...

A PROPOSITO DI CONNESSIONE IMPIANTO

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

A PROPOSITO DI CONNESSIONE IMPIANTO
PROTESI
A PROPOSITO DI CONNESSIONE
IMPIANTO- MONCONE
Gustavo
de Felice
,
S
olitamente
una vite
si svita non è un
_
problema, però potrebbe diventarlo, dipende da cosa si svita»,pare abbia detto uno degli astronauti della stazione spaziale MIR.
Vorrei sottolineare, già nell'introduzione, quanto la parte protesica su
impianti sia più irta di imprevisti rispetto alla parte chirurgica, ciò è
evidente se si confrontano gli insuccessi appartenenti all'una o all'altra
componente.
La connessione impianto-moncone
è, per chi abitualmente si occupa di
protesi su impianti, un problema sicuramente sentito, ma anche per chi
affronta questo tipo di problematica
protesica solo saltuariamente, la
questione può assumere aspetti davvero sconfortanti.
In commercio esistono diverse soluzioni proposte per questo tipo di
problema, per cui una vecchia saggezza suggerisce che quando di soluzioni ve ne sono tante, vuol dire
che nessuna è certa.
Immaginate come può deteriorarsi
«che
Il DE mSTA MODERNO
MAGGIO 1998
un rapporto di fiducia faticosamente raggiunto, semplicemente perché
quella piccolissima vitina che doveva tenere solidali moncone e impianto si è inspiegabilmente allentata, la corona protesica ormai tra-
Sistema conometrico O a vite?
Ciascuno di questi sistemi
offre indubbi vantaggi,
ma anche qualche svantaggio.
Solo il continuo sviluppo
di nuovi materiali e la ricerca
di soluzioni capaci di adattarsi
alle particolari condizioni
del cavo orale condurranno
a prestazioni migliori
ballante ha spezzato la vite e ora ci
troviamo a dover spiegare che l'impianto con un pezzo di vite incastrata all'interno non è più utilizzabile, e le ipotesi sono: o la sua sostituzione, oppure manovre sicuramente indaginosissime, certamente
discutibili e dal risultato incerto,
senza parlare poi delle implicazioni
di carattere economico, la perdita di
tempo che sfido chiunque a poter
quantificare a priori, la perdita
d'immagine e, non ultimi, gli atteggiamenti seccati da parte dei pazienti che non necessariamente
debbono avere conoscenze tecniche tali da capire che certi incidenti capitano, odontoiatra a prescindere (figura 1).
E ancora, non è detto che un simile imprevisto possa capitare solo a
una corona singola su impianto;
questa è certamente l'eventualità
più frequente, ma è possibile che
ciò accada anche a un ponte, quindi tutte le conseguenze appena descritte andrebbero relativamente ri- guardate.
159
1 Impianto, con connessione a vite, fratturato dopo un
periodo di allentamento della vite del moncone
Dopo tale premessa, gli ovvi quesiti
sono:
O perché una vite di connessione
impianto-moncone si svita?
O quando questo accade, quali e
quanti sono i fattori che concorrono alla tenuta della vite o al suo allentamento?
O t\auspicabile un p1iglioramento
del sistema di connessione che utilizza la vite, o è preferibile una connessione conometrica?
O la connessione cono metrica che
soluzioni offre per trattare i coni
fratturati all'interno degli impianti?
O oppure, esiste una connessione affidabile sempre e comunque?
CONNESSIONE
MEDIANTE VITE
Procedendo con ordine: perché una
vite si svita?
La possibilità che ha una vite di rimanere serrata è data dalla frizione
che questa riesce ad avere rispetto
alla sede, dovendo necessariamente
160
2 Le viti dovrebbero avere sempre uno stelo disponi
alla deformazione elastica
considerare minima o comunque
trascurabile la frizione lungo le pareti del foro, altrimenti sarebbero
difficilissimi: l'inserimento della vite, la sua fuoriuscita, e la sua rotazione per l'avvitamento; rimane la
frizione che la testa della vite ha con
la sua battuta sul moncone, più l'attrito dei filetti tra loro.
