...

Le due pale seicentesche di Antonio Cimatori detto Visacci Le due

by user

on
Category: Documents
12

views

Report

Comments

Transcript

Le due pale seicentesche di Antonio Cimatori detto Visacci Le due
ARIMINUM
Storia, arte e cultura della Provincia di Rimini
Sogliano accoglie Anita e Giuseppe Garibaldi in fuga da Roma
Mussolini a Rimini per le onoranze a Giovanni Pascoli
Le Allegre note, il coro delle voci bianche di Riccione
Le due pale seicentesche
di Antonio Cimatori detto Visacci
FOTOGRAFIA DI EMILIO SALVATORI
Periodico bimestrale fondato dal Rotary Club Rimini
Anno XX - N. 4 - Luglio-Agosto 2013
®
... da oltre 50 anni
partner ideale per aziende
ed attività commerciali ...
... produzione
e commercializzazione
dei migliori prodotti
nazionali ed esteri
per negozi e non solo.
EDITORIALE
SOMMARIO
Fuori onda
PETER PAN
IN COPERTINA
“La fontanella di Piazza Cavour”
di Emilio Salvatori
ARTE E FEDE
“Bella Fede” nella Chiesa
di San Giovanni Battista
6-9
MOSTRE
La Fortezza di San Leo
ospita i Riministi
10
STORIA DELL’ARCHITETTURA
L’Architettura tra la fine dell’800
e la prima Guerra mondiale
12-14
IL FATTO NELLA STORIA
Di nuovo a casa
la piccola Venere di Rimini
16-17
DENTRO LA STORIA
Il mercato del bracciantato
18-19
TRA CRONACA E STORIA
Anni Venti / Il discorso di
Mussolini del 21 settembre 1924
Garibaldi e Anita a Sogliano
Il Barone di Rimini
Nicola Patella e la sua
“Battaglia di mezza estate”
21-37
MUSICA
Le Allegre note di Riccione
38-40
TEATRALIA
Il Teatro della Regina di Cattolica
42-43
Quella situazione psicologica in cui si trova una persona che si rifiuta
di crescere e di assumersi delle responsabilità è diagnosticata come
“sindrome di Peter Pan”. È una condizione tutta interiore, che spinge
il soggetto a ritenere ostile il mondo degli adulti e di conseguenza a
rifugiarsi in comportamenti tipici della fanciullezza. La patologia
non tocca i grandi, tantomeno le persone anziane. Eppure… In certi
vecchi uno stato mentale analogo, anche se rapportato agli acciacchi,
è presente e si manifesta col riproporre pensieri, parole e atteggiamenti
propri della giovinezza. Non so se questo stato tendente a superare
il ruolo e i vincoli dell’età sia da considerarsi una affezione e non so
nemmeno se abbia a che fare con Peter Pan o più semplicemente con
l’arteriosclerosi. So solo che c’è; conosco chi ne è colpito. Mi riferisco
a quella combriccola che si ritrova tutte le mattine, alla stessa ora, al
piccolo bar del porto di fronte al Delfinario: un gruppetto di abituali
frequentatori che se ne sta sul retro del locale, accucciato all’ombra,
cedendo la prima linea soleggiata ed elegante agli occasionali clienti.
Conosco la cricca, perché ne faccio parte; anch’io, con loro, in quel
cantuccio pregno di quell’aura marina che penetra nelle narici e
ringalluzzisce lo spirito, tendo a voltare le spalle alla vecchiaia.
Come? Di solito nella prima mezz’ora si mastica la briosce con la
poetica di Pound e si sorseggia l’acqua o il the disquisendo sull’“Ulisse”
di Joyce o sulle suggestioni futuriste di Sant’Elia; poi si degusta il caffè
miscelando la psicanalisi di Freud con la psicologia analitica di Jung;
dopodiché, fatto il pieno di passaggi eruditi e di buona cultura, nella
seconda mezz’ora si inizia a vagare nel labirinto del cazzeggio. Ed è qui
che si manifesta la “sindrome”. Si procede all’indietro nel tempo e si va a
pescare sempre gli stessi argomenti, quelli di venti, trenta, quaranta anni
fa e nel groviglio dei ricordi, aggiornati di volta in volta dagli effetti
umorali della prostata, del diabete, del colesterolo…, ecco tornare sul
proscenio della conversazione le solite smargiassate che cinquant’anni
or sono fecero impazzire un’intera generazione di sfaccendati. E sulla
scia di questi amarcord, che mai affiorerebbero in presenza di estranei,
le parole fluiscono leggere mentre il lessico diviene talmente pesante da
far rivoltare nella tomba persino quel “maledetto” di Céline.
M. M.
P.S.
Dimenticavo. Il dilettevole ristoro, che schiude il lungomare alle
invitanti malie del porto, dove la Dina, l’Enza e l’Elena ingentiliscono la
cordialità dei fratelli Giuseppe, Sandro e Paolo, proprietari del locale, e
dove un numero di “Ariminum”, per chi è in crisi di astinenza, è sempre
reperibile, si chiama Peter Pan.
LA CARTOLINA DI GIUMA
Tu chiamale se vuoi … emozioni
ALBUM
A spasso per la città / L’arrotino
44
ROTARY
Per la salvaguardia del nostro
patrimonio storico-artistico
47
LIBRI
“Un ragazzo del ’99”
48-49
FILATELIA
Le origini del francobollo nella
Repubblica di San Marino
50-51
ARIMINUM
Le bagnanti di Maneglia
52
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 5
ARTE E FEDE
“Bella Fede” nella Chiesa di San Giovanni dal 12 luglio al 30 settembre
In mostra le due pale di
Antonio Cimatori detto Visacci
Artista sottovalutato a Rimini,
ma molto apprezzato nelle principali collezioni del mondo
di Giulio Zavatta
Antonio Cimatori
detto Visacci,
Adorazione dei Magi,
Rimini,
chiesa di
San Giovanni Battista
(foto Gilberto Urbinati).
A
ntonio Cimatori detto
Visacci (1550c.-1623) è
stato – assieme a Giovanni
Laurentini detto l’Arrigoni
di Sant’Agata Feltria – il più
importante pittore attivo a
Rimini agli inizi del Seicento,
essendosi trasferito in città
probabilmente già nel 1609 in
occasione di una commissione
affidatagli
dagli
6 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
Olivetani di Scolca. Visacci
fu uno degli allievi diretti di
Federico Barocci (1535-1612),
il più influente pittore urbinate della seconda metà del
Cinquecento, e dopo lunghi
anni di collaborazione con il
maestro, durante i quali compì
anche viaggi di studio a Roma,
intraprese un percorso artistico e di vita autonomo. Tra il
1587 e il 1589 a Pesaro fu “pittore di corte e famigliare del
Duca”, e occupò le “officinelle
dette botteghini” che affiancavano palazzo ducale. Nel
1593, tornato a Urbino,
occupò assieme ad altri
colleghi lo studio che
era stato di Federico
Barocci sopra la chiesa di Sant’Antonio.
Quando nel 1609 si
trasferì a Rimini era
probabilmente vicino ai sessant’anni,
un’età allora davvero
avanzata, ma ciò nonostante fu in grado
di tenere il campo
per almeno quindici
anni, accaparrandosi
alcune delle più importanti commissioni
cittadine, in particolar modo legate agli
ordini. Oltre agli Olivetani, infatti, Visacci
lavorò anche per i
Francescani delle
Grazie, per gli Agostiniani di San Giovanni
Evangelista e infine
per i Carmelitani di
San Giovanni Battista, per i quali dipinse un’Adorazione
dei Magi e una Crocifissione. E appunto
dalle opere conservate nella chiesa del
borgo San Giovanni,
«La “riscoperta”
delle due pale
ha fatto emergere
alcuni interessanti
ed inediti
documenti su
Antonio Cimatori,
importante pittore
attivo a Rimini
agli inizi
del Seicento»
in concomitanza con la festa
che si tiene ogni due anni, ha
preso avvio un progetto di studio storico artistico e un’esposizione con intenti di catechesi
legata all’Anno delle Fede. Le
due pale d’altare conservate
in San Giovanni, adattate una
cinquantina d’anni or sono per
coprire due finestroni dell’abside, sono di fatto diventate
quasi “invisibili”: il profondo
catino, dotato di allarme, non
si presta ad essere visitato,
e i due dipinti sono disposti
in maniera tale da non poter essere agevolmente visti
neppure dalla navata della
chiesa, tanto che nel cartello
informativo sull’edificio ecclesiastico posto all’esterno
non sono neppure menzionati.
Eppure si tratta di “documenti
artistici” molto importanti per
la città, manifestazioni tardive
di un Manierismo che “andava stremando” in un lungo e
fortunato crepuscolo, epigoni
di un linguaggio prossimo al
definitivo declino, minato dai
primi e inesorabili arrivi di
opere bolognesi di Lucio Massari e Francesco Albani, ma
ancora prediletto da una committenza parimenti attardata
in favore di uno stile altrove
superato dalle formidabili personalità dei Carracci e di Caravaggio. La ricerca compiuta
in occasione dell’esposizione e
del piccolo catalogo ha portato
ad alcune interessanti inedite
acquisizioni. La prima è il
contratto originale tra Antonio
Cimatori e gli Agostiniani,
con il quale nel 1612 il pittore si impegnava a dipingere
il chiostro di San Giovanni
Evangelista. Il 4 settembre
di quell’anno D. Antonius de
Cimatoribus Urbinas Pictor
habitator Arimini promise al
priore Giovanni Agostino di
pingere omnia quadra in claustro raffigurandovi gli episodi
della storia di Sant’Agostino. Il
priore si impegnava a fornire i
colori e omnia cementa necessaria ad hoc ut facilius pingere
possit et perficere opus. Nel
documento si specificava
che essendo ormai prossimo
l’inverno, Cimatori avrebbe dovuto iniziare il lavoro
in principio mensis aprilis
prossimo venturo 1613, cioè
nella primavera successiva.
Una volta iniziato, il pittore
non avrebbe dovuto prendere ulteriori impegni fino
a quando l’opera non fosse
stata portata a termine, pingendo sine intervallo. Per
far questo, Visacci avrebbe
ricevuto vitto e alloggio in
San Giovanni Evangelista: il
priore si impegnava infatti a
prestare alimenta et habitatione in proprio conventu pro
dicto tempore. Dalla carta
d’archivio emerge dunque la
preoccupazione di garantirsi
i servizi dell’ambito pittore
in esclusiva, a dimostrazione
del fatto che allora Visacci
doveva essere assai ricercato
dalla committenza riminese e
non solo (vivi e saldi rimasero
infatti i rapporti con la corte
roveresca e in particolare con
i Del Monte di Mombaroccio,
nelle Marche).
Antonio Cimatori
detto Visacci,
Crocifissione,
Rimini, chiesa di
San Giovanni Battista
(foto Gilberto Urbinati).
Bella fede / La mostra
Sulla strada della gioia. Testimoni di fede. L’Adorazione dei Magi e la Crocifissione del
Visacci di Antonio Cimatori, detto il Visacci, nella Chiesa di San Giovanni Battista di Rimini.
Dal 12 luglio al 30 settembre 2013.
Partendo dai due dipinti seicenteschi ai lati dell’altare maggiore – opera di Antonio
Cimatori detto il Visacci – la Parrocchia di San Giovanni Battista propone un percorso
espositivo storico/artistico/culturale e soprattutto religioso sul tema della Fede.
Le tele raffigurano due momenti chiave nella storia dell’amicizia di Dio con l’uomo:
l’Adorazione dei Magi e la Crocifissione e diventano occasione per recuperare il senso
più vero e profondo del Credo e “farci crescere tutti nella fede e nell’amore a Cristo, perché
impariamo a vivere, nelle scelte e nelle azioni quotidiane, la vita buona e bella del Vangelo ...
un cammino per rafforzare o ritrovare la gioia della fede, che è l’anima della vita concreta”
(Papa Benedetto XVI).
Il progetto è in linea con le indicazioni pastorali per l’Anno della fede, indetto dal Sommo
Pontefice, che sottolineano il rapporto tra fede e arte e raccomandano di valorizzare, in
funzione catechetica, il patrimonio artistico nei luoghi di culto.
A cura della Parrocchia di San Giovanni Battista Rimini, parroco Don Salvatore Pratelli.
Testi di Gabriele Burnazzi e Antonella Chiadini. Ricerca storico artistica di Alessandra Bigi
Iotti e Giulio Zavatta. Ideazione e coordinamento di Antonella Chiadini e Giulio Zavatta.
Progetto grafico di Amedeo Bartolini. Campagna fotografica di Gilberto Urbinati. Video di
Luciano Monti.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 7
ARTE E FEDE
Ulteriori novità sono emerse
anche per quel che riguarda
l’identificazione dei santi che
compaiono nel ruolo di “testimoni” nella Crocifissione. La
pala con il Cristo crocifisso
di Visacci conservata a San
Giovanni Battista era, fino ad
oggi, intitolata Crocifissione
con i santi Francesco d’Assisi,
Antonio di Padova ed i beati
martiri carmelitani Dionigi
della Natività e Redento della
Croce. I due santi carmelitani
erano dunque stati identificati
in Dionigi Della Natività (al
secolo Pietro Berthelot) e Redento Della Croce (Tommaso
Rodriguez), martiri dell’ordine. Tuttavia i loro profili
biografici hanno dato adito
a più di un dubbio, tanto da
essersi rivelati a una verifica
oggettivamente insostenibili.
Entrambi, infatti, morirono
nel 1638, quindici anni dopo
Visacci, autore della pala;
ambedue inoltre sono connotati dall’aureola, essendo già
santi fin dal Seicento e non
«Visacci lavorò
per gli Olivetani
di Scolca,
per i Francescani
delle Grazie,
per gli Agostiniani
di San Giovanni
Evangelista
e infine per i
Carmelitani di
San Giovanni
Battista»
solamente beati, e solo uno ha
la palma del martirio. La loro
santificazione, per di più, avvenne solo nel 1910.
In base a queste considerazioni, il santo carmelitano a
sinistra è stato riconosciuto in
Alberto degli Abati, patrono
dell’ordine, con i consueti attributi del giglio e del libro. Il
martire carmelitano è invece
stato identificato in Angelo da
Gerusalemme, ucciso con la
spada, attributo che compare
ai suoi piedi.
Considerevoli novità sono
emerse anche dallo studio di
alcuni disegni di Visacci. L’artista, infatti, fin dal Settecento,
ebbe maggiore considerazione
per le sue opere su carta, tanto che Arnaldi lo definì “buon
pittore e migliore disegnatore
a penna”. Disegni di Cimatori
si trovano pertanto in numerosi musei, non solo in Italia:
il fatto che gli studi preparatori per l’Adorazione dei Magi
e per la Crocifissione di San
Giovanni Battista si trovino
rispettivamente al Louvre e
alla Staatsgalerie di Stoccarda
(mentre altri fogli in relazione
alle singole figure si trovano
presso la Galleria Nazionale
delle Marche e nelle biblioteche di Urbania e Fossombrone) dà la misura della considerazione che questo artista,
così misconosciuto a Rimini,
Bella fede / Il catalogo
In occasione della mostra, grazie alla generosità di Fama Industrie, è stato possibile
stampare un piccolo ma prezioso catalogo (NFC Edizioni, Rimini) che rende conto
delle ricerche storico artistiche e del percorso di catechesi. Il volume di 54 pagine,
interamente illustrate a colori, si divide in tre saggi principali: il primo, intitolato
Antonio Cimatori e l’arte a Rimini dall’ultimo Coda a Cagnacci, di Giulio Zavatta ed
Alessandra Bigi Iotti, ripercorre le vicende dell’arte riminese dal 1565 agli inizi del
Seicento, con alcune novità di studio che riguardano l’operatività di artisti come Andrea
Boscoli, Federico Zuccari e soprattutto di un consistente gruppo di pittori finora quasi
mai documentati. Segue il saggio Antonio Cimatori a Rimini (1609-1623) e i dipinti per
San Giovanni Battista degli stessi autori che ripercorre la vicenda dell’artista urbinate
nella nostra città. Infine il percorso di catechesi a cura di Gabriele Burnazzi e Antonella
Chiadini presenta una lettura in chiave religiosa delle due opere, intercettando un
periodo davvero molto vitale per la Chiesa, nel quale vengono riportati i tweet di Papa
Francesco insieme a pensieri di Benedetto XVI e del vescovo di Rimini Francesco
Lambiasi. Il volume è aperto dalla presentazione di Don Salvatore Pratelli e impreziosito
da un testo introduttivo di monsignor Claudio Maria Celli.
8 | ARIMINUM | MAGGIO GIUGNO 2013
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 8
ha invece nelle principali collezioni del mondo.
Il confronto tra il disegno
preparatorio per la Crocifissione e l’opera dipinta in San
Giovanni, infine, ha permesso
di scoprire una interessante
sorpresa. Nel foglio, sotto
alle braccia del Cristo erano
progettati due angioletti con
le mani giunte in preghiera
che nell’evidenza attuale del
dipinto non sussistono. Grazie
ad eccellenti foto realizzate
per l’occasione da Gilberto
Urbinati (gentilmente concesse anche per questo articolo)
è stato possibile intravedere
gli angioletti, proprio nella
posizione indicata dal disegno
preparatorio, coperti da pesanti ridipinture.
Questo dipinto, con ogni probabilità, fu dunque adattato al
Antonio
Cimatori
detto Visacci,
Studio per
Crocifissione,
particolare,
Stoccarda,
Staatsgalerie.
nuovo gusto di stampo bolognese e reniano, immergendo
il Cristo in un cielo sulfureo
e vagamente metafisico tramite la copertura con nuove
e pesanti velature di tutta la
“mandorla” determinata dallo
squarcio delle nubi. In realtà,
seguendo appunto i canoni
della Maniera e dunque lo stile perseguito per tutta la vita
da Visacci, il cielo era “popolato” e affollato di ulteriori
figure di angeli e cherubini
che in progresso di tempo
sono state cancellate per il
cambiare dei gusti e delle
mode pittoriche. Una pulitura
e un lieve restauro delle opere, comunque giunte in buona
condizione di conservazione,
potrebbe pertanto far emergere, oltre agli angeli, anche
colori più vivaci. Le fotografie
rivelano infatti notevoli patine
di vernici ingiallite, sotto le
quali si potrebbero disvelare
due dipinti ancor più notevoli
di quanto siano già apparsi
durante questa piccola ma
sorprendente occasione espositiva.
