...

Avviso Pubblico ISI 2015 LAZIO

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Avviso Pubblico ISI 2015 LAZIO
I.N.A.I.L.
AVVISO PUBBLICO QUADRO 2015
INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN
MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO
in attuazione dell’articolo 11, comma 5
D. Lgs 81/2008 s.m.i.
1. FINALITA’ ....................................................................................... 2
2. MODALITA’ ATTUATIVE E NORMATIVA ................................................ 2
3. RISORSE FINANZIARIE DESTINATE AI CONTRIBUTI ............................. 3
4. REQUISITI DEI DESTINATARI E CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA' .......... 3
5. PROGETTI AMMESSI A CONTRIBUTO .................................................. 5
6. AMMONTARE DEL CONTRIBUTO ......................................................... 7
7. SPESE AMMESSE A CONTRIBUTO ....................................................... 7
8. SPESE NON AMMESSE A CONTRIBUTO ............................................... 7
9. MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE .............................. 9
10. ACCESSO ALLA PROCEDURA ON LINE ............................................... 9
11. COMPILAZIONE DELLA DOMANDA .................................................... 9
12. INVIO DELLA DOMANDA ON LINE .................................................... 10
13. PUBBLICAZIONE ELENCHI CRONOLOGICI DELLE DOMANDE ON LINE .. 10
14. CRITERI DI PRECEDENZA A PARITA’ DI POSIZIONE ........................... 10
15. ASSISTENZA ALLE IMPRESE ........................................................... 11
16. INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE A COMPLETAMENTO DELLA
DOMANDA ...................................................................................... 11
17. VERIFICA TECNICO AMMINISTRATIVA ............................................. 11
18. ANTICIPAZIONE PARZIALE DEL CONTRIBUTO ................................... 12
19. TERMINI DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ................................... 13
20. MODALITA’ DI RENDICONTAZIONE ED EROGAZIONE DEL
CONTRIBUTO .................................................................................. 13
21. REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ..................................................... 14
22. OBBLIGHI DEI SOGGETTI BENEFICIARI ........................................... 15
23. VERIFICHE ................................................................................... 15
24. REVOCHE ..................................................................................... 15
25. COMUNICAZIONI TRA INAIL E IMPRESE ........................................... 16
26. INFORMAZIONI SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E TUTELA DELLA
PRIVACY ......................................................................................... 18
27. PUBBLICITA’ ................................................................................. 19
28. PUNTI DI CONTATTO ..................................................................... 19
29. RIEPILOGO DELLE PRINCIPALI SCADENZE........................................ 19
1
LAZIO
1. FINALITA’
Il presente Avviso ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti
per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro. Per
“miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro” si intende il
miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei
lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti e riscontrabile con quanto
riportato nella valutazione dei rischi aziendali.
Le imprese possono presentare una sola domanda in una sola Regione o
Provincia Autonoma.
2. MODALITA’ ATTUATIVE E NORMATIVA
I contributi oggetto del presente Avviso sono concessi con procedura
valutativa a sportello ai sensi del decreto legislativo n.123/98 e s.m.i.
I contributi rispettano le condizioni e le limitazioni della normativa
comunitaria relativa all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul
funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”, con riferimento ai
seguenti Regolamenti UE:
Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013,
relativo all’applicazione degli articoli 107 ed 108 del trattato sul
funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”.
Ai sensi di tale regolamento l’importo complessivo degli aiuti de minimis
concessi ad un’impresa unica1 non deve superare i 200.000,00 € nell’arco di
tre esercizi finanziari (100.000,00 € per le imprese attive nel settore del
trasporto su strada).
Regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013,
relativo all’applicazione degli articoli 107 ed 108 del trattato sul
funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis” nel settore
agricolo.
Ai sensi di tale regolamento l’importo complessivo degli aiuti de minimis
concessi ad un’impresa unica2 non deve superare i 15.000,00 € nell’arco di
tre esercizi finanziari.
Regolamento (UE) n. 717/2014 della Commissione del 27 giugno 2014,
relativo all’applicazione degli articoli 107 ed 108 del trattato sul
funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis” nel settore della
pesca e dell’acquacoltura.
Ai sensi di tale regolamento l’importo complessivo degli aiuti de minimis
concessi ad un’impresa unica3 non deve superare i 30.000,00 € nell’arco di
tre esercizi finanziari.
1
2
3
Per impresa unica si intende l’insieme delle imprese fra le quali esiste almeno una delle relazioni indicate all’articolo
2, comma 2, del Regolamento (UE) n.1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.
Per impresa unica si intende l’insieme delle imprese fra le quali esiste almeno una delle relazioni indicate all’articolo
2, comma 2, del Regolamento (UE) n.1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.
Per impresa unica si intende l’insieme delle imprese fra le quali esiste almeno una delle relazioni indicate all’articolo
2, comma 2, del Regolamento (UE) n. 717/2014 della Commissione del 27 giugno 2014.
LAZIO
2
3. RISORSE FINANZIARIE DESTINATE AI CONTRIBUTI
Lo stanziamento ai fini del presente Avviso relativamente alla Regione Lazio
è pari a complessivi 35.468.686 Euro di cui:
 24.828.080 Euro per i progetti di investimento (di cui all’allegato 1)
ed i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità
sociale (di cui all’allegato 2);
 10.640.606 Euro per i progetti di bonifica da materiali contenenti
amianto (di cui all’allegato 3).
4. REQUISITI DEI DESTINATARI E CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA'
I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate
su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria,
Artigianato ed Agricoltura.
Al momento della domanda, l’impresa richiedente deve soddisfare, a pena di
esclusione, i seguenti requisiti:
 avere attiva nel territorio di questa Regione/Provincia autonoma
l’unità produttiva per la quale intende realizzare il progetto 4. Per le
imprese di armamento, relativamente a progetti riguardanti navi e
imbarcazioni, l’unità produttiva è la nave/imbarcazione; la sede INAIL
competente è quella del capoluogo (Genova, Napoli, Palermo, Trieste)
nella cui regione è gestito il rapporto assicurativo della
nave/imbarcazione o la posizione del ruolo unico (le risorse finanziarie
sono quelle delle regioni Liguria, Campania, Sicilia e Friuli Venezia
Giulia);
 essere iscritta nel Registro delle Imprese o all’Albo delle Imprese
Artigiane;
 essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in
stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura
concorsuale;
 essere assoggettata ed in regola con gli obblighi assicurativi e
contributivi di cui al Documento Unico di Regolarità Contributiva
disciplinato dal decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
30 gennaio 2015 (G.U. n. 125 del 1.6.2015) e dall’articolo 31, commi
3 e 8-bis del D.L. n. 69/2013 conv. da L. n. 98/2013 (pagamento
diretto agli Enti previdenziali e assicurativi e alla Cassa edile di quanto
dovuto per le inadempienze contributive accertate);
 non aver chiesto, né aver ricevuto, altri contributi pubblici sul progetto
oggetto della domanda;
 non costituisce causa di esclusione l’accesso ai benefici derivanti da
interventi pubblici di garanzia sul credito, quali quelli gestiti dal Fondo
di garanzia per le piccole e medie imprese di cui all’articolo 2, comma
100, lett. a), della legge 23 dicembre 1996, n. 6625, quelli gestiti da
4
5
Nel caso di aziende con più unità produttive gestite in forma accentrata la domanda deve essere presentata presso
la Sede INAIL dove è attiva la PAT accentrante a prescindere quindi da dove ha sede l’unità produttiva per la quale
si richiede il contributo.
