...

La Moglie del Poliziotto

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

La Moglie del Poliziotto
Die Frau des Polizisten (La Moglie del Poliziotto)
Un film di
Philip Gröning
Una Distribuzione
In collaborazione
con
EVENTO SPECIALE NELLE SALE ITALIANE A PARTIRE DAL 25 NOVEMBRE
GIORNATA INTERNAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
Il Film
Una giovane coppia, una tenera bambina bionda, una casa accogliente, una bellissima
campagna che li circonda. Sembrerebbe la rappresentazione idilliaca della famiglia felice:
amore e complicità, serenità e armonia.
Eppure, dietro i volti puliti e gli sguardi sorridenti e apparentemente sereni di questa
giovane famiglia, si nasconde il segreto più terribile e aberrante. Quello della violenza che
si annida nel focolare domestico, della sofferenza che non si può gridare al mondo ma che
si è costretti a nascondere per proteggere ciò che al mondo si ha di più caro: i propri
affetti.
E' questa violenza travestita da amore che il regista Philip Gröning vuole rappresentare in
175 minuti di film, strutturati in 59 capitoli di durata diversa, momenti emblematici della
quotidianità dei protagonisti.
Senza spettacolarizzazione, ma con la delicatezza che contraddistingue tutta la sua opera
cinematografica, Philip Groning proietta lo spettatore in una realtà tanto terribile quanto
credibile, percepita e riprodotta con tempi cinematografici personali che ricordano quelli
della vita, lenta e inspiegabilmente dolorosa, dei suoi protagonisti.
Come già nel suo film capolavoro «Il Grande Silenzio» dove ritraeva con attenzione e
riserbo la quotidianità dei Monaci della Grande Chartreuse, cosi ne «La moglie del
Poliziotto» il regista osserva l’amore e la violenza che si alternano, talora intrecciandosi e
fondendosi, tra le mura domestiche, realizzando un’opera di dilaniante e sconcertante
attualità.
Un'opera cinematografica che la giuria del 70esimo Festival di Venezia, presieduta da
Bernardo Bertolucci, ha voluto premiare con il prestigioso Premio Speciale della Giuria. La Trama Uwe e Christine sono una giovane coppia tedesca che abita in una casetta di periferia
insieme a Clara, la loro bambina di cinque anni. Uwe fa il poliziotto, Christine trascorre le
giornate a casa, dedicandosi interamente alla cura della piccola.
Christine nutre Clara di un amore smisurato. Cerca di insegnarle a cogliere la bellezza
della natura che la circonda: i fiori, gli animali sono un’occasione di complicità con la
piccola e un modo per farla crescere in un ambiente sereno, lontano dai pericoli.
Ma lo sguardo amorevole di Christine e l’apparente armonia che cerca di creare intorno
alla sua creatura vorrebbero arginare una terribile realtà e un pericolo tanto più atroce
quanto imprevedibile: quel giovane biondo, marito innamorato, che diventa a tratti
ossessivo e violento, quel padre affettuoso che diventa improvvisamente lontano e
distaccato.
Irrazionale e possessivo, Uwe lascia sul corpo di Christine i segni di una violenza di cui
nemmeno egli stesso è davvero consapevole. Una violenza che, oltre ad umiliarla, mina
profondamente le sue certezze e il suo amore.
Christine si aggrappa alla piccola come a una boa di salvataggio. Non vuole arrendersi
all’evidente malessere di un uomo che, a suo parere, non è cattivo. Ma la sofferenza e
l’isolamento finiranno per trascinarla in un vortice profondo: un tunnel senza ritorno.
CAST ARTISTICO
Christine
..Alexandra Finder
..
Uwe
Zimmershied
..
Clara
Kleemann
Pia & Chiara Altro Uomo
Rehberg
David ..
..Horst CAST TECNICO
Regista
Philip Gröning
..
Sceneggiatore
Philip Gröning
Produttori
Wirsing. ..
Philip Gröning Dr. Matthias Esche, Philipp Kreuzer, Werner Line Producer Gunter
..
...Martin Blankemeier Christine Production Manager
Gunther
..
Fotografia
Gröning
.
Suono
Dresch
.
Production Design
Hernandez S. .
