...

Ha vinto “mille foglie” - Il nuovo corriere della Sila

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Ha vinto “mille foglie” - Il nuovo corriere della Sila
nuovo
ILCORRIERE DELLA SILA
Il Giornale dei Sangiovannesi
Direzione, Redazione, Amministrazione
V.le della Repubblica, 427 - San Giovanni in Fiore (Cs)
Anno XX (nuova serie) n° 11 - 5 Novembre dell’anno 2010
Spedizione in A.P. - 45% - Art. 2 - comma 20/B - Legge 662/96 - Aut. DCO/DC-CS n° 112/2003 - valida dall’11-3-2003
Vi contribuiscono 410 unità lavorative appartenenti a Sial e Cooperative
Città pulita!
Ora bisogna pulire anche i fiumi che sono colmi di buste di plastica, pneumatici di gomma e altre schifezze
Finalmente la città è pulita! Le erbacce che per anni
hanno invaso le strade sono state estirpate, mentre
i cumuli di calcinacci sono stati quasi tutti rimossi.
Ora bisogna fare un discorso con i cittadini che non
possono deturpare l’ambiente, né tantomeno possono
L’editoriale
Il Pil vendica il Sud
Le statistiche sul Pil vendicano le regioni del Sud e del
Centro Italia e mortificano quelle Settentrionali. Almeno
apparentemente. Nei giorni scorsi l’Istat ha certificato
che la crisi economica ha colpito maggiormente
l’industria e in particolare il Nord Italia. E fin qui nulla
di nuovo. Secondo l’Istituto di statistica, a fronte di un
calo medio del Pil italiano nel 2009 del 5%, il NordOvest segna un arretramento del 6%, mentre il Nord-Est
perde il 5,6 per cento. Resiste, nonostante gli insulti
di Bossi, il Centro, grazie non tanto a “Roma ladrona”,
quanto alla maggiore concentrazione di attività nel
settore dei servizi. E il Mezzogiorno, una volta tanto,
ha di che gioire visto che la contrazione del prodotto
interno lordo nelle regioni meridionali è stata “solo” del
4,3 per cento. Peccato, però, che nel Sud di fabbriche
ce ne siano poche, anzi pochissime e che nonostante
la tenuta del Pil rispetto al Nord, la spesa delle famiglie
sia diminuita del 2,8% (- 1,9% il dato nazionale) con
un vero e proprio crollo in Calabria (- 4,1%). Insomma,
una mera soddisfazione statistica…
abbandonare nottetempo materiali ingombranti negli
angoli più nascosti del centro urbano o nelle zone
periferiche del paese. Chi viene colto con le mani nel
sacco (della spazzatura!) deve pur pagare la penale.
Il populismo porta verso l’anarchia e la civiltà non
appartiene agli anarchici.
Altra cosa importante da regolamentare con urgenza
sono gli interventi (allacci di qualsiasi tipo) da
parte dei privati o imprese che operano sulle strade
pubbliche. Senza il nulla-osta dell’Ufficio tecnico negli
altri comuni non si sposta neppure una pietra.
Infine, un occhio d’attenzione alla discarica del
Vetrano: c’è il rischio di tornare a riempirla della
spazzatura di Napoli. La qualcosa non è di gradimento
dei cittadini, né porta bene all’ambiente, che potrebbe
risentirne per secoli.
Convegno sullo sviluppo
a pag. 4
In 400 a pulire il Paese
a pag. 2
Giornalismo al femminile
a pag. 9
e, ancora...
Occhi aperti sull'ospedale
La patata silana è già IGP
a pag. 7
a pag. 5
a pag. 6
Le proposte di Assopec
Ha vinto “mille foglie”
Premiata
per la ricerca
scientifica
a pag. 8
a pag. 7
Junture una strada impraticabile
a pag. 6
Il pane di Parmella
a pag.
8
Nubifragio in città
a pag. 5
Partono i progetti regionali che danno lavoro a 410 disoccupati
Utilizzati in lavori di pubblica utilità
AGLI AMICI
DI TOTO’ ACRI
Pur continuando a percepire un sussidio minimo,
hanno trovato un lavoro da svolgere
di Mario Morrone
Soddisfatto il sindaco Antonio
Barile per essere riuscito ad
avviare concretamente al
lavoro i 410 disoccupati di
Sial e Cooperative, che da
cinque anni percepivano dalla
Regione un sussidio di 480
euro mensili, senza prestare
però alcun’attività lavorativa.
Ebbene questi operai a partire
dall’11 ottobre, percependo
il medesimo sussidio,
sono impegnati in progetti
predisposti dal Comune e
regolarmente approvati
dall’Ente Regione, che li
vede impegnati in lavori di
pubblica utilità per venti ore
settimanali.
Si occuperanno in prevalenza
di lavori di riqualificazione
e sistemazione del centro
urbano, ma soprattutto
avranno salva la dignità di
percepire un compenso (anche
se minimo) per una prestazione
d’opera. L’ufficio tecnico ha
provveduto, infatti, a dividere
il centro abitato in sette aree
d’intervento nelle quali sono
già operanti le squadre che
provvederanno a svolgere
nei quartieri interventi di
manutenzione.
Altri progetti riguardano,
invece, la collaborazione
con la Polizia municipale nel
servizio di controllo e sicurezza
all’ingresso e all’uscita dei
bambini dalle scuole, mentre
altro personale ancora sarà
for mato per accogliere i
turisti che visiteranno i musei
cittadini (Museo demologico
e Museo della biodiversità,
d’imminente apertura).
In un prossimo futuro, invece,
altri progetti vedranno
impegnati parte di questi
lavoratori nella raccolta
differenziata dei rifiuti solidi
urbani e nella gestione
del canile municipale che
dovrebbe sorgere a Garga nel
dismesso magazzino delle
patate, costruito a suo tempo
dall’Opera Sila.
“Dobbiamo dimostrare che
quest’investimento della
Regione non è inutile, – ha
Editoriale
IL
CORRIERE DELLA SILA
Viale della Repubblica, 427
87055 - S. Giovanni in Fiore tel. 0984/992080
DIRETTORE RESPONSABILE
Saverio Basile
Redazione
Emilio De Paola
Mario Morrone
Francesco Mazzei
Luigi Basile
SEGRETARIO DI REDAZIONE
Matteo Basile
GRAFICA
Gianluca Basile
Registrazione
Tribunale di Cosenza n° 137/64
Registro Operatori delle Comunicazioni
al n° 5681
STAMPA:
GRAFICA FLORENS
Via G. Meluso,6 - S. Giovanni in Fiore
Pag. 2
Cassetta Postale
Regie Poste
AL GIORNALE
Operatori di quartiere a lavoro in via Cavalcante
detto il sindaco Barile - anzi
noi speriamo di ar rivare
all’autofinanziamento
e per questo puntiamo
sull’attivazione di quanti
sono coinvolti in questo
reclutamento. Tuttavia ci
corre l’obbligo di ringraziare
pubblicamente il governatore
Scopelliti per aver dato fiducia
a questa nostra iniziativa.
Sono consapevole però – ha
proseguito Barile – che la
disoccupazione è un dramma
per la nostra realtà sociale che
non si esaurisce con questi
progetti. Ci sono centinaia di
giovani diplomati e laureati
che aspettano di entrare nel
mondo del lavoro, in quanto
sono alla ricerca del primo
impiego, perciò dobbiamo
poter dare risposte anche a
costoro”.
Il sindaco Barile ha poi
proseguito sottolineando che
gli amministratori, malgrado ce
la mettessero tutta, con le loro
sole forze non sono in grado di
risolvere i tanti problemi che
assillano la cittadinanza.
“Bisogna che la politica in
senso lato faccia fronte comune
- ha detto - per percorrere
alcune strade di concertazione
e dare risposte soprattutto
ai giovani. Bisogna farlo al
di là delle appartenenze e
dei colori politici, perché in
questa Calabria dove esistono
molte contraddizioni, San
Giovanni in Fiore ancora,
ha un tessuto sociale
integro, che tutti dobbiamo
concorrere a preservare e il
lavoro – conclude Barile – è
un elemento importante che
consente di affrancarsi da facili
tentazioni e da comportamenti
scorretti”.
Vorrei intervenire anch’io
sulla necessità di giungere
ad una fusione dei tre giornali
che si pubblicano nel nostro
paese, più che altro per un
fatto di praticità. Senza
nasconderci dietro un dito,
le notizie sono per l’80%
ripetute, anche se trattate
da angolature diverse. Prima
perché non c’è il tempo
materiale visto che l’uscita
dei giornali ha un distacco di
una settimana l’uno dall’altro;
secondo perché nel nostro
paese, se si esclude la politica
che alimenta l’informazione
locale, le notizie bisogna
andare a cercarsele con la
lanterna; terzo perché spesso
almeno due giornali su tre,
arrivano a destinazione in
contemporanea (se non lo
stesso giorno) ai lettori, che
come me vivono fuori da San
Giovanni in Fiore.
Perciò a quanto ho detto
sopra va aggiunto anche uno
spreco di denaro da parte
degli abbonati che finiscono
col comprare due scatole di
merendine solo che una è
prodotta da Ferrero e l’altra
dal Mulino Bianco.
Giulio Secreti
Bergamo
AL SINDACO
Giovani, più moderazione!
Ogni giorno che passa mi sto accorgendo che i giovani ci
stanno sfuggendo di mano. E la prova è data dalle contestazioni
studentesche di quest’inizio d’anno scolastico, sulle cui
rivendicazioni non metto lingua, perché ho un religioso rispetto
della libertà di manifestare. Quello che mi ha turbato, invece, è
un disgustoso cartello orgogliosamente esposto da un gruppo
di studenti delle superiori che diceva “La scuola siamo noi…”
e fin qui nulla da eccepire, se non seguisse l’imperativo invito
“…Gelmìni ucciditi!” Cose turche o barbare, che portano poi
inevitabilmente gli stessi soggetti a bruciare il tricolore prima
in Padania e nei giorni scorsi a Terzignio, solo perché lo Stato
(che veramente siamo tutti noi!) non fa quello che ognuno di
questi vorrebbe facesse.
Mi auguro che il capo d’istituto e anche i genitori, che hanno
certamente riconosciuto nella foto apparsa sui giornali quei
baldanzosi giovani, siano intervenuti spiegando loro che la
morte non la decide l’uomo, semmai l’uomo la subisce ed è
l’ultima cosa che vorrebbe dalla vita. Un ministro che fa male
il suo “mestiere” deve semmai andarsene a casa (e non credo
peraltro che la Gelmìni meriti di tornare a fare la casalinga),
ma certamente non deve “uccidersi” per aver fatto una riforma
scolastica discutibile quanto vogliamo, che era, comunque, suo
diritto-dovere attuare.
Nell’augurare ad Antonio
Barile buon lavoro
nell’interesse di una cittadina
finora sacrificata, mi pregio
fargli sapere pubblicamente
che sono disposto a mettere
a disposizione del nostro
Paese le strutture del mio
ufficio di assessore con delega
al bilancio, al commercio,
all’edilizia popolare e alla
cultura dell’Ottavo Municipio
di Roma, organizzando –
magari – una settimana
della cultura silana con
conferenze, dibattiti,
mostre e dimostrazioni enogastronomiche dei prodotti
tipici della nostra terra.
