...

Scarica il Giornalino – Numero 1 - La Città dei Bambini e delle

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Scarica il Giornalino – Numero 1 - La Città dei Bambini e delle
Laboratorio Regionale Città
dei bambini e delle bambine
Città di
San Giorgio a Cremano
Il consiglio dei bambini
Luglio 2015 n° 1 www.cittabambini.it - [email protected] Un bar a misura di bambino
Kid’s cafè
Copia gratuita
I bambini del Consiglio incontrano il sindaco Giorgio Zinno
Intervista al nuovo sindaco
I compiti del sindaco - Progetti per i bambini della citta’- La cura dei parchi
Progettazione
partecipata
Cittadinanza
attiva
Appena dopo pochi giorni dall’insediamento del nuovo Sindaco della città di San Giorgio a Cremano, avvenuto il giorno 8 giugno 2015, la redazione del Consiglio dei bambini
ha preso un appuntamento per fargli un’intervista. articolo a pag. 3
Gli arredi del Kids’ CAFÈ progettati dai
bambini nel Parco “Frammenti di Delizie”
di Via Galante
a pag. 9
S.O.S. GIOCO
Siediti Ora e Sentiti in Gioco
San Giorgio a Cremano incontra il Libano
Gemellaggio
a pag. 11
Incontri
Il motto inventato per la X edizione del
Giorno del Gioco 2015 “S.O.S. GIOCO = Siediti Ora e Sentiti in Gioco”,
rappresentava un invito per tutti i cittadini, bambini e adulti, a fermarsi, ad
interrompere il lavoro della routine
quotidiana e a giocare in città insieme
agli altri, anche attraverso installazioni
ludiche, trasformando oggetti di uso
quotidiano come le sedie in nuovi manufatti giocosi.
articolo a pag. 6
Eventi
Eventi
Il sindaco Giorgio Zinno simbolicamente ha ricevuto da una delegazione di bambini delle scuole cittadine
le chiavi della Città dei bambini e delle bambine per far sì che inizi nel migliore dei modi il rapporto fra il
primo cittadino ed i cittadini più piccoli.
“Una delle mie prime uscite pubbliche da primo cittadino è dedicata ai bambini – ha afferma il neosindaco - per
mettere in atto da subito il nostro programma che vuole promuovere in primis i loro diritti perché sono convinto
che la città abbia bisogno dei loro consigli. Lavoreremo insieme a loro nei prossimi cinque anni cambiare in
meglio la città. Io mi ripropongo di rilanciare presto le attività del Laboratorio perché per pensare al futuro della
città, ai figli e ai nipoti dei miei concittadini, si deve mettere in moto la speranza.”
Periodico
anno 2, n° 1 luglio 2015
Direzione editoriale:
Laboratorio Città dei bambini e delle
bambine
APS PARAM.BA
Antonella Cascone
Redazione:
(i bambini del consiglio che hanno
partecipato al progetto)
Maria Rosaria Abbati
Lucia Borriello
Sara Cigliano
Chiara Costanzo
Sabrina Esposito
Emanuele Gianfagna
Giovanni Lappone
Michele Marotta
Alessandro Oliviero
Francesco Persichilli
Andrea Picone
Vincenzo Scarinci
Sara Scott
Ilaria Testa
Alessia Tomasso
Walter Varlese
Progetto grafico, impaginazione e
direzione artistica:
Antonella Cascone
[email protected]
antonellacascone.blogspot.it
Redazione e amministrazione:
Laboratorio Regionale
Città dei bambini e delle bambine
- Sede Ambasciata Unicef - aderente
alla rete internazionale del C.N.R.
dell’Istituto di Scienze e Tecnologie
della Cognizione
Via S. Martino n° 4 - Villa Falanga
80046 San Giorgio a Cremano (Na)
Tel. 081.256.50.45 - Fax 081.565.44.98
[email protected]
www.cittàbambini.it
Stampa:
EFFEGI S.A.S. Di Garofalo Luigi & C
Cittadinanza
attiva
I bambini del Consiglio incontrano il nuovo sindaco Giorgio Zinno
Intervista al nuovo sindaco
I compiti del sindaco - Progetti per i bambini della citta’- La cura dei parchi
I rappresentanti del consiglio dei bambini, da sinistra: Francesco, Sara e Chiara.
Appena dopo pochi giorni
dall’insediamento del nuovo Sindaco della città di San Giorgio
a Cremano, avvenuto il giorno
8 giugno 2015, la redazione del
Consiglio dei bambini ha preso
un appuntamento per fargli un’intervista. Così il giorno 12 giugno
il gruppo di piccoli giornalisti,
insieme ai loro tutors, sono stati accolti dal neoeletto Sindaco,
Giorgio Zinno, nel salottino del
Palazzo di Città per una piacevole
conversazione.
I bambini hanno posto numerose
domande sul suo “lavoro di sindaco”, chiedendogli informazioni
anche su cosa intendesse fare per
la città e per i bambini.
Di seguito riportiamo una sintesi
delle domande e delle questioni
affrontate.
Perché hai scelto di diventare
Sindaco e quali sono i compiti di
un Sindaco?
Più che scegliere di diventare sono stati i cittadini di San
Giorgio a Cremano che hanno
voluto che diventassi Sindaco.
Ho scelto di candidarmi perché
da quando ero piccolo ho sempre avuto la propensione alla vita
delle associazioni e della politica,
con lo scopo di cercare di migliorare il nostro mondo e quindi ho
pensato che nel ruolo del Sindaco
avrei potuto fare qualcosa in più.
Per potermi candidare comunque ho dovuto fare un lungo
lavoro che mi ha visto per diversi
anni impegnato e che ha fatto si
che la maggioranza dei cittadini
poi mi abbia scelto e poi saranno
gli stessi cittadini a giudicare se
lavorerò bene o meno.