Antonio Cimatori
detto Visacci,
Crocifissione,
particolare,
Rimini, chiesa di
San Giovanni Battista
(foto Gilberto Urbinati).
ARIMINUM LUGLIO AGOSTO 2013 | 9
ARTE
In mostra dall’11 agosto al 12 settembre
La fortezza di san leo
ospita i riministi
Sono gli eredi di quella scuola pittorica riminese
che abbevera le proprie emozioni nei colori della nostra terra
R
iminesi si nasce, Riministi
si diventa. Ma per guadagnare i galloni di questa
privilegiata congrega di artisti
non basta una lunga carriera
espositiva alle spalle, non è
sufficiente il giudizio benevolo della critica, è necessario
possedere anche quella particolare sensibilità poetica
che consente di cogliere il
respiro di questa nostra città,
le sue vibrazioni umorali, le
sue atmosfere coloristiche,
le sue impronte affettive.
Rimini, va detto, è una città
speciale, unica, irripetibile, in
grado di miscelare l’irruenza
del mare con la carezzevole
dolcezza delle colline; ma per
il Riminista è soprattutto uno
stato d’animo, o meglio, come
sosteneva Fellini, una dimensione della memoria.
Nell’opera pittorica del Riminista, sia che
sperimenti moduli
espressivi nuovi,
persino d’avanguardia, sia che si
La parola Riministi fu coniata
mantenga aggannel 1872 in occasione del
ciato al linguagfamoso congresso politico
gio figurativo,
dei Marxisti Riministi che si
seppure esplorato
tenne a Rimini in agosto e
con tocchi di moche determinò la nascita del
dernità, traspare
movimento anarchico in Italia.
sempre stupore e
Nel nostro caso il vocabolo,
inventiva. Il Rimiseppure improprio, ribalta il
nista non dipinge
significato originario ed è usato
ciò che vede, ma
nella presunzione di mettere un
ciò che sente; non
po’ di ordine nel disordinato,
si adagia nella
quasi anarchico mondo artistico
pura riproduzione
riminese.
della realtà, ma
Artisti Riministi non sono solo
la interpreta, la
gli artisti riminesi di nascita o
seleziona, la smadi adozione, ma anche coloro
terializza, lascianche respirando a pieni polmoni
dosi guidare dalle
l’aria di questa città ne hanno
proprie pulsioni
subito il fascino e sono rimasti
creative, quelle
imbrigliati nella sua rete fino
che Kandinsky dea sentirsi partecipi di un mito
finiva “la debole
o più semplicemente di una
luce dell’anima”.
memoria. (M. M.)
Attualmente gli
di Manlio Masini
RIMINISTI
10 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
Artisti Riministi, eredi di quella scuola
pittorica riminese
che continua ad abbeverare le proprie
emozioni nei colori
della nostra terra,
sono dieci: Guido
Acquaviva, Germano
Ceschi, Luciano Filippi, Enzo Maneglia,
Agostino Marchetti,
Giuliano Maroncelli,
Mario Massolo, Maurizio Minarini Aurora
Pandolfini e Secondo
Vannini.
Ecco, questi dieci
Riministi, dall’11 agosto al 12 settembre,
espongono le proprie
opere nei suggestivi
ambienti della Fortezza di San Leo. La
collettiva, dedicata
al collega Giorgio
Rinaldini da poco
scomparso, è un evento da
non perdere; una mostra che
consentirà agli appassionati
d’arte di ammirare i protagonisti della scena artistica di
questi ultimi due decenni.
Negli acrilici di Guido Acquaviva, artista della festosità e
del colore, ritroviamo la “poetica dell’abbondanza” raccontata all’insegna dell’allegria e
della gioia di vivere. Nel “rappresentato” di Germano Ceschi vaghiamo piacevolmente
in un intrigante labirinto dove
al posto delle cose pulsano i
pensieri. Nella pittura luminosa, trasparente, persino carnale di Luciano Filippi si percepisce il respiro della natura.
Enzo Maneglia, con il suo
umorismo raffinato, discreto,
in alcuni casi persino amaro e
surreale, va a rimarcare le debolezze e i luoghi comuni del
nostro tempo; mentre nelle
sculture di Agostino Marchetti
il passato si arricchisce dei
magnetismi del nostro tempo. Il moderno che profuma
d’antico lo recuperiamo negli
acquarelli di Giuliano Maroncelli, tutti avvolti da un’atmosfera squisitamente fantastica.
Mario Massolo ci offre scorci
agresti, vecchi casolari abbandonati e interni carichi di
“presenze” che trovano radicamento nella nostra cultura.
Fremiti di poesia risaltano
nelle tele di Maurizio Minarini, alle prese con quel dialogo
sommesso e silenzioso carico
di “affetti” e “atmosfere” soffuse. E per finire i paesaggi di
Aurosa Pandolfini, carezzati
da una gamma di colori giocati sulle accattivanti tonalità del
pastello e le vedute assolate,
luminose di Secondo Vannini,
colte con la rapidità di tocco e
di emozione tipica della pittura en plein air.
Cura la tua salute
nel
della tua città
a Rimini
È un nuovo esame veloce
e non-invasivo, permette di
valutare lo stato di elasticità o
rigidità delle arterie, appurarne
l’età reale, confrontandola con
Si tratta di un marker precoce
di individuazione dell’arteriosclerosi e delle alterazioni
funzionali o strutturali dei vasi.
Consigliato a: fumatori, obesi,
diabetici, cardiopatici, ipertesi,
ipercolesterolemici, sportivi e
comunque dopo i 40 anni.
ina del lavoro
sport • Medic
o
l
l
e
d
a
edicin
M
•
le
Visite s
pecialistiche • Diagnostica strumenta
Viale Valturio, 20/A - 47900 Rimini (RN)
Tel. 0541.785566 - Fax 0541.782377
[email protected]
www.poliambulatoriovalturio.it
STORIA DELL’ARCHITETTURA
L’Architettura tra la fine dell’800 e la Prima Guerra Mondiale
Un insieme di linguaggi
e di stili diversi
Il “Liberty” sul “Dizionario moderno”
nella definizione di Alfredo Panzini
di Giovanni Rimondini
Alfredo Panzini
(Senigallia 1863 Roma 1939) autore
del fortunatissimo
‘Dizionario moderno’ dieci edizioni: 1905,
1908, 1918, 1923,
1927, 1931, 1935,
1942, 1950, 1963 la cui voce “Liberty”
codifica un precoce
uso popolare, ma errato,
del termine,
che ha influenza
su tutta
la letteratura critica
posteriore
dall’Enciclopedia
Italiana alle Garzantine.
I
l termine Liberty nell’uso
critico corrente nazionale
– ma non europeo –, relativo
alla storia dell’architettura, ha
principalmente due significati,
uno di carattere generale:
designa come fosse un
unico movimento e un unico
linguaggio
l’architettura
“moderna”,
fiorita tra la
fine dell’800
e i primi due
decenni del
‘900. L’altro
significato è
relativo ad un
linguaggio in
particolare, uno
stile grafico ed
architettonico
asimmetrico,
di ispirazione
gotica, di
carattere
lineare che
predilige la
linea curva,
in particolare
quella a “coup
de fouet”,
colpo di frusta,
di origine
belga – Victor
Horta ne sarebbe il padre –,
con ramificazioni catalane,
parigine ed europee. Questo
c.d. Liberty era noto ai
contemporanei come Art
nouveau.
Se si vuole sapere quando
il termine Liberty è entrato
formalmente nell’uso della
nostra lingua per la prima
volta, bisogna consultare Il
grande dizionario della lingua
italiana di Salvatore Battaglia.
Ed ecco una sorpresa, nella
tradizione letteraria, secondo
il Battaglia, il termine Liberty
sarebbe invenzione del
12 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
‘nostro’ Alfredo Panzini (18631939), cittadino onorario di
Rimini, e residente estivo di
Bellaria.
Nella prima edizione (1905)
della fortunata opera
Dizionario moderno, il
Panzini scrive: “Liberty: come
aggiunto di stile, specie nelle
arti dette grafiche, è parola
spesso ricorrente e il pubblico
grosso vi annette l’idea di stile
libero, sciolto dalle pastoie
accademiche e tradizionali.
Vale nell’opinione comune
press’a poco come stile floreale
o stile nuovo o aesthetic style o
ars nova, secessionista. Liberty
è il nome del proprietario
di uno stabilimento di
Londra...”1.
L’articolo prosegue con un
parziale apprezzamento di
questo stile, per due volte
viene ripetuta l’ispirazione
botticelliana o leonardesca del
linguaggio Liberty e vengono
citati “Giovanni Ruskin” e
“Guglielmo Morris” tra i
teorici, e non so con quanta
pertinenza, l’architetto Philip
Web (1831-1915) e l’ornatista
Walter Crane (18451915); quest’ultimo operò
come grafico della rivista
anarchica di Boston Liberty
(1881-1908), importante
spiraglio di significati
politici rivoluzionari ma
‘marginali’ del termine. Ma
già nell’edizione successiva
del Dizionario moderno del
1908, il Panzini condanna
duramente lo stile Liberty per
“rapida decadenza e fanatismo
nell’accoglimento”: “Non ci
fu barbiere che non facesse
dipingere la sua bottega
in stile floreale, o Liberty:
non droghiere arricchito
che non eleggesse mobili
di tale disegno; o ordinasse
«Scrive Panzini:
“Non ci fu barbiere
che non facesse
dipingere
la sua bottega
in stile floreale,
o Liberty:
non droghiere
arricchito che non
ordinasse la villa
o la dimora
informata
a tale stile”»
all’architetto la villa o la
dimora informata a tale stile”2.
Il lemma panziniano ebbe
fortuna, sulla scia dell’ uso
del “pubblico grosso” che
veniva a cristallizzarsi; lo
troviamo nella voce Liberty
dell’Enciclopedia Italiana
fino all’identico lemma
delle attuali Garzantine.
Tuttavia già in occasione
dell’Esposizione di Torino
del 1902, l’architetto Alfredo
Melani (1859-1928) allievo di
Alessandro Antonelli, aveva
rifiutato il termine Liberty, già
diffuso, “non riconoscendo
la paternità della nuova
arte alle manifatture della
Società Liberty & Co di
Londra”. Aveva poi affermato
che non era arrivato il
momento di scegliere un
nome per l’architettura di
tutto il movimento moderno,
per i “concetti ancora
in elaborazione”3. Ma il
documento più antico, a
mia conoscenza, in cui si
«Il filone più
importante delle
diverse correnti
architettoniche
è l’Eclettismo.
Ne è esempio
il nostro Gran Hotel,
di stile neoclassico,
neobarocco …
modernizzato
in Floreale e con
applicazioni
decorative»
usa la parola Liberty già
nel senso panziniano è un
piccolo acquerello, in forma
di cartolina postale, di uno
sconosciuto C. R., intestato
Rimin Liberty pubblicato
recentemente da Alessandro
Catrani. È datato 19014.
In questa definizione del
Liberty delle varie edizioni
del Dizionario moderno e
delle enciclopedie che ne
dipendono c’è un errore,
grosso, non del tutto dovuto al
Panzini, che aveva pur scritto
chiaramente che si trattava
di “parola spesso ricorrente”
e di uso del termine da parte
di un “pubblico grosso”.
L’errore consiste nel “fare di
tutte le erbe un fascio” e nel
confondere insieme linguaggi
o stili contemporanei assai
diversi tra loro. Le Secessioni
viennese e tedesca vanno
escluse dal c.d. Liberty – Art
nouveau perché gli architetti
tedeschi non amano le
curve, e preferiscono linee
e angoli retti di ascendenza
‘classica’. Persino il Floreale
non fa tutt’uno col c.d.
Liberty, come scrive Manfredi
Nicoletti: “Il Floreale […]
non è un fenomeno di
corruzione idiomatica del
Liberty ma un linguaggio
autonomo”5. La verità storica
è che nell’Ottocento e nel
Novecento non c’è più un
solo comune linguaggio
artistico, come in Antico
Regime, ma molti linguaggi
diversi e antitetici coesistono
contemporaneamente, e un
architetto spesso li pratica
tutti. A nessun critico d’arte
verrebbe in mente di usare
in modo metonimico – parte
per il tutto – uno dei diversi
linguaggi delle avanguardie
pittoriche di quel primo
ventennio del ’900: il Cubismo,
il Futurismo, l’Astrattismo, il
Gruppo del Blave Reiter, per
indicare tutta la pittura di quei
decenni. Lo stesso vale per
l’architettura.
Così, per restare in Italia, non
si dovrebbero confondere,
dalla fine dell’800 alla
prima guerra mondiale,
in una sola le diverse
correnti architettoniche:
per cominciare, piaccia o
non piaccia, il filone più
importante è l’Eclettismo, o
l’architettura di tradizione,
i cui cantieri umbertini, si
concludono proprio in quegli
anni: il Vittoriale (neoromano
imperiale?), il Palazzaccio
(neo piranesiano?), per fare
due esempi, non si può dire
che nascano già morti, e il
ricorso agli stili classici e
tradizionali durerà ancora fino
agli anni ‘30. Questi linguaggi
tradizionali si accompagnano
ad una sorta di Eclettismo
modernizzato – per esempio
il nostro Gran Hotel di stile
neoclassico, neobarocco,
simmetrico in pianta e in
facciata, modernizzato in
Floreale con applicazioni
decorative cementizie e in
ferro battuto – .
Forse la più interessante di
tutte le correnti architettoniche
nazionali era la tradizione
della scuola di Alessandro
Antonelli (1798-1888),
questo maestro era stato
un secondo Brunelleschi,
purtroppo ignorato dai colleghi
dell’Italietta umbertina, che
Floreale Bolognese.
Paolo Sironi (Milano
1858 - Bologna 1927).
Villa in via R. Audinot
n.9, Bologna.
Decorazione floreale,
elaborata con libertà
fumettistica,
al limite dell’autoironia.
Sopra.
Floreale Bolognese.
Giulio Marcovigi
(Bologna 1870-1937).
Palazzina di via
Matteotti 21, Bologna,
1910-1912.
Esempio di decorazione
floreale geometrizzante,
contaminata da curve
Art nouveau.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 13
Storia dell’architettura
Floreale Bolognese.
Paolo Sironi (Milano
1858 -Bologna 1927).
Villa in via R.Audinot
al n.2, Bologna.
Decorazione floreale di
un balconcino in ferro
battuto e cemento.
La testimonianza
più antica, conosciuta
fin ora, dell’uso del
termine “Liberty”,
nel senso che verrà
codificato da
Alfredo Panzini:
acquarello,
in forma di cartolina
(fronte e retro),
realizzato a Rimini
nel 1901
(Collezione di
Alessandro Catrani).
«L’insieme
di quei linguaggi,
che trova le sue
radici nell’Eclettico
modernizzante,
potrebbe essere
chiamato
“Architettura
moderna
decorativa”»
non aveva avuto la
fortuna di nascere a
Chicago o a New York
e avviare l’erezione dei
grattacieli.
Poi vi era il Floreale –
ancora tutto da studiare
– nei suoi due rami, uno
organico e uno astratto, l’Art
Nouveau (c.d. Liberty) – con la
sua decorazione asimmetrica
preferibilmente, lineare e
curva, il ‘colpo di frusta’,
l’origine ‘gotica’ del progettare
e la scuola di pensiero di
Ruskin e di Viollet le Duc –,
infine gli stili che si ispiravano
alla Secessione viennese e
tedesca. E i singoli architetti
passavano senza problemi da
uno stile all’altro. Valga per
tutti l’esempio di Victor Horta,
il ‘padre’ del c.d. Liberty, che
nel 1925 passa all’Art Déco.
La mia modesta proposta
sarebbe quella di definire
– qui, inter nos – l’insieme,
come era chiamato dai
contemporanei, “Architettura
moderna”, distinguendo
assolutamente i linguaggi,
che sono tutti ‘decorativi’,
e comprendono anche l’Art
Déco, che riesce a fare la sua
esposizione solo nel 1925
a Parigi, ma che ha radici
nell’Eclettico modernizzante.
Chiamiamo oggi “Architettura
moderna”, invece,
l’architettura che comincia
negli anni trenta. La ‘prima’
Architettura moderna allora
potrebbe essere chiamata
“Architettura moderna
decorativa”. Del resto non
è alla fine una semplice
questione di termini, ma di
chiarezza culturale e mentale.
Non c’è dubbio che separare
i linguaggi serve nell’analisi
autoptica delle opere anche,
14 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
anzi soprattutto, quando si
tratta di contaminazioni di
dettagli o strutture. E serve
soprattutto per aprire una
ricerca critica meno confusa
e più approfondita sul
significato sia del moderno
che del decorativo. [Segue
un’indagine sugli edifici
‘moderni decorativi’ di
Rimini].
Note
1) Alfredo Panzini, Dizionario
moderno, Hoepli, Milano 1905
(una copia nell’Archiginnasio
di Bologna) pp. 276-277. Le
altre edizioni: 1908 (una copia
nella Biblioteca comunale di
Savignano),1918 (una copia nella
Gambalunga di Rimini), 1923,
1927, 1931, 1935, 1942, 1950, 1963.
2) Alfredo Panzini, Dizionario
moderno, Hoepli, Milano 1908,
p. 308.
3) Manfredi Nicoletti,
L’architettura Liberty in Italia,
Laterza, Bari 1978, p. 110.
4) Alessandro Catrani, Il Liberty
a Rimini e in Provincia, in Andrea
Speziali (a cura di), Romagna
Liberty, Maggioli, Rimini 2012,
p.51.