Mi piacerebbe poi vedere
sfilare per una delle strade
più belle di Roma un corteo
di “Pacchiane” che non
mancherebbe di richiamare
l’attenzione dei tanti turisti
che ogni giorno visitano la
Città Eterna.
Mario Brunetti
Assessore Municipio
“Le Torri” - Roma
Antonio Acri non si ricorda
con un triangolare di calcio, né
tantomeno con l’intitolazione
di un Palasport, che ben
vengano pure, considerato
quanto Egli si è speso per
l’affermazione dello sport
nella nostra città e in
provincia, ma il presidente
Acri va ricordato, invece,
per quello che ha saputo fare
in dieci anni di presidente
dell’Amministrazione
Provinciale di Cosenza e
per quello che aveva già
cominciato a fare in Regione,
dove imporsi e farsi rispettare
non è stato facile.
Cominciamo perciò a ritrovarci
quanti hanno avuto con lui un
minimo di legame, per creare
insieme una fondazione che
nel suo nome porti avanti un
discorso politico qualificato
e persuasivo, in nome di
una causa giusta, che è il
riscatto della nostra gente
che diversamente fa fatica
ad uscire da uno sbando che a
lungo andare gli farà perdere
ogni cognizione del tempo e
dello spazio.
s.b.
AL SINDACO
Basta prendere parte ad uno
sciopero per avere titolo ad
entrare nei progetti Sial e
Cooperative? Che fine ha
fatto l’Ufficio del lavoro che
di ogni disoccupato dovrebbe
conoscere vita e miracoli?
Il bisogno come si misura
gridando più forte nei cortei o
distendendosi più lungamente
sulla superstrada al momento
delle dimostrazioni? Non sono
d’accordo sulla procedura
che ha portato ad avviare
al lavoro 400 persone molte
delle quali apparentate fra di
loro, lasciando a casa quanti
hanno dignità di capire che
il lavoro è un diritto sancito
dalla Costituzione e che dopo
150 anni dall’Unità d’Italia
e 60 anni dall’avvento della
Democrazia, non dovrebbe
essere più influenzato dalla
politica che nel bisogno
continua a sguazzarci invece
come ai tempi della vecchia
D.C. o peggio ancora come ai
tempi del Medioevo.
Non credo che abbiate
dato un buon esempio
con quest’operazione
di reclutamento dei
“bisognosi”.
Barbara A.
Indirizzate le vostre lettere a:
[email protected]
Una passione che non tramonta
La febbre del ballo
Sono numerose le sale in paese dove s’insegna a ballare o a perfezionarsi
di Giovanni Greco
Ballo di gruppo al Dino’s
Nella mitologia greca e latina
la danza era considerata
alla stregua dell’epica e
dell’eloquenza, della tragedia,
della commedia, della poesia
lirica, della poesia erotica,
della storia, della musica e
dell’astronomia. Tutte queste
manifestazioni artistiche
avevano come divinità
protettrici le Muse, che
vivevano sui monti Olimpo
ed Elicona ed erano guidate da
Apollo. La musa che presiedeva
alla danza era Tersicore.
La danza, sia artistica sia
popolare, ha accompagnato
l’uomo sin dalla sua nascita e
continua a costituire sempre
una delle forme in cui si può
più manifestamente esprimere
la gioia di vivere.
Anche se qualche volta è stata
anche causa di avvenimenti
tragici e funesti come
l’esibizione della bellissima
Salomè davanti a Erode e
alla sua corte, che portò alla
decapitazione di san Giovanni
Battista.
Il ballo di coppia ha conosciuto
i suoi momenti di maggior
splendore nell’Ottocento,
quando da Vienna si è diffuso
in tutta l’Europa il valzer,
alla cui popolarità hanno
contribuito compositori famosi
come gli Strauss, che ci hanno
tramandato indimenticabili
“pezzi”, che ancora oggi
affascinano e fanno volteggiare
leggere le coppie nelle sale.
Altri balli celebri, popolari
e amati sono la mazurk a,
la polka, il fox trot, il valzer
inglese, lo slow fox, il paso doble.
Il tango, importato insieme
alla milonga dall’Argentina e
definito «un pensiero triste
che si balla», fa storia a sé. Le
movenze languide e sinuose
del tango e la sua musica triste
ma appassionata spinsero
un papa, san Pio X (19031914), a mettere in guardia
i fedeli contro i pericoli di
questa danza, ritenuta un po’
troppo “osé”. E il poeta Trilussa
dedicò alla vicenda uno dei
suoi sonetti in romanesco:
«Er papa nun vo er tango, perché
spesso / er cavaliere se spinge e
se strufina / sopra la pansa della
ballerina / che, su per giù, se regola
lo stesso».
Nel secolo scorso c’è stata
l’esplosione di
balli dal ritmo
movimentato e
frenetico come
charleston, tiptap, rock and
roll, twist, quick
steep e dei
latino-americani
–
rumba,
samba, beguine,
merengue, salsa,
cha-cha, mambo,
bachata – più
caldi, sensuali e
cadenzati. Oggi
sono di gran
moda i balli
di gruppo, che
piacciono tanto
alle donne e il cui elenco è
lungo e subisce aggiornamenti
in continuazione.
A San Giovanni in Fiore, in
tempi non tanto lontani, si
ballava perlopiù nelle case in
occasione di qualche festa e
cerimonia familiare. Uomini
e donne si scatenavano
soprattutto al ritmo della
tarantella, il ballo più
autenticamente popolare, che
le ampie e svolazzanti gunnelle
del costume sangiovannese
rendevano particolarmente
suggestiva. Quando non
c’era un grammofono, i tempi
erano dettati da una chitarra
battente, a volte accompagnata
da un mandolino e da una
fisarmonica, strumenti di cui
oggi nelle sale da ballo si sente
sempre più nostalgicamente la
mancanza. Con la ”scoperta”
del giradischi il ballo si è
diffuso sempre più, specie
tra i giovani, che si davano da
fare nell’organizzare festicciole
un po’ ovunque. Il ballo di
moda era il lento, con il quale
si riduceva notevolmente la
distanza fra dama e cavaliere
e si poteva in qualche modo
“strusciare”. Molti “amori”,
spesso andati a buon fine, sono
nati con il ballo!
La svolta “tecnica” è avvenuta
intor no al 1990, quando
dalla Presila cosentina è
arrivato in paese il maestro
Patrizio Ziccarelli per dare
lezioni di ballo liscio nella
sua interpretazione canonica.
E’ stato subito successo,
ma la scuola ha avuto poca
durata. Il vuoto è stato, però,
presto colmato dal Centro
internazionale di danza di
Isabella Sisca che, oltre al
ballo liscio, ai balli caraibici
e di gruppo, ha introdotto
anche l’insegnamento della
danza classica e moderna,
discipline che sono ancora
oggi pienamente in attività.
Dal Centro sono venuti fuori
ballerini di successo. In seguito
sono arrivati i crotonesi Pino
Tarantino e la coppia Palmina
e Franco Sestito. Il primo ha
insegnato liscio e balli caraibici
per diversi anni, ma di recente
la sua scuola – la Futura Dance
in via Redisole – è curata dalla
moglie sangiovannese Maria
Romano, che dedica, però,
maggiormente le sue attenzioni
ai bambini e agli adolescenti,
ai quali insegna soprattutto
danza moderna e coreografica.
L’attività dei Sestito è durata
solo pochi anni.
Oggi a San Giovanni insegnano
ballo liscio, balli latino americani e balli di gruppo
in attrezzate e accoglienti
sale la Forever Dance di Biagio
Spadafora e Franca Albano in
via Panoramica, la Magic Dance
di Elena Talarico e Franco
Laratta in via Due Giugno,
il Time For Dancing di Ilario
Perri su viale della Repubblica,
l’Accademia dei Talenti di Luca
Muraca in via Panoramica e
Alors on Danse di Giuseppe
Mele in via Gramsci.
Le scuole hanno stravolto le
antiche abitudini. I ballerini “dai
passi antichi” trovano sempre
più difficoltà a districarsi tra
i volteggi dei nuovi ballerini
formatisi nelle scuole. E non
capita più che una donna possa
sentirsi dire da un cavaliere il
classico «Prego! Vuol ballare con
me?», cantato da Celentano
in una sua celebre canzone.
Si balla ormai a coppie fisse,
collaudate, familiari. Ma le
scuole funzionano e il numero
degli appassionati di tutte le
età è sempre in crescita.
E allora? Vamos a bailar!
Vinto dagli allievi della 4/A dell’Istituto statale d’arte
Un premio sulla
sicurezza stradale
A premiare gli studenti il presidente
della Provincia, Mario Oliverio
E’ andato all’Istituto statale d’arte dallo scorso anno annesso all’Itcg
il primo premio del concorso “Lasciati Guidare” in cui le scuole della
provincia di Cosenza si sono confrontate, dopo diversi momenti di
formazione, nella realizzazione di prodotti grafici, pittorici, plasticoscultorei, architettonici, audiovisivi e multimediali. Una scultura, che
indica come l’effetto dell’alcool può rendere fragile una vita quando
si è al volante di un’auto o di un ciclomotore, realizzata dalla classe
4A dell’Isa, è stata l’opera premiata dal presidente della Provincia,
On. Gerardo Mario Oliverio. Grande soddisfazione ha espresso
il Prof. Giovanni Tiano, che dirige ormai da più anni la scuola
superiore del comune silano. L’istituto, con i sui diversi indirizzi
che vanno dall’artistico, al commerciale, a quello delle costruzioni
e dell’ambiente, con i suoi numerosi laboratori, con la nuova sede
in località Cerreti, rappresenta sicuramente, nel territorio, un punto
di riferimento per la formazione pubblica con risultati lusinghieri, di
cui il premio del concorso è solo uno dei tanti.
Il progetto, di cui è capofila la Provincia di Cosenza, in partenariato
con il Comune di Cosenza, la Comunità montana Silana, i comuni
di Casole Bruzio e di Rovito, finanziato dal Ministero della
gioventù e dall’Unione province d’Italia nel quadro dell’iniziativa
“Azione province giovani 2009”, articolato con seminari, laboratori,
esercitazioni e simulazioni, ha l’obiettivo di concorrere a ridurre il
numero di incidenti stradali che ogni anno insanguinano le strade.
Per realizzare ciò fondamentale è la “formazione-informazione” dei
giovani che, in quattordici scuole della provincia di Cosenza, hanno
seguito seminari in cui le diverse tematiche della sicurezza alla
guida, sono state affrontate, da angolazioni diverse: tecnica, legale,
medica; slide, filmati e supporti multimediali, hanno contribuito a
coinvolgere gli allievi nei vari argomenti garantendo la massima
efficacia del messaggio. Simulazioni d’interventi di pronto soccorso
realizzati dagli operatori del PS – 118, illustrazione dei sistemi di
controllo della velocità dei veicoli, della quantità di alcol e di droga
eventualmente assunta dai conducenti, realizzati da parte della Polizia
Provinciale, verifica dei riflessi alla guida con specifici simulatori
automobilistici, hanno completato i momenti di formazione di tanti
futuri conducenti.
Comprate l’aria della Sila
E’ possibile portarsi a casa, naturalmente sottovetro, una porzione di
aria della Sila. La trovata è della Pro Loco di Camigliatello, che ha preso
al volo quanto hanno dichiarato Stefano Montanari e Antonietta Gatti,
esperti mondiali di nanopatologie, i quali hanno dichiarato che in Sila
si trova l’aria più pulita d’Europa. “Provare per credere”, sostiene il
ragazzo che su via Roma di Camigliatello vende ai turisti per 2,50 euro
un barattolo di “Aria della Sila”.