Christine .Philip Marc Parisotto, Uwe ..Petra Barchi, Petra Klimek, Adan Art Director
Bologna
.
..Federica Costumi
Paffendorf
Make-Up
Schaaf
.
..
Casting bambine
Ansguesser
Casting
Besetzungsburo
.Ute . Magdalena Ocker,Claudia .
..
.
.
.Verena Suse Marquandt Montaggio
Gröning
Hannes Bruun, Philip Una Produzione Philip Gröning Filmproduktion
In coproduzione con ‒ Bavaria Pictures GmbH, Bavaria Film GmbH, 31 Filmproduktion GmbH &- C0 KG, Bayerischer Rundfunk con il sostegno di ZDF/Arte in collaborazione con Ventura Film SA, RSI INFORMAZIONI TECNICHE
Nazionalità : Germania 2013
Durata : 172 min
Suono : 5.1
Aspect ratio : 1 :2
Lingua : tedesco ‒ sottotitolato in italiano. Disponibile nei formati DCP e Blue Ray
IL REGISTA
PHILIP GRÖNING
Nato a Dusseldorf nel 1954, Philip Gröning cresce tra la Germania e gli Stati Uniti. Dopo
aver intrapreso gli studi di medicina e psicologia, inizia a dedicarsi al cinema nel 1982
iscrivendosi alla Munich Academy of Television & Film (HFF). Nel 1986 fonda la sua casa
di produzione, la Philip Gröning Filmproduktion.
Autore a tutto tondo, è regista, produttore, sceneggiatore e montatore di tutti i suoi film a
partire dal suo primo lungometraggio, Estate (Sommer ), del 1986.
Nel 1992 scuote l'opinione pubblica tedesca con I terroristi (Di e ter roristen! ), vincitore del
Pardo di Bronzo a Locarno e approdato poi al Sundance International Film Festival.
Gröning tornerà a Locarno nel 2000 con L'amore, il denaro, l'amore (L'Amour, l'argent,
l'amour) , film sulla ricerca dell'amore a pagamento nei peep show berlinesi che si
aggiudica nuovamente il Pardo di Bronzo per la migliore interpretazione femminile di
Sabine Timoteo.
Philip Gröning si impone definitivamente sulla scena internazionale nel 2005 con la
straordinario successo di pubblico e di critica de Il grande silenzio (Di e Grosse Stille):
film-documentario di 162 minuti senza dialoghi nè musica che racconta la vita nel
monastero certosino de La Grande Chartreuse, nei pressi di Grenoble.
Presentato alla 62a Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia nella sezione
Orizzonti, diventa un fenomeno mediatico senza precedenti nella storia del cinema
documentario, vincitore, fra gli altri, del Gran Premio della giuria al Sundance,
dell'European Film Award, del Bayerischer Filmpreis e del Preis der deutschen Filmkritik.
Il rigore stilistico e la potenza delle immagini che caratterizzano l'opera di Philip Gröning
tornano nel 2013 con tutta la loro forza espressiva in La moglie del poliziotto (Di e frau
des polizisten ), vincitore del Premio Speciale della giuria alla 70esima Mostra intrnazionale
d'arte cinematografica di Venezia.
CAST ALEXANDRA FINDER (Christine Perkinger )
Alexandra Finder è nata a Berlino nel 1977. Dopo gli studi di danza classica si avvicina al
teatro e entra a far parte della compagnia del Hessisches Staatstheater Wiesbaden.
Oltre all’impegno sul palcoscenico, ha recitato in varie produzioni per il piccolo e grande
schermo tra cui il film Brinkmanns Zorn (2006) di Harald Bergmann (Premio Adolf
Grimme).
DAVID ZIMMERSCHIED (Uwe Perkinger )
David Zimmerschied è nato a Passau nel 1983. Studia teatro a Monaco di Baviera e entra
a far parte del Theater Kanton Zürich. Fa il suo debutto sul grande schermo nel ruolo di
protagonista nel film per ragazzi Der geköpfte Hahn di Radu Gabrea (2007). Da allora,
David Zimmerschied ha recitato in numerose serie televisive e film.
PIA e CLARA KLEEMAN (Clara Perkinger )
Pia e Chiara Kleemann, due gemelle a dividersi l'impegnativo ruolo di Clara, sono alla loro
prima apparizione sul grande schermo.
