...

Piano di formazione Custode di cavalli con certificato federale di

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Piano di formazione Custode di cavalli con certificato federale di
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Piano di formazione
per l'ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base del/della
Custode di cavalli
con certificato federale di formazione pratica (CFP)
del 4 novembre 2013
Numero professione 18121
Stato il 16.10.2013
R
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 2 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Indice
1. Introduzione .................................................................................... 5
1.1 Obiettivo del piano di formazione .................................................................... 5
1.2 Concetto di formazione per i mestieri legati al cavallo .................................... 5
2. Fondamenti pedagogico-professionali.......................................... 8
2.1 Introduzione all’orientamento alle competenze operative ............................... 8
2.2 Descrizione delle quattro dimensioni delle competenze operative .................. 9
2.3 Livelli tassonomici degli obiettivi di valutazione (secondo Bloom) ................... 9
2.4 Collaborazione tra i luoghi di formazione ...................................................... 10
3. Profilo di qualificazione ................................................................ 11
I – Profilo professionale....................................................................................... 11
II – Tabella delle competenze operative.............................................................. 13
III – Livello richiesto per la professione ............................................................... 14
4. Campi di competenze operative, competenze operative e obiettivi
di valutazione suddivisi per luogo di formazione ....................... 15
Approvazione ed entrata in vigore .................................................... 33
Allegati ................................................................................................ 35
Elenco delle abbreviazioni
LFPr
OFPR
ofor
CFP
AFC
oml
SEFRI
CSFP
CSFO
CI
Legge federale sulla formazione professionale (legge sulla formazione professionale),
2004
Ordinanza sulla formazione professionale, 2004
Ordinanza sulla formazione professionale di base (ordinanza in materia di formazione)
Certificato federale di formazione pratica
Attestato federale di capacità
Organizzazione del mondo del lavoro (associazione professionale)
Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione
Conferenza svizzera degli uffici cantonali della formazione professionale
Centro svizzero di servizio Formazione professionale | Orientamento professionale,
universitario e di carriera
Corsi interaziendali
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 3 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 4 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
1.
Introduzione
1.1 Obiettivo del piano di formazione
In quanto mezzo per la promozione della qualità1 sulla formazione professionale di base, il piano
di formazione per la/il custode di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
descrive le competenze operative che le persone in formazione devono acquisire entro la fine
della qualificazione. Al contempo, il piano di formazione aiuta i responsabili per la formazione
professionale nelle aziende di tirocinio, nelle scuole professionali e nei corsi interaziendali a
pianificare e svolgere la formazione.
Per le persone in formazione il piano di formazione costituisce uno strumento orientativo.
1.2 Concetto di formazione per i mestieri legati al cavallo
La formazione del custode di cavalli CFP è indirizzata a giovani dotati soprattutto a livello pratico,
con particolari motivazioni all’apprendimento, che scelgono di entrare nel mondo del lavoro
attraverso una formazione di base con attestato. Una marcata motivazione, un buon rapporto con
la natura e gli animali e un buon carattere sono requisiti importanti per una formazione di
successo e per la successiva attività lavorativa.
I giovani ricevono una formazione professionale adeguata alle loro capacità e possibilità, che
permette loro di entrare e in seguito di affermarsi sul mercato del lavoro.
In questa formazione viene data priorità allo sviluppo delle attività pratiche: Le tematiche
affrontate a scuola vengono direttamente collegate alle attività da svolgere in azienda. I tre luoghi
di formazione (azienda di tirocinio, scuola professionale e corsi interaziendali) collaborano in
modo flessibile e in stretto collegamento tra loro. Le persone in formazione garantiranno questo
stretto contatto redigendo la documentazione dell’apprendimento, i formatori e le formatrici
tenendo riunioni annuali.
La decisione di stipulare un contratto di tirocinio per la formazione di base, della durata di due
anni, quale custode di cavalli CFP, oppure per la formazione di base triennale quale
professionista del cavallo AFC è esclusivamente a discrezione dei contraenti.
I custodi di cavalli CFP si prendono cura dei cavalli loro affidati e li accudiscono in modo
totalmente autonomo, secondo le disposizioni aziendali. Collaborano inoltre ai lavori di
manutenzione e pulizia (box, infrastrutture) e all’organizzazione e svolgimento di eventi
particolari. Nelle attività quotidiane i custodi di cavalli CFP prestano attenzione all’ambiente e si
relazionano ai cavalli secondo principi etici e conformemente alla legge svizzera sulla protezione
degli animali. I custodi di cavalli CFP valutano correttamente i rischi che si presentano nel loro
lavoro e adottano misure adeguate per la sicurezza del lavoro e la tutela della salute.
1
Cfr. art. 12 cpv. 1 lett. c dell'ordinanza del 19 novembre 2003 sulla formazione professionale (OFPr) e art. 4 dell'ordinanza della
SEFRI sulla formazione professionale di base (ordinanza in materia di formazione professionale di base; OFPB) per la/il custode di
cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 5 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
a) Sommario della formazione professionale di base per i mestieri legati al
cavallo
Formazione di base biennale
custode di cavalli CFP
1° anno di tirocinio come
custode di cavalli CFP
2° anno di tirocinio come
custode di cavalli CFP
Procedure di
qualificazione formazione
professionale di base in
conformità all'OFPB
custode di cavalli CFP
o ai sensi dell'art.
32 OFPr
Formazione di base triennale
professionista del cavallo AFC
Agosto
1° anno
di tir.
1° anno di tirocinio come
professionista del cavallo AFC
Giugno
1° anno
di tir.
Conferma dell’indirizzo professionale
o raccomandazione per un eventuale cambio
Agosto
2° AT
2° anno di tirocinio come professionista del cavallo
AFC in uno dei 6 indirizzi
(cure, monta classica, monta western, cavalli
d'andatura, corse, attacchi)
Dopo la
formazione di
base CFP
Agosto
3° anno
di tir.
3° anno di tirocinio come professionista del cavallo
AFC in uno dei 6 indirizzi
(cure, monta classica, monta western, cavalli
d'andatura, cavalli da corsa, attacchi)
Fine 3°
anno di
tirocinio
Procedure di qualificazione formazione professionale di
base in conformità all’OFPB professionista di cavallo AFC
o ai sensi dall’art. 32 OFPr
Conseguimento della qualifica di professionista
del cavallo AFC in uno dei 6 indirizzi:
Cure
Monta classica
Monta western
Cavalli d‘andatura
Cavalli da corsa
Attacchi
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 6 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
b) Sostegno all’apprendimento
Le persone in formazione possono contare su diverse misure di sostegno, che le aiutano a concludere con
successo la propria formazione: corsi di sostegno e d’aiuto da parte delle scuole professionali, nonché un
competente accompagnamento personalizzato regolato a livello cantonale.
c) Conseguimento del titolo con passaggio
Il riuscito conseguimento del titolo di custode di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
permette, in caso di idoneità della persona in formazione, l’accesso alla formazione di base triennale quale
professionista del cavallo AFC.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 7 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
2. Fondamenti pedagogico-professionali
2.1 Introduzione all’orientamento alle competenze operative
Il presente piano di formazione costituisce il fondamento pedagogico-professionale della formazione
professionale di base della/del custode di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP).
L’obiettivo della formazione professionale di base è insegnare a gestire con professionalità situazioni
operative tipiche della professione. Per raggiungere questo obiettivo, durante la formazione le persone in
formazione sviluppano le competenze operative descritte nel piano di formazione. Tali competenze vanno
intese e definite come standard minimi di formazione che verranno poi verificati nelle procedure di
qualificazione.
Il piano di formazione enuncia concretamente le competenze operative da acquisire, rappresentate sotto
forma di campi di competenze operative, competenze operative e obiettivi di valutazione.
Campi di competenze operative, competenze operative e obiettivi di valutazione suddivisi per luogo di
formazione:
La professione di custode di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) comprende 5 campi
di competenze operative che descrivono e giustificano i campi d’intervento permettendo di distinguerli
uno dall’altro.
Esempio: Campo di competenze operative c "Cura e foraggiamento del cavallo".
Ogni campo di competenze operative comprende un determinato numero di competenze operative. Nel
campo di competenze operative c “Cura e foraggiamento del cavallo” sono dunque raggruppate
quattro competenze operative. Queste ultime corrispondono a situazioni operative tipiche della
professione e descrivono il comportamento che ci si aspetta dalle persone in formazione in tali casi, una
volta terminato il percorso di formazione. Ogni competenza operativa si compone di quattro dimensioni: la
competenza professionale, metodologica, personale e sociale (vedi 2.2 e allegato 3); queste sono
integrate negli obiettivi di valutazione.
Per garantire che l’azienda di tirocinio, la scuola professionale e i corsi interaziendali forniscano il proprio
apporto allo sviluppo delle competenze operative, queste ultime vengono concretizzate in obiettivi di
valutazione suddivisi per luogo di formazione. Ai fini di una cooperazione ottimale tra i luoghi di
formazione gli obiettivi di valutazione sono armonizzati tra loro (vedi 2.4).
.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 8 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
2.2 Descrizione delle quattro dimensioni delle competenze operative
Le competenze operative comprendono la competenza professionale, metodologica, sociale e personale.
Affinché i custodi di cavallo con certificato federale di formazione pratica (CFP) riescano ad affermarsi nel
mercato del lavoro, durante la formazione professionale di base le persone in formazione acquisiscono
tutte le competenze in tutti i luoghi di formazione (azienda di tirocinio, scuola professionale, corsi
interaziendali). Il seguente schema sintetizza contenuti e interazioni delle quattro dimensioni di cui si
compone una competenza operativa.
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
utilizzano correttamente il linguaggio e gli standard (di qualità), nonché i
metodi, i procedimenti, gli strumenti e i materiali di lavoro specifici della
professione. Sono quindi in grado di svolgere autonomamente i compiti
inerenti al proprio campo professionale e di rispondere adeguatamente alle
esigenze del loro lavoro.
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
organizzano il proprio lavoro accuratamente e nel rispetto della qualità.
Tengono conto degli aspetti economici ed ecologici e applicano in modo
mirato le tecniche di lavoro e le strategie di apprendimento, di informazione
e di comunicazione. Sanno inoltre orientare ragionamenti e comportamenti
al processo e all’approccio sistemico.
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
stabiliscono un rapporto consapevole con il superiore, i colleghi e i clienti e
affrontano in maniera costruttiva i problemi che insorgono nella
comunicazione e nelle situazione conflittuali. Lavorano con o all’interno di
team applicando le regole per un lavoro in gruppo efficiente.
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
riflettono responsabilmente sui loro approcci e sul loro operato. Sono
flessibili ai cambiamenti, imparano a riconoscere i propri limiti e sviluppano
un approccio personale. Sono produttivi, hanno un atteggiamento
esemplare sul lavoro e curano l’apprendimento permanente.
2.3 Livelli tassonomici degli obiettivi di valutazione (secondo Bloom)
Ogni obiettivo di valutazione viene valutato tramite un livello tassonomico (livello C; da C1 a C6).
Il livello C indica la complessità dell’obiettivo. Ecco i vari livelli nel dettaglio:
Livello
Definizione
C1
Sapere
C2
Comprendere I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) spiegano o descrivono le
nozioni apprese con parole proprie.
Descrivo i requisiti dell’abbigliamento da lavoro, e la sua importanza per la protezione della salute
(a2.2).
