...

Società di - Studio Gaeta

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Società di - Studio Gaeta
ALBERTO GAFFURI
Società di comodo e CFC.
Modelli a confronto e proposte di modifica legislativa.
L’ordinamento fiscale italiano è incline ad adottare fondamentalmente due tecniche per
scoraggiare/ostacolare l’utilizzo incongruo dello strumento societario, adoperato non per
svolgere un’effettiva attività commerciale, con la combinazione di vari fattori produttivi e il
connesso rischio d’impresa, ma per schermare solamente, dal punto di vista giuridico, la
titolarità di alcuni beni, attribuiti formalmente in proprietà all’ente collettivo, ma che vengono
singolarmente e “nel loro stato naturale” messi a disposizione dei soci o di terzi, che ne
fruiscono a titolo oneroso o gratuito: in alcuni casi, viene fatto obbligo alla società di dichiarare
un reddito minimo, proporzionato al valore dei beni facenti parte del suo patrimonio; in altri, il
reddito (effettivamente) prodotto dalla società è imputato per trasparenza ai soci, con il
superamento del velo societario.
Al primo modello è riconducibile la disciplina apprestata dall’art. 30 della l. n. 724/1994,
riguardante le c.d. società di comodo “interne”; al secondo è invece improntata la normativa
volta a contrastare l’uso di società di puro godimento costituite all’estero, segnatamente in stati
a bassa fiscalità (artt. 167 e 168 del d.p.r. n. 917/1986).
Si tratta, in entrambi i casi, di regimi fiscali accomunati dalla stessa finalità punitiva o
dissuasiva e da taluni tratti disciplinari comuni, seppur, nel complesso, assai differenti.
SOGGETTI INTERESSATI
L’art. 30 delle l. n. 724/1994 concerne esclusivamente le società di capitale e di persone (tranne
quella semplice) residenti in Italia e gli enti di ogni tipo non residenti, purché aventi una
stabile organizzazione (quindi esercenti attività d’impresa) in Italia.
Le regole dettate dagli artt. 167 e 168 del Tuir sulle c.d. CFC riguardano imprese, società ed
enti di ogni tipo 1 aventi sede o localizzati in stati a bassa fiscalità (individuati da decreti
ministeriali), controllati (così prevede l’art. 167) o partecipati (con il diritto ad una percentuale
degli utili non inferiore al 20%, ai sensi dell’art. 168) da soggetti (persone fisiche o enti morali,
commerciali o non commerciali) residenti in Italia.
1
Devono essere soggetti collettivi che, se fossero costituiti in Italia, si considererebbero, alla stregua della nostra
legge fiscale, esercenti attività commerciale, o per la particolare forma organizzativa che rivestono (ad esempio,
società di capitali) o per il tipo di occupazione cui attendono. Invero, l’art. 167 prescrive che il reddito delle entità
partecipate estere deve essere determinato applicando le regole stabilite dal Testo unico a proposito dei proventi
d’impresa.
Dal lato soggettivo, la sfera attuativa dei due apparati di precetti di contrasto all’abuso dello
schema societario appare immediatamente, quindi, del tutto differente. Ciascuna disciplina
specifica espressamente e in modo analitico quali sono i destinatari delle sue regole, tra i quali
non vi è alcuna sovrapponibilità o coincidenza. Nella definizione dell’ambito personale di
efficacia dei due sistemi normativi non si trovano punti di contatto.
Per tale ragione, non è condivisibile la tesi espressa insistentemente dall’Agenzia (nella circ. n.
331/E del 2007 e nella circ. n. 23/E del 2011), ad avviso della quale, quando il reddito
conseguito dal soggetto controllato estero, determinato secondo le regole ordinarie del reddito
d’impresa previste dal Tuir, è imputato al socio di riferimento residente, è possibile e doveroso
il suo “raffronto con quello minimo presunto di cui all’art. 30 della legge n. 724 del 1994” 2.
E’ ben vero che la costituzione di una società di puro artificio in un paradiso fiscale consente di
godere di un duplice vantaggio: frapporre tra il fisco e il vero titolare del reddito uno schermo
societario e convogliare verso lidi fiscali più vantaggiosi i proventi derivanti dallo sfruttamento
di certi cespiti mobiliari o immobiliari. Le disposizioni sulle società di comodo accrescerebbero
e renderebbero più incisiva la reazione di contrasto dell’ordinamento ai due indebiti benefici,
rendendo omogenea la disciplina delle società prive di reale consistenza imprenditoriale
residenti e non residenti. Se non si cumulassero le disposizioni sugli enti di comodo a quelle
sulle Cfc, tutto sommato, potrebbe apparire più conveniente installare i soggetti collettivi di
carattere artificiale all’estero (tassati sui redditi effettivamente conseguiti) piuttosto che in Italia
(dove sarebbero colpiti da imposta su proventi ipotetici), con una discriminazione a contrario.
