...

Il sistema di emergenza-urgenza nel Servizio Sanitario

by user

on
Category: Documents
206

views

Report

Comments

Transcript

Il sistema di emergenza-urgenza nel Servizio Sanitario
M.E.P.Sa. WORKING PAPER SERIES
Working Paper n°2
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio
Sanitario Nazionale: un’analisi delle
criticità.
Domenico Urso – Medicina e Chirurgia di Accettazione e di Urgenza
A.S.L. 3 Rossano
e-mail: [email protected]
Consortium for Research and Continuing Education in Economics
Via Real Collegio, 30 - 10024 Moncalieri (TO)
Tel. +39 011.6705200 - Fax +39 011.6407976 - email: [email protected]
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
Indice
1. Introduzione……………………………………………………………………………………………………………………………………2
2. Epidemiologia della patologia medica e chirurgica ad insorgenza
acuta ed evoluzione rapidamente fatale e/o gravemente
invalidante………………………………………………………………………………………………………………………………………………3
3. Il Sistema di Emergenza Urgenza in Italia: riferimenti
legislativi e sua implementazione……………………………………………………………………………………5
3.1. Gli aspetti organizzativi del Sistema di Emergenza
Urgenza……………………………………………………………………………………………………………………………………………6
3.2. Gli aspetti operativi del Sistema di Emergenza Urgenza…11
4. Le criticità nel Sistema
di Emergenza Urgenza………………………………………13
4.1 Le criticità organizzative………………………………………………………………………………13
4.2 Le criticità operative………………………………………………………………………………………16
5. Conclusioni……………………………………………………………………………………………………………………………………16
6. Bibliografia…………………………………………………………………………………………………………………………………18
1
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
1. Introduzione
Il Sistema di Emergenza-Urgenza in Italia, costituito da un
numero
telefonico
territorio
unico
nazionale,
ha
di
allarme
l’obiettivo
sanitario,
di
su
tutto
assicurare,
in
il
ambiti
geografici vasti ed articolati, l’omogeneità, la continuità e la
progressività degli interventi sanitari prestati in situazioni di
emergenza-urgenza.
Linee
Guida
Nell’aprile
del
forniscono
le
che
1996
sono
state
indicazioni
emanate
sui
le
requisiti
organizzativi e funzionali della Rete dell’Emergenza e sulle Unità
Operative che compongono i Dipartimenti di Urgenza ed Emergenza
(DEA) di I° e di II° livello (1). L’attuazione di tali Linee
Guida, tuttavia, si è rivelato nel corso degli anni un percorso
non privo di difficoltà sia sotto il profilo organizzativo che
sotto il profilo operativo. Infatti, gli standard strutturali ed
le
dotazioni
organiche
della
rete
territoriale
ed
ospedaliera,
l’integrazione dei diversi nodi del sistema integrato ospedaleterritorio e
la definizione dei percorsi diagnostico-terapeutici
da
e
una
parte
la
formazione
e
l’aggiornamento
del
personale
dall’altra hanno rappresentato elementi di criticità nel percorso
attuativo.
queste
Scopo
criticità,
interventi
atti
a
di
questo
lavoro
a
partire
dalla
garantire
la
è
l’analisi
quale
piena
sistematica
formulare
applicazione
ipotesi
delle
di
di
linee
guida.
A questo scopo il lavoro risulta essere così articolato. Dopo
una breve esposizione, nel secondo paragrafo, dell’epidemiologia
delle patologie mediche e chirurgiche ad insorgenza acuta, nel
terzo paragrafo analizzeremo i provvedimenti legislativi che hanno
portato
alla
realizzazione
del
Sistema
di
Emergenza-Urgenza
ed
infine, nel quarto paragrafo, tratteremo le criticità che, sia dal
punto di vista organizzativo che dal punto di vista operativo, ne
hanno condizionato lo stato di attuazione ed il funzionamento in
maniera omogenea sul territorio nazionale.
2
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
2.
Epidemiologia
chirurgica
ad
della
insorgenza
patologia
medica
acuta
evoluzione
ed
e
rapidamente fatale e/o gravemente invalidante
L’infarto del miocardio, alcune forme di aritmia cardiaca,
l’ictus cerebri, l’asma acuta, la grave ischemia intestinale o
degli arti inferiori, le dissecazioni aortiche o gli aneurismi
dell’aorta
rottura
addominale
di
in
gravidanza
rottura,
tubarica
l’emoperitoneo
rappresentano
massivo
solo
da
alcune
situazioni cliniche ad insorgenza acuta ed evoluzione rapidamente
fatale in cui la sopravvivenza del paziente e/o la gravità degli
esiti
dipende
Quest’ultimo
dall’efficacia
aspetto
politraumatizzato
In
è
della
particolarmente
Italia
le
risposta
evidente
statistiche
sanitaria.
nel
ISTAT
paziente
indicano
che,
nell’anno 2005, si sono verificati 225.078 incidenti stradali che
hanno
causato
la
morte
di
5.426
soggetti
ed
il
ferimento
di
313.727 soggetti. Nello stesso anno il numero di ricoveri per
trauma secondario ad incidente stradale (desumibili dalle schede
di
dimissione
ospedaliere)
sono
stati
128.830
(226
ricoveri/100.000 abitanti).