Pag. 3
Sono Saverio Audia, Domenico Lacava e Antonio Nicoletti
Eletti i presidenti
di commissione
Saranno propedeutici dei lavori del consiglio comunale
Redazionale
NUOVO COMANDANTE ALLA GUARDIA DI FINANZA
Al comando della tenenza della Guardia di Finanza del nostro
paese è stato destinato, su disposizione del Comando Regionale
Calabria delle Fiamme Gialle, il luogotenente Giovanni
Antonio Argirò che si è insediato negli uffici di via Gramsci
agli inizi di ottobre. Originario di Crotone, l’ispettore Argirò, è
laureato in scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione
presso l’Università degli Studi di Torino. E’ sposato ed ha una
figlia. Succede al comandante Romolo De Luca, ora in servizio
alla Compagnia del capoluogo Bruzio.
BUIO PER UN’ORA
Saverio Audia
Antonio Nicoletti
Domenico Lacava
Il consiglio comunale, riunitosi
sotto la presidenza di Giuseppe
Belcastro, ha proceduto
all’elezione dei membri delle
commissioni consiliari permanenti,
che dovranno essere propedeutici
degli argomenti che saranno portati
in consiglio per la discussione e
l’approvazione, quindi organismi
che dovranno essere d’aiuto
allo snellimento dei lavori dello
stesso civico consenso. In una
successiva riunione degli eletti,
si è proceduto all’insediamento
e all’elezione dei tre presidenti
delle commissioni e alla nomina
dei rispettivi segretari.
Alla guida della Prima
commissione che si occuperà di
“Politica istituzionale, bilancio,
programmazione, decentramento
e personale” è stato eletto Saverio
Audia (eletto nella lista del Pd);
alla Seconda commissione che
tratterà lo “Sviluppo e gestione
del territorio”, è stato chiamato
Domenico Lacava (eletto nella
lista Democratici per la città);
mentre alla guida della Terza
commissione, che è quella che
s’interesserà delle “Politiche
sociali”, è stato indicato Antonio
Nicoletti classe 1980, (eletto nella
lista Democratici per l’ambiente).
I presidenti eletti hanno incontrato
successivamente il presidente
del Consiglio comunale, Pino
Belcastro, per una riunione
organizzativa del lavoro delle
commissioni che, dal momento che
si è completato l’organico, ora si
avviano a svolgere, nell’esercizio
dei pieni poteri, la loro funzione
referente e consultiva ai fini di
una più approfondita trattazione
degli affari di competenza del
consiglio comunale stesso. “Si
tratta di organismi importanti – ha
rilevato il presidente del consiglio,
Pino Belcastro – perché è proprio
all’interno delle commissioni
che si procederà all’esame
preparatorio e all’istruttoria di
atti, provvedimenti e mozioni,
da sottoporre all’attenzione del
Consiglio comunale.
Ci auguriamo che ci sia sempre
un clima di confronto sereno
e di collaborazione che possa
portare alla ricerca continua di
soluzioni nell’interesse della
città e dei cittadini”. Sarà proprio
all’interno delle commissioni
consiliari permanenti, infatti, che
si tratteranno e s’individueranno
argomenti e temi di rilevante
interesse comunale. Il buon
funzionamento delle commissioni
è motivo quindi di continua
alimentazione dell’intera macchina
comunale sia dal punto di vista
politico che amministrativo.
Promosso dal Comune e dall’Ente Parco nazionale della Sila
Un convegno per lo sviluppo della nostra economia
E’ previsto l’intervento dell’assessore regionale Francesco Pugliano
Promosso dall’Amministrazione
comunale di San Giovanni
in Fiore in collaborazione
con l’Ente parco della Sila e
il patrocinio della Regione
Calabria, avrà luogo nella
mattinata di sabato 13 novembre
presso la sala delle conferenze
del Polifunzionale, un convegno
su “Parco nazionale della Sila
e attività agro-pastorali fra
timori e speranze”.
I lavori prevedono in apertura
l’intervento di Sonia Ferrari,
presidente dell’Ente parco
nazionale della Sila, il saluto
dell’autorità locali e quindi il
primo intervento tecnico su
“Attività agro-silvo-pastorale
nella normativa del Parco
nazionale della Sila”, a cura
del dott. Michele Laudati,
direttore dell’Ente parco.
Seguirà una relazione del
dott. Giovannino Lopez,
agronomo-zootecnico, che
parlerà su “L’allevamento del
bestiame in Sila: ieri, oggi e
domani”. Quindi a seguire
Pag. 4
Sonia Ferrari
una relazione del dott. Pietro
Tarasi, presidente provinciale
della Coldiretti, che parlerà
su “L’agricoltura silana: tra
passato e futuro”, un intervento
del dott. Giuliano Menguzzato
dell’Università Mediterranea
di Reggio Calabria, che
parlerà su “I boschi della Sila:
analisi strutturale e ipotesi di
gestione”; quindi un intervento
della prof.ssa Silvia Sini
dell’Unical su “Ecoturismo
e indotto attività agro-silvopastorali”. Per concludere
un intervento dell’assessore
comunale Giovanni Iaquinta
su “La cultura silana nel terzo
millennio. Quale prospettive?”
Al convegno ha dato la propria
adesione l’assessore regionale
all’ambiente, on. Francesco
Pugliano, che illustrerà il
pensiero della Giunta regionale
sul tema trattato e gli eventuali
impegni che la regione vorrà
assumere in materia. Insomma,
un’occasione qualificante, per
mettere a fuoco le diverse
problematiche di un comparto
troppo a lungo trascurato
dalla politica e dal mondo
imprenditoriale. Alla buona
riuscita del convegno è
impegnata anche l’Assopec
che nei giorni scorsi ha fatto
pervenire al sindaco Antonio
Barile alcune proposte
che riguardano lo sviluppo
economico e sociale del nostro
territorio.
Mario Orsini
Anche il nostro Comune ha detto sì all’iniziativa del presidente
dell’Ente parco nazionale della Sila, Sonia Ferrari, aderendo
alla “XVIII Giornata nazionale sull’inquinamento luminoso”
che si è svolta sabato 9 ottobre.
Per un’ora dalle 20 alle 21 sono state spente le lampade della
pubblica illuminazione e così la città è rimasta al buio. L’iniziativa
ha voluto richiamare l’attenzione sullo spreco energetico
perpetrato da quelle fonti luminose che disperdono inutilmente
la luce lateralmente o verso l’alto, creando inquinamento che
non apporta disturbo soltanto ad animali e piante, ma anche
all’uomo.
“Un’occasione – ha detto Sonia Ferrari – che ci ha consentito
anche di poter ammirare le stelle in questo cielo della Sila,
particolarmente terso agli inizi d’autunno”.
NELLA QUARTUCCI IN QUIESCENZA
Festa di quiescenza in casa
Lorenzano-Quartucci.
Vincenza Pia Quartucci,
detta Nella (nella foto), dopo
40 anni d’onorato servizio
nelle scuole cittadine, a
partire dallo scorso primo
settembre, è stata collocata
in pensione. Laureatasi
a Napoli nel 1972, aveva
già iniziato ad insegnare lettere da studentessa universitaria.
Scrupolosa, preparata e stimata, ha plasmato diversi allievi,
molti dei quali sono ora tecnici e professionisti affermati,
ma anche dirigenti scolastici. Un simbolo, che ancora non si
ambienta a “cambiare” vita, giacché ci ha sussurrato: “Mi manca
molto la scuola!”.
COSTITUITA LA RETE LOCALE ANTIVIOLENZA
Per iniziativa dell’assessore alle politiche sociali dott. Giuseppe
Bitonti, in collaborazione con il Comitato per le pari opportunità
dell’Università della Calabria e con il Centro contro la violenza
alle donne “Roberta Lanzini”, è stato presentato nei locali del
Polifunzionale il “Progetto Dav” che prevede l’inclusione del
Comune di San Giovanni in Fiore nella rete antiviolenza.
“Un’iniziativa importante – ha detto l’assessore Bitonti – che
giunge in un momento dedicato per le donne al centro di violenze
generalizzate in ogni settore della società italiana”.
Al convegno sono intervenuti: il sindaco Antonio Barile,
l’assessore alla cultura Giovanni Iaquinta, l’avv. Maria
Pasqua, Daniela Ceci ed Anna Fiertler, che si sono soffermati
soprattutto sull’analisi dell’evoluzione legislativa e culturale
della violenza in genere.
E’ seguita la proiezione del documentario “Processo per stupro”
e la diffusione di materiale utile per l’approfondimento delle
tematiche legate alla violenza contro le donne.
In un convegno promosso dal Partito democratico sulla sanità in Calabria
Ospedale: sempre allerta!
Ne hanno discusso: Pacenza, Oliverio, Laratta e Caputo
Redazionale
Sull’ospedale bisogna stare
continuamente allerta,
indipendentemente dalle
promesse dei politici e
dell’impegno dello stesso
governatore Giuseppe
Scopelliti, che ha legato la
salvaguardia dell’ospedale
silano al fatto di essere un
presidio di montagna.
La paura è che con il deficit che
si ritrova il comparto sanitario
calabrese, alla fine pagheranno
i più deboli, quelli che hanno
meno santi in paradiso e quelli
che per motivi geografici si
trovano decentrati rispetto alle
cinque città capoluogo.
La popolazione di San Giovanni
in Fiore non può dormire certo
sonni tranquilli, per lo meno
in questa direzione, stante
soprattutto le preoccupazioni
emerse dagli interventi che
si sono susseguiti nel corso
del convegno promosso dal
Partito democratico, che ha
registrato la presenza, nella
sala convegni dell’Antico
Borgo, del responsabile della
sanità calabrese del Pd, Franco
Pacenza, del presidente della
Provincia Mario Oliverio,
dell’on. Franco Laratta e dell’ex
assessore comunale alla sanità,
Antonio Candalise.
Quello che tuttora non
convince è l’impoverimento
dei reparti del nostro ospedale
sia per quanto riguarda le
figure mediche e sia per i
paramedici. Professionisti
Le corone realizzate dall’orafo Salvatore Crivaro
Incoronata
la Madonna delle Grazie
Con l’oro donato devotamente dai fedeli
di Biagio Merandi
Mario Oliverio
Franco Laratta
che lasciano le corsie per
pensionamento, dimissioni o
trasferimenti e non vengono
rimpiazzati. Anzi da quando
siamo passati con Cosenza c’è
la “fuga” verso le strutture del
capoluogo e chi è preposto a
gestire la sanità nella nostra
azienda provinciale, è di mano
larga a rilasciare nulla-osta
di trasferimento senza poi
preoccuparsi di sostituire i
“richiamati”.
Insomma si gioca allo
“sfascio” in modo soft, senza
creare allarmismi e senza,
ovviamente, mettere mano alla
riconversione di quei reparti e
di quei servizi che potrebbero
– invece – determinare un
effettivo sviluppo del presidio,
se attuata con intelligenza e
lungimiranza.
Il dott. Antonio Caputo,
direttore sanitario che vive
ogni gior no dall’inter no
dell’Ospedale le diverse
situazioni di disagio, è stato il
più esplicito di tutti: “Il blocco
dei turn over, purtroppo
porta ad un declino e che
se dovesse continuare, si
arriverà ad un punto in cui
non si potrà tornare indietro.”
