...

Il presente passivo indicativo greco

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Il presente passivo indicativo greco
Lezione 144 (GRE)
Il presente passivo indicativo greco
Nota
Come già osservato, i verbi greci non sono facili. Stiamo però procedendo per gradi. Se volete procedere al meglio, non
andate mai oltre qualcosa che non abbiate compreso più che bene. Piuttosto, fermatevi e capite, prima di proseguire.
Il significato della voce passiva è uguale in italiano e in greco. Il soggetto è mosso da un agente esterno e subisce l’azione.
Nella lezione 136 abbiamo visto che λύω significa “io sciolgo”, e qui il soggetto (io) compie l’azione di sciogliere nel
presente. Il passivo λύοµαι, “io sono sciolto”, afferma un’azione (quella di essere sciolto) subita dal soggetto (io) nel
tempo presente.
Abbiamo già appreso (sempre nella lezione 136) che il tema verbale si ricava dalla prima persona singolare del presente
indicativo attivo (che è la voce che compare nel vocabolario per identificare il verbo) togliendo la desinenza –ω. Così, il
tema verbale del verbo λύω è λύ. È su questo tema che si innestano le desinenze dei vari tempi e modi dei verbi. Ecco
allora le desinenze del presente passivo indicativo:
DESINENZE
DEL PRESENTE INDICATIVO PASSIVO
Persona
Singolare
Prima
Seconda
-µαι
-σαι
-ται
Terza
Plurale
-µεθα
-σθε
-νται
Lo studente o la studentessa attento/a noterà che se aggiungiamo al tema verbale λύ la desinenza –µαι, non si ottiene
λύοµαι. La spiegazione è che le desinenze del presente passivo indicativo sono aggiunte al tema per mezzo di una vocale
variabile: ο/ε, e precisamente:
• ο prima delle lettere µ oppure ν (riferite alla lettera iniziale della desinenza).
• ε prima delle altre lettere.
Così, davanti a µαι, µεθα e νται si ha l’o; davanti alle altre desinenze, che non cominciano con µ oppure ν, si ha la ε.
Ecco lo schema completo di vocale:
DESINENZE
DEL PRESENTE INDICATIVO PASSIVO
Persona
Singolare
Plurale
Prima
Seconda
-o-µαι
-ε-σαι
-ε-ται
-o-µεθα
-ε-σθε
-o-νται
Terza
Non è finita. Con il passare del tempo e quindi con l’evoluzione della lingua, intervennero dei
cambiamenti. Nella seconda persona singolare (tu) la forma λύεσαι perse il σ. Incontrandosi però le vocali
ε e α (λύεσαι > λύεσαι > λύεαι), queste si contrassero in η e lo ι venne sottoscritto, dando ῃ.
Giacché questo fenomeno accade in tutti i verbi di questa classe, sarà bene imparare la forma corta senza
indicare tutto il cambiamento. Quindi, questo è lo schema finale del presente passivo indicativo:
DESINENZE
DEL PRESENTE INDICATIVO PASSIVO
Persona
Singolare
Plurale
Prima
-o-µαι
-ῃ
-ε-ται
-ο-µεθα
-ε-σθε
-o-νται
Seconda
Terza
Possiamo ora dare, come esempio, il presente passivo indicativo del verbo λύω:
PRESENTE INDICATIVO PASSIVO DEL VERBO λύω
Persona
Singolare
Prima
Io sono sciolto
λύoµαι
λύῃ
λύεται
Seconda
Terza
Plurale
Tu sei sciolto
Egli è sciolto
λυόµεθα
λύεσθε
λύονται
Noi siamo sciolto
Voi siete sciolti
Essi sono sciolti
Si noti l’accento nella prima persona plurale: λυόµεθα. Perché l’accento, che è sempre sulla ύ, si è spostato sulla ό?
Dovreste saperlo, ma se non lo rammentate, vi farà bene ripassare la regola esposta nella lezione 88 al sottotitolo
L’ACCENTO DURANTE LA DECLINAZIONE.