La
Figura
secondo
cui
1
illustra
la
la
mortalità
classica
per
descrizione
lesioni
di
traumatiche
Trunkey
(2)
presenta
una
classica distribuzione cronologica trimodale:
•
il primo picco di mortalità si verifica nel giro di secondi o
minuti
dall’evento
traumatico
per
lesioni
gravissime
ad
organi nobili (cuore, SNC);
•
il secondo picco avviene nel periodo che va da pochi minuti a
varie
ore
dal
trauma
(ematomi
cerebrali,
emoperitoneo,
emorragie, etc..);
•
il terzo picco va da giorni a settimane dall’evento lesivo ed
è connesso alle complicanze proprie del paziente trattato in
U.O. di Rianimazione (sepsi, MOF);
3
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
Figura 1. Distribuzione cronologica della mortalità per trauma
Distribuzione trimodale della mortalita per trauma (2)
Fonte: Distribuzione trimodale della mortalità su 852 decessi (Trunkey DD-1989)
Un’analisi retrospettiva di oltre 700 decessi ha evidenziato
che il 52% delle morti avviene sul luogo dell’incidente o comunque
prima
dell’arrivo
in
ospedale,
mentre
del
restante
48%
delle
vittime, il 23% muore entro un’ora dal trauma ed un’ulteriore 35
%entro le prime 24 ore (3).
E’ stato ampiamente dimostrato che una buona organizzazione
del sistema sanitario per l’assistenza al traumatizzato, sia sul
territorio che all’interno della struttura ospedaliera, comporta
una
significativa
riduzione
della
mortalità
che
della
gravità
degli esiti invalidanti. Infatti, numerosi studi confermano che la
percentuale di “morti evitabili” per trauma è significativamente
più elevata quando non esistano strutture dipartimentali deputate
al suo trattamento
e quando non vi siano da parte degli operatori
sanitari le competenze specifiche per affrontare le problematiche
del politraumatizzato.
4
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
3. Il Sistema di Emergenza Urgenza in Italia:
riferimenti legislativi e sua implementazione
Nel
paragrafo
analizzeremo
i
provvedimenti
legislativi
che
hanno portato alla realizzazione del Sistema di Emergenza-Urgenza
(Tabella 1). A tale scopo distingueremo gli aspetti organizzativi
dagli aspetti operativi. Alla dimensione organizzativa attengono,
infatti, gli standard strutturali e le dotazioni organiche della
rete territoriale ed ospedaliera, l’integrazione dei diversi nodi
del sistema e la definizione dei percorsi diagnostico-terapeutici
mentre
alla
dimensione
operativa
attiene
la
formazione
e
l’aggiornamento del personale operante in emergenza.
Tabella 1. Il Sistema di Emergenza-Urgenza: riferimenti legislativi
DPR 27 marzo 1992 “Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni
per la determinazione dei livelli sanitari di emergenza”
DM 15 maggio 1992. “Criteri e requisiti per la classificazione
degli interventi di emergenza”
Atto di intesa tra Stato e Regioni del 17 maggio 1996 “Linee Guida
sul Sistema di Emergenza sanitaria in applicazione del DPR 27
marzo1992”
DPR 28 luglio 2000 n. 270 “Regolamento di esecuzione dell'accordo
collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici
di medicina generale”
D.P.C.M. 8 marzo 2001 Criteri per la valutazione, ai fini
dell'inquadramento nei ruoli della dirigenza sanitaria, del
servizio prestato dagli specialisti ambulatoriali, medici e delle
altre professionalità sanitarie, dai medici della guardia medica,
dell'emergenza territoriale e della medicina dei servizi in regime
convenzionale
Accordo 25 ottobre 2001 "Triage intraospedaliero e chirurgia della
mano
e
microchirurgia
nel
sistema
dell'emergenza
-urgenza
sanitaria".
Atto n. 1711 del 22 maggio 2003 della Conferenza Stato-Regioni.
“Linee guida su formazione, aggiornamento ed addestramento
permanente del personale operante nel sistema di emergenzaurgenza”
Accordo n. 220 del 3 febbraio 2005 della Conferenza Stato-Regione.
Linee Guida per l’organizzazione dei servizi di occorso sanitario
con elicottero
D.M.
17
febbraio
2007
Approvazione
della
Scuola
di
specializzazione in Medicina d’Emergenza-Urgenza
5
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
3.1. Gli aspetti organizzativi del Sistema di
Emergenza Urgenza
Il
DPR
27
marzo
1992
(4)
stabilisce
che
il
livello
di
emergenza sanitario da assicurare con carattere di uniformità in
tutto il territorio nazionale (ai sensi dell’art.4 della legge 30
dicembre 1991, n. 412) è articolato su di :
•
un sistema di allarme sanitario;
•
un sistema di Accettazione e di Emergenza Sanitaria.