COMMENTI DELL AUTORE/REGISTA PHILIP GRÖNING
L a m o g l i e del poliziotto è un film sulla virtù dell’amore, la virtù della curiosità, la virtù
della gioia. Questaa giovane madre fa tutto il possibile per proteggere l’anima della
bambina, per mantenerla pura e aiutarla a crescere.
Per insegnare alla bambina l amore.
Ma quando la situazione in casa si aggrava, la donna soccombe. L a m o g l i e del poliziotto
parla anche della parte oscura che esiste dentro di noi.
Quest’uomo è un marito, un poliziotto, e maltratta la moglie. La picchia. Per tensione, per
odio, per amore, per l’assurdo senso di impotenza della sua vita, che lo soffoca fino ad
annientarlo. L impotenza per volerle stare accanto; l impotenza di fronte al rapporto
madre-figlia nel quale l’uomo non riesce a trovare spazio. Nulla è più violento
dell’impotenza dell’amore.
Il film è diviso in capitoli per consentire allo spettatore il distacco necessario da quanto
accade. .Capitoli che hanno un inizio e una fine.
È un lavoro infinito e bellissimo proteggere l anima di un bambino e vederla crescere. La
madre pianta i semi dell’amore nella figlia e li osserva germogliare. Fa tutto ciò che può
per evitare che accada qualcosa alla sua bambina. Cerca di creare per lei un ambiente
protetto dove la sua anima possa evolvere.
Il canto. Insegnare alla bambina a cantare, sempre, con costanza. Cantare é anche
ridere, respirare, dimenticare le parole. Imbrogliare, incepparsi, cantare quasi fino a non
respirare.
La moglie del poliziotto vuole trovare uno spazio nel mondo per l’anima della sua
bambina .E la creazione di un anima. La curiositá di una bambina per il mondo che la
circonda é trasformata in un piacere puro.
Gli animali. E’ naturale che i bambini amino gli animali . E la mamma glieli fa vedere.
Animali che circolano nella cittadina, perché lo zoo é troppo lontano e troppo costoso per
la moglie di un poliziotto. Coniglietti, uccellini, la tana di un tasso nel parco vicino,
lombrichi. E la volpe, la leggendaria volpe dei libri illustrati e delle canzoni.
La bambina versa l’acqua sui lombrichi, convinta di aiutarli. In realtá rischia di affogarli. Ha
imparato questo desiderio di aiutare gli altri dalla madre.
L’amore per il padre è l’aspetto più difficile: insegnare e permettere alla bambina di volere
bene a quell’uomo violento. Eppure la moglie del poliziotto vuole che sua figlia impari che
cosa significa amare il proprio padre. Perché è importante per la sua anima : le persone si
formano grazie alla loro capacitá di amare. La mamma spiega alla sua bambina che gli
animali forti non necessariamente sono cattivi, e che quelli forti non sempre picchiano
quelli deboli.
C’è violenza in casa di questa famiglia. Improvvisa, impotente, feroce e disperata. Il
poliziotto è quasi schiacciato fra due ruoli. Ricorre alla violenza quando si sente sopraffatto
da tutto il resto. Non è un uomo particolarmente forte, non è un uomo aggressivo. Ma è
malato d’amore, un uomo che non ha niente.
L a m o g l i e del poliziotto è un film che parla di bisogni profondi. È un film sulla tenerezza, sul desiderio di tenerezza. Nelle relazioni violente c’è un enorme paradosso. Più la moglie
del poliziotto si sente ferita, sola e in difficoltà, più desidera anche il minimo gesto di
affetto, più cerca il contatto con suo marito. Una leggera carezza la mattina dopo avere
subito maltrattamenti può prolungare la relazione per anni.
Il senso di distruzione cresce dentro il poliziotto. Una crudeltà che lui stesso non
avrebbe mai potuto immaginare. È come se un’altra persona si impossessasse di lui e
manovrasse la sua violenza. Fra lui e il suo mondo si apre un baratro che finirà per
trascinarlo nella solitudine, nel nulla più assoluto.
La donna alla fine è distrutta dall’incapacità di trovare aiuto per fronteggiare le violenze
subite proprio dall uomo che dovrebbe invece proteggerla. Basta un unico movimento per
annientarla. Perde l’equilibrio in un istante, in un soffio.