5) Manfredi Nicoletti,
L’architettura Liberty cit. p. 84.
www.truzzimilano.it
creativity
fp-friends.com
IL FATTO NELLA STORIA
La statuetta fu rubata nell’agosto 1962 insieme con altri 33 bronzetti romani
La piccola venere
di Rimini
In vendita su un sito web statunitense
fu identificata da Maria Grazia Maioli nell’aprile 2007
di Arnaldo Pedrazzi
La Venere di Rimini oggi.
Sopra. La statuetta
in una vecchia
fotografia d’archivio
prima del furto.
N
el febbraio del 1941, il
parroco di S. Martino ad
Carceres sottopose all’esame di Carlo Lucchesi, allora
direttore del Museo di Rimini,
una piccola Venere in bronzo
dell’altezza di 18 centimetri,
mancante del basamento e
mutila dei piedi, ma per il
resto perfettamente conservata, rinvenuta a un metro e
mezzo di profondità durante
alcuni lavori murari in una
casa colonica di proprietà
della parrocchia di S. Giovanni
in Perareto.
Il Soprintendente G. Mancini si affrettò a comunicare a
Lucchesi che «a tenor della
nuova legge di tutela delle cose d’interesse artistico
storico del 1 giugno 1939,
l’oggetto appartiene allo Stato,
e che al proprietario del terreno ove avvenne la scoperta
va corrisposto il quarto del
valore delle cose rinvenute.
E’ quindi opportuno invitare
il detto Parroco a consegnare
a Voi l’oggetto, dietro regolare
ricevuta che rimane presso
codesto Museo Civico».
Lucchesi, sottolineando
l’importanza del ritrovamento
per aggiungere al nucleo di
bronzetti del Museo di Rimini
l’unico, fino a quel momento, ritrovato con certezza nel
riminese, chiese ed ottenne
un aiuto finanziario alla Cassa
di Risparmio di Rimini di 300
lire per acquisire il bronzetto.
Nel “Corriere Padano” del 24
aprile 1941 venne dato ampio
risalto alla notizia: «Una
Venere di bronzo donata dalla
Cassa di Risparmio di Rimini
al Museo». Ma il bronzetto
non poté essere esposto nelle
vetrine del Museo perché la
guerra impose a Lucchesi di
nasconderlo in grandi casse
16 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
con gli altri materiali archeologici e ricoverarlo nel rifugio
antiaereo delle Grazie, dove si
trovava ancora nell’agosto del
1947. E quando finalmente fu
nuovamente esposto, la malasorte volle nuovamente farlo
ricadere nella dimenticanza.
Nella notte tra il 27 e il 28 agosto 1962 avvenne il furto nel
Museo di 33 bronzetti romani
di varia provenienza, l’intero
nucleo di piccole sculture ed
elementi decorativi, compreso il bronzetto di Venere.
Purtroppo di questi materiali
archeologici non si è avuto più
alcuna notizia: sono rimaste
solo le fotografie.
Questo oggetto fu poi notato
tra quelli in vendita su un sito
web statunitense nell’aprile 2007 e immediatamente
identificato dall’archeologa
della Soprintendenza Maria
Grazia Maioli come uno di
quelli rubati dal nostro Museo.
Accertata la provenienza
furtiva, il Nucleo Carabinieri
Tutela Patrimonio Culturale
di Bologna informò la Procura
della Repubblica di Rimini che
a sua volta delegò la Sezione
Archeologia per il tentativo
di recupero. È stato quindi
contattato il gallerista newyorchese (possessore in buona
fede del reperto acquistato per
oltre 200.000 dollari) che, di
fronte all’evidente provenienza furtiva, ha deciso spontaneamente di restituire il bene,
senza che fosse necessario
intraprendere una rogatoria
internazionale.
Le vecchie fotografie d’archivio della Soprintendenza
mostrano chiaramente lo
stesso bronzetto, seppure in
uno stato diverso di restauro
e posizionamento. La statuetta era infatti raffigurata con
«L’opera,
recuperata
nel dicembre 2012
dopo un’assenza
di cinquant’anni,
è esposta nella
“Sala dei culti”
della Sezione
archeologica del
Museo di Rimini»
la gamba sinistra infilata in
profondità in una base di marmo (quindi con una diversa
inclinazione) e soprattutto era
provvista di mani; era variata
profondamente nel gesto della
mano destra, portata in avanti
aperta, nell’atteggiamento
dell’offerente, e proprio le
due mani erano modellate
sommariamente e sproporzionatamente grandi rispetto al
resto del corpo, forse a volere
sottolineare il significato e il
valore dei gesti. La scultura,
a fusione piena, era impreziosita da occhi in pasta vitrea e
forse da un piccolo diadema
posticcio in materiale nobile,
oro o argento, suggerito dalla
lavorazione della chioma e da
un piccolo foro sulla nuca.
Il braccio sinistro, che nel
bronzetto offerto in vendita
risulta mutilo, nel punto esatto
della troncatura, mostrava ben
visibile una specie di incisione orizzontale che potrebbe
corrispondere a una saldatura derivata da due fusioni
mascherata probabilmente in
origine dall’applicazione di
un bracciale in argento, ora
raschiato via.
La Venere Anadiomene nel
Museo di Siracusa. Scultura
marmorea, copia romana
di un originale greco della
prima metà del I secolo a.C.
Sotto. La Venere capitolina
conservata nei Musei
Capitolini di Roma.
Scultura marmorea
(h. 193 cm), copia romana
di un originale greco del II
secolo a.C.
«Il bronzetto
restaurato
ci è giunto mutilo
delle braccia;
la Maioli
ha ipotizzato che,
dopo il furto,
le braccia siano
state volutamente
tagliate»
Il bronzetto restaurato ci è
giunto mutilo delle braccia;
la Maioli ha ipotizzato che,
dopo il furto, le braccia siano
state volutamente tagliate,
per togliere l’impressione di
così evidente goffaggine e
aumentarne l’appetibilità sul
mercato. La statuetta, dopo
un’assenza di cinquant’anni
è ritornata finalmente a casa
domenica 16 dicembre 2012
alle ore 16.
Dal mese di marzo 2013 si è
potuto tornare ad ammirala
all’interno della Sezione archeologica del Museo.
Leggiamo la
scheda descrittiva che
accompagna l’opera
esposta nella
“Sala dei
culti”: «La
statuetta in
bronzo con
probabile
agemina
(lavoro
ornamentale
di intarsio)
in argento,
di età media
imperiale (III sec. D.C.) è
riferibile alla
tipologia della Venere Pudica: la dea
in procinto di
fare il bagno,
nuda e con
capelli raccolti, si copre
per proteggersi dallo
sguardo di
estranei. Può
darsi che la
dea con questo atteggia-
mento potesse sorreggere un mantello a coprire
parzialmente le gambe e
le mani stesse, secondo
la schema della Venere
Anadiomene di Siracura. Per l’accuratezza
dei ritocchi al bulino,
per i supporti inseriti in
argento, occhi, bracciali,
probabile collana, nastro
nei capelli, e, forse il
mantello, l’aspetto originale doveva essere particolarmente sontuoso».
Il corpo della dea, di
squisita modellatura
anche se rudimentale
in alcuni particolari, ricorda appunto la
celebre Venere Anadiomene (cioè nascente) di
Siracusa, La statua, una
Venus pudica, si ispira,
come le altre varianti del
tema, all’Afrodite cnidia
di Prassitele, con particolari similitudini con la
Venere capitolina (analoga l’acconciatura, seppur
semplificata, con il nodo
tipico a due tortiglioni
ricadenti, con ciocche
molto alte ed elaborate
sulla fronte) e la Venere
Medici (solo quest’ultima
è un originale greco).
A sinistra.
La Venere Medici
della Galleria degli
Uffizi di Firenze.
Statua greca ellenistica
originale in marmo,
databile alla fine
del I secolo a.C.
con capelli laminati
d’oro, labbra tinte
di rosso, fori ai lobi
con preziosi orecchini.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 17
DENTRO LA STORIA
L’iniziativa prende il via con la mietitura del 1868
Il mercato
del bracciantato
Le “contrattazioni” si svolgono
nel «piazzale fuori Porta Montanara»
di Manlio Masini
Uno scorcio di Piazza
Sant’Andrea nei primi
anni del Novecento.
S
i chiama «mercato di porta
Montanara», anche se
in effetti le “contrattazioni”
hanno come epicentro piazza
Sant’Andrea. È il mercato del
bracciantato o, come si diceva
allora, «delle opere». Ma andiamo con ordine e partiamo
dalla porta, dato
che è lei che
fornisce il nome
a questo genere
di “commercio”.
In fondo alla
via dei Magnani
(odierna via Garibaldi) si erge
l’arco di porta
Montanara1, detto anche di porta Sant’Andrea,
perché immette
nell’omonimo borgo. Anticamente questo “monumento” di
epoca sillana2 collegava la città
con la campagna e l’entroterra
collinare. Con la strutturazione edilizia del borgo e il
conseguente aumento del traffico, questa angusta apertura
determinava seri problemi al
transito dei carri; inoltre, dato
che proprio lì si effettuavano
le poco simpatiche operazioni
daziarie, contribuiva a rallentare ulteriormente la circolazione3. A causa delle lunghe e
snervanti file di veicoli, che si
venivano a creare in prossimità della porta, sempre più
gente chiedeva con insistenza di abbattere il fastidioso
“imbuto”. Il 6 maggio 1876 in
consiglio comunale si discusse
proprio della sua demolizione
e qualche paladino del modernismo si distinse per la fretta
di utilizzare il piccone. Non
se ne fece nulla, ma i brontolii aumentarono di tono in
sintonia con il sempre maggiore intasamento prodotto
18 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
da quella strettoia. Nel 1891 il
Municipio decise di effettuare
dei lavori di allargamento e
di sistemazione della porta
Montanara. Sulla delibera,
che definisce gli interventi,
si legge che l’«angustia» della
porta «è di tanto imbarazzo al
libero transito, e di qualche
pericolo pei passanti»4. I lavori
non migliorarono granché il
transito veicolare e pedonale
e naturalmente non placarono il
nervosismo dei cittadini.
Nonostante le proteste l’arco
rimase al suo posto fino all’immediato secondo dopoguerra, quando
smontato e rimontato pezzo per
pezzo, fu “finalmente” esiliato nel
cortile del vecchio museo, all’ombra del Tempio Malatestiano. In
quella circostanza si dette attuazione all’antico progetto dell’allargamento di via Garibaldi. Ma
la storia di porta Montanara
era solo agli inizi. Negli anni
Sessanta il muro di confine del
nuovo mercato coperto veniva
fatto passare addirittura dentro
l’arco che, di lì a poco e per
la seconda volta era smontato dal suo posto e rimontato
qualche metro più in là. Negli
anni Settanta, per dare spazio
alla costruzione del nuovo
edificio della curia, si procedeva al terzo spostamento
e l’arco veniva traslocato di
fronte all’abside del tempio.
Ed e da questo luogo che nel
2004 i riminesi, dopo aver fatto
tanto per toglierselo dai piedi,
lo andavano a prendere per
ricollocarlo in via Garibaldi,
nei pressi della sede originaria, a rammentarci, tra le altre
cose, l’area dove nell’Ottocento si svolgeva il mercato della
manodopera.
Ed ora veniamo a questo argo-
mento. Il «mercato delle opere»
prende inizio con la mietitura
del 1868 ed è la Camera di
commercio ed arti di Rimini
che se ne fa promotore. Il 27
maggio di quell’anno Baldini,
a nome dell’ente, invia una lettera al sindaco Fagnani perché
anche a Rimini, come in altre
città della Romagna, «venga
attivato un mercato d’operai
per la stagione della mietitura». La richiesta, si legge nella
missiva, è «reclamata da molti
e molti proprietari e mezzadri, i quali spessissimo sonosi
trovati nella necessità di dover
differire le operazioni importantissime de’ raccolti, per la
difficoltà di rinvenire all’opportunità gli operai necessari
alle loro messi e ciò con quanti
danni è facile l’immaginarsi
senza bisogno di dimostrazione». La risposta del sindaco
al presidente della Camera di
commercio è fulminea, porta
la data del 29 maggio. «Questa
rappresentanza comunale –
scrive il primo cittadino di Rimini – approva pienamente la
proposta di codesta onorevole
Camera di aprire un mercato
di manod’opere per la mietitura e riconoscendo i vantaggi,
che da essa possano derivare,
fa invito a darvi immediata
attuazione»5.
Concesso il permesso, da
quell’anno «il piazzale fuori
Porta Montanara» diventa il
luogo scelto per questo genere
di “operazioni”. Pubblicizzata
da manifesti comunali e divulgata in modo capillare dai «reverendi parroci» dei sobborghi
e del contado, la “contrattazione” inizia all’alba e si protrae
per tutti i giorni della mietitura
(6). Con l’arrivo del Novecento
il mercato del bracciantato di
porta Montanara scompare.
Porta Montanara
ieri e oggi.
Note
1) Porta Montanara si
collocava tra via Bonsi
e via Bastioni.
2) Alcuni storici lo
datano al I secolo a. C.
altri al III secolo a. C.
3) Cfr. Atti del
Consiglio Comunale
di Rimini (ACCR),
seduta del 6 maggio
1876.
4) Cfr. “Relazione
della Giunta al
Consiglio comunale
sul bilancio
preventivo 1891”.
5) Cfr. Carteggio
Generale 1868 / 935
in Archivio Storico
Comunale di Rimini
(ASCR-ASR).
6) Cfr. Avviso n.
2183, Regno d’Italia /
Municipio di Rimini,
del 27 maggio
1872 (in Carteggio
Generale 994/1872
presso ASCR-ASR)
ed anche Avviso n°
2952, Regno d’Italia /
Municipio di Rimini,
del 10 giugno 1876
firmato dal sindaco
Ruggero Baldini (CP).
Entrambi gli avvisi
sono messi in bella
evidenza nell’articolo.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 19
TRA CRONACA E STORIA
Rimini / 21 settembre 1924
Mussolini onora
Giovanni Pascoli
Prima visita ufficiale del capo del governo
dopo la Marcia su Roma
di Alessandro Catrani
Tempera
di Luigi Pasquini
autografata dal Duce e
andata perduta
nel 1944.
(Collezione dell’Autore)
I
l 15 settembre 1924 Rimini
si risveglia tappezzata da
bandi del seguente tenore:
«Municipio di Rimini.
Cittadini, domenica 21
settembre 1924, nello storico
salone dell’Arengo, restituito
all’antico decoro, è fissata la
commemorazione di Giovanni
Pascoli che con Vincenzo
Monti e con Giulio Perticari
forma “ultimo nel tempo ma
non minore
nella fama”
la triade
celebrata
dei poeti di
Romagna.
Rimini si
appresta con
amore quasi
materno ad
onorare il
mite poeta
della bontà e
della mestizia,
l’armonioso
cantore delle
mistiche voci
della natura,
che nella
Città nostra
ebbe vincoli
di parentela e
qui percorse
i primi studi
letterari; che
è orgoglio della nostra stirpe,
propaggine di Roma; che è
vanto d’Italia. Di Lui dirà
nobilmente nel rinnovato
Arengo un illustre figlio di
Romagna, il concittadino
Alfredo Panzini la cui alta
ed eloquente parola sarà la
più degna celebrazione del
Poeta. E sarà presente un altro
grande, il più grande anzi
dei romagnoli viventi, Benito
Mussolini che aderendo al
nostro invito ha voluto per
breve ora interrompere
le gravi cure del Governo
che Egli regge con mente
20 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
sovrana e con purità di cuore,
e partecipare con noi a
questa esaltazione di uno dei
maggiori valori intellettuali e
morali della Nazione. Cittadini
di Rimini e di Romagna, il
vostro intervento a questo rito
civile dirà quanto siano fervidi
l’affetto e l’ammirazione
che tutti sentiamo per le
glorie fulgide della nostra
terra e quanto grandi ed
universali siano i consensi per
l’opera diuturna e faticosa di
ricostruzione che il Governo
Nazionale compie sotto
la guida ferma e sicura di
Benito Mussolini. Rimini lì 15
settembre 1924.
La Giunta municipale».
Già da luglio, infatti, un apposito comitato cittadino ha
lavorato per organizzare al
meglio queste solenni onoranze a Giovanni Pascoli: ne è
presidente effettivo l’avvocato
Cosimo Maria Pugliesi mentre
la carica d’onore spetta al sindaco Antonio del Piano.
Di lì a poco il Fascio ha pure
costituito un comitato politico organizzatore presieduto
addirittura dall’onorevole
Leandro Arpinati, con l’incarico di predisporre una degna
accoglienza per gli ospiti fra
cui spicca, nientedimeno che
il Duce in persona alla sua
prima visita ufficiale a Rimini
dopo la Marcia su Roma.
Eccoci dunque planare, in cronaca diretta, su quella storica
giornata. Sono rappresentati
tutti i Fasci, i Sindacati e le
organizzazioni della regione e
delle vicine Marche. Al popolo
esultante, scrive il cronista,
fanno «degna corona centinaia e centinaia di gagliardetti,
centinaia di bandiere, decine e
decine di musiche, migliaia di
camicie nere, venute da ogni
«Sono qui ancora
una volta tra voi
per onorare
uno dei più grandi
poeti che conti
la storia della
nostra stirpe, …
parte, migliaia di operai iscritti ai sindacati nazionali».
Alle sette del mattino, alla
stazione, vengono chiusi gli
accessi: solo le alte autorità e
i giornalisti muniti di speciale
lasciapassare possono entrare.
Sotto la tettoia, artisticamente decorata con tricolori e
composizioni floreali, sono
già raccolte molte autorità fra
cui spiccano Arnaldo Mussolini, Italo Balbo, il ministro di
Grazia e Giustizia Aldo Oviglio
ed Innocenzo Cappa.
Alle nove precise giunge il treno presidenziale. Un religioso
silenzio si fa tra i presenti che
si protendono per vedere. Il
Duce, primo fra tutti, scende
rapidamente dal treno, dietro
di lui Dino Grandi ed il seguito presidenziale. Scoppia un
lungo applauso intercalato da
«evviva» ed «alalà». Il sindaco
Del Piano gli si fa innanzi e gli
dà il benvenuto. Mussolini ringrazia poi, avvenute le varie
presentazioni, si prepara ad
uscire, ma la folla, che intanto
si è venuta ammassando nel
piazzale della stazione, rompe
i cordoni e lo attornia: tutti
vogliono vederlo, vogliono
toccarlo, vogliono baciarlo!
