la torretta con vista sul Bosco della Mesola
e sulla Foce del Po di Volano. Seguendo invece il
sentiero a destra, con un percorso ad anello si arriverà
fino alla spiaggia. Da qui proseguendo verso Sud si
raggiunge il bagno “Il Cormorano”, e da lì, percorrendo
Navigator
Lido di Volano (FE)
Via Lido di Volano
N44°48’11” E12°15’59”
Sacca
di Goro
sco
Bo esola
M
Valli
Canneviè
o
tic
Valle Bertuzzi
re
Ma
Lido di Volano
Ad
ria
Torre della
Finanza
Lido delle Nazioni
32
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare più di 50 specie
• Torretta di osservazione
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo tre ore
• Percorso parzialmente
accessibile ai disabili
Servizi
• Parcheggio
A sinistra: Germano reale
Anas platyrhynchos;
a destra dall’alto al basso:
Pittima minore
Limosa lapponica,
Tarabusino
Ixobrychus minutus
e Porciglione
Rallus aquaticus.
Foce
Po di Volano
S
Ro .S. 3
me 09
a
10
la strada bianca di accesso allo stabilimento balneare,
si ritorna al capitello.
La varietà di ambienti che si incontrano (pineta,
fiume, bosco, spiaggia, sacca, canneto e laguna)
permette una vasta gamma di avvistamenti, che varia
dagli uccelli del bosco agli uccelli di ripa, e ancora,
dagli uccelli marini della sacca ai Passeriformi del
canneto.
Per diversi anni, fino al 2010, tra le foci del Po di
Volano e l’adiacente Bosco della Mesola ha svernato
un esemplare di Aquila minore, piuttosto rara nel
Delta del Po.
Where | Dove
Where | Dove
10
FOCE PO DI VOLANO
SCI – SPA IT4060005
The site is located near the town of Lido di Volano
on the edge of the Sacca di Goro. You can park the
car near the small monument called “Madonnina”,
coming from the S.S. 309 Romea, just at the
entrance of Lido di Volano. The trail goes through the
pine forest as far as the beach and then takes two
directions. You go over the barrier which lies behind
Madonnina and then go straight on until you will reach
the birdwatching tower overlooking Mesola Wood
and the mouth of the river Po di Volano. If you follow
the path on the right you will reach the beach. From
here heading south it is possible to reach the beach
bar “Il Cormorano”, and from there you can return to
Madonnina following the lane which is normally the
access for tourists to the the beach.
The variety of environments encountered (pine forest,
river, Mediterranean vegetation, beach, reeds and
lagoon) allows a wide range of sightings: forest birds,
shorebirds, and again, from sea birds in the lagoon to
passeriformes among reeds.
For several years, until 2010, between the mouths
of the Po di Volano and the adjoining Mesola Wood
wintered a Booted Eagle, rather rare in the Po Delta.
Features
• Chance of seeing more than 50 species
• Birdwatching tower
• Good usability in case of rain
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum three hours
• Path partially accessible to disabled
Services
• Parking
Left: Mallard
Anas platyrhynchos;
right from top to bottom:
Bar-tailed Godwit
Limosa lapponica,
Little Bittern
Ixobrychus minutus
and Water Rail
Rallus aquaticus.
33
OASI DI CANNEVIÈ – PORTICINO
SIC – ZPS IT4060004
L’oasi di Canneviè e Porticino si trova lungo la strada
che dalla S.S. 309 Romea porta al Lido di Volano.
L’oasi, che ha una superficie di 67 ettari, è un residuo
di un’estensione valliva molto più ampia, bonificata a
partire dagli anni ’50 del secolo scorso, è attrezzata
con Centro Visite, punto ristoro, ristorante ed un
centro congressi.
Il percorso è dotato di capanni e mascheramenti,
consente di avvistare durante tutto l’anno una buona
varietà di specie, tra cui Totano moro, Volpoca,
Beccaccino, Martin pescatore, Fenicottero rosa,
Alzavola, Marzaiola, Germano reale e Falco di
palude.
Partendo dalla stazione di Canneviè, all’inizio del
Navigator
esola
co M
Codigoro (FE)
Via Località per Volano, 45
N 44°48’25’’ E12°14’14’’
Bos
Oasi Canneviè
Via per Volano, 45
Volano di Codigoro (FE)
Tel. +39 0533 719014
[email protected]
Valli Canneviè
Porticino
09
.3 a
S.Some
R
Po di
Volano
Volan
o
Torre della
Finanza
Valle Bertuzzi
34
Dall’alto in basso:
Avocetta
Recurvirostra avosetta,
Totano moro
Tringa erythropus,
Cavaliere d’Italia
Himantopus himantopus
e Cutrettola Motacilla flava.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare più di 45 specie
• Punti di osservazione e capanni
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: primo mattino
• Durata: minimo due ore
• Percorso con libero accesso dalla stazione di Canneviè
• Percorso accessibile ai disabili
Servizi
• Centro visite, bookshop, punto ristoro, hotel, centro congressi
• Area pic-nic
• Parcheggio
• Visite guidate su prenotazione
• Noleggio biciclette
Porticino
Canneviè
11
sentiero si trova un capanno di osservazione per
una prima panoramica sull’oasi; seguendo il sentiero
si raggiunge un secondo capanno posizionato in
un’area particolarmente nascosta e preferita dagli
uccelli. Qui si possono fare le osservazioni migliori e
la caccia fotografica in quanto gli animali spesso si
trovano molto vicini.
Proseguendo in direzione di Porticino si arriva
all’ultimo capanno dove, in primavera, si possono
vedere facilmente l’Avocetta e il Cavaliere d’Italia.
Interessante anche lo specchio d’acqua limitrofo
all’oasi, davanti alla chiesa di Volano, nel quale si
possono vedere diversi Limicoli a pochi metri dalla
strada.
Where | Dove
Where | Dove
11
CANNEVIÈ – PORTICINO
SCI – SPA IT4060004
The oasis of Canneviè-Porticino is located along the
road that, from the S.S. 309 Romea leads to the Lido
di Volano. The oasis, which has an area of 67 hectares,
is what remains today of a much larger wetland,
drained in the 1950s, and now equipped with a Visitor
centre, dining, restaurant and conference center.
The route has birdwatching huts and shieldings that
allow visitors to spot a good variety of species all
year round, including Spotted Redshank, Shelduck,
Common Snipe, Kingfisher, Greater Flamingo,
Common Teal, Garganey, Mallard and Marsh Harrier.
Starting from Canneviè at the beginning of the path
there is a birdwatching hut for a first look at the oasis,
following the path you’ll reach a second hut hidden
and located in a special area loved by birds. From
here you can make the best observations and take
good photos as the animals are often very close.
Continue in the direction of Porticino to the last
birdwatching hut, where, in spring, often you can see
the Avocet and the Black-winged Stilt.
Also interesting is the stretch of water adjacent (east)
to the oasis, in front of the church of Volano, where it
is possible to see various waders a few meters from
the road.
Features
• Chance of seeing more than 45 species
• Birdwatching huts
• Good usability in case of rain
For your visit
• Area open all year round
• Recommended hours: early morning
• Duration: minimum two hours
• Path with free access from the station Canneviè
• Path accessible for disabled
Services
• Visitor centre, bookstore, dining, hotels, conference center
• Picnic area
• Parking
• Guided tours by appointment
• Bicycle rental
From top to bottom:
Avocet
Recurvirostra avosetta,
Spotted Redshank
Tringa erythropus,
Black-winged Stilt
Himantopus himantopus,
Yellow Wagtail
Motacilla flava.
35
VALLI BERTUZZI
SIC – ZPS IT4060004
Le Valli Bertuzzi che comprendono anche Valle
Cantone e Valle Nuova, hanno un’estensione di
circa 2.000 ettari e sono utilizzate per l’allevamento
del pesce. Si raggiungono facilmente dalla S.S. 309
Romea seguendo le indicazioni per il Lido di Volano
o per il Lido delle Nazioni. Si prosegue lungo la strada
panoramica Acciaioli che li unisce.
Lungo questa strada, all’altezza del Villaggio turistico
“Spiaggia Romea”, è presente una torretta che
consente una veduta panoramica sulla valle da pesca
e spesso da questa capita di osservare numerosi
Fenicotteri rosa, che dalle vicine Saline di Comacchio
si spostano per alimentarsi.
Navigator
Sacca
di Goro
o
Bosc la
Meso
S
Ro .S.
m 309
ea
Lido di Volano (FE)
Via Strada Acciaioli
N 44°48’00” E 12°15’35”
Cannevè
Po
d
i V ano
ol
Valli
Canneviè
Porticino
Lungo il canale circondariale della valle è invece facile
osservare Folaghe, Morette, Moriglioni, Cigni reali,
Cormorani e Marangoni minori.
Riveste un certo interesse anche il Lago delle Nazioni,
che si trova a Sud-Est dell’Acciaioli dove, in primavera,
si possono osservare lo Svasso maggiore e in inverno
lo Svasso minore; non è raro osservare anche la
Strolaga mezzana o la Pesciaiola.
Nel periodo invernale si consiglia una passeggiata
che, partendo dal Lido delle Nazioni e arrivando fino
al litorale prospiciente Spiaggia Romea, permette di
osservare Limicoli e uccelli marini.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Torretta di avvistamento
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: mattino
• Durata: circa un ora
• Libero accesso alla torretta di osservazione
• Non accessibile ai disabili
Servizi
• Parcheggio al
Lido di Volano o al
Lago delle Nazioni
A sinistra:
Folaga Fulica atra;
a destra dall’alto in basso:
Moriglione Aythya ferina,
Cigno Reale Cygnus olor e
Poiana Buteo buteo.
Where | Dove
Where | Dove
12
Torre della
Finanza
Lido di Volano
36
Lido delle Nazioni
Ad
re
Ma
309
Lag
od
elle
S.S.
nna
Rave
12
ria
Na
tic
zio
o
ni
Valle Bertuzzi
VALLI BERTUZZI
SCI – SPA IT4060004
Valli Bertuzzi include “Valle Nuova” and “Val Cantone”,
they have an extension of about 2.000 hectares and
are used for fish farming. They can be easily reached
through S.S. Romea 309 following the signs to Lido di
Volano or Lido delle Nazioni and from these continuing
along Acciaioli road that connects them.
Along this road, in front of the holiday village “Spiaggia
Romea”, there is a birdwacthing tower that allows a
panoramic view over the fishing lagoon and often from
here it is possible to see many Greater Flamingos,
which move here to feed from the nearby Saline di
Comacchio.
Along the external canal of Valle Bertuzzi it is easy to see
Coot, Tufted Duck, Pochard, Mute Swan, Cormorant
and Pygmy Cormorant.
The Lake of Nazioni, which is located south-east of the
Acciaioli road, hosts the Great Crested Grebe, Rednecked Grebe (specially in springtime), while in winter it
is not uncommon to see even the Black-throated Loon
or Smew.
In winter we recommend a walk that starts from the
Lido delle Nazioni and reaches the beach in front of
Spiaggia Romea, allowing one to see waders and
seabirds.
Features
• Chance to see over 50 species
• Birdwatching tower
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: morning
• Duration: about one hour
• Free access to the birdwatching tower
• Not accessible for disabled
Services
• Parking at the Lido di Volano and at Lago delle Nazioni
Left: Coot Fulica atra;
right from top to bottom:
Pochard Aythya ferina,
Mute Swan Cygnus olor,
Common Buzzard
Buteo buteo.
37
VALLI E SALINE DI COMACCHIO
SIC – ZPS IT4060005
Le Valli di Comacchio si estendono per circa 11.000 ettari e
sono delimitate a Est dalla S.S. 309 Romea, a Sud dal fiume
Reno, a Ovest dall’argine Agosta ed a Nord dall’abitato di
Comacchio. In centro a Comacchio, in Piazzale Caduti per la
pace, si trova una torretta di avvistamento che si affaccia sul
grande specchio d’acqua di Valle Fattibello.
Dopo aver superato, nelle vicinanze della torretta, il ponte di
San Pietro e seguendo prima via Istria e successivamente,
tenendo la sinistra, Via Pega Est, si raggiunge Stazione Foce.
In questo sito, che rappresenta una delle aree più importanti
del Parco dal punto di vista ornitologico, è possibile praticare
il birdwatching seguendo tre distinti percorsi: a piedi
seguendo l’argine che da Stazione Foce porta alle saline tra
Valle Spavola e Valle Uccelliera; a piedi o in bicicletta, lungo
Valle
Fattibello
Valle
Zavelea
Porto
Garibaldi
Lido degli
Estensi
Salina di
Comacchio
Lido di
Spina
Foce
del
Reno
hio
Valli di Comacchio
c
elloc
9
. 30
S.S
Aperto da marzo ad ottobre
Open from March to October
Venezia
di B
Valle
Valli e saline di
Comacchio
Via Istria, Comacchio (FE)
Tel. +39 340 2534267
[email protected]
Museo della Nave Romana
Manifattura dei Marinati
Mare Adriatico
Comacchio
Navigator
Torretta Valle Fattibello:
Comacchio (FE)
Piazzale caduti per la pace
N 44°41’26” E 12°10’49”
Stazione di pesca Foce:
Comacchio (FE)
Via Istria,
N 44°41’15” E 12°10’12
Boscoforte
Casalborsetti
Reno
13
38
Raven
na
VALLI E SALINE DI COMACCHIO
SCI – SPA IT4060005
The Valli di Comacchio extend for about 11.000 hectares
and are bounded east by the S.S. Romea 309, south by
the river Reno, west by Agosta embankment and north by
the town of Comacchio. In the center of Comacchio, in the
Street called “Caduti per la Pace”, there is a birdwatching
tower that overlooks the large stretch of water called Valle
Fattibello.
After passing the St. Peter bridge, near the birdwatching
tower, you jollow Via Istria end then, keeping to the left, Via
Pega Est, until you reach Stazione Foce.
In this site, which is one of the most important areas of the
Park, you can go birdwatching along three distinct paths:
you can walk on the embankment that leads to the Salt-pans
between Valle Spavola and Valle Uccelliera; you can walk or
il sentiero che si trova sulla destra subito dopo il ponte in
ferro, fino a raggiungere il Casone Donnabona; in motonave,
grazie ad un’escursione all’interno delle valli stesse con la
quale si visitano i Casoni di Pegoraro e Serilla.
È possibile inoltre praticare birdwatching nel sentiero natura
dell’agriturismo Prato Pozzo e lungo l’argine Sud delle Valli a
piedi, in bicicletta o con pulmino elettrico.