http://www.fondidigaranzia.it/
3
LAZIO
ISMEA ai sensi dell'articolo 17, comma 2, del decreto legislativo 29
marzo 2004, n. 1026 e quelli previsti da disposizioni analoghe;
 non aver ottenuto, a seguito della verifica amministrativa e tecnica
della documentazione a conferma della domanda online, il
provvedimento di ammissione al contributo per uno degli Avvisi
pubblici INAIL 2012, 2013 o 2014 per gli incentivi alle imprese per la
realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
 non aver ottenuto il provvedimento di ammissione al finanziamento
per il Bando FIPIT 2014; le imprese che abbiano ottenuto il predetto
provvedimento di ammissione potranno essere ammesse al
finanziamento di cui al presente Avviso solo previa formale rinuncia
ai benefici concessi con il provvedimento di cui al Bando FIPIT 2014;
le imprese che hanno già ottenuto l’anticipazione del contributo sul
Bando FIPIT 2014 non saranno, in ogni caso, ammesse a partecipare
al presente Avviso. Le imprese che abbiano già ottenuto l’erogazione
del finanziamento di cui al Bando FIPIT 2014 non saranno ammesse
al finanziamento di cui al presente Avviso.
I suddetti requisiti e condizioni di ammissibilità devono essere mantenuti
anche successivamente alla presentazione della domanda, fino alla
realizzazione del progetto ed alla sua rendicontazione.
I soggetti destinatari dovranno altresì aver effettuato la verifica del rispetto
delle condizioni poste dal regolamento “de minimis” di cui all’articolo 2 del
presente Avviso, applicabile al settore produttivo di appartenenza ed avere
pertanto titolo a presentare domanda di contributo per l’importo richiesto.
Nel caso in cui la verifica tecnico amministrativa di cui al successivo articolo
17 abbia un esito positivo, o parzialmente positivo, la Sede INAIL
territorialmente competente, prima di emettere il provvedimento di
ammissione, o parziale ammissione, procederà ad un controllo del rispetto
delle condizioni poste dal regolamento “de minimis” applicabile al settore
produttivo di appartenenza dell’impresa richiedente il contributo. Tale
verifica potrà essere operata o attraverso la consultazione del Registro
nazionale degli aiuti di stato, istituito presso il Ministero dello Sviluppo
Economico, o, in mancanza, richiedendo all’impresa, tramite posta
elettronica certificata, di produrre entro il termine perentorio di 20 giorni
decorrente dal ricevimento della relativa richiesta, la dichiarazione sul “de
minimis”7, redatta utilizzando il modulo scaricabile dalla procedura
informatica debitamente compilato e sottoscritto dal legale rappresentante
(MODULO D-1407 per “de minimis” Regolamento (UE) n. 1407/2013,
MODULO D-1408 per “de minimis” Regolamento (UE) n. 1408/2013,
MODULO D-717 per “de minimis” Regolamento (UE) n. 717/2014).
Il provvedimento di ammissione potrà essere emesso solo se il contributo
richiesto, sommato a quelli già concessi all’impresa nei tre esercizi finanziari
6
7
http://www.ismea.it/
Ai fini della verifica della compatibilità del contributo richiesto con i limiti quantitativi posti dalla normativa comunitaria
in materia di applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de
minimis” si dovrà computare oltre all’importo di tale contributo il valore della garanzia pubblica, relativa ad eventuali
richieste di interventi pubblici di garanzia sul credito delle PMI, calcolato in termini di Equivalente Sovvenzione Lordo
(ESL).
4
LAZIO
di osservazione, non superi il massimale stabilito dal Regolamento de
minimis di riferimento.
Se l’ammontare del contributo richiesto comportasse il superamento del
massimale stabilito dal Regolamento de minimis di riferimento l’impresa
perderebbe il diritto non all’importo in eccedenza, ma all’intero finanziamento
richiesto. Sarà pertanto cura dell’impresa richiedere un contributo che, se
sommato ad eventuali precedenti aiuti concessi nel triennio, rientri nel limite
dei massimali previsti dai suddetti Regolamenti.
5. PROGETTI AMMESSI A CONTRIBUTO
Sono ammessi a contributo i progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie:
 Progetti di investimento volti al miglioramento delle condizioni di
salute e sicurezza dei lavoratori;
 Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità
sociale;
 Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.
Negli allegati 1, 2 e 3, parte integrante del presente Avviso, sono indicati,
rispettivamente per ciascuna delle tre tipologie di progetto, le caratteristiche,
i documenti da presentare in fase di domanda e di rendicontazione, le spese
tecniche riconoscibili e la loro entità massima nonché i parametri e i relativi
punteggi di cui al successivo articolo 11.
Le imprese possono presentare un solo progetto riguardante una sola unità
produttiva8 e una sola tipologia tra quelle sopra indicate.
Per quanto riguarda la tipologia 1 (progetti di investimento), il progetto può
essere articolato in più interventi/acquisti purché essi siano tutti riconducibili
alla medesima “Tipologia di intervento” (v. Allegato 1, Tabella 2, sezione 3)
indicata dall’impresa nel modulo di domanda online.
Per i progetti di tipologia 1 (progetti di investimento) il fattore di rischio
relativo alla “Tipologia di intervento” (v. Allegato 1, Tabella 2, sezione 3)
deve essere coerente con la lavorazione di cui alla voce di tariffa selezionata
nella domanda e deve essere riscontrabile nel documento di valutazione dei
rischi (DVR), ad eccezione della “Tipologia di intervento”: “Riduzione del
rischio legato alla caduta dall’alto nei lavori in quota mediante acquisto e
installazione permanente di ancoraggi destinati e progettati per ospitare uno
o più lavoratori collegati contemporaneamente e per agganciare i componenti
di sistemi anti caduta” (v. Allegato 1, Tabella 2, sezione 3), lett. e). Nel caso
di imprese non tenute alla redazione del DVR neanche nella forma prevista
dalle procedure standardizzate9, il fattore di rischio relativo alla “Tipologia di
intervento” (v. Allegato 1, Tabella 2, sezione 3) deve essere riscontrabile da
una relazione sottoscritta dal titolare dell’impresa nella quale siano descritti
1) il ciclo produttivo, 2) gli ambienti di lavoro e la disposizione dei macchinari
(layout), 3) i rischi aziendali.