E qui Caputo ha lamentato
l’indifferenza della politica in
generale rimasta insensibile
alla chiusura di Pediatria, un
reparto che aveva una sua
logica d’esistere.
In conclusione il moderatore
dell’incontro, l’on. Laratta,
ha tenuto a precisare che i
piccoli ospedali, soprattutto
quelli posti nelle aree interne
della regione, non possono
continuare a pagare quindici
anni di ritardi e di errori e che
su questi temi delicati come,
appunto, la sanità, occorre il
coinvolgimento di tutti. “Che
lo sappia soprattutto Scopelliti,
- ha detto Laratta - che della
sanità calabrese è divenuto
commissario unico”.
Sono poche, nella nostra città, le manifestazioni sociali in cui
le vicende politiche siano in secondo piano, rispetto al vissuto
religioso, quindi interiore, di ognuno di noi cittadini. Non si
parla d’altro che di candidati, di elezioni, di crisi. Mai una
riflessione sul degrado morale verso cui si è avviata a passi
svelti la nostra società. Eppure a volte basterebbe entrare nella
chiesa a noi più vicina, isolarci per pochi minuti dalla vita
che sta lì fuori. In nessun altro posto troveremmo una madre
disposta ad ascoltare le nostre suppliche, i nostri capricci, che
poi sono le pene di milioni di persone nel resto del mondo. Ma
come possiamo pretendere di essere ascoltati se, non abbiamo
neanche la volontà di chiedere, tout court l’umiltà. In questo
senso un’importanza fondamentale ha rivestito la celebrazione
e l’incoronazione della Madonna delle Grazie, venerata nella
chiesa Madre. Tale manifestazione è stata fortemente voluta
dal parroco l’abate don Germano Anastasio, il quale si è
molto prodigato affinché il messaggio d’amore e di speranza
della Madre di Dio imprigionasse quanti più animi possibili.
Molte sono state le tappe dell’evento che si è svolto tra il 22
e il 31 ottobre scorso; infatti, oltre alle consuete celebrazioni
delle Sante Messe, abbiamo assistito anche a numerose attività
ricreative e di svago per i bambini, ma anche notevoli spunti
di riflessione per i più grandi, come la “ festa delle famiglie
“ avvenuta domenica 24, e la “ Celebrazione Eucaristica “,
presieduta lunedì 25 da monsignor Leonardo Bonanno, vicario
generale dell’Arcidiocesi di Cosenza- Bisignano.
Violento nubifragio sul centro abitato
Prova generale di alluvione
Nel giro di otto ore sono caduti oltre 86 millimetri di pioggia
Il maltempo dei giorni scorsi non
ha certo risparmiato il grosso
centro silano che ha registrato nel
giorno di ognissanti, smottamenti
di terreno nella zona del Bacile e
alle pendici di “Ferolia” nei pressi
dell’ex Cava di Guglielmo, dove
tonnellate di terriccio si sono
riversate nel sottostante letto del
fiume Arvo.
Dopo un primo intervento dei
Vigili del fuoco e degli uomini
della Protezione civile che operano
nel nostro comune, il sindaco
Barile, ha firmato un’ordinanza di
sgombero di due palazzine di via
Moncenisio abitate dalle famiglie
di Giuseppe De Simone, Mario
Talerico, Serafino De Simone
e Rino Greco, con un carico
familiare complessivo di tredici
persone, perdurando la minaccia
di “scivolamento” del materiale
di riporto di cui è composto il
sovrastante spiazzale dei
“ripetitori” e per l’eccessivo peso
delle cataste di legna accumulate
da un’impresa boschiva del luogo.
L’alluvione non ha risparmiato
neanche la zona nuova dell’Olivaro
Una delle frane presente nel nostro territorio (Foto: Fabrizio Caputo)
dove una famiglia che occupava
i locali di un piano terra in via
dei Ciclamini è stata costretta a
trovare riparo al primo piano in
locali non ancora ultimati.
Apprensione per le sorti di
Luigi Astorino, un pastore
che accudiva il proprio gregge
nell’ovile “Destra Neto” che a
causa dell’ingrossamento del fiume
è rimasto prigioniero per un’intera
mattinata nel piccolo rifugio posto
accanto allo stazzo. L’intervento
dei Vigili del fuoco, al comando
del caposquadra Gianfranco
Salituro e del personale tecnico
del nostro Comune, diretto da
Antonio Cantisani, ha reso
più agevole l’opera di soccorso.
Per l’esattezza nella giornata di
Ognissanti sono caduti circa 86
millimetri di pioggia regolarmente
raccolti nei pluviometri di Trepidò
e Nocella.
Michele Belcastro
Nella serata di venerdì 29 abbiamo poi ascoltato le sublimi
note del coro polifonico “San Pio”, diretta dal maestro
Luigi Benincasa. La manifestazione si è conclusa domenica
31, giornata in cui durante la funzione religiosa solenne,
presieduta dal vescovo emerito di Mileto, mons. Domenico
Tarcisio Cortese, presenti autorità civili e militari, è eseguito
il rito dell’incoronazione, ponendo sul capo della Vergine
Maria e del suo Celeste Bambin Gesù, due splendide corone
in oro tempestate da pietre preziose. Le corone, volute e
commissionate dallo stesso parroco Don Germano, sono state
realizzate dal maestro orafo sangiovannese Salvatore Crivaro,
con l’oro donato devotamente dai fedeli. La manifestazione è
stata un’occasione per ritrovarsi al cospetto di Maria, madre
di Dio e madre nostra.
Campagna Abbonamenti 2010
Italia Euro 15,00 - Sostenitore Euro 50,00
Estero via aerea Euro 30,00
C.C.P. 88591805
Intestato a: “Il Nuovo Corriere della Sila”
San Giovanni in Fiore
Chi desidera versare in contanti lo può fare presso l’edicola Veltri
via Roma 200 autorizzata a rilasciare ricevuta.
Pag. 5
Viene dall’Assopec e mette a fuoco alcune priorità
Un “pacchetto” di proposte
per una San Giovanni diversa
Al fine di sollevare le sorti dell’economia locale
“Siamo impegnati a sollecitare
l’Amministrazione comunale
affinché si attivi in maniera
decisa ad affrontare e cercare di
risolvere, alcune problematiche
annose che ci portiamo dietro
da anni e altre di più recente
creazione, questo e null’altro lo
scopo della nostra attiva e attenta
attività di associazione, nata per
cercare di portare sviluppo nel
nostro paese”. E’ quanto sostiene
Pino Mirarchi, presidente
dell’Assopec che ha trasmesso al
sindaco un “pacchetto” di proposte
al solo scopo di cercare di sollevare
le sorti dell’economia locale.
In primo luogo l’Assopec avanza
proposte che si basano sul rispetto
delle regole e della trasparenza,
proponendo interventi per
“invertire la rotta” e superare
consuetudini che si sono
perpetrate nel corso degli anni.
Poi consiglia l’istituzione di
un’anagrafe delle imprese locali
di fiducia dell’Amministrazione
comunale a cui affidare, a
rotazione, incarichi di pertinenza
comunale; sollecita l’adozione
di un piano colore che ponga
fine agli scempi purtroppo ben
visibili nei diversi rioni cittadini,
con particolare impegno per la
salvaguardia del centro storico e
l’area attorno all’abbazia; indica
uno studio per creare i presupposti
necessari al fine di arginare la
piaga del lavoro nero; suggerisce
l’abolizione della tassa per
l’occupazione del suolo pubblico
alle imprese momentaneamente
interessate al miglioramento dei
prospetti esterni dei fabbricati
in fase di restauro; propone la
realizzazione di un impianto di
riciclaggio dei materiali inerti ad
evitare l’abbandono degli stessi
ai lati delle strade di campagna;
prospetta la necessità di un
intervento risolutivo riguardante
la gestione del traffico e dei
parcheggi con particolare
attenzione alle situazioni caotiche
di via Roma, via San Francesco
d’Assisi e viale della Repubblica;
chiede il riordino totale del
commercio ambulante, “con più
controllo e maggiore fermezza
sugli illegali”. Infine l’Assopec
chiede maggiori impegni per il
rispetto del decoro urbano, una
più accurata pulizia delle strade
interne e una maggiore cura del
verde pubblico, nonché una seria
regolamentazione della segnaletica
stradale e pubblicitaria “praticamente
ridotta ad una giungla”. Il “pacchetto”
delle proposte si chiude con l’invito
all’Amministrazione comunale di
procedere alla stesura del nuovo
“Piano commerciale” di cui si
sente la necessità già da diversi
anni.
“Quindi un modo di collaborare
– ribadisce Mirarchi – per elevare
il nostro paese a ruolo di città,
che possa richiamare la gente del
comprensorio e fermare quanti di
noi si lasciano attrarre da richiami
non sempre convenienti”.
Una strada impraticabile!
Migliaia di turisti a Camigliatello per la 41a Sagra del fungo
I Porcini, un grande richiamo
Anche quest’anno migliaia di turisti sono arrivati a Camigliatello
per la 41. edizione della “Sagra del fungo”, che ha richiamato
nell’accogliente villaggio silano, estimatori dei Porcini
provenienti dalla Campania, Puglia, Basilicata e Sicilia. I
visitatori, favoriti dal bel tempo, hanno preso letteralmente
d’assalto gli stand micologici e gastronomici allestiti lungo il
corso principale del piccolo centro della Sila. La sagra è servita
a tanti raccoglitori e commercianti per mettere in mostra, ma
soprattutto in vendita, i gustosi frutti del bosco: porcini, ovuli
e rositi, che sono stati esposti sulle bancarelle freschi, secchi
oppure sott’olio, naturalmente quest’ultima specialità arricchita
dall’immancabile polvere rossa ottenuta dai peperoncini
calabresi, altra specialità della nostra regione.
Gli appassionati, ovviamente, non si sono persi l’occasione per
una visita nei boschi della Sila alla ricerca diretta del prelibato
alimento, non senza però prima essersi premuniti della “Tessera
di raccoglitore di funghi” ad evitare le salate multe della Polizia
provinciale, quest’anno agguerrita nell’individuare gli “abusivi”,
mentre giungeva notizia che a Milano venivano spacciati per
funghi della Sila, porcini coltivati in Polonia, su terreni ancora
interessati dalla nube atomica di Chernobyl e quindi pericolosi
per la salute dell’uomo.
La Crocifisso- Junture che porta alla presa idroelettrica dell’ex Enel
Bisogna aprire un tavolo con l’A2a per il ripristino
dell’arteria e la sua manutenzione nel tempo
Chi conosce la storia del nostro paese oggi non può che dare ragione al notaio Andrea Romei che nei primi vent’anni del secolo scorso ha cercato di ostacolare
l’insediamento della Società per le forze idrauliche della Sila, impegnata a costruire gli invasi artificiali di Trepidò e Nocella e le prese del Tacina, del Savuto e delle
Junture, convinto che la popolazione alla fine non n’avrebbe tratto alcun beneficio, neppure sul piano della fornitura gratuita dell’energia elettrica per la pubblica
illuminazione, né tantomeno pensare ad alcuna agevolazione per i cittadini sul piano dei consumi energetici che pure le industrie insediatesi a Crotone (Montecatini
e Pertusola) hanno goduto per legge dello Stato.