L’avifauna delle Valli e delle Saline di Comacchio è
estremamente varia ma la punta di diamante è rappresentata
dal Fenicottero rosa che nidifica in primavera e vi staziona
poi durante tutto l’anno. In primavera arrivano per nidificare
Spatola, Cavaliere d’Italia, Beccaccia di mare, Avocetta,
Sterna comune, Sterna zampenere, Fratino, Fraticello e
diverse specie di gabbiani tra cui il Gabbiano corallino.
In inverno oltre alle numerose specie di Limicoli come Pittima
reale, Pantana, Pettegola, Pivieressa, Piovanello pancianera,
si possono osservare anche alcune specie nordiche come il
Quattrocchi, lo Smergo minore o il Gufo di palude.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare più
di 60 specie
• Punti di osservazione e
torrette
• Buona agibilità anche in
caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Percorsi a piedi accessibili
tutto l’anno
• Percorsi in motonave attivi
da marzo ad ottobre.
• Orario consigliato: tutto
il giorno
• Durata: intera giornata
• Percorso in motonave
accessibile ai disabili
Servizi
• Centro visite, bookshop,
punto ristoro, hotel
• Parcheggio
• Area pic-nic
• Visite guidate
• Noleggio biciclette
• Escursioni in motonave nelle
Valli di Comacchio
• Escursioni in pulmino elettrico
da Sant’Alberto e Comacchio
cycle along the path that is on the right just after the iron
bridge, until you reach the “Casone Donnabona”; you can
take a boat and enjoy a guided tour in the lagoon during
which you can also visit the old fishing houses “Casoni
Pegoraro and Serilla”. You can also go birdwatching along
the nature trail of the “Prato Pozzo” farm and on the southern
banks of the Valli di Comacchio on foot, by bicycle or by an
electrical bus. The birds of the Valli di Comacchio and Saline
are extremely varied but our jewell are the Greater Flamingos
that nest in spring and remain resident throughout the year.
The Spoonbill, Black-winged Stilt, Oystercatcher, Avocets,
Common Tern, Gull-billed Tern, Kentish Plover, Little Tern
and several species of gulls, including the Mediterranean Gull
arrive in spring to nest.
In winter, in addition to many species of waders such as Blacktailed Godwit, Greenshank, Redshank, Grey Plover, Dunlin, it is
possible to observe some northern species such as Goldeneye,
Red-breasted Merganser or the Short-eared Owl.
Features
• Chance of seeing more than
60 species
• Birdwatching towers and
shieldings
• Good usability in case of rain
For your visit
• Hiking trails accessible yearround
• Boat trips from March to
October.
• Recommended hours: all day
• Duration: full day
Dall’alto in basso:
Fenicottero
Phoenicopterus roseus,
Beccapesci
Sterna sandvicensis,
Spatola
Platalea leucorodia.
Where | Dove
Where | Dove
13
• Boat trips accessible to disabled
Services
• Visitor centre, bookstore, dining,
hotels
• Parking
• Picnic area
• Guided tours
• Bicycle rental
• Excursions by boat in the Valli di
Comacchio
• Excursions by electrical bus from
St. Alberto and Comacchio
From top to bottom:
Greater Flamingo
Phoenicopterus roseus,
Sandwich Tern
Sterna sandvicensis,
Spoonbill
Platalea leucorodia.
39
VENE DI BELLOCCHIO
E ANCONA
SIC – ZPS IT4060003
Il sito si trova a ridosso dell’abitato del Lido di Spina,
è raggiungibile dalla S.S. 309 Romea svoltando su
Via degli Etruschi e proseguendo poi a destra su Via
G. Puccini. Si può parcheggiare nei pressi del Lago di
Spina e da lì si prosegue a piedi lungo il sentiero che
costeggia il lago ed il campeggio adiacenti la pineta.
Al termine del sentiero, superato il piazzale asfaltato
si raggiunge la torretta di avvistamento dalla quale,
nelle ore pomeridiane, quando il sole è alle spalle,
si ha un’ottima visuale sulla zona umida di Vene di
Bellocchio e Ancona.
Tornati al piazzale fuori dal camping si può seguire la
via per il mare e lungo la battigia costeggiare le Vene
Navigator
Salina di
Comacchio
Lido degli
Estensi
Venezia
Lido di Spina
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 30 specie
• Torretta di osservazione
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato:
al mattino dalla spiaggia verso Valle
Ancona, nel pomeriggio dalla
torretta
• Durata: minimo tre ore
• Percorso parzialmente
accessibile ai disabili
Servizi
• Parcheggio
A sinistra: Garzetta
Egretta garzetta;
a destra dall’alto in basso:
Chiurlo maggiore
Numenius arquata,
Pettegola Tringa totanus
e Coriere piccolo
Charadrius dubius.
S.S
e
M a r
i c o
a t
r i
A d
Lido di Spina (FE)
Via Giacomo Puccini,
N 44°38’11” E 12°15’18”
di Bellocchio e Ancona fino alle foci del Reno.
Valle Ancona è una laguna salmastra di 250 ettari,
collegata direttamente con il mare e quindi soggetta
all’influsso delle maree. L’area è popolata da anatre,
aironi, gabbiani e sterne; con la bassa marea, quando
affiorano le barene, la zona è affollata da varie specie
di Limicoli tra cui il Chiurlo maggiore, la Pettegola e
la Pantana. Importante è inoltre la nidificazione del
Fratino.
Where | Dove
Where | Dove
14
9
. 30
Valli di
Comacchio
Vene di Bellocchio
e Ancona
Foce
del Reno
Ravenna
14
40
VENE DI BELLOCCHIO
E ANCONA
SCI – SPA IT4060003
The site is located near the town of Lido di Spina, and
can be reached from the S.S. 309 Romea turning into
Via degli Etruschi and then right into Via G. Puccini.
You can park near the Lake of Spina and from there
you can walk along the path next to the lake and the
campsite adjacent to the pine forest. At the end of the
path, past the small paved square until you reach the
birdwatching tower from which, in the afternoon, when
the sun is behind you, one can have an excellent view
over the wetlands “Vene di Bellocchio and Ancona”.
Back at the small paved square just outside the
campsite you can follow the paved way as far as
the sea and along the shoreline along the Vene di
Bellocchio and Ancona to the mouth of the Reno
river.
Valle Ancona is a brackish lagoon of 250 hectares,
directly connected with the sea and therefore subject
to the influence of the tides. The area is populated by
ducks, herons, gulls and terns; at low tide when the
sandbanks emerge, the area is crowded with various
species of waders including Curlew, Redshank and
Greenshank. It is also an important nesting site for
the Kentish Plover.
Features
• Chance to see over 30 species
• Birdwatching tower
• Good usability in case of rain
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: in the morning from the beach to Ancona, in the afternoon from the tower
• Duration: minimum three hours
• Path partially accessible for disabled
Services
• Parking
Left: Little Egret
Egretta garzetta;
right from top to bottom:
Eurasian Curlew
Numenius arquata,
Redshank
Tringa tetanus,
Little Ringed Plover
Charadrius dubius.
41
OASI VALLE ZAVELEA
SIC – ZPS IT4060002
L’oasi si trova nei pressi dell’idrovora Fosse, è ben
segnalata e da Comacchio si raggiunge facilmente
seguendo le indicazioni per Anita.
Il parcheggio si trova sul lato opposto rispetto
all’ingresso dell’oasi e da lì un sentiero conduce dritto
alla torretta di avvistamento, dalla quale è possibile
praticare il birdwatching.
Valle Zavelea è un bacino di acqua dolce di circa 70
ettari adiacente alle Valli di Comacchio, nella quale è
preclusa l’attività venatoria.
Per gli amanti del birdwatching è un’area molto
interessante durante tutto l’anno per la costante
Navigator
N 44°39’11” E 12°06’24”
Argine Agosta: Via
per Anita Loc. Fosse
Comacchio (FE))
Comacchio
presenza di numerose specie di uccelli.
È possibile anche fare osservazioni senza scendere
dalla vettura, sostando al lato della strada, soprattutto
nelle tarde ore del pomeriggio quando si è in favore
di luce.
Sopra il folto canneto è facile vedere il Falco di palude
intento a cacciare, numerose specie di Ardeidi, Anatidi
e molti Limicoli.
Valle Zavelea è un sito molto interessante per
quanto riguarda la nidificazione del Cavaliere d’Italia,
dell’Avocetta e della Pernice di mare.
In inverno è molto interessante scrutare i campi ed
i ripristini ambientali limitrofi, nei quali si possono
avvistare stormi di oche ed occasionalmente anche
di Pavoncelle.
A sinistra: Falco di Palude
Circus aeruginosus;
a destra dall’alto in basso:
Pavoncella
Vanellus vanellus,
Piro piro piccolo
Actitis hypoleucos
e Pernice di mare
Glareola pratincola.
Where | Dove
Where | Dove
15
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Torretta di osservazione
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore
• Percorso non accessibile ai disabili
Servizi
• Parcheggio
Oasi Valle Zavelea
Anita
15
42
OASI VALLE ZAVELEA
SCI – SPA IT4060002
Valle Zavelea is located near the water level regulator
named Fosse. From Comacchio it is well signposted
and is easily reached by following the signs for Anita.
Parking is located on the opposite side of the entrance
of the oasis and from there a path leads straight to
the birdwatching tower, from which you can practice
birdwatching.
Valle Zavelea is a basin of fresh water of about 70
hectares adjacent to the Valli di Comacchio, where
hunting is banned.
For birdwatchers it is a very interesting area throughout
the year round due to the constant presence of
numerous species of birds.
You can also spot interesting species without leaving
the car, stopping on the roadside, especially in late
afternoon when you are in favour of light.
Above the thick reed beds it is easy to see the Marsh
Harrier out hunting, and many species of Ardeidae,
Anatidae and many waders.
Valle Zavelea is also a nesting site for Black-winged
Stilt, Avocet and Collared Pratincole.
In winter it is very interesting to watch over the
environmental restoration and neighbouring fields,
where you may spot flocks of geese and occasionally
even Lapwings.
Features
• Chance to see over 50 species
• Birdwatching tower
• Good usability in case of rain
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours
• Not accessible for disabled
Services
• Parking
Left: Marsh Harrier
Circus aeruginosus;
right from top to bottom:
Lapwing
Vanellus vanellus,
Common Sanpiper
Actitis hypoleucos,
Collared Pratincole
Glareola pratincola.
43
BONIFICA DEL MEZZANO
ZPS IT4060008
Immensa distesa di terre coltivate, quest’area agricola
era un tempo parte integrante delle Valli di Comacchio
sottoposte, dalla seconda metà dell’800 fino ai primi
anni del ‘900, ad imponenti opere di bonifica.
Non sono presenti centri abitati ed è vietata l’attività
venatoria per questo motivo si possono osservare
specie particolari e talvolta rare.
Si segnalano ad esempio la Ghiandaia marina, il Gufo
di palude, la Pernice di mare, la Gru, senza contare le
centinaia di coppie di Fagiani presenti.
Notevole è la presenza di Cicogna, frutto di un
progetto di reintroduzione, di Pavoncella e di migliaia
di oche che si fermano in inverno.
Il birdwatching si pratica essenzialmente in auto
seguendo le poche strade asfaltate che attraversano
la campagna da Est ad Ovest e da Nord a Sud,
osservando nei fossati, nei campi intorno e sui cavi
della rete elettrica o della linea telefonica dove spesso
si posano Rapaci come il Lodolaio, il Gheppio e lo
Smeriglio.
A sinistra: Gufo di Palude
Asio flammeus;
a destra dall’alto in basso:
Ghiandaia marina
Coracias garrulus,
Oca selvatica Anser anser
e Gheppio
Falco tinunculus;
sotto: Civetta
Athene noctua.
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 45 specie
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore
• Percorso accessibile ai disabili
Where | Dove
Where | Dove
16
Navigator
Comacchio (FE)
Via Strada Mondonuovo
N 44°39’11” E 12°06’24”
hio
acc
Portomaggiore
Com
Zona archeologica
di Spina
Valli di C
omacch
Bonifica del Mezzano
io
Valle Zavelea
Argenta
Longastrino
16
BONIFICA DEL MEZZANO
SPA IT4060008
Now a vast area of cultivated land, this farm was once
part of the Valli di Comacchio and was reclaimed
thanks to an impressive project between 1870 and
1900.
There are no towns nearby and hunting is not
allowed, and thus, sometimes rare species can be
observed in this large location. Among the species
we can mention Roller, Short-eared Owl, Collared
Pratincole, Cranes, not counting the hundreds pairs
of Pheasants present.
We have the very important presence of Stork, in
44
result of a reintroduction project, of Lapwing and
thousands of geese that stop in winter.
The birdwatching is practiced mainly by car along
the few paved roads that cross the country from east
to west and from north to south, looking at ditches
and fields or around the electrical and telephone line
where one can spot the following raptors: Hobby,
Kestrel and Merlin.
Features
• Chance to see over 45 species
• Good usability in case of rain
For your visit
• Area open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours
• Path accessible for disabled
Left: Short-eared Owl
Asio flammeus;
right from top to bottom:
Roller Coracias garrulus,
Greylag Goose
Anser anser,
Kestrel Falco tinnunculus;
under: Little Owl
Athene noctua.
45
BOSCOFORTE
SIC – ZPS IT 4060002
Boscoforte è una penisola che si spinge per circa 6
km dall’argine sinistro del Reno all’interno delle Valli di
Comacchio. L’area è caratterizzata da una notevole varietà
di ambienti legati alla contemporanea presenza di acqua
dolce e di acqua salmastra: canneti, salicorneti, barene,
dossi sabbiosi e canali.
All’interno vivono alla stato brado numerosi esemplari di
Cavallo Delta/Camargue. Per la sua posizione privilegiata
e le sue caratteristiche strutturali, Boscoforte richiama
un’avifauna particolarmente ricca ed è un luogo privilegiato
per la sosta e la nidificazione di numerose specie.
L’accesso alla penisola è consentito solamente con visite
condotte da personale autorizzato.
