...

Centro Diurno Disabili Amica Luna

by user

on
Category: Documents
63

views

Report

Comments

Transcript

Centro Diurno Disabili Amica Luna
Distretto Socio Sanitario n. 2
Centro Diurno Disabili
Amica Luna
Carta dei Servizi
CENNI STORICI
Il Centro Diurno Disabili “Amica Luna” inaugura la sua attività il 9 maggio 2005
a Castagnole di Paese in una sede di recente costruzione, situata in zona centrale.
I locali sono stati adeguatamente strutturati e l’arredamento accuratamente scelto al fine di accogliere persone portatrici di media e grave disabilità.
Il servizio è stato fortemente voluto dall’Associazione di familiari e volontari
“Non Voglio la Luna” sorta a Paese nel 1995 e la sua realizzazione ha visto la
compartecipazione dall’Amministrazione Comunale di Paese e dell’A.T.E.R.
Il servizio è gestito dall’Azienda ULSS 9. Nel 2012 ha ottenuto l’Accreditamento Istituzionale Regionale (Art. 16 L.R. 22/2002).
MISSION
Il Centro Diurno è un servizio territoriale a carattere diurno rivolto a persone
con disabilità non autosufficienti, che fornisce un insieme articolato di attività
educative, di mantenimento di abilità, di cura e di assistenza al fine di favorire
una adeguata vita di relazione e di benessere soggettivo.
UBICAZIONE
La struttura è ubicata nel centro di Castagnole, in via Pio X n. 14/b, in prossimità del parco pubblico. È confinante, da un lato, con la sede dell’Associazione
Alpini e dall’altro con il Circolo Ricreativo per gli Anziani del Comune.
Il Centro Diurno è situato in una zona facilmente raggiungibile dai mezzi pubblici, in particolare da: Corriera “La Marca”, linea Treviso-Montebelluna; Autobus di linea ACTT n. 2.
CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA
L’edificio è distribuito su due piani: un piano terra ed un piano interrato.
Il piano terra è costituito da un ingresso principale e un’ampia sala adibita a
soggiorno, fornito di divani, televisione e stereo.
Considerate le dimensioni del locale è stato possibile individuare e circoscrivere, con una adeguata disposizione degli arredi, un’area per l’accoglienza,
le attività comunitarie ed un ambito in cui svolgere le riunioni di équipe degli
operatori, nonché un piccolo spazio predisposto per attività individuali di tipo
ricreativo.
2 | www.ulss.tv.it
Il piano terra comprende inoltre i seguenti locali:
- un ufficio per il coordinatore;
- un ufficio per gli operatori con annesso servizio igienico;
- tre locali adibiti a laboratorio per le attività assistenziali ed educative;
- una palestra di medie dimensioni;
- una stanza fornita di letti e di armadietti personali per gli ospiti;
- quattro servizi igienici attrezzati per gli ospiti;
- un servizio igienico per il personale;
- una sala mensa e una cucina.
Tutti i locali sono climatizzati. Al piano terra è presente un ascensore che permette di accedere direttamente al piano interrato.
Il piano interrato è costituito da una stanza di stimolazione sensoriale e altri
locali adibiti a spogliatoio e ripostiglio.
All’esterno, nell’area antistante l’ingresso, sono presenti un parcheggio riservato, in orario di servizio, al personale ed agli ospiti del Centro Diurno ed una
pista ciclopedonale.
Sul retro dell’edificio sono presenti uno spazio verde e un porticato che rende
possibile restare all’aperto, durante i mesi caldi, per svolgere alcune attività di
tipo ludico-ricreative.
Dalla parte posteriore dell’edificio è possibile accedere direttamente al parco
pubblico di Castagnole.
www.ulss.tv.it | 3
UTENZA
Persone con disabilità intellettiva o pluridisabilità, non autosufficienti, che
abbiano compiuto i 16 anni.