Sotto il profilo sistematico, si potrebbe ritenere che vi sia un rapporto di complementarietà tra
le disposizioni sulle Cfc e le disposizioni sulle società di comodo. Le seconde integrano la
risposta della legge fiscale all’uso abusivo della forma giuridica societaria.
Tuttavia, occorre considerare che il fisco italiano già si “appropria”, assoggettandolo ad
imposta per effetto delle regole Cfc, di un reddito appartenente ad una società non residente e
priva di legami sostanziali con il territorio domestico, sul quale non avrebbe pertanto alcun
diritto di avanzare pretese. A questa prima penalizzazione, che subisce il socio della società non
residente, cui viene imputato per trasparenza il reddito della Cfc, laddove trovassero attuazione
pure le norme sugli enti di comodo, si aggiungerebbe la tassazione del socio medesimo su di un
reddito meramente virtuale. Vi sarebbe pertanto un cumulo di misure fiscali sfavorevoli non
voluto da legislatore, stando al tenore letterale dei precetti normativi, tranne nel caso particolare
descritto nell’art. 168 del Tuir, che è norma specifica, non estendibile ad altre fattispecie ivi
non contemplate.
La legge reagisce all’uso di un velo societario estero imponendo la sua rimozione, con
l’attribuzione ai soci dei redditi effettivamente prodotti (determinati secondo i canoni
domestici). La legge richiede soltanto di ricalcolare il risultato reddituale conseguito dell’ente
straniero con le regole italiane, non vuole una parificazione completa di trattamento fiscale tra
2
Tanto è vero che, come riferiscono ROMITA-SANDOLI, Società di comodo e controllate estere: incrocio da
evitare, in Sole24Ore, 25 agosto 2014, 21, a partire dal modello Unico 2012 è stata inclusa nel quadro FC una
sezione III dedicata alla verifica dell’operatività di una CFC.
società non realmente operative straniere e domestiche, perché sono fondamentalmente diversi
l’approccio al problema delle une e delle altre e le misure di tutela fiscale adottate per
contrastare i due fenomeni. L’idea manifestata dall’Amministrazione circa una possibile
sovrapposizione di effetti penalizzanti non trova alcun appiglio (spiraglio) normativo.
Dunque sembra cogliere nel segno quella corrente interpretativa 3 che critica la posizione
espressa dall’Amministrazione finanziaria, ritenuta carente di qualunque supporto testuale.
Anzi, come mettono in evidenza i sostenitori della posizione esegetica qui condivisa, le stesse
norme sulle CFC restringono esplicitamente il novero delle regole utilizzabili per la
liquidazione del reddito delle CFC ai soli precetti contenuti nel d.p.r. n. 917/1986, con
esclusione di qualsiasi disposizione estranea a quel testo legislativo 4.
PRESUPPOSTI ED EFFETTI APPLICATIVI
La presunzione di non operatività sancita dall’art. 30 della l. n. 724 spiega effetti: (I) quando i
ricavi le rimanenze e i proventi (esclusi quelli straordinari 5 ) non superano è inferiore alla
somma degli importi che risultano dall’applicazione di talune percentuali al valore dei cespiti
della società (partecipazioni, obbligazioni, strumenti finanziari, immobili, navi e imbarcazioni).
Si tiene conto dell’ammontare medio dei ricavi e del valore medio degli elementi patrimoniali
nell’ultimo triennio; (II) ex art. 2 d.l. n. 138/2011 c. 36 decies, hanno natura artificiosa anche
le società che, nell’arco di un triennio, presentano sempre dichiarazioni in perdita o risultano
fiscalmente in perdita per due anni (anche non consecutivi 6) e nel terzo dichiarano un
reddito inferiore al minimo previsto dal test di vitalità di cui al sopra citato art. 30 7.
Le conseguenze del carattere non operativo sono, in breve: l’obbligo di dichiarare un reddito
minimo, determinato induttivamente applicando certi coefficienti percentuali al valore dei
3
ROMITA-SANDOLI, Società di comodo e controllate estere: incrocio da evitare, cit., 21; Id., Il coordinamento
tra disciplina sulle società di comodo e normativa CFC, in Corr. trib., n. 4/2012, 302; Giaconia M.,- A. Pregagilia,
Società CFC “white list”: tax rate virtuale domestico ed estero a confronto, in Fiscalità e comm. int., n. 7/2011, 6.
