...

Diritto societario, regime fiscale, zone franche, contratto di

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Diritto societario, regime fiscale, zone franche, contratto di
IRAN
COME APPROCCIARE IL MERCATO IRANIANO: SUGGERIMENTI
Il grande interrogativo per le società straniere è come riuscire a trasformare in "business" concreti
le reali opportunità che il mercato iraniano offre. Società estere che già operano nel Paese vi
potranno raccontare una serie di aneddoti in parte spiritosi ed in parte tristi; il denominatore
comune di tutti questi racconti è che quello dell’Iran - sotto molti punti di vista - è differente da tutti
gli altri mercati. Fare affari in Iran è molto difficile, richiede tempo e può essere fonte di notevole
stress.
Il motivo di tutti questi problemi è che troppo spesso le imprese italiane non prestano particolare
attenzione a tutte quelle componenti (legali, commerciali, amministrative ed ambientali) che
dovrebbero essere valutate anticipatamente.
Ogni impresa straniera si trova in una diversa situazione; non esiste alcuna regola universale che
chiarisca come un imprenditore possa iniziare e quindi sviluppare la propria attività - sia essa
commerciale o industriale - nel paese.
Quanto si andrà ad illustrare di seguito vuole essere un suggerimento per le piccole e medie
imprese che intendano accedere con successo e con investimenti limitati ad un mercato difficile
ma dalle enormi potenzialità, quale quello iraniano.
Alcuni suggerimenti:
Mantenere l’investimento iniziale il più basso possibile;
Verificare attentamente il mercato locale;
Non credere a coloro che assicurano si possano ottenere miracoli acquisendo ordini in un “batter
d'occhio”;
Operare "step by step" ;
Evitare il sistema del “mordi e fuggi" .
Il percorso migliore per dimostrare il proprio impegno nel paese è quello di aprire una filiale
commerciale in una delle tre Zone Franche Iraniane.
1 Diritto societario
La normativa commerciale iraniana, approvata nel 1932, si è ispirata prevalentemente al diritto
francese e svizzero. La legge, emendata nel 1969 (The Legal Act For The Amendment Of Part Of
Commercial Code) consiste in 16 capitoli e 600 articoli. Secondo tale legge, la forma giuridica delle
imprese (industriali, agricole, minerarie, commerciali, di servizi, ecc.), può ricondursi a 7 categorie:
- Joint Stock Company
- Limited Liability Company
- Limited Partnership
- Joint Stock Partnership
- General Partnership
- Proportional Liability Partnership
- Cooperative Companies (di produzione e consumo)
Secondo le statistiche il 70% delle ditte registrate in Iran appartengono alle Joint Stock
Companies, ed in prevalenza alla Private Joint Stock Companies, mentre circa il 20% sono “Limited
Liability Companies”.
Diritto Societario (aspetti operativi)
La legge iraniana, ed in particolare il codice di commercio iraniano, prevede l’obbligo di compilare
un verbale d’assemblea a seguito di ogni riunione del Consiglio d’Amministrazione di una società.
Tale verbale deve essere firmato da una maggioranza dei membri del Consiglio presenti
all’assemblea, deve inoltre indicare i nomi di tutti i membri del Consiglio d’Amministrazione
presenti all’assemblea, specificare gli assenti, indicare la data dell’assemblea e includere un breve
riassunto delle azioni discusse e deliberate dal Consiglio d’Amministrazione.
Copie dei verbali di assemblea devono essere conservate in un apposito libro dei verbali presso
l’ufficio principale dell’impresa.
Inoltre, ogniqualvolta il Consiglio di Amministrazione deliberi:
a) l’elezione di direttori o ispettori,
b) l’aumento o la diminuzione del capitale ovvero ogni modifica statutaria,
c) la liquidazione della società, copia dei verbali deve essere resa nota a mezzo di pubblicazione
su un giornale di vasta distribuzione scelto dall’assemblea degli azionisti e sulla Gazzetta Ufficiale.
Copie autentiche, certificate conformi all’originale dei verbali del Consiglio d’Amministrazione
possono essere rilasciate dall’Ufficio Giudiziario. Tali copie, ovvero estratti dal libro dei verbali,
purché certificati conformi all’originale, hanno valore probatorio. In alcuni casi, peraltro, è possibile
che la Corte richieda di visionare l’originale, per esempio per verificare l’autenticità di una firma.