In primavera – estate si possono osservare tutte le specie
Navigator
Comacchio
Sant’Alberto (RA)
Via Argine Sinistro Reno
N 44°37‘10“ E 12°10‘41“
Valli di Comacchio
Museo NatuRa di Sant’Alberto
Via Rivaletto, 25 Sant’Alberto (RA)
Tel. +39 0544 529260
[email protected]
Boscoforte
Aperto tutto l’anno, chiuso il lunedì
Open all year, closed on Mondays
Info e prenotazioni visite guidate
Servizio informativo del Parco
Info and booking tours
Park Service Information
Reno
Palazzone
Sant’Alberto
46
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre
60 specie
• Punti di osservazione,
capanno
• Buona agibilità, presenza
di fango con piogge
abbondanti
Modalità di Fruizione
• Durata: minimo due ore
e trenta
• Ingresso regolamentato
con visite guidate
al Sabato e alla Domenica,
ore 10.00 e ore 16.00
A sinistra: Volpoca
Tadorna tadorna;
a destra dall’alto in basso:
Cannareccione
Acrocephalus arundinaceus,
Sterna comune
Sterna hirundo
e Gabbiano comune
Larus ridibundus.
• Percorso accessibile
ai disabili in assenza
di fango e pioggia
Servizi
• Centro visite, museo
e bookshop
• Parcheggio
• Area pic-nic
• Visite guidate
su prenotazione
• Noleggio biciclette e binocoli
Anita
Tel. +39 346 8015015
17
di Ardeidi presenti nel Delta, numerose specie di Limicoli,
Cormorano, Marangone minore e anatre in special modo
Volpoca, Moriglione e Germano reale. Si incontrano con
facilità anche Fenicottero rosa e Spatola, che dal 1989
ha scelto Boscoforte come luogo di nidificazione, come
pure il Falco di palude, che tra aprile e giugno nidifica
con regolarità nel canneto. Sterna zampenere, Sterna
comune e Beccapesci sfruttano i dossi della penisola per
la nidificazione.
Più difficili da osservare, ma identificabili grazie al canto
sono i Silvidi tipici dell’ambiente palustre, in particolare:
Cannareccione, Cannaiola, Usignolo di fiume e altri uccelli
legati ai fragmiteti come il sempre più raro Basettino, il
Pendolino e il Migliarino di palude. All’interno di Boscoforte si
svolgono escursioni guidate a piedi e in pulmino elettrico.
Where | Dove
Where | Dove
17
Sant’Alberto
Ravenna
BOSCOFORTE
SCI – SPA IT 4060002
Boscoforte is a peninsula that stretches for about 6 km from
the left bank of the Reno river in the Valli di Comacchio. The
area is characterized by a remarkable variety of environments
related to the simultaneous presence of fresh water and
brackish water: reeds, samphire, salt marshes, sandbanks
and channels.
Wild horses Delta/Camargue are in the peninsula, and
because of its location and its characteristics, it is particularly
full of birds, and is a favourite place both for resting and
nesting.
Access to the peninsula is permitted only with visits
conducted by authorized guides.
In spring - summer you can see all species of Ardeidae,
many species of waders, Cormorant, Pygmy Cormorant
and ducks especially
Shelduck, Mallard and
Pochard. Also present are
the Greater Flamingos, Spoonbills, which since 1989 have
chosen Boscoforte as a nesting site, as well as the Marsh
Harrier, that between April and June regularly nest among
the reeds. Gull-billed Tern, Common Tern and Sandwich Tern
use the sandbanks of the peninsula for nesting.
More difficult to spot, but sometimes identified are the Silvidi
species who love marsh lands: the Great Reed Warbler,
Reed Warbler, Cetti’s Warbler and others who live among
reeds, like the increasingly rare Bearded Reedling, Penduline
Tit and Reed Bunting. Guided walks and trips with electrical
bus take place in Boscoforte.
Features
• Chance to see over 60
species
• Birdwatching huts, shielding
• Good usability, presence of
mud with abundant rainfall
For your visit
• Duration: minimum two
hours and thirty
• Regulated access with
guided tours on Saturday
and Sunday at 10.00 and
at 16.00
• Path accessible to disabled
people in the absence of
mud and rain
Services
• Visitor centre, museum and
bookshop
• Parking
• Picnic area
• Guided tours by
appointment
• Rent bicycles and binoculars
Left: Shelduck
Tadorna tadorna;
right from top to bottom:
Great Reed Warbler
Acrocephalus
arundinaceus,
Common Tern
Sterna hirundo,
Mediterranean Gull
Larus melanocephalus.
47
VALLE MANDRIOLE
SIC – ZPS IT 4070001
Situata tra l’abitato di Mandriole e il Fiume Lamone, Valle
Mandriole (conosciuta con il nome Valle della Canna) è
una palude di acqua dolce che si estende per circa 250
ettari e rappresenta, insieme a Punte Alberete, il residuo
dell’antica cassa di colmata all’interno della quale fluivano
le acque del Fiume Lamone. L’area è caratterizzata da
acque di diversa altezza e si alternano zone di chiaro con
acque profonde a zone di acque basse caratterizzate dalla
presenza di Cannuccia di palude, Tifa e Giunco lacustre,
che forniscono riparo a numerose specie di uccelli.
L’accesso è consentito su due torrette d’avvistamento,
dalle quali è possibile avere un’ampia visuale della Valle:
una situata a ridosso del Fiume Lamone è raggiungibile
direttamente dalla S.S. 309 Romea; l’altra si trova nei
Navigator
Mandriole (RA)
SS 309 Romea,
km 9 RA/FE
N 44°3’3” E 12°13’8”
Vene
z
ia
Mandriole
S.S.
309
Rom
ea
Valle Mandriole
Ravenna
18
48
VALLE MANDRIOLE
SCI – SPA IT 4070001
Located between the town of Mandriole and the Lamone
river, Valle Mandriole (known as the “Valle della canna”) is
a freshwater marsh, which covers about 250 hectares and
represents, together with Punte Alberete, the residue of the
ancient bed filled by waters of the Lamone river. The area
is characterized by waters at different hight levels and with
alternating areas of clear deep water to shallow waters; the
latter areas are characterized by the presence of Common
Reed, Bulrush and Rush lakes, which provide shelter for
many species of birds.
From two bridwatching towers, it is possible to have a clear
view of the fresh water wetland: one is located near the
Lamone river and can be reached directly from the S.S. 309
Romea, the other is located near the Ca ‘del Chiavichino,
pressi di Ca’ del Chiavichino, raggiungibile a piedi ed
accessibile dalla Romea sullo scolo Rivalone oppure dalla
Tenuta Augusta.
In tutte le stagioni è possibile fare birdwatching e cogliere
l’occasione per effettuare preziose osservazioni. Durante il
periodo riproduttivo dalla torre Sud si può osservare una
bella garzaia con tutte le specie di aironi europei oltre a
Spatole, Mignattai e Marangoni minori. Dalla torretta di
Ca’ del Chiavichino è possibile invece osservare le fasi di
nidificazione di Folaga, Svasso maggiore e Oca selvatica.
Numerosi sono gli Anatidi che è possibile avvistare
all’interno della valle: Mestolone e Alzavola, frequenti
durante i passi o lo svernamento; Marzaiola, diffusa nel
periodo marzo – aprile; Canapiglia, molto comune durante
l’inverno; Moriglione e Moretta, osservabili tra gennaio
e marzo e dalla seconda metà di ottobre. È possibile
fare ottimi avvistamenti nelle prime ore del mattino, ma
durante il periodo primaverile ed estivo consigliamo una
visita alla torretta nel tardo pomeriggio, per non perdere i
colori del tramonto sulla valle da una visuale sicuramente
privilegiata.
Dall’alto in basso:
Mignattaio
Plegadis falcinellus,
Canapiglia Anas strepera,
Airone cenerino
Ardea cinerea
e Moriglione Aythya ferina
Where | Dove
Where | Dove
18
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Punti di osservazione e torretta
• Buona agibilità, anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: primo mattino e tardo pomeriggio
• Durata: minimo due ore
• Non accessibile ai disabili
Servizi
• Parcheggio
within walking distance and accessible from the Romea
along the Rivalone canal not far from “Tenuta Augusta”.
It is possible to go birdwatching in all seasons. During the
breeding season from the south birdwatching tower you can
see a beautiful heronry with all species of herons of Europe
as well as Spoonbill, Glossy Ibis and Pygmy Cormorant.
From the birdwatching tower of Ca’ del Chiavichino you can
observe the various nesting stages of Coot, Great Crested
Grebe and Greylag Goose.
There are many Anatidae, which can be spotted in the
wetland, Northern Shoveler and Teal, frequent in the steps
or wintering; Garganey, widespread in the period MarchApril; Gadwall, very common during the winter; Pochard and
Tufted Duck, observed between January and March and the
second half of October. You can enjoy excellent sightings in
the early morning hours, but during the spring and summer
we suggest visiting the tower in the late afternoon, in order to
enjoy a privileged view of the sun setting over the wetlands.
Features
• Chance to see over 50 species
• Birdwathing towers
• Good usability, even in case of rain
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: early morning
and late afternoon
• Duration: minimum two hours
• Not accessible for disabled
Services
• Parking
From top to bottom:
Glossy Ibis
Plegadis falcinellus,
Gadwall Anas strepera,
Grey Heron
Ardea cinerea,
Pochard Aythya ferina.
49
PUNTE ALBERETE
SIC – ZPS IT 4070001
Punte Alberete è un bosco igrofilo di acqua dolce
esteso su 190 ettari e situato a Nord di Ravenna.
L’area è attrezzata con un percorso ad anello fruibile
solamente a piedi, che parte direttamente dal
parcheggio sulla Romea e permette di osservare
tutti gli ambienti che compongono il sito. Il sentiero si
immerge all’interno del bosco igrofilo, caratterizzato
dalla presenza di Frassino ossifillo e Salice bianco,
ma come in un mosaico di ambienti il sito presenta
anche zone a prato umido, bassure allagate con
cariceti e canneti e specchi di acqua aperti dove
domina la Ninfea bianca.Tutti questi ambienti rendono
Punte Alberete l’ecosistema di maggiore importanza
conservazionistica del Parco del Delta del Po. Nella
Navigator
Ravenna (RA)
SS 309 Romea,
km 6 RA/FE
N 44°31’31” E12°13’ 8”
Venezia
Punte Alberete
Tel. +39 346 8015015
S.S. 309
Romea
Info e prenotazioni
visite guidate
Servizio informativo del Parco
Info and reservations
guided tours
Park Service Information
Associazione
L’ARCA, Ravenna
Tel. +39 0544 465019
Ca’ Vecchia
Rave
nna
19
50
PUNTE ALBERETE
SCI – SPA IT 4070001
Punte Alberete is a fresh water flooded forest spread
over 190 hectares and located north of Ravenna.
The area is equipped with a circular path accessible
only on foot, starting from the parking place on the the
S.S. 309 Romea and leading to the most interesting
areas of the site. The trail dips into the flooded forest,
characterized by the presence of White Willow and
Narrow-leafed Ash, the site also has areas of wet
meadow, flooded lowlands with sedge and reed beds
and ponds with water dominated by Water Lily. Because
of the presence of a big variety of environments Punte
Alberete represents the most important ecosystem of
the Po Delta Park. In the northern part of the path,
well equipped with shielding and a birdwatching hide,
parte settentrionale del sentiero, attrezzata con una
schermatura e un capanno per il birdwatching è
possibile effettuare osservazioni anche ravvicinate
di specie altrove molto rare: Martin pescatore,
Marangone minore, Fistione turco.
Numerose e varie sono le specie di Ardeidi e Anatidi
che si possono osservare, va segnalata la presenza di
alcune coppie di Moretta tabaccata, bellissima specie
minacciata di estinzione a livello globale, che si può
osservare in primavera-estate. Altro avvistamento
degno di nota è il Mignattaio, simbolo dell’oasi,
visibile da aprile a settembre. Il percorso è fruibile
tutto l’anno e in ogni stagione il sito offre paesaggi
unici. Si consiglia, tuttavia, di visitare Punte Alberete
nel periodo primaverile per godere della fioritura delle
molte specie vegetali che colorano il bosco.
Dall’alto in basso:
Marangone minore
Phalacrocorax pygmaeus,
Marzaiola
Anas querquedula
e Moretta tabaccata
Aythya nyroca.
Where | Dove
Where | Dove
19
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Punti di osservazione, capanno e schermature
• Buona agibilità, presenza di fango con piogge abbondanti
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore e trenta
• Non accessibile ai disabili
• Ingresso regolamentato per gruppi:
per accedervi con gruppi di oltre 10 persone, è necessario richiedere il
permesso all’Ufficio Ambiente del Comune di Ravenna, Tel. 0544 482111
Servizi
• Parcheggio
• Visite guidate su prenotazione
it is possible to observe closely rare species such as
Kingfisher, Pygmy Cormorant, Red-crested Pochard.
There are many species of Ardeidae and Anatidae
that can be spotted. We must also note the important
presence of Ferruginous Duck, a beautiful species
threatened of extinction on a global level. This can be
observed in spring and summer. Also the Glossy Ibis,
symbol of the oasis, is visible from April to September.
The trail is accessible all year round and in each season
offers unique landscapes. Maybe spring, when many
different plants flower and light up the woods with
brilliant colours, is, of all times, the best to visit Punte
Aberete.
Features
• Chance to see over 50 species
• Birdwatching hut and shielding
• Good usability, presence of mud with abundant rainfall
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours and thirty minutes
• Not accessible for disabled
• Regulated admission for groups: for groups with more than
10 persons, you must send a request to the Environment
Department - Municapility of Ravenna, Tel +39 0544 482111
Services
• Parking
• Guided tours by appointment
From top to bottom:
Pygmy Cormorant
Phalacrocorax pygmaeus,
Garganey
Anas querquedula,
Ferruginous Duck
Aythya nyroca.
51
ZPS IT4070004
Navigator
Venezia
Ca’ Vecchia
52
Porto
Corsini
a San
Ravenna
20
Marina
Romea
Pinet
S.S. 3
09 Ro
mea
Vitale
Centro di documentazione
ambientale Ca’ Vecchia
Via del Fossatone, Ravenna
ssa d
Ca’ Vecchia
N 44°30’32” E 12°13’46”
ella B
aiona
Marina Romea (RA)
Via dei Pioppi
N 44°30’41” E 12°15’55”
Mare Adriatico
Di origine romana la Pineta di San Vitale si sviluppa su
un terreno in cui si alternano bassure umide ad antiche
dune costiere più elevate. Questa alternanza di terreni
ha permesso l’insediamento del Pino domestico e
del Pino marittimo, soprattutto sui cordoni dunosi.
È possibile percorrere la Pineta in ogni sua parte
attraverso percorsi pedonali e ciclabili.