4
Anche il fisco nella circ. 12/E del 2014 ha dichiarato non estensibile alle CFC la normativa sul c.d. ACE (aiuto
alla crescita economica), poiché tale normativa è collocata al di fuori del Tuir, le disposizioni del quale sono le
uniche a poter essere utilizzate nel processo di calcolo del reddito delle CFC. Rilevano ROMITA-SANDOLI,
Società di comodo e controllate estere: incrocio da evitare, cit., 21, che il principio sostenuto dall’Agenzia
nell’atto interpretativo del 2014 smentisce proprio la tesi posta alla base delle circolari che ritengono possibile
applicare le norme sulle società di comodo alle CFC, nonostante siano esterne al Testo unico.
5
Ovvero quelli che non derivano dall’attività caratteristica e che quindi non hanno carattere costante e ripetitivo.
6
Ad esempio, il primo e il terzo anno del triennio considerato.
7
Al fine di stabilire se in un certo anno una società sia assoggettabile al regime in esame occorre dunque verificare
cosa è successo nei tre esercizi precedenti. Se una società è in perdita fiscale per tre anni, è ragionevole pensare
che l’assoggettamento alla disciplina in esame non divenga permanente, ma sia limitata al quarto anno
(POGGIOLI, Gli interventi normativi sulla disciplina delle <<società non operative>> tra esigenze di gettito e
rispetto dei principi costituzionali, in Riv. dir. trib., 2012, …
cespiti patrimoniali 8 ; tale reddito minimo costituisce anche il valore della produzione
assoggettabile ad Irap; sul predetto reddito forfettariamente stabilito l’aliquota Ires sale al 38%
9
; l’impossibilità di riporto delle perdite, che non possono essere compensate con il reddito
minimo; l’eventuale credito Iva non può essere chiesto a rimborso né compensato con i debiti
relativi ad altri tributi (compensazione orizzontale); qualora per tre periodi d’imposta la società
abbia un volume di affari inferiore all’importo dei ricavi che funge da parametro per verificare
la vitalità dell’ente, ai sensi del primo comma dell’art. 30 più volte citato, non è nemmeno
possibile riportate a nuovo il credito (compensazione verticale).
L'art. 167 del Tuir, invece, dispone che se un soggetto residente in Italia detiene il controllo
diretto o indiretto di imprese ubicate in Stati o territori dotati di regimi fiscali più vantaggiosi di
quello italiano, i redditi (realmente) conseguiti dal soggetto estero partecipato sono imputati al
soggetto controllante in proporzione alla sua quota di partecipazione agli utili. I redditi
dell'impresa partecipata sono assoggettati a tassazione separata. Ad essi si applica l’aliquota
media del soggetto residente, non inferiore comunque al 27%. Gli utili distribuiti, in qualsiasi
forma, dai soggetti partecipati non concorrono alla formazione del reddito dei soggetti residenti
fino all’ammontare del reddito colpito dal prelievo per effetto dell'imputazione automatica. Il
d.lgs. n. 344/2003 ha esteso, peraltro, con una disposizione innovativa, le regole previste in
origine solo per le società controllate anche alle fattispecie in cui tra il soggetto residente e
quello collocato nel paradiso fiscale corre un legame partecipativo che può essere insufficiente
a garantire un'influenza dominante. Nell'art. 168 del Tuir, il legislatore si accontenta di una
partecipazione non inferiore al 20% o al 10%, a seconda dei casi, agli utili dell'impresa sedente
nel paradiso fiscale. In questo caso – e solo in questo caso – il socio italiano deve dichiarare il
maggiore tra i seguenti importi: l’utile prima delle imposte risultante dal bilancio redatto dalla
partecipata straniera; un reddito induttivamente determinato sulla base di coefficienti riferiti
alle categorie di beni che compongono l’attivo patrimoniale della medesima partecipata estera.
ASPETTI PROCEDURALI
Se la società, pur ricadendo nella definizione di ente non operativo, omette di dichiarare il
reddito obbligatoriamente stabilito nell’art. 30, l’ufficio può eseguire un controllo e formulare
un accertamento, recuperando a tassazione l’importo dei proventi normativamente
predeterminati, nel quale motiverà la ripresa fiscale adducendo (e dimostrando) soltanto la
natura di comodo della società. Sarà la contribuente (ammesso che possa difendersi in giudizio,
come si vedrà, in assenza della richiesta d’interpello) che dovrà dimostrare le ragioni per le
8
Sotto questo aspetto, la tassazione delle società non operative rischia di declinare in una surrettizia tassazione del
patrimonio (in tal senso: BEGHIN, Gli enti collettivi di ogni tipo <<non operativi>>, in FALSITTA, Manuale di
diritto tributario, par. spec., Padova, 2014, 715). Sul pericolo, nella società di comodo, di passare dall’imposizione
del reddito a quella del patrimonio: LUPI, Modifiche alle società di comodo: norma antievasione o patrimoniale
camuffata?, in Dialoghi dir. trib., 2006, 1431 ss..
Con l’intento, forse, di avvicinare in tal modo il carico fiscale gravante sulla società a quello che avrebbero
scontato i soci persone fisiche (STEVANATO, Società <<di comodo>>: un capro espiatorio buono per ogni
occasione, in Corr. trib., 2011, 3889 ss.).