2 Regime fiscale
Le Società e le persone fisiche straniere sono tassabili per le attività svolte in Iran. Le imposte
dirette si pagano anche sulla proprietà immobiliare e sulle successioni. –
L'imposizione del reddito, per le persone fisiche e società (anche straniere, calcolato sulla base di
un reddito presunto, se non diversamente documentato). Per quanto riguarda il metodo di
imposizione delle società, il 10% è prelevato sul fatturato annuo; al resto viene applicata
un’aliquota che varia dal 12% al 54% a seconda degli scaglioni di reddito. (E’ prevista una tassa
del 3% a favore della Municipalità)
Agevolazioni per le imprese –
Oltre alle agevolazioni previste per le Zone Franche e le Zone Economiche Speciali, per gli
investitori stranieri, è prevista un esenzione fiscale fino a 6 anni (se producono in Iran beni
industriali) e fino a 3 anni (se producono beni intermedi). - Il reddito delle Società impegnate nelle
produzione e nelle attività minerarie, in base ad apposita autorizzazione o licenza di sfruttamento
emessa dal Ministero dell'Industria e dal Ministero delle Miniere e Metalli, è esente da imposizione
fiscale per un periodo variabile dai 4 agli 8 anni dalla data di inizio dello sfruttamento.
Zone Franche
L'Iran ha varie Zone Franche:
Nel 1993 il governo Iraniano ha creato delle Free Trade Zones (FTZ) in tre rispettive
aree del paese:
Isola di Kish, nel golfo persico.
Isola di Qeshm, nello stretto di Hormoz.
Chabahar, città portuale al confine con il Pakistan.
Il progetto delle Free Trade Zones (FTZ) è stato ideato dal Governo Iraniano nel 1993 e per
tale motivo sono state identificate tre aree: Chabahar, Kish e Qeshm con lo scopo di:
Attrarre investitori locali e stranieri
Promuovere le esportazioni
Assicurare l’accesso alle tecnologie all’avanguardia
Creare opportunità di lavoro per la manodopera specializzata
Agire come centri per la riesportazione nei paesi dell’Asia Centrale
Le Zone Franche iraniane operano sotto la supervisione dell’High Council of Free Trade &
Industrial Zone, che è presieduto dal Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran e comprendetra gli altri – 11 Ministri ed il Governatore della Banca Centrale.
L’High Council ha reso indipendenti dal Governo le Amministrazioni delle Zone Franche. Le Free
Zone Organizations sono state esentate da molte dalle leggi (fiscali e monetarie) attualmente
vigenti nel Paese ed operano come società indipendenti.
Inizialmente le Zone Franche erano dotate di scarse infrastrutture, il che ha portato – nei primi anni
– ad uno scarso sviluppo.
Attraverso la vendita ed il leasing dei terreni nonché i profitti derivanti
dalle migliaia di visitatori, le Autorità sono riuscite a finanziare importanti progetti finalizzati alla
realizzazione delle necessarie infrastrutture.
Recentemente il Governo Iraniano ha fatto un ulteriore sforzo per attrarre investitori esteri nelle
3 Zone Franche. In questo contesto è stata appositamente realizzata una legge che offre garanzie
governative contro nazionalizzazione ed espropriazione di investimenti stranieri nelle Zone
Franche.
Conseguentemente, banche ed istituzioni finanziarie hanno ottenuto il permesso per
operare nelle Free Trade Zones.
Attualmente le Zone Franche offrono interessanti opportunità per investitori stranieri, con la
certezza di entrare in un mercato dalle enormi potenzialità quale quello iraniano (e non solo).
Le Zone Franche iraniane offrono agli investitori stranieri 15 incentivi che possono essere così
riassunti:
•
Gli investitori stranieri possono possedere fino al 100% delle azioni di una società operante
nella Zona Franca. Le licenze di investimento sono emesse dalle Free Zones Organizations entro
due settimane dalla richiesta (application form);
•
Investimenti stranieri diretti, così come pure investimenti sotto forma di joint ventures, sono
garantiti dalle FTZ Organizations e dal Governo Iraniano. La garanzia include capitale, macchine
ed impianti, materie prime, prodotti e profitti generati dall’investimento in Zona Franca;
•
Capitali e profitti inerenti l’attività possono liberamente entrare ed uscire dalle Zone Franche
•
Esenzione per 15 anni delle tasse sul reddito e sui beni;
•
Macchinari, parti di ricambio e veicoli di trasporto, materie prime e materiali da costruzione
necessari alla realizzazione di attività produttive, commerciali o di servizi, possono essere
liberamente importati;
•
Una certa percentuale di prodotti può essere importata nel Paese dalle Zone Franche
senza alcuna formalità o limitazione.
La percentuale viene calcolata nel seguente modo:
A - B
-------------------- = C
A
A = prezzo CIF del prodotto finale da esportare nel Paese
B = prezzo CIF della materia prima e dei semi-lavorati importati ed utilizzati per la
realizzazione del prodotto
C = percentuale
•
Gli specialisti stranieri possono essere assunti per una quota pari al 10% della forza lavoro
complessiva;
•
La legislazione sull’impiego di forza lavoro è molto flessibile;
•
I prodotti in transito possono essere importati e scaricati senza alcuna formalità;
•
Non è prevista alcuna formalità per il visto d’ingresso valido quindici giorni (con possibilità
di prolungamento a sei mesi), ottenibile una volta arrivati in una delle Zone Franche;
•
I prodotti realizzati nelle Zone Franche possono essere esportati in altre nazioni senza
essere assoggettati alle leggi sull’export vigenti nel paese;
•
In considerazione del fatto che ad entità straniere non è permesso – al momento attuale –
acquistare proprietà immobiliari, il richiedente può siglare un accordo di leasing illimitato con il
diritto di cessione del contratto in qualsiasi momento, ad un prezzo concordato;
•
Le società straniere registrate in Zona Franca possono aprire uffici di rappresentanza nel
paese utilizzando lo stesso nome della società.