Tale frizione sarà data dalla forza
elastica generata dalla deformazione dello stelo della vite sottoposto a
trazione dal serraggio della vite stessa; ne consegue che una vite totalmente filettata avrà uno « stelo» disponibile a trazione prossimo a zero,
per cui si avranno serraggi di tipo
estremamente rigido, e pertanto
non capaci di sopportare sollecitazioni a causa della mancanza di
deformazione elastica. Questa è una
eventualità molto frequente in diversi tipi di impianti (figura 2).
Un bell'esempio di viti sottoposte a
svitamento sono i bulloni di serraggio delle testate di motori, in genere; ebbene questi bulloni sono sempre adeguatamente lunghi e con
una generosa porzione di stelo filettato.
Un altro fattore che contribuisce la tenuta impianto-moncone è :~
castro tra i due pezzi, di solito
gonale, certamente non dete ~
nante ai fini della tenuta se qu
sia interno o esterno all'impi -sicuramente importante, però. "
tolleranza tra 1'esagono maschi _
la femmina; un' eccessiva tolle permetterebbe microrotazioni moncone con tutti gli effetti i -=~siderati sulla vite.
Ovviamente, il controllo delle m:=ranze è uno dei fattori che co
buiscono alla predicibilità sull'ere;
tuale svitamento.
Industrialmente è possibile r :
durre componentistica micromeccanica, come è quella degli
pianti, mantenendo un livello ~
tolleranza intorno al cente imo,
tolleranza accettabile per que to -s,
po di lavoro.
Tolleranze inferiori comportere
bero un aumento tale dei co ci.
causa dell' enorme scarto di produ.:«:
IL DENTISTA MODERNO
MAGGIO l
-
3 Gli impianti vengono troppo spesso inseriti con poca
attenzione riguardo al carico richiesto
zione, da rendere i manufatti poco
«sociali».
Altro fattore, purtroppo meno pre- '
dicibile di altri, è l'elevato numero
di microtraumi legati alla funzione
dell'apparato dentale che possono
svilupparsi in ogni direzione, con
l'ovvio effetto leva che una corona, per quanto piccola possa essere,
certamente ha nei confronti di una
vite.
A tutto quanto già menzionato, c'è
da aggiungere la dimensione dell'impianto e tutto quanto a esso
connesso, con particolare riferimento ai diametri delle componenti in
4 Insufficienteprecisione dell'esagono di incastro, stelo
disponibile a deformazione insufficiente, carichi non bene valutati, diametri sottodimensionati hanno provocato:parziale suitamento di una vite,frattura dell'altra vite dentro l'impianto, frattura dell'esagono cJi incastro
della vite svitata: una tragedfa!
[I
5 Incastro esagonale nella connessione mediante vite
gIOCO.
Le variabili che determinano il successo di un lavoro sono diverse e
non sempre perfettamente valutate
nella routine ambulatoriale; se inoltre si prendono in considerazione
ponti con più di due impianti, sappiamo quanto sia difficile avere la
certezza che il ponte possa avere un
IL DENTISTA MODERNO
MAGGIO 1998
appoggio passivo, e questo può tradursi nella possibilità di carico di lavoro diverso per i diversi monconi
e relative viti.
Un'accurata diagnosi e un attento
piano di trattamento, nonché il controllo dei carichi delle guide, la.passività della struttura e quant'altro,
sono argomenti che in questa sede
non sfiorerò nemmeno, per brevità,
ma soprattutto perché ritengo che
siano aspetti molto più che scontati
per chi vuole affrontare con razionalità questo problema.