I compiti del Sindaco sono tantissimi: prima di tutto migliorare
il territorio in cui viviamo e far si
che i cittadini possono vivere meglio con servizi funzionanti, avere
luoghi all’aperto senza pericoli,
luoghi in cui anche i bambini si
divertono, creare attività culturali che fanno crescere bambini e
adulti insieme.
3
Quali sono le prime cose che pensi
di fare per i bambini della città?
Il primo incontro istituzionale è
stato proprio con voi e con altri
bambini quando mi avete consegnato le chiavi della città, che custodirò gelosamente mettendole
in bella mostra nella stanza istituzionale del Sindaco.
La prima cosa che penso di fare
è quella di continuare il progetto della Città dei bambini e delle
bambine, che da più di 20 anni fa
crescere culturalmente la nostra
città, cercheremo di migliorare le
strutture scolastiche sia per quanto riguarda gli spazi sia per gli
Sara, Chiara e Antonella Cascone responsabile del progetto giornalino
arredi e poi ristrutturare i parchi
ed i giardini pubblici in modo che
possiate stare in luoghi sicuri e divertirvi con i vostri genitori o con
i vostri amici.
Cosa ne pensi del Consiglio dei
Bambini ?
Il Consiglio dei Bambini è un organo fondamentale nella nostra
città. Anche noi grandi a volte dovremmo avere la mente di bambini perché questo ci insegna anche
un pò a sognare.
Anche se sono molto alto cercherò di abbassarmi ed avere uno
4
sguardo alla vostra altezza perché
sono convinto che voi bambini
potete darmi delle chiavi di lettura che io non ho e questo può aiutare a risolvere parecchi problemi
a tutti.
Ascolterò molto attentamente i
consigli che vengono dal Consiglio dei bambini, cercando di realizzare tutte quelle proposte che
si possono attuare.
L’importante è anche che voi mi
raccontate dal vostro punto di vista i problemi della città per poi
trovare insieme soluzioni.
Inoltre mi piacerebbe che una volta al mese ci incontrassimo con il
consiglio dei bambini per ascoltare le proposte ed i suggerimenti.
Se i bambini voglio scriverti dove
possono farlo?
Ci sono tati modi per potermi
scrivere. Potete spedire una lettera all’indirizzo del Comune: Piazza Vittorio Emanuele II n° 10.
Potete farlo in modo ufficiale
portando una lettera all’ufficio del
protocollo.
Per posta elettronica alla e-mail:
[email protected]
Se volete potete poi contattarmi
alla mia e-mail personale:
[email protected], sul profilo
facebook Giorgio Zinno Sindaco,
oppure per cose urgenti potete
prendere un appuntamento con
la segreteria del mio ufficio al numero di telefono: 0815654404.
Quest’anno la GIORNATA DEL
GIOCO non si è festeggiata in
maniera ufficiale. Che fine farà il
giorno del gioco richiesto 10 anni
fa dai bambini?
Quest’anno non si è festeggiata la
giornata del gioco perché a maggio non avevamo un’ amministrazione che poteva organizzarla.
Questo progetto non può scomparire perché è un progetto pedagogico di crescita collettiva per
tutta la città, come manifestazione conclusiva di un lavoro che
Il sindaco ascolta le domande dei bambini
dura tutto l’anno, con il contributo delle scuole e quindi sicuramente tornerà non solo la giornata del Gioco ma anche tutte quelle
attività del Laboratorio Città dei
bambini e delle bambine, che rappresentano un importante filone
culturale.
Ci saranno degli spettacoli estivi
per i bambini?
Appena avremo anche la Giunta cercheremo di far approvare qualche iniziativa in estate,
come degli spettacoli e un cineforum adatto anche ai bambini.
Anche su questo argomento vorrei
che in futuro potessimo progettare
insieme una programmazione che
tiene conto di manifestazioni che
consentono di far stare insieme e
crescere culturalmente i bambini
in città.
Hai detto che la cura dei parchi è
importante per te. Il parco di viale Formisano è abbastanza trascurato ed ha una pista per i pattini a rotelle che viene utilizzata
dai maschi per giocare a calcio.
Cosa si può fare?
Come dicevo la manutenzione dei
parchi sarà una delle nostre priorità
nei prossimi 180 giorni. Per quanto riguarda il problema che mi hai
posto andremo a spiegare alle persone dell’associazione che si occupa
di aprire e chiudere il parco di Viale
Formisano che devono far rispettare i diritti di tutti i bambini, non
solo dei maschietti che giocano a
calcio, ma anche di quei maschietti
e quelle femminucce che vogliono
fare altro e che quella pista va utilizzata per pattinare.
Inoltre noi tutti, bambini e adulti,
dobbiamo comprendere che la cosa
pubblica non è che non appartiene
a nessuno, ma è di tutti e quando
qualcuno la va a rompere o a deturpare fa un danno a tutti, perché per
poterla riaggiustare andranno spesi
altri soldi che sono della collettività
e quindi anche i vostri e dei vostri
genitori.
Cercheremo di aggiustare tutte le
giostrine e di mettere o rimettere
quelle che i vandali hanno distrutto
come per esempio quelli che c’erano
nelle aiuole a via Cappiello.
Le impressioni dei bambini subito dopo l’intervista
• Mi ha emozionato incontrare il Sindaco perché non è una
cosa che capita tutti i giorni...
• Il Sindaco mi è sembrato molto
simpatico, sia per il modo di parlare sia per come ci ha accolto...
• Ha scherzato anche con noi dicendo che non sa disegnare ma
che ci aiuterà a dipingere il murales ... Mi ha fatto ridere il fatto che “disegna” male come me.
• Quando gli ho detto: “Carissimo sindaco…” mi ha colpito che mi chiesto di chiamarlo Giorgio e questo è
stato un gesto molto amichevole.
• All’inizio ero molto emozionata all’idea di incontrare il Sindaco ma dal
modo
mi
na di
perché
brato
in cui ci ha accolto
sembra
una persocui ci si può fidare
dalle risposte è semmolto disponibile...