Il sistema di allarme sanitario è assicurato dalla Centrale
Operativa (C.O.), cui fa riferimento un numero unico telefonico
nazionale
“118”.
Alla
C.O.
affluiscono
tutte
le
rihieste
di
intervento per emergenza sanitaria. Essa garantisce, attraverso i
radiocollegamenti con le ambulanze e gli altri mezzi di soccorso e
con i servizi sanitari del sistema di emergenza sanitaria del
territorio, il coordinamento di tutti gli interventi nell’ambito
territoriale di riferimento.
Il sistema di Accettazione e di Emergenza Sanitaria assicura
sia
il
servizio
di
Pronto
Soccorso
che
il
Dipartimento
di
Emergenza. A sua volta l’ospedale sede di Pronto Soccorso deve
garantire,
oltre
agli
interventi
diagnostico-terapeutici
di
urgenza compatibili con le specialità di cui è dotato, almeno il
primo
accertamento
diagnostico,
clinico,
strumentale
e
di
laboratorio e gli interventi necessari alla stabilizzazione del
paziente, nonchè di garantire il trasporto protetto.
Infine il Dipartimento di Emergenza (DEA) deve assicurare,
nell’arco
delle
24
ore,
anche
attraverso
le
Unità
Operative
specialistiche di cui è
dotato l’ospedale, oltre alle funzioni di
Pronto
interventi
Soccorso,
anche
diagnostici
e
terapeutici
in
emergenza medici, chirurgici, ortopedici, ostetrici e pediatrici;
deve
inoltre
assicurare
l’Osservazione
Breve,
l’assistenza
cardiologica e rianimatoria.
Il DM 15 maggio 1992 (5) fornisce, ai sensi dell’art. 5, comma
1,
del
DPR
27
marzo
1992,
i
criteri
ed
i
requisiti
per
la
6
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
classificazione
degli
interventi
di
emergenza
attraverso
un
modello di codifica uniforme su tutto il territorio nazionale. Il
sistema di codifica comprende la
messa in nota della chiamata
dell’utente alla C.O. 118; risposta dell’operatore alla richiesta
pervenuta, con particolare riguardo alla tipologia del mezzo di
soccorso
attivato;
intervento
degli
operatori
del
mezzo
di
soccorso; esito dell’intervento di soccorso;
In applicazione del DPR 27 marzo 1992 sulla G.U. n. 114 Serie
Generale del 17 maggio 1996 è stato pubblicato l’Atto di intesa
tra Stato e Regioni di approvazione delle Linee Guida sul Sistema
di Emergenza Sanitaria (1) che si propone di fornire indicazioni
sui requisiti organizzativi e funzionali della rete dell’emergenza
tenendo conto dell’evoluzione legislativa
502/92
(Decreti Legislativi n.
e successive modifiche ed integrazioni (6) e del PSN 1994-
1996)(7). L’Atto di intesa tra Stato e Regioni prevede che il
Sistema
Sanitario
sistema
di
di
allarme
soccorso e da
Emergenza-Urgenza
sanitario,
da
un
sia
costituito
sistema
da
un
territoriale
di
una rete di servizi e presidi ospedalieri. Il
Sistema di Emergenza-Urgenza, nello specifico, è costituito da un
sistema
di
allarme
sanitario,
da
un
sistema
territoriale
di
soccorso e da una rete di servizi e presidi ospedalieri.
Il sistema di allarme sanitario è un numero telefonico di
accesso
breve
e
universale,
il
118,
che
mette
l’utente
in
comunicazione con la Centrale Operativa. Le funzioni fondamentali
della C.O. comprendono la ricezione delle richieste di soccorso,
la
valutazione
del
grado
di
complessità
dell’intervento
da
attivare e l’attivazione e coordinamento dell’intervento stesso.
Il Responsabile di C.O. deve possedere la qualifica di dirigente
medico
di
I°
o
di
II°
livello,
e
preferibilmente
dovrebbe
trattarsi di un anestesista, con comprovata esperienza nell’area
dell’emergenza sanitaria.
Il sistema territoriale di soccorso si avvale di un insieme di
mezzi
di
soccorso
distinti
sulla
base
dell’equipaggio
a
bordo
(Tabella 2).
7
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
Tabella 2. Sistema Territoriale di Soccorso
Automezzo
Ambulanza di base
Ambulanza di soccorso avanzato
Equipaggio
Autista soccorritore, Infermiere
Autista soccorritore, Infermiere,
Medico
Autista soccorritore AnestesistaRianimatore Infermieri (2)
Pilota, Anestesista-Rianimatore
Infermiere
Centro Mobile di Rianimazione
Eliambulanza
Infine, il Sistema di Emergenza-Urgenza, comprende la rete di
servizi
e
presidi
gerarchicamente
ospedalieri,
organizzati.
La
funzionalmente
Tabella
3
differenziati
illustra
il
e
suo
funzionamento.