Volendo riassumere, oltre a quanto
appena menzionato, nella connes161
CONNESSIONE MEDIANTE
ACCOPPIAMENTO CONICO
C,ONO
,"FE..11)1J N 11 ~
6 Sistema commercialczzato dalla
Rectodent, con un grano filettato
che blocca la vite
7 Il principio del cono Morse si basa sull'incastro che si crea tra i due
coni opportunamente preparati
sione impianto-monco ne sono determinanti:
O la lunghezza dello stelo della vite;
O la frizione che la testa della vite
riesce a determinare sul monco ne,
più la frizione dei filetti; .
O la cop ia di serraggio (meglio l'uso di chiavi dinarnometriche);
O i diametri delle componenti in
essere superato prevedendo di impedire alla vite l'indesiderato svitamento di cui sopra, tramite un grano filettato coassiale alla stessa vite..
il quale interagisce con la vite come un accoppiamento dado-controdado».
La soluzione, purtroppo, ha il limite
di non poter essere utilizzata per
monconi angolati, a causa dell'impossibilità fisica di creare un' adeguata filettatura per il «grano» al di
sopra della testa della vite.
E, in secondo luogo, sarebbe auspicabile trovare soluzioni che prevedano meno pezzi, specie se molto
piccoli, in quanto tra sangue e saliva
non è sempre agevole avvitare minuterie.
Questo per quanto riguarda l'accoppiamento mediante vite.
Attualmente non sono presenti sul
mercato altri sistemi di accoppiamento sostanzialmente alternativi a
quello a vite se non quello conometrico.
gIOCO;
O il corretto dimensionamento im-
pianto-corona (figura 3);
O l'angolo del moncone (maggiore
è l'angolo più c'è possibilità di effetto chiave);
O la tolleranza tra gli esagoni (figure 4 e 5).
Una soluzione interessante, a tale
proposito, è quella ideata e utilizzata dal laboratorio Rectodent di Roma; il moncone, come è chiaramente visibile in figura 6, alloggia oltre
alla vite di serraggio un grano filettato, per cui il problema dello svitamento (cito testualmente dalla relazione tecnica della Rectodent) «può
162
, Che cos'è l'accoppiamento. con sistema conometrico?
È un sistema che prevede l'incastro
tra un cono femmina e uno maschio
grazie all'attrito che si crea tra i due
pezzI.
Questo in linea generale.ma osservando con ordine, i fattori che
concorrono all'accoppiamento sono:
O la superficie d'attrito;
O la finitura superficiale delle parti
da accoppiare;
O l'angolo del cono, angoli di cono
piccoli di 1,8°-2° daranno attriti e
quindi tenute del sistema elevati con
forze richieste per l'attivazione minime, mano a mano che l'angolo
aumenta le caratteristiche di tenuta
diminuiscono;
O la deformazione elastica che h
cono femmina subisce, creando co-sì un effetto morsa sul pezzo intro-dotto.
Diverse ditte che costruiscono impianti utilizzano questo sistema ( gura 7).
L'accoppiamento conometrico ch=
dal nome dell'inventore è definir
anche come cono Morse, è moic
conosciuto in meccanica; un ele to numero di accoppiamenti, specie
riguardanti l'industria meccani
vengono effettuati con questo sisrema, dai mandrini da tornio all -coppiamento volano-albero more delle autovetture; non più ~~
quindi, tornando al nostro
~
mento, non più cementi dall'in _to futuro, l'accoppiamento conico ==
senz'altro un accoppiamento
""dissirno nel suo insieme per l' =.
dabilità che offre, a condizione c~
IL DENTISTA MODERNO
MAGGIO.
D il
carico sia in asse con il cono;
all'accoppiamento non vengano
richieste prestazioni in torsione ma
solo in trazione e compressione;
D i coni non subiscano alterazioni
geometriche;
D la forza di attivazione sia adeguata;
D non siano presenti sostanze interposte tra i due coni;
D siano rispettate le tolleranze diconicità nei due componenti.
È evidente che la situazione nel cavo orale è meno gestibile che in
un' officina!
Ed è evidente anche dal fatto che
in implantologia il sistema conico è
lungi dal non avere problemi.