L’uomo anziano è un mistero, anche per me. Il suo ruolo è volutamente indefinito.
Potrebbe essere il padre del poliziotto. Alcuni potrebbero interpretarlo come una
proiezione futura del poliziotto stesso, rimasto solo, che guarda al suo passato. Di una
cosa sono certo: quest’uomo è come Tiresia. Può presagire, ma non può cambiare il
corso delle cose. L’uomo anziano potrebbe anche essere già morto e osservare dall’alto
ciò che avviene. Generalmente nella tragedia greca il coro fa da contrappunto
commentando ciò che accade in scena. In questo caso l’uomo anziano è come un coro
silenzioso. Emblema del modo in cui la società si comporta nei confronti della violenza
domestica : passiva, silenziosa.
Il Progetto di distribuzione del film Il film « LA MOGLIE DEL POLIZIOTTO » offre molti spunti di riflessione su un argomento
di contemporanea e drammatica attualità: la violenza all’interno dei propri ambiti affettivi,
quella crudeltà travestita da amore che affligge oggi sempre più donne, trasformandole in
vittime inconsapevoli, sole e prive di protezione, all’interno della nostra società.
La distribuzione Satine Film, riflettendo sulla portata e importanza dell’argomento trattato e
sulla necessità di considerare l’esperienza cinematografica anche come veicolo di
sensibilizzazione e riflessione, ha ritenuto significativo programmare la presentazione del
film nelle sale cinematografiche italiane nella settimana in cui ricorre la Giornata
Internazionale contro la violenza sulle donne, ovvero il 25 novembre: un contributo per
mantenere alta l’attenzione su un fenomeno doloroso della nostra società e rendere lo
sguardo del regista, con la storia che ha scelto di raccontare, un’occasione di discussione
e approfondimento.
A tale scopo Satine Film si è proposta di collaborare con le Associazioni e Istituzioni
pubbliche e private impegnate nella lotta contro la violenza sulle donne e interessate, a
loro volta, a stimolare il dibattito e una più ampia presa di coscienza sull’argomento.
Un’occasione anche per far conoscere, a livello locale e nazionale, l’attività delle
associazioni contro la violenza, il loro impegno nel cercare di arginare questo terribile
fenomeno e nel porsi come punto di riferimento per le donne vittime.
Il Comune di Reggio Emilia, la prima struttura pubblica ad occuparsi dell’accoglienza e
assistenza alle donne vittime di violenza, attraverso la Casa delle Donne, , ha
prontamente aderito all’iniziativa. Si è proposto fin da subito come partner di Satine Film
al fine di far circolare l’opera di Philip Groning il piú ampiamente possibile sul territorio
nazionale e accompagnando le proiezioni, ove possibile, con dibattiti e tavole rotonde sul
tema.
Un invito esteso a un pubblico sensibile e un incoraggiamento per tutte le donne a non
avere paura e a non sentirsi sole.
Il Comune di Reggio Emilia, partner dell’iniziativa.
Il Comune di Reggio nell’Emilia partner dell’iniziativa
Reggio Emilia è impegnata, da anni, nella lotta contro la violenza di genere, che
rappresenta una delle più diffuse violazioni dei diritti umani.
Nel 1997 nasce il Centro antiviolenza “Casa delle donne” del Comune di Reggio Emilia,
che viene gestito in convenzione con l’Associazione NondaSola Onlus; il valore della
convenzione con la Casa è di € 200.000 annui.
Nel 2006 si costituisce una rete che ha l'obiettivo di affrontare e mettere a sistema tutte le
problematiche inerenti la violenza contro le donne: è il tavolo interistituzionale di
contrasto alla
violenza a cui partecipano soggetti istituzionali e del privato sociale
(Comune, Prefettura, Tribunale, Procura della Repubblica, Questura, Comando provinciale
Carabinieri, Azienda sanitaria locale, Azienda ospedaliera Santa Maria Nuova, Ufficio
scolastico Provinciale,
Ordine degli Avvocati, Associazione Nondasola e Forum donne
giuriste) operando con lo stesso obiettivo.