• Ha risposto amichevolmente ad ogni domanda facendoci
capire bene cosa intendeva...
• Mi aspettavo che il Sindaco mantenesse più le distanze con noi,
invece ha risposto giocando un
pò con noi senza essere formale.
• Mi ha colpito di più quando ha detto che i grandi a
volte devono avere la mente
di bambini perché questo insegna anche un pò a sognare e poi che a volte i sogni
dei bambini possono andare
bene per tutta la popolazione.
Abbiamo pensato di fare un murales sul muro esterno del Kid’s
Cafè che sta nascendo nel parco
“Frammenti di Delizie”, ci autorizzi a farlo e a comprarci un pò
di pittura ? e poi vuoi venire con
noi a dipingere?
Fate la richiesta e non penso ci
siano problemi per poterlo realizzare. Se mi dite quando verrò con
tanto piacere.
Però vi dico che posso solo aiutarvi a colorare all’interno del contorno che mi tracciate voi perché
sono una vera frana nel disegno...
Mi fa piacere comunque della vostra proposta che riprende
un’idea che già avevo in mente di
riqualificare, in maniera gratuita
per l’ente, con i bambini, i ragazzi
e gli adulti che lo vorranno, tutti quei muri brutti o malandati,
come per esempio il grande muro
dell’ex palazzo Bruno di Piazza
Troisi e tanti altri.
5
Eventi
Il 13 Maggio 2015: un insolito giorno del gioco
S.O.S. GIOCO
Siediti Ora e Sentiti in Gioco
Reportage dei bambini sulla X edizione del Giorno del Gioco
Il motto inventato per la X edizione del Giorno del Gioco 2015
“S.O.S. GIOCO = Siediti Ora e
Sentiti in Gioco”, rappresentava un invito per tutti i cittadini,
bambini e adulti, a fermarsi, ad
interrompere il lavoro della routine quotidiana e a giocare in città
insieme agli altri, anche attraverso installazioni ludiche, trasformando oggetti di uso quotidiano
come le sedie in nuovi manufatti giocosi. L’intento era quello di
riconquistare gli spazi urbani al
traffico e alle auto in sosta, realizzare momenti di aggregazione
e valorizzare la creatività e l’ideazione di nuovi giochi con l’utilizzo di materiali vari anche di recupero, nella consapevolezza che il
6
gioco è un diritto di tutti in ogni
età e in ogni luogo. Riprendendo
una sperimentazione realizzata
dai Centri di Cultura per il Gioco
nella città di Torino molte classi
delle scuole cittadine hanno realizzato delle “sedie ludiche”, trasformando delle sedie dismesse,
sviluppando l’idea di InSEDIAmenti ludici e la voglia di scoprire
nuovi modi per condividere occasioni di giochi.
Purtroppo l’entusiasmo e la passione profusa dai ragazzi sono
stati vanificati e delusi dalla deliberazione del Commissario Prefettizio con la quale si disponeva di
non dare corso alla realizzazione di
eventi per il Giorno del Gioco da
parte dell’amministrazione comu-
nale. Tuttavia “IL GIORNO DEL
GIOCO” di San Giorgio a Cremano è sempre stato vissuto come
un grande appuntamento da vivere, un giorno speciale dedicato
al gioco come mezzo di incontro
tra adulti, giovani e bambini. Una
volta nota la decisione dell’amministrazione, un movimento
spontaneo di ragazzi, insegnanti,
genitori, associazioni, mezzi di
informazione, autorità civili e religiose, artisti, scrittori, senza alcuna regia, senza alcuna forma di
protesta, ma con il solo intento di
sostenere il progetto come risorsa della città e come promozione
dei diritti dei bambini, hanno organizzato, in maniera spontanea,
dal basso, forme per celebrare in
I bambini della scuola De Filippo festeggiano il 10° compleanno del giorno del gioco
qualche modo una festività patrimonio della città. Tutte le scuole
cittadine, che, tra l’altro, si erano
già preparate durante tutto l’anno
scolastico all’evento, insieme ai
bambini e a molti genitori hanno comunque deciso di dedicare
una mattinata al gioco all’aperto,
con la sospensione delle attività didattiche. E così lo scorso 13
maggio 2015 in qualche modo si è
festeggiato il decimo compleanno
del Giorno del Gioco, spegnendo
in qualche caso anche le 10 candeline. La cosa sorprendente che
anche in altre città molti hanno
mostrato la loro solidarietà ai
bambini di San Giorgio a Cremano, creando momenti di gioco
collegati al tema della X edizione
anche con un semplice cartello
ovvero con un inSEDIAmento ludico urbano.
Maria Carla Rizzolo, Direttrice
dei Centri di Cultura per il Gioco
nella città di Torino, ha mostrato
la propria solidarietà lanciando
il seguente invito: “Facciamo rete
per restituire spazio al gioco, azioni piccole ma costanti
che attraversano l’Italia da nord a
sud con gli inSEDIAmenti ludici.”
Durante l’arco della giornata
(mattina e pomeriggio) bambini,
ragazzi, dirigenti scolastici, docenti, genitori, associazioni, bambi-
ni, ballerini che hanno realizzato
coreografie appositamente create
per l’evento, negozianti, bambini
diversamente abili, professionisti,
casalinghe, dipendenti che hanno
fatto festa al lavoro, giornalisti,
e mass media, con il loro piccolo impegno hanno reso possibile
comunque la realizzazione dell’evento.
In tanti hanno accolto l’invito di
sedersi cioè fermarsi e sentirsi in
gioco, andare in città nei parchi
insieme ai bambini per raccontarsi e per giocare. Quello che è
mancato è stato soprattutto la pedonalizzazione delle strade e degli spazi della città.
Nell’ Istituto Comprensivo “M.