Tabella 3. Rete e Servizi Ospedalieri
Punto di Primo
Intervento
Pronto Soccorso
Ospedaliero
Stabilizzazione del paziente e trasferimento
nell’ospedale idoneo
Stabilizzazione del paziente e trasferimento
in grado di fornire prestazioni
specialistiche
Osservazione e Breve Degenza
Rianimazione
Chirurgia Generale
Ortopedia e Traumatologia
Cardiologia e Terapia Intensiva Cardiologica
Osservazione e Breve Degenza
Rianimazione
Chirurgia Generale
Ortopedia e Traumatologia
Cardiologia e Terapia Intensiva Cardiologia
Neurochirurgia
Chirurgia Toracica
Cardiochirurgia
Terapia Intensiva Neonatale
Dipartimento di
Emergenza di I°
livello
Dipartimento di
Emergenza di II°
livello
La
modalità
ospedaliero,
si
di
risposta
articola
all’emergenza-urgenza,
sui
seguenti
quattro
in
ambito
livelli
di
operatività:
Punti di Primo Intervento (P.P.I.): Fissi o mobili sono attrezzati
per effettuare interventi medici minori, stabilizzare il paziente
e/o garantirne il trasferimento veso l’ospedale idoneo.
Pronto Soccorso Ospedaliero: strutture idonee a garantire la
stabilizzazione
del
paziente
e
l’eventuale
trasporto
ad
un
8
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
ospedale
in
grado
di
fornire
prestazioni
specilizzate
in
condizioni di urgenza differibile, indifferibile e di emergenza.
Il personale medico operante nel servizio, adeguatamente formato,
può
essere
previsto
anche
a
rotazione
dai
reparti,
mentre
il
personale infermieristico deve essere preferenzialmente dedicato.
Al Dipartimento di Emergenza, Urgenza ed Accettazione (DEA)
appartengono
le
unità
operative
(U.O.)
che
fanno
parte
esclusivamente del DEA (Servizi di Accettazione e Pronto Soccorso,
l’U.O. di Osservazione e Breve Degenza, l’U.O. di Rianimazione con
moduli di Terapia Intensiva e Subintensiva, la Medicina d’Urgenza)
nonchè le U.O. che, pur appartenendo ad altri Dipartimenti entrano
a far parte della “funzione urgenza” attraverso la condivisione di
modelli
operativi
definiti
da
protocolli
e
linee
guida.
Sono
distinti in base alla disponibilità di servizi:
Dipartimento di Emergenza, Urgenza ed Accettazione (DEA) di I°
livello
che
deve
garantire
le
funzioni
di
Pronto
Soccorso
ed
Accetazione, di Osservazione e di Breve Degenza, di Rianimazione e
contemporaneamente
deve
assicurare
interventi
diagnostico
terapeutici di Medicina Generale, Chirurgia Generale, Ortopedia e
Traumatologia,
Cardiologia
e
di
Terapia
Intensiva
Cardiologia
(UTIC).
Dipartimento di Emergenza, Urgenza ed Accettazione (DEA) di
II° livello che deve garantire, oltre che le funzioni proprie del
DEA di I° livello,
anche la Neurochirurgia, la Cardiochirurgia,
la Chirurgia Toracica e la Terapia Intensiva Neonatale. Nel DEA di
II°
livello
devono
essere
collocatile
Unita’
per
i
Grandi
Ustionati e le Unita Spinali.
Un notevole progresso sugli aspetti organizzativi del Sistema
di Emergenza-Urgenza è rappresentato dall’Accordo tra il Ministro
della Salute, le Regioni e le Province autonome, del 25 Ottobre
2001,
riguardante
il
"Triage
intraospedaliero
(valutazione
gravita' all'ingresso) e chirurgia della mano e microchirurgia nel
sistema
dell'emergenza
-
urgenza
sanitaria"(9)
che
da
un
lato
stabilisce la necessità di prevedere sul territorio nazionale una
9
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
rete di presidi, distinti in strutture di I° livello o a bassa
complessità e di II° livello o ad alta complessità , in grado di
fornire una risposta sanitaria specialistica di chirurgia della
mano
e
di
microchirurgia
sull’opportunità
alcuni
di
specifici
urgenza
aspetti
sanitaria,
intraospedaliero
all’ingresso
momento
di
criteri
definire
(
in
indirizzi
sistema
di
risposta
le
che
linee
della
Soccorso).
e
concordando
ed
valutazione
accoglienza
dall’altro,
criteri
stabilisce
Pronto
definiti
del
e
La
consentano
di
sul
gravità
dei
su
all’emergenza
guida
funzione
valutazione
uniformi
del
di
triage
paziente
triage,
pazienti
stabilire
in
le
come
base
a
priorità
d’intervento, deve essere assicurata in quei presidi il cui numero
di accessi è superiore a 25.000/anno (o negli ospedali il cui
flusso è inferiore a 25.000 accessi/anno ma che si trovino
ad
operare
ed
in
condizioni
irregolari)
e
deve
di
essere
flussi
svolta
periodicamente
da
personale
elevati
infermieristico
adeguatamente formato, che opera secondo i protocolli stabiliti
dal Responsabile del Servizio. I codici di criticità, in analogia
con
i
criteri
stabiliti
dal
DM
15
maggio
1992
(5),
sono
articolati in quattro categorie (Tabella 4) ed identificati con
colore
rosso
(priorità
delle
funzioni
massima
vitali),
in
giallo
paziente
(paziente
con
compromissione
mediamente
critico),
verde ( prestazione differibile) e bianco (paziente non urgente).
