...

fisica e vela - Progetto Lauree Scientifiche

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

fisica e vela - Progetto Lauree Scientifiche
FISICA E VELA
Raffaele Resta
Dipartimento di Fisica, Università di Trieste;
CNR-INFM DEMOCRITOS National Simulation Center, Trieste
Società Velica di Barcola e Grignano
http://www-dft.ts.infn.it/˜resta/
.
.
.
.
.
.
www.physicst day.org
February 2008
Wings on the water
http://www-dft.ts.infn.it/˜resta/vela/
.
.
.
.
.
.
alfaromeo_giraglia.jpg 1417×2126 pixels
12/4/09 5:42 PM
.
.
.
.
.
.
Sommario
1
Propulsione (parte prima)
2
Vento reale e vento apparente; VMG
3
Stabilità, centraggio, pesi
4
Propulsione (parte seconda)
5
Resistenza all’avanzamento
.
.
.
.
.
.
Sommario
1
Propulsione (parte prima)
2
Vento reale e vento apparente; VMG
3
Stabilità, centraggio, pesi
4
Propulsione (parte seconda)
5
Resistenza all’avanzamento
.
.
.
.
.
.
Una barca a vela si muove spinta dal vento?
No !
Una barca a vela può:
Navigare controvento
Navigare più veloce del vento
.
.
.
.
.
.
Una barca sfrutta la differenza di velocità tra due fluidi
.
.
.
.
.
.
Ancora più chiaro.....
.
.
.
.
.
.
La pressione del vento in approssimazione zero
∆⃗p = ⃗f ∆t
La pressione (forza per unità di superficie) esercitata dal vento
sulla vela è—grosso modo!— perpendicolare alla vela stessa.
.
.
.
.
.
.
Se lasciamo ghiacciare l’acqua....
.
.
.
.
.
.
Schematizziamo con un binario senza attrito
.
.
.
.
.
.
Scomposizione della forza (il binario è un vincolo)
.
.
.
.
.
.
Chi fornisce il “binario”?
La leggendaria goletta “America”, 1850
Disegno tradizionale di barca da crociera (fino agli anni ’60)
Due osservazioni: grandi slanci; forma molto simmetrica
.
.
.
.
.
.
Chi fornisce il “binario”?
Un moderno “cruiser-racer”
Il monotipo a deriva mobile “Flying Dutchman”, 1951
.
.
.
.
.
.
L’invenzione della deriva è antichissima
skutsje bb.jpg 600×800 pixels
12/11/09 2:04 PM
Barca tradizionale olandese (dipinta in molti quadri del XVII secolo)
.
.
.
.
.
.
Barche a vela senza deriva nè chiglia
Barca tradizionale della laguna veneta
.
.
.
.
.
.
Sommario
1
Propulsione (parte prima)
2
Vento reale e vento apparente; VMG
3
Stabilità, centraggio, pesi
4
Propulsione (parte seconda)
5
Resistenza all’avanzamento
.
.
.
.
.
.
Relatività galileiana
Navigazione di bolina
Navigazione con vento portante
Di bolina: vento vero ≃ 450 , vento apparente ≃ 300 .
Vento portante: vento vero ≃ 1350 , vento apparente ≃ 900 .
In entrambi i casi il vento apparente viene più da prua di quello
vero.
Nel primo caso la velocità è maggiore in modulo, nel secondo
minore.
.
.
.
.
.
.
Altre osservazioni
Quello che gonfia le vele (e spinge la barca) è il vento apparente.
Non si può navigare con vento apparente nullo.
Ergo con vento in poppa a filo non si va più veloci del vento.
Anche alle andature portanti conviene bordeggiare. L’andatura
in poppa a filo spesso non è l’andatura più veloce.
Le vele in circolazione sono fatte per lavorare con vento
apparente a 250 − 300 .
Una barca “normale” stringe a 400 − 450 ;.
Le imbarcazioni più veloci—catamarani, windsurfer,
&C.—stringono di meno (ma camminano di più).
Non c‘è un limite teorico. Le slitte da ghiaccio moderne possono
fare 100 nodi in una brezza moderata.
.
.
.
.
.
.
Diagramma polare della velocità (barca normale)
Polar_40810_TW.gif 1594×2061 pixels
.
.
.
.
12/11/09 7:03 PM
.
.
TriFoiler_Polar_Diagram.jpg 814×594 pixels
12/11/09 6:51 PM
Diagramma polare della velocità (trimarano a foils)
.
