...

Casa venduta all`asta "Non andrò via, qui vive mio figlio di 4 anni"

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Casa venduta all`asta "Non andrò via, qui vive mio figlio di 4 anni"
Casa venduta all'asta "Non andrò via, qui vive mio
figlio di 4 anni"
quotidianodiragusa.it /2015/03/19/attualita/casa-venduta-all-asta-non-andro-via-qui-vive-mio-figliodi-4-anni/14471
Attualità | Vittoria
Anna Anselmi | 19/03/2015 - 00:50
Appello agli inquirenti per poter ricomprare la sua casa
venduta all’asta. Gianfranco Carbonaro, cake designer
vittoriese, celebre creatore di torte per eventi ed
avvenimenti particolari, lancia un appello a colui che
ha comprato la sua casa. La sua casa è stata venduta
all’asta a fine anno, lui, da quel momento, non è più il
proprietario. Da qui a breve, dovrebbe lasciare la casa
realizzata con tante fatiche e lasciarla in proprietà ed
in uso al suo nuovo proprietario, a colui che l’ha
acquistato per appena 43.000 euro. “La mia casa era
stata valutata 183.000 euro – spiega – e
probabilmente si tratta di una cifra per difetto. Per
realizzarla avevo contratto un mutuo di 150.000 euro, nove anni fa. Erano altri tempi, momenti
positivi per chi, come me e la mia famiglia, svolge un’attività. Oggi gli introiti si sono contratti.
Non ce la feci a pagare il mutuo ed ho contratto un prestito. Alla fine, non riuscendo ad
onorarlo, la mia casa è stata venduta all’asta. Per un debito di 35.000 euro, cui però si sono poi
aggiunti altri creditori. Ma io non lascerò mai casa mia. Chiedo a chi l’ha comprata un gesto di
giustizia e di pietà. In questa casa abito con mia moglie ed un bimbo di 4 anni. Lasci la casa a
chi, vicino a me, è disposto a ricomprarla per permettermi di continuare a viverci. Rifonderanno
quanto è già stata pagato e le spese aggiuntive”.
Della vicenda di Gianfranco Carbonaro si sono occupati gli esponenti del movimento dei
Forconi, da tempo impegnati nella battaglia per cercare di arginare il fenomeno delle aste
giudiziarie, che permettono la svendita, per pochi spiccioli, di immobili e beni di proprietà delle
famiglie. Su questo tema, l'Assemblea regionale siciliana ha già approvato un disegno di legge
voto, proposto da Vanessa Ferreri, del Movimento Cinquestelle, per l'impignorabilità della prima
casa. La legge votata a Palermo si trova ora all'esame del Parlamento nazionale.
Fly UP