Questi uffici possono essere coinvolti nella
promozione delle attività dalla società registrata in Zona Franca e non sono soggetti a tassazione;
•
Le operazioni bancarie e di cambio sono libere;
•
Le banche straniere possono aprire filiali nelle Zone Franche ed offrire qualsiasi tipo di
servizio, incluse Lettere di Credito, Garanzie Bancarie e finanziamenti.
4 CHABAHAR FREE TRADE ZONE
La Zona Franca di Chabahar (14,500 Ha circa di superficie), è situata all’estremità Sud-Est
dell’Iran nella provincia del Sistan e Baluchestan, adiacente alla città di Chabahar che conta una
popolazione di 50,000 abitanti.
La Zona Franca di Chabahar, bagnata dal mare di Oman, è
situata a 1,450 Km da Tehran, 705 Km da Dubai (UAE) e 660 Km da Karachi (Pakistan).
Il clima è mite in inverno (18°C) e caldo in estate (36°C), con una piovosità media di 100 mm/anno.
La Zona Franca è governata da Chabahar Free Zone Organization (CFZO) il cui Consiglio di
Amministrazione è composto da tre membri.
Tra le principali infrastrutture possiamo annoverare: un aeroporto per voli nazionali, due porti
(Shahid Beheshti da 25,000 MT e Shahid Kalantari da 15,000 MT), magazzini refrigerati con
capacità di stoccaggio superiore a 7,000 mc, attrezzature di carico e scarico merci che consentono
un traffico merci superiore a 2 milioni di ton/anno (nel solo porto di Shahid Beheshti, il traffico
merci è superiore ai 300 milioni di US$/anno).
Le Autorità della Zona Franca di Chabahar, al fine di attrarre investitori stranieri nel settore del
turismo e dell’industria, hanno studiato ulteriori incentivi quali:
Leasing gratuito del terreno;
Diminuzione delle tasse di occupazione del suolo;
Campagne promozionali nazionali ed internazionali;
Aumento dei voli da e per Chabahar.
KISH FREE TRADE ZONE
L’isola di Kish, 90 Kmq di superficie, , è situata a 18 Km a Sud della costa meridionale dell’Iran; è
di forma ellittica, con un estensione da Est ad Ovest di 15 Km e da Nord a sud di 7 Km.
L’isola
di Kish si trova a 1,050 Km da Tehran, 300 Km da Bandar Abbas (maggior porto iraniano) e 200
Km da Dubai (UAE).
Il clima è caldo ed umido. La media stagionale si colloca attorno ai 27°C, con un minimo di 15°C
(Gennaio) ed un massimo di 32°C (Luglio). La stagione piovosa in Kish è compresa tra i mesi di
Ottobre ed Aprile, con una media di precipitazioni quantificabile in 150 mm/anno.
La Zona Franca è governata da Kish Free Zone Organization (KFZO), il cui Consiglio di
Amministrazione è composto da tre membri.
Tra le infrastrutture presenti possiamo annoverare:
•
Due impianti per la produzione di energia (89 MW complessivi)
•
Un esteso network TLC, dotato di centrale digitale che attualmente supporta circa 10,000
apparecchi cellulari
•
Un importante aereoporto internazionale, secondo soltanto all’aeroporto Mehrabad di
Tehran in termini di traffico.
L’aeroporto di Kish offre voli per Dubai e per moltre alte
destinazioni sia nazionali che internazionali.
La Zona Franca di Kish è la più attiva soprattutto in termini di commercio e turismo.
Oltre
2,000,000 di iraniani ogni anno si recano a Kish per turismo e per commercio; la ricettività
alberghiera verrà portata ad 80,000 posti letto entro il 2005.
L’attività industriale è riservata ad imprese che garantiscono un bassissimo impatto ambientale,
5 con particolare attenzione all’inquinamento atmosferico.
Attualmente Kish è un importante
centro per operatori impegnati nel commercio locale ed internazionale.
Ci sono più di 10
shopping center operanti e molti altri sono in fase di realizzazione.
I centri commerciali esistenti ospitano oltre 1,500 negozi con una vasta gamma di prodotti offerti (in
termini di prezzo e qualità).
QESHM FREE TRADE ZONE
E’ un’isola, di circa 1,500 Kmq, situata nel Golfo Persico e più precisamente nella parte superiore
dello stretto di Hormoz lungo la costa meridionale dell’Iran.
L’isola di Qeshm ha un clima caldo ed umido. La media stagionale si colloca attorno ai 26°C, con
un minimo di 16°C (Gennaio) ed un massimo di 33°C (Luglio). La stagione piovosa in Kish è
compresa tra i mesi di Ottobre ed Aprile, con una media di precipitazioni quantificabile in 120
mm/anno.