Il nostro Comune ha semplicemente ceduto acqua e terreni, non ricevendo però nulla in cambio!
Questa lunga premessa per dire che c’è una strada di servizio lunga non più di 2 km. che porta alle Junture, che allo stato attuale è impraticabile e chi si avventura
a percorrerla lo fa a proprie spese, perché c’è il rischio di doverci lasciare l’auto.
Questa strada non può essere sistemata né dal Comune, né dalla Provincia. Ma a ripristinarla deve essere la Società A2a, ovvero la municipalizzata di Milano, che
ha assorbito l’Endesa che a suo volta aveva assorbito gli impianti dell’Enel. Ai tempi della Sme il fondo strada era, per lo meno, agibile. Poi la spagnola Endesa ha
puntato solo al profitto e la strada è stata sempre più abbandonata.
Oggi è veramente impraticabile! Cosa chiediamo alle autorità preposte per il ripristino di questa strada? Che il Comune si faccia avanti e pretenda dalla società A2a
almeno la ricostruzione del fondo strada con le cunette di raccolta delle acque piovane, i muretti di contenimento e un’adeguata manutenzione nel tempo. Per i
profani e i disinformati forniamo alcune notizie di carattere economico. La presa delle Junture, nei mesi da novembre a maggio, fornisce dai 10-15 metri cubi d’acqua
al secondo, che vengono sistematicamente sfruttati nelle sottostanti centrali di Timpagrande e Calusia. In parole povere forniamo materia-prima che porta nelle
casse della Società A2a fior di quattrini.
Perciò, abbiamo tutto il diritto di rivendicare almeno il ripristino della strada di servizio che porta alle Junture e che serve naturalmente, anche, i cittadini che da
quelle parte hanno un pezzo di terreno da coltivare.
Pag. 6
Bruxelles da il via libera all’Igp per la patata silana
Un riconoscimento atteso
In una statistica del Regno di Napoli del 1811
figurava già come “prodotto eccellente”
di Caterina Mazzei
La ‘’Patata della Sila’’ ha
conquistato per l’Italia una
nuova indicazione geografica
protetta (Igp) contro imitazioni
e falsi in Europa.
Bruxelles ha dato, infatti, il via
libera definitivo all’iscrizione
nel registro europeo delle
denominazioni e indicazioni
geografiche protette (Dop e
Igp) di un’eccellenza della
produzione agricola calabrese
di cui si ha già notizia nella
“Statistica del Regno di Napoli”
del 1811.
La coltivazione della patata
ha rappresentato da sempre
un’importante fonte economica
per gli abitanti dell’Altopiano
silano, che in periodi difficili
per l’economia nazionale,
spesso condizionata dai
conflitti mondiali, coltivavano
in massa patate perfino nelle
zone periferiche dei paesi.
Sono tredici i comuni cosentini,
più uno della provincia di
Catanzaro, che potranno
fregiarsi d’ora in avanti del
marchio “patata della Sila
Igp”.
Oltre alle ottime qualità
culinarie, fritta conserva un
particolare colore bianco–
giallastro, ricca di sostanza
secca ed è resistente alla
cottura in olio; la patata della
Campo coltivato a patate in località Cecita
Sila inoltre si contraddistingue
per la capacità di conservarsi a
lungo. “Solacem tuberosum”della
famiglia delle “solanacee” è la
specie che potrà fregiarsi del
marchio Igp. Nel dispositivo
sono elencate tante altre
particolarità: spessore della
buccia, forma, calibratura da
cui riconoscere la vera patata
della Sila che deve provenire
da tuberi i cui semi dovranno
essere certificati secondo
precise norme sementiere
nazionali. “Un riconoscimento
che i produttori silani si
aspettavamo da anni – sostiene
Pietro Tarasi, presidente
provinciale della Coldiretti - per
poter finalmente rilanciare una
delle eccellenze agroalimentari
calabresi, che rischiava di
restare solo entro i confini
regionali”.
Le zone della Sila maggiormente
interessate alla coltivazione
delle patate sono Garga,
Lagarò, Croce di Magara,
Giamberga, Bocca di Piazza e
Tassitano, per una superficie
coltivata di poco inferiore ai
2000 ettari dei quali 130 ettari
coltivati esclusivamente a
patate da seme. La produzione
annua si aggira intorno ai
600 mila quintali. I coltivatori
più noti del nostro comune
sono l’Azienda Tarasi a Garga,
Vincenzo Guzzo e Francesco
Loria a Cagno e i fratelli Arcuri
a Serrisi.
Conclusa l’undicesima edizione “Dal bosco al piatto”
Ha vinto “mille foglie ai funghi porcini”
Per il concorso riservato alla sala hanno trionfato di ragazzi di Castellaneta
Con il ritorno dell`autunno,
ecco spuntare qua e là, quasi per
magia, nei sottoboschi abbondanti
d’aghi di pino e di abete, nobilitati
dalle felci e dai biancospini,
i preziosissimi funghi dai tanti
colori: bianchi, gialli, rosa carminio,
marroni, violacei, rossastri e dalle
multiforme: ad ombrelli, a creste
di gallo, a gnometti incappucciati,
insomma, ve ne sono di tutte le
specie ed in abbondanza tale
che, gli appassionati raccoglitori
affermano che la Sila è la zona
più ricca d`Italia per varietà e
quantità dei frutti del sottobosco e,
come consuetudine ormai da alcuni
anni, per valorizzare i funghi anche
nell`arte culinaria, si è tenuta a
San Giovanni in Fiore, nei locali
del Centro Florens dell’Arssa,
diretta da Giuseppe Pantusa,
l’undicesima edizione
“Dal bosco al piatto”,
la rinomata kermesse
gastro-naturalistica
organizzata
d a l l ` A m i r a
sezione CosenzaSila. La popolare
manifestazione,
che deve il suo
indiscutibile successo
agli sforzi del ricco e
variegato programma
collaterale, che
l`instancabile fiduciario della
sezione silana, Biagio Talarico
ed il suo vice Giuseppe Biafora,
coadiuvati da tutti i soci del
sodalizio, riescono a creare un
perfetto connubio tra gastronomia–
musica–arte-cultura.
Di notevole importanza poi, è stato
il concorso gastronomico abbinato
alla manifestazione riservato agli
allievi degli istituti alberghieri di
Stato calabresi e di altre regioni,
giudicati da due qualificate giurie,
una di cucina e l`altra di sala, per
incoraggiare gli studenti di queste
scuole ad intraprendere l`attività
della ristorazione, un settore che
offre concrete occasioni di lavoro.
Nell’edizione di quest’anno hanno
gareggiato gli istituti: Karol Wojtyla
di Castrovillari, l’Ezio Alessi di
Trebisacce, l’Enrico Gagliardi di
Vibo Valentia, il Giovanni Paolo II
di Maratea, l’Amerigo Vespucci di
Roma, il Dea Persefone di Locri,
il Mauro Perrone di Castellaneta,
il Pietro Piazza di Palermo, l’Aldo
Moro di Albanella, il Leonardo da
Vinci di San Giovanni in Fiore.
Per la gara di cucina, si è aggiudicato
il primo posto la scuola di Locri, con
la ricetta “mille foglie ai porcini
con crema di zucca gialla su velo
di patate e castagne” preparata
dagli allievi Simone Ciccarello e
Francesco Tropeano. Per la sala,
ha trionfato l’istituto di Castellaneta
che ha presentato il piatto elaborato
dagli studenti Laura Parisi e Fabio
Santoro “gigli cardi e cardoncelli,
abbinato ad un Magilda rosè.
Come nelle precedenti edizioni,
l`affluenza di turisti ed appassionati
giunti da ogni parte della regione è
stata buona.
Nell`ambito della festa patrocinata
dall’assessorato all’agricoltura della
Regione Calabria, dall’assessorato
al turismo della nostra Provincia,
dal comune di San Giovanni in Fiore
e dalla Banca di credito cooperativo
“Mediocrati”, l`Amira ha inserito
un premio: il fungo più bello e quello
più grande, destinato ai raccoglitori
che ha appassionato molto chi si è
cimentato in questa competizione.
Francesco Mazzei
RECUPERATA LA STATUA DI SAN VITO
E’ tornata nella Chiesa del Crocefisso la statua lignea di San
Vito data in “comodato d’uso” alla Casa mandamentale aperta
negli anni ’70 e mai funzionata a pieno regime. Lo scopo era
quello di consentire ai reclusi di potersi avvicinare alla preghiera
davanti a questo santo.
Il recupero è avvenuto grazie alla tenacia di don Emilio
Salatino, responsabile della chiesetta di San Francesco, ma
grazie anche alla segnalazione dello storico Giovanni Greco
che ha fornito notizie precise sull’antica statua lignea descritta
da Alfonso Frangipane nell’Inventario degli oggetti d’arte
d’Italia, predisposto dal Ministero dell’educazione nazionale
nel 1933.
Il busto ligneo di san Vito, a tutto tondo, durato, è alto 0,72
cm, già dell’Archicenobio Florense si trovava al momento
della rilevazione di Frangipane nella sagrestia della Chiesa
matrice.
“E’ il primo recupero, – ha detto Giovanni Greco – ma altri
ancora dovranno seguire per salvaguardare il nostro patrimonio
artistico che è abbastanza ricco e non può essere depauperato
per incuria o troppa generosità”.
BORSE DI STUDIO DELLA BANCA
DI CREDITO COOPERATIVO MEDIOCRATI
La Banca di credito
cooperativo “Mediocrati”
proseguendo il suo
impegno nel sociale e la
sua costante attenzione
verso il mondo del lavoro
giovanile, con l’intento di
premiare e valorizzare
le qualità intellettuali
dei giovani laureati e
diplomati, bandisce anche
quest’anno un concorso
per l’assegnazione di otto
borse di studio riservate a
soci e figli di soci che, nel periodo 1 ottobre 2009 – 30 settembre
2010 abbiano conseguito, con il massimo dei voti, una laurea o
un diploma pertinente a materie collegate alla sfera giudicoeconomica-aziendale.
Le borse di studio consentiranno un’esperienza d’apprendimento
lavorativo della durata di tre mesi, non prorogabili, da svolgersi
presso una delle filiali della BCC Mediocrati. A ciascun borsista
sarà corrisposto un importo mensile di euro 700.
Maggiori chiarimenti si possono ottenere presso la sede locale
della BCC Mediocrati in viale della Repubblica.
“Un modo concreto di valutare i giovani che si apprestano ad
entrare nel mondo del lavoro”, ha detto il presidente Nicola
Paldino (nella foto) illustrando il bando predisposto dalla
Banca.
ANGELO PONTIERI
LASCIA LA SCUOLA ALBERGHIERA
Angelo Pontieri, apprezzato dirigente del Centro Florens
dell’Arssa, ha lasciato la guida della prestigiosa struttura
alberghiera sangiovannese, per raggiunti limiti d’età. Durante
il suo mandato è riuscito a far tornare agli antichi splendori un
centro eccellente di ristorazione ed accoglienza alberghiera,
ritenuto il fiore all’occhiello del turismo calabrese.
E a riprova di quanto detto la recente visita del Segretario
di Stato Vaticano, cardinal Tarcisio Bertone, che ha scelto
la Scuola alberghiera di San Giovanni in Fiore per il suo
soggiorno nella “Città di Gioacchino”. Al suo posto è giunto,
proveniente dal Centro sperimentale di Malarotta, Giuseppe
Pantusa, il quale vanta un’ottima esperienza nel campo della
ristorazione.