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) applicano le
Applicare
capacità/tecnologie apprese in diverse situazioni.
Dopo aver rimosso il letame dalla stalla, lo deposito secondo le disposizioni aziendali (b1.7).
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) analizzano una situazione
Analizzare
complessa scomponendo i fatti in singoli elementi, individuando la relazione fra gli elementi e
identificano le caratteristiche strutturali.
Valuto quotidianamente lo stato di salute dei cavalli e informo il superiore in caso di cambiamenti
(c1.3).
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) combinano i singoli elementi di
Sintetizzare
un fatto e li riuniscono per formare un insieme.
In caso di situazioni conflittuali e divergenze di opinione mantengo la calma, discuto in modo
competente, accetto le opinioni differenti e avanzo proposte costruttive per una soluzione (e1.4).
C3
C4
C5
C6
Valutare
Stato il 16.10.2013
Descrizione
Non presente in questo piano di formazione.
Non presente in questo piano di formazione.
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 9 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
2.4 Collaborazione tra i luoghi di formazione
Il coordinamento e la cooperazione tra i luoghi di formazione quanto a contenuti, modalità di lavoro,
calendario e consuetudini della professione sono un presupposto importante per il successo della
formazione professionale di base. Per tutta la durata della formazione le persone in formazione vanno
aiutate a mettere in relazione teoria e pratica. La cooperazione tra i luoghi di formazione è dunque
essenziale e la trasmissione delle competenze operative rappresenta un compito comune. Ogni luogo di
formazione fornisce il proprio apporto tenendo conto del contributo degli altri. Grazie a una buona
collaborazione ognuno può verificare costantemente il proprio apporto e ottimizzarlo, aumentando così la
qualità della formazione professionale di base.
Il contributo specifico dei luoghi di formazione può essere sintetizzato come segue:

Azienda di tirocinio: Nel sistema duale la formazione professionale pratica si svolge nell’azienda
di tirocinio, in una rete di aziende di tirocinio, nelle scuole d’arti e mestieri, nelle scuole medie di
commercio o in altre istituzioni riconosciute a tal fine, dove gli apprendisti possono acquisire le
capacità pratiche richieste dalla professione.

Scuola professionale (SP): Vi viene impartita la formazione scolastica, che comprende
l’insegnamento delle conoscenze professionali, della cultura generale e dello sport.

Corsi interaziendali (CI): Sono finalizzati alla trasmissione e all’acquisizione di capacità
fondamentali e completano la formazione professionale pratica e la formazione scolastica
laddove l’attività professionale da apprendere lo richieda.
L’interazione dei luoghi di formazione può essere illustrata come segue:
Base/inizio/inserimento
 Fondamenti unitari
 Standard specialistici
 Sicurezza nel procedere
Motto: Di che si tratta?
Eseguire dietro istruzione.
Nella pratica e nella situazione
quotidiana, con il supporto del
formatore
 Applicare ed esercitarsi
 Consolidare e
approfondire
 Sviluppare il livello di
esecuzione autonoma
Sapere/conoscenza
 Fondamenti generali
 Fondamenti specialistici
 Metodi
Costruire e utilizzare il
sapere/la comprensione
come fondamento per la
messa in pratica.
Raggiungere la capacità di
agire cioè, essere capace di
gestire in modo autonomo la
situazione creatasi al lavoro.
Per far collaborare efficacemente i luoghi di formazione, si utilizzano gli appositi strumenti di promozione
della qualità della formazione professionale di base (vedi allegato 1).
Documentazione dell‘apprendimento
La documentazione dell’apprendimento è uno strumento utilizzato nei luoghi di formazione, per il
favorimento della qualità della formazione nella pratica professionale. Nella documentazione
dell’apprendimento la persona in formazione documenta e valuta in modo autonomo le importanti attività
professionali, i lavori svolti e le esperienze maturate durante il proprio percorso formativo.
La documentazione dell’apprendimento viene inserita nell'ambito delle lezioni di nozioni professionali. I
formatori professionali nell'azienda assistono e consigliano la persona in formazione nel redigere la
documentazione dell’apprendimento. Essi controllano e supervisionano le relazioni elaborate e le discutono
con le stesse persone in formazione, per es. in occasione dei colloqui di fine semestre (in base alle
disposizioni degli articoli 12 e 13 dell’ordinanza sulla formazione professionale di base).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 10 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
3. Profilo di qualificazione
I – Profilo professionale
Ambiti professionali
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) sono professionisti della
cura dei cavalli e del corretto approccio ad essi. Su indicazione del superiore curano, accudiscono
e fanno muovere i cavalli in modo autonomo, sicuro e appropriato. Secondo le disposizioni del
superiore, e sotto la sua sorveglianza, svolgono altri lavori relativi ai cavalli.
Nell’esercizio della loro professione, i custodi di cavalli con certificato federale di formazione
pratica (CFP) osservano in ogni situazione una cultura della sicurezza della persona e
dell’azienda (sicurezza propria, sicurezza della clientela, sicurezza di terzi, sicurezza dei cavalli).
A tal fine individuano nel loro ambito di competenza i pericoli che si manifestano, valutano i rischi
e adottano le misure necessarie per la tutela della salute, per la sicurezza sul lavoro, per la
sicurezza di terzi e per la sicurezza dei cavalli.
Principali competenze operative
Le competenze operative dei custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
sono articolate in cinque campi di competenze operative:
a.
b.
c.
d.
e.
Sicurezza e protezione della salute dell’uomo e dell’animale
I custodi di cavalli CFP individuano i pericoli sul luogo di lavoro e nell’utilizzo dei cavalli in azienda,
rispettano nelle attività quotidiane le relative regole di sicurezza, contribuiscono a evitare incidenti e
malattie sul lavoro e proteggono la salute di persone e animali.
Manutenzione dell’ambiente del cavallo e delle infrastrutture
I custodi di cavalli CFP svolgono i lavori di manutenzione e pulizia dei box dei cavalli, dell’ambiente
circostante, dell’infrastruttura, e degli strumenti di lavoro secondo le disposizioni aziendali.
Cura e foraggiamento del cavallo
I custodi di cavalli CFP si occupano della cura e del foraggiamento quotidiani del cavallo secondo le
disposizioni aziendali.
Rapporto con il cavallo e movimento del cavallo
Durante il contatto, l’approccio e il lavoro con cavalli non problematici, i custodi di cavalli CFP
tengono conto del comportamento naturale dell’animale. Collaborano al lavoro a terra e al lavoro alla
corda, svolgendo autonomamente, su indicazione, parte del lavoro. Montano cavalli a un livello
semplice, sotto sorveglianza, in maneggio e sullo sterrato e provvedono autonomamente alla
corretta pulizia e cura dell’equipaggiamento utilizzato per i cavalli.
Rapporto con i collaboratori e con la clientela
I custodi di cavalli CFP svolgono autonomamente i compiti previsti nel loro ambito di competenza, e
concorrono al raggiungimento degli obiettivi di gruppo. Comunicano in maniera aperta con i
superiori, i collaboratori nonché con la clientela e con il loro comportamento leale e professionale
contribuiscono a trasmettere un’immagine positiva dell’azienda.
Esercizio della professione
In qualità di impiegata/o di un'azienda che si occupa di cavalli, di un ente pubblico o privato, i
custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) contribuiscono in modo
significativo all’adeguata cura e detenzione dei cavalli.
La loro attività riguarda principalmente l'esecuzione autonoma degli incarichi assegnati dal loro
superiore. Così, in base alle disposizioni, operano per la cura e la detenzione adeguata dei cavalli.
Durante l’impiego dei cavalli collaborano a prestare servizi operativi e a svolgere i compiti loro
affidati nel campo della pulizia e cura dell’infrastruttura e dell’equipaggiamento. Utilizzano le
materie prime senza sprechi di risorse e i coadiuvanti (es. i detergenti) con parsimonia e
rispettando l’ambiente.
Si comportano in modo gentile verso i clienti e lavorano in squadra, oltre a contribuire a risolvere
le situazioni di conflitto e a chiarire i malintesi nella propria azienda.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 11 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Rilevanza della professione all’interno della società
Negli ultimi decenni, in Svizzera, i cavalli sono diventati molto popolari. Il ruolo del cavallo si è
trasformato: Dall’iniziale ruolo di animale da lavoro è diventato un compagno per il tempo libero
e le attività sportive. Inoltre negli ultimi anni sono stati sviluppati approcci ippoterapici come
misure di terapia, riabilitazione e sostegno, che hanno ora un ruolo ben definito nei settori
pedagogico, medico e paramedico.
Il cavallo gode di un’ottima reputazione tra la popolazione, viene guardato con ammirazione,
infonde tranquillità, è sinonimo di forza e invita al contatto grazie al suo atteggiamento pacifico.
La sua presenza suscita delle simpatie emozionali e crea dei ponti tra la città e la campagna, tra
le generazioni e tra gli strati sociali. Una società costantemente critica e sensibile in particolare
alle esigenze degli animali e della natura esige sempre rigorosamente un rapporto rispettoso con
il cavallo, un utilizzo professionale e competente dell'animale che tuteli anche l'ambiente, e infine
la sicurezza di tutti i partecipanti (cavalli e persone).
Grazie a un rapporto rispettoso dell’animale, una detenzione corretta e una cura professionale
dei cavalli, e un approccio orientato alla clientela, i custodi di cavalli CFP danno un’immagine
credibile della cura e della custodia dei cavalli al servizio dell’uomo, contraddistinte da modernità,
rispetto dell’animale e sicurezza.
I custodi di cavalli CFP, con il loro rapporto professionale con i cavalli e rispettoso dell’animale, e
col loro comportamento esemplare, contribuiscono in modo importante a creare i presupposti per
una detenzione e un utilizzo rispettosi del cavallo nella società moderna. In questo modo
contribuiscono a mantenere stabile nel tempo la natura dei cavalli e a svilupparla ulteriormente.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 12 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
II – Tabella delle competenze operative
Campo di
competenze operative
Competenze operative
a
Sicurezza e
protezione della
salute dell’uomo
e dell’animale
a1 – Individuare i pericoli e
adottare provvedimenti
Individuano i pericoli nelle attività
quotidiane, rispettano le regole di
sicurezza, contribuiscono a evitare
incidenti e a proteggere la salute di
persone e animali.
a2 – Curare la propria salute ed
evitare le malattie professionali
Prendono misure protettive per la
propria salute e la prevenzione di
malattie professionali (per es.
abbigliamento da lavoro,
alimentazione, igiene,
equipaggiamento per l'equitazione,
approccio ergonomico nel lavoro).
a3 – Adottare misure di pronto
soccorso
In caso di incidenti prendono
provvedimenti secondo le
disposizioni aziendali in materia di
emergenza, e adottano
immediatamente le misure di pronto
soccorso.
b
Manutenzione
dell’ambiente
del cavallo e
delle
infrastrutture
b1 – Mantenere puliti i ricoveri
Si occupano della cura e pulizia
dell'ambiente del cavallo,
individuano carenze nella
detenzione e, d'intesa con il
superiore, adottano misure che
favoriscano il benessere e la salute
del cavallo.
b2 – Curare l’ambiente
circostante e l’infrastruttura
Svolgono autonomamente lavori di
manutenzione e pulizia
dell'ambiente e degli edifici
secondo le disposizioni aziendali,
riconoscono i pericoli (per es.