La Zona Franca è governata da Qeshm Free Zone Organization (QFZO), il cui Consiglio di
Amministrazione è composto da tre membri.
Le principali infrastrutture:
•
Un aeroporto internazionale
•
Disponibilità di energia elettrica proveniente dalla terraferma, attraverso un elettrodotto
da 230 Kw
•
Disponibilità di acqua potabile ed industriale
•
Il porto offre un servizio di traghetto da e per Bandar Abbas
A differenza di Kish, Qeshm è principalmente un’area a vocazione industriale.
Con lo scopo di attrarre investimenti sia locali sia stranieri, promuovere le esportazioni,
assicurare l'accesso alle tecnologie all'avanguardia, creare l'opportunità di lavoro per
la manodopera specializzata, agire come centri per la riesportazione nei paesi
dell'Asia Centrale.
Registrare una propria filiale in Iran è la dimostrazione - per l'interlocutore locale - della serietà con
cui impresa straniera vuole aggredire il mercato.
Registrare una società in Zona Franca presenta alcuni vantaggi, se comparata ad una normale
società iraniana:



Facile e veloce registrazione: La registrazione di una società iraniana richiede 6 - 12 mesi di
tempo mentre la registrazione in Zona Franca richiede non più di 3 settimane.
Bassi costi di registrazione: Registrare una società in Tehran costa dai 10.000 US$ in su,
una registrazione "chiavi in mano" in una delle tre Zone franche costa 3.900 US$ ed il capitale
minimo richiesto è di 120 US$ (anche se si consiglia un capitale minimo di 1.000 US$)
Bassi costi operativi: E' possibile ottenere una domiciliazione per circa 200 US$/mese
(Chabahar e Qeshm) o 400 US$/mese (Kish), con ulteriori 300 US$/mese si può avere un
servizio di segreteria personalizzato con servizio telefonico, fax e telematico.
6 
Nessuna tassazione: appena viene aperto un ufficio a Tehran si ha subito la visita di un
incaricato dell'ufficio delle imposte.
Il sistema di tassazione iraniano è molto arbitrario ed il
fatto di non aver ancora firmato alcun contratto non mette al riparo da pesanti imposte. Le
Zone Franche offrono 15 anni di esenzione dalle tasse e la sicurezza che nessuno verrà a
chiedervi alcunchè in termini di imposte, sia sul reddito che sulle proprietà.
disponendo di una filiale in Zona Franca avrete due vantaggi sostanziali rispetto ai vostri
competitor stranieri:
Altre zone Franche
Nel 2002, il numero di zone franche è aumentato con la creazione di altre tre zone:
-
Aras
-
Anzali barbor
-
Arvand
Tutte queste zone operano sotto la supervisione dell'High Council of Free Trade & Industrial Zone
che presieduto dal presidente della repubblica islamica dell'Iran.
Le Free Zone Organizations sono state esentate da molto dalle leggi ( fiscali e monetari) corrente
nel paese ed operano come società indipendenti.
Nelle zone franche gli investitori stranieri possono possedere fino all'100% delle azioni di una
società operante sul territorio inoltre i capitali e profitti inerenti attività possono entrare e uscire
liberalmente dalle zone franche .
Le legislazione sull'impiego di forza di lavoro è molto flessibile e gli specialisti stranieri possono
essere assunti per una quota pari al 10% della forza lavoro complessa.
Nella zona franca le operazioni bancarie sono libere questo significa che le banche straniere
possono aprire filiali ed offrire qualsiasi tipo di servizio , incluse lettere di credito, garanzie bancarie
e finanziamenti,
Le zone franche iraniane offrono agli investitori stranieri tanti incentivi tra cui:
Esenzione per 15 anni delle tasse sul reddito e sui beni
Basso costo della manodopera ed orari di lavoro flessibili
Bassi costi energetici
Incentivi fiscali
Una certa percentuale di prodotti può essere importata nel paese dalle zone franche senza alcuna
formalità o limitazione.
Fatturazione: La maggior parte delle imprese iraniane ha grandi disponibilità in Rial, ma poche o
nulle in valuta estera.
Da una parte il Governo da alle società iraniane maggiore libertà nello sviluppo di contatti con
società estere, mentre dall'altra le imprese devono essere in grado di approvvigionarsi di valuta
estera per conto proprio. In pratica questo significa che solo società iraniane che esportano hanno
possibilità di importare pagando in US$.
Una società registrata in Zona Franca può fatturare a società iraniane in Rials. I Rials possono
essere simultaneamente cambiati in valuta estera sul mercato libero -attraverso gli uffici di cambio
7 localizzati nelle Zone Franche - e trasferiti in qualsiasi acconto estero.
Questa procedura è al 100% legale e permette al vostro cliente di pagarvi (anticipatamente) in
Rials, dandovi un grande vantaggio nei confronti dei vostri concorrenti.