Immediatamente a ridosso della Pineta San Vitale si
estende la Pialassa Baiona, una zona umida di acqua
salmastra di 1.100 ettari in collegamento con il Mare
Adriatico attraverso il canale Candiano e con acque
dolci attraverso i canali che percorrono la Pineta.
La caratteristica della Pialassa è quella di avere un
Marina
di Ravenna
Capanno
Garibaldi
PINETA SAN VITALE E
PIALASSA DELLA BAIONA
SPA IT4070004
Of Roman origins, the San Vitale Pinewood is spread over
an area of alternating wet lowlands and ancient higher
coastal dunes. This alternation of land has enabled the
establishment of Italian Stone Pine and Maritime Pine,
especially on dunes. You can explore every part of the
Pinewood walking or cycling.
Immediately behind the Pineta San Vitale lies the Pialassa
Baiona, a wetland area of 1.100 hectares: it consists of
a brackish water basin which is in connection with the
Adriatic sea through the Candiano channel and with
fresh water through other channels that flow into the pine
forest. The characteristic of Pialassa is to have a constant
exchange of water with the sea, thanks to the motion of
ricambio d’acqua costante con il mare, grazie al moto
delle maree; da qui i termini pia (prendi) e lassa (lascia)
riferito all’acqua del mare che entra ed esce.
Abbondante la presenza di Ardeidi come l’Airone
bianco maggiore e la Garzetta. Numerose anche le
specie nidificanti e facilmente osservabili, quali Volpoca,
Sterna comune, Cavaliere d’Italia, Avocetta, Pettegola
e Beccaccia di mare. Nel periodo primaverile ed estivo
è diffusa la presenza del Fenicottero rosa.
È consigliabile accedere alla Pineta San Vitale e alla
Pialassa Baiona attraverso l’entrata posta lungo la
statale Romea, Ca’ Vecchia, a Nord del ponte sul Canale
Fossatone. È inoltre possibile raggiungere la Pialassa
Baiona dalla frazione di Marina Romea; particolarmente
adatta per le osservazioni è la torretta di avvistamento
che si trova a Sud del pontile d’imbarco al termine di
Via dei Pioppi.
A sinistra:
Beccaccia di mare
Haematopus ostralegus;
a destra dall’alto in basso:
Luì piccolo Philloscopus
collybita,Gabbiano reale
mediterraneo Larus
michahellis e Garzetta
Egretta garzetta.
Where | Dove
PINETA SAN VITALE E
PIALASSA DELLA BAIONA
Piala
Where | Dove
20
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Buona agibilità anche in caso di pioggia
• Torretta
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: tutto il giorno
• Durata: minimo due ore
• Percorso accessibile ai disabili
Servizi
• Centro di documentazione
ambientale Ca’ Vecchia
• Parcheggio
• Area pic-nic presso “Parco 2 giugno”
• Escursioni in barca
• Visite guidate
tides, hence the term “piglia” (take) and “lascia” (loose).
There are many Ardeidae, Great White Egrets and Little
Egrets. Many species also nest and are easily observable
such Shelduck, Common Tern, Black-winged Stilt,
Avocet, Redshank and Oystercatcher, while in spring and
summer there is a widespread presence of the Greater
Flamingo.
You should go to the Pineta San Vitale and the Pialassa
della Baiona through the entrance located along the
Romea, Ca’ Vecchia, north of the bridge over the
Channel Fossatone. You can also reach the Pialassa
Baiona from the village Marina Romea. The birdwatching
tower located south of the peer at the end of the Viale dei
Pioppi, is also an ideal place to make some observations.
Features
• Chance to see over 50 species
• Good usability in case of rain
• Birdwatching tower
For your visit
• Area open all year round
• Recommended hours: all day
• Duration: minimum two hours
• Path accessible for disabled
Services
• Centre for environmental documentation Ca’ Vecchia
• Parking
• Picnic area at the Park “2 Giugno”
• Boat trips
• Guided tours
Left: Oystercatcher
Haematopus ostralegus;
right from top to bottom:
Chiffchaff
Philloscopus collybita,
Yellow-legged Gull
Larus michahellis,
Little Egret
Egretta garzetta.
53
ORTAZZO, ORTAZZINO
E FOCE DEL BEVANO
SIC - ZPS IT4070009
Il fiume Bevano è caratterizzato da una foce meandriforme a
estuario, l’unica rimasta dell’alto Adriatico ancora in continua
evoluzione. L’area della foce, racchiusa in una superficie di
1256 ettari, con le sue dune costiere e le lagune interdunali
rappresenta una fotografia dell’ambiente costiero prima
dell’intervento dell’uomo. A Ovest della foce del Bevano si
sviluppa l’area dell’Ortazzino costituita da meandri fossili del
fiume stesso, antiche dune costiere e prati umidi con falda
affiorante. Adiacente ai prati umidi dell’Ortazzino si sviluppa
la zona umida dell’Ortazzo, antica valle d’acqua dolce
ricavata da vecchie risaie, che oggi vede però intrusioni
di acqua salata. La varietà e la complessità degli ambienti
rende questo sito ricco di biodiversità per flora e fauna.
Navigator
Info e prenotazioni
visite guidate
Servizio informativo del Parco
Info and reservations
guided tours
Park Service Information
Ortazzo
Adria
Ortazzino
Mare
Fosso Ghiaia
tico
Foce
del
Bevano
Fosso Ghiaia (RA)
• Ortazzo e Ortazzino: Via Bevanella
• Bevano: Via della Sacca
N 44°20’42’’ E 12°19’16’
Tel. +39 346 8015015
21
54
ORTAZZO, ORTAZZINO
E FOCE DEL BEVANO
SCI – SPA IT4070009
The river mouth Bevano is characterized by an estuary.
The mouth, enclosed in an area of 1256 hectares, with its
dunes and coastal lagoons is a photograph of the coastal
environment before the intervention of man. On the west
of the mouth is an area called Bevano dell’Ortazzino
consiststing of fossil meanders of the river, wet meadows
and ancient coastal dunes with groundwater outcropping.
Wet meadows adjacent to this area, wetlands deriving from
old rice fields, and fish farms today see the intrusion of salt
water. The variety and complexity of the environments makes
this site rich in biodiversity, flora and fauna.
Ortazzo and Ortazzino area has a large community of
nesting Charadriiformes, such as Black-headed Gull and
Nelle aree dell’Ortazzo e dell’Ortazzino si è insediata una
grande comunità di Caradriformi nidificanti, come Gabbiano
roseo e Gabbiano comune e si osserva una forte presenza di
Limicoli come Cavaliere d’Italia, Avocetta, Fratino e Pettegola.
Notevole la presenza di Anatidi, quali la Volpoca, attualmente
in fase di espansione; occasionalmente nidificanti Marzaiola
e Alzavola. Per quanto riguarda invece l’ambiente costiero,
la fauna risente della forte presenza antropica, l’unica specie
presente in numero abbastanza rilevante è il Fratino.
Per quanto riguarda i Passeriformi è da segnalare la presenza
del Calandro, una specie in forte regressione numerica
nidificante sulle dune dell’Ortazzino.
La Foce del Bevano, l’Ortazzino e l’Ortazzo sono facilmente
raggiungibili anche in macchina attraverso due ingressi dalla
statale Adriatica. Gli avvistamenti sono possibili anche grazie
alla presenza di due torrette di avvistamento, una in zona
Ortazzino ed una nella parte occidentale dell’Ortazzo, dove è
presente anche un capanno.
Dall’alto in basso:
Cavaliere d’Italia
Himantopus himantopus,
Mignattino
Chlidonias niger,
e Gabbiano comune
Larus ridibundus
Where | Dove
Where | Dove
21
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Punti di osservazione, torrette e capanni
• Buona agibilità, possibile presenza di fango nei periodi di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: primo mattino e tardo pomeriggio
• Durata: minimo due ore
• Accesso libero
• Percorsi parzialmente agibili ai disabili
Servizi
• Visite guidate su prenotazione
• Centro visite e servizi nella vicina Salina di Cervia
Slender-billed Gull and a strong presence of waders as
Black-winged Stilt, Avocet, Redshank and Kentish Plover.
There is a remarkable presence of Anatidae, such as the
Common Shelduck, currently being expanded; occasionally
nesting are Garganey and Common Teal. As for the coastal
environment, affected strongly by human presence, the only
species visible in fairly large numbers is the Kentish Plover.
As for the Passeriformes we must report the presence of
Tawny Pipit, a species breeding in very low numbers on the
dunes of Ortazzino.
The Mouth of Bevano, the Ortazzino and Ortazzo are easy to
reachd by car from the S.S. 16 Adriatica. The sightings are
possible thanks to the presence of two birdwatching towers,
one in the Ortazzino and one in the western part of Ortazzo,
where there is also a birdwatching hut.
Features
• Chance to see over 50 species
• Birdwatching towers and huts
• Good practicability, possible presence of mud in the rainy
periods
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: early morning and late afternoon
• Duration: minimum two hours
• Free access
• Partial path with easy access for disabled
Services
• Guided tours by appointment
• Visitor centre and services in nearby Salina di Cervia
From top to bottom:
Black-winged Stilt
Himantopus himantopus,
Black Tern
Chlidonias niger,
Black-headed Gull
Larus ridibundus.
55
PINETA DI CLASSE
SIC - ZPS IT4070010
La Pineta di Classe si trova a Sud di Ravenna e
rappresenta la parte intermedia di un antico bosco che
si estendeva da Cervia fino alla foce del Reno. La Pineta
di Classe è di origine artificiale ed ha un’estensione di
1.082 ettari in cui dominano il Pino marittimo e il Pino
domestico, introdotti in epoca romana per alimentare
l’industria navale dell’antico porto imperiale di Classe. La
Pineta attualmente vede un ritorno del bosco planiziale
con piante autoctone come il Leccio, la Roverella e la
Farnia, all’interno si sviluppano radure e bassure allagate
con acqua dolce o debolmente salmastra.
Da segnalare la presenza all’interno della Pineta di
una specie rara di Chirottero forestale, il Vespertilio di
Bechstein.
Navigator
Foce del Bevano
Fosso Ghiaia (RA)
Parco pubblico I° Maggio Via
Fosso Ghiaia
N 44°21’10’’ E 12°16’43’’
na
en
v
Ra
Fosso
Ghiaia
a
rvi
Ce
22
56
Dall’alto in basso:
Cinciarella
Parus caeruleus,
Civetta Athene noctua
e Tortora dal collare
orientale Streptopelia
decaocto
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare oltre 50 specie
• Punti di osservazione e torrette
• Buona agibilità, presenza di fango nei periodi di pioggia
Modalità di Fruizione
• Area accessibile tutto l’anno
• Orario consigliato: primo mattino e tardo pomeriggio
• Durata: minimo tre ore
• Accesso libero
• Percorsi parzialmente agibili ai disabili
Servizi
• Parcheggio con servizi igienici
• Area pic-nic
• Visite guidate su prenotazione
• Centro visite e servizi nella vicina Salina di Cervia
Pineta di Classe
. 16
Tel. +39 346 8015015
Ortazzino
Ortazzo
S.S
Info e prenotazioni
visite guidate
Servizio informativo del Parco
Info and reservations
guided tours
Park Service Information
I percorsi all’interno della Pineta partono dal Parco
I° Maggio a Fosso Ghiaia. Facilmente percorribili sono
i sentieri che portano verso la zona umida dell’Ortazzo,
sito di grande interesse naturalistico e meta di numerose
specie di uccelli nidificanti.
Sono da segnalare, anche se con popolazioni non
particolarmente numerose, alcune specie tendenzialmente poco influenzabili dal disturbo antropico come
il Colombaccio, la Tortora dal collare, il Picchio rosso
maggiore e il Picchio verde, che però non nidificano in
questa zona.
Per quanto riguarda i rapaci si può contare tra i diurni la
presenza di Lodolaio, Sparviere, Poiana e Gheppio, tra i
notturni sono presenti in numero discreto Allocco, Assiolo,
Barbagianni, Civetta e Gufo comune, accompagnati da
una buona popolazione di Passeriformi silvani.
Where | Dove
Where | Dove
22
PINETA DI CLASSE
SCI – SPA IT4070010
The Pinewood of Classe is located south of Ravenna
and represents the middle part of an ancient forest that
stretched from Cervia to the mouth of the Reno. The
Pinewood of Classe is of artificial origin and extends for
1.082 hectares; the Maritime Pine and the Stone Pine,
introduced in Roman times to feed the shipbuilding
industry of the old port of Classe, still dominate the
forest. The Pinewood currently sees a return of the
lowland forest, with native trees such as Ilex, and
the English Oak that grows in clearings and lowlands
flooded with freshwater or slightly brackish water. Inside
the pinewood there is a rare species of bats called the
Mouse-eared Bat of Bechstein.
The paths start from the inside of the Pinewood, from
“Parco I° Maggio” at Fosso Ghiaia ; it is easy to follow
the paths that lead to wetland Ortazzo, a site of great
natural beauty and a destination for many species of
nesting birds.
There are also some species that tend to be little
influenced by human disturbance such as Pigeon, the
Collared Dove, Great Spotted Woodpecker and the
Green Woodpecker; these, however, do not nest in this
area.
As for the birds of prey we can mention the Sparrowhawk,
Buzzard and Kestrel and also a fair number of Owls:
Scops Owl, Barn Owl, Little Owl and Owl, accompanied
by a good population of sylvan Passeriformes.
Features
• Chance to see over 50 species
• Observation points and towers
• Good usability, presence of mud in rainy periods
For your visit
• Open all year round
• Recommended hours: early morning and late afternoon
• Duration: minimum three hours
• Free access
• Partial path with easy access for disabled
Services
• Car park with toilets
• Picnic area
• Guided tours by appointment
• Visitor center and services in nearby Salina di Cervia
From top to bottom:
Blue Tit Parus caeruleus,
Little Owl Athene noctua,
Eurasian Collared Dove
Streptopelia decaocto.
57
SALINA DI CERVIA
SIC - ZPS IT4070007
La Salina di Cervia rappresenta la stazione più a Sud
del Parco Regionale del Delta del Po.
è un ambiente di elevato interesse naturalistico e
paesaggistico, tanto da essere stato inserito come
Zona Umida di Importanza Internazionale nella
Convenzione di Ramsar e dal 1979 è divenuto Riserva
Naturale dello Stato.
La Salina si estende su una superficie di 827 ettari ed
è percorsa all’interno da una fitta rete di canali.