piante velenose, difetti), li eliminano
autonomamente e/o informano il
proprio superiore.
b3 – Curare gli strumenti e gli
accessori di lavoro
Provvedono alla pulizia e alla
corretta manutenzione degli utensili
per la cura, degli strumenti e degli
accessori secondo le disposizioni
aziendali, e riferiscono al superiore
eventuali difetti.
c
Cura e
foraggiamento
del cavallo
c1 – Curare il cavallo, mantenerlo
in salute e proteggerlo
Si occupano, secondo le
disposizioni, della cura e della
pulizia quotidiane del cavallo
(manto, criniera e coda, zoccoli,
barbette) e, su indicazione,
adottano misure specifiche per
conservarne la salute e il
benessere.
c2 – Foraggiare il cavallo
secondo le prescrizioni
Valutano lo stato del foraggio
consegnato (pulizia, valore) e
foraggiano i cavalli loro affidati
secondo le disposizioni aziendali.
c3 – Individuare cambiamenti o
comportamenti strani e agire
secondo le indicazioni ricevute
Riconoscono ferite, sintomi di
malattie e comportamento
anomalo, li segnalano al
responsabile e adottano i rimedi
prescritti (cure e trattamento).
d
Rapporto con
il cavallo e
movimento
del cavallo
d1 – Comunicare correttamente
con il cavallo e trattarlo in modo
sicuro
Nel rapportarsi al cavallo tengono
conto del comportamento naturale
dell'animale (per es. linguaggio del
corpo, istinti). Comunicano con il
cavallo e si rapportano ad esso in
modo corretto, rispettoso e sicuro.
d2 – Condurre a mano e
presentare il cavallo in modo
sicuro
Conducono a mano con sicurezza il
cavallo in situazioni conosciute e lo
guidano per la presentazione alla
clientela o per la valutazione da
parte del veterinario.
d3 – Partecipare al lavoro a terra
e alla corda
Partecipano al lavoro a terra e al
lavoro alla corda, ed eseguono con
il cavallo, secondo le indicazioni, la
sequenza di riscaldamento, sfogo e
lavoro.
Rapporto con i
collaboratori e
con la clientela
e1 – Comunicare apertamente
nel contesto lavorativo
Nel rapporto con i superiori, i
collaboratori e la clientela
osservano le regole del dialogo e le
regole di comportamento aziendali.
Riconoscono i conflitti e le
situazioni critiche e contribuiscono
a superarle.
e2 – Assistere i clienti
Nelle attività quotidiane rispondono
direttamente alle domande dei
clienti relative alla loro sfera di
competenza, e indirizzano la
clientela al referente incaricato per
domande, richieste e reclami che
esulino dalle loro competenze.
e3 – Promuovere attivamente
l’immagine dell’azienda
Si identificano con l'azienda,
rappresentano in modo convincente
le disposizioni delle linee guida
aziendali in presenza di terzi, oltre
a contribuire a ciò curando
consapevolmente il proprio aspetto
(per es. abbigliamento,
equipaggiamento, modo di lavorare
sicuro).
e
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 13 / 40
b4 – Rispettare le disposizioni
sulla protezione degli animali
Nella propria sfera di competenza
inerente la cura, la detenzione, il
foraggiamento e il movimento dei
cavalli, applicano le disposizioni
sulla protezione degli animali.
d4 – Montare il cavallo
Montano il cavallo come
occupazione, compensazione al
lavoro o rilassamento, in maneggio
o sullo sterrato.
d5– Preparare il cavallo per il
trasporto
Preparano correttamente il
cavallo per il trasporto seguendo
le indicazioni e, sotto
supervisione, lo caricano su un
mezzo di trasporto in modo sicuro
e corretto.
d6 – Curare
l’equipaggiamento del cavallo
Si occupano della pulizia e della
corretta cura
dell’equipaggiamento del cavallo
(per es. sella, accessori per la
monta, equipaggiamento per il
lavoro alla corda, mezzi di
protezione) secondo le
disposizioni aziendali, e
segnalano al superiore eventuali
difetti.
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
III – Livello richiesto per la professione
Il livello richiesto per la professione è fissato nel capitolo 4 (campi di competenze operative,
competenze operative e obiettivi di valutazione suddivisi per luogo di formazione) tramite gli
obiettivi operativi suddivisi in livelli tassonomici dettagliati (C1 – C6).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 14 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
4. Campi di competenze operative, competenze operative e
obiettivi di valutazione suddivisi per luogo di formazione
Campo di competenze operative a: Sicurezza e protezione della salute dell’uomo e dell’animale
I custodi di cavalli CFP individuano i pericoli sul luogo di lavoro e nell’utilizzo dei cavalli in azienda,
rispettano nelle attività quotidiane le regole di sicurezza, contribuiscono a evitare incidenti sul lavoro e
malattie professionali e proteggono la salute di persone e animali.
Competenza operativa a1: Individuare i pericoli e adottare provvedimenti
Individuano i pericoli nelle attività quotidiane, rispettano le regole di sicurezza, contribuiscono a evitare
incidenti e a proteggere la salute di persone e animali.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
a1.1
Con degli esempi spiego i
pericoli e i rischi che si
vengono a creare per me,
per i collaboratori e per terzi
(C2).
Riconosco i pericoli e i rischi
che si vengono a creare per
me, per i collaboratori e per
terzi durante i lavori
quotidiani in azienda (K3).
a1.2
Spiego i doveri del lavoratore
in merito al rispetto delle
disposizioni di legge e del
settore, delle disposizioni
aziendali e delle regole di
sicurezza per evitare gli
incidenti sul lavoro (C2).
a1.3
Elenco gli strumenti di
protezione adeguati alla mia
professione e ne spiego
l’effetto, l'impiego appropriato
e la cura necessaria (C2).
Durante il lavoro quotidiano
mi attengo alle direttive di
legge e del settore, alle
disposizioni aziendali relative
alla sicurezza sul lavoro e
alla regole di sicurezza
(sicurezza personale,
protezione di terzi) per
evitare incidenti sul lavoro
(C3).
Nelle attività quotidiane
utilizzo l'equipaggiamento di
protezione personale adatto
ad ogni lavoro (per es.
casco, protezione per occhi,
orecchie, vie respiratorie e
schiena, scarpe di sicurezza)
(C3).
Dietro istruzione, riconosco i
pericoli e i rischi che si
vengono a creare per me,
per i collaboratori e per terzi
durante la mia attività
professionale in azienda
(C3).
Dietro istruzione, durante le
attività professionali mi
attengo alle direttive di legge
e del settore, alle disposizioni
dei corsi interaziendali per la
sicurezza sul lavoro e alle
regole di sicurezza per
evitare incidenti sul lavoro
(C3).
a1.4
Descrivo le possibilità di
evitare incidenti nel corso
dell’attività lavorativa
quotidiana e nel tempo libero
e, sulla base di esempi (per
es. ordine, organizzazione
del lavoro,
equipaggiamento), illustro il
mio contributo (C2).
Nr.
a1.5
Stato il 16.10.2013
Dietro istruzione, nelle attività
quotidiane utilizzo
l'equipaggiamento di
protezione personale adatto
ad ogni lavoro (C3).
Nel corso dell’attività
lavorativa quotidiana
contribuisco, con misure
adeguate (per es. ordine,
suddivisione dei tempi,
organizzazione del lavoro,
equipaggiamento) a evitare
incidenti (C3).
Dietro istruzione, nei corsi
interaziendali contribuisco,
con misure adeguate (per es.
ordine, suddivisione dei
tempi, organizzazione del
lavoro, equipaggiamento) a
evitare incidenti (C3).
Riconosco le condizioni che
vanno contro la sicurezza sul
luogo di lavoro, le elimino o
le segnalo al mio superiore
(C3).
Dietro istruzione, riconosco
le condizioni che vanno
contro la sicurezza sul luogo
di lavoro, le elimino o le
segnalo al mio superiore
(C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 15 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Competenza operativa a2: Curare la propria salute ed evitare le malattie professionali
Prendono misure protettive per la propria salute e la prevenzione di malattie professionali (per es.
abbigliamento da lavoro, alimentazione, igiene, equipaggiamento per l'equitazione).
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
a2.1
Descrivo le misure protettive
per la mia salute, per ridurre
l’affaticamento fisico ed
evitare malattie professionali
(C2).
Mantengo la mia salute sul
lavoro e nel tempo libero con
uno stile di vita adeguato
(per es. alimentazione,
riposo, compensazione)
(C3).
a2.2
Descrivo i requisiti per
l'abbigliamento da lavoro e la
loro importanza per la
protezione della salute (C2).
Nel lavorare con i cavalli
proteggo la mia salute
indossando per ogni attività
l'abbigliamento più adatto
(C3).
Dietro istruzione, nel lavorare
con i cavalli proteggo la mia
salute indossando per ogni
attività l'abbigliamento più
adatto (C3).
a2.3
Descrivo come, con una
corretta postura e un giusto
modo di trasportare pesi, ho
riguardo per il mio corpo
(C2).
Ho riguardo per il mio corpo
con una corretta postura
durante il lavoro e col modo
giusto di trasportare o
spostare pesi; limito inoltre
l’affaticamento fisico (per es.
posture forzate,
movimentazione di pesi)
utilizzando strumenti ausiliari
adeguati (C3).
Durante le attività
professionali, dietro
istruzione, faccio attenzione
a una postura corretta
(ergonomica) e al modo
corretto di sollevare o
trasportare pesi, e utilizzo
strumenti ausiliari per limitare
l’affaticamento fisico (C3).
a2.4
Nell'utilizzare coadiuvanti
(per es. detergenti, materiali
di consumo) descrivo i rischi
che si vengono a creare per
la mia salute, le loro
conseguenze e i
provvedimenti per tutelare la
salute (C2).
Nell'eseguire i lavori di cura,
pulizia e manutenzione,
impiego i coadiuvanti (per es.
detergenti, materiali di
consumo) secondo le
disposizioni delle schede di
sicurezza, a regola d'arte e in
modo parsimonioso e mi
proteggo adeguatamente
(C3).
Nell'eseguire i lavori di cura,
pulizia e manutenzione,
dietro istruzione, impiego i
coadiuvanti (per es.
detergenti, materiali di
consumo) secondo le
disposizioni delle schede di
sicurezza, a regola d'arte e in
modo parsimonioso e mi
proteggo adeguatamente
(C3).
a2.5
Sulla base di esempi
descrivo segni e cause di
sovraccarico, pressione, ed
eccessive esigenze, oltre alle
misure per la gestione delle
situazioni di stress (C2).
a2.6
Descrivo specifiche misure
per svolgere le mie mansioni
col minor stress possibile
(per es. porsi degli obiettivi,
stabilire priorità,
programmare il lavoro) (C2).
Nr.
Stato il 16.10.2013
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Nelle attività quotidiane
individuo le situazioni di
stress che si presentano (per
es. quantità di lavoro,
mancanza di tempo) e nella
mia sfera di competenze
adotto le misure adatte a
risolverle, oppure informo il
superiore (C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 16 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Competenza operativa a3: Adottare misure di pronto soccorso
In caso di incidenti prendono provvedimenti secondo le disposizioni aziendali in materia di emergenza,
e adottano immediatamente le misure di pronto soccorso.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
a3.1
Spiego i punti salienti di una
organizzazione aziendale per
i casi di emergenza e le
procedure e i comportamenti
da adottare in caso di
emergenza (C2).