Lettera di Credito: le società iraniane possono importare merci soltanto attraverso pagamenti con
Lettera di Credito. Le banche iraniane sono molto rigide nell'apertura delle l/c e richiedono molte
garanzie al proprio cliente.
Ciò non è applicabile alle Zone Franche. Quando il vostro cliente
acquista beni o servizi dalla vostra società in Zona Franca, non sarà richiesta alcuna l/c ma potrete
concordare altre forme di pagamento, incluso il pagamento anticipato. Sarà un grande incentivo
per il vostro cliente acquistare da voi e l'intera transazione si potrà accorcerà di alcuni mesi.
Ufficio di Rappresentanza a Tehran: un ufficio di rappresentanza in Tehran vi permetterà di dare
ai vostri clienti un migliore servizio ed una penetrazione sistematica nel mercato. La legge che
regolamenta l'attività nelle Zone Franche, permette ad ogni impresa registrata di aprire uffici di
rappresentanza nel Paese.
Finché questi uffici saranno preposti ad attività di marketing, non
saranno assoggettabili ad alcuna forma di tassazione.
Magazzino: una volta creata una buona e stabile domanda per i vostri prodotti, potrebbe avere
giustificazione la realizzazione di un magazzino in Zona Franca. Il vantaggio di questa scelta è
quello di avere disponibilità immediata della merce per la quale avete preventivamente valutato la
richiesta del mercato. La disponibilità immediata di merce vi darà un grosso vantaggio rispetto ai
vostri concorrenti che impiegheranno dai 30 ai 60 giorni per recapitare la merce ordinata. Ciò è
molto vantaggioso in considerazione del fatto che le imprese iraniane tendono sempre a
confermare l'ordine all'ultimo minuto chiedendo “oggi” ciò che dovrebbero ricevere “domani”.
Attualmente nelle Zone Franche esistono diversi magazzini, e strutture idonee a questo scopo;
affittare un magazzino non comporta onerosi investimenti da parte dell'imprenditore.
Alcuni dei vantaggi sopra elencati sono altresì disponibili se la vostra impresa sceglie di lavorare in
Iran tramite un agente.
Di solito gli agenti hanno il loro ufficio in Tehran e vendono i prodotti
delle imprese rappresentate sulla base di una commissione sul venduto.
Se la Vostra impresa ha registrato una filiale, una volta nominato un agente, otterrà i seguenti
vantaggi:
Minor dipendenza dall'agente, con la possibilità di sviluppare direttamente il vostro business;
Poter ricevere direttamente dai clienti i pagamenti e quindi pagare il vostro agente; ciò è molto
importante perchè è abitudine che l’agente vi proponga di pagarvi la merce dopo che a sua volta
ha ricevuti i soldi dal cliente (procedura inaccettabile quanto rischiosa per l’impresa).
Contratto di Agenzia
1.
Principi
Il diritto di agenzia in Iran non è regolato da leggi speciali. Norme generali sul mediatore, l’agente e
figure simili all’agente si trovano in parte nella Legge commerciale iraniana (di seguito l.comm.),
artt. 1-5, 6, 7, e 9 e artt. 395-401. In via sussidiaria, gli artt. 335, 358 e 401 rinviano alle norme
generali sulla rappresentanza, regolate agli artt. 656 e ss. del codice civile iraniano (di seguito
c.c.).
Il rapporto di agenzia è definito in via generale dal codice civile come un contratto con il quale un
contraente incarica l’altro contraente di tenere determinati comportamenti in qualità di suo
rappresentante ( art. 686 c.c.).
2.
requisiti
8 Il diritto iraniano non prescrive specifici requisiti per l’agente. Il rapporto giuridico generalmente
indicato come rappresentanza può configurarsi secondo svariate forme descritte dalla legge:
–
rappresentanza speciale: il rappresentante viene incaricato solo in determinate occasioni o
per uno scopo speciale e predeterminato;
–
rappresentanza generica: Il rappresentante agisce con portata generale all’interno dei
confini stabiliti da una procura o da un contratto;
–
rappresentanza generale: il rappresentante generale ha poteri illimitati nel rappresentare il
preponente;
–
rappresentanza con clausola dello “star del credere”: l’agente garantisce al proprio
preponente anche il regolare adempimento da parte dei terzi.
Non è obbligatoria l’esclusiva a favore dell’agente. Le imprese straniere non sono nemmeno tenute
a servirsi di un agente o di altro intermediario iraniano per l’introduzione di merci o prestazioni di
servizi. Se le imprese straniere vogliono consegnare delle merci direttamente a clienti finali in Iran,
in assenza quindi dell’intervento degli intermediari, esse sono obbligate possedere in Iran un
proprio ramo d’impresa.
3.
tipologie contrattuali simili
Il rappresentante che, ai sensi dell’art. 395 l. comm., viene dichiarato ufficialmente dall’agente
come proprio rappresentante per i rapporti negoziali e la cui firma è essenzialmente vincolante per
il preponente costituisce un vero e proprio rappresentante indiretto.