9
quali non è riuscita a conseguire un reddito di valore almeno uguale alle aspettative minime
stabilite nell’art. 30.
Ugualmente, nel caso delle CFC, se un residente in Italia, pur controllando un ente localizzato
in un paradiso fiscale o pur possedendo una partecipazione non inferiore al 20% degli utili
prodotti da quello, non provvede a sommare al proprio reddito la quota di pertinenza di quello
conseguita dal soggetto collettivo estero, l’ufficio potrà provvedere, con apposito atto
impositivo, ad imputare al socio italiano la porzione di sua spettanza del risultato reddituale
ottenuto dalla partecipata estera.
In entrambe le discipline è prevista una sorta di contraddittorio preventivo; tuttavia,
diversamente da quanto accade in materia di redditometro o studi di settore, in ambedue le
situazioni delineate nelle norme in commento, non è l’ufficio che è tenuto ad instaurare o a
tentare di instaurare un dialogo collaborativo con il contribuente, ma è costui che ha
l’onere di avviare lo scambio preliminare di informazioni e di opinioni con l’amministrazione,
al fine di ottenere la disapplicazione delle prescrizioni fiscalmente penalizzanti di cui si
discorre (a parte i casi di disattivazione automatica per la disciplina delle società di comodo),
tramite interpello.
Differente è tuttavia la regolamentazione del procedimento partecipativo nei due regimi di
sfavore 10 . L’art. 167 del Tuir, relativamente alle CFC, stabilisce che, al fine di evitare
l’imputazione del reddito prodotto dalla società estera, il socio residente deve preventivamente
interpellare l’amministrazione finanziaria, ai sensi dell’art. 11 della l. n. 212/2000 (Statuto dei
diritti del contribuente). Ne consegue che la risposta del fisco (l’organo incaricato è il direttore
regionale delle entrate) è vincolante solo per quest’ultimo (nel senso che non si può emettere un
accertamento in contrasto con le indicazioni fornite in sede di interpello 11 . Il contribuente
rimane invece libero di fare quello che ritiene più opportuno; se però non si adegua al parere
ricevuto dall’ufficio, subirà, con ogni probabilità, l’esercizio dell’azione accertativa); nel caso
in cui l’ufficio ometta di formulare espressamente il suo punto di vista, il silenzio equivale
all’accoglimento della tesi circa l’inesistenza dei presupposti per l’assoggettamento alle regole
sulle CFC certamente enunciata dal contribuente nella sua istanza di chiarimento.
Viceversa, quando si tratta di società di comodo interne, l’interpello disapplicativo va
presentato in forza dell’art. 37 bis del d.p.r. n. 600/1973. Il d.m. n. 259/1998 - il quale reca le
norme applicative delle disposizioni generali contenute nell’art. 37 bis - sancisce che la risposta
del direttore regionale delle entrate deve essere resa entro novanta giorni dalla presentazione
dell’istanza. Peraltro, i precetti regolamentari nulla precisano in ordine al valore del documento
emanato dell’ufficio e a che cosa succeda se l’organo adito rimane inerte. Escluso in
quest’ultimo caso che sia analogicamente richiamabile l’art. 20 della l. n. 241/1990 (posto che
le osservazioni dell’ufficio non hanno natura provvedimentale, ma il carattere di una mera
10
Del resto le forme di interazione tra fisco e contribuenti che vengono designate come interpelli sono ben lontane
dal costituire un istituto unitario (PISTOLESI, Gli interpelli tributari, Milano, 2007, 1 ss.; RAGUCCI, Il
contraddittorio nei procedimenti tributari, Torino, 2009, 117).
11
Si veda RAGUCCI, Il contraddittorio nei procedimenti tributari, cit., 130 ss..
esternazione di pensiero, che l’istante è libero di recepire o disattendere), mi sembra che, tanto
se l’organo preposto risponde quanto se rimane in silenzio, sia applicabile l’art. 10, secondo
comma, dello Statuto, a mente del quale non sono irrogate sanzioni o interessi moratori al
contribuente che si sia conformato a indicazioni contenute in atti dell’amministrazione o
qualora il suo comportamento (in concreto, l’omessa denuncia del reddito minimo fissato
nell’art. 30) risulti posto in essere a seguito di un’omissione (del parere richiesto, nel caso
specifico) di cui si sia resa responsabile l’amministrazione medesima.
Nell’interpello di cui all’art. 30, la società deve illustrare le ragioni economiche oggettive che
hanno reso impossibile ottenere l’ammontare dei ricavi, delle rimanenze e dei proventi minimi
stabiliti ai fini del test di operatività o del reddito minimo determinato in forza dei coefficienti
indicati nel terzo comma del medesimo art. 30 o, ancora e infine, che hanno generato le perdite
dichiarate. Le motivazioni obbiettive possono consistere anche in fatti e circostanze che
dipendono dalle scelte gestionali 12 (ad esempio, un investimento che, contrariamente alle
aspettative, ha avuto un esito infausto).