Spiego l’organizzazione
dell’emergenza della mia
azienda (per es. schema
d’allarme, numeri di
emergenza, vie di fuga,
misure immediate, posizioni
degli estintori) (C3).
a3.2
Spiego i miei compiti, i diritti
e i doveri in qualità di
aiutante in caso di
emergenza (C2).
Descrivo come mi devo
comportare in caso di
incidente (C2).
Nr.
a3.3
a3.4
Stato il 16.10.2013
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Al verificarsi di un incidente
eseguo le procedure e i
provvedimenti definiti
dall'organizzazione aziendale
per i casi di emergenza (per
es. dare l'allarme, rendere
sicuro il luogo dell'infortunio,
informare) (C3).
Al verificarsi di incidenti e
dietro istruzione, eseguo le
procedure e i provvedimenti
definiti dall'organizzazione
aziendale per i casi di
emergenza (dare l'allarme,
rendere sicuro il luogo
dell'infortunio, informare)
(C3).
In caso di incidenti adotto le
misure immediate di pronto
soccorso per aiutare le
persone infortunate (C3).
Descrivo le misure
immediate di pronto soccorso
e in caso di incidenti adotto,
dietro istruzione, misure
immediate di pronto soccorso
per aiutare le persone
infortunate (C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 17 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Campo di competenze operative b: Manutenzione dell’ambiente del cavallo e delle infrastrutture
I custodi di cavalli CFP svolgono i lavori di manutenzione e pulizia dei box dei cavalli, dell’ambiente
circostante, dell’infrastruttura, e degli strumenti di lavoro secondo le prescrizioni aziendali.
Competenza operativa b1: Mantenere puliti i ricoveri
Si occupano della cura e pulizia dei box dei cavalli, individuano carenze nella detenzione e, d’intesa con
il superiore, adottano misure che favoriscano il benessere e la salute del cavallo.
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
b1.1
Elenco le diverse forme di
detenzione e ne descrivo
vantaggi e svantaggi (C2).
b1.2
Descrivo i requisiti per un
clima della stalla adatto al
cavallo, i segni di condizioni
sfavorevoli e le misure per il
miglioramento (C2).
Riconosco condizioni
climatiche sfavorevoli nella
stalla, informo il superiore e
adotto le misure concordate
per il miglioramento del clima
della stalla (C3).
b1.3
Descrivo i requisiti dei
materiali per la lettiera e le
caratteristiche per giudicarne
la qualità (C2).
Durante l’utilizzo quotidiano
giudico la qualità dei
materiali per la lettiera e
informo il superiore in caso di
difetti (C3).
b1.4
Elenco i tipi comuni di
materiali usati per la lettiera,
ne descrivo vantaggi e
svantaggi e spiego lo
stoccaggio ottimale (C2).
Pulisco i box dei cavalli
rimuovendo il letame, e
utilizzo i materiali per la
lettiera in modo parsimonioso
e rispettoso dell’ambiente
(C3).
Dietro istruzione, pulisco i
box dei cavalli, li ricospargo
facendo attenzione a
utilizzare in modo
parsimonioso e rispettoso
dell’ambiente i materiali per
la lettiera (C3).
b1.5
Descrivo l’importanza
dell’igiene della stalla per il
benessere e la salute del
cavallo e spiego le misure
necessarie per mantenerla
(C2).
Verifico quotidianamente lo
stato di pulizia di mangiatoia
e abbeveratoio, ne verifico il
corretto funzionamento e li
pulisco autonomamente in
caso di necessità (C3).
Dietro istruzione, verifico
quotidianamente lo stato di
pulizia di mangiatoia e
abbeveratoio, ne verifico il
corretto funzionamento e li
pulisco in caso di necessità
(C3).
b1.6
Spiego i vantaggi di una
stalla pulita e in ordine,
descrivo gli attrezzi di lavoro
preposti ai singoli utilizzi
(C2).
Curo la pulizia e l’ordine della
stalla secondo le disposizioni
aziendali e utilizzo gli attrezzi
di lavoro in modo
professionale e sicuro (C3).
Durante il lavoro nella stalla
utilizzo dietro istruzione gli
attrezzi in modo
professionale e sicuro (C3).
b1.7
Descrivo le più importanti
disposizioni sulla protezione
ambientale per lo stoccaggio
del letame (C2).
Dopo aver rimosso il letame
dalla stalla, lo deposito
secondo le disposizioni
aziendali (C3).
Dietro istruzione, deposito il
letame rimosso dalla stalla in
modo corretto (C3).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 18 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Competenza operativa b2: Curare l’ambiente circostante e l’infrastruttura
Svolgono autonomamente lavori di manutenzione e pulizia dell'ambiente e degli edifici secondo le
disposizioni aziendali, riconoscono i pericoli (per es. piante velenose, difetti), li eliminano
autonomamente e/o informano il proprio superiore.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
b2.1
Descrivo i normali lavori di
pulizia e manutenzione dei
paddock e dei pascoli (C2).
Curo e pulisco i paddock e i
pascoli con attrezzi da lavoro
idonei, separo i rifiuti prodotti
(per es. letame, rami,
erbacce o plastica) e li
smaltisco secondo le
disposizioni aziendali (C3).
b2.2
Descrivo pericoli e rischi che
possono presentarsi nei
paddock e sui pascoli e le
misure che rientrano nella
mia sfera di competenza
(C2).
Individuo i pericoli per i
cavalli nei paddock e nei
pascoli, li elimino o informo il
superiore (C3).
b2.3
Elenco le piante velenose
per i cavalli, le riconosco e
spiego le misure per
combatterle ed eliminarle
(C2).
Riconosco le piante velenose
per i cavalli in azienda,
rimuovo le singole piante e le
smaltisco e informo il mio
superiore (C3).
b2.4
Descrivo l'effetto delle piante
velenose e i sintomi e i
provvedimenti da adottare
immediatamente se un
cavallo ne mangia (C2).
b2.5
Descrivo i requisiti di una
palizzata sicura, adeguata ai
cavalli (C2).
Collaboro alla costruzione e
alla riparazione di palizzate
e, su indicazione, svolgo
autonomamente parte del
lavoro (C3).
b2.6
Descrivo i lavori di
manutenzione e riparazione
in azienda e ne illustro il
senso e lo scopo (C2).
Collaboro ai lavori di manutenzione e riparazione in
azienda (per es. spianare la
pista, bagnare il maneggio
coperto o il maneggio
all’aperto) e svolgo autonomamente i lavori che mi
vengono affidati (C3).
b2.7
Descrivo le caratteristiche
(per es. ordine, pulizia) e i
vantaggi (per es. prima
impressione, sicurezza,
salute, immagine) di
un’azienda curata (C2).
Nell’utilizzo dei locali
aziendali (per es. servizi e
locali igienici, cucina e locali
di intrattenimento) rispetto le
disposizioni aziendali su
pulizia e ordine (C3).
Nr.
b2.8
Tengo puliti e metto in ordine
come da disposizioni aziendali gli spazi e i locali, così
come le aree accessibili al
pubblico (per es. la clubhouse) (C3).
b2.9
Individuo difetti e danni ai
locali e agli arredi, prendo
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Pagina 19 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
misure immediate e informo il
superiore (C3).
b2.10
Descrivo le misure protettive
e le regole da osservare
durante l’utilizzo e lo
smaltimento dei detergenti
(C2).
b2.11
b2.12
Utilizzo i detergenti con
parsimonia e rispetto
dell’ambiente, e li smaltisco
secondo le disposizioni
aziendali (C3).
Nelle attività quotidiane
faccio attenzione a utilizzare
con parsimonia materie
prime ed energia (C3).
Descrivo i criteri per la
separazione (materiali grezzi,
altri materiali, riciclaggio) e le
regole per lo stoccaggio e lo
smaltimento dei rifiuti prodotti
in azienda (C2).
Raccolgo i rifiuti dell’azienda
(per es. fili di paglia, sacchi,
contenitori, residui di
detersivi, peli), li separo a
seconda dei materiali e li
smaltisco secondo le
disposizioni aziendali (C3).
Competenza operativa b3: Curare gli strumenti e gli accessori di lavoro
Provvedono alla pulizia e alla corretta manutenzione degli utensili per la cura, degli strumenti e degli
accessori secondo le disposizioni aziendali, e riferiscono al superiore eventuali difetti.
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
b3.1
Controllo regolarmente lo
stato degli utensili utilizzati
per la cura, se necessario li
pulisco, notifico eventuali
difetti, li riparo o sostituisco
gli utensili difettosi seguendo
le indicazioni (C3).
b3.2
Nelle attività quotidiane
controllo gli strumenti e gli
accessori di lavoro che
utilizzo, eseguo la
manutenzione, notifico
eventuali difetti, li riparo o
sostituisco seguendo le
indicazioni (C3).
b3.3
Descrivo i criteri per la pulizia
della biancheria e dei panni
sporchi dell’azienda e della
scuderia, spiego le regole
base per lavare i panni
secondo principi di
parsimonia e per riporli (C2).
Stato il 16.10.2013
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Suddivido la biancheria e i
panni sporchi dell’azienda e
della scuderia, li lavo in
lavatrice utilizzando i
detersivi adatti, asciugo e
ripongo la biancheria e i
panni puliti (C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 20 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Competenza operativa b4: Rispettare le disposizioni sulla protezione degli animali
Nella propria sfera di competenza inerente la cura, la detenzione, il foraggiamento e il movimento dei
cavalli, applicano le disposizioni sulla protezione degli animali
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
b4.1
Spiego le disposizioni della
legge sulla protezione degli
animali da applicare al
settore cavalli con le loro
conseguenze sul mio lavoro
(C2).
b4.2
Descrivo i requisiti fissati
dalla legge sulla protezione
degli animali per un sistema
di detenzione e una cura
corretta dei cavalli (C2).
Nell'ambito delle mie
competenze prendo i
provvedimenti necessari per
tenere e curare i cavalli
conformemente alle
prescrizioni sulla protezione
degli animali (C3).
b4.3
Descrivo le conseguenze
pratiche della legge sulla
protezione degli animali per il
rapporto con i cavalli e il
comportamento nei loro
confronti (C2).
Nelle attività quotidiane con e
sul cavallo mi comporto
sempre in modo corretto e
rispettoso (C3).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Pagina 21 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Campo di competenze operative c: Cura e foraggiamento del cavallo
I custodi di cavalli CFP si occupano della cura e del foraggiamento quotidiani del cavallo secondo le
prescrizioni aziendali.
NB: Gli obiettivi di valutazione del campo di competenze operative c si riferiscono a cavalli non problematici.
Questa situazione è considerata un presupposto, e non viene quindi ripetuta ogni volta.
Competenza operativa c1: Curare il cavallo, mantenerlo in salute e proteggerlo
Si occupano, secondo le disposizioni, della cura e della pulizia quotidiane del cavallo (manto, criniera e
coda, zoccoli, barbette) e, su indicazione, adottano misure specifiche per conservarne la salute e il
benessere.
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei
corsi interaziendali
c1.1
Descrivo le naturali esigenze
del cavallo e le differenze
determinate dall’età e dalla
razza (C2).
c1.2
Descrivo le misure tecniche
per preservare la salute del
cavallo (per es. coprirlo con la
coperta, tosarlo, arieggiare la
stalla), la loro importanza e
utilità (C2).