Per ciò che riguarda l’apprendimento delle desinenze, non ci si scoraggi. Dopo un po’ di esercizio lo studente e la
studentessa saranno in grado di formare il presente passivo indicativo di tutti verbi imparati finora.
USO DELLA VOCE PASSIVA
Ci sono quattro usi distinti della voce passiva:
1. Quando l’agente diretto che produce l’azione sul soggetto è indicato, la costruzione normale è ὑπὸ + genitivo
Esempio: οὐδὲ ὑπὸ χειρῶν ἀνθρωπίνων θεραπεύεται, “Né [Dio] è da mani umane è servito”. - At 17:25.
2. Quando l’agente indicato è un agente intermediario (o indiretto) per mezzo del quale l’agente originale agisce, la
costruzione usuale è διά + genitivo. Esempio: πάντα δι' αὐτοῦ ἐγένετο, “Tutte le cose per mezzo d’esso [la
parola, maschile in greco] è stata fatta” (Gv 1:3). Qui si parla della parola di Dio come agente intermediario della
creazione; Dio ne è l’agente diretto.
3. Quando l’agente è impersonale, la costruzione è ἐν + dativo. Esempio: ἤγετο ἐν τῷ πνεύµατι ἐν τῇ ἐρήµῳ, “Fu
condotto dallo spirito in il deserto” (Lc 4:1, traduzione letterale). Qui è Dio (“fu condotto”, impersonale) che
impiega il suo spirito per spingere Yeshùa nel deserto.
4. A volte il passivo è usato senza che ci sia un agente espresso. Esempio: ἐγείρεται, “È destato” (1Cor 15:42). Un
caso particolare è dato dal passivo impersonale, tipicamente ebraico e trasposto in greco, che è usato per evitare
di menzionare il nome di Dio. Ma di ciò parleremo a suo tempo trattando del nome di Dio.
VOCABOLARIO
Non sarà male imparare alcuni verbi di uso biblico:
καταγγέλλω
Annuncio, proclamo
ἐγείρω
Sveglio, faccio sorgere
σῴζω
Salvo
εἰσφέρω
Porto dentro
σπείρω
Semino
ὑποτάσσω
Metto sotto
ESERCIZIO
Osservate le forme del presente indicativo passivo che abbiamo appena imparato:
Χριστὸς καταγγέλλεται.
“Cristo è annunciato”. - Flp 1:18, TNM.
εἰ ὁ δίκαιος µόλις σώζεται, ὁ [δὲ] ἀσεβὴς καὶ ἁµαρτωλὸς ποῦ φανεῖται;
“Se il giusto a stento è salvato, l’empio e peccatore dove è fatto apparire?”. - 1Pt 4:18, traduzione diretta dal greco.
σπείρεται ἐν ἀτιµίᾳ, ἐγείρεται ἐν δόξῃ.
“È seminato nella corruzione, è destato nell’incorruzione”. - 1Cor 15:42, TNM.
σπείρεται ἐν ἀτιµίᾳ, ἐγείρεται ἐν δόξῃ.
“È seminato nella corruzione, è destato nell’incorruzione”. - 1Cor 15:42, TNM.
ὧν γὰρ εἰσφέρεται ζῴων τὸ αἷµα περὶ ἁµαρτίας εἰς τὰ ἅγια διὰ τοῦ ἀρχιερέως, τούτων τὰ σώµατα
κατακαίεται ἔξω τῆς παρεµβολῆς.
“I corpi degli animali il cui sangue è portato dal sommo sacerdote nel santuario, quale offerta per il peccato, sono arsi
fuori dell'accampamento”. - Eb 13:11.
τὸ φρόνηµα τῆς σαρκὸς ἔχθρα εἰς θεόν, τῷ γὰρ νόµῳ τοῦ θεοῦ οὐχ ὑποτάσσεται.
“Ciò che brama la carne è inimicizia contro Dio, perché non è sottomesso alla legge di Dio”. - Rm 8:7.
Fly UP