Quando si presenta sul piazzale, ove sosta una immensa
folla, scoppia un’altra tornata
di fragorosi applausi. A stento
il Duce riesce a raggiungere
… uno dei pochi
grandissimi poeti
che abbiano saputo
trarre tutti gli
accenti da tutte
le corde dello
spirito…»
la sua automobile, mentre
la folla inneggia a lui. La
macchina lentamente parte,
«sospinta», annota il cronista,
«dall’onda della folla entusiasta» e Mussolini in piedi nella
parte posteriore di essa «saluta
romanamente, visibilmente
commosso».
Fra «due fittissime ali di popolo plaudente», il corteo di
automobili si muove lentamente e percorre, «sotto una
pioggia ininterrotta di fiori»,
di gagliardetti e di bandiere,
via Dante, via Patara, piazza
Giulio Cesare, corso d’Augusto, via Gambalunga fino a
raggiungere la sede del Fascio
dove è atteso per l’inaugurazione dei locali del nuovo Sindacato della Stampa Fascista.
Lì giunto, Mussolini scende
dall’auto e viene ricevuto dal
Direttorio e dai giornalisti,
alla presenza di Aldo Oviglio
e Dino Grandi. Lodovico Pugliesi, per incarico del Fascio
e del Sindacato della Stampa
Fascista, con un breve discorso saluta l’illustre ospite che di
rimando si congratula calorosamente con l’oratore. Dopodiché, Carlo Cherici prega il
Duce di porre la sua firma sul
grande ritratto a lui dedicato
dal concittadino Luigi Pasquini (una tempera gigante, a
bianco e nero, riproducente la
testa del Presidente). Mus-
solini, con il pennello intinto
di vernice, firma e pone la
data tra gli applausi di tutti i
presenti1. Quindi procede alla
visita dei locali della sede del
Fascio «esprimendo il suo più
vivo compiacimento per la
bellezza e disposizione degli
ambienti».
Sono circa le 9,45 quando, con
il suo seguito, passa in rivista
gli Avanguardisti e la squadra
dei fascisti giunti in bicicletta da Bologna; s’intrattiene
quindi con i Balilla, «li accarezza tutti sorridendo e bacia
la piccola Lidia Vanzi che gli
offre un gran mazzo di fiori».
Dopodiché sale nuovamente
in automobile per raggiungere il palazzo dell’Arengo. La
grande (magnifica) sala dello
storico palazzo cittadino è gremita di un pubblico selezionatissimo.
Il Duce, ricevuto dal sindaco
Del Piano, da Alfredo Panzini e dall’architetto Gaspare
Rastelli (autore dei restauri)
prende posto, fra gli applausi
della platea, su una preziosa
poltrona donatagli per l’occasione da Cosimo Maria
Pugliesi, ai cui lati stanno
Aldo Oviglio e Giuliano Gozi,
rappresentante del governo di
San Marino. Appena ripristinato il silenzio, il sindaco
pronuncia il suo discorso di
saluto. Dopo di lui, sale alla
tribuna degli oratori Alfredo
Panzini per commemorare il
Grande Poeta. Frattanto tutta
la piazza Cavour è ormai ricolma di camicie nere (in divisa
e non) e di cittadini ansiosi
di vedere il Duce: il numero
unico di “Myricae” in vendita
dall’alba a ricordo della manifestazione è già praticamente
esaurito.
Finita la cerimonia com-
memorativa
all’Arengo, Mussolini si affaccia
al balcone centrale del palazzo
comunale e,
come aggrappatosi alla ringhiera, accenna a
parlare. È accolto
da un’imponente
ovazione alla
quale fa seguito,
scrive il cronista,
un «profondo e
religioso silenzio; nel fulgore
pungente del
più caldo sole
settembrino, col
capo romanamente scoperto,
improvvisa uno
dei suoi meravigliosi discorsi»:
«Gente della mia Romagna!
Tre mesi or sono io fui tra voi
per onorare un altro grande spirito della vostra terra,
Alfredo Oriani, il poeta della
rivolta ideale. Oggi eccomi
ancora una volta tra voi per
onorare un altro grande spirito, uno dei più grandi poeti
che conti la storia della nostra
stirpe, uno dei pochi grandissimi poeti che abbiano saputo
trarre tutti gli accenti da tutte
le corde, che abbia detto una
parola “materiata” di verità
profonda, questa: che l’Italia,
la grande proletaria, è un
paese vecchio e giovane ad un
tempo, povero e ricco, grande
nel suo passato e poiché noi lo
vogliamo, più grande nel suo
avvenire. Tra voi mi ritrovo a
pieno, oserei quasi dire che
anche se la consuetudine non
è quotidiana, riconosco quasi
ad una ad una le vostre facce
solide, quadrate, abbronzate
Rimini, 21 settembre
1924. Mussolini uscito
dalla sede del Fascio
(Palazzo Renzi, via
Gambalunga n. 6),
si avvia in automobile a
raggiungere il Palazzo
dell’Arengo.
(Collezione dell’Autore)
In alto. Mussolini nella
sede del Fascio
(Palazzo Renzi)
ricevuto dal Direttorio
e dai giornalisti.
Da sinistra si
riconoscono:
Dino Grandi,
il Duce,
Ezio Balducci
(segretario del
Sindacato della
Stampa) e Mario Morelli
(segretario politico,
con la sigaretta
accesa in mano).
(Collezione dell’Autore)
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 21
Tra cronaca e storia
Rimini, 21 settembre
1924. Sala dell’Arengo.
Il Duce, seduto sulla
poltrona donatagli da
Cosimo Maria Pugliesi,
ascolta il discorso
di Alfredo Panzini.
(Collezione dell’Autore)
dal glorioso sole della nostra
terra. E so ancora che qui tra
la Marecchia ed il Reno sono
le camicie Nere fedelissime
che sentono l’orgoglio di
costituire la decima legione,
quella che è pronta a battersi sempre e non arrendersi
mai. Niente di più solenne del
contrasto tra la folla raccolta
nell’Arengario per ascoltare la
voce di un altro illustre figlio
di Romagna, e voi moltitudine
inquieta ed impaziente, ardente di entusiasmo e fervida
di passione, che scandisce
due sillabe solo nelle quali
però non c’è soltanto il culto
dell’uomo, ma la devozione dell’idea. Voi sentite che
lungo la via Emilia sfilarono
nei tempi le legioni e sfilano
ancora oggi, in questa rinnovata e fiammeggiante primavera della Patria. Voi sentite
soprattutto che il Fascismo
non è già, non può, non vuole
essere la guardia di privilegi
di individui e di interessi: ma
vuole essere la gran guardia
22 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
«Il discorso di
Mussolini è accolto,
da un’oceanica
ovazione,
fra gagliardetti,
fiamme e bandiere
che si agitano»
che tutela la sicurezza e la
grandezza immancabile del
popolo italiano. Solo uomini di
poca o di mala fede possono
dubitare della purezza che
io vorrei chiamare immolata
nella nostra fede! Noi nulla
chiediamo, ma siamo pronti
a dare tutto anche, se necessario, la vita per la causa
dell’Italia! E se teniamo l’Italia
solidamente nel pugno e se
vogliamo, fermissimamente vogliamo, inquadrare in
una ferrea disciplina tutta la
Nazione, non è certo per vuota
libidine di potere, non è certo
per ambizione stoltissima, ma
è semplicemente perché i nostri morti ci hanno lasciato un
testamento al quale dobbiamo
essere fedeli e perché sentiamo di portare in noi una verità
che, anche se non espressa
nelle formule statiche di una
dottrina, è una verità, una
formula, un fermento di vita
immortale. Voi tutti ciò sentite
anche se non vi riesce di chiaramente esprimere! Che cosa
io vi chiedo, che cosa voglio
da voi? Non certo gli applausi
e gli onori e tutto ciò che può
lusingare sia pure nell’effimero tempo le piccole anime,
voglio da voi qualche cosa di
più profondo, di più serio, di
più vivo, che sia vivo come
voi siete vivi, che sia sangue
del vostro sangue, carne della
vostra vita. Sono sicuro che
voi mi darete questa disciplina
fatta di devozione di opere. Voi
avete le mani legate, non c’è
bisogno di slegarle: le mani
slegate le ho io e basta! [Secondo la diversa versione de
“La Prora”: “Voi non avete le
mani legate, non c’è bisogno
di slegarvele: le mani slegate
le ho io e basta!”2.].
Camicie nere! Alzate i vostri
gagliardetti, levate le grida
gioiose che ci accompagnarono nelle grandi giornate,
levate le grida delle grandi
giornate, io so già che cosa
mi risponderete alle domande
che sto per rivolgervi, voi non
potete essere, perché siete
troppo intelligenti, gli schiavi
di formule superstiziose ed
assurde, voi sapete che ogni
secolo ha il suo sigillo, e che
quello che andava bene cento
anni fa non va più oggi in cui
gli obbiettivi sono diversi.
Oggi, o Italiani, o popolo di
Romagna, non si tratta più di
Rimini, 21 settembre
1924. Piazza Cavour.
Il Duce si rivolge alla
folla dal balcone di
Palazzo Garampi.
(Collezione dell’Autore)
Sotto. Piazza Cavour
gremita di fascisti
accorsi per ascoltare
Mussolini.
(Collezione dell’Autore)
conquistare l’indipendenza
dallo straniero, oggi si tratta di
conquistare la civile potenza
tra le nazioni del mondo! Il
vostro grido mi dice chiaramente che voi siete penetrati
del senso di questa verità infallibile; voi sentite ancora che
non si arriva a questa potenza
civile senza una solida disciplina interna, senza la collaborazione intelligente, razionale,
quotidiana di tutte le energie
in modo che veramente la
Nazione appaia qui e fuori, in
Italia ad al di là dei mari e dei
monti, come un esercito solo
inquadrato, saldo, sereno e
silenzioso che marcia marzialmente, quotidianamente,
romanamente e non si ferma
finché non ha raggiunto la
meta! Così marciavano i
romani, così marciava Roma,
e qui sono le tracce visibili
e grandiose della immensa potenza di Roma. Camicie nere!
A chi il sacrificio? [risposta
della folla: “A noi!”]. A chi il
combattimento? [risposta della
folla: “A noi!”]. A chi l’Italia?
[risposta della folla: “A noi!”]».
Il discorso è spesso interrotto
da applausi ed accolto, in ultimo, da un’oceanica ovazione,
fra gagliardetti, fiamme e bandiere che si agitano («fragorosi alalà salgono dalla piazza,
urla d’evviva inneggiano a
Benito Mussolini e applausi
scroscianti salutano le ultime
parole del Presidente»).
Finito il discorso, il Duce si ritira nel gabinetto del Sindaco
per interloquire sui problemi
urgenti del piano regolatore al
mare (lungo la litoranea), della deviazione del Marecchia
e della stazione ferroviaria
(volto a migliorare le condizioni di comunicazione tra la
zona mare e la città). Lì riceve
anche gli accreditati di una
selezionatissima lista fra cui il
colonnello Renzi, il conte Pullè, le vedove Giordani e Bosi,
il padre e la vedova Platania
e la contessa Baldini (figlia di
Ruggero, il fondatore dell’industria balneare riminese).
Dopo di
ciò partecipa ad un
banchetto
intimo offertogli dal
comune,
nel quale, annota il cronista,
«allo champagne, il Sindaco
ha ringraziato il presidente di
aver, oltre all’Arengo, inaugurato anche la sede municipale…».
Frattanto l’immensa folla
dei forestieri si riversa nei
ristoranti, riempiendoli interamente! Dolce, frutta, caffè
e ammazza caffè; poi tutti gli
automezzi, che erano stati
mobilitati in Romagna e nelle
regioni vicine, si riversano
sulla via Emilia alla volta di
Savignano. Lì, terminato il
ricevimento, giungerà il Duce,
con al seguito le automobili
recanti tutte le altre autorità,
per inaugurare il monumento
ai Caduti e proseguire infine
alla volta di San Mauro, patria
del celebrato Poeta. Quindi il
rientro fra i suoi
conterranei nella
natia Predappio
a bordo della
sua sportiva Alfa
Romeo.
Un soddisfatto
redattore de “Il
Popolo di Romagna” chiude così
l’intensa cronaca
della giornata:
«Nella serata in
tutte le città e i
paesi della Romagna meridionale,
furono eseguite
delle straordinarie luminarie e
l’entusiasmo si
protrasse fino a
tardissima ora».
Note
1) Tale immagine,
tre giorni dopo, fu
riprodotta in prima
pagina da “La
Prora”. L’originale,
nel settembre 1944,
finì infradiciato
dalla pioggia in
un nascondiglio di
campagna dell’Autore.
2) “La Prora” del 24
settembre 1924. Esiste
un’altra versione,
lievemente diversa,
della locuzione
circa le mani legate
/ slegate usata da
Mussolini: è quella
de “Il Popolo d’Italia”:
«Le mani legate le
ho io!». Il senso del
discorso è peraltro
chiarissimo, ed
è rivolto all’ala
dura del fascismo
(contrapposta a
quella moderata).
Stare agli ordini,
come dire: solo a me
spetta di adoperare
le mani, non a voi!
(«Le mani slegate
le ho io, e basta!»).
A conferma di ciò
pare inequivocabile
il seguente titolo de
“La Testa di Ponte”
del successivo 13
dicembre 1924: «La
forza, onorevole
Mussolini, Dio ve l’ha
concessa. Usa-tela!».
Su questa interessante
pagina di storia riminese,
che ebbe risonanze politiche
nazionali, si veda anche
l’articolo di Manlio Masini,
pubblicato su questa stessa
rivista nel settembre/ottobre
l996 (anno III- N. 14):“Il
grido di obbedienza / Rimini
21 settembre 1924. Il Duce
parla alle camicie nere in
Piazza Cavour”.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 23
TRA CRONACA E STORIA
1 agosto 1849 / Garibaldi sosta a Sogliano nei poderi del notaio Sabattini
Una fetta di cocomero
per confortare Anita
Il “bacio” del Generale all’amico Decio
a sigillo di una grande amicizia
di Anna Maria Cucci
Anita sofferente tra le
braccia di Garibaldi.
Vecchia mappa del
territorio soglianese.
I
l 9 febbraio 1849, dopo i
grandi moti del ‘48 estesi
in tutta Europa, nasce la
Repubblica Romana. Pio
IX, fuggito a seguito della
rivolta popolare, consente
l’instaurarsi di un governo
temporale presieduto da un
triumvirato composto da
Giuseppe Mazzini, Aurelio
Saffi e Carlo Armellini il cui
motto è “Dio e Popolo”. Dopo
appena cinque mesi, a causa
del massiccio intervento
francese, la Repubblica tira
le cuoia. Nonostante il breve
periodo di vita, la vicenda
romana è fondamentale per le
sorti del nostro Risorgimento
e per la diffusione delle idee
democratiche.
Caduta la Repubblica Romana,
il primo luglio 1849 Garibaldi
si sposta da Roma ad Arezzo e
da qui a San Marino (territorio
neutrale) con l’intento di
raggiungere l’Adriatico per
imbarcarsi verso Venezia.
Alla mezzanotte del 31 luglio,
il Generale, con circa un
quinto dei mille volontari con
i quali è giunto in territorio
sanmarinese, procede
24 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
alla volta della foce del
Rubicone. All’alba del 1 agosto
acquartiera le truppe nei
poderi del notaio Bonaventura
Sabattini nelle vicinanze
di Sogliano. Qui il nizzardo
s’informa se in paese ci sono
uomini disposti a seguirlo: la
risposta è negativa; chiede,
allora, di ferrare il cavallo e
prontamente accorrono Luigi
Mariani e il figlio Vincenzo,
fabbri ferrai del paese1.
Insieme con il manipolo
di soldati c’è anche Anita,
bella, alta, vestita di scuro
e con un cappello di paglia:
è febbricitante e distrutta
dalla fatica. Sabattini, che ha
una piantagione di cocomeri
ritenuti i migliori della
Romagna, vedendola in quello
stato le offre una fetta del suo
prodotto e poi, con un gesto di
affettuosa tenerezza le passa il
frutto sulle labbra rinsecchite
e doloranti confortandola
con incoraggianti parole2.
Dopo Anita il Sabattini dà
disposizione affinché la
compagnia sia rifocillata
con vivande preparate dalle
arzdore e vino delle sue vigne.
A mezzogiorno il Generale,
fornito di nuove guide, decide
di ripartire. Prima però di
imboccare la stradina verso
«In fuga da Roma,
Garibaldi lascia
San Marino
(territorio neutrale)
con l’intento
di raggiungere
l’Adriatico e
proseguire
per Venezia»
il fiume, giù per Figareto, in
direzione di Roncofreddo, per
gratitudine nei confronti del suo
accogliente padrone di casa gli
dona alcuni sigari.
Sul luogo, a ricordo di questo
storico passaggio è posta la
seguente epigrafe: Da le mura
aureliane dopo la difesa di Roma,
da la repubblica del Titano,
corso in caccia da gli austriaci,
Garibaldi con la sua Anita e con
pochi fidi qui sostò ospite sacro
il 1 agosto 1849 anelando a
Venezia ove scintillavano le ultime
speranze d’Italia.
Bonaventura Sabattini,
protagonista di questo storico
episodio, è un discendente della
nobile famiglia dei Sabattini,
che approda dalla Liguria in
«I Sabattini,
una famiglia
di combattenti
per l’Unità d’Italia:
Decio nell’esercito
rosso,
Aristide e Claudio
in quello
azzurro»
Romagna al seguito dei
Principi di Fregoso nel XIII
sec.. I Fregoso s’installano a
S. Agata Feltria, dove ancora
si può ammirarne la rocca e
il castello; i Sabattini, invece,
si stabiliscono a Sogliano, che
Giovanni Pascoli chiama «il
piccolo grandemente amato
paese di Romagna».