Svolgo autonomamente
nell’azienda le misure atte a
preservare la salute del
cavallo secondo le
disposizioni aziendali (C3).
c1.3
Descrivo le caratteristiche di
un cavallo sano e i modi per
verificarle (C2).
Valuto quotidianamente lo
stato di salute del cavallo e
informo il superiore in caso di
cambiamenti (C4).
c1.4
Descrivo i lavori preliminari alla
cura del cavallo e le
caratteristiche di un luogo
sicuro per legarlo mentre lo
accudisco (C2).
Preparo il cavallo prima di
accudirlo e lo lego in un
punto sicuro (C3).
Dietro istruzione, preparo il
cavallo prima di accudirlo e
lo lego in un punto sicuro
(C3).
c1.5
Spiego le misure quotidiane di
cura, gli utensili per le singole
funzioni e la sicura procedura
di pulizia, secondo le diverse
forme di detenzione e le
diverse razze (C2).
Accudisco quotidianamente il
cavallo in modo corretto e
sicuro, secondo le
disposizioni aziendali (C3).
Dietro istruzione, accudisco
il cavallo in modo corretto
(C3).
c1.6
Descrivo i prodotti specifici per
la cura del cavallo e il loro
corretto utilizzo (C2).
Secondo le disposizioni
aziendali utilizzo i prodotti
per la pulizia con attenzione,
parsimonia e rispetto
dell’ambiente (C3).
Dietro istruzione, utilizzo i
prodotti per la pulizia adatti,
con attenzione, parsimonia
e rispetto dell’ambiente
(C3).
c1.7
Descrivo le caratteristiche e
l’importanza della salute degli
zoccoli, spiego il meccanismo
dello zoccolo ed espongo le
necessarie misure di controllo
e cura (C2).
Curo gli zoccoli (raschiare,
lavare, ingrassare) dei cavalli
secondo le disposizioni
aziendali (C3).
Dietro istruzione, curo gli
zoccoli dei cavalli
(raschiare, lavare,
ingrassare) (C3).
c1.8
Descrivo l’importanza della
protezione degli zoccoli (ferri o
scarpe), inclusi vantaggi e
svantaggi (C2).
c1.9
Descrivo i criteri di giudizio per
lo stato dello zoccolo e della
ferratura (C2).
Mentre accudisco il cavallo
valuto lo stato degli zoccoli e
della ferratura, informo il
superiore dei difetti e delle
Dietro istruzione, valuto lo
stato degli zoccoli e della
ferratura, individuo i difetti e
le modifiche (C3).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 22 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei
corsi interaziendali
modifiche accertati e aiuto il
maniscalco (tenendo ferme
le zampe) osservando i
principi ergonomici (C3).
c1.10
Descrivo i diversi modi di
pettinatura e d'intrecciatura, la
procedura e gli accessori e i
materiali necessari per
eseguirli (C2).
c1.11
Descrivo l’importanza e l’utilità
della tosatura e le diverse
forme di tosatura con le loro
differenze (C2).
c1.12
c1.13
In azienda mi occupo di
pettinare il cavallo secondo
le indicazioni del superiore
(C3).
Dietro istruzione, eseguo i
lavori di pettinatura e
intrecciatura sui cavalli
(C3).
Descrivo a cosa serve coprire
il cavallo, i diversi tipi di
coperta e il loro utilizzo (C3).
Copro il cavallo in modo
sicuro, secondo le
disposizioni aziendali (C3).
Copro il cavallo in modo
sicuro, dietro istruzione
(C3).
Descrivo le misure mediche
per preservare la salute del
cavallo (per es. sverminare,
vaccinare, curare i denti), la
loro importanza e
l’applicazione (per es.
periodicità, competenza) (C2).
Adotto misure di sverminazione correttamente e in
sicurezza, secondo le disposizioni aziendali, e collaboro
come assistente nel caso
intervengano specialisti
(veterinario, dentista) (C3).
c1.14
Dopo i lavori di cura pulisco e
riordino il luogo di lavoro,
separo i rifiuti prodotti e li
smaltisco secondo le
disposizioni aziendali (C3).
Competenza operativa c2: Foraggiare il cavallo secondo le prescrizioni
Valutano lo stato del foraggio consegnato (pulizia, valore) e foraggiano i cavalli loro affidati secondo le
disposizioni aziendali.
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
c2.1
Descrivo l’assunzione del
foraggio e il processo
digestivo dei cavalli (C2).
c2.2
Descrivo i diversi foraggi
grezzi, le caratteristiche di
qualità riconoscibili a vista,
l’inalterabilità e l’importanza
del foraggio grezzo per la
corretta alimentazione del
cavallo (C2).
Giudico lo stato e la qualità
dei foraggi grezzi, individuo i
difetti riconoscibili a vista (per
es. attacchi fungini, corpi
estranei), informo il superiore
(C3).
c2.3
Descrivo il foraggio utilizzato
come complemento del
foraggio grezzo, la
conservabilità e l’importanza
di questi foraggi per
l’alimentazione del cavallo e
spiego le caratteristiche di
qualità riconoscibili a vista
(C2).
Giudico lo stato e la qualità
dei foraggi, individuo i difetti
riconoscibili a vista (per es.
attacchi fungini, corpi
estranei) e informo il
superiore (C3).
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Pagina 23 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
c2.4
Descrivo i fattori che
influiscono sul fabbisogno di
foraggio del cavallo (C2).
c2.5
Descrivo le regole
fondamentali di
foraggiamento e la loro
importanza per un
foraggiamento corretto e
sano (C2).
Do da mangiare ai cavalli
secondo il piano aziendale di
foraggiamento, rispetto le
regole di foraggiamento e
controllo l’assunzione del
cibo da parte dei cavalli (C3).
c2.6
Descrivo il fabbisogno di
acqua di un cavallo, i fattori
che influenzano il fabbisogno
e i requisiti dell’acqua (C2).
Verifico giornalmente se
l’approvvigionamento
ottimale di acqua del cavallo
è assicurato e, se
necessario, applico
provvedimenti idonei (C3).
c2.7
Descrivo le condizioni per
uno stoccaggio corretto e
adeguato dei mangimi (C2).
In azienda mantengo
condizioni di stoccaggio
favorevoli (per es. ordine,
ambiente asciutto, pulizia),
individuo i danni subiti dai
foraggio durante lo
stoccaggio e informo il
superiore (C3)
c2.8
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Smaltisco il foraggio
deteriorato e i rifiuti creati
durante lo stoccaggio
secondo le disposizioni
aziendali (C3).
Competenza operativa c3:
Individuare cambiamenti e comportamenti strani e agire secondo le istruzioni ricevute
Riconoscono ferite, sintomi di malattie e comportamento anomalo, li segnalano al responsabile e
adottano i rimedi prescritti (cure e trattamento).
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
c3.1
Descrivo il comportamento
anomalo del cavallo e ne
spiego le cause (C2).
Riconosco il comportamento
anomalo del cavallo e
informo il superiore (C3).
c3.2
Descrivo le malattie e le
lesioni più frequenti, i loro
sintomi e le cause, nonché le
possibilità di trattamento
(C2).
Riconosco i sintomi delle
malattie e delle lesioni
esterne, informo il superiore
e agisco secondo le
disposizioni aziendali (C3).
c3.3
Descrivo le semplici
caratteristiche utili a
determinare l’età del cavallo
(C2).
Stimo l’età del cavallo sulla
base di semplici
caratteristiche (C3).
c3.4
Descrivo gli ausili e i
provvedimenti per
tranquillizzare il cavallo (C2).
Utilizzo ausili e
provvedimenti per
tranquillizzare il cavallo
secondo le indicazioni (C3).
c3.5
Descrivo i requisiti di un
armadietto dei medicinali
presso la stalla (per es.
Controllo regolarmente
l'armadietto dei medicinali
presso la stalla e lo
Nr.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Pagina 24 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
contenuti, posizionamento) e
del corretto stoccaggio e
smaltimento dei medicinali
(C2).
mantengo pulito secondo le
disposizioni (C3).
c3.6
Stato il 16.10.2013
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Smaltisco secondo le
disposizioni aziendali gli
scarti generati dai trattamenti
delle lesioni e dalla pulizia
dell’armadietto dei medicinali
presso la stalla (C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 25 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Campo di competenze operative d: Rapporto con il cavallo e movimento del cavallo
Durante il contatto, l’approccio e il lavoro con cavalli non problematici, i custodi di cavalli CFP tengono
conto del comportamento naturale dell’animale. Collaborano al lavoro a terra e al lavoro alla corda,
svolgendo autonomamente, su indicazione, parte del lavoro. Montano cavalli a un livello semplice, sotto
sorveglianza, in maneggio e sullo sterrato e provvedono autonomamente alla corretta pulizia e cura
dell’equipaggiamento utilizzato per i cavalli.
NB: Gli obiettivi di valutazione del campo di competenze operative d si riferiscono a cavalli non problematici.
Questa situazione è considerata un presupposto, e non viene quindi ripetuta ogni volta.
Competenza operativa d1: Comunicare correttamente con il cavallo e trattarlo in modo sicuro
Nel rapportarsi al cavallo tengono conto del comportamento naturale dell’animale (per es. linguaggio del
corpo, istinti). Comunicano con il cavallo e si rapportano ad esso in modo corretto, rispettoso e sicuro.
Nr.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
d1.1
Descrivo i punti principali
dell’evoluzione del cavallo
(C2).
d1.2
Descrivo la biologia del comportamento del cavallo (per
es. assunzione del foraggio,
movimento, riproduzione,
modalità di riposo, linguaggio
del corpo) e il suo utilizzo per
un corretto rapporto con il
cavallo (C2).
Nel rapporto quotidiano con il
cavallo riconosco i segnali del
suo linguaggio corporeo (per
es. contentezza, paura, calma,
stress) e reagisco ad essi con
misure mirate (per es.
stimolare, tranquillizzare,
muovere, premiare) (C4).
d1.3
Descrivo il comportamento
del cavallo basato sull’istinto
gregale e di fuga, i pericoli
che ne derivano, e il comportamento della persona adeguato a tale pericolo (C2).
Nel rapporto con il cavallo
presto attenzione all’istinto
gregale e di fuga, e adatto il
mio comportamento ai possibili
pericoli (per es. posizione,
movimento) (C4).
d1.4
Elenco diverse razze equine,
descrivo le razze più
importanti e le associo ai
diversi impieghi (C2).
d1.5
Descrivo le particolari
modalità di comportamento
di stalloni, giumente e
puledri, i pericoli
nell’interazione con essi e
spiego le regole per
interagire in sicurezza (C2).
d1.6
Descrivo diversi metodi di
riproduzione (C2).
d1.7
Descrivo le particolari
esigenze di una giumenta
gravida e gli adeguamenti
necessari riguardo a detenzione, cura e alimentazione
(C2).
Curo e foraggio le giumente
gravide secondo le disposizioni
aziendali* (C3).
d1.8
Descrivo il comportamento
con cui la giumenta annuncia
il parto, i preparativi per il
parto e lo svolgimento del
parto (C2).
Riconosco il comportamento
della giumenta con i sintomi
del parto, e informo il
superiore* (C3).