Sotto il profilo avifaunistico l’ambiente delle saline
è popolato da specie come il Fenicottero rosa, il
Cavaliere d’Italia, l’Avocetta, gli aironi tipici del Delta
del Po e altre specie protette.
Grazie alle sue caratteristiche è zona di sosta e
Navigator
Cervia (RA)
Via Bova 61
N 44°15’6’’ E 12°19’51’’
Milano
Marittima
. 16
S.S
Centro Visite salina di Cervia:
Via Bova 61, Cervia (RA)
Tel. +39 0544 973040
[email protected]
Apertura:
Primavera e Autunno:
al Sabato, Domenica e festivi
dalle 10.00 alle 12.30
e dalle 14.30 al tramonto;
Estate: tutti i giorni
dalle 15.30 al tramonto.
a
nn
ve
Ra
Salina
di Cervia
Castig
lione
Open:
Spring and Autumn:
on Saturday, Sunday and holidays
from 10.00 to 12.30
and from 14.30 to dusk;
Summer: every day
from 15.30 to dusk.
23
58
Cervia
MuSa
Museo
del Sale
ini
Rim
salINA DI CERVIA
SCI – SPA IT4070007
The Salt-pans of Cervia are the entrance to the south
of the Po Delta Regional Park.
This environment of great natural interest and beauty
has enabled the area to be inserted as a Wetland of
International Importance in the Ramsar Convention
since 1979 and has thus become a State Natural
Reserve.
The Salt-pans cover an area of 827 hectares and
have a dense network of canals.
In terms of salt avifauna the environment is populated
by species like the Grater Flamingo, the Black-winged
Stilt, the Avocet, and herons.
Due to its characteristics, it is a resting and nesting
location for numerous species of birds that occupy
nidificazione per numerose specie di uccelli che
occupano i piccoli argini e gli isolotti che si formano
all’interno delle vasche.
Le specie regolarmente nidificanti in questo sito e
quindi visibili nel periodo primavera - estate, sono
Volpoca e Germano reale tra gli Anatidi, mentre tra
i Limicoli si osservano Cavaliere d’Italia, Avocetta,
Fratino, Pavoncella e Pettegola. Tra i Caradriformi
nidificano Gabbiano corallino e Gabbiano reale,
accompagnati da Sternidi come Fraticello e Sterna
comune. In autunno e nella stagione invernale invece
la salina si riempie di Fischioni, Alzavole, Mestoloni,
Codoni, Canapiglie e Germani reali. Per quanto
riguarda i rapaci si possono vedere Poiana e Falco
di palude.
Dall’alto in basso:
Cavaliere d’Italia
Himantopus himantopus,
Fraticello
Sterna albifrons,
Pittima reale
Limosa limosa
e Piovanello Calidris
ferruginea.
Where | Dove
Where | Dove
23
Caratteristiche
• Possibilità di avvistare 60 specie
• Punti di osservazione, mascheramenti, torrette, capanni
• Buona agibilità, anche in caso di pioggia
Modalità di Fruizione
• Aperto da marzo a novembre con orari diversi
in base alla stagione
• Orario consigliato: primo mattino e tardo pomeriggio
• Durata: minimo due ore e trenta
• Accesso a pagamento
• Percorsi parzialmente accessibili ai disabili
Servizi
• Centro visite, museo e bookshop
• Parcheggio
• Punto ristoro
• Per le visite guidate possibilità di noleggio binocoli e biciclette
the small banks and small islands within the area.
Regular nesting species in this site, mostly visible
in spring and summer are Shelduck and Mallard
among the Anatidae, while among the waders
you can observed: the Black-winged Stilt, Avocet,
Plover, Lapwing and Redshank. Among the nesting
Charadriiformes there are the Gull, the Little Tern and
Common Tern.
In autumn and winter the area is filled with Wigeons,
Teals, Shovelers, Pintails, Gadwalls and Mallards.
You can see birds of prey suc as the Marsh Harrier
and the Buzzard.
Features
• Possibility to spot 60 species
• Observation points, disguises, towers, huts
• Good usability, even in case of rain
For your visit
• Open from March to November at different times depending on
the season
• Recommended hours: early morning and late afternoon
• Duration: minimum two hours and thirty
• Access fee
• Partially wheelchair accessible routes
Services
• Visitor centre, museum and bookshop
• Parking
• Refreshment
• For guided tours can hire binoculars and bicycles
From top to bottom:
Black-winged Stilt
Himantopus himantopus,
Little Tern
Sterna albifrons,
Black-tailed Godwit
Limosa limosa,
Curlew Sandpiper
Calidris ferruginea.
59
Nelle terre degli Estensi
L’itinerario inizia a Mesola, antica tenuta Estense,
dove si trova il cinquecentesco castello nel quale è
stato recentemente allestito il Museo del Bosco e del
Cervo.
A pochi chilometri da Mesola si trova la Riserva
Naturale Orientata Dune Fossili di Massenzatica,
la prima tappa per il birdwatching. Seguendo le
indicazioni, dapprima per la S.S. 309 Romea e poi
per Bosco Mesola, si raggiunge la Riserva Naturale
Bosco della Mesola, dove si può fare una sosta
per il birdwatching o cercare di avvistare il Re del
Bosco: il Cervo delle dune. Nelle vicinanze del Bosco
Museo del Bosco e del Cervo
Mesola, Castello Estense
Piazza Umberto I˚
Tel. +39 339 1935943
IAT Mesola
P.zza S. Spirito, 3
Tel. +39 0533 993358
[email protected]
UIT Goro
Via Cavicchini, 13
Tel. +39 0533 995030
[email protected]
Apertura stagionale
Open seasonally
ITINERARY [A]
In the land of the Estensi
60
The itinerary starts in Mesola, an ancient estate
belonging to the Estensi, where the sixteenth-century
castle, which was recently opened as the Museum of
Wood and Red Deer, still stands.
A few kilometers from Mesola is the Riserva Naturale
Orientata Dune Fossili di Massenzatica: this is the
first stop for birdwatching. From here, following the
directions first for the S.S. 309 Romea and then to
Bosco Mesola, we reach the Riserva Naturale Bosco
della Mesola, where you can stop for birdwatching
or try to spot the King of the Wood: The Red Deer of
the dunes. The wood is located near Torre Abate, an
How | Come
How | Come
ITINERARIO [A]
5 + 6 + 8 + 9
si trova Torre Abate, manufatto idraulico del 1569 e
testimonianza della grande bonifica estense.
Nel pomeriggio, è possibile effetuare un’escursione in
barca nella Sacca di Goro con partenza da Goro o
da Gorino oppure seguire le altre indicazioni riportate
nelle schede e fermarsi in Valle Dindona ottimo sito
per osservazioni ornitologiche situato lungo la strada
che da Goro va verso Gorino.
Poco più avanti si incontra un caratteristico ponte di
barche che unisce la sponda emiliana a quella veneta
del Delta. Una sosta al porto di Gorino permette di
conoscere l’economia principale di questa terra,
l’allevamento di cozze e vongole. Nelle panetterie dei
paesi si può acquistare la “coppia ferrarese”, un pane
tipico della zona riconosciuto con l’IGP, oltre a dolci
secchi da assaporare con i vini delle
sabbie prodotti nelle terre del Delta.
Da acquistare anche gli asparagi verdi,
che in primavera nelle campagne del
basso ferrarese si possono trovare
ovunque.
important example of hydraulic work dating back to
1569.
In the afternoon, it is possible to make a boat trip in
the Sacca di Goro departing from Goro or Gorino
or following the other instructions given previously. A
stop in Valle Dindona is compulsorary as the location
is and excellent site for bird observations.
A little further on is a quaint pontoon bridge that joins
the Emilian shores of the Delta to the Venetian side. A
stop at the port of Gorino will enable you to understand
the main economy of this area: the breeding of mussels
and clams. In the local bakeries you can buy the
“coppietta ferrarese” a typical local bread recognized
by the IGP mark, as well as biscuits to taste with wines
produced in the sandy Delta country side.
In spring you can buy the local wild asparagus.
Nella pagina a sinistra:
Cervi nel Bosco della
Mesola;
dall’alto in basso:
Faro di Goro,
Castello Estense di Mesola
e Torre Abate.
On the left page:
Red Deers in the Forest
of Mesola;
from top to bottom:
the Goro Lighthouse,
the Castle of Estensi
in Mesola and Torre Abate.
61
Antiche pietre
Anche questo itinerario parte da Mesola,
grazioso centro ai margini della S.S. 309
Romea, impreziosito dal possente castello,
ultima delizia estense che rappresenta un ottimo
punto di riferimento. Da qui lungo la statale 309,
seguendo le indicazioni per Ravenna, si arriva
alla millenaria Abbazia di Pomposa, un sito di
notevole bellezza e di grande importanza storica
e artistica che senza dubbio merita una sosta.
Superata l’abbazia si trovano sulla sinistra le
indicazioni per il Lido di Volano, dopo qualche
chilometro si arriva all’Oasi di Canneviè, prima
Abbazia
di Pomposa
Codigoro,
S.S. 309 Romea
Tel. +39 0533 719152
IAT Abbazia
di Pomposa
Via Pomposa Centro, 1
Tel. +39 0533 719110
[email protected]
UIT Lido di Volano
Piazza Volano Centro
Tel. +39 0533 355208
[email protected]
comune.comacchio.fe.it
Apertura stagionale
Open seasonally
ITINERARY [B]
Ancient stones
62
This itinerary starts from Mesola, a pretty town
on the edge of the S.S. 309 Romea, enriched
by the mighty castle, one of the last Este estates
and also a good land mark. Stay on S.S. 309,
following signs to Ravenna, and arrive at the
ancient Abbey of Pomposa, a site of great beauty
and great historical and artistic importance that
undoubtedly deserves a visit. After passing the
Abbey on the left are the indications for Lido di
Volano, a few kilometers later you arrive at the
Oasi di Canneviè, the first stop of our trip that
will engage most of the morning.
How | Come
How | Come
ITINERARIO [B]
11 + 10 + 12
tappa del nostro itinerario che impegna tutta la
mattinata.
L’oasi offre diverse possibilità anche per il pranzo,
due ristoranti ed un bar per qualsiasi esigenza.
Per il pomeriggio si possono prevedere più
soluzioni: adiacente all’oasi si trova la Torre
della Finanza, realizzata nei primi del ‘700
per mantenere la difesa armata del porto ed
esercitare il controllo dei traffici commerciali
che si svolgevano alla foce di questo ramo
del Po, un ottimo punto per osservare dall’alto
le Valli Bertuzzi, la pineta ed il canneto che
caratterizzano la foce del Po di Volano.
Sull’altro lato del fiume si trova il Lido di Volano,
la scheda dedicata a questo sito contiene tutte
le indicazioni necessarie e
una volta ripresa l’auto, si
prosegue lungo la strada
panoramica Acciaioli che
costeggia le Valli Bertuzzi e
il Lago delle Nazioni.
The oasis also offers several
options for dining, two
restaurants and a bar for
refreshments.
In the afternoon you can have multiple choice:
the oasis is located adjacent to the Tower of
Finance, buit in 1700 in order to maintain the
armed defense of the port and to exercise
control over the trades that took place at the
mouth of this branch of the Po, a good place
from which to watch over Valle Bertuzzi, the pine
forest and the reeds of Po di Volano.
On the other side of the river is the Lido di
Volano, the board dedicated to this site contains
all the necessary information and once in the
car, continue along the scenic Acciaioli route
that runs along the Valli Bertuzzi and the Lago
delle Nazioni.
Nella pagina a sinistra:
Foce del Po di Volano;
dall’alto in basso:
Abbazia di Pomposa,
bilancioni sul Po di Volano
e Valli Bertuzzi.
On the left page:
Mouth of the
Po di Volano river;
from top to bottom:
Abbey of Pomposa,
fishing nets on the
Po di Volano river
and Valli Bertuzzi.
63
Argini, ponti e canali
Il punto di partenza di questo itinerario è la città
di Comacchio. Vale la pena fermarsi per una
passeggiata nel centro storico ricco di ponti e di
colorate abitazioni che si riflettono nei canali. Da
non perdere il Museo della Nave Romana e la
Manifattura dei Marinati, l’antica fabbrica dove
si marinava il pesce di Valle, oggi presidio Slow
Food per la produzione della tradizionale anguilla
marinata delle Valli di Comacchio.
Volendo fermarsi per il pranzo, non c’è che
l’imbarazzo della scelta.
L’appassionato di birdwatching dove invece
Museo Civico della Nave
Romana: il Carico
Comacchio
Via della Pescheria, 2
Tel. +39 0533 311316
[email protected]
comune.comacchio.fe.it
Centro Visite Manifattura
dei Marinati
Comacchio
Via Mazzini, 200
Tel. +39 0533 81742
[email protected]
parcodeltapo.it
Museo NatuRA
Sant’Alberto, Palazzone
Via Rivaletto 25
Tel. +39 0544 528710
0544 529260
[email protected]
[email protected]
IAT Comacchio
Via Mazzini,4
Tel. +39 0533 314154
[email protected]
comune.comacchio.fe.it
ITINERARY [C]
Riverbanks, bridges and canals
64
The starting point of this itinerary is the town of
Comacchio. It’s worth stopping for a walk in the
old town full of colourful houses and bridges
that are reflected in the canals. Do not miss the
Roman Ship Museum and the Visitor Centre of
Manifattura dei Marinati, the old factory where the
fish of the lagoon was marinated, today it’s Slow
Food presidium for the production of traditional
marinated eel of the Valli di Comacchio.
If you want to stop for lunch, you will find lots of
places.
Birdwatchers must get up early and go to
How | Come
How | Come
ITINERARIO [C]
13 + 15 + 17 + 14
alzarsi di buon’ora e recarsi a Stazione Foce
nelle Valli di Comacchio, a pochi km dal centro
abitato e seguire i percorsi consigliati nella
scheda di riferimento. In questo caso si tenga
presente che per il pranzo c’è solo un punto
ristoro con apertura stagionale.
Il pomeriggio del birder prosegue poi tra l’Oasi
di Valle Zavelea, l’Argine Agosta, la penisola
di Boscoforte e sull’argine del Reno lungo il lato
Sud delle Valli di Comacchio.
Gli instancabili, una volta preso il traghetto per
Sant’Alberto, possono far rientro a Comacchio
seguendo la S.S. 309 Romea fermandosi
per le ultime osservazioni presso le Vene di
Bellocchio e Valle Ancona. Al rientro lungo
la strada Romea si
incontra la stazione di
pesca di Bellocchio col
caratteristico lavoriero,
dove di frequente
stazionano diversi tipi
di aironi e gabbiani tra
cui il Gabbiano roseo.
