...

Artrosi e fattori di rischio

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Artrosi e fattori di rischio
i
Artros
ri
o
t
t
a
f
e
hio
c
s
i
r
i
d
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 3
07/09/12 10.42
i
Artros
ri
e fatto
hio
di risc
I fattori di rischio per l’artrosi si possono suddividere
in due grandi categorie:
1
non modificabili
2
modificabili
• L’età è senz’altro il più importante.
La senescenza si associa infatti ad una progressiva perdita
di elasticità e resistenza alle sollecitazioni che
possono favorire il danno del tessuto cartilagineo.
• Il sesso femminile è maggiormente predisposto all’artrosi,
in particolare del ginocchio e delle piccole articolazioni
delle mani.
• Il ruolo della genetica e della familiarità appare
sempre più importante, con una trasmissione che avviene
soprattutto con il sesso femminile.
• I fattori meccanici riguardano, in generale, il carico
improprio che viene esercitato sulle articolazioni come
ad esempio malformazioni articolari, attività professionali
e sportive, traumi o microtraumi.
• Il sovrappeso e l’obesità costituiscono il principale
fattore di rischio modificabile dell’artrosi agendo attraverso
processi meccanici e infiammatori.
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 4
07/09/12 10.42
ta
,
e
o
R icordati che l’artrosi è la malattia reumatica più frequente
I
e rappresenta una delle principali cause di disabilità.
mportante è sapere che l’artrosi non è
una semplice conseguenza dell’invecchiamento.
S appiamo che l’artrosi è il risultato di diversi fattori di rischio
che portano al danno della cartilagine.
C ontrollare il dolore e migliorare la mobilità è un obiettivo
realizzabile anche in età avanzata.
H ai mai pensato quanto tu stesso potresti fare per limitare
I
l’evoluzione della tua artrosi o quella dei tuoi cari?
l compito di questo libretto è di informarti sulle possibilità di
prevenzione e cura dell’artrosi in collaborazione con il tuo
medico di famiglia.
O ggi stesso ti conviene intraprendere una battaglia contro
l’artrosi: bisogna conoscere i nemici della nostra cartilagine
per proteggerla.
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 5
07/09/12 10.42
ipali
c
n
i
r
p
I
i di
fattor
ono:
s
o
i
h
c
ris
Attività
lavorativa
Alterazioni
articolari
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 6
Età
Familiarità
Abitudini
di vita
Sovrappeso
e obesità
07/09/12 10.42
È
Vero!!!
V aluta con attenzione se tua madre soffre
di artrosi, in particolare alle mani e
alle ginocchia. Se ha l’artrosi è probabile
che anche tu ne possa soffrire prima o poi.
Familiarità
E ssendo la familiarità un fattore di rischio non
modificabile potresti soffrirne anche tu.
R agione di più per impegnarsi maggiormente per ridurre
tutti gli altri fattori di rischio che si possono modificare:
O besità, sovrappeso, sport incongrui,
attività lavorative traumatiche.
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 7
07/09/12 10.42
L
Sovrappeso
e obesità
I
a sede più colpita dall’artrosi è il ginocchio e il sovrappeso
e l’obesità ne rappresentano il fattore di rischio più importante.
niziare ad alimentarsi correttamente fin da bambini riduce
il rischio di sviluppare obesità da adulti.
N on sono fattori di rischio solo per l’artrosi ma anche per
le malattie cardiovascolari e la sindrome metabolica.
È stato dimostrato che una riduzione di soli 5 kg
dimezza il rischio di sviluppare l’artrosi del ginocchio.
A ttenzione: conduci un sano e corretto stile di vita
e mantieni controllato il tuo peso!
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 8
07/09/12 10.42
e.
L i pensa che l’artrosi possa colpire solo le persone anziane:
S
in realtà le prime alterazioni della cartilagine
possono insorgere anche in giovane età.
TI uttavia con il passare degli anni l’artrosi diventa
sempre più frequente: con un semplice esame
radiologico è riscontrabile nei soggetti
con età superiore a 60 anni.
Età
NI Il riscontro radiologico di artrosi non è sempre associato
a sintomi: solo un terzo dei casi presenta dolore.