Troisi” alcune classi hanno prolungato il loro intervallo dedicandolo
al gioco. Nell’Istituto Comprensivo “2° - Mazzini” tutta la scuola
si è organizzata per giocare e le
classi prime e seconde sono uscite per festeggiare la giornata negli
appositi spazi urbani con alunni,
docenti e genitori.
I bambini dell’Istituto Comprensivo De Filippo hanno organizzato giochi in tutte le classi. Dalle
10.00 alle 12.00 cartelle chiuse e
giochi a gogo!
Le quinte A e B sono uscite per
recarsi a Villa Bruno: dopo un
simbolico festeggiamento con
tanto di candelina, torneo di Bocce con il circolo bocciofili, laboratorio di Masterchef con l’associazione Oltre L’orizzonte ed infine
laboratorio di arte e lettura con
la Bottega delle Parole di Miryam
Gison e I Mangiasogni – nutrimenti per piccoli lettori.
Nell’Istituto Comprensivo “Don
Milani Dorso” giochi in tutte le
classi poi alcune quinte si sono
recate nel parco urbano di Via
Aldo Moro festeggiando il Giorno
del Gioco ed inaugurando il parco
con la presenza dei bambini.
Duecento bambini dell’Istituto
Comprensivo 4° - Stanziale hanno giocato a Villa Falanga, con i
loro insegnanti, i loro genitori e
con la grande amica Federica che
è cresciuta insieme al Laboratorio
Citta dei bambini e delle bambine. Le alunne della IV F dell’I. I.
S. “Rocco Scotellaro” si sono rese
disponibili in villa Falanga come
animatrici per giocare insieme a
tutti i bambini che erano presenti
nel parco ecco il loro motto della
giornata: “un compleanno deve essere sempre celebrato ...
BuonGiorno del Gioco a TUTTI”.
Nel pomeriggio il gruppo dell’Associazione V.i.P. insieme a tanti altri
bambini guidati dall’esperta Adele
Lippolis hanno danzato la sigla del
Giorno del gioco in Piazza Troisi.
I Mangiasogni in Villa Bruno con il laboratorio
di lettura animata
7
Laboratorio di Masterchef
Disegno appositamente ideato e regalato per il giorno del gioco 2015 dell’illustratrice Nico De Martino
Molti hanno lasciato la loro testimonianza comunicandoci un pensiero, un augurio, un messaggio di
solidarietà, fotografie, brevi video,
ecc.. Chiunque è interessato può
visionare questo materiale cliccando sul link: https://www.facebook.
com/events/1562660037328086/.
Tra le testimonianze citiamo quella di Amilcare Acerbi Direttore di
GIONA (Associazione Nazionale
delle città in Gioco): “W i bambini
e le maestre e i cittadini che festeggiano il gioco. Abbasso gli amministratori che li tradiscono e non si accorgono di essere fuorilegge! e quella
del regista Fioravante Rea: “… posso
offrirvi per la giusta “causa” a cui ci
tengo molto, uno spettacolo, adatto
per bambini dai 4 agli 8 anni sul ciclo lunare. “La gatta che si mangiò
la luna” ...”
E ancora Viviana Di Melagioco di
Napoli: “Anche noi festeggiamo il
compleanno del gioco di San Giorgio
a Cremano... Diamo diritto al Gioco ai Bambini, loro non capiscono
la politica, loro vedono i fatti...
Ecco invece alcune delle impressioni raccolte dalla redazione del
CONSIGLIO DEI BAMBINI che
hanno formulato ai loro coetanei
le seguenti domande:
Cosa pensi del giorno del gioco?
Cosa pensi debba essere modificato o aggiunto?
Che emozioni ti suscita?
Sara: Il giorno del gioco è un momento di svago in cui i bambini
si divertono giocando per strada.
Penso che le nostre maestre ci
dovrebbero dare più tempo per
giocare e, visto che quest’anno il
Giorno del Gioco non si è celebrato in maniera ufficiale, penso
che si debba rifare perché suscita
belle emozioni come felicità e gioia.
Maria Rosaria: Io penso che è
bello avere un giorno in cui i bambini possono giocare liberamente.
Bambine che giocano con una sedia ludica
nella libreria “La Bottega delle parole”
8
Chiara: E’ un giorno non solo per i
bambini ma anche per gli adulti in
cui giocare e divertirsi. Penso che si
debbano aggiungere ai giardini e ai
cortili delle scuole dei nuovi giochi.
Lucia: Il giorno del gioco è un momento di svago e di divertimento. Mi sono divertita di più l’anno
scorso quando tutte le quarte delle
scuole (compresa la mia) hanno
fatto un balletto e anche delle gare
durante le quali io insieme ai miei
compagni di classe abbiamo vinto il
2° premio. Secondo me si dovrebbe fare più spesso perché è davvero
una cosa buona.
Durante quella giornata mi sento
felice ed entusiasta.
Emanuele: Penso che sia una giornata di divertimento per i bambini,
però quest’ anno senza la presenza
di un Sindaco non hanno organizzato degli eventi e posso concludere dicendo che non mi è piaciuto
tanto.
Giulia: Spesso la macchina del Comune non ha un cuore e quest’anno voleva impedire ai ragazzi di
festeggiare il giorno del gioco ma
noi lo abbiamo festeggiato lo stesso
e siamo usciti con la nostra classe
andando a giocare a Villa Falanga.
Marta: È un momento bello per i
bambini, si dovrebbe fare più spesso perché dedicato ai bambini.
Riccardo: È una cosa positiva ed è
un esperienza fantastica. È piacevole il fatto delle gare di disegno e si
dovrebbe fare più spesso.