.
.
.
.
.
VMG (velocity made good)
Polar_40810_TW.gif 1594×2061 pixels
12/11/09 7:03 PM
.
.
.
.
.
.
Greg Green, used
with permission.)
Dall’articolo su Physics Today)
True wind direction
10°
8
True wind speeds
60°
Close-reaching
20 Kn
4
70°
12 Kn
2
80°
6 Kn
0
90° Beam-reaching
2
100°
110°
4
120°
6
130°
140° Reaching
8
150°
170°
Running
s through water, it creates a bow wave that
speed of the boat. Water waves are dispers propagate faster than short ones. Therefore
e full wave generated by the bow is deteroat’s speed. As a boat starts to move slowly
er, one sees at first a number of wave crests
ving down the side of the hull. As the boat
20° Close-hauling
30°
40°
50°
6
BOAT SPEED (knots)
keels and the modern deep, narrow keels—
he bottom rear end to reduce induced drag.
s were first used by the victorious sailboat
e 1983 America’s Cup race. Modern wing thets that to minimize induced drag, keels and
ve elliptic or tapered trailing edges.2 Such
e now common.
also has a resistance component due simply
of water sideways as it advances. That’s called
and it obviously depends on hull geometry.
hat narrow hulls provide less resistance than
Any boat will always be a compromise beg low form resistance and providing passenpace. Seeking to minimize form resistance for
ume, shipbuilders have tried many basic hull
centuries. Even Isaac Newton weighed in on
e concluded that the best hull shape is an elution with a truncated cone at the bow.
omputer modeling and tank testing have reern hull design that widens slowly back from
en remains fairly wide near the stern. Even
n, designers try to provide enough taper too allow smooth flow there. That taper is often
y having the stern rise smoothly from the
an by narrowing the beam. If the flow from
mooth, large eddies will form and contribute
160°
Figure 5. Speeds predicted by a computer model5 for
cruising sailboat, plotted
for three differ“Cruising sailboat”.aent10-meter-long
Questa
è proprio un “ciodo”!
wind speeds from 6 to 20 knots as a function of the
angle of the boat’s motion relative to the wind direction.
(10 knots = 18.5 km/h.) An angle of 180° means the
boat is “running” with the wind directly at its back. The
.
fastest speeds are predicted when the boat is “beam
.
.
.
.
.
Sommario
1
Propulsione (parte prima)
2
Vento reale e vento apparente; VMG
3
Stabilità, centraggio, pesi
4
Propulsione (parte seconda)
5
Resistenza all’avanzamento
.
.
.
.
.
.
Stabilità di forma
.
.
.
.
.
.
Stabilità di peso
.
.
.
.
.
.
Stabilità di peso
565389.JPG 717×538 pixels
12/11/09 7:28 PM
.
.
.
.
.
.
Altre diavolerie tecniche: chiglia basculante
alfaromeo_giraglia.jpg 1417×2126 pixels
.
.
.
12/4/09 5
.
.
.
Centraggio
Una barca si può governare con le sole vele.
Lo sbandamento è tuttavia essenziale: perchè?
Barca dura di timone e barca leggera.
Barca che parte in straorza!
.
.
.
.
.
.
Straorzata
.
.
.
.
.
.
Distribuzione dei pesi (delle masse!)
Il peso in alto è sempre deleterio.
Il peso in chiglia deve stare il più in basso possible.
Il momento d’inerzia longitudinale deve essere il minimo
possibile: perchè?
Che dire del momento di inerzia trasversale?
.
.
.
.
.
.
Sommario
1
Propulsione (parte prima)
2
Vento reale e vento apparente; VMG
3
Stabilità, centraggio, pesi
4
Propulsione (parte seconda)
5
Resistenza all’avanzamento
.
.
.
.
.
.
Moto laminare (o Bernoulliano)
Teorema di Bernoulli (conservazione dell’energia):
Trascurando la gravità e la viscosità, per un fluido irrotazionale
p 1 2
+ v = costante.
ρ 2
La vela è risucchiata dalla depressione (sottovento) piuttosto
che spinta dalla pressione sopravvento.
Importanza del bordo d’attacco:
Alberi sottili, stralli cavi......
“Aspect ratio”
.
.
.
.
.
.
Moto laminare (segue)
Occhio alle turbolenze!
Tell-tale (con finestrina...).
.
.
.