MODALITÀ DI ACCESSO
Le persone con disabilità che intendano presentare domanda di accesso al
Centro Diurno, devono rivolgersi al Servizio Distrettuale Età Adulta (SDEA) del
Distretto Socio Sanitario di residenza.
L’inserimento degli utenti nel Centro Diurno avviene sulla base della lista d’attesa, predisposta dall’U.O. Politiche sociali del disabile e della residenzialità,
in base agli esiti delle Unità Valutative Multidimensionali Distrettuali Disabili,
tenuto conto delle disponibilità di posti.
MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO
Orario del servizio e chiusure annuali
L’orario di funzionamento del servizio è il seguente: dal LUN al VEN dalle 8.18
alle 15.30. L’accoglienza degli ospiti è prevista dalle 9.00 alle 15.30.
I familiari e gli operatori delle comunità alloggio che ospitano gli utenti frequentanti il Centro Diurno “Amica Luna” sono invitati a segnalare l’assenza
o eventuali ritardi entro le ore 9.00, al fine di consentire la prenotazione dei
pasti in tempo utile ed eventualmente di apporre alcune modifiche alla programmazione giornaliera.
Il calendario delle chiusure annuali viene comunicato ai familiari ed agli operatori delle comunità alloggio entro i primi mesi dell’anno ed in caso di rettifica dello stesso ne viene inviata comunicazione scritta, almeno cinque giorni
prima.
Le giornate di chiusura sono finalizzate all’aggiornamento obbligatorio degli
operatori, alla pianificazione e programmazione delle attività del Centro ed
alla stesura dei progetti personalizzati.
Giornata tipo
ore 8.18-9.00
4 | www.ulss.tv.it
Riunioni d’équipe inerenti varie tematiche:
- organizzazione delle attività,
- discussione dei casi,
- problemi emergenti,
- rapporti con le famiglie,
- confronto e/o consulenza con figure professionali esterne.
ore 9.00-9.30
Accoglienza degli ospiti con eventuale risposta ai bisogni di
igiene personale o posturale.
ore 9.30-10.00 Attività di animazione finalizzata all’accoglienza e alla socializzazione.
ore 10.00-10.30 Merenda.
ore 10.30-11.45 Attività interne o esterne previste nel Progetto di Centro e
svolte in base al calendario settimanale.
ore 11.45-12.15 Cura e igiene personale.
ore 12.15-13.00 Pranzo assistito.
ore 13.00-13.45 Cura e igiene personale.
ore 13.45-15.00 Riposo vigilato.
Attività interne o esterne previste nel Progetto di Centro e
svolte in base al calendario settimanale.
Registrazione delle attività svolte nei diari degli ospiti.
Riunione educatori (1 v. alla settimana).
ore 15.00-15.30 Preparazione, saluto e partenza.
In occasione di feste, attività di socializzazione e occasioni speciali, l’organizzazione è suscettibile di modifiche.
RISORSE
Personale del Servizio
1 Coordinatore
3 Educatori professionali
11 Operatori socio sanitari
www.ulss.tv.it | 5
Risorse di supporto
ATTIVITÀ
RISORSA
RAPPORTO
Progetto Personalizzato
Servizi Distrettuali Età
Adulta
Personale dell’Azienda
ULSS 9
Supervisione progetti utenza Psicologo SDEA
Personale dell’Azienda
ULSS 9
Consulenza autismo
e comportamenti problema
Psicologa
Convenzione
Consulenza sanitaria
Medici di Medicina Generale
Convenzione
Preparazione farmaci
e prelievi
Infermiere del Distretto n. 2
Personale dell’Azienda
ULSS 9
Visite fisiatriche
e consulenza agli operatori
U.O.C. Servizio riabilitativo
territoriali e domiciliari
Personale dell’Azienda
ULSS 9
Visite foniatriche
per valutazione disfagie
Servizio di Foniatria
Ospedale TV
Personale dell’Azienda
ULSS 9
Valutazioni dietologiche
Servizio di Dietetica
e Nutrizione Ospedale TV
Personale dell’Azienda
ULSS 9
Cure dentarie
Servizio di Chirurgia Maxillo Personale dell’Azienda
Facciale e Odontostomatolo- ULSS 9 tramite specifico
gia Ospedale TV
progetto
Attività integrative
espressive (pittura, teatro e
danza, musicoterapia, ...)