Stazione Foce in the Valli di Comacchio, a few
miles from town, and follow the recommended
routes in the site description. In this area there is
only one facility for lunch and refreshments.
The afternoon can continue between Oasi di
Valle Zavelea, the Agosta embankment, the
peninsula of Boscoforte and the Reno river
bank along the southern portion of the Valli di
Comacchio.
The keenest birdwatcher, having taken the
ferry along the Reno river to St. Alberto,
may return to Comacchio along the S.S. 309
Romea, stopping for last sightings at Vene di
Bellocchio and Valle Ancona. Before that, on
the way back along the Romea road there is the
fishing station Bellocchio with the characteristic
“lavoriero” (triangular trap for fishing), where
frequently there are several types of herons and
gulls, including the Slender billed Gull.
Nella pagina a sinistra:
Valli di Comacchio;
dall’alto in basso:
Manifattura dei Marinati,
Trepponti di Comacchio
e Oasi di Boscoforte.
On the left page:
Valli di Comacchio;
from top to bottom:
Manifattura dei Marinati,
“Trepponti” bridge in
Comacchio, Oasis of
Boscoforte.
65
Paesaggi di bonifica
Partendo da Comacchio si seguono le indicazioni per Ostellato per raggiungere le omonime
Vallette.
Una volta imboccata la strada Mondo Nuovo,
dopo otto chilometri, si incontra un’area di
ripristino ambientale composta da una serie di
laghetti con canneto e prati umidi che possono
regalare piacevoli sorprese al birder.
Le Vallette di Ostellato si trovano all’ingresso
del centro abitato di Ostellato e sono attrezzate
con diverse strutture ricettive e ricreative.
Dopo aver visitato le Vallette, l’itinerario proposto
Museo
del Territorio
Ostellato,
Strada del Mezzano, 14
Tel. +39 0533 681368
[email protected]
Museo
della Bonifica
e Impianto
di Saiarino
Campotto di Argenta,
Via Saiarino
Tel. +39 0532 808058
[email protected]
comune.argenta.fe.it
IAT Argenta
Piazza Marconi, 1
Tel. +39 0532 330276
[email protected]
ITINERARY [D]
Reclaimed Land
66
Starting from Comacchio, follow the signs to
reach the Vallette di Ostellato.
Once on the road “strada Nuovo Mondo”,
after eight kilometres, you will find an area of
environmental restoration consisting in a series
of ponds with reeds and wet meadows that will
surprise the birdwatcher.
The Vallette di Ostellato is located at the
entrance of the town of Ostellato and is
equipped with various recreational facilities and
accommodation.
After visiting the Vallette, the route that we sujest
How | Come
How | Come
ITINERARIO [D]
4 + 3 + 1 + 2 + 16
prevede il trasferimento a Bando, per visitare
l’Oasi delle Anse Vallive di Porto - bacino di
Bando. L’oasi ha orari di apertura regolamentati
(vedi scheda), ma anche dall’esterno è possibile
osservare il volo di anatre e cicogne. Durante
il periodo invernale sono facilmente avvistabili
stormi di Oche lombardelle e granaiole che
pascolano nella campagna circostante.
Per il pranzo si consigliano agriturismi e trattorie
della zona che propongono ottimi menù locali.
La tappa successiva è costituita dalle Oasi Val
Campotto e Oasi di Valle Santa di Argenta.
Si consiglia la visita dell’idrovora del Saiarino,
splendido esempio di archeologia industriale,
della Pieve di San Giorgio e del Museo delle Valli
di Argenta Oasi di Val Campotto.
Da Argenta si può tornare a Comacchio
seguendo le indicazioni per San Biagio, Filo
d’Argenta e Longastrino, un percorso che
attraversa tutta la Bonifica del Mezzano e
raggiunge l’argine Agosta che costeggia le Valli
di Comacchio.
involves the transfer to Bando, in order to visit
the Oasi delle Anse Vallive di Porto - bacino di
Bando. The reserve has regular opening hours
(see site description), but even from outside you
can see the flight of ducks and storks. During
the winter it’s easy to spot flocks of Greater
White-fronted Goose and Bean Goose grazing
in the surrounding countryside.
For lunch we recommend agritourisms and
restaurants in the area offering excellent local
menus.
The next step consists of Oasi Val Campotto
and Oasi di Valle Santa, located near the town
of Argenta. We also recommend visiting the
Idrovora Saiarino, a nice example of industrial
archeology, the Parish of St. Giorgio and the
Museum of Valli di Argenta - Val Campotto.
From Argenta you can return to Comacchio
following the signs for San Biagio, Filo d’Argenta
and Longastrino, a route that passes into the
heart of Bonifica del Mezzano and reaches the
Agosta bank along the western border of the
Valli di Comacchio.
Nella pagina a sinistra:
Vallette di Ostellato;
dall’alto in basso:
Oasi di Bando,
Museo delle Valli di Argenta
e Idrovora Saiarino
di Argenta.
On the left page:
Vallette di Ostellato;
from top to bottom:
Oasis of Bando,
Museo delle Valli in Argenta
and pump of “Idrovora
Saiarino” in Argenta.
67
Pinete e boschi allagati
Ravenna è il punto di partenza ideale per
raggiungere le aree naturalistiche limitrofe e offre
al tempo stesso la possibilità di visitare luoghi di
grande importanza storica ed artistica come la
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, la Tomba di
Dante, il Mausoleo di Galla Placidia e la Basilica
di San Vitale.
In alcune chiese c’è la possibilità di fare un
curioso birdwatching nei mosaici.
Questo itinerario si sviluppa a Nord della città ed
è una vera e propria “full immersion” in natura,
con lunghe camminate e facili avvistamenti.
IAT Ravenna
Via Salara, 8
Tel. +39 0544 35404
+39 0544 35755
[email protected]
UIT Marina Romea
Viale Ferrara, 7
Tel. +39 0544 448323
[email protected]
ravennareservation.it
20 + 19 + 18
Una volta parcheggiata l’auto, la prima tappa è la
Pineta di San Vitale, proseguendo si raggiunge
la Pialassa della Baiona, la visita impegna l’intera
mattinata. In questi siti, oltre agli avvistamenti di
avifauna presente, particolarmente interessanti
sono anche la flora e la fauna.
Lo stesso dicasi dell’adiacente Punte Alberete,
un’oasi straordinariamente bella
e fiorita all’inizio della primavera
quand’è colorata di giallo dall’Iris
e di bianco dal raro Campanellino.
Non manca la possibilità di
avvistare specie rare.
Ripresa la macchina si conclude
la giornata con un ultimo sguardo,
dalla torretta di avvistamento su
Valle Mandriole alla ricerca di
Spatole e Mignattai.
Nella pagina a sinistra:
Oasi di Punte Alberete;
dall’alto in basso:
Mausoleo di Teodorico
Sant’Apollinare in Classe,
Galla Placidia e particolare
del mosaico della Basilica
di San Vitale.
How | Come
How | Come
ITINERARIO [E]
Basilica di
Sant’Apollinare
in Classe
Ravenna,
Via Romea Sud
Tel. +39 0544 473569
ITINERARY [E]
Pinewoods and flooded forests
68
Ravenna is the ideal starting point to reach the
surrounding natural areas and at the same time
offers the opportunity to visit places of great
historical and artistic importance such as the
Basilica of St. Apollinare Nuovo, the Tomb of
Dante and the Mausoleum of Galla Placidia.
In some churches there is the possibility of
birdwatching by admiring the mosaics!
This trail takes you north of the city, immersed in
nature, long walks and easy sightings.
Once parked, the first stop is the Pineta di San
Vitale, soon after you reach the Pialassa della
Baiona, the visit will take the whole morning.
Also the flora and fauna are stunning along this
route.
The same can be said about the adjacent
flooded forest of Punte Alberete: extraordinary
and beautiful in early spring when it flowers in
yellow and white thanks to the Iris and the Snow
Drops. It is also possible to see rare species
here.
Back to the car we can end the day with a last
look for Spoonbill and Glossy ibis, from the
birdwatching tower of the Valle Mandriole.
On the left page:
oasis of Punte Alberete;
from top to bottom:
Mausoleum of Theodoric
St. Apollinare in Classe
Galla Placidia and detail
of the mosaics of the
Basilica of San Vitale.
69
Mosaici e laghi salati
Partendo da Ravenna e imboccando la S.S. 16
Adriatica in direzione Sud, si giunge a Fosso
Ghiaia, abbandonando la statale si entra nella
Pineta di Classe.
Un incantevole sentiero vi conduce ai punti
di avvistamento (torretta e capanno) che si
affacciano sull’Ortazzo.
L’Ortazzino, invece, si può raggiungere in auto
seguendo le indicazioni della scheda.
Di grande interesse è anche la visita della
pineta, dove si possono osservare diverse
specie botaniche e trovare interessanti spunti
Centro Visite Saline di
Cervia
Cervia, Via Bova, 61
Tel. 0544 973040
[email protected]
IAT Cervia
c/o Torre S. Michele,
Via Evangelisti 4
Tel. 0544 974400
[email protected]
How | Come
How | Come
ITINERARIO [F]
22 + 21 + 23
per il biowatching. Questo percorso occupa
l’intera mattinata, per il pranzo le soluzioni sono
molteplici, si va dalla tipica piadina romagnola
ai piatti a base di pinoli o altre specialità della
Romagna.
Nel pomeriggio l’itinerario prosegue con la visita
della Salina di Cervia, la porta di accesso Sud
del Parco del Delta del Po con Centro Visite
e diversi sentieri attrezzati che permettono di
entrare in un ambiente di straordinaria bellezza
e suggestione.
Un altro punto di interesse è rappresentato
dal Parco della Salina, dove ancor oggi si
produce un sale marino integrale, raccolto e
confezionato secondo
il metodo tradizionale.
L’antico ciclo del sale
è testimoniato dalla
Salina Camillone e dai
seicenteschi Magazzini
che ospitano il Museo
del Sale.
Nella pagina a sinistra:
Pineta di San Vitale;
dall’alto in basso:
Magazzini del sale di Cervia,
Salina di Cervia e Torre di
San Michele.
IAT Milano Marittima
Piazzale Napoli, 30
Tel. 0544 993435
[email protected]
UIT Lido di Classe
Viale Vivaldi, 51
Tel. 0544 939278
[email protected]
ITINERARY [F]
Mosaics and salt lakes
70
Starting from Ravenna and taking the S.S. 16
Adriatica to the south, you arrive at Fosso Ghiaia,
leaving the main road you enter the Pineta di
Classe.
A lovely trail takes you to a birdwatching tower
and a hut that overlook Ortazzo.
The Ortazzino, however, can be reached by car
following the sujested directions.
A visit of the pine forest is worth a while: the
area is ideal for seing different botanical species
and for biowatching. This route takes the whole
morning: lunch solutions are many, and the
veraiety of local dishes
will satisfy every one!
In the afternoon the tour continues with a visit to
the Salina di Cervia, the gateway
to the south of the Po
Delta Park, with several
trails that allow you to
admire an environment
of extraordinary beauty
and charm.
Another
point
of
interest is the Park
of
Salt-pans,
where
even today sea salt is
produced, harvested and
packaged in the traditional
manner. The old salt cycle
is demonstrated by the
Salt-pans Camillone and by
the seventeenth-century
warehouses that host the
Salt Museum.
On the left page:
San Vitale Pinewood;
from top to bottom:
Warehouses of the
salt in Cervia,
Salt-pans of Cervia
and St. Michael’s Tower.
71
Dove
Where
Quando
When
La check-list degli uccelli dell’Emilia-Romagna dal 1900 al
giugno 2003 vanta ben 394 specie, tra accidentali, migratrici,
svernanti e sedentarie, oltre a una ventina di segnalazioni non
omologate o non ancora presentate (Picus, 29 (2): 85-107).
Una seconda check-list redatta nel 2004 riporta le segnalazioni
riguardanti il Delta del Po a partire dal 1950 con 317 specie
(M. COSTA, …dove fare birdwatching nel Delta del Po).
In questo elenco, che non vuole essere una chek-list,
sono riportate 173 specie, quelle che più comunemente
si possono osservare durante l’anno nei siti birdwatching
descritti nella guida.
La lista è stata compilata avvalendosi delle ultime pubblicazioni
riguardanti gli studi sull’avifauna del Delta del Po e delle zone
umide dell’Emilia-Romagna. I testi consultati sono i seguenti:
M. COSTA, N. BACETTI, R. SPADONI, G. BENELLI,
Monitoraggio degli uccelli acquatici nidificanti nel Parco del
Delta del Po Emilia-Romagna, Parco del Delta del Po EmiliaRomagna, 2009;
M. COSTA, P.P. CECCARELLI, S. GELLINI, L. CASINI, S.
VOLPONI, Atlante degli uccelli nidificanti nel Parco del Delta
del Po Emilia-Romagna 2004-2006, Parco del Delta del Po
Emilia-Romagna, 2009;
R. TINARELLI, C. GIANNELLA, L. MELEGA, Lo svernamento
degli uccelli acquatici in Emilia-Romagna 1994-2009, Regione
Emilia-Romagna, 2010.
You spot them in the Delta
72
The checklist of birds of Emilia-Romagna region from 1900
to June 2003 boasts 394 species, including occasional,
migratory, wintering and sedentary, as well as a score of
reports not submitted or not yet approved (Picus, 29 (2): 85107). A second check-list drawn up in 2004 lists the reports
concerning the Po Delta since 1950 with 317 species (M.
COSTA, …dove fare birdwatching nel Delta del Po).
In this list, that does not want to be a check-list, 173 species
are reported, most commonly those that can be observed
during the years in the birding sites listed in the guide.
The list was written using the latest publications on studies of
the avifauna of the Po Delta wetlands and Emilia-Romagna
region. The consulted texts are:
M. COSTA, N. BACETTI, R. SPADONI, G. BENELLI,
Monitoraggio degli uccelli acquatici nidificanti nel Parco del
Delta del Po Emilia-Romagna, Parco del Delta del Po EmiliaRomagna, 2009;
M. COSTA, P.P. CECCARELLI, S. GELLINI, L. CASINI, S.
VOLPONI, Atlante degli uccelli nidificanti nel Parco del Delta
del Po Emilia-Romagna 2004-2006, Parco del Delta del Po
Emilia-Romagna, 2009;
R. TINARELLI, C. GIANNELLA, L. MELEGA, Lo svernamento
degli uccelli acquatici in Emilia-Romagna 1994-2009, Regione
Emilia-Romagna, 2010.