Stato il 16.10.2013
Obiettivi di valutazione dei
corsi interaziendali
Nel rapportarmi a stalloni,
giumente e puledri faccio
attenzione alle loro particolari
modalità di comportamento e
applico le corrispondenti regole
per garantire la sicurezza*
(C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 26 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
d1.9
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Descrivo lo sviluppo, il
comportamento e le
esigenze del puledro dalla
nascita allo svezzamento e
le necessarie misure per la
cura (C2).
Curo e foraggio la giumenta
con puledro, e il puledro,
secondo le disposizioni
aziendali* (C3).
Obiettivi di valutazione dei
corsi interaziendali
*Obiettivi di valutazione da d1.5 a d1.9: Questi obiettivi vanno realizzati a seconda delle condizioni aziendali.
Competenza operativa d2: Condurre a mano e presentare il cavallo in modo sicuro
Conducono a mano con sicurezza il cavallo in situazioni conosciute e lo guidano correttamente per la
presentazione alla clientela o per la valutazione da parte del veterinario.
Nr.
d2.1
d2.2
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Descrivo gli specifici oggetti
dell’equipaggiamento e gli
strumenti ausiliari per
condurre e presentare il
cavallo in modo corretto e
sicuro (C2).
Descrivo la procedura per
condurre, accompagnare o
presentare in modo corretto
e sicuro un cavallo in diverse
situazioni (C2).
Equipaggio un cavallo per
condurlo in modo corretto e
sicuro in diverse situazioni
secondo le disposizioni
aziendali (C3).
Indico e descrivo le parti
anatomiche di un cavallo
sulla base di uno schizzo o di
un’immagine (C2).
Spiego le caratteristiche più
importanti per descrivere un
cavallo (per es. colori, segni
distintivi, sesso, razza) (C2).
Indicandole sul cavallo,
spiego ai clienti le varie parti
anatomiche dell’animale
(C3).
Descrivo i cavalli in azienda
sulla base delle
caratteristiche fondamentali
(per es. colori, segni
distintivi) (C3).
Conduco un cavallo in
diverse situazioni (per es. al
pascolo, dal maniscalco, per
presentazioni, per
ippoterapia) in modo corretto
e sicuro (C3).
d2.3
d2.4
d2.5
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Dietro istruzione, conduco a
mano un cavallo
presentandolo correttamente
anche al trotto nel modo più
semplice lungo una linea
retta (C3).
Dietro istruzione, conduco un
cavallo in modo corretto e
sicuro in diverse situazioni
d’impiego (C3).
Dietro istruzione, spiego le
parti anatomiche di un
cavallo (C3).
Dietro istruzione, descrivo un
cavallo sulla base delle
caratteristiche fondamentali
(per es. colori, segni
distintivi) (C3).
Competenza operativa d3: Partecipare al lavoro a terra e alla corda
Partecipano al lavoro a terra e al lavoro alla corda, ed eseguono con il cavallo, secondo le indicazioni,
la sequenza di riscaldamento, sfogo e lavoro.
Nr.
d3.1
d3.2
d3.3
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Descrivo le basi del lavoro a
terra e cito esempi di metodi
di lavoro a terra (C2).
Descrivo una forma del lavoro a terra, ne chiarisco lo
svolgimento, l’equipaggiamento adatto e i mezzi
ausiliari specifici (C2).
Descrivo l’effetto della mia
postura sul comportamento
del cavallo, ed elenco
esempi dell’uso mirato del
linguaggio del corpo nel
Stato il 16.10.2013
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Equipaggio il cavallo,
secondo le disposizioni, per
l’impiego nel lavoro a terra
(C3).
Con la mia postura agisco
miratamente sul
comportamento del cavallo
(C3).
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Dietro istruzione, con la mia
postura agisco miratamente,
sul comportamento del
cavallo (C3).
Pagina 27 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
d3.4
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
lavoro a terra (C2).
Descrivo il classico lavoro
alla corda*, gli oggetti di
equipaggiamento preposti, gli
strumenti ausiliari e gli aiuti
adatti al lavoro alla corda
(C2).
Preparo l’equipaggiamento e
gli strumenti ausiliari, ed
equipaggio il cavallo secondo
le disposizioni per il lavoro
alla corda (C3).
Dietro istruzione, equipaggio
un cavallo per il lavoro alla
corda classico (C3).
Secondo le disposizioni
eseguo con il cavallo parti
della fase di riscaldamento e
sfogo del lavoro alla corda
(C3).
Dietro istruzione, eseguo con
il cavallo parti della fase di
riscaldamento e sfogo del
lavoro alla corda (C3).
d3.5
*Obiettivo di valutazione d3.2: Questo obiettivo va realizzato a seconda delle condizioni aziendali.
Competenza operativa d4: Montare il cavallo
Montano il cavallo come occupazione, compensazione al lavoro o rilassamento, in maneggio o sullo
sterrato.
Nr.
d4.1
d4.2
d4.3
d4.4
d4.5
d4.6
d4.7
d4.8
d4.9
d4.10
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Descrivo le andature di base
specifiche per le varie razze
(C2).
Descrivo le disposizioni in
materia di corretto
equipaggiamento e
abbigliamento da
equitazione, adatti allo stile di
monta praticato (C2).
Descrivo l’equipaggiamento
per i diversi stili di monta
(brigliera, sella, strumenti
ausiliari, protezione) (C2).
Descrivo come sellare e
imbrigliare correttamente il
cavallo, e i criteri per i
controlli (C2).
Riconosco e caratterizzo, in
base ai cavalli condotti, le
andature di base (C3).
Per la monta mi equipaggio
in modo completo (per es.
abiti, strumenti ausiliari,
protezione), adeguatamente
allo stile di monta della mia
azienda (C3).
Preparo l’equipaggiamento
per la monta del cavallo, gli
strumenti ausiliari e protettivi
corrispondenti (C3).
Equipaggio il cavallo per la
monta nel relativo stile,
controllo la corretta sellatura
e imbrigliatura e, se
necessario, le correggo
prima di montare in sella
(C3).
Mi preparo alla monta nel
corrispondente stile di monta
(C3).
Descrivo il modo corretto di
montare in sella, stringere il
sottopancia e regolare le
staffe (direttive, svolgimento)
(C2).
Descrivo la posizione di base
attraverso le sua
caratteristiche principali (C2).
Descrivo gli aiuti primari e
secondari (C2).
Disegno e spiego le figure di
maneggio (C2).
Descrivo le regole del
maneggio (C2).
Descrivo i principi base e le
Stato il 16.10.2013
Monto il cavallo
correttamente in posizione
base (C3).
Controllo il mio cavallo nelle
tre andature di base, eseguo
sotto supervisione le figure di
maneggio sia singolarmente
che in gruppo (C3).
Applico le regole del
maneggio (C3).
Durante le uscite a cavallo
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Dietro istruzione, mi preparo
alla monta equipaggiandomi
in modo completo e
appropriato allo stile di monta
(C3).
Dietro istruzione, equipaggio
il cavallo per la monta
classica, controllo la corretta
sellatura e imbrigliatura e, se
necessario, le correggo
prima di montare in sella
(C3).
Dietro istruzione, mi preparo
alla monta classica (montare
in sella, stringere il
sottopancia e regolare le
staffe) (C3).
Dietro istruzione, monto il
cavallo correttamente in
posizione base (C3).
Dietro istruzione, controllo il
mio cavallo nelle tre andature
di base, eseguo le figure di
maneggio sia singolarmente
che in gruppo (C3).
Dietro istruzione, applico le
regole del maneggio (C3).
Pagina 28 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Nr.
d4.11
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
norme di circolazione
stradale, comportamento e
sicurezza per le uscite a
cavallo (C2).
Descrivo le cattive abitudini
del cavallo durante la monta,
e le possibili cause (C2).
applico le norme di
comportamento, circolazione
stradale e di sicurezza (C3).
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Competenza operativa d5: Preparare il cavallo per il trasporto
Preparano correttamente il cavallo per il trasporto seguendo le indicazioni e, sotto supervisione, lo
caricano su un mezzo di trasporto in modo sicuro e corretto.
Nr.
d5.1
d5.2
d5.3
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Descrivo gli oggetti di
equipaggiamento, gli
strumenti ausiliari e protettivi
adeguati per il trasporto del
cavallo (C2).
Descrivo i requisiti del mezzo
di trasporto per un trasporto
corretto e sicuro del cavallo
(C2).
Secondo le disposizioni
equipaggio in modo completo
un cavallo per il trasporto
(C3).
Dietro istruzione, equipaggio
in modo completo un cavallo
per il trasporto (C3).
Preparo il trailer secondo le
disposizioni (per es.
materiale per lettiera,
foraggio) e carico il materiale
necessario (C3).
Sotto supervisione carico un
cavallo in modo sicuro e
consono alle sue esigenze
(C3).
Dopo l’impiego pulisco il
trailer autonomamente, e
smaltisco il letame (C3)
Dietro istruzione, preparo il
trailer (C3).
Descrivo la procedura e le
necessarie precauzioni per
caricare il cavallo in
sicurezza (C2).
d5.4
Dietro istruzione, carico un
cavallo in modo sicuro e
consono alle sue esigenze
(C3).
Competenza operativa d6: Curare l’equipaggiamento del cavallo
Si occupano della pulizia e della corretta cura dell’equipaggiamento del cavallo (per es. sella, accessori
per la monta, equipaggiamento per il lavoro alla corda, materiali di protezione) secondo le disposizioni
aziendali, e segnalano al superiore eventuali difetti.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
d6.1
Descrivo l’importanza di
oggetti di equipaggiamento
intatti e i criteri per giudicarne
le condizioni (C2).
Prima e dopo ogni impiego,
così come al momento della
cura e della pulizia, valuto lo
stato degli oggetti
dell’equipaggiamento e
informo il superiore di
eventuali difetti (C3).
d6.2
Descrivo l’importanza della
regolare pulizia e cura, e del
corretto stoccaggio degli
oggetti dell’equipaggiamento
(C2).
Mi occupo della pulizia e
manutenzione degli oggetti
dell’equipaggiamento con
regolarità e sistematicità e li
conservo secondo le
disposizioni aziendali (C3).
Dietro istruzione, prima e
dopo ogni impiego, così
come al momento della cura
e della pulizia, valuto lo stato
degli oggetti
dell’equipaggiamento e
informo dei difetti rilevati la
persona responsabile (C3).
Dietro istruzione, mi occupo
della pulizia e manutenzione
degli oggetti
dell’equipaggiamento, e li
ripongo secondo le
disposizioni (C3).
Nr.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 29 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Campo di competenze operative e: Rapporto con i collaboratori e con la clientela
I custodi di cavalli CFP svolgono autonomamente i compiti previsti nel loro ambito di competenza, e
concorrono al raggiungimento degli obiettivi di gruppo. Comunicano in maniera aperta con i superiori, i
collaboratori nonché con la clientela e con il loro comportamento leale e professionale contribuiscono a
trasmettere un’immagine positiva dell’azienda.
Competenza operativa e1: Comunicare apertamente nel contesto lavorativo
Nel rapporto con i superiori, i collaboratori e la clientela osservano le regole del dialogo e le regole di
comportamento aziendali. Riconoscono i conflitti e le situazioni critiche e contribuiscono a superarle.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
e1.1
Descrivo le principali regole
del dialogo per la
comunicazione con i
superiori, la clientela, e
all’interno del team (per es.
la propria opinione, messaggi
in prima persona, ascolto
attivo, separazione della
questione dalla persona,
feedback, ulteriori richieste di
spiegazioni) (C2).