I casi di frattura del cono-rnoncone
o dell'impianto non sono rari.
Provate un po' a dover togliere un
moncone fratturato e ben attivato
nel cono femmina (figura 8)!
Procedendo con ordine in relazione ai punti appena citati:
D anche con un meno-impianto, si
può avere la certezza che il carico sia
sempre in asse?
D avendo i denti piani inclinati, chi
può dire che non si avranno mai
torsioni?
D considerate le forze in gioco, e le
dimensioni dei coni, fermo il primo punto, i coni sono indeforrnabili?
D nel momento
dell'attivazione,
questa come viene controllata?
D li certezza che nulla si interpone
tra i coni (saliva,sangue o altro) c'è
sempre?
D rispettare le tolleranze, sempre,
può voler dire monconi «dedicati»?
Questo, prendendo in esame un impianto, trasferendo il discorso a un
ponte, le incertezze si moltiplicano,
c'è l'estrema difficoltà nella perfetta
D
164
ne di un cono femmina all'intern
del corpo di un impianto, già la _
misurazione per il controllo co tuisce una seria difficoltà; microscopici errori sulla profondità si tradncono in erronee valutazioni del <fumetro, tanto che si è costretti ,.
costruzione di «tamponi» su mis
che attivati all'interno del pezzo .•..
controllano la dimensione.
La connessione di questo sistema
basata sulla precisione dei pezzi; alla tolleranza dell'uno va aggiun
quella dell' altro e a tutto que [
vanno aggiunte le variabili di c .
sopra.
Appare evidente a questo punto chi'
solo un'attenta progettazione degli
impianti e la loro corretta manifattura possono dare garanzie di successo,e quindi è quanto mai importante per il protesista doversi acculturare su problemi apparentemente
di sola pertinenza industriale: è il solo modo per districarsi nelle scelte
di un impianto anziché di un altro.
in questo enorme panorama di scelta che appare in ogni rivista.
è
8 Incastro conico con monco ne fratturato
distribuzione dei carichi, la possibilità che un cono lavori in trazione e
un altro in compressione, quindi attivazione martellante dell'uno e disattivazione dell'altro, il tutto condito da componenti laterali e di torsione che in molti casi possono essere preponderanti, naturalmente la
complessità aumenta con l'aumentare del numero dei pilastri.
Il titanio è un materiale di difficile
lavorabilità, infatti tende a «grippare» facilmente, questo si traduce in
un notevole stress da parte degli
utensili sottoposti alla sua lavorazione, ciò vuol dire controllo e sostituzione frequente di questi se si vogliono ottenere buoni livelli qualitativi, con riferimento alle tolleranze,
che comunque sappiamo non poter
essere al di sotto del centesimo, pena l'aumento dei costi.
Nel titanio qualsiasi lavorazione interna costituisce maggiori difficoltà
rispetto a quelle esterne.
E per quanto riguarda la lavorazio-
CONCLUSIONI
Credo che un'attendibile ipotesi risolutiva possa essere una connessione che metta insieme in qualche
modo i due sistemi, fermo restando
che sia il conometrico sia quello a
vite offrono ognuno dei vantaggi, e
probabilmente andrebbero meglio
studiati nell'ambito delle prestazioni richieste nel cavo orale; penso
inoltre che molto debba essere ancora fatto dal punto di vista del dimensionamento globale impiantornoncone-corona:
questo è un
aspetto a mio avviso un po' troppo
IL DENTISTA MODERNO
MAGGIO 1998
aspirazione
loc~lizzata
trascurato da molti produttori di
impianti e da moltissimi medici, tutto in ragione di un principio di
semplificazione dei componenti.