L’art. 335 della legge societaria iraniana indica come mediatore una persona che dietro compenso
si adopera al fine di intermediare per una terza persona la conclusioni di negozi o il reperimento di
un adeguato partner negoziale. Il mediatore, ai sensi dell’art. 337 l. comm., deve informare
entrambi i contraenti sui negozi che vuole intraprendere e sui dettagli rilevanti per l’accordo in
maniera completa e coscienziosa, anche se egli era stato incaricato solo da uno dei contraenti.
4.
requisiti di forma
La conclusione del contratto di agenzia è a forma libera ed essenzialmente possibile anche tramite
atti concludenti. In Iran non vi è essenzialmente né un obbligo generale di registrazione, né un
registro centrale degli agenti. Tuttavia è consigliabile segnalare alle autorità la nomina di un
agente, nel caso sia disponibile un istituto per la registrazione. In caso di registrazione il contratto
va depositato in traduzione
persiana che va redatta dai traduttori riconosciuti dal Ministero della Giustizia. Diversi Ministeri
pretendono un agente registrato dalle imprese straniere che abbiano l’autorizzazione ministeriale
per l’importazione dei propri beni in Iran. Poiché non vi è un registro centrale dei rappresentanti, si
può prendere in considerazione soltanto una registrazione diretta presso il ministero che la
richiede. Se l’agente procaccia un contratto con un ente pubblico iraniano potrebbe anche essere
richiesto che il preponente presenti una dichiarazione giurata. Tale dichiarazione deve, fra l’altro,
contenere le indicazioni relative ai pagamenti complessivamente effettuati all’agente. La mancanza
di tale dichiarazione potrebbe essere interpretato come una violazione colposa del contratto da
parte del rappresentante.
5.
doveri dell’agente
I doveri dell’agente, in considerazione della generale libertà contrattuale, derivano principalmente
da precisi accordi dei contraenti. Secondo il dettato della legge il rappresentante deve
essenzialmente adempiere correttamente al proprio obbligo di informazione. Contrariamente al
mediatore, il rappresentante è sottoposto esclusivamente agli interessi del proprio preponente, ciò
ai sensi degli artt. 667 e ss. c.c. In caso di comportamenti contrastanti l’agente potrebbe, fra l’altro
9 e ai sensi degli artt. 366 e 370 l. comm., perdere il proprio diritto alla remunerazione o trovarsi
obbligato al risarcimento dei danni ai sensi dell’art. 364 l. comm. Peraltro, l’agente, ai sensi dell’art.
367 l. comm., non può essere considerato responsabile per la solvibilità dei contraenti, a meno che
egli non assicuri espressamente tale solvibilità economica e finanziaria.
Inoltre si deve osservare che l’agente, ai sensi dell’art. 667 c.c., è soggetto ad obblighi di
riservatezza e di lealtà. Una lesione del rapporto di fiducia può essere considerata violazione
contrattuale e in determinati casi addirittura comportamento illecito.
Sebbene in Iran prevalga la libertà contrattuale, ogni contratto dovrebbe rispettare i principi
giuridici iraniani. In particolare bisogna prestare attenzione al fatto che i contratti di commissione in
ambito governativo non sono ammessi e ciò al fine di evitare eventuali tangenti nel settore
pubblico.
I seguenti punti dovrebbero essere regolati nel contratto:
–
provvigione;
–
obbligo dell’agente di concludere un’assicurazione, poiché egli in qualità di agente non è
obbligato a prestare garanzia per i beni che commercia;
–
esclusiva di entrambi i contraenti.
6.
doveri del preponente
I doveri del preponente vengono liberamente determinati dalle parti sulla base della generica
libertà contrattuale accordata ad esse dalla legge. Ai sensi dell’art. 674 c.c. vi è un obbligo
generale del preponente ad adempiere regolarmente tutti i negozi giuridici conclusi dall’agente
nell’ambito della propria attività di rappresentanza.
Inoltre, il preponente deve rimborsare all’agente, ai sensi dell’art. 675 c.c., tutte le spese e le
perdite nelle quali l’agente è incorso senza colpa, sempre che l’agente abbia agito nell’ambito dei
propri poteri. Inoltre il preponente è obbligato anche quando il negozio procuratogli non è venuto
ad esistenza o nel caso in cui il contratto è stato risolto consensualmente. Solo quando lo
scioglimento del contratto è ascrivibile all’agente la provvigione non è dovuta.
7.
Provvigione
La remunerazione può essere concordata liberamente fra le parti. In assenza di accordo
contrattuale
espresso si dovrà considerare il fatto che l’agente è tenuto a provare l’apporto causale della
propria attività in relazione alla conclusione del negozio. Se il negozio è sospensivamente
condizionato, la provvigione sarà dovuta soltanto dopo il verificarsi della condizione sospensiva.
Se il contratto procurato o concluso dall’agente non viene adempiuto per cause non imputabili
all’agente egli conserva il diritto alla remunerazione, salvo accordo contrario.
8.