Progettazione
partecipata
I bambini del Consiglio e il laboratorio di progettazione partecipata
Kid’s cafè
Gli arredi del Kid’s CAFÈ che si è aperto all’interno del Giardino Frammenti di Delizie di Via Galante con
la Cooperativa sociale ONLUS Archeosannio
I bambini del Consiglio sono stati coinvolti anche in un laboratorio di progettazione partecipata
per la realizzazione degli arredi
del Kid’s CAFÈ che si è aperto
all’interno del parco Frammenti
di Delizie di Via Galante con la
Cooperativa sociale ONLUS
Archeosannio, la quale ha vinto
la manifestazione di interesse per
l’utilizzo del chiosco presente nel
parco. L’esperienza è stata diretta
dall’architetto Francesco Langella
e dall’associazione PARAM. BA.
in sinergia con il Dipartimento di
Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.
L’idea sviluppata dai bambini è
quella di avere uno spazio dove
poter passare del tempo, in un
caffè o snack bar che accoglie in
Una parete decorata all’interno del Kid’s cafè
modo particolare i bambini, ma
non esclusivamente solo loro,
bensì anche i genitori, con menù
pensati appositamente per e con
i bambini.
Decorazioni per il bancone inventate dai bambini
I ragazzi hanno partecipato ad un
percorso creativo denominato “Il
bar come piace a noi”, realizzato,
attraverso un’ esperienza di progettazione partecipata, mettendo
in uso varie tecniche della comunicazione visiva.
I bambini hanno inoltre proposto dei disegni al grafico Maurizio Colicino che si sta occupando
delle decorazioni all’interno delle
pareti del Kid’s CAFÈ e degli ornamenti del bancone.
Molte le idee suggerite dai bambini che hanno proposto anche
delle novità per rendere l’organizzazione del bar più efficiente e
versatile.
Una buona organizzazione può
consentire di offrire un migliore
servizio e di ottimizzare le risorse. Per esempio Lucia ha fatto notare come spesso il bancone del
9
I bambini e le mamme per disegnare le decorazioni del kid’s cafè
bar per i bambini è troppo alto,
ha perciò ipotizzato un bancone
a doppia altezza per consentire
l’uso agli adulti e ai piccoli.
In alternativa è stato immaginato
un piano ribaltabile ed utilizzabile all’occorrenza come piano di
appoggio delle vivande ad un’altezza più adatta per i più piccini
o per quelli costretti su sedie a
rotelle.
I piccoli designers si sono cimentati anche nella progettazione degli arredi e così Sara diceva:
“Ci siamo accorti che anche gli
arredi non sono proprio adeguati
ad un bar per bambini cosi abbiamo pensato alla realizzazione di
tavolini a forma di ciambella con i
buco al centro della quale può essere posizionato un ombrellone”.
Chiara ha aggiunto: “vorremo
delle sedie più allegre e funzionali
come per esempio la sedia con piedi a forma di bottiglia e schienale
a forma di bicchiere da bibita con
tanto di cannuccia, che in realtà
avrebbe il ruolo di gancio per borse e zainetti. Altre sedie a forma
di tazzina accogliente o a forma
di bambino che abbraccia così sarebbe un modo per farci coccolare
in braccio ad una sedia”.
Francesco e Michele inoltre hanno affermato in un Kid’ s CAFÈ
sono importanti anche i cibi da
somministrare quindi si dovrebbe
pensare anche di proporre delle
cose che sia alla vista e sia al gusto possano essere appetibili per
i bambini.
Pensiamo poi di decorare anche
il muro esterno del piccolo chiosco con un murales da realizzare
insieme ai genitori con disegni e
frasi che rappresentino un luogo
di divertimento e di svago.
Il laboratorio ha entusiasmato
anche i genitori che si sono intrattenuti il sabato mattina dopo
l’incontro mettendosi a colorare
insieme ai propri figli i disegni e
le idee progettuali che sono venute fuori.
Così lo spirito del Kid’s CAFÈ
già ha preso vita dovendo essere
uno spazio per famiglie in cui i
bambini potranno trattenersi a
giocare e sorbire bevande fresche
insieme ai loro accompagnatori.
Disegni dei bambini per progettare gli arredi.
Sedia a forma di bicchiere con cannuccia
A sinistra: bancone per grandi e piccoli - tavoli
a forma di hamburger con sedia a forma di
bicchiere con cannuccia (come si vede sopra
in primo piano).
10
Incontri
I bambini del consiglio incontrano i consiglieri Libanesi
Gemellaggio con il Libano
Progetto Mosaic: Secondo viaggio studio in italia di una delegazione dal Libano.
Nel quadro del programma finanziato dalla Cooperazione Italiana
sul progetto conosciuto come “
MOSAIC”, dal 6 al 12 Aprile 2015
ha avuto luogo il secondo viaggio/
studio in Italia, riferito in particolare alla componente “Città amiche dei bambini”. Il programma ha
coinvolto personale del Ministero
degli Affari Sociali e l’Alto Commissariato per l’Infanzia libanesi ed i sindaci con alcuni ragazzi
dai Comuni di Ajaltoun, Bebnine,
Chiyah, Jdeideh - Bouchrieh Sed, Rachaya el Wadi e Tyr. Il Laboratorio Città dei bambini e delle
bambine di Villa Falanga ha coordinato la visita e le attività nelle
città campane di Montoro, Volla,
Cercola e San Giorgio a Cremano
che sono realtà particolarmente
attente alla promozione della cittadinanza attiva dei bambini ed
ha inoltre organizzato il I Forum
Internazionale del Mediterraneo
sul tema “PERCHÉ ABBIAMO
BISOGNO DEI BAMBINI PER
CAMBIARE LA CITTÀ?”, svoltosi il giorno 10 aprile nella splendida cornice di Villa Vannucchi.
Il giorno 9 aprile, invece, i bambini del nostro Consiglio con i
loro genitori hanno accolto la
folta delegazione a villa Falanga.