Esperti esterni nelle varie
discipline
6 | www.ulss.tv.it
Collaborazioni esterne
Gli ospiti che non possano provvedere autonomamente vengono accompagnati
ai centri mediante il servizio di trasporto con pulmini adeguatamente attrezzati e provvisti di accompagnatore, gestito dall’Azienda ULSS 9 tramite appalto.
Il servizio mensa e distribuzione pasti viene fornito quotidianamente da una
ditta privata convenzionata con l’ULSS 9.
La preparazione dei singoli pasti rispetta le indicazioni fornite dal Servizio di
Dietetica e Nutrizione Clinica dell’ULSS 9.
Il servizio di pulizia viene garantito tramite ditta in appalto.
Altre risorse
Nell’ambito di specifiche attività programmate è prevista la partecipazione
di alcuni volontari iscritti all’Associazione dei familiari “Non Voglio la Luna”.
Questa associazione, oltre a costituire essa stessa una risorsa importante, si
avvale di altre associazioni del territorio che si sono già rese disponibili a supportare alcune iniziative ed attività del Centro Diurno.
Per le uscite viene utilizzato un pulmino attrezzato di distretto a disposizione dei servizi disabili; c’è inoltre una convenzione per l’utilizzo del pulmino
dell’Associazione “Non Voglio la Luna”.
METODOLOGIA E STRUMENTI DI LAVORO
Il Progetto di Centro
L’équipe degli operatori stila il progetto annuale delle attività del Centro e lo
condivide con i familiari in un incontro plenario entro il mese di marzo.
Entro fine anno si svolge un ulteriore incontro con i familiari per la verifica e la
valutazione delle attività svolte al fine di raccogliere dati informativi utili, suggerimenti, eventuali proposte con l’intento di giungere ad una progettualità
condivisa per l’anno successivo.
La cartella integrata
La cartella integrata degli utenti è divisa in quattro parti:
1. Dati generali e frontespizio di servizio
2. Documentazione dei servizi invianti.
3. Cartella educativa: - Osservazione e profilo funzionale
- Progetto Personalizzato
- Relazioni del servizio
- Colloqui con i familiari o con le comunità alloggio
4. Copia documentazione sanitaria.
www.ulss.tv.it | 7
Il Progetto Personalizzato
È stato condiviso un modello unico di Progetto Personalizzato per tutti i servizi residenziali e semiresidenziali del territorio dell’ULSS 9, basato sull’ICF
(Classificazione Internazionale delle Funzioni e delle Disabilità) per attuare un
nuovo approccio culturale alla disabilità, valorizzando il coinvolgimento nella
progettualità della persona, della sua famiglia e della comunità e la continuità
tra servizi socio-sanitari e sanitari.
Il Progetto Personalizzato:
- prende in considerazione l’intero arco della giornata della persona disabile;
- si colloca in una dimensione longitudinale, ponendosi il problema degli sviluppi e dei cambiamenti che interverranno con lo scorrere del tempo;
- è presentato e condiviso con le singole famiglie, una volta l’anno mediante
colloquio individuale.
ATTIVITÀ
Per la realizzazione del Progetto Personalizzato si utilizzano le seguenti attività suddivise per aree:
Area della cura del corpo (igiene, funzionalità e motricità)
