...

“Data certa”

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

“Data certa”
RATIO FAMIGLIA
[n. 4/2016 • 11928] Centro Studi Castelli s.r.l.
7
Pubblica Amministrazione
“Data certa”
Il servizio di Poste Italiane va in pensione
Simone Manera
Fine del servizio di “Data certa” di Poste Italiane S.p.a. e, dunque, la fine di un’epoca. A partire dal 1.04.2016. Non si
tratta di un pesce d’aprile bensì dell’ultima, importante, disposizione introdotta da Poste Italiane S.p.a. per quanto
concerne un servizio utilizzato per anni da milioni di cittadini e, dunque, a diretto contatto con il pubblico. E così si
chiude una pagina di storia del nostro Paese che perde una delle sue tradizioni, forse non così diffusa ma pur sempre
parte del nostro quotidiano. La circolare con la quale le Poste hanno deciso di sospendere questa tipologia di verifica
presuppone, ovviamente, l’arrivo di un “sostituto”, l’ingresso di una metodologia completamente nuova, al passo con
le moderne tecnologie che di fatto porteranno la rete e l’elettronica a prendere il posto del caro, vecchio timbro
ormai logoro.
“Data certa”: addio ad uno
storico servizio
Quello che è stato sospeso, di fatto, è
il servizio denominato di “Data certa”.
Con l’entrata in vigore del nuovo
provvedimento, dal 1.04 gli addetti
di tutti gli uffici del servizio postale
nazionale hanno immediatamente
negato ai cittadini che ne facevano
richiesta, la possibilità di apporre un
timbro su di un plico o una busta.
Due le finalità dell’ormai ex servizio
“Data certa”: intanto, quello di accertare la data dalla quale far decor-
rere i termini per l’esercizio di alcuni
diritti, come, ad esempio, quello di
contestare una cartella esattoriale o
una contravvenzione.
In sostanza, la prova della formazione di un documento in un determinato arco temporale.
Poi la possibilità data al destinatario di contrapporre un documento
ad eventuali controparti, stabilendo
una datazione ben precisa.
Ciao ciao timbro postale,
arriva lo scontrino elettronico
Va in pensione il timbro postale cer-
tificatore ed ecco che fa il suo ingresso lo scontrino elettronico cartaceo.
In sostanza, ogni qual volta il postino si reca presso il civico del destinatario per la consegna di una raccomandata, chiede che questi firmi
sul display elettronico del palmare
munito di apposita penna ottica.
Quindi si procede alla stampa dello
scontrino che riporta la data di consegna della documentazione (prova
che la consegna è effettivamente avvenuta); ad accertare la data di recapito ai fini della prova legale saranno
i riferimenti riportati sullo scontrino
compilato dal portalettere con il palmare, ovvero i dati di registrazione
del plico/lettera con la firma del destinatario quale ricevuta di ritorno.
Altra alternativa
con la PEC
Per accertare l’effettiva data di spedizione di un documento, un altro
metodo sicuro è legato al sistema
della PEC, la casella di posta elettronica certificata attraverso la quale è
possibile inviare la documentazione.
La casella PEC, infatti, ha pieno riconoscimento legale ormai da anni visto che il suo contenuto è considerato prova certa, sia dell’invio che del
ricevimento del messaggio.
Riproduzione vietata - Aggiornato al 13.04.2016
Fly UP