Nella mansarda in particolare si è
svolto l’incontro con i ragazzi delle città libanesi accompagnati dai
loro referenti del progetto (focal
ponits). Nell’ambito dell’incontro, con l’aiuto dell’interprete Sara
Hammoud, c’è stato uno scambio
di opinioni sulle tradizioni e sui
Villa Falanga: la delegazione libanese insieme ai bambini del consiglio di San Giorgio a Cremano
piatti tipici dei rispettivi paesi ma
anche sul funzionamento dell’omonimo progetto del consiglio
dei bambini. Tra le tante tradizioni del Libano i ragazzi ci hanno
parlato e mostrato i passi di una
danza folkloristica popolare chiamata Dabka, che significa battere
i piedi per terra. La danza rappresenta l’amore per la terra e il proprio paese e soprattutto l’unione
tra le persone. Per le specialità
culinarie un dolce tipico è il maamoul, biscotti di pasta frolla senza
uova ripieni di datteri, pistacchi e
noci, consumati durante le festività, sia quelle mussulmane che
cristiane: i musulmani mangiano
i maamul alla sera durante il Ramadan, i cristiani li preparano in
occasione della Pasqua. Altre due
pietanze che sono state preparate
durante la visita alla scuola “De
Luca Picione” di Cercola sono
l’hummus che è una deliziosa crema, a base di ceci, con la tahina
(pasta di sesamo) e l’aggiunta del
succo di limone e poi il famoso
taboule, un’insalata a base di prezzemolo, con pomodoro, grano, cipolla, olio, sale, menta e succo di
limone.
I ragazzi facenti parte della delegazione libanese frequentano
scuole private e pubbliche, di primo e secondo grado superiore e
le materie da loro preferite sono
il disegno, la danza e le lingue
francese ed inglese. Questi ragazzi
come quelli di San Giorgio a Cremano, per far parte del consiglio
dei bambini delle rispettive città,
sono stati sorteggiati a scuola oppure dal mondo delle associazioni, come per esempio dal gruppo
scout. In tutte le città libanesi le
riunioni del consiglio dei bambini
si svolgono nel palazzo municipale,
11
I bambini libanesi alla scuola Caravita - Picione di Cercola. A sinistra imparano a fare la pizza napoletana. A destra vediamo i loro piatti tipici.
tranne a Chyah dove hanno una
sede propria nel centro sportivo
comunale.
Ecco alcune recenti attività svolte
nei consigli libanesi: a Bebnine si
è svolto il “winter camp” ed inoltre i bambini hanno collaborato
alla realizzazione di alcuni capitoli del libro per la staffetta letteraria Italia/Libano, organizzata
dalla BIMED, a cui hanno lavorato anche le città di Chya, Jdeideh,
Ajaltoun e Rachaya. A Tiro hanno organizzato un campo estivo,
hanno partecipato ad un corso
per il primo soccorso con la croce rossa ed inoltre, hanno festeggiato, con la città di Rachaya, la
giornata nazionale dello sport.
Molti hanno partecipato anche
ad un seminario per realizzare un
giornalino, ad un workshop sul riciclo e a dei laboratori sul teatro
sociale. Tutti hanno organizzato
delle cose per festeggiare il giorno nazionale della repubblica. Gli
incontri del consiglio avvengono
ogni settimana di sabato, inoltre
nel periodo estivo, ogni sabato, si
chiude una strada principale della
città per permettere a tutti di giocare per strada. Hanno ancora realizzato dei laboratori di progettazione partecipata. I ragazzi di Tiro
Rachaya e Bebnine stanno progettando un centro polifunzionale,
sportivo e artistico, che comprende un giardino per i bambini, una
zona per il calcio, una per la danza e, per la prima volta, un campo
sportivo per le ragazze. A Rachaya
12
i ragazzi hanno deciso di ristrutturare l’ex cinema e trasformarlo
in un centro culturale sportivo
con un Kid’s caffè. I consigli delle
varie città inoltre curano una propria pagina facebook “Ville Amie
des Enfants”.
Di seguito riportiamo una breve
intervista a Daisy Saba, assistente
sociale e coordinatrice del progetto nel comune di Jdeideh Bauchrieh Sed che è gemellato con
San Giorgio a Cremano.
Che cosa è per te il progetto Città
amica dei bambini?
“I bambini hanno bisogno di essere ascoltati e il loro comune è
responsabile della realizzazione
di una città a loro misura. Essi
hanno il diritto di giocare, di essere in una famiglia, di studiare,
di esprimere la propria opinione, di sentirsi al sicuro nella loro
città e molti altri diritti ancora. È
per questo motivo che ritengo un
obiettivo fondamentale raggiunto
la creazione nella mia città di un
Consiglio comunale dei bambini.
Penso che bisogni lavorare di più
sui diritti dei bambini, facendo
loro sapere che qualcuno si preoccupa per loro e che possono fare
qualcosa per la loro città.”
Quale è la cosa più importante
che è stata realizzata dal Consiglio dei bambini nella tua città?
“La loro proposta di costruire un
centro in cui tutti i ragazzi di età
compresa tra 0 e 18 anni potessero beneficiare di attività culturali,
sportive e artistiche. Il comune
ora sta lavorando per avere tutte le
autorizzazioni previste dalla legge per costruire questo centro. La
partecipazione al progetto della
cooperazione italiana ci ha anche
dato l’opportunità di condividere
le esperienze di altre Città amiche
dei bambini in Italia, come la città
San Giorgio a Cremano e anche
di fare un gemellaggio tra Jdeideh Bauchrieh Sed e San Giorgio
a Cremano. Questo certamente è
stato un’altra cosa molto importante.”
Che cosa ti è piaciuto della visita
a Villa Falanga? “La visita è stata sicuramente utile. Così come
è stato proficuo l’incontro tra i
bambini dei consigli di due paesi diversi. Ma ritengo necessario
dialogare di più su come i bambini dei consigli delle nostre due città gemellate possano continuare
questo scambio anche a distanza.”
Come pensi che questo scambio
con San Giorgio a Cremano posa
continuare?