È a popolazione italiana, secondo i dati dell’ONU,
L
è ai primi posti per l’invecchiamento:
nell’arco di un decennio i malati
di artrosi sintomatica saranno più di 12 milioni.
A
E tà avanzata non è sinonimo di artrosi,
ma il passare del tempo espone i soggetti
all’azione più prolungata di altri fattori di rischio.
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 9
07/09/12 10.42
D anni meniscali di natura traumatica o degenerativa
facilitano la comparsa di lesioni artrosiche.
A
Alterazioni
articolari
distanza di anni i traumatismi ripetuti sulle articolazioni
durante la giovinezza possono essere responsabili
dell’insorgenza dell’artrosi in età avanzata.
N on bisogna sottovalutare l’importanza di correggere
malformazioni congenite o acquisite: queste possono
favorire il processo artrosico.
N egli ultimi anni la chirurgia ortopedica ha messo a punto
tecniche meno invasive per correggere difetti congeniti
o acquisiti.
I
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 10
perlassità ligamentosa predispone al danno della cartilagine
e all’artrosi anche in giovane età.
07/09/12 10.42
L
e attività lavorative usuranti sono in grado di favorire lo sviluppo
dell’artrosi a carico di articolazioni particolarmente sollecitate.
AI d esempio, l’esposizione a stress meccanici
ripetuti porta ad alterazioni della struttura
e del metabolismo della cartilagine.
Attività
lavorativa
B isogna prestare attenzione soprattutto alle attività lavorative
che richiedono movimenti ripetitivi
o con carichi eccessivi sulle articolazioni.
O ltre il 20% dei casi di artrosi del ginocchio è determinato
È
da un carico articolare improprio durante il lavoro.
R
A ecuperare lo stress meccanico con intervalli
di riposo può essere una delle soluzioni
per ridurre il rischio da attività lavorativa!
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 11
07/09/12 10.42
S edentarietà e posture scorrette non giovano alle articolazioni.
P
Abitudini
di vita
raticare sport in modo congruo può essere di beneficio
alle articolazioni attraverso il miglioramento
della forza muscolare e del peso corporeo.
O ccorre tuttavia ricordare che attività sportive intense
e di lunga durata svolte a livello agonistico aumentano
il rischio di sviluppare l’artrosi.
R inforzare la muscolatura è essenziale per il buon funzionamento
dell’apparato osteoarticolare. Lo stress meccanico eccessivo,
invece, può danneggiare le articolazioni.
T utti possono trarre beneficio da una corretta attività sportiva.
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 12
07/09/12 10.42
ione
z
n
e
v
e
Pr
La PREVENZIONE dell’artrosi
puó essere condotta a più livelli
La prevenzione primaria riguarda la riduzione
dei fattori di rischio in modo che il minor numero
possibile di soggetti si ammali:
• controllare il peso corporeo, intervenire sui vizi
posturali o sui carichi eccessivi e ripetuti
• svolgere un’attivitá fisica adeguata, correggere posizioni
scorrette, rinforzare la muscolatura di supporto,
recuperando la mobilità articolare
• evitare tutte quelle attivitá ad alto impatto articolare
o sport che prevedono movimenti molto ripetitivi
• praticare esercizio fisico che miri a “costruire” il muscolo
attorno all’articolazione, stabilizzandola, senza tuttavia
sollecitarla troppo.
La prevenzione secondaria prevede, comunque,
il controllo dei fattori di rischio, ma necessita dell’introduzione di ulteriori elementi in grado di prevenire o ritardare la
progressione della malattia artrosica. Utili, se assunti sotto
controllo medico, sono gli integratori come la glucosamina
e il condroitin solfato o l’acido ialuronico per via intrarticolare
(viscosupplementazione).
nto
,
La prevenzione terziaria prevede il trattamento delle
conseguenze della malattia con impiego di adeguata terapia
farmacologia e non, di cui il medico dispone.
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 13
07/09/12 10.42
a cura di:
Prof. Leonardo Punzi, Dott.ssa Paola Frallonardo,
Dott.ssa Francesca Oliviero
Unitá Operativa Complessa di Reumatologia, Dipartimento di Medicina DIMED
Azienda Ospedaliera Università di Padova
www.artrosioggi.it
LEAFLETFORMICHE2STAMPA.indd 2
07/09/12 10.42
Fly UP