...

Conviene correre sotto la pioggia?

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Conviene correre sotto la pioggia?
Conviene correre sotto la pioggia?
La redazione de il Quanto
Sommario
Consideriamo il problema di un malcapitato corridore (obbligato) sotto la pioggia: vale davvero la pena di correre per bagnarsi di meno, fissata una distanza
da percorrere? Esiste una velocità ottimale da tenere? Vale la pena di correre a
perdifiato, o un’andatura veloce offre già grandi vantaggi rispetto alla passeggiata?
Tratto da “Is it really worth running in the rain?” di Alessandro De Angelis,
European Journal of Physics.
Studio del fenomeno
Consideriamo uno sperimentatore, rappresentato da un parallelepipedo di superfici
S1 , S2 , S3 , che corre sotto una pioggia verticale (Figura 1). Il suo moto si svolge lungo
l’asse y con velocità v = (0, v, 0).
La pioggia cade verticalmente, e la sua velocità è vp = (0, 0, −vz ). Anzitutto è necessario definire la “densità” della pioggia in aria, ovvero il volume di pioggia in un metro
cubo d’aria. Supponiamo che durante il moto dello sperimentatore le caratteristiche
della precipitazione (intensità, dimensioni delle gocce, direzione di caduta) rimangano
pressoché costanti; le gocce che cadono avranno un volume medio costante, e saranno
pure costanti la distanza media orizzontale e verticale tra due gocce.
Per fissare le idee e semplificare i calcoli, supponiamo che le gocce di pioggia siano
disposte su un ideale reticolo e abbiano distanza orizzontale a e verticale b le une dalle
altre 1 , in modo che una cella elementare del reticolo abbia volume V = a2 b. La densità
numerica delle gocce, ovvero il numero di gocce per metro cubo, sarà uguale al volume
unitario diviso il volume elementare:
n=
1 m3
V
Dopo questi calcoli preliminari, è ora di affrontare il problema, calcolando quante
gocce cadono sullo sperimentatore nell’intervallo di tempo ∆t. Per far ciò è molto utile
pensare di muoversi alla stessa velocità v dello sperimentatore che si muove. In questo
caso, ci sembrerà che lui stia fermo, e che la pioggia cada inclinata andando a battere
sulla sua faccia. In questo sistema di riferimento, che chiameremo O 0 , la pioggia ha
velocità vp0 = (0, −v, −vz ), e formerà con l’asse verticale un angolo θ.
Prima di entrare nel vivo dei calcoli, notiamo che in questa situazione il volume
della cella elementare V 0 sarà relativo a un parallelepipedo con due facce inclinate, ma
con uguale base a2 e altezza b: V 0 = V.
1 In
realtà dare una “forma” alla pioggia cadente, ad esempio pensarla disposta su un reticolo, e del
tutto ininfluente per la trattazione, e come si vedrà più avanti le dimensioni a e b, come il volume della
singola goccia, spariranno.
1
Figura 1: Pioggia cadente nel sistema di riferimento solidale alla pioggia e al corridore
.
Finalmente, il numero di gocce che cadono sullo sperimentatore nell’unità di tempo (Equazione 1) è pari al flusso delle gocce (numero di gocce per unità di tempo e
area) moltiplicato la superficie efficace S, ovvero le superfici S1 e S2 proiettate lungo la
direzione di caduta della pioggia:
S = S2 cos(θ) + S1 sin(θ)
e
Svp
∆N
= Svp n =
,
(1)
∆t
V
p
dove vp è la velocità della pioggia cadente, pari a v2 + v2z . Poiché, come si nota dall’immagine, il coseno dell’angolo θ è pari a vz /vp , si ha vp = vz / cos(θ), che sostituito
in Equazione 1 dà
∆N
S2 cos(θ) + S1 sin(θ) vz
vz
=
= [S2 + S1 tan(θ)] .
∆t
V
cos(θ)
V
(2)
Moltiplicando per il tempo necessario a percorrere una distanza L, pari a ∆T = L/v,
si ottiene il numero di gocce che impattano lungo tutto il percorso:
∆N = [S2 + S1 tan θ]
vz L
,
V v
e notando (sempre da Figura 1) che tan(θ) = v/vz , si ottiene
v vz L
∆N = S2 + S1
vz V v
Lvz S2 S1
=
+
V
v
vz
2
(3)
Una formula generale, che ingloba i risultati ottenuti fin qui, si ottiene permettendo
alla pioggia di cadere obliquamente, nella direzione e verso del movimento dello sperimentatore; in questo caso la velocità della pioggia avrà due componenti, una lungo z
e una lungo y: vp = (0, vy , −vz ) (Figura 2).