“Abbiamo bisogno di lavorare di
più sulla collaborazione per realizzare nelle due città attività similari che mirano al raggiungimento
degli obiettivi del progetto di città
amiche dei bambini, forse anche
con l’apertura di una pagina sul social media in cui insieme possiamo
mettere le esperienze e le foto delle
nostre attività.
Tanto più saremo in grado di elaborare simili piani di lavoro programmatici, tanto più il nostro gemellaggio potrà avere successo.”
FORUM
Il punto i vista dei bambini e dei genitori
Sull’esperienza del consiglio delle bambine e dei bambini
Testimonianze
Attraverso un forum di discussione abbiamo chiesto ai ragazzi che sono stati coinvolti
nel Consiglio delle bambine e
dei bambini 2014/2015 di valutare la propria esperienza.
Di seguito riportiamo alcune
delle loro testimonianze rispetto ad alcune sollecitazioni.
Interpellati per esempio sul loro
punto di vista riguardo l’iniziativa del Consiglio dei bambini
ecco come alcuni si sono espressi: «Il Consiglio dei bambini è un
momento dove alcuni bambini
che sono stati sorteggiati in quarta
si riuniscono e parlano delle cose
che dovrebbero essere cambiate
o aggiustate in città» (Chiara);
«Il Consiglio è un gruppo dove
periodicamente si riuniscono alcuni bambini delle scuole di San Giorgio a Cremano per cambiare alcune cose
di San Giorgio» (Francesco);
«Nel Consiglio si discute su
come dare consigli a persone che possono aiutarci a
modificare la città» (Lucia);
« … è un’occasione davvero bella perché si fa amicizia con altri bambini e tutti discutiamo
insieme delle problematiche
della nostra città» (Michele);
«Per me il Consiglio dei bambini è un luogo dove i bambini e
le bambine che ne fanno parte
possono esprimere liberamen-
te il proprio parere» (Sara);
«… è un posto dove i bambini e
le bambine possono esprimere le
loro opinioni» (Andrea); «… è un
luogo dove i bambini “consiglieri” si riuniscono e discutono cambiando così, sempre con l’appoggio del Sindaco, regole contrarie
ai diritti dei bambini» (Emanuele); «… nel consiglio impari anche
con il gioco» (Maria Rosaria).
In relazione alle attività svolte ecco invece le cose
che hanno ritenuto essere state le più importanti.
Sara: «Per me la cosa più importante e anche divertente che
ho fatto al Consiglio è stata la
progettazione del Kid’s Cafè...
nel lavoro di gruppo, anche se
a volte si è discusso, mi è piaciuto il fatto che mettendo insieme le nostre idee si sono
create delle cose molto belle.»
Lucia: «Un’ attività soddisfacente è stata quella di provarci
nell’impresa, poi riuscita, di modificare il regolamento dei parchi e dare delle idee per il Kid’s
Cafè… è stato bello conoscere
persone che mi hanno dato l’
opportunità di lavorare nel consiglio ed altre persone diventate
poi mie amiche… anche se qualche volta qualcuno non prende
sul serio il lavoro, mi piace venire al Consiglio. Non cambierei
nulla … perché è tutto perfetto »
Francesco: «La cosa più importante è stato il consiglio che
ho dato quando ho proposto di
raccogliere delle firme per far accettare le nostre proposte di modifica al regolamento dei Parchi
Pubblici… mi è piaciuto anche
il fatto che i nostri consigli vengono sempre ascoltati anche se
non sempre accettati nella loro
realizzazione… è stato bello anche che nel lavoro di gruppo molto spesso andavamo d’ accordo.
Io penso che deve rimanere
tutto così come è stato concepito anche per i prossimi anni
...mentre per la sede di Villa
Falanga andrebbero fatti alcuni lavori di ristrutturazione.»
Michele: «La cosa più importante
è quando abbiamo progettato i tavolini e le sedie e poi mi è piaciuto soprattutto sapere i bambini
13
della mia età cosa ne pensano
della città.»
Chiara: «Anche per me la cosa
più importante è stata la raccolta
firme per cambiare il regolamento dei parchi pubblici. C’ è stato
un vero lavoro di squadra… Non
c’ è niente che non mi sia piaciuto
nel venire al Consiglio.»
Andrea: «La cosa più grande per me è aver dato dei
consigli per la città… E la cosa
in cui mi sono divertito moltissimo è stata la costruzione della video casetta... mi è
piaciuto tutto! Un altro consiglio che vorrei dare è di mettere un po’ in ordine la sede»
Su questa esperienza abbiamo
chiesto anche il parere ad alcuni
14
genitori dei bambini partecipanti
al Consiglio. «Sicuramente l’esperienza vissuta ha lasciato qualche “segno” in un certo numero
di bambini e spero anche dei genitori. Segni che riguardano una
maggiore sensibilità nel rispetto e
nella difesa dei beni comuni, nel
riciclo di materiali usati e nell’educazione civica.
A mio parere questa esperienza
va portata avanti con ogni forza,
al di là dei colori politici e coinvolgendo, quanto più possibile, la
cittadinanza...
L’ esperienza trascorsa da mio
figlio ha rafforzato ancora di più
la sua sensibilità verso i problemi della città di S. Giorgio,
grazie anche al confronto che
egli, fortunatamente, può fare
con altri luoghi meno antropizzati, soprattutto nella discussione di determinate problematiche.
Una cosa importante che devo
dire e che mi ha colpito in lui è
che grazie a questa attività ha
capito che ci sono persone che credono in certi valori come lui. Prima si sentiva
più “solo” ora è come se fosse
più convinto e più “forte” perché sa che ci sono suoi “simili”.
Questo è il “sentimento” che ho
capito da alcuni suoi atteggiamenti e affermazioni» (Raffaele);
«L’ esperienza del Consiglio dei
bambini ha influenzato il comportamento di mia figlia soprattutto nel seguire semplici
regole di civiltà da come
gettare la carta negli appositi cestini, al richiamare
padroni dei cani a raccogliere i
loro bisogni ma anche nell’aiutare
il prossimo con la partecipazione
ai progetti di solidarietà come
quello dell’UNICEF» (Agnese).