Nel 2008 il Comune aderisce, insieme all’associazione NondaSola, alla Rete Nazionale
Antiviolenza promossa dal Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, divenendo
Ambito Territoriale di Rete (ATR ). Il progetto prevede la sinergia con il call center Servizio di accoglienza telefonica alle donne - che risponde al numero 1522.
Nell’anno accademico 2012/2013, in collaborazione con il Dipartimento di Educazione e
Scienze umane dell’Università di Modena e Reggio, parte il Corso “Studi di genere”
coordinato dalla professoressa Roberta Mineo; le lezioni, rivolte anche alla cittadinanza,
prendono le mosse dal corso di psicodinamica delle relazioni familiari con l’obiettivo di
mettere in discussione il punto di vista più invalso sulle questioni di genere, evidenziando
le contraddittorietà della lotta per l’omologazione e l’uguaglianza.
Ancora nel 2012 il Comune aderisce, in occasione del 25 novembre, insieme
all’associazione NondaSola, alla Campagna “Noi no.Org. Uomini contro la violenza alle
donne” promossa dalla Fondazione del Monte e in collaborazione con l’associazione
Orlando.
Nello stesso anno, partendo dalla presentazione del libro di Daniela Brancati “Occhi di
maschio”, avvenuta il 14 aprile all’Università di Modena e Reggio all’interno delle
iniziative di Primavera Donna, inizia un percorso di sensibilizzazione che crea le
condizioni, con il supporto dell’associazione NondaSola, che portano alla sottoscrizione di
un protocollo “per le attività di sensibilizzazione sulla parità e non discriminazione tra i
generi nell’ambito della pubblicità”, firmato con 20 soggetti operanti nel territorio.
Nel 2013 il Comune riceve, unitamente al Comune di Milano, il “Premio Immagini
amiche” con la seguente motivazione: “per la promozione di una cultura diversa da quella
maschilista/patriarcale che ostacola la piena libertà delle donne, allontanando il nostro
paese dalla democrazia compiuta. Inoltre per l’attenzione alla qualità della vita delle
donne immigrate, favorendone il protagonismo sociale”.
Aderisce a NO MORE, convenzione contro la violenza maschile sulle donne –
Femminicidio, promossa da Udi, GiULiA, Casa internazionale delle donne, Associazione
nazionale volontarie del telefono rosa onlus, DIRE, CEDAW, Fondazione Pangea Onlus,
Giuristi democratici, BIFRI, Differenza Donna, Le nove, ARCS-ARCI, Action aid, Fratelli
dell’uomo.
Nel 2010 il Comune istituisce il premio “Le Reggiane per esempio” con lo scopo di
premiare donne che si sono distinte in diversi campi portando benefici concreti e di
prestigio al territorio. In quell’anno, per testimoniare la vicinanza all’associazione
Nondasola, il riconoscimento viene dato a tre donne dell’associazione direttamente
coinvolte nei tragici fatti avvenuti nel tribunale di Reggio nell’ottobre del 2007 e costati la
vita a Vjosa Demcolli, assistita dalla Casa delle donne. Un modo per sottolineare il grande
ruolo delle donne dell’associazione in una città che rimase attonita nel far fronte a quel
tragico episodio di violenza.
Dal 2010 il Comune ha dato avvio a un progetto che coinvolge le artiste della città per
valorizzare il genio delle donne e l’autorevolezza del femminile, nell’intenzione di creare
le pre condizioni per sconfiggere la violenza di genere; nel 2010 sono state coinvolte 16
attrici reggiane professioniste che hanno dato vita allo spettacolo “Spettinate”; nel 2011 è
stata la volta del progetto di teatro musicale “Incantate. Donne d’arte, d’amor e fè sincera”
ideato e interpretato da 12 cantanti musiciste della città. Nel 2012 è la volta della
produzione originale di danza “sBallate”. Nel 2013 con il festival “Donne, Uomini e
potere” si sono susseguite un melting pot di proposte dalla musica alla danza, al teatro e
alla performance che ha visto riunite tutte le artiste coinvolte negli anni passati.
In merito al tema delle donne immigrate e alla relazione con le autoctone, con lo scopo di
avvicinare culture differenti in un percorso di riconoscimento reciproco, è del 2011, a titolo
d’esempio, il progetto “ L’albero delle donne”; l’associazione Nondasola a sua volta ha
avviato “Le lunenomadi”, un servizio di accoglienza rivolto alle migranti, per riconoscere
e contrastare ogni forma di discriminazione e razzismo.