Figura 2: Pioggia inclinata.
Anche in questo caso vale l’Eq. 2, con l’accortezza di aggiungere un valore assoluto
alla tangente2 , che questa volta sarà uguale al rapporto tra la somma delle velocità lungo l’asse y (cioè vy − v) e la velocità di caduta della pioggia (vz ). L’equazione, riscritta,
diventa
vz L
∆N = [S2 + S1 |tan β|]
V v
v − vy vz L
= S2 + S1 (4)
vz V v
vy Lvz S2 S1 =
+
1 − V
v
vz
v
dove, nel secondo passaggio, abbiamo invertito vy e v, dato che sono all’interno del
valore assoluto. Notiamo che ponendo vy = 0, otteniamo l’Eq. 3, quindi possiamo
studiare solo questa relazione, da cui si ricava, come caso particolare, la precedente.
Come primo passo è necessario sostituire i parametri non misurabili (come il volume V) con quantità facilmente misurabili. Consideriamo allora l’intensità di precipitazioni I, ovvero la grandezza che misura quanto volume di pioggia cade nell’unità di
tempo all’interno dell’unità di superficie (e si misura in L/(m2 h), o, dopo una semplice
conversione, in mm/h).
L’intensità di precipitazioni corrisponde al numero di gocce che cadono nell’unità
2 Il valore assoluto è necessario poiché è indifferente se la pioggia ci cade sulla schiena o sul petto,
quello che conta è l’angolo assoluto rispetto alla verticale.
3
di tempo e superficie moltiplicato il volume della singola goccia di pioggia (γ):
I=
∆N γ
.
∆t S
Andandoci a riguardare Eq. 1, scopriamo che, portando a sinistra S, si può scrivere
I=
vz
γ.
V
(5)
Il volume Vtot assorbito dallo sperimentatore durante la sua corsa è il prodotto del
numero di gocce per il volume della singola goccia. Il numero di gocce ce lo da l’Eq. 4,
e al posto di V scriviamo quello che si trova invertendo la relazione 5. Il risultato è il
seguente:
vy I
S2 S1 Vtot =∆N γ = γLvz
+
1 − γ vz v
vz
v
(6)
vy S2 S1 =IL
+
1 − v
vz
v
Se si riscrive la funzione togliendo il modulo, ovvero definendola a pezzi nei due
intervalli in cui l’argomento del modulo è positivo o negativo, si nota che per v < vy
ritroviamo un’iperbole con coefficiente positivo (e dunque con concavità verso l’alto)
sommata a un termine costante. Per v > vz il coefficiente dell’iperbole può essere
positivo o negativo, a seconda dei valori assunti da S1 , S2 , vy e vz . In particolare, se
vy
S2
> , il coefficiente del termine iperbolico è positivo, ovvero l’iperbole è crescente:
vz
S1
solo in questo caso si ha un minimo per v = vz .
Per l’adulto medio, il grafico di quanto ci si bagna, nei due casi di pioggia verticale
o inclinata a 30◦ , è riportato in Figura 3.
Il grafico è stato disegnato considerando un’intensità delle precipitazioni di 4 mm/h,
e un’area delle superfici S1 e S2 , da noi misurate, pari rispettivamente a 0.630 m2 e 0.123
m2 .
Riportiamo di seguito l’articolo divulgativo come apparso su il Quanto.
Articolo originale
A tutti è capitato di essere sorpresi da un acquazzone, e di correre velocemente fino al
più vicino riparo, cercando di arrivarci il meno possibile bagnati. Ma vale davvero la
pena di correre sotto la pioggia per bagnarsi di meno? O sarebbe meglio camminare a
velocità moderata? Intuitivamente, il problema può essere visto in questi termini: supponendo una pioggia che cada verticalmente, camminare significa esporre alle gocce la
minima superficie di impatto, cioè spalle e testa; correndo, invece, si ha l’impressione
che la pioggia venga verso di noi, e anche la parte anteriore del corpo contribuisce alla
“superficie efficace” dove batte la pioggia. Dopo queste riflessioni, non è più scontato
pensare che correre alla massima velocità sia davvero una strategia vincente...