Famiglia di grande censo,
questa dei Sabattini, che
ha generato letterati ed
eroi. Concentriamoci
sui figli di Bonaventura:
Claudio, Aristide e Decio,
dottori in legge e notai, ma
soprattutto combattenti per
l’Unità d’Italia. Pascoli nella
prefazione all’opuscolo
Memorie Patrie d’una
Famiglia Romagnola, ricorda:
«Nell’infausto sessantasei
Bonaventura ne ha tre dei
figli nelle schiere combattenti:
Claudio e Aristide nell’esercito
azzurro, Decio nell’esercito
rosso… Claudio cade a
Monterotondo e Decio accorre
a raccoglierne l’ultimo respiro
e sospiro: A Roma…!».
Il poeta romagnolo in una
lettera inviata a Decio,
oltre a ricordare Claudio,
l’eroico fratello «ucciso nel
rude assalto del castello
di Monterotondo», scrive a
proposito del patriottismo
del padre: «Nel ventuno il
padre famiglia cospirava …
nel trentuno il medesimo
bravo Bonaventura si trovò
nelle esigue schiere della
retroguardia dello Zucchi a
contrastare il passo sul Ponte
di Rimini… ed ebbe l’esilio
ed il confino». Nella Raccolta
alla Cara Memoria del prode
Dottor Claudio Sabattini
Soglianese, a cura della
famiglia, sono annoverate due
interessanti lettere: l’una di
Aurelio Saffi a Decio e l’altra
di Lodovico Marini al dottor
Bonaventura, ricordato come
un «vecchio carbonaro».
Il 26 novembre 1867 un
altro grande poeta, Giosuè
Carducci, allora professore
di lettere all’Università di
Bologna, sotto lo pseudonimo
di Enotrio Romano riprende
nell’Amico del Popolo alcuni
cenni biografici del Dott.
Claudio Sabattini: «… nato
a Sogliano il 19 marzo 1839
dal Dott. Bonaventura e da
Giuditta Belli, colpito sotto
le mura di Monterotondo,
il giorno 26 ottobre 1867 e
morto alle ore due del 28
seguente». Il Carducci nella
epigrafe del “Panteon dei
Martiri Bolognesi” inserisce il
diciottenne Claudio Sabattini,
studente dell’Università
bolognese, tra i Martiri
dell’Unità Italiana: «Questo
giovinetto – scrive Carducci
– era già un cospiratore: che
anzi i reggitori pontificii
di Rimini lo accusavano
corruttore della gioventù…
Rumoreggiava intanto il
fortunoso anno 1859 e il
giovane cospiratore divenne
milite regio… Prima ne’
bersaglieri e quindi nel 48°
reggimento di fanteria… militò
nella guerra franco-sarda,
sciolta nel 1860 la brigata
Ferrara a cui apparteneva, egli
sbarcò in Sicilia colla seconda
spedizione. E in quelle
gloriose gesta popolari ebbe
nobile parte: combatteva come
ufficiale a Reggio, a Maddaloni
e nella memorabile giornata
di Capua…». Descrivendone
la morte, il poeta ne coglie
Claudio Sabattini.
Decio Sabattini.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 25
COSTUME
TRA
CRONACA
E SOCIETÀ
E STORIA
«Claudio cade
a Monterotondo.
Decio, che accorre,
riesce a raccogliere
il suo ultimo
sospiro: “A Roma”»
La lettera di
Giuseppe Garibaldi a
Decio Sabattini.
BIBLIOGRAFIA
Antonio Bartolini,
Sogliano al Rubicone,
S. Maria di Vignola,
Sogliano al Rubicone,
1980.
Giovanni Pascoli
(Prefazione), Memorie
Patrie d’una Famiglia
Romagnola, Bologna,
1910.
Giosuè Carducci, Cenni
biografici del dott.
Claudio Sabattini, in
“Amico del Popolo”,
Bologna 1867.
Famiglia Sabattini,
Raccolta alla Cara
Memoria del prode
Dottor Claudio Sabattini
Soglianese, Rimini, Tip.
Malvolti, 1868.
l’animo valoroso e la mente
aperta allo studio: «moriva
senza dare né un lamento
né un grido, da forte… Il
Sabattini era dell’italiano e del
latino conoscitore finissimo…
parlava l’inglese e il tedesco e
negli ultimi tempi spagnolo e
portoghese …».
Dopo la dolorosa dipartita, i
numerosi amici della famiglia
di Bonaventura, inviano
epistole, sonetti, poesie, odi,
prose ed epigrafi in ricordo di
Claudio, che il padre raccoglie
e inserisce nel libretto Alla
Cara Memoria del Prode
Dottor Claudio Sabattini
Soglianese. Lo stesso Giuseppe
Garibaldi gli indirizza tre
lettere, due delle quali da
Caprera (il 2 giugno 1868 e
il 24 ottobre 1871). In una di
queste, l’Eroe dei due mondi
sigilla la calorosa amicizia
che lo lega a Decio con “un
bacio”.
Il “bacio di Garibaldi” non
sfugge al Pascoli, grande
amico dei Sabattini, che
lo ricorda nella lettera del
gennaio 1910 indirizzata a
Decio: «E così tu dell’opera
in pro’ della patria, spesa con
tanto rischio e tanto coraggio
da tutta la tua famiglia, e
suggellata al fine col sangue,
avesti unico premio, né altro
diverso ne avresti voluto, né
più grande ne avresti potuto
avere: il bacio di Garibaldi».
Il notaio Bonaventura Sabattini è il trisavolo di mia madre da parte
materna. Ci tengo a ricordarlo anche perché con questa piccola
annotazione so di darle un’immensa gioia. Ed è proprio grazie a
questa circostanza familiare che sono venuta a conoscenza di questa
appassionata storia di amor di patria. (A.M. C.)
26 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
Note
1) Le tenaglie usate dal Mariani per
ferrare il cavallo di Garibaldi sono
conservate nella Biblioteca Soglianese, donate dal parroco, al quale
erano state regalate dall’erede Martina Mariani.
2) Anita Garibaldi (Ana Maria De Jesus Ribeiro Da Silva) muore a Ravenna il 4 agosto 1849.
Il gusto che non pesa.
Il gusto o la leggerezza? Lascia che i dubbi volino via insieme ai sensi di colpa. Scegli il Golfetta,
il salume di sola carne italiana senza fonti di glutine, fatto con le parti migliori e più magre
del prosciutto. Un pasto ideale anche per l’estate, perché fornisce il giusto apporto proteico
con un contenuto di grassi molto limitato, il 12% al massimo. Ma attenzione a scegliere solo
il Golfetta originale, quello con la tela di cotone marchiata a fuoco.
Mangialo da solo o segui una delle tante ricette che trovi sul sito: www.golfera.com
Prodotto e distribuito da Golfera in Lavezzola SpA
A MISURA D’AZIENDA
Da una Banca
che ti conosce
Conto
Impresa
BM
il Conto a misura d’azienda, la tua.
Tutti i servizi che servono
Solo vantaggi
Una Banca locale sa esserti vicina come nessun’altra.
BANCA MALATESTIANA è sul territorio per rispondere sempre
a tutto ciò che può chiedere un’azienda alla sua Banca,
dai servizi “di base” a quelli più impegnativi.
E quando diciamo “a misura d’azienda” intendiamo anche la tua,
qualunque sia la sua dimensione, la specifica attività,
i suoi obiettivi di mercato.
“Messaggio Promozionale” I fogli informativi del prodotto e la nota informativa relativa alle coperture assicurative sono disponibili presso i nostri sportelli e sul sito www.bancamalatestiana.it
RISTORANTE
RISTORANTE
il pescato del canevone
il pescato del canevone
La sapienza di generazioni nel settore ittico, la passione
per il mangiar
bene e naturalmente
per il la
buon
La sapienza
di generazioni
nel settore ittico,
pasnel Nostro Ristorante.
sionevino
perviil accompagneranno
mangiar bene e naturalmente
per il buon
Il pesce
noi è freschissimo proviene
direttamente
vino vidaaccompagneranno
nel Nostro
Ristorante.
daida
nostri
per questo
motivo il
Il pesce
noi èPESCHERECCI,
freschissimo proviene
direttamente
Menù
non PESCHERECCI,
esiste, scegliereteper
direttamente
dalla il
dai nostri
questo motivo
lavagna il pesce
di giornata
Menù non esiste, sceglierete
direttamente
dalla
Via Luigi Tonini,34 Rimini Tel. +39 366 35 41 510
mail: [email protected]
Via Luigi Tonini,34 Rimini Tel. +39 366 35 41 510
lavagna il pesce di giornata
Marcar
Via Flaminia 341 - Rimini - Tel. 0541/374312 www.marcar.it
TRA CRONACA E STORIA
L’avventurosa vita di Giacomo Francesco Griscelli da Vezzani
Il barone
di Rimini
Era un agente segreto al soldo di Napoleone III, Cavour,
Francesco II di Borbone e persino del cardinale Antonelli
G
eneralmente si ignora
che Rimini, nella sua
millenaria storia, è stata
anche titolo per un baronato;
per la verità, si tratta di
un’invenzione di un famoso
avventuriero dell’800 che
agì per circa vent’anni come
agente segreto al soldo di
Napoleone III, di Cavour,
del cardinale Antonelli, di
Francesco II di Borbone e
infine dell’Austria, spesso con
doppi se non tripli giochi, per
poi sparire misteriosamente
nel 1885 partendo per
l’Oriente e non lasciando più
traccia di sé.
Si tratta di Giacomo Francesco
(o Jacques François) Griscelli,
eccentrico personaggio
antesignano del moderno
James Bond ma di dubbia
moralità e non certo fedele
alla propria patria come lo
007 inglese, ebbe licenza
di uccidere, ma fu anche
truffatore e, amante della
bella vita e della mondanità,
non si fece scrupolo di
prestarsi per denaro al gioco
Il libro delle “Memorie”
di Giacomo Francesco Griscelli.
di vari governanti europei
nei concitati momenti
dell’unificazione italiana.
Di sé stesso disse: “Ho
veduto [l’imperatrice]
Eugenia [Montijo] piangere
e supplicare. Fui accanto a
Pio IX, quasi da pari a pari;
e non gli baciai giammai la
pianella come tanti imbecilli.
Col cardinale Trevisanato
di Venezia siamo amiconi. A
Frankfurt, fui commensale
di Francesco Giuseppe... ed
eccomi io, antico pastore,
barone di Rimini, del quale
titolo m’investì Francesco II
di Napoli, col consenso di Pio
IX, pei grandi servizi resi,
come Cialdini ebbe il titolo
di duca di Gaeta. Sono uomo
d’azione, e, quando occorre,
non ripugno a versare anche
il sangue. Napoleone mi
deve più volte la vita: e me la
deve pure Garibaldi - perché
l’avrei potuto uccidere e
non feci, sebbene Pio IX mi
assicurasse esser quella la via
più corta e certa per andare in
paradiso...”
E nelle sue Memorie1
racconta i particolari e le
circostanze che offrirono
l’occasione a queste relazioni
tra un assassino ed eminenti
personaggi2.
Adriano Colocci fu attratto dal
personaggio e indagò su di
lui e riportò alla luce le sue
imprese di spia e di agente
segreto in mezza Europa3.
Griscelli era nato a Vezzani
in Corsica il 15 febbraio 1811,
aveva sposato a 17 anni una
cugina ma presto si stancò di
lei e l’abbandonò entrando
nell’esercito francese. Riuscì
a collezionare ben presto
quattro condanne per truffe e
furto.
Il futuro barone di Rimini era
tuttavia dotato di buon fiuto e
«Criscelli sostiene
che il titolo di
Barone di Rimini
gli fu dato da
Francesco II
di Napoli, col
consenso di Pio IX,
“pei grandi
servizi resi”»
nel 1848 entrò
nella società
bonapartistica
“Dieci
dicembre”
cosicché,
quando Luigi
Napoleone
assunse le
vesti imperiali
dopo il colpo
di stato del
2 dicembre
1951, si trovò
in ottima
posizione.
Napoleone
III aveva
incaricato un
còrso, Pietro
Maria Pietri,
di organizzare
la nuova polizia imperiale, e
Griscelli fece parte di questa
specie di corpo pretoriano,
formato da 600 còrsi che
dovevano agire come polizia
segreta, dotata di larghi
mezzi, in modo da proteggere
la persona dell’imperatore.
Anzi il Griscelli stesso dal
1853 fu addetto alla sicurezza
dello stesso Napoleone III e
rimase al suo servizio fino
all’attentato di Felice Orsini e
in quegli anni, secondo il suo
racconto che non brilla per
di Andrea Montemaggi
Pio IX.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 31
TRA
CRONACA
E STORIA
COSTUME
E SOCIETÀ
Napoleone III.
attendibilità, riuscì a sventare
almeno otto cospirazioni,
tra cui quella, boccaccesca
ma non del tutto veritiera,
dell’agguato all’imperatore in
casa della contessa Virginia
Oldoini di Castiglione,
impedito da Griscelli
che uccise un estraneo
introdottosi furtivamente.
Poiché il misterioso sicario,
probabilmente della stessa
polizia segreta, era stato
incaricato dall’antitaliana
imperatrice Eugenia per
eliminare non solo una
sgradita rivale ma anche
le influenze politiche
piemontesi, il barone di
Rimini si guadagnò il suo
eterno e implacabile odio.
Inoltre Griscelli fu testimone
delle imprese amorose di
Napoleone III e della sua
attrazione verso l’altro
sesso4, e la
conoscenza di tanti
particolari anche
compromettenti lo
rendevano cruciale
ma al contempo
pericoloso.
La fortuna di
Griscelli però
terminò con il gesto
di Orsini, perchè
Napoleone III,
deluso dalla sua
polizia segreta che
non aveva previsto
né efficacemente
evitato il tentato
omicidio, decise
di sciogliere il
corpo, e Griscelli
scaltramente
abbandonò rapidamente
la Francia per rifugiarsi a
Londra: l’imperatrice Eugenia
inviò un ex compagno di
Griscelli per sopprimerlo, ma
egli riuscì a scoprirlo e ad
ucciderlo a sua volta.
Da questo momento però
32 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
le sue vicende si
svilupperanno
prevalentemente in
Italia, dove entrò, con
perfetto tempismo,
proprio all’inizio
della seconda guerra
d’indipendenza.
Cavour riuscì a
entrare in contatto con
il còrso tramite Pietri,
l’ex capo della polizia
segreta anch’egli
caduto in disgrazia,
e per qualche tempo
se ne servì come
proprio agente segreto
nella corte di Vittorio
Emanuele, per poi
inviarlo a Firenze, a
Roma e a Napoli in
missioni delicate e
confidenziali.
Probabilmente
la sete di denaro
iniziò il Barone di
Rimini al doppio
gioco, prestando la
sua attività anche e
soprattutto a favore
di Austria, Papa e
Borbone: addirittura
si offrì per uccidere il re
piemontese, finché dopo
essere andato a Vienna alla
conclusione della guerra,
venne a Rimini e a Pesaro.
Si era nel 1859 e, dopo la
sollevazione delle terre papali
delle Legazioni, nella città
marchigiana si era radunata
una folta schiera di fuoriusciti
e di controrivoluzionari
sotto la guida di monsignor
Tancredi Bellà, legato
apostolico, il quale, dopo
aver sedato ogni tentativo
di ribellione nelle Marche,
sognava di riprendere i
territori appena perduti.
Il Griscelli, con molta abilità
riuscì a mantenere il doppio
(o triplo) gioco facendosi
credere sia agente di
Camillo Benso, Conte di Cavour.
Sopra. L’imperatrice Eugenia.
Cavour, sia di Bellà, sia del
Sommariva, inviato in loco
da Francesco II, re delle Due
Sicilie.
Qui probabilmente il Griscelli
ottenne il suo titolo nobiliare5
e si fece pertanto chiamare
Arturo, Barone di Rimini,
senza che la città fosse nelle
mani dei controrivoluzionari
ma facendo balenare l’idea
di una prossima riconquista:
la situazione era molto fluida
e probabilmente le difficoltà
del nuovo governo potevano
indurre qualche speranza, che
Griscelli scaltramente coltivò.
Come è noto, il 10 agosto
1859 dal governo di Modena
e delle Provincie Parmensi e
da quello della Toscana, con
l’adesione del governo delle
Romagne, fu fondata la Lega
dell’Italia Centrale; fu formato
l’Esercito dell’Italia centrale
di cui prese il comando il
24 settembre il generale
Manfredo Fanti, che aveva
lasciato temporaneamente
l’esercito piemontese, con
Garibaldi vice comandante:
egli però il 22 novembre
si dimise, quando si rese
conto che non sarebbe stato
possibile invadere le Marche.
La divisione delle Romagna
era affidata al generale Pietro
Roselli6, mentre era costituito
a Rimini, per proteggere la
regione da controffensive
pontificie, un “Comando della
frontiera con le Marche” da
Cervia alle foci del fiume
Tavullo.
A Rimini Griscelli aveva
intessuto vari rapporti,
ma la polizia locale si era
insospettita ed allora si era
rifugiato a Verona, sotto la
protezione austriaca, da cui
consigliò alle forze reazionarie
come riconquistare le terre
perdute.
In un libro scritto in occasione
del 50° anniversario dell’unità
d’Italia7, furono riportate
alcune lettere inedite8 di
Griscelli indirizzate al Bellà e
al Sommariva, sequestrate da
Farini, in cui il còrso spiega il
suo piano: avrebbe corrotto il
generale Roselli che si trovava
in quel momento a Rimini
(per 200.000 lire e l’incarico
di Comandante in Capo di
Roma), un aiutante di campo
di Garibaldi che avrebbe
rapito ed eliminato il generale,
chiamato “il nuovo Silla”,
mentre avrebbe ottenuto la
diserzione di una compagnia
da Santarcangelo a Pesaro. Le
«Dopo lo sbarco
dei Mille
il Barone di Rimini
fu assoldato
dai Borboni
per assassinare
Garibaldi, ma
l’impresa fallì
e fu arrestato»
stesse considerazioni furono
rivolte al Sommariva con
l’aggiunta dell’informazione
che Garibaldi aveva ricevuto
27.000 fucili che aveva portato
a San Marino, con l’intento di
prendere Urbino.