Per quanto concerne il diritto di partecipazione dei bambini alle decisioni familiari le posizioni sono diverse.
Alcuni hanno affermato che
«non ci sono per il momento decisioni di questo tipo.»
Altri
invece
sostengono:
«Molte sono le decisioni che
prendiamo tutti insieme in famiglia:, a partire dalla scelta
di una semplice passeggiata
a un regalo ai nonni o anche,
una decisione più importante, come un cambiamento di
casa, così come è stato per noi.»
Molto spesso i genitori hanno
partecipato
volontariamente
ed attivamente anche ad alcune iniziative collaborando
all’organizzazione di incontri di accoglienza e feste che
hanno coinvolto i bambini
consiglieri e le loro famiglie.
Regolamento del consiglio
delle bambini e dei bambini
Secondo quanto disposto dal comma 3 dall’art. 11 del Regolamento del Consiglio Comunale della Città
di San Giorgio a Cremano approvato con delibera di C. C. n° 127 del 16 ottobre 2013, i componenti del
CONSIGLIO DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE del biennio 2014/2015, hanno redatto il seguente regolamento che chiedono di far approvare dall’Amministrazione Comunale.
REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE BAMBINI E DEI BAMBINI
1.Del CONSIGLIO DELLE BAMBINI E DEI BAMBINI fanno parte i bambini che vengono sorteggiati
nelle classi quarte, un maschio e una femmina per ogni plesso scolastico di scuola primaria della città. É
necessario sorteggiare un sostituto dopo quattro assenze consecutive.
2.La durata del mandato di ogni Consiglio è di due anni. Ogni due anni, il 20 novembre, in occasione
dell’anniversario della Convenzione ONU sui diritti dei bambini, escono i bambini che hanno terminato la
quinta ed entrano i bambini che iniziano la quarta.
3. Il consiglio si riunisce almeno ogni 15 giorni ed è condotto da un esperto adulto e dal coordinatore del
Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine, che saranno sempre gli stessi per il rapporto educativo da stabilire e per mettere i bambini in condizione di esprimere le loro idee e stimolare gli amministratori ad ascoltare le idee dei bambini e a tenerne conto.
4.I bambini del Consiglio si riuniscono nella sala della soffitta di Villa Falanga, sulle poltroncine nuvola
disposte in cerchio. Si possono utilizzare anche altri luoghi se l’incontro da fare prevede un’attività laboratoriale.
5. Si inizia ogni seduta del Consiglio con tutti i partecipanti disposti in cerchio e con un rito di saluto. Nessuno deve restare fuori dal cerchio. Il rito si ripete ogni volta che entra un nuova persona nel cerchio.
6. Si parla a turno iniziando uno alla volta nel cerchio proseguendo in senso orario. Per parlare nuovamente
bisogna attendere la fine del giro quando tutti hanno espresso la loro opinione. Per parlare bisogna alzare la
mano ed aspettare che ci venga data la parola dal coordinatore. Non si deve interrompere l’intervento degli altri.
7. Nel Consiglio delle bambine e dei bambini si discute di temi riguardanti la città di San Giorgio a Cremano
proposti dall’Amministrazione Comunale o dagli stessi bambini. Il Sindaco, la Giunta ed il Consiglio comunale possono consultare i bambini del Consiglio ogni qual volta ritengono utile assumere il loro parere su
decisioni da prendere e, se accolte, debbono informare il Consiglio delle bambine e dei bambini sulla loro
realizzazione.
8. Nel Consiglio delle bambine e dei bambini, le decisioni finali su un determinato argomento si prendono
quando tutti i presenti sono d’accordo senza fare votazioni o alzate di mano, si discutono le varie idee, fino
a che non si trova un punto di incontro.
9. Alle riunioni del Consiglio non possono partecipare gli adulti, a meno che non siano richiesti dai bambini
stessi. Può sempre partecipare il Sindaco o suoi delegati.
10. Ogni anno si deve realizzare un giornalino denominato: IL CONSIGLIO DEI BAMBINI, che deve contenere notizie sulle attività, incontri e interviste svolte durante l’anno.
Regolamento approvato il 18 giugno 2015 dai bambini partecipanti al Consiglio delle bambine e dei bambini
nel biennio 2014/2015.
15
L’ educazione alla convivenza
con il Vesuvio è una delle linee guida
del Laboratorio Città dei bambini e delle bambine.
La natura, la storia, le prospettive della nostra terra sono strettamente
legate a quello checontinua ad essere il vulcano più famoso del mondo.
Pensare di poter prescindere da questa presenza, immaginando che le nostre città vesuviane siano solo più o meno “vicine” al vulcano
è come girare un cannocchiale al contrario per vedere più “lontano” ciò che temiamo possa essere troppo vicino. Il regista Pannone, invece,
ha orientato il suo obiettivo su tre storie di vesuviani che sono ciascuno, a suo modo, “Sul Vulcano” appunto, così come lo siamo tutti noi.
Il 15 gennaio 2015, all’Istituto “Enrico Medi” di San Giorgio a Cremano, si è svolta la proiezione del film documentario “SUL VULCANO”,
protagonista il Vesuvio e la terra napoletana. L’azione è stata realizzata nell’ambito dell’INTERNATIONAL SCIENTIFIC FILM FESTIVAL OF
UNIVERSITY AND RESEARCH di Roma. Erano presenti oltre ad Attilio Vitali, Direttore artistico del festival, il regista Gianfranco Pannone,
il vulcanologo Giuseppe Luongo ed il filosofo Aldo Masullo, oltre ad alcuni attori protagonisti del film.
La proiezione ed il successivo forum di discussione, moderato da Andrea Iovino,
presidente della BIMED, ha coinvolto oltre 800 alunni
delle Scuole superiori di secondo grado
del territorio vesuviano.
Fly UP