8
9
Per «unità produttiva» si intende: stabilimento o struttura finalizzati alla produzione di beni o all’erogazione di servizi,
dotati di autonomia finanziaria e tecnico funzionale (art. 2 c. 1 lett. t del D.lgs 81/2008 s.m.i.); le imprese assicurate
INAIL indicano la Pat di riferimento. Per il settore della navigazione l’unità produttiva è la nave/imbarcazione.
Le procedure standardizzate sono redatte secondo il documento approvato in data 16 maggio 2012 dalla Commissione
consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, allegato al decreto del Ministro del lavoro e delle politiche
sociali, del Ministro della salute e del Ministro dell’interno del 30 novembre 2012, secondo le modalità indicate nel
medesimo decreto.
5
LAZIO
Per i progetti di tipologia 1 (progetti di investimento) che comportano
l’acquisto di “macchine”, si precisa che sono ammessi a finanziamento gli
interventi riguardanti le macchine che ricadono nella definizione di cui all’art.
2, lettere a), b), c), f), g) del D. Lgs n.17 del 27 gennaio 2010 (decreto di
recepimento della Direttiva Macchine 2006/42/CE) nonché i trattori agricoli
e forestali.
Per i progetti che comportano l’acquisto di macchine che ricadono nella
definizione di cui all’art. 2, lettere a), b), c), f), g) del D. Lgs 17/2010 vale
quanto segue:
a) le macchine da acquistare devono essere non usate e conformi a detto
decreto;
b) nel caso in cui la tipologia di intervento (v. Allegato 1, Tabella 2,
sezione 3) richieda la sostituzione, le macchine sostituite devono
essere alienate dall’impresa. Esse possono essere vendute o permutate
solo qualora siano conformi alle specifiche disposizioni legislative e
regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto.
In caso contrario devono essere rottamate.
Per i progetti che comportano l’acquisto di trattori agricoli e forestali vale
quanto segue:
a) i trattori da acquistare devono essere non usati e omologati in
conformità con il Regolamento 167/2013 della Comunità Europea;
qualora siano omologati secondo la direttiva 2003/37 CE devono anche
essere conformi al recepimento delle direttive di prodotto per quanto
attiene ai requisiti essenziali di sicurezza non trattati dalla citata
direttiva 2003/37 e sue successive integrazioni;
c) nel caso in cui la “Tipologia di intervento” (v. Allegato 1, Tabella 2,
sezione 3) richieda la sostituzione, i trattori sostituiti devono essere
alienati dall’impresa. Essi possono essere venduti o permutati qualora
siano conformi alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di
recepimento delle direttive comunitarie di prodotto o all’Allegato V del
D. Lgs 81/2008. In caso contrario devono essere rottamati.
Per i progetti di tipologia 2 (progetti per l’adozione di modelli organizzativi e
di responsabilità sociale) l’intervento richiesto può riguardare tutti i lavoratori
facenti capo ad un unico datore di lavoro, anche se operanti in più sedi o più
regioni. La domanda di contributo potrà essere presentata o presso una sola
delle Sedi INAIL nel cui territorio opera almeno una parte dei lavoratori
coinvolti nell’intervento o dove è situata la sede legale dell’impresa.
Per le imprese di armamento, i progetti di tipologia 2 (progetti per l’adozione
di modelli organizzativi e di responsabilità sociale) relativi a navi e
imbarcazioni possono riguardare tutti i lavoratori facenti capo ad un unico
armatore anche se imbarcati su più navi iscritte su compartimenti marittimi
diversi. La relativa domanda dovrà essere presentata presso la sede INAIL
(Genova, Napoli, Palermo, Trieste) che gestisce l’assicurazione di almeno una
delle navi interessate al progetto.
Per i progetti di tipologia 3 (Progetti di bonifica da materiali contenenti
amianto) sono esclusi gli interventi su strutture delle quali l’azienda
richiedente detiene la proprietà ma che ha dato in locazione ad altra azienda.
6
LAZIO
Sono invece ammessi gli interventi richiesti dall’azienda locataria
dell’immobile oggetto dell’intervento.
Per i progetti di questa tipologia la presenza di materiali contenenti amianto
deve essere riscontrabile nel documento di valutazione dei rischi (DVR) o,
nel caso di imprese non tenute alla redazione del DVR neanche nella forma
prevista dalle procedure standardizzate, nella relazione sottoscritta dal
titolare dell’impresa nella quale siano descritti 1) il ciclo produttivo, 2) gli
ambienti di lavoro e la disposizione dei macchinari (layout), 3) i rischi
aziendali.
6. AMMONTARE DEL CONTRIBUTO
Il contributo, in conto capitale, è pari al 65% delle spese ammesse ai sensi
del successivo articolo 7.
Il contributo è calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA.
In ogni caso, il contributo massimo erogabile è pari a € 130.000.
Il contributo minimo ammissibile è pari a € 5.000. Per le imprese fino a 50
dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e
di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di contributo.
7. SPESE AMMESSE A CONTRIBUTO
Sono ammesse a contributo le spese direttamente necessarie alla
realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali
funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua
completezza, nonché le eventuali spese tecniche, entro i limiti precisati negli
allegati 1, 2 e 3 del presente Avviso, salvo quanto previsto al successivo
articolo 8.
Le spese devono essere sostenute dall’impresa richiedente i cui lavoratori e/o
titolare beneficiano dell'intervento10 e documentate.
Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati
e non in corso di realizzazione alla data del 5 maggio 201611.
Resta a carico dell’impresa ogni onere economico nel caso in cui la propria
domanda di contributo non si collochi in posizione utile ai fini del
finanziamento nella successiva fase di inoltro online o non superi le fasi di
verifica o rendicontazione.
8. SPESE NON AMMESSE A CONTRIBUTO
Non sono ammesse a contributo le spese relative all’acquisto o alla
sostituzione di:
 dispositivi di protezione individuale ai sensi dell’art. 74 del D. Lgs
81/2008 (fatta eccezione per i progetti riguardanti gli ambienti
confinati di cui all’Allegato 1, Tabella 2, Sezione 3, lettera b);
10
11
Ad eccezione della “Tipologia di intervento”: “Riduzione del rischio legato alla caduta dall’alto nei lavori in quota
mediante acquisto e installazione permanente di ancoraggi destinati e progettati per ospitare uno o più lavoratori
collegati contemporaneamente e per agganciare i componenti di sistemi anti caduta” (v. Allegato 1, Tabella 2,
sezione 3), lett. e).
Per "progetto in corso di realizzazione" si intende un progetto per la realizzazione del quale siano stati assunti da
parte dell'impresa richiedente, in data anteriore al 6 maggio 2016, obbligazioni contrattuali con il soggetto terzo
che dovrà operare per realizzarlo. Si precisa che la firma del preventivo per accettazione non costituisce obbligo
contrattuale.