La fisica c'è da sempre, e non è lei
che deve semplificarsi per nostro
comodo! Personalmente mi occupo di chirurgia implantare dal 1988
e provvedo personalmente anche alla parte protesica; ho cambiato in
questi anni diversi tipi di impianti,
facendomi guidare nelle scelte dal
criterio di capire il perché di certi
inconvenienti e come arrivare alla
loro soluzione; ho cercato di arricchire la mia esperienza con un dialogo continuo con esperti del settore e della produzione. Desidero
cogliere l' occasione per ringraziare
l'ing. Pietrabissa del Politecnico di
Milano per la cortesia dimostratami
e per l'autorevolezza delle sue indicazioni' un grazie anche alla sig.ra
Lucia Pepice Pascale.
BIBLIOGRAFIA
1. Brànemark
PI, Adell
R, Albrektsson
J, Lindqvist
vist L, Lindstrom
Osseointegrated
the edentulos
S, Rockler
B.
implants in the treatment
of
jaw. Adv Biomaterials
1982;
4:133-41.
2. Brànemark
PI, Zarb
Osteointegrazione
G, Albrektsson
ne in odontoiatria.
Ed it: Tissue-Integrated
Prostheses Osseointegration
in Clinical Den-
tistry. Chicago: Quintessence
PubI Co 6:129-
40;10:175-85;11:187-97.
3. Friberg G, et al. Early failures in 4.641 Branemark
implants:
a study from stage 1 sur-
gery to the eonnection
Oral Maxillofae
of prostheses.
Int J
ImpI1991;6:142-6.
Quintessenee
Int, Dental
Digest, Ed it 1990;VI:697 -8.
5. Krogh PHJ. Anatomie
deration
and surgieal eonsi-
in use of osseointegrated
in the posterior
implants
maxilla. Oral Maxillofac Surg
Clin NorthAm,
1991.
6. Lekholm
U, Zarb G. Patient seleetion. In:
Brànemark
PI, Zarb G, Albrektsson
Tissue integrated
prostheses.
lin: Quintessence,
1985.
T (eds).
Chieago,
observation
Maxillofae
BerA. Cli-
offailed two-
stage titanium alloy basket implants. Int
J Oral
I
ImpI1988;3:49-55.
8. Pietrabissa R, Di Martino
Abbondanza
E, Mangano
T. Studio biomeeeanieo
stema implantoprotesieo
C,
del si-
Mac System. Dent
Mod 1996;8:1195-207.
9. Plenk H, et al.Tantalium
SUMMARY
IL DENTISTA MODERNO
and niobium
plants for high stress eonditions.
Regarding Implant Abutment Connection
The connection abutment-implant either using
screw method or con ic method, are not free of
risks, as one who deals with these prosthesis
implants knows. The two analyzed methods
leave us with doubts. Research should carry
out putting together the advantegs of both
methods, conic and screw, trying to avoid deteas. I think we should insist on a global dimension crown-abutment-implant.
Further
more, it's important to emphasize how the
study or the weight should be necessary in the
first surgical phase for a correct valuation of
the dimension or implant and abutment.
MAGGIO 1998
,
4. Ibbott CG. Frattura in vivo di un impianto osteointegrato.
cal and histological
connessione a vite, connessione
conometrica, connessione impiantomoncone, cono Morse, coppia di serraggio
T.
tissutale. Osteointegrazio-
7. Parr Gr, Stefik DE, SiskAL,Aguero
PAROLE CHIAVE
T,
U, Lindq-
Carlsson G, Haraldson T, Lekholm
Seventh Annual
Biomaterials
Meeting
im-
Transaetion
of the Society
for
1981 ;IV:40.
10. Wortington
P, Bole~der
CL, Taylor TD.
The swedish system of osseointegrated
plants: problems
and complieations
im-
eneoun-
tered during a 4-year trial periodo Int J Oral
Maxillofae
ImpI1987;2:77-84.
con
Surgitip
CE
0483
Canula aspirasaliva sterile
• confezione individuale
e sterile
• pronto per l'uso
• diametro 2,5 mm
Rilal & c. - via A. Nola 5 - 10122 Torino
Tel 011/5212471
- Fax O 11/5212472
In redazione da marzo 1998
roexo
Per il medico è importante potersi fidare
Fly UP