Questi progetti venivano
poi corroborati dalle notizie
di malcontento per i primi
provvedimenti presi dal nuovo
governo, nonché dalla scarsa
disciplina delle sue forze
armate, mentre si faceva
grande affidamento sul clero
rimasto ed in particolare sul
cardinale di Bologna Viale
Prelà. Inoltre Griscelli aveva
dettagliatamente informato
sui comandanti e sulla
consistenza dell’esercito
nemico e attendeva solo il
denaro per mettere in atto il
piano disegnato, denaro che
probabilmente non giunse mai
e il fantasioso piano abortì.
Dopo lo sbarco dei Mille fu
assoldato dai Borboni per
assassinare Garibaldi, ma
quest’ultimo fu avvisato dal
contrammiraglio Persano ed
arrestò i cospiratori; Crispi
avrebbe voluto fucilarlo ma
Griscelli, affermando di essere
una spia piemontese9, ottenne
l’espulsione, insieme a
Giuseppe La Farina, anch’egli
agente di Cavour.
Dopo altre peregrinazioni
tornò in Francia, sembra su
incarico ancora di Cavour
per ottenere la liberazione
di alcuni ufficiali e patrioti
arrestati nel territorio
pontificio.
Nel 1861 andò a Bruxelles e
approfittò del titolo di Barone
di Rimini per presentarsi come
gentiluomo italiano nella
società belga: ne ebbe anche
un processo.
E’ poi quasi impossibile
seguire le sue peregrinazioni
per l’Europa, alla ricerca del
migliore offerente ottenendo
con successo il soldo di varie
potenze e in particolare
dell’Austria, per la quale nel
1866 svolse l’ultima missione
a livello politico europeo:
mediante la corruzione di un
ufficiale del ministro della
Guerra Pettinengo, avrebbe
inviato i piani di invasione
del Veneto a Vienna proprio
nell’imminenza della terza
guerra d’indipendenza10.
Infine l’ultima impresa
rilevante di Griscelli fu per
conto di Francesco Crispi,
che l’aveva conosciuto
a Palermo: ferì in un
attentato l’on. Cristiano
Lobbia, probabilmente una
simulazione di reato ideata dal
politico siciliano11, il quale lo
protesse successivamente e lo
fece imbarcare a Brindisi per
l’Oriente.
Del barone di Rimini si
persero le tracce per molto
tempo. Riemerse dall’oblio
nel 1885 come imputato al
processo della Corte di Appello
di Bruxelles, finì per essere
espulso in Francia e da allora
non si seppe più nulla: egli
morì nella segretezza come
nella segretezza era vissuto.
Da sinistra.
Giuseppe Garibaldi,
Francesco II di Borbone
e Francesco Crispi.
BIBLIOGRAFIA
ESSENZIALE
Jacques Francois
Griscelli de Vezzani,
Mémoires de Griscelli:
agent secret de Napoléon
3. (1850-58), de Cavour
(1859-61), d’Antonelli
(1861-62), (1864-67),
Bruxelles, 1867 (I
edizione) Mémoires de
Griscelli de Vezzani
dit le baron de Rimini
ex-agent secret de
Napoléon, Cavour,
Antonelli, François II et
de l’Autriche, Bruxelles,
1871 (II edizione).
Adriano Colocci
[Vespucci], Griscelli e e
le sue memorie, Roma,
Ermanno Loescher,
1909. Ferdinando
Petrucelli Della Gattina,
Le Grandi Etére: da
Cronaca Bizantina, 18831884, Moliterno, Regione
Basilicata, 2006.
Giacomo Emilio
Curatolo, Garibaldi,
Vittorio Emanuele,
Cavour nei fasti della
Patria, documenti inediti,
Bologna, Zanichelli,
1911, pagg. 201-206.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 33
IL FATTO DELLA STORIA
Agosto 1942 / Nicola Patella e la sua “Battaglia di mezza estate”
E dopo la guerra
un caloroso abbraccio
Una bella storia di solidarietà
che si conclude con una decorazione al Valor Militare
di Gaetano Rossi
Nicola Patella
in partenza per una
missione con il suo
Picchiatello
(Stuka Ju 87).
Sotto. Patella nel 1942
a Lonate Pozzolo.
A
bbiamo chiuso il precedente articolo lasciando
Nicola Patella, Guido
Savini e Mc Farlane –
dopo avere combattuto
in cielo la loro “Battaglia di mezza estate” – ,
in balia delle onde su
una barca di fortuna.
Procediamo con il
racconto.
Tante le navi affondate
e molti sono coloro che
in quelle ore cercano
i propri naufraghi. Li
cercano gli italiani, li
cercano i tedeschi e
li cercano gli inglesi.
Nel frattempo in quel
battellino ci sono prove
di dialogo fra nemici
costretti dalle circostanze a far amicizia.
E in quella situazione
pare non esser affatto
difficile. Si fanno i turni
per remare, anche se
Mc Farlane vorrebbe andar
verso Malta ed i nostri verso
Pantelleria, ma la corrente
vanifica comunque gli sforzi.
All’alba del nuovo giorno un
brivido gelido scende lungo la
schiena dei tre: alcune minacciose pinne si mettono a gironzolare intorno a quel guscio.
Mentre si cerca di allontanare
i pericolosi visitatori con colpi
di remo Patella si prepara a
sparare un razzo in acqua,
per dissuadere i pescecani
dall’idea di pranzare con i tre
naufraghi. Finalmente si allontanano e passato il pericolo
inizia allora ad avvertirsi un
altro pericolo: la disidratazione
della quale è l’anticipo una
sete feroce. Acqua non c’è,
quella del mare non è bevibile
ma è indispensabile idratarsi. C’è solo un modo. Bere la
propria … produzione idrica.
Nel battellino c’è una piccola
bottiglia che viene a turno
riempita, rinfrescata in mare
e poi ... Qualcuno può storcere
il naso, ma questo espediente
anche se spiacevole ha salvato
quelle tre vite.
Passa un intero giorno, sopravviene la seconda notte.
Poi sorge il sole: in Italia e su
chissà quanti fronti di guerra,
qualcuno si sarà certamente
La medaglia di bronzo
al v. m. di Nicola Patella
Nicola Patella, specialista a bordo di
velivolo da bombardamento a tuffo,
partecipava volontariamente all’attacco
di un convoglio nemico potentemente
scortato. Dopo lo sgancio di una bomba
di massimo calibro che centrava una
grossa petroliera, l’apparecchio colpito
dall’artiglieria contraerea precipitava in
mare. Con calma e prontezza di azione
riusciva a lanciare il battellino di soccorso
e, unitamente al pilota, durante sessanta
ore di permanenza in mare aperto dava
prova di costante e virile coraggio e di
saldezza d’animo. Avvistato altro naufrago,
riconosciuto di nazionalità inglese,
procedeva, unitamente al compagno, al
suo recupero pur essendo già in difficili
condizioni. Cielo del Mediterraneo, 12-1314 agosto 1942.
«Quarantacinque
anni dopo
il naufragio,
all’inglese era
venuto il desiderio
di incontrare quegli
italiani che lo
avevano salvato»
ricordato che in tempo di pace
si festeggia il ferragosto. Ma
questo pensiero non sfiora
neppure i tre naufraghi: sono
sempre in balia del mare e del
sole. Non possono durare per
molto. La fortuna però non
li ha abbandonati. Un velivolo tedesco sta sorvolando
la zona. Patella riesce a far
partire l’ultimo razzo, anche
se è difettoso. In un primo
momento sembra che l’aereo
non li abbia visti e ricadono
nello sconforto; ma poi compie
un’ampia virata e si abbassa
lanciando un messaggio che,
anche se in tedesco, in una sua
Prenota Condor
nelle migliori agenzie di viaggi!
L’esperienza e l’amore per l’ospitalità, ovunque la tua vacanza ti porti
Cala Rosa Club Hotel
★★★★ Stintino (SS)
CALA ROSA
BAMBINO
OFFERTA
CALA ROSA
tel. 079 520005
www.hotelcalarosa.it
FINO A 12 ANNI
GRATIS
Dal 15/9 al 26/9
€ 65,00
pensione completa
,00
mezza pensione € 55
I=6
SPECIALE 7 GIORN
OFFERTA
PEDRALADDA
Dal 25/9 al 12/10
olazione
camera standard+c na
€200,00 a settima
a persona
Approfitta delle nostre
offerte speciali
chiama subito per ricevere
un preventivo
personalizzato
Tariffe speciali per traghetti e voli. CONTATTACI!
Hotel Pedraladda
★★★ Castelsardo (SS)
tel. 079 470383
www.hotelpedraladda.it
«L’incontro dei due
avieri “nemici”
avviene nella
trasmissione
televisiva inglese
“Surprise”
tra gli applausi
del pubblico»
parte riporta però le coordinate, a significare che li hanno
individuati e che arriveranno i
soccorsi. Così è. Dopo qualche
ora arrivano infatti addirittura
due Dornier tedeschi. Uno
ammara, raccoglie ed accoglie
festosamente i due italiani e
naturalmente fa prigioniero
l’inglese. Anche l’esser fatto
prigioniero dovrebbe render
felice qualcuno che si trovasse
in quella situazione! Invece
Mc. Farlane, con aria indifferente – complici Patella e Savini – ha vanamente cercato di
allontanarsi col battellino, da
solo, animato da chissà quale
speranza.
Questa bella storia di solidarietà per la quale Patella fu poi
decorato al Valor Militare tornò quindi alla mente di Nicola
dopo aver letto quella lettera:
poteva esser l’unica ragione di
quell’invito. E di questo infatti
si trattava.
Dopo 45 anni da quell’episodio
al sig. Mc. Farlane era venuto il desiderio di incontrare
quegli italiani che lo avevano salvato. Aveva scritto alla
conduttrice di quel programma televisivo e il suo staff era
riuscito a rintracciare proprio
Nicola Patella.
Naturalmente, grande successo, sinceri applausi al nostro
eroico aviere, grandi feste
e grande commozione; ma
Nicola, volato a Londra ospite
prima della BBC e poi della
famiglia Mc. Farlane (famiglia che non avrebbe potuto
esistere se quei due naufraghi
italiani non avessero generosamente ospitato l’inglese, a
rischio di affondare tutti e tre),
aveva un peso da confessare
all’amico scozzese.
Così, prima di partire, gli disse:
Senti, devo assolutamente
dirti qualcosa; ti ricordi quei
pescicani che giravano intorno
al battellino? Bene, io e Savini
avevamo pensato che se ci
attaccavano ti avremmo but-
tato a mare così mentre erano
impegnati con te noi ci saremmo salvati. È un peso sulla
coscienza che ho da allora e
adesso che ti ho ritrovato te lo
dovevo proprio confessare!
Con la classica imperturbabile
flemma, accompagnata però
da un aperto sorriso, l’inglese
gli rispose: Don’t worry my
friend (non importa amico!),
perché io avevo pensato di fare
la stessa cosa con voi!
Lo Stuka Ju 87 con
le insegne della Regia
Aeronautica Italiana.
Mc Farlane e Patella
ospiti della trasmissione
inglese “Surprise”.
dove trovare e prenotare
gratuitamente ariminum
Ariminum è distribuito gratuitamente nelle edicole della Provincia di
Rimini abbinato al quotidiano La Voce di Romagna. È spedito ad un
ampio ventaglio di categorie di professionisti ed è consegnato direttamente agli esercizi commerciali di Rimini. Inoltre è reperibile presso
il Museo della Città di Rimini (via Tonini), la libreria Luisè (corso
d’Augusto, antico Palazzo Ferrari, ora Carli), la Casa Editrice Panozzo (via Clodia) e la redazione de ilPonte (via Cairoli). La rivista può
essere consultata e scaricata in formato pdf gratuitamente sul sito del
Rotary Club Rimini all’indirizzo www.rotaryrimini.org
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 37
MUSICA
Le Allegre note / Il coro delle voci bianche di Riccione
Autentica palestra
di formazione musicale
Il complesso canoro è diretto dal Maestro Fabio Pecci,
appassionato studioso di musicoterapia
di Guido Zangheri
Il Maestro Fabio Pecci,
direttore del coro
riccionese Allegre note.
U
nione di più voci emesse
contemporaneamente, il
coro costituisce una pratica
esecutiva comune a tutte
le civiltà sin dai tempi più
remoti. Schematicamente Il
coro si definisce monodico
quando tutte le voci intonano
la stessa melodia all’unisono
o all’ottava; polifonico quando
le voci intonano melodie
differenti per lo più con
ritmi anche diversi. Il coro
si dice a voci pari quando
comprende esclusivamente
voci maschili o voci femminili
o voci di bambini e viene
rispettivamente distinto in
coro maschile, femminile, di
voci bianche. Il coro si dice
invece a voci dispari o misto
quando è formato da voci
maschili e femminili, o da
voci maschili e di fanciulli
e così via. Le voci più acute
sono quelle femminili, che si
distinguono nei tre registri
di soprano, mezzosoprano
e contralto. Meno estese,
ma acute come le femminili
sono le voci bianche divise
nei due registri di soprano
e contralto. Fra il XII e il
XIII secolo cominciarono
a sorgere i primi tipi di
libere associazioni corali,
di cui offrono un esempio
le confraternite laiche dei
laudesi che cantavano lodi
alla Vergine dopo le funzioni
religiose; tali associazioni
conobbero grandi sviluppi
in tempi moderni con il
Treviso, aprile 2013.
Foto ricordo del Coro
dopo la vittoria al
Concorso internazionale
“Città di Treviso”.
38 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
fiorire di società corali per lo
più alimentate da dilettanti
in tutti i Paesi di cultura
europea, specie tedeschi e
anglosassoni. Una recente
ricerca dell’Università di
Goteborg in Svezia a cura
di una équipe coordinata
dal professor Bjorn Vichoff,
sostiene che cantare in coro
allunga la vita, riduce lo
stress e ha per l’organismo
umano gli stessi benefici
di una lunga seduta yoga.
Il canto è una forma di
respirazione controllata che
insegna ai polmoni a respirare
meglio. Cantare insieme non
annoia mai, rilassa, rafforza
il sistema immunitario,
migliora l’umore. Nel coro
la personalità individuale
viene annullata e non c’è
assolutamente spazio per il
narcisismo. Stare nel gruppo
protegge e rilassa e i migliori
cori sono quelli nei quali
non emergono mai i singoli
ma la fusione assoluta delle
voci costituisce il migliore
risultato: quello che si crea nel
coro è un gruppo omogeneo
e solidale. Del resto, a
sottolineare il grande valore
formativo della pratica corale,
Robert Schumann già nel
1845 nelle sue Regole di vita
musicale dedicate ai giovani
musicisti affermava :“Cerca
di cantare in coro, soprattutto
le parti interne. Questo ti
renderà musicale”
La premessa può essere utile
«Il Coro è salito agli
onori della cronaca
nazionale per avere
vinto il concorso di
canto corale cori a
voci bianche
“Città di Faenza”…
per inquadrare un coro di voci
bianche riccionese “Le allegre
note” – una denominazione
molto pertinente che riflette
il piacere, il divertimento di
cantare assieme e il senso
di gioiosa aggregazione
che ne consegue – il quale
dopo essersi segnalato in
ambito cittadino, provinciale
e regionale, recentemente
è salito agli onori della
cronaca nazionale per
avere conseguito due primi
premi assoluti in altrettanti
importanti concorsi: il 13°
concorso di canto corale cori a
voci bianche “Città di Faenza”
con punteggio 99/100 e il
5° concorso internazionale
di esecuzione musicale
“Giovani musicisti-Città di
Treviso”categoria cori a
voci bianche con punteggio
100/100.
Le Allegre note fin dalla loro
istituzione sono dirette dal
m° Fabio Pecci, un versatile
musicista riccionese ora
residente a Misano, che alle
rilevanti attitudini di base e
alla approfondita specifica
preparazione tecnica, affianca
doti pedagogiche e relazionali
assolutamente peculiari. In
tal modo Fabio Pecci è stato
in grado di comunicare la sua
carica, il suo entusiasmo, la
sua passione a tutti i bambini
che nel corso degli anni hanno
condiviso con lui l’esperienza.
… e il concorso
internazionale di
esecuzione musicale
“Giovani musicisti
- Città di Treviso”
categoria cori
a voci bianche»
Di formazione accademica
con diploma in violoncello
e un’attività artistica
importante con particolare
riferimento al repertorio
cameristico, polistrumentista
– oltre al violoncello suona
infatti anche la chitarra, il
pianoforte, il flauto dolce e
il charango – il prof. Fabio
Pecci si è avvicinato alla
coralità giovanile attraverso
gli studi di musicoterapia da
lui intrapresi negli anni ‘90.
Annoverato tra i fondatori
della Federazione Italiana
Musicoterapeuti con sede in
Bergamo, Pecci è presidente
dell’Associazione “Papageno”
per la quale realizza numerosi
progetti di musicoterapia
presso enti pubblici e privati.
Attivo come formatore
musicale per numerose
istituzioni scolastiche
dell’Emilia-Romagna e
componente di Commissioni
in concorsi nazionali e
internazionali, ha altresì
curato la direzione artistica
di Rassegne concertistiche
e di Corsi internazionali di
perfezionamento strumentale
tenuti da docenti di chiara
fama quali Pier Narciso Masi,
Christa Butzberger, Federico
Mondelci, Enzo Porta,
Annamaria Morini, Giulio
Franzetti.