7
LAZIO
 veicoli, aeromobili e imbarcazioni non compresi nel campo di
applicazione del D. Lgs 17/2010;
 impianti per l’abbattimento di emissioni o rilasci nocivi all’esterno
degli ambienti di lavoro, o comunque qualsiasi altra spesa mirata
esclusivamente alla salvaguardia dell’ambiente;
 hardware, software e sistemi di protezione informatica fatta eccezione
per quelli dedicati all’esclusivo funzionamento di impianti o macchine
oggetto del progetto di miglioramento delle condizioni di salute e
sicurezza;
 mobili e arredi (scrivanie, armadi, scaffalature fisse, sedie e poltrone,
ecc.);
 ponteggi fissi.
Non sono inoltre ammesse a contributo le spese relative a:
 trasporto del bene acquistato;
 sostituzione di macchine di cui l’impresa richiedente il contributo non
ha la piena proprietà;
 ampliamento della sede produttiva con la costruzione di un nuovo
fabbricato o con ampliamento della cubatura preesistente;
 consulenza per la redazione, gestione ed invio telematico della
domanda di contributo;
 adempimenti inerenti alla valutazione dei rischi di cui agli artt. 17, 28
e 29 del D. Lgs 81/2008 e s.m.i.;
 interventi da effettuarsi in luoghi di lavoro diversi da quelli nei quali è
esercitata l’attività lavorativa al momento della presentazione della
domanda;
 manutenzione ordinaria degli ambienti di lavoro, di attrezzature,
macchine e mezzi d’opera;
 adozione e/o certificazione e/o asseverazione dei progetti di tipologia
2 (progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità
sociale) relativi ad imprese senza dipendenti o che annoverano tra i
dipendenti esclusivamente il datore di lavoro e/o i soci;
 compensi ai componenti degli Organismi di vigilanza nominati ai sensi
del D. Lgs 231/2001;
 acquisizioni tramite locazione finanziaria (leasing);
 acquisto di beni usati;
 acquisto di beni indispensabili per avviare l’attività dell’impresa;
 costi del personale interno: personale dipendente, titolari di impresa,
legali rappresentanti e soci;
 costi autofatturati.
Nel caso di vendita o permuta di macchine sostituite nell’ambito del progetto
di finanziamento il 65% del contributo a carico dell’INAIL verrà decurtato
della somma pari alla differenza tra l’importo realizzato con la vendita (o con
la permuta) e quello della quota parte del progetto a carico dell’impresa (pari
al 35% dell’importo del progetto).
Nel caso in cui l’importo ricavato dalla vendita (o dalla permuta) sia inferiore
o pari alla quota parte del progetto a carico dell’impresa (35% dell’importo
del progetto) non verrà effettuata alcuna decurtazione.
8
LAZIO
9. MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le
seguenti 3 fasi successive:
1. accesso alla procedura on line e compilazione della domanda;
2. invio della domanda on line;
3. invio della documentazione a completamento della domanda da
effettuarsi nei tempi e con le modalità indicati nei successivi articoli
10,11,12,16 e 25.
10. ACCESSO ALLA PROCEDURA ON LINE
Prerequisito necessario per accedere alla procedura di compilazione della
domanda è che l’impresa sia in possesso delle credenziali di accesso ai servizi
on line Inail (Nome Utente e Password).
Per ottenere le credenziali di accesso è necessario effettuare la registrazione
sul portale INAIL almeno 48 ore prima della scadenza del bando.
Le istruzioni per il rilascio delle credenziali di accesso ai servizi on line Inail
saranno pubblicate sulla home page del sito www.inail.it e nella pagina
dedicata ai bandi ISI del medesimo sito.
11. COMPILAZIONE DELLA DOMANDA
A partire dalla data del 1° marzo 2016 ed inderogabilmente fino alle ore
18,00 del giorno 5 maggio 2016 sul sito www.inail.it – sezione “accedi ai
servizi online” - le imprese registrate avranno a disposizione una procedura
informatica che consentirà loro, attraverso la compilazione di campi
obbligatori, di:
 effettuare simulazioni relative al progetto da presentare;
 verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;
 salvare la domanda inserita;
 effettuare la registrazione della propria domanda attraverso l’apposita
funzione presente in procedura tramite il tasto “INVIA”.
Ai fini del raggiungimento della soglia minima di ammissibilità sono stati
individuati dei parametri (v. allegati 1, 2 e 3), associati sia a caratteristiche
proprie dell’impresa sia al progetto oggetto della domanda. Ai parametri sono
attribuiti punteggi la cui somma deve raggiungere la soglia minima di
ammissibilità pari 120 punti.
Dopo le ore 18,00 del 5 maggio 2016 le domande salvate non saranno più
modificabili.
Dal 12 maggio 2016 le imprese che:
 hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista;
 hanno salvato definitivamente la propria domanda effettuandone la
registrazione attraverso l’apposita funzione presente in procedura
tramite il tasto “INVIA”;
 soddisfano i requisiti previsti per il rilascio del codice identificativo;
potranno accedere all’interno della procedura informatica per effettuare il
download del proprio codice identificativo che le identificherà in maniera
univoca. La stessa procedura, mediante un’apposita funzionalità, rilascerà un
9
LAZIO
documento contenente tale codice che dovrà essere custodito dall’impresa
ed utilizzato nel giorno dedicato all’inoltro telematico.
12. INVIO DELLA DOMANDA ON LINE
Le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda
di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito alla
propria domanda e ottenuto mediante la procedura di download di cui
all’articolo 11.
Il codice identificativo, dopo l’invio telematico della relativa domanda, sarà
annullato dallo sportello informatico e pertanto non sarà più utilizzabile.
Lo sportello informatico collocherà le domande in ordine cronologico di arrivo
sulla base dell’orario registrato dai sistemi informatici INAIL. Al termine di
ogni singola registrazione l’utente visualizzerà un messaggio che attesta la
corretta presa in carico dell’invio.
Le date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello informatico
per l’invio delle domande, saranno pubblicati sul sito www.inail.it a partire
dal 19 maggio 2016.
Le suddette date potranno essere differenziate, per ambiti territoriali, in base
al numero di domande pervenute ed alla loro distribuzione territoriale.
Le regole tecniche per l’inoltro delle domande on line saranno pubblicate sul
sito www.inail.it almeno una settimana prima della data di apertura dello
sportello informatico.
13. PUBBLICAZIONE ELENCHI CRONOLOGICI DELLE DOMANDE ON
LINE
Gli elenchi cronologici di tutte domande inoltrate saranno pubblicati sul sito
www.inail.it, con evidenza di quelle collocatesi in posizione utile per
l’ammissibilità al contributo, ovvero fino alla capienza della dotazione
finanziaria di cui all’articolo 3 del presente Avviso. Tale pubblicazione, che
avverrà entro 7 giorni dal giorno di ultimazione della fase di invio, costituisce,
a tutti gli effetti, formale comunicazione degli esiti, da intendersi perfezionata
alla scadenza del predetto termine di 7 giorni.