1. Igiene personale
2. Igiene posturale
3. Pranzo e merenda
4.Riposo
5. Contatto corporeo e rilassamento
6. Attività ludico-motoria
7. Attività individuale motoria
8. Laboratorio di stencil, bricolage, pittura e decorazione.
9. Sportivamente abili
Area della comunicazione e della relazione (stimolazione sensoriale, cognitiva, relazionale e espressione creativa)
10.Animazione
11. Attività di espressione corporea
12. Attività di stimolazione sensoriale Snoezelen
13. Attività cognitivo relazionale
14. Musicoterapia cognitiva
15. Teatro e danza
16. Libera Espressione Pittorica (metodo Arno Stern)
8 | www.ulss.tv.it
Area dei rapporti con la famiglia (comunicazione, relazione e collaborazione)
17. Quaderno delle comunicazioni
18. Collaborazione per problematiche sanitarie
19. Informazione servizi e opportunità
20. Incontri con i familiari (individuali, plenari, con i Rappresentanti e in occasione delle feste)
Area dell’integrazione con il territorio (rete dei servizi e del territorio)
21. Passeggiate, uscite e gite
22. Collaborazione con la rete dei servizi
23. Collaborazione con la rete delle risorse del territorio
24. Gruppo volontari dell’Associazione “Non voglio la luna”
25. Incontri interistituzionali
26. Tirocini ed esperienze di formazione per studenti
Stanza per la stimolazione sensoriale
www.ulss.tv.it | 9
STANDARD DI QUALITÀ
Gli standard di qualità sono intesi come le prestazioni “minime” garantite dai
servizi, intendendo con “minimo” non tanto un’idea di “appena sufficiente”,
bensì come un livello di prestazioni considerato soddisfacente per la qualità
della vita della persona disabile. Nelle situazioni che lo richiedano, tali standard possono essere aumentati.
Giorni di apertura
230 minimi annui.
Relazione con le famiglie
1 colloquio minimo individuale all’anno per condivisione
Progetto Personalizzato;
2 incontri assembleari per presentazione e verifica
del Progetto di Centro;
ogni giorno viene garantita la comunicazione con la famiglia tramite nota scritta su quaderno delle comunicazioni.
Progetto di Centro
Presentato annualmente alle famiglie entro il mese di
marzo.
Progetto Personalizzato
Aggiornato annualmente per ogni utente.
Incontri con i servizi
1 volta all’anno per ogni singolo utente
con i Servizi Distrettuali Età Adulta.
Uscite - gite
1 uscita settimanale; 2 gite annuali.
Attività
Almeno 2 attività individuali alla settimana per ogni utente.
Cambi igienici
2 volte al giorno per coloro che ne hanno la necessità.
Aiuto all’assunzione della
terapia farmacologica
Aiuto all’assunzione della terapia farmacologica quotidiana secondo quanto previsto dal “Percorso aziendale di
integrazione tra servizi socio-sanitari e sanitari per favorire
l’integrazione delle persone con disabilità nei servizi diurni
e residenziali”.
Attività motoria,
mobilizzazione
e igiene posturale
1 ora e 30 al giorno di igiene posturale per gli utenti in
carrozzina. Mobilizzazione e assistenza quotidiana durante
lo svolgimento delle esercitazioni motorie.
Consulenze a carattere
sanitario
Attivazione al bisogno di collaborazioni con servizi territoriali e ospedalieri dell’Azienda ULSS 9.
Esami e vaccinazioni
Attivazione di collaborazioni per l’effettuazione di esami
ematochimici al bisogno e vaccinazioni antinfluenzali su
richiesta.
10 | www.ulss.tv.it
GLI STRUMENTI DI RELAZIONE CON L’UTENTE
E LA FAMIGLIA
Collaborazione con i familiari
I familiari sono organizzati con propri rappresentanti. I Rappresentanti dei
diversi Centri Diurni Disabili del territorio dell’Azienda ULSS 9 partecipano al
“Comitato dei familiari”.
Il Comitato si incontra semestralmente con la Referente dell’Area Disabilità e
il Direttore dei Distretti Socio-Sanitari individuato come referente per l’Area.
Il servizio propone la partecipazione e la collaborazione delle famiglie nell’ottica di una condivisione di finalità e obiettivi sul progetto di vita dell’utente.
Le famiglie possono rivolgersi al servizio in orario di apertura chiedendo del
coordinatore o dell’educatore di riferimento, per chiedere, proporre colloqui,
spiegazioni o altro.