Gavia stellata Strolaga minore Red-throated Diver
-14 (Lago di Spina)-8-
M reg. W irr.
Gavia arctica Strolaga mezzana Black-throated Diver
-12 (Lago delle Nazioni)-8- M reg. W irr.
Tachybaptus ruficollis Tuffetto Little Grebe
-8-12-13-14-20-23- SB par. M reg. W
Podiceps auritos Svasso cornuto Horned Grebe
-12 (Lago delle Nazioni)-13-14 (Lago di Spina)-21- M reg. W irr.
Podiceps cristatus Svasso maggiore Great Crested Grebe
SB par. M reg. W
-1-12 (Lago delle Nazioni)-13-14 (Lago di Spina)-18-19-21-
Podiceps nigricollis Svasso piccolo Black-necked Grebe
M reg. W B irr.
-8-13-12 (Lago delle Nazioni)-21-
Phalacrocorax carbo Cormorano Cormorant
-1-4-8-9-12-18-13-23- SB par. M reg. W
Phalacrocorax aristotelis Marangone dal ciuffo Shag
-8-12-
M reg. E
Phalacrocorax pygmaeus Marangone minore Pygmy Cormorant
-13-14-18-19-
M reg. B W irr.
Ardea cinerea Airone cenerino Grey Heron
Presente in tutti i siti / Present at all sites
SB par. M reg. W
Ardea purpurea Airone rosso Purple Heron
-1-2-3-4-8-9-10-12-
M reg. B W irr.
Ardea alba Airone bianco maggiore Great White Egret
Presente in tutti i siti di zone umide come svernante / Present in all sites of wetlands as wintering, nidifica nei siti / nesting sites:-1-2-18-
SB par. M reg. W
Egretta garzetta Garzetta Little Egret
Presente in tutti i siti di zone umide / Present in all sites of wetlands
M reg. B W par.
Ardeola ralloides Sgarza ciuffetto Squacco Heron
-1-2-9-13-18-23-
M reg. B W irr.
Bubulcus ibis Airone guardabuoi Cattle Egret
-1-9-13-18-
SB par. M reg. W par.
Nycticorax nycticorax Nitticora Night Heron
-1-2-4-19-
M reg. B W par.
Ixobrychus minutus Tarabusino Little Bittern
-1-2-9-12-13-18-19-23-
M reg. B W irr.
Botaurus stellaris Tarabuso Bittern
-3-4-18-19-20-21-
SB par. M reg. W
Ciconia ciconia Cicogna bianca White Stork
-3-4-16-
M reg. B W irr.
Plegadis falcinellus Mignattaio Glossy ibis
-13-18- M reg. B W irr.
Platalea leucorodia Spatola Spoonbill
-1-2-13-18-
M reg. B W irr.
Phoenicopterus roseus Fenicottero Flamingo
-12-13-14-21-23-
SB par. M reg. W
Cygnus olor Cigno reale Mute Swan
-1-4-12-13-14-16-18-20-21-
M reg. W SB int.
Anser fabalis Oca granaiola Bean Goose
-12-15-16-21-23-
M reg. W par.
Anser albifrons Oca lombardella White-fronted Goose
-1-2-3-12-15-16-23-
M reg. W par.
B
Nidificante
(primavera
estate)
SB
Stazionaria
nidificante
(tutto l’anno)
M
Migratrice
(primavera
autunno)
W
Svernante
(inverno)
E
Estivante
(estate)
reg.
regolare
irr.
irregolare
par.
parziale
int.
introdotto
When | Quando
When | Quando
Le osservi nel Delta
B
Breeding
(spring,
summer)
SB
Resident
Breeding
(all year round)
M
Migratory
(spring,
autumn)
W
Winter visitor
(winter)
E
Summer
visitor
(summer)
reg.
regular
irr.
irregular
par.
partial
int.
introduced
73
Quando
When
M reg. W par. SB int.
Tadorna tadorna Volpoca Shelduck
-8-10-11-12-13-14-15-18-23-
Buteo buteo Poiana Buzzard
Abbastanza diffusa come svernante / Fairly common as wintering. Nidifica nei siti / nesting sites -1- 6-7-13-14-22- M reg. W SB par
Anas penelope Fischione Wigeon
-1-12-13-14-21-23-
Aquila clanga Aquila anatraia maggiore Greater Spotted
-1-2-19-21-
M reg.
M reg. W B irr.
Anas strepera Canapiglia Gadwall
-1-2-8-12-13-14-17-18-19-20-21-
Falco tinnunculus Gheppio Kestrel
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
M reg. W SB par.
Anas crecca Alzavola Teal
-1-2-3-8-13-14-16-18-19-21-23-
Falco subbuteo Lodolaio Hobby
-1-2-6-13-18-19-20-
M reg. B
M reg. W SB par.
Anas platyrhynchos Germano reale Mallard
Presente in tutti i siti di zone umide / Present in all sites of wetlands
M reg. B
SB M reg. W
Coturnix coturnix Quaglia Quail
Abbastanza diffusa nei coltivi dell’area del Parco / Fairly common in cultivated area of the park
Anas acuta Codone Pintail
-1-13-21-23-
M reg. W B irr.
Phasianus colchicus Fagiano Pheasant
Abbastanza diffuso in particolare nei siti / Fairly widespread especially in sites: -6-7-16-
SB
Anas querquedula Marzaiola Garganey
-1-2-12-13-14-18-19-20-21-23-
M reg. B W irr.
Grus grus Gru Crane
-2-16-
M reg. W irr.
Anas clypeata Mestolone Northern Shoveler
-1-2-3-4-8-12-13-15-16-18-20-21-23-
M reg. W SB par.
Rallus aquaticus Porciglione Water Rail
1-2-3-4-8-10-12-13-18-19-21-
SB M reg. W
M reg. W B irr.
Porzana parva Schiribilla Little Crake
-13-20-
M reg. B
M reg. W SB par.
Porzana porzana Voltolino Spotted Crake
-14-17-18-19-
M reg. B W irr.
Netta rufina Fistione turco Red-crested Pochard
-14-18-19-20-
Aythya ferina Moriglione Pochard
-1-4-12-13-14-17-18-19-20-21-
Aythya nyroca Moretta tabaccata Ferruginous duck
-1-18-19-20-
M reg. W SB par.
Aythya fuligula Moretta Tufted Duck
-11-12-13-14-18-
M reg. W B irr.
Aythya marila Moretta grigia Scaup
-12-13-14 (lago di Spina)-17-
M reg. W reg
Melanitta nigra Orchetto marino Common Scoter
-8 (litorale Lido delle Nazioni / Lido waterfront Nations)-
M irr. W irr.
Melanitta fusca Orco marino Velvet Scoter
-8 (litorale Lido delle Nazioni / Lido waterfront Nations)-
M irr. W irr.
Bucephala clangula Quattrocchi Goldeneye
-13-
M reg. W
Mergellus albellus Pesciaiola Smew
-1-4-8-12-13-15-
M reg. W
Mergus serrator Smergo minore Red-breasted Merganser
M reg. W
-8-12 (lago delle Nazioni)-13-14 (lago di Spina)-
Pandion haliaetus Falco pescatore Osprey
-2-13-14-
M reg. W irr.
Haliaeetus albicilla Aquila di mare White-tailed Eagle
-1-18-
M irr. W irr.
Circus aeruginosus Falco di palude Marsh Harrier
Abbastanza diffuso in tutti i siti di zone umide / Fairly common in all sites of wetland. Nidifica nei siti / nesting sites -1-13-18-21- 74
SB M reg. W
SB M reg. W
Gallinula chloropus Gallinella d’acqua Moorhen
Abbastanza diffusa in tutti i siti di zone umide del Parco / Fairly common in all sites of wetlands of the Park
SB M reg. W
Fulica atra Folaga Coot
Abbastanza diffusa in tutti i siti di zone umide del Parco / Fairly common in all sites of wetlands of the Park
SB M reg.
THaematopus ostralegus Beccaccia di mare Oystercatcher
-8-12-13-14-20-
M reg. B W
Himantopus himantopus Cavaliere d’Italia Black-winged Stilt
-2-11-12-13-14-15-18-21-23-
M reg. B W irr.
Recurvirostra avosetta Avocetta Avocet
-8-11-12-13-14-15-21- 23-
M reg. B W
Glareola pratincola Pernice di mare Collared Pratincole
-12-15-16-
M reg. B
Vanellus vanellus Pavoncella Lapwing
-1-2-12-18-21-23-
M reg. W B
Pluvialis apricaria Piviere dorato Golden Plover
-16-19-21-
M reg. W
Pluvialis squatarola Pivieressa Grey Plover
-8-23-
M reg. W
Charadrius hiaticula Corriere grosso Ringed Plover
-8-20-
M reg. W par.
Charadrius dubius Corriere piccolo Little ringed Plover
-14-21-
M reg. B W irr.
Circus cyaneus Albanella reale Hen Harrier
-2-8-12-14-16-20-21-
M reg. W B irr.
Circus pygargus Albanella minore Montagu’s Harrier
-9-13-18-20-23-
Charadrius alexandrinus Fratino Kentish Plover
-8-11-12-13-14-15-21-23-
SB M reg. W par.
M reg. B
Scolopax rusticola Beccaccia Woodcock
-6-
M reg. W B
SB M reg. W
Lymnocryptes minimus Frullino Jack Snipe
-8-15-19-21-
M reg. W
Accipiter nisus Sparviere Sparrowhawk
-10 (Pineta)-13-
B
Nidificante
(primavera
estate)
SB
Stazionaria
nidificante
(tutto l’anno)
M
Migratrice
(primavera
autunno)
W
Svernante
(inverno)
E
Estivante
(estate)
reg.
regolare
irr.
irregolare
par.
parziale
int.
introdotto
When | Quando
When | Quando
Dove
Where
Anser anser Oca selvatica Greylag Goose
-1-2-3-12-15-16-18-21-
B
Breeding
(spring,
summer)
SB
Resident
Breeding
(all year round)
M
Migratory
(spring,
autumn)
W
Winter visitor
(winter)
E
Summer
visitor
(summer)
reg.
regular
irr.
irregular
par.
partial
int.
introduced
75
Dove
Where
Quando
When
M reg. W B irr.
Sterna albifrons Fraticello Little Tern
-8-12-13-14-15-20-21-23-
Limosa limosa Pittima reale Black-tailed Godwit
-2-11-12-14-23-
M reg. W irr.
Chlidonias hybridus Mignattino piombato Whiskered Tern
-1-20-
M reg. B W irr.
Limosa lapponica Pittima minore Bar-tailed Godwit
-8 (Scannone di Goro)-
M reg. W irr.
Columba palumbus Colombaccio Wood Pigeon
-1-6-10 (Pineta di Volano)-14-
Numenius phaeopus Chiurlo piccolo Whimbrel
-8 (Scannone di Goro)-
M reg.
Numenius arquata Chiurlo maggiore Curlew
-8-13-14-
Streptopelia turtur Tortora Turtle Dove
Presente in tutta l’area del Parco specialmente nelle aree boscate e di pineta / Present throughout the area of the park especially in wooded areas and pine forest
M reg. W
Tringa erythropus Totano moro Spotted Redshank
-8-11-12-13-14-15-23-
Streptopelia decaocto Tortora dal collare Collared Dove
SB
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
M reg. W par.
Tringa totanus Pettegola Redshank
-8-12-13-14-20-21-23- Cuculus canorus Cuculo Cuckoo
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
M reg. B
SB par. M reg. W
Tringa nebularia Pantana Greenshank
-8-11-12-13-14-23-
Tyto alba Barbagianni Barn Owl
-7-13-21-23-
SB M reg. W
M reg. W par.
Tringa ochropus Piro piro culbianco Green Sandpiper
-16-
M reg. W par.
Otus scops Assiolo Scops Owl
-1-2 (aree boscate / wooded areas)-6-7-
-10 (Pineta di Volano)-13-14-22-
Actitis hypoleucos Piro piro piccolo Common Sandpiper
-8-12-13-14-16-20-23-
M reg. B W
Arenaria interpres Voltapietre Ruddy Turnstone
-8 (Scannone di Goro)-
M reg. W par.
Calidris canutus Piovanello maggiore Red Knot
-8 (Scannone e litorale di Goro / Lido delle Nazioni)-
M reg. W par.
Calidris alba Piovanello tridattilo Sanderling
-8 (Scannone e litorale di Goro / Lido delle Nazioni / Porto Garibaldi / Foce Reno)-
M reg. W par.
Calidris minuta Gambecchio Comune Little Stint
-2-8-13-23-
M reg. W
Calidris alpina Piovanello pancianera Dunlin
-8-13-21-25-
M reg. W
Philomachus pugnax Combattente Ruff
-11-12-14-25-
M reg. W par.
Larus canus Gavina Common Gull
-8 (Scannone e litorale di Goro / Lido delle Nazioni / Foce Reno)-
M reg. W
Larus argentatus Gabbiano reale nordico Herring Gull
-8-
M reg. W
Larus michahellis Gabbiano reale mediterraneo Yellow-legged Gull
SB M reg. W
Molto diffuso in tutta l’area del Parco / Very common throughout the Park area
SB M reg. W
M reg. B
M reg. B W irr.
Strix aluco Allocco Tawny Owl
-6-20-22-
SB M irr.
Athene noctua Civetta Little Owl
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Asio otus Gufo comune Long-eared Owl
-1-6-7-9-16-19-20-
SB M reg. W
Asio flammeus Gufo di palude Short-eared Owl
-4-15-16-
M reg. W par. E irr.
Caprimulgus europaeus Succiacapre Nightjar
-6-7-11-14-20-22-
M reg. B
Apus apus Rondone Swift
Buona presenza in tutta l’area del Parco / Good presence in the whole area of the park
M reg. B
Alcedo attis Martin pescatore Kingfisher
Buona presenza in tutta l’area del Parco / Good presence throughout the park area. In particolare nei siti / In particular sites: -1-2-10-14-
SB M reg. W
Merops apiaster Gruccione Bee-eater
Buona presenza in tutta l’area del Parco / Good presence in the whole area of the park
M reg. B
Coracias garrulus Ghiandaia marina Roller
-16-
M reg. B irr.