Autentica palestra di
formazione musicale,
il Coro Le allegre note
costituisce un importante
modello di riferimento
per i suoi componenti, al
punto che dopo averne
frequentato i corsi, molti di
loro si accostano al grande
repertorio classico attraverso
lo studio del canto lirico o di
uno strumento. Il coro esplica
la sua attività di norma
secondo i tempi dell’anno
scolastico, ma recentemente
sono stati istituiti anche
corsi estivi per quanti,
più liberi dagli impegni
dello studio, intendono
proseguire l’attività durante
le vacanze. Nato nel 2000
da un progetto sperimentale
di laboratorio corale di
Fabio Pecci presso la scuola
primaria “Annyka Brandi”
del 3° Circolo Didattico di
Riccione, successivamente
è divenuto coro di Circolo
infine, costituendosi in
Associazione nel marzo
2004 grazie all’impulso
di tre insegnanti della
“Brandi”, al coinvolgimento
di alcuni genitori con una
rete organizzativa articolata
nei settori della fotografia e
riprese video, della grafica,
della raccolta fondi, e
sostenuta costantemente
dalle mamme dei coristi, ha
ottenuto la dignità di coro
cittadino. è evidente che a
successo dell’operazione
ha offerto un contributo
determinante la direzione
della scuola che senza riserve
ha aderito in toto al progetto.
Sotto la presidenza di Maria
Antonella Colangelo che nella
sua veste di insegnante fin
dall’inizio dell’esperienza ci
aveva creduto profondamente,
intuendone la impareggiabile
funzione educativa, il
Coro è entrato a far parte
dell’AERCO (Associazione
Emiliano-Romagnola Cori).
Attualmente per un naturale
avvicendamento dei ruoli, la
presidenza è stata assunta
da Marina Tordi, mentre
Maria Antonella Colangelo è
divenuta Presidente onorario.
L’Associazione Le allegre
note dispone ora di due
formazioni corali: Le allegre
note propriamente dette con
118 bambini dai 6 ai 14 anni
suddivisi in “coro scolastico”
e “coro a voci bianche “e Note
in crescendo con 35 ragazzi
più grandi, frequentanti
gli ultimi anni della scuola
secondaria di primo grado
e i primi della secondaria di
secondo grado, che hanno
deciso di continuare la pratica
corale. Le due formazioni
hanno al loro attivo oltre
300 concerti in molte città
italiane con alcune esibizioni
anche all’estero: Berlino,
Saint-Etienne, Chotebor
(Praga). Il repertorio del coro
è estremamente vasto: si
passa dai classici, operistici
Malcesine sul Garda,
maggio 2013.
Il Coro in occasione
del concorso
“Il Garda in coro”.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 39
MUSICA
Rimini,
Capodanno 2010.
Le Allegre note
al Palacongressi
nella Tosca
di G. Puccini.
e sinfonici, alle colonne
sonore di film, a Cartoon
Disney, a celebri canzoni di
musica leggera, a musiche
di scena composte per fiabe
musicali, a produzioni
etniche e spirituals, a brani
natalizi. Ogni anno il Coro
nelle sue due formazioni,
promuove“VOCINCORO”, una
rassegna di incontro con altre
realtà corali provenienti da
tutta Italia. In occasione del
decennale è stato pubblicato
un libro dal titolo “Tutta
qui la cantoria ... presto”
che ripercorre l’attività dei
primi 10 anni del Coro. Le
Allegre note hanno anche
inciso tre bellissimi CD
che testimoniano assieme
alla bravura del gruppo
l’ottimo lavoro, l’impegno, la
professionalità del maestro:
Un mondo di musiche nel
2010, Allegramente noi nel
2011 e Insieme nel 2012.
L’ultimo CD in particolare
rivela il percorso di crescita
svolto negli ultimi due anni,
dal coro scolastico, da quello
delle voci bianche e dal coro
giovanile.
Accreditato di collaborazioni
prestigiose – orchestra
“Rossini” di Pesaro, orchestra
“Camerata del Titano”
della Repubblica San
Marino, orchestra regionale
“Filarmonia Veneto”, coro
“Galli” di Rimini, coro
giovanile “Città di Adria”,
solo per citarne alcune – che
l’ha portato a cantare in
teatri e in sale importanti,
il Coro Le allegre note ha
partecipato all’esecuzione
dei “Carmina Burana” di
C. Orff con i Percussionisti
dell’Orchestra Santa Cecilia
di Roma al Teatro Petrarca
di Arezzo, al Teatro Dante di
San Sepolcro, al Teatro del
mare di Riccione, al Festival
40 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
“Da Bach a Bartok” a Imola
e Porretta Terme, al Castello
di Celano (Aq), al teatro “la
Regina” di Cattolica, in piazza
Cavour a Rimini, alla “Tosca”
di G. Puccini all’Auditorium
del Palazzo della Fiera a
Rimini, alla “Bohème” di
G. Puccini al Teatro “la
Regina” di Cattolica e al
Teatro “Borgatti” di Cento,
alla “Carmen” di G. Bizet
ancora all’Auditorium del
Palazzo della Fiera a Rimini e
al Teatro dell’Opera Giocosa
della Fortezza del Priamar
di Savona, al “Focolare
invernale” di S. Prokofiev
al Palazzo del Turismo a
Riccione, al concerto Tribute
Pink Floyd con Wit Matrix a
San Marino, alla diretta a RAI
3 “Alle falde del Kilimangiaro
“ nel 2005 in occasione della
giornata della memoria.
In ogni caso il massimo
riconoscimento del nostro
Coro consiste nell’avere avuto
l’onore nell’ottobre 2008 di
essere stato selezionato su
oltre 3000 coristi esaminati, a
partecipare sotto la direzione
di Claudio Abbado, al “Te
Deum” di Hector Berlioz,
al PalaDozza di Bologna. Al
concerto evento destinato
a passare alla storia, a cui
ha collaborato in veste di
«Nato nel 2000
presso la scuola
primaria
“Annyka Brandi”
di Riccione,
il complesso canoro
nel marzo 2004 ha
ottenuto la dignità
di coro cittadino»
voce recitante in “Pierino
e il lupo” di Prokofiev,
Roberto Benigni, hanno
preso parte 930 musicisti
– 300 strumentisti e oltre
600 coristi – comprendenti
l’Orchestra “Mozart” di
Bologna, l’Orchestra Giovanile
“Luigi Cherubini”, l’Orchestra
Giovanile Italiana, il Coro del
Teatro Comunale di Bologna,
il Coro Sinfonico “Giuseppe
Verdi” di Milano, il Coro
di voci bianche del Teatro
Comunale di Bologna, il Coro
di voci bianche “Clairière” del
Conservatorio della Svizzera
Italiana il grande Coro di
voci bianche “Un coro in ogni
scuola” comprendente Le
allegre note. Una soddisfazione
incredibile per i giovanissimi
coristi riccionesi e per il loro
bravissimo maestro!
Nel 2006 il Coro ha ideato
e realizzato “Sette storie in
concerto” un apprezzato
spettacolo musicale e teatrale
nell’ambito della “Rassegna
Teatro” per le scuole della
Provincia di Rimini, replicato
anche fuori dal territorio
locale. Nel maggio 2010 il
Coro è stato invitato a cantare
nei giardini del Ministero
della P.I. In occasione della
“Giornata della Musica”
ricevendo lusinghieri consensi
dalle personalità presenti.
Quest’anno è intervenuto oltre
ai concerti tenuti a Città di
Castello, Ancona, Bologna,
Umbertide, a Riminifiera nello
show Mr Brown for Haiti con
il dj Andrea Pellizzari de “Le
Iene” Italia 1, progetto per
raccolta fondi per Fondazione
Rava NPH onlus, impegnata
nella costruzione di una casa
di accoglienza per i bambini
di Haiti colpiti dal terremoto
del 2010.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 41
TEATRALIA
Il Teatro della Regina di Cattolica
Un richiamo nazionale
di grande prestigio
L’opera, inaugurata il 14 gennaio 1996,
è oggi punto di riferimento culturale per tutta la regione
di Gina Codovilli
Il Teatro della Regina
di Cattolica.
I
ncastonata nell’oro
dell’ultima sabbia di
Romagna e sormontata dallo
smeraldo del promontorio
di Gabicce, Cattolica ha il
fascino discreto e seducente di
una preziosa gemma marina.
Gemma di confine. Gemma
rara. Tanto da meritarsi
l’appellativo di Regina
dell’Adriatico.
Nell’aria della Regina, da
sempre, si respira il balsamo
della cultura che apre la
mente e il cuore. E da sempre,
la cultura eleva lo spirito
attraverso il Teatro.
Il fervore teatrale
cattolichino si
perde nella notte
dei tempi; forse
è nato assieme
alle sue prime
comunità. Oggi
come in passato,
Cattolica espande
con orgoglio la
sua passione
per il Teatro da
una prospettiva
privilegiata, con
i suoi indiscussi
fiori all’occhiello: il Teatro
della Regina e l’Arena della
Regina, nonché il salone
Snaporaz e numerose piazze
dotate di palchi per le
esibizioni. Ma già alla fine
dell’ottocento era funzionante
il Teatro Apollo e nel 1909
veniva costituita la “Società
Filodrammatica” che dava
vita ad una struttura teatrale
intitolata all’attore Ermete
Novelli. Il primo era dotato
del solo impianto scenico e gli
spettatori si portavano le sedie
da casa, mentre il secondo era
adibito esclusivamente come
locale estivo.
Negli anni ’20 era funzionante
addirittura un’altra sala
teatrale, il teatro Sani che,
dopo alcuni passaggi di
proprietà, venne trasformato
nel 1926 in Teatro Zacconi,
42 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
«Il Teatro,
progettato
dall’architetto
Pier Luigi
Cervellati,
è stato tenuto
a battesimo
da Katia
Ricciarelli»
di cui ancora oggi molti
cattolichini hanno memoria.
Situato in zona strategica fra
il vecchio paese e il nuovo
insediamento che stava
fiorendo verso il mare, era
un teatro vero e proprio;
infatti diventò un importante
punto di riferimento culturale
grazie ad una “rèclame”
nazionale che promuoveva
Cattolica come “la preferita
dell’Adriatico”. Era anche il
luogo giusto per realizzare
feste e serate danzanti, come
il “Veglione delle Viole” e
il “Veglione delle Mimose”,
appuntamenti mondani in cui
veniva eletta la più bella del
paese. Si ricordano ancora
i nomi di Olga Garattoni e
Lola Grandicelli, della cui
straordinaria bellezza ancora
si favoleggia.
Al Teatro Zacconi ha diretto le
sue commedie anche Lorenza
Morosini, conosciuta e amata
da tutti i cattolichini e non solo,
come la “maestra Enzina”.
Anch’io ho avuto il grande
privilegio di insegnare al suo
fianco; il suo talento unito
alla sua umanità e simpatia è
stato davvero un faro per molti
giovani insegnanti che hanno
potuto apprendere da lei l’arte
e l’importanza dell’educazione
teatrale da attuare nelle
scuole. Enzina ha fatto cantare
e recitare intere generazioni
di bambini, e ancora oggi nelle
scuole elementari si intonano
le sue straordinarie canzoni
e si portano in scena i suoi
irrepetibili music-hall.
Nei primi anni ’60 tutto
l’edificio che conteneva il
Teatro Zacconi venne demolito
per far posto al nuovo impianto
“Ariston”. Con l’inizio degli
anni’70, le amministrazioni
cattolichine che si sono
avvicendate, hanno coltivato
lo stesso sogno ambizioso:
costruire un nuovo Teatro che
fosse tale a tutti gli effetti e
adatto ad ospitare molteplici
forme di spettacolo. Il progetto,
affidato all’architetto Pier Luigi
Cervellati, venne realizzato in
tempi da record ed è stato il
«Un’opera
splendida
che coniuga
con sapienza
l’eleganza
del passato
con i privilegi
della
modernità»
primo Teatro costruito ex-novo
nel dopoguerra.
Cattolica, già gemma rara,
aggiunge così un’altra perla
preziosa alla sua corona: il
“Teatro della Regina”, che
nasce ufficialmente con
l’inaugurazione del 14 gennaio
1996.
La Romagna tutta si sorprende
nell’ammirare la splendida
opera di Cervellati, che ha
saputo coniugare con sapienza
l’eleganza del passato con i
privilegi della modernità.
Il nuovo gioiello viene tenuto
a battesimo dalla regina della
lirica italiana Katia Ricciarelli.
Una regina per la Regina.
La grandiosità
dell’inaugurazione ha
mantenuto le sue promesse:
in tutti questi anni il teatro
cattolichino è cresciuto sia
nella qualità delle proposte
culturali, che nell’offerta
della possibilità di scelta
degli abbonamenti, fino ad
arrivare alla ‘gift card’ che
consente di regalare un
abbonamento o un biglietto
per gli spettacoli. E’ dunque
un punto di riferimento
culturale importante per
tutta la regione, in quanto
vengono realizzati eventi di
grande prestigio e di richiamo
nazionale.
Da ottobre ad aprile il
cartellone offre spettacoli
di prosa, balletti e operette,
spettacoli comici, commedie
dialettali, concerti lirici e
di musica leggera messi in
scena da artisti anche di fama
internazionale. Con l’arrivo
dell’estate poi, il cartellone
teatrale diventa ancora
più effervescente grazie
alla geniale realizzazione
dell’Arena della Regina,
naturale prosecuzione del
Teatro, ma a fruibilità estiva.
Si tratta di un bellissimo
anfiteatro all’aperto, nelle
adiacenze del teatro, dove,
avendo per soffitto un cielo
vero trapuntato di stelle
vere, ci si può inebriare con
l’esibizione di ogni genere
teatrale e musicale. Come
gli spettacoli mirabolanti che
hanno infiammato l’estate
2013. Artisti di fama mondiale:
da Cesare Cremonini, al
concerto-evento dell’estate
italiana, quello di Sting che ha
mandato in delirio Cattolica
dopo Roma e Verona, per una
delle tre tappe italiane del suo
tour mondiale; e poi i comici
del momento: da Gabriele
Cirilli ad Alessandro Siani a
Teresa Mannino. Insomma, un
cartellone teatrale all’altezza
di sua Altezza la Regina.
Interno del Teatro.
Sotto L’Arena della
Regina e due
locandine del vecchio
Teatro Zacconi.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 43
COSTUME
ALBUM E SOCIETÀ
A spasso per la città
“Donne…
è arrivato l’arrotino”
La storica Coltelleria di via Garibaldi
gestita da Luca, figlio di Nando
di Silvana Giugli
Luca della
“Coltelleria Nando”
di Via Garibaldi.
L
’arrotino: una attività tra
le più antiche dell’uomo.
Una attività che richiama alla
memoria immagini e suoni
ancestrali. In primis il carretto trainato dalla bicicletta,
che, poi, negli Anni ’60, ha
ceduto il passo a una utilitaria
con nel vano portabagagli le
mole, collegate all’albero di
trasmissione, per poter offrire
un lavoro più professionale e
completo e come non citare
l’inconfondibile richiamo:
“Donne è arrivato l’arrotino”
seguito, poco dopo, dal sibilo
stridulo delle ruote che affilavano coltelli, forbici, falci…
A Rimini, nel centro storico,
ci sono quattro arrotini, o
meglio, coltellerie. La più
datata, quella che, tra l’altro,
è nata e cresciuta nella via un
tempo dei Magnani (attuale
via Garibaldi), strada per secoli culla delle sole botteghe
degli artigiani del ferro, è la
Coltelleria Nando.
La coltelleria è nata nel 1957
in un piccolo negozio, sulla
destra della via e nei pressi
dell’incrocio con via Sigi-
44 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
smondo, che aveva conservato, quasi inalterata, la sua
struttura di origine medievale.
Questo negozio fu poi adattato
a forno-pizzeria e poi ad altro
ancora fino ad arrivare a oggi
che è irriconoscibile.
In quel periodo, non molto
lontano dalla fine della guerra, la coltelleria Nando, in
pratica, “raccoglieva l’eredità” di un altro arrotino
storico di via Garibaldi: un
certo Remo Massari. Oggi
l’attività è gestita da Luca,
figlio di Nando, che è subentrato al padre nel 1970.
Il negozio è stato, da tempo,
spostato in un palazzo storico ristrutturato, poco più
a monte del vecchio. Luca,
che ha imparato il mestiere
a bottega dal padre, è un
intenditore appassionato
di coltelli, ed è, anche, un
collezionista esperto. Per lui
le lame di Santino Balestra,
di Kay Embretsen o quelle
sportive americane e da
cucina giapponesi, non hanno
segreti. E poi che dire della
sua collezione privata, ampia
e con pezzi unici: ha lame
storiche che meriterebbero
d’essere esposte.
I clienti della coltelleria Nando sono stati, e sono attualmente, tanti un po’ di tutti i
tipi e, talvolta, con “esigenze”
più ricercate. Comunque i
veri appassionati, quelli che
magari considerano una tappa
inderogabile la sosta davanti
alla vetrina, sono i bambini e
ragazzini tutti attratti da quel
coltellino svizzero gigante
che estrae e ritrae le sue varie
lame. E poi, non di secondaria
importanza, come non ricordare la presenza di Jalck, uno
splendido pastore tedesco che
per quasi 16 anni ha “fatto
«Un’attività che
richiama alla
memoria immagini
e suoni ancestrali,
dal carretto
trainato dalla
bicicletta,
all’utilitaria
con le mole,
nel portabagagli,
collegate all’albero
di trasmissione…»
da logo” alla coltelleria del
suo padrone sostando davanti
al negozio e conquistando
passanti e bottegai con la sua
dolcezza.
Attualmente i tempi sono
cambiati: non sono facili e
Luca preferisce non fare progetti per il futuro: ha un figlio
piccolo per cui si vedrà col
tempo. Una cosa, tuttavia, la
manifesta chiaramente, cioè
la delusione, nei confronti
della Amministrazione comunale, considerata non molto
sensibile nei confronti degli
esercenti di via Garibaldi non
dando maggiore importanza
e stimolo alla via. In questo
senso Luca ricorda, con rammarico, come quella bottega
rinascimentale, abbandonata
alla fine del degli Anni ’60, e
quel palazzetto signorile, attiguo alla chiesa di Sant’Agnese, continuino a rimanere in
stato di abbandono quando,
invece, potrebbero diventare,
se ripristinati, una attrazione turistica per tutta questa
strada che è la più storica di
Rimini.