L’orario di registrazione delle domande telematiche, inviate con le modalità
di cui all’articolo 12 del presente Avviso, secondo cui sono compilati i suddetti
elenchi, determina la priorità per la concessione dei contributi in base alle
risorse finanziarie disponibili per ciascun asse di finanziamento di cui
all’articolo 3 del presente Avviso.
14. CRITERI DI PRECEDENZA A PARITA’ DI POSIZIONE
Nel caso di ex aequo delle domande collocate nell’ultima posizione degli
elenchi cronologici utile per l’ammissibilità al contributo l’ordine viene
stabilito secondo i seguenti criteri da applicarsi nella sequenza sottoindicata:
 contributo richiesto minore;
 importo del progetto maggiore;
 data iscrizione alla CCIAA meno recente;
 possesso del rating di legalità di cui al Decreto MEF-MISE
20/2/2014 n. 57 per le imprese con fatturato superiore a 2 milioni
di euro.
10
LAZIO
Pertanto beneficeranno del contributo le imprese che, ordinate in base agli
ulteriori criteri descritti, rientreranno nei limiti delle risorse disponibili.
15. ASSISTENZA ALLE IMPRESE
Le imprese collocate in posizione utile per il finanziamento negli elenchi
cronologici di cui all’articolo 13 del presente Avviso potranno avvalersi
dell’assistenza delle Sedi INAIL competenti per territorio per tutta la durata
del procedimento amministrativo, a partire dalla fase di invio della
documentazione a completamento della domanda di cui al successivo articolo
16.
16. INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE A COMPLETAMENTO DELLA
DOMANDA
Le imprese collocate in posizione utile per il finanziamento negli elenchi
cronologici di cui all’articolo 13 del presente Avviso dovranno far pervenire,
con le modalità previste dall’articolo 25 del presente Avviso, alla Sede INAIL
territorialmente competente (allegato 4), entro il termine di 30 giorni
decorrente dal giorno successivo a quello di perfezionamento della formale
comunicazione di cui all’articolo 13 del presente Avviso:
 la copia della domanda telematica generata dal sistema (MODULO A),
debitamente sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante
dell’impresa (secondo le modalità previste dal successivo articolo 25);
 tutti gli altri documenti, previsti per la specifica tipologia di
progetto, indicati nella colonna 2 degli allegati 1, 2 e 3.
Ai fini del rispetto del termine dei 30 giorni di cui sopra sarà valida la data di
invio12 del messaggio di posta elettronica certificata con il quale si inoltrano
la domanda e i relativi allegati.
La mancata presentazione della domanda entro il termine di cui sopra
comporta la decadenza della domanda stessa.
17. VERIFICA TECNICO AMMINISTRATIVA
Nel rispetto del termine di 120 giorni decorrente dalla scadenza dei 30 giorni
di cui all’articolo 16, l’INAIL procederà al riscontro di quanto inviato
dall’impresa allo scopo di verificare l’effettiva sussistenza di tutti gli elementi
dichiarati nella domanda on-line e la corrispondenza con i parametri che
hanno determinato l’attribuzione dei punteggi; qualora l’INAIL non riscontri
tale corrispondenza potrà procedere al ricalcolo del punteggio.
Espletata la suddetta verifica, la Sede INAIL territorialmente competente,
qualora ravvisi la mancanza di uno o più dei documenti richiesti o la non
corrispondenza di uno o più dei documenti trasmessi ai requisiti previsti dal
presente Avviso pubblico, ovvero debba acquisire la dichiarazione sul “de
minimis” come previsto dall’articolo 4 del presente Avviso, invita l’impresa
ad integrare la documentazione e/o a fornire chiarimenti. Qualora l’impresa
non provveda ad ottemperare alla richiesta di integrazione dei documenti
entro il termine perentorio di 20 giorni decorrenti dalla data di ricevimento
del suddetto invito, la domanda non verrà ammessa.
12
Per data dell’invio si intende la data di presa in carico del gestore di posta elettronica certificata del mittente.
LAZIO
11
I termini di conclusione del procedimento sono sospesi dalla data di
spedizione della richiesta di integrazione documentale e/o chiarimenti sino a
quella di ricevimento dei documenti integrativi e/o chiarimenti e, comunque,
per non più di 20 giorni.
Completata l’istruttoria, la Sede INAIL territorialmente competente
comunicherà il provvedimento relativo all’esito della verifica all’impresa
richiedente.
Le imprese la cui domanda sia stata dichiarata non ammessa, anche solo
parzialmente, potranno presentare osservazioni, tramite posta elettronica
certificata, entro 10 giorni dal ricevimento della relativa comunicazione,
chiedendo il riesame.
I termini sono altresì sospesi dalla data di spedizione del provvedimento di
non ammissione, anche solo parziale, fino all’eventuale ricevimento delle
osservazioni e, comunque, per non più di 10 giorni. In quest’ultimo caso, la
fase di verifica dovrà concludersi entro 60 giorni dalla data di ricezione delle
osservazioni.
La Sede INAIL comunica il provvedimento motivato circa l’esito della
valutazione delle osservazioni presentate nonché della conseguente
ammissione, non ammissione o parziale ammissione.13
18. ANTICIPAZIONE PARZIALE DEL CONTRIBUTO
L’impresa il cui progetto comporti un contributo di ammontare pari o
superiore a € 30.000,00 può richiedere un’anticipazione fino al 50%
dell’importo del contributo stesso, compilando l’apposita sezione del modulo
di domanda online.
Tale richiesta verrà accettata solo in caso di esito positivo della verifica di cui
all’articolo 17. In questa evenienza all’impresa, con la comunicazione di
ammissione al contributo, verrà richiesto di costituire a favore dell’INAIL
fideiussione bancaria o assicurativa irrevocabile, incondizionata ed escutibile
a prima richiesta. Uno schema di riferimento per tale fideiussione è riportato
nell’allegato 5.
La fideiussione dovrà essere costituita per un importo corrispondente
all’ammontare dell’anticipazione richiesta (fino al 50% del contributo)
maggiorato del 10% e prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della
preventiva escussione di cui all’articolo 1944 del Codice Civile e la rinuncia
alle eccezioni di cui agli articoli 1945 e 1957 del Codice Civile nonché
l’operatività della garanzia medesima entro 15 giorni a semplice richiesta
scritta da parte dell’INAIL.
L’efficacia della garanzia dovrà avere una durata di 12 mesi. La decadenza si
verificherà decorsi 90 giorni dalla scadenza del temine previsto per la
realizzazione e rendicontazione del progetto, senza che l’Istituto abbia
chiesto il pagamento.