Pontieri, al momento delle “consegne” è stato salutato
affettuosamente da tutto il personale che in questi anni ha
fattivamente collaborato con lui.
Pag. 7
Prestigioso riconoscimento per Elena Succurro
Premiata per la ricerca scientifica
Il premio le è stato consegnato a Roma nel corso del 111° Congresso di medicina interna
Ancora un riconoscimento per la dott.ssa Elena
Succurro, impegnata nella difficile fatica di ricercatrice
presso il Dipartimento di medicina clinica e sperimentale
dell’Università degli Studi “Magna Grecia” di
Catanzaro. E’ risultata, infatti, vincitrice del premio
che la Società italiana di medicina interna dedica alla
memoria del prof. Alberto Malliani. Il suo impegno
nella ricerca scientifica non è certo passato inosservato
alla giuria del premio che si era accorta delle capacità di
questa giovane dottoressa calabrese già lo scorso anno,
quando aveva vinto il “Premio Forosid-Umberto Di
Mario” assegnato a giovani ricercatori di età inferiore
ai 35 anni, per il miglior lavoro scientifico svolto in
un centro di ricerca italiano e pubblicato su riviste
scientifiche internazionali nell’anno solare 2009.
Dallo scorso anno ad oggi Elena Succurro è cresciuta
ulteriormente e così il 18 ottobre scorso, è salita sul
polio del 111° congresso nazionale di medicina
interna tenutosi a Roma, per illustrare il suo
“progetto di ricerca” che punta a riequilibrare
il rapporto dello scompenso cardiaco nei
pazienti affetti di diabete mellito e ricevere
così direttamente dalle mani del presidente
della società, Francesco Violi, l’ambito
premio al suo lavoro di ricercatrice.
“E’ il secondo riconoscimento di valenza
nazionale ottenuto quest’anno dalla dott.
ssa Succurro – ha dichiarato il prof. Giorgio
Sesti, direttore dell’Unità operativa di medicina
interna della “Magna Grecia” di Catanzaro – e
dimostra chiaramente che si può fare ricerca di qualità
anche in una struttura periferica come la nostra. In un momento di gran difficoltà del mondo sanitario
calabrese, riconoscimenti di questa natura devono spingere addetti ai lavori e classe dirigente ad investire
nella meritocrazia che, seppure a fatica, riesce a farsi largo e a testimoniare che la sanità e la ricerca medica
in Calabria sono di livello di gran lunga superiore rispetto a quanto viene comunemente riportato”.
Elena Succurro, 32 anni, si è laureata con lode proprio presso l’Università catanzarese dove ha conseguito
anche il diploma di specialista di medicina interna. Vincitrice di concorso per titoli ed esami per il
conferimento di assegno di ricerca, il medico sangiovannese svolge attività di ricerca con la qualifica di
assegnista ed è autrice di venti pubblicazioni apparse su riviste scientifiche. Succurro è anche docente a
contratto presso la Scuola di specializzazione in medicina interna dell’ateneo “Magna Grecia”.
Sarà presente al “Festival dei Talenti” in programma a Roma dal 17 al 21 novembre
Il pane di Parmella
Salvatore e Rossella Lopetrone pronti ad ammassare farina, sale, acqua e lievito-madre
Ci sarà una prova sul banco, nel quartiere
Talenti di Roma, per Salvatore Lopetrone
e sua moglie Rossella, che dal 17 al 21
novembre andranno nella capitale ad
ammassare, farina, lievito, sale ed acqua
per produrre il pane casereccio, così
come fanno tutti i giorni nel loro forno
di via Lodi della nostra città.
Sono stati invitati dal comitato del
“Festival dei Talenti”, promosso dal
Ministero per le politiche giovanili,
allo scopo di far conoscere i giovani
che grazie alle loro storie di successo
confermano che con il talento, abbinato
all’impegno e alla determinazione, si
possono raggiungere risultati importanti
nei diversi settori lavorativi.
Salvatore e Rossella racconteranno della
loro quotidiana esperienza di panificatori
“all’antica” che tengono vive ancora
tradizioni e ricette, che appartengono alla civiltà del nostro popolo.
Salvatore Lopetrone ha cominciano ad alzarsi la mattina alle tre di notte, insieme a sua sorella Caterina, quando
tanti ragazzi della sua età continuavano a dormire nel tepore delle coperte, per andare a lavorare nel forno dei
Ceretti; poi una volta diventato adulto e sposato, ha realizzato il “suo” forno e ora i due fratelli, pur separati,
continuano a far uso della medesima ricetta e delle stesse tecniche antiche e comprovate.
“Il segreto sta nell’uso del lievito-madre - dice Salvatore - che noi rinnoviamo ogni giorno e che è la base del
nostro impasto. Poi è necessario disporre di una struttura in pietra nella quale far ardere legna per riscaldare
a misura la pancia del forno. Mettici poi l’esperienza di tanti anni di lavoro e il pane è bello e cotto”.
Il “Festival dei Talenti” è una palestra dove dimostrare che l’Italia è ricca di talenti in tutti i campi dello scibile
e che anche un panificatore e sua moglie, hanno diritto di raccontare la loro storia di piccoli imprenditori di
paese. Servirà certamente a tanti altri giovani indecisi che ancora aspettano di intraprendere la strada della loro
vita. Per l’assessore alla cultura, Giovanni Iaquinta, che ha sollecitato personalmente quest’invito al ministro
Melandri, si “tratta di far conoscere le potenzialità di tanti giovani che magari non riescono ad avere quegli
agganci necessari per dimostrare quello che sono capaci di fare. E poi un’occasione anche per far conoscere un
alimento che meriterebbe un Dop sul campo”.
Pag. 8
Lauree
FESTA DI LAUREA IN CASA GENTILE
Presso l’Università della Calabria, s’è laureato in ingegneria
meccanica Francesco Gentile, figlio del prof. Luigi Maria e
di Rosa Saccomanno. Francesco, appassionato da sempre di
motori, ha discusso una tesi su: “Metodologia per il montaggio
automatico delle nuvole di punti acquisite mediante tecniche
di reverse engineering”. Relatore il professor Maurizio
Muzzupappa.
Al neo ingegnere, che s’è trasferito proprio in questi giorni
a Modena, per conseguire la specializzazione sull’autoveicolo
oggetto della sua ricerca, formuliamo gli auguri di un gran
successo professionale, mentre ai genitori facciamo giungere le
congratulazioni degli amici de: Il nuovo Corriere della Sila.
UNA LAUREA CON 110 E LODE
PER ANTONELLA CHIARA OLIVERIO
Antonella Chiara Oliverio (nella foto), discutendo una
tesi sperimentale in pediatria su “L’utilizzo della medicina
complementare alternativa in una popolazione pediatrica
calabrese” ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia
presso l’Università “Magna Grecia” di Catanzaro, con la
lusinghiera votazione di 110 e lode.
Una ricerca brillante e accurata quella condotta da Antonella
Chiara Oliverio, che si è aggiudicata una presentazione, da parte
del prof. Roberto Miniero, docente
di Pediatria, presso la facoltà
di medicina di Catanzaro
negli Atti di un importante
congresso nazionale tenuto a
Roma dal titolo: “I Bambini ci
guardano”.
Complimenti alla neo
dottoressa, che ha deciso di
mettere al servizio dei nostri
bambini le sue conoscenze
di pediatra e di ottica,
altro titolo conseguito,
sempre con il massimo
dei voti, presso l’Istituto
nazionale di ottica
applicata di Firenze.
La passione per il “mestieraccio” ha contaminato anche le donne
Giornalismo al femminile
Artigianato
Il ricamo della vita
Barbara Marrella, Betty Guglielmelli, Fulvia Serra e Maria Teresa Cortese
Per anni e anni Ghior
Redazionale
girò il mondo alla
Ogni tanto è anche giusto
parlare di noi. Di chi si espone
a critiche per aver scritto un
“pezzo” non gradito; di chi
si affaccia in video e non ha
avuto il tempo di passare
dalla parrucchiera; di chi
involontariamente scambia il
nome dell’attore con quello
dell’organizzatore; di chi ha
“bucato” perché aveva da
guardare il figlio e ora dovrà
subirsi il rimprovero del
redattore di turno o di chi è
costretto a passare il pomeriggio
di domenica a seguire la partita
di pallone e sarebbe, invece,
voluto andare al mare con il
resto della famiglia.
Av e t e b e n c a p i t o s t i a m o
parlando dei giornalisti locali,
che beninteso non ricevono
uno stipendio per scrivere
sul giornale, ma hanno una
passione morbosa di fare
questo “mestieraccio” che è
più forte di loro. Solo che la
nostra attenzione questa volta
è sulle donne del giornalismo
sangiovannese. E cominciamo
con Barbara Marrella: diploma
di maestra elementare e un
inizio di carriera che parte
a metà degli anni ’80; prima
sulle pagine de Il Crotonese,
poi a scrivere per Gazzetta del
Sud, Il Domani, Radio Sila Tre
e infine “conduttrice ufficiale”
di Sila Tv. Barbara che conta
u n’ a n z i a n i t à d ’ i s c r i z i o n e
all’Ordine di quasi dieci anni,
ora si occupa in prevalenza delle
“comunicazioni istituzionali”
del nostro Comune.
A seguire Betty Guglielmelli:
una laurea in storia moderna
conseguita nel 1999 presso
l’Università della Calabria e
un debutto sulla carta stampata
l’anno successivo sulle pagine
de “La Provincia Cosentina” e su
“Il Domani”, prima dell’arrivo
ricerca di qualche
risposta ai suoi
affannosi “perché?”.
Da piccolo aveva
perso la mamma
e il papà e aveva
dovuto arrangiarsi
per vivere, subendo
ogni sorta di privazione. La vita, tra imprevisti, delusioni e
Barbara Marrella
Maria Teresa Cortese
Ora, stanco e arrabbiato, stava per abbandonarsi definitivamente
allo sconforto, ma, prima di mollare la presa, decise di fare un
ultimo viaggio per il mondo e, preparata alla buona una sacca
con cibo e vestiti, s’incamminò alla ricerca di risposte.
Dopo molto tempo, una notte molto fredda, arrivò in un piccolo
villaggio, poche tende di pastori, qualche fuoco e molte stelle.
Entrò in una delle tende e vicino al fuoco vide addormentata
una vecchia donna. Stava quasi per svegliarla e chiederle
ospitalità, quando una mano gli sfiorò la spalla. Girandosi
Fulvia Serra
Betty Guglielmelli
di Giuseppe, che l’impegna a
tempo pieno. Iscritta all’Ordine
dei giornalisti nel 2002,
Betty è ora la “nota” gentile
di “Silanotizietv”, l’emittente
via internet molto seguita dai
nostri emigrati all’estero.
Fulvia Serra, licenza liceale
e un’esperienza di circa tre
anni a Il Crotonese, prima di
creare Juve Novo che con il
giornalismo ha molto attinenza.
Ora si occupa, invece,
d’ambiente e l’esperienza
giornalistica le serve per far
conoscere le diverse iniziative
che promuovono lo sviluppo
della Sila.
Maria Teresa Cortese (classe
1980): una laurea in Scienze
dell’informazione conseguita
a Roma e una passione da fare
invidia al decano dei giornalisti.