Upupa epops Upupa Hoopoe
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
M reg. B
M reg. B W irr.
Larus ridibundus Gabbiano comune Black-headed Gull
-8-12-20-23-
M reg. W B
Larus genei Gabbiano roseo Slender-billed Gull
-8-12-13-14-15-20-23-
Jynx torquilla Torcicollo Wryneck
-6-7-14-20-22-23-
M reg. B W irr.
Dendrocopos major Picchio rosso maggiore Great Spotted Woodpecker
-1-2-6-10-14-19-20-
SB M reg. W par.
Larus melanocephalus Gabbiano corallino Mediterranean Gull
-12-13-14-20-23-
M reg. B W irr.
76
M reg. B
Picus viridis Picchio verde Green Woodpecker
-1-2-6-19-20-22-
B
Breeding
(spring,
summer)
SB
Resident
Breeding
(all year round)
M
Migratory
(spring,
autumn)
W
Winter visitor
(winter)
E
Summer
visitor
(summer)
reg.
regular
irr.
irregular
par.
partial
int.
introduced
SB M irr.
Gelochelidon nilotica Sterna zampenere Gull-billed Tern
-12-13-15-21-
M reg. B
Sterna sandvicensis Beccapesci Sandwich Tern
-12-13-
Dendrocopos minor Picchio rosso minore Lesser Spotted Woodpecker
SB M irr.
-6-7-10 (Pineta di Volano)-19-20-
M reg. B W par.
Calandrella brachydactyla Calandrella Short-toed Lark
-13-21 (nei coltivi ai margini dei siti / in the countryside, around the sites)
M reg. B
M reg. B W irr.
Galerida cristata Cappellaccia Crested Lark
-6-7-8-12-13-16-
SB M reg. W
Sterna hirundo Sterna comune Common Tern
-2-12-13-14-15-18-20-21-23-
B
Nidificante
(primavera
estate)
SB
Stazionaria
nidificante
(tutto l’anno)
M
Migratrice
(primavera
autunno)
W
Svernante
(inverno)
E
Estivante
(estate)
reg.
regolare
irr.
irregolare
par.
parziale
int.
introdotto
When | Quando
When | Quando
Gallinago gallinago Beccaccino Common Snipe
-8-12-21-
77
Dove
Where
Quando
When
Hirundo rustica Rondine Swallow
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Aegithalos caudatus Codibugnolo Long-tailed Tit
-6-7-19-14-20-21-22-
SB M reg. W
SB M reg. W
M reg. B W irr.
Poecile palustris Cincia bigia Marsh Tit
-7-
Delichon urbica Balestruccio House Martin
-1-7-13-
M reg. B
Parus major Cinciallegra Great Tit
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Motacilla alba Ballerina bianca White Wagtail
-13-21-22-
SB M reg. W
Cyanistes caeruleus Cinciarella Blue Tit
-1 (bosco del Traversante)-6-7-13-14-19-22-
SB M reg. W
Motacilla flava Cutrettola Yellow Wagtail
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
M reg. B W irr.
Sitta europaea Picchio muratore Nuthatch
Raro, individuato in alcuni siti / Rare, seen in some sites, like: -22-
SB M irr.
Troglodytes troglodytes Scricciolo Wren
-14-20-22-
SB M reg. W
Turdus merula Merlo Blackbird
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
Certhia brachydactyla Rampichino Short-toed Treecreeper
SB M reg. W
Raro, individuato in alcuni siti / Rare, seen in some sites, like: -20 (pineta)-22-
SB M reg. W
Cisticola juncidis Beccamoschino Fan-tailed Warbler
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
Remiz pendulinus Pendolino Penduline Tit
-16-17-18-21-22-
SB M reg. W
SB M reg. W par.
Cettia cetti Usignolo di fiume Cetti’s Warbler
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
Oriolus oriolus Rigogolo Golden Oriole
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
M reg. B
SB M reg. W par.
Locustella luscinioides Salciaiola Savi’s Warbler
-1-2-20-
Lanius collurio Averla piccola Red-backed Shrike
-6-14-20-22-23-
M reg. B
M reg. B
Lanius minor Averla cenerina Lesser Grey Shrike
-13 (bonifica di Valle Pega)-
M reg. B
Garrulus glandarius Ghiandaia Jay
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Pica pica Gazza Magpie
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M irr.
Corvus cornix Cornacchia grigia Hooded Crow
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Sturnus vulgaris Storno Starling
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Acrocephalus melanopogon Forapaglie castagnolo Moustached Warbler
-13-
SB M reg. W par.
Acrocephalus scirpaceus Cannaiola Reed Warbler
-1-2-11-12-13-14-15-18-19-21- M reg. B
Acrocephalus palustris Cannaiola verdognola Marsh Warbler
-1-2-9-12-13-20-
M reg. B
Acrocephalus arundinaceus Cannareccione Great Reed Warbler
M reg. B
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
78
Hippolais polyglotta Canapino Melodious Warbler
-1-6-8-12-13-14-18-19-20-21-22- M reg. B
Phylloscopus collybita Luì piccolo Chiffchaff
-1-14-18-19-20 (Marina Romea)-22-
Emberiza cirlus Zigolo nero Cirl Bunting
-13-14-19-21-22-
SB M reg. W par.
SB pa. M reg. W
Sylvia atricapilla Capinera Blackcap
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
Emberiza hortulana Ortolano Ortolan Bunting
-1-18-
M reg. B
SB M reg. W
Sylvia communis Sterpazzola Whitethroat
-1-2-6-15-20-21-
Emberiza schoeniclus Migliarino di palude Reed Bunting
-1-2-13-15-18-19-
SB M reg. W
M reg. B
Sylvia cantillans Sterpazzolina Subalpine Warbler
-13-21-22-
Emberiza calandra Strillozzo Corn Bunting
-1-2-13-14-16-18-19-21-22-
SB M reg. W
M reg. B
Sylvia melanocephala Occhiocotto Sardinian Warbler
-8 (Goara / Pineta Lido delle Nazioni)-14-20-21-22-
Fringilla coelebs Fringuello Chaffinch
Abbastanza presente in tutta l’area del Parco / Fairly present in all areas of the Park
SB M reg. W
SB M reg. W
Muscicapa striata Pigliamosche Spotted Flycatcher
Raro, individuato in alcuni siti / Rare, seen in some sites, like:
-8-13-19-22-
Carduelis chloris Verdone Greenfinch
-6-7-13-14-18-19-20-21-22-23- SB par. M reg. W par.
M reg. B
Carduelis carduelis Cardellino Goldfinch
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Erithacus rubecula Pettirosso Robin
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
Ha nidificato nei siti / it nested in the sites: -6-22-
SB M reg. W
Serinus serinus Verzellino Serin
-13-14-18-20-21-22-23-
SB par. M reg. W par.
Passer italiae Passera d’Italia House Sparrow
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Passer hispaniolensis Passera sarda Sparrow
-8 (Gorino paese/village)-13 (Comacchio paese/village)-23-
SB M reg. W
Passer montanus Passera mattugia Tree Sparrow
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB M reg. W
Luscinia megarhynchos Usignolo Nightingale
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
M reg. B
Saxicola rubicola Saltimpalo Stonechat
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
SB par. M reg. W
Panurus biarmicus Basettino Bearded Tit
-1-2-13-17-19-
SB M reg. W
B
Nidificante
(primavera
estate)
SB
Stazionaria
nidificante
(tutto l’anno)
M
Migratrice
(primavera
autunno)
W
Svernante
(inverno)
E
Estivante
(estate)
reg.
regolare
irr.
irregolare
par.
parziale
int.
introdotto
When | Quando
When | Quando
Alauda arvensis Allodola Skylark
Presente in tutta l’area del Parco / Present throughout the park area
B
Breeding
(spring,
summer)
SB
Resident
Breeding
(all year round)
M
Migratory
(spring,
autumn)
W
Winter visitor
(winter)
E
Summer
visitor
(summer)
reg.
regular
irr.
irregular
par.
partial
int.
introduced
79
La presente guida è stata finanziata con i fondi del Piano di azione Locale del Delta Emiliano-Romagnolo
– Leader Asse 4 del Piano di Sviluppo Rurale Regione Emilia-Romagna 2007-2013 realizzato dal Gruppo
di Azione Locale DELTA 2000, con la finalità di promuovere forme di turismo eco-sostenibile nell’area
del Delta del Po ed in particolare per la costruzione e valorizzazione del prodotto “birdwatching”.
Misura 413 “Miglioramento qualità della vita e diversificazione attività economiche”, Azione 7
“Attuazione di strategie integrate e multisettoriali”.
This guide was financed with funds of the “Piano di azione Locale del Delta Emiliano-Romagnolo
– Leader Asse 4 del Piano di Sviluppo Rurale Regione Emilia-Romagna 2007-2013” realized by the Group
of Local Action DELTA 2000, with the aim to promote an eco-sustainable tourism in the Po Delta area
and in particular, to built and develop the product “birdwatching”.
Measure 413 “Improving of the quality of life and diversification of economic activities”, Action 7
“Implementation of integrated and multisectoral strategies”.
Responsabile progetto / Project Manager
Angela Nazzaruolo - Direttore / Director GAL DELTA 2000.
Collaboratori / collaborators GAL DELTA 2000:
Lidia Conti, Chiara Longhi, Tatiana Picone.
Si ringrazia per la collaborazione, i consigli ed i suggerimenti forniti dal Comitato di Coordinamento
Interprovinciale / Thanks for your support, advice and suggestions given by the Coordination
Committee Inter-provincial:
Provincia di Ferrara - Roberto Ricci Mingani, Emma Barboni;
Provincia di Ravenna - Alberto Rebucci, Massimiliano Costa, Maura Memmi;
Parco del Delta del Po Emilia-Romagna - Lucilla Previati, Raffaella Tommasi.
Redazione / Editorial staff:
Giacomo Benelli, in collaborazione con / in collaboration with: AQUAedizioni
Coordinamento / Coordination: Stefano Casellato.
Stesura testi / Writing texts: Giacomo Benelli, Nicola Donà, Sandro Vidali.
Rilevamenti e contenuti scientifici / Surveys and scientific content: Giacomo Benelli, Nicola Donà.
Traduzioni / Translations: Maria Adelaide Avanzo, Giacomo Benelli, Sara Milani.
Illustrazioni / Illustrations: IIaria Masoli.
Grafica / Graphic: Daniele Grossato.
Stampa / Print: Eurocrom4 S.r.l.
Hanno collaborato / Collaborated: Bianca Argnani, Monia Cattabriga, Isabella Finotti,
Francesca Gambetti, Monica Guerra, Melissa Leoni, Antonella Negrini, Letizia Nordi, Eleonora Ricci,
Valentina Roma, Farnia Aurora Senni, Irene Tamburin, Cristiano Tarantino.
Crediti fotografici / Photo credits
Per individuare le foto corrispondenti agli autori, sono stati indicati il numero di pagina abbinato
ad una lettera progressiva (a,b,c,d,e) dall’alto verso il basso, quando nella stessa pagina sono
presenti più foto. / In order to find the corresponding photo of the Photographer, has been added
the number of page with alongside a progressive letter (a,b,c,d,e) from top to bottom.
Marco Andreani: pg. 39b - Christian Angelici: pg. 31b - Roberto Arlotti: pg.10a, 71b Christian Asirelli: pg. 9a - Florio Badocchi: pg. 41c - Valentina Bergamini: pg. 9b - Paolo Berto: pg. 31a Flavio Bianchedi: pg. 27b, 47c - Paolo Bolognini: pg. 31c, 55a - Giuseppe Bonali: pg. 23b, 27d Eddi Boschetti: 59b - Massimo Bottoni: pg. 25c, 33a - Fausto Branchi: pg. 25a, 57c Maurizio Brunazzi: pg. 53d - Vittorio Busato: pg. 19c, 59a - Stefano Cappello: pg. 49c Stefano Casellato: pg. 3a-b, 6, 8, 12, 23d, 25b, 41b, 43c, 60, 61a-b-c-d, 62, 63a-b-d, 64, 65a-b, 68, 68d, 71d Lino Casini: seconda di copertina / inside front cover - Loris Costa: 57b - Alessandro Crepaldi: pg. 13b Marco Dall’Aglio: pg. 17b, 27a, 45d - Bruno De Faveri: pg. 23c - Emanuela De Ros: pg. 19a Valerio Desideri: pg. 7a - Giovanni Fae: terza di copertina / inside back cover - Renato Fano: pg. 35d Angelo Formenton: pg. 37a, 45c - Carlo Fracasso: pg. 15c - Alessio Furlan: pg. 33b Virginio Fuser: pg 53c - Davide Gaglio: pg. 51b - Marino Gasperoni: pg. 57a - Luciano Gelfi: pg. 35b Luca Gengotti: pg. 7b - Vicario Glauco: pg. 49d - Maurizio Lanini: pg. 11b, 51a - Luca Longo: pg. 17d Federico Marangoni: pg. 37c - Marco Marangoni: pg. 55b - Luciano Mazza: pg. 33c Michele Mendi: pg. 15a, 45a - Anna Missiroli: pg. 69a, 69c - Giacomo Naldini: pg. 59d Moreno Nalin: pg. 45b - Davide Pansecchi: pg.17a,19b, 21c, 29a, 37d, 41a, 43a, 43b, 47b, 49a, 49b,
51c, 53b, 65c - Michele Pietrangelo: pg. 39a - Gastone Pivatelli: prima di copertina / front cover Vittorio Ricci: pg. 47d - Pierluigi Rizzato: pg. 37b, 47a - Gianfranco Sala: pg. 21b, 23a Biagio Alberto Scalia: pg. 39c, 59c - Massimo Scaramelli: pg. 35c - Riccardo Scardovelli: pg. 55c Luigi Sebastiani: pg. 53a - Achille Serrao: pg. 15b - Francesco Sestili: pg. 17c, 29c Roberto Soprani: pg. 21a - Paolo Spigariol: pg. 45e - Sergio Stignani: pg. 67b-c Enrico Tessari: pg 35a, 41d - Claudio Torresani: pg. 27c, 27e - Paolo Ugo: quarta di copertina / back
cover, pg. 29b - Alejandro Ventura: pg. 66 - Mirko Zanetti: pg.11a - Marco Zauli: pg. 33d Giuliano Zogno: pg. 13a, 27d - Archivio ATLANTIDE: pg. 43d, 63c, 67a, 69b, 70, 71a-c
Stampato nel mese di settembre 2011 / Printed in September 2011
Fly UP