Scioglimento del contratto
Il principio della libertà contrattuale domina anche la regolamentazione della durata e dello
scioglimento del contratto. È consigliabile regolare esattamente i tempi di durata del contratto
prestando attenzione alla differenza fra il calendario occidentale e quello persiano.
Secondo il diritto iraniano il recesso è ammesso in ogni momento. Vi sono le seguenti possibilità di
recesso:
–
secondo le condizioni pattuite, unilateralmente o su accordo delle parti. In assenza di una
regolamentazione contraria nel contratto il preponente può recedere in ogni momento e senza
10 addurre motivi (art. 678(1), 679 c.c.);
–
risoluzione del contratto per morte o incapacità di agire di uno dei contraenti, art. 678 (3)
c.c.;
–
la causa di motivi indicati dalla legge, in particolare insolvenza del preponente, grave
violazione degli obblighi di diligenza o impossibilità dell’adempimento contrattuale.
Per evitare la responsabilità il preponente dovrebbe in ogni caso comunicare pubblicamente la
disdetta ai sensi dell’art. 389 c.c., se ciò appare richiesto dalle circostanze.
9.
Conseguenze dello scioglimento del contratto
Anche secondo il diritto iraniano il pagamento di indennizzi è usuale in caso di scioglimento
anticipato del contratto. L’esatta configurazione deve essere oggetto dell’accordo contrattuale tra
le parti.
10.
impiego di ausiliari
Ai sensi dell’art. 672 c.c. è vietato all’agente nominare ulteriori rappresentanti senza l’espresso
consenso del preponente, che può essere desunto anche da comportamenti concludenti di
quest’ultimo. Se l’agente viola tale divieto risponderà solidalmente con l’ausiliario di tutti i danni da
ciò derivanti.
11.
Competenza e diritto applicabile
Nel 1997 in Iran è stato introdotto un nuovo diritto dell’arbitrato che ha allargato l’effettivo campo di
applicazione nelle controversie internazionali. Fino alla data della sua entrata in vigore era
consentito ai contraenti, ad esempio, stabilire l’applicazione del diritto straniero soltanto quando
almeno una delle parti era straniera e il contratto era stato concluso all’estero. Ora le parti
potrebbero incorporare le norme di diritto straniero anche quando il contratto è concluso in Iran.
Vale la pena, però, osservare che l’esecuzione di titoli stranieri in Iran è quasi impossibile. In caso
di clausola sulla competenza, pertanto, le possibilità di esecuzione vanno verificate attentamente.
12.
Norme imperative del diritto iraniano
Le prescrizioni formali sull’agente iraniano hanno natura cogente. Tutte le altre statuizioni sui
rispettivi diritti e doveri delle parti, compreso il diritto applicabile, sono invece liberamente
concordabili.
La legge per la promozione degli investimenti stranieri (in sintesi)
La legge per la promozione e la protezione degli investimenti esteri rappresenta sicuramente una
delle riforme più rilevanti attuate nell’ambito del III° Piano di Sviluppo Quinquennale.
La legge è stata approvata , in data 25 Maggio 2002, dall’Expediency Council. Pur opponendo
taluni limiti agli investitori esteri, tale legge rappresenta un’importante opportunità per lo sviluppo
economico e sociale dell’Iran. Con questo atto si da una definizione più ampia di capitale estero,
che comprende: fondi liquidi, macchinari, attrezzi e ricambi, diritti di brevetto, know how, servizi
specializzati e dividendi trasferibili.
Sono inoltre ammissibili gli investimenti esteri che rispondano ai seguenti criteri:
 Favorire la crescita economica, tecnologica e qualitativa della produzione iraniana nonché
incrementare le esportazioni e l’occupazione.
 Non danneggiare l’economia e l’ambiente nonché la sicurezza e gli investimenti nazionali
 Non comportare concessioni di monopolio od altre concessioni speciali
11 Il vecchio impianto normativo, del 1955 (con una modifica apportata ai regolamenti esecutivi del
1956, nel 1999), prevedeva specifiche garanzie nei casi di esproprio e nazionalizzazione, sebbene
fossero nei fatti limitate dalla presenza di alcuni articoli della Costituzione elaborata dopo la
Rivoluzione, che vietano la presenza di imprese straniere nei settori del commercio, industria,
agricoltura, minerario e dei servizi e che sottopongono il ricorso all’arbitrato internazionale
all’approvazione del Governo e del Parlamento.