Ha cominciato a scrivere sul
giornalino scolastico della
sua scuola, poi ha scritto con
puntualità per “Parola di Vita”
e ora a scrivere “paginate”
per “Il Crotonese”. Piccola
di statura e con un eterno
sorriso coinvolgente, Maria
Teresa, è sempre in prima fila a
prendere appunti, riassumendo
alla perfezione il pensiero
logorroico dei politici per
renderlo comprensivo ai suoi
lettori. Ha un entusiasmo per
questo “mestiere” che merita
un pubblico più ampio, magari
in una città più grande.
Infine, è d’obbligo almeno
citare due professioniste del
giornalismo partite da qui, ma
che si sono affermate a livello
nazionale: Costanza Cribari,
redattrice dell’Agenzia ADN
Kronos e Francesca Oliverio,
inviata di EcoRadio, delle
quali contiamo di occuparci
prossimamente.
Bere per bere non fa più piacere
E s’affacciano i sommelier
Oggi bere per bere non fa più
piacere e così bisogna imparare
a gustare i vini. E nasce la
professione di sommelier una figura
di professionista ben remunerata e
qualificante per i ristoranti “In”.
Vuoi imparare a degustare i vini?
Diventare sommelier è facile,
diciassette incontri serali, una volta
alla settimana della durata di circa
due ore, tre vini da degustare in ogni
appuntamento e in dotazione anche
la valigetta bicchieri, testi, rivista e
guida di duemila vini. Aspettando
di forgiare ventiquattro nuovi
sommelier, è cominciato presso
alcune strutture alberghiere di
San Giovanni in Fiore, il corso
di primo livello per sommelier,
organizzato dall’AIS (Associazione
italiana sommelier) e l’AMIRA
(Associazione maitres italiana
ristoranti e alberghi sezione
Cosenza / Sila). Il programma del
accidenti di ogni tipo, non gli aveva mai sorriso veramente.
corso prevede nelle prime lezioni
l’illustrazione della figura e le
funzioni del sommelier, seguite
da nozioni di viticoltura, enologia
e tecnica della degustazione
con esame visivo, olfattivo e
gustativo, legislazione ed enografia
nazionale, birra, distillati e liquori,
enogastronomia. Le ultime due
lezioni saranno invece dedicate
rispettivamente alla visita presso
un’azienda vitivinicola e una
verifica finale con approfondimento
sulla degustazione. Lo scopo
del corso è far conoscere con
la gioia di insegnare e crescere
insieme, la didattica applicata
all’enogastronomia, il vino, i
produttori, la cultura del territorio.
L’intento dei due sodalizi è anche
quello di evidenziare la crescita
della qualità dei vini e di avvicinare
la gente al vivace il mondo enologico
e a quello della ristorazione, al
fine di avviare quel processo
d’integrazione fra questi due
fondamentali elementi, il vino e la
gastronomia, importantissimi per
lo sviluppo turistico del territorio.
Al corso base che si tiene per la
prima volta nel grosso centro
silano, partecipano appassionati,
professionisti e ristoratori,
organizzatori e gestori di eventi e
concorsi enogastronomici.
di scatto, si trovò davanti un giovane: era un guerriero che
sottovoce, ma con tono imperioso, gli disse: “Per la notte copriti
con questa!”, e gli porse una coperta morbidissima, di lana
pettinata, ricamata con colori accesi: nemmeno il tempo di
ringraziare, ed era già sparito. La luce tenue dell’alba svegliò
Ghior, che ancora sotto la sua coperta, si sentì invadere come
una piena dal peso dei suoi perché e dei suoi dubbi antichi. La
vecchia donna rientrando nella tenda con una brocca fumante
di latte di capra e qualche focaccia gli disse: “Figliolo, smetti di
tormentarti per nulla”. “Ma la mia sofferenza e le mie disgrazie
sono nulla?” rispose Ghior stupito e rattristato.
“Figliolo - riprese la donna - smetti di tormentarti. Ciò che ti ha
tenuto caldo durante la notte è proprio la risposta che cerchi”.
Ghior non capiva. Cos’era questa cosa che lo aveva tenuto
caldo per tutta la notte...ed era anche la risposta ai suoi perché?
Sfiorando il bordo della coperta, la morbidissima sensazione
della lana si trasformò in una illuminazione: “La coperta, la
coperta mi ha tenuto caldo, la coperta! Ma...come può essere
la risposta ai perché complicati della mia vita?”.
Appoggiato il latte e le focacce per terra, la vecchia donna si
chinò fino a sedersi al giaciglio di Ghior. “Guarda figliolo - disse
mostrandogli un lato della coperta - cosa vedi?”
“Dei colori bellissimi, e disegni ancor più belli ricamati con
perfezione mai vista”. “Ora guarda l’altro lato: cosa vedi?”.
“Vedo il tipico aggrovigliarsi dei fili del ricamo, colori
sovrapposti, confusione, nodi curati ma sempre nodi, e
tagli di filo e colori, intrecci imprevisti, senza senso, disegni
incomprensibili e brutti da vedere”. “Ecco figliolo, la vita, la
tua vita è esattamente così: tu sei sotto il ricamo della vita, puoi
vedere questa coperta solo da sotto; è la condizione umana. Nel
frattempo, per te, su di te e dentro di te si ricamano dall’altro
lato disegni e sfumature straordinarie e di una bellezza
sconvolgente, e per questo ricamo a volte si rende necessario
tagliare, fare nodi, correggere. Da qua sotto è ovvio che senza
un po’ di fede e fantasia vedi solo tagli, nodi e confusione, ma
guarda un po’ cosa sta realizzando Dio su di te...un disegno
bellissimo!”
www.coloridellavita.com
Se hai curiosità da raccontare o suggerimenti da proporre scrivi
all’indirizzo e-mail: [email protected] o contattami su facebook.
Pag. 9
Vi sostavano gli animali in transito verso i pascoli della Sila
Gli antichi vivieri
della transumanza
Da noi i più conosciuti erano quelli delle Mieri e di Cerchiara
di Saverio Basile
A sinistra il viviere di Mieri a destra quello di Cerchiara
Lungo gli itinerari dei tratturi
che dall’ex Marchesato
portano verso la Sila, i Comuni
attraversati dalla transumanza
vi avevano fatto costruire i
cosiddetti “vivieri”, vasche in
muratura per consentire agli
animali di abbeverarsi per
combattere i primi caldi della
primavera. Solitamente i pastori
menavano il gregge lungo gli
argini del Neto, ma una volta
arrivati a Calosia bisognava
iniziare ad inerpicarsi per
i tratturi di montagna per
raggiungere le destinazioni di
pascolo, così il primo “viviere”
lo si trovava a Mieri, qualche
chilometro più sotto il bivio
di Caccuri, dove confluivano
anche le greggi provenienti
da Verzino e Umbriatico. Lo
aveva fatto costruire la famiglia
Cantafora che a Laconi aveva la
sua azienda agricola. Poi c’era
quello di Cerenzia appena
oltrepassato il paese, ritenuto
però scomodo perché spesso
occupato dalle lavandaie
del paese e siccome i cavalli
sono schizzinosi nel bere non
sempre riuscivano a togliersi la
sete. Così i pastori saltavano,
di punto in bianco, questa
postazione, mettendosi in
cammino verso Cerchiara, che
poi è ad un tiro di schioppo
dalla zona, dove il fresco dei
primi pini di Gimmella toglieva
anche la stanchezza ai pastori
e consentiva agli “animicchi
primaruli” di farsi allattare
dalle mamme.
Nei paraggi del nostro paese
di vivieri ce n’erano parecchi
a seconda della strada che
si percorreva per salire in
Sila. Chi veniva dalle parti
di Savelli faceva sosta al
Pardice, dove al Canale ‘ e
Juzzu, muli e asini facevano
la fila per abbeverarsi, mentre
i mulattieri n’approfittavano
per scambiarsi qualche parola
fra di loro.
Chi saliva dal vecchio Ponte
della Cona imponeva la sosta
alle capre proprio sotto il
ponte, perché potessero bere
Pag. 10
e arrampicarsi a qualche frasca,
cibandosi di foglie verdi prima
di attraversare il paese, dove le
donne della Cona si facevano
trovare sull’uscio di casa
munite di bastone per evitare
che i caprini raggiungessero
i sottostanti ortelli appena
coltivati.
Chi veniva, invece, dalla Destra
di Neto sostava alla Junture
e poi salendo per le Sciolle
raggiungeva i verdi pascoli
dell’Ampollino. Ma da queste
parti non c’erano vivieri perché
i ruscelli e i fiumi erano tanti
e tutti colmi di acque chiare
e fresche, pronti a dissetare
animali d’ogni specie in transito
verso l’Altopiano Silano.
Molti vivieri ormai non ci sono
più o se ci sono, sono privi
d’acqua. Se n’è salvato uno
soltanto quello di Cerchiara,
che anzi è stato ristrutturato a
cura dell’Afor ed è diventato
punto di riferimento per
i pastori della Marina che
salgono e scendono per la
consueta transumanza.
Per i pastori che accompagnano
il gregge dei fratelli Martino (
i Catonni) il posto è diventato
luogo di bivacco sia quando
salgono in Sila e sia quando
scendono in Marina. Un luogo
dove ritrovarsi con i familiari
e con gli amici, dove è tuttora
tradizione trascorrere una
notte al chiarore delle fiamme
di un grande falò intorno al
quale mangiare, cantare e
ballare… in nome di un lavoro
antico e affascinante.
I PERICOLI DELLA SUPERSTRADA
Il tratto di strada che collega Cosenza con San Giovanni in
Fiore è ad alto rischio, a causa delle gallerie scarsamente
illuminate, delle numerose buche presenti sull’asfalto, dei
guard rail divelti e di animali vaganti.
Lo denuncia una petizione inoltrata all’Anas da un gruppo
di pendolari che per motivi di lavoro sono costretti a
percorrere ogni giorno quest’importante arteria.
“Sia di giorno che di notte è possibile imbattersi in mucche
e cavalli che attraversano la strada, – scrivono gli utenti –
per non parlare della lentezza dei lavori di sistemazione dei
giunti che durano mesi e mettono a dura prova la pazienza
degli automobilisti, costretti a lunghe soste davanti ai
semafori sistemati in piena curva”.
Nella petizione s’evidenziano numerose altre pecche, che
caratterizzano questo tratto di strada a scorrimento veloce,
che ormai non è più adeguato alle esigenze del traffico di
un’utenza numerosa che comprende una città capoluogo
come Crotone e grossi comuni della Sila come San Giovanni
in Fiore e Bocchigliero, nonché i villaggi di Camigliatello,
Silvana Mansio e Lorica.