Per semplici e veloci comunicazioni è possibile utilizzare il colloquio telefonico, negli altri casi è preferibile richiedere un appuntamento.
Il servizio, per garantire questa condivisione, predispone:
- colloqui individuali, fissati dal servizio o richiesti dalle famiglie;
- riunioni particolari con famiglie su tematiche specifiche, al bisogno;
- riunioni generali con famiglie;
-collaborazione con i rappresentanti dei genitori che partecipano anche al
Comitato dei familiari di tutti i C.D.D.
Il Centro Diurno “Amica Luna” ha previsto inoltre la costituzione di un “organismo di gestione” composto dall’Area Disabilità dell’ULSS 9, dai Rappresentanti
dei genitori del C.D.D., dall’Associazione “Non Voglio La Luna”; dal Servizio
Distrettuale Età Adulta del Distretto Socio Sanitario n.2, dal Coordinatore del
C.D.D. “Amica Luna”, dal Comune di Paese.
Il suddetto organismo rende possibile il confronto e consente di prendere decisioni unanimemente rispetto ad alcune proposte che richiedono accordi interistituzionali, riguardanti le attività di volontariato, le attività di tipo integrativo e formativo, progetti che coinvolgono gli attori del territorio.
Soddisfazione dell’utente
La soddisfazione dell’utente inteso nella persona con disabilità e nella sua famiglia, viene rilevata attraverso apposito questionario proposto annualmente
ai soggetti interessati.
www.ulss.tv.it | 11
La rielaborazione dei dati acquisiti sarà disponibile presso il servizio a quanti
sono interessati dai primi giorni di febbraio dell’anno successivo.
12 | www.ulss.tv.it
COMUNICAZIONI
Privacy
Autorizzazione all’utilizzo di materiale cartaceo, immagini fotografiche e video.
Ogni utente, o il familiare/tutore, viene informato, ai sensi del D.Lgs. 196/2003,
circa il trattamento dei suoi dati sensibili, che verranno utilizzati dal personale
del Centro Diurno ai fini di sensibilizzazione e comunicazione delle attività che
si svolgono all’interno della programmazione del Centro Diurno e dell’U.O. Politiche sociali del disabile e della residenzialità.
Inoltre, viene richiesto il rilascio della dichiarazione di consenso al trattamento dei dati, dove figurano anche i nomi e i recapiti delle persone autorizzate a
ricevere informazioni in merito all’interessato.
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico
email: [email protected]; tel. 0422-322922, 0422-715361
L’Azienda ULSS 9 garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino
anche attraverso la possibilità di sporgere reclamo, presentare elogi o richiedere informazioni.
È disponibile sul sito www.ulss.tv.it il Regolamento Aziendale di Pubblica Tutela.
www.ulss.tv.it | 13
www.ulss.tv.it
Per informazioni
Distretto Socio Sanitario n. 2 - sede di Padernello di Paese
Centro Diurno Disabili “Amica Luna”
Via San Pio X, 14/a
Castagnole di Paese (TV)
Centro Diurno
dal LUN al VEN dalle 8.15 alle 15.30
tel. e fax 0422-451258
email: [email protected]
Servizio Distrettuale Età Adulta
tel. 0422-451544, int. 4, int. 4
fax 0422-959004
email: [email protected]
Direttore di Distretto: Annalisa Visentin
Equipe
Marisa Izzi
Giuseppe Marazzato
Alberto Trevisanello
Martina Biadene
Rosa Maria Giromella
Anna Maria Menegazzo
Valentina Scattolin
Santina Binotto
Maura Lazzaron
Vittorino Patti
Cristina Vestuti
Valeria Feltrin
Marina Maso
Alessandra Proia
Il documento è stato elaborato da un gruppo multiprofessionale
del Centro Diurno e di altri servizi, e condiviso con i familiari degli utenti.
giugno 2013
Coordinatori Centro Diurno: Luca Calò, Angela Tonello
Fly UP