Affrontiamo il problema da un punto di vista fisico: rappresentiamo il malcapitato
sperimentatore come un parallelepipedo, alto, largo e spesso tanto quanto lui, che si
muove nella pioggia. Possiamo provare a immaginarci di fermare il tempo e vedere le
gocce d’acqua ferme a mezz’aria; durante il movimento dello sperimentatore la cosiddetta intensità della precipitazione (la grandezza misurata in mm/h, che ci dice quanto
4
Figura 3: Pioggia totale caduta sullo sperimentatore.
è intensa la pioggia) rimane pressoché costante, e si può pensare alle gocce di pioggia
come sfere d’acqua equidistanziate che cadono verso il suolo a velocità costante. Prima
di fare ulteriori considerazioni, analizziamo due condizioni limite, che ci permettono
senza fare conti di capire cosa succede in situazioni particolari. Questo serve per avere
un’idea del risultato che deve essere prodotto dal calcolo, e per fare una prima verifica
della validità del modello presentato.
Se lo sperimentatore si muove a una velocità piccolissima, diciamo nulla, l’unica
superficie interessata alla pioggia sarà quella superiore, che è anche la più piccola tra le
tre del parallelepipedo. La quantità di pioggia che incide nell’unità di tempo, ovvero
quanto ci si bagna in un secondo, avrà il valore minimo che si può ottenere con qualsiasi condizione di moto; il rovescio della medaglia è che camminando piano, ci vuole
tanto tempo per spostarsi: tanto più si va lenti, tanto più ci si bagna. D’altro canto, se lo
sperimentatore corre molto veloce, sarebbe solo la superficie frontale a impattare contro
le gocce di pioggia e a “raccogliere” tutta l’acqua che sta cadendo nel volume spazzato durante il tragitto. Si tratta ora di analizzare la situazione completa e confrontare i
risultati con le condizione limite. Nel sistema di riferimento di un osservatore, la pioggia cade dritta e lo sperimentatore si sposta sotto di essa; se ci si pone nel sistema
di riferimento dello sperimentatore, ovvero se immaginiamo di correre al suo fianco,
alla sua medesima velocità, ci sembrerà che egli sia fermo e che sia la pioggia a cadere
inclinata e battergli contro, non solo sulla testa, ma anche sulla superficie frontale. A
crescenti velocità di corsa, l’unico effetto sarà che la pioggia diventerà sempre più inclinata, e il numero di gocce che impattano sullo sperimentatore per unità di tempo sarà
proporzionale alla quantità di precipitazioni ed alla superficie efficace, cioè la parte
dello sperimentatore esposta alla pioggia. Moltiplicando infine per il tempo che il malcapitato impiegherà per giungere fino al riparo più vicino (distanza diviso velocità) si
5
ottiene il numero di gocce che hanno colpito lo sperimentatore. L’andamento di quanto
ci si bagna in funzione della velocità della corsa è di tipo iperbolico, cioè per velocità
molto piccole, ci bagneremo tantissimo; per velocità crescenti, ci si bagna sempre di
meno, fino a raggiungere il valore minimo ottenuto nella seconda condizione limite.
È curioso notare, infine, che correre a velocità stratosferiche non ci dà grandi vantaggi rispetto a una corsa moderata: per un adulto medio, passare da una corsetta di 10
km/h al record mondiale di 36 km/h comporta una diminuzione del bagnato di solo
20%.
Un risultato più interessante si ottiene invece se si considera una pioggia non verticale, ma leggermente inclinata, il cui verso è uguale a quello del moto dello sperimentatore (per capirci, una pioggia che batte anche sulla schiena, se stiamo fermi). Lo
stesso ragionamento usato con la pioggia dritta porta a un risultato simile al precedente, con un’unica importante differenza: l’esistenza di un valore ottimale di velocità,
che minimizza quanto ci bagniamo. Intuitivamente, se corriamo alla stessa velocità del
vento che muove la pioggia, riusciremo a bagnarci solo sulla superficie superiore, che
è la minore superficie efficace possibile. Questo valore minimo è però possibile solo in
certe condizioni di vento e di corporatura dello sperimentatore.
6
Fly UP