Comunico in modo aperto e
rispettoso nelle attività
quotidiane, mi attengo alle
regole del dialogo e
contribuisco così a una
comprensione aperta e
univoca. Rifletto il mio
comportamento di
comunicazione (C4).
e1.2
Descrivo gli elementi di base
e il processo di comunicazione (per es. percezione,
emittente-ricevente,
messaggio), le caratteristiche
della comunicazione verbale
e non verbale e l’importanza
di queste per una buona
comprensione (C2).
Riconosco i miei segnali non
verbali, li utilizzo in modo
consapevole o li integro
verbalmente. Riconosco i
messaggi non verbali degli
interlocutori e pongo
domande mirate per evitare i
malintesi (C4).
e1.3
Descrivo degli esempi di
regole di comportamento e di
forme di rapporto e la loro
importanza per il clima di
lavoro e aziendale (C2).
Nelle attività quotidiane mi
attengo alle regole di
comportamento (per es.
discrezione, riservatezza,
lealtà, rispetto) e alle buone
maniere secondo le
disposizioni aziendali (C3).
e1.4
Descrivo le più importanti
caratteristiche di un conflitto
e dei provvedimenti
preventivi per evitare i
conflitti Cito persone o luoghi
a cui posso rivolgermi in
caso di situazioni critiche
(C2).
In situazioni conflittuali e in
divergenze di opinione mi
comporto in modo tranquillo,
discuto in modo concreto,
accetto le opinioni altrui e
presento delle proposte
costruttive per trovare una
soluzione (C5).
Nr.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Pagina 30 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Competenza operativa e2: Assistere i clienti
Nelle attività quotidiane rispondono direttamente alle domande dei clienti relative alla loro sfera di
competenza, e indirizzano la clientela al referente incaricato per domande, richieste e reclami che
esulino dalle loro competenze.
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
e2.1
Descrivo i fondamenti
dell'orientamento al cliente e
la loro importanza per il
successo dell'azienda (C2).
Ricevo i clienti in modo
cordiale, mi informo sulle loro
richieste o desideri e fornisco
loro le informazioni richieste
o li indirizzo al mio superiore
(C3).
e2.2
Descrivo l'azienda, i servizi
prestati, gli obiettivi e valori
presenti nelle linee guida,
l'organizzazione e le attività
principali (C2).
Nr.
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Competenza operativa e3 Promuovere attivamente l’immagine dell’azienda
Si identificano con l'azienda, rappresentano in modo convincente le disposizioni delle linee guida
aziendali in presenza di terzi, oltre a contribuire a ciò curando consapevolmente il proprio aspetto (per
es. abbigliamento, equipaggiamento).
Obiettivi di valutazione della
scuola professionale
Obiettivi di valutazione
dell’azienda
e3.1
Descrivo l’importanza
dell'immagine di un'azienda e
i fattori che influiscono su di
essa (C2).
Nelle attività quotidiane
riconosco i fattori che
compromettono l'immagine
dell'azienda e li segnalo al
mio superiore (C3).
e3.2
Spiego la possibilità che ho
io, in qualità di collaboratore,
di contribuire a un'immagine
positiva dell'azienda (C2).
Nelle attività quotidiane mi
comporto in modo impeccabile (per es. rapporto con i
cavalli, ordine, sicurezza), mi
propongo in modo cordiale e
professionale a persone
terze e curo il mio aspetto
(abbigliamento, pulizia) (C3).
e3.3
Descrivo come gestire le
richieste dei clienti e i
reclami, e la loro importanza
per l’assicurazione della
qualità (C2).
Prendo in carico i desideri
dei clienti e i reclami in modo
comprensivo e oggettivo, e li
trasmetto al mio superiore,
affinché lui possa elaborarli
(C3).
Nr.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Obiettivi di valutazione dei corsi
interaziendali
Pagina 31 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 32 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Approvazione ed entrata in vigore
Il presente piano di formazione entra in vigore il 1° gennaio 2013
Lucerna, 31 ottobre 2013
Associazione Mestieri legati al cavallo Svizzera
Il/la Presidente
Il/la Vice-Presidente
sig. Patrick Rüegg
sig. Derek Frank
Patrick Rüegg
Derek Frank
Il presente piano di formazione viene approvato dalla Segreteria di Stato per la formazione, la
ricerca e l’innovazione SEFRI ai sensi dell’articolo 8 capoverso 1 dell’ordinanza della SEFRI del
4 novembre 2013 sulla formazione professionale di base per Custode di cavalli con certificato
federale di formazione pratica (CFP).
Berna, 4 novembre 2013
Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione SEFRI
Capodivisione Formazione professionale di base e superiore
sig. Jean-Pascal Lüthi
Jean-Pascal Lüthi
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 33 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 34 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Allegati
Allegato 1: Elenco degli strumenti per promuovere la qualità della
formazione professionale di base
Documento
1.
Fonte di riferimento
Ordinanza della SEFRI sulla formazione
professionale di base del/della Custode di cavalli
CFP del 4 novembre 2013
Versione elettronica
Ufficio federale della formazione professionale e della
tecnologia
(www.bbt.admin.ch/bvz/berufe)
Versione cartacea
Ufficio federale delle costruzioni e della logistica
(www.bundespublikationen.admin.ch)
2.
Piano di formazione per l'ordinanza della SEFRI
sulla formazione professionale di base del/della
Custode di cavalli del 4 novembre 2013.
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
3.
Documentazione dell’apprendimento
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
4.
Rapporto di formazione (edizione indipendente
dalla professione)
Rapporto di formazione semestrale Mestieri legati
al cavallo
5.
[Modello SDBB|CSFO, [email protected]/www.sdbb.ch/
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
Disposizioni esecutive per la procedura di
qualificazione (incl. il foglio delle note ed evt.
certificazioni delle competenze dell’azienda di
tirocinio/CI)
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
6.
Piano di formazione aziendale
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
7.
Programma d’insegnamento standard per la
scuola professionale
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
8.
Programmi standard per i corsi interaziendali
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
9.
Documentazione della formazione di base in
azienda
Modello SDBB|CSFO, [email protected]/
www.sdbb.ch>Produkte>Berufsbildung
10. Dotazione minima dell’infrastruttura per le aziende
di tirocinio nei mestieri legati al cavallo
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
11. Regolamento della Commissione per lo sviluppo
professionale e la qualità Mestieri legati al cavallo
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
12. Regolamento dei corsi interaziendali
oml Mestieri legati al cavallo: www.pferdeberufe.ch
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 35 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Allegato 2: Glossario
(*vedi Lessico della formazione professionale (2011), terza edizione riveduta, edizioni CSFO, Berna, www.lex.berufsbildung.ch)
Azienda di tirocinio*
Nel sistema duale della formazione professionale, l’azienda formatrice è un’azienda di produzione o di servizi
in cui avviene la formazione pratica professionale. A tale scopo le aziende devono disporre di
un’autorizzazione a formare rilasciata dall’autorità cantonale competente.
Campi di qualificazione*
Nell’ordinanza sulla formazione professionale di base si distinguono tre campi di qualificazione: lavoro
pratico, conoscenze professionali e cultura generale.

Lavoro pratico: Esistono due tipi di lavoro pratico: il lavoro pratico individuale (LPI) e il lavoro
pratico prestabilito (LPP).

Conoscenze professionali: L’esame delle conoscenze professionali è la parte teorica/scolastica
dell’esame finale. La persona in formazione deve presentarsi a un esame scritto o a un esame
scritto e orale. In casi motivati l’insegnamento e l’esame della cultura generale possono essere
integrati in quelli delle conoscenze professionali.

Cultura generale: Si basa sull’ordinanza della SEFRI del 27 aprile 2006 sulle prescrizioni minime
in materia di cultura generale nella formazione professionale di base.
Campo di competenze operative
I comportamenti professionali, ovvero quelle attività che richiedono competenze simili o che appartengono a
un processo lavorativo simile, vengono raggruppati in campi di competenze operative.
Commissione per lo sviluppo professionale e la qualità
Ogni ordinanza sulla formazione professionale di base definisce nella sezione 10 una Commissione svizzera
per lo sviluppo professionale e la qualità per la rispettiva professione o il rispettivo campo professionale.
La Commissione per lo sviluppo professionale e la qualità è un organo strategico composto dai partner con
funzione di vigilanza, nonché un organismo orientato verso il futuro teso a garantire la qualità ai sensi
dell’articolo 8 LFPr2.
Competenze operative
La competenza operativa si esplica nella capacità di riuscire a gestire una situazione professionale concreta.
Per farlo un professionista competente applica autonomamente una combinazione specifica di conoscenze,
abilità e comportamenti. Durante la formazione le persone in formazione acquisiscono la necessaria
competenza professionale, metodologica, sociale e personale relativa a ogni competenza operativa.
Corsi interaziendali (CI)*
I corsi interaziendali servono a trasmettere e a fare acquisire capacità pratiche fondamentali. Essi
completano la pratica professionale e la formazione scolastica.
Documentazione dell’apprendimento*
La documentazione dell’apprendimento è uno strumento che promuove la qualità della formazione
professionale pratica. La persona in formazione aggiorna autonomamente la propria documentazione
menzionando i principali lavori e le competenze operative da acquisire. Grazie alla documentazione, il
formatore può vedere i progressi nella formazione e l’impegno personale dimostrato dalla persona in
formazione.
Insegnamento delle conoscenze professionali
Con l’insegnamento delle conoscenze professionali nella scuola professionale la persona in formazione
acquisisce alcune qualifiche specifiche. Obiettivi ed esigenze sono stabiliti nel piano di formazione. Le 4 note
2
SR 412.10
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 36 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
semestrali relative all’insegnamento professionale confluiscono, sotto forma di nota relativa all’insegnamento
professionale o di nota dei luoghi di formazione, nel calcolo della nota complessiva della procedura di
qualificazione.
Lavoro pratico prestabilito (LPP)*
Il lavoro pratico prestabilito è l’alternativa al lavoro pratico individuale e viene controllato dai periti d’esame
durante tutto lo svolgimento del lavoro. Per tutte le persone in formazione valgono le opzioni d’esame e la
durata d’esame prevista dal piano di formazione.
Luoghi di formazione*
Il punto di forza della formazione professionale duale sta nella sua stretta relazione con il mondo del lavoro,
che si riflette nei tre luoghi di formazione che impartiscono la formazione professionale di base: l’azienda di
tirocinio, la scuola professionale e i corsi interaziendali.
Obiettivi di valutazione
Gli obiettivi di valutazione concretizzano la competenza operativa e tengono conto delle esigenze attuali
legate agli sviluppi economici e sociali. Gli obiettivi di valutazione sono armonizzati tra loro per favorire la
cooperazione tra i luoghi di formazione. Solitamente aziende di tirocinio, scuole professionali e corsi
interaziendali hanno obiettivi diversi, la cui formulazione può però essere identica, ad esempio per quanto
concerne la sicurezza sul lavoro, la protezione della salute o le attività manuali.
Obiettivi ed esigenze della formazione professionale di base
Gli obiettivi e le esigenze della formazione professionale di base sono stabiliti nell’ofor e nel piano di
formazione. All’interno di quest’ultimo sono articolati in campi di competenze operative, competenze
operative e obiettivi di valutazione per i tre luoghi di formazione (azienda di tirocinio, scuola professionale e
corsi interaziendali).
Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base (ordinanza in materia di formazione;
ofor)
Ogni ofor disciplina nel dettaglio i seguenti aspetti: contenuto e durata della formazione professionale di
base, obiettivi ed esigenze della formazione professionale pratica e della formazione scolastica, ampiezza
dei contenuti della formazione e loro ripartizione tra i luoghi di formazione, procedure di qualificazione,
attestazioni e titoli. Normalmente, l’oml chiede alla SEFRI di emanare un’ofor e la redige congiuntamente
con i Cantoni e la Confederazione. L’entrata in vigore di un’ofor è stabilita d’intesa fra i partner, mentre
l’emanazione spetta alla SEFRI.
Organizzazione del mondo del lavoro (oml)*
L’espressione collettiva “organizzazioni del mondo del lavoro” può indicare le parti sociali, le associazioni
professionali e le altre organizzazioni competenti, nonché gli operatori della formazione professionale. L’oml
competente per una data professione definisce i contenuti della formazione nel piano di formazione,
organizza la formazione professionale di base e istituisce l’organo responsabile dei corsi interaziendali.
Partenariato*
La formazione professionale è compito comune di Confederazione, Cantoni e organizzazioni del mondo del
lavoro. I tre partner uniscono i loro sforzi per garantire una formazione professionale di qualità e un numero
sufficiente di posti di tirocinio.
Persona in formazione*
È considerata persona in formazione chi ha concluso le scuole dell’obbligo e ha stipulato un contratto di
tirocinio per apprendere una professione secondo le disposizioni dell’ordinanza sulla formazione
professionale di base.
Piano di formazione
Il piano di formazione integra l’ordinanza sulla formazione professionale di base e contiene, oltre ai
fondamenti pedagogico-professionali, il profilo di qualificazione, le competenze operative raggruppate nei
relativi campi e gli obiettivi di valutazione suddivisi per luogo di formazione. Il contenuto del piano di
formazione è di responsabilità dell’oml nazionale. Il piano di formazione viene emanato dall’oml e approvato
dalla SEFRI.
Procedure di qualificazione (PQ)*
L’espressione “procedura di qualificazione” è utilizzata per designare tutte le procedure che permettono di
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 37 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
stabilire se una persona possiede le competenze definite nella rispettiva ordinanza sulla formazione
professionale di base.
Profilo di qualificazione
Il profilo di qualificazione descrive le competenze operative che una persona in formazione deve possedere
alla fine della formazione. Il profilo di qualificazione viene redatto in base al profilo delle attività e funge da
base per l’elaborazione del piano di formazione.
Quadro europeo delle qualifiche (QEQ)
Il Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (QEQ) punta a rendere comparabili a
livello europeo le qualifiche e le competenze professionali. Al fine di mettere in relazione le diverse qualifiche
nazionali con il QEQ e di confrontarle con quelle di altri Stati europei, ogni paese sviluppa un proprio Quadro
nazionale delle qualifiche (QNQ).
Quadro nazionale svizzero delle qualifiche (QNQ-CH)
Il Quadro nazionale svizzero delle qualifiche (QNQ-CH) funge, a livello nazionale, da quadro di orientamento,
e, a livello internazionale, da strumento per il posizionamento del sistema svizzero della formazione
professionale. Al fine di rendere più trasparente e meglio comparabile il sistema svizzero della formazione
professionale (in relazione con il QEQ), il QNQ-CH è orientato alle competenze acquisite da una persona
che ha conseguito un determinato titolo.
Rapporto di formazione*
Con il rapporto di formazione si documenta la verifica periodica dell’apprendimento svolto in azienda. Il
rapporto viene compilato durante un colloquio che avviene tra formatore e persona in formazione.
Responsabili della formazione professionale*
Con il termine “responsabili della formazione professionale“ si intendono tutti gli specialisti che durante la
formazione professionale di base impartiscono alle persone in formazione una parte della formazione pratica
o scolastica: formatori attivi nelle aziende formatrici, formatori attivi nei corsi interaziendali, docenti per la
formazione scolastica, periti d’esame.
Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI)
In collaborazione con i partner (oml, cantoni) la SEFRI ha il compito di assicurare la qualità e il costante
sviluppo del sistema della formazione professionale. Essa provvede inoltre alla comparabilità e alla
trasparenza delle offerte formative in tutta la Svizzera.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 38 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
Allegato 3: Approfondimenti sulle competenze operative
Le dimensioni delle competenze operative includono elementi specifici della professione, tra cui:
1. Competenze professionali
Le competenze professionali comprendono:
 La conoscenza di espressioni specialistiche (linguaggio tecnico), standard (di qualità), elementi,
sistemi e della loro importanza nelle situazioni di lavoro
 La conoscenza di metodi, procedimenti, strumenti di lavoro e materiali specifici e del loro utilizzo
appropriato
 La conoscenza di rischi e pericoli e delle relative misure precauzionali, preventive e di protezione,
nonché la consapevolezza delle responsabilità connesse
2. Competenze metodologiche
Le competenze metodologiche permettono ai custodi di cavalli una modalità di lavoro ordinata e pianificata,
un impiego ragionato degli strumenti ausiliari e l’elaborazione di una soluzione mirata dei problemi.
2.1 Tecniche di lavoro
Tecniche di lavoro adatte aiutano ad assolvere compiti professionali e personali in modo ottimale. I custodi
di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) programmano le proprie attività e mansioni, e
utilizzano metodi e strumenti appropriati, per i seguenti obiettivi: mantenere l’ordine, suddividere i tempi
lavorativi, rispettare le procedure e garantire la sicurezza sul lavoro. Lavorano in modo mirato ed efficiente,
rispettano le fasi di lavoro previste, controllano i progressi del loro lavoro e ne valutano sistematicamente i
risultati.
2.2 Approccio reticolare, orientato ai processi, a livello teorico e operativo
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) considerano il proprio lavoro una
parte del servizio generale. Supportano lo svolgimento delle procedure e sono consapevoli dell’importanza
del proprio lavoro e della sua ripercussione sui collaboratori, sull’ambiente e sul benessere dei cavalli loro
affidati.
2.3 Strategie d’informazione e di comunicazione
In un’azienda di servizi nel settore dei cavalli, il flusso delle informazioni ha grande importanza, e ne
acquisisce sempre di più. I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) sono
consapevoli di questa situazione e si attengono ai percorsi informativi stabiliti dall’azienda, contribuendo a
garantire il flusso di informazioni nell’interesse dell’azienda. Si procurano informazioni in modo autonomo
utilizzandole nell’interesse dell’azienda e dell’apprendimento personale.
2.4 Strategie di apprendimento
Il cavallo e la clientela sono al centro del settore dell’equitazione. Le esigenze della clientela e le forme di
detenzione dei cavalli e degli stili di monta sono soggette a una continua evoluzione, e richiedono flessibilità
e capacità di adattamento. I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) sono
costantemente proiettati verso l’apprendimento di nuove conoscenze e tecniche di lavoro. Agiscono con
strategie di apprendimento che li aiutano nel loro successo. Riflettono sul proprio metodo di apprendimento
e lo adattano, a seconda delle situazioni, ai diversi compiti e ai problemi da risolvere.
2.5 Tecniche di presentazione
Il successo di un’azienda dipende fondamentalmente dal modo e dalla maniera con la quale prodotti e
servizi sono proposti ai clienti. I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP)
conoscono e padroneggiano tecniche e mezzi di presentazione di base, utilizzandoli in maniera mirata in
funzione della situazione.
2.6 Comportamento ecologico
I centri ippici sono soggetti a molteplici disposizioni ecologiche. I custodi di cavalli con certificato federale
di formazione pratica (CFP) sono consapevoli della limitata disponibilità delle risorse naturali, e con il loro
comportamento contribuiscono dinamicamente alla protezione della natura e dell’ambiente. Utilizzano con
parsimonia materie prime, acqua ed energia, e smaltiscono i rifiuti secondo le disposizioni aziendali.
2.7 Comportamento economico e appropriato all’azienda
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 39 / 40
Piano di formazione per l’ordinanza sulla formazione professionale di base del/della Custode di cavalli CFP
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) rispettano le linee guida valide nella
loro azienda. Sono consapevoli del fatto che, con la loro presenza, rappresentano l’azienda anche verso
l’esterno, in particolare di fronte alla clientela.
Un modo di operare che tenga in considerazione l’economia è la base del successo aziendale. I custodi di
cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) sono consapevoli del costo di materie prime,
materiali, strumenti, impianti e attrezzature, e agiscono di conseguenza; eseguono i compiti loro assegnati
con efficienza e sicurezza.
3. Competenze sociali
Grazie alle competenze sociali i custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) sono
in grado di creare relazioni interpersonali e gestire con sicurezza le sfide relative alla comunicazione e al
lavoro in team.
3.1 Modalità di comportamento e capacità comunicativa
Durante la loro attività i custodi di cavalli gestiscono numerosi contatti con altre persone. Conoscono le
buone maniere e si comportano in modo corretto e gentile anche nelle situazioni critiche. Sono pronti al
dialogo con i collaboratori e con la clientela. Conoscono e comprendono le regole della comunicazione,
così come l’importanza della discrezione, utilizzando sia le prime che la seconda.
3.2 Collaborazione e capacità di lavorare in gruppo
I compiti professionali e personali vengono spesso svolti in un gruppo. I custodi di cavalli sono in grado di
lavorare in un team, rispettano le regole stabilite e, in caso di opinioni divergenti, sono pronti a riconoscere
la validità anche delle altre posizioni. Sono puntuali, corretti, affidabili e disponibili.
3.3 Capacità di gestire i conflitti
Nel lavoro quotidiano in azienda, dove si incontrano tante persone con opinioni e mentalità differenti,
possono insorgere situazioni di conflitto. I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica
(CFP) riconoscono tali situazioni e reagiscono con calma e ponderazione. Partecipano alla discussione,
accettano altri punti di vista, rispettano la personalità degli interlocutori, discutono in maniera obiettiva e
cercano soluzioni costruttive.
3.4 Pensiero e azione orientati al cliente
Nelle aziende di servizi la soddisfazione delle esigenze e dei desideri specifici della clientela è in primo
piano. I custodi di cavalli danno un ruolo primario agli interessi della clientela e contribuiscono, nell’ambito
delle proprie possibilità e secondo le disposizioni aziendali, alla soddisfazione dei clienti.
4. Competenze personali
I custodi di cavalli con certificato federale di formazione pratica (CFP) rafforzano la propria personalità, e
sono pronti a lavorare al proprio sviluppo.
4.1 Autonomia e senso di responsabilità
All’interno del centro ippico i custodi di cavalli sono corresponsabili delle procedure aziendali. Agiscono in
modo consapevole e sono pronti a svolgere responsabilmente i compiti loro affidati.
4.2 Resistenza
Lo svolgimento delle varie mansioni è collegato a fatiche fisiche. I custodi di cavalli sono fisicamente
resistenti e mentalmente equilibrati. Anche in situazioni critiche mantengono la calma e affrontano i lavori
loro assegnati in modo mirato e ragionato.
Stato il 16.10.2013
20131016_i_BiPla_Pferdewartin-EBA
Pagina 40 / 40
Fly UP