L’impresa deve far pervenire alla Sede INAIL territorialmente competente
(allegato 4) la fideiussione entro i 60 giorni successivi al ricevimento della
comunicazione di esito positivo della verifica di cui all’articolo 17 del presente
Avviso, con le modalità previste dal successivo articolo 25.
13
Le risorse che si rendessero disponibili a seguito di non ammissione o ammissione parziale di una o più imprese
saranno destinate all’incremento di successivi Avvisi pubblici.
12
LAZIO
In caso di mancato ricevimento della fideiussione non verrà dato seguito alla
richiesta di anticipazione.
La fideiussione sarà restituita dall’INAIL entro 15 giorni dalla data di
emissione del mandato di pagamento del saldo del contributo.
19. TERMINI DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
In caso di ammissione al finanziamento, il progetto deve essere realizzato (e
rendicontato) entro 12 mesi (365 giorni) decorrenti dalla data di ricezione
della comunicazione di esito positivo della verifica di cui all’articolo 17 del
presente Avviso, fermo restando quanto stabilito dall’articolo 7 con
riferimento ai progetti che hanno inizio a partire dal 6 maggio 2016.
Ai fini del riscontro del termine di 12 mesi di cui sopra fa fede la data della
predetta comunicazione inviata da INAIL.
Nel termine suddetto sono ricompresi i tempi necessari per l’ottenimento
delle autorizzazioni o certificazioni richieste negli allegati 1, 2 e 3.
Il termine per la realizzazione del progetto (e per la rendicontazione) è
prorogabile su richiesta motivata dell’impresa per un periodo non superiore
a sei mesi.
Nel caso di concessione della proroga, l’impresa che ha beneficiato
dell’anticipazione del contributo dovrà presentare, a copertura dell’ulteriore
periodo concesso, una integrazione della garanzia fideiussoria già costituita
per l’anticipazione del contributo stesso.
L’inosservanza del predetto termine di 12 mesi, ovvero di quello di proroga
concesso, determina la revoca del provvedimento di ammissione e, nel caso
in cui sia stata concessa l’anticipazione, l’escussione dell’eventuale
fideiussione.
20. MODALITA’ DI RENDICONTAZIONE ED EROGAZIONE DEL
CONTRIBUTO
Ai fini dell’erogazione del contributo l’impresa deve inoltrare alla Sede INAIL
territorialmente competente (allegato 4), la documentazione specificata nella
colonna 4 degli allegati 1, 2 e 3, entro il termine di cui al precedente articolo
19 e con le modalità previste dall’articolo 25 del presente Avviso.
Ai fini del rispetto del termine di cui sopra sarà valida la data di invio14 del
messaggio di posta elettronica certificata con il quale si inoltra la
documentazione.
La verifica della documentazione attestante la realizzazione del progetto
(fatture15, ricevute, ecc.) sarà completata entro 90 giorni dal ricevimento
della stessa, decorsi i quali, una volta espletata la suddetta verifica, la Sede
INAIL territorialmente competente comunicherà il provvedimento relativo
all’esito di tale verifica all’impresa richiedente.
La Sede INAIL territorialmente competente, qualora ravvisi la mancanza di
uno o più dei documenti richiesti o la non corrispondenza di uno o più dei
documenti trasmessi ai requisiti richiesti dal presente Avviso pubblico, invita
l’impresa ad integrare la documentazione e/o a fornire chiarimenti. Qualora
14
15
Per data dell’invio si intende la data di presa in carico del gestore di posta elettronica certificata del mittente.
Le fatture dovranno riportare la descrizione chiara e precisa delle spese sostenute, che consenta l’immediata
riconducibilità delle stesse alle voci del preventivo relativo all’intervento realizzato.
LAZIO
13
l’impresa non provveda ad ottemperare a quanto richiesto entro il termine
perentorio di 20 giorni decorrenti dalla data di ricevimento del suddetto
invito, il provvedimento di ammissione verrà revocato.
I termini di conclusione del procedimento sono sospesi dalla data di
spedizione della richiesta di integrazione documentale e/o chiarimenti sino a
quella di ricevimento dei documenti integrativi e/o chiarimenti e, comunque,
per non più di 20 giorni.
In caso di esito positivo dell’istruttoria, l’INAIL disporrà quanto necessario
per l’erogazione del contributo.
In caso di esito negativo le imprese il cui contributo sia stato dichiarato non
erogabile, anche solo parzialmente, potranno presentare osservazioni
tramite posta elettronica certificata entro 10 giorni dal ricevimento della
relativa comunicazione, chiedendo il riesame.
I termini sono sospesi dalla data di spedizione del provvedimento di non
concessione del contributo, anche solo parziale, fino all’eventuale
ricevimento delle osservazioni e, comunque, per non più di 10 giorni. In
quest’ultimo caso, la fase di verifica dovrà concludersi entro 60 giorni dalla
data di ricezione delle osservazioni.
La Sede INAIL comunica il provvedimento motivato circa l’esito della
valutazione delle osservazioni presentate nonché della conseguente
erogazione, non erogazione o parziale erogazione del contributo 16.
21. REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
Il progetto deve essere realizzato conformemente a quanto descritto in sede
di domanda ed ammesso al contributo.
Qualora in fase di rendicontazione si riscontrasse una incompleta o parziale
realizzazione del progetto, il contributo verrà erogato solo per la parte
effettivamente realizzata, a condizione che:
 per i progetti di investimento di cui alla tipologia 1 (allegato 1)
sia assicurata la coerenza dell’intervento realizzato al fattore di
rischio/causa di infortunio rispetto alla quale si è fatto riferimento
all’atto della richiesta del finanziamento;
 per i modelli organizzativi di cui alla tipologia 2 (allegato 2) sia
assicurata la rispondenza al modello organizzativo gestionale che
si è chiesto di realizzare.
Diversamente, per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
(allegato 3) non è consentita la realizzazione parziale del progetto ammesso
a contributo a seguito della verifica tecnico amministrativa di cui all’articolo
17 del presente Avviso.
La mancata realizzazione del progetto comporta la restituzione di quanto
eventualmente anticipato all’impresa anche con escussione della polizza
fideiussoria.
L’importo del contributo indicato nel provedimento di ammissione resterà
invariato anche qualora la spesa finale documentata risultasse superiore a
quella preventivata; qualora invece la spesa finale documentata risultasse
inferiore all’importo preventivato, fermo restando quanto indicato nel
16
Le risorse che si rendessero disponibili a seguito di esito negativo in sede di rendicontazione saranno destinate
all’incremento di successivi Avvisi pubblici.
LAZIO
14
secondo capoverso del presente articolo, si procederà al rimborso nei limiti
del solo importo documentato, nella misura del 65%.