Ogni giorno è quello buono per assaporare i piaceri della vita e gustare ciò che ci piace veramente.
Ogni giorno è quello buono per scoprire nuovi sapori, nuove ricette.
Ogni giorno è quello buono per provare un’emozione, un gusto diverso.
Perché con i prodotti Vismara c’è più gusto tutti i giorni.
Scopri tutti i prodotti Vismara su www.vismaraitalia.it
Seguici su Facebook
MARCHIO
DAL 1898
ITALIANO
ROTARY
Per la salvaguardia del patrimonio storico-artistico del Museo di Rimini
Progetto
Rotary
Affidato ad Adele Pompili un servizio di monitoraggio e di controllo
delle opere d’arte della pinacoteca
I
l Rotary Club Rimini, da
sempre attento e sensibile
alla valorizzazione del
patrimonio storico artistico
della città, si è fatto carico di
un progetto di salvaguardia
delle opere del nostro Museo
cittadino. Con un sostegno
economico di 7.000 euro,
il sodalizio garantisce un
servizio di monitoraggio e di
controllo delle opere d’arte
della sezione Medioevale
e Moderna custodite nella
Pinacoteca. Il servizio affidato
ad Adele Pompili, esperta
restauratrice di Bologna,
prevede per l’intero anno
2013 operazioni di piccola
e ordinaria manutenzione
su tutti i dipinti esposti e
interventi straordinari e
urgenti, qualora lo stato di
salute delle opere li rendesse
necessari. Sarà inoltre cura
della conservatrice Adele
Pompili la formulazione di
schede in occasione di prestiti
delle opere a mostre e la
valutazione e il controllo dei
valori microclimatici degli
ambienti espositivi.
di Domitilla Tassili
Cambio al vertice del Rotary Club Rimini
IL COLLARE DEL COMANDO PASSA
DA PIETRO PAONE AD EUGENIO LA ROSA
Giovedì, 27 giugno 2013, si è svolta al Grand Hotel di Rimini la
tradizionale cerimonia del cambio della presidenza del Rotary
Club Rimini. Il Presidente uscente Pietro Paone ha passato le
consegne del comando al nuovo Presidente Eugenio La Rosa.
La Rosa, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della
Repubblica Italiana, è un rotariano di lungo corso (Torino Est dal
1978, poi Roma Ovest e Rimini) ed ha svolto la funzione di Prefetto
della Repubblica nella provincia di Rimini fino al 2005.
Compongono il nuovo Consiglio Direttivo dell’annata rotariana
2013/14 Maurizio Grossi (Presidente Incoming), Pietro Paone (Past
President), Alessandro Andreini (Vice Presidente), Nicola Palloni
(Segretario), Amos Magrini (Tesoriere), Patrizia Ghetti e Massimo
Panozzo (Consiglieri); Massimo Sorrentino (Prefetto).
Nella serata del cambio della presidenza, alla presenza delle
massime autorità rotariane, sono stati insigniti del Paul Harris
Fellow, importante attestato di benemerenza rotariana, Luigi
Prioli, Alessandro Andreini e Fabio Scala.
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 47
LIBRI
“Un ragazzo del ’99” di Tiziano Arlotti
Storia e storie
nella trincea del garampi
Un riminese che ha saputo destreggiarsi
nelle “acque” insidiose della politica
G
iornalista pubblicista,
conduttore televisivo,
regista, nonché sindacalista,
e poi “operaio” in una fabbrica di San Marino, ma anche
assessore comunale ai lavori
pubblici e, oggi, come a premiare l’impegno profuso nel
lavoro in tutti questi anni, è
arrivata l’elezione a senatore
nelle ultime elezioni politiche
ovviamente nel PD. Parliamo
di Tiziano Arlotti un riminese
che ha ben saputo destreggiarsi nelle “acque” insidiose e, sovente, poco chiare,
della politica della nostra città
raggiungendo sempre i suoi
obiettivi ed uscendo indenne da avversità interne ed
esterne al suo partito. Arlotti,
tuttavia, ha sentito la necessità, alla vigilia delle ultime
elezioni politiche, di presentare un bilancio del suo operato,
magari a scanso di equivoci, e
lo ha fatto con un libro dove,
in 174 pagine, ripercorre le
tappe fondamentali della sua
attività politica. Il libro in questione è: Un ragazzo del ’99:
Storia e storie nella trincea di
palazzo Garampi, edito da
Panozzo.
Il titolo è significativo anche
se, non ce ne voglia il senatore, lo troviamo esagerato e
molto poco appropriato con
quel richiamo (o paragone)
agli unici ed autentici “ragazzi
del ‘99” (ovvero del 1899 per
chi non ricorda la storia della
Prima Guerra Mondiale) che
sacrificarono la loro vita per
la Patria (ricevendo in cambio
poche lire e molto disinteresse) e non certo si immolarono,
anche solo metaforicamente,
per un partito.
Il libro, di lettura scorrevole, è
una accurata, metodica,
POESIA di Ronaldo Bertozzi
quasi pignola, ricostruMA OGGI OTTOBRE
zione di tutti
i momenti
Per suggestione e poesia
politici che
questo è l’ultimo dei lungomari
hanno avuto
(vuoi mettere Mergellina all’alba
Arlotti come
o Reggio e la sua Fata Morgana)
protagonista.
troppe insegne notturne bazar turisti in risciò
Sia per la
adesso anche la Ruota Panoramica
dovizia dei
e una marina piatta senza isole e vele
particolari
ma oggi ottobre dora le balaustre
che per i
di pietra d’Istria, sul marciapiede incroci
vari brani
belle Moldave in k-way
dei discorsi
hanno il giorno libero
e lettere
qui riportati
camminano svelte senza vederti
integralmenun vento boreale gonfia cervi volanti
te la lettura
e uno spinnaker viola e blu
di questo
contro nuvole grigie rotte da colonne
testo è
di luce e al largo, come un formicolio
consigliabile
di pipistrelli alla deriva, ragazzi
agli “addetti
in muta aggrappati a tavolette
ai lavori”
galleggiano aspettando
che meglio
un’onda gigante che non verrà.
possono
seguire “le storie”, comprenderle e giudicarle anche se,
come scontato, la narrazione
è “a senso unico”. La Rimini che emerge dalle 174
pagine del senatore Arlotti
è una città i cui dirigenti
(che praticamente dal
1946, più o meno, hanno militato sempre nella
stessa area politica) sono
sempre stati impegnati nel
ricercare nuove possibilità per “migliorare” la
vita e l’economia locale
anche se ciò li ha portati
a scelte che, in certi casi,
hanno cancellato pezzi di
storia cittadina, sono state
notoriamente dispendiose
e inconcludenti o negative
per gli effetti collaterali.
Ovviamente la “buona
fede” non è qui oggetto
di discussione, se mai potrebbero esserlo le ultime
due righe che pongono
termine al libro e che ci lasciano alquanto perplessi.
Ovvero la scelta di Arlotti di
riprendere un concetto di Paolo VI in cui il papa “diceva che
la politica è la forma più alta
di carità”. La frase del papa
(anche se non si sa il contesto dal quale è stata tratta) la
dice lunga sulla interpretazione della Chiesa dei termini
“politica” e “carità”. Termini
tra loro alquanto contrastanti,
abusati, strumentalizzati e,
oggi, soprattutto il primo, inteso come cancro che divora
la vita sociale, profondamente
contestato e rifiutato per tutto
ciò che gli orbita attorno, per
tutte le responsabilità che ha
nella situazione attuale e per
l’influsso moralmente negativo che ha sulla nostra generazione e, purtroppo, che avrà
anche sulle future.
di Silvana Giugli
ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013 | 49
FILATELIA
Le origini del francobollo nella Repubblica di San Marino (1)
La prima rete
di comunicazione postale
L’istituzione di un vero e proprio Ufficio Postale Governativo
fu decretata nel 1826
di Francesco Balsimelli
Lire 100.
Pro-alluvionati
italiani 1951.
Posta Aerea.
I
l desiderio e la necessità di
scambiarsi pensieri e notizie è innato negli uomini, che
fin dalla remota antichità si
valsero dei più svariati,
primordiali sistemi di
comunicazione. Quindi
si ha notizia che già agli
albori della storia esisteva un servizio postale
presso i Cinesi; poi,
al tempo dei Faraoni,
in Egitto; ed in seguito presso i Persiani, i
Greci e i Romani, i quali
ultimi lo intensificarono con la costruzione delle
famose strade che allacciavano tutto il loro vasto impero.
Nel Medio-Evo, a causa delle
invasioni barbariche, era venuta meno la efficiente rete di
comunicazioni postali romane: feudatari e potenti signori,
sovrani, dignitari e mercanti
disponevano di propri corrieri; mentre esistevano anche
imprese per l’espletamento
del servizio postale privato fin
dal secolo XIII. Famosa quella
di Omodeo Tasso, originario
del Bergamasco, il quale già
nel 1290 aveva istituito, fra i
territori soggetti al dominio
degli Asburgo, un servizio di
corrieri, che furono il primo
germe di una grande organizzazione, la quale dominò
per secoli su quasi tutte le
strade d’Europa. La fonte di
guadagno che poteva derivare
da tale servizio, l’interesse e
l’opportunità di regolarne e
controllarne l’attività, indussero col passare del tempo i
Governi costituiti ad avocare a
sé il monopolio delle Poste. La
prima nazione del mondo ad
organizzare un servizio postale di Stato fu la Gran Bretagna.
Queste prime comunicazioni, che avvenivano tra i vari
50 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
castelli e conventi, tra le varie
città delle Contee, poi tra le
coste britanniche e quelle
francesi, si chiamavano – non
senza particolare significato –
«la posta dei signori », perché
in effetti le persone che sentissero la necessità di servirsene erano poche ed appartenevano alle classi più agiate,
le sole in grado di sostenere la
spesa della corrispondenza, la
quale – diciamolo subito – era
a carico del destinatario.
Ma solo nel 1840, con l’avvento del francobollo – di cui diremo tra poco – la posta ebbe
un considerevole impulso ed
un perfetto ordinamento, finché, nel 1874, con I’istituzione
dell’«Unione postale universale», assunse la sua attuale
organizzazione.
La Repubblica di San Marino, nei primi secoli della
sua esistenza, chiusa in un
cauto isolamento, ben poche
occasioni aveva di comunicare
coi vicini. La corrispondenza ufficiale nei rapporti coi
Signori d’Urbino, coi Vescovi
Feretrani, coi Legati Pontifici,
avveniva per mezzo di messaggeri occasionali, ossia «oratores», come dicevasi allora.
La prima notizia della nomina
di un postiglione a San Marino
l’abbiamo nel 1607 e sappiamo
che egli si recava periodicamente a Rimini a portare e a
ritirare la posta.
Esisteva allora una cassetta in
luogo pubblico, dove il mittente impostava senza nessuna
formalità. La corrispondenza
veniva quindi levata, controllata e consegnata al postiglione, il quale pensava a recapitarla, ritirando dal destinatario
l’importo, di cui una percentuale andava a suo profitto.
La prima notizia
della nomina
di un postiglione
a San Marino
l’abbiamo
nel 1607
e sappiamo
che egli si recava
periodicamente
a Rimini
a portare
e a ritirare
la posta
Dapprincipio il servizio avveniva esclusivamente tra San
Marino e Rimini, e che il postiglione facesse a piedi la strada
lo si rileva dal fatto che, dietro
richiesta dell’interessato, il
Consiglio deliberava talvolta di
pagargli le scarpe. Sappiamo
anche di un postiglione, tale
Pietro Pellegrini, il quale il
24 aprile 1799 faceva istanza
al Consiglio per ottenere un
indennizzo, dato che l’aumen-
FRANCESCO BALSIMELLI
F
rancesco Balsimelli (1894-1974), Capitano Reggente della Repubblica di San
Marino nel semestre aprile-ottobre 1944, fu
insegnante di Letteratura latina e greca, e
Preside del Liceo Classico della Repubblica
dal 1958 al 1967. Autore di una quarantina di
pubblicazioni di carattere letterario, storico
e drammatico, diede un grande contributo
all’approfondimento delle memorie storiche
sammarinesi. Corrispondente di vari giornali e riviste italiane ed estere, fu membro
L’uso del
postiglione durò
fino al 1879,
quando fu
approvato dal
Consiglio il
progetto per
l’istituzione
di un servizio di
diligenza adibito
anche al trasporto
della corrispondenza
postale.
to della tariffa delle lettere ne
aveva diminuito la quantità,
ed egli guadagnava di meno.
A semplice titolo di curiosità,
è da ricordare il fatto, come
risulta dai verbali consiliari
del 25 giugno 1679, che il
postiglione Vincenzo Micheloni, forse per effetto delle
frequenti soste nelle osterie
lungo la strada, aveva nientemeno smarrito la borsa con
tutte le lettere, e che per tale
dell’Accademia Tiberina di Roma. Socio fondatore e past-President del Rotary Club di San
Marino.
Il brano, qui pubblicato, è tratto dalla relazione tenuta da Francesco Balsimelli al Rotary Club di San Marino la sera del 15 giugno
1970, pubblicata su “Realtà Nuova” (numero
8, 1970, Milano), rivista mensile del Rotary
Club d’Italia con il titolo: “Posta - Francobollo - Filatelia con particolare riguardo alla Repubblica di San Marino”.
negligenza fu condannato a 30
paoli di multa ed all’esonero
in tronco dal servizio.
L’istituzione di un vero e proprio Ufficio Postale governativo a San Marino fu decretata
nel 1826 ed ebbe effetto solo
nel 1833. Allora fu regolato
meglio il servizio: il postiglione fu stipendiato, e s’allargò la
sfera della corrispondenza, in
quanto egli consegnava a sua
volta le lettere ai vari colleghi
di Rimini per l’inoltro nelle
vicine località della Romagna
e delle Marche.
E l’uso del postiglione durò
fino al 1879, quando fu approvato dal Consiglio il progetto
per l’istituzione di un servizio
di diligenza adibito anche al
trasporto della corrispondenza
postale.
Conosciamo il nome dell’ultimo postiglione, certo Annibale
Della Balda il quale, rimasto
disoccupato per soppressione di posto, faceva istanza
al Consiglio 1’11 settembre
1879 che la paga percepita
fino allora di L. 625 annue,
gli venisse conservata a titolo
di pensione «senza la quale –
sono le sue parole – si troverebbe ‘nella sua vecchiaia a
dover morire di fame dopo
aver sostenuto il suddetto
ufficio fino dalla sua prima
giovinezza». Il Consiglio aderì
alla richiesta di Della Balda
con la clausola però che egli
pensasse al mantenimento
della nipote, orfana di un suo
fratello già postiglione esso
pure.
Rimase un postiglione per il
trasporto dei pacchi fino al
1883, quando fu conclusa in
Roma, tra la Repubblica di San
Marino ed il Regno d’Italia
anche la Convenzione per il
cambio dei pacchi postali.
Un commissario privato – a dir
vero – continuò anche dopo;
e qualche Sammarinese, non
più tanto giovane, ricorderà
certamente «Ciaron»; Domenico Palmucci, al quale
venivano affidati plichi, pacchi
e pacchetti, che egli diligentemente, ogni giovedì della
settimana, recapitava per un
congruo compenso, a Rimini,
facendo la strada a piedi sia
all’andata che al ritorno, col
suo sacco in spalla.
Lire 200. Fiera di Trieste
1952. Commemorazione
colombiana, Posta Aerea.
Lire 30. 48° Giro d’Italia
organizzato da
“La Gazzetta dello Sport”
1965.
51 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
ARIMINUM
Dentro l’onda
IL REZZAGLIO ALLA FOCE DEL MARECCHIA
di Giorgio Cicchetti
ARIMINUM
Bimestrale di Storia,
Arte e Cultura
della Provincia di Rimini
Fondato dal Rotary Club Rimini
Anno XX - N. a (115)
Luglio Agosto 2013
Proprietà
Rotary Club Rimini
Direttore
Manlio Masini
Hanno collaborato
Ronaldo Bertozzi,
Alessandro Catrani,
Gina Codovilli,
Anna Maria Cucci,
Silvana Giugli, Giuma,
Man, Andrea Montemaggi,
Arnaldo Pedrazzi,
Giovanni Rimondini,
Gaetano Rossi,
Emilio Salvatori (foto),
Guido Zangheri, Giulio Zavatta
Redazione
Via Destra del Porto, 61/B
47921 Rimini - Tel. 0541 52374
Registrazione
Tribunale di Rimini n. 12
del 16/6/1994
Collaborazione
La collaborazione ad Ariminum
è a titolo gratuito
Distribuzione / Diffusione
Questo numero è stato stampato
in 10.000 copie ed è distribuito
gratuitamente nelle edicole della
Provincia di Rimini abbinato al
quotidiano “La Voce di Romagna”.
È spedito ad un ampio ventaglio
di categorie di professionisti ed è
consegnato agli esercizi commerciali di Rimini.
Inoltre è reperibile presso
il Museo della Città di Rimini
(Via Tonini), la Libreria Luisé
(Corso d’Augusto, antico Palazzo
Ferrari, ora Carli), la Casa Editrice
Panozzo (via Clodia) e la redazione
de ilPonte (via Cairoli).
La rivista è leggibile in formato
Pdf sul sito del Rotary Club Rimini
all’indirizzo
www.rotaryrimini.org
Pubblicità
Stefania Gessaroli
Tel. 0541 28234 - 333 6622561
[email protected]
Stampa
La Pieve Poligrafica Editore
Villa Verucchio (RN)
Editore
ilPonte - Tel. 0541 780666
Via Cairoli, 69 - 47923 Rimini
[email protected]
52 | ARIMINUM | LUGLIO AGOSTO 2013
REPUBBLICA DI SAN MARINO
G.D.G. EDIZIONI SRL
FILATELIA DAL 1877 • NUMISMATICA DAL 1864
UN MONDO
TUTTO DA SCOPRIRE
PUNTO VENDITA
www. aasfn.sm
Piazzetta Garibaldi, 5 - San Marino Città - Centro Storico
Tel. (+378) 0549 882 353 - [email protected]
Fly UP