L’organizzazione ed il potenziamento
Urgenza
costituisce
cambiamento che il
propone
di
uno
dieci
dei Servizi di Emergenzastrategia
del
Piano Sanitario Nazionale 2003-2005 (10)
si
raggiungere
progetti
attraverso
per
una
la
serie
di
obiettivi
strategici tra i quali la riorganizzazione strutturale dei Pronto
Soccorso
e
l’integrazione
dei
del
Dipartimenti
territorio
d’Emergenza
con
l’Ospedale
e
d’Accettazione,
e
l’integrazione
della rete delle alte specialità nell’ambito dell’emergenza per la
gestione del malato critico e politraumatizzato.
10
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
Infine l’Accordo Stato-Regioni n. 2200 del 3 Febbraio 2005
stabilisce
le
Linee
guida
per
l’organizzazione
del
soccorso
sanitario in elicottero (11).
Tabella 4. Il Triage
Colore rosso
Priorità massima in paziente con compromissione
delle funzioni vitali
Paziente mediamente critico
Paziente in cui la prestazione differibile
Paziente non urgente
Colore giallo
Colore verde
Colore bianco
3.2. Gli aspetti operativi del Sistema di Emergenza
Urgenza
Unitamente
agli
Emergenza-Urgenza
aspetti
l’Atto
di
organizzativi
Intesa
tra
del
Stato
e
Sistema
di
Regioni
di
approvazione delle Linee Guida sul sistema di emergenza sanitaria
in applicazione del DPR 27 marzo 1992 (1), da un punto di vista
operativo, individua e distingue
il personale medico del Sistema
di Emergenza in Medici addetti alla C.O.,
supervisione
garantire
Medici
del
la
personale
corretta
addetti
che svolgono compiti di
infermieristico
risposta
all’Emergenza
alle
della
richieste
Territoriale
che
centrale
di
per
soccorso,
svolgono
e
compiti
assistenziali in ambito extraospedaliero (Medici di Guardia Medica
che abbiano superato un apposito
corso di formazione ed ottenuto
l’attestato di idoneità) (8) La formazione e l’aggiornamento del
personale
medico,
convenzione
sia
(guardia
esso
medica
dipendente
addetta
dal
SSN,
sia
all’emergenza)
esso
nonchè
in
del
personale infermieristico sono definiti dal Responsabile di C.O.
in accordo con il Responsabile del DEA. Inoltre il D.P.C.M. 8
marzo
2001
abbiano
consente
maturato
ai
medici
un’anzianità
dell’Emergenza
di
cinque
territoriale
anni
in
che
regime
convenzionale l’inquadramento nei ruoli dirigenziali del SSN (12).
L’Accordo Stato-Regioni del 22 maggio 2003 (13) si concentra sugli
aspetti operativi del Sistema di Emergenza-Urgenza prevedendo che
i programmi di aggiornamento e formazione del personale medico,
infermieristico e non infermieristico, dipendente o convenzionato
11
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
con il S.S.N. abbiano una fisionomia unitaria al fine di garantire
un’omogeneità
del
Sistema
di
Emergenza-Urgenza.
Infatti
costituiscono obiettivi specifici delle linee guida la definizione
dei
destinatari
dei
percorsi
formativi,
la
definizione
dei
percorsi formativi, la definizione di un livello di formazione di
base
specifica
e
la
definizione
di
un
livello
di
formazione
permanente e aggiornamento nonchè l’inserimento della formazione
del personale dell’Emergenza-Urgenza nel programma di Educazione
continua in medicina (ECM), secondo quanto convenuto nell’accordo
sancito dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 13 marzo
2002.
Per quel che concerne il personale medico il documento ritiene
che, per la peculiarità e per la specificità delle competenze
richieste,
è
opportuno
prevedere
una
formazione
specialistica
specifica sull’emergenza come avviene per le altre specialità. I
medici
che
operano
rappresentati
da
convenzionati
per
nel
Sistema
medici
di
dipendenti
l’Emergenza
Emergenza-Urgenza
del
S.S.N.
territoriale
(9).
e
Le
sono
da
medici
linee
guide
individuano percorsi formativi simili sia per i Medici dipendenti
del
SSN
sia
per
i
Medici
convenzionati
per
l’Emergenza
territoriale (D.P.R. 28 luglio 2000 n. 270). Al fine di garantire
una
tempestiva,
efficace
dell’Emergenza-Urgenza
e
appropriata
sanitaria,
risposta
del
Sistema
indipendentemente
dal
livello
formativo già acquisito, il personale medico deve ricevere una
formazione
livello
di
di
base
specifica
formazione
raggiungere
da
un
lato
di
ed
base
una
formazione
specifica
obiettivi
permanente.