22. OBBLIGHI DEI SOGGETTI BENEFICIARI
Oltre a quanto specificato nei precedenti articoli del presente Avviso, i
soggetti beneficiari sono tenuti a:
a) comunicare tempestivamente eventuali variazioni di sede e
deliberazioni di liquidazione volontaria dell’impresa richiedente;
b) curare la conservazione della documentazione amministrativa,
tecnica, contabile relativa al contributo, separata dagli altri atti
amministrativi di impresa, per i 5 anni successivi alla data di
erogazione della rata di saldo del contributo;
c) non alienare, né cedere, né distrarre i beni acquistati o realizzati
nell’ambito del progetto prima dei 2 anni successivi alla data di
erogazione del saldo;
d) mantenere il modello organizzativo di cui alla tipologia 2 (allegato 2)
per i 3 anni successivi alla data di erogazione del saldo del contributo.
In caso di certificazione la stessa va mantenuta per un triennio a
decorrere dalla data della certificazione;
e) in caso di cessione d’azienda, trasferire al soggetto subentrante le
obbligazioni derivate dalla concessione del contributo, inviandone
notizia all’INAIL;
f) rendere tracciabili tutti i movimenti finanziari relativi al presente
finanziamento che pertanto dovranno essere registrati su un conto
corrente bancario o postale riconducibile alla sola impresa, indicato in
sede di domanda online ed oggetto di tempestiva comunicazione alla
Sede INAIL competente (allegato 4) in caso di variazione nonché
effettuati esclusivamente tramite bonifico bancario o postale.
23. VERIFICHE
L’INAIL si riserva di effettuare, mediante la consultazione diretta degli archivi
delle amministrazioni certificanti ed anche con controlli in loco, tutte le
verifiche opportune sulle autocertificazioni e sulle documentazioni prodotte
dall’impresa e sulla conformità dell’intervento eseguito rispetto a quanto
progettato.
I soggetti beneficiari sono tenuti a consentire al personale INAIL incaricato
l’accesso ed i controlli relativi all’esecuzione del progetto oggetto del
contributo nonché alla relativa documentazione amministrativa, tecnica,
contabile.
24. REVOCHE
La Sede INAIL territorialmente competente procederà alla revoca del
contributo in caso di accertamento di inosservanze delle disposizioni previste
dal presente Avviso o per il venir meno, a causa di fatti imputabili al
richiedente e non sanabili, di uno o più requisiti determinanti per la
concessione del contributo.
15
LAZIO
La revoca del contributo determinerà l’avvio della procedura di recupero
dell’importo erogato, maggiorato dei relativi interessi al tasso di riferimento
vigente alla data di emissione del mandato di pagamento del contributo.17
25. COMUNICAZIONI TRA INAIL E IMPRESE
Salvo quanto espressamente previsto dal presente Avviso in merito alle
comunicazioni a mezzo pubblicazione sul sito, tutte le comunicazioni per le
imprese saranno inviate da INAIL all’indirizzo di posta elettronica certificata
che l’impresa avrà indicato in fase di domanda on line. E’ consentito alle
imprese di scegliere, in alternativa al proprio indirizzo PEC, la domiciliazione
di tale corrispondenza presso l’indirizzo di posta elettronica certificata di
associazione datoriale o di altro intermediario. L’impresa pertanto è tenuta a
comunicare tempestivamente all’INAIL ogni variazione del proprio indirizzo
PEC per tutta la durata del progetto e comunque fino all’erogazione del
contributo.
L’impresa si assume la responsabilità della validità, in conformità alla
normativa vigente, dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata indicato in
sede di inserimento della domanda nonché a seguito di variazioni; pertanto
l’INAIL non risponderà in nessun caso per mancati recapiti in caso di invio di
informazioni/comunicazioni ad indirizzi comunicati dalle imprese e che
risultino non corretti o non validi o non corrispondenti a gestori di Posta
Elettronica Certificata.
La documentazione di cui agli articoli 16, 17 e 20 del presente Avviso potrà
essere inviata all’indirizzo di posta elettronica certificata della Sede INAIL di
competenza (v. allegato 4) secondo le prescrizioni di seguito riportate.
Nell’oggetto del messaggio dovrà essere riportato il numero di protocollo
attribuito alla domanda oltre alla dicitura:
 per la documentazione di cui all’articolo 16:
ISI 2015 – DOMANDA DI AMMISSIONE;
 per la documentazione di cui all’articolo 17:
ISI 2015 – INTEGRAZIONI - DOMANDA DI AMMISSIONE;
ISI 2015 – OSSERVAZIONI - DOMANDA DI AMMISSIONE;
ISI 2015 – DE MINIMIS - DOMANDA DI AMMISSIONE
 per la documentazione di cui all’articolo 20:
ISI 2015 – RENDICONTAZIONE;
 per la documentazione di cui all’articolo 20 relativa alle osservazioni:
ISI 2015 – INTEGRAZIONI - RENDICONTAZIONE;
ISI 2015 – OSSERVAZIONI – RENDICONTAZIONE.
Ad ogni singolo documento previsto dall’Avviso dovrà corrispondere un
singolo allegato.
Il messaggio di posta elettronica certificata, comprensivo degli allegati, dovrà
avere una dimensione massima di 30 Mb.
Nel caso di superamento delle suddette dimensioni di 30 Mb le imprese
potranno inviare più messaggi di posta elettronica certificata aggiungendo,
nell’oggetto di ciascun messaggio, il numero progressivo di invio e il numero
17
Le risorse che si rendessero disponibili a seguito di revoca saranno destinate all’incremento di successivi Avvisi
pubblici.
16
LAZIO
totale di invii secondo il formato “i/t”, dove i è il progressivo a partire da 1
con incrementi di 1 per ciascun messaggio successivo e t è il numero totale
di messaggi che compongono tutto l’invio della documentazione (es. 3/8
dove 3 indica che è il terzo messaggio su 8 in totale che compongono tutto
l’invio).
L’invio di istanze e documenti è considerato regolare quando è effettuato
nelle seguenti modalità:
 il documento è sottoscritto con firma digitale di colui che ne risulti
essere l’autore – in tal caso non è necessario, ai fini della validità, che
il documento sia inviato dalla PEC dello stesso soggetto;
 il documento, anche se privo di firma digitale, è trasmesso dalla
casella PEC di colui che risulta esserne l’autore;
 il documento è spedito da casella di posta elettronica di soggetto
diverso dall’autore, ma è costituito da copia per immagine (PDF) del
cartaceo recante firma autografa di sottoscrizione ed è accompagnato
da copia di documento di riconoscimento dell’autore stesso.
Pertanto i documenti (moduli A-B2-C-D-E2-F) firmati digitalmente dal
rappresentante legale potranno essere inviati dall’indirizzo PEC indicato in
sede di domanda a prescindere da chi sia il titolare del predetto indirizzo
PEC; se privi di firma digitale potranno essere trasmessi dalla casella PEC di
colui che risulta esserne l’autore ovvero spediti da casella di posta elettronica
di soggetto diverso dall’autore, ma accompagnati dalla copia per immagine
(PDF) del cartaceo recante la firma autografa di sottoscrizione e dalla copia
del documento di riconoscimento dell’autore stesso.