E’ discutibile se la società possa addirittura ammettere di essere di puro godimento e spiegare
le ragioni fattuali, connesse proprio a quella sua specifica funzione, per le quali non è riuscita a
raggiungere l’obiettivo di guadagno basilare fissato nella norma (a titolo esemplificativo,
perché concede in tutto o in parte i beni in uso gratuito ai soci). Da un canto, consentire una
simile argomentazione difensiva indebolirebbe la finalità disincentivante e “punitiva” della
disciplina in esame, volta a scoraggiare il ricorso allo strumento societario solo per schermare
la titolarità di alcuni beni. Dall’altra, anche l’attribuzione di beni societari in uso senza
corrispettivo o per un compenso inferiore al prezzo di mercato 13 o il riconoscimento di altri
vantaggi ai soci o ai terzi che, per le loro caratteristiche, minano la capacità reddituale dell’ente,
sono dati concreti, suscettibili di rientrare nel concetto di situazione oggettivamente verificabile
che giustifica lo scarso livello di guadagni della società e la presentazione dell’interpello.
Inoltre, ciò che importa, nel sistema delineato dal legislatore, dovrebbe essere lo svelamento
delle vere dinamiche societarie, indipendentemente da quali esse siano: di fronte alla franca
denuncia di eventi reali, di qualunque genere, che impediscono all’ente di conseguire proventi
adeguati, il prelievo fiscale sul reddito induttivamente liquidato si dovrebbe arrestare, pena il
pagamento dell’imposta su di un ricchezza figurativa di cui si appalesa l’inesistenza, con la
chiara ed intollerabile violazione dei principi costituzionali.
12
In tal senso: TOSI, Relazione introduttiva: la disciplina delle società di comodo, in AA.VV, Le società di
comodo, a cura di TOSI, Padova, 2008, 12; BEGHIN, Gli enti collettivi di ogni tipo <<non operativi>>, cit., 735.
Anche la recente sentenza n. 757/6/14 della Comm. trib. prov. di Cagliari (citata da MIELE, Società di comodo in
cinque anni, in Il Sole24ore, 15 agosto 2014, 27), accogliendo il ricorso contro il diniego di disapplicazione della
disciplina sulla società di comodo, ha affermato che i risultati negativi dovuti a scelte aziendali errate non possono
costituire il fondamento di accertamenti che ipotizzano l’inoperatività dell’ente.
Rammento che, ai sensi dell’art. 67, primo comma, lett. h ter, del Tuir, costituisce reddito diverso la differenza
tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento di beni dell’impresa a soci o
familiari dell’imprenditore.
13
Nelle società di comodo a ristretta base partecipativa, il reddito presuntivamente calcolato ai
sensi dell’art. 30 non può essere imputato ai soci; è troppo lontana la sua corrispondenza con
la realtà per ipotizzare la sua distribuzione.
Per le CFC, il socio residente, interpellando l’amministrazione, può evitare l’imputazione dei
redditi prodotti dalla società estera partecipata dimostrando, alternativamente, o che quella
svolge un’attività economica effettiva (nello stato in cui ha sede, caratterizzato da un regime
tributario particolarmente favorevole) o che i proventi da essa conseguiti sono già sottoposti ad
imposizione in uno stato a fiscalità ordinaria, mediante l’attribuzione o la distribuzione ad una
società interposta. Non è, tuttavia, ammesso addurre la prova che la società straniera è dedita a
concreti compiti operativi, qualora almeno la metà dei suoi proventi deriva dalla detenzione e
gestione di titolo partecipativi, beni immateriali o dall’erogazione di servizi ad altre società del
gruppo 14.
RIFLESSI PROCESSUALI
Occorre domandarsi che cosa accada se una società non promuove l’interpello CFC o quello
stabilito per gli enti di comodo.