Rinasce il corso C
Assegnata una classe in più
al liceo scientifico
Una nuova classe assegnata al Liceo Scientifico :“un risultato a
conferma che si possono realizzare obiettivi concreti, se, a sostenere
idee ed argomentazioni, è la filosofia di un progetto tarato e curvato
sulle reali esigenze degli alunni” e, soprattutto , “un segnale di
controtendenza, in un momento in cui si parla di tagli nella scuola,
di classi sovraffollate, di docenti perdenti posto, di indebolimento
della qualità dell’insegnamento, che è stato possibile all’assunzione
di disponibilità dello stesso Ministero dell’istruzione. Una classe che,
a parere dello scrivente, ha il sapore dei numeri reali della questione
scolastica: quella della qualità! «L’unione fa la forza», commenta il
dirigente scolastico prof.ssa Angela Audia, sottolineando l’impegno
e l’auspicio del personale d’Istituto nel mezzo della vicenda che ha
visto l’attesa e sperata I C farsi spazio reale e conquista territoriale
per sangiovannesi e non. “Credo- continua l’Audia- che questo sia
non solo il primo passo per vedere riconosciuta la particolarità della
nostra provincia montana ma anche occasione per poter garantire
il diritto allo studio ai nostri ragazzi, decisione ,quest’ultima , che
mi ha spinto ad accogliere gli studenti in eccedenza da Cotronei,
malgrado il disagio di operare in classi sovraffollate”. Non può
mancare all’appello, a giustificazione e a completamento di quanto
detto, un invito classico, contenuto in una rara epistola di Plinio,
che nell’attualità del passato, coglie le linee di un’ efficiente politica
didattica: la valorizzazione del proprio territorio in una rete
scolastica extraterritoriale.
“Nihil honestius praestare liberis vestris, nihil gratius patriae
potestis. Educentur hic qui hic nascuntur, statimque ab infantia
natale solum amare frequentare consuescant. Atque utinam tam
claros praeceptores inducatis, ut in finitimis oppidis studia hinc
petantur, utque nunc liberi vestri aliena in loca ita mox alieni in
hunc locum confluant!
TRAD: Nessun servigio più nobile potete rendere ai vostri figli.
Vengano educati qui, quelli che qui nascono, e subito, fin da bambini,
si abituino ad amare ed a mantenere un assiduo contatto con il
suolo natio. E mi auguro davvero che voi riusciate ad attirare degli
insegnanti così illustri che anche dalle città limitrofe vengano da voi
e che ,come adesso, i vostri figli si recano in regioni forestiere, così
tra poco siano i forestieri ad accorrere qui da ogni regione”.
L’augurio, parafrasando l’autore, si legge tra le righe: nelle parole
con cui ci si misura con le nuove generazioni, nelle azioni con cui si
mira la propria vita alla riappropriazione del significato autentico
delle cose.
Francesco Polopoli
ADDIO ALLA MAESTRA MARINA FERRO
E’ deceduta all’età di 89 anni la maestra Maria Marina Ferro
vedova Ferrari. Era giunta nel nostro paese da Cosole Bruzio, uno
dei più importanti Casali cosentini a seguito del matrimonio con
D. Giovanni Ferrari, uno dei commercianti che per primo diffuse
la radiofonia nel nostro paese.
L’ins. Marina Ferro si è sempre distinta per eleganza e senso gioviale
con cui accoglieva le giovani colleghe alle prime esperienze nel
mondo della scuola. Con gli alunni era attenta, scrupolosa e nello
stesso tempo dolce e accogliente.
A commemorarla un’alunna dei primi anni, alla quale è bastato
leggere in chiesa il vecchio tema “La mia maestra” per suscitare
ricordi e commozioni.
Ai figli Francesco e Rosa le nostre espressione di vivo cordoglio.
È MORTA AMELIA DE MARCO
Un grave lutto ha colpito la famiglia Tedesco per l’improvvisa
dipartita di Amelia De Marco. Donna affabile, generosa e attaccata
alla famiglia. Dopo la morte prematura della figlia Maria, Amelia,
aveva scelto di vivere una vita appartata; una scelta che in un certo
qual modo l’aveva isolata dal mondo. Lascia il marito Battista
Tedesco e i figli Salvatore, Alberto, Dina e Sandra ai quali facciamo
giungere le nostre sentite condoglianze.
Dodici notizie che arricchiscono le nostre conoscenze paesane
Antiche curiosità
Mentre la parola più lunga del nostro dialetto è addimmannammiellu
Alla fine degli anni Cinquanta s’insediò a Lorica, in località Mellàra,
una “strana” coppia (nel senso buono della parola). Veniva dal Nord.
Si trattava di due coniugi: lui un ingegnere; lei un’imprenditrice.
di Emilio De Paola
Questa volta vi voglio
intrattenere su alcune
antiche curiosità.
Curiosità che nello
stesso tempo illuminano
un sistema di vita, che
avrebbero bisogno di una
più esaustiva descrizione.
Lo faccio in sintesi per
dire più cose in un solo
articolo. I lettori che mi
hanno seguito finora sono
certo gradiranno queste
notizie per completare il
mio lavoro di memoria.
1. Una volta c’erano ‘e
monache ‘e casa che non
prendevano i voti, ma
dedicavano la loro vita
alla famiglia. Vestirsi da
suora era il segno della
loro dedizione al Signore.
Questa figura era presente
solo nelle famiglie nobili;
2. Quando si doveva fare
un giuramento si baciava
‘ u p e r e ‘ e ‘r o S e g n u r e
costituito dal dito medio
sovrapposto all’indice
della mano sinistra; 3.
Durante l’ultimo conflitto
mondiale erano molto
attive le madrine di
guerra: ognuna di loro
“adottava” un soldato
intraprendendo una fitta
corrispondenza allo scopo
di sollevare il morale
dei militari al fronte.
Molti sangiovannesi,
rimpatriando, mostravano
compiaciuti pacchi di
lettere con la scritta “Posta
Militare”; 4. I giovani
si sà vanno alla moda.
Nell’immediato periodo
del dopoguerra (19471950) erano molto usati
i pantaloni a “zampa
d’elefante”, molto lunghi
da essere trascinati per
ter ra. Rendendo anche
un buon servizio alla
nettezza urbana; 5.
Una scena di miseria.
Tanto tempo fa veniva
a primavera nel nostro
paese un uomo chissà
da dove con un sacco e
raccoglieva capelli lunghi
delle donne, pagandoli
con qualche insignificante
giocattolo per i bambini; 6.
Quando ancora non c’era
LA SIGNORA CINCILLÀ
Cos’erano venuti a fare in Sila? A realizzare un’iniziativa veramente
nuova: un allevamento di cincillà da pelliccia. La cosa suscitò
naturalmente molta curiosità sia nel borgo turistico sia a San Giovanni
in Fiore, dove la notizia si diffuse accompagnata da tante speranze
come quella di potere, a breve scadenza, vedere un impianto che
procurasse una qualche occasione occupazionale nel nostro tragico
panorama dell’eterna disoccupazione. A poca distanza dalla battigia
del lago Arvo, esattamente a Mellàra di Cavaliere, i coniugi Moretti
(lei: Nerea Boniventa; lui: Enrico Moretti) fecero sorgere una lunga
fila di casotti per ospitare gli animaletti che intanto cominciarono a
giungere in speciali gabbie imbottite. L’ing. Moretti che conosceva la
Sila da tempo, per aver soggiornato prima a Cagno, diceva di aver
scelto per il suo progetto la zona di Lorica, per l’eccezionale ambiente
e per il clima lacustre.
I due “pionieri” venivano spesso a San Giovanni in Fiore dove erano
ormai conosciutissimi, tanto che la signora veniva chiamata da tutti
“la signora Cincillà” e a me faceva venire alla memoria l’omonima
operetta di Lear. Passarono mesi, la gente andava a Mellàra per visitare
le bestiole in gabbia, poi tutto finì non so come, certo nel nulla. Come
tutte le nostre speranze.
UNA MINIERA DI SOGNI
Un’altra opportunità svanita nello stesso periodo fu la miniera di
Mietitori in posa - estate 1912
l’acqua nelle case e quindi
non c’erano nemmeno
i gabinetti, il contenuto
odorante dei vasi da notte,
volgarmente chiamati
pisciaturi, si buttava a
notte fonda per le strade.
Ecco perché era spesso
necessario “liberare”
l’acquaro per pulire il
paese; 7. La più lunga
parola del nostro dialetto
è addimmannammiellu,
for mata da dicias se tte
lettere; 8. Per una “fatta”
di pane nei nostri vecchi
forni si davano a fine
furnatu tre pani alla
fornaia e due alla padrona
del forno. Generalmente
la proprietà del forno
apparteneva a famiglie
benestanti; 9. I carabinieri
a cavallo erano la felicità
dei bambini, specie
quando portavano il
“pennacchio”. Ma io me
li ricordo in circostanze
dure, quando dovevano
“delicatamente”
respingere gli operai
in sciopero; 10. I
fumatori incalliti ma
poveri, raccoglievano le
cicche per fumarle fino
all’inverosimile trattenute
da uno spillo. A parte
quelli che arrucciulavanu
il tabacco con carta di
giornale. 11. Il tempo
della mietitura arrivavano
a San Giovanni numerosi
mietitori provenienti dai
paesi della Marina e si
mettevano in fila alla
“Rota ‘e ‘re cavalli” o ai
Quattro Cantoni nei pressi
dello Sventramento. Le
persone che n’avevano
bisogno sceglievano quelli
più giovani e più forti,
proprio come si fa oggi
con gli extracomunitari;
12. Il barone Barracco non
era certo molto espansivo
con i suoi dipendenti.
Ma una volta fece
un’eccezione e mise una
mano sulla spalla ad un
suo pastore di Caccuri,
tale Carminiellu Durante,
il quale lusingato se ne
vantò per tutta la vita,
andando dicendo: “Anima
‘e ‘ra Marosca, ‘u barune
Barroccu ma mmisu ‘a
manu supra ‘a spalla, a mio,
propriu a mio”.
Cerenzia che “avrebbe” dovuto dare lavoro anche ai sangiovannesi.
Una pur dinamica signora Serafina Ciambrone fece illudere le
popolazioni della Pre Sila di avere trovato nelle viscere di quella
terra la ricchezza per tutti. Fu capace di far visitare il sito ad eminenti
uomini di governo (i sottosegretari Larussa e Antoniozzi) e ne parlò
personalmente con il presidente del consiglio Fanfani, in visita nella
nostra regione nell’aprile del 1961, quando transitando da Cerenzia,
salutato dal sindaco Luigi Foglia e dal parroco don Francesco Fazio, gli
fece trovare cumuli di pirite, magnetite e limonite da poco estratti nelle
vicinanze di Cerenzia Vecchia, sperando di convincere il presidente
del consiglio ad elargire finanziamenti per intraprendere l’attività
estrattiva. Qualche anno dopo con la “fuga” della signora Ciambrone
si capì che era soltanto una miniera di sogni…
UN AMMASSO DI AMIANTO
Non c’è due senza tre! Negli anni ’70 un’altra iniziativa industriale
si affaccia nelle speranze dei sangiovannesi. E’ la creazione della
società S.i.l.v.a. che avrebbe dovuto costruire e mettere in commercio
infissi esterni ed interni per rispondere alla richiesta di un mercato
particolarmente esigente, in un momento di selvaggia espansione
urbanistica messa in atto con le rimesse degli emigrati.
Fu costituita una SpA, dietro il cui paravento vi erano personaggi
importanti della Cosenza per bene (giudici, avvocati, imprenditori
e aristocratici) che speravano di attingere ai fondi della Cassa per il
Mezzogiorno. Dopo due anni in cui furono prodotte solo cassette per
la frutta, la ditta chiuse bottega, lasciando sul lastrico una quindicina
di dipendenti e un ammasso di amianto, nei pressi di Palla-Palla, che
ancora nessuno riesce a rimuovere.
Pag. 11
Pag. 12
Fly UP