Per quanto poi riguarda i seguenti documenti si precisa:
 MODULO B1 e B3 - PERIZIA GIURATA: è sufficiente inviare la copia PDF
dell’originale, allegando la copia del documento d’identità del
professionista che l’ha sottoscritta; l’INAIL si riserva di verificare, se
ritenuto opportuno, la conformità della copia in PDF con il documento
originale, richiedendolo direttamente alla ditta;
 MODULO E-1: è sufficiente la copia PDF conforme all’originale,
allegando la copia del documento d’identità del soggetto dichiarante;
anche in questo caso, l’INAIL si riserva la possibilità di richiedere
l’originale qualora lo ritenga opportuno;
 FIDEIUSSIONE: è obbligatorio ricevere l’originale cartaceo,
nell’ambito della scadenza stabilita dal provvedimento di ammissione.
L’INAIL si riserva altresì la possibilità di richiedere alle imprese l’invio dei
documenti cartacei originali inviati tramite PEC.
I documenti che non è possibile frazionare in più invii in quanto di dimensioni
superiori al suindicato limite di 30 Mb nonché il documento di fideiussione di cui
all’articolo 18 del presente Avviso dovranno essere inseriti in originale in plico
sigillato indirizzato a:
“INAIL – Sede di ………………… – Processo Prevenzione” e recante sul fronte:
 la denominazione e l’indirizzo dell’impresa;
 il numero di protocollo attribuito alla domanda;
 la dicitura:
 per la documentazione di cui all’articolo 16:
17
LAZIO
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA SUL LAVORO - DOMANDA DI AMMISSIONE”;
 per la documentazione di cui all’articolo 17:
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA SUL LAVORO – INTEGRAZIONI DOMANDA DI
AMMISSIONE”;
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA SUL LAVORO – OSSERVAZIONI DOMANDA DI
AMMISSIONE”;
 per la documentazione di cui all’articolo 18:
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA SUL LAVORO - FIDEIUSSIONE”;
 per la documentazione di cui all’articolo 20:
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA SUL LAVORO - RENDICONTAZIONE”;
 per la documentazione di cui all’articolo 20 relativa alle
osservazioni:
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA
SUL
LAVORO
INTEGRAZIONI
RENDICONTAZIONE”.
“INAIL AVVISO PUBBLICO 2015 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER
LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E
SICUREZZA
SUL
LAVORO
OSSERVAZIONI
RENDICONTAZIONE”.
Il suddetto plico dovrà pervenire, a mezzo servizio postale o recapitato a
mano, nei giorni lavorativi dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 12.30,
alla Sede INAIL territorialmente competente (cfr. allegato 4) che rilascerà
apposita ricevuta.
Il recapito del plico é ad esclusivo rischio del mittente.
26. INFORMAZIONI SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E TUTELA
DELLA PRIVACY
L’unità organizzativa cui è attribuito il procedimento è:
INAIL – Struttura regionale/Provinciale di competenza
Responsabile del procedimento: Responsabile dell’Ufficio competente in
materia di attività Istituzionali.
Ai sensi del D. Lgs 196/2003, i dati personali raccolti saranno trattati anche
con strumenti informatici ed utilizzati nell’ambito del procedimento.
Il Titolare del trattamento dei dati forniti è: INAIL – Roma, Piazzale Pastore
n. 6.
Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini dell’erogazione del contributo
previsto dal presente Avviso. L’eventuale mancato conferimento comporta la
18
LAZIO
decadenza del diritto al contributo. I dati acquisiti verranno trattati con
modalità manuali e informatiche e saranno utilizzati esclusivamente per le
finalità relative al procedimento di erogazione per il quale gli stessi sono stati
comunicati, secondo le modalità previste dalle norme vigenti.
27. PUBBLICITA’
Il presente Avviso pubblico, al fine di consentire la massima diffusione delle
opportunità offerte, è pubblicato sul sito I.N.A.I.L. al seguente indirizzo:
www.inail.it.
Un estratto dell’Avviso pubblico, a livello nazionale, è pubblicato sulla
Gazzetta Ufficiale e sui principali quotidiani nazionali.
28. PUNTI DI CONTATTO
Per informazioni ed assistenza sul presente Avviso è possibile fare riferimento
al Contact Center tramite il numero verde 803.164, gratuito da rete fissa,
mentre per le chiamate da cellulare è disponibile il numero 06 164164 (a
pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico del chiamante).
Chiarimenti e informazioni sul presente Avviso possono essere richiesti entro
e non oltre il termine delle ore 12,00 28 aprile 2016.
29. RIEPILOGO DELLE PRINCIPALI SCADENZE
1 marzo 2016: apertura della procedura informatica per la compilazione
delle domande
5 maggio 2016: chiusura della procedura informatica per la compilazione
delle domande
12 maggio 2016: acquisizione codice identificativo per l’inoltro online
19 maggio 2016: comunicazione relativa alle date dell’inoltro online
ALLEGATI
1. Progetti di investimento – Importo del progetto, caratteristiche degli
interventi, documentazione, parametri e punteggi;
2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità
sociale – Importo del progetto, caratteristiche degli interventi,
documentazione, parametri e punteggi;
3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto - Importo del
progetto, caratteristiche degli interventi, documentazione, parametri
e punteggi;
4. Sedi INAIL indirizzi e PEC;
5. Schema di riferimento per la fideiussione.
I sotto indicati moduli sono accessibili dalla procedura informatica:
Modulo A
schema di domanda (rilasciato
procedura informatica sulla base
dalla
della
19
LAZIO
compilazione on-line alle sole imprese
collocate
in posizione
utile
per
il
finanziamento negli elenchi cronologici di
cui all’articolo 13 del presente Avviso);
Modulo B1- Perizia Giurata
previsto per i progetti di investimento, vedi
allegato 1;
Modulo B2
previsto per i progetti per l’adozione di
modelli organizzativi e di responsabilità
sociale, vedi allegato 2. Dichiarazione
sostitutiva di atto di notorietà;
Modulo B3- Perizia Giurata
previsto per i progetti di bonifica da
materiali contenenti amianto, vedi allegato
3;
Modulo C
dichiarazione sostitutiva della certificazione
di iscrizione alla Camera di Commercio,
Industria, Artigianato e Agricoltura, del tipo
di impresa, del conto corrente dedicato;
Moduli D-1407, D-1408,D-717 dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà
“de minimis” (vedi allegati 1,2 e 3);
Modulo E-1
dichiarazione organizzazione parti sociali
(vedi allegati 1, 2 e 3);
Modulo E-2
dichiarazione
relativa
all’avvenuta
informativa al RLS/RLST (vedi allegati 1, 2
e 3);
Modulo F
dichiarazione relativa all’adozione di una
delle buone prassi previste dall’Avviso (vedi
allegati 1 e 2).
20
LAZIO
Fly UP