Partendo quindi da tali limitanti presupposti, la nuova legge (FIPPA) contiene comunque alcuni
positivi elementi che meritano di essere evidenziati:








Gli iraniani residenti all’estero sono inclusi nella definizione di investitori stranieri
Gli investimenti di imprese straniere con partecipazione governativa sono autorizzati previa
autorizzazione del Parlamento e sono considerate a tutti gli effetti come investitori privati
Le richieste di approvazione delle licenze per gli investimenti dovranno essere emesse o
rigettate entro il termine ultimo di 45 giorni dalla loro presentazione; gli investitori stranieri
sono equiparati nei diritti, protezione e servizi disponibili, a quelli nazionali
La nazionalizzazione dell’investimento straniero è contemplata solo nel caso di pubblica
utilità, dietro pagamento di un’appropriata compensazione. Le dispute saranno sottoposte
al giudice nazionale, a meno che non sia stato ratificato un accordo bilaterale sulla
promozione e protezione degli investimenti che preveda il ricorso ad un giudice
internazionale
Gli investimenti stranieri autorizzati e tutelati secondo le disposizioni normative possono
essere ammessi o nella forma dell’investimento diretto straniero o se inseriti negli schemi di
“civil partnership” , “buy-back, “B.O.T.” e se il capitale ed i profitti che si riferiscono al
medesimo progetto non sono supportati da una garanzia del Governo, di società di Stato,
ovvero di banche. In questi casi, se a seguito di un provvedimento si decida di proibire o
di non dare seguito ad accordi finanziari già approvati, il Governo iraniano dovrà
compensare i danni risultanti entro il limite del valore di quanto già impiantato, ovvero delle
quote sino ad allora pagate dall’investitore per realizzare il progetto.
Viene prevista la possibilità di ricorrere all’arbitrato internazionale, ma solo nel caso in cui vi
sia uno specifico accordo bilaterale con il Governo di appartenenza dell’investitore.
La legge prevede che le istituzioni che saranno chiamate ad emettere i visti, i permessi di
residenza e di lavoro a favore degli investitori stranieri dovranno attenersi alle indicazioni
che provvederanno all’Organizzazione deputata (Foreign Investment Board – FIO), e che
le eventuali divergenze saranno risolte dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Il F.I.O. dovrà assicurare le informazioni sulle opportunità di investimento, sui partners
iraniani, sui campi di attività ed ogni altra informazione disponibile.
Continuano tuttavia a persistere aspetti problematici che possono essere così riassunti:



Innanzitutto l’introduzione di limiti per l’investimento, che non deve eccedere il 25% di
ciascun settore economico ed il 35% di ciascun sub-settore, in termine di valore di beni e
servizi prodotti dagli stranieri, raffrontati al valore dei beni e servizi offerti nel mercato
domestico al momento del rilascio della licenza di investimento.
La determinazione
dei sub-settori e dei tetti per l’investimento straniero in ogni sub-settore viene demandata ai
regolamenti esecutivi della legge, che devono essere emanati dal Consiglio dei Ministri.
Va comunque osservato che i predetti limiti vengono a decadere se l’investimento estero
produce beni e servizi destinati all’esportazione, eccetto per il caso del petrolio grezzo.
La proprietà immobiliare di ogni tipo e ammontare continua ad essere vietata per
l’investitore straniero.
L’investimento in attività produttive e di costruzione nel campo industriale, minerario,
agricolo e dei servizi è comunque sottoposto ad alcuni insidiosi “criteri di ammissione”,
12 



come l’assunto che esso debba generare crescita economica, promuovere la tecnologia e
la qualità dei prodotti, incrementare l’occupazione, l’esportazione, non costituisca una
minaccia alla sicurezza nazionale e l’equilibrio ambientale, non preveda il rilascio di
concessioni del Governo.
Il peso della burocrazia sembra ancora eccessivo in svariati punti della legge, come nel
caso dei capitali ed i profitti che possono essere trasferiti all’estero, sebbene previa notifica
preventiva (tre mesi) al Consiglio per gli Investimenti, dietro accertamento dell’attuazione
degli obblighi finanziari e fiscali, che approverà l’istanza e la sottoporrà alla “conferma” del
Ministro dell’Economia e delle Finanze.
La fissazione di criteri manifesti ed oggettivi per i rimborsi (sottoposti all’approvazione del
Consiglio dei Ministri) previsti dalla legge, nei casi di dimissione, viene demandata
integralmente ai regolamenti esecutivi.
Grande attenzione andrà prestata ai criteri che, stabilendo se un determinato investimento
è fatto (o meno) da un’impresa con partecipazione governativa, comporteranno
l’approvazione preventiva da parte del Majles (Parlamento).
Sempre al riguardo,
occorrerà verificare se i regolamenti esecutivi contemplino un’apposita previsione per i casi
in cui il Governo straniero partecipi in un’impresa che, a sua volta, controlla “a cascata”
altre società, nelle quali tuttavia la presenza dello Stato non può essere facilmente
riscontrata.
Sempre nei regolamenti attuativi, sarà opportuno verificare su quali documenti il giudice
nazionale assumerà le proprie decisioni in merito alla determinazione del reale valore
dell’investimento nazionalizzato.
Tupponi, De Marinis, Russo & Partners
International Business Law Firm
Via Maceri, 25 - 47100 Forlì (FC)
Tel. + 39 0543 33006
Fax. + 39 0543 21999
E-mail: [email protected]
Web site: www.tupponi-demarinis.it
www.commercioestero.net
13 
Fly UP