L’associazione Nondasola gestisce l’attività della Casa delle Donne aperta dal Comune il
27 maggio 1997; offre a tutte le donne che ad essa fanno riferimento colloqui di
accoglienza, consulenze legali e ospitalità temporanea. Dall’apertura della Casa ad oggi si
sono rivolte 3.378 donne. Il centro gestisce attualmente, come contesti di ospitalità, 5
monolocali e 4 appartamenti che possono ospitare fino a tre donne con i loro figli.
.
Hanno detto del film
Fl m lunghissimo, agli inizi difficile, eppure col p o t e r e d i catturare
subito come u n a
ra g na t el a . D a fi l m come questo, spesso astratto e quasi m u t o, d i solito l a gente fug ge
anche a i festival, con g ran fracasso d i poltrone. Invece dalla sua p r i m a m o n d i a l e n o n
si
è mo ss o
ir reprensibili
ness uno,
abbacinato dall’orrore
conoscono n e l
quotidiano
p i ù dolente segreto. Attori
che
chissà quante fa m i g l i e
bravissimi
a
noi
sconosciuti,
pi c c i n a sui du e ann i me ra v i gl i o s a d i verità. I l suo volto senza sorriso, contratto, quasi
furibondo, chiude i l fi l m come fo s s e l a sua vita.
Natalia Aspesi- La Repubblica
…ottiene anche
i l ri s u l t at o d i f a r
attesa
donna
di u n a
un’esperi enza
sgradevole
che
ma
non
vivere
sulla p r o p r i a
p e l l e l a stessa angosciosa
s a quando esploderà l a violenza
f o rs e
istruttiva
per
capire
dell’uomo. Che
davvero certe f o r m e
è
di
sopraffazione maschile.
Paolo Mereghetti – Corriere della Sera
... s i viene ra p i t i dalla r e g i a
macchina
e
illuminata d i Gröning, che n e l
ne l l o sguardo estetico r i c o r d a
m o d o d i piazzare l a
m o l t o d a vicino Malick. Superba
l a sua
direzione degli attori. C’è m o l t a bellezza m a anche m o l t a sofferenza n e l suo fi lm.
BEST MOVIE
I l fi l m elargisce immagini, s e n o n scene, davvero po tent i , p r e g n e d i quel signifi cato che
l a m e r a superfi c i e n o n c i restituirà m a i n e l l a sua interezza, n e m m e n o alla fi ne.
Cineblog
C'è u n
g rande
silenzio nell'ultimo fi l m
quotidianità d i u n a
d i Philip Gröning, che m e t t e
i n scher mo l a
giovane f a m i g l i a tedesca e l a violenza odiosa sulle donne, quella
che distrug ge l a p a r o l a come condizione fo n d a m e n t a l e del ra p p o r t o tra i sessi.
Imma gi ni
di
smisurata
bellezza
e
pro fo nd o
orrore, Di e
Fra u
Des Poliziesten
è
un'esperienza che r i c h i e d e u n a disciplina emozionale.
My movies
L a storia f a
paura
soprattutto pe rch é inizia semplice e bella p e r p o i
pre c i pi t are
nell’or rore a u n r i t m o inconsueto, che f a p e n s a r e che chiunque p o t re bb e ri t ro v a rs i a
quel p u n t o senza sapere i n che m o d o l e cose abbiano davvero p o t u t o de generare così…
Cineuropa.org
"La moglie del poliziotto" affronta con delicatezza il tema della violenza domestica sulle
donne, ma è anche il toccante ritratto dell'amore materno per i figli.
C'è da augurarsi che arrivi nelle sale italiane.
Famiglia Cristiana
CONTATTI
Distribuzione SATINE FILM DISTRIBUZIONE
Claudia Bedogni
[email protected]
cell. +39 3356308246
UFFICIO STAMPA Studio Punto e Virgola
[email protected]
tel. + 39 0639388909
Studio Sottocorno
[email protected]
tel. +39 0220402142
UFFICIO STAMPA WEB
INTER NOS WEB COMMUNICATION
[email protected]
Fly UP