ha
lo
Il
scopo
clinico-assistenziali
di
tra
i
quali la conoscenza e la gestione delle procedure di triage intra
ed
extraospedaliero,
il
sostegno
di
base
ed
avanzato
delle
funzioni vitali nell’ età adulta e pediatrica, il trattamento di
base
e
avanzato
paziente
conoscenza
nella
traumatizzato
e
garantiscono
la
la
fase
pre-ospedaliera
nell’
capacità
continuità
di
età
adulta
attuare
delle
cure
i
e
e
ospedaliera
del
e
pediatrica;
la
percorsi
clinici
dall’altro
che
obiettivi
12
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
organizzativi tra i quali la conoscenza dell’organizzazione del
Servizio Sanitario Nazionale e Regionale e
del
Sistema
di
Emergenza
Urgenza
nonchè
dell’organizzazione
dei
relativi
percorsi
diagnostico-terapeutici in situazioni di emergenza-urgenza e degli
aspetti medico-legali nell’urgenza ed emergenza. L’iter normativo
che
ha
come
operante
nel
obiettivo
Sistema
l’istituzione
della
la
di
qualificazione
Emergenza-Urgenza
Scuola
di
del
si
personale
è
medico
concluso
Specializzazione
in
con
Medicina
d’Emergenza (14)
4. Le criticità nel Sistema
di Emergenza Urgenza
Nell’ultimo decennio nonostante che, da un punto di vista
normativo, sia stato fatto un notevole sforzo per la realizzazione
del Sistema di Emergenza-Urgenza non esistono che pochi documenti
che ne valutino il reale attuazione sia da un punto di vista
organizzativo che da un punto di vista operativo. La scarsità
dei
dati disponibili sul Sistema di Emergenza-Urgenza e l’importanza
degli stessi ai fini della programmazione sanitaria, ha fatto si
che
il Pronto Soccorso ed il 118 venissero inseriti nel Progetto
Mattoni
Sanitario
del
SSN
con
di
sviluppo
l’obiettivo
del
di
Nuovo
definire
Sistema
linee
Informativo
guida
per
l’armonizzazione e l’interoperabilità dei sistemi 118 (15).
4.1 Le criticità organizzative
La Relazione sullo stato sanitario del Paese 2001-2002 (16)
indica che, nel 2001, in circa
l’83% degli ospedali è
presente
il Pronto Soccorso, che solo il 37,7% degli ospedali è dotato di
Dipartimento di Emergenza (senza tuttavia specificare se di I° o
di II° livello) e circa la metà di essi sono dotati di una U.O. di
Rianimazione. La disponibilità di posti letto è di 6,7 per 100.000
abitanti per la terapia intensiva, di
2,3 per 1.000 nati vivi per
la terapia intensiva neonatale e di 4,6 per 100.000 abitanti per
13
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
l’ Unità Coronarica. Il numero di accessi in Pronto Soccorso è di
4 per 10 abitanti con un tasso di ricovero del 21,4%.
Figura 2. Ospedali provvisti di PS-DEA
Relazione sullo stato sanitario del Paese
2001-2002
31%
PS
DEA
69%
La Relazione sullo stato sanitario del Paese 2003-2004 (17)
indica
che,
nell’anno
2003,
erano
presenti
602
ambulanze
di
soccorso avanzato con medico a bordo (1,05 per 100.000 ab.) e 650
centri mobili di rianimazione (1,13 per 100.000 ab.). Il numero di
accessi al Pronto Soccorso è di 3,48 per 10 ab. con percentuali di
ricovero del 19,7%. La rete di servizi e presidi è costituita da
742 ospedali di cui il 57,6% è dotato di Pronto Soccorso, il 26,4%
di DEA di I° livello e il 16 % di DEA di II° livello.
Figura 3. Ospedali provvisti di PS-DEA
Relazione sullo stato sanitario del Paese
2003-2004
16%
26%
58%
PS
DEA I Liv
DEA II Liv
14
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
Altre
considerazioni,
sugli
aspetti
organizzativi,
sono
desumibili dalla Relazione conclusiva dell’Inchiesta sul Sistema
di
Emergenza-Urgenza
nella
seduta
n.