Secondo l’amministrazione finanziaria fin (circ. n. 5 del 2.2.2007), l’ente che omette di
richiedere il parere dell’Agenzia delle entrate perderebbe la facoltà di agire in giudizio per
opporsi all’eventuale, successivo avviso di accertamento. La tesi non appare fondata: tramite la
risposta all’interpello si comunica una semplice opinione interpretativa, come ammette la stessa
amministrazione (circ. n. 7 del 2009) 15, non suscettibile di esplicare effetti giuridici preclusivi
verso il contribuente che propone l’istanza. La procedura di consultazione e il suo esito non
sono pertanto in grado di compromettere o menomare il diritto di adire l’autorità giudiziaria del
socio della CFC o della società di comodo 16. Del resto, le norme che si stanno esaminando non
comminano alcuna decadenza a carico del soggetto che non esperisce l’istanza di interpello;
esse riservano al contribuente la mera facoltà di promuovere detta istanza 17. La tesi circa la
Lascia certamente perplessi l’impossibilità di invocare l’esimente riguardante l’effettiva capacità operativa
quando la società estera presta servizi agli altri membri del gruppo. In tal caso, è fuor di dubbio che l’ente sia
munito di un concreto apparato strumentale, attraverso il quale compie reali operazioni imprenditoriali. Impedire
aprioristicamente, in tal caso, di sfuggire alle severe regole sulle CFC significa negare in radice la libertà
dell’imprenditore di organizzare nel modo che ritiene più conveniente l’esercizio della sua attività, in violazione
delle norme interne, comunitarie e internazionali.
14
15
La funzione prioritaria degli interpelli è interpretativa anche ad avviso della dottrina (DEL FEDERICO, Autorità
e consenso nella disciplina degli interpelli fiscali, in AA.VV., Profili autoritativi e consensuali del diritto
tributario, a cura di LA ROSA, Milano, 2008, 162; NUSSI, P
Nello stesso senso: PISTOLESI, L’interpello per la disapplicazione del regime delle società di comodo, in Corr.
trib., 2007, 2995 ss.; SCHIAVOLIN, Considerazioni di ordine sistematico sul regime delle società di comodo, in
AA.VV., Le società di comodo, a cura di TOSI, Padova, 2008, 72; BEGHIN, Gli enti collettivi di ogni tipo <<non
operativi>>, cit., 738.
16
Sulla non obbligatorietà del’interpello: TOSI, Relazione introduttiva: la disciplina delle società di comodo, cit.,
10-11.
17
mancanza di conseguenze penalizzanti provocate dall’omessa presentazione dell’interpello è
avvalorata, a contrario, dall’opinione sostenuta dalla Cassazione a proposito dell’accertamento
con adesione (ord. n. 21769/2012, SS.UU. sent. n. 3676/2010), laddove la Corte ha sostenuto
che la mancata convocazione del contribuente, in caso di richiesta di accertamento con
adesione, non comporta la nullità del provvedimento impositivo, perché una simile sanzione
non è prevista dalla legge.
Recentemente, la Cassazione (sent. n. 16183/2014) ha statuito che l’instaurazione della
procedura d’interpello di cui all’art. 37 bis costituisce per il contribuente una libera scelta e non
una via obbligata, Conseguentemente, al contribuente è sempre consentito fornire in giudizio la
prova delle condizioni che consentono di superare la presunzione posta a carico dello stesso
(nello stesso senso: Cass., n. 17010/2012; Comm. trib. reg. di Milano, n. 170 del 5.12.2011;
Comm. trib. prov. di Sondrio, n. 3/03/2011; contra: Comm. trib. prov. di Pisa, n. 437/1/14 18).
La conseguenza del mancato esperimento dell’interpello sarà dunque la notificazione di un
accertamento nel quale l’ufficio dovrà illustrare le ragioni per le quali ritiene che la società
italiana o straniera sia una costruzione puramente artificiosa, evidenziando inoltre o che la
società residente si è discostata dalle soglie quantitative minime sancite dalla legge o che il
socio italiano ha omesso di dichiarare pro quota il reddito della partecipata straniera, senza
addurre alcuna spiegazione plausibile.
Un ulteriore profilo problematico è rappresentato dalla impugnabilità del responso sfavorevole
al contribuente fornito dall’amministrazione.
Personalmente propendo per la soluzione negativa, considerata, come già detto, la natura di
semplice parare delle esternazioni dell’ufficio destinatario della domanda di interpello. L’atto
proveniente dall’amministrazione, essendo emesso per soddisfare una richiesta di chiarimento
esegetico, lungi dal formulare una pretesa fiscale precisa e già completa di tutti gli elementi
essenziali, è esclusivamente una manifestazione di pensiero. Del resto, un simile atto non è
compreso nel catalogo dei provvedimenti autonomamente impugnabili recato dall’art. 19 del
d.lgs. n. 546/1992 19.
La Cassazione, dal canto suo, ha cambiato al riguardo più volte idea, oscillando tra
interpretazioni divergenti, che coprono sostanzialmente tutto l’arco dei possibili orientamenti
Tutte decisioni citate da COMMITTERI, Società di comodo: difesa in giudizio anche senza l’interpello
preventivo, in Il fisco, 2014, 3191 ss.
18
19
Sulla non impugnabilità della risposta negativa: TESAURO, Gli atti impugnabili ed i limiti della giurisdizione
tributaria, in Giust. trib., 2007, 14-15; PISTOLESI, Gli interpelli tributari, cit., 40 ss.; STEVANATO, Il diniego
di disapplicazione delle norme antielusive: assenza di <<efficacia preclusiva>> e superfluità di una tutela
giurisdizionale, in Dialoghi di dir. trib., 2005, 29 ss.; DEL FEDERICO, Autorità e consenso nella disciplina degli
interpelli fiscali, cit., 171, per il quale una ipotesi di interesse diretto ed attuale all’impugnativa sembrerebbe però
configurabile in caso di declaratoria di inammissibilità o di improcedibilità, giacché in tal caso non sarebbe
concepibile alcuna tutela differita.
esegetici 20 . In alcune pronunce (n. 8663/2011 e ord. n. 20394/2012), essa ha ritenuto
sussistente l’obbligo di impugnare la risposta negativa - che avrebbe i connotati di un diniego
di agevolazioni - con la conseguente decadenza dell’istante, che non abbia fatto
tempestivamente opposizione contro quella risposta, dal diritto di contestare davanti all’autorità
giudiziaria il susseguente accertamento. In altre (n. 17010/2012 e la recente n. 11929/2014), più
correttamente, la Suprema Corte ha stabilito che il contribuente può scegliere
discrezionalmente se proporre subito ricorso contro le indicazioni (non allineate con la tesi
prospettata nella domanda) rese dall’ufficio interpellato, conservando intatta la facoltà, se
opta per l’attesa, di censurare in giudizio il successivo avviso di accertamento. In una decisione
(n. 20526/2013, riferita all’interpello c.d. ordinario, ex art. 11 della l. n. 212/2000), essa ha
affermato invece l’impossibilità di sottoporre al vaglio del giudice tributario la correttezza
delle affermazioni compiute dall’organo amministrativo adito, risolvendosi queste in un
pronunciamento privo di vincolatività, reso in conseguenza di una richiesta meramente
consultiva 21.
PROSPETTIVE DI RIFORMA DELLA DISCIPLINA RIGUARDANTE LE SOCIETA’ DI
MERO GODIMENTO
Le regole dirette a contrastare il fenomeno delle società “senza impresa” necessitano di una
profonda rivisitazione, anzi di una radicale riforma.
Esse appaiono eccessivamente sbilanciate in favore degli interessi del fisco, se non addirittura
irragionevolmente punitive per i contribuenti.
La determinazione del reddito delle società di comodo interne poggia apparentemente su criteri
aleatori, che, a quanto consta, non sono sintesi di regole d’esperienza ricavate da analisi della
realtà fattuale e di elaborazioni statistiche medio/normali applicate a concreti dati settoriali. Il
meccanismo di calcolo del reddito delle società in questione muove dal presupposto, tutt’altro
che scontato, che vi sia un rapporto diretto tra valore del patrimonio e ammontare del
20
Per una breve panoramica sulla giurisprudenza della Cassazione e di merito relativa all’interpello sulle società di
comodo, si veda la tabella riportata in calce all’articolo di GAVELLI, Non operative, ricorso opportuno, in Il
Sole24Ore, 29 agosto 2014, 32.
L’Agenzia sostiene che l’istanza, per essere valida, dovrebbe essere presentata almeno novanta giorni prima
della dichiarazione dei redditi. Giustamente la giurisprudenza di merito esclude che il mancato rispetto di questo
lasso di tempo minimo pregiudichi l’efficacia della richiesta (Comm. trib. prov. di Milano, sez. XVI, 7 maggio
2012, n. 181; Comm. trib. prov. di Milano, sez. XLIII, 29 maggio 2013, n. 213).
21
Si discute poi se il ricorso contro la risposta dell’ufficio debba essere indirizzato alla commissione provinciale
nella cui circoscrizione si trova la direzione regionale che fornisce detta risposta (in tal senso, condivisibilmente:
Comm. trib. prov. di Vicenza, sez. VI, 3 maggio 2013, n. 81; Comm. trib. prov. di Milano, sez. XLVI, 14
novembre 2013, n. 413; Comm. trib. prov. di Torino, sez. XX, 16 gennaio 2012, n. 4) o alla commissione nella cui
circoscrizione si trova la sede dalla direzione provinciale alla quale spettano le attribuzioni sul tributo controverso
(così: Comm. trib. prov. di Reggio Emilia, sez. IV, 13 luglio 2012, n. 96; Comm. trib. reg. di Bari, sez. XXII, 16
gennaio 2012, n. 1).
reddito 22 . La tassazione di quest’ultimo nasconde in realtà una forma surrettizia di
imposizione patrimoniale, che si cumula, soltanto per i soggetti in questione, al prelievo sul
patrimonio attuato con i tributi locali. Eccessivo appare anche l’innalzamento al 38%
dell’aliquota sull’imponibile presunto.
Occorre dunque approfittare dell’occasione offerta dall’art. 12 della l. n. 23/2014, che
conferisce al Governo la delega per la riforma del sistema fiscale, al fine di rivedere,
innovandone per molti aspetti il contenuto, le disposizioni in questione.
La norma da ultimo citata prescrive “la revisione della disciplina impositiva riguardante le
operazioni transfrontaliere, con particolare riferimento …. al regime di imputazione per
trasparenza delle società estere e di quelle controllate”, nonché la “revisione, razionalizzazione
e coordinamento della disciplina della società di comodo”.
A mio avviso, sarebbe auspicabile cambiare le regole vigenti in materia di società non
operative uniformando la relativa disciplina, con l’adozione per tutte indistintamente del
modello delle CFC controllate.
Di conseguenza, quando una società, ubicata in Italia o all’estero, è costituita solo per
nascondere l’identità dei veri possessori di certi beni e/o per interporsi nella percezione dei
compensi derivanti dalla semplice concessione in uso ai terzi di alcuni cespiti patrimoniali, il
reddito da quella effettivamente conseguito può essere imputato per trasparenza ai soci,
indipendente dalla distribuzione.
Razionalizzando le loro regole di funzionamento, è ammissibile mantenere in vita meccanismi
di determinazione induttiva del risultato reddituale, legati al valore delle componenti
patrimoniali o al reddito generato ordinariamente (in Italia o all’estero) da società con
caratteristiche similari, soltanto laddove non si riesca a risalire ai guadagni concretamente
ottenuti dall’ente (si immagini una società sedente in un paradiso fiscale, che non scambia
alcuna informazione con il fisco italiano).
Riprendendo il contenuto del precetto recato dall’attuale art. 167 del Tuir, si potrebbe stabilire
che una società si considera di puro godimento se i suoi proventi derivano prevalentemente
dalla mera detenzione dei cespiti patrimoniali, che l’ente titolare si limita a gestire mettendoli a
disposizione dei soci o di soggetti estranei alla compagine societaria, quando in questa
prestazione elementare si esaurisce ogni attività sociale. Al tale proposito, andrebbe invece
cancellata la disposizione ora in vigore, secondo la quale una società estera che fornisce servizi
agli altri membri del gruppo (qualora questi servizi non si appiattiscano ovviamente
nell’attribuzione alle consociate delle utilità dei beni che compongono la dotazione
patrimoniale) si considera non operativa, poiché l’erogazione di prestazioni ai terzi, con lo
sfruttamento di un’apposita struttura produttiva, dimostra che la natura dell’ente è esattamente
opposta a quella irragionevolmente supposta dalla legge.
22
SCHIAVOLIN, Considerazioni di ordine sistematico sul regime delle società di comodo, cit., 61 scrive che il
punto dolente della disciplina sulla società di comodo è che questa disciplina è priva di un convincente
fondamento logico generale.
Ancora, a tale riguardo, occorrerebbe modificare la disposizione che ravvisa la natura di ente di
mera facciata nella società il cui reddito è formato, in misura superiore al 50%, da proventi
conseguiti con la detenzione e lo sfruttamento passivo di cespiti patrimoniali. Sarebbe
opportuno un innalzamento della soglia del 50% dei guadagni. Una società che ottiene invero
quasi la metà del suo reddito con lo svolgimento di reali operazioni commerciali non può essere
considerata di mero godimento. Il dato numerico che consente di ipotizzare la fittizietà di un
ente commerciale andrebbe innalzato almeno al 70 o 80%.
Bisogna poi consentire al contribuente di dimostrare lo svolgimento di una reale attività
economica, persino nel caso in cui i proventi derivino prevalentemente, in uno o più esercizi,
dalla conclusione di contratti d’uso di beni societari. La predominanza dei guadagni in
questione potrebbe invero dipendere da situazioni contingenti.
Infine, dovrebbe essere abrogata la norma sulla natura inattiva delle società in perdita
sistematica. Tuttavia, se si volesse mantenere in vita a tutti i costi questa disposizione
eccessivamente penalizzante, sarebbe auspicabile prevedere almeno sia un prolungamento del
periodo di tempo minimo trascorso il quale si rendono applicabili le norme sulle società di
comodo 23 , sia un’introduzione graduale del regime di imputazione all’ente di un reddito
figurativo.
Alberto Maria Gaffuri
MIELE, Società di comodo in cinque anni, cit., 27 e DEOTTO, Società di comodo con più vie d’uscita, in Il
Sole24Ore, 6 settembre 2014, 14, ricordano che il parere della Commissione Finanze della Camera allo schema di
decreto legislativo di attuazione delle delega fiscale sulle semplificazioni suggerisce di ampliare a cinque periodi
d’imposta, chiusi con un risultato passivo, l’arco temporale di attesa prima di dar corso all’assoggettamento alle
norme sulle società di comodo.
23
Fly UP