.
.
.
Vento libero e non libero
La barca dietro naviga apparentemente con vento libero.
La barca avanti à nella “safe leeward position”.
.
.
.
.
.
.
La chiglia/deriva non è un binario!
Anche qui teorema di Bernoulli.
“Aspect ratio” delle appendici (chiglia/deriva e timone).
Appendici “a spada”, oppure anche ellittiche.
Nei windsurfer una sola appendice molto piccola.
.
.
.
.
.
.
Un esempio (barche estreme)
derivafig11.gif 407×317 pixels
.
.
.
.
.
.
Sommario
1
Propulsione (parte prima)
2
Vento reale e vento apparente; VMG
3
Stabilità, centraggio, pesi
4
Propulsione (parte seconda)
5
Resistenza all’avanzamento
.
.
.
.
.
.
Viscosità (definizione)
F
v
=η 0
A
d
η coefficiente di viscosità.
F ∝ A.
In regime irrotazionale, laminare, senza turbolenze.
Come si riduce la resistenza?
.
.
.
.
.
.
Le turbolenze sono inevitabili: numero di Reynolds
R un numero adimensionale che ha il significato di un
fattore di scala universale.
R=
Lv
ρ
ρv
= vL =
η/ρ
η
η/L
L ordine di grandezza delle dimensioni lineari in gioco.
La turbolenza inevitabilmente insorge per R ≃ 40.
.
.
.
.
.
.
Da laminare a turbolento
.
.
.
.
.
.
Mettendo i numeri nella formula
R=
Lv
ρ
= Lv
η/ρ
η
Usando ρ e η dell’acqua e v = 5 nodi la turbolenza
comincia per L ≃ 0.5 (in metri).
E per il sistema aria-vela?
η → η/50, ρ → ρ/1000
Lv venti volte più grande per lo stesso R.
L’aria non è incompressibile!
.
.
.
.
.
.
Resistenza d’onda
La velocità di un’onda cresce con la lunghezza.
E viceversa!
Più veloce va la barca, più lunga è l’onda che essa genera.
Il treno d’onde è stazionario (nel riferimento della barca).
.
.
.
.
.
.
Velocità limite (barche a dislocamento)
√
fashioned long keels and the modern deep, narrow keels—
with a wing at the bottom rear end to reduce induced drag.
Such keel wings were first used by the victorious sailboat
Australia II in the 1983 America’s Cup race. Modern wing theory also suggests that to minimize induced drag, keels and
sails should have elliptic or tapered trailing edges.2 Such
shaped edges are now common.
A sailboat also has a resistance component due simply
to its deflection of water sideways as it advances. That’s called
form resistance, and it obviously depends on hull geometry.
It’s easy to see that narrow hulls provide less resistance than
do wider hulls. Any boat will always be a compromise between providing low form resistance and providing passenger and cargo space. Seeking to minimize form resistance for
a given hull volume, shipbuilders have tried many basic hull
shapes over the centuries. Even Isaac Newton weighed in on
the question. He concluded that the best hull shape is an ellipsoid of revolution with a truncated cone at the bow.
Extensive computer modeling and tank testing have resulted in a modern hull design that widens slowly back from
the bow and then remains fairly wide near the stern. Even
with a wide stern, designers try to provide enough taper to-
v ≃ 1.34
Figure 4. Moving at
hull speed, a sailboat
generates a bow
wave whose wavelength just equals the
length of the boat’s
water line. The wave
crests at bow and
stern, with a single
well-formed trough in
between. (Photo by
Greg Green, used
with permission.)
True wind direction
λ
10°
20° Close-hauling
30°
40°
λ lunghezza al galleggiamento effettiva in
piedi.
8
50°
wind speeds
v in nodi. Esempio: per una barca di 33’ 6v =True7.7
nodi 60°
BOAT SPEED (knots)
Close-reaching
20 Kn
4
Formula molto approssimativa.
70°
12 Kn
2
80°
Kn
Non si applica a scafi lunghi e sottili (scafi
da 6canottaggio,
0
90° Beam-reaching
catamarani, torpediniere....)
100°
2
E gli scafi plananti??
110°
4
.
6
.
.
.
120°
.
.
Uno scafo planante estremo
.
.
.
.
.
.
Grazie per la vostra
attenzione!
L’articolo da Physics Today:
http://www-dft.ts.infn.it/˜resta/vela/
.
.
.
.
.
.
Fly UP