28
approvata
del
6
dalla
Aprile
Commissione
2005,
un’indagine campionaria in 30 Aziende
la
Parlamentare
quale
attraverso
Sanitarie Locali (ASL),
ha
cercato di precisare quantitativamente lo stato di realizzazione e
di funzionamento del Sistema Integrato di Emergenza esplicitandone
le dimensioni organizzative ed operative allo scopo di verificare
se è garantita, su tutto il territorio nazionale,
“la giusta
assistenza per il giusto paziente nel giusto ospedale e nel tempo
giusto”. Dall’indagine è emerso che il sistema è efficiente a
livello operativo
per quegli aspetti organizzativi che possono
ricondursi alla base del sistema ma appare difforme come se ognuno
abbia
ideato
un
proprio
Sistema
formativi ed organizzativi diversi.
di
Emergenza
delle postazioni che dei
mezzi d’intervento e del personale utilizzato.
delle
ASL
campionate
percorsi
La variabilità è riscontrata
sia a livello della medicalizzazione
Soccorso
con
sembrano
Tutti i Pronto
rispettare
in
maniera
adeguato le attività richieste per l’intervento di urgenza e per
gli
accertamenti
diagnostici
ambulatoriali
di
vario
tipo
come
previsto dalle linee guida 1996. In tutte le aree geografiche, i
DEA sono affetti da problemi di natura strutturale; in alcuni di
essi non si dispone di aree per l’osservazione breve
né di letti
di osservazione breve intensiva e nel 24% dei DEA non si seguono
specifiche
linee
guida
per
il
trattamento
delle
patologie
di
maggiore impegno. La mancata disponibilità dei sistemi informativi
esclude ogni possibilità di verifiche comportamentali e gestionali
che rende non realizzabile il processo di standardizzazione e di
unificazione. Il quadro complessivo è quello di un territorio che,
sebbene esprima realtà di eccellenza ed una complessiva crescita
di sensibilità, di competenze gestionali e specialistiche,
muove
in
“disordine
sparso”
rispetto
ai
modelli
si
organizzativi,
alla creazione dei sistemi informativi ed in modo davvero critico
15
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
alla
creazione
di
protocolli
di
comunicazione
fra
le
realtà
coinvolte nel sistema integrato.
4.2 Le criticità operative
A tutt’oggi, nonostante che l’Accordo Stato-Regioni del 22
maggio 2003 (13) si proponesse quale obiettivo di uniformare la
formazione e l’aggiornamento del personale operante nel Sistema di
Emergenza
Urgenza,
l’iter
formativo
di
base
ed
avanzato
del
personale medico nonché il rapporto contrattuale con il SSN rimane
piuttosto disomogeneo. I medici che operano all’interno delle C.O.
e sui mezzi di soccorso territoriali sono medici, convenzionati
con il SSN (o dipendendi dal SSN secondo le modalità stabilite dal
D.P.C.M. 8 marzo 2001),
in possesso dell’Attestato di idoneità
per l’Emergenza Territoriale la cui formazione è consistita nel
superamento un corso della durata di 4 mesi
hanno
appreso
le
principali
tecniche
(o di 300 ore) in cui
dell’urgenza
medica
e
chirurgica secondo quanto stabilito dall’allegato P del D.P.R. 28
luglio 2000 n. 270 (8). I medici che operano all’interno delle
strutture ospedaliere ( Pronto Soccorso e DEA di I° e di II°
livello), sono medici, dipendenti del SSN, in possesso di una
specializzazione
di
area
medica
o
chirurgica
che
è
affine
od
equipollente alla Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza
secondo quanto previsto dalla disciplina concorsuale per l’accesso
ai ruoli dirigenziali del SSN(18,19).
5. Conclusioni
Nonostante la scarsità di dati a disposizione la fotografia
del Sistema di Emergenza-Urgenza che si delinea, a distanza di più
di dieci anni dall’attivazione, evidenzia la presenza di modelli
eterogenei
di
Sistema
di
Emergenza-Urgenza
caratterizzati
da
elevata variabilità intra ed interregionale. Sebbene non esistano
dubbi nella risposta in emergenza sul codice/colore di invio del
16
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
mezzo di soccorso, sul rispetto dei tempi di arrivo sul luogo
dell’evento acuto e sul trasferimento del paziente nell’ospedale
più idoneo alcuni problemi rimangono aperti. Da un punto di vista
organizzativo sarebbe opportuno prevedere un sistema di verifica e
di
controllo
organiche
degli
nella
standard
componente
strutturali
territoriale
e
delle
ed
dotazioni
ospedaliera
del
Sistema. Altro importante aspetto organizzativo è rappresentato
dall’integrazione
dei
nodi
del
Sistema
che,
unitamente
alla
previsione di percorsi diagnostico-terapeutici appropriati per le
principali patologie acute,
potrebbe migliorare l’efficacia della
risposta sanitaria: quest’ultimo approccio è stato realizzato con
successo in alcune Regioni con la creazione dei Trauma Centers per
garantire una risposta all’emergenza traumatologica (20). Da un
punto di vista operativo sono stati fatti, almeno sotto il profilo
normativo,
operante
alle
notevoli
nel
linee
riferimento
progressi.
Sistema
di
di
indirizzo
con
una
La
formazione
Emergenza-Urgenza
fornite
conseguente
dal
è
del
stata
Responsabile
disomogeneità
nel
personale
subordinata
di
C.O.
di
livello
di
qualificazione professionale degli operatori. L’istituzione, nel
maggio
2006,
della
Scuola
di
Specializzazione
in
Medicina
d’Emergenza, prevede un percorso formativo specifico per i medici
che operano nel Sistema di Emergenza-Urgenza
allo scopo di creare
il nuovo professionista dell’emergenza.
Ulteriori
aspetti
possibili
valutazioni
operativi
quando
del
sugli
Sistema
verranno
resi
aspetti
di
noti
organizzativi
Emergenza-Urgenza
dati
del
Progetto
e
sugli
saranno
Mattoni
Pronto Soccorso e Sistema 118.
17
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
6. Bibliografia
1. “Atto di intesa tra Stato e Regioni di approvazione delle
Linee
Guida
sul
sistema
di
emergenza
sanitaria
in
applicazione del DPR 27 marzo 1992” G.U. n. 114 del 17 maggio
1996 Serie Generale Repubblica Italiana;
2. Trunkey
DD.
Trauma,
pathogenesis
and
treatment.
Oxford:
Stephen Westaby 1989;
3. Meislin H, Criss EA, Judkins D, Berger R, Conroy C, Parks B,
et al. Fatal trauma. The modal distribution of time to death
is a function of patient demographics and regional resources.
J Trauma 1997; 43:433-440;
4. DPR 27 marzo 1992. Atto di indirizzo e coordinamento alle
Regioni
per
la
determinazione
dei
livelli
sanitari
di
emergenza. G.U. n. 76 del 31/03/1992 Serie Generale;
5. DM 15 maggio 1992 Criteri e requisiti per la classificazione
degli interventi di emergenza G.U. n.121 del 25/05/1992 Serie
Generale;
6. D.L.ivo 30 dicembre 1992 n. 502 Riordino della disciplina in
materia
sanitaria,
a
norma
dell’articolo
1
della
L.
23
ottobre 1992, n. 421;
7. D. P. R. 1
marzo 1994.
Approvazione del Piano sanitario
nazionale per il triennio 1994-1996 G. U. 23 luglio 1994, n.
171, Serie Generale;
8. Repubblica Italiana. DPR 28 luglio 2000, n. 270
di
esecuzione
dell'accordo
collettivo
Regolamento
nazionale
per
la
disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale.
G.U. n. 230 del 02/10/2000;
9. Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni
e
le
Provincie
ottobre
2001
intraospedaliero
chirurgia
della
Autonome
G.U.
di
n.
Trento
285
(valutazione
mano
e
e
del
gravità
Bolzano
Accordo
7/12/2001
"Triage
all'ingresso)
microchirurgia
nel
25
e
sistema
dell'emergenza -urgen-za sanitaria";
18
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
10. D.P.R. 23 maggio 2003. Piano Sanitario Nazionale 2003-2005.
G.U. del 18 Giugno 2003 n. 139 Serie Generale;
11. Accordo n. 220 del 3 febbraio 2005 della Conferenza StatoRegione.
Linee
Guida
per
l’organizzazione
dei
servizi
di
soccorso sanitario con elicottero;
12. D.P.C.M. 8 marzo 2001 Criteri per la valutazione, ai fini
dell'inquadramento nei ruoli della dirigenza sanitaria, del
servizio prestato dagli specialisti ambulatoriali, medici e
delle
altre
professionalità
sanitarie,
dai
medici
della
guardia medica, dell'emergenza territoriale e della medicina
dei
servizi
in
regime
convenzionale.
G.U.
5
maggio
2001
n.103;
13. Atto
n.
Regioni.
1711
del
Linee
22
maggio
guida
su
2003
della
formazione,
Conferenza
Stato-
aggiornamento
ed
addestramento permanente del personale operante nel sistema
di emergenza-urgenza;
14. D.M.
17
febbraio
2007
Approvazione
della
Scuola
di
specializzazione in Medicina d’Emergenza-Urgenza G.U. del 23
maggio 2006 n. 118;
15. Atto n. 1895 del 10 dicembre 2003 della Conferenza StatoRegioni Progetto Mattoni;
16. Ministero della Salute Relazione sullo stato sanitario del
Paese 2001-2002;
17. Ministero della Salute Relazione sullo stato sanitario del
Paese 2003-2004;
18. D.M 30 Gennaio 1998 Tabelle relative alle discipline affini
previste dalla normativa regolamentare per l’accesso al II
livello dirigenziale per il personale di ruolo del Servizio
Sanitario nazionale;
19. D.M.
31
Gennaio
equipollenti
1998
previste
Tabelle
dalla
relative
normativa
alle
discipline
regolamentare
per
l’accesso al II livello dirigenziale per il personale di
ruolo del Servizio Sanitario nazionale;
19
Il Sistema di Emergenza-Urgenza nel Servizio Sanitario Nazionale:
un’analisi delle criticità.
Domenico Urso
20. Chiara
O.
Sistema
integrato
per
l’assistenza
al
trauma
maggiore e valutazione di un modello organizzativo. Consiglio
Superiore di Sanità. Ministero della Salute